La valutazione degli investimenti nei processi decisionali delle aziende pubbliche

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La valutazione degli investimenti nei processi decisionali delle aziende pubbliche"

Transcript

1 La valutazione degli investimenti nei processi decisionali delle aziende pubbliche Investment Evaluation Decision-making Processes in Public Organizations di Armando Buccellato* Alessandro Spano* Alberto Asquer* *Università degli Studi di Cagliari Facoltà di Economia Viale S. Ignazio Cagliari 1

2 La valutazione degli investimenti nei processi decisionali delle aziende pubbliche Abstract Il presente articolo si propone di indagare il ruolo della valutazione degli investimenti nei processi decisionali delle aziende pubbliche. Nell analisi si sostiene che la valutazione degli investimenti pubblici può svolgere un ruolo di grande importanza sia a sostegno del controllo strategico sia in sede di controllo di gestione. Si pensi, ad esempio, alle valutazioni ex-ante, oltre a quelle in itinere ed ex-post. Per ottenere questo risultato occorre che la valutazione degli investimenti pubblici non sia confinata ad una dimensione puramente tecnica (in particolare, per quanto concerne le metodologie di valutazione) ma diventi parte di un più ampio sistema di controllo manageriale e sia collegata ed interagisca con la fase della fissazione degli obiettivi e con la verifica dei risultati raggiunti. Parole chiave: valutazione degli investimenti, pianificazione, sistemi di controllo This article aims to investigate the role played by investment evaluation in decision-making processes in public sector organizations. This article argues that investment evaluation can play an important role in both strategic and management control. For instance, evaluation can play a role both before and after the investment decision is made, as well as in monitoring investment implementation. In order to achieve this effect, investment evaluation needs not be confined as a mere technical task (in particular, as a matter of applying correct evaluation methods), but it ought to be a component part of the broader managerial control system, and it should be linked to objectives-setting and assessment of results achieved. Key words: investment evaluation, planning, control systems Cet article a pour but d'étudier le rôle de l'évaluation des investissements dans les processus décisionnels des entreprises publiques. Cet article soutient l'idée que l'évaluation des investissements publics peut jouer un rôle de grande importance en appui du contrôle stratégique et du contrôle de gestion. C'est le cas, par exemple, pour les évaluations ex-ante, au delà de celles réalisées au cours des opérations, et ex-post. Pour ce faire, il est nécessaire que l'évaluation des investissements publics ne se limite pas à une dimension purement technique (en particulier, en ce qui concerne les méthodes d'évaluation), mais qu'elle fasse partie d'un vaste système de contrôle de gestion et est qu'elle soit reliée, et interagisse avec la phase de fixation d'objectifs et de vérification des résultats obtenus. Mots-clés: évaluation des investissements, planification, systèmes de contrôle 2

3 Sommario 1. Introduzione 2. Revisione della letteratura 3. Valutazione degli investimenti pubblici nei sistemi di controllo manageriale 4. Il caso del Museo Betile 5. Conclusioni 3

4 La valutazione degli investimenti nei processi decisionali delle aziende pubbliche 1. Introduzione La valutazione degli investimenti pubblici svolge una funzione, essenzialmente, informativa: produce informazioni per una pluralità di soggetti. Innanzitutto, la valutazione fornisce una base informativa al decisore politico, sia nella fase di valutazione ex-ante, sia in quelle in itinere ed ex-post. Fornisce anche informazioni ai soggetti chiamati a dare attuazione alle scelte politiche, in primis i dirigenti che nella valutazione trovano informazioni utili per verificare la loro capacità di perseguire gli obiettivi loro assegnati dai politici. Infine, anche i vari portatori di interessi (in primo luogo i cittadini) possono trovare nella valutazione degli investimenti un importante fonte di informazioni per verificare: la coerenza tra il contenuto dei programmi elettorali e di governo e le scelte effettuate; l ammontare delle risorse pubbliche impiegate per quelle specifiche finalità; la capacità dei progettati investimenti di soddisfare prefissati bisogni. In Italia la cultura della valutazione a supporto delle decisioni pubbliche ancora fatica ad affermarsi (Formez, 2004, p.13) ed è stata caratterizzata da altalenanti periodi di interesse ed abbandono di questo tema. Un nuovo impulso all utilizzo della valutazione nei processi decisionali proviene dall Unione Europea che, per l utilizzo dei fondi comunitari, richiede lo svolgimento di varie attività valutative volte a migliorare l efficienza e l efficacia degli interventi pubblici. In diverse discipline, come ad esempio l economia politica, la statistica, e l ingegneria, la tematica della valutazione degli investimenti pubblici ha assunto un ruolo rilevante. Tali studi si sono concentrati, prevalentemente, sulle metodologie di valutazione (Pennisi e Scandizzo, 1991) più che sul ruolo e sulle funzioni che la valutazione degli investimenti pubblici svolge e può svolgere 4

5 all interno di un sistema di controllo manageriale. Le tecniche utilizzate per la valutazione si basano sia su approcci quantitativi (analisi costi e benefici, matrice input output e modelli econometrici) che qualitativi (multicriterio, casi di studio, bench-marking, ecc.). Mediante il loro utilizzo è possibile decidere, tra varie alternative, quali investimenti finanziare, ad esempio concentrandosi su quelli che presentano una redditività positiva (Armstrong-Taylor, 1987; Bamberger-Hewitt, 1984). Secondo l'approccio economico generale, in particolare, sono diffuse le analisi costi-benefici connessi agli investimenti (Conti, 1968; Florio, 2001; Florio, 2002). Nonostante la rilevanza, gli investimenti pubblici hanno rappresentato un tema relativamente poco trattato dagli economisti aziendali che si sono concentrati sulla necessità di migliorare i livelli di efficienza, efficacia ed economicità nella gestione delle aziende pubbliche. L attenzione è stata rivolta, in genere, agli aspetti gestionali, approfondendo le funzioni della pianificazione, dell organizzazione, della gestione, della misurazione (e dei sistemi contabili in particolare), del controllo e della valutazione dei risultati. Una delle linee di ricerca in questione si è dedicata, in particolare, all introduzione di sistemi di controllo manageriale nelle aziende pubbliche ed ha evidenziato la necessità di un collegamento sistemico tra i processi di pianificazione, di esecuzione, di controllo e di valutazione dei risultati (Buccellato et al., 2004). Il modello di controllo manageriale è stato approfondito e discusso in relazione alla gestione delle strategie e delle politiche aziendali, ma minore attenzione è stata prestata, finora, alle implicazioni sul modello della valutazione degli investimenti effettuati dalle aziende pubbliche. In modo particolare, non pare sia stata approfondita la relazione tra gli investimenti pubblici ed i livelli di efficienza e di efficacia delle aziende pubbliche. L articolo si propone di approfondire il ruolo della valutazione degli investimenti nei processi decisionali delle aziende pubbliche e si compone di tre paragrafi oltre all introduzione. Nel secondo paragrafo viene presentata una revisione della letteratura relativa ai sistemi di controllo manageriale ed alla valutazione delle politiche e degli investimenti pubblici. Nel terzo paragrafo si propone un modello di controllo manageriale in cui la valutazione degli 5

6 investimenti pubblici è connessa alla pianificazione (valutazione ex-ante), allo svolgimento dei processi produttivi, alla misurazione (valutazione in itinere) ed alla valutazione dei risultati (valutazione ex-post). Nell ultimo paragrafo si illustra l'applicazione del modello proposto attraverso un caso di studio. Il caso selezionato riguarda la valutazione dell'investimento nel museo mediterraneo dell'arte nuragica e dell'arte contemporanea denominato Betile la cui realizzazione fu ipotizzata a Cagliari negli anni La domanda di ricerca alla base dell articolo è verificare se ed in che modo il proposto modello di controllo manageriale abbia trovato applicazione nel caso analizzato. 2. Revisione della letteratura La letteratura scientifica ha rivolto una forte attenzione ai temi centrali di questo lavoro, ossia il controllo manageriale, l'attuazione delle politiche pubbliche e la valutazione degli investimenti pubblici. Questa sezione illustra una revisione sintetica della letteratura più rilevante su questi temi, evidenziando, in particolare, alcuni problemi relativi ai fini della questione affrontata in questo lavoro. La letteratura sul controllo manageriale interessa, in termini generali, la progettazione e la gestione dei sistemi di condizionamento del comportamento degli individui al fine di orientarli verso il conseguimento degli obiettivi stabiliti. Nel campo delle aziende pubbliche, i temi del controllo manageriale sono stati sviluppati con particolare attenzione alle relazioni tra la pianificazione istituzionale, la pianificazione politica, e la pianificazione strategica delle aziende ed all'orientamento dell'attività verso i risultati (Borgonovi, 2004; Buccellato et al., 2004; Mele e Storlazzi, 2006). La letteratura sull'attuazione delle politiche pubbliche si rivolge alla gestione dei processi tramite i quali le decisioni di governo sono poste in essere e producono effetti coerenti o meno con gli obiettivi stabiliti. A partire dal lavoro di Pressman e Wildavsky (1973), il tema dell'attuazione (o implementazione) 6

7 delle politiche pubbliche si è sviluppato attraverso approcci diversi, sia nell'oggetto specifico di ricerca sia nella metodologia (Buccellato et al., 2004). Nel passato, un filone di studi top-down evidenziava un approccio pianificato e razionale all'attuazione delle politiche pubbliche (van Meter e van Horn, 1975; 1976; Mazmanian e Sabatier, 1981; 1983; 1989), ed un approccio bottom-up sosteneva l'adattamento e la flessibilità delle soluzioni attuative realizzate in itinere (Berman, 1978; Lipsky, 1978, Hjern e Porter, 1980; Hjern, 1982; Hjern e Hull, 1982; Hull e Hjern, 1987). La ricerca contemporanea adotta una prospettiva di sintesi e riconosce che l'implementazione delle politiche pubbliche può svilupparsi secondo dinamiche di entrambi i tipi (Goggin et al., 1990; Hupe, 1990; Matland, 1995; O'Toole, 2000; Hill e Hupe, 2002; Barrett, 2004; Saetren, 2005). La letteratura sulla valutazione degli investimenti pubblici (Florio, 1990; 2001; 2002; Pennisi e Scandizzo, 1991; Mulazzani, 2004; Camagni e Gorla, 2006) si è sviluppata affrontando diversi temi, tra i quali almeno due appaiono particolarmente rilevanti. Il primo tema riguarda quali siano i criteri applicati nel processo decisionale rivolto a scegliere quali investimenti intraprendere nella gestione delle aziende pubbliche. Questo tema affronta, in particolare, l'identificazione dei metodi e l'elaborazione di tecniche di scelta economicorazionale degli investimenti. Il secondo tema riguarda, invece, quale sia l'influenza della struttura organizzativa nell'ambito della quale le decisioni di investimento nelle aziende pubbliche sono prese. Questo tema approfondisce, in particolare, la progettazione di incentivi in grado di condizionare gli individui affinché essi prendano decisioni di investimento coerenti con gli obiettivi stabiliti. Su questo secondo tema, almeno due approcci appaiono particolarmente significativi. Secondo un approccio organizzativo comportamentale, le decisioni di investimento risentono come ogni altra decisione presa in un contesto organizzativo delle caratteristiche personali, strutturali e ambientali del processo decisionale (Simon, 1997; Morris, 1971). Tale filone di studi evidenzia che nelle organizzazioni le decisioni sono prese sulla base di interazioni sociali e politiche, condizionate da fattori quali la razionalità limitata (Simon, 1991; 7

8 1987), la logica incrementale (Wanat, 1974; Berry, 1990), le prassi del processo budgetario (Green e Thomposon, 2001), i pregiudizi e gli errori di giudizio (Kahneman et al., 1982). In sintesi, in tale filone di studi la valutazione degli investimenti pubblici è solo parzialmente determinata dall'applicazione di metodi e tecniche di supporto economico razionale alle decisioni, quanto piuttosto influenzata da fattori storici e contingenti. Nel secondo approccio le decisioni di investimento risentono della struttura di incentivi tramite i quali, in un organizzazione, si cercano soluzioni al problema dell'agenzia. Il problema dell'agenzia (Alchian e Demsetz, 1972; Ross, 1973) si pone in quanto il soggetto che prende la decisione dell'investimento (l agente) può perseguire interessi propri che divergono da quelli dei soggetti (il principale) i cui interessi l'organizzazione dovrebbe perseguire. La soluzione al problema dell'agenzia è tipicamente individuata nella struttura degli incentivi collegati alla misurazione delle performance che dipendono dalle decisioni e dalla condotta dell'agente. Nel caso delle decisioni di investimento, la soluzione al problema dell'agenzia è resa più complessa dal differimento nel tempo degli effetti dell'investimento, per cui la misurazione delle performance non può incidere in modo tempestivo (o comunque sufficientemente ravvicinato nel tempo di modo da essere percepito rilevante) sulle decisioni e sulla condotta dell'agente. Nel caso specifico della valutazione degli investimenti nelle aziende pubbliche, la soluzione al problema dell agenzia è resa ancora più complessa per effetto di particolari condizioni. Gli obiettivi pubblici da perseguire, in primo luogo, devono essere chiaramente esplicitati nel programma di governo, posto che altrimenti essi non possono essere univocamente individuati nelle preferenze degli elettori (tipicamente variegate ed eventualmente non aggregabili) e che essi non dovrebbero essere fissati tacitamente dai politici eletti al governo (rendendo così possibile il perseguimento di obiettivi personali piuttosto che il fine comune). I valutatori, inoltre, dovrebbero disporre di una struttura di incentivi tale da indurli a prendere decisioni (la valutazione degli investimenti) coerenti con gli obiettivi pubblici da perseguire (piuttosto che interessi personali oppure gli obiettivi taciti dei politici eletti al governo). Senza 8

9 incentivi appropriati, infatti, la valutazione degli investimenti potrebbe comportare un allocazione inefficiente delle risorse, come ad esempio nel caso in cui i valutatori colludessero con i politici eletti nel selezionare progetti non funzionali al benessere degli elettori. In sintesi, la letteratura scientifica sulla valutazione degli investimenti pubblici ha affrontato diversi temi, sia sull'individuazione dei criteri applicati nel processo decisionale rivolto a scegliere quali investimenti intraprendere, sia sulla struttura organizzativa nell'ambito della quale le decisioni di investimento sono prese. Questo campo di ricerca appare però suscettibile di ulteriori sviluppi verso gli elementi di rilevanza strategica nelle scelte di investimento che sono stati oggetto di studio nella valutazione degli start-up d'impresa (Kanniainen e Keuschnigg, 2004, 2003; Keuschnigg e Nielsen, 2004; Del Pozzo, 1996). Ad esempio, nella valutazione degli investimenti un ruolo importante potrebbe essere riconosciuto alle qualità manageriali del proponente e dei soggetti attuatori nel saper far uso efficiente ed efficace della capacità produttiva da installare. Nella valutazione degli investimenti, inoltre, anche un ruolo importante potrebbe essere attribuito alle possibili strategie di uscita (exit strategy) dall'investimento. L'integrazione delle conoscenze attuali sulla valutazione degli investimenti pubblici con quelle sviluppate in altre aree affini, pertanto, potrebbe comportare ulteriori sviluppi nella ricerca sull'argomento. 3. Valutazione degli investimenti pubblici nei sistemi di controllo manageriale I tradizionali sistemi di controllo manageriale sono caratterizzati dalla presenza di alcuni sottosistemi, quali la pianificazione, i processi produttivi, la misurazione, la valutazione ed il sottosistema delle ricompense. Nel modello di Flamholtz (1996) ad esempio, i vari sottosistemi sono connessi gli uni con gli altri per formare un sistema centrale di controllo e sono inseriti in un più ampio sistema di pianificazione e controllo che comprende anche la cultura e la struttura organizzative. 9

10 La struttura del sistema centrale di controllo è generalizzabile a tutte le tipologie di azienda ed è estendibile anche alle aziende pubbliche, prendendo in considerazione le dimensioni istituzionale e politica (Buccellato et al. 2003). All interno della dimensione politica, in particolare, partendo dalla visione propria di una determinata coalizione e sulla base dei dati che emergono da un analisi del contesto, si giunge a definire, in modo più o meno esplicito, una missione. Coerentemente con tale missione, dovrebbero essere definite le priorità politiche da perseguire in base alle quali viene predisposto il programma elettorale. La definizione del programma di governo rappresenta lo snodo tra la dimensione politica della pianificazione e la dimensione economica. Inserire la figura 1 I sistemi di controllo manageriale presentano il tema della valutazione, prevalentemente, in riferimento alle prestazioni degli individui che operano all interno dell organizzazione. Appare non approfondito il collegamento tra la valutazione degli investimenti effettuati dalle aziende pubbliche ed i sistemi di controllo manageriale. La capacità delle aziende pubbliche di soddisfare un determinato insieme di bisogni, ad un determinato livello di intensità è influenzato dagli investimenti effettuati. Ad esempio, la capacità di un comune di soddisfare il bisogno espresso dalle famiglie relativamente ai servizi di assistenza all infanzia, è influenzata, tra l altro, dalla realizzazione di nuovi asili nido, in grado di accogliere un numero maggiore di bambini e capaci di erogare servizi di elevata qualità. Appare evidente, dunque, l importanza del ruolo che le decisioni di investimento hanno all interno di un sistema di pianificazione e controllo in un azienda pubblica. Infatti, tali decisioni, da un lato modificano la capacità produttiva di una determinata azienda (incrementando la capacità di soddisfare una particolare tipologia di bisogni), dall altro lato sottraggono risorse ad altre possibili forme di soddisfazione di bisogni (poiché altri possibili investimenti non vengono realizzati). Le scelte d investimento, inoltre, influenzano il livello futuro di costi e di ricavi che si manifesteranno nello svolgimento dei processi produttivi, influenza che si verificherà per un periodo non breve di tempo. 10

11 La valutazione degli investimenti si articola in tre livelli: Valutazione ex-ante; Valutazione in itinere; Valutazione ex-post. Nell ambito dei sistemi di pianificazione e controllo delle aziende pubbliche la valutazione ex-ante consente di verificare, prima che l investimento sia realizzato, la sua capacità di: concorrere a realizzare gli obiettivi previsti (fini e scopi) per il perseguimento delle priorità individuate (livello di coerenza e capacità di soddisfare determinati bisogni); verificare la sostenibilità futura di tale investimento (e quindi la sua capacità di continuare a soddisfare i bisogni nel tempo); garantire adeguati livelli di efficienza. Lo scopo della valutazione ex-ante è ottimizzare l allocazione delle risorse e migliorare la qualità della programmazione. La valutazione ex-ante dovrebbe essere un processo iterativo nel quale il giudizio e le raccomandazioni sono fornite da soggetti esperti sul contenuto dei programmi predisposti dai soggetti responsabili della loro redazione (Commissione Europea, 2006, p.1). La valutazione in itinere consente di verificare se le attività previste si stiano svolgendo secondo quanto programmato; è quella che viene definita progress review e consente l operare dei meccanismi di feed-back correttivo. Infine, la valutazione ex-post permette la verifica del raggiungimento dei risultati al termine del processo di investimento e l eventuale assegnazione di ricompense. Nel disegno normativo e nella prassi attuativa nel panorama italiano la funzione di valutazione degli investimenti pubblici è di tipo, essenzialmente, tecnico. Essa, nelle sue varie articolazioni (ex-ante, in itinere ed ex-post) e con le varie metodologie utilizzabili dovrebbe svolgere compiti di produzione di dati e di informazioni che alimentano il processo decisionale. La valutazione degli investimenti dovrebbe consentire di allocare meglio le risorse tra le varie alternative disponibili per il soddisfacimento dei bisogni individuati. Affinché ciò avvenga è necessario che la valutazione mantenga la sua dimensione tecnica e 11

12 che i valutatori siano indipendenti. In caso contrario, la valutazione non svolgerebbe la funzione alla quale è deputata. Affrontato in questi termini, il tema della valutazione conduce a ritenere che la valutazione si collochi quasi in una posizione di terzietà rispetto ai processi decisionali ed ai processi produttivi che si svolgono all interno di un organizzazione. La valutazione, in altri termini, si concentra, prevalentemente, sulla sua dimensione tecnico-metodologica e si allontana dalle altre dinamiche che si svolgono all interno delle aziende pubbliche. A supporto di tale impostazione, si sostiene che i soggetti incaricati della valutazione debbano essere indipendenti e non subire influenze da parte dei politici, i quali potrebbero desiderare che i risultati della valutazione siano sempre e comunque coerenti con le decisioni da loro assunte. Ovviamente, anche nell ambito di un impostazione di questo tipo il valutatore dovrebbe svolgere la sua funzione tenendo in considerazione gli obiettivi che il decisore politico ha fissato, in quanto la valutazione non può essere a se stante, ma è inscindibilmente legata agli obiettivi e non avrebbe significato senza di essi. Tutto ciò è determinato dal fatto che l effettuazione delle scelte politiche precede ed è separata rispetto alla valutazione ex-ante: prima si fa la scelta, poi si chiede una valutazione ex-ante della scelta operata. Un impostazione di questo tipo mostra evidenti debolezze, sia per quanto concerne l effettivo apporto della valutazione al processo decisionale, sia per quanto concerne il suo inserimento in un più ampio sistema di pianificazione e controllo. Sotto il primo aspetto, infatti, il valutatore può essere inquadrato all interno di un rapporto di agenzia, in cui egli è l agente ed il decisore politico è il principale. Il politico-principale delega al valutatore-agente la funzione di valutazione ed il valutatore opera all interno dei meccanismi tipici di un rapporto di agenzia. A questo punto, è necessario delineare il sistema di incentivi che dovrebbero spingere il valutatore ad assumere decisioni (la valutazione dell investimento) coerenti con gli obiettivi politici. Infatti, come già evidenziato in precedenza, l assenza di un sistema di incentivi può determinare minori livelli di efficienza nell allocazione delle risorse. Analizziamo la posizione del valutatore rispetto al sistema di incentivi nel caso in cui la valutazione sia 12

13 separata rispetto alla pianificazione (nel senso chiarito precedentemente) e nel caso in cui sia, invece, parte integrante dei processi decisionali. Nel primo caso (valutazione separata rispetto alla pianificazione) il valutatore è incentivato a produrre valutazioni in linea con le scelte politiche che sono già state effettuate. Infatti, se la valutazione evidenziasse elementi di criticità nelle scelte politiche (ad esempio, rilevasse che una determinata scelta non sia coerente con le priorità politiche presenti nei documenti programmatori) il valutatore da un lato non avrebbe alcun beneficio diretto (data la sua posizione di terzietà rispetto al processo di pianificazione, egli non può condividere eventuali benefici che potrebbero derivare dalle scelte prese); dall altro lato potrebbe essere sottoposto a pressioni politiche affinché la valutazione sia modificata. Infatti, se è vero che il valutatore è un professionista che applica determinate metodologie valutative le quali dovrebbero condurre a risultati il più possibile oggettivi, è tuttavia plausibile che, nell ambito della discrezionalità inevitabilmente presente nelle attività di valutazione, vi sia un certo grado di libertà nell orientare la valutazione. Per il valutatore, analizzando i benefici ed costi che derivano dalla sua condotta, potrebbe essere preferibile una situazione in cui la sua valutazione sia in linea con la volontà politica. In questo caso egli non avrebbe conseguenze negative che potrebbero sorgere nel caso contrario. Viceversa, se la valutazione è positiva, egli continua a non avere alcun beneficio diretto, ma non avrà gli eventuali costi rappresentati dalla pressione politica affinché la valutazione cambi. Nel secondo caso (la valutazione è parte integrante dei processi decisionali) il valutatore è incentivato a produrre valutazioni che, effettivamente, siano utili al decisore per assumere delle scelte. Anche in questo caso l incentivo è rappresentato dalla ricerca della massimizzazione del rapporto tra benefici e costi derivanti dal suo operato, ma la profonda differenza rispetto alla posizione precedente è che ora è lo stesso decisore a sollecitare le valutazioni prima che la scelta sia effettivamente fatta. In questo caso, l assecondare una scelta politica nonostante una valutazione ex-ante negativa può rappresentare 13

14 un problema per il valutatore, poiché il decisore non potrà contare su un supporto che gli consenta di migliorare la sua capacità decisionale. Da quanto detto deriva che, affinché la valutazione possa fornire un positivo apporto al processo decisionale e non rimanga nell ambito dei meri adempimenti burocratici (si fa una valutazione perché esiste una legge che lo richiede), è necessario che sorga da parte del decisore politico un effettiva domanda di valutazione. Se, allora, la valutazione può svolgere la sua funzione unicamente in stretta connessione ed in condivisione dei processi decisionali posti in essere dal decisore politico, cade la necessità di prevedere in modo esplicito, facendo anche ricorso a strumenti normativi, che la valutazione sia indipendente ed operi in una dimensione meramente tecnica. Al contrario, la direzione verso la quale sarebbe auspicabile orientarsi è quella in cui il decisore, pur non essendo obbligato a richiedere un parere valutativo, lo reputi necessario per rafforzare la sua capacità di assumere decisioni. Nell ambito dei sistemi democratici, dato anche il principio della separazione delle funzioni tra politici e dirigenti, ai primi spetta il compito, di definire le priorità politiche e di fissare le finalità di fondo, mentre ai dirigenti è assegnato il compito di tradurre in pratica tali priorità e finalità. Il politico prende delle decisioni e si assume la responsabilità delle scelte. Il valutatore ha il compito di fornire un supporto informativo, ma senza assumere una responsabilità diretta rispetto alle scelte prese. In base a tale impostazione, la valutazione degli investimenti pubblici, soprattutto quella exante, diventa parte integrante del processo di pianificazione e rappresenta un indispensabile fonte di informazioni per il processo decisionale. Se la valutazione deve essere utile ed utilizzabile, occorre che sia vista come parte integrante del processo decisionale e di gestione e dell intero processo di accountability democratica (Commissione Europea, 2007, Guida Evalsed). La figura seguente illustra il ruolo della valutazione degli investimenti all interno di un modello di pianificazione e controllo. Inserire la figura 2 14

15 Secondo tale modello, la pianificazione politica, partendo da una visione e grazie all analisi del contesto di riferimento, definisce la missione che un partito o una determinata coalizione politica si prefigge di raggiungere. Sulla base di tale missione vengono individuate le priorità politiche. Le priorità politiche sono il punto di partenza per la pianificazione economica nelle singole aziende pubbliche. La pianificazione economica, nella quale si fissano gli obiettivi generali da perseguire, si avvale della valutazione ex-ante, che consente di verificare anticipatamente la fattibilità di una determinata scelta e di quantificare gli effetti attesi. Con la programmazione e con il budgeting gli obiettivi generali sono declinati in obiettivi di maggior dettaglio (specifici ed operativi). Successivamente, si ha lo svolgimento di processi produttivi per l implementazione delle scelte in coerenza con le strategie definite. In questa fase saranno realizzati gli investimenti previsti dal piano, dai programmi e dagli specifici progetti. La successiva fase della misurazione fornisce i dati sia per la valutazione in itinere sia per la valutazione ex post, la quale, a sua volta, è in grado di alimentare il sottosistema delle ricompense. In questo modo la valutazione degli investimenti pubblici assume un ruolo centrale nei modelli di controllo manageriale operando quale supporto informativo in grado da un lato di rafforzare le capacità decisionali del politico, dall altro aumentandone il livello di accountability. 4. Il caso del museo Betile Premessa metodologica. L indagine sul caso Museo Betile si propone di accertare se il processo di valutazione, basato sui principi del sistema di controllo manageriale, consenta di valutare, ex ante, la capacità dell investimento di generare risultati coerenti con gli obiettivi fissati nella pianificazione istituzionale e politica; e di valutare, in fieri ed ex post, le condizioni 15

16 funzionali al controllo dell implementazione dell iniziativa e dei risultati conseguiti. Con l espressione processo di valutazione del progetto di investimento del Museo Betile intendiamo un processo decisionale ed uno strumento di controllo che si concentra prevalentemente sui progetti o programmi i cui effetti si estendono per una molteplicità di esercizi (Horngren et al, 1998). L investimento, di elevata e durevole importanza, viene studiato come mezzo per la creazione di valore netto (profitto sociale) a favore di una specificata collettività di riferimento. La nozione di valore netto tiene conto dei benefici attesi e dei sacrifici stimati che la collettività indicata dovrà sopportare, intesi sia negli aspetti economici di valori misurabili in termini finanziari sia di valori sociali misurabili in termini non finanziari. L indagine sul processo di valutazione dell investimento del Museo Betile verrà svolta secondo l approccio empirico - induttivo basato sull analisi del processo decisionale adottato dalle parti coinvolte nella progettazione e nella valutazione dell investimento. Si avvale, per altro, del processo logico deduttivo, declinato dal sistema di controllo organizzativo, con specifico riferimento alle decisioni e alle azioni indirizzate al miglioramento della qualità della vita dei destinatari dell intervento. L indagine fa riferimento alla certificazione dello Studio di Fattibilità dell investimento elaborata dal Nucleo di Valutazione e Verifica degli Investimenti Pubblici della Regione Sardegna, allo Studio di Fattibilità redatto dal Dipartimento di Architettura dell Università di Cagliari, alle disposizioni della Guida per la Certificazione degli investimenti pubblici adottata in Sardegna e ad altre fonti e contributi interdisciplinari. Individuazione dell oggetto della valutazione. L oggetto della valutazione è il museo dell arte nuragica e dell arte contemporanea mediterranea denominato Betile, la cui realizzazione fu ipotizzata a Cagliari negli anni

17 La decisione di realizzare nella Città di Cagliari il Museo dell arte nuragica e dell arte contemporanea del Mediterraneo trova il suo contesto di riferimento istituzionale nei poteri assegnati alla Regione Sardegna dal suo Statuto Speciale che attribuisce alla Regione potestà legislativa nelle materie relative alle biblioteche e musei. Si riportano i dati di sintesi che caratterizzano il progetto di investimento desumibili dallo studio di fattibilità. Denominazione: Museo Regionale dell Arte Nuragica e dell Arte Contemporanea del Mediterraneo (Betile). Sede: Città di Cagliari, area portuale o sul mare in zona limitrofa a quella portuale (quartiere S.Elia); Progetto vincitore: architetto Zaha Hadid; Dimensioni: mq; Costo complessivo di realizzazione: 83,5 milioni di euro; Risorse: a) Cipe; b) interventi del sistema museale; c) Fondi dell Unità d Italia. Costi di gestione: 1,5-1,7 milioni l anno. Economicità dell investimento. Come si può misurare il valore ottenibile dal progetto di investimento nel museo dell arte nuragica e dell arte contemporanea mediterranea? Possiamo valutare la capacità di produzione di valore del Museo Betile considerando le esigenze (i bisogni) che la realizzazione del museo potrà soddisfare (benefici ritraibili). Possiamo anche mettere a confronto i benefici ritraibili dal nuovo investimento con le esigenze (i bisogni) che potrebbero essere soddisfatti con un uso differente delle risorse ad esso destinate (bisogni concorrenti). Quindi, possiamo mettere a confronto i benefici ritraibili con l investimento e i sacrifici da sopportare per la sua realizzazione. L approccio economico-aziendale ci porterebbe a confrontare i benefici, nella loro dimensione finanziaria (ricavi) con i sacrifici da sopportare (costi). Considerando questi diversi approcci pare opportuno segnalare che la realizzazione di un nuovo museo da parte di una amministrazione 17

18 pubblica comporta una attività umana destinata principalmente a soddisfare bisogni collettivi senza subordinarne la fruizione alla capacità dell utente di pagare un prezzo remunerativo (basato sul costo pieno). Ma d altro canto, la realizzazione e la gestione del nuovo museo genera costi monetari (e non monetari) che dovranno essere sostenuti da qualcuno. Anche se l investimento nella costruzione del Betile è socialmente utile e soddisfa particolari esigenze culturali, per altro, senza adeguate risorse finanziarie non può essere realizzato e reso fruibile nel tempo. L attività umana non è costituita da atti economici e atti non economici ma ha vari aspetti, tra cui quello economico, che può essere oggetto di autonoma analisi (Robbins, 1947). Ma chi determina i fini da conseguire? E come si possono valutare le scelte e le decisioni adottati per conseguirli? Le finalità istituzionali della Regione e i fini politici dei suoi organi di governo trovano espressione nei processi di pianificazione istituzionale e politica mentre gli strumenti di programmazione, la cui adozione è prevista dalle norme vigenti, accrescono le probabilità che i processi della gestione (le operazioni) conducano al conseguimento di risultati efficaci in condizioni di efficienza. Di conseguenza, la valutazione degli effetti di un investimento pubblico (nel nostro caso il Museo Betile) può riguardare la capacità dello stesso di soddisfare le finalità istituzionali e i fini politici con il sostenimento di sacrifici collettivi inferiori ai benefici ritraibili. L analisi deve comprendere nei benefici e nei sacrifici anche i proventi e gli oneri che esprimono con misure monetarie il valore delle produzioni di beni e servizi e il valore dei consumi dei fattori produttivi impiegati nella loro produzione. Nel processo di valutazione dell investimento si manifestano due distinte fasi di giudizio. Una prima fase è caratterizzata da finalità istituzionali e da fini politici i cui risultati sono più correttamente individuabili in termini qualitativi. La seconda fase, invece, si caratterizza per il costo delle risorse necessarie per l investimento ed il suo mantenimento nel tempo, al netto dei recuperi da altre economie (utenti/ altri). 18

19 Risulta, pertanto, evidente che gli obiettivi sociali (a maggior contenuto qualitativo o con indicatori non finanziari) costituiscono il benchmark al quale riferire la coerenza delle operazioni di investimento e di esercizio dell infrastruttura. Gli aspetti economici (a maggior contenuto quantitativo ed, in particolare, finanziario) costituiscono la base per la valutazione del sacrificio finanziario (oneri misurati in valori monetari) da correlare ai benefici (sociali) attesi. L approccio flow-of-funds. Secondo il Board of Governors of the Federal Reserve System (BGFRS, 1993) la contabilità flow-of-funds misura l acquisizione di beni tangibili e finanziari nell economia di una entità governativa e le fonti che hanno finanziato quelle attività tangibili e finanziarie. In questo modo la contabilità registra il volume netto delle transazioni in strumenti finanziari; fornisce un mezzo per analizzare lo sviluppo degli strumenti e il comportamento dei vari settori nel tempo; e registra il ruolo degli intermediari, come le banche e i fondi pensionistici nel trasferire fondi da settori che generano un risparmio positivo a settori che prendono fondi in prestito. Nel mostrare il legame fra le varie attività finanziarie e il rapporto con le attività non finanziarie che generano reddito e produzione, la contabilità flow-of-funds fornisce un ampia misura delle attività di investimento. L approccio flow-of-funds implicitamente presuppone il riferimento ad uno Stock (Fund) le cui variazioni in un intervallo di tempo vengono rappresentate in un correlato Flow ( flow-of-funds ). Così, per l analisi degli effetti dell investimento museale si può far riferimento allo Stock di attività e passività detenuto al tempo zero (prima dell investimento), rispettivamente, (1) dalle famiglie e dalle aziende profit e non profit che risiedono nel quartiere di S.Elia (sede del museo); 2) nella città di Cagliari; 3) nel territorio della Regione Sardegna. Con la tecnica del flow-of-funds si dovrebbe poi, con riferimento alla data di ultimazione dell investimento, rappresentare, in una matrice a doppia entrata, le cause e i valori dei flussi finanziari (source) 19

20 con i correlati utilizzi (use). Per una completa analisi degli effetti economici prodotti dall intervento, si possono rilevare anche le variazioni di valore, nelle attività e passività, dovute a rivalutazioni e svalutazioni economiche. Per altro, la tecnica flow-of-funds si appalesa specificamente utile per la misurazione degli effetti sulla ricchezza delle popolazioni degli ambiti di riferimento (funds). Resterebbero, per altro, in ombra i benefici qualitativi che possono costituire un sistema di indicatori del loro livello di qualità della vita. Questi benefici dovrebbero essere coerenti con gli obiettivi che la pianificazione istituzionale politica ha indicato come risultato da ottenere. Anche in questo caso, la stessa tecnica del flow-of-funds può ritenersi applicabile, almeno sotto il profilo concettuale. Si tratterebbe di evidenziare la qualità della vita delle popolazioni osservate prima dell investimento museale ed analizzare le variazioni (flows) attese a seguito dell investimento. La espressiva rappresentazione delle cause delle variazioni stimate potrebbe fornire una chiara base di conoscenze per le decisioni del soggetto responsabile del risultato e la loro condivisione con le parti interessate. L analisi economico aziendale dell entità Azienda Museo Betile, al contrario, potrà avvalersi degli strumenti di pianificazione e controllo propri delle organizzazioni che debbono rispettare la condizione di economicità aziendale a valere nel tempo e del principio del minimo mezzo con l uso efficiente delle risorse scarse. Lo studio di fattibilità (SdF) del museo Betile. Lo SdF del progetto di investimento del museo dell arte nuragica e dell arte contemporanea del Mediterraneo (Museo Betile) è stato redatto secondo i criteri e le prescrizioni previste dalla Guida per la Certificazione da parte dei Nuclei Regionali di Valutazione e Verifica degli Investimenti Pubblici. La sua elaborazione, per altro, viene valutata all interno dei principi di governo di una struttura complessa così come definiti dal sistema di controllo manageriale, nelle sue specificità riferite alle amministrazioni governative. Questi principi possono così sintetizzarsi: 20

IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020. (Giugno 2015)

IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020. (Giugno 2015) IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020 (Giugno 2015) Premessa Il nuovo ciclo di programmazione dei Fondi strutturali per il periodo 2014-2020 rappresenta un importante occasione per le Amministrazioni

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

Lo studio di fattibilità

Lo studio di fattibilità Laboratorio integrato 3 Valutazione economica del progetto Clamarch a.a. 2015/16 Lo studio di fattibilità Docente Collaboratori prof. Stefano Stanghellini stefano.stanghellini@iuav.it arch. Valeria Ruaro

Dettagli

Allegato alla Delib.G.R. n. 39/11 del 5.8.2015 PREMESSA

Allegato alla Delib.G.R. n. 39/11 del 5.8.2015 PREMESSA Allegato alla Delib.G.R. n. 39/11 del 5.8.2015 PREMESSA La deliberazione della Giunta regionale n. 39/17 del 10.10.2014 fornisce indirizzi in materia di programmazione, gestione e controllo delle società

Dettagli

IL BUDGET IN UNA SOCIETA DI SERVIZI. SINTESI S.r.l. Potenza, 17.06.2015 - Università degli Studi della Basilicata

IL BUDGET IN UNA SOCIETA DI SERVIZI. SINTESI S.r.l. Potenza, 17.06.2015 - Università degli Studi della Basilicata IL BUDGET IN UNA SOCIETA DI SERVIZI SINTESI S.r.l. Potenza, 17.06.2015 - Università degli Studi della Basilicata SINTESI S.r.l 1 SINTESI S.r.l. è una società di servizi che opera nel settore della formazione

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

INFORMAZIONE E MANAGEMENT STRATEGICO

INFORMAZIONE E MANAGEMENT STRATEGICO INFORMAZIONE E MANAGEMENT STRATEGICO CAP 10 IL SISTEMA DI PERFORMANCE MANAGEMENT DOCENTE: CHIARA DEMARTINI mariachiara.demartini@unipv.it Agenda Dal performance measurement al performance management Il

Dettagli

Il sistema di budget nelle aziende sanitarie

Il sistema di budget nelle aziende sanitarie Il sistema di budget nelle aziende sanitarie Dott. Patrizio Monfardini monfardini@unica.it 1 Agenda Il budget Le caratteristiche Le funzioni I vantaggi I limiti Il processo di redazione Il budget nelle

Dettagli

POLITICA DELLA QUALITA DELL AMBIENTE E DELLA SICUREZZA ALIMENTARE

POLITICA DELLA QUALITA DELL AMBIENTE E DELLA SICUREZZA ALIMENTARE POLITICA DELLA QUALITA DELL AMBIENTE E DELLA SICUREZZA ALIMENTARE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Questo documento descrive le responsabilità della Direzione. Responsabilità che si esplicano nel comunicare

Dettagli

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola Premessa VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola progetto sperimentale per individuare criteri, strumenti e metodologie per la valutazione delle scuole e dei dirigenti scolastici Le precedenti sperimentazioni

Dettagli

Introduzione alla norma UNI EN CEI ISO 50001:2011

Introduzione alla norma UNI EN CEI ISO 50001:2011 Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma Seminario di introduzione alla norma ISO 50001 ed ai Sistemi di Gestione per l Energia Integrazione con la legislazione Roma, 16/03/2016 Introduzione alla

Dettagli

BILANCIO SOCIALE: CONTENUTI E METODI DI RENDICONTAZIONE. Claudia Strasserra Bureau Veritas Italia SpA

BILANCIO SOCIALE: CONTENUTI E METODI DI RENDICONTAZIONE. Claudia Strasserra Bureau Veritas Italia SpA BILANCIO SOCIALE: CONTENUTI E METODI DI RENDICONTAZIONE Claudia Strasserra Bureau Veritas Italia SpA I 3 elementi chiave: il prodotto, il processo, la cultura RESPONSABILITA SOCIALE ACCOUNTABILITY RENDICONTAZIONE

Dettagli

Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa

Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa 1 Premessa Il presente manuale è stato redatto al fine di fornire uno strumento, rapido e accessibile, per chiarire i presupposti

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ ANALITICA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ ANALITICA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ ANALITICA A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO LA NOZIONE E LE CARATTERISTICHE DELLA CONTABILITÀ ANALITICA...

Dettagli

Determinanti, modelli di diffusione e impatto di medical device cost saving nel Servizio Sanitario Nazionale

Determinanti, modelli di diffusione e impatto di medical device cost saving nel Servizio Sanitario Nazionale Determinanti, modelli di diffusione e impatto di medical device cost saving nel Servizio Sanitario Nazionale Documento elaborato dall Alta Scuola di Economia e Management dei Sistemi Sanitari Nell ambito

Dettagli

Configurazioni del Bilancio Sociale. Oggi più di ieri e sicuramente meno di domani, il centro di produzione, ovvero il centro di

Configurazioni del Bilancio Sociale. Oggi più di ieri e sicuramente meno di domani, il centro di produzione, ovvero il centro di Configurazioni del Bilancio Sociale Oggi più di ieri e sicuramente meno di domani, il centro di produzione, ovvero il centro di interessi, deve fare i conti con un contesto ampio e complesso che esprime,

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA FIRENZE 1 PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA IL SISTEMA DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO: RIFERIMENTI CONCETTUALI E NORMATIVI POSTI A CONFRONTO CON LA REALTÀ AZIENDALE FIRENZE 2 INDICE PREMESSA 3 MOTIVAZIONI

Dettagli

ARPAT. Politica per la Qualità

ARPAT. Politica per la Qualità ARPAT Politica per la Qualità POLITICA PER LA QUALITÀ La missione di ARPAT L Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana (ARPAT) concorre alla promozione dello sviluppo sostenibile e contribuisce

Dettagli

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione Introduzione Perché il controllo di gestione? L azienda, come tutte le altre organizzazioni, è un sistema che è rivolto alla trasformazione di input (risorse tecniche, finanziarie e umane) in output (risultati

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA FINANZA AZIENDALE. Docente: Prof. Massimo Mariani

INTRODUZIONE ALLA FINANZA AZIENDALE. Docente: Prof. Massimo Mariani INTRODUZIONE ALLA FINANZA AZIENDALE Docente: Prof. Massimo Mariani SOMMARIO La creazione del valore Che cos è la finanza aziendale Obiettivi degli stakeholders Massimizzazione del valore Massimizzazione

Dettagli

L attività dell Internal Audit. G.M. Mirabelli

L attività dell Internal Audit. G.M. Mirabelli L attività dell Internal Audit G.M. Mirabelli Milano 13 ottobre 2006 Obiettivi della presentazione Evidenziare i compiti che nel nuovo Codice di autodisciplina sono assegnati all Internal Auditing, se

Dettagli

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI 5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI Master Budget: insieme coordinato e coerente dei budget operativi, finanziari e degli investimenti è rappresentato

Dettagli

PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE

PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE Allegato alla deliberazione di Giunta Comunale n. 289 del 28.12.2011 1 INDICE SEZIONE I - CONTESTO

Dettagli

Indice. Prefazione PARTE PRIMA LE FONDAZIONI DI PARTECIPAZIONE NELLE STRATEGIE COLLABORATIVE TRA AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE ED IMPRESE

Indice. Prefazione PARTE PRIMA LE FONDAZIONI DI PARTECIPAZIONE NELLE STRATEGIE COLLABORATIVE TRA AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE ED IMPRESE Indice Prefazione XI PARTE PRIMA LE FONDAZIONI DI PARTECIPAZIONE NELLE STRATEGIE COLLABORATIVE TRA AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE ED IMPRESE Capitolo 1 Le partnership pubblico-privato nei nuovi modelli di gestione

Dettagli

La remunerazione del Top Management: variabile più legato alle performance e maggiore trasparenza

La remunerazione del Top Management: variabile più legato alle performance e maggiore trasparenza La remunerazione del Top Management: variabile più legato alle performance e maggiore trasparenza Il tema delle remunerazioni dei Vertici Aziendali continua a essere di grande attualità e oggetto di particolare

Dettagli

TITOLO VIII : LA PROGRAMMAZIONE

TITOLO VIII : LA PROGRAMMAZIONE TITOLO VIII : LA PROGRAMMAZIONE 1. STRUMENTI DELLA PROGRAMMAZIONE La Direzione aziendale elabora le linee strategiche per il governo del sistema dei servizi sanitari sulla base degli atti di indirizzo

Dettagli

La pianificazione e la programmazione aziendale. Il budget quale sistema di programmazione dell attività aziendale.

La pianificazione e la programmazione aziendale. Il budget quale sistema di programmazione dell attività aziendale. Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB La pianificazione e la programmazione aziendale. Il budget quale sistema di programmazione

Dettagli

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 3 Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 1. Premessa Il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi di Fiat S.p.A. (la Società ) costituisce elemento

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

BILANCIO CIVILISTICO E BILANCIO RICLASSIFICATO

BILANCIO CIVILISTICO E BILANCIO RICLASSIFICATO BILANCIO CIVILISTICO E BILANCIO RICLASSIFICATO La riclassificazione del bilancio Lo schema di bilancio attualmente utilizzato nell'unione Europea non soddisfa interamente le esigenze degli analisti. E'

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

La norma ISO 50001 per il risparmio energetico delle aziende

La norma ISO 50001 per il risparmio energetico delle aziende La norma ISO 50001 per il risparmio energetico delle aziende La norma UNI CEI EN ISO 50001:2011 Sistemi di gestione dell energia Requisiti e linee guida per l uso è la versione ufficiale italiana della

Dettagli

Lezione n 15 17 Maggio 2013 Alberto Balducci

Lezione n 15 17 Maggio 2013 Alberto Balducci Lezione n 15 17 Maggio 2013 Alberto Balducci Obiettivi conoscitivi Il Budget nel sistema di programmazione e controllo I documenti che compongono il budget Le finalità e gli obiettivi di budget Il processo

Dettagli

Pianificazione finanziaria

Pianificazione finanziaria Pianificazione finanziaria La rappresentazione della dinamica finanziaria prospettica capitolo 7 La dinamica finanziaria prospettica Il capitolo 7 approfondisce il tema della proiezione della dinamica

Dettagli

L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 39 DEL 9 GIUGNO 2011 REGOLAMENTO RELATIVO ALLE POLITICHE DI REMUNERAZIONE NELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

Dettagli

Il ruolo del Dottore Commercialista nell attività di rating advisory ed il visto di conformità sul merito creditizio

Il ruolo del Dottore Commercialista nell attività di rating advisory ed il visto di conformità sul merito creditizio S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Rating Advisory e reporting finanziario del rischio d impresa Il ruolo del Dottore Commercialista nell attività di rating advisory ed il visto di conformità

Dettagli

I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager

I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager Valentina Bini, FIRE 27 marzo, Napoli 1 Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso Razionale dell Energia è un associazione tecnico-scientifica

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEI DIPENDENTI

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEI DIPENDENTI SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEI DIPENDENTI FINALITA' DELLA VALUTAZIONE Il processo di valutazione dei dipendenti dei servizi persegue differenti finalità, prima fra tutte quella

Dettagli

Obiettivo e temi del corso di Economia Aziendale

Obiettivo e temi del corso di Economia Aziendale ECONOMIA Corso di AZIENDALE Docente: Paola Paoloni Paola Paoloni 1 Obiettivo e temi del corso di Economia Aziendale Obiettivi: Fornire le conoscenze di base e gli strumenti metodologici concettuali indispensabili

Dettagli

rendiconto economico 2

rendiconto economico 2 rendiconto economico 034 rendiconto economico 2 In questa sezione del bilancio sociale Finpiemonte rappresenta, attraverso appositi prospetti, la dimensione economica e monetaria della gestione, secondo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (Approvato con deliberazione di G.C. 140/02.12.2010) 1 TITOLO I - SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE Capo I - Aspetti generali

Dettagli

Le linee guida ABI sull adeguatezza

Le linee guida ABI sull adeguatezza Le linee guida ABI sull adeguatezza La profilatura della clientela ai fini MiFID è il tema centrale delle Linee Guida ABI recentemente validate dalla Consob sull implementazione degli Orientamenti Esma

Dettagli

S I S T E M A D I M I S U R A Z I O NE

S I S T E M A D I M I S U R A Z I O NE S I S T E M A D I M I S U R A Z I O NE [PIANO DELLA PERFORMANCE] 2013 PRI NCIPI FO NDANTI Sulla base di quanto previsto dalla recente normativa in materia il Sistema di misurazione e valutazione della

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO Approvato dal Comitato di Indirizzo nella seduta del 20 marzo 2015 Sommario TITOLO I - PREMESSE... 3 1. Ambito di applicazione...

Dettagli

Gli obiettivi del progetto sono dunque molteplici: favorire la diffusione della cultura imprenditoriale dei ricercatori, in modo che la

Gli obiettivi del progetto sono dunque molteplici: favorire la diffusione della cultura imprenditoriale dei ricercatori, in modo che la REGIONE PIEMONTE BOLLETTINO UFFICALE N. 40 DEL 8/10/2009 Finpiemonte S.p.A. - Torino Avviso ad evidenza pubblica - Progetto Sovvenzione Globale "Percorsi integrati per la creazione di imprese innovative

Dettagli

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico Introduzione I.1 Premessa Analizzare la situazione economico-finanziaria di un impresa significa poter affrontare alcune questioni critiche della gestione dell azienda e cioè essere in grado di poter rispondere

Dettagli

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE di Sergio Ricci 1 IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE Intervento per il Convegno Turismo Sociale e Bilancio Sociale : contributi in un

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni dipartimento di scienze politiche MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni VI edizione A.A. 2014/2015 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente

Dettagli

IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO

IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO http://www.sinedi.com ARTICOLO 27 OTTOBRE 2008 IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO PRODUZIONE DI VALORE E RISCHIO D IMPRESA Nel corso del tempo, ogni azienda deve gestire un adeguato portafoglio di strumenti

Dettagli

Scaletta della lezione:

Scaletta della lezione: NATURA DELLA CONTABILITA DIREZIONALE Scaletta della lezione: 1. L approccio di Anthony al controllo di gestione 2. Natura e fini delle informazioni - informazioni per l esterno - informazioni per l interno

Dettagli

Obiettivi aziendali e compiti della finanza

Obiettivi aziendali e compiti della finanza Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Obiettivi aziendali e compiti della finanza Capitolo 1 Indice degli argomenti 1. Creazione di valore come idea guida 2. L impresa come

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 38 DEL 27/03/2014. PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO Anno 2014 PREMESSA

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 38 DEL 27/03/2014. PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO Anno 2014 PREMESSA ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 38 DEL 27/03/2014 PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO Anno 2014 PREMESSA La possibilità per la Pubblica Amministrazione di avvalersi di forme di lavoro a distanza è

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ GENERALE E

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ GENERALE E WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ GENERALE E IL BILANCIO D ESERCIZIO A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO LE NOZIONI DI CONTABILITÀ GENERALE E BILANCIO

Dettagli

Comune di Azzano San Paolo Provincia di Bergamo Piazza IV novembre Tel. 035/53.22.11 Fax 035/53.00.73 C.F./IVA n. 00681530168

Comune di Azzano San Paolo Provincia di Bergamo Piazza IV novembre Tel. 035/53.22.11 Fax 035/53.00.73 C.F./IVA n. 00681530168 Comune di Azzano San Paolo Provincia di Bergamo Piazza IV novembre Tel. 035/53.22.11 Fax 035/53.00.73 C.F./IVA n. 00681530168 E-mail: servizio.segreteria@comuneazzanosanpaolo.gov.it P.E.C: comuneazzanosanpaolo@pec.it

Dettagli

1. Analisi della rilevanza dell idea-progetto e specificazione delle alternative progettuali

1. Analisi della rilevanza dell idea-progetto e specificazione delle alternative progettuali Studi di Fattibilità e Analisi Costi Benefici L esperienza maturata dalla Proind Srl nel supporto e nell assistenza tecnica alle Pubbliche Amministrazioni in materia di valutazione di investimenti pubblici,

Dettagli

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09)

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09) Regolamento di disciplina della misurazione, valutazione e trasparenza della performance ( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) Il presente Regolamento è assunto ai sensi degli artt. 16 e 31 del

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE MANAGERIALE PER I DIRIGENTI DELLE AZIENDE SANITARIE

CORSO DI FORMAZIONE MANAGERIALE PER I DIRIGENTI DELLE AZIENDE SANITARIE UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PARMA CORSO DI FORMAZIONE MANAGERIALE PER I DIRIGENTI DELLE AZIENDE SANITARIE La certificazione manageriale 29/07/2014 PREMESSA In diverse realtà sono stati attivati corsi di

Dettagli

Valutazione degli Intangibles ai fini del valore aziendale

Valutazione degli Intangibles ai fini del valore aziendale Valutazione degli Intangibles ai fini del valore aziendale La valorizzazione dei beni immateriali: i metodi di valutazione Rag. Roberto Spaggiari Reggio Emilia 20 giugno 2013 Page 1 Tempi di crisi Coscienza

Dettagli

CODICE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE

CODICE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE CODICE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE 1 PREMESSA Il presente codice disciplina le procedure di ricerca, selezione ed inserimento di personale, che sono demandate alla Direzione Generale,

Dettagli

Q&C dei sistemi di gestione in base alla norma UNI CEI EN 16001

Q&C dei sistemi di gestione in base alla norma UNI CEI EN 16001 Ing. Sandro Picchiolutto Fabbisogni di qualificazione e certificazione (Q&C) di competenze, servizi e sistemi per l efficienza energetica e le fonti rinnovabili Q&C dei sistemi di gestione in base alla

Dettagli

COMUNE DI MARANO SUL PANARO Provincia di Modena. Proposta di una Metodologia di Valutazione Permanente per il Comune di Marano sul Panaro

COMUNE DI MARANO SUL PANARO Provincia di Modena. Proposta di una Metodologia di Valutazione Permanente per il Comune di Marano sul Panaro COMUNE DI MARANO SUL PANARO Provincia di Modena Proposta di una Metodologia di Valutazione Permanente per il Comune di Marano sul Panaro INDICE Premessa 3 1. La valutazione permanente e la disciplina delle

Dettagli

controllo da parte degli organi a vario titolo deputati al controllo dell azienda non profit, Lo scopo della raccomandazione

controllo da parte degli organi a vario titolo deputati al controllo dell azienda non profit, Lo scopo della raccomandazione I sistemi e le procedure di controllo negli enti non profit di Giorgio Gentili Sireco srl di Roma e Hepta Consulenza Srl di San Severino Marche (MC) L a Commissione aziende non profit del Consiglio nazionale

Dettagli

Sistemi di misurazione e valutazione delle performance

Sistemi di misurazione e valutazione delle performance Sistemi di misurazione e valutazione delle performance 1 SVILUPPO DELL'INTERVENTO Cos è la misurazione e valutazione delle performance e a cosa serve? Efficienza Efficacia Outcome Requisiti minimi Indicatori

Dettagli

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale 1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale della RGS, del CNIPA e di ingegneri dell Ordine di

Dettagli

Valutazione degli investimenti

Valutazione degli investimenti Valutazione degli investimenti Mutina Profit Consulting S.r.l. affianca l imprenditore nella valutazione degli investimenti sia in termini di sostenibilità economica, mediante la predisposizione di Business

Dettagli

SOLUZIONE ICT: DATABASE CLIENTI INTRODUZIONE SINTESI DEL CASO AZIENDALE

SOLUZIONE ICT: DATABASE CLIENTI INTRODUZIONE SINTESI DEL CASO AZIENDALE SOLUZIONE ICT: DATABASE CLIENTI INTRODUZIONE Nell attuale mercato, è sempre più difficile soddisfare i clienti ed instaurare con loro una relazione di lungo periodo. L utilizzo delle tecniche di promozione

Dettagli

Regolamento per la gestione del patrimonio

Regolamento per la gestione del patrimonio Regolamento per la gestione del patrimonio Approvato dall Organo di indirizzo nella seduta del 19 aprile 2013 Art. 1 (Ambito di applicazione) Il presente regolamento, adottato ai sensi dell'art. 6 dello

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DI GESTIONE (Deliberazione Giunta Comunale n._364/05 ) TITOLO I RIFERIMENTI NORMATIVI E OGGETTO DEL REGOLAMENTO

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DI GESTIONE (Deliberazione Giunta Comunale n._364/05 ) TITOLO I RIFERIMENTI NORMATIVI E OGGETTO DEL REGOLAMENTO REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DI GESTIONE (Deliberazione Giunta Comunale n._364/05 ) TITOLO I RIFERIMENTI NORMATIVI E OGGETTO DEL REGOLAMENTO Articolo 1 Riferimenti normativi e oggetto Il presente regolamento

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI DELLA POLITICA DI COESIONE PER IL PERIODO 2014-2020 POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le

Dettagli

Legge 231: le ricadute organizzative e il risk management

Legge 231: le ricadute organizzative e il risk management Legge 231: le ricadute organizzative e il risk management a cura di: Francesco M. Renne docente CUOA Finance, coordinatore Osservatorio Legislazione & Mercati Bruno Borgia docente CUOA Finance, membro

Dettagli

Valutazione degli investimenti aziendali

Valutazione degli investimenti aziendali Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Valutazione degli investimenti aziendali Capitolo 18 Indice degli argomenti 1. Definizione e classificazione degli investimenti 2. I profili

Dettagli

Agenzia ICE. Monitoraggio di primo livello di avvio del ciclo della performance per l anno 2014

Agenzia ICE. Monitoraggio di primo livello di avvio del ciclo della performance per l anno 2014 Agenzia ICE Monitoraggio di primo livello di avvio del ciclo della performance per l anno 2014 Allegati: 1 Scheda standard di monitoraggio 2 Informazioni di sintesi 1 Allegato 1: Scheda standard di monitoraggio

Dettagli

MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE

MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE OFFERTA FORMATIVA Titolo: MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE Padova, Roma e Bologna. Destinatari: Il Master si rivolge a laureati, preferibilmente in discipline economiche,

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ SEZIONE 5.1: FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ

MANUALE DELLA QUALITÀ SEZIONE 5.1: FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ REV. 00 pagina 1/4 MANUALE DELLA QUALITÀ Rif.to: UNI EN ISO 9001:2008 PARTE 5: RESPONSABILITÀ DELLA DIREZIONE SEZIONE 5.1: FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ SOMMARIO A Impegno della

Dettagli

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo Premessa L Audit organizzativo si fonda sull ascolto organizzativo che presenta come obiettivo primario la valorizzazione

Dettagli

PIANIFICAZIONE DELLA FORMAZIONE: processi, attori e strumenti

PIANIFICAZIONE DELLA FORMAZIONE: processi, attori e strumenti PIANIFICAZIONE DELLA FORMAZIONE: processi, attori e strumenti Dott.ssa Patrizia Castelli Premessa: Il processo di pianificazione della formazione nasce dall esigenza di sviluppare le competenze e le conoscenze

Dettagli

Integrazione fra performance organizzativa e performance individuale. Formez, Napoli 29 novembre 2012 Giancarla Masè

Integrazione fra performance organizzativa e performance individuale. Formez, Napoli 29 novembre 2012 Giancarla Masè Integrazione fra performance organizzativa e performance individuale Formez, Napoli 29 novembre 2012 Giancarla Masè Indice La realtà di UNITN La performance organizzativa La performance individuale 1 La

Dettagli

Linee Guida per la gestione integrata del Ciclo della Performance delle università statali italiane DOCUMENTO ANVUR - MAGGIO 2015

Linee Guida per la gestione integrata del Ciclo della Performance delle università statali italiane DOCUMENTO ANVUR - MAGGIO 2015 Linee Guida per la gestione integrata del Ciclo della Performance delle università statali italiane DOCUMENTO ANVUR - MAGGIO 2015 Inquadramento concettuale - l esigenza di ricondurre gli interventi a un

Dettagli

ANCI Servizi-OICE-ABI

ANCI Servizi-OICE-ABI Convegno: ANCI Servizi-OICE-ABI Workshop sul Project Financing: riscaldiamo le opere fredde Trieste, 23 ottobre 2008 Relazione dell Unità Tecnica Finanza di Progetto di GABRIELE FERRANTE Il Partenariato

Dettagli

AZIONI DI ASSISTENZA TECNICA PER LE UNIONI REGIONALI

AZIONI DI ASSISTENZA TECNICA PER LE UNIONI REGIONALI PROPOSTE PER LA REALIZZAZIONE DI AZIONI DI ASSISTENZA TECNICA PER LE UNIONI REGIONALI DELLE CAMERE DI COMMERCIO PREMESSA Con l approvazione del Decreto legislativo n. 23 del 15 febbraio 2010 è stata varata

Dettagli

PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015

PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015 DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA UFFICIO AUTONOMIE LOCALI E DECENTRAMENTO AMMINISTRATIVO PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015 COMITATO TECNICO CONSULTIVO PER LA POLIZIA LOCALE REGIONE BASILICATA

Dettagli

Il Marketing Concetti Introduttivi

Il Marketing Concetti Introduttivi Il Marketing Concetti Introduttivi Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing Il Corso OBIETTIVI DEL CORSO Fornire agli studenti conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali del

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12 INDICE RESPONSABILITÀ DELLA DIREZIONE Impegno della Direzione Attenzione focalizzata al cliente Politica della Qualità Obiettivi della Qualità Soddisfazione del cliente

Dettagli

Ufficio IV. CIRCOLARE n.16 Prot. AOODPPR/Reg.Uff./n.176 Roma, 3 febbraio 2012. Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Ufficio IV. CIRCOLARE n.16 Prot. AOODPPR/Reg.Uff./n.176 Roma, 3 febbraio 2012. Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI CIRCOLARE n.16 Prot. AOODPPR/Reg.Uff./n.176 Roma, 3 febbraio 2012 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Al Capo del Dipartimento per l Istruzione SEDE Ai Direttori Generali

Dettagli

METODOLOGIA DI VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI

METODOLOGIA DI VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI METODOLOGIA DI VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI Premessa Il sistema di valutazione della prestazione individuale del personale della Comunità montana del Torre Natisone e Collio si pone la finalità

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

Architettura del sistema

Architettura del sistema 18/06/15 I N D I C E 1 INTRODUZIONE... 2 2 DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI... 2 3 PROGETTO DI MASSIMA... 3 3.1 REQUISITI DELLA SOLUZIONE... 4 4 LA SOLUZIONE... 4 4.1 IL NUCLEO CENTRALE... 5 4.1.1 La gestione

Dettagli

IL PROCESSO DI BUDGETING. Dott. Claudio Orsini Studio Cauli, Marmocchi, Orsini & Associati Bologna

IL PROCESSO DI BUDGETING. Dott. Claudio Orsini Studio Cauli, Marmocchi, Orsini & Associati Bologna IL PROCESSO DI BUDGETING Dott. Claudio Orsini Studio Cauli, Marmocchi, Orsini & Associati Bologna Il processo di budgeting Il sistema di budget rappresenta l espressione formalizzata di un complesso processo

Dettagli

E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Provincia di Palermo Sede legale: Prizzi Corso Umberto I Tel 091 8344507 Fax 091 8344507 Codice fiscale 97178810822 REGOLAMENTO RELATIVO AL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Art. 1

Dettagli

Disciplinare del Controllo di gestione

Disciplinare del Controllo di gestione Disciplinare del Controllo di gestione INDICE CAPO I - PRINCIPI E FINALITA ART. 1 Oggetto del Disciplinare pag. 3 ART. 2 Il controllo di gestione pag. 3 CAPO II - CONTABILITA ANALITICA ART. 3- Organizzazione

Dettagli

Cap.1 - L impresa come sistema

Cap.1 - L impresa come sistema Cap.1 - L impresa come sistema Indice: L impresa come sistema dinamico L impresa come sistema complesso e gerarchico La progettazione del sistema impresa Modelli organizzativi per la gestione Proprietà

Dettagli

Modulo 1 Concetti di base della Qualità

Modulo 1 Concetti di base della Qualità Syllabus rev. 1.04 Modulo 1 Concetti di base della Qualità Il seguente Syllabus è relativo al Modulo 1, Concetti e approcci di base per la gestione della qualità in una organizzazione, e fornisce i fondamenti

Dettagli

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione Premessa Obiettivo di questo breve documento è fornire una contributo in vista dell incontro dell 8 luglio; a tale

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

LEZIONE N. 1. Il Marketing Concetti Introduttivi. Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing

LEZIONE N. 1. Il Marketing Concetti Introduttivi. Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing LEZIONE N. 1 Il Marketing Concetti Introduttivi Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing Il Corso OBIETTIVI DEL CORSO Fornire agli studenti conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali

Dettagli

APPROFONDIMENTO FINANZA

APPROFONDIMENTO FINANZA APPROFONDIMENTO FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento LE SCELTE DI STRUTTURA FINANZIARIA ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA LE SCELTE

Dettagli