La valutazione degli investimenti nei processi decisionali delle aziende pubbliche

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La valutazione degli investimenti nei processi decisionali delle aziende pubbliche"

Transcript

1 La valutazione degli investimenti nei processi decisionali delle aziende pubbliche Investment Evaluation Decision-making Processes in Public Organizations di Armando Buccellato* Alessandro Spano* Alberto Asquer* *Università degli Studi di Cagliari Facoltà di Economia Viale S. Ignazio Cagliari 1

2 La valutazione degli investimenti nei processi decisionali delle aziende pubbliche Abstract Il presente articolo si propone di indagare il ruolo della valutazione degli investimenti nei processi decisionali delle aziende pubbliche. Nell analisi si sostiene che la valutazione degli investimenti pubblici può svolgere un ruolo di grande importanza sia a sostegno del controllo strategico sia in sede di controllo di gestione. Si pensi, ad esempio, alle valutazioni ex-ante, oltre a quelle in itinere ed ex-post. Per ottenere questo risultato occorre che la valutazione degli investimenti pubblici non sia confinata ad una dimensione puramente tecnica (in particolare, per quanto concerne le metodologie di valutazione) ma diventi parte di un più ampio sistema di controllo manageriale e sia collegata ed interagisca con la fase della fissazione degli obiettivi e con la verifica dei risultati raggiunti. Parole chiave: valutazione degli investimenti, pianificazione, sistemi di controllo This article aims to investigate the role played by investment evaluation in decision-making processes in public sector organizations. This article argues that investment evaluation can play an important role in both strategic and management control. For instance, evaluation can play a role both before and after the investment decision is made, as well as in monitoring investment implementation. In order to achieve this effect, investment evaluation needs not be confined as a mere technical task (in particular, as a matter of applying correct evaluation methods), but it ought to be a component part of the broader managerial control system, and it should be linked to objectives-setting and assessment of results achieved. Key words: investment evaluation, planning, control systems Cet article a pour but d'étudier le rôle de l'évaluation des investissements dans les processus décisionnels des entreprises publiques. Cet article soutient l'idée que l'évaluation des investissements publics peut jouer un rôle de grande importance en appui du contrôle stratégique et du contrôle de gestion. C'est le cas, par exemple, pour les évaluations ex-ante, au delà de celles réalisées au cours des opérations, et ex-post. Pour ce faire, il est nécessaire que l'évaluation des investissements publics ne se limite pas à une dimension purement technique (en particulier, en ce qui concerne les méthodes d'évaluation), mais qu'elle fasse partie d'un vaste système de contrôle de gestion et est qu'elle soit reliée, et interagisse avec la phase de fixation d'objectifs et de vérification des résultats obtenus. Mots-clés: évaluation des investissements, planification, systèmes de contrôle 2

3 Sommario 1. Introduzione 2. Revisione della letteratura 3. Valutazione degli investimenti pubblici nei sistemi di controllo manageriale 4. Il caso del Museo Betile 5. Conclusioni 3

4 La valutazione degli investimenti nei processi decisionali delle aziende pubbliche 1. Introduzione La valutazione degli investimenti pubblici svolge una funzione, essenzialmente, informativa: produce informazioni per una pluralità di soggetti. Innanzitutto, la valutazione fornisce una base informativa al decisore politico, sia nella fase di valutazione ex-ante, sia in quelle in itinere ed ex-post. Fornisce anche informazioni ai soggetti chiamati a dare attuazione alle scelte politiche, in primis i dirigenti che nella valutazione trovano informazioni utili per verificare la loro capacità di perseguire gli obiettivi loro assegnati dai politici. Infine, anche i vari portatori di interessi (in primo luogo i cittadini) possono trovare nella valutazione degli investimenti un importante fonte di informazioni per verificare: la coerenza tra il contenuto dei programmi elettorali e di governo e le scelte effettuate; l ammontare delle risorse pubbliche impiegate per quelle specifiche finalità; la capacità dei progettati investimenti di soddisfare prefissati bisogni. In Italia la cultura della valutazione a supporto delle decisioni pubbliche ancora fatica ad affermarsi (Formez, 2004, p.13) ed è stata caratterizzata da altalenanti periodi di interesse ed abbandono di questo tema. Un nuovo impulso all utilizzo della valutazione nei processi decisionali proviene dall Unione Europea che, per l utilizzo dei fondi comunitari, richiede lo svolgimento di varie attività valutative volte a migliorare l efficienza e l efficacia degli interventi pubblici. In diverse discipline, come ad esempio l economia politica, la statistica, e l ingegneria, la tematica della valutazione degli investimenti pubblici ha assunto un ruolo rilevante. Tali studi si sono concentrati, prevalentemente, sulle metodologie di valutazione (Pennisi e Scandizzo, 1991) più che sul ruolo e sulle funzioni che la valutazione degli investimenti pubblici svolge e può svolgere 4

5 all interno di un sistema di controllo manageriale. Le tecniche utilizzate per la valutazione si basano sia su approcci quantitativi (analisi costi e benefici, matrice input output e modelli econometrici) che qualitativi (multicriterio, casi di studio, bench-marking, ecc.). Mediante il loro utilizzo è possibile decidere, tra varie alternative, quali investimenti finanziare, ad esempio concentrandosi su quelli che presentano una redditività positiva (Armstrong-Taylor, 1987; Bamberger-Hewitt, 1984). Secondo l'approccio economico generale, in particolare, sono diffuse le analisi costi-benefici connessi agli investimenti (Conti, 1968; Florio, 2001; Florio, 2002). Nonostante la rilevanza, gli investimenti pubblici hanno rappresentato un tema relativamente poco trattato dagli economisti aziendali che si sono concentrati sulla necessità di migliorare i livelli di efficienza, efficacia ed economicità nella gestione delle aziende pubbliche. L attenzione è stata rivolta, in genere, agli aspetti gestionali, approfondendo le funzioni della pianificazione, dell organizzazione, della gestione, della misurazione (e dei sistemi contabili in particolare), del controllo e della valutazione dei risultati. Una delle linee di ricerca in questione si è dedicata, in particolare, all introduzione di sistemi di controllo manageriale nelle aziende pubbliche ed ha evidenziato la necessità di un collegamento sistemico tra i processi di pianificazione, di esecuzione, di controllo e di valutazione dei risultati (Buccellato et al., 2004). Il modello di controllo manageriale è stato approfondito e discusso in relazione alla gestione delle strategie e delle politiche aziendali, ma minore attenzione è stata prestata, finora, alle implicazioni sul modello della valutazione degli investimenti effettuati dalle aziende pubbliche. In modo particolare, non pare sia stata approfondita la relazione tra gli investimenti pubblici ed i livelli di efficienza e di efficacia delle aziende pubbliche. L articolo si propone di approfondire il ruolo della valutazione degli investimenti nei processi decisionali delle aziende pubbliche e si compone di tre paragrafi oltre all introduzione. Nel secondo paragrafo viene presentata una revisione della letteratura relativa ai sistemi di controllo manageriale ed alla valutazione delle politiche e degli investimenti pubblici. Nel terzo paragrafo si propone un modello di controllo manageriale in cui la valutazione degli 5

6 investimenti pubblici è connessa alla pianificazione (valutazione ex-ante), allo svolgimento dei processi produttivi, alla misurazione (valutazione in itinere) ed alla valutazione dei risultati (valutazione ex-post). Nell ultimo paragrafo si illustra l'applicazione del modello proposto attraverso un caso di studio. Il caso selezionato riguarda la valutazione dell'investimento nel museo mediterraneo dell'arte nuragica e dell'arte contemporanea denominato Betile la cui realizzazione fu ipotizzata a Cagliari negli anni La domanda di ricerca alla base dell articolo è verificare se ed in che modo il proposto modello di controllo manageriale abbia trovato applicazione nel caso analizzato. 2. Revisione della letteratura La letteratura scientifica ha rivolto una forte attenzione ai temi centrali di questo lavoro, ossia il controllo manageriale, l'attuazione delle politiche pubbliche e la valutazione degli investimenti pubblici. Questa sezione illustra una revisione sintetica della letteratura più rilevante su questi temi, evidenziando, in particolare, alcuni problemi relativi ai fini della questione affrontata in questo lavoro. La letteratura sul controllo manageriale interessa, in termini generali, la progettazione e la gestione dei sistemi di condizionamento del comportamento degli individui al fine di orientarli verso il conseguimento degli obiettivi stabiliti. Nel campo delle aziende pubbliche, i temi del controllo manageriale sono stati sviluppati con particolare attenzione alle relazioni tra la pianificazione istituzionale, la pianificazione politica, e la pianificazione strategica delle aziende ed all'orientamento dell'attività verso i risultati (Borgonovi, 2004; Buccellato et al., 2004; Mele e Storlazzi, 2006). La letteratura sull'attuazione delle politiche pubbliche si rivolge alla gestione dei processi tramite i quali le decisioni di governo sono poste in essere e producono effetti coerenti o meno con gli obiettivi stabiliti. A partire dal lavoro di Pressman e Wildavsky (1973), il tema dell'attuazione (o implementazione) 6

7 delle politiche pubbliche si è sviluppato attraverso approcci diversi, sia nell'oggetto specifico di ricerca sia nella metodologia (Buccellato et al., 2004). Nel passato, un filone di studi top-down evidenziava un approccio pianificato e razionale all'attuazione delle politiche pubbliche (van Meter e van Horn, 1975; 1976; Mazmanian e Sabatier, 1981; 1983; 1989), ed un approccio bottom-up sosteneva l'adattamento e la flessibilità delle soluzioni attuative realizzate in itinere (Berman, 1978; Lipsky, 1978, Hjern e Porter, 1980; Hjern, 1982; Hjern e Hull, 1982; Hull e Hjern, 1987). La ricerca contemporanea adotta una prospettiva di sintesi e riconosce che l'implementazione delle politiche pubbliche può svilupparsi secondo dinamiche di entrambi i tipi (Goggin et al., 1990; Hupe, 1990; Matland, 1995; O'Toole, 2000; Hill e Hupe, 2002; Barrett, 2004; Saetren, 2005). La letteratura sulla valutazione degli investimenti pubblici (Florio, 1990; 2001; 2002; Pennisi e Scandizzo, 1991; Mulazzani, 2004; Camagni e Gorla, 2006) si è sviluppata affrontando diversi temi, tra i quali almeno due appaiono particolarmente rilevanti. Il primo tema riguarda quali siano i criteri applicati nel processo decisionale rivolto a scegliere quali investimenti intraprendere nella gestione delle aziende pubbliche. Questo tema affronta, in particolare, l'identificazione dei metodi e l'elaborazione di tecniche di scelta economicorazionale degli investimenti. Il secondo tema riguarda, invece, quale sia l'influenza della struttura organizzativa nell'ambito della quale le decisioni di investimento nelle aziende pubbliche sono prese. Questo tema approfondisce, in particolare, la progettazione di incentivi in grado di condizionare gli individui affinché essi prendano decisioni di investimento coerenti con gli obiettivi stabiliti. Su questo secondo tema, almeno due approcci appaiono particolarmente significativi. Secondo un approccio organizzativo comportamentale, le decisioni di investimento risentono come ogni altra decisione presa in un contesto organizzativo delle caratteristiche personali, strutturali e ambientali del processo decisionale (Simon, 1997; Morris, 1971). Tale filone di studi evidenzia che nelle organizzazioni le decisioni sono prese sulla base di interazioni sociali e politiche, condizionate da fattori quali la razionalità limitata (Simon, 1991; 7

8 1987), la logica incrementale (Wanat, 1974; Berry, 1990), le prassi del processo budgetario (Green e Thomposon, 2001), i pregiudizi e gli errori di giudizio (Kahneman et al., 1982). In sintesi, in tale filone di studi la valutazione degli investimenti pubblici è solo parzialmente determinata dall'applicazione di metodi e tecniche di supporto economico razionale alle decisioni, quanto piuttosto influenzata da fattori storici e contingenti. Nel secondo approccio le decisioni di investimento risentono della struttura di incentivi tramite i quali, in un organizzazione, si cercano soluzioni al problema dell'agenzia. Il problema dell'agenzia (Alchian e Demsetz, 1972; Ross, 1973) si pone in quanto il soggetto che prende la decisione dell'investimento (l agente) può perseguire interessi propri che divergono da quelli dei soggetti (il principale) i cui interessi l'organizzazione dovrebbe perseguire. La soluzione al problema dell'agenzia è tipicamente individuata nella struttura degli incentivi collegati alla misurazione delle performance che dipendono dalle decisioni e dalla condotta dell'agente. Nel caso delle decisioni di investimento, la soluzione al problema dell'agenzia è resa più complessa dal differimento nel tempo degli effetti dell'investimento, per cui la misurazione delle performance non può incidere in modo tempestivo (o comunque sufficientemente ravvicinato nel tempo di modo da essere percepito rilevante) sulle decisioni e sulla condotta dell'agente. Nel caso specifico della valutazione degli investimenti nelle aziende pubbliche, la soluzione al problema dell agenzia è resa ancora più complessa per effetto di particolari condizioni. Gli obiettivi pubblici da perseguire, in primo luogo, devono essere chiaramente esplicitati nel programma di governo, posto che altrimenti essi non possono essere univocamente individuati nelle preferenze degli elettori (tipicamente variegate ed eventualmente non aggregabili) e che essi non dovrebbero essere fissati tacitamente dai politici eletti al governo (rendendo così possibile il perseguimento di obiettivi personali piuttosto che il fine comune). I valutatori, inoltre, dovrebbero disporre di una struttura di incentivi tale da indurli a prendere decisioni (la valutazione degli investimenti) coerenti con gli obiettivi pubblici da perseguire (piuttosto che interessi personali oppure gli obiettivi taciti dei politici eletti al governo). Senza 8

9 incentivi appropriati, infatti, la valutazione degli investimenti potrebbe comportare un allocazione inefficiente delle risorse, come ad esempio nel caso in cui i valutatori colludessero con i politici eletti nel selezionare progetti non funzionali al benessere degli elettori. In sintesi, la letteratura scientifica sulla valutazione degli investimenti pubblici ha affrontato diversi temi, sia sull'individuazione dei criteri applicati nel processo decisionale rivolto a scegliere quali investimenti intraprendere, sia sulla struttura organizzativa nell'ambito della quale le decisioni di investimento sono prese. Questo campo di ricerca appare però suscettibile di ulteriori sviluppi verso gli elementi di rilevanza strategica nelle scelte di investimento che sono stati oggetto di studio nella valutazione degli start-up d'impresa (Kanniainen e Keuschnigg, 2004, 2003; Keuschnigg e Nielsen, 2004; Del Pozzo, 1996). Ad esempio, nella valutazione degli investimenti un ruolo importante potrebbe essere riconosciuto alle qualità manageriali del proponente e dei soggetti attuatori nel saper far uso efficiente ed efficace della capacità produttiva da installare. Nella valutazione degli investimenti, inoltre, anche un ruolo importante potrebbe essere attribuito alle possibili strategie di uscita (exit strategy) dall'investimento. L'integrazione delle conoscenze attuali sulla valutazione degli investimenti pubblici con quelle sviluppate in altre aree affini, pertanto, potrebbe comportare ulteriori sviluppi nella ricerca sull'argomento. 3. Valutazione degli investimenti pubblici nei sistemi di controllo manageriale I tradizionali sistemi di controllo manageriale sono caratterizzati dalla presenza di alcuni sottosistemi, quali la pianificazione, i processi produttivi, la misurazione, la valutazione ed il sottosistema delle ricompense. Nel modello di Flamholtz (1996) ad esempio, i vari sottosistemi sono connessi gli uni con gli altri per formare un sistema centrale di controllo e sono inseriti in un più ampio sistema di pianificazione e controllo che comprende anche la cultura e la struttura organizzative. 9

10 La struttura del sistema centrale di controllo è generalizzabile a tutte le tipologie di azienda ed è estendibile anche alle aziende pubbliche, prendendo in considerazione le dimensioni istituzionale e politica (Buccellato et al. 2003). All interno della dimensione politica, in particolare, partendo dalla visione propria di una determinata coalizione e sulla base dei dati che emergono da un analisi del contesto, si giunge a definire, in modo più o meno esplicito, una missione. Coerentemente con tale missione, dovrebbero essere definite le priorità politiche da perseguire in base alle quali viene predisposto il programma elettorale. La definizione del programma di governo rappresenta lo snodo tra la dimensione politica della pianificazione e la dimensione economica. Inserire la figura 1 I sistemi di controllo manageriale presentano il tema della valutazione, prevalentemente, in riferimento alle prestazioni degli individui che operano all interno dell organizzazione. Appare non approfondito il collegamento tra la valutazione degli investimenti effettuati dalle aziende pubbliche ed i sistemi di controllo manageriale. La capacità delle aziende pubbliche di soddisfare un determinato insieme di bisogni, ad un determinato livello di intensità è influenzato dagli investimenti effettuati. Ad esempio, la capacità di un comune di soddisfare il bisogno espresso dalle famiglie relativamente ai servizi di assistenza all infanzia, è influenzata, tra l altro, dalla realizzazione di nuovi asili nido, in grado di accogliere un numero maggiore di bambini e capaci di erogare servizi di elevata qualità. Appare evidente, dunque, l importanza del ruolo che le decisioni di investimento hanno all interno di un sistema di pianificazione e controllo in un azienda pubblica. Infatti, tali decisioni, da un lato modificano la capacità produttiva di una determinata azienda (incrementando la capacità di soddisfare una particolare tipologia di bisogni), dall altro lato sottraggono risorse ad altre possibili forme di soddisfazione di bisogni (poiché altri possibili investimenti non vengono realizzati). Le scelte d investimento, inoltre, influenzano il livello futuro di costi e di ricavi che si manifesteranno nello svolgimento dei processi produttivi, influenza che si verificherà per un periodo non breve di tempo. 10

11 La valutazione degli investimenti si articola in tre livelli: Valutazione ex-ante; Valutazione in itinere; Valutazione ex-post. Nell ambito dei sistemi di pianificazione e controllo delle aziende pubbliche la valutazione ex-ante consente di verificare, prima che l investimento sia realizzato, la sua capacità di: concorrere a realizzare gli obiettivi previsti (fini e scopi) per il perseguimento delle priorità individuate (livello di coerenza e capacità di soddisfare determinati bisogni); verificare la sostenibilità futura di tale investimento (e quindi la sua capacità di continuare a soddisfare i bisogni nel tempo); garantire adeguati livelli di efficienza. Lo scopo della valutazione ex-ante è ottimizzare l allocazione delle risorse e migliorare la qualità della programmazione. La valutazione ex-ante dovrebbe essere un processo iterativo nel quale il giudizio e le raccomandazioni sono fornite da soggetti esperti sul contenuto dei programmi predisposti dai soggetti responsabili della loro redazione (Commissione Europea, 2006, p.1). La valutazione in itinere consente di verificare se le attività previste si stiano svolgendo secondo quanto programmato; è quella che viene definita progress review e consente l operare dei meccanismi di feed-back correttivo. Infine, la valutazione ex-post permette la verifica del raggiungimento dei risultati al termine del processo di investimento e l eventuale assegnazione di ricompense. Nel disegno normativo e nella prassi attuativa nel panorama italiano la funzione di valutazione degli investimenti pubblici è di tipo, essenzialmente, tecnico. Essa, nelle sue varie articolazioni (ex-ante, in itinere ed ex-post) e con le varie metodologie utilizzabili dovrebbe svolgere compiti di produzione di dati e di informazioni che alimentano il processo decisionale. La valutazione degli investimenti dovrebbe consentire di allocare meglio le risorse tra le varie alternative disponibili per il soddisfacimento dei bisogni individuati. Affinché ciò avvenga è necessario che la valutazione mantenga la sua dimensione tecnica e 11

12 che i valutatori siano indipendenti. In caso contrario, la valutazione non svolgerebbe la funzione alla quale è deputata. Affrontato in questi termini, il tema della valutazione conduce a ritenere che la valutazione si collochi quasi in una posizione di terzietà rispetto ai processi decisionali ed ai processi produttivi che si svolgono all interno di un organizzazione. La valutazione, in altri termini, si concentra, prevalentemente, sulla sua dimensione tecnico-metodologica e si allontana dalle altre dinamiche che si svolgono all interno delle aziende pubbliche. A supporto di tale impostazione, si sostiene che i soggetti incaricati della valutazione debbano essere indipendenti e non subire influenze da parte dei politici, i quali potrebbero desiderare che i risultati della valutazione siano sempre e comunque coerenti con le decisioni da loro assunte. Ovviamente, anche nell ambito di un impostazione di questo tipo il valutatore dovrebbe svolgere la sua funzione tenendo in considerazione gli obiettivi che il decisore politico ha fissato, in quanto la valutazione non può essere a se stante, ma è inscindibilmente legata agli obiettivi e non avrebbe significato senza di essi. Tutto ciò è determinato dal fatto che l effettuazione delle scelte politiche precede ed è separata rispetto alla valutazione ex-ante: prima si fa la scelta, poi si chiede una valutazione ex-ante della scelta operata. Un impostazione di questo tipo mostra evidenti debolezze, sia per quanto concerne l effettivo apporto della valutazione al processo decisionale, sia per quanto concerne il suo inserimento in un più ampio sistema di pianificazione e controllo. Sotto il primo aspetto, infatti, il valutatore può essere inquadrato all interno di un rapporto di agenzia, in cui egli è l agente ed il decisore politico è il principale. Il politico-principale delega al valutatore-agente la funzione di valutazione ed il valutatore opera all interno dei meccanismi tipici di un rapporto di agenzia. A questo punto, è necessario delineare il sistema di incentivi che dovrebbero spingere il valutatore ad assumere decisioni (la valutazione dell investimento) coerenti con gli obiettivi politici. Infatti, come già evidenziato in precedenza, l assenza di un sistema di incentivi può determinare minori livelli di efficienza nell allocazione delle risorse. Analizziamo la posizione del valutatore rispetto al sistema di incentivi nel caso in cui la valutazione sia 12

13 separata rispetto alla pianificazione (nel senso chiarito precedentemente) e nel caso in cui sia, invece, parte integrante dei processi decisionali. Nel primo caso (valutazione separata rispetto alla pianificazione) il valutatore è incentivato a produrre valutazioni in linea con le scelte politiche che sono già state effettuate. Infatti, se la valutazione evidenziasse elementi di criticità nelle scelte politiche (ad esempio, rilevasse che una determinata scelta non sia coerente con le priorità politiche presenti nei documenti programmatori) il valutatore da un lato non avrebbe alcun beneficio diretto (data la sua posizione di terzietà rispetto al processo di pianificazione, egli non può condividere eventuali benefici che potrebbero derivare dalle scelte prese); dall altro lato potrebbe essere sottoposto a pressioni politiche affinché la valutazione sia modificata. Infatti, se è vero che il valutatore è un professionista che applica determinate metodologie valutative le quali dovrebbero condurre a risultati il più possibile oggettivi, è tuttavia plausibile che, nell ambito della discrezionalità inevitabilmente presente nelle attività di valutazione, vi sia un certo grado di libertà nell orientare la valutazione. Per il valutatore, analizzando i benefici ed costi che derivano dalla sua condotta, potrebbe essere preferibile una situazione in cui la sua valutazione sia in linea con la volontà politica. In questo caso egli non avrebbe conseguenze negative che potrebbero sorgere nel caso contrario. Viceversa, se la valutazione è positiva, egli continua a non avere alcun beneficio diretto, ma non avrà gli eventuali costi rappresentati dalla pressione politica affinché la valutazione cambi. Nel secondo caso (la valutazione è parte integrante dei processi decisionali) il valutatore è incentivato a produrre valutazioni che, effettivamente, siano utili al decisore per assumere delle scelte. Anche in questo caso l incentivo è rappresentato dalla ricerca della massimizzazione del rapporto tra benefici e costi derivanti dal suo operato, ma la profonda differenza rispetto alla posizione precedente è che ora è lo stesso decisore a sollecitare le valutazioni prima che la scelta sia effettivamente fatta. In questo caso, l assecondare una scelta politica nonostante una valutazione ex-ante negativa può rappresentare 13

14 un problema per il valutatore, poiché il decisore non potrà contare su un supporto che gli consenta di migliorare la sua capacità decisionale. Da quanto detto deriva che, affinché la valutazione possa fornire un positivo apporto al processo decisionale e non rimanga nell ambito dei meri adempimenti burocratici (si fa una valutazione perché esiste una legge che lo richiede), è necessario che sorga da parte del decisore politico un effettiva domanda di valutazione. Se, allora, la valutazione può svolgere la sua funzione unicamente in stretta connessione ed in condivisione dei processi decisionali posti in essere dal decisore politico, cade la necessità di prevedere in modo esplicito, facendo anche ricorso a strumenti normativi, che la valutazione sia indipendente ed operi in una dimensione meramente tecnica. Al contrario, la direzione verso la quale sarebbe auspicabile orientarsi è quella in cui il decisore, pur non essendo obbligato a richiedere un parere valutativo, lo reputi necessario per rafforzare la sua capacità di assumere decisioni. Nell ambito dei sistemi democratici, dato anche il principio della separazione delle funzioni tra politici e dirigenti, ai primi spetta il compito, di definire le priorità politiche e di fissare le finalità di fondo, mentre ai dirigenti è assegnato il compito di tradurre in pratica tali priorità e finalità. Il politico prende delle decisioni e si assume la responsabilità delle scelte. Il valutatore ha il compito di fornire un supporto informativo, ma senza assumere una responsabilità diretta rispetto alle scelte prese. In base a tale impostazione, la valutazione degli investimenti pubblici, soprattutto quella exante, diventa parte integrante del processo di pianificazione e rappresenta un indispensabile fonte di informazioni per il processo decisionale. Se la valutazione deve essere utile ed utilizzabile, occorre che sia vista come parte integrante del processo decisionale e di gestione e dell intero processo di accountability democratica (Commissione Europea, 2007, Guida Evalsed). La figura seguente illustra il ruolo della valutazione degli investimenti all interno di un modello di pianificazione e controllo. Inserire la figura 2 14

15 Secondo tale modello, la pianificazione politica, partendo da una visione e grazie all analisi del contesto di riferimento, definisce la missione che un partito o una determinata coalizione politica si prefigge di raggiungere. Sulla base di tale missione vengono individuate le priorità politiche. Le priorità politiche sono il punto di partenza per la pianificazione economica nelle singole aziende pubbliche. La pianificazione economica, nella quale si fissano gli obiettivi generali da perseguire, si avvale della valutazione ex-ante, che consente di verificare anticipatamente la fattibilità di una determinata scelta e di quantificare gli effetti attesi. Con la programmazione e con il budgeting gli obiettivi generali sono declinati in obiettivi di maggior dettaglio (specifici ed operativi). Successivamente, si ha lo svolgimento di processi produttivi per l implementazione delle scelte in coerenza con le strategie definite. In questa fase saranno realizzati gli investimenti previsti dal piano, dai programmi e dagli specifici progetti. La successiva fase della misurazione fornisce i dati sia per la valutazione in itinere sia per la valutazione ex post, la quale, a sua volta, è in grado di alimentare il sottosistema delle ricompense. In questo modo la valutazione degli investimenti pubblici assume un ruolo centrale nei modelli di controllo manageriale operando quale supporto informativo in grado da un lato di rafforzare le capacità decisionali del politico, dall altro aumentandone il livello di accountability. 4. Il caso del museo Betile Premessa metodologica. L indagine sul caso Museo Betile si propone di accertare se il processo di valutazione, basato sui principi del sistema di controllo manageriale, consenta di valutare, ex ante, la capacità dell investimento di generare risultati coerenti con gli obiettivi fissati nella pianificazione istituzionale e politica; e di valutare, in fieri ed ex post, le condizioni 15

16 funzionali al controllo dell implementazione dell iniziativa e dei risultati conseguiti. Con l espressione processo di valutazione del progetto di investimento del Museo Betile intendiamo un processo decisionale ed uno strumento di controllo che si concentra prevalentemente sui progetti o programmi i cui effetti si estendono per una molteplicità di esercizi (Horngren et al, 1998). L investimento, di elevata e durevole importanza, viene studiato come mezzo per la creazione di valore netto (profitto sociale) a favore di una specificata collettività di riferimento. La nozione di valore netto tiene conto dei benefici attesi e dei sacrifici stimati che la collettività indicata dovrà sopportare, intesi sia negli aspetti economici di valori misurabili in termini finanziari sia di valori sociali misurabili in termini non finanziari. L indagine sul processo di valutazione dell investimento del Museo Betile verrà svolta secondo l approccio empirico - induttivo basato sull analisi del processo decisionale adottato dalle parti coinvolte nella progettazione e nella valutazione dell investimento. Si avvale, per altro, del processo logico deduttivo, declinato dal sistema di controllo organizzativo, con specifico riferimento alle decisioni e alle azioni indirizzate al miglioramento della qualità della vita dei destinatari dell intervento. L indagine fa riferimento alla certificazione dello Studio di Fattibilità dell investimento elaborata dal Nucleo di Valutazione e Verifica degli Investimenti Pubblici della Regione Sardegna, allo Studio di Fattibilità redatto dal Dipartimento di Architettura dell Università di Cagliari, alle disposizioni della Guida per la Certificazione degli investimenti pubblici adottata in Sardegna e ad altre fonti e contributi interdisciplinari. Individuazione dell oggetto della valutazione. L oggetto della valutazione è il museo dell arte nuragica e dell arte contemporanea mediterranea denominato Betile, la cui realizzazione fu ipotizzata a Cagliari negli anni

17 La decisione di realizzare nella Città di Cagliari il Museo dell arte nuragica e dell arte contemporanea del Mediterraneo trova il suo contesto di riferimento istituzionale nei poteri assegnati alla Regione Sardegna dal suo Statuto Speciale che attribuisce alla Regione potestà legislativa nelle materie relative alle biblioteche e musei. Si riportano i dati di sintesi che caratterizzano il progetto di investimento desumibili dallo studio di fattibilità. Denominazione: Museo Regionale dell Arte Nuragica e dell Arte Contemporanea del Mediterraneo (Betile). Sede: Città di Cagliari, area portuale o sul mare in zona limitrofa a quella portuale (quartiere S.Elia); Progetto vincitore: architetto Zaha Hadid; Dimensioni: mq; Costo complessivo di realizzazione: 83,5 milioni di euro; Risorse: a) Cipe; b) interventi del sistema museale; c) Fondi dell Unità d Italia. Costi di gestione: 1,5-1,7 milioni l anno. Economicità dell investimento. Come si può misurare il valore ottenibile dal progetto di investimento nel museo dell arte nuragica e dell arte contemporanea mediterranea? Possiamo valutare la capacità di produzione di valore del Museo Betile considerando le esigenze (i bisogni) che la realizzazione del museo potrà soddisfare (benefici ritraibili). Possiamo anche mettere a confronto i benefici ritraibili dal nuovo investimento con le esigenze (i bisogni) che potrebbero essere soddisfatti con un uso differente delle risorse ad esso destinate (bisogni concorrenti). Quindi, possiamo mettere a confronto i benefici ritraibili con l investimento e i sacrifici da sopportare per la sua realizzazione. L approccio economico-aziendale ci porterebbe a confrontare i benefici, nella loro dimensione finanziaria (ricavi) con i sacrifici da sopportare (costi). Considerando questi diversi approcci pare opportuno segnalare che la realizzazione di un nuovo museo da parte di una amministrazione 17

18 pubblica comporta una attività umana destinata principalmente a soddisfare bisogni collettivi senza subordinarne la fruizione alla capacità dell utente di pagare un prezzo remunerativo (basato sul costo pieno). Ma d altro canto, la realizzazione e la gestione del nuovo museo genera costi monetari (e non monetari) che dovranno essere sostenuti da qualcuno. Anche se l investimento nella costruzione del Betile è socialmente utile e soddisfa particolari esigenze culturali, per altro, senza adeguate risorse finanziarie non può essere realizzato e reso fruibile nel tempo. L attività umana non è costituita da atti economici e atti non economici ma ha vari aspetti, tra cui quello economico, che può essere oggetto di autonoma analisi (Robbins, 1947). Ma chi determina i fini da conseguire? E come si possono valutare le scelte e le decisioni adottati per conseguirli? Le finalità istituzionali della Regione e i fini politici dei suoi organi di governo trovano espressione nei processi di pianificazione istituzionale e politica mentre gli strumenti di programmazione, la cui adozione è prevista dalle norme vigenti, accrescono le probabilità che i processi della gestione (le operazioni) conducano al conseguimento di risultati efficaci in condizioni di efficienza. Di conseguenza, la valutazione degli effetti di un investimento pubblico (nel nostro caso il Museo Betile) può riguardare la capacità dello stesso di soddisfare le finalità istituzionali e i fini politici con il sostenimento di sacrifici collettivi inferiori ai benefici ritraibili. L analisi deve comprendere nei benefici e nei sacrifici anche i proventi e gli oneri che esprimono con misure monetarie il valore delle produzioni di beni e servizi e il valore dei consumi dei fattori produttivi impiegati nella loro produzione. Nel processo di valutazione dell investimento si manifestano due distinte fasi di giudizio. Una prima fase è caratterizzata da finalità istituzionali e da fini politici i cui risultati sono più correttamente individuabili in termini qualitativi. La seconda fase, invece, si caratterizza per il costo delle risorse necessarie per l investimento ed il suo mantenimento nel tempo, al netto dei recuperi da altre economie (utenti/ altri). 18

19 Risulta, pertanto, evidente che gli obiettivi sociali (a maggior contenuto qualitativo o con indicatori non finanziari) costituiscono il benchmark al quale riferire la coerenza delle operazioni di investimento e di esercizio dell infrastruttura. Gli aspetti economici (a maggior contenuto quantitativo ed, in particolare, finanziario) costituiscono la base per la valutazione del sacrificio finanziario (oneri misurati in valori monetari) da correlare ai benefici (sociali) attesi. L approccio flow-of-funds. Secondo il Board of Governors of the Federal Reserve System (BGFRS, 1993) la contabilità flow-of-funds misura l acquisizione di beni tangibili e finanziari nell economia di una entità governativa e le fonti che hanno finanziato quelle attività tangibili e finanziarie. In questo modo la contabilità registra il volume netto delle transazioni in strumenti finanziari; fornisce un mezzo per analizzare lo sviluppo degli strumenti e il comportamento dei vari settori nel tempo; e registra il ruolo degli intermediari, come le banche e i fondi pensionistici nel trasferire fondi da settori che generano un risparmio positivo a settori che prendono fondi in prestito. Nel mostrare il legame fra le varie attività finanziarie e il rapporto con le attività non finanziarie che generano reddito e produzione, la contabilità flow-of-funds fornisce un ampia misura delle attività di investimento. L approccio flow-of-funds implicitamente presuppone il riferimento ad uno Stock (Fund) le cui variazioni in un intervallo di tempo vengono rappresentate in un correlato Flow ( flow-of-funds ). Così, per l analisi degli effetti dell investimento museale si può far riferimento allo Stock di attività e passività detenuto al tempo zero (prima dell investimento), rispettivamente, (1) dalle famiglie e dalle aziende profit e non profit che risiedono nel quartiere di S.Elia (sede del museo); 2) nella città di Cagliari; 3) nel territorio della Regione Sardegna. Con la tecnica del flow-of-funds si dovrebbe poi, con riferimento alla data di ultimazione dell investimento, rappresentare, in una matrice a doppia entrata, le cause e i valori dei flussi finanziari (source) 19

20 con i correlati utilizzi (use). Per una completa analisi degli effetti economici prodotti dall intervento, si possono rilevare anche le variazioni di valore, nelle attività e passività, dovute a rivalutazioni e svalutazioni economiche. Per altro, la tecnica flow-of-funds si appalesa specificamente utile per la misurazione degli effetti sulla ricchezza delle popolazioni degli ambiti di riferimento (funds). Resterebbero, per altro, in ombra i benefici qualitativi che possono costituire un sistema di indicatori del loro livello di qualità della vita. Questi benefici dovrebbero essere coerenti con gli obiettivi che la pianificazione istituzionale politica ha indicato come risultato da ottenere. Anche in questo caso, la stessa tecnica del flow-of-funds può ritenersi applicabile, almeno sotto il profilo concettuale. Si tratterebbe di evidenziare la qualità della vita delle popolazioni osservate prima dell investimento museale ed analizzare le variazioni (flows) attese a seguito dell investimento. La espressiva rappresentazione delle cause delle variazioni stimate potrebbe fornire una chiara base di conoscenze per le decisioni del soggetto responsabile del risultato e la loro condivisione con le parti interessate. L analisi economico aziendale dell entità Azienda Museo Betile, al contrario, potrà avvalersi degli strumenti di pianificazione e controllo propri delle organizzazioni che debbono rispettare la condizione di economicità aziendale a valere nel tempo e del principio del minimo mezzo con l uso efficiente delle risorse scarse. Lo studio di fattibilità (SdF) del museo Betile. Lo SdF del progetto di investimento del museo dell arte nuragica e dell arte contemporanea del Mediterraneo (Museo Betile) è stato redatto secondo i criteri e le prescrizioni previste dalla Guida per la Certificazione da parte dei Nuclei Regionali di Valutazione e Verifica degli Investimenti Pubblici. La sua elaborazione, per altro, viene valutata all interno dei principi di governo di una struttura complessa così come definiti dal sistema di controllo manageriale, nelle sue specificità riferite alle amministrazioni governative. Questi principi possono così sintetizzarsi: 20

1. Analisi della rilevanza dell idea-progetto e specificazione delle alternative progettuali

1. Analisi della rilevanza dell idea-progetto e specificazione delle alternative progettuali Studi di Fattibilità e Analisi Costi Benefici L esperienza maturata dalla Proind Srl nel supporto e nell assistenza tecnica alle Pubbliche Amministrazioni in materia di valutazione di investimenti pubblici,

Dettagli

Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese

Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese j l k l d o ^ c f b S o c i e t à Laura Broccardo Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese Pianificazione e controllo nelle PMI Costruzione del budget Reporting Aziende che operano

Dettagli

INFORMAZIONE E MANAGEMENT STRATEGICO

INFORMAZIONE E MANAGEMENT STRATEGICO INFORMAZIONE E MANAGEMENT STRATEGICO CAP 10 IL SISTEMA DI PERFORMANCE MANAGEMENT DOCENTE: CHIARA DEMARTINI mariachiara.demartini@unipv.it Agenda Dal performance measurement al performance management Il

Dettagli

OSSERVATORIO IT GOVERNANCE. Premessa

OSSERVATORIO IT GOVERNANCE. Premessa OSSERVATORIO IT GOVERNANCE IL NUOVO STANDARD SUL PORTFOLIO MANAGEMENT DEL PROJECT MANAGEMENT INSTITUTE (PMI) a cura di Flavio De Trane, manager di HSPI (liberamente tratto dallo Standard sul Portfolio

Dettagli

Un sistema integrato per il governo aziendale

Un sistema integrato per il governo aziendale Un sistema integrato per il governo aziendale Le nuove frontiere dei sistemi di misurazione delle performance a cura di Alessandro Saviotti saviotti@knowita.it w w w. k n o w i t a. i t Il ruolo «storico»

Dettagli

Lo studio di fattibilità

Lo studio di fattibilità Laboratorio integrato 3 Valutazione economica del progetto Clamarch a.a. 2015/16 Lo studio di fattibilità Docente Collaboratori prof. Stefano Stanghellini stefano.stanghellini@iuav.it arch. Valeria Ruaro

Dettagli

I DUE CICLI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO

I DUE CICLI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO INTRODUZIONE A CONTABILITÀ ANALITICA E BUDGET NEGLI ATENEI Silvia Cantele Dipartimento di Economia Aziendale Università degli Studi di Verona 20 giugno 2013 I DUE CICLI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Pianificazione

Dettagli

prima della gestione.

prima della gestione. 1 Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto ad esplicitare, esaminare e motivare in modo completo

Dettagli

Learning News Aprile 2011, anno V - N. 4

Learning News Aprile 2011, anno V - N. 4 Learning News Aprile 2011, anno V - N. 4 Le competenze di fundraising nel Non Profit Il Fundraising da tecnica di raccolta fondi ad attività di progettazione strategica: i cinque ambiti di applicazione

Dettagli

La pianificazione e la programmazione aziendale. Il budget quale sistema di programmazione dell attività aziendale.

La pianificazione e la programmazione aziendale. Il budget quale sistema di programmazione dell attività aziendale. Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB La pianificazione e la programmazione aziendale. Il budget quale sistema di programmazione

Dettagli

SOGGETTI, RUOLI E STRUMENTI DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA. Autore: Dott. Francesco Rhodio

SOGGETTI, RUOLI E STRUMENTI DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA. Autore: Dott. Francesco Rhodio SOGGETTI, RUOLI E STRUMENTI DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA SOGGETTI STATO REGIONI AZIENDE STATO Ruolo: individua la missione del Sistema Sanitario, ne definisce i principi e gli assetti istituzionali,

Dettagli

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano.

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. di: Enrico MASTROFINI Ottobre 2004 Nella formulazione iniziale del Piano Ict sono di solito inseriti

Dettagli

Le norme della Qualità

Le norme della Qualità Le norme ISO9000 e la loro evoluzione L evoluzione delle ISO 9000 in relazione alla evoluzione delle prassi aziendali per la Qualita 3 Evoluzione della serie ISO 9000 2 1 Rev. 1 ISO 9000 Rev. 2 ISO 9000

Dettagli

Il Working Partnership

Il Working Partnership Il Working Partnership Il Working Partnership è uno strumento/risorsa per tutti coloro che sono interessati allo sviluppo e al miglioramento del lavoro di partnership. Lo strumento deriva da un precedente

Dettagli

DIVERSIFICAZIONE E PERFORMANCE. Progetto di ricerca

DIVERSIFICAZIONE E PERFORMANCE. Progetto di ricerca DIVERSIFICAZIONE E PERFORMANCE Progetto di ricerca Premessa La diversificazione rappresenta, ormai da qualche anno, uno dei temi verso i quali esperti e studiosi di finanza e di management rivolgono grande

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

IL FASHION AUTOMATICO

IL FASHION AUTOMATICO IL FASHION AUTOMATICO LE VARIABILI CHE CONCORRONO A RENDERE LE SCELTE DEI MANAGER DEL FASHION EFFICACI SONO INNUMEREVOLI E NONOSTANTE LA MODA SEMBRI ESPRIMERSI SOLO ATTRAVERSO CREATIVITÀ E SREGOLATEZZA,

Dettagli

BILANCIO SOCIALE: CONTENUTI E METODI DI RENDICONTAZIONE. Claudia Strasserra Bureau Veritas Italia SpA

BILANCIO SOCIALE: CONTENUTI E METODI DI RENDICONTAZIONE. Claudia Strasserra Bureau Veritas Italia SpA BILANCIO SOCIALE: CONTENUTI E METODI DI RENDICONTAZIONE Claudia Strasserra Bureau Veritas Italia SpA I 3 elementi chiave: il prodotto, il processo, la cultura RESPONSABILITA SOCIALE ACCOUNTABILITY RENDICONTAZIONE

Dettagli

Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015

Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015 Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015 I requisiti per la gestione del rischio presenti nel DIS della nuova ISO 9001:2015 Alessandra Peverini Perugia 9/09/2014 ISO

Dettagli

L 261/178 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

L 261/178 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/178 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 13.10.2003 i requisiti di contabilizzazione e valutazione per i rimborsi nei paragrafi 104A, 128 e 129 e le relative informazioni integrative nei paragrafi

Dettagli

Configurazioni del Bilancio Sociale. Oggi più di ieri e sicuramente meno di domani, il centro di produzione, ovvero il centro di

Configurazioni del Bilancio Sociale. Oggi più di ieri e sicuramente meno di domani, il centro di produzione, ovvero il centro di Configurazioni del Bilancio Sociale Oggi più di ieri e sicuramente meno di domani, il centro di produzione, ovvero il centro di interessi, deve fare i conti con un contesto ampio e complesso che esprime,

Dettagli

Servizio per la sicurezza dei Cittadini. Progetto URB-AL L impatto della pianificazione urbana nella prevenzione del crimine

Servizio per la sicurezza dei Cittadini. Progetto URB-AL L impatto della pianificazione urbana nella prevenzione del crimine Provincia di Padova Servizio per la sicurezza dei Cittadini Commissione Europea Ufficio EuropeAid Progetto URB-AL L impatto della pianificazione urbana nella prevenzione del crimine MANUALE DI VALUTAZIONE

Dettagli

Mario Parisi BUSINESS PLANNING. Eurilink

Mario Parisi BUSINESS PLANNING. Eurilink CAMPUS 24 Mario Parisi BUSINESS PLANNING Eurilink Copyright 2012 Eurilink Eurilink Edizioni Srl Via Nomentana, 335, 00162 Roma www.eurilink.it - info@eurilink.it ISBN: 978 88 95151 748 Prima edizione,

Dettagli

1.Che cos è e come si articola un Business Plan

1.Che cos è e come si articola un Business Plan CODINEXT 1 1.Che cos è e come si articola un Business Plan Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto

Dettagli

APPUNTI - LE RIFORME DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E LA CENTRALITÀ DELLA LEGGE 241/90.

APPUNTI - LE RIFORME DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E LA CENTRALITÀ DELLA LEGGE 241/90. APPUNTI - LE RIFORME DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E LA CENTRALITÀ DELLA LEGGE 241/90. Definire l efficienza non è compito semplice perché non esiste una sua definizione che, in poche parole, possa darci

Dettagli

IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020. (Giugno 2015)

IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020. (Giugno 2015) IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020 (Giugno 2015) Premessa Il nuovo ciclo di programmazione dei Fondi strutturali per il periodo 2014-2020 rappresenta un importante occasione per le Amministrazioni

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO:

DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO: DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO: che le strategie della Regione Puglia nel campo della cultura, dell ambiente e del

Dettagli

Seminario in Economia dei Gruppi e delle Aggregazioni Industriali. La socialità: un valore nel contesto aziendale

Seminario in Economia dei Gruppi e delle Aggregazioni Industriali. La socialità: un valore nel contesto aziendale Seminario in Economia dei Gruppi e delle Aggregazioni Industriali La socialità: un valore nel contesto aziendale Roma, 28 maggio 2013 Dott.ssa Sabrina Ricco 1 Obiettivo Una nuova logica dell operare: il

Dettagli

Prof.ssa Cristina Coscia Politecnico di Torino II Facolta di Architettura. Le strategie per la valorizzazione del patrimonio culturale diffuso

Prof.ssa Cristina Coscia Politecnico di Torino II Facolta di Architettura. Le strategie per la valorizzazione del patrimonio culturale diffuso Prof.ssa Cristina Coscia Politecnico di Torino II Facolta di Architettura Focus 1. Strategie e valorizzazione: le coordinate di riferimento, gli oggetti, i valori e le partnership 2. Livello strategico

Dettagli

HUMAN MANAGEMENT SYSTEM PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO (HMS-SSL)

HUMAN MANAGEMENT SYSTEM PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO (HMS-SSL) HUMAN MANAGEMENT SYSTEM PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO (HMS-SSL) P. CLERICI*, A. GUERCIO**, L. QUARANTA** RIASSUNTO L organizzazione è costituita dalle persone e dalle loro relazioni reciproche e

Dettagli

IL BUDGET IN UNA SOCIETA DI SERVIZI. SINTESI S.r.l. Potenza, 17.06.2015 - Università degli Studi della Basilicata

IL BUDGET IN UNA SOCIETA DI SERVIZI. SINTESI S.r.l. Potenza, 17.06.2015 - Università degli Studi della Basilicata IL BUDGET IN UNA SOCIETA DI SERVIZI SINTESI S.r.l. Potenza, 17.06.2015 - Università degli Studi della Basilicata SINTESI S.r.l 1 SINTESI S.r.l. è una società di servizi che opera nel settore della formazione

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA N. 7. a cura di Paolo Buccirossi, LEAR

SCHEDA INFORMATIVA N. 7. a cura di Paolo Buccirossi, LEAR SCHEDA INFORMATIVA N. 7 INTRODUZIONE AI METODI EMPIRICI PER LA DETERMINAZIONE DELLO SCENARIO BUT FOR PER LA QUANTIFICAZIONE DEL DANNO ANTITRUST a cura di Paolo Buccirossi, LEAR 1. Cosa si intende per scenario

Dettagli

Indice. Prefazione PARTE PRIMA LE FONDAZIONI DI PARTECIPAZIONE NELLE STRATEGIE COLLABORATIVE TRA AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE ED IMPRESE

Indice. Prefazione PARTE PRIMA LE FONDAZIONI DI PARTECIPAZIONE NELLE STRATEGIE COLLABORATIVE TRA AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE ED IMPRESE Indice Prefazione XI PARTE PRIMA LE FONDAZIONI DI PARTECIPAZIONE NELLE STRATEGIE COLLABORATIVE TRA AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE ED IMPRESE Capitolo 1 Le partnership pubblico-privato nei nuovi modelli di gestione

Dettagli

Valutazione degli Intangibles ai fini del valore aziendale

Valutazione degli Intangibles ai fini del valore aziendale Valutazione degli Intangibles ai fini del valore aziendale La valorizzazione dei beni immateriali: i metodi di valutazione Rag. Roberto Spaggiari Reggio Emilia 20 giugno 2013 Page 1 Tempi di crisi Coscienza

Dettagli

Piccola dimensione Limitata formalizzazione Stili personali e culturali poco favorevoli alla formalizzazione

Piccola dimensione Limitata formalizzazione Stili personali e culturali poco favorevoli alla formalizzazione BUDGET Parole chiave Il processo di programmazione e controllo di gestione come strumento di governo delle organizzazioni Il processo di programmazione e controllo di gestione rappresenta quel processo

Dettagli

Il sistema di budget nelle aziende sanitarie

Il sistema di budget nelle aziende sanitarie Il sistema di budget nelle aziende sanitarie Dott. Patrizio Monfardini monfardini@unica.it 1 Agenda Il budget Le caratteristiche Le funzioni I vantaggi I limiti Il processo di redazione Il budget nelle

Dettagli

La gestione finanziaria nelle Aziende Non Profit. La gestione finanziaria nelle ANP (tra cui rientrano le ASD) riguarda il.

La gestione finanziaria nelle Aziende Non Profit. La gestione finanziaria nelle ANP (tra cui rientrano le ASD) riguarda il. La gestione finanziaria nelle Aziende Non Profit La gestione finanziaria nelle ANP (tra cui rientrano le ASD) riguarda il. REPERIMENTO UTILIZZO dei mezzi monetari necessari al perseguimento dei fini istituzionali

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ GENERALE E

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ GENERALE E WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ GENERALE E IL BILANCIO D ESERCIZIO A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO LE NOZIONI DI CONTABILITÀ GENERALE E BILANCIO

Dettagli

Incontro di Orientamento 5 maggio 2015. Laurea Magistrale Economia, Mercati e Management 2015/2016

Incontro di Orientamento 5 maggio 2015. Laurea Magistrale Economia, Mercati e Management 2015/2016 Incontro di Orientamento 5 maggio 2015 Laurea Magistrale Economia, Mercati e Management 2015/2016 Novità : 4 nuovi curricula LM 2015/16 Novità: 2 curricula in lingua inglese; Informazioni sul primo anno;

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA FIRENZE 1 PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA IL SISTEMA DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO: RIFERIMENTI CONCETTUALI E NORMATIVI POSTI A CONFRONTO CON LA REALTÀ AZIENDALE FIRENZE 2 INDICE PREMESSA 3 MOTIVAZIONI

Dettagli

I fattori condizionanti il progetto. Tempo. Norme. Progetto. Tecnologie. Costi. P3 Poliedra Progetti in Partenariato

I fattori condizionanti il progetto. Tempo. Norme. Progetto. Tecnologie. Costi. P3 Poliedra Progetti in Partenariato I fattori condizionanti il progetto Tempo Norme Progetto Costi Tecnologie Alcune definizioni.. Programma Gruppo di progetti gestiti in modo coordinato per ottenere benefici non ottenibili in caso di gestione

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

Il sistema di gestione dei dati e dei processi aziendali. Il sistema di controllo interno

Il sistema di gestione dei dati e dei processi aziendali. Il sistema di controllo interno Il sistema di gestione dei dati e dei processi aziendali Il sistema di controllo interno Argomenti della lezione 1 - Controllo Interno: definizione e componenti 2 - Ambiente di controllo 3 - Valutazione

Dettagli

12. STRUMENTI DI GESTIONE PER LA VALORIZZAZIONE ECONOMICA DELLE RISORSE CULTURALI DEL VAL DI NOTO

12. STRUMENTI DI GESTIONE PER LA VALORIZZAZIONE ECONOMICA DELLE RISORSE CULTURALI DEL VAL DI NOTO 12. STRUMENTI DI GESTIONE PER LA VALORIZZAZIONE ECONOMICA DELLE RISORSE CULTURALI DEL VAL DI NOTO 12.1 Strategia integrata e strumenti di coordinamento Nel capitolo precedente abbiamo illustrato alcuni

Dettagli

Lemma. Master Plan Schema (F) directeur, piano programma. Stefano Combet

Lemma. Master Plan Schema (F) directeur, piano programma. Stefano Combet Lemma Master Plan Schema (F) directeur, piano programma Stefano Combet Parole chiave Progetto strategico, piano strutturale, piano programma,, visioni, partecipazione, metaprogetto, metaprocesso. Keyword

Dettagli

LA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI DEGLI APICALI (Posizioni Organizzative) Manuale

LA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI DEGLI APICALI (Posizioni Organizzative) Manuale LA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI DEGLI APICALI (Posizioni Organizzative) LA VALUTAZIONE CCNL 31.3.1999 Personale dei livelli ART. 9 - Conferimento e revoca degli incarichi per le posizioni organizzative

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Il controllo di gestione orientato alla performance

Il controllo di gestione orientato alla performance Il controllo di gestione orientato alla performance Dal controllo di gestione al Piano della performance L. Bottone Università Carlo Cattaneo- LIUC 10 Marzo 2011 Osservatorio sulla Performance nella Pubblica

Dettagli

Responsabilità Sociale di Impresa

Responsabilità Sociale di Impresa Responsabilità Sociale di Impresa Un po di storia 1. 1992, si tiene il Rio De Janeiro Earth Summit per la discussione dei problemi ambientali del pianeta e dei loro legami con i problemi dello sviluppo

Dettagli

*oltre ad essere un acronimo, MESA ha molti significati: una montagna, un tavolo per questo abbiamo scelto il nome MESA, perché per i nostri clienti

*oltre ad essere un acronimo, MESA ha molti significati: una montagna, un tavolo per questo abbiamo scelto il nome MESA, perché per i nostri clienti *oltre ad essere un acronimo, MESA ha molti significati: una montagna, un tavolo per questo abbiamo scelto il nome MESA, perché per i nostri clienti significa soprattutto un supporto professionale concreto!

Dettagli

Monitoraggio sull avvio del Ciclo della performance 2015-2017

Monitoraggio sull avvio del Ciclo della performance 2015-2017 Organismo Indipendente di Valutazione Monitoraggio sull avvio del Ciclo della performance 2015-2017 Istituto Nazionale della Previdenza Sociale Struttura Tecnica Permanente di supporto all OIV MARZO 2015

Dettagli

Esercizio 11.1 Budget flessibile e controllo del budget

Esercizio 11.1 Budget flessibile e controllo del budget Esercizio 11.1 Budget flessibile e controllo del budget 1. Il nuovo sistema di budget consente al manager di focalizzarsi sulle aeree che richiedono attenzione. La mensilizzazione del budget consente ai

Dettagli

Sistema di misurazione e valutazione del Comune di Cremona

Sistema di misurazione e valutazione del Comune di Cremona Sistema di misurazione e valutazione del Comune di Cremona 1 SOMMARIO 1.- DESCRIZIONE DEL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE----------------------3 1.1.- Aspetti generali ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

La determinazione dell equilibrio finanziario nelle imprese

La determinazione dell equilibrio finanziario nelle imprese La determinazione dell equilibrio finanziario nelle imprese La ricerca dell equilibrio fra teoria e vincoli Fabrizio Bencini Partner Kon Spa, dottore commercialista e revisore contabile Leonardo Filippini

Dettagli

I PROGETTI DI VALUTAZIONE DELLA COMMISSIONE EUROPEA:

I PROGETTI DI VALUTAZIONE DELLA COMMISSIONE EUROPEA: I PROGETTI DI VALUTAZIONE DELLA COMMISSIONE EUROPEA: DOMANDA, OFFERTA, IMPATTO MASSIMO FLORIO Working Paper n. 27.2004 - LUGLIO Dipartimento di Economia Politica e Aziendale Università degli Studi di Milano

Dettagli

PRINCIPIO CONTABILE PER GLI ENTI NON PROFIT

PRINCIPIO CONTABILE PER GLI ENTI NON PROFIT PRINCIPIO CONTABILE PER GLI ENTI NON PROFIT PRINCIPIO N.2 L ISCRIZIONE E LA VALUTAZIONE DELLE LIBERALITÀ NEL BILANCIO D ESERCIZIO DEGLI ENTI NON PROFIT BOZZA PER CONSULTAZIONE Si prega di inviare eventuali

Dettagli

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi Approvate dal Consiglio di Amministrazione dell 11 marzo 2014 1 1 Ultimo aggiornamento in data 3 marzo 2016. 2 Sommario

Dettagli

SUGGERIMENTI PER LA REALIZZAZIONE DELLA TESI DI LAUREA MAGISTRALE

SUGGERIMENTI PER LA REALIZZAZIONE DELLA TESI DI LAUREA MAGISTRALE SUGGERIMENTI PER LA REALIZZAZIONE DELLA TESI DI LAUREA MAGISTRALE A cura di MARIO PEZZILLO IACONO PROCEDURA DI SVOLGIMENTO DELL ELABORATO Scrivere la tesi rappresenta una delle prime occasioni nelle quali

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 4 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT Obiettivi del CobiT (Control Objectives

Dettagli

IL CONTROLLO DEL RISCHIO NELLA VALUTAZIONE DEL PORTAFOGLIO

IL CONTROLLO DEL RISCHIO NELLA VALUTAZIONE DEL PORTAFOGLIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La congiuntura Economica IL CONTROLLO DEL RISCHIO NELLA VALUTAZIONE DEL PORTAFOGLIO ALESSANDRO BIANCHI 20 Novembre 2014 Indice Introduzione: cosa intendiamo

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL BUDGET

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL BUDGET WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL BUDGET A CUR A DEL B IC S AR DEGNA S P A 1 SOMMARIO LA NOZIONE E LA FUNZIONE DEL BUDGET... 3 LE CARATTERISTICHE DEL BUDGET... 3 IL PROCESSO DI FORMULAZIONE

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO QUARTO LA PIANIFICAZIONE DELLE RISORSE UMANE SOMMARIO: 1. La gestione delle risorse umane. - 2. La programmazione del personale. - 3. La Human Resource Scorecard. 1. LA GESTIONE DELLE RISORSE

Dettagli

IL FINANCING DELLE START UP

IL FINANCING DELLE START UP IL FINANCING DELLE START UP Facoltà Medicina e Chirurgia Verona Lunedì 4 maggio 2009 1 Il Business Plan (BP) è uno strumento di pianificazione strategica 2 1 Il processo di redazione del BP 1 - Executive

Dettagli

Martedì 9 Novembre 2004, ore 16,45 Sala sud-ovest

Martedì 9 Novembre 2004, ore 16,45 Sala sud-ovest Martedì 9 Novembre 2004, ore 16,45 Sala sud-ovest La statistica si impone sempre più come una risorsa utile per decidere e valutare le politiche di intervento in campo economico e sociale. Esperienze dell

Dettagli

CCIAA DI REGGIO EMILIA

CCIAA DI REGGIO EMILIA CCIAA DI REGGIO EMILIA RELAZIONE SUL FUNZIONAMENTO COMPLESSIVO DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE, TRASPARENZA ED INTEGRITA DEI CONTROLLI INTERNI (ART.14, COMMA 4, LETTERA A E LETTERA G, D.LGS. 150/2009). 1 INDICE

Dettagli

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi Approvate dal Consiglio di Amministrazione dell 11 marzo 2014 1 Sommario 1. Il Sistema di Controllo Interno e di

Dettagli

Allegato alla Delib.G.R. n. 39/11 del 5.8.2015 PREMESSA

Allegato alla Delib.G.R. n. 39/11 del 5.8.2015 PREMESSA Allegato alla Delib.G.R. n. 39/11 del 5.8.2015 PREMESSA La deliberazione della Giunta regionale n. 39/17 del 10.10.2014 fornisce indirizzi in materia di programmazione, gestione e controllo delle società

Dettagli

Valutazione degli investimenti aziendali

Valutazione degli investimenti aziendali Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Valutazione degli investimenti aziendali Capitolo 18 Indice degli argomenti 1. Definizione e classificazione degli investimenti 2. I profili

Dettagli

ALLEGATO SUB A) Metodologia di Valutazione delle performance del Comune di San Martino Buon Albergo

ALLEGATO SUB A) Metodologia di Valutazione delle performance del Comune di San Martino Buon Albergo ALLEGATO SUB A) Metodologia di Valutazione delle performance del Comune di San Martino Buon Albergo Indice 1. Premessa 3 2. Il sistema di misurazione e valutazione delle performance 4 3. Criteri per la

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA A.A. 2015/2016

OFFERTA FORMATIVA A.A. 2015/2016 OFFERTA FORMATIVA A.A. 2015/2016 Obiettivi formativi corsi di laurea, raggruppamenti disciplinari, insegnamenti Economia: banche, aziende e mercati Obiettivi formativi corso di laurea I laureati in Economia:

Dettagli

LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE

LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE Bibliografia: Capitolo 6 di Pianificazione Finanziaria Guida al Piano Industriale di Borsa Italiana S.p.a. Piano finanziario e Piano industriale Cap. 4 Obiettivi Piano

Dettagli

Sistema di misurazione e valutazione

Sistema di misurazione e valutazione Sistema di misurazione e valutazione della performance organizzativa e della performance individuale dei dirigenti Approvato con Delibera di Giunta Comunale n. 287 del 24/09/2013 Comune di Prato Regolamento

Dettagli

La Norma ISO 21500-1 Ed. 1-2012 Guidance on project management

La Norma ISO 21500-1 Ed. 1-2012 Guidance on project management 1 Per conto di AICQ CN 1 - Autore Giovanni Mattana - V. Presidente AICQ CN Presidente della Commissione UNI Gestione per la Qualità e Metodi Statistici INTERNATIONAL STANDARD ISO 21500 Peculiarità della

Dettagli

Organismo indipendente di Valutazione

Organismo indipendente di Valutazione 2010 Organismo indipendente di Valutazione Sistema di misurazione e valutazione della performance del Parco Nazionale dei Monti Sibillini - Regolamento Il documento regolamentare definisce la metodologia

Dettagli

Programmazione e controllo

Programmazione e controllo Programmazione e controllo IL SISTEMA DI CONTROLLO DIREZIONALE: BUDGETING 1 IL BUDGET DELLE ALTRE AREE IL BUDGET GLOBALE 2 TIPOLOGIE DI COSTO SONO PREVALENTI I COSTI DEL PERSONALE, OSSIA STIPENDI IMPIEGATI

Dettagli

CLUB FINANZA D IMPRESA QUADERNO INFORMATIVO: IL BUSINESS PLAN. In collaborazione con L & P

CLUB FINANZA D IMPRESA QUADERNO INFORMATIVO: IL BUSINESS PLAN. In collaborazione con L & P CLUB FINANZA D IMPRESA QUADERNO INFORMATIVO: IL BUSINESS PLAN In collaborazione con L & P Pag. 2 Questa collana rappresenta uno strumento con il quale il Club Finanza d'impresa va oltre la funzione divulgativa

Dettagli

Il progetto esecutivo e il progetto costruttivo delle Opere Pubbliche: Reingegnerizzazione dei processi e impiego delle tecnologie

Il progetto esecutivo e il progetto costruttivo delle Opere Pubbliche: Reingegnerizzazione dei processi e impiego delle tecnologie Pagina1 Formazione e Informazione Itinerante sui LL.PP. per la Pubblica Amministrazione, Liberi professionisti, Imprese Giornata di Studio Il progetto esecutivo e il progetto costruttivo delle Opere Pubbliche:

Dettagli

Il budget. Prof. Salvatore Loprevite

Il budget. Prof. Salvatore Loprevite Il budget 1 Il Budget Il budget è un programma di gestione aziendale, tradotto in termini economico-finanziari, che guida e responsabilizza i manager verso obiettivi di , definiti nell

Dettagli

Capitolo 1 Capitolo 2 Capitolo 3

Capitolo 1 Capitolo 2 Capitolo 3 Prefazione Come mai le imprese multibusiness continuano, nonostante tutto, a esistere? Come mai hanno resistito alla crisi finanziaria scoppiata nel 2007, e hanno, in ogni caso, resistito meglio rispetto

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA FINANZA AZIENDALE. Docente: Prof. Massimo Mariani

INTRODUZIONE ALLA FINANZA AZIENDALE. Docente: Prof. Massimo Mariani INTRODUZIONE ALLA FINANZA AZIENDALE Docente: Prof. Massimo Mariani SOMMARIO La creazione del valore Che cos è la finanza aziendale Obiettivi degli stakeholders Massimizzazione del valore Massimizzazione

Dettagli

LA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI DEL PERSONALE DEI LIVELLI. Manuale

LA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI DEL PERSONALE DEI LIVELLI. Manuale LA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI DEL PERSONALE DEI LIVELLI LA VALUTAZIONE CCNL 31.03.1999 ART. 6 Sistema di valutazione 1. In ogni ente sono adottate metodologie permanenti per la valutazione delle prestazioni

Dettagli

ottenere delle basi sulla quale poter sviluppare successivamente progetti di miglioramento organizzativo a partire dalle priorità individuate all

ottenere delle basi sulla quale poter sviluppare successivamente progetti di miglioramento organizzativo a partire dalle priorità individuate all Introduzione Il tema del benessere organizzativo è attualmente molto discusso all interno dei contesti lavorativi. Ciò perché tutti coloro che si occupano di organizzazione e di gestione delle risorse

Dettagli

Valutazione degli investimenti

Valutazione degli investimenti Valutazione degli investimenti Mutina Profit Consulting S.r.l. affianca l imprenditore nella valutazione degli investimenti sia in termini di sostenibilità economica, mediante la predisposizione di Business

Dettagli

ORIENTAMENTI PER L APPLICAZIONE DEL COMMUNITY-LED LOCAL DEVELOPMENT IN ITALIA

ORIENTAMENTI PER L APPLICAZIONE DEL COMMUNITY-LED LOCAL DEVELOPMENT IN ITALIA ORIENTAMENTI PER L APPLICAZIONE DEL COMMUNITY-LED LOCAL DEVELOPMENT IN ITALIA I. Le principali sfide da affrontare con il CLLD Il Community-led local development (CLLD) è uno strumento normato dai regolamenti

Dettagli

La Funzione Acquisti: quale coerenza tra importanza strategica e posizionamento Organizzativo?

La Funzione Acquisti: quale coerenza tra importanza strategica e posizionamento Organizzativo? Il Marketing Interno per valorizzare la Funzione Acquisti Milano, 6 Novembre 2014 PROCUREMENT HOUR La Funzione Acquisti: quale coerenza tra importanza strategica e posizionamento Organizzativo? Indice

Dettagli

Gestione delle risorse ed economia delle biblioteche. Paola Dubini

Gestione delle risorse ed economia delle biblioteche. Paola Dubini Gestione delle risorse ed economia delle biblioteche Paola Dubini Di che cosa parleremo Alcune premesse L individuazione delle funzioni obiettivo La configurazione dei processi e le scelte di presidio

Dettagli

Verso la MiFid2: la legittimità degli incentivi nei servizi

Verso la MiFid2: la legittimità degli incentivi nei servizi 54 Verso la MiFid2: la legittimità degli incentivi nei servizi di investimento MiFid2 and the new rules on inducements in financial services Massimo Scolari, Segretario generale Ascosim Keywords MiFid2,

Dettagli

Glossario Project Cycle Management

Glossario Project Cycle Management Glossario Project Cycle Management Albero degli obiettivi Diagramma, utilizzato nell ambito dell Approccio del Quadro Logico, che permette di rappresentare, in un quadro unitario, ciò che si potrebbe osservare

Dettagli

Pianificare, costruire e gestire un sistema manageriale integrato di BSC

Pianificare, costruire e gestire un sistema manageriale integrato di BSC Pianificare, costruire e gestire un sistema manageriale integrato di BSC Marco Bianchini Premessa L incremento del livello di complessità gestionale all interno delle aziende e soprattutto il fatto che

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Studio di Fattibilità PPP Procurement Analisi dei Rischi

Studio di Fattibilità PPP Procurement Analisi dei Rischi UNITÀ TECNICA FINANZA DI PROGETTO CIPE PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dicembre 2006 Studio di Fattibilità PPP Procurement Analisi dei Rischi Roma, dicembre 2006 INDICE 1 Premessa...3 2 SdF F e alternative

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI Project management Pag. 1 di 5 PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI I motivi per cui la metodologia di project management è attualmente ritenuta uno strumento vincente nella

Dettagli

Commenti al Documento di consultazione Disciplina dei limiti agli investimenti e dei conflitti d interesse per i fondi pensione

Commenti al Documento di consultazione Disciplina dei limiti agli investimenti e dei conflitti d interesse per i fondi pensione A: Dipartimento del Tesoro dt.direzione4.ufficio2@tesoro.it Da: PROMETEIA Data: 31 gennaio 2008 Oggetto: Commenti al Documento di consultazione Disciplina dei limiti agli investimenti e dei conflitti d

Dettagli

Biblioteca di. A cura della Biblioteca di Economia Università Ca Foscari Venezia Con la collaborazione degli Studenti Tutor della Facoltà di Economia

Biblioteca di. A cura della Biblioteca di Economia Università Ca Foscari Venezia Con la collaborazione degli Studenti Tutor della Facoltà di Economia Biblioteca di Economia BREVE GUIDA ALL USO DELLE BANCHE DATI BUSINESS SOURCE ELITE (BSE) e ECONLIT A cura della Biblioteca di Economia Università Ca Foscari Venezia Con la collaborazione degli Studenti

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli