Le azioni in generale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le azioni in generale"

Transcript

1 Parte I LE AZIONI

2 Le azioni in generale 3 1 Le azioni in generale SOMMARIO 1. I significati del termine azione. 2. Il valore nominale dell azione. 3. Le operazioni di raggruppamento e frazionamento. 4. L emissione di azioni sotto la pari. 5. I criteri di assegnazione delle azioni: assegnazione proporzionale e non proporzionale. 6. La differenziazione dell assegnazione di azioni attraverso il sovraprezzo o i valori inespressi. 7. Il socio senza conferimento e il conferimento senza attribuzione di azioni. 8. Indivisibilità dell azione e situazioni di comproprietà L esercizio dei diritti in caso di comproprietà. 9. Inscindibilità dell azione. 10. Azioni senza valore nominale Adozione delle azioni senza valore nominale Caratteristiche dell istituto Regole di funzionamento della società in caso di azioni senza valore nominale Le operazioni straordinarie in caso di azioni senza valore nominale. 11. La multiproprietà azionaria. 12. Azioni con prestazioni accessorie Fonte della disciplina Natura della prestazione Tipologie di prestazioni Il compenso Disciplina dell esecuzione Le modifiche delle prestazioni accessorie Le prestazioni accessorie come categoria azionaria L inadempimento delle prestazioni Il consenso per il trasferimento. 1. I significati del termine azione Nel contesto della disciplina dettata dal codice civile in materia di società per azioni il termine azione assume tre significati: la frazione minima e indivisibile di cui si compone il capitale sociale; la partecipazione sociale nei tipi di società in cui essa è rappresentata da azioni; il documento che rappresenta e incorpora la partecipazione sociale 1. 1 Così la chiara distinzione in G. FERRI, Le società, in F. VASSALLI (fondato da), Trattato di diritto civile italiano, Torino, 1985, 458.

3 4 Le azioni Il primo profilo si connette alla particolare tecnica che nelle società per azioni definisce la partecipazione sociale. L azione sarebbe infatti quel «misuratore affatto specifico a determinati tipi sociali, conseguente alla suddivisione statutaria del capitale sociale in un numero predeterminato di unità del tutto identiche nella loro valenza di parti di un tutto e ciascuna delle quali racchiude, ridotto a termini minimali e perciò non ulteriormente frazionabile, quel complesso di posizioni attive e passive in cui si articola la partecipazione sociale» 2. In altre parole nelle società per azioni il capitale sociale si suddivide in parti ex ante secondo un criterio astratto matematico. L atto costitutivo fissa la cifra del capitale sociale, il valore nominale delle azioni e il loro numero. Il socio diviene titolare di una o più azioni, in relazione al capitale sottoscritto, le quali anche se appartenenti al medesimo soggetto rimangono tra loro distinte e autonome. La titolarità delle azioni attribuisce al socio una serie di diritti alcuni dei quali sono correlati alla quantità di azioni possedute. Il secondo profilo intende l azione come posizione del soggetto che partecipa all ente organizzato deputato allo svolgimento di una certa attività d impresa, la quale si articola in un complesso unitario di diritti e poteri. Il terzo profilo è quello che indica l azione come lo strumento finanziario attraverso cui il socio è legittimato all esercizio dei diritti sociale e attraverso cui circola la partecipazione. L art c.c. si riferisce a tutti questi concetti quando enuncia il principio inderogabile per cui la partecipazione sociale nella società per azioni è rappresentata da azioni. 2. Il valore nominale dell azione La frazione di capitale sociale rappresentata dall azione costituisce il valore nominale dell azione. Essa è indicata dall atto costitutivo, fatta eccezione per il caso delle azioni senza valore nominale 3. Il valore nominale è quindi rappresentato da un valore in denaro indicato nell atto costitutivo, che deriva dalla divisione del capitale sociale per il numero delle azioni. Il valore nominale è uguale per ogni azione e rappresenta l entità minima del conferimento richiesto al sottoscrittore. Diversi dalla nozione di valore nominale sono i concetti di valore effettivo dell azione, di valore di mercato nonché di valore di quotazione. Essi fanno rispettivamente riferimento al valore reale del titolo, quale quota percentuale del patrimonio da essa rappresentata, al valore di scambio dell azione e al valore 2 M. BIONE, Le azioni, in G.E. COLOMBO-G.B. PORTALE (diretto da), Trattato delle società per azioni, Torino, 1991, 2*, 5. 3 Così G. FERRI, Le società, cit., 458.

4 Le azioni in generale 5 di scambio del titolo azionario sui mercati regolamentati. Mentre il valore nominale dell azione è indicato nell atto costitutivo quale valore monetario fisso (la sua modifica passa, quindi, per una modifica dell atto costitutivo), le altre nozioni fanno riferimento a valori monetari che sono per loro natura mutevoli. 3. Le operazioni di raggruppamento e frazionamento Poiché, come detto, il valore nominale delle azioni è predeterminato nell atto costitutivo la sua variazione comporta una modifica dell atto costitutivo. Con i termini di raggruppamento e frazionamento di azioni si intende far riferimento a quelle operazioni attraverso le quali si muta il valore nominale delle singole azioni nel senso di una riduzione (frazionamento) o di un aumento (raggruppamento) rispetto al valore di partenza. L operazione viene realizzata individuando un coefficiente che fissa il rapporto di conversione tra vecchie e nuove azioni. È da sottolineare che tale tema riguarda l azione come frazione del capitale e unità di misura dei diritti sociali e non l azione intesa come certificato azionario, e cioè titolo cartolare che rappresenta una o più azioni. Questo diverso fenomeno, che può assumere la forma della riunione o del frazionamento dei titoli, riguarda l ipotesi in cui un certificato azionario che rappresenta un certo numero di azioni viene sostituito da un nuovo certificato che rappresenta un numero diverso di azioni che può essere maggiore o minore (su cui amplius infra). Le operazioni di raggruppamento e frazionamento di azioni possono essere l oggetto unico e diretto della modifica dello statuto oppure si presentano come la conseguenza di operazioni societarie più complesse. Nel primo caso si tratta di operazioni in linea di massima volontarie che rispondono ad esigenze di convenienza. Nel secondo caso si tratta di effetti necessari delle operazioni societarie che avvengono in applicazione del principio inderogabile di uguaglianza del valore nominale di tutte le azioni. Si pensi, ad esempio, al caso delle operazioni di fusione o scissione in cui vi sia la necessità di un riallineamento del valore nominale delle azioni delle varie società coinvolte oppure al caso in cui si abbia una riduzione del capitale sociale per perdite che intacca solo una parte delle azioni e si abbia quindi l esigenza di uniformare il valore nominale. Ci si pone il problema dei limiti entro cui è possibile effettuare le operazioni di frazionamento e raggruppamento. Il problema nasce dal fatto che il nuovo valore nominale è fissato secondo un coefficiente di conversione. È, quindi, possibile che, in caso di frazionamento, quando l indice di frazionamento non rappresenta una frazione intera del valore precedente oppure, in caso di raggruppamento, quando il socio non possiede un numero di azioni corrispondente all indice di raggruppamento o a un suo multiplo, i soci non possono operare uno scambio integrale delle azioni possedute con quelle di nuovo valore rimanen-

5 6 Le azioni do titolari di resti. Per conservare la posizione di socio o la misura della partecipazione precedentemente posseduta, essi si troverebbero obbligati ad acquistare nuove azioni. La dottrina esprimendosi in tema di raggruppamento ha enunciato una varietà di posizioni. Secondo un primo orientamento 4, che ritiene indisponibile da parte della maggioranza il diritto individuale e fondamentale dell azionista al mantenimento del suo status di socio, ogniqualvolta il raggruppamento dia luogo ai c.d. «resti» deve ritenersi necessario il consenso di tutti gli azionisti. Un secondo orientamento 5 ritiene che la presenza di resti non violerebbe alcun diritto individuale del socio ma determinerebbe semplicemente una comproprietà, fra i titolari dei resti, delle nuove azioni corrispondenti all insieme dei resti. Una terza posizione 6 ritiene che si debba distinguere l ipotesi in cui il raggruppamento è l oggetto diretto della modifica, da quello in cui esso è, invece, conseguenza di altre operazioni societarie. Mentre nella prima ipotesi la legittimità dell operazione dovrà riconoscersi solo ove venga garantito al socio il rispetto della sua posizione, nella seconda ipotesi il raggruppamento è da considerarsi in ogni caso legittimo. La giurisprudenza risalente si è espressa in prevalenza per l illiceità della delibera di raggruppamento che non consenta a ciascun socio di conservare i propri diritti individuali, affermando che una deliberazione assembleare di raggruppamento di azioni che comporti la disposizione del diritto ad essere socio ha oggetto illecito ed è quindi nulla 7. Recentemente vi è giurisprudenza che afferma la legittimità di tale operazione. Si afferma in particolare che è valida la delibera con cui, conseguentemente alla ricostituzione del capitale sociale interamente perduto, si preveda il raggruppamento di una pluralità di azioni, sebbene essa comporti una limitazione dell autonomia dei soci possessori di un numero di azioni minore di quello necessario per il raggruppamento 8. A nostro avviso, la soluzione più ragionevole è da ricercare secondo i seguenti parametri. Nel caso in cui l operazione rientra nel contesto di operazioni societarie più articolate, essa deve ritenersi legittima, in quanto si tratta di operazioni consentite per definizione ai soci secondo le modalità previste, di cui i resti vengono in rilievo come fenomeni conseguenti. Nel caso in cui l operazione di raggruppamento sia autonoma e funzionale a motivi di opportunità il 4 T. ASCARELLI, Sul raggruppamento di azioni, in Banca, borsa, titoli di credito, 1950, I, B. VISENTINI, Sul frazionamento e sul raggruppamento di azioni, in Banca, borsa, titoli di credito, 1960, I, G. FERRI, Le società, cit., V. App. Milano 30 aprile 1971, in Giur. merito, 1971, I, 315; Trib. Torino 27 febbraio 1969, in Giust. civ., 1969, I, V. Trib. Genova 27 febbraio 1984, in Le società, 1984, 1219.

6 Le azioni in generale 7 potere di modificare il valore nominale dovrebbe trovare un limite solo nell esigenza di reprimere i possibili abusi della maggioranza L emissione di azioni sotto la pari Prima della riforma del diritto societario del 2003, l art c.c. prevedeva che il valore del conferimento relativo a ciascuna azione emessa non potesse essere inferiore al valore nominale dell azione corrispondente. Da ciò un automatica copertura del capitale sociale complessivo. La nuova versione dell art in materia di emissione delle azioni non contiene più l indicazione per cui le azioni non possono emettersi per somma inferiore al loro valore nominale ma si limita a stabilire che in via complessiva il valore dei conferimenti non può essere inferiore all ammontare globale del capitale sociale. Con il venir meno del suddetto principio, si pone quindi il problema della c.d. emissione sotto la pari e cioè della possibilità di emettere azioni per le quali il valore del conferimento ad esse riferito sia inferiore al loro valore nominale. La dottrina 10, facendo perno proprio sull omissione del principio sopra detto, si esprime nel senso che è ammissibile l emissione di azioni sotto la pari, a condizione però che la copertura complessiva del capitale sociale sia assicurata dal valore complessivo dei conferimenti 11. Di conseguenza le eventuali emissioni sotto la pari dovranno essere compensate da emissioni per un valore tale da garantire la copertura del capitale. L accettazione di questo principio impone di verificare come esso si renda compatibile con la disciplina dei conferimenti dei beni in natura secondo cui la relazione dell esperto (di cui all art c.c.) deve attestare che il valore di beni o crediti conferiti è almeno pari a quello ad essi attribuito ai fini delle determinazione del capitale sociale. Questa disposizione sembra, infatti, presupporre che per ogni conferimento in natura vi debba essere una copertura del corrispondente capitale sociale. Ciò sembrerebbe impedire una distribuzione di azioni per un valore nominale superiore al valore dei beni conferiti. 9 Per uno spunto in tal senso v. C. ANGELICI, Le azioni, in Commentario al codice civile Schlesinger, Milano, 1992, V. per tutti M. NOTARI, Articolo 2346, commi 1-5, in P. MARCHETTI (diretto da), Commentario alla riforma delle società, Milano, 2008, La legislazione nazionale deve tener conto dei principi comunitari e in particolare dell art. 8, par. 1, della seconda direttiva societaria secondo cui le azioni non possono esser emesse per un importo inferiore al loro valore nominale o, in mancanza di questo, al loro valore contabile.

7 8 Le azioni 5. I criteri di assegnazione delle azioni: assegnazione proporzionale e non proporzionale Secondo l art. 2346, comma 4, c.c. la misura della partecipazione sociale, e il numero di azioni spettanti al socio, deve essere attribuito in misura proporzionale alla parte di capitale sociale da esso sottoscritto, per un valore non superiore a quello del conferimento. Il principio generale in base al quale le azioni sono assegnate ai soci è quindi quello della proporzionalità rispetto al capitale sottoscritto. Lo statuto può anche prevedere però un criterio di assegnazione delle azioni diverso da quello proporzionale 12. In base a tale criterio ai soci possono essere attribuite azioni in misura non proporzionale al conferimento e, quindi, un numero di azioni di valore nominale superiore a quello del suo conferimento oppure un numero di azioni di valore nominale inferiore a quello del conferimento. Questa facoltà rende flessibile il criterio di assegnazione delle azioni e consente di attribuirle derogando al criterio proporzionale. È da segnalare che lo scopo pratico di assegnare azioni in modo non proporzionale al valore dei conferimenti può essere realizzato anche attraverso diversi meccanismi giuridici. In particolare attraverso un patto parasociale con cui alcuni azionisti consentono, con i propri mezzi, il conferimento da parte di altri che giustifica un assegnazione di azioni a favore di questi ultimi 13. Una dottrina 14, ricostruisce sotto un profilo sistematico l assegnazione non proporzionale separando il momento societario cui appartengono le vicende del conferimento, della formazione del capitale e della creazione delle azioni da quella contrattuale tra i soci, a cui appartiene l assegnazione delle azioni. Essa deve essere considerata una vicenda separata dalla creazione della società, in cui i soci godono della più ampia libertà. Per altra dottrina 15, invece, se pure si può distinguere logicamente la fase della costituzione dell organizzazione da quella dell assegnazione delle azioni, entrambe appartengono alla sfera sociale e per questo si distinguono dagli accordi extra sociali che i soci pongono in essere, contestualmente all atto costitutivo, per regolare tra loro gli obblighi di conferimenti, quali accolli, delegazioni di pagamento, ecc. I motivi che inducono all utilizzo di tale facoltà possono essere i più vari. Si pensi, ad esempio, a tutti i casi in cui si vuole valorizzare obblighi assunti dai soci o comportamenti che non possono essere oggetto di conferimento ma co- 12 In tema di assegnazione non proporzionale v. P. FERRO LUZZI, La diversa assegnazione delle azioni, in P. ABBADESSA-G.B. PORTALE (diretto da), Il nuovo diritto delle società, Torino, 2006, M. LIBERTINI-A. MIRONE-P.M. SANFILIPPO, Art. 2346, in F. D ALESSANDRO (diretto da), Commentario romano al nuovo diritto delle società, Padova, 2010, P. FERRO-LUZZI, La diversa assegnazione delle azioni, cit., M. NOTARI, Articolo 2346, commi 1-5, cit., 34.

8 Le azioni in generale 9 stituiscono comunque utilità per la società (come nel caso di assunzione di obblighi di non concorrenza), alla necessità di remunerare anticipatamente il socio per l assunzione di obblighi ulteriori rispetto al conferimento. Si pensi ancora alla esistenza di rapporti tra soci di carattere personale ed estranei al rapporto sociale, come, ad esempio, un debito preesistente. La possibilità di attribuire azioni secondo criteri non proporzionali deve comunque rispettare il principio inderogabile secondo cui il valore dei conferimenti non può essere complessivamente inferiore all ammontare del capitale sociale. In generale si sottolinea l esigenza generale di favorire in ogni modo e sotto ogni forma la destinazione all impresa di ogni elemento utile per il suo esercizio 16. Per una dottrina 17 questa regola consente che «i soci potranno decidere di assegnarsi le azioni, e con esse il reciproco peso interno amministrativo o patrimoniale (o amministrativo e patrimoniale), in misura indipendente dal conferimento da ciascuno effettuato e coerente, viceversa, con altri criteri (il lavoro che ciascuno di essi si impegna ad effettuare all interno dell azienda; il nome merceologicamente prestigioso da qualcuno apportato; il patrimonio di conoscenze strategiche messo a disposizione dell iniziativa, e così via) o con un preesistente rapporto di forza fra i soci stessi che non si intende (o non si è in grado) di modificare al momento e per effetto della costituzione di una S.p.a.». Vi è però chi 18 ravvisa profili di illegittimità quando l assegnazione non proporzionale avvenga a fronte di una prestazione di opere e servizi, violando quindi l art c.c. Il sistema può essere così ricostruito. La società sarà sempre tenuta ad emettere azioni per un valore non superiore al valore complessivo dei conferimenti effettuati dai soci. La ripartizione delle azioni tra i soci dovrà rispettare un principio proporzionale. Nel caso in cui lo preveda lo statuto, gli amministratori potranno seguire un diverso criterio. Il valore complessivo dei conferimenti deve comunque coprire il valore del capitale sociale. L assegnazione non proporzionale delle azioni genera una serie di problemi applicativi di rilevante momento. Un primo ordine di problemi riguarda i versamenti non effettuati e in particolare chi sia il soggetto debitore verso la società dei conferimenti non eseguiti. Una dottrina 19 ritiene che, nel caso di versamenti parziali, ciascun socio è responsabile per i versamenti cui lo stesso si è obbligato a titolo di conferimento senza che rilevi il valore delle azioni che gli sono state corrisposte. 16 P. FERRO-LUZZI, La diversa assegnazione delle azioni, cit., A. PISANI MASSAMORMILE, Azioni ed altri strumenti finanziari partecipativi, in Riv. soc., 2003, C. FORMICA, Le novità della disciplina azionaria, in A. MAFFEI ALBERTI (a cura di), Il nuovo diritto delle società, Padova, 2005, Cfr. M. NOTARI, Articolo 2346, commi 1-5, cit., 37.

9 10 Le azioni Poiché, inoltre, le assegnazioni non proporzionali fanno parte del rapporto associativo, nelle ipotesi in cui emergano vizi tali da condurre alla nullità, annullabilità o risoluzione del singolo rapporto troveranno applicazione le norme di cui agli artt. 1420, 1446, 1459, 1466 c.c. secondo cui il vizio incide solo sul rapporto della parte coinvolta e non travolge l intero contratto plurilaterale, tranne il caso in cui la partecipazione o la prestazione siano da considerarsi essenziali. Altro ordine di problemi riguarda il caso in cui il rapporto tra assegnazione e conferimento dipenda da un rapporto di origine extrasociale e questo sia affetto da vizi. Per una dottrina 20, nel caso in cui ad esempio il rapporto tra beneficiario sia viziato da abuso di dipendenza economica, l atto costitutivo dovrebbe «ritenersi parzialmente nullo, e cioè nella sola parte in cui le azioni liberate dal conferente vengano assegnate al beneficiario, con la conseguenza che tale azioni potrebbero essere riassegnate e consegnate al conferente», a condizioni che venga provato un collegamento negoziale tra i due contratti. 6. La differenziazione dell assegnazione di azioni attraverso il sovraprezzo o i valori inespressi Accanto alla possibilità di differenziare la posizione dei soggetti nell assegnazione di azioni attraverso criteri di assegnazione non proporzionali si ha la possibilità di intervenire attraverso il meccanismo del sovraprezzo. Il punto di partenza al fine di verificare la possibilità di utilizzare questo diverso meccanismo è costituito dal rapporto che deve sussistere tra valore conferito e capitale sociale e, in particolare, se tutto il valore del conferimento effettuato dal socio debba essere o meno imputato a capitale. La questione deve essere risolta nel senso che, anche in sede di costituzione, non tutto il valore del conferimento deve essere imputato a capitale. La dottrina utilizza al fine di confortare questa conclusione l argomento testuale che l art. 2346, comma 4, parla di proporzionalità tra sottoscrizione e azioni assegnate e non di corrispondenza con il che si vuole intendere che non tutto il valore del conferimento deve essere necessariamente imputato a capitale 21. A tale argomento vi è poi da aggiungere anche il tenore testuale contenuto nell art sulla stima dei conferimenti in natura secondo cui la relazione giurata deve attestare che il valore del conferimento è almeno pari a quello ad essi attribuito ai fini della determinazione del capitale sociale e dell eventuale sovraprezzo. 20 R. BOCCA, Articolo 2346, in G. COTTINO (diretto da), Il nuovo diritto societario, Bologna, 2004, M. NOTARI, Articolo 2346, commi 1-5, cit., 33.

10 Le azioni in generale 11 L ordinamento consente, quindi, che il valore della somma di denaro oppure il valore dei beni o crediti conferiti possa essere anche superiore al valore del capitale assegnato. La differenza tra il valore del capitale assegnato e il valore del conferimento costituisce il sovraprezzo. La dottrina 22 ammette peraltro la possibilità di fissare sovraprezzi diversi tra i soci anche a fronte dell attribuzione di un medesimo valore nominale di azioni attribuite. Tale operazione determina l emissione di azioni ad un prezzo diverso tra un socio e un altro. Sulla base di questi principi è possibile: che i soci abbiano azioni proporzionali al valore dei conferimenti effettuati (A e B conferiscono entrambi 100 e divengono titolari di azioni per un valore di 100); che i soci abbiano azioni proporzionali al valore dei conferimenti effettuati ma sovraprezzi differenziati (A e B conferiscono il primo 75 e il secondo 100, entrambi divengono titolari di azioni per un valore di 50, il resto diviene sovraprezzo); che i soci non abbiano azioni proporzionali al valore dei conferimenti effettuati (A e B conferiscono entrambi 100 e divengono titolari di azioni il primo per un valore di 150 e il secondo di 50). Vi è infine anche un altra possibilità, se pure più discussa, di differenziare le posizioni sociali che verte sulla possibilità di non far emergere a livello contabile il valore economico del conferimento. Questo profilo si presenta in particolare in caso di conferimenti diversi dal denaro. La parti, nel caso di conferimento non in denaro hanno l obbligo di conferire un bene di valore economico idoneo a coprire almeno il capitale (e l eventuale sovraprezzo) ma ben possono sottovalutare questo bene. Si pensi ad un immobile che vale al quale io attribuisco, ai fini del conferimento un valore di 100. Il profilo problematico è se quella parte di valore reale del conferimento non imputato a capitale debba comunque emergere a livello contabile andando a costituire una riserva oppure possa costituire un valore implicito non espresso a livello contabile. L emersione a livello contabile determina la qualifica di questo valore come una riserva 23. Ci sembra però che le parti ben possano sottostimare un bene. Il valore del bene è un valore attribuito dalle parti stesse nella loro autonomia. Non vi è alcun obbligo di far emergere per intero il valore economico del bene. 7. Il socio senza conferimento e il conferimento senza attribuzione di azioni Una volta ammessa la possibilità che l assegnazione delle azioni avvenga senza rispettare un principio di proporzionalità con il conferimento si pone il pro- 22 Cfr. M. NOTARI, Articolo 2346, commi 1-5, cit., Cfr. M. NOTARI, Articolo 2346, commi 1-5, cit., 33 che qualifica questa riserva come riserva da sovraprezzo poiché discende dal pagamento da parte dei soci di un prezzo superiore rispetto al valore nominale.

11 12 Le azioni blema se sia ammissibile che un soggetto ottenga azioni senza effettuare alcun conferimento. Una dottrina 24, partendo dal presupposto che, affinché un soggetto acquisisca la qualifica di socio è essenziale la sua partecipazione alla formazione del capitale sociale, da una risposta negativa al quesito. Altra dottrina 25, invece, ritiene ammissibile tale evenienza. A fondamento di questa opinione si danno una serie di argomentazioni: la questione attiene ai rapporti tra soci e deve quindi considerarsi informata ad un principio di disponibilità; non esiste una norma che prevede un obbligo di conferimento; non vi è una violazione del patto leonino poiché il socio partecipa agli utili e alle perdite. È da sottolineare che la fattispecie rientra comunque nel fenomeno dell assegnazione non proporzionale con la conseguenza che l attribuzione di azioni a fronte di un mancato conferimento deve essere compensato dal conferimento di un altro socio. Ultimo problema è quello della possibilità che una delle parti dell atto costitutivo della società effettui conferimenti senza ricevere azioni. La dottrina 26 ammette che un soggetto possa partecipare al contratto sociale effettuando un conferimento senza ricevere azioni ma qualifica questo fenomeno non come una forma di partecipazione alla società ma come una forma di partecipazione all atto costitutivo sotto un diverso titolo come, ad esempio, l adempimento del terzo o la delegazione. Secondo altra dottrina 27 appaiono «difficilmente superabili le argomentazioni secondo le quali l unica disposizioni potenzialmente contrastante con l ammissibilità di queste operazioni è quella di cui all art c.c., la cui lettera sembrerebbe correlare ineludibilmente i conferimenti (di due o più persone) con gli utili (da dividere con le stesse persone) e, quindi, in ultima analisi, con la qualità di socio. Sennonché, ancorare una posizione restrittiva alla lettera dell art significherebbe consentire l elusione della stessa previsione con atti del tutto formalistici, quali il conferimento di un euro o la liberazione personale di una sola azione». 24 A. STAGNO D ALCONTRES, Articolo 2346, in G. NICCOLINI-A. STAGNO D ALCONTRES (a cura di), Società di capitali, Napoli, 2004, G.A. RESCIO, Distribuzione di azioni non proporzionale ai conferimenti effettuati dai soci di s.p.a., in P. BENAZZO-S. PATRIARCA-G. PRESTI (a cura di), Il nuovo diritto societario fra società aperte e società private, Milano, 2003, M. NOTARI, Articolo 2346, commi 1-5, cit., R. BOCCA, Articolo 2346, cit., 231.

12 Le azioni in generale Indivisibilità dell azione e situazioni di comproprietà Secondo l art c.c. le azioni sono indivisibili. Attraverso questa enunciazione il legislatore vuole esprimere il principio per cui, essendo l azione l unità di misura elementare della partecipazione, essa costituisce l entità «minima e non frazionabile dei diritti attribuiti al socio, diritti dei quali rimane così preclusa qualsiasi possibilità di esercizio parziario ovverossia, e più precisamente, di esercizio in misura comunque inferiore a quella segnata dal valore nominale, statutariamente predeterminato, dell azione stessa» 28. Il principio comporta rilevanti conseguenze in caso di comproprietà e cioè nei casi in cui sono proprietari di un azione o di un pacchetto di azioni più soggetti pro indiviso (situazione che può discendere, ad esempio, dai casi di successione mortis causa o di acquisto da parte dei coniugi in regime di comunione legale). In particolare l indivisibilità dell azione comporta che su di essa non è consentito l esercizio dei diritti sociali ad ogni comproprietario secondo la quota di contitolarità. L art c.c. si preoccupa anzi di prevedere uno specifico regime in caso di comproprietà L esercizio dei diritti in caso di comproprietà In base all art. 2347, i diritti dei comproprietari devono essere esercitati da un rappresentante comune. La nomina di esso è regolata dalle disposizioni in materia di comunione (artt e 1106 c.c.). Il rappresentante comune è nominato dalla maggioranza dei comproprietari calcolata secondo il valore delle quote. In assenza di una nomina, essa può essere disposta dall autorità giudiziaria dietro richiesta di ciascun partecipante. Rappresentante può essere nominato anche un estraneo. Nel caso in cui il rappresentante comune non sia stato nominato, le comunicazioni e le dichiarazioni fatte dalla società a uno dei comproprietari sono efficaci nei confronti di tutti. I comproprietari rispondono solidalmente delle obbligazioni derivanti dall azione. Vari sono i problemi interpretativi posti dalla norma. La prima questione riguarda l ambito dei diritti e dei poteri interessati. Secondo una prima dottrina la norma, in considerazione del suo tenore, comprende tutti i diritti e i poteri che sono inerenti all azione 29. Altra dottrina invece ritiene che la norma si applichi «solo nei casi nei quali, dovendosi manifestare per la comunione una volontà unitaria, in quanto riferita da un unico centro di interessi, è necessario che essa si formi all interno della comunione e sia dichiarata al- 28 M. BIONE, Le azioni, cit., Così G. FERRI, Le società, cit.,

13 14 Le azioni l esterno con riferimento all intera compagine dei suoi componenti» 30. Nel caso in cui invece l ordinamento subordina l esercizio del diritto azionario al solo accertamento del valore del capitale rappresentato dalle azioni di riferimento i soci possono esercitare autonomamente il proprio diritto a condizione che possiedano la frazione di capitale prevista dalla legge calcolata sulla quota di comproprietà. Altra questione è poi quella «se il rappresentante comune sia un rappresentante necessario, quasi un organo del gruppo dei comproprietari, così che non si concepisca un attività del gruppo che non si attui per suo tramite o invece la sua nomina sia soltanto un mezzo per risolvere un problema pratico, quello di assicurare la necessaria unità di atteggiamento dei comproprietari, nel qual caso non sarebbe preclusa la possibilità di usare mezzi diversi purché consentano di realizzare lo stesso risultato» 31. Al riguardo, una dottrina afferma che «con la nomina del rappresentante comune, i comproprietari non si spogliano dei loro diritti e non se ne inibiscono l esercizio: essi possono in ogni momento sostituirsi al rappresentante comune o addirittura revocarlo, così come possono designare, in relazione a una data assemblea o ad una data impugnativa, persona diversa dal rappresentante comune; ma questo possono fare non come singoli, ma come gruppo e cioè con una deliberazione unanime o di maggioranza o sulla base di un provvedimento del giudice» 32. Anche per il diritto di impugnativa essa afferma che l azione possa esser proposta direttamente da tutti i comproprietari e non dal singolo. La giurisprudenza sembra orientata in via prevalente nel senso che i diritti competano esclusivamente al rappresentante comune. La giurisprudenza di legittimità afferma che l art. 2347, Giurisprudenza «nel conferire alla partecipazione azionaria il carattere dell indivisibilità, ha considerato indispensabile, in relazione alle esigenze peculiari dell organizzazione societaria e alla natura del bene in comunione, l unitarietà dell esercizio dei diritti, impedendone, quanto meno nei rapporti esterni, il godimento e l amministrazione in forma individuale; e ciò al fine, da un lato, di evitare che contrasti interni si riflettano sulle attività assembleari e, dall altro, di garantire certezza e stabilità alle deliberazioni assunte, correttamente approvate. E se l intervento in assemblea e il diritto di voto in via esclusiva competono al rappresentante comune, l impugnazione prevista dagli artt e 2379 c.c., non può che essere a lui attribuita» Cass. 18 luglio 2007, n , in Riv. not., 2008, II, 658. La giurisprudenza di merito si è poi espressa nel senso che: 30 V. V. SALAFIA, Commento a Trib. Macerata 11 novembre 2004, in Le società, 2005, Così imposta la questione G. FERRI, Le società, cit., V. G. FERRI, Le società, cit., 464.

14 Le azioni in generale 15 Giurisprudenza «La disciplina dei diritti amministrativi inerenti all azione di società in comproprietà fra più titolari è diversa da quella prevista dal combinato disposto degli artt c.c. in materia di comunione di altri beni. Rispetto alle norme generali che regolano il caso in cui la proprietà o altro diritto reale spetta in comune a più persone (art c.c., lex generalis), l art. 2347, regolando la comproprietà di quel particolare bene, complesso, costituito dall azione di società, costituisce norma speciale derogatrice (in quanto lex specialis) rispetto alla disciplina generale della comunione. Rileva, in questa materia, la caratteristica dell indivisibilità della partecipazione azionaria che consegue ad esigenze proprie e peculiari dell organizzazione societaria: l esigenza cioè che, determinata l unità azionaria, sia unitario l esercizio dei relativi diritti, con preclusione di ogni possibile loro godimento o amministrazione (nei rapporti esterni) in forma individuale» App. Milano 31 marzo 2003, in Giur. it., 2003, Sulla base di tale principio, la stessa giurisprudenza ha affermato che i diritti di intervento, di voto e di impugnazione delle delibere non possano che appartenere al rappresentante comune e non possano essere esercitati disgiuntamente dai singoli comproprietari 33. In questa scia, si è affermato che la legittimazione esclusiva del rappresentante comune lo svolgimento delle attività volte alla tutela giurisdizionale dei diritti nascenti dalla titolarità dell azione costituisce corollario processuale della caratteristica fondamentale dell azione costituita dall indivisibilità. Essa trova applicazione non solo con riferimento all impugnazione delle delibere societarie ma anche con riguardo alla procedura ex art c.c. 34. Si è così ritenuto inammissibile il ricorso per la denunzia al tribunale ex art presentato da alcuni comproprietari di un pacchetto azionario 35. Sono da segnalare anche opinioni della giurisprudenza di diverso tenore secondo cui invece in caso di Giurisprudenza «comproprietà di azioni, se non è stato nominato il rappresentante comune, ciascun comproprietario ha diritto di impugnare le deliberazioni invalide della società» Trib. Milano 28 giugno 2001, in Giur. it., 2001, Altra giurisprudenza ha affermato che possono essere esercitati direttamente dai soci tutti quei diritti derivanti dalla partecipazione sociale, la realizzazione dei quali non presuppone una determinazione di volontà unitaria. Nel caso di specie si è ritenuto il singolo socio comproprietario legittimato a chiedere la convocazione giudiziale dell assemblea Nel senso che il diritto di intervento e di voto competono esclusivamente al rappresentante comune v. anche Trib. Verona 1 marzo 1990, in Le società, 1990, App. Ancona 9 marzo 2005, in Le società, 2007, Trib. Macerata 11 novembre 2004, in Le società, 2005, App. Bologna 12 aprile 1999, in Notariato, 2000, 2, 158.

Pegno, usufrutto e sequestro parziali su partecipazione di s.r.l.

Pegno, usufrutto e sequestro parziali su partecipazione di s.r.l. Studio n. 836-2014/I Pegno, usufrutto e sequestro parziali su partecipazione di s.r.l. Approvato dall Area Scientifica Studi d Impresa il 10 ottobre 2014 Approvato dal CNN nella seduta del 9 gennaio 2015

Dettagli

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l.

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Il bilancio delle società di capitali La sua impugnazione Firenze 15 giugno 2010 La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Francesco D Angelo (Università di Firenze)

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

Copertura delle perdite

Copertura delle perdite Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 107 09.04.2014 Copertura delle perdite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Le assemblee delle società di capitali che, nelle

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

DELLE MODIFICAZIONI DELL ATTO COSTITUTIVO (Artt. 2480 2483-bis).

DELLE MODIFICAZIONI DELL ATTO COSTITUTIVO (Artt. 2480 2483-bis). CONSIGLIO NOTARILE DI BOLOGNA (6 Dicembre 2002) CONVEGNO - La nuova disciplina delle società di capitali: prime indicazioni operative I DELLE MODIFICAZIONI DELL ATTO COSTITUTIVO (Artt. 2480 2483-bis).

Dettagli

Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali

Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali Si è cercato il punto di equilibrio tra la tutela dei soci e la salvaguardia del buon funzionamento della società e della certezza dei rapporti societari

Dettagli

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile.

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. Signori Azionisti, come illustrato nella Relazione sulla

Dettagli

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013 L accertamento delle cause di scioglimento ai sensi dell art. 2484 c.c. e gli adempimenti pubblicitari conseguenti per Società di Capitali e Cooperative. 1 L art. 2484 c.c., rubricato Cause di scioglimento,

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

LE DECISIONI DEI SOCI E LE ASSEMBLEE NELLA NUOVA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA Le competenze e i nuovi quorum costitutivi e deliberativi

LE DECISIONI DEI SOCI E LE ASSEMBLEE NELLA NUOVA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA Le competenze e i nuovi quorum costitutivi e deliberativi LE DECISIONI DEI SOCI E LE ASSEMBLEE NELLA NUOVA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA Le competenze e i nuovi quorum costitutivi e deliberativi di Claudio Venturi Sommario: - 1. Le decisioni dei soci. 1.1.

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le società di capitali Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le Società per azioni Art. 2325. Responsabilità. Nella societa' per azioni per le obbligazioni

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

SOTTOTETTO E QUOTE MILLESIMALI

SOTTOTETTO E QUOTE MILLESIMALI TESINA di DONATA PAOLINI SOTTOTETTO E QUOTE MILLESIMALI 1) LA PROPRIETA DEL SOTTOTETTO NEI CONDOMINI Preme innanzitutto precisare che il sottotetto non rientra tra le parti comuni condominiali come elencate

Dettagli

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss.

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. Rappresentanza PREMESSA Con il termine rappresentanza si indica il potere di un soggetto (il rappresentante)

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione 13 Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione SOMMARIO 1. Limiti interni delle attribuzioni del giudice ordinario. 2. Proponibilità delle azioni possessorie nei confronti della

Dettagli

Art. 2361. commento di Enrico Ginevra

Art. 2361. commento di Enrico Ginevra L'assunzione di partecipazioni in altre imprese, anche se prevista genericamente nello statuto, non è consentita, se per la misura e per l'oggetto della partecipazione ne risulta sostanzialmente modificato

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO CORSO BASE SULLE PROCEDURE GIUDIZIARIE DELL AUTUNNO 2006 LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO AVV. ALESSANDRO CAINELLI INDICE PREMESSA p. 3 I. LA NULLITÀ DELLA RELAZIONE p. 4 1. Cause di nullità formale

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

DIRITTO COMMERCIALE XIX CICLO. Tesi di dottorato di ricerca

DIRITTO COMMERCIALE XIX CICLO. Tesi di dottorato di ricerca UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA CORSO DI DOTTORATO DI RICERCA IN DIRITTO COMMERCIALE XIX CICLO Tesi di dottorato di ricerca LE AZIONI RISCATTABILI AI SENSI DELL ART. 2437-SEXIES C.C. Settore scientifico

Dettagli

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario:

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario: Capitolo Secondo Le situazioni giuridiche soggettive del diritto amministrativo Sommario: 1. Definizione di situazione giuridica soggettiva. - 2. Il diritto soggettivo. - 3. Gli interessi legittimi. -

Dettagli

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA Mid Industry Capital S.p.A Sede Legale Galleria Sala dei Longobardi 2, 20121 Milano Cod. Fisc. e P.IVA R.I. Milano 05244910963, R.E.A. Mi 1806317, Capitale Sociale Euro 5.000.225 i.v. CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Bologna 22 maggio 2014

Bologna 22 maggio 2014 FRANCESCO CIRIANNI L'ESCLUSIONE DEL SOCIO MOROSO O PER CAUSE STATUTARIE: TECNICHE DI ATTUAZIONE. norma di riferimento art. 2466 c.c. Bologna 22 maggio 2014 - I - ESCLUSIONE DEL SOCIO MOROSO ARTICOLO N.2466

Dettagli

IL RECESSO E L ESCLUSIONE DI SOCI NELLE SOCIETA DI CAPITALI

IL RECESSO E L ESCLUSIONE DI SOCI NELLE SOCIETA DI CAPITALI IL RECESSO E L ESCLUSIONE DI SOCI NELLE SOCIETA DI CAPITALI di Claudio Venturi Sommario: - 1. Il diritto di recesso e le sue funzioni essenziali. 2. Il diritto di recesso nelle Società per azioni. 3. Il

Dettagli

La rinunzia alla proprietà e ai diritti reali di godimento

La rinunzia alla proprietà e ai diritti reali di godimento Studio n. 216-2014/C La rinunzia alla proprietà e ai diritti reali di godimento Approvato dall Area Scientifica Studi Civilistici il 21 marzo 2014 Lo studio in sintesi (Abstract): Il presente studio si

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

La Società tra Professionisti

La Società tra Professionisti Paolo Tonalini Notaio La Società tra Professionisti Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Pavia in collaborazione con Banca Generali Relazione al Convegno del 6 marzo 2015 NOTAIO

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

Sulle responsabilità degli amministratori di fatto verso la società e i soci

Sulle responsabilità degli amministratori di fatto verso la società e i soci Sulle responsabilità degli amministratori di fatto verso la società e i soci 1. È ritenuto amministratore di fatto colui che esercita funzioni di amministrazione in una società di capitali, cioè prende

Dettagli

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma. Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v.

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma. Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v. LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v. Partita IVA, codice fiscale ed iscrizione presso il registro delle imprese di Roma n. 08028081001

Dettagli

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali SOMMARIO: 1. - La fattispecie concreta 2. Le azioni di responsabilità contro gli amministratori: caratteri essenziali 3.

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella La sentenza n. 12581 del 2010 1 della Corte di cassazione è parte di un gruppo di recenti sentenze 2, le prime a intervenire

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo 1. Premessa La contestazione di un fatto nuovo 1 costituisce

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

STUDIO DE POLI - VENEZIA

STUDIO DE POLI - VENEZIA IL TRUST: COS È, IN BREVE di Ilaria Della Vedova Avvocato dello Studio De Poli Venezia Membro dell organismo Professionisti Accreditati in materia di Trust 1) Che cos è il trust? È un istituto di origine

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI MEDIOLANUM S.P.A. IN BANCA MEDIOLANUM S.P.A. *** *** *** REDATTO AI SENSI E PER GLI EFFETTI DELL ARTICOLO 2501-TER DEL CODICE CIVILE PREMESSA A norma dell articolo

Dettagli

L INVALIDITÀ DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE. Relazione al Convegno Synergia Formazione

L INVALIDITÀ DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE. Relazione al Convegno Synergia Formazione TESTO A CIRCOLAZIONE RISTRETTA PUBBLICAZIONE VIETATA L INVALIDITÀ DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Relazione al Convegno Synergia Formazione Consiglio di Amministrazione e Comitati

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO Si chiede di precisare quali sono gli effetti delle

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DALLA REGIONE CAMPANIA DEL POLO SVILUPPO, RICERCA E I.C.T. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese.

Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese. Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese. È a tutti noto che ormai da alcuni anni sono in aumento, anche in materia di diritto di famiglia,

Dettagli

ASS.CO.FI. ASSOCIAZIONE SINDACALE DEI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA

ASS.CO.FI. ASSOCIAZIONE SINDACALE DEI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA 1. PREMESSA L art. 33, comma 5, del D.L. 22.6.2012, n. 83, così come modificato dalla legge di conversione 7.8.2012 n. 134, ha sostituito il comma 5 dell articolo

Dettagli

www.lascalaw.com www.iusletter.com

www.lascalaw.com www.iusletter.com LaScala studio legale in association with Field Fisher Waterhouse Focus on LA CANCELLAZIONE DELLE SOCIETÀ DI CAPITALI DAL REGISTRO DELLE IMPRESE: EFFETTI E CONSEGUENZE Luglio 2013 www.lascalaw.com www.iusletter.com

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

MODULO S3 AVVERTENZE GENERALI

MODULO S3 AVVERTENZE GENERALI MODULO S3 Scioglimento, liquidazione, cancellazione dal Registro Imprese AVVERTENZE GENERALI Finalità del modulo Il modulo va utilizzato per l iscrizione nel Registro Imprese dei seguenti atti: scioglimento

Dettagli

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A.

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. 1. La responsabilità patrimoniale della P.A. ed i suoi limiti Anche lo Stato e gli Enti Pubblici sono soggetti al principio della responsabilità patrimoniale

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due società, regolamentata dell art. 2564 c.c., che prevede l integrazione

Dettagli

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014)

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014) Discontinuità argomentativa nei giudizi su norme regionali di reinquadramento del personale di enti di diritto privato e di diritto pubblico regionali (nota a sent. 202 del 2014) di Sandro De Gotzen (in

Dettagli

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L.

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L. INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N. 11971 RELATIVE AL PATTO PARASOCIALE FRA EQUILYBRA CAPITAL PARTNERS S.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

L intervento e il voto in assemblea dopo l attuazione della Direttiva sull esercizio di alcuni diritti degli azionisti di società quotate [*]

L intervento e il voto in assemblea dopo l attuazione della Direttiva sull esercizio di alcuni diritti degli azionisti di società quotate [*] L intervento e il voto in assemblea dopo l attuazione della Direttiva sull esercizio di alcuni diritti degli azionisti di società quotate [*] Lucia Calvosa La disciplina introdotta in Italia con il d.lgs.

Dettagli

OIC 28: Il Patrimonio netto Sintesi dei principali interventi

OIC 28: Il Patrimonio netto Sintesi dei principali interventi OIC 28: Il Patrimonio netto Sintesi dei principali interventi Format Si è modificata la struttura del principio utilizzando il format standard dei nuovi principi salvo apportare i necessari adeguamenti

Dettagli

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto 2_7.qxd 30/06/2010 14.34 Pagina 2 CONTRATTO A TERMINE Proroga e continuazione di fatto di Geppino Tocci - Funzionario INPS Una delle principali finalità della direttiva europea 28 giugno 1999, n. 1999/70,

Dettagli

Deliberazione n. 10/SEZAUT/2010/QMIG

Deliberazione n. 10/SEZAUT/2010/QMIG Deliberazione n. 10/SEZAUT/2010/QMIG LA CORTE DEI CONTI In Sezione delle Autonomie nell adunanza del 31 marzo 2010 Visto il Testo Unico delle leggi sulla Corte dei conti, approvato con R.D. 12 luglio 1934,

Dettagli

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa di Sandro de Gotzen (in corso di pubblicazione in le Regioni,

Dettagli

Il recesso dal contratto collettivo nel diritto civile

Il recesso dal contratto collettivo nel diritto civile Capitolo I nel diritto civile SOMMARIO: 1. Il recesso dal contratto: i termini della questione. 2. Il principio della temporaneità dei vincoli contrattuali e la questione del recesso dal contratto. 3.

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli