Appendice 17A L approccio del valore attuale rettificato per valutare i leveraged buyout 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Appendice 17A L approccio del valore attuale rettificato per valutare i leveraged buyout 1"

Transcript

1 Appendice 17A L approccio del valore attuale rettificato per valutare i leveraged buyout 1 Introduzione Il leveraged buyout (LBO) è l acquisizione, da parte di un piccolo gruppo di investitori, di un azienda a capitale ristretto o diffuso, finanziata prevalentemente a debito. I nuovi azionisti rimborsano i pesanti interessi e il capitale con il cash flow operativo e/o con la vendita di asset. Sperano quasi sempre di recuperare l investimento in tre-sette anni con un IPO o con la rivendita dell azienda. Il buyout ha quindi buone probabilità di successo solo se l azienda genera abbastanza liquidità da ripagare il debito nei primi anni, e se al termine dell operazione è attrattiva per altre imprese. In un leveraged buyout, gli investitori devono rimborsare il capitale preso a prestito seguendo una tabella di marcia prefissata. I proprietari sanno che il rapporto debito-equity si ridurrà, e possono prevedere l entità del debito necessario per finanziare le attività future. In questi casi, l approccio del valore attuale rettificato (VAR) è più pratico rispetto all approccio del costo medio ponderato del capitale (WACC), perché la struttura del capitale si modifica. In questa appendice illustriamo l utilizzo di questa procedura nel valutare l LBO della Nabisco, il più grande della storia. Il buyout di RJR Nabisco Nell estate del 1988 il prezzo dell azione RJR viaggiava intorno a $55. L azienda era indebitata per $5 miliardi. Agendo in concertazione con altri senior manager dell azienda, il CEO ha annunciato un offerta di $75 per azione sul capitale di RJR. A pochi giorni dall offerta del management è entrata in lizza Kohlberg, Kravis e Roberts (KKR) con una controfferta di $90 per azione. Alla fine di novembre KKR ha posto fine alla contesa con una nuova offerta di $109 per azione, $25 miliardi in totale. Utilizziamo ora la tecnica del VAR per analizzare la strategia vincente di KKR. Il metodo VAR qui descritto si può usare per valutare aziende e progetti. In questa logica, il massimo valore di un impresa levered (V L ) è il suo valore di entità tutta equity (V U ), più il valore attualizzato degli scudi fiscali generati dal debito supportato dai suoi asset (VASF). 2 Questa relazione si può formulare come: V L = V U + VASF =Σ t = 1 UCF t /(1 + R 0 ) t + Σ t = 1 + t C R B B t 1 /(1 + R B ) t Nella seconda parte dell equazione, UCF t è il cash flow unlevered derivante dalle operations per l anno t. Attualizzando questi cash flow al rendimento richiesto per le attività, R 0, si ottiene il valore all-equity dell azienda. B t 1 rappresenta il debito residuo alla fine dell anno (t 1). Poiché il carico di interessi di un determinato anno si basa sul debito residuo alla fine dell anno prima, l interesse pagato nell anno t è R B B t 1. Il numeratore del secondo termine, t c R B B t 1, è dunque lo scudo fiscale per l anno t. Attualizziamo questa serie di scudi fiscali annuali utilizzando il tasso a cui si finanzia l azienda, R B. 3 1 Questa appendice è stata adattata da Isik Inselbag e Howard Kaufold, della Wharton School, University of Pannsylvania, dal loro manoscritto inedito intitolato Analysing the RJR Nabisco buyout: an adjusted present value approach. 2 Dovremmo dedurre da questo valore tutti i costi legati alle difficoltà finanziarie. Ma nel caso di RJR questi costi dovrebbero essere molto limitati, per due ragioni. Poiché l azienda opera nel tabacco e negli alimentari, i suoi cash flow sono relativamente stabili e resistenti alla recessione. Inoltre, gli asset dell azienda sono divisibili e attrattivi per un buon numero di potenziali acquirenti, il che le consente di riceverne il pieno valore se occorre liquidarli. 3 Il tasso di finanziamento ante-imposte, R B, rappresenta il tasso di attualizzazione appropriato per gli scudi fiscali sugli interessi quando l LBO comporta un impegno preventivo al rispetto di una determinata tabella di marcia per

2 KKR aveva in programma di vendere alcune divisioni alimentari di RJR e di gestire più efficientemente quel che restava dell azienda. La Tabella 17A1 presenta i cash flow unlevered previsti da KKR per RJR, rettificati in base alla dismissione degli asset e alle efficienze operative in progetto. Quanto alla strategia finanziaria, KKR metteva in conto un significativo incremento del debito con i relativi benefici fiscali. In particolare, KKR ha emesso nuovi titoli di debito per quasi 24 miliardi di dollari allo scopo di portare a termine il buyout, facendo salire gli interessi passivi annui a oltre 3 miliardi di dollari. 4 La Tabella 17A2 visualizza la previsione degli interessi da pagare e degli scudi fiscali. Adesso usiamo i dati delle tabelle 17A1 e 17A2 per calcolare il VAR del buyout di RJR. Questo processo di valutazione è presentato nella Tabella 17A3. La valutazione schematizzata in Tabella 17A3 si articola in quattro fasi. TABELLA 17A1 TABELLA 17A2 TABELLA 17A3 Fase 1: calcolare il valore attuale dei cash flow unlevered per il periodo I cash flow unlevered per il periodo sono visualizzati nell ultima riga della Tabella 17A1 e nella prima riga della Tabella 17A3. Questi flussi vengono attualizzati in base al rendimento richiesto sugli asset, R 0, che all epoca del buyout era intorno al 14%. Il valore a fine 1988 dei cash flow unlevered attesi tra il 1989 e il 1993 è: 5404/ / / / / = $ miliardi Fase 2: calcolare il valore attuale dei cash flow unlevered successivamente al 1993 (valore finale unlevered). Assumiamo che a partire dal 1993 i cash flow unlevered crescano al tasso modesto del 3%. Il valore di questi cash flow alla fine del 1993 è uguale al seguente valore attualizzato di una rendita perpetua crescente: 2536 (1.03)/ = $ miliardi Questa cifra si traduce in un valore 1988 di: / = $ miliardi Come nella fase 1, il tasso di attualizzazione è il rendimento percentuale richiesto sugli asset, il 14%. Il valore totale unlevered dell impresa è perciò = $ Per calcolare il valore totale del buyout, dobbiamo aggiungere gli scudi fiscali sugli interessi che dovrebbero derivare dal finanziamento a debito. Fase 3: calcolare il valore attuale degli scudi fiscali sugli interessi per il periodo In base alla normativa fiscale che vigeva negli Stati Uniti nel 1989, ogni dollaro di interessi riduceva le imposte di 34 cent. Il valore attuale dello scudo fiscale sugli interessi nel periodo l effettuazione dei rimborsi. Se i patti stipulati con i finanziatori prevedono che l intero cash flow libero venga dedicato al servizio del debito, l entità del debito residuo, e quindi anche lo scudo fiscale in qualunque momento, sono funzione diretta dei cash flow operativi dell impresa. Poiché a quel punto il saldo debitorio presenta lo stesso rischio dei cash flow, il ROE richiesto si dovrebbe usare per attualizzare gli scudi fiscali sugli interessi. 4 Una quota significativa di questo debito era per così dire in natura (PIK): bond aggiuntivi invece di interessi in contanti. Questo finanziamento del debito in obbligazioni aggiuntive assicurava a KKR scudi fiscali consistenti, consentendole inoltre di rinviare ad anni successivi il servizio del debito. Per semplicità, la Tabella 17A2 non mostra separatamente gli interessi pagati in denaro e in obbligazioni aggiuntive.

3 1993 si può calcolare attualizzando i risparmi fiscali annui al costo medio del debito ante-imposte, che era intono al 13,5%. Se usiamo gli scudi fiscali della Tabella 17A2, il loro valore attualizzato si calcola così: 1151/ / / / / = $3834 miliardi Fase 4: calcolare il valore attuale degli scudi fiscali sugli utili successivamente al Dobbiamo calcolare infine il valore degli scudi fiscali che si associano al debito utilizzato per finanziare le attività dell azienda dopo il Assumiamo che a partire da quella data il debito verrà ridotto e mantenuto costante al 25% del valore dell impresa. 5 Con questo presupposto è corretto usare il metodo del WACC per calcolare un valore finale dell azienda con la strutturaobiettivo del capitale. Il valore finale si può scomporre a sua volta in un valore tutto equity e in un valore generato dagli scudi fiscali. Se dopo il 1993 RJR impiega un 25% di debito nella struttura del capitale, il suo WACC con quella struttura del capitale sarebbe intorno al 12.8%. 6 Dopodiché, il valore finale levered alla fine del 1993 si può stimare come segue: 2536 (1.03)/ = $ miliardi Poiché il valore dell impresa con il finanziamento a debito è la somma del valore unlevered e del valore degli scudi fiscali sui tassi di interesse, ne discende che: Valore degli scudi fiscali (a fine 1993) = V L (fine 1993) V U (fine 1993) = $ miliardi - $ miliardi = $ 2908 miliardi Per calcolare il valore a fine 1998 di questi scudi fiscali futuri, attualizziamo nuovamente al tasso di finanziamento del 13.5% per ottenere: / = $1544 miliardi Il valore totale degli scudi fiscali sugli interessi è perciò uguale a $ $1544 = $5378 miliardi. 5 Questa cifra del 25% è coerente con il grado di utilizzo del debito nei settori in cui opera RJR Nabisco. In effetti era quello il rapporto debito-valore totale di mercato per RJR immediatamente prima che il management avanzasse la proposta di buyout. L azienda può raggiungere il target del 25% entro il 1993 se una quota significativa del debito convertibile usato per finanziare il buyout viene sostituita con equity prima di allora. In alternativa, KKR potrebbe emettere nuove azioni (come accadrebbe, per esempio, se l azienda andasse in Borsa) e usare i proventi dell emissione per coprire una parte del debito residuo. 6 Per calcolare questo tasso, usate il costo medio ponderato del capitale indicato in questo capitolo: R WACC = S/S + B R S + B/S + B R B (1 + t c ) e sostituite i valori appropriati per le quote di debito e di equity impiegate, nonché i loro rispettivi costi. In particolare, al rapporto target debito-valore, B/S (S +B) = 25%, e S/(S +B) = [1 B/(S + B)] = 75%. Con questo mix, R S = R 0 + B/S ( 1 + t c ) (R 0 R B ) = 0.14 = 0.25/0.75 (1 0.34) ( ) = Usando questi numeri, più il tasso di finanziamento del 13.5% in R WACC, scopriamo che: R WACC = 0.75 (0.141) (0.135) (1 0.34) = In effetti, questo valore è un approssimazione del vero costo medio ponderato del capitale quando il rapporto debitovalore è costante, o quando i cash flow sono in crescita. Per una disamina dettagliata del problema, vedi Isik Inselbag e Howard Kaufold, A comparison of alternative discounted cash flow approaches to firm valuation, The Wharton School, University of Pennsylvania (giugno 1990), documento inedito, 7 Si può sostenere con buona ragione che siccome i livelli di debito post-1993 sono proporzionali al valore dell impresa, gli scudi fiscali presentano lo stesso rischio dell impresa, e andrebbero attualizzati al tasso R 0.

4 Mettendo assieme tutte queste componenti, il valore totale di RJR nella proposta di buyout è $ miliardi. Deducendo i $ 5 miliardi che rappresentano il valore di mercato del debito contratto, si ottiene un valore dell equity di $ miliardi, pari a $108.9 per azione. Commenti conclusivi sui metodi di valutazione dell LBO Come abbiamo accennato nel capitolo, il metodo del WACC è di gran lunga il più utilizzato nel capital budgeting. Potremmo analizzare un LBO e generare i risultati ottenuti nel secondo paragrafo della presente appendice con quel metodo, ma sarebbe una procedura molto più complessa. Abbiamo provato a dimostrare che il VAR è l approccio elettivo per analizzare una transazione in cui la struttura del capitale non rimane stabile nel tempo. Considerate l approccio WACC per valutare l offerta di acquisto lanciata da KKR su RJR. Potremmo attualizzare i cash flow operativi di RJR in base a una serie di costi medi ponderati del capitale e arrivare allo stesso valore totale di circa 30 miliardi di dollari. A questo scopo, dovremmo calcolare il tasso appropriato per ciascun anno, perché il WACC cresce man mano che avanza il buyout. Ciò accade perché il valore del beneficio fiscale declina man mano che si rimborsa il capitale. In altre parole, non c è un singolo rendimento che rappresenti il costo del capitale quando la struttura del capitale dell impresa si modifica. C è anche un problema teorico nell approccio del WACC alla valutazione di un buyout. Per calcolare il WACC in divenire, dobbiamo conoscere il valore di mercato del debito e dell equity di un azienda. Ma se i valori del debito e dell equity sono già noti, è noto anche il valore totale di mercato dell azienda. In altre parole, per calcolare il WACC dobbiamo conoscere il valore dell impresa. Dobbiamo ricorrere perciò ai valori contabili del debito e dell equity, o fare delle supposizioni sull evoluzione dei valori di mercato, per implementare il metodo WACC A Pendenza = - (1 + r) Finanziamento attivo Consumi C dell anno Y prossimo D Finanziamento passivo B Figura 4A.1. Opportunità intertemporali di consumo A A Pendenza = Consumi C Finanziamento attivo dell anno C prossimo Y D D pendenza Finanziamento passivo B B

5 Figura 4A.1. L effetto dei diversi tassi di interesse sulle opportunità di consumo Flussi di liquidità in entrata Flussi di liquidità in uscita Figura 4A3. Cash flow per l investimento in un terreno Prestito Consumi Terreno dell anno prossimo Somma disponibile per i consumi Y Pendenza = Consumi dell anno prossimo Figura 4A4. Opportunità di consumo con finanziamento passivo e finanziamento attivo Cash flow del finanziamento Flussi di liquidità in entrata Flussi di liquidità in uscita Cash flow dell investimento nel terreno Flussi di liquidità in entrata Flussi di liquidità in uscita Cash flow del finanziamento e dell investimento nel terreno Flussi di liquidità in entrata 3000 Figura 4A5. Cash flow derivanti dal finanziamento passivo sostenuto per acquistare il terreno Consumi Terreno dell anno prossimo Finanziamento attivo Y Terreno più finanziamento passivo

6 Figura 4A6. Opportunità di consumo con un opportunità di investimento e un finanziamento passivo e attivo Consumi dell anno prossimo B A Figura 4A7. Scelte di consumo in presenza di un investimento ma in assenza di mercati finanziari Consumi B dell anno prossimo L A C Figura 4A8. Scelte di consumo in presenza di opportunità d investimento e mercati finanziari Flussi di liquidità in entrata Flussi di liquidità in uscita Figura 4A9. Cash flow per il progetto di investimento 7 Tassi di 6 r 3 interesse spot (%) 5 r 2 4 r Tempo (anni) Figura 5A1. La struttura temporale dei tassi di interesse Data 0 Anno 1 Data 1 Anno 2 Data % 1 x (1.10) 2 = 1.21 Con un tasso spot a due anni del 10%, l acquirente di un bond biennale riceve 1.21 alla data 2. È lo stesso rendimento che otterrebbe se avesse il tasso spot dell 8% nel primo anno e un rendimento del 12.04% nel secondo anno % % x 1.08 x = 1.21 Poiché sia il tasso spot a un anno sia il tasso spot a due anni sono noti alla data 0, il tasso anticipato per il secondo anno si può calcolare alla data 0.

7 Figura 5A2. Suddivisione di un tasso spot biennale in un tasso spot a un anno e in un tasso anticipato per il secondo anno Tabella 17A1. Cash flow operativi di RJR Reddito operativo Imposta sul reddito operativo Reddito operativo al netto delle imposte Più ammortamento Meno investimenti fissi Meno variazione (203) (275) del capitale circolante Più proventi della vendita di asset Cash flow unlevered (UCF) Tabella 17A2. Previsione di spesa per interessi e scudi fiscali Spesa per interessi Scudi fiscali sugli interessi (t c = 34%) Tabella 17A3. Valutazione dell LBO di RJR (in milioni di dollari tranne i dati sulle azioni) Cash flow unlevered (UCF) Valore finale: (crescita del 3% dopo il 1993) Valore finale unlevered (UTV) Valore finale con l indebitamentotarget Scudo fiscale sul 2908 valore finale Scudi fiscali sugli interessi VA dell UCF al 14% VA dell UTV al % Valore totale unlevered

8 VA degli scudi 3834 fiscali nell UTV al 13.5% VA dello scudo 1544 fiscale nel TV al 13.5% Valore totale 5387 degli scudi fiscali Valore totale Meno valore del 5000 debito assunto Valore dell equity Numero di azioni 229 milioni Valore per $108.9 azione

LEVERAGED BUYOUT IL LEVERAGED BUYOUT. TECNICA FINANZIARIA PER ACQUISIRE IL CONTROLLO DI UNA SOCIETA (società obiettivo o target o oldco)

LEVERAGED BUYOUT IL LEVERAGED BUYOUT. TECNICA FINANZIARIA PER ACQUISIRE IL CONTROLLO DI UNA SOCIETA (società obiettivo o target o oldco) LEVERAGED BUYOUT 1 TECNICA FINANZIARIA PER ACQUISIRE IL CONTROLLO DI UNA SOCIETA (società obiettivo o target o oldco) UNA PARTE ASSAI NOTEVOLE DEI FONDI NECESSARI PER PAGARE IL PREZZO AI VECCHI AZIONISTI

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

I metodi di valutazione di azienda

I metodi di valutazione di azienda I metodi di valutazione di azienda 2 parte A cura del prof. Michele Rutigliano 1 I metodi finanziari: logica sottostante I metodi finanziari sono generalmente ritenuti i più razionali ai fini della valutazione

Dettagli

Indice della lezione. La finanza aziendale UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA

Indice della lezione. La finanza aziendale UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Corso di Corporate Banking a.a. 2010-2011 (Professor Eugenio Pavarani) La stima del costo del capitale 1 Indice della lezione Il costo del capitale (=

Dettagli

Valutazione d impresa quando cambia la struttura di capitale: un caso, due approcci

Valutazione d impresa quando cambia la struttura di capitale: un caso, due approcci Valutazione d impresa quando cambia la struttura di capitale: un caso, due approcci di J. Nicolàs Ubago Vivas (*) e Marco Ubago Leardini (**) L obiettivo di quest articolo è presentare ed applicare al

Dettagli

CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE

CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Indice della lezione. Per fare scelte coerenti in termini di Finanza Aziendale. La finanza aziendale. La stima del costo del capitale

Indice della lezione. Per fare scelte coerenti in termini di Finanza Aziendale. La finanza aziendale. La stima del costo del capitale UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Corso di pianificazione finanziaria Il costo del capitale è un tasso di attualizzazione Quale tasso di attualizzazione? Il Wacc La stima del costo del

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

Impairment test: la valutazione di una partecipazione

Impairment test: la valutazione di una partecipazione Impairment test: la valutazione di una partecipazione 1 Finalità e limitazioni dell incarico 2 La metodologia valutativa 3 La valutazione della società 4 Criticità riscontrate nella valutazione 5 Verifiche

Dettagli

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/31 35. Informazioni sui valori contabili contenuti in differenti classificazioni di rimanenze e l ammontare delle variazioni in queste voci di attività è utile per gli utilizzatori del bilancio.

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

valutazione delle aziende; EVA.

valutazione delle aziende; EVA. Oggi parliamo di: valutazione delle aziende; calcolo del capitale economico; EVA. Quando è necessario stimare il valore di un azienda? GARANZIE SOCIETARIE STRATEGIE DI SVILUPPO VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Dettagli

Teoria del valore dell impresa. Casi aziendali sui metodi finanziari e reddituali

Teoria del valore dell impresa. Casi aziendali sui metodi finanziari e reddituali Casi aziendali sui metodi finanziari e reddituali Si determini, utilizzando il metodo unlevered discounted cash flow, il valore del capitale economico di un impresa alla data del 1 gennaio 2008 operante

Dettagli

Valutazione d Azienda Lezione 5

Valutazione d Azienda Lezione 5 Valutazione d Azienda Lezione 5 1 Le prospettive di valutazione [P.I.V. I.7] Generico operatore partecipante al mercato Specifico soggetto 2 I partecipanti al mercato Si tratta della generalità dei potenziali

Dettagli

Analisi degli Investimenti Capitolo 10

Analisi degli Investimenti Capitolo 10 Analisi degli Investimenti Capitolo 10 1 Criteri di valutazione degli investimenti 1. Criteri finanziari di valutazione degli investimenti - Valore Attuale Netto (VAN) - Tasso Interno di Rendimento (TIR)

Dettagli

Dati sulla società Utili annui = 27 mln euro Numero di azioni in circolazione = 10 mln

Dati sulla società Utili annui = 27 mln euro Numero di azioni in circolazione = 10 mln Esercizio 1 La Rayburn Manufacturing è attualmente un impresa priva di debito. La sua capitalizzazione di mercato è pari a 2 mln di euro. Il costo del capitale è pari al 18%. Non vi sono imposte. La società

Dettagli

L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 13.10.2003 PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE (RIVISTO NELLA SOSTANZA NEL 1993) Effetti delle variazioni dei cambi delle valute estere Il presente Principio

Dettagli

TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DELLE ALTRE FORME DI FINANZIAMENTO. Docente: Prof. Massimo Mariani

TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DELLE ALTRE FORME DI FINANZIAMENTO. Docente: Prof. Massimo Mariani TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DELLE ALTRE FORME DI FINANZIAMENTO Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Il costo del capitale stima del costo del capitale stima del costo del capitale di aziende operanti

Dettagli

Possiamo calcolare facilmente il valore attuale del bond A e del bond B come segue: VA A = 925.93 = 1000/1.08 VA B = 826.45 = 1000/(1.

Possiamo calcolare facilmente il valore attuale del bond A e del bond B come segue: VA A = 925.93 = 1000/1.08 VA B = 826.45 = 1000/(1. Appendice 5A La struttura temporale dei tassi di interesse, dei tassi spot e del rendimento alla scadenza Nel capitolo 5 abbiamo ipotizzato che il tasso di interesse rimanga costante per tutti i periodi

Dettagli

obiettivi finanziari, obiettivi industriali; possibili soluzioni del conflitto; necessità di reperire ingenti mezzi finanziari.

obiettivi finanziari, obiettivi industriali; possibili soluzioni del conflitto; necessità di reperire ingenti mezzi finanziari. Il Leveraged Buy-Out disaccordo nelle linee gestionali tra proprietà e management; divergenza di interessi; obiettivi finanziari, obiettivi industriali; possibili soluzioni del conflitto; necessità di

Dettagli

AI SOCI DELLA SEZIONE LOMBARDIA

AI SOCI DELLA SEZIONE LOMBARDIA AI SOCI DELLA SEZIONE LOMBARDIA Milano, 22 marzo 2011 MT/dg Caro Socio, un gruppo di ricercatori dell area Finanza dell Università di Ferrara (facoltà d economia) in collaborazione con il Master CFO ANDAF-UNIFE

Dettagli

La valutazione delle azioni. Corso di Economia del mercato mobiliare a.a. 2014/15

La valutazione delle azioni. Corso di Economia del mercato mobiliare a.a. 2014/15 La valutazione delle azioni Corso di Economia del mercato mobiliare a.a. 2014/15 1 La natura dell investimento in titoli azionari INVESTIMENTO IN AZIONI CAPITALE DI RISCHIO NELL ASPETTO SOGGETTIVO: STATUS

Dettagli

Valutazione d Azienda. Lezione 9 IL METODO FINANZIARIO

Valutazione d Azienda. Lezione 9 IL METODO FINANZIARIO Valutazione d Azienda Lezione 9 IL METODO FINANZIARIO 1 Il modello finanziario Il modello finanziario è stato molto dibattuto in dottrina a partire dalla prima metà degli anni novanta. Impostazioni metodologiche:

Dettagli

Valutazione d aziende. Flussi finanziari e flussi reddituali: differenza di valore. di Pasquale De Luca (*)

Valutazione d aziende. Flussi finanziari e flussi reddituali: differenza di valore. di Pasquale De Luca (*) Flussi finanziari e flussi reddituali: differenza di valore di Pasquale De Luca (*) Un azienda che intenda accedere a fonti di finanziamento esterne, sia che si tratti di accedere a capitale di debito

Dettagli

FUSIONI E ACQUISIZIONI

FUSIONI E ACQUISIZIONI FUSIONI E ACQUISIZIONI 1. Fusioni e acquisizioni: concetti introduttivi 2. Il valore del controllo di un impresa 3. La redditività di un acquisizione 4. Alcuni tipi particolari di acquisizioni: LBO, MBO

Dettagli

I flussi finanziari strutturati secondo lo schema del flusso di cassa disponibile: Obiettivo principale

I flussi finanziari strutturati secondo lo schema del flusso di cassa disponibile: Obiettivo principale L impostazione dell analisi: 5 possibili approcci [3] L approccio dei flussi di cassa l approccio dello schema di raccordo degli indici l approccio dello sviluppo sostenibile l approccio dei flussi di

Dettagli

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI I TASSI DI INTERESSE TASSO DI RENDIMENTO EFFETTIVO ALLA SCADENZA (TRES) O YIELD-TO- MATURITY (YTM) Lezione 3 1 I PUNTI PRINCIPALI DELLA LEZIONE o o Misurazione dei tassi di interesse

Dettagli

Lezione 10 Il metodo dei multipli.

Lezione 10 Il metodo dei multipli. Lezione 10 Il metodo dei multipli. Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri 1 Il metodo dei multipli L obiettivo della valutazione basata sui multipli di mercato (valutazione relativa) è la stima

Dettagli

PRINCIPI DI COMPOSIZIONE DELLA STRUTTURA FINANZIARIA. Docente: Prof. Massimo Mariani

PRINCIPI DI COMPOSIZIONE DELLA STRUTTURA FINANZIARIA. Docente: Prof. Massimo Mariani PRINCIPI DI COMPOSIZIONE DELLA STRUTTURA FINANZIARIA Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO La politica finanziaria aziendale: definizione I benefici del ricorso al debito Gerarchia delle fonti di finanziamento

Dettagli

TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DEL CAPITALE AZIONARIO. Docente: Prof. Massimo Mariani

TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DEL CAPITALE AZIONARIO. Docente: Prof. Massimo Mariani TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DEL CAPITALE AZIONARIO Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Il costo del capitale: la logica di fondo Le finalità del calcolo del costo del capitale Il costo del capitale

Dettagli

Le scelte di investimento: concetti introduttivi

Le scelte di investimento: concetti introduttivi Le scelte di investimento: concetti introduttivi La valutazione degli investimenti Obiettivo: misurare il valore creato da un iniziativa di investimento supponendo, per il momento, che la struttura finanziaria

Dettagli

Impairment e avviamento

Impairment e avviamento OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ SERIE: APPLICAZIONI IAS/IFRS Impairment e avviamento Applicazione n. 2 dicembre 2009 INDICE 1. PREMESSA 4 1.1 I Principi contabili applicabili per le diverse attività

Dettagli

OIC 9 Immobilizzazioni tecniche Perdite permanenti di valore. Premessa... 1. Il quadro normativo e regolamentare... 2. Gli aspetti fiscali...

OIC 9 Immobilizzazioni tecniche Perdite permanenti di valore. Premessa... 1. Il quadro normativo e regolamentare... 2. Gli aspetti fiscali... Sommario Premessa... 1 Il quadro normativo e regolamentare... 2 Gli aspetti fiscali... 6 Premessa La valutazione delle immobilizzazioni tecniche sta attraversando un periodo critico. Mi riferisco soprattutto

Dettagli

Obiettivi della lezione #4

Obiettivi della lezione #4 Obiettivi della lezione #4 La lezione oggi affronta i seguenti temi: modelli DCF: valore attuale netto e rendimento (saggio di rendimento interno) di un progetto il ruolo delle modalità di finanziamento

Dettagli

Per esempio, se il tasso di interesse è il 10%, il punto A sarebbe: A = 60 000 + [ 50 000 x (1 + 0.1)] = 60 000 + 55 000 = 115 000

Per esempio, se il tasso di interesse è il 10%, il punto A sarebbe: A = 60 000 + [ 50 000 x (1 + 0.1)] = 60 000 + 55 000 = 115 000 Appendice 4A Valore attuale netto: principi-base di finanza In questa appendice illustriamo i fondamenti teorici del valore attuale netto. Prima spieghiamo come vengono effettuate le scelte individuali

Dettagli

Allianz Bank Financial Advisors S.p.A. Metodologie utilizzate per la produzione delle raccomandazioni

Allianz Bank Financial Advisors S.p.A. Metodologie utilizzate per la produzione delle raccomandazioni Allianz Bank Financial Advisors S.p.A. Metodologie utilizzate per la produzione delle raccomandazioni INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. PRINCIPI GENERALI... 3 3. METODI BASATI SUI FLUSSI... 3 3.1. DCF UNLEVERED

Dettagli

Lezione 9 Analisi fondamentale dell investimento in capitale di rischio I metodi di valutazione. Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri

Lezione 9 Analisi fondamentale dell investimento in capitale di rischio I metodi di valutazione. Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri Lezione 9 Analisi fondamentale dell investimento in capitale di rischio I metodi di valutazione Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri La valutazione La valutazione rappresenta il processo

Dettagli

INTEGRAZIONE AL DOCUMENTO INFORMATIVO FUSIONI PER INCORPORAZIONE DI AMSA - AZIENDA MILANESE SERVIZI AMBIENTALI - S.P.A. ASM BRESCIA S.P.A.

INTEGRAZIONE AL DOCUMENTO INFORMATIVO FUSIONI PER INCORPORAZIONE DI AMSA - AZIENDA MILANESE SERVIZI AMBIENTALI - S.P.A. ASM BRESCIA S.P.A. AEM S.P.A. ASM BRESCIA S.P.A. INTEGRAZIONE AL DOCUMENTO INFORMATIVO FUSIONI PER INCORPORAZIONE DI AMSA - AZIENDA MILANESE SERVIZI AMBIENTALI - S.P.A. E ASM BRESCIA S.P.A. IN AEM S.P.A. AI SENSI DELL ARTICOLO

Dettagli

FINANZA AZIENDALE RISULTATI ESAME DEL 30/1/2006

FINANZA AZIENDALE RISULTATI ESAME DEL 30/1/2006 FINANZA AZIENDALE RISULTATI ESAME DEL 30/1/2006 NORME PER LA VERBALIZZAZIONE GLI STUDENTI CON VOTAZIONE MAGGIORE DI 18/30 CHE INTENDONO RIFIUTARE IL VOTO DEVONO PRESENTARSI IN DATA 15/5/2006 DURANTE LA

Dettagli

Appendice A: il calcolo dei flussi nella valutazione degli investimenti

Appendice A: il calcolo dei flussi nella valutazione degli investimenti 16 18-12-2007 19:11 Pagina 465 Le decisioni di lungo termine: gli elementi necessari alla valutazione di un investimento 465 rischio dei manager potrebbe condizionare il rifiuto di un progetto con un van

Dettagli

Sommario. Prefazione XI PARTE I INTRODUZIONE 1. Capitolo 1 Arbitraggio e decisioni finanziarie 3

Sommario. Prefazione XI PARTE I INTRODUZIONE 1. Capitolo 1 Arbitraggio e decisioni finanziarie 3 Sommario Prefazione XI PARTE I INTRODUZIONE 1 Capitolo 1 Arbitraggio e decisioni finanziarie 3 1.1 Valutazione dei costi e benefici 4 Utilizzo dei prezzi di mercato per determinare valori monetari 4 Quando

Dettagli

RISCHIO E CAPITAL BUDGETING

RISCHIO E CAPITAL BUDGETING RISCHIO E CAPITAL BUDGETING Costo opportunità del capitale Molte aziende, una volta stimato il loro costo opportunità del capitale, lo utilizzano per scontare i flussi di cassa attesi dei nuovi progetti

Dettagli

ESERCIZI DI MATEMATICA FINANZIARIA DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT UNIFE A.A. 2015/2016. 1. Esercizi 3

ESERCIZI DI MATEMATICA FINANZIARIA DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT UNIFE A.A. 2015/2016. 1. Esercizi 3 ESERCIZI DI MATEMATICA FINANZIARIA DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT UNIFE A.A. 2015/2016 1. Esercizi 3 Piani di ammortamento Esercizio 1. Un prestito di 12000e viene rimborsato in 10 anni con rate

Dettagli

Vantaggi fiscali(ace e Super ace ) e Opportunità strategiche dalla quotazione

Vantaggi fiscali(ace e Super ace ) e Opportunità strategiche dalla quotazione Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Vantaggi fiscali(ace e Super ace ) e Opportunità strategiche dalla quotazione Dott. Alfredo Imparato Milano, 23 ottobre 2014 AGENDA Le PMI italiane, lo

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Economia e Organizzazione Aziendale (7,5 CFU) Allievi Meccanici. Prof. Michele Meoli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Economia e Organizzazione Aziendale (7,5 CFU) Allievi Meccanici. Prof. Michele Meoli UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di (7,5 CFU) Allievi Meccanici Prof. Michele Meoli 3.2 Il Valore Attuale Netto Analisi degli investimenti Overview tecniche di valutazione degli investimenti Tra

Dettagli

Il piano di marketing capitolo 13

Il piano di marketing capitolo 13 Il piano di marketing capitolo 13 Il piano di marketing Il piano di marketing è un documento che formalizza la strategia da seguire, ne spiega i presupposti, la traduce in programmi operativi*. Risponde

Dettagli

I TITOLI AZIONARI LE CATEGORIE DI AZIONI I PRINCIPI DI VALUTAZIONE E I DIVERSI MODELLI UTILIZZABILI CAPITOLO 13. Lezione 7 1

I TITOLI AZIONARI LE CATEGORIE DI AZIONI I PRINCIPI DI VALUTAZIONE E I DIVERSI MODELLI UTILIZZABILI CAPITOLO 13. Lezione 7 1 I TITOLI AZIONARI LE CATEGORIE DI AZIONI I PRINCIPI DI VALUTAZIONE E I DIVERSI MODELLI UTILIZZABILI CAPITOLO 13 1 PUNTI PRINCIPALI DELLA LEZIONE Le categorie di azioni Principi e modelli di valutazione

Dettagli

Corso di Corporate e Investment Banking

Corso di Corporate e Investment Banking Anno Accademico 2010/2011 Corso di Corporate e Investment Banking Appello del 21 settembre 2011 Il tempo a disposizione è di 120 minuti. Scrivere subito su ogni pagina nome, cognome e numero di matricola.

Dettagli

Metodo DCF (Discounted cash flow): i flussi di cassa prospettici levered e unlevered

Metodo DCF (Discounted cash flow): i flussi di cassa prospettici levered e unlevered Metodo DCF (Discounted cash flow): i flussi di cassa prospettici levered e unlevered Premessa Il metodo DCF Come noto il metodo DCF (Discounted cash flow) si è affermato da tempo, soprattutto nella prassi

Dettagli

Indice sistematico. Parte 1 - Valore e valutazione. capitolo 1 - Azienda e valore. capitolo 2 - Avviamento. capitolo 3 - Creazione del valore

Indice sistematico. Parte 1 - Valore e valutazione. capitolo 1 - Azienda e valore. capitolo 2 - Avviamento. capitolo 3 - Creazione del valore Indice 5 Parte 1 - Valore e valutazione capitolo 1 - Azienda e valore Valutazioni d azienda: situazione attuale e orientamenti evolutivi...19 Definizione economica di azienda...22 Definizione giuridica

Dettagli

LA VALUTAZIONE A FAIR VALUE DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI

LA VALUTAZIONE A FAIR VALUE DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI LA VALUTAZIONE A FAIR VALUE DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI La società Delta S.p.A. redige il proprio Bilancio d esercizio in conformità ai principi contabili internazionali Ias/Ifrs. In relazione ad

Dettagli

Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni

Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri Internet Stock In concomitanza alla crescente popolarità del settore Internet osservata

Dettagli

La valutazione economico finanziaria degli investimenti Scelte di finanziamento

La valutazione economico finanziaria degli investimenti Scelte di finanziamento Associazione Industriali Reggio Emilia 31 maggio 2012 La valutazione economico finanziaria degli investimenti Scelte di finanziamento Prof. Riccardo Ferretti Ordinario di Economia degli Intermediari Finanziari

Dettagli

SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE - la metodologia EVA -

SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE - la metodologia EVA - CORSO DI PIANIFICAZIONE FINANZIARIA SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE - la metodologia EVA - Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2002 Cap. 9 (Dottor

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO DIPLOMA UNIVERSITARIO TELEDIDATTICO Polo di Torino

POLITECNICO DI TORINO DIPLOMA UNIVERSITARIO TELEDIDATTICO Polo di Torino POLITECNICO DI TORINO DIPLOMA UNIVERSITARIO TELEDIDATTICO Polo di Torino COSTI DI PRODUZIONE E GESTIONE AZIENDALE A.A. 1999-2000 (Tutore: Ing. L. Roero) Scheda N. 10 ANALISI DEGLI INVESTIMENTI In questa

Dettagli

RENDIMENTO E RISCHIO DEI TITOLI AZIONARI. Prof. Marco Di Antonio

RENDIMENTO E RISCHIO DEI TITOLI AZIONARI. Prof. Marco Di Antonio RENDIMENTO E RISCHIO DEI TITOLI AZIONARI Prof. Marco Di Antonio PROBLEMATICITA Per i titoli azionari la costruzione di indicatori di rendimento è ancora più complessa rispetto ai titoli obbligazionari

Dettagli

La valutazione d azienda i metodi finanziari e dei multipli. Carlo Savazzi

La valutazione d azienda i metodi finanziari e dei multipli. Carlo Savazzi La valutazione d azienda i metodi finanziari e dei multipli Agenda Metodi di valutazione in generale Il metodo dei multipli Il DCF (Discounted Cash Flow) Un esempio concreto Gli elementi extra-contabili

Dettagli

Tecnica bancaria programma II modulo

Tecnica bancaria programma II modulo Tecnica bancaria programma II modulo Università degli Studi di Trieste Facoltà di Economia e Commercio Deams Dipartimento di Economia Aziendale Matematica e Statistica Tecnica Bancaria 520EC Marco Galdiolo

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 39 Strumenti finanziari: Rilevazione e valutazione

Principio contabile internazionale n. 39 Strumenti finanziari: Rilevazione e valutazione IAS 39 Principio contabile internazionale n. 39 Strumenti finanziari: Rilevazione e valutazione Finalità 1 La finalità del presente Principio è stabilire i principi per rilevare e valutare le attività

Dettagli

Fusione per incorporazione: il caso SEAT Pagine Gialle S.p.A.

Fusione per incorporazione: il caso SEAT Pagine Gialle S.p.A. Dipartimento di Economia e Impresa Corso di laurea in Consulenza e controllo aziendale A.A. 2011-2012 Fusione per incorporazione: il caso SEAT Pagine Gialle S.p.A. Relatore Michela Piccarozzi Correlatore

Dettagli

dimostrabilità: tutti i dati utilizzati nel calcolo devono poter trovare un riscontro e una coerenza con le ipotesi a fondamento delle previsioni

dimostrabilità: tutti i dati utilizzati nel calcolo devono poter trovare un riscontro e una coerenza con le ipotesi a fondamento delle previsioni utile alla determinazione del valore economico di un complesso aziendale o di specifiche categorie di beni Premessa La dottrina e la pratica offrono diverse possibilità nelle metodologie di calcolo del

Dettagli

BANCA POPOLARE DI MILANO

BANCA POPOLARE DI MILANO Evaluation.it reports on demand Indicazione d'acquisto HOLD Target Price Azioni ordinarie ERM: 3,18 Azioni ordinarie DDM: 3,05 Informazioni sul titolo Ultimo Prezzo: 2,87 Euro Titoli in circolazione: 415,07

Dettagli

SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE

SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE CORSO DI CORPORATE BANKING SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE - la metodologia EVA - Qual è il fine dell impresa nella logica della finanza aziendale? Massimizzare la creazione del valore per

Dettagli

L analisi finanziaria

L analisi finanziaria L analisi finanziaria Sebastiano Di Diego - Fabrizio Micozzi 1 L analisi dei flussi Profili generali 1 Le ragioni per uno studio dei flussi (1) Le riclassificazioni di dati economici e patrimoniali e lo

Dettagli

Il metodo di valutazione DCF: l attualizzazione dei flussi di cassa

Il metodo di valutazione DCF: l attualizzazione dei flussi di cassa 2 Il metodo di valutazione DCF: l attualizzazione dei flussi di cassa In questo capitolo La valutazione secondo il metodo DCF Come valutare un attività con flussi di cassa certi Introdurre l incertezza

Dettagli

Valutazioni su Intangibles e Business Combinations

Valutazioni su Intangibles e Business Combinations Valutazioni su Intangibles e Business Combinations Concetta Viglianti Torino, 22 ottobre 2008 1 Business Combination (Ifrs 3):definizione Business Combination (Ifrs 3):definizione Unione di entità o attività

Dettagli

NEL MODELLO MICROECONOMICO

NEL MODELLO MICROECONOMICO NEL MODELLO MICROECONOMICO 1 solo periodo Output: flusso Input: flusso Decisioni dell impresa: raffrontare ricavi correnti con costi correnti Questo si adatta bene ad alcuni fattori (il LAVORO) Meno soddisfacente

Dettagli

Indice generale. Parte prima Valore 1. Nota dell editore

Indice generale. Parte prima Valore 1. Nota dell editore 02. indice (V-X) 14-07-2003 16:40 Pagina V Nota dell editore XI Parte prima Valore 1 1 Perché la finanza aziendale è importante 3 1.1 Ruolo del manager finanziario 3 1.2 Chi è il manager finanziario? 5

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28. Partecipazioni in società collegate

PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28. Partecipazioni in società collegate PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28 Partecipazioni in società collegate SOMMARIO Paragrafi Ambito di applicazione 1 Definizioni 2-12 Influenza notevole 6-10 Metodo del patrimonio netto 11-12 Applicazione

Dettagli

LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI

LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI IAS 38 Caratteristiche delle attività immateriali: una risorsa controllata dall entità in in conseguenza di di eventi passati e dalla quale

Dettagli

3. La struttura dell intervento I COSTI DI INVESTIMENTO

3. La struttura dell intervento I COSTI DI INVESTIMENTO ANALISI DI FATTIBILITA ECONOMICO - FINANZIARIA PARCO DELLO SPORT DI MONZA 1. Executive Summary L analisi della fattibilità economico finanziaria ha come finalità la verifica della sostenibilità economico-finanziaria

Dettagli

Valutazione d azienda: aspetti applicativi. Docente: Prof. Massimo Mariani

Valutazione d azienda: aspetti applicativi. Docente: Prof. Massimo Mariani Docente: Prof. Massimo Mariani 1 METODI FINANZIARI - Durata del periodo di previsione analitica La scelta della durata del periodo di previsione analitica è principalmente legata a: Settore aziendale di

Dettagli

LA VALUTAZIONE D AZIENDA (E DELLE QUOTE/AZIONI DI MAGGIORANZA/MINORANZA) A cura di Ciro D Aries

LA VALUTAZIONE D AZIENDA (E DELLE QUOTE/AZIONI DI MAGGIORANZA/MINORANZA) A cura di Ciro D Aries LA VALUTAZIONE D AZIENDA (E DELLE QUOTE/AZIONI DI MAGGIORANZA/MINORANZA) A cura di Ciro D Aries I METODI DI VALUTAZIONE DELLE AZIENDE 2 I Criteri di Valutazione Si devono adottare i criteri di valutazione

Dettagli

1. Descrizione della fusione del comparto di Compam Fund: Europe Dynamic 0/100 nel comparto di Diaman SICAV Mathematics

1. Descrizione della fusione del comparto di Compam Fund: Europe Dynamic 0/100 nel comparto di Diaman SICAV Mathematics CompAM FUND Società d'investimento a Capitale Variabile (SICAV) Sede legale: 4, boulevard Royal, L-2449 Luxembourg Registro delle imprese lussemburghese N B92095 COMUNICAZIONE AGLI AZIONISTI I. COMPARTO

Dettagli

La teoria finanziaria del valore asserisce che il valore di una iniziativa dipende essenzialmente da tre fattori:

La teoria finanziaria del valore asserisce che il valore di una iniziativa dipende essenzialmente da tre fattori: La teoria finanziaria del valore asserisce che il valore di una iniziativa dipende essenzialmente da tre fattori: i flussi monetario che l iniziativa è in grado di generare il profilo temporale associabile

Dettagli

ASPETTI CRITICI APPLICATIVI OIC n. 9. Dott.ssa Roberta Provasi dottore commercialista in Milano Università degli Studi di Milano-Bicocca

ASPETTI CRITICI APPLICATIVI OIC n. 9. Dott.ssa Roberta Provasi dottore commercialista in Milano Università degli Studi di Milano-Bicocca ASPETTI CRITICI APPLICATIVI OIC n. 9 Dott.ssa Roberta Provasi dottore commercialista in Milano Università degli Studi di Milano-Bicocca 1 Finalità Verificare che il valore delle proprie attività non superi

Dettagli

Finanza Aziendale. Lezione 13. Introduzione al costo del capitale

Finanza Aziendale. Lezione 13. Introduzione al costo del capitale Finanza Aziendale Lezione 13 Introduzione al costo del capitale Scopo della lezione Applicare la teoria del CAPM alle scelte di finanza d azienda 2 Il rischio sistematico E originato dalle variabili macroeconomiche

Dettagli

STRUMENTO DESCRIZIONE ASPETTI BANCARI ASPETTI FISCALI

STRUMENTO DESCRIZIONE ASPETTI BANCARI ASPETTI FISCALI Mutuo ( a medio/lungo termine, utilizzato per gli investimenti di immobilizzazioni) È un per immobilizzazioni, come l acquisto, la costruzione o la ristrutturazione di immobili, impianti e macchinari.

Dettagli

Lezione n. 20 Obiettivi della lezione Le domande a cui vogliamo rispondere: Analisi di bilancio - II La formulazione delle assumption. La previsione della gestione finanziaria attiva e la chiusura del

Dettagli

Valutazione d azienda con il metodo dei multipli: analisi di un caso

Valutazione d azienda con il metodo dei multipli: analisi di un caso Valutazione d azienda con il metodo dei multipli: analisi di un caso responsabile operazioni di merchant banking DALLA TEORIA ALLA PRASSI LA VALUTAZIONE AL SERVIZIO DEL PROCESSO NEGOZIALE COMPRATORE VENDITORE

Dettagli

Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario. anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti

Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario. anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti 1 Il Conto Economico Il prospetto di CE può essere redatto:

Dettagli

Teoria della Finanza Aziendale La v a v lutazione dei titoli titoli rischiosi : le azioni 4

Teoria della Finanza Aziendale La v a v lutazione dei titoli titoli rischiosi : le azioni 4 Teoria della Finanza Aziendale La valutazione dei titoli rischiosi : le azioni 4 1-2 Argomenti Rendimenti richiesti Prezzi delle azioni e EPS Cash Flows e valore economico d impresa 1-3 Domande chiave

Dettagli

Modello e Teoria del Bilancio di Esercizio. L Impairment Test (Ias 36)

Modello e Teoria del Bilancio di Esercizio. L Impairment Test (Ias 36) 1 L Impairment Test (Ias 36) 2 Oggetto: riguarda la svalutazione per perdite di valore di attività Finalità: evita che le attività siano iscritte a un valore superiore a quello recuperabile Ambito: in

Dettagli

SOMMARIO. Art. 1 Variazioni alle previsioni di entrata e di spesa del bilancio di previsione 2008

SOMMARIO. Art. 1 Variazioni alle previsioni di entrata e di spesa del bilancio di previsione 2008 SOMMARIO Art. 1 Variazioni alle previsioni di entrata e di spesa del bilancio di previsione 2008 Art. 2 Autorizzazioni di spesa per l anno 2008 Art. 3 Variazioni alle previsioni del bilancio pluriennale

Dettagli

2. a. Il tasso di cambio a pronti dell euro in dollari statunitensi in data 23 aprile 2007 era 1,3557.

2. a. Il tasso di cambio a pronti dell euro in dollari statunitensi in data 23 aprile 2007 era 1,3557. SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 8 1. Il sistema di determinazione dei tassi di cambio utilizzato per eseguire le operazioni in valuta estera ha subìto modifiche nel corso del tempo. Dal 1944 al 1971, secondo

Dettagli

Il presente comunicato è reso anche ai sensi dell art. 71 bis del Regolamento di attuazione del Decreto Legislativo n. 58 del 1998.

Il presente comunicato è reso anche ai sensi dell art. 71 bis del Regolamento di attuazione del Decreto Legislativo n. 58 del 1998. COMUNICATO STAMPA DEA CAPITAL ENTRA NEL SETTORE DELL ALTERNATIVE ASSET MANAGEMENT ATTRAVERSO L ACQUISIZIONE DI UNA PARTECIPAZIONE DEL 44,4% IN IDEA ALTERNATIVE INVESTMENTS SOTTOSCRITTO UN COMMITMENT FINO

Dettagli

I DEBITI NORMATIVA CIVILISTICA. 2426 (Criteri di valutazione) Nelle valutazioni devono essere osservati i seguenti criteri: Nessuna disposizione.

I DEBITI NORMATIVA CIVILISTICA. 2426 (Criteri di valutazione) Nelle valutazioni devono essere osservati i seguenti criteri: Nessuna disposizione. I DEBITI I DEBITI NORMATIVA CIVILISTICA 2426 (Criteri di valutazione) Nelle valutazioni devono essere osservati i seguenti criteri: Nessuna disposizione. Principio contabile nazionale Doc. n. 19 Definizione

Dettagli

Capitolo undicesimo I PRESTITI OBBLIGAZIONARI

Capitolo undicesimo I PRESTITI OBBLIGAZIONARI Capitolo undicesimo I PRESTITI OBBLIGAZIONARI 11.1. Il prestito obbligazionario: aspetti giuridici ed economicoaziendali Il prestito obbligazionario rappresenta una modalità di finanziamento a medio-lungo

Dettagli

Indice. Prefazione, di Tancredi Bianchi XIII. Presentazione della seconda edizione, di Giancarlo Forestieri XVII

Indice. Prefazione, di Tancredi Bianchi XIII. Presentazione della seconda edizione, di Giancarlo Forestieri XVII Prefazione, di Tancredi Bianchi Presentazione della seconda edizione, di Giancarlo Forestieri XIII XVII Parte prima Il mercato, le istituzioni e gli strumenti di valutazione 1 Il sistema finanziario e

Dettagli

Indice 3 PREFAZIONE. 29 Premessa

Indice 3 PREFAZIONE. 29 Premessa Indice 3 PREFAZIONE 5 INTRODUZIONE - Tendenze evolutive del rapporto banca-impresa 5 I.1 Premessa 6 I.2 Le recenti riforme dell ordinamento bancario 9 I.2.1 Le direttive del Comitato di Basilea 12 I.2.2

Dettagli

PERDITE DI VAL SU IMM. MAT. E IMMAT. - OIC 9

PERDITE DI VAL SU IMM. MAT. E IMMAT. - OIC 9 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA REDAZIONE DEL BILANCIO CIVILISTICO 2014: LE PRINCIPALI NOVITA PERDITE DI VAL SU IMM. MAT. E IMMAT. - OIC 9 Dr. Riccardo Bauer 2 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Dettagli

Economia dei gruppi e bilancio consolidato. Purchase price allocation, cash generating units e impairment test nel bilancio consolidato Ias/Ifrs

Economia dei gruppi e bilancio consolidato. Purchase price allocation, cash generating units e impairment test nel bilancio consolidato Ias/Ifrs Purchase price allocation, cash generating units e impairment test nel bilancio consolidato Ias/Ifrs 1 Framework Business combination (acquisizione del controllo) Purchase Price Allocation (valutazione

Dettagli

AREA FINANZA INNOVATIVA DIVISIONE PROJECT FINANCING. in qualità di ADVISOR DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI SAN VINCENZO (LI) per: BUSINESS PLAN

AREA FINANZA INNOVATIVA DIVISIONE PROJECT FINANCING. in qualità di ADVISOR DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI SAN VINCENZO (LI) per: BUSINESS PLAN AREA FINANZA INNOVATIVA DIVISIONE PROJECT FINANCING in qualità di ADVISOR DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI SAN VINCENZO (LI) per: PROGETTO DI AMPLIAMENTO DEL PORTO TURISTICO DI SAN VINCENZO (LI) BUSINESS

Dettagli

BREA ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE. Indirizzo: Economia aziendale Progetto Brocca Corso sperimentale

BREA ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE. Indirizzo: Economia aziendale Progetto Brocca Corso sperimentale BREA ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE Indirizzo: Economia aziendale Progetto Brocca Corso sperimentale Tema di: Economia aziendale L impresa Pomodori S.p.A. di Napoli, azienda leader del

Dettagli

Massimo A. De Francesco Dipartimento di Economia politica e statistica, Università di 1 Siena Introduzione

Massimo A. De Francesco Dipartimento di Economia politica e statistica, Università di 1 Siena Introduzione Valore dell impresa e decisioni di investimento. Irrilevanza della struttura patrimoniale in condizioni di certezza (prima versione, aprile 2013; versione aggiornata, aprile 2014) Massimo A. De Francesco

Dettagli

Comunicazione ai Sottoscrittori

Comunicazione ai Sottoscrittori Comunicazione ai Sottoscrittori 6 Novembre 2008 Pioneer S.F. Fondo Comune d Investimento di Diritto Lussemburghese (Fonds Commun de Placement) I.P. Indice 1. Cambio di denominazione e delle politiche

Dettagli

LA DETERMINAZIONE DEL VALORE DELLE IMPRESE

LA DETERMINAZIONE DEL VALORE DELLE IMPRESE LA DETERMINAZIONE DEL VALORE DELLE IMPRESE 1. INTRODUZIONE Questa relazione é dedicata alla misurazione del valore di un impresa funzionante, ed in particolare ai criteri che possono essere adottati per

Dettagli