Agenzia per gli Investimenti e la Competitività

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Agenzia per gli Investimenti e la Competitività"

Transcript

1

2 Agenzia per gli Investimenti e la Competitività I contenuti di questa pubblicazione, compresa ogni figura, tavola ed illustrazione, sono di proprietà intellettuale dell Agenzia per gli Investimenti e la Competitività. Tutti i diritti sono riservati. La rimozione o l alterazione degli avvisi di copyright o dei loghi non è consentita. La trasmissione o la riproduzione di questa pubblicazione e di ogni sua parte, a prescindere dalla motivazione e dalle modalità, sono consentite solo citando la fonte e previa espressa autorizzazione scritta da parte dell Agenzia per gli Investimenti e la Competitività. Nella compilazione di questa pubblicazione, l Agenzia per gli Investimenti e la Competitività ha fatto ogni sforzo per assicurare la correttezza e l attualità delle informazioni riportate, ma non si assume alcuna responsabilità per eventuali errori, omissioni o carenze. Ogni riferimento a dati reperibili on-line non implica da parte dell Agenzia per gli Investimenti e la Competitività alcuna garanzia o approvazione circa il contenuto di siti terzi. L Agenzia per gli Investimenti e la Competitività non è responsabile per pregiudizi di qualsiasi genere, inclusi pregiudizi diretti, speciali, indiretti o correlati all utilizzo di questa pubblicazione.

3

4 Cari investitori, sono particolarmente lieta di presentare la versione italiana di questa Guida agli Investimenti, manuale operativo realizzato dall AIK - Agenzia croata per gli Investimenti e la Competitività - al fine di fornire agli investitori esteri uno strumento per orientarsi nel mercato croato e muovere i primi passi verso la realizzazione di un progetto d investimento in questo Paese. La Croazia è un mercato dalle grandi prospettive per l Italia. Il Paese presenta una consolidata stabilità politica, gode di una posizione geografica strategica, possiede una forza lavoro con eccellenti competenze tecnico-scientifiche e una conoscenza diffusa delle lingue straniere. Molteplici sono inoltre gli incentivi e le agevolazioni per gli investimenti. Il Governo croato ha infatti individuato nel rilancio degli investimenti uno strumento prioritario per riavviare l economia, in particolare per quanto riguarda il settore dei trasporti ferroviari, la gestione delle acque, il settore energetico e quello turistico. Ulteriori opportunità d investimento, associate a nuovi processi produttivi e tecnologici, potranno nascere anche nel settore agroalimentare ed industriale. Inoltre, nell ambito del Quadro Finanziario Pluriennale dell Unione Europea, la Croazia potrà contare su circa 11.7 miliardi di euro di finanziamenti tra fondi strutturali e di coesione. Dal 2000 l Italia è il primo partner commerciale della Croazia, sia nella veste di fornitore che di cliente, e tra i primi investitori stranieri. I rapporti bilaterali sono eccellenti anche in tutti gli altri settori. L adesione della Croazia all Unione Europea il 1 luglio scorso ha poi rappresentato per Zagabria un traguardo importante a livello politico ed economico, che l Italia ha sostenuto e favorito con convinzione. Mi é in questo positivo contesto sembrato naturale offrire il supporto dell Ambasciata d Italia ad AIK nel realizzare la versione italiana di questa interessante guida. L Ambasciata d Italia a Zagabria, in sinergia con il locale Ufficio dell ICE - Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane - opera quotidianamente per fornire agli investitori italiani ogni supporto, anche attraverso l azione del Comitato Consultivo dell Imprenditoria Italiana in Croazia (www.cciic.hr) e l aggiornamento costante dei portali di informazione del Ministero degli Affari Esteri italiano e Il quadro che si prospetta nell immediato futuro è pertanto estremamente favorevole per avvicinarsi a questo mercato e sono certa che le imprese italiane sapranno cogliere questa opportunità. Emanuela d Alessandro Ambasciatore d Italia a Zagabria Ambasciata ditalia a Zagabria Ufficio Commerciale Medulićeva 22, Zagabria Phone: +385 (0) ICE - Agenzia per l internazionalizzazione e la promozione all estero delle imprese italiane Masarykova 24, Zagabria Phone: +385 (0)

5 Cari investitori, è con immenso piacere che vi presento la prima edizione della Guida agli Investimenti in Croazia. Questa pubblicazione ha l ambizione di assistere, nelle varie fasi di un progetto d investimento, coloro che stanno investendo in Croazia o che hanno intenzione di farlo. Dalla fine del 2011, il Governo croato ha messo in atto una serie di misure e di riforme legislative finalizzate al miglioramento del clima imprenditoriale e alla creazione di un quadro giuridico e di condizioni di investimento favorevoli, a beneficio di aziende multinazionali ed investitori. Questa Guida agli Investimenti vuole presentarvi un Paese dalle grandi potenzialità e dai molteplici vantaggi comparati. Tra i diversi aspetti che rendono la Croazia un luogo ideale per incrementare profitti e quote di mercato, vorrei menzionare una forza lavoro istruita e all avanguardia, costi competitivi, una collocazione geografica strategica, infrastrutture tra le più moderne nella regione e il recente ingresso nell Unione Europea, una delle zone di libero scambio più grandi al mondo. Per tali ragioni, e per aiutarvi ad intraprendere il vostro progetto d investimento, l Agenzia per gli Investimenti e la Competitività ha concepito questa esaustiva pubblicazione, al fine di guidarvi attraverso le varie fasi del vostro progetto d investimento in Croazia. Oltre alle informazioni contenute in questa Guida, potete contare sull Agenzia per gli Investimenti e la Competitività, agenzia governativa istituita allo scopo di fornire agli investitori un supporto fattivo, per usufruire di un assistenza passo dopo passo nella realizzazione del vostro investimento in Croazia. A tale riguardo, ogni investitore avrà a disposizione un servizio completo e trasparente, con un approccio personalizzato. Il nostro obiettivo è quello di far conoscere la Croazia quale destinazione di grande attrattiva per gli investitori europei, e continueremo a tal fine a migliorare il contesto imprenditoriale, curando l immagine del nostro Paese ed offrendo a tutti gli investitori servizi di ottimo livello. In caso di necessità, vi invito a contattare l Agenzia per gli Investimenti e la Competitività in qualsiasi fase progettuale per avvalervi della nostra assistenza. Damir Novinić Il Direttore Esecutivo Ogni investitore accorto dovrebbe prendere in considerazione un investimento in Croazia, citazione dal Financial Times, Febbraio

6 SOMMARIO 1. INFORMAZIONI SUL PAESE 1.1. Informazioni Generali 1.2. Scambi Commerciali 1.3. Investimenti Diretti Esteri 1.4. Accordi Internazionali in materia economica e fiscale 2. INFRASTRUTTURE 2.1. Trasporti Strade Ferrovie Porti Aeroporti Utenze Tecnologie dell Informazione e della Telecomunicazione 3. DOVE INVESTIRE 3.1. Zone commerciali in Croazia 3.2. Acquisto di terreni 3.3. Permesso di localizzazione 3.4. Certificazione progettuale principale e Permesso di costruzione 3.5. Permesso di utilizzo 3.6. Legge sulle procedure e i requisiti di costruzione per la promozione degli investimenti Ottenimento della Decisione sui requisiti di costruzione 4. RISORSE UMANE 4.1. Sistema educativo 4.2. Forza lavoro disponibile 5. COSTI DI UN ATTIVITA IMPRENDITORIALE Stipendi Utenze Energia elettrica Gas naturale Acqua

7 6. QUADRO NORMATIVO 6.1. Status degli investitori stranieri 6.2. Diritti di proprietà intellettuale 6.3. Concessioni 6.4. Costituzione della società 6.5. Apertura/costituzione di una filiale 6.6. Apertura dell Ufficio di Rappresentanza 6.7. Legalizzazione dei documenti nei negozi giuridici internazionali 6.8. Occupazione di cittadini stranieri Stranieri che non necessitano di permesso di soggiorno e di lavoro Permesso di soggiorno e di lavoro nell ambito della quota/contingente annuale Permesso di soggiorno e di lavoro al di fuori della quota annuale Certificato di registrazione di lavoro Lavoratore distaccato 7. SISTEMA FISCALE 7.1. Imposta sul profitto 7.2. Imposta sul reddito e Sovrattassa sull imposta sul reddito 7.3. Imposta sul valore aggiunto 7.4. Imposta sul trasferimento di proprietà 9. INCENTIVI AGLI INVESTIMENTI 8.1. Classificazione degli imprenditori 8.2. Agevolazioni fiscali 8.3. Incentivi per la nuova occupazione 8.4. Incentivi per la formazione professionale 8.5. Misure di incentivazione per le spese capitali del progetto d investimento 8.6. Misure di incentivazione per i progetti d investimento ad alta intensità di lavoro 8.7. Procedura per presentare la richiesta per misure di incentivazione 8.8. Legge sulle Attività Scientifiche e sull Istruzione superiore 8.9. Mappa degli aiuti regionali Zone Franche Incentivi per coloro che operano nella città di Vukovar Aree di particolare tutela statale 9. ISTITUZIONI COMPETENTI 9.1. Agenzia per gli investimenti e la competitività 9.2. Ministeri 9.3. Istituzioni a supporto delle imprese 9.4. Agenzie regionali di sviluppo

8 1. INFORMAZIONI SUL PAESE 1.1. Informazioni Generali 1.2. Scambi Commerciali 1.3. Investimenti Diretti Esteri 1.4. Accordi Internazionali in materia economica e fiscale 6

9 1.1. Informazioni Generali Superficie km 2 Popolazione 4.4 milioni Sistema Politico Democrazia Parlamentare Organizzazione Territoriale 20 Contee piùà la Città di Zagabria Capitale Zagabria Lingua Ufficiale Croato Valuta Kuna (HRK) Tasso di cambio di riferimento (2012) 1 EUR = USD = 5.85 Prefisso telefonico internazionale Dominio di primo livello TLD.hr Fuso Orario Ora centroeuropea (CET) Clima Continentale e Mediterraneo Principali Indicatori Macroeconomici PIL (milioni EUR a prezzi correnti) Tasso di crescita PIL (prezzi costanti) % PIL pro capite, prezzi correnti (EUR) Importazioni di beni e servizi (milioni EUR) Esportazioni di beni e servizi (milioni EUR) Tasso di disoccupazione (OIL) % Inflazione (media annuale) % Fonte: Banca Centrale Croata, Ufficio Croato di Statistica 1.2. Scambi Commerciali Più della metà degli scambi commerciali croati avviene con i Paesi dell Unione Europea. I più importanti partner esteri sono: Italia, Germania, Slovenia, Austria e Bosnia Erzegovina. Importazioni Italia 16.7% Germania 12.9% Russia 7.6% Cina 7.1% Slovenia 5.8% Esportazioni Italia 15.3% Bosnia Erzegovina 12.8% Germania 10.3% Slovenia 8.6% Austria 6.5% 7

10 PRODOTTI ESPORTATI % Petrolio e derivati 10.9 Altre attrezzature da trasporto (navi) 7.3 Macchinari elettrici, strumenti e congegni 7.0 Prodotti medici e farmaceutici 4.4 Abbigliamento 4.2 Prodotti in metallo n.e.s. 3.5 Sughero e legname 3.5 Prodotti minerari non metallici 3.4 Macchinari e dispositivi per la produzione di energia 3.0 Macchinari ed attrezzature industriali in genere 3.0 Altro 49.8 Totale Fonte: Ufficio Croato di Statistica, 2012 PRODOTTI IMPORTATI % Petrolio e derivati 15.8 Veicoli da strada 4.1 Macchinari elettrici, strumenti e congegni 4.0 Prodotti medici e farmaceutici 4.0 Macchinari industriali in genere e attrezzature 3.8 Ferro e acciaio grezzi 3.6 Gas naturale e raffinato 3.5 Prodotti manufatti vari, n.e.s. 3.4 Corrente elettrica 3.1 Abbigliamento 3.0 Altro 51.7 Totale Investimenti Diretti Esteri dal 1993 al 2012 la Croazia ha attratto Investimenti Diretti Esteri per 26,75 miliardi di euro. Investimenti Diretti Esteri in Croazia per settore di attività Altri prodotti minerari non metallici 3,1% Altro 20,3% Commercio al dettaglio 4,8% Altre attività commerciali 4,9% Prodotti chimici e derivati 5,1% Prodotti petroliferi raffinati 5,9% Telecomunicazioni 6,3% Intermediazione finanziaria 32,8% Fonte: Banca Centrale Croata, 2013 Immobiliare 6,9% Commercio all ingrosso 9,9% 8

11 Investimenti Diretti Esteri in Croazia per Paese Italia 4,8% Slovenia 4,3% Altri 18,0% Francia 5,1% Lussemburgo 6,3% Austria 26,1% Ungheria 8,8% Fonte: Banca Centrale Croata, 2013 Germania 11,4% Paesi Bassi 15,2% Se si considerano gli IDE pro capita, la Croazia è ai primi posti tra i seguenti Paesi dell Europa Orientale: IDE pro capita (EUR), Ungheria Croazia Bulgaria Repubblica Slovacca Lettonia Slovenia Polonia Lituania Romania Fonte: Banca Centrale Croata,

12 1.4. Accordi Internazionali in materia economica e fiscale Tutti i trattati conclusi dalla Croazia in materia fiscale volti ad evitare la doppia imposizione si basano su uno schema conforme al Modello dell Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE). La Croazia ha firmato inoltre Accordi bilaterali sugli investimenti con 52 Paesi: Paese Trattato sulla doppia imposizione (utili e capitale) Trattato sulla doppia imposizione (utili) Accordo bilaterale d investimento Albania Argentina Armenia Austria Belgio Bosnia Erzegovina Bulgaria Cambogia Canada Cile Cina Cuba Repubblica Ceca Danimarca Egitto Estonia Finlandia Francia FYR Macedonia Germania Gran Bretagna Grecia Ungheria India Indonesia Iran Irlanda Islanda Israele Italia Giordania 10

13 Paese Corea Fonte: Ministero Affari Esteri croato, 2013 Trattato sulla doppia imposizione (utili e capitale) Trattato sulla doppia imposizione (utili) Accordo bilaterale d investimento Kuwait Lettonia Libia Lituania Malaysia Malta Mauritius Moldavia Montenegro Norvegia Oman Polonia Portogallo Qatar Repubblica Sud Africana Romania San Marino Serbia Slovacchia Slovenia Spagna Svezia Svizzera Siria Tailandia Lussemburgo-Belgio (Un. Eco.) Paesi Bassi Bielorussia Russia Stati Uniti Turchia Ucraina Regno Unito Zimbabwe 11

14 2. INFRASTRUTTURE 2.1. Trasporti Strade Ferrovie Porti Aeroporti 2.2. Servizi di pubblica utilità 2.3. Informazione e Telecomunicazioni 12

15 2.1. Trasporti La Croazia è attraversata da tre Corridoi Pan Europei che facilitano e velocizzano l accesso al Paese: Prague Lovov Kiev Bern Vienna Bratislava V Slazburg Luxembourg X Budapest Graz Maribor Vb Ljubljana Xa Vc Venice Trieste Zagreb Rijeka Sisak Osijek Split Sarajevo Ploče Belgrade X VII Skopje Thessaloniki Corridoi di Trasporto Pan-Europei V Venezia Trieste / Koper Lubiana Maribor Budapest Uzhhorod Lviv Kiev Ramo V/b Fiume Zagabria Budapest Ramo V/c Ploče Sarajevo Osijek Budapest X Salisburgo Lubiana Zagabria Belgrado Niš Skopje Veles Salonicco Ramo X/a Graz Maribor Zagabria VII Danubio 13

16 Strade Autostrade in Croazia Rete autostradale 2013 Rete autostradale 2020 Strade regionali e locali Čakovec Varaždin Zagreb Sisak Karlovac Bjelovar Koprivnica Osijek Vukovar Rijeka Vinkovci Slavonski Brod Pula Zadar Šibenik Split Dubrovnik Fonte: Autostrade Croate, 2013 Il sistema stradale croato permette di accedere al Paese e di muoversi in maniera facile e veloce. La Croazia dispone, infatti, di ben km di strade (di cui km costituiti da autostrade, km da strade statali, km da strade regionali ed i restanti km da strade locali). 14

17 Ferrovie Ferrovie in Croazia Rete di connessione internazionale Rete internazionale Rete semiinternazionale Rete regionale Rete locale Fonte: Ministero degli Affari Marittimi, dei Trasporti e delle Infrastrutture La lunghezza delle ferroviarie croate è pari a km (di cui km a binario unico e 254 km a doppio binario, mentre 980 km, pari al 36% della rete, è elettrificato). Le rete ferroviaria croata fa parte della rete ferroviaria europea. 15

18 Porti I porti croati rappresentano una soluzione conveniente per il trasporto navale di merci verso l Europa (attraverso il Canale di Suez) dall Asia centrale, orientale e meridionale, nonche dall Australia e dall Oceania, in quanto consentono di accorciare la navigazione di ben 8 giorni. I porti Croati collegano, inoltre, l Europa Orientale e Centrale al Nord America, al Sud America e all Africa. Corrid Profondità dock (m) Fiume Ploče 9-14 Spalato 7-10 Sebenico 7-10 Zara 7 Dubrovnik 11 Cargo Passeggeri Presenza di dogana Possibilità di deposito Possibilità di deposito in container Fonte: Autorità Portuali, 2013 La Croazia ha sei porti internazionali aperti al traffico di grande importanza economica (internazionale): Fiume, Ploče, Spalato, Sebenico, Zara e Dubrovnik. 16

19 Principali porti fluviali e marittimi croati Principali porti marittimi Porti fluviali per trasporto merci Fonte: Autorità Portuali Alcuni corsi d acqua interni sono inoltre utilizzati per il trasporto internazionale di merci, con porti fluviali operativi nelle città di Sisak, Slavonski Brod, Osijek e Vukovar. Le acque interne croate sono navigabili per 804 km, di cui 287 km fanno parte della Rete internazionale di vie navigabili interne. Porto fluviale Profondità dock (m) Vukovar 3 Osijek 3-4 Sisak 3 Slavonski Brod 3 Cargo Passeggeri Presenza di dogana Possibilità di deposito Possibilità di deposito in container Fonte: Autorità Portuali 17

20 Aeroporti Aeroporti Internazionali croati Aeroporti Fonte: Autorità aeroportuali Gli aeroporti croati registrano un traffico di circa 5 milioni di passeggeri l anno. In Croazia ci sono sette aeroporti internazionali, ubicati nelle seguenti città: Zagabria, Dubrovnik, Zara, Fiume, Pola e Osijek. Vi sono inoltre due piste per il decollo e l atterraggio di piccoli velivoli a Brač e Lussinpiccolo. 18

21 Ubicazione dell aeroporto Traffico di passeggieri (2012) Zagabria Dubrovnik Spalato Pola Zara Fiume Osijek Brač Lussinpiccolo 794 Internazionale Passeggeri Merci Presenza di dogana Possibilità di deposito Fonte: Autorità aeroportuali,

22 2.2. Servizi di pubblica utilità La Croazia è un Paese ricco di risorse naturali. Possiede tra le più grandi riserve d acqua potabile al mondo, giacimenti di gas naturale tali da soddisfare il fabbisogno domestico e un buon potenziale nel settore energetico, anche grazie allo sfruttamento di fonti convenzionali (centrali termiche e idriche) ed alternative. Infrastrutture per il gas naturale, gasdotti e piani di sviluppo Rogatec Varaždin REGIJA SJEVERNA HRVATSKA Gola Zabok Budrovac Dravaszerdahely gasdotto 75 bar gasdotto 50 bar gasdotto 75 bar - estensione Umag REGIJA ZAPADNA HRVATSKA Kukljanovo Omišalj Josipdol Karlovac Zagreb PSP OKOLI Sisak REGIJA SREDIŠNJA HRVATSKA Kutina Donji Miholjac Beli Manastir Osijek REGIJA ISTOČNA HRVATSKA Požega Sotin Slavonski Brod LNG RV Lička Jesenica Županja Vodnjan Otočac Estensioni di rete in programma UGS Okoli Gospić REGIJA JUŽNA HRVATSKA Potenziale ubicazione LNG Obrovac Zadar Knin Benkovac Biograd na moru Tisno Šibenik Trogir Split Makarska Ploče Dubrovnik Fonte: Plinacro, 2013 Il principale fornitore di energia sul mercato croato è la HEP, una società pubblica. Tuttavia, negli ultimi anni il mercato dell energia croato è stato liberalizzato attraverso modifiche alla normativa di settore, rendendolo coerente coi principi del libero mercato. L Agenzia HERA (www.hera.hr) è l ente di regolamentazione di tutte le attività del settore energetico. Sono previsti forti incentivi per la produzione di energia da fonti rinnovabili (del tipo feed-in tariff), con l obbligo per la HEP di acquistare l intera produzione di tale energia da parte delle persone fisiche o giuridiche. La produzione di gas naturale in Croazia soddisfa circa il 60% del fabbisogno nazionale. Nei prossimi anni, in base ai progetti per le reti del gas, la Croazia dovrebbe giungere ad un livello paragonabile ai più avanzati Paesi dell Europa Occidentale. 20

23 2.3. Informazione e Telecomunicazioni In Croazia, la rete telefonica fissa è stata digitalizzata al 100% ed è la più moderna dell Europa centro-orientale. Il mercato delle telecomunicazioni è stato completamente liberalizzato, con la presenza di numerosi operatori di telefonia fissa e mobile ed altrettanti fornitori di servizi Internet. In base all ICT Development Index, la Croazia possiede un alto livello di accesso, utilizzo e competenza nel settore ICT. Oltre alla Slovenia, è infatti l unico Paese della Regione a figurare nella prima fascia della classifica dell Indice di Sviluppo ICT. Indice di Sviluppo ICT, IDI 2011 Posizione Indice SI HU SK HR RS BG ME RO MK BA Fonte: ITU, 2011 La Croazia è un Paese all avanguardia nell introduzione di nuove tecnologie, soprattutto nel campo del trasferimento e della mobilità dei dati. La Croazia è anche un Paese leader nell applicazione e commercializzazione di tali tecnologie. Oltre alla tecnologia WiMax (di cui è stata uno dei primi utilizzatori in questa parte d Europa), sono in uso anche altre moderne tecnologie come il Triple play ed il 4G. 21

24 3. DOVE INVESTIRE 3.1. Zone Commerciali in Croazia 3.2. Acquisto di terreni 3.3. Permesso di localizzazione 3.4. Certificazione progettuale principale e Permesso di costruzione 3.5. Permesso di utilizzo dell immobile 3.6. Legge sulle procedure e i requisiti di costruzione per la promozione degli investimenti Ottenimento della Decisione sui requisiti di costruzione 22

25 3.1. Zone Commerciali in Croazia Le zone commerciali sono aree specifiche costituite da terreni a destinazione industriale di proprietà dello Stato, delle Autorità locali o di privati. Esistono più di trecento zone commerciali con infrastrutture che vanno da una superficie dei mq a diversi milioni di mq. Nella tabella sottostante sono riportate le principali zone commerciali aperte a nuovi investimenti, ubicate su terreni di proprietà delle Stato o dalle Autorità locali. Il terreni collocati all interno delle zone commerciali croate sono pronti per essere trasformati in attività commerciali e pertanto: Non vi sono questioni pendenti riguardanti i diritti di proprietà La documentazione urbanistica è stata acquisita Il terreno è dotato di allacci alle utenze e alle infrastrutture ICT nonché di collegamenti alle reti di trasporto Le zone economiche elencate offrono ai potenziali investitori i seguenti vantaggi: Esenzione totale o parziale da oneri comunali Esenzione totale o parziale da tasse comunali Terreno a basso costo Infrastrutture già realizzate Incentivi statali diretti ed indiretti Le zone economiche rappresentano una buona base per intraprendere un attività imprenditoriale in tempi brevi. Oltre al terreno, esse offrono spesso anche spazi adibiti ad ufficio. 23

26 Zone Commerciali in Croazia 7. Mala Subotica 11. Jalžabet Sv. Križ Začretje Đurđevac 18. Bakar Ogulin 12. Virovitica Brckovljani Bjelovar Donji Miholjevac Popovača Pleternica Nova Gradiška Gradište Vodnjan 6. Gospić 20. Stankovci 9. Šibenik Sinj BJELOVAR-BILOGORA (Città di Bjelovar) Zona commerciale Novi Borik-Lepirac Terreni disponibili m 2 Prezzo di vendita 6,7 /m 2 Ploče BROD-POSAVINA (Città di Nova Gradiška) Zona commerciale Nova Gradiška Terreni disponibili m 2 Prezzo di vendita 3,4 /m 2 3. KARLOVAC (Città di Ogulin) Zona commerciale Ogulin Terreni disponibili m 2 Prezzo di vendita 8 /m 2 4. KOPRIVNICA-KRIŽEVCI (Città di Đurđevac) Zona commerciale Zona A Terreni disponibili m 2 Prezzo di vendita 1,6 /m 2 5. KRAPINA-ZAGORJE (Municipalità di Sv. Križ) Zona commerciale Lug Terreni disponibili m 2 Prezzo di vendita 8-18 /m 2 6. LIKA-SENJ (Città di Gospić) Zona commerciale Smiljansko polje Terreni disponibili m 2 Prezzo di vendita 4-9,33 /m 2 7. MEĐIMURJE (Municipalità di Mala Subotica) Zona commerciale Mala Subotica Terreni disponibili m 2 Prezzo di vendita 11,87 /m 2 8. PRIMORJE-GORSKI KOTAR (Città di Bakar) Zona commerciale Bakar Terreni disponibili m 2 Prezzo di vendita 80 /m 2 24

27 9. SEBENICO-KNIN (Città di Sebenico) Zona commerciale Podi Terreni disponibili m 2 Prezzo di vendita 5 /m SISAK-MOSLAVINA (Municipalità di Popovača) Zona commerciale Mišička Terreni disponibili m 2 Prezzo di vendita 6,66 /m VARAŽDIN (Municipalità di Jalžabet) Zona commerciale Jalžabet Terreni disponibili m 2 Prezzo di vendita /m ZAGABRIA (Municipalità di Brckovljani) Zona commerciale Božjakovina Terreni disponibili m 2 Prezzo di vendita /m DUBROVNIK-NERETVA (Città di Ploče) Zona commerciale Vranjak Terreni disponibili m 2 Prezzo di vendita 25 /m VIROVITICA-PODRAVINA (Città di Virovitica) Zona commerciale Virovitica III Terreni disponibili m 2 Prezzo di vendita 0,13-40 /m VUKOVAR-SRIJEM (Municipalità di Gradište) Zona commerciale Ambarine Terreni disponibili m 2 Prezzo di vendita 1,37-2,74 /m POŽEGA-SLAVONIA (Città di Pleternica) Zona commerciale Pleternica Terreni disponibili m 2 (12 mesi) m 2 (60 mesi) Prezzo di vendita 0-5 /m OSIJEK-BARANJA (Città di Donji Miholjac) Zona commerciale Janjevci Terreni disponibili m 2 Prezzo di vendita 3 /m ISTRIA (Città di Vodnjan) Zona commerciale Tison Terreni disponibili m 2 Prezzo di vendita 30 /m SPALATO-DALMAZIA (Città di Sinj) Zona commerciale Kukuzovac Terreni disponibili m 2 Prezzo di vendita 4,6 /m ZARA (Municipalità di Stankovci) Zona commerciale Novi Stankovci, Velim Terreni disponibili m 2 Prezzo di vendita 5 /m Acquisto di terreni Per i cittadini e le persone giuridiche dell Unione Europea l acquisto di beni immobili in Croazia è consentito alle stesse condizioni vigenti per i cittadini croati, fatta eccezione per i terreni agricoli e i beni immobili situati in aree naturali protette. I cittadini e le persone giuridiche non appartenenti all Unione Europea possono invece acquistare beni immobili a condizione di reciprocità, ossia alle stesse condizioni alle quali sono sottoposti i cittadini croati nel loro Paese. E inoltre richiesto un nulla osta da parte del Ministero della Giustizia. Cittadini e persone giuridiche non appartenenti all Unione Europea non possono acquistare: i) terreni agricoli e forestali, a meno che un trattato internazionale non disponga diversamente; ii) beni immobili ubicati in aree dichiarate di importanza fondamentale per gli interessi e la sicurezza della Repubblica di Croazia. I beni immobili appartenenti al demanio marittimo non possono essere venduti ma solo dati in concessione. L acquisto di un bene immobile di interesse culturale è invece soggetto al diritto di prelazione da parte della Autorità locali. 25

28 I terreni agricoli possono essere messi in vendita solo in casi eccezionali ma ne è consentita la locazione per lunghi periodi. Regole speciali vengono inoltre applicate ai beni immobili situati in aree particolari (come ad esempio terreni da caccia, strade pubbliche, cimiteri ecc.). I diritti di proprietà e di possesso relativi a un determinato bene immobile possono essere oggetto di verifica consultando il Registro immobiliare presso la Corte Municipale e il catasto presso l Ufficio del Catasto locale. La documentazione urbanistica va consultata per accertare la destinazione d uso (ad esempio, edificazione, turismo, agricoltura). I registri immobiliari croati sono anche disponibili on-line (agli indirizzi hr/home.htm e La Legge sui terreni agricoli consente il pagamento di un sovraprezzo sui terreni per la loro conversione da terreni agricoli a terreni edificabili, e dovrebbe essere pertanto presa in considerazione al momento dell acquisto. In Croazia, per l acquisto di un bene immobile è necessario redigere un contratto scritto con atto notarile. Dopo la conclusione del contratto, il diritto di proprietà va registrato nel Registro immobiliare e al Catasto. A tal fine è necessario presentare un modulo di richiesta allegando la documentazione richiesta (in originale o copia autenticata) al Dipartimento per il registro dei terreni del Municipio e all Ufficio del Catasto. A seguito della registrazione, il proprietario riceve l atto di proprietà. L acquirente è soggetto al pagamento della tassa sui trasferimenti immobiliari (pari al 5%) ed è tenuto ad informare dell acquisto l Autorità fiscale competente. Quest ultima può riconsiderare il prezzo indicato nel contratto di compravendita e calcolare l imposta in base all effettivo valore di mercato dell immobile Permesso di localizzazione Il permesso di localizzazione è un atto amministrativo che attesta la conformità del progetto di costruzione con la regolamentazione urbanistica in vigore nel comune e nella contea dove sarà realizzato. Un investitore deve ottenere tale permesso per ogni singola struttura che intende costruire (ad eccezione delle costruzioni la cui area complessiva non superi i 400 mq e delle costruzioni con finalità agricola la cui area complessiva non superi i 600 mq). Il contenuto e la procedura di concessione sono regolati dalla Legge sulla pianificazione urbanistica e le costruzioni (G.U. croata N. 76/07, 38/09, 55/11, 90/11, 50/12, 55/12, 80/13, di seguito Legge sulla pianificazione urbanistica e le costruzioni). Sono competenti al rilascio del permesso di localizzazione l Ufficio della Contea (se si intende costruire fuori da una metropoli o se il fabbricato interessa due o più città o municipalità), l Ufficio della Città di Zagabria (per il territorio di propria competenza) o l Ufficio della metropoli sul cui territorio si intende costruire. Qualora la costruzione progettata rivesta particolare interesse per la Repubblica croata o si estenda sul territorio di due o più contee, il permesso viene rilasciato dal Ministero per le Costruzioni e la pianificazione Ambientale. 26

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011 GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Anno 2011 La rilevazione riguarda gli operatori della cooperazione internazionale che hanno usufruito dell assistenza assicurativa della Siscos. Definizione

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale di giustizia UFG Ambito direzionale Diritto pubblico Settore di competenza Progetti e metodologia legislativi 1 gennaio 2015 Aiuto alle

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda!

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda! Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA Informati, ti riguarda! 3 La SEPA (Single Euro Payments Area, l Area unica dei pagamenti in euro) include 33 Paesi: 18 Paesi della

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO AMBASCIATA D ITALIA BERLINO ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO PRINCIPALI DATI MACROECONOMICI (Fonti: Istat, Destatis, Ministero federale delle Finanze, Ministero Economia e Finanze, Ministero

Dettagli

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI)

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) 4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Tutte le persone che abitano o esercitano un attività lucrativa in Svizzera sono per principio

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

ECC-Net: Travel App2.0

ECC-Net: Travel App2.0 ECC-Net: Travel App2.0 In occasione del 10 anniversario dell ECC- Net, la rete dei centri europei per i consumatori lancia la nuova versione dell ECC- Net Travel App. Quando utilizzare questa applicazione?

Dettagli

GUIDA PER L UTENTE. Direttiva 2005/36/CE. Tutto quello che vorreste sapere sul riconoscimento delle qualifiche professionali 66 DOMANDE 66 RISPOSTE

GUIDA PER L UTENTE. Direttiva 2005/36/CE. Tutto quello che vorreste sapere sul riconoscimento delle qualifiche professionali 66 DOMANDE 66 RISPOSTE GUIDA PER L UTENTE Direttiva 2005/36/CE Tutto quello che vorreste sapere sul riconoscimento delle qualifiche professionali 66 DOMANDE 66 RISPOSTE Il presente documento è stato elaborato a fini informativi.

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA procede alla raccolta di domande al fine di effettuare selezioni per eventuali assunzioni con contratto subordinato, a tempo determinato, relativamente al Festival Areniano

Dettagli

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti PRINCIPALI EVIDENZE DELL INCIDENTALITÀ STRADALE IN ITALIA I numeri dell incidentalità stradale italiana Nel 2011, in Italia si sono registrati 205.638 incidenti stradali, che hanno causato 3.860 morti

Dettagli

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità COMMISSIONE AMMINISTRATIVA PER LA SICUREZZA SOCIALE DEI LAVORATORI MIGRANTI E 104 CH (1) CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA Malattia maternità

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie La Svizzera nel raffronto europeo La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie Neuchâtel, 2007 Il sistema universitario svizzero La Svizzera dispone di un sistema universitario

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y QATAR DISCIPLINA IMPORT EXPORT IN QATAR di Avv. Francesco Misuraca Regole dell import-export in Qatar Licenza d importazione, iscrizione nel Registro Importatori, altre regole La legge doganale del Qatar,

Dettagli

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte IMPORT & EXPORT DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1 semestre 2013 A cura di: Vania Corazza Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093421 Fax 051/6093467 E-mail: statistica@bo.camcom.it

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

Evola. Evolution in Logistics.

Evola. Evolution in Logistics. Evola. Evolution in Logistics. Viaggiamo nel tempo per farvi arrivare bene. Siamo a vostra disposizione ed operiamo per voi dal 1993, inizialmente specializzati nel mercato italiano e successivamente come

Dettagli

LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI

LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI OPUSCOLO Opportunità di ricerca transnazionale Vi interessa la ricerca europea? Research*eu è il mensile della direzione generale della Ricerca per essere

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

Artoni Europe: ampliata la copertura geografica del servizio di import/export in Europa

Artoni Europe: ampliata la copertura geografica del servizio di import/export in Europa 03 NOV 2014 Artoni Europe: ampliata la copertura geografica del servizio di import/export in Europa Da oggi Artoni Europe, servizio internazionale di Artoni Trasporti, raggiunge ben 32 paesi Europei con

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce Salentini nel mondo Le statistiche ufficiali Provincia di Lecce 1 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI 150 ANNI DI PARTENZE DAL SALENTO I TRASFERIMENTI ALL ESTERO NEL TERZO MILLENNIO 2 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa di

Dettagli

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Informazioni su CheBanca! Denominazione Legale: CheBanca! S.p.A. Capitale Sociale: Euro 220.000.000 i.v. Sede Legale: Via Aldo Manuzio, 7-20124 MILANO

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione titolo della form di ricerca Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca CATEGORIA TITOLO AREA GEOGRAFICA Vigneto/produzione/consumi Superfici vitate

Dettagli

D. Da quali paesi ed in che modo la normativa ISPM15 viene già applicata?

D. Da quali paesi ed in che modo la normativa ISPM15 viene già applicata? CON-TRA S.p.a. Tel. +39 089 253-110 Sede operativa Fax +39 089 253-575 Piazza Umberto I, 1 E-mail: contra@contra.it 84121 Salerno Italia Internet: www.contra.it D. Che cosa è la ISPM15? R. Le International

Dettagli

GLI ATTI E DOCUMENTI STRANIERI Procedure per la legalizzazione di documenti e di firme.

GLI ATTI E DOCUMENTI STRANIERI Procedure per la legalizzazione di documenti e di firme. GLI ATTI E DOCUMENTI STRANIERI Procedure per la legalizzazione di documenti e di firme. 1. Normativa di riferimento Legge 20 dicembre 1966, n. 1253 Ratifica ed esecuzione della Convenzione firmata a l

Dettagli

Vivere e lavorare in Italia

Vivere e lavorare in Italia Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali EURES - Italia Vivere e lavorare in Italia Una breve guida per cittadini EU interessati a trasferirsi in Italia Marzo 2010 VIVERE E LAVORARE IN ITALIA L Italia

Dettagli

LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI

LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI Articolo 1 Son fissati, conformemente alle disposizioni del secondo alinea dell art. 45 della Costituzione, gli obiettivi fondamentali dell azione delo Stato, per i prossimi

Dettagli

BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM

BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM SkyTeam Awards è uno dei maggiori vantaggi che ti offre l Alleanza SkyTeam: un solo Biglietto Premio per tante destinazioni nel mondo, anche quando l itinerario che scegli

Dettagli

Aggiornamento 2010. Assumere in Europa. una guida per i datori di lavoro. eures.europa.eu. Commissione europea

Aggiornamento 2010. Assumere in Europa. una guida per i datori di lavoro. eures.europa.eu. Commissione europea Aggiornamento 2010 Assumere in Europa una guida per i datori di lavoro eures.europa.eu Commissione europea Né la Commissione europea né alcuna persona che agisca a nome della Commissione europea è responsabile

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia LA VALUTAZIONE PUBBLICA Altri ponti di Pierluigi Matteraglia «Meridiana», n. 41, 2001 I grandi ponti costruiti recentemente nel mondo sono parte di sistemi di attraversamento e collegamento di zone singolari

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Leimportazioni italianedimaterieprime

Leimportazioni italianedimaterieprime Leimportazioni italianedimaterieprime Questo rapporto è stato redatto da un gruppo di lavoro dell Area Studi, Ricerche e Statistiche dell Ex - ICE Coordinamento Gianpaolo Bruno Redazione Francesco Livi

Dettagli

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B L articolo 2 commi da 39 a 46 del D.L. 262/2006 conv. L. 286/2006 aveva previsto per gli enti locali

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

Le difficoltà cui fanno fronte i giovani italiani per trovare un lavoro rischiano di compromettere gli investimenti nell istruzione.

Le difficoltà cui fanno fronte i giovani italiani per trovare un lavoro rischiano di compromettere gli investimenti nell istruzione. Il rapporto dell OCSE intitolato Education at a Glance: OECD Indicators è una fonte autorevole d informazioni accurate e pertinenti sullo stato dell istruzione nel mondo. Il rapporto presenta dati sulla

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI.

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. BancoPosta www.bancoposta.it numero gratuito: 800 00 33 22 COME CAMBIANO INCASSI E PAGAMENTI CON LA SEPA PER I TITOLARI DI CONTI CORRENTI BANCOPOSTA DEDICATI

Dettagli

Immatricolazione dei veicoli provenienti dall estero

Immatricolazione dei veicoli provenienti dall estero Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Dipartimento Per I Trasporti Terrestri E Per I Sistemi Informativi E Statistici Ufficio di Coordinamento per la Lombardia Circolare interna n. 1 Milano 18/04/2004

Dettagli

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893)

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) N. 26 - Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) 1. IL NUMERO DEI PARLAMENTARI NELLE DIVERSE COSTITUZIONI La scelta del numero dei parlamentari è un

Dettagli

INFORMAZIONI UTILI PER OPERARE IN CROAZIA

INFORMAZIONI UTILI PER OPERARE IN CROAZIA INFORMAZIONI UTILI PER OPERARE IN CROAZIA Persone fisiche e giuridiche straniere la normativa vigente croata definisce persona fisica straniera chi non è in possesso della cittadinanza della Repubblica

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a Già negli anni precedenti, la nostra scuola si è dimostrata t sensibile alle problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a stage in aziende e in centri di ricerca

Dettagli

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015 Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria Audizione del Direttore dell Agenzia del Demanio Roma, 18 marzo 2015 Indice Audizione presso la Commissione Parlamentare di Vigilanza sull

Dettagli

(Atti legislativi) DIRETTIVE

(Atti legislativi) DIRETTIVE 28.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 94/1 I (Atti legislativi) DIRETTIVE DIRETTIVA 2014/23/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 26 febbraio 2014 sull aggiudicazione dei contratti

Dettagli

scolastici europei dellõ istruzione in Europa2012 Sistemi scolastici europei 2012 Sistemi di valutazione ALCUNI PAESI A CONFRONTO

scolastici europei dellõ istruzione in Europa2012 Sistemi scolastici europei 2012 Sistemi di valutazione ALCUNI PAESI A CONFRONTO n n u u m e r r o m o n o g r a nf i u c m o e r o m Sistemi scolastici europei Sistemi 2012 Sistemi di valutazione scolastici europei Sistemi sc dellõ istruzione in Europa2012 ALCUNI PAESI A CONFRONTO

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno..

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Comune di Modena ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI SANITARIE E ABITATIVE non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Cerchi casa e stai vivendo un momento

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

Esploro le fonti energetiche di tutto il mondo. Proteggo l ambiente. Sono il futuro. Sono un ingegnere petrolifero.

Esploro le fonti energetiche di tutto il mondo. Proteggo l ambiente. Sono il futuro. Sono un ingegnere petrolifero. Esploro le fonti energetiche di tutto il mondo. Proteggo l ambiente. Sono il futuro. Sono un ingegnere petrolifero. Cosa fa un ingegnere petrolifero? Gli ingegneri petroliferi individuano, estraggono e

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO)

Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO) Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO) La presente raccolta comprende solo le voci principali della classificazione di Ratisbona relativa all arte (LH LO) INDICE LD 3000 - LD 8000

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

Le fonti rinnovabili in Italia

Le fonti rinnovabili in Italia Le fonti rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa LEGAMBIENTE - Comuni rinnovabili 2010 Roma, 23 marzo 2010 www.gse.it 2 Indice Le attività del Gestore dei Servizi Energetici

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres.

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. LR 12/2006, articolo 6, commi da 82 a 89. Regolamento concernente i criteri

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO ATTUAZIONE DEL PROGETTO REBIR Risparmio Energetico, Bioedilizia, Riuso Data 29.01.2009

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal. 1 gennaio 2014

Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal. 1 gennaio 2014 Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Entrate Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal 1 gennaio 2014 A cura di Leonardo Pascarella Aggiornamento DICEMBRE 2014 Responsabile:

Dettagli

I QUADERNI DI EURYDICE N. 28

I QUADERNI DI EURYDICE N. 28 Ministero d e l l i s t r u z i o n e, d e l l università e della r i c e r c a (MIUR) Di r e z i o n e Ge n e r a l e p e r g l i Affari In t e r n a z i o n a l i INDIRE Un i t à It a l i a n a d i Eu

Dettagli

1 I PRIMI PASSI DELLA COMUNITÀ E LA SUA EVOLUZIONE

1 I PRIMI PASSI DELLA COMUNITÀ E LA SUA EVOLUZIONE 1 I PRIMI PASSI DELLA COMUNITÀ E LA SUA EVOLUZIONE Per secoli l Europa è stata teatro di conflitti, tensioni e divisioni, ma dopo gli orrori della seconda Guerra Mondiale il continente ha visto risorgere

Dettagli

QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020

QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020 QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020 documento redatto sulla base del questionario CIO Candidature Acceptance Procedure Games of the XXXI Olympiad 2016 PREMESSA ESTRATTO

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa Silvia Morelli Unità Statistiche silvia.morelli@gse.it Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Il problema energetico: stato e prospettive Indice

Dettagli

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Per poter lavorare in Italia il cittadino straniero non comunitario deve essere in possesso del permesso di soggiorno rilasciato per

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli