RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI SULLA GESTIONE 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI SULLA GESTIONE 2012"

Transcript

1 RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI SULLA GESTIONE 2012 Signori Soci, La presente relazione vuole rappresentare, ai sensi dell art cc, un analisi fedele, equilibrata ed esauriente della situazione della Società e del risultato della gestione, con particolare riguardo ai costi, ai ricavi, agli investimenti e agli altri elementi di maggior rilievo che hanno caratterizzato il suo mercato di riferimento. Ai sensi dell art cc e di quanto previsto all art. 2 L. 59 del 31/12/1992, nella Relazione si descrivono i criteri di gestione adottati per il conseguimento dello scopo mutualistico. La Società opera esclusivamente nella sede legale ed operativa di Via Massena n. 20 Torino. QUADRO ECONOMICO DI RIFERIMENTO La crisi finanziaria è finita, quella economica no : con questa emblematica dichiarazione l ufficio Studi della Confcommercio sintetizza l attuale situazione economica del nostro Paese che fa registrare un ulteriore calo dei consumi rispetto all anno precedente, portando il 2012 agli stessi livelli dei primi anni del dopoguerra. Si tratta di una crisi generalizzata, che colpisce indifferentemente i consumi di prima necessità così come i beni di lusso, le aree settentrionali così come il meridione d Italia. L Istat certifica il crollo del potere d acquisto delle famiglie che nei primi 9 mesi del 2012 si è ridotto del 4,1% rispetto allo stesso periodo del Il clima di fiducia delle famiglie, complice anche l instabilità politica e dei mercati, induce le stesse a continuare a percepire per il futuro un peggioramento della propria condizione economica e questo frena ulteriormente la loro capacità di spesa. Il peggioramento del sentiment è legato all accentuarsi delle difficoltà presenti sul mercato del lavoro. A novembre gli occupati hanno mostrato una riduzione di circa unità rispetto al mese precedente e, da giugno 2012, si sono persi complessivamente posti di lavoro, con un aumento di circa unità del numero delle persone in cerca di lavoro rispetto al valore registrato nel novembre dell anno precedente. Per quanto riguarda l industria il calo della produzione è certificato dalle stime di Confindustria che registrano, nell ultimo trimestre 2012 una diminuzione di circa lo 0,6% medio su base mensile, con un calo consistente degli ordinativi anche nei primi mesi del Il trend negativo dell economia reale si riflette pesantemente sul PIL 2012: le prime stime ISTAT certificano un ulteriore riduzione della crescita del 3,7% rispetto ai valori dell anno precedente, con una contestuale riduzione degli investimenti del 5,3% sempre su base annua. In flessione anche la domanda interna di beni e servizi ( 3%, dato III trim. 2012), e le importazioni, anch esse in forte decrescita ( 5,3%, dato III trim. 2012). In questo clima generale di difficoltà e di crisi, si è ulteriormente ampliato il livello di diseguaglianza tra i cittadini: secondo un indagine condotta dall Istat in collaborazione con il C.N.E.L., denominata Rapporto B.E.S. (Benessere Equo e Sostenibile), il 20% più ricco della popolazione ha incrementato del 5,6% il divario tra il proprio reddito e quello percepito dal 20% più povero della popolazione. A pagarne le conseguenze sono soprattutto, sempre secondo questo studio, i disoccupati, i soggetti con occupazione precaria, i lavoratori autonomi e le microimprese con titolare unico. Sotto il profilo bancario la situazione assume contorni preoccupanti: secondo l Osservatorio sul credito di Confcommercio, sono sempre meno le imprese che si recano in banca per chiedere un finanziamento. Il 70% delle aziende che si rivolgono alle banche lo fanno essenzialmente per risolvere loro carenze di liquidità, mentre solo il 30% richiede finanziamenti a fronte di un progetto di investimento. In discesa anche l indice di accesso al sistema bancario: nel quarto trimestre 2012 si è rivolto alle banche il 14% delle imprese contro il 15,7% del trimestre precedente. In

2 crescita, infine, le imprese che si sono viste rifiutare il credito o lo hanno ottenuto per un ammontare inferiore a quanto richiesto (fino al 40% del totale). Le imprese hanno difficoltà a fare fronte al loro fabbisogno finanziario ed, in parte, questo è dovuto alla difficoltà di liquidare i propri crediti. I dati relativi ai protesti ed ai ritardi nei pagamenti rappresentano un indicatore efficace: in Italia, nel corso del 2012, sono state complessivamente 69 mila (di cui 47 mila le società) le aziende che hanno accusato almeno una segnalazione di difficoltà nei pagamenti (dati Cerved). La crescita registrata è stata del 45% rispetto al dato del In particolare sono stati colpiti il settore delle costruzioni con il relativo indotto (circa 11 mila aziende), dei servizi (circa 25 mila micro imprese), della manifattura (circa 5 mila aziende). Questo dato è tanto più preoccupante se analizzato nella sua progressione: infatti la tendenza alla crescita dei protesti negli ultimi tre mesi dell anno ha evidenziato una crescita dei titoli iscritti a protesto del 9% rispetto allo stesso periodo dell anno precedente, per un ammontare complessivo di titoli di credito contestati. Si è aggravato il ritardo nei pagamenti ai fornitori: tra ottobre e dicembre le aziende italiane hanno regolarizzato i pagamenti delle proprie forniture con un ritardo medio di circa 85 giorni, con un trend in crescita che va dal 6,1% delle aziende nel terzo trimestre 2012, fino ad arrivare al 7,1% alla fine dell anno. Il dato più inquietante riguarda le grandi aziende, molte delle quali operano a diretto contatto con la Pubblica Amministrazione, che saldano i propri debiti a cascata una volta avvenuta la liquidazione dei propri crediti, oggi bloccati per via del Patto di stabilità. Il numero delle aziende di grandi dimensioni che presentano tale problematicità è cresciuto, in un solo trimestre, dal 6,9% all 8,2%. A questo proposito è intervenuto pochi giorni or sono il D.L. n.35 (cd. Decreto sblocca crediti della P.A.) che prevede misure idonee a facilitare lo sbocco dei pagamenti di una parte dei debiti di enti locali, regioni, debiti sanitari e debiti delle amministrazioni dello stato. E auspicabile che tale provvedimento sortisca effetti positivi nel quadro economico generale nel breve periodo. EVOLUZIONE DEL QUADRO NORMATIVO Sotto il profilo dell evoluzione del quadro normativo, il 2012 si è caratterizzato come un anno di transizione, stante la mancata emanazione della normativa secondaria applicativa del D. Lgs 141/10. Tale decreto, che ha riformato la disciplina dei soggetti operanti nel settore finanziario di cui al Titolo V del D. Lgs 1 settembre 1993, n. 385 TUB, separerà nettamente le competenze e le funzioni dei confidi c.d. maggiori, (sottoposti alle regole di Vigilanza Bancaria), dai confidi non vigilati o c.d. minori per i quali, stante una vigilanza solo indiretta da parte della Banca d Italia, è previsto un ambito operativo più limitato. Al riguardo, la Banca d Italia, in numerosi recenti interventi, ha fatto cenno allo stato dei lavori relativi alla definitiva attuazione della Riforma del TUB dichiarando che, stante l attuale quadro di incertezza politica, il termine per l attuazione della riforma del titolo V, originariamente previsto per il 31 Marzo 2013, è destinato a slittare ulteriormente: sembra pertanto confermato il rinvio dell operatività del neo costituito Organismo per la tenuta dell elenco dei Confidi minori, elemento base della riforma, e quindi del nuovo sistema dei controlli previsti per questa tipologia di intermediari. Nel corso del 2013 si attende la pubblicazione del resoconto relativo alla consultazione del Provvedimento di Banca d Italia sulle Nuove disposizioni di Vigilanza, la cui emanazione avverrà in rapida successione rispetto all approvazione della Normativa secondaria del D. Lgs 141/10, relativa alle modifiche del Titolo V TUB. La riforma resta vincolata, altresì, all emanazione da parte del Ministero dell Economia e delle Finanze, del decreto che definisce la soglia delle attività finanziarie utile per richiedere l iscrizione degli intermediari al Nuovo Albo dei Soggetti Vigilati.

3 In questo contesto il quadro normativo di riferimento resta, di fatto, quello antecedente la riforma. In attesa dell iscrizione all Albo degli intermediari finanziari vigilati, che consentirà alla nostra Società di poter rilasciare garanzie a prima richiesta eligibili secondo quanto previsto dalla Normativa bancaria internazionale Basilea II, l operatività si è dunque indirizzata in prevalenza su operazioni di garanzia con utilizzo di Fondi rischi monetari c.d. cappati e sul rilascio di garanzie sussidiarie controgarantite con Fondi di Controgaranzia del Mediocredito Centrale e di FIN.PROMO.TER (intermediario finanziario vigilato di II Livello, del sistema nazionale Federascomfidi). PRINCIPALI ATTIVITA DELLA COOPERATIVA NEL CORSO DEL 2012 Il volume dell attività finanziaria di Ascomfidi Piemonte, a fine 2012, è salito ad oltre 94,5 milioni di euro; quindi ben al di sopra della soglia di 75 milioni di euro che rappresenta il requisito di attività finanziarie necessario per ottenere l iscrizione della Cooperativa all Elenco Speciale degli Intermediari finanziari vigilati. Nel corso dell anno la cooperativa ha continuato la sua operatività nei confronti dei 4772 Soci il cui numero si è ridotto rispetto al 2011 del 33,3%. Tale riduzione consegue ad una attenta ricognizione della compagine societaria, realizzata attraverso la puntuale verifica del possesso dei requisiti statutari necessari per il mantenimento della qualifica di Socio. Queste verifiche hanno determinato l esclusione di circa 2700 imprese ma, allo stesso tempo, hanno consentito di attuare i necessari doversi controlli di natura anagrafica richiesti. Per quanto riguarda l operatività inerente il rilascio delle garanzie, maggiore dettaglio è fornito nel Paragrafo dedicato ai Principali dati operativi di Esercizio. Nel corso di tutto l anno, è proseguita l attività di riorganizzazione e di implementazione dei processi aziendali e dei sistemi di controllo previsti dalla Normativa di Banca d Italia, al fine di renderli idonei per la presentazione della domanda di iscrizione all Albo dei Confidi Vigilati. La Normativa di Banca d Italia prevede un periodo transitorio per i Confidi che alla chiusura dell esercizio abbiano superato la soglia di vigilanza. Infatti la Circolare 216/96 (9 aggiornamento Confidi) richiede che raggiunto il volume di attività finanziaria superiore a 75 milioni di euro, lo stesso sia mantenuto nei sei mesi successivi. Al termine del periodo transitorio il Confidi ha 60 giorni di tempo per presentare la domanda di iscrizione all Albo dei Confidi Vigilati. Al fine di adempiere agli obblighi di legge, si è proceduto alla stesura e all adozione di numerosi Regolamenti, tra i quali il modello Organizzativo, il Regolamento dell Organismo di Vigilanza ai sensi del D. Lgs 231/2001, il Codice etico, il Regolamento Parti correlate e di numerose procedure interne: tale attività è destinata a proseguire nel corso dell anno Nel corso del 2012 sono stati costituiti le funzioni di controllo di 2 e 3 livello: oltre al responsabile della Funzione Antiriciclaggio, sono stati infatti nominati, in outsourcing, i responsabili delle Funzioni di Compliance, Risk Management, Internal Auditing, nonché i responsabili interni di tali funzioni. Si segnala che nel corso del 2012 non è stato presentato alcun reclamo da parte dei Soci. Nel corso dell anno è stato elaborato un nuovo testo di Convenzione da sottoporre al sistema bancario, prevedendo la possibilità di rilasciare sia garanzie sussidiarie, sia garanzie Basilea compliant. E di tutta evidenza che quest ultima tipologia di garanzia, accompagnata dalla controgaranzia dello Stato (vedi Medio Credito Centrale) comporti dei benefici in termini di minore assorbimento patrimoniale, sia sul patrimonio di vigilanza delle banche che su quello del Confidi.

4 Vagliate numerose offerte, si è inoltre provveduto ad affidare l incarico per la revisione legale dei conti alla primaria società di consulenza DELOITTE & TOUCHE SPA. In data 24 Agosto 2012 è stata inviata alla Banca d Italia la domanda di iscrizione all elenco degli Intermediari ex 107 con la documentazione relativa: in data 12 Novembre 2012, l organo di Vigilanza ha richiesto informazioni ed adeguamenti con conseguente sospensione dei termini entro i quali pronunciarsi. INFORMAZIONI SUL PERSONALE FUNZIONE N. (DI CUI PART TIME) DIREZIONE GENERALE 1 RESPONSABILI DI AREA 2 REFERENTE AREA MERCATO 1 (outsourcing) AREA ISTRUTTORIA FIDI 3 (1) AREA AMMINISTRAZIONE CONTROLLO E CONTROGARANZIE RESPONSABILE ANTIRICICLAGGIO E COMPLIANCE (controllo II livello) RESPONSABILE RISK MANAGER (controllo II livello) RESPONSABILE INTERNAL AUDITING (controllo III livello) 7 (2) 1 (outsourcing) 1 (outsourcing) 1 (outsourcing) FORMAZIONE Nel 2012 è proseguito il programma di formazione continua sui temi dell antiriciclaggio, della trasparenza e della valutazione del merito creditizio. La vigilanza bancaria richiede anche una specifica formazione del personale in tema di segnalazioni di vigilanza e centrale rischi bancaria. Al riguardo, con la collaborazione della software house DEDAGROUP di Trento, è stato approntato un piano di formazione che proseguirà nel corso del 2013, in stretta connessione con il timing previsto dalla Banca d Italia per la definitiva entrata a regime degli obblighi di vigilanza. Nel corso del 2012 si è inoltre avviata la riclassificazione del Bilancio della cooperativa secondo le regole IAS/IFRS, al fine di adempiere alle richieste formulate dalla Banca d Italia. Ciò ha comportato un intensa attività di formazione e di informazione per gli addetti all Area Amministrazione e Controllo. A seguito di un accordo stipulato a livello nazionale tra Federascomfidi e la Società di Consulenza KPMG, è proseguito il ciclo degli incontri di formazione sui temi della gestione del rischio di liquidità e dei modelli di valutazione e gestione degli accantonamenti. In materia di valutazione del merito creditizio, il personale ha partecipato a diversi momenti formativi che, nel corso del 2013, riguarderanno anche l operatività con l estero e il settore agricolo.

5 RAPPORTI VERSO IMPRESE CONTROLLANTI O CONTROLLATE E SOCI Non sussistono rapporti verso imprese controllanti o controllate. L attività svolta si è rivolta esclusivamente verso le imprese Socie, con l obiettivo di agevolarne l accesso al credito. Sono state deliberate operazioni con parti correlate di importo limitato, seguendo le modalità previste dai regolamenti interni e dalla normativa di riferimento. AZIONI QUOTE PROPRIE O DI IMPRESE CONTROLLANTI DETENUTE IN PORTAFOGLIO A seguito della riclassificazione IAS, si è evidenziato che la Società possiede azioni proprie per euro , pari allo 0,87% del capitale sociale. La Società non ha rapporti di controllo o di collegamento con altre imprese. Convenzione Regione Piemonte CONTRIBUTI PUBBLICI Con delibera regionale n del 21/02/2012 la Regione Piemonte ha autorizzato i Confidi che ne facciano richiesta ad un diverso utilizzo delle risorse conferite a titolo di prestito subordinato nel E stato dunque possibile iscrivere, direttamente al Fondo rischi per la copertura delle perdite su crediti, risorse per oltre euro. Bando CCIAA Torino 2012 In data 27 Marzo 2012 è stato pubblicato il Bando 2012 della Camera di Commercio di Torino che prevede una dotazione di risorse per il sistema dei confidi piemontesi per un importo complessivo di 4 milioni di euro. Secondo i volumi di operatività relativi al 2011, i contributi 2012 a favore di Ascomfidi Piemonte si sono attestati a euro, iscrivibili al Fondo rischi. Al momento non si ha notizia di pubblicazione di analogo bando CCIAA per il FATTI DI RILIEVO INTERVENUTI DOPO LA CHIUSURA DELL ESERCIZIO Conversione Fondo Grandi Cantieri Comune di Torino. A seguito delle determinazioni conseguenti all art. 36 del decreto legge n. 179 del 18/10/2012, convertito in legge n. 221 del 17 Dicembre 2012 (in G.U. n. 294 del 18 Dicembre 2012), che ha consentito lo svincolo dei fondi originariamente destinati ad operazioni di garanzia a favore di imprese localizzate in aree grandi cantieri del Comune di Torino, l assemblea dei Soci, ha destinato tali fondi al proprio fondo rischi per un importo pari a euro. Istanza di iscrizione all Albo degli Intermediari Finanziari Vigilati A seguito richiesta da parte di Banca d Italia di informazioni ed adeguamenti, tutta la struttura di AscomFidi Piemonte è stata fortemente impegnata nei primi mesi dell anno per la predisposizione di quanto necessario.

6 In data 27 Marzo 2013 il Consiglio di Amministrazione della Cooperativa ha approvato le controdeduzioni alle osservazioni avanzate dalla Banca d Italia che verranno quanto prima inoltrate alla stessa. Operazione tranched cover Unicredit/Federascomfidi Nel corso del mese di Marzo, AscomFidi Piemonte ha aderito all iniziativa Unicredit/Federascomfidi, finalizzata all abbattimento del rischio di credito su uno stock di garanzie rilasciate a suo tempo mediante l utilizzo dello strumento della cartolarizzazione sintetica. L operazione è stata realizzata con l utilizzo di fondi FEI a copertura del rischio c.d. mezzanino. Il perfezionamento dell operazione è avvenuto mediante la costituzione di una riserva monetaria (fondo rischi cappato) a presidio delle eventuali perdite derivanti dall escussione delle garanzie incluse nella cartolarizzazione. Per quanto riguarda la nostra Società, l iniziativa ha permesso di cartolarizzare circa 12 milioni di garanzie contro il versamento di un contributo di euro alla tranche junior. PRINCIPALI DATI OPERATIVI DELL ESERCIZIO L attività svolta nel corso dell anno ha comportato una crescita dello stock di garanzie in essere. Sono state accolte n.745 nuove richieste per un ammontare di euro ,00 con una riduzione del 15% rispetto al flusso registrato nell esercizio precedente. Nel 2012 si sono registrate n. 413 ammissioni di nuovi Soci, 127 recessi e 2661 esclusioni. ANDAMENTO FLUSSI TOTALI GARANZIE EMESSE FLUSSI GARANZIE PER BANCA Banca importo garanzie % sul totale n. operazioni C.R.Asti % n. 230 Unicredit % n. 234 IntesaSanPaolo % n. 117 B.R.E % n. 36 Altre Banche % n.128 Totale % n.745

7 Distribuzione flussi 2012 per forma tecnica forma tecnica importo garanzie % sul totale BREVE TERMINE ,14% MEDIO LUNGO TERMINE ,86% totale ,00% STATO PATRIMONIALE Il progetto di bilancio è riclassificato sulla base degli artt del D.Lgs 87/1992. Sotto il profilo patrimoniale, l elemento di principale novità è caratterizzato da una differente gestione delle immobilizzazioni finanziarie, disponibili ed indisponibili. Le immobilizzazioni finanziarie, in passato investite in prodotti altamente liquidabili, a partire dal 2012 sono state in gran parte dirottate verso investimenti mobiliari più durevoli e più remunerativi: essenzialmente titoli di stato italiani. Questa politica di investimento, pur richiedendo una maggiore attenzione nella gestione dell attività di tesoreria, ha prodotto immediati benefici sul risultato della gestione finanziaria senza incrementare il rischio e a parità di assorbimento patrimoniale ai fini di Vigilanza. Sempre nell attivo patrimoniale, si rileva la riduzione della voce relativa ai crediti verso soci per escussioni delle garanzie (era pari a euro nel 2011, contro i euro del 2012). Questo ha determinato un maggiore ricorso alle rettifiche su crediti, con un aggravio di costo, al fine di consentire alla nostra struttura di potersi adeguare ai criteri IAS che sui crediti di cassa prevedono il fair value. Si evidenzia anche la svalutazione della nostra partecipazione societaria in Artigiancredit, per un importo pari a ,74 euro, a seguito della messa in liquidazione del Consorzio. Il valore dei risconti attivi è in crescita per via della maggiore operatività di Ascomfidi che risconta per competenza futura le proprie commissioni passive, riconosciute alla rete commerciale, con le identiche modalità utilizzate per le commissioni attive. Nel passivo Patrimoniale le voci che presentano le variazioni di maggiore rilievo riguardano il Capitale sociale e i Fondi rischi per garanzie prestate. Il Capitale Sociale presenta una differenza in diminuzione di euro, quale variazione tra le quote in entrata sottoscritte dai nuovi soci e le quote in uscita rimborsate ai soci a seguito delle richieste di recesso, oppure incorporate tra le riserve patrimoniali a seguito delle esclusioni di soci per le motivazioni previste dallo Statuto. I Fondi Rischi propri si sono incrementati per oltre euro, per l iscrizione dei contributi regionali che lo scorso anno erano registrati a titolo di debito. La consistenza di questi fondi è stata ulteriormente incrementata per 1 milione di euro con la destinazione dell intero avanzo di gestione a maggiore copertura dei rischi, in modo da poter

8 adeguare prudenzialmente questi fondi a quanto previsto dai criteri contabili internazionali IAS in tema di impairment sui crediti di firma. I risconti passivi, che trasferiscono per competenza ad esercizi successivi le commissioni attive derivanti dal rilascio delle garanzie, ammontano a 1,875 milioni e sono sostanzialmente invariati rispetto all anno precedente. La voce altre passività registra un considerevole decremento derivante principalmente dalla avvenuta possibilità di poter rettificare poste di debito verso la Regione Piemonte (per circa euro) e dall utilizzo di Fondi di copertura non patrimoniale (come il Fondo L.108 antiusura) per la copertura di richieste di escussione a seguito di garanzie rilasciate a valere su questi fondi. Tra i conti d ordine, il dato complessivo relativo alle garanzie rilasciate si attesta dunque ad euro con una crescita dello stock di circa il 21,3% rispetto al dato aggregato 2011, che era di 63 milioni di euro. Una considerevole parte di questa crescita è avvenuta attraverso il rilascio di nuove garanzie con limitazione del rischio di credito in quanto a valere su fondi cappati o in quanto assistite da controgaranzie prestate da enti diversi. Il ricorso al Fondo anti usura è stato in linea con il 2011, con 15 nuove operazioni per complessivo importo deliberato pari a euro. CONTO ECONOMICO L esercizio registra entrate per commissioni e proventi di gestione per complessivi euro, in crescita del 62,77% rispetto al Dal punto di vista della gestione finanziaria, si registra un saldo positivo di circa euro, in considerevole miglioramento rispetto all avanzo di gestione 2011 che era di euro. Il risultato è frutto di una gestione più attenta, che ha interessato anche l attività di tesoreria, ed orientata a cogliere le occasioni proposte dal mercato finanziario. Si è comunque trattato di una politica di investimento a basso profilo di rischio, concentrata esclusivamente in titoli di stato o titoli di debito a capitale garantito. La gestione operativa segnala un importante miglioramento rispetto all anno precedente e chiude con un avanzo di circa euro. Il saldo è dato dal rapporto tra i corrispettivi delle prestazioni di garanzia, pari a 1,6 milioni di euro e le spese amministrative per il personale e per il funzionamento della struttura, le commissioni passive e gli altri oneri di gestione che ammontano complessivamente a oltre 1,5 milioni di euro. In dettaglio, tra i costi di esercizio risulta un aumento per circa euro delle spese amministrative, a fronte di un importo complessivo pari a 1,2 mln di euro circa. La crescita è da imputarsi prevalentemente alle iniziative intraprese a seguito del processo di adeguamento della struttura alle normative di Vigilanza bancaria, già illustrate in precedenza. In ulteriore crescita, rispetto al 2011, le Commissioni passive per euro (+ 76,5%), tra cui euro per commissioni rete commerciale e euro corrispettivi di controgaranzia, a testimonianza della crescita dell operatività della rete commerciale e dell attenzione di AscomFidi al risk trasfer verso Fondi di controgaranzia. Il dato relativo alle rettifiche di valore su crediti per complessivi euro ,00 si riferisce alla svalutazione dei crediti vs. soci per interventi a garanzia e trova contropartita nel conto economico con un l utilizzo dei Fondi rischi per pari importo.

9 POLITICHE IN MATERIA DI GESTIONE DEL RISCHIO DI CREDITO Nel 2012, a causa della perdurante crisi economica, si è registrata una crescita considerevole del credito anomalo, comunque in linea con il generale deterioramento del credito registrato dal sistema. La cooperativa è riuscita ad affrontare in modo adeguato tale contingenza grazie alla sua capacità di produrre un consistente avanzo di gestione e all adeguatezza delle sue riserve che hanno consentito di rafforzare il fondo rischi proprio destinandovi risorse per oltre 1,6 milioni di euro. A. CREDITI DI FIRMA GARANZIE IN ESSERE EURO PRESIDIO DI EURO LIVELLO COPERTURA RISCHIO GARANZIE IN BONIS SU ,33 RISCONTI PASSIVI ,00 4,96% PATRIMONIO GARANZIE SU PATRIMONIO IN OSSERVAZIONE E PROBLEMATICHE GARANZIE CON COPERTURA TOTALE ,06 FONDO RISCHI PROPRI ,42 45,03% ,32 (FONDI BOND TERRITORI, FINPIEMONTE, ANTIUSURA,FONDO CAPPATO CR ASTI) TOTALE , ,68 Il Fondo Rischi Propri considera già i maggiori accantonamenti da deliberarsi in Assemblea dei Soci ,26 100,00% RISK TRANSFER FONDI DI RIASSICURAZIONE RIASSICURAZIONI IN ESSERE AL 31/12/2012 MEDIOCREDITO CENTRALE ,93 FIN.PROMO.TER ,78 LR. 34 FONDO DI RIASSICURAZIONE PMI ,73 FONDO DI RIASSICURAZIONE ARTIGIANI ,98 L.1068 ARTIGIANATO ,73 ARTIGIANCREDIT FEI ,10 TOTALE ,25

10 B. CREDITI PER CASSA CREDITI PER INTERVENTI A GARANZIA CREDITI PER INTERVENTI A GARANZIA ,00 STATO PATRIMONIALE INCREMENTI ,01 STATO PATRIMONIALE TOTALE CREDITI PER INTERVENTI A GARANZIA 2012 ANTE ,01 STATO PATRIMONIALE RECUPERI DIRETTI RECUPERI DIRETTI 2012 (1.000,00) STATO PATRIMONIALE RECUPERI DA CONTROGARANTI 2012 (7.568,28) STATO PATRIMONIALE TOTALE CREDITI PER INTERVENTI A GARANZIA 2012 ANTE ,73 STATO PATRIMONIALE RETTIFICHE RETTIFICHE IN CONTO ECONOMICO ( ,01) DARE/conto economico UTILIZZO FONDI ENTI PUBBLICI ,86 AVERE/conto economico UTILIZZO FONDI L ,30 AVERE/conto economico UTILIZZO FONDI PROPRI ,20 AVERE/conto economico UTILIZZO FONDO ACCORDO TRANSATTIVO ,05 AVERE/conto economico CREDITI PER INTERVENTI A GARANZIA ,72 STATO PATRIMONIALE CREDITI PER INTERVENTI A GARANZIA 2012 POST RETTIFICHE Euro ,72. Si tratta di posizioni in sofferenza per le quali è già stata escussa la garanzia e sono in corso azioni di recupero e richieste di intervento nei confronti degli enti riassicuratori. I crediti iscritti a bilancio sono contabilizzati al presunto valore di realizzo. RETTIFICHE SU CREDITI Su altre posizioni in sofferenza per le quali non si stimano recuperi, sono state operate rettifiche in conto economico contro il contestuale utilizzo dei Fondi rischi per Euro ,41. POLITICA DEGLI ACCANTONAMENTI Nel corso del 2012 si è avviata un attività di monitoraggio costante delle segnalazioni di anomalia sui crediti di firma, eseguendo rilievi secondo le modalità previste per le banche e gli altri intermediari finanziari, in coerenza con i principi contabili IAS/IFRS in tema di adeguamento al Fair Value delle garanzie rilasciate. Di seguito si illustra la situazione del credito di firma su cui esiste almeno una segnalazione da parte degli istituti bancari, suddividendo la segnalazione per classi (in mora, incaglio/revoca, sofferenza) e per tipologia di garanzia rilasciata. Per ogni tipologia di garanzia, viene posto in evidenza il rischio confidi ed il rischio al netto dell intervento del riassicuratore.

11 Per ogni tipologia di garanzia, viene poi applicata sul rischio netto una percentuale di svalutazione specifica che varia a seconda del livello di deterioramento della garanzia stessa. Totale Garanzie in osservazione Dati in mora IncR Soff Totale complessiv Rischio confidi , , , ,1 rischio netto , , , ,7 Copertura prudenziale del rischio , , , ,7 % svalutazione su rischio netto 1% 10% 70% Il prospetto evidenzia un ampia copertura dei rischi, ottenuta anche mediante la destinazione a tale scopo dell avanzo di gestione di euro e la richiesta all Assemblea dei Soci di deliberare un ulteriore rafforzamento dei Fondi rischi destinando a tale scopo riserve patrimoniali per euro. ESPOSIZIONE DELLA SOCIETA AL RISCHIO DI PREZZO, DI LIQUIDITA, DI VARIAZIONE DEI FLUSSI FINANZIARI Stante la natura di Confidi operante in territorio nazionale, su settore economico ampiamente conosciuto e su un mercato tradizionale, non sono presenti particolari rischi di prezzo e di variazione dei flussi finanziari. Il rischio di liquidità è praticamente assente per via dell elevato grado di liquidabilità del patrimonio netto aziendale. VARIAZIONI DI PATRIMONIO NETTO CAPITALE SOCIALE RISERVE AVANZO DI GESTIONE PATRIMONIO NETTO Signori Soci, PROGETTO DI DESTINAZIONE DELL AVANZO/DISAVANZO DI GESTIONE L esercizio Sociale si chiude con un avanzo di gestione pari a Euro Per espressa disposizione di legge e di Statuto parte dell utile di esercizio e più precisamente il 30% dello stesso, deve esser accantonato a riserva legale, per un importo pari a 3.487,05. Vi proponiamo di approvare la destinazione dell utile residuo, dopo l accantonamento alla Riserva Legale, alla Riserva Ordinaria per 8.136,44. Al fine di adeguare i Fondi rischi a quanto previsto dalla normativa IAS/IFRS in tema di accantonamenti sui crediti di firma in osservazione, Vi proponiamo di destinare al Fondo Rischi per garanzie prestate, la somma di Euro , utilizzando la riserva statutaria per pari importo.

Bilancio d esercizio 2013

Bilancio d esercizio 2013 Bilancio d esercizio 2013 REA N. 594319 C.F. e n. iscrizione Reg. Imprese di Torino 03862530015 n Albo Coop 101363. Confidi aderente a Federascomfidi Iscritto al n. 19562.8 Albo Intermediari Finanziari

Dettagli

LE GARANZIE DEI CONFIDI E LE NUOVE CONVENZIONI CON LE BANCHE

LE GARANZIE DEI CONFIDI E LE NUOVE CONVENZIONI CON LE BANCHE LE GARANZIE DEI CONFIDI E LE NUOVE CONVENZIONI CON LE BANCHE La struttura giuridica delle convenzioni vigenti ante Basilea 2 Negli ultimi trent anni la struttura giuridica delle convenzioni stipulate tra

Dettagli

Project Sviluppo. Executive report sulle Due Diligence dei Confidi DGR 218/2013 Regione Lombardia. Milano 15 Gennaio 2014

Project Sviluppo. Executive report sulle Due Diligence dei Confidi DGR 218/2013 Regione Lombardia. Milano 15 Gennaio 2014 Executive report sulle Due Diligence dei Confidi DGR 218/2013 Regione Lombardia Milano 15 Gennaio 2014 Premesse ed ambito della due diligence La due diligence è stata effettuata in connessione allo schema

Dettagli

L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 2013

L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 2013 CAMERA DI COMMERCIO DI FIRENZE L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 213 U.O. Statistica e studi III 213 Da questo trimestre inizia la pubblicazione di un

Dettagli

Risultati ed andamento della gestione

Risultati ed andamento della gestione Risultati ed andamento della gestione L esercizio 2011 si chiude con un risultato economico positivo, in quanto la distribuzione dei dividendi di Equitalia Nord ha consentito - insieme ai benefici fiscali

Dettagli

1 Relazione sulla gestione

1 Relazione sulla gestione Settore Bancario Andamento della gestione del Gruppo Unipol Banca Il 2013 è stato un anno caratterizzato da profondi cambiamenti che hanno riguardato sia la struttura direzionale della banca che la composizione

Dettagli

Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare di Banca d Italia n. 216/1996 INFORMATIVA AL PUBBLICO

Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare di Banca d Italia n. 216/1996 INFORMATIVA AL PUBBLICO Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare di Banca d Italia n. 216/1996 INFORMATIVA AL PUBBLICO Situazione al 31/12/2013 ASCOMFIDI PIEMONTE Società Cooperativa Via Massena, 20-10128 Torino Tel. 011/5516267/5516297

Dettagli

CREDEM, RISULTATI 2014: UTILE +31% A/A A 151,8 MILIONI DI EURO, DIVIDENDO +25% A/A A 0,15 EURO

CREDEM, RISULTATI 2014: UTILE +31% A/A A 151,8 MILIONI DI EURO, DIVIDENDO +25% A/A A 0,15 EURO CREDEM, RISULTATI 2014: UTILE +31% A/A A 151,8 MILIONI DI EURO, DIVIDENDO +25% A/A A 0,15 EURO Prestiti (1) +7,9% a/a (vs -1,4% del sistema (2) ); rapporto sofferenze impieghi a 1,55% tra i più bassi del

Dettagli

Piano straordinario per l'occupazione.

Piano straordinario per l'occupazione. Piano straordinario per l'occupazione. Il lavoro, il futuro. MISURA IV.1 Più forti patrimonialmente Agevolazioni per il rafforzamento della struttura patrimoniale delle piccole e medie imprese mediante

Dettagli

GRUPPO BANCO DESIO RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA

GRUPPO BANCO DESIO RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA GRUPPO BANCO DESIO RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA AL 31 MARZO 2006 1 INDICE Prospetti contabili pag. 03 Note di commento ed osservazioni degli Amministratori pag. 04 Nota informativa pag. 04 La struttura

Dettagli

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA. Banche di garanzia collettiva dei fidi

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA. Banche di garanzia collettiva dei fidi 2 VIGILANZA CREDITIZIA E FINANZIARIA SERVIZIO CONCORRENZA, NORMATIVA E AFFARI GENERALI (843) DIVISIONE NORMATIVA (015) Fascicolo W2 Sottoclassificazione BZ00000 NO0007 DISPOSIZIONI DI VIGILANZA Banche

Dettagli

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS)

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS) TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS) (DOCUMENTO SOGGETTO A VERIFICA, IN CORSO, DA PARTE DELLA SOCIETA DI REVISIONE) Nel 2002 l Unione europea ha adottato il regolamento n. 1606 in base

Dettagli

Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia

Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia sfef7_volait@0091-0096#3b_layout 1 13/03/12 09.04 Pagina 91 91 Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia di FABRIZIO VEDANA Il provvedimento con il quale la Banca d Italia,

Dettagli

Convocata l Assemblea dei Soci per venerdì 25 e sabato 26 aprile, rispettivamente in prima e seconda convocazione.

Convocata l Assemblea dei Soci per venerdì 25 e sabato 26 aprile, rispettivamente in prima e seconda convocazione. Veneto Banca rafforza il patrimonio promuovendo un operazione di aumento di capitale in opzione ai soci fino ad un massimo di 500 milioni di euro e la conversione del prestito obbligazionario convertibile

Dettagli

TRANCHED COVER E NUOVI STRUMENTI FINANZIARI DELLA U.E. LA PROPOSTA DEL SISTEMA FEDART

TRANCHED COVER E NUOVI STRUMENTI FINANZIARI DELLA U.E. LA PROPOSTA DEL SISTEMA FEDART Convention Fedart Fidi TRANCHED COVER E NUOVI STRUMENTI FINANZIARI DELLA U.E. LA PROPOSTA DEL SISTEMA FEDART Leonardo Nafissi Castiglione della Pescaia (GR), 25 settembre 2015 ARTICOLAZIONE DELL INTERVENTO

Dettagli

Caro Lettore, Buona lettura!

Caro Lettore, Buona lettura! GUIDA PRATICA Caro Lettore, Semplificare e agevolare l accesso al credito. In questo momento di difficile congiuntura economica, sono queste le parole d ordine che hanno portato governo, banche e imprese

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO RELATIVO AL RILASCIO DI GARANZIE

FOGLIO INFORMATIVO RELATIVO AL RILASCIO DI GARANZIE FOGLIO INFORMATIVO RELATIVO AL RILASCIO DI GARANZIE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI (Ai sensi del D. Lgs.1 settembre 1993, n. 385 testo Unico Bancario, della

Dettagli

ISA SpA III Pilastro Informativa al pubblico - Anno 2012

ISA SpA III Pilastro Informativa al pubblico - Anno 2012 PREMESSA La Circolare 216 di Banca d Italia del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007, al Capitolo V, al fine di rafforzare la disciplina prudenziale per gli Intermediari Finanziari iscritti

Dettagli

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007)

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007) CREDITO BERGAMASCO: il Consiglio di Amministrazione approva la relazione finanziaria semestrale. Crescono i ricavi. Continua espansione dei prestiti a piccole e medie imprese e della raccolta diretta complessiva.

Dettagli

Documento e Proposte

Documento e Proposte Documento e Proposte www.confidicampani.it Pag. 1 di 8 I Confidi I Confidi grazie alla loro figura di collegamento tra il mondo imprenditoriale e quello bancario, operano fruttuosamente a favore delle

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CREDEM, RISULTATI 1Q2015: UTILE +47,4% A/A, PRESTITI +6,6% A/A

COMUNICATO STAMPA CREDEM, RISULTATI 1Q2015: UTILE +47,4% A/A, PRESTITI +6,6% A/A CREDEM, RISULTATI 1Q2015: UTILE +47,4% A/A, PRESTITI +6,6% A/A Raccolta da clientela (1) +11,8% a/a a 56.235 milioni di euro, con un incremento in valore assoluto di circa sei miliardi di euro a/a; raccolta

Dettagli

Relazione sulla gestione dell impresa RISULTATI

Relazione sulla gestione dell impresa RISULTATI RISULTATI Gli schemi di conto economico e stato patrimoniale del Banco Popolare vengono di seguito rappresentati in forma riclassificata secondo criteri gestionali per fornire una lettura più immediata

Dettagli

Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE

Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Convegno OIC 6: Ristrutturazione del debito e informativa di bilancio Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE Dott. Luca Magnano San Lio Senior

Dettagli

Il Fondo di Garanzia per le PMI

Il Fondo di Garanzia per le PMI Il Fondo di Garanzia per le PMI Le Disposizioni Operative alla luce delle novità di recente adozione. Workshop in Assolombarda Fondo di Garanzia per le PMI: le nuove caratteristiche di intervento Guglielmo

Dettagli

Enel.factor espone l Informativa al Pubblico sul sito internet www.enelfactor.it. Premessa

Enel.factor espone l Informativa al Pubblico sul sito internet www.enelfactor.it. Premessa Enel.factor Spa Basilea 2 Terzo pilastro al pubblico Esercizio 2009 Premessa La normativa prudenziale Basilea 2 ha lo scopo di sviluppare all interno di banche e intermediari finanziari un sistema di controlli

Dettagli

CREDEM, RISULTATI 9M2014. PROSEGUE CRESCITA PER LINEE INTERNE: UTILE +28,1% A/A; PRESTITI +4,3% A/A (SISTEMA -2,3% A/A (1) ); CET 1 RATIO 11,29%

CREDEM, RISULTATI 9M2014. PROSEGUE CRESCITA PER LINEE INTERNE: UTILE +28,1% A/A; PRESTITI +4,3% A/A (SISTEMA -2,3% A/A (1) ); CET 1 RATIO 11,29% CREDEM, RISULTATI 9M2014. PROSEGUE CRESCITA PER LINEE INTERNE: UTILE +28,1% A/A; PRESTITI +4,3% A/A (SISTEMA -2,3% A/A (1) ); CET 1 RATIO 11,29% Utile netto consolidato +28,1% a/a a 128,5 milioni di euro;

Dettagli

Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria

Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria Comunicato Stampa Risultati consolidati al 30 settembre 2006 Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria Ricavi in crescita -

Dettagli

ID: 88072321 15/04/2013

ID: 88072321 15/04/2013 SEDE IN SEDEGLIANO (UD), S.S. 463 Z.I. PANNELLIA CAPITALE SOCIALE EURO 2.000.000,00 INTERAMENTE VERSATO CODICE FISCALE N. 02001710306 ISCRITTA AL REGISTRO DELLE IMPRESE DI UDINE AL N. 02001710306 ISCRITTA

Dettagli

CONSORZIO ENERGIA LIGURIA Bilancio al 31/12/2014 CONSORZIO ENERGIA LIGURIA

CONSORZIO ENERGIA LIGURIA Bilancio al 31/12/2014 CONSORZIO ENERGIA LIGURIA CONSORZIO ENERGIA LIGURIA Sede legale: VIA PESCHIERA 16 GENOVA (GE) Iscritta al Registro Imprese di GENOVA C.F. e numero iscrizione 01323550994 Iscritta al R.E.A. di Genova n. 400879 Capitale Sociale sottoscritto

Dettagli

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008.

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008. Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008. Utile netto consolidato a 75,3 milioni di euro: risente dell andamento negativo

Dettagli

CONAFI PRESTITÒ Il Consiglio di Amministrazione approva il progetto di bilancio 2008

CONAFI PRESTITÒ Il Consiglio di Amministrazione approva il progetto di bilancio 2008 CONAFI PRESTITÒ Il Consiglio di Amministrazione approva il progetto di bilancio 2008 Approvata la proposta di autorizzazione all acquisto e disposizione di azioni proprie Margine di intermediazione consolidato

Dettagli

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2011

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2011 CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro al Pubblico Situazione al 31/12/2011 CONAFI PRESTITO S.p.A Sede legale ed amministrativa: Torino, via Cordero di Pamparato 15 cap 10143 tel. 011/7710320

Dettagli

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2010

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2010 CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro al Pubblico Situazione al 31/12/2010 CONAFI PRESTITO S.p.A Sede legale ed amministrativa: Torino, via Cordero di Pamparato 15 cap 10143 tel. 011/7710320

Dettagli

1/5 FOGLIO INFORMATIVO GARANZIA A PRIMA RICHIESTA O SUSSIDIARIA. Foglio Informativo n. 6 approvato in data 30.07.2014 Revisione: dicembre 2014

1/5 FOGLIO INFORMATIVO GARANZIA A PRIMA RICHIESTA O SUSSIDIARIA. Foglio Informativo n. 6 approvato in data 30.07.2014 Revisione: dicembre 2014 Foglio Informativo n. 6 approvato in data 30.07.2014 Revisione: dicembre 2014 FOGLIO INFORMATIVO GARANZIA A PRIMA RICHIESTA O SUSSIDIARIA INFORMAZIONI SUL CONFIDI UNIFIDI IMPRESE SICILIA SOCIETÀ COOPERATIVA

Dettagli

Tesoreria. L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa. di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**)

Tesoreria. L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa. di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**) PAGINA: 60-64 L importanza dell analisi andamentale nel rapporto banca-impresa di Emanuele Facile (*) e Andrea Giacomelli (**) Nel nuovo contesto derivante dall introduzione di Basilea 2 l analisi dei

Dettagli

GARANZIA DEL FONDO SU PORTAFOGLI DI FINANZIAMENTI MODALITÀ OPERATIVE

GARANZIA DEL FONDO SU PORTAFOGLI DI FINANZIAMENTI MODALITÀ OPERATIVE ALLEGATO GARANZIA DEL FONDO SU PORTAFOGLI DI FINANZIAMENTI MODALITÀ OPERATIVE RIFERIMENTI NORMATIVI E DEFINIZIONI RIFERIMENTI NORMATIVI Legge 23 dicembre 1996 n. 662 (art. 2, comma 100, lettera a): Misure

Dettagli

1/5 FOGLIO INFORMATIVO INIZIATIVA TOP EUROPE GARANZIA A PRIMA RICHIESTA. Foglio Informativo n. 2 approvato in data: 3.12.2014 Revisione: dicembre 2014

1/5 FOGLIO INFORMATIVO INIZIATIVA TOP EUROPE GARANZIA A PRIMA RICHIESTA. Foglio Informativo n. 2 approvato in data: 3.12.2014 Revisione: dicembre 2014 Foglio Informativo n. 2 approvato in data: 3.12.2014 Revisione: dicembre 2014 FOGLIO INFORMATIVO INIZIATIVA TOP EUROPE GARANZIA A PRIMA RICHIESTA INFORMAZIONI SUL CONFIDI UNIFIDI IMPRESE SICILIA SOCIETÀ

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico va Informativa al pubblico Ai sensi della Circolare di Banca d Italia n. 216/1996, 7 agg., Cap. V, Sez. XII 31 Dicembre 2012 Approvata dal CDA del 19/06/2013 1/21 19 Giugno 2013 INDICE GENERALE INTRODUZIONE...

Dettagli

AUSER INSIEME PROVINCIALE DI TORINO Associazione di Promozione Sociale. Sede in Torino Via Salbertrand n. 57/25 Codice fiscale 97702630019

AUSER INSIEME PROVINCIALE DI TORINO Associazione di Promozione Sociale. Sede in Torino Via Salbertrand n. 57/25 Codice fiscale 97702630019 AUSER INSIEME PROVINCIALE DI TORINO Associazione di Promozione Sociale Sede in Torino Via Salbertrand n. 57/25 Codice fiscale 97702630019 Nota integrativa del bilancio al 31 dicembre 2011 ** ** ** I. STRUTTURA

Dettagli

A. I STATO PATRIMONIALE

A. I STATO PATRIMONIALE SOC. COOP. "CONTINUITÀ' ARTIGIANA" VIA DEL GALITELLO, 116/i - 85100 POTENZA C.F.\P.I. REG. IMP. POTENZA 00289300766 - ALBO SOC. COOP. A141040 REA C.C.I.A.A. POTENZA N. 56863 BILANCIO AL 31/12/2011 A. I

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 MARZO 2009

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 MARZO 2009 COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 MARZO 2009 EBITDA positivo per 1 milione di Euro (negativo per 2,2 milioni di Euro nello stesso periodo

Dettagli

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006. Marcolin S.p.A.

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006. Marcolin S.p.A. TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006 Marcolin S.p.A. Transizione ai Principi Contabili Internazionali (IAS/IFRS) Premessa In ottemperanza al Regolamento Europeo n. 1606 del 19

Dettagli

Relazione trimestrale

Relazione trimestrale Relazione trimestrale (30 settembre 2003) SOCIETÀ PER AZIONI CAPITALE ¼ 389.275.207,50 VERSATO - RISERVE ¼ 3.189,1 MILIONI SEDE SOCIALE IN MILANO PIAZZETTA ENRICO CUCCIA, 1 ISCRITTA ALL ALBO DELLE BANCHE.

Dettagli

rendiconto economico 2

rendiconto economico 2 rendiconto economico 034 rendiconto economico 2 In questa sezione del bilancio sociale Finpiemonte rappresenta, attraverso appositi prospetti, la dimensione economica e monetaria della gestione, secondo

Dettagli

SANPAOLO IMI Fondi Chiusi SGR S.p.A.

SANPAOLO IMI Fondi Chiusi SGR S.p.A. SANPAOLO IMI Fondi Chiusi SGR S.p.A. Via Farini, 12 40124 Bologna Società soggetta all attività di direzione e coordinamento di SANPAOLO IMI S.p.A. ed appartenente al Gruppo Bancario SANPAOLO IMI Socio

Dettagli

CRESUD S.P.A. Sede: Milano P.le Principessa Clotilde, 6. Capitale Sociale: EURO 1.450.000. i.v. Registro delle Imprese C.C.I.A.A.

CRESUD S.P.A. Sede: Milano P.le Principessa Clotilde, 6. Capitale Sociale: EURO 1.450.000. i.v. Registro delle Imprese C.C.I.A.A. CRESUD S.P.A. Sede: Milano P.le Principessa Clotilde, 6 Capitale Sociale: EURO 1.450.000. i.v. Registro delle Imprese C.C.I.A.A. Milano REA n. 1693279 Codice fiscale e partita Iva: 03508790171 NOTA INTEGRATIVA

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(IFRSs)

EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(IFRSs) EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(s) EEMS Italia S.p.A PROSPETTI CONTABILI DI EEMS ITALIA S.P.A AL 30 GIUGNO 2006 Premessa

Dettagli

FONDO PROVINCIALE DI GARANZIA PER I PRIVATI E LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE. Disposizioni operative

FONDO PROVINCIALE DI GARANZIA PER I PRIVATI E LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE. Disposizioni operative FONDO PROVINCIALE DI GARANZIA PER I PRIVATI E LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Disposizioni operative PARTE I DEFINIZIONI Nelle presenti disposizioni l espressione: Fondo, indica il Fondo di garanzia a favore

Dettagli

Agevolazioni finanziarie per le imprese del settore Autotrasporto merci per conto terzi

Agevolazioni finanziarie per le imprese del settore Autotrasporto merci per conto terzi 1 Agevolazioni finanziarie per le imprese del settore Autotrasporto merci per conto terzi Relatore: Cristiano Vincenzi (cristiano.vincenzi@bancopopolare.it) Responsabile Funzione Finanziamenti Agevolati

Dettagli

La capitalizzazione delle PMI e garanzie per gli investimenti

La capitalizzazione delle PMI e garanzie per gli investimenti La capitalizzazione delle PMI e garanzie per gli investimenti Il sostegno alle P.M.I. - Incentivi, garanzie ed opportunità per il consolidamento e la crescita Taranto, 27 febbraio 2009 Relatore: Dr. Raffaele

Dettagli

Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo. I CONFIDI alleati delle PMI

Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo. I CONFIDI alleati delle PMI Massimo Pacella Dottore Commercialista Revisore Contabile Relazione Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo I CONFIDI alleati delle PMI Premessa Il 26 giugno

Dettagli

RELAZIONE TRIMESTRALE II TRIMESTRE 2005

RELAZIONE TRIMESTRALE II TRIMESTRE 2005 RELAZIONE TRIMESTRALE II TRIMESTRE 2005 Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 29 luglio 2005 Poligrafica San Faustino S.p.A. 25030 CASTREZZATO (BS) ITALY - V. Valenca 15 Tel. (030) 70.49.1 - (10

Dettagli

Consiglio di amministrazione del 28 agosto 2014: approvazione del bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30 giugno 2014.

Consiglio di amministrazione del 28 agosto 2014: approvazione del bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30 giugno 2014. Società cooperativa per azioni - Fondata nel 1871 Sede sociale e direzione generale: I - 23100 Sondrio SO - Piazza Garibaldi 16 Iscritta al Registro delle Imprese di Sondrio al n. 00053810149 Iscritta

Dettagli

POLITICHE INTERNE IN MATERIA DI ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI SOGGETTI COLLEGATI

POLITICHE INTERNE IN MATERIA DI ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI SOGGETTI COLLEGATI POLITICHE INTERNE IN MATERIA DI ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI Documento approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 25 giugno 2015 INDICE 1. PREMESSA...

Dettagli

Regolamento del Patrimonio BancoPosta * * * * * *

Regolamento del Patrimonio BancoPosta * * * * * * Regolamento del Patrimonio BancoPosta * * * * * * Indice 1. PREMESSE 2. BENI E RAPPORTI DESTINATI 3. EFFETTI DELLA SEGREGAZIONE 4. REGOLE DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE 5. REGOLE DI CONTROLLO 6. COLLEGIO

Dettagli

GENOVA - VIA GARIBALDI 9 REGISTRO IMPRESE DI GENOVA, C.F. E P. IVA 01278410996 CAPITALE SOCIALE EURO 153.000 INTERAMENTE VERSATO

GENOVA - VIA GARIBALDI 9 REGISTRO IMPRESE DI GENOVA, C.F. E P. IVA 01278410996 CAPITALE SOCIALE EURO 153.000 INTERAMENTE VERSATO TUNNEL DI GENOVA S.P.A. in liquidazione SEDE GENOVA - VIA GARIBALDI 9 REGISTRO IMPRESE DI GENOVA, C.F. E P. IVA 01278410996 CAPITALE SOCIALE EURO 153.000 INTERAMENTE VERSATO n. R.E.A. : GE- 397238 * *

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

CIS RUBICONE SOC.COOP.SOC.ARL ONLUS

CIS RUBICONE SOC.COOP.SOC.ARL ONLUS CIS RUBICONE SOC.COOP.SOC.ARL ONLUS Sede in VIA ANTOLINA, 273 SAVIGNANO SUL RUBICONE Codice Fiscale 01465520409 - Numero Rea 197375 197375 P.I.: 01465520409 Capitale Sociale Euro 12377.12 Forma giuridica:

Dettagli

Rendimento del capitale investito e costo delle risorse finanziarie. Cenni funzionali sui principi legislativi e ragionieristici del bilancio

Rendimento del capitale investito e costo delle risorse finanziarie. Cenni funzionali sui principi legislativi e ragionieristici del bilancio Le Novità del Credito: corso di aggiornamento Obiettivi Fornire una visione sistematica e completa dell'operatività creditizia, aggiornata alle piu recenti novita (I.A.S., riforma societaria, riforma diritto

Dettagli

III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2014

III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2014 III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2014 1 Premessa Le disposizioni contenute nella Circolare della Banca d Italia n.216 del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007, Capitolo V - Vigilanza

Dettagli

Informativa al Pubblico. Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996

Informativa al Pubblico. Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996 Informativa al Pubblico Ai sensi del Cap. V, Sez. XII, della Circolare della Banca d Italia n. 216/1996 31 dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 2 1. ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 3 2. RISCHIO DI CREDITO:

Dettagli

SEZIONE I - INFORMAZIONI SU UNIONFIDI

SEZIONE I - INFORMAZIONI SU UNIONFIDI SEZIONE I - INFORMAZIONI SU UNIONFIDI Unionfidi Piemonte Società Cooperativa di garanzie collettiva fidi è un confidi intermediario finanziario vigilato iscritto, con provvedimento della Banca d Italia

Dettagli

I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013:

I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013: I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013: Nei primi sei mesi dell anno, la gestione economica del Gruppo ha generato un risultato della gestione operativa in

Dettagli

OIC 26 Operazioni, attività e passività in valuta estera bozza in consultazione fino al 31 ottobre 2012. Codice civile, art. 2426, 2427 c.c.

OIC 26 Operazioni, attività e passività in valuta estera bozza in consultazione fino al 31 ottobre 2012. Codice civile, art. 2426, 2427 c.c. OIC 26: revisione anche per operazioni, le attività e le passività in valuta estera della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO L Organismo Italiano di Contabilità ha dettato regole più chiare anche

Dettagli

PRIMA APPLICAZIONE DEI PRINCIPI CONTABILI

PRIMA APPLICAZIONE DEI PRINCIPI CONTABILI PRIMA APPLICAZIONE DEI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI Prima adozione degli Note tecniche di commento all applicazione dei principi contabili internazionali in sede di prima applicazione Transizione

Dettagli

FINSARDEGNA BILANCIO 2013

FINSARDEGNA BILANCIO 2013 FINSARDEGNA BILANCIO 2013 Sede legale: Viale Elmas, 33/35 09122 Cagliari Capitale Sociale: euro 5.812.500,00 (di cui non versato euro 113.250,00) Codice Fiscale e numero d iscrizione al Registro Imprese

Dettagli

Relazione sulla gestione al bilancio chiuso al 31.12.2013

Relazione sulla gestione al bilancio chiuso al 31.12.2013 AZIENDA SERVIZI STRUMENTALI S.r.l. Sede in Via della Resistenza n. 4-45100 ROVIGO Capitale sociale Euro 215.600 i.v. Codice Fiscale 01396160291 Reg.Imp. 01396160291 Rea 152660 RO Relazione sulla gestione

Dettagli

Le banche e le assicurazioni

Le banche e le assicurazioni IV 1 La redditività delle banche quotate Nei primi nove mesi del 213 la redditività delle principali banche quotate, misurata rispetto agli attivi ponderati per il rischio (RWA), è stata connotata da andamenti

Dettagli

L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 13.10.2003 PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE (RIVISTO NELLA SOSTANZA NEL 1993) Effetti delle variazioni dei cambi delle valute estere Il presente Principio

Dettagli

FAQ AVVISO PUBBLICO FINALIZZATO A FAVORIRE L ACCESSO AL CREDITO DELLE IMPRESE TRAMITE I CONFIDI DECRETO N. 5630/2014

FAQ AVVISO PUBBLICO FINALIZZATO A FAVORIRE L ACCESSO AL CREDITO DELLE IMPRESE TRAMITE I CONFIDI DECRETO N. 5630/2014 FAQ AVVISO PUBBLICO FINALIZZATO A FAVORIRE L ACCESSO AL CREDITO DELLE IMPRESE TRAMITE I CONFIDI DECRETO N. 5630/2014 1) 4. SOGGETTI BENEFICIARI. COME ANDRANNO ASSEGNATE LE AZIONI O QUOTE ALLE IMPRESE ISCRITTE

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE EDIZIONE DICEMBRE 2013

DOMANDE E RISPOSTE EDIZIONE DICEMBRE 2013 DOMANDE E RISPOSTE EDIZIONE DICEMBRE 2013 1. OPERAZIONI DI IMPORTO RIDOTTO (MICROCREDITO) Domanda. Una operazione di Microcredito estinta o parzialmente estinta consente di liberare, anche pro quota, il

Dettagli

Brescia, 5 marzo 2015. www.pirolapennutozei.it

Brescia, 5 marzo 2015. www.pirolapennutozei.it Brescia, 5 marzo 2015 OIC 26 -Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC 28: Patrimonio Netto www.pirolapennutozei.it OIC 26 -Operazioni, attività e passività in valuta estera www.pirolapennutozei.it

Dettagli

Bilancio dei gruppi e delle operazioni straordinarie 1 modulo

Bilancio dei gruppi e delle operazioni straordinarie 1 modulo Bilancio dei gruppi e delle operazioni straordinarie 1 modulo 4. Elaborazioni tecniche di consolidamento Ugo Sòstero Le elaborazioni tecniche di consolidamento ASSESTAMENTO DELLE PARTECIPAZIONI Metodi

Dettagli

PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO

PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO PILLAR III INFORMATIVA AL PUBBLICO 31 dicembre 2008 Veneto Sviluppo S.p.A. Via delle Industrie, 19/d 30175 Venezia Marghera Tel. +39 041 3967211 Fax +39 041 5383605 www.venetosviluppo.it Iscrizione al

Dettagli

LA GESTIONE PRESTITI

LA GESTIONE PRESTITI LA GESTIONE PRESTITI LA MANIFESTAZIONE DEL RISCHIO DI CREDITO IL CONTRATTO DI DEBITO (PRESTITO) PREVEDE DUE PRESTAZIONI NON CONTESTUALI E UNA CONDIZIONE DI INCERTEZZA FINO ALLA DATA DEL RIMBORSO NELL IPOTESI

Dettagli

azienda di prova srl

azienda di prova srl azienda di prova srl Sede in sede in Codice Fiscale - Numero Rea RM Capitale Sociale Euro 100.000 Società in liquidazione: no Società con socio unico: no Società sottoposta ad altrui attività di direzione

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ALBA PRIVATE EQUITY APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DI ESERCIZIO E IL BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2014

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ALBA PRIVATE EQUITY APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DI ESERCIZIO E IL BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2014 COMUNICATO STAMPA Milano, 15 aprile 2015 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ALBA PRIVATE EQUITY APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DI ESERCIZIO E IL BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2014 Bilancio Capogruppo:

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO IL BILANCIO CONSOLIDATO E IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE AL 31 DICEMBRE 2007 DATI DI BILANCIO

Dettagli

Le Operazioni di Impiego: ISTRUTTORIA DI FIDO E VALUTAZIONE DELLE GARANZIE. Università degli Studi di Teramo - Prof.

Le Operazioni di Impiego: ISTRUTTORIA DI FIDO E VALUTAZIONE DELLE GARANZIE. Università degli Studi di Teramo - Prof. ISTRUTTORIA DI FIDO E VALUTAZIONE DELLE GARANZIE 1 Ogni operazione di prestito concessa dalle banche a favore del soggetto che ne ha fatto richiesta prevede due FASI PRELIMINARI alla stipula del contratto

Dettagli

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II Lezione 12 IAS 21: Effetti delle variazioni cambi delle valute estere: Marco Rossi Senior Manager Deloitte & Touche S.p.A. marrossi@deloitte.it Facoltà di Economia anno

Dettagli

Le partecipazioni. 1. L acquisizione di partecipazioni 1/7

Le partecipazioni. 1. L acquisizione di partecipazioni 1/7 focus modulo 3 lezione 40 Il mercato dei capitali e la Borsa valori La negoziazione dei titoli azionari Le partecipazioni Gli investimenti di un impresa in azioni o quote di Capitale sociale di altre società

Dettagli

CREDITO E FINANZA Circolare Gennaio 2014

CREDITO E FINANZA Circolare Gennaio 2014 CREDITO E FINANZA Circolare Gennaio 2014 CREDITO 1. Fondo di garanzia per le PMI pag. 1 2. Usura TEGM in vigore nel I Trimestre 2014 pag. 2 FINANZA 3. DL Destinazione Italia - Misure in materia di credito

Dettagli

L analisi economico-finanziaria del bilancio Indici e flussi

L analisi economico-finanziaria del bilancio Indici e flussi Università Politecnica delle Marche Dipartimento di Management Sergio Branciari s.branciari@univpm.it Simone Poli s.poli@univpm.it L analisi economico-finanziaria del bilancio Indici e flussi San Benedetto

Dettagli

37. Transizione ai principi contabili internazionali IFRS

37. Transizione ai principi contabili internazionali IFRS 37. Transizione ai principi contabili internazionali IFRS Premessa Come indicato in Nota 1, La Società, nell ambito del progetto intrapreso nel 2008 afferente la transizione ai principi contabili internazionali

Dettagli

Il fascicolo di bilancio secondo i principi contabili internazionali (Ias/Ifrs) (con richiamo del fascicolo di bilancio ex D.

Il fascicolo di bilancio secondo i principi contabili internazionali (Ias/Ifrs) (con richiamo del fascicolo di bilancio ex D. Il fascicolo di bilancio secondo i principi contabili internazionali (Ias/Ifrs) (con richiamo del fascicolo di bilancio ex D. Lgs 127/91) Il fascicolo di Bilancio ex D. Lgs 127/91 Relazione sulla gestione

Dettagli

Dati significativi di gestione

Dati significativi di gestione 36 37 38 Dati significativi di gestione In questa sezione relativa al Rendiconto economico sono evidenziati ed analizzati i risultati economici raggiunti da ISA nel corso dell esercizio. L analisi si focalizza

Dettagli

Bilancio al 31/12/2014

Bilancio al 31/12/2014 Informazioni generali sull impresa Denominazione: Dati anagrafici Sede: Capitale sociale: 0,00 Capitale sociale interamente versato: Codice CCIAA: FONDAZIONE OAGE PIAZZA SAN MATTEO 18 GENOVA GE sì Partita

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso. Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Circolare n. 11 dell 11 settembre 2014 DL 24.6.2014 n. 91

Dettagli

DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI (Provvedimento di Banca d Italia 29 luglio 2009)

DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI (Provvedimento di Banca d Italia 29 luglio 2009) SEZIONE I - INFORMAZIONI SU UNIONFIDI Unionfidi Piemonte Società Cooperativa di garanzie collettiva fidi è un confidi intermediario finanziario vigilato iscritto, con provvedimento della Banca d Italia

Dettagli

Le misure contenute nel

Le misure contenute nel 16_21:Programma_Amva.qxd 04/07/2012 12.45 Pagina 16 16 AGEVOLAZIONI NAZIONALI INVESTIMENTI PRODUTTIVI Per il Fondo di garanzia in arrivo le nuove percentuali di copertura Ammesse anche le anticipazioni

Dettagli

NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO DI ESERCIZIO AL 31/12/2013 VALORI ESPRESSI IN UNITA DI EURO

NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO DI ESERCIZIO AL 31/12/2013 VALORI ESPRESSI IN UNITA DI EURO 1 GIOVANI E AMICI COOPERATIVA SOCIALE A RL Sede in TERRASSA PADOVANA, VIA NAVEGAURO, 50 Codice Fiscale e Partita Iva: 02269930281 Iscrizione Albo Cooperative n. A122759 Sezione Cooperative Mutualità Prevalente

Dettagli

Consiglio di Amministrazione di Mediobanca

Consiglio di Amministrazione di Mediobanca Consiglio di Amministrazione di Mediobanca Milano, 27 ottobre 2015 Approvata la relazione trimestrale al 30/09/2015 Utile netto a 244m, miglior risultato trimestrale degli ultimi 5 anni Margine di interesse

Dettagli

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II Lezione 3 IAS 37: Accantonamenti, passività e attività potenziali Marco Rossi Senior Manager Deloitte & Touche S.p.A. marrossi@deloitte.it Facoltà di Economia anno 2011

Dettagli

Il futuro dei Confidi 106 e 107 alla luce del D.lgs. del 13/08/2010 n. 141

Il futuro dei Confidi 106 e 107 alla luce del D.lgs. del 13/08/2010 n. 141 Il futuro dei Confidi 106 e 107 alla luce del D.lgs. del 13/08/2010 n. 141 Prof.ssa Rosa Adamo Corso di Istituzioni di Economia degli Intermediari Finanziari Sommario 1. L istituzione di un unico albo

Dettagli

Approfondimento 6.11 w - La nuova normativa relativa agli intermediari finanziari

Approfondimento 6.11 w - La nuova normativa relativa agli intermediari finanziari Approfondimento 6.11 w - La nuova normativa relativa agli intermediari finanziari INTERMEDIARI FINANZIARI ART. 106 TUB, CONFIDI, AGENTI IN ATTIVITÀ FINANZIARIA, MEDIATORI CREDITIZI E OPERATORI PROFESSIONALI

Dettagli

COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2013 CON UN UTILE DI 4,2 MILIONI (PERDITA DI 11,8 MILIONI NEL 2012)

COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2013 CON UN UTILE DI 4,2 MILIONI (PERDITA DI 11,8 MILIONI NEL 2012) COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2013 CON UN UTILE DI 4,2 MILIONI (PERDITA DI 11,8 MILIONI NEL 2012) La Holding chiude il 2013 con un utile di 0,5 milioni (perdita

Dettagli

L 261/178 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

L 261/178 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/178 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 13.10.2003 i requisiti di contabilizzazione e valutazione per i rimborsi nei paragrafi 104A, 128 e 129 e le relative informazioni integrative nei paragrafi

Dettagli

Foglio Informativo GARANZIA

Foglio Informativo GARANZIA Foglio Informativo - rev 11 (14.10.2013).doc - Pag. 1 di 5 Foglio Informativo GARANZIA Informazioni sul Confidi CONFIDI LOMBARDIA S.C. Sede Legale - Via Cefalonia, 60-25124 Brescia Sede Amministrativa

Dettagli