ANDAMENTO OCCUPAZIONALE E AZIONI DI POLITICA ATTIVA DELLA PROVINCIA DI TRIESTE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ANDAMENTO OCCUPAZIONALE E AZIONI DI POLITICA ATTIVA DELLA PROVINCIA DI TRIESTE"

Transcript

1 ASSESSORATO ALLE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO E COLLOCAMENTO MIRATO, PROGRAMMAZIONE SCOLASTICA E DIRITTO ALLO STUDIO, COOPERAZIONE SOCIALE Assessore Adele Pino ANDAMENTO OCCUPAZIONALE E AZIONI DI POLITICA ATTIVA DELLA PROVINCIA DI TRIESTE Analisi storica a cura di Francesca Pedron Osservatorio Provinciale Mercato del Lavoro Area Servizi al Cittadino Dirigente: Alberto Gagliardi U.O. Politiche attive del Lavoro Responsabile di PO: Marina Urti

2 SOMMARIO Andamento mercato del lavoro IL MERCATO DEL LAVORO IN PROVINCIA DI TRIESTE NEGLI ANNI Centro per l Impiego FLUSSI DI UTENZA. 7 GESTIONE DELLA MOBILITÀ.. 10 Iscrizioni in lista di mobilità Politiche attive del Lavoro TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO...15 BORSE FORMAZIONE LAVORO..19 INCENTIVI REGIONALI.22 Orientamento professionale e Formazione PROGRAMMA SPECIFICO 13 - Piano d azione per la ricollocazione lavorativa dei disoccupati 25 Osservatorio provinciale Mercato del Lavoro della Provincia di Trieste

3 Andamento mercato del lavoro è il sistema informativo regionale per l automazione degli adempimenti e dei servizi dei Centri per l Impiego. Grazie a estrazioni periodiche effettuate dal database di tale sistema è possibile elaborare dati di flusso derivanti dalle comunicazioni obbligatorie relative al periodo temporale di interesse, ottenendo così la possibilità di avere una visione generale dell andamento dei flussi del mercato del lavoro (avviamenti, cessazioni). I dati relativi agli avviamenti al lavoro, alle cessazioni e ai saldi presentati in questo rapporto sono stati estratti da alla data del 12 luglio Tali dati possono essere soggetti a lievi modifiche nel corso del tempo, poiché l inserimento delle pratiche relative agli avviamenti e alle cessazioni negli archivi informatici non sempre avviene in tempo reale. Inoltre, nei dati riportati sono comprese anche le comunicazioni obbligatorie riferite al lavoro domestico, che però sono inoltrate all INPS e in seguito registrate negli archivi informatici regionali. Per questo motivo è possibile che vi siano delle discrepanze tra i dati riportati in questo report e quelli riportati in altre precedenti analisi dell andamento del mercato del lavoro. Nella Tabella 1 sono riportati i dati sulle assunzioni effettuate nel periodo dal 2007 al Avviamenti Cessazioni Saldo Tabella 1 Dinamica dei rapporti di lavoro in provincia di Trieste serie storica Dal 2007 al 2012, per la domanda di lavoro dipendente in provincia di Trieste, si evidenzia una contrazione significativa con una perdita di nuovi rapporti di lavoro avviati pari a un decremento percentuale del 21.7%. L analisi storica delle cessazioni evidenzia un trend stabile, a eccezione del picco di rapporti di lavoro conclusi nell anno Dall analisi dei saldi emerge chiaramente la situazione di grave crisi occupazionale presente sul territorio locale: se nel 2007 il saldo occupazionale descrive un mercato del lavoro vivo e ricettivo, nel 2012 si evidenzia un saldo negativo di rapporti di lavoro che rappresenta pienamente la scarsa richiesta di lavoro dipendente nella nostra provincia. Inoltre, è importante rilevare che, mentre gli avviamenti riguardano unicamente i nuovi rapporti di lavoro nell anno di riferimento, le cessazioni si riferiscono a chiusure di rapporti di lavoro avviati sia nel medesimo anno sia in quelli precedenti, e pertanto quelle non compensate rappresentano opportunità occupazionali perse. Osservatorio provinciale Mercato del Lavoro della Provincia di Trieste 3

4 La differenza di genere e la dinamica del mondo del lavoro Nella Tabella 2 sono riportati i dati dei rapporti di lavoro avviati e cessati dal 2007 al 2012 distinti per genere. MASCHI Avviamenti (41.2%) (41.9%) (40.9%) (41%) (42.1%) (41.7%) Cessazioni (41.4%) (40.7%) (41.7%) (42.8%) (44.2%) (42.4%) Saldo FEMMINE Avviamenti (58.8%) (58.1%) (59.1%) (59%) (57,9%) (58.3%) Cessazioni (58.6%) (59.3%) (58.3%) (57.2%) (55.8%) (57.6%) Saldo Tabella 2. Rapporti di lavoro avviati e cessati per genere anni Le percentuali riportate indicano l incidenza del genere sul totale degli avviamenti/cessazioni Dall analisi delle serie storica emerge una differenza di genere rilevante nell incidenza percentuale sia riguardo al numero di rapporti avviati sia a quelli cessati: i dati mostrano una maggior percentuale di rapporti avviati e cessati nelle donne. Dai dati emerge quindi un equilibrio sostanziale nell entrata e nell uscita dal mercato del lavoro tra uomini e donne; per questo sembra plausibile ipotizzare che questa differenza tra i due generi non sia puramente numerica, ma piuttosto riveli differenti modalità di inserimento. Poiché i dati riportatati fanno riferimento a rapporti di lavoro avviati/cessati (e non al numero di occupati), è plausibile ritenere che per la componente femminile si utilizzino contratti connotati da una maggior precarizzazione o con durata più breve. Per un maggior approfondimento, si veda il report trimestrale dell Osservatorio Mercato del Lavoro della Provincia di Trieste. Età e inserimento nel mercato del lavoro Nelle Tabelle 3, 4 e 5 sono riportati i dati dei nuovi rapporti di lavoro avviati nelle diverse fasce di età distinti per tipologia contrattuale di inserimento. Per facilitare il confronto sono stati presi in considerazione gli anni 2007 (anno precedente alla crisi economica e occupazionale), 2011 e Osservatorio provinciale Mercato del Lavoro della Provincia di Trieste 4

5 15 29 ANNI Apprendistato professionalizzante 424 (2.3%) 889 (6.5%) (8.6%) Tirocinio 439 (2.4%) 563 (4.1%) 631 (5.1%) Lavoro a tempo determinato (45.7%) (40.3%) (40.9%) Lavoro a tempo indeterminato (21.8%) (12.2%) (10.8%) Lavoro a tempo determinato per sostituzione 172 (0.9%) 977 (7.2%) 802 (6.4%) Lavoro intermittente 227 (1.3%) (19.5%) (13.3%) Lavoro occasionale 122 (0.7%) 499 (3.7%) 372 (3%) Co.co.co./lavoro a progetto (15.5%) (10.3%) (9%) Altre tipologie contrattuali (9.4%) 522 (3.8%) 375 (3%) TOTALE Tabella 3. Rapporti di lavoro avviati e cessati per età anni 2007, 2011, 2012 Le percentuali riportate indicano l incidenza del tipo di contratto sul totale degli avviamenti Riguardo ai giovani dai 15 ai 29 anni, è rilevante evidenziare il forte aumento dei contratti di apprendistato registrato dal 2007 al 2012 (+650 unità pari a un incremento percentuale del 153%) riconducibile alle modifiche introdotte dal D.Lgs. 167/2011 Testo unico dell apprendistato. La situazione occupazionale dei più giovani è però connotata anche dalla forte contrazione degli avviamenti a tempo indeterminato ( nuovi contratti dal 2007 al 2012 pari a un decremento del 66%) e a tempo determinato ( nuovi contratti dal 2007 al 2012 pari a un decremento del 38%). Infine, è da segnalare la forte crescita del lavoro intermittente (lavoro a chiamata). Riguardo alla fascia di età dai 30 ai 49 anni, si evidenzia un forte decremento dei contratti a tempo indeterminato ( nuovi rapporti di lavoro avviati pari a -53% dal 2007 al 2012) e dei contratti a tempo determinato ( nuovi rapporti di lavoro avviati pari a -31% dal 2007 al 2012). Anche per i rapporti di lavoro avviati con contratto a progetto si registra una contrazione significativa con la perdita di nuove assunzioni dal 2007 al Come per la fascia dei più giovani, anche nella fascia di età centrale si assiste ad un rilevante aumento dei contratti di lavoro intermittente. Osservatorio provinciale Mercato del Lavoro della Provincia di Trieste 5

6 30 49 ANNI Apprendistato professionalizzante Tirocinio 118 (0.4%) 274 (1.2%) 237 (1.1%) Lavoro a tempo determinato (55%) (45.4%) (47%) Lavoro a tempo indeterminato (25.8%) (17.7%) (15%) Lavoro a tempo determinato per sostituzione 368 (1.4%) (12.4%) (14.3%) Lavoro intermittente 125 (0.4%) 995 (4.3%) (5%) Lavoro occasionale 141 (0.5%) 661 (2.9%) 594 (2.6%) Co.co.co./lavoro a progetto (15.1%) (11.6%) (10.2%) Altre tipologie contrattuali 399 (1.4%) (4.5%) (4.9%) TOTALE Tabella 4. Rapporti di lavoro avviati e cessati per età anni 2007, 2011, 2012 Le percentuali riportate indicano l incidenza del tipo di contratto sul totale degli avviamenti Nella fascia di età degli over 50, si registra un calo dei rapporti di lavoro a tempo indeterminato (-589 nuovi rapporti di lavoro avviati pari a -38% dal 2007 al 2012), che risulta comunque più contenuto se confrontato con le altre fasce di età considerate. E interessante notare, invece, la buona tenuta dei contratti di lavoro a progetto per questo target. OVER 50 ANNI Apprendistato professionalizzante Tirocinio 21 (0.3%) 48 (0.8%) 40 (0.7%) Lavoro a tempo determinato (47.2%) (37.6%) (39.3%) Lavoro a tempo indeterminato (23.7%) (16.7%) 929 (15.3%) Lavoro a tempo determinato per sostituzione 31 (0.5%) 359 (6%) 362 (6%) Lavoro intermittente 46 (0.7%) 347 (5.8%) 391 (6.4%) Lavoro occasionale 47 (0.7%) 209 (3.5%) 140 (2.3%) Co.co.co./lavoro a progetto (24.7%) (19.2%) (17.3%) Altre tipologie contrattuali 135 (2.1%) 629 (10.4%) 778 (12.8%) TOTALE Tabella 5. Rapporti di lavoro avviati e cessati per età anni 2007, 2011, 2012 Le percentuali riportate indicano l incidenza del tipo di contratto sul totale degli avviamenti Osservatorio provinciale Mercato del Lavoro della Provincia di Trieste 6

7 Centro per l Impiego FLUSSI DI UTENZA Di seguito sono riportati i dati del monitoraggio relativo al flusso di utenza presso il Centro per l Impiego relativamente agli anni dal 2009 al In particolare, si evidenzia il dato del numero totale di utenti che hanno rilasciato la Dichiarazione di disponibilità al lavoro e che hanno sottoscritto il Patto di servizio con il Centro per l impiego, secondo quanto previsto nel D.P.Reg. dd. 5 luglio 2005, n. 0227/Pres (Tabella 6). La Dichiarazione di disponibilità al lavoro consiste in una dichiarazione con la quale l utente, oltre ad attestare l eventuale attività lavorativa in precedenza svolta, si rende immediatamente disponibile allo svolgimento e alla ricerca di un attività lavorativa secondo le modalità definite con i servizi competenti. Il rilascio della Dichiarazione di disponibilità al lavoro è indispensabile al fine dell acquisizione dello stato di disoccupazione. Il Patto di Servizio è un accordo in forma scritta, di validità annuale, stipulato all atto del rilascio della dichiarazione di disponibilità dell utente con il Centro per l Impiego (CPI). Utenti che hanno rilasciato Dichiarazione di Disponibilità al lavoro e che hanno sottoscritto il Patto di Servizio Uomini Donne Totale Anno Anno Anno Anno Tabella 1 Flussi di utenza al CPI: dati in sintesi Come riportato nella Tabella 6, il flusso di utenza presso il CPI è in costante crescita. In particolare, dal 2009 al 2012 il flusso è aumentato di unità, pari a +42,3%. Da un analisi di genere degli utenti del CPI si evidenzia una maggior presenza di donne in tutte le annualità prese in considerazione; nessuna differenza di genere significativa si riscontra, invece, per il trend dal 2009 al Tipologia dei servizi erogati Nella Tabella 7 sono riportati distintamente i dati riferiti al numero di servizi erogati relativi alla stipula del Patto di Servizio e al colloquio di approfondimento per coloro che sono interessati al Servizio di Incontro Domanda Offerta di lavoro (IDO) del Centro per l Impiego. Il colloquio consente di completare in i dati sulle competenze, sulle esperienze scolastiche, formative e lavorative, sulle aspirazioni professionali e sulle reali disponibilità occupazionali Osservatorio provinciale Mercato del Lavoro della Provincia di Trieste 7

8 dell utente. Al termine del colloquio è prevista l attivazione automatica del Curriculum Vitae nella banca dati operazione quest ultima che rende visibile tale profilo agli operatori del Servizio IDO. L analisi della tipologia di servizi erogati evidenzia un andamento altalenante. Se si considera che nel numero di utenti che hanno richiesto il servizio di incontro domanda offerta di lavoro (IDO) vengono computati unicamente quelli utenti che effettuano il colloquio di orientamento al lavoro per la prima volta, è interessante notare la crescita di tale utenza, concentrata soprattutto negli anni 2010 e La minore erogazione di colloqui nel corso del 2012, invece, sembra suggerire un consolidamento dell utenza del servizio IDO, riconducibile probabilmente alla difficoltà di inserimento lavorativo connessa alla crisi economica in atto. Inoltre, dal 2009 al 2012 sono aumentati in modo rilevante anche gli utenti che si rivolgono al Centro per l Impiego per la stipula o il rinnovo del Patto di Servizio. Utenti che si sono limitati alla stipula/rinnovo del Patto di Servizio Utenti che hanno richiesto il servizio IDO Anno Anno Anno Anno Tabella 7 Acceso ai servizi del CPI: dati di sintesi Cittadinanza Utenti Per quanto riguarda la provenienza degli utenti (Tabella 8), la percentuale più elevata di coloro che si rivolgono al CPI è composta da cittadini italiani; anche se nettamente inferiore, rilevante è anche la percentuale di utenti extracomunitari. Come si può osservare dalla Tabella sottostante, l analisi storica dei dati sulla provenienza degli utenti non mostra differenze significative: per tutte le annualità l incidenza percentuale della diversa provenienza appare comunque costante. Cittadinanza utenti CPI Italiana Comunitaria Extracomunitaria Totale Anno (79.6%) 395 (4.2%) (16.2%) Anno (79.5%) 457 (4.6%) (15.9%) Anno (78.3%) 624 (5.5%) (16.2%) Anno (78.7%) 692 (5.2%) (16.1%) Tabella 8 Dettaglio cittadinanza degli utenti del CPI (percentuali di riga) Osservatorio provinciale Mercato del Lavoro della Provincia di Trieste 8

9 Età utenti Un dato rilevante riguardo gli accessi al CPI è quello riferito all età dell utenza. Nella Tabella 9 sono riportati i dati relativi agli utenti distinti in tre fasce di età. Fasce di età utenti CPI < 30 anni anni 55 anni Totale Anno (29.6%) (63.2%) 684 (7.2%) Anno (30%) (61.3%) 866 (8.7%) Anno (31.7%) (60%) 948 (8.3%) Anno (33.1%) (58.5%) (8.4%) Tabella 9 - Utenti totali del CPI per fascia di età (percentuali di riga) Per quanto riguarda l età, per tutti gli anni considerati la fascia che caratterizza prevalentemente gli utenti del Centro per l Impiego è quella tra i 31 e i 54 anni, ma considerevole è anche l incidenza dei giovani sotto i 30 anni. Inferiore, invece, l incidenza percentuale degli over 55. L analisi del trend di accesso al CPI per le diverse fasce di età evidenzia un aumento rilevante di giovani con meno di 30 anni, che sono passati da nel 2009 a nel 2012 ( unità pari a +60%). La fascia intermedia (31-54 anni) mostra una crescita negli accessi più contenuta, con aumento percentuale del 31.7%. Osservatorio provinciale Mercato del Lavoro della Provincia di Trieste 9

10 GESTIONE DELLA MOBILITÀ Iscrizioni In questa sezione sono presentati i dati relativi alle iscrizioni nelle liste di mobilità per gli anni dal 2009 al E opportuno premettere che a fronte delle modifiche normative intervenute con la Legge 24 dicembre 2012 n. 228 (Legge di stabilità 2013), dal primo gennaio 2013 non è più possibile accogliere domande di iscrizione in lista di mobilità ai sensi della legge 236/93. Secondo quanto era previsto dall art. 4 della L. 236/93, potevano essere iscritti in lista di mobilità i lavoratori licenziati, da imprese (anche artigiane o da cooperative di produzione lavoro), che occupano anche meno di 15 dipendenti, per giustificato motivo oggettivo riconducibile a riduzione di personale, trasformazione, ovvero cessazione dell'attività aziendale. I lavoratori aventi diritto all iscrizione dovevano presentare domanda al Centro per l Impiego entro 60 giorni dalla data di cessazione del rapporto di lavoro, allegando alla richiesta la lettera di licenziamento ricevuta dal datore di lavoro. In base alle procedure di cui agli artt. 4 e ss. della legge 223/91 (mobilità indennizzata), i lavoratori sottoposti a licenziamento collettivo (almeno 5 licenziamenti nell arco di 120 giorni) da imprese che occupano più di 15 dipendenti vengono iscritti "d'ufficio" in lista di mobilità. Il periodo di permanenza nella lista di mobilità è determinato da diversi fattori quali, ad esempio, l'età del lavoratore alla data del licenziamento, eventuali rapporti di lavoro a tempo determinato del lavoratore iscritto in lista mobilità, la tipologia di determinati contratti di lavoro. Le aziende possono beneficiare di agevolazioni contributive per i lavoratori, che, alla data dell'assunzione, risultano iscritti nella lista di mobilità, sia per i rapporti di lavoro a tempo determinato, che per quelli a tempo indeterminato. I benefici economici sono concessi per un periodo massimo di 12 mesi se il contratto di lavoro è a termine, prorogabili di ulteriori 12 mesi in caso di trasformazione a tempo indeterminato. Per le assunzioni a tempo indeterminato, l'agevolazione contributiva è concessa per un massimo di 18 mesi. Mobilità L. 223/91 serie storica anni Nella Tabella 10 sono riportati i dati degli iscritti in mobilità L 223/91 dal 2009 al 2012 distinti per genere. Anno 2009 Anno 2010 Anno 2011 Anno 2012 Donne Uomini TOTALE Tabella 10 - Iscrizioni alle liste di mobilità L. 223/91 distinti per genere Osservatorio provinciale Mercato del Lavoro della Provincia di Trieste 10

11 Il trend del numero di iscritti nelle liste di mobilità ex L.223/91 evidenzia una decrescita dal 2009 al 2011, con un decremento di 106 unità pari a -42.2%. Per l anno 2012 si registra, invece, un forte incremento delle entrate nelle liste di mobilità con un aumento di 95 unità pari a +65.5%. E plausibile ipotizzare che l andamento degli iscritti nelle liste di mobilità sia strettamente connesso ai dati di Cassa Integrazione Straordinaria e Cassa Integrazione in deroga; nel periodo in cui si evidenziano meno licenziamenti e di conseguenza una diminuzione delle iscrizioni nelle liste di mobilità si assiste a una crescita significativa del ricorso da parte delle imprese agli ammortizzatori sociali di CIGS e CIG in deroga (dati INPS). Il forte incremento degli iscritti nelle liste di mobilità registrato nel 2012 deriva quindi dalla fuoriuscita definitiva dei lavoratori che per un periodo hanno potuto beneficiare degli ammortizzatori sociali. Nella Tabella 11 sono riportati i dati dei lavoratori over 45 iscritti nelle liste di mobilità L. 223/91 negli anni dal 2009 al Tali dati rappresentano un sotto-campione del totale. DI CUI OVER 45 Anno 2009 Anno 2010 Anno 2011 Anno 2012 Donne Uomini TOTALE 156 su 251 (62.2%) 123 su 181 (67.9%) 92 su 145 (63.5%) Tabella 11 - Iscrizioni alle liste di mobilità L. 223/91: estratto over su 240 (51.2%) Come riportato in tabella, l incidenza percentuale degli iscritti nelle liste di mobilità over 45 è significativamente elevata: per tutti gli anni presi in considerazione, la meta e più dei lavoratori licenziati e posti in mobilità ex L. 223/91 ha più di 45 anni di età. Tale dato è particolarmente significativo dal momento che il ricollocamento di questo target appare particolarmente critico. Mobilità L. 223/91 Settori di Crisi Nella Tabella 12 è riportato l estratto dei lavoratori iscritti nelle liste di mobilità provenienti dai settori di crisi dal 2009 al Questi lavoratori rappresentano un sotto-campione del totale. DI CUI SETTORI DI CRISI Anno 2009 Anno 2010 Anno 2011 Anno 2012 Donne Uomini TOTALEì 101 su 251 (40.2%) 65 su 181 (35.9%) 88 su 145 (60.7%) Tabella 14 - Iscrizioni alle liste di mobilità L. 223/91: estratto Settori di crisi 117 su 240 (48.7%) Anche nel caso dei lavoratori provenienti dai settori di crisi, l analisi del trend delle iscrizioni nelle liste di mobilità evidenzia una crescita dal 2010 al 2012 con un aumento percentuale del 32%. Osservatorio provinciale Mercato del Lavoro della Provincia di Trieste 11

12 Nella Tabella 15 sono riportati nel dettaglio i dati riferiti agli iscritti nelle liste di mobilitò ai sensi della L. 223/61 provenienti dai settori di crisi dal 2009 al E importante specificare che gli ambiti caratterizzati da grave difficoltà occupazionale così come decretati dalla Regione Friuli Venezia Giulia (Piani di gestione delle situazioni di grave crisi occupazionale) non sono omogenei per le diverse annualità. In particolare, il settore dell edilizia è stato riconosciuto quale ambito di grave situazione occupazionale nel 2010 (Decreto assessorile dd. 7 aprile 2010 DGR dd. 4 agosto 2010). Anno 2009 Anno 2010 Anno 2011 Anno 2012 Metalmeccanico Edilizia Commercio Autotrasporti Elettronica Chimica Spedizionieri Tessile TOTALE Tabella 15 - Iscrizioni alle liste di mobilità L. 223/91 Settori di crisi Osservatorio provinciale Mercato del Lavoro della Provincia di Trieste 12

13 Mobilità L. 236/93 serie storica anni Nella Tabella 16 sono riportati i dati distinti per genere delle iscrizioni alla mobilità ex L. 236/93. Anno 2009 Anno 2010 Anno 2011 Anno 2012 Donne Uomini TOTALE Tabella 16 - Iscrizioni alle liste di mobilità L. 236/93 distinti per genere L andamento degli iscritti nelle liste di mobilità ai sensi della L. 236/93 si mostra costante dal 2009 al 2011, con una crescita importante nel Lo scorso anno il totale degli iscritti in lista di mobilità è stato di lavoratori, con aumento percentuale rispetto al 2011 di +28%. Se si considera che questo istituto è stato abolito dalla recente normativa in materia di lavoro, il dato assume un significato particolarmente rilevante; allo stato attuale, infatti, non sono più previsti gli sgravi fiscali e contributivi per il re-inserimento lavorativo di questo target. Sono comunque da rilevare altre tipologie di benefici disposti dall art. 4 commi da 8 a 11 delle L. 92/2012 (Disposizioni in materia di riforma del mercato del lavoro) a favore dei datori di lavoro che assumano, dal 2013, determinate categorie di lavoratori socialmente svantaggiati. In particolare, nella nota del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali (Direzione generale per le Politiche attive e passive del Lavoro), dd. 25/07/2013, si identificano quali lavoratori socialmente svantaggiati: - i lavoratori di età non inferiore a 50 anni, disoccupati da almeno 12 mesi; - le donne di qualsiasi età, prive di un impiego regolarmente retribuito da almeno 6 mesi, residenti in regioni ammissibili ai finanziamenti nell ambito dei fondi strutturali dell UE; - le donne di qualsiasi età prive di un impiego regolarmente retribuito da almeno 24 mesi, ovunque residenti. Nella Tabella 17 sono riportati i dati relativi ai lavoratori over 45 iscritti nelle liste di mobilità ai sensi della L. 236/93 (sotto-campione del totale). DI CUI OVER 45 Anno 2009 Anno 2010 Anno 2011 Anno 2012 Donne Uomini TOTALE 395 su (38.5%) 374 su (36.9%) 432 su (41.5%) Tabella 17 - Iscrizioni alle liste di mobilità ex L. 236/93: estratto over su (36.1%) Osservatorio provinciale Mercato del Lavoro della Provincia di Trieste 13

14 Come riportato in Tabella, per le annualità prese in considerazione nell analisi, l incidenza percentuale di lavoratori con più di 45 anni di età rappresenta circa un terzo del totale. Mobilità L. 236/93 Settori in Crisi Nella Tabella 18 sono riportati gli iscritti nelle liste di mobilità ex L. 236/93 provenienti dai settori di crisi. DI CUI SETTORI DI CRISI Anno 2009 Anno 2010 Anno 2011 Anno 2012 Donne Uomini TOTALE 354 su (34.5%) 399 su (39.4%) 549 su (52.8%) Tabella 18 - Iscrizioni alle liste di mobilità L. 236/93: estratto Settori di crisi 690 su (51.8%) Nella Tabella 19 vengono illustrati in dettaglio i dati riferiti ai lavoratori iscritti nelle liste di mobilità ex L. 239/93 provenienti dai settori di crisi per l anno E importante specificare che gli ambiti caratterizzati da grave difficoltà occupazionale così come decretati dalla Regione Friuli Venezia Giulia (Piani di gestione delle situazioni di grave crisi occupazionale) non sono omogenei per le diverse annualità. In particolare, il settore dell edilizia è stato riconosciuto quale ambito di grave situazione occupazionale nel 2010 (Decreto assessorile dd. 7 aprile 2010 DGR dd. 4 agosto 2010). Anno 2009 Anno 2010 Anno 2011 Anno 2012 Metalmeccanico Edilizia Commercio Autotrasporti Elettronica Chimica Spedizionieri Alberghiero Agenzie per il turismo Tessile 3 TOTALE Tabella 19 - Iscrizioni alle liste di mobilità L. 236/93 dettaglio Settori di crisi Osservatorio provinciale Mercato del Lavoro della Provincia di Trieste 14

15 Politiche attive del Lavoro TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO Il tirocinio è uno strumento che si propone di agevolare l incontro tra aziende e risorse umane, favorendo la crescita professionale del tirocinante e l orientamento nelle scelte professionali, mediante la conoscenza diretta del mondo del lavoro. Attraverso il tirocinio, l azienda ha la possibilità di formare una figura professionale, anche nell ottica di una possibile collaborazione futura. Anche se il tirocinio non costituisce un rapporto di lavoro e non è retribuito, l azienda ospitante ha la facoltà di erogare un rimborso spese a favore del tirocinante durante il periodo di svolgimento dell attività formativa. La durata del tirocinio non può superare i 6 mesi. La Provincia di Trieste, quale Ente promotore ai sensi dell art. 18 L. 196/1997, al fine di rendere lo strumento dl tirocinio formativo e di orientamento un azione concretamente finalizzata allo sbocco lavorativo, è altresì intervenuta, sostenendo con fondi propri gli interventi volti all inserimento occupazionale. Al termine del percorso, il tirocinante può richiedere una certificazione di competenze che attesti le mansioni svolte e le competenze acquisite durante il tirocinio e riportarle nel proprio Curriculum Vitae. Il tirocinio formativo e di orientamento si rivolge a: Lavoratori inoccupati, disoccupati, in mobilità; Neolaureati e neodiplomati (entro 12 mesi dal conseguimento del titolo di studio); Persone svantaggiate (comma 1, art.4 legge 381/91); Portatori di handicap. Le diverse tipologie di tirocinio trovano specifica regolamentazione nelle seguente normativa: - Legge 196/97; - D.M. 142/98; - Regolamento regionale per l attivazione di tirocini formativi e di orientamento e tirocini estivi; - Legge 148/2011; - Regolamento provinciale per interventi di sostegno all inserimento lavorativo. Ciascun intervento prevede un costante monitoraggio da parte del soggetto promotore che, individua un tutor didattico-organizzativo responsabile delle attività e dell istruttoria necessaria all avvio del procedimento e da parte della stessa azienda ospitante che designa un tutor responsabile dell inserimento e della formazione del tirocinante. Osservatorio provinciale Mercato del Lavoro della Provincia di Trieste 15

16 L attivazione del tirocinio formativo e di orientamento è subordinata alla stipula di una convenzione, firmata dai legali rappresentanti del soggetto promotore e dell azienda ospitante e di un progetto formativo e di orientamento, che dettaglia gli obiettivi e le modalità di svolgimento del tirocinio. A favore del tirocinante sono attivate le posizioni assicurative INAIL e R.C. A conclusione del percorso formativo l azienda ospitante elabora una relazione riferita all attività svolta durante il periodo di tirocinio, alle competenze di base, tecnico-professionali e trasversali acquisite durante il percorso formativo. Tale relazione, elaborata dal tutor aziendale, viene firmata dall azienda e trasmessa al soggetto promotore per la stesura dell attestato e della certificazione di competenze da rilasciarsi su richiesta del tirocinante e che può avere valore di credito formativo. L attestato è firmato dal legale rappresentante dell azienda, dal tutor del soggetto promotore e dal tutor aziendale. Nella Tabella 20 sono riportati i dati dei tirocini attivati dal 2009 al TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO Con rimborso a carico di Ente promotore Provincia Trieste Anno 2009 Anno 2010 Anno 2011 Anno Con rimborso a carico dell azienda ospitante TOTALE TIROCINI ATTIVATI Tabella 20 - Numero di tirocini attivati serie storica I dati relativi all attivazione di tirocini formativi e di orientamento mostrano un andamento relativamente stabile, fatta eccezione per la diminuzione registrata nel 2011 (- 58 unità pari a %). Questo dato può essere in parte spiegato dalla modifica normativa intervenuta nel corso dell estate 2011, che ha reso più selettiva la procedura per l individuazione del tirocinante da parte dell azienda. Nella Tabella 21 sono riportatati in dettaglio i dati distinti per genere. Come si può osservare, non si evidenzia nessuna differenza di genere nell accesso allo strumento, anche se si registra comunque una maggior presenza femminile. TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO Anno 2009 Anno 2010 Anno 2011 Anno 2012 Uomini 111 (41.7%) 135 (54.4%) 79 (41.6%) 101 (40.9%) Donne 155 (58.3%) 113 (45.6%) 111 (58.4%) 146 (59.1%) TOTALE Tabella 21 - Numero di tirocini attivati distinti per genere Osservatorio provinciale Mercato del Lavoro della Provincia di Trieste 16

17 Di seguito sono riportati i dati sugli esiti dei tirocini attivati (Tabella 22). E interessante notare come l incidenza percentuale degli inserimenti lavorativi a conclusione del percorso formativo sia in continua crescita dal 2009 al 2012; il trend registrato è particolarmente significativo, soprattutto in considerazione della grave crisi occupazionale che ha coinvolto e coinvolge il mercato del lavoro locale e nazionale. ESITI TIROCINI FORMATIVI: DATO GENERALE ESITI A CONCLUSIONE DEL TIROCINIO Anno 2009 Anno 2010 Anno 2011 Anno 2012 TOTALE TIROCINI CONCLUSI NELL ANNO Conclusi e assunti 27 (16.8%) 25 (28.7%) 34 (24.6%) 66 (44.6%) Conclusi e non assunti Interrotti Ancora in svolgimento alla fine dell anno di riferimento Richiesti dall azienda ma non avviati TOTALE TIROCINI ATTIVATI NELL ANNO Tabella 22 Esiti tirocini serie storica Dopo aver analizzato i dati generali, di seguito sono riportati, in modo distinto, gli esiti dei tirocini formativi e di orientamento attivati con fondi propri della Provincia di Trieste a sostegno di soggetti con maggior difficoltà di inserimento da quelli che prevedono, invece, il rimborso a carico dell azienda ospitante (Tabella 23 e 24). ESITI TIROCINI FORMATIVI: FONDI PROVINCIA ESITI A CONCLUSIONE DEL TIROCINIO Anno 2009 Anno 2010 Anno 2011 Anno 2012 TOTALE TIROCINI CONCLUSI NELL ANNO Conclusi e assunti 11 (29.8%) 14 (26.4%) 11 (30.5%) 19 (38.8%) Conclusi e non assunti Interrotti Ancora in svolgimento alla fine dell anno di riferimento Richiesti dall azienda ma non avviati TOTALE TIROCINI ATTIVATI NELL ANNO Tabella 23 Esiti tirocini attivati con fondi Provincia serie storica Osservatorio provinciale Mercato del Lavoro della Provincia di Trieste 17

18 I dati confermano l efficacia dei tirocini formativi finanziati dalla Provincia di Trieste quali strumenti propedeutici all inserimento lavorativo, soprattutto per coloro che evidenziano maggiori difficoltà occupazionali. E importante rilevare che molta attenzione viene posta alla scelta dell azienda ospitante, in particolare per l effettiva volontà di assunzione al termine del periodo formativo. ESITI TIROCINI FORMATIVI: AZIENDA OSPITANTE ESITI A CONCLUSIONE DEL TIROCINIO Anno 2009 Anno 2010 Anno 2011 Anno 2012 TOTALE TIROCINI CONCLUSI NELL ANNO Conclusi e assunti 16 (12.9%) 11 (22.4%) 23 (22.5%) 47 (47.5%) Conclusi e non assunti Interrotti Ancora in svolgimento alla fine dell anno di riferimento Richiesti dall azienda ma non avviati TOTALE TIROCINI ATTIVATI NELL ANNO Tabella 24 Esiti tirocini attivati con fondi Provincia serie storica Nei dati riferiti ai tirocini formativi e di orientamento attivati con aziende che erogano direttamente il rimborso spese è interessante notare il forte incremento di coloro che, al termine del percorso, sono stati inseriti. Dal 2009 al 2012 sono state inserite nel mondo del lavoro a conclusione del periodo di tirocinio 152 persone. Nella Tabella 25 sono riportate, in dettaglio, le tipologie contrattuali di inserimento. TIPOLOGIE CONTRATTUALI DI INSERIMENTO AL TERMINE DEL TIROCINIO SERIE STORICA TOTALE Con contratto a tempo indeterminato 28 (18.4%) Con contratto a tempo determinato 62 (40.9%) Con contratto di apprendistato professionalizzante 42 (27.4%) Con contratto a progetto 18 (11.9%) Altra tipologia contrattuale 2 (1.4%) TOTALE 152 (100%) Tabella 25 Tipologie contrattuali di inserimento a conclusione del periodo di tirocinio E importante sottolineare che le tipologie contrattuali offerte al termine del percorso formativo rappresentano forme di inserimento che prevedono buone garanzie per il lavoratore. Osservatorio provinciale Mercato del Lavoro della Provincia di Trieste 18

19 BORSE FORMAZIONE LAVORO La Borsa Formazione Lavoro è uno strumento di inserimento-reinserimento lavorativo che, attraverso un percorso di formazione-lavoro, opera sul target dello svantaggio socio-economico. L individuazione di tale situazione di disagio è individuata a partire da alcuni indicatori specifici, cui il primo (vincolante) è dato dalla situazione reddituale del richiedente, misurata tramite modello ISEE, stabilito in non superiore ai annui. La durata prevista per l intervento di Borsa Formazione Lavoro è pari a 6 mesi, per un monte settimanale di 20 ore e un incentivo pari a 310 mensili erogato alla persona dalla Provincia di Trieste in qualità di Ente Promotore dell intervento. Tale intervento, per la stessa natura del target cui si rivolge, prevede e richiede notevole flessibilità ed elasticità, associate a un monitoraggio costante da parte degli operatori del CPI della relazione tra l azienda ospitante e il beneficiario al fine di intervenire sulle evenienze (sospensioni, interruzioni, cambi d orario e/o mansione, altre esigenze della persona e/o dell azienda ospitante). Per poter accedere alle borse di formazione lavoro è previsto l inserimento nella graduatoria predisposta annualmente e aggiornata semestralmente. Dall anno 2012 è stata disposta la conclusione di questa tipologia di intervento. La Provincia di Trieste ha deciso, in sede di Bilancio, di non finanziare tale strumento per favorire e potenziare altri strumenti di sostegno all inserimento lavorativo. In questo modo, per le situazioni di svantaggio complesso si fa riferimento alla rete istituzionale dei Servizi territoriali per strutturare percorsi di inserimento lavorativo e di presa in carico più idonei. Gli operatori del Centro per l Impiego hanno preso contatto con tutti gli iscritti nella graduatoria, al fine di poterne regolare la posizione presso il Centro per l Impiego e, attraverso la partecipazione a laboratori informativi e la redazione di strumenti di autopresentazione in azienda (curriculum vitae, lettera di presentazione, incentivi assunzione), offrire loro strumenti conoscitivi utili all accesso al mercato del lavoro. Osservatorio provinciale Mercato del Lavoro della Provincia di Trieste 19

20 Nella Tabella26 sono riportati i dati relativi al numero di soggetti iscritti in graduatoria dal 2009 al Per gli anni dal 2009 al 2012 sono riportati i dati riferiti sia alla prima sia alla seconda graduatoria, mentre per il 2012 sono riportati i dati riferiti alla graduatoria unica. Inoltre, nella presentazione dei dati si sono tenuti separati gli iscritti in graduatoria appartenenti alle categorie protette ai sensi della L. 68/99. Anno 2009 Anno 2010 Anno 2011 Anno 2012 I II I II I II UNICA Collocamento ordinario L. 68/ Totali inseriti in graduatoria Tabella 26 - Graduatoria borse formazione lavoro: serie storica Gli iscritti nella diverse graduatorie sono stati in costante aumento fino al 2012: dai 128 idonei della prima graduatoria del 2009 si è arrivati ai 415 idonei nella seconda graduatoria del 2011, con un aumento percentuale del 224%. Questo dato è strettamente connesso alla grave crisi occupazionale in atto, che ha aumentato in modo significativo le persone in cerca di lavoro e abbassato il reddito di molte persone. Le Tabelle 27 e 28 rendono conto della suddivisione di genere e della provenienza dei borsisti all interno della graduatoria unica 2012: i dati non evidenziano particolari differenze di genere. Italiani Stranieri Totale I graduatoria (64.8%) 45 (35.2%) 128 II graduatoria (85.4%) 24 (14.4%) 164 I graduatoria (86.4%) 23 (13.4%) 169 II graduatoria (76.6%) 62 (23.4%) 265 I graduatoria (73.6%) 82 (26.4%) 309 II graduatoria (73.3%) 111 (26.7%) 415 graduatoria unica (67.9%) 103 (32.1%) 321 Tabella 27 - Graduatoria borse formazione lavoro: provenienza - serie storica In riferimento alla provenienza degli utenti iscritti nelle graduatorie di borse formazione lavoro si evidenzia una prevalenza di cittadini italiani, anche se nel corso del tempo l incidenza degli utenti stranieri è cresciuta. Osservatorio provinciale Mercato del Lavoro della Provincia di Trieste 20

SEMPRE DI PIÙ AL SERVIZIO DELLE IMPRESE

SEMPRE DI PIÙ AL SERVIZIO DELLE IMPRESE GUIDA PER L AZIENDA Direzione Servizio Lavoro via S. Anastasio n. 3 Trieste Tel. 040 3798536-547 Fax 040 3798232 Scala dei Cappuccini n. 1 Stanza n.5 Tel. 040 369104 (int. 249); Fax 040 369577 SEMPRE DI

Dettagli

I SERVIZI PER IL LAVORO

I SERVIZI PER IL LAVORO I SERVIZI PER IL LAVORO Quadro di insieme dei servizi offerti Rilevazione dati anno 2012 a cura di Osservatorio Provinciale Mercato del Lavoro SOMMARIO I SERVIZI PER IL LAVORO - DATI STATISTICI Centro

Dettagli

Il Mercato del Lavoro in Provincia di Pavia

Il Mercato del Lavoro in Provincia di Pavia Settore Sviluppo e Lavoro - Servizi alla Persona e all'impresa Servizi per l Impiego della Provincia di Pavia Il Mercato del Lavoro in Provincia di Pavia 2 trimestre 2015 Premessa Il report sul mercato

Dettagli

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GLI INCENTIVI PER L OCCUPAZIONE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GLI INCENTIVI PER L OCCUPAZIONE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GLI INCENTIVI PER L OCCUPAZIONE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 INCENTIVI PER I LAVORATORI IN CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA

Dettagli

Vademecum su lavoro e mobilità

Vademecum su lavoro e mobilità Fondazione Distretto HT Milano Brianza Vademecum su lavoro e mobilità Vimercate, 11 settembre 2009 Il Distretto HT per una gestione attiva della mobilità occupazionale Nelle schede allegate vengono riassunte

Dettagli

Breve guida alle assunzioni e agli incentivi.

Breve guida alle assunzioni e agli incentivi. Breve guida alle assunzioni e agli incentivi. Giovani Under 30 svantaggiati L. 99/13 Aziende Interessate Possono accedere al beneficio tutti i datori di lavoro che : -Risultano in regola con obblighi contributivi

Dettagli

REGOLAMENTO INTERVENTI DI SOSTEGNO ALL INSERIMENTO LAVORATIVO. (TESTO ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE CONSILIARE n. dd. )

REGOLAMENTO INTERVENTI DI SOSTEGNO ALL INSERIMENTO LAVORATIVO. (TESTO ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE CONSILIARE n. dd. ) REGOLAMENTO INTERVENTI DI SOSTEGNO ALL INSERIMENTO LAVORATIVO (TESTO ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE CONSILIARE n. dd. ) Premessa Richiamata la normativa nazionale e regionale che regolamenta la materia dei

Dettagli

Incentivi alle assunzioni

Incentivi alle assunzioni Incentivi alle assunzioni Principali incentivi alle assunzioni Esonero contributivo Legge Stabilità 2015 Bonus Garanzia Giovani Incentivo donne e over 50 Incentivo iscritti liste mobilità indennizzata

Dettagli

Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale 13 marzo 2009 n. 3

Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale 13 marzo 2009 n. 3 ALLEGATOA alla Dgr n. 1324 del 23 luglio 2013 Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale 13 marzo 2009 n. 3 Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Ambito di applicazione...4

Dettagli

Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa

Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa 1. Premessa Le criticità e le difficoltà che incontrano i giovani ad entrare

Dettagli

AVVISO PUBBLICO. per la concessione di contributi a favore delle imprese che attivano rapporti di lavoro occasionale di tipo accessorio.

AVVISO PUBBLICO. per la concessione di contributi a favore delle imprese che attivano rapporti di lavoro occasionale di tipo accessorio. COMUNE DI CESENA SETTORE PROGETTI INTEGRATI - PARTECIPAZIONE LAVORO SVILUPPO GIOVANI - UNIVERSITÀ PGN: 100669/368 Piazza del Popolo 10-47521 Cesena Tel: 0547.356592-323 Fax 0547.356519 E-mail: ravaioli_v@comune.cesena.fc.it

Dettagli

Articolo 4 (Progetto formativo e di orientamento) Articolo 5 (Obblighi e diritti del tirocinante) Articolo 6 (Soggetto promotore)

Articolo 4 (Progetto formativo e di orientamento) Articolo 5 (Obblighi e diritti del tirocinante) Articolo 6 (Soggetto promotore) Criteri e modalità per l attivazione dei tirocini formativi e di orientamento ai sensi dell articolo 4 bis della legge provinciale 16 giugno 1983, n. 19. Articolo 1 (Oggetto e ambito di applicazione) Nel

Dettagli

GIOVANI: TRA FORMAZIONE E LAVORO

GIOVANI: TRA FORMAZIONE E LAVORO ASSESSORATO AI CENTRI PER L IMPIEGO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, ATTIVITA PRODUTTIVE, ENERGIA E SICUREZZA Servizio Lavoro, Collocamento e Formazione GIOVANI: TRA FORMAZIONE E LAVORO GLI STRUMENTI MESSI IN

Dettagli

Nuovi indirizzi regionali in materia di tirocini Approvato con DGR X/825 del 25 ottobre 2013

Nuovi indirizzi regionali in materia di tirocini Approvato con DGR X/825 del 25 ottobre 2013 Nuovi indirizzi regionali in materia di tirocini Approvato con DGR X/825 del 25 ottobre 2013 1. Oggetto, ambito di applicazione e definizioni 2. Soggetti 2.1 Soggetti Promotori 2.2 Soggetti Ospitanti 2.3

Dettagli

CONVENZIONE DI INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI

CONVENZIONE DI INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI MARCA DA BOLLO 14,62 [indicare eventuali riferimenti normativi di esenzione dall applicazione del bollo] CONVENZIONE DI INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI AI SENSI DELL'ART. 11, COMMI 1,2,3,4,6

Dettagli

INCENTIVI OCCUPAZIONALI. - Jobs Act - Garanzia Giovani - Apprendistato - Stage /Tirocini/ Borse Lavoro

INCENTIVI OCCUPAZIONALI. - Jobs Act - Garanzia Giovani - Apprendistato - Stage /Tirocini/ Borse Lavoro INCENTIVI OCCUPAZIONALI - Jobs Act - Garanzia Giovani - Apprendistato - Stage /Tirocini/ Borse Lavoro JOBS ACT Nuove assunzioni a tempo indeterminato con CONTRATTO A TUTELE CRESCENTI: - sgravio contributivo

Dettagli

CIRCOLARE n. 34 / 2013 REGIONE LOMBARDIA NUOVI INDIRIZZI REGIONALI IN MATERIA DI TIROCINI

CIRCOLARE n. 34 / 2013 REGIONE LOMBARDIA NUOVI INDIRIZZI REGIONALI IN MATERIA DI TIROCINI Terrazzini & partners consulenti del lavoro p.i./c.f. 05505810969 www.terrazzini.it Via Campanini n.6 20124 Milano Via Marsala n.29 26900 Lodi Via De Amicis n.10 27029 Vigevano t. +39 02 6773361 f. +39

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle persone

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle persone Centro per l Impiego Carta dei servizi alle persone SOMMARIO SERVIZI ALLE PERSONE - Accoglienza e informazione - Dichiarazione di disponibilità all impiego e colloquio di primo livello; - Colloquio di

Dettagli

Progetto PON Supporto alla Transnazionalità Azioni transnazionali in tema di qualità delle politiche attive del lavoro per i giovani

Progetto PON Supporto alla Transnazionalità Azioni transnazionali in tema di qualità delle politiche attive del lavoro per i giovani Progetto PON Supporto alla Transnazionalità Azioni transnazionali in tema di qualità delle politiche attive del lavoro per i giovani Il sistema dell apprendistato in Italia (Scheda di presentazione rivolta

Dettagli

OSSERVATORIO SUL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI MODENA

OSSERVATORIO SUL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI MODENA OSSERVATORIO SUL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI MODENA NUMERO 14 DATI 2009 E PRIMO TRIMESTRE 2010 Modena, 22 Giugno 2010 1 LA DOMANDA DI LAVORO: GLI ADDETTI ALLE UNITA LOCALI DELL INDUSTRIA E SERVIZI

Dettagli

PROVINCIA DI LIVORNO CENTRO PER L IMPIEGO

PROVINCIA DI LIVORNO CENTRO PER L IMPIEGO PROVINCIA DI LIVORNO CENTRO PER L IMPIEGO NEWSLETTER PERIODICA DEL SERVIZIO SVILUPPO IMPRESE luglio 2014 n 19 Livorno, 24 luglio 2014 Questo servizio è a cura del consulente del Servizio Sviluppo Imprese.

Dettagli

NUOVE OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI E IL LAVORO 1. PIANO GIOVANI SICILIA

NUOVE OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI E IL LAVORO 1. PIANO GIOVANI SICILIA NUOVE OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI E IL LAVORO 1. PIANO GIOVANI SICILIA La Regione Siciliana in collaborazione con Italia Lavoro ha destinato 19.250.000 euro per l avviamento di percorsi di tirocinio per

Dettagli

AZIONE DI SISTEMA WELFARE TO WORK PER LE POLITICHE DI REIMPIEGO

AZIONE DI SISTEMA WELFARE TO WORK PER LE POLITICHE DI REIMPIEGO PROVINCIA DI PORDENONE AZIONE DI SISTEMA WELFARE TO WORK PER LE POLITICHE DI REIMPIEGO Percorsi di politica attiva del lavoro per soggetti over 50 espulsi dal sistema produttivo locale, privi di qualsiasi

Dettagli

News Lavoro STUDIO MEGGIORINI CONSULENZA DEL LAVORO. DGR 1324 del 23 luglio 2013 a cura della Direzione Lavoro della Regione Veneto

News Lavoro STUDIO MEGGIORINI CONSULENZA DEL LAVORO. DGR 1324 del 23 luglio 2013 a cura della Direzione Lavoro della Regione Veneto News Lavoro STUDIO MEGGIORINI CONSULENZA DEL LAVORO NUOVA DISCIPLINA DEI TIROCINI DGR 1324 del 23 luglio 2013 a cura della Direzione Lavoro della Regione Veneto 25 Settembre 2013 La nuova disciplina dei

Dettagli

Report mercato del lavoro in provincia di Pavia Anno 2013

Report mercato del lavoro in provincia di Pavia Anno 2013 Settore Sviluppo Economico Servizi alle Imprese Semplificazione Amministrativa Politiche del Lavoro Formazione Professionale e Istruzione Osservatorio del Mercato del Lavoro della Provincia di Pavia Servizi

Dettagli

Il settore metalmeccanico veneto aziende e lavoratori nella crisi (2009-2012)

Il settore metalmeccanico veneto aziende e lavoratori nella crisi (2009-2012) Il settore metalmeccanico veneto aziende e lavoratori nella crisi (2009-2012) report marzo 2013 IX congresso regionale Veneto Dal lavoro rinasce il futuro Dolo (Venezia) 4-5 aprile 2013 - 2 - Il quadro

Dettagli

GUIDA AI SERVIZI E AGLI STRUMENTI PER LA FORMAZIONE AZIENDALE

GUIDA AI SERVIZI E AGLI STRUMENTI PER LA FORMAZIONE AZIENDALE Assessorato all Agricoltura, Formazione professionale e Lavoro Assessorato all Agricoltura, Formazione professionale e Lavoro GUIDA AI SERVIZI E AGLI STRUMENTI PER LA FORMAZIONE RISERVATI ALLE AZIENDE

Dettagli

Allegato parte integrante - 1 ALLEGATO 1)

Allegato parte integrante - 1 ALLEGATO 1) Allegato parte integrante - 1 ALLEGATO 1) PIANO DI INTERVENTO PER FAVORIRE IL REINSERIMENTO LAVORATIVO DEI LAVORATORI FRUITORI DI AMMORTIZZATORI SOCIALI E DEI LAVORATORI IN STATO DI DISOCCUPAZIONE DI IMPRESE

Dettagli

PROVINCIA DI LECCE Assessorato al Lavoro e alla Formazione Professionale

PROVINCIA DI LECCE Assessorato al Lavoro e alla Formazione Professionale Regione Puglia Provincia di Lecce Assessorato al Lavoro PROVINCIA DI LECCE Assessorato al Lavoro e alla Formazione Professionale AVVISO PROVINCIALE PROGRAMMA P.A.R.I 2007 Programma d Azione per il Re-Impiego

Dettagli

L art. 1 del Decreto Legislativo n. 181 del 2000 definisce lo stato di disoccupazione come la condizione del soggetto:

L art. 1 del Decreto Legislativo n. 181 del 2000 definisce lo stato di disoccupazione come la condizione del soggetto: INCENTIVI DONNE E OVER 50: REQUISITI E PROCEDURE OPERATIVE INPS Stante l abrogazione del contratto di inserimento lavorativo, a partire dal 1 gennaio 2013 non è più possibile stipulare questo contratto

Dettagli

a cura di Roberto Camera Funzionario della DTL di Modena e curatore del sito internet www.dplmodena.it

a cura di Roberto Camera Funzionario della DTL di Modena e curatore del sito internet www.dplmodena.it Aggiornamenti Professionali Tirocini formativi: approvate le linee guida a cura di Roberto Camera Funzionario della DTL di Modena e curatore del sito internet www.dplmodena.it Cambiano le regole dei tirocini

Dettagli

DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA P. F. LAVORO E FORMAZIONE N. 243/SIM DEL 13/06/2014

DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA P. F. LAVORO E FORMAZIONE N. 243/SIM DEL 13/06/2014 1 DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA P. F. LAVORO E FORMAZIONE N. 243/SIM DEL 13/06/2014 Oggetto: AZIONE DI SISTEMA WELFARE TO WORK PER LE POLITICHE DI REIMPIEGO 2012-2014: APPROVAZIONE AVVISO PUBBLICO PER INTERVENTI

Dettagli

Legge n. 68/1999 - Art. 14 Fondo Regionale per l occupazione dei diversamente abili

Legge n. 68/1999 - Art. 14 Fondo Regionale per l occupazione dei diversamente abili Legge n. 68/1999 - Art. 14 Fondo Regionale per l occupazione dei diversamente abili Avviso pubblico per l assegnazione di incentivi finalizzati all inserimento e l integrazione lavorativa delle persone

Dettagli

Orientarsi nella giungla dei contratti: cos è un contratto; principali tipologie di contratto oggi in uso e loro caratteristiche.

Orientarsi nella giungla dei contratti: cos è un contratto; principali tipologie di contratto oggi in uso e loro caratteristiche. Orientarsi nella giungla dei contratti: cos è un contratto; principali tipologie di contratto oggi in uso e loro caratteristiche. 1 CRISI LA NORMATIVA CONTRATTUALE NON CREA LAVORO MA LO PUÒ DISTRUGGERE

Dettagli

CONVENZIONE DI TIROCINIO DI FORMAZIONE E ORIENTAMENTO. Premesso che

CONVENZIONE DI TIROCINIO DI FORMAZIONE E ORIENTAMENTO. Premesso che Allegato n. 3 CONVENZIONE DI TIROCINIO DI FORMAZIONE E ORIENTAMENTO ai sensi dell art. 4 bis della legge provinciale 16 giugno 1983, n. 19 Premesso che - la Provincia autonoma di Trento, per favorire le

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Informativa n. 5 del 12 gennaio 2010 Legge Finanziaria 2010

Dettagli

NOTA INFORMATIVA N. 04/2010. Legge Finanziaria 2010 (L. 23.12.2009 n. 191) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza.

NOTA INFORMATIVA N. 04/2010. Legge Finanziaria 2010 (L. 23.12.2009 n. 191) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza. Dottori Commercialisti Associati ASSOCIATI: GIOVANNI ALBERTI Professore Ordinario di Economia Aziendale all Università di Verona CLAUDIO UBINI ALBERTO CASTAGNETTI COLLABORATORI: ELISABETTA UBINI RITA MAGGI

Dettagli

I tirocini in Regione Campania Le novità normative

I tirocini in Regione Campania Le novità normative I tirocini in Regione Campania Le novità normative Ai Giovani, destinatari del nostro testimone Nel bel mezzo dell inverno ho infine imparato che in me albergava un invincibile estate Albert Camus Ai Giovani,

Dettagli

I SERVIZI PER IL LAVORO. Quadro di insieme dei servizi offerti

I SERVIZI PER IL LAVORO. Quadro di insieme dei servizi offerti I SERVIZI PER IL LAVORO Quadro di insieme dei servizi offerti Rilevazione dati anno 2008 SOMMARIO I SERVIZI PER IL LAVORO - DATI STATISTICI Centro per l Impiego Comunicazioni Telematiche Flussi di Utenza

Dettagli

ALLEGATO ALLA D.G.R. ATTUAZIONE DOTE UNICA LAVORO POR FSE 2014-2020. 1. Premessa... 2. 2. Caratteristiche della Dote Unica Lavoro...

ALLEGATO ALLA D.G.R. ATTUAZIONE DOTE UNICA LAVORO POR FSE 2014-2020. 1. Premessa... 2. 2. Caratteristiche della Dote Unica Lavoro... ALLEGATO ALLA D.G.R. ATTUAZIONE DOTE UNICA LAVORO POR FSE 2014-2020 Allegato 1 Indice 1. Premessa... 2 2. Caratteristiche della Dote Unica Lavoro... 2 2.1 Destinatari... 2 2.2 Fasce d aiuto... 2 2.3 Soggetti

Dettagli

Promuovere l innovazione delle imprese con Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani, Tirocinio e Apprendistato

Promuovere l innovazione delle imprese con Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani, Tirocinio e Apprendistato Promuovere l innovazione delle imprese con Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani, Tirocinio e Apprendistato Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani Cos è Dote Lavoro-Tirocini per i Giovani Dote Lavoro - Tirocini

Dettagli

Legge regionale n. 18/2005, art. 48 ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO O INSERIMENTI LAVORATIVI IN COOPERATIVE

Legge regionale n. 18/2005, art. 48 ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO O INSERIMENTI LAVORATIVI IN COOPERATIVE Legge regionale n. 18/2005, art. 48 ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO O INSERIMENTI LAVORATIVI IN COOPERATIVE D.P.REG. 0237/PRES DEL 07.08.2006 entrato in vigore il 31.08.2006 e s.m.i. di cui al D.P.REG.

Dettagli

Programma PARI 2007 Provincia di Sondrio INDICAZIONI OPERATIVE

Programma PARI 2007 Provincia di Sondrio INDICAZIONI OPERATIVE Provincia di Sondrio Programma PARI 2007 Provincia di Sondrio - Programma d Azione per il Reimpiego di lavoratori svantaggiati - INDICAZIONI OPERATIVE approvate con determinazione del dirigente del settore

Dettagli

Direzione centrale lavoro, formazione, istruzione, pari opportunità, politiche giovanili e ricerca

Direzione centrale lavoro, formazione, istruzione, pari opportunità, politiche giovanili e ricerca Direzione centrale lavoro, formazione, istruzione, pari opportunità, politiche giovanili e ricerca Regolamento per la concessione e l erogazione degli incentivi per gli interventi di politica attiva del

Dettagli

Regole per la gestione dello stato di disoccupazione. In vigore dal 1 gennaio 2014

Regole per la gestione dello stato di disoccupazione. In vigore dal 1 gennaio 2014 Regole per la gestione dello stato di disoccupazione In vigore dal 1 gennaio 2014 Stato di disoccupazione Dal 1 gennaio 2014 sono entrate in vigore nuove regole per la gestione dello stato di disoccupazione,

Dettagli

AVVISO PER LA CONCESSIONE DI INCENTIVI E SUSSIDI DA PARTE DI EBITER FVG, COMITATO PROVINCIALE DI TRIESTE

AVVISO PER LA CONCESSIONE DI INCENTIVI E SUSSIDI DA PARTE DI EBITER FVG, COMITATO PROVINCIALE DI TRIESTE AVVISO PER LA CONCESSIONE DI INCENTIVI E SUSSIDI DA PARTE DI EBITER FVG, COMITATO PROVINCIALE DI TRIESTE 1. Finalità Principali finalità degli Enti Bilaterali sono l'agevolazione e l'assistenza delle aziende

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale n. 3 del 2009

Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale n. 3 del 2009 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. 337 del 6.03.2012 pag. 1/9 Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale n. 3 del 2009 - Art. 1 Definizioni...2 - Art.

Dettagli

MANOVRA ANTICRISI 2010 INDICAZIONI OPERATIVE SPERIMENTALI

MANOVRA ANTICRISI 2010 INDICAZIONI OPERATIVE SPERIMENTALI MANOVRA ANTICRISI 2010 INDICAZIONI OPERATIVE SPERIMENTALI PREMESSA:...2 1 LAVORATORI IN MOBILITA, DISOCCUPATI BENEFICIARI DEL SOSTEGNO AL REDDITO, LAVORATORI SOSPESI DICHIARATI IN ESUBERO...3 2. LAVORATORI

Dettagli

NUOVI PERCORSI DI INSERIMENTO LAVORATIVO

NUOVI PERCORSI DI INSERIMENTO LAVORATIVO NUOVI PERCORSI DI INSERIMENTO LAVORATIVO La nuova legge n. 68 del 12/03/1999 Norme per il diritto al lavoro dei disabili risponde alla necessità di creare maggiori ed innovative opportunità per un collocamento

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA "PROMOZIONE DELL'ACCESSO AL LAVORO DELLE PERSONE DISABILI". Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA N. 49 del 24 luglio 2001 IL CONSIGLIO

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO

PROVINCIA DI BERGAMO PROVINCIA DI BERGAMO SERVIZIO SELEZIONI E ASSUNZIONI Via T. Tasso, n. 8 - BERGAMO (Tel. 035-387.103-4-5-6 - Fax 035-387.210) Http://www.provincia.bergamo.it e-mail: segreteria.personale@provincia.bergamo.it

Dettagli

Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione.

Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione. Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione. INCENTIVO DESTINATARI Giovani (l.99/2013) L incentivo è pari: -ad 1/3 della retribuzione

Dettagli

TIPOLOGIE DI TIROCINIO E DURATA

TIPOLOGIE DI TIROCINIO E DURATA TIROCINIO: informazioni locali Sommario 1. CHE COS'É 2. TIPOLOGIE DI TIROCINIO E DURATA 3. SOGGETTI AMMISSIBILI ALLO SVOLGIMENTO DI TIROCINI NON CURRICOLARI 4. SOGGETTI PROMOTORI 5. SOGGETTI OSPITANTI

Dettagli

AZIONE DI SISTEMA WELFARE TO WORK PER LE POLITICHE DI REIMPIEGO

AZIONE DI SISTEMA WELFARE TO WORK PER LE POLITICHE DI REIMPIEGO PROVINCIA DI PORDENONE AZIONE DI SISTEMA WELFARE TO WORK PER LE POLITICHE DI REIMPIEGO Percorsi di politica attiva del lavoro per soggetti over 50 espulsi dal sistema produttivo locale, privi di qualsiasi

Dettagli

GUIDA AD USO DEI LAVORATORI IN CASSA INTEGRAZIONE, NASPI, DIS-COLL O MOBILITA, CHE HANNO TROVATO UN NUOVO IMPIEGO

GUIDA AD USO DEI LAVORATORI IN CASSA INTEGRAZIONE, NASPI, DIS-COLL O MOBILITA, CHE HANNO TROVATO UN NUOVO IMPIEGO GUIDA AD USO DEI LAVORATORI IN CASSA INTEGRAZIONE, NASPI, DIS-COLL O MOBILITA, CHE HANNO TROVATO UN NUOVO IMPIEGO Una crisi aziendale può comportare diverse variazioni delle forme di lavoro, talvolta orientate

Dettagli

DISPOSITIVO 4 PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEI SERVIZI PER IL LAVORO E L OCCUPAZIONE ATTRAVERSO LA COLLABORAZIONE PUBBLICO/PRIVATO

DISPOSITIVO 4 PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEI SERVIZI PER IL LAVORO E L OCCUPAZIONE ATTRAVERSO LA COLLABORAZIONE PUBBLICO/PRIVATO DISPOSITIVO 4 PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEI SERVIZI PER IL LAVORO E L OCCUPAZIONE ATTRAVERSO LA COLLABORAZIONE PUBBLICO/PRIVATO Premessa Il presente dispositivo è redatto sulla base di quanto programmato

Dettagli

JOBS ACT: IL RIORDINO DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI E LA NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI NEL DECRETO 81/2015

JOBS ACT: IL RIORDINO DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI E LA NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI NEL DECRETO 81/2015 JOBS ACT: IL RIORDINO DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI E LA NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI NEL DECRETO 81/2015 Brescia, 22 luglio2015 Relatore: dott. Massimo Brisciani ARGOMENTI P A R T - T I M E 3 A P P

Dettagli

www.asarva.org guida pratica alle agevolazioni alle assunzioni In vigore al gennaio 2015 CONFARTIGIANATO IMPRESE VARESE

www.asarva.org guida pratica alle agevolazioni alle assunzioni In vigore al gennaio 2015 CONFARTIGIANATO IMPRESE VARESE www.asarva.org guida pratica alle agevolazioni alle assunzioni In vigore al gennaio 2015 In appendice al Convegno: Jobs Act del 4 marzo 2015 Gli incentivi alle assunzioni» INCENTIVO: Esonero Triennale

Dettagli

provincialavoroeformazione

provincialavoroeformazione provincialavoroeformazione A cura di Giorgio Santarello, Dirigente del Settore Lavoro e Formazione della Provincia di Padova, con la consulenza di Simone Chigliaro della Direzione Lavoro della Regione

Dettagli

DISOCCUPATI ed INOCCUPATI

DISOCCUPATI ed INOCCUPATI PROVINCIA DI CUNEO DIREZIONE SERVIZI AI CITTADINI E IMPRESE SETTORE FORMAZIONE E ISTRUZIONE AVVISO ai LAVORATORI OCCUPATI, DISOCCUPATI ed INOCCUPATI FORMAZIONE CONTINUA INDIVIDUALE PER LAVORATORI Anno

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ASSEGNAZIONE E GESTIONE DEI VOUCHER DI CONCILIAZIONE PER L ACQUISIZIONE DI SERVIZI ALLA PERSONA

LINEE GUIDA PER L ASSEGNAZIONE E GESTIONE DEI VOUCHER DI CONCILIAZIONE PER L ACQUISIZIONE DI SERVIZI ALLA PERSONA LINEE GUIDA PER L ASSEGNAZIONE E GESTIONE DEI VOUCHER DI CONCILIAZIONE PER L ACQUISIZIONE DI SERVIZI ALLA PERSONA P.O.R. 2007/2013 OBIETTIVO 2 COMPETITIVITA REGIONALE E OCCUPAZIONE ASSE II, OBIETTIVO SPECIFICO

Dettagli

PROVINCIA DI LIVORNO CENTRO PER L IMPIEGO

PROVINCIA DI LIVORNO CENTRO PER L IMPIEGO PROVINCIA DI LIVORNO CENTRO PER L IMPIEGO NEWSLETTER PERIODICA DEL SERVIZIO SVILUPPO IMPRESE maggio 2014 n 18 Livorno, 16 maggio 2014 Questo servizio è a cura del consulente del Servizio Sviluppo Imprese.

Dettagli

SERVIZIO INSERIMENTI LAVORATIVI (SIL)

SERVIZIO INSERIMENTI LAVORATIVI (SIL) SERVIZIO INSERIMENTI LAVORATIVI (SIL) DEFINIZIONE ED OBIETTIVI DEL SERVIZIO Per lungo tempo il problema dell inserimento lavorativo del disabile non è stato affrontato in modo sistematico: sia per le difficoltà

Dettagli

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia 2 ottobre 2015 1. Programmazione attuativa (dati al 1 ottobre 2015) Le risorse finanziarie del Programma Operativo Nazionale Iniziativa Occupazione Giovani

Dettagli

Guida allo stage. Il Progetto. Cos è lo stage La normativa Numero dei tirocinanti ospitati Interruzione

Guida allo stage. Il Progetto. Cos è lo stage La normativa Numero dei tirocinanti ospitati Interruzione Guida allo stage Il Progetto Cos è lo stage La normativa Numero dei tirocinanti ospitati Interruzione I soggetti attori del progetto Il tutor dell Ente Promotore Le aziende ospitanti Il tutor aziendale

Dettagli

Mercato del lavoro e alcune tipologie contrattuali. UST CISL Torino e Canavese

Mercato del lavoro e alcune tipologie contrattuali. UST CISL Torino e Canavese Mercato del lavoro e alcune tipologie contrattuali 1 Dove si cerca lavoro? Centri per l Impiego Agenzie per il Lavoro Sportelli per il Lavoro Conoscenza (l 80% degli avviamenti al lavoro avvengono tramite

Dettagli

6. La presentazione dell istanza di prima concessione deve avvenire entro e non oltre 68 gg:

6. La presentazione dell istanza di prima concessione deve avvenire entro e non oltre 68 gg: Messaggio 07 febbraio 2011, n. 2981 Indennità di mobilità in deroga 2011 - Accordo quadro del 14.1.2011 Facendo seguito al messaggio n. 2926 del 7.02.2011 col quale è stato trasmesso l'accordo quadro del

Dettagli

Circolare N. 17 del 3 Febbraio 2015

Circolare N. 17 del 3 Febbraio 2015 Circolare N. 17 del 3 Febbraio 2015 Incentivi e assunzioni - quali agevolazioni posso applicare nel 2015? Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che per favorire l occupazione e, contemporaneamente,

Dettagli

Convegno Competitività e coesione sociale: le politiche per l inclusione lavorativa delle persone disabili e svantaggiate

Convegno Competitività e coesione sociale: le politiche per l inclusione lavorativa delle persone disabili e svantaggiate Convegno Competitività e coesione sociale: le politiche per l inclusione lavorativa delle persone disabili e svantaggiate Servizio Politiche del Lavoro e Formazione Professionale Venerdì 4 Luglio 2008

Dettagli

LA DINAMICA DEI CONTRATTI DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO: IMPATTO DEGLI INCENTIVI E DEL JOBS ACT. AGGIORNAMENTO A GIUGNO 2015

LA DINAMICA DEI CONTRATTI DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO: IMPATTO DEGLI INCENTIVI E DEL JOBS ACT. AGGIORNAMENTO A GIUGNO 2015 VENETO LAVORO Osservatorio & Ricerca LA DINAMICA DEI CONTRATTI DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO: IMPATTO DEGLI INCENTIVI E DEL JOBS ACT. AGGIORNAMENTO A GIUGNO MISURE/62 Luglio Introduzione Nel il mercato

Dettagli

CITTÀ DI BARI Assessorato al Lavoro. Avviso pubblico

CITTÀ DI BARI Assessorato al Lavoro. Avviso pubblico CITTÀ DI BARI Assessorato al Lavoro Avviso pubblico BORSA LAVORO per tirocini formativi finalizzati allo sviluppo dell occupazione nelle imprese della provincia di Bari e riservato a giovani disoccupati

Dettagli

Abbreviazioni utilizzate

Abbreviazioni utilizzate Abbreviazioni utilizzate Aol Adempimenti on-line Arof Anagrafe regionale obbligo formativo Ateco (classificazione) Attività economiche (classificazione) Cci Comitato di coordinamento istituzionale Ccnl

Dettagli

REGOLAMENTO INTERVENTI FINALIZZATI ALL INTEGRAZIONE LAVORATIVA IN FAVORE DI PERSONE IN SITUAZIONE DI DISABILITÀ, DISTURBO MENTALE O SVANTAGGIO

REGOLAMENTO INTERVENTI FINALIZZATI ALL INTEGRAZIONE LAVORATIVA IN FAVORE DI PERSONE IN SITUAZIONE DI DISABILITÀ, DISTURBO MENTALE O SVANTAGGIO REGOLAMENTO INTERVENTI FINALIZZATI ALL INTEGRAZIONE LAVORATIVA IN FAVORE DI PERSONE IN SITUAZIONE DI DISABILITÀ, DISTURBO MENTALE O SVANTAGGIO 1 INDICE Art.1 Oggetto Art. 2 Destinatari Art. 3 Strumenti

Dettagli

INTESA TRA. Provincia di Mantova rappresentata dall Assessore al Lavoro e alla Formazione Professionale, Carlo Grassi

INTESA TRA. Provincia di Mantova rappresentata dall Assessore al Lavoro e alla Formazione Professionale, Carlo Grassi INTESA PER L INTEGRAZIONE DELLE POLITICHE TERRITORIALI E DELLE AZIONI PER CONTRASTARE LE CONSEGUENZE SULL OCCUPAZIONE E SUL SISTEMA PRODUTTIVO DELLA CRISI ECONOMICA nell ambito territoriale del distretto

Dettagli

Scheda n. 1. Riferimenti normativi e organizzativi inerenti l attuazione del procedimento

Scheda n. 1. Riferimenti normativi e organizzativi inerenti l attuazione del procedimento Scheda n. 1 Iscrizione elenco anagrafico ex DPR 442/2000 e acquisizione stato di disoccupazione mediante sottoscrizione della DID Dichiarazione di Immediata disponibilità allo svolgimento di attività lavorativa

Dettagli

PROVINCIA DI PRATO PROVINCIA DI PISTOIA

PROVINCIA DI PRATO PROVINCIA DI PISTOIA PROVINCIA DI PRATO PROVINCIA DI PISTOIA Progetto per la realizzazione di misure aggiuntive di stabilizzazione e di politica attiva del lavoro e per il sostegno delle situazioni di maggiore difficoltà in

Dettagli

Programma FIxO Scuola & Università NORMATIVA TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO REGIONE LIGURIA

Programma FIxO Scuola & Università NORMATIVA TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO REGIONE LIGURIA Programma FIxO Scuola & Università NORMATIVA TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO SCHEDA SINTETICA DGR n. 1052 DEL 05/08/2013 Disciplina regionale dei tirocini formativi e di orientamento, dei tirocini

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI ALL IMPRENDITORIALITA E/O SGRAVI FISCALI

REGOLAMENTO DELLA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI ALL IMPRENDITORIALITA E/O SGRAVI FISCALI Comune di MONSERRATO Comunu de PAULI Regolamento allegato alla deliberazione C.C. n. 3 del 13.3.2014 REGOLAMENTO DELLA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI ALL IMPRENDITORIALITA E/O SGRAVI FISCALI In favore delle

Dettagli

Agenzia Regionale per il Lavoro Servizi per l Impiego

Agenzia Regionale per il Lavoro Servizi per l Impiego Agenzia Regionale per il Lavoro Servizi per l Impiego 2015 Veronica Stumpo Responsabile di posizione organizzativa Centro per l Impiego di Trieste Trieste, 4 novembre 2015 L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE

Dettagli

DOTE UNICA LAVORO 2013-2015

DOTE UNICA LAVORO 2013-2015 DOTE UNICA LAVORO 2013-2015 DGR 748 del 04/10/2013 Regione Lombardia Segretaria Dip. MdL, Formazione, Ricerca e Scuola - Fulvia Colombini Dip. MdL, Formazione, Ricerca e Scuola Annalisa Radice Paolo Vieri

Dettagli

Dote Unica Lavoro Occupati in Lombardia!

Dote Unica Lavoro Occupati in Lombardia! Nota informativa ottobre 2013 Direzione Sindacale Welfare Sicurezza sul lavoro Dote Unica Lavoro Occupati in Lombardia! E stato pubblicato il decreto della Regione Lombardia contenente l Avviso della Dote

Dettagli

ACCORDO QUADRO PER GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN DEROGA ANNO 2010

ACCORDO QUADRO PER GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN DEROGA ANNO 2010 ACCORDO QUADRO PER GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN DEROGA ANNO 2010 L'anno duemiladieci, il giorno quattordici del mese di aprile, in Palermo presso la sede dell'assessorato regionale della Famiglia, delle

Dettagli

Programma FIxO Scuola & Università NORMATIVA TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO REGIONE CAMPANIA

Programma FIxO Scuola & Università NORMATIVA TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO REGIONE CAMPANIA Programma FIxO Scuola & Università NORMATIVA TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO SCHEDA SINTETICA DGR n. 243 del 22/07/2013 - Modifiche al regolamento regionale 2 aprile 2010, n. 9 -regolamento di attuazione

Dettagli

PROVA DI SELEZIONE PUBBLICA, PER TITOLI ED ESAMI, PER L ASSUNZIONE, A TEMPO DETERMINATO, DI N. 8 ISTRUTTORI DIRETTIVI CAT. D

PROVA DI SELEZIONE PUBBLICA, PER TITOLI ED ESAMI, PER L ASSUNZIONE, A TEMPO DETERMINATO, DI N. 8 ISTRUTTORI DIRETTIVI CAT. D PROVA DI SELEZIONE PUBBLICA, PER TITOLI ED ESAMI, PER L ASSUNZIONE, A TEMPO DETERMINATO, DI N. 8 ISTRUTTORI DIRETTIVI CAT. D da impiegare nell area dei servizi innovativi per l impiego con funzione di

Dettagli

PROVINCIA DI LIVORNO CENTRO PER L IMPIEGO

PROVINCIA DI LIVORNO CENTRO PER L IMPIEGO PROVINCIA DI LIVORNO CENTRO PER L IMPIEGO NEWSLETTER PERIODICA DEL SERVIZIO SVILUPPO IMPRESE Settembre 2013 n 14 Livorno, 3 settembre 2013 Questo servizio è a cura del consulente del Servizio Sviluppo

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER L ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI TORINO

CORSO DI FORMAZIONE PER L ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI TORINO CORSO DI FORMAZIONE PER L ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI TORINO Gestione del Personale Svolgimento del Rapporto di Lavoro 20 Ottobre 2010 A cura di: OPEN Dot Com - Servizio

Dettagli

Le comunicazioni obbligatorie on line dei rapporti di lavoro e dei tirocini ai sensi del DM. 30 ottobre 2007, esonerano gli enti promotori dall invio

Le comunicazioni obbligatorie on line dei rapporti di lavoro e dei tirocini ai sensi del DM. 30 ottobre 2007, esonerano gli enti promotori dall invio REGIONE PIEMONTE - BOLLETTINO UFFICIALE N. 3 DEL 21/01/10 Deliberazione della Giunta Regionale 21 dicembre 2009, n. 100-12934 LR 34/08 artt.38-41. Provvedimento di attuazione dei tirocini formativi e di

Dettagli

Il mercato del lavoro alla ricerca della flessibilità. Milano, 22/05/2013 Christian Riccio, Business Development Manager Stabilizzazione

Il mercato del lavoro alla ricerca della flessibilità. Milano, 22/05/2013 Christian Riccio, Business Development Manager Stabilizzazione Il mercato del lavoro alla ricerca della flessibilità Milano, 22/05/2013 Christian Riccio, Business Development Manager Stabilizzazione Gli interventi della riforma Nuovi limiti all utilizzo di alcuni

Dettagli

Disciplina organica dei contratti di lavoro e la revisione della normativa in tema di mansioni (DLgs 81/2015)

Disciplina organica dei contratti di lavoro e la revisione della normativa in tema di mansioni (DLgs 81/2015) Disciplina organica dei contratti di lavoro e la revisione della normativa in tema di mansioni (DLgs 81/2015) Nonostante l'enfasi "riformatrice" adottata in sede di presentazione, in questo decreto vengono

Dettagli

STRUMENTI DI SOSTEGNO ALL INSERIMENTO SOCIO-LAVORATIVO

STRUMENTI DI SOSTEGNO ALL INSERIMENTO SOCIO-LAVORATIVO STRUMENTI DI SOSTEGNO ALL INSERIMENTO SOCIO-LAVORATIVO IN PROVINCIA DI TRIESTE ANNO 2013 Persone in borsa lavoro, soggetti attuatori, tipologie degli strumenti Provincia di Trieste Area Servizi al Cittadino

Dettagli

In caso di discordanze prevale il testo pubblicato sulla gazzetta uf iciale che si consiglia di leggere.

In caso di discordanze prevale il testo pubblicato sulla gazzetta uf iciale che si consiglia di leggere. La legge 92/2012, composta da 4 articoli, ha modificato ed eliminato numerosi istituti giuridici in materia di lavoro. Nelle pagine che seguono potrete trovare una sintesi delle principali novità contenute

Dettagli

Il mercato del lavoro in provincia di Padova

Il mercato del lavoro in provincia di Padova Osservatorio sul Mercato del Lavoro della Provincia di Padova Il mercato del lavoro in provincia di Padova Anno 2011 e I semestre 2012 1 ottobre 2012 A cura di Anna Basalisco 1 Fonti proprie - Cubi OLAP

Dettagli

BANDO PER LE IMPRESE

BANDO PER LE IMPRESE BANDO PER LE IMPRESE - Interventi a sostegno dell occupazione erogazione di bonus assunzionali - lavoratori/lavoratrici in Cigs della A. Merloni in A.S. 1. FINALITA Con il presente bando, in attuazione

Dettagli

Centro per l Impiego di Lucca

Centro per l Impiego di Lucca Centro per l Impiego di Lucca Via Vecchia Pesciatina angolo Via Lucarelli 55100 S. Vito - Lucca Tel. 0583/417590 - Fax 0583/417812 Sito web: www.luccalavoro.it Posta elettronica: cilucca@provincia.lucca.it

Dettagli

Incentivi alle assunzioni, politiche attive e NASpI

Incentivi alle assunzioni, politiche attive e NASpI Incentivi alle assunzioni, politiche attive e NASpI Dott. Salvatore Vitiello Consulente del lavoro Convegno «La riforma del lavoro - Jobs Act. COSA CAMBIA DAVVERO» Milano, 24 marzo 2015 www.hrcapital.it

Dettagli

PROVINCIA DI MILANO Direzione Centrale Sviluppo Economico e Sociale Settore Politiche del Lavoro. Premessa

PROVINCIA DI MILANO Direzione Centrale Sviluppo Economico e Sociale Settore Politiche del Lavoro. Premessa PROVINCIA DI MILANO Direzione Centrale Sviluppo Economico e Sociale Settore Politiche del Lavoro AVVISO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI A VALERE SUL FONDO NAZIONALE PER L OCCUPAZIONE Premessa La Provincia

Dettagli

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali.

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali. Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Roma, 05/11/2014 Circolare n. 137 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili

Dettagli