ANDAMENTO OCCUPAZIONALE E AZIONI DI POLITICA ATTIVA DELLA PROVINCIA DI TRIESTE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ANDAMENTO OCCUPAZIONALE E AZIONI DI POLITICA ATTIVA DELLA PROVINCIA DI TRIESTE"

Transcript

1 ASSESSORATO ALLE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO E COLLOCAMENTO MIRATO, PROGRAMMAZIONE SCOLASTICA E DIRITTO ALLO STUDIO, COOPERAZIONE SOCIALE Assessore Adele Pino ANDAMENTO OCCUPAZIONALE E AZIONI DI POLITICA ATTIVA DELLA PROVINCIA DI TRIESTE Analisi storica a cura di Francesca Pedron Osservatorio Provinciale Mercato del Lavoro Area Servizi al Cittadino Dirigente: Alberto Gagliardi U.O. Politiche attive del Lavoro Responsabile di PO: Marina Urti

2 SOMMARIO Andamento mercato del lavoro IL MERCATO DEL LAVORO IN PROVINCIA DI TRIESTE NEGLI ANNI Centro per l Impiego FLUSSI DI UTENZA. 7 GESTIONE DELLA MOBILITÀ.. 10 Iscrizioni in lista di mobilità Politiche attive del Lavoro TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO...15 BORSE FORMAZIONE LAVORO..19 INCENTIVI REGIONALI.22 Orientamento professionale e Formazione PROGRAMMA SPECIFICO 13 - Piano d azione per la ricollocazione lavorativa dei disoccupati 25 Osservatorio provinciale Mercato del Lavoro della Provincia di Trieste

3 Andamento mercato del lavoro è il sistema informativo regionale per l automazione degli adempimenti e dei servizi dei Centri per l Impiego. Grazie a estrazioni periodiche effettuate dal database di tale sistema è possibile elaborare dati di flusso derivanti dalle comunicazioni obbligatorie relative al periodo temporale di interesse, ottenendo così la possibilità di avere una visione generale dell andamento dei flussi del mercato del lavoro (avviamenti, cessazioni). I dati relativi agli avviamenti al lavoro, alle cessazioni e ai saldi presentati in questo rapporto sono stati estratti da alla data del 12 luglio Tali dati possono essere soggetti a lievi modifiche nel corso del tempo, poiché l inserimento delle pratiche relative agli avviamenti e alle cessazioni negli archivi informatici non sempre avviene in tempo reale. Inoltre, nei dati riportati sono comprese anche le comunicazioni obbligatorie riferite al lavoro domestico, che però sono inoltrate all INPS e in seguito registrate negli archivi informatici regionali. Per questo motivo è possibile che vi siano delle discrepanze tra i dati riportati in questo report e quelli riportati in altre precedenti analisi dell andamento del mercato del lavoro. Nella Tabella 1 sono riportati i dati sulle assunzioni effettuate nel periodo dal 2007 al Avviamenti Cessazioni Saldo Tabella 1 Dinamica dei rapporti di lavoro in provincia di Trieste serie storica Dal 2007 al 2012, per la domanda di lavoro dipendente in provincia di Trieste, si evidenzia una contrazione significativa con una perdita di nuovi rapporti di lavoro avviati pari a un decremento percentuale del 21.7%. L analisi storica delle cessazioni evidenzia un trend stabile, a eccezione del picco di rapporti di lavoro conclusi nell anno Dall analisi dei saldi emerge chiaramente la situazione di grave crisi occupazionale presente sul territorio locale: se nel 2007 il saldo occupazionale descrive un mercato del lavoro vivo e ricettivo, nel 2012 si evidenzia un saldo negativo di rapporti di lavoro che rappresenta pienamente la scarsa richiesta di lavoro dipendente nella nostra provincia. Inoltre, è importante rilevare che, mentre gli avviamenti riguardano unicamente i nuovi rapporti di lavoro nell anno di riferimento, le cessazioni si riferiscono a chiusure di rapporti di lavoro avviati sia nel medesimo anno sia in quelli precedenti, e pertanto quelle non compensate rappresentano opportunità occupazionali perse. Osservatorio provinciale Mercato del Lavoro della Provincia di Trieste 3

4 La differenza di genere e la dinamica del mondo del lavoro Nella Tabella 2 sono riportati i dati dei rapporti di lavoro avviati e cessati dal 2007 al 2012 distinti per genere. MASCHI Avviamenti (41.2%) (41.9%) (40.9%) (41%) (42.1%) (41.7%) Cessazioni (41.4%) (40.7%) (41.7%) (42.8%) (44.2%) (42.4%) Saldo FEMMINE Avviamenti (58.8%) (58.1%) (59.1%) (59%) (57,9%) (58.3%) Cessazioni (58.6%) (59.3%) (58.3%) (57.2%) (55.8%) (57.6%) Saldo Tabella 2. Rapporti di lavoro avviati e cessati per genere anni Le percentuali riportate indicano l incidenza del genere sul totale degli avviamenti/cessazioni Dall analisi delle serie storica emerge una differenza di genere rilevante nell incidenza percentuale sia riguardo al numero di rapporti avviati sia a quelli cessati: i dati mostrano una maggior percentuale di rapporti avviati e cessati nelle donne. Dai dati emerge quindi un equilibrio sostanziale nell entrata e nell uscita dal mercato del lavoro tra uomini e donne; per questo sembra plausibile ipotizzare che questa differenza tra i due generi non sia puramente numerica, ma piuttosto riveli differenti modalità di inserimento. Poiché i dati riportatati fanno riferimento a rapporti di lavoro avviati/cessati (e non al numero di occupati), è plausibile ritenere che per la componente femminile si utilizzino contratti connotati da una maggior precarizzazione o con durata più breve. Per un maggior approfondimento, si veda il report trimestrale dell Osservatorio Mercato del Lavoro della Provincia di Trieste. Età e inserimento nel mercato del lavoro Nelle Tabelle 3, 4 e 5 sono riportati i dati dei nuovi rapporti di lavoro avviati nelle diverse fasce di età distinti per tipologia contrattuale di inserimento. Per facilitare il confronto sono stati presi in considerazione gli anni 2007 (anno precedente alla crisi economica e occupazionale), 2011 e Osservatorio provinciale Mercato del Lavoro della Provincia di Trieste 4

5 15 29 ANNI Apprendistato professionalizzante 424 (2.3%) 889 (6.5%) (8.6%) Tirocinio 439 (2.4%) 563 (4.1%) 631 (5.1%) Lavoro a tempo determinato (45.7%) (40.3%) (40.9%) Lavoro a tempo indeterminato (21.8%) (12.2%) (10.8%) Lavoro a tempo determinato per sostituzione 172 (0.9%) 977 (7.2%) 802 (6.4%) Lavoro intermittente 227 (1.3%) (19.5%) (13.3%) Lavoro occasionale 122 (0.7%) 499 (3.7%) 372 (3%) Co.co.co./lavoro a progetto (15.5%) (10.3%) (9%) Altre tipologie contrattuali (9.4%) 522 (3.8%) 375 (3%) TOTALE Tabella 3. Rapporti di lavoro avviati e cessati per età anni 2007, 2011, 2012 Le percentuali riportate indicano l incidenza del tipo di contratto sul totale degli avviamenti Riguardo ai giovani dai 15 ai 29 anni, è rilevante evidenziare il forte aumento dei contratti di apprendistato registrato dal 2007 al 2012 (+650 unità pari a un incremento percentuale del 153%) riconducibile alle modifiche introdotte dal D.Lgs. 167/2011 Testo unico dell apprendistato. La situazione occupazionale dei più giovani è però connotata anche dalla forte contrazione degli avviamenti a tempo indeterminato ( nuovi contratti dal 2007 al 2012 pari a un decremento del 66%) e a tempo determinato ( nuovi contratti dal 2007 al 2012 pari a un decremento del 38%). Infine, è da segnalare la forte crescita del lavoro intermittente (lavoro a chiamata). Riguardo alla fascia di età dai 30 ai 49 anni, si evidenzia un forte decremento dei contratti a tempo indeterminato ( nuovi rapporti di lavoro avviati pari a -53% dal 2007 al 2012) e dei contratti a tempo determinato ( nuovi rapporti di lavoro avviati pari a -31% dal 2007 al 2012). Anche per i rapporti di lavoro avviati con contratto a progetto si registra una contrazione significativa con la perdita di nuove assunzioni dal 2007 al Come per la fascia dei più giovani, anche nella fascia di età centrale si assiste ad un rilevante aumento dei contratti di lavoro intermittente. Osservatorio provinciale Mercato del Lavoro della Provincia di Trieste 5

6 30 49 ANNI Apprendistato professionalizzante Tirocinio 118 (0.4%) 274 (1.2%) 237 (1.1%) Lavoro a tempo determinato (55%) (45.4%) (47%) Lavoro a tempo indeterminato (25.8%) (17.7%) (15%) Lavoro a tempo determinato per sostituzione 368 (1.4%) (12.4%) (14.3%) Lavoro intermittente 125 (0.4%) 995 (4.3%) (5%) Lavoro occasionale 141 (0.5%) 661 (2.9%) 594 (2.6%) Co.co.co./lavoro a progetto (15.1%) (11.6%) (10.2%) Altre tipologie contrattuali 399 (1.4%) (4.5%) (4.9%) TOTALE Tabella 4. Rapporti di lavoro avviati e cessati per età anni 2007, 2011, 2012 Le percentuali riportate indicano l incidenza del tipo di contratto sul totale degli avviamenti Nella fascia di età degli over 50, si registra un calo dei rapporti di lavoro a tempo indeterminato (-589 nuovi rapporti di lavoro avviati pari a -38% dal 2007 al 2012), che risulta comunque più contenuto se confrontato con le altre fasce di età considerate. E interessante notare, invece, la buona tenuta dei contratti di lavoro a progetto per questo target. OVER 50 ANNI Apprendistato professionalizzante Tirocinio 21 (0.3%) 48 (0.8%) 40 (0.7%) Lavoro a tempo determinato (47.2%) (37.6%) (39.3%) Lavoro a tempo indeterminato (23.7%) (16.7%) 929 (15.3%) Lavoro a tempo determinato per sostituzione 31 (0.5%) 359 (6%) 362 (6%) Lavoro intermittente 46 (0.7%) 347 (5.8%) 391 (6.4%) Lavoro occasionale 47 (0.7%) 209 (3.5%) 140 (2.3%) Co.co.co./lavoro a progetto (24.7%) (19.2%) (17.3%) Altre tipologie contrattuali 135 (2.1%) 629 (10.4%) 778 (12.8%) TOTALE Tabella 5. Rapporti di lavoro avviati e cessati per età anni 2007, 2011, 2012 Le percentuali riportate indicano l incidenza del tipo di contratto sul totale degli avviamenti Osservatorio provinciale Mercato del Lavoro della Provincia di Trieste 6

7 Centro per l Impiego FLUSSI DI UTENZA Di seguito sono riportati i dati del monitoraggio relativo al flusso di utenza presso il Centro per l Impiego relativamente agli anni dal 2009 al In particolare, si evidenzia il dato del numero totale di utenti che hanno rilasciato la Dichiarazione di disponibilità al lavoro e che hanno sottoscritto il Patto di servizio con il Centro per l impiego, secondo quanto previsto nel D.P.Reg. dd. 5 luglio 2005, n. 0227/Pres (Tabella 6). La Dichiarazione di disponibilità al lavoro consiste in una dichiarazione con la quale l utente, oltre ad attestare l eventuale attività lavorativa in precedenza svolta, si rende immediatamente disponibile allo svolgimento e alla ricerca di un attività lavorativa secondo le modalità definite con i servizi competenti. Il rilascio della Dichiarazione di disponibilità al lavoro è indispensabile al fine dell acquisizione dello stato di disoccupazione. Il Patto di Servizio è un accordo in forma scritta, di validità annuale, stipulato all atto del rilascio della dichiarazione di disponibilità dell utente con il Centro per l Impiego (CPI). Utenti che hanno rilasciato Dichiarazione di Disponibilità al lavoro e che hanno sottoscritto il Patto di Servizio Uomini Donne Totale Anno Anno Anno Anno Tabella 1 Flussi di utenza al CPI: dati in sintesi Come riportato nella Tabella 6, il flusso di utenza presso il CPI è in costante crescita. In particolare, dal 2009 al 2012 il flusso è aumentato di unità, pari a +42,3%. Da un analisi di genere degli utenti del CPI si evidenzia una maggior presenza di donne in tutte le annualità prese in considerazione; nessuna differenza di genere significativa si riscontra, invece, per il trend dal 2009 al Tipologia dei servizi erogati Nella Tabella 7 sono riportati distintamente i dati riferiti al numero di servizi erogati relativi alla stipula del Patto di Servizio e al colloquio di approfondimento per coloro che sono interessati al Servizio di Incontro Domanda Offerta di lavoro (IDO) del Centro per l Impiego. Il colloquio consente di completare in i dati sulle competenze, sulle esperienze scolastiche, formative e lavorative, sulle aspirazioni professionali e sulle reali disponibilità occupazionali Osservatorio provinciale Mercato del Lavoro della Provincia di Trieste 7

8 dell utente. Al termine del colloquio è prevista l attivazione automatica del Curriculum Vitae nella banca dati operazione quest ultima che rende visibile tale profilo agli operatori del Servizio IDO. L analisi della tipologia di servizi erogati evidenzia un andamento altalenante. Se si considera che nel numero di utenti che hanno richiesto il servizio di incontro domanda offerta di lavoro (IDO) vengono computati unicamente quelli utenti che effettuano il colloquio di orientamento al lavoro per la prima volta, è interessante notare la crescita di tale utenza, concentrata soprattutto negli anni 2010 e La minore erogazione di colloqui nel corso del 2012, invece, sembra suggerire un consolidamento dell utenza del servizio IDO, riconducibile probabilmente alla difficoltà di inserimento lavorativo connessa alla crisi economica in atto. Inoltre, dal 2009 al 2012 sono aumentati in modo rilevante anche gli utenti che si rivolgono al Centro per l Impiego per la stipula o il rinnovo del Patto di Servizio. Utenti che si sono limitati alla stipula/rinnovo del Patto di Servizio Utenti che hanno richiesto il servizio IDO Anno Anno Anno Anno Tabella 7 Acceso ai servizi del CPI: dati di sintesi Cittadinanza Utenti Per quanto riguarda la provenienza degli utenti (Tabella 8), la percentuale più elevata di coloro che si rivolgono al CPI è composta da cittadini italiani; anche se nettamente inferiore, rilevante è anche la percentuale di utenti extracomunitari. Come si può osservare dalla Tabella sottostante, l analisi storica dei dati sulla provenienza degli utenti non mostra differenze significative: per tutte le annualità l incidenza percentuale della diversa provenienza appare comunque costante. Cittadinanza utenti CPI Italiana Comunitaria Extracomunitaria Totale Anno (79.6%) 395 (4.2%) (16.2%) Anno (79.5%) 457 (4.6%) (15.9%) Anno (78.3%) 624 (5.5%) (16.2%) Anno (78.7%) 692 (5.2%) (16.1%) Tabella 8 Dettaglio cittadinanza degli utenti del CPI (percentuali di riga) Osservatorio provinciale Mercato del Lavoro della Provincia di Trieste 8

9 Età utenti Un dato rilevante riguardo gli accessi al CPI è quello riferito all età dell utenza. Nella Tabella 9 sono riportati i dati relativi agli utenti distinti in tre fasce di età. Fasce di età utenti CPI < 30 anni anni 55 anni Totale Anno (29.6%) (63.2%) 684 (7.2%) Anno (30%) (61.3%) 866 (8.7%) Anno (31.7%) (60%) 948 (8.3%) Anno (33.1%) (58.5%) (8.4%) Tabella 9 - Utenti totali del CPI per fascia di età (percentuali di riga) Per quanto riguarda l età, per tutti gli anni considerati la fascia che caratterizza prevalentemente gli utenti del Centro per l Impiego è quella tra i 31 e i 54 anni, ma considerevole è anche l incidenza dei giovani sotto i 30 anni. Inferiore, invece, l incidenza percentuale degli over 55. L analisi del trend di accesso al CPI per le diverse fasce di età evidenzia un aumento rilevante di giovani con meno di 30 anni, che sono passati da nel 2009 a nel 2012 ( unità pari a +60%). La fascia intermedia (31-54 anni) mostra una crescita negli accessi più contenuta, con aumento percentuale del 31.7%. Osservatorio provinciale Mercato del Lavoro della Provincia di Trieste 9

10 GESTIONE DELLA MOBILITÀ Iscrizioni In questa sezione sono presentati i dati relativi alle iscrizioni nelle liste di mobilità per gli anni dal 2009 al E opportuno premettere che a fronte delle modifiche normative intervenute con la Legge 24 dicembre 2012 n. 228 (Legge di stabilità 2013), dal primo gennaio 2013 non è più possibile accogliere domande di iscrizione in lista di mobilità ai sensi della legge 236/93. Secondo quanto era previsto dall art. 4 della L. 236/93, potevano essere iscritti in lista di mobilità i lavoratori licenziati, da imprese (anche artigiane o da cooperative di produzione lavoro), che occupano anche meno di 15 dipendenti, per giustificato motivo oggettivo riconducibile a riduzione di personale, trasformazione, ovvero cessazione dell'attività aziendale. I lavoratori aventi diritto all iscrizione dovevano presentare domanda al Centro per l Impiego entro 60 giorni dalla data di cessazione del rapporto di lavoro, allegando alla richiesta la lettera di licenziamento ricevuta dal datore di lavoro. In base alle procedure di cui agli artt. 4 e ss. della legge 223/91 (mobilità indennizzata), i lavoratori sottoposti a licenziamento collettivo (almeno 5 licenziamenti nell arco di 120 giorni) da imprese che occupano più di 15 dipendenti vengono iscritti "d'ufficio" in lista di mobilità. Il periodo di permanenza nella lista di mobilità è determinato da diversi fattori quali, ad esempio, l'età del lavoratore alla data del licenziamento, eventuali rapporti di lavoro a tempo determinato del lavoratore iscritto in lista mobilità, la tipologia di determinati contratti di lavoro. Le aziende possono beneficiare di agevolazioni contributive per i lavoratori, che, alla data dell'assunzione, risultano iscritti nella lista di mobilità, sia per i rapporti di lavoro a tempo determinato, che per quelli a tempo indeterminato. I benefici economici sono concessi per un periodo massimo di 12 mesi se il contratto di lavoro è a termine, prorogabili di ulteriori 12 mesi in caso di trasformazione a tempo indeterminato. Per le assunzioni a tempo indeterminato, l'agevolazione contributiva è concessa per un massimo di 18 mesi. Mobilità L. 223/91 serie storica anni Nella Tabella 10 sono riportati i dati degli iscritti in mobilità L 223/91 dal 2009 al 2012 distinti per genere. Anno 2009 Anno 2010 Anno 2011 Anno 2012 Donne Uomini TOTALE Tabella 10 - Iscrizioni alle liste di mobilità L. 223/91 distinti per genere Osservatorio provinciale Mercato del Lavoro della Provincia di Trieste 10

11 Il trend del numero di iscritti nelle liste di mobilità ex L.223/91 evidenzia una decrescita dal 2009 al 2011, con un decremento di 106 unità pari a -42.2%. Per l anno 2012 si registra, invece, un forte incremento delle entrate nelle liste di mobilità con un aumento di 95 unità pari a +65.5%. E plausibile ipotizzare che l andamento degli iscritti nelle liste di mobilità sia strettamente connesso ai dati di Cassa Integrazione Straordinaria e Cassa Integrazione in deroga; nel periodo in cui si evidenziano meno licenziamenti e di conseguenza una diminuzione delle iscrizioni nelle liste di mobilità si assiste a una crescita significativa del ricorso da parte delle imprese agli ammortizzatori sociali di CIGS e CIG in deroga (dati INPS). Il forte incremento degli iscritti nelle liste di mobilità registrato nel 2012 deriva quindi dalla fuoriuscita definitiva dei lavoratori che per un periodo hanno potuto beneficiare degli ammortizzatori sociali. Nella Tabella 11 sono riportati i dati dei lavoratori over 45 iscritti nelle liste di mobilità L. 223/91 negli anni dal 2009 al Tali dati rappresentano un sotto-campione del totale. DI CUI OVER 45 Anno 2009 Anno 2010 Anno 2011 Anno 2012 Donne Uomini TOTALE 156 su 251 (62.2%) 123 su 181 (67.9%) 92 su 145 (63.5%) Tabella 11 - Iscrizioni alle liste di mobilità L. 223/91: estratto over su 240 (51.2%) Come riportato in tabella, l incidenza percentuale degli iscritti nelle liste di mobilità over 45 è significativamente elevata: per tutti gli anni presi in considerazione, la meta e più dei lavoratori licenziati e posti in mobilità ex L. 223/91 ha più di 45 anni di età. Tale dato è particolarmente significativo dal momento che il ricollocamento di questo target appare particolarmente critico. Mobilità L. 223/91 Settori di Crisi Nella Tabella 12 è riportato l estratto dei lavoratori iscritti nelle liste di mobilità provenienti dai settori di crisi dal 2009 al Questi lavoratori rappresentano un sotto-campione del totale. DI CUI SETTORI DI CRISI Anno 2009 Anno 2010 Anno 2011 Anno 2012 Donne Uomini TOTALEì 101 su 251 (40.2%) 65 su 181 (35.9%) 88 su 145 (60.7%) Tabella 14 - Iscrizioni alle liste di mobilità L. 223/91: estratto Settori di crisi 117 su 240 (48.7%) Anche nel caso dei lavoratori provenienti dai settori di crisi, l analisi del trend delle iscrizioni nelle liste di mobilità evidenzia una crescita dal 2010 al 2012 con un aumento percentuale del 32%. Osservatorio provinciale Mercato del Lavoro della Provincia di Trieste 11

12 Nella Tabella 15 sono riportati nel dettaglio i dati riferiti agli iscritti nelle liste di mobilitò ai sensi della L. 223/61 provenienti dai settori di crisi dal 2009 al E importante specificare che gli ambiti caratterizzati da grave difficoltà occupazionale così come decretati dalla Regione Friuli Venezia Giulia (Piani di gestione delle situazioni di grave crisi occupazionale) non sono omogenei per le diverse annualità. In particolare, il settore dell edilizia è stato riconosciuto quale ambito di grave situazione occupazionale nel 2010 (Decreto assessorile dd. 7 aprile 2010 DGR dd. 4 agosto 2010). Anno 2009 Anno 2010 Anno 2011 Anno 2012 Metalmeccanico Edilizia Commercio Autotrasporti Elettronica Chimica Spedizionieri Tessile TOTALE Tabella 15 - Iscrizioni alle liste di mobilità L. 223/91 Settori di crisi Osservatorio provinciale Mercato del Lavoro della Provincia di Trieste 12

13 Mobilità L. 236/93 serie storica anni Nella Tabella 16 sono riportati i dati distinti per genere delle iscrizioni alla mobilità ex L. 236/93. Anno 2009 Anno 2010 Anno 2011 Anno 2012 Donne Uomini TOTALE Tabella 16 - Iscrizioni alle liste di mobilità L. 236/93 distinti per genere L andamento degli iscritti nelle liste di mobilità ai sensi della L. 236/93 si mostra costante dal 2009 al 2011, con una crescita importante nel Lo scorso anno il totale degli iscritti in lista di mobilità è stato di lavoratori, con aumento percentuale rispetto al 2011 di +28%. Se si considera che questo istituto è stato abolito dalla recente normativa in materia di lavoro, il dato assume un significato particolarmente rilevante; allo stato attuale, infatti, non sono più previsti gli sgravi fiscali e contributivi per il re-inserimento lavorativo di questo target. Sono comunque da rilevare altre tipologie di benefici disposti dall art. 4 commi da 8 a 11 delle L. 92/2012 (Disposizioni in materia di riforma del mercato del lavoro) a favore dei datori di lavoro che assumano, dal 2013, determinate categorie di lavoratori socialmente svantaggiati. In particolare, nella nota del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali (Direzione generale per le Politiche attive e passive del Lavoro), dd. 25/07/2013, si identificano quali lavoratori socialmente svantaggiati: - i lavoratori di età non inferiore a 50 anni, disoccupati da almeno 12 mesi; - le donne di qualsiasi età, prive di un impiego regolarmente retribuito da almeno 6 mesi, residenti in regioni ammissibili ai finanziamenti nell ambito dei fondi strutturali dell UE; - le donne di qualsiasi età prive di un impiego regolarmente retribuito da almeno 24 mesi, ovunque residenti. Nella Tabella 17 sono riportati i dati relativi ai lavoratori over 45 iscritti nelle liste di mobilità ai sensi della L. 236/93 (sotto-campione del totale). DI CUI OVER 45 Anno 2009 Anno 2010 Anno 2011 Anno 2012 Donne Uomini TOTALE 395 su (38.5%) 374 su (36.9%) 432 su (41.5%) Tabella 17 - Iscrizioni alle liste di mobilità ex L. 236/93: estratto over su (36.1%) Osservatorio provinciale Mercato del Lavoro della Provincia di Trieste 13

14 Come riportato in Tabella, per le annualità prese in considerazione nell analisi, l incidenza percentuale di lavoratori con più di 45 anni di età rappresenta circa un terzo del totale. Mobilità L. 236/93 Settori in Crisi Nella Tabella 18 sono riportati gli iscritti nelle liste di mobilità ex L. 236/93 provenienti dai settori di crisi. DI CUI SETTORI DI CRISI Anno 2009 Anno 2010 Anno 2011 Anno 2012 Donne Uomini TOTALE 354 su (34.5%) 399 su (39.4%) 549 su (52.8%) Tabella 18 - Iscrizioni alle liste di mobilità L. 236/93: estratto Settori di crisi 690 su (51.8%) Nella Tabella 19 vengono illustrati in dettaglio i dati riferiti ai lavoratori iscritti nelle liste di mobilità ex L. 239/93 provenienti dai settori di crisi per l anno E importante specificare che gli ambiti caratterizzati da grave difficoltà occupazionale così come decretati dalla Regione Friuli Venezia Giulia (Piani di gestione delle situazioni di grave crisi occupazionale) non sono omogenei per le diverse annualità. In particolare, il settore dell edilizia è stato riconosciuto quale ambito di grave situazione occupazionale nel 2010 (Decreto assessorile dd. 7 aprile 2010 DGR dd. 4 agosto 2010). Anno 2009 Anno 2010 Anno 2011 Anno 2012 Metalmeccanico Edilizia Commercio Autotrasporti Elettronica Chimica Spedizionieri Alberghiero Agenzie per il turismo Tessile 3 TOTALE Tabella 19 - Iscrizioni alle liste di mobilità L. 236/93 dettaglio Settori di crisi Osservatorio provinciale Mercato del Lavoro della Provincia di Trieste 14

15 Politiche attive del Lavoro TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO Il tirocinio è uno strumento che si propone di agevolare l incontro tra aziende e risorse umane, favorendo la crescita professionale del tirocinante e l orientamento nelle scelte professionali, mediante la conoscenza diretta del mondo del lavoro. Attraverso il tirocinio, l azienda ha la possibilità di formare una figura professionale, anche nell ottica di una possibile collaborazione futura. Anche se il tirocinio non costituisce un rapporto di lavoro e non è retribuito, l azienda ospitante ha la facoltà di erogare un rimborso spese a favore del tirocinante durante il periodo di svolgimento dell attività formativa. La durata del tirocinio non può superare i 6 mesi. La Provincia di Trieste, quale Ente promotore ai sensi dell art. 18 L. 196/1997, al fine di rendere lo strumento dl tirocinio formativo e di orientamento un azione concretamente finalizzata allo sbocco lavorativo, è altresì intervenuta, sostenendo con fondi propri gli interventi volti all inserimento occupazionale. Al termine del percorso, il tirocinante può richiedere una certificazione di competenze che attesti le mansioni svolte e le competenze acquisite durante il tirocinio e riportarle nel proprio Curriculum Vitae. Il tirocinio formativo e di orientamento si rivolge a: Lavoratori inoccupati, disoccupati, in mobilità; Neolaureati e neodiplomati (entro 12 mesi dal conseguimento del titolo di studio); Persone svantaggiate (comma 1, art.4 legge 381/91); Portatori di handicap. Le diverse tipologie di tirocinio trovano specifica regolamentazione nelle seguente normativa: - Legge 196/97; - D.M. 142/98; - Regolamento regionale per l attivazione di tirocini formativi e di orientamento e tirocini estivi; - Legge 148/2011; - Regolamento provinciale per interventi di sostegno all inserimento lavorativo. Ciascun intervento prevede un costante monitoraggio da parte del soggetto promotore che, individua un tutor didattico-organizzativo responsabile delle attività e dell istruttoria necessaria all avvio del procedimento e da parte della stessa azienda ospitante che designa un tutor responsabile dell inserimento e della formazione del tirocinante. Osservatorio provinciale Mercato del Lavoro della Provincia di Trieste 15

16 L attivazione del tirocinio formativo e di orientamento è subordinata alla stipula di una convenzione, firmata dai legali rappresentanti del soggetto promotore e dell azienda ospitante e di un progetto formativo e di orientamento, che dettaglia gli obiettivi e le modalità di svolgimento del tirocinio. A favore del tirocinante sono attivate le posizioni assicurative INAIL e R.C. A conclusione del percorso formativo l azienda ospitante elabora una relazione riferita all attività svolta durante il periodo di tirocinio, alle competenze di base, tecnico-professionali e trasversali acquisite durante il percorso formativo. Tale relazione, elaborata dal tutor aziendale, viene firmata dall azienda e trasmessa al soggetto promotore per la stesura dell attestato e della certificazione di competenze da rilasciarsi su richiesta del tirocinante e che può avere valore di credito formativo. L attestato è firmato dal legale rappresentante dell azienda, dal tutor del soggetto promotore e dal tutor aziendale. Nella Tabella 20 sono riportati i dati dei tirocini attivati dal 2009 al TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO Con rimborso a carico di Ente promotore Provincia Trieste Anno 2009 Anno 2010 Anno 2011 Anno Con rimborso a carico dell azienda ospitante TOTALE TIROCINI ATTIVATI Tabella 20 - Numero di tirocini attivati serie storica I dati relativi all attivazione di tirocini formativi e di orientamento mostrano un andamento relativamente stabile, fatta eccezione per la diminuzione registrata nel 2011 (- 58 unità pari a %). Questo dato può essere in parte spiegato dalla modifica normativa intervenuta nel corso dell estate 2011, che ha reso più selettiva la procedura per l individuazione del tirocinante da parte dell azienda. Nella Tabella 21 sono riportatati in dettaglio i dati distinti per genere. Come si può osservare, non si evidenzia nessuna differenza di genere nell accesso allo strumento, anche se si registra comunque una maggior presenza femminile. TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO Anno 2009 Anno 2010 Anno 2011 Anno 2012 Uomini 111 (41.7%) 135 (54.4%) 79 (41.6%) 101 (40.9%) Donne 155 (58.3%) 113 (45.6%) 111 (58.4%) 146 (59.1%) TOTALE Tabella 21 - Numero di tirocini attivati distinti per genere Osservatorio provinciale Mercato del Lavoro della Provincia di Trieste 16

17 Di seguito sono riportati i dati sugli esiti dei tirocini attivati (Tabella 22). E interessante notare come l incidenza percentuale degli inserimenti lavorativi a conclusione del percorso formativo sia in continua crescita dal 2009 al 2012; il trend registrato è particolarmente significativo, soprattutto in considerazione della grave crisi occupazionale che ha coinvolto e coinvolge il mercato del lavoro locale e nazionale. ESITI TIROCINI FORMATIVI: DATO GENERALE ESITI A CONCLUSIONE DEL TIROCINIO Anno 2009 Anno 2010 Anno 2011 Anno 2012 TOTALE TIROCINI CONCLUSI NELL ANNO Conclusi e assunti 27 (16.8%) 25 (28.7%) 34 (24.6%) 66 (44.6%) Conclusi e non assunti Interrotti Ancora in svolgimento alla fine dell anno di riferimento Richiesti dall azienda ma non avviati TOTALE TIROCINI ATTIVATI NELL ANNO Tabella 22 Esiti tirocini serie storica Dopo aver analizzato i dati generali, di seguito sono riportati, in modo distinto, gli esiti dei tirocini formativi e di orientamento attivati con fondi propri della Provincia di Trieste a sostegno di soggetti con maggior difficoltà di inserimento da quelli che prevedono, invece, il rimborso a carico dell azienda ospitante (Tabella 23 e 24). ESITI TIROCINI FORMATIVI: FONDI PROVINCIA ESITI A CONCLUSIONE DEL TIROCINIO Anno 2009 Anno 2010 Anno 2011 Anno 2012 TOTALE TIROCINI CONCLUSI NELL ANNO Conclusi e assunti 11 (29.8%) 14 (26.4%) 11 (30.5%) 19 (38.8%) Conclusi e non assunti Interrotti Ancora in svolgimento alla fine dell anno di riferimento Richiesti dall azienda ma non avviati TOTALE TIROCINI ATTIVATI NELL ANNO Tabella 23 Esiti tirocini attivati con fondi Provincia serie storica Osservatorio provinciale Mercato del Lavoro della Provincia di Trieste 17

18 I dati confermano l efficacia dei tirocini formativi finanziati dalla Provincia di Trieste quali strumenti propedeutici all inserimento lavorativo, soprattutto per coloro che evidenziano maggiori difficoltà occupazionali. E importante rilevare che molta attenzione viene posta alla scelta dell azienda ospitante, in particolare per l effettiva volontà di assunzione al termine del periodo formativo. ESITI TIROCINI FORMATIVI: AZIENDA OSPITANTE ESITI A CONCLUSIONE DEL TIROCINIO Anno 2009 Anno 2010 Anno 2011 Anno 2012 TOTALE TIROCINI CONCLUSI NELL ANNO Conclusi e assunti 16 (12.9%) 11 (22.4%) 23 (22.5%) 47 (47.5%) Conclusi e non assunti Interrotti Ancora in svolgimento alla fine dell anno di riferimento Richiesti dall azienda ma non avviati TOTALE TIROCINI ATTIVATI NELL ANNO Tabella 24 Esiti tirocini attivati con fondi Provincia serie storica Nei dati riferiti ai tirocini formativi e di orientamento attivati con aziende che erogano direttamente il rimborso spese è interessante notare il forte incremento di coloro che, al termine del percorso, sono stati inseriti. Dal 2009 al 2012 sono state inserite nel mondo del lavoro a conclusione del periodo di tirocinio 152 persone. Nella Tabella 25 sono riportate, in dettaglio, le tipologie contrattuali di inserimento. TIPOLOGIE CONTRATTUALI DI INSERIMENTO AL TERMINE DEL TIROCINIO SERIE STORICA TOTALE Con contratto a tempo indeterminato 28 (18.4%) Con contratto a tempo determinato 62 (40.9%) Con contratto di apprendistato professionalizzante 42 (27.4%) Con contratto a progetto 18 (11.9%) Altra tipologia contrattuale 2 (1.4%) TOTALE 152 (100%) Tabella 25 Tipologie contrattuali di inserimento a conclusione del periodo di tirocinio E importante sottolineare che le tipologie contrattuali offerte al termine del percorso formativo rappresentano forme di inserimento che prevedono buone garanzie per il lavoratore. Osservatorio provinciale Mercato del Lavoro della Provincia di Trieste 18

19 BORSE FORMAZIONE LAVORO La Borsa Formazione Lavoro è uno strumento di inserimento-reinserimento lavorativo che, attraverso un percorso di formazione-lavoro, opera sul target dello svantaggio socio-economico. L individuazione di tale situazione di disagio è individuata a partire da alcuni indicatori specifici, cui il primo (vincolante) è dato dalla situazione reddituale del richiedente, misurata tramite modello ISEE, stabilito in non superiore ai annui. La durata prevista per l intervento di Borsa Formazione Lavoro è pari a 6 mesi, per un monte settimanale di 20 ore e un incentivo pari a 310 mensili erogato alla persona dalla Provincia di Trieste in qualità di Ente Promotore dell intervento. Tale intervento, per la stessa natura del target cui si rivolge, prevede e richiede notevole flessibilità ed elasticità, associate a un monitoraggio costante da parte degli operatori del CPI della relazione tra l azienda ospitante e il beneficiario al fine di intervenire sulle evenienze (sospensioni, interruzioni, cambi d orario e/o mansione, altre esigenze della persona e/o dell azienda ospitante). Per poter accedere alle borse di formazione lavoro è previsto l inserimento nella graduatoria predisposta annualmente e aggiornata semestralmente. Dall anno 2012 è stata disposta la conclusione di questa tipologia di intervento. La Provincia di Trieste ha deciso, in sede di Bilancio, di non finanziare tale strumento per favorire e potenziare altri strumenti di sostegno all inserimento lavorativo. In questo modo, per le situazioni di svantaggio complesso si fa riferimento alla rete istituzionale dei Servizi territoriali per strutturare percorsi di inserimento lavorativo e di presa in carico più idonei. Gli operatori del Centro per l Impiego hanno preso contatto con tutti gli iscritti nella graduatoria, al fine di poterne regolare la posizione presso il Centro per l Impiego e, attraverso la partecipazione a laboratori informativi e la redazione di strumenti di autopresentazione in azienda (curriculum vitae, lettera di presentazione, incentivi assunzione), offrire loro strumenti conoscitivi utili all accesso al mercato del lavoro. Osservatorio provinciale Mercato del Lavoro della Provincia di Trieste 19

20 Nella Tabella26 sono riportati i dati relativi al numero di soggetti iscritti in graduatoria dal 2009 al Per gli anni dal 2009 al 2012 sono riportati i dati riferiti sia alla prima sia alla seconda graduatoria, mentre per il 2012 sono riportati i dati riferiti alla graduatoria unica. Inoltre, nella presentazione dei dati si sono tenuti separati gli iscritti in graduatoria appartenenti alle categorie protette ai sensi della L. 68/99. Anno 2009 Anno 2010 Anno 2011 Anno 2012 I II I II I II UNICA Collocamento ordinario L. 68/ Totali inseriti in graduatoria Tabella 26 - Graduatoria borse formazione lavoro: serie storica Gli iscritti nella diverse graduatorie sono stati in costante aumento fino al 2012: dai 128 idonei della prima graduatoria del 2009 si è arrivati ai 415 idonei nella seconda graduatoria del 2011, con un aumento percentuale del 224%. Questo dato è strettamente connesso alla grave crisi occupazionale in atto, che ha aumentato in modo significativo le persone in cerca di lavoro e abbassato il reddito di molte persone. Le Tabelle 27 e 28 rendono conto della suddivisione di genere e della provenienza dei borsisti all interno della graduatoria unica 2012: i dati non evidenziano particolari differenze di genere. Italiani Stranieri Totale I graduatoria (64.8%) 45 (35.2%) 128 II graduatoria (85.4%) 24 (14.4%) 164 I graduatoria (86.4%) 23 (13.4%) 169 II graduatoria (76.6%) 62 (23.4%) 265 I graduatoria (73.6%) 82 (26.4%) 309 II graduatoria (73.3%) 111 (26.7%) 415 graduatoria unica (67.9%) 103 (32.1%) 321 Tabella 27 - Graduatoria borse formazione lavoro: provenienza - serie storica In riferimento alla provenienza degli utenti iscritti nelle graduatorie di borse formazione lavoro si evidenzia una prevalenza di cittadini italiani, anche se nel corso del tempo l incidenza degli utenti stranieri è cresciuta. Osservatorio provinciale Mercato del Lavoro della Provincia di Trieste 20

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 10134 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 Disposizioni concernenti l attivazione di tirocini diretti all orientamento e all inserimento nel mercato del lavoro.

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Cronache DAI CENTRI PER L IMPIEGO

Cronache DAI CENTRI PER L IMPIEGO NUMERO 9-2º anno di crisi DAI CENTRI PER L IMPIEGO Supplemento a Cronache da Palazzo Cisterna. Autorizzazione del Tribunale di Torino n. 1788 del 29.3.1966 - Poste Italiane. Spedizione in a.p. Cronache

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani. Possono essere assunti in

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

Programma Operativo Regionale della Lombardia. Ob. 2 (Competitività regionale e occupazione) FSE 2007-2013

Programma Operativo Regionale della Lombardia. Ob. 2 (Competitività regionale e occupazione) FSE 2007-2013 Allegato A al decreto n. 9254 del 14/10/2013 Programma Operativo Regionale della Lombardia Ob. 2 (Competitività regionale e occupazione) FSE 2007-2013 cofinanziato con il contributo del Fondo Sociale Europeo

Dettagli

NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014

NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014 NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014 COME ACQUISIRE LO STATO DI DISOCCUPAZIONE Lo stato di disoccupazione si compone di un elemento oggettivo (lo stato di privo di lavoro),

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

Al servizio del lavoro

Al servizio del lavoro www.lavoro.regione.lombardia.it Al servizio del lavoro Guida alle politiche di Regione Lombardia a sostegno dell occupazione. Opportunità e iniziative: per chi è disoccupato per i lavoratori colpiti dalla

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

Guida pratica ai Servizi per l Impiego

Guida pratica ai Servizi per l Impiego Provincia di Padova Provincia di Padova Settore Lavoro e Formazione M INISTERO DEL E DELLE POLITICHE L AV O R O S OCIALI INVESTIAMO PER IL VOSTRO FUTURO ai Servizi per l Impiego Iniziativa cofinanziata

Dettagli

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA Il MERCATO Dipartimento Mercato del Lavoro del LAVORO in LOMBARDIA Legge Regionale 22 approvata il 19 settembre 2006 dal Consiglio Regionale Lombardo ll nuovo testo è migliore rispetto al precedente su

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH ,OQXRYRSDUWWLPH $PELWRGLDSSOLFD]LRQH La circolare ministeriale n. 9 del 18 marzo 2004 ha integrato ed in alcuni casi ampliato, la revisione all istituto del part- time attuata con il D.lgs. n. 276/2003

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

Oggetto: Tirocini formativi e di orientamento. D.M. 142 del 25 marzo 1998.

Oggetto: Tirocini formativi e di orientamento. D.M. 142 del 25 marzo 1998. Circolare 15 luglio 1998 n. 92 Ministero del lavoro Occupazione - misure straordinarie - tirocini formativi e di orientamento - stages - precisazioni del ministero. Oggetto: Tirocini formativi e di orientamento.

Dettagli

Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro

Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro Provincia Autonoma di Trento Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro Testo adottato dalla Giunta Provinciale con deliberazione n. xxxx del xx/xx/xxxx ART. 1. ELENCO ANAGRAFICO DEI LAVORATORI

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

Il tirocinio extracurriculare. come, quando, dove e perché

Il tirocinio extracurriculare. come, quando, dove e perché Il tirocinio extracurriculare come, quando, dove e perché Contenuti Cos è un tirocinio Le finalità del tirocinio extracurriculare La legislazione che lo regola Come cercare informazioni Prima di iniziare

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

GUIDA INCENTIVI all ASSUNZIONE e alla CREAZIONE d IMPRESA AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIONI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALI

GUIDA INCENTIVI all ASSUNZIONE e alla CREAZIONE d IMPRESA AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIONI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALI GUIDA all ASSUNZIONE e alla CREAZIONE d IMPRESA AGEVOLAZIONI SU DISPOSIZIONI NAZIONALI, REGIONALI E PROVINCIALI Aggiornata al 28 febbraio 2015 PROGRAMMA POT Pianificazione Territoriale Operativa 2 Sommario

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

MANUALE PER I CONTROLLI SULLE OPERAZIONI COSTITUITE DA EROGAZIONI DI FINANZIAMENTI DIRETTI

MANUALE PER I CONTROLLI SULLE OPERAZIONI COSTITUITE DA EROGAZIONI DI FINANZIAMENTI DIRETTI MANUALE PER I CONTROLLI SULLE OPERAZIONI COSTITUITE DA EROGAZIONI DI FINANZIAMENTI DIRETTI FSE 2007-2013 A cura della Direzione Istruzione Formazione Professionale Lavoro Allegato a alla dd. n. 608 del

Dettagli

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres.

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. LR 12/2006, articolo 6, commi da 82 a 89. Regolamento concernente i criteri

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

Il lavoro subordinato

Il lavoro subordinato Il lavoro subordinato Aggiornato a luglio 2012 1 CHE COS È? Il contratto di lavoro subordinato è un contratto con il quale un lavoratore si impegna a svolgere una determinata attività lavorativa alle dipendenze

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DI OPERAZIONI COFINANZIATE DAL FONDO SOCIALE EUROPEO

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DI OPERAZIONI COFINANZIATE DAL FONDO SOCIALE EUROPEO LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DI OPERAZIONI COFINANZIATE DAL FONDO SOCIALE EUROPEO Direzione centrale lavoro, formazione, commercio e pari opportunità Servizio programmazione e gestione interventi formativi

Dettagli

Vademecum sulla gestione degli stati nel Programma Garanzia Giovani

Vademecum sulla gestione degli stati nel Programma Garanzia Giovani Vademecum sulla gestione degli stati nel Programma Garanzia Giovani 1 Sommario Premessa... 3 Beneficiari: i giovani NEET... 4 Dall adesione alla fine del percorso... 6 Regole di gestione della tracciatura

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

Il lavoro dei minori che hanno abbandonato la scuola

Il lavoro dei minori che hanno abbandonato la scuola Il punto di pratica professionale Il lavoro dei minori che hanno abbandonato la scuola a cura di Eufranio Massi Direttore della Direzione provinciale del Lavoro di Modena Per una disamina, sia pur breve,

Dettagli

Progetti per l Inclusione Sociale

Progetti per l Inclusione Sociale Unione Europea Fondo Sociale Europeo Repubblica Italiana ASSESSORADU DE S'IGIENE E SANIDADE E DE S'ASSISTÈNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DELL IGIENE, SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE Direzione Generale delle

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

IL NUOVO APPRENDISTATO: QUESITI E CASI PRATICI

IL NUOVO APPRENDISTATO: QUESITI E CASI PRATICI 1??ALESSANDRO MILLO, DIRIGENTE DELLA DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO DI PIACENZA ALESSANDRO MILLO, DIRIGENTE DELLA DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO DI PIACENZA Le considerazioni esposte sono frutto esclusivo

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

PROVINCIA DI ASCOLI PICENO Medaglia d oro al Valor Militare per attività partigiana SERVIZIO FORMAZIONE PROFESSIONALE E POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO

PROVINCIA DI ASCOLI PICENO Medaglia d oro al Valor Militare per attività partigiana SERVIZIO FORMAZIONE PROFESSIONALE E POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO PROVINCIA DI ASCOLI PICENO Medaglia d oro al Valor Militare per attività partigiana SERVIZIO FORMAZIONE PROFESSIONALE E POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO POR REGIONE MARCHE FSE 2007 2013 ASSE III INCLUSIONE

Dettagli

1. La situazione economica e del mercato del lavoro

1. La situazione economica e del mercato del lavoro 1. La situazione economica e del mercato del lavoro Per la lettura dei dati non si può prescindere dal considerare l impatto dei molteplici fattori che hanno mutato radicalmente il mondo del lavoro a causa

Dettagli

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge n. 92 del 2012 è intervenuta nella materia previdenziale laddove la stessa appresta

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

Procedure del personale. Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro In quali casi è possibile lavorare durante la Cassa integrazione e con che limiti? Si possono cumulare trattamento

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 59 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE Approvato con D.G.P. in data 19.4.2012

Dettagli

Tirocini a due anni di distanza dalle Linee-guida: primo bilancio

Tirocini a due anni di distanza dalle Linee-guida: primo bilancio Working Paper A s s o c i a z i o n e p e r g l i S t u d i I n t e r n a z i o n a l i e C o m p a r a t i s u l D i r i t t o d e l l a v o r o e s u l l e R e l a z i o n i i n d u s t r i a l i Tirocini

Dettagli

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O.

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O. SERVIZIO PERSONALE SCADENZA 13/08/2015 AVVISO DI MOBILITA PER EVENTUALE ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO E TEMPO PIENO, DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CAT. GIUR. D1, DEL COMUNE DI

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO Ufficio studi I dati più recenti indicano in oltre 1,4 milioni il numero degli occupati nelle imprese del turismo. Il 68% sono dipendenti. Per conto dell EBNT (Ente Bilaterale Nazionale del Turismo) Fipe,

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013.

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013. REGIONE AUTONOMA DELLA LA SARDEGNA L Assessore Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività di informazione e promozione del PSR 2007/2013. Dotazione finanziaria Il fabbisogno

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

LE POLITICHE DEL LAVORO

LE POLITICHE DEL LAVORO LE POLITICHE DEL LAVORO Sono l insieme di interventi pubblici rivolti alla tutela dell interesse collettivo all occupazione. Tali politiche sono strettamente connesse con altri settori: fiscale, sociale

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA SEDE LEGALE CASTELLO N. 77 SEDE AMMINISTRATIVA SAN POLO N. 2123 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

CCNL APL IN PILLOLE CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER LA CATEGORIA DELLE AGENZIE DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO.

CCNL APL IN PILLOLE CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER LA CATEGORIA DELLE AGENZIE DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO. una sintesi del CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER LA CATEGORIA DELLE AGENZIE DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO DATA DI SOTTOSCRIZIONE: 27 DATA DI ENTRATA IN VIGORE: 1 GENNAIO 2014 Pagina 1 di 32

Dettagli

Sommario. Definizione 3

Sommario. Definizione 3 Sommario Definizione 3 1. Contratto di solidarietà difensivo 4 1.1 Contenuto del contratto 7 1.2 Riflessi sul rapporto di lavoro 15 1.3 codici autorizzazione Inps 17 2. Contratto di solidarietà espansivo

Dettagli

Erogazione di altri benefici

Erogazione di altri benefici N. Operazione Esecutore Note/moduli/ attrezzature connessi alla borsa di studio borsa servizi 1 Mobilità Internazionale: Il bando di concorso per la borsa di studio prevede che l Azienda conceda integrazioni

Dettagli

OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015

OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015 OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015 RAPPORTI DI LAVORO ATTIVATI (1) NEI MESI GENNAIO-MARZO DEGLI ANNI 2013, 2014 E 2015 A. NUOVI RAPPORTI DI LAVORO A1. Assunzioni a tempo indeterminato gen-mar

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

GARANZIA GIOVANI: PRONTI A PARTIRE? Una guida pratica sulla Garanzia Giovani e su come entrare nel mondo del lavoro SEGUICI SU

GARANZIA GIOVANI: PRONTI A PARTIRE? Una guida pratica sulla Garanzia Giovani e su come entrare nel mondo del lavoro SEGUICI SU GARANZIA GIOVANI: PRONTI A PARTIRE? Una guida pratica sulla Garanzia Giovani e su come entrare nel mondo del lavoro SEGUICI SU Sommario Prefazione, di Stefano Colli-Lanzi, AD Gi Group e Presidente Gi Group

Dettagli

Piano di attuazione italiano della Garanzia per i Giovani

Piano di attuazione italiano della Garanzia per i Giovani Piano di attuazione italiano della Garanzia per i Giovani 1 Il contesto 1.1 Il contesto europeo La Raccomandazione del Consiglio dell Unione Europea del 22 aprile 2013 sull istituzione di una Garanzia

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Guida pratica ai contratti di lavoro dopo la Riforma Fornero

Guida pratica ai contratti di lavoro dopo la Riforma Fornero Guida pratica ai contratti di lavoro dopo la Riforma Fornero Premessa La presente Guida pratica ai contratti di lavoro si pone l obiettivo di fornire, in modo agile e sintetico, una panoramica delle diverse

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI EINAUDI Distr. Sc. n 9 - Via V. Veneto 89822 SERRA SAN BRUNO (VV) FONDI STRUTTURALI 2007-2013 PEC: vvis003008@pec.istruzione.it PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE FONDO

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Approvato con atto deliberativo n. 105 del 29.3.2011 REGOLAMENTO AZIENDALE per la DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE per il Personale Dipendente dell Area del COMPARTO FINALITA : Il presente

Dettagli

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale 1 - Individuazione qualifiche e numero di rapporti di lavoro a tempo parziale Il rapporto di lavoro a tempo parziale, anche se a tempo

Dettagli

GUIDA ALLE ASSUNZIONI AGEVOLATE A cura del Dott. Eufranio MASSI Dirigente della Direzione provinciale del Lavoro di Modena

GUIDA ALLE ASSUNZIONI AGEVOLATE A cura del Dott. Eufranio MASSI Dirigente della Direzione provinciale del Lavoro di Modena AREA PERSONALE E LAVORO Servizi all Impiego Telefono +39 0425 386430 Telefax +39 0425 386410 servizio.lavoro@provincia.rovigo.it Via L. Ricchieri (detto Celio), 10 45100 Rovigo ISO 9001:2008 Cert. n. 9159.PRDR

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli