E - LEARNING DIRITTOSANITARIO.NET

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "E - LEARNING DIRITTOSANITARIO.NET"

Transcript

1 E - LEARNING DIRITTOSANITARIO.NET CORSO La CTU medico-legale LEZIONE I La CTU medico-legale nel giudizio civile CENTRO STUDI DI DIRITTO SANITARIO CORSO GIANNONE CASERTA TEL FAX

2 LA C.T.U. MEDICO LEGALE NEL GIUDIZIO CIVILE INDICE 1. La natura della Consulenza Tecnica d Ufficio 2. La nomina del C.T.U. 3. La redazione della Consulenza Tecnica 4. La responsabilità del consulente 2

3 1. LA NATURA DELLA CONSULENZA TECNICA D UFFICIO Quando si parla di consulenza tecnica d ufficio è opportuno evidenziare che si è già in un ambito strettamente processuale, poiché nel momento in cui si qualifica un perito come d ufficio si vuole indicare che l attività di consulenza non è più rimessa alla discrezionalità della parte, ma si è già dinanzi ad un giudice ed il procedimento civile è nella fase di acquisizione delle prove. Pertanto, la disciplina normativa di riferimento va individuata nelle disposizioni contenute negli articoli del Codice di Procedura Civile che si occupano della consulenza e della figura del consulente. PERCHÉ È NECESSARIA LA CONSULENZA TECNICA? La Consulenza Tecnica è utilizzabile nel processo quando il giudice si trova a dover esaminare questioni la cui risoluzione comporti la conoscenza di specifiche cognizioni di natura tecnica. La sua acquisizione non è rimessa alla libera disponibilità delle parti, ma al potere discrezionale del giudice, in quanto non è compresa fra i mezzi di prova, la cui ammissione è subordinata al fatto che vi sia l espressa richiesta delle parti. Non può essere disposta al fine di esonerare la parte dall onere di fornire la prova della domanda formulata nel giudizio né può essere utilizzata allo scopo di compiere un indagine esplorativa su fatti o circostanze che non siano già stati provati dalle parti. 3

4 Può costituire fonte oggettiva di prova solo quando si risolva in valutazioni tecniche e in accertamenti di situazioni di fatto tali da essere rilevabili unicamente con il ricorso a determinate cognizioni scientifiche, senza che il consulente possa essere chiamato ad accertare circostanze che possono essere oggetto di prova testimoniale. QUAL È IL RUOLO DEL CONSULENTE TECNICO? Il C.T.U., nell ambito del processo civile, svolge il ruolo di ausiliario del giudice, il quale può farsi assistere dallo stesso per il compimento di singoli atti o per tutto il processo 1. Il consulente compie le indagini che gli vengono richieste dal giudice e fornisce risposta ai chiarimenti, eventualmente necessari, che siano formulati dal giudice o delle parti. Il giudice può anche disattendere le conclusioni a cui giunge il consulente tecnico d'ufficio, purché fornisca adeguata motivazione del proprio dissenso, essendo sufficiente il rilievo della evidente discordanza, sul piano strettamente logico, fra gli accertamenti eseguiti, e riportati nella relazione scritta, e le conseguenze che il consulente trae nella parte conclusiva del proprio elaborato. Il difetto di motivazione di una sentenza che abbia prestato adesione alle conclusioni del consulente tecnico d'ufficio è ravvisabile solo nel caso di evidente devianza dalle nozioni correnti della scienza medica o nella omissione degli accertamenti strumentali dai quali, secondo tali nozioni, non si può prescindere per la formulazione di una corretta diagnosi. 2 1 Cfr. Articolo 61 Codice di Procedura Civile 2 Cfr. Cassazione Civile Sez. Lavoro, Sentenza n del , consultabile su pubblicata il 17/03/

5 Nel caso di procedimenti per responsabilità medica, poiché si tratta di valutazioni di natura prettamente tecnico-scientifica, il giudice può fondare le sue osservazioni facendo riferimento alle consulenze di parte, valutate in maniera comparativa con quella d ufficio, per rilevare possibili incongruenze o illogicità in quest ultima. 2. LA NOMINA DEL C.T.U. Il giudice, quando rileva la necessità della nomina di un consulente, individua il nominativo del perito scegliendolo, preferibilmente, tra le persone iscritte negli apposti albi tenuti presso il Tribunale 3. QUANDO AVVIENE LA NOMINA DEL CONSULENTE? La nomina avviene con apposita ordinanza formulata in udienza, successivamente notificata al consulente tecnico a cura del cancelliere, con invito a comparire all'udienza fissata dal giudice per il giuramento. All udienza di comparizione il giudice istruttore ricorda al consulente l'importanza delle funzioni che è chiamato ad adempiere e riceve il giuramento di rito: Giuro di bene e fedelmente adempiere le funzioni affidatemi al solo scopo di fare conoscere al giudice la verità 4 IL CONSULENTE D UFFICIO PUÒ RINUNCIARE ALL INCARICO? Il consulente iscritto nell albo dei CTU del Tribunale ha l obbligo di prestare il suo ufficio, mentre quello che non è inserito nell albo ha la facoltà di rinunciare anche senza motivare la sua rinuncia. 3 Cfr. Articolo 61, comma 2, Codice di Procedura Civile 4 Cfr. Articolo 193 Codice di Procedura Civile 5

6 Nella prassi processuale, però, anche il consulente iscritto all albo può chiedere di essere esonerato dall incarico, facendo istanza al giudice che l'ha nominato almeno tre giorni prima dell'udienza di comparizione e adducendo giustificati motivi alla sua richiesta. IN QUALI CASI IL C.T.U. PUÒ ESSERE RICUSATO DALLE PARTI? Il consulente può essere ricusato dalle parti per i motivi espressamente indicati nell'articolo 51 del Codice di Procedura Civile, cioè in tutte quelle circostanze in cui è previsto l obbligo di astenersi per il giudice: se ha interesse nella causa o in altra vertente su identica questione di diritto; se egli stesso o la moglie è parente fino al quarto grado o legato da vincoli di affiliazione, o è convivente o commensale abituale di una delle parti o di alcuno dei difensori; se egli stesso o la moglie ha causa pendente o grave inimicizia o rapporti di credito o debito con una delle parti o alcuno dei suoi difensori; se ha dato consiglio o prestato patrocinio nella causa, o ha deposto in essa come testimone o vi ha prestato assistenza come consulente tecnico di una delle parti; se è tutore, curatore, amministratore di sostegno, procuratore, agente o datore di lavoro di una delle parti; se è amministratore o gerente di un ente, di un'associazione anche non riconosciuta, di un comitato, di una società o stabilimento che ha interesse nella causa; in ogni altro caso in cui esistono gravi ragioni di convenienza. 6

7 Se il consulente si trova in una delle situazioni previste dalla norma è obbligato ad astenersi dall assumere l incarico affidatogli dal giudice, poiché consapevole di essere in una posizione che può far sorgere dubbi sulla sua imparzialità e sulla sua capacità di valutare liberamente le posizioni di entrambe le parti in causa. QUANDO VIENE FORMULATO IL QUESITO PER IL C.T.U.? Con la Legge n. 69 del 18 giugno 2009 sono state introdotte modifiche al Codice di Procedura Civile relative anche all articolo 191, che disciplina la nomina del consulente tecnico; le disposizioni modificative di legge si applicano ai giudizi instaurati dopo la data della sua entrata in vigore, per cui è necessario prestare attenzione al rito che regolamenta la causa civile nella quale si viene nominati: se il procedimento è iniziato in un periodo antecedente al giugno 2009 vige ancora la precedente disposizione normativa dell articolo 191 C.P.C., che prevedeva la formulazione dei quesiti all udienza fissata per il giuramento davanti al giudice; per tutte le causa iscritte a ruolo dopo l entrata in vigore della riforma, l attuale formulazione dell articolo 191 C.P.C. stabilisce che il giudice, nella medesima ordinanza con cui dispone la nomina, debba anche formulare i quesiti da sottoporre al perito. L attuale regolamentazione della fase di formulazione dei quesiti consente alle parti la conoscenza preventiva degli stessi, con la possibilità di sottoporli a verifica e di chiederne al giudice la modifica o l integrazione. 7

8 Articolo 191 C.P.C. - Nomina di consulente tecnico. Nei casi previsti dagli articoli 61 e seguenti il giudice istruttore, con ordinanza ai sensi dell articolo 183, settimo comma, o con altra successiva ordinanza, nomina un consulente, formula i quesiti e fissa l udienza nella quale il consulente deve comparire. Possono essere nominati più consulenti soltanto in caso di grave necessità o quando la legge espressamente lo dispone. QUANDO DEVONO ESSERE RESI I CHIARIMENTI RICHIESTI DALLE PARTI O DAL GIUDICE? Anche l articolo 195 C.P.C. è stato parzialmente modificato dalla Legge n. 69 del 18 giugno 2009, al fine di eliminare la precedente necessità di fissare un apposita udienza per consentire al CTU di rendere i chiarimenti richiesti, dalle parti o dal giudice, a seguito dell esame della perizia. Prima della novella, la relazione tecnica veniva depositata in cancelleria nel termine fissato dal giudice e, alla successiva udienza, le parti formulavano le loro osservazioni, con la facoltà di chiedere al giudice la convocazione del C.T.U. per rendere i chiarimenti in ordine alle contestazioni sollevate. Con l attuale disposizione normativa, nella stessa ordinanza disposta a seguito del giuramento, il giudice: fissa un temine al consulente per trasmettere la relazione tecnica alle parti; individua un ulteriore termine entro il quale le parti devono trasmettere al consulente le proprie osservazioni sulla relazione; indica un altro termine per il consulente, anteriore alla successiva udienza, entro il quale deve depositare in cancelleria la relazione, le osservazioni delle parti e una sintetica valutazione sulle stesse. 8

9 Articolo 195 C.P.C. - Processo verbale e relazione. Delle indagini del consulente si forma processo verbale, quando sono compiute con l'intervento del giudice istruttore, ma questi può anche disporre che il consulente rediga relazione scritta. Se le indagini sono compiute senza l'intervento del giudice, il consulente deve farne relazione, nella quale inserisce anche le osservazioni e le istanze delle parti. La relazione deve essere trasmessa dal consulente alle parti costituite nel termine stabilito dal giudice con ordinanza resa all udienza di cui all articolo 193. Con la medesima ordinanza il giudice fissa il termine entro il quale le parti devono trasmettere al consulente le proprie osservazioni sulla relazione e il termine, anteriore alla successiva udienza, entro il quale il consulente deve depositare in cancelleria la relazione, le osservazioni delle parti e una sintetica valutazione sulle stesse. *** *** *** Ultimo comma così sostituito dal comma 5 dell art. 46, L. 18 giugno 2009, n. 69, con i limiti di applicabilità previsti dalle disposizioni transitorie di cui all art. 58 della stessa legge. Il testo precedentemente in vigore era il seguente: «La relazione deve essere depositata in cancelleria nel termine che il giudice fissa.». 9

10 3. LA REDAZIONE DELLA CONSULENZA TECNICA QUALI SONO LE ATTIVITÀ CHE PUÒ SVOLGERE IL CONSULENTE? Il perito incaricato effettua una o più sessioni di consulenza, che devono sempre essere oggetto di verbalizzazione e vanno allegate alla relazione finale. Se all udienza di conferimento dell incarico non è stata indicata a verbale la data di inizio delle operazioni peritali, la prima sessione deve essere comunicata agli avvocati delle parti ed ai consulenti tecnici di parte nominati. Atteggiamento consigliato La comunicazione alle parti deve contenere sempre l indicazione del giorno, ora e luogo di inizio delle operazioni e va fatta con raccomandata con ricevuta di ritorno, al fine di avere prova certa e documentata dell avvenuta comunicazione. Il tecnico assiste alle udienze alle quali è invitato dal giudice istruttore. Compie, anche fuori della circoscrizione giudiziaria, le indagini richieste dal giudice, da solo o insieme col giudice. Può essere autorizzato a domandare chiarimenti alle parti e a terzi per l accertamento dei fatti collegati con l oggetto dell incarico. In questa fase, quando il CTU verbalizza le informazioni ricevute, essendo un ausiliario del giudice, assume la qualità di pubblico ufficiale, per cui il documento da lui redatto costituisce un atto pubblico, che fa fede fino a querela di falso in ordine alla circostanza che quelle informazioni gli sono state effettivamente rese. 5 Può acquisire presso strutture pubbliche i documenti utili ad una più completa conoscenza dei fatti da valutare. 5 Cfr. Cassazione Civile Sez. III, Sentenza n del

11 QUALI SONO I COMPORTAMENTI DA NON TENERE? Il consulente dovrà sempre mantenere un comportamento imparziale, finalizzato ad escludere che possano ingenerarsi dubbi sul corretto svolgimento delle operazioni peritali. Deve evitare incontri privati con una sola delle parti senza che vi sia stata la preventiva comunicazione anche all altra. Non può esaminare documenti o atti prodotti da una sola delle parti e non comunicati alla controparte, ma deve ricevere solo gli atti difensivi, le note dei consulenti tecnici di parte e le osservazioni alla sua relazione. Non può acquisire documenti che sono nella disponibilità delle parti, ma che non sono stati tempestivamente allegati negli atti di causa, in quanto si avrebbe una violazione del principio del contraddittorio, con conseguente inutilizzabilità della produzione documentale. COME DEVE ESSERE REDATTA LA RELAZIONE DI CONSULENZA? La consulenza, normalmente, si dovrebbe comporre di diverse parti, allo scopo di strutturare in maniera organica e logica il lavoro e renderne più chiara e semplice la lettura al giudice. E possibile individuare almeno quattro grandi paragrafi nei quali suddividerla: 1) La premessa Nella prima parte è opportuno indicare i dati relativi alla sede giudiziaria, alle parti in causa, al magistrato che ha conferito l'incarico e riportare l'elenco dei quesiti. 2) La Parte analitica E necessario trascrivere, preferibilmente in paragrafi separati: i dati delle circostanze del fatto; 11

12 i dati della documentazione medica e medico-legale acquisita in atti, ad esempio precedenti perizie; i dati degli accertamenti peritali direttamente effettuati dal consulente o da lui disposti, quali visite medico-legali con eventuali esami strumentali, specialistici e di laboratorio, l'eventuale esame necroscopico con i successivi esami complementari istopatologici, tossicologici, microbiologici, chimico-clinici, immunologici; 3) Le Considerazioni medico-legali Queste possono essere suddivise in due parti: una prima parte medica, con ricostruzione della storia clinica della malattia che ha richiesto la prestazione medica ed identificazione delle eventuali complicanze e descrizione dell'esito finale dell'intero processo morboso; una seconda parte medico-legale, nella quale viene accertato con criteri medicolegali il rapporto di causalità materiale tra le singole prestazioni medico chirurgiche e gli eventi medici sfavorevoli iniziali, intermedi e finali, esaminando la condotta professionale dei sanitari secondo i criteri dettati dalle regole professionali e tenendo conto della natura delle singole prestazioni, dei ruoli e del livello di competenza professionale degli operatori sanitari, nonché della difficoltà tecnica delle prestazioni richieste. 4) Le Conclusioni In questa parte viene sintetizzata la risposta ai quesiti, dopo averli esaminati ed illustrati in quella più ampia fornita nel corso delle Considerazioni medico-legali. Nella relazione vanno anche inserite le osservazioni presentate dai consulenti tecnici di parte e fornite le necessarie risposte alle note eventualmente presentate dalle parti. 12

13 Bisogna indicare la metodologia seguita, cioè illustrare l iter logico-scientifico che ha condotto alle conclusioni. Atteggiamento consigliato L elaborato peritale non deve essere un astratta esposizione di dati teorici offerti al giudice sull argomento, ma una valutazione concreta dell operato del medico che tenga conto delle condizioni di tempo e di luogo in cui il sanitario ha espletato la propria opera, in ciò considerando anche la struttura in cui egli ha operato e i mezzi tecnici a sua disposizione. L ACCERTAMENTO DEL NESSO CAUSALE NELLA RESPONSABILITÀ MEDICA PUÒ ESSERE DEMANDATO AL C.T.U.? La questione sulla opportunità di delegare esclusivamente all indagine peritale l accertamento della sussistenza del nesso di causalità fra condotta medica ed evento dannoso è piuttosto controversa, in quanto si tratta di un problema di natura essenzialmente giuridica, come tale escluso dal campo di pertinenza del consulente tecnico. Vi è, poi, da evidenziare la sostanziale differenza fra la causalità in ambito civile e quella in ambito penale, in quanto, ai fini della ricostruzione del nesso causale, ciò che cambia tra il processo penale e quello civile è la regola probatoria, atteso che nel primo vige la regola della prova "oltre il ragionevole dubbio, mentre nel secondo quella della preponderanza dell'evidenza o "del più probabile che non", stante la diversità dei valori 13

14 in gioco nel processo penale tra accusa e difesa e l'equivalenza di quelli in gioco nel processo civile tra le due parti contendenti. 6 Atteggiamento consigliato Il compito del consulente deve essere soprattutto quello di individuare le nozioni e le valutazioni tecniche che il giudice deve porre a fondamento della spiegazione causale dell evento sottoposto al suo giudizio; quindi, deve ricercare le cosiddette leggi scientifiche di copertura, necessarie al giudicante per individuare da un punto di vista anche scientifico l esistenza della causalità necessaria fra il comportamento del medico e l evento lesivo causato al paziente. QUALI SONO LE CAUSE DI NULLITÀ DELLA C.T.U.? Si ha nullità della consulenza quando si verificano, nel corso delle operazioni peritali, omissioni tali da pregiudicare il principio del legittimo contraddittorio fra le parti o il diritto di difesa. Una fra le cause più frequenti di nullità è quella della mancata comunicazione alle parti della data e del luogo di inizio delle operazioni; in tal caso, però, si è in presenza di una nullità sanabile, qualora risulti che le parti siano state comunque poste in grado di assistere all indagine e di svolgere l attività difensiva. La presenza della parte personalmente, senza il suo avvocato, non è sufficiente a sanare tale nullità, giacché in tutte le fasi del processo è sempre necessario che sia garantita la difesa tecnica. 6 Cfr. Cassazione Civile Sez. Unite, Sentenza n. 582 del e Cassazione Civile Sez. Unite, Sentenza n. 577 del , consultabile su pubblicata il 21/01/

15 La C.T.U. dichiarata nulla per violazione del principio del contraddittorio non ha alcun valore probatorio e non può essere utilizzata nel giudizio nel quale è stata esperita, così come è vietato farne uso anche in un giudizio diverso. 4. LA RESPONSABILITÀ DEL CONSULENTE Il medico che svolge le funzioni di consulente tecnico in maniera non corretta può incorrere in forme di responsabilità di natura penale, civile e disciplinare, a seconda della norma violata con il suo comportamento; inoltre, in corso di causa, il giudice può comminare sanzioni per il ritardo ingiustificato nel deposito della consulenza. QUALI SONO LE SANZIONI PREVISTE PER IL RITARDO NEL DEPOSITO DELLA C.T.U.? Il ritardo nel deposito, che determina la possibilità per il giudice di sanzionare il consulente, deve essere ingiustificato, cioè non preceduto da una istanza di dilazione dei termini, formulata al giudice prima della scadenza degli stessi, o non dovuto a situazioni che escludono la colpevolezza del perito. Infatti, si possono verificare le seguenti fattispecie di ritardo, che non sono riconducibili ad un suo comportamento negligente: l incarico si è rivelato particolarmente complesso e necessita di tempi di esecuzione più lunghi; è necessario attendere il compimento di determinati atti di indagine; servono accertamenti particolari che non possono essere svolti in tempi brevi; le stesse parti in causa si sono rivelate restie a collaborare con il consulente, impedendogli di svolgere il proprio lavoro. 15

16 Se il giudice rileva l esistenza di un ritardo non motivato potrebbe sanzionare il C.T.U. con la riduzione del compenso o disporne la sua sostituzione. Atteggiamento consigliato E sempre consigliabile, nel caso in cui ci si renda conto della esistenza di situazioni che possono impedire di consegnare l elaborato peritale per la data fissata nell ordinanza, formulare apposita istanza al giudice con la richiesta, motivata, di proroga dei termini per il deposito. QUANDO SI HA RESPONSABILITÀ PENALE DEL C.T.U.? Il medico che accetta l incarico di consulente tecnico, senza essere iscritto nell albo professionale dei medici chirurghi, commette il reato di esercizio abusivo della professione, punito dall art. 348 C.P. Il consulente tecnico che, all atto del conferimento dell incarico, rifiuta di assumere o adempiere le funzioni richieste commette il reato di rifiuto di uffici legalmente dovuti, punito dall art. 366, commi 2 e 4, C.P., salvo che il rifiuto sia legittimo, perché dovuto a motivi di astensione o di incompatibilità; questo reato sussiste solo nel caso in cui la nomina per l incarico provenga dall autorità giudiziaria e non quando sia conferito dalla parte privata. Nel caso in cui il consulente, dopo aver accettato l incarico ed essersi impegnato ad adempierlo, rifiuta in tutto o in parte di svolgerlo, incorre nel reato di rifiuto di atti d ufficio, punito dall art. 328, comma 1, C.P.; si verifica tale ipotesi quando, ad esempio, il CTU nominato dal giudice omette reiteratamente di depositare la relazione o, dopo aver assunto l incarico, prestato il giuramento e ritirato i fascicoli di parte, impegnandosi a consegnare la 16

17 relazione di consulenza nel termine assegnatogli, si rifiuti di restituire i fascicoli in suo possesso; anche questo reato si configura solo se la nomina per l incarico proviene dall autorità giudiziaria e non dalla parte privata. Il consulente che rende un parere o fornisce interpretazioni mendaci o afferma fatti non conformi al vero commette il reato di falsa perizia punito dall art. 373 C.P.; nel caso di avvenuta condanna per questa tipologia di reato è prevista anche l interdizione dalla professione medica e dai pubblici uffici. In queste ipotesi di responsabilità penale il medico è punito solo a titolo di dolo e non di colpa, per cui, affinché vi sia la integrazione di queste fattispecie di reato egli deve aver tenuto la condotta prevista dalle norme con coscienza e volontà. Il Codice di Procedura Civile, però, prevede un ipotesi di reato colposo a carico del C.T.U., disponendo che sia punito penalmente quando incorra in colpa grave nell esecuzione degli atti che gli sono richiesti. 7 Non è necessario il dolo per l integrazione del reato, ma è sufficiente la colpa, che però deve essere grave; pertanto, non sarà fonte di responsabilità penale qualsiasi errore del consulente, ma solo quelli che siano talmente gravi da contrastare con le più elementari cognizioni dell arte medica. Inoltre, la norma prevede che, in ogni caso, sia dovuto il risarcimento dei danni causati alle parti. 7 Cfr. Articolo 64 Codice di Procedura Civile 17

18 IN QUALE TIPO DI RESPONSABILITÀ CIVILE INCORRE IL CONSULENTE? Se il CTU commette un reato nell esercizio della sua funzione, sul piano civilistico è tenuto a risarcire i danni che siano da ciò derivati alle parti del giudizio; dovrà ugualmente risarcirle quando sia accertata una sua condotta dolosa o colposa, indipendentemente dalla sussistenza di una fattispecie di reato. Il principio generale di riferimento è rinvenibile nelle norme civilistiche in tema di responsabilità del prestatore d opera intellettuale o in tema di fatto illecito; ciò comporta che, in caso di errore nell espletamento della consulenza, egli sarà responsabile per imprudenza, negligenza e imperizia (colpa generica ) o per aver omesso di considerare regole cautelari derivanti da fonti giuridiche (leggi, regolamenti, ordini e discipline ( colpa specifica ). Nel caso in cui la prestazione implichi la soluzione di problemi tecnici di speciale difficoltà, che trascendono la preparazione media o non ancora sufficientemente studiati dalla scienza medica, quanto alla imperizia, è prevista una limitazione di responsabilità ex art 2236 c. 2, alle ipotesi di dolo o colpa grave. QUALI SONO LE CONSEGUENZE DAL PUNTO DI VISTA DISCIPLINARE? Il medico che svolge la funzione di consulente tecnico può incorrere in responsabilità disciplinare di due tipi. Se è iscritto all albo dei consulenti tecnici del Tribunale il potere disciplinare appartiene al Presidente del Tribunale, che può esercitarlo nel caso in cui il consulente tenga una condotta morale censurabile o quando si dimostri inottemperante agli obblighi connessi all incarico ricevuto. Può essere destinatario di sanzioni che possono consistere nell avvertimento, nella sospensione temporanea o nella cancellazione dall albo. 18

19 In ogni caso, il medico è sottoposto al potere disciplinare dell Ordine professionale di appartenenza in merito a tutti quei comportamenti che abbiano un rilievo sul piano deontologico. Il Codice di Deontologia Medica si occupa espressamente, all articolo 62, di quella che viene definita l attività medico legale, indicando quali linee guida di tale attività la correttezza morale, la consapevolezza delle responsabilità eticogiuridiche e deontologiche, la necessità di autonomia e di indipendenza nel giudizio; pertanto, il mancato rispetto dei principi indicati determina una chiara violazione della normativa deontologica. CODICE DI DEONTOLOGIA MEDICA CAPO IV Attività medico-legale Art Attività medico-legale L esercizio dell attività medico legale è fondato sulla correttezza morale e sulla consapevolezza delle responsabilità etico-giuridiche e deontologiche che ne derivano e deve rifuggire da indebite suggestioni di ordine extratecnico e da ogni sorta di influenza e condizionamento. L accettazione di un incarico deve essere subordinata alla sussistenza di un adeguata competenza medico-legale e scientifica in modo da soddisfare le esigenze giuridiche attinenti al caso in esame, nel rispetto dei diritti della persona e delle norme del Codice di Deontologia Medica e preferibilmente supportata dalla relativa iscrizione allo specifico albo professionale. In casi di particolare complessità clinica ed in ambito di responsabilità professionale, è doveroso che il medico legale richieda l associazione con un collega di comprovata esperienza e competenza nella disciplina coinvolta. 19

20 Fermi restando gli obblighi di legge, il medico curante non può svolgere funzioni medico-legali di ufficio o di controparte nei casi nei quali sia intervenuto personalmente per ragioni di assistenza o di cura e nel caso in cui intrattenga un rapporto di lavoro dipendente con la struttura sanitaria coinvolta nella controversia giudiziaria. La consulenza di parte deve tendere unicamente a interpretare le evidenze scientifiche disponibili pur nell ottica dei patrocinati nel rispetto della oggettività e della dialettica scientifica nonché della prudenza nella valutazione relativa alla condotta dei soggetti coinvolti. L espletamento di prestazioni medico-legali non conformi alle disposizioni di cui ai commi precedenti costituisce, oltre che illecito sanzionato da norme di legge, una condotta lesiva del decoro professionale. 20

E - LEARNING DIRITTOSANITARIO.NET

E - LEARNING DIRITTOSANITARIO.NET E - LEARNING DIRITTOSANITARIO.NET CORSO La CTU medico-legale LEZIONE I La CTU medico-legale nel giudizio civile CENTRO STUDI DI DIRITTO SANITARIO CORSO GIANNONE 86 81100 CASERTA TEL 0823 279352 FAX 0823

Dettagli

LE ATTIVITA DI CONSULENZA TECNICA E PERIZIA IN AMBITO MEDICO-LEGALE. Consuela Cigalotti

LE ATTIVITA DI CONSULENZA TECNICA E PERIZIA IN AMBITO MEDICO-LEGALE. Consuela Cigalotti LE ATTIVITA DI CONSULENZA TECNICA E PERIZIA IN AMBITO MEDICO-LEGALE Consuela Cigalotti Possono aver luogo in momenti diversi nel complesso iter in cui si articola il procedimento penale. INDAGINI PRELIMINARI

Dettagli

La consulenza tecnica d ufficio medico-legale nel giudizio civile e la perizia nel procedimento penale

La consulenza tecnica d ufficio medico-legale nel giudizio civile e la perizia nel procedimento penale La consulenza tecnica d ufficio medico-legale nel giudizio civile e la perizia nel procedimento penale L interesse per i temi della consulenza tecnica d ufficio nel giudizio civile e della perizia nel

Dettagli

Associazione Italiana Traduttori e Interpreti Membro della Fédération Internationale des Traducteurs (F.I.T.), aderente all'unesco

Associazione Italiana Traduttori e Interpreti Membro della Fédération Internationale des Traducteurs (F.I.T.), aderente all'unesco COSA OCCORRE FARE PER PRESENTARE LA RICHIESTA DI ISCRIZIONE ALL'ALBO DEI CONSULENTI TECNICI D UFFICIO E PERITI DEL TRIBUNALE (per traduttori e/o interpreti giudiziari) (aggiornato al 05/09/2014) Per lavorare

Dettagli

IL RUOLO DEL CHIRURGO PLASTICO NELLE CONSULENZE MEDICO-LEGALI Sabato 2 febbraio 2013 Clinica CittàGiardino Padova

IL RUOLO DEL CHIRURGO PLASTICO NELLE CONSULENZE MEDICO-LEGALI Sabato 2 febbraio 2013 Clinica CittàGiardino Padova IL RUOLO DEL CHIRURGO PLASTICO NELLE CONSULENZE MEDICO-LEGALI Sabato 2 febbraio 2013 Clinica CittàGiardino Padova QUESTIONARIO RISPOSTE CORRETTE Il test si supera se le risposte esatte sono 34 sul totale

Dettagli

Il consulente tecnico d ufficio e di parte nel processo civile

Il consulente tecnico d ufficio e di parte nel processo civile S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il consulente tecnico d ufficio e di parte nel processo civile L attività del Consulente Tecnico di Parte nelle operazioni peritali Dott. Marco Capra 20 maggio

Dettagli

I principi generali che regolano la responsabilità professionale del medico e dell odontoiatra

I principi generali che regolano la responsabilità professionale del medico e dell odontoiatra I principi generali che regolano la responsabilità professionale del medico e dell odontoiatra Lecco - 31-10 2009 - acuradi S. Fucci - giurista e bioeticista - sefucci@tiscali.it Principi generali della

Dettagli

La Responsabilità Civile, Penale e Amministrativa

La Responsabilità Civile, Penale e Amministrativa La Responsabilità Civile, Penale e Amministrativa a cura dell Avv. Elio Garibaldi 1 RECENTI ORIENTAMENTI DOTTRINALI E GIURISPRUDENZIALI IN ARGOMENTO DI RESPONSABILITA SANITARIA Responsabilità contrattuale

Dettagli

Università degli Studi di Messina Sezione Dipartimentale di Medicina Legale Direttore: Prof. Claudio Crinò. La diagnosi. Prof.

Università degli Studi di Messina Sezione Dipartimentale di Medicina Legale Direttore: Prof. Claudio Crinò. La diagnosi. Prof. Università degli Studi di Messina Sezione Dipartimentale di Medicina Legale Direttore: Prof. Claudio Crinò LA METODOLOGIA MEDICO LEGALE La diagnosi Prof. Claudio Crinò alla persona nei suoi aspetti medico-legali

Dettagli

L illegittimità costituzionale dell art. 445 bis c.p.c. in materia di invalidità civile, handicap e disabilità

L illegittimità costituzionale dell art. 445 bis c.p.c. in materia di invalidità civile, handicap e disabilità L illegittimità costituzionale dell art. 445 bis c.p.c. in materia di invalidità civile, handicap e disabilità Nelle controversie in materia di invalidità, cecità, sordità civili, nonché di handicap, disabilità,

Dettagli

ALBO DEI PERITI E/O CONSULENTI TECNICI D'UFFICIO DEL TRIBUNALE

ALBO DEI PERITI E/O CONSULENTI TECNICI D'UFFICIO DEL TRIBUNALE ALBO DEI PERITI E/O CONSULENTI TECNICI D'UFFICIO DEL TRIBUNALE Il Consiglio dell Ordine dei Medici e degli Odontoiatri, nella seduta del 12/4/2011, PREMESSO che il Tribunale di Genova e di Chiavari richiedono

Dettagli

Scuola Forense di Trani. Programma didattico 2015-2016

Scuola Forense di Trani. Programma didattico 2015-2016 Programma strutturato per aree tematiche e materie, ciascuna delle quali sarà sviluppata in una o più lezioni dedicate. Il corso, in conformità alla vigente normativa, avrà la durata di diciotto mesi,

Dettagli

REGOLE DI COMPORTAMENTO DEL PENALISTA NELLE INVESTIGAZIONI DIFENSIVE

REGOLE DI COMPORTAMENTO DEL PENALISTA NELLE INVESTIGAZIONI DIFENSIVE Pubblichiamo la delibera del 19.4.2001 dell'unione DELLE CAMERE PENALI ITALIANE, con la quale è stato approvato il testo definitivo delle Regole di comportamento del penalista nelle investigazioni difensive,

Dettagli

NOTE ALLE NORME CHE REGOLAMENTANO L ATTIVITA DEL C.T.U. E DEL C.T.P. INTRODUZIONE

NOTE ALLE NORME CHE REGOLAMENTANO L ATTIVITA DEL C.T.U. E DEL C.T.P. INTRODUZIONE ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI VENEZIA COMMISSIONE INGEGNERI A FORENSE NOTE ALLE NORME CHE REGOLAMENTANO L ATTIVITA DEL C.T.U. E DEL C.T.P. INTRODUZIONE Queste note sono state elaborate dalla

Dettagli

LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA. Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che

LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA. Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che qualunque fatto doloso o colposo che cagioni ad altri un danno ingiusto obbliga colui

Dettagli

11 MARZO 2006 CONVEGNO LA CONSULENZA TECNICA IN MATERIA CIVILE E PENALE. I rapporti tra la difesa, i consulenti tecnici e le parti

11 MARZO 2006 CONVEGNO LA CONSULENZA TECNICA IN MATERIA CIVILE E PENALE. I rapporti tra la difesa, i consulenti tecnici e le parti 11 MARZO 2006 CONVEGNO LA CONSULENZA TECNICA IN MATERIA CIVILE E PENALE I rapporti tra la difesa, i consulenti tecnici e le parti Il processo civile è basato sul principio dispositivo fissato dagli artt.

Dettagli

OSSERVATORIO VALORE PRASSI VERONA PROTOCOLLO DELL UDIENZA CIVILE AVANTI L UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE

OSSERVATORIO VALORE PRASSI VERONA PROTOCOLLO DELL UDIENZA CIVILE AVANTI L UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE OSSERVATORIO VALORE PRASSI VERONA PROTOCOLLO DELL UDIENZA CIVILE AVANTI L UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE 1 PARTE I^ 1) PRIMA UDIENZA 1) L assegnazione delle cause ai giudici e la fissazione dell udienza di

Dettagli

---------------------------------------. =. ADR NOTARIATO SRL. =. ---------------------------------------

---------------------------------------. =. ADR NOTARIATO SRL. =. --------------------------------------- ---------------------------------------. =. ADR NOTARIATO SRL. =. --------------------------------------- REGOLAMENTO DELLA CAMERA DI CONCILIAZIONE NOTARILE -.-.- I - Definizione 1) La Camera di Conciliazione

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA ASSISTENZA LEGALE AI DIPENDENTI

AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA ASSISTENZA LEGALE AI DIPENDENTI AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA ASSISTENZA LEGALE AI DIPENDENTI INDICE ART.1: ART.2: ART.3: ART.4: ART.5: ART.6: ART.7: ART.8: ART.9: Finalita Patrocinio

Dettagli

C O N S I G L I O D E L L O R D I N E D E G L I A V V O C A T I D I B O L O G N A

C O N S I G L I O D E L L O R D I N E D E G L I A V V O C A T I D I B O L O G N A C O N S I G L I O D E L L O R D I N E D E G L I A V V O C A T I D I B O L O G N A REGOLAMENTO PER LE DIFESE D UFFICIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BOLOGNA approvato all adunanza del 1 luglio 2015 e integrato

Dettagli

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO CORSO BASE SULLE PROCEDURE GIUDIZIARIE DELL AUTUNNO 2006 LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO AVV. ALESSANDRO CAINELLI INDICE PREMESSA p. 3 I. LA NULLITÀ DELLA RELAZIONE p. 4 1. Cause di nullità formale

Dettagli

Criticità medico-legali ed odontoiatriche in ambito consulenziale

Criticità medico-legali ed odontoiatriche in ambito consulenziale Criticità medico-legali ed odontoiatriche in ambito consulenziale dott. Michelangelo B. Casali dott. Danilo De Angelis La responsabilità dell odontoiatra. Profili giuridici, medico-legali ed assicurativi

Dettagli

DOCUMENTI DA ALLEGARE ALLA DOMANDA

DOCUMENTI DA ALLEGARE ALLA DOMANDA ISTANZA PER L AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO (D.P.R. 30 MAGGIO 2002 N. 115) (L. 24 febbraio 2005, n. 25) DOCUMENTI DA ALLEGARE ALLA DOMANDA 1. COPIA CERTIFICATO STATO DI FAMIGLIA 2. COPIA

Dettagli

Aspetti specifici della deontologia. Valeria La Via- coordinatrice commissione Etica e Deontologia Lecco- 3 ottobre 2012

Aspetti specifici della deontologia. Valeria La Via- coordinatrice commissione Etica e Deontologia Lecco- 3 ottobre 2012 + Aspetti specifici della deontologia Valeria La Via- coordinatrice commissione Etica e Deontologia Lecco- 3 ottobre 2012 + Programma Il segreto professionale, la testimonianza, l obbligo di denuncia/referto

Dettagli

ISTANZE DA PRESENTARE COME DA CALENDARIO DALLE ORE 12.30 ALLE ORE 13.30. Attenzione è necessario depositare pena il non accoglimento dell istanza

ISTANZE DA PRESENTARE COME DA CALENDARIO DALLE ORE 12.30 ALLE ORE 13.30. Attenzione è necessario depositare pena il non accoglimento dell istanza ISTANZE DA PRESENTARE COME DA CALENDARIO DALLE ORE 12.30 ALLE ORE 13.30 Attenzione è necessario depositare pena il non accoglimento dell istanza UNA ISTANZA ORIGINALE COMPLETA DI TUTTI I DOCUMENTI E COMPILATA

Dettagli

AL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI CIVITAVECCHIA ( VIA TERME DI TRAIANO snc 00053 CIVITAVECCHIA)

AL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI CIVITAVECCHIA ( VIA TERME DI TRAIANO snc 00053 CIVITAVECCHIA) AL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI CIVITAVECCHIA ( VIA TERME DI TRAIANO snc 00053 CIVITAVECCHIA) ISTANZA PER L AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO ( D.P.R. 30 MAGGIO 2002 N. 115 - legge

Dettagli

DISCIPLINARE PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI LEGALI

DISCIPLINARE PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI LEGALI Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 5 dell 11.1.2012 DISCIPLINARE PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI LEGALI ART. 1 PREMESSA 1. Il presente documento disciplina il conferimento degli incarichi per

Dettagli

AL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI MACERATA ( VIA PESARO N. 6-62100 MACERATA)

AL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI MACERATA ( VIA PESARO N. 6-62100 MACERATA) AL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI MACERATA ( VIA PESARO N. 6-62100 MACERATA) ISTANZA PER L AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO ( D.P.R. 30 MAGGIO 2002 N. 115 - legge 24 febbraio 2005,

Dettagli

Vademecum per il Testimone nel processo civile

Vademecum per il Testimone nel processo civile Vademecum per il Testimone nel processo civile 10 regole da conoscere per non sbagliare 1 1) A ciascuno di noi può capitare di essere citato davanti al Giudice per rendere testimonianza di un fatto conosciuto.

Dettagli

Sistema Disciplinare e Sanzionatorio

Sistema Disciplinare e Sanzionatorio Sistema Disciplinare e Sanzionatorio Contenuti 1. Introduzione... 3 1.1 Lavoratori dipendenti non Dirigenti... 3 1.2 Lavoratori dipendenti Dirigenti... 4 1.3 Misure nei confronti degli Amministratori e

Dettagli

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE Art. 1 - Ambito di applicazione del Regolamento Art. 2 - Segreteria Art. 3 - Responsabile Art. 4 - Mediatori Art. 5 - Avvio della Procedura di Mediazione Art. 6 - Luogo della

Dettagli

Iscr. N 381 Reg. Organismi di Mediazione. REGOLAMENTO PER LA MEDIAZIONE adottato dall organismo CONCILIAMUS ANCHE ON LINE

Iscr. N 381 Reg. Organismi di Mediazione. REGOLAMENTO PER LA MEDIAZIONE adottato dall organismo CONCILIAMUS ANCHE ON LINE Iscr. N 381 Reg. Organismi di Mediazione REGOLAMENTO PER LA MEDIAZIONE adottato dall organismo CONCILIAMUS ANCHE ON LINE APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO 1.Il presente regolamento si applica alla procedura

Dettagli

Delitti contro l attività giudiziaria

Delitti contro l attività giudiziaria Capitolo II Delitti contro l attività giudiziaria SOMMARIO: 2.1. Generalità. 2.2. Nozione di pubblico ufficiale. 2.3. Nozione di incaricato di pubblico servizio. 2.4. Nozione di esercente un servizio di

Dettagli

LA RESPONSABILITA IN MEDICINA a cura di Marco Perelli Ercolini

LA RESPONSABILITA IN MEDICINA a cura di Marco Perelli Ercolini LA RESPONSABILITA IN MEDICINA a cura di Marco Perelli Ercolini Con l allocuzione di responsabilità in medicina si intende la consapevolezza dell impegno assunto o di un comportamento, correlata alle funzioni

Dettagli

COMUNE DI MONTESANO SALENTINO (Provincia di Lecce)

COMUNE DI MONTESANO SALENTINO (Provincia di Lecce) COMUNE DI MONTESANO SALENTINO (Provincia di Lecce) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL CONTENZIOSO GIUDIZIALE E STRAGIUDIZIALE E MODALITA DI CONFERIMENTO INCARICHI LEGALI Approvato con deliberazione del

Dettagli

Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Biella. Via Marconi, 28 13900 Biella. Istanza di ammissione al Patrocinio a spese dello Stato

Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Biella. Via Marconi, 28 13900 Biella. Istanza di ammissione al Patrocinio a spese dello Stato Depositato / Pervenuto il Ammesso il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Biella Via Marconi, 28 13900 Biella Istanza di ammissione al Patrocinio a spese dello Stato Il / La sottoscritt nat a prov./naz.

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Parte generale... pag. 1. Capitolo I La responsabilità (F. Martini)...» 3

INDICE SOMMARIO. Parte generale... pag. 1. Capitolo I La responsabilità (F. Martini)...» 3 Indice sommario 1.1 INDICE SOMMARIO Parte generale...................... pag. 1 Capitolo I La responsabilità (F. Martini)............» 3 1.1. Gli elementi costitutivi della responsabilità.............»

Dettagli

D. Lgs. 231/01 Modello OGC All. 4 SISTEMA DISCIPLINARE

D. Lgs. 231/01 Modello OGC All. 4 SISTEMA DISCIPLINARE D. Lgs. 231/01 Modello OGC All. 4 SISTEMA DISCIPLINARE APPROVATO DAL CDA SOLINFO IL 21/05/15 Rev. 1 del 01/04/2015 Pag. 1 di 10 Indice 1. SEZIONE I - PRINCIPI GENERALI... 3 1.1 Introduzione... 3 1.2 Destinatari...

Dettagli

PARTE SPECIALE D REATI SOCIETARI

PARTE SPECIALE D REATI SOCIETARI PARTE SPECIALE D REATI SOCIETARI INDICE D.1. DESTINATARI DELLA PARTE SPECIALE E PRINCIPI GENERALI DI COMPORTAMENTO... 3 D.2. AREE POTENZIALMENTE A RISCHIO E PRINCIPI DI CONTROLLO PREVENTIVO... 5 D.3. COMPITI

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 LA VIOLENZA ENDO-FAMILIARE E LO STALKING

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 LA VIOLENZA ENDO-FAMILIARE E LO STALKING INDICE SOMMARIO Elenco delle principali abbreviazioni... XIX Capitolo 1 LA VIOLENZA ENDO-FAMILIARE E LO STALKING 1.1. Introduzione... 1 1.2. I pregiudizi... 2 1.3. La tutela.... 4 1.4. La mancanza di una

Dettagli

InMedio. Regolamento. Premessa

InMedio. Regolamento. Premessa InMedio Regolamento Premessa L organismo denominato Inmedio di qui a seguire indicato più brevemente organismo, svolge attività di mediazione finalizzata alla conciliazione delle controversie civili e

Dettagli

LA CONSULENZA TECNICA D UFFICIO: ASPETTI METODOLOGICI ANCHE ALLA LUCE DELLA LEGGE BALDUZZI (L. 189/2012 ART. 3, COMMA 5)

LA CONSULENZA TECNICA D UFFICIO: ASPETTI METODOLOGICI ANCHE ALLA LUCE DELLA LEGGE BALDUZZI (L. 189/2012 ART. 3, COMMA 5) SEZIONE DIPARTIMENTALE DI MEDICINA LEGALE E DELLE ASSICURAZIONI LABORATORIO DI RESPONSABILITÀ SANITARIA LA CONSULENZA TECNICA D UFFICIO: ASPETTI METODOLOGICI ANCHE ALLA LUCE DELLA LEGGE BALDUZZI (L. 189/2012

Dettagli

Regolamento dell organismo di composizione della crisi da sovraindebitamento dell Ordine dei Dottori Commercialisti ed Eserti Contabili di Taranto

Regolamento dell organismo di composizione della crisi da sovraindebitamento dell Ordine dei Dottori Commercialisti ed Eserti Contabili di Taranto Regolamento dell organismo di composizione della crisi da sovraindebitamento dell Ordine dei Dottori Commercialisti ed Eserti Contabili di Taranto Articolo 1 OGGETTO Il presente regolamento si applica

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA ASSISTENZA LEGALE AI DIPENDENTI Indice ART. 1: Finalita ART. 2: Patrocinio legale ART. 3: Conflitto di interessi ART. 4: Assunzione diretta ed indiretta degli oneri

Dettagli

Diritto in diretta ogni venerdì alle ore 9,00

Diritto in diretta ogni venerdì alle ore 9,00 Diritto in diretta dal 6 marzo l'avv. Daniela Bardoni risponderà ai quesiti degli ascoltatori. Per aiutarvi nelle controversie grandi e piccole della vita quotidiana Partecipa in diretta 06 899291 Sms/Wapp

Dettagli

GIUDIZIO N. ALLEGATO E PARTE INTEGRANTE DEL VERBALE DI UDIENZA DEL. È presente il CTU il quale, in esito alla lettura della formula del giuramento,

GIUDIZIO N. ALLEGATO E PARTE INTEGRANTE DEL VERBALE DI UDIENZA DEL. È presente il CTU il quale, in esito alla lettura della formula del giuramento, TRIBUNALE ORDINARIO DI ROMA XIII SEZIONE CIVILE GIUDIZIO N. ALLEGATO E PARTE INTEGRANTE DEL VERBALE DI UDIENZA DEL È presente il CTU il quale, in esito alla lettura della formula del giuramento, risponde:

Dettagli

Italia. La videoconferenza, tuttavia, non è estranea al nostro ordinamento.

Italia. La videoconferenza, tuttavia, non è estranea al nostro ordinamento. Italia 1. È possibile assumere prove tramite videoconferenza con la partecipazione di un'autorità giudiziaria dello Stato membro richiedente, o direttamente da parte di un'autorità giudiziaria dello Stato

Dettagli

MEDIAZIONE TRA PARI PRESENTA LE CONTROVERSIE IN MATERIA DI RESPONSABILITA MEDICA. www.mediazionetrapari.wordpress.com

MEDIAZIONE TRA PARI PRESENTA LE CONTROVERSIE IN MATERIA DI RESPONSABILITA MEDICA. www.mediazionetrapari.wordpress.com MEDIAZIONE TRA PARI PRESENTA LE CONTROVERSIE IN MATERIA DI RESPONSABILITA MEDICA GRAZIE PER AVER SCARICATO LA MIA GUIDA ALLA GESTIONE DELLE CONTROVERSIE IN MATERIA DI RESPONSABILITA MEDICA QUESTA GUIDA,

Dettagli

Camera di Conciliazione Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri Ordine degli Avvocati della provincia di Palermo

Camera di Conciliazione Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri Ordine degli Avvocati della provincia di Palermo REGOLAMENTO DELLA CAMERA DI CONCILIAZIONE CON CONTESTUALE ACCORDO FRA L ORDINE DEGLI AVVOCATI DI PALERMO E L ORDINE DEI MEDICI CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI DI PALERMO ART. 1) La Camera di Conciliazione

Dettagli

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI IVREA

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI IVREA ORDINE DEGLI AVVOCATI DI IVREA REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE ****** ****** 1 PREMESSA Chiunque voglia avviarsi alla professione forense deve aver svolto un periodo di pratica professionale

Dettagli

DECRETO BALDUZZI E RESPONSABILITÀ

DECRETO BALDUZZI E RESPONSABILITÀ DECRETO BALDUZZI E RESPONSABILITÀ Assemblea TSRM Ferrara 28 maggio 2013 Avv. Roberta Li Calzi CONCETTO DI RESPONSABILITÀ Obbligo di rispondere di un'azione antigiuridica (contraria alle norme) cioè di

Dettagli

Ost. Matteo Parro. Servizi Violenza Sessuale - SVS

Ost. Matteo Parro. Servizi Violenza Sessuale - SVS Servizi Violenza Sessuale - SVS Assistenza e Gestione delle Donne Vittime di Violenza VIOLENZA: serie di comportamenti di tipo violento di un uomo su una donna e/o un minore che producono gravi effetti

Dettagli

(facsimile di accordo col cliente: compenso analitico per attività civile)

(facsimile di accordo col cliente: compenso analitico per attività civile) (facsimile di accordo col cliente: compenso analitico per attività civile) CONFERIMENTO DI INCARICO PROFESSIONALE Con la presente il sig.... nato a... il..., cod. fisc...., residente in..., via..., n....

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA PRATICA FORENSE

REGOLAMENTO DELLA PRATICA FORENSE REGOLAMENTO DELLA PRATICA FORENSE Articolo 1 (Definizioni) Ai fini del presente regolamento s intende per praticante chi sta svolgendo l iter formativo previsto dall art. 3 comma 5 D.L. 13 agosto 2011

Dettagli

Le fasi iniziali del processo esecutivo

Le fasi iniziali del processo esecutivo Capitolo 4 Le fasi iniziali del processo esecutivo Caso 4.1 Come si procede alla stima dei beni pignorati? A norma dell art. 569, comma 1, c.p.c. il giudice nomina l esperto per procedere alla stima del

Dettagli

ASSICURAZIONE RC PROFESSIONALE OBBLIGATORIA

ASSICURAZIONE RC PROFESSIONALE OBBLIGATORIA ASSICURAZIONE RC PROFESSIONALE OBBLIGATORIA 11 UN OBBLIGO O UN OPPORTUNITA? LINEE GUIDA PER UNA SCELTA CONSAPEVOLE Vicenza, 13 giugno 2012 AGENDA DELL INCONTRO 22 NOVITA LEGISLATIVE IL NUOVO OBBLIGO DI

Dettagli

AUSILI E SUSSIDI IN FISIOTERAPIA PEDIATRICA ASPETTI GIURIDICI

AUSILI E SUSSIDI IN FISIOTERAPIA PEDIATRICA ASPETTI GIURIDICI AUSILI E SUSSIDI IN FISIOTERAPIA PEDIATRICA ASPETTI GIURIDICI SAVIGLIANO 31 MAGGIO 2011 AVV. MAURA ACCHIARDI SOGGETTI COINVOLTI nel procedimento di erogazione degli ausili Medico specialista Professionista

Dettagli

REGOLAMENTO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE DEL CONTENZIOSO E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI PATROCINIO LEGALE.

REGOLAMENTO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE DEL CONTENZIOSO E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI PATROCINIO LEGALE. REGOLAMENTO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE DEL CONTENZIOSO E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI PATROCINIO LEGALE. *********************** Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione di

Dettagli

Pratica Giudiziaria e forense presso il Tribunale di Bergamo

Pratica Giudiziaria e forense presso il Tribunale di Bergamo Pratica Giudiziaria e forense presso il Tribunale di Bergamo 1.- L art. 73 del d. l. 21. 6. 2013 n. 69 convertito con modifiche nella legge 9. 8. 2013 n. 98 ha introdotto la possibilità, per i laureati

Dettagli

Legge 7 dicembre 2000, n. 397 "Disposizioni in materia di indagini difensive"

Legge 7 dicembre 2000, n. 397 Disposizioni in materia di indagini difensive Legge 7 dicembre 2000, n. 397 "Disposizioni in materia di indagini difensive" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 2 del 3 gennaio 2001 Capo I MODIFICHE AL CODICE DI PROCEDURA PENALE Art. 1 1. All'articolo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DIFESA D UFFICIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BELLUNO. 1.Funzione della difesa d ufficio

REGOLAMENTO PER LA DIFESA D UFFICIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BELLUNO. 1.Funzione della difesa d ufficio E' la difesa garantita a ciascun imputato che non abbia provveduto a nominare un proprio difensore di fiducia o ne sia rimasto privo. E' prevista dalla legge al fine di garantire il diritto di difesa in

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

CONSENSO INFORMATO. Partecipazione attiva del soggetto malato. Rapporto Medico Paziente. a cura dell Avv. Elio Garibaldi RAPPORTO MEDICO-PAZIENTE

CONSENSO INFORMATO. Partecipazione attiva del soggetto malato. Rapporto Medico Paziente. a cura dell Avv. Elio Garibaldi RAPPORTO MEDICO-PAZIENTE CONSENSO INFORMATO Partecipazione attiva del soggetto malato Rapporto Medico Paziente a cura dell Avv. Elio Garibaldi 1 RAPPORTO MEDICO-PAZIENTE Conoscenza del proprio stato di salute Conoscenza delle

Dettagli

Art. 1 ALBO DEI SOGGETTI ACCREDITATI

Art. 1 ALBO DEI SOGGETTI ACCREDITATI REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI INDIVIDUALI DI COLLABORAZIONE E CONSULENZA (Adottato con delibera n. 12 del C.d.A. del 22.03.2007 successivamente modificato con delibera n. 4 del C.d.A.

Dettagli

Schema di decreto del Ministro della giustizia recante Regolamento recante disposizioni per il conseguimento e il mantenimento del titolo di avvocato

Schema di decreto del Ministro della giustizia recante Regolamento recante disposizioni per il conseguimento e il mantenimento del titolo di avvocato Schema di decreto del Ministro della giustizia recante Regolamento recante disposizioni per il conseguimento e il mantenimento del titolo di avvocato specialista, a norma dell articolo 9 della legge 31

Dettagli

PROTOCOLLO SUL PROCEDIMENTO SOMMARIO DI COGNIZIONE ELABORATO DALL OSSERVATORIO DI REGGIO EMILIA

PROTOCOLLO SUL PROCEDIMENTO SOMMARIO DI COGNIZIONE ELABORATO DALL OSSERVATORIO DI REGGIO EMILIA PROTOCOLLO SUL PROCEDIMENTO SOMMARIO DI COGNIZIONE ELABORATO DALL OSSERVATORIO DI REGGIO EMILIA Il presente protocollo recepisce le indicazioni emerse all interno del gruppo di lavoro istituito all interno

Dettagli

--www.minoriefamiglia.it -

--www.minoriefamiglia.it - &RUWHGLFDVVD]LRQHSULPDVH]LRQHFLYLOHVHQWHQ]DQGHOO 6YROJLPHQWRGHOSURFHVVR P.G. in data 27 settembre 2000, con il consenso della moglie, chiese al Tribunale per i minorenni di Roma l autorizzazione ad inserire

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI MANDATO PER AVVOCATI

CONDIZIONI GENERALI DI MANDATO PER AVVOCATI CONDIZIONI GENERALI DI MANDATO PER AVVOCATI 1. Campo di applicazione 1.1. Le condizioni generali di mandato si applicano a tutte le attività e gli atti di rappresentanza dinanzi alle autorità giudiziarie

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Sezione prima PROVA PENALE E GIUSTO PROCESSO (Pietro Silvestri)

INDICE SOMMARIO. Sezione prima PROVA PENALE E GIUSTO PROCESSO (Pietro Silvestri) INDICE SOMMARIO Premessa... vii Sezione prima PROVA PENALE E GIUSTO PROCESSO (Pietro Silvestri) Capitolo I DALLA RIFORMA DELL ART. 111 DELLA COSTITUZIONE ALLA LEGGE N. 63/2001 1.1. Premessa... 3 1.2. La

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PRATICA FORENSE E L ESERCIZIO DEL PATROCINIO

REGOLAMENTO PER LA PRATICA FORENSE E L ESERCIZIO DEL PATROCINIO REGOLAMENTO PER LA PRATICA FORENSE E L ESERCIZIO DEL PATROCINIO ARTICOLO 1 DOMANDA E COMUNICAZIONI DEL PRATICANTE 1) Il praticante, al momento della presentazione della domanda di iscrizione al registro

Dettagli

Patente di guida: irregolarità e relative sanzioni

Patente di guida: irregolarità e relative sanzioni Patente di guida: irregolarità e relative sanzioni Errata applicazione dell articolo 126 bis al titolare di patente rilasciata da uno Stato estero All atto di rilascio della patente viene attribuito un

Dettagli

2 L ATTIVITÀ PROFESSIONALE DEL PERITO

2 L ATTIVITÀ PROFESSIONALE DEL PERITO 2 L ATTIVITÀ PROFESSIONALE DEL PERITO 2.1 IL PROCESSO CIVILE Il processo civile viene promosso da una parte ricorrente o attore che chiama in causa di fronte al giudice, mediante l atto di citazione redatto

Dettagli

REGOLE DI COMPORTAMENTO DEL PENALISTA NELLE INVESTIGAZIONI DIFENSIVE

REGOLE DI COMPORTAMENTO DEL PENALISTA NELLE INVESTIGAZIONI DIFENSIVE REGOLE DI COMPORTAMENTO DEL PENALISTA NELLE INVESTIGAZIONI DIFENSIVE TESTO APPROVATO IL 14 LUGLIO 2001 DAL CONSIGLIO DELLE CAMERE PENALI CON LE MODIFICHE APPROVATE IL 19 GENNAIO 2007 IL CONSIGLIO DELLE

Dettagli

AL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FOGGIA

AL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FOGGIA AL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FOGGIA ISTANZA PER L AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115 L. 24 febbraio 2005, n. 25...L SOTTOSCRITT NAT A... IL CITTADINANZA....

Dettagli

I diritti di difesa nella giurisprudenza della Corte EDU

I diritti di difesa nella giurisprudenza della Corte EDU I diritti di difesa nella giurisprudenza della Corte EDU Una breve premessa Le nozioni di accusa penale e materia penale (leading case: Engel ed altri c. Paesi Bassi): autonomia delle garanzie convenzionali

Dettagli

Regolamento per il conferimento degli incarichi di studio, consulenza e collaborazioni

Regolamento per il conferimento degli incarichi di studio, consulenza e collaborazioni Regolamento per il conferimento degli incarichi di studio, consulenza e collaborazioni approvato dall'amministratore unico nella seduta del 23/04/2015 Articolo 1 - Oggetto, finalità, ambito applicativo

Dettagli

La responsabilità civile

La responsabilità civile La responsabilità civile Responsabilità contrattuale (art. 1218 cc) Scaturisce da qualsiasi rapporto obbligatorio già precostituito. Il Medico generalista si obbliga ad eseguire una prestazione professionalmente

Dettagli

fieremilia s.r.l. a socio unico Corso Garibaldi, 59 REGGIO EMILIA

fieremilia s.r.l. a socio unico Corso Garibaldi, 59 REGGIO EMILIA fieremilia s.r.l. a socio unico Corso Garibaldi, 59 REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE, STUDIO, RICERCA, CONSULENZA E PER LA SELEZIONE DEL PERSONALE. 1. Premessa

Dettagli

REGOLAMENTO DIRITTO DI ACCESSO DEI CONSIGLIERI COMUNALI E PROVINCIALI AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI. Art. 2 Diritti di segreteria

REGOLAMENTO DIRITTO DI ACCESSO DEI CONSIGLIERI COMUNALI E PROVINCIALI AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI. Art. 2 Diritti di segreteria REGOLAMENTO DIRITTO DI ACCESSO DEI CONSIGLIERI COMUNALI E PROVINCIALI AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Art. 1 Legittimazione attiva del consigliere L esercizio del diritto di accesso agli atti per i consiglieri

Dettagli

CAMERA DI CONCILIAZIONE ARBITRATO PER LO SPORT

CAMERA DI CONCILIAZIONE ARBITRATO PER LO SPORT CAMERA DI CONCILIAZIONE E ARBITRATO PER LO SPORT REGOLAMENTO DI ARBITRATO PER LA RISOLUZIONE DELLE CONTROVERSIE RELATIVE ALL APPLICAZIONE DEL MANUALE PER L OTTENIMENTO DELLA LICENZA UEFA DA PARTE DEI CLUB

Dettagli

Diritto e processo.com. Cassazione, sez. Unite Civili, 1 febbraio 2012, n. 1418. (Estratto da Diritto e Processo formazione n.4/2012) QUESTIO IURIS

Diritto e processo.com. Cassazione, sez. Unite Civili, 1 febbraio 2012, n. 1418. (Estratto da Diritto e Processo formazione n.4/2012) QUESTIO IURIS Il ritiro della notifica è atto processuale? E se coincide con il sabato è prorogato al primo giorno seguente non festivo? notifica e compiuta giacenza di Elena Loghà Diritto e processo.com Cassazione,

Dettagli

Norme per la tutela della salute, per la disciplina del rischio clinico e della responsabilità professionale medica (AS1648) Sen.

Norme per la tutela della salute, per la disciplina del rischio clinico e della responsabilità professionale medica (AS1648) Sen. Norme per la tutela della salute, per la disciplina del rischio clinico e della responsabilità professionale medica (AS1648) Sen. Lucio Romano Finalità del DdL Contrattualismo Alleanza di cura Ania. Dossier

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BERGAMO REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE APPROVATO CON DELIBERA DEL 20 DICEMBRE

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BERGAMO REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE APPROVATO CON DELIBERA DEL 20 DICEMBRE CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BERGAMO REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE APPROVATO CON DELIBERA DEL 20 DICEMBRE 2005 aggiornato con delibere 27.04.2010, 17.07.2012 e 13.11.2012

Dettagli

NOTIFICA AL DIFENSORE DEL DECRETO DI CITAZIONE A GIUDIZIO VIZI RIMEDI - CONSEGUENZE

NOTIFICA AL DIFENSORE DEL DECRETO DI CITAZIONE A GIUDIZIO VIZI RIMEDI - CONSEGUENZE NOTIFICA AL DIFENSORE DEL DECRETO DI CITAZIONE A GIUDIZIO VIZI RIMEDI - CONSEGUENZE Il Caso La Procura della Repubblica notificava, ai sensi dell art. 415 bis c.p.p., l avviso di conclusione delle indagini

Dettagli

SISTEMA DISCIPLINARE. ai sensi del Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231

SISTEMA DISCIPLINARE. ai sensi del Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 SISTEMA DISCIPLINARE ai sensi del Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 SISTEMA DISCIPLINARE 1 INDICE 1. PRINCIPI GENERALI... 3 2. CONDOTTE SANZIONABILI... 3 3. IL TITOLARE DEL POTERE SANZIONATORIO...

Dettagli

Sistema Disciplinare relativo al MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del D.lgs. 8 giugno 2001 n. 231

Sistema Disciplinare relativo al MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del D.lgs. 8 giugno 2001 n. 231 Sistema Disciplinare relativo al MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del D.lgs. 8 giugno 2001 n. 231 di Fujitsu Technology Solutions S.p.A. Vers. 2.0 approvato dal CdA il 21/01/2015

Dettagli

Corso di Aggiornamento per R.S.P.P. e CSP/CSE. Avv. Ramona Lucchetti

Corso di Aggiornamento per R.S.P.P. e CSP/CSE. Avv. Ramona Lucchetti Corso di Aggiornamento per R.S.P.P. e CSP/CSE Avv. Ramona Lucchetti D.Lgs n. 81/2008 D.Lgs n. 106/2009 SINERGIA LEGISLATIVA NELLA SICUREZZA E SALUTE DEI LAVORATORI SINERGIA DEI SOGGETTI INTERESSATI ALLA

Dettagli

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE Novembre 2010

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE Novembre 2010 REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE Novembre 2010 Art. 1) DEFINIZIONI Ai fini del presente Regolamento: - per Organismo di mediazione, o semplicemente Organismo, si intende l Ente del sistema camerale, iscritto

Dettagli

Sezione Lavoro. Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006. (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila)

Sezione Lavoro. Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006. (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila) Studio Legale Celotti www.studiolegalecelotti.it CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Sezione Lavoro Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006 (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila) SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Dettagli

FASI DELLA VERIFICA PRESSO IL CONTRIBUENTE

FASI DELLA VERIFICA PRESSO IL CONTRIBUENTE Lee faassi f i d eel llaa l vveerri ifii ccaa fif i ssccaal lee FASI DELLA VERIFICA PRESSO IL CONTRIBUENTE ACCESSO PRESSO IL CONTRIBUENTE PRESENTAZIONE DEI VERIFICATORI INFORMAZIONI DELLE RAGIONI DELLA

Dettagli

18/10/2013. Rev. 01. CASALP S.p.A.

18/10/2013. Rev. 01. CASALP S.p.A. CASALP S.p.A. SISTEMA SANZIONATORIO E DISCIPLINARE EX D.LGS. 231/2001 1 INDICE 1. Premessa.. 3 2. Violazioni.. 4 3. Soggetti destinatari... 4 4. Comitato che vigila sui comportamenti e formula le proposte

Dettagli

LE NOVITA DEL PROCESSO ESECUTIVO. Il Decreto Legge 132/2014 convertito con modifiche dalla legge 162/2014

LE NOVITA DEL PROCESSO ESECUTIVO. Il Decreto Legge 132/2014 convertito con modifiche dalla legge 162/2014 LE NOVITA DEL PROCESSO ESECUTIVO Il Decreto Legge 132/2014 convertito con modifiche dalla legge 162/2014 Le principali novità Iscrizione a ruolo del processo esecutivo per espropriazione (art. 518 co.6)

Dettagli

Avv. Rossella D Onofrio

Avv. Rossella D Onofrio Avv. www.weblegale.com L attività dell Avv. si svolge dinanzi ai Tribunali di Lecce, Brindisi e Taranto. Si caratterizza per una struttura organizzativa idonea ad assicurare la consulenza ed assistenza,

Dettagli

ATTIVITA DI POLIZIA GIUDIZIARIA. ATTIVITA DI INIZIATIVA, DIRETTA O DISPOSTA, DELEGATA, ESECUTIVA. ATTIVITA DI INFORMAZIONE.

ATTIVITA DI POLIZIA GIUDIZIARIA. ATTIVITA DI INIZIATIVA, DIRETTA O DISPOSTA, DELEGATA, ESECUTIVA. ATTIVITA DI INFORMAZIONE. ATTIVITA DI POLIZIA GIUDIZIARIA. ATTIVITA DI INIZIATIVA, DIRETTA O DISPOSTA, DELEGATA, ESECUTIVA. ATTIVITA DI INFORMAZIONE. AUTORE: MAGG. GIOVANNI PARIS POLIZIA GIUDIZIARIA E AUTORITA GIUDIZIARIA PER TRATTARE

Dettagli

Al Consiglio dell Ordine degli Avvocati di... DOMANDA D AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO 1. Il sottoscritto/a. nato/a.. il..

Al Consiglio dell Ordine degli Avvocati di... DOMANDA D AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO 1. Il sottoscritto/a. nato/a.. il.. Al Consiglio dell Ordine degli Avvocati di... DOMANDA D AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO 1 Il sottoscritto/a nato/a.. il.. residente in (via). n.. CAP Città.. cittadinanza codice fiscale. n.

Dettagli

PROMEMORIA PROVVEDIMENTO N. 2720 DEL 2 LUGLIO 2009 MODIFICHE ED INTEGRAZIONI AL REGOLAMENTO N. 5 DEL 16 OTTOBRE 2006

PROMEMORIA PROVVEDIMENTO N. 2720 DEL 2 LUGLIO 2009 MODIFICHE ED INTEGRAZIONI AL REGOLAMENTO N. 5 DEL 16 OTTOBRE 2006 PROMEMORIA PROVVEDIMENTO N. 2720 DEL 2 LUGLIO 2009 MODIFICHE ED INTEGRAZIONI AL REGOLAMENTO N. 5 DEL 16 OTTOBRE 2006 L'ISVAP ha pubblicato sul proprio sito il Provvedimento 2720 del 2 luglio 2009, che

Dettagli

TABELLA B DIRITTI DI AVVOCATO

TABELLA B DIRITTI DI AVVOCATO TABELLA B DIRITTI DI AVVOCATO I PROCESSO DI COGNIZIONE E PROCEDIMENTI SPECIALI E CAMERALI DAVANTI AI GIUDICI ORDINARI, AI GIUDICI AMMINISTRATIVI, TRIBUTARI E SPECIALI, AGLI ARBITRI D AUTORITÀ, COMMISSIONI

Dettagli

NORME REGOLANTI L ATTIVIA' DEL CTU Il CTU Consulente Tecnico d Ufficio è la figura professionale, di particolare competenza tecnica, al quale si

NORME REGOLANTI L ATTIVIA' DEL CTU Il CTU Consulente Tecnico d Ufficio è la figura professionale, di particolare competenza tecnica, al quale si NORME REGOLANTI L ATTIVIA' DEL CTU Il CTU Consulente Tecnico d Ufficio è la figura professionale, di particolare competenza tecnica, al quale si affida il Giudice durante il processo civile. Nel processo

Dettagli

Lezione 11 Abuso di internet e di posta elettronica in azienda I vincoli al controllo

Lezione 11 Abuso di internet e di posta elettronica in azienda I vincoli al controllo Lezione 11 Abuso di internet e di posta elettronica in azienda I vincoli al controllo La problematica. L introduzione dell informatica in azienda, in particolare nei processi produttivi modifica i rapporti

Dettagli