Classificazione delle strutture ricettive alberghiere di Milano e provincia

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Classificazione delle strutture ricettive alberghiere di Milano e provincia"

Transcript

1 Classificazione delle strutture ricettive alberghiere di Milano e provincia febbraio 2012 Istituto Moreschi via San Michele del Carso, 25 - Milano 1

2 2

3 3

4 INDICE 1. Riferimenti normativi 2. Funzioni delle Province 3. Definizione e tipologie alberghiere 4. B & B 5. Campeggi 6. Procedure per la classificazione 7. Strutture ricettive presenti sul territorio 8. Sanzioni amministrative 4

5 1. RIFERIMENTI NORMATIVI - LEGGE NAZIONALE 241/1990 NUOVE NORME IN MATERIA DI PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO - LEGGE REGIONALE 15/2007 TESTO UNICO DELLE LEGGI REGIONALI IN MATERIA DI TURISMO - REGOLAMENTO REGIONALE 5/2009 DEFINIZIONE DEGLI STANDARD MINIMI PER LA CLASSIFICAZIONE DELLE STRUTTURE ALBERGHIERE 5

6 - DECRETO LEGISLATIVO 79/2011 CODICE DELLA NORMATIVA STATALE IN TEMA DI ORDINAMENTO E MERCATO DEL TURISMO - REGOLAMENTO REGIONALE 2/2003 NORME IN MATERIA DI DISCIPLINE E CLASSIFICAZIONE DELLE AZIENDE RICETTIVE ALL ARIA APERTA - LEGGE REGIONALE N. 8/2010 MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 16 LUGLIO 2007, N. 15 (TESTO UNICO DELLE LEGGI REGIONALI IN MATERIA DI TURISMO)- ALBERGO DIFFUSO - BED & BREAKFAST 6

7 2. FUNZIONI DELLE PROVINCE Le Province esercitano le funzioni amministrative relative alla classificazione alberghiera, alla comunicazione delle tariffe, alla relativa vigilanza anche mediante controlli ispettivi e alla irrogazione delle sanzioni. Più in dettaglio la Provincia di Milano, come prevede la normativa vigente: svolge la classificazione obbligatoria delle aziende Alberghiere (Alberghi R.T.A. o Residence - Campeggi); rilascia il nulla osta per i cambi di denominazione delle strutture alberghiere e gestisce i reclami dell utenza se avversi la dotazione di attrezzature e servizi; 7

8 2. FUNZIONI DELLE PROVINCE gestisce i reclami dell utenza se avversi la dotazione di attrezzature e servizi; svolge la vigilanza, anche mediante controlli ispettivi, viene svolta dal Corpo di polizia Provinciale su richiesta del Settore e/o anche per propria decisione; gestisce le anagrafiche e raccoglie le tabelle dei prezzi delle strutture ricettive; raccoglie ed archivia le SCIA (segnalazioni certificata di inizio attività) di tutte le strutture extralberghiere (B&B Case vacanza Case per ferie). 8

9 3. DEFINIZIONI E TIPOLOGIE DELLE STRUTTURE ALBERGHIERE DEFINIZIONE Sono aziende alberghiere le aziende organizzate per fornire al pubblico, con gestione unitaria, alloggio in almeno 7 camere o appartamenti e si distinguono in: 1) alberghi quando offrono alloggio prevalentemente in camere; 2) Residenze turistico alberghiere (RTA) quando offrono alloggio in appartamenti costituiti da uno o più locali dotati di servizio autonomo di cucina. 9

10 TIPOLOGIE a) motel: albergo che fornisce il servizio di autorimessa, con box o parcheggio, per tanti posti macchina o imbarcazione quante sono le camere o suites degli ospiti maggiorate del 10 per cento nonché i servizi di ristorante o tavola calda o fredda e di bar; fornisce inoltre servizi di primo intervento di assistenza ai turisti motorizzati e di rifornimento carburante anche mediante apposite convenzioni con operatori situati nelle vicinanze dell esercizio; b) villaggio albergo: albergo caratterizzato dalla centralizzazione dei servizi in funzione di più stabili facenti parte di uno stesso complesso inserito in un area attrezzata per il soggiorno e lo svago degli ospiti; 10

11 c) albergo meublé o garnì: albergo che fornisce solo il servizio di alloggio, normalmente con prima colazione e bar, senza ristorante; d) albergo - dimora storica: albergo la cui attività si svolge in immobile di pregio storico o monumentale, con struttura e servizi minimi della classe tre stelle; e) albergo - centro benessere: albergo dotato di impianti e attrezzature adeguati per fornire agli ospiti servizi specializzati per il relax, il benessere e la rigenerazione fisica, con struttura e servizi minimi della classe tre stelle; 11

12 e/bis) albergo diffuso: i servizi generali (ufficio di ricevimento, eventuali sale comuni, spazi vendita, ecc.) sono localizzati in unico stabile (corpo principale/centrale), dove ha sede l albergo che deve avere gestione unitaria; gli alloggi sono ubicati in uno o più stabili separati, anche con destinazione residenziale); non è pertanto previsto che nel corpo principale siano presenti camere e/o unità abitative; gli alloggi sono ubicati nel medesimo comune del corpo principale o in comuni limitrofi. La distanza tra gli alloggi ed il corpo principale, individuata dalla legge non superiore a m.400, deve intendersi calcolata in linea d aria. 12

13 Residenze turistico alberghiere (RTA) sono strutture che offrono alloggio in appartamenti costituiti da uno opiù locali, dotati di servizio autonomo di cucina. La durata di permanenza in questa struttura non può essere inferiore ai 7 giorni. 13

14 Gli alberghi sono classificati in cinque classi contrassegnate in ordine decrescente da * * * * *, * * * *, * * *. * * e *. Gli alberghi contrassegnati da 5 stelle possono assumere la denominazione aggiuntiva lusso quando sono in possesso di eccezionali requisiti di qualità tipici degli esercizi di classe internazionale. Le strutture alberghiere che ospitano clienti che devono avvalersi dei servizi generali della casa principale (dipendenze alberghiere) sono classificate nella classe immediatamente inferiore rispetto alla principale. 14

15 Le residenze turistico alberghiere (RTA) sono classificate in tre classi contrassegnate in ordine decrescente da * * * *, * * * e * *. Importante è ricordare che in queste strutture il periodo minimo di permanenza non può essere inferiore a 7 giorni. 15

16 Sul territorio operano anche strutture ricettive non alberghiere che non hanno classificazione: a) Case per ferie: strutture ricettive attrezzate per il soggiorno temporaneo di persone o gruppi gestite da enti pubblici, associazioni, enti religiosi o da aziende per il soggiorno dei propri dipendenti; b) Ostelli per la gioventù: strutture ricettive attrezzate per il soggiorno ed il pernottamento dei giovani; c) Esercizi di affittacamere: strutture composte da non più di 6 camere, con una capacità ricettiva non superiore a 12 posti letto, ubicate in uno o più di due appartamenti ammobiliati nello stesso stabile; 16

17 e) Case e appartamenti per vacanze (CAV): strutture ricettive gestite in modo unitario, in forma imprenditoriale ed organizzate per fornire alloggio e servizi; f) B & B (capitolo seguente). Per queste strutture extralberghiere le Province esercitano le funzioni relative alla comunicazione delle tariffe prezzi e la vigilanza 17

18 4. B & B Che cos è un Bed&Breakfast È denominato Bed & Breakfast l attività di carattere saltuario svolta da privati che utilizzano parte della loro abitazione di residenza per offrire un servizio a conduzione familiare di alloggio e prima colazione. 18

19 L attività: l attività può essere esercitata in non più di quattro stanze con un massimo di dodici posti letto; qualora questa si svolga in più di una stanza devono essere garantiti non meno di due servizi igienici per unità abitativa; alle camere da letto destinate agli ospiti si deve poter accedere senza attraversare la camera da letto ed i servizi destinati alla famiglia o ad altro ospite. l attività di B&B è intrapresa da coloro i quali, avendo a disposizione delle camere nelle proprie case, offrono ospitalità a pagamento ai turisti. 19

20 L attività deve essere intrapresa previa presentazione al Comune di residenza della denuncia di inizio attività; L attività è svolta saltuariamente, in modo occasionale e non professionale, non è necessario aprire la partita IVA e di conseguenza si è esonerati da tutti gli adempimenti legati alla natura imprenditoriale dell attività, quale l iscrizione alla Camera di Commercio; per la riscossione si deve rilasciare una ricevuta con la data di emissione, il corrispettivo incassato, il numero dei giorni di permanenza. 20

21 Il responsabile è tenuto a presentare denuncia di inizio attività al Comune (la denuncia deve essere corredata dalla documentazione comprovante la sussistenza dei requisiti richiesti in base alle disposizioni vigenti), a trasmetterne copia, per conoscenza, alla Provincia di competenza e a esporne visibilmente copia all interno dei locali (Legge 241/1990 art. 19). Le tariffe, liberamente determinate, devono essere comunicate alla Provincia di competenza, dopo aver ottenuto l autorizzazione di inizio attività del Comune di residenza. 21

22 Il nuovo Codice del Turismo con Decreto Leglislativo n. 79 del 2011 in vigore dal 21/06/2011, prevede la classificazione anche di queste strutture extralberghiere. La vigente L.R. 15/07 e il Regolamento Regionale 5/09 però non prevedono criteri di classificazione per queste strutture e ciò non consente, per il momento, di procedere alla riclassificazione delle stesse. Infatti il Codice al Titolo III capo I introduce nuove classificazioni per le strutture ricettive e le altre forme di ricettività e per quanto riguarda gli standard qualitativi degli stessi delega il Governo a fissare gli standard minimi dei servizi e delle dotazioni per la classificazione. Gli standard minimi citati nella direttiva non sono ancora stati fissati dal Governo. 22

23 5. CAMPEGGI Sono aziende ricettive all aria aperta a gestione unitaria, aperti al pubblico, che, in aree recintate ed attrezzate, forniscono alloggio in propri allestimenti o mettono a disposizione spazi atti ad ospitare clienti muniti di mezzi di pernottamento autonomi e mobili. Sono definiti campeggi gli esercizi attrezzati per la sosta ed il soggiorno di turisti provvisti di tende o di altri mezzi autonomi di pernottamento. I servizi riservati ai turisti ospitati, quali ristorazione, spaccio di alimentari, bar e vendita di articoli vari, nonché gli impianti e le attrezzature sportive e ricreative possono essere gestiti direttamente dal titolare dell azienda ricettiva o dati in gestione a terzi. 23

24 L uso di tali servizi, impianti ed attrezzature non può comunque, essere imposto ai clienti. Le Province esercitano le funzioni amministrative relative alla classificazione delle aziende ricettive all aria aperta, alla comunicazione delle tariffe, alla relativa vigilanza, anche mediante controlli ispettivi e alla irrogazione delle sanzioni. La classificazione avviene in base a requisiti predeterminati per ciascuno dei livelli attribuibili, contrassegnati da uno a quattro stelle. 24

25 6. PROCEDURE PER LA CLASSIFICAZIONE Ai fini dell attribuzione della classificazione, gli interessati presentano 6. Procedure per la classificazione alla Provincia domanda contenente gli elementi necessari per la relativa valutazione ed in particolare quelli riguardanti le prestazioni di servizi, le dotazioni degli impianti e le attrezzature, nonché l ubicazione e l aspetto, corredata da fotografie. Per iniziare l attività di esercizio alberghiero, l utente richiede la classifica della struttura alberghiera alla Provincia di Milano. La Provincia di Milano procede alla classificazione sulla base della dichiarazione del titolare dell azienda ricettiva concernente la qualità e la quantità dei servizi offerti, corredata dal progetto tecnico degli elaborati ai fini dell ottenimento della concessione medesima. 25

26 All istanza viene allegata, oltre al modello dichiarativo dei requisiti, la planimetria 6. Procedure della per struttura; la classificazione il documento deve riportare, oltre alla scala planimetrica della struttura, il totale dei mq relativo agli spazi comuni con la firma, quale avvallo, di un tecnico. Il conteggio degli spazi comuni è un elemento indispensabile per il rilascio della classifica poiché l ottenimento della classifica è determinato proprio da ciò. La classificazione è attribuita dalla Provincia entro 60gg dalla data di presentazione dell istanza, sulla base dei requisiti indicati nella normativa vigente (L.R. 15/07 e R.R. 5/09). Verificata la documentazione presentata che sia completa di: richiesta a Provincia di Milano che deve indicare i dati anagrafici del richiedente (Società e/o persona fisica) e la classifica che si intende richiedere; 26

27 la planimetria dell intera struttura con il conteggio degli spazi comuni vistata da un tecnico; le fotografie delle stanze ed il Mod. A. Quest ultimo 6. Procedure è una per autocertificazione la classificazione nella quale sono segnalati tutti i requisiti obbligatori secondo le stelle richieste, previsti dalla L.R. e dal R.R., per l ottenimento della classifica. Si procede poi, di solito unitamente al Corpo della Polizia Provinciale, ad un sopralluogo ispettivo che non è altro che una verifica sul posto atta a comprovare l esistenza dei requisiti obbligatori dichiarati dall albergatore con il Mod. A Il sopralluogo viene effettuato entro i 60gg come previsto dalla Legge per il rilascio della classifica ed al momento dello stesso la struttura deve essere completata in tutte le sue parti al fine di poter ospitare l utente. 27

28 Se la struttura non è in possesso dei requisiti obbligatori viene rilasciata 6. Procedure la classifica per la immediatamente classificazioneinferiore. L ufficio Alberghi della Provincia compila un verbale del sopralluogo effettuato ed emette l atto amministrativo (disposizione dirigenziale) che attesta la classifica rilasciata. L atto viene trasmesso all utente, a Regione Lombardia ed al Comune dove ha sede la struttura. L utente ricevuta la classifica, unitamente a tutti gli altri permessi comunali, presenta la SCIA allo Sportello Unico delle attività produttive (SUAP) del Comune di competenza e può iniziare l attività. Copia della SCIA viene trasmessa a Provincia di Milano. 28

29 Il Comune ha 60 gg di tempo per verificare i permessi allegati e se gli stessi 6. Procedure non sono conformi per la classificazione il Comune stesso può sospendere l attività. E altresì concessa una classificazione provvisoria di durata non superiore ai tre mesi (90gg) successivi alla presentazione della SCIA (Segnalazione certificata di inizio attività) trasmessa allo Sportello Unico delle attività produttive (SUAP) del Comune dove verrà svolta l attività. 29

30 Il Comune di competenza trasmette per conoscenza copia della SCIA presentata 6. Procedure a Provincia per la classificazione di Milano. Trascorsi i 90 gg dalla data della presentazione della SCIA, l Ufficio Alberghi procede con il sopralluogo ispettivo, verifica i requisiti obbligatori ed emette l atto amministrativo (disposizione dirigenziale) che attesta la classifica definitiva rilasciata. L atto viene trasmesso all utente, a Regione Lombardia ed al Comune dove ha sede la struttura. In questo caso il Comune conferma la classifica provvisoria tramutandola in classifica definitiva con un atto amministrativo. 30

31 7. STRUTTURE RICETTIVE PRESENTI SUL TERRITORIO Dati forniti dall Osservatorio di Provincia di Milano ed aggiornati a febbraio 2012 STRUTTURE RICETTIVE ALBERGHIERE (HOTEL) PRESENTI IN MILANO ***** lusso n. 9 ***** n. 5 **** n. 125 *** n. 122 ** n. 63 * n

32 STRUTTURE RICETTIVE ALBERGHIERE (RTA) PRESENTI IN MILANO Residenze turistico alberghiere n. 49 Campeggi n. 1 STRUTTURE RICETTIVE EXTRALBERGHIERE (B&B alloggi in affitto) PRESENTI IN MILANO n

33 STRUTTURE RICETTIVE ALBERGHIERE (HOTEL) PRESENTI IN PROVINCIA ***** e lusso n. 1 **** n. 80 *** n. 65 ** n. 25 * n

34 STRUTTURE RICETTIVE ALBERGHIERE (RTA) PRESENTI IN PROVINCIA Residenze turistico alberghiere n. 10 STRUTTURE RICETTIVE EXTRALBERGHIERE Alloggi gestiti in forma imprenditoriale n. 36 Case per ferie (CAV) n. 3 BED & BREAKFAST n

35 STRUTTURE RICETTIVE DI MILANO Esercizi Letti Camere Alberghi 5 stelle lusso Alberghi 5 stelle Alberghi 4 stelle Alberghi 3 stelle Alberghi 2 stelle Alberghi 1 stella Residenze turistico alberghiere Totale alberghi 35

36 STRUTTURE RICETTIVE PROVINCIA DI MILANO Esercizi Letti Camere Alberghi 5 stelle e 5 stelle lusso Alberghi 4 stelle Alberghi 3 stelle Alberghi 2 stelle Alberghi 1 stella Residenze turistico alberghiere 194 Totale alberghi 36

37 8. OBBLIGHI E SANZIONI AMMINISTRATIVE OBBLIGHI È fatto obbligo alle aziende alberghiere di: esporre in modo visibile all esterno e all interno il segno distintivo della classe assegnata, realizzato in conformità al modello stabilito dalla Regione. esporre i prezzi minimi e massimi, praticati nell esercizio devono essere esposti in modo ben visibile al pubblico nei locali di ricevimento. La classificazione costituisce condizione necessaria per il rilascio della licenza d esercizio da parte del comune ove l azienda alberghiera è localizzata. 37

38 Essere in possesso della SCIA protocollata dal Comune (documento per l inizio dell attività) che contiene le indicazioni relative alla denominazione, alla classificazione assegnata, al numero delle camere e degli eventuali appartamenti e dei letti, al periodo di apertura ed all ubicazione (sostituisce la Licenza comunale ). Per le residenze turistico alberghiere la SCIA contiene le indicazioni relative alla denominazione, alla classificazione assegnata, al numero degli appartamenti, delle eventuali camere e dei letti, al periodo di apertura ed all ubicazione. 38

39 SANZIONI AMMINISTRATIVE Incorre in sanzioni amministrative il titolare di un azienda alberghiera che: - rifiuti di fornire le informazioni richiestegli necessarie ai fini della verifica della classificazione o di consentire gli accertamenti disposti allo stesso fine, ovvero denunci elementi non corrispondenti al vero, o non conformi alla classificazione della propria azienda, è soggetto alla sanzione pecuniaria da euro 516 a euro

40 - - ometta di esporre il segno distintivo della categoria e/o della classificazione attribuita e il tariffario delle camere alberghiere, ovvero attribuisca al proprio esercizio con scritti o stampati o in qualsiasi altro modo una classificazione diversa da quella ottenuta, ovvero affermi la disponibilità di attrezzatura diversa da quella esistente, è soggetto alla sanzione pecuniaria da euro a euro Le somme dovute sono riscosse ed introitate dalle Province. 40

41 - - ometta di esporre il segno distintivo della categoria e/o della classificazione attribuita e il tariffario delle camere alberghiere, ovvero attribuisca al proprio esercizio con scritti o stampati o in qualsiasi altro modo una classificazione diversa da quella ottenuta, ovvero affermi la disponibilità di attrezzatura diversa da quella esistente, è soggetto alla sanzione pecuniaria da euro a euro Le somme dovute sono riscosse ed introitate dalle Province. 41

42 Modulistica Adobe Acrobat Document Modello A Alberghi Microsoft Word Document Nuova Apertura Albergo CLASSIFICA PROVVISORIA Microsoft Word Document Nuova Apertura Albergo CLASSIFICA DEFINITIVA Microsoft Word Document Nuova Apertura RTA CLASSIFICA DEFINITIVA 42

Classificazione delle strutture ricettive alberghiere di Milano e provincia

Classificazione delle strutture ricettive alberghiere di Milano e provincia Classificazione delle strutture ricettive alberghiere di Milano e provincia 6 7 8 12 novembre 2012 Istituto Moreschi via San Michele del Carso, 25 Milano 0 1 INDICE 1. Riferimenti normativi 2. Funzioni

Dettagli

COMUNE DI PORDENONE REGOLAMENTO PER LA CLASSIFICAZIONE DELLE STRUTTURE RICETTIVE E DELLE CASE ED APPARTAMENTI PER VACANZE

COMUNE DI PORDENONE REGOLAMENTO PER LA CLASSIFICAZIONE DELLE STRUTTURE RICETTIVE E DELLE CASE ED APPARTAMENTI PER VACANZE COMUNE DI PORDENONE REGOLAMENTO PER LA CLASSIFICAZIONE DELLE STRUTTURE RICETTIVE E DELLE CASE ED APPARTAMENTI PER VACANZE Regolamento approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 104 del 22.10.2007

Dettagli

DOMANDE FREQUENTI SULLE STRUTTURE RICETTIVE TURISTICHE

DOMANDE FREQUENTI SULLE STRUTTURE RICETTIVE TURISTICHE 1) Cosa è un attività Turistica Ricettiva? DOMANDE FREQUENTI SULLE STRUTTURE RICETTIVE TURISTICHE Si definisce attività Ricettiva Turistica quella diretta alla produzione ed all offerta al pubblico di

Dettagli

Annuario Statistico della Sardegna

Annuario Statistico della Sardegna Annuario Statistico della Sardegna TURISMO Turismo L Indagine sulla capacità degli esercizi ricettivi è una rilevazione censuaria condotta annualmente con l obiettivo di fotografare, al 31 dicembre di

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 24 ottobre 2008, n. 16. Disciplina delle Strutture Ricettive Extralberghiere.

REGOLAMENTO REGIONALE 24 ottobre 2008, n. 16. Disciplina delle Strutture Ricettive Extralberghiere. REGOLAMENTO REGIONALE 24 ottobre 2008, n. 16. Disciplina delle Strutture Ricettive Extralberghiere. Il presente regolamento stabilisce gli indirizzi per assicurare livelli minimi di uniformità sul territorio

Dettagli

appartamenti dello stesso stabile Quali sono i requisiti necessari per la classificazione di un affittacamere nelle categorie prima, seconda e terza?

appartamenti dello stesso stabile Quali sono i requisiti necessari per la classificazione di un affittacamere nelle categorie prima, seconda e terza? 1 2 Chi rilascia l'autorizzazione per l'apertura di una struttura ricettiva extra alberghiera classificata? Quali documenti sono necessari per la classifica di un affittacamere? La Provincia provvede a

Dettagli

L.R. 2/2002, artt. 62 e 90 B.U.R. 5/6/2002, n. 23. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 7 maggio 2002, n. 0128/Pres.

L.R. 2/2002, artt. 62 e 90 B.U.R. 5/6/2002, n. 23. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 7 maggio 2002, n. 0128/Pres. L.R. 2/2002, artt. 62 e 90 B.U.R. 5/6/2002, n. 23 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 7 maggio 2002, n. 0128/Pres. Regolamento concernente le modalità di rilascio e i requisiti del provvedimento di classificazione

Dettagli

4. Quali sono le tipologie di attività ricettive?

4. Quali sono le tipologie di attività ricettive? ROMA CAPITALE - INFORMAZIONI VARIE STRUTTURE RICETTIVE EXTRALBERGHIERE FAQ 1. Cosa bisogna fare per avviare un'attività ricettiva? Per avviare un attività ricettiva si deve trasmettere, esclusivamente

Dettagli

a cura Direzione Turismo Sport Parchi Piemonte emozioni Manuale d uso per l esercizio saltuario di ospitalità denominato Bed & Breakfast

a cura Direzione Turismo Sport Parchi Piemonte emozioni Manuale d uso per l esercizio saltuario di ospitalità denominato Bed & Breakfast a cura Direzione Turismo Sport Parchi Piemonte emozioni Manuale d uso per l esercizio saltuario di ospitalità denominato Bed & Breakfast Cos è il Bed end Breakfast? Con la denominazione Bed & Breakfast

Dettagli

COMUNE DI VERBANIA. Terreno sottoposto a scheda di indirizzo n. 67 del P.R.G.C. INTERVENTO TURISTICO RICETTIVO PROVINCIA DEL VCO

COMUNE DI VERBANIA. Terreno sottoposto a scheda di indirizzo n. 67 del P.R.G.C. INTERVENTO TURISTICO RICETTIVO PROVINCIA DEL VCO COMUNE DI VERBANIA PROVINCIA DEL VCO Terreno sottoposto a scheda di indirizzo n. 67 del P.R.G.C. INTERVENTO TURISTICO RICETTIVO La proprietà oggetto del presente intervento è affacciata sul Golfo Borromeo

Dettagli

REGOLAMENTO IMPOSTA DI SOGGIORNO

REGOLAMENTO IMPOSTA DI SOGGIORNO Città di Chioggia Provincia di Venezia REGOLAMENTO IMPOSTA DI SOGGIORNO (In vigore dal 1 gennaio 2015) Deliberazione del Consiglio Comunale n. 52 del 27/04/2015 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA

Dettagli

COMUNE DI TAORMINA Provincia di Messina. Regolamento Imposta di Soggiorno

COMUNE DI TAORMINA Provincia di Messina. Regolamento Imposta di Soggiorno COMUNE DI TAORMINA Provincia di Messina Regolamento Imposta di Soggiorno (Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 80 del 06/11/2012) Art.1 Presupposto dell'imposta Presupposto dell'imposta di soggiorno

Dettagli

REGOLAMENTO DELL IMPOSTA DI SOGGIORNO NELLA CITTA DI MONZA. (approvato con delibera consiglio comunale n.1 del 9/1/2014)

REGOLAMENTO DELL IMPOSTA DI SOGGIORNO NELLA CITTA DI MONZA. (approvato con delibera consiglio comunale n.1 del 9/1/2014) REGOLAMENTO DELL IMPOSTA DI SOGGIORNO NELLA CITTA DI MONZA (approvato con delibera consiglio comunale n.1 del 9/1/2014) INDICE Art. 1 Oggetto del Regolamento...pag. 1 Art. 2 Istituzione e presupposto dell

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI ACCOGLIENZA RICETTIVA A CONDUZIONE FAMILIARE DENOMINATA BED & BREAKFAST L.R. 26.02.

REGOLAMENTO SULLA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI ACCOGLIENZA RICETTIVA A CONDUZIONE FAMILIARE DENOMINATA BED & BREAKFAST L.R. 26.02. COMUNE DI TAURIANOVA PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA REGOLAMENTO SULLA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI ACCOGLIENZA RICETTIVA A CONDUZIONE FAMILIARE DENOMINATA BED & BREAKFAST L.R. 26.02.2003 N 2 Approvato con

Dettagli

VADEMECUM. PER L AVVIO E L ESERCIZIO DI UN ATTIVITA RICETTIVA ai sensi della L.R.42/2000

VADEMECUM. PER L AVVIO E L ESERCIZIO DI UN ATTIVITA RICETTIVA ai sensi della L.R.42/2000 VADEMECUM PER L AVVIO E L ESERCIZIO DI UN ATTIVITA RICETTIVA ai sensi della L.R.42/2000 Dopo il vademecum sulle attività commerciali e di somministrazione il Comune di Arezzo intende mettere a disposizione

Dettagli

Gli esercizi ricettivi - caratteristiche

Gli esercizi ricettivi - caratteristiche Gli esercizi ricettivi - caratteristiche Alberghi, motels e villaggi albergo Gli alberghi sono esercizi ricettivi aperti al pubblico, a gestione unitaria, che forniscono alloggio, eventualmente vitto ed

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA DI SOGGIORNO NEL COMUNE DI SAN VITO LO CAPO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA DI SOGGIORNO NEL COMUNE DI SAN VITO LO CAPO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA DI SOGGIORNO NEL COMUNE DI SAN VITO LO CAPO APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL C.C. N 22 DEL 29.06.2011 MODIFICATO ED INTEGRATO CON: DELIBERAZIONE DEL C.C. N 32

Dettagli

Alberghi e altre attività ricettive Strutture ricettive alberghiere

Alberghi e altre attività ricettive Strutture ricettive alberghiere Alberghi e altre attività ricettive Strutture ricettive alberghiere Descrizione STRUTTURE RICETTIVE ALBERGHIERE 1. Sono esercizi alberghieri: a) gli alberghi; b) i motels; c) gli alberghi residenziali;

Dettagli

Regione Lazio. Leggi Regionali 28/11/2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 98

Regione Lazio. Leggi Regionali 28/11/2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 98 Regione Lazio Leggi Regionali Legge Regionale 27 novembre 2013, n. 8 Disposizioni di semplificazione relative alle strutture ricettive. Modifiche alle leggi regionali 6 agosto 2007, n. 13, concernente

Dettagli

S.C.I.A. per attività TURISTICO RICETTIVA EXTRA ALBERGHIERA NON SERVE MARCA DA BOLLO Allo Sportello Unico Imprese del Comune di SCANZOROSCIATE (BG)

S.C.I.A. per attività TURISTICO RICETTIVA EXTRA ALBERGHIERA NON SERVE MARCA DA BOLLO Allo Sportello Unico Imprese del Comune di SCANZOROSCIATE (BG) S.C.I.A. per attività TURISTICO RICETTIVA EXTRA ALBERGHIERA NON SERVE MARCA DA BOLLO Allo Sportello Unico Imprese del di SCANZOROSCIATE (BG) 1.Dati impresa SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA TURISTICO

Dettagli

IMPOSTA DI SOGGIORNO

IMPOSTA DI SOGGIORNO IMPOSTA DI SOGGIORNO TARIFFE in vigore dal 01.10.2014 Le tariffe dell imposta di soggiorno sono articolate in di - Venezia principalmente alla (ad es. San Clemente) zona di ubicazione della struttura -

Dettagli

Delibera n. 29 del Consiglio Comunale del 28.06.2004 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ALLOGGIO E PRIMA COLAZIONE

Delibera n. 29 del Consiglio Comunale del 28.06.2004 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ALLOGGIO E PRIMA COLAZIONE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ALLOGGIO E PRIMA COLAZIONE Delibera n. 29 del Consiglio Comunale del 28.06.2004 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ALLOGGIO E PRIMA COLAZIONE INDICE TITOLO I Pag. 1 Art. 1 Pag.

Dettagli

BOLLO COME DA NORMATIVA VIGENTE

BOLLO COME DA NORMATIVA VIGENTE QUADRO A L.R. n. 33/2002. Richiesta di classificazione di esercizio di casa per ferie. l sottoscritt in qualità di dell ente / associazione / soc. coop. / società proprietario / locatario della struttura

Dettagli

Mod.Alberghisub OGGETTO: DICHIARAZIONE DI SUBINGRESSO IN STRUTTURA RICETTICA. Data di nasciata cittadinanza sesso M F. Luogo di nascita Prov Stato

Mod.Alberghisub OGGETTO: DICHIARAZIONE DI SUBINGRESSO IN STRUTTURA RICETTICA. Data di nasciata cittadinanza sesso M F. Luogo di nascita Prov Stato Timbro ufficiale (spazio riservato all ufficio) Mod.Alberghisub AL SINDACO DEL COMUNE DI PESARO SERVIZIO ATTIVITA ECONOMICHE 61100 P E S A R O OGGETTO: DICHIARAZIONE DI SUBINGRESSO IN STRUTTURA RICETTICA.

Dettagli

Campania. L.R. 15 marzo 1984, n. 15. Nuova Normativa per la classificazione delle aziende ricettive alberghiere ed all'aria aperta.

Campania. L.R. 15 marzo 1984, n. 15. Nuova Normativa per la classificazione delle aziende ricettive alberghiere ed all'aria aperta. Campania L.R. 15 marzo 1984, n. 15 Nuova Normativa per la classificazione delle aziende ricettive alberghiere ed all'aria aperta. Pubblicata nel B.U. 2 aprile 1984, n. 20. N.B.: Per la disciplina dei complessi

Dettagli

Parte I LEGGI, DECRETI E REGOLAMENTI DELLA REGIONE -

Parte I LEGGI, DECRETI E REGOLAMENTI DELLA REGIONE - Parte I N. 24 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 16-6-2008 4375 Parte I LEGGI, DECRETI E REGOLAMENTI DELLA REGIONE - Legge Regionale 4 giugno 2008, n. 6. DISCIPLINA DELLA CLASSIFICAZIONE

Dettagli

Le strutture extralberghiere definito dall art.2 del Regolamento Regionale n.16/2008 sono le seguenti:

Le strutture extralberghiere definito dall art.2 del Regolamento Regionale n.16/2008 sono le seguenti: PROMEMORIA PER L UTENTE Il Regolamento Regione Lazio n.16/2008 e ss.mm.ii con gli allegati A1 e A2, è il regolamento che disciplina le strutture ricettive extralberghiere in materia di classificazione.

Dettagli

ALLEGATO 2 PARTE INTEGRANTE DELLA DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 42 DEL 19/03/2012 REGOLAMENTO DELL'IMPOSTA DI SOGGIORNO

ALLEGATO 2 PARTE INTEGRANTE DELLA DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 42 DEL 19/03/2012 REGOLAMENTO DELL'IMPOSTA DI SOGGIORNO COMUNE DI LIVORNO ALLEGATO 2 PARTE INTEGRANTE DELLA DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 42 DEL 19/03/2012 REGOLAMENTO DELL'IMPOSTA DI SOGGIORNO Indice Art. 1 Oggetto del regolamento Art. 2 Presupposto dell'imposta

Dettagli

VADEMECUM PER L OSPITE ALBERGHIERO

VADEMECUM PER L OSPITE ALBERGHIERO VADEMECUM PER L OSPITE ALBERGHIERO I T A L I A N O EXPO 2015 Per effettuare una scelta consapevole della struttura alberghiera che ti ospiterà per l evento Expo è necessario conoscere quali sono le tipologie

Dettagli

INDAGINE STRUTTURE RICETTIVE EXTRALBERGHIERE INDAGINE SUI SITI WEB

INDAGINE STRUTTURE RICETTIVE EXTRALBERGHIERE INDAGINE SUI SITI WEB Comune di Venezia Assessorato alle Politiche della Residenza INDAGINE STRUTTURE RICETTIVE EXTRALBERGHIERE INDAGINE SUI SITI WEB LUGLIO, 2008 SINTESI I successivi approfondimenti effettuati sulla presenza

Dettagli

CITTA' di TERMINI IMERESE

CITTA' di TERMINI IMERESE CITTA' di TERMINI IMERESE Secondo Settore: Territorio, Ambiente e Attività Produttive S.U.A.P. CARTA DELLA QUALITA DEI SERVIZI Sportello unificato per la ricettivita turistica: ESERCIZI DI AFFITTACAMERE

Dettagli

COMUNE DI PALMI Provincia di Reggio Calabria

COMUNE DI PALMI Provincia di Reggio Calabria COMUNE DI PALMI Provincia di Reggio Calabria REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ACCOGLIENZA RICETTIVA A CONDUZIONE FAMILIARE DENOMINATA "BED AND BREAKFAST" Approvato con Deliberazione

Dettagli

CAPO I STRUTTURE RICETTIVE ALBERGHIERE, CAMPEGGI E VILLAGGI TURISTICI

CAPO I STRUTTURE RICETTIVE ALBERGHIERE, CAMPEGGI E VILLAGGI TURISTICI LEGGE REGIONALE 23 marzo 2000, n. 42 Testo unico delle Leggi Regionali in materia di turismo. 3.4.2000 Bollettino Ufficiale della Regione Toscana - n. 15 omissis TITOLO II IMPRESE TURISTICHE CAPO I STRUTTURE

Dettagli

Settore Risorse Culturali e Turistiche, Lavoro, Sviluppo della Persona e delle Comunità. Servizio Turismo e Promozione dei Territori

Settore Risorse Culturali e Turistiche, Lavoro, Sviluppo della Persona e delle Comunità. Servizio Turismo e Promozione dei Territori ALLEGATO A Piazza Mantegna n 6-46100 Mantova tel. 0376 357521 fax 0376 357525 lara.rigoni@provincia.mantova.it PEC : provinciadimantova@legalmail.it www.provincia.mantova.it Settore Risorse Culturali e

Dettagli

Strutture ricettive alberghiere, campeggi e villaggi turistici

Strutture ricettive alberghiere, campeggi e villaggi turistici LEGGE REGIONALE 23 marzo 2000, n. 42 Testo unico delle Leggi Regionali in materia di turismo. 3.4.2000 Bollettino Ufficiale della Regione Toscana - n. 15 (Testo coordinato con la L.R. 17 gennaio 2005 n.

Dettagli

Regione Lazio Regolamento regionale 7 agosto 2015, n. 8 (BUR 10 Settembre 2015, n. 73) Nuova disciplina delle strutture ricettive extralberghiere

Regione Lazio Regolamento regionale 7 agosto 2015, n. 8 (BUR 10 Settembre 2015, n. 73) Nuova disciplina delle strutture ricettive extralberghiere Regione Lazio Regolamento regionale 7 agosto 2015, n. 8 (BUR 10 Settembre 2015, n. 73) Nuova disciplina delle strutture ricettive extralberghiere Capo I Disposizioni generali Art. 1 Oggetto e ambito di

Dettagli

GUIDA ALL'IMPOSTA PROVINCIALE DI SOGGIORNO

GUIDA ALL'IMPOSTA PROVINCIALE DI SOGGIORNO Sede legale: Via Romagnosi 11 A 38122 TRENTO www.trentinoriscossionispa.it info@trentinoriscossionispa.it trentinoriscossionispa@pec.provincia.tn.it 0461/495532 0461/495510 GUIDA ALL'IMPOSTA PROVINCIALE

Dettagli

COMUNE DI PORTOPALO DI CAPO PASSERO (Provincia di Siracusa) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA DI SOGGIORNO

COMUNE DI PORTOPALO DI CAPO PASSERO (Provincia di Siracusa) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA DI SOGGIORNO COMUNE DI PORTOPALO DI CAPO PASSERO (Provincia di Siracusa) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA DI SOGGIORNO APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 12 DEL 01.08.2012 INDICE ART. 1

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 419 del 31 marzo 2015 pag. 1/7

ALLEGATOA alla Dgr n. 419 del 31 marzo 2015 pag. 1/7 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 419 del 31 marzo 2015 pag. 1/7 DISPOSIZIONI ATTUATIVE GENERALI E COMUNI A ALLOGGI TURISTICI, CASE PER VACANZE, UNITÀ ABITATIVE AMMOBILIATE AD USO TURISTICO,

Dettagli

Città di Mondragone. Provincia di Caserta. Regolamento per la disciplina delle strutture ricettive extralberghiere

Città di Mondragone. Provincia di Caserta. Regolamento per la disciplina delle strutture ricettive extralberghiere Città di Mondragone Provincia di Caserta Regolamento per la disciplina delle strutture ricettive extralberghiere Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 27 del 29.04.2005 INDICE pag. Art.

Dettagli

APRIRE UN BED & BREAKFAST SEMINARIO PER GLI OPERATORI

APRIRE UN BED & BREAKFAST SEMINARIO PER GLI OPERATORI APRIRE UN BED & BREAKFAST SEMINARIO PER GLI OPERATORI Luca Mambretti Unità Organizzativa Turismo Programmazione e sviluppo iniziative a supporto dell'attrattività turistica del territorio e-mail: Luca_Mamabretti@regione.lombardia.it

Dettagli

COMUNE DI COMO REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA DI SOGGIORNO

COMUNE DI COMO REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA DI SOGGIORNO COMUNE DI COMO REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA DI SOGGIORNO (Art. 4, D. Lgs. 14 marzo 2011, n. 23) Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 15 del 25/03/2013 INDICE Articolo 1

Dettagli

REGOLAMENTO DI POLIZIA AMMINISTRATIVA

REGOLAMENTO DI POLIZIA AMMINISTRATIVA CITTÀ DI COLLEGNO PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO DI POLIZIA AMMINISTRATIVA Capo 1 CAMPO DI APPLICAZIONE Articolo 1 Principi generali. 1. Il presente regolamento disciplina le attività di polizia amministrativa

Dettagli

Aprire una struttura ricettiva in provincia di Prato

Aprire una struttura ricettiva in provincia di Prato Aprire una struttura ricettiva in provincia di Prato Normativa di riferimento NORMATIVA SULL'ATTIVITA' TURISTICA Legge regionale 23 marzo 2000, n. 42 "Testo unico delle Leggi Regionali in materia di turismo(testo

Dettagli

Servizio Tributi REGOLAMENTO SULL IMPOSTA DI SOGGIORNO

Servizio Tributi REGOLAMENTO SULL IMPOSTA DI SOGGIORNO Servizio Tributi REGOLAMENTO SULL IMPOSTA DI SOGGIORNO APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 63 DEL 27.10.2014 1 Sommario Articolo 1 - Oggetto del Regolamento... 3 Articolo 2 - Istituzione

Dettagli

Attività ricettive non alberghiere

Attività ricettive non alberghiere Attività ricettive non alberghiere Le attività: ESERCIZI DI AFFITTACAMERE; CASE E APPARTAMENTI PER VACANZE; BED & BREAKFAST sono classificate come "attività ricettive non alberghiere", ai sensi della vigente

Dettagli

CLASSIFICAZIONE ALBERGHI DENUNCIA DELLA CLASSIFICA

CLASSIFICAZIONE ALBERGHI DENUNCIA DELLA CLASSIFICA Mod 5/Alb CLASSIFICAZIONE ALBERGHI DENUNCIA DELLA CLASSIFICA SEZIONE 1 GENERALITA DELL ESERCIZIO Denominazione dell esercizio Comune.Frazione/località... Indirizzo.. Telefono.. Telex Telefax. www..e-mail

Dettagli

PROPOSTE DI MODIFICA DI AIRBNB ITALY SRL AL PROGETTO DI LEGGE POLITICHE REGIONALI IN MATERIA DI TURISMO E ATTRATTIVITÀ DEL TERRITORIO LOMBARDO

PROPOSTE DI MODIFICA DI AIRBNB ITALY SRL AL PROGETTO DI LEGGE POLITICHE REGIONALI IN MATERIA DI TURISMO E ATTRATTIVITÀ DEL TERRITORIO LOMBARDO PROPOSTE DI MODIFICA DI AIRBNB ITALY SRL AL PROGETTO DI LEGGE POLITICHE REGIONALI IN MATERIA DI TURISMO E ATTRATTIVITÀ DEL TERRITORIO LOMBARDO Introduzione Come si riconosce sin dalla relazione al Progetto

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 5 DEL 10-05-2001 REGIONE CAMPANIA "DISCIPLINA DELL'ATTIVITA' DI BED AND BREAKFAST"

LEGGE REGIONALE N. 5 DEL 10-05-2001 REGIONE CAMPANIA DISCIPLINA DELL'ATTIVITA' DI BED AND BREAKFAST LEGGE REGIONALE N. 5 DEL 10-05-2001 REGIONE CAMPANIA "DISCIPLINA DELL'ATTIVITA' DI BED AND BREAKFAST" Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA N. 26 del 14 maggio 2001 IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

REGOLAMENTO DELL IMPOSTA DI SOGGIORNO

REGOLAMENTO DELL IMPOSTA DI SOGGIORNO COMUNE DI BRENZONE Provincia di Verona All. Sub A) Deliberazione C.C. n. 15 del 17.04.2013 REGOLAMENTO DELL IMPOSTA DI SOGGIORNO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 43 in data 28.12.2011

Dettagli

Città di Agropoli. regolamento di esecuzione in materia di rilascio delle autorizzazioni per l esercizio di strutture ricettive extralberghiere

Città di Agropoli. regolamento di esecuzione in materia di rilascio delle autorizzazioni per l esercizio di strutture ricettive extralberghiere Provincia di Salerno regolamento di esecuzione in materia di rilascio delle autorizzazioni per l esercizio di strutture ricettive extralberghiere approvato con deliberazione consiliare n. 15 del 16/4/2004

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 12 DEL 02-08-1993 REGIONE PUGLIA. Disciplina delle strutture ricettive extralberghiere.

LEGGE REGIONALE N. 12 DEL 02-08-1993 REGIONE PUGLIA. Disciplina delle strutture ricettive extralberghiere. LEGGE REGIONALE N. 12 DEL 02-08-1993 REGIONE PUGLIA Disciplina delle strutture ricettive extralberghiere. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PUGLIA N. 108 del 6 agosto 1993 Il Consiglio Regionale

Dettagli

La normativa sulle strutture turistico ricettive aperte al pubblico nella regione Sicilia.

La normativa sulle strutture turistico ricettive aperte al pubblico nella regione Sicilia. La normativa sulle strutture turistico ricettive aperte al pubblico nella regione Sicilia. Indice delle normative Per le strutture ricettive: Regione siciliana - Legge regionale 6 aprile 1996, n. 27; Regione

Dettagli

Testo ddl CAPO I GENERALITÀ, DEFINIZIONI, CARATTERISTICHE. Art. 1 Generalità

Testo ddl CAPO I GENERALITÀ, DEFINIZIONI, CARATTERISTICHE. Art. 1 Generalità Disegno di legge concernente Disciplina dell attività ricettiva di bed and breakfast (B&B B&B). Testo ddl CAPO I GENERALITÀ, DEFINIZIONI, CARATTERISTICHE Art. 1 Generalità 1. La Regione Sardegna al fine

Dettagli

COMUNE DI GAETA (Provincia di Latina)

COMUNE DI GAETA (Provincia di Latina) COMUNE DI GAETA (Provincia di Latina) GUIDA ALL IMPOSTA COMUNALE DI SOGGIORNO Con la deliberazione di Consiglio Comunale n.32 del 05 luglio 2012 è stata istituita l imposta comunale di soggiorno con decorrenza

Dettagli

Legge provinciale14 dicembre 1988, n. 581 Norme in materia di esercizi pubblici

Legge provinciale14 dicembre 1988, n. 581 Norme in materia di esercizi pubblici Legge provinciale14 dicembre 1988, n. 581 Norme in materia di esercizi pubblici Art. 1 (Oggetto) (1) La presente legge disciplina l'esercizio, svolto in forma professionale, dell'attività di somministrazione

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA - ALLOGGI PRIVATI LOCATI PER FINI TURISTICI

NOTA ESPLICATIVA - ALLOGGI PRIVATI LOCATI PER FINI TURISTICI NOTA ESPLICATIVA - ALLOGGI PRIVATI LOCATI PER FINI TURISTICI Le strutture ricettive extralberghiere sono disciplinate dal Regolamento Regione Lazio n.8/2015 il quale stabilisce i vari livelli di classificazione

Dettagli

REGOLAMENTO SULL IMPOSTA DI SOGGIORNO

REGOLAMENTO SULL IMPOSTA DI SOGGIORNO CITTÀ DI FIUMICINO (Provincia di Roma) REGOLAMENTO SULL IMPOSTA DI SOGGIORNO Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 63 del 21 dicembre 2011. Modificato ed integrato con deliberazioni del

Dettagli

(L.R. n. 13/2007, artt. 28 e 31, come modificati dalla L.R. n. 17/2011).

(L.R. n. 13/2007, artt. 28 e 31, come modificati dalla L.R. n. 17/2011). ALLEGATO A (costituito da n. 8 pagine complessive) Linee guida concernenti modalità e termini di comunicazione, per via telematica - tramite il Portale del Turismo e del Made in Lazio www.ilmiolazio.it

Dettagli

Prot. GR482652 Roma 10/09/2015. Oggetto: Regolamento regionale n. 8 del 7/8/2015 Nuova Disciplina delle Strutture Ricettive Extralberghiere.

Prot. GR482652 Roma 10/09/2015. Oggetto: Regolamento regionale n. 8 del 7/8/2015 Nuova Disciplina delle Strutture Ricettive Extralberghiere. AGENZIA REGIONALE DEL TURISMO IL DIRETTORE Prot. GR482652 Roma 10/09/2015 A Roma Capitale A tutti i Responsabili degli Uffici SUAP o SUAR dei Comuni del Lazio Alla Città Metropolitana di Roma Capitale

Dettagli

Guida all Imposta di Soggiorno

Guida all Imposta di Soggiorno Comune di Rimini Direzione Risorse Finanziarie U.O. Tributi sugli Immobili e Federalismo Municipale Ufficio Imposta di Soggiorno Via Ducale, 7 47921 RIMINI tel. 0541.704631 - fax: 0541.704710 web: www.comune.rimini.it

Dettagli

COMUNE DI JESOLO Provincia di Venezia REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ISTITUZIONE E L'APPLICAZIONE DELL IMPOSTA DI SOGGIORNO

COMUNE DI JESOLO Provincia di Venezia REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ISTITUZIONE E L'APPLICAZIONE DELL IMPOSTA DI SOGGIORNO COMUNE DI JESOLO Provincia di Venezia REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ISTITUZIONE E L'APPLICAZIONE DELL IMPOSTA DI SOGGIORNO ANNO 2013 Art. 1 Oggetto del Regolamento 1. Il presente regolamento, adottato nell

Dettagli

Comune di Maiori REGOLAMENTO SULL'IMPOSTA DI SOGGIORNO

Comune di Maiori REGOLAMENTO SULL'IMPOSTA DI SOGGIORNO Comune di Maiori REGOLAMENTO SULL'IMPOSTA DI SOGGIORNO SOMMARIO Articolo 1: Articolo 2: Articolo 3: Articolo 4: Articolo 5: Articolo 6: Articolo 7: Articolo 8: Articolo 9: Articolo 10: Articolo 11: Articolo

Dettagli

COMUNE DI PARMA Settore Attività Economiche e Promozione del territorio REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA DISCIPLINA DELL'IMPOSTA DI SOGGIORNO

COMUNE DI PARMA Settore Attività Economiche e Promozione del territorio REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA DISCIPLINA DELL'IMPOSTA DI SOGGIORNO COMUNE DI PARMA Settore Attività Economiche e Promozione del territorio REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA DISCIPLINA DELL'IMPOSTA DI SOGGIORNO INDICE Capo I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Principi e Criteri

Dettagli

Cognome Nome Data di nascita / / Luogo di nascita (Prov. ) Cittadinanza italiana ovvero

Cognome Nome Data di nascita / / Luogo di nascita (Prov. ) Cittadinanza italiana ovvero DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ STRUTTURE RICETTIVE EXTRA-ALBERGHIERE con caratteristiche di Civile Abitazione AFFITTACAMERE PROFESSIONALE AFFITTACAMERE non PROFESSIONALE CASE E APPARTAMENTI PER VACANZE

Dettagli

Testo del disegno di legge

Testo del disegno di legge Disegno di legge recante: Riordino della disciplina delle attività ricettive INDICE Testo del disegno di legge TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Princìpi e oggetto Articolo 2 Attività ricettiva

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA MILANO - GIOVEDÌ, 19 LUGLIO 2007 ESTRATTO DAL 2º SUPPLEMENTO ORDINARIO. Sommario

REPUBBLICA ITALIANA MILANO - GIOVEDÌ, 19 LUGLIO 2007 ESTRATTO DAL 2º SUPPLEMENTO ORDINARIO. Sommario REPUBBLICA ITALIANA Anno XXXVII - N. 146 - Poste Italiane - Spedizione in abb. postale - art. 1, c. 1 - D.L. n. 353/2003 conv. in L. 27/02/2004 - n. 46 - Filiale di Varese BOLLETTINO UFFICIALE MILANO -

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) DI BED AND BREAKFAST VARIAZIONE DELL ATTIVITA (da comunicare entro 15 giorni dalla variazione)

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) DI BED AND BREAKFAST VARIAZIONE DELL ATTIVITA (da comunicare entro 15 giorni dalla variazione) SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) DI BED AND BREAKFAST VARIAZIONE DELL ATTIVITA (da comunicare entro 15 giorni dalla variazione) AL COMUNE DI FOSSATO DI VICO UFFICIO ATTIVITA PRODUTTIVE

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 18 DEL 27-12-2006 REGIONE UMBRIA

LEGGE REGIONALE N. 18 DEL 27-12-2006 REGIONE UMBRIA LEGGE REGIONALE N. 18 DEL 27-12-2006 REGIONE UMBRIA Legislazione turistica regionale. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE UMBRIA N. 60 EDIZIONE STRAORDINARIA del 29 dicembre 2006 ARTICOLO 1 (Principi

Dettagli

PROVINCIA DI PAVIA SETTORE TURISMO ALBERGHI. Allegato A

PROVINCIA DI PAVIA SETTORE TURISMO ALBERGHI. Allegato A PROVINCIA DI PAVIA SETTORE TURISMO ALBERGHI Allegato A Standard qualitativi obbligatori minimi per gli alberghi di prima classificazione rispetto alla data in vigore del Regolamento Regionale 7 dicembre

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE N. 17 DEL 24.10.2008 concernente: Disciplina delle strutture ricettive alberghiere Testo coordinato con le modifiche introdotte

REGOLAMENTO REGIONALE N. 17 DEL 24.10.2008 concernente: Disciplina delle strutture ricettive alberghiere Testo coordinato con le modifiche introdotte REGOLAMENTO REGIONALE N. 17 DEL 24.10.2008 concernente: Disciplina delle strutture ricettive alberghiere Testo coordinato con le modifiche introdotte dalle leggi regionali e, da ultimo, con il R.R. n.

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 4 DEL 07-03-1995 REGIONE CALABRIA. Norme sulla classificazione degli esercizi ricettivi extralberghieri.

LEGGE REGIONALE N. 4 DEL 07-03-1995 REGIONE CALABRIA. Norme sulla classificazione degli esercizi ricettivi extralberghieri. LEGGE REGIONALE N. 4 DEL 07-03-1995 REGIONE CALABRIA Norme sulla classificazione degli esercizi ricettivi extralberghieri. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CALABRIA N. 25 del 13 marzo 1995 Il

Dettagli

Si è un'obbligo di Legge

Si è un'obbligo di Legge 1 Chi rilascia l'autorizzazione per l'apertura di una struttura ricettiva alberghiera La Provincia provvede prima a classificare la struttura alberghiera e sucessivamente il Comune rilascia l'autorizzazione

Dettagli

REGIONE LIGURIA. LEGGE REGIONALE 7 FEBBRAIO 2008 N. 2 testo coordinato con l.r. 14/08, l.r. 16/09, L.r. 14/11, L.r. 31/12 e L.r.

REGIONE LIGURIA. LEGGE REGIONALE 7 FEBBRAIO 2008 N. 2 testo coordinato con l.r. 14/08, l.r. 16/09, L.r. 14/11, L.r. 31/12 e L.r. REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 7 FEBBRAIO 2008 N. 2 testo coordinato con l.r. 14/08, l.r. 16/09, L.r. 14/11, L.r. 31/12 e L.r. 4/13 TESTO UNICO IN MATERIA DI STRUTTURE TURISTICO-RICETTIVE E BALNEARI Il

Dettagli

REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA COMUNE DI GRADO

REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA COMUNE DI GRADO REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA COMUNE DI GRADO Provincia di Gorizia REGOLAMENTO IN MATERIA DI CLASSIFICAZIONE E PROCEDURE PER IL RILASCIO DI AUTORIZZAZIONI ALL ESERCIZIO DI STRUTTURE RICETTIVE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE per la disciplina dell imposta di soggiorno

REGOLAMENTO COMUNALE per la disciplina dell imposta di soggiorno REGOLAMENTO COMUNALE per la disciplina dell imposta di soggiorno Approvato dal Consiglio Comunale in data 02 Novembre 2011, n. 27. Art. 1 Oggetto del Regolamento 1. Il presente Regolamento, adottato ai

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTUAZIONE DELL IMPOSTA DI SOGGIORNO

REGOLAMENTO PER L ATTUAZIONE DELL IMPOSTA DI SOGGIORNO COMUNE DI SAINT-VINCENT REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA REPUBBLICA ITALIANA COMMUNE DE SAINT-VINCENT REGION AUTONOME VALLEE D AOSTE REPUBLIQUE ITALIENNE REGOLAMENTO PER L ATTUAZIONE DELL IMPOSTA DI SOGGIORNO

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA TURISTICO ALBERGHIERA. Il sottoscritto: Cognome: Nome: Data di nascita / / Cittadinanza Sesso M F

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA TURISTICO ALBERGHIERA. Il sottoscritto: Cognome: Nome: Data di nascita / / Cittadinanza Sesso M F Allo Sportello Unico del Comune di POSITANO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA TURISTICO ALBERGHIERA 1. Dati impresa Il sottoscritto: Cognome: Nome: Codice Fiscale: Data di nascita / / Cittadinanza

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITÀ

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITÀ Allo Sportello Unico Attività Produttive del Comune di SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITÀ ATTIVITA RICETTIVA EXTRALBERGHIERA Il sottoscritto, Cognome: Nome: 1. Dati azienda e rappresentate legale,

Dettagli

DISCIPLINA DELL ATTIVITÀ DI BED & BREAKFAST. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE promulga

DISCIPLINA DELL ATTIVITÀ DI BED & BREAKFAST. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE promulga Parte I N. 24 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 16-6-2008 4401 Legge Regionale 4 giugno 2008, n. 8. DISCIPLINA DELL ATTIVITÀ DI BED & BREAKFAST IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato IL PRESIDENTE

Dettagli

2h Turismo l.r. 42/2000 1

2h Turismo l.r. 42/2000 1 2h Turismo l.r. 42/2000 1 Legge Regionale 23 marzo 2000, n. 42 Testo unico delle Leggi Regionali in materia di turismo. (Bollettino Ufficiale n. 15, parte prima, del 03.04.2000 ) Titolo I - IL SISTEMA

Dettagli

DI M O N D R A G O N E (P R O V I N C I A D I C A S E R T A) C I T T À BED AND BREAKFAST REGOLAMENTO COMUNALE PER ATTIVITÀ DI

DI M O N D R A G O N E (P R O V I N C I A D I C A S E R T A) C I T T À BED AND BREAKFAST REGOLAMENTO COMUNALE PER ATTIVITÀ DI C I T T À DI M O N D R A G O N E (P R O V I N C I A D I C A S E R T A) REGOLAMENTO COMUNALE PER ATTIVITÀ DI BED AND BREAKFAST Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 56 del 04.11.2003 1 INDICE

Dettagli

REGOLAMENTO ALBERGO DIFFUSO. Articolo 1 (Ambito di applicazione) Articolo 2 (Definizione tipologica)

REGOLAMENTO ALBERGO DIFFUSO. Articolo 1 (Ambito di applicazione) Articolo 2 (Definizione tipologica) REGOLAMENTO ALBERGO DIFFUSO Articolo 1 (Ambito di applicazione) Il presente regolamento disciplina la forma di ricettività denominata Albergo Diffuso nei centri storici urbani, di cui all articolo 12,

Dettagli

per una delle seguenti attività:

per una delle seguenti attività: STRUTTURA RICETTIVA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA - SCIA n. 4 copie in carta semplice AFFITTACAMERE PROFESSIONALE AFFITTACAMERE NON PROFESSIONALE CASA E APPARTAMENTI VACANZE RESIDENZE D EPOCA

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA Supplemento ordinario n. 2 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 9 del 28 febbraio 2001 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil di Perugia REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

PROMEMORIA PER GLI UTENTI aggiornato al 25/9/2015

PROMEMORIA PER GLI UTENTI aggiornato al 25/9/2015 1 PROMEMORIA PER GLI UTENTI aggiornato al 25/9/2015 Il Regolamento Regionale n.8/2015 Nuova disciplina delle strutture ricettive extralberghiere, che abroga il precedente regolamento n.16/2008 è, entrato

Dettagli

Bed & Breakfast in Lombardia

Bed & Breakfast in Lombardia Bed & Breakfast in Lombardia Angelo Zito Struttura Sistemi Turistici ed Imprese Direzione Generale Commercio, Turismo e Servizi Regione Lombardia e-mail: Angelo_Zito@regione.lombardia.it Bed and Breakfast,

Dettagli

ATTIVITA DI BED AND BREAKFAST FAMILIARE. (L. r. 7 agosto 2013, n.27 e L n. 241/1990, art. 19) data di nascita / / cittadinanza sesso: M. F.

ATTIVITA DI BED AND BREAKFAST FAMILIARE. (L. r. 7 agosto 2013, n.27 e L n. 241/1990, art. 19) data di nascita / / cittadinanza sesso: M. F. Mod. SCIA B & B familiare REGIONE PUGLIA AREA POLITICHE PER LA PROMOZIONE DEL TERRITORIO DEI SAPERI E DEI TALENTI SERVIZIO TURISMO Al COMUNE DI TARANTO Sportello Unico per le Attività produttive (SUAP)

Dettagli

DELLA REPUBBLICA ITALIANA PARTE PRIMA. Sezione I LEGGI REGIONALI. LEGGE REGIONALE 12 luglio 2013, n. 13. Testo unico in materia di turismo.

DELLA REPUBBLICA ITALIANA PARTE PRIMA. Sezione I LEGGI REGIONALI. LEGGE REGIONALE 12 luglio 2013, n. 13. Testo unico in materia di turismo. Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 32 del 17 luglio 2013 REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO DELLA U FFICIALE SERIE GENERALE PERUGIA - 17 luglio 2013 DIREZIONE REDAZIONE

Dettagli

Prot. 622916 Roma 16/11/2015

Prot. 622916 Roma 16/11/2015 AGENZIA REGIONALE DEL TURISMO IL DIRETTORE Prot. 622916 Roma 16/11/2015 A Roma Capitale A tutti i Responsabili degli Uffici SUAP o SUAR dei Comuni del Lazio Alla Città Metropolitana di Roma Capitale Alle

Dettagli

particolari che verranno trattate in Regolamenti ad hoc.

particolari che verranno trattate in Regolamenti ad hoc. Relazione a Regolamento Regionale: degli standard qualitativi e delle dotazioni minime obbligatorie degli ostelli per la gioventù, delle case e appartamenti per vacanze, delle foresterie lombarde, delle

Dettagli

Regolamento per l applicazione dell imposta di soggiorno Comune di Gallipoli Provincia di Lecce

Regolamento per l applicazione dell imposta di soggiorno Comune di Gallipoli Provincia di Lecce Regolamento per l applicazione dell imposta di soggiorno Comune di Gallipoli Provincia di Lecce Approvato con deliberazione di C.C. n. 4 del 10 gennaio 2013 INDICE Art. 1 - Oggetto del regolamento. Art.

Dettagli

(barrare in caso di nuova attività o procedimento d ufficio- commi 1 e 6 art.10 r.r.16/2008)

(barrare in caso di nuova attività o procedimento d ufficio- commi 1 e 6 art.10 r.r.16/2008) Modello Richiesta di attestazione di classificazione extralberghiera. pag 1 di 11 DUPLICE COPIA Regione Lazio Dipartimento Istituzionale e Territorio Agenzia Regionale del Turismo Ufficio Territoriale

Dettagli

e) al domicilio del consumatore. N.B. barrare le caselle relative alle voci che interessano e cancellare con una riga le voci che non interessano.

e) al domicilio del consumatore. N.B. barrare le caselle relative alle voci che interessano e cancellare con una riga le voci che non interessano. Mod. 6/PUBBLICI ESERCIZI - COMUNICAZIONE AI FINI DELLA CONFORMITA' ALLA LEGGE PROVINCIALE 14 LUGLIO 2000, N. 9 CHE DISCIPLINA L'ATTIVITÀ DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE E DELL'ATTIVITÀ ALBERGHIERA.

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE VG44U ATTIVITÀ 55.10.00 ALBERGHI ATTIVITÀ 55.20.51 AFFITTACAMERE PER BREVI SOGGIORNI, CASE ED APPARTAMENTI PER VACANZE, BED AND BREAKFAST, RESIDENCE ATTIVITÀ 55.90.20 ALLOGGI PER STUDENTI

Dettagli

Classificazione per l esercizio di attività extralberghiera di Country House o Residenze di campagne in categoria Unica

Classificazione per l esercizio di attività extralberghiera di Country House o Residenze di campagne in categoria Unica Modello di autocertificazione per la classificazione di Country House o Residenze di campagna pag. 1 di 6 Oggetto: - Legge Regione Lazio n 13 del 06/08/2007 s.m.i Regolamento Regionale Nuova disciplina

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL'IMPOSTA DI SOGGIORNO NEL COMUNE DI ISCHIA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL'IMPOSTA DI SOGGIORNO NEL COMUNE DI ISCHIA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL'IMPOSTA DI SOGGIORNO NEL COMUNE DI ISCHIA Art. 1 - Oggetto del Regolamento Art. 2 - Presupposto dell'imposta Art. 3 - Soggetto attivo Art. 4 - Soggetto passivo Art. 5

Dettagli

PRO MEMORIA. Linee guida per apertura strutture ricettive extra-alberghiere Roma e Provincia

PRO MEMORIA. Linee guida per apertura strutture ricettive extra-alberghiere Roma e Provincia PRO MEMORIA Linee guida per apertura strutture ricettive extra-alberghiere Roma e Provincia Per ogni ulteriore informazione scrivere a : info@prontogeometra.it PROMEMORIA PER L UTENTE Il Regolamento Regione

Dettagli

LEGGE REGIONALE 23 MARZO 2000, N. 42 - TESTO UNICO DELLE LEGGI REGIONALI IN MATERIA DI TURISMO

LEGGE REGIONALE 23 MARZO 2000, N. 42 - TESTO UNICO DELLE LEGGI REGIONALI IN MATERIA DI TURISMO LEGGE REGIONALE 23 MARZO 2000, N. 42 - TESTO UNICO DELLE LEGGI REGIONALI IN MATERIA DI TURISMO Testo comparato con le modifiche apportate dalla l.r. n. 25/2016 Riordino delle funzioni provinciali in materia

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITÀ

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITÀ Allo Sportello Unico Attività Produttive del Comune di SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITÀ CASE E APPARTAMENTI PER VACANZE Il sottoscritto, Cognome: Nome: 1. Dati azienda e rappresentante legale,

Dettagli