POLITECNICO di BARI. Scuola di Dottorato. Dottorato di Ricerca in Ingegneria Meccanica XXVII ciclo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "POLITECNICO di BARI. Scuola di Dottorato. Dottorato di Ricerca in Ingegneria Meccanica XXVII ciclo"

Transcript

1 POLITECNICO di BARI Scuola di Dottorato Dottorato di Ricerca in Ingegneria Meccanica XXVII ciclo Relazione Attività di ricerca relativa al II Anno (2013) Studio e sviluppo di soluzioni in Realtà Aumentata per l industria Dottorando: Saverio Debernardis Docente Tutor: Prof. Michele Fiorentino

2 INTRODUZIONE L'attività di ricerca svolta durante il secondo anno del dottorato di ricerca in Ingegneria Meccanica e Gestionale si è ramificata in diversi aspetti che riguarda lo sviluppo e l'utilizzo della Realtà Aumentata nell'industria. Allo stato dell'arte, questa tecnologia per molti aspetti risulta ancora incompatibile con gli standard rigidi richiesti dall'industria, per cui sono necessarie ulteriori ricerche per approfondire sia quali modalità d'utilizzo sono più consoni all'uso industriale, sia quali possono essere le effettive potenzialità e benefici che può offrire. Sulla scia di quanto fatto e pubblicato nel primo anno [1] e [2], in un primo periodo è proseguita la ricerca sulla leggibilità delle informazioni sugli schermi dei dispositivi optical see-through utilizzabili in ambito industriale. Una seconda parte ha riguardato l'utilizzo della piattaforma Arduino per lo sviluppo di un sistema robotizzato per automatizzare la scansione di oggetti o ambienti utilizzando il Kinect. Una quarta parte ha riguardato uno studio sperimentale dei sistemi che permettono il riconoscimento gestuale all'interno di un ambiente di lavoro applicato alla navigazione di un menù di Realtà Aumentata. Infine un'ulteriore ambito di ricerca, avviato durante il periodo presso il Virtual Reality Application Center all'iowa State University, USA, riguarda il riconoscimento di componenti meccanici utilizzando il Kinect. PIATTAFORMA di SCANSIONE ROBOTIZZATA Al VR3Lab è stato realizzato un primo prototipo di macchina rotante da adibire alla scansione di ambienti e oggetti che utilizza come macchina di scansione un Kinect e l'apposito software sviluppato dal prof. Fiorentino. Il Kinect è un dispositivo costituito da un emettitore infrarosso, una camera RGB, un sensore di profondità ad infrarosso, dei microfoni e un motore per il tilt. Figura 1: component del Kinect all interno del dispositivo [1] Il Kinect usa luce strutturata e algoritmi di learning machine per adempiere il suo scopo. In particolare la luce strutturata consiste nell'emettere un pattern noto di luce infrarossa e rilevare la sua proiezione sugli oggetti antistanti il sensore. Ciò permette di ricostruire una mappa di profondità dell'ambiente su cui proietta l'emettitore, e da cui rileva il sensore di profondità. Altre

3 funzionalità sono offerte da tale dispositivo ma in questo studio per il momento non sono state considerate. La tecnologia usata dal Kinect è stata sviluppata dalla PrimeSense, con brevetto US 2010/ del Nell'immagine seguente vengono mostrate le principali caratteristiche tecniche del dispositivo Figura 2: tabella delle caratteristiche principali del Kinect La testa rotante a due gradi di libertà è stata costruita utilizzando per lo più solo materiali di riciclo come legno e lamiere recuperate da vecchi dispositivi elettrici ed elettronici, non più utilizzati. Un rotismo è stato recuperato da un meccanismo di una vecchia stampante per permettere l'attuazione della rotazione del Kinect lungo il suo asse longitudinale. Un altro rotismo è stato recuperato da un vecchio giradischi e permette la rotazione della testa a 360. L'assemblaggio dei componenti è stata effettuata con l'aiuto dei tecnici del laboratorio del DMMM sito in viale Japigia, a Bari [2]. In una prima fase progettuale, effettuata utilizzando il modellatore CAD CATIA, è stata posta molta attenzione all'allineamento dell'asse su cui sono montati i sensori del Kinect e l'asse di rotazione della testa rotante. Di fatto questo accorgimento non è stato possibile raggiungerlo data la scarsità dei materiali da costruzione. Figura 3: fronte del modello in CATIA della piattaforma di scansione

4 Figura 4: retro del modello in CATIA della piattaforma rotante Sono stati utilizzati due motori passo-passo recuperati da due vecchie stampanti a getto d'inchiostro. Per il comando dei motori si è utilizzato l'arduino. L'Arduino è una scheda elettronica con un microcontrollore e diversi circuiti, utile per creare facilmente sistemi automatici e/o robotizzati prevalentemente a scopo hobbistico. Gli schemi dei circuiti della scheda sono liberamente disponibili sul sito [5], è un progetto sviluppato dall'interaction Design Center di Ivrea. In particolare per le attività di ricerca è stato utilizzato l'arduino Uno connesso ad una scheda Motor Shield [3], compatibile con essa, sufficiente a comandare contemporaneamente due motori passo-passo alimentati con alimentatore esterno a 12V. Figura 5: modello Arduino Uno utilizzato I motori passo-passo utilizzati sono i due seguenti: 1. motore passo-passo NMB PM55L-048 con le seguenti caratteristiche tecniche:

5 2. il secondo motore passo-passo utilizzato è l'm35sp, con le seguenti caratteristiche tecniche

6 Figura 6:dimensioni motore M35SP Entrambi i motori sono stati utilizzati secondo la modalità bipolare, quindi per ogni motore sono stati utilizzati solo le coppie di connettori che fanno capo agli estremi degli avvolgimenti, e non i 'neutri'. L'Arduino fornisce un software IDE basato su Java e Processing con cui editare i codici di comando. Segue una parte di codice utilizzata per generare la funzione che attiva i motori al fine di effettuare una scansione a 360 //motore1-->> 1 giro staffa=3giri motore void scansione(void) { } int i=0; for(i=0;i<10;i++) { } motore1.step(16,forward,single); delay(2000); for(i=0;i<97;i++) { } motore1.step(1,backward,single); motore2.step(1,forward,microstep); motore1.step(48,backward,single); motore1.release(); motore2.release(); I moti della testa rotante pilotati dai due motori permettono la rotazione a 360 del Kinect ed il suo tilt. Il tilt si rende necessario in quanto l'angolo di visione del Kinect è limitato a 43 verticalmente.

7 Figura 7:prototipo macchina di scansione realizzato La macchina realizzata, seppur funzionante non è adatta all'utilizzo in se e continuativo a causa di tutta una serie di problemi che una realizzazione di questo genere può rendere. Numerosi problemi di rotazioni non complete del braccio principale sono dovute al basso valore di coppia disponibile con l'accoppiata motore-ingranaggi recuperati. Lo sviluppo di un tale dispositivo non aveva come scopo l'utilizzo stesso del dispositivo ma serviva a valutare sia le possibilità di utilizzo per una eventuale integrazione in sistema interattivo di Realtà Aumentata, sia per prendere dimestichezza con lo sviluppo di sistemi robotizzati che potrebbero essere integrati in un sistema avanzato di Realtà Aumentata. STUDIO ERGONOMICO/FUNZIONALE Parte della ricerca condotta in questo secondo anno si è concentrata sulla possibilità di impiegare nuovi dispositivi tecnologici [4] che permettono di riconoscere i gesti di una persona, come ad esempio il Kinect, all'interno di un ambiente industriale, al fine di permettere all'operatore di navigare un manuale di manutenzione, presentato in Realtà Aumentata, mediante l'utilizzo dei soli gesti degli arti superiori. In questo scenario il lavoro di ricerca si è concentrato sul comprendere quali problematiche possono sorgere nell'utilizzo di tali interfacce uomo-macchina, in ambito industriale. Un primo obiettivo è stato quello di avere una classificazione di gesti che al meglio, da un punto di vista di intuitività e comfort, possono essere eseguiti per navigare un manuale 'aumentato' [4]. In base a ricerche preliminari sono stati fissati a quattro i gesti necessari e sufficienti per la navigazione completa di un menù. Per tale scopo è stato pianificato un esperimento, cui è stato chiesto a 15 individui, ben rappresentanti un campione statistico, di eseguire in qualsiasi modo trovassero più istintivo e comodo, eseguire con gli arti superiori i quattro gesti richiesti: avanti, indietro, su di un livello, giù di un livello. Una determinata sequenza dei gesti richiesti è stata presentata in modo del tutto casuale e con una velocità sempre maggiore in maniera tale da cogliere al meglio la

8 facilità di esecuzione del gesto. Ogni individuo sottoposto a tale esperimento è stato video registrato ed i dati raccolti sono stati analizzati al fine di estrapolare eventuali gesti comuni all'interno del campione. Il passo successivo di questa ricerca consiste nel valutare quali dei gesti che sono risultati più istintivi e facili da realizzare, possono effettivamente essere considerati ergonomici. La questione si pone in quanto l'utilizzo dei gesti, in tal caso, non ha un fine ludico, come effettivamente è utilizzato attualmente il Kinect. L'utilizzo in ambito lavorativo deve considerare l'esecuzione continua dei gesti per una intera giornata lavorativa, che può portare a fenomeni di affaticamento dell'operatore, nonché a violazione di semplici regole posturali. Per tale motivo i diversi gesti raccolti nel primo esperimento sono stati sottoposti all'analisi RULA (Rapid Upper Limb Analysis) [5] che permette con facilità di stimare quali parti muscolari e legamenti degli arti superiori sono più sollecitati da una determinata postura degli stessi, assunta con una certa frequenza. Figura 8:esempi di gesti considerati dagli utenti durante il primo esperimento

9 Il metodo RULA è implementato all'interno dell'ambiente Ergonomic Design & Analysis del modellatore CAD CATIA. Si è utilizzato questo software per simulare con diversi manichini, appartenenti a diverse popolazioni, con un percentile del 95% le diverse posizioni degli arti superiori che meglio approssimano le posizioni dei gesti collezionati nella prima parte dello studio. Con i diversi manichini sono state simulate le diverse posture applicando ogni volta il metodo RULA su citato. Risultati parziali di queste analisi hanno dimostrato che la maggior parte dei gesti raccolti non potrebbero essere utilizzati in ambito lavorativo con un utilizzo continuativo, e più nello specifico ci sono delle criticità per alcune articolazioni [5]. Molti di questi risultati sono in fase di analisi e non vengono riportati in questa breve descrizione. Figura 9: valutazione RULA della simulazione postura in Catia A seguito di queste due fasi preliminari, ovvero raccolta dei dati campionari e analisi dei dati, seguirà un ulteriore esperimento che serve a chiudere il cerchio per una completa valutazione dello studio. In particolare, ci si propone di utilizzare la metodologia di Nielsen [4] che suggerisce un metodo per progettare al meglio interfacce uomo-macchina. In breve, il metodo richiede, al contrario di quanto fatto fin qui, di chiedere ad un altro campione statistico di individui

10 l'associazione dei gesti, tra quelli che risultano fra i migliori dalle precedenti analisi, ai quattro comandi necessari alla navigazione e darne un giudizio in termini di comfort. RICONOSCIMENTO OGGETTI A settembre 2013 e iniziata la visita presso il Virtual Reality Application Center dell Iowa State University, USA, sotto la guida del Dr. Ing. Rafael Radkoski e del prof. James Oliver. Nel primo periodo e stato considerato il software di Realta Aumentata sviluppato dal Dr. Radkoski e sono state create alcune demo per conoscere l ambiente di sviluppo che utilizza codice C++, Python e XML, nonche le animazioni generate da 3D Studio Max. Durante la visita presso il Virtual Reality Application Center, un altro ambito di ricerca inizia ad essere affrontato, di notevole importanza in quanto molto richiesto in ambito industriale. Risulta importante il riconoscimento automatico dei componenti meccanici che vengono coinvolti durante una fase di manutenzione/assemblaggio senza l'utilizzo dei marker fiduciali, finora utilizzati nelle tradizionali interfacce in Realtà Aumentata, né di nessun altro dispositivo che può essere d'intralcio o fastidioso all'operatore. Oltre al riconoscimento, in computer grafica è richiesto anche il tracciamento dell'oggetto da un sistema di riconoscimento esterno, ovvero la sua posizione e rotazione. Per fare cio e richiesto che l elaborazione di immagini tri- o bidimensionali, oppure di informazioni recuperabili e gestibili automaticamente necessitino solo di un minimo o nessun intervento umano. Diversi metodi sono stati sviluppati in passato basati su diversi sistemi di classificazione: caratteristiche globali del prodotto, calcolo dei momenti di forma, sistemi che sfruttano la teoria dei grafi, le distribuzioni ad istogramma, informazioni di prodotto, e sistemi di riconoscimento oggetti 3D [9]. Molti di questi pero non possono essere integrati in Realta Aumentata per diversi motivi, tra cui il principale e che non lavorano in tempo reale. Un sistema che interagisce con una persona deve necessariamente lavorare in tempo reale, ovvero non deve esserci attesa di tempo fra comandi impartiti dall utente e risposta della macchina. In generale e richiesto un sistema che abbia costi contenuti, abbia un funzionamento stabile, e che le prestazioni siano di un certo livello. In tale ambito molti sono gli algoritmi che analizzano le immagini bidimensionali [10], che permettono di ottenere ottimi risultati, come ad esempio il Natural Feature Tracking utilizzato per l implementazione del markerless. Per quanto riguarda invece l elaborazione di dati tridimensionali pochi sono gli algoritmi che permettono di avere buone prestazioni e risultati in tempo reale. In prima analisi e stato fatto un confronto fra algoritmi quali il K-Neareast Neighbors [11] e l Iterative Closest Point. Per il matching 3D diversi algoritmi esistono ma non tutti hanno prestazioni applicabili. Ad esempio il metodo sviluppato all University di Princepton [10] considera delle distribuzione statistiche di dati, caratteristici di un determinato modello 3D, in maniera tale da confrontare con metodi statistici due funzioni di distribuzione e validarne cosi la somiglianza. Finora in letteratura il piu robusto risulta essere il Viewpoint Feature Histogram [11].

11 Figura 10: schema per l object detection in Realta Aumentata Al VRAC si sta pensando di sviluppare un ulteriore algoritmo che sia piu performante e robusto dei precedenti e che sfrutti le informazioni che vengono fornite dal Kinect, considerato come dispositivo a basso costo.

12 Figura 11: dalla nuvola di punti alla mesh con Point Cloud Library Per giungere a questo risultato il primo obbiettivo posto e quello di generare la mesh in tempo reale, della scena ripresa da un Kinect. Per fare cio si e utilizzata la libreria open-source Point Cloud Library. Tale libreria presenta diverse funzioni per generare la mesh, ma al momento quella che risulta piu performante e la GreedyProjectionTriangulation. CONCLUSIONE La ricerca sulla Realta Aumentata condotta presso il VR3Lab si sta ampliando sempre piu affrontando le diverse problematiche che ancora la rendono poco applicabile in campo industriale. La mia attivita da dottorando in questo ultimo anno si e concentrata principalmente su due aspetti: i) la possibile introduzione di interfacce gestuali per la navigazione di un manuale in Realta Aumentata; ii) soluzione automatica ed a basso costo per il tracking dei componenti e degli attrezzi. Entrambe le ricerche prevedono un ampio proseguo nell ultimo anno. La ricerca iniziata da qualche mese, presso l istituto accademico statunitense, proseguira regolarmente nel prossimo anno.

13 BIBLIOGRAFIA [1] Fiorentino, M., Debernardis, S., Uva, A. E., & Monno, G., "Augmented reality text style readability with see-through head-mounted displays in industrial context," Presence: Teleoperators and Virtual Environments, vol. 22, no. 2, pp , [2] Debernardis, S., Fiorentino, M., Gattullo, M., Monno, G., & Uva, A. E., "Text Readability in Head-Worn Displays: Color and Style Optimization in Video vs. Optical See-Through Devices," IEEE transactions on visualization and computer graphics, [3] "Microsoft Kinect," [Online]. Available: [4] P. d. Bari. [Online]. Available: [5] [Online]. Available: [6] Arduino. [Online]. Available: [Accessed Dicembre 2013]. [7] D. A. Bowman, J. Chen, C. A. Wingrave, J. Lucas, A. Ray, N. F. Polys, Q. Li, Y. Haciahmetoglu, J. Kim, S. Kim, R. Boehringer, and T. Ni,, "ew Directions in 3D User Interfaces,," International Journal of Virtual Reality IJVR, vol. 5, no. 2, pp. pp. 3-14, [8] Stern, H. I., Wachs, J. P., & Edan, Y., "Optimal consensus intuitive hand gesture vocabulary design," n Semantic Computing, 2008 IEEE International Conference on IEEE International Conference, pp. pp , [9] L. M. e. al, "RULA: a survey method for the. irwestigation of world-related upper limb disorders," Applied Ergonomics, [10] Erminia Attaianese Gabriella Duca, Manuale di raccomandazioni ergonomiche per le postazioni di lavoro metalmeccaniche, Napoli: Fridericiana Editrice Universitaria, [11] Nielsen, M., Störring, M., Moeslund, T. B., & Granum, E., "A procedure for developing intuitive

14 and ergonomic gesture interfaces for HCI," Gesture-Based Communication in Human- Computer Interaction Springer Berlin Heidelberg, pp. pp , [12] Iyer, N., Jayanti, S., Lou, K., Kalyanaraman, Y., & Ramani, K, "Three-dimensional shape searching: state-of-the-art review and future trends.," Computer-Aided Design, vol. 37, pp , [13] Kim, Sungho, Inso Kweon, and Incheol Kim, "Robust model-based 3d object recognition by combining feature matching with tracking.," in Robotics and Automation, Proceedings. ICRA'03. IEEE International Conference on. Vol. 2. IEEE,, [14] Muja, Marius, and David G. Lowe., "Fast Approximate Nearest Neighbors with Automatic Algorithm Configuration.," in VISAPP (1), [15] Osada, R., Funkhouser, T., Chazelle, B., & Dobkin, D., "Matching 3D models with shape distributions," in n Shape Modeling and Applications, SMI 2001 International Conference on, IEEE, [16] Rusu, R. B., Bradski, G., Thibaux, R., & Hsu, J., "Fast 3d recognition and pose using the viewpoint feature histogram.," in Intelligent Robots and Systems (IROS), 2010 IEEE/RSJ International Conference on. IEEE, 2010.

20 Giugno 2013 Gianni Rosa Gallina giannishub@hotmail.com @giannirg http://giannishub.cloudapp.net/it/

20 Giugno 2013 Gianni Rosa Gallina giannishub@hotmail.com @giannirg http://giannishub.cloudapp.net/it/ 20 Giugno 2013 Microsoft Kinect introduzione Gianni Rosa Gallina giannishub@hotmail.com Twitter: @giannirg Blog: http://giannishub.cloudapp.net/it/ Agenda Cos è Microsoft Kinect? Cosa si può fare con Kinect?

Dettagli

La Visione Artificiale: Controllo di Qualità, Fotogrammetria e Realtà Virtuale

La Visione Artificiale: Controllo di Qualità, Fotogrammetria e Realtà Virtuale La Visione Artificiale: Controllo di Qualità, Fotogrammetria e Realtà Virtuale D. Prattichizzo G.L. Mariottini F. Moneti M. Orlandesi M. Fei M. de Pascale A. Formaglio F. Morbidi S. Mulatto SIRSLab Laboratorio

Dettagli

Sviluppo di una app per Android al fine di gestire una serie di rilievi fotografici nell ambito della sicurezza dei fiumi

Sviluppo di una app per Android al fine di gestire una serie di rilievi fotografici nell ambito della sicurezza dei fiumi 1. Android App Android App Sviluppo di una app per Android al fine di gestire una serie di rilievi fotografici nell ambito della sicurezza dei fiumi Adriano Mancini mancini@dii.univpm.it Si deve sviluppare

Dettagli

Gli studi dell HCI si concentrano spesso sull interfaccia

Gli studi dell HCI si concentrano spesso sull interfaccia Interazione Uomo-Macchina (e Usabilità) 1 Cos'è l'hci? Human-Computer Interaction (HCI) Possibile definizione (ACM) Human-computer interaction ti is a discipline i concerned with the design, evaluation

Dettagli

CIM A CIM B. Computer-Integrated Manufacturing (CIM)

CIM A CIM B. Computer-Integrated Manufacturing (CIM) Computer-Integrated Manufacturing (CIM) Il Computer Integrated Manufacturing (CIM) è un metodo di produzione nel quale l'intero processo produttivo è controllato da un computer. Tipicamente, è composto

Dettagli

Percorso Video Game. Percorsi per la Laurea Magistrale in Informatica. Obiettivi generali. Sbocchi professionali

Percorso Video Game. Percorsi per la Laurea Magistrale in Informatica. Obiettivi generali. Sbocchi professionali Percorsi per la Laurea Magistrale in Informatica Percorso Video Game Docenti di riferimento: Dr. Dario Maggiorini, Dr. Laura Anna Ripamonti Sede di erogazione: Milano Obiettivi generali Il mercato dei

Dettagli

3DE Modeling Professional

3DE Modeling Professional 3DE Modeling Professional 3DE Modeling Professional è la parte di 3DE Modeling Suite che si occupa della modellazione 3D automatica di oggetti ed edifici a partire da nuvole di punti ottenute con scanner

Dettagli

Master in Computer Game Dev. Interaction Design

Master in Computer Game Dev. Interaction Design Master in Computer Game Dev Interaction Design Il Docente Umberto Castellani (PhD) Ricercatore del Dipartimento di Informatica Università di Verona VIPS (Vision, Image Processing & Sound) (http://vips.sci.univr.it)

Dettagli

È possibile caratterizzare un percorso formativo per gli studenti sulla base di due aree di specializzazione (indirizzi):

È possibile caratterizzare un percorso formativo per gli studenti sulla base di due aree di specializzazione (indirizzi): Percorsi per la Laurea Magistrale in Informatica Percorso Video Game Docenti di riferimento: Dario Maggiorini, Laura Anna Ripamonti Sede di erogazione: Milano LIKE THIS! Obiettivi generali Il mercato dei

Dettagli

Progetto Esami Di Stato Anno 2014/2015

Progetto Esami Di Stato Anno 2014/2015 Progetto Esami Di Stato Anno 2014/2015 Candidato: Ardilio Angelica Classe: 5 B - I.T.I.S. Elettronica ed Elettrotecnica. T.P.S.E.E. Tecnologia & Progettazione di Sistemi Elettrici ed Elettronici ARDUINO.

Dettagli

CORSO DI WEB MINING E RETRIEVAL - INTRODUZIONE AL CORSO -

CORSO DI WEB MINING E RETRIEVAL - INTRODUZIONE AL CORSO - 1 CORSO DI WEB MINING E RETRIEVAL - INTRODUZIONE AL CORSO - Corsi di Laurea in Informatica, Ing. Informatica, Ing. di Internet (a.a. 2015-2016) Roberto Basili 2 Overview WM&R: Motivazioni e prospettive

Dettagli

Sistema per il test dell impianto elettrico in linea di montaggio della vettura FERRARI 575 MM.

Sistema per il test dell impianto elettrico in linea di montaggio della vettura FERRARI 575 MM. Sistema per il test dell impianto elettrico in linea di montaggio della vettura FERRARI 575 MM. La sfida Certificare il corretto montaggio dell impianto elettrico, escludendo la presenza di cortocircuiti

Dettagli

Verifica e Validazione del Simulatore

Verifica e Validazione del Simulatore Verifica e del Simulatore I 4 passi principali del processo simulativo Formulare ed analizzare il problema Sviluppare il Modello del Sistema Raccolta e/o Stima dati per caratterizzare l uso del Modello

Dettagli

Computer Graphics. La disciplina fornisce metodi per creare elaborare memorizzare visualizzare. immagini di oggetti o scene mediante un computer

Computer Graphics. La disciplina fornisce metodi per creare elaborare memorizzare visualizzare. immagini di oggetti o scene mediante un computer Computer Graphics La disciplina fornisce metodi per creare elaborare memorizzare visualizzare immagini di oggetti o scene mediante un computer Image Processing La disciplina fornisce metodi per acquisire

Dettagli

Designing for the third industrial revolution Summer school in digital fabrication e interaction design

Designing for the third industrial revolution Summer school in digital fabrication e interaction design University of Applied Sciences and Arts of Southern Switzerland Laboratorio cultura visiva Designing for the third industrial revolution Summer school in digital fabrication e interaction design 9-27 Luglio

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AUTOMAZIONE INDUSTRIALE

TECNICO SUPERIORE PER L AUTOMAZIONE INDUSTRIALE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AUTOMAZIONE INDUSTRIALE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA FIGURA

Dettagli

Realtà Aumentata. Definizione Tecnologie: Applicazioni. HMD Tracker. Realtà Virtuale: il presente, il passato, Aumentata il futuro

Realtà Aumentata. Definizione Tecnologie: Applicazioni. HMD Tracker. Realtà Virtuale: il presente, il passato, Aumentata il futuro La Definizione Tecnologie: HMD Tracker Applicazioni La Diagramma del continuum realtà/virtualit /virtualità di Millmann ( 94) AR come parte della Mixed Reality Predomina la percezione del mondo reale,

Dettagli

Giornata ANIPLA Introduzione alla visione industriale 3D. Milano, 14 giugno 2012 www.vblab.it R. Sala - remo.sala@polimi.it

Giornata ANIPLA Introduzione alla visione industriale 3D. Milano, 14 giugno 2012 www.vblab.it R. Sala - remo.sala@polimi.it Giornata ANIPLA Introduzione alla visione industriale 3D Milano, 14 giugno 2012 www.vblab.it R. Sala - remo.sala@polimi.it La visione delle macchine: 35 anni di storia Il testo Digital image processing

Dettagli

CIM Computer Integrated Manufacturing

CIM Computer Integrated Manufacturing INDICE CIM IN CONFIGURAZIONE BASE CIM IN CONFIGURAZIONE AVANZATA CIM IN CONFIGURAZIONE COMPLETA DL CIM A DL CIM B DL CIM C DL CIM C DL CIM B DL CIM A Il Computer Integrated Manufacturing (CIM) è un metodo

Dettagli

OBIETTIVI FORME E STRUMENTI DI SUPPORTO ALL ELABORAZIONE INTEGRATA DEI DATI 51 3/001.0

OBIETTIVI FORME E STRUMENTI DI SUPPORTO ALL ELABORAZIONE INTEGRATA DEI DATI 51 3/001.0 OBIETTIVI FORME E STRUMENTI DI SUPPORTO ALL ELABORAZIONE INTEGRATA DEI DATI 51 3/001.0 OBIETTIVI DELL INTEGRAZIONE INTEGRAZIONE: INTERAZIONE DI UOMINI, PROCESSI E TECNOLOGIE CON L OBIETTIVO DI CREARE UN

Dettagli

Introduzione a 3ds Max

Introduzione a 3ds Max 3 Capitolo 1 Introduzione a 3ds Max 3ds Max è ad oggi uno dei più diffusi e dei più potenti software per la creazione di rendering tridimensionali in qualsiasi ambito, dall architettura al design, dalla

Dettagli

teoresi studi&ricerche

teoresi studi&ricerche UN SISTEMA DI CONTROLLO PER ELICOTTERO Realizzazione con Simulink e Direct3D di M. CARIDI e L. DAGA Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università degli Studi di Roma La Sapienza via Eudossiana

Dettagli

Stazione di ricarica per il robot Tobor

Stazione di ricarica per il robot Tobor UNIVERSITÀ DI BRESCIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Dipartimento di Ingegneria dellʼinformazione Laboratorio di Robotica Avanzata Advanced Robotics Laboratory Corso di Robotica Mobile (Prof. Riccardo Cassinis)

Dettagli

"Rapid Prototyping: studio delle possibili sorgenti di errore"

Rapid Prototyping: studio delle possibili sorgenti di errore "Rapid Prototyping: studio delle possibili sorgenti di errore" Facoltà di Ingegneria Civile ed Industriale Corso di laurea in Ingegneria Meccanica Laureando: Daniele Cortis Relatore: Ing. Francesca Campana

Dettagli

CAD 2D / 3D. Autocad 2D/3D - Revit - Inventor - RhinoCeros - Autocad Eletrical

CAD 2D / 3D. Autocad 2D/3D - Revit - Inventor - RhinoCeros - Autocad Eletrical CAD 2D / 3D Autocad 2D/3D - Revit - Inventor - RhinoCeros - Autocad Eletrical Autocad 2D / 3D Questo corso è indirizzato a chi intenda acquisire le conoscenze necessarie per utilizzare AutoCAD 2D e 3D

Dettagli

Sistema automatico di acquisizione e modellazione 3D a basso costo

Sistema automatico di acquisizione e modellazione 3D a basso costo Sistema automatico di acquisizione e modellazione 3D a basso costo Titolo progetto Unità di Brescia Sviluppo, realizzazione e caratterizzazione metrologica di digitalizzatore a basso costo basato su proiezione

Dettagli

CORSO DI WEB MINING E RETRIEVAL - INTRODUZIONE AL CORSO -

CORSO DI WEB MINING E RETRIEVAL - INTRODUZIONE AL CORSO - 1 CORSO DI WEB MINING E RETRIEVAL - INTRODUZIONE AL CORSO - Corsi di Laurea in Informatica, Ing. Informatica, Ing. di Internet (a.a. 2013-2014) Roberto Basili 2 Overview WM&R: Motivazioni e prospettive

Dettagli

Tesi di Laurea Automazione del testing delle Interfacce utente di applicazioni WEB:

Tesi di Laurea Automazione del testing delle Interfacce utente di applicazioni WEB: Tesi di Laurea Automazione del testing delle Interfacce utente di applicazioni WEB: un caso di studio Anno accademico 2009 / 2010 Relatore Ch.mo prof. Porfirio Tramontana Correlatore Ch.mo Ing. Domenico

Dettagli

Perito Informatico. Dipartimento Informatica. I.S. Ascanio Sobrero Casale Monferrato (AL) Presentazione del corso di studio

Perito Informatico. Dipartimento Informatica. I.S. Ascanio Sobrero Casale Monferrato (AL) Presentazione del corso di studio Perito Informatico Presentazione del corso di studio 19/11/2008 Perito Informatico 1 Chi è il Perito in Il perito Industriale per l è in grado di conoscere, valutare, dimensionare e gestire le tecnologie

Dettagli

Introduzione. Il software e l ingegneria del software. Marina Mongiello Ingegneria del software 1

Introduzione. Il software e l ingegneria del software. Marina Mongiello Ingegneria del software 1 Introduzione Il software e l ingegneria del software Marina Mongiello Ingegneria del software 1 Sommario Il software L ingegneria del software Fasi del ciclo di vita del software Pianificazione di sistema

Dettagli

Interazione Uomo-Macchina Nella Realta Virtuale

Interazione Uomo-Macchina Nella Realta Virtuale Interazione Uomo-Macchina Nella Realta Virtuale prof. Luca Chittaro Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine http://www.dimi.uniud.it/~chittaro Interazione Uomo-Macchina: definizione

Dettagli

02 L Informatica oggi. Dott.ssa Ramona Congiu

02 L Informatica oggi. Dott.ssa Ramona Congiu 02 L Informatica oggi Dott.ssa Ramona Congiu 1 Introduzione all Informatica Dott.ssa Ramona Congiu 2 Che cos è l Informatica? Con il termine Informatica si indica l insieme dei processi e delle tecnologie

Dettagli

Attenzione! il valore della Rimodulazione è superiore alla cifra di Negoziazione

Attenzione! il valore della Rimodulazione è superiore alla cifra di Negoziazione Riepilogo Dipartimento ICT Dipartimento ICT nel 2005 diretta nel terzi fondi diretta Reti in Tecnologia Wireless 434.890 79.788 712.457 94.953 578.280 351.500 94.000 Internet di prossima generazione 639.484

Dettagli

Sistemi e Tecnologie per l Automazione LS

Sistemi e Tecnologie per l Automazione LS Sistemi e Tecnologie per l Automazione LS (Corso da 60 ore, 6CFU) C.D.L. SPECIALISTICA IN INGEGNERIA INFORMATICA C.D.L. SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRONICA E DELLE TELECOMUNICAZIONI SECONDA FACOLTÀ

Dettagli

Lezione 1: Introduzione

Lezione 1: Introduzione Lezione 1: Introduzione Informatica e Produzione Multimediale Docente: Umberto Castellani INFORMAZIONI GENERALI E-mail: umberto.castellani@univr.it Pagina web: http://www.sci.univr.it/~castella/teaching.html

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI TECNOLOGIA

CURRICOLO VERTICALE DI TECNOLOGIA CURRICOLO VERTICALE DI TECNOLOGIA NUCLEI FONDANTI COMPETENZE CONTENUTI ABILITA METODOLOGIE E STRUMENTI METODO SCIENTIFICO VEDERE OSSERVARE COMPARARE CLASSIFICARE Relazione fra l uomo e l ambiente Le modifiche

Dettagli

1 Anno. 3 Anno. QUASAR DESIGN UNIVERSITY WEB AND INTERACTION - W&I - CORSO TRIENNALE COORDINATORE DIDATTICO: Emanuele Tarducci a.a.

1 Anno. 3 Anno. QUASAR DESIGN UNIVERSITY WEB AND INTERACTION - W&I - CORSO TRIENNALE COORDINATORE DIDATTICO: Emanuele Tarducci a.a. QUASAR DESIGN UNIVERSITY WEB AND INTERACTION - W&I - CORSO TRIENNALE COORDINATORE DIDATTICO: Emanuele Tarducci a.a. 2014-2015 TABELLA CAMPI DISCIPLINARI (INSEGNAMENTI) 1 Anno Campi disciplinari (insegnamenti)

Dettagli

Introduzione al Calcolo Scientifico

Introduzione al Calcolo Scientifico Introduzione al Calcolo Scientifico Corso di Calcolo Numerico, a.a. 2010/2011 Francesca Mazzia Dipartimento di Matematica Università di Bari Francesca Mazzia (Univ. Bari) Introduzione al Calcolo Scientifico

Dettagli

48 Laurea magistrale in Comunicazione multimediale Scienze

48 Laurea magistrale in Comunicazione multimediale Scienze 48 Laurea magistrale in Comunicazione multimediale Scienze C U R R I C O L A All interno del corso di laurea magistrale gli insegnamenti e le attività formative sono organizzate in modo da offrire percorsi

Dettagli

Classificazione e Segmentazione di Gesture per la Human Computer Interaction

Classificazione e Segmentazione di Gesture per la Human Computer Interaction Università degli studi di Modena e Reggio Emilia Dipartimento di Ingegneria "Enzo Ferrari" Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica Classificazione e Segmentazione di Gesture per la Human Computer

Dettagli

1. Arduino va di moda.

1. Arduino va di moda. 1. Arduino va di moda. Arduino è una piattaforma hardware open source programmabile, interamente realizzata in Italia, che permette la prototipazione rapida e l'apprendimento veloce dei principi fondamentali

Dettagli

Sistemi Operativi. Modulo 2. C. Marrocco. Università degli Studi di Cassino

Sistemi Operativi. Modulo 2. C. Marrocco. Università degli Studi di Cassino Sistemi Operativi Modulo 2 Schema di un Sistema di Calcolo Programmi Dati di Input Calcolatore Dati di output Modello di von Neumann Bus di sistema CPU Memoria Centrale Memoria di Massa Interfaccia Periferica

Dettagli

La vita possibile. Interfacce, Contenuti e Servizi per le Tecnologie Interattive Laboratorio di Interazione Uomo - Macchina e Usabilità 23/09/2013 1

La vita possibile. Interfacce, Contenuti e Servizi per le Tecnologie Interattive Laboratorio di Interazione Uomo - Macchina e Usabilità 23/09/2013 1 La vita possibile Laboratorio di Interazione Uomo - Macchina e Usabilità 23/09/2013 1 INTERFACCE, CONTENUTI E SERVIZI PER LE TECNOLOGIE INTERATTIVE - LABORATORIO DI INTERAZIONE UOMO- MACCHINA E USABILITÀ

Dettagli

REAL WORLD AND VIRTUAL WORLD ARCHITECTURE FOR INTERCONN INTERCONNECTING FIRST AND SECOND LIFE

REAL WORLD AND VIRTUAL WORLD ARCHITECTURE FOR INTERCONN INTERCONNECTING FIRST AND SECOND LIFE REAL WORLD AND VIRTUAL WORLD ARCHITECTURE FOR INTERCONNECTING FIRST AND SECOND LIFE Università degli studi di Catania Facoltà di Ingegneria 26 Gennaio 2009 Sommario 1 Introduzione 2 Middleware Middleware:

Dettagli

INTRODUZIONE. Articolo qe001: versione 4

INTRODUZIONE. Articolo qe001: versione 4 INTRODUZIONE L obiettivo principale del progetto è dimostrare come ridefinire le strategie di gestione dei quadri elettrici disponendo di un network telematico in grado di monitorare e storicizzare tutti

Dettagli

KIT PANGEA Semi-professionali

KIT PANGEA Semi-professionali KIT PANGEA Semi-professionali Cos è: Il nostro Kit Pangea è un set studiato appositamente per topografi, architetti, geometri, ingegneri ambientali, ingegneri civili, che svolgono lavori di rilievo e misura

Dettagli

Istituto d Istruzione Superiore C. Rosatelli - Rieti

Istituto d Istruzione Superiore C. Rosatelli - Rieti Allegato n. 7 Offerta formativa secondo gli ordinamenti preesistenti L'Istituto C. Rosatelli fornisce per gli studenti iscritti nelle classi 5 e i seguenti diplomi: Diploma di Perito industriale L ITIS

Dettagli

3D e Realtà Virtuale

3D e Realtà Virtuale 3D e Realtà Virtuale Modello 3D La costruzione di un modello 3D, così come la realizzazione di un plastico tradizionale, necessita di grande precisione e attenzione conoscitiva. Tale modello convoglia

Dettagli

PARAMETRI. Guida all installazione

PARAMETRI. Guida all installazione PARAMETRI Guida all installazione 1 INTRODUZIONE Il prodotto Parametri 2009 consente di determinare i ricavi o compensi realizzabili da parte dei contribuenti esercenti attività d impresa o arti e professioni

Dettagli

Il Sistema Operativo (1)

Il Sistema Operativo (1) E il software fondamentale del computer, gestisce tutto il suo funzionamento e crea un interfaccia con l utente. Le sue funzioni principali sono: Il Sistema Operativo (1) La gestione dell unità centrale

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L INFORMATICA INDUSTRIALE

TECNICO SUPERIORE PER L INFORMATICA INDUSTRIALE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L INFORMATICA INDUSTRIALE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA FIGURA

Dettagli

Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE. Prof. Marco Scancarello Prof.ssa Carolina Biscossi Email: didatticaelim@gmail.com

Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE. Prof. Marco Scancarello Prof.ssa Carolina Biscossi Email: didatticaelim@gmail.com Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE Prof. Marco Scancarello Prof.ssa Carolina Biscossi Email: didatticaelim@gmail.com IL CORSO L utilizzo sempre più frequente delle nuove tecnologie nella vita quotidiana

Dettagli

OPEN SOURCE/ DIGITAL FABRICATION

OPEN SOURCE/ DIGITAL FABRICATION OPEN SOURCE/ DIGITAL FABRICATION REPORT 30/11/2011 NEWIDEA Alessia Mansutti Rosanna Venditti CHE COS E Vectorealism è un servizio di taglio laser professionale offerto a tutti coloro che vogliono creare

Dettagli

hhb - Stop Time Meter Misurazione della velocità e del tempo d arresto su macchine

hhb - Stop Time Meter Misurazione della velocità e del tempo d arresto su macchine 1 Misurazione della velocità e del tempo d arresto su macchine 2 Misurazione del tempo d arresto mobile pratico Ottimo per il servizio mobile. Lo strumento e tutti componenti si trovano in una valigetta

Dettagli

IRTUALW. Infinity Portal Infinite possibilità di farti raggiungere PORTAL FORNITORI CLIENTI PROTOCOLLAZIONE KNOWLEDGE BASE CLASSIFICAZIONE VERSIONING

IRTUALW. Infinity Portal Infinite possibilità di farti raggiungere PORTAL FORNITORI CLIENTI PROTOCOLLAZIONE KNOWLEDGE BASE CLASSIFICAZIONE VERSIONING I N F I N I T Y Z U C C H E T T I Infinity Portal Infinite possibilità di farti raggiungere MARKETING SALES SUPPORT CMS KNOWLEDGE BASE E COMMERCE B2B E COMMERCE B2C AD HOC INFINITY ACQUISIZIONE PROTOCOLLAZIONE

Dettagli

PROTOTIPAZIONE DI UN TRADUTTORE DA SORGENTE PLC AD ASSEMBLY DI UNA MACCHINA VIRTUALE

PROTOTIPAZIONE DI UN TRADUTTORE DA SORGENTE PLC AD ASSEMBLY DI UNA MACCHINA VIRTUALE PROTOTIPAZIONE DI UN TRADUTTORE DA SORGENTE PLC AD ASSEMBLY DI UNA MACCHINA VIRTUALE Relatore: prof. Michele Moro Laureando: Marco Beggio Corso di laurea in Ingegneria Informatica Anno Accademico 2006-2007

Dettagli

DELMIA Simulazioni ed Analisi ergonomiche. Stefano Garegnani- Design Systems PLM 3D Application Engineering Stefano.garegnani@designsystemsplm.

DELMIA Simulazioni ed Analisi ergonomiche. Stefano Garegnani- Design Systems PLM 3D Application Engineering Stefano.garegnani@designsystemsplm. DELMIA Simulazioni ed Analisi ergonomiche Stefano Garegnani- Design Systems PLM 3D Application Engineering Stefano.garegnani@designsystemsplm.it DELMIA (DELivering Manufacturing Interactive Application).

Dettagli

3DE Modeling Color. E il modulo che si occupa della costruzione di modelli 3D con tessitura a colori.

3DE Modeling Color. E il modulo che si occupa della costruzione di modelli 3D con tessitura a colori. 3DE Modeling Color E il modulo che si occupa della costruzione di modelli 3D con tessitura a colori. E spesso necessario che alle informazioni geometriche di forma siano abbinate informazioni di colore

Dettagli

AR&ME AUGMENTED REALITY & MOBILE EXPERIENCE Presentazione del corso a cura di MAURO CECONELLO e DAVIDE SPALLAZZO 07/03/2011 2012 ceconello-spallazzo

AR&ME AUGMENTED REALITY & MOBILE EXPERIENCE Presentazione del corso a cura di MAURO CECONELLO e DAVIDE SPALLAZZO 07/03/2011 2012 ceconello-spallazzo Presentazione del corso a cura di MAURO CECONELLO e DAVIDE SPALLAZZO 07/03/2011 2 benvenuti 3 Mauro Ceconello Architetto e ricercatore presso il Politecnico di Milano, ha concentrato la sua attività di

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UN LABORATORIO REMOTO PER ESPERIENZE DI ROBOTICA EDUCATIVA: LATO CLIENT

REALIZZAZIONE DI UN LABORATORIO REMOTO PER ESPERIENZE DI ROBOTICA EDUCATIVA: LATO CLIENT TESI DI LAUREA REALIZZAZIONE DI UN LABORATORIO REMOTO PER ESPERIENZE DI ROBOTICA EDUCATIVA: LATO CLIENT RELATORE: Prof. Michele Moro LAUREANDO: Marco Beggio Corso di laurea Specialistica in Ingegneria

Dettagli

Durante la realizzazione di questo WP verranno anche effettuate delle sperimentazioni per verificare la bontà delle ipotesi in fase di studio.

Durante la realizzazione di questo WP verranno anche effettuate delle sperimentazioni per verificare la bontà delle ipotesi in fase di studio. Allegato WP2 Il pacchetto software implementerà le seguenti funzioni specifiche del progetto allegato, così come delineato nella descrizione del WP 2 che vale come specifica generale: 1. programmazione

Dettagli

Informatica per le discipline umanistiche 2 lezione 14

Informatica per le discipline umanistiche 2 lezione 14 Informatica per le discipline umanistiche 2 lezione 14 Torniamo ai concetti base dellʼinformatica. Abbiamo sinora affrontato diversi problemi: avere unʼidentità online, cercare pagine Web, commentare il

Dettagli

INGEGNERIA DEL CINEMA E DEI MEZZI DI COMUNICAZIONE

INGEGNERIA DEL CINEMA E DEI MEZZI DI COMUNICAZIONE La laurea magistrale crea figure professionali capaci di proporre innovazione nel settore della comunicazione e delle ICT: espertiingradodiintegrarelecompetenzetecnologicheconla capacità di rielaborare

Dettagli

CURRICOLO DELLA SCUOLA PRIMARIA DI PRIMO GRADO

CURRICOLO DELLA SCUOLA PRIMARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO DELLA SCUOLA PRIMARIA DI PRIMO GRADO DISCIPLINA: TECNOLOGIA CLASSE 1^ - Riconosce e identifica nell'ambiente che lo circonda elementi e fenomeni di tipo artificiale. - Usa adeguatamente diversi

Dettagli

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA TECNOLOGIA - TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE Utilizza materiali e strumenti, tecniche espressive e creative; esplora le potenzialità offerte dalle tecnologie. Si interessa

Dettagli

Lezione1. Cos è la computer grafica. Lezione del 10 Marzo 2010. Michele Antolini Dipartimento di Ingegneria Meccanica Politecnico di Milano

Lezione1. Cos è la computer grafica. Lezione del 10 Marzo 2010. Michele Antolini Dipartimento di Ingegneria Meccanica Politecnico di Milano Lezione1 Informatica Grafica Cos è la computer grafica Lezione del 10 Marzo 2010 Grafica OpenGL vs Direct Dipartimento di Ingegneria Meccanica Politecnico di Milano 1.1 Tubo a Raggi Catodici Cathode Ray

Dettagli

CALL FOR ENTRY. Ro.Bot Festival Digital Paths into music and art. 2a edizione Bologna 17-19 settembre 2009. www.robotfestival.it

CALL FOR ENTRY. Ro.Bot Festival Digital Paths into music and art. 2a edizione Bologna 17-19 settembre 2009. www.robotfestival.it CALL FOR ENTRY Ro.Bot Festival Digital Paths into music and art 2a edizione Bologna 17-19 settembre 2009 www.robotfestival.it COSA È ROBOT FESTIVAL: RoBOt è un festival internazionale di musica elettronica

Dettagli

Digital Printing and Imaging Association

Digital Printing and Imaging Association La qualità del colore è un fattore fondamentale per la stampa digitale Per il 41% degli stampatori la corrispondenza dei colori rappresenta il problema più complesso da affrontare1 Per gli acquirenti di

Dettagli

Dimensionamento di massima di un sistema di propulsione ibrida per una microvettura

Dimensionamento di massima di un sistema di propulsione ibrida per una microvettura U n i v e r s i t à d e g l i S t u d i d i B o l o g n a FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Laboratorio CAD Dimensionamento di massima di un sistema di propulsione ibrida per

Dettagli

Introduzione al Corso

Introduzione al Corso Anno accademico 2005/2006 Prof. Giovanni Muscato Introduzione al Corso Dipartimento di Ingegneria Elettrica Elettronica e dei Sistemi Università degli Studi di Catania Viale A. Doria 6, 95125, Catania,

Dettagli

catalogo corsi di formazione 2015/2016

catalogo corsi di formazione 2015/2016 L offerta formativa inserita in questo catalogo è stata suddivisa in quattro sezioni tematiche che raggruppano i corsi di formazione sulla base degli argomenti trattati. Organizzazione, progettazione e

Dettagli

Corso di Perfezionamento Comunicare e insegnare con la lavagna multimediale interattiva (LIM) www.csl.unifi.it/lavagnadigitale Facoltà di Scienze

Corso di Perfezionamento Comunicare e insegnare con la lavagna multimediale interattiva (LIM) www.csl.unifi.it/lavagnadigitale Facoltà di Scienze Il CORSO L uso delle nuove tecnologie a scuola ha trasformato la relazione comunicativa tra studenti ed insegnanti, modificando gli stili di apprendimento, le strategie formative e le metodologie educative.

Dettagli

RELAZIONE DI FINE STAGE PRESSO LA KINGSTON UNIVERSITY OF LONDON FACULTY OF COMPUTING, INFORMATION SYSTEM AND MATHEMATICS

RELAZIONE DI FINE STAGE PRESSO LA KINGSTON UNIVERSITY OF LONDON FACULTY OF COMPUTING, INFORMATION SYSTEM AND MATHEMATICS Progetto Azioni positive per l' imprenditoria femminile RELAZIONE DI FINE STAGE PRESSO LA KINGSTON UNIVERSITY OF LONDON FACULTY OF COMPUTING, INFORMATION SYSTEM AND MATHEMATICS Stagista: Barbara Villarini

Dettagli

Studio e sviluppo di uno Scanner 3D con Kinect

Studio e sviluppo di uno Scanner 3D con Kinect Studio e sviluppo di uno Scanner 3D con Kinect Università politecnica delle marche Facoltà di ingegneria Corso di laurea magistrale in ingegneria informatica Tesi di laurea di: Luca Pignati Relatore: Prof.

Dettagli

Open Hardware nell'ottica sociale

Open Hardware nell'ottica sociale Open Hardware nell'ottica sociale di Marco Frau e Davide Deiana Ingegneria Senza Frontiere - Cagliari Associazione Ingegneria senza Frontiere Ingegneria Senza Frontiere Cagliari (ISF-Ca) nasce nel 2005

Dettagli

Progettazione METODOLOGIA DELLA PROGETTAZIONE. Creare un Prototipo

Progettazione METODOLOGIA DELLA PROGETTAZIONE. Creare un Prototipo Progettazione METODOLOGIA DELLA PROGETTAZIONE Creare un Prototipo Che cos è un prototipo Se pensiamo agli oggetti che usiamo e di cui ci serviamo abitualmente,ci accorgiamo che per la maggioranza dei casi

Dettagli

TECNOLOGIA COMPETENZE

TECNOLOGIA COMPETENZE ISTITUTO COMPRENSIVO F. DE Sanctis CURRICOLO VERTICALE DI TECNOLOGIA A.S. 2013/2014 1 TECNOLOGIA La materia tecnologia comporta la formazione di competenze diversificate, che vanno dalla formazione di

Dettagli

SCEGLI CON IL CUORE. WEB & INTERACTION DESIGN corso triennale post diploma

SCEGLI CON IL CUORE. WEB & INTERACTION DESIGN corso triennale post diploma SCEGLI CON IL CUORE pag. 2 Il corpus del corso, di durata triennale, è costituito da sapere e saper fare legati al mondo del web, delle nuove tecnologie e alla gestione di quelle che definiamo esperienze

Dettagli

Introduzione al Calcolo Scientifico

Introduzione al Calcolo Scientifico Introduzione al Calcolo Scientifico Corso di Calcolo Numerico, a.a. 2008/2009 Francesca Mazzia Dipartimento di Matematica Università di Bari Francesca Mazzia (Univ. Bari) Introduzione al Calcolo Scientifico

Dettagli

Politecnico di Bari I Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Meccanica ENERGIA EOLICA

Politecnico di Bari I Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Meccanica ENERGIA EOLICA Politecnico di Bari I Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Meccanica ENERGIA EOLICA turbine eoliche ad asse verticale VAWT A.A. 2008/09 Energie Alternative Prof.B.Fortunato

Dettagli

Visione Computazionale

Visione Computazionale Il docente Visione Computazionale Introduzione al corso a.a. 2004/2005 Andrea FUSIELLO, Professore Associato Dip. Informatica, Ca Vignal 2, I piano, stanza 5 Email: andrea.fusiello@univr.it Web Page del

Dettagli

Corso di Rilievo Fotogrammetrico 3D e gestione delle mesh

Corso di Rilievo Fotogrammetrico 3D e gestione delle mesh www.terrelogiche.com Corso di Rilievo Fotogrammetrico 3D e gestione delle mesh >>ROMA >>07-08-09 ottobre 2015 Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale. Sapienza Università di Roma, Via Eudossiana,

Dettagli

Usabilità dei Siti Web

Usabilità dei Siti Web Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Informazione Editoriale, Pubblica e Sociale Usabilità dei Siti Web Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012 Usabilità La efficacia, efficienza e soddisfazione con cui

Dettagli

Semplice progetto con Arduino simpatico G-meter col quale misurare e registrare le accelerazioni del proprio veicolo

Semplice progetto con Arduino simpatico G-meter col quale misurare e registrare le accelerazioni del proprio veicolo Linux Day 2014 Semplice progetto con Arduino simpatico G-meter col quale misurare e registrare le accelerazioni del proprio veicolo Cos'è Arduino? Arduino è una piattaforma hardware low-cost programmabile,

Dettagli

Informatica per la Storia dell Arte Anno Accademico 2014/2015 Docente: ing. Salvatore Sorce

Informatica per la Storia dell Arte Anno Accademico 2014/2015 Docente: ing. Salvatore Sorce DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CHIMICA, GESTIONALE, INFORMATICA, MECCANICA Informatica per la Storia dell Arte Anno Accademico 2014/2015 Docente: ing. Salvatore Sorce Organizzazione applicazioni multimediali.

Dettagli

Tecniche di Clustering basate sul Machine Learning

Tecniche di Clustering basate sul Machine Learning UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II Scuola Politecnica e delle Scienze di base Area didattica Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica Tecniche di Clustering basate

Dettagli

Introduzione al sistema operativo Il file system: file, directory,...

Introduzione al sistema operativo Il file system: file, directory,... ,OVRIWZDUHGLVLVWHPD cosa vedremo: Introduzione al sistema operativo Il file system: file, directory,...... 223,OVRIWZDUHLQWURGX]LRQH L hardware da solo non è sufficiente per il funzionamento dell elaboratore

Dettagli

INFORMATICA. Corso di Laurea in Scienze dell'educazione

INFORMATICA. Corso di Laurea in Scienze dell'educazione INFORMATICA Corso di Laurea in Scienze dell'educazione Introduzione all Informatica Docente: Mario Alviano Studio: Dipartimento di Matematica Cubo 30B 2 Piano Ricevimento: giovedì 18:30 19:30 (avvisare

Dettagli

Principi dell ingegneria del software Relazioni fra

Principi dell ingegneria del software Relazioni fra Sommario Principi dell ingegneria del software Leggere Cap. 3 Ghezzi et al. Principi dell ingegneria del software Relazioni fra Principi Metodi e tecniche Metodologie Strumenti Descrizione dei principi

Dettagli

BOZZA DEL 06/09/2011

BOZZA DEL 06/09/2011 ARTICOLAZIONE: INFORMATICA Disciplina: COMPLEMENTI DI MATEMATICA (C4) Il docente di Complementi di matematica concorre a far conseguire allo studente, al termine del percorso quinquennale, i seguenti risultati

Dettagli

CURVATURA VERSO ROBOTICA/MECCATRONICA AVANZATA INDIRIZZO INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI

CURVATURA VERSO ROBOTICA/MECCATRONICA AVANZATA INDIRIZZO INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI CURVATURA VERSO ROBOTICA/MECCATRONICA AVANZATA INDIRIZZO INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI MACRO-COMPETENZE IN USCITA VERSO LA ROBOTICA/MECCATRONICA AVANZATA Quattro Macro-Competenze Specialistiche: 1. Saper

Dettagli

Statistica 4038 (ver. 1.2)

Statistica 4038 (ver. 1.2) Statistica 4038 (ver. 1.2) Software didattico per l insegnamento della Statistica SERGIO VENTURINI, MAURIZIO POLI i Il presente software è utilizzato come supporto alla didattica nel corso di Statistica

Dettagli

Pagina lasciata intenzionalmente bianca

Pagina lasciata intenzionalmente bianca SISTEMA AUTOMATICO DI MONITORAGGIO FUSTI SERIE ADAMOS GUIDA TECNICA Pagina lasciata intenzionalmente bianca SOMMARIO 1 Scopo del documento... 1 2 Descrizione generale... 1 3 Descrizione delle versioni

Dettagli

caratteristiche) carta, (origami) B) Osserva l evoluzione storica del Il legno cartoncino, legno (puzzle) processo tecnologico

caratteristiche) carta, (origami) B) Osserva l evoluzione storica del Il legno cartoncino, legno (puzzle) processo tecnologico SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO: G. GALILEI TADATE (VA) TECNOLOGIA CLASSI PRIME Competenza chiave di cittadinanza: IMPARARE AD IMPARARE: Organizzare ciò che viene appreso in modo ordinato utilizzando

Dettagli

SCORE-it 2015 Italian Student COntest in software Engineering 37th International Conference on software Engineering (ICSE)

SCORE-it 2015 Italian Student COntest in software Engineering 37th International Conference on software Engineering (ICSE) SCORE-it 2015 Italian Student COntest in software Engineering 37th International Conference on software Engineering (ICSE) L Italian Student Contest in Software Engineering (SCORE-it - http://score-contest.it)

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica Corso di Informatica Modulo T2 1 Sistema software 1 Prerequisiti Utilizzo elementare di un computer Significato elementare di programma e dati Sistema operativo 2 1 Introduzione In questa Unità studiamo

Dettagli

PARAMETRI 2012 P.I. 2011. Guida all installazione

PARAMETRI 2012 P.I. 2011. Guida all installazione PARAMETRI 2012 P.I. 2011 Guida all installazione 1 INTRODUZIONE Il prodotto PARAMETRI 2012 consente di stimare i ricavi o compensi realizzabili da parte dei contribuenti esercenti attività d impresa o

Dettagli

11^ parte : Come gestire i servomotori con Arduino. Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M.BARTOLO PACHINO)

11^ parte : Come gestire i servomotori con Arduino. Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M.BARTOLO PACHINO) 11^ parte : Come gestire i servomotori con Arduino Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M.BARTOLO PACHINO) Un servomotore è un dispositivo capace di eseguire dei movimenti meccanici in funzione del

Dettagli

Multimedia System for 3D Environment Catania, 20 Ottobre 2004

Multimedia System for 3D Environment Catania, 20 Ottobre 2004 Multimedia System for 3D Environment Catania, 20 Ottobre 2004 Motivazioni Salvare i nostri Beni Culturali tramite la loro: conservazione valorizzazione divulgazione diffusione Attualmente una delle tematiche/problematiche

Dettagli

Introduzione alla Progettazione per Componenti

Introduzione alla Progettazione per Componenti Introduzione alla Progettazione per Componenti Alessandro Martinelli 6 ottobre 2014 Obiettivo del Corso Il Progetto Software Reale Il Componente Software La Programmazione Ad Oggetti Fondamenti di Informatica

Dettagli