SUPSI DFA LOCARNO ANNO ACCADEMICO Non solo in aula I DOCENTI E IL LORO RAPPORTO CON LE ATTIVITÀ EXTRASCOLASTICHE ANTONELLA GUIDOTTI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SUPSI DFA LOCARNO ANNO ACCADEMICO 2009 2010. Non solo in aula I DOCENTI E IL LORO RAPPORTO CON LE ATTIVITÀ EXTRASCOLASTICHE ANTONELLA GUIDOTTI"

Transcript

1 SUPSI DFA LOCARNO ANNO ACCADEMICO Non solo in aula I DOCENTI E IL LORO RAPPORTO CON LE ATTIVITÀ EXTRASCOLASTICHE ANTONELLA GUIDOTTI PROGETTO DI RICERCA OGGI STUDENTI, DOMANI DOCENTI DOCENTI DI RIFERIMENTO: MARIO DONATI, SILVIO CANEVASCINI E KATJA VANINI DE CARLO

2 GRAZIE a tutti coloro che mi hanno accompagnata durante questo percorso. a Mario, Silvio e Katja per i loro consigli e per avermi seguita nel corso di tutto il lavoro. a mio zio Cesiro per la grande disponibilità e per il suo indispensabile aiuto. alla mia famiglia, alle mie compagne e amiche per il loro prezioso sostegno. agli studenti ed ai docenti che hanno gentilmente risposto al questionario. a Mirko Guzzi, Direttore dell Ufficio Scuole Comunali, per l autorizzazione.

3 INDICE 1. INTRODUZIONE Motivazione della scelta Interrogativi, ipotesi e scopo della ricerca QUADRO TEORICO Attività extrascolastiche e parascolastiche La realtà sociale e culturale attuale Il ruolo della scuola e del docente nella società odierna Attività extrascolastiche: obiettivi e scopi Il docente e le attività extrascolastiche SCELTE METODOLOGICHE Ricerca quantitativa Strumenti della ricerca Il questionario Fasi d attuazione Campionamento MODALITÀ DI ANALISI DEI DATI DISCUSSIONE DEI DATI Soggetti coinvolti nella ricerca e attività extrascolastiche Rapporto tra professione docente e attività extrascolastiche Le motivazioni Competenze professionali Assunzione Inserimento sociale nell istituto CONCLUSIONI...32

4 7. BIBLIOGRAFIA ALLEGATI..35 Allegato 8.0 Abstract...36 Allegato 8.1 Questionario studenti. 37 Allegato 8.2 Questionario docenti..41 Allegato 8.3 Questionario con frequenze....45

5 1. INTRODUZIONE 1.1 Motivazione della scelta Tra i possibili argomenti da trattare nel Progetto di Ricerca mi ha subito interessata la proposta Oggi studenti, domani docenti, in quanto permette di focalizzare l attenzione su un momento di particolare interesse e rilievo, all incipit della carriera di un docente: il passaggio dalla formazione iniziale all attività professionale. Esso costituisce un importante cambiamento contestuale che segna l inizio di una vera e propria nuova tappa. Dato che tra pochi mesi potrei vivere questa transizione in prima persona, ho sentito la necessità di sapere qualcosa di più rispetto a tale passaggio, al fine di poter anticipare qualche gioia o difficoltà che potrò incontrare lungo il cammino. Per la mia ricerca ho deciso di incentrare l attenzione sulle attività extrascolastiche 1 e parascolastiche, dedicate ai giovani compresi nella fascia d età dai 0 ai 15 anni, che un docente o futuro docente può svolgere in qualità di animatore. Questo tema mi ha da sempre incuriosito: molti futuri docenti svolgono attività extrascolastiche nel loro tempo libero e spesso traggono la loro motivazione ad intraprendere la formazione di docente proprio da queste. Parallelamente, molti docenti, sia alle prime armi che con esperienza, sono impegnati in questo ambito. Con la mia ricerca voglio perciò sondare quale relazione esiste tra la categoria professionale dei docenti e le attività extrascolastiche, cercando di rilevare la portata del fenomeno e l evoluzione delle motivazioni che portano i docenti ad impegnare il loro tempo libero in attività a stretto contatto con i giovani, nonostante passino con loro già buona parte del loro tempo di lavoro. Questo tema mi ha assai intrigata e, man mano che proseguivo nella ricerca, ero sempre più incuriosita a scoprirne i risultati, in quanto mi identificavo nelle diverse categorie coinvolte, cercando di prevedere come si potrebbe modificare il mio interesse personale verso le attività extrascolastiche nel corso della mia carriera professionale. 1.2 Interrogativi, ipotesi e scopo della ricerca Gli interrogativi che sostengono la mia ricerca sono i seguenti: 1. Quali attività extrascolastiche rivolte a bambini può potenzialmente svolgere / svolge, in qualità di animatore, un futuro docente e un docente? 1 Per praticità nello sviluppo della ricerca parlerò di attività extrascolastiche comprendendo pure quelle parascolastiche, eccetto nel caso in cui vengano distinte esplicitamente; nonostante ciò nel capitolo 2. Quadro teorico saranno definite con precisione e differenziate. 1

6 2. Quanto tempo viene dedicato alle attività extrascolastiche rivolte a bambini da parte dei futuri docenti? Dei neodocenti? Dei docenti con esperienza? L impegno di queste ultime due categorie (neodocenti e docenti con esperienza), verso le attività extrascolastiche, si modifica nel tempo? 3. Quali scopi, interessi, atteggiamenti (remunerazione, esperienza personale, conoscenza degli enti locali, ecc.) vengono espressi nei confronti delle attività extrascolastiche? 4. Per un neodocente, il fatto di svolgere della attività extrascolastiche con i bambini in qualità di animatore, ha delle implicazioni: - nelle procedure di assunzione? - nell inserimento sociale a livello di istituto? - nello sviluppo delle competenze professionali? Le rispettive ipotesi di ricerca sono formulate in questo modo: 1. I futuri docenti e i neodocenti partecipano maggiormente rispetto ai docenti con esperienza alle attività extrascolastiche in quanto, da questi impegni, possono trarne vantaggi (remunerazione, esperienza, conoscenza degli enti locali, vantaggi nell assunzione, ecc.); 2. I docenti con esperienza che praticano attualmente attività extrascolastiche con bambini lo fanno con motivazioni e interessi diversi dai neodocenti; 3. Nelle procedure di assunzione gioca un ruolo l impegno del neodocente in attività extrascolastiche: ha maggiori chance di venir assunto chi si presenta con un curriculum che dimostra il suo coinvolgimento in qualità di animatore in tale ambito; 4. Il fatto di svolgere delle attività extrascolastiche, in particolare organizzate dall Istituto Scolastico, facilita l inserimento sociale del neodocente a livello di istituto; 5. Praticare delle attività extrascolastiche in qualità di animatore, contribuisce allo sviluppo delle proprie competenze professionali, in particolare per i neodocenti, accrescendo l esperienza personale e fornendo capacità che possono venir attivate anche nella pratica professionale in classe. Allo scopo di valutare il rapporto tra docente o futuro docente e attività extrascolastiche, ho sottoposto un questionario a tre categorie di intervistati 2 : studenti SUPSI- DFA, neodocenti e docenti con esperienza. 2 Nell intero documento, con il termine intervistati indico coloro che hanno compilato il questionario. 2

7 2. QUADRO TEORICO In questo capitolo presenterò una panoramica riguardante i principali aspetti che caratterizzano le attività extrascolastiche, dapprima fornendone una definizione e, in seguito, mettendole in relazione al ruolo che riveste la scuola, e il docente stesso, nella società odierna. Queste informazioni, sostenute da riferimenti teorici reperiti nella letteratura, saranno poi utilizzate come chiavi di lettura e di interpretazione per dare senso ai dati raccolti tramite i questionari. 2.1 Attività extrascolastiche e parascolastiche Prima di presentare le varie implicazioni legate alle attività extrascolastiche e parascolastiche, mi sembra utile spiegare i due termini. Fornisco dapprima una definizione 3 delle parti da cui sono composti. Scolastico: che si riferisce alla scuola, che riguarda la scuola. Para-: in numerose parole composte indica vicinanza, somiglianza, affinità Extra-: fuori di, non incluso in; in parole composte significa fuori. In tal modo è possibile definire i termini parascolastico e extrascolastico. Parascolastico: che ha funzione integrativa complementare rispetto alla scuola (corso parascolastico). Extrascolastico: che è, si svolge fuori dalla scuola (attività extrascolastica). Nel seguito di questa ricerca definirò dunque le attività parascolastiche come quelle attività di svago, incontro, socializzazione, recupero, ecc. svolte all esterno dell orario scolastico, ma organizzate dall istituto stesso. In particolare mi riferisco ai doposcuola ed alle colonie organizzate dall istituto scolastico per gli allievi. Mentre con il termine attività extrascolastiche si intendono le rispettive attività organizzate però da enti esterni alla scuola, che possono essere di vario genere, pubblici o privati. 2.2 La realtà sociale e culturale attuale Sempre più si assiste ad un mutamento della realtà sociale e culturale: accanto alla crescente eterogeneità culturale, linguistica, economica, ecc. delle comunità e al sovvertimento di norme e valori che caratterizzavano la società di alcuni decenni fa, vi è anche la crisi della struttura tradizionale della famiglia, in atto ormai da decenni e in 3 Dogliotti, M., & Rosiello, L. (a cura di) (1996). Lo Zingarelli, Vocabolario della lingua italiana di Nicola Zingarelli, Dodicesima edizione, ZANICHELLI. 3

8 parallelo alla ridefinizione del ruolo della donna, con il corrispondente aumento di forme di convivenza particolari [...] che stanno ridisegnando il microcosmo del tessuto sociale (Ghisla & Arrigo, 2004, p. 7). In parallelo anche De Renzo (2006, p. 34) espone la sua visione a riguardo delle famiglie odierne, sempre più confrontate con difficoltà da affrontare, spesso da sole, a causa della disgregazione della famiglia tradizionale e dell assenza di spazi di socializzazione e di confronto. L autrice mette inoltre in rilievo una delle ripercussioni più rilevanti di questo fenomeno: la nuclearizzazione delle famiglie, inoltre, l incompatibilità tra gli orari di lavoro e l adempimento delle funzioni di genitori producono spesso solitudine infantile (De Renzo, 2006, p.34). Spesso, infatti, molti bambini e ragazzi trascorrono gran parte del loro tempo libero soli, in quanto i genitori sono occupati con il lavoro. Collegando questo aspetto alle attività extrascolastiche che vengono proposte ai giovani, non è possibile concludere che quest ultime siano sorte a seguito dei cambiamenti socio-culturali odierni, in quanto esse esistevano già in precedenza. Per contro si può ipotizzare che i fenomeni che caratterizzano la realtà attuale (disgregazione della famiglia tradizionale, ridefinizione del ruolo della donna, ecc.) incrementino la richiesta di attività extrascolastiche rivolte a bambini e ragazzi Il ruolo della scuola e del docente nella società odierna Con il mutarsi della realtà sociale e culturale, la scuola è chiamata a prendersi a carico nuovi compiti: oltre ad essere l istanza fondamentale di formazione è pure un importante istanza di educazione, che si assume compiti d integrazione individuale e sociale (Bucher & Nicolet, 2003, p. 13). Dunque, alla scuola non è più solamente affidato l onere di istruire le nuove generazioni, ma deve pure occuparsi dell educazione. Il ruolo educativo dell insegnante prende sempre più importanza, ma Tamagni e Tozzini (1999) ricordano che non è facile capire i limiti ed i confini tra le diverse istanze educative, aspetto fondamentale per evitare conflitti. Sempre le stesse autrici, nella loro ricerca, mettono in luce come per i docenti non sia facile operare in questo contesto fortemente caratterizzato dalle aspettative esterne (in particolare le famiglie degli allievi) e dalla convivenza con l immagine degli insegnanti veicolata dall opinione pubblica (Tamagni & Tozzini, 1999, p. 26). Per quanto concerne quest ultimo aspetto è facile notare come l immagine della professione e il suo prestigio siano diminuiti rispetto al passato e pertanto il maestro viene considerato in modo diverso, non più come l unico detentore del sapere e una delle figure più importanti della società. Sempre nella ricerca di Tamagni e Tozzini, emerge che questa modifica nella 4

9 considerazione pubblica dell immagine del docente influisce sugli insegnanti, diminuendone il grado di autostima. Per quanto concerne il principale compito dell educazione oggigiorno, esso passa sempre più attraverso l integrazione delle diverse realtà e identità presenti nel contesto in cui si opera e la presa a carico delle situazioni degli allievi. Per questo motivo gli istituti scolastici tendono sempre più ad allargare la propria offerta e a trasformarsi in centri di vita sociale (Bucher & Nicolet, 2003, p. 13). Molte scuole, al di fuori del normale orario scolastico, offrono delle attività parascolastiche che possono comprendere dei momenti e degli spazi di socializzazione, di svago, di divertimento, di ripasso delle lezioni o il servizio di orario continuato (mensa e orario serale). Nel documento intitolato Profilo della professione docente (2003, p.15), si puntualizza sulle responsabilità del singolo docente in questo ambito. Viene detto che, nonostante questi compiti supplementari nel settore sociale possano essere assunti dai docenti, non vi è alcun obbligo. La scuola ha la libertà di decidere se ampliare o meno la sua offerta, affiancando al suo ruolo centrale di formazione, delle attività d integrazione sociale e di animazione socioculturale (Bucher & Nicolet, 2003, p.14). A livello normativo, ogni docente può quindi impiegare il proprio tempo libero, al di fuori delle ore lezione e dei momenti dedicati alla preparazione delle attività e alla correzione, come preferisce; non vi sono prescrizioni particolari. Nel Profilo professionale di riferimento per i docenti delle scuole comunali (CISCo Ufficio delle scuole comunali, 2007, p. 7) non vi sono riferimenti a obblighi di svolgere attività extrascolastiche, ma si chiede al docente di sfruttare il tempo fuori lezione per uno sviluppo professionale continuo che inglobi il mostrarsi interessato al costante sviluppo delle sue competenze e l aggiornarsi in merito all evoluzione dell ambiente scolastico e agli sviluppi della professione. Nel rapporto vengono descritte le competenze e i comportamenti attesi dai docenti in varie situazioni, tra le quali si cita anche il riferimento alla comunità locale. Leggendo però le varie declinazioni comportamentali non si ritrovano relazioni evidenti con questa, se non i rapporti con i genitori, mentre le attività extrascolastiche non sono prese in considerazione quali punti indispensabili o a favore di un docente, neppure in ottica di aggiornamento continuo e costante attenzione a una delle realtà strettamente connesse con il mondo degli allievi. 5

10 2.2.2 Attività extrascolastiche: obiettivi e scopi Come si può notare facilmente ricercando delle attività dedicate ai giovani nella fascia di età 0-15 anni, vi sono innumerevoli proposte 4 di attività da svolgere nel tempo libero. Una motivazione che si può fornire a questa offerta tanto variegata e numerosa, la si può ritrovare analizzando la realtà socio-culturale odierna, presentata in precedenza. Le attività extrascolastiche destinate a bambini e ragazzi offrono infatti momenti di incontro, svago, divertimento, studio, sport, ecc. Le proposte sono assai diversificate e, ogni ente promuove obiettivi diversi a dipendenza della sua natura. Nella descrizione e spiegazione degli scopi promossi nelle attività dell organizzazione Tandem Spicchi di vacanza 5, progetto che coinvolge tutti gli enti che operano in favore dell'infanzia e della gioventù della Svizzera italiana, si ritrovano i seguenti obiettivi: offrire delle attività, delle occasioni che possano permettere ai ragazzi di: scoprire, conoscere e conoscersi; incrementare le occasioni di svago e di incontro; creare dei nuovi legami tra il bambino / adolescente e l ambiente circostante (Tandem-Spicchi di vacanza). Dagli obiettivi posti da quest organizzazione si nota come le attività intendono promuovere la socializzazione tra i partecipanti e la conoscenza di ciò che li circonda. Perciò, nonostante l affermazione di Ghisla e Arrigo (2004, p. 12), la socializzazione dei giovani, intesa come lo sviluppo dell identità personale e sociale, è invero da sempre un compito educativo essenziale della scuola, non viene promossa unicamente dall istituzione scolastica, ma anche da altri enti e organizzazioni che intendono creare occasioni di incontro per bambini e ragazzi. Come esposto nel capitolo precedente, alla scuola sono affidati nuovi ed importanti compiti, tra cui l integrazione e la socializzazione dei giovani, ma accanto a questa istituzione vi sono anche altre proposte che mirano agli stessi obiettivi, tramite attività organizzate all esterno dell orario scolastico. 2.3 Il docente e le attività extrascolastiche Buzzanella e Buzzi (2009) presentano un indagine svolta tra i docenti del Trentino e, un capitolo del documento, è dedicato a illustrare l impegno degli insegnanti trentini dentro e fuori la scuola. Con questa ricerca gli autori hanno rilevato la portata di quanto svolto dai docenti all interno e all esterno dell istituto e la relazione tra i due eventuali impegni. Essi infatti affermano che dentro la scuola, in quanto gli insegnanti spesso non si limitano al proprio lavoro didattico, ma ricoprono incarichi che possono essere continuativi per la durata 4 Ad esempio, l opuscolo Infovacanze raccoglie numerose proposte di attività destinate a bambini e ragazzi per il tempo libero estivo: informa su soggiorni, colonie e corsi in Ticino e su alcune iniziative proposte oltre cantone. 5 Informazioni tratte del sito web: 6

11 dell anno scolastico oppure di natura estemporanea e fuori dalla scuola, in quanto esperti nella propria disciplina e quindi possibili consulenti o liberi professionisti nel settore di riferimento (Buzzanella & Buzzi, 2009, p. 119). Gli autori partono dal presupposto che le competenze che gli insegnanti possiedono li rendono esperti nella propria disciplina (Buzzanella & Buzzi, 2009, p. 126) e che questa expertise permette loro di svolgere delle attività remunerate esterne all impiego scolastico. Nella ricerca vengono considerate in particolare le lezioni private, il lavoro per case editrici e le consulenze specializzate svolte da docenti della Scuola primaria e secondaria. Dall indagine emerge che le attività lavorative extrascolastiche coinvolgono una minoranza degli insegnanti (un quinto di essi) ed emergono grandi differenze legate al grado scolastico nel quale insegnano (solo il 7,6% dei docenti della Scuola primaria svolge queste attività, a confronto del 34% di coloro che insegnano nella Scuola secondaria di secondo grado). Dalla ricerca emerge inoltre che il 52% degli intervistati risponde affermativamente alla domanda le attività lavorative aggiuntive al lavoro di insegnante le permettono di sviluppare competenze o contatti utili anche per il suo lavoro di insegnante? (Buzzanella & Buzzi, 2009, p. 128), mentre il 33% afferma che ciò è vero, ma in modo parziale e il 15% risponde negativamente. Un interrogativo della ricerca intendeva valutare se l impegno scolastico, gli incarichi svolti all interno della scuola e quelli extralavorativi coesistono tra loro o si escludono a vicenda. Dai dati emerge che vi è piuttosto una convergenza, ovvero i docenti maggiormente impegnati all interno del mondo scolastico, svolgono anche attività lavorative extra in modo più frequente. Si conclude perciò che il fatto di svolgere funzioni extra-didattiche sia un buon indicatore della disponibilità ad assumersi compiti e responsabilità (Buzzanella & Buzzi, 2009, p. 129), anche a livello organizzativo. Durante il modulo, tenuto alla SUPSI DFA, MoA Modulo di Approfondimento (anno acc ), un docente attivo nelle Scuole Comunali del Cantone e vicedirettore nell Istituto in cui insegna, ci ha fornito la sua opinione riguardo al rapporto tra docenti e attività extrascolastiche. Egli ritiene che il fatto di svolgere delle attività extrascolastiche costituisce un importante occasione di confronto e conoscenza del mondo dei bambini e dei ragazzi e diventa viepiù determinante quando il docente si allontana dall età degli allievi, così che possa rimanere aggiornato ed in contatto con gli interessi ed il modo di agire dei giovani con cui lavora. Inoltre, afferma che il fatto di svolgere delle attività extrascolastiche con i bambini rappresenta anche una valida modalità per stabilire dei contatti con gli adulti e, in particolare, con i genitori degli allievi. Il docente e vicedirettore, che è pure coinvolto nelle procedure di assunzione per quanto concerne la realtà in cui insegna, sostiene che il fatto di praticare attività extrascolastiche con bambini, costituisce un punto a favore del candidato, in 7

12 quanto si auspica che potrà essere attivo anche nel promuovere altre attività con i giovani, per l Istituto scolastico o il Comune. Inoltre, con questo suo impegno esprime voglia di lavorare e stare a contatto con bambini e ragazzi. Nella ricerca presentata da Tamagni e Tozzini (1999) le autrici hanno sottoposto un questionario a un campione di docenti, chiedendo loro di valutare 25 aspetti che possono causare difficoltà all insegnante, scegliendo tra difficile e non difficile. Tra questi diversi aspetti che caratterizzano la professione insegnante (Tamagni & Tozzini, 1999, p. 21) compare anche essere coinvolto in attività extra e parascolastiche. Con il 33% degli intervistati che rispondono difficile, questo fattore è il sesto aspetto che causa maggiori difficoltà ai docenti a pari merito con il convivere con l immagine degli insegnanti veicolata dalla opinione pubblica (Tamagni & Tozzini, 1999, p. 21). Si nota quindi come gli aspetti della professione che coinvolgono elementi esterni alla pratica didattica, risultino anch essi fonti di difficoltà. Nella successiva intervista svolta dalle autrici, i docenti non sono più stati interrogati a riguardo degli impegni extrascolastici ma, da quanto emerge dai risultati della ricerca, si fa riferimento a un progressivo invecchiamento del corpo docente. Dalle interviste emergono due tematiche importanti: la prima afferma che i docenti che dedicano tutta la propria vita all insegnamento, sacrificando anche parte dei loro interessi, rischiano di non avere a disposizione valvole di sfogo e batterie di ricarica, mentre la seconda mette in evidenza l importanza di mantenersi sempre aggiornato, facendo riferimento ai corsi di aggiornamento. Il 13 % degli intervistati sottolinea inoltre come l aumento della differenza d età tra docenti e allievi possa comportare una certa difficoltà nel capire i problemi e le tendenze di una generazione che si muove secondo logiche diverse e nell assumersi quindi una responsabilità educativa nei loro confronti. Sullo stesso tema sono state interrogate pure le autorità: secondo il loro parere la riflessione va riportata alle scelte di vita del docente e il problema risulta piuttosto legato alla vita ripetitiva e senza quell inserimento sociale che obbliga una persona a confrontarsi, discutere, collaborare fuori dalla scuola (Tamagni & Tozzini, 1999, p. 34) svolta da alcuni docenti. Una possibile soluzione al problema dell invecchiamento dei docenti - con conseguente rischio di allontanarsi eccessivamente dalla realtà dei giovani - e per rispondere al bisogno di costante aggiornamento, non potrebbe essere risolto svolgendo delle attività extrascolastiche a contatto con bambini e ragazzi lungo tutto il corso della propria carriera professionale? La risposta a questo interrogativo non vi è, ma forse si potranno trarre alcune conclusioni al termine della ricerca. Per ora l unico aspetto in questa direzione viene dalla formazione dei docenti alla SUPSI DFA: la scuola obbliga infatti gli studenti del terzo anno 8

13 con curricolo Scuola dell infanzia, ad uno stage estivo (da svolgere tra il IV ed il V semestre, della durata di due settimane) in un contesto non scolastico. Alcuni obiettivi di questa esperienza, riportati sul descrittivo del modulo 6, sono la conoscenza di contesti educativi formalizzati a carattere extrascolastico e la capacità di avvicinare il sistema educativo extrascolastico in termini di adattamento professionale. Riprendendo l interrogativo esposto in precedenza, potrebbe forse questo stage, volto alla conoscenza di enti extrascolastici, allargarsi alla pratica dei docenti in attività al fine di promuovere un aggiornamento continuo? 6 Descrittivo modulo formazione di base, Pratica educativa in contesti non scolastici, stage SI (III anno, V semestre), scienze dell educazione, SUPSI DFA Locarno. 9

14 3. SCELTE METODOLOGICHE 3.1 Ricerca quantitativa Nella ricerca si possono distinguere due piste principali: una qualitativa focalizzata allo studio di materiale verbale e iconico e una quantitativa incentrata invece all analisi dei dati numerici. La scelta della metodologia più adatta va fatta tenendo conto della realtà che si vuole indagare e ciò comporta delle diverse strategie messe in atto per il rilevamento e la successiva analisi dei dati. Nella ricerca qualitativa lo scopo è di approfondire la specificità; essa mira allo studio del singolo, del particolare e l obiettivo è perciò idiografico. Per contro, la ricerca quantitativa cerca di risalire a ciò che accomuna più casi, studiando le relazioni tra i diversi fattori di un contesto. L obiettivo è quindi quello di spiegare o descrivere o prevedere eventi osservabili [...] e consiste, infatti, nell individuare e misurare le variabili e i loro legami nello studio della realtà empirica, sulla base di attese (ipotesi) che il ricercatore formula alla luce di teorie e di ricerche precedenti (Coggi & Ricchiardi, 2005, p. 25). Per la mia ricerca ho scelto di seguire una pista prevalentemente quantitativa dato che intendevo sondare la portata del fenomeno e, al fine di repertoriare le possibili attività extrascolastiche svolte dai docenti (o futuri docenti), questa modalità risulta maggiormente appropriata in quanto permette di raccogliere un insieme considerevole di dati. Nonostante abbia deciso di intraprendere la via quantitativa nel rilevare i dati, al momento dell analisi accanto alle tecniche di analisi di tipo logico e statistico tipiche di questa modalità di ricerca accosto anche uno studio dei dati più qualitativo, in particolare nel caso delle domande aperte, che mi permette così di prendere in considerazione anche delle informazioni meno rilevanti in quanto a frequenza ma, nonostante ciò, molto significative. 3.2 Strumenti della ricerca Gli strumenti adottati per svolgere una ricerca vengono scelti in base allo scopo della stessa, ai fattori che devono venir rilevati ed ai soggetti presi in considerazione. Nella ricerca quantitativa vengono svolte in modo sistematico delle misurazioni che permettono di ottenere dei dati numerici. Gli strumenti di rilevazione sono perciò prevalentemente molto strutturati cosicché consentano la classificazione dei dati e la misurazione della frequenza delle diverse variabili. Infatti, una volta raccolti i dati vengono trasformati in numeri e, tramite un analisi statistica, è possibile sintetizzarli e metterli in relazione tra loro. 10

15 3.2.1 Il questionario Il questionario è un strumento di ricerca che permette di raccogliere dei dati su un ampio gruppo di persone simultaneamente. La raccolta delle informazioni avviene tramite una lista organizzata di domande, somministrate al campione scelto per iscritto. Grazie a questo strumento è possibile raccogliere dati a riguardo delle opinioni, degli atteggiamenti, delle intenzioni e di quanto svolgono i soggetti ai quali viene somministrato. Nell elaborazione del questionario si devono seguire delle tappe che permettono di renderlo uno strumento affidabile. Le domande posso essere formulate secondo due criteri principali: aperte o chiuse. Le prime permettono al soggetto di rispondere in modo libero e discorsivo, vengono utilizzate soprattutto nella fase di ricerca esplorativa (successivamente trasformate in domande chiuse) e richiedono la codifica delle risposte. Nei quesiti a risposta chiusa, invece, il rispondente deve scegliere tra alternative obbligate, proposte dal ricercatore. Si distinguono diversi tipi di domande chiuse: dicotomiche, a scelta multipla, ad imbuto, con graduatorie di risposta, con scale di giudizio. Il questionario che ho proposto ai miei intervistati prevede sia domande chiuse (dei primi tre tipi sopra presentati), sia domande aperte. Alcune di quest ultime sono state trasformate anch esse in domande chiuse dopo la prima somministrazione al campione composto dagli studenti. 3.3 Fasi d attuazione La ricerca è stata strutturata in diverse fasi che hanno permesso l elaborazione del questionario, la somministrazione ai diversi campioni, la rilevazione dei dati e l analisi di quanto raccolto. Le teorie e le ricerche precedenti, mi hanno permesso di formulare le ipotesi di ricerca. Da esse e dalla definizione dei temi da toccare nello studio, è stato possibile individuare le variabili da indagare e specificare gli indicatori, ovvero gli aspetti osservabili che ne permettono la misura. Il questionario 7 proposto agli intervistati è composto da tre parti principali: dati personali, indagine sulle attività extrascolastiche e implicazioni con il ruolo di docente (assunzione, inserimento nell istituto e competenze professionali). La somministrazione è avvenuta in due momenti distinti: dopo la prima fase 8 che può venir considerata quale somministrazione pilota - nella quale il questionario è stato sottoposto agli studenti DFA, a seguito di alcune revisioni e trasformazione in domande 7 In allegato 8.1 è presente il questionario rivolto agli studenti, mentre in allegato 8.2 quello sottoposto al campione di docenti. 8 Svolta in novembre

16 chiuse di alcuni quesiti aperti, ho elaborato la versione somministrata 9 al secondo campione, composto da neodocenti e docenti con esperienza. Una volta ritornati i questionari, i dati sono stati registrati, le risposte delle domande aperte sono state codificate in categorie funzionali e ho proseguito con l analisi dei dati 10 per poi rendere noti gli esiti del mio studio. 3.4 Campionamento La mia indagine prevede tre categorie di soggetti: studenti DFA (in qualità di futuri docenti), neodocenti (fino al quinto anno di insegnamento, considerando l anno scolastico in corso) e docenti con esperienza. Per quanto riguarda le prime due categorie, il questionario è stato sottoposto all intero gruppo di studenti e di neodocenti, mentre per la restante categoria si è proceduto ad un campionamento selettivo dei soggetti, selezionando il 25 % dei docenti con esperienza impegnati nella scuola dell infanzia e il 14,3 % di quelli inseriti nella scuola elementare. 9 Svolta in dicembre 2009 gennaio Seguendo la modalità esposta nel capitolo 4. Modalità di analisi dei dati. 12

17 4. MODALITÀ DI ANALISI DEI DATI I dati raccolti tramite questionario, sono stati dapprima registrati su un supporto informatico Excel e poi analizzati con l utilizzo dei programmi statistici SPSS (Statistical Package for the Social Sciences). In tal modo ho ottenuto dei dati numerici ed è stato possibile analizzarli utilizzando le tecniche di tipo logico e statistico tipiche della ricerca quantitativa. La statistica è la scienza che descrive, attraverso modalità matematiche, diversi fenomeni della realtà. Le tecniche di statistica che ho utilizzato per l analisi dei dati sono di due tipi: il calcolo delle frequenze e le tabelle di contingenza. La frequenza corrisponde al numero di volte in cui un determinato evento si presenta, ossia il numero di unità statistiche in cui una modalità è stata rilevata. Questo numero è detto frequenza assoluta. Da essa, dividendola per il numero totale di unità statistiche, è possibile ottenere la frequenza relativa, mentre moltiplicandola per 100 si ottiene la frequenza percentuale. Nell analisi dei dati ho utilizzato sopratutto questa tecnica, calcolando le frequenze percentuali, ad esempio per determinare il numero di attività extrascolastiche svolte dagli studenti. Le tabelle di contingenza sono un tipo particolare di tabelle a doppia entrata, composte da righe e colonne, che servono a rappresentare e analizzare le relazioni tra una o più variabili, riportandone le frequenze congiunte. Ho utilizzato questa modalità di analisi per incrociare tra loro due variabili, ad esempio le tre categorie prese in considerazione dalla mia indagine (studenti, neodocenti e docenti con esperienza) con le motivazioni che portano gli intervistati a svolgere delle attività extrascolastiche. 13

18 5. DISCUSSIONE DEI DATI Nel condurre la presentazione dei risultati ottenuti, mi muoverò sempre su due livelli: principalmente quello quantitativo seguendo le modalità presentate nel capitolo 4. Modalità di analisi dei dati e ricorrendo ad un analisi di tipo più qualitativo (domande aperte del questionario), al fine di valorizzare anche gli elementi apparsi con basse frequenze, ma significativi. Tramite questionario ho raccolto una quantità considerevole di dati, ma vista l entità del lavoro, non ho potuto prenderli in considerazione tutti. Nell Allegato 8.3. Questionario con frequenze sono comunque riportate le frequenze riscontrate per ogni variabile e i tassi di risposta al questionario. 5.1 Soggetti coinvolti nella ricerca e attività extrascolastiche In questo capitolo intendo mettere in luce analogie e differenze tra l impegno dedicato dai futuri docenti, dai neodocenti e dai docenti con esperienza verso le attività extrascolastiche. Un primo aspetto che emerge dai risultati, mostra che la maggioranza di studenti, di neodocenti e di docenti con esperienza hanno già svolto almeno un attività extrascolastica in qualità di animatori. Non vi sono grandi differenze fra le tre categorie anche se è possibile notare che i neodocenti ottengono una percentuale maggiore rispetto agli altri intervistati. Fig Svolge attualmente o ha svolto in passato attività extrascolastiche? valori percentuali Studenti Neodocenti Docenti con esperienza Sì No 14

19 L impegno dei neodocenti è in parte attestato quando viene chiesto loro di confermare se anche attualmente 11 praticano attività extrascolastiche. Fig Attualmente svolge attività extrascolastiche? valori percentuali Sì No 10 0 Studenti Neodocenti Docenti con esperienza Alcune possibili spiegazioni del maggior impegno profuso dai futuri docenti e dai neodocenti rispetto all altra categoria presa in esame, si ritrovano nelle risposte fornite alla domanda che intendeva indagare i motivi per cui la carriera professionale ha portato a modificare il proprio coinvolgimento in questo tipo di attività. A questo interrogativo vengono date risposte assai variegate (cfr. Fig. 5.3) con alcune differenze tra neodocenti e docenti con esperienza. 11 Anno scolastico , compresa l estate

20 Fig Elementi che influenzano la modifica degli impegni nelle attività extrascolastiche, nel corso della carriera professionale valori percentuali Altre attività Impegni familiari Tempo dedicato alla scuola Tempo a disposizione Diploma ha dato coraggio Variabili da anno in anno Esperienza Richieste da vari Altro Neodocenti Docenti con esperienza Gli impegni familiari sono una motivazione molto frequente tra i docenti con esperienza: mi sono sposata e ho formato famiglia (d_52) 12. Per contro, il 10,3 % dei neodocenti rispetto al 4,3 % di docenti con esperienza, afferma invece che, con l entrata nel mondo del lavoro, ha del tempo a disposizione da offrire a questo tipo di attività: mercoledì pomeriggio libero dal lavoro e quindi disponibile per la società (nd_193). Circa il 10 % degli intervistati afferma che, aver ottenuto il diploma e la patente per l insegnamento, ha dato loro il coraggio di impegnarsi maggiormente in attività extrascolastiche e inoltre ha fornito loro più possibilità, possedere il diploma di docente mi ha aperto nuove strade (d_79). Un intervistato inoltre afferma che maggiore è il grado di formazione e maggiore il numero di attività nelle quali si è coinvolti (d_28) oppure ho più competenze e conoscenze (d_203). Anche dagli studenti emerge una motivazione di questo tipo, ma legata agli studi: frequentare l'asp mi ha dato più sicurezza per affrontare attività extrascolastiche (s_93). 12 Studenti: s_nr. del caso, neodocenti: nd_nr. del caso, docenti con esperienza: d_nr. del caso. 16

Cartificate of Advanced Studies (CAS) Docente di pratica professionale SI/SE

Cartificate of Advanced Studies (CAS) Docente di pratica professionale SI/SE Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento formazione e apprendimento Cartificate of Advanced Studies (CAS) Docente di pratica professionale SI/SE Piano degli studi 2015/2016

Dettagli

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi Introduzione Tina e Toni è un programma di prevenzione globale destinato alle strutture che accolgono bambini dai 4 ai 6 anni, come le scuole dell infanzia, le strutture d accoglienza e i centri che organizzano

Dettagli

UNISU UNIVERSITA TELEMATICA DELLE SCIENZE UMANE

UNISU UNIVERSITA TELEMATICA DELLE SCIENZE UMANE UNISU UNIVERSITA TELEMATICA DELLE SCIENZE UMANE Niccolò Cusano Relazione del Nucleo di Valutazione Relazione in ordine alle opinioni degli studenti frequentanti sulle attività didattiche telematiche Nucleo

Dettagli

FUNZIONE STRUMENTALE ORIENTAMENTO PROGETTO

FUNZIONE STRUMENTALE ORIENTAMENTO PROGETTO Istituto Comprensivo Casale 1 Anna D Alençon Scuola Secondaria di 1 grado Andrea Trevigi Anno Scolastico 2014 / 2015 FUNZIONE STRUMENTALE ORIENTAMENTO PROGETTO FINALITA Nel corso degli ultimi anni il tema

Dettagli

1 Circolo Didattico di Sondrio - Commissione per l handicap Progetto A piccoli passi

1 Circolo Didattico di Sondrio - Commissione per l handicap Progetto A piccoli passi QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE SULLA QUALITÁ DELL INTEGRAZIONE SCOLASTICA Questo questionario è rivolto a tutte le insegnanti della scuola e vuole essere un occasione di riflessione sulle variabili di

Dettagli

Indagine sulla soddisfazione lavorativa e le condizioni di lavoro dei docenti delle scuole cantonali - 2014

Indagine sulla soddisfazione lavorativa e le condizioni di lavoro dei docenti delle scuole cantonali - 2014 Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Divisione della scuola Indagine sulla soddisfazione lavorativa e le condizioni di lavoro dei docenti delle scuole cantonali - 2014 Giugno 2015

Dettagli

5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado

5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado 5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado Percorso didattico: Accogliere e orientare Autore Corrado Marchi e Franca Regazzoni Scuola Scuola secondaria di secondo grado Classi Prima, terza, quarta

Dettagli

RELAZIONE SUL PROCESSO DI AUTOANALISI E AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO

RELAZIONE SUL PROCESSO DI AUTOANALISI E AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA DI 1 GRADO E LICEO SCIENTIFICO Via Cupello n.2-86047 Santa Croce di Magliano (CB) Tel 0874728014 Fax 0874729822 C.F. 91040770702 E-mail

Dettagli

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola.

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola. Passo dopo Passo Insieme supporta la motivazione scolastica dei preadolescenti, promuovendo percorsi che mettano al centro le risorse personali dei ragazzi e offrendo progetti di formazione e sensibilizzazione

Dettagli

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI Progetto in rete I CARE CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI ISTITUTO COMPRENSIVO DI CURNO SCUOLA PRIMARIA DI CURNO GIOCHI LOGICI MATEMATICI REFERENTE: Ins. EPIFANI VINCENZA Tempi : II QUADRIMESTRE Classe

Dettagli

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Il processo didattico è un processo di natura relazionale, nel senso che mira a sostenere lo studente nella

Dettagli

La scuola italiana della provincia di Bolzano

La scuola italiana della provincia di Bolzano AUTONOME PROVINZ BOZEN - SÜDTIROL Italienisches Bildungsressort Landes-Evaluationsstelle für das italienischsprachige Bildungssystem PROVINZIA AUTONOMA DE BULSAN - SÜDTIROL Departimënt Educazion y formaziun

Dettagli

Questionario insegnante

Questionario insegnante Questionario insegnante Anno Scolastico 2014/15 INVALSI Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione Via Borromini, 5 Villa Falconieri 00044 Frascati (Roma)

Dettagli

PROGETTO DENOMINAZIONE DESTINATARI UNA CASCATA DI LIBRI

PROGETTO DENOMINAZIONE DESTINATARI UNA CASCATA DI LIBRI PROGETTO DENOMINAZIONE DESTINATARI PROGETTO LETTURA UNA CASCATA DI LIBRI Il progetto si prefigge di stimolare negli alunni la motivazione alla lettura e all ascolto, guidandoli a saper cogliere, insieme

Dettagli

INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2014/15 INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE DEGLI STUDENTI NEL CDA SIMONE MAGNANO

INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2014/15 INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE DEGLI STUDENTI NEL CDA SIMONE MAGNANO INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2014/15 INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE DEGLI STUDENTI NEL CDA SIMONE MAGNANO Castellanza, 10 novembre 2014 Signor Presidente, Magnifico Rettore, colleghi Studenti, Autorità

Dettagli

Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana

Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana Oggetto: Relazione della quarta annualità del progetto Psicologia dell'apprendimento della matematica.

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ - ORIENTAMENTO

PROGETTO CONTINUITÀ - ORIENTAMENTO PROGETTO CONTINUITÀ - ORIENTAMENTO Il progetto nasce dall' esigenza di garantire all'alunno un percorso formativo organico e completo, cercando di prevenire eventuali difficoltà che potrebbero insorgere

Dettagli

Comitato di applicazione Codice di autoregolamentazione Media e Minori

Comitato di applicazione Codice di autoregolamentazione Media e Minori Comitato di applicazione Codice di autoregolamentazione Media e Minori RISULTATI DELLA RICERCA GIOVANI E MEDIA. LA TELEVISIONE CHE VORREI ALESSANDRIA 21 MARZO 2014 L'indagine campionaria è stata realizzata

Dettagli

Progetto impari A SCUOLA SINTESI DEI RISULTATI DELL INDAGINE

Progetto impari A SCUOLA SINTESI DEI RISULTATI DELL INDAGINE Progetto impari A SCUOLA SINTESI DEI RISULTATI DELL INDAGINE GIUGNO 2014 GLI OBIETTIVI Nell ambito del progetto impari A SCUOLA, è stata svolta un indagine negli istituti scolastici secondari di primo

Dettagli

- Programmi per la scuola elementare. Divisione della scuola, Ufficio delle scuole comunali. Approvati il 22 maggio 1984 dal Consiglio di Stato

- Programmi per la scuola elementare. Divisione della scuola, Ufficio delle scuole comunali. Approvati il 22 maggio 1984 dal Consiglio di Stato 1. Elementi di contesto La revisione dei piani di studio svizzeri avviene all interno di un contesto ben definito che è quello legato all Accordo intercantonale sull armonizzazione della scuola obbligatoria

Dettagli

PROGETTO DI TIROCINIO PER GLI STUDENTI DEI TFA. Motivazioni e criteri di riferimento

PROGETTO DI TIROCINIO PER GLI STUDENTI DEI TFA. Motivazioni e criteri di riferimento 1 PROGETTO DI TIROCINIO PER GLI STUDENTI DEI TFA Motivazioni e criteri di riferimento La formazione completa degli insegnanti sul piano universitario rimanda alla necessità di tenere presente che nel definire

Dettagli

La valutazione dei corsi da parte degli studenti: confronto fra carta e web

La valutazione dei corsi da parte degli studenti: confronto fra carta e web La valutazione dei corsi da parte degli studenti: confronto fra carta e web Lorenzo Bernardi e Gianpiero Dalla Zuanna Dipartimento di Scienze Statistiche Nel 2011, l Ateneo di Padova ha introdottola procedura

Dettagli

Progetto. A.S. 2015/2016 Scuola secondaria di primo grado. Sedi di Simaxis, Solarussa, Ollastra, Villaurbana e Zerfaliu

Progetto. A.S. 2015/2016 Scuola secondaria di primo grado. Sedi di Simaxis, Solarussa, Ollastra, Villaurbana e Zerfaliu ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SIMAXIS -VILLAURBANA DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO VIA ROMA, 2-09088 SIMAXIS (OR) - Tel. 0783 405013/Fax 0783 406452 C.F. 80005050952 - E-Mail

Dettagli

I giovani del Medio Campidano

I giovani del Medio Campidano I giovani del Medio Campidano Indagine sulla condizione giovanile nella Provincia Ufficio Provinciale Giovani - Associazione Orientare Pagina 1 Il questionario è stato predisposto e realizzato dall Associazione

Dettagli

L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare?

L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare? L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare? Rosamaria Maggio Il contesto europeo Da un esame dei documenti dell Unione Europea in materia di istruzione - sia per quanto

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE PER GLI INSEGNANTI

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE PER GLI INSEGNANTI QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE PER GLI INSEGNANTI Nel presente questionario troverà un elenco di affermazioni riguardanti alcuni comportamenti riferiti alla sua attività professionale. Per ciascuna affermazione

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Introduzione dell insegnamento «attività teatrali e intelligenza emotiva» nei programmi scolastici

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Introduzione dell insegnamento «attività teatrali e intelligenza emotiva» nei programmi scolastici Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1157 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CECCACCI RUBINO Introduzione dell insegnamento «attività teatrali e intelligenza emotiva»

Dettagli

Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo

Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo Alice (15 anni, II ITIS, 8 sett. Appr. Cooperativo, marzo-aprile 2005) E una ragazzina senza alcun problema di apprendimento

Dettagli

I.I.S. F. Brunelleschi - L. Da Vinci Istituto Tecnico per Geometri "F. Brunelleschi" Corso Serale SIRIO Frosinone A.S. 2012-2013

I.I.S. F. Brunelleschi - L. Da Vinci Istituto Tecnico per Geometri F. Brunelleschi Corso Serale SIRIO Frosinone A.S. 2012-2013 I.I.S. F. Brunelleschi - L. Da Vinci Istituto Tecnico per Geometri "F. Brunelleschi" Corso Serale SIRIO Frosinone A.S. 2012-2013 PRESENTAZIONE DEL CORSO SERALE PROGETTO SIRIO Il CORSO SERALE A partire

Dettagli

Egregio Dirigente, INVALSI Villa Falconieri - Via Borromini, 5-00044 Frascati RM tel. 06 941851 - fax 06 94185215 www.invalsi.it - c.f.

Egregio Dirigente, INVALSI Villa Falconieri - Via Borromini, 5-00044 Frascati RM tel. 06 941851 - fax 06 94185215 www.invalsi.it - c.f. Egregio Dirigente, Le scrivo per informarla che sono state avviate le procedure per la realizzazione della rilevazione degli apprendimenti degli studenti per l anno scolastico 2010-11 nell ambito del Servizio

Dettagli

I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca

I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca ANALISI ESPERIENZE PREGRESSE (da compilare on line entro il 30 marzo 2008) I CARE Imparare Comunicare Agire

Dettagli

Relazione attività di Tutorato specializzato a.a. 2013/2014 II semestre

Relazione attività di Tutorato specializzato a.a. 2013/2014 II semestre Relazione attività di Tutorato specializzato a.a. 2013/2014 II semestre Nel mese di Luglio, a chiusura del secondo semestre, l Ufficio Orientamento e Diritto allo Studio ha monitorato il servizio di tutorato

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE GUIDO CAVALCANTI SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI Via G. Guerrazzi 178, 50019 Sesto Fiorentino (FI) Tel 055/4210541/2 FAX 055/4200419 E-mail: fimm495000x@istruzione.it Sito Web: www.scuolacavalcanti.gov.it

Dettagli

Relazione attività di Tutorato specializzato a.a. 2013/2014 I semestre

Relazione attività di Tutorato specializzato a.a. 2013/2014 I semestre Relazione attività di Tutorato specializzato a.a. 2013/2014 I semestre Nel mese di marzo, a chiusura del primo semestre, l Ufficio Orientamento e Diritto allo Studio ha monitorato il servizio di tutorato

Dettagli

COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE

COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE 1 COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE La Scuola dell Infanzia Silvio Moretti offre il servizio di Micro-nido ai bambini residenti e non, in età compresa dai 18 ai 36 mesi. Il nido nasce per far

Dettagli

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n.

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. 73) anno accademico 2008/2009 Aprile 2010 INDICE 1. Obiettivi 2. Metodologia

Dettagli

One to one nella didattica: esiti e processi

One to one nella didattica: esiti e processi One to one nella didattica: esiti e processi Ricerca presentata dal Presidente dell Indire Giovanni Biondi in occasione del Primo Forum sulla Scuola del futuro (Firenze, 23 ottobre 2015) In questi anni

Dettagli

SCHEDA DEL PROGETTO N 07

SCHEDA DEL PROGETTO N 07 Allegato 2 PROGETTI MIGLIORATIVI DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2013/2014 CIRCOSCRIZIONE CONSOLARE: MADRID Scuola/iniziative scolastiche: SCUOLA STATALE ITALIANA DI MADRID SCHEDA DEL PROGETTO N

Dettagli

Egregio Dirigente, INVALSI Villa Falconieri - Via Borromini, 5-00044 Frascati RM tel. 06 941851 - fax 06 94185215 www.invalsi.it - c.f.

Egregio Dirigente, INVALSI Villa Falconieri - Via Borromini, 5-00044 Frascati RM tel. 06 941851 - fax 06 94185215 www.invalsi.it - c.f. Egregio Dirigente, Le scrivo per informarla che sono state avviate le procedure per la realizzazione della rilevazione degli apprendimenti degli studenti per l anno scolastico 2009/10 nell ambito del Servizio

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE SARDEGNA

DIREZIONE REGIONALE SARDEGNA DIREZIONE REGIONALE SARDEGNA REPORT RELATIVO ALL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION ESEGUITA PRESSO LA SEDE DI CAGLIARI e pertinenze (CARBONIA) ANNO 2013 RISULTATI FINALI DEL QUESTIONARIO SULLA SODDISFAZIONE

Dettagli

Circolo Didattico di Angera

Circolo Didattico di Angera Circolo Didattico di Angera COME AIUTARE I PROPRI FIGLI A STUDIARE E A FARE I COMPITI Indicazioni della scuola per i genitori degli alunni Linee guida redatte dal Nucleo di Autovalutazione e Qualità PREMESSA

Dettagli

Capitolo 5 Qual è il "mandato" della scuola?

Capitolo 5 Qual è il mandato della scuola? Pagina 1 di 6 Qual è il "mandato" della scuola? 5.1 Ogni scuola deve avere un "mandato" 5.2 Le nostre idee-guida 5.3 Le dimensioni dell apprendimento 5.4 La funzione educativa del rispetto delle regole

Dettagli

LA CONTINUITA EDUCATIVA E L ORIENTAMENTO

LA CONTINUITA EDUCATIVA E L ORIENTAMENTO ANNO SCOLASTICO 2014 2015 LA CONTINUITA EDUCATIVA E L ORIENTAMENTO Un ponte per unire: in viaggio con Ulisse SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA- SCUOLA PRIMARIA - SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Venite

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA

AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA DON AGOSTINO ROSCELLI P:zza Paolo da Novi,11 16129 Genova ANNO SCOLASTICO 2014 2015 La scuola dell infanzia non è scuola dell obbligo,

Dettagli

Milano, 22/09/2015. Dirigente Scolastico Prof.ssa Angela Izzuti 15.15-16.15 GIOVEDI 1/10 16.15-17.15 14.15-15.15 15.15 16.15 VENERDI 2/10 16.15 17.

Milano, 22/09/2015. Dirigente Scolastico Prof.ssa Angela Izzuti 15.15-16.15 GIOVEDI 1/10 16.15-17.15 14.15-15.15 15.15 16.15 VENERDI 2/10 16.15 17. Circolare n. 14 A Docenti corsi diurni Oggetto: Consigli di Classe Sono convocati i Consigli di Classe, secondo il calendario allegato, con il seguente OdG 1. Andamento didattico disciplinare (per le classi

Dettagli

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA 1 via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA CHE COS E IL

Dettagli

Relazione annuale sulla valutazione della didattica da parte degli studenti A.A. 2009/2010

Relazione annuale sulla valutazione della didattica da parte degli studenti A.A. 2009/2010 UNIVERSITA DEGLI STUDI DEL PIEMONTE ORIENTALE Relazione annuale sulla valutazione della didattica da parte degli studenti A.A. 2009/2010 Aprile 2011 Indice Premessa 1. La metodologia adottata. 3 2. Lo

Dettagli

PERCORSI DI EDUCAZIONE ALLA SALUTE

PERCORSI DI EDUCAZIONE ALLA SALUTE Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes GRAZIA MAURI E SAVIEM PERCORSI DI EDUCAZIONE ALLA SALUTE UN PROGRAMMA PER LA SCUOLA

Dettagli

Questo documento è uno strumento a disposizione degli insegnanti di sostegno e dei docenti curricolari.

Questo documento è uno strumento a disposizione degli insegnanti di sostegno e dei docenti curricolari. H A N D I C A P E S C U O L A Questo documento è uno strumento a disposizione degli insegnanti di sostegno e dei docenti curricolari. L INTEGRAZIONE DELLE PERSONE IN SITUAZIONE DI HANDICAP L art. 3 della

Dettagli

Neoassunti 2015/16. BOZZA :Il bilancio di competenze iniziale. Versione del 09/12/15

Neoassunti 2015/16. BOZZA :Il bilancio di competenze iniziale. Versione del 09/12/15 Neoassunti 2015/16 BOZZA :Il bilancio di competenze iniziale Versione del 09/12/15 Sommario Sommario Sommario... 1 Introduzione... 2 La guida per la compilazione del Bilancio di Competenze... 2 A cosa

Dettagli

Istituto Comprensivo San Giorgio di Mantova. REGOLAMENTO uscite didattiche, visite guidate e viaggi d istruzione. Premessa

Istituto Comprensivo San Giorgio di Mantova. REGOLAMENTO uscite didattiche, visite guidate e viaggi d istruzione. Premessa Istituto Comprensivo San Giorgio di Mantova REGOLAMENTO uscite didattiche, visite guidate e viaggi d istruzione Approvato dal Consiglio di Istituto con delibera n. 4 del 20/12/2012 Premessa Le uscite didattiche,

Dettagli

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3 Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione Scuola dell infanzia - Anni 3 A Identità e appartenenza. A1 Percepire e riconoscere se stesso. A1Mi conosco attraverso giochi motori sul corpo. A2 Saper

Dettagli

Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI

Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI M o d e n a, n o v e m b re 2 0 1 4 1 INDICE Pagina INFORMAZIONI

Dettagli

IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati

IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati Tu 1. Hanno risposto 32 insegnanti: 15 insegnano nella scuola secondaria inferiore, 17 in quella superiore. 2. Di questo campione, 23 insegnano

Dettagli

UNITÀ DIDATTICA: Il viandante sul mare di?

UNITÀ DIDATTICA: Il viandante sul mare di? UNITÀ DIDATTICA: Il viandante sul mare di? Scuola: secondaria di primo grado di Sappada e di Candide Classi: III OBIETTIVO: Individuare le attitudini degli alunni che sceglieranno la futura scuola superiore.

Dettagli

PROGETTO ORIENTAMENTO

PROGETTO ORIENTAMENTO PROGETTO Istituto Comprensivo F. De Andrè San Frediano a Settimo ANNO SCOLASTICO 2015 2016 REFERENTE Prof. Maurizio Anna Maria PROGETTO CLASSI PRIME a. s. 2015/2016 REFERENTE: Prof.ssa Maurizio DESTINATARI

Dettagli

ALLEGATO D: UNITA DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

ALLEGATO D: UNITA DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ALLEGATO D: SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CLASSE PRIMA Classe prima ACQUISIRE O MIGLIORARE IL SENSO DI RESPONSABILITA 1. Periodo nel corso dell intero anno, ma soprattutto durante il primo quadrimestre

Dettagli

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA DIPARIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione

Ministero della Pubblica Istruzione ALLEGATO 3 SCHEDA DI AUTOANALISI: SIAMO UNA SCUOLA INCLUSIVA? Contesto: CLASSE Azioni : DIDATTICA Esperienze/oggetti : STRATEGIE INTEGRANTI E RELAZIONI D AIUTO Quali attività/esperienze servono a favorire

Dettagli

Rapporto dal Questionari Insegnanti

Rapporto dal Questionari Insegnanti Rapporto dal Questionari Insegnanti SCUOLA CHIC81400N N. Docenti che hanno compilato il questionario: 60 Anno Scolastico 2014/15 Le Aree Indagate Il Questionario Insegnanti ha l obiettivo di rilevare la

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA DIREZIONE DIDATTICA DI CASTEL MAGGIORE PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA Nelle Indicazioni Nazionali per i Piani di Studio Personalizzati delle Attività Educative nella Scuola dell Infanzia

Dettagli

ECHO Informazioni sulla Svizzera: Regole pratiche per l insegnamento

ECHO Informazioni sulla Svizzera: Regole pratiche per l insegnamento ECHO Informazioni sulla Svizzera: Regole pratiche per l insegnamento Giugno 2005 Cari docenti, Vi ringraziamo per aver aderito al progetto ECHO mirante a fornire ai partecipanti al corso di orientamento

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini PROGETTO DI PLESSO SCUOLA PRIMARIA PIERANTONIO a. s. 2014/2015 PREMESSA La scuola rappresenta lo spazio

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Relazione Annuale 2015 della Commissione Paritetica Docenti Studenti Dipartimento/Facoltà di : Fisica Dipartimento di afferenza a partire dal 1 novembre 2015 (se modificato): Denominazione del Corso di

Dettagli

PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO

PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO anno scolastico 2012/2013 MOTIVAZIONE PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO Perché orientamento nella scuola secondaria di primo grado.

Dettagli

2.3. COMPETENZE CHIAVE E DI CITTADINANZA

2.3. COMPETENZE CHIAVE E DI CITTADINANZA QUESTIONARIO DOCENTI Gentile docente, Le chiediamo di esprimere la sua opinione su alcuni aspetti della vita scolastica e sul funzionamento della scuola nella quale attualmente lavora. Le risposte che

Dettagli

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA CLASSI PRIME A/B ANNO SCOLASTICO 2014 2015 PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA Premessa Le attuali classi prime sono composte da 44 alunni, 35 dei quali provengono dalla scuola dell Infanzia del quartiere

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE PER COMPRENDERE, SPERIMENTARE E FAR PROPRIO IL METODO

PROGETTO DI FORMAZIONE PER COMPRENDERE, SPERIMENTARE E FAR PROPRIO IL METODO LO SPAZIO MAGICO DELLA RELAZIONE TM Metodo di intervento sulle dinamiche relazionali e sulla prevenzione del disagio nella Scuola dell Infanzia e nella Scuola Primaria PRIMO LIVELLO PROGETTO DI FORMAZIONE

Dettagli

ABSTRACT. Gli obbiettivi di questo elaborato sono:

ABSTRACT. Gli obbiettivi di questo elaborato sono: ABSTRACT Dal titolo del presente elaborato, già si può intuire che l argomento di cui si andrà a trattare è l analisi degli aspetti che ruotano intorno alla maternità multiculturale. Viene presa in considerazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE 1 CURRICOLO INFANZIA-PRIMARIA-SECONDARIA DI I GRADO IMPARARE A IMPARARE Dal Curricolo Scuola Primaria e Secondaria di I

Dettagli

Progetto per la promozione della lettura INTRODUZIONE

Progetto per la promozione della lettura INTRODUZIONE Progetto per la promozione della lettura INTRODUZIONE L interesse verso la lettura ed il piacere ad esercitarla sono obiettivi che, ormai da anni, gli insegnanti della scuola primaria di Attimis si prefiggono

Dettagli

Allegato 2. Anna Magnani II anno Classe C2 Tutor: Isa Maria Sozzi RELAZIONE FINALE

Allegato 2. Anna Magnani II anno Classe C2 Tutor: Isa Maria Sozzi RELAZIONE FINALE Allegato 2 Anna Magnani II anno Classe C2 Tutor: Isa Maria Sozzi RELAZIONE FINALE Il progetto è stato modificato rispetto alla griglia di progettazione presentata a giugno. Il tempo che è stato possibile

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

Il RUOLO DELLA SECONDARIA II

Il RUOLO DELLA SECONDARIA II Orientamento per il successo scolastico e formativo Il RUOLO DELLA SECONDARIA II seconda parte 2011/2012 ruolo orientativo della secondaria II una scuola che ha un RUOLO DI REGIA Sostiene i propri studenti

Dettagli

L offerta di mense e doposcuola nelle scuole pubbliche del Cantone Ticino

L offerta di mense e doposcuola nelle scuole pubbliche del Cantone Ticino di Michela Crespi Branca e Luana Tozzini Paglia* L Ufficio del monitoraggio e dello sviluppo scolastico (UMSS) ha effettuato nell anno scolastico il censimento dei servizi pasti a mezzogiorno e dei doposcuola

Dettagli

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO Il Centro di Psicoterapia e Psicologia Clinica è un Associazione Professionale di psicoterapeuti di formazione psicoanalitica e di psicologi clinici che opera nell ambito

Dettagli

A. S. 2014/2015 A U T O V A L U T A Z I O N E

A. S. 2014/2015 A U T O V A L U T A Z I O N E A. S. 2014/2015 A U T O V A L U T A Z I O N E Con il DPR 28 marzo 2013, n. 80 è stato emanato il regolamento sul Sistema Nazionale di Valutazione (SNV) in materia di istruzione e formazione. Le istituzioni

Dettagli

7. Svolgimento del progetto

7. Svolgimento del progetto Allegato 4 SCHEMA TECNICO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI INNOVATIVI ai sensi della l.r. n.1/08 Testo unico delle leggi regionali in materia di volontariato, cooperazione sociale, associazionismo e società

Dettagli

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado anno scolastico 2014-2015 EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Premessa La preadolescenza e l adolescenza sono un periodo della vita in cui vi sono

Dettagli

Progetto 5. Formazione, discipline e continuità

Progetto 5. Formazione, discipline e continuità Istituto Comprensivo Statale Lorenzo Bartolini di Vaiano Piano dell Offerta Formativa Scheda di progetto Progetto 5 Formazione, discipline e continuità I momenti dedicati all aggiornamento e all autoaggiornamento

Dettagli

[moduli operativi di formazione] Manager. Atteggiamento, carattere, capacità, buonsenso.

[moduli operativi di formazione] Manager. Atteggiamento, carattere, capacità, buonsenso. [moduli operativi di formazione] Manager Atteggiamento, carattere, capacità, buonsenso. [MODULI OPERATIVI DI FORMAZIONE] MANAGER Ottenere risultati, dominare gli eventi, portare a termine le operazioni

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

Istituto Paritario Minerva. Progetto Educativo di Istituto (P.E.I)

Istituto Paritario Minerva. Progetto Educativo di Istituto (P.E.I) Istituto Paritario Minerva Progetto Educativo di Istituto (P.E.I) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PREMESSA La legge 62 del 10 Marzo 2000, recante Norme sulla parità scolastica e disposizioni sul diritto allo

Dettagli

ALLEGATO B. Nel corso degli anni il monitoraggio ha previsto nelle diverse annualità:

ALLEGATO B. Nel corso degli anni il monitoraggio ha previsto nelle diverse annualità: ALLEGATO B Il modello di monitoraggio Il gruppo di Progetto di PQM, nell anno scolastico 2010-2011 ha costituito un gruppo di lavoro tecnico composto dal gruppo di progetto stesso e dai ricercatori dei

Dettagli

Il progetto elaborato dall ISTITUTO PERTINI DI AFRAGOLA

Il progetto elaborato dall ISTITUTO PERTINI DI AFRAGOLA SCHEDA INFORMATIVA Il progetto elaborato dall ISTITUTO PERTINI DI AFRAGOLA Per l iniziativa ministeriale nazionale PON C3 LE(G)ALI AL SUD. UN PROGETTO PER LA LEGALITA IN OGNI SCUOLA moduli didattici: Ambientiamoci

Dettagli

APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo

APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo La ricerca di gruppo è un metodo attraverso il quale gli studenti collaborano tra di loro a piccoli gruppi per esaminare

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO

ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO Ogni docente è libero di attuare le pratiche educative che ritiene più efficaci. Le lezioni si svolgono alternando metodologie didattiche tradizionali come lezione frontale, a

Dettagli

IL COUNSELING Il counseling

IL COUNSELING Il counseling IL COUNSELING Il counseling è stato definito come un processo di interazione fra due persone il cui scopo è quello di favorire nel cliente una presa di coscienza della sua situazione esistenziale per supportarlo

Dettagli

PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 SCIENZE. Traguardi per lo sviluppo delle competenze OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 SCIENZE. Traguardi per lo sviluppo delle competenze OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 SCIENZE L insegnamento delle scienze dovrebbe essere caratterizzato dall utilizzo e dall acquisizione delle metodologie euristiche, che alimentano

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA PREMESSA L Istituto opera con particolare attenzione per l integrazione degli alunni disabili, favorendo la socializzazione, l acquisizione di autonomia

Dettagli

Educare alla cittadinanza il senso dell esperienza

Educare alla cittadinanza il senso dell esperienza Educare alla cittadinanza il senso dell esperienza Note esplicative del percorso..se c è di mezzo la pubblicità realizzato dalle classi quinte della Scuola Primaria N. Stigliani Insegnante Caterina Genovese

Dettagli

CI SONO SCELTE CHE FANNO LA DIFFERENZA

CI SONO SCELTE CHE FANNO LA DIFFERENZA CI SONO SCELTE CHE FANNO LA DIFFERENZA ISTITUTO PARITARIO D.M. 15.02.2014 Liceo Internazionale Quadriennale IL NUOVO MODO DI FARE SCUOLA. WWW.LICEOINTERNAZIONALE.ORG Liceo Internazionale Quadriennale In

Dettagli

Giochiamo al Teatro PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE. Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016

Giochiamo al Teatro PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE. Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016 PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016 A cura di Associazione A.L.Y. e Associazione Teatro Riflesso Referenti Progetto : Ylenia Mazzoni

Dettagli

TOLLO CH -VIA CAVOUR N.2

TOLLO CH -VIA CAVOUR N.2 TOLLO CH -VIA CAVOUR N.2 Tel. 0871. 961126-961587 Fax 0871 961126 email chic81300t@istruzione.it chic81300t@pec.istruzione.it www.istitutocomprensivotollo.it CHIC81300T Cod. Fisc. 80003000694 PROGETTO

Dettagli

LA REDAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO

LA REDAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO Istituto superiore per la Ricerca e la Protezione Ambientale Ministero del Lavoro, Salute e Politiche Sociali In collaborazione con: Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Ministero

Dettagli

I DIPLOMATI ECDL NEL MONDO DEL LAVORO

I DIPLOMATI ECDL NEL MONDO DEL LAVORO I DIPLOMATI ECDL NEL MONDO DEL LAVORO L articolo presenta i risultati di un indagine campionaria condotta, a luglio 22, sulla popolazione di coloro che hanno acquisito il diploma ECDL essendo già occupati

Dettagli

Azienda Sanitaria ULSS 3 Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente

Azienda Sanitaria ULSS 3 Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente Sommario Premessa 1 L indagine e il questionario di rilevazione 1 La partecipazione e le caratteristiche dei rispondenti 2 I risultati

Dettagli