Scenario macroeconomico 2 trimestre Comitato Investimenti Strategico 12 aprile 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Scenario macroeconomico 2 trimestre 2012. Comitato Investimenti Strategico 12 aprile 2012"

Transcript

1 Scenario macroeconomico 2 trimestre 2012 Comitato Investimenti Strategico 12 aprile 2012

2 Sorprese economiche deludenti Indici Citigroup delle sorprese economiche Fonti: Bloomberg, Citigroup 12/04/2012 Comitato Investimenti Strategico Zenit SGR - Scenario macroeconomico II trimestre

3 Importante driver di mercato Indice delle sorprese economiche e performance relativa del mercato azionario Fonte: Pragmatic Capitalism, Reuters 12/04/2012 Comitato Investimenti Strategico Zenit SGR - Scenario macroeconomico II trimestre

4 USA: recupero del mercato del lavoro Richieste iniziali di disoccupazione e ore settimanali medie lavorate Fonte: Bloomberg, DoL, BLS 12/04/2012 Comitato Investimenti Strategico Zenit SGR - Scenario macroeconomico II trimestre

5 USA: crescita dei consumi I consumi crescono con una contrazione del risparmio e un maggior ricorso al credito Tasso di risparmio su reddito disponibile e variazione totale netta del credito al consumo Fonte: Bloomberg, BEA, Federal Reserve 12/04/2012 Comitato Investimenti Strategico Zenit SGR - Scenario macroeconomico II trimestre

6 USA: offerta di moneta Offerta di moneta M1 e M2 Fonte: Bloomberg, Federal Reserve 12/04/2012 Comitato Investimenti Strategico Zenit SGR - Scenario macroeconomico II trimestre

7 USA: la politica monetaria Andamento reale dei Fed Funds e stima teorica in base a inflazione e disoccupazione Fonte: FRED 12/04/2012 Comitato Investimenti Strategico Zenit SGR - Scenario macroeconomico II trimestre

8 USA: profitti e deficit Profitti delle imprese e deficit del settore pubblico e delle famiglie Fonte: Pragmatic Capitalism, Hussmann Funds 12/04/2012 Comitato Investimenti Strategico Zenit SGR - Scenario macroeconomico II trimestre

9 Area euro: occupazione e consumi Tasso di disoccupazione e consumi privati Fonte: Bloomberg, Eurostat 12/04/2012 Comitato Investimenti Strategico Zenit SGR - Scenario macroeconomico II trimestre

10 Area euro: produzione industriale Produzione industriale e nuovi ordini Fonte: Bloomberg, Eurostat 12/04/2012 Comitato Investimenti Strategico Zenit SGR - Scenario macroeconomico II trimestre

11 Area euro: contrazione del credito Variazione attesa nelle condizioni creditizie e nella domanda di prestiti commerciali Fonte: Bloomberg, ECB 12/04/2012 Comitato Investimenti Strategico Zenit SGR - Scenario macroeconomico II trimestre

12 Area euro: offerta di moneta Offerta di moneta M1 e M2 Fonte: Bloomberg, ECB 12/04/2012 Comitato Investimenti Strategico Zenit SGR - Scenario macroeconomico II trimestre

13 Area euro: rischio deflazione? Offerta di moneta M2 nell area euro e in Giappone Fonte: Bloomberg, ECB, BoJ 12/04/2012 Comitato Investimenti Strategico Zenit SGR - Scenario macroeconomico II trimestre

14 B(R)ICs: il rallentamento economico Crescita del PIL reale in Cina, India, Brasile e Russia Fonte: Bloomberg 12/04/2012 Comitato Investimenti Strategico Zenit SGR - Scenario macroeconomico II trimestre

15 India: deterioramento dei conti esteri Bilancia commerciale e cambio contro dollaro Fonte: Bloomberg 12/04/2012 Comitato Investimenti Strategico Zenit SGR - Scenario macroeconomico II trimestre

16 Mercato dei cambi: relativo equilibrio Cambi teorici in base a parità potere acquisto Fonte: Bloomberg 12/04/2012 Comitato Investimenti Strategico Zenit SGR - Scenario macroeconomico II trimestre

17 Sintesi L indice delle sorprese economiche ha assunto una tendenza negativa, più marcata negli USA. Negli ultimi cinque anni è stato un driver importante di performance relativa del mercato azionario rispetto al reddito fisso. Negli Stati Uniti, il mercato del lavoro e i consumi sono in tendenziale ripresa, con un tasso di risparmio in contrazione e un ricorso crescente al credito. La trasmissione della politica monetaria appare ripristinata, grazie ad una crescita dell offerta di moneta che può contare su un canale bancario ristrutturato. Nell area euro invece mercato del lavoro e consumi privati sono in deterioramento, così come la produzione industriale. Scontano la maggiore rigidità delle condizioni creditizie che derivano da un canale bancario in minor salute. L offerta di moneta si muove lungo un percorso che ricorda in modo preoccupante la deflazione giapponese. Le economie dei paesi emergenti rallentano, in conseguenza della contrazione della domanda mondiale. Il mercato dei cambi, da un punto di vista fondamentale, appare in sostanziale equilibrio, come nello scorso trimestre. 12/04/2012 Comitato Investimenti Strategico Zenit SGR - Scenario macroeconomico II trimestre

18 Conclusioni I dati congiunturali evidenziano un crescente decoupling nell attività economica tra Stati Uniti e area euro: i primi possono contare su un canale creditizio che sostiene l attività produttiva e i consumi, mentre la seconda è alle prese con un credit crunch che investe soprattutto i paesi periferici. Nell area euro si fa quindi più concreto un rischio deflazione per evitare il quale sarebbe necessaria una ristrutturazione del settore creditizio. La ripresa in atto negli Stati Uniti e l attività reflattiva della Federal Reserve inducono a puntare nel lungo termine su asset rischiosi. Tuttavia, nel breve periodo, una certa cautela deriva dalle minori sorprese economiche e dai dubbi sulla sostenibilità dei livelli record di profitti, legati macroeconomicamente al doppio deficit del settore pubblico e delle famiglie. Nell area euro, invece, lo scenario macro sembra più favorevole agli asset sicuri, almeno finché non verrà scongiurato il rischio deflazione. Nel breve termine, peraltro, si potrebbe riscontrare una volatilità significativa sugli attivi più rischiosi, frutto della ricerca di rendimento in un contesto di tassi zero. 12/04/2012 Comitato Investimenti Strategico Zenit SGR - Scenario macroeconomico II trimestre

19

20 Scenario mercato obbligazionario 2 trimestre 2012 Comitato Investimenti Strategico 12 aprile 2012

21 Il caso Europa Archiviato con successo il piano di Exchange del debito ellenico, ma senza per questo aver risolto definitivamente il caso Grecia, l Europa deve ora fronteggiare le difficoltà degli altri stati membri per evitare di vanificare i miglioramenti ottenuti fino ad ora.

22 Europa: il caso Portogallo Nello scenario di base (post primo bailout) il Portogallo sarebbe dovuto tornare a finanziarsi sul mercato nel 2013, ma la dinamica dei rendimenti rende altamente improbabile questa eventualità. Potrebbe quindi rendersi necessario un nuovo intervento europeo. Dati macroeconomici estremamente deboli e settore bancario quasi completamente sostenuto dalla BCE completano un quadro non particolarmente positivo.

23 Europa: il caso Irlanda L Irlanda si è dimostrato il paese che meglio degli altri ha saputo fronteggiare la crisi, amministrando le risorse ottenute ed implementando scelte politiche efficaci. Senza nessun altro shock esogeno (tensioni su area euro), potrebbe dal 2014 tornare a finanziarsi sul mercato, uscendo dal protezionismo europeo Solo un nuovo shock endogeno, (una nuova crisi bancaria) potrebbe frenare il trend virtuoso iniziato dal Paese. Il sistema bancario domestico pesa circa 400% del gdp irlandese.

24 Europa: il caso Spagna Se storicamente il debito governativo sembrava assolutamente sotto controllo, ora preoccupa il trend regionale. Se storicamente il problema maggiore era riscontrabile nel deficit fiscale, i target di rientro sembrano ambiziosi, soprattutto per le previsioni di crescita stimata e per il livello di disoccupazione raggiunto.

25 Europa: il caso Italia Il ritorno a 350 bp di spread era un passaggio necessario, ma ottenuto principalmente con misure anti-crescita, ora il Paese dovrà dimostrare all Europa di saper implementare misure strutturali, per consolidare i miglioramenti ottenuti. Con l allentarsi delle tensioni sull area Euro, anche il rischio Rifinanziamento (di 91 miliardi solo per il primo trimestre 2012) si è ridotto circa il 33% del fabbisogno stimato è stato emesso a tassi vantaggiosi. Si stima quindi una riduzione su base annua della spesa per interessi di circa 22 miliardi (alle attuali condizioni di mercato). L incertezza sugli sviluppi italiani si riflette anche nell inclinazione della curva storicamente spread sopra 200 bp sono coerenti con le fasi recessive. Con incrementi adeguati per il premio paese, i segmenti medio-lunghi risultano gli strumenti idonei per prese di posizione tattiche.

26 Il caso Italia: l inflazione Si mantiene un focus positivo sull investimento in strumenti legati all inflazione, in particolar modo sul nuovo strumento creato dal Tesoro: BTP ITALIA. Su 6 anni, solo 9 rilevazioni trimestrali mostrano un inflazione maggiore in Europa piuttosto che Italia, rendendo maggiormente profittevole la rivalutazione di cedole e capitale. Inoltre il BTP Italia assicura una minor svalutazione dei flussi in periodi di deflazione.

27 Il caso Europa Il quadro delineato obbliga la BCE a mantenere attive le misure straordinarie delineate fino ad oggi, a supporto del sistema. Continua quindi l espansione del bilancio anche a fronte dell asta a 3 anni di febbraio (LTRO) che permette alle istituzioni bancarie di fare provvista di liquidità di medio periodo e di ridiventare a loro volta i prestatori di prima istanza per i proprio governi.

28 Il caso Europa Attività di carry trade implementata quasi esclusivamente dalle banche operanti nei PAESI PERIFERICI. Ma a fronte della riduzione dei tassi verificatasi nei primi mesi dell anno, la convenienza di quest attività sulla parte breve della curva si è drasticamente ridotta.

29 Il sistema bancario Si rafforza quindi la già stretta correlazione tra Governi ed Istituzioni Bancari A fronte di un adeguato premio per il rischio, si mantiene quindi una preferenza per i senior bancari a breve termine rispetto al governativo del paese di appartenenza

30 Il sistema bancario: LT2 Il sistema bancario, per non compromettere i miglioramenti fatti, dovrebbe continuare a rispettare la prassi sui subordinati LT2. Si mantiene quindi un overweight selettivo sulla categoria.

31 Il sistema bancario: LT2 Preparandosi però ad un ritorno di volatilità sui titoli bancari, anche a fronte di possibili downgrade per riallineare gli emittenti al paese di appartenenza.

32 CONCLUSIONI La situazione europea rimane estremamente critica, richiede quindi la massima prudenza con un atteggiamento attivo nei confronti del mercato Governativi Breve Termine Euro: Con spread individuati da CT alleggerimenti sui segmenti a breve-brevissimo Italia, per segmenti o tipologia di titoli, più remunerativi. Underweight paesi core Governativi Medio/Lungo Termine Euro: Underweight strategico periferici, ma ideale per attività di trading a spread individuati da CT Germania 10 anni utilizzabile come fonte di hedge su nuove tensioni europee, ma strutturalmente shortabile a livelli di rendimento indicati nei CT Inflation Linked: possibile incremento di Italia. Mantenimento Overweight Mercati Emergenti Per prese di posizione su USD (livelli stabiliti da CT) inserimento titoli Lungo Termine USA in zona % Corporate: Giudizio complessivo di Neutralità preferenza relativa settore bancario Mantenimento della diversificazione Valutaria

33

34 Scenario mercato azionario 2 trimestre 2012 Comitato Investimenti Strategico 12 aprile 2012

35 Executive Summary Visione complessiva: Neutrale Le incognite paventate all inizio del primo trimestre riguardavano la capacità di rifinanziare il debito dell Italia, il possibile default disordinato della Grecia e la tenuta della ripresa economica statunitense. Tutte e tre le variabili hanno avuto un riscontro positivo permettendo ai mercati azionari di ottenere ottime performance (oltre il 15% ytd per mercati come il Nasdaq ed il Dax). Dall ultima settimana di marzo sono emerse nuove incognite che hanno dato inizio ad una fase di correzione, iniziata come presa di profitto e tramutatasi poi in uno storno di dimensioni più rilevanti. perdita di momentum dell economia globale, con l incognita maggiore sulla natura del rallentamento cinese e sul margine di intervento politico per far ripartire il trend di crescita e con dati Usa meno brillanti rispetto a quelli di inizio anno. Apparente momento di staticità delle banche centrali: Bce e Fed hanno espanso molto i loro bilanci e sembrano adesso in una posizione più attendista, la loro controparte cinese è attesa al varco per allentare i freni alla crescita ma per ora anche lei è in stand by. L area euro è passata dalla apparente stabilizzazione fornita dai due LTRO di Draghi a una nuova fase di paura che parte stavolta dalla penisola iberica, ma si trascina nuovamente dietro l Italia. Le stime degli utili sono state riviste al ribasso ed appaiono ora in stabilizzazione, di contro i multipli dei mercati azionari restano u livelli accettabili e lasciano spazi di upside potenziale per i mercati 35

36 Executive Summary (2) S&P500: Applicando un multiplo conservativo di 13x gli utili abbiamo un target per fine 2012 di 1358 (flat) e per fine 2013 di 1530 (+13%) Stoxx600: Applicando un multiplo conservativo di 12x gli utili abbiamo un target per fine 2012 di 253 (+15%) e per fine 2013 di 325 (+28%) In questo contesto si ritiene che la correzione abbia incorporato i nuovi timori emersi e che un nuovo intervento delle autorità monetarie possa avvenire in tempi non troppo lunghi per dare nuova stabilità ai mercati. Si passa dunque ad una visione neutrale ritenendo la fase di correzione una buona occasione per ridurre il sottopeso sui mercati azionari: valutazioni attraenti e un possibile nuovo ciclo di politiche monetarie espansive nei paesi emergenti dovrebbero dare sostegno alle quotazioni. 36

37 Executive Summary (3) Visione per area geografica: si conferma allocazione di gennaio Neutrale Usa: i segnali di ripresa dell economia Usa, seppur meno evidenti nell ultima settimana, hanno dato sostegno ai mercati facendo dell area nord americana la migliore in termini di performance nel primo trimestre. Ai livelli di fine trimestre il mercato appare correttamente valutato, mentre su eventuali correzioni (area 1.300/1250) si aprirebbero interessanti opportunità di acquisto. Over Paesi Emergenti: si ritiene che gli emergenti rappresentino un area interessante proprio perché da Cina e Brasile dovrebbe partire una politica di nuovo sostegno alla crescita dopo le frenate dei mesi scorsi dovute ai timori di tensioni inflazionistiche. Diviene quindi cruciale che la Cina adotti con decisione un atteggiamento accomodante procedendo alla riduzione del coefficiente di riserva obbligatoria e dei tassi ufficiali. A livello valutativo il confronto dei multipli con le aree developed sostiene la scelta di sovrappesare l area. Questi elementi ci fanno confermare la visione positiva. Si ritengono interessanti temi geografici come Cina, Korea, Russia, Turchia e Brasile. Si conferma la positività su società che presentano prospettive di crescita degli utili legate alle economie di questi paesi. Sottopeso Giappone: Il movimento del mercato resta estremamente legato all andamento del cambio. Pur rimanendo a medio termine le valutazioni in termini di price to book alquanto depresse, non si intravedono drivers che supportino un investimento strategico sull area. 37

38 Executive Summary (4) Neutrale Europa: accantonata (per ora) la questione Grecia e le importanti aste di Febbraio e Marzo dell Italia, si sta aprendo il fronte iberico (Spagna e Portogallo) che riporta in alto i livelli di tensione sul debito sovrano. L aera euro resta l epicentro della crisi, che necessita di una soluzione politica/monetaria forte: la Bce ha mostrato un atteggiamento decisamente più attivo, ora ci si aspetta ulteriori passi a livello politico. In termini di valutazione l Europa risulta essere il mercato più cheap sotto ogni metrica, ma il suo andamento continua ad essere correlato all evoluzione della crisi dei debiti sovrani più che all andamento degli utili. Italia: Il nostro mercato continua a trattare a multipli inferiori sia alla media europea che alla sua media storica. In parte ciò è dovuto alla mancanza di prospettive di crescita economica, ma in parte anche al premio al rischio derivante dal forte stock di debito che ci espone alle tensioni internazionali. Sull area si resta in overweight sulla parte medium-small, contraddistinta da diverse società legate alle esportazioni e ai settori preferiti. Si segnalano le valutazioni interessanti raggiunte dai settori ciclici ed industriali: in particolare Oil, Auto, Basic Materials e Construction. Si conferma inoltre una visione positiva sul settore Tech in generale, ed in particolare su USA (livello di cassa ai massimi storici e valutazioni interessanti. Anche gli staples nonostante valutazioni relative a premio offrono ancora interessanti opportunità di investimento per la presenza di società con vendite fortemente esposte ai paesi emergenti e alla ripresa dei consumi USA I finanziari dopo il forte rally dei primi 2 mesi dell anno hanno ritracciato mediamente il 50% del rialzo. Si ritiene che LTRO abbia ridotto il rischio di rifinanziamento per le banche e quindi selettivamente si tornerà ad investire nel settore 38

39

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 1 Gennaio 214 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 2 febbraio 2013 A cura dell Ufficio Ricerca e

Dettagli

View. Mercati Obbligazionari

View. Mercati Obbligazionari 12 maggio 2016 View Fideuram Investimenti Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 5 Scenario macroeconomico Dopo la revisione al ribasso apportata alle stime

Dettagli

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari 8 Luglio 2014 View Fideuram Investimenti Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 4 Scenario macroeconomico La pesante flessione del PIL degli USA nel primo trimestre

Dettagli

View. Fideuram Investimenti. 12 ottobre 2015

View. Fideuram Investimenti. 12 ottobre 2015 12 ottobre 2015 View Fideuram Investimenti Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 5 Scenario macroeconomico Confermiamo di non aver apportato revisioni significative

Dettagli

ALETTI GESTIELLE SGR: View e strategie. Valentino Bidone Senior Portfolio Manager Comparto Absolute Return Funds

ALETTI GESTIELLE SGR: View e strategie. Valentino Bidone Senior Portfolio Manager Comparto Absolute Return Funds ALETTI GESTIELLE SGR: View e strategie Valentino Bidone Senior Portfolio Manager Comparto Absolute Return Funds 1 Sintesi Gli attuali squilibri Le prospettive Le strategie nelle varie asset class 2 Gli

Dettagli

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari 13 Gennaio 2014 View Fideuram Investimenti Autori: Enrico Boaretto Flavio Rovida Patrizia Bussoli Ilaria Spinelli Francesca Pini Cristian Gambino Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari

Dettagli

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Gregorio De Felice Chief Economist Intesa Sanpaolo Roma, 24 febbraio 2014 Agenda 1 Le prospettive macro nel 2014-15 2 Credito ed economia reale nell area

Dettagli

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari 2 Aprile 2014 View Fideuram Investimenti Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 4 Scenario macroeconomico La politica monetaria nelle economie avanzate sta

Dettagli

FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE

FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE ZENIT MC BREVE TERMINE ZENIT MC OBBLIGAZIONARIO ZENIT MC PIANETA ITALIA ZENIT MC EVOLUZIONE ZENIT MC PARSEC ZENIT MC MEGATREND RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2014

Dettagli

maggio 2015 ( i mercati azionari e in generale, trasversalmente, le asset class più rischiose - comprese quindi le 1/5

maggio 2015 ( i mercati azionari e in generale, trasversalmente, le asset class più rischiose - comprese quindi le 1/5 maggio 2015 Mantenere la rotta in mezzo alla volatilità Nonostante il paracadute della Bce nelle ultime settimane sui mercati è tornato il nervosismo. A medio termine lo scenario resta favorevole alle

Dettagli

View. Fideuram Investimenti. 9 giugno 2015. Scenario macroeconomico. Mercati Azionari. Mercati Obbligazionari

View. Fideuram Investimenti. 9 giugno 2015. Scenario macroeconomico. Mercati Azionari. Mercati Obbligazionari 9 giugno 2015 View Fideuram Investimenti Scenario macroeconomico Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 5 I dati diffusi nelle ultime settimane mostrano che

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 marzo 15 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Outlook dei mercati. IV Trimestre 2015 ARCA FOCUS. Il presente documento ha semplice scopo informativo.

Outlook dei mercati. IV Trimestre 2015 ARCA FOCUS. Il presente documento ha semplice scopo informativo. ARCA FOCUS Outlook dei mercati IV Trimestre 2015 1 Indice Outlook di lungo periodo Mercati Azionari 3 Outlook di lungo periodo Mercati Obbligazionari 4 Outlook di medio periodo Opportunità e rischi 5 Outlook

Dettagli

Random Note 1/2015. Qui di seguito le nostre principali assunzioni relativamente agli scenari macroeconomici:

Random Note 1/2015. Qui di seguito le nostre principali assunzioni relativamente agli scenari macroeconomici: Random Note 1/2015 OUTLOOK 2015 : VERSO LA NORMALIZZAZIONE? La domanda a cui, con la nostra analisi di inizio anno, cerchiamo di dare una risposta è se nel 2015 assisteremo ad un ritorno alla normalizzazione

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 Marzo 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

View. Mercati Obbligazionari

View. Mercati Obbligazionari 4 settembre 2015 View Fideuram Investimenti Autori: Enrico Boaretto Flavio Rovida Patrizia Bussoli Ilaria Spinelli Francesca Pini Cristian Gambino Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari

Dettagli

VIEW DI MERCATO: DALL ANALISI MACRO ALL ASSET ALLOCATION STRATEGICA

VIEW DI MERCATO: DALL ANALISI MACRO ALL ASSET ALLOCATION STRATEGICA VIEW DI MERCATO: DALL ANALISI MACRO ALL ASSET ALLOCATION STRATEGICA relatori: Alessandro Stanzini, Fabio Bottani Corso istituzionale - Neo private banking: una prima formazione tecnico relazionale VIEW

Dettagli

I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi

I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi No. No. 6 7 - - Dicembre Febbraio 2013 2014 No. 7 - Febbraio 2014 N. 67 Dicembre Febbraio 2014 2013 2 Il presente documento sintetizza la visione

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 7 luglio A cura dell

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 8 agosto 15 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Scenario Macro - Sintesi

Scenario Macro - Sintesi Scenario Macro - Sintesi Il quadro macroeconomico globale rimane debole, con una crescita del PIL in rallentamento negli Stati Uniti e in Giappone e negativa nell area dell Euro e nel Regno Unito. Anche

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

Outlook dei mercati. III Trimestre 2015 ARCA FOCUS. Il presente documento ha semplice scopo informativo.

Outlook dei mercati. III Trimestre 2015 ARCA FOCUS. Il presente documento ha semplice scopo informativo. ARCA FOCUS Outlook dei mercati III Trimestre 2015 1 Indice Outlook di lungo periodo Mercati Azionari 3 Outlook di lungo periodo Mercati Obbligazionari 4 Outlook di medio periodo Opportunità e rischi 5

Dettagli

Mathema Advisors: Market Report. Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014

Mathema Advisors: Market Report. Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014 Mathema Advisors: Market Report Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014 CONTENUTI Pag.3 - Analisi Macro: Quadro Globale Pag.6 - Analisi del Rischio Pag.9 - Disclaimer 2 Analisi Macro Quadro

Dettagli

Outlook dei mercati. I Trimestre 2015 ARCA FOCUS

Outlook dei mercati. I Trimestre 2015 ARCA FOCUS ARCA FOCUS Outlook dei mercati I Trimestre 2015 Ad uso esclusivo dei Soggetti Collocatori, vietata la diffusione alla clientela. Il presente documento ha semplice scopo informativo. 1 Indice Outlook di

Dettagli

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari 10 Febbraio 2014 View Fideuram Investimenti Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 4 Scenario macroeconomico Le prime settimane dell anno sono state caratterizzate

Dettagli

Alternative Spot. HEDGE INVEST (SUISSE) SA Via Balestra 27, 6900 Lugano (Svizzera) T +41 91 912 57 10

Alternative Spot. HEDGE INVEST (SUISSE) SA Via Balestra 27, 6900 Lugano (Svizzera) T +41 91 912 57 10 Alternative Spot Dic 2013 L outlook di Hedge Invest per il 2014 Scenario macroeconomico: la visione per il 2014 EUROZONA Prevediamo ancora pressioni al ribasso sulla crescita a breve termine, a causa di

Dettagli

SCENARIO INTERNAZIONALE

SCENARIO INTERNAZIONALE 1 SCENARIO INTERNAZIONALE Nel corso dell ultimo mese non sono emersi segnali tali da modificare i percorsi evolutivi ipotizzati per le maggiori economie, che restano pertanto incamminate su sentieri di

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 9 settembre 2012 A cura dell Ufficio Ricerca

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 1. IL QUADRO MACROECONOMICO I primi dati delle indagini congiunturali indicano una ripresa della crescita economica mondiale ancora modesta e disomogenea

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 marzo 2012 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

MEDIOLANUM RISPARMIO REDDITO

MEDIOLANUM RISPARMIO REDDITO MEDIOLANUM RISPARMIO REDDITO RELAZIONE SEMESTRALE AL 29/06/2007 86 MEDIOLANUM RISPARMIO REDDITO NOTA ILLUSTRATIVA SULLA RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO AL 29 GIUGNO 2007 Signori Partecipanti, il 29 giugno

Dettagli

SCENARIO 2008 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 1 SEMESTRE

SCENARIO 2008 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 1 SEMESTRE SCENARIO 2008 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 1 SEMESTRE Hanno contribuito alla realizzazione della pubblicazione: Andrea Conti - Responsabile Strategia Eurizon Capital SGR; Luca Mezzomo - Responsabile

Dettagli

Previsioni di Mercato Raiffeisen

Previsioni di Mercato Raiffeisen Previsioni di Mercato Raiffeisen di Raiffeisen Capital Management per Cassa Raiffeisen di Brunico Marzo 2015 Rischio? Quale rischio? Le prime settimane dell anno nuovo sono state caratterizzate dai temi

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

1. IL CONTESTO DI RIFERIMENTO

1. IL CONTESTO DI RIFERIMENTO 1. IL CONTESTO DI RIFERIMENTO 13 1.1 Cenni sull economia Nel 2013 l economia mondiale è cresciuta ad un ritmo modesto. Il Prodotto Interno Lordo (PIL) mondiale è salito del 3% circa, in linea con il +3,1%

Dettagli

View. Fideuram Investimenti. 10 marzo 2015. Scenario macroeconomico. Mercati Azionari. Mercati Obbligazionari

View. Fideuram Investimenti. 10 marzo 2015. Scenario macroeconomico. Mercati Azionari. Mercati Obbligazionari 10 marzo 2015 View Fideuram Investimenti Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 4 Scenario macroeconomico Nel corso delle ultime settimane abbiamo rivisto al

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Strategia d investimento obbligazionaria Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Disclaimer: tutte le informazioni e le opinioni contenute in questo documento rivestono

Dettagli

L OPINIONE DEI COMPETITOR

L OPINIONE DEI COMPETITOR L OPINIONE DEI COMPETITOR 11 A cura della Direzione Studi. L Opinione dei Competitor Sintesi e Indicazioni Tattiche SINTESI MACRO E ASSET ALLOCATION Pictet - AGGIORNATO A SETTEMBRE QUADRO MACRO: Timori

Dettagli

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari 13 gennaio 2015 View Fideuram Investimenti Autori: Enrico Boaretto Flavio Rovida Patrizia Bussoli Ilaria Spinelli Francesca Pini Cristian Gambino Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari

Dettagli

Relazione Semestrale al 25 giugno 2013

Relazione Semestrale al 25 giugno 2013 Relazione Semestrale al 25 giugno 2013 Fondo comune di investimento mobiliare aperto di diritto italiano armonizzato alla Direttiva 2009/65/CE INDICE Considerazioni Generali - Commento Macroeconomico...

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 2 LUGLIO 2015 Il momento del commercio mondiale segna un miglioramento ad aprile 2015, ma i volumi delle importazioni e delle esportazioni sembrano muoversi in direzioni

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 6 giugno A cura dell

Dettagli

Aggiornamento sui mercati obbligazionari

Aggiornamento sui mercati obbligazionari Aggiornamento sui mercati obbligazionari A cura di: Pietro Calati 20 Marzo 2015 Il quadro d insieme rimane ancora costruttivo Nello scorso aggiornamento di metà novembre dell anno passato i segnali per

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI SECONDO TRIMESTRE 2012

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI SECONDO TRIMESTRE 2012 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI SECONDO TRIMESTRE 2012 1. EVOLUZIONE DELLA CRISI ECONOMICA INTERNAZIONALE Nel secondo trimestre del 2012 le incertezze sull evoluzione della crisi greca e le difficoltà del

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 20 novembre 2014 S.A.F.

Dettagli

SCENARIO 2009 PICCOLE E MEDIE IMPRESE MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 2 SEMESTRE. Vicini a voi.

SCENARIO 2009 PICCOLE E MEDIE IMPRESE MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 2 SEMESTRE. Vicini a voi. SCENARIO 2009 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 2 SEMESTRE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Vicini a voi. Hanno contribuito alla realizzazione della pubblicazione: Andrea Conti, Responsabile Strategia Eurizon

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 6 giugno 2011 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

L anno appena trascorso è stato caratterizzato da alcuni eventi rilevanti:

L anno appena trascorso è stato caratterizzato da alcuni eventi rilevanti: MARKET OUTLOOK 2016 Cosa ci lascia in eredità il 2015 L anno appena trascorso è stato caratterizzato da alcuni eventi rilevanti: - La fine della politica dei tassi zero in USA - L avvio del QE in Europa

Dettagli

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari 10 febbraio 2015 View Fideuram Investimenti Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 4 Scenario macroeconomico Il programma di Quantitative Easing finalmente

Dettagli

VIEW SUI MERCATI (16/04/2015)

VIEW SUI MERCATI (16/04/2015) VIEW SUI MERCATI (16/04/2015) STOXX600 Europe Lo STOXX600 ha superato l importante resistenza toccata nel 2007 a quota 400, confermando le nostre previsioni di un mese fa. Il trend di medio-lungo periodo

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 11 novembre A cura

Dettagli

STRATEGIA D INVESTIMENTO Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie)

STRATEGIA D INVESTIMENTO Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) STRATEGIA D INVESTIMENTO Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 1 gennaio 2011 A cura dell ufficio Ricerca e

Dettagli

STRATEGIA D INVESTIMENTO Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie)

STRATEGIA D INVESTIMENTO Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) STRATEGIA D INVESTIMENTO Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 2 febbraio 2011 A cura dell ufficio Ricerca e

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 1 GIUGNO 2015 Il primo trimestre del 2015 ha portato con sé alcuni cambiamenti nelle dinamiche di crescita delle maggiori economie: alla moderata ripresa nell Area euro

Dettagli

ANALISI MACROECONOMICA E DEI MERCATI FINANZIARI

ANALISI MACROECONOMICA E DEI MERCATI FINANZIARI ANALISI MACROECONOMICA E DEI MERCATI FINANZIARI Luglio 2015 ECONOMIC RESEARCH AND MARKETS STRATEGY Salvo diversa specificazione, Thomson Reuters è la fonte per i dati ed i grafici riportati. CONGIUNTURA

Dettagli

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds Relazione Semestrale al 30.06.2014 Fondo ADVAM Partners SGR S.p.A. Sede Legale: Via Turati 9, 20121 Milano Tel 02.620808 Telefax 02.874984 Capitale Sociale Euro 2.200.000 i.v. Codice Fiscale, Partita IVA

Dettagli

Piano Economico Finanziario 2008. Consiglio Generale: seduta del 26 Ottobre 2007

Piano Economico Finanziario 2008. Consiglio Generale: seduta del 26 Ottobre 2007 Piano Economico Finanziario 2008 e previsioni anni 2009 e 2010 Consiglio Generale: seduta del 26 Ottobre 2007 Indice Scenario & Previsioni PIANO ANNUALE 2008 1Fonti di finanziamento 2Impieghi 3Ricavi 4Costi

Dettagli

scenario 2013 macroeconomia e mercati Vicini a voi.

scenario 2013 macroeconomia e mercati Vicini a voi. scenario 2013 macroeconomia e mercati AGGIORNAMENTO 1 TRIMESTRE Vicini a voi. Hanno contribuito alla realizzazione della pubblicazione: Andrea Conti, Responsabile Strategia Eurizon Capital SGR. Paolo Guida,

Dettagli

Asset allocation: settembre 2015. www.adviseonly.com www.adviseonly.com/blog

Asset allocation: settembre 2015. www.adviseonly.com www.adviseonly.com/blog Asset allocation: settembre 2015 /blog Come sono andati i mercati? Il rallentamento della Cina, la crisi in Grecia, il crollo delle materie prime e la moderata crescita dell economia americana hanno sollevato

Dettagli

Analisi Macroeconomica e Strategia di Investimento Aggiornamento Mensile -Gennaio/Febbraio 2014-

Analisi Macroeconomica e Strategia di Investimento Aggiornamento Mensile -Gennaio/Febbraio 2014- Analisi Macroeconomica e Strategia di Investimento Aggiornamento Mensile -Gennaio/Febbraio 2014- Le Georges V 14, Avenue de Grande Bretagne MC 98000 Monaco Tél : +377 97 98 29 80 Fax : +377 97 98 29 88

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 8 agosto A cura dell

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 1. QUADRO MACROECONOMICO INTERNAZIONALE Negli ultimi mesi del 2011 si è verificato un peggioramento delle prospettive di crescita nelle principali economie

Dettagli

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE (febbraio 2015) Il ciclo internazionale, l area euro ed i riflessi sul mercato interno Il ciclo economico internazionale presenta segnali favorevoli che si accompagnano

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 4 aprile 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 4 aprile 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Strategia d investimento obbligazionaria Bollettino mensile no. 4 aprile A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Disclaimer: tutte le informazioni e le opinioni contenute in questo documento rivestono unicamente

Dettagli

Gardoni Finanza Consulenza finanziaria indipendente

Gardoni Finanza Consulenza finanziaria indipendente Cosa ci dobbiamo aspettare dai mercati obbligazionari nel 2015? Intervista a Paul Read (Co-Head di Invesco Fixed Interest Henley Gestore di Invesco Euro Corporate Bond, Invesco Pan European High Income

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 6 giugno 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Global Asset Allocation

Global Asset Allocation Global Asset Allocation L impatto dell incremento dei rendimenti obbligazionari sul ciclo economico e sulla nostra view Aprile 0 Punti chiave PROSPETTIVE Giordano Lombardo Group CIO, Pioneer Investments

Dettagli

Politica Monetaria, Politica Fiscale e prospettive per la crescita in Italia. Marco Lossani (Università Cattolica di Milano)

Politica Monetaria, Politica Fiscale e prospettive per la crescita in Italia. Marco Lossani (Università Cattolica di Milano) Politica Monetaria, Politica Fiscale e prospettive per la crescita in Italia Marco Lossani (Università Cattolica di Milano) Scenario internazionale Economia globale sconta ancora l eredità della crisi

Dettagli

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015 Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2015 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE 1.09 POLITICA FINANZIARIA

Dettagli

View. Fideuram Investimenti. 9 luglio 2015. Scenario macroeconomico. Mercati Azionari. Mercati Obbligazionari

View. Fideuram Investimenti. 9 luglio 2015. Scenario macroeconomico. Mercati Azionari. Mercati Obbligazionari 9 luglio 2015 View Fideuram Investimenti Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 5 Scenario macroeconomico Il rischio dell uscita della Grecia dall euro è fortemente

Dettagli

L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED)

L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED) 609 i dossier www.freefoundation.com L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED) 23 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Nella giornata del 18 settembre la Federal Reserve, andando contro

Dettagli

Previsioni di Mercato Raiffeisen

Previsioni di Mercato Raiffeisen Previsioni di Mercato Raiffeisen di Raiffeisen Capital Management per Cassa Raiffeisen di Brunico Giugno 2015 Il ritorno della volatilità Nelle ultime settimane, agli investitori è stato ricordato che

Dettagli

SCENARIO 2013 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 4 TRIMESTRE

SCENARIO 2013 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 4 TRIMESTRE SCENARIO 2013 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 4 TRIMESTRE Hanno contribuito alla realizzazione della pubblicazione: Andrea Conti, Responsabile Strategia Eurizon Capital SGR. Paolo Guida, Responsabile

Dettagli

Mercati e Valute, 10 aprile 2015. Euro/Dollaro USA L Euro a sconto sostiene le quotazioni europee

Mercati e Valute, 10 aprile 2015. Euro/Dollaro USA L Euro a sconto sostiene le quotazioni europee Mercati e Valute, 10 aprile 2015 Euro/Dollaro USA L Euro a sconto sostiene le quotazioni europee Nel primo trimestre dell anno, il forte calo dell Euro nei confronti del Dollaro USA ha reso più attraenti

Dettagli

Morning Call 30 OTTOBRE 2015. I temi della settimana. Ancora in primo piano le Banche centrali: dopo la Bce e la Cina. possibile il rialzo a dicembre

Morning Call 30 OTTOBRE 2015. I temi della settimana. Ancora in primo piano le Banche centrali: dopo la Bce e la Cina. possibile il rialzo a dicembre Morning Call 30 OTTOBRE 2015 I temi della settimana Ancora in primo piano le Banche centrali: dopo la Bce e la Cina. la Fed, possibile il rialzo a dicembre Pil Usa del terzo trimestre in calo all 1,5%

Dettagli

FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO DI DIRITTO ITALIANO CATEGORIA:

FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO DI DIRITTO ITALIANO CATEGORIA: Società di Gestione del Risparmio S.p.A. Largo della Fontanella di Borghese, 19-00186 Roma Iscritta al n. 99 dell Albo delle SGR tenuto dalla Banca d Italia AGORA INCOME FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE

Dettagli

MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso

MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso Moda e lusso nell attuale contesto macroeconomico Intervento di Gregorio De Felice Chief Economist, Intesa Sanpaolo 8 Novembre 2013 (Sintesi)

Dettagli

AGORA VALORE PROTETTO

AGORA VALORE PROTETTO Società di Gestione del Risparmio S.p.A. Largo della Fontanella di Borghese, 19-00186 Roma Iscritta al n. 99 dell Albo delle SGR tenuto dalla Banca d Italia AGORA VALORE PROTETTO FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO

Dettagli

Possibili modelli di asset allocation e controllo dei rischi in una fase di grande incertezza e volatilità

Possibili modelli di asset allocation e controllo dei rischi in una fase di grande incertezza e volatilità Logo azienda Possibili modelli di asset allocation e controllo dei rischi in una fase di grande incertezza e volatilità Nicola Carcano, Chief Investment Officer, MVC & Partners e Docente presso l Università

Dettagli

Mercati emergenti: molto più solidi rispetto agli anni 90

Mercati emergenti: molto più solidi rispetto agli anni 90 22 maggio 2014 Mercati emergenti: molto più solidi rispetto agli anni 90 Un modello economico basato su bassi costi, massicci afflussi di capitali ma anche politiche monetarie molto espansive messe in

Dettagli

L Asset Allocation Strategica di Inarcassa 2011-2015

L Asset Allocation Strategica di Inarcassa 2011-2015 Presentazione ai nuovi consiglieri 2011-2015 Comitato Nazionale dei Delegati Roma, 14-15 ottobre 2010 Protocollo: DFI/10/267 Indice Asset Allocation Strategica 2010: le deliberazioni del CND del 12-13

Dettagli

View. Mercati Obbligazionari

View. Mercati Obbligazionari 10 novembre 2015 View Fideuram Investimenti Autori: Enrico Boaretto Flavio Rovida Patrizia Bussoli Ilaria Spinelli Francesca Pini Cristian Gambino Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari

Dettagli

Previsioni di Mercato Raiffeisen

Previsioni di Mercato Raiffeisen Previsioni di Mercato Raiffeisen di Raiffeisen Capital Management per Cassa Raiffeisen di Brunico Luglio 2015 Calure estive Quest estate potrebbe essere rovente e non solo in senso meteorologico. Probabilmente

Dettagli

I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo

I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo No. 5 - Settembre 2013 2 I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo Con il mercato obbligazionario

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 5 maggio 2012 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

ANIMA Sgr per. EFPA Italia Meeting 2013, 6/7 Giugno Riva del Garda (TN)

ANIMA Sgr per. EFPA Italia Meeting 2013, 6/7 Giugno Riva del Garda (TN) I Professionisti Certificati EFPA per una ducazione finanziaria corretta e consapevole del risparmiatore ANIMA Sgr per Bassi rendimenti, alte aspettative: e i rischi? Miriam Berizzi Responsabile Sevizio

Dettagli

Fonditalia Core MERCATO CARATTERISTICHE. Azionario. Obbligazionario. Valute. Strategia del prodotto

Fonditalia Core MERCATO CARATTERISTICHE. Azionario. Obbligazionario. Valute. Strategia del prodotto 29 Settembre 2015 Fonditalia Core MERCATO Azionario Da metà aprile gli indici azionari hanno corretto al ribasso dopo il rialzo di inizio anno (prima a causa dell acuirsi della crisi greca, poi per via

Dettagli

Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income

Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La congiuntura economica Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income Angelo Drusiani Banca Albertini Syz & C. SpA - Milano

Dettagli

ECONOMIC OUTLOOK 2013 OCSE: LA CRISI ITALIANA CONTINUA

ECONOMIC OUTLOOK 2013 OCSE: LA CRISI ITALIANA CONTINUA 423 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com ECONOMIC OUTLOOK 2013 OCSE: LA CRISI ITALIANA CONTINUA 30 maggio 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Le previsioni sull economia Alcuni grafici

Dettagli

NOVEMBRE 2015. Area MACRODATI ECONOMICI TITOLO CONGIUNTURA FLASH. Anno 2015. N. Doc A-9 Pagine 5

NOVEMBRE 2015. Area MACRODATI ECONOMICI TITOLO CONGIUNTURA FLASH. Anno 2015. N. Doc A-9 Pagine 5 5 NOVEMBRE 2015 Fonte Elaborazioni ANES MONITOR su ANALISI MENSILE DEL CENTRO STUDI CONFINDUSTRIA 2 5 Lo scenario economico globale non è più contrassegnato solo da fattori favorevoli. La frenata degli

Dettagli

Scenari macroeconomici e prospettive di crescita

Scenari macroeconomici e prospettive di crescita Scenari macroeconomici e prospettive di crescita Luca Paolazzi Direttore Centro Studi Confindustria Lo scenario economico globale presenta condizioni favorevoli. Ma l incertezza è il maggior ostacolo a

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 1 Gennaio 2013 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 1 Gennaio 2013 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Strategia d investimento obbligazionaria Bollettino mensile no. 1 Gennaio A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Strategia d investimento obbligazionaria Considerazioni riassuntive degli indicatori analizzati

Dettagli

2014 meglio del 2013?

2014 meglio del 2013? S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La congiuntura economica 2014 meglio del 2013? Roberto Cesarini Intesa Sanpaolo Private Banking 20 marzo 2014 - Milano Contesto 1/2 Quadro economico in lento

Dettagli

Politiche monetarie e nuove opportunità: le mosse dei gestori alternativi

Politiche monetarie e nuove opportunità: le mosse dei gestori alternativi Politiche monetarie e nuove opportunità: le mosse dei gestori alternativi No. 8 - Luglio 2014 N. 86 Luglio Dicembre 2014 2013 2 Come negli scorsi anni, anche nel 2014 le politiche monetarie delle principali

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE. Marzo 2015. 3. Mercati finanziari. - Sommario. - Analisi del mese

NOTA CONGIUNTURALE. Marzo 2015. 3. Mercati finanziari. - Sommario. - Analisi del mese NOTA CONGIUNTURALE Marzo 2015 3. Mercati finanziari - Sommario - Analisi del mese 1 3.Mercati finanziari Sommario FED. L'appuntamento con il rialzo dei tassi si avvicina. Lo ha detto la presidente della

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE I dati utilizzati per le elaborazioni sono aggiornati al 30/04/201 Pagina 1 Questa

Dettagli