Una Piattaforma Logistica per Il Nord-Ovest

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Una Piattaforma Logistica per Il Nord-Ovest"

Transcript

1 Comitato Regionale Giovani Imprenditori Confindustria Liguria Comitato Regionale Giovani Imprenditori Confindustria Lombardia Federazione Regionale Gruppi Giovani Imprenditori Confindustria Piemonte Una Piattaforma Logistica per Il Nord-Ovest Paolo Balistreri Segretario Generale Confindustria Piemonte 27 Febbraio 2012

2 IL CONTESTO Il settore della logistica nel nostro Paese sconta un forte ritardo rispetto alle economie più avanzate: il costo della logistica in Italia è oggi superiore dell 11% rispetto alla media europea = 12 miliardi annui di GAP. Dati di fonte Confindustria indicano come per le aziende del Nord Ovest il costo della logistica incida per il 17% circa sul fatturato netto delle imprese, confrontato con un circa 6% della Germania e poco più del 7% della Francia. E inutile ogni ulteriore commento su quanto questo fattore pesi sulla competitività delle imprese industriali e commerciali. Vi sono quindi elevatissimi margini di recupero! E possono tradursi in maggior efficienza e competitività delle imprese! 2

3 IL CONTESTO. NORD-EST L interporto (nodo intermodale + servizi logistici) è l infrastruttura di interazione economico-operativa sul mercato inland della logistica. Gli interporti del Nord-Est, Verona, Padova e Bologna* sono ai vertici della interportualità nazionale e ricompresi nella prima fascia di quella europea. Interporto aziende insediate UTI/anno addetti + indotto superficie terminal intermodale mq. destinati alla logistica Verona Padova Bologna Fonte: "Il disegno della Interportualità Italiana" Censis- UIR 2009 *pur non essendo propriamente nel Nord-Est, ha un significativo ruolo di servizio verso l area veneta 3

4 IL CONTESTO. NORD-OVEST Sui porti, Ravenna, Venezia, Trieste, Ancona la cintura portuale del Nord-Est sconta una tradizionale debolezza e la quota di mercato di questi porti sul totale dei porti del Nord Italia è inferiore al 20%. I progetti di potenziamento di Trieste e Venezia possono consentire un ampio recupero ed il rilancio della portualità nord-adriatica (progetto NAPA). Il traffico di container nei porti del Nord Adriatico Migliaia di TEU Porto Variazione % 2005/2010 Variazione % 2008/2010 Totale Arco del Nord Adriatico % -8% Trieste % -16% Venezia % 4% Ravenna % -14% Ancona % -8% 4

5 IL CONTESTO. NORD-OVEST La situazione del Nord-Ovest per interporti e porti appare analoga al Nord- Est ma a fattori infrastrutturali invertiti. In Piemonte, gli interporti di Orbassano (TO) e Novara sono dimensionalmente inferiori ed hanno relazioni operative più locali. In Lombardia, addirittura, non vi sono interporti classificati come tali. Struttura mq Imprese Occupati Terminal intermodale Movimentan nua Cim Spa Novara mq container Sito Spa Orbassano mq carri ferr. 5

6 IL CONTESTO. NORD-OVEST La cintura portuale del Nord-Ovest La Spezia Genova Savona e Livorno è la maggiore d Italia: oltre il 65% dei traffici import/export in Italia ed oltre l 80% della quota di mercato del Nord Italia. Essa sconta però una storica carenza di impianti ed infrastrutture di collegamento verso un adeguato sistema retroportuale /inter-portuale. Il traffico di container nei porti dell arco Nord Tirrenico Migliaia di TEU Porto Variazione % 2005/2010 Variazione % 2008/2010 Arco del Nord Tirreno % -4% Savona % -13% Genova % 0% La Spezia % 3% Livorno % -18% Fonte: elaborazione Gruppo CLAS su dati delle Autorità Portuali 6

7 IL NORD-OVEST. DEFICITI E PROSPETTIVE Le carenze e le potenzialità inespresse risultano ancor più stridenti se rapportate al primato economico del Nord-Ovest. La capacità produttiva dell area esprime un valore strategico non solo per le tre regioni, ma per l intero Paese, sia per il suo peso economico sia per l effetto trascinamento che può provocare. Piemonte, Lombardia e Liguria mantengono un elevato potenziale di sviluppo, frenato però, nella sua capacità di competere, da un manifesto handicap infrastrutturale: occorre un recupero di competitività centrato sull efficienza del sistema infrastutturale, per manifestare appieno la capacità di generare sviluppo da parte del Nord-Ovest. 7

8 IL NORD-OVEST. DEFICITI E PROSPETTIVE La scala con cui si sono sviluppate le infrastrutture nodo è sempre stata regionale/locale: la progettazione e realizzazione del sistema portuale ed interportuale esistente è tutta pre-euro e pre-ten-t. Oggi una adeguata programmazione infrastrutturale impone un approccio quantomeno macroregionale a scala europea. Il sistema Nord Ovest ha un proprio forte baricentro portuale, dimensionale e di indirizzo, in Genova, dove si concentrano il 31% dei traffici di import-export dei flussi containerizzati con origine e destinazione l Italia. Occorre identificare un baricentro inland in grado di massimizzare il valore e l efficacia dei nodi già esistenti in una piattaforma sistema a vocazione europeo-mediterranea. 8

9 LA PROPOSTA La connessione con le reti ferroviarie europee (progetti TEN-T 3 e 6) è la grande opportunità per il Nord-Ovest L intersezione tra i due assi è l area strategica di riferimento per la piattaforma europea del Nord-Ovest 9

10 LA PIATTAFORMA EUROPEA DEL NORD-OVEST Il Progetto Ma quale modello di piattaforma? Sostanzialmente si tratta di individuare il perimetro di un contenitore di infrastrutture (esistenti e previste), servizi, tecnologie, regole, ambiti economici e finanziari, soggetti promotori pubblici e privati, che consenta di avviare un percorso di scelte strategiche, politiche e imprenditoriali, di opzioni di investimento e di governance, affidabile e continuativo nel tempo, con orizzonte temporale articolato nel breve, medio e lungo periodo e coerente con le esigenze espresse dalla domanda, rappresentata in primo luogo dal mondo dell impresa e della finanza. La Piattaforma si propone quale strumento di indirizzo, di realizzazione, di gestione, nel rispetto del ruolo differenziato ma integrato dei soggetti pubblici e privati coinvolti, che troveranno all interno di una programmazione condivisa gli spazi per esercitare le proprie competenze e i propri ambiti di responsabilità, creando le condizioni per consolidare un area di riferimento a valenza continentale, percepibile come opportunità di investimento per il mondo dei principali operatori nazionali e internazionali del settore. 10

11 Il Progetto LA PIATTAFORMA EUROPEA DEL NORD-OVEST Identificato l oggetto di studio, occorre indagarne il valore in termini di mercato e la conseguente modalità realizzativa. Nella percezione generale, i corridoi ferroviari europei sono rappresentati soprattutto nei loro punti di origine/destinazione (Algeciras, Kiev e Genova, Rotterdam). Minore attenzione è dedicata alle necessità ed opportunità logistiche/infrastrutturali presenti nei territori attraversati. Nel caso del corridoio 6, il carattere preminente è sottolineato soprattutto dal collegamento dei due mari e dei due porti (Genova e Rotterdam) per un possibile riequilibrio dei traffici all ingresso in Europa da Nord e da Sud, assieme ad un rilancio della porta marittima meridionale per il mercato svizzero. Per il corridoio 3, è stata evidenziata la valenza politica del collegamento infraeuropeo, ma spesso è prevalsa la percezione di singole tratte, soprattutto a causa di conflitti generati da una poco efficiente gestione della comunicazione nei confronti delle comunità locali (es. Valle di Susa). 11

12 Il Progetto LA PIATTAFORMA EUROPEA DEL NORD-OVEST L impatto dei due corridoi sull economia nazionale, sia in termini di allargamento del mercato logistico, sia per la creazione di nuovo sviluppo nelle regioni del Nord-Ovest rappresenta, invece, il focus dell iniziativa. Oltre al volano generato dalla fase di cantiere, che rischia però di restare fine a se stesso, questa piattaforma logistica allargata consente di stabilire un solido e permanente legame produttivo ed occupazionale con il territorio assieme ad una interazione ad alto valore competitivo con il sistema delle imprese. Solo a queste condizioni può avvenire quel salto di qualità necessario e sufficiente a giustificare l impegno politico di spesa richiesto per i due nuovi corridoi ferroviari europei 3 e 6. 12

13 LA PIATTAFORMA EUROPEA DEL NORD-OVEST Il Mercato In questo nuovo quadro di riferimento, gli effetti economici e di mercato non si sostituiscono ma enfatizzano gli obiettivi di programmazione e pianificazione già individuati e le infrastrutture già esistenti nei diversi ambiti territoriali. Ai benefici già identificati si aggiungono: 1. nella fase realizzativa, un ulteriore apporto di capitali privati legato agli investimenti di piattaforma. 2. L impatto sulla competitività dei servizi logistici portuali ed inland nel Nord-Ovest, dove una razionalizzazione complessiva può finalmente ridurre il gap di costi tra le imprese industriali e commerciali del Nord-Ovest e quelle dei bacini concorrenti di Francia e Germania. 3. La nuova piattaforma baricentro accresce il ruolo delle infrastrutture nodo esistenti all interno di un perimetro logistico a scala europea. 13

14 LA PIATTAFORMA EUROPEA DEL NORD-OVEST Il Mercato 4. Il sistema complessivo della piattaforma del Nord-Ovest si caratterizza inoltre per una accresciuta attrazione verso il mercato del Nord Italia, ma anche verso quello estero: lungo la filiera Sempione/Loetschberg e Gottardo (a partire dal 2017), verso la macro area francese del Rodano-Alpi, verso i nuovi mercati dell Est europeo e verso il Mediterraneo, convogliando inoltre i nuovi flussi di traffico sul sistema portuale ligure e riducendo così i costi logistici del Nord Ovest. 5. Elevato sviluppo occupazionale permanente, che di per sé un corridoio di attraversamento genera solo in fase realizzativa. 14

15 Il percorso attuativo LA PIATTAFORMA EUROPEA DEL NORD-OVEST Sulla tradizionale competenza pubblica, nazionale ed europea, per la pianificazione politico-economica dei corridoi si innesta oggi la nuova responsabilità di ruolo e risorse delle imprese. Il finanziamento dei corridoi resta pubblico, quello dei nodi piattaforma può essere sostanzialmente compito del capitale privato. Dalla capacità di identificare comuni obiettivi di competitività e sviluppo nasce una più avanzata sussidiarietà di intervento tra pubblico e privato. 15

16 LA PIATTAFORMA EUROPEA DEL NORD-OVEST La fase realizzativa Poiché è l impresa al centro di questa nuova esperienza realizzativa, la fase di pianificazione ed implementazione deve vederla protagonista nelle sue fondamentali articolazioni: Finanza Costruzioni Trasporti e logistica Servizi 16

17 LA PIATTAFORMA EUROPEA DEL NORD-OVEST La fase realizzativa La formazione di un gruppo attivo di promotori costituirà la governance di prima fase che, per la parte tecnico-economica, attraverso uno specifico team di lavoro che elabori un piano di fattibilità per: Identificare i siti Definire i parametri quantitativi e dimensionali Precisare e risolvere i termini per il rapporto tra la Piattaforma e gli altri nodi logistici del Nord-Ovest Configurare le strutture di raccordo stradale e ferroviario e le strutture di servizio Individuare risorse necessarie e fonti di finanziamento Determinare i parametri di timing del progetto Individuare e definire i perimetri giuridici amministrativi della società Programmare un piano di marketing territoriale e di comunicazione per il progetto 17

18 LA PIATTAFORMA EUROPEA DEL NORD-OVEST Prossimi passi I fase: promozione di un approfondimento che in 6/8 mesi ne definisca il perimetro progettuale, consulti i principali operatori e soggetti finanziari (Banche e Fondi) e individui i suoi possibili strumenti attuativi. Le risorse sono previste all interno dell accordo tra Confindustria Piemonte, Assessorato Trasporti della Regione Piemonte, Compagnia di San Paolo e Politecnico di Torino, in fase di attivazione operativa. II fase: costituzione di una Società di intervento con soggetti Istituzionali, Imprenditoriali e Finanziari per la pianificazione, programmazione del progetto e delle sue fasi realizzative; l individuazione delle priorità, degli investimenti pubblici e delle opportunità di investimento privato, gli strumenti normativi, le forme di marketing territoriale. 18

19 CONCLUSIONI La necessità di dotare il Nord-Ovest di una sua fisionomia di eccellenza nel settore logistico è stato un obiettivo da tutti condiviso ma spesso solo enunciato. La prospettiva del passaggio nei nostri territori di grandi infrastrutture europee e l urgenza di dare sostegno competitivo al sistema Paese, specie alla sua parte più esposta alla competizione mondiale, rendono il momento attuale una finestra irripetibile per dare seguito concreto a tanti studi, dibattiti, auspici in materia di logistica e competitività. I tempi sono maturi per avviare un iniziativa di respiro europeo, che si caratterizzi come un investimento remunerativo per gli interessi nazionali pubblici e privati: la piattaforma europea del Nord-Ovest. 19

GLI SCENARI: DOVE STANNO ANDANDO LE SCELTE DELL EUROPA

GLI SCENARI: DOVE STANNO ANDANDO LE SCELTE DELL EUROPA GLI SCENARI: DOVE STANNO ANDANDO LE SCELTE DELL EUROPA Riccardo Roscelli INFRASTRUTTURE E CRESCITA SOSTENIBILE Il Corridoio dei due mari ed il Mediterraneo 30/10/2013 Gli scenari: dove stanno andando le

Dettagli

Ipotesi di sviluppo del trasporto combinato marittimo

Ipotesi di sviluppo del trasporto combinato marittimo Ipotesi di sviluppo del trasporto combinato marittimo di Sergio Rossato D.G. Interporto di Padova S.p.A. A.D. di NET Nord Est Terminal S.p.A. Il traffico intermodale COMPLESSIVO dell Interporto di Padova

Dettagli

La Piattaforma Logistica delle Marche

La Piattaforma Logistica delle Marche La Piattaforma Logistica delle Marche Logistica e sistema interportuale italiano Confindustria Ancona, 28 Maggio 2013 I principali nodi logistici delle Marche 3 nodi per 4 modi di trasporto Significativa

Dettagli

IL PIANO STRATEGICO NAZIONALE DELLA PORTUALITÀ E DELLA LOGISTICA Il «Sistema Mare»: una sfida, una risorsa ed un opportunità per l Italia

IL PIANO STRATEGICO NAZIONALE DELLA PORTUALITÀ E DELLA LOGISTICA Il «Sistema Mare»: una sfida, una risorsa ed un opportunità per l Italia IL PIANO STRATEGICO NAZIONALE DELLA PORTUALITÀ E DELLA LOGISTICA Il «Sistema Mare»: una sfida, una risorsa ed un opportunità per l Italia Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Pur se separata

Dettagli

PORTO della SPEZIA TRAFFICO MERCANTILE 2011

PORTO della SPEZIA TRAFFICO MERCANTILE 2011 TRAFFICO MERCANTILE 2011 Fabrizio Bugliani Resp. Ufficio MKT & Rapporti con l Estero GENNAIO 2012 1 Traffico 2011 Traffico contenitori Il porto della Spezia ha movimentato nel corso del 2011 1.307.274

Dettagli

Roma, 4 luglio 2015. Per la competitività e la ripresa economica del Paese serve un Sistema Mare che funzioni.

Roma, 4 luglio 2015. Per la competitività e la ripresa economica del Paese serve un Sistema Mare che funzioni. Roma, 4 luglio 2015 PIANO STRATEGICO NAZIONALE DELLA PORTUALITÀ E DELLA LOGISTICA: IL SISTEMA MARE, UNA RISORSA, UNA SFIDA ED UN OPPORTUNITÀ PER L ITALIA Per la competitività e la ripresa economica del

Dettagli

L integrazione logistica fra porti e sistema ferroviario nel Mediterraneo Nord Occidentale: le politiche e il mercato

L integrazione logistica fra porti e sistema ferroviario nel Mediterraneo Nord Occidentale: le politiche e il mercato SIET 2015 L integrazione logistica fra porti e sistema ferroviario nel Mediterraneo Nord Occidentale: le politiche e il mercato Oliviero Baccelli Direttore CERTET- Centro di Economia Regionale, Trasporti

Dettagli

UNO SGUARDO ALLA PORTUALITA ITALIANA IL RILANCIO DELLA PORTUALITÀ NAZIONALE

UNO SGUARDO ALLA PORTUALITA ITALIANA IL RILANCIO DELLA PORTUALITÀ NAZIONALE 1 UNO SGUARDO ALLA PORTUALITA ITALIANA IL RILANCIO DELLA PORTUALITÀ NAZIONALE 2 UNO SGUARDO ALLA PORTUALITA ITALIANA 3 IMPORT EXPORT NAZIONALE ATTRAVERSO I PORTI QUANTITÀ Milioni di tonnellate IMPORT 199,8

Dettagli

SVILUPPO DELL INTERMODALITA

SVILUPPO DELL INTERMODALITA SVILUPPO DELL INTERMODALITA Autostrade del mare 2.0 e combinato marittimo ANDREA APPETECCHIA Roma, 21 luglio 20151 I PUNTI DEL RAGIONAMENTO Commercio estero nazionale: orientamenti e modalità di trasporto

Dettagli

PROGETTO ERICA Easy Railway Infrastructure and Customs Access

PROGETTO ERICA Easy Railway Infrastructure and Customs Access Dott. Francescalberto De Bari Direzione Sviluppo e Innovazione 14 Aprile 2015 Direzione Sviluppo e Innovazione PROGETTO ERICA Easy Railway Infrastructure and Customs Access Il Progetto Globale Livorno

Dettagli

Studi preparatori per il Piano Nazionale della Logistica

Studi preparatori per il Piano Nazionale della Logistica Studi preparatori per il Piano Nazionale della Logistica L Italia in Europa: le politiche dei trasporti e della logistica in grado di influenzarne la competitività Torino 25 Giugno 2012 Oliviero Baccelli

Dettagli

alta velocità per il Ticino?

alta velocità per il Ticino? AlpTransit 2019: un futuro ad alta velocità per il Ticino? 24 marzo 2011 SUPSI, Lugano-Trevano Alptransit e le infrastrutture italiane del Nordovest: stato di avanzamento, problemi e prospettive Vittorio

Dettagli

L ECONOMIA DEI TRASPORTI E DELLA LOGISTICA NELLA BASSA FRIULANA INSERITA IN UN CONTESTO REGIONALE ED EUROPEO

L ECONOMIA DEI TRASPORTI E DELLA LOGISTICA NELLA BASSA FRIULANA INSERITA IN UN CONTESTO REGIONALE ED EUROPEO L ECONOMIA DEI TRASPORTI E DELLA LOGISTICA NELLA BASSA FRIULANA INSERITA IN UN CONTESTO REGIONALE ED EUROPEO Maurizio Ionico Amministratore Unico Società Ferrovie Udine Cividale il treno delle lingue Cervignano

Dettagli

Caratteristiche attuali del

Caratteristiche attuali del Istituzioni, Reti Territoriali e Sistema Paese: la governance delle relazioni locali nazionali Policy Sessions Il Trasporto Intermodale Merci, la Logistica e l Economia Regionale Caratteristiche attuali

Dettagli

UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA SISTEMA DEGLI INTERPORTI LOGISTICI DEL NORD OVEST

UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA SISTEMA DEGLI INTERPORTI LOGISTICI DEL NORD OVEST ASSOLOMBARDA UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA SISTEMA DEGLI INTERPORTI LOGISTICI DEL NORD OVEST DICEMBRE 2014 1 1. Inquadramento territoriale e programmatico Il principale strumento di

Dettagli

ALTA VELOCITA / ALTA CAPACITA

ALTA VELOCITA / ALTA CAPACITA ALTA VELOCITA / ALTA CAPACITA Ponte strallato sul Po (tratta AV/AC Milano-Bologna) PRESENTAZIONE 29.11.2010 RETE ALTA VELOCITA / ALTA CAPACITA Con treno ad Alta Velocità si intende un convoglio per il

Dettagli

Trieste, 17 giugno 2011

Trieste, 17 giugno 2011 2011 Il SISTEMA INFRASTRUTTURALE E LOGISTICO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA Criticità e potenzialità per una maggiore competitività delle imprese e del territorio 1 Trieste, 17 giugno 2011 Fotografia della

Dettagli

L economia del Mediterraneo: rilevanza ed influenza per l Italia

L economia del Mediterraneo: rilevanza ed influenza per l Italia L economia del Mediterraneo: rilevanza ed influenza per l Italia Direttore Generale Massimo DEANDREIS Università Bocconi Milano, 25 Maggio 2015 L incremento del traffico nel Mediterraneo Sta crescendo

Dettagli

Aeroporti e territorio: il caso Malpensa

Aeroporti e territorio: il caso Malpensa Aeroporti e territorio: il caso Malpensa * Aeroporti, magneti di imprese Nella storia le trasformazioni economiche hanno da sempre avuto forti riflessi sulla società, inducendo cambiamenti nel modo di

Dettagli

Interporto della Toscana Centrale Piano di Ampliamento

Interporto della Toscana Centrale Piano di Ampliamento Interporto della Toscana Centrale Piano di Ampliamento Information Memorandum Strettamente privato & confidenziale Novembre 2012 Con la consulenza fornita da: Indice & Disclaimer 1. Finalità della presentazione

Dettagli

L OPZIONE MEDITERRANEA

L OPZIONE MEDITERRANEA L OPZIONE MEDITERRANEA UNA NUOVA ROTTA DI COLLEGAMENTO TRA L ESTREMO ORIENTE, L EUROPA E IL NORD AMERICA VIA CORRIDOI TERRESTRI TIRRENICO E ADRIATICO Rapporto finale di ricerca relativo ai Moduli 1 e 2

Dettagli

A relazione dell'assessore Balocco:

A relazione dell'assessore Balocco: REGIONE PIEMONTE BU47 20/11/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 3 novembre 2014, n. 24-511 Adesione al Gruppo Europeo di Cooperazione Territoriale GECT (EGTC) previsto nell'ambito del progetto CODE24

Dettagli

PORTO DI VENEZIA 2015/2030: IL DOMANI È OGGI. Paolo Costa Presidente Autorità Portuale di Venezia

PORTO DI VENEZIA 2015/2030: IL DOMANI È OGGI. Paolo Costa Presidente Autorità Portuale di Venezia PORTO DI VENEZIA 2015/2030: IL DOMANI È OGGI Paolo Costa Presidente Autorità Portuale di Venezia POTENZIALE INFRASTRUTTURALE DI PORTO MARGHERA 12 km di banchine attive; 163 accosti operativi; 135 km di

Dettagli

1. La Società. 2. L evoluzione operativa. 3. Possibili sviluppi strategici

1. La Società. 2. L evoluzione operativa. 3. Possibili sviluppi strategici 1. La Società 2. L evoluzione operativa 3. Possibili sviluppi strategici Novara, 13.1.2010 1. La Società CIM spa realizza e gestisce l Interporto di Novara. Secondo la definizione che ne dà la Legge 240/1990

Dettagli

Relazioni e opportunità comuni fra Milano e il Canton Ticino

Relazioni e opportunità comuni fra Milano e il Canton Ticino Relazioni e opportunità comuni fra Milano e il Canton Ticino Direttore Settore Attuazione Mobilità Trasporti Ambiente Corridoi Europei in Italia (Reti TEN) Milano: una posizione strategica rispetto alle

Dettagli

LA LOGISTICA AD ALTO VALORE AGGIUNTO SPINGE LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA TERRITORIALE PIACENTINO (estratto)

LA LOGISTICA AD ALTO VALORE AGGIUNTO SPINGE LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA TERRITORIALE PIACENTINO (estratto) LA LOGISTICA AD ALTO VALORE AGGIUNTO SPINGE LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA TERRITORIALE PIACENTINO (estratto) NOTA: Il presente documento è un estratto di uno studio effettuato dalla sede piacentina di ITL.

Dettagli

Interporto Padova SpA

Interporto Padova SpA Interporto Padova SpA AREA INTERPORTUALE 2 Interporto Padova S.P.A. Superficie fondiaria in proprietà: mq 1.040.000 Magazzini in proprietà: mq 270.000 (di cui 116.000 mc = 23.000 mq a temperatura controllata)

Dettagli

Il contributo del PON Reti e Mobilità allo sviluppo dei porti

Il contributo del PON Reti e Mobilità allo sviluppo dei porti Arch. Cynthia Fico Autorità di Gestione del PON Reti e Mobilità Ing. Giovanni Infante Responsabile Linea di Intervento Porti e Interporti Pagina 0 Traffico merci nel Mediterraneo Pagina 1 , Bando di gara

Dettagli

Rapporto UIR. Il sistema degli Interporti italiani nel 2011

Rapporto UIR. Il sistema degli Interporti italiani nel 2011 Rapporto UIR Il sistema degli Interporti italiani nel 2011 Dicembre 2012 Gruppo di lavoro UIR sulle rilevazioni statistiche Il Rapporto UIR è stato approvato dal Gruppo di lavoro UIR sulle rilevazioni

Dettagli

Come l alleanza tra porto e industria può trasformare l Italia nella piattaforma logistica del Mediterraneo per il rilancio dell economia europea

Come l alleanza tra porto e industria può trasformare l Italia nella piattaforma logistica del Mediterraneo per il rilancio dell economia europea Come l alleanza tra porto e industria può trasformare l Italia nella piattaforma logistica del Mediterraneo per il rilancio dell economia europea Antonio Revedin Direttore Pianificazione Strategica e Sviluppo

Dettagli

IL BILANCIO DEL PTCP DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA E LE POLITICHE DI SVILUPPO URBANO Bologna, 15 maggio 2013

IL BILANCIO DEL PTCP DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA E LE POLITICHE DI SVILUPPO URBANO Bologna, 15 maggio 2013 IL BILANCIO DEL PTCP DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA E LE POLITICHE DI SVILUPPO URBANO Bologna, 15 maggio 2013 3 area logistica 1.165.000 m 2 Futura espansione 1 area logistica 1.380.000 m 2 Corrieri e magazzini

Dettagli

Strategia UE per la Regione Adriatico-Ionica (EUSAIR): il ruolo delle Autostrade del Mare Dr.ssa Arianna Norcini Pala

Strategia UE per la Regione Adriatico-Ionica (EUSAIR): il ruolo delle Autostrade del Mare Dr.ssa Arianna Norcini Pala Strategia UE per la Regione Adriatico-Ionica (EUSAIR): il ruolo delle Autostrade del Mare Dr.ssa Arianna Norcini Pala Ancona, 02 Luglio 2015 1 RAM Rete Autostrade Mediterranee Rete Autostrade Mediterranee

Dettagli

Forum delle Camere di Commercio dell Adriatico e Ionio

Forum delle Camere di Commercio dell Adriatico e Ionio Forum delle Camere di Commercio dell Adriatico e Ionio OSSERVATORIO TRAFFICI MARITTIMI RELAZIONE 2012 PORTI DELL ADRIATICO E IONIO. DIECI ANNI DI TRAFFICI MARITTIMI E POLITICHE EUROPEE Ida Simonella Brindisi,

Dettagli

Discussione del Rapporto del Centro Studi Confindustria su. Infrastrutture, crescita e competitività

Discussione del Rapporto del Centro Studi Confindustria su. Infrastrutture, crescita e competitività Discussione del Rapporto del Centro Studi Confindustria su Infrastrutture, crescita e competitività Piero Casadio Confindustria, 15 dicembre 2011 1 Introduzione Il capitolo del Rapporto di Confindustria

Dettagli

SOLUZIONI INTERMODALI PER IL TRAFFICO MERCI TRANSALPINO. RISULTATI DEL PROGETTO EUROPEO TRANSITECTS (Transalpine Transport Architets)

SOLUZIONI INTERMODALI PER IL TRAFFICO MERCI TRANSALPINO. RISULTATI DEL PROGETTO EUROPEO TRANSITECTS (Transalpine Transport Architets) Source: Matthias Wagner SOLUZIONI INTERMODALI PER IL TRAFFICO MERCI TRANSALPINO RISULTATI DEL PROGETTO EUROPEO TRANSITECTS (Transalpine Transport Architets) RISULTATI IN LOMBARDIA Una crescita economica

Dettagli

Ultimo Miglio: la manovra nei porti

Ultimo Miglio: la manovra nei porti Ultimo Miglio: la manovra nei porti I porti italiani in cui FerCargo è presente con i propri treni Venezia Trieste San Giorgio Di Nogaro Ravenna Savona Genova La Spezia Civitavecchia Napoli Gioia Tauro

Dettagli

G. Trasporti, Telecomunicazioni ed Energia

G. Trasporti, Telecomunicazioni ed Energia G. Allo scopo di rafforzare la competitività, la crescita e l occupazione dell UE, e nel quadro della revisione di medio termine della Strategia Europa 2020, il ruolo delle tecnologie digitali, dell energia

Dettagli

MEDITERRANEO, ALPI E MARE DEL NORD: INTEGRAZIONE DEL TERRITORIO E DEL SISTEMA PRODUTTIVO E LOGISTICO

MEDITERRANEO, ALPI E MARE DEL NORD: INTEGRAZIONE DEL TERRITORIO E DEL SISTEMA PRODUTTIVO E LOGISTICO Mobility Conference 2010 Il corridoio 24 Genova Rotterdam: l Europa non aspetta MEDITERRANEO, ALPI E MARE DEL NORD: INTEGRAZIONE DEL TERRITORIO E DEL SISTEMA PRODUTTIVO E LOGISTICO Oliviero Baccelli, vice-direttore

Dettagli

I recenti interventi normativi per le infrastrutture: la Finanza di Progetto applicata ad un autostrada. Ilaria Bramezza

I recenti interventi normativi per le infrastrutture: la Finanza di Progetto applicata ad un autostrada. Ilaria Bramezza I recenti interventi normativi per le infrastrutture: la Finanza di Progetto applicata ad un autostrada Ilaria Bramezza 1. Il project financing Il project financing è una tecnica per la realizzazione di

Dettagli

Politiche della Regione Piemonte per la logistica e il riequilibrio modale

Politiche della Regione Piemonte per la logistica e il riequilibrio modale Politiche della Regione Piemonte per la logistica e il riequilibrio modale Intervento di Daniele Borioli, Assessore ai Trasporti della Regione Piemonte, nel corso della riunione del 21 novembre 2007, dedicato

Dettagli

DISPOSIZIONE ORGANIZZATIVA n. 62/AD del 08 settembre 2011. Direzione Generale

DISPOSIZIONE ORGANIZZATIVA n. 62/AD del 08 settembre 2011. Direzione Generale l Amministratore Delegato DISPOSIZIONE ORGANIZZATIVA n. 62/AD del 08 settembre 2011 Direzione Generale La presente Disposizione Organizzativa istituisce, con decorrenza 01 ottobre p.v., una struttura centrale

Dettagli

Gli scenari di traffico secondo gli operatori portuali

Gli scenari di traffico secondo gli operatori portuali Gli scenari di traffico secondo gli operatori portuali Audizione dell 11 aprile 2007 di Francesco Nerli, Presidente di Assoporti, dei rappresentanti delle Autorità portuali liguri Luigi Barone (Genova),

Dettagli

GOVERNANCE DEL PROGETTO DA PARTE DELL OSSERVATORIO ATTIVITÀ DI PROPOSTA E DI INTERAZIONE

GOVERNANCE DEL PROGETTO DA PARTE DELL OSSERVATORIO ATTIVITÀ DI PROPOSTA E DI INTERAZIONE . GOVERNANCE DEL PROGETTO DA PARTE DELL OSSERVATORIO ATTIVITÀ DI PROPOSTA E DI INTERAZIONE PROPOSTE PROVENIENTI DAL TERRITORIO RELATIVAMENTE ALLA TRATTA FUNZIONALE GRONDA MERCI (SETTORE NORD OVEST) ED

Dettagli

LE INFRASTRUTTURE MOBILI E DEL SISTEMA VIABILISTICO NELL AREA METROPOLITANA

LE INFRASTRUTTURE MOBILI E DEL SISTEMA VIABILISTICO NELL AREA METROPOLITANA Capitolo 1. Il programma delle infrastrutture mobili e del sistema viabilistico nell area metropolitana. Come già detto, nel documento Indirizzi di politica urbanistica, elaborato dall Assessorato all

Dettagli

Focus Porti, Aeroporti ed Interporti (Alfredo Leonardi, Anna Cacciuni - ISPRA)

Focus Porti, Aeroporti ed Interporti (Alfredo Leonardi, Anna Cacciuni - ISPRA) Focus Porti, Aeroporti ed Interporti (Alfredo Leonardi, Anna Cacciuni - ISPRA) L integrazione modale fra le diverse infrastrutture di trasporto si rende necessaria per costruire una rete logistica che

Dettagli

INFRASTRUTTURE E CRESCITA SOSTENIBILE 30 ottobre 2013 Genova

INFRASTRUTTURE E CRESCITA SOSTENIBILE 30 ottobre 2013 Genova CONFINDUSTRIA Piemonte INFRASTRUTTURE E CRESCITA SOSTENIBILE 30 ottobre 2013 Genova Paolo Balistreri Direttore Transpadana e Confindustria Piemonte La nuova Rete Centrale europea UNA RETE DI 10 CORRIDOI

Dettagli

INTERPORTO DI BOLOGNA Moves the global logistics

INTERPORTO DI BOLOGNA Moves the global logistics INTERPORTO DI BOLOGNA Moves the global logistics La società Interporto Bologna Spa gestisce dal 1971 l Interporto di Bologna, una delle piattaforme logistiche ed intermodali più grandi in Europa. L Interporto

Dettagli

Polo funzionale 9 Centro Intermodale di Lugo

Polo funzionale 9 Centro Intermodale di Lugo Polo funzionale 9 Centro Intermodale di Lugo Comune: Lugo Tav.1 INQUADRAMENTO TERRITORIALE Polo n. 9-1 Tav.2 INQUADRAMENTO URBANO Scala 1:10.000 ELENCO UNITÀ DEL POLO FUNZIONALE: Famiglia attività (l.r.

Dettagli

HUB-LOG Le infrastrutture logistiche di Veneto e Friuli Venezia Giulia messe a sistema come testa di ponte verso i mercati dell Est

HUB-LOG Le infrastrutture logistiche di Veneto e Friuli Venezia Giulia messe a sistema come testa di ponte verso i mercati dell Est HUB-LOG Le infrastrutture logistiche di Veneto e Friuli Venezia Giulia messe a sistema come testa di ponte verso i mercati dell Est 1 Contenuti Cos è HUB-LOG A. Hub logistico multimodale del sistema portuale

Dettagli

PIANO NAZIONALE DEGLI AEROPORTI

PIANO NAZIONALE DEGLI AEROPORTI PIANO NAZIONALE DEGLI AEROPORTI QUADRO NORMATIVO L art. 117 della Costituzione prevede che gli aeroporti rientrino tra le materie oggetto di legislazione concorrente Stato-Regioni L art. 698 del Codice

Dettagli

Infrastrutture. Legge Obiettivo Rapporto grandi opere

Infrastrutture. Legge Obiettivo Rapporto grandi opere 42 Legge Obiettivo Rapporto grandi opere Primo bilancio, a 10 anni dall entrata in vigore delle Legge Obiettivo, sullo stato di attuazione delle opere strategiche in Italia: a cura della Fondazione Fastigi,

Dettagli

I FLUSSI STRADALI SUI VALICHI ALPINI

I FLUSSI STRADALI SUI VALICHI ALPINI I FLUSSI STRADALI SUI VALICHI ALPINI SISTEMI OPERATIVI S.R.L. SAN POLO, 2466/A 30125 VENEZIA TEL. 041 718519 FAX 041 5241758 e-mail: info@sistemioperativi.com http://www.sistemioperativi.com Venezia, luglio

Dettagli

Comune di Benevento Piano Strategico Città e strategie di sviluppo

Comune di Benevento Piano Strategico Città e strategie di sviluppo SCHEDA N 6 Perugia - Italia PROMOTORE Comune di Perugia Abitanti 157.000, capoluogo di regione TEMPI Anno di avvio 2002 Anno di conclusione In corso di elaborazione Orizzonte temporale 2013 Note: Il Piano

Dettagli

SOLUZIONI INTERMODALI PER IL TRAFFICO MERCI TRANSALPINO

SOLUZIONI INTERMODALI PER IL TRAFFICO MERCI TRANSALPINO SOLUZIONI INTERMODALI PER IL TRAFFICO MERCI TRANSALPINO European Academy Bolzano (Mathias Wagner) RVDI Regional Association Donau-Iller Obiettivi del progetto TRANSITECTS Soluzioni comuni per i nodi del

Dettagli

La sviluppo della macroarea Genova-Milano in funzione dell industria logistica del Nord Ovest

La sviluppo della macroarea Genova-Milano in funzione dell industria logistica del Nord Ovest Porti e La sviluppo della macroarea Genova-Milano in funzione dell industria logistica del Nord Ovest Riccardo Fuochi Presidente Propeller Port Club di Milano Genova 19 settembre 2013 Il Propeller Port

Dettagli

LOGISTICA E TERRITORIO

LOGISTICA E TERRITORIO LOGISTICA E TERRITORIO 1. La logistica nel contesto della competizione territoriale Dopo una fase di perdita di rilevanza nelle politiche di sviluppo locale negli anni 80, le infrastrutture e la logistica

Dettagli

Trasporti al passo, economia ferma

Trasporti al passo, economia ferma Infrastrutture Trasporti Logistica e Mobilità Trasporti al passo, economia ferma Accessibilità, trasporti e mobilità al tempo della crisi Analisi a cura di Confcommercio-Imprese per l Italia Roma, 15 maggio

Dettagli

Infrastrutture portuali. Infrastrutture di collegamento e trasporti del porto con il retroterra. Le infrastrutture a condotta.

Infrastrutture portuali. Infrastrutture di collegamento e trasporti del porto con il retroterra. Le infrastrutture a condotta. Il porto è il futuro di Trieste Il ritorno della cultura marinara per i traffici di Nordest ed Europa centrale. Intervento introduttivo di Mario Goliani Innanzitutto rivolgo un ringraziamento agli Ordini

Dettagli

7 DOMANDA DI TRASPORTO DELLE MERCI

7 DOMANDA DI TRASPORTO DELLE MERCI 7 DOMANDA DI TRASPORTO DELLE MERCI Il sistema socioeconomico e quello di trasporto sono fortemente interdipendenti. Il primo può essere considerato come generatore della domanda di trasporto, mentre le

Dettagli

in Toscana Infrastrutture e Territorio

in Toscana Infrastrutture e Territorio Infrastrutture e Territorio in Toscana Arch. Riccardo Baracco Ing.Enrico Becattini Area Coordinamento Pianificazione Territoriale e Politiche Abitative D.G. Politiche Territoriali e Ambientali Regione

Dettagli

ASSOLOMBARDA UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA SISTEMA PORTUALE LIGURE

ASSOLOMBARDA UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA SISTEMA PORTUALE LIGURE ASSOLOMBARDA UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA SISTEMA PORTUALE LIGURE Dicembre 2012 1. Inquadramento territoriale e programmatico I tre porti liguri di Genova, Savona-Vado e La Spezia

Dettagli

Jesi, piano strategico per lo sviluppo economico

Jesi, piano strategico per lo sviluppo economico Jesi, piano strategico per lo sviluppo economico Tavolo n. 1. La dimensione strutturale dell economia di Jesi prima riunione Jesi, 7 ottobre 2008 Il processo del piano Il piano strategico sarà condotto

Dettagli

Trasporto merci. Luglio 2014

Trasporto merci. Luglio 2014 INDAGINE CONGIUNTURALE SUL SETTORE DEI TRASPORTI n. 38 SINTESI Luglio 2014 Trasporto merci Dopo aver chiuso il 2012 con una dinamica settoriale complessivamente negativa, il 2013 mette in evidenza per

Dettagli

Relazione sullo Stato dell Ambiente della Regione Emilia-Romagna

Relazione sullo Stato dell Ambiente della Regione Emilia-Romagna Trasporti Infrastrutture e logistica La mobilità rappresenta un settore particolarmente rilevante per lo sviluppo sostenibile. Lo sviluppo sostenibile richiede sempre di più la partecipazione e la corresponsabilizzazione

Dettagli

Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi

Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi Bari, Fiera del Levante, 12 settembre 2002 Il programma di Sviluppo Italia

Dettagli

Capitolo 7. Infrastrutture

Capitolo 7. Infrastrutture Capitolo 7 Infrastrutture Variabili e indicatori utilizzati: Dotazione infrastrutturale viaria Dotazione infrastrutturale ferroviaria Numero di autovetture circolanti Numero di veicoli per trasporto merci

Dettagli

Il trasporto merci in Italia

Il trasporto merci in Italia Il trasporto merci in Italia Introduzione Il trasporto delle merci è strategico per la crescita economica dell Unione Europea, e per le relazioni tra settori e regioni del nostro continente. Nello stesso

Dettagli

La Gronda di Genova. DIBATTITO PUBBLICO 1 febbraio - 30 aprile 2009. Quaderno degli attori

La Gronda di Genova. DIBATTITO PUBBLICO 1 febbraio - 30 aprile 2009. Quaderno degli attori La Gronda di Genova DIBATTITO PUBBLICO 1 febbraio - 30 aprile 2009 Quaderno degli attori Presentato da 17 marzo 2009 La Cisl di Genova, ritiene non più rinviabile l adeguamento e la costruzione di opere

Dettagli

Consorzio ZAI Comune di Verona

Consorzio ZAI Comune di Verona Studio del Traffico PUA Consorzio ZAI Quadrante Europa Area rd Sommario 1 PREMESSA... 2 2 CONTENUTI DELLO STUDIO E ANTICIPAZIONE DEI RISULTATI... 2 3 INQUADRAMENTO TERRITORIALE... 5 4 SISTEMA INFRASTRUTTURALE

Dettagli

Documento preliminare Master Plan Regionale delle Autostrade del Mare

Documento preliminare Master Plan Regionale delle Autostrade del Mare Gruppo di lavoro Autostrade del Mare Regione Liguria Documento preliminare Master Plan Regionale delle Autostrade del Mare questo documento in versione preliminare viene presentato alle Istituzioni e alle

Dettagli

Presentazione agli studenti di Ingegneria del Centro di Ricerca sulla Logistica. Centro di Ricerca sulla Logistica

Presentazione agli studenti di Ingegneria del Centro di Ricerca sulla Logistica. Centro di Ricerca sulla Logistica Centro di Ricerca sulla Logistica Presentazione agli studenti di Ingegneria del Centro di Ricerca sulla Logistica Direttore C-LOGC 1 Cos è la logistica? fornitori stoccaggio materie prime produzione stoccaggio

Dettagli

Logistica e trasporti nel Quadro Strategico Nazionale 2007-2013

Logistica e trasporti nel Quadro Strategico Nazionale 2007-2013 Associazione pea di sostegno alle Iniziative per lo Sviluppo Economico, l Occupazione e la Solidarietà Risultati incontro forum sul tema: Logistica e trasporti nel Quadro Strategico Nazionale 2007-2013

Dettagli

AA 2013-14 Fondamenti di Infrastrutture Viarie

AA 2013-14 Fondamenti di Infrastrutture Viarie AA 2013-14 Fondamenti di Infrastrutture Viarie Territorio ed infrastrutture di trasporto La meccanica della locomozione: Questioni generali Il fenomeno dell aderenza e l equazione generale del moto Dall

Dettagli

Progetto finanziato sul programma di cooperazione transfrontaliera Italia-Francia Marittimo 2007-2013

Progetto finanziato sul programma di cooperazione transfrontaliera Italia-Francia Marittimo 2007-2013 Progetto finanziato sul programma di cooperazione transfrontaliera Italia-Francia Marittimo 2007-2013 PARTNER DEL PROGETTO Provincia di Lucca Provincia di Pisa Provincia di Livorno Comune di Genova Ufficio

Dettagli

Il Sistema portuale e logistico Italiano: un asset per la collaborazione internazionale. Massimo D Aiuto Amministratore Delegato

Il Sistema portuale e logistico Italiano: un asset per la collaborazione internazionale. Massimo D Aiuto Amministratore Delegato Il Sistema portuale e logistico Italiano: un asset per la collaborazione internazionale Massimo D Aiuto Amministratore Delegato Genova, 23 novembre 2010 MISSIONE SIMEST promuove l internazionalizzazione

Dettagli

INTERPORTO COME CUORE DELLA CITTADELLA INDUSTRIALE

INTERPORTO COME CUORE DELLA CITTADELLA INDUSTRIALE PROGETTI PADOVA INTERPORTO COME CUORE DELLA CITTADELLA INDUSTRIALE L'interporto di Padova mostra un modo diverso di intendere questo tipo di strutture, collocandosi al centro del comprensorio industriale

Dettagli

Una CARTA per una strategia per Trieste

Una CARTA per una strategia per Trieste Una CARTA per una strategia per Trieste Anzitutto un ringraziamento all Ing. Gregori ed al Tavolo delle Professioni di Trieste per l invito a partecipare a questo convegno. L oggetto del convegno è certamente

Dettagli

1973 > 2006. Logistica. Una Scommessa Vinta

1973 > 2006. Logistica. Una Scommessa Vinta 1973 > 2006 75 74 Il neologismo interporto fu coniato proprio a Padova, nel 1970, durante un convegno tenutosi in occasione del Tramag, presso la Fiera di Padova. Esso fu formulato dal direttore commerciale

Dettagli

P r o v i d i n g S o l u t i o n s

P r o v i d i n g S o l u t i o n s P r o v i d i n g S o l u t i o n s Un approccio per la gestione delle informazioni a supporto dei nodi logistici e dei sistemi logistici integrati Gianni Vottero Program Manager Divisione Transportation

Dettagli

Progetto cofinanziato da

Progetto cofinanziato da Il sistema dei valichi alpini Monitoraggio dei flussi e valutazione degli effetti sulle economie locali Progetto cofinanziato da Marzo 2009 Uniontrasporti è una società promossa da Unioncamere e dalle

Dettagli

A.I.S.Re Associazione Italiana di Scienze Regionali XXXII Conferenza scientifica annuale

A.I.S.Re Associazione Italiana di Scienze Regionali XXXII Conferenza scientifica annuale A.I.S.Re Associazione Italiana di Scienze Regionali XXXII Conferenza scientifica annuale Il Trasporto Intermodale Merci, la Logistica e l Economia Regionale Università di Roma Tor Vergata Prof. Rocco Giordano

Dettagli

2. Il Contesto di programmazione europea e nazionale e il quadro di riferimento normativo

2. Il Contesto di programmazione europea e nazionale e il quadro di riferimento normativo 2. Il Contesto di programmazione europea e nazionale e il quadro di riferimento normativo 2.1 Programmazione europea e nazionale Nel settembre 2001 la Commissione Europea ha pubblicato il Libro Bianco

Dettagli

Reti transeuropee di trasporto: le nuove proposte dell Unione Europea Sono state presentate ufficialmente nel vertice dei Ministri dei Trasporti dell

Reti transeuropee di trasporto: le nuove proposte dell Unione Europea Sono state presentate ufficialmente nel vertice dei Ministri dei Trasporti dell Reti transeuropee di trasporto: le nuove proposte dell Unione Europea Sono state presentate ufficialmente nel vertice dei Ministri dei Trasporti dell Unione Europea, tenutosi a Napoli il 4 e 5 luglio u.s.,

Dettagli

Un progetto per il Paese

Un progetto per il Paese Un progetto per il Paese ASSISE 2011 La funzione di Unindustria Introduzione Lo sviluppo dell 'aeroporto "Leonardo da Vinci" di Roma Fiumicino rappresenta uno degli obiettivi più importanti per la crescita

Dettagli

COMMERCIALE - DIREZIONALE - RICETTIVA - PRODUTTIVA

COMMERCIALE - DIREZIONALE - RICETTIVA - PRODUTTIVA Emilia Romagna IMOLA (BO) AREA POLIFUNZIONALE COMMERCIALE - DIREZIONALE - RICETTIVA - PRODUTTIVA IMOLA (BO) Ubicazione MILANO PC BRESCIA A21 5 PR RE A22 MO BO PADOVA 3 FE RA Imola FC PESARO URBINO 4 MILANO

Dettagli

I soggetti del marketing territoriale

I soggetti del marketing territoriale I soggetti del marketing territoriale Anyway Soggetti Pubblici => legami col governo Privati => fine di lucro Misti Conflitti => Agenzie di marketing territoriale Livelli di ampiezza della responsabilità

Dettagli

Progetto promosso e finanziato dalla. Unione Regionale delle Camere di Commercio del Molise

Progetto promosso e finanziato dalla. Unione Regionale delle Camere di Commercio del Molise Osservatorio Regionale sui Trasporti, la logistica e le infrastrutture in Molise Progetto promosso e finanziato dalla Unione Regionale delle Camere di Commercio del Molise Rapporto finale Gennaio 2008

Dettagli

Il nodo di Genova costituisce un infrastruttura strategica della rete autostradale del Paese:

Il nodo di Genova costituisce un infrastruttura strategica della rete autostradale del Paese: Il nodo autostradale di Genova Il nodo di Genova costituisce un infrastruttura strategica della rete autostradale del Paese: passaggio obbligato per il traffico da e verso la Francia (via valico di Ventimiglia);

Dettagli

Giornata Nazionale dell Economia

Giornata Nazionale dell Economia Giornata Nazionale dell Economia Logistica e Infrastrutture al servizio del Territorio 15 Maggio 2008 1 ALCUNE RIFLESSIONI DI CONTESTO IL VALORE AGGIUNTO DELLA LOGISTICA LA PROVINCIA DI LATINA 2 A PROPOSITO

Dettagli

Manifesto delle Città Metropolitane italiane

Manifesto delle Città Metropolitane italiane Manifesto delle Città Metropolitane italiane Le aree metropolitane sono il motore delle economie nazionali e hanno un ruolo sempre più rilevante negli scenari economici, sociali e istituzionali globali.

Dettagli

TAVOLO INTERREGIONALE PER LO SVILUPPO TERRITORIALE SOSTENIBILE DELL AREA PADANO-ALPINO-MARITTIMA. Agenda di Bologna

TAVOLO INTERREGIONALE PER LO SVILUPPO TERRITORIALE SOSTENIBILE DELL AREA PADANO-ALPINO-MARITTIMA. Agenda di Bologna TAVOLO INTERREGIONALE PER LO SVILUPPO TERRITORIALE SOSTENIBILE DELL AREA PADANO-ALPINO-MARITTIMA Agenda di Bologna 27 gennaio 2012 1. L area Padano-Alpino-Marittima è caratterizzata da una notevole varietà

Dettagli

NODO DI SAN BENIGNO OBIETTIVO DELL INTERVENTO DESCRIZIONE DELL INTERVENTO

NODO DI SAN BENIGNO OBIETTIVO DELL INTERVENTO DESCRIZIONE DELL INTERVENTO NODO DI SAN BENIGNO OBIETTIVO DELL INTERVENTO Il Nodo di San Benigno è uno dei punti chiave della viabilità genovese, sia per la presenza del più importante casello autostradale della città, Genova Ovest,

Dettagli

NEST Network Eur Netw opeo Servizi e T ork Eur r opeo Servizi e T asporto r

NEST Network Eur Netw opeo Servizi e T ork Eur r opeo Servizi e T asporto r NEST Network Europeo Servizi e Trasporto NEST, logistica a 360 gradi NEST (acronimo di: Network Europeo Servizi e Trasporto) si fonda sulla sottoscrizione di un Contratto di Rete d Imprese e si propone

Dettagli

Incontro con OO.SS. Divisione Cargo. Roma, 09 giugno 2009

Incontro con OO.SS. Divisione Cargo. Roma, 09 giugno 2009 Incontro con OO.SS. Divisione Cargo Roma, 09 giugno 2009 Indice Il Mercato Potenziale Lo scenario economico di riferimento Il piano commerciale 2 I volumi nei porti Anno 2006 Mercato non potenziale - Rinfuse

Dettagli

Global Legal Advisor. www.strataspa.net agi@strataspa.net amministrazione@strataspa.net

Global Legal Advisor. www.strataspa.net agi@strataspa.net amministrazione@strataspa.net STRATA SpA Viale Castro Pretorio, 124 00185 Roma PI 04133671000 CF 10086440152 2 Direzione Tel +39 064468062 Fax +39 06/4467376 Area Gestione e Interventi Tel +39 06/4466656 Fax +39 06/064467292 www.strataspa.net

Dettagli

il perno intermodale nell Italia Centrale

il perno intermodale nell Italia Centrale il perno intermodale nell Italia Centrale Un frigorifero non è un frigorifero, se si trova a Detroit, mentre è richiesto a Huston (J.L. Heskett) Nel mondo globale. EUROP E la complessità Subsidiaries legatain

Dettagli

... Il futuro del Polo Logistico di Orbassano Attrattività, accessibilità e intermodalità RAPPORTO FINALE. Novembre 2006

... Il futuro del Polo Logistico di Orbassano Attrattività, accessibilità e intermodalità RAPPORTO FINALE. Novembre 2006 . Il futuro del Polo Logistico di Orbassano Attrattività, accessibilità e intermodalità......... RAPPORTO FINALE AZIENDA CON SISTEMA QUALITA CERTIFICATO SECONDO UNI EN ISO 9001-00 REG. N. 2006-A Novembre

Dettagli

I fondi europei per la coesione. passodopopasso

I fondi europei per la coesione. passodopopasso I fondi europei per la coesione >> passodopopasso FONDI EUROPEI 2014-2020 All Italia spettano 44 miliardi di Euro (22.2 miliardi alle Regioni del Sud) Sviluppo regionale Fondo Europeo di Sviluppo Regionale

Dettagli

Legge regionale n. 8 del 27 febbraio 2008 Norme ed indirizzi per l'integrazione dei sistemi di trasporto e per lo sviluppo della logistica regionale.

Legge regionale n. 8 del 27 febbraio 2008 Norme ed indirizzi per l'integrazione dei sistemi di trasporto e per lo sviluppo della logistica regionale. Legge regionale n. 8 del 27 febbraio 2008 Norme ed indirizzi per l'integrazione dei sistemi di trasporto e per lo sviluppo della logistica regionale. (B.U. 29 Febbraio 2008, n. 9) Il Consiglio regionale

Dettagli

L Italia nel contesto del processo di revisione delle Reti

L Italia nel contesto del processo di revisione delle Reti L Italia nel contesto del processo di revisione delle Reti ` Ç áàxüé wxääx\çyütáàüâàâàüx x wx gütáñéüà Direzione Generale per lo sviluppo del territorio, la programmazione ed i progetti internazionali

Dettagli