CRITERI DI ACQUISIZIONE DEI DATI TOPOGRAFICI E RAPPRESENTAZIONE CARTOGRAFICA DEI RISULTATI RELAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CRITERI DI ACQUISIZIONE DEI DATI TOPOGRAFICI E RAPPRESENTAZIONE CARTOGRAFICA DEI RISULTATI RELAZIONE"

Transcript

1 Unione Europea Repubblica Italiana Regione Calabria Autorità di Bacino POR Calabria Asse I - Risorse naturali Misura Azione 1.4.c "STUDIO E SPERIMENTAZIONE DI METOLOGIE E TECNICHE PER LA MITIGAZIONE DEL RISCHIO IDROGEOLOGICO" LOTTO N. 8 - METODOLOGIE DI INDIVIDUAZIONE DELLE AREE SOGGETTE A RISCHIO IDRAULICO DI ESONDAZIONE SOGGETTO COORDINATORE: Università della Calabria Dipartimento di Difesa del Suolo RESPONSABILE SCIENTIFICO : Prof. Ing. Francesco Macchione Università della Calabria Dipartimento di Difesa del Suolo LAMPIT (Laboratorio di Modellistica Numerica per la Protezione Idraulica del Territorio) Università della Calabria Dipartimento di Difesa del Suolo Sottogruppo A: Identificazione degli idrogrammi di piena da porre alla base dei calcoli Responsabile: Prof. Pasquale Versace Sottogruppo D: Propagazione in aree urbane ed extraurbane da trattare con schematizzazione bidimensionale Responsabile: Prof. Francesco Macchione Università della Calabria Dipartimento di Pianificazione Territoriale Università di Pavia Dipartimento di Ingegneria Idraulica ed Ambientale Università di Trento CUDAM Centro Universitario per la Difesa Idrogeologica dell'ambiente Montano Istituto Nazionale di Oceanografia e Geofisica Sperimentale (OGS) Trieste Sottogruppo F: Rappresentazione cartografica dei risultati Sottogruppo C: Simulazione degli eventi con schematizzazioni monodimensionali Sottogruppo E: Simulazione degli eventi caratterizzati da consistenti modifiche della geometria dell'alveo Sottogruppo B: Allestimento della cartografia Responsabile: Prof. Luigi Natale Responsabile: Prof. Aronne Armanini Responsabile: Prof. Fabrizio Ferrucci Responsabile: Prof. Giuseppe Artese CRITERI DI ACQUISIZIONE DEI DATI TOPOGRAFICI E RAPPRESENTAZIONE CARTOGRAFICA DEI RISULTATI RELAZIONE A cura di: Sottogruppo D Prof. Giuseppe Artese NOME FILE: TOPORELAZIONE.PDF DATA: 30/03/2011

2

3 CRITERI DI ACQUISIZIONE DEI DATI TOPOGRAFICI E RAPPRESENTAZIONE CARTOGRAFICA DEI RISULTATI RELAZIONE A cura di: Sottogruppo F: Università della Calabria Dipartimento di Pianificazione Territoriale Responsabile : Prof. Giuseppe Artese

4

5 DEFINIZIONE DI TECNICHE E METODOLOGIE PER L ACQUISIZIONE DEI DATI NECESSARI PER LA MODELLAZIONE DEL TERRENO La scelta delle tecniche da utilizzare per l'acquisizione dei dati necessari per la modellazione del terreno dipende essenzialmente da tre fattori: - il livello di dettaglio; - la precisione richiesta (planimetrica e altimetrica); - l'estensione dell'area da modellare. Accanto a questi fattori bisogna, ovviamente, considerare le risorse economiche a disposizione. Possiamo suddividere le tipologie per il rilievo del territorio in due categorie: rilievi terrestri e rilievi aerei, atteso che i dati satellitari non consentono attualmente di realizzare DTM più accurati di quelli già disponibili per l intero territorio regionale e nazionale. I rilievi terrestri possono essere a loro volta suddivisi in rilievi di tipo puntuale e rilievi di tipo areale. I dati per la realizzazione di modelli del terreno possono essere ricavati anche da cartografia esistente, soprattutto se a grande scala. 1 RILIEVI TERRESTRI Sono adoperati in genere per limitate estensioni di terreno. Consentono di ottenere alte precisioni e massimo dettaglio nella definizione degli oggetti rilevati. I tempi necessari sono lunghi. Sono insostituibili nei casi in cui si debbano rilevare terreni coperti da fitta vegetazione o da sovrastrutture realizzate dall'uomo (ponti). I costi complessivi sono legati al tempo necessario per l'esecuzione delle misure. I costi fissi, dovuti al trasferimento delle strumentazioni sono bassi e quelli di ammortamento bassi o medi. 1.1 Rilievi terrestri puntuali Vengono eseguiti con l'uso di stazioni totali, di ricevitori satellitari o attraverso l'integrazione delle due tecniche Stazioni Totali La stazione totale (detta anche total station o stazione integrata) consente di ottenere la posizione dei punti rilevati attraverso la misura di angoli e distanze. Si possono raggiungere precisioni di un secondo sulle misure angolari, mentre per le distanze si hanno precisioni di +/- 1 mm +/- 1 mm/km. La portata è di diversi km con prismi retroriflettenti, mentre senza prisma la distanza massima misurabile varia da alcune

6 centinaia di metri ai due km. I modelli più sofisticati, normalmente dedicati ai monitoraggi, consentono misure angolari con precisione di 0,5", mentre per le distanze si arriva ai +/-0,5 mm +/- 0,5 mm/km. I vantaggi dell'utilizzo della total station risiedono nella precisione delle misure e nella possibilità di eseguire rilievi in qualsiasi tipo di terreno. L'uso di distanziometri senza riflettore con portate sempre maggiori sta eliminando uno dei limiti principali, dovuto alla necessità di mandare sul punto da rilevare un operatore fornito di prisma o di mira. La total station ha il suo ambito di applicazione ottimale in piccole estensioni di terreno, manufatti, opere d arte e zone con scarsa visibilità del cielo, ove non è possibile utilizzare tecniche satellitari o voli fotogrammetrici. Questa classica tecnica di rilevamento ha subito negli ultimi decenni notevoli trasformazioni. Accanto all'aumento delle portate nella misura delle distanze senza riflettore, vi sono notevoli evoluzioni nell'elaborazione e trasmissione dei dati. Oggi una total station, opportunamente programmata, è in grado di processare i dati raccolti e di fornire direttamente risultati utilizzabili dai programmi di CAD e di GIS. Recentemente si sono diffuse le stazioni totali robotizzate. Queste sono fornite di motori per la rotazione orizzontale e verticale del cannocchiale e di un sistema di riconoscimento e di puntamento fine di target o di prismi retroriflettenti. Le stazioni robotizzate sono nate per il monitoraggio. Per questo tipo di applicazioni lo strumento viene posizionato in un punto fisso protetto e fornito di alimentazione. Nei punti da controllare vengono posizionati prismi, miniprismi o target retroriflettenti. Dopo una prima collimazione dei punti da monitorare, lo strumento ripete le misure ad intervalli regolari orientandosi sulle ultime posizioni memorizzate; il puntamento fine si ottiene attraverso la

7 massimizzazione dell'energia riflessa dal target sul quale viene inviato un impulso laser oppure, più recentemente, attraverso una cross-correlazione di immagine. Le stazioni robotizzate presenti oggi sul mercato vengono utilizzate anche per rilievi del territorio o di manufatti. Viene sfruttata la possibilità che hanno i nuovi strumenti di riconoscere ed inseguire un prisma. Questa caratteristica, unita ai progressi nella trasmissione dei dati, consente ad un operatore di comandare lo strumento da remoto: una sola persona potrebbe, pertanto, eseguire un rilievo, anche se motivi di sicurezza rendono poco probabile questa eventualità. Più di frequente le potenzialità sopra descritte possono essere sfruttate per risolvere problemi di georeferenziazione. Per la georeferenziazione dei rilievi eseguiti con stazione totale è necessario appoggiarsi a punti di coordinate note. I metodi classici prevedono l'esecuzione di operazioni di triangolazione o di poligonazione. La triangolazione inversa è stato il metodo più utilizzato in campo aperto, quando è possibile collimare almeno tre punti noti. Nella gran parte dei casi non si hanno a disposizione tanti punti noti visibili, per cui si ricorre alle poligonali. Tale tecnica presume l'esecuzione di numerose stazioni, soprattutto in zone con molti ostacoli naturali e artificiali o ad orografia complessa. Risultano particolarmente efficaci in tal caso le nuove strumentazioni, ottenute dall'integrazione di ricevitori satellitari e stazioni totali. Raccomandazioni operative Per sfruttare la precisione delle moderne stazioni totali è necessario adoperare delle accortezze operative che non sempre gli addetti ai lavori usano. Ad esempio, la possibilità di misurare distanze dell'ordine di un chilometro con precisione di due millimetri è inficiata da una cattiva messa in stazione dello strumento e dal posizionamento del prisma su di un'asta non disposta perfettamente

8 in verticale. Altra causa di incertezza è data dall'abitudine diffusa di non eseguire le misure con cannocchiale in posizione normale e coniugata. Bisogna, infine, osservare che gli schemi di rilievo adoperati non consentono spesso l'esecuzione della compensazione delle osservazioni e, pertanto, non si ha una verifica a posteriori della precisione delle misure eseguite e dei risultati ottenuti. E' opportuno inserire nelle specifiche tecniche relative ad operazioni topografiche: - l'utilizzo di uno schema di rilievo che consenta l'esecuzione della compensazione delle osservazioni; - l'esecuzione di misure sovrabbondanti; - la produzione dei dati grezzi acquisiti e non solo dei risultati dell'elaborazione; - l'esecuzione dei calcoli di compensazione per i punti più importanti con la valutazione degli errori (normalmente un'ellisse d'errore per la posizione planimetrica ed un intervallo per le quote); - l'intervallo di confidenza adoperato (1 σ o 2 σ). In tal modo sarà possibile anche a posteriori una verifica dell'accuratezza delle operazioni di misura eseguite.

9 1.1.2 Ricevitori GNSS L'utilizzo dei ricevitori satellitari è aumentato notevolmente negli ultimi anni, grazie ad una serie di fattori che ne hanno favorito la diffusione. Tra i principali possiamo elencare: - il costo dei ricevitori; - la disponibilità di costellazioni complete e, di conseguenza, la possibilità di eseguire rilievi a qualsiasi ora con buone configurazioni dei satelliti; - la disponibilità di reti di stazioni fisse permanenti; - lo sviluppo dell'hardware e del software e la facilità d'uso; - le nuove normative catastali; - l'utilizzo del sistema di riferimento WGS 84 per tutte le cartografie recenti. L'acronimo GNSS (Global Navigation Satellite System) indica un sistema di posizionamento e navigazione satellitare. Fino a qualche anno fa era in pratica operativo il solo sistema statunitense Navstar GPS (NAVigation Satellite Timing And Ranging Global Positioning System), in genere indicato come GPS. Oggi è completamente operativo il sistema russo GLONASS, erede dell'omonimo sistema sovietico, mentre sono in corso di realizzazione il sistema europeo GALILEO e quello cinese COMPASS. I principali vantaggi dei sistemi satellitari possono essere così elencati: - la portata di alcune centinaia di chilometri; - la precisione subcentimetrica; - il funzionamento con ogni condizione di luce e di tempo atmosferico; - la mancanza di operazioni di georeferenziazione, che è automatica; - l esecuzione delle operazioni da parte di un solo operatore; - la possibilità di misurare baselines che collegano punti non visibili tra di loro. Per rilievi di precisione centimetrica o subcentimetrica è necessaria la disponibilità di due ricevitori, dei quali uno posizionato in un punto noto (base) e l altro sui punti da rilevare (rover). Si tratta di una misura differenziale, per cui la posizione del rover viene ottenuta rispetto alla stazione di base e si eliminano gli errori di posizionamento comuni ai due punti. La posizione assoluta del rover si ottiene sommando a quella relativa le coordinate note della base. Si usano essenzialmente tre tecniche di rilievo: rapido statico richiede lo stazionamento del rover sul punto da rilevare da pochi minuti a mezzora; cinematico RTK viene eseguito con il ricevitore rover in movimento e necessita della visibilità di cinque satelliti; contrariamente alle tecniche precedenti un rilievo RTK (Real Time Kinematic) non richiede la postelaborazione delle acquisizioni; il rover riceve in tempo reale le correzioni da parte della stazione base e ricava la sua posizione sul terreno in maniera accurata. Oltre alla visibilità dei satelliti è richiesto il collegamento tra le due stazioni per la trasmissione delle correzioni differenziali dalla base al rover.

10 La prima delle tre tecniche descritte viene utilizzata per posizionamenti di precisione subcentimetrica, utili, ad esempio, per la materializzazione di capisaldi o per il rilievo di punti di riferimento da utilizzare per altri rilievi. Il rilievo cinematico consente la misura di molti punti in breve tempo e può essere efficamenente eseguito anche con l utilizzo di mezzi mobili sui quali posizionare un ricevitore. Il rilievo RTK è quello che si sta maggiormente diffondendo, grazie soprattutto all evoluzione dei sistemi di trasmissione dati. Il limite principale di questa tecnica era legato alla modesta portata dei radiomodem utilizzati per trasmettere le correzioni differenziali; in ambito urbano o in presenza di orografia complessa non si riusciva ad operare a distanza superiori al chilometro dalla base. Oggi le correzioni vengono trasmesse tramite telefono cellulare o via internet; l utilizzo delle comunicazioni wireless consente, inoltre, la connessione senza fili di un telefono cellulare al ricevitore. I vantaggi della tecnica RTK si evidenziano nelle operazioni di picchettamento, ma anche nel rilievo di dettaglio, grazie alla possibilità di verificare in tempo reale la precisione dei punti. La diffusione dell RTK è legata ad altri due fattori: la possibilità di utilizzare questa tecnica per operazioni catastali e la realizzazione di reti di stazioni permanenti di riferimento. Se con la correzione differenziale inviata da una sola stazione la precisione degrada rapidamente allontanandosi dalla base e non è più accettabile a pochi chilometri di distanza, le reti di stazioni permanenti permettono di ottenere precisioni centimetriche dappertutto. Il rover riceve una correzione d area che si ottiene utilizzando le acquisizioni delle stazioni che circondano la zona oggetto di rilievo. L elaborazione di queste acquisizioni permette di ricostruire i segnali che sarebbero ricevuti da una stazione posta in prossimità del rover. In pratica è come se si avesse una stazione di base (VRS, Virtual Reference Station) in prossimità della zona da rilevare. In Italia sono state realizzate diverse reti di stazioni permanenti di riferimento a scala regionale e nazionale. La rete della Calabria è stata completata da diverso tempo, ma non è ancora funzionante; alcune stazioni sono attualmente adoperate per la rete ITALPOS, per cui è possibile eseguire i rilievi RTK nelle zone con copertura telefonica. Presso il Dipartimento di Pianificazione Territoriale dell Università della Calabria è operante una stazione inserita nella rete ITALPOS. Il rilievo speditivo con SBAS Il posizionamento con un solo ricevitore senza l uso di correzioni differenziali consente oggi precisioni dell ordine dei 15 metri, decisamente insufficiente per gran parte delle applicazioni tecniche. L aumento del numero di satelliti visibili e la realizzazione dei sistemi SBAS consente già accuratezze dell ordine del metro e si prevedono ulteriori miglioramenti.

11 I sistemi SBAS (Satellite Based Augmentation System) sono basati su satelliti in orbita geostazionaria, che inviano segnali di correzione che consentono ai ricevitori di eliminare in gran parte gli errori di posizionamento dovuti all attraversamento dell atmosfera da parte dei segnali GNSS. I sistemi operativi nell America settentrionale (WAAS), in India (GAGAN) e in Giappone (MSAS) sono utilizzati per la navigazione aerea, mentre il sistema europeo EGNOS (European Geostationary Navigation Overlay Service) è utilizzabile anche per operazioni terrestri e marittime. Nelle figure precedenti sono riportate le zone coperte dai sistemi SBAS e la porzione di Europa in cui il servizio EGNOS è attivo per oltre il 99% del tempo.

12 Raccomandazioni operative L utilizzo dei sistemi di posizionamento satellitare è limitato da due fattori: la visibilità dei satelliti e la necessità di posizionare l antenna del ricevitore sul punto da rilevare. Il primo fattore è critico nelle zone con poca visibilità del cielo (canyon urbani, zone coperte da fitta vegetazione), mentre il secondo non consente il rilievo di punti non accessibili. E necessario, pertanto, prevedere nella quasi totalità dei casi l integrazione della tecnica GNSS con la stazione totale. Elemento critico per la precisione dei risultati è dato dalla configurazione geometrica dei satelliti, quantificata con alcuni parametri detti DOP (Diluition Of Precision); un valore elevato indica una cattiva configurazione e, di conseguenza, un degrado della precisione. Tali parametri sono: HDOP relativo al posizionamento planimetrico VDOP relativo al posizionamento altimetrico PDOP relativo al posizionamento tridimensionale TDOP relativo alla precisione della misura del tempo GDOP indice globale Nelle prescrizioni tecniche è opportuno indicare un valore limite del GDOP. Un aspetto importante nell utilizzo dei rilievi satellitari è quello della trasformazione delle coordinate. Il GPS adopera un sistema di riferimento cartesiano ortogonale geocentrico solidale con la terra (ECEF - Earth Centered Earth Fixed); le coordiante fornite debbono essere trasformate in geografiche, geodetiche ortogonali, cartografiche o locali dipendentemente dalle finalità del rilievo. I ricevitori forniscono di solito le coordinate cartesiane e le geografiche riferite al sistema WGS 84. Le cartografie attuali sono prodotte utilizzando il sistema di riferimento WGS 84 e la proiezione cartografica UTM; la materializzazione a terra del sistema di riferimento è l ETRF 89. L ultima evoluzione è la Rete Dinamica Nazionale, costituita da 99 stazioni fisse permanenti sul territorio italiano, inquadrate nella rete europea ETRF La Carta Tecnica Regionale della Calabria ed il relativo Data Base Topografico sono realizzati utilizzando appunto l UTM WGS84 ETRF89. Il patrimonio cartografico esistente è stato realizzato però utilizzando altre rappresentazioni cartografiche (Gauss Boaga, Flamesteed, Cassini Soldner); è necessario, pertanto, omogeneizzare i dati eseguendo le opportune trasformazioni. A tale scopo si possono utilizzare i programmi di calcolo per l elaborazione dei rilievi satellitari o quelli dedicati. Il programma più diffuso, che costituisce quasi uno standard, è il VERTO, realizzato dall Istituto Geografico Militare, che utilizza grgliati da acquistare separatamente per ogni zona rappresentata in un foglio dalla carta d Italia in scala 1: Per quanto riguarda la cartografia catastale, è in fase attuativa la definizione dei parametri di trasformazione da Cassini Soldner a UTM-WGS84 e viceversa nella Regione Calabria da parte dell Agenzia del Territorio, grazie ad un accordo siglato con il Centro Cartografico Regionale. Se i risultati di rilievi commissionati devono essere utilizzati insieme a cartografie di diversa provenienza è opportuno richiedere la definizione dei parametri di trasformazione delle coordinate. Se si ritiene che vi siano errori sistematici nelle cartografie esistenti non è sufficiente l uso di software come il VERTO. Bisogna allora procedere alla determinazione dei parametri caso per caso. A tal uopo la tecnica più adoperata è quella dei punti doppi, che sarà descritta nel capitolo relativo all acquisizione di dati da cartografia esistente. Le quote fornite dai sistemi satellitari non sono riferite al geoide (livello medio del mare) ma all ellissoide di riferimento (WGS84). Atteso che lo scostamento tra le due superfici può essere

13 rilevante (in Calabria è compreso tra 35 e 45 metri), è necessario correggere le quote ellissoidiche fornite dai ricevitori. Atteso che per molte applicazioni nel campo dell idraulica, dell idrologia e delle costruzioni idrauliche differenze minime di pendenze possono risultare critiche, è necessario conoscere punto per punto l andamento del geoide nella zona oggetto di rilievo. Eseguendo il rilievo di punti di quota nota con ricevitori GPS si può ottenere in corrispondenza degli stessi punti lo scostamento geoidico e ricavare, con apposite procedure di interpolazione implementate in gran parte del software commerciale, un modello di geoide per la zona in esame. In alternativa si può adoperare il modello di geoide ITALGEO 2005, diffuso sotto forma di grigliato dall Istituto Geografico Militare. Questa versione ha un approssimazione di circa 10 cm, che migliora decisamente per i dislivelli tra punti dello stesso grigliato (alcuni centimetri). Se si commissionano rilievi con tecniche satellitari è opportuno richiedere: - la fornitura delle quote ellissoidiche e di quelle geoidiche; - la documentazione della procedura utilizzata per la determinazione dello scostamento geoidico; - l acquisizione dei grigliati in caso di utilizzo del modello ITALGEO; - l indicazione dei punti doppi con i relativi scostamenti se si utilizza un modello locale; - il software utilizzato per la trasformazione.

14

15 Se si prevede l utilizzo della tecnica RTK è opportuno fissare un valore massimo dello scarto sia per la posizione planimetrica che per quella altimetrica. Tali dati sono in genere memorizzati dai ricevitori e possono essere, pertanto, verificati. E' opportuno inserire nelle specifiche tecniche relative alle reti di appoggio: - l'utilizzo di uno schema di rilievo che consenta l'esecuzione della compensazione delle osservazioni; - l'esecuzione di misure sovrabbondanti; - la produzione dei dati grezzi acquisiti e non solo dei risultati dell'elaborazione; - l'esecuzione dei calcoli di compensazione con la valutazione degli errori (normalmente un'ellisse d'errore per la posizione planimetrica ed un intervallo per le quote);

16 - l'intervallo di confidenza adoperato (1 σ o 2 σ). In tal modo sarà possibile anche a posteriori una verifica dell'accuratezza delle operazioni di misura eseguite.

17 1.1.3 Integrazione di stazioni totali e ricevitori GNSS I vantaggi delle tecniche di rilievo con stazioni totali e con ricevitori GNSS sono complementari. Con le stazioni totali è possibile rilevare punti inaccessibili, mentre un ricevitore satellitare consente rilievi georeferenziati. L integrazione delle due tecniche nelle strumentazioni topografiche è stata realizzata recentemente. La Smart station prodotta dalla Leica consente di gestire dalla tastiera della stazione totale le acquisizioni del ricevitore GNSS che può essere posizionato sulla maniglia dello strumento: si ottiene in tal modo la georeferenziazione del punto di stazione. Il ricevitore può essere utilizzato separatamente; posizionandolo su un punto battuto dalla stazione totale si ottiene l orientamento del rilievo.

18 Una diversa soluzione consiste nell utilizzare un controller per il ricevitore satellitare, in grado di comandare la stazione totale motorizzata. Il controller ed il ricevitore sono montati su un asta fornita di un prisma a 360 che può essere inseguito e battuto dalla stazione totale. Questa soluzione è prodotta da diversi costruttori (Trimble, Leica, Topcon). Le raccomandazioni operative sono quelle relative ai rilievi con stazioni totali e con ricevitori GNSS.

19 1.2 Rilievi Terrestri Areali Il rilievo areale è realizzato utilizzando la fotogrammetria e, più recentemente, il laser a scansione. Il risultato è costituito da un elevato numero di punti che consentono la descrizione dettagliata delle superfici Fotogrammetria terrestre La fotogrammetria terrestre ha conosciuto negli ultimi anni un notevole sviluppo dovuto alla diffusione delle fotocamere digitali ed alle capacità di calcolo dei computer, che consentono di ottenere la calibrazione di camere non metriche e l orientamento delle prese. Da settore di nicchia, riservato a pochi operatori esperti e ad aziende fornite di attrezzature costose, la fotogrammetria può essere praticata da tecnici che sappiano usare i programmi di restituzione fotogrammetrica. Il grado di precisione ottenibile è legato alla qualità dell ottica adoperata ed alla risoluzione delle immagini. Dopo una fase intermedia, nel corso della quale venivano usate le prese su pellicola successivamente scansionate, si è passati all utilizzo delle camere digitali che consentono oggi l acquisizione di fotogrammi di piccolo e medio formato con notevole risoluzione ( la dimensione del pixel è all inciarca di 0,01 mm). Nel caso del rilievo del territorio, la fotogrammetria terrestre potrebbe essere utilmente adoperata per il rilievo di manufatti o di versanti scoscesi difficilmente accessibili. Anche se ancora non vi sono molte applicazioni, è una tecnica da tenere in considerazione anche in vista dei continui progressi nel settore.

20 1.2.2 Laser scanner La tecnica LIDAR (LIght Detection And Ranging) è in fase di notevole sviluppo. Basata sull uso dell accoppiamento di un distanziometro e un sistema di scansione (scanner), è stata inizialmente utilizzata per rilievi di monumenti, di siti archeologici e di strutture complesse come i grandi impianti industriali. Gli strumenti attualmente più diffusi utilizzano un segnale laser per la parte distanziometrica, per cui sono definiti Laser Scanner o Laser a Scansione. Il risultato di una scansione è una nuvola di numerosissimi punti (fino a qualche milione) le cui coordinate sono ottenute rispetto ad un sistema di riferimento solidale allo strumento. I diversi modelli sul mercato si differenziano essenzialmente per: - densità e numero di punti rilevati; - accuratezza delle coordinate ottenute; - portata; - velocità di scansione; - campo di vista. L accuratezza delle coordinate ottenute varia dai 3 mm, per i modelli più precisi con portata di 300 m, ai 2 cm per i modelli con portata fino a 2 km. Bisogna osservare che queste portate si raggiungono per superfici con riflettività elevata (90%); per superfici meno riflettenti la portata, ovviamente, diminuisce. Per il rilievo del territorio l utilizzo ottimale si ha in terreni con ampia visibilità e scarsa vegetazione. Ottimi risultati si hanno per versanti osservabili da distanze inferiori al chilometro. Molte applicazioni si hanno nel campo geotecnico e geologico, in particolare per il controllo di zone in frana. Il laser scanner risulta utilissimo per il rilievo di dettaglio di manufatti. L accoppiamento di fotocamere permette di acquisire anche il colore e di ottenere nuvole di punti che forniscono una rappresentazione realistica dell oggetto del rilievo.

21 I problemi legati all uso del laser scanner terrestre riguardano la georeferenziazione delle acquisizioni e la mosaicatura delle nuvole di punti. Per la georeferenziazione si ricorre all uso di mire radiometriche e volumetriche. Diversi modelli hanno la possibilità di riconoscere alcune mire e di eseguire scansioni accurate delle stesse. Il software fornito con lo strumento è in grado di individuare il centro della mira stessa (bisogna osservare che il laser scanner è un sistema cieco e non è in grado di collimare un punto). Se si dispone di tre mire si possono mosaicare acquisizioni successive e orientarle nello stesso sistema di riferimento; questa operazione prende il nome di registration. Se la posizione delle mire è nota, si ottiene anche la georeferenziazione. I rilievi da laser scanner devono essere integrati in genere con rilievi puntuali con total station o ricevitore satellitare. Molti modelli recenti possono essere integrati con ricevitori GNSS.

22 1.3 Mobile Mapping I sistemi mobili di rilevamento terrestre (MMS Mobile Mapping System) sono generalmente costituiti da: Un veicolo (auto, furgone, camion); Un ricevitore GPS operante in cinematico differenziale per la georeferenziazione; Un sistema inerziale (IMU Inertial Measurement Unit) per l orientamento delle prese fotogrammetriche; Uno o più odometri; Una coppia di fotocamere digitali calibrate; Una o più telecamere; Un computer per la gestione e la sincronizzazione delle acquisizioni dei dati dagli strumenti sopra elencati. Diversi MMS fanno uso di un laser a scansione; in tal caso le fotocamere hanno la funzione di fornire informazioni integrative rispetto a quelle metriche. Gran parte delle strumentazioni sono destinate alla georeferenziazione diretta, che rende superflue operazioni preliminari per l individuazione ed il rilievo di punti di controllo sul territorio. Tra le principali caratteristiche di un MMS possiamo elencare: Velocità di acquisizione; Grande mole di dati raccolti; Personale ridotto; Elaborazione automatica dei dati per la georeferenziazione; Generazione semiautomatica della cartografia; Generazione semiautomatica della banca dati. Questi sistemi, nati per la realizzazione dei catasti delle strade, possono essere efficacemente utilizzati per il rilievo del terreno in zone accessibili con un veicolo. Gli elevati costi iniziali ne limitano, per ora, l utilizzo al rilievo in ambito stradale e per le zone ai margini delle strade. Sono in commercio strumentazioni compatte da montare sui veicoli ed è prevedibile un abbattimento dei costi.

23 1.4 Strumenti integrati L accoppiamento di strumentazioni per il posizionamento e l orientamento (GPS, bussole digitali, sistemi inerziali) con sensori di acquisizione (LIDAR, fotocamere) gestiti con software messi a punto ad hoc può consentire l esecuzione di rilievi rapidi e accurati. I costi notevoli delle apparecchiature sul mercato hanno spinto la ricerca verso soluzioni efficaci ed economiche. Risultano utili per queste applicazioni i sistemi MEMS (Micro Electro-Mechanical Systems), che hanno costi, pesi e dimensioni molto ridotti. Utilizzati in modo massiccio dalle industrie automobilistiche (sensoristica per ABS) e dei videogames, ma anche, per esempio, dai produttori di cellulari, questi sistemi possono essere adoperati anche per mettere a punto sistemi mobili di rilevamento a costo molto contenuto. Le problematiche da affrontare riguardano fondamentalmente la calibrazione dei MEMS, che risentono notevolmente delle variazioni di temperatura, e la sincronizzazione delle acquisizioni che di solito si realizza con l ausilio di un ricevitore GPS. E prevedibile nel prossimo futuro uno sviluppo di questi sistemi e l ingresso nel mercato di apparecchiature a basso costo che potranno competere con quelle attualmente in uso.

GPS? SINTETICAMENTE STRUTTURA WGS 84 TECNICHE DI MISURAZIONE RILIEVO TOPOGRAFICO PRECISIONE E FONTI DI ERRORE RETE GPS

GPS? SINTETICAMENTE STRUTTURA WGS 84 TECNICHE DI MISURAZIONE RILIEVO TOPOGRAFICO PRECISIONE E FONTI DI ERRORE RETE GPS GPS GPS? SINTETICAMENTE STRUTTURA WGS 84 TECNICHE DI MISURAZIONE RILIEVO TOPOGRAFICO PRECISIONE E FONTI DI ERRORE RETE GPS GPS Global Positioning System è costituito da una costellazione di satelliti NAVSTAR

Dettagli

I.I.S. G. MINUTOLI - MESSINA

I.I.S. G. MINUTOLI - MESSINA I.I.S. G. MINUTOLI - MESSINA OGGETTO : cenni sul seminario GPS del 24/09/2010 1) GNSS E PRINCIPI DI FUNZIONAMENTO: IL sistema GPS (ovvero Global Positioning System) è un sistema di posizionamento globale

Dettagli

Sommario PREMESSA... 2 1 RILIEVO LASER SCANNING... 2. 1.1 La tecnica... 2 1.2 La campagna... 6 1.3 Elaborazione dei dati... 10

Sommario PREMESSA... 2 1 RILIEVO LASER SCANNING... 2. 1.1 La tecnica... 2 1.2 La campagna... 6 1.3 Elaborazione dei dati... 10 REL D Rilievi topografici e studio di inserimento urbanistico Pag 1 Sommario PREMESSA... 2 1 RILIEVO LASER SCANNING... 2 1.1 La tecnica... 2 1.2 La campagna... 6 1.3 Elaborazione dei dati... 10 REL D Rilievi

Dettagli

Funzionalità e servizi integrativi: il software Ferens e il geoide regionale

Funzionalità e servizi integrativi: il software Ferens e il geoide regionale DIREZIONE AMBIENTE TERRITORIO E INFRASTRUTTURE Servizio Informatico/Informativo: geografico ambientale e territoriale Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria DICA - Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

RILEVAMENTO LASER SCANNER - Monitoraggio Ambientale e del Costruito

RILEVAMENTO LASER SCANNER - Monitoraggio Ambientale e del Costruito RILEVAMENTO LASER SCANNER - Monitoraggio Ambientale e del Costruito Introduzione 2 Perché usare il laser scanner: Caratteristiche della tecnologia: Tempi di stazionamento rapidi (pochi minuti); Elevata

Dettagli

Genova 22/24 settembre 2015

Genova 22/24 settembre 2015 Genova 22/24 settembre 2015 ELABORAZIONI DELLA C.T.R.: DTM E CARTE DERIVATE Rappresentazione della morfologia del territorio in Regione Liguria QUALCHE DEFINIZIONE DTM (Digital Terrain Model) o DEM (Digital

Dettagli

I servizi di posizionamento di precisione a supporto della gestione del territorio: la rete RESNAP-GPS e sue possibili applicazioni

I servizi di posizionamento di precisione a supporto della gestione del territorio: la rete RESNAP-GPS e sue possibili applicazioni I servizi di posizionamento di precisione a supporto della gestione del territorio: la rete RESNAP-GPS e sue possibili applicazioni M. Crespi, V. Baiocchi, A. Mazzoni, G. Reina Area di Geodesia e Geomatica

Dettagli

SOFTWARE TOPOGRAFICO MERIDIANA. Il software topografico da ufficio professionale

SOFTWARE TOPOGRAFICO MERIDIANA. Il software topografico da ufficio professionale MERIDIANA SOFTWARE TOPOGRAFICO Il software topografico da ufficio professionale Catasto Curve di livello Integrazione GPS e Stazione Totale Compensazione rigorosa Progettazione stradale CAD avanzato Post-processing

Dettagli

Struttura del sistema GPS. Introduzione

Struttura del sistema GPS. Introduzione Introduzione Il sistema di posizionamento GNSS (Global Navigation Satellite System) è un sistema di navigazione basato sulla ricezione di segnali radio emessi da una costellazione di satelliti artificiali

Dettagli

RILIEVO E RAPPRESENTAZIONE DEL TERRITORIO

RILIEVO E RAPPRESENTAZIONE DEL TERRITORIO Corsi di Laurea in: - Gestione tecnica del territorio agroforestale e Sviluppo rurale - Scienze forestali e ambientali - Costruzioni rurali e Topografia RILIEVO E RAPPRESENTAZIONE DEL TERRITORIO 5. Fotogrammetria

Dettagli

SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE

SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE ASSESSORATO ENTI LOCALI FINANZE ED URBANISTICA Direzione generale della pianificazione territoriale urbanistica e della vigilanza edilizia S E T T O R E SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE

Dettagli

GPS. Introduzione alla tecnologia di posizionamento GNSS SOKKIA. Sokkia 1

GPS. Introduzione alla tecnologia di posizionamento GNSS SOKKIA. Sokkia 1 GPS Introduzione alla tecnologia di posizionamento GNSS SOKKIA Sokkia 1 Che cos è il GPS Un sistema di posizionamento estremamente preciso Creato e gestito dal Ministero della Difesa Americano Nato per

Dettagli

ANALISI QUALITATIVA DEL DATO LiDAR NELL INFORMAZIONE TERRITORIALE AD ALTA RISOLUZIONE

ANALISI QUALITATIVA DEL DATO LiDAR NELL INFORMAZIONE TERRITORIALE AD ALTA RISOLUZIONE Università IUAV di Venezia Facoltà di Pianificazione del Territorio Scuola di Dottorato in Nuove Tecnologie e Informazione Territorio & Ambiente ANALISI QUALITATIVA DEL DATO LiDAR NELL INFORMAZIONE TERRITORIALE

Dettagli

Introduzione a Quantum GIS (QGIS) - passaggio dal software ArcView 3.x a software GIS OpenSource

Introduzione a Quantum GIS (QGIS) - passaggio dal software ArcView 3.x a software GIS OpenSource Introduzione a Quantum GIS (QGIS) - passaggio dal software ArcView 3.x a software GIS OpenSource Forestello Luca - Niccoli Tommaso - Sistema Informativo Ambientale AT01 http://webgis.arpa.piemonte.it e-mail:

Dettagli

Conversione coordinate Sistema Informativo Territoriale Regionale e Infrastruttura di Dati Territoriale (SITR-IDT)

Conversione coordinate Sistema Informativo Territoriale Regionale e Infrastruttura di Dati Territoriale (SITR-IDT) Conversione coordinate Sistema Informativo Territoriale Regionale e Infrastruttura di Dati Territoriale (SITR-IDT) Indice 1. Le trasformazioni di coordinate... 3 1.1 Coordinate massime e minime ammesse

Dettagli

Formazione SIAR Marzo - Aprile 2007. Sistemi Informativi Territoriali. Introduzione ai. Rossi Doria Laura Direzione Ambiente Servizi ambientali

Formazione SIAR Marzo - Aprile 2007. Sistemi Informativi Territoriali. Introduzione ai. Rossi Doria Laura Direzione Ambiente Servizi ambientali Formazione SIAR Marzo - Aprile 2007 Introduzione ai Sistemi Informativi Territoriali Rossi Doria Laura Direzione Ambiente Servizi ambientali Sommario Cos è il SIT Gli strumenti del SIT L informatizzazione

Dettagli

Soluzioni low cost di rilievo 3D e ortofoto ad altissima risoluzione per interi centri storici Dott. Stefano Picchio

Soluzioni low cost di rilievo 3D e ortofoto ad altissima risoluzione per interi centri storici Dott. Stefano Picchio Workshop regionale SMARTINNO 23 Ottobre 2014 Edifici storici e Città Soluzioni low cost di rilievo 3D e ortofoto ad altissima risoluzione per interi centri storici Dott. Stefano Picchio IL RILIEVO DELLA

Dettagli

CARTOGRAFIA NUMERICA

CARTOGRAFIA NUMERICA CARTOGRAFIA NUMERICA Sommario contenuti: 1. CARTOGRAFIA TRADIZIONALE E CARTOGRAFIA NUMERICA 2. FORMATI DELLA CARTOGRAFIA NUMERICA 3. ESEMPI DI CARTE NUMERICHE 4. MODELLI DIGITALI DEL TERRENO 5. RILEVAMENTI

Dettagli

INDICE GENERALE PREFAZIONE...17 CAPITOLO 1 NOZIONI DI GEODESIA...19 CAPITOLO 2 SISTEMI DI RIFERIMENTO...57

INDICE GENERALE PREFAZIONE...17 CAPITOLO 1 NOZIONI DI GEODESIA...19 CAPITOLO 2 SISTEMI DI RIFERIMENTO...57 INDICE GENERALE PREFAZIONE...17 CAPITOLO 1 NOZIONI DI GEODESIA...19 1.1 Cenni storici sulla determinazione della forma della Terra...19 1.2 Distinzione tra geodesia, geografia e topografia...27 1.3 Superficie

Dettagli

RILIEVO LASER SCANNER RILIEVO DEGLI EDIFICI STORICI AMBIENTE E TERRITORIO

RILIEVO LASER SCANNER RILIEVO DEGLI EDIFICI STORICI AMBIENTE E TERRITORIO RILIEVO LASER SCANNER RILIEVO DEGLI EDIFICI STORICI AMBIENTE E TERRITORIO Il laser a scansione terrestre opera in modalità totalmente automatica ed è in grado di acquisire centinaia o migliaia di punti

Dettagli

L ERA DELLA CONDIVISIONE TOTALE

L ERA DELLA CONDIVISIONE TOTALE S O F T W A R E P E R C O N T R O L L E R L ERA DELLA CONDIVISIONE TOTALE S O F T W A R E P E R C O N T R O L L E R Piattaforma Android Comandi multi-touch Processore Dual Core 1GHz Fotocamera 5MP Dettatura

Dettagli

3 La cartografia ufficiale italiana

3 La cartografia ufficiale italiana Topografia, Cartografia e GIS Prof. Carlo Bisci Modulo Topografia e Cartografia (6 CFU) 3 La cartografia ufficiale italiana Per fare cartografia è necessario fissare: il sistema di riferimento (datum):

Dettagli

Prima giornata di studio sulla GEOINFORMAZIONE Roma 11, aprile 2003

Prima giornata di studio sulla GEOINFORMAZIONE Roma 11, aprile 2003 GRS Charter Dottorato di Ricerca in GEOINFORMAZIONE AES Charter in collaborazione con Associazione Laureati in Ingegneria Università Tor Vergata Roma Prima giornata di studio sulla GEOINFORMAZIONE Roma

Dettagli

COORDINATE E DATUM. Nella geodesia moderna è molto spesso necessario saper eseguire TRASFORMAZIONI:

COORDINATE E DATUM. Nella geodesia moderna è molto spesso necessario saper eseguire TRASFORMAZIONI: COORDINATE E DATUM Viene detta GEOREFERENZIAZIONE la determinazione della posizione di un punto appartenente alla superficie terrestre (o situato in prossimità di essa) La posizione viene espressa mediante

Dettagli

Capitolato tecnico rilievi aerei e stradali finalizzati all'aggiornamento del sistema informativo geografico (GIS) e del catasto delle strade ai

Capitolato tecnico rilievi aerei e stradali finalizzati all'aggiornamento del sistema informativo geografico (GIS) e del catasto delle strade ai finalizzati all'aggiornamento del sistema informativo geografico (GIS) e del catasto delle strade ai sensi del DM 01.06.2001. Pagina 2 di 106 INDICE 1 OGGETTO DELL AFFIDAMENTO...9 1.1 Rilievo LIDAR/fotogrammetrico

Dettagli

1. PREMESSA... 3 2. MODALITÀ DI ESECUZIONE DEL RILIEVO... 4. 2.1 Area industriale AFP (Area A)... 5. 2.2 Area Lama Castello (Aree B)...

1. PREMESSA... 3 2. MODALITÀ DI ESECUZIONE DEL RILIEVO... 4. 2.1 Area industriale AFP (Area A)... 5. 2.2 Area Lama Castello (Aree B)... SOMMARIO 1. PREMESSA... 3 2. MODALITÀ DI ESECUZIONE DEL RILIEVO... 4 2.1 Area industriale AFP (Area A)... 5 2.2 Area Lama Castello (Aree B)... 6 2.3 L area destinata ad insediamento residenziale C3 (Area

Dettagli

Lynx Mobile Mapper La nuova tecnologia laser per il rilievo del Catasto delle Strade

Lynx Mobile Mapper La nuova tecnologia laser per il rilievo del Catasto delle Strade Lynx Mobile Mapper La nuova tecnologia laser per il rilievo del Catasto delle Strade LYNX MOBILE MAPPER È UNA INNOVATIVA STRUMENTAZIONE LASER SCANNER CHE HA MOLTEPLICI POSSIBILITÀ DI IMPIEGO TRA I QUALI

Dettagli

Produzione e collaudo di cartografia tecnica numerica verso i DB topografici

Produzione e collaudo di cartografia tecnica numerica verso i DB topografici Ufficio Cartografico Servizio Cartografia e Gis della Provincia di Brescia Produzione e collaudo di cartografia tecnica numerica verso i DB topografici Ing. Antonio Trebeschi L attività dell Ufficio Cartografico

Dettagli

GNSS DAL GPS AL PER LA

GNSS DAL GPS AL PER LA Alberto Cina DAL GPS AL GNSS (Global Navigation Satellite System) PER LA GEOMATICAA I siti internet citati sono stati visitati nel febbraio 2014 In copertina: misure GNSS su ghiacciaio, in Valle d Aosta

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA. 7. Lettura delle carte topografiche

TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA. 7. Lettura delle carte topografiche Università degli studi di Firenze Facoltà di Lettere e Filosofia TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA a.a. 2010-2011 7. Lettura delle carte topografiche Camillo Berti camillo.berti@gmail.com Argomenti Dati identificativi

Dettagli

INDICE. Appalto per l esecuzione di interventi di potenziamento dei servizi geomatici e telematici del Centro Cartografico Regionale di Lamezia Terme

INDICE. Appalto per l esecuzione di interventi di potenziamento dei servizi geomatici e telematici del Centro Cartografico Regionale di Lamezia Terme Regione Calabria APPALTO PER L ESECUZIONE DI INTERVENTI DI POTENZIAMENTO DEI SERVIZI GEOMATICI E TELEMATICI DEL CENTRO CARTOGRAFICO REGIONALE DI LAMEZIA TERME 1. Rete di raffittimento geodetico regionale

Dettagli

14. Tecniche di rilievo cinematiche

14. Tecniche di rilievo cinematiche . Tecniche di rilievo cinematiche UNITÀ Come si è visto, nelle procedure statiche i ricevitori rimangono fermi sugli estremi della baseline per tutta la sessione di misura e sono spenti durante le fasi

Dettagli

COMITATO PER LE REGOLE TECNICHE SUI DATI TERRITORIALI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI LINEE GUIDA ORTOIMMAGINI 1:10000 E MODELLI ALTIMETRICI

COMITATO PER LE REGOLE TECNICHE SUI DATI TERRITORIALI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI LINEE GUIDA ORTOIMMAGINI 1:10000 E MODELLI ALTIMETRICI COMITATO PER LE REGOLE TECNICHE SUI DATI TERRITORIALI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI LINEE GUIDA ORTOIMMAGINI 1:10000 E MODELLI ALTIMETRICI Comitato per le regole tecniche sui dati territoriali delle

Dettagli

Metodi di Posizionamento

Metodi di Posizionamento Metodi di Posizionamento Modi di posizionamento Determinazione di una posizione mediante GPS dipende: Accuratezza del dato ricercato Tipo di ricettore GPS Modi: Posizionamento assoluto Posizionamento relativo

Dettagli

Sistemi di riferimento in uso in Italia

Sistemi di riferimento in uso in Italia Sistemi di riferimento in uso in Italia Sistemi di riferimento in uso in Italia Paolo Zatelli Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Trento Paolo Zatelli Università di Trento 1 /

Dettagli

Algoritmo Nazionale per il GSM

Algoritmo Nazionale per il GSM Algoritmo Nazionale per il GSM Storia (1) Esistono numerosi metodi per la pianificazione e la copertura dei sistemi di telefonia cellulare. Ogni operatore sceglie quello che ritiene più opportuno anche

Dettagli

Collaudo DBT 2K Agg. RT

Collaudo DBT 2K Agg. RT Tre porzioni territoriali + estensione Circa 100000 ha di aggiornamento e 10000 ha di exnovo Per ogni porzione territoriale due consegne in corso d opera, al termine di fasi intermedie di lavoro, e una

Dettagli

MONITORAGGIO TECNICO DELLE ATTIVITA ESTRATTIVE

MONITORAGGIO TECNICO DELLE ATTIVITA ESTRATTIVE Progetto Europeo SARMa: buone pratiche nell estrazione e nel riciclo degli inerti in Emilia Romagna Bologna, 16 Dicembre 2010 MONITORAGGIO TECNICO DELLE ATTIVITA ESTRATTIVE Obiettivi, Metodi, Elaborazioni,

Dettagli

Tratto da Facility Management Italia n. 7. Autori: Enzo Scudellari, Marco Storchi.

Tratto da Facility Management Italia n. 7. Autori: Enzo Scudellari, Marco Storchi. Tratto da Facility Management Italia n. 7. Autori: Enzo Scudellari, Marco Storchi. Le attività per la progettazione, l attuazione ed il controllo delle attività che attengono alla gestione di un patrimonio,

Dettagli

GPS Global Positioning System

GPS Global Positioning System GPS Global Positioning System GNSS GNSS Global Navigation Satellite System Il GNSS (Global Navigation Satellite System) è il sistema globale di navigazione satellitare basato sul sistema statunitense GPS

Dettagli

Il Servizio di Posizionamento con le Reti GNSS

Il Servizio di Posizionamento con le Reti GNSS Collegio dei Geometri della Provincia di Mantova Corso di aggiornamento: Il Servizio di Posizionamento con le Reti GNSS Prof. Ing. Aurelio Stoppini DICA, Università degli Studi di Perugia SOMMARIO DEI

Dettagli

LA CARTA TECNICA REGIONALE IN SCALA 1:5000

LA CARTA TECNICA REGIONALE IN SCALA 1:5000 LA CARTA TECNICA REGIONALE IN SCALA 1:5000 Attualmente sono disponibili tre diverse edizioni di C.T.R. 1:5000: AL TRATTO realizzata dal 1977 al 1982 in base alle norme contenute nella L.R. n. 40 del 29/11/1974.

Dettagli

IL RILIEVO TOPOGRAFICO CON LASER SCANNER

IL RILIEVO TOPOGRAFICO CON LASER SCANNER IL RILIEVO TOPOGRAFICO CON LASER SCANNER fb.m. s.r.l. 1 Il continuo sviluppo della tecnica di rilievo e la ricerca continua del miglior risultato ore-lavoro, ha prodotto la strumentazione per il rilievo

Dettagli

Sistemi Informativi Geografici

Sistemi Informativi Geografici Sistemi Informativi Geografici Introduzione ai dati geografici Alberto Belussi Anno accademico 2007-08 08 Sistemi Informativi Territoriali (SIT) o Geografici I Sistemi Informativi Territoriali (SIT) gestiscono

Dettagli

TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA. 4. Cenni di topografia e GPS

TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA. 4. Cenni di topografia e GPS Università degli studi di Firenze Facoltà di Lettere e Filosofia TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA a.a. 2010-2011 4. Cenni di topografia e GPS Camillo Berti camillo.berti@gmail.com Argomenti 1. Definizione e scopi

Dettagli

RESTITUZIONE FOTOGRAMMETRICA, REALIZZAZIONE ORTOFOTO E REALIZZAZIONE DB TOPOGRAFICO A PARTIRE DALLE RIPRESE AEREE FOTOGRAMMETRICHE E LiDAR ESISTENTI

RESTITUZIONE FOTOGRAMMETRICA, REALIZZAZIONE ORTOFOTO E REALIZZAZIONE DB TOPOGRAFICO A PARTIRE DALLE RIPRESE AEREE FOTOGRAMMETRICHE E LiDAR ESISTENTI RESTITUZIONE FOTOGRAMMETRICA, REALIZZAZIONE ORTOFOTO E REALIZZAZIONE DB TOPOGRAFICO A PARTIRE DALLE RIPRESE AEREE FOTOGRAMMETRICHE E LiDAR ESISTENTI CAPITOLATO D'ONERI 1 DISPOSIZIONI GENERALI...4 1.1 DEFINIZIONI

Dettagli

Informazioni Tecniche riguardo a PhoToPlan

Informazioni Tecniche riguardo a PhoToPlan Informazioni Tecniche riguardo a PhoToPlan Le seguenti pagine forniranno una visione dettagliata dei possibili utilizzi di PhoToPlan Q1 Cosa significa Fotoraddrizzamento? Q2 Come si effettua un fotoraddrizzamento?

Dettagli

IL SISTEMA CARTOGRAFICO NAZIONALE

IL SISTEMA CARTOGRAFICO NAZIONALE IL SISTEMA CARTOGRAFICO NAZIONALE La Il paragrafo è intitolato La Carta di Gauss poiché, delle infinite formule che si possono adottare per mettere in corrispondenza i punti dell'ellissoide con quelli

Dettagli

TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA. 4. Cenni di fotogrammetria

TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA. 4. Cenni di fotogrammetria Università degli studi di Firenze Facoltà di Lettere e Filosofia TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA a.a. 2010-2011 4. Cenni di fotogrammetria Camillo Berti camillo.berti@gmail.com Argomenti Definizioni e scopi della

Dettagli

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Cartografia ed orientamento

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Cartografia ed orientamento Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Cartografia ed orientamento Contenuti della lezione 1. Definizioni generali 2. Le coordinate geografiche 3. Le carte e le proiezioni 4. Lettura di una carta

Dettagli

Presentazione del Servizio GNSS e principi di funzionamento

Presentazione del Servizio GNSS e principi di funzionamento Presentazione del Servizio GNSS e principi di funzionamento Domenico Sguerso domenico.sguerso@unige.it Laboratorio di Geodesia, Geomatica e GIS DICAT Università degli Studi di Genova SERVIZIO REGIONALE

Dettagli

Fornitura di data base topografici dei centri urbani e aree abitate della Sardegna, alla scala 1:2.000 e 1:1.000

Fornitura di data base topografici dei centri urbani e aree abitate della Sardegna, alla scala 1:2.000 e 1:1.000 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA DIREZIONE GENERALE DELLA PIANIFICAZIONE URBANISTICA TERRITORIALE E DELLA VIGILANZA EDILIZIA SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FOGGIA LIFE+ NATURA & BIODIVERSITA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FOGGIA LIFE+ NATURA & BIODIVERSITA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FOGGIA Facoltà di Agraria Dipartimento di Scienze Agro-Ambientali, Chimica e Difesa vegetale LIFE+ NATURA & BIODIVERSITA Interventi di conservazione dell avifauna prioritaria

Dettagli

Il rilievo GPS e il posizionamento in tempo reale

Il rilievo GPS e il posizionamento in tempo reale Primo Corso Regionale in Lombardia su Servizi GPS di Posizionamento per il Territorio e il Catasto Il rilievo GPS e il posizionamento in tempo reale Giovedì 16 Febbraio 2006 prof.. Giorgio Vassena Schema

Dettagli

LM Quaternario, Preistoria e Archeologia Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini

LM Quaternario, Preistoria e Archeologia Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini LM Quaternario, Preistoria e Archeologia Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini CARTA U.T.M. (Universale Trasversa di Mercatore) Coordinate chilometriche La superficie della Terra è stata

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti PROVVEDITORATO INTERREGIONALE PER LE OPERE PUBBLICHE EMILIA ROMAGNA - MARCHE - SEDE COORDINATA DI ANCONA - UFFICIO 7 TECNICO OO.MM. CAPITOLATO TECNICO LOTTO

Dettagli

Raddrizzamento digitale per la costruzione di fotopiani con RDF. 1. Avvio di RDF ed impostazione dei dati 2. Raddrizzamento analitico

Raddrizzamento digitale per la costruzione di fotopiani con RDF. 1. Avvio di RDF ed impostazione dei dati 2. Raddrizzamento analitico Raddrizzamento digitale per la costruzione di fotopiani con RDF Informazioni generali: Esercitazione: Introduzione 1. Avvio di RDF ed impostazione dei dati Prerequisiti 2. Raddrizzamento analitico Obiettivi

Dettagli

Sineco, Società del gruppo ASTM

Sineco, Società del gruppo ASTM cave & cantieri Lynx Mobile Mapper Strumentazione hi-tech di nuova generazione in cava Sineco, Società del gruppo ASTM (Autostrada Torino-Milano), opera nel campo del controllo e monitoraggio delle infrastrutture

Dettagli

Scansione georiferita da Piacenza a Modena spea

Scansione georiferita da Piacenza a Modena spea Scansione georiferita da Piacenza a Modena spea autostrade ingegneria europea Rilievi Laser Scansione georiferita da Piacenza a Modena SPEA HA VERIFICATO, IN VIA SPERIMENTALE, IL SISTEMA LYNX MOBILE MAPPER

Dettagli

SISTEMI DI INTEGRAZIONE ELETTRONICA Il sistema GPS e la tecnologia RFID

SISTEMI DI INTEGRAZIONE ELETTRONICA Il sistema GPS e la tecnologia RFID ferrigno@unicas.it Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale SISTEMI DI INTEGRAZIONE ELETTRONICA Il sistema GPS e la tecnologia RFID Docente: Luigi Ferrigno GPS Il sistema GPS (Global Positioning

Dettagli

MODERNE TECNICHE TOPOGRAFICHE DI CONTROLLO E COLLAUDO DELLE INFRASTRUTTURE FERROVIARIE

MODERNE TECNICHE TOPOGRAFICHE DI CONTROLLO E COLLAUDO DELLE INFRASTRUTTURE FERROVIARIE MODERNE TECNICHE TOPOGRAFICHE DI CONTROLLO E COLLAUDO DELLE INFRASTRUTTURE FERROVIARIE Laser scanner GBC5000 batteria a colonna Leica GPS Leica TPS Profiler 100 FX Colonna portaprisma GPC100 Radio modem

Dettagli

Sistemi Informativi Territoriali. Vari tipi di immagini

Sistemi Informativi Territoriali. Vari tipi di immagini Paolo Mogorovich Sistemi Informativi Territoriali Appunti dalle lezioni Vari tipi di immagini Cod.303 - Vers.E41 1 Introduzione 2 Immagine fisica 3 Immagine classificata 4 Immagine cartografica 5 Immagine

Dettagli

I prodotti per il tempo reale

I prodotti per il tempo reale I prodotti per il tempo reale Scopo di questo documento è illustrare brevemente le differenze tra i vari prodotti di correzione in tempo reale (RTK e DGPS) offerti dalla rete S.P.IN. GNSS, così da facilitarne

Dettagli

Introduzione alle trasformazioni tra Sistemi di Riferimento

Introduzione alle trasformazioni tra Sistemi di Riferimento Introduzione alle trasformazioni tra Sistemi di Riferimento Domenico Sguerso domenico.sguerso@unige.it Laboratorio di Geodesia, Geomatica e GIS DICAT Università degli Studi di Genova SERVIZIO REGIONALE

Dettagli

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA TOSCANA. Leica Geosystem

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA TOSCANA. Leica Geosystem ORDINE DEI GEOLOGI DELLA TOSCANA In collaborazione con Leica Geosystem Organizza CORSO DI ELEMENTI DI TOPOGRAFIA GEODESIA E GPS COME BASE PER LE APPLICAZIONI GIS SEDE OGT Via Fossombroni, 11 Firenze 17-18

Dettagli

Rilievo di precisione Real time e Reti NRTK

Rilievo di precisione Real time e Reti NRTK Rilievo di precisione Real time e Reti NRTK Maurizio Barbarella DISTART -Università di Bologna maurizio.barbarella@unibo.it Rilievo di precisione GPS Le modalità di rilievo che consentono di raggiungere

Dettagli

ORTOIMMAGINI E MODELLI ALTIMETRICI A GRANDE SCALA

ORTOIMMAGINI E MODELLI ALTIMETRICI A GRANDE SCALA ORTOIMMAGINI E MODELLI ALTIMETRICI A GRANDE SCALA LINEE GUIDA Mariia Anttoniia BROVELLII Allbertto CIINA Mattttiia CRESPII Andrea LIINGUA Ambrogiio MANZIINO Luiigii GARRETTII CISIS Centro Interregionale

Dettagli

PROGETTO Ser.P.I.Co. (Servizi Permanenti Informativi Comunali)

PROGETTO Ser.P.I.Co. (Servizi Permanenti Informativi Comunali) PROGETTO Ser.P.I.Co. (Servizi Permanenti Informativi Comunali) PREMESSA Esigenza prioritaria ed urgente a suo tempo manifestata dal BIM Adige di Verona era quella di utilizzare parte delle risorse derivanti

Dettagli

Nelle carte in scala 1:25.000 1 cm misurato sulla carta corrisponde a 25.000 cm nella realtà, cioè a 250 m e quindi 1 km = 4 cm.

Nelle carte in scala 1:25.000 1 cm misurato sulla carta corrisponde a 25.000 cm nella realtà, cioè a 250 m e quindi 1 km = 4 cm. Le carte topografiche sono strumenti per la rappresentazione in piano di zone geografiche non eccessivamente estese come il territorio di una provincia, di un comune o parti di esso. Fondamentale è l'individuazione

Dettagli

Gps e Cartografia Digitale Sistema e principi di funzionamento. 2 Corso ASE Popoli, 5 luglio 2015 AE Arturo Acciavatti

Gps e Cartografia Digitale Sistema e principi di funzionamento. 2 Corso ASE Popoli, 5 luglio 2015 AE Arturo Acciavatti Gps e Cartografia Digitale Sistema e principi di funzionamento 2 Corso ASE Popoli, 5 luglio 2015 AE Arturo Acciavatti Carta topografica Bussola Altimetro Orientamento classico 2 L orientamento classico

Dettagli

TOPOGRAFIA E CATASTO. Non meno importanti sono le altre funzioni offerte a chi lavora in ambito catastale. Eccone alcune:

TOPOGRAFIA E CATASTO. Non meno importanti sono le altre funzioni offerte a chi lavora in ambito catastale. Eccone alcune: pag. 1 Analist 2015 TOPOGRAFIA E CATASTO La Scelta Vincente per i Professionisti della Topografia Analist è il fantastico Software di Gestione e di Elaborazione dei Rilievi Topografici 2D e 3D e di Modellazione

Dettagli

E FENOMENI FRANOSI: UTILIZZO INTEGRATO DI TECNICHE A SCANSIONE LASER E POSIZIONAMENTO GEODETICO

E FENOMENI FRANOSI: UTILIZZO INTEGRATO DI TECNICHE A SCANSIONE LASER E POSIZIONAMENTO GEODETICO IRPI Consiglio Nazionale delle Ricerche ISTITUTO DI RICERCA PER LA PROTEZIONE IDROGEOLOGICA GRUPPO DI GEOMONITORAGGIO - TORINO IL MONITORAGGIO DI CORSI D ACQUA E FENOMENI FRANOSI: UTILIZZO INTEGRATO DI

Dettagli

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. GEOGRAPHIC INFORMATION SYSTEM Syllabus. Versione 1 Febbraio 2007

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. GEOGRAPHIC INFORMATION SYSTEM Syllabus. Versione 1 Febbraio 2007 EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE GEOGRAPHIC INFORMATION SYSTEM Syllabus Versione 1 Febbraio 2007 Versione 1 Febbraio 2007 ECDL GIS Programma di certificazione 1. A chi si rivolge La certificazione ECDL

Dettagli

1. Very Long Baseline Interferometry (VLBI), 2. Satellite Laser Ranging (SLR)

1. Very Long Baseline Interferometry (VLBI), 2. Satellite Laser Ranging (SLR) Geodesia Dal greco Γεωδαισια: divisione della Terra Discipline collegate alla geodesia: 1. studio della forma del pianeta; 2. studio del campo di gravità del pianeta. Misure geodetiche: misure legate e

Dettagli

Workshop "VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI"

Workshop VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI Workshop "VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI" Ing. Giorgio Cesari Autorità di bacino del Fiume Tevere Distretto Idrografico dell Appennino Centrale

Dettagli

SINTESI DI PROGETTO PREMESSA : Created with novapdf Printer (www.novapdf.com). Please register to remove this message.

SINTESI DI PROGETTO PREMESSA : Created with novapdf Printer (www.novapdf.com). Please register to remove this message. REALIZZAZIONE DI UNA RETE GPS PER LA FORMAZIONE DI UN DATUM GEODETICO LOCALE E TRASFORMAZIONI DI COORDINATE PER APPLICAZIONI CARTOGRAFICHE E TOPOGRAFICHE SINTESI DI PROGETTO PREMESSA : Il progetto nasce

Dettagli

Estrazione di DSM dell immediato post sisma dell Aquila da stereo coppie EROS-B Across track

Estrazione di DSM dell immediato post sisma dell Aquila da stereo coppie EROS-B Across track Estrazione di DSM dell immediato post sisma dell Aquila da stereo coppie EROS-B Across track Valerio Baiocchi, Donatella Dominici, Francesca Giannone LE ORBITE Orbita polare eliosincrona Il satellite ritorna

Dettagli

CORSO DI TOPOGRAFIA A A.A. 2006-2007

CORSO DI TOPOGRAFIA A A.A. 2006-2007 CORSO DI TOPOGRAFIA A A.A. 6-7 APPUNTI LEIONI GPS PARTE II Documento didattico ad uso interno - www.rilevamento.it 1 1 Inserimento di un rilievo GPS in cartografia. Problemi di trasformaione di coordinate

Dettagli

Navigazione e sistemi satellitari

Navigazione e sistemi satellitari Navigazione e sistemi satellitari Introduzione La misura del tempo e lo sviluppo della navigazione si intrecciano nel corso della storia; la costruzione di orologi più accurati si può infatti collegare

Dettagli

Laser scanner. Schema dello strumento. Argomenti: Elicottero con sensore

Laser scanner. Schema dello strumento. Argomenti: Elicottero con sensore Elicottero con sensore Laser scanner Gabriele GARNERO Argomenti: Principio di funzionamento Terminologia Il sensore integrato GPS/IMU Calibrazione Pianificazione volo Precisione Problemi di qualità e la

Dettagli

MATERIA: GENIO RURALE PROGRAMMAZIONE CLASSI TERZE: INDIRIZZO GESTIONE

MATERIA: GENIO RURALE PROGRAMMAZIONE CLASSI TERZE: INDIRIZZO GESTIONE MATERIA: GENIO RURALE PROGRAMMAZIONE CLASSI TERZE: INDIRIZZO GESTIONE 1. OBIETTIVI 1.1 COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: Si tratta di competenze che la reciproca integrazione e interdipendenza fra i saperi

Dettagli

TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA. 8. Cartografia digitale

TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA. 8. Cartografia digitale Università degli studi di Firenze Facoltà di Lettere e Filosofia TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA a.a. 2010-2011 8. Cartografia digitale Camillo Berti camillo.berti@gmail.com Argomenti Aspetti generali Organizzazione

Dettagli

ANALISI DEL DISSESTO IN TOSCANA ED APPLICAZIONE DEL LASER SCANNER IN AREE SOGGETTE A FENOMENI DI CROLLO

ANALISI DEL DISSESTO IN TOSCANA ED APPLICAZIONE DEL LASER SCANNER IN AREE SOGGETTE A FENOMENI DI CROLLO ANALISI DEL DISSESTO IN TOSCANA ED APPLICAZIONE DEL LASER SCANNER IN AREE SOGGETTE A FENOMENI DI CROLLO Domenico Morini Dirigente Servizio Geologico Regione Toscana Stefano Romanelli La.m.m.a. Regione

Dettagli

LA CARTOGRAFIA ITALIANA

LA CARTOGRAFIA ITALIANA LA CARTOGRAFIA ITALIANA ENTI CARTOGRAFICI ITALIANI che producono cartografia di base: I.G.M. - Istituto Geografico Militare Sede a Firenze Carta Topografica d Italia: VECCHIA PRODUZIONE 1:100.000 Fogli

Dettagli

Cenni sulle coordinate e i sistemi di riferimento. Orientare la carta e valutare l azimut. Posizionarsi sulla carta: la triangolazione

Cenni sulle coordinate e i sistemi di riferimento. Orientare la carta e valutare l azimut. Posizionarsi sulla carta: la triangolazione Cenni sulle coordinate e i sistemi di riferimento La carta topografica Orientare la carta e valutare l azimut Posizionarsi sulla carta: la triangolazione Il GPS La normativa di riferimento Guida alla compilazione

Dettagli

Elementi di cartografia: La lettura del territorio. Robbio, 9 Febbraio 2013 Tiziano Cattaneo Legambiente Lombardia

Elementi di cartografia: La lettura del territorio. Robbio, 9 Febbraio 2013 Tiziano Cattaneo Legambiente Lombardia Elementi di cartografia: La lettura del territorio Robbio, 9 Febbraio 2013 Tiziano Cattaneo Legambiente Lombardia Cenni storici Tavoletta di Nippur, 1500 A.C. Cenni storici Carta di Anassimandro, 550 A.C.

Dettagli

Strumenti per il rilevamento topografico

Strumenti per il rilevamento topografico Strumenti per il rilevamento topografico Carlo Alberto Birocco Avigliana, 8 Ottobre 2013 ITG G. Galilei Definizione di RILEVAMENTO TOPOGRAFICO: Insieme di operazioni eseguite in un'area del Territorio

Dettagli

RILIEVO E DIGITALIZZAZIONE DI RETI INFRASTRUTTURALI

RILIEVO E DIGITALIZZAZIONE DI RETI INFRASTRUTTURALI RILIEVO E DIGITALIZZAZIONE DI RETI INFRASTRUTTURALI SPECIFICHE TECNICHE versione 3.0 vom 10.09.2010 Prospetto: Specifiche tecniche Premessa Formato dei file Sistema di riferimento Precisione metrica Modello

Dettagli

APPLICAZIONI IN POST-PROCESSAMENTO E IN REAL-TIME SU RETI LOCALI DI STAZIONI PERMANENTI GPS/GNSS

APPLICAZIONI IN POST-PROCESSAMENTO E IN REAL-TIME SU RETI LOCALI DI STAZIONI PERMANENTI GPS/GNSS APPLICAZIONI IN POST-PROCESSAMENTO E IN REAL-TIME SU RETI LOCALI DI STAZIONI PERMANENTI GPS/GNSS Fabio RADICIONI*, Aurelio STOPPINI* * Università degli Studi di Perugia, D.I.C.A., Via G.Duranti 93-06125

Dettagli

PROGETTO FORMAZIONE OPERATORI GEOMATICI

PROGETTO FORMAZIONE OPERATORI GEOMATICI La Topografia è sempre stata una materia di primaria importanza per i Geometri. Adesso che la materia si evolve verso la Geomatica, le esigenze formative si fanno ancora più evidenti e pressanti, infatti

Dettagli

FEDERAZIONE SPELEOLOGICA TOSCANA

FEDERAZIONE SPELEOLOGICA TOSCANA FEDERAZIONE SPELEOLOGICA TOSCANA COMMISSIONE CATASTO Unione Speleologica Calenzano con il patrocinio del Comune di Calenzano CORSO DI CARTOGRAFIA E POSIZIONAMENTO GROTTE 29 30 maggio 2010 Istruttori Bernabini

Dettagli

Test sul Sistema di posizionamento RTK-X Extended Pagina

Test sul Sistema di posizionamento RTK-X Extended Pagina IL SISTEMA DI POSIZIONAMENTO RTK-X EXTENDED TEST OPERATIVI SU SISTEMI BASATI SULLA NUOVA TECNOLOGIA Introduzione La presentazione sul mercato delle strumentazioni topografiche dotate di tecnologia RTK-X

Dettagli

TOPOGRAFI A E ORIENTAMENTO IN MONTAGNA. 04-09-2014 XXIV Corso di Alpinismo A1

TOPOGRAFI A E ORIENTAMENTO IN MONTAGNA. 04-09-2014 XXIV Corso di Alpinismo A1 Club Alpino Italiano - Sezione di Bozzolo TOPOGRAFI A E ORIENTAMENTO IN MONTAGNA TOPOGRAFIA E ORIENTAMENTO IN MONTAGNA Cenni di geodesia e topografia Cartografia Lettura ed interpretazione delle carte

Dettagli

LA RETE GEODETICA DI INQUADRAMENTO DELLA REGIONE UMBRIA

LA RETE GEODETICA DI INQUADRAMENTO DELLA REGIONE UMBRIA LA RETE GEODETICA DI INQUADRAMENTO DELLA REGIONE UMBRIA Ambra CIARAPICA*, Gabriele FERRANTI* Fabio RADICIONI**, Aurelio STOPPINI** * Regione dell Umbria, Direzione Politiche Territoriali Ambiente e Infrastrutture,

Dettagli

Cartografia di base per i territori

Cartografia di base per i territori Cartografia di base per i territori L INFORMAZIONE GEOGRAFICA I dati dell informazione geografica L Amministrazione Regionale, nell ambito delle attività di competenza del Servizio sistema informativo

Dettagli

Consiglio Nazionale delle Ricerche. Report di approfondimento relativo all attuale stato di attività del fenomeno franoso di Montaguto febbraio 2011

Consiglio Nazionale delle Ricerche. Report di approfondimento relativo all attuale stato di attività del fenomeno franoso di Montaguto febbraio 2011 Consiglio Nazionale delle Ricerche ISTITUTO DI RICERCA PER LA PROTEZIONE IDROGEOLOGICA CENTRO DI COMPETENZA DEL DIPARTIMENTO DI PROTEZIONE CIVILE PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Report di approfondimento

Dettagli

Caserma L. Pierobon 18 marzo 2010. U.N.U.C.I. sezione di Padova

Caserma L. Pierobon 18 marzo 2010. U.N.U.C.I. sezione di Padova Caserma L. Pierobon 18 marzo 2010 U.N.U.C.I. sezione di Padova NOZIONI DI TOPOGRAFIA Reticolato geografico Designazione di un punto Sistemi di misura Nord Geografico, Rete e Magnetico Distanze Scale di

Dettagli

Vittorio Casella. Laboratorio di Geomatica - DICAR Università di Pavia email: vittorio.casella@unipv.it

Vittorio Casella. Laboratorio di Geomatica - DICAR Università di Pavia email: vittorio.casella@unipv.it Vittorio Casella Laboratorio di Geomatica - DICAR Università di Pavia email: vittorio.casella@unipv.it Come si pianifica un rilievo fotogrammetrico da drone Dronitaly, 25-26 settembre 2015 ATA Hotel EXPO

Dettagli