II. La problematica del riconoscimento dei frammenti archeologici, il rilievo come metodo rivelatore

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "II. La problematica del riconoscimento dei frammenti archeologici, il rilievo come metodo rivelatore"

Transcript

1 A UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PALERMO M/2 3/4M M/4 M 3/4M M/2 M/2 M M M M M M M M M M M M Tra il XVIII secolo ed il XIX, Hittof, Zant, Viollet Le Duc e Du Fourny, per il meridione d'italia e per la Sicilia in particolare, si dedicarono ai tesori italiani, mostrando di possedere un interesse di tipo documentario per un inestimabile patrimonio monumentale ancora da scoprire. Ma, mentre erano intenti a tale tipo di interesse, questi studiosi instaurarono, al contempo, uno specifico costume professionale e pedagogico: vedere conoscere, tradurre in tavole grafiche ed esprimere didascalicamente il processo progettuale di cui l' architettura di pietra diviene rappresentazione del processo stesso ( ) Rilevare significa disegnare la cosa dell'architettura in modo che l'osservatore possa intenderne sostanza: di forma, di uso, di struttura ( ) significa rendere esplicito da parte dell'operatore il rapporto che si instaura tra lo stesso e l'opera d'arte come opera di cultura ( ) nella condizione storica e percettiva cui esso appartiene. Margherita De Simone Rilievo e Anastilosi Virtuale della peristasi meridionale del tempio «G» di Selinunte M/2 3/4M DIPARTIMENTO DI RAPPRESENTAZIONE CORSO DI LAUREA IN ARCHITETTURA 4S A.A CONOSCENZA FIGURAZIONE TRASFORMAZIONE DELL AMBIENTE COSTRUITO/NATURALE Rilievo e Anastilosi Virtuale della peristasi meridionale del Tempio «G» di Selinunte Tesi di Laurea di MARCO CARELLA Relatore: Prof. Fabrizio Agnello Correlatori: Prof. Carlo Zoppi, arch. Mirco Cannella

2 1 Indice Introduzione I. Studi sulla peristasi del tempio G II. La problematica del riconoscimento dei frammenti archeologici, il rilievo come metodo rivelatore III. Metodi di rilievo: diretto, topografico, fotogrammetrico e con laser scanner IV. Fotopiano e fotomodellazione V. Anastilosi virtuale dei frammenti, generazione del modello discreto e restituzione dei contenuti emersi Il crepidoma Analisi di quattro colonne del fronte sud Considerazioni sulle correzioni ottiche della colonna La trabeazione Blocchi a tenia, regulae e guttae Il triglifo Il geison La modanatura a becco di civetta Anastilosi virtuale e studio della peristasi e della sezione costruttiva VII. Metodi alternativi di fruizione del bene monumentale: la realtà virtuale e la realtà aumentata

3 2 Introduzione

4 3 Sito nella collina orientale del parco archeologico di Selinunte, il più grande dell area mediterranea (270 ha) e tappa obbligata del Grand Tour settecentesco, il tempio G è oggetto della nostra tesi che mira ad una ricostruzione scientifica della peristasi, avvalendosi, in aggiunta ai mezzi del rilievo diretto tradizionale, delle moderne tecnologie di rilevamento, ed in particolare di scansioni laser 3d e modellazione fotogrammetrica, al fine di restituirne l immagine e le relative informazioni storiche e morfologiche indagando sugli aspetti metrici e proporzionali. L esame sulla peristasi si concentra su tutto il fronte sud ed in particolare sull angolo sud-est (A) e su una porzione ben conservata del fronte sud (B) (fig. 1). 1. Nuvola di punti dove sono indicate le aree oggetto di studio Il primo capitolo descrive gli studi e le ricostruzioni del tempio effettuate a partire dal secolo XVIII, ovvero dal momento in cui l interesse per l archeologia diviene sempre più indagine scientifica. Il secondo capitolo affronta invece la problematica del riconoscimento dei frammenti archeologici ponendo il rilievo come metodo di indagine per sciogliere i nodi riguardanti la sezione costruttiva del tempio, grazie allo sviluppo di una metodologia a tappe che parte dagli elementi certi del canone dorico, di cui si conosce forma e posizione e che, attraverso i vuoti risultanti dalla loro giustapposizione, rende riconoscibili per forma e grandezza i frammenti di difficile identificazione. Il terzo e il quarto capitolo sono dedicati alle fasi del rilievo ed in particolare alle metodologie utilizzate e agli strumenti adoperati, dei quali vengono illustrate le caratteristiche tecniche e le modalità operative. Dopo aver sottolineato l importanza di

5 4 una campagna conoscitiva basata sul rilevamento in campo attraverso metodologie tradizionali di misurazione diretta e redazione di eidotipi, si amplia e si approfondisce quanto esposto nel capitolo I, attraverso il rilievo dei frammenti con tecnologie laser scanner e con fotomodellazione che generano un insieme di punti chiamato point-cloud (nuvola di punti). Le nuvole di punti vengono elaborate attraverso operazioni di orientamento, isolamento, estrazione di sezioni e ricerca dei piani di posa degli elementi architettonici scansiti. L operazione di individuazione degli elementi che strutturano la forma geometrica viene quindi eseguita nella seconda fase (elaborazione dei dati), a differenza di quanto avviene nel rilievo diretto e topografico per i quali tale operazione precede l acquisizione delle misure. Alla trattazione delle procedure che vengono utilizzate per la discretizzazione delle suddette nuvole di punti in modelli concettuali, capaci di riassumere le caratteristiche morfologiche e dimensionali del frammento al fine di ottenerne una corretta anastilosi, è dedicato il capitolo quinto. Tali procedure, come già enunciato, vengono sperimentate sugli elementi più facilmente riconoscibili perché appartenenti al canone dorico, quali la colonna divisa in rocchi, l elemento della trabeazione culminante nella classica divisione in regulae e guttae, il fregio ed in particolare il triglifo ed il geison con cui termina l intero ordine; i frammenti discretizzati vengono giustapposti secondo i piani di posa trovati. Gli esiti del lavoro, che mira ad una ricostruzione scientifica, sono presentati nel sesto capitolo dove sono affrontate sia le problematiche riguardanti la rappresentazione dei risultati di questa fase di studio sia la ricerca, attraverso i vuoti della sezione costruttiva, di quei frammenti archeologici che in una prima fase non era stato possibile riconoscere. Questo iter ci ha portato ad indagare la peristasi del tempio, secondo un processo circolare dal frammento-al rilievo-al frammento che si è rivelato efficace poiché è stato possibile ipotizzare una posizione dei reperti di difficile collocazione e quindi un modello concettuale dell intera sezione costruttiva. Il percorso conoscitivo intrapreso ha determinato altresì la sperimentazione di un metodo che attraverso il contributo intellettuale dell architetto, ovvero tramite due delle competenze metodologiche che questo deve possedere quali lo studio e la capacità interpretativa dei contributi storiografici, e la capacità di rilevare e dunque rivelare, possa restituire il monumento alla collettività che troppo spesso è costretta ad una fruizione passiva e povera di contenuti.

6 5 Il lavoro si chiude col capitolo settimo che tratta la sperimentazione di tipologie di fruizione alternativa del bene monumentale, con particolare attenzione ai contenuti scientifici emersi dalla redazione di questo lavoro, mediante l utilizzo della realtà aumentata e realtà virtuale, tecnologia che oggi è ambito di diversi studi e sperimentazioni in vari settori accademici e che a nostro avviso risulta un valido mezzo per offrire al visitatore un modo semplice ed intuitivo di fruizione guidata attiva a costi contenuti.

7 6 Studi sulla peristasi del tempio G

8 7 Il tempio G di Selinunte, colonia megarese fondata dall ecista Pammilo 1, cento anni dopo Megara Iblea (728 a.c.) su un territorio abitato da popolazioni indigene, sorge sulla collina orientale ad ovest della valle del Cottone. La particolare disposizione dei templi sull altura ha indotto gli studiosi ad avanzare un ipotesi di duplicazione del modello dell acropoli di Alcatoo presso Megara Nysea 2. In quest area sorgono, infatti, le rovine di tre templi rigidamente allineati col fronte principale rivolto ad est di cui il tempio G è il più settentrionale. Questo si presenta come un insieme ciclopico di ruderi, appartenenti ad uno pseudo diptero ottastilo confrontabile con i dipteri ionici orientali, la cui costruzione, cominciata intorno al 530 a.c., potrebbe essersi protratta per una durata di almeno centocinquanta anni così come si evince dalle 2. Veduta dei templi della collina orientale trasformazioni stilistiche che hanno subito i fronti del tempio ed in particolare dalla morfologia del capitello. Infatti, da oriente verso occidente troviamo una sequenza di colonne più snelle con capitello schiacciato nei lati orientale e settentrionale, probabilmente risalenti al VI secolo, e colonne più robuste di stile severo nel fronte occidentale. A partire dalla metà del XVIII l avvio degli scavi di Ercolano e Pompei, incoraggiati da Carlo III di Borbone e sotto la direzione dell ingegnere militare Joaquin de Alcubierre, hanno portato alla luce resti archeologici di notevole pregio storico-artistico che hanno inaugurato una nuova stagione culturale volta alla riscoperta dell antichità classica e ad un rinnovato interesse per l archeologia. Per la prima volta, infatti, il Grand Tour intrapreso da giovani rampolli di famiglie aristocratiche ed eruditi del tempo, volenterosi di completare e ampliare la loro formazione, si spingono oltre Napoli sino in Sicilia, per ammirare i resti archeologici di Agrigento, Siracusa, Segesta e Selinunte. Già il viaggiatore olandese Jacobi Philippi D Orville in Sicula quibus Siciliane veteris rudera, additis antiquitatum tabulis, illustrantur 3, pubblicata nel 1764, fornisce un 1 Sulla Storia di Selinunte: COARELLI-AORELLI 2000, pp Ivi, pp , LAVADIOTTI-LIPPOLIS-ROCCO 2007, PP DI MATTEO 1999, pp ; TUZET 1995, pp

9 8 dettagliato resoconto dei luoghi visitati attraverso incisioni che ne documentano lo stato di conservazione. Tra le pagine del suo diario di viaggio il D Orville, oltre ad illustrare le rovine del tempio G quasi completamente ricoperte di sabbia, avanza l ipotesi che si tratti di una tipologia templare non chiara caratterizzata da una peristasi di 6x16 colonne. Tuttavia, nel 1767 è l ingegnere siracusano Andrea Pigonati a pubblicare una rappresentazione del tempio, contrastante con quella del D Orville, di cui ipotizza per primo la corretta distribuzione della peristasi in 8x17 colonne 4. Importante, a tal proposito, è il contributo dei principi siciliani Ignazio Paternò Castello e Gabriele Lancillotto Castelli nominati nel 1779 regi custodi delle antichità siciliane. Questi, avendo nel 1764 invitato i siciliani a contribuire alla pubblicazione dei più bei monumenti, apprezzarono notevolmente il lavoro del Pigonati. Ignazio Paternò Castello, in particolare, citando Selinunte e soffermandosi sulla peristasi del tempio G nel suo Viaggio per tutte le antichità di Sicilia 5, misura la larghezza del tempio in 50 canne (una canna in Sicilia corrisponde a m. 2,062), la lunghezza dell architrave in 27 palmi (un palmo in Sicilia corrisponde a m. 0,258098), l altezza in 9 palmi e il diametro delle colonne in 13 palmi. Ulteriori importanti informazioni circa le dimensioni del tempio, risalgono invece al 1771 quando il prussiano Joseph Hermann von Riedsel 6, attraverso il resoconto del suo viaggio, in forma epistolare, fornisce la misura del diametro delle colonne pari a 8 palmi, l altezza del fregio pari a 4 palmi e la misura complessiva del tempio pari a 160x80 passi. Nel 1776 anche il pittore paesaggista Jean Houel 7 nel suo Voyage pittoresque des isles de Sicilile, de Malte et de Lipari, presentata a Parigi nel 1782, pubblica alcune viste del tempio ed una tavola contenente una pianta in assonometria ed una veduta prospettica. Le misurazioni indicano 51 tese e 4 piedi di lunghezza (una tesa era uguale a 6 piedi, un piede misurava 3,48 cm) per 25 tese di larghezza del tempio ed un altezza di 45 piedi. Nel 1783 Henry Swinburne, viaggiatore anglosassone, pubblica a Londra Travels in the two Sicilies 8 dove misura il diametro delle colonne del tempio in 9 piedi e 3 pollici alla base e 6 piedi e 3 pollici sotto il capitello, ritenendo inoltre che l altezza complessiva non dovesse superare i cinque diametri, ovvero 50 piedi, e che le dimensioni principali del tempio fossero 270x134 piedi. 4 Ivi, pp PATERNO 1781, pp DI MATTEO 1999, vol. III, pp.43 47; TUZET 1988, pp Ivi, vol. II, pp ; Ivi, pp SWINBURNE , pp.44

10 9 3. Tavola comparativa di A. Renard, da Sain-Non 1786 L esperienze del XVIII secolo, riguardanti l oggetto del nostro studio, si chiudono con l opera del canonico Jean Claude Richard de Saint-Non 9 il quale, non recandosi personalmente in Sicilia, incarica il paesaggista C.L. Chatèlet e gli architetti e pittori J.L. Deprèz e J.A. Renard, sotto la guida del letterato Dominique Vivant Denon, di documentare le tappe del viaggio. Le informazioni così raccolte confluirono successivamente nel quarto volume sulla Sicilia pubblicato nel Riguardo il tempio G l autore scrive: Cominciammo a disegnare i dettagli, il diametro delle colonne ecc. e ne individuammo la pianta nel modo più soddisfacente ed incontestabile, benché presentasse una dimensione più allungata che, nella parte anteriore era occupata da un peristilio con tre colonne: è proprio del terzo rango interno di queste colonne che ne resta in piedi una, in tutta la sua altezza 11. Queste osservazioni confluirono nella grande tavola comparativa 12 di J.A. Renard dove vengono illustrati la pianta, il prospetto e particolari architettonici del tempio, riconosciuto come diptero ottastilo di 8x16 colonne. Con l avvento del XIX secolo e lo sviluppo del fenomeno della specializzazione delle scienze le campagne siciliane vedono viaggiatori di varia provenienza verificare gli esiti dei resoconti settecenteschi con l apporto di consolidate basi scientifiche e una 9 TUZET 1988, pp DI MATTEO 1999, vol. I, pp VIVANT DENON , pp DE SAINT NON , Table comparative des temple, des theaters et de quelques autres edifices antiques de la Sicilie, Tome 4. Pl. en reg. p.192

11 10 maggiore consapevolezza dell importanza di effettuare rilievi quanto più precisi possibile. In quest ottica, rilevante è il contributo di Hittof 13 che guida un intensa attività di rilievo nella collina orientale i cui risultati confluirono nel 1827 in una raccolta pubblicata postuma nel Il tempio G, denominato da Hittorf T, viene considerato per la prima volta ipetrale ed illustrato secondo due principali ipotesi ricostruttive che differiscono sostanzialmente nel numero di ordini della cella. Vengono, inoltre, rilevate le due differenti 4. Vista prospettica interna, da Hittorf 1827 tipologie di capitello ed il tempio messo a confronto con altri emblematici del mondo greco. Sono anche illustrati nella tavola la pianta del tempio, l ordine e la colonna. Gli esiti di questa campagna e la sua pubblicazione diedero un impulso molto forte alla comunità scientifica che volle impadronirsi di queste metodologie di indagine e rappresentazione. 13 HITTORF 1870

12 11 5. Particolari costruttivi e decorativi, da Hittorf Tavola comparativa, da Hittorf Tavola comparativa, da Hittorf 1827

13 12 Archeologi siciliani allora cominciano ad intraprendere campagne di scavo e rilievo in tutta l isola e tra il 1831 e il 1832 Domenico Lo Faso Pietrasanta duca di Serradifalco 14, presidente della Commissione di Antichità e Belle Arti fondata nel 1827, stila un programma per Selinunte incaricando l architetto Francesco Saverio Cavallari di liberare i templi dalla sabbia ed effettuare lavori di restauro sulla collina orientale. I rilievi del Cavallari confluirono nell opera di divulgazione, stampata nel 1834, Le antichità di Sicilia esposte ed illustrate per Domenico Lo Faso duca di Serradifalco socio di varie accademie. Cinque tavole di questo lavoro furono dedicate al tempio e accompagnate da descrizione testuale: In quanto alla grandezza egli in vero è maggiore di ogni altro degli antichi, e quasi uguale può dirsi a quello consacrato in Agrigento alla stessa divinità; ma di gran lunga è a questo superiore per la disposizion della pianta, per le colonne isolate, e per gli enormi massi, ond è costruito 15. Il tempio viene misurato in 207,6x440,2 palmi e viene definitivamente confermata l ipotesi tipologica di uno pseudo diptero ipetro octastilo con diciassette colonne sui lati lunghi. Viene posta in accento la differenza relativa ai diversi stadi di lavorazione di capitelli e colonne e le ultime due tavole dedicate al rilievo di particolari architettonici tra i quali è possibile distinguere la varietà dei capitelli rilevati. Questi studi, considerati i primi ad avere basi scientifiche, furono riproposti dal piemontese Luigi Canina in L architettura antica descritta e dimostrata coi monumenti, dall architetto Luigi Canina 16 che, descrivendo il tempio, dà per certi i dati ritenuti ipotetici dal Serradifalco. Trent anni dopo gli scavi del Serradifalco, Francesco Saverio Cavallari, nominato presidente della Direzione delle Antichità, istituita dal governo italiano nel 1864, riprende gli scavi sul tempio G stabilendo definitivamente il numero di colonne della cella e la dimensione del naiskos. Un contributo importante ci viene fornito inoltre dagli studi di Otto Puchstein che, insieme a Robert Koldway, si reca in Sicilia tra il 1892 ed il 1895 e pubblica a Berlino nel 1899 l opera Die griechschen tempel in unteritalien unt Sicilien 17. Questi studia il tempio G con un livello di approfondimento maggiore, tanto da rilevare i differenti intercolumni dei fronti della peristasi, e mette in luce la presenza di tre tipi di colonne, diverse per proporzioni e forma del capitello, e ascrivibili ad altrettante fasi costruttive. 14 CIANCIOLO COSENTINO SERRADIFALCO 1834, vol. II, p CANINA , vol V, VI 17 KOLDEWAY-PUCHSTEIN 1899

14 13 8. Tre tipologie di capitelli rilevati, da Koldeway-Puchstein 1899 Rileva altresì la presenza di contrazione angolare sul fronte Ovest (ultima fase di costruzione) e di una modularità nel diametro delle colonne e negli intercolumni. Il Novecentoo vede chiudersi definitivamente l epoca del Grand Tour e delle suggestioni pittoresche, perseguendo quell approccio sistematico già presente nel XIX secolo e che sarà alla base della moderna archeologia. In seno a questo cambiamento, Jean Louis Hulot e Gustave Fourgères, attraverso rilievi e testi, stilano la prima grande monografia monumental le su Selinunte18 pubblicata a Parigi nel 1910; il tempio viene nuovamente presentato come uno pseudo diptero ottastilo con diciassettee colonne sul fronte maggiore ed ipetrale. I due archeologi misurano nuovamente ogni parte del tempio e forniscono sobrie ipotesi ricostruttive, mostrando la diversità delle colonne più slanciate sul lato Est, con echino più schiacciato, e più tozze, con echino panciuto, sul lato Ovest. In una tavola di dettaglio viene mostrata la ricostruzione di una parte della trabeazione. Le affermazioni fatte dai due archeologi rappresentano il punto di partenza della nostra tesi poichè è proprio dal ridisegno e dallo studio delle tavole di Hulot e Fourgères che si è cominciato ad indagare le caratteristiche morfologiche e dimensionali della trabeazione oggetto di studio. 18 HULOT E FOURGERES 1910

15 14 9. Studi proporzionali sui rilievi di Hulot e Fourgères 10. Particolare dell'ordine, da Hulot e Fourgères Resa visuale dedotta dalla ricostruzione di Hulot e Fourgères

16 15 I rilievi di Hulot e Fourgères sono stati oggetto di un tentativo di restituzione di un modello discreto, da confrontare con quello che sarà risultante dalla conclusione di questo lavoro. 12. Resa visuale dedotta dalla ricostruzione di Hulot e Fourgères 13. Resa visuale dedotta dalla ricostruzione di Hulot e Fourgères

17 Resa visuale dedotta dalla ricostruzione di Hulot e Fourgères Tra gli anni quaranta e cinquanta assistiamo all intervento sul Fusu de la Vecchia diretto dall archeologa Jole Bovio Marconi. 15. Il restauro del "Fusu di la vecchia", Selinunte 1941, dall'archivio fotografico A. Salinas

18 17 Gli studi più recenti sul tempio sono quelli del 1985 diretti dall architetto Giorgio Gullini 19 che attribuisce definitivamente il tempio al culto di Zeus e presenta l edificio come l esaltazione del significato della peristasi come recinto trovò la più onumentale espressione. L intervento è corredato da una riproduzione fotogrammetrica con a tratteggio la planimetria ipotizzata ed in rosso gli elementi del crollo. 16. Restituzione fotogrammetrica, da Gullini GULLINI 1985, p.444

19 18 Recenti sono le pubblicazioni di Dieter Mertens 20 e Laviadotti-Lippolis-Rocco 21 che, tuttavia, non apportano sostanziali novità allo stato degli studi. Importante risulta citare il recente contributo che nel 2005 è stato dato dal workshop 22 internazionale Tecniche integrate di rilevamento per l analisi e la conoscenza dei beni archeologici: il tempio G di Selinunte promosso dal Dipartimento di Rappresentazione dell università di Palermo e dal Dipartimento di Expressiò Gràfica Arquitectonica I dell Universitàpolitècnica de Catalunya di Barcellona che ha coinvolti diversi ambiti disciplinari ed elaborato le metodologie di anastilosi virtuale di una colonna del fronte Nord attraverso l elaborazione di dati provenienti da scansioni laser 23. Il lavoro di ricerca che viene presentato prende le mosse dai primi studi eseguiti nel corso del workshop e da ulteriori contributi presentati in tesi di laurea presso questà facoltà MERTENS LAVIADOTTI-LIPPOLIS-ROCCO MARSIGLIA AGNELLO-LO MEO 2005, Il metodo studiato per l anastilosi dela colonna è stato sviluppato nell ambito della tesi di dottorato LO MEO M. SCHIERA, Il tempio G di Selinunte: Analisi storica e rilievo per l anastilosi virtuale di una porzione della peristasi.

20 19 La problematica del riconoscimento dei frammenti archeologici, il rilievo come metodo rivelatore

21 20 La complessità dell argomento trattato richiede una profonda analisi e comprensione dell iter metodologico che sottende l anastilosi virtuale e la generazione del modello discreto quale mezzo di prosecuzione del lavoro di ricerca sul tempio G e punto di partenza per la sperimentazione di sistemi alternativi di fruizione del bene monumentale. Tali premesse implicano una piena consapevolezza degli aspetti operativi e gnoseologici del rilievo architettonico. Questo ha lo scopo di studiare e rappresentare un manufatto esistente attraverso l utilizzo di rilievi già prodotti in precedenza, schizzi quotati, documentazione fotografica e disegni tecnici. Obiettivi del rilievo sono, ad esempio, lo studio, la didattica, il restauro, la costruzione e la riqualificazione dell oggetto rilevato. Un rilievo eseguito in maniera scientifica viene condotto in più fasi: la prima, prevede l individuazione della strumentazione tecnica a disposizione; la seconda, nonché la più importante, prevede la redazione di un progetto di rilievo che comprende l individuazione dei piani di sezione, dei piani di posa degli elementi, dei corretti orientamenti e di tutte quelle caratteristiche morfologiche dell oggetto che andranno misurate; la terza fase, infine, prevede la realizzazione di schizzi o eidotipi (vedute, piante, sezioni e prospetti) sui quali l operatore annota tutte le informazioni che confluiranno nella restituzione finale, previa misurazione dell oggetto mediante l utilizzo degli strumenti e delle tecniche di rilievo adatte al caso. Al rilievo propriamente detto, ovvero alla fasi precedentemente descritte, segue la fase di restituzione grafica nella quale vengono redatti gli elaborati inizialmente previsti alla scala di rappresentazione più adatta al livello di dettaglio desiderato, che rappresentano una discretizzazione soggettiva dell oggetto condizionata dalle conoscenze e dalla sensibilità di chi esegue il rilievo. Indipendentemente dalla metodologia utilizzata, il momento intellettuale che sottende le operazioni di rilievo corrisponde alla fase di progettazione dello stesso in cui si prevedono le operazioni da svolgere (in relazione al prodotto da ottenere), la suddivisione in parti dell oggetto da rilevare, gli strumenti e le metodologie da adottare. Dal punto di vista pratico il rilievo dell oggetto avviene nel momento in cui, visionata tutta la documentazione grafica disponibile, anche in scale dissimili, si passa alla suddivisione dell organismo architettonico in sottoparti, di dimensioni ragionevoli e con caratteristiche morfologiche o funzionali riconoscibili, avendo cura di fissare alcuni punti certi a cui ancorare tutte le diverse porzioni.

22 21 Dal punto di vista teorico, lavorando sulle singole parti per poi ricomporle, si evita di incorrere in inesattezze grossolane circoscrivendo i margini di errore a limitate porzioni per garantire così la correttezza dell insieme. Nella fase di progetto di ogni rilievo vanno inoltre pensati i prodotti da realizzare. Il primo fattore da considerare è certamente il livello di dettaglio del rilievo, che fornisce le indicazioni pratiche per la fase di acquisizione delle misure ed individua il limite minimo rappresentabile. Scelta la scala nominale 25 si passa successivamente alla definizione degli elaborati grafici utili alla rappresentazione dell oggetto (piante, sezioni, profili, prospetti, modelli 3d) tenendo conto del prodotto da restituire, ma soprattutto ricordando che gli elaborati finali devono fornire una dettagliata, esaustiva ed univoca descrizione dell oggetto del rilievo. Nello specifico del nostro lavoro ci occuperemo di rilievo archeologico, uno dei principali strumenti atti ad interpretare e ricostruire i manufatti del passato, il cui fine è la conoscenza della civiltà materiale del mondo antico. Questa disciplina ci propone un metodo di indagine rigoroso, che ha un importanza fondamentale per l'analisi, lo studio e la ricostruzione dei monumenti. Ci ricorda Marco Bianchi nel suo Manuale di rilievo e di documentazione digitale in archeologia 26 che: I metodi di lavoro degli ultimi anni sono stati profondamente aggiornati dalle nuove tecnologie, anche se la pratica tradizionale del rilievo diretto ha ancora un ruolo importante in ambito archeologico. Si utilizzano sul campo strumentazioni sofisticate e veloci. L'informatizzazione dei dati acquisiti con il rilievo è divenuta inoltre un'esigenza irrinunciabile. In ogni modo occorre sempre tenere presente che il rilievo non è una fotografia della realtà ma è il frutto di una interpretazione che seleziona alcuni elementi significativi in mezzo agli innumerevoli segni che compongono la visione del manufatto. Ne consegue, anche per questi motivi, che l'insegnamento del rilievo archeologico non può essere separato da quello delle tecniche edilizie e delle culture materiali del mondo antico. L impostazione di questo lavoro si è rivelata particolarmente complessa per la frammentazione degli elementi e per le dimensioni del manufatto. 25 scala nominale: un disegno numerico avente scala nominale 1:n ha contenuto metrico e qualitativo di un corrispondente disegno disegnato di pari scala. La scala nominale rappresenta il rapporto di riduzione per cui è stato progettato e realizzato e, quindi, per cui è corretto stampare il disegno. 26 BIANCHINI, Manuale rilievo e di documentazione digitale in archeologia, Ed. Aracne

23 22 L intento è quello di eseguire lo studio secondo gli obiettivi già enunciati da Margherita De Simone 27 : Il rilievo è un lavoro che si esplica leggendo l ambiente fisico artefattonaturale e, se tale lavoro è critico, serve ( ) per arrivare a valutazioni sulle quali operare o indurre ad operare ; che ha condotto ad affrontare gli studi secondo metodiche storico-critiche ed a far corrispondere la fase del rilievo ad un momento di approfondimento, che viene definito ancora dalla De Simone uno strumento per conseguire documenti e testimonianze di ciò che la storia e la cultura hanno elaborato 25. La dimensione dei frammenti architettonici, che va ben oltre la possibilità di poterne cogliere le caratteristiche con uno sguardo e identificarne in maniera sicura forma e ruolo all interno dell ordine, ha richiesto particolare impegno nella fase dedicata al processo conoscitivo e di comprensione. L analisi delle nuvole di punti generate dalle scansioni laser, progettate per cogliere l intero tempio, non ha quasi mai una risoluzione sufficiente ad individuare e capire i frammenti più piccoli. Si è così scelto di iniziare questa prima fase di approccio attraverso una serie di schizzi e la raccolta di prime misure di massima del singolo frammento, cercando di avvicinarsi alla comprensione ed alla formulazione di un ipotesi relativa alla configurazione architettonica. A questo proposito lo schizzo di campagna, inteso come attività finalizzata alla discretizzazione del dato reale si è rivelato il solo modo di cominciare un rilevamento che potesse rappresentare un percorso scientifico secondo un filo logico che solo la reale cognizione delle cose può dare, poiché la configurazione e la forma sono i due momenti tra i quali si realizza l atto conoscitivo nei confronti della realtà esterna 27. A questo primo momento, definito comprensione intellettuale, appartiene la fase di riflessione, interpretazione e commento; è la fase che, affondando le mani nel bagaglio della storia, organizza la ricognizione culturale ed assegna il ruolo alle parti, in un disegno complessivo che, oltre alle finalità prefissate, rappresenterà un momento di realizzazione di un metodo conoscitivo. La De Simone ricorda ancora che Tra il XVIII secolo ed il XIX, Hittof, Zant, Viollet Le Duc e Du Fourny, per il meridione d Italia e per la Sicilia in particolare, si dedicarono ai tesori italiani, mostrando di possedere un interesse di tipo documentario per un inestimabile patrimonio monumentale ancora da scoprire. Ma, mentre erano intenti a tale tipo di interesse, questi studiosi instaurarono, al contempo, uno specifico costume professionale e pedagogico: vedere conoscere, tradurre in tavole grafiche ed esprimere didascalicamente il processo progettuale di cui l architettura di pietra diviene 27 DE SIMONE, Disegno, rilievo, progetto, La Nuova Italia Scientifica, 1990

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1.

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1. O2 - I PRISMI OTTICI S intende con prisma ottico un blocco di vetro ottico 8 limitato normalmente da superfici piane, di forma spesso prismatica. Un fascio di luce 9 può incidere su una o due delle sue

Dettagli

Leica ScanStation 2 Un nuovo livello di versatilità e velocità negli scanner laser

Leica ScanStation 2 Un nuovo livello di versatilità e velocità negli scanner laser Leica ScanStation 2 Un nuovo livello di versatilità e velocità negli scanner laser Leica scanstation 2 ha portato la scansione laser a un livello più alto, grazie a un incremento di 10 volte della velocità

Dettagli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Università degli studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Corso di Topografia A Nuovo Ordinamento Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Nota bene: Questo documento rappresenta unicamente

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE 25 APRILE di Cuorgnè

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE 25 APRILE di Cuorgnè ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUERIORE 25 RILE di Cuorgnè NNO SCOLSTICO 2013-2014 CLSSE 3G TTIVIT ESTIV ER LLUNNI CON GIUDIZIO SOSESO MTERI: TOOGRFI DOCENTE: rof. TONIOLO Serena Dopo aver rivisto i contenuti

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

Punti inaccessibili e artifici

Punti inaccessibili e artifici Appunti di Topografia Volume 1 Goso Massimiliano Punti inaccessibili e artifici Punti inaccessibili e Artifici. Revisione 1-06/11/2009 Autore : Massimiliano Goso Email: Copyright (c) 2009 Massimiliano

Dettagli

L'evoluzione delle tecniche di rilevamento: dai metodi tradizionali al GPS e alle nuove tecnologie mediante l'impiego di SAPR

L'evoluzione delle tecniche di rilevamento: dai metodi tradizionali al GPS e alle nuove tecnologie mediante l'impiego di SAPR L'evoluzione delle tecniche di rilevamento: dai metodi tradizionali al GPS e alle nuove tecnologie mediante l'impiego di SAPR Vittorio Casella, Marica Franzini - Università degli Studi di Pavia Giovanna

Dettagli

IL CLASSICO NEL PENSIERO E NELLE FORME

IL CLASSICO NEL PENSIERO E NELLE FORME - CEREA, VERONA IL CLASSICO NEL PENSIERO E NELLE FORME DALL AGNELLO F.LLI & C. s.n.c. di Dall Agnello Luigi Via Muselle, 377-37050 ISOLA RIZZA (VR) Tel. +39 045 6970644 - +39 045 7135697 - Fax +39 045

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA COMMISSIONE TASSAZIONE NOTULE FASI O "LIVELLI DI ELABORAZIONE E REDAZIONE DEL PROGETTO ESECUTIVO NEI LAVORI PRIVATI PREMESSA L'accertamento

Dettagli

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) 1 LA LUCE NELLA STORIA Nell antica Grecia c era chi (i pitagorici) pensavano che ci fossero dei fili sottili che partono dagli

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

Renato Cannarozzo Lanfranco Cucchiarini William Meschieri Misure, rilievo, progetto

Renato Cannarozzo Lanfranco Cucchiarini William Meschieri Misure, rilievo, progetto 1 2 3 Idee per il tuo futuro Renato Cannarozzo Lanfranco Cucchiarini William Meschieri Misure, rilievo, progetto per Costruzioni, ambiente e territorio Quarta edizione Il rilievo del territorio con tecniche

Dettagli

SWISS Technology by Leica Geosystems. Leica Disto TM D3 Il multi-funzione per interni

SWISS Technology by Leica Geosystems. Leica Disto TM D3 Il multi-funzione per interni SWISS Technology by Leica Geosystems Leica Disto TM D Il multi-funzione per interni Misurare distanze e inclinazioni In modo semplice, rapido ed affidabile Leica DISTO D si contraddistingue per le numerose

Dettagli

Originali Bosch! La prima livella laser

Originali Bosch! La prima livella laser Originali Bosch! La prima livella laser per superfici al mondo NOVITÀ! La livella laser per superfici GSL 2 Professional Finalmente è possibile rilevare con grande facilità le irregolarità su fondi in

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini CADUTE DALL ALTO CADUTE DALL ALTO DA STRUTTURE EDILI CADUTE DALL ALTO DA OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO PER APERTURE NEL VUOTO CADUTE DALL ALTO PER CEDIMENTI O CROLLI DEL TAVOLATO CADUTE DALL ALTO

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA Regoli di Nepero Moltiplicazioni In tabella Moltiplicazione a gelosia Moltiplicazioni Con i numeri arabi Regoli di Genaille Moltiplicazione

Dettagli

Stazionamento di una montatura equatoriale

Stazionamento di una montatura equatoriale Stazionamento di una montatura equatoriale Autore: Focosi Stefano Strumentazione: Celestron SCT C8 su Vixen SP (Super Polaris) Sistema di puntamento: Vixen SkySensor 2000 Sito osservativo: Loc. Molin Nuovo,

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

r.berardi NOTE E SCHEDE OPERATIVE PER APPRENDERE LE PROIEZIONI ORTOGONALI

r.berardi NOTE E SCHEDE OPERATIVE PER APPRENDERE LE PROIEZIONI ORTOGONALI r.berardi NOTE E SCHEDE OPERATIVE PER APPRENDERE LE PROIEZIONI ORTOGONALI 1. Proiezioni Assonometriche e ortogonali 2. Teoria delle proiezioni ortogonali Pag. 1 Pag. 2. 3. SCHEDE OPERATIVE SULLE PROIEZIONI

Dettagli

Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo

Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo Keywords: dighe a gravità in calcestruzzo, verifica sismica, metodi semplificati, programmi di calcolo. Autore: L. Furgoni, Relatore: Prof. C. Nuti,

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE NOTE PER IL TECNICO ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE da BRUEL & KJAER Le cosiddette «application notes» pubblicate a cura della Bruel & Kjaer, nota Fabbrica danese specializzata

Dettagli

VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA

VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA ISTITUTO DI EDILIZIA ISTITUTO DI SCIENZA E TECNICA DELLE COSTRUZIONI TESI

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Le interfacce aptiche per i beni culturali

Le interfacce aptiche per i beni culturali Le interfacce aptiche per i beni culturali Massimo Bergamasco 1, Carlo Alberto Avizzano 1, Fiammetta Ghedini 1, Marcello Carrozzino 1,2 1PERCRO Scuola Superiore Sant Anna, Pisa 2IMT Institude for Advanced

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Algebra Geometria Il triangolo è una figura piana chiusa, delimitata da tre rette che si incontrano in tre vertici. I triangoli possono essere

Dettagli

O 6 - GLI SPECCHI. Fig. 85

O 6 - GLI SPECCHI. Fig. 85 O 6 - GLI SPECCHI Quando un fascio di luce (radiazione ottica) incide sulla superficie di separazione fra due materiali diversi, possono avvenire tre cose, generalmente tutte e tre allo stesso tempo, in

Dettagli

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro)

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Quando si realizzano dei documenti visivi per illustrare dati e informazioni chiave, bisogna sforzarsi di

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

Creazione di un disegno realistico con CorelDRAW

Creazione di un disegno realistico con CorelDRAW Creazione di un disegno realistico con CorelDRAW Hugo Hansen L'autore L'autore Hugo Hansen vive appena fuori dalla splendida città di Copenhagen. Esperto professionista nell'ambito del design grafico,

Dettagli

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Aerospaziale e Geotecnica Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Prof. Ing. L.Cavaleri L amplificazione locale: gli aspetti matematici u=spostamentoin

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

Il concetto di valore medio in generale

Il concetto di valore medio in generale Il concetto di valore medio in generale Nella statistica descrittiva si distinguono solitamente due tipi di medie: - le medie analitiche, che soddisfano ad una condizione di invarianza e si calcolano tenendo

Dettagli

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars Trave Angelina TM Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Trave Angelina TM Un idea brillante, applicata ad un prodotto industriale Slanciata,

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

NOVITÀ FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 9O. Qualità dell'abitare per le esigenze più moderne

NOVITÀ FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 9O. Qualità dell'abitare per le esigenze più moderne NOVITÀ FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 9O Qualità dell'abitare per le esigenze più moderne 3 Sintesi perfetta fra isolamento termico, tecnica e design Le finestre e le porte di oggi non solo devono

Dettagli

La Visione Artificiale: Controllo di Qualità, Fotogrammetria e Realtà Virtuale

La Visione Artificiale: Controllo di Qualità, Fotogrammetria e Realtà Virtuale La Visione Artificiale: Controllo di Qualità, Fotogrammetria e Realtà Virtuale D. Prattichizzo G.L. Mariottini F. Moneti M. Orlandesi M. Fei M. de Pascale A. Formaglio F. Morbidi S. Mulatto SIRSLab Laboratorio

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Archimede ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. Sia ABCD un quadrato di

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

GESTIONE ATTREZZATURE

GESTIONE ATTREZZATURE SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DELLE ATTREZZATURE AZIENDALI SWSQ - Solution Web Safety Quality srl Via Mons. Giulio Ratti, 2-26100 Cremona (CR) P. Iva/C.F. 06777700961 - Cap. Soc. 10.000,00 I.V. -

Dettagli

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011 1 Trasformazioni Geometriche 1 Roberto etroni, 2011 Trasformazioni Geometriche sul piano euclideo 1) Introduzione Def: si dice trasformazione geometrica una corrispondenza biunivoca che associa ad ogni

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER Cenni Storici (Wikipedia) Jean Baptiste Joseph Fourier ( nato a Auxerre il 21 marzo 1768 e morto a Parigi il 16 maggio 1830 ) è stato un matematico e fisico, ma è conosciuto

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in. Ingegneria civile per la protezione dai rischi naturali D.M. 270. Relazione di fine tirocinio A.A.

Corso di Laurea Magistrale in. Ingegneria civile per la protezione dai rischi naturali D.M. 270. Relazione di fine tirocinio A.A. Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria civile per la protezione dai rischi naturali D.M. 270 Relazione di fine tirocinio A.A. 2013-2014 Analisi Strutturale tramite il Metodo agli Elementi Discreti Relatore:

Dettagli

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 2. VALUTAZIONI DI CARATTERE ECONOMICO... 6 2.1 COSTO DI PRODUZIONE DI UN FABBRICATO... 6 2.2 INCIDENZA DEL VALORE DEL TERRENO SUL FABBRICATO...

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

I numeri complessi. Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli

I numeri complessi. Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli I numeri complessi Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli 1 Introduzione Studiare i numeri complessi può sembrare inutile ed avulso dalla realtà;

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Decreto dirigenziale interministeriale del 6 febbraio 2004 (G.U. n. 52 del 3 marzo 2004), concernente la Verifica dell interesse culturale dei beni immobili di utilità pubblica, così come modificato ed

Dettagli

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser Manuale d Istruzioni Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser MODELLO 42545 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato il Termometro IR Modello 42545. Il 42545 può effettuare

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Risposta: L area del triangolo è dove sono le misure di due lati e è l ampiezza dell angolo tra essi compreso ;

Risposta: L area del triangolo è dove sono le misure di due lati e è l ampiezza dell angolo tra essi compreso ; 1. Un triangolo ha area 3 e due lati che misurano 2 e 3. Qual è la misura del terzo lato? : L area del triangolo è dove sono le misure di due lati e è l ampiezza dell angolo tra essi compreso ; nel nostro

Dettagli

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA.

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. Prerequisiti I radicali Risoluzione di sistemi di equazioni di primo e secondo grado. Classificazione e dominio delle funzioni algebriche Obiettivi minimi Saper

Dettagli

Beni pubblici e analisi costi benefici

Beni pubblici e analisi costi benefici Beni pubblici e analisi costi benefici Arch. Laura Gabrielli Valutazione economica del progetto a.a. 2005/06 Economia pubblica L Economia pubblica è quella branca della scienza economica che spiega come

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

Soluzione Punto 1 Si calcoli in funzione di x la differenza d(x) fra il volume del cono avente altezza AP e base il

Soluzione Punto 1 Si calcoli in funzione di x la differenza d(x) fra il volume del cono avente altezza AP e base il Matematica per la nuova maturità scientifica A. Bernardo M. Pedone 74 PROBLEMA Considerata una sfera di diametro AB, lungo, per un punto P di tale diametro si conduca il piano α perpendicolare ad esso

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 1 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Insiemi La teoria degli

Dettagli

Calettatori per attrito SIT-LOCK

Calettatori per attrito SIT-LOCK Calettatori per attrito INDICE Calettatori per attrito Pag. Vantaggi e prestazioni dei 107 Procedura di calcolo dei calettatori 107 Gamma disponibile dei calettatori Calettatori 1 - Non autocentranti 108-109

Dettagli

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp. CATTANEO & Co. - BG SC_I 01/2005 S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.it Realizzare un connubio perfetto fra

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

DAL PROBLEMA AL PROGRAMMA

DAL PROBLEMA AL PROGRAMMA 1. I PROBLEMI E LA LORO SOLUZIONE DAL PROBLEMA AL PROGRAMMA L'uomo, per affrontare gli innumerevoli problemi postigli dallo sviluppo della civiltà, si è avvalso della scienza e della tecnica, i cui destini

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

su web che riportano documentazione e software dedicati agli argomenti trattati nel libro, riportandone, alla fine dei rispettivi capitoli, gli

su web che riportano documentazione e software dedicati agli argomenti trattati nel libro, riportandone, alla fine dei rispettivi capitoli, gli Prefazione Non è facile definire che cosa è un problema inverso anche se, ogni giorno, facciamo delle operazioni mentali che sono dei metodi inversi: riconoscere i luoghi che attraversiamo quando andiamo

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

KATE OTTEN Sudafrica

KATE OTTEN Sudafrica Creare edifici che nutrano lo spirito umano e ispirino l immaginazione. Raggiungere l eccellenza architettonica nel contesto specifico dell Africa. Trovare una risposta adeguata alle peculiarità di ogni

Dettagli

V90-3,0 MW. Più efficienza per generare più potenza

V90-3,0 MW. Più efficienza per generare più potenza V90-3,0 MW Più efficienza per generare più potenza Innovazioni nella tecnologia delle pale 3 x 44 metri di efficienza operativa Nello sviluppo della turbina V90 abbiamo puntato alla massima efficienza

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

SiStemi musicali Origine delle note Divisione dell ottava

SiStemi musicali Origine delle note Divisione dell ottava Scale Chi ha stabilito i rapporti d altezza fra le note musicali? Chi ha stabilito che le note sono sette e i semitoni dodici? Se il è uguale al Re perché hanno lo stesso nome? Se sono diversi qual è più

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli