II. La problematica del riconoscimento dei frammenti archeologici, il rilievo come metodo rivelatore

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "II. La problematica del riconoscimento dei frammenti archeologici, il rilievo come metodo rivelatore"

Transcript

1 A UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PALERMO M/2 3/4M M/4 M 3/4M M/2 M/2 M M M M M M M M M M M M Tra il XVIII secolo ed il XIX, Hittof, Zant, Viollet Le Duc e Du Fourny, per il meridione d'italia e per la Sicilia in particolare, si dedicarono ai tesori italiani, mostrando di possedere un interesse di tipo documentario per un inestimabile patrimonio monumentale ancora da scoprire. Ma, mentre erano intenti a tale tipo di interesse, questi studiosi instaurarono, al contempo, uno specifico costume professionale e pedagogico: vedere conoscere, tradurre in tavole grafiche ed esprimere didascalicamente il processo progettuale di cui l' architettura di pietra diviene rappresentazione del processo stesso ( ) Rilevare significa disegnare la cosa dell'architettura in modo che l'osservatore possa intenderne sostanza: di forma, di uso, di struttura ( ) significa rendere esplicito da parte dell'operatore il rapporto che si instaura tra lo stesso e l'opera d'arte come opera di cultura ( ) nella condizione storica e percettiva cui esso appartiene. Margherita De Simone Rilievo e Anastilosi Virtuale della peristasi meridionale del tempio «G» di Selinunte M/2 3/4M DIPARTIMENTO DI RAPPRESENTAZIONE CORSO DI LAUREA IN ARCHITETTURA 4S A.A CONOSCENZA FIGURAZIONE TRASFORMAZIONE DELL AMBIENTE COSTRUITO/NATURALE Rilievo e Anastilosi Virtuale della peristasi meridionale del Tempio «G» di Selinunte Tesi di Laurea di MARCO CARELLA Relatore: Prof. Fabrizio Agnello Correlatori: Prof. Carlo Zoppi, arch. Mirco Cannella

2 1 Indice Introduzione I. Studi sulla peristasi del tempio G II. La problematica del riconoscimento dei frammenti archeologici, il rilievo come metodo rivelatore III. Metodi di rilievo: diretto, topografico, fotogrammetrico e con laser scanner IV. Fotopiano e fotomodellazione V. Anastilosi virtuale dei frammenti, generazione del modello discreto e restituzione dei contenuti emersi Il crepidoma Analisi di quattro colonne del fronte sud Considerazioni sulle correzioni ottiche della colonna La trabeazione Blocchi a tenia, regulae e guttae Il triglifo Il geison La modanatura a becco di civetta Anastilosi virtuale e studio della peristasi e della sezione costruttiva VII. Metodi alternativi di fruizione del bene monumentale: la realtà virtuale e la realtà aumentata

3 2 Introduzione

4 3 Sito nella collina orientale del parco archeologico di Selinunte, il più grande dell area mediterranea (270 ha) e tappa obbligata del Grand Tour settecentesco, il tempio G è oggetto della nostra tesi che mira ad una ricostruzione scientifica della peristasi, avvalendosi, in aggiunta ai mezzi del rilievo diretto tradizionale, delle moderne tecnologie di rilevamento, ed in particolare di scansioni laser 3d e modellazione fotogrammetrica, al fine di restituirne l immagine e le relative informazioni storiche e morfologiche indagando sugli aspetti metrici e proporzionali. L esame sulla peristasi si concentra su tutto il fronte sud ed in particolare sull angolo sud-est (A) e su una porzione ben conservata del fronte sud (B) (fig. 1). 1. Nuvola di punti dove sono indicate le aree oggetto di studio Il primo capitolo descrive gli studi e le ricostruzioni del tempio effettuate a partire dal secolo XVIII, ovvero dal momento in cui l interesse per l archeologia diviene sempre più indagine scientifica. Il secondo capitolo affronta invece la problematica del riconoscimento dei frammenti archeologici ponendo il rilievo come metodo di indagine per sciogliere i nodi riguardanti la sezione costruttiva del tempio, grazie allo sviluppo di una metodologia a tappe che parte dagli elementi certi del canone dorico, di cui si conosce forma e posizione e che, attraverso i vuoti risultanti dalla loro giustapposizione, rende riconoscibili per forma e grandezza i frammenti di difficile identificazione. Il terzo e il quarto capitolo sono dedicati alle fasi del rilievo ed in particolare alle metodologie utilizzate e agli strumenti adoperati, dei quali vengono illustrate le caratteristiche tecniche e le modalità operative. Dopo aver sottolineato l importanza di

5 4 una campagna conoscitiva basata sul rilevamento in campo attraverso metodologie tradizionali di misurazione diretta e redazione di eidotipi, si amplia e si approfondisce quanto esposto nel capitolo I, attraverso il rilievo dei frammenti con tecnologie laser scanner e con fotomodellazione che generano un insieme di punti chiamato point-cloud (nuvola di punti). Le nuvole di punti vengono elaborate attraverso operazioni di orientamento, isolamento, estrazione di sezioni e ricerca dei piani di posa degli elementi architettonici scansiti. L operazione di individuazione degli elementi che strutturano la forma geometrica viene quindi eseguita nella seconda fase (elaborazione dei dati), a differenza di quanto avviene nel rilievo diretto e topografico per i quali tale operazione precede l acquisizione delle misure. Alla trattazione delle procedure che vengono utilizzate per la discretizzazione delle suddette nuvole di punti in modelli concettuali, capaci di riassumere le caratteristiche morfologiche e dimensionali del frammento al fine di ottenerne una corretta anastilosi, è dedicato il capitolo quinto. Tali procedure, come già enunciato, vengono sperimentate sugli elementi più facilmente riconoscibili perché appartenenti al canone dorico, quali la colonna divisa in rocchi, l elemento della trabeazione culminante nella classica divisione in regulae e guttae, il fregio ed in particolare il triglifo ed il geison con cui termina l intero ordine; i frammenti discretizzati vengono giustapposti secondo i piani di posa trovati. Gli esiti del lavoro, che mira ad una ricostruzione scientifica, sono presentati nel sesto capitolo dove sono affrontate sia le problematiche riguardanti la rappresentazione dei risultati di questa fase di studio sia la ricerca, attraverso i vuoti della sezione costruttiva, di quei frammenti archeologici che in una prima fase non era stato possibile riconoscere. Questo iter ci ha portato ad indagare la peristasi del tempio, secondo un processo circolare dal frammento-al rilievo-al frammento che si è rivelato efficace poiché è stato possibile ipotizzare una posizione dei reperti di difficile collocazione e quindi un modello concettuale dell intera sezione costruttiva. Il percorso conoscitivo intrapreso ha determinato altresì la sperimentazione di un metodo che attraverso il contributo intellettuale dell architetto, ovvero tramite due delle competenze metodologiche che questo deve possedere quali lo studio e la capacità interpretativa dei contributi storiografici, e la capacità di rilevare e dunque rivelare, possa restituire il monumento alla collettività che troppo spesso è costretta ad una fruizione passiva e povera di contenuti.

6 5 Il lavoro si chiude col capitolo settimo che tratta la sperimentazione di tipologie di fruizione alternativa del bene monumentale, con particolare attenzione ai contenuti scientifici emersi dalla redazione di questo lavoro, mediante l utilizzo della realtà aumentata e realtà virtuale, tecnologia che oggi è ambito di diversi studi e sperimentazioni in vari settori accademici e che a nostro avviso risulta un valido mezzo per offrire al visitatore un modo semplice ed intuitivo di fruizione guidata attiva a costi contenuti.

7 6 Studi sulla peristasi del tempio G

8 7 Il tempio G di Selinunte, colonia megarese fondata dall ecista Pammilo 1, cento anni dopo Megara Iblea (728 a.c.) su un territorio abitato da popolazioni indigene, sorge sulla collina orientale ad ovest della valle del Cottone. La particolare disposizione dei templi sull altura ha indotto gli studiosi ad avanzare un ipotesi di duplicazione del modello dell acropoli di Alcatoo presso Megara Nysea 2. In quest area sorgono, infatti, le rovine di tre templi rigidamente allineati col fronte principale rivolto ad est di cui il tempio G è il più settentrionale. Questo si presenta come un insieme ciclopico di ruderi, appartenenti ad uno pseudo diptero ottastilo confrontabile con i dipteri ionici orientali, la cui costruzione, cominciata intorno al 530 a.c., potrebbe essersi protratta per una durata di almeno centocinquanta anni così come si evince dalle 2. Veduta dei templi della collina orientale trasformazioni stilistiche che hanno subito i fronti del tempio ed in particolare dalla morfologia del capitello. Infatti, da oriente verso occidente troviamo una sequenza di colonne più snelle con capitello schiacciato nei lati orientale e settentrionale, probabilmente risalenti al VI secolo, e colonne più robuste di stile severo nel fronte occidentale. A partire dalla metà del XVIII l avvio degli scavi di Ercolano e Pompei, incoraggiati da Carlo III di Borbone e sotto la direzione dell ingegnere militare Joaquin de Alcubierre, hanno portato alla luce resti archeologici di notevole pregio storico-artistico che hanno inaugurato una nuova stagione culturale volta alla riscoperta dell antichità classica e ad un rinnovato interesse per l archeologia. Per la prima volta, infatti, il Grand Tour intrapreso da giovani rampolli di famiglie aristocratiche ed eruditi del tempo, volenterosi di completare e ampliare la loro formazione, si spingono oltre Napoli sino in Sicilia, per ammirare i resti archeologici di Agrigento, Siracusa, Segesta e Selinunte. Già il viaggiatore olandese Jacobi Philippi D Orville in Sicula quibus Siciliane veteris rudera, additis antiquitatum tabulis, illustrantur 3, pubblicata nel 1764, fornisce un 1 Sulla Storia di Selinunte: COARELLI-AORELLI 2000, pp Ivi, pp , LAVADIOTTI-LIPPOLIS-ROCCO 2007, PP DI MATTEO 1999, pp ; TUZET 1995, pp

9 8 dettagliato resoconto dei luoghi visitati attraverso incisioni che ne documentano lo stato di conservazione. Tra le pagine del suo diario di viaggio il D Orville, oltre ad illustrare le rovine del tempio G quasi completamente ricoperte di sabbia, avanza l ipotesi che si tratti di una tipologia templare non chiara caratterizzata da una peristasi di 6x16 colonne. Tuttavia, nel 1767 è l ingegnere siracusano Andrea Pigonati a pubblicare una rappresentazione del tempio, contrastante con quella del D Orville, di cui ipotizza per primo la corretta distribuzione della peristasi in 8x17 colonne 4. Importante, a tal proposito, è il contributo dei principi siciliani Ignazio Paternò Castello e Gabriele Lancillotto Castelli nominati nel 1779 regi custodi delle antichità siciliane. Questi, avendo nel 1764 invitato i siciliani a contribuire alla pubblicazione dei più bei monumenti, apprezzarono notevolmente il lavoro del Pigonati. Ignazio Paternò Castello, in particolare, citando Selinunte e soffermandosi sulla peristasi del tempio G nel suo Viaggio per tutte le antichità di Sicilia 5, misura la larghezza del tempio in 50 canne (una canna in Sicilia corrisponde a m. 2,062), la lunghezza dell architrave in 27 palmi (un palmo in Sicilia corrisponde a m. 0,258098), l altezza in 9 palmi e il diametro delle colonne in 13 palmi. Ulteriori importanti informazioni circa le dimensioni del tempio, risalgono invece al 1771 quando il prussiano Joseph Hermann von Riedsel 6, attraverso il resoconto del suo viaggio, in forma epistolare, fornisce la misura del diametro delle colonne pari a 8 palmi, l altezza del fregio pari a 4 palmi e la misura complessiva del tempio pari a 160x80 passi. Nel 1776 anche il pittore paesaggista Jean Houel 7 nel suo Voyage pittoresque des isles de Sicilile, de Malte et de Lipari, presentata a Parigi nel 1782, pubblica alcune viste del tempio ed una tavola contenente una pianta in assonometria ed una veduta prospettica. Le misurazioni indicano 51 tese e 4 piedi di lunghezza (una tesa era uguale a 6 piedi, un piede misurava 3,48 cm) per 25 tese di larghezza del tempio ed un altezza di 45 piedi. Nel 1783 Henry Swinburne, viaggiatore anglosassone, pubblica a Londra Travels in the two Sicilies 8 dove misura il diametro delle colonne del tempio in 9 piedi e 3 pollici alla base e 6 piedi e 3 pollici sotto il capitello, ritenendo inoltre che l altezza complessiva non dovesse superare i cinque diametri, ovvero 50 piedi, e che le dimensioni principali del tempio fossero 270x134 piedi. 4 Ivi, pp PATERNO 1781, pp DI MATTEO 1999, vol. III, pp.43 47; TUZET 1988, pp Ivi, vol. II, pp ; Ivi, pp SWINBURNE , pp.44

10 9 3. Tavola comparativa di A. Renard, da Sain-Non 1786 L esperienze del XVIII secolo, riguardanti l oggetto del nostro studio, si chiudono con l opera del canonico Jean Claude Richard de Saint-Non 9 il quale, non recandosi personalmente in Sicilia, incarica il paesaggista C.L. Chatèlet e gli architetti e pittori J.L. Deprèz e J.A. Renard, sotto la guida del letterato Dominique Vivant Denon, di documentare le tappe del viaggio. Le informazioni così raccolte confluirono successivamente nel quarto volume sulla Sicilia pubblicato nel Riguardo il tempio G l autore scrive: Cominciammo a disegnare i dettagli, il diametro delle colonne ecc. e ne individuammo la pianta nel modo più soddisfacente ed incontestabile, benché presentasse una dimensione più allungata che, nella parte anteriore era occupata da un peristilio con tre colonne: è proprio del terzo rango interno di queste colonne che ne resta in piedi una, in tutta la sua altezza 11. Queste osservazioni confluirono nella grande tavola comparativa 12 di J.A. Renard dove vengono illustrati la pianta, il prospetto e particolari architettonici del tempio, riconosciuto come diptero ottastilo di 8x16 colonne. Con l avvento del XIX secolo e lo sviluppo del fenomeno della specializzazione delle scienze le campagne siciliane vedono viaggiatori di varia provenienza verificare gli esiti dei resoconti settecenteschi con l apporto di consolidate basi scientifiche e una 9 TUZET 1988, pp DI MATTEO 1999, vol. I, pp VIVANT DENON , pp DE SAINT NON , Table comparative des temple, des theaters et de quelques autres edifices antiques de la Sicilie, Tome 4. Pl. en reg. p.192

11 10 maggiore consapevolezza dell importanza di effettuare rilievi quanto più precisi possibile. In quest ottica, rilevante è il contributo di Hittof 13 che guida un intensa attività di rilievo nella collina orientale i cui risultati confluirono nel 1827 in una raccolta pubblicata postuma nel Il tempio G, denominato da Hittorf T, viene considerato per la prima volta ipetrale ed illustrato secondo due principali ipotesi ricostruttive che differiscono sostanzialmente nel numero di ordini della cella. Vengono, inoltre, rilevate le due differenti 4. Vista prospettica interna, da Hittorf 1827 tipologie di capitello ed il tempio messo a confronto con altri emblematici del mondo greco. Sono anche illustrati nella tavola la pianta del tempio, l ordine e la colonna. Gli esiti di questa campagna e la sua pubblicazione diedero un impulso molto forte alla comunità scientifica che volle impadronirsi di queste metodologie di indagine e rappresentazione. 13 HITTORF 1870

12 11 5. Particolari costruttivi e decorativi, da Hittorf Tavola comparativa, da Hittorf Tavola comparativa, da Hittorf 1827

13 12 Archeologi siciliani allora cominciano ad intraprendere campagne di scavo e rilievo in tutta l isola e tra il 1831 e il 1832 Domenico Lo Faso Pietrasanta duca di Serradifalco 14, presidente della Commissione di Antichità e Belle Arti fondata nel 1827, stila un programma per Selinunte incaricando l architetto Francesco Saverio Cavallari di liberare i templi dalla sabbia ed effettuare lavori di restauro sulla collina orientale. I rilievi del Cavallari confluirono nell opera di divulgazione, stampata nel 1834, Le antichità di Sicilia esposte ed illustrate per Domenico Lo Faso duca di Serradifalco socio di varie accademie. Cinque tavole di questo lavoro furono dedicate al tempio e accompagnate da descrizione testuale: In quanto alla grandezza egli in vero è maggiore di ogni altro degli antichi, e quasi uguale può dirsi a quello consacrato in Agrigento alla stessa divinità; ma di gran lunga è a questo superiore per la disposizion della pianta, per le colonne isolate, e per gli enormi massi, ond è costruito 15. Il tempio viene misurato in 207,6x440,2 palmi e viene definitivamente confermata l ipotesi tipologica di uno pseudo diptero ipetro octastilo con diciassette colonne sui lati lunghi. Viene posta in accento la differenza relativa ai diversi stadi di lavorazione di capitelli e colonne e le ultime due tavole dedicate al rilievo di particolari architettonici tra i quali è possibile distinguere la varietà dei capitelli rilevati. Questi studi, considerati i primi ad avere basi scientifiche, furono riproposti dal piemontese Luigi Canina in L architettura antica descritta e dimostrata coi monumenti, dall architetto Luigi Canina 16 che, descrivendo il tempio, dà per certi i dati ritenuti ipotetici dal Serradifalco. Trent anni dopo gli scavi del Serradifalco, Francesco Saverio Cavallari, nominato presidente della Direzione delle Antichità, istituita dal governo italiano nel 1864, riprende gli scavi sul tempio G stabilendo definitivamente il numero di colonne della cella e la dimensione del naiskos. Un contributo importante ci viene fornito inoltre dagli studi di Otto Puchstein che, insieme a Robert Koldway, si reca in Sicilia tra il 1892 ed il 1895 e pubblica a Berlino nel 1899 l opera Die griechschen tempel in unteritalien unt Sicilien 17. Questi studia il tempio G con un livello di approfondimento maggiore, tanto da rilevare i differenti intercolumni dei fronti della peristasi, e mette in luce la presenza di tre tipi di colonne, diverse per proporzioni e forma del capitello, e ascrivibili ad altrettante fasi costruttive. 14 CIANCIOLO COSENTINO SERRADIFALCO 1834, vol. II, p CANINA , vol V, VI 17 KOLDEWAY-PUCHSTEIN 1899

14 13 8. Tre tipologie di capitelli rilevati, da Koldeway-Puchstein 1899 Rileva altresì la presenza di contrazione angolare sul fronte Ovest (ultima fase di costruzione) e di una modularità nel diametro delle colonne e negli intercolumni. Il Novecentoo vede chiudersi definitivamente l epoca del Grand Tour e delle suggestioni pittoresche, perseguendo quell approccio sistematico già presente nel XIX secolo e che sarà alla base della moderna archeologia. In seno a questo cambiamento, Jean Louis Hulot e Gustave Fourgères, attraverso rilievi e testi, stilano la prima grande monografia monumental le su Selinunte18 pubblicata a Parigi nel 1910; il tempio viene nuovamente presentato come uno pseudo diptero ottastilo con diciassettee colonne sul fronte maggiore ed ipetrale. I due archeologi misurano nuovamente ogni parte del tempio e forniscono sobrie ipotesi ricostruttive, mostrando la diversità delle colonne più slanciate sul lato Est, con echino più schiacciato, e più tozze, con echino panciuto, sul lato Ovest. In una tavola di dettaglio viene mostrata la ricostruzione di una parte della trabeazione. Le affermazioni fatte dai due archeologi rappresentano il punto di partenza della nostra tesi poichè è proprio dal ridisegno e dallo studio delle tavole di Hulot e Fourgères che si è cominciato ad indagare le caratteristiche morfologiche e dimensionali della trabeazione oggetto di studio. 18 HULOT E FOURGERES 1910

15 14 9. Studi proporzionali sui rilievi di Hulot e Fourgères 10. Particolare dell'ordine, da Hulot e Fourgères Resa visuale dedotta dalla ricostruzione di Hulot e Fourgères

16 15 I rilievi di Hulot e Fourgères sono stati oggetto di un tentativo di restituzione di un modello discreto, da confrontare con quello che sarà risultante dalla conclusione di questo lavoro. 12. Resa visuale dedotta dalla ricostruzione di Hulot e Fourgères 13. Resa visuale dedotta dalla ricostruzione di Hulot e Fourgères

17 Resa visuale dedotta dalla ricostruzione di Hulot e Fourgères Tra gli anni quaranta e cinquanta assistiamo all intervento sul Fusu de la Vecchia diretto dall archeologa Jole Bovio Marconi. 15. Il restauro del "Fusu di la vecchia", Selinunte 1941, dall'archivio fotografico A. Salinas

18 17 Gli studi più recenti sul tempio sono quelli del 1985 diretti dall architetto Giorgio Gullini 19 che attribuisce definitivamente il tempio al culto di Zeus e presenta l edificio come l esaltazione del significato della peristasi come recinto trovò la più onumentale espressione. L intervento è corredato da una riproduzione fotogrammetrica con a tratteggio la planimetria ipotizzata ed in rosso gli elementi del crollo. 16. Restituzione fotogrammetrica, da Gullini GULLINI 1985, p.444

19 18 Recenti sono le pubblicazioni di Dieter Mertens 20 e Laviadotti-Lippolis-Rocco 21 che, tuttavia, non apportano sostanziali novità allo stato degli studi. Importante risulta citare il recente contributo che nel 2005 è stato dato dal workshop 22 internazionale Tecniche integrate di rilevamento per l analisi e la conoscenza dei beni archeologici: il tempio G di Selinunte promosso dal Dipartimento di Rappresentazione dell università di Palermo e dal Dipartimento di Expressiò Gràfica Arquitectonica I dell Universitàpolitècnica de Catalunya di Barcellona che ha coinvolti diversi ambiti disciplinari ed elaborato le metodologie di anastilosi virtuale di una colonna del fronte Nord attraverso l elaborazione di dati provenienti da scansioni laser 23. Il lavoro di ricerca che viene presentato prende le mosse dai primi studi eseguiti nel corso del workshop e da ulteriori contributi presentati in tesi di laurea presso questà facoltà MERTENS LAVIADOTTI-LIPPOLIS-ROCCO MARSIGLIA AGNELLO-LO MEO 2005, Il metodo studiato per l anastilosi dela colonna è stato sviluppato nell ambito della tesi di dottorato LO MEO M. SCHIERA, Il tempio G di Selinunte: Analisi storica e rilievo per l anastilosi virtuale di una porzione della peristasi.

20 19 La problematica del riconoscimento dei frammenti archeologici, il rilievo come metodo rivelatore

21 20 La complessità dell argomento trattato richiede una profonda analisi e comprensione dell iter metodologico che sottende l anastilosi virtuale e la generazione del modello discreto quale mezzo di prosecuzione del lavoro di ricerca sul tempio G e punto di partenza per la sperimentazione di sistemi alternativi di fruizione del bene monumentale. Tali premesse implicano una piena consapevolezza degli aspetti operativi e gnoseologici del rilievo architettonico. Questo ha lo scopo di studiare e rappresentare un manufatto esistente attraverso l utilizzo di rilievi già prodotti in precedenza, schizzi quotati, documentazione fotografica e disegni tecnici. Obiettivi del rilievo sono, ad esempio, lo studio, la didattica, il restauro, la costruzione e la riqualificazione dell oggetto rilevato. Un rilievo eseguito in maniera scientifica viene condotto in più fasi: la prima, prevede l individuazione della strumentazione tecnica a disposizione; la seconda, nonché la più importante, prevede la redazione di un progetto di rilievo che comprende l individuazione dei piani di sezione, dei piani di posa degli elementi, dei corretti orientamenti e di tutte quelle caratteristiche morfologiche dell oggetto che andranno misurate; la terza fase, infine, prevede la realizzazione di schizzi o eidotipi (vedute, piante, sezioni e prospetti) sui quali l operatore annota tutte le informazioni che confluiranno nella restituzione finale, previa misurazione dell oggetto mediante l utilizzo degli strumenti e delle tecniche di rilievo adatte al caso. Al rilievo propriamente detto, ovvero alla fasi precedentemente descritte, segue la fase di restituzione grafica nella quale vengono redatti gli elaborati inizialmente previsti alla scala di rappresentazione più adatta al livello di dettaglio desiderato, che rappresentano una discretizzazione soggettiva dell oggetto condizionata dalle conoscenze e dalla sensibilità di chi esegue il rilievo. Indipendentemente dalla metodologia utilizzata, il momento intellettuale che sottende le operazioni di rilievo corrisponde alla fase di progettazione dello stesso in cui si prevedono le operazioni da svolgere (in relazione al prodotto da ottenere), la suddivisione in parti dell oggetto da rilevare, gli strumenti e le metodologie da adottare. Dal punto di vista pratico il rilievo dell oggetto avviene nel momento in cui, visionata tutta la documentazione grafica disponibile, anche in scale dissimili, si passa alla suddivisione dell organismo architettonico in sottoparti, di dimensioni ragionevoli e con caratteristiche morfologiche o funzionali riconoscibili, avendo cura di fissare alcuni punti certi a cui ancorare tutte le diverse porzioni.

22 21 Dal punto di vista teorico, lavorando sulle singole parti per poi ricomporle, si evita di incorrere in inesattezze grossolane circoscrivendo i margini di errore a limitate porzioni per garantire così la correttezza dell insieme. Nella fase di progetto di ogni rilievo vanno inoltre pensati i prodotti da realizzare. Il primo fattore da considerare è certamente il livello di dettaglio del rilievo, che fornisce le indicazioni pratiche per la fase di acquisizione delle misure ed individua il limite minimo rappresentabile. Scelta la scala nominale 25 si passa successivamente alla definizione degli elaborati grafici utili alla rappresentazione dell oggetto (piante, sezioni, profili, prospetti, modelli 3d) tenendo conto del prodotto da restituire, ma soprattutto ricordando che gli elaborati finali devono fornire una dettagliata, esaustiva ed univoca descrizione dell oggetto del rilievo. Nello specifico del nostro lavoro ci occuperemo di rilievo archeologico, uno dei principali strumenti atti ad interpretare e ricostruire i manufatti del passato, il cui fine è la conoscenza della civiltà materiale del mondo antico. Questa disciplina ci propone un metodo di indagine rigoroso, che ha un importanza fondamentale per l'analisi, lo studio e la ricostruzione dei monumenti. Ci ricorda Marco Bianchi nel suo Manuale di rilievo e di documentazione digitale in archeologia 26 che: I metodi di lavoro degli ultimi anni sono stati profondamente aggiornati dalle nuove tecnologie, anche se la pratica tradizionale del rilievo diretto ha ancora un ruolo importante in ambito archeologico. Si utilizzano sul campo strumentazioni sofisticate e veloci. L'informatizzazione dei dati acquisiti con il rilievo è divenuta inoltre un'esigenza irrinunciabile. In ogni modo occorre sempre tenere presente che il rilievo non è una fotografia della realtà ma è il frutto di una interpretazione che seleziona alcuni elementi significativi in mezzo agli innumerevoli segni che compongono la visione del manufatto. Ne consegue, anche per questi motivi, che l'insegnamento del rilievo archeologico non può essere separato da quello delle tecniche edilizie e delle culture materiali del mondo antico. L impostazione di questo lavoro si è rivelata particolarmente complessa per la frammentazione degli elementi e per le dimensioni del manufatto. 25 scala nominale: un disegno numerico avente scala nominale 1:n ha contenuto metrico e qualitativo di un corrispondente disegno disegnato di pari scala. La scala nominale rappresenta il rapporto di riduzione per cui è stato progettato e realizzato e, quindi, per cui è corretto stampare il disegno. 26 BIANCHINI, Manuale rilievo e di documentazione digitale in archeologia, Ed. Aracne

23 22 L intento è quello di eseguire lo studio secondo gli obiettivi già enunciati da Margherita De Simone 27 : Il rilievo è un lavoro che si esplica leggendo l ambiente fisico artefattonaturale e, se tale lavoro è critico, serve ( ) per arrivare a valutazioni sulle quali operare o indurre ad operare ; che ha condotto ad affrontare gli studi secondo metodiche storico-critiche ed a far corrispondere la fase del rilievo ad un momento di approfondimento, che viene definito ancora dalla De Simone uno strumento per conseguire documenti e testimonianze di ciò che la storia e la cultura hanno elaborato 25. La dimensione dei frammenti architettonici, che va ben oltre la possibilità di poterne cogliere le caratteristiche con uno sguardo e identificarne in maniera sicura forma e ruolo all interno dell ordine, ha richiesto particolare impegno nella fase dedicata al processo conoscitivo e di comprensione. L analisi delle nuvole di punti generate dalle scansioni laser, progettate per cogliere l intero tempio, non ha quasi mai una risoluzione sufficiente ad individuare e capire i frammenti più piccoli. Si è così scelto di iniziare questa prima fase di approccio attraverso una serie di schizzi e la raccolta di prime misure di massima del singolo frammento, cercando di avvicinarsi alla comprensione ed alla formulazione di un ipotesi relativa alla configurazione architettonica. A questo proposito lo schizzo di campagna, inteso come attività finalizzata alla discretizzazione del dato reale si è rivelato il solo modo di cominciare un rilevamento che potesse rappresentare un percorso scientifico secondo un filo logico che solo la reale cognizione delle cose può dare, poiché la configurazione e la forma sono i due momenti tra i quali si realizza l atto conoscitivo nei confronti della realtà esterna 27. A questo primo momento, definito comprensione intellettuale, appartiene la fase di riflessione, interpretazione e commento; è la fase che, affondando le mani nel bagaglio della storia, organizza la ricognizione culturale ed assegna il ruolo alle parti, in un disegno complessivo che, oltre alle finalità prefissate, rappresenterà un momento di realizzazione di un metodo conoscitivo. La De Simone ricorda ancora che Tra il XVIII secolo ed il XIX, Hittof, Zant, Viollet Le Duc e Du Fourny, per il meridione d Italia e per la Sicilia in particolare, si dedicarono ai tesori italiani, mostrando di possedere un interesse di tipo documentario per un inestimabile patrimonio monumentale ancora da scoprire. Ma, mentre erano intenti a tale tipo di interesse, questi studiosi instaurarono, al contempo, uno specifico costume professionale e pedagogico: vedere conoscere, tradurre in tavole grafiche ed esprimere didascalicamente il processo progettuale di cui l architettura di pietra diviene 27 DE SIMONE, Disegno, rilievo, progetto, La Nuova Italia Scientifica, 1990

DELL ARCHITETTURA GRECA

DELL ARCHITETTURA GRECA GLI ORDINI DELL ARCHITETTURA GRECA APPUNTI SCHIZZI E COMPOSIZIONI DI. Anno scolastico 2013/2014 Classe I media Arte e Immagine Prof.ssa Giuditta Niccoli 1 Gli stili o ordini dell architettura greca sono

Dettagli

Gabriella CAROTI (*), Andrea PIEMONTE(*)

Gabriella CAROTI (*), Andrea PIEMONTE(*) STUDIO RELATIVO AL RILEVAMENTO DI DETTAGLIO DI UNA PORZIONE DEL TRANSETTO NORD DELLA CHIESA DI SAN PAOLO A RIPA D ARNO AL FINE DI PROCEDERE AL CONSOLIDAMENTO STRUTTURALE. Gabriella CAROTI (*), Andrea PIEMONTE(*)

Dettagli

-Rilievo diretto Laboratori -Rilievo Aula 9 edificio A. Alessio Tirapelle Mirko Mondini Daniel Colombelli Irene Gregori

-Rilievo diretto Laboratori -Rilievo Aula 9 edificio A. Alessio Tirapelle Mirko Mondini Daniel Colombelli Irene Gregori -Rilievo diretto Laboratori -Rilievo Aula 9 edificio A Alessio Tirapelle Mirko Mondini Daniel Colombelli Irene Gregori Operazioni di misura a diretto contatto con l oggetto da rilevare; è possibile il

Dettagli

Relazione sull attività svolta per il settore di documentazione nell ambito del progetto Is.I.A.O. nel Kurdistan Iracheno Novembre Dicembre 2007.

Relazione sull attività svolta per il settore di documentazione nell ambito del progetto Is.I.A.O. nel Kurdistan Iracheno Novembre Dicembre 2007. Relazione sull attività svolta per il settore di documentazione nell ambito del progetto Is.I.A.O. nel Kurdistan Iracheno Novembre Dicembre 2007. La convenzione stipulata tra la Soprintendenza per i Beni

Dettagli

TECNOLOGIE DIGITALI PER IL RILEVAMENTO ARCHITETTONICO

TECNOLOGIE DIGITALI PER IL RILEVAMENTO ARCHITETTONICO Università degli Studi dell Aquila Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea a ciclo unico in Ingegneria Edile-Architettura U.E. Corso di Informatica Grafica a.a. 2009-2010 Docente: Ing. Stefano Brusaporci

Dettagli

RILIEVO LASER SCANNER RILIEVO DEGLI EDIFICI STORICI AMBIENTE E TERRITORIO

RILIEVO LASER SCANNER RILIEVO DEGLI EDIFICI STORICI AMBIENTE E TERRITORIO RILIEVO LASER SCANNER RILIEVO DEGLI EDIFICI STORICI AMBIENTE E TERRITORIO Il laser a scansione terrestre opera in modalità totalmente automatica ed è in grado di acquisire centinaia o migliaia di punti

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA 2 Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione

POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA 2 Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA 2 Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione Le terrecotte architettoniche nelle coperture degli edifici templari arcaici sicelioti.

Dettagli

Produzione e collaudo di cartografia tecnica numerica verso i DB topografici

Produzione e collaudo di cartografia tecnica numerica verso i DB topografici Ufficio Cartografico Servizio Cartografia e Gis della Provincia di Brescia Produzione e collaudo di cartografia tecnica numerica verso i DB topografici Ing. Antonio Trebeschi L attività dell Ufficio Cartografico

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE LE ESSENZIALI DI DISEGNO E classe prima Liceo scientifico utilizzare regole e tecniche grafiche progettare un minimo percorso grafico costruire un disegno geometrico, impiegando in maniera appropriata

Dettagli

IL RILIEVO TOPOGRAFICO CON LASER SCANNER

IL RILIEVO TOPOGRAFICO CON LASER SCANNER IL RILIEVO TOPOGRAFICO CON LASER SCANNER fb.m. s.r.l. 1 Il continuo sviluppo della tecnica di rilievo e la ricerca continua del miglior risultato ore-lavoro, ha prodotto la strumentazione per il rilievo

Dettagli

Martina Agazzi. Corso di Tecniche plastiche contemporanee. Prof. Carlo Lanzi

Martina Agazzi. Corso di Tecniche plastiche contemporanee. Prof. Carlo Lanzi Martina Agazzi Corso di Tecniche plastiche contemporanee Prof. Carlo Lanzi RILEVAMENTO 3D DI UN OGGETTO ARTISTICO (SCULTURA) Luce strutturata Dispositivo portatile, facilmente trasportabile digitalizzazione

Dettagli

ALLEGATO 1 NOTE SULL USO DEL METODO DI RILIEVO LASER SCANNER PER LE CAVE DEL COMUNE DI NUVOLENTO.

ALLEGATO 1 NOTE SULL USO DEL METODO DI RILIEVO LASER SCANNER PER LE CAVE DEL COMUNE DI NUVOLENTO. ALLEGATO 1 NOTE SULL USO DEL METODO DI RILIEVO LASER SCANNER PER LE CAVE DEL COMUNE DI NUVOLENTO. A)Generalità Una prima importante precisazione: il metodo non ricorre a tecniche aerofotogrammetriche,

Dettagli

Tracciamento di fabbricati

Tracciamento di fabbricati Standard di qualità ai fini della qualificazione professionale della categoria dei geometri Specifica T10 Geomatica e attività catastali Tracciamento di fabbricati Sommario Il presente documento specifica

Dettagli

63 7. Quale geometria per la computer grafica? 75 8. L omografia e l affinità nella digitalizzazione e georeferenziazione

63 7. Quale geometria per la computer grafica? 75 8. L omografia e l affinità nella digitalizzazione e georeferenziazione Indice 7 Presentazione 9 Premessa 11 Introduzione 13 1. Rilevamento ed oggetto 19 2. La stazione totale 23 3. La procedura generale 33 4. Dai punti al modello tridimensionale 45 5. Il modello tridimensionale

Dettagli

RILIEVO E MODELLAZIONE 3D PER I BENI CULTURALI

RILIEVO E MODELLAZIONE 3D PER I BENI CULTURALI RILIEVO E MODELLAZIONE 3D PER I BENI CULTURALI PERCHE' 3D? Documentazione e analisi di contesti archeologici Conservazione digitale e tutela Divulgazione (filmati / realtà virtuale) GIS RILIEVO 3D Misura

Dettagli

Laboratorio di restauro Topografia e rilevamento. Lezione n.6 : Strumenti topografici per la misura di distanze e angoli

Laboratorio di restauro Topografia e rilevamento. Lezione n.6 : Strumenti topografici per la misura di distanze e angoli Laboratorio di restauro Topografia e rilevamento Dott. Andrea Piccin andrea_piccin@regione.lombardia.it Lezione n.6 : Strumenti topografici per la misura di distanze e angoli Breve storia degli strumenti

Dettagli

Le strumentazioni laser scanning oriented per i processi di censimento anagrafico dei patrimoni

Le strumentazioni laser scanning oriented per i processi di censimento anagrafico dei patrimoni CONVEGNO FACILITY MANAGEMENT: LA GESTIONE INTEGRATA DEI PATRIMONI PUBBLICI GENOVA FACOLTA DI ARCHITETTURA 06.07.2010 Le strumentazioni laser scanning oriented per i processi di censimento anagrafico dei

Dettagli

Sommario PREMESSA... 2 1 RILIEVO LASER SCANNING... 2. 1.1 La tecnica... 2 1.2 La campagna... 6 1.3 Elaborazione dei dati... 10

Sommario PREMESSA... 2 1 RILIEVO LASER SCANNING... 2. 1.1 La tecnica... 2 1.2 La campagna... 6 1.3 Elaborazione dei dati... 10 REL D Rilievi topografici e studio di inserimento urbanistico Pag 1 Sommario PREMESSA... 2 1 RILIEVO LASER SCANNING... 2 1.1 La tecnica... 2 1.2 La campagna... 6 1.3 Elaborazione dei dati... 10 REL D Rilievi

Dettagli

Tutorial 3DRoom. 3DRoom

Tutorial 3DRoom. 3DRoom Il presente paragrafo tratta il rilievo di interni ed esterni eseguito con. L utilizzo del software è molto semplice ed immediato. Dopo aver fatto uno schizzo del vano si passa all inserimento delle diagonali

Dettagli

Progettazione METODOLOGIA DELLA PROGETTAZIONE. Creare un Prototipo

Progettazione METODOLOGIA DELLA PROGETTAZIONE. Creare un Prototipo Progettazione METODOLOGIA DELLA PROGETTAZIONE Creare un Prototipo Che cos è un prototipo Se pensiamo agli oggetti che usiamo e di cui ci serviamo abitualmente,ci accorgiamo che per la maggioranza dei casi

Dettagli

DISEGNO dell ARCHITETTURA II

DISEGNO dell ARCHITETTURA II 1 DISEGNO dell ARCHITETTURA II Raddrizzamento fotografico Le diapositive costituiscono unicamente una base per lo sviluppo della lezione e, come tali, non sostituiscono in alcun modo i testi consigliati.

Dettagli

La rappresentazione convenzionale in architettura necessita di una proiezione ortogonale

La rappresentazione convenzionale in architettura necessita di una proiezione ortogonale L immagine fotografica è una proiezione centrale La rappresentazione convenzionale in architettura necessita di una proiezione ortogonale Nei casi in cui l'oggetto del rilievo si possa considerare definito

Dettagli

RILIEVO E ANALISI TECNICA DEI MONUMENTI ANTICHI QUESTIONARIO

RILIEVO E ANALISI TECNICA DEI MONUMENTI ANTICHI QUESTIONARIO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II DIPLOMA UNIVERSITARIO A DISTANZA IN OPERATORE DEI BENI CULTURALI Consorzio Nettuno - NAPOLI a.a. 1999-2000 RILIEVO E ANALISI TECNICA DEI MONUMENTI ANTICHI prof.

Dettagli

RILIEVO FOTOGRAMMETRICO 3D CON IMMAGINI DIGITALI ACQUISITE CON DRONE E GOPRO

RILIEVO FOTOGRAMMETRICO 3D CON IMMAGINI DIGITALI ACQUISITE CON DRONE E GOPRO RILIEVO FOTOGRAMMETRICO 3D CON IMMAGINI DIGITALI ACQUISITE CON DRONE E GOPRO PRINCIPI TEORICI La fotogrammetria è una tecnica di rilievo che permette di ottenere dati metrici di un qualsiasi oggetto (forma

Dettagli

GPS CATERINA CHIEFARI

GPS CATERINA CHIEFARI GPS CATERINA CHIEFARI CNR-ITABC Autore (Arial 14 punti, corsivo) 1 Indice 1. Applicazione GPS in modalità statico 2. Applicazione GPS in modalità RTK 3. Applicazione GPS in modalità cinematico Autore (Arial

Dettagli

ARCHITETTURA. Rubrica Infografica

ARCHITETTURA. Rubrica Infografica RICOSTRUZIONE/Empler 26-07-2007 13:06 Pagina 47 PROGETTARE ARCHITETTURA Tommaso Empler* Rubrica Infografica Ricostruzione infografica di una situazione ambientale urbana Dopo aver illustrato le procedure

Dettagli

Laboratorio di Laurea ARCHITETTURA PER L ARCHEOLOGIA- 16 CFU

Laboratorio di Laurea ARCHITETTURA PER L ARCHEOLOGIA- 16 CFU Laurea Magistrale in ARCHITETTURA Anno Accademico 2015-2016 Laboratorio di Laurea ARCHITETTURA PER L ARCHEOLOGIA- 16 CFU Coordinatore: Prof. L. NOBILE Semestre preferenziale: II INTRODUZIONE Gli scavi

Dettagli

Informazioni Tecniche riguardo a PhoToPlan

Informazioni Tecniche riguardo a PhoToPlan Informazioni Tecniche riguardo a PhoToPlan Le seguenti pagine forniranno una visione dettagliata dei possibili utilizzi di PhoToPlan Q1 Cosa significa Fotoraddrizzamento? Q2 Come si effettua un fotoraddrizzamento?

Dettagli

rilievo classificazione e metodologie arch. Paola Condoleo, arch. Francesco Guerini arch. Francesco Guerini

rilievo classificazione e metodologie arch. Paola Condoleo, arch. Francesco Guerini arch. Francesco Guerini rilievo classificazione e metodologie testi a cura di arch. Paola Condoleo, arch. Francesco Guerini arch. Francesco Guerini Politecnico di Milano, Facoltà di Architettura e Società Laboratorio di Rappresentazione

Dettagli

RILIEVO TRIDIMENSIONALE DEL «CONVENTO ROSSO», SOHAG (EGITTO)

RILIEVO TRIDIMENSIONALE DEL «CONVENTO ROSSO», SOHAG (EGITTO) 1 RILIEVO TRIDIMENSIONALE DEL «CONVENTO ROSSO», SOHAG (EGITTO) DI MASSIMO SABATINI Lo studio finalizzato ad un interesse di carattere statico e conservativo eseguito sulle volumetrie degli oggetti, ha

Dettagli

Laboratorio di Disegno e Rilievo dell Architettura PROF. MANUELA PISCITELLI

Laboratorio di Disegno e Rilievo dell Architettura PROF. MANUELA PISCITELLI RILIEVO DEGLI ALZATI Per collegare correttamente il rilievo altimetrico di più ambienti sovrapposti in verticale è necessario costruire un riferimento esterno all edificio al quale relazionare le quote

Dettagli

Il disegno dei materiali

Il disegno dei materiali materiali per l architettura TDM 4 Il disegno dei materiali Il disegno tecnico è quel particolare tipo di disegno in grado di rappresentare un oggetto attraverso i metodi di rappresentazione di trasferire

Dettagli

RILIEVO LASER SCANNER PARETE MARMOREA XXXXXXXXXXXXX

RILIEVO LASER SCANNER PARETE MARMOREA XXXXXXXXXXXXX RILIEVO LASER SCANNER PARETE MARMOREA XXXXXXXXXXXXXXXXXX PROVA n. 3651/XX Committente: Relatore: XXXXXXXXXXXXX ing. Georg Schiner Vista della parete di intarsio marmoreo XX/88/09/mt Bolzano, 9 Settembre

Dettagli

REPORT FINALE. Revisione 00. Prot 102. Data 26 Novembre 2013. Autore Ing. Matteo Castelli. Certificazione di Qualita ISO 9001:2008 n 223713

REPORT FINALE. Revisione 00. Prot 102. Data 26 Novembre 2013. Autore Ing. Matteo Castelli. Certificazione di Qualita ISO 9001:2008 n 223713 PROGETTO DI RESTAURO DEL PONTE DI RIALTO IINCARIICO PER IINDAGIINII PRELIIMIINARII RIILIIEVO LASER SCANNER REPORT FINALE Revisione 00 Prot 102 Data 26 Novembre 2013 Autore Ing. Matteo Castelli Certificazione

Dettagli

Egregio Dirigente, INVALSI Villa Falconieri - Via Borromini, 5-00044 Frascati RM tel. 06 941851 - fax 06 94185215 www.invalsi.it - c.f.

Egregio Dirigente, INVALSI Villa Falconieri - Via Borromini, 5-00044 Frascati RM tel. 06 941851 - fax 06 94185215 www.invalsi.it - c.f. Egregio Dirigente, Le scrivo per informarla che sono state avviate le procedure per la realizzazione della rilevazione degli apprendimenti degli studenti per l anno scolastico 2009/10 nell ambito del Servizio

Dettagli

Novità 2013 RILIEVO 3D CON LASER SCANNER

Novità 2013 RILIEVO 3D CON LASER SCANNER Novità 2013 RILIEVO 3D CON LASER SCANNER Il rilievo con Laser Scanner produce una nuvola di punti che riproduce fedelmente l intera area interessata dall intervento. Che si tratti del rilievo di un edificio,

Dettagli

L elemento fondamentale è l obiettivo, ovvero la lente o lo specchio che forniscono l immagine dell oggetto.

L elemento fondamentale è l obiettivo, ovvero la lente o lo specchio che forniscono l immagine dell oggetto. Il telescopio, è lo strumento ottico impiegato in astronomia, per osservare e studiare gli oggetti celesti. È generalmente separato in due componenti principali: una parte ottica (costituita dal tubo delle

Dettagli

TECNOLOGIA COMPETENZE

TECNOLOGIA COMPETENZE ISTITUTO COMPRENSIVO F. DE Sanctis CURRICOLO VERTICALE DI TECNOLOGIA A.S. 2013/2014 1 TECNOLOGIA La materia tecnologia comporta la formazione di competenze diversificate, che vanno dalla formazione di

Dettagli

Stazione Totale e Laser Scanner. nella ricostruzione dei sinistri stradali

Stazione Totale e Laser Scanner. nella ricostruzione dei sinistri stradali Stazione Totale e Laser Scanner nella ricostruzione dei sinistri stradali Sommario Il rilievo ai fini della ricostruzione Uso e caratteristiche della Stazione Totale Uso e caratteristiche del Laser Scanner

Dettagli

la restituzione prospettica da singolo fotogramma

la restituzione prospettica da singolo fotogramma la restituzione prospettica da singolo fotogramma arch. francesco guerini francesco.guerini@gmail.com politecnico di Milano, Facoltà di Architettura e Società Laboratorio di Rappresentazione 1 Prof. Andrea

Dettagli

1 Il Laser 2 Il laser quindi non è altro che una radiazione elettromagnetica, ovvero un'onda luminosa, avente particolari caratteristiche: deve essere composta da luce di una sola frequenza (monocromaticità).

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTÀ DI SCIENZE E TECNOLOGIE APPLICATE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GEO-CARTOGRAFICHE, ESTIMATIVE ED EDILIZIE TECNICHE DI MODELLAZIONE 3D A PARTIRE DA DATI RILEVATI

Dettagli

Laboratorio di restauro Topografia e rilevamento. Lezione n. 4 : elementi di fotogrammetria

Laboratorio di restauro Topografia e rilevamento. Lezione n. 4 : elementi di fotogrammetria Laboratorio di restauro Topografia e rilevamento Dott. Andrea Piccin andrea_piccin@regione.lombardia.it Lezione n. 4 : elementi di fotogrammetria principi della fotografia metrica la fotogrammetria aerea

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. Michele

Dettagli

PERCORSO DIDATTICO DI OTTICA GEOMETRICA

PERCORSO DIDATTICO DI OTTICA GEOMETRICA PERCORSO DIDATTICO DI OTTICA GEOMETRICA Tipo di scuola e classe: Liceo Scientifico, classe II Nodi concettuali: riflessione della luce; rifrazione della luce, riflessione totale, rifrazione attraverso

Dettagli

TECNOLOGIA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DIDATTICA CLASSI PRIME OBIETTIVI FORMATIVI

TECNOLOGIA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DIDATTICA CLASSI PRIME OBIETTIVI FORMATIVI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DIDATTICA CLASSI PRIME OBIETTIVI FORMATIVI TECNOLOGIA 1. Esprimersi e comunicare mediante l uso del linguaggio specifico della tecnologia ( disegno, grafica, schemi, tabelle, metodi

Dettagli

A N A L I S I A S C A N S I O N E A N G O L A R E

A N A L I S I A S C A N S I O N E A N G O L A R E A N A L I S I A S C A N S I O N E A N G O L A R E Versione 1.0.140709.1 G R U P P O S I S M I C A S. R. L. 3DMacro è prodotto da: Gruppo Sismica s.r.l. Viale Andrea Doria, 27 95125 Catania Telefono: 095/504749

Dettagli

MATEMATICA. Classe I Classe II Classe III Classe IV Classe V Traguardo 1

MATEMATICA. Classe I Classe II Classe III Classe IV Classe V Traguardo 1 MATEMATICA COMPETENZE Dimostra conoscenze matematiche che gli consentono di analizzare dati e fatti della realtà e di verificare l'attendibilità delle analisi quantitative e statistiche proposte da altri.

Dettagli

Disegno tradizionale VS modellazione digitale affinità e differenze. Modello matematico VS modello numerico

Disegno tradizionale VS modellazione digitale affinità e differenze. Modello matematico VS modello numerico Disegno tradizionale VS modellazione digitale affinità e differenze Modello matematico VS modello numerico IUAV Disegno Digitale Camillo Trevisan Capitelli hatoriani di Abu Fedah, dalla Description de

Dettagli

L IMMAGINE DELLA TERRA

L IMMAGINE DELLA TERRA L IMMAGINE DELLA TERRA 1 Capitolo 1 L orientamento e la misura del tempo Paralleli e meridiani La Terra ha, grossomodo, la forma di una sfera e dunque ha un centro dove si incontrano gli infiniti diametri.

Dettagli

IL METODO DEL DISEGNO IN SCALA PREMESSA

IL METODO DEL DISEGNO IN SCALA PREMESSA IL METODO DEL DISEGNO IN SCALA PREMESSA L obiettivo della Copia dal Vero è la trasposizione grafica di ciò che vediamo nella Realtà Tridimensionale (la natura morta), nella Realtà Bidimensionale (il foglio

Dettagli

ESPERIENZA 5 OTTICA FISICA INTERFERENZA E DIFFRAZIONE

ESPERIENZA 5 OTTICA FISICA INTERFERENZA E DIFFRAZIONE ESPERIENZA 5 OTTICA FISICA INTERFERENZA E DIFFRAZIONE Lo scopo di quest esperimento è osservare la natura ondulatoria della luce, nei fenomeni della diffrazione e dell interferenza propri delle onde. In

Dettagli

Uso del software RDF per la produzione del fotopiano di una facciata edilizia

Uso del software RDF per la produzione del fotopiano di una facciata edilizia UNIVERSITÀ DI CAGLIARI FACOLTÀ DI INGEGNERIA E ARCHITETTURA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN ARCHITETTURA A.A. 2014-15 LABORATORIO INTEGRATO DI RILIEVO E RESTAURO MODULO RILIEVO DOCENTE PROF: VINCENZO BAGNOLO

Dettagli

Gli oggetti 3D di base

Gli oggetti 3D di base Gli oggetti 3D di base 04 Attraverso gli oggetti 3D di base, AutoCAD dispiega la sua capacità di modellazione per volumi e per superfici per quei modelli che si possono pensare come composizioni di oggetti

Dettagli

Dalla TOPOGRAFIA alla GEOMATICA

Dalla TOPOGRAFIA alla GEOMATICA SEMINARIO 2b Dalla TOPOGRAFIA alla GEOMATICA SCANSIONE LASER E RILIEVI PER IMMAGINI Paolo Aminti - Valentina Bonora - Andrea Lingua Fulvio Rinaudo - CS SIFET SOCIETA ITALIANA DI FOTOGRAMMETRIA E TOPOGRAFIA

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara

Università degli Studi di Ferrara Università degli Studi di Ferrara STATUTO DEL CENTRO DI RICERCA E SERVIZI DENOMINATO CENTRO PER LO SVILUPPO DI PROCEDURE AUTOMATICHE INTEGRATE PER IL RESTAURO DEI MONUMENTI D.I.A.P.RE.M. (DEVELOPMENT OF

Dettagli

Dipartimento di Discipline geometriche, architettoniche, arredamento e scenotecnica

Dipartimento di Discipline geometriche, architettoniche, arredamento e scenotecnica DISCIPLINE PROGETTUALI ARCHITETTURA E AMBIENTE 3 anno (6 ore settimanali) La materia propone l ampliamento, la conoscenza e l uso dei metodi proiettivi orientandoli verso lo studio e la rappresentazione

Dettagli

!!! EIDOTIPI o DISEGNI PREPARATORI. Fase interpretativa: si deve scegliere cosa rappresentare (e quindi misurare) e cosa tralasciare.

!!! EIDOTIPI o DISEGNI PREPARATORI. Fase interpretativa: si deve scegliere cosa rappresentare (e quindi misurare) e cosa tralasciare. EIDOTIPI o DISEGNI PREPARATORI Eidos: aspetto, forma, figura, modello Fase interpretativa: si deve scegliere cosa rappresentare (e quindi misurare) e cosa tralasciare.!!! L unicità di ogni architettura

Dettagli

Lunghezza ocale. Donato Di Bello

Lunghezza ocale. Donato Di Bello F Lunghezza ocale Donato Di Bello Cinepresa, telecamera, macchina fotografica: tre strumenti tecnologici che utilizziamo per registrare la realtà intorno a noi o per trasformare in immagini la nostra fantasia.

Dettagli

L impronta digitale dei Dipinti

L impronta digitale dei Dipinti L impronta digitale dei Dipinti L impronta digitale dei dipinti Bernd Breuckmann - Breuckmann GmbH (Traduzione di UNOCAD Srl) SOMMARIO Normalmente consideriamo i dipinti come oggetti quasi piatti, nei

Dettagli

LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE TECNOLOGIA - INFORMATICA

LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE TECNOLOGIA - INFORMATICA LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE TECNOLOGIA - INFORMATICA FINALITA EDUCATIVE La tecnica è la struttura razionale del lavoro, cioè l uso consapevole e finalizzato di mezzi, materiali e procedimenti operativi

Dettagli

PROGETTO FORMAZIONE OPERATORI GEOMATICI

PROGETTO FORMAZIONE OPERATORI GEOMATICI La Topografia è sempre stata una materia di primaria importanza per i Geometri. Adesso che la materia si evolve verso la Geomatica, le esigenze formative si fanno ancora più evidenti e pressanti, infatti

Dettagli

TAVOLA 1 ORGANIZZAZIONE DELLO SPAZIO. Esercizio di divisione dello spazio, costruzioni grafiche elementari, scritturazioni e uso del colore.

TAVOLA 1 ORGANIZZAZIONE DELLO SPAZIO. Esercizio di divisione dello spazio, costruzioni grafiche elementari, scritturazioni e uso del colore. TAVOLA 1 ORGANIZZAZIONE DELLO SPAZIO Esercizio di divisione dello spazio, costruzioni grafiche elementari, scritturazioni e uso del colore. IL E I SUOI FORMATI Formati e disposizioni degli elementi grafici

Dettagli

Istituto Superiore d Istruzione Statale Margherita di Savoia

Istituto Superiore d Istruzione Statale Margherita di Savoia Anno scolastico 2013/2014 Istituto Superiore d Istruzione Statale Margherita di Savoia Napoli Dipartimento di Disegno e Storia dell Arte Obiettivi Gli alunni saranno guidati a rafforzare la conoscenza

Dettagli

Rilievo morfologico del manto stradale

Rilievo morfologico del manto stradale Rilievo morfologico del manto stradale Federico Ferrari L utilizzo del Laser Scanner D Cyrax System nel campo dell incidentistica stradale per perizie legali è collocabile all interno dei programmi di

Dettagli

I.I.S.S. G. CIGNA MONDOVI

I.I.S.S. G. CIGNA MONDOVI I.I.S.S. G. CIGNA MONDOVI PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE ANNO SCOLASTICO 2015-2016 CLASSE PRIMA A LICEO SCIENZE APPLICATE MATERIA DISEGNO E STORIA DELL ARTE DOCENTE EZIO TINO LIBRI DI TESTO SERGIO SAMMARONE

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Michele BUNIVA

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Michele BUNIVA DIPARTIMENTO DI DISCIPLINE TECNICHE AREA CAT Programma di TOPOGRAFIA E FOTOGRAMMETRIA Classe 3 C.A.T. COSTRUZIONI AMBIENTE E TERRITORIO Anno scolastico 0 / 03 Docente TINELLI PASQUALE VENTURA ANGELO CRISAFI

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Anno scolastico 2013/2014 IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTI CONSIDERATO ESAMINATE PRESO ATTO TENUTO CONTO

Dettagli

I punteggi zeta e la distribuzione normale

I punteggi zeta e la distribuzione normale QUINTA UNITA I punteggi zeta e la distribuzione normale I punteggi ottenuti attraverso una misurazione risultano di difficile interpretazione se presi in stessi. Affinché acquistino significato è necessario

Dettagli

Sistemi Informativi Territoriali. Vari tipi di immagini

Sistemi Informativi Territoriali. Vari tipi di immagini Paolo Mogorovich Sistemi Informativi Territoriali Appunti dalle lezioni Vari tipi di immagini Cod.303 - Vers.E41 1 Introduzione 2 Immagine fisica 3 Immagine classificata 4 Immagine cartografica 5 Immagine

Dettagli

Basi di Dati Spaziali

Basi di Dati Spaziali degli Studi Basi di Dati Spaziali Introduzione ai Geographical Information Systems (GIS) Alessandra Chiarandini - Lezione 4 Cartografia Italiana Introduzione ai GIS A. Chiarandini 22 La Cartografia IGM

Dettagli

Sistema di diagnosi CAR TEST

Sistema di diagnosi CAR TEST Data: 30/09/09 1 di 7 Sistema di diagnosi CAR TEST Il sistema di diagnosi CAR TEST venne convenientemente utilizzato per: - verificare che la scocca di un veicolo sia dimensionalmente conforme ai disegni

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE. Indirizzo: ITC. Anno scolastico Materia Classi 2012 2013 MATEMATICA Terze

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE. Indirizzo: ITC. Anno scolastico Materia Classi 2012 2013 MATEMATICA Terze PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Indirizzo: ITC Anno scolastico Materia Classi 22 23 MATEMATICA Terze. Competenze al termine del percorso di studi Padroneggiare il linguaggio formale e i procedimenti

Dettagli

Descrizione dell unità. Titolo Le proiezioni ortogonali. Autore Sabrina Rosano. Tematica Le proiezioni sui tre piani principali di solidi geometrici.

Descrizione dell unità. Titolo Le proiezioni ortogonali. Autore Sabrina Rosano. Tematica Le proiezioni sui tre piani principali di solidi geometrici. Descrizione dell unità Titolo Le proiezioni ortogonali Autore Sabrina Rosano Tematica Le proiezioni sui tre piani principali di solidi geometrici. Finalità e obiettivi di apprendimento Far comprendere

Dettagli

Finalità (tratte dalle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione)

Finalità (tratte dalle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione) CURRICOLO DI MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA Finalità (tratte dalle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione) Le conoscenze matematiche contribuiscono

Dettagli

SCAN & GO IL NUOVO MODO DI FARE TOPOGRAFIA

SCAN & GO IL NUOVO MODO DI FARE TOPOGRAFIA SCAN & GO IL NUOVO MODO DI FARE TOPOGRAFIA Scan&Go è una nuova metodologia per il rilievo topografico del territorio che utilizza strumentazione laser scanner abbinata a ricevitori GPS. Il sistema, installato

Dettagli

1 Giochi d ombra [Punti 10] 2 Riscaldatore elettrico [Punti 10] AIF Olimpiadi di Fisica 2015 Gara di 2 Livello 13 Febbraio 2015

1 Giochi d ombra [Punti 10] 2 Riscaldatore elettrico [Punti 10] AIF Olimpiadi di Fisica 2015 Gara di 2 Livello 13 Febbraio 2015 1 Giochi d ombra [Punti 10] Una sorgente di luce rettangolare, di lati b e c con b > c, è fissata al soffitto di una stanza di altezza L = 3.00 m. Uno schermo opaco quadrato di lato a = 10cm, disposto

Dettagli

Garanzia e FAQ. Benvenuto! Scopri tutto quello che puoi fare e condividi le tue creazioni su diwo.bq.com

Garanzia e FAQ. Benvenuto! Scopri tutto quello che puoi fare e condividi le tue creazioni su diwo.bq.com Garanzia e FAQ Benvenuto! Scopri tutto quello che puoi fare e condividi le tue creazioni su diwo.bq.com Ciclop 3D Scanner Kit Complimenti! Da questo momento fai parte della community RepRap. Ciclop è un

Dettagli

11.2 Uso di strumenti informatici nella didattica di tecnologia e informatica

11.2 Uso di strumenti informatici nella didattica di tecnologia e informatica 11.2 Uso di strumenti informatici nella didattica di tecnologia e informatica a cura di Gian Piero Benente Le competenze necessarie al docente di tecnologia e informatica della scuola elementare e della

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTEGROTTO TERME SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: MATEMATICA - CLASSE PRIMA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTEGROTTO TERME SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: MATEMATICA - CLASSE PRIMA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PRIMA DELLA DISCIPLINA: MATEMATICA - CLASSE PRIMA L alunno si muove con sicurezza nel calcolo scritto e mentale con i numeri naturali. Legge e comprende testi che coinvolgono aspetti logici e matematici.

Dettagli

Percorso multidisciplinare

Percorso multidisciplinare La luce Faremo degli esperimenti atti ad indagare la natura e le caratteristiche della luce ed esporremo le principali teorie che sono state elaborate su questo argomento dagli scienziati nel corso dei

Dettagli

MANIFESTO. Formare Insegnanti che sappiano Insegnare A.N.F.I.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI INIZIALE FORMAZIONE

MANIFESTO. Formare Insegnanti che sappiano Insegnare A.N.F.I.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI INIZIALE FORMAZIONE ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI per la FORMAZIONE INIZIALE Formare Insegnanti che sappiano Insegnare COORDINAMENTO NAZIONALE DEI SUPERVISORI DEL TIROCINIO 2 2 3 PRESENTAZIONE

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2015 2016. Piano di lavoro individuale

ANNO SCOLASTICO 2015 2016. Piano di lavoro individuale ANNO SCOLASTICO 2015 2016 Piano di lavoro individuale Classe: Materia: 4A ind. TURISMO Matematica Docente: CABERLOTTO GRAZIAMARIA Situazione di partenza della classe La classe è composta da 24 alunni di

Dettagli

CURRICOLO DI TECNOLOGIA Scuola Primaria CLASSE 1^ (MONOENNIO) COMPETENZE CONOSCENZE ABILITÀ

CURRICOLO DI TECNOLOGIA Scuola Primaria CLASSE 1^ (MONOENNIO) COMPETENZE CONOSCENZE ABILITÀ CURRICOLO DI TECNOLOGIA Scuola Primaria CLASSE 1^ (MONOENNIO) COMPETENZE CONOSCENZE ABILITÀ RICONOSCERE E DESCRIVERE FENOMENI FONDAMENTALI DEL MONDO TECNOLOGICO - I bisogni primari dell uomo: gli oggetti,

Dettagli

Guida all elaborazione della Tesi

Guida all elaborazione della Tesi Università degli Studi di Torino Scuola di Medicina Dipartimento di Scienze della Sanità Pubblica e Pediatriche Corso di Laurea in Infermieristica Sedi Torino (Città della Salute, TO2, TO4) Guida all elaborazione

Dettagli

COMPETENZE DISCIPLINARI DI BASE:

COMPETENZE DISCIPLINARI DI BASE: ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA - IVREA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015 2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI TOPOGRAFIA DOCENTE: GARAVANI MARINA CLASSE IV A CAT Il docente di Topografia concorre

Dettagli

DISEGNO E LABORATORIO CAD

DISEGNO E LABORATORIO CAD CORSO DI DISEGNO E LABORATORIO CAD CIVILI C.D.L. INGEGNERIA CIVILE, AMBIENTALE E EDILE A.A. 2014 2015 P R O G R A M M A DISEGNO E LABORATORIO CAD Docente: Ing. Marco NOCERA m.nocera@email.it Codocente:

Dettagli

Architettura Pianificazione Design

Architettura Pianificazione Design POLITECNICO DI TORINO 31 gennaio - 1 febbraio 2014 Castello del Valentino, Viale Mattioli 39, Torino ingresso libero Architettura Pianificazione Design Per riferimenti: tel. 011 090 6254 orienta@polito.it

Dettagli

INDICE. Pregeo Rilievo Crea righe 3 2. Pregeo Rilievo Crea righe 4, 5 3. Pregeo Rilievo Crea righe 7 9

INDICE. Pregeo Rilievo Crea righe 3 2. Pregeo Rilievo Crea righe 4, 5 3. Pregeo Rilievo Crea righe 7 9 Prodotto da INDICE Pregeo Rilievo Crea righe 3 2 Pregeo Rilievo Crea righe 4, 5 3 Pregeo Rilievo Crea righe 7 9 Pregeo Rilievo Crea righe 7 vertice/direzione 11 Pregeo Rilievo Crea righe per frazionamento

Dettagli

Workshop droni e tecnologie innovative Alex Fabbro At-To drones S.r.l.

Workshop droni e tecnologie innovative Alex Fabbro At-To drones S.r.l. Workshop droni e tecnologie innovative Alex Fabbro At-To drones S.r.l. Aerofotogrammetria Dettagli costruttivi Aerofotogrammetria con SAPR Introduzione Al-To Drones Srl 2 Introduzione Lunghezza focale

Dettagli

DISCIPLINE PROGETTUALI E LABORATORIO ( MODELLISTICA E CAD )

DISCIPLINE PROGETTUALI E LABORATORIO ( MODELLISTICA E CAD ) Anno Scolastico 2014/15 LICEO ARTISTICO INDIRIZZO: ARCHITETTURA E AMBIENTE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA A: DISCIPLINE PROGETTUALI E LABORATORIO ( MODELLISTICA E CAD ) SECONDO BIENNIO CLASSI : TERZE

Dettagli

Il racconto per immagini

Il racconto per immagini Arte cretese Pittura vascolare: Aiace e Achille Altare di Pergamo L opera artistica pittorica o scultorea talvolta riproduce immagini che descrivono episodi tratti da storie fantastiche o da fatti realmente

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

Area dei Servizi alla Didattica e alla Ricerca Ufficio Convenzioni e Rapporti con le Istituzioni e con il Territorio

Area dei Servizi alla Didattica e alla Ricerca Ufficio Convenzioni e Rapporti con le Istituzioni e con il Territorio Area dei Servizi alla Didattica e alla Ricerca Ufficio Convenzioni e Rapporti con le Istituzioni e con il Territorio Decreto rettorale, 7 luglio 2009, n. 803 (prot. n. 46638) Corso di perfezionamento post

Dettagli

geometriche. Parte Sesta Trasformazioni isometriche

geometriche. Parte Sesta Trasformazioni isometriche Parte Sesta Trasformazioni isometriche In questa sezione di programma di matematica parliamo della geometria delle trasformazioni che studia le figure geometriche soggette a movimenti. Tali movimenti,

Dettagli

RELAZIONE DI ANALISI

RELAZIONE DI ANALISI CITTA DI VENTIMIGLIA Prov. di Imperia P. Iva/C.f. 00247210081 Piazza della Libertà, 3 18039 Ventimiglia (IM) Tel. 0184 2801 - Fax 0184-352581 PEC comune.ventimiglia@legalmail.it PIANO DEL COLORE DEL CENTRO

Dettagli

Come l aspetto ludico possa essere utile all apprendimento: il software didattico Sorpasso!

Come l aspetto ludico possa essere utile all apprendimento: il software didattico Sorpasso! 1 Erika Firpo Come l aspetto ludico possa essere utile all apprendimento: il software didattico Sorpasso! INTRODUZIONE Sempre più spesso i bambini e i ragazzi passano parte del loro tempo a giocare coi

Dettagli

TECNOLOGIA - SCUOLA PRIMARIA

TECNOLOGIA - SCUOLA PRIMARIA TECNOLOGIA - SCUOLA PRIMARIA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE L alunno esplora e interpreta il mondo fatto dall uomo, individua le funzioni di un artefatto e di una semplice macchina, usa oggetti

Dettagli

Costruzione di un immagine prospettica dalle proiezioni ortogonali.

Costruzione di un immagine prospettica dalle proiezioni ortogonali. Costruzione di un immagine prospettica dalle proiezioni ortogonali. Nei capitoli precedenti abbiamo visto come realizzare dei modelli grafici costruendo le viste direttamente sui piani di proiezione ortogonali

Dettagli