Maggio Anno VI - n.1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Maggio 2008 - Anno VI - n.1"

Transcript

1 Maggio Anno VI - n.1

2 SOMMARIO Anno VI, n. 1 - Maggio 2008 Martina Cera 4I & Lavinia Luceri 3Z Permette un intervista?...p. 3 Nicolò Taddia 5E Le olimpiadi della vergogna...p. 5 Manuel Furini 2L I nuovi volti dell I.T.I...p. 7 Manuel Furini & Daniele Bonazza 2L La sede di via Pacinotti: tra sogno e realtà...p.12 Matteo Bonora 5I Migrazione da iticopernico.it a opencopernico.it...p.14 Nicolò Taddia 5E Luce e tecnologia...p.15 Thomas Diozzi 4H Waffa, una donna palestinese per la pace...p.17 Davide Cattozzo 4I Riciclando all I.T.I...p.19 Classe 2F Viaggio tra i rifiuti quotidiani...p.21 Lavinia Luceri 3Z & Martina Cera 4I Intervista Tripla...p.24 Matteo Bolognesi 5I Essere, Apparire, Comprare: la moda al tempo di ebay...p.27 Davide Cattozzo 4I Concorso: Money, money, money...p.29 Andrea Bigoni 2I Fumetti: roba da ragazzi?...p.32 Matteo Bolognesi 5I Un libro al giorno leva la prof. di italiano di torno...p.34 La Redazione Giochi: un po di svago...p.37 Matteo Bolognesi 5I Quale animale saremo?...p.39 La Redazione Premio Francesco Viviani p.41 Davide Cattozzo 4I, Matteo Bonora 5I & Maria Rita Orsatti Annuario delle classi quinte...p.42 ExtraXcool - Giornale scolastico dell ITI Copernico - Carpeggiani Ferrara ITI Copernico - Carpeggiani Via Pontegradella 25 Ferrara tel. 0532/ Direttore Responsabile Gabriele Pavani Coordinatori di redazione Lorenza Masini, Miranda Previati, Laura Roncarati, Enrico Bovi, Laura Furini Redazione Matteo Bonora, Davide Cattozzo, Federica Grandi, Matteo Bolognesi, Spinozzi Francesco, Nicolò Taddia, Andrea Bigoni, Manuel Furini, Daniele Bonazza, Martina Cera, Lavinia Luceri, Monia Sasso, Mirko Guarnieri Caporedattore Matteo Bonora Fotografie Maria Rita Orsatti Disegni di Federica Grandi, Nicolò Taddia Progetto grafico e impaginazione Davide Cattozzo, Matteo Bonora 2

3 INTERVISTA AL PRESIDE Permette un intervista? L'anno scolastico 2007/8 ha portato una importante novità nel nostro istituto, il nuovo dirigente scolastico, il dottor Gabriele Pavani, a cui ci siamo rivolti per un'intervista che consenta a tutti noi di scoprire alcuni lati della sua vita, che non appaiono evidenti negli incontri quotidiani. 1. La sua età (se non siamo indiscreti!)? Ho 60 anni 2. Dove è nato? Sono nato a Ro Ferrarese 3. Che studi ha fatto? Ho studiato in questo Istituto Tecnico e mi sono laureato in Scienze Geologiche. 4. Che tipo di studente era? La sua materia preferita e quella in cui scarseggiava? Non ero uno studente molto determinato. Mi piaceva molto la fisica, meno le materie umanistiche. 5. Quando ha iniziato ad insegnare? Ho cominciato ad insegnare nel 1973, subito dopo il servizio militare. 6. Cosa fa nel tempo libero(se ne ha, naturalmente!)? Non ho molto tempo libero, ma quando posso mi diletto con il bricolage. 7. È sposato? Sì, sono sposato. 8. Ha figli? Ho due figlie: la maggiore ha 25 anni e lavora, l'altra ha 23 anni e sta terminando il corso di laurea in Architettura. 9. È più difficile il "lavoro" di preside o di genitore? Sono due "lavori" diversi ma con aspetti comuni: entrambi si basano sulla relazione con i giovani. Tra i due, comunque, forse il più difficile è quello di genitore. 10. Come e quando ha deciso di diventare preside? Ho deciso di diventare preside nel Come insegnante ritenevo di aver concluso un interessante esperienza. Pensavo di poter dare ancora qualcosa alla scuola come preside. Per perseguire questo obiettivo mi sono dedicato a studi di pedagogia e di didattica, che hanno sicuramente completato la mia formazione. 11. Se non fosse diventato insegnante, quale altra professione avrebbe scelto? Sinceramente non ho mai pensato ad un' alternativa alla professione di docente e di preside poi Le piace il suo lavoro? Il mio lavoro mi piace e non ho rimpianti riguardanti le scelte lavorative. 13. Che cosa l'ha spinta a passare da una scuola media inferiore ad una scuola media superiore? Ho scelto di passare dalle medie alle superiori sia per curiosità sia per misurarmi con un'esperienza nuova, che mi desse ulteriori stimoli. 14. Ritornerebbe sui suoi passi rispetto a questa decisione? Perché? Lo ribadisco: non ho rimpianti per cui non tornerei indietro.non si deve mai tornare indietro, è necessario andare sempre avanti misurandosi con i diversi problemi della scuola. 15. Pensa di concludere la sua carriera scolastica presso la nostra scuola? Penso di sì, anche perché sono ormai prossimo alla pensione. 16. A proposito della nostra scuola: come si trova all'i.t.i? Mi trovo bene qui all'i.t.i., nonostante mi avessero descritto questo istituto in modo non proprio positivo. 17. Si è già fatto un'idea degli studenti e degli insegnanti di questa scuola? La maggior parte degli insegnanti ha mostrato una grande

4 INTERVISTA AL PRESIDE qualità professionale. Esiste naturalmente anche una piccola parte del corpo docenti nella quale ho riscontrato difficoltà a relazionarsi con gli studenti. Gli studenti dell'i.t.i. non si differenziano sostanzialmente dagli allievi delle altre scuole superiori. 18. Quali prospettive ha per la nostra scuola? La prospettiva fondamentale che vedo per uno studente dell'istituto è quella di una grande opportunità per acquisire una buona formazione, applicandosi e studiando, soprattutto nelle materie scientifiche e tecniche relative all'indirizzo di specializzazione. Ritengo infatti che una buona e solida preparazione scientifica sia molto utile. Gli studenti dell'i.t.i. devono poi mettersi alla prova per capire se apprendono attraverso uno studio più operativo che astratto: lo studio operativo, rappresentato dai laboratori presenti all'interno dell'istituto, consente ad ogni studente di verificare la sua modalità di apprendimento. In un istituto di tipo liceale, di contro, questa opportunità è ridotta al minimo, perchè prevale lo studio di tipo astratto. 19. Sarebbe disposto ad accettare consigli e/o proposte da noi studenti? Ho già accettato molte proposte degli studenti, a volte andando anche contro le mie idee iniziali perché ho capito che avevano buone ragioni. Però di certo ci sono alcune regole che non si cambiano, soprattutto per quanto riguarda gli orari, e che devono essere rispettate. 20. Secondo lei la nostra scuola deve essere considerata solo come un luogo di studio oppure la si potrebbe aprire anche ad esperienze extra curriculari, come ad esempio concerti, scuola di teatro, conferenze ed incontri con persone del mondo dello spettacolo, dello sport e della cultura? Le eventuali attività pomeridiane, che siano corsi di musica o di teatro, necessiterebbero della presenza e della collaborazione di docenti interni alla scuola, oltre che di esperti esterni. Se gli studenti faranno delle proposte sono disposto a prenderle in considerazione. 21. Sarebbe disposto ad organizzare una festa multietnica a scuola? Sarei disposto ad organizzare una festa multietnica. Sarebbe un modo per aiutare l'integrazione, che però deve venire da entrambe le parti: sia dagli italiani che dagli stranieri. L'unico problema è forse che, nella nostra scuola, gli studenti stranieri non sono molto numerosi. 4 Prima di pensare ad una vera e propria festa, ad un momento allargato a tutto l'istituto, credo sarebbe importante pensare ad una festa all'interno delle singole aule dove, grazie ad un maggiore affiatamento tra gli studenti stranieri e quelli italiani si può cominciare a risolvere problematiche legate all'integrazione. Poi, in un secondo momento, il discorso può essere allargato e sfociare appunto in una festa che coinvolga l'intera scuola. 22. Ha qualche idea per coinvolgere maggiormente gli studenti alla vita scolastica? Ritengo che si debbano seguire due strade: la prima è che lo studente possa trovare a scuola e in famiglia persone che lo ascoltino e lo stimolino allo studio; la seconda prevede una serie di attività di svago che integrino la formazione culturale del mattino;...da svolgersi naturalmente al pomeriggio! Martina Cera 4I Lavinia Luceri 3Z

5 SPORT E DIRITTI UMANI Le olimpiadi della vergogna Finalmente è il 2008, l'anno in cui verranno disputate le Olimpiadi. Le Olimpiadi nascono nel mondo dell'antica Grecia e sono da sempre sinonimo di grande spirito sportivo e competitivo, uno spirito che unisce le persone e le fa divertire insieme, senza distinzioni di alcun genere. Il 2008 è un anno importante non solo per le Olimpiadi, ma anche perché in questo anno ricorre il sessantesimo anniversario della Costituzione Italiana e della Dichiarazione dei Diritti Universali dell'uomo. Quest'ultimo documento è nato come obiettivo comune di tutti i popoli e di tutte le nazioni, con l'auspicio che ogni individuo ed ogni organo della società, avendo costantemente presente tale dichiarazione, si sforzi di promuovere, con l'insegnamento e l'educazione, il rispetto dei diritti e della libertà dell'uomo. Queste due ricorrenze, entrambe importanti e collegate tra loro, celebrano due simboli di libertà, di alleanza e di diritti delle persone, fattori indispensabili per la convivenza civile. Quest'anno le Olimpiadi saranno disputate a Pechino, in Cina, e sono conosciute come i giochi della XXIX Olimpiade. La Cina ha ottenuto il consenso dalle autorità ad ospitare i giochi grazie alla sua promessa di iniziare (almeno) a promuovere i diritti umani della popolazione cinese, troppo spesso brutalmente violati. Ma a pochi mesi dall'inaugurazione dei giochi, le promesse non sono state mantenute e questa grave mancanza da parte del paese organizzatore ha suscitato perplessità e ha sollevato I giochi dell antica grecia moltissime polemiche. Sono stati sistematicamente violati: 1) i diritti dei lavoratori, tenuti a volte in stato di schiavitù; 2) i diritti delle donne, che si vedono a volte imporre sterilizzazioni e aborti forzati; 3) i diritti dei neonati, spesso vittime di aborti selettivi 4) i diritti dei detenuti, che subiscono forme carcerarie disumane; 5) i diritti dei minori, che spesso crescono senza alcuna tutela perché nati oltre il limite consentito dalla legge (ad esempio in Tibet subiscono le stesse torture degli adulti); 6) il diritto alla libertà di parola e di informazione; 7) il diritto all'autodeterminazione del popolo tibetano. La Cina si è macchiata di gravi violazioni anche per l'organizzazione stessa delle Olimpiadi. Questi giochi, nati per essere una grande festa per tutte le persone, in nome di una diversità arricchente e di una serie di interessi comuni, dovevano parlare il linguaggio del 5 gioco e dello sport, un linguaggio universale: ogni atleta con il suo comportamento corretto, rispettoso delle regole e degli avversari doveva arrivare a condividere i veri valori olimpici. L 'amicizia, la lealtà, la solidarietà, l'impegno, il coraggio, il miglioramento di sè, la pace sono valori universali che possono essere riassunti con l'espressione "spirito olimpico", che comprende i motivi per cui si pratica uno sport, il modo in cui lo si fa e lo scopo per cui si gareggia. Questi valori sono anche gli stessi che hanno ispirato la Dichiarazione dei Diritti dell'uomo, quei diritti che dovrebbero garantire la possibilità agli uomini di convivere in serenità. E' giusto allora che questi giochi siano disputati in un paese che vuole solo dare l'illusione di considerare i diritti delle persone? Questa è la domanda che tutti quelli che credono in questi ideali si sono fatti, vedendo la promessa infranta della Cina. In tanti stanno rispondendo no. Come si può d'altronde pensare che un paese che ha dimostrato così poco rispetto per l'uomo possa essere ancora degno di ospitare i giochi olimpici? È così che è nata l'idea di boicottare questi giochi. Il boicottaggio è un'azione individuale o collettiva avente lo scopo di ostacolare e modificare l'attività di una persona, o quella di un gruppo di persone, un'azienda o un ente o anche uno Stato, in quanto ritenuta non conforme a principi etici o ai diritti universali o a convenzioni sociali. Oltre che a tali fini l'azio-

6 SPORT E DIRITTI UMANI ne di boicottaggio può essere attuata anche per scopi economici. Vi sono almeno due tipi di boicottaggio: di "coscienza" e "strategico". 1) Il boicottaggio di coscienza risponde allo scopo di compiere azioni volte a correggere un'attività considerata contraria ai principi morali o dannosa. Un esempio in questo senso è il boicottaggio degli OGM o di prodotti e servizi di una società, che adotta comportamenti ritenuti scorretti. 2) Il boicottaggio strategico ha invece finalità politiche o economiche e viene intrapreso da gruppi organizzati o anche da Stati od organizzazioni internazionali al fine di modificare comportamenti in atto presso altri gruppi o Stati usando ritorsioni economiche e commerciali sugli stessi. Il boicottaggio dei giochi olimpici ha entrambe le finalità, nel tentativo di indurre la Cina a modificare le leggi in materia di diritti umani. Sono già molti coloro che invitano a boicottare i giochi olimpici di Pechino: alcuni personaggi famosi, come ad esempio Steven Spielberg, incaricato come consigliere artistico della manifestazione, si è dimesso per protesta contro la politica della Cina in Darfur. Infatti Spielberg accusa il governo cinese di scar- Jesse Owens so impegno verso la crisi umanitaria di questa regione africana, dichiarando: "La mia coscienza non mi permette di andare avanti in questa vicenda. A questo punto, tutte le mie energie devono essere spese non per la cerimonia dei Giochi, ma per fare tutto quanto e' in mio potere per mettere fine ai crimini indicibili contro l'umanità che continuano ad essere commessi in Darfur". Noi pensiamo sia giusto sensibilizzare l'opinione pubblica in Quali olimpiadi oggi? 6 merito a questa situazione molto grave. Segnaliamo anche la disponibilità di forum su Internet per poter esprimere la propria opinione e la possibilità di aderire eventualmente ad una petizione per boicottare queste Olimpiadi. Potete trovare ampie notizie digitando su Google "boicottaggio olimpiadi 2008". Nicolò Taddia 5E

7 CLASSI PRIME I nuovi volti dell'i.t.i. L'accoglienza delle classi prime Anche quest' anno si è svolto il consueto progetto di accoglienza per le nuove classi prime dell' Istituto. Che cos'è il Progetto Accoglienza? Il Progetto Accoglienza è un' attività che cerca di inserire i nuovi studenti arrivati nell' Istituto. Quest' attività è finalizzata e coordinata dai Tutor, che guidano i nuovi arrivati nella scuola. Chi sono i tutor? I Tutor sono studenti del triennio. Sono tre per ogni classe prima ed hanno il compito di fare interagire gli alunni nel nuovo Istituto mediante attività sociorelazionali. Queste attività non servono solo per inserire gli alunni appena arrivati nella scuola, ma anche per farli conoscere tra di loro. Come si svolge il progetto? Il progetto viene svolto nella seguente modalità: 1. Gli alunni, riuniti nell' atrio delle scuola, vengono indirizzati nelle rispettive aule. Qui faranno la conoscenza dei tutor a loro affidati e del coordinatore di classe. 2. I tutor, una volta entrati nella classe, si impegnano per l' integrazione tra gli alunni facendoli conoscere tra di loro e svolgendo varie attività, tra cui il "brainstorming". È questa una tecnica di creatività di gruppo atta a far emergere idee volte alla risoluzione di un problema. 3. I nuovi alunni, poi, sono tenuti a seguire i tutor negli ambienti principali dell' istituto, come la biblioteca, la segreteria, la sala proiezioni, eccetera. 4. Alla fine dei giorni di accoglienza, gli alunni coinvolti in queste attività dovrebbero conoscersi più profondamente. L'accoglienza termina dopo i primi due giorni di scuola? No, i giorni delle attività sociorelazionali sono passati, ma i tutor sono sempre a disposizione quando se ne ha la necessità, come ad esempio per parlare di un problema che riguardi tutta la classe, previa richiesta di autorizzazione ad uno dei tutor e al professore in orario. Manuel Furini 2L 7

8 CLASSI PRIME pronti ad accogliere in sala A. Scotti in circle time per conoscersi 8

9 CLASSI PRIME decidiamo insieme... i diritti... ma anche i doveri dello studente 9

10 CLASSI PRIME facce da 1H... in cirlce time anche per confrontarsi! 10

11 CLASSI PRIME qui si furineggia the body guards...ovvero gli aiutanti di campo! 11

12 INDAGINE La sede di Via Pacinotti: tra sogno e realtà. Di ritorno dalle vacanze estive, si è presentata ai nostri occhi la sede di Via Pacinotti completamente rinnovata e quasi irriconoscibile. I lavori, cominciati il 10 giugno del 2007, sono durati circa una sessantina di giorni. La ristrutturazione, però, non ha coinvolto l'edificio nella sua totalità: è prevista, infatti, per i prossimi anni la sistemazione definitiva delle restanti aree. Dalle informazioni raccolte nell'ufficio Tecnico, abbiamo appreso che è in progetto la predisposizione di nuovi laboratori e la ridestinazione degli attuali per altre attività. È stato risolto con successo anche un problema di infiltrazione presentatosi in due aule di via Pacinotti: a causa di un intasamento di fogliame delle grondaie pioveva all'interno. stati rotti e una porta scorrevole è stata completamente smontata. Un comportamento così incivile penalizza tutti, e forse ci si penserà due volte prima di apportare nuove migliorie alla scuola! Finalmente ora le lezioni si svolgono all'asciutto! Mentre il responsabile dell'ufficio Tecnico ci informava di tutto ciò, siamo venuti a conoscenza anche della "nota dolente": a nemmeno tre mesi dall'ultimazione dei lavori, gli stipiti delle porte dei bagni della sede centrale sono 12 Si evince che se i problemi tecnici sono risolvibili, diversa è la situazione per quanto riguarda la mancanza di senso civico di alcune persone. Oltre alla ristrutturazione, un'altra novità per l'iti è rappresentata dall'arrivo nella sede di Via Pacinotti di alcune classi

13 INDAGINE dell'istituto"carducci". L'arrivo non è stato affatto criticato dagli alunni dell'i.t.i., che anzi, hanno subito provveduto a fare nuove conoscenze: basta farsi un giro durante l'intervallo per notare l'integrazione dei due istituti! Al momento sono state destinate 10 aule al Carducci. Da sottolineare però che, così facendo, il nostro istituto è rimasto quasi totalmente privo di quelle aule che prima rimanevano libere tra un'ora e l'altra, rendendo possibili eventuali variazioni d'orario. Adesso, invece, è estremamente difficile riuscire a trovare spazi vuoti che possano essere utilizzati per le diverse esigenze di studenti e di insegnanti dell' I.T.I.! Manuel Furini 2L Daniele Bonazza 2L 13

14 IN PRATICA Migrazione da iticopernico.it a opencopernico.it Venerdì 22 febbraio, nell'aula 19 di Sistemi e Automazione, l'alunno Matteo Bonora della 5 I ha tenuto una presentazione riguardante il proprio lavoro sulla migrazione di un dominio Windows (iticopernico.it) a un dominio Linux (opencopernico.it). Come gli studenti di Informatica già sanno, i laboratori della specializzazione operano attraverso un dominio basato su Windows. Ogni studente è in grado di autenticarsi da qualsiasi postazione (Windows 2000) tramite un nome utente e una password personale, avendo così accesso a tutte le sue risorse in rete. La presen- 14 tazione era volta ad illustrare come, prossimamente, il dominio passerà da un sistema operativo proprietario, come quello Microsoft, ad uno libero, come Linux. A questo punto è necessario precisare il concetto di software libero o Open Source: la caratteristica fondamentale di questa tipologia di software è la possibilità di visualizzare il codice sorgente che lo forma ed eventualmente modificarlo lasciandolo, comunque, a disposizione della comunità. La migrazione è stata pensata per diversi motivi: il software che sarà utilizzato è completamente legale e gratuito ed è possibile tenerlo in costante aggiornamento, a differenza dei programmi Microsoft che richiedono spese di aggiornamento assai elevate e non sono modificabili. Dall'anno prossimo il laboratorio A19 eliminerà completamente il software proprietario, utilizzando solo strumenti e applicazioni Open Source indipendenti. Il sistema operativo che verrà utilizzato sarà Linux (nel dettaglio, la versione opensuse 10.3): tutte le applicazioni da ufficio saranno sostituite dal pacchetto Open Office, mentre gli altri programmi indispensabili per il corso di informatica verranno cambiati con programmi equivalenti ma liberi. Riguardo a questo progetto, ormai quasi completamente realizzato, sono disponibili informazioni dettagliate su un forum appositamente aperto per discutere delle possibilità del software libero, delle tecniche adottate per la migrazione e per fornire aiuto a chi dovrà lavorare nel nuovo dominio in futuro. Al suo interno sono presenti, inoltre, le slide della presentazione sopra descritta. L'indirizzo web per raggiungerlo è il seguente: Matteo Bonora 5I

15 Luce e tecnologia NUOVE TECNOLOGIE Nelle sezioni di elettrotecnica del nostro Istituto, si sta realizzando un'area di progetto sul fotovoltaico, argomento di grande utilità. Il fotovoltaico si sta largamente sviluppando sia in Italia che all'estero e, probabilmente, sarà il futuro della maggior parte degli impianti elettrici sia per quanto riguarda l'alimentazione delle abitazioni civili che industriali. Questa tecnologia rende possibile risparmiare le materie prime fossili utilizzate sinora per produrre energia elettrica. Per realizzare l'area di progetto in questione gli allievi della classe 5E sono stati divisi in gruppi di tre o quattro persone. Ad ogni gruppo è stato assegnato il compito di cercare informazioni sulle diverse applicazioni del fotovoltaico: ad esempio ad un gruppo sono stati assegnati i pannelli, ad un altro il funzionamento, ad un altro ancora le norme usate per questi impianti, ecc. La possibilità di studiare queste tematiche, anche se in forma di primo approccio, è un grande vantaggio per chi potrebbe decidere, nel futuro, di specializzarsi in questo campo. Ma cosa vuol dire fotovoltaico? Questa è una parola composta e deriva dai termini "photo", proveniente dal greco phos (che significa luce) e dal termine "volt", che ha le sue radici nel nome di Alessandro Volta, il primo a studiare i fenomeni elettrici. Si indica con il termine fotovoltaico ogni sistema in grado di produrre energia elettrica, utilizzando esclusivamente la luce proveniente dal sole. E' un fenomeno noto già all'inizio del XIX secolo, ma che solo da pochi decenni ha trovato la strada per un valido utilizzo. Sostanzialmente, tutto si svolge grazie agli atomi che risiedono in alcuni tipi di materiali detti semiconduttori e che hanno particolari caratteristiche. Questi materiali (ad esempio il silicio), se colpiti da radiazioni, come quelle provocate dalla luce del sole, presentano un particolare movimento dei propri elettroni. Tale movimento, se sfruttato in maniera corretta, genera corrente elettrica. Per ottenere questo risultato sono state create tre principali apparecchiature: la cella fotovoltaica: elemento base in grado di operare la conversione di luce in energia elettrica. E' costituita da una sottilissima lamina di materiale semiconduttore, opportunamente lavorata e con la presenza di contatti elettrici utilizzati per raccogliere la corrente che si svilupperà al suo interno. 2. il pannello fotovoltaico: Anche definito modulo fotovoltaico, non è altro che l'assemblaggio di più celle (in genere 36) incollate fra di loro e poste tra un supporto posteriore e un materiale trasparente anteriore (generalmente vetro) che funge da protezione. Tutti i collegamenti elettrici delle celle da cui si può raccogliere corrente vengono raccolti e dirottati verso una morsettiera, che permette il prelievo dell'energia prodotta da una cornice su tutto il perimetro del pannello in alluminio che serve per il fissaggio del pannello alle strutture di supporto. 3. Impianto fotovoltaico: Per impianto fotovoltaico si intende l'insieme dei pannelli, delle strutture e degli accessori necessari per la trasformazione della corrente, per il controllo e per la misurazione dell'energia prodotta. L'efficienza di questi impianti dipende dal luogo di installazione, dal tipo di pannelli e dal suo corretto orientamento. Ad esempio, un pannello correttamente orientato a Milano, può produrre in un anno circa 146

16 NUOVE TECNOLOGIE Kwh, mentre lo stesso pannello, correttamente posizionato a Trapani, in un anno può produrre circa 174 Kwh. Il dimensionamento di questi impianti dipende dall'utilizzo che se ne vuol fare: un impianto di grandi dimensioni può essere utilizzato a scopo industriale, verificando con attenzione lo spazio a disposizione e la disponibilità finanziaria per l'attuazione del progetto. Un impianto di piccole dimensioni, invece, utilizzabile soprattutto a livello civile, può essere conveniente dopo aver valutato il consumo medio annuale in Kwh, il luogo di installazione e la superficie dei pannelli necessaria alla quantità di energia desiderata. Per via dei molti fattori da tenere in considerazione, inoltre, non è possibile stabilire un prezzo standard. Facendo però una media generale, un impianto fotovoltaico normale (senza particolari difficoltà di installazione) ha un costo di circa 750 euro al metro quadrato, in grado di fornire, mediamente, ad una famiglia italiana, dai 3000 ai 4000 Kwh all'anno. La grande innovazione che portano questi impianti è l'incredibile aiuto che si dà all'ambiente: infatti, si ha una diminuzione dei gas-serra e quindi un impatto meno negativo sulla natura. Inoltre, cosa da non sottovalutare, aumenta il risparmio sulla spesa elettrica. Lo studio che la classe 5E ha fatto, grazie a questa Area di Progetto, ha portato a capire come quello che si impara a scuola sia molto collegato all'ambiente, naturale e professionale, che ci circonda. Il pensiero di poter migliorare la qualità della vita dell'uomo, inoltre, è stimolante per noi ragazzi, in quanto ci può spronare nella scelta di un lavoro futuro utile per la società e per una gratificazione personale. Nicolò Taddia 5E 16

17 INCONTRI Waffa, una donna palestinese per la pace Waffa. È solo un nome, dietro il quale però si nasconde una donna straordinaria. Una vita straordinaria. Nata a Giza in una famiglia a dir poco numerosa (7 sorelle e 4 fratelli), ha vissuto una vita difficile, cresciuta nel caos e nei disordini, continuamente condizionata dalla presenza dell'esercito israeliano. Nel '99, quando dovette partire per l'olanda per seguire un master di lavoro, ebbe bisogno di un permesso di Israele per lasciare la sua terra. Perché? La "sua" terra è sotto il controllo israeliano. Terminato il viaggio nei Paesi Bassi, non è nemmeno riuscita a tornare a casa, nuovamente bloccata dalle forze armate, e si è trovata costretta a ripiegare su Ramallah. Continuamente subordinata, come tutta la sua gente, al controllo di un altro Stato, ha iniziato un lungo viaggio, spinta dalla voglia di cambiare qualcosa, di fare la sua parte per il suo Paese. Dapprima negli Stati Uniti, quindi in Europa, per poi giungere da noi in Italia. Una missione per far conoscere a quante più persone possibile la sua storia. Per cercare di raggiungere la pace globale, incondizionata, per i suoi figli e i suoi nipoti, e per chi verrà dopo di loro. Una pace duratura. Una pace che però è difficile da raggiungere. Il conflitto è iniziato molto tempo fa, ed è lontano dal risolversi, alimentato da numerosi attentati e dalla costruzione, nel 2005, del grande muro che divide la regione. Funge da barriera per separare i palestinesi dagli israeliani, ma in realtà è come una gabbia. "Muro che protegge, muro che tortura". Parole sante quelle di Waffa. Il muro protegge dai conflitti armati e in qualche modo allontana i 17 civili dagli scontri, ma nello stesso tempo impedisce gli spostamenti verso il posto di lavoro o verso i propri familiari. Alcuni lei stessa non li vede più da vent'anni. E questo è un muro davvero enorme, lungo centinaia di chilometri e alto vari metri. La sua presenza è quella di un mostro soffocante. La vita nelle vicinanze è difficile, la nascita di campi per rifugiati e baraccopoli è inevitabile. I giovani crescono concentrati solo sullo studio, l'unica via che hanno per sfuggire dalla povertà, e non hanno nessun tipo di svago. Sono anche divisi tra maschi e femmine. Waffa la conosce bene questa vita, l'ha vissuta in prima persona. Per lei e per ogni altro nella stessa situazione, movimenti internazionali (anche italiani) lottano costantemente affinché si abbatta il muro e i numerosi ghetti che gli sono nati affianco. Il loro rapporto è fondamentale, principalmente per donare speranza ad un popolo

18 INCONTRI sfiduciato e represso. Il discorso tocca poi un tasto dolente: i kamikaze. Eroi o terroristi? Martiri o assassini? Punti di vista. Anche se vengono tendenzialmente etichettati come killer, almeno dal mondo per così dire "civilizzato". Molti di loro si fanno esplodere in mezzo ai civili del popolo nemico, spinti da un odio atavico verso persone che magari non hanno mai avuto modo di conoscere più da vicino. Danno per scontato che siano malvagi, avidi ed approfittatori. Quando magari è tutto l'opposto. Ma non generalizziamo. Esistono anche kamikaze che prendono scelte diverse, che se la prendono con i militari e non con la gente comune. I primi sono spinti dall'odio, i secondi dalla vendetta, che cercano di convertire in giustizia. Siamo dunque al punto di partenza: eroi o terroristi? Chiediamo a Waffa. Non è a favore. E nemmeno giustifica. Ma chiede la nostra comprensione. E per ottenerla ci racconta la storia di un suo cugino. A soli 19 anni si vede portar via il fratello maggiore, a cui era molto legato, ucciso per una banale vendetta. Nessuna ragione abbastanza valida per giustificarne la scomparsa. E ne uscì distrutto, aveva perso la figura più importante della sua vita. Ha vissuto per un po' avvolto in un mantello di disperazione, non sapeva più cosa farsene della propria esistenza. E così ha deciso. L'avrebbe spesa per il fratello. Imbottito di esplosivo, diretto verso un posto di blocco israeliano. Ha deciso quindi di non prendersela con il popolo di Israele, ma con gli artefici della morte di suo fratello. È morto per punire quelli che gli avevano rovinato la vita, spendendo la propria in onore del parente scomparso. E questo basta per renderlo un eroe, almeno agli occhi di Waffa. Ma il suicidio non è mai una risposta, come lei stessa ci ricorda. E non possiamo darle torto. Terminato il piacevole incontro dichiara, rivolta a noi studenti, che "se tornate a casa anche con una sola informazione in più di quante ne avevate prima, per me è un successo, perché la conoscenza è il primo passo per risolvere un problema". Ne siamo convinti. Il suo compito l'ha svolto sicuramente con successo. Tutti noi siamo interessati e partecipi, la storia di Waffa ormai fa parte di tutti noi. Ed è nostro dovere sentirci responsabili, e fare tutto il necessario per cambiare questa tragica situazione. 18 "La vita è meravigliosa, ma bisogna rendersene conto " Waffa Abdel Rahman Thomas Diozzi 4H

19 EDUCAZIONE-AMBIENTE RICICLANDO ALL'ITI Il giorno 13 dicembre 2007 nel nostro Istituto si è svolto un incontro finalizzato alla sensibilizzazione sul problema del riciclaggio. L'incontro si è svolto nella sala Scotti, dove erano presenti il D.S. dott. Gabriele Pavani, l'assessore provinciale all'ambiente Sergio Golinelli, l'ingegnere Salvatore Salerno, l'ingegnere gestionale Mario Sunseri e il presidente della LUG Ferrara Marica Landini. La LUG, acronimo di Linux user group, è un gruppo di persone liberamente costituito e fondato nel 1999, il cui obiettivo è diffondere sistemi open source* (soprattutto Linux). L'incontro è stato aperto dal D.S. dott. Gabriele Pavani, il quale ci ha fatto riflettere sul fatto che ci si è posti il problema del riciclaggio solo negli ultimi anni e definendo le chiacchiere precedenti solo un "dibattito da salotto". Il primo obiettivo dell'incontro era quello di parlarci della gestione dei rifiuti nella politica della sostenibilità: il fine sarebbe di permettere all'uomo una produzione di rifiuti, derivanti dal suo sviluppo, che stia entro certi limiti, così da non intaccare la natura. L'impatto della presenza dell'uomo sull'ambiente è notevole: la sola Ferrara con la sua provincia produce una quantità di rifiuti del 20% superiore a quanto in realtà si potrebbe permettere, basti pensare che ogni ferrarese produce ogni anno 700Kg di rifiuti!!. Oggi, nella nostra città, il 40% dei rifiuti urbani viene raccolto in modo differenziato, ma un obiettivo della Provincia è quello di differenziarne il 65% entro il Un altro impegno è quello di recuperare energia dai rifiuti prodotti, anche se ovviamente la priorità è la riduzione dei rifiuti. Se gli impegni presi verranno mantenuti, le statistiche prevedono che nel 2008 ogni abitante produrrà 173Kg di rifiuti urbani, nel Kg, e nel 2018 solo 81Kg. I dati che riguardano l'unione Europea non sono 19 allarmanti, ma si potrebbe sicuramente migliorare la situazione: ogni cittadino europeo produce infatti mediamente 1.5Kg di rifiuti ogni giorno, contro gli 0.5Kg del singolo cittadino orientale e i 3 Kg di quello americano. Sensibilizzati da questa discussione, anche noi studenti dell'iti, nel nostro piccolo, ci siamo prefissati degli obiettivi: innanzitutto quello di contribuire al recupero e al riutilizzo dei RAEE (rifiuti apparecchiature elettriche ed elettroniche). A questo progetto ho deciso di partecipare anch'io, perché ritengo doveroso il recupero, e se possibile anche il riciclaggio, di vecchio materiale elettronico ed elettrotecnico, visto che l'utilizzo di apparecchiature elettriche oggi giorno è altissimo, ma, con la continua evoluzione, ne vengono gettate grandi quantità, e con esse anche le sostanze nocive che vi sono contenute; inoltre credo che riutilizzando questo materiale si possono aiutare quelle persone che ne necessitano, ma che non possono acquistarlo. Per avere maggiori informazioni su questo problema, e su ciò che la scuola sta facendo, è stato creato un apposito link "Riciclando all'iti" nel sito della nostra scuola Un'informazione che abbiamo avuto, per esempio, è che per la produzione di un nuovo computer vengono utilizzati ben 1500Kg di acqua e 240Kg di combustibili, risorse che non possiamo sprecare inutilmente.

20 EDUCAZIONE-AMBIENTE Ed ecco che entriamo in campo noi: alcuni studenti del nostro istituto, soprattutto delle classi del triennio di informatica ed elettronica, si sono riuniti in gruppi e contribuiscono al recupero del materiale riutilizzabile, riassemblandolo e installandovi sistemi open-source (Linux). Chi volesse avere ulteriori informazioni, può rivolgersi al docente referente del progetto, prof. Moreno Cavazza. Segnaliamo inoltre alcuni siti riguardanti il riciclaggio davvero interessanti: *Open source In informatica, open source (termine inglese che significa sorgente aperto) indica un software rilasciato con un tipo di licenza per la quale il codice sorgente è lasciato alla disponibilità di eventuali sviluppatori, in modo che con la collaborazione (in genere libera e spontanea) il prodotto finale possa raggiungere una complessità maggiore di quanto potrebbe ottenere un singolo gruppo di programmazione. Davide Cattozzo 4I 20

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI

ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI 1 ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO / CAROSINO Anno scolastico 2013-2014 QUESTIONARIO CONOSCITIVO Nota: Il presente questionario è predisposto per gli alunni del

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO APPRENDIMENTO L apprendimento è un processo attivo di costruzione di conoscenze, abilità e competenze in un contesto di interazione dei ragazzi con gli insegnanti, i

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

I giovani del Medio Campidano

I giovani del Medio Campidano I giovani del Medio Campidano Indagine sulla condizione giovanile nella Provincia Ufficio Provinciale Giovani - Associazione Orientare Pagina 1 Il questionario è stato predisposto e realizzato dall Associazione

Dettagli

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo di Redazione Sicilia Journal - 09, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/il-trailer-di-handy-sbarca-al-cinema-una-mano-protagonista-sul-grandeschermo/

Dettagli

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri.

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri. 6 LEZIONE: Algoritmi Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10-25 Minuti (a seconda che tu abbia dei Tangram disponibili o debba tagliarli a mano) Obiettivo Principale: Spiegare come

Dettagli

Survey Internazionale sulla Famiglia Risultati italiani

Survey Internazionale sulla Famiglia Risultati italiani Survey Internazionale sulla Famiglia Risultati italiani L indagine Obiettivo Indagare l opinione delle utenti di alfemminile sul concetto di famiglia al giorno d oggi. Date ottobre 2011 Numero di rispondenti

Dettagli

Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO

Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO SETTEMBRE: Quando sono arrivata a Coimbra la prima sistemazione che ho trovato è stato un Ostello molto simpatico in pieno centro, vicino a Piazza della Repubblica.(http://www.grandehostelcoimbra.com/).

Dettagli

A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la

A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la PARTE A PROVA DI COMPRENSIONE DELLA LETTURA A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la lettera A, B o C corrispondente alla risposta scelta. Esempio

Dettagli

Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati

Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati 1 Lo Sport come strumento educativo Lo sport per i bambini e ragazzi rappresenta una straordinaria opportunità di crescita. Grazie all attività motoria,

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

E Penelope si arrabbiò

E Penelope si arrabbiò Carla Signoris E Penelope si arrabbiò Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2014 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07262-5 Prima edizione: maggio 2014 Seconda edizione: maggio 2014 E Penelope si

Dettagli

www.internetbusinessvincente.com

www.internetbusinessvincente.com Come trovare nuovi clienti anche per prodotti poco ricercati (o che necessitano di essere spiegati per essere venduti). Raddoppiando il numero di contatti e dimezzando i costi per contatto. Caso studio

Dettagli

ADM Associazione Didattica Museale. Progetto Educare alla Scienza con le mani e con il cuore

ADM Associazione Didattica Museale. Progetto Educare alla Scienza con le mani e con il cuore ADM Associazione Didattica Museale Progetto Educare alla Scienza con le mani e con il cuore EST a Scuola: mission impossible? Suddivisione degli insegnanti in 3 gruppi. Ogni gruppo deve affrontare 3 problemi

Dettagli

Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile

Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile Pagina 2 Contenuto Il progetto TIDE...4 Il manifesto TIDE...6 La nostra Dichiarazione...8 Conclusioni...12 Pagina 3 Il progetto TIDE Verso un

Dettagli

DAVIDE COLONNELLO LE BASI DEL FOREX TRADING

DAVIDE COLONNELLO LE BASI DEL FOREX TRADING DAVIDE COLONNELLO LE BASI DEL FOREX TRADING Guida Pratica per Evitare gli Errori da Principianti e Imparare a Guadagnare con il Forex 2 Titolo LE BASI DEL FOREX TRADING Autore Davide Colonnello Editore

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

Progetto InBottigliAmo - Relazione conclusiva

Progetto InBottigliAmo - Relazione conclusiva Progetto InBottigliAmo - Relazione conclusiva Premessa: in Educazione Ambientale i processi rielaborativi e progettuali devono portare i ragazzi coinvolti dalla fase del recepire informazioni a quella

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

!"#$%&%'()*#$"*'' I 3 Pilastri del Biker Vincente

!#$%&%'()*#$*'' I 3 Pilastri del Biker Vincente !"#$%&%'()*#$"*'' I 3 Pilastri del Biker Vincente Il Terzo Pilastro del Biker Vincente La Mountain Bike e la Vita Ciao e ben ritrovato! Abbiamo visto nelle ultime due lezioni, come i dettagli siano fondamentali

Dettagli

Giochiamo al Teatro PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE. Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016

Giochiamo al Teatro PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE. Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016 PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016 A cura di Associazione A.L.Y. e Associazione Teatro Riflesso Referenti Progetto : Ylenia Mazzoni

Dettagli

AL CENTRO COMMERCIALE

AL CENTRO COMMERCIALE AL CENTRO COMMERCIALE Ciao Michele, come va? Che cosa? Ciao Omar, anche tu sei qua? Sì, sono con Sara e Fatima: facciamo un giro per vedere e, forse, comprare qualcosa E dove sono? Voglio regalare un CD

Dettagli

Il campione regionale

Il campione regionale Difensore Civico Regione Emilia-Romagna CORECOM Regione Emilia-Romagna La Rete siamo noi Iniziative per un uso sicuro della rete Internet e del cellulare da parte dei minori Dati regionali Il campione

Dettagli

IL GIRO DEL MONDO IN 6 GIORNI

IL GIRO DEL MONDO IN 6 GIORNI IL GIRO DEL MONDO IN 6 GIORNI - - diario di bordo - classi seconde 27 febbraio 2012 La ciurma della danza Oggi è il primo giorno della settimana interculturale e chissà cosa sta facendo il gruppo del ballo;

Dettagli

Accordo di rete per l innovazione della didattica Studenti 2.0: educare ai media le nuove generazioni

Accordo di rete per l innovazione della didattica Studenti 2.0: educare ai media le nuove generazioni Accordo di rete per l innovazione della didattica Studenti 2.0: educare ai media le nuove generazioni Documentazione del lavoro svolto Anno scolastico 2010/2011 Scuola Primaria Statale Pennabilli Capoluogo

Dettagli

Allegato 2. Anna Magnani II anno Classe C2 Tutor: Isa Maria Sozzi RELAZIONE FINALE

Allegato 2. Anna Magnani II anno Classe C2 Tutor: Isa Maria Sozzi RELAZIONE FINALE Allegato 2 Anna Magnani II anno Classe C2 Tutor: Isa Maria Sozzi RELAZIONE FINALE Il progetto è stato modificato rispetto alla griglia di progettazione presentata a giugno. Il tempo che è stato possibile

Dettagli

Giovanna Quadri ROCCONTI

Giovanna Quadri ROCCONTI Racconti Giovanna Quadri ROCCONTI Paura e coraggio. Queste donne con il loro coraggio, il loro amore, nella società e nel farsi prossimo, hanno vinto il male con il bene. La giustizia a trionfato. però

Dettagli

Durata Quattro fasi di lavoro in un arco di tempo complessivo non inferiore a quattro settimane. Si stimano non meno di 16 ore di lavoro in classe.

Durata Quattro fasi di lavoro in un arco di tempo complessivo non inferiore a quattro settimane. Si stimano non meno di 16 ore di lavoro in classe. Laboratorio consigliato per la scuola primaria (II ciclo) Il grande mosaico dei diritti Hai diritto ad avere un istruzione/educazione. Art. 28 della CRC Hai diritto a essere protetto/a in caso di guerra

Dettagli

Nicolò UGANDA Gapyear

Nicolò UGANDA Gapyear Nicolò, Diario dall Uganda Se c è il desiderio, allora il grande passo è compiuto, e non resta che fare la valigia. Se invece ci si riflette troppo, il desiderio finisce per essere soffocato dalla fredda

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

INCONTRO CON L AUTORE JACOPO OLIVIERI

INCONTRO CON L AUTORE JACOPO OLIVIERI INCONTRO CON L AUTORE JACOPO OLIVIERI Lo scrittore Jacopo Olivieri ha incontrato gli alunni delle classi quarte e quinte della scuola A. Aleardi del plesso di Quinto nelle giornate del 18 e 19 febbraio

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

KUALID CHE NON RIUSCIVA A SOGNARE

KUALID CHE NON RIUSCIVA A SOGNARE dagli 11 anni KUALID CHE NON RIUSCIVA A SOGNARE VAURO SENESI Serie Rossa n 80 Pagine: 272 Codice: 978-88-566-3712-0 Anno di pubblicazione: 2014 L AUTORE Giornalista e vignettista satirico, Vauro Senesi

Dettagli

dal 2007 - Kryptos LA PERSONA ECCELLENZE: Lorenzo Zago

dal 2007 - Kryptos LA PERSONA ECCELLENZE: Lorenzo Zago ECCELLENZE: Lorenzo Zago dal 2007 - Kryptos LA PERSONA Nel corso della storia, la libertà di scelta è stata una grande conquista da parte dell uomo. Oggi, la maggior parte di noi vive in Paesi dove è possibile

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI Progetto in rete I CARE CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI ISTITUTO COMPRENSIVO DI CURNO SCUOLA PRIMARIA DI CURNO GIOCHI LOGICI MATEMATICI REFERENTE: Ins. EPIFANI VINCENZA Tempi : II QUADRIMESTRE Classe

Dettagli

Donna Ì : un milione di no

Donna Ì : un milione di no Ì : un milione di no IL NOSTRO TEAM Siamo un trio ma siamo anche una coppia di fidanzati, due fratelli, due amici che da qualche anno convive e condivide esperienze di vita ma anche interessi sociali e

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

Centro Scolastico Diocesano Redemptoris Mater Scuola Primaria Paritaria D.M. 26.11.2001

Centro Scolastico Diocesano Redemptoris Mater Scuola Primaria Paritaria D.M. 26.11.2001 Centro Scolastico Diocesano Redemptoris Mater Scuola Primaria Paritaria D.M. 26.11.2001 Via Leonardo da Vinci 34 17031 Albenga Telefono 0182 554970 Galateo: lavorare con e su tutta la classe per il rispetto

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013

ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013 ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013 Il Progetto Teatro viene proposto ogni anno a gruppi di classe individuati in base alle scelte

Dettagli

Finalità. Sensibilizzare al rispetto di genere per prevenire forme di discriminazione.

Finalità. Sensibilizzare al rispetto di genere per prevenire forme di discriminazione. Finalità. Sensibilizzare al rispetto di genere per prevenire forme di discriminazione. Obiettivi. Suscitare curiosità verso l altro. Indagare sulle diversità e i ruoli. Riconoscere e valorizzare le differenze.

Dettagli

Prima che la storia cominci

Prima che la storia cominci 1 Prima che la storia cominci Non so da dove sia scaturita questa mia voglia di scrivere storie. So che mi piace ascoltare le narrazioni degli altri e poi ripensare quelle storie fra me e me, agitarle,

Dettagli

Progetto Storie di un altro genere. Dire, fare, creare le pari opportunità

Progetto Storie di un altro genere. Dire, fare, creare le pari opportunità Giunta Regione Toscana con il contributo della L.R. 16/2009 Cittadinanza di genere Progetto Storie di un altro genere. Dire, fare, creare le pari opportunità (percorso per le scuole dell infanzia) Premessa

Dettagli

Progetto Scuole Catalogo proposte 2012/2013

Progetto Scuole Catalogo proposte 2012/2013 Progetto Scuole Catalogo proposte 2012/2013 DC.DP.00.42 Fondazione aiutare i bambini Onlus Via Ronchi, 17-20134 Milano - Tel. 02 70.60.35.30 Email: info@aiutareibambini.it - www.aiutareibambini.it Fondazione

Dettagli

TIMSS & PIRLS 2011. Questionario studenti. Field Test. Classe quarta primaria. Etichetta identificativa

TIMSS & PIRLS 2011. Questionario studenti. Field Test. Classe quarta primaria. Etichetta identificativa Etichetta identificativa TIMSS & PIRLS 2011 Field Test Questionario studenti Classe quarta primaria Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e formazione via Borromini,

Dettagli

Scuola dell'infanzia A.Cocchetti Brescia a.s. 2011/2012

Scuola dell'infanzia A.Cocchetti Brescia a.s. 2011/2012 Scuola dell'infanzia A.Cocchetti Brescia a.s. 2011/2012 Il progetto Circe Time Il progetto Circe-Time è quello che letteralmente riguarda il momento del cerchio. Il cerchio è uno dei rituali più importanti

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

REALIZZA IL TUO FUTURO. Di Annamaria Iaria

REALIZZA IL TUO FUTURO. Di Annamaria Iaria REALIZZA IL TUO FUTURO Di Annamaria Iaria INDICE 1.Presentazione... 2 2.Chi sono... 2 3.Il cuore dell idea... 4 4.Come si svolge... 5 5.Obiettivo... 5 6.Dove si svolge... 6 7. Idee collegate... 6 2013-2014

Dettagli

scuola elementari kugy - scuola materna rutteri 13 maggio 2011 LA PRIMA FESTA DI PRIMAVERA che bella giornata o no?!!

scuola elementari kugy - scuola materna rutteri 13 maggio 2011 LA PRIMA FESTA DI PRIMAVERA che bella giornata o no?!! scuola elementari kugy - scuola materna rutteri 13 maggio 2011 LA PRIMA FESTA DI PRIMAVERA che bella giornata o no?!! Quest anno il comitato genitori della scuola di Banne ha organizzato in concomitanza

Dettagli

Nina Cinque. Guida pratica per organizzarla perfettamente in una sola settimana! Edizioni Lefestevere

Nina Cinque. Guida pratica per organizzarla perfettamente in una sola settimana! Edizioni Lefestevere Nina Cinque Guida pratica per organizzarla perfettamente in una sola settimana! Edizioni Lefestevere TITOLO: FESTA DI COMPLEANNO PER BAMBINI: Guida pratica per organizzarla perfettamente in una sola settimana!

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado

5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado 5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado Percorso didattico: Accogliere e orientare Autore Corrado Marchi e Franca Regazzoni Scuola Scuola secondaria di secondo grado Classi Prima, terza, quarta

Dettagli

CREPAPANZA ERA. 1.buono e generoso 2.avido ed ingordo 3.cattivo e pericoloso CREPAPANZA ERA. 1.buono e generoso 2.avido ed ingordo 3.cattivo e pericoloso IL NUTRIMENTO E UNA NECESSITA VITALE PER L UOMO,

Dettagli

«Il sexting è normale, ma stupido»

«Il sexting è normale, ma stupido» «Il sexting è normale, ma stupido» Il sexting sembra ormai far parte della normale quotidianità. Ma cosa ne pensano le persone coinvolte? Il programma nazionale giovani e media ha affrontato il rapporto

Dettagli

ISTITUTO MAGISTRALE T.GULLI

ISTITUTO MAGISTRALE T.GULLI PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE IT051PO003FSE ISTITUTO MAGISTRALE T.GULLI Anno scolastico 2012/2013 Pon Imprenditore DONNA Codice Progetto- C5 120h di Tirocinio e stage Simulazione aziendale, alternanza

Dettagli

4 Consigli per una gita in fattoria. La guida per organizzare al meglio la visita alla fattoria didattica. Una guida a cura della Redazione di:

4 Consigli per una gita in fattoria. La guida per organizzare al meglio la visita alla fattoria didattica. Una guida a cura della Redazione di: 4 Consigli per una gita in fattoria La guida per organizzare al meglio la visita alla fattoria didattica Una guida a cura della Redazione di: PERCHÉ UNA GITA IN FATTORIA? I motivi per fare una gita in

Dettagli

Rispecchia il rispetto (Di)Segni di non violenza

Rispecchia il rispetto (Di)Segni di non violenza Rispecchia il rispetto (Di)Segni di non violenza IL NOSTRO TEAM Ciao! Siamo due ragazze laureate in Consulenza pedagogica e coordinamento degli interventi formativi che hanno detto: Basta con la violenza!.

Dettagli

ECCELLENZE LICEO ESAME DI STATO 2015

ECCELLENZE LICEO ESAME DI STATO 2015 ECCELLENZE LICEO ESAME DI STATO 2015 100 E LODE VIGLIANI VALENTINA 5B 100/100 GATTUSO GIANLUCA 5 A PERRERO JESSICA 5 B CARIGNANO SILVIA 5 C 100/100 CIVIDINO DAVIDE 5C CIELO ANDREA 5 D RIZZA DAVIDE 5 D

Dettagli

IL FUTURO DEI RIFIUTI NELLE NOSTRE MANI. Corso di formazione sulla raccolta differenziata

IL FUTURO DEI RIFIUTI NELLE NOSTRE MANI. Corso di formazione sulla raccolta differenziata IL FUTURO DEI RIFIUTI NELLE NOSTRE MANI Corso di formazione sulla raccolta differenziata I rifiuti: un problema? Sono tanti Ogni italiano (neonati compresi) produce in media 532 Kg di rifiuti all anno

Dettagli

Consiglio Comunale Montelupo F.no del 30/03/2015 Intervento insediamento CCR Anno Scolastico 2014/2015

Consiglio Comunale Montelupo F.no del 30/03/2015 Intervento insediamento CCR Anno Scolastico 2014/2015 Consiglio Comunale Montelupo F.no del 30/03/2015 Intervento insediamento CCR Anno Scolastico 2014/2015 Buonasera a tutti, in particolare a tutti i componenti della Giunta comunale, ai professori presenti,

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

SO Office Solutions SOLUZIONI E MACCHINE PER UFFICIO

SO Office Solutions SOLUZIONI E MACCHINE PER UFFICIO SO Office Solutions Con la Office Solutions da oggi. La realizzazione di qualsiasi progetto parte da un attenta analisi svolta con il Cliente per studiare insieme le esigenze al fine di individuare le

Dettagli

1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri.

1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri. 1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri. 1) Andare a visitare gli anziani all ospedale 2) Attività in gruppo: vengono proposte diverse immagini sull amore per discutere sui vari tipi di amore

Dettagli

UNITÀ DIDATTICA: Il viandante sul mare di?

UNITÀ DIDATTICA: Il viandante sul mare di? UNITÀ DIDATTICA: Il viandante sul mare di? Scuola: secondaria di primo grado di Sappada e di Candide Classi: III OBIETTIVO: Individuare le attitudini degli alunni che sceglieranno la futura scuola superiore.

Dettagli

Ciao, siamo Ma e Tita due bambini che frequentano la scuola primaria di Ranco. Vieni con noi a scoprire le meraviglie della nostra scuola

Ciao, siamo Ma e Tita due bambini che frequentano la scuola primaria di Ranco. Vieni con noi a scoprire le meraviglie della nostra scuola Ciao, siamo Ma e Tita due bambini che frequentano la scuola primaria di Ranco. Vieni con noi a scoprire le meraviglie della nostra scuola La scuola inizia alle 7.50. Noi bambini ci ritroviamo nel cortile

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO: HELLO CHILDREN!

UNITÀ DI APPRENDIMENTO: HELLO CHILDREN! Scuola dell Infanzia Ad Onore degli Eroi UNITÀ DI APPRENDIMENTO: HELLO CHILDREN! LABORATORIO DI APPROCCIO ALLA LINGUA INGLESE PER I BAMBINI DI CINQUE ANNI Anno Scolastico 2013-2014 Anno Scolastico 2013-2014

Dettagli

LA RETE SIAMO NOI QUESTIONARIO N

LA RETE SIAMO NOI QUESTIONARIO N LA RETE SIAMO NOI QUESTIONARIO N CIAO! Abbiamo bisogno di te. Vogliamo sapere come i ragazzi e le ragazze della tua età usano il cellulare e la rete Internet. Non scrivere il tuo nome. 1. Sei? 1 Un ragazzo

Dettagli

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it 1. Del sogno dell essere sognatore Il primo dovere di un buon Capo è non accontentarsi, essere il più esigente possibile nella

Dettagli

Indice. Imparare a imparare

Indice. Imparare a imparare Indice Imparare a imparare Perché fai una cosa? 8 Attività 1 Il termometro della motivazione 8 Attività 2 Quantità o qualità? 9 Attività 3 Tante motivazioni per una sola azione 10 Organizzare il tempo

Dettagli

TERZA INDAGINE SULLE CONDIZIONI DI VITA E DI LAVORO DEGLI INSEGNANTI ITALIANI

TERZA INDAGINE SULLE CONDIZIONI DI VITA E DI LAVORO DEGLI INSEGNANTI ITALIANI TERZA INDAGINE SULLE CONDIZIONI DI VITA E DI LAVORO DEGLI INSEGNANTI ITALIANI APPROFONDIMENTO LOCALE TRENTINO Gentile Insegnante, grazie per aver accettato di compilare il questionario. Il questionario

Dettagli

A cura di Maria Alessandra

A cura di Maria Alessandra PROGETTO GENITORI: - CORSO DI FORMAZIONE ED. AFFETTIVO-RELAZIONALE - CINEFORUM A cura di Maria Alessandra PREMESSA L'ipotesi di questo progetto nasce da una visione più ampia e integrativa dell'educazione

Dettagli

SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN

SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN 1 SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN Aprile 2013 ESAME FINALE LIVELLO 3 Nome: Cognome: E-mail & numero di telefono: Numero tessera: 1 2 1. Perché Maria ha bisogno di un lavoro? PROVA DI ASCOLTO

Dettagli

Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE

Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE All inizio del mese di Febbraio abbiamo chiesto ai bambini di procurarsi delle buste da lettera nuove. Quando tutti le hanno portate a

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PIANELLO V.T. RILEVAZIONE BISOGNI FORMATIVI DEL TERRITORIO E SODDISFAZIONE DEI NOSTRI UTENTI

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PIANELLO V.T. RILEVAZIONE BISOGNI FORMATIVI DEL TERRITORIO E SODDISFAZIONE DEI NOSTRI UTENTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PIANELLO V.T. RILEVAZIONE BISOGNI FORMATIVI DEL TERRITORIO E SODDISFAZIONE DEI NOSTRI UTENTI Questionario studenti L'offerta formativa della scuola è tanto più efficace quanto più

Dettagli

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi, di professione astrofisica, è senza dubbio l autrice fantasy italiana più amata. All

Dettagli

A. S. 2014/2015 A U T O V A L U T A Z I O N E

A. S. 2014/2015 A U T O V A L U T A Z I O N E A. S. 2014/2015 A U T O V A L U T A Z I O N E Con il DPR 28 marzo 2013, n. 80 è stato emanato il regolamento sul Sistema Nazionale di Valutazione (SNV) in materia di istruzione e formazione. Le istituzioni

Dettagli

Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro

Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro Guardando al domani mi sento di dire con certezza che continueremo a promuovere l'organizzazione perché possa esprimere sempre più le capacità

Dettagli

Chi siamo. L organizzazione

Chi siamo. L organizzazione Chi siamo Il Forum Giovani di Marigliano nasce con lo scopo di raccogliere idee, sogni e domande dei giovani cittadini. È uno strumento di partecipazione attiva per incidere sul territorio, fornendo occasioni

Dettagli

MODULO II CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA

MODULO II CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA MODULO II I destinatari del diritto Materiali prodotti nell ambito del progetto I care dalla prof.ssa Giuseppa Vizzini con la collaborazione

Dettagli

QUESTIONARIO STUDENTE

QUESTIONARIO STUDENTE Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2008 2009 QUESTIONARIO STUDENTE Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva

Dettagli

Progetto continuità scuola dell infanzia scuola primaria

Progetto continuità scuola dell infanzia scuola primaria PREMESSA In relazione alle più recenti indicazioni ministeriali nelle quali viene valorizzata l autonomia scolastica, i progetti per la continuità didattico - educativa rappresentano un ambito di valutazione

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello A1

Università per Stranieri di Siena Livello A1 Unità 20 Come scegliere il gestore telefonico In questa unità imparerai: a capire testi che danno informazioni sulla scelta del gestore telefonico parole relative alla scelta del gestore telefonico la

Dettagli

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione?

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? Nasce nel 1997 per volontà di cittadini stranieri e italiani, come associazione

Dettagli

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Gruppo G.R.E.M Piemonte e Valle d Aosta Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Il kit, pensato per l animazione di bambini, ragazzi e adulti sul tema famiglia è così composto: - 1 gioco

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Scuola Secondaria di Primo Grado Giuseppe Mezzanotte BIM. Biblioteca Interculturale Mobile. Nei libri il mondo

ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Scuola Secondaria di Primo Grado Giuseppe Mezzanotte BIM. Biblioteca Interculturale Mobile. Nei libri il mondo ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Scuola Secondaria di Primo Grado Giuseppe Mezzanotte BIM Biblioteca Interculturale Mobile Nei libri il mondo Classe I - II A docente referente: prof.ssa Patrizia Monetti

Dettagli

Corso d italiano L2 a cura di Paola Sguazza

Corso d italiano L2 a cura di Paola Sguazza intermmedio 2 La famiglia Ciao! Mi chiamo John e sono senegalese. Il mio Paese è il Senegal. Il Senegal è uno Stato dell Africa. Ho 17 anni e vivo in Italia, a Milano, con la mia famiglia. Nella mia famiglia

Dettagli

È una pagina web a cui chiunque può iscriversi e condividere informazioni con altre persone, di solito amici e familiari.

È una pagina web a cui chiunque può iscriversi e condividere informazioni con altre persone, di solito amici e familiari. di Pier Francesco Piccolomini Facebook l hai sentito nominare di sicuro. Quasi non si parla d altro. C è chi lo odia, chi lo ama, chi lo usa per svago, chi per lavoro. Ma esattamente, questo Facebook,

Dettagli

1. Scrivere ad amici e parenti

1. Scrivere ad amici e parenti 1. Scrivere ad amici e parenti In questo capitolo ci concentreremo sulle lettere per le persone che conosciamo. Normalmente si tratta di lettere i cui argomenti sono piuttosto vari, in quanto i nostri

Dettagli

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1)

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Cos è il virtu@le? Un giorno entrai di fretta e molto affamato in un ristorante. Scelsi un tavolo lontano da tutti,

Dettagli

Cos'è uno Scambio Culturale I progetti di scambio culturale sono nati negli anni '50 con l'intento di promuovere la pace tra i popoli

Cos'è uno Scambio Culturale I progetti di scambio culturale sono nati negli anni '50 con l'intento di promuovere la pace tra i popoli Scambio Culturale Cos'è uno Scambio Culturale I progetti di scambio culturale sono nati negli anni '50 con l'intento di promuovere la pace tra i popoli Un' esperienza di vita all'estero, che attraverso

Dettagli

IL FUTURO DEI RIFIUTI NELLE NOSTRE MANI. Corso di formazione sulla raccolta differenziata

IL FUTURO DEI RIFIUTI NELLE NOSTRE MANI. Corso di formazione sulla raccolta differenziata IL FUTURO DEI RIFIUTI NELLE NOSTRE MANI Corso di formazione sulla raccolta differenziata I rifiuti: un problema? Sono tanti Ogni italiano (neonati compresi) produce in media 532 Kg di rifiuti all anno

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA STATALE NICCOLINI

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA STATALE NICCOLINI PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA STATALE NICCOLINI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 INSEGNANTE Rofrano Barbara PROGETTAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA L insegnamento della religione

Dettagli

Nel corso del corrente anno scolastico, gli insegnanti e gli alunni dei plessi del nostro Istituto Comprensivo si sono attivati per realizzare alcune

Nel corso del corrente anno scolastico, gli insegnanti e gli alunni dei plessi del nostro Istituto Comprensivo si sono attivati per realizzare alcune Nel corso del corrente anno scolastico, gli insegnanti e gli alunni dei plessi del nostro Istituto Comprensivo si sono attivati per realizzare alcune iniziative di concreta solidarietà. Il progetto intende

Dettagli