PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE"

Transcript

1 PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE This project has been funded with support from the European Commission.

2 Indice dei contenuti 1. DESTINATARI CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento METODOLOGIA Insegnamento/ento: principali metodi Insegnamento/ento: metodi di supporto 4 4. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Attività in classe Internet:attività di ento/per alzare livello conoscenza/per migliorare l alimentazione Lavoro di progetto 7 5.METODOLOGIA DI VALUTAZIONE 9 6.CONTENUTI APPRENDIMENTO. 9 7.RISULTATI ATTESI This project has been funded with support from the European Commission.

3 1. DESTINATARI/TARGET GROUP Per Adulti con abilità funzionali basse si consiglia di spendere minuti ogni giorno a praticare le varie attività fisiche descritte negli argomenti rilevanti. Gli Adulti con abilità funzionali moderate sono invitati a trascorrere minuti due volte a settimana a praticare le varie attività fisiche descritte negli argomenti rilevanti. I giovani di buona forma fisica sono invitati a trascorrere minuti tre volte alla settimana a praticare le varie attività fisiche descritte negli argomenti rilevanti 2. CARICO DI LAVORO Attività in aula: 21 ore Attività in ento su internet : 19 ore Attività di progetto: 8 ore 3. INSEGNAMENTO / APPRENDIMENTO METODOLOGIA Il presente modulo è costituito da un metodo di insegnamento / ento che dovrebbe aumentare la motivazione e l'interesse dei partecipanti, così come la loro partecipazione attiva al processo di ento Insegnamento / ento principali metodi Blended learning/insegnamento MISTO ento tradizionale - attività in classe, in cui lo studente: - Acquisirà le competenze di base in materia di salute -gestione, principalmente sulla prevenzione delle malattie, la nutrizione e l attività fisica e cognitiva; - Acquisirà strategie e competenze per migliorare la memoria e altre funzioni cognitive; - Metterà in pratica le competenze di base per poter navigare su Internet (Internet formazione) per cercare contenuti relativi agli argomenti insegnati in classe. 3 This project has been funded with support from the European Commission.

4 e-learning - attività di -ento basate su Internet, in cui gli studenti saranno in grado: - Per guardare presentazioni in power point su argomenti diversi (la prevenzione delle malattie, l'alimentazione sana, la salute mentale, le malattie cardiovascolari, ecc.) - Per sapere quali parametri biomedici sono più importanti da seguire e di controllo: la pressione sanguigna, il livello di ossigeno nel sangue, ecc - Per eseguire diversi esercizi e attività in Internet legati alla stimolazione cognitiva. - Per partecipare ai forum dove giovani e anziani saranno in grado di interagire. Imparare facendo - progetto di lavoro, in cui gli studenti potranno applicare le loro abilità nella pratica Apprendimento intergenerazionale Project work sarà realizzato attraverso squadre intergenerazionali dove giovani e anziani lavoreranno insieme Metodi di insegnamento / ento di sostegno Saranno inoltre utilizzati i seguenti metodi per ogni tema: Lavoro a coppie Il sostegno reciproco Il lavoro di squadra Discussioni Supporto Tutor Simulazioni Apprendimento in workshop. E specificamente per l'attività fisica e cognitiva: Lavoro individuale. 4 This project has been funded with support from the European Commission.

5 4. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 4.1. Attività in classe ( mirano a far acquisire ) Il concetto di promozione della salute e dei suoi vantaggi Diversi tipi di sane abitudini e la loro applicazione nella vita quotidiana Diversi tipi di malattie e di come la prevenzione delle malattie migliora la salute Il concetto di nutrizione e di alcuni principi di base Principali elementi nutritivi, le loro funzioni e il cibo in cui è possibile trovarli nutrienti differenti in base all esigenza dell'età e malattie Le differenze tra esercizio fisico aerobico e anaerobico Frequenza, durata, intensità e tipo di esercizio in base all'età funzionamento della memoria di base e di altre funzioni cognitive cambiamenti nel funzionamento cognitivo in base all'età Vantaggi di stimolazione cognitiva Di acquisire competenze in: Identificare le pratiche di -cura che supportano benessere Creazione di routine (alimentazione, esercizio fisico, benessere psicologico) per una vita sana Condurre le strategie di prevenzione delle malattie La consapevolezza di una sana alimentazione e di -identificazione di abitudini malsane Come preparare una dieta secondo l'età / malattia Come praticare esercizi fisici a seconda dell'età e le prestazioni fisiche A seguito di una vita sana attivo Praticare tecniche e strategie per migliorare la memoria e altre funzioni cognitive 5 This project has been funded with support from the European Commission.

6 Per alzare il livello di conoscenza dei partecipanti: La consapevolezza di sane abitudini L'uso di misure di prevenzione universali, igiene e smaltimento dei rifiuti, una corretta manipolazione degli alimenti e la conservazione e controlli ambientali per prevenire le malattie e condizioni di salute La diagnosi precoce e il trattamento di malattie e condizioni di salute che l'impatto di una salute Utilizzo di una corretta alimentazione, secondo le esigenze nutrizionali di ogni persona (età, condizione, ecc) La motivazione a praticare esercizio fisico benessere soggettivo e l'atteggiamento nella vita Capacità funzionale memoria, l'attenzione e altri processi cognitivi prestazioni lo stato emotivo, il concetto di sé e l'stima la capacità di integrazione, della comunicazione e la partecipazione sociale 4.2. Attività in ento per internet Le attività di -ento basate su Internet hanno lo scopo: di consolidare le conoscenze acquisite durante le attività in classe consentire di esercitare le competenze acquisite in aula di responsabilizzare gli studenti a gestire la loro salute, consentire loro di avere una voce su questa materia e di orientare la loro vita nella direzione giusta Comprendere che la promozione della salute richiede pianificazione, controllo e valutazione 6 This project has been funded with support from the European Commission.

7 Per migliorare l'alimentazione costruire un atteggiamento positivo sulla nutrizione identificare e modificare le abitudini alimentari scorrette migliorare la forma fisica costruire un atteggiamento positivo verso le attività fisiche e cognitive sviluppare qualità come la coordinazione, la flessibilità e l'equilibrio negli adulti sviluppare qualità come resistenza, coordinazione, velocità e flessibilità nei giovani migliorare la funzione del sistema cardio-vascolare e respiratorio nei giovani mettere in pratica le tecniche e le strategie apprese in aula per migliorare la memoria e altre funzioni cognitive eseguire esercizi di psico-stimolazione a complessità crescente navigare in Internet per trovare informazioni in diversi siti web: come Organizzazione mondiale della sanità e piattaforma sull'invecchiamento attivo 4.3. Lavoro di progetto Il lavoro di progetto si propone di : Promuovere stili di vita più sano. costruire un atteggiamento positivo per la salute in -gestione e di praticare attività fisica. Incoraggiare la cooperazione intergenerazionale. Promuovere il lavoro di gruppo, iniziativa e creatività 7 This project has been funded with support from the European Commission.

8 5. METODOLOGIA DI VALUTAZIONE Metodo Tipo Indicatori Auto valutazione iniziale e finale (test) Quantitativa Performance Osservazioni Qualitativa Partecipazione attiva durante le sessioni di ento su internet Difficoltà durante il corso di Discussione ento Aspettative soddisfatte 6. CONTENUTI DI APPRENDIMENTO ARGOMENTI Carico di lavoro/ Attività in aula carico di lavoro/ attività di apprendiemnto su internet Introduzione al modulo: bibliografia, fonti, riferimenti e informazioni ottenute online (Chi, invecchaimento attivo, etc.) 1 0 test di valutazione iniziale 0 1 PARTE I: Promozione della salute e prevenzione malattie 1. FATTORI DI RISCHIOPER L A SALUTE DURANTE L ARCO VITALE 1.1. fattori biologici e ambientali Fattori di rischio modificabili e non modificabili 1.3. Fattori comuni e di rischio da comportamentali 1.4. Fattori sani nella vita quotidiana Attiv in aula 2. PROMOZIONE DELLA SALUTE Attiv in aula 2.1. Area delle attività per una promozione della salute 2.2. strategie di prevenzione in base all età 3. PREVENZIONE MALATTIE Attiv in aula 3.1.Livelli di prevenzione: primari, secondari and terziari, e loro obiettivi 3.2.Gestione della Dipendenza : misure publicche e private LACUNE O DIFETTI DEI WORKSHOP This project has been funded with support from the European Commission.

9 PARTE II: ALIMENTAZIONE SANA nell arco della vita 1. ALIMENTAZIONE Attiv in aula 1.1. Concetti e principi fondamentali 1.2. I Principali sostanze nutritive e loro funzioni 1.3. Classificazione dei cibi 2. ESIGENZE NUTRIZIONALI IN BASE ALL ETA E MALATTIE 2.1. Esigenze nutrizionali per i giovani 2.2.Esigenze nutrizionali per gli anziani 2.3. Esigenze nutrizionali in caso di problemi cardiovascolari 1 1 Attiv in aula 3. DIETE Attiv in aula 3.1. Porzioni dietetiche raccomandate 3.2. Istruzione per pianificare un menu-tipo 4. SOCIAL NETWORKING Attiv in aula 4.1. il cibo indispensabile 4.2.Organizzazione del menu-tipo 4.3. Scambio ricette 4.4. Motivi per cambiare le cattive abitudini 4.5.Giochi Interattivi sull alimentazione LACUNE O DIFETTI DEI WORKSHOP 1 0 PARTE III Attività fisiche e Cognitive 1. ATTIVITA COGNITIVE Attiv in aula 1.1. Processi Cognitivi. Memoria. Le funzioni cognitive in funzione dell età. I Fattori che influiscono il livello cognitivo in relazione all età Il concetto di stimolazione Cognitiva. I Benefici della stimolazione cognitiva 1.3.Strategie e tecniche per aumentare migliorare il processo di memorizzazione.applicazione nella vita quotidiana 1.5. Stimolazione cognitiva: attività ed esercizi ATTIVITA FISICHE Attiv in aula 2.1. Attività fisiche. Natura e obiettivi Esercizi aerobici e anaerobici Esercizi fisici in base all età This project has been funded with support from the European Commission.

10 2.2. Giovani: Routine 1. Esercizi fisici generali. Sviluppo delle qualità: resistenza, coordinazione e velocità. Routine 2. Esercizi fisici generali. Miglioramento delle funzioni respiratorie e del sistema cardio-vascolare.. Routine 3. Esercizi fisici generali. Sviluppo delle qualità: flessibilità e resistenza dei muscoli addominali. NA NA NA 2.3. Adulti: Routine 1. Esercizi fisici generali.sviluppo delle qualità: resistenza, coordinazione e velocità. Routine 2. Esercizi fisici generali. Sviluppo della capacità di equilibrio LACUNE O DIFETTI DEI WORKSHOP 1 0 Auto Attiv in aula VALUTAZIONE E RICONOSCIMENTO DEI RISULTATI This project has been funded with support from the European Commission.

11 LAVORO DI PROGETTO Project work entrambe le generazioni preparano e mettono in pratica attività legate allo stile di vita sano e all attività fisica a seconda della cultura del rispettivo paese. (Esempio 1, un evento composto da 3 attività in cui i giovani e gli adulti potranno partecipare insieme in uno scambio intergenerazionale e sarà strutturato come segue: 1. Forum di Discussione: dove i partecipanti parleranno dei principi della sessione salute in gestione appresi durante il programma. 2. Escursioni: dove i partecipanti potranno andare insieme a fare una passeggiata lungo la città ascoltando le spiegazioni di una guida turistica (questo ruolo potrebbe essere svolto da 8 una persona anziana e una persona più giovane). 3. Assaggiare cibi sani: dove verranno preparati diversi cibi sani dai partecipanti che si scambieranno opinioni sui gusti e sapori. (Esempio 2, un evento composto da 2 attività in cui i giovani e gli adulti potranno partecipare insieme.sarà strutturato come segue: 1. Eventosportivo intergenerazionale dove squadre composte dalle due generazioni si affronteranno su una competizione di gusto comune. 2. Assaggio di cibi sani preparati dai partecipanti 7. RISULTATI ATTESI Al termine del corso ci si attende che i partecipanti abbiano acquisito : Il Know how del come gestire la propria salute, tenendo conto della prevenzione delle 11 This project has been funded with support from the European Commission.

12 malattie,della nutrizione e dell'attività fisica e cognitiva. Essere in grado di prendere le proprie decisioni, competenze e strategie per garantire la propria salute in nomia. Essere capaci di selezionare correttamente le informazioni più importanti sulla vita sana e abitudini alimentari sane anche attraverso i siti dei social network Essere capaci di riconoscere le cattive abitudini in ambito nutrizionale e modificarle in modo appropriato Aumentare la propria motivazione nell attività fisica Ampliare la conoscenza di quale tipo di esercizio sia adatto per ogni fascia di età e condizione fisica. Ampliare la conoscenza dei cambiamenti legati all'età del proprio funzionamento cognitivo. ampliare la conoscenza delle strategie e tecniche per migliorare la memoria e altre funzioni cognitive. migliorare la loro cooperazione intergenerazionale, di essere a conoscenza che la salute è un tema che riguarda tutte le generazioni. NOTA: L'attuale programma di studio può essere adattato per l'insegnamento / ento di pratiche in ciascun paese specifico in modo che il background culturale e l'esperienza acquisita possano essere prese nella giusta considerazione e attenzione. 12 This project has been funded with support from the European Commission.

ACTIVE AGEING LEARNING COMMUNITY 526384-LLP-1-2012-1-BG-GRUNDTVIG-GMP. With the support of the Lifelong Learning Programme of the European Union

ACTIVE AGEING LEARNING COMMUNITY 526384-LLP-1-2012-1-BG-GRUNDTVIG-GMP. With the support of the Lifelong Learning Programme of the European Union PROGRAMMA DI STUDIO Nuove Tecnologie di Comunicazione (ICT) per il Social Networking 2013 responsabilità sull uso che potrà essere fatto delle informazioni in essa contenute CONTENUTO 1. TARGET GROUP 3

Dettagli

INTRODUZIONE ALL ECOSISTEMA SEACW

INTRODUZIONE ALL ECOSISTEMA SEACW INTRODUZIONE ALL ECOSISTEMA SEACW Il progetto SEACW, co-finanziato dalla Commissione Europea, ha creato un Ecosistema Digitale destinato a diventare un punto di incontro per tutti coloro che sono interessati

Dettagli

SCHEDA 4. Quarto Congresso Internazionale su Attività fisica, Invecchiamento e Sport Heidelberg, Germania, agosto 1996

SCHEDA 4. Quarto Congresso Internazionale su Attività fisica, Invecchiamento e Sport Heidelberg, Germania, agosto 1996 SCHEDA 4 Le Linee guida di Heidelberg per la promozione dell attività fisica per le persone anziane (The Heidelberg Guidelines for promoting physical activity among older persons) Quarto Congresso Internazionale

Dettagli

NEWSLETTER. Edizione 3, Aprile 2014. 2. Panoramica sui contenuti. 3. Partnership di successo. 4. Prossime tappe. 5.

NEWSLETTER. Edizione 3, Aprile 2014. 2. Panoramica sui contenuti. 3. Partnership di successo. 4. Prossime tappe. 5. NEWSLETTER Edizione 3, Invecchiamento Attivo, fatelo voi! La Comunità di Apprendimento per l Invecchiamento Attivo @Learn è un progetto multilaterale Grundtvig che riunisce le organizzazioni partner da

Dettagli

Sani si diventa. Dall infanzia alla maturità, il felice equilibrio tra corpo e mente

Sani si diventa. Dall infanzia alla maturità, il felice equilibrio tra corpo e mente Sani si diventa. Dall infanzia alla maturità, il felice equilibrio tra corpo e mente Mente sana in un corpo sano. Come sempre, la saggezza antica non commette errori: camminare, andare in bicicletta, passeggiare,

Dettagli

Autori: Daniela Nurra, SIL Patto Territoriale Oristano, Italia. Keelin McCarthy, Age Action Irlanda. Patricia Higgins, Age Action Irlanda

Autori: Daniela Nurra, SIL Patto Territoriale Oristano, Italia. Keelin McCarthy, Age Action Irlanda. Patricia Higgins, Age Action Irlanda Autori: Daniela Nurra, SIL Patto Territoriale Oristano, Italia Keelin McCarthy, Age Action Irlanda Patricia Higgins, Age Action Irlanda Sam O Brien-Olinger, Age Action Irlanda Stefania Carletti, SIL Patto

Dettagli

Indicazioni Nazionali per i Piani di Studio Personalizzati nella Scuola Primaria

Indicazioni Nazionali per i Piani di Studio Personalizzati nella Scuola Primaria Indicazioni Nazionali per i Piani di Studio Personalizzati nella Scuola Primaria (dagli Obiettivi specifici di apprendimento) Al termine della classe prima, la scuola ha organizzato per lo studente attività

Dettagli

LA SCUOLA DEL BENESSERE

LA SCUOLA DEL BENESSERE SCUOLA DELL INFANZIA DON MILANI SEZIONE IC ANNO SCOLASTICO 2012/2013 PROGETTO : LA SCUOLA DEL BENESSERE PROGETTO LA SCUOLA DEL BENESSERE Premessa: Per l'anno scolastico 2012-13 abbiamo elaborato una programmazione

Dettagli

Educazione alla Salute Alimentazione e Movimento nella Scuola Primaria: Misurare il cambiamento

Educazione alla Salute Alimentazione e Movimento nella Scuola Primaria: Misurare il cambiamento Protocollo n. 26/DDA/2012 Oggetto: progettualità per la valutazione, formazione, educazione alimentare e motoria Educazione alla Salute Alimentazione e Movimento nella Scuola Primaria: Misurare il cambiamento

Dettagli

BELLI DI DENTRO Stili di vita e stili alimentari per mantenere giovani cuore e cervello. Drssa Grazia Foti

BELLI DI DENTRO Stili di vita e stili alimentari per mantenere giovani cuore e cervello. Drssa Grazia Foti BELLI DI DENTRO Stili di vita e stili alimentari per mantenere giovani cuore e cervello Drssa Grazia Foti MALATTIE CARDIOVASCOLARI Più importante causa di morte nel mondo, (17.3 milioni di morti ogni anno)

Dettagli

GRUPPO DEI PARI E APPRENDIMENTO COOPERATIVO COME STRATEGIA COMPENSATIVA PER I BES

GRUPPO DEI PARI E APPRENDIMENTO COOPERATIVO COME STRATEGIA COMPENSATIVA PER I BES GRUPPO DEI PARI E APPRENDIMENTO COOPERATIVO COME STRATEGIA COMPENSATIVA PER I BES Ciò che i bambini sanno fare insieme oggi, domani sapranno farlo da soli ( Lev VYGOTSKJJ) IX CONVEGNO DI RIMINI SULLA QUALITA

Dettagli

LA GESTIONE EFFICACE DEI COLLABORATORI

LA GESTIONE EFFICACE DEI COLLABORATORI LA GESTIONE EFFICACE DEI COLLABORATORI La qualità organizzativa passa attraverso la qualità delle persone 1. Le ragioni del corso Nella situazione attuale, assume una rilevanza sempre maggiore la capacità

Dettagli

EDUCAZIONE MOTORIA INDICATORE (CATEGORIA) IL CORPO E LA SUA RELAZIONE

EDUCAZIONE MOTORIA INDICATORE (CATEGORIA) IL CORPO E LA SUA RELAZIONE EDUCAZIONE MOTORIA INDICATORE (CATEGORIA) IL CORPO E LA SUA RELAZIONE INFANZIA L alunno raggiunge una buona autonomia personale nell'alimentarsi e nel vestirsi, conosce il proprio corpo e le diverse parti

Dettagli

Raccontare la città industriale

Raccontare la città industriale Raccontare la città industriale Dalmine 13 Novembre 2014 IL METODO L Asl di Bergamo ha lavorato molto negli ultimi, in collaborazione con la scuola, per produrre strumenti atti ad inserire i temi della

Dettagli

Sceneggiare un unità di lavoro

Sceneggiare un unità di lavoro Sceneggiare un unità di lavoro EDUCAZIONE ALIMENTARE Sai cosa mangi? Scuola-Istituto Titolo dell'unità Docenti partecipanti al Corso CENTRO SALESIANO DON BOSCO Treviglio L ALIMENTAZIONE E I PRINCIPI NUTRITIVI.

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA SALUTE SULLE ALI DELLA SALUTE

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA SALUTE SULLE ALI DELLA SALUTE Istituto di Istruzione Superiore Secondaria B. Caramia F. Gigante con ordinamento speciale per la Viticoltura ed Enologia Locorotondo Alberobello SCUOLA PRIMARIA D. MOREA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO L.

Dettagli

TITOLO DEL PROGETTO SOGGETTO PROMOTORE DELL INIZIATIVA. Piatto sano, mi ci ficco. Associazione Genitore Amico.

TITOLO DEL PROGETTO SOGGETTO PROMOTORE DELL INIZIATIVA. Piatto sano, mi ci ficco. Associazione Genitore Amico. ASSOCIAZIONE GENITORE AMICO ISTITUTO COMPRENSIVO DI TRIVERO COMUNE DI TRIVERO COMUNE DI SOPRANA TITOLO DEL PROGETTO Piatto sano, mi ci ficco. SOGGETTO PROMOTORE DELL INIZIATIVA Associazione Genitore Amico.

Dettagli

IESEC. Increasing Employability and Standards of Elderly Caregivers through Specialized Training and Innovative Empowerment O2- CURRICULUM

IESEC. Increasing Employability and Standards of Elderly Caregivers through Specialized Training and Innovative Empowerment O2- CURRICULUM IESEC Increasing Employability and Standards of Elderly Caregivers through Specialized Training and Innovative Empowerment O2- CURRICULUM CORSO DI FORMAZIONE SULLE COMPETENZE DI BASE PER CAREGIVER Project

Dettagli

CURRICULUM EDUCAZIONE AL BEN ESSERE SCUOLA SECONDARIA CLASSE 1ˆ

CURRICULUM EDUCAZIONE AL BEN ESSERE SCUOLA SECONDARIA CLASSE 1ˆ CURRICULUM EDUCAZIONE AL BEN ESSERE SCUOLA SECONDARIA CLASSE 1ˆ PERIODO TEMATICA DALLA CARTA DELLA TERRA 1 q. ED. ALIMENTARE Sviluppo di una coscienza alimentare. Conoscere e riconoscere i sapori. Apprezzare

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

TITOLO DEL PROGETTO: LA SCUOLA DELLA PREVENZIONE

TITOLO DEL PROGETTO: LA SCUOLA DELLA PREVENZIONE TITOLO DEL PROGETTO: LA SCUOLA DELLA PREVENZIONE ANALISI dei BISOGNI Compito istituzionale della Lega Italiana per la Lotta Contro i Tumori (LILT) è la PREVENZIONE, considerata nelle sue tre valenze: PRIMARIA,

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale F. Surico Scuola Primaria anno scolastico 2009/2010 Programmazione Cittadinanza e Costituzione

Istituto Comprensivo Statale F. Surico Scuola Primaria anno scolastico 2009/2010 Programmazione Cittadinanza e Costituzione Istituto Comprensivo Statale F. Surico Scuola Primaria anno scolastico 2009/2010 Programmazione Cittadinanza e Costituzione PREMESSA Cittadinanza e Costituzione è una disciplina di studio introdotta in

Dettagli

- PROGETTO IDLE - Risultati di un indagine su esperienze di educazione alla salute in Germania, Ungheria e Italia

- PROGETTO IDLE - Risultati di un indagine su esperienze di educazione alla salute in Germania, Ungheria e Italia - PROGETTO IDLE - Risultati di un indagine su esperienze di educazione alla salute in Germania, Ungheria e Italia Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione europea. L'autore è

Dettagli

L UOMO È CIÒ CHE MANGIA

L UOMO È CIÒ CHE MANGIA L UOMO È CIÒ CHE MANGIA Motivazione Oggi l alimentazione ha assunto un ruolo importante nella determinazione della qualità della vita: essa, pertanto, si configura quale strumento indispensabile per l

Dettagli

1 Accesso. 2 Accesso. Note 1-2. Nota 3. (dopo 15-30 giorni) STOP. Nota 4

1 Accesso. 2 Accesso. Note 1-2. Nota 3. (dopo 15-30 giorni) STOP. Nota 4 1 Accesso Note 1-2 1. Individua i pazienti affetti da Sindrome Metabolica utilizzando l algoritmo per la diagnosi secondo l ATP III fra tutti i pazienti con BMI > 27 o affetti da uno dei disordini che

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE Anno scolastico 2015-2016 Circolo Didattico di Ischia 1

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE Anno scolastico 2015-2016 Circolo Didattico di Ischia 1 PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE Anno scolastico 2015-2016 Circolo Didattico di Ischia 1 Titolo del Progetto: Alimenta la mente Referente del Progetto: Ins. Scala Isabella Durata del Progetto: eventi

Dettagli

Lavoratori in età avanzata

Lavoratori in età avanzata Lavoratori in età avanzata Il calo della quota di giovani che accederanno al mondo del lavoro nei prossimi anni sarà accompagnato da un aumento significativo della percentuale di lavoratori più anziani

Dettagli

Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE. Dalla competenza chiave alla competenza base

Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE. Dalla competenza chiave alla competenza base Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE Dalla competenza chiave alla competenza base Competenza chiave: comunicazione nelle lingue straniere. Competenza base:

Dettagli

CITTADINANZA E COSTITUZIONE CLASSE PRIMA

CITTADINANZA E COSTITUZIONE CLASSE PRIMA CLASSE PRIMA Conoscere la funzione della regola nei diversi ambienti di Conoscere i concetti di diritto/dovere. Acquisisce la consapevolezza di muoversi in uno spazio conosciuto, rispettando le relazioni

Dettagli

Il Project Work Serena Donati

Il Project Work Serena Donati Il Project Work Serena Donati Gli elementi principali dei modelli teorici affrontati nel primo capitolo, ovvero quello pedagogico, psicologico e sociologico, nonché il ruolo fondamentale della valutazione

Dettagli

CHI SIAMO. BeOn è una società di consulenza italiana ad alta specializzazione in ambito di valutazione, sviluppo e formazione delle risorse umane.

CHI SIAMO. BeOn è una società di consulenza italiana ad alta specializzazione in ambito di valutazione, sviluppo e formazione delle risorse umane. www.beon-dp.com Operiamo in ambito di: Sviluppo Assessment e development Center Valutazione e feedback a 360 Formazione Coaching CHI SIAMO BeOn è una società di consulenza italiana ad alta specializzazione

Dettagli

Nuovi strumenti terapeutici nella gestione dell obesità: strumenti di PNL e di coaching nutrizionale

Nuovi strumenti terapeutici nella gestione dell obesità: strumenti di PNL e di coaching nutrizionale PROGETTO E PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE con accreditamento E.C.M. Nuovi strumenti terapeutici nella gestione dell obesità: strumenti di PNL e di coaching nutrizionale SEDE DI SVOLGIMENTO TREVISO DATE

Dettagli

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.it - PEC:

Dettagli

LA FUNZIONE DEL TUTOR NEI PROCESSI DI FORMAZIONE

LA FUNZIONE DEL TUTOR NEI PROCESSI DI FORMAZIONE LA FUNZIONE DEL TUTOR NEI PROCESSI DI FORMAZIONE La formazione degli adulti Condurre gruppi di lavoro di adulti professionalizzati Il ruolo del tutor nella formazione degli adulti Le caratteristiche della

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

La partecipazione del Ministero della Salute a EXPO 2015

La partecipazione del Ministero della Salute a EXPO 2015 La partecipazione del Ministero della Salute a EXPO 2015 Direttore generale della comunicazione e dei rapporti europei e internazionali Ministero della Salute, 7 aprile 2015 Il Ministero della Salute a

Dettagli

Istituto comprensivo XX Settembre Catania

Istituto comprensivo XX Settembre Catania Istituto comprensivo XX Settembre Catania Anno scolastico 2010/2011 Destinatari: alunni della scuola primaria Referente: Ins. Laureanti Floriana 1 Premessa La Salute definita, nella Costituzione dell'organizzazione

Dettagli

Segreteria organizzativa Referente: Nicoletta Suter Telefono: 0434 659830 Fax: 0434 659864 E-mail: nsuter@cro.it

Segreteria organizzativa Referente: Nicoletta Suter Telefono: 0434 659830 Fax: 0434 659864 E-mail: nsuter@cro.it (IRCCRO_00887) La saggezza del corpo: ridere e respirare per promuovere la cura di sé e di altri Crediti assegnati: 30 Durata: 20 ore Tipo attività formativa: Formazione Residenziale Tipologia: Corso di

Dettagli

La Forza dell anziano 2

La Forza dell anziano 2 Direzione Servizi Sociali e Sport La Forza dell anziano 2 Progetto per la promozione dell attività motoria e della corretta alimentazione delle persone anziane Premessa A conclusione della prima fase del

Dettagli

Syllabus. Corso On-Line. POSitivitiES. Learning. Applied Positive Psychology for European Schools

Syllabus. Corso On-Line. POSitivitiES. Learning. Applied Positive Psychology for European Schools PositivitiES Applied Positive Psychology for European Schools POSitivitiES Positive European Schools Corso On-Line Learning This project has been funded with support from the European Commission.This publication

Dettagli

PROGETTO ALIMENT - AZIONE CASTELFRANCO SAN CESARIO 2012/13 Le animazioni Coop Estense

PROGETTO ALIMENT - AZIONE CASTELFRANCO SAN CESARIO 2012/13 Le animazioni Coop Estense PROGETTO ALIMENT - AZIONE CASTELFRANCO SAN CESARIO 2012/13 Le animazioni Coop Estense SCUOLA D INFANZIA BIANCO BUONO LATTE 4 anni, scuola dell infanzia Latte, filiera, gusto, preferenze, Alimentazione:

Dettagli

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE 2005 2007 (parte seconda) REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione

Dettagli

Sicurezza alimentare: quali strategie, quali obiettivi, quali risultati

Sicurezza alimentare: quali strategie, quali obiettivi, quali risultati TERZA CONVENTION NAZIONALE DEI DIRETTORI DEI DIPARTIMENTI DI PREVENZIONE DELLE AZIENDE ULSS Sicurezza alimentare: quali strategie, quali obiettivi, quali risultati Dott. Rocco Sciarrone Direttore del Dipartimento

Dettagli

PENSI DI AVERE PROBLEMI DI SOVRAPPESO? SONO FASTIDIOSI I CHILI IN PIU? SEGUENDO UNA DIETA HAI AVUTO DIFFICOLTA AD OTTENERE RISULTATI?

PENSI DI AVERE PROBLEMI DI SOVRAPPESO? SONO FASTIDIOSI I CHILI IN PIU? SEGUENDO UNA DIETA HAI AVUTO DIFFICOLTA AD OTTENERE RISULTATI? PENSI DI AVERE PROBLEMI DI SOVRAPPESO? SONO FASTIDIOSI I CHILI IN PIU? HAI GIA FATTO DIETE? SEGUENDO UNA DIETA HAI AVUTO DIFFICOLTA AD OTTENERE RISULTATI? Se hai risposto con almeno tre SI è il momento

Dettagli

Il Project Work. Adottare compiti di lavoro e di realtà (traduzione letterale del termine Project Work 2 ) parte da due considerazioni di fondo:

Il Project Work. Adottare compiti di lavoro e di realtà (traduzione letterale del termine Project Work 2 ) parte da due considerazioni di fondo: Il Project Work Serena Donati Un importante sviluppo delle didattiche di laboratorio, della scuola attiva e del progetto strutturato con il pensiero riflessivo è il Project Work, la metodologia richiede

Dettagli

Modulo III. Funzioni e attività dell'assistente. per assistenti educativi

Modulo III. Funzioni e attività dell'assistente. per assistenti educativi Modulo III Funzioni e attività dell'assistente per assistenti educativi Modulo Curriculum Sommario Titolo del modulo Scopo Livello d ingresso preferibile Requisiti speciali Propositi generali Unità Risultati

Dettagli

FORMAZIONE COME VENDERE E COMUNICARE UN SERVIZIO TECNOLOGICAMENTE INNOVATIVO TORINO IVREA. Corso di alta formazione CORSO GRATUITO

FORMAZIONE COME VENDERE E COMUNICARE UN SERVIZIO TECNOLOGICAMENTE INNOVATIVO TORINO IVREA. Corso di alta formazione CORSO GRATUITO COME VENDERE E COMUNICARE UN SERVIZIO TECNOLOGICAMENTE INNOVATIVO Corso di alta formazione FORMULA INTENSIVA 7 venerdì non consecutivi di lezione in aula DOPPIA EDIZIONE: TORINO 1 EDIZIONE DAL 31 GENNAIO

Dettagli

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e- mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO. In Forma Ti con gusto! Comprendente: UDA CONSEGNA AGLI STUDENTI PIANO DI LAVORO SCHEMA RELAZIONE INDIVIDUALE

UNITÀ DI APPRENDIMENTO. In Forma Ti con gusto! Comprendente: UDA CONSEGNA AGLI STUDENTI PIANO DI LAVORO SCHEMA RELAZIONE INDIVIDUALE UNITÀ DI APPRENDIMENTO In Forma Ti con gusto! Comprendente: UDA CONSEGNA AGLI STUDENTI PIANO DI LAVORO SCHEMA RELAZIONE INDIVIDUALE UDA UNITA DI APPRENDIMENTO 1. Denominazione In Forma Ti con gusto! Prodotti

Dettagli

L OBESITÀ NELL ADULTO

L OBESITÀ NELL ADULTO Azienda Ospedaliero-Universitaria Pisana Centro Multidisciplinare per la Diagnosi e la Terapia dell Obesità e dei Disturbi del Comportamento Alimentare L OBESITÀ NELL ADULTO 2 SEMINARIO: L OSPEDALE PROMUOVE

Dettagli

Progetto di prevenzione delle dipendenze patologiche

Progetto di prevenzione delle dipendenze patologiche Progetto di prevenzione delle dipendenze patologiche in collaborazione con LEGIONE CARABINIERI CAMPANIA Compagnia di Amalfi U.O. SERVIZIO TOSSICODIPENDENZE Asl Sa COMUNE DI AMALFI Politiche Sociali La

Dettagli

PROGETTO DI RELAZIONE

PROGETTO DI RELAZIONE PARLAMENTO EUROPEO 2009-2014 Commissione per la cultura e l'istruzione 26.11.2013 2013/2181(INI) PROGETTO DI RELAZIONE sul patrimonio gastronomico europeo: aspetti culturali ed educativi (2013/2181(INI))

Dettagli

Progetto Continuità e Orientamento Istituto Comprensivo Padre A. G. Martini a. s. 2015/2016

Progetto Continuità e Orientamento Istituto Comprensivo Padre A. G. Martini a. s. 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE "PADRE ANDREA G. MARTINI " SC. DELL INFANZIA PRIMARIA E SEC. I GRADO 83040 CASTEL BARONIA (AV) e-mail: avic83100t@istruzione.it C F: 81001270644 COD MECC: AVIC83100T Tel: 0827/92047

Dettagli

La Prevenzione è amicizia Progetto di Educazione alla Salute nelle Scuole di Genova

La Prevenzione è amicizia Progetto di Educazione alla Salute nelle Scuole di Genova La Prevenzione è amicizia Progetto di Educazione alla Salute nelle Scuole di Genova Presentazione dell associazione: Il Centro Oncologico Ligure (COL) è un Associazione di Promozione Sociale basata sul

Dettagli

Promuovere il movimento per guadagnare salute. Daniela Galeone. Programma Ministero In Forma. 8 Aprile 2015 Auditorium del Ministero della Salute

Promuovere il movimento per guadagnare salute. Daniela Galeone. Programma Ministero In Forma. 8 Aprile 2015 Auditorium del Ministero della Salute Promuovere il movimento per guadagnare salute Daniela Galeone Programma Ministero In Forma 8 Aprile 2015 Auditorium del Ministero della Salute Le malattie croniche: un allarme mondiale - 57 milioni di

Dettagli

Action Anti-bullying

Action Anti-bullying Action Anti-bullying Raccomandazioni dello studio condotto dalle Nazioni Unite sulla violenza contro i bambini In relazione alla riduzione del bullismo ed altre forme di violenza, questo studio pubblicato

Dettagli

Materiale didattico. Com è fatto il cioccolato Giochi a squadre, visite didattiche e cioccolato: per diventare consumatori consapevoli

Materiale didattico. Com è fatto il cioccolato Giochi a squadre, visite didattiche e cioccolato: per diventare consumatori consapevoli Materiale didattico Com è fatto il cioccolato Giochi a squadre, visite didattiche e cioccolato: per diventare consumatori consapevoli Programma delle lezioni Attività interdisciplinari Classe quarta della

Dettagli

Educazione alla Salute e all Alimentazione

Educazione alla Salute e all Alimentazione ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE A m a l f i Educazione alla Salute e all Alimentazione Curricolo continuo Scuole dell Infanzia Primaria Secondaria I Premessa In passato la salute era definita in maniera riduttiva:

Dettagli

Curricolo dell'istituto Comprensivo "Bolzano - Europa 2"

Curricolo dell'istituto Comprensivo Bolzano - Europa 2 Curricolo dell'istituto Comprensivo "Bolzano - Europa 2" In base alle "Indicazioni provinciali per la definizione dei curricoli relativi alla scuola primaria e alla scuola secondaria di primo grado negli

Dettagli

STUDIARE IN EUROPA: I PROGRAMMI PER LA MOBILITA

STUDIARE IN EUROPA: I PROGRAMMI PER LA MOBILITA STUDIARE IN EUROPA: I PROGRAMMI PER LA MOBILITA Quali sono gli obiettivi dell Unione nel realizzare i programmi per la mobilità? Questi programmi rientrano all interno della politica di istruzione, formazione

Dettagli

L'Associazione FARIDE A di PROMOZIONE SOCIALE e SOLIDARIETA' di tipo respiratorio come la russata pesante, la riduzione del flusso d'aria FAMILIARE

L'Associazione FARIDE A di PROMOZIONE SOCIALE e SOLIDARIETA' di tipo respiratorio come la russata pesante, la riduzione del flusso d'aria FAMILIARE i L'Associazione FARIDE A di PROMOZIONE SOCIALE e SOLIDARIETA' FAMILIARE PRESENTA TL PROGETTO PREMESSA Negli ultimi anni è stato registrato un aumento dei Disturbi del comportamento alimentare (DCA) nella

Dettagli

Programmazione modulare per la classe quarta Articolazione: Accoglienza turistica Servizi di sala e vendita - Enogastronomia

Programmazione modulare per la classe quarta Articolazione: Accoglienza turistica Servizi di sala e vendita - Enogastronomia Grazia Batarra, Monica Mainardi Imprese ricettive & ristorative oggi per il quinto anno Edizione mista Tramontana Programmazione modulare per la classe quarta : Accoglienza turistica Servizi di sala e

Dettagli

2nd Newsletter Novembre 2014

2nd Newsletter Novembre 2014 2nd Newsletter Novembre 2014 Durante il 2014 la partnership di SEMBET ha sviluppato il principale prodotto: una metodologia che partendo dalla memoria individuale contribuisca a recuperare la memoria collettiva

Dettagli

PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 SCIENZE. Traguardi per lo sviluppo delle competenze OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 SCIENZE. Traguardi per lo sviluppo delle competenze OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 SCIENZE L insegnamento delle scienze dovrebbe essere caratterizzato dall utilizzo e dall acquisizione delle metodologie euristiche, che alimentano

Dettagli

Il ruolo del Medico di Medicina Generale nella promozione dell'attività fisica

Il ruolo del Medico di Medicina Generale nella promozione dell'attività fisica Il ruolo del Medico di Medicina Generale nella promozione dell'attività fisica Dr. Mauro Somaschi - MMG ASL Lecco Aula Magna Azienda Ospedaliera Ospedale "A. Manzoni" REGIONE LOMBARDIA ASL Lecco Relazione

Dettagli

Formare i formatori al tempo della crisi

Formare i formatori al tempo della crisi Settembre 2013, anno VII N. 8 Formare i formatori al tempo della crisi di Giusi Miccoli 1 La situazione della formazione e confronto con l Europa La crisi economica e finanziaria che da alcuni anni colpisce

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012 / 2013 Scuola Comunale dell infanzia Pollicinia Via Roma Potenza Tel. 0971 / 273041 DOVE SIAMO CHI SIAMO Potenza, capoluogo di regione, è la città della

Dettagli

S&A Change Srl www.sa-change.it E-mail: info@sa-change.it Via Cesare Boldrini, 24 40121 Bologna Tel. 051.240180 Fax 051.240420 Via F.

S&A Change Srl www.sa-change.it E-mail: info@sa-change.it Via Cesare Boldrini, 24 40121 Bologna Tel. 051.240180 Fax 051.240420 Via F. FORMAZIONE MANAGERIALE S&A Change Srl www.sa-change.it E-mail: info@sa-change.it Via Cesare Boldrini, 24 40121 Bologna Tel. 051.240180 Fax 051.240420 Via F. Baracca, 235/E 50127 Firenze Tel. 055.3436516

Dettagli

PROGETTO ALIMENTAZIONE CORRETTA

PROGETTO ALIMENTAZIONE CORRETTA Istituto Comprensivo n.7 S.Bartolomeo in Bosco Scuola primaria di S.Bartolomeo - Ferrara Premessa PROGETTO ALIMENTAZIONE CORRETTA Obiettivo fondamentale della società contemporanea e dell'educazione è

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO

UNITA DI APPRENDIMENTO Denominazione DALLA SCUOLA AL LAVORO (ALTERNANZA) Compito prodotto Realizzare una relazione tecnica sulla ALTERNANZA Competenze mirate assi culturali cittadinanza professionali Asse dei linguaggi -Individuare

Dettagli

PROGRAMMAZIONE PER MATERIE SCIENZE UMANE E PSICOLOGIA A. S. 2015-2016

PROGRAMMAZIONE PER MATERIE SCIENZE UMANE E PSICOLOGIA A. S. 2015-2016 PROGRAMMAZIONE PER MATERIE SCIENZE UMANE E PSICOLOGIA A. S. 2015-2016 OBIETTIVI GENERALI Educare al rispetto di sé e degli altri, delle cose, delle norme che regolano la comunità scolastica e la convivenza

Dettagli

PROFILI DELLA FORMAZIONE

PROFILI DELLA FORMAZIONE Allegato 1d.2 PROFILI DELLA FORMAZIONE Nota Bene: Fermo restando i profili di formazione già sanciti da specifiche regolamentazioni (ad esempio i profili presenti nell ambito della formazione in medicina

Dettagli

CURRICOLO CLASSI I II III IV - V SCUOLE PRIMARIE IC PORTO MANTOVANO

CURRICOLO CLASSI I II III IV - V SCUOLE PRIMARIE IC PORTO MANTOVANO ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

Il progetto Sano è Lucano, attraverso la trasmissione di conoscenze, sapori, emozioni, immagini e profumi legati alla Dieta Mediterranea, ha la

Il progetto Sano è Lucano, attraverso la trasmissione di conoscenze, sapori, emozioni, immagini e profumi legati alla Dieta Mediterranea, ha la Il progetto Sano è Lucano, attraverso la trasmissione di conoscenze, sapori, emozioni, immagini e profumi legati alla Dieta Mediterranea, ha la finalità di attivare, nei giovani lucani, un cambiamento

Dettagli

La Leadership efficace

La Leadership efficace La Leadership efficace 1 La Leadership: definizione e principi 3 2 Le pre-condizioni della Leadership 3 3 Le qualità del Leader 4 3.1 Comunicazione... 4 3.1.1 Visione... 4 3.1.2 Relazione... 4 pagina 2

Dettagli

In-Diversity Newsletter 3

In-Diversity Newsletter 3 Newsletter 3 APRILE 2012 This project has been funded with support from the European Commission. This communication reflects the views only of the authors, and the Commission cannot be held responsible

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA 2015/16

OFFERTA FORMATIVA 2015/16 SERVIZIO DI PSICOLOGIA DELL APPRENDIMENTO E DELL EDUCAZIONE IN ETÀ EVOLUTIVA UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE DI MILANO OFFERTA FORMATIVA 2015/16 www.spaee.it Sede di Milano via Nirone, 15 20123 Milano

Dettagli

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.it - PEC:

Dettagli

High Impact Programs. Performance Technology Solutions 2014 Tutti i diritti riservati

High Impact Programs. Performance Technology Solutions 2014 Tutti i diritti riservati High Impact Programs 1 Chi siamo Performance Technology Solutions (PTS) è una società di consulenza organizzativa e formazione manageriale Il nostro nome deriva dalla metodologia di origine statunitense

Dettagli

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE ISTITUTO COMPRENSIVO RIVA 1 Piano di Studio di Istituto SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PREMESSA Partendo dalle indicazioni delle Linee Guida per i Piani di Studio Provinciali del Primo ciclo di Istruzione,

Dettagli

SEDE CORSI. Aula formativa a Conegliano. Aula formativa a Jesolo. In House del cliente

SEDE CORSI. Aula formativa a Conegliano. Aula formativa a Jesolo. In House del cliente ORGANISMO ACCREDITATO PER LA FORMAZIONE CONTINUA REGIONE VENETO AZIENDA CERTIFICATA PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE AZIENDALE SEDE CORSI Aula formativa a Conegliano Aula formativa a Jesolo In House del

Dettagli

LA DEMENZA DI ALZHEIMER: LE NUOVE FRONTIERE DELL APPROCCIO INTEGRATO

LA DEMENZA DI ALZHEIMER: LE NUOVE FRONTIERE DELL APPROCCIO INTEGRATO LA DEMENZA DI ALZHEIMER: LE NUOVE FRONTIERE DELL APPROCCIO INTEGRATO PRENDERSI CURA DEL MALATO E DELLA SUA FAMIGLIA ALZHEIMER CAFE una proposta di realizzazione, una risposta a chi ha bisogno. DR. ALESSANDRO

Dettagli

SOMMARIO LA SCUOLA DELL'INFANZIA...3 I CAMPI DI ESPERIENZA...4 IL SE' E L'ALTRO...4 Traguardi per lo sviluppo delle competenze...

SOMMARIO LA SCUOLA DELL'INFANZIA...3 I CAMPI DI ESPERIENZA...4 IL SE' E L'ALTRO...4 Traguardi per lo sviluppo delle competenze... SOMMARIO LA SCUOLA DELL'INFANZIA...3 I CAMPI DI ESPERIENZA...4 IL SE' E L'ALTRO...4 Traguardi per lo sviluppo delle competenze....4 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO BAMBINI DI TRE ANNI...4 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA SALUTE E ALLA ALIMENTAZIONE

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA SALUTE E ALLA ALIMENTAZIONE PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA SALUTE E ALLA ALIMENTAZIONE Responsabile ins. Pantò Carmela FINALITA La nostra scuola, consapevole della sua importante funzione educativa per la crescita degli alunni e del

Dettagli

MODULO 14: L individuazione e le traiettorie di sviluppo

MODULO 14: L individuazione e le traiettorie di sviluppo MODULO 14: L individuazione e le traiettorie di sviluppo - L individualità - Lo sviluppo dell identità di genere - La costruzione e lo sviluppo del sé - Continuità e discontinuità nello sviluppo - Traiettorie

Dettagli

Le capacità chiave per affrontare i nuovi paradigmi della competizione MANAGERIALE

Le capacità chiave per affrontare i nuovi paradigmi della competizione MANAGERIALE Le capacità chiave per affrontare i nuovi paradigmi della competizione MANAGERIALE MANAGERIALE Le capacità chiave per affrontare i nuovi paradigmi della competizione L evoluzione della specie: passare

Dettagli

La Giunta regionale toscana è intenzionata

La Giunta regionale toscana è intenzionata 10 Toscana: Alimentazione e salute La Giunta regionale toscana è intenzionata a rafforzare il progetto di studio già in atto sul rapporto tra alimentazione e salute. Lo scopo è di monitorare i comportamenti

Dettagli

MANGIA SANO, MANGIA DI GUSTO

MANGIA SANO, MANGIA DI GUSTO MANGIA SANO, MANGIA DI GUSTO Progetto di educazione alimentare per la scuola dell obbligo Guida per l insegnante di scuola materna PREMESSA: PERCHÉ UN PROGRAMMA DI EDUCAZIONE ALIMENTARE? RIFERIMENTI DIDATTICI

Dettagli

centro dimagrimento e rieducazione alimentare centro nutrizione dello sportivo

centro dimagrimento e rieducazione alimentare centro nutrizione dello sportivo centro dimagrimento e rieducazione alimentare centro nutrizione dello sportivo se fossimo in grado di fornire a ciascuno la giusta dose di nutrimento ed esercizio fisico, nè in difetto nè in eccesso, avremmo

Dettagli

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA CLASSI PRIME A/B ANNO SCOLASTICO 2014 2015 PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA Premessa Le attuali classi prime sono composte da 44 alunni, 35 dei quali provengono dalla scuola dell Infanzia del quartiere

Dettagli

PROGETTI SPECIFICI. I PROGETTI svolti da personale esperto del settore SARANNO EFFETTUATI A CONDIZIONE CHE SUSSISTANO LE RISORSE ECONOMICHE E UMANE.

PROGETTI SPECIFICI. I PROGETTI svolti da personale esperto del settore SARANNO EFFETTUATI A CONDIZIONE CHE SUSSISTANO LE RISORSE ECONOMICHE E UMANE. PROGETTI SPECIFICI Scuola dell infanzia di Cuasso al Monte I PROGETTI svolti da personale esperto del settore SARANNO EFFETTUATI A CONDIZIONE CHE SUSSISTANO LE RISORSE ECONOMICHE E UMANE. Attività psicomotoria

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ASSE DEI LINGUAGGI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ASSE DEI LINGUAGGI ANNO SCOLASTICO 2012/2013 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ASSE DEI LINGUAGGI INDIRIZZO CLASSE SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE SERVIZI COMMERCIALI - QUINTO ANNO INGLESE QUADRO ORARIO N. ore 3 1. IDENTITA

Dettagli

Campagna europea 2014/2015 Insieme per la prevenzione e la gestione dello stress lavoro-correlato Le Buone Pratiche

Campagna europea 2014/2015 Insieme per la prevenzione e la gestione dello stress lavoro-correlato Le Buone Pratiche Campagna europea 2014/2015 Insieme per la prevenzione e la gestione dello stress lavoro-correlato Le Buone Pratiche La salute e la sicurezza sul lavoro riguardano tutti. Un bene per te. Un bene per l azienda.

Dettagli

Guida per il partecipante

Guida per il partecipante CORSO DI ALFABETIZZAZIONE DIGITALE PER CITTADINI Primo Livello COMPUTER/TABLET Guida per il partecipante Indice dei contenuti Introduzione al corso... 2 Destinatari dei Corsi... 2 Obiettivi del corso...

Dettagli

Progetto di miglioramento dell alimentazione senza glutine

Progetto di miglioramento dell alimentazione senza glutine Seminario : percorso di educazione alimentare, rivolto a soggetti affetti da celiachia Bologna - 5 dicembre 2011 Progetto di miglioramento dell alimentazione senza glutine Emilia Guberti direttore Servizio

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE Servizio Risorse Umane e Relazioni Sindacali delegato dal Direttore Generale dell Azienda con

Dettagli

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.it - PEC:

Dettagli

FORMARE I FORMATORI AL TEMPO DELLA CRISI. INTERVISTA A GIUSI MICCOLI 1

FORMARE I FORMATORI AL TEMPO DELLA CRISI. INTERVISTA A GIUSI MICCOLI 1 FORMARE I FORMATORI AL TEMPO DELLA CRISI. INTERVISTA A GIUSI MICCOLI 1 (A CURA DI PAOLO VIEL 2 ) QUALE È LA SITUAZIONE DELLA FORMAZIONE OGGI IN ITALIA? La crisi economica e finanziaria che da alcuni anni

Dettagli