QUANDO L INNOVAZIONE QUALIFICA IL LAVORO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "QUANDO L INNOVAZIONE QUALIFICA IL LAVORO"

Transcript

1 QUANDO L INNOVAZIONE QUALIFICA IL LAVORO IL PROGETTO

2 Premessa' Il#Progetto#COOPSTARTUP#Marche#è#promosso#da#Legacoop(Marche(( =#Associazione#che#rappresenta#oltre#300#cooperative#marchigiane#e#che#ha#lo#scopo#di#tutelare#e# far#crescere#le#cooperative#esistenti#e#di#promuovere#la#nascita#di#nuova#cooperazione)#e#da# Coopfond#( 422#milioni#di#euro#di#patrimonio#netto#investito)#con#l obiettivo#di#rendere#l azione#di#promozione# e#di#supporto#alla#creazione#di#imprese#cooperative#maggiormente#efficace#e#rispondente#ai# bisogni#e#al#contesto#territoriale.## La#sperimentazione#è#collegata#al#progetto#nazionale#COOPSTARTUP#promosso#da#Coopfond.## La#finalità#del#progetto#è#quella#di#promuovere#azioni#finalizzate#a#stimolare#e#sostenere#la#nascita' di'imprese'cooperative'a'contenuto'innovativo:#imprese#cioè#in#cui#lo#spirito#cooperativo#si#fonda# su#un#progetto#imprenditoriale#basato#sulla#valorizzazione#delle#persone#e#sull introduzione#di# innovazione#nel#sistema#economico#e#sociale#grazie#a#nuovi#prodotti#o#processi#o#all applicazione#di# tecnologie#e#know=how#pre=esistenti#in#nuovi#mercati#per#rispondere#in#maniera#nuova#a#bisogni# emergenti#nelle#comunità#locali.## Il#progetto#COOPSTARTUP#Marche#si#colloca#in#una#regione#dove#l ecosistema#dell innovazione# mostra#una#rilevante#vivacità.#anche#se#il#concetto#di#impresa#innovativa#utilizzato#nel#presente# rapporto#risulta#più#ampio,#per#comprendere#le#caratteristiche#del#contesto#dove#il#progetto#si# inserisce#sono#stati#analizzati#i#primi#dati#relativi#alle#startup#innovative.#da#un#recente#studio#della# Fondazione#Merloni,#infatti,#si#rileva#come#nelle#Marche#si#siano#già#costituite#89#nuove#imprese# innovative#pari#al#4,1%#del#totale#nazionale.#si#tratta#di#un#peso#leggermente#superiore#a#quello# delle#marche#in#termini#di#popolazione#e#di#pil.# DISTRIBUZIONEDELLESTART/UPINNOVATIVENELLEPROVINCEMARCHIGIANEPERANNODIISCRIZIONEALL APPOSITOALBO/(VALORIASSOLUTI) COOPSTARTUP MARCHE Legacoop Marche Via Dott. Sandro Totti, Ancona W: M: HT: #coopstartup T: (+39) W:

3 LOCALIZZAZIONEDELLESTART.UPINNOVATIVEAGIUGNO2014 Afiancoallestartupinnovative,nellaregionesièsviluppatoancheilfenomenodeglispin7off universitari:societàpromossedagiovaniuniversitarifinalizzateall'utilizzazioneeconomica deirisultatidellaricerca,afavoredellequalileuniversitàautorizzanolapartecipazionedel propriopersonalediruoloenondiruolo,ancheall'attodellacostituzione,erendedisponibili alcuniserviziperfacilitarnel'avvioeilprimosviluppo. NelleMarchesonoattivi55spin7offdicui37afferentiall'UniversitàPolitecnicadelleMarche, 12all'UniversitàdiCamerino,5all'UniversitàdiUrbinoe1all'UniversitàdiMacerata.Fra questeimpresesiosservanogiàimpresecooperativeadaltocontenutodiconoscenza. DalrecentestudiodellaFondazioneMerlonisinotacomelavivacitàdelmondostartupnella regionemarcheèalimentatadanumerosiattorichepromuovonoiniziativeederoganoservizi nellediversefasidelprocessoimprenditoriale.inparticolare,siosservacomegliinterventi messiinattonegliultimianniasostegnodelfenomenosisianoconcentratisullafasedi stimoloallacostituzionedelleimprese(startup)sostenendol attivitàdibusinessplanninge, peralcuneiniziative,anchel attivitàdiscoutingdiideeimprenditoriali. Lafasediideazioneèinparticolaresostenutadallapresenzadibusinessplancompetitionche nel2014vedelapresenzadi4propostedidimensioneregionaleealtredirespironazionale conunaattenzioneversoilterritorioregionale(adesempioitaliacamp),diverseiniziativea livellolocale(rotary,fidapa,ecc.).iltargetprincipaledelleiniziativecheriguardano l ideazioneelosviluppoècostituitodaigiovani,inparticolarequelliconelevatilivellidi scolarizzazione.pertaleragioneiproponentidiquesteiniziativevedononeglistudenti universitariunarisorsadallaqualeattingerelenuoveiniziative.datalanumerositàdelle proposte,questafasedelprocessoimprenditorialesembraesserequellamaggiormente

4 oggettodiattenzione.inumericonfermanotaleaffermazione:nel2013sonostatipresentati 180progettialconcorsoeCapital,96a"Esefunzionasse?"euncentinaioa"YesStartUp". Tutteleiniziativechesicollocanointaleecosistemastressanolacapacitàdicrescitadelle impreseeillatohigh7techdelprodotto/servizio.l obiettivoèquellodistimolareun ecosistemadell innovazionesimileaimodellianglosassoni,capacediinnovareiltessuto produttivoconimpreseadaltapotenzialitàdicrescitabasatesuinnovazioniradicalidaun puntodivistasiatecnologicochedimercato. Interessanteèanchelatendenzatralestartupinnovativemarchigianeadadottarelaforma cooperativapersvolgerelapropriaattività.infatti,inbaseaidatidelregistrodellecameredi Commercioaggiornatiadicembre2014,lestartupinnovativeconsedenelleMarcheeiscritte nell appositasezionedelregistrodelleimpresesono132(il4,4%delle3.006presentiin Italia);diqueste13(pariacircail10%)sonocooperative.Sesiconsiderachesulterritorio nazionalelestartupinnovativeinformacooperativasono61,sirealizzachenellemarche questaformagiuridicatralenuoveimpreseacarattereinnovativoèmoltopiùfrequenteche nelrestodelterritorionazionale. DISTRIBUZIONEDELLESTARTUPINNOVATIVEISCRITTENELREGISTRODELLEIMPRESEPERREGIONE Regione Startup Innovative di cui cooperative Abruzzo 43 0 Basilicata 18 3 Calabria 74 1 Campania Emilia-Romagna Friuli-Venezia Giulia 85 0 Lazio Liguria 50 2 Lombardia Marche Molise 14 1 Piemonte Puglia Sardegna 97 5 Sicilia Toscana Trentino-Alto Adige Umbria 35 2 Valle D'Aosta 10 0 Veneto ITALIA Fonte:Infocamere,Registrodelleimprese SezioneStartupInnovative,dicembre2014

5 Il#progetto#e#gli#obiettivi# InconsiderazionedellefinalitàdelprogettoCOOPSTARTUPMarcheedelcontestoregionale, lapropostaèquelladiindireunbandodiselezionedeiprogettiimprenditorialiinfasedi avviamentooavviatialfinediinserireglistartupperselezionatineipercorsidiincubazione realeevirtualedilegacoopmarche.iprogettioggettodellaselezionesarannoquelliche hannogiàaffrontatounpercorsodisupportoevalidazionedelbusinessplanepremierài progetticheincarnanolospiritocooperativoeilcuigradodiinnovazionehariflessipositivi sull occupazione. TaleattivitàsaràsvoltagrazieallapartnershipinessereconilconcorsoeCapital,business plancompetitionattivasulterritorioregionaledal2000echenell ultima(xiv)edizionedel concorsoharegistratolasottomissionedi156ideediimpresa,diquesteben94hanno presentatounbusinessplancompletoearticolatosuperandolaprimafaseeaccedendocosìal programmadiformazione.lacollaborazioneconilconcorsoecapitalsiconcretizzerànella possibilitàdiinserirenelprogrammadiformazioneorganizzatoperglistartupperuna giornatadedicataalmodellocooperativoeallaconoscenzadelprogrammadiincubazione COOPSTARTUPMarche. AlprogrammadiincubazioneCOOPSTARTUPMarchesipotràaccederefacendoapposita richiestaesuperandolarelativaselezione.lestartuppotrannousufruiredispazi,servizidi supportoadaltovaloreaggiuntoenetworkingconattoriistituzionali,dimercatoefinanziari. GliobiettividiCoopstartupMarche: Valorizzare i network presenti per favorire ulteriormente la presenza di condizioni favorevoli per la nascita e lo sviluppo di nuove idee di impresa, con particolare attenzioneversoquellacooperativa; Intercettare le risorse disponibili in competenze, relazioni, strutture e infrastrutture, tecnologie, e le possibili fonti di finanziamento (comunitarie, nazionali, regionali, private),cosìdacrearemassacritica; Presidiare i processi di accompagnamento allo startup cooperativo attualmente non adeguatamentesostenutiecopertidaaltreiniziative; Co7progettareresponsabilmentel impresainsiemearisorseesperte. # Insostanza far#nascere#e#crescere#imprese#cooperative#capaci#di#tradurre#l innovazione#in# occupazione#qualificata#in#alcuni#settori#strategici,#così#da#creare#ricchezza#e#sviluppo# per#il#territorio.# #

6 Il#network#e#le#risorse# PerraggiungerequestoobiettivoCoopstartupMarchesvilupperàilprogettoconunaretedi partnerespertiincreazioned impresainmododamettereincampocompetenzeerisorse diverse,metodologieetecnichediversificateenonnecessariamentepropriedelmondo cooperativo. Laretedeipartner: Università*Politecnica*delle*Marche*( Lafilosofiacheguidal UniversitàPolitecnicadelleMarcheèbasatasullaconvinzione cheall universitàsiaattribuitaunafunzioneprimarianellostimolareilprocesso virtuosochelegalaproduzionediconoscenzaelasuadiffusioneconlacapacitàdi tradurreconoscenzaininnovazione.missioneperseguitaancheconlacostituzionedi unappositoufficio,l IndustrialLiaisonOffice,chenelcorsodegliannihaconsentito all Ateneodiconsolidareilrapportoconilsistemaproduttivoregionaleedi raggiungererisultatidirilievoalivellonazionale. Daannil UniversitàPolitecnicadelleMarchestimolaiproprigiovaniverso l imprenditorialità,promuovendospin7offuniversitari(40nell ultimodecennio)e offrendoformazionespecificasuquestetematiche.l universitàèattivanella promozionediincontrisistematiciconleimprese,lapartecipazioneaiclusternazionali eaiprogettieuropei,lostimoloeilsostegnoallacreazionediincubatoridiimprese innovative.unulteriorestimoloinquestadirezioneèdatodalcontaminationlab: luogodicontaminazionetrastudentididisciplinediverse,apertoanchealleimpresee alterritorio,dovesonosperimentatinuovimodelliformativiinterdisciplinarie orientatiall innovazioneeall imprenditorialità. ecapital(( IlconcorsoeCapitalnascenel2000econsistenellapresentazionediidee imprenditorialiinnovativeaifinidellarealizzazionediunprogettod'impresa.sitratta diunacompetizionetrabusinessideascheprevedeformazione,assistenza imprenditoriale,legale,tributariaecommerciale,masterepremiindenaro.scopo principaledelconcorsoèavviareanchenellemarchequelcircuitovirtuoso,giovani7 Università7VentureCapital7Istituzioni7Imprese,cherappresentailfondamentale motoredellosvilupponellanuovaimprenditoria. Ilconcorsosiconfiguracomeunacompetizionealfinediindurreipartecipantiad assumereunatteggiamentoattivo;prevedelaformazionepertuttiipartecipanti,la simulazionedicondizionitipichedimercatoel'assegnazionediunpremioindenaroai miglioribusinessplan.l'iniziativaoffreaipartecipantil'opportunitàdiacquisire

7 competenzeattraversospecificaformazione,confrontarsiconaltreideeedessere supportatidaprofessionistiedimprenditori. ecapitalrappresentaun'occasioneimportantedivalutazionedeiprogettiedicontatto privilegiatoconlacomunitàimprenditorialeefinanziaria. Marche(Servizi(( Il#Centro#servizi#di#Legacoop#Marche#vienecostituitoil29/01/2013conloscopodi erogareserviziallecooperativeaderentiallalegaregionaledellecooperativeemutue dellemarche. Iservizierogati: Consulenzadellavoroeserviziopaghe.Forniscealleimpreseconsulenzainmateria contrattualisticaedidirittodellavoro,sioccupadituttigliadempimentirelativi all elaborazionedeicedolinipaga,aicontributiprevidenzialieassicurativi,nonchéalle denunceperiodicheeaiversamentifiscaliecontributivi. Consulenzafiscale,societariaeserviziocontabilità.amministrazione.Forniscealle impreseconsulenzaeassistenzainmateriafiscaleesocietariapertuttigli adempimentiquotidiani(dichiarazioni,bilanci,ecc.)ostraordinari(fusioni, ristrutturazioniaziendali,ecc.).garantiscelaregolaretenutadellacontabilitàeditutti gliadempimenticonnessi,gestendodirettamentel interoprocessoamministrativo7 contabileofornendoassistenzaalleimpresecheloeffettuanointernamente. Consulenzadidirezioneefinanzaagevolata.Offrealmanagementaziendale,attraverso attivitàdiconsulenzamirate,strumentianaliticiperladefinizionedellestrategiee dellelineeoperative,comeadesempiol implementazionedisistemidicontrollodi gestione,interventidisupportoalmanagementperl attivitàdigestionedell alta direzione,marketing,analisiorganizzative,ecc. Vengonoinoltreforniteattivitàdiassistenzaeconsulenzainmateriadifinanza agevolata,dall analisidipre7fattibilitàallaverificadistrumentiagevolativi,alla predisposizionedelladocumentazione,all assistenzainfasedirendicontazione. Startup.Predisposizionebreakevenpoint,redazionebudgetdelpersonale,redazione bozzadistatutoedoggettosociale,richiestaattribuzionecodicefiscale/partitaiva, iscrizioneedapertureposizioniinpseinailcoirelativiregistriobbligatori, predisposizionelibrisocialiobbligatori,redazioneregolamentiinerentigliscambi mutualisticitralacooperativaeisoci. Confidi(Coop(( Èunasocietàcooperativadiemanazionedelleassociazioniimprenditorialidisettoree svolgelapropriaattivitàafavoredellepiccoleemedieimprese.la sua mission consiste nell agevolareleimpresesocienell'accessoalcreditoallemiglioricondizionidi mercato,assisterlenell'individuazionedellelororealiesigenzefinanziarie,per consentirel'ottenimentodilineedicreditoabrevemedioelungotermineerogatedalle

8 bancheconvenzionate.ilconsorzioconfidicoopmarcheèintersettoriale,pertanto, intervieneperfacilitarel'accessoalcreditobancarioafavoredelleimpreseoperantiin tuttiisettori:agricolo,industriale,pesca,consumo,commercio,turismoeartigianato. Generazioni*Marche*( GenerazioniMarcheèilcoordinamentodeigiovani7Under40cheoperanonelle cooperativeenellastrutturaassociativaedisistemadilegacoop.nasceaseguitodel 38 CongressoLegacoopconl obiettivodiapprofondirelequestionigenerazionali, valutandoleopportunitàeleproblematichecheigiovaniaffrontanonelleimprese cooperativeenellestruttureassociative. CoopstartupMarcheelaretedeipartnermettonoadisposizione: un ambiente fisico presso il quale i neoimprenditori potranno fare formazione, incontriecollocarelasededirappresentanzadellapropriasocietà; unaseriediservizid incubazioneperleimprese; opportunitàdinetworkingversonuovimercati,soggettifinanziariedistituzionali, finalizzatiallosviluppodell impresa; interventi nel territorio di sensibilizzazione, promozione e facilitazione della creazionedinuovaimprenditorialitàconlospiritocooperativo; ulteriori interventi e progetti sul trasferimento tecnologico e mirati al sostegno dellaculturad impresa.# InoltreCoopfond#prevede:# a. per#le#idee#imprenditoriali#vincenti#il#bando#che#vengono#realizzate#da#cooperative# di#nuova#costituzione#aderenti#a#legacoop#(ex#lege#59/92):## un# contributo# a# fondo# perduto# di# # 5.000# per# le# spese# sostenute# per# l elaborazione#del#business#plan#e#per#la#costituzione;# la#possibilità#di#un#finanziamento#fino#al#50%#degli#investimenti#e#fino#a#un# massimo#di# # #non#assistiti#da#garanzie,#a#insindacabile#giudizio#e#a# seguito#di#istruttoria#da#parte#del#fondo.# b. Per# le# cooperative# già# costituite# aderenti# a# Legacoop# (ex# lege# 59/92)# vincenti# il# bando#con#un#nuovo#progetto#imprenditoriale:# la#possibilità#di#un#finanziamento#fino#al#50%#degli#investimenti#e#fino#a#un# massimo#di# # #non#assistiti#da#garanzie,#a#insindacabile#giudizio#e#a# seguito#di#istruttoria#da#parte#del#fondo.# c. Per# ultimo,# sempre# a# seguito# di# istruttoria# e# valutazione# autonoma# del# Fondo,# possono# essere# forniti# gli# altri# prodotti# caratteristici# di# Coopfond# a# sostegno# della# promozione# e# sviluppo# della# cooperazione# (come# da# Regolamento d accesso al Fondo,#

Indice delle tavole statistiche su cd-rom

Indice delle tavole statistiche su cd-rom Indice delle tavole statistiche su cd-rom Pensionati nel complesso Tavola 1 Pensionati ed importo annuo delle pensioni, complessivo e medio per sesso, regione di residenza, classe di età e Tavola 2 Beneficiari

Dettagli

Indice delle tavole statistiche su cd-rom

Indice delle tavole statistiche su cd-rom Indice delle tavole statistiche su cd-rom Pensionati nel complesso Tavola 1 Pensionati ed importo annuo delle pensioni, complessivo e medio per sesso, regione di residenza, classe di età e Tavola 2 Beneficiari

Dettagli

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA)

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) (aggiornamento al 31 DICEMBRE 2014) REGIONE PUGLIA 11.310 31.758 22.145 168.396 2.866 208.465 1.819 1.566.140 55 172.237

Dettagli

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE ESERCIZI SPECIALIZZATI. AL 31/12/2013 PIEMONTE Altri prodotti 19 41.235 113 168 281 0 2 3 Articoli igienico-sanitari/materiali da 1 2.493 2 0 2 0 0 0 Articoli sportivi/attrezzatura campeggi 9 25.694 119

Dettagli

Indice delle tavole statistiche

Indice delle tavole statistiche 1 Indice delle tavole statistiche Pensionati nel complesso Tavola 1 Pensionati ed importo annuo delle pensioni, complessivo e medio per sesso, regione di residenza, classe di età e classe di importo Tavola

Dettagli

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B)

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B) AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) ()/Bx100 120 113,93 109,46 +4,47 +4,09% 480 295,84 277,95 +17,89 +6,44% 700 401,94 375,85 +26,09 +6,94% 1.400 739,55 687,37 +52,18 +7,59% 2.000 1.026,99

Dettagli

4. I figli nelle separazioni e nei divorzi

4. I figli nelle separazioni e nei divorzi 4. I figli nelle separazioni e nei divorzi Fonte: ISTAT Matrimoni, separazioni e divorzi. Anno 1993. Edizione 1995 121 Matrimoni, separazioni e divorzi. Anno 1994. Edizione 1996 Matrimoni, separazioni

Dettagli

AMBITO TARIFFARIO NORD OCCIDENTALE (VALLE D'AOSTA - PIEMONTE - LIGURIA) VALIDO DAL 1 GENNAIO 2015 AL 31 MARZO 2015

AMBITO TARIFFARIO NORD OCCIDENTALE (VALLE D'AOSTA - PIEMONTE - LIGURIA) VALIDO DAL 1 GENNAIO 2015 AL 31 MARZO 2015 AMBITO TARIFFARIO NORD OCCIDENTALE (VALLE D'AOSTA - PIEMONTE - LIGURIA) Quota Energia ne 0,000000 Oltre 0,000000 SERVIZI DI TE Totale G6 42,75 17,84 34,79 a 0,095306 G10 G40 212,39 88,65 275,23 0,754060

Dettagli

Il regime pubblicitario speciale delle start up innovative e la situazione attuale nel panorama italiano

Il regime pubblicitario speciale delle start up innovative e la situazione attuale nel panorama italiano Il regime pubblicitario speciale delle start up innovative e la situazione attuale nel panorama italiano Padova, 19 marzo 2014 Pierluigi Sodini Definizione L articolo 25, comma 2 del decreto legge 18 ottobre

Dettagli

Pierluigi Sodini. L impegno del sistema camerale per le start up innovative

Pierluigi Sodini. L impegno del sistema camerale per le start up innovative Pierluigi Sodini L impegno del sistema camerale per le start up innovative DEFINIZIONE L articolo 25, comma 2 del decreto legge 18 ottobre 2012 n.179, convertito con modificazioni nella legge 17 dicembre

Dettagli

L incontro fra domanda e offerta di lavoro e i servizi per l impiego

L incontro fra domanda e offerta di lavoro e i servizi per l impiego L incontro fra domanda e offerta di lavoro e i servizi per l impiego D.ssa Tiziana Rosolin Servizi ai cittadini e modernizzazione Amministrativa: fatti e numeri sul che cambia FORUM P.A. 12 Maggio 24 L

Dettagli

INCONTRO ANNUALE 2010

INCONTRO ANNUALE 2010 Cagliari,14-15 ottobre 2010 INCONTRO ANNUALE 2010 tra la Commissione Europea e le Autorità di Gestione dei Programmi Operativi FESR La ricerca nei POR 1 Presentazione 1. Attività di ricerca delle imprese

Dettagli

TABELLA 5.15. LE STRUTTURE SCOLASTICHE IN ITALIA: STOCK, UNITÀ LOCALI, ADDETTI

TABELLA 5.15. LE STRUTTURE SCOLASTICHE IN ITALIA: STOCK, UNITÀ LOCALI, ADDETTI 5.3 Il patrimonio scolastico e ospedaliero nelle aree di rischio Tra gli edifici esposti al rischio naturale rientrano alcune strutture, come le scuole e gli ospedali, che hanno una particolare importanza

Dettagli

Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale

Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale Le innovazioni di prodotto e di processo per il credito ai progetti di vita Roma, Palazzo Altieri 24 novembre 2010 Primi risultati del Fondo

Dettagli

Appendice Dati statistici. Segnalazioni bibliografiche

Appendice Dati statistici. Segnalazioni bibliografiche Appendice Dati statistici Segnalazioni bibliografiche I programmi delle sette giornate ATTI DEL CICLO DI INCONTRI DI SENSIBILIZZAZIONE manco Dati statistici Le elaborazioni proposte attingono le informazioni

Dettagli

Connessione sicura Username e password personalizzate

Connessione sicura Username e password personalizzate ! Connessione sicura Username e password personalizzate " Esisistono due livelli di credenziali di accesso, in ottemperanza della legge sulla privacy: 1. Livello Amministrazione - è ad uso del RESPONSABILE

Dettagli

il nuovo sistema elettorale

il nuovo sistema elettorale Cosa cambia con il nuovo sistema elettorale INIZIO / I seggi alla Camera dei deputati Quanti deputati si eleggono? DAI VOTI ESPRESSI DAGLI ITALIANI ALL ESTERO: DAI VOTI ESPRESSI SUL TERRITORIO NAZIONALE:

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Dipartimento per l'istruzione Direzione Generale per il Personale Scolastico

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Dipartimento per l'istruzione Direzione Generale per il Personale Scolastico TABELLA "A" Dotazioni organiche regionali COMPLESSIVE - anno scolastico 2014-2015 a.s. 2011/12 a.s. 2012/13 a.s. 2014/15 rispetto a.s. 2011/12 a b c d e=d-a Abruzzo 5.195 5.124 5.119 5.118-77 Basilicata

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE. L uso dei farmaci in Italia SULL IMPIEGO DEI MEDICINALI gennaio-settembre 2008-4 -

OSSERVATORIO NAZIONALE. L uso dei farmaci in Italia SULL IMPIEGO DEI MEDICINALI gennaio-settembre 2008-4 - - 2 - - 3 - - 4 - - 1 - 1 Art. 9 comma 1 del D.L. 31 dicembre 2007 n. 248, convertito in legge 28 febbraio 2008 n. 31-2 - - 3 - - 4 - - 5 - - 6 - - 7 - - 8 - - 9 - - 10 - Δ Δ Δ Δ Δ Δ Δ Δ Δ Δ Δ Δ Δ Δ Δ

Dettagli

Affitti Quota Latte - Periodo 2014/2015

Affitti Quota Latte - Periodo 2014/2015 Affitti Quota Latte - Periodo 2014/2015 PIEMONTE 603 1.127 87.148.771 13,0 144.525 VALLE D'AOSTA 80 88 1.490.121 0,2 18.627 LOMBARDIA 1.503 2.985 280.666.835 41,8 186.738 PROV. AUT. BOLZANO 1 1 31.970

Dettagli

Contesto e risorse - Popolazione scolastica

Contesto e risorse - Popolazione scolastica Contesto e risorse - Popolazione scolastica Provenienza socio-economica e culturale degli studenti e caratteristiche della popolazione che insiste sulla scuola (es. occupati, disoccupati, tassi di immigrazione).

Dettagli

I centri antitumore dell'oncoguida suddivi per tipo di tumore e per Regione

I centri antitumore dell'oncoguida suddivi per tipo di tumore e per Regione I centri antitumore dell'oncoguida suddivi per tipo di tumore e per Regione REGIONE TUMORE ENTI CON PALLINI VERDI* ENTI SENZA PALLINO TOTALE ENTI % VERDI Abruzzo Colon - retto 2 28 30 6,67 Abruzzo Connettivo

Dettagli

Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007

Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007 Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007 Analisi statistica a cura di: Tidona Comunicazione Dipartimento Ricerche Responsabile del Progetto: Sandra Galletti Luglio 2008 Questa

Dettagli

Gli assicurati e gli infortuni sul lavoro. Adelina Brusco, Daniela Gallieri

Gli assicurati e gli infortuni sul lavoro. Adelina Brusco, Daniela Gallieri Gli assicurati e gli infortuni sul lavoro Adelina Brusco, Daniela Gallieri Ancona, 9 giugno 2009 Assicurati e Infortuni sul lavoro sono rilevati tramite il codice fiscale che individua il Paese di nascita

Dettagli

Struttura Ex asl impegni prestazioni costo prestazioni Ticket Regione H , ,76 Basilicata H

Struttura Ex asl impegni prestazioni costo prestazioni Ticket Regione H , ,76 Basilicata H Struttura Ex asl impegni prestazioni costo prestazioni Ticket Regione H02 102 4.663 6.145 159.302,40 51.697,76 Basilicata H03 102 9.222 12.473 252.025,98 136.892,31 Basilicata H04 102 3.373 3.373 230.650,00

Dettagli

autosnodato auto-treno con rimorchio totale incidenti trattore stradale o motrice auto-articolato

autosnodato auto-treno con rimorchio totale incidenti trattore stradale o motrice auto-articolato Tab. IS.9.1a - Incidenti per tipo di e - Anni 2001-2013 a) Valori assoluti Anno 2001 o a altri Piemonte 16.953 23.818 19 77 167 146 80 67 1.942 123 254 153 50 59 824 1.920 1.037 653 50 4 23 0 112 31.578

Dettagli

Come costruire itinerari turistico responsabili

Come costruire itinerari turistico responsabili Come costruire itinerari turistico responsabili GIUSEPPE MELIS INTRODUZIONE AL CONVEGNO ITINERARI TURISTICO-RESPONSABILI: STRUMENTI PER ATTIVARE PERCORSI DI QUALITÀ ORISTANO, 27 MAGGIO 2008 AUDITORIUM

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani

Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani Il campione 2 Chi è stato intervistato? Un campione di 100 soggetti maggiorenni che risiedono in Italia. Il campione

Dettagli

Struttura Ex asl impegni prestazioni costo Ticket Regione

Struttura Ex asl impegni prestazioni costo Ticket Regione Struttura Ex asl impegni prestazioni costo Ticket Regione H02 102 3.244 4.234 prestazioni 106.541,38 39.721,59 Basilicata H03 102 6.820 9.139 183.359,67 103.341,43 Basilicata H04 102 2.243 2.243 150.815,00

Dettagli

Le politiche a sostegno delle start up e il ruolo del sistema camerale

Le politiche a sostegno delle start up e il ruolo del sistema camerale Sondrio, 14 giugno 2013 11ª Giornata dell Economia Le politiche a sostegno delle start up e il ruolo del sistema camerale Roberto Calugi Consorzio camerale per il credito e la finanza Camera di Commercio

Dettagli

Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007

Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007 Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007 Analisi statistica a cura di: Tidona Comunicazione Dipartimento Ricerche Responsabile del Progetto: Sandra Galletti Maggio 2008 Questa pubblicazione

Dettagli

Indice delle tavole statistiche su cd-rom

Indice delle tavole statistiche su cd-rom Indice delle tavole statistiche su cd-rom Pensionati nel complesso Tavola 1 Pensionati ed importo annuo delle pensioni, complessivo e medio per sesso, regione di residenza, classe di età e Tavola 2 Beneficiari

Dettagli

MEDIAZIONE OBBLIGATORIA EX D.L. 28/2010

MEDIAZIONE OBBLIGATORIA EX D.L. 28/2010 MEDIAZIONE OBBLIGATORIA EX D.L. 28/2010 STATISTICHE AL 31 DICEMBRE 2012 Ministero della Giustizia Dipartimento della organizzazione giudiziaria, del personale e dei servizi Direzione Generale di Statistica

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la politica industriale, la competitività e le piccole e medie imprese ex DIV.VIII PMI e artigianato IL CONTRATTO DI RETE ANALISI QUANTITATIVA

Dettagli

Censimento delle strutture per anziani in Italia

Censimento delle strutture per anziani in Italia Cod. ISTAT INT 00046 AREA: Amministrazioni pubbliche e servizi sociali Settore di interesse: Assistenza e previdenza Censimento delle strutture per anziani in Italia Titolare: Dipartimento per le Politiche

Dettagli

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE Scendono del 50% le richieste per l edilizia residenziale, -30% per quella non residenziale. Tengono gli immobili destinati all agricoltura (-12,9%),

Dettagli

Il senso di una analisi storica sui trasferimenti dallo Stato ai Comuni

Il senso di una analisi storica sui trasferimenti dallo Stato ai Comuni I TRASFERIMENTI ERARIALI COME LEVA DI GOVERNO NEI RAPPORTI STATO COMUNI Copyright SDA Copyright Bocconi 2005 SDA Bocconi 2005 SDA Bocconi per Anci Veneto 1 Il senso di una analisi storica sui trasferimenti

Dettagli

UFFICI AI QUALI INVIARE LE DOMANDE

UFFICI AI QUALI INVIARE LE DOMANDE UFFICI AI QUALI INVIARE LE DOMANDE ABRUZZO L'ABRUZZO Via F. Filomusi Guelfi - 67100 -L'Aquila Tel. 0862446148-0862446142 Fax 0862446101-0862446145 E-mail: sr-abr@beniculturali.it E-mail certificata: mbac-sr-abr@mailcert.beniculturali.it

Dettagli

Azioni e strumenti per la nuova l imprenditorialità. Ferrara - Novembre 2015

Azioni e strumenti per la nuova l imprenditorialità. Ferrara - Novembre 2015 Azioni e strumenti per la nuova l imprenditorialità Ferrara - Novembre 2015 1 Invitalia per la crescita e la competitività del sistema produttivo Sosteniamo la nascita di nuove imprese la realizzazione

Dettagli

Dati presentati in occasione del primo vertice italiano «LA FINESTRA IN LEGNO» Verona, 16 marzo 2013

Dati presentati in occasione del primo vertice italiano «LA FINESTRA IN LEGNO» Verona, 16 marzo 2013 Dati presentati in occasione del primo vertice italiano «LA FINESTRA IN LEGNO» Verona, 16 marzo 213 Dott. Riccardo Borghero Dirigente Area Affari Economici Camera di Commercio I.A.A. di Verona 135 IMPRESE

Dettagli

DOBBIAMO AVER PAURA DELLA PIOGGIA?

DOBBIAMO AVER PAURA DELLA PIOGGIA? Nuovo Rapporto Ance Cresme alluvioni con una scia ininterrotta di disastri, vittime e costi altissimi per i cittadini. Un territorio martoriato da Nord a Sud e L aggiornamento del rapporto Ance Cresme

Dettagli

il nuovo sistema elettorale

il nuovo sistema elettorale il nuovo sistema elettorale Cosa cambia con Il testo approvato dalla Camera INIZIO /7 Numero di seggi alla Camera dei deputati Quanti deputati si eleggono? DAI VOTI ESPRESSI DAGLI ITALIANI ALL ESTERO:

Dettagli

MEDIAZIONE CIVILE EX D.L. 28/2010

MEDIAZIONE CIVILE EX D.L. 28/2010 MEDIAZIONE CIVILE EX D.L. 28/2010 STATISTICHE RELATIVE AL PERIODO 1 GENNAIO 31 DICEMBRE Ministero della Giustizia Dipartimento della organizzazione giudiziaria, del personale e dei servizi Direzione Generale

Dettagli

Il 38% delle strutture residenziali per anziani sono a gestione pubblica, il 58% a gestione privata ed il rimanente 4% a gestione mista.

Il 38% delle strutture residenziali per anziani sono a gestione pubblica, il 58% a gestione privata ed il rimanente 4% a gestione mista. In sensibile crescita la domanda di servizi assistenziali da parte degli anziani: in 8 anni il numero degli anziani ospiti dei presidi assistenziali è cresciuto di quasi il 30%. Gli ospiti anziani cui

Dettagli

TRASMISSIONE DI RELAZIONI

TRASMISSIONE DI RELAZIONI REGIONI TRASMISSIONE DI RELAZIONI 2 varie 2 In materia di accesso alle prestazioni diagnostiche e terapeutiche (Doc. CCI): 3 In materia di protezione della fauna selvatica e di prelievo venatorio (Doc.

Dettagli

1.2) Altre nomenclature rilevanti (NACE/CPA/CPC): CPC 71222;83101;61120;74490

1.2) Altre nomenclature rilevanti (NACE/CPA/CPC): CPC 71222;83101;61120;74490 ALLEGATO DETTAGLIO PREINFORMATIVA SERVIZI 2005 1) AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI NOLEGGIO A LUNGO TERMINE DI AUTOVEICOLI SENZA CONDUCENTE Lotto 1 Berline piccole Lotto 2 Berline medie Lotto 3 Grandi berline

Dettagli

La Liguria all interno del contesto nazionale

La Liguria all interno del contesto nazionale La Liguria all interno del contesto nazionale François de Brabant Between 24 Novembre 2009 La banda: tra l uovo e la gallina sistema paese infrastrutture servizi mercato 2 Il cruscotto regionale della

Dettagli

FIDUCIA DEI CONSUMATORI

FIDUCIA DEI CONSUMATORI 23 Dicembre 213 Dicembre 213 FIDUCIA DEI CONSUMATORI A dicembre l indice del clima di fiducia dei consumatori in base 25= diminuisce a 96,2 da 98,2 del mese di novembre. Migliorano i giudizi sulla componente

Dettagli

INVESTI NEL TUO LAVORO

INVESTI NEL TUO LAVORO INVESTI NEL TUO LAVORO Dott. Arcangelo Rizzuti Responsabile Rete Nazionale BacktoWork24 Bologna, 10 marzo 2015 Da un anno, ogni settimana, abbiamo portato un investimento a una piccola azienda I risultati

Dettagli

Agenda Digitale: il progresso dell'italia verso gli obiettivi europei. Giuliano Noci

Agenda Digitale: il progresso dell'italia verso gli obiettivi europei. Giuliano Noci Agenda Digitale: il progresso dell'italia verso gli obiettivi europei Giuliano Noci Roma, 18 Giugno 2014 L offerta dei servizi di egovernment: i pagamenti multicanale Toscana 30% 7% 10% 53% Emilia-Romagna

Dettagli

Le adozioni internazionali nel 2013

Le adozioni internazionali nel 2013 Le adozioni internazionali nel 2013 Nel corso del 2013 la Commissione ha rilasciato l autorizzazione all ingresso in Italia per 2.825 bambini provenienti da 56 Paesi, adottati da 2.291 famiglie residenti

Dettagli

Innovazione della PA locale e innovazione del contesto territoriale. Stefano Kluzer,, Coord. scientifico rete CRC

Innovazione della PA locale e innovazione del contesto territoriale. Stefano Kluzer,, Coord. scientifico rete CRC Innovazione della PA locale e innovazione del contesto territoriale Stefano Kluzer,, Coord. scientifico rete CRC Il Rapporto sull innovazione nelle regioni d Italia Ad oggi, citate, ma mai approfondite

Dettagli

IL TALENTO DELLE IDEE, edizione 2011-2012

IL TALENTO DELLE IDEE, edizione 2011-2012 I&C Italy - Territorial Relations Territorial Development Programs Giovani Imprenditori di Confindustria Santa Margherita Ligure, 10 Giugno PROPOSTA PROGETTUALE TIMELINE 2 OBIETTIVO Far emergere o sostenere

Dettagli

IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA

IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA N 4/2011 I trim. 2011 Direzione Affari Economici e Centro Studi IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA INDICE I MUTUI PER NUOVI INVESTIMENTI IN COSTRUZIONI --------------------------------------------------------

Dettagli

Conferenza Stampa. Garanzia Giovani. Roma, 10 dicembre 2014

Conferenza Stampa. Garanzia Giovani. Roma, 10 dicembre 2014 Conferenza Stampa Garanzia Giovani Roma, 10 dicembre 2014 2 Garanzia Giovani Obiettivo: migliorare l occupabilità Nasce da una raccomandazione europea 1.135 mln di fondi europei 378 mln. cofin. nazionale,

Dettagli

MEDIAZIONE CIVILE EX D.L. 28/2010

MEDIAZIONE CIVILE EX D.L. 28/2010 MEDIAZIONE CIVILE EX D.L. 28/2010 STATISTICHE RELATIVE AL PERIODO 1 GENNAIO 30 SETTEMBRE 2013 Ministero della Giustizia Dipartimento della organizzazione giudiziaria, del personale e dei servizi Direzione

Dettagli

Bollettino n. 4 / 2006 12 settembre 2006 Dati di vendita SIAN prodotti fitosanitari anno 2004

Bollettino n. 4 / 2006 12 settembre 2006 Dati di vendita SIAN prodotti fitosanitari anno 2004 Bollettino n. 4 / 2006 12 settembre 2006 Dati di vendita SIAN prodotti fitosanitari anno 2004 Sono disponibili sul sito internet del SIAN i dati di vendita dei prodotti fitosanitari relativi alle dichiarazioni

Dettagli

Infratel Italia. marzo 2014

Infratel Italia. marzo 2014 Infratel Italia marzo 2014 La missione Estendere le opportunità di accesso alla banda larga, in tutte le aree sottoutilizzate del Paese, attraverso la realizzazione e l integrazione d infrastrutture di

Dettagli

Informazioni statistiche sull anno 2009

Informazioni statistiche sull anno 2009 Informazioni statistiche sull anno 2009 Sintesi realizzata dalla d.ssa Anna Ruggiero su dati Cooperlavoro 22/01/2010 ADESIONI DAL 2006 AL 2009 Grafico n.1 - adesioni 2006-2009 Grafico n.2 - progressione

Dettagli

La produzione di uva e di vino Anno 2005

La produzione di uva e di vino Anno 2005 La produzione di uva e di vino Anno 2005 31 Gennaio 2006 L Istat diffonde i principali risultati 1 della produzione di uva e di vino in Italia, con riferimento all anno 2005. Essi derivano da stime effettuate

Dettagli

La Raccolta Differenziata in Italia

La Raccolta Differenziata in Italia 120 Da una prima quantificazione dei dati relativi all anno 2002, la raccolta differenziata si attesta intorno ai,7 milioni di tonnellate che, in termini percentuali, rappresentano il 19,1% della produzione

Dettagli

Ministero della Salute. Regione Toscana

Ministero della Salute. Regione Toscana Ministero della Salute Progetto SiVeAS Sistema di Valutazione della Performance della Sanita' Italiana Proposta primi indicatori Regione Toscana Fonte dati: Ministero e database SDO 2007-2008 A cura del

Dettagli

Prodotto interno lordo per ripartizione geografica, in Italia e in Sardegna: variazioni percentuali 2005 su 2004

Prodotto interno lordo per ripartizione geografica, in Italia e in Sardegna: variazioni percentuali 2005 su 2004 Prodotto interno lordo per ripartizione geografica, in Italia e in Sardegna: variazioni percentuali 2005 su 2004 NORD-ORIENTALE NORD-OCCIDENTALE ITALIA MEZZOGIORNO ITALIA CENTRALE -0,5 0,0 0,5 1,0 1,5

Dettagli

GIOCHI NUMERO CONCESSIONI/AUTORIZZAZIONI

GIOCHI NUMERO CONCESSIONI/AUTORIZZAZIONI GIOCHI NUMERO CONCESSIONI/AUTORIZZAZIONI Famiglia gioco Numero Concessioni GIOCHI A BASE SPORTIVA E IPPICA 398 CONCESSIONI GIOCO ON LINE (GAD) 144 GIOCHI NUMERICI A TOTALIZZATORE 1 LOTTO E LOTTERIE 1 BINGO

Dettagli

ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA

ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA novembre 04 Introduzione In base ai dati dell VIII Censimento su Industria e Servizi dell ISTAT è stata condotta un analisi dell occupazione femminile nelle

Dettagli

COPERTURA BANDA LARGA IN ITALIA. (in rosso le aree in Digital Divide)

COPERTURA BANDA LARGA IN ITALIA. (in rosso le aree in Digital Divide) COPERTURA BANDA LARGA IN ITALIA (in rosso le aree in Digital Divide) AL VIA BANDI PER 900 MLN DI EURO PER AZZERARE DIGITAL DIVIDE E BANDA ULTRALARGA Internet veloce per 7 mln. di cittadini, 5000 nuovi

Dettagli

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato Imprese Veneto 27/07/2015

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato Imprese Veneto 27/07/2015 119 117 114 69 52 28 14 1 343 267 242 215 444 607 736 946 938 1.168 1.066 1.622 Elaborazione flash Ufficio Studi Confartigianato Imprese Veneto 27/07/2015 Il caldo torrido di questa estate sembra aver

Dettagli

Test preliminari: candidati e ammessi per regione

Test preliminari: candidati e ammessi per regione Test preliminari: candidati e ammessi per regione A013 CHIMICA E TECNOLOGIE CHIMICHE LOMBARDIA 182 101 TRENTINO ALTO-ADIGE 51 32 VENETO 126 76 LIGURIA 54 36 EMILIA ROMAGNA 110 67 TOSCANA 158 101 UMBRIA

Dettagli

Sondaggio CIMO ASMD 2013

Sondaggio CIMO ASMD 2013 Sondaggio CIMO ASMD 2013 Dati invio: target (Welfarelink) Tipologia Numeriche Medico Ospedaliero 97.065 Continuità Assistenziale 2.542 Medicina Territoriale 3.929 Medico in Casa di Cura 7.280 Totale 110.816

Dettagli

DECISIONE DELLA COMMISSIONE

DECISIONE DELLA COMMISSIONE L 293/28 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 9.11.2005 DECISIONE DELLA COMMISSIONE dell 8 novembre 2005 relativa a talune misure sanitarie di protezione contro la malattia vescicolare dei suini in Italia

Dettagli

BANDO COOPSTARTUP MARCHE 2015 AZIONE DI PROMOZIONE E DI SUPPORTO ALLA CREAZIONE DI IMPRESE COOPERATIVE INNOVATIVE

BANDO COOPSTARTUP MARCHE 2015 AZIONE DI PROMOZIONE E DI SUPPORTO ALLA CREAZIONE DI IMPRESE COOPERATIVE INNOVATIVE BANDO COOPSTARTUP MARCHE 2015 AZIONE DI PROMOZIONE E DI SUPPORTO ALLA CREAZIONE DI IMPRESE COOPERATIVE INNOVATIVE 1"DESCRIZIONEEOBIETTIVO IlprogettoCOOPSTARTUP)MarcheèunainiziativadiLegacoop)MarcheediCoopfondcheha

Dettagli

TAB 7.12 Numero di brevetti europei pubblicati dall'epo (European Patent Office) Valori pro capite per milione di abitanti (*)

TAB 7.12 Numero di brevetti europei pubblicati dall'epo (European Patent Office) Valori pro capite per milione di abitanti (*) TAB 7.12 Numero di brevetti europei pubblicati dall'epo (European Patent Office) Valori pro capite per milione di abitanti (*) Regioni e province 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 ABRUZZO 15,07 19,62

Dettagli

Offerta E-Light Gas uso riscaldamento (calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte)

Offerta E-Light Gas uso riscaldamento (calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte) A) B) E-Light Gas uso riscaldamento (calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte) AMBITO TARIFFARIO: NORD OCCIDENTALE (Valle d'aosta, Piemonte, Liguria) 120 116,76 123,81-7,05-5,69% 480 254,33

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Pag. 1/6 Sessione ordinaria 2015 Il candidato svolga la prima parte della prova e risponda a due tra i quesiti proposti nella seconda parte. PRIMA PARTE IL TURISMO, RISORSA PER LO SVILUPPO DELL ITALIA

Dettagli

Il leasing immobiliare: nel 2004 ancora in fase espansiva

Il leasing immobiliare: nel 2004 ancora in fase espansiva Un panorama del mercato del leasing in Italia realizzato in collaborazione con LOCAT Leasing e redatto dall Ufficio Studi FIMAA Milano su elaborazioni Nomisma su dati Assilea. Il leasing immobiliare: nel

Dettagli

PATTO DI STABILITA INTERNO: L OPZIONE REGIONALIZZAZIONE

PATTO DI STABILITA INTERNO: L OPZIONE REGIONALIZZAZIONE Direzione Affari Economici e Centro Studi PATTO DI STABILITA INTERNO: L OPZIONE REGIONALIZZAZIONE La regionalizzazione, principale strumento a disposizione delle Regioni per liberare i pagamenti bloccati

Dettagli

Il Telefono Verde contro il Fumo

Il Telefono Verde contro il Fumo Il Telefono Verde contro il Fumo Dott.ssa Luisa Mastrobattista Osservatorio Fumo Alcol e Droga OSSFAD Istituto Superiore di Sanità XVII Convegno Tabagismo e Servizio Sanitario Nazionale AGGIORNAMENTO DEI

Dettagli

Prot. Pisa 05.05.10. ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA (D.L.vo 30.06.1993 n. 270)

Prot. Pisa 05.05.10. ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA (D.L.vo 30.06.1993 n. 270) ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA (D.L.vo 30.06.1993 n. 270) SEZIONE DI PISA S.S. dell Abetone e del Brennero, 4 56123 PISA Responsabile: dott. Riccardo Forletta email:

Dettagli

I NUMERI DELLE DONNE

I NUMERI DELLE DONNE 1. Laureati anno solare 2009 per genere e area di studi Atenei provincia di Milano 2. Scuole, classi e studenti delle scuole secondarie di secondo grado per regione. Anno scolastico 2009/2010 3. Iscritti

Dettagli

Censimento delle strutture socio-riabilitative per tossicodipendenti

Censimento delle strutture socio-riabilitative per tossicodipendenti Cod. ISTAT INT 00009 AREA: Amministrazioni pubbliche e servizi sociali Settore di interesse: Assistenza e previdenza Censimento delle strutture socio-riabilitative per tossicodipendenti Titolare: Dipartimento

Dettagli

LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA

LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA 11 maggio 2011 Anno 2010 LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA Nel 2010 il 46,8% della popolazione di 6 anni e più (26 milioni e 448 mila persone) dichiara di aver letto, per motivi non strettamente scolastici

Dettagli

Telefono fisso e cellulare: comportamenti emergenti

Telefono fisso e cellulare: comportamenti emergenti 4 agosto 2003 Telefono e cellulare: comportamenti emergenti La crescente diffusione del telefono cellulare nella vita quotidiana della popolazione ha determinato cambiamenti profondi sia nel numero sia

Dettagli

Scheda di confrontabilità per clienti finali domestici di gas naturale

Scheda di confrontabilità per clienti finali domestici di gas naturale FC-VECA.A-I_SW_DOM_ DOM_DUAL - All.8 Sconta prezzo gas sul valore della componente commercializzazione all'ingrosso (componente relativa alla materia prima Materia Prima Gas (CCI) /Smc 0,414734 L offerta

Dettagli

STATALI: BOOM DI ASSENZE AL SUD

STATALI: BOOM DI ASSENZE AL SUD STATALI: BOOM DI ASSENZE AL SUD Nel triennio 2012-2014 si è verificato un vero e proprio boom di assenze per malattia tra i dipendenti del Pubblico impiego. Ciò è avvenuto soprattutto nel Sud. In Campania

Dettagli

Sviluppo delle reti a banda ultralarga. 5 giugno 2015

Sviluppo delle reti a banda ultralarga. 5 giugno 2015 Sviluppo delle reti a banda ultralarga 5 giugno 2015 Strategia nazionale per la banda ultralarga Il 3 marzo 2015, il Consiglio dei Ministri ha approvato la nuova strategia nazionale per la banda ultralarga

Dettagli

I principali risultati

I principali risultati FINANZA LOCALE: ENTRATE E SPESE DEI BILANCI CONSUNTIVI (COMUNI, PROVINCE E REGIONI). ANNO 2012 1 I principali risultati 1 Comuni Nel prospetto 1 sono riportati i principali risultati finanziari di competenza

Dettagli

AZIENDE AGRICOLE ATTIVITA MANIFATTURIERA

AZIENDE AGRICOLE ATTIVITA MANIFATTURIERA AZIENDE AGRICOLE ATTIVITA MANIFATTURIERA Divisione atmosfera e impianti 1 Inquadramento del tema Per azienda agricola si intende l'unità tecnico-economica costituita da terreni, anche in appezzamenti non

Dettagli

Menzione speciale alla Toscana, la sola regione italiana a sfruttare la geotermia.

Menzione speciale alla Toscana, la sola regione italiana a sfruttare la geotermia. Fondazione Impresa Via Torre Belfredo 81/e 30174 Mestre Venezia + 39 340 2388841 info@fondazioneimpresa.it www.fondazioneimpresa.it CAMPANIA, SARDEGNA E BASILICATA: I MIGLIORI MIX DI ENERGIA RINNOVABILE

Dettagli

GLI STRUMENTI FINANZIARI ISMEA

GLI STRUMENTI FINANZIARI ISMEA GLI STRUMENTI FINANZIARI ISMEA 13 dicembre 2013 Siena www.ismea.it www.ismeaservizi.it I FONDI DI GARANZIA ISMEA Garanzia di ultima istanza dello Stato ISMEA Fondo di garanzia sussidiaria Fondo di garanzia

Dettagli

Infrastrutture digitali per lo sviluppo del territorio Giuseppe Tilia - Palermo, 01 Aprile 2014. Business

Infrastrutture digitali per lo sviluppo del territorio Giuseppe Tilia - Palermo, 01 Aprile 2014. Business Infrastrutture digitali per lo sviluppo del territorio Giuseppe Tilia - Palermo, 01 Aprile 2014 La Digital Agenda for Europe (DAE) 1. Mercato digitale unico e dinamico 2. Interoperabilità e standard 3.

Dettagli

PICCOLE IMPRESE: CON MENO CREDITO E IN AUMENTO LA PIAGA DELL USURA

PICCOLE IMPRESE: CON MENO CREDITO E IN AUMENTO LA PIAGA DELL USURA PICCOLE IMPRESE: CON MENO CREDITO E IN AUMENTO LA PIAGA DELL USURA Con la forte contrazione dei prestiti bancari avvenuta in questi ultimi anni, soprattutto nei confronti delle imprese di piccola dimensione,

Dettagli

Non profit e capitale sociale: un'analisi alla luce dei dati censuari

Non profit e capitale sociale: un'analisi alla luce dei dati censuari Primo Convegno Nazionale Qualita della vita: territorio e popolazioni Non profit e capitale sociale: un'analisi alla luce dei dati censuari Sabrina Stoppiello, Stafania Della Queva, Manuela Nicosia Censimento

Dettagli

REGIME QUOTE LATTE AFFITTI DI QUOTA

REGIME QUOTE LATTE AFFITTI DI QUOTA AZIENDE RILEVATARIE PER CLASSIFICAZIONE C-Montana Aziende 6.000 B-Svantaggiata A-Non svantaggiata 5.000 4.000 3.000 524 450 499 336 597 305 803 394 629 358 532 413 572 454 609 441 697 592 818 609 627 481

Dettagli

SOMMARIO NOTE TESTO. Art. 1. Art. 2. Art. 3. ALLEGATO A

SOMMARIO NOTE TESTO. Art. 1. Art. 2. Art. 3. ALLEGATO A Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 16/11/1995 Ripartizione di contributi a carico del bilancio dello Stato e relativi all'annualita' 1994 per la realizzazione dei piani di cui all'art.

Dettagli

BANCA DI SASSARI S.p.A. - FOGLIO INFORMATIVO (D.Lgs. 385/93 ART. 116) SEZIONE 1.3 Certificati di deposito AGGIORNAMENTO AL 1.10.

BANCA DI SASSARI S.p.A. - FOGLIO INFORMATIVO (D.Lgs. 385/93 ART. 116) SEZIONE 1.3 Certificati di deposito AGGIORNAMENTO AL 1.10. CERTIFICATI DI DEPOSITO INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DI SASSARI S.p.A. (codice ABI 5676.2) Società per azioni con sede legale ed amministrativa in viale Mancini, 2-07100 Sassari Codice fiscale, Partita

Dettagli

Lucia Pasetti Vice Presidente CISIS

Lucia Pasetti Vice Presidente CISIS Il Costo dell Impreparazione Informatica nella Pubblica Amministrazione Locale e le sfide dell Agenda Digitale Milano, 17 Maggio 2011 Lucia Pasetti Vice Presidente CISIS La governance interregionale Le

Dettagli

Intesa 2 sottoscritta il 25 ottobre 2012 in sede di Conferenza Unificata Ministro Pari opportunità, Regioni e Autonomie locali

Intesa 2 sottoscritta il 25 ottobre 2012 in sede di Conferenza Unificata Ministro Pari opportunità, Regioni e Autonomie locali Roma, 7 maggio 2013 Intesa 2 sottoscritta il 25 ottobre 2012 in sede di Conferenza Unificata Ministro Pari opportunità, Regioni e Autonomie locali E la naturale prosecuzione degli interventi previsti da

Dettagli

Startup innovative: una su otto è donna. Boom delle neoimprese smart femminili, +50,6% in un anno

Startup innovative: una su otto è donna. Boom delle neoimprese smart femminili, +50,6% in un anno Comunicato stampa Startup : una su otto è donna Boom delle neoimprese smart, +50,6% in un anno Roma, 06 marzo 2015 Pesano ancora poco sul tessuto imprenditoriale ma sono in crescita e davanti hanno un

Dettagli

LA REGIONALIZZAZIONE DEL PATTO DI STABILITA INTERNO

LA REGIONALIZZAZIONE DEL PATTO DI STABILITA INTERNO Direzione Affari Economici e Centro Studi LA REGIONALIZZAZIONE DEL PATTO DI STABILITA INTERNO UNO STRUMENTO PER LIBERARE I PAGAMENTI ALLE IMPRESE E FAVORIRE LE SPESE IN CONTO CAPITALE MAGGIO 2012 INDICE

Dettagli