I FIORENTINI E LA TRANVIA Indagine conoscitiva sull utilizzo della linea 1 della tranvia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I FIORENTINI E LA TRANVIA Indagine conoscitiva sull utilizzo della linea 1 della tranvia"

Transcript

1 I FIORENTINI E LA TRANVIA Indagine conoscitiva sull utilizzo della linea 1 della tranvia Introduzione 1. Obiettivi e caratteristiche dell indagine L indagine è progettata dal Settore Pianificazione Integrata della Mobilità e dei Trasporti e Sistema Informativo della mobilità di Regione Toscana in accordo con i Comuni di Firenze e Scandicci ed in collaborazione con la Società Maior, la quale effettuerà per conto della Regione la rilevazione. L indagine si è posta l obiettivo generale di raccogliere degli elementi informativi in merito all utilizzo della nuova linea tramviaria Firenze-Scandicci, in particolare, riguardo alle dinamiche di utilizzo, alle motivazioni, all indotto che sta generando il nuovo servizio. La popolazione obiettivo dell indagine è rappresentata dall utenza effettiva della tramvia, sia da utenti abituali sia saltuari. La numerosità dell universo è stimata intorno alle persone, individuata considerando una stima accertata di circa spostamenti quotidiani ed una media di due spostamenti a persona. Il piano di campionamento adottato è di tipo casuale, stabilito un livello fiduciario 1 pari al 95% ed un errore campionario 2 pari al 3%. Con tali parametri il numero minimo di interviste rea pari a 964. Sono state effettivamente realizzate 1806 interviste. 1 Il grado di certezza che il valore dell universo sia interno all intervallo di confidenza viene chiamato livello fiduciario o livello di confidenza. Il livello fiduciario che si è disponibili ad accettare viene deciso in fase di impostazione della ricerca: maggiore è il grado di certezza che si vuole, più grande dovrà essere il campione su cui lavorare. Se fissiamo il livello fiduciario al 95% ciò significa che, se invece di estrarre un solo campione con una certa dimensione, ne venissero estratti 100, tutti con quella dimensione, 95 porterebbero a una stima corretta (con il valore incognito dell universo compreso nell intervallo di confidenza), mentre 5 porterebbero a una stima non corretta. In realtà, le ricerche vengono svolte su un solo campione: si ha il 95% di probabilità che questo campione porti a stime corrette, 5% di probabilità che ciò non si verifichi. 2 Il valore rilevato con un'indagine campionaria non corrisponderà perfettamente al valore dell'universo, ma sarà caratterizzato da un errore per eccesso o per difetto. Il valore dell'universo sarà quindi compreso entro un certo intervallo rispetto al valore del campione. Questo intervallo è noto con il nome di intervallo di confidenza. All'aumentare dell'errore accettato, si riduce l'ampiezza del campione e viceversa.

2 Non conoscendo la distribuzione per sesso ed età della popolazione oggetto di indagine non è stato possibile distribuire in modo proporzionale le interviste in merito a questi due elementi. L indagine stessa è risultata importante fonte informativa a tal riguardo per eventuali successive rilevazioni. Ciò nonostante, al fine di evitare notevoli distorsioni sulla struttura per età degli intervistati nella realizzazione delle interviste si è cercato di seguire indicativamente la struttura della popolazione della provincia di Firenze per fasce di età che si suddivide nel 24% circa tra 14 e 34enni, il 43% tra 35 e 60enni ed il 33% oltre i 60 anni. Il questionario è stato somministrato attraverso interviste dirette effettuate a bordo della tramvia, nell arco di quattro giorni feriali, due sabati e due domeniche, seguendo le seguenti fasce orarie:6,30-9,30 9, Per le rispettive fasce orarie inoltre le interviste sono state distribuite nel seguente modo: 1) 25% del campione (20% in direzione Firenze e 5% in direzione Scandicci) 2) 10% del campione (distribuzione equa sulle due direzioni) 3) 20% del campione (distribuzione equa sulle due direzioni) 4) 10% del campione (distribuzione equa sulle due direzioni) 5) 25% del campione (5% in direzione Firenze e 20% in direzione Scandicci) 6) 10% del campione (distribuzione equa sulle due direzioni) 2. Il profilo dell utente La prima parte del questionario raccoglieva informazioni riguardo sesso, età, titolo di studio e condizione professionale degli intervistati. Dalle rispettive figure si delinea un utente femminile, prevalentemente in età lavorativa (rif. fig. 1 e 2). Da evidenziare comunque la forte presenza di persone ultra sessantenni.

3 Figura 1. Distribuzione degli intervistati per sesso. MASCHIO 46,2% FEMMINA 53,8% 42,0% 44,0% 46,0% 48,0% 50,0% 52,0% 54,0% 56,0% Figura 2. Distribuzione degli intervistati per età. oltre 60 anni 19, anni 44, anni 16, anni 19,1 0,0 5,0 10,0 15,0 20,0 25,0 30,0 35,0 40,0 45,0 50,0 Gli utenti della tranvia risultano inoltre persone istruite, un quarto del campione possiede un titolo universitario, e comunque oltre il 40% un diploma superiore (fig.3).

4 Figura 3. Distribuzione degli intervistati per titolo di studio. TITOLO UNIVERSITARIO 23,7 LICENZA ELEMENTARE/NESSUNO 8,5 DIPLOMA MEDIA SUPERIORE 42,4 DIPLOMA MEDIA INFERIORE 25,5 0,0 5,0 10,0 15,0 20,0 25,0 30,0 35,0 40,0 45,0 Sebbene la tranvia sembra utilizzata soprattutto da lavoratori dipendenti (quasi la metà del campione), non è da sottovalutare il ricorso a tale mezzo di trasporto da parte dei lavoratori autonomi (il 10%) e, in accordo con la distribuzione per età, da studenti e pensionati (fig.4). Figura 4. Distribuzione degli intervistati per condizione professionale. STUDENTE 17,4 PENSIONATO/A 16,5 LAVORATORE DIPENDENTE (OPERAIO/IMPIEGATO/INSEGNANT 47,9 LAVORATORE AUTONOMO (ARTIGIANO/RAPPRESENTANTE/LIBE 10,1 DISOCCUPATO 3,3 COMMERCIANTE/IMPRENDITORE/DIRIGENTE 1,9 CASALINGA/O 2,9 0,0 10,0 20,0 30,0 40,0 50,0 60,0

5 3. Frequenza e motivazioni di utilizzo della tranvia Gli utenti intervistati sono utilizzatori assidui della tranvia, considerando che oltre il 66% la utilizza da due a 5 giorni alla settimana. Soltanto il 7% dichiara di utilizzarla per la prima volta. I comportamenti di mobilità ed i giudizi in merito al servizio stesso, dunque, frutto di un esperienza non sporadica ma costante, acquisiscono particolare rilevanza. Figura 5. Distribuzione degli intervistati per frequenza di utilizzo della tranvia. PIÙ RARAMENTE 26,7% MAI, È LA PRIMA VOLTA 6,9% DA 2 A 4 GIORNI ALLA SETTIMANA 22,4% ALMENO 5 GIORNI ALLA SETTIMANA 44,0% 0,0% 10,0% 20,0% 30,0% 40,0% 50,0% Coerentemente con la frequenza di utilizzo, gli utenti quotidiani sono abbonati, altresì il ricorso è al biglietto urbano.

6 Figura 6. Titolo di viaggio utilizzato. CARTA AGILE OBLITERATA TRAM 5,5% CARTA AGILE OBLITERATA SU AUTOBUS 1,9% BIGLIETTO OBLITERATO SU TRAM 33,0% BIGLIETTO OBLITERATO SU AUTOBUS 14,1% ABBONAMENTO PEGASO 2,0% ABBONAMENTO ATAF 43,5% 0,0% 10,0% 20,0% 30,0% 40,0% 50,0% Pur essendo frequentata da lavoratori, alla tranvia si utilizza anche per motivazioni di carattere personale, quali vago, shopping e visite a parenti e amici (rif. fig.7). Figura 7. Motivo principale dello spostamento. VISITE AMICI E PARENTI 12,6 SVAGO/SPORT 23 STUDIO 9,5 MOTIVI SANITARI 2,7 LAVORO (LUOGO ABITUALE) 31,4 IMPEGNO/INCONTRO DI AFFARI/LAVORO 8 COMMISSIONI/ACQUISTI 11,5 ALTRO 1,

7 La scelta della tranvia sembra legata soprattutto alla facilità del suo utilizzo, ovvero al fatto che ha comodità di orari e frequenze e dà certezza nei tempi di spostamento. Non è da sottovalutare comunque il ricorso a tale mezzo di trasporto per la difficoltà di utilizzo di altri mezzi e per il fatto che si trova nelle vicinanze della propria mèta (rif. fig.8). Per un quarto degli intervistati, inoltre, la tranvia consente di evitare problemi di traffico e parcheggio. Figura 8. Motivo di scelta della tranvia per lo spostamento. (Risposta multipla) 9 ALTRO, SPECIFICARE 6,4 8 PERCHÉ NON HO LA PATENTE 2,4 7 PER LA COMODITÀ DEGLI ORARI/FREQUENZE 36,8 6 PER LA COMODITÀ DEL VIAGGIO (LEGGERE CHIACCHIERA 15,8 5 PER LA VICINANZA FERMATA/PROPRIA META 13,1 4 PER LA DIFFICOLTÀ DI USO DI ALTRI MEZZI 32,2 3 PER RAGIONI DI COSTO/RISPARMIO 4,7 2 PER EVITARE PROBLEMI DI TRAFFICO E PARCHEGGIO 25,0 1 PER LA VELOCITÀ/CERTEZZA DEI TEMPI DI SPOST. 48,9 0,0 10,0 20,0 30,0 40,0 50,0 60,0

8 4. La tranvia e gli altri mezzi di trasporto Analizziamo ora alcuni aspetti legati alla mobilità dei cittadini intervistati in merito al rapporto tra la tranvia e gli altri mezzi di trasporto. A tal riguardo, uno degli aspetti fondamentali è capire come l attivazione del servizio tranviario abbia modificato i loro comportamenti in merito all utilizzo degli altri mezzi. Dalla fig. 9 possiamo ben dire che la tranvia ha offerto un servizio alternativo all autobus urbano. Se questo può sembrare un risultato abbastanza prevedibile, meno forse lo è riguardo all elevata percentuale di mezzi privati (auto e moto/ciclomotore) che la tranvia sembra aver sostituito. Ben il 24% degli utilizzatori della tranvia dichiara che prima dell entrata in vigore della stessa utilizzava un mezzo privato. Questo in dettaglio è differenziato nel 15,3% che utilizza l auto privata ed il 7,4% il moto/ciclomotore. Tradotto in termini assoluti, pur con le dovute cautele, considerando che gli spostamenti in un giorno feriale medio sono circa , risulterebbero circa spostamenti in auto e 1900 in moto, di conseguenza, un attenuazione del traffico privato di circa 1900 auto e 800 mezzi a due ruote (considerando due spostamenti a/r di media per persona). I dati in nostro possesso rilevano una presenza di circa autovetture giornaliere in ingresso a Firenze e circa in uscita da Firenze 3. Figura 9. Mezzi utilizzati prevalentemente per effettuare lo spostamento prima dell entrata in vigore della tranvia. (Risposta multipla) NON FACEVO QUESTO SPOSTAMENTO 5,3% MOTO/CICLOMOTORE 7,4% AUTOBUS URBANO 69,7% AUTO PRIVATA 15,3% ALTRO 2,3% 0,0% 10,0% 20,0% 30,0% 40,0% 50,0% 60,0% 70,0% 80,0% 3 Dati forniti da USSMAF.

9 Figura 10. Distribuzione dell utilizzo dei mezzi prima dell entrata in vigore della tranvia per tipologia di giorno.. PRE/FESTIVO 2,5% 18,5% 66,4% 7,2% 5,4% ALTRO AUTO PRIVATA AUTOBUS URBANO MOTO/CICLOMOTO RE FERIALE 2,2% 13,0% 72,0% 7,6% 5,2% NON FACEVO QUESTO SPOSTAMENTO 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% Per arrivare alla fermata della tranvia la maggioranza di utenti non prende alcun mezzo mentre tra coloro che fanno ricorso al mezzo pubblico la scelta ricade prevalentemente sull autobus urbano e lo stesso vale una volta scesi dalla tranvia (rif. fig. 11 e 12). Tale variabile dipende ovviamente dal punto di partenza del viaggio di un singolo cittadino, dovrebbe pertanto essere valutata in riferimento alle singole fermate del percorso tranviario.

10 Figura 11. Mezzo utilizzato per arrivare alla fermata della tranvia. (Risposta multipla) 9 IN BICICLETTA 0,7 8 IN MOTO/CICLOMOTORE 0,4 7 CON IL TRENO 3,5 6 CON I MEZZI PUBBLICI EXTRA-URBANI 0,9 5 CON I MEZZI PUBBLICI URBANI 26,1 3 IN AUTO COME CONDUCENTE 7,8 2 IN AUTO COME PASSEGGERO 4,4 1 NESSUN MEZZO (SOLO A PIEDI) 56,7 0,0 10,0 20,0 30,0 40,0 50,0 60,0 Figura 12. Mezzo utilizzato per raggiungere la mèta una volta scesi dalla tranvia. (Risposta multipla) 9 IN BICICLETTA 0,2 8 IN MOTO/CICLOMOTORE 0,4 7 CON IL TRENO 4,4 6 CON I MEZZI PUBBLICI EXTRA-URBANI 0,4 5 CON I MEZZI PUBBLICI URBANI 29,0 3 IN AUTO COME CONDUCENTE 5,3 2 IN AUTO COME PASSEGGERO 2,4 1 NESSUN MEZZO (SOLO A PIEDI) 58,0 0,0 10,0 20,0 30,0 40,0 50,0 60,0 70,0

11 5. La valutazione del servizio Quale ultimo aspetto si è ritenuto opportuno chiedere anche un giudizio generale sul livello di soddisfazione del nuovo servizio entrato in vigore. La scala di valutazione era di tipo numerico da 1 a 10. Come possiamo notare dalla tab. 1 i livelli di soddisfazione sono molto elevati, e si concentrano in giudizi superiori al punteggio 7. Dalla fig. 13 si può notare ancora meglio tale andamento, ben il 75% ha espresso un valore pari o superiore a 8, un quarto degli intervistati dà un voto pari a 6 o 7, mentre soltanto il 6% si dichiara non soddisfatto della tranvia. Tab. 1. Distribuzione del livello di soddisfazione del servizio. Valori assoluti e percentuali. Giudizio Valori assoluti Percentuali ,4% 2 3 0,2% 3 5 0,3% ,7% ,2% ,2% ,8% ,9% ,7% ,6% Figura 13. Livello di soddisfazione 6% 19% SCARSO SUFFICIENTE/DISCRETO BUONO/OTTIMO 75%

12

7.2 Indagine di Customer Satisfaction

7.2 Indagine di Customer Satisfaction 7.2 Indagine di Customer Satisfaction Il campione L indagine è stata condotta su un campione a più stadi di 795 clienti TIEMME SpA (errore di campionamento +/ 2%) rappresentativo della popolazione obiettivo,

Dettagli

Trasporti pubblici. Indagine sulla soddisfazione degli utenti. Anno 2009

Trasporti pubblici. Indagine sulla soddisfazione degli utenti. Anno 2009 Trasporti pubblici Indagine sulla soddisfazione degli utenti Anno 2009 a cura di Mirko Dancelli Osservatorio del Nord Ovest, Università di Torino 115 SOMMARIO 2.1. Se dovesse esprimere il Suo livello di

Dettagli

customer satisfaction 2015

customer satisfaction 2015 customer satisfaction 2015 indagine campionaria sui servizi di igiene urbana nei comuni di Camaiore e di Viareggio viareggio, 02 ottobre 2015 (15186el04) agenda considerazioni generali di sintesi raccolta

Dettagli

TURISMO A TORINO: PERCHE SI SOGGIORNA E QUANTO SI SPENDE

TURISMO A TORINO: PERCHE SI SOGGIORNA E QUANTO SI SPENDE TURISMO A TORINO: PERCHE SI SOGGIORNA E QUANTO SI SPENDE (PRIMA STIMA DELLA SPESA MEDIA EXTRA ALBERGHIERA) A CURA DEL REPARTO STUDI ANNO 2003 INDICE 1 PREMESSA PAG.2 2 PRINCIPALI CARATTERISTICHE DEI TURISTI

Dettagli

Come si spostano le donne e gli uomini bolognesi

Come si spostano le donne e gli uomini bolognesi Comune di Bologna Settore Programmazione, Controlli e Statistica Come si spostano le donne e gli uomini bolognesi Analisi di alcuni indicatori statistici relativi alla mobilità Marzo 2008 Direttore Gianluigi

Dettagli

P ROVOCAZIONI, MA NON TROPPO: STOP ALLE AUTO NELLE ORE DI PUNTA, TRASPORTO PUBBLICO GRATUITO

P ROVOCAZIONI, MA NON TROPPO: STOP ALLE AUTO NELLE ORE DI PUNTA, TRASPORTO PUBBLICO GRATUITO P ROVOCAZIONI, MA NON TROPPO: STOP ALLE AUTO NELLE ORE DI PUNTA, TRASPORTO PUBBLICO GRATUITO AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Febbraio 2010 LE FERMATE AUDIMOB S U L

Dettagli

5. IL PC E INTERNET NELLE DIVERSE TIPOLOGIE FAMILIARI

5. IL PC E INTERNET NELLE DIVERSE TIPOLOGIE FAMILIARI 5. IL PC E INTERNET NELLE DIVERSE TIPOLOGIE FAMILIARI 5.1 Considerazioni generali Il livello di informatizzazione delle famiglie toscane è stato esaminato, oltre che sulla base del territorio, anche tenendo

Dettagli

LA MOBILITA DEI GIOVANI ALLA PROVA DELLA CRISI

LA MOBILITA DEI GIOVANI ALLA PROVA DELLA CRISI LA MOBILITA DEI GIOVANI ALLA PROVA DELLA CRISI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati riguarda un approfondimento sui comportamenti in mobilità dei giovani. UN SEGMENTO FORTE DELLA DOMANDA DI TRASPORTO?

Dettagli

7.2 Indagine di Customer Satisfaction

7.2 Indagine di Customer Satisfaction 7.2 Indagine di Customer Satisfaction Il campione L indagine è stata condotta su un campione a più stadi di 373 clienti di Tiemme Spa sede operativa di Piombino (errore di campionamento +/- 2%) rappresentativo

Dettagli

LE SCELTE DI MOBILITÀ IN UNA CITTÀ SENZA TRAFFICO

LE SCELTE DI MOBILITÀ IN UNA CITTÀ SENZA TRAFFICO LE SCELTE DI MOBILITÀ IN UNA CITTÀ SENZA TRAFFICO AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Ottobre 2010 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 12 Tutti in autobus,

Dettagli

I SERVIZI DI INTEMEDIAZIONE PUBBLICI

I SERVIZI DI INTEMEDIAZIONE PUBBLICI N.57 MARZO 2014 I SERVIZI DI INTEMEDIAZIONE PUBBLICI E PRIVATI AUTORIZZATI OVERVIEW Analizzare i canali attraverso cui i lavoratori trovano un, costituisce un esercizio di grande interesse per la conoscenza

Dettagli

Gli spostamenti quotidiani per Studio e per Lavoro a Monza. La mobilità giornaliera

Gli spostamenti quotidiani per Studio e per Lavoro a Monza. La mobilità giornaliera 2014 10 Gli spostamenti quotidiani per Studio e per Lavoro a Monza La mobilità giornaliera L informazione statistica Deve essere considerata Dalla Pubblica Amministrazione Come una risorsa essenziale per

Dettagli

Concrete alternative all auto? Incoraggiare mezzi pubblici e bici!!

Concrete alternative all auto? Incoraggiare mezzi pubblici e bici!! Concrete alternative all auto? Incoraggiare mezzi pubblici e bici!! Una fermata Audimob, di approfondimento su incentivi e investimenti pubblici per politiche di sostegno finalizzate a trovare soluzioni

Dettagli

Questionario Trasporti pubblici e Igiene urbana

Questionario Trasporti pubblici e Igiene urbana 1. In quale comune risiede abitualmente? 1. Torino Proseguire 2. Milano Proseguire 3. Roma Proseguire 4. No (Chiudere intervista) 2. Sesso 1. Maschio 2. Femmina Domande Sociodemo Agenzia (8) 3. Mi può

Dettagli

Indagine sulla mobilità ciclabile nell Area Metropolitana di Cagliari Dipendenti della Regione Sardegna. Rapporto di sintesi

Indagine sulla mobilità ciclabile nell Area Metropolitana di Cagliari Dipendenti della Regione Sardegna. Rapporto di sintesi Indagine sulla mobilità ciclabile nell Area Metropolitana di Cagliari Dipendenti della Regione Sardegna Rapporto di sintesi L indagine e l analisi dei risultati, di cui questo report rappresenta una sintesi,

Dettagli

customer satisfaction 2014

customer satisfaction 2014 customer satisfaction 2014 indagine campionaria sui servizi di igiene urbana nei comuni di Camaiore e di Viareggio Roma, 30 settembre 2014 (14164el02) agenda 1. considerazioni generali di sintesi 2. raccolta

Dettagli

Metro Brescia: Indicatori di qualità del servizio erogato

Metro Brescia: Indicatori di qualità del servizio erogato COMUNE DI BRESCIA Metro Brescia: Indicatori di qualità del servizio erogato L opinione dei cittadini sulla Metropolitana di Brescia Tavolo tecnico di monitoraggio dei livelli di servizio del Metro Brescia

Dettagli

MUSEK WP N. 2. ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community.

MUSEK WP N. 2. ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community. MUSEK WP N. 2 ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community. MUNICIPALITY OF RAVENNA Maggio 2007 Sommario Il Comune di RAVENNA...Errore. Il segnalibro non è definito. 1 L

Dettagli

ACI ISTAT 2011: MENO INCIDENTI (-2,7%), MORTI (-5,6%) E FERITI

ACI ISTAT 2011: MENO INCIDENTI (-2,7%), MORTI (-5,6%) E FERITI Roma, 31 ottobre 2012 ACI ISTAT 2011: MENO INCIDENTI (-2,7%), MORTI (-5,6%) E FERITI (-3,5%) Obiettivo UE 2010 (-50% morti sulle strade): Italia non raggiunge target nemmeno nel 2011 ma fa meglio della

Dettagli

8. Occupazione e forze di lavoro

8. Occupazione e forze di lavoro 8. Occupazione e forze di lavoro Dall Indagine continua sulle forze di lavoro condotta dall Istat risulta che nel 2005 erano occupate, a Roma, 1.086.092 persone, mentre a livello provinciale gli occupati,

Dettagli

La voce dei donatori

La voce dei donatori La voce dei donatori Uno studio sul grado di soddisfazione e di efficienza percepita dai Donatori nei confronti dell organizzazione e delle attività dell Avis Comunale RE www.avis.re.it Gli obiettivi della

Dettagli

Il pendolarismo nel Comune di Udine Dati censuari

Il pendolarismo nel Comune di Udine Dati censuari COMUNE DI UDINE Dipartimento Affari Generali Unità Organizzativa Studi e Statistica Il pendolarismo nel Comune di Udine Dati censuari A cura di: Dr. Daniele Paolitti Hanno collaborato: Dr. Rosangela Dominici

Dettagli

PIANIFICAZIONE DEI TRASPORTI

PIANIFICAZIONE DEI TRASPORTI PIANIFICAZIONE DEI TRASPORTI prof. Massimo Di Gangi Il sistema della domanda di trasporto Introduzione e metodi di stima dei flussi di domanda 2 Simulazione di un sistema di trasporto Individuazione del

Dettagli

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania È stata attivata una ricerca per misurare la conoscenza e la percezione dell efficacia del Programma attraverso

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI

Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI M o d e n a, n o v e m b re 2 0 1 4 1 INDICE Pagina INFORMAZIONI

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUAP COMUNE DI SASSARI Giugno 2014

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUAP COMUNE DI SASSARI Giugno 2014 STUDIO Q QUALITÀ TOTALE SRL organizzazione formazione marketing INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUAP COMUNE DI SASSARI Giugno 2014 INDICE 1 INTRODUZIONE 3 2 METODOLOGIA 4 3 IL TARGET E IL CAMPIONE D

Dettagli

Stima per intervalli Nei metodi di stima puntuale è sempre presente un ^ errore θ θ dovuto al fatto che la stima di θ in genere non coincide con il parametro θ. Sorge quindi l esigenza di determinare una

Dettagli

STUDENTI DELL UNIVERSITA DI PAVIA: LE RISPOSTE APERTE AL QUESTIONARIO SPOSTAMENTI CASA-UNIVERSITA 1

STUDENTI DELL UNIVERSITA DI PAVIA: LE RISPOSTE APERTE AL QUESTIONARIO SPOSTAMENTI CASA-UNIVERSITA 1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali STUDENTI DELL UNIVERSITA DI PAVIA: LE RISPOSTE APERTE AL QUESTIONARIO SPOSTAMENTI CASA-UNIVERSITA 1 Sabrina Spaghi Università

Dettagli

GLI INDICATORI. 1. I dati del comune di Casal di Principe. Processo di Attivazione Agenda 21 Locale Casal di Principe

GLI INDICATORI. 1. I dati del comune di Casal di Principe. Processo di Attivazione Agenda 21 Locale Casal di Principe GLI INDICATORI 1. I dati del comune di Casal di Principe Il comune di Casal di Principe ha prodotto i dati necessari per l elaborazione dei seguenti Indicatori Comuni Europei: 1, 3, 4 e 6, per i quali

Dettagli

La soddisfazione dei cittadini per il servizio di Polizia Municipale

La soddisfazione dei cittadini per il servizio di Polizia Municipale Settore Polizia Municipale e Politiche per la Legalità e le Sicurezze Settore Direzione Generale Ufficio organizzazione, qualità e ricerche La soddisfazione dei cittadini per il servizio di Polizia Municipale

Dettagli

4. TRASPORTI E INFRASTRUTTURE

4. TRASPORTI E INFRASTRUTTURE Densità di autovetture circolanti nelle città metropolitane (fonte: Istat, 1998; auto circolanti per chilometri quadrati di territorio comunale) 4. TRASPORTI E INFRASTRUTTURE 4.1. LE AUTO SEMPRE PADRONE

Dettagli

Istituzioni di Statistica e Statistica Economica

Istituzioni di Statistica e Statistica Economica Istituzioni di Statistica e Statistica Economica Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia, Assisi, a.a. 2013/14 Esercitazione n. 4 A. Si supponga che la durata in giorni delle lampadine prodotte

Dettagli

Campagna di indagine sul traffico di attraversamento dell area urbana di Mantova

Campagna di indagine sul traffico di attraversamento dell area urbana di Mantova Campagna di indagine sul traffico di attraversamento dell area urbana di Mantova Risultati della campagna di indagine Giugno, 2011 Indice Il documento riporta le elaborazioni dei dati raccolti nella campagna

Dettagli

DIPENDENTI UNIVERSITA DI PAVIA: LE RISPOSTE APERTE AL QUESTIONARIO SPOSTAMENTI CASA-LAVORO 1

DIPENDENTI UNIVERSITA DI PAVIA: LE RISPOSTE APERTE AL QUESTIONARIO SPOSTAMENTI CASA-LAVORO 1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali DIPENDENTI UNIVERSITA DI PAVIA: LE RISPOSTE APERTE AL QUESTIONARIO SPOSTAMENTI CASA-LAVORO 1 Sabrina Spaghi Università di Pavia,

Dettagli

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro 4 agosto 2014 L Istat diffonde i dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni relativi agli spostamenti pendolari

Dettagli

Questionario sugli spostamenti degli studenti

Questionario sugli spostamenti degli studenti Mobilità sostenibile per le università milanesi Questionario sugli spostamenti degli studenti Informativa sulla privacy Ai sensi del D.Lgs. 196/2003 sulla tutela delle persone e degli altri soggetti rispetto

Dettagli

L attività congressuale del 2010

L attività congressuale del 2010 1 L attività congressuale del 2010 Per la città e la provincia di Firenze il turismo congressuale rappresenta uno dei segmenti di maggiore interesse, sia per la spesa media del turista congressuale che

Dettagli

DIREZIONE SERVIZI CIVICI, LEGALITA E DIRITTI SERVIZI ELETTORALI INDAGINE SUI SERVIZI ELETTORALI DEL COMUNE DI GENOVA

DIREZIONE SERVIZI CIVICI, LEGALITA E DIRITTI SERVIZI ELETTORALI INDAGINE SUI SERVIZI ELETTORALI DEL COMUNE DI GENOVA DIREZIONE SERVIZI CIVICI, LEGALITA E DIRITTI SERVIZI ELETTORALI INDAGINE SUI SERVIZI ELETTORALI DEL COMUNE DI GENOVA QUESTIONARIO Obiettivo: indagare il grado di soddisfazione dei cittadini sui servizi

Dettagli

Progetto sui comportamenti a rischio di IST:

Progetto sui comportamenti a rischio di IST: Progetto sui comportamenti a rischio di IST: studio nel Centro fiorentino Cipriani F., Silvestri C., Alice B. Osservatorio di Epidemiologia - ARS Toscana www.ars.toscana.it francesco.cipriani@ars.toscana.it

Dettagli

Servizio di indagini di traffico e di costruzione del modello di simulazione del traffico a supporto della redazione del PUMS nel Comune di Molfetta

Servizio di indagini di traffico e di costruzione del modello di simulazione del traffico a supporto della redazione del PUMS nel Comune di Molfetta COMUNE DI MOLFETTA Servizio di indagini di traffico e di costruzione del modello di simulazione del traffico a supporto della redazione del PUMS nel Comune di Molfetta Indagini sul Trasporto Pubblico Locale

Dettagli

Esercizi test ipotesi. Prof. Raffaella Folgieri Email: folgieri@mtcube.com aa 2009/2010

Esercizi test ipotesi. Prof. Raffaella Folgieri Email: folgieri@mtcube.com aa 2009/2010 Esercizi test ipotesi Prof. Raffaella Folgieri Email: folgieri@mtcube.com aa 2009/2010 Verifica delle ipotesi - Esempio quelli di Striscia la Notizia" effettuano controlli casuali per vedere se le pompe

Dettagli

Abbigliamento e accessori per motociclisti

Abbigliamento e accessori per motociclisti ITALIA Abbigliamento e accessori per motociclisti Potenzialità del mercato e comportamenti d acquisto. Lo studio si concentra sui due canali di vendita preferiti: negozi specializzati e concessionari.

Dettagli

RILEVAZIONE DELLA QUALITA DEI SERVIZI EROGATI DAL FRONT OFFICE E DAL FURGONE MOBILE DELLA POLIZIA MUNICIPALE (NOVEMBRE-DICEMBRE 2004)

RILEVAZIONE DELLA QUALITA DEI SERVIZI EROGATI DAL FRONT OFFICE E DAL FURGONE MOBILE DELLA POLIZIA MUNICIPALE (NOVEMBRE-DICEMBRE 2004) RILEVAZIONE DELLA QUALITA DEI SERVIZI EROGATI DAL FRONT OFFICE E DAL FURGONE MOBILE DELLA POLIZIA MUNICIPALE (NOVEMBRE-DICEMBRE 2004) La stesura del questionario Il questionario somministrato ai cittadini

Dettagli

LA MOBILITA' A SAN GIOVANNI VALDARNO

LA MOBILITA' A SAN GIOVANNI VALDARNO LA MOBILITA' A SAN GIOVANNI VALDARNO Il presente questionario ha lo scopo di stimare parametri di mobilità caratteristici delle famiglie residenti nelle aree del Comune di San Giovanni Valdarno nell'ambito

Dettagli

Dimensione 4: Rilevazione dell opinione degli studenti frequentanti

Dimensione 4: Rilevazione dell opinione degli studenti frequentanti Dimensione 4: Rilevazione dell opinione degli studenti frequentanti L Università Unitelma Sapienza nel corso dell a.a. 2013/2014 ha attivato i 2 questionari previsti dall ANVUR relativi alla valutazione

Dettagli

A cura di Ciro Annicchiarico e Francesca Crescioli

A cura di Ciro Annicchiarico e Francesca Crescioli A cura di Ciro Annicchiarico e Francesca Crescioli Giugno 2010 Sistema Statistico nazionale Ufficio Comunale di Statistica Direzione Risorse Tecnologiche Servizio Statistica e Toponomastica Dirigente Riccardo

Dettagli

FOCUS settembre 2015. Il viaggio dei pugliesi all estero, in base all indagine della Banca d Italia. Fonti: Banca d Italia Turismo internazionale

FOCUS settembre 2015. Il viaggio dei pugliesi all estero, in base all indagine della Banca d Italia. Fonti: Banca d Italia Turismo internazionale struttura. Il confronto dei dati dell Istat con le stime della Banca d Italia sembra evidenziare la presenza di altri fenomeni, oltre quello misurato dalle presenze straniere nelle strutture ricettive.

Dettagli

Sociologia del turismo

Sociologia del turismo Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Università degli Studi di Milano-Bicocca Corso di Laurea triennale in Scienze del Turismo e Comunità Locale Sociologia del turismo Prof. Matteo Colleoni Tutor

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

INTRODUZIONE STATISTICA

INTRODUZIONE STATISTICA INTRODUZIONE STATISTICA (scienza dello stato): insieme dei principi e di metodi per la raccolta, elaborazione, utilizzazione e interpretazione di informazioni riguardanti fenomeni collettivi. In termini

Dettagli

Il Portale Web del Comune di Roma

Il Portale Web del Comune di Roma IL PORTALE WEB DEL COMUNE DI ROMA on line PREMESSA Le trasformazioni conseguenti alla diffusione delle tecnologie della comunicazione e dell'informazione (I.C.T.) contribuiscono in maniera sempre più determinante

Dettagli

Report relativo all analisi di Customer Satisfaction

Report relativo all analisi di Customer Satisfaction Report relativo all analisi di Customer Satisfaction Committente: Firenze Parcheggi SpA Società incaricata: Process Factory Srl Via Masaccio 153, 50132 Firenze Data del report: 11/05/2015 Sommario 1. Premessa...

Dettagli

FONDAZIONE FITZCARRALDO

FONDAZIONE FITZCARRALDO FONDAZIONE FITZCARRALDO INDAGINE SUL PUBBLICO DEI FESTIVAL DI PIEMONTE DAL VIVO ABSTRACT DELLA RICERCA Gli obiettivi della ricerca La popolazione di riferimento dell indagine è quella del pubblico dei

Dettagli

Uso di droga nella popolazione

Uso di droga nella popolazione USO DI DROGA NELLA POPOLAZIONE Uso di droga nella popolazione generale L obiettivo dell indagine campionaria IPSAD Italia2003 (Italian Population Survey on Alcool and Drugs), è quello di rilevare l utilizzo

Dettagli

Indagini di Customer Satisfaction. Museo Napoleonico. Settembre Ottobre 2011. Data 13/11/2011

Indagini di Customer Satisfaction. Museo Napoleonico. Settembre Ottobre 2011. Data 13/11/2011 Data 13/11/2011 Indagini di Customer Satisfaction Museo Napoleonico Settembre Ottobre 2011 Indice Il documento si articola nei seguenti capitoli: Premessa e nota metodologica Sintesi dei risultati Medie

Dettagli

Esercitazione n.2 Inferenza su medie

Esercitazione n.2 Inferenza su medie Esercitazione n.2 Esercizio L ufficio del personale di una grande società intende stimare le spese mediche familiari dei suoi impiegati per valutare la possibilità di attuare un programma di assicurazione

Dettagli

CUSTOMER SATISFACTION E DESTINAZIONE TURISTICA

CUSTOMER SATISFACTION E DESTINAZIONE TURISTICA CUSTOMER SATISFACTION E DESTINAZIONE TURISTICA L'ANALISI DEI COMPORTAMENTI DI VACANZA NELLA PRATICA AZIENDALE E NEL MARKETING LE DECISIONI OPERATIVE SONO ASSUNTE FACENDO RIFERIMENTO A SEGMENTI DELLA DOMANDA

Dettagli

Gli incidenti stradali in Emilia-Romagna: 2011 (dati provvisori progetto MIStER)

Gli incidenti stradali in Emilia-Romagna: 2011 (dati provvisori progetto MIStER) Gli incidenti stradali in Emilia-Romagna: 2011 (dati provvisori progetto MIStER) Nel corso del 2011 sul territorio della regione Emilia-Romagna si sono verificati 20.415 incidenti (268 in più rispetto

Dettagli

1a) Calcolare gli estremi dell intervallo di confidenza per µ al 90% in corrispondenza del campione osservato.

1a) Calcolare gli estremi dell intervallo di confidenza per µ al 90% in corrispondenza del campione osservato. Esercizio 1 Sia X 1,..., X un campione casuale estratto da una variabile aleatoria normale con media pari a µ e varianza pari a 1. Supponiamo che la media campionaria sia x = 2. 1a) Calcolare gli estremi

Dettagli

ACTL Osservatorio Stage

ACTL Osservatorio Stage ACTL Osservatorio Stage 1 Dal 1999 ACTL Sportello Stage è il maggior ente italiano di promozione degli stage. Nel 2011 ha promosso 7284 stage in tutto il territorio nazionale. 2 Gli stage attivati nel

Dettagli

L INDAGINE TECNOBORSA 2011: LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE NELLE SEI GRANDI CITTA INTERMEDIAZIONE E VALUTAZIONE

L INDAGINE TECNOBORSA 2011: LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE NELLE SEI GRANDI CITTA INTERMEDIAZIONE E VALUTAZIONE L INDAGINE TECNOBORSA 2011: LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE NELLE SEI GRANDI CITTA INTERMEDIAZIONE E VALUTAZIONE a cura di Alice Ciani Centro Studi sull Economia Immobiliare di Tecnoborsa

Dettagli

IL FONDO DI ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA COOPERSALUTE CONOSCENZA, USO ED INTERESSE VERSO I SERVIZI, CUSTOMER SATISFACTION

IL FONDO DI ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA COOPERSALUTE CONOSCENZA, USO ED INTERESSE VERSO I SERVIZI, CUSTOMER SATISFACTION Ricerche Sociali e di Marketing IL FONDO DI ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA COOPERSALUTE CONOSCENZA, USO ED INTERESSE VERSO I SERVIZI, CUSTOMER SATISFACTION LE PRINCIPALI RISULTANZE Roma, 16 Marzo 2010

Dettagli

Nota metodologica 283

Nota metodologica 283 Nota metodologica Questo volume, indirizzato sia ai giovani che stanno per iscriversi a un corso di laurea, sia a quelli che stanno per completare gli studi, concentra la propria attenzione sulle prospettive

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Convegno Infrastructura L innovazione nelle infrastrutture di trasporto IV Sessione Le esigenze delle utenze e le modalità di utilizzo

Convegno Infrastructura L innovazione nelle infrastrutture di trasporto IV Sessione Le esigenze delle utenze e le modalità di utilizzo Assessorato ai Trasporti Convegno Infrastructura L innovazione nelle infrastrutture di trasporto IV Sessione Le esigenze delle utenze e le modalità di utilizzo La mobilità delle persone in ambito urbano

Dettagli

[GLI ITALIANI E L'USO DELLA BICICLETTA] APRILE 2011

[GLI ITALIANI E L'USO DELLA BICICLETTA] APRILE 2011 1. Abitualmente nei giorni feriali quali mezzi utilizza per i suoi spostamenti? Automobile 77 74 79 76 79 75 Autobus/ Filobus/ tram 28 22 34 30 22 32 Metropolitana 22 27 17 42 17 12 Bici 10 14 7 8 10 13

Dettagli

CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE

CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE 514 CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE 515 Conclusioni Le Considerazioni conclusive sulla Fase 2 della VIS possono essere sintetizzate in tre punti: 1. La seconda fase dopo lo screening ha approfondito in primo

Dettagli

Profilazione dei passeggeri in partenza dall Aeroporto di Napoli. Dati 2015

Profilazione dei passeggeri in partenza dall Aeroporto di Napoli. Dati 2015 Profilazione dei passeggeri in partenza dall Aeroporto di Napoli Dati 2015 Passeggeri in partenza - totale 2015 Caratteristiche socio-demografiche In aeroporto Sesso Residenza Motivo del viaggio Voli in

Dettagli

Sondaggio on line Buona mobilità www.iopartecipo.net Elaborazione dei risultati

Sondaggio on line Buona mobilità www.iopartecipo.net Elaborazione dei risultati Sondaggio on line Buona mobilità www.iopartecipo.net Elaborazione dei risultati Pag. . Premessa Il sondaggio on line Buona mobilità affrontava un tema di grande interesse e dal forte impatto sulla vita

Dettagli

SERVIZIO [TO]BIKE INDAGINE SULLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI

SERVIZIO [TO]BIKE INDAGINE SULLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI SERVIZIO [TO]BIKE INDAGINE SULLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI 25 febbraio 2013 indagine eseguita a Novembre 2012 curata dalla dott.ssa Elena Amistà in collaborazione con il Servizio Qualità della Città di

Dettagli

F E D E R C O N S U M A T O R I

F E D E R C O N S U M A T O R I * INDAGINE SULLA CONOSCENZA DEI FARMACI EQUIVALENTI/GENERICI Sintesi ricerca F E D E R C O N S U M A T O R I FEDERAZIONE NAZIONALE CONSUMATORI E UTENTI Roma, 21 giugno 2012 Presentazione a cura di Roberto

Dettagli

Report finale sportello Ricomincio da qui

Report finale sportello Ricomincio da qui Report finale sportello Ricomincio da qui Contesto generale del progetto Ricomincio da qui Lo sportello Ricomincio da qui offre supporto e sostegno a tutti coloro che sono residenti a Spinea e cercano

Dettagli

CHI E IL CICLISTA. Il ciclista urbano a Firenze, l associazione a lui dedicata e l offerta di noleggio

CHI E IL CICLISTA. Il ciclista urbano a Firenze, l associazione a lui dedicata e l offerta di noleggio CHI E IL CICLISTA Il ciclista urbano a Firenze, l associazione a lui dedicata e l offerta di noleggio Esame in Città e politiche urbane a.a 2014/2015 Relazione di Elena Bellettati 1 INDICE 1. INTRODUZIONE...

Dettagli

Velocità Napoli - Roma. Dario Gentile

Velocità Napoli - Roma. Dario Gentile Indagine sugli effetti della linea Alta Velocità Napoli - Roma 1 Dario Gentile Introduzione Analisi dei flussi di traffico passeggeri in auto e treno sulla relazione Napoli - Roma Risultati dell indagine

Dettagli

RAPIDE. Nel 2001 la spesa media mensile. La povertà in Italia nel 2001 POVERTÀ NEL TEMPO E SUL TERRITORIO. 17 luglio 2002

RAPIDE. Nel 2001 la spesa media mensile. La povertà in Italia nel 2001 POVERTÀ NEL TEMPO E SUL TERRITORIO. 17 luglio 2002 SOTTO LA SOGLIA DI POVERTÀ IL 12% DELLE FAMIGLIE La povertà in Italia nel 2001 di povertà viene calcolata sulla base del numero di L incidenza famiglie (e relativi componenti) che presentano spese per

Dettagli

Analisi delle modalità di spostamento a Pianezza

Analisi delle modalità di spostamento a Pianezza A PIANEZZA Liberi di muoversi Liberi dalla CO 2 Analisi delle modalità di spostamento a Pianezza Mercoledì 19 dicembre 2012 Hotel Gallia Elena Pedon Provincia di Torino Ufficio Pianificazione ed Educazione

Dettagli

RAPIDE. La povertà in Italia nel 2000 POVERTÀ RELATIVA SUL TERRITORIO. 31 luglio 2001 SOTTO LA SOGLIA DI POVERTÀ RELATIVA IL 12,3% DELLE FAMIGLIE

RAPIDE. La povertà in Italia nel 2000 POVERTÀ RELATIVA SUL TERRITORIO. 31 luglio 2001 SOTTO LA SOGLIA DI POVERTÀ RELATIVA IL 12,3% DELLE FAMIGLIE SOTTO LA SOGLIA RELATIVA IL % DELLE FAMIGLIE La povertà in Italia nel della povertà viene calcolata sulla base del numero di L incidenza famiglie (e relativi componenti) che presentano spese per consumi

Dettagli

MARKETING E TRASPORTO PUBBLICO PROFILI DI UTENZA E POTENZIALITA DEL CAR SHARING ALL INTERNO DEI SERVIZI DI TRASPORTO URBANO

MARKETING E TRASPORTO PUBBLICO PROFILI DI UTENZA E POTENZIALITA DEL CAR SHARING ALL INTERNO DEI SERVIZI DI TRASPORTO URBANO ICS CAR SHARING Service Satisfaction Job 04- MARKETING E TRASPORTO PUBBLICO PROFILI DI UTENZA E POTENZIALITA DEL CAR SHARING ALL INTERNO DEI SERVIZI DI TRASPORTO URBANO Job 04- Relatore: Andrea Cimenti

Dettagli

1. Quali dei seguenti interventi può rendere concorrenziale l uso dell autobus rispetto all auto privata?

1. Quali dei seguenti interventi può rendere concorrenziale l uso dell autobus rispetto all auto privata? 1. Quali dei seguenti interventi può rendere concorrenziale l uso dell autobus rispetto all auto privata? Due risposte possibili - Votanti: 115+188=33 3 25 2 22 Valori assoluti 15 1 5 72 13 58 84 142 43

Dettagli

Customer satisfaction Igiene urbana

Customer satisfaction Igiene urbana Novembre - Dicembre 2008 Customer satisfaction Igiene urbana A cura di Francesca Dallago 0.1. Caratteristiche dell indagine PERIODO DI RILEVAZIONE DEI DATI: Novembre-Dicembre 2008. STRUMENTO DI RILEVAZIONE

Dettagli

Indagine su abitudini alimentari, attività motoria e benessere fisico dei bambini di 6-11 anni e dei giovani di 12-17 anni

Indagine su abitudini alimentari, attività motoria e benessere fisico dei bambini di 6-11 anni e dei giovani di 12-17 anni Indagine su abitudini alimentari, attività motoria e benessere fisico dei bambini di 611 anni e dei giovani di 1217 anni Sintesi dei risultati Aprile 2004 S. 0402930 Premessa Nelle pagine seguenti vengono

Dettagli

Monitoraggio locale sull uso dei dispositivi di sicurezza in auto

Monitoraggio locale sull uso dei dispositivi di sicurezza in auto Servizio Sanitario Nazionale - Regione Veneto AZIENDA UNITA' LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 13 Dipartimento di Prevenzione Monitoraggio locale sull uso dei dispositivi di sicurezza in auto Anno 2010 Azienda

Dettagli

UNA CITTÁ CONTRO LA VIOLENZA

UNA CITTÁ CONTRO LA VIOLENZA COMMISSIONE PER LE PARI OPPORTUNITÁ TRA UOMO E DONNA QUESTIONARIO UNA CITTÁ CONTRO LA VIOLENZA 1- INTRODUZIONE 1.1 La popolazione oggetto d indagine In riferimento agli obiettivi prefissati dalla commissione

Dettagli

Il servizio di Teleassistenza: rilevazione della soddisfazione degli utenti

Il servizio di Teleassistenza: rilevazione della soddisfazione degli utenti Provincia di Milano Direzione Centrale Cultura e Affari Sociali Settore Sostegno e Prevenzione delle Emergenze Sociali Ufficio Teleassistenza Il servizio di Teleassistenza: rilevazione della soddisfazione

Dettagli

Risultati dell indagine conoscitiva sul Network di Linea Amica

Risultati dell indagine conoscitiva sul Network di Linea Amica Risultati dell indagine conoscitiva sul Network di Linea Amica (a cura dell Area Comunicazione e Servizi al cittadino, con il supporto dell Ufficio Monitoraggio e Ricerca di FormezPA) INDICE 1. Introduzione

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013 17 luglio 2013 Anno 2012 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le

Dettagli

IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI

IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI 1. La rilevazione La rilevazione presso le famiglie con bambini da zero a 3 anni, residenti nei comuni dell Ambito territoriale dei servizi sociali

Dettagli

Arsenàl.IT. Centro Veneto Ricerca e Innovazione per la Sanità Digitale

Arsenàl.IT. Centro Veneto Ricerca e Innovazione per la Sanità Digitale Risultati del questionario di valutazione del servizio di scarico online del referto nelle aziende riusanti Arsenàl.IT Centro Veneto Ricerca e Innovazione per la Sanità Digitale Informazioni preliminari

Dettagli

Registro emodialisi Regione Marche: caratteristiche dei pazienti e trattamenti

Registro emodialisi Regione Marche: caratteristiche dei pazienti e trattamenti Registro emodialisi Regione Marche: caratteristiche dei pazienti e trattamenti L insufficienza renale cronica (IRC), raggiungendo lo stadio di uremia terminale, determina la necessità di ricorrere al trattamento

Dettagli

Risultati Floriani. [1] Totale Segnalazioni 14 /16 F 17 /18 F 19 /20 F 14 /16 M 17 /18 M 19 /20 M 315 138 110 22 23 17 5 44% 35% 7% 7% 5% 2%

Risultati Floriani. [1] Totale Segnalazioni 14 /16 F 17 /18 F 19 /20 F 14 /16 M 17 /18 M 19 /20 M 315 138 110 22 23 17 5 44% 35% 7% 7% 5% 2% Risultati Floriani In questo documento sono riportati i risultati ottenuti dall analisi delle risposte del questionario proposto agli 460 studenti dell Istituto Floriani; quelli compilati e restituiti

Dettagli

Dom. 4 Mi puo' dire per favore la sua eta' in anni compiuti? (registrare, se minore di 18 chiudere l intervista)

Dom. 4 Mi puo' dire per favore la sua eta' in anni compiuti? (registrare, se minore di 18 chiudere l intervista) Buongiorno, sono un intervistatore/trice dell Istituto SWG Stiamo effettuando una ricerca per conto dell Università degli Studi di Torino e di AMIAT. L'azienda AMIAT (Azienda Multiservizi Igiene Ambiente

Dettagli

Questionario N.A.V.I. a.s. 2013/2014

Questionario N.A.V.I. a.s. 2013/2014 ISTITUTO MAGISTRALE STATALE MARIA IMMACOLATA San Giovanni Rotondo Questionario N.A.V.I. L indagine NAVI per il corrente anno scolastico, come negli anni precedenti, è stata svolta su quattro aree (docenti,

Dettagli

I GIOVANI NON DEMORDONO E CERCANO DI RESISTERE E ADATTARSI

I GIOVANI NON DEMORDONO E CERCANO DI RESISTERE E ADATTARSI Rapporto GIOVANI E LAVORO La crisi economica ha aggravato la condizione dei giovani italiani peggiorando le opportunità di trovare un occupazione, di stabilizzare il percorso lavorativo, di realizzare

Dettagli

Il lavoro occasionale accessorio (o conosciuto più semplicemente voucher o buoni lavoro) come modalità di occupazione degli stranieri

Il lavoro occasionale accessorio (o conosciuto più semplicemente voucher o buoni lavoro) come modalità di occupazione degli stranieri Studi e ricerche sull economia dell immigrazione Il lavoro occasionale accessorio (o conosciuto più semplicemente o buoni lavoro) come modalità di occupazione degli Anni 2009, 2010, 2011 Cos è il lavoro

Dettagli

Indagine sul Commercio Elettronico

Indagine sul Commercio Elettronico Definizione dei target e delle abitudini di acquisto degli individui acquirenti http://research.onetone.it/ FEBBRAIO 2003 OBIETTIVI DEL LAVORO L obiettivo della seguente indagine è stato di delineare le

Dettagli

Questionario 2010 Aem Torino Distribuzione

Questionario 2010 Aem Torino Distribuzione Buongiorno, sono un intervistatore/trice dell Istituto Swg. Stiamo effettuando una ricerca per conto dell Università degli Studi di Torino e di. L azienda Aem Torino Distribuzione sta conducendo un indagine

Dettagli

Tabella per l'analisi dei risultati

Tabella per l'analisi dei risultati Vai a... UniCh Test V_Statistica_Eliminatorie Quiz V_Statistica_Eliminatorie Aggiorna Quiz Gruppi visibili Tutti i partecipanti Info Anteprima Modifica Risultati Riepilogo Rivalutazione Valutazione manuale

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

QUESTIONARIO - PIANO DEGLI SPOSTAMENTI CASA - LAVORO Cod. az.

QUESTIONARIO - PIANO DEGLI SPOSTAMENTI CASA - LAVORO Cod. az. COMUNE DELLA SPEZIA PROVINCIA DELLA SPEZIA ATC spa ATC MP spa QUESTIONARIO - PIANO DEGLI SPOSTAMENTI CASA - LAVORO Cod. az. SEZIONE 1 : INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE n. scheda 1. SESSO M F 2. ETA

Dettagli