Affumicatore Il mantice andrà ripulito il più possibile dai resti di propoli e cera.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Affumicatore Il mantice andrà ripulito il più possibile dai resti di propoli e cera."

Transcript

1 Trattamento del materiale infetto Una volta identificata una fonte di infezione, andranno prese tutte le precauzioni per evitare la diffusione di materiale infetto. Guanti Sebbene questi accessori non siano da considerare quale preoccupante fonte d infezione, quando si va a contatto con alveari infetti andranno intraprese normali precauzioni igieniche. I guanti andranno lavati con acqua e sapone che, ovviamente, non avrà alcun effetto sulle spore, ma aiuterà a rimuovere cera e propoli che potrebbero contenerne. Leva Si disinfetta facilmente passandola alla fiamma. Nel caso ci si trovi in apiario si può disinfettarla mettendola all interno dell affumicatore aperto, azionando il mantice fino a produrre una fiamma viva. Affumicatore Il mantice andrà ripulito il più possibile dai resti di propoli e cera. Arnie, escludiregina Per l attrezzatura apistica sono utilizzabili diverse sostanze e metodi, non necessariamente l uno alternativo all altro: Passaggio in soda caustica: in questo caso l arnia dopo essere stata raschiata viene lavata con acqua bollente e soda, viene poi asciugata con il passaggio alla fiamma azzurra. In questo caso la sterilizzazione ha una efficacia dell 80% circa. Passaggio alla fiamma: l interno dell arnia viene bruciato con un cannello fino a che il legno diventa nero, segue poi un lavaggio con l idropulitrice. L efficacia è circa dell 80%. Immersione in paraffina: ha una efficacia che si avvicina al 100% quando il materiale è immerso per dieci minuti a 160 C. Sia il tempo che la temperatura sono fondamentali per la buona riuscita dell operazione. Il punto di fiamma della paraffina è di 199 C; andrà quindi tenuta sempre sotto controllo la temperatura per evitare pericolosi incendi. Immersione in ipoclorito di sodio: una delle poche sostanze effettivamente attive sulle spore della peste. La comune candeggina ha una concentrazione del 3% e ricerche hanno dimostrato che l immersione in acqua e ipoclorito allo 0,5% uccide effettivamente le spore della peste in 20 minuti. Il materiale deve essere tuttavia estremamente pulito perché la candeggina non raggiunge le spore protette da cera o propoli. Inoltre la soluzione non può essere conservata alla luce e per periodi molto lunghi. Immersione in sali d ammonio quaternari o altri disinfettanti non raggiungono, come l ipoclorito, le spore protette da propoli o cera. Ossido di etilene: è efficace anche per la sterilizzazione dei favi, ma il suo uso è estremamente problematico, la miscela con l aria lo rende esplosivo e può lasciare residui cancerogeni. Per tali motivi è bandito in molti paesi. Raggi gamma: è l unico mezzo di disinfezione che garantisce una sterilità del 100%, sia delle arnie che dei favi; è relativamente poco costoso e, se è vero che sanifica nel contempo arnie e favi, è altrettanto vero che risulta problematico dal punto di vista sia dei costi di trasporto del materiale alle ditte, sia per le problematiche legislative. 15

2 LA SELEZIONE DI CEPPI DI API RESISTENTI ALLA PESTE AMERICANA Un certo grado di resistenza alla peste americana è comune a tutte le razze di apis mellifera, e non potrebbe essere altrimenti visto che il patogeno si sviluppa esclusivamente sulle api e quindi non può essere totalmente distruttivo. I primi test furono fatti da Park nel 1935, che dimostrò come alcune colonie risultavano più resistenti di altre.alle colonie venivano somministrati i resti di 75 scaglie, aumentando la dose anche famiglie resistenti manifestavano la malattia. Altri ricercatori scoprirono che nelle colonie resistenti le larve malate venivano rimosse sei giorni dopo la nascita, mentre nelle suscettibili questo non avveniva che all undicesimo giorno cioè nel momento in cui si era gia formata la massa delle spore. Studi successivi iniziarono a selezionare per resistenza (R) e sensibilità (S) e si ottennero linee dieci volte più resistenti e linee dieci volte più suscettibili rispetto alla media.vennero poi dimostrati una serie di fattori ereditari che contribuiscono alla tolleranza della malattia. Il comportamento igienico delle api adulte Consiste nella rimozione delle larve malate prima che diventino infettive. Questo comportamento venne ulteriormente diviso in un fattore che porta a disopercolare le celle e in uno che porta alla rimozione della larva. Regina selezionata per il comportamento igienico L efficienza delle api adulte nel filtrare le spore dal miele Le api adulte sono in grado di eliminare parte delle spore per mezzo della valvola proventricolare. Le api adulte dei ceppi R filtrano le spore dal miele in modo più efficiente rispetto ai ceppi S. La velocità con cui le giovani larve diventano R all infezione con l aumento dell età Le larve selezionate mostrarono una crescita più veloce nel primo giorno di vita. Efficienza di fattori antibatterici nella secrezione delle api nutrici Il cibo prodotto dalle nutrici può contenere alcuni fattori che inibiscono la germinazione delle spore e la crescita delle cellule vegetative. Per i ricercatori la più deludente e inaspettata sorpresa fu che sia il gene della disopercolatura sia quello della rimozione sono, entrambi, recessivi. Gli ibridi dei due ceppi risultavano tutti suscettibili a dimostrazione inequivocabile che i caratteri dipendono da geni recessivi e che per la loro espressione devono, quindi, trovarsi in condizioni di omozigosi. Gli ibridi, entrambi suscettibili, quando furono reincrociati con i ceppi parentali diedero i seguenti esiti: un quarto era suscettibile, un quarto resistente, un quarto disopercolava bene ed un quarto rimuoveva velocemente le larve. Questi risultati dimostrarono chiaramente che l espressione del carattere R dipende da due geni indipendenti e recessivi e, sfortunatamente, questo comporta notevoli difficoltà di selezione. Per quanto riguarda gli altri fattori di resistenza non si conosce nulla a proposito delle loro basi genetiche. Una selezione inoculando giovani larve e incrociando artificialmente i più R dimostrò un aumento della resistenza dei ceppi selezionati. 16

3 Stazioni di fecondazione per selezione regine igieniche COME RIDURRE AL MINIMO LA PESTE AMERICANA SENZA USO DI CHEMIOTERAPICI L utilizzo di antibiotici non è in alcun modo conciliabile con l immagine che ha il consumatore del miele. La presenza di residui di antibiotici nel miele,anche se in quantità incomparabilmente inferiori rispetto ad altre derrate zootecniche (latte, uova ), non ha alcuna possibilità di essere accettata ed accettabile. Recentemente il rinvenimento di tracce di antibiotico nei mieli cinesi ha provocato la chiusura delle importazioni da tale paese. La normativa europea in merito è in rapida evoluzione ed armonizzazione. E prevedibile che siano messi a punto comuni metodi di analisi e precise soglie di riferimento. Secondo alcuni responsabili veterinari, in Italia, non é giustificata e giustificabile, in alcun caso, la somministrazione di antibiotici alle api. I responsabili veterinari italiani che interpretano la normativa con un possibile uti- Non c è dubbio che esistano parecchi fattori ereditabili che fanno si che alcuni ceppi siano più resistenti alla peste americana di altri; ricerche più recenti dimostrerebbero che i geni deputati alla resistenza siano più numerosi. L esito dei lavori di ricerca dimostrerebbe che i geni che controllano il comportamento igienico sarebbero almeno sette. La selezione è comunque difficile perché queste linee andrebbero tenute separate dalle altre per fare in modo che i caratteri si fissino nella popolazione. Tuttavia, da ricerche recentemente condotte, è stato provato che qualsiasi razza di api ha all interno della sua popolazione un 10% di colonie che hanno le caratteristiche genetiche per la ricerca e rimozione delle larve infette (Spivak M.). Questa frequenza genica può essere accresciuta attraverso una maggiore diffusione di ceppi d api con spiccato comportamento igienico. In USA ricercatori in collaborazione con un gruppo di allevatori di api regine attuano un programma di selezione di ceppi con spiccato comportamento igienico, alcuni dei quali mantenuti attraverso l inseminazione strumentale. Un analogo programma di diffusione di api regine igieniche si sta svolgendo in Argentina. Se allevatori di regine, produttori di miele ed istituti di ricerca si concentrassero nella realizzazione di un programma di selezione su questa caratteristica, la frequenza genica dei caratteri deputati alla resistenza aumenterebbe e come risultato si avrebbe una minore incidenza della malattia. Per quanto riguarda l effetto delle pratiche apistiche sulla manifestazione della resistenza. L infezione da peste è destinata a crescere con una apicoltura razionale che utilizza sistematicamente i chemioterapici, perché le colonie, indisturbate, hanno maggiori possibilità di esprimere i caratteri di resistenza. Visite frequenti consentono il costante controllo dello stato sanitario della famiglia 17

4 lizzo ricordano che é necessaria obbligatoriamente la specifica prescrizione galenica e l utilizzo sotto il debito controllo dell autorità. L utilizzo di tali principi attivi, senza l opportuna procedura espone a pesanti rischi sanzionatori. Il Regolamento di polizia veterinaria, d altronde, con l inapplicabile ed ingiustificabile concetto di focolaio riferito alle patologie apistiche, complica e rende difficoltoso il rapporto tra apicoltori e responsabili della sanità animale. La conduzione apistica dovrà misurarsi con diverse possibili leve per combattere questa patologia. Compatibilmente con le esigenze aziendali risultano evidenti due indirizzi operativi: è di primaria importanza ispezionare il nido con la maggior frequenza possibile; evitare, il più possibile, lo scambio di materiale da alveari infetti o sospetti. L adozione di svariati accorgimenti può facilitarci al fine di evitare, il più possibile, lo scambio di favi che abbiano contenuto covata. La sempre più frequente adozione, in Italia, di reti escludiregina è, in parte, spiegabile anche con una preoccupazione di profilassi igienica. Per altri aspetti una buona pulizia e disinfezione sta diventando una buona e abituale pratica produttiva di gran parte delle aziende apistiche.più complesso ed impegnativo è, invece, la modifica in ordine alla gestione della famiglie. Più intense, puntuali ed attente, saranno le visite maggiori saranno le probabilità di scoprire la famiglia ammalata prima che avvenga uno scambio di favi o di quant altro necessario per la conduzione degli apiari. Una buona occasione per controllare la sanità delle famiglie si ha durante il controllo della sciamatura. Dopo aver fatto lo spazio necessario, scrollare le api dai favi sarà doppiamente utile, perché ci consentirà di controllare facilmente sia la presenza di celle reali sia quella di cellette anomale. Una visita mensile (anche molto breve, osservando con attenzione alcuni favi di covata) durante il corso della stagione fa diminuire di molto la probabilità che un alveare diventi fonte di infezione per gli altri. Le colonie che non salgono a melario nel corso dei raccolti andranno ispezionate al più presto. Molto importante sarà poi programmare notevole tempo ed attenzione in fase autunnale, quando oltre a valutare le scorte, si potrà osservare meglio la covata perché le famiglie hanno incominciato a ridurne l allevamento. Tutte le celle abbandonate e non nate andranno osservate con sospetto: si trovano percentualmente maggiori casi positivi in tarda-estate/autunno rispetto alle visite primaverili. Le visite autunnali hanno, anche, l indiscutibile vantaggio di eliminare tempestivamente quelle famiglie che, se morissero, potrebbero essere saccheggiate aumentando la percentuale di colonie infette. In tutti gli apiari in cui si sono verificati casi di peste, prima di effettuare ogni trasferimento di covata dagli alveari o formazione di nuclei dovrà essere effettuato un controllo minuzioso. Importante è anche il numero di favi ispezionati, la tentazione è quella di guardarne solo due o tre, ma minore sarà il numero di favi osservato, minore sarà la possibilità di trovare l infezione. Durante le visite effettuate allo scopo di controllare la presenza della peste, è sempre preferibile scrollare le api nell arnia per avere una migliore visione della covata. Chi si avvale di personale dovrà mettere a punto precise procedure ed adeguata formazione sullo stato sanitario e sui controlli degli apiari. LA MESSA IN QUARANTENA La quarantena è una pratica che prevede un periodo di isolamento per individuare ed eliminare una patologia infettiva e contagiosa. Con questa pratica si può limitare la diffusione della peste. In apicoltura si possono applicare due tipi di quarantena, per alveare e per apiario. Per alveare Si applica quando ogni alveare viene trattato come unità singola, evitando lo scambio di favi con le altre colonie. Si può attuare a discrezione dell apicoltore, ma è consigliabile quando l incidenza della patologia supera il 20% del totale. Questo tipo di quarantena è consigliabile a tutti gli apicoltori amatoriali che, avendo un numero di alveari limitato, sono in grado di avere il pieno controllo del materiale. Chi possiede un numero circoscritto di famiglie può, facilmente, distinguere il materiale usato per ogni alveare usando colori diversi; anche i telaini da nido e da melario andranno marcati con una linea di colore. Così operando, si ha sempre il controllo della prove- 18

5 nienza dei favi anche quando sono usati per costituire nuclei e, quando un alveare risulta infetto, oltre alla distruzione della colonia, si potrà provvedere a sterilizzare tutto il materiale venuto a contatto della famiglia. Questa pratica, pur essendo molto dispendiosa, dal punto di vista dell organizzazione del lavoro, può essere considerata anche da apicoltori semiprofessionali. Per apiario In questo caso, ogni apiario viene condotto in modo separato, evitando lo scambio di materiale da una postazione all altra. Questo sistema è in uso tra molti apicoltori professionali in Nuova Zelanda, dove ogni apiario con tutto il suo materiale è identificato molto semplicemente attraverso un codice. Rispetto al sistema precedente questo tipo di quarantena ha il vantaggio di essere più semplice e meno dispendioso dal punto di vista del tempo necessario per mantenerlo. Esistono diverse varianti a questo sistema ed una prevede di mettere un apiario in quarantena solo quando casi di peste sono accertati: l apiario viene isolato per diciotto mesi e per un anno viene sottoposto a visite periodiche per individuare ed eliminare le famiglie infette. Nulla impedisce di praticare in questi apiari la quarantena per alveare. contaminazione) si colloca in una situazione decisamente privilegiata per circoscrivere le possibili vie di trasmissione del patogeno. E giunta l ora di abbandonare la strada vecchia perchè fallimentare dal punto di vista dei risultati pratici, come ben evidenziato dalla comparsa, nei paesi e fra gli apicoltori che si sono maggiormente affidati alla lotta con antibiotici, di ceppi di peste americana resistenti. E giunta l ora di abbandonare la strada vecchia in quanto incompatibile con una richiesta crescente e motivata di qualità nel miele e di assenza di residui. Il grande progresso dei metodi analitici che individuano, in modo sempre più preciso, tracce e residui dell utilizzo di antibiotici in apicoltura, sta riconfigurando il mercato mondiale del miele. Chi non saprà adeguarsi risulterà fuori gioco; chi, al contrario, saprà garantire un prodotto coerente con le aspettative dei consumatori potrà, forse, trarne l adeguato riconoscimento economico. I fronti su cui lavorare sono noti da tempo: ricerca di ceppi di api igieniche, procedure di profilassi igienica, sperimentazione di tecniche innovative per la disinfezione dei materiali. E giunta l ora di passare dal dire al fare. Proviamo ad imboccare un nuovo percorso, con la piena consapevolezza di quanto sia impegnativo e difficile abbandonare vecchie e consolidate abitudini e relative convinzioni. Speriamo che questa nostra esposizione possa essere colta quale contributo alla nuova attitudine problematica e culturale che la questione peste americana pretende. Proviamo a passare dal dire una cosa e praticarne un altra, al più difficile ed impegnativo, ma fruttuoso, fare ciò che si dice.trovare la strada per contrastare la peste americana, così come per le altre patologie che andremo ad analizzare, non è facile. Impone costi non facilmente sopportabili ma è un percorso obbligato: affidarsi alla medicina risolutiva non offre, infatti, alcuna prospettiva. CONSIDERAZIONI FINALI E necessario investire maggiori attenzioni e sforzi, da parte di tutti i soggetti in campo, per contrastare una patologia dimenticata o meglio posta in secondo piano dalla diffusione della varroa. A noi apicoltori spetta una parte di rilievo in questo sforzo, a partire dalla consapevolezza che l approccio chimico (basato sull impiego di antibiotici) non ha alcuna valenza e validità strategica.a tal proposito è opportuno sottolineare che: L apicoltura italiana,basata sull utilizzo di arnie Dadant Blatt (con melari destinati unicamente al raccolto di miele, esenti da covata e quindi con minor rischio di 19

6 Peste europea SINTOMI E DIAGNOSI La peste europea colpisce le larve che, di solito, quando infette, muoiono all età di quattro o cinque giorni. La patologia si manifesta nelle famiglie in primavera, quando le colonie sono in rapida crescita; di solito in ogni zona esiste un ben definito periodo di comparsa della malattia, che viene, di norma, seguito da una guarigione spontanea. Le larve ammalate si trovano nelle loro celle in posizione disordinata, un po come capita quando non sono seguite da un numero sufficiente di nutrici e non ricevono una alimentazione adeguata. Quando muoiono, le larve appaiono flaccide, marroni e, con l inizio della decomposizione, si sviluppa un odore generalmente puzzolente più o meno acido; a volte tuttavia non è percepibile alcun odore. Se le larve morte vengono sezionate e si osserva la membrana peritrofica, questa appare colma di batteri. CAUSA La peste europea è causata da Melissococcus pluton, un batterio Gram positivo non sporigeno che, all osservazione microscopica, appare singolo o in catene di varia lunghezza od ancora a grappoli. Le larve infette che sopravvivono hanno un peso più basso perché i batteri assimilano molto del loro cibo. Le larve risultano suscettibili a qualunque età, ma, più invecchiano, più si riducono le probabilità di contrarre la malattia, perché proporzionalmente lasciano meno cibo a disposizione per la moltiplicazione dei batteri. In questo caso, le larve infette filano dei deboli bozzoli, a causa del minor sviluppo che subiscono le ghiandole della seta; molti batteri si sviluppano nelle feci, ma restano imprigionati nel bozzolo e sono facilmente eliminati dalla circolazione. In una colonia infetta esiste sempre un equilibrio interno tra il numero di larve che si ammalano e muoiono; quelle infette che sopravvivono e quelle che vengono eliminate da parte dalle api prima ancora che mostrino i sintomi della malattia. L infezione può persistere molti anni, anche senza segni visibili, causando lievi danni. Questo è stato dimostrato con test sierologici su colonie australiane apparentemente sane che a livello microscopico non mostravano nulla. La fluttuazione dell infezione è messa in relazione con la disponibilità della gelatina prodotta dalle api nutrici. Prove sperimentali hanno dimostrato che colonie, private di gran parte della covata disopercolata, sviluppano molte più larve MOLTIPLICAZIONE E SVILUPPO DELLA COLONIA I batteri sono diffusi attraverso il cibo contaminato e si moltiplicano rapidamente all interno dell intestino delle api dove trovano un ambiente ricco di CO 2. Frequentemente, però, le larve non muoiono, filano il bozzolo ed i batteri sono scaricati con le feci alla base delle cellette. Nelle celle i batteri possono rimanere vitali per anni, molti sono rimossi dalle api spazzine, ma alcuni riescono nuovamente a penetrare nelle larve. 20

7 infette, (Bailey) perché ricevono un surplus di cibo. Questo sarebbe convalidato da ulteriori prove basate, al contrario, sull aggiunta di covata disopercolata in eccesso: in questo caso gran parte delle larve malate risultano rimosse velocemente. Questo sarebbe dovuto al fatto che, con un improvvisa carenza di cibo, le larve malate sono le prime a morire di fame. Capita, quindi, che nelle colonie infette prima del picco stagionale in cui di solito si manifesta l infezione, esista un equilibrio tra l incremento del numero delle larve che si ammalano e la loro eliminazione da parte delle api adulte. Il punto critico si ha quando il maltempo od un altro evento interrompono il flusso nettarifero. Durante la crescita della colonia, il batterio può svilupparsi velocemente senza che le larve manifestino la malattia, ma, interrompendosi la covata, le nutrici producono un surplus di cibo che diventa disponibile per le larve e per i batteri. Quando riprende il flusso nettarifero, riprende la deposizione, il cibo a disposizione delle singole larve diminuisce e le larve ammalate ricevono cibo insufficiente. Questo cambiamento è rapido e le larve infette iniziano a morire velocemente in numero maggiore rispetto alle possibilità delle api di scovare ed eliminare le larve colpite. In questa situazione si manifesta il tipico picco stagionale della malattia. Regine molto prolifiche danno luogo a famiglie apparentemente resistenti alla malattia, probabilmente perché l area di covata rimane sempre ampia rispetto alle api nutrici anche in condizioni avverse e, in questo modo, le larve infette vengono facilmente scoperte ed eliminate. Sintomatico che le colonie vicine alla morte per fame non mostrino segni della malattia, perché le infette sono le prime a morire e ad esser eliminate. Può accadere, talvolta, che le famiglie possano essere distrutte o seriamente compromesse dalla malattia, specialmente quando il numero di batteri che si accumulano è così elevato da uccidere un largo numero di larve. Nella maggior parte dei casi, le colonie non raggiungono livelli d infezione così elevati e la buona stagione, con un surplus di nettare a disposizione delle api, fa scomparire i segni della malattia. Nelle postazioni con raccolti costanti, l incidenza della patologia resta bassa e l effetto sulle colonie è transitorio. fermentato. Comune invasore è anche Bacillus alvei, batterio saprofita che vive sulle larve morte a causa della peste europea; occasionalmente si può trovare anche Bacillus laterosporus CONTROLLO DELLA MALATTIA Distruzione delle colonie Si rende necessaria solo quando le colonie risultano fortemente colpite e non sono in grado di riprendersi. Chemioterapia Esistono parecchi antibiotici in grado di controllare la malattia, ma molto spesso questa si ripresenta poi la stagione successiva. Anche se i sintomi scompaiono, le api hanno minori possibilità di eliminare le larve malate e quindi l infezione resta elevata. Gli antibiotici più efficaci hanno, inoltre, tutti un tempo di degradazione lungo ed è alto il rischio di inquinare il miele. Effetti delle pratiche apistiche Tutte le pratiche che interrompono l allevamento di covata o che mantengono poca covata in proporzione al numero delle nutrici permettono al M.pluton di moltiplicarsi, a causa dell eccesso di gelatina fornita dalle api nutrici alle larve. INFEZIONI DA BATTERI SECONDARI La morte delle larve può essere accelerata da batteri secondari, di cui il più comune è Bacterium euridice Questo bacillo solitamente si trova nel tratto alimentare delle larve sane in numero limitato, ma si moltiplica velocemente nelle larve affette da M. pluton. Un altro comune batterio considerato un invasore secondario è Streptococcus faecalis che, quando presente, può causare un odore caratteristico di acido e 21

8 MALATTIE DELLA COVATA CAUSATE DA FUNGHI I funghi includono muffe e lieviti e molti sono organismi saprofiti che si nutrono di materiale organico in decomposizione. Cosi come i batteri, molti funghi si possono trovare come invasori opportunisti su insetti uccisi in precedenza da altre malattie; alcuni, tuttavia, possono causare delle patologie specifiche: nelle api possono causare covata calcificata e, più raramente, covata pietrificata. La covata calcificata SINTOMI E DIAGNOSI Le larve colpite da covata calcificata muoiono dopo che la cella è stata opercolata. Le larve dapprima sono soffici e molli e assumono la forma esagonale delle celle, poi si restringono e diventano dure. La maggior parte delle larve colpite appare bianca, ma alcune possono presentarsi grigie con sfumature tendenti al nero. Generalmente la covata da fuchi è la più colpita, ma non è raro trovare in una colonia sia la covata maschile che quella femminile affetta. Le giovani larve non mostrano segni evidenti dell infezione e muoiono nei primi due giorni dopo l opercolatura della celletta anche se, più raramente, possono morire come prepupe. Le api forano le celle per cercare di eliminare le larve morte. CAUSE La malattia è causata da Ascosphera apis, fungo che infetta solo le larve. MOLTIPLICAZIONE E SVILUPPO Le larve ingeriscono le spore di A. apis con la nutrizione; queste germinano nel lume intestinale stimolate dalla CO 2, ma, sino a che non avviene la morte della larva, il fungo non diventa invasivo e non forma spore. Il fungo si sviluppa bene nelle larve leggermente raffreddate. Sperimentazioni hanno dimostrato che la covata è altamente suscettibile quando, poco prima dell opercolatura, viene raffreddata per poche ore dai normali 35 C a 30 C. Questo fenomeno può verificarsi spesso, specialmente durante la crescita primaverile delle colonie, quando il numero delle api non risulta sufficiente a consentire un adeguata termoregolazione del nido. Le larve di fuco generalmente sono più colpite proprio perché si trovano alla periferia della camera di covata. I nuclei e le colonie deboli risultano più a rischio per la minor capacità di riscaldamento dell area di covata. La malattia è, relativamente, facile da provocare artificialmente eliminando parte delle api adulte o aggiungendo covata.altri fattori che possono contribuire ad aumentare l incidenza della patologia sono deboli infezioni da virus o da batteri, avvelenamenti o una nutrizione non adeguata ad opera di nutrici ammalate. Non è difficile constatare la presenza della patologia contemporaneamente ad altre affezioni della covata. Ogni larva colpita produce miliardi di spore; la maggior parte delle quali è eliminata dalle api, ma inevitabilmente molte restano infettive all interno dell alveare e per molti anni. Lo sviluppo della malattia è tuttavia limitato dall andamento dalle normali temperature di allevamento. 22

9 CONTROLLO DELLA PATOLOGIA Pratiche apistiche Come visto in precedenza, l incidenza della covata calcificata è aggravata da tutte le pratiche apistiche che in primavera causano una perdita di calore. Tra queste tecniche, notevole rilevanza possono avere i metodi di controllo della sciamatura, come la divisione delle colonie e l allargamento del nido, con l interposizione di fogli cerei tra i favi di covata. Le colonie sofferenti, di solito, si riprendono dalla malattia se lasciate indisturbate. Chemioterapia Molti farmaci sono stati sperimentati per il controllo della covata calcificata, tuttavia la persistenza delle spore non consente un eradicamento della malattia. Sedi degli apiari Postazioni in luoghi umidi e ventosi possono avere rilevanza nella manifestazione della malattia così come una cattiva aerazione degli alveari. Selezione di ceppi resistenti Selezioni effettuate prendendo in considerazione il comportamento igienico delle famiglie hanno fortemente ridotto l incidenza della patologia. La covata pietrificata SINTOMI Le larve colpite da covata pietrificata possono essere opercolate oppure no. All inizio appaiono bianche e soffici, poi diventano giallo verdastre o marroni e di consistenza durissima. Molte muoiono prima che la cella sia opercolata. CAUSE La covata pietrificata è causata dall Aspergillus flavus o più raramente dall Aspergillus fumigatus entrambi i funghi si trovano comunemente nel suolo e nei cereali; possono infettare altri insetti e talvolta causano malattie respiratorie negli animali e nell uomo. MOLTIPLICAZIONE E SVILUPPO Le spore possono germinare sulla cuticola, ma generalmente l infezione avviene attraverso l intestino. Il fungo può moltiplicarsi anche sulle api adulte in modo simile a quello che avviene nelle larve; le api colpite perdono tuttavia la capacità di volare e muoiono lontano dall alveare. Sebbene si sia osservata la morte di colonie colpite dal patogeno, di solito la malattia ha carattere transitorio e si risolve spontaneamente. CONTROLLO DELLA PATOLOGIA Non sono conosciute modalità di controllo della malattia. MALATTIE DELLA COVATA CAUSATE DA VIRUS II virus sono costituiti da materiale genetico incluso in un guscio proteico; non sono in grado di nutrirsi e moltiplicarsi in modo autonomo. La moltiplicazione può avvenire solo all interno di una cellula di un altro organismo. Una volta penetrati, modificano il DNA cellulare e iniziano ad autoreplicarsi, fino alla morte della cellula.tutte le forme di vita sono attaccate dai virus e,da quando si è iniziato a studiarli,ne sono stati individuati diversi che attaccano le api; alcuni causano patologie della covata: tra questi, i virus della covata a sacco e della cella reale nera. Virus della covata a sacco SINTOMI Mentre le larve sane si impupano quattro giorni dopo l opercolatura, le larve colpite dal virus della covata a sacco falliscono la metamorfosi e del liquido si accumula all interno della cuticola. Il colore delle larve ammalate cambia e, da bianche perlacee, si fanno dapprima gialle e, dopo la morte, diventano marroni per seccare infine formando una scaglia a forma di gondola. I sintomi di questa patologia sono molto specifici e facilmente riconoscibili. 23

10 DIFFUSIONE E SVILUPPO Il contagio avviene attraverso la nutrizione delle giovani larve, che muoiono velocemente dopo l opercolatura. Le larve di due giorni di età risultano essere le più suscettibili. Una volta penetrato, il virus della covata a sacco si moltiplica nel corpo delle giovani larve, fino a causarne la morte. Ogni larva infetta contiene circa un milligrammo di virus, sufficiente ad infettare le larve di mille colonie! Fortunatamente, in circostanze naturali, l infezione tende a rimanere debole ed a risolversi spontaneamente nel corso dell estate. Le api adulte, infatti, riconoscono ed eliminano velocemente parte delle larve colpite; il virus inoltre perde rapidamente la sua infettività. L infezione si mantiene all interno delle colonie, di anno in anno, attraverso le api adulte, in cui il virus si moltiplica senza causare danni. Le giovani api sono le più suscettibili perché si infettano durante le operazioni di pulizia delle larve uccise dal virus. Il patogeno si moltiplica poi nelle ghiandole ipofaringee e, con la secrezione della gelatina, l infezione si propaga alle larve, completando il ciclo del virus.tuttavia, molte volte il ciclo non arriva a compimento, perché le api adulte infette cambiano mansioni all interno dell alveare e, in questo caso, cessando di nutrire la covata, le ghiandole ipofarigee degenerano e queste api non sono più in grado di trasmettere la malattia. Frequentemente la diffusione avviene attraverso il polline che riceve i virus attraverso le secrezioni ghiandolari, durante la raccolta. Se il polline infetto è utilizzato rapidamente può contagiare parecchie larve prima di perdere la propria carica infettiva.la trasmissione del virus avviene più facilmente nei periodi in cui la divisione del lavoro all interno della colonia è meno sviluppata; ovvero, generalmente, all inizio della stagione e durante i periodi di carestia. La malattia non è tuttavia molto infettiva perché le api adulte colpite dal virus (esattamente come accade quando le nutrici sono anestetizzate con l anidride carbonica) perdono l appetito per il polline e cambiano comportamento diventando bottinatrici. Inoltre il metabolismo delle api infette diminuisce, un po come capita nelle giovani operaie che sono state completamente private del polline: la loro vita risulta accorciata e molte non sopravvivono all inverno. Curioso il fatto che molte di queste api infette si trovano morte poco lontano dal glomere. Ricerche effettuate in paesi anglosassoni hanno trovato il virus in colonie senza segni apparenti, in percentuali che vanno dal 30 al 90% delle colonie esaminate. Molte volte la patologia passa inosservata perché le api rimuovono velocemente le larve. In condizioni normali la malattia ha un andamento benigno e si risolve spontaneamente. Andranno eliminate solo le colonie che, per problemi concomitanti (es. varroasi), non sono in grado di riprendersi. Considerando che il virus perde la propria infettività in circa due mesi, una normale disinfezione delle arnie è più che sufficiente. È invece consigliabile la distruzione dei favi con polline e covata morta. Virus della cella reale nera Come indicato dal nome, questo virus colpisce le pupe delle regine che muoiono e diventano nere; anche le pareti della cella reale assumono questo colore. Nei primi stadi della malattia le larve infette hanno una sintomatologia simile a quella della covata a sacco. Questa patologia si nota più facilmente negli allevamenti di regine dove si trovano molte celle in colonie con poca covata; questo capita più facilmente all inizio della stagione ed è intimamente associato alla nosemiasi. Contrariamente al virus della covata a sacco, questo non si moltiplica molto velocemente quando viene ingerito dalle larve o dalle nutrici, ma si trova facilmente nelle api che bottinano nei campi. Questa virosi si controlla attraverso le pratiche comunemente indicate per la lotta alla nosemiasi. 24

11 Le malattie delle api adulte I patogeni che causano malattie delle api adulte il più delle volte si limitano ad accorciare la durata di vita degli individui colpiti, e sono spesso presenti negli alveari senza causare danni significativi. Nella stagione attiva con l attività di raccolta ed un intenso allevamento della covata le api vecchie sono rimpiazzate da quelle nascenti e le possibilità di passaggio dei patogeni da un ape all altra sono ridotte. In inverno condizioni ambientali avverse che causano una clausura forzata della colonia possono scatenare infezioni a volte letali per la famiglia. MALATTIE DELLE API ADULTE CAUSATE DA VIRUS I virus delle api adulte sono studiati solo da pochi decenni, e sebbene presenti negli alveari da tempi immemorabili la loro rilevanza in termini di perdite di colonie è aumentata da quando le api europee sono costrette a convivere con la varroa Virus della paralisi cronica SINTOMI Questa malattia virale può presentarsi secondo due diverse sindromi ben distinte. Nella prima, le api colpite presentano un anomalo tremolio del corpo e delle ali, sono incapaci di volare e camminano in modo disordinato davanti gli alveari e, sovente, si raggruppano a decine sui fili d erba, dove poi muoiono. Molte volte hanno l addome gonfio e le ali disposte a K. Nelle colonie pesantemente colpite, le api si raggruppano nella parte più alta del nido, l addome è gonfio e parzialmente disteso e le ali allargate. L addome gonfio è causato dal liquido che si accumula nella sacca melaria. Questo spesso causa dissenteria e le api colpite muoiono nel giro di pochi giorni. Le colonie fortemente affette spesso collassano e nell ispezione della colonia si trova solo la regina, circondata da poche centinaia di api. Questa sindrome corrisponde alla malattia un tempo conosciuta come mal della foresta, perché si riscontrava quando gli apiari venivano portati a raccogliere la melata. Il secondo tipo di sindrome era, un tempo, chiamata mal nero e le api affette sono spesso scambiate per saccheggiatrici. In questo caso le api virosate non perdono la capacità di volare ma restano prive di gran parte della peluria e quindi appaiono nere e più piccole del normale, con l addome gonfio, lucenti e di aspetto untuoso. Quando cercano di rientrare nella colonia sono, spesso, soggette ad attacchi da parte delle api guardiane, che non le riconoscono e le trattano come se fossero saccheggiatrici. Dopo qualche giorno, anche in questo caso, perdono la capacità di volare,sono soggette a tremolio e vanno incontro alla morte. Entrambe le sindromi possono coesistere in una colonia, ma di solito una è preva- 25

12 lente. L espressione di una delle due sintomatologia rispetto all altra sarebbe dovuta prevalentemente al diverso genotipo delle api colpite. L influenza genetica è dimostrata dal fatto che Kulincévic e Rothenbuhler riuscirono a selezionare dei ceppi di api più sensibili al virus rispetto a quelli di partenza. Occasionalmente in famiglie fortemente colpite anche le pupe possono restare uccise. Per infettare un ape sono necessarie parecchie milioni di particelle, ma, se iniettate direttamente nell emolinfa, ne bastano anche solo un centinaio. In natura, la trasmissione avviene attraverso i peli rotti. Va peraltro detto che api sane, in colonie sane, se sottoposte a test sierologici, a volte risultano positive. Non esiste un periodo particolare dell anno in cui si manifesta la malattia, tuttavia condizioni avverse come maltempo, carestia di raccolto e alcune pratiche apistiche possono contribuire a determinarne lo sviluppo. Tra queste operazioni apistiche possiamo ricordare, la clausura forzata delle colonie, la formazione dei pacchi d ape e tutto quello che può causare delle ferite e delle rotture dei peli. Kulincévic ha anche osservato che le colonie orfane soffrono più velocemente di paralisi. Virus della paralisi acuta Anche questo virus si può trovare comunemente in famiglie apparentemente sane, specie durante la stagione attiva, senza causare danni alle colonie perché di solito si va a dislocare in tessuti non essenziali per la vita delle api. Tuttavia, dopo la diffusione della varroa, ha causato notevoli danni sia in Europa che negli Stati Uniti. Apparentemente, l acaro attiva il virus o, più semplicemente, lo trasmette nei tessuti nei momenti di suzione ed il virus entra in circolo nell emolinfa dell ape. Le api adulte, in cui il virus è stato attivato o iniettato, prima di morire infettano le giovani larve, probabilmente attraverso la secrezione della gelatina dalle ghiandole ipofaringee. Le larve nutrite con una carica sufficiente di virus muoiono prima che la cella sia opercolata, altre volte sfarfallano come se fossero sane. Virus delle ali deformate Questo virus è spesso associato a forti infestazioni da varroa. Il virus è trasmesso nello stesso identico modo del virus della paralisi acuta. Il virus si sviluppa lentamente e le pupe infette riescono sempre ad emergere ma con le ali rovinate o poco sviluppate e sono presto soggette a morte. Virus X Questo virus ha come effetto quello di accorciare la vita delle api; è associato alla amebiasi ed accelera la morte delle api già infette dall ameba. 26

13 MALATTIE DELLE API ADULTE CAUSATE DA PROTOZOI I protozoi sono un gruppo di microrganismi sporigeni e molte specie sono patogene per gli insetti.tra i più studiati troviamo Nosema bombycis che causa una grave malattia del baco della seta e Nosema apis patogeno per Apis mellifera. Nosemiasi Nosema apis è un protozoo parassita specifico delle api che si sviluppa e moltiplica esclusivamente nelle cellule dell epitelio dell intestino delle api adulte. SINTOMI E DIAGNOSI Le api infette non mostrano nessun segno apparente della malattia, ma gli individui colpiti in primavera ed estate vivono la metà del tempo delle api sane. Prove di laboratorio con api infette hanno rilevato un accorciamento della durata della vita dal 10 al 40% ed un minor sviluppo delle ghiandole ipofaringee. Questo potrebbe spiegare il motivo per cui, nelle colonie malate, il 15% circa delle uova non riesce a trasformarsi in larva, contro una percentuale del 1% nelle colonie sane. Un altra anomalia si ha nel contenuto di azoto nei corpi grassi che, nelle api sane può variare da 14 a 23 mg, mentre nelle api malate è ridotto a 6 mg. Anche il contenuto di aminoacidi dell emolinfa risulta minore (Lotmar; Wang; Moller). Il peso secco delle api infette diminuisce rapidamente mentre aumenta, di molto, il contenuto in acqua, condizione che spesso facilita dissenteria. Sebbene la nosemiasi risulti aggravata quando accompagnata da dissenteria, non è automatico che la presenza di questo sintomo indichi quale causa il nosema. Le api giovani colpite dal patogeno smettono rapidamente di allevare covata, invecchiano precocemente, diventano subito guardiane o bottinatrici. Diminuisce la produzione di invertasi e amilasi, con conseguenze negative sul processo di formazione del miele. In api ingabbiate, la minor durata della vita può essere controbilanciata nutrendo con polline addizionato di sciroppo. Quando le colonie sono artificialmente infettate in primavera od estate in poche settimane guariscono, ma se infettate in identico modo in autunno muoiono nell inverno, perché, con le api in glomere, non c è tempo sufficiente per la diminuzione spontanea dell infezione. Sebbene la morte delle colonie o danni gravi non siano, di solito, causati da infezioni naturali, significative correlazioni negative sono state dimostrate tra tipologia e quantità di miele raccolto e grado dell infezione. Questo viene anche suffragato dal fatto che rilevabili aumenti di produzione sono stati ottenuti trattando le colonie con l antibiotico specifico per Nosema apis. Le famiglie infette subiscono perdite di api invernali superiori alle colonie sane e, molto spesso, in primavera i nuclei e le colonie deboli sono soggetti, maggiormente, alle conseguenze della malattia, non essendo sufficientemente in forza per un adeguata pulizia delle spore presenti sui favi. Lo sviluppo della patologia ed i danni conseguenti possono essere molto diversi a causa delle condizioni ambientali e, molto spesso, dei virus associati alla malattia. Non essendoci sintomi specifici, la certezza o meno della presenza della patologia si può avere solo con l analisi microscopica per la ricerca delle spore, nelle api o nella feci. 27

14 MOLTIPLICAZIONE E SVILUPPO Le spore vengono ingerite dalle api e appena giungono nell intestino germinano, invadendo le cellule epiteliali; qui iniziano a moltiplicarsi e, in un ape fortemente infetta, si possono trovare da 30 a 50 milioni di spore. Nosema apis non infetta le larve e le api nascenti sono sane, ma diventano subito suscettibili quanto le api adulte. Le spore di nosema vengono eliminate dalle api infette attraverso le feci e le api sane possono venire contaminate sia per contatto accidentale sia con l alimentazione. In alcuni casi, in effetti, le feci finiscono sul miele e sul polline e le operazioni di pulizia dei favi, nonché quelle di eliminazione delle api morte, divengono occasione di contagio. Con l estate, si ha sempre un declino naturale della malattia, perché le api che nascono hanno minori probabilità di entrare in contatto con le spore; inoltre le feci sono scaricate all esterno e le api infette muoiono lontano dall alveare. Colonie ammalate, trasferite su favi non infetti all inizio dell estate, perdono l infezione esattamento nello stesso identico modo delle colonie di controllo, ma nella primavera successiva, mentre nelle colonie trasferite su favi sterili la malattia non si manifesta, nelle altre si verifica il consueto picco primaverile. Lo stesso fenomeno capita se si prendono dei favi in primavera da colonie infette e si collocano in colonie sane a fine estate. Questo osservazioni indicano che le spore possono persistere sui favi per un tempo sufficiente ad infettare la colonia in glomere invernale. D altronde alcuni test hanno dimostrato che le spore rimangono vitali nelle feci depositate sui favi per almeno un anno. Normalmente in estate le api infette defecano all esterno dell alveare e questo contribuisce alla riduzione dell infezione; tuttavia vanno considerati i casi in cui le api sono costrette in clausura a causa del tempo inclemente; esiste una correlazione tra periodi con giornate fredde e piovose, in stagione produttiva, e gravità dell infezione nell anno successivo. In tali condizioni, oltre ad una minor crescita delle colonie, si verificano minori scorte in polline ed una minore pulizia dei favi da parte delle api. Interessanti sono i risultati di alcune prove effettuate in estate con favi infetti inseriti in colonie sane al centro del nido oppure alla periferia: le famiglie che hanno avuto i favi inseriti al centro della covata avevano, nella primavera seguente, un infezione a livelli molto bassi, rispetto alle altre. Probabilmente i favi al centro della covata vengono ripuliti meglio dalle api. CONTROLLO DELLA MALATTIA Sebbene sia teoricamente possibile rimuovere l infezione trasferendo le famiglie su favi sterili all inizio dell estate, da un punto di vista pratico il metodo è irrealizzabile per i costi in termini di mano d opera. Trattamenti con chemioterapici: l unico principio effettivamente attivo contro la nosemiasi è la fumagillina, un antibiotico commercializzato quasi esclusivamente per gli apicoltori con il nome commerciale di Fumidil B. La fumagillina sopprime velocemente l infezione quando somministrata alle api in concentrazioni di 5 30 mg per litro di sciroppo. L antibiotico, una volta stoccato nei favi con il miele, rimane attivo per diversi anni alla temperatura di 4 C e per almeno un mese alla temperatura di 30 C (Furgala e Sugden). Quando 200 mg di fumagillina sono somministrati ad una colonia in autunno, distribuiti in circa cinque litri di sciroppo, l infezione risulta lieve nella primavera seguente. Nei paesi dove le api sono costrette in inverno a periodi di clausura molto lunghi, vengono raccomandati fino a 400 mg per colonia. Quando somministrata in primavera, la fumagillina previene il consueto picco primaverile dell infezione e le colonie trattate producono significativamente maggior covata e più miele rispetto a quelle a cui viene somministrato solo sciroppo zuccherino. I trattamenti chemioterapici eseguiti in autunno hanno una efficacia notevolmente superiore a quelli primaverili poiché l antibiotico non è attivo sulle spore, assai più numerose in primavera nelle colonie 28

15 non trattate in autunno. Alcuni ricercatori sostengono che la fumagillina non è attiva quando somministrata in polvere con zucchero a velo o con candito, ma altre prove hanno invece dato effetti positivi. Probabilmente questi pareri contrastanti, a seguito di successo ed insuccesso, sono conseguenti al grado di contaminazione dei favi, specie nei trattamenti primaverili. Fino ad oggi, tutti i tentativi effettuati per selezionare dei ceppi di Nosema resistenti alla fumagillina, trattando con dosi subletali d antibiotico, sono falliti. E probabile, quindi, che il microrganismo non sia in grado di sviluppare resistenza a questo principio attivo. In Europa il Fumidil B non è più commercializzato; la casa produttrice, per motivi economici, non ha ritenuto opportuno presentare la documentazione richiesta per il rinnovo dell autorizzazione all utilizzo in apicoltura. EFFETTI DELLE PRATICHE APISTICHE SULLO SVILUPPO DELLA NOSEMIASI. Molto spesso le operazioni che gli apicoltori effettuano sugli alveari possono aggravare le infezioni da nosema. Una pratica che può contribuire al diffondersi della malattia è lo stoccare in primavera favi in magazzino per poi riconcederli alle famiglie alla fine dell estate od utilizzarli nella formazione di nuclei a stagione avanzata. Operando in questo modo, si vanno a reintrodurre i favi quando le api non sono più in grado di ripulirli dalle spore a dovere per l inverno. Anche visite frequenti agli alveari possono contribuire: tutte le volte che durante le visite si schiacciano delle api il liquido che ne fuoriesce viene succhiato dalle api di casa e questo può contribuire ad aggravare l infezione. Questo spiegherebbe anche l alta incidenza della nosemiasi nei pacchi d ape. L infezione può essere aggravata anche da trasporti o claustrazioni degli alveari che durino a lungo: in condizioni di stress capita che le api defechino sui favi infettandoli con spore. Il periodo più delicato per il disturbo delle colonie è a fine inverno quando le api iniziano a ripulire i favi e sono quindi molto suscettibili alla contaminazione. Per chi si trova ad operare in zone diverse un pratico sistema per controllare il nosema è quello di effettuare una rotazione degli apiari, lasciandoli per un anno in zone individuate per un raccolto costante e abbondanza di polline, per fare in modo che le api possano ripulire a dovere i favi. Un'altra causa di sviluppo del patogeno si ha quando si tengono apiari molto numerosi in momenti di carestia di nettare e soprattutto di polline. Molte volte anche i mininuclei usati nella fecondazione delle regine possono soffrire di nosemiasi poiché sono popolati da api tendenzialmente vecchie che sono le più suscettibili all infezione e, inoltre, subiscono manipolazioni frequenti. Le visite fuori stagione possono contribuire allo sviluppo della nosemiasi STERILIZZAZIONE DEL MATERIALE INFETTO Per la disinfezione del materiale infetto l agente chimico più conveniente è l acido acetico, comunemente disponibile in commercio alla concentrazione dell 80%. Il sistema più semplice è quello di interporre del materiale assorbente tra i corpi d arnia o i melari che contengono i favi da disinfettare con circa 2 ml d acido acetico per litro di volume. Un altra possibilità è quella di tenere il materiale contaminato a 49 C al 50% d umidità relativa dell aria per ventiquattro ore. 29

16 Amebiasi Questa malattia è causata da Malpighamoeba mellificae un protozoo che infetta il lume dei tubi malphighiani delle api adulte, dove si sviluppa come ameba e poi si incista. SINTOMI E DIAGNOSI L epitelio dei tubi di malphighi delle api colpite si atrofizza; non sono conosciuti altri effetti dell infezione. La diagnosi si effettua attraverso la ricerca delle cisti al microscopio. L effetto della malattia sulle colonie è incerto, molto probabilmente è dannosa. ma non si conoscono sintomi specifici. Colonie infettate a scopo sperimentale apparivano normali nei momenti di picco dell infezione e, anche se sono riportati casi in cui la patologia ha causato seri danni alle colonie colpite, le circostanze non sono mai state chiarite (Jordan 1937). MOLTIPLICAZIONE E SVILUPPO Le cisti sono ingerite dalle api adulte, germinano nell intestino e le amebe entrano poi direttamente nei tubi di Malphighi dove si incistano. Nei climi temperati il picco dell infezione avviene generalmente in aprile-maggio, ed è generalmente seguito da un rapido declino nei mesi estivi. Le ragioni del rapido declino sarebbero le stesse della nosemiasi: i favi infetti durante la stagione di raccolto vengono ripuliti dalle api. Inoltre il numero delle cisti diminuisce di molto perché la vita delle api è più corta e le cisti non hanno il tempo sufficiente per compiere il ciclo biologico completo. L infezione viene trasmessa alle api invernali dai resti delle feci che si trovano sui favi contaminati nell inverno e nella primavera precedenti. Molto spesso l amebiasi viene associata alla nosemiasi, ma in realtà le due patologie sono completamente indipendenti, a volte sono concomitanti perché si trasmettono nello stesso modo. Malpighamoeba mellificae forma solo cisti per ape, queste richiedono tre settimane di tempo per riprodursi, contro i trenta milioni di spore per ape del Nosema apis che si moltiplicano in metà tempo. Risulta quindi evidente che l ameba ha minori possibilità di sviluppo e di solito si trova associata alla nosemiasi accompagnata da una forte dissenteria, ma non per questo è da considerarsi la causa primaria delle perdita di colonie. CONTROLLO DELLA MALATTIA Le stesse precauzioni che vengono prese per la lotta alla nosemiasi sono egualmente valide per il controllo dell amebiasi, compresa la sterilizzazione del materiale. Va peraltro ribadito che l incidenza della malattia è bassa, specie se comparata con la nosemiasi, probabilmente a causa del lento meccanismo di sviluppo delle cisti per cui raggiungono la maturità quando la vita delle api estive è alla fine ed è, quindi, più difficile che i favi siano ricontaminati. La riduzione drastica, od ancor meglio l abbandono, dell uso di farmaci nella lotta alle malattie delle api è, per motivi diversi, una scelta obbligata e strategica. Si potranno fare passi in avanti se: si verificherà una maggior conoscenza ed attenzione da parte degli apicoltori sulle varie, possibili, patologie. Si saprà includere, nella gestione degli apiari a fini produttivi, una costante azione di ricerca e vigilanza sulle patologie. Si adotteranno, sempre più, prassi gestionali e consuetudini aziendali sistematiche con azioni concrete di profilassi igienica, prevenzione e contrasto delle malattie, tenendo nel debito conto le condizioni di possibile stress quali: insufficienti flussi nettariferi e polliniferi, carenze di adeguate riserve di lipidi e sostanze azotate in invernamento ecc... Si verificherà una crescita dell attività di assistenza tecnico-sanitaria svolta dalle associazioni apistiche, avvalendosi di tecnici professionali in continuo rapporto con la ricerca e con i responsabili della politica veterinaria. Si saprà uscire nella gestione delle tematiche di lotta sanitaria dalla mera dimensione locale ed attivare un flusso di comunicazione e di operatività quantomeno di valenza nazionale. Si verificheranno azioni di selezione di ceppi d api più resistenti ad alcune patologie e nel contempo adattati al contesto ambientale e climatico di riferimento. Si riuscirà ad ottenere una radicale riscrittura delle norme di polizia veterinaria, con l abbandono, fra l altro, dell inapplicabile (in apicoltura) concetto di focolaio. Un particolare ringraziamento a tutti gli apicoltori che con le loro osservazioni sul campo contribuiscono e partecipano allo scambio continuo di informazioni nel tentativo di comprendere le infinite variabili che possono incidere sulla sanità degli alveari. 30

17 Qualsiasi riproduzione, noleggio, prestito, utilizzo in rete, rappresentazione pubblica, diffusione e trasmissione è autorizzata a condizione che se ne concordino le modalità con l U.N.A.API. 31

18 Unione Nazionale Associazioni Apicoltori Italiani Sede operativa: Corso Crimea Alessandria tel Fax

Gestione dell apiario: aspetti tecnici e sanitari. Montepulciano, 25/11/ 2011 Luciano Ricchiuti

Gestione dell apiario: aspetti tecnici e sanitari. Montepulciano, 25/11/ 2011 Luciano Ricchiuti Gestione dell apiario: aspetti tecnici e sanitari Montepulciano, 25/11/ 2011 Luciano Ricchiuti Introduzione Anche per gli apiari, come per tutte le aziende zootecniche, la corretta gestione dell allevamento

Dettagli

Apicoltura Biologica

Apicoltura Biologica Apicoltura Biologica Malattie delle Api e Cure Per APICOLTURA BIOLOGICA si intende l allevamento di famiglie d api, secondo regole ben precise, stabilite dalle normative emesse dalla Comunità Europea in

Dettagli

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena TUTTO IL MATERIALE CHE È ENTRATO IN CONTATTO CON LE COLONIE AMMALATE DEVE ESSER DISTRUTTO

Dettagli

PREVENZIONE SANITARIA IN APICOLTURA conoscere le malattie dell alveare

PREVENZIONE SANITARIA IN APICOLTURA conoscere le malattie dell alveare - Azienda Sanitaria Trento - PREVENZIONE SANITARIA IN APICOLTURA conoscere le malattie dell alveare - dott. Franco Gatti - MORI 25 MARZO 2014 I fattori che causano direttamente le malattie delle api o

Dettagli

Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura

Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura Obiettivi: - evitare o ridurre il fenomeno della sciamatura - conservare le api nell alveare o nell apiario (sciamatura temporanea) I metodi sono diversi

Dettagli

IL CONTROLLO DELLA VARROA IN ARNIE TOP BAR PROPOSTE PER L ANNO 2015. PAOLO FONTANA Fondazione Edmund Mach Centro Trasferimento Tecnologico

IL CONTROLLO DELLA VARROA IN ARNIE TOP BAR PROPOSTE PER L ANNO 2015. PAOLO FONTANA Fondazione Edmund Mach Centro Trasferimento Tecnologico IL CONTROLLO DELLA VARROA IN ARNIE TOP BAR PROPOSTE PER L ANNO 2015 PAOLO FONTANA Fondazione Edmund Mach Centro Trasferimento Tecnologico LA VARROA: Varroa destructor CICLO BIOLOGICO DI VARROA DESTRUCTOR

Dettagli

LA NUTRIZIONE LA NUTRIZIONE è differente da alveare ad alveare a seconda delle caratteristiche genetiche della regina, della zona e del modo di

LA NUTRIZIONE LA NUTRIZIONE è differente da alveare ad alveare a seconda delle caratteristiche genetiche della regina, della zona e del modo di LA NUTRIZIONE LA NUTRIZIONE è differente da alveare ad alveare a seconda delle caratteristiche genetiche della regina, della zona e del modo di conduzione dell apiario. Dopo il confinamento delle regina,

Dettagli

L invernamento degli alveari (aggiornamento ottobre 2012) Belletti PierAntonio Giorgio Della Vedova Tecnici apistici Regione FVG

L invernamento degli alveari (aggiornamento ottobre 2012) Belletti PierAntonio Giorgio Della Vedova Tecnici apistici Regione FVG L invernamento degli alveari (aggiornamento ottobre 2012) Belletti PierAntonio Giorgio Della Vedova Tecnici apistici Regione FVG È una delle operazioni di tecnica apistica più importanti. Un buon invernamento

Dettagli

PATOLOGIE DELLE API SCHEDA TECNICA SUL NOSEMA

PATOLOGIE DELLE API SCHEDA TECNICA SUL NOSEMA PATOLOGIE DELLE API SCHEDA TECNICA SUL NOSEMA Considerazioni preliminari Se c è in apicoltura una patologia dai tratti confusi, indefiniti, in una parola, sconosciuti ai più, è proprio il nosema. Fino

Dettagli

LA PESTE EUROPEA Dr. Giovanni Formato UO Apicoltura - IZSLT

LA PESTE EUROPEA Dr. Giovanni Formato UO Apicoltura - IZSLT LA PESTE EUROPEA Dr. Giovanni Formato UO Apicoltura - IZSLT La società delle api è matriarcale: c è un unica madre che è l Ape Regina e che depone ogni giorno le uova dalle quali nasceranno soprattutto

Dettagli

Tecniche di gestione dell alveare

Tecniche di gestione dell alveare Tecniche di gestione dell alveare Problematiche periodo postproduzione 2014 in FVG Scarsa o nulla produzione (trattamenti in ritardo) Pessimo andamento meteo 1. Poca efficacia evaporanti (timoli, formico)

Dettagli

LE MALATTIE BATTERICHE DELLE API: PESTE EUROPEA E PESTE AMERICANA

LE MALATTIE BATTERICHE DELLE API: PESTE EUROPEA E PESTE AMERICANA CORSO BASE DI APICOLTURA ARAL Roma 21 Marzo 2012 LE MALATTIE BATTERICHE DELLE API: PESTE EUROPEA E PESTE AMERICANA Dr. Carlo Ferrari Veterinario Azienda USL Roma G Dipartimento di Prevenzione Servizi Veterinari

Dettagli

NOTIZIARIO N 1. (gennaio-marzo 2013)

NOTIZIARIO N 1. (gennaio-marzo 2013) Le Nostre Api Associazione Apicoltori Felsinei Sede Legale Via IV Novembre n 83 40056 Crespellano Bologna Cell 377 1802294-346 5790104 NOTIZIARIO N 1 (gennaio-marzo 2013) Gentilissime socie e gentilissimi

Dettagli

LA PESTE EUROPEA DELLE API (EUROPEAN FOUL BROOD - EFB)

LA PESTE EUROPEA DELLE API (EUROPEAN FOUL BROOD - EFB) CORSO BASE DI APICOLTURA ARAL Roma 27 Marzo 2013 LA PESTE EUROPEA DELLE API (EUROPEAN FOUL BROOD - EFB) Dr. Carlo Ferrari Veterinario Azienda USL Roma G Dipartimento di Prevenzione Servizi Veterinari Via

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL CONTROLLO DELL INFESTAZIONE DA VARROA DESTRUCTOR PROPOSTE DI INTERVENTO PER IL 2013 PREMESSA

LINEE GUIDA PER IL CONTROLLO DELL INFESTAZIONE DA VARROA DESTRUCTOR PROPOSTE DI INTERVENTO PER IL 2013 PREMESSA LINEE GUIDA PER IL CONTROLLO DELL INFESTAZIONE DA VARROA DESTRUCTOR NELLA REGIONE VENETO PROPOSTE DI INTERVENTO PER IL 2013 PREMESSA Le caratteristiche delle tecniche di lotta nei confronti di Varroa destructor

Dettagli

Si stima che la produzione mondiale di P.R. sia di 1800 tonnellate annue.

Si stima che la produzione mondiale di P.R. sia di 1800 tonnellate annue. , Pur essendo il più pregiato prodotto dell'alveare per le sue notevoli proprietà, la Pappa Reale è stata per lungo tempo ignorata. 600: Il primo a citarla è lo scienziato SCHWAMMENDAN che ne descrive

Dettagli

L apicoltura in Trentino

L apicoltura in Trentino Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari L apicoltura in Trentino Caldonazzo 9 febbraio 2010 l apicoltura in Trentino I numeri L organizzazione I supporti normativi Le problematiche sanitarie Azienda

Dettagli

LAVORI DI STAGIONE VISTI ATTRAVERSO L ASSISTENZA TECNICA (parte seconda)

LAVORI DI STAGIONE VISTI ATTRAVERSO L ASSISTENZA TECNICA (parte seconda) LAVORI DI STAGIONE VISTI ATTRAVERSO L ASSISTENZA TECNICA (parte seconda) I casi della seconda metà di aprile Caso 1B: La fucaiola Riferimenti teorici: Pillole di genetica Un giovane apicoltore mi aveva

Dettagli

QUESTIONARIO (Da compilare in caso di mortalità anomali o spopolamento di alveari) Cognome... Nome... Via...Cap... Località... Tel...

QUESTIONARIO (Da compilare in caso di mortalità anomali o spopolamento di alveari) Cognome... Nome... Via...Cap... Località... Tel... Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agroambientali (DiSTA) (Area di Entomologia) Università degli Studi di Bologna Viale Giuseppe Fanin, 42 40127 BOLOGNA Istituto Nazionale di Apicoltura Via di Saliceto,

Dettagli

MA COME VIVE UN APE E QUALI SONO I SUOI COMPITI?

MA COME VIVE UN APE E QUALI SONO I SUOI COMPITI? MA COME VIVE UN APE E QUALI SONO I SUOI COMPITI? LE API VOLANDO DA UN FIORE ALL ALTRO RACCOLGONO IL NETTARE PRODOTTO DAI FIORI E LO UTILIZZANO PER FARE IL MIELE CHE SARA UNA PREZIOSA SCORTA DI CIBO PER

Dettagli

Pediculosi del capo (i pidocchi)

Pediculosi del capo (i pidocchi) Pediculosi del capo (i pidocchi) Scarsi sintomi, molta preoccupazione La pediculosi del capillizio è una malattia infettiva dovuta al pidocchio del capo. Si tratta del Pediculus humanus varietà capitis,

Dettagli

CONFRONTO TRA GLI EFFETTI DI

CONFRONTO TRA GLI EFFETTI DI Notiziario ERSA 3/2009 Apicoltura Franco Frilli Università degli Studi di Udine Dipartimento di Biologia e Protezione delle Piante Moreno Greatti, Giorgio Della Vedova Laboratorio Apistico Regionale Pier

Dettagli

CRITICI LEGATI AL CONTROLLO DELLA DELLA PESTE AMERICANA

CRITICI LEGATI AL CONTROLLO DELLA DELLA PESTE AMERICANA Profilassi della peste americana: dal monitoraggio preventivo al risanamento Progetto di ricerca e sperimentazione nel contesto del Piano integrato igienico sanitario dell Emilia Romagna 1. PREMESSA Il

Dettagli

Progetto pilota europeo di sorveglianza sulla mortalitàdegli alveari

Progetto pilota europeo di sorveglianza sulla mortalitàdegli alveari Progetto pilota europeo di sorveglianza sulla mortalitàdegli alveari Franco Mutinelli Centro di referenza nazionale per l apicoltura Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie 35020 Legnaro (PD)

Dettagli

COMPOSIZIONE UTILE PER IL CONTROLLO BIOLOGICO DEL BENESSERE DELLE API

COMPOSIZIONE UTILE PER IL CONTROLLO BIOLOGICO DEL BENESSERE DELLE API COMPOSIZIONE UTILE PER IL CONTROLLO BIOLOGICO DEL BENESSERE DELLE API ProBee è una associazione di microrganismi la cui attività metabolica produce sostanze che inducono un effetto positivo sulle condizioni

Dettagli

PATOLOGIE E AVVERSITA DELLE API: tecniche diagnostiche e di campionamento. Dr. Emanuele Carpana

PATOLOGIE E AVVERSITA DELLE API: tecniche diagnostiche e di campionamento. Dr. Emanuele Carpana PATOLOGIE E AVVERSITA DELLE API: tecniche diagnostiche e di campionamento Dr. Emanuele Carpana Ispezioni diagnostiche nella profilassi delle malattie infettive e parassitarie delle api Diagnosticare in

Dettagli

La somministrazione del nutrimento alle api da miele

La somministrazione del nutrimento alle api da miele La somministrazione del nutrimento alle api da miele SWEETS ASSORTIMENTO 1. Esigenze fondamentali delle api da miele 2. Necessità di somministrazione del nutrimento 3. Nutrimenti diversi per le api 4.

Dettagli

VERBALE DI CAMPIONAMENTO N..

VERBALE DI CAMPIONAMENTO N.. VERBALE DI CAMPIONAMENTO N.. Data... Servizio Veterinario dell USSL o ASL di. All IZS di Prelievo effettuato da Azienda apistica...in qualità di... codice aziendale sub codice Telefono Luogo del campionamento:

Dettagli

I Microrganismi. Associazione di Promozione Sociale Cucinaverarte No profit Organization Area Educational. Relatore: Nicola Bruno prof.

I Microrganismi. Associazione di Promozione Sociale Cucinaverarte No profit Organization Area Educational. Relatore: Nicola Bruno prof. Associazione di Promozione Sociale Cucinaverarte No profit Organization Area Educational I Microrganismi Relatore: Nicola Bruno prof. Casadei mail: nicola.casadei@cucinaverarte.eu Per uso personale e di

Dettagli

NORME DIRETTIVE APICOLTURA E PRODOTTI APISTICI

NORME DIRETTIVE APICOLTURA E PRODOTTI APISTICI NORME DIRETTIVE APICOLTURA E PRODOTTI APISTICI Giugno 2007 - da applicarsi in ogni stato membro entro il 31.12. 2007-1 I N D I C E 1. Limiti di validità e principi di base 2. Collocazione delle famiglie

Dettagli

SCHEDA DI DETTAGLIO N. 2 TITOLO DEL CORSO: ACQUSIZIONE DI COMPETENZA PER ADDETTI DEL COMPARTO APISTICO DELLA SARDEGNA.

SCHEDA DI DETTAGLIO N. 2 TITOLO DEL CORSO: ACQUSIZIONE DI COMPETENZA PER ADDETTI DEL COMPARTO APISTICO DELLA SARDEGNA. SCHEDA DI DETTAGLIO N. 2 TITOLO DEL CORSO: ACQUSIZIONE DI COMPETENZA PER ADDETTI DEL COMPARTO APISTICO DELLA SARDEGNA. OBIETTIVI DEL CORSO: Intervento di formazione per la certificazione di competenza

Dettagli

ATTIVITA DIDATTICA DI SCIENZE SVOLTA DALLE CLASSI 2 A-2 B DELLA SCUOLA ELEMENTARE MONTE ORTIGARA DI ASIAGO A.S.2003/2004 Grazie alla consulenza del

ATTIVITA DIDATTICA DI SCIENZE SVOLTA DALLE CLASSI 2 A-2 B DELLA SCUOLA ELEMENTARE MONTE ORTIGARA DI ASIAGO A.S.2003/2004 Grazie alla consulenza del ATTIVITA DIDATTICA DI SCIENZE SVOLTA DALLE CLASSI 2 A-2 B DELLA SCUOLA ELEMENTARE MONTE ORTIGARA DI ASIAGO A.S.2003/2004 Grazie alla consulenza del prof. Giorgio Rigoni L ape è un insetto degli IMENOTTERI

Dettagli

Sondrio, Relazione perdita delle colonie produttive di api 2012

Sondrio, Relazione perdita delle colonie produttive di api 2012 Via Carlo Besta, 1 231 Sondrio (SO) Sondrio, Relazione perdita delle colonie produttive di api 212 Come ogni anno, la nostra Associazione ha eseguito un'indagine relativa alla mortalità degli alveari avvenuta

Dettagli

I CONTAMINANTI DELLA MATERIA PRIMA LIEVITO.

I CONTAMINANTI DELLA MATERIA PRIMA LIEVITO. I CONTAMINANTI DELLA MATERIA PRIMA LIEVITO. A cura della Dott.ssa Simona Lauri: simona.lauri@nistriandrea.it Il discorso generico sui microrganismi contaminanti o utili, il loro sviluppo, i fattori che

Dettagli

Progetto pilota per la sorveglianza della mortalità delle colonie di api Italia 2012-2013 Protocollo di campionamento

Progetto pilota per la sorveglianza della mortalità delle colonie di api Italia 2012-2013 Protocollo di campionamento Progetto pilota per la sorveglianza della mortalità delle colonie di api Italia 2012-2013 Protocollo di campionamento Le buone pratiche di campionamento Il prelievo dei campioni: i campioni vengono effettuati

Dettagli

SCHEMA GENERALE DEL PROGRAMMA DI SELEZIONE. 1 Anno Riproduzione delle potenziali madri ed invio ai Centri di Valutazione

SCHEMA GENERALE DEL PROGRAMMA DI SELEZIONE. 1 Anno Riproduzione delle potenziali madri ed invio ai Centri di Valutazione SCHEMA GENERALE DEL PROGRAMMA DI SELEZIONE 1 Anno Riproduzione delle potenziali madri ed invio ai Centri di Valutazione 1. Gli allevatori scelgono, fra le regine valutate nell anno precedente, di cui possibilmente

Dettagli

Patologia Apistica. Andrea Besana andrebes@libero.it

Patologia Apistica. Andrea Besana andrebes@libero.it Patologia Apistica Andrea Besana andrebes@libero.it Avversità delle api Virus Protozoi Batteri Funghi Insetti Acari Uccelli Mammiferi DWV, APV, CPV, KBV. Malpighamoeba mallificae Peste Americana, peste

Dettagli

Incidenza della profilassi e controllo della varroasi sul costo di produzione del miele

Incidenza della profilassi e controllo della varroasi sul costo di produzione del miele Incidenza della profilassi e controllo della varroasi sul costo di produzione del miele Belletti PierAntonio, Università degli Studi di Udine Franco Rosa, Università Studi di Udine Andrea Chicco, Tecnico

Dettagli

La Varroa. 23/05/2007 dr. Luca Allais 1

La Varroa. 23/05/2007 dr. Luca Allais 1 La Varroa 23/05/2007 dr. Luca Allais 1 VARROA DESTRUCTOR: CARTA D IDENTITA - ACARO PARASSITA PROVENIENTE DALL ESTREMO ORIENTE DOVE VIVE A SPESE DELL APIS CERANA - SI E DIFFUSA IN EUROPA VERSO LA FINE DEGLI

Dettagli

Malattie esotiche delle api e controlli all importazione

Malattie esotiche delle api e controlli all importazione Corso di Aggiornamento per Medici Veterinari: RICONOSCERE E GESTIRE LE PATOLOGIE DELLE API NEL RISPETTO DELLA SICUREZZA DEI PRODOTTI DELL ALVEARE Malattie esotiche delle api e controlli all importazione

Dettagli

Il fenomeno. I saccheggi veri e propri

Il fenomeno. I saccheggi veri e propri I saccheggi Nell'agosto 2013, durante le visite effettuate negli apiari degli associati, abbiamo trovato con una certa frequenza casi di alveari saccheggiati. Ci preme quindi ricordare alcuni aspetti di

Dettagli

La catena Epidemiologica

La catena Epidemiologica La catena Epidemiologica STORIA NATURALE DELLE MALATTIE esposizione al/ai fattori di rischio insorgenza della malattia esito guarigione cronicizzazione decesso Principali differenze tra malattie infettive

Dettagli

Considerazioni sugli aspetti sanitari sulla nuova legge regionale in apicoltura DR. GIUSEPPE BUCCIARELLI

Considerazioni sugli aspetti sanitari sulla nuova legge regionale in apicoltura DR. GIUSEPPE BUCCIARELLI REGIONE ABRUZZO Direzione Politiche della Salute Servizio Sanità Veterinaria e Sicurezza Alimentare Considerazioni sugli aspetti sanitari sulla nuova legge regionale in apicoltura DR. GIUSEPPE BUCCIARELLI

Dettagli

Ascaridi nel cane: come affrontare questi parassiti?

Ascaridi nel cane: come affrontare questi parassiti? Ascaridi nel cane: come affrontare questi parassiti? Gli ascaridi sono i parassiti intestinali più frequenti nel cane e nel gatto, in questo articolo ci si propone come scopo quello di approfondire l argomento

Dettagli

VARROA 2011.. CHE FARE???

VARROA 2011.. CHE FARE??? VARROA 2011.. CHE FARE??? Serena Rocchi- tecnico ALPA- Roma 6 aprile 2011 In mancanza della bacchetta VARROA rispolverando i libri di storia Acaro proveniente dall apis Cerana (Asia orientale), alla quale

Dettagli

Ricerca a cura della 3ª C

Ricerca a cura della 3ª C Ricerca a cura della 3ª C Insegnante Donatella Marra Anno scolastico 2009-2010 L'ape: come vive, com'è fatta Fra gli insetti che pungono le api sono le più temute dall'uomo. Le femmine hanno un pungiglione

Dettagli

Produzione Certificata: il Manuale di Corretta Prassi Operativa (Parte I)

Produzione Certificata: il Manuale di Corretta Prassi Operativa (Parte I) Produzione Certificata: il Manuale di Corretta Prassi Operativa (Parte I) Dr. Giovanni Formato Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana Il nuovo approccio per garantire la salubrità

Dettagli

L influenza. stagionale

L influenza. stagionale Questo opuscolo vuole fornire alcune informazioni pratiche per avere una visione corretta ed equilibrata di un fenomeno, quello dell influenza aviaria, che al momento attuale sta determinando un inutile

Dettagli

RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI

RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI definizione Rischio da agenti biologici Si sviluppa in seguito all esposizione a microorganismi: BATTERI VIRUS PARASSITI .Le malattie infettive Il rapporto che l agente infettivo

Dettagli

CONVEGNO FAI L UNIVERSO APE IN PERICOLO. Resoconto preliminare

CONVEGNO FAI L UNIVERSO APE IN PERICOLO. Resoconto preliminare CONVEGNO FAI L UNIVERSO APE IN PERICOLO ---------------------------- Resoconto preliminare L importanza di una rete di monitoraggio Al fine di avere idee precise sulla natura e sull entità degli spopolamenti

Dettagli

CORSO TEORICO E PRATICO DI INTRODUZIONE ALL APICOLTURA

CORSO TEORICO E PRATICO DI INTRODUZIONE ALL APICOLTURA CORSO TEORICO E PRATICO DI INTRODUZIONE ALL APICOLTURA (Aprile-Giugno 2015) L Associazione Regionale Apicoltori Pugliesi (A.R.A.P.) organizza un Corso teorico e pratico di introduzione all Apicoltura della

Dettagli

Sepsi. Presenza di agenti patogeni sulla cute o su altri tessuti viventi.

Sepsi. Presenza di agenti patogeni sulla cute o su altri tessuti viventi. La Disinfezione Disinfettanti. Sostanze che combattono, con meccanismo specifico e mediante applicazione diretta, i microrganismi responsabili delle infezioni. Pulizia Rimozione meccanica dello sporco

Dettagli

Strategie di lotta alla varroa in Provincia di Rieti

Strategie di lotta alla varroa in Provincia di Rieti Strategie di lotta alla varroa in Provincia di Rieti Rinaldo Amorosi 2a Serata a tema sull apicoltura IZSLT Roma 30/01/2014 Esperienze & dati Assistenza tecnica Sperimentazione 2012 fungo Metarhytium Monitoraggio

Dettagli

Linee guida per il controllo dell infestazione da Varroa destructor.

Linee guida per il controllo dell infestazione da Varroa destructor. PREMESSA Linee guida per il controllo dell infestazione da Varroa destructor. Le caratteristiche delle strategie e delle tecniche di lotta nei confronti di Varroa destructor disponibili impongono di intervenire,

Dettagli

Regolamento di polizia veterinaria anagrafe apistica

Regolamento di polizia veterinaria anagrafe apistica GIORNATE DIVULGATIVE SULLA "NORMATIVA APISTICA" Regolamento di polizia veterinaria anagrafe apistica dott. Vanni Floris PROGRAMMA APISTICO REGIONALE Reg. (CE) N. 1234/2008 - AZIONE A4 Argomenti Gli articoli

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

Le malattie trasmesse da alimenti. Alimentando > Le malattie trasmesse ingerendo alimenti infetti [ 1 ]

Le malattie trasmesse da alimenti. Alimentando > Le malattie trasmesse ingerendo alimenti infetti [ 1 ] Le malattie trasmesse da alimenti [ 1 ] Le malattie trasmesse Gli alimenti sono la fonte di nutrimento necessaria per la vita dell uomo, ma possono diventare un pericolo per la salute del consumatore quando

Dettagli

Embrio transfer per una fertilità migliore

Embrio transfer per una fertilità migliore TECNICA Embrio transfer per una fertilità migliore Le bovine moderne, a causa delle grandi quantità di latte prodotte, sono molto sensibili alle temperature elevate, che inducono un innalzamento di quella

Dettagli

SCHEDA FERGUSON. L evoluzione degli allevamenti di vacche da latte in senso produttivo negli ultimi anni ha

SCHEDA FERGUSON. L evoluzione degli allevamenti di vacche da latte in senso produttivo negli ultimi anni ha SCHEDA FERGUSON L evoluzione degli allevamenti di vacche da latte in senso produttivo negli ultimi anni ha comportato un adeguamento degli strumenti utili a valutare l efficienza e la redditività delle

Dettagli

I pidocchi della testa. Contro i pidocchi non serve il martello

I pidocchi della testa. Contro i pidocchi non serve il martello I pidocchi della testa Kit informativo per i genitori Contro i pidocchi non serve il martello Controlla i capelli del tuo bambino ogni settimana Esegui immediatamente il trattamento Avvisa la scuola Presentazione

Dettagli

In entrambe le sezioni vi sono domande a scelta multipla e domande aperte.

In entrambe le sezioni vi sono domande a scelta multipla e domande aperte. Facoltà di Agraria UNIPD Precorso Biologia 2011 Verifica le tue competenze Leggi attentamente il testo e rispondi alle domande che seguono. Le domande sono divise in due sezioni: le domande di competenza

Dettagli

AETHINA TUMIDA SHB Small hive beetle Piccolo coleottero dell alveare

AETHINA TUMIDA SHB Small hive beetle Piccolo coleottero dell alveare AETHINA TUMIDA SHB Small hive beetle Piccolo coleottero dell alveare Aethina tumida Murray (1867) (piccolo coleottero dell alveare) Phylum Arthropoda Classe Exapoda Ordine Coleoptera, Famiglia Nitidulidae

Dettagli

RISCHIO BIOLOGICO. SEMINARIO Sicurezza nei luoghi di lavoro Dott.ssa Loredana Di Natale

RISCHIO BIOLOGICO. SEMINARIO Sicurezza nei luoghi di lavoro Dott.ssa Loredana Di Natale RISCHIO BIOLOGICO SEMINARIO Sicurezza nei luoghi di lavoro Dott.ssa Loredana Di Natale RISCHIO BIOLOGICO SIGNIFICATO: Inizialmente il rischio Biologico era inteso come la possibilità di contrarre un infezione

Dettagli

Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi

Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi Informazioni per i genitori A cosa serve lo screening neonatale Questa pubblicazione serve ad illustrare perché è così importante

Dettagli

A) DENUNCIA DEGLI APIARI E DEGLI ALVEARI: Banca dati provinciale

A) DENUNCIA DEGLI APIARI E DEGLI ALVEARI: Banca dati provinciale ALLEGATO A. Direttive per l'attuazione da parte dell'azienda provinciale per i servizi sanitari delle funzioni demandate dal legislatore provinciale in materia di denuncia degli apiari e degli alveari

Dettagli

Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Portuense, 292-00149 Roma

Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Portuense, 292-00149 Roma Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Portuense, 292-00149 Roma PROCEDURA PER LA SORVEGLIANZA SANITARIA DEGLI OPERATORI

Dettagli

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA:

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: HPV-test Pap-test 71% CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: FALSI MITI & REALTÀ DA CONOSCERE 1 Il carcinoma della cervice uterina colpisce solo donne in età avanzata 1 Studi recenti hanno evidenziato che il

Dettagli

Questa lezione tratta il sistema HACCP e la sua applicazione come viene presentata dal Codex Alimentarius

Questa lezione tratta il sistema HACCP e la sua applicazione come viene presentata dal Codex Alimentarius Questa lezione tratta il sistema HACCP e la sua applicazione come viene presentata dal Codex Alimentarius 1 Il Codex ha accettato il sistema HACCP come il migliore strumento per garantire la sicurezza

Dettagli

I Papillomavirus sono tutti uguali?

I Papillomavirus sono tutti uguali? Cos è il Papillomavirus? Il Papillomavirus è un microscopico nemico della tua salute. Attento, però, a non sottovalutare la pericolosità di questo microrganismo lungo solo 55 milionesimi di millimetro.

Dettagli

VEGETALI U N S O T U R I O L O P S I T T O S U N O D. Vegetali V7 BATTERI V6 M2 U2

VEGETALI U N S O T U R I O L O P S I T T O S U N O D. Vegetali V7 BATTERI V6 M2 U2 VEGETAL E U R S T Vegetali BATTER V6 M2 U2 1 VEGETAL E U R S T BATTER Nel terreno vivono moltissimi organismi viventi. Alcuni li avrete sicuramente già visti o addirittura studiati (es. talpa, lombrico,

Dettagli

A cura del dr. Giovanni Piu

A cura del dr. Giovanni Piu A cura del dr. Giovanni Piu INFLUENZA Parola derivata dalla lingua Italiana, perché si supponeva che la malattia fosse dovuta all influenza climatica svolta da una sfavorevole congiunzione astrale. E una

Dettagli

Inseminazione strumentale dell'ape regina

Inseminazione strumentale dell'ape regina LAVORO ESEGUITO DA APICOLTURA DUE PONTI DI MASSARA FRANCESCO APICOLTURA AGATA CIERLIŃSKA Perché inseminare artificialmente le nostre regine Francesco Massara e Agata Cierlińska Inseminazione strumentale

Dettagli

Corso UNAAPI: Lotta alla Varroasi

Corso UNAAPI: Lotta alla Varroasi Corso UNAAPI: Lotta alla Varroasi a cura di Barbara Leida Materiale didattico utilizzato per i moduli formativi organizzati dall UNAAPI. Ogni riproduzione ed uso è possibile solo se precedentemente concordata

Dettagli

4. Presentazione IBH Vetsuisse. 5. Presentazione CRA Liebefeld

4. Presentazione IBH Vetsuisse. 5. Presentazione CRA Liebefeld Varroa Sommario 1. Biologia della Varroa 2. Diagnosi 3. Lotta alternativa FFO 4. Presentazione IBH Vetsuisse 5. Presentazione CRA Liebefeld Sommario 1. Biologia della Varroa 2. Diagnosi 3. Lotta alternativa

Dettagli

Diabete Mellito 'insulina pancreas un aumento dell appetito accompagnato da una perdita di peso corporeo aumentare la diuresi della sete

Diabete Mellito 'insulina pancreas un aumento dell appetito accompagnato da una perdita di peso corporeo aumentare la diuresi della sete Diabete Mellito Il Diabete mellito è una comune malattia endocrina causata da una carenza relativa o assoluta di insulina. L'insulina è un ormone prodotto da particolari cellule del pancreas (cellule beta)

Dettagli

Toxocara canis. Un passeggero clandestino

Toxocara canis. Un passeggero clandestino Dipartimento di Scienze veterinarie Dipartimento di Biologia molecolare, cellulare, animale Dipartimento Servizi alla Persona e alla Comunità Servizio Veterinaria, Igiene, Sicurezza e Qualità Nutrizionale

Dettagli

Alcune malattie fungine dell olivo

Alcune malattie fungine dell olivo Alcune malattie fungine dell olivo Massimo Pilotti CRA- Centro di Ricerca per la Patologia Vegetale ROMA Malattia fungina nota già nel dopoguerra nelle zone di coltivazione meridionali. Segnalazioni del

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

SANGUE ricerca anticorpi/antigeni su siero (immunofluorescenza indiretta/ sieroagglutinazione/sieroneutralizzazione/ tecniche immunoenzimatiche)

SANGUE ricerca anticorpi/antigeni su siero (immunofluorescenza indiretta/ sieroagglutinazione/sieroneutralizzazione/ tecniche immunoenzimatiche) PG ACC 003/2 rev. 11 pag. 1 di 5 INDICAZIONI PER IL PRELIEVO ED IL CONFERIMENTO DEI CAMPIONI SANITÀ ANIMALE Esame SANGUE ricerca anticorpi/antigeni su siero (immunofluorescenza indiretta/ sieroagglutinazione/sieroneutralizzazione/

Dettagli

SOMMARIO 47 I DISTURBI PIÙ FREQUENTI 51 QUANDO IL COLON È IRRITABILE

SOMMARIO 47 I DISTURBI PIÙ FREQUENTI 51 QUANDO IL COLON È IRRITABILE SOMMARIO 7 L IMPORTANZA DEL COLON 11 UN ORGANO CON FUNZIONI VITALI 12 La fisiologia 20 La visione psicosomatica 36 L alimentazione 40 I rimedi naturali 47 I DISTURBI PIÙ FREQUENTI 51 QUANDO IL COLON È

Dettagli

DA MADRE. Èla madre che -

DA MADRE. Èla madre che - DA MADRE a figlio 2 Èla madre che - durante la gravidanza e l allattamento - dona al figlio tutto il calcio necessario a formare lo scheletro. Durante la gravidanza, soprattutto nel terzo trimestre, il

Dettagli

OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE

OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE Un esempio di misure di ossigeno e ph in acque contenenti piante acquatiche (alla luce e al buio) Misura (con un ossimetro) dell ossigeno disciolto all inizio di un

Dettagli

A N T I L E G I O N E L L A

A N T I L E G I O N E L L A ACCORGIMENTI IMPIANTISTICI A N T I L E G I O N E L L A Pagina 1 di 7 PREMESSA L impiantistica progettata e realizzata al servizio del Monoblocco Mellino Mellini in Chiari (BS) è stata condotta nel rispetto

Dettagli

MAS MARKER ASSISTED SELECTION SELEZIONE ASSISTITA DEI MARCATORI. Carmine Correale

MAS MARKER ASSISTED SELECTION SELEZIONE ASSISTITA DEI MARCATORI. Carmine Correale MAS MARKER ASSISTED SELECTION SELEZIONE ASSISTITA DEI MARCATORI Carmine Correale CHE COS E La Selezione Assistita dei Marcatori (MAS Marker Assisted Selection) è una tecnica che accelera e semplifica la

Dettagli

Polipi precancerosi. Circa il 50% delle persone dai 60 anni in su avrà nel corso della vita almeno 1 polipo precanceroso di 1 cm o più di diametro.

Polipi precancerosi. Circa il 50% delle persone dai 60 anni in su avrà nel corso della vita almeno 1 polipo precanceroso di 1 cm o più di diametro. Polipi precancerosi I polipi sono piccole escrescenze dovute ad una proliferazione eccessiva delle cellule sane della mucosa intestinale che può causare lo sviluppo di polipi cosiddetti adenomatosi (anche

Dettagli

Sopralluoghi igienico - nutrizionali ed alimentazione sicura

Sopralluoghi igienico - nutrizionali ed alimentazione sicura Sopralluoghi igienico - nutrizionali ed alimentazione sicura Intervento a cura di: Dario Signorelli -Dipartimento di Prevenzione Medica SC Alimenti e Nutrizione ASL Milano Milano, 3 maggio 2012 1 servizio

Dettagli

HIV-AIDS e Benessere Riproduttivo

HIV-AIDS e Benessere Riproduttivo HIV-AIDS e Benessere Riproduttivo HIV-AIDS Un emergenza da non dimenticare A livello globale, l epidemia di HIV-AIDS pare essersi stabilizzata. Il tasso di nuove infezioni è in costante diminuzione dalla

Dettagli

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna AGGIORNAMENTI SUL CONTROLLO IGIENICO-SANITARIO DELL APICOLTURA Brisighella (RA) 13 settembre 2013 Evoluzione del controllo dell apicoltura

Dettagli

SCIENZE La Vita. Le muffe. Lab11. Fare esperimenti

SCIENZE La Vita. Le muffe. Lab11. Fare esperimenti SCIENZE La Vita Ti sarà capitato di trovare un po di muffa in un vasetto di marmellata o su un limone in frigorifero, o di considerare, con golosità o perplessità a seconda che ti piaccia o no, le chiazze

Dettagli

RISCHIO BIOLOGICO. Gestione della Sicurezza nella Scuola 51

RISCHIO BIOLOGICO. Gestione della Sicurezza nella Scuola 51 RISCHIO BIOLOGICO Igiene : per garantire la salubrità ambientale è necessario che i pavimenti siano sistematicamente puliti e periodicamente disinfettati; le pareti ed i soffitti non devono ravvisare la

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA

EPIDEMIOLOGIA DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA EPIDEMIOLOGIA DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA 1 INTRODUZIONE 2 Le infezioni correlate all assistenza (ICA) rappresentano una complicanza frequente. In media il 5-10% dei pazienti ricoverati in

Dettagli

Federazione Associazioni Apicoltori del Trentino

Federazione Associazioni Apicoltori del Trentino Federazione Associazioni Apicoltori del Trentino Associazione Apicoltori Fiemme e Fassa Associazione Apicoltori Valsugana Lagorai Associazione Apicoltori delle Valli di Sole, Pejo e Rabbi Apicoltori in

Dettagli

L impiego del calore istantaneo per ridurre i rischi da PSA nell actinidieto

L impiego del calore istantaneo per ridurre i rischi da PSA nell actinidieto L impiego del calore istantaneo per ridurre i rischi da PSA nell actinidieto Luciano Trentini Marco Mingozzi Piemonte Ha 5.000 20% Veneto Ha 3.700-14% Emilia-Romagna 4.000 Ha - 15% Lazio Ha 7.350 30% Il

Dettagli

Al fine di agevolare le attività di ristorazione e offrire ai consumatori prodotti igienicamente sicuri è necessario considerare:

Al fine di agevolare le attività di ristorazione e offrire ai consumatori prodotti igienicamente sicuri è necessario considerare: Aspetti generali Al fine di agevolare le attività di ristorazione e offrire ai consumatori prodotti igienicamente sicuri è necessario considerare: la progettazione dei locali e delle strutture l organizzazione

Dettagli

Le avversità delle piante ornamentali

Le avversità delle piante ornamentali Seminario Grottammare (AP) Le avversità delle piante ornamentali La gestione delle avversità in ambito urbano Luigi Delloste Per avversità ambientale si intende qualsiasi evento, sia di origine climatica

Dettagli

INFLUENZA E VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE (Campagna vaccinale antinfluenzale 2015-2016)

INFLUENZA E VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE (Campagna vaccinale antinfluenzale 2015-2016) INFLUENZA E VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE (Campagna vaccinale antinfluenzale 2015-2016) L influenza è un infezione respiratoria provocata da un virus. È molto contagiosa, perché si trasmette facilmente attraverso

Dettagli

Il paziente oncologico

Il paziente oncologico Il paziente oncologico Le neoplasie sono tra le cause più frequenti di morte nel cane e nel gatto in molti paesi industrializzati. La chemioterapia antineoplastica, anche in medicina veterinaria, negli

Dettagli

NORME PRIVATE PER LA GELSICOLTURA E LA BACHICOLTURA BIOLOGICA ACCETTATE AI SENSI DELL ART. 42 DEL REG. (CE) N. 843/2007

NORME PRIVATE PER LA GELSICOLTURA E LA BACHICOLTURA BIOLOGICA ACCETTATE AI SENSI DELL ART. 42 DEL REG. (CE) N. 843/2007 NORME PRIVATE PER LA GELSICOLTURA E LA BACHICOLTURA BIOLOGICA ACCETTATE AI SENSI DELL ART. 42 DEL REG. (CE) N. 843/2007 1 Note introduttive I bachi da seta, nella loro qualità di prodotti agricoli vivi

Dettagli

Nelle etichette devono essere riportati in modo chiaro gli ingredienti e la data di scadenza.

Nelle etichette devono essere riportati in modo chiaro gli ingredienti e la data di scadenza. COME SI PRESENTA IL PRODOTTO: Fare attenzione alle alterazioni visibili: il prodotto alterato può cambiare colore, odore, sapore, aspetto può cambiare consistenza o presentare tracce di muffe la confezione

Dettagli

www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME

www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME Cos è? L artrite Lyme è causata dal batterio Borrelia burgdorferi (borreliosi di Lyme) e si trasmette con il morso di zecche quali l ixodes ricinus.

Dettagli