Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni"

Transcript

1 Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri

2 Internet Stock In concomitanza alla crescente popolarità del settore Internet osservata negli anni novanta, sia professionisti sia accademici hanno cominciato ad enfatizzare le difficoltà implicite nella valutazione dei titoli Internet. In particolare, alcune caratteristiche del settore Internet influenzano la valutazione delle aziende in esso operanti: il settore si trova nella fase iniziale del ciclo di sviluppo, pertanto sono disponibili serie storiche limitate di informazioni finanziarie da impiegare nella formulazione di previsioni; il settore inoltre evolve a ritmi rapidi e talvolta imprevedibili, ciò implica che anche in presenza di informazioni storiche, la loro rilevanza nella valutazione delle aziende Internet potrebbe essere inferiore rispetto a quanto avviene nella valutazione di aziende appartenenti a settori più maturi. 2

3 Internet Stock Alla luce di tali caratteristiche, gli operatori sembravano suggerire che le informazioni finanziarie fossero di limitata utilità nella valutazione dei titoli Internet e nuovi paradigmi di valutazione si rendevano pertanto necessari. Gli operatori sottolineavano altresì che il settore Internet forniva una notevole quantità di dati non finanziari sul traffico web, informazione che avrebbe potuto essere utilmente impiegata per stimare i ricavi futuri. Gli analisti, infatti, sostenevano che il traffico web corrente tende ad essere correlato positivamente ai ricavi futuri, in quanto riflette la potenziale domanda futura di prodotti della società e allo stesso tempo influenza le tariffe pubblicitarie che la società può applicare. 3

4 Valutazione delle Internet Stock Il valore di un azienda è tipicamente basato sulla capacità della stessa di generare flussi di cassa/utili anomali e sul rischio associato a tali payoff. Tuttavia, le «giovani» aziende Internet spesso si caratterizzano per risultati d esercizio negativi, cui però il mercato sembra rispondere attribuendo prezzi elevati rispetto al valore intrinseco. Tali «giovani» aziende Internet tendono altresì ad avere bassi investimenti in immobilizzazioni materiali, ma sembrano ricavare la maggior parte del loro valore da attività immateriali. 4

5 Valutazione delle Internet Stock Durante la seconda metà degli anni novanta, la sistematica presenza di perdite e l elevata consistenza delle attività immateriali hanno indotto gli operatori ad abbandonare i metodi tradizionali di valutazione e contestualmente a sviluppare nuove modalità di valutazione delle aziende Internet. Sono stati condotti numerosi tentativi di valutazione delle Internet stock sulla base di metriche non-finanziarie relative al traffico web. L impiego di tali nuovi paradigmi di valutazione, tuttavia, presenta alcuni elementi di criticità e può risultare fuorviante. 5

6 Valutazione delle Internet Stock Le difficoltà nella valutazione delle aziende Internet possono infatti essere risolte cristallizzando le fasi di ciclo di vita in cui il settore si colloca. Come osservato nell evidenza empirica, le aziende Internet nelle fasi avanzate del ciclo di vita del settore possono essere valutate in modo analogo alle aziende mature di altri settori. I problemi di valutazione delle aziende operanti nel settore Internet emergono pertanto in via primaria nelle fasi iniziali del ciclo di vita del settore. La valutazione dovrebbe peraltro anche in queste fasi iniziali essere ancorata al valore attuale di flussi di cassa/utili anomali, anche se tali payoff possono risultare di più difficile previsione. 6

7 Valutazione delle Internet Stock Alcuni problemi tipici (nonché le soluzioni proposte) che sorgono nella valutazione delle aziende Internet durante le prime fasi del ciclo di vita, sono illustrati qui di seguito. - Analisi finanziaria sui più recenti dati disponibili. Poiché sono disponibili limitate informazioni storiche sull azienda, e poiché la rapidità con cui queste informazioni si modificano è estremamente elevata, gli analisti dovrebbero fare riferimento ai dati più recenti in loro possesso, almeno per quanto riguarda fatturato e utili (ossia informazioni cosiddette «trailing 12 month», piuttosto che informazioni dal bilancio dell esercizio precedente). 7

8 Valutazione delle Internet Stock - Analisi prospettica e previsioni sul tasso di crescita delle vendite. Dati gli elevati tassi di crescita delle vendite tipicamente attesi per le aziende Internet, la stima del fatturato rappresenta un input chiave nella valutazione delle stesse. A tale proposito diviene raccomandabile il ricorso a più fonti e parametri. In maniera peraltro non particolarmente diversa rispetto a quanto avviene per le aziende operanti in settori più maturi, l analista dovrebbe fare riferimento al tasso di crescita delle vendite storico registrato per l azienda, al tasso di crescita del mercato cui l azienda si rivolge, alle barriere all entrata e al vantaggio competitivo dell azienda stessa. Tuttavia, data la maggiore incertezza nella valutazione di una «giovane» società Internet rispetto ad aziende mature, gli analisti suggeriscono di utilizzare la tecnica degli scenari pesati per le rispettive probabilità di accadimento. Tale tecnica richiede di ripetere il processo di stima delle variabili finanziarie per una pluralità di scenari (convenzionalmente ottimista, neutrale e pessimista) delineati sulla base di analisi strategica e finanziaria. In sostanza, la costruzione degli scenari richiede la conoscenza dei fattori che nella realtà portano alla creazione di valore. 8

9 Valutazione delle Internet Stock - Analisi prospettica e previsioni sul margine operativo lordo sostenibile. Per un azienda in perdita, un elevato tasso di crescita delle vendite determina semplicemente un amplificazione delle perdite nel tempo. Un elemento rilevante per la creazione di valore nel caso di un azienda Internet è che il margine operativo lordo, sebbene attualmente negativo, possa diventare positivo nel futuro. Si ricordi a tale proposito l evidenza empirica analizzata nelle sezioni precedenti in merito all elevato potere predittivo in relazione ai prezzi azionari del margine operativo lordo. 9

10 Valutazione delle Internet Stock Una cautela importante nella stima del valore intrinseco delle aziende Internet è quindi quella di scomporre l utile netto corrente nelle sue determinanti così da ottenere una misura del margine operativo lordo. Infatti, un utile netto negativo può essere dovuto a principi contabili che richiedono di valorizzare le spese in conto capitale come spese operative, e non invece al fatto che le spese operative sono più elevate rispetto alle vendite. Poiché molte di queste spese in conto capitale sono trattate come spese generali e amministrative è particolarmente utile fare riferimento ai margini al netto di tali spese. 10

11 Valutazione delle Internet Stock - Stima del tasso ti attualizzazione. Nell approccio classico per stimare il beta da utilizzare nel calcolo del costo del capitale proprio, gli analisti tipicamente regrediscono i rendimenti dell azione sui rendimenti di mercato. Tuttavia tale approccio non può essere utilizzato per le «giovani» aziende Internet a causa della scarsa disponibilità di serie storiche di dati. Pertanto devono esser utilizzati approcci alternativi. Un primo approccio, noto come bottom-up, suggerisce di stimare il beta corrente di un azienda come media del beta delle aziende comparabili presenti sul mercato da due o più anni. Se non sono disponibili aziende comparabili, il beta può essere stimato utilizzando le caratteristiche finanziarie della stessa azienda (ad esempio la volatilità degli utili, la dimensione, le caratteristiche dei flussi di cassa o la leva finanziaria). 11

12 Operazioni di fusione e acquisizione La preoccupazione principale per gli analisti finanziari che si trovano a valutare operazioni di fusione e acquisizione riguarda la possibilità per il tramite dell operazione di creare valore per gli azionisti della società acquirente e della società target. In particolare, vi sono generalmente tre modalità di creazione di valore per l acquirente (bidder): a) Acquistando le azioni della società target ad un prezzo inferiore al fair value (o valore intrinseco); b) Generando nuovo valore tramite sinergie mediante l integrazione delle operazioni delle due società; c) Utilizzando proprie azioni sopravvalutate per acquistare le azioni della società target in maniera conveniente. 12

13 Motivazioni alla base delle operazioni di fusione e acquisizione Le operazioni di fusione e acquisizione sono fonte di valore in quanto in grado di generare sinergie. Le sinergie possono essere generate dai seguenti fattori. 1. Economie di scala nelle funzioni di produzione e distribuzione: l azienda risultante dall aggregazione può svolgere una data funzione e/o un attività in modo più efficiente rispetto a bidder e target considerate separatamente. Ad esempio, la società risultante dall aggregazione può beneficiare di risparmi in relazione a spese di ricerca e sviluppo, produzione, marketing e vendita. 13

14 Motivazioni alla base delle operazioni di fusione e acquisizione 2. Miglioramento nella gestione della target. In genere le target sottoperformano sistematicamente il settore di appartenenza nei sei mesi precedenti l operazione di aggregazione. Tale performance inferiore rispetto alle concorrenti può essere spiegata da politiche di gestione dell azienda inadeguate ed inefficienti. Si noti che una tale cattiva gestione può scaturire sia per effetto di manager che prendono deludenti decisioni operative sia per effetto di manager che perseguono obiettivi di aumento del loro potere personale a scapito del valore degli azionisti. Pertanto la performance insoddisfacente delle target è coerente con l ipotesi che un management inefficiente della target è fonte di una cattiva performance della target stessa. 14

15 Motivazioni alla base delle operazioni di fusione e acquisizione 3. Complementarità di risorse e mercati. L operazione di aggregazione può avvenire in modo da combinare risorse e competenze complementari, in particolare quando la società acquisita e la società acquirente hanno risorse e competenze distinte in aree diverse (ad esempio un azienda con una forte rete distributiva combinata ad un azienda con una pregevole divisione di ricerca e sviluppo). Si noti che tali sinergie aumentano d importanza quando le risorse specifiche coinvolte divengono più costose. E essenziale precisare che la complementarità può anche fare riferimento ai mercati/prodotti della società target e della società acquirente: le differenze nella posizione geografica dominante o nel segmento dei prodotti per le due società rappresentano una motivazione importante nelle operazioni di aggregazione. 15

16 Motivazioni alla base delle operazioni di fusione e acquisizione 4. Motivazioni di natura finanziaria, tra cui benefici derivanti dall uso dello scudo fiscale, dall evitare costi legati al fallimento e dall aumento della leva finanziaria. In particolare, le aggregazioni rappresentano un modo per offrire finanziamenti a basso costo da parte dell acquirente a società target con difficoltà finanziarie. 16

17 Motivazioni alla base delle operazioni di fusione e acquisizione 5. Vantaggi di natura fiscale. Anche se i benefici fiscali sono stati a lungo ritenuti come la più importante motivazione alla base delle operazioni di aggregazione, per quanto riguarda gli Stati Uniti il Tax Reform Act del 1986 ha introdotto una serie di disposizioni volte a ridurre i benefici fiscali connessi a fusioni ed acquisizioni. Negli Stati Uniti, uno dei principali vantaggi fiscali ancora esistenti riguarda la possibilità per l acquirente di utilizzare ai fini fiscali perdite d esercizio: quando l acquirente si attende di non realizzare profitti sufficiente negli anni successivi a sfruttare pienamente il vantaggio fiscale derivante dalla detraibilità delle sue perdite correnti e pregresse, può decidere di acquisire una target in utile così che le perdite (incluse le perdite riportate a nuovo) dell acquirente possano essere compensate con gli utili della target. Tuttavia, gran parte delle evidenze empiriche assegna ai vantaggi di natura fiscale un ruolo secondario nello spiegare le motivazioni delle operazioni di M&A. 17

18 Motivazioni alla base delle operazioni di fusione e acquisizione 6. Aumento del potere di mercato. Le operazioni di acquisizione potrebbero determinare un aumento dei prezzi dei prodotti a vantaggio dell azienda risultante dall aggregazione e delle altre aziende concorrenti del medesimo settore. Divenendo un azienda dominante nel settore, acquirente e target potrebbero colludere per limitare la produzione ed aumentare i prezzi, e quindi aumentare i loro profitti e valore. 18

19 Motivazioni alla base delle operazioni di fusione e acquisizione Sebbene la maggior parte delle motivazioni che spingono ad effettuare operazioni di fusione e acquisizione sia legata alla creazione di valore per gli azionisti, vi sono altre determinanti che portano alla distruzione di valore. Si tratta generalmente del risultato del comportamento dei manager della società acquirente finalizzato al perseguimento di obiettivi personali, diversi dalla massimizzazione del valore per gli azionisti. 19

20 Motivazioni alla base delle operazioni di fusione e acquisizione Gli investimenti tipicamente riconducibili al perseguimento di obiettivi personali del management, non finalizzati alla massimizzazione del valore della società, sono: a) Uso della liquidità in eccesso. Le società con eccesso di liquidità (cash surplus) e scarse opportunità d investimento profittevoli possono utilizzare la liquidità in eccesso per effettuare acquisizioni. L operazione rappresenta in tal caso un alternativa all erogazione degli utili agli azionisti tramite dividendi, o all utilizzo della liquidità per riacquistare azioni proprie. Dato che queste alternative genererebbero una riduzione della dimensione della società, il management risulta più propenso ad investire la liquidità in eccesso nell acquisizione di nuove società, anche se la scelta non è ottimale per gli azionisti. 20

21 Motivazioni alla base delle operazioni di fusione e acquisizione b) Diversificazione. Si è trattato di una motivazione diffusa negli anni sessanta e nei primi anni settanta, utilizzata come una strategia per attenuare la volatilità degli utili tramite l acquisto di aziende con attività non correlate. Da allora, tale strategia è stata ampiamente screditata. Non solo essa porta le aziende a perdere di vista il loro primario vantaggio competitivo e ad espandersi in settori in cui non hanno le adeguate competenze specifiche, ma oltretutto non pare necessaria poiché gli investitori possono diversificare da sé senza aver bisogno che i manager lo facciano per loro conto. 21

22 Modalità di finanziamento delle operazioni Nel momento in cui la società acquirente deve prendere una decisione in merito all operazione di aggregazione, attenzione deve essere posta oltre che sul prezzo da pagare per la target anche sulla modalità di finanziamento dell operazione, che può prevedere alternativamente o congiuntamente l uso di azioni dell acquirente, la contrazione di nuovi finanziamenti da parte dell acquirente o l impiego di denaro contante. Nelle operazioni che prevedono il pagamento mediante azioni, la società acquirente può alternativamente: a) emettere nuove azioni sul mercato e raccogliere tramite l emissione di denaro sufficiente per effettuare l operazione di acquisto: b) scambiare le proprie azioni con le azioni della target (cosiddetto stock swap). Si noti che se l acquirente decide di optare per l emissione di azioni, allora può scegliere se offrire un controvalore fisso di azioni o un numero fisso di azioni. Il mercato spesso interpreta pagamenti tramite azioni come una scarsa fiducia nella sostenibilità del valore delle stesse. 22

23 Modalità di finanziamento delle operazioni Le operazioni regolate mediante denaro contante richiedono che l acquirente abbia accumulato notevoli quantità di cash e consentono di inviare un forte segnale di fiducia al mercato in merito al valore sia dell operazione sia delle proprie azioni. Nelle operazioni finanziate con debito, l acquirente raccoglie i fondi a titolo di capitale di debito necessari per regolare l operazione. L uso di tale mezzo di pagamento dipende dalla leva già esistente per acquirente e target. L acquisizione di società target sotto-indebitata può essere effettuata utilizzando una porzione maggiore di debito rispetto al caso in cui si voglia acquistare una società target che già utilizzi il livello ottimale di leva finanziaria. Ciò ha chiaramente delle implicazioni in termini di costo del capitale della società risultante dall aggregazione, ma non influisce sul costo del capitale utilizzato nella valutazione dell operazione. 23

24 Valutazione delle operazioni di fusione e acquisizione La valutazione di un operazione di fusione o acquisizione non è fondamentalmente diversa da qualsiasi altra valutazione. Richiede in primo luogo la valutazione della target come entità indipendente ossia come stand-alone, per ottenere il prezzo minimo di offerta (cosiddetto minimum bid price). Dopodiché è necessario stimare il valore delle sinergie e del premio da pagare alla società target. 24

25 Valutazione delle operazioni di fusione e acquisizione Il valore dell operazione è la somma del valore della società target in qualità di società indipendente (stand-alone) a cui si somma il valore delle sinergie più il valore di un (eventuale) premio di controllo. Il risultato di questa somma è il prezzo massimo di offerta (cosiddetto maximum bid price). In simboli: P T = V T + sinergie + Premio di controllo Dove: P T = prezzo pagato per la società target: V T = valore intrinseco della società target come entità stand-alone; Premio = premio di controllo, ossia l importo che la società acquirente è eventualmente disposta a pagare in aggiunta a valore intrinseco e sinergie per aver il controllo della target, in particolare se percepita come mal gestita. L esistenza di un mercato per il controllo societario determina la natura ostile di alcune acquisizioni, da cui consegue il pagamento di tale premio di controllo. 25

26 Valutazione delle operazioni di fusione e acquisizione - Criticità Diverse importanti criticità devono essere prese in considerazione nella valutazione delle operazioni di M&A. 1) il valore di mercato della società target può differire dal valore intrinseco della stessa come entità indipendente. Ciò può verificarsi per due ragioni. a) i prezzi delle azioni possono non incorporare informazioni riservate che gli analisi dell azienda bidder potrebbero aver ottenuto nel corso delle loro analisi. b) le quotazioni azionarie della società target possono riflettere probabilità di aggregazione e premi di controllo. 26

27 Valutazione delle operazioni di fusione e acquisizione - Criticità 2) il processo per la valutazione delle sinergie è molto complesso e soggettivo. Richiede innanzitutto la formulazione di previsioni circa i flussi di cassa futuri derivanti dalle sinergie individuate attraverso un attenta analisi strategica dell operazione. A questo proposito, due importanti elementi richiedono di essere analizzati: a) la forma in cui le sinergie si materializzeranno, cioè occorre identificare se le sinergie influenzeranno prevalentemente il lato costi o ricavi della società risultante dall aggregazione. b) il momento da cui le sinergie inizieranno ad influenzare i payoff futuri. Dato che il valore delle sinergie è espresso dal valore attuale dei flussi di cassa generati dalle stesse, quanto più tempo è necessario per ottenere le sinergie, tanto minore è il valore che le stesse aggiungono al valore intrinseco della target come entità indipendente. 27

INTRODUZIONE ALLA FINANZA AZIENDALE. Docente: Prof. Massimo Mariani

INTRODUZIONE ALLA FINANZA AZIENDALE. Docente: Prof. Massimo Mariani INTRODUZIONE ALLA FINANZA AZIENDALE Docente: Prof. Massimo Mariani SOMMARIO La creazione del valore Che cos è la finanza aziendale Obiettivi degli stakeholders Massimizzazione del valore Massimizzazione

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

Lezione 3: Introduzione all analisi e valutazione delle azioni. Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri

Lezione 3: Introduzione all analisi e valutazione delle azioni. Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri Lezione 3: Introduzione all analisi e valutazione delle azioni Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri Valutazione degli investimenti in azioni Intuitivamente si crea valore quando un azienda

Dettagli

FUSIONI E ACQUISIZIONI

FUSIONI E ACQUISIZIONI FUSIONI E ACQUISIZIONI 1. Fusioni e acquisizioni: concetti introduttivi 2. Il valore del controllo di un impresa 3. La redditività di un acquisizione 4. Alcuni tipi particolari di acquisizioni: LBO, MBO

Dettagli

Dividendi e valore delle azioni

Dividendi e valore delle azioni Dividendi e valore delle azioni La teoria economica sostiene che in ultima analisi il valore delle azioni dipende esclusivamente dal flusso scontato di dividendi attesi. Formalmente: V = E t=0 1 ( ) t

Dettagli

CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE

CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Dalle Relazioni, il Valore

Dalle Relazioni, il Valore Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto 80 Schemi e prospetti 82 Le strategie e il Valore 86 Il Valore delle relazioni 88 Indici di Sostenibilità 89 78 79 Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto

Dettagli

Sommario. Presentazione dell edizione italiana... xi. efazione... xiii

Sommario. Presentazione dell edizione italiana... xi. efazione... xiii Sommario Presentazione dell edizione italiana... xi Prefazione efazione... xiii Capitolo 1 Il lato oscuro o della valutazione... 1 Definizione di un impresa tecnologica... 2 La crescita del settore tecnologico...

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing SPIEGARE I FATTORI CHE INFLUENZANO LA DETERMINAZIONE DEL PREZZO

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing SPIEGARE I FATTORI CHE INFLUENZANO LA DETERMINAZIONE DEL PREZZO LEZIONI N. e Le Politiche di Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE SPIEGARE I FATTORI CHE INFLUENZANO LA DETERMINAZIONE DEL PREZZO COMPRENDERE GLI OBIETTIVI

Dettagli

La strategia finanziaria

La strategia finanziaria La strategia finanziaria Strategie di posizionamento (rivolte all esterno) AZIENDA strategia sociale CONTESTO SOCIALE posizionamento sociale Analisi degli input strategici esterni MERCATI FINANZIARI finanziatori

Dettagli

Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci.

Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci. Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci. Debiti verso fornitori Importi dovuti ai fornitori. Crediti

Dettagli

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing L ATTIVITA COMMERCIALE DELL AZIENDA: MARKETING Attività e processi mediante i quali l azienda è presente sul mercato reale su cui colloca i propri prodotti. Solitamente il marketing segue un preciso percorso,

Dettagli

Fonti di finanziamento: l effetto positivo della leva finanziaria

Fonti di finanziamento: l effetto positivo della leva finanziaria Il caso Fonti di finanziamento: l effetto positivo della leva finanziaria di Silvia Tommaso - Università della Calabria Nella scelta delle fonti di finanziamento, necessarie alla copertura del fabbisogno

Dettagli

Valutazione d Azienda. Lezione 11 I METODI RELATIVI

Valutazione d Azienda. Lezione 11 I METODI RELATIVI Valutazione d Azienda Lezione 11 I METODI RELATIVI 1 I metodi relativi Le valutazioni comparative di mercato «Le valutazioni comparative comportano l applicazione, a grandezze aziendali rilevanti, di moltiplicatori

Dettagli

Concetti di marketing turistico

Concetti di marketing turistico Concetti di marketing turistico Introduzione Un impresa, per individuare la linea d azione che ha la maggior probabilità di portare al successo il proprio prodotto, cerca di anticipare i bisogni dei consumatori,

Dettagli

Valutazione d Azienda Lezione 5

Valutazione d Azienda Lezione 5 Valutazione d Azienda Lezione 5 1 Le prospettive di valutazione [P.I.V. I.7] Generico operatore partecipante al mercato Specifico soggetto 2 I partecipanti al mercato Si tratta della generalità dei potenziali

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione Introduzione Perché il controllo di gestione? L azienda, come tutte le altre organizzazioni, è un sistema che è rivolto alla trasformazione di input (risorse tecniche, finanziarie e umane) in output (risultati

Dettagli

Il bilancio delle banche e l analisi delle performance. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a.

Il bilancio delle banche e l analisi delle performance. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. Il bilancio delle banche e l analisi delle performance Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2010/2011 Premessa Il bilancio bancario presenta caratteristiche distintive

Dettagli

Lezione 1. Moneta, finanza e produzione

Lezione 1. Moneta, finanza e produzione Lezione 1. Moneta, finanza e produzione Attività patrimoniali: stock di ricchezza 1. beni materiali e immateriali che partecipano ai processi produttivi, correnti e futuri, e che prospettano un flusso

Dettagli

Obiettivi, Valori e Risultati

Obiettivi, Valori e Risultati Corso di Analisi Strategiche Obiettivi, Valori e Risultati Prof. V.Maggioni Facoltà di Economia S.U.N. L obiettivo primario dell impresa è la massimizzazione del profitto nel lungo termine. Il valore si

Dettagli

19.4. La riserva di elasticità

19.4. La riserva di elasticità INTRODUZIONE ALLA FINANZA 1.OBIETTIVI AZIENDALI E COMPITI DELLA FINANZA, di M. Dallocchio e A. Salvi 1.1. Creazione di valore come idea-guida 1.2. Creazione di valori per l impresa o per gli azionisti?

Dettagli

Lezione 13 Rendimenti conseguibili con l analisi fondamentale

Lezione 13 Rendimenti conseguibili con l analisi fondamentale Lezione 13 Rendimenti conseguibili con l analisi fondamentale Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri Introduzione Il principale obiettivo dell analisi fondamentale è di determinare il valore

Dettagli

Impairment test: la valutazione di una partecipazione

Impairment test: la valutazione di una partecipazione Impairment test: la valutazione di una partecipazione 1 Finalità e limitazioni dell incarico 2 La metodologia valutativa 3 La valutazione della società 4 Criticità riscontrate nella valutazione 5 Verifiche

Dettagli

L ECONOMICITÀ AZIENDALE

L ECONOMICITÀ AZIENDALE L ECONOMICITÀ AZIENDALE IMPRESA tende alla sopravvivenza (autonoma) nel tempo 1 a condizione: Equilibrio economico Risorse consumo (utilizzazione) Collocamento l azienda deve conseguire in volume di ricavi

Dettagli

Obiettivi della lezione #4

Obiettivi della lezione #4 Obiettivi della lezione #4 La lezione oggi affronta i seguenti temi: modelli DCF: valore attuale netto e rendimento (saggio di rendimento interno) di un progetto il ruolo delle modalità di finanziamento

Dettagli

DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC

DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC INCONTRO 31 GENNAIO 2012 TRA ASSTEL E SLC-CGIL, FISTEL-CISL E UILCOM-UIL SUL RINNOVO DEL CONTRATTO COLLETTIVO DI LAVORO Sviluppo e

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DELLE ALTRE FORME DI FINANZIAMENTO. Docente: Prof. Massimo Mariani

TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DELLE ALTRE FORME DI FINANZIAMENTO. Docente: Prof. Massimo Mariani TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DELLE ALTRE FORME DI FINANZIAMENTO Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Il costo del capitale stima del costo del capitale stima del costo del capitale di aziende operanti

Dettagli

Analisi dei flussi rilevanti e incentivi alla creazione di valore

Analisi dei flussi rilevanti e incentivi alla creazione di valore Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Analisi dei flussi rilevanti e incentivi alla creazione di valore Capitolo 19 Indice degli argomenti 1. Condizioni per un sano sviluppo

Dettagli

Lezione 14 Rendimenti dell analisi tecnica

Lezione 14 Rendimenti dell analisi tecnica Lezione 14 Rendimenti dell analisi tecnica Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri Introduzione L obiettivo principale dell analisi tecnica è quello di identificare i titoli mispriced (sottovalutati

Dettagli

La misurazione e la previsione della domanda

La misurazione e la previsione della domanda La misurazione e la previsione della domanda Le domande fondamentali Quali sono i principi che sottendono alla misurazione e alla previsione della domanda? Come si può stimare la domanda attuale? Come

Dettagli

1 Introduzione. 1.1 La Mobilé Inc in breve. 1.2 Storia. 1.3 Ai giorni nostri. 1.4 Prospettive future

1 Introduzione. 1.1 La Mobilé Inc in breve. 1.2 Storia. 1.3 Ai giorni nostri. 1.4 Prospettive future 1 Introduzione 1.1 La Mobilé Inc in breve Mobilé Inc è un azienda produttrice di telefonini, con sede negli Stati Uniti, che si è concentrata sulla produzione di telefonini di nuova generazione a partire

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

Anno accademico 2015/2016

Anno accademico 2015/2016 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Scienze aziendali, economiche e metodi quantitativi Corso di laurea magistrale Economia Aziendale, Direzione Amministrativa e Professione Corso di Bilanci secondo i principi

Dettagli

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/31 35. Informazioni sui valori contabili contenuti in differenti classificazioni di rimanenze e l ammontare delle variazioni in queste voci di attività è utile per gli utilizzatori del bilancio.

Dettagli

Obiettivi della lezione

Obiettivi della lezione Prezzo Obiettivi della lezione Analisi del prezzo come variabile marketing Il prezzo e la redditività aziendale Euro/kilo Oro 15000! Kg "! F22 Raptor 6500! Kg!! Branded Notebook 1000! Kg "! Fashion dress

Dettagli

Schema 11 La Privatizzazione

Schema 11 La Privatizzazione Schema 11 La Privatizzazione La fornitura di beni e servizi da parte del settore pubblico può assumere la forma di diversi mix di finanziamento (pubblico/pri vato) e produzione (pubblica/privata) cfr.

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA AGRICOLA POPOLARE DI RAGUSA Società Cooperativa per Azioni CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO BANCA AGRICOLA POPOLARE

Dettagli

Strumenti di incentivazione della produttività e valutazione della performance

Strumenti di incentivazione della produttività e valutazione della performance www.adapt.it, 10 marzo 2011 Strumenti di incentivazione della produttività e valutazione della performance di Dimitri Giardino In uno scenario economico sempre più globalizzato e concorrenziale, in cui

Dettagli

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco CORSO DI MARKETING STRATEGICO Alessandro De Nisco Il Corso GLI OBIETTIVI Fornire conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali del marketing strategico e il suo ruolo nella gestione aziendale; il

Dettagli

Analisi SWOT. L analisi SWOT è un analisi di supporto alle scelte, che risponde ad un esigenza di razionalizzazione dei processi decisionali.

Analisi SWOT. L analisi SWOT è un analisi di supporto alle scelte, che risponde ad un esigenza di razionalizzazione dei processi decisionali. Analisi SWOT L analisi SWOT è un analisi di supporto alle scelte, che risponde ad un esigenza di razionalizzazione dei processi decisionali. Analisi SWOT È stata sviluppata più di 50 anni fa come supporto

Dettagli

Lezione 1: Richiami ai concetti di base: Valore Attuale, VAN, Rendite. Analisi degli Investimenti 2015/16 Lorenzo Salieri

Lezione 1: Richiami ai concetti di base: Valore Attuale, VAN, Rendite. Analisi degli Investimenti 2015/16 Lorenzo Salieri Lezione 1: Richiami ai concetti di base: Valore Attuale, VAN, Rendite Analisi degli Investimenti 2015/16 Lorenzo Salieri Il valore dell impresa come una torta Debito Capitale Azionario 2 Struttura Finanziaria

Dettagli

Strategia di marketing

Strategia di marketing Strategia di marketing La strategia di marketing è il complesso di azioni coordinate che un impresa realizza per raggiungere i propri obiettivi di marketing Elementi fondamentali della strategia di marketing

Dettagli

Capitolo XVII. La gestione del processo innovativo

Capitolo XVII. La gestione del processo innovativo Capitolo XVII La gestione del processo innovativo Il ruolo dell innovazione nell economia dell immateriale L innovazione ha assunto un ruolo particolarmente significativo come variabile esplicativa della

Dettagli

Belowthebiz idee in rete

Belowthebiz idee in rete Le 5 forze di Porter Nella formulazione di una strategia un passo fondamentale è la definizione e lo studio delle principali caratteristiche del settore in cui si opera. Lo schema di riferimento più utilizzato

Dettagli

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Economia e Organizzazione Aziendale Modulo 3 - La strategia aziendale Unità didattica 1 - Strategia: contenuti, oggetti, finalità Antonio Dallara Caratteristiche

Dettagli

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan TRIESTE 25 gennaio - 15 febbraio 2014 Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan GIORGIO VALENTINUZ DEAMS «Bruno de Finetti» Università di Trieste www.deams.units.it Il business

Dettagli

GLI EQUILIBRI AZIENDALI

GLI EQUILIBRI AZIENDALI GLI EQUILIBRI AZIENDALI Il fine ultimo dell azienda è se stessa, ossia la sua capacità di sopravvivere e svilupparsi, operando in condizioni di «equilibrio». Le condizioni di equilibrio aziendale sono

Dettagli

IL RISCHIO D IMPRESA ED IL RISCHIO FINANZIARIO. LA RELAZIONE RISCHIO-RENDIMENTO ED IL COSTO DEL CAPITALE.

IL RISCHIO D IMPRESA ED IL RISCHIO FINANZIARIO. LA RELAZIONE RISCHIO-RENDIMENTO ED IL COSTO DEL CAPITALE. IL RISCHIO D IMPRESA ED IL RISCHIO FINANZIARIO. LA RELAZIONE RISCHIO-RENDIMENTO ED IL COSTO DEL CAPITALE. Lezione 5 Castellanza, 17 Ottobre 2007 2 Summary Il costo del capitale La relazione rischio/rendimento

Dettagli

2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto)

2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto) 2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto) 2.1. Dati significativi di gestione Nelle pagine che seguono sono rappresentate le principali grandezze economico-patrimoniali, ottenute dalla

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS E AZIONARIO EUROPA

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO CREDITRAS E AZIONARIO EUROPA REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO Il presente Regolamento è composto dall'allegato al Regolamento del Fondo interno e dai seguenti articoli specifici per il Fondo interno. 1 - PROFILI DI RISCHIO DEL FONDO

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Facoltà di Economia

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Facoltà di Economia UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Facoltà di Economia Programmazione e controllo IL PROCESSO DI BUDGET prof. Pagina 1 di 58 IL PROCESSO DI BUDGET IN AZIENDA Pagina 2 di 58 IL PROCESSO DI FORMULAZIONE DEL

Dettagli

Costo fisso Costo variabile Costo totale Costo medio = CT / Q Costo marginale: costo di una unità addizionale di output

Costo fisso Costo variabile Costo totale Costo medio = CT / Q Costo marginale: costo di una unità addizionale di output Vantaggio di costo Un'impresa ha un vantaggio di costo se i suoi costi cumulati per realizzare tutte le attività generatrici di valore sono più bassi di quelli dei suoi concorrenti" Porter Costo fisso

Dettagli

Valutazione degli Intangibles ai fini del valore aziendale

Valutazione degli Intangibles ai fini del valore aziendale Valutazione degli Intangibles ai fini del valore aziendale La valorizzazione dei beni immateriali: i metodi di valutazione Rag. Roberto Spaggiari Reggio Emilia 20 giugno 2013 Page 1 Tempi di crisi Coscienza

Dettagli

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa Economia La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA Così come in una famiglia, anche in una economia si devono affrontare molte

Dettagli

La scelta della strategia di marketing

La scelta della strategia di marketing LA SCELTA DELLA STRATEGIA DI L obiettivo che l impresa deve perseguire in questa fase è quello di individuare la strategia di marketing che sia in grado di offrire all impresa il mezzo per realizzare i

Dettagli

Comunicato stampa Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2015

Comunicato stampa Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2015 Comunicato stampa Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2015 Nel primo semestre 2015 il Gruppo Cairo Communication ha continuato a conseguire risultati positivi nei suoi settori tradizionali (editoria

Dettagli

Concorso idee imprenditoriali

Concorso idee imprenditoriali Concorso idee imprenditoriali Ancona, 28 febbraio 2008 Il contenuto del business plan Descrizione dell idea di business descrizione dell idea imprenditoriale; analisi del mercato e della concorrenza; definizione

Dettagli

di Giampaolo Calori Produzione e logistica >> Sistemi di management www.intesasanpaoloimprese.com

di Giampaolo Calori Produzione e logistica >> Sistemi di management www.intesasanpaoloimprese.com IL VALORE DELLA SINERGIA di Giampaolo Calori Produzione e logistica >> Sistemi di management Sommario Le fonti di sinergia...3 La valutazione delle sinergie operative...4 La valutazione delle sinergie

Dettagli

Il Roe è il migliore indicatore di performance? Il Roe è il migliore indicatore di performance? Le alternative al reddito sono molto significative.

Il Roe è il migliore indicatore di performance? Il Roe è il migliore indicatore di performance? Le alternative al reddito sono molto significative. Il Roe è il migliore indicatore di performance? Gli schemi di analisi si basano sull assunto che il Roe sia un valido indicatore sintetico della performance. In realtà, il Roe è solamente uno degli indicatori

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it mauro.aliano@unica.it 1 Il rischio di interesse 2 Il rischio di tasso di interesse Il rischio di tasso di interesse può essere

Dettagli

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Anno Accademico 2008/09 MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Appunti dalle lezioni del Prof. Diego Begalli 7. LA POLITICA DI PREZZO Può essere che un impresa progetti la propria strategia di marketing mix

Dettagli

SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE

SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE CORSO DI CORPORATE BANKING SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE - la metodologia EVA - Qual è il fine dell impresa nella logica della finanza aziendale? Massimizzare la creazione del valore per

Dettagli

Rischio e rendimento degli strumenti finanziari

Rischio e rendimento degli strumenti finanziari Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Rischio e rendimento degli strumenti finanziari Capitolo 15 Indice degli argomenti 1. Analisi dei rendimenti delle principali attività

Dettagli

Introduzione al concetto di azienda e alle operazioni di gestione

Introduzione al concetto di azienda e alle operazioni di gestione Introduzione al concetto di azienda e alle operazioni di gestione 1 L attività economica L attività umana diventa attività ECONOMICA quando comporta l uso di beni, risorse ovvero di mezzi scarsi, per la

Dettagli

Gli ambiti della finanza aziendale

Gli ambiti della finanza aziendale LA FUNZIONE FINANZA Finanza aziendale Governo delle risorse di capitale dell azienda, attuato regolando tutti i movimenti di acquisizione e di impiego dei mezzi finanziari Gli ambiti della finanza aziendale

Dettagli

Tassazione societaria. 1. Ragioni 2. IRES 3. Analisi economica dell IRES

Tassazione societaria. 1. Ragioni 2. IRES 3. Analisi economica dell IRES Tassazione societaria 1. Ragioni 2. IRES 3. Analisi economica dell IRES Ragioni della tassazione societaria Perché tassare le società? In un sistema di tassazione dei redditi delle persone fisiche la tassazione

Dettagli

Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi

Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi Il target costing Che cosa è il target costing. In prima analisi. E un metodo di calcolo dei costi, utilizzato in fase di progettazione di nuovi prodotti,

Dettagli

Le scelte per la media impresa tra debito e capitale

Le scelte per la media impresa tra debito e capitale IFFI 10 edizione VALORIZZARE L IMPRESA E ATTRARRE GLI INVESTITORI La liquidità dei mercati finanziari per lo sviluppo delle imprese Le scelte per la media impresa tra debito e capitale MILANO, 11 Novembre

Dettagli

ANALISI COSTI-BENEFICI

ANALISI COSTI-BENEFICI ANALISI COSTI-BENEFICI Valutazione di progetti pubblici Le politiche pubbliche correnti consistono nel realizzare progetti pubblici: il policy maker deve decidere quale progetto è da preferire tra le varie

Dettagli

Valutazione d Azienda. Lezione 9 IL METODO FINANZIARIO

Valutazione d Azienda. Lezione 9 IL METODO FINANZIARIO Valutazione d Azienda Lezione 9 IL METODO FINANZIARIO 1 Il modello finanziario Il modello finanziario è stato molto dibattuto in dottrina a partire dalla prima metà degli anni novanta. Impostazioni metodologiche:

Dettagli

L IMPATTO FINANZIARIO CORRELATO ALL ACQUISTO DI UN AUTOVEICOLO

L IMPATTO FINANZIARIO CORRELATO ALL ACQUISTO DI UN AUTOVEICOLO Secondo Incontro Giovedì 14 Aprile 2011 L IMPATTO FINANZIARIO CORRELATO ALL ACQUISTO DI UN AUTOVEICOLO Interviene: Prof. Adriano Gios SOMMARIO LA SOSTENIBILITA FINANZIARIA DELL INVESTIMENTO IL DIVERSO

Dettagli

ECONOMIA DEI SISTEMI INDUSTRIALI

ECONOMIA DEI SISTEMI INDUSTRIALI ECONOMIA DEI SISTEMI INDUSTRIALI Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it 0776/994353 X LEZIONE 6/0/0 Esercizio 9.7 Due imprese, A e B, decidono simultaneamente l output da produrre, tenendo conto che la domanda

Dettagli

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE Tema d esame BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE AZIENDALI (classe 5 a ITC) Il tema proposto è articolato in tre parti, di cui l ultima con tre alternative

Dettagli

I metodi di valutazione di azienda

I metodi di valutazione di azienda I metodi di valutazione di azienda 2 parte A cura del prof. Michele Rutigliano 1 I metodi finanziari: logica sottostante I metodi finanziari sono generalmente ritenuti i più razionali ai fini della valutazione

Dettagli

BANCA POPOLARE DI MILANO

BANCA POPOLARE DI MILANO Evaluation.it reports on demand Indicazione d'acquisto HOLD Target Price Azioni ordinarie ERM: 3,18 Azioni ordinarie DDM: 3,05 Informazioni sul titolo Ultimo Prezzo: 2,87 Euro Titoli in circolazione: 415,07

Dettagli

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN Il Business Plan è il principale strumento per valutare la convenienza economica e la fattibilità di un nuovo progetto di impresa. Documento indispensabile per accedere

Dettagli

Lezione 6 Analisi finanziaria: le determinanti della performance degli azionisti. Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri

Lezione 6 Analisi finanziaria: le determinanti della performance degli azionisti. Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri Lezione 6 Analisi finanziaria: le determinanti della performance degli azionisti Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri Introduzione Esiste una differenza tra analisi finanziaria e analisi

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

Allegato B CASH FLOW GENERATO E SOSTENIBILITÀ FINANZIARIA

Allegato B CASH FLOW GENERATO E SOSTENIBILITÀ FINANZIARIA Allegato B CASH FLOW GENERATO E SOSTENIBILITÀ FINANZIARIA SOMMARIO 1 LA FINANZIABILITÀ DEL PIANO...I 2 I CONTI ECONOMICI DI PREVISIONE...V 3 STATO PATRIMONIALE...VII 4 FLUSSI DI CASSA... VIII 5 UNO SCENARIO

Dettagli

Firenze 7 e 8 ottobre 2005

Firenze 7 e 8 ottobre 2005 Le Banche Regionali e il Corporate Banking: Esperienze dall Europa Firenze 7 e 8 ottobre 2005 Palazzo Incontri Banca CR Firenze via dei Pucci, 1 Un Modello di Analisi dei Profili Finanziari dell Impresa

Dettagli

Prefazione. Parte prima - La funzione finanziaria nel management delle imprese 1

Prefazione. Parte prima - La funzione finanziaria nel management delle imprese 1 Indice Prefazione Autori XI XV Parte prima - La funzione finanziaria nel management delle imprese 1 Capitolo 1 Compiti ed evoluzione della funzione finanziaria 3 1.1 Compiti e finalità della funzione finanziaria

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE APPENDICE B - MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE DELLE OBBLIGAZIONI ZERO COUPON CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA AGRICOLA POPOLARE DI RAGUSA Società Cooperativa per Azioni CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA

Dettagli

Esame preliminare delle decisioni di finanziamento

Esame preliminare delle decisioni di finanziamento PROGRAMMA 1) Nozioni di base di finanza aziendale - Valore: Valore attuale Valutazione delle obbligazioni e delle azioni, Valore attuale netto ed altri criteri di scelta degli investimenti Esame preliminare

Dettagli

ISIN IT000468024 2 CASSA DI RISPARMIO DI ALESSANDRIA S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO

ISIN IT000468024 2 CASSA DI RISPARMIO DI ALESSANDRIA S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO CONDIZIONI DEFINITIVE relative all offerta delle obbligazioni Cassa di Risparmio di Alessandria 4 Marzo 2011/2016 Tasso Fisso 3,25%, ISIN IT000468024 2 da emettersi nell ambito del programma CASSA DI RISPARMIO

Dettagli

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Bilanci preventivi e piani finanziari perché utilizzarli? Simulazione di scenari e valutazione impatto variabili di business Analisi compatibilità

Dettagli

Il rendiconto finanziario e gli indici di bilancio

Il rendiconto finanziario e gli indici di bilancio Il rendiconto finanziario e gli indici di bilancio Erika Cresti Firenze, 18 ottobre 2013 Indice La gestione della variabile finanziaria Il rendiconto finanziario: normativa e principi contabili di riferimento

Dettagli

ANALISI PER INDICI BILANCIO CONSOLIDATO DATALOGIC ANNI 2010 E 2009

ANALISI PER INDICI BILANCIO CONSOLIDATO DATALOGIC ANNI 2010 E 2009 ANALISI PER INDICI BILANCIO CONSOLIDATO DATALOGIC ANNI 2010 E 2009 1. PREMESSA: ANALISI DEGLI SCHEMI Il gruppo Datalogic redige il proprio bilancio consolidato, in migliaia di euro, in conformità agli

Dettagli

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Ottobre 2020 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Ottobre 2020 A chi si rivolge info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che persegue l'obiettivo di ottimizzare il rendimento del Fondo in un orizzonte temporale

Dettagli

SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE:

SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE: PICCOLE E MEDIE IMPRESE SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE: RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: IN COLLABORAZIONE CON: L indagine Nel mese di ottobre 2010,

Dettagli

RISCHIO E CAPITAL BUDGETING

RISCHIO E CAPITAL BUDGETING RISCHIO E CAPITAL BUDGETING Costo opportunità del capitale Molte aziende, una volta stimato il loro costo opportunità del capitale, lo utilizzano per scontare i flussi di cassa attesi dei nuovi progetti

Dettagli

Metodo DCF (Discounted cash flow): i flussi di cassa prospettici levered e unlevered

Metodo DCF (Discounted cash flow): i flussi di cassa prospettici levered e unlevered Metodo DCF (Discounted cash flow): i flussi di cassa prospettici levered e unlevered Premessa Il metodo DCF Come noto il metodo DCF (Discounted cash flow) si è affermato da tempo, soprattutto nella prassi

Dettagli

Schema 1. Attrattività del cliente (da1 a 6)

Schema 1. Attrattività del cliente (da1 a 6) Schema 1 Gruppo di Prodotti/servizi Contributo alle vendite (percentuale) Contributo al profitto (percentuale) Attrattività del cliente (da1 a 6) Attrattività dei fornitori (da1 a 6) Attrattività della

Dettagli

26/10/2010. I processi di finanziamento. Processi di finanziamento. Processi di gestione monetaria. FABBISOGNO di mezzi finanziari

26/10/2010. I processi di finanziamento. Processi di finanziamento. Processi di gestione monetaria. FABBISOGNO di mezzi finanziari 1. Pianificazione finanziaria: fabbisogno e fonti di finanziam. Processi di finanziamento 4. Rimborso dei finanziamenti I processi di finanziamento Processi economici di produzione 2. Acquisizione dei

Dettagli

Marchio e brand: tutela e valore

Marchio e brand: tutela e valore Camera di Commercio di Genova Marchio e brand: tutela e valore Martedì 13 ottobre 2009 ore 14.30 Via Garibaldi 4, Sala del Bergamasco MARCHIO E BARND: TUTELA E VALORE 13 Ottobre 2009 Camera di Commercio

Dettagli

TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DEL CAPITALE AZIONARIO. Docente: Prof. Massimo Mariani

TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DEL CAPITALE AZIONARIO. Docente: Prof. Massimo Mariani TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DEL CAPITALE AZIONARIO Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Il costo del capitale: la logica di fondo Le finalità del calcolo del costo del capitale Il costo del capitale

Dettagli

MODULO DI ORGANIZZAZIONE Caso. Shuman Automobiles Inc. Linee guida per la discussione

MODULO DI ORGANIZZAZIONE Caso. Shuman Automobiles Inc. Linee guida per la discussione MODULO DI ORGANIZZAZIONE Caso Shuman Automobiles Inc. Linee guida per la discussione Spunti di discussione scelta di struttura organizzativa, ambiente relativamente semplice, tema dei prezzi di trasferimento,

Dettagli