ESERCITAZIONI a cura della dott.ssa M. Lopreite

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ESERCITAZIONI a cura della dott.ssa M. Lopreite"

Transcript

1 ESERCITAZIONI a cura della dott.ssa M. Lopreite 1 ESERCITAZIONE Domanda 1 Cosa studia la microeconomia A. Il comportamento dell intero sistema economico B. Il comportamento dei singoli operatori economici C. Il reddito nazionale D. Nessuna delle precedenti risposte Domanda 2 Perché gli economisti si affidano ai modelli? A. Per effettuare formulazioni teoriche che semplificano la realtà in modo da rivelare come le variabili esogene influenzano le variabili endogene B. Per effettuare formulazioni teoriche che semplificano la realtà in modo da rivelare come le variabili endogene influenzano le variabili esogene C. Per effettuare solo delle stime D. Nessuna delle precedenti risposte Domanda 3 Che cosa s intende per modello economico A. Un sistema economico da prendere come esempio B. Una condotta economica razionale C. Una rappresentazione semplificata della realtà, frutto di un complesso di ipotesi, dal quale trarre previsioni e conclusioni D. Il modo in cui è organizzata socialmente l attività economica 1

2 Domanda 4 Quali sono gli obiettivi di un modello economico? A. Comprendere il funzionamento di un economia e predisporre politiche per migliorare l efficienza ed il benessere degli individui B. Comprendere il funzionamento di un economia e predisporre politiche per migliorare l efficienza ed il benessere degli individui identificando le relazioni tra le variabili economiche C. Comprendere il funzionamento di un economia ed identificare le relazioni tra le variabili economiche D. Predisporre politiche Domanda 5 Di che cosa si occupa l analisi positiva? A. Descrive il funzionamento dei sistemi economici B. Esprime opinioni su come dovrebbe funzionare il sistema economico C. Descrive il funzionamento dei sistemi economici ed esprime opinioni su come dovrebbe funzionare il sistema economico D. Nessuna delle precedenti risposte Domanda 6 I punti che appartengono alla frontiera delle possibilità produttive sono: A. Efficienti B. Inefficienti C. Irragiungibili D. Nessuna delle precedenti risposte Domanda 7 Le risorse sono scarse. Ciò implica che: A. Se il bene è fornito dallo Stato non vi è alcun costo opportunità B. Si può evitare costo-opportunità, purchè si compiano le scelte giuste C. Non tutti coloro che partecipano allo scambio ne traggono benefici D. Occorre decidere come allocare le risorse, destinandole ai vari usi produttivi Domanda 8 Il costo opportunità di un bene è dato da: 2

3 A. Il valore necessario delle risorse per produrlo B. Tutto ciò a cui si rinuncia per ottenerlo C. Il tempo necessario per consumarlo D. L esborso monetario per acquistarlo Domanda 9 La formula ceteris paribus indica che lo studio di un fenomeno è condotto: A. Considerando tutte le variabili costanti B. Considerando tutte le variabili interessate C. Analizzando le relazioni tra variabili e parametri D. Ipotizzando costanti tutte le variabili ad eccezione di quelle che s intende studiare Domanda 10 Nello studio della relazione tra prezzo-quantità secondo l ipotesi ceteris paribus : A. Si considerano le variazioni del prezzo e della quantità assumendo come costanti altre variabili come il reddito B. Si considerano le variazioni del prezzo e della quantità al variare di altre variabili come il reddito C. Si considerano prezzo e quantità costanti D. Nessuna delle precedenti risposte Domanda 11 Quale, tra le seguenti, è la rappresentazione geometrica della relazione tra prezzo di un bene e quantità domandata di quel bene? A.la curva dell'offerta B.la curva della domanda C. Entrambe le risposte sono corrette D. Entrambe le risposte sono sbagliate 3

4 Domanda 12 La curva di domanda è inclinata negativamente. Ciò significa che: A.se il prezzo sale, la quantità domandata aumenta B.se il prezzo scende, la quantità domandata diminuisce C.se il prezzo scende, la quantità domandata aumenta D.se il prezzo scende, la domanda aumenta Domanda 13 Considerate la curva di domanda per la pizza. Un aumento del prezzo della pizza determinerà: A. un aumento della domanda di pizza B. una riduzione della domanda di pizza C. un aumento della quantità domandata di pizza D. una riduzione della quantità domandata di pizza Domanda 14 Considerate la curva di domanda per la pizza. Un aumento del prezzo della pizza è interpretabile come: A. uno spostamento della curva di domanda B. un movimento lungo la curva di domanda C. sia come un movimento lungo la curva che come uno spostamento della curva D. Nessuna delle risposte è corretta Domanda 15 Considerate la curva di domanda per la pizza. Un aumento del reddito dei consumatori determinerà: A. un movimento lungo la curva di domanda B. uno spostamento della curva di domanda 4

5 C. sia come un movimento lungo la curva che come uno spostamento della curva D. Nessuna delle risposte è corretta Domanda 16 Oltre al reddito, quali - tra i seguenti - sono fattori che determinano uno spostamento della curva di domanda di un bene? A. I gusti (o preferenze) dei consumatori B. Le informazioni C. Le leggi e le regolamentazioni imposte dalle amministrazioni pubbliche D. Tutte le risposte sono corrette Domanda 17 Assumete che si diffonda l informazione circa il fatto che i broccoli sono un alimento che previene i tumori. Che cosa vi aspettate? A.la quantità domandata di broccoli diminuisce (per ogni P) e la curva di domanda dei broccoli si sposta a sinistra B.la quantità domandata di broccoli aumenta (per ogni P) e la curva di domanda dei broccoli si sposti a sinistra C.la quantità domandata di broccoli diminuisce (per ogni P) e la curva di domanda dei broccoli si sposti a destra D.la quantità domandata di broccoli aumenta (per ogni P) e la curva di domande dei broccoli si sposta verso destra Domanda 18 Quale delle seguenti non provoca uno spostamento della curva di domanda di birra verso destra? A. Un incremento del prezzo dei liquori sostituti B. Un incremento delle persone che bevono birra C. Una riduzione del prezzo della birra D.I bar iniziano a distribuire insieme alla birra snacks ai loro clienti 5

6 Domanda 19 Se sommiamo la quantità domandata da tutti i consumatori nel mercato per ogni dato prezzo e rappresentiamo graficamente questi valori in relazione al prezzo, otteniamo la: A.curva dell'offerta B.curva totale di domanda C.curva di domanda di mercato D.curva di domanda verticale 2 ESERCITAZIONE Domanda 1 Quale, tra le seguenti, è la rappresentazione geometrica della relazione tra prezzo di un bene e quantità offerta di quel bene? A. la curva dell'offerta B. la curva della domanda C. Entrambe le risposte sono corrette D. Entrambe le risposte sono sbagliate Domanda 2 Se sommiamo la quantità offerta da tutti i produttori nel mercato per ogni dato prezzo e rappresentiamo graficamente questi valori in relazione al prezzo, otteniamo la: A.curva totale dell'offerta B.curva totale di domanda C.curva di domanda di mercato D.curva di domanda verticale Domanda 3 Tipicamente, la curva di offerta è inclinata positivamente. Ciò implica che: 6

7 A. se il prezzo sale, la quantità offerta aumenta B. se il prezzo scende, l offerta diminuisce C. se il prezzo scende, la quantità offerta aumenta D. se il prezzo sale, l offerta aumenta Domanda 4 Quale, tra i seguenti, sono fattori che spostano la curva di offerta? A Cambiamenti tecnologici B. Cambiamenti nei prezzi degli input (o fattori della produzione) C. Cambiamenti nelle politiche governative D. Tutti i suddetti fattori Domanda 5 Considerate la curva di offerta per la pizza. Un aumento del prezzo della pizza determinerà: A. un aumento della offerta di pizza B. un aumento della quantità offerta di pizza C. una riduzione della quantità offerta di pizza D. nessuna delle risposte è corretta Domanda 6 Quali tra i seguenti eventi può provocare un aumento dell'offerta di tostapane? A. L'introduzione di una normativa più restrittiva e costosa sulla sicurezza dei tostapane. B. Un aumento dei costi di produzione dei tostapane C. La disponibilità di una tecnologia più efficiente per produrre tostapane. D. Un aumento del prezzo dei tostapane da parte del governo. Domanda 7 Per la maggior parte dei consumatori la mortadella è un bene inferiore. Questo significa che: 7

8 A. all aumentare del reddito, la domanda di mortadella aumenta B. all aumentare del reddito, la domanda di mortadella diminuisce C. i consumatori ritengono che la mortadella sia un prodotto di qualità scadente D. all aumentare del reddito l offerta di mortadella si riduce Domanda 8 Se il prezzo della legna aumenta cosa succede nel mercato delle stufe a legna? A. L offerta di stufe a legna aumenta B. L offerta di stufe a legna diminuisce C. La domanda di stufe a legna aumenta D. La domanda di stufe a legna diminuisce Domanda 9 Una gelata invernale distrugge tutte le coltivazioni di arance. Cosa succede nel mercato delle arance? A. La domanda aumenta e l offerta diminuisce B. La domanda resta costante e l offerta diminuisce C. La domanda resta costante e l offerta aumenta D. La domanda diminuisce e l offerta diminuisce Domanda 10 La scoperta di una nuova tecnologia che riduce il costo di produzione di microchip: A. Provoca un movimento verso il basso lungo la curva di offerta di computer palmari B. Provoca uno spostamento verso sinistra della curva di offerta di computer palmari C. Provoca un movimento verso l alto lungo la curva di offerta di computer palmari D. Provoca uno spostamento verso destra della curva di offerta di computer palmari Domanda 11 Quale dei seguenti eventi provoca uno spostamento verso DESTRA della curva di domanda di zanzariere? A. una riduzione del costo delle reti impiegate nella loro fabbricazione B. un aumento del salario dei lavoratori del settore delle zanzariere C. un eccezionale ondata di caldo umido che favorisce la riproduzione di zanzare 8

9 D. una riduzione del prezzo degli zampironi Domanda 12 Al prezzo corrente il mercato delle autovetture è caratterizzato da un eccedenza di offerta. Questo significa che: A. la quantità domandata è maggiore della quantità offerta ed il prezzo tende ad aumentare B. la quantità domandata è maggiore della quantità offerta ed il prezzo tende a ridursi C. la quantità domandata è minore della quantità offerta ed il prezzo tende a ridursi D. la quantità domandata è minore della quantità offerta ed il prezzo tende ad aumentare Domanda 13 Il bene X ed il bene Y soddisfano lo stesso bisogno e sono perfetti sostituti. Un aumento del prezzo di X quale effetti avrà? A. Nessuno B. la domanda di Y aumenterà C. la domanda di Y diminuirà D. la domanda di X aumenterà mentre quella di Y si ridurrà Domanda 14 Il bene A è un bene normale. Se il reddito dei consumatori aumenta: A. La quantità domandata in equilibrio aumenta ed il prezzo diminuisce B. La quantità domandata in equilibrio aumenta ed il prezzo resta costante C. La quantità domandata in equilibrio aumenta ed il prezzo aumenta D. La quantità domandata in equilibrio resta costante ed il prezzo aumenta Domanda 15 Il prezzo di equilibrio e la quantità di equilibrio sono caratterizzati: A. dall'uguaglianza della quantità domandata dai consumatori e della quantità offerta dai produttori B. dall'intersezione delle curve della domanda e dell'offerta C. sia da a sia da b D. né da a né da b 9

10 Domanda 16 Se il prezzo è maggiore rispetto al livello di equilibrio, allora: A. Vi sarà un eccesso di offerta B. Vi sarà un eccesso di domanda C. Vi sarà sia un eccesso di offerta che di domanda D. Tutte le risposte sono corrette Domanda 17 Se il prezzo è minore rispetto al livello di equilibrio, allora: A. Vi sarà un eccesso di offerta B. Vi sarà un eccesso di domanda C. Vi sarà sia un eccesso di offerta che di domanda D. Tutte le risposte sono sbagliate Domanda 18 Supponete che vi sia una situazione di eccesso di domanda. Secondo voi, il meccanismo di seguito descritto è quello che riporta il mercato in equilibrio? I consumatori insoddisfatti offriranno un prezzo superiore a quello che causa l eccesso di domanda. Man mano che il prezzo aumenta la quantità domandata si riduce e quella offerta aumenta. Questo processo dura fino a quando non si raggiunge il nuovo equilibrio. A) SI B) NO Domanda 19 Supponete che vi sia una situazione di eccesso di offerta. Secondo voi, il meccanismo di seguito descritto è quello che riporta il mercato in equilibrio? Una situazione di eccesso di offerta implica che le imprese non possono vendere tutto quanto desiderano al prezzo che si considera. Piuttosto che incorrere in costi di magazzinaggio, le imprese preferiscono ridurre il prezzo per attrarre altri consumatori. Man mano che il prezzo scende, la quantità offerta si riduce e quella domandata aumenta. Questo processo dura fino a quando non si raggiunge il nuovo equilibrio. A)SI B)NO 10

11 Domanda 20 L'elasticità della domanda rispetto al prezzo misura: A. la variazione, in termini percentuali, della quantità domandata di un bene al variare, in termini percentuali, del reddito B. la variazione, in termini percentuali, della quantità domandata di un bene al variare, in termini percentuali, del prezzo di un altro bene C. la variazione, in termini percentuali della quantità domandata di un bene al variare, in termini percentuali del suo prezzo D. Nessuna risposta è corretta Domanda 21 Se un bene presenta una domanda anelastica rispetto al prezzo A. un aumento di prezzo dell'1% produce una diminuzione della quantità domandata inferiore all'1%. B. un aumento di prezzo dell'1% produce un aumento della quantità domandata inferiore all'1%. C. un aumento di prezzo dell'1% produce un aumento della quantità domandata superiore all'1%. D. un aumento di prezzo dell'1% produce una diminuzione della quantità domandata superiore all'1%. Domanda 22 Quando il prezzo è 5, la quantità offerta è 10. Quando il prezzo è 10, la quantità offerta è 20. Qual è l'elasticità dell'offerta rispetto al prezzo? A.1 B.0,5 C.0,33 D.2 11

12 Domanda 23 Un'indagine ha verificato che un aumento dell'1% del prezzo delle fragole provoca una riduzione del 5% nella quantità domandata. Secondo voi la curva di domanda delle fragole è: A. Elastica B. Anelastica C. Ha elasticità unitaria D. Non si può concludere nulla Domanda 24 Quali - tra i seguenti caratteri della domanda - influiscono sulla elasticità della domanda di un bene al suo prezzo? A. Il numero degli acquirenti B. Il reddito dei consumatori C. La disponibilità di sostituti stretti del bene D. Tutte le risposte sono sbagliate Domanda 25 Dal punto di vista grafico, una curva di domanda perfettamente anelastica e una curva di domanda perfettamente elastica saranno, rispettivamente: A. verticale; orizzontale B. orizzontale; verticale C. verticale; verticale D. orizzontale; orizzontale Domanda 26 Supponiamo che il prezzo di una corsa in autobus sia pari a 1. L'azienda dei trasporti applica un aumento del 10%. L'elasticità della domanda al 12

13 prezzo del bene in esame per il servizio autobus è pari a 0,5. Ci aspetteremo quindi che: A. il numero di utenti aumenti del 50%. B. il numero di utenti aumenti del 5%. C. il numero di utenti diminuisca del 50%. D. il numero di utenti diminuisca del 5%. Domanda 27 Il prezzo del servizio autobus passa da 1 a 1,25 e il numero di utenti giornalieri scende da 5000 a Di conseguenza, A. l'elasticità della domanda al prezzo è elastica. B. l'elasticità della domanda al prezzo è anelastica. C. l'elasticità della domanda al reddito è elastica. D. l'elasticità della domanda al reddito è anelastica. Domanda 28 Il caffè e il thè sono beni sostituti. Ciò significa che l'elasticità incrociata della domanda di caffè rispetto al prezzo del thè è: A. negativa. B. positiva. C. inferiore a zero. D. pari a zero. Domanda 29 Il caffè e il thè sono beni sostituti. Il latte e il caffè sono beni complementari. Il latte e il thè sono beni non collegati. Ceteris pari bus, un incremento del prezzo del latte dovrebbe: A. far aumentare la quantità domandata di caffè e diminuire la quantità domandata di thè. B. far diminuire la quantità domandata di caffè e aumentare la quantità domandata di thè. C. far aumentare la quantità domandata di caffè e di thè. D. far diminuire la quantità domandata di caffè e di thè. 13

14 Domanda 30 Se l elasticità incrociata della domanda al prezzo tra automobili nuove ed usate è pari a 2.5% ed il prezzo delle auto nuove aumenta del 10% A. la domanda delle auto usate aumenta del 2.5% B. la domanda delle auto usate aumenta del 25% C. la domanda delle auto usate si riduce del 25% D. la domanda delle auto nuove si riduce del 25% Domanda 31 Si è stimato che il coefficiente di elasticità incrociata della domanda di contatti (spazi) pubblicitari attraverso i quotidiani rispetto al prezzo dei contatti (spazi pubblicitari) attraverso la radio è +2. Questo valore e in particolare il segno + del coefficiente indicano che i contatti (spazi) pubblicitari attraverso i due mezzi di comunicazione (stampa e radio) sono: A. complementi (servizi complementari) B. indipendenti C. sostituti D. tutte le risposte sono corrette Domanda 32 Se l elasticità incrociata della domanda al prezzo tra il bene A ed il bene B è negativa. Questo implica che i due beni sono: A. inferiori B. succedanei C. normali D. complementi Domanda 33 Se l elasticità al reddito della domanda di lenti a contatto è pari a 3. Questo vuol dire che: A. se il prezzo delle lenti a contatto aumenta del 10% la quantità domandata diminuisce del 30% B. se il prezzo delle lenti a contatto aumenta del 10% la spesa in lenti a contatto aumenta del 30% 14

15 C. se il reddito delle lenti a contatto aumenta del 10% la quantità domandata diminuisce del 30% D. se il reddito delle lenti a contatto aumenta del 10% la quantità domandata aumenta del 30% Domanda 34 Si considerino i seguenti valori relativi al mercato delle scarpe. Punto A prezzo=80 e quantità di scarpe=200 e punto B prezzo=100 e quantità di scarpe=150. A quanto sarà pari l elasticità della domanda andando da A a B e da B ad A? A. è uguale e pari all 1% B. è uguale e pari all 1.65% C. Da A a B l elasticità sarà pari all 1% da B ad A sarà pari all 1.65% D. Da A a B l elasticità sarà pari all 1.65% da B ad A sarà pari all 1% Domanda 35 Considerando i dati dell esercizio 34 a quanto sarà pari l elasticità in base al metodo del punto medio? A. 1% passando da A a B e 1.65% passando da B ad A B. 1.65% passando da A a B e 1% passando da B ad A C. 1.28% in entrambi i casi D. 1.65% in entrambi i casi 3 ESERCITAZIONE Domanda 1 Quando il prezzo del bene X aumenta e i consumatori sostituiscono il bene X con il bene Y, è ciò che chiamiamo: A. effetto reddito B. effetto di domanda C. effetto di sostituzione D. Nessuna delle risposte è corretta 15

16 Domanda 2 Quando il prezzo del bene X aumenta e i consumatori domandano meno bene X perché l'aumento del prezzo li ha resi relativamente più poveri, è ciò che chiamiamo: A. effetto reddito B. effetto di domanda C. effetto di sostituzione D. Nessuna delle risposte è corretta Domanda 3 I beni perfettamente complementari hanno: A. un MRS costante e curve d'indifferenza a forma di L. B. un MRS costante e curve d'indifferenza lineari. C. un MRS decrescente e curve d'indifferenza a forma di L. D. un MRS decrescente e curve d'indifferenza lineari. Domanda 4 Se il reddito si riduce e tutti i prezzi restano invariati, il vincolo di bilancio: A. si allontanerà dall'origine. B. si avvicinerà all'origine. C. aumenterà la sua pendenza. D. diminuirà la sua pendenza. Domanda 5 Considerate la retta di bilancio. Sull asse delle ordinate indichiamo il prezzo del bene Y e sull asse delle ascisse il prezzo del bene X. Se il prezzo di X aumenta, il vincolo di bilancio: A. si allontanerà dall'origine. B. si avvicinerà all'origine. C. aumenterà la sua pendenza. D. diminuirà la sua pendenza. Domanda 7 In un grafico con unità di valore pari a 5 sull'asse orizzontale e pari a 16

17 20 sull'asse verticale: A. il MRS sarà pari a 4 e la pendenza del vincolo di bilancio sarà pari a -1/4. B. il MRS sarà pari a -1/4 e la pendenza del vincolo di bilancio sarà pari a 4. C. il MRS sarà pari a 1/4 e la pendenza del vincolo di bilancio sarà pari a -1/4. D. il MRS sarà pari a 4 e la pendenza del vincolo di bilancio sarà pari a -4. Domanda 8 Se una persona soddisfa l'assioma di non sazietà, allora un paniere composto da un bicchiere di succo d'arancia e da 3 bistecche verrà preferito a quale dei panieri seguenti? A. due bicchieri di succo d'arancia e due bistecche. B. nessun bicchiere di succo d'arancia e quattro bistecche. C. un bicchiere di succo d'arancia e due bistecche. D. due bicchieri di succo d'arancia e tre bistecche. Domanda 9 Qual è il termine utilizzato dagli economisti per descrivere la misura in base alla quale i consumatori scelgono diversi beni e servizi? A. l'indice di soddisfazione B. la bontà C. l'utilità D. nessuno dei suddetti Domanda 10 L'utilità marginale fa riferimento: A. All'incremento di prodotto che un'impresa ottiene con un'unità aggiuntiva di un input B. All'incremento di utilità che un consumatore ottiene da un'unità aggiuntiva di un bene C. La quantità di utilità divisa per il numero di unità prodotte D. A tutti i suddetti elementi Domanda 11 La legge dell'utilità marginale decrescente afferma che: A.la curva dell'offerta è inclinata verso l'alto 17

18 B. all'aumentare delle unità consumate di un bene l'utilità di quel bene tende a diminuire C. l'elasticità della domanda è infinita D.nessuna delle suddette possibilità Domanda 12 I consumatori ottengono il massimo soddisfacimento quando: A.il prezzo di un bene è esattamente uguale al prezzo speso per qualsiasi altro bene consumato B.il prezzo di un bene è esattamente uguale all'utilità totale derivata dal consumo di qualsiasi altro bene C. l'utilità marginale dell'ultimo euro speso per un bene è esattamente uguale all'utilità marginale dell'ultimo euro speso per qualsiasi altro bene D. l'utilità marginale è uguale all'utilità media Domanda 13 Supponete di considerare due beni: i panini (sull asse delle ascisse) e l uva (sull asse delle ordinate). L'uva ha un prezzo di 1 al chilo, mentre ogni panino costa 2. Silvia ed Enrico hanno entrambi 5 da spendere per il pranzo. Supponiamo che, in condizioni di equilibrio, Enrico consumi sia panini sia uva. Il saggio marginale di sostituzione di uva e panini deve essere: A. minore di due. B. pari a due. C. maggiore di due. D. pari a un mezzo. Domanda 14 Considerate i dati del problema precedente. Supponiamo che Silvia consumi un numero maggiore di panini rispetto a Enrico. In tal caso il saggio marginale di sostituzione di Silvia sarà: A. minore di due. B. pari a due. C. maggiore di due. D. uguale a un mezzo. 18

19 Domanda 15 Supponiamo che per Alberto panini e hamburger siano perfetti sostituti con un MRS pari a 1. I panini (asse delle Y) costano 1 ciascuno, mentre gli hamburger (asse delle X) costano 2 ciascuno. In tal caso scopriremo che: A. Alberto mangia sia panini sia hamburger, ma il suo consumo di panini è doppio rispetto a quello di hamburger. B. Alberto mangia sia panini sia hamburger, ma il suo consumo di hamburger è doppio rispetto a quello di panini. C. Alberto mangia solo panini. D. Alberto mangia solo hamburger. Domanda 16 Tommaso divide i suoi consumi tra bistecche e latte. Il latte costa 1 al bicchiere e le bistecche costano 2 ciascuna. In condizioni di equilibrio Tommaso consuma entrambi i beni. Supponiamo che abbia scelto un paniere nel quale l'utilità marginale della sua ultima bistecca fosse pari a 25 e quella del suo ultimo bicchiere di latte fosse invece pari a 10. Il costo totale di questo paniere equivale al suo reddito. In tal caso: A. Tommaso è in equilibrio. B. Tommaso può aumentare la sua utilità consumando più latte e meno bistecche. C. Tommaso può aumentare la sua utilità consumando più bistecche e meno latte. D. nessuna delle risposte precedenti è corretta. Domanda 17 Se in un dato punto il SMS tra due beni (1 e 2) è maggiore del rapporto p1/p2, il consumatore ha convenienza a: A. ridurre la quantità del bene 2 e aumentare la quantità del bene 1 B. ridurre la quantità del bene 1 e aumentare la quantità del bene 2 C. ridurre la quantità di entrambi i beni D. aumentare la quantità di entrambi i beni 19

20 Domanda 18 Sotto condizioni sufficientemente generali, la scelta di consumo ottimale coincide con A. l'intersezione tra vincolo di bilancio e insieme di consumo del soggetto B. la tangenza tra curva di indifferenza e insieme di bilancio del soggetto C. l'intersezione tra curva di indifferenza e vincolo di bilancio D. la tangenza tra curva di indifferenza e vincolo di bilancio Domanda 19 Un bene di Giffen: A. deve essere un bene inferiore. B. deve essere un bene di lusso. C. deve essere un bene normale. D. deve avere un effetto di reddito pari a zero. Domanda 20 L'effetto di sostituzione spiega che quando il prezzo di un bene aumenta, i consumatori tenderanno: A. a sostituire il bene che è diventato più costoso con altri beni B.ad aumentare il consumo del bene più costoso e diminuire quello di altri beni C.ad aumentare il consumo del bene perché i loro redditi reali sono diminuiti dopo l'aumento del prezzo D. a sostituire il bene perché i loro redditi reali sono diminuiti dopo l'aumento del prezzo Domanda 21 L'effetto reddito spiega come quando il prezzo di un bene aumenta, i consumatori tenderanno: A. a sostituire il bene più costoso con altri beni B. ad aumentare il consumo del bene più costoso e diminuire quello di altri beni C. ad aumentare il consumo del bene perché i loro redditi reali sono diminuiti dopo l'aumento di prezzo D. a sostituire il bene perché i loro redditi reali sono diminuiti dopo l'aumento di prezzo 20

21 Domanda 22 Quale dei seguenti gruppi di beni sono complementari? A. bistecca e salsa per carne B. carburante e automobili C. CD-ROM e computer D. tutti i suddetti beni Domanda 23 Il saggio marginale di sostituzione A. misura il costo opportunità di un bene in termini di un altro bene B. misura il costo monetario di un bene in termini di un altro bene C. misura le preferenze individuali D. nessuna delle possibilità suindicate Domanda 24 Grazie all'ipotesi di non sazietà sappiamo che A. il consumatore sceglierà sempre un paniere interno al suo insieme di bilancio B. il consumatore sceglierà sempre un paniere appartenente al suo vincolo di bilancio C. il consumatore non sceglierà sempre un paniere appartenente al suo insieme di bilancio D. il consumatore non vedrà mai soddisfatti i propri bisogni Domanda 25 Manuela con l arrivo dell estate consuma smalti ed acetone. Il prezzo di uno smalto è pari a 12 euro, quello di una confezione di acetone è pari a 15 euro. Manuela spende ogni mese 120 euro nell acquisto di questi due beni. Quale dei seguenti panieri è una possibile scelta ottima per Manuela? A. 6 smalti,4 confezioni di acetone B. 5 smalti, 4 confezioni di acetone C. 4 smalti, 4 confezioni di acetone D. 5 smalti, 3 confezioni di acetone 21

22 Domanda 26 Consideriamo la situazione di Manuela dell esercizio precedente. Immaginiamo di rappresentare graficamente la sua retta di bilancio, indicando gli smalti sull asse delle ascisse e le confezioni di acetone su quello delle ordinate. Qual è il valore assoluto della pendenza della sua retta di bilancio? A. 10 B. 8 C. 0.8 D Domanda 27 Consideriamo la situazione di Manuela dell esercizio 25. Se il prezzo degli smalti e dell acetone sono aumentati entrambi del 15% ed il reddito contestualmente è aumentato del 15%. Come si modifica la retta di bilancio? A. si sposta verso l esterno senza cambiare la propria pendenza B. si sposta verso l interno senza cambiare la propria pendenza C. resta invariata D. ruota verso l interno, facendo perno sull intercetta orizzontale Domanda 28 Teresa pranza con insalata e panino. Per ogni insalata mangia due panini. Un insalata costa 0.7 euro. Se il suo reddito settimanale è pari a 13 euro, qual è il suo paniere di consumo ottimo? A. 4 insalate, 8 panini B. 6 insalate,12 panini C. 5 insalate, 12 panini D. 5 insalate, 10 panini Domanda 29 Giulia e Carlotta sono gli unici due consumatori nel mercato delle bici a noleggio. Noleggiare una bici costa al giorno 4 euro, Giulia noleggia 3 bici e Carlotta 5. Se il noleggio costa 3 euro, Giulia noleggia 4 bici e Carlotta 6, infine se il noleggio costa 2 Giulia noleggia 5 bici e Carlotta 7. Quale dei seguenti punti NON giace sulla curva di domanda? A. 12 bici, 2euro B. 12 bici, 3euro 22

23 C. 10 bici, 3euro D. 8 bici, 4euro Domanda 30 Serena ama le borse firmate e spende una quota rilevante del suo reddito per l acquisto di quest ultime. Se il prezzo delle borse aumenta come varia il potere di acquisto del reddito? E la quantità acquistata di borse? A. Il potere di acquisto aumenta, la quantità domandata di borse si riduce B. Il potere di acquisto si riduce, la quantità domandata di borse si riduce C. Il potere di acquisto aumenta, la quantità domandata di borse aumenta D. Il potere di acquisto si riduce, la quantità domandata di borse aumenta Domanda 31 Quali delle seguenti affermazioni è VERA? A. Un livello massimo di prezzo vincolante è una forma di controllo dei prezzi che fissa il prezzo di un bene al di sopra del valore che prevarrebbe in equilibrio in un mercato libero B. Un livello massimo di prezzo vincolante causa un eccesso di offerta C. Un livello massimo di prezzo vincolante è una forma di controllo dei prezzi che fissa il prezzo di un bene al di sotto del valore che prevarrebbe in equilibrio in un mercato libero D. Un livello massimo di prezzo va sempre a beneficio di tutti i consumatori Domanda 32 Un livello massimo di prezzo A. Genera benefici per tutti i consumatori e danneggia i produttori B. Genera una qualità inefficientemente elevata C. Genera benefici per alcuni gruppi di consumatori ma ne danneggia altri D. Fa aumentare i profitti dei produttori Domanda 33 A seguito delle pressioni esercitate dai produttori di thè, il governo introduce un livello minimo di prezzo di 2 euro la confezione. A seguito di un accurata indagine di mercato, si scopre che il prezzo di equilibrio di mercato è pari a 2.5 euro. Qual è l effetto del provvedimento in questione? A. Il provvedimento non ha effetti rilevanti sul mercato del thè B. Si crea una penuria di tè C. Si crea un eccedenza di thè 23

24 D. La quantità domandata di thè diminuisce Domanda 34 Il salario minimo è A. Un tipo d imposta B. Una forma di controllo della quantità C. Una forma di controllo dei prezzi D. Una forma di costo-opportunità Domanda 35 Un salario minimo vincolante causa A. La crescita della quantità di lavoro offerta B. Riduce la quantità di lavoro domandata C. Causa disoccupazione D. Tutte le risposte sono corrette Domanda 36 Un livello di prezzo massimo vincolante genera A. Scarsità del bene B. Nessun effetto C. Eccesso di offerta D. Un beneficio per tutti i consumatori del bene Domanda 37 Il livello di prezzo minimo degli appartamenti imposti del governo è al di sotto dell equilibrio e ciò causa: A. Eccesso di domanda B. Carenza C. Eccesso di offerta D. Nessuna risposta è corretta 24

La domanda e l offerta

La domanda e l offerta Universita di Torino - Sede di Biella Corso di Economia Politica Lezione 2: La domanda e l offerta Prof.ssa Maria Laura Di Tommaso Dipartimento di Economia Cognetti de Martiis e-mail marialaura.ditommaso@unito.it

Dettagli

Ipotesi sulle preferenze

Ipotesi sulle preferenze La teoria delle scelte del consumatore La teoria delle scelte del consumatore Descrive come i consumatori distribuiscono i propri redditi tra differenti beni e servizi per massimizzare il proprio benessere.

Dettagli

Le preferenze e la scelta

Le preferenze e la scelta Capitolo 3: Teoria del consumo Le preferenze e la scelta 1 Argomenti trattati in questo capitolo Usiamo le preferenze dei consumatori per costruire la funzione di domanda individuale e di mercato Studiamo

Dettagli

Capitolo 26: Il mercato del lavoro

Capitolo 26: Il mercato del lavoro Capitolo 26: Il mercato del lavoro 26.1: Introduzione In questo capitolo applichiamo l analisi della domanda e dell offerta ad un mercato che riveste particolare importanza: il mercato del lavoro. Utilizziamo

Dettagli

Esercitazione. Capp. 1-5

Esercitazione. Capp. 1-5 Esercitazione Capp. 1-5 Esercizio 1 Elencate e spiegate sinteticamente: 1. I principi che regolano le scelte individuali 2. I principi che regolano l interazione tra gli individui Risposta: 1. Quattro

Dettagli

Capitolo 10 Z Elasticità della domanda

Capitolo 10 Z Elasticità della domanda Capitolo 10 Z Elasticità della domanda Sommario Z 1. L elasticità della domanda rispetto al prezzo. - 2. La misura dell elasticità. - 3. I fattori determinanti l elasticità. - 4. L elasticità rispetto

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 3 e 4

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 3 e 4 Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 3 e 4 Domanda 1 Nel modello di domanda e offerta l equilibrio si verifica quando: A) Tutti i compratori

Dettagli

Esercizi su domanda e offerta. 24 novembre 2010

Esercizi su domanda e offerta. 24 novembre 2010 Esercizi su domanda e offerta 24 novembre 2010 Domande Domanda 1* Cosa si intende per spesa totale di un consumatore per un dato bene? Descrivete come essa varia quando il prezzo del bene considerato aumenta

Dettagli

Capitolo 3. Il comportamento del consumatore. Temi da discutere. Il comportamento del consumatore. Il comportamento del consumatore

Capitolo 3. Il comportamento del consumatore. Temi da discutere. Il comportamento del consumatore. Il comportamento del consumatore Temi da discutere Capitolo 3 Il comportamento del consumatore L utilità marginale Il comportamento del consumatore Due applicazioni che illustrano l importanza della teoria economica del consumatore sono:

Dettagli

Esercitazione 9 Dott.ssa Sabrina Pedrini 29/04/2015. Domande a risposta multipla

Esercitazione 9 Dott.ssa Sabrina Pedrini 29/04/2015. Domande a risposta multipla Esercitazione 9 Dott.ssa Sabrina Pedrini 29/04/2015 Domande a risposta multipla 1) Il primo teorema dell economia del benessere sostiene che: a) L equilibrio competitivo dipende dal potere contrattuale

Dettagli

Vincolo di bilancio del consumatore, paniere ottimo

Vincolo di bilancio del consumatore, paniere ottimo Microeconomia, Esercitazione 2 (26/02/204) Vincolo di bilancio del consumatore, paniere ottimo Dott. Giuseppe Francesco Gori Domande a risposta multipla ) Antonio compra solo due beni, sigarette e banane.

Dettagli

ESEMPI DI DOMANDE per la prova scritta dell esame di Microeconomia. Una sola delle cinque risposte fornite per ogni domanda è giusta.

ESEMPI DI DOMANDE per la prova scritta dell esame di Microeconomia. Una sola delle cinque risposte fornite per ogni domanda è giusta. ESEMPI DI DOMANDE per la prova scritta dell esame di Microeconomia. Una sola delle cinque risposte fornite per ogni domanda è giusta. TEORIA DEL CONSUMO prima parte (Varian, capp. 1-7) 1. Antonio compra

Dettagli

Economia Applicata ai sistemi produttivi. 06.05.05 Lezione II Maria Luisa Venuta 1

Economia Applicata ai sistemi produttivi. 06.05.05 Lezione II Maria Luisa Venuta 1 Economia Applicata ai sistemi produttivi 06.05.05 Lezione II Maria Luisa Venuta 1 Schema della lezione di oggi Argomento della lezione: il comportamento del consumatore. Gli economisti assumono che il

Dettagli

Esercitazione del 5/10/09

Esercitazione del 5/10/09 Esercitazione del 5/10/09 A cura di Giuseppe Gori (giuseppe.gori@unibo.it) Corso di Microeconomia, Docente Luigi Marattin 1 Esercizi. 1.1 Le curve di domanda e di offerta in un dato mercato sono date da:

Dettagli

Il comportamento del consumatore

Il comportamento del consumatore Il comportamento del consumatore Le preferenze del consumatore I vincoli di bilancio La scelta del consumatore Preferenze rivelate Utilità marginale e scelta del consumatore 1 Teoria del comportamento

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3)

La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3) La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3) L'INSIEME OPPORTUNITÁ E IL VINCOLO DI BILANCIO Un paniere di beni rappresenta una combinazione di beni o servizi Il vincolo di bilancio o retta

Dettagli

Università degli Studi dell Aquila

Università degli Studi dell Aquila Università degli Studi dell Aquila Esame di Microeconomia 9 crediti 3 settembre 2014 Docente: Giuseppe Pace ISTRUZIONI Riempire i campi relativi a nome, cognome (IN STAMPATELLO) e matricola sulla griglia.

Dettagli

Lezione 5. Argomenti. Premessa Vincolo di bilancio La scelta ottima del consumatore

Lezione 5. Argomenti. Premessa Vincolo di bilancio La scelta ottima del consumatore Lezione 5 Argomenti Premessa Vincolo di bilancio La scelta ottima del consumatore 5.1 PREESSA Nonostante le preferenze portino a desiderare quantità crescenti di beni, nella realtà gli individui non sono

Dettagli

Imposte ed efficienza economica

Imposte ed efficienza economica Imposte ed efficienza economica Imposte ed efficienza economica Nell immediato, ogni aumento delle imposte fa diminuire il benessere dei contribuenti. Nel lungo periodo, tale diminuzione è compensata dai

Dettagli

SIMULAZIONE PROVA DI ECONOMIA POLITICA (PRIMA PARTE DEL PROGRAMMA: CAPP. 2,4,5,7,21) ANNO ACCADEMICO 2011/2012

SIMULAZIONE PROVA DI ECONOMIA POLITICA (PRIMA PARTE DEL PROGRAMMA: CAPP. 2,4,5,7,21) ANNO ACCADEMICO 2011/2012 SIMULAZIONE PROVA DI ECONOMIA POLITICA (PRIMA PARTE DEL PROGRAMMA: CAPP. 2,4,5,7,21) ANNO ACCADEMICO 2011/2012 La prova d esame completa comprende 6 domande a risposta multipla più 4 esercizi articolati

Dettagli

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore 13.1: Introduzione L analisi dei due capitoli precedenti ha fornito tutti i concetti necessari per affrontare l argomento di questo capitolo:

Dettagli

Domanda e Offerta. G. Pignataro Microeconomia SPOSI

Domanda e Offerta. G. Pignataro Microeconomia SPOSI Domanda e Offerta Domanda e Offerta Il meccanismo di mercato Variazioni dell equilibrio di mercato Elasticità della domanda e dell offerta Elasticità di breve e di lungo periodo Gli effetti dell intervento

Dettagli

Il concetto di elasticità della domanda rispetto al prezzo è di importanza cruciale per anticipare l esito di variazioni di prezzo (legate ad esempio

Il concetto di elasticità della domanda rispetto al prezzo è di importanza cruciale per anticipare l esito di variazioni di prezzo (legate ad esempio L elasticità Cap.4 L elasticità Fin ora abbiamo visto come domanda e offerta di un bene reagiscano a variazioni del prezzo del bene Sono state tutte considerazioni qualitative (direzione del cambiamento)

Dettagli

La curva di offerta. La curva di offerta

La curva di offerta. La curva di offerta La curva di offerta La curva di offerta Un diagramma che mostra la quantità di un bene che i venditori desiderano vendere per un dato prezzo rapporto tra prezzo e quantità offerta Ha pendenza positiva

Dettagli

ECONOMIA DEL LAVORO. Lezioni di maggio (testo: BORJAS) L offerta di lavoro

ECONOMIA DEL LAVORO. Lezioni di maggio (testo: BORJAS) L offerta di lavoro ECONOMIA DEL LAVORO Lezioni di maggio (testo: BORJAS) L offerta di lavoro Offerta di lavoro - Le preferenze del lavoratore Il luogo delle combinazioni di C e L che generano lo stesso livello di U (e.g.

Dettagli

Discuteremo di. Domanda individuale e domanda di mercato. Scelta razionale

Discuteremo di. Domanda individuale e domanda di mercato. Scelta razionale Discuteremo di. La determinazione dell insieme delle alternative all interno del quale sceglie il consumatore La descrizione e la rappresentazione delle sue preferenze Come si determina la scelta ottima

Dettagli

Il modello generale di commercio internazionale

Il modello generale di commercio internazionale Capitolo 6 Il modello generale di commercio internazionale [a.a. 2015/16 ] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania, Margherita Scoppola e Francesco Aiello) 6-1

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

2 a Esercitazione: soluzioni

2 a Esercitazione: soluzioni 2 a Esercitazione: soluzioni A cura di Monica Bonacina Corso di Microeconomia A-K, a.a. 202-203 La maggior parte dei quesiti riportati di seguito è tratta da temi d esame. De nizioni. Si de niscano sinteticamente

Dettagli

Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM

Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM 2 OBIETTIVO: Il modello IS-LM Fornire uno schema concettuale per analizzare la determinazione congiunta della produzione e del tasso

Dettagli

Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico

Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico Obiettivi delle prossime due lezioni Che cosa distingue i beni pubblici, tipicamente forniti dal settore pubblico, dai beni forniti dal mercato?

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 1 e 2

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 1 e 2 Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 1 e 2 Domanda 1 Quali dei seguenti costi sono rilevanti per decidere se portare avanti o meno un attività?

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Microeconomia - Economia Politica Esercitazione del 14 Novembre 2011

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Microeconomia - Economia Politica Esercitazione del 14 Novembre 2011 Facoltà di Scienze Politiche Corso di Microeconomia - Economia Politica Esercitazione del 14 Novembre 2011 ESERCIZIO 1 - DOMANDA E OFFERTA DI MERCATO Considero un mercato composto da tre consumatori le

Dettagli

Il comportamento del consumatore

Il comportamento del consumatore Capitolo 3 Il comportamento del consumatore A.A. 203-204 Microeconomia - Cap. 3 Questo file (con nome cap_03.pdf) può essere scaricato da siti e file elearning.moodle2.unito.it/esomas/course/ view.php?id=25

Dettagli

Economia Internazionale e Politiche Commerciali (a.a. 12/13)

Economia Internazionale e Politiche Commerciali (a.a. 12/13) Economia Internazionale e Politiche Commerciali (a.a. 12/13) Soluzione Esame (11 gennaio 2013) Prima Parte 1. (9 p.) (a) Ipotizzate che in un mondo a due paesi, Brasile e Germania, e due prodotti, farina

Dettagli

Sommario. Le forze di mercato della domanda e dell offerta. Le forze di mercato della domanda e dell offerta

Sommario. Le forze di mercato della domanda e dell offerta. Le forze di mercato della domanda e dell offerta Le forze di mercato della domanda e dell offerta Sommario Concorrenza perfetta Offerta Equilibrio di mercato Variazione nell equilibrio Elasticità Controllo dei prezzi Le forze di mercato della domanda

Dettagli

La Minimizzazione dei costi

La Minimizzazione dei costi La Minimizzazione dei costi Il nostro obiettivo è lo studio del comportamento di un impresa che massimizza il profitto sia in mercati concorrenziali che non concorrenziali. Ora vedremo la fase della minimizzazione

Dettagli

CAPITOLO 1 OFFERTA DI LAVORO

CAPITOLO 1 OFFERTA DI LAVORO CAPITOLO 1 OFFERTA DI LAVORO 1-1. Quante ore allocherà un individuo alle attività di tempo libero se le sue curve di indifferenza tra consumo e beni sono concave verso l origine? Il lavoratore o lavorerà

Dettagli

Indice. 1 La teoria del prezzo di mercato (domanda e offerta di un bene) -------------------------------- 3

Indice. 1 La teoria del prezzo di mercato (domanda e offerta di un bene) -------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI ECONOMIA POLITICA LEZIONE II IL MERCATO PROF. ALDO VASTOLA Indice 1 La teoria del prezzo di mercato (domanda e offerta di un bene) -------------------------------- 3 1.1. Applicazioni della

Dettagli

5.4 Risposte alle domande di ripasso

5.4 Risposte alle domande di ripasso 34 Capitolo 5 5.4 Risposte alle domande di ripasso 1. Poiché in seguito all applicazione dell imposta la benzina diventerà comunque relativamente più costosa rispetto ad altri beni, i consumatori tenderanno

Dettagli

EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE PROF. MATTIA LETTIERI

EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE PROF. MATTIA LETTIERI EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE PROF. MATTIA LETTIERI Indice 1 EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE ------------------------------------------------------------------------------ 3 2 L EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE

Dettagli

Domanda e offerta di lavoro

Domanda e offerta di lavoro Domanda e offerta di lavoro 1. Assumere (e licenziare) lavoratori Anche la decisione di assumere o licenziare lavoratori dipende dai costi che si devono sostenere e dai ricavi che si possono ottenere.

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE ECONOMICHE. Corso di MATEMATICA per l ECONOMIA. Esercizi per la Teoria del Consumatore

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE ECONOMICHE. Corso di MATEMATICA per l ECONOMIA. Esercizi per la Teoria del Consumatore CORSO DI LAUREA IN SCIENZE ECONOMICHE Corso di MATEMATICA per l ECONOMIA Esercizi per la Teoria del Consumatore 1) Loredana spende parte del suo reddito nell acquisto di scatolette di cibo per gatti, destinate

Dettagli

Scelta fra lavoro e tempo libero con un po di matematica e qualche esercizio Appendice al capitolo 3 Mario

Scelta fra lavoro e tempo libero con un po di matematica e qualche esercizio Appendice al capitolo 3 Mario Scelta fra lavoro e tempo libero con un po di matematica e qualche esercizio Appendice al capitolo 3 Mario Mario frequenta la facoltà di Biologia dell Università di Vattelapesca. Vuole avere un buon voto

Dettagli

CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA

CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA SOMMARIO: 2.1 La domanda. - 2.2 Costi, economie di scala ed economie di varietà. - 2.2.1 I costi. - 2.2.2 Le economie di scala. - 2.2.3 Le economie di varietà.

Dettagli

Il modello generale di commercio internazionale

Il modello generale di commercio internazionale Capitolo 6 Il modello generale di commercio internazionale [a.a. 2013/14] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) 6-1 Struttura della presentazione Domanda e

Dettagli

Domande a scelta multipla 1

Domande a scelta multipla 1 Domande a scelta multipla Domande a scelta multipla 1 Rispondete alle domande seguenti, scegliendo tra le alternative proposte. Cercate di consultare i suggerimenti solo in caso di difficoltà. Dopo l elenco

Dettagli

b) Tale studio dà luogo ad una riduzione della domanda di caffè e quindi ad una diminuzione del prezzo e della quantità di equilibrio.

b) Tale studio dà luogo ad una riduzione della domanda di caffè e quindi ad una diminuzione del prezzo e della quantità di equilibrio. Capitolo 2 omanda e offerta oluzioni delle omande di ripasso 1. L eccesso di domanda si verifica quando il prezzo è inferiore a quello di equilibrio. In questo caso, i consumatori domandano una quantità

Dettagli

Microeconomia A-K, Prof Giorgio Rampa a.a. 2011-2012. Svolgimento della prova scritta di Microeconomia AK del 19 settembre 2012

Microeconomia A-K, Prof Giorgio Rampa a.a. 2011-2012. Svolgimento della prova scritta di Microeconomia AK del 19 settembre 2012 Svolgimento della prova scritta di Microeconomia AK del 19 settembre 2012 A DEFINIZIONI - Si definiscano sinteticamente i termini anche con l ausilio, qualora necessario, di formule e grafici. 1. Beni

Dettagli

Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali

Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali 22.1: Introduzione In questo capitolo analizziamo lo scambio nel mercato dei capitali, dove si incontrano la domanda di prestito e l offerta di credito.

Dettagli

La Massimizzazione del profitto

La Massimizzazione del profitto La Massimizzazione del profitto Studio del comportamento dell impresa, soggetto a vincoli quando si compiono scelte. Ora vedremo un modello per analizzare le scelte di quantità prodotta e come produrla.

Dettagli

MICROECONOMIA La teoria del consumo: Alcuni Arricchimenti. Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza

MICROECONOMIA La teoria del consumo: Alcuni Arricchimenti. Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza MICROECONOMIA La teoria del consumo: Alcuni Arricchimenti Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza 1 Dotazioni iniziali Il consumatore dispone ora non di un dato reddito monetario ma di un ammontare

Dettagli

Economia Politica Microeconomia (ECN0006) 10 CFU a.a. 2012-2013. Eleonora Pierucci eleonora.pierucci@unibas.it

Economia Politica Microeconomia (ECN0006) 10 CFU a.a. 2012-2013. Eleonora Pierucci eleonora.pierucci@unibas.it Economia Politica Microeconomia (ECN0006) 10 CFU a.a. 2012-2013 Eleonora Pierucci eleonora.pierucci@unibas.it Domanda e Offerta Equilibrio di Mercato Domanda e Offerta Per analizzare un mercato si u0lizza

Dettagli

Il modello generale di commercio internazionale

Il modello generale di commercio internazionale Capitolo 6 Il modello generale di commercio internazionale adattamento italiano di Novella Bottini 1 Struttura della presentazione Domanda e offerta relative Benessere e ragioni di scambio Effetti della

Dettagli

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Scelta

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 1-3 Offerta di lavoro -Le preferenze del lavoratore 1 Offerta di lavoro Le preferenze del lavoratore Il comportamento dell offerta di lavoro è analizzato dagli economisti

Dettagli

Massimizzazione del Profitto e offerta concorrenziale. G. Pignataro Microeconomia SPOSI

Massimizzazione del Profitto e offerta concorrenziale. G. Pignataro Microeconomia SPOSI Massimizzazione del Profitto e offerta concorrenziale 1 Mercati perfettamente concorrenziali 1. Price taking Poiché ogni impresa vende una porzione relativamente piccola della produzione complessiva del

Dettagli

Scelte in condizioni di rischio e incertezza

Scelte in condizioni di rischio e incertezza CAPITOLO 5 Scelte in condizioni di rischio e incertezza Esercizio 5.1. Tizio ha risparmiato nel corso dell anno 500 euro; può investirli in obbligazioni che rendono, in modo certo, il 10% oppure in azioni

Dettagli

L efficienza del mercato

L efficienza del mercato L efficienza del mercato I mercantilisti, Smith e il mercato Prima di Smith, era ampiamente diffusa l idea che il migliore raggiungimento dell interesse pubblico richiedesse un intervento attivo dello

Dettagli

Economia Politica Prof. Paolo Di Giannatale

Economia Politica Prof. Paolo Di Giannatale Università degli Studi di Teramo Corso di Laurea in Scienze del Turismo e dell'organizzazioni delle Manifestazioni Sportive Economia Politica Prof. Paolo Di Giannatale A. A. 2011/2012 1 Le scelte del consumatore

Dettagli

Domanda e Offerta - Elasticità Dott. ssa Sabrina Pedrini

Domanda e Offerta - Elasticità Dott. ssa Sabrina Pedrini Microeconomia, Esercitazione 1 (19/02/2015) Domanda e Offerta - Elasticità Dott. ssa Sabrina Pedrini Domande a risposta multipla 1) Siamo di fronte a uno shock positivo di offerta se: a) in corrispondenza

Dettagli

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti Corso di Macroeconomia Il modello IS-LM Appunti 1 Le ipotesi 1. Il livello dei prezzi è fisso. 2. L analisi è limitata al breve periodo. La funzione degli investimenti A differenza del modello reddito-spesa,

Dettagli

Lezione 2: Teoria del commercio internazionale: Heckscher-Ohlin

Lezione 2: Teoria del commercio internazionale: Heckscher-Ohlin Corso di Economia e Politica economica nei mercati globali S. Papa spapa@unite.it Lezione 2: Teoria del commercio internazionale: Heckscher-Ohlin Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo

Dettagli

Domande a scelta multipla 1

Domande a scelta multipla 1 Domande a scelta multipla Domande a scelta multipla 1 Rispondete alle domande seguenti, scegliendo tra le alternative proposte. Cercate di consultare i suggerimenti solo in caso di difficoltà. Dopo l elenco

Dettagli

Scelta intertemporale: Consumo vs. risparmio

Scelta intertemporale: Consumo vs. risparmio Scelta intertemporale: Consumo vs. risparmio Fino a questo punto abbiamo considerato solo modelli statici, cioè modelli che non hanno una dimensione temporale. In realtà i consumatori devono scegliere

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 7 e 8

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 7 e 8 Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 7 e 8 Domanda 1 Dite quale delle seguenti non è una caratteristica di un mercato perfettamente competitivo:

Dettagli

Capitolo 5 L influenza del prezzo e del reddito degli acquirenti

Capitolo 5 L influenza del prezzo e del reddito degli acquirenti Capitolo 5 L influenza del prezzo e del reddito degli acquirenti Trasparenti tratti, con modifiche e integrazioni, da: David Begg, Stanley Fischer e Rudiger Dornbusch, Economia,, cap.5 McGraw-Hill, 2001

Dettagli

Economia Politica 52021

Economia Politica 52021 Economia Politica 52021 a.a. 2005-2006 Prof. Anna Maria Variato 2 Fondamenti di Microeconomia - Quesiti di autovalutazione Parte A - Domande aperte 1. Definite l economia politica e gli elementi chiave

Dettagli

Modello neoclassico per la specializzazione internazionale: Heckscher-Ohlin

Modello neoclassico per la specializzazione internazionale: Heckscher-Ohlin Corso di Politica Economica Europee Stefano Papa spapa@uniroma1.it Modello neoclassico per la specializzazione internazionale: Heckscher-Ohlin Facoltà di Economica Università di Roma Sapienza Da produttività

Dettagli

Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo

Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Lezione 14 Equilibrio economico generale (efficienza nello scambio) e fallimenti del mercato Facoltà di Scienze della Comunicazione

Dettagli

Capitolo 3. La domanda e l'offerta

Capitolo 3. La domanda e l'offerta Capitolo 3 La domanda e l'offerta Domanda e offerta sono parte di un modello che punta a spiegare in che modo vengono determinati i prezzi in un sistema di mercato I mercati Un mercato è un gruppo di acquirenti

Dettagli

Equilibrio di mercato e analisi di statica comparata

Equilibrio di mercato e analisi di statica comparata CAPITOLO 1 Equilibrio di mercato e analisi di statica comparata Esercizio 1.1. Si consideri un mercato per un determinato bene. La curva di offerta delle imprese è Q S = 60 + p, quella di domanda dei consumatori

Dettagli

MICROECONOMIA LEZ #4. Dott. Antonio STASI

MICROECONOMIA LEZ #4. Dott. Antonio STASI MICROECONOMIA LEZ #4 Dott. Antonio STASI Outline La domanda La curva di domanda La legge della domanda a pendenza negativa La domanda rispetto al reddito Cosa influenza la domanda Il meccanismo della domanda

Dettagli

No (questo accadrebbe, all incirca, se l elasticità fosse pari a -2) 1.5.3. FALSO. Un aumento del prezzo dell 1%

No (questo accadrebbe, all incirca, se l elasticità fosse pari a -2) 1.5.3. FALSO. Un aumento del prezzo dell 1% Facoltà di Economia Test intermedio di Microeconomia A-K del 7/04/011 Turno A-C SOLUZIONI 1. Attenzione: in questo prototipo l ordine delle domande è diverso da quello di ciascuno dei vostri compiti; inoltre,

Dettagli

Lo scambio. I soggetti che operano nel sistema economico, sono strettamente interdipendenti tra loro e creano dei flussi di scambio monetari e reali.

Lo scambio. I soggetti che operano nel sistema economico, sono strettamente interdipendenti tra loro e creano dei flussi di scambio monetari e reali. IL MERCATO Lo scambio. I soggetti che operano nel sistema economico, sono strettamente interdipendenti tra loro e creano dei flussi di scambio monetari e reali. Il luogo virtuale dove si incontrano la

Dettagli

Facoltà di Giurisprudenza Corso di Economia Politica. ESERCITAZIONE N.1: Equilibrio di mercato 18-04- 2011

Facoltà di Giurisprudenza Corso di Economia Politica. ESERCITAZIONE N.1: Equilibrio di mercato 18-04- 2011 ESERCITAZIONE N.1: Equilibrio di mercato 18042011 1) La seguente tabella mostra i prezzi e le quantità di un ipotetico mercato dei popcorn. Tracciate le curve di domanda e offerta Prezzo Q.tà domandata

Dettagli

Capitolo 4. Elasticità. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke. Copyright 2007 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 4. Elasticità. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke. Copyright 2007 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 4 Elasticità In questa lezione introdurremo il concetto di elasticità: un indicatore dell entità con cui domanda e offerta reagiscono a variazioni di prezzo, reddito ed altri elementi. Nella lezione

Dettagli

Esercitazione n 1/micro: 7 marzo 2008

Esercitazione n 1/micro: 7 marzo 2008 Esercitazione n 1/micro: 7 marzo 2008 1. Quale dei seguenti fatti implica un trade-off a. Comprare una nuova auto b. Andare all università c. Guardare una partita di calcio il sabato pomeriggio d. Tutte

Dettagli

Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME

Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA 1) A B C D 2) A B C D 3) A B C D 4) A B C D 5) A B C D 6) A B C D 7) A B C D 8) A B C D 9) A B C D 10) A B C D 11) A B

Dettagli

I COSTI PROF. MATTIA LETTIERI

I COSTI PROF. MATTIA LETTIERI I COSTI ROF. MATTIA LETTIERI Indice 1. LE FUNZIONI DI COSTO --------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 2. I COSTI DELL IMRESA NEL BREVE ERIODO

Dettagli

Le componenti della domanda aggregata

Le componenti della domanda aggregata Le componenti della domanda aggregata Lezione 3 Lezione 3 Economia Politica - Macroeconomia 1 Le componenti della domanda aggregata Ricordiamole: Consumo (C) Investimento (I) Spesa Pubblica (G) Ricordiamo

Dettagli

Capitolo 5. La teoria della domanda. Soluzioni delle Domande di ripasso

Capitolo 5. La teoria della domanda. Soluzioni delle Domande di ripasso Capitolo 5 La teoria della domanda Soluzioni delle Domande di ripasso 1. La curva prezzo-consumo mostra l insieme dei panieri ottimi di due beni, diciamo X e Y, corrispondenti a diversi livelli del prezzo

Dettagli

Ottimo del consumatore. a.a. 2008/2009. Dott. Laura Vici

Ottimo del consumatore. a.a. 2008/2009. Dott. Laura Vici Ottimo del consumatore a.a. 2008/2009 Dott. Laura Vici Esercitazioni: giovedì 9:00-11:00, Aula A, Via Berti Pichat, 6 Ricevimento: giovedì 13:00-15:00 Dipartimento di Scienze Economiche- Strada Maggiore,

Dettagli

STRUTTURA DEL CORSO: LA DOMANDA

STRUTTURA DEL CORSO: LA DOMANDA Dipartimento Territorio e Sistemi Agro-Forestali (TESAF) CORSO DI LAUREA IN TECNOLOGIE FORESTALI E AMBIENTALI ISTITUZIONI DI ECONOMIA AGRARIA, FORESTALE E AMBIENTALE Elena Pisani elena.pisani@unipd.it

Dettagli

Capitolo 5: Preferenze

Capitolo 5: Preferenze Capitolo 5: Preferenze 5.1: Introduzione Le preferenze individuali alla base dell analisi dei capitoli 3 e 4 vengono rappresentate graficamente da curve di indifferenza parallele in direzione verticale

Dettagli

1996: il prezzo salì a $5.00 per bushel con contestazioni sui vecchi contratti

1996: il prezzo salì a $5.00 per bushel con contestazioni sui vecchi contratti MICRO ECONOMIA Analisi della Domanda e dell Offerta 1. Motivazioni 2. Definizione di Mercati Competitivi 3. La Funzione di Domanda di Mercato 4. La Funzione di Offerta di Mercato 5. Equilibrio e sue caratteristiche

Dettagli

Capitolo 7. Efficienza e scambio. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke

Capitolo 7. Efficienza e scambio. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke Capitolo 7 Efficienza e scambio Pareto-efficienza L efficienza in senso economico ha una definizione ristretta che prende il nome da un economista italiano (Vilfredo Pareto) una allocazione è efficiente

Dettagli

1 a Esercitazione: testo

1 a Esercitazione: testo 1 a Esercitazione: testo Monica Bonacina (monica.bonacina@unibocconi.it) & Stefania Migliavacca (Stefania.Migliavacca@enicorporateuniversity.eni.it) Corso di Microeconomia A-K & L-Z, a.a. 2009-2010 Questa

Dettagli

12.4 Risposte alle domande di ripasso

12.4 Risposte alle domande di ripasso Il monopolio 81 12.4 Risposte alle domande di ripasso 1. Controllo su input fondamentali; economie di scala; brevetti; economie di rete; licenze governative. Nel lungo periodo il controllo sugli input

Dettagli

Le nozioni di base della domanda e dell offerta

Le nozioni di base della domanda e dell offerta Capitolo 2 Le nozioni di base della domanda e dell offerta A.A. 2005-2006 Microeconomia - Cap. 2 1 Questo file (con nome cap_02.pdf) può essere scaricato da www.klips.it siti e file Provvisoriamente anche

Dettagli

PIL : produzione e reddito

PIL : produzione e reddito PIL : produzione e reddito La misura della produzione aggregata nella contabilità nazionale è il prodotto interno lordo o PIL. Dal lato della produzione : oppure 1) Il PIL è il valore dei beni e dei servizi

Dettagli

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15)

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE Esistono molteplici relazioni tra mercati Per comprendere il funzionamento dell economia è quindi indispensabile

Dettagli

Equilibrio Economico Generale ed Economia del Benessere

Equilibrio Economico Generale ed Economia del Benessere Equilibrio Economico Generale ed Economia del enessere lessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick alessandro.scopelliti@unirc.it 1 EQUILIRIO ECONOMICO GENERLE E ECONOMI

Dettagli

Seconda lezione. 1. Esercizi

Seconda lezione. 1. Esercizi 30 Seconda lezione 1. Esercizi 1.1. Si indichi quale delle seguenti definizioni è corretta: La microeconomia a) è lo studio del funzionamento del sistema economico a partire dalle scelte dei singoli individui

Dettagli

I costi. Costi economici vs. costi contabili

I costi. Costi economici vs. costi contabili I costi Costi economici vs. costi contabili I costi economici connessi alla produzione di una certa quantità di output Y includono tutte le spese per i fattori produttivi. In altre parole, i costi economici

Dettagli

Glossario. - p= prezzo, q= quantità (a volte sono maiuscoli e a volte minuscoli...) - Curva di domanda Q(p) - P(q) - Ricavi - Profitto

Glossario. - p= prezzo, q= quantità (a volte sono maiuscoli e a volte minuscoli...) - Curva di domanda Q(p) - P(q) - Ricavi - Profitto Elasticità Pizza Glossario - p= prezzo, q= quantità (a volte sono maiuscoli e a volte minuscoli...) - Curva di domanda Q(p) - P(q) - Ricavi - Profitto L elasticità della domanda rispetto al prezzo Definizione

Dettagli

Efficienza ed equità

Efficienza ed equità Efficienza ed equità Efficienza ed equità Abbiamo visto nelle lezioni precedenti che, nella situazione ideale di assenza di fallimenti del mercato, il mercato condurrebbe a un risultato Pareto-efficiente.

Dettagli

LA FISSAZIONE DEL PREZZO IN FUNZIONE DEI VOLUMI

LA FISSAZIONE DEL PREZZO IN FUNZIONE DEI VOLUMI LA FISSAZIONE DEL PREZZO IN FUNZIONE DEI VOLUMI Per gran parte del Capitolo 4 abbiamo supposto che, per un singolo livello di prezzo, ciascun bene fosse disponibile in quantità illimitate. L Applicazione

Dettagli

Microeconomia, Esercitazione 3 Effetto reddito, sostituzione, variazione compensativa, domanda di mercato, surplus del consumatore.

Microeconomia, Esercitazione 3 Effetto reddito, sostituzione, variazione compensativa, domanda di mercato, surplus del consumatore. Microeconomia, Esercitazione 3 Effetto reddito, sostituzione, variazione compensativa, domanda di mercato, surplus del consumatore. Dott. Giuseppe Francesco Gori Domande a risposta multipla ) Se nel mercato

Dettagli