Spazi Pubblici SUPERFICIE

Save this PDF as:
Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Spazi Pubblici SUPERFICIE"

Transcript

1

2 COMUNE DI ORIO CANAVESE Revisione Generale di PRG Progetto Preliminare DESTINAZIONE D'USO: RESIDENZIALE C 1.1 S.T. S.F. D.T. I.T. D.F. I.F. I.C. H1 H2 P.F.T. già ABITATIVO RECUPERABILE EDIFICATO EDIFICABILE CAPACITA' INSEDIATIVA mq. mq. mc/mq mq/mq mc/mq mq/mq % m m n mq mc mc mc mc ab. n 1 r1.1 CS DIR r2.1 CS DIR r2.2 TSC DIR r2.6 RRE DIR ,8 40 7,50 10, r3.1 RRE DIR ,8 40 7,50 10, r3.5 RCR DIR , Parametri come da SUE approvato R3.7 RES SUE ,6 35 7,50 10, r4.1 TSC DIR r4.2 TSC DIR r4.3 TSC DIR r4.4 TSC DIR r4.7 RRE DIR ,6 40 7,50 10, r4.8 RRE DIR ,6 40 7,50 10, r5.1 TSC DIR r5.2 TSC DIR r5.3 RRE DIR ,6 40 7,50 10, r5.4 RCR PCC ,6 30 7,50 10, Vedi allegato geologico AG2 r5.5 RCR PCC ,6 30 7,50 10, r6.1 TSC DIR CLASSI di RESIDENZIALE CS - centro storico S.T. - Superficie territoriale (dato stimato) S.F. - Superficie fondiaria (dato stimato) TSC - tessuto storicamente consolidato D.T. - Densità Territoriale I.T. - Indice edificabilità territoriale I.C. - Indice di copertura RRE - aree di recente edificazione D.F. - Densità Fondiaria I.F. - Indice edificabilità fondiaria P.F.T. - Piani fuori terra RCR - aree di completamento e riordino H1 Altezza a monte (misurata dalla quota più elevata del piano di spiccato) RES - aree di espansione PROCEDURE: DIR - Intervento Diretto PCC Permesso di Costruire Convenzionato SUE - Strumento Urbanistico Esecutivo Per ogni area CS e TSC il numero degli abitanti insediabili deriva dalla somma delle capacità insediative determinate per ogni singolo edificio; tale dato non corrisponde necessariamente al rapporto tra il volume complessivo e la dotazione media.

3 COMUNE DI ORIO CANAVESE Revisione Generale di PRG Progetto Preliminare DESTINAZIONE D'USO: RESIDENZIALE C 1.2 S.T. S.F. D.T. I.T. D.F. I.F. I.C. H1 H2 P.F.T. mq. mq. mc/mq mq/mq mc/mq mq/mq % m m n mq mc mc mc mc ab. n 6 r6.2 RRE DIR ,8 40 7,50 10, r6.3 RRE DIR ,8 40 7,50 10, r6.4 RRE DIR ,8 40 7,50 10, r6.5 RRE DIR ,8 40 7,50 10, r6.6 RCR PCC ,6 30 7,50 10, Vedi allegato geologico AG2 r6.7 RCR PCC ,6 30 7,50 10, Vedi allegato geologico AG2 r6.8 RCR PCC ,6 30 7,50 10, r7.3 RRE DIR ,8 40 7,50 10, r7.4 RRE DIR ,8 40 7,50 10, r7.5 RRE DIR ,8 40 7,50 10, r7.6 RRE DIR ,8 40 7,50 10, r7.7 RCR DIR 820 0,8 30 7,50 10, r7.8 RCR PCC ,8 30 7,50 10, r8.1 TSC DIR r8.2 TSC DIR r8.3 TSC DIR r8.10 RRE DIR ,8 40 7,50 10, r8.11 RCR PCC ,6 30 7,50 10, r9.1 CS DIR r9.2 TSC DIR r9.4 RRE DIR ,8 40 7,50 10, già ABITATIVO RECUPERABILE EDIFICATO EDIFICABILE CAPACITA' INSEDIATIVA CLASSI di RESIDENZIALE CS - centro storico S.T. - Superficie territoriale (dato stimato) S.F. - Superficie fondiaria (dato stimato) TSC - tessuto storicamente consolidato D.T. - Densità Territoriale I.T. - Indice edificabilità territoriale I.C. - Indice di copertura RRE - aree di recente edificazione D.F. - Densità Fondiaria I.F. - Indice edificabilità fondiaria P.F.T. - Piani fuori terra RCR - aree di completamento e riordino H1 Altezza a monte (misurata dalla quota più elevata del piano di spiccato) RES - aree di espansione PROCEDURE: DIR - Intervento Diretto PCC Permesso di Costruire Convenzionato SUE - Strumento Urbanistico Esecutivo Per ogni area CS e TSC il numero degli abitanti insediabili deriva dalla somma delle capacità insediative determinate per ogni singolo edificio; tale dato non corrisponde necessariamente al rapporto tra il volume complessivo e la dotazione media.

4 COMUNE DI ORIO CANAVESE Revisione Generale di PRG Progetto Preliminare DESTINAZIONE D'USO: RESIDENZIALE C 1.3 S.T. S.F. D.T. I.T. D.F. I.F. I.C. H1 H2 P.F.T. mq. mq. mc/mq mq/mq mc/mq mq/mq % m m n mq mc mc mc mc ab. n 9 r9.5 RRE DIR ,8 40 7,50 10, r9.7 RRE DIR ,8 40 7,50 10, r9.9 RCR DIR ,8 30 7,50 10, r9.10 RCR PCC ,8 30 7,50 10, r10.1 TSC DIR r10.5 TSC DIR r10.6 RRE DIR ,8 40 7,50 10, r10.7 RCR PCC ,8 30 7,50 10, r10.8 RCR DIR ,8 30 7,50 10, r11.1 CS DIR r11.3 TSC DIR r11.4 TSC DIR r11.6 RCR PCC ,8 30 7,50 10, r12.1 TSC DIR r12.2 RRE DIR ,8 40 7,50 10, r12.4 RRE DIR ,8 40 7,50 10, r13.1 RRE DIR ,8 40 7,50 10, r13.2 RRE DIR ,8 40 7,50 10, r13.3 RRE DIR ,8 40 7,50 10, r13.4 RCR DIR ,6 30 7,50 10, r14.1 TSC DIR r14.2 RRE DIR ,6 40 7,50 10, r14.4 TSC DIR già ABITATIVO RECUPERABILE EDIFICATO EDIFICABILE CAPACITA' INSEDIATIVA CLASSI di RESIDENZIALE CS - centro storico S.T. - Superficie territoriale (dato stimato) S.F. - Superficie fondiaria (dato stimato) TSC - tessuto storicamente consolidato D.T. - Densità Territoriale I.T. - Indice edificabilità territoriale I.C. - Indice di copertura RRE - aree di recente edificazione D.F. - Densità Fondiaria I.F. - Indice edificabilità fondiaria P.F.T. - Piani fuori terra RCR - aree di completamento e riordino H1 Altezza a monte (misurata dalla quota più elevata del piano di spiccato) RES - aree di espansione PROCEDURE: DIR - Intervento Diretto PCC Permesso di Costruire Convenzionato SUE - Strumento Urbanistico Esecutivo Per ogni area CS e TSC il numero degli abitanti insediabili deriva dalla somma delle capacità insediative determinate per ogni singolo edificio; tale dato non corrisponde necessariamente al rapporto tra il volume complessivo e la dotazione media.

5 COMUNE DI ORIO CANAVESE Revisione Generale PRG Progetto Preliminare DESTINAZIONE D'USO: PRODUTTIVA C 2 S.T. S.F. I.T. I.F. I.C. H H2 mq. mq. mq/mq mq/mq % m m mq mq 1 T1.2 TT PCC ex Preventorio (Edificio e Parco) 11 tr11.5 PCR DIR , ,50 10, at12.3 PE DIR ad15.1 PE DIR adt15.3 PE DIR adt15.4 PCR DIR , ,00 13, adt15.6 PCR PCC Parametri come da SUE approvato Vedi allegato geologico AG2 adt15.8 PCR DIR , ,00 13, Vedi allegato geologico AG2 adt15.9 PCR DIR , ,00 13, IAD15.10 PES SUE , ,00 15, UTILE CLASSI di PE - impianto esistente e confermato S.T. - Superficie territoriale (dato stimato) S.F. - Superficie fondiaria (dato stimato) PRODUTTIVA PCR - area di completamento e riordino I.T. - Indice di edificabilità territoriale I.C. - Indice di copertura PES - area di espansione I.F. - Indice di edificabilità fondiaria TT - area di trasformazione H1 Altezza a monte (misurata dalla quota più elevata del piano di spiccato) PROCEDURE DIR - Intervento Diretto PCC Permesso di Costruire Convenzionato SUE - Strumento Urbanistico Esecutivo

6 COMUNE DI ORIO CANAVESE revisione Generale PRG Progetto Preliminare DESTINAZIONE D'USO: SERVIZI e INFRASTRUTTURE C SOTTO DESTINAZIONE SCUOLE OBBLIGO E PREOBBLIGO SERVIZI SOCIALI AMMIN. RICR. SAN. RELIG. VERDE GIOCO SPORT PARCHEGGIO SERVIZI PRIVATI ATTREZZ. SERVZIO INSEDIAMENTI PRODUTTIVI ALTRI SERVIZI TOTALE DESCRIZIONE 1 P1.3 P Parcheggio esistente in via Borgo Nuovo 2 S2.3 S Chiesa parrocchiale e area di pertinenza P2.4 P Parcheggio esistente in via Parrocchia p2.5 P Parcheggio da realizzare in via Carlo Alberto 3 S3.2 S Area cimiteriale P3.3 P Parcheggio esistente Area Cimiteriale V3.4 VS Area Verde esistente in via Falcone P3.6 P Parcheggio esistente in via C.Pavese p3.8 P SUE Parcheggio da realizzare in via C.Pavese (SUE residenz.) 4 VS4.5 VS Centro sportivo Comunale P4.6 P Parcheggio esistente in via Patrioti (Centro sportivo) vs4.9 VS Area Verde attrezzato Ampliamento Centro Sportivo da realizzare 5 p5.6 P PCC Parcheggio da realizzare in via Carbonera (PCC residenz.) 6 p6.9 P PCC Parcheggio da realizzare in via Matteotti (PCC residenz.) 7 S7.1 S Chiesa parrocchiale e area di pertinenza Spr7.2 Spr Scuola Materna (convenzionata) - Casa di riposo spr7.9 Spr Ampliamento Area Spr7.2 (servizi privati) 8 P8.4 P Parcheggio esistente in P.za Tapparo S8.5 S Municipio e area di pertinenza S8.6 S Scuola Elementare VS8.7 VS Parco Giochi in P.zza Tapparo P8.8 P Parcheggio esistente in via Carbonera S8.9 S Biblioteca comunale Parziali SOTTOCLASSI di DESTINAZIONE PROCEDURE SERVIZI S - servizi e attrezzature di interesse comunale PCC Permesso di Costruire Convenzionato VS - attrezzature per verde - gioco - sport SUE - Strumento Urbanistico Esecutivo P - parcheggi Spr - aree per servizi privati S = Aree a Servizi Esistenti Sp - attrezzature a servizio insediamenti produttivi s = Aree a servizi in progetto

7 COMUNE DI ORIO CANAVESE Revisione Generale PRG Progetto Preliminare DESTINAZIONE D'USO: SERVIZI e INFRASTRUTTURE C SOTTOCLASSI di DESTINAZIONE SCUOLE OBBLIGO E PREOBBLIGO SERVIZI SOCIALI AMMIN. RICR. SAN. RELIG. VERDE GIOCO SPORT PARCHEGGIO SERVIZI PRIVATI ATTREZZ. SERVZIO INSEDIAMENTI PRODUTTIVI ALTRI SERVIZI TOTALE Riporto parziali P9.3 P Parcheggio esistente in Piazza Ponzetto P9.6 P Parcheggio esistente interno a via Gramsci 10 S10.2 S Servizi e attrezzature di interesse comunale in via San Giovanni Bosco S10.3 S Parcheggio esistente in via Pertini v10.4 VS Area Verde attrezzata in via Pertini da realizzare p10.9 P PCC Parcheggio da realizzare interno a via Torino 11 S11.2 S Chiesa di San Rocco 14 P14.3 P Area a Parcheggio in via I Maggio Servizi produttivo 15 P15.2 P 455 Parcheggio esistente in Area Produttiva sp15.5 Sp Area a Servizi da realizzare in Area Produttiva p15.7 P 205 Parcheggio da realizzare in Area Produttiva p15.11 P SUE 615 Parcheggio da realizzare in Area Produttiva p15.12 P SUE 285 Parcheggio da realizzare in Area Produttiva sp15.13 Sp SUE Area a Servizi da realizzare in Area Produttiva Altri Servizi 16 S Area Impianti Energie rinnovabili esistenti S Area Impianti Energie rinnovabili esistenti s Area a Sevizi lungo il Canale s Area a Servizi lungo il Canale TOTALI di cui Esistenti SOTTOCLASSI di DESTINAZIONE PROCEDURE SERVIZI S - servizi e attrezzature di interesse comunale PCC Permesso di Costruire Convenzionato VS - attrezzature per verde - gioco - sport SUE - Strumento Urbanistico Esecutivo P - parcheggi Spr - aree per servizi privati S = Aree a Servizi Esistenti Sp - attrezzature a servizio insediamenti produttivi s = Aree a servizi in progetto

C 1.1 COMUNE DI BARONE CANAVESE DESTINAZIONE D'USO: RESIDENZIALE EDIF/RECUP VOLUME NOTE. 2 r2.1 TSC DIR r2.2 RRE DIR ,

C 1.1 COMUNE DI BARONE CANAVESE DESTINAZIONE D'USO: RESIDENZIALE EDIF/RECUP VOLUME NOTE. 2 r2.1 TSC DIR r2.2 RRE DIR , DESTINAZIONE D'USO: RESIDENZIALE C 1.1 CLASSE di INTERVENTO S.T. S.F. I.T. U.T. I.F. U.F. R.C. H1 H2 P.F.T. Spazi Pubblici già ABITATIVO EDIF/RECUP EDIFICATO EDIFICABILE CAPACITA' INSEDIATIVA NOTE mq.

Dettagli

COMUNE DI CLAVIERE. PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE 3 a VARIANTE REGIONE PIEMONTE QUADRI SINOTTICI: C1 C2 C3 PROVINCIA DI TORINO

COMUNE DI CLAVIERE. PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE 3 a VARIANTE REGIONE PIEMONTE QUADRI SINOTTICI: C1 C2 C3 PROVINCIA DI TORINO REGIONE PIEMONTE COMUNE DI CLAVIERE PROVINCIA DI TORINO PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE 3 a VARIANTE (procedura art. 17 7 c. L.R. 56/77) QUADRI SINOTTICI: C1 C2 C3 TECNICO INCARICATO: Ing. Pier Giorgio

Dettagli

Tabella A - Oneri di urbanizzazione residenziali - Anno 2019

Tabella A - Oneri di urbanizzazione residenziali - Anno 2019 Tabella A - Oneri di urbanizzazione residenziali - Anno 2019 1^ e 2^ anno 2018 1^ 13,80 Costo a parametro 1 aggiornato Indice Istat 0,941% 13,67 20,52 2^ 20,71 Costo a parametro 1 aggiornato Classi d intervento

Dettagli

COMUNE DI LAGNASCO AREA NORMATIVA TABELLA n. PROVINCIA DI CUNEO 1-1

COMUNE DI LAGNASCO AREA NORMATIVA TABELLA n. PROVINCIA DI CUNEO 1-1 PROVINCIA DI CUNEO 1-1 RS SUPERFICIE DELL'AREA VOLUME EDIFICATO ABITANTI INSEDIATI ha. 3,83 mc. 13.700 n. 48 DESTINAZIONE: vedi Art. 10 NTA Densità edilizia territoriale Volume recuperabile Abitanti insediabili

Dettagli

ALLEGATO 1: Analisi territoriale delle destinazioni esistenti e previste all interno delle zone di tutela per la pista principale (10/28)

ALLEGATO 1: Analisi territoriale delle destinazioni esistenti e previste all interno delle zone di tutela per la pista principale (10/28) A1 A2 A3 Verde A4 Parcheggio Parcheggi pubblici A5 A6 Strada urbana Viale Giacomo Metteotti A7 Pista ciclabile Percorsi ciclopedonali esistenti B1 C1 Se Rc ormai saturo alla data di adozione del PGT è

Dettagli

PIANO REGOLATORE GENERALE

PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNE DI MONTICELLI PAVESE Provincia di Pavia PIANO REGOLATORE GENERALE Il Sindaco Sig. Giovanni NAPOLI Il Segretario Comunale Dott. Vincenzo GAGLIARDO Il Responsabile del Procedimento Sig. Paolo MASCHERPA

Dettagli

Dott. Arch. Marielena Sgroi- Lambrugo (Co) via C. Battisti, n 19 tel 031/ f ax 031/ Mail :

Dott. Arch. Marielena Sgroi- Lambrugo (Co) via C. Battisti, n 19 tel 031/ f ax 031/ Mail : 0 CAPACITA INSEDIATIVA DEL P.G.T. Il computo è riferito alla allegata Tav.13 PROGETTO Piano dei servizi, ove sono indicati con apposita numerazione le aree da conteggiare a tal fine. INSEDIAMENTI RESIDENZIALI

Dettagli

PIANO REGOLATORE GENERALE

PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNE DI MONTICELLI PAVESE Provincia di Pavia PIANO REGOLATORE GENERALE Il Sindaco Sig. Giovanni NAPOLI Il Segretario Comunale Dott. Vincenzo GAGLIARDO Il Responsabile del Procedimento Sig. Paolo MASCHERPA

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE. Tabella C2/A

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE. Tabella C2/A NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE Tabella C2/A Indice Fondiario mc/mq 1.33 Assetto urbanistico Superficie destinata a servizi pubblici, Aree di cessione prossimo asilo comunale. Come indicato nel piano attuativo.

Dettagli

SCHEDE DI PIANO DEL PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE

SCHEDE DI PIANO DEL PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE Schede di Piano Progetto definitivo Variante parziale n 1 al P.R.G.C. ai sensi del comma 7, dell art. 17 della L.R. 56/77 s. m. e i. SCHEDE DI PIANO DEL PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE PRIMA PAGINA

Dettagli

Limiti e obblighi nel piano regolatore generale

Limiti e obblighi nel piano regolatore generale Corso di laurea in Architettura quinquennale Fondamenti di Urbanistica - a.a. 2010-11 prof. Carlo Natali 22 novembre 2010 Limiti e obblighi nel piano regolatore generale Definizioni e parametri urbanistici

Dettagli

Allegato C: area 3 (tra via Cagiata e via Flaminia II, in prossimità di San Sabino)

Allegato C: area 3 (tra via Cagiata e via Flaminia II, in prossimità di San Sabino) DIPARTIMENTO DEL TERRITORIO SETTORE SVILUPPO E GESTIONE DEL TERRITORIO SUB SETTORE PIANIFICAZIONE E PIANI ATTUATIVI Allegato C: area 3 (tra via Cagiata e via Flaminia II, in prossimità di San Sabino) Stralcio

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE I N D I C E

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE I N D I C E NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE I N D I C E TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI PARTE PRIMA - ASPETTI GENERALI DEL PIANO art. 1.1. - applicazione ed arco temporale di validità del Piano art. 1.2. - elaborati

Dettagli

Generalità. Ogni Scheda d Area risulta composta nel seguente modo:

Generalità. Ogni Scheda d Area risulta composta nel seguente modo: Generalità Per ogni area urbanistica delle zone CR.III, TP, TR viene redatta una "Scheda d'area", nella quale risultano contenute le grandezze urbanistiche, le specifiche procedurali, l'azzonamento del

Dettagli

DATI GENERALI DEFINIZIONE DELLE AREE DEL PIANO DI ZONA

DATI GENERALI DEFINIZIONE DELLE AREE DEL PIANO DI ZONA PIANO PARTICOLAREGGIATO DI ATTUAZIONE AI SENSI DELLA LEGGE 18.04.1962 N.167 E SUCCESSIVE MODIFICHE ED INTEGRAZIONI, INTERESSANTE LA FRAZIONE DI CATTAFI DEL COMUNE DI S. FILIPPO DEL MELA. DATI GENERALI

Dettagli

NORME TECNICHE D ATTUAZIONE

NORME TECNICHE D ATTUAZIONE ALLEGATO C alla D.C.C. n. 36 del 27/06/2016 REGIONE PIEMONTE CITTA' METROPOLITANA DI TORINO COMUNE DI BEINASCO SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA E URBANISTICA VARIANTE N. 5/2013 ai sensi della L.R. 5.12.1977 n.

Dettagli

VARIANTE OGGETTO: MODIFICHE

VARIANTE OGGETTO: MODIFICHE REGIONE PIEMONTE COMUNE DI DIANO D ALBA Allegato allaa Delibera del C.C. n del P.R.G.C.. PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE - Verifica di assoggettabilità a VAS: Delibera del G.C. n 93 del 29/11/2013 Pubblicazione

Dettagli

TITOLO IV TABELLE DI ZONA

TITOLO IV TABELLE DI ZONA N.B. Le superfici territoriali e fondiarie delle singole aree sono state rilevate graficamente sulle tavole in scala 1:2000 o 1:5000 ed hanno valore indicativo e non prescrittivo. Il controllo delle superfici

Dettagli

Scheda Quantitativa dei Dati Urbani. Variante Generale di P.R.G.C. Proposta Tecnica del Progetto Preliminare. Comune di CERANO

Scheda Quantitativa dei Dati Urbani. Variante Generale di P.R.G.C. Proposta Tecnica del Progetto Preliminare. Comune di CERANO Regione Piemonte Comune di CERANO Provincia di Novara Variante Generale di P.R.G.C. Proposta Tecnica del Progetto Preliminare art. 15, L.R. 56/77 e s.m.i. il SINDACO il SEGRETARIO il R.U.P. Scheda Quantitativa

Dettagli

Standard urbanistici e Parametri urbanistici-edilizi

Standard urbanistici e Parametri urbanistici-edilizi Facoltà di Architettura Corso di laurea in Architettura UE a.a. 2009/2010 Corso di: Fondamenti di urbanistica 1 anno 4 CFU Arch. Alessandra Barresi Coll. Arch. Elisabetta Amagliani Standard urbanistici

Dettagli

3 SINTESI DELL'USO DEL SUOLO EXTRAURBANO ED URBANIZZATO ED URBANIZZANDO VS 2/15

3 SINTESI DELL'USO DEL SUOLO EXTRAURBANO ED URBANIZZATO ED URBANIZZANDO VS 2/15 3 SINTESI DELL'USO DEL SUOLO EXTRAURBANO ED URBANIZZATO ED URBANIZZANDO VS 2/15 2 1 Superficie complessiva del territorio comunale = ha 1.178,00 2 2 Territorio agricolo (art. 25) a. terreni messi a coltura

Dettagli

S C H E D A Q U A N T I T A T I V A D E I D A T I U R B A N I

S C H E D A Q U A N T I T A T I V A D E I D A T I U R B A N I Regione Piemonte S C H E D A Q U A N T I T A T I V A D E I D A T I U R B A N I Art. 14, 1 comma, lettera 2c, della Legge Regionale n.56/77 e s.m.i. COMUNE DI ALBA Localizzazione amministrativa Localizzazione

Dettagli

SCHEDA QUANTATIVI DEI DATI URBANI

SCHEDA QUANTATIVI DEI DATI URBANI SCHEDA QUANTATIVI DEI DATI URBANI Testo in rosso = testo aggiunto o modificato a seguito delle osservazioni Regione Piemonte Dipartimento 2 : Organizzazione del Territorio Assessorato alla Pianificazione

Dettagli

COMUNE DELLA SPEZIA PIANO URBANISTICO COMUNALE

COMUNE DELLA SPEZIA PIANO URBANISTICO COMUNALE COMUNE DELLA SPEZIA MEDAGLIA D'ORO AL MERITO C IVILE MEDAGLIA D'ARGENTO AL VALOR MILITARE PIANO URBANISTICO COMUNALE ELABORATO P7 SCHEMI DI ORGANIZZAZIONE URBANISTICA DEI DISTRETTI DI TRASFORMAZIONE E

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE URBANISTICA COME SI PUO DEFINIRE L URBANISTICA? E una disciplina che si interessa dell uso e dello sviluppo del territorio

LA PIANIFICAZIONE URBANISTICA COME SI PUO DEFINIRE L URBANISTICA? E una disciplina che si interessa dell uso e dello sviluppo del territorio LA PIANIFICAZIONE URBANISTICA COME SI PUO DEFINIRE L URBANISTICA? E una disciplina che si interessa dell uso e dello sviluppo del territorio L URBANISTICA E UNA SCIENZA? E una scienza nelle misura in cui

Dettagli

S C H E D A Q U A N T I T A T I V A D E I D A T I U R B A N I

S C H E D A Q U A N T I T A T I V A D E I D A T I U R B A N I Regione Piemonte S C H E D A Q U A N T I T A T I V A D E I D A T I U R B A N I Art. 14, 1 comma, lettera 2c, della Legge Regionale n.56/77 e s.m.i. COMUNE DI ALBA Localizzazione amministrativa Localizzazione

Dettagli

ALLEGATO A - 3 Variante Strutturale CALCOLO DELLA CAPACITA' INSEDIATIVA TEORICA CON IL METODO SINTETICO

ALLEGATO A - 3 Variante Strutturale CALCOLO DELLA CAPACITA' INSEDIATIVA TEORICA CON IL METODO SINTETICO Comune di SAN MAURIZIO CANAVESE VARIANTE STRUTTURALE Città Metropolitana di Torino n. 3 AL PRGC ai sensi del comma 4 dell articolo 17 della LR 56/77 e smi PROGETTO PRELIMINARE L ESTENSORE Arch. Gian Carlo

Dettagli

FORMAZIONE DEL PIANO REGOLATORE GENERALE Scheda quantitativa dei dati urbani (art. 14, 1 comma, punto 2, l.r. 56/1977)

FORMAZIONE DEL PIANO REGOLATORE GENERALE Scheda quantitativa dei dati urbani (art. 14, 1 comma, punto 2, l.r. 56/1977) FORMAZIONE DEL PIANO REGOLATORE GENERALE Scheda quantitativa dei dati urbani (art. 14, 1 comma, punto 2, l.r. 56/1977) COMUNE DI BAVENO Localizzazione amministrativa Localizzazione geografica Provincia

Dettagli

Titolo l DISPOSIZIONI GENERALI

Titolo l DISPOSIZIONI GENERALI Titolo l DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 (Finalità delle norme) Le norme di attuazione e gli elaborati grafici di progetto, costituiscono gli strumenti per l'organizzazione del territorio comunale, secondo

Dettagli

NTA - STATO DI FATTO NTA - STATO DI PROGETTO

NTA - STATO DI FATTO NTA - STATO DI PROGETTO NTA - STATO DI FATTO NTA - STATO DI PROGETTO Art. 1.03 DEROGHE ALLE PRESENTI NORME Deroghe alle presenti norme sono ammissibili nei limiti e nella forma stabiliti dall art. 41 quater, L. 17/8/1942 n. 1150,

Dettagli

PGT del Comune di Verrua Po AMBITI DEL TESSUTO URBANO CONSOLIDATO RESIDENZIALE E PARTE I. RIEPILOGO SCHEDE DEL TESSUTO URBANO CONSOLIDATO:...

PGT del Comune di Verrua Po AMBITI DEL TESSUTO URBANO CONSOLIDATO RESIDENZIALE E PARTE I. RIEPILOGO SCHEDE DEL TESSUTO URBANO CONSOLIDATO:... 1 SCHEDA AU_03_18175.pdf COMUNE DI VERRUA PO PROVINCIA DI PAVIA PGT TESSUTO URBANO CONSOLIDATO AMBITI DEL TESSUTO URBANO CONSOLIDATO RESIDENZIALE INDICE PARTE I. RIEPILOGO SCHEDE DEL TESSUTO URBANO CONSOLIDATO:...

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER IL COORDINAMENTO DELLO SVILUPPO DEL TERRITORIO PER IL PERSONALE E I SERVIZI GENERALI

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER IL COORDINAMENTO DELLO SVILUPPO DEL TERRITORIO PER IL PERSONALE E I SERVIZI GENERALI Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER IL COORDINAMENTO DELLO SVILUPPO DEL TERRITORIO PER IL PERSONALE E I SERVIZI GENERALI Richiesta chiarimenti in merito all applicazione del

Dettagli

MOLINO DEL PIANO. 46,36 [ab/ha] (e) Superficie coperta [mq] (f) Volume edificato [mc] (g) Rapporto di copertura [e/a]

MOLINO DEL PIANO. 46,36 [ab/ha] (e) Superficie coperta [mq] (f) Volume edificato [mc] (g) Rapporto di copertura [e/a] MOLINO DEL PIANO Funzione prevalente residenziale (a) Superficie territoriale 32,52 [ha] (b) Abitanti censimento 2001 1.508 (c) Addetti - censimento 2001 46 (d) Densità territoriale abitativa 46,36 [ab/ha]

Dettagli

Testo aggiunto o modificato in sede di Progetto Definitivo rielaborato a seguito della Relazione

Testo aggiunto o modificato in sede di Progetto Definitivo rielaborato a seguito della Relazione Testo aggiunto o modificato in sede di Progetto Preliminare rielaborato a seguito della Relazione d Esame della Regione prot. N. 23680/DB0817 del 23/06/2011 Testo aggiunto o modificato in sede di Progetto

Dettagli

3 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

3 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE 3 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE Art. 1. Natura e contenuti 1. Il Piano dei Servizi è articolazione del Piano di governo del territorio (PGT) redatto ai sensi della L.R. n. 12/2005 e costituisce atto di

Dettagli

COMUNE DI COLLERETTO GIACOSA

COMUNE DI COLLERETTO GIACOSA VARIANTE - Piano Esecutivo Convenzionato Località: COLLERETTO GIACOSA (TO) COMUNE DI COLLERETTO GIACOSA (Città metropolitana di Torino) VARIANTE AL PROGETTO DI PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO DI INSEDIAMENTO

Dettagli

Unità locale dei servizi n... c. altitudine: capoluogo. max min

Unità locale dei servizi n... c. altitudine: capoluogo. max min FORMAZIONE DEL PIANO REGOLATORE GENERALE Scheda quantitativa dei dati urbani (art. 14, 1 comma, punto 2, l.r. 56/1977) COMUNE DI VIGNONE Localizzazione amministrativa Localizzazione geografica Provincia

Dettagli

Relazione di Variante Urbanistica

Relazione di Variante Urbanistica Relazione di Variante Urbanistica 1. Premessa La presente Relazione è relativa alla Variante Urbanistica del P.U.C. di una Zona S per Servizi Pubblici finalizzata al cambio di destinazione urbanistica

Dettagli

spazio per protocollo comunale 2014_03_10_019_pgt /Pag. 1 a 8

spazio per protocollo comunale 2014_03_10_019_pgt /Pag. 1 a 8 spazio per protocollo comunale 2014_03_10_019_pgt /Pag. 1 a 8 Senago, 10 Marzo 2014 Al Signor SINDACO del Comune di Senago Settore Servizi Territoriali Servizio Urbanistica Via XXIV Maggio n. 1 20030 Senago

Dettagli

Piano di Governo del Territorio

Piano di Governo del Territorio comune di cerveno provincia di brescia protocollo Piano di Governo del Territorio documento di piano schede ambiti di trasformazione IN ACCOGLIMENTO DELLE OSSERVAZIONI E DEL PARERE DELLA PROVINCIA DI COMPATIBILITA'

Dettagli

(TESTO VIGENTE) Art. 35 Contratto di quartiere via Turati 40. Art. 36 Area Via Don Uboldi pag. 36

(TESTO VIGENTE) Art. 35 Contratto di quartiere via Turati 40. Art. 36 Area Via Don Uboldi pag. 36 PIANO DELLE REGOLE RP04 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE INDICE Art. 14 Zona B1: residenziale ad alta densità pag. 21 Art. 15 Zona B2: residenziale a media densità pag. 22 Art. 16 Zona B3: residenziale a bassa

Dettagli

PRGC PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE

PRGC PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE COMUNE DI PONDERANO Provincia di BIELLA PRGC PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE FASCICOLO CON TABELLE DI VERIFICA DEI CONTEGGI DI PIANO MODIFICATO IN SEDE DI CONTRODEDUZIONI ALLE OSSERVAZIONI E DI APPROVAZIONE

Dettagli

ART. 9 NORME GENERALI PER GLI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI E TERZIARI

ART. 9 NORME GENERALI PER GLI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI E TERZIARI funzioni attinenti la produzione di beni e di servizi, sia pubblici sia privati, purché le attività svolte o previste non siano tali da costituire fonte di inquinamento atmosferico, del suolo o sonoro,

Dettagli

PRG C. Il Sindaco. Dott. Guido Tallone. Progetto: Area Programmazione e Sviluppo del Territorio. Il Dirigente Reggente dell Area

PRG C. Il Sindaco. Dott. Guido Tallone. Progetto: Area Programmazione e Sviluppo del Territorio. Il Dirigente Reggente dell Area Regione Piemonte Provincia di Torino Città di Rivoli PRG C piano regolatore generale comunale Variante ai sensi dell art. 17, comma 7- L.R. 56/77 s.m. e i. PROGETTO DEFINITIVO Variante parziale n. 12P/2008

Dettagli

PGT 00 PGT PINAROLO PO. Piano di Governo del Territorio VARIANTE AL PGT n. 01/2013 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DELLA VARIANTE.

PGT 00 PGT PINAROLO PO. Piano di Governo del Territorio VARIANTE AL PGT n. 01/2013 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DELLA VARIANTE. COMUNE DI PINAROLO PO PROVINCIA DI PAVIA PGT Piano di Governo del Territorio ai sensi della Legge Regionale 11 marzo 2005, n 12 00 PGT Fascicolo Piano di Governo del Territorio VARIANTE AL PGT n. 01/2013

Dettagli

VALORE DA TABELLA D.C.C. 22/05. VALORE RIPARAMETRIZZATO INTERVENTI RESIDENZIALI Centro Storico /mc ,00 1 3,00

VALORE DA TABELLA D.C.C. 22/05. VALORE RIPARAMETRIZZATO INTERVENTI RESIDENZIALI Centro Storico /mc ,00 1 3,00 DA TABELLA COEFF. INTERVENTI RESIDENZIALI Centro Storico /mc 1 +2 3,00 1 3,00 Esterni al Centro Storico /mc interventi limitati al solo restauro conservativo e al miglioramento degli impianti igienici

Dettagli

INQUADRAMENTO URBANISTICO

INQUADRAMENTO URBANISTICO INQUADRAMENTO URBANISTICO L area oggetto di Piano di Attuazione, nel vigente Piano di Governo del Territorio approvato dal Consiglio Comunale in data 19/01/2007 con deliberazione n. 3, diventato efficace

Dettagli

Generalità. Ogni Scheda d Area risulta composta nel seguente modo:

Generalità. Ogni Scheda d Area risulta composta nel seguente modo: Generalità Il presente elaborato costituisce specificazione e integrazione alle norme tecniche d'attuazione delle zone CR.III, DM, TT, TR dove il PRGC ha ritenuto necessario guidare con maggiore approfondimento

Dettagli

LIVELLI DI PIANIFICAZIONE E TIPI DI PIANO

LIVELLI DI PIANIFICAZIONE E TIPI DI PIANO LIVELLI DI PIANIFICAZIONE E TIPI DI PIANO Legge n. 1150/1942 Legge urbanistica fondamentale D.P.R. n. 616/1977 In attuazione della Legge n. 382/1975 Legge di delega alle Regioni delle funzioni legislative

Dettagli

ART. 9 NORME GENERALI PER GLI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI E TERZIARI

ART. 9 NORME GENERALI PER GLI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI E TERZIARI funzioni attinenti la produzione di beni e di servizi, sia pubblici sia privati, purché le attività svolte o previste non siano tali da costituire fonte di inquinamento atmosferico, del suolo o sonoro,

Dettagli

Forum Italiano dei Movimenti per la Terra e il Paesaggio

Forum Italiano dei Movimenti per la Terra e il Paesaggio 1 Comune RIVALTA DI TORINO 2 Provincia TORINO 3 Regione PIEMONTE 4 Abitanti residenti: al 8.10.2011 19.496 Anagrafe _ Istat al 31.12.2011 19.570 Anagrafe _ al 31.12.2001 17.621 Istat _ Anagrafe Indicare

Dettagli

Documento di Piano - Schede aree di trasformazione 1

Documento di Piano - Schede aree di trasformazione 1 Documento di Piano - Schede aree di trasformazione Indice Nuove aree di trasformazione... 3 Area Produttiva - TR...4 Area di trasformazione di interesse pubblico - TR A...7 Area di trasformazione di interesse

Dettagli

COMUNE DI TUFARA P.zza Mazzini, 14 - Cap Tel Fax COMUNE DI TUFARA (Campobasso)

COMUNE DI TUFARA P.zza Mazzini, 14 - Cap Tel Fax COMUNE DI TUFARA (Campobasso) COMUNE DI TUFARA (Campobasso) VARIANTE GENERALE AL PROGRAMMA DI FABBRICAZIONE COMUNALE E ANNESSO REGOLAMENTO EDILIZIO Dalla verifica planimetrica delle superfici delle zone effettuata sulla planimetria

Dettagli

PRG C. Città di Rivoli. Schede Normative (oggetto di variante) Regione Piemonte. Provincia di Torino. piano regolatore generale comunale

PRG C. Città di Rivoli. Schede Normative (oggetto di variante) Regione Piemonte. Provincia di Torino. piano regolatore generale comunale Regione Piemonte Provincia di Torino Città di Rivoli PRG C piano regolatore generale comunale Variante ai sensi dell art. 17, comma 7- L.R. 56/77 s.m. e i. PROGETTO DEFINITIVO Variante parziale n. 13P/2009

Dettagli

DESTINAZIONE MODALITÀ. NORME PRGC TERRIT. mq. TERRIT. mc/mq COP. n ABITANTI TEORICAMENTE PREVISTI COMPRESI GLI ESISTENTI

DESTINAZIONE MODALITÀ. NORME PRGC TERRIT. mq. TERRIT. mc/mq COP. n ABITANTI TEORICAMENTE PREVISTI COMPRESI GLI ESISTENTI CENTRO STORICO CAPOLUOGO CS PRESCRIZIONE DELLE NORME DI ATTUAZIONE TAB. N 1 DESTINAZIONE MODALITÀ TIPO NORME IND. FOND./ P.F.T. TERRIT. mq. H mt. D'USO D'INTERVENTO D'INTERVENTO SPECIFICHE TERRIT. mc/mq

Dettagli

planimetria del progetto complessivo (scala 1:1000) con indicazione delle aree pubbliche e private;

planimetria del progetto complessivo (scala 1:1000) con indicazione delle aree pubbliche e private; Politecnico di Torino Esami di Stato per l abilitazione all esercizio della professione di Pianificatore Territoriale Prima sessione 2017 15 giugno Sezione A SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE PROVA PRATICA

Dettagli

Piano esecutivo per il recupero urbanistico del nucleo n.18.3 "Podere Zara - via Fraconalto

Piano esecutivo per il recupero urbanistico del nucleo n.18.3 Podere Zara - via Fraconalto La manovra di recupero dei nuclei di edilizia ex abusiva L Amministrazione di Roma Capitale, fin dalla fine degli anni 90, ha intrapreso un difficile percorso di recupero urbanistico delle zone periferiche

Dettagli

- I N D I C E - - DISPOSIZIONI GENERALI

- I N D I C E - - DISPOSIZIONI GENERALI - I N D I C E - TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Art. 2 Art. 3 - Elementi costitutivi del Piano Regolatore Generale - Campo di applicazione, validità ed efficacia del PRG - Trasformazione urbanistica

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE Art. 1 - Finalità Le presenti norme hanno lo scopo di definire la disciplina degli interventi per l'attuazione del piano particolareggiato convenzionato di iniziativa privata,

Dettagli

Determinazione del parametro caratteristico della Città di Chieri. a) Popolazione al: 31/12/ b) Popolazione al: 31/12/

Determinazione del parametro caratteristico della Città di Chieri. a) Popolazione al: 31/12/ b) Popolazione al: 31/12/ ALLEGATO 1/a) Determinazione del parametro caratteristico della Città di Chieri a) Popolazione al 31/12/1989 31.081 b) Popolazione al 31/12/2004 34.312 c) hm. del capoluogo 290 1. Calcolo dei parametri

Dettagli

PRGC COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara. Progetto Definitivo SCHEDA QUANTITATIVA DEI DATI URBANI ELABORATO I1.1

PRGC COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara. Progetto Definitivo SCHEDA QUANTITATIVA DEI DATI URBANI ELABORATO I1.1 COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara PRGC 2008 Progetto Definitivo SCHEDA QUANTITATIVA DEI DATI URBANI (Art. 14, 1 comma, punto 2, Lr 56/77 e s.m.i.) ELABORATO I1.1 MARZO 2009 1 appendice I FORMAZIONE

Dettagli

COMUNE DI TREZZO SULL ADDA

COMUNE DI TREZZO SULL ADDA COMUNE DI TREZZO SULL ADDA Provincia di Milano Settore gestione del territorio, lavori pubblici e sviluppo economico Oggetto RELAZIONE TECNICA Il Comune di Trezzo sull'adda dispone di un Piano di Governo

Dettagli

VARIANTE PARZIALE AL PROGRAMMA DI FABBRICAZIONE VIGENTE, AREA DI S. ANNA

VARIANTE PARZIALE AL PROGRAMMA DI FABBRICAZIONE VIGENTE, AREA DI S. ANNA VARIANTE PARZIALE AL PROGRAMMA DI FABBRICAZIONE VIGENTE, AREA DI S. ANNA INQUADRAMENTO LOCALIZZATIVO L area del PEEP è localizzata a nord est del centro storico lungo la strada vicinale di Sant Anna, in

Dettagli

Piano esecutivo per il recupero urbanistico del nucleo di edilizia ex abusiva n Pian Saccoccia

Piano esecutivo per il recupero urbanistico del nucleo di edilizia ex abusiva n Pian Saccoccia Piano esecutivo per il recupero urbanistico del nucleo di edilizia ex abusiva n. 19.11 Pian Saccoccia La manovra di recupero dei nuclei di edilizia ex abusiva L Amministrazione di Roma Capitale, fin dalla

Dettagli

Piano esecutivo per il recupero urbanistico del nucleo di edilizia ex abusiva n Cerquette Grandi Colle Selvotta

Piano esecutivo per il recupero urbanistico del nucleo di edilizia ex abusiva n Cerquette Grandi Colle Selvotta Piano esecutivo per il recupero urbanistico del nucleo di edilizia ex abusiva n. 19.14 Cerquette Grandi Colle Selvotta La manovra di recupero dei nuclei di edilizia ex abusiva L Amministrazione di Roma

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA SCHEDE DI DIMENSIONAMENTO MODIFICATE SECONDO LE OSSERVAZIONI ACCOLTE

RELAZIONE ILLUSTRATIVA SCHEDE DI DIMENSIONAMENTO MODIFICATE SECONDO LE OSSERVAZIONI ACCOLTE B A R B A T A P R O V I N C I A D I B E R G A M O ALLEGATO E/bis PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO L.R. 12 d el 11 m a rz o 200 5 e s.m.i. RELAZIONE ILLUSTRATIVA SCHEDE DI DIMENSIONAMENTO MODIFICATE SECONDO

Dettagli

Il Piano di Governo del Territorio Primo workshop di formazione esterna

Il Piano di Governo del Territorio Primo workshop di formazione esterna Il Piano di Governo del Territorio Primo workshop di formazione esterna Arch. Paolo Simonetti Illustrazione di alcuni casi applicativi TEATRO AUDITORIUM SAN FEDELE Milano, 16 novembre 2010 I casi illustrati

Dettagli

Tipologia strumento attuativo. Soggetto attuatore

Tipologia strumento attuativo. Soggetto attuatore AMBITO DI TRASFORMAZIONE ATR 1 Tipologia strumento attuativo Ubicazione Soggetto attuatore PL o PCC Zavattarello Privato Destinazione prevalente Residenziale Superficie territoriale St Mq. 5.675 Indice

Dettagli

Schede delle Aree di Trasformazione 1

Schede delle Aree di Trasformazione 1 Schede delle Aree di Trasformazione 1 Schede delle Aree di Trasformazione 2 Indice Piani Attuativi riconfermati con modifiche normative...4 PIANI DI RECUPERO...4 PR1...5 PR2...7 Piani Attuativi riconfermati

Dettagli

Regione Piemonte - Dipartimento 2 : Organizzazione del territorio Assessorato alla Pianificazione e Gestione urbanistica

Regione Piemonte - Dipartimento 2 : Organizzazione del territorio Assessorato alla Pianificazione e Gestione urbanistica Regione Piemonte - Dipartimento 2 : Organizzazione del territorio Assessorato alla Pianificazione e Gestione urbanistica Art. 1, 1 comma, lettera 2, c della Legge Regionale n. 56 del 5/12/1977 Comune di

Dettagli

S. BRIGIDA. Funzione prevalente

S. BRIGIDA. Funzione prevalente S. BRIGIDA Funzione prevalente Residenziale (a) Superficie territoriale 16,65 [ha] (b) Abitanti censimento 2001 880 (c) Addetti - censimento 2001 46 (d) Densità territoriale abitativa 52,4 [ab/ha] (e)

Dettagli

TABELLA TARIFFE ONERI DI URBANIZZAZIONE COMUNE DI RIVOLI ANNO 2019 (adeguamento approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 379 del 20/11/2018)

TABELLA TARIFFE ONERI DI URBANIZZAZIONE COMUNE DI RIVOLI ANNO 2019 (adeguamento approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 379 del 20/11/2018) TABELLA TARIFFE ONERI DI URBANIZZAZIONE COMUNE DI RIVOLI ANNO 2019 (adeguamento approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 379 del 20/11/2018) 1 RESIDENZIALE 2 RESIDENZIALE 4 RESIDENZIALE 8 RESIDENZIALE

Dettagli

TABELLA TARIFFE ONERI DI URBANIZZAZIONE COMUNE DI RIVOLI ANNO 2018 (adeguamento approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 381 del 28/11/2017)

TABELLA TARIFFE ONERI DI URBANIZZAZIONE COMUNE DI RIVOLI ANNO 2018 (adeguamento approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 381 del 28/11/2017) TABELLA TARIFFE ONERI DI URBANIZZAZIONE COMUNE DI RIVOLI ANNO 2018 (adeguamento approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 381 del 28/11/2017) 1 RESIDENZIALE 2 RESIDENZIALE 4 RESIDENZIALE 8 RESIDENZIALE

Dettagli

Comune di Borgonovo Val Tidone

Comune di Borgonovo Val Tidone Comune di Borgonovo Val Tidone Provincia di Piacenza P.O.C. stralcio P i a n o O p e r a t i v o C o m u n a l e 2 0 1 8-2 0 2 3 (L.R. 24 marzo 2000, n. 20) POC.N02 Schede normative Adozione Controdeduzione

Dettagli

(D) (E) Superficie minima Uf. Costo a mq

(D) (E) Superficie minima Uf. Costo a mq TABELLA A: URBANIZZAZIONE SECONDARIA: Incidenza economica edifici residenziali e servizi (A) (B) (C) (D) (E) (F) (G) (H) (I) Categorie opere ex art. 4 RR 2/2015 Asili nido Scuole d infanzia Scuole dell

Dettagli

Piano Esecutivo relativo al Nucleo di edilizia ex abusiva da recuperare n denominato Pantanelle Via Montagnana

Piano Esecutivo relativo al Nucleo di edilizia ex abusiva da recuperare n denominato Pantanelle Via Montagnana Piano Esecutivo relativo al Nucleo di edilizia ex abusiva da recuperare n. 19.6 denominato Pantanelle Via Montagnana La manovra di recupero dei nuclei di edilizia ex abusiva L Amministrazione di Roma Capitale,

Dettagli

Regione Piemonte - Dipartimento 2 : Organizzazione del territorio Assessorato alla Pianificazione e Gestione urbanistica

Regione Piemonte - Dipartimento 2 : Organizzazione del territorio Assessorato alla Pianificazione e Gestione urbanistica Regione Piemonte - Dipartimento 2 : Organizzazione del territorio Assessorato alla Pianificazione e Gestione urbanistica Art. 1, 1 comma, lettera 2, c della Legge Regionale n. 56 del 5/12/1977 Comune di

Dettagli

Modifica 1 Eliminazione dell'intervento Specifico 20 con riclassificazione dell'area nel sistema ambientale (250 mq SLP residenza).

Modifica 1 Eliminazione dell'intervento Specifico 20 con riclassificazione dell'area nel sistema ambientale (250 mq SLP residenza). COMUNE DI ENDINE GAIANO Provincia di Bergamo VARIANTE AL PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO RELAZIONE PREMESSA Il Comune di Endine Gaiano è dotato di Piano di Governo del Territorio approvato dal Consiglio

Dettagli

Regione Piemonte - Dipartimento 2 : Organizzazione del territorio Assessorato alla Pianificazione e Gestione urbanistica

Regione Piemonte - Dipartimento 2 : Organizzazione del territorio Assessorato alla Pianificazione e Gestione urbanistica Regione Piemonte - Dipartimento 2 : Organizzazione del territorio Assessorato alla Pianificazione e Gestione urbanistica Art. 1, 1 comma, lettera 2, c della Legge Regionale n. 56 del 5/12/1977 Comune di

Dettagli

Regione Piemonte - Dipartimento 2 : Organizzazione del territorio Assessorato alla Pianificazione e Gestione Urbanistica

Regione Piemonte - Dipartimento 2 : Organizzazione del territorio Assessorato alla Pianificazione e Gestione Urbanistica 01 2014 Regione Piemonte - Dipartimento 2 : Organizzazione del territorio Assessorato alla Pianificazione e Gestione Urbanistica Scheda quantitativa dei dati urbani (art.1, 1 comma, lettera 2, c della

Dettagli

Tabella n. 3 - Computo dell incidenza degli oneri relativi alle opere di urbanizzazione primarie per un insediamento teorico di 5.

Tabella n. 3 - Computo dell incidenza degli oneri relativi alle opere di urbanizzazione primarie per un insediamento teorico di 5. Tabella n. 3 - Computo dell incidenza degli oneri relativi alle opere di urbanizzazione primarie per un insediamento teorico di 5.000 abitanti opere di urbanizzazione primaria sistema viario pedonale e

Dettagli

PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL AREA EX ZUCCHERIFICIO APPROVATO CON D. C. C. N 69 DEL 2 OTTOBRE 2002 P.P. EX ZUCCHERIFICIO - VARIANTE N 3

PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL AREA EX ZUCCHERIFICIO APPROVATO CON D. C. C. N 69 DEL 2 OTTOBRE 2002 P.P. EX ZUCCHERIFICIO - VARIANTE N 3 REGIONE VENETO PROVINCIA DI VERONA CITTA' DI LEGNAGO PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL AREA EX ZUCCHERIFICIO APPROVATO CON D. C. C. N 69 DEL 2 OTTOBRE 2002 P.P. EX ZUCCHERIFICIO - VARIANTE N 3 ADOZIONE Timbro

Dettagli

COMUNE DI QUATTRO CASTELLA I.C.I VALORI AREE FABBRICABILI

COMUNE DI QUATTRO CASTELLA I.C.I VALORI AREE FABBRICABILI COMUNE DI QUATTRO CASTELLA I.C.I. 2006 VALORI AREE FABBRICABILI Premesso che ai fini dell applicazione dell ICI la base imponibile per le aree fabbricabili è il valore venale in comune commercio ai sensi

Dettagli

versione definitiva marzo 2003 a seguito approvazione

versione definitiva marzo 2003 a seguito approvazione 349 350 8.3.6. SS.106: COMPLETAMENTO RESIDENZIALE L intervento si localizza sul bordo meridionale del tessuto edilizio residenziale localizzato lungo il fronte meridionale della SS. 106 declassata, verso

Dettagli

ELENCO ELABORATI COSTITUENTI LO STRUMENTO URBANISTICO ESECUTIVO

ELENCO ELABORATI COSTITUENTI LO STRUMENTO URBANISTICO ESECUTIVO PREMESSA La città di Piossasco è attualmente dotata di P.r.g.c., approvato con D.G.R. n.31-9698 del 30/09/2008 rettificata con D.G.R. n. 16-10621 del 26/01/2009 e s.m.i. L'area oggetto del presente Strumento

Dettagli

Ambito di trasformazione 5a - Quadrilatero industriale

Ambito di trasformazione 5a - Quadrilatero industriale doc C/1 Ambito di trasformazione 5a - Quadrilatero industriale aree per insediamenti industriali esistenti e di completamento aree pavimentate e alberate nuove edificazioni a due piani per servizi all'industria,

Dettagli

PIANO REGOLATORE GENERALE

PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNE DI SEDRIANO Provincia di Milano PIANO REGOLATORE GENERALE NORME TECNICHE D ATTUAZIONE LUGLIO 2006 Studio di architettura ed urbanistica prof. arch. Piero Puddu e collaboratori - viale dei Mille,

Dettagli

PIANO PER L EDILIZIA ECONOMICA E POPOLARE DESCRIZIONE ELABORATO. Relazione PROGETTAZIONE COMUNE DI LEGNAGO - SETTORE 3 LL.PP.

PIANO PER L EDILIZIA ECONOMICA E POPOLARE DESCRIZIONE ELABORATO. Relazione PROGETTAZIONE COMUNE DI LEGNAGO - SETTORE 3 LL.PP. REGIONE VENETO PROVINCIA DI VERONA COMUNE DI LEGNAGO PIANO PER L EDILIZIA ECONOMICA E POPOLARE PEEP PORTO - variante n. 6 ADOZIONE Timbro delibera APPROVAZIONE DESCRIZIONE ELABORATO Relazione Timbro delibera

Dettagli

COMUNE DI CAVALLIRIO Provincia di Novara. Piano Regolatore Generale Comunale VARIANTE GENERALE RIELABORAZIONE PARZIALE. Scheda quantitativa e allegati

COMUNE DI CAVALLIRIO Provincia di Novara. Piano Regolatore Generale Comunale VARIANTE GENERALE RIELABORAZIONE PARZIALE. Scheda quantitativa e allegati REGIONE PIEMONTE COMUNE DI CAVALLIRIO Piano Regolatore Generale Comunale (Approvato con Delibera della Giunta Regionale n. 21-5785 in data 05.02.1996) VARIANTE GENERALE ( Adottata con D.C.C. n. 6 del 03.04.2014

Dettagli

Funzioni residenziali in progetto

Funzioni residenziali in progetto Nella scheda seguente si riporta il confronto ed il controllo dei parametri urbanistici suddivisi per l ambito portuale P1 e l area oggetto di delocalizzazione C.da Lamalunga. In particolare sono desumibili:

Dettagli

COMUNE DI CASSINE Provincia di Alessandria P.R.G.C. Approvato con D.G.R. n del

COMUNE DI CASSINE Provincia di Alessandria P.R.G.C. Approvato con D.G.R. n del COMUNE DI CASSINE Provincia di Alessandria P.R.G.C. Approvato con D.G.R. n.7-3985 del 11.06.2012 VARIANTE PARZIALE Ai sensi dell art.17 comma 5 L.R. 56/77 e s.m.i. PROGETTO PRELIMINARE Adottato con delibera

Dettagli

Schede normative degli ambiti 12 Scotti G Via della Torretta 10S Torretta 1 11S Torretta 2

Schede normative degli ambiti 12 Scotti G Via della Torretta 10S Torretta 1 11S Torretta 2 Schede normative degli ambiti 12 Scotti G Via della Torretta 10S Torretta 1 11S Torretta 2 Denominazione area di trasformazione Scotti 12 Descrizione Area su cui insistono impianti produttivi (riseria)

Dettagli

Norme tecniche di Attuazione

Norme tecniche di Attuazione Comune di Cinquefrondi ( prov. Reggio Calabria ) 2017 Norme tecniche di Attuazione ) I Tecnici Arch. Valentina Ciminello Geom. Luigi Rocco Cotroneo 22/05/2017 Sommario Art. 1 Edificabilità e modalità di

Dettagli

TORINO Via Bistagno, 10. Palazzo uffici

TORINO Via Bistagno, 10. Palazzo uffici TORINO Via Bistagno, 10 Palazzo uffici Aprile 2013 Localizzazione 2 Descrizione Il complesso immobiliare occupa un intero isolato, di forma romboidale, delimitato a nord-est da Via Monbasiglio, a est da

Dettagli

SCHEDE DI INDIRIZZO PER L ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI E LEGENDA

SCHEDE DI INDIRIZZO PER L ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI E LEGENDA SCHEDE DI INDIRIZZO PER L ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI E LEGENDA N.B.: La numerazione delle schede che seguono non risulta in sequenza continua a causa della eliminazione di alcune di esse nel passaggio

Dettagli

Determinazione dei valori minimi e massimi delle aree edificabili Zona: Centro Nembro Anno Altezza massima mt.

Determinazione dei valori minimi e massimi delle aree edificabili Zona: Centro Nembro Anno Altezza massima mt. All. A DGC n. del Determinazione dei valori minimi e massimi delle aree edificabili Zona: Centro Nembro Anno 2017 Zona urbanistica di P.G.T. Ambito RESIDENZIALE Nuclei Antica Formazione N z.o. A R1 R2

Dettagli

PREMESSE NOTE ESPLICATIVE ALLE TABELLE PARAMETRICHE

PREMESSE NOTE ESPLICATIVE ALLE TABELLE PARAMETRICHE PREMESSE Le presenti Tabelle Pametriche sono state integrate e modificate a seguito delle formulazioni eresse dalla Regione Piemonte, settore Direzione Pianificazione e Gestione Urbanistica in data 04/07/2007.

Dettagli

Pubblicazione: BURL n. del. Architetto Fausto Bianchi

Pubblicazione: BURL n. del. Architetto Fausto Bianchi Regione Lombardia P G T2011 Comune di Cevo Provincia di Brescia Comune di CEVO Piano di Governo del Territorio Documento di Piano Adozione: Delibera del Consiglio Comunale n. del Approvazione: Delibera

Dettagli

Pcc 1 Permesso di Costruire Convenzionato 1 pag. 2. Pcc 2 Permesso di Costruire Convenzionato 2 pag. 4

Pcc 1 Permesso di Costruire Convenzionato 1 pag. 2. Pcc 2 Permesso di Costruire Convenzionato 2 pag. 4 Indice delle schede Pcc 1 Permesso di Costruire Convenzionato 1 pag. 2 Pcc 2 Permesso di Costruire Convenzionato 2 pag. 4 Pcc 3A-3B Permesso di Costruire Convenzionato 3A -3B pag. 5 Pcc 4 Permesso di Costruire

Dettagli