Reti di calcolatori. La comunicazione, i nomi e gli indirizzi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Reti di calcolatori. La comunicazione, i nomi e gli indirizzi"

Transcript

1 reti / reti di calcolatori La comunicazione, i nomi e gli indirizzi Se vi è una ituazione comunicativa (ad eempio l'aula colatica ) in cui vi è un emittente e molti poibili detinatari, il fatto che il detinatario abbia un nome (e che queto venga uato) garantice che eo comprenda che la comunicazione è diretta a lui. E' dunque importante che ogni poibile detinatario abbia un nome. Inoltre il fatto che eo ia univoco (che ia unico tra i poibili detinatari) permette di evitare ogni confuione. Se il detinatario non è preente, la comunicazione andrà traportata e dovrà raggiungerlo al uo indirizzo. In queto cao non bata apere il nome del detinatario, arà neceario conocerne l'indirizzo; cioè il luogo fiico dove è poibile raggiungerlo. E anche poibile che all indirizzo vi iano più poibili detinatari della comunicazione. In queto cao vi dovrà eere chi riceve le comunicazioni e le uddivide. E come quando in un condominio arriva il potino. Ci pena poi il portiere (o lo teo potino) a dividere la pota nelle caelle dei ingoli condomini. Alla fine anche l indirizzo dovrà eere univoco (cioè ogni meaggio dovrà avere un'unica detinazione). Reti di calcolatori L idea di mettere i calcolatori in comunicazione tra di loro, anche e ditanti, riale agli anni eanta, ad opera degli Stati Uniti. Vi era il timore che l Unione Sovietica, con un bombardamento nucleare a orprea, mettee fuori uo i principali centri trategici e bloccae la comunicazione con le bai militari non colpite impedendo coì la loro reazione. Viene tabilito di collegare tutti i computer delle bai militari in una rete continentale nella quale ogni calcolatore foe il grado di comunicare autonomamente con gli altri mediante una etea rete di cavi e un appoita procedura di traferimento dei dati. la guerra fredda la rete ARPANET nel 1974 Nel 1958, per realizzare queto progetto, il Governo degli Stati Uniti decie di creare un itituto di ricerca. Il progetto venne viluppato negli anni '60 in piena Guerra fredda con la collaborazione di varie univerità americane, e aveva lo copo di cotruire una rete di comunicazione militare in grado di reitere anche ad un attacco nucleare u vata cala. Ethernet e i protocolli TCP/IP e FTP Per rendere più affidabile la comunicazione tra i calcolatori, nei primi anni ettanta, venne finanziato lo viluppo di un inieme di protocolli di comunicazione* da utilizzari per lo viluppo di reti a commutazione di pacchetto**. I due protocolli più noti ono il TCP (Tranmiion Control Protocol) e l'ip (Internet Protocol) che mettono in comunicazione i computer mentre il protocollo FTP (File Tranfer Protocol) permette di realizzare uno cambio di file.

2 reti / reti di calcolatori * nel campo delle telecomunicazioni, per protocollo di rete i intende la definizione formale delle regole o meccanimi che due apparecchiature elettroniche collegate tra loro devono ripettare per realizzare un efficace comunicazione. Le apparecchiature poono eere hot, computer client, telefoni intelligenti, PDA, monitor, tampanti, enori ecc. In particolare un protocollo prevede la definizione dei linguaggi in cui vengono realizzati i meaggi cambiati, meaggi che devono eere interpretati correttamente. L'aderenza ai protocolli garantice che due oftware in eecuzione u divere macchine poano comunicare efficacemente. ** la commutazione di pacchetto diventa la bae dominante della tecnologia uata per il traferimento di voce e dati in tutto il mondo. Mediante queta tecnica i meaggi e le informazioni vengono uddivie in pacchetti di lunghezza fia e ogni ingolo pacchetto diventa un'unità a é tante, capace di viaggiare ulla rete in modo completamente autonomo. Non è importante che tutti i pacchetti che compongono un determinato meaggio rimangano uniti durante il percoro o arrivino nella equenza giuta. Le informazioni che ei convogliano al loro interno ono ufficienti per ricotruire, una volta arrivati a detinazione, l'eatto meaggio originale. Venne coì definita la tecnologia Ethernet; nome di un inieme di tecnologie per reti locali (LAN o Local Area Network) con determinate pecifiche tecniche a livello fiico (connettori, cavi, tipologia di tramiione ecc...) e di protocolli. Si tratta toricamente delle prime tipologie di reti informatiche realizzate al mondo utilizzabili anche, per emplicità di realizzazione e coti, da piccoli privati. upporti per l informazione i cavi UTP, preenti nella notra cuola, permettono una tramiione veloce, dei dati. La loro velocità di comunicazione varia da 10 Mbp a 100 Mbp (megabit per econdo) a econda della cheda di rete e del tipo di cavi utilizzati ma la loro lunghezza, e upera gli 100 metri, richiede delle apparecchiature per non perdere il egnale. Queti upporti ono lo trumento più utilizzato nelle piccole reti locali Nelle prime reti era molto frequente il collegamento a ditanza dei calcolatori utilizzando i cavi telefonici. In queti cai la tramiione richiede appoiti apparecchi, chiamati modem, che ono collegati al calcolatore mediante la porta eriale o la porta USB (vi ono però anche chede modem da inerire nel calcolatore). Il cavo telefonico, che contiene olo due fili, conente una tramiione lenta anche e, con moderni itemi di tramiione ADSL, ea viene velocizzata. Il problema di una tramiione veloce e a ditanza viene riolta oggi con i cavi in fibra ottica. Mentre nei cavi tradizionali abbiamo uno potamento di elettroni lungo un filo di rame, i cavi in fibra ottica ono realizzati con materiali vetroi e fatti in modo tale da permettere lo potamento, ma non l ucita, di raggi luminoi. Come nei cavi tradizionali a tramettere il egnale è l aenza o la preenza di elettroni, nella fibra ottica il egnale viene trameo mediante aenza o preenza di luce (fotoni). Alla partenza, un apparecchio riceve i egnali elettrici dai cavi UTP e invia corripondenti egnali luminoi ull ottico. All arrivo un altra apparecchiatura ervirà per convertire gli impuli luminoi in arrivo, in egnali elettrici che poi poano viaggiare ui cavi UTP. Oramai molto diffua è la tramiione wirele dove, per la tramiione dei dati, al poto dei cavi vengono utilizzate le onde radio. In una rete wirele il cavo UTP porta il egnale ad un tramettitore (antenna) da cui partono le onde radio. Quete poi poono eere ricevute da un ricevitore per eere reinerite in un cavo UTP. Più frequente è il cao in cui il ricevitore è inerito nell apparecchiatura che i collega alla rete (telefoni cellulari) Nomi e indirizzi Per i motivi che abbiamo vito all inizio, e vogliamo far comunicare i calcolatori tra di loro in una rete ognuno di ei dovrà avere un nome univoco ed un proprio indirizzo. Il nome del calcolatore (viene tabilito nel momento in cui i intalla il itema operativo e può eere modificato intervenendo u > pannello di controllo > itema > nome del computer L indirizzo del computer è compoto da quattro byte di otto bit ciacuno. Spetta all amminitratore della rete definire ia i nomi che gli indirizzi dei calcolatori che fanno parte di una rete in modo che iano univoci. cavi UTP con connettore RJ-45 2

3 La rete globale La nacita della rete globale Negli anni ottanta, grazie all'avvento dei peronal computer, vi fu un primo grande impulo alla diffuione della rete al di fuori degli ambiti militari. L uo della rete incominciò a diffonderi negli ambienti univeritari. Nacquero coì, pontaneamente, l' , la pota elettronica, i primi newgroup. Inoltre, con il paare del tempo, l'eercito i diintereò empre più del progetto (fino ad abbandonarlo nel 1990), che rimae otto il pieno controllo delle univerità, diventando un utile trumento per cambiare le conocenze cientifiche e per comunicare. Il CERN e il web L'Organizzazione Europea per la Ricerca Nucleare (in inglee European Organization for Nuclear Reearch), comunemente conociuta con l'acronimo CERN, è il più grande laboratorio al mondo di fiica delle particelle. Si trova al confine tra Svizzera e Francia alla periferia ovet della città di Ginevra. La convenzione che itituiva il CERN fu firmata il 29 ettembre 1954 da 12 tati membri. Il primo computer arrivò al CERN nel Vito che gli eperimenti producevano una mole di dati tale da rendere impoibile la ola elaborazione umana, i fiici ricorero all utilizzo di calcolatori e oftware per filtrare ed elaborare la montagna di dati alla ricerca degli eventi ritenuti ignificativi per l'eito degli eperimenti. Succeivamente i perimentò il collegamento di più calcolatori fra di loro: fu la volta della prima rete di computer. Coì nacque al CERN uno dei centri di calcolo più potenti in Europa, dedicato alle richiete empre più eigenti dei nuovi eperimenti e della capacità empre più pinta di acquiizione dati delle trumentazioni. Dal 1980 un informatico inglee Tim Berner-Lee aveva iniziato a lavorare u itemi in grado di immagazzinare e cambiare informazioni tra i centri di ricerca. Il 13 marzo 1989 preentò il documento Information Management: a Propoal. Alla ua bae vi era il progetto dello teo Berner-Lee e di un uo collega, Robert Cailliau, di elaborare un oftware per la condiviione di documentazione cientifica in formato elettronico indipendentemente dalla piattaforma informatica utilizzata, con il fine di migliorare la comunicazione, e quindi la cooperazione, tra i ricercatori dell'itituto. A lato della creazione del oftware, iniziò anche la definizione di tandard e protocolli per cambiare documenti u reti di calcolatori: il linguaggio HTML e il protocollo di rete HTTP. Queti tandard e protocolli upportavano inizialmente la ola getione di pagine HTML tatiche, vale a dire file ipertetuali preparati precedentemente e navigabili utilizzando opportune applicazioni (brower). Sir Timothy John Berner-Lee inieme con Robert Cailliau è coniderato l inventore del Web*, invenzione che ha aperto a tutti l'uo di Internet**. Il 15 aprile 2004 gli è tato aegnato il premio Millennium Technology per l'invenzione del World Wide Web e il 16 luglio 2004 è tato inignito del titolo di Knight Commander of the Britih Empire dalla regina Eliabetta II d'inghilterra. La data di nacita del World Wide Web viene comunemente indicata nel 6 agoto 1991, giorno in cui Berner-Lee pubblicò il primo ito web dando coì vita al fenomeno "WWW" (detto anche "della tripla W") di cui lui teo coniò il nome. Dopo i primi anni in cui era tato uato olo dalla comunità cientifica, il 30 aprile 1993 il CERN decie di mettere il WWW a dipoizione del pubblico rinunciando ad ogni diritto d'autore. Berner-Lee è empre tato otenitore di un web in cui tutti aveero diritto di acceo enza eere piati o controllati. Un web gratuito, aperto e neutrale. Per queto proponeva che il CERN promuovee, anche con fondi peciali di ricerca delle Commiioni Europee, l'idea del WWW e la ua promozione indutriale (i trattava di organizzare la rete mondiale e la getione dei protocolli di rete). * il World Wide Web (nome di origine inglee), in igla WWW, più peo abbreviato in Web, anche conociuto come Grande Rete Mondiale, è un ervizio di Internet che permette di navigare ed uufruire di un inieme vatiimo di contenuti multimediali e di ulteriori ervizi acceibili a tutti o ad una parte elezionata degli utenti di Internet. ** Internet (contrazione della locuzione inglee Interconnected Network, ovvero Reti Interconnee) è una rete di computer mondiale ad acceo pubblico, attualmente rappreentante il principale mezzo di comunicazione di maa, e che offre all'utente tutta una vata erie di poibili contenuti e ervizi. Tale interconneione è rea poibile da una uite di protocolli di rete chiamata TCP/IP dal nome dei due protocolli principali, il TCP e l'ip, che cotituicono la "lingua" comune con cui i computer connei ad Internet (hot) i interconnettono e comunicano tra loro indipendentemente dalla loro architettura hardware e oftware. 3

4 Il direttore del CERN, il fiico italiano Carlo Rubbia, otenne che non riteneva compito del CERN promuovere quella idea. Queto atteggiamento era la coneguenza del diimpegno italiano dalla ricerca ul nucleare. Tim Berner Lee accettò dunque l'offerta di traferire il proprio lavoro al MIT (Maachuett Intitute of Technology) di Boton preo cui, nel 1994, fondò il World Wide Web Conortium (W3C). L organizzazione della rete globale (il W3C e l ICANN) Nel World Wide Web (WWW), le riore diponibili ono u computer (denominati erver web) collegati in rete tra di loro. Sono organizzate econdo un itema di pagine, a cui i può accedere utilizzando appoiti programmi detti brower con cui è poibile navigare viualizzando file, teti, iperteti, uoni, immagini, animazioni, filmati. La facilità d'utilizzo, in coincidenza con una vata diffuione di computer per uo anche peronale, hanno aperto l'uo di Internet ad una maa di milioni di perone, anche al di fuori dell'ambito trettamente informatico, con una crecita in progreione eponenziale. La natura globale con la quale è tata concepita Internet ha fatto ì che oggi una enorme varietà di proceori, a volte anche incorporati in maniera inviibile in elettrodometici e in apparecchi dei più variati generi, abbiano tra le proprie funzionalità quella di connetteri ad Internet e attravero Internet a qualche ervizio di aggiornamento, di ditribuzione di informazione e dati; dal frigorifero, al televiore, all'impianto di allarme, al forno, alla macchina fotografica: ogni proceore oramai è abilitato a comunicare via Internet. Vi ono due organimi internazionali per la ua getione. Abbiamo già parlato del World Wide Web Conortium (abbreviato W3C) che ha lo copo di migliorare linguaggi per il Web e i protocolli con cui vengono organizzati i contenuti. Inoltre i occupa di viluppare tutte le ue potenzialità. la ditribuzione mondiale degli indirizzi IP L ICANN (Internet Corporation for Aigned Name and Number) ha, ulla rete globale, i compiti dell amminitratore di rete: aegnare e getire gli indirizzi IP e i protocolli di comunicazione in modo che la truttura della rete funzioni correttamente. E un ente internazionale no profit, itituito il 18 ettembre 1998 per proeguire in numeroi incarichi di getione relativi alla rete Internet che in precedenza erano demandati ad altri organimi. Nel Coniglio di Amminitrazione dell ICANN vi è una prevalenza tatunitene e queto ha determinato uno quilibrio nella ditribuzione degli indirizzi IP a favore degli USA. La rete globale e le reti locali L ICANN non i occupa di collegare direttamente alla rete globale i ingoli utenti. Gli indirizzi della rete globale vengono ceduti agli itituti univeritari o ad aziende private. Quete ultime (denominate Internet Provider) a loro volta i occupano di portare la conneione ad Internet e ai uoi ervizi ai ingoli utenti realizzando delle reti locali. rete locale rete locale Subito dopo la nacita di Internet, in Italia hanno iniziato a fornire ervizi di collegamento alla rete globale alcune aziende telefoniche (Telecom). Ee hanno realizzato reti locali utilizzando i cavi della rete telefonica. Sono orte anche nuove aziende che, per collegare i rete mondiale ingoli utenti, hanno poato dei nuovi cavi in fibra ottica (Fatweb, Colt, ). rete locale Vito che ogni computer preente ulla rete globale deve avere un indirizzo divero, in queti anni i è determinata una rarefazione degli indirizzi IP diponibili che ono diventati coì una riora rara e cotoa. 4

5 Il dominio, il uo indirizzo pubblico e la ua URL (nome) Con il termine dominio i indica qualiai realtà raggiungibile in rete. Per raggiungere un dominio, e dunque il computer collocato ulla rete globale che lo opita, biogna conocere il uo indirizzo IP. eempio di indirizzo IP aegnato ad un computer. E l indirizzo del calcolatore che opita il ito del Preidente della Repubblica Italiana Mentre crivendo nella barra degli indirizzi raggiungeremo la home page del Comune di Milano. Vito che tenere in mente gli indirizzi IP dei iti che ci intereano è una coa piuttoto complicata, l ICANN ha provveduto ad abbinare agli indirizzi IP delle equenze di caratteri, più facili da ricordare anche perché quai empre hanno un legame di ignificato con il ito che intendono indicare. L Uniform Reource Locator o URL è una equenza di caratteri che identifica univocamente l'indirizzo di una riora in Internet, tipicamente preente u un erver, come ad eempio un documento, un'immagine, un video, rendendola acceibile ad un client che ne fa richieta attravero l'utilizzo di un brower. è l URL aegnato al ito del Preidente della Repubblica -.it rappreenta il nome del dominio di primo livello. L ICANN ha infatti uddivio la rete globale in domini di primo livello (in genere a carattere nazionale) che amminitrano al proprio interno gli indirizzi di rete e i nomi dei domini di econdo livello -.quirinale è il nome del dominio di econdo livello. In Italia gli indirizzi IP e i nomi dei domini di econdo livello ono amminitrati dall'itituto di Informatica e Telematica (IIT) di Pia. Con oltre due milioni di domini attivi il dominio.it è il quinto d Europa e il ettimo del mondo. - www indica che il dominio è collocato ulla rete globale - indica il protocollo che viene utilizzato per realizzare il collegamento Il erver DNS (Domain Name Sytem) Il Domain Name Sytem (DNS) è il databae che contiene la corripondenza fra nomi di iti e gli indirizzi IP dei calcolatori che li opitano. nella notra rete di cuola l indirizzo del erver DNS coincide con l indirizzo del gateway. E infatti il gateway che viene utilizzato per accedere alla rete eterna. Queto ervizio è decentrato u vari calcolatori (erver DNS) che permettono di tradurre nei corripondenti indirizzi IP i nomi dei iti (URL) che l utente ha digitato. Dunque l acceo ai erver DNS è fondamentale per poter navigare in Internet. Per i computer della rete locale di Fatweb che vogliono accedere alla rete globale (e dunque anche per i notri) queto ervizio è volto dai computer di indirizzo e il vero indirizzo IP del erver DNS dei notri computer i ottiene con ipconfig/all ed è lo teo u tutta la rete locale di Fatweb Per conocere l indirizzo IP di un ito poiamo uare, ul Prompt di MS DOS, l ordine: nlookup eguito dall URL di un ito. Eo conulta il erver DNS e fornice l IP che corriponde a quell URL. Nell eempio l URL del Politecnico di Milano e il uo indirizzo IP. 5

6 Opitare più domini u un olo computer Se battiamo ulla finetra di MS-DOS l ordine: nlookup ci viene egnalato l indirizzo IP Con Otteniamo la pagina che compare opra. E quella del erver che getice il notro come molti altri iti. Il provider che opita il notro ito è Aruba, una ditta che ha ede nei prei di Arezzo e che tra i maggiori fornitori di ervizi u internet in Italia. I motori di ricerca Anche e è più emplice da ricordare, l operazione di memorizzare le URL dei iti che potrebbero eerci utili non è emplice. Soprattutto può eere difficile conocere u quali iti poiamo trovare le informazioni che ci intereano. Sono dunque orte appoite ocietà che hanno creato dei grandiimi archivi di dati dove ono raccolte molte informazioni che riguardano ciò che è in rete e dove è poibile trovarlo. Quete ocietà hanno creato appoiti iti dove, crivendo ciò che cerchiamo, è poibile trovare gli indirizzi dei iti dove ono preenti quelle informazioni. Approfondiremo meglio queti concetti nel notro lavoro ull HTML. Sono i coiddetti motori di ricerca, da cui è poibile ricercare contenuti nel Web in modo automatico ulla bae di parole chiave inerite dall'utente, e i coiddetti portali, iti da cui è poibile accedere ad ampie quantità di contenuti del Web elezionati dai redattori del portale web attravero l'utilizzo di motori di ricerca o u egnalazione dei redattori dei iti web. Lo cambio di dati tra client e erver web Google è il più diffuo motore di ricerca Come abbiamo vito Internet nace in ambiente univeritario e di ricerca e parte dalla neceità di rendere diponibili alla conultazione di altri i dati preenti ul proprio computer. Sempre nello teo ambiente di ricerca nace preto la neceità di permettere al computer client di non limitari alla conultazione dei contenuti del erver, ma anche di modificarli. In una rete locale queto è poibile, come abbiamo vito, condividendo le cartelle in cui ono collocati i file non olo per la lettura ma anche per la crittura. Anche in una piccola rete locale la condiviione con autorizzazione alla crittura è un'operazione delicata perché conente a chiunque di modificare i contenuti della cartella condivia. Dunque lo è ancora di più in Internet dove i poibili client ono miliardi. E' queto il motivo per cui i contenuti dei erver web, normalmente, ono viibili ai client olo per la lettura. L'amminitratore di un ito può comunque decidere di autorizzare ai client l'acceo per la crittura di una o più pagine con le modalità che lui ritiene opportune. Si poono coì creare quete due ituazioni: i client accedono ad uno pazio ul erver web u cui poono collocare (con divere modalità) teti, immagini e filmati (chat, web mail, facebook e vari ocial network) ui client vengono rei viibili al erver web (e dunque ai client ad eo collegati) degli pazi in cui ono collocati teti, immagini e filmati (cambio peer to peer) La poibilità di interagire con il erver web apre ai cittadini, grazie ai loro computer, di uufruire di molti ervizi (fare acquiti, ottenere dati dalla pubblica amminitrazione, fare operazioni bancarie, ecc...). 6

7 I contenuti del Web Dunque, oltre alla pubblicazione di contenuti multimediali, il Web permette di offrire ervizi particolari rei diponibili dagli tei uoi utenti. Queti ervizi ono innumerevoli, in pratica limitati olo dalla velocità della linea di telecomunicazioni con cui l'utente è collegato e dalla potenza di calcolo del uo computer. Di eguito quindi ono elencati olo quelli contradditinti da una denominazione generica: download: la ditribuzione di oftware web mail: la getione della caella di pota elettronica attravero il Web treaming: la ditribuzione di audio/video in tempo reale web TV: la televiione fruita attravero il Web web chat: la comunicazione tetuale in tempo reale tra più utenti di Internet, tramite pagine web L'interconneione continua e le "nuvole" Nell'ultimo decennio tutti gli Stati viluppati hanno invetito grandi capitali per potenziare la rete di Internet. Dovunque i cavi in fibra ottica tanno otituendo i cavi in rame ino all'interno delle abitazioni con un grande vantaggio ulla quantità di dati che i poono tramettere (i arriva a 40 gigabit al econdo). Utilizzando i tramettitori della rete telefonica cellulare, la connettività ad Internet i ta etendendo a tutto il territorio. Infatti il telefono cellulare i è traformato in martphone, uno trumento derivato dalla ua fuione con un computer palmare (PDA). Alcune pubbliche amminitrazioni tanno oramai offrendo ai cittadini l'acceo gratuito ad Internet tramite la rete wirele. La poibilità di connetteri empre ed ovunque rende coì poibile archiviare i propri dati in remoto u grandi erver mei e ono orte grandi erver farm (o webfarm) detinate a raccogliere enormi quantità di dati. Alcuni provider mettono a dipoizione pazi di memoria (gratuitamente e in quantità limitata). un immagine con cui Aruba pubblicizza le proprie "nuvole" con il termine inglee di cloud computing (nuvola informatica) i indica l'inieme di tecnologie che permettono ad un provider di offrire ervizi di archiviazione/elaborazione di dati grazie all'utilizzo di riore preenti in rete. 7

La manutenzione. Definizioni. Evoluzione storica. Manutenzione: Manutenibilità: Dott.ssa Brunella Caroleo

La manutenzione. Definizioni. Evoluzione storica. Manutenzione: Manutenibilità: Dott.ssa Brunella Caroleo La Dott.a Brunella Caroleo Definizioni Manutenzione: È il controllo cotante degli impianti e l inieme dei lavori di riparazione e otituzione neceari ad aicurare il funzionamento regolare e a mantenere

Dettagli

CENTRO LIBRI AREA RISERVATA: ISTRUZIONI PERL USO

CENTRO LIBRI AREA RISERVATA: ISTRUZIONI PERL USO CENTRO LIBRI AREA RISERVATA: ISTRUZIONI PERL USO 1. IL TUO PROFILO 2. RICERCA A CATALOGO SEMPLICE 3. RICERCA A CATALOGO AVANZATA 4. I RISULTATI DELLA RICERCA 5. PROMOZIONI IN CORSO E OFFERTE IN ESCLUSIVA

Dettagli

Controllore Processo. Le principali componenti del sistema sono: il rivelatore di errore, il controllore che ha il compito di trasformare il segnale

Controllore Processo. Le principali componenti del sistema sono: il rivelatore di errore, il controllore che ha il compito di trasformare il segnale CONTROLLORI DI TIO ID rincipi di funzionamento Il termine controllo definice l azione volta per portare e mantenere ad un valore prefiato un parametro fiico di un impianto o di un proceo (ad eempio, la

Dettagli

Note su alcuni principi fondamentali di macroeconomia Versione parziale e provvisoria. Claudio Sardoni Sapienza Università di Roma

Note su alcuni principi fondamentali di macroeconomia Versione parziale e provvisoria. Claudio Sardoni Sapienza Università di Roma Note u alcuni principi fondamentali di macroeconomia Verione parziale e provvioria Claudio Sardoni Sapienza Univerità di Roma Anno accademico 2010-2011 ii Indice Premea v I Il breve periodo 1 1 Il fluo

Dettagli

LA GESTIONE DELLO STRESS

LA GESTIONE DELLO STRESS LA GESTIONE DELLO STRESS Stre è enza alcun dubbio una delle parole più uate (o abuate) nel mondo, almeno in quello occidentale. Vi ono molti ignificati dati a queto termine, alcuni ne ottolineano primariamente

Dettagli

3. Catene di Misura e Funzioni di Trasferimento

3. Catene di Misura e Funzioni di Trasferimento 3.. Generalità 3. Catene di Miura e Funzioni di Traferimento 3.. Generalità Il egnale che rappreenta la grandezza da miurare viene trattato in modo da poter eprimere quet ultima con uno o più valori numerici

Dettagli

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Il problema Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Docenti: M. Goldwurm, S. Aguzzoli Appello del 5 Aprile 005 Progetto Recinti Conegna entro il Aprile 005 Si tudia la reitenza di alcune pecie di piante

Dettagli

Unità di Apprendimento RETI 13 (12/13)

Unità di Apprendimento RETI 13 (12/13) Prof. Paolo Molena / scuola media Quintino di Vona Milano Unità di Apprendimento RETI 13 (12/13) area delle Informazioni / 1 media la comunicazione, i nomi e gli indirizzi 1) reti di calcolatori la comunicazione

Dettagli

Teorema del Limite Centrale

Teorema del Limite Centrale Teorema del Limite Centrale Una combinazione lineare W = a 1 X + a Y + a 3 Z +., di variabili aleatorie indipendenti X,Y,Z, ciacuna avente una legge di ditribuzione qualiai ma con valori attei comparabili

Dettagli

Unità di Apprendimento RETI 12 (03/12)

Unità di Apprendimento RETI 12 (03/12) Prof. Paolo Molena / scuola media Quintino di Vona Milano Unità di Apprendimento RETI 12 (03/12) area delle Informazioni / 1 media la comunicazione, i nomi e gli indirizzi 1) reti di calcolatori la comunicazione

Dettagli

Questionario scuola statali 1 ciclo di istruzione

Questionario scuola statali 1 ciclo di istruzione Quetionario cuola tatali 1 ciclo di itruzione Denominazione Scuola VILLANOVA D'ASTI Data invio 01/03/2015 11:31:37 Codice Meccanografico ATIC80600E URL di riferimento http://ext.pubblica.itruzione.it/invali/index.php/534466

Dettagli

Lezione 2. Campionamento e Aliasing. F. Previdi - Controlli Automatici - Lez. 2 1

Lezione 2. Campionamento e Aliasing. F. Previdi - Controlli Automatici - Lez. 2 1 Lezione 2. Campionamento e Aliaing F. Previdi - Controlli Automatici - Lez. 2 1 Schema della lezione 1. Introduzione 2. Il campionatore ideale 3. Traformata di un egnale campionato 4. Teorema del campionamento

Dettagli

green innovation factory formule di insediamento

green innovation factory formule di insediamento formule di inediamento 2013 it La filoofia green innovation factory Progetto Manifattura è un centro di innovazione indutriale che opera prioritariamente nei ettori dell'edilizia ecootenibile, dell'energia

Dettagli

La popolazione di gatti urbani sul territorio del Comune di Firenze

La popolazione di gatti urbani sul territorio del Comune di Firenze Relazione di Teoria dei Sitemi La popolazione di gatti urbani ul territorio del Comune di Firenze Modelli per lo tudio ed il controllo Docente: Aleandro Caavola Studenti: Leonardo Profeti, Manfredi Toraldo,

Dettagli

1 I prodotti finanziari di riferimento

1 I prodotti finanziari di riferimento UN MODELLO PER L ANALISI DELLO STILE DI GESTIONE DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO Domenico Vitocco 1+, Claudio Converano 1 1 Dipartimento di Economia e Territorio, Univerità di Caino, Via Mazzaroppi, I-03043

Dettagli

Strumenti della Teoria dei Giochi per l Informatica A.A. 2009/10. Lecture 11: 13-14 Maggio 2010. Meccanismi per la Condivisione dei Costi

Strumenti della Teoria dei Giochi per l Informatica A.A. 2009/10. Lecture 11: 13-14 Maggio 2010. Meccanismi per la Condivisione dei Costi Strumenti della Teoria dei Giochi per l Informatica A.A. 2009/0 Lecture : 3-4 Maggio 200 Meccanimi per la Condiviione dei Coti Docente Paolo Penna Note redatte da: Paolo Penna Primo Eempio Vogliamo vendere

Dettagli

1 Generalità sui sistemi di controllo

1 Generalità sui sistemi di controllo 1 Generalità ui itemi di controllo Col termine proceo nell impiantitica chimica i intende un inieme di operazioni eeguite u una certa quantità di materia allo copo di modificarne in tutto o in parte alcune

Dettagli

SPECIALISTI DELL AUTOMOTIVE

SPECIALISTI DELL AUTOMOTIVE 80_84_147do5 d Pagina 80 o di MILA MOLINARI i e SPECIALISTI DELL AUTOMOTIVE Eperti nella lavorazione di prototipi e particolari detinati al ettore automobilitico, CMG Cofeva da oltre 30 anni opera nel

Dettagli

Lezione 12. Regolatori PID

Lezione 12. Regolatori PID Lezione 1 Regolatori PD Legge di controllo PD Conideriamo un regolatore che eercita un azione di controllo dipendente dall errore attravero la eguente legge: t ut = K et K e d K de t P + τ τ+ D. dt La

Dettagli

Poiché la retta è definita dall equazione: y = a + bx. Capitolo 4. Regressione e Correlazione.

Poiché la retta è definita dall equazione: y = a + bx. Capitolo 4. Regressione e Correlazione. Diaz - Appunti di tatitica - AA 1/ - edizione 9/11/1 Cap. 4 - Pag. 1 Capitolo 4. Regreione e Correlazione. Regreione Il termine regreione ha un'origine antica ed un ignificato molto particolare. L inventore

Dettagli

STAMPE DI QUALITÀ PROFESSIONALE IN UFFICIO PER IL TUO BUSINESS

STAMPE DI QUALITÀ PROFESSIONALE IN UFFICIO PER IL TUO BUSINESS STAMPE DI QUALITÀ PROFESSIONALE IN UFFICIO PER IL TUO BUSINESS www.brother.it VI PRESENTIAMO LA NUOVA GAMMA LASER MONOCROMATICA COMPATTA STAMPE DI QUALITÀ PROFESSIONALE IN UFFICIO Brother a che le attività

Dettagli

Prot. N 1223/C14 Montegalda, 18 Giugno 2014

Prot. N 1223/C14 Montegalda, 18 Giugno 2014 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G. Toaldo di MONTEGALDA Via Cattaneo 51 3 6 0 4 7 M O N T E G A L D A ( V i c e n z a ) 0444 636064 fax 0444 737054 Codice ficale 80015890249 Codice Itituto VIIC826007 Sito

Dettagli

6) Stati di cedimento 6.1) Introduzione all analisi delle costruzioni in muratura nel loro stato attuale

6) Stati di cedimento 6.1) Introduzione all analisi delle costruzioni in muratura nel loro stato attuale 6) tati di cedimento 6.1) Introduzione all analii delle cotruzioni in muratura nel loro tato attuale Nel conteto del modello di materiale rigido non reitente a trazione, la valutazione delle capacità portanti

Dettagli

Cinematica: soluzioni. Scheda 4. Ripetizioni Cagliari di Manuele Atzeni - 3497702002 - info@ripetizionicagliari.it

Cinematica: soluzioni. Scheda 4. Ripetizioni Cagliari di Manuele Atzeni - 3497702002 - info@ripetizionicagliari.it Cinematica: oluzioni Problema di: Cinematica - C0015ban Teto [C0015ban] Eercizi banali di Cinematica: 1. Moto rettilineo uniforme (a) Quanto pazio percorre in un tempo t = 70 un oggetto che i muove con

Dettagli

Ing. Mariagrazia Dotoli Controlli Automatici NO (9 CFU) Antitrasformata di Laplace PROCEDIMENTI DI ANTITRASFORMAZIONE

Ing. Mariagrazia Dotoli Controlli Automatici NO (9 CFU) Antitrasformata di Laplace PROCEDIMENTI DI ANTITRASFORMAZIONE PROCEDIMENTI DI ANTITRASFORMAZIONE L'operazione di paaggio invero dal dominio della frequenza complea al dominio del tempo F() f(t) è detta antitraformata o traformazione invera di Laplace. Data una funzione

Dettagli

offerti da Internet Calendario incontri

offerti da Internet Calendario incontri Introduzione ai principali servizi Come funziona Internet (9/6/ 97 - ore 16-19) offerti da Internet Calendario incontri Navigazione e motori di ricerca (11/6/ 97 - ore 16-19) Comunicazione con gli altri

Dettagli

Lezione 11. Equilibrio dei mercati del credito e della moneta bancaria. domanda di credito delle imprese = offerta delle banche;

Lezione 11. Equilibrio dei mercati del credito e della moneta bancaria. domanda di credito delle imprese = offerta delle banche; Lezione 11. Equilibrio dei mercati del credito e della moneta bancaria L E d = L domanda di credito delle impree = offerta delle banche; M d H = M M domanda di moneta (legale e bancaria) delle famiglie

Dettagli

SERS (surface enhanced raman scattering)

SERS (surface enhanced raman scattering) a pettrocopia aman tradizionale SS (urface enhanced raman cattering) a pettrocopia aman è una tecnica di indagine uperficiale che i baa ul principio di eccitazione dei livelli energetici della materia.

Dettagli

Le Reti (gli approfondimenti a lezione)

Le Reti (gli approfondimenti a lezione) Le Reti (gli approfondimenti a lezione) Per migliorare la produttività gli utenti collegano i computer tra di loro formando delle reti al fine di condividere risorse hardware e software. 1 Una rete di

Dettagli

ECO-RELAX, tra i limoni del Garda

ECO-RELAX, tra i limoni del Garda di Camilla Fiorin ECO-RELAX, tra i limoni del Garda [www.lefayreort.com] Bio-architettura, integrazione morfologica, hi-tech ecootenibile, deign e beneere naturale: è il Lefay Reort & SPa Pilatri rivolti

Dettagli

Diagramma circolare di un motore asincrono trifase

Diagramma circolare di un motore asincrono trifase Diagramma circolare di un motore aincrono trifae l diagramma circolare è un diagramma che permette di leggere tutte le grandezze del motore aincrono trifae (potenza rea, perdite nel ferro, coppia motrice,

Dettagli

Rilevazione mensile sull'occupazione, gli orari di lavoro e le retribuzioni nelle grandi imprese

Rilevazione mensile sull'occupazione, gli orari di lavoro e le retribuzioni nelle grandi imprese SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Rilevazione menile ull'occupazione, gli orari di lavoro e le retribuzioni nelle grandi impree 2006 Metodi e Norme n. 29 I ettori AMBIENTE E

Dettagli

Commutare, comandare e comunicare è facile con ea y

Commutare, comandare e comunicare è facile con ea y Building Automation Indutrial Automation Sytem Informazioni di prodotto Commutare, comandare e comunicare è facile con ea y Relè di comando eay400, 600, 800 Bildgröe 210 x 118,5 mm 222 Logo 17 x 17 mm

Dettagli

Le Misure. 2 ottobre 2007

Le Misure. 2 ottobre 2007 Le Miure ottobre 007 In tutte le oluzioni i farà ricoro alla notazione cientifica dei numeri, baata ul ignificato del itema decimale e poizionale. (piegare il ignificato) 1 Lunghezza 1.0.1 Una navetta

Dettagli

L educazione civica e alla cittadinanza: due ricerche internazionali.

L educazione civica e alla cittadinanza: due ricerche internazionali. Bruno Loito Univerità Roma Tre L educazione civica e alla cittadinanza: due ricerche internazionali. Intervento al Convegno Fare il cittadino. La formazione di un nuovo oggetto nell Europa fra XIX e XXI

Dettagli

Capitolo IV L n-polo

Capitolo IV L n-polo Capitolo IV L n-polo Abbiamo oervato che una qualiai rete, vita da due nodi, diventa, a tutti gli effetti eterni, un bipolo unico e queto è in qualche miura ovvio e abbiamo anche motrato come cotruire

Dettagli

Informatica di Base http://www.di.uniba.it/~laura/infbase/

Informatica di Base http://www.di.uniba.it/~laura/infbase/ Informatica di Base http://www.di.uniba.it/~laura/infbase/ Dip di Informatica Università degli studi di Bari Argomenti Reti di calcolatori Software applicativo Indirizzi URL Browser Motore di ricerca Internet

Dettagli

Parrucchiera / parrucchiere con attestato federale di capacità (AFC)

Parrucchiera / parrucchiere con attestato federale di capacità (AFC) Piano di formazione per l ordinanza ulla formazione profeionale di bae Parrucchiera / parrucchiere con attetato federale di capacità (AFC) Numero della profeione 8014 del 1 novembre 01 Indice Indice...

Dettagli

Project Management Base

Project Management Base Mater in Management e Getione dell'innovazione http://www.rieforum.org/mater/index.php?option=com_content&view=article&id=48&itemid=53&lang=it Management Bae Modulo 1/3 Seconda Parte Sabato 16 Febbraio

Dettagli

Sintesi tramite il luogo delle radici

Sintesi tramite il luogo delle radici Sintei tramite il luogo delle radici Può eere utilizzata anche per progettare itemi di controllo per itemi intabili Le pecifiche devono eere ricondotte a opportuni limiti u %, ta, t di W(), oltre quelle

Dettagli

L ATTIVITÁ FISICA. Questo perché l attività fisica migliora Figura 5. il funzionamento dell apparato cardiorespiratorio,

L ATTIVITÁ FISICA. Questo perché l attività fisica migliora Figura 5. il funzionamento dell apparato cardiorespiratorio, L ATTIVITÁ FISICA Fare regolarmente attività fiica fa bene! E le ragioni ono molte: la prima è il miglioramento ia in quantità che in qualità della vita. Maggiore è il livello di allenamento e minore è

Dettagli

Internet e Tecnologia Web

Internet e Tecnologia Web INTERNET E TECNOLOGIA WEB Corso WebGis per Master in Sistemi Informativi Territoriali AA 2005/2006 ISTI- CNR c.renso@isti.cnr.it Internet e Tecnologia Web...1 TCP/IP...2 Architettura Client-Server...6

Dettagli

Corso di Microonde II

Corso di Microonde II POITECNICO DI MIANO Coro di Microonde II ezi n. 3: Generalità ugli amplificatori ineari Coro di aurea pecialitica in Ingegneria delle Telecomunicazi Circuiti attivi a microonde (Amplificatori) V in Z g

Dettagli

Unitre Pavia a.a. 2015-2016

Unitre Pavia a.a. 2015-2016 Navigare in Internet (Storia e introduzione generale) (Prima lezione) Unitre Pavia a.a. 2015-2016 Errare è umano, ma per incasinare davvero tutto ci vuole un computer. (Legge di Murphy - Quinta legge dell'inattendibilità)

Dettagli

Protocolli PH e DL nelle LAN

Protocolli PH e DL nelle LAN Reti in area locale () UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Protocolli PH e DL nelle Luca Veltri (mail.to: luca.veltri@unipr.it) Coro di Reti di Telecomunicazione,

Dettagli

Cap. 4 Mercati finanziari

Cap. 4 Mercati finanziari Cap. 4 ercati finanziari Tao interee (i): importante per invetimenti e celte i conumo intertemporali. Noi iamo intereati principalmente ai primi. Come i etermina i? Attori: Banca Centrale (BC), banche,

Dettagli

Internet WWW - HTML. Tecnologie informatiche e della comunicazione

Internet WWW - HTML. Tecnologie informatiche e della comunicazione Internet WWW - HTML Cristina Gena cgena@di.unito.it http://www.di.unito.it/ cgena/ cristina gena - [internet web html] 1 Tecnologie informatiche e della comunicazione Cosa intendiamo? Tecnologia dei computer

Dettagli

Le ipotesi di base che si utilizzano sono le stesse quattro già viste con riferimento al caso della flessione semplice e cioè:

Le ipotesi di base che si utilizzano sono le stesse quattro già viste con riferimento al caso della flessione semplice e cioè: LEZIONI N 44 E 45 CALCOLO A ROTTURA DELLA SEZIONE PRESSOINFLESSA PROBLEMI DI VERIFICA La procedura di verifica dei pilatri di c.a., ottopoti a forzo normale e momento flettente, è baata ulla cotruzione

Dettagli

G. Pettarin ECDL Modulo 7: Internet 5. Cos è Internet

G. Pettarin ECDL Modulo 7: Internet 5. Cos è Internet G. Pettarin ECDL Modulo 7: Internet 5 Cos è Internet Che cosa è Internet ormai è noto a tutti. Internet è la rete a livello mondiale che mette a disposizione degli utenti collegati informazioni, file,

Dettagli

Unità Didattica 1. Le unità di misura

Unità Didattica 1. Le unità di misura Unità Didattica 1. Le unità di iura Pria di addentrarci nella ateria, è bene fare un rapido riaunto delle tecniche di converione e delle più iportanti unità di iura nel capo dell aeronautica, perché capiterà

Dettagli

ELETTRONICA ANALOGICA INDUSTRIALE PARTE 4. Retroazione

ELETTRONICA ANALOGICA INDUSTRIALE PARTE 4. Retroazione Retroazione Eetto della retroazione ul guadagno Riduzione della ditorione Impedenze di ingreo e di ucita Reti di retroazione Ripota in requenza Eetto della retroazione ui poli Margini di guadagno e di

Dettagli

2. LA DIFFUSIONE - CONCETTI BASE

2. LA DIFFUSIONE - CONCETTI BASE LA DIFFUSIONE . LA DIFFUSIONE - CONCETTI BASE Molte reazioni e molti procei di rilevante importanza nel trattamento dei materiali i baano ul traporto di maa. Queto traporto può avvenire o all interno di

Dettagli

2. In un mercato concorrenziale senza intervento pubblico non si ha perdita di benessere sociale netto.

2. In un mercato concorrenziale senza intervento pubblico non si ha perdita di benessere sociale netto. Beanko & Breautigam Microeconomia Manuale elle oluzioni Capitolo 10 Mercati concorrenziali: applicazioni Soluzioni elle Domane i ripao 1. In corriponenza ell equilibrio i lungo perioo, un mercato concorrenziale

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO

POLITECNICO DI MILANO POLITECNICO DI MILANO Facoltà di Ingegneria dell Informazione Coro di Laurea Magitrale in Ingegneria Elettronica MODELLISTICA E SIMULAZIONE DI SENSORI AMR DI CAMPO MAGNETICO Relatore: Correlatore: Prof.

Dettagli

Indice. 1 Le misure, 4. 3 Le forze e il moto, 118 2 Le forze e l equilibrio, 40 III. Unità 5 Equilibrio del corpo rigido, 80

Indice. 1 Le misure, 4. 3 Le forze e il moto, 118 2 Le forze e l equilibrio, 40 III. Unità 5 Equilibrio del corpo rigido, 80 III Indice Premea, V Introduzione, Un po di curioità..., Il metodo perimentale, 3 Le miure, Unità Miure ed errori, 6. Le miure, 6. L incertezza della miura, 0.3 L errore relativo,. Il Sitema Internazionale

Dettagli

DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 509/2015/R/COM

DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 509/2015/R/COM DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 509/2015/R/COM CRITERI PER LA DETERMINAZIONE E L AGGIORNAMENTO DEL TASSO DI REMUNERAZIONE DEL CAPITALE INVESTITO PER LE REGOLAZIONI INFRASTRUTTURALI DEI SETTORI ELETTRICO

Dettagli

Ottica. LEYBOLD Schede di fisica P5.6.2.1

Ottica. LEYBOLD Schede di fisica P5.6.2.1 Ottica LEYBOLD Schede di fiica Velocità della luce Miura eeguita ediante ipuli luinoi di breve durata LEYBOLD Schede di fiica Deterinazione della velocità della luce nell aria eeguita ediante il tepo di

Dettagli

22 - Il principio dei lavori virtuali

22 - Il principio dei lavori virtuali - Il principio dei lavori virtuali ü [.a. 0-0 : ultima reviione 5 aprile 0] Eempio n. Si conideri il portale di Figura, emplicemente ipertatico. Si vuole applicare il principio dei lavori virtuali per

Dettagli

Teoria delle decisioni in condizione di certezza e rischio

Teoria delle decisioni in condizione di certezza e rischio Teoria delle deciioni in condizione di certezza e richio Appunti di Fioravante PATRONE http://www.fioravante.patrone.name/default.htm Deciori (razionali) interagenti verione del 16 giugno 2010 Indice 1

Dettagli

La macchina sincrona (3 parte): raffreddamento, eccitatrici, impedenza sincrona, curve di prestazione limite, motore sincrono

La macchina sincrona (3 parte): raffreddamento, eccitatrici, impedenza sincrona, curve di prestazione limite, motore sincrono La macchina incrona (3 parte): raffreddamento, eccitatrici, impedenza incrona, curve di pretazione limite, motore incrono Lucia FROSINI Dipartimento di Ingegneria Indutriale e dell Informazione Univerità

Dettagli

Salute! Notiziario dell Azienda Ospedaliera della Provincia di Lecco

Salute! Notiziario dell Azienda Ospedaliera della Provincia di Lecco Per prenotare viite e pretazioni pecialitiche telefona al NUMERO VERDE 800.638.638 n Per informazioni ulla Carta Regionale dei Servizi telefona al NUMERO VERDE 800.030.606 Notiziario dell Azienda Opedaliera

Dettagli

CORSO EDA Informatica di base. Introduzione alle reti informatiche Internet e Web

CORSO EDA Informatica di base. Introduzione alle reti informatiche Internet e Web CORSO EDA Informatica di base Introduzione alle reti informatiche Internet e Web Rete di computer Una rete informatica è un insieme di computer e dispositivi periferici collegati tra di loro. Il collegamento

Dettagli

Definizione delle specifiche per un sistema di controllo a retroazione unitaria

Definizione delle specifiche per un sistema di controllo a retroazione unitaria Definizione delle pecifiche per un itema di controllo a retroazione unitaria Obiettivi del controllo Il itema di controllo deve eere progettato in modo da garantire un buon ineguimento dei egnali di riferimento

Dettagli

Brevi itruzioni Verione 1.0 Dicembre 2002 ITALIANO ISTRUZIONI DI SICUREZZA AVVERTENZA: Per ridurre il richio di coa elettrica, non rimuovere il coperchio (o il pannello poteriore). All'interno non ono

Dettagli

ds i Scopri i nostri servizi di screening,diagnosi, rieducazione e doposcuola

ds i Scopri i nostri servizi di screening,diagnosi, rieducazione e doposcuola i LE SS ia Scopri i notri ervizi i creening,iagnoi, rieucazione e opocuola I Diturbi Specifici i Apprenimento nei Centri SOS ileia Coa ono I Diturbi Specifici ell'apprenimento (DSA) ono ifunzioni neurobiologiche,

Dettagli

L interpolazione areale: una soluzione al problema del confronto fra dati riferiti a sistemi spaziali differenti

L interpolazione areale: una soluzione al problema del confronto fra dati riferiti a sistemi spaziali differenti L interpolazione areale: una oluzione al problema del confronto fra dati riferiti a itemi paziali differenti Maria Michela Dickon, Giueppe Epa, Diego Giuliani e Emanuele Taufer 1. Introduzione Accade di

Dettagli

DCP-7055. Stampante laser multifunzione monocromatica compatta. Versatile multifunzione laser monocromatica con stampante, scanner e copiatore.

DCP-7055. Stampante laser multifunzione monocromatica compatta. Versatile multifunzione laser monocromatica con stampante, scanner e copiatore. DCP-7055 Stampante laer multifunzione monocromatica compatta DCP-7055 offre le funzioni di tampante, canner e copiatore in un olo prodotto multifunzione compatto. Stampe veloci di alta qualità unite a

Dettagli

Erga News IL VOLONTARIATO FIRMATO. La voce dei volontari. www.erga omnes.eu BIMESTRALE GRATUITO, CURATO DAI VOLONTARI DELL'ASSOCIAZIONE

Erga News IL VOLONTARIATO FIRMATO. La voce dei volontari. www.erga omnes.eu BIMESTRALE GRATUITO, CURATO DAI VOLONTARI DELL'ASSOCIAZIONE Erga New La voce dei volontari www.erga omne.eu BIMESTRALE GRATUITO, CURATO DAI VOLONTARI DELL'ASSOCIAZIONE INDICE Il volontariato firmato Erga Omne (pag. 1 ) Il Centro di Acolto è un ervizio focale del

Dettagli

Reti informatiche 08/03/2005

Reti informatiche 08/03/2005 Reti informatiche LAN, WAN Le reti per la trasmissione dei dati RETI LOCALI LAN - LOCAL AREA NETWORK RETI GEOGRAFICHE WAN - WIDE AREA NETWORK MAN (Metropolitan Area Network) Le reti per la trasmissione

Dettagli

IL CONTROLLO DEI GNSS SYSTEMS IN REAL TIME KINEMATIC CON LE NUOVE NORME ISO 17123-8:2007

IL CONTROLLO DEI GNSS SYSTEMS IN REAL TIME KINEMATIC CON LE NUOVE NORME ISO 17123-8:2007 IL CONTROLLO DEI GNSS SYSTEMS IN REAL TIME KINEMATIC CON LE NUOVE NORME ISO 17123-8:2007 Lorenzo LEONE (*), Daniela LAUDANI FICHERA (**) Marco LEONE (***), Giueppe PULVIRENTI (****) (*) Dipartimento di

Dettagli

STRUMENTI DIGITALI PER LA COMUNICAZIONE- RETI ED INTERNET. Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione Paola Vocca

STRUMENTI DIGITALI PER LA COMUNICAZIONE- RETI ED INTERNET. Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione Paola Vocca STRUMENTI DIGITALI PER LA COMUNICAZIONE- RETI ED INTERNET Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione Paola Vocca PERCHÉ IMPLEMENTARE UNA RETE? Per permettere lo scambio di informazioni tra i calcolatori

Dettagli

Obiettivi in Alta Definizione e gestione delle Aberrazioni Cromatiche 1 parte

Obiettivi in Alta Definizione e gestione delle Aberrazioni Cromatiche 1 parte HD ACADEMY a cura dell Ing. Sergio Brighel* Obiettivi in Alta Definizione e getione delle Aberrazioni Cromatiche 1 parte Il fenomeno delle aberrazioni cromatiche è tra le caue più importanti di decadimento

Dettagli

Giornata di studio Per la presentazione del Software Giuditta 3.1

Giornata di studio Per la presentazione del Software Giuditta 3.1 Giornata di tudio Per la preentazione del oftware Giuditta 3. Introduzione ul concetto dell uo del oftware per l analii di richio anitaria I oftware nacono per effettuare delle imulazioni di calcolo, enza

Dettagli

Reti di computer. Tecnologie ed applicazioni

Reti di computer. Tecnologie ed applicazioni Reti di computer Tecnologie ed applicazioni Da I.T a I.C.T Con I.T (Information Tecnology) si intende il trattamento delle informazioni attraverso il computer e le nuove apparecchiature tecnologiche ad

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2003

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2003 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 003 Il candidato riolva uno dei due problemi e 5 dei 0 queiti in cui i articola il quetionario. PROLEMA Si conideri un tetraedro regolare T di vertici

Dettagli

INTERNET. Un percorso per le classi prime Prof. Angela Morselli

INTERNET. Un percorso per le classi prime Prof. Angela Morselli INTERNET Un percorso per le classi prime Prof. Angela Morselli PARTE 1 INTERNET: LA RETE DELLE RETI 2 È ALQUANTO DIFFICILE RIUSCIRE A DARE UNA DEFINIZIONE ESAUSTIVA E CHIARA DI INTERNET IN POCHE PAROLE

Dettagli

Esercizi sul moto del proiettile

Esercizi sul moto del proiettile Eercizi ul moto del proiettile Riolvi li eercizi ul quaderno utilizzando la oluzione olo per controllare il tuo riultato. 1 Un fucile è puntato orizzontalmente contro un beralio alla ditanza di 30 m. Il

Dettagli

Slide del corso di. Controllo digitale

Slide del corso di. Controllo digitale Slide del coro di Controllo digitale Coro di Laurea in Ingegneria Informatica e dell Informazione Univerità di Siena, Dip. Ing. dell Informazione e Sc. Matematiche Parte III Sitemi a dati campionati Gianni

Dettagli

E opportuno fare precedere questa lezione e quelle che seguiranno da tre considerazioni.

E opportuno fare precedere questa lezione e quelle che seguiranno da tre considerazioni. Capitolo 6 Teorie e modelli di crecita economica E opportuno fare precedere queta lezione e quelle che eguiranno da tre coniderazioni. 1. Qui affronteremo dei modelli teorici che i rifericono oprattutto

Dettagli

FISICA Lavoro, Potenza, Energia

FISICA Lavoro, Potenza, Energia Lavoro, Potenza, Energia. Il Lavoro Supponiamo di applicare una forza F ad un corpo materiale per un determinato intervallo di tempo, con l effetto di far potare il corpo teo dalla ua poizione iniziale

Dettagli

Sezioni in c.a. La flessione composta. Catania, 16 marzo 2004 Marco Muratore

Sezioni in c.a. La flessione composta. Catania, 16 marzo 2004 Marco Muratore Sezioni in c.a. La fleione compota Catania, 16 marzo 004 arco uratore Per chi non c era 1. Compreione: verifica Tenioni ammiibili α cd Ac f 1.5 f yd A 0.7 σ ( A max c c n A ) Riultati comparabili per il

Dettagli

d y d u + u y des C(s) F(s) Esercizio 1 Si consideri lo schema di controllo riportato in figura:

d y d u + u y des C(s) F(s) Esercizio 1 Si consideri lo schema di controllo riportato in figura: Eercizio Si conideri lo chema di controllo riportato in figura: y de e C() d u u F() d y y Applicando le regole di algebra dei blocchi, calcolare le eguenti funzioni di traferimento: y() a) W y,dy() =

Dettagli

Materiali per il Modulo 1 E.C.D.L.

Materiali per il Modulo 1 E.C.D.L. Materiali per il Modulo 1 E.C.D.L. Queste due sigle indicano LAN Local Area Network Si tratta di un certo numero di Computer (decine centinaia) o periferici connessi fra loro mediante cavi UTP, coassiali

Dettagli

Il CONCIME da pollice verde? Non sempre è il più CARO

Il CONCIME da pollice verde? Non sempre è il più CARO Il Salvagente 1- maggio 201 Conumi Tet 21 Il CONCIME da pollice verde? n empre è il più CARO Marta Strinati è tato lungo e faticoo anche per le piante. Freddo, pioggia e mancanza di cu- L inverno re hanno

Dettagli

INTERNET PER INIZIARE PRIMA PARTE

INTERNET PER INIZIARE PRIMA PARTE Università del Tempo Libero Caravaggio INTERNET PER INIZIARE PRIMA PARTE Prof. Roberto Foglia roberto.fogl@tiscali.it 21 gennaio 2016 COS È INTERNET È una rete di composta da migliaia di reti di computer

Dettagli

Trasformata di Laplace ESEMPI DI MODELLIZZAZIONE

Trasformata di Laplace ESEMPI DI MODELLIZZAZIONE Traformata di Laplace ESEMPI DI MODELLIZZAZIONE Introduzione La traformata di Laplace i utilizza nel momento in cui è tata individuata la funzione di traferimento La F.d.T è una equazione differenziale

Dettagli

Reti di calcolatori. Reti di calcolatori

Reti di calcolatori. Reti di calcolatori Reti di calcolatori Reti di calcolatori Rete = sistema di collegamento tra vari calcolatori che consente lo scambio di dati e la cooperazione Ogni calcolatore e un nodo, con un suo indirizzo di rete Storia:

Dettagli

Finalità del Modulo 6b

Finalità del Modulo 6b All table procee we hall predict. All untable procee we hall control (John von Neumann) Teoria del Controllo Modulo 6b Cortile Volta La funzione di controllo fa parte di un proceo di autoregolazione dell

Dettagli

2 I METODI DI ANALISI DEI SISTEMI DI CONTROLLO AD ANELLO CHIUSO LINEARI 12

2 I METODI DI ANALISI DEI SISTEMI DI CONTROLLO AD ANELLO CHIUSO LINEARI 12 COSO DI SISTEMI Sommario 1 I SISTEMI DI CONTOLLO...4 1.1 Introduzione...4 1.1.1 Sitemi di controllo ad anello aperto...5 1.1.2 Sitemi di controllo a previione...7 1.1.3 Sitemi di controllo ad anello chiuo

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico-Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico-Tecnologico Progetto Brocca Eame di tato 00 ESAME D STATO D LCEO SCENTFCO 00 ndirizzo Scientifico-Tecnologico rogetto Brocca Tema di: FSCA tracrizione del teto e redazione oluzione di Quintino d Annibale Secondo tema L'etto oule

Dettagli

Circuito Simbolico. Trasformazione dei componenti

Circuito Simbolico. Trasformazione dei componenti Circuito Simbolico Principio di bae E poibile applicare a tutte le leggi matematiche che regolano un circuito la traformata di Laplace, in modo da ottenere un nuovo circuito con delle proprietà differenti.

Dettagli

Nozioni di base sulle reti di Calcolatori e La Rete INTERNET

Nozioni di base sulle reti di Calcolatori e La Rete INTERNET Modulo 1 - Concetti di base della IT 3 parte Nozioni di base sulle reti di Calcolatori e La Rete INTERNET Modulo 1 - Concetti di base della IT 3 parte Tipologie di reti Argomenti Trattati Rete INTERNET:

Dettagli

Nessun, altra risparmia più acqua. Nessun, altra è così veloce. speedmatic: la nuova generazione di lavastoviglie Siemens.

Nessun, altra risparmia più acqua. Nessun, altra è così veloce. speedmatic: la nuova generazione di lavastoviglie Siemens. Neun, altra riparmia più acqua. Neun, altra è coì veloce. peedmatic: la nuova generazione di lavatoviglie Siemen. NOVITA MONDIALE peedmatic. La nuova generazione di lavatoviglie. The future moving in.

Dettagli

Reti e Internet: introduzione

Reti e Internet: introduzione Facoltà di Medicina UNIFG Corso di Informatica Prof. Crescenzio Gallo Reti e Internet: introduzione c.gallo@unifg.it Reti e Internet: argomenti Tipologie di reti Rete INTERNET: Cenni storici e architettura

Dettagli

Corso di: Abilità informatiche

Corso di: Abilità informatiche Corso di: Abilità informatiche Prof. Giovanni ARDUINI Lezione n.4 Anno Accademico 2008/2009 Abilità informatiche - Prof. G.Arduini 1 Le Reti di Computer Tecniche di commutazione La commutazione di circuito

Dettagli

Impianti VAV di ultima generazione

Impianti VAV di ultima generazione PANORAMICA Impianti VAV di ultima generazione Prodotti all'avanguardia per la ventilazione regolabile u richieta! www.wegon.com La ventilazione regolabile u richieta garantice grande comfort e coti di

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA PSICOGERIATRIA. anni di AIP. Relazione del Presidente in occasione del 10 Congresso Nazionale

ASSOCIAZIONE ITALIANA PSICOGERIATRIA. anni di AIP. Relazione del Presidente in occasione del 10 Congresso Nazionale ASSOCIAZIONE ITALIANA PSICOGERIATRIA anni di AIP Relazione del Preidente in occaione del 10 Congreo Nazionale Gardone Riviera (BS), 15 aprile 2010 Preidenti Onorari Mario Barucci Lodovico Frattola Pat

Dettagli

Un Sistema Operativo di Rete nasconde all utente finale la struttura del calcolatore locale e la struttura della rete stessa

Un Sistema Operativo di Rete nasconde all utente finale la struttura del calcolatore locale e la struttura della rete stessa LE RETI INFORMATICHE Un calcolatore singolo, isolato dagli altri anche se multiutente può avere accesso ed utilizzare solo le risorse locali interne al Computer o ad esso direttamente collegate ed elaborare

Dettagli

Fondamenti di Informatica

Fondamenti di Informatica Dalle reti a e Cazzaniga Paolo Dip. di Scienze Umane e Sociali paolo.cazzaniga@unibg.it Dalle reti a Outline 1 Dalle reti a Dalle reti a Le reti Quando possiamo parlare di rete di calcolatori? Quando abbiamo

Dettagli