Internet si trova nella stessa posizione di chi non era in grado di leggere e scrivere in quella tradizionale.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Internet si trova nella stessa posizione di chi non era in grado di leggere e scrivere in quella tradizionale."

Transcript

1 1

2 1 INTRODUZIONE La diffusione delle tecnologie ICT ha accelerato il processo di globalizzazione, ed ha favorito la nascita di un sistema in cui le attività economiche sono sempre meno legate al territorio e sempre più vincolate all integrazione telematica dei vari attori; tuttavia, miliardi di individui sono ancora lontani dal beneficiare della grande trasformazione della comunicazione e dell informazione. Tale processo, infatti, è stato tanto rapido quanto diseguale tra le diverse regioni del mondo, determinando così l inasprirsi delle disparità socio-economiche tra le diverse nazioni e tra i diversi gruppi sociali. Col passare del tempo, ci si è quindi liberati dalla visione romantica e salvifica della tecnologia come automatica portatrice di benessere diffuso, e ci si è trovati di fronte ad un problema di enorme portata: il digital divide. Generalmente, con tale locuzione si indica il gap che separa la minoranza dei privilegiati connessi a Internet dalla maggioranza della popolazione che ancora non può accedere alle infrastrutture di comunicazione basilari: si pensi che meno del 6% della popolazione mondiale è connesso alla Rete, quasi esclusivamente dai Paesi industrializzati dove si trova l 88% degli accessi. Considerazione assai grave, se si pensa che nella new economy chi non può accedere a 2

3 Internet si trova nella stessa posizione di chi non era in grado di leggere e scrivere in quella tradizionale. Tali disparità si snodano lungo i consueti assi di potere, e vanno ad incrementare i privilegi di una élite transnazionale connotata da precise caratteristiche culturali, sociali ed etniche, oltre che sessuali. L uso ed il controllo esercitato sulle ICT sono determinanti per stabilire il grado di partecipazione alla cybercultura ed il tipo e la quantità di benefici che questa partecipazione può significare per individui e Paesi. Il termine digital divide, quindi, evoca in primo luogo l immensa sproporzione tra Nord e Sud del mondo, tra aree in cui Internet è realtà quotidiana ed aree in cui anche il telefono e l energia elettrica sono commodities sconosciute. Di fronte a questo squilibrio che, di fatto, cancella la grande maggioranza degli uomini e delle donne dalla faccia digitale della Terra, sembra poca cosa anche la distanza che separa all interno del mondo sviluppato Paesi come gli USA o la Finlandia dall Italia o dal Portogallo. 3

4 Ma la particolarità del digital divide risiede nel fatto che esso opera a diversi livelli, dal globale al locale. Perché è vero che, ad esempio, il 57% degli utenti Internet risiede nelle aree metropolitane degli USA e del Canada mentre meno dell 1% da Africa e Medio Oriente; ma, se la maggiore drammaticità del tema risiede soprattutto nelle aree dei Paesi in via di Sviluppo, è anche vero che il gap tecnologico può riguardare anche proprio quel mondo occidentale avanzato ove le nuove tecnologie sono nate, si sono sviluppate, hanno generato modelli culturali vincenti. Si tratta dunque di una problematica che abbraccia aree via via più ridotte, dal globo, all Italia, finanche alla città di Roma, al centro della nostra analisi. La prima frontiera del digital divide è proprio quella interna ai Paesi sviluppati. Se non si coglie questo punto fondamentale, sarà difficile avere una prospettiva corretta del divario digitale, e qualsiasi altra istanza di bridging della sperequazione comunicativa, anche a livello globale, rischia di venire compromessa. La riflessione sul digital divide impone quindi in primo luogo di guardare nell ampio spazio del nostro cortile interno, laddove si dà per scontato che tutto funzioni per il verso giusto e sia indirizzato ad un armonico incedere del progresso, ma all interno del quale sono presenti spesso livelli di sperequazione e isolamento paragonabili a 4

5 quelli che separano i Paesi in via di sviluppo dalle nazioni industrializzate. Concentrare l attenzione sul divario digitale di un solo Paese, o di una sola area, o addirittura di una sola città, come nel nostro caso, può sembrare un esercizio pressoché sterile, un guardare al mondo con una lente di ingrandimento tanto forte da far perdere il senso delle proporzioni. Eppure in Italia, così come a Roma, sua capitale, vi sono ben evidenti segnali di una divaricazione tra aree territoriali e fasce della popolazione che stanno entrando a pieno titolo nell era digitale ed altre che invece o vi si avvicinano troppo lentamente o addirittura si avviano ad una esclusione che potrebbe rivelarsi presto irrimediabile. 2 - IL DIGITAL DIVIDE IN ITALIA La sensazione diffusa è che oggi, in Italia, fa molto più notizia la crisi del settore dell auto, o la condizione disastrosa delle infrastrutture di trasporto fisico su gomma e/o su ruota, o la ricorrente emergenza del sistema di distribuzione dell acqua: tanto è vero che nelle priorità di intervento e di spesa del Governo il rinnovo degli ecoincentivi, il ponte sullo Stretto e gli interventi per l Acquedotto Pugliese vengono assai prima dell innovazione tecnologica. 5

6 E invece nostra convinzione che l esistenza di un digital divide interno sia una delle minacce più gravi alla possibilità di uno sviluppo equo ed armonico del nostro Paese. Può sembrare una visione apocalittica, specie di fronte alla modesta entità del digital divide interno rispetto a quello globale. Ma è evidente che le persone e le regioni capaci di utilizzare le tecnologie digitali godono oggi di un vantaggio competitivo assai rilevante: ciò è vero per lo studente che può fare le sue ricerche su Internet, per il disoccupato che può vantare tra i suoi titoli una buona alfabetizzazione informatica, per l istituto di ricerca che ha accesso alle banche dati delle grandi istituzioni, per l area produttiva connessa in banda larga che attira imprese hi-tech anziché mobilifici, per l ospedale che può trasmettere i risultati di una risonanza magnetica ad un grande centro diagnostico magari oltreoceano e contare su una expertise in tempo reale. Ma che su questa via il Paese proceda a velocità diverse non è soltanto una questione di vantaggio competitivo: è una vera e propria questione di democrazia sostanziale. L esclusione digitale è infatti destinata a diventare una forma di esclusione complessiva da ambiti sempre più importanti della vita associata e finanche da veri e propri diritti di cittadinanza: basti pensare all importanza che la Rete ha assunto nella circolazione delle informazioni e allo sviluppo di servizi pubblici erogati per via informatica e/o telematica. L Italiano non digitale o l Italiano che abita in un area digitalmente arretrata è destinato 6

7 quindi ad essere di fatto un cittadino di serie B, raggiunto da meno servizi, da meno informazioni, da meno opportunità occupazionali e culturali, da meno possibilità di partecipazione. La questione cruciale sotto questo profilo è certamente il tasso di penetrazione di Internet: altri indicatori del livello di inclusione digitale sono pure significativi, ma non altrettanto determinanti per la piena partecipazione degli individui ai benefici ed alle opportunità offerti dalla società dell informazione e della conoscenza. Sotto questo profilo il ritardo è ancora considerevole: a giugno 2002 gli utenti attivi di Internet in Italia erano, a seconda delle stime, tra 10 e 13 milioni: ciò significa che ancora più di tre quarti degli Italiani sono ai margini dell aspetto essenziale della rivoluzione digitale. Una delle caratteristiche costanti del digital divide è la sua difficile definizione. Se guardiamo da lontano, la frontiera tra inclusi ed esclusi è chiara: ma appena proviamo a precisare meglio dove sta il confine, ci rendiamo conto che esso diventa sfuggente. Si pensa normalmente ad un ritardo del Mezzogiorno rispetto al Centro-Nord, e ciò è in buona parte vero, ma 7

8 ci sono aree della Toscana più arretrate di altre della Sicilia e nella media i professionisti di Trapani sono assai più alfabetizzati degli operai metalmeccanici di Torino. Ma anche considerazioni di questo genere sono in realtà assai semplicistiche: più si approfondisce l analisi, più la linea che separa inclusi ed esclusi si fa complessa e frastagliata, come una sorta di frattale. Non si è lontani dal vero se si dice che in buona sostanza almeno in Italia e probabilmente in tutti i Paesi sviluppati la demarcazione non può essere tracciata se non a livello di individui, è una frontiera silenziosa che attraversa le stanze di una stessa casa, che pone sui lati opposti i componenti di una stessa famiglia. La complessità del quadro è determinata dalla molteplicità dei fattori economici, geografici, sociali, culturali che contribuiscono a favorire o ad ostacolare l inclusione digitale degli Italiani: qualunque analisi, qualunque proposta di soluzione deve perciò fondarsi sulla corretta individuazione dei parametri che meglio permettono di posizionare gli individui rispetto all inafferrabile frontiera del digital divide. Urge pertanto un intervento, da parte delle istituzioni che, bisogna riconoscerlo, stanno seppur lentamente avvicinandosi al problema, abbracciando i benefici delle moderne ICT. 8

9 3 - PA E CITTADINI IN RETE: LE STATISTICHE Il processo di modernizzazione della pubblica amministrazione è oramai avviato e gli italiani dimostrano di apprezzare i cambiamenti. La tradizionale sfiducia nei confronti del pubblico si sta progressivamente sostituendo con un nuovo rapporto nei confronti della pubblica amministrazione: il 36% degli intervistati ne ritiene migliorato il funzionamento negli ultimi due anni, il 37% lo valuta invariato e 25% peggiorato. I giudizi positivi arrivano al 47% se ad esprimersi sono gli intervistati con un titolo di studio elevato, e cioè coloro che dispongono di maggiori opportunità per accedere ai nuovi servizi offerti dalla PA. La tecnologia, infatti, ed Internet in particolare, è uno degli strumenti chiave per migliorare la qualità dei servizi offerti secondo l 89% dei cittadini intervistati. D altronde, gran parte delle iniziative innovative, sia sperimentali che già implementate, sono oramai conosciute da gran parte dei cittadini: il 65% è a conoscenza della carta di identità elettronica mentre il 52% conosce le reti civiche o i portali comunali. La fiducia nei confronti di Internet quindi cresce, così come la percentuale degli utenti: erano il 21,3% della popolazione nel 2000, sono il 32,1% oggi. La dinamica positiva è rafforzata da segnali di riduzione dei pericoli di esclusione. Si riduce, infatti, drasticamente la quota di coloro che fino a qualche anno fa erano completamente esclusi da Internet, perché non sapevano cosa fosse e che servizi offrisse, passando dal 12% al 4% della popolazione. Così come la 9

10 crescita è stato avvertita soprattutto al Sud dove gli utenti passano dal 14,9% al 29,1%, riequilibrando una situazione iniziale di ritardo rispetto al resto di Italia. Gli utenti a Sud sono quindi presenti e in aumento, lo stesso non si può dire per l offerta di servizi, che è invece nettamente inferiore rispetto a Nord e centro Italia. Tuttavia circa il 68% degli italiani ancora non accede ad Internet. Il tema dell accesso è di grande importanza se attraverso l e-government le pubbliche amministrazioni si propongono di erogare servizi online ai cittadini. Allo stesso modo, è importante valutare quali siano i reali interessi e le predisposizioni del cittadino verso l erogazione dei servizi e valutare le necessità di specifici gruppi di utenti: in primo luogo gli anziani, i disabili, gli stranieri. Ma per capire i dati sull accesso ai servizi online bisogna prendere in considerazione i consumi di tecnologia più in generale e la propensione ad utilizzare strumenti e soluzioni che si discostano dalle abitudini consolidate. In merito al personal computer: il 36% degli intervistati lo possiede in casa e lo usa abitualmente, il 15% né può disporre in casa ma non lo usa personalmente, mentre il 49% non ne può disporre tra le mura domestiche. Se il personal computer è la porta fisica per accedere ai servizi online, il denaro di plastica, e cioè le carte di debito e di credito, sono il presupposto per accedere ai servizi avanzati a pagamento. Bene, in questo caso, gli italiani si dimostrano ancora più tradizionalisti e prudenti: il 46% degli intervistati non dispone di un bancomat mentre ben il 64% non 10

11 dispone di una carta di credito. D altronde il 59% degli intervistati preferisce pagare le utenze domestiche utilizzando gli appositi bollettini di conto corrente e, quindi, recandosi periodicamente agli sportelli; il 40% ha scelto la più comoda soluzione della domiciliazione bancaria, lo 0,3% si avventura ricorrendo ai nuovi servizi telefonici o su computer. Se si confrontano tali dati con quelli relativi alla ancora esigua consistenza dei servizi online offerti dalla pubblica amministrazione, appare evidente come la fruizione online dei servizi e delle informazioni della pubblica amministrazione sia un traguardo ancora da raggiungere per gran parte degli italiani. Il processo di modernizzazione della pubblica amministrazione è avviato e visibile ma presuppone anche il sostegno a politiche in grado di indurre un cambiamento nella cultura e nelle abitudini sia interne agli enti sia tra la popolazione. Un cambiamento che richiede tempi lunghi, probabilmente più lunghi del previsto. Gli strumenti informatici stanno entrando nella vita delle persone (anche solo come eco mediatica), ma un quinto degli intervistati se ne dicono del tutto disinteressati (tab.2). Si tratta soprattutto di coloro i quali non entrano affatto, per motivi di studio o di lavoro, in contatto diretto con la tecnologia (casalinghe e pensionati). Chi ad ogni modo se ne interessa, lo fa a fini pratici. Nelle categorie di utenti meno interessate è alta la percentuale di chi, pur incuriosito dalle nuove tecnologie, vi si approccia con fatica: il 12,9% delle casalinghe e il 9,4% dei pensionati dichiarano di percepire 11

12 ostacoli in tal senso. Sono invece i giovani, gli studenti, a trovarsi maggiormente a proprio agio con le nuove tecnologie e a farne un uso abituale. Il 51,3% (tab.3) degli italiani possiede in casa un personal computer, sebbene nel 14,8% dei casi non venga utilizzato personalmente, ma dalla componente più giovane del nucleo familiare. Il computer in casa è però uno strumento piuttosto condiviso (è il 14,8% degli intervistati che dichiara di possederlo ma non utilizzarlo personalmente). Lo è meno, ad esempio, la consolle che è presente nel 29% delle case ma che viene utilizzata da singoli componente del nucleo familiare. Il telefono cellulare è la tecnologia più presente: il 79,6% delle persone lo possiede in casa e ne fa un uso personale. La percentuale è minore tra le persone con più di 65 anni, che utilizzano comunque il cellulare nel 53,6% dei casi. Le tradizionali tecnologie legate alla televisione (videoregistratore e televideo) sono comunque molto presenti nelle case degli italiani e si stanno a poco a poco introducendo i nuovi usi legati a lettore DVD e TV satellitare. Per quel che riguarda gli usi di altri strumenti al di fuori del contesto familiare (tab.4), il titolo di studio risulta discriminante nell uso del PC presso il proprio luogo di lavoro o studio e, anche se in minor misura, per tecnologie legate a forme di pagamento elettronico. E comunque importante considerare che il 64,4% degli italiani non possiede la carta di credito, strumento principe dei servizi che prevedono pagamenti e acquisti online. 12

13 13

14 L Italia non è ancora un popolo di navigatori del web, anche se c è da aspettarsi che la crescita dell utenza continui in modo rapido. Gli utenti sono attualmente il 32,1%, mentre tre anni fa erano il 23,1%. I nuovi utenti sono soprattutto del Sud, in maggioranza laureati (sono cresciuti dal 40,8% al 77,5%), o studenti (che arrivano all 84,6%). Internet si sta affermando come infodomestico, entrando nelle case degli italiani e diventando parte della dieta mediatica familiare. E infatti a casa in maggior misura che gli italiani accedono ad Internet, piuttosto che da lavoro o in luoghi pubblici. Solo il 4,6% si collega esclusivamente dal luogo di lavoro o studio e il 9,4% lo fa sia da casa che dal luogo di lavoro contro il 17,3% che si collega sempre e solo da casa. Il processo di alfabetizzazione informatica sta quindi seguendo un percorso privato e non pubblico. E l introduzione delle tecnologie nelle case e l uso a scopi ludici o di interesse personale a guidare gli italiani su Internet. Gli utenti sono rappresentati ancora dalla consueta fascia di élite, con più mezzi a disposizione e più istruita, del paese: sono più uomini che donne, al di sotto dei 45 anni, con un più elevato titolo di studio e una occupazione professionale. Da rilevare però il notevole aumento del numero degli utenti disoccupati, a conferma di un approccio non strettamente legato al luogo di lavoro. Un discorso a parte meritano le 14

15 donne: sono certamente più interessate agli aspetti pratici e meno agli aspetti tecnologici. Ne è conferma la loro ampia conoscenza di uno strumento quale il CUP (Centro Unificato di Prenotazione), con il quale si può entrare in contatto per effettivo bisogno, rispetto a tecnologie quali la firma elettronica che sono conosciute non solo da chi le usa effettivamente, ma anche dai tecnofili. L uso di Internet è abituale per le attività di ricerca delle informazioni e per l invio di posta elettronica: il 90,3% degli utenti di Internet naviga tra i siti alla ricerca di informazioni e il 60,8% dichiara di aver inviato o ricevuto una nell ultima settimana (tab.9). Meno frequenti sono le attività di prenotazione, acquisto e transazione online e di pubblicazione su web. In queste due ultime attività è riscontrabile un particolare impegno di categorie in maggioranza lontane dall uso di Internet: ciò significa che chi, con basso titolo di studio, età elevata fa uso di Internet è molto motivato e qualificato. Gli utenti potenziali: sono il 63,8% degli intervistati coloro che non sono ancora collegati ad Internet, ma lo conoscono e potenzialmente potrebbero fare parte della categoria degli utenti. Se non si sono ancora avvicinati è non tanto per un deficit di interesse, quanto di competenze. Infatti rispetto a 2 anni fa è diminuita la quota di coloro che si dicevano poco interessati (Internet in questi due anni ha avuto una forte risonanza, sui mass media, in generale positiva). Il problema che rimane è proprio quello della competenza e non tanto dei costi (le nuove tariffe e i collegamenti gratuiti, uniti ad un generale ribasso dei prezzi dei PC riducono la preoccupazione per gli aspetti puramente economici). Le casalinghe e i pensionati lamentano soprattutto un carenza di interesse, i disoccupati o non occupati sono bloccati dalla mancanza di competenze. 15

16 Gli esclusi: sono coloro che non si avvicinano ad Internet perché non lo conoscono e non sanno quali servizi offra: casalinghe, pensionati. Il loro avvicinamento al mezzo non è avvenuto neanche attraverso conoscenza indiretta: sono persone con bassa scolarizzazione e con minore partecipazione a reti sociali. Questa categoria è diminuita rispetto al 2000, passando dall 11,7% al 4,1% degli intervistati, grazie alla diffusione di informazioni sui mezzi di comunicazione, ma c è da pensare che rappresenteranno uno zoccolo duro con particolare difficoltà ad approcciarsi concretamente con il mezzo. 16

17 17

18 18

19 Internet è considerato uno strumento che può incidere con efficacia nel processo di innovazione della pubblica amministrazione. Il 36,4% degli intervistati ritiene che la PA sia migliorata negli ultimi due anni (tab.10). Tale opinione può essere, almeno in parte, legata alla fiducia nell adozione degli strumenti innovativi, dal momento che le categorie più convinte del miglioramento della PA sono quelle maggiormente interessate e attive nell uso delle nuove tecnologie. Il 52,6% (tab.11) degli italiani è convinto che Internet possa migliorare molto la qualità dei servizi della pubblica amministrazione. Confrontando con i dati del 2000, la diminuzione della quota degli incerti, segno di una maggiore conoscenza del fenomeno Internet, ha inciso in senso positivo e non negativo: solo il 7,7% degli intervistati è dell opinione che Internet possa avere poca capacità di migliorare la situazione esistente. 19

20 Avere un atteggiamento positivo verso l innovazione non significa ritenere che la pubblica amministrazione debba cambiare del tutto il proprio modo di erogare i servizi al cittadino. Utilizzando un termine tipico dell e-commerce, si deve attuare una click & brick strategy: accanto al nuovo interesse per il click, ovvero alle nuove modalità di erogazione dei servizi a distanza su base digitale, rimane pur sempre di fondamentale importanza il brick, il mattone, l ufficio 20

21 fisico, per il miglioramento del quale vanno ugualmente previste azioni innovative. I servizi devono essere disponibili in entrambi le modalità, fisica/virtuale, per venire incontro alle abitudini e alle preferenze degli utenti. Il 50,6% (tab.12) degli intervistati ritiene che si debba iniziare con il migliorare i servizi già esistenti (magari con tecnologie di back office). Gli altri, maggiormente vicini agli strumenti tecnologici, ritengono invece utili i servizi a distanza: sono i più giovani e con titolo di studio più alto a prefigurare un ufficio virtuale, raggiungibile da casa. Tuttavia non si riscontra nemmeno tra queste categorie di utenza un aumento dell interesse nei servizi a distanza tramite Internet, che rimane medium secondario rispetto a telefono e televisione. Entrambi gli atteggiamenti dimostrano però la volontà di prescindere da orari fissi e accentramento degli uffici. La nuova fruizione a cui ci si sta abituando, nel settore pubblico come nel settore privato, va verso l ampliamento dei servizi, che si desidera siano disponibili in maniera più diffusa: apertura degli uffici in orari inconsueti e sportelli aperti in più sedi nel territorio, call center raggiungibili anche al di fuori dell orario di lavoro, oppure servizi su Internet o TV raggiungibili da casa e quando si vuole nell arco delle 24 ore. La fiducia verso Internet va di pari passo con la sicurezza e le opportunità date da un più alto livello di studio (tab.12): il 30,6% dei laureati ritiene importante un maggiore utilizzo di Internet nel favorire l accesso a informazioni e servizi della pubblica amministrazione. I più giovani (tab. 13) ripongono maggiori speranze nei servizi a distanza, mentre i più anziani chiedono un miglioramento dei servizi già esistenti: in tutti e due i casi la tecnologia deve fungere da agente di semplificazione per rendere le attività più veloci (rapide), agili (pochi passaggi, poca fila) e vicine (sportello unico). 21

22 22

23 Gli utenti di Internet hanno fiducia nelle tecnologie, nel miglioramento della PA grazie alla tecnologia e iniziano ad usare Internet e gli strumenti informatici. I servizi a distanza che sono oggetto di questa domanda di innovazione (Graf.3) sono soprattutto i servizi di base: è ritenuto molto utile fruire di informazioni generali sulla città (54,7%) e disporre di strumenti per svolgere a distanza pratiche amministrative (47,4%) o anche di semplici informazioni sul come fare (46,1%). C è ancora poca percezione di utilità nel pagamento online, ma probabilmente qui influisce una generale mancanza di fiducia per le transazioni economiche e il generale problema delle competenze. C è inoltre minore interesse all introduzione di spazi di partecipazione (che sarebbe invece il proprium di Internet) o al massimo in una accezione ristretta legata alla customer satisfaction (giudizi o suggerimenti sui servizi forniti). Strumento più conosciuto è la carta di identità elettronica, a dimostrazione del forte impatto della comunicazione mediatica nella conoscenza (quindi non necessariamente diretta) delle tecnologie. Le reti civiche, che dovrebbero rappresentare lo sportello virtuale della PA sono conosciute dal 51,6% degli intervistati (tab.14). 23

24 Poca offerta ma anche poca risposta per le prime sperimentazioni di servizi transattivi online. I servizi a distanza delle pubbliche amministrazioni su Internet si stanno sviluppando in modo particolare nei siti istituzionali. Qui la quantità di servizi informativi è andata crescendo, mentre tardano ad essere predisposti servizi online di tipo transattivo (tab.15), che consentono cioè di concludere a distanza la pratica amministrativa. Uno dei servizi che ha raggiunto già una discreta diffusione sui siti delle pubbliche amministrazioni locali è relativo al pagamento della Imposta Comunale sugli Immobili (ICI): è possibile il pagamento online dell ICI nel 17,6% dei Comuni capoluogo italiani dotati di sito Internet istituzionale. La modalità preferita per il pagamento delle utenze domestiche rimane il bollettino di conto corrente (59,2%), ma anche la domiciliazione su conto corrente bancario (40,5%). Le altre motivazioni sono forse da ricercarsi in abitudini consolidate ad effettuare pagamenti in modo consueto. Se si escludono i casi in cui il pagamento non è possibile o non se ne conosce la possibilità, uno dei motivi di maggiore ostilità a 24

25 tali applicazioni tecnologiche è la poca fiducia verso il pagamento online, problema ritenuto principale dal 22% delle persone che non hanno effettuato il pagamento online. C è maggiore fiducia nei servizi online nel loro complesso e i costi non rappresentano una preoccupazione (tab.16). 25

26 4 - LA BANDA LARGA Molto importante è poi capire il tipo di connessione ad Internet usato dalle famiglie, perché l ampiezza della banda incide significativamente sul comportamento online degli utenti. L'ampiezza di banda, tecnicamente, è la differenza, espressa in Hertz (HZ) o in Bit per secondo, tra la frequenza più alta e quella più bassa del canale di trasmissione. Il suo valore indica la quantità di dati che possono transitare, nell'unità di tempo, attraverso il canale di 26

27 comunicazione e che normalmente è misurata in bit al secondo (bps). Per esempio, l'ampiezza di banda di un comune modem è di circa bps, con cui si può trasferire una intera pagina dattiloscritta in 1 secondo. Per trasferire un filmato a pieno schermo e a pieno movimento necessita invece una ampiezza di banda di circa bps. Per eseguire una video conferenza occorre una larghezza di banda che va da 128kbps a 1 Mbps, maggiore è il valore tra i due estremi e migliore sarà la trasmissione di immagini e suoni. L'ampiezza di banda è quindi la capacità di trasmettere informazioni lungo un canale di comunicazione in un determinato tempo. In pratica, a differenza di una connessione con un comune modem, la connessione a banda larga aumenta la capacità e la velocità di scambio delle informazioni con la Rete, facilitando l uso di protocolli tipici della larga banda, quali audio-video e il trasferimento di files. C è poi una differenza sostanziale tra utenti modem e utenti dotati di banda larga (es. fibra o ADSL); questi ultimi hanno infatti la possibilità di pagare una tariffa flat. Prolungando così i tempi di connessione. Nella tabella che segue, sono incluse nella definizione di banda larga la fibra (o cavo), il satellite, l ADSL: connessioni always on (attive 24 ore su 24, con la possibilità di utilizzare una banda variabile da qualche centinaio di Kb a diversi Mb. L ISDN (Integrated Services Digital Network) è un sistema di connessione telefonica digitale che consente la trasmissione dati in modalità dial up e con velocità da 64 a 128 Kbps. 27

28 L utilizzo della banda larga, pari al 2,5% nel mese di Dicembre 2002, ha subito tuttavia un vistoso calo nell ultimo trimestre dell anno solare, come ci dimostra il grafico successivo. Intorno a Roma c è un area il cui sviluppo economico è molto meno forte di quello del resto della fascia che circonda la capitale. Si snoda verso nord lungo l antico tracciato della via Flaminia, un infrastruttura asfittica che non ha consentito di attivare insediamenti industriali. E il luogo ideale per mettere in piedi attività che si svolgano soprattutto online (salvaguardando, fra l altro, un ambiente naturale ancora abbastanza vivibile). Ebbene, proprio a causa della scarsa rilevanza economica delle attività che vi si svolgono, quest area è l unica intorno a Roma in cui l ADSL non c è, e l operatore telefonico dominante nemmeno prevede di installarlo. Vengono quindi a mancare le opportunità di sviluppo proprio dove sarebbero più necessarie. Questo è il digital divide: una linea che non passa per i tradizionali confini tra il nord e il sud, ma gli have e gli have not, cioè tra i ricchi e i poveri del progresso delle tecnologie. Ricchi e poveri non solo di infrastrutture, ma anche della cultura che serve a sfruttarle. E qui che devono intervenire le istituzioni. E su progetti di sviluppo sostenibile come quelli legati alle attività online che si devono concentrare le poche risorse finanziarie disponibili. Se non 28

29 riusciamo a risolvere il digital divide di casa nostra, che cosa andiamo a raccontare a casa d altri? 5 - ITALIANI.IT Novecentomila siti registrati, una media consolidata di oltre 15mila nuove richieste al mese, tassi di crescita talmente esplosivi da far impallidire quelli che accompagnarono la nascita dei principali mezzi di comunicazione di massa (radio, tv o telefono). Sono i numeri dell Internet made in Italy elaborati dalla Registration authority, l organismo dell Iit - Cnr di Pisa, Istituto di informatica e telematica del Consiglio nazionale delle ricerche, che nel nostro paese assegna domini a targa.it. L Iit - Cnr, in collaborazione con la Scuola superiore sant Anna di Pisa, ha realizzato la prima statistica sullo stato 29

30 di salute del mercato dei domini.it, tracciando un inedito bilancio sulla diffusione di Internet nel Belpaese. Si scopre così che l Italia è medaglia di bronzo in Europa per tasso di penetrazione della grande rete, alle spalle dell irraggiungibile coppia Germania - Inghilterra che conta rispettivamente sette e quattro milioni e mezzo di nomi a dominio. Italia in prima linea, dunque, nella nuova rivoluzione mediatica, ma non senza forti squilibri tra aree ricche e povere. Non solo: il digital divide, il divario tecnologico tra chi ha accesso alle informazioni e chi ne è privo, sembra manifestarsi anche all interno delle macroaree più ricche. In Lombardia, per esempio, Milano, capitale italiana delle registrazioni davanti a Bolzano, deve fare i conti con le performance mediocri di Pavia, Sondrio, Cremona e Lodi. Altri esempi sono il Lazio, dove solo Roma (quarta piazza assoluta) tiene testa al Nord industrializzato, e la Toscana, quarta regione italiana per diffusione di Internet alle spalle di Trentino Alto Adige, Lombardia e Lazio. In Toscana, però, mentre Firenze, Prato e Siena contribuiscono al buon risultato regionale collocandosi rispettivamente al terzo, quinto e decimo posto tra le province italiane, Grosseto e Massa Carrara (a ridosso del sessantesimo posto) affondano implacabilmente una media altrimenti da primato. Se Internet trova terreno fertile là dove si concentra il reddito, testimonianza di come la rete sia anche un modello di business e crescita economica, non secondario appare il ruolo di mezzo di comunicazione senza frontiere oggi assunto dall infrastruttura telematica: prova ne è la crescita nel numero delle registrazioni promosse da privati cittadini e associazioni. Nella speciale classifica dell Internet fai da te, gestito dai singoli cittadini, è il Lazio a trionfare prendendosi la rivincita su Lombardia e Toscana. E per il futuro? Le novità, fanno sapere dalla Registration authority, arrivano dal fronte delle registrazioni dei nomi a dominio.eu, 30

CENSIS CITTADINI DIGITALI

CENSIS CITTADINI DIGITALI CENSIS CITTADINI DIGITALI Secondo rapporto su Italiani e Internet Roma, 8 maggio 2003 INDICE 1 1. UFFICI VIRTUALI E UFFICI REALI: MIGLIORA IL GIUDIZIO DEGLI ITALIANI NEI CONFRONTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

Dettagli

USO DELL E-GOVERNMENT DA PARTE DI CONSUMATORI E IMPRESE

USO DELL E-GOVERNMENT DA PARTE DI CONSUMATORI E IMPRESE 9 maggio 2013 Anno 2012 USO DELL E-GOVERNMENT DA PARTE DI CONSUMATORI E IMPRESE L Istat, in collaborazione con il Dipartimento per l innovazione tecnologica (Dit), ha svolto a luglio 2012 la seconda indagine

Dettagli

Processi innovativi. (pp. 571-625 del volume) La numerazione delle tabelle riproduce quella del testo integrale

Processi innovativi. (pp. 571-625 del volume) La numerazione delle tabelle riproduce quella del testo integrale Processi innovativi (pp. 571-625 del volume) La numerazione delle tabelle riproduce quella del testo integrale Costruire i territori digitali Le analisi di Rur e Censis sulle città digitali, partendo dai

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione. Numeri del Sud. Indicatori regionali del QCS 2000-2006

Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione. Numeri del Sud. Indicatori regionali del QCS 2000-2006 Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione Numeri del Sud Indicatori regionali del QCS 2-26 Bollettino statistico a cura dell'unità di Valutazione degli

Dettagli

Roma, 20 dicembre 2010. Principali evidenze

Roma, 20 dicembre 2010. Principali evidenze Roma, 20 dicembre 2010 Principali evidenze Indice 2 Capitolo 1: Rapporto cittadino-pa: principali evidenze Capitolo 2: Sanità digitale: principali evidenze e Capitolo 3: Scuola e Università digitale: principali

Dettagli

DESCRIZIONE DELLA CARTA

DESCRIZIONE DELLA CARTA PRESENTAZIONE Il Comune di Pisa, da sempre protagonista attivo del processo di riforma e di innovazione tecnologica della pubblica amministrazione, offre oggi ai propri cittadini un nuovo strumento per

Dettagli

Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane. 12 edizione. 60 anni Artigiancassa.

Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane. 12 edizione. 60 anni Artigiancassa. Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane 12 edizione 60 anni Artigiancassa Abstract SOMMARIO Descrizione sintetica dei risultati del Rapporto 3 Finanziamenti

Dettagli

Il mercato IT nelle regioni italiane

Il mercato IT nelle regioni italiane RAPPORTO NAZIONALE 2004 Contributi esterni nelle regioni italiane a cura di Assinform Premessa e obiettivi del contributo Il presente contributo contiene la seconda edizione del Rapporto sull IT nelle

Dettagli

RAPPORTO MENSILE. Periodo di riferimento Gennaio 14

RAPPORTO MENSILE. Periodo di riferimento Gennaio 14 RAPPORTO MENSILE Periodo di riferimento Gennaio 14 Indice Sezione 1 - Riepilogo mensile Linea Amica... 2 Tab. 1.1 - Numero di contatti gestiti da operatore per canale e destinazione... 2 Graf. 1.2 - Linea

Dettagli

Il nuovo codice della PA digitale

Il nuovo codice della PA digitale Il nuovo codice della PA digitale 1. Cosa è e a cosa serve Le pubbliche amministrazioni sono molto cambiate in questi ultimi anni: secondo i sondaggi i cittadini stessi le vedono mediamente più veloci

Dettagli

La carta di identità elettronica per il sistema dei servizi

La carta di identità elettronica per il sistema dei servizi La carta di identità elettronica per il sistema dei servizi L AMMINISTRAZIONE LOCALE: IL FRONT OFFICE DELL INTERO MONDO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Con il Piano di E-Government, con il ruolo centrale

Dettagli

Piano egov 2012: gli obiettivi

Piano egov 2012: gli obiettivi Il piano egov 2012 - obiettivo salute - Paola Tarquini Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per la digitalizzazione della PA e l innovazione tecnologica Ufficio Studi e progetti per l innovazione

Dettagli

Rapporto Innovazione nell Italia delle Regioni 2012 LUCAI. Lucia Pasetti - Milano, 21 gennaio 2013

Rapporto Innovazione nell Italia delle Regioni 2012 LUCAI. Lucia Pasetti - Milano, 21 gennaio 2013 LUCAI 2012 Il CISIS CPSI Comitato Permanente Sistemi Informatici CPSS Comitato Permanente Sistemi Statistici CPSG Comitato Permanente Sistemi Geografici La cooperazione interregionale Il CISIS opera come

Dettagli

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI Giuseppe Ricciuti. Roma, 10 giugno 2010 Lo Scenario: La recente crisi economico finanziaria che ha colpito l Italia, ha prodotto

Dettagli

EMBARGO FINO A SABATO 20 LUGLIO ORE 9.00 COMUNICATO STAMPA

EMBARGO FINO A SABATO 20 LUGLIO ORE 9.00 COMUNICATO STAMPA Ufficio Stampa EMBARGO FINO A SABATO 20 LUGLIO ORE 9.00 COMUNICATO STAMPA TURISMO ESTERO, CONFESERCENTI- REF: GLI STRANIERI CONTINUANO A SCEGLIERE L ITALIA, MA CONOSCONO POCO IL SUD: PREFERITO IL CENTRO-

Dettagli

LE DOTAZIONI MULTIMEDIALI PER LA DIDATTICA NELLE SCUOLE A.S. 2013/14

LE DOTAZIONI MULTIMEDIALI PER LA DIDATTICA NELLE SCUOLE A.S. 2013/14 LE DOTAZIONI MULTIMEDIALI PER LA DIDATTICA NELLE SCUOLE A.S. 2013/14 (Gennaio 2014) La presente pubblicazione fa riferimento ai dati aggiornati al 20 dicembre 2013. I dati elaborati e qui pubblicati sono

Dettagli

Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni

Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni Istituto per la Ricerca Sociale Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni La ricerca presentata oggi è stata realizzata dall Istituto per la Ricerca Sociale per conto del Summit della Solidarietà, nell

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

LA CATTIVA ABITUDINE DELLA SOSTA IN DOPPIA FILA

LA CATTIVA ABITUDINE DELLA SOSTA IN DOPPIA FILA LA CATTIVA ABITUDINE DELLA SOSTA IN DOPPIA FILA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 1 È esperienza di tutti

Dettagli

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro 4 agosto 2014 L Istat diffonde i dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni relativi agli spostamenti pendolari

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA

LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA 11 maggio 2011 Anno 2010 LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA Nel 2010 il 46,8% della popolazione di 6 anni e più (26 milioni e 448 mila persone) dichiara di aver letto, per motivi non strettamente scolastici

Dettagli

PICCOLE IMPRESE ARTIGIANE; IL GRADO DI INNOVAZIONE NELLE REGIONI ITALIANE*

PICCOLE IMPRESE ARTIGIANE; IL GRADO DI INNOVAZIONE NELLE REGIONI ITALIANE* 108 Quaderni di ricerca sull artigianato 109 muovono in ambito internazionale, per come affrontano criticità o opportunità offerte del nuovo contesto. Da una parte l evoluzione dei sistemi di comunicazione,

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali Comune di Bologna OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA SINTESI DELLA RICERCA SU: Le famiglie povere nelle regioni italiane. Aspetti oggettivi e soggettivi

Dettagli

La società dell informazione e della conoscenza in Toscana Rapporto 2014 SINTESI

La società dell informazione e della conoscenza in Toscana Rapporto 2014 SINTESI Settore Sistema Informativo di Supporto alle Decisioni. Ufficio Regionale di Statistica La società dell informazione e della conoscenza in Toscana Rapporto 2014 SINTESI La società dell informazione e della

Dettagli

Il progetto P.E.O.P.L.E. Progetto Enti On-line Portali Locali E-government

Il progetto P.E.O.P.L.E. Progetto Enti On-line Portali Locali E-government Il progetto P.E.O.P.L.E. Dimensioni del progetto Presentato da 55 enti con quasi 7,4 milioni di abitanti, circa il 13% della popolazione nazionale. P.E.O.P.L.E. si basa su un budget iniziale complessivo

Dettagli

I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 746 MILA UNITÀ, 13 MILA IN PIÙ RISPETTO ALLA SCORSA SETTIMANA

I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 746 MILA UNITÀ, 13 MILA IN PIÙ RISPETTO ALLA SCORSA SETTIMANA Roma, 11 Settembre 2015 I giovani presi in carico sono 441.589. A quasi 159 mila è stata proposta almeno una misura. Il Ministro Poletti ha dato il via al progetto Crescere in Digitale durante la conferenza

Dettagli

Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia

Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia Euler Hermes Italia Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia Aggiornamento 3 Trimestre 2013 Il Report si basa sul monitoraggio giornaliero dei pagamenti

Dettagli

Lucia Pasetti Vice Presidente CISIS

Lucia Pasetti Vice Presidente CISIS Il Costo dell Impreparazione Informatica nella Pubblica Amministrazione Locale e le sfide dell Agenda Digitale Milano, 17 Maggio 2011 Lucia Pasetti Vice Presidente CISIS La governance interregionale Le

Dettagli

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 2012 4. GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 4. FLUSSI DEI REDDITI DERIVANTI DALLE LOCAZIONI DEI FABBRICATI E FLUSSI INTERTERRITORIALI 4.1 ASPETTI GENERALI In questo capitolo si presentano i dati sui canoni di

Dettagli

La programmazione e l utilizzo delle risorse FAS l APQ-SI della Regione Basilicata

La programmazione e l utilizzo delle risorse FAS l APQ-SI della Regione Basilicata Programmazione, attuazione e monitoraggio degli investimenti pubblici finanziati con le risorse del fondo per le aree sottoutilizzate La programmazione e l utilizzo delle risorse FAS l -SI della Regione

Dettagli

Roma 10 maggio 2004. Digital divide. Una questione di competenze, costi o fiducia? Gianni Dominici. Gianni Dominici. Gianni Dominici.

Roma 10 maggio 2004. Digital divide. Una questione di competenze, costi o fiducia? Gianni Dominici. Gianni Dominici. Gianni Dominici. Digital divide Una questione di competenze, costi o fiducia? Roma 10 maggio 2004 La PA on line 100 90 80 Roma 10 maggio 2004 La diffusione quantitativa dei siti dal 1996 ad oggi 95 L anno del raddoppio

Dettagli

Il REPORT GARANZIA GIOVANI IN ITALIA E IN EUROPA. Roma, 26 Marzo 2015

Il REPORT GARANZIA GIOVANI IN ITALIA E IN EUROPA. Roma, 26 Marzo 2015 Roma, 26 Marzo 2015 I giovani avviati ad una misura prevista dal Programma Garanzia Giovani sono 49.190, un valore in crescita, nell ultimo mese, del 43,1%. Con la Toscana e la Basilicata continua la presentazione

Dettagli

Agenda Digitale: il progresso dell'italia verso gli obiettivi europei. Giuliano Noci

Agenda Digitale: il progresso dell'italia verso gli obiettivi europei. Giuliano Noci Agenda Digitale: il progresso dell'italia verso gli obiettivi europei Giuliano Noci Roma, 18 Giugno 2014 L offerta dei servizi di egovernment: i pagamenti multicanale Toscana 30% 7% 10% 53% Emilia-Romagna

Dettagli

GUARDARE IL FUTURO CON GLI OCCHI DEI BAMBINI

GUARDARE IL FUTURO CON GLI OCCHI DEI BAMBINI GUARDARE IL FUTURO CON GLI OCCHI DEI BAMBINI I servizi educativi per l infanzia di San Miniato festeggiano e discutono 30 anni di esperienze e progetti San Miniato, 11 e 12 novembre 2011 Intervento di

Dettagli

Rimini - 23 giugno 2005. Patrizio Fausti Responsabile e-government della Provincia di Roma

Rimini - 23 giugno 2005. Patrizio Fausti Responsabile e-government della Provincia di Roma Rimini - 23 giugno 2005 Patrizio Fausti Responsabile e-government della Provincia di Roma Esiste il digital divide nei territori periferici? La discriminazione nasce dalla carenza di infrastrutture o da

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013 17 luglio 2013 Anno 2012 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le

Dettagli

PloneGov.org Open source collaboration for the public sector

PloneGov.org Open source collaboration for the public sector PloneGov.org Open source collaboration for the public sector Assessora Fortunata Dini Navacchio, 04 Dicembre 2008 Quadro normativo Obiettivi strategici Conferenza di Lisbona del 2000 Il passaggio ad un

Dettagli

Il Gruppo Poste Italiane e la Piattaforma PosteGov. Una Rete delle Reti per un reale contributo all efficientamento della Pubblica Amministrazione

Il Gruppo Poste Italiane e la Piattaforma PosteGov. Una Rete delle Reti per un reale contributo all efficientamento della Pubblica Amministrazione Il Gruppo Poste Italiane e la Piattaforma PosteGov Una Rete delle Reti per un reale contributo all efficientamento della Pubblica Amministrazione L azienda Poste Italiane Il Gruppo Posteitaliane si rivolge

Dettagli

INDAGINE CITTADINI NUOVO CAD AGENDA DIGITALE

INDAGINE CITTADINI NUOVO CAD AGENDA DIGITALE INDAGINE CITTADINI NUOVO CAD AGENDA DIGITALE 2 INTRODUZIONE Il presente documento illustra i risultati dell indagine effettuata presso gli italiani, volta a comprendere la percezione generale che essi

Dettagli

Lepida@Unife: Rete e Servizi

Lepida@Unife: Rete e Servizi Direzione Generale Centrale Organizzazione, Personale,Sistemi Informativi e Telematica Lepida@Unife: Rete e Servizi Polo Scientifico e Tecnologico, Università di Ferrara 22 gennaio 2007 Regione Emilia-Romagna/

Dettagli

Analisi del mercato delle auto

Analisi del mercato delle auto Analisi del mercato delle auto Le immatricolazioni ripartono grazie alla necessità di sostituire il vecchio parco di auto non catalizzate. La scomparsa imminente della benzina super fa crescere le vendite,

Dettagli

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene.

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene. EDIZIONE osservatorio UBI Banca su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Gennaio 2012 con il contributo scientifico di Fare banca

Dettagli

Osservatorio banda larga e ultralarga e digital divide regioni Italia

Osservatorio banda larga e ultralarga e digital divide regioni Italia Osservatorio banda larga e ultralarga e digital divide regioni Italia Qual è la percentuale di popolazione in Italia raggiunta da servizi di accesso a Internet a banda larga e a banda ultralarga? Quanto

Dettagli

X RAPPORTO SULL'APPRENDISTATO Ministero del Lavoro Isfol (scheda di sintesi)

X RAPPORTO SULL'APPRENDISTATO Ministero del Lavoro Isfol (scheda di sintesi) X RAPPORTO SULL'APPRENDISTATO Ministero del Lavoro Isfol (scheda di sintesi) Presentazione X Rapporto di monitoraggio sullo stato di avanzamento dell apprendistato, appuntamento annuale dell Isfol, che

Dettagli

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI PREMESSA L importanza crescente delle caratteristiche locali nello spiegare l andamento industriale ed economico del Paese

Dettagli

Informazioni Statistiche

Informazioni Statistiche Informazioni Statistiche Settore Sistema Informativo di supporto alle decisioni. Ufficio Regionale di Statistica Aprile 2015 I CITTADINI TOSCANI E LE NUOVE TECNOLOGIE- ANNO 2014 In sintesi: Il 67% delle

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali 17 luglio 2012 Anno 2011 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2011, l 11,1% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 8.173 mila persone) e il 5,2% lo è in termini assoluti (3.415 mila).

Dettagli

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel 2006

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel 2006 24 novembre 2008 La Ricerca e Sviluppo in Italia nel 2006 L Istat diffonde i risultati delle rilevazioni sulla Ricerca e Sviluppo intra-muros (R&S) in Italia, riferiti alle imprese, alle istituzioni pubbliche

Dettagli

Il ricorso alle cure odontoiatriche e la salute dei denti in Italia Anno 2005

Il ricorso alle cure odontoiatriche e la salute dei denti in Italia Anno 2005 9 dicembre 2008 Il ricorso alle cure odontoiatriche e la salute dei denti in Italia Anno 2005 Con l indagine multiscopo Condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari l Istat raccoglie informazioni

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA

LA POVERTÀ IN ITALIA 15 luglio 2011 Anno 2010 LA POVERTÀ IN ITALIA La povertà risulta sostanzialmente stabile rispetto al 2009: l 11,0% delle famiglie è relativamente povero e il 4,6% lo è in termini assoluti. La soglia di

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia 2 ottobre 2015 1. Programmazione attuativa (dati al 1 ottobre 2015) Le risorse finanziarie del Programma Operativo Nazionale Iniziativa Occupazione Giovani

Dettagli

Report incentivi ISI 2012

Report incentivi ISI 2012 Report incentivi ISI 2012 Il 18 aprile 2013 si è conclusa regolarmente la procedura telematica per l'assegnazione dei 155 milioni di euro stanziati a fondo perduto dall INAIL nell ambito del bando degli

Dettagli

Reddito e condizioni di vita in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2011

Reddito e condizioni di vita in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2011 Lombardia Statistiche Report N 0 / 17 febbraio 2014 Reddito e condizioni di vita in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2011 Sintesi Nel 2010 le famiglie residenti in Lombardia hanno percepito

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

Azioni e strumenti per la nuova l imprenditorialità. Ferrara - Novembre 2015

Azioni e strumenti per la nuova l imprenditorialità. Ferrara - Novembre 2015 Azioni e strumenti per la nuova l imprenditorialità Ferrara - Novembre 2015 1 Invitalia per la crescita e la competitività del sistema produttivo Sosteniamo la nascita di nuove imprese la realizzazione

Dettagli

IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI

IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI 1. La rilevazione La rilevazione presso le famiglie con bambini da zero a 3 anni, residenti nei comuni dell Ambito territoriale dei servizi sociali

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 6 DICEMBRE 2005 CRIF DECISION SOLUTIONS - NOMISMA OVERVIEW CAPITOLO 1 FATTI E TENDENZE INDICE 1.1 L economia internazionale

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

L uso dei dispositivi di sicurezza in Italia. I dati del Sistema Ulisse

L uso dei dispositivi di sicurezza in Italia. I dati del Sistema Ulisse L uso dei dispositivi di sicurezza in Italia. I dati del Sistema Ulisse di Giancarlo Dosi L utilità dei dispositivi di sicurezza L utilità del casco e delle cinture di sicurezza è ormai fuori discussione.

Dettagli

L utilizzo dell Analisi Impatto della Regolazione AIR nelle regioni italiane

L utilizzo dell Analisi Impatto della Regolazione AIR nelle regioni italiane NUVV Regione Lazio L utilizzo dell Analisi Impatto della Regolazione AIR nelle regioni italiane Premessa Il presente rapporto fa parte di un filone di attività in seno al Nucleo di valutazione degli investimenti

Dettagli

SPORTELLO 2.0 MITO O REALTA. Italo Della Noce Direttore Ufficio controllo tecnico, gestionale e programm. del SIEP Provincia Autonoma di Trento

SPORTELLO 2.0 MITO O REALTA. Italo Della Noce Direttore Ufficio controllo tecnico, gestionale e programm. del SIEP Provincia Autonoma di Trento SPORTELLO 2.0 MITO O REALTA Italo Della Noce Direttore Ufficio controllo tecnico, gestionale e programm. del SIEP Provincia Autonoma di Trento LA NORMATIVA LA NUOVA SMART CARD DEL CITTADINO PROBLEMA: IL

Dettagli

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia. Febbraio 2013

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia. Febbraio 2013 Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive summary Febbraio 2013 1 Finalità dell Osservatorio 3 Contenuto e metodologia dell indagine 3 Composizione del campione

Dettagli

I GIOVANI DEL PROSSIMO FUTURO: ADOLESCENTI FRA EDUCAZIONE ED INTERNET

I GIOVANI DEL PROSSIMO FUTURO: ADOLESCENTI FRA EDUCAZIONE ED INTERNET I GIOVANI DEL PROSSIMO FUTURO: ADOLESCENTI FRA EDUCAZIONE ED INTERNET di Luisa Donato EDUCAZIONE E INTERNET: IL PUNTO DI VISTA DEI 15-enni DELL INDAGINE PISA 2009 Quando si pensa a chi nei prossimi anni

Dettagli

La povertà in Italia nel 2009

La povertà in Italia nel 2009 15 luglio 2010 Anno 2009 La povertà in Italia nel 2009 L'Istituto nazionale di statistica comunica i dati relativi alla povertà relativa e assoluta delle famiglie residenti in Italia, sulla base delle

Dettagli

1 Coordinatore del Dipartimento Welfare Acli Nazionali

1 Coordinatore del Dipartimento Welfare Acli Nazionali Indagine Link-Marche : ricerca e azione sociale per favorire l inclusione delle persone in condizioni di marginalità e di disagio a cura di David Recchia 1 Link è un progetto nazionale che le Acli hanno

Dettagli

Labour market intelligence in Europa

Labour market intelligence in Europa Labour market intelligence in Europa di Mara Brugia* e Antonio Ranieri** Dal nostro punto di osservazione che è quello di chi guarda all insieme del sistema europeo della formazione professionale e del

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA ANALISI DEI COMPORTAMENTI DELLA DOMANDA TURISTICA NAZIONALE E INTERNAZIONALE

OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA ANALISI DEI COMPORTAMENTI DELLA DOMANDA TURISTICA NAZIONALE E INTERNAZIONALE OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA ANALISI DEI COMPORTAMENTI DELLA DOMANDA TURISTICA NAZIONALE E INTERNAZIONALE Le vacanze dei liguri 2008 - Abstract Aprile 2009 A cura di Sommario Premessa... 3 Le vacanze

Dettagli

Startup innovative: una su otto è donna. Boom delle neoimprese smart femminili, +50,6% in un anno

Startup innovative: una su otto è donna. Boom delle neoimprese smart femminili, +50,6% in un anno Comunicato stampa Startup : una su otto è donna Boom delle neoimprese smart, +50,6% in un anno Roma, 06 marzo 2015 Pesano ancora poco sul tessuto imprenditoriale ma sono in crescita e davanti hanno un

Dettagli

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Presentati i risultati dello studio di UniCredit, dedicato

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Rapporto nazionale sull utilizzo

Dettagli

Veneto cantiere cultura energia creativa

Veneto cantiere cultura energia creativa Veneto cantiere cultura energia creativa Atlante Veneto della Cultura FEDERCULTURE statistiche e analisi sulle dinamiche del settore cultura in Veneto Roberto Grossi, Presidente Federculture L ATLANTE

Dettagli

WEB DINAMICO E PARTECIPAZIONE INTERATTIVA. STRATEGIE E PERCORSI DI INTERAZIONE CON LA CITTADINAZA.

WEB DINAMICO E PARTECIPAZIONE INTERATTIVA. STRATEGIE E PERCORSI DI INTERAZIONE CON LA CITTADINAZA. WEB DINAMICO E PARTECIPAZIONE INTERATTIVA. STRATEGIE E PERCORSI DI INTERAZIONE CON LA CITTADINAZA. "Da Internet passa la partecipazione tra la Pubblica amministrazione e il cittadino, la riforma della

Dettagli

L OFFERTA ELETTRICA SUL LIBERO MERCATO PER I CLIENTI RESIDENZIALI

L OFFERTA ELETTRICA SUL LIBERO MERCATO PER I CLIENTI RESIDENZIALI L OFFERTA ELETTRICA SUL LIBERO MERCATO PER I CLIENTI RESIDENZIALI Veronica Venturini, Daniele Forni, Dario Di Santo (FIRE) Il recepimento della Direttiva Comunitaria 96/92/CE con il decreto legislativo

Dettagli

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA Contributo di Laura Chies Esperta dell Agenzia e Dises - Università di Trieste e di Chiara Donati e Ilaria Silvestri Servizio statistica e affari

Dettagli

La ricchezza (vera) delle regioni

La ricchezza (vera) delle regioni La ricchezza (vera) delle regioni La ricchezza (vera) delle regioni Anna Villa Nell'ottava edizione del Rapporto Quars, la classifica del benessere sostenibile. In testa il Trentino Alto Adige, scendono

Dettagli

I NUMERI DEI GIOVANI: UNA MAPPATURA DELL EVOLUZIONE DELLA POPOLAZIONE GIOVANILE IN VENETO

I NUMERI DEI GIOVANI: UNA MAPPATURA DELL EVOLUZIONE DELLA POPOLAZIONE GIOVANILE IN VENETO Assessorato alle Politiche Sociali, Programmazione Socio Sanitaria, Volontariato e Non Profit Newsletter dell Anno 5, N 64 novembre 2007 - SPECIALE I NUMERI DEI GIOVANI: UNA MAPPATURA DELL EVOLUZIONE DELLA

Dettagli

L'immagine del Sud Italia nel mondo: i risultati di una indagine demoscopica del Dipartimento per le Politiche di Sviluppo presso gli operatori

L'immagine del Sud Italia nel mondo: i risultati di una indagine demoscopica del Dipartimento per le Politiche di Sviluppo presso gli operatori 1 L INDAGINE Nel giugno 2003, il Servizio per le politiche dei Fondi strutturali comunitari del Dipartimento per le politiche di sviluppo del Ministero dell Economia e delle Finanze ha affidato, a seguito

Dettagli

AZIONI MIRATE PER LA TRASPARENZA

AZIONI MIRATE PER LA TRASPARENZA ALLEGATO C PROVINCIA DI MANTOVA SETTORE RISORSE SVILUPPO ORGANIZZATIVO E AFFARI ISTITUZIONALI AZIONI MIRATE PER LA TRASPARENZA 1 Mattiamoci la faccia: customer sui L ente ha già attivato un sistema di

Dettagli

Agenda Digitale. Le azioni messe in campo dalla Regione Basilicata per lo sviluppo delle Infrastrutture telematiche e l erogazione dei servizi on-line

Agenda Digitale. Le azioni messe in campo dalla Regione Basilicata per lo sviluppo delle Infrastrutture telematiche e l erogazione dei servizi on-line Agenda Digitale Le azioni messe in campo dalla Regione Basilicata per lo sviluppo delle Infrastrutture telematiche e l erogazione dei servizi on-line Dott. Nicola A. Coluzzi Ufficio Società dell'informazione

Dettagli

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Presentati oggi i risultati dello studio di UniCredit, dedicato

Dettagli

M-Payment, il futuro nei sistemi di pagamento

M-Payment, il futuro nei sistemi di pagamento ITALIA, il futuro nei sistemi di pagamento All alba di una nuova tecnologia nei sistemi di pagamento, indagine sulla propensione all utilizzo del telefonino come strumento d acquisto. 90 Nuove frontiere

Dettagli

Le biblioteche degli enti territoriali. (anno 2012)

Le biblioteche degli enti territoriali. (anno 2012) Le biblioteche degli enti territoriali (anno 2012) Roma, 11 luglio 2013 L indagine Promossa dal Centro per il Libro e la Lettura e dall Associazione Italiana Biblioteche, in collaborazione con ANCI e ISTAT,

Dettagli

Audizione al Parlamento. ViceMinistro On. Paolo Romani

Audizione al Parlamento. ViceMinistro On. Paolo Romani Audizione al Parlamento ViceMinistro On. Paolo Romani 1 L Italia per la sua crescita economica, in tutti i settori, ha bisogno di un infrastruttura di rete elettronica a banda larga. Le misure di policy

Dettagli

La voce dei donatori

La voce dei donatori La voce dei donatori Uno studio sul grado di soddisfazione e di efficienza percepita dai Donatori nei confronti dell organizzazione e delle attività dell Avis Comunale RE www.avis.re.it Gli obiettivi della

Dettagli

Report incentivi ISI 2011

Report incentivi ISI 2011 Report incentivi ISI 2011 Il 28 giugno 2012 si è conclusa regolarmente la procedura telematica che nell'arco di tre giorni ha coinvolto circa 20.600 imprese per l'assegnazione dei 205 milioni di euro stanziati

Dettagli

NUOVE TECNOLOGIE SCHEDA DI VALUTAZIONE SULL AVANZAMENTO DELLE AZIONI PREVISTE DAL PIANO DI AZIONE REGIONALE

NUOVE TECNOLOGIE SCHEDA DI VALUTAZIONE SULL AVANZAMENTO DELLE AZIONI PREVISTE DAL PIANO DI AZIONE REGIONALE NUOVE TECNOLOGIE SCHEDA DI VALUTAZIONE SULL AVANZAMENTO DELLE AZIONI PREVISTE DAL PIANO DI AZIONE REGIONALE DIREZIONE ORGANIZZAZIONE, SISTEMI INFORMATIVI E TELEMATICA Premessa Le azioni intraprese dalla

Dettagli

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia 30 ottobre 2015 1. Programmazione attuativa (dati al 29 ottobre 2015) Le risorse finanziarie del Programma Operativo Nazionale Iniziativa Occupazione Giovani

Dettagli

Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali

Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali Cod. ISTAT INT 00023 AREA: Amministrazioni pubbliche e Servizi sociali Settore di interesse: Istituzioni Pubbliche e Private Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali Titolare: Dipartimento per

Dettagli

Contrattazione e Servizi alla Persona. Dal Sindacalista politico a quello Socio-Contrattuale

Contrattazione e Servizi alla Persona. Dal Sindacalista politico a quello Socio-Contrattuale Contrattazione e Servizi alla Persona Dal Sindacalista politico a quello Socio-Contrattuale Evoluzione del Sindacato elettrico in Italia - Contrattazione accentrata - Contrattazione decentrata ridotta

Dettagli

INTERNET E LA BANCA REGIONALE EUROPEA

INTERNET E LA BANCA REGIONALE EUROPEA INTERNET E LA BANCA REGIONALE EUROPEA LA BANCA SULLE AUTOSTRADE DELL INFORMAZIONE DI STEFANO DIONI, FABIO BERTOLI Che cosa offre e come utilizzare nel modo più efficace il sito della banca. Un canale complementare,

Dettagli

Telefono fisso e cellulare: comportamenti emergenti

Telefono fisso e cellulare: comportamenti emergenti 4 agosto 2003 Telefono e cellulare: comportamenti emergenti La crescente diffusione del telefono cellulare nella vita quotidiana della popolazione ha determinato cambiamenti profondi sia nel numero sia

Dettagli

I LIVELLI RETRIBUTIVI DEI DIPENDENTI STRANIERI e i differenziali con gli italiani

I LIVELLI RETRIBUTIVI DEI DIPENDENTI STRANIERI e i differenziali con gli italiani I LIVELLI RETRIBUTIVI DEI DIPENDENTI STRANIERI e i differenziali con gli ITALIA II trimestre 2009 Ottobre 2009 Livelli retributivi dei in Italia La presenza straniera nel nostro Paese è in continua evoluzione

Dettagli

La Liguria all interno del contesto nazionale

La Liguria all interno del contesto nazionale La Liguria all interno del contesto nazionale François de Brabant Between 24 Novembre 2009 La banda: tra l uovo e la gallina sistema paese infrastrutture servizi mercato 2 Il cruscotto regionale della

Dettagli

I sintomi del ritardo italiano: un analisi territoriale di dati e di indagini recenti

I sintomi del ritardo italiano: un analisi territoriale di dati e di indagini recenti Seminari del QSN 7 luglio 25 Istruzione I sintomi del ritardo italiano: un analisi territoriale di dati e di indagini recenti Marta Foresti - Aline Pennisi Unità di Valutazione degli Investimenti Pubblici

Dettagli

Rete di computer mondiale e ad accesso pubblico. Attualmente rappresenta il principale mezzo di comunicazione di massa

Rete di computer mondiale e ad accesso pubblico. Attualmente rappresenta il principale mezzo di comunicazione di massa Sommario Indice 1 Internet 1 1.1 Reti di computer........................... 1 1.2 Mezzo di comunicazione di massa - Mass media.......... 2 1.3 Servizi presenti su Internet - Word Wide Web........... 3

Dettagli