REGIONE MOLISE GIUNTA REGIONALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGIONE MOLISE GIUNTA REGIONALE"

Transcript

1 REGIONE MOLISE GIUNTA REGIONALE Mod. B (Atto che non comporta impegno di spesa) Seduta del DELIBERAZIONE N. 155 OGGETTO: PROGRAMMA GARANZIA GIOVANI MOLISE APPROVAZIONE CONVENZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL MOLISE. LA GIUNTA REGIONALE Riunitasi il giorno tre del mese di Aprile dell anno duemilaquindici nella sede dell Ente con la presenza dei Signori: N. Cognome e Nome Carica Presente/Assente 1 DI LAURA FRATTURA PAOLO PRESIDENTE Presente 2 PETRAROIA MICHELE VICE PRESIDENTE Presente 3 FACCIOLLA VITTORINO ASSESSORE Presente 4 NAGNI PIERPAOLO ASSESSORE Presente 5 SCARABEO MASSIMILIANO ASSESSORE Presente SEGRETARIO: MARIOLGA MOGAVERO Con voto espresso a Unanimità, PRESO ATTO del documento istruttorio concernente l argomento in oggetto, che costituisce parte integrante e sostanziale della presente deliberazione; PRESO ATTO, ai sensi dell art. 7, comma 4, del Regolamento interno di questa Giunta: lett. a): del parere, in ordine alla legittimità e alla regolarità tecnico-amministrativa del documento istruttorio, espresso dal Direttore del Servizio proponente, e della dichiarazione, in esso contenuta, che l atto non comporta impegno di spesa; lett. b): del visto, del Direttore d Area, di coerenza con gli obiettivi d Area; lett. c): del visto, del Direttore Generale, di coerenza della proposta di deliberazione con gli indirizzi della politica regionale e gli obiettivi assegnati alla Direzione Generale, e della proposta al Vicepresidente Michele Petraroia, d invio del presente atto all esame della Giunta regionale; VISTA la legge regionale 23 marzo 2010 n. 10 e successive modifiche ed integrazioni, nonché la normativa attuativa della stessa; VISTO il Regolamento interno di questa Giunta; DELIBERA 1. Il documento istruttorio costituisce parte integrante e sostanziale del presente atto; DGR N. 155 DEL /11

2 2. di approvare lo schema di Convenzione fra la Regione Molise e l Università degli Studi del Molise per l erogazione dei servizi di cui al Programma Garanzia Giovani relativamente alle Misure Piano di Attuazione del Molise sottoindicate: Accoglienza, informazione, presa in carico, orientamento; Accompagnamento al lavoro; Apprendistato per l alta formazione e la ricerca; Tirocinio extracurriculare (anche in mobilità geografica); 3. di demandare al Direttore Generale dott. Pasquale Mauro Di Mirco di provvedere alla sottoscrizione della Convenzione; 4. di incaricare l Agenzia Regionale Molise Lavoro alla gestione della presente Convenzione; 5. di assoggettare il presente atto al controllo di regolarità amministrativa, in ottemperanza alla Direttiva Regionale sui controlli interni; 6. di assoggettare il presente l atto agli obblighi in materia di trasparenza, di cui al D.Lgs. n. 33/2013. DGR N. 155 DEL /11

3 DOCUMENTO ISTRUTTORIO Oggetto: Programma Garanzia Giovani Molise approvazione convenzione Università degli studi del Molise. PREMESSO che: con la Raccomandazione del Consiglio dell Unione europea del 22 aprile 2013, sull istituzione di Garanzia per i Giovani (2013/C 120/01), gli Stati membri sono stati invitati a garantire ai giovani un offerta qualitativamente valida di lavoro, di proseguimento degli studi, di apprendistato o di tirocinio o altra misura di formazione; l Accordo di Partenariato, trasmesso in data , individua il Programma Operativo Nazionale per l attuazione della Iniziativa Europea per l Occupazione dei Giovani (PON IOG) e il Programma Operativo Nazionale Sistemi di Politiche Attive per l Occupazione tra i Programmi Operativi Nazionali finanziati dal FSE; il Piano di attuazione italiano della Garanzia per i giovani contenente i principi e i criteri del programma Garanzia Giovani, è stato approvato il ; il Regolamento (UE) n. 1303/2013 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 17 dicembre 2013 pubblicato sulla GUE del reca disposizioni comuni sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo, sul Fondo di coesione, sul Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale e sul Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca e definisce disposizioni generali sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo, sul Fondo di coesione e sul Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca e abroga il Regolamento (CE) n. 1083/2006 del Consiglio; il Regolamento (UE) n. 1304/2013 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 17 dicembre 2013 pubblicato sulla GUE del 20 dicembre 2013 relativo al Fondo sociale europeo e abrogante il Regolamento (CE) n. 1081/2006 del Consiglio sostiene, all art. 16, l Iniziativa a favore dell occupazione giovanile per la lotta alla disoccupazione giovanile ; il Regolamento (UE - EURATOM) n. 1311/2013 del Consiglio del 2 dicembre 2013 stabilisce il quadro finanziario pluriennale per il periodo ; il D.Lgs. n. 181 del 21 aprile 2000, e s.m.i.;fissa le disposizioni per agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, il Decreto Direttoriale n. D.D. 237/Segr D.G del 04/04/2014, ripartisce le risorse del Piano di attuazione italiano della Garanzia per i Giovani tra le Regioni e la Provincia Autonoma di Trento; ACCERTATO che: la Regione Molise con D.G.R. n.178 del 13/05/2014 ha approvato lo schema di convenzione tra Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e Regione Molise, che la stessa è stata firmata dal Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali e la Regione Molise in data 24/06/2014; la Regione Molise ha approvato il Piano di Attuazione Regionale della Garanzia Giovani in Molise con D.G.R. n. 311 in data 14/07/2014, che lo stesso è stato successivamente modificato con D.G.R. n. 660 del 2 dicembre 2014 e D.G.R. n.102 del ; con la suddetta D.G.R. n.660/2014 si è inoltre stabilito di: 1. demandare all ing. Massimo Pillarella di rappresentare la Regione Molise per l attuazione del Piano di Garanzia Giovani, affidandogli ogni attività di relazione con gli organi governativi di livello centrale e di coordinamento ed organizzazione dei singoli interventi necessari all attuazione del Piano stesso, 2. formalizzare all Agenzia Regionale Molise Lavoro l incarico di svolgere le attività legate alla gestione operativa del PO Garanzia Giovani Molise, sotto la direzione e coordinamento strategico del Responsabile Regionale della Programmazione, Direttore dell'area Seconda ing. M. Pillarella, con impegno ad assicurare un costante flusso informativo di tutti i dati inerenti la gestione del PO Garanzia Giovani verso gli Uffici dell Assessorato al Lavoro e i componenti la Cabina di Regia, per quanto previsto, in stretta relazione con i Centri per l Impiego ed eventuali altri soggetti interessato; DATO ATTO che: l'agenzia Regionale Molise Lavoro (A.R.M.L.) è un ente strumentale della Regione Molise, che ne esercita il controllo esclusivo, è istituita con Legge regionale n. 27/99 ed appartiene al Sistema Regione Molise come definito con normativa regionale; L A.R.M.L. garantisce un ruolo strategico, funzionale e di qualità, per il Programma Garanzia Giovani, in forza della normativa vigente, con riferimento a tutta l attività di acquisizione, gestione, DGR N. 155 DEL /11

4 elaborazione e trasmissione dei dati attraverso il Sistema SIL al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, l interlocuzione privilegiata con tutti i soggetti titolati, relativamente al mercato del lavoro ed in particolare per lo spazio dei NEET; l A.R.M.L. in forza alla decisione della D.G.R. n. 660/4014 suindicata, cura, per la Regione Molise, l amministrazione del sistema di gestione del PON IOG - Sigma Giovani e Igrue; ACCERTATO che la Regione ha scelto di avvalersi del sistema di contabilità e gestione sul S.I. MEF IGRUE; VISTA la determina del Servizio Terzo n. 29 del con cui la Regione Molise ha accreditato l Università degli Studi del Molise all erogazione dei servizi al lavoro ai sensi dell art. 18, comma 3 del regolamento regionale 19 luglio 2013, n. 1/2013; CONSIDERATA la necessità di assicurare l attivazione di un sistema integrato di servizi per il lavoro, garantendo prestazioni specialistiche rivolte ai diversi target dei candidati di Garanzia Giovani; VISTO lo Statuto dell Università degli Studi del Molise, art. 3, comma 5, il quale dispone che L Università promuove e organizza, anche in collaborazione con enti pubblici e privati, servizi didattici integrativi, corsi di formazione, di perfezionamento, di aggiornamento professionale, anche ad integrazione del tirocinio professionale nonché corsi di istruzione permanente e ricorrente, periodi di tirocinio pratico, viaggi e visite di studio ; VISTO il Regolamento didattico di ateneo dell Università degli Studi del Molise, art. 2, comma 1, lett. b), per il quale l Università svolge le attività e i servizi didattici integrativi, di orientamento, di sostegno, di aggiornamento, di perfezionamento e di formazione permanente e ricorrente ; VALUTATA l opportunità di sostenere le università nello sforzo di valorizzare il loro ruolo nei territori in cui hanno sede, obiettivi che possono essere meglio realizzati mediante azioni sinergiche; CONSIDERATO: l interesse dell Università del Molise a svolgere tutte le attività utili a massimizzare il collocamento occupazionale dei laureati, facilitando l ingresso dei giovani nel mondo del lavoro, orientando le scelte professionali di studenti e neolaureati, favorendo i primi contatti con le aziende e assistendo aziende ed enti pubblici nella ricerca e selezione di studenti e neolaureati; che la capacità delle Università di concorrere all inserimento lavorativo dei giovani laureati rientra tra i criteri in base ai quali le università sono soggette a valutazione da parte dell ANVUR, ai sensi del decreto legislativo 27 gennaio 2012, n. 19; che l Università degli Studi del Molise svolge l attività nel settore del placement dei laureati sin dal 2007, quando con Decreto Rettorale 19 gennaio 2007, n. 95, veniva costituito l Ufficio Placement, nonché, attualmente, attraverso l attività dei settori ILO e Placement e Tirocini e mercato del lavoro; ACCERTATO che: la collaborazione tra l Università degli Studi del Molise e la Regione Molise nell avviamento dei giovani al mercato del lavoro è già stata attivata con l Accordo di programma sottoscritto il 6 maggio 2010 tra la Regione Molise e L Università degli Studi del Molise Programma complessivo di collaborazione per il periodo 2007/13 Conoscere per competere ; l esperienza virtuosa già avviata con il Piano Integrato Giovani Molise, approvato il 27 giugno 2011, con deliberazione n. 473, contenente obiettivi generali, nonché linee di intervento, volte a favorire l ingresso dei giovani nel mercato del lavoro, favorendo la transizione scuola-lavoro e stimolando l imprenditorialità e il sistema produttivo regionale; il protocollo attuativo per la realizzazione del Piano Integrato Giovani Molise, nell ambito del programma complessivo di collaborazione per il periodo 2007/13 Conoscere per competere, è stato sottoscritto tra Regione Molise e Università degli Studi del Molise il 19 settembre 2011; CONSIDERATA: la virtuosa esperienza svolta dall Università degli Studi del Molise nella partecipazione al progetto sperimentale di Italia Lavoro - Fixo Scuola & Università; l opportunità di intervenire attraverso la sperimentazione di nuovi modelli di organizzazione e sistemi di rete nell erogazione dei servizi al lavoro, che coinvolgono percorsi di transizione scuolalavoro, conoscenza, ricerca applicata e trasferimento tecnologico, con un piano di interventi di lungo periodo che preveda percorsi comuni, su temi coerenti con la programmazione regionale e le iniziative nazionali ed europee di lotta alla disoccupazione giovanile; RILEVATI i buoni risultati ottenuti dall Università degli Studi del Molise nella procedura di qualificazione dei servizi di placement universitari avviata da Italia Lavoro, mediante la valutazione di standard setting; CONSIDERATO che a poco più di trent anni dalla sua istituzione, l Università degli Studi del Molise ha raggiunto un assetto a misura di territorio, con un offerta formativa variegata ed equilibrata che consente ad un alta percentuale di giovani molisani di studiare nella propria regione e con un legame didattica- DGR N. 155 DEL /11

5 ricerca, caratterizzato dalla filiera lauree magistrali-dottorati di ricerca, e completato dall azione dell Università nell inserimento dei giovani nel mercato del lavoro, che tende a mitigare il rischio, ancora molto forte, di una migrazione intellettuale post-lauream; VERIFICATO che: la Regione Molise, al fine di rafforzare e dare nuova linfa alla pluriennale collaborazione con l Università degli Studi del Molise, con la delibera di Giunta regionale n. 245 del avente ad oggetto: Intesa Quadro tra la Regione Molise e l'università degli Studi del Molise per attività di ricerca, didattiche e assistenziali volte allo sviluppo culturale, sociale ed economico del territorio molisano, ha approvato lo schema di intesa quadro che definisce i contenuti e gli obiettivi generali e specifici di collaborazione e gli impegni reciproci della Regione Molise e dell Università degli Studi del Molise; che l Intesa Quadro è stata sottoscrtitta il ; che all interno dell Intesa quadro la Regione Molise e Università degli studi del Molise si sono impegnati ad avviare azioni congiunte, anche con l eventuale coinvolgimento di altri soggetti istituzionali della ricerca, volte allo sviluppo culturale, sociale ed economico del territorio molisano, che favoriscano il trasferimento delle conoscenze, la valorizzazione del capitale umano e dell imprenditorialità, il potenziamento della didattica, della ricerca e dell innovazione tecnologica, il miglioramento del sistema sanitario regionale, componendo un disegno maggiormente organico e realizzando un trasferimento generale più efficace in risposta diretta ai problemi e fabbisogni concreti del territorio e a disposizione per le attività didattiche; CONSIDERATA l esigenza, espressa anche nel Piano esecutivo della Regione Molise per l attuazione del piano Garanzia Giovani, di costruire un nuovo sistema di gestione delle politiche attive del lavoro che, partendo dalla strategia e dai modelli definiti dalla Garanzia Giovani, si basi su un sistema di servizi integrati e di politiche attive fortemente legate alla persona, coerenti con le esigenze del mercato locale e necessariamente collegate, in una ottica di efficienza, al risultato conseguito; RITENUTO necessario cercare di mitigare la migrazione intellettuale post-lauream, in quanto la stessa determina di un progressivo impoverimento del territorio che in questo modo perde risorse preziose di capitale umano altamente qualificate che viceversa, restando in regione, potrebbero contribuire alla sviluppo socio economico di qualità del territorio; VISTA la legge 7 agosto 1990, n. 241, art. 15, in base al quale le amministrazioni pubbliche possono stipulare accordi e convenzioni per lo svolgimento in collaborazione di attività di interesse comune; CONSIDERATO che tra le attività di interesse comune tra Università degli Studi del Molise e Regione Molise previste dall art. 15, legge 7 agosto 1990, n. 241, rientra l inserimento dei giovani molisani nel mercato del lavoro; CONSIDERATO che l attività oggetto di convenzione può ritenersi riconducibile all interno dell Intesa quadro, in particolare all Articolo 3, finalizzato alla sostenibilità dell offerta formativa. RITENUTO che la strategia di intervento che si intende adottare per l attuazione del Programma Garanzia Giovani in Molise, si basa su: Complementarità con il POR Fse ; Raccordo operativo tra i soggetti erogatori degli interventi (Cpi, Università e altri soggetti privati accreditati per la formazione e per l erogazione dei servizi al lavoro); VALUTATA che la necessità di assicurare la copertura completa dei servizi erogabili e la massima efficacia ed efficienza dell azione amministrativa, suggerisce di individuare nell Università degli Studi del Molise il soggetto in grado di attivarsi capillarmente sul territorio, mobilitare risorse professionali di eccellenza, avere un forte raccordo con le imprese, il tutto per favorire l inserimento nel mercato del lavoro dei giovani laureati NEET. RILEVATO che i servizi previsti dal Piano di esecuzione del Molise del PON IOG sopra citato, comprendono le seguenti Misure: 1-A Accoglienza e informazioni sul programma 1-B Accoglienza, presa in carico, orientamento 1-C Orientamento specialistico o di II livello 2-A Formazione mirata all inserimento lavorativo 3 Accompagnamento al lavoro 4-A Apprendistato per la qualifica e per il diploma professionale 4-B Apprendistato professionalizzante o contratto di mestiere 4-C Apprendistato per l alta formazione e la ricerca 5 Tirocinio extra-curriculare, anche in mobilità geografica DGR N. 155 DEL /11

6 6 Servizio civile 7 Sostegno all autoimpiego e all autoimprenditorialità 9. Bonus occupazionale; CONSIDERATO che in questa fase è prioritario regolamentare i rapporti tra Regione e l Università degli Studi del Molise per le attività di cui alle seguenti Misure: (a) Accoglienza e informazioni sul programma (b) Accoglienza, presa in carico, orientamento (c) Orientamento specialistico o di II livello (d) Accompagnamento al lavoro; (e) Apprendistato per l alta formazione e la ricerca; (f) Tirocinio extracurriculare (anche in mobilità geografica); ACCERTATO che la remunerazione delle suindicate attività, all Università, in attuazione del PAR Molise, è disciplinata nel seguente modo, in riferimento ai costi standar ed ai risultati fissati dal programma nazionale: (a) per 1a Misura A (Accoglienza e informazioni sul programma) si stimano circa 700 ragazzi, mentre l erogazione del servizi di accoglienza e prima informazione non prevede nessuna riconoscibilità economica, (b) per la Misura 1-B (Accesso alla Garanzia Presa in carico, colloquio individuale e profiling, consulenza orientativa) si stimano circa 500 ragazzi presi in carico e profilati per costo unitario standard di 34,00 orario per un massimo di 2 ore, la remunerazione avverrà a risultato per un importo massimo di ,00; (c) per la Misura 1-C (Orientamento specialistico o di II livello, si stimano circa 500 ragazzi per il costo standard orario di 35,50 per un massimo di 8 ore (con riduzione in caso di gruppo per un importo pari a.15 ora/destinatario), la remunerazione avverrà a risultato per un importo massimo di ,00; (d) per la Misura 3 Accompagnamento il parametro di costo è indicato nella seguente tabella ed in funzione del livello di profilazione del giovane, la remunerazione avverrà a risultato per un importo massimo di ,00, calcolato cautelativamente sulla tipologia più alta; Tipo di contratto BASSA MEDIA ALTA MOLTO ALTA Tempo indeterminato o Apprendistato I e III livello Tempo determinato > 12 mesi o Apprendistato II livello Tempo determinato 6-12 mesi (e) Per la Misura 4-C, Apprendistato per l alta formazione e la ricerca l Unità di Costo Standard (UCS) nazionale è definita in ora/corso.117,00 e UCS ora/allievo di 0,80, per un valore massimo di ,00 tale importo sarà destinato per circa.9.500,00 alla formazione dei ragazzi con una previsione di circa 80 ore di formazione ( 117(+0.8* 10 ragazzi) * 80 ore) e la restante parte come incentivo a contratti di apprendistato dei ragazzi ( ,00*10 ragazzi), la remunerazione avverrà a risultato per un importo massimo di ,00; (f) per la Misura 5 Tirocinio extracurriculare (anche in mobilità geografica) è corrisposta una remunerazione a risultato, come servizio di promozione, definita sulla base dei sui costi standard sotto riportati: IN BASE AL PROFILING DEL GIOVANE BASSA MEDIA ALTA MOLTO ALTA Remunerazione a risultato (a completamento del periodo di tirocinio o segmentato in periodi semestrali) DGR N. 155 DEL /11

7 L Università del Molise propone di attivare circa 250 tirocini di durata semestrale la remunerazione avverrà a risultato per un importo massimo, calcolato, cautelativamente, sul profilo più alto di ,00; ELABORATO lo schema di Protocollo d Intesa; ACCERTATO che l importo complessivo destinato alla presente convenzione è così determinato e trova regolare copertura finanziaria sulle disponibilità del PAR Molise in relazione alle Misure interessate: INIZIATIVE totale di cui ai giovani o imprese 1-A Accoglienza ed informazioni 1-B presa in carico ed orientamento ,00 1-C orientamento specialistico ,00 3 Accompagnamento al lavoro ,00 4-C Apprendistato per l'alta formazione , ,00 (incentivi per l attivazione di contratti di apprendistato 5 Tirocinio extracurriculare ,00 (indennità di tirocinio ,00 SOMME , ,00 ACCERTATO che il presente atto non necessità del visto di regolarità contabile, in quanto avendo la Regione fatto la scelta di gestione attraverso il sistema di contabilità e gestione sul S.I. MEF IGRUE, lo stesso non dispiega i suoi effetti sul bilancio regionale, ma l intero programma transita attraverso la contabilità ed il Bilancio dello Stato; VISTO il Sistema di Gestione e Controllo del PON IOG, giusta comunicazione mail del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, del ; DATO ATTO che lo stesso è stato sottoposto alle valutazioni preliminari del Ministero del Lavoro ed è stato oggetto di condivisione e suggerimenti di alcune integrazioni, tutte recepite in data 30 marzo 2015; VISTO Regolamento interno per l esercizio delle funzioni della Giunta Regionale vigente; RITENUTO di dover provvedere alla sua approvazione e sottoscrizione; VISTI i regolamento (UE) n. 1303/2013, n. 1304/2013 e n. 1311/2013 VISTA la normativa nazionale e regionale in materia; TUTTO CIO PREMESSO, SI PROPONE ALLA GIUNTA REGIONALE: 1. le premesse costituiscono parte integrante e sostanziale del presente atto; 2. di approvare lo schema di Convenzione fra la Regione Molise e l Università degli Studi del Molise per l erogazione dei servizi di cui al Programma Garanzia Giovani relativamente alle Misure Piano di Attuazione del Molise sottoindicate: Accoglienza, informazione, presa in carico, orientamento; Accompagnamento al lavoro; Apprendistato per l alta formazione e la ricerca; Tirocinio extracurriculare (anche in mobilità geografica); 3. di demandare al Direttore Generale dott. Pasquale Mauro Di Mirco di provvedere alla sottoscrizione della Convenzione; 4. di incaricare l Agenzia Regionale Molise Lavoro alla gestione della presente Convenzione; 5. di assoggettare il presente atto al controllo di regolarità amministrativa, in ottemperanza alla DGR N. 155 DEL /11

8 Direttiva Regionale sui controlli interni; 6. di assoggettare il presente l atto agli obblighi in materia di trasparenza, di cui al D.Lgs. n. 33/2013. L Istruttore/Responsabile d Ufficio MASSIMO PILLARELLA DIREZIONE AREA SECONDA Il Direttore MASSIMO PILLARELLA DGR N. 155 DEL /11

9 PARERE IN ORDINE ALLA LEGITTIMITA E ALLA REGOLARITA TECNICO-AMMINISTRATIVA Ai sensi del Regolamento interno della Giunta, del Regolamento interno della Giunta, si esprime parere favorevole in ordine alla legittimità e alla regolarità tecnico-amministrativa del documento istruttorio e si dichiara che l atto non comporta impegno di spesa. Campobasso, DIREZIONE AREA SECONDA Il Direttore MASSIMO PILLARELLA DGR N. 155 DEL /11

10 VISTO DI COERENZA CON GLI OBIETTIVI D AREA Ai sensi del regolamento interno di Giunta si attesta che il presente atto è coerente con gli indirizzi di coordinamento, organizzazione e vigilanza dell AREA SECONDA. Campobasso, IL DIRETTORE DELL AREA SECONDA MASSIMO PILLARELLA VISTO DEL DIRETTORE GENERALE Il Direttore Generale attesta che il presente atto, munito di tutti i visti regolamentari, è coerente con gli indirizzi della politica regionale e gli obiettivi assegnati alla Direzione Generale. PROPONE a PETRAROIA MICHELE l invio all esame della Giunta Regionale per le successive determinazioni. Campobasso, IL DIRETTORE GENERALE PASQUALE MAURO DI MIRCO DGR N. 155 DEL /11

11 Il presente verbale, letto e approvato, viene sottoscritto come in appresso: IL SEGRETARIO MARIOLGA MOGAVERO IL PRESIDENTE PAOLO DI LAURA FRATTURA Documento informatico sottoscritto con firma digitale ai sensi dell Art.24 del D.Lgs. 07/03/2005, 82 DGR N. 155 DEL /11

12 CONVENZIONE TRA Regione Molise, e Università degli Studi del Molise PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA GARANZIA GIOVANI CON RIFERIMENTO AL MERCATO DEL LAVORO DEI LAUREATI ED ALLE SPECIFICHE AZIONI DI: Accoglienza, informazione, presa in carico, orientamento - Accompagnamento al lavoro - Apprendistato per l alta formazione e la ricerca e Tirocinio extracurriculare 1

13 La Regione Molise con sede in Genova, n Campobasso, CF, in persona del Direttore Generale., nato/a a il, domiciliato per la carica presso la sede dell Ente; E l Università degli Studi del Molise (di seguito Università o Ateneo ), nella persona del Rettore pro tempore, prof. Gianmaria Palmieri nato a.....; VISTA la Raccomandazione del Consiglio dell Unione europea del 22 aprile 2013, sull istituzione di una Garanzia per i Giovani (2013/C 120/01), che invita gli Stati a garantire ai giovani un offerta qualitativamente valida di lavoro, di proseguimento degli studi, di apprendistato o di tirocinio o altra misura di formazione; VISTO il Piano di attuazione italiano della Garanzia per i giovani contenente i principi e i criteri del programma Garanzia Giovani, stato approvato il , che garantisce ai giovani con meno di 25 anni un'offerta qualitativamente valida di lavoro, proseguimento degli studi, apprendistato, tirocinio o altra misura di formazione, entro 4 mesi dall'uscita dal sistema di istruzione formale o dall'inizio della disoccupazione LETTA la comunicazione del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali del 11/04/2014 n. prot. 40/ , che al punto 1 chiarisce che i destinatari degli interventi della Garanzia Giovani sono i giovani compresi nella fascia di età anni e che debba essere data, dalle Regioni, priorità agli interventi a favore dei giovani fino a 24 anni; ACCERTATO che la Regione Molise con D.G.R. n.178 del 13/05/2014 ha approvato lo schema di convenzione tra Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e Regione Molise, che la stessa è stata firmata dal Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali e la Regione Molise in data 24/06/2014. ACCERTATO che La Regione Molise ha approvato il Piano di Attuazione Regionale della Garanzia Giovani in Molise con D.G.R. n. 311 in data 14/07/2014, che lo stesso è stato successivamente modificato con D.G.R. n. 660 del 2 dicembre 2014 e D.G.R. n.102 del ; CONSIDERATO che con la suddetta D.G.R. n.660/2014 si è tra l altro stabilito di formalizzare all Agenzia Regionale Molise Lavoro l incarico di svolgere le attività legate alla gestione operativa del PO Garanzia Giovani Molise; LETTI gli Indirizzi operativi per i centri dell impiego della Regione Molise e il Vademecum sulla gestione degli stati nel programma Garanzia Giovani VISTA la delibera di Giunta Regionale n. 396 dell 11 agosto 2014, che istituisce un gruppo di lavoro straordinario, coordinato dal Direttore regionale della programmazione, ing. Massimo Pillarella, utile ad assicurare le migliori condizioni per l attuazione di diverse misure relative all emergenza lavoro tra cui anche Garanzia Giovani; VISTO il Decreto rettorale n. 942 del 1 ottobre 2014, che designa la prof.ssa Luisa Corazza, Delegata del rettore per il Mercato del Lavoro in seno al gruppo straordinario di cui alla Deliberazione n. 396 dell 11 agosto 2014 della Giunta Regionale del Molise; VISTA la nota del Vice-presidente della Regione Molise, assessore Michele Petraroia, del 4 agosto 2014, nella quale si precisa che la regione Molise necessita coinvolgere formalmente l Università per il target laureati, in modo tale che venga implementata e specializzata l offerta del Piano di garanzia Giovani del Molise per le fasce dei laureati ; 2

14 VISTA la determina del Servizio Terzo n. 29 del della Regione Molise con cui la Regione Molise accredita definitivamente l Università degli Studi del Molise all erogazione dei servizi al lavoro ai sensi dell art. 18, comma 3 del regolamento regionale 19 luglio 2013, n. 1/2013; CONSIDERATA la necessità di assicurare l attivazione di un sistema integrato di servizi per il lavoro, garantendo servizi specialistici rivolti ai diversi target dei candidati di Garanzia Giovani; VISTO lo Statuto dell Università degli Studi del Molise, art. 3, comma 5, il quale dispone che L Università promuove e organizza, anche in collaborazione con enti pubblici e privati, servizi didattici integrativi, corsi di formazione, di perfezionamento, di aggiornamento professionale, anche ad integrazione del tirocinio professionale nonché corsi di istruzione permanente e ricorrente, periodi di tirocinio pratico, viaggi e visite di studio ; VISTO il Regolamento didattico di ateneo dell Università degli Studi del Molise, art. 2, comma 1, lett. b), per il quale l Università svolge le attività e i servizi didattici integrativi, di orientamento, di sostegno, di aggiornamento, di perfezionamento e di formazione permanente e ricorrente ; VISTO il Regolamento didattico di ateneo dell Università degli Studi del Molise, art. 3, in base al quale l Università degli Studi del Molise rilascia titoli di studio di laurea e post-lauream; CONSIDERATA la necessità per le università di valorizzare il proprio ruolo nei territori in cui hanno sede, obiettivi che possono essere meglio realizzati mediante azioni sinergiche; CONSIDERATO l interesse dell Università del Molise a svolgere tutte le attività utili a massimizzare il collocamento occupazionale dei laureati, facilitando l ingresso dei giovani nel mondo del lavoro, orientando le scelte professionali di studenti e neolaureati, favorendo i primi contatti con le aziende e assistendo aziende ed enti pubblici nella ricerca e selezione di studenti e neolaureati; CONSIDERATO che la capacità delle Università di concorrere all inserimento lavorativo dei giovani laureati rientra tra i criteri in base ai quali le Università sono soggette a valutazione da parte dell ANVUR, ai sensi del decreto legislativo 27 gennaio 2012, n. 19; CONSIDERATA l attività svolta dall Università degli Studi del Molise nel settore del placement dei laureati sin dal 2007, quando con Decreto Rettorale 19 gennaio 2007, n. 95, veniva costituito l Ufficio Placement, nonché, attualmente, attraverso l attività dei settori ILO e Placement e Tirocini e mercato del lavoro; CONSIDERATA la collaborazione già avviata tra l Università degli Studi del Molise e la Regione Molise nell avviamento dei giovani al mercato del lavoro con l Accordo di programma sottoscritto il 6 maggio 2010 tra la Regione Molise e L Università degli Studi del Molise Programma complessivo di collaborazione per il periodo 2007/13 Conoscere per competere ; CONSIDERATA l esperienza virtuosa già avviata con il Piano Integrato Giovani Molise, approvato il 27 giugno 2011, con deliberazione n. 473, contenente obiettivi generali, nonché linee di intervento, volte a favorire l ingresso dei giovani nel mercato del lavoro, favorendo la transizione scuola-lavoro e stimolando l imprenditorialità e il sistema produttivo regionale; VISTO il protocollo attuativo per la realizzazione del Piano Integrato Giovani Molise, nell ambito del programma complessivo di collaborazione per il periodo 2007/13 Conoscere per competere, sottoscritto tra Regione Molise e Università degli Studi del Molise il 19 settembre 2011; CONSIDERATA la virtuosa esperienza svolta dall Università degli Studi del Molise nella partecipazione al progetto sperimentale di Italia Lavoro - Fixo Scuola & Università; CONSIDERATI i buoni risultati ottenuti dall Università degli Studi del Molise nella procedura di qualificazione dei servizi di placement universitari avviata da Italia Lavoro, mediante la valutazione di standard setting; CONSIDERATO in sintesi che a poco più di trent anni dalla sua istituzione, l Università degli Studi del Molise ha raggiunto un assetto a misura di territorio, con un offerta formativa variegata ed equilibrata che consente ad un alta percentuale di giovani molisani di studiare nella propria 3

15 regione e con un legame didattica-ricerca, caratterizzato dalla filiera lauree magistrali-dottorati di ricerca, e completato dall azione dell Università nell inserimento dei giovani nel mercato del lavoro, che tende a mitigare il rischio, ancora molto forte, di una migrazione intellettuale postlauream; CONSIDERATA l opportunità di intervenire congiuntamente attraverso la sperimentazione di nuovi modelli di organizzazione e sistemi di rete nell erogazione dei servizi al lavoro, che coinvolgono percorsi di transizione scuola-lavoro, conoscenza, ricerca applicata e trasferimento tecnologico, con un piano di interventi di lungo periodo che preveda percorsi comuni, su temi coerenti con la programmazione regionale e le iniziative nazionali ed europee di lotta alla disoccupazione giovanile; VISTO che la Regione Molise in continuità e rafforzamento della pluriennale collaborazione con l Università degli Studi del Molise, con la delibera di Giunta regionale n. 245 del avente ad oggetto: Intesa Quadro tra la Regione Molise e l'università degli Studi del Molise per attività di ricerca, didattiche e assistenziali volte allo sviluppo culturale, sociale ed economico del territorio molisano ha approvato lo schema di intesa quadro che definisce i contenuti e gli obiettivi generali e specifici di collaborazione e gli impegni reciproci della Regione Molise e dell Università degli Studi del Molise; VISTO che l Intesa Quadro è stata sottoscritta il ; VISTO che all interno dell Intesa quadro Regione Molise ed Università degli studi si impegnano ad avviare azioni congiunte, anche con l eventuale coinvolgimento di altri soggetti istituzionali della ricerca, volte allo sviluppo culturale, sociale ed economico del territorio molisano che favoriscano il trasferimento delle conoscenze, la valorizzazione del capitale umano e dell imprenditorialità, il potenziamento della didattica, della ricerca e dell innovazione tecnologica, il miglioramento del sistema sanitario regionale, componendo un disegno maggiormente organico e realizzando un trasferimento generale più efficace in risposta diretta ai problemi e fabbisogni concreti del territorio e a disposizione per le attività didattiche. VISTO che l attività oggetto di convenzione può ritenersi riconducibile all interno dell Intesa quadro, in particolare all Articolo 3, finalizzato alla sostenibilità dell offerta formativa. CONSIDERATA l esigenza, espressa anche nel Piano esecutivo della Regione Molise per l attuazione del piano Garanzia Giovani, di costruire un nuovo sistema di gestione delle politiche attive del lavoro che, partendo dalla strategia e dai modelli definiti dalla Garanzia Giovani, si basi su un sistema di servizi integrati e di politiche attive fortemente legate alla persona, coerenti con le esigenze del mercato locale e necessariamente collegate, in una ottica di efficienza, al risultato conseguito; RITENUTO necessario cercare di mitigare la migrazione intellettuale post-lauream, in quanto la stessa determina di un progressivo impoverimento del territorio che in questo modo perde risorse preziose di capitale umano altamente qualificate che viceversa, restando in regione, potrebbero contribuire alla sviluppo socio economico di qualità del territorio; VISTA la legge 7 agosto 1990, n. 241, art. 15, in base al quale le amministrazioni pubbliche possono stipulare accordi e convenzioni per lo svolgimento in collaborazione di attività di interesse comune; CONSIDERATO che tra le attività di interesse comune tra Università degli Studi del Molise e Regione Molise previste dall art. 15, legge 7 agosto 1990, n. 241, rientra l inserimento dei giovani molisani nel mercato del lavoro; RITENUTO CHE la strategia di intervento che si intende adottare per l attuazione del Programma Garanzia Giovani in Molise, si basa su: Complementarità con il POR Fse ; 4

16 Raccordo operativo tra i soggetti erogatori degli interventi (Cpi, Università e altri soggetti privati accreditati per la formazione e per l erogazione dei servizi al lavoro); VISTI gli Indirizzi operativi per i centri dell impiego della Regione Molise e il Vademecum sulla gestione degli stati nel programma Garanzia Giovani VALUTATA che la necessità di assicurare la copertura completa dei servizi erogabili e la massima efficacia ed efficienza dell azione amministrativa, suggerisce di individuare nell Università degli Studi del Molise il soggetto in grado di attivarsi capillarmente sul territorio, mobilitare risorse professionali di eccellenza, avere un forte raccordo con le imprese il tutto per favorire l inserimento nel mercato del lavoro dei giovani laureati NEET. CONVENGONO DI STIPULARE LA PRESENTE CONVEZIONE: ARTICOLO 1 PREMESSE Le premesse di cui sopra costituiscono parte integrante del presente Accordo. ARTICOLO 2 FINALITÀ ED AMBITI DI INTERVENTO Con la presente Convenzione la Regione Molise e l Università degli Studi del Molise si impegnano ad attuare un sistema di gestione integrata delle politiche attive del lavoro, al fine dall attuazione del piano Garanzia Giovani con specifico riferimento all inserimento lavorativo dei giovani laureati. Con la presente convenzione la Regione Molise e l Università degli Studi del Molise intendono avviare una collaborazione istituzionale nella lotta alla disoccupazione giovanile, con l obiettivo di realizzare un programma di interazione territoriale idoneo a creare un ponte tra il sistema dell istruzione formale e il mercato del lavoro, volto ad evitare il verificarsi di situazioni di esclusione sociale, nonché a potenziare la competitività del sistema imprenditoriale molisano, in linea di continuità con quanto già attuato nell ambito del Piano Integrato Giovani Molise e del Programma Fixo Scuola e Università. La presente convenzione costituisce una fase sperimentale della durata di due anni ( ) di un modello stabile di gestione integrata dei servizi al lavoro rivolti ai giovani laureati molisani, che negli anni successivi potrà essere finanziato, una volta approvata in via definitiva la programmazione, con le risorse della programmazione FSE , nei limiti e nelle forme previste dalla normativa vigente. ARTICOLO 3 AZIONI Con la presente Convenzione l Università degli Studi del Molise e la Regione Molise costruiscono un nuovo sistema di gestione delle politiche attive del lavoro che, partendo dalla strategia e dai modelli definiti dal programma Garanzia Giovani, si basa su un sistema di servizi integrati e di politiche attive fortemente legata alla persona, coerenti con le esigenze del mercato locale e necessariamente collegate, in una ottica di efficienza, al risultato conseguito. Destinatari delle azioni saranno i giovani laureati iscritti alla Garanzia Giovani Molise. Le azioni saranno realizzate in sinergia e collaborazione con gli attori del sistema locale di servizi per il lavoro ed in particolare con i CPI. 5

17 In coerenza con il Piano esecutivo della Regione Molise per l attuazione del programma Garanzia Giovani, e considerate le peculiari esigenze del target dei laureati, la Convenzione si tradurrà nelle seguenti specifiche azioni: a) Accoglienza, informazione, presa in carico, orientamento (MISURE 1-A, 1-B, 1-C); b) Accompagnamento al lavoro (MISURA 3); c) Apprendistato per l alta formazione e la ricerca (MISURA 4-C); d) Tirocinio extracurriculare (anche in mobilità geografica) (MISURA 5); Per lo svolgimento delle azioni di cui al precedente comma la Regione Molise si impegna ad assegnare risorse finanziare pari a un valore massimo di euro ,00 (attribuito a risultato raggiunto, secondo i parametri di costo standard così come definiti nel Piano di attuazione regionale) distribuite tra le diverse azioni secondo quanto stabilito dagli articoli 4-7 della presente Convenzione. ARTICOLO 4 ACCOGLIENZA, INFORMAZIONE, PRESA IN CARICO, ORIENTAMENTO (MISURE 1-A; 1-B; 1-C) In continuità con l ampia esperienza maturata dall Università degli Studi del Molise nel settore del placement e del supporto nei confronti di studenti e laureati rispetto all individuazione dei propri obiettivi professionali, il servizio offerto al laureato sarà quanto più possibile di tipo personalizzato. Oltre ad attività di consulenza specialistica nell individuazione dei propri obiettivi professionali e all assistenza nella individuazione del proprio bagaglio specifico di competenze, gli uffici dell Ateneo offriranno un supporto ai laureati iscritti alla Garanzia Giovani Molise, rispetto a tutta la fase di ricerca attiva del lavoro, anche attraverso colloqui e seminari specialistici relativi alla predisposizione di curricula, attività di training relativo al colloquio di lavoro, attività di self assessment, ovvero attività di conoscenza e individuazione delle proprie competenze specializzate. Nello specifico l Università si impegna a: Misura 1.A) Accoglienza e informazioni sul programma: a) allestire uno Youth Corner presso il quale saranno erogati i servizi informativi e di orientamento nonché quelli di supporto ed assistenza alla registrazione da parte dei giovani alla GG; b) fornire informazioni sul Programma garanzia Giovani (tramite materiali informativi specifici), sui servizi, le misure disponibili e sulla rete dei servizi competenti specificandone altresì funzioni e ruoli; c) fornire informazioni sugli adempimenti amministrativi, legati alla adesione al progetto e i servizi competenti presso cui rivolgersi; d) supportare gli utenti nella registrazione nel sistema informativo, che sancisce l adesione del giovane al Programma. e) organizzare Campagne di comunicazione e coinvolgimento anche attraverso incontri individuali e collettivi diretti alla presentazione del Programma e delle opportunità offerte dall Università tramite il rilascio della Carta dei Servizi Misura 1:B) Accesso alla garanzia (presa in carico, colloquio individuale e profiling, consulenza orientativa) - 6

18 fissare un appuntamento al giovane, di norma, entro 60 giorni dall adesione alla Garanzia e, nel corso di tale incontro, provvedere alla compilazione/aggiornamento della Scheda Anagrafico-Professionale (SAP; valutare la tipologia di bisogno espresso dal giovane e, quando definito nelle sue componenti, individuazione del profiling del giovane; individuare il percorso e le misure attivabili, in relazione alle caratteristiche socioprofessionali rilevate e alle opportunità offerte dalla Garanzia Giovani; stipulare il Patto di Attivazione (Patto di servizio) e registrare le attività/misure/servizi progettati ed erogati; erogare una prima consulenza orientativa attraverso: o informazioni sul mercato del lavoro territoriale, con particolare attenzione ai settori trainanti e ai profili richiesti dal mercato del lavoro e ai titoli di studio più funzionali; o assistenza tecnico-operativa con incontri di gruppo, per lo sviluppo di competenze quali ad esempio parlare in pubblico, sostenere un colloquio individuale; strutturare un curriculum e relativa lettera di presentazione, ecc. Misura 1 C) Orientamento specialistico o di II livello Ove in fase di primo orientamento l operatore ritenga utile per il giovane fare un colloquio di orientamento più approfondito, per capire meglio le attitudini, esigenze, criticità sulla base delle quali strutturare uno specifico percorso allora il candidato sarà indirizzato al servizio di orientamento specialistico di II livello. La scelta concordata è riportata nel Piano di azione Individuale (PAI) Il processo sarà erogato tramite: Colloqui individuali. Rappresentano lo strumento fondamentale di un azione di orientamento di II livello e vanno condotti da un professionista esperto nel rispetto del setting, inteso non solo come luogo e spazio adatto, ma anche in relazione agli obiettivi condivisi. Laboratori di gruppo. I laboratori possono prevedere una conduzione o una co-conduzione in funzione delle esigenze dell utenza e dell équipe. Il processo di orientamento specialistico potrà avvalersi di griglie e schede strutturate e di questionari e strumenti di analisi validati e standardizzati. Questi ultimi rappresentano strumenti di supporto nella conduzione dei colloqui, qualora il consulente ne ritenga opportuno l utilizzo al fine di ottenere informazioni più puntuali. Al termine dell orientamento specialistico il giovane sarà indirizzato verso un percorso formativo (es. tirocinio) ovvero lavorativo. In relazione alle attività sopra descritte l università si impegna anche a : esporre in modo visibile il Logo del Programma Garanzia Giovani in Molise negli appositi spazi denominati Youth Corner, in osservanza degli standard regionali e nazionali (logo, denominazione dei servizi, disponibilità di materiali informativi, ecc.), 7

19 cooperare con la Regione Molise e l Agenzia Regionale Molise Lavoro per il monitoraggio delle iscrizioni e della azioni realizzate in attuazione del piano; Trasferire i dati delle SAP in formato XML verso il SIL regionale presso l'agenzia Molise Lavoro, a cadenza mensile; Correggere le anomalie presenti negli stati di adesione del Programma "Garanzia Giovani" nei dati delle SAP secondo i report inviati dall'agenzia Molise Lavoro, a cedenza mensile. Al fine di armonizzare ed uniformare le modalità operative e di esecuzione si fa rinvio a quanto previsto negli Indirizzi operativi per i centri dell impiego della Regione Molise. Il costo stimato massimo per l attività di cui al presente articolo è di euro ,00. Il numero di giovani a cui si prevede di offrire il servizio di accoglienza, informazione, presa in carico, orientamento, anche alla luce dei primi dati del monitoraggio sul programma Garanzia Giovani, è di circa 500 (cinquecento) destinatari. La valorizzazione di detto importo è così determinata: per la Scheda 1-A (Accoglienza e informazioni sul Programma) n. 700 ragazzi. Nessuna riconoscibilità economica sul Programma IOG; per la Scheda 1-B (Accesso alla Garanzia Presa in carico, colloquio individuale e profiling, consulenza orientativa) n. 500 ragazzi presi in carico e profilati per costo unitario standard di orario per un massimo di 2 ore; per la Scheda 1-C (Orientamento specialistico o di II livello) n. 500 ragazzi per il costo standard orario di 35,50 per un massimo di 8 ore (con riduzione in caso di gruppo per un importo pari a 15 ora/destinatario). Per la misura Accoglienza, presa in carico ed orientamento il completamento dell attività si considera effettuata con la vidimazione della Scheda Attività 1 B, nella quale sono riportate le ore di servizio erogate e la profilazione del candidato effettuata e la sottoscrizione del Patto di Attivazione). Per la misura orientamento specialistico di II livello), il completamento dell attività si considera conclusa con la vidimazione della Scheda Attività 1-C nella quale sono riportate le ore di servizio erogate per l orientamento specialistico). Eventuali errori di determinazione del contributo richiesto potranno essere corretti d ufficio, sulla base della documentazione esaminata, ai fini della validazione della richiesta di erogazione intermedia. L università fornirà alla Regione, e per essa all Agenzia regionale Molise Lavoro, con cadenza mensile entro il 10 di ogni mese, un report delle persone che hanno concluso le due attività di cui sopra (scheda rendicontazione mensile). La Regione liquiderà i contributi sulla base delle attività effettivamente realizzate a costi standard, così come disciplinato nel Piano Esecutivo Regionale. Per le attività soggette a condizioni specifiche per la riconoscibilità (quali ad esempio la percentuale di frequenza per le quote ora/allievo in merito alla fase di accoglienza orientamento e orientamento specialistico o stage/tirocinio o, sempre ad esempio, la formalizzazione dell assunzione di un soggetto disoccupato), l importo erogabile potrà essere richiesto solamente al completamento della relativa attività. La Regione Molise, con il supporto gestionale dell Agenzia Regionale Molise lavoro, liquiderà all Università i contributi relativi alle attività completate semestralmente previa acquisizione della documentazione di rendicontazione e previo controllo di primo livello secondo le procedure 8

20 SI.GE.CO, entro 30 giorni dal perfezionamento della procedura di controllo, tramite il sistema finanziario IGRUE. ARTICOLO 5 ACCOMPAGNAMENTO AL LAVORO (MISURA 3) La misura dell accompagnamento al lavoro è svolta dagli uffici dell Università degli Studi del Molise al fine di completare le azioni di accoglienza, informazione, presa in carico ed orientamento. Una volta completata la fase di ricerca delle offerte di lavoro disponibili ed esaurita la fase del matching (pre-selezione e individuazione delle figure adatte alle specifiche posizioni lavorative) è necessario procedere all accompagnamento del giovane nell accesso al percorso individuato. In relazione alla specifica occasione offerta, di tipo formativo puro, occupazionale puro, o misto, sarà necessario assistere il giovane avviato al lavoro, anche mediante l assistenza individuale alla predisposizione dei progetti formativi e all individuazione della tipologia contrattuale più funzionale al fabbisogno manifestato. La fase dell accompagnamento al lavoro è essenziale a fine di completare e rendere effettiva la stipulazione del patto di servizio. Rientrano in questa attività: Ricerca delle opportunità occupazionali più consone al giovane; Promozione dei profili, delle competenze e della professionalità dei giovani presso il sistema imprenditoriale; Pre-selezione e accesso alle misure individuate; Accompagnamento del giovane nell accesso al percorso individuato e nell attivazione delle misure collegate; Assistenza al sistema della Domanda nella fase di preselezione e nella definizione del progetto formativo legato alla tipologia contrattuale più funzionale al fabbisogno manifestato (ad esempio tra contratto di apprendistato e tempo determinato). Il costo stimato massimo per questa attività è di euro ,00 per l accompagnamento di circa 50 giovani iscritti alla Garanzia giovani Molise. Il servizio erogato sarà rimborsato al conseguimento del risultato, in funzione della categoria di profilazione del giovane e del tipo di contratto offerto; gli importi relativi saranno erogati in maniera differenziata e con conseguente diversa intensità, eventualmente anche a tranches. La Regione Molise, con il supporto gestionale dell Agenzia Regionale Molise lavoro, liquiderà all Università i contributi relativi alle attività completate semestralmente previa acquisizione della documentazione di rendicontazione e previo controllo di primo livello secondo le procedure SI.GE.CO, entro 30 giorni dal perfezionamento della procedura di controllo, tramite il sistema finanziario IGRUE. In caso di conclusione anticipata del rapporto di lavoro, l importo è proporzionato alla durata effettiva (l importo è concesso per l intero dopo sei mesi nella terza ipotesi e dodici nelle altre due). Il parametro di costo è indicato nella seguente tabella ed in funzione del livello di profilazione del giovane. Tipo di contratto BASSA MEDIA ALTA MOLTO ALTA Tempo indeterminato o Apprendistato I e III livello Tempo determinato > 12 mesi o Apprendistato II livello Tempo determinato 6-12 mesi ARTICOLO 6 9

Vademecum sulla gestione degli stati nel Programma Garanzia Giovani

Vademecum sulla gestione degli stati nel Programma Garanzia Giovani Vademecum sulla gestione degli stati nel Programma Garanzia Giovani 1 Sommario Premessa... 3 Beneficiari: i giovani NEET... 4 Dall adesione alla fine del percorso... 6 Regole di gestione della tracciatura

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

Piano di attuazione italiano della Garanzia per i Giovani

Piano di attuazione italiano della Garanzia per i Giovani Piano di attuazione italiano della Garanzia per i Giovani 1 Il contesto 1.1 Il contesto europeo La Raccomandazione del Consiglio dell Unione Europea del 22 aprile 2013 sull istituzione di una Garanzia

Dettagli

l attuazione della YEI, devono impegnare le risorse per i giovani nel primo biennio di programmazione (2014-2015), in coerenza con le disposizioni di

l attuazione della YEI, devono impegnare le risorse per i giovani nel primo biennio di programmazione (2014-2015), in coerenza con le disposizioni di AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DEI SOGGETTI ATTUATORI DI TIROCINI EXTRACURRICULARI, ANCHE IN MOBILITÀ INTERREGIONALE ATTRAVERSO L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA GARANZIA GIOVANI NELLA REGIONE SICILIANA

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

per aumentare l occupazione

per aumentare l occupazione newsletter a cura di Giugno 2014 La garanzia giovani parte. Con le imprese editoriale del Ministro Aiutiamo in concreto i giovani e le imprese di Giuliano Poletti Il 1 maggio ha preso avvio, in tutta Italia,

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

Garanzia Giovani: il coraggio che manca

Garanzia Giovani: il coraggio che manca @bollettinoadapt, 30 aprile 2014 Garanzia Giovani: il coraggio che manca di Giulia Rosolen, Lilli Casano, Lidia Petruzzo, Carmen Di Stani Tag: #lavoro #1maggio #riformedellavoro #garanziagiovani Poteva

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO

STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO Emanato con Decreto Rettorale n. 623/AG del 23 febbraio 2012 e pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 52 del 2 marzo 2012 STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI E PRINCIPI Art.

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

MANUALE PER I CONTROLLI SULLE OPERAZIONI COSTITUITE DA EROGAZIONI DI FINANZIAMENTI DIRETTI

MANUALE PER I CONTROLLI SULLE OPERAZIONI COSTITUITE DA EROGAZIONI DI FINANZIAMENTI DIRETTI MANUALE PER I CONTROLLI SULLE OPERAZIONI COSTITUITE DA EROGAZIONI DI FINANZIAMENTI DIRETTI FSE 2007-2013 A cura della Direzione Istruzione Formazione Professionale Lavoro Allegato a alla dd. n. 608 del

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Scuola Politecnica, Dipartimento di Scienze per l Architettura Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività Corso di Laurea TRIENNALE IN DISEGNO

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Art. 1 - Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina i procedimenti di selezione,

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA Comune di Lecco Prot. n. 50286 AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI PER LA EVENTUALE COPERTURA RA A TEMPO INDETERMINATO DI UN POSTO DI FUNZIONARIO DA INQUADRARE NEL PROFILO AMMINISTRATIVO, O

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA Il MERCATO Dipartimento Mercato del Lavoro del LAVORO in LOMBARDIA Legge Regionale 22 approvata il 19 settembre 2006 dal Consiglio Regionale Lombardo ll nuovo testo è migliore rispetto al precedente su

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 1 Indice Art. 1 - Definizioni...4 Art. 2 - Autonomia Didattica... 5 Art. 3 - Titoli, Corsi di studio e Corsi di Alta Formazione.... 5 Art. 4 - Rilascio

Dettagli

Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA

Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA AVVISO PUBBLICO Selezione di Statistici junior BIC Sardegna SpA, Soggetto Attuatore dell intervento IDMS, Sistema Informativo dell indice di Deprivazione Multipla

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 2 - Direzione Generale Sviluppo Economico e le Attività Produttive

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Al servizio del lavoro

Al servizio del lavoro www.lavoro.regione.lombardia.it Al servizio del lavoro Guida alle politiche di Regione Lombardia a sostegno dell occupazione. Opportunità e iniziative: per chi è disoccupato per i lavoratori colpiti dalla

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS Legge Regionale 28 giugno 2013 n. 15 - Disposizioni transitorie in materia di riordino delle province Legge Regionale 12 marzo 2015 n. 7 - Disposizioni urgenti in materia

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Roma, aprile 2012 L EVOLUZIONE NEI RAPPORTI TRA UNIVERSITÀ,

Roma, aprile 2012 L EVOLUZIONE NEI RAPPORTI TRA UNIVERSITÀ, Roma, aprile 2012 L EVOLUZIONE NEI RAPPORTI TRA UNIVERSITÀ, TERRITORIO E MONDO DEL LAVORO IN ITALIA: Un riepilogo delle principali trasformazioni degli ultimi venti anni di Cristiana Rita Alfonsi e Patrizia

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d);

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO il Regolamento delle attività culturali, sociali e ricreative degli studenti, emanato con decreto rettorale

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

FORMULARIO. Allegato 2) REGIONE TOSCANA. P.O.R. FONDO SOCIALE EUROPEO CRO 2007/2013 anno 2012

FORMULARIO. Allegato 2) REGIONE TOSCANA. P.O.R. FONDO SOCIALE EUROPEO CRO 2007/2013 anno 2012 Allegato 2) REGIONE TOSCANA P.O.R. FONDO SOCIALE EUROPEO CRO 2007/2013 anno 2012 Direzione Generale Competitività del sistema regionale e sviluppo delle competenze FORMULARIO Area Istruzione e educazione

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 9^ legislatura Struttura amministrativa competente: Direzione Competitivita Sistemi Agroalimentari Presidente Luca Zaia Vicepresidente Marino Zorzato Assessori Renato Chisso Roberto Ciambetti Luca Coletto

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 10134 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 Disposizioni concernenti l attivazione di tirocini diretti all orientamento e all inserimento nel mercato del lavoro.

Dettagli

DELIBERAZIONE N IX / 3153 Seduta del 20/03/2012

DELIBERAZIONE N IX / 3153 Seduta del 20/03/2012 DELIBERAZIONE N IX / 3153 Seduta del 20/03/2012 Presidente ROBERTO FORMIGONI Assessori regionali ANDREA GIBELLI Vice Presidente VALENTINA APREA DANIELE BELOTTI GIULIO BOSCAGLI LUCIANO BRESCIANI RAFFAELE

Dettagli

Vista la Legge Regionale 24 Marzo 1974 n. 18; Vista la Legge Regionale 4 Febbraio 1997 n. 7; Vista la Legge Regionale 16.1.2001. n. 28 e s.m.i.

Vista la Legge Regionale 24 Marzo 1974 n. 18; Vista la Legge Regionale 4 Febbraio 1997 n. 7; Vista la Legge Regionale 16.1.2001. n. 28 e s.m.i. 28501 di dare atto che il presente provvedimento non comporta alcun mutamento qualitativo e quantitativo di entrata o di spesa né a carico del bilancio regionale né a carico degli enti per i cui debiti

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

Progetti per l Inclusione Sociale

Progetti per l Inclusione Sociale Unione Europea Fondo Sociale Europeo Repubblica Italiana ASSESSORADU DE S'IGIENE E SANIDADE E DE S'ASSISTÈNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DELL IGIENE, SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE Direzione Generale delle

Dettagli

GARANZIA GIOVANI: PRONTI A PARTIRE? Una guida pratica sulla Garanzia Giovani e su come entrare nel mondo del lavoro SEGUICI SU

GARANZIA GIOVANI: PRONTI A PARTIRE? Una guida pratica sulla Garanzia Giovani e su come entrare nel mondo del lavoro SEGUICI SU GARANZIA GIOVANI: PRONTI A PARTIRE? Una guida pratica sulla Garanzia Giovani e su come entrare nel mondo del lavoro SEGUICI SU Sommario Prefazione, di Stefano Colli-Lanzi, AD Gi Group e Presidente Gi Group

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

Il tirocinio extracurriculare. come, quando, dove e perché

Il tirocinio extracurriculare. come, quando, dove e perché Il tirocinio extracurriculare come, quando, dove e perché Contenuti Cos è un tirocinio Le finalità del tirocinio extracurriculare La legislazione che lo regola Come cercare informazioni Prima di iniziare

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

PROGRAMMA VINCI Bando 2015

PROGRAMMA VINCI Bando 2015 PROGRAMMA VINCI Bando 2015 L Università Italo Francese / Université Franco Italienne (UIF/UFI) emette il quindicesimo bando Vinci, volto a sostenere le seguenti iniziative: I. Corsi universitari binazionali

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

Attività relative al primo anno

Attività relative al primo anno PIANO OPERATIVO L obiettivo delle attività oggetto di convenzione è il perfezionamento dei sistemi software, l allineamento dei dati pregressi e il costante aggiornamento dei report delle partecipazioni

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

GARANZIA PER I GIOVANI PROPOSTA DI SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELL ISFOL 24 GIUGNO 2013

GARANZIA PER I GIOVANI PROPOSTA DI SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELL ISFOL 24 GIUGNO 2013 GARANZIA PER I GIOVANI PROPOSTA DI SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELL ISFOL 24 GIUGNO 2013 Premessa La Garanzia per i Giovani, presentata nel paper Isfol del 14 giugno scorso (cfr. http://www.isfol.it/primo-piano/una-garanzia-per-i-giovani),

Dettagli

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale UFFICIO III - Politiche formative e rete scolastica U.O. 2: Fondi Strutturali dell

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Torno Subito è un'iniziativa della Regione Lazio Assessorato alla Formazione, Ricerca, Scuola e Università

Torno Subito è un'iniziativa della Regione Lazio Assessorato alla Formazione, Ricerca, Scuola e Università COS'È TORNO SUBITO Torno Subito è un'iniziativa della Regione Lazio Assessorato alla Formazione, Ricerca, Scuola e Università finanziata con fondi POR FSE Lazio 2007-2013 Asse II Occupabilità; Asse V Transnazionalità

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19 della legge 30 dicembre 2010, n. 240 (emanato con decreto rettorale 24 ottobre 2014, n. 478) INDICE

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli