REGIONE MOLISE GIUNTA REGIONALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGIONE MOLISE GIUNTA REGIONALE"

Transcript

1 REGIONE MOLISE GIUNTA REGIONALE Mod. B (Atto che non comporta impegno di spesa) Seduta del DELIBERAZIONE N. 155 OGGETTO: PROGRAMMA GARANZIA GIOVANI MOLISE APPROVAZIONE CONVENZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL MOLISE. LA GIUNTA REGIONALE Riunitasi il giorno tre del mese di Aprile dell anno duemilaquindici nella sede dell Ente con la presenza dei Signori: N. Cognome e Nome Carica Presente/Assente 1 DI LAURA FRATTURA PAOLO PRESIDENTE Presente 2 PETRAROIA MICHELE VICE PRESIDENTE Presente 3 FACCIOLLA VITTORINO ASSESSORE Presente 4 NAGNI PIERPAOLO ASSESSORE Presente 5 SCARABEO MASSIMILIANO ASSESSORE Presente SEGRETARIO: MARIOLGA MOGAVERO Con voto espresso a Unanimità, PRESO ATTO del documento istruttorio concernente l argomento in oggetto, che costituisce parte integrante e sostanziale della presente deliberazione; PRESO ATTO, ai sensi dell art. 7, comma 4, del Regolamento interno di questa Giunta: lett. a): del parere, in ordine alla legittimità e alla regolarità tecnico-amministrativa del documento istruttorio, espresso dal Direttore del Servizio proponente, e della dichiarazione, in esso contenuta, che l atto non comporta impegno di spesa; lett. b): del visto, del Direttore d Area, di coerenza con gli obiettivi d Area; lett. c): del visto, del Direttore Generale, di coerenza della proposta di deliberazione con gli indirizzi della politica regionale e gli obiettivi assegnati alla Direzione Generale, e della proposta al Vicepresidente Michele Petraroia, d invio del presente atto all esame della Giunta regionale; VISTA la legge regionale 23 marzo 2010 n. 10 e successive modifiche ed integrazioni, nonché la normativa attuativa della stessa; VISTO il Regolamento interno di questa Giunta; DELIBERA 1. Il documento istruttorio costituisce parte integrante e sostanziale del presente atto; DGR N. 155 DEL /11

2 2. di approvare lo schema di Convenzione fra la Regione Molise e l Università degli Studi del Molise per l erogazione dei servizi di cui al Programma Garanzia Giovani relativamente alle Misure Piano di Attuazione del Molise sottoindicate: Accoglienza, informazione, presa in carico, orientamento; Accompagnamento al lavoro; Apprendistato per l alta formazione e la ricerca; Tirocinio extracurriculare (anche in mobilità geografica); 3. di demandare al Direttore Generale dott. Pasquale Mauro Di Mirco di provvedere alla sottoscrizione della Convenzione; 4. di incaricare l Agenzia Regionale Molise Lavoro alla gestione della presente Convenzione; 5. di assoggettare il presente atto al controllo di regolarità amministrativa, in ottemperanza alla Direttiva Regionale sui controlli interni; 6. di assoggettare il presente l atto agli obblighi in materia di trasparenza, di cui al D.Lgs. n. 33/2013. DGR N. 155 DEL /11

3 DOCUMENTO ISTRUTTORIO Oggetto: Programma Garanzia Giovani Molise approvazione convenzione Università degli studi del Molise. PREMESSO che: con la Raccomandazione del Consiglio dell Unione europea del 22 aprile 2013, sull istituzione di Garanzia per i Giovani (2013/C 120/01), gli Stati membri sono stati invitati a garantire ai giovani un offerta qualitativamente valida di lavoro, di proseguimento degli studi, di apprendistato o di tirocinio o altra misura di formazione; l Accordo di Partenariato, trasmesso in data , individua il Programma Operativo Nazionale per l attuazione della Iniziativa Europea per l Occupazione dei Giovani (PON IOG) e il Programma Operativo Nazionale Sistemi di Politiche Attive per l Occupazione tra i Programmi Operativi Nazionali finanziati dal FSE; il Piano di attuazione italiano della Garanzia per i giovani contenente i principi e i criteri del programma Garanzia Giovani, è stato approvato il ; il Regolamento (UE) n. 1303/2013 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 17 dicembre 2013 pubblicato sulla GUE del reca disposizioni comuni sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo, sul Fondo di coesione, sul Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale e sul Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca e definisce disposizioni generali sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo, sul Fondo di coesione e sul Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca e abroga il Regolamento (CE) n. 1083/2006 del Consiglio; il Regolamento (UE) n. 1304/2013 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 17 dicembre 2013 pubblicato sulla GUE del 20 dicembre 2013 relativo al Fondo sociale europeo e abrogante il Regolamento (CE) n. 1081/2006 del Consiglio sostiene, all art. 16, l Iniziativa a favore dell occupazione giovanile per la lotta alla disoccupazione giovanile ; il Regolamento (UE - EURATOM) n. 1311/2013 del Consiglio del 2 dicembre 2013 stabilisce il quadro finanziario pluriennale per il periodo ; il D.Lgs. n. 181 del 21 aprile 2000, e s.m.i.;fissa le disposizioni per agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, il Decreto Direttoriale n. D.D. 237/Segr D.G del 04/04/2014, ripartisce le risorse del Piano di attuazione italiano della Garanzia per i Giovani tra le Regioni e la Provincia Autonoma di Trento; ACCERTATO che: la Regione Molise con D.G.R. n.178 del 13/05/2014 ha approvato lo schema di convenzione tra Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e Regione Molise, che la stessa è stata firmata dal Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali e la Regione Molise in data 24/06/2014; la Regione Molise ha approvato il Piano di Attuazione Regionale della Garanzia Giovani in Molise con D.G.R. n. 311 in data 14/07/2014, che lo stesso è stato successivamente modificato con D.G.R. n. 660 del 2 dicembre 2014 e D.G.R. n.102 del ; con la suddetta D.G.R. n.660/2014 si è inoltre stabilito di: 1. demandare all ing. Massimo Pillarella di rappresentare la Regione Molise per l attuazione del Piano di Garanzia Giovani, affidandogli ogni attività di relazione con gli organi governativi di livello centrale e di coordinamento ed organizzazione dei singoli interventi necessari all attuazione del Piano stesso, 2. formalizzare all Agenzia Regionale Molise Lavoro l incarico di svolgere le attività legate alla gestione operativa del PO Garanzia Giovani Molise, sotto la direzione e coordinamento strategico del Responsabile Regionale della Programmazione, Direttore dell'area Seconda ing. M. Pillarella, con impegno ad assicurare un costante flusso informativo di tutti i dati inerenti la gestione del PO Garanzia Giovani verso gli Uffici dell Assessorato al Lavoro e i componenti la Cabina di Regia, per quanto previsto, in stretta relazione con i Centri per l Impiego ed eventuali altri soggetti interessato; DATO ATTO che: l'agenzia Regionale Molise Lavoro (A.R.M.L.) è un ente strumentale della Regione Molise, che ne esercita il controllo esclusivo, è istituita con Legge regionale n. 27/99 ed appartiene al Sistema Regione Molise come definito con normativa regionale; L A.R.M.L. garantisce un ruolo strategico, funzionale e di qualità, per il Programma Garanzia Giovani, in forza della normativa vigente, con riferimento a tutta l attività di acquisizione, gestione, DGR N. 155 DEL /11

4 elaborazione e trasmissione dei dati attraverso il Sistema SIL al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, l interlocuzione privilegiata con tutti i soggetti titolati, relativamente al mercato del lavoro ed in particolare per lo spazio dei NEET; l A.R.M.L. in forza alla decisione della D.G.R. n. 660/4014 suindicata, cura, per la Regione Molise, l amministrazione del sistema di gestione del PON IOG - Sigma Giovani e Igrue; ACCERTATO che la Regione ha scelto di avvalersi del sistema di contabilità e gestione sul S.I. MEF IGRUE; VISTA la determina del Servizio Terzo n. 29 del con cui la Regione Molise ha accreditato l Università degli Studi del Molise all erogazione dei servizi al lavoro ai sensi dell art. 18, comma 3 del regolamento regionale 19 luglio 2013, n. 1/2013; CONSIDERATA la necessità di assicurare l attivazione di un sistema integrato di servizi per il lavoro, garantendo prestazioni specialistiche rivolte ai diversi target dei candidati di Garanzia Giovani; VISTO lo Statuto dell Università degli Studi del Molise, art. 3, comma 5, il quale dispone che L Università promuove e organizza, anche in collaborazione con enti pubblici e privati, servizi didattici integrativi, corsi di formazione, di perfezionamento, di aggiornamento professionale, anche ad integrazione del tirocinio professionale nonché corsi di istruzione permanente e ricorrente, periodi di tirocinio pratico, viaggi e visite di studio ; VISTO il Regolamento didattico di ateneo dell Università degli Studi del Molise, art. 2, comma 1, lett. b), per il quale l Università svolge le attività e i servizi didattici integrativi, di orientamento, di sostegno, di aggiornamento, di perfezionamento e di formazione permanente e ricorrente ; VALUTATA l opportunità di sostenere le università nello sforzo di valorizzare il loro ruolo nei territori in cui hanno sede, obiettivi che possono essere meglio realizzati mediante azioni sinergiche; CONSIDERATO: l interesse dell Università del Molise a svolgere tutte le attività utili a massimizzare il collocamento occupazionale dei laureati, facilitando l ingresso dei giovani nel mondo del lavoro, orientando le scelte professionali di studenti e neolaureati, favorendo i primi contatti con le aziende e assistendo aziende ed enti pubblici nella ricerca e selezione di studenti e neolaureati; che la capacità delle Università di concorrere all inserimento lavorativo dei giovani laureati rientra tra i criteri in base ai quali le università sono soggette a valutazione da parte dell ANVUR, ai sensi del decreto legislativo 27 gennaio 2012, n. 19; che l Università degli Studi del Molise svolge l attività nel settore del placement dei laureati sin dal 2007, quando con Decreto Rettorale 19 gennaio 2007, n. 95, veniva costituito l Ufficio Placement, nonché, attualmente, attraverso l attività dei settori ILO e Placement e Tirocini e mercato del lavoro; ACCERTATO che: la collaborazione tra l Università degli Studi del Molise e la Regione Molise nell avviamento dei giovani al mercato del lavoro è già stata attivata con l Accordo di programma sottoscritto il 6 maggio 2010 tra la Regione Molise e L Università degli Studi del Molise Programma complessivo di collaborazione per il periodo 2007/13 Conoscere per competere ; l esperienza virtuosa già avviata con il Piano Integrato Giovani Molise, approvato il 27 giugno 2011, con deliberazione n. 473, contenente obiettivi generali, nonché linee di intervento, volte a favorire l ingresso dei giovani nel mercato del lavoro, favorendo la transizione scuola-lavoro e stimolando l imprenditorialità e il sistema produttivo regionale; il protocollo attuativo per la realizzazione del Piano Integrato Giovani Molise, nell ambito del programma complessivo di collaborazione per il periodo 2007/13 Conoscere per competere, è stato sottoscritto tra Regione Molise e Università degli Studi del Molise il 19 settembre 2011; CONSIDERATA: la virtuosa esperienza svolta dall Università degli Studi del Molise nella partecipazione al progetto sperimentale di Italia Lavoro - Fixo Scuola & Università; l opportunità di intervenire attraverso la sperimentazione di nuovi modelli di organizzazione e sistemi di rete nell erogazione dei servizi al lavoro, che coinvolgono percorsi di transizione scuolalavoro, conoscenza, ricerca applicata e trasferimento tecnologico, con un piano di interventi di lungo periodo che preveda percorsi comuni, su temi coerenti con la programmazione regionale e le iniziative nazionali ed europee di lotta alla disoccupazione giovanile; RILEVATI i buoni risultati ottenuti dall Università degli Studi del Molise nella procedura di qualificazione dei servizi di placement universitari avviata da Italia Lavoro, mediante la valutazione di standard setting; CONSIDERATO che a poco più di trent anni dalla sua istituzione, l Università degli Studi del Molise ha raggiunto un assetto a misura di territorio, con un offerta formativa variegata ed equilibrata che consente ad un alta percentuale di giovani molisani di studiare nella propria regione e con un legame didattica- DGR N. 155 DEL /11

5 ricerca, caratterizzato dalla filiera lauree magistrali-dottorati di ricerca, e completato dall azione dell Università nell inserimento dei giovani nel mercato del lavoro, che tende a mitigare il rischio, ancora molto forte, di una migrazione intellettuale post-lauream; VERIFICATO che: la Regione Molise, al fine di rafforzare e dare nuova linfa alla pluriennale collaborazione con l Università degli Studi del Molise, con la delibera di Giunta regionale n. 245 del avente ad oggetto: Intesa Quadro tra la Regione Molise e l'università degli Studi del Molise per attività di ricerca, didattiche e assistenziali volte allo sviluppo culturale, sociale ed economico del territorio molisano, ha approvato lo schema di intesa quadro che definisce i contenuti e gli obiettivi generali e specifici di collaborazione e gli impegni reciproci della Regione Molise e dell Università degli Studi del Molise; che l Intesa Quadro è stata sottoscrtitta il ; che all interno dell Intesa quadro la Regione Molise e Università degli studi del Molise si sono impegnati ad avviare azioni congiunte, anche con l eventuale coinvolgimento di altri soggetti istituzionali della ricerca, volte allo sviluppo culturale, sociale ed economico del territorio molisano, che favoriscano il trasferimento delle conoscenze, la valorizzazione del capitale umano e dell imprenditorialità, il potenziamento della didattica, della ricerca e dell innovazione tecnologica, il miglioramento del sistema sanitario regionale, componendo un disegno maggiormente organico e realizzando un trasferimento generale più efficace in risposta diretta ai problemi e fabbisogni concreti del territorio e a disposizione per le attività didattiche; CONSIDERATA l esigenza, espressa anche nel Piano esecutivo della Regione Molise per l attuazione del piano Garanzia Giovani, di costruire un nuovo sistema di gestione delle politiche attive del lavoro che, partendo dalla strategia e dai modelli definiti dalla Garanzia Giovani, si basi su un sistema di servizi integrati e di politiche attive fortemente legate alla persona, coerenti con le esigenze del mercato locale e necessariamente collegate, in una ottica di efficienza, al risultato conseguito; RITENUTO necessario cercare di mitigare la migrazione intellettuale post-lauream, in quanto la stessa determina di un progressivo impoverimento del territorio che in questo modo perde risorse preziose di capitale umano altamente qualificate che viceversa, restando in regione, potrebbero contribuire alla sviluppo socio economico di qualità del territorio; VISTA la legge 7 agosto 1990, n. 241, art. 15, in base al quale le amministrazioni pubbliche possono stipulare accordi e convenzioni per lo svolgimento in collaborazione di attività di interesse comune; CONSIDERATO che tra le attività di interesse comune tra Università degli Studi del Molise e Regione Molise previste dall art. 15, legge 7 agosto 1990, n. 241, rientra l inserimento dei giovani molisani nel mercato del lavoro; CONSIDERATO che l attività oggetto di convenzione può ritenersi riconducibile all interno dell Intesa quadro, in particolare all Articolo 3, finalizzato alla sostenibilità dell offerta formativa. RITENUTO che la strategia di intervento che si intende adottare per l attuazione del Programma Garanzia Giovani in Molise, si basa su: Complementarità con il POR Fse ; Raccordo operativo tra i soggetti erogatori degli interventi (Cpi, Università e altri soggetti privati accreditati per la formazione e per l erogazione dei servizi al lavoro); VALUTATA che la necessità di assicurare la copertura completa dei servizi erogabili e la massima efficacia ed efficienza dell azione amministrativa, suggerisce di individuare nell Università degli Studi del Molise il soggetto in grado di attivarsi capillarmente sul territorio, mobilitare risorse professionali di eccellenza, avere un forte raccordo con le imprese, il tutto per favorire l inserimento nel mercato del lavoro dei giovani laureati NEET. RILEVATO che i servizi previsti dal Piano di esecuzione del Molise del PON IOG sopra citato, comprendono le seguenti Misure: 1-A Accoglienza e informazioni sul programma 1-B Accoglienza, presa in carico, orientamento 1-C Orientamento specialistico o di II livello 2-A Formazione mirata all inserimento lavorativo 3 Accompagnamento al lavoro 4-A Apprendistato per la qualifica e per il diploma professionale 4-B Apprendistato professionalizzante o contratto di mestiere 4-C Apprendistato per l alta formazione e la ricerca 5 Tirocinio extra-curriculare, anche in mobilità geografica DGR N. 155 DEL /11

6 6 Servizio civile 7 Sostegno all autoimpiego e all autoimprenditorialità 9. Bonus occupazionale; CONSIDERATO che in questa fase è prioritario regolamentare i rapporti tra Regione e l Università degli Studi del Molise per le attività di cui alle seguenti Misure: (a) Accoglienza e informazioni sul programma (b) Accoglienza, presa in carico, orientamento (c) Orientamento specialistico o di II livello (d) Accompagnamento al lavoro; (e) Apprendistato per l alta formazione e la ricerca; (f) Tirocinio extracurriculare (anche in mobilità geografica); ACCERTATO che la remunerazione delle suindicate attività, all Università, in attuazione del PAR Molise, è disciplinata nel seguente modo, in riferimento ai costi standar ed ai risultati fissati dal programma nazionale: (a) per 1a Misura A (Accoglienza e informazioni sul programma) si stimano circa 700 ragazzi, mentre l erogazione del servizi di accoglienza e prima informazione non prevede nessuna riconoscibilità economica, (b) per la Misura 1-B (Accesso alla Garanzia Presa in carico, colloquio individuale e profiling, consulenza orientativa) si stimano circa 500 ragazzi presi in carico e profilati per costo unitario standard di 34,00 orario per un massimo di 2 ore, la remunerazione avverrà a risultato per un importo massimo di ,00; (c) per la Misura 1-C (Orientamento specialistico o di II livello, si stimano circa 500 ragazzi per il costo standard orario di 35,50 per un massimo di 8 ore (con riduzione in caso di gruppo per un importo pari a.15 ora/destinatario), la remunerazione avverrà a risultato per un importo massimo di ,00; (d) per la Misura 3 Accompagnamento il parametro di costo è indicato nella seguente tabella ed in funzione del livello di profilazione del giovane, la remunerazione avverrà a risultato per un importo massimo di ,00, calcolato cautelativamente sulla tipologia più alta; Tipo di contratto BASSA MEDIA ALTA MOLTO ALTA Tempo indeterminato o Apprendistato I e III livello Tempo determinato > 12 mesi o Apprendistato II livello Tempo determinato 6-12 mesi (e) Per la Misura 4-C, Apprendistato per l alta formazione e la ricerca l Unità di Costo Standard (UCS) nazionale è definita in ora/corso.117,00 e UCS ora/allievo di 0,80, per un valore massimo di ,00 tale importo sarà destinato per circa.9.500,00 alla formazione dei ragazzi con una previsione di circa 80 ore di formazione ( 117(+0.8* 10 ragazzi) * 80 ore) e la restante parte come incentivo a contratti di apprendistato dei ragazzi ( ,00*10 ragazzi), la remunerazione avverrà a risultato per un importo massimo di ,00; (f) per la Misura 5 Tirocinio extracurriculare (anche in mobilità geografica) è corrisposta una remunerazione a risultato, come servizio di promozione, definita sulla base dei sui costi standard sotto riportati: IN BASE AL PROFILING DEL GIOVANE BASSA MEDIA ALTA MOLTO ALTA Remunerazione a risultato (a completamento del periodo di tirocinio o segmentato in periodi semestrali) DGR N. 155 DEL /11

7 L Università del Molise propone di attivare circa 250 tirocini di durata semestrale la remunerazione avverrà a risultato per un importo massimo, calcolato, cautelativamente, sul profilo più alto di ,00; ELABORATO lo schema di Protocollo d Intesa; ACCERTATO che l importo complessivo destinato alla presente convenzione è così determinato e trova regolare copertura finanziaria sulle disponibilità del PAR Molise in relazione alle Misure interessate: INIZIATIVE totale di cui ai giovani o imprese 1-A Accoglienza ed informazioni 1-B presa in carico ed orientamento ,00 1-C orientamento specialistico ,00 3 Accompagnamento al lavoro ,00 4-C Apprendistato per l'alta formazione , ,00 (incentivi per l attivazione di contratti di apprendistato 5 Tirocinio extracurriculare ,00 (indennità di tirocinio ,00 SOMME , ,00 ACCERTATO che il presente atto non necessità del visto di regolarità contabile, in quanto avendo la Regione fatto la scelta di gestione attraverso il sistema di contabilità e gestione sul S.I. MEF IGRUE, lo stesso non dispiega i suoi effetti sul bilancio regionale, ma l intero programma transita attraverso la contabilità ed il Bilancio dello Stato; VISTO il Sistema di Gestione e Controllo del PON IOG, giusta comunicazione mail del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, del ; DATO ATTO che lo stesso è stato sottoposto alle valutazioni preliminari del Ministero del Lavoro ed è stato oggetto di condivisione e suggerimenti di alcune integrazioni, tutte recepite in data 30 marzo 2015; VISTO Regolamento interno per l esercizio delle funzioni della Giunta Regionale vigente; RITENUTO di dover provvedere alla sua approvazione e sottoscrizione; VISTI i regolamento (UE) n. 1303/2013, n. 1304/2013 e n. 1311/2013 VISTA la normativa nazionale e regionale in materia; TUTTO CIO PREMESSO, SI PROPONE ALLA GIUNTA REGIONALE: 1. le premesse costituiscono parte integrante e sostanziale del presente atto; 2. di approvare lo schema di Convenzione fra la Regione Molise e l Università degli Studi del Molise per l erogazione dei servizi di cui al Programma Garanzia Giovani relativamente alle Misure Piano di Attuazione del Molise sottoindicate: Accoglienza, informazione, presa in carico, orientamento; Accompagnamento al lavoro; Apprendistato per l alta formazione e la ricerca; Tirocinio extracurriculare (anche in mobilità geografica); 3. di demandare al Direttore Generale dott. Pasquale Mauro Di Mirco di provvedere alla sottoscrizione della Convenzione; 4. di incaricare l Agenzia Regionale Molise Lavoro alla gestione della presente Convenzione; 5. di assoggettare il presente atto al controllo di regolarità amministrativa, in ottemperanza alla DGR N. 155 DEL /11

8 Direttiva Regionale sui controlli interni; 6. di assoggettare il presente l atto agli obblighi in materia di trasparenza, di cui al D.Lgs. n. 33/2013. L Istruttore/Responsabile d Ufficio MASSIMO PILLARELLA DIREZIONE AREA SECONDA Il Direttore MASSIMO PILLARELLA DGR N. 155 DEL /11

9 PARERE IN ORDINE ALLA LEGITTIMITA E ALLA REGOLARITA TECNICO-AMMINISTRATIVA Ai sensi del Regolamento interno della Giunta, del Regolamento interno della Giunta, si esprime parere favorevole in ordine alla legittimità e alla regolarità tecnico-amministrativa del documento istruttorio e si dichiara che l atto non comporta impegno di spesa. Campobasso, DIREZIONE AREA SECONDA Il Direttore MASSIMO PILLARELLA DGR N. 155 DEL /11

10 VISTO DI COERENZA CON GLI OBIETTIVI D AREA Ai sensi del regolamento interno di Giunta si attesta che il presente atto è coerente con gli indirizzi di coordinamento, organizzazione e vigilanza dell AREA SECONDA. Campobasso, IL DIRETTORE DELL AREA SECONDA MASSIMO PILLARELLA VISTO DEL DIRETTORE GENERALE Il Direttore Generale attesta che il presente atto, munito di tutti i visti regolamentari, è coerente con gli indirizzi della politica regionale e gli obiettivi assegnati alla Direzione Generale. PROPONE a PETRAROIA MICHELE l invio all esame della Giunta Regionale per le successive determinazioni. Campobasso, IL DIRETTORE GENERALE PASQUALE MAURO DI MIRCO DGR N. 155 DEL /11

11 Il presente verbale, letto e approvato, viene sottoscritto come in appresso: IL SEGRETARIO MARIOLGA MOGAVERO IL PRESIDENTE PAOLO DI LAURA FRATTURA Documento informatico sottoscritto con firma digitale ai sensi dell Art.24 del D.Lgs. 07/03/2005, 82 DGR N. 155 DEL /11

12 CONVENZIONE TRA Regione Molise, e Università degli Studi del Molise PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA GARANZIA GIOVANI CON RIFERIMENTO AL MERCATO DEL LAVORO DEI LAUREATI ED ALLE SPECIFICHE AZIONI DI: Accoglienza, informazione, presa in carico, orientamento - Accompagnamento al lavoro - Apprendistato per l alta formazione e la ricerca e Tirocinio extracurriculare 1

13 La Regione Molise con sede in Genova, n Campobasso, CF, in persona del Direttore Generale., nato/a a il, domiciliato per la carica presso la sede dell Ente; E l Università degli Studi del Molise (di seguito Università o Ateneo ), nella persona del Rettore pro tempore, prof. Gianmaria Palmieri nato a.....; VISTA la Raccomandazione del Consiglio dell Unione europea del 22 aprile 2013, sull istituzione di una Garanzia per i Giovani (2013/C 120/01), che invita gli Stati a garantire ai giovani un offerta qualitativamente valida di lavoro, di proseguimento degli studi, di apprendistato o di tirocinio o altra misura di formazione; VISTO il Piano di attuazione italiano della Garanzia per i giovani contenente i principi e i criteri del programma Garanzia Giovani, stato approvato il , che garantisce ai giovani con meno di 25 anni un'offerta qualitativamente valida di lavoro, proseguimento degli studi, apprendistato, tirocinio o altra misura di formazione, entro 4 mesi dall'uscita dal sistema di istruzione formale o dall'inizio della disoccupazione LETTA la comunicazione del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali del 11/04/2014 n. prot. 40/ , che al punto 1 chiarisce che i destinatari degli interventi della Garanzia Giovani sono i giovani compresi nella fascia di età anni e che debba essere data, dalle Regioni, priorità agli interventi a favore dei giovani fino a 24 anni; ACCERTATO che la Regione Molise con D.G.R. n.178 del 13/05/2014 ha approvato lo schema di convenzione tra Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e Regione Molise, che la stessa è stata firmata dal Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali e la Regione Molise in data 24/06/2014. ACCERTATO che La Regione Molise ha approvato il Piano di Attuazione Regionale della Garanzia Giovani in Molise con D.G.R. n. 311 in data 14/07/2014, che lo stesso è stato successivamente modificato con D.G.R. n. 660 del 2 dicembre 2014 e D.G.R. n.102 del ; CONSIDERATO che con la suddetta D.G.R. n.660/2014 si è tra l altro stabilito di formalizzare all Agenzia Regionale Molise Lavoro l incarico di svolgere le attività legate alla gestione operativa del PO Garanzia Giovani Molise; LETTI gli Indirizzi operativi per i centri dell impiego della Regione Molise e il Vademecum sulla gestione degli stati nel programma Garanzia Giovani VISTA la delibera di Giunta Regionale n. 396 dell 11 agosto 2014, che istituisce un gruppo di lavoro straordinario, coordinato dal Direttore regionale della programmazione, ing. Massimo Pillarella, utile ad assicurare le migliori condizioni per l attuazione di diverse misure relative all emergenza lavoro tra cui anche Garanzia Giovani; VISTO il Decreto rettorale n. 942 del 1 ottobre 2014, che designa la prof.ssa Luisa Corazza, Delegata del rettore per il Mercato del Lavoro in seno al gruppo straordinario di cui alla Deliberazione n. 396 dell 11 agosto 2014 della Giunta Regionale del Molise; VISTA la nota del Vice-presidente della Regione Molise, assessore Michele Petraroia, del 4 agosto 2014, nella quale si precisa che la regione Molise necessita coinvolgere formalmente l Università per il target laureati, in modo tale che venga implementata e specializzata l offerta del Piano di garanzia Giovani del Molise per le fasce dei laureati ; 2

14 VISTA la determina del Servizio Terzo n. 29 del della Regione Molise con cui la Regione Molise accredita definitivamente l Università degli Studi del Molise all erogazione dei servizi al lavoro ai sensi dell art. 18, comma 3 del regolamento regionale 19 luglio 2013, n. 1/2013; CONSIDERATA la necessità di assicurare l attivazione di un sistema integrato di servizi per il lavoro, garantendo servizi specialistici rivolti ai diversi target dei candidati di Garanzia Giovani; VISTO lo Statuto dell Università degli Studi del Molise, art. 3, comma 5, il quale dispone che L Università promuove e organizza, anche in collaborazione con enti pubblici e privati, servizi didattici integrativi, corsi di formazione, di perfezionamento, di aggiornamento professionale, anche ad integrazione del tirocinio professionale nonché corsi di istruzione permanente e ricorrente, periodi di tirocinio pratico, viaggi e visite di studio ; VISTO il Regolamento didattico di ateneo dell Università degli Studi del Molise, art. 2, comma 1, lett. b), per il quale l Università svolge le attività e i servizi didattici integrativi, di orientamento, di sostegno, di aggiornamento, di perfezionamento e di formazione permanente e ricorrente ; VISTO il Regolamento didattico di ateneo dell Università degli Studi del Molise, art. 3, in base al quale l Università degli Studi del Molise rilascia titoli di studio di laurea e post-lauream; CONSIDERATA la necessità per le università di valorizzare il proprio ruolo nei territori in cui hanno sede, obiettivi che possono essere meglio realizzati mediante azioni sinergiche; CONSIDERATO l interesse dell Università del Molise a svolgere tutte le attività utili a massimizzare il collocamento occupazionale dei laureati, facilitando l ingresso dei giovani nel mondo del lavoro, orientando le scelte professionali di studenti e neolaureati, favorendo i primi contatti con le aziende e assistendo aziende ed enti pubblici nella ricerca e selezione di studenti e neolaureati; CONSIDERATO che la capacità delle Università di concorrere all inserimento lavorativo dei giovani laureati rientra tra i criteri in base ai quali le Università sono soggette a valutazione da parte dell ANVUR, ai sensi del decreto legislativo 27 gennaio 2012, n. 19; CONSIDERATA l attività svolta dall Università degli Studi del Molise nel settore del placement dei laureati sin dal 2007, quando con Decreto Rettorale 19 gennaio 2007, n. 95, veniva costituito l Ufficio Placement, nonché, attualmente, attraverso l attività dei settori ILO e Placement e Tirocini e mercato del lavoro; CONSIDERATA la collaborazione già avviata tra l Università degli Studi del Molise e la Regione Molise nell avviamento dei giovani al mercato del lavoro con l Accordo di programma sottoscritto il 6 maggio 2010 tra la Regione Molise e L Università degli Studi del Molise Programma complessivo di collaborazione per il periodo 2007/13 Conoscere per competere ; CONSIDERATA l esperienza virtuosa già avviata con il Piano Integrato Giovani Molise, approvato il 27 giugno 2011, con deliberazione n. 473, contenente obiettivi generali, nonché linee di intervento, volte a favorire l ingresso dei giovani nel mercato del lavoro, favorendo la transizione scuola-lavoro e stimolando l imprenditorialità e il sistema produttivo regionale; VISTO il protocollo attuativo per la realizzazione del Piano Integrato Giovani Molise, nell ambito del programma complessivo di collaborazione per il periodo 2007/13 Conoscere per competere, sottoscritto tra Regione Molise e Università degli Studi del Molise il 19 settembre 2011; CONSIDERATA la virtuosa esperienza svolta dall Università degli Studi del Molise nella partecipazione al progetto sperimentale di Italia Lavoro - Fixo Scuola & Università; CONSIDERATI i buoni risultati ottenuti dall Università degli Studi del Molise nella procedura di qualificazione dei servizi di placement universitari avviata da Italia Lavoro, mediante la valutazione di standard setting; CONSIDERATO in sintesi che a poco più di trent anni dalla sua istituzione, l Università degli Studi del Molise ha raggiunto un assetto a misura di territorio, con un offerta formativa variegata ed equilibrata che consente ad un alta percentuale di giovani molisani di studiare nella propria 3

15 regione e con un legame didattica-ricerca, caratterizzato dalla filiera lauree magistrali-dottorati di ricerca, e completato dall azione dell Università nell inserimento dei giovani nel mercato del lavoro, che tende a mitigare il rischio, ancora molto forte, di una migrazione intellettuale postlauream; CONSIDERATA l opportunità di intervenire congiuntamente attraverso la sperimentazione di nuovi modelli di organizzazione e sistemi di rete nell erogazione dei servizi al lavoro, che coinvolgono percorsi di transizione scuola-lavoro, conoscenza, ricerca applicata e trasferimento tecnologico, con un piano di interventi di lungo periodo che preveda percorsi comuni, su temi coerenti con la programmazione regionale e le iniziative nazionali ed europee di lotta alla disoccupazione giovanile; VISTO che la Regione Molise in continuità e rafforzamento della pluriennale collaborazione con l Università degli Studi del Molise, con la delibera di Giunta regionale n. 245 del avente ad oggetto: Intesa Quadro tra la Regione Molise e l'università degli Studi del Molise per attività di ricerca, didattiche e assistenziali volte allo sviluppo culturale, sociale ed economico del territorio molisano ha approvato lo schema di intesa quadro che definisce i contenuti e gli obiettivi generali e specifici di collaborazione e gli impegni reciproci della Regione Molise e dell Università degli Studi del Molise; VISTO che l Intesa Quadro è stata sottoscritta il ; VISTO che all interno dell Intesa quadro Regione Molise ed Università degli studi si impegnano ad avviare azioni congiunte, anche con l eventuale coinvolgimento di altri soggetti istituzionali della ricerca, volte allo sviluppo culturale, sociale ed economico del territorio molisano che favoriscano il trasferimento delle conoscenze, la valorizzazione del capitale umano e dell imprenditorialità, il potenziamento della didattica, della ricerca e dell innovazione tecnologica, il miglioramento del sistema sanitario regionale, componendo un disegno maggiormente organico e realizzando un trasferimento generale più efficace in risposta diretta ai problemi e fabbisogni concreti del territorio e a disposizione per le attività didattiche. VISTO che l attività oggetto di convenzione può ritenersi riconducibile all interno dell Intesa quadro, in particolare all Articolo 3, finalizzato alla sostenibilità dell offerta formativa. CONSIDERATA l esigenza, espressa anche nel Piano esecutivo della Regione Molise per l attuazione del piano Garanzia Giovani, di costruire un nuovo sistema di gestione delle politiche attive del lavoro che, partendo dalla strategia e dai modelli definiti dalla Garanzia Giovani, si basi su un sistema di servizi integrati e di politiche attive fortemente legate alla persona, coerenti con le esigenze del mercato locale e necessariamente collegate, in una ottica di efficienza, al risultato conseguito; RITENUTO necessario cercare di mitigare la migrazione intellettuale post-lauream, in quanto la stessa determina di un progressivo impoverimento del territorio che in questo modo perde risorse preziose di capitale umano altamente qualificate che viceversa, restando in regione, potrebbero contribuire alla sviluppo socio economico di qualità del territorio; VISTA la legge 7 agosto 1990, n. 241, art. 15, in base al quale le amministrazioni pubbliche possono stipulare accordi e convenzioni per lo svolgimento in collaborazione di attività di interesse comune; CONSIDERATO che tra le attività di interesse comune tra Università degli Studi del Molise e Regione Molise previste dall art. 15, legge 7 agosto 1990, n. 241, rientra l inserimento dei giovani molisani nel mercato del lavoro; RITENUTO CHE la strategia di intervento che si intende adottare per l attuazione del Programma Garanzia Giovani in Molise, si basa su: Complementarità con il POR Fse ; 4

16 Raccordo operativo tra i soggetti erogatori degli interventi (Cpi, Università e altri soggetti privati accreditati per la formazione e per l erogazione dei servizi al lavoro); VISTI gli Indirizzi operativi per i centri dell impiego della Regione Molise e il Vademecum sulla gestione degli stati nel programma Garanzia Giovani VALUTATA che la necessità di assicurare la copertura completa dei servizi erogabili e la massima efficacia ed efficienza dell azione amministrativa, suggerisce di individuare nell Università degli Studi del Molise il soggetto in grado di attivarsi capillarmente sul territorio, mobilitare risorse professionali di eccellenza, avere un forte raccordo con le imprese il tutto per favorire l inserimento nel mercato del lavoro dei giovani laureati NEET. CONVENGONO DI STIPULARE LA PRESENTE CONVEZIONE: ARTICOLO 1 PREMESSE Le premesse di cui sopra costituiscono parte integrante del presente Accordo. ARTICOLO 2 FINALITÀ ED AMBITI DI INTERVENTO Con la presente Convenzione la Regione Molise e l Università degli Studi del Molise si impegnano ad attuare un sistema di gestione integrata delle politiche attive del lavoro, al fine dall attuazione del piano Garanzia Giovani con specifico riferimento all inserimento lavorativo dei giovani laureati. Con la presente convenzione la Regione Molise e l Università degli Studi del Molise intendono avviare una collaborazione istituzionale nella lotta alla disoccupazione giovanile, con l obiettivo di realizzare un programma di interazione territoriale idoneo a creare un ponte tra il sistema dell istruzione formale e il mercato del lavoro, volto ad evitare il verificarsi di situazioni di esclusione sociale, nonché a potenziare la competitività del sistema imprenditoriale molisano, in linea di continuità con quanto già attuato nell ambito del Piano Integrato Giovani Molise e del Programma Fixo Scuola e Università. La presente convenzione costituisce una fase sperimentale della durata di due anni ( ) di un modello stabile di gestione integrata dei servizi al lavoro rivolti ai giovani laureati molisani, che negli anni successivi potrà essere finanziato, una volta approvata in via definitiva la programmazione, con le risorse della programmazione FSE , nei limiti e nelle forme previste dalla normativa vigente. ARTICOLO 3 AZIONI Con la presente Convenzione l Università degli Studi del Molise e la Regione Molise costruiscono un nuovo sistema di gestione delle politiche attive del lavoro che, partendo dalla strategia e dai modelli definiti dal programma Garanzia Giovani, si basa su un sistema di servizi integrati e di politiche attive fortemente legata alla persona, coerenti con le esigenze del mercato locale e necessariamente collegate, in una ottica di efficienza, al risultato conseguito. Destinatari delle azioni saranno i giovani laureati iscritti alla Garanzia Giovani Molise. Le azioni saranno realizzate in sinergia e collaborazione con gli attori del sistema locale di servizi per il lavoro ed in particolare con i CPI. 5

17 In coerenza con il Piano esecutivo della Regione Molise per l attuazione del programma Garanzia Giovani, e considerate le peculiari esigenze del target dei laureati, la Convenzione si tradurrà nelle seguenti specifiche azioni: a) Accoglienza, informazione, presa in carico, orientamento (MISURE 1-A, 1-B, 1-C); b) Accompagnamento al lavoro (MISURA 3); c) Apprendistato per l alta formazione e la ricerca (MISURA 4-C); d) Tirocinio extracurriculare (anche in mobilità geografica) (MISURA 5); Per lo svolgimento delle azioni di cui al precedente comma la Regione Molise si impegna ad assegnare risorse finanziare pari a un valore massimo di euro ,00 (attribuito a risultato raggiunto, secondo i parametri di costo standard così come definiti nel Piano di attuazione regionale) distribuite tra le diverse azioni secondo quanto stabilito dagli articoli 4-7 della presente Convenzione. ARTICOLO 4 ACCOGLIENZA, INFORMAZIONE, PRESA IN CARICO, ORIENTAMENTO (MISURE 1-A; 1-B; 1-C) In continuità con l ampia esperienza maturata dall Università degli Studi del Molise nel settore del placement e del supporto nei confronti di studenti e laureati rispetto all individuazione dei propri obiettivi professionali, il servizio offerto al laureato sarà quanto più possibile di tipo personalizzato. Oltre ad attività di consulenza specialistica nell individuazione dei propri obiettivi professionali e all assistenza nella individuazione del proprio bagaglio specifico di competenze, gli uffici dell Ateneo offriranno un supporto ai laureati iscritti alla Garanzia Giovani Molise, rispetto a tutta la fase di ricerca attiva del lavoro, anche attraverso colloqui e seminari specialistici relativi alla predisposizione di curricula, attività di training relativo al colloquio di lavoro, attività di self assessment, ovvero attività di conoscenza e individuazione delle proprie competenze specializzate. Nello specifico l Università si impegna a: Misura 1.A) Accoglienza e informazioni sul programma: a) allestire uno Youth Corner presso il quale saranno erogati i servizi informativi e di orientamento nonché quelli di supporto ed assistenza alla registrazione da parte dei giovani alla GG; b) fornire informazioni sul Programma garanzia Giovani (tramite materiali informativi specifici), sui servizi, le misure disponibili e sulla rete dei servizi competenti specificandone altresì funzioni e ruoli; c) fornire informazioni sugli adempimenti amministrativi, legati alla adesione al progetto e i servizi competenti presso cui rivolgersi; d) supportare gli utenti nella registrazione nel sistema informativo, che sancisce l adesione del giovane al Programma. e) organizzare Campagne di comunicazione e coinvolgimento anche attraverso incontri individuali e collettivi diretti alla presentazione del Programma e delle opportunità offerte dall Università tramite il rilascio della Carta dei Servizi Misura 1:B) Accesso alla garanzia (presa in carico, colloquio individuale e profiling, consulenza orientativa) - 6

18 fissare un appuntamento al giovane, di norma, entro 60 giorni dall adesione alla Garanzia e, nel corso di tale incontro, provvedere alla compilazione/aggiornamento della Scheda Anagrafico-Professionale (SAP; valutare la tipologia di bisogno espresso dal giovane e, quando definito nelle sue componenti, individuazione del profiling del giovane; individuare il percorso e le misure attivabili, in relazione alle caratteristiche socioprofessionali rilevate e alle opportunità offerte dalla Garanzia Giovani; stipulare il Patto di Attivazione (Patto di servizio) e registrare le attività/misure/servizi progettati ed erogati; erogare una prima consulenza orientativa attraverso: o informazioni sul mercato del lavoro territoriale, con particolare attenzione ai settori trainanti e ai profili richiesti dal mercato del lavoro e ai titoli di studio più funzionali; o assistenza tecnico-operativa con incontri di gruppo, per lo sviluppo di competenze quali ad esempio parlare in pubblico, sostenere un colloquio individuale; strutturare un curriculum e relativa lettera di presentazione, ecc. Misura 1 C) Orientamento specialistico o di II livello Ove in fase di primo orientamento l operatore ritenga utile per il giovane fare un colloquio di orientamento più approfondito, per capire meglio le attitudini, esigenze, criticità sulla base delle quali strutturare uno specifico percorso allora il candidato sarà indirizzato al servizio di orientamento specialistico di II livello. La scelta concordata è riportata nel Piano di azione Individuale (PAI) Il processo sarà erogato tramite: Colloqui individuali. Rappresentano lo strumento fondamentale di un azione di orientamento di II livello e vanno condotti da un professionista esperto nel rispetto del setting, inteso non solo come luogo e spazio adatto, ma anche in relazione agli obiettivi condivisi. Laboratori di gruppo. I laboratori possono prevedere una conduzione o una co-conduzione in funzione delle esigenze dell utenza e dell équipe. Il processo di orientamento specialistico potrà avvalersi di griglie e schede strutturate e di questionari e strumenti di analisi validati e standardizzati. Questi ultimi rappresentano strumenti di supporto nella conduzione dei colloqui, qualora il consulente ne ritenga opportuno l utilizzo al fine di ottenere informazioni più puntuali. Al termine dell orientamento specialistico il giovane sarà indirizzato verso un percorso formativo (es. tirocinio) ovvero lavorativo. In relazione alle attività sopra descritte l università si impegna anche a : esporre in modo visibile il Logo del Programma Garanzia Giovani in Molise negli appositi spazi denominati Youth Corner, in osservanza degli standard regionali e nazionali (logo, denominazione dei servizi, disponibilità di materiali informativi, ecc.), 7

19 cooperare con la Regione Molise e l Agenzia Regionale Molise Lavoro per il monitoraggio delle iscrizioni e della azioni realizzate in attuazione del piano; Trasferire i dati delle SAP in formato XML verso il SIL regionale presso l'agenzia Molise Lavoro, a cadenza mensile; Correggere le anomalie presenti negli stati di adesione del Programma "Garanzia Giovani" nei dati delle SAP secondo i report inviati dall'agenzia Molise Lavoro, a cedenza mensile. Al fine di armonizzare ed uniformare le modalità operative e di esecuzione si fa rinvio a quanto previsto negli Indirizzi operativi per i centri dell impiego della Regione Molise. Il costo stimato massimo per l attività di cui al presente articolo è di euro ,00. Il numero di giovani a cui si prevede di offrire il servizio di accoglienza, informazione, presa in carico, orientamento, anche alla luce dei primi dati del monitoraggio sul programma Garanzia Giovani, è di circa 500 (cinquecento) destinatari. La valorizzazione di detto importo è così determinata: per la Scheda 1-A (Accoglienza e informazioni sul Programma) n. 700 ragazzi. Nessuna riconoscibilità economica sul Programma IOG; per la Scheda 1-B (Accesso alla Garanzia Presa in carico, colloquio individuale e profiling, consulenza orientativa) n. 500 ragazzi presi in carico e profilati per costo unitario standard di orario per un massimo di 2 ore; per la Scheda 1-C (Orientamento specialistico o di II livello) n. 500 ragazzi per il costo standard orario di 35,50 per un massimo di 8 ore (con riduzione in caso di gruppo per un importo pari a 15 ora/destinatario). Per la misura Accoglienza, presa in carico ed orientamento il completamento dell attività si considera effettuata con la vidimazione della Scheda Attività 1 B, nella quale sono riportate le ore di servizio erogate e la profilazione del candidato effettuata e la sottoscrizione del Patto di Attivazione). Per la misura orientamento specialistico di II livello), il completamento dell attività si considera conclusa con la vidimazione della Scheda Attività 1-C nella quale sono riportate le ore di servizio erogate per l orientamento specialistico). Eventuali errori di determinazione del contributo richiesto potranno essere corretti d ufficio, sulla base della documentazione esaminata, ai fini della validazione della richiesta di erogazione intermedia. L università fornirà alla Regione, e per essa all Agenzia regionale Molise Lavoro, con cadenza mensile entro il 10 di ogni mese, un report delle persone che hanno concluso le due attività di cui sopra (scheda rendicontazione mensile). La Regione liquiderà i contributi sulla base delle attività effettivamente realizzate a costi standard, così come disciplinato nel Piano Esecutivo Regionale. Per le attività soggette a condizioni specifiche per la riconoscibilità (quali ad esempio la percentuale di frequenza per le quote ora/allievo in merito alla fase di accoglienza orientamento e orientamento specialistico o stage/tirocinio o, sempre ad esempio, la formalizzazione dell assunzione di un soggetto disoccupato), l importo erogabile potrà essere richiesto solamente al completamento della relativa attività. La Regione Molise, con il supporto gestionale dell Agenzia Regionale Molise lavoro, liquiderà all Università i contributi relativi alle attività completate semestralmente previa acquisizione della documentazione di rendicontazione e previo controllo di primo livello secondo le procedure 8

20 SI.GE.CO, entro 30 giorni dal perfezionamento della procedura di controllo, tramite il sistema finanziario IGRUE. ARTICOLO 5 ACCOMPAGNAMENTO AL LAVORO (MISURA 3) La misura dell accompagnamento al lavoro è svolta dagli uffici dell Università degli Studi del Molise al fine di completare le azioni di accoglienza, informazione, presa in carico ed orientamento. Una volta completata la fase di ricerca delle offerte di lavoro disponibili ed esaurita la fase del matching (pre-selezione e individuazione delle figure adatte alle specifiche posizioni lavorative) è necessario procedere all accompagnamento del giovane nell accesso al percorso individuato. In relazione alla specifica occasione offerta, di tipo formativo puro, occupazionale puro, o misto, sarà necessario assistere il giovane avviato al lavoro, anche mediante l assistenza individuale alla predisposizione dei progetti formativi e all individuazione della tipologia contrattuale più funzionale al fabbisogno manifestato. La fase dell accompagnamento al lavoro è essenziale a fine di completare e rendere effettiva la stipulazione del patto di servizio. Rientrano in questa attività: Ricerca delle opportunità occupazionali più consone al giovane; Promozione dei profili, delle competenze e della professionalità dei giovani presso il sistema imprenditoriale; Pre-selezione e accesso alle misure individuate; Accompagnamento del giovane nell accesso al percorso individuato e nell attivazione delle misure collegate; Assistenza al sistema della Domanda nella fase di preselezione e nella definizione del progetto formativo legato alla tipologia contrattuale più funzionale al fabbisogno manifestato (ad esempio tra contratto di apprendistato e tempo determinato). Il costo stimato massimo per questa attività è di euro ,00 per l accompagnamento di circa 50 giovani iscritti alla Garanzia giovani Molise. Il servizio erogato sarà rimborsato al conseguimento del risultato, in funzione della categoria di profilazione del giovane e del tipo di contratto offerto; gli importi relativi saranno erogati in maniera differenziata e con conseguente diversa intensità, eventualmente anche a tranches. La Regione Molise, con il supporto gestionale dell Agenzia Regionale Molise lavoro, liquiderà all Università i contributi relativi alle attività completate semestralmente previa acquisizione della documentazione di rendicontazione e previo controllo di primo livello secondo le procedure SI.GE.CO, entro 30 giorni dal perfezionamento della procedura di controllo, tramite il sistema finanziario IGRUE. In caso di conclusione anticipata del rapporto di lavoro, l importo è proporzionato alla durata effettiva (l importo è concesso per l intero dopo sei mesi nella terza ipotesi e dodici nelle altre due). Il parametro di costo è indicato nella seguente tabella ed in funzione del livello di profilazione del giovane. Tipo di contratto BASSA MEDIA ALTA MOLTO ALTA Tempo indeterminato o Apprendistato I e III livello Tempo determinato > 12 mesi o Apprendistato II livello Tempo determinato 6-12 mesi ARTICOLO 6 9

REGIONE MOLISE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MOLISE GIUNTA REGIONALE REGIONE MOLISE GIUNTA REGIONALE Mod. B (Atto che non comporta impegno di spesa) Seduta del 03-04-2015 DELIBERAZIONE N. 154 OGGETTO: PIANO DI ATTUAZIONE REGIONALE GARANZIA GIOVANI - REGIONE MOLISE - ANNUALITA'

Dettagli

REGIONE MOLISE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MOLISE GIUNTA REGIONALE REGIONE MOLISE GIUNTA REGIONALE Mod. B (Atto che non comporta impegno di spesa) Seduta del 03-04-2015 DELIBERAZIONE N. 151 OGGETTO: FONDO REGIONALE PER LE IMPRESE. ART. 18 DELLA LEGGE REGIONALE N. 11 DEL

Dettagli

REGIONE MOLISE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MOLISE GIUNTA REGIONALE REGIONE MOLISE GIUNTA REGIONALE Mod. B (Atto che non comporta impegno di spesa) Seduta del 29-10-2015 DELIBERAZIONE N. 592 OGGETTO: PAR FSC MOLISE 2007-2013. ASSE IV "INCLUSIONE E SERVIZI SOCIALI" - LINEA

Dettagli

Garanzia Giovani: Piani Esecutivi regionali e ruolo delle Agenzie Formative Focus sulla Regione LOMBARDIA

Garanzia Giovani: Piani Esecutivi regionali e ruolo delle Agenzie Formative Focus sulla Regione LOMBARDIA Governance Regionale e sviluppo dei servizi per il lavoro Linea 2. Network degli operatori del mercato del lavoro Garanzia Giovani: Piani Esecutivi regionali e ruolo delle Agenzie Formative Focus sulla

Dettagli

REGIONE MOLISE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MOLISE GIUNTA REGIONALE REGIONE MOLISE GIUNTA REGIONALE Mod. B Atto che non comporta impegno di spesa Seduta del 01-10-2014 DELIBERAZIONE N. 489 OGGETTO: ACCORDO AI SENSI DELL'ART.5, COMMA 2, DELLA LEGGE 15 MARZO 2010, N. 38

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 117 del 24/04/2014

Delibera della Giunta Regionale n. 117 del 24/04/2014 Delibera della Giunta Regionale n. 117 del 24/04/2014 Dipartimento 54 - Dipartimento Istr., Ric., Lav., Politiche Cult. e Soc. Direzione Generale 11 - Direzione Generale Istruzione, Formazione,Lavoro e

Dettagli

La Garanzia Giovani in Veneto. Maggio 2014

La Garanzia Giovani in Veneto. Maggio 2014 Maggio 2014 La strategia è rivolta a: prevenire e contrastare la dispersione scolastica e formativa; rafforzare le competenze dei giovani a vantaggio dell occupabilità; favorire le occasioni di efficace

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali LE PRINCIPALI CARATTERISTICHE DEL PIANO ITALIANO PER LA GARANZIA GIOVANI Procedure informative - Audizione del Ministro del lavoro e delle politiche sociali,

Dettagli

ALLEGATO A TRA. la Regione Liguria UNIVERSITÀ DI GENOVA ASSOCIAZIONI SINDACALI ASSOCIAZIONI DATORIALI. di seguito denominate Parti.

ALLEGATO A TRA. la Regione Liguria UNIVERSITÀ DI GENOVA ASSOCIAZIONI SINDACALI ASSOCIAZIONI DATORIALI. di seguito denominate Parti. ALLEGATO A Apprendistato 2013 2015 PERCORSI DI ALTA FORMAZIONE (art. 5 D. Lgs. 14 settembre 2011, n. 167 ) (art. 41 della Legge regionale 11 maggio 2009 n. 18) PROTOCOLLO DI INTESA TRA la Regione Liguria

Dettagli

Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A.

Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A. Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A. La Regione Abruzzo, rappresentata dal componente la Giunta preposto alle Politiche attive del lavoro, Formazione ed Istruzione, Politiche Sociali,

Dettagli

SCHEDA 1-A. Accoglienza, presa in carico, orientamento

SCHEDA 1-A. Accoglienza, presa in carico, orientamento SCHEDA 1-A Accoglienza, presa in carico, orientamento ACCOGLIENZA E INFORMAZIONI SUL PROGRAMMA Facilitare e sostenere l'utente nell'acquisizione di informazioni, anche in auto consultazione, utili a valutare

Dettagli

Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa

Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa 1. Premessa Le criticità e le difficoltà che incontrano i giovani ad entrare

Dettagli

IL DIRIGENTE DELLA P.F. LAVORO E FORMAZIONE

IL DIRIGENTE DELLA P.F. LAVORO E FORMAZIONE 1 DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA P.F. LAVORO E FORMAZIONE N. 405/SIM DEL 17/09/2015 Oggetto: PON GARANZIA GIOVANI: Misura 5 Tirocinio extracurriculare anche in mobilità geografica. Approvazione Elenco n.

Dettagli

REGIONE MOLISE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MOLISE GIUNTA REGIONALE REGIONE MOLISE GIUNTA REGIONALE Mod. B Atto che non comporta impegno di spesa Seduta del 13-05-2014 DELIBERAZIONE N. 175 OGGETTO: CALENDARIO DELLE LEZIONI PER L'ANNO SCOLASTICO 2014/2015. - PROVVEDIMENTI

Dettagli

In Abruzzo. Opportunità per le imprese. http://garanziagiovani.regione.abruzzo.it

In Abruzzo. Opportunità per le imprese. http://garanziagiovani.regione.abruzzo.it In Abruzzo Opportunità per le imprese http://garanziagiovani.regione.abruzzo.it LA GARANZIA GIOVANI PARTE. CON LE IMPRESE. L Unione Europea promuove Garanzia Giovani per rafforzare le opportunità occupazionali

Dettagli

REGIONE MOLISE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MOLISE GIUNTA REGIONALE REGIONE MOLISE GIUNTA REGIONALE Mod. B Atto che non comporta impegno di spesa Seduta del 24-11-2014 DELIBERAZIONE N. 633 OGGETTO: AVVISO PUBBLICO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI VOLTI ALLA REALIZZAZIONE DI

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 1562 del 31 luglio 2012 pag. 1/8

ALLEGATOA alla Dgr n. 1562 del 31 luglio 2012 pag. 1/8 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1562 del 31 luglio 2012 pag. 1/8 PROTOCOLLO D INTESA TRA Regione del Veneto Ministero dell'istruzione,dell'università e della Ricerca - Ufficio Scolastico

Dettagli

APPRENDISTATO DI ALTA FORMAZIONE RICERCA VADEMECUM PER STUDENTI E LAUREATI

APPRENDISTATO DI ALTA FORMAZIONE RICERCA VADEMECUM PER STUDENTI E LAUREATI APPRENDISTATO DI ALTA FORMAZIONE RICERCA VADEMECUM PER STUDENTI E LAUREATI A cura dell Ufficio Job Placement dell Università degli Studi Roma Tre Il testo di seguito proposto costituisce una sintesi delle

Dettagli

REGIONE MOLISE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MOLISE GIUNTA REGIONALE REGIONE MOLISE GIUNTA REGIONALE Mod. B (Atto che non comporta impegno di spesa) Seduta del 09-11-2015 DELIBERAZIONE N. 599 OGGETTO: FRUIZIONE DIRITTO ALLO STUDIO - ISTITUTO COMPRENSIVO "COLOZZA" DI FROSOLONE

Dettagli

Iniziativa Garanzia Giovani

Iniziativa Garanzia Giovani Le opportunità da cogliere al volo Evento annuale POR FSE della Regione Toscana Iniziativa Garanzia Giovani Paolo Baldi Direttore Istruzione e Formazione Firenze, 20 Novembre 2015 Quadro comunitario di

Dettagli

in Emilia-Romagna Report di monitoraggio maggio 2014 dicembre 2015

in Emilia-Romagna Report di monitoraggio maggio 2014 dicembre 2015 in Emilia-Romagna Report di monitoraggio maggio 2014 dicembre 2015 Con la Raccomandazione del 22 aprile 2013 il Consiglio dell Unione Europea ha richiesto agli Stati una riforma strutturale del mercato

Dettagli

CONVENZIONE TRA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E REGIONE LOMBARDIA

CONVENZIONE TRA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E REGIONE LOMBARDIA CONVENZIONE TRA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E REGIONE LOMBARDIA (di seguito, denominate PARTI) VISTO Il Regolamento (UE) n. 1303/2013 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 17

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con Decreto Rettorale N. 645 del 12/03/2003) ART. 1 - Ambito di applicazione... 2 ART. 2 - Titoli per l accesso...

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 54 del 02/04/2015

Decreto Dirigenziale n. 54 del 02/04/2015 Decreto Dirigenziale n. 54 del 02/04/2015 Dipartimento 54 - Dipartimento Istr., Ric., Lav., Politiche Cult. e Soc. Direzione Generale 11 - Direzione Generale Istruzione, Formazione,Lavoro e Politiche Giovanili

Dettagli

L APPRENDISTATO DI ALTA FORMAZIONE E RICERCA. ai sensi dell art. 5 D. Lgs 167/2011. Prof. Renata Livraghi Università di Parma

L APPRENDISTATO DI ALTA FORMAZIONE E RICERCA. ai sensi dell art. 5 D. Lgs 167/2011. Prof. Renata Livraghi Università di Parma L APPRENDISTATO DI ALTA FORMAZIONE E RICERCA ai sensi dell art. 5 D. Lgs 167/2011 1 Cos è l apprendistato? E un contratto di lavoro a tempo indeterminato, finalizzato alla formazione e all occupazione

Dettagli

Garanzia Giovani PON Iniziativa Occupazione Giovani. Valentina Curzi

Garanzia Giovani PON Iniziativa Occupazione Giovani. Valentina Curzi Garanzia Giovani PON Iniziativa Occupazione Giovani Valentina Curzi Garanzia Giovani (2013) Raccomandazione del Consiglio (22/4/2013) Entro 4 mesi i giovani < 25 anni devono ricevere un offerta qualitativamente

Dettagli

GARANZIA PER I GIOVANI. Incontro con le Associazioni datoriali. 6 dicembre 2013

GARANZIA PER I GIOVANI. Incontro con le Associazioni datoriali. 6 dicembre 2013 GARANZIA PER I GIOVANI Incontro con le Associazioni datoriali 6 dicembre 2013 1 IL PIANO ITALIANO 2 DESTINATARI Giovani nella fascia di età 15-24 anni ai quali offrire un servizio entro quattro mesi dall

Dettagli

DISPOSIZIONI DI DETTAGLIO PER LA GESTIONE E IL CONTROLLO DEL CATALOGO DEI SERVIZI PER IL LAVORO GARANZIA GIOVANI

DISPOSIZIONI DI DETTAGLIO PER LA GESTIONE E IL CONTROLLO DEL CATALOGO DEI SERVIZI PER IL LAVORO GARANZIA GIOVANI ALLEGATO A DISPOSIZIONI DI DETTAGLIO PER LA GESTIONE E IL CONTROLLO DEL CATALOGO DEI SERVIZI PER IL LAVORO GARANZIA GIOVANI DETERMINA DIRIGENZIALE 20 GENNAIO 2015, n. 12 e successive modifiche Approvazione

Dettagli

Promuovere l innovazione delle imprese con Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani, Tirocinio e Apprendistato

Promuovere l innovazione delle imprese con Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani, Tirocinio e Apprendistato Promuovere l innovazione delle imprese con Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani, Tirocinio e Apprendistato Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani Cos è Dote Lavoro-Tirocini per i Giovani Dote Lavoro - Tirocini

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA TRA. Regione del Veneto

PROTOCOLLO D'INTESA TRA. Regione del Veneto REGIO NE DELVENETO CONFINDUSTRIA Veneto PROTOCOLLO D'INTESA TRA Regione del Veneto Ministero dell'istruzione,dell'università e della Ricerca - Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto (di seguito denominato

Dettagli

vista la L.R. n. 34 del 22 dicembre 2008 Norme per la promozione dell occupazione, della qualità, della sicurezza e regolarità del lavoro;

vista la L.R. n. 34 del 22 dicembre 2008 Norme per la promozione dell occupazione, della qualità, della sicurezza e regolarità del lavoro; REGIONE PIEMONTE BU11 13/03/2014 Codice DB1511 D.D. 5 marzo 2014, n. 122 P.O.R. FSE 2007/2013 D.G.R. n. 17-7047 del 27 gennaio 2014. Direttiva pluriennale per la realizzazione del Progetto Straordinario

Dettagli

Formazione e Innovazione per l Occupazione FIxO Scuola & Università

Formazione e Innovazione per l Occupazione FIxO Scuola & Università Formazione e Innovazione per l Occupazione FIxO Scuola & Università Introduzione 2 1. Il contesto di riferimento 1.1 Riferimenti istituzionali Si inserisce nell ambito della Strategia Europa 2020 e delle

Dettagli

È finanziato con risorse del Fondo sociale europeo pari a 74 milioni di euro. Ha avvio il I maggio 2014.

È finanziato con risorse del Fondo sociale europeo pari a 74 milioni di euro. Ha avvio il I maggio 2014. La Garanzia Giovani è un progetto che intende assicurare ai ragazzi e alle ragazze tra i 15 e i 29 anni che non studiano e non lavorano opportunità per acquisire nuove competenze e per entrare nel mercato

Dettagli

DETERMINAZIONE. Estensore CAMPONESCHI MAFALDA. Responsabile del procedimento MAFALDA CAMPONESCHI. Responsabile dell' Area O.

DETERMINAZIONE. Estensore CAMPONESCHI MAFALDA. Responsabile del procedimento MAFALDA CAMPONESCHI. Responsabile dell' Area O. REGIONE LAZIO Direzione Regionale: Area: LAVORO AFFARI GENERALI DETERMINAZIONE N. G14777 del 20/10/2014 Proposta n. 16625 del 30/09/2014 Oggetto: Presenza annotazioni contabili D.G.R. 3 febbraio 2012,

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto il decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134, recante Misure urgenti per la crescita del Paese, e,

Dettagli

APPRENDISTATO DI ALTA FORMAZIONE RICERCA VADEMECUM PER LE AZIENDE

APPRENDISTATO DI ALTA FORMAZIONE RICERCA VADEMECUM PER LE AZIENDE APPRENDISTATO DI ALTA FORMAZIONE RICERCA VADEMECUM PER LE AZIENDE A cura dell Ufficio Job Placement dell Università degli Studi Roma Tre Il testo di seguito proposto costituisce una sintesi delle norme

Dettagli

La GaranziaGiovani in Veneto

La GaranziaGiovani in Veneto La GaranziaGiovani in Veneto Luca Meneguzzo Incontro di approfondimento CEI Roma, venerdì 25 luglio 2014 La garanziagiovaniin Veneto: stato dell arte Il Piano Regionale Bando Youth Corner Dgr 555/2014

Dettagli

NUOVE OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI E IL LAVORO 1. PIANO GIOVANI SICILIA

NUOVE OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI E IL LAVORO 1. PIANO GIOVANI SICILIA NUOVE OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI E IL LAVORO 1. PIANO GIOVANI SICILIA La Regione Siciliana in collaborazione con Italia Lavoro ha destinato 19.250.000 euro per l avviamento di percorsi di tirocinio per

Dettagli

Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo

Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo 2003, n.53 Criteri e procedure per la certificazione

Dettagli

Deliberazione Giunta Regionale n. 19 del 07/02/2014

Deliberazione Giunta Regionale n. 19 del 07/02/2014 Deliberazione Giunta Regionale n. 19 del 07/02/2014 Dipartimento 51 - Programmazione e Sviluppo Economico Direzione Generale 1 - Programmazione Economica e Turismo Oggetto dell'atto: MISURE VOLTE AL SOSTEGNO

Dettagli

Contrasto al lavoro sommerso

Contrasto al lavoro sommerso Contrasto al lavoro sommerso Nell ambito della L.R. n.30 del 13/08/2007 Norme regionali per la sicurezza e la qualità del lavoro è stato finanziato il progetto regionale Contrasto al lavoro sommerso e

Dettagli

ADOTTA UN APPRENDISTA!

ADOTTA UN APPRENDISTA! ADOTTA UN APPRENDISTA! Una guida sull Apprendistato, le tipologie e gli attori Regione Lombardia è da sempre attenta alle sfide che le giovani generazioni devono affrontare nei loro percorsi di vita professionale.

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL Art.1 Ambito di applicazione 1.Il presente regolamento, emanato

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri CONFERENZA UNIFICATA (ex art. 8 del D.Lgs. 28 agosto 1997, n. 281) SEDUTA DEL 2 MARZO 2000 Repertorio Atti n. 221 del 2 marzo 2000 Oggetto: Accordo tra Governo, regioni,

Dettagli

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali PROTOCOLLO D INTESA TRA L AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE E L AGENZIA NAZIONALE PER I SERVIZI SANITARI REGIONALI ****************** L AUTORITÀ NAZIONALE

Dettagli

GARANZIA GIOVANI LOMBARDIA: l occasione che cerchi! www.garanziagiovani.regione.lombardia.it

GARANZIA GIOVANI LOMBARDIA: l occasione che cerchi! www.garanziagiovani.regione.lombardia.it GARANZIA GIOVANI LOMBARDIA: l occasione che cerchi! www.garanziagiovani.regione.lombardia.it UE LANCIA IL PROGRAMMA GARANZIA GIOVANI Nel Marzo 2013 viene pubblicata la Raccomandazione della Garanzia per

Dettagli

AVVISO PUBBLICO DOTE 3

AVVISO PUBBLICO DOTE 3 Area Sviluppo Economico Settore Lavoro PIANO PROVINCIALE DISABILI Annualità 2014 AVVISO PUBBLICO DOTE 3 Azioni finalizzate al sostegno all occupazione dei lavoratori con disabilità psichica o intellettiva

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE (integrato con modifiche apportate dal Senato Accademico con delibera n 994

Dettagli

COMUNE DI GIOVINAZZO. Regolamento di disciplina della misurazione e

COMUNE DI GIOVINAZZO. Regolamento di disciplina della misurazione e COMUNE DI GIOVINAZZO Regolamento di disciplina della misurazione e valutazione della performance Approvato dalla Giunta Comunale con deliberazione n. del 1 Articolo 1 Oggetto e finalità 1. Le disposizioni

Dettagli

ACCORDO QUADRO DI COLLABORAZIONE TRA CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO E UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA

ACCORDO QUADRO DI COLLABORAZIONE TRA CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO E UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA ACCORDO QUADRO DI COLLABORAZIONE TRA CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO E UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco (di seguito denominato Corpo Nazionale), C.F. n. 80219290584,

Dettagli

Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro

Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Prime indicazioni in merito alla metodologia di determinazione delle opzioni di semplificazione di costo (c.d. costi standard) nell ambito

Dettagli

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 18 - Martedì 28 aprile 2015

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 18 - Martedì 28 aprile 2015 Bollettino Ufficiale 5 D.g.r. 24 aprile 2015 - n. X/3453 Determinazione in ordine alle iniziative in favore dell inserimento socio-lavorativo delle persone con disabilità e integrazione delle linee di

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA TRA

PROTOCOLLO D'INTESA TRA PROTOCOLLO D'INTESA Il giorno 31 Marzo 2015 presso la sede dell Assessorato Sviluppo Economico, Lavoro, Formazione e Politiche Sociali della Regione Calabria sito a Catanzaro in Viale Lucrezia della Valle

Dettagli

GARANZIA GIOVANI IN UMBRIA MARCHE E ABRUZZO

GARANZIA GIOVANI IN UMBRIA MARCHE E ABRUZZO GARANZIA GIOVANI IN UMBRIA MARCHE E ABRUZZO MISURE UMBRIA MARCHE ABRUZZO Misura 1A Accoglienza e informazioni sul Obiettivo minimo: Circa 25.000 giovani tra i 15-29 anni Informazioni disponibili presso

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Per la realizzazione dall anno scolastico 2003/2004

Dettagli

REGIONE MOLISE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MOLISE GIUNTA REGIONALE REGIONE MOLISE GIUNTA REGIONALE Mod. B (Atto che non comporta impegno di spesa) Seduta del 20-11-2015 DELIBERAZIONE N. 635 OGGETTO: DGR N. 51/2015. DGR N. 151/2015. FONDO REGIONALE PER LE IMPRESE PRESSO

Dettagli

REGIONE MOLISE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MOLISE GIUNTA REGIONALE REGIONE MOLISE GIUNTA REGIONALE Mod. B Atto che non comporta impegno dispesa Seduta del 28-07-2014 DELIBERAZIONE N. 354 OGGETTO: PACCHETTO "GIOVANI" BONUS PER L'OCCUPAZIONE GIOVANI IN IMPRESA - AZIONE

Dettagli

STATO DI AVANZAMENTO DELLA GARANZIA GIOVANI IN VENETO 23 OTTOBRE 2014. - Santo Romano - Direttore Dipartimento Formazione, Istruzione e Lavoro

STATO DI AVANZAMENTO DELLA GARANZIA GIOVANI IN VENETO 23 OTTOBRE 2014. - Santo Romano - Direttore Dipartimento Formazione, Istruzione e Lavoro STATO DI AVANZAMENTO DELLA GARANZIA GIOVANI IN VENETO 23 OTTOBRE 2014 - Santo Romano - Direttore Dipartimento Formazione, Istruzione e Lavoro La Garanzia Giovani - YEI L iniziativa Europea per l Occupazione

Dettagli

Convegno Good Vocational Education and Training A future for young workers Le Politiche di Regione Lombardia Skills and Jobs

Convegno Good Vocational Education and Training A future for young workers Le Politiche di Regione Lombardia Skills and Jobs Convegno Good Vocational Education and Training A future for young workers Le Politiche di Regione Lombardia Skills and Jobs 4 dicembre 2014 Un cordiale buongiorno a tutti i presenti. Grazie, innanzitutto,

Dettagli

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni (aggiornamento del 5 febbraio 2015) NOTA ALLA LETTURA La tabella sottostante riporta lo

Dettagli

ACCORDO. tra Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. e Regione Lombardia

ACCORDO. tra Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. e Regione Lombardia ACCORDO tra Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca e Regione Lombardia SPERIMENTAZIONE DI PERCORSI FORMATIVI IN APPRENDISTATO PER L ESPLETAMENTO

Dettagli

Un progetto per l autonomia l giovani: PERCHE

Un progetto per l autonomia l giovani: PERCHE Un progetto per l autonomia l dei giovani: PERCHE I giovani sono coinvolti da alcuni cambiamenti dovuti sia a fattori socio economici che culturali: Il prolungamento della gioventù Il ritardo nell accesso

Dettagli

[GARANZIA GIOVANI] Garanzia Giovani: cos è, i destinatari, l attuazione, le azioni previste e come fare domanda

[GARANZIA GIOVANI] Garanzia Giovani: cos è, i destinatari, l attuazione, le azioni previste e come fare domanda 2014 Imera Sviluppo 2010 Giuseppe Di Gesù [GARANZIA GIOVANI] Garanzia Giovani: cos è, i destinatari, l attuazione, le azioni previste e come fare domanda GARANZIA GIOVANI: CHE COS E La Garanzia Giovani

Dettagli

Giovani. Garanzia. istruzioni per l uso

Giovani. Garanzia. istruzioni per l uso Garanzia Giovani istruzioni per l uso A cura del Dipartimento Politiche Giovanili della CGIL Marche Con il Patrocinio della Regione Marche www.marche.cgil.it Cos è Garanzia Giovani? Garanzia Giovani (Youth

Dettagli

CONVENZIONE DI INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI

CONVENZIONE DI INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI MARCA DA BOLLO 14,62 [indicare eventuali riferimenti normativi di esenzione dall applicazione del bollo] CONVENZIONE DI INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI AI SENSI DELL'ART. 11, COMMI 1,2,3,4,6

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA Il Ministero del lavoro e delle politiche sociali e l Unione delle Province d Italia UPI VISTI il

Dettagli

DIPARTIMENTO POLITICHE GIOVANILI. Piano straordinario per il lavoro in Sicilia: Opportunità Giovani

DIPARTIMENTO POLITICHE GIOVANILI. Piano straordinario per il lavoro in Sicilia: Opportunità Giovani Piano straordinario per il lavoro in Sicilia: Opportunità Giovani Il Piano straordinario per il Lavoro in Sicilia: Opportunità Giovani è parte integrante di una strategia di ampio respiro di rilancio e

Dettagli

DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO

DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO 11345 01/12/2014 Identificativo Atto n. 1172 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO APPROVAZIONE PROGETTO SPERIMENTALE DI MASTER RIVOLTO AD APPRENDISTI ASSUNTI AI SENSI DELL ART. 5 DEL D.LGS.

Dettagli

PROCEDURE, STRUMENTI E MODALITÀ PER :

PROCEDURE, STRUMENTI E MODALITÀ PER : Formazione Professionale-Lavoro PROCEDURE, STRUMENTI E MODALITÀ PER : 1. LA REDAZIONE DEL PIANO FORMATIVO INDIVIDUALE 2. LA DESCRIZIONE DEI PROFILI FORMATIVI 3. LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE IN ESITO

Dettagli

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni (aggiornamento del 29 ottobre 2014) NOTA ALLA LETTURA La tabella sottostante riporta lo

Dettagli

COMUNE di CAPUA Provincia di Caserta

COMUNE di CAPUA Provincia di Caserta COMUNE di CAPUA Provincia di Caserta COPIA di DELIBERAZIONE della GIUNTA MUNICIPALE N 35 del 26.03.2015 Oggetto: Attuazione regionale Garanzia Giovani Campania - Provvedimenti Ambito di Settore: Amministrativo

Dettagli

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n.

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. 40 Premessa Il presente documento contiene indicazioni e orientamenti

Dettagli

Piano di Attuazione Regionale (PAR) Lazio 2014 2015 Garanzia Giovani

Piano di Attuazione Regionale (PAR) Lazio 2014 2015 Garanzia Giovani Piano di Attuazione Regionale (PAR) Lazio 2014 2015 Garanzia Giovani Servizio FAQ Sezione: Domande Generali Aggiornamento del 23 Giugno 2015 1) Chi può aderire al programma Garanzia Giovani? I giovani

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DI MANTOVA PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI (2014-2016)

PIANO PROVINCIALE DI MANTOVA PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI (2014-2016) PROVINCIA DI MANTOVA Settore risorse culturali e turistiche, lavoro, sviluppo della persona e delle comunità. PIANO PROVINCIALE DI MANTOVA PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI (2014-2016)

Dettagli

PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE. Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia

PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE. Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia Art. 1 (Innovazione nel sistema educativo di istruzione

Dettagli

PIANO DI ATTUAZIONE REGIONALE GARANZIA GIOVANI APPROVATO CON PROPRIA DELIBERAZIONE N. 475/2014. PROPOSTA DI RIPROGRAMMAZIONE.

PIANO DI ATTUAZIONE REGIONALE GARANZIA GIOVANI APPROVATO CON PROPRIA DELIBERAZIONE N. 475/2014. PROPOSTA DI RIPROGRAMMAZIONE. Progr.Num. 77/2015 GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Questo giorno lunedì 09 del mese di febbraio dell' anno 2015 si è riunita nella residenza di la Giunta regionale con l'intervento dei Signori: via

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA D.R. 7675 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA IL RETTORE - Vista la Legge del 19 novembre 1990, n.341 e in particolare gli articoli 6 e 7, concernenti la riforma degli ordinamenti didattici universitari;

Dettagli

PANORAMICA GENERALE SULLA GARANZIA GIOVANI Riunione Commissione Sindacale Roma 15 aprile 2014

PANORAMICA GENERALE SULLA GARANZIA GIOVANI Riunione Commissione Sindacale Roma 15 aprile 2014 Servizio Sindacale Giuslavoristico PANORAMICA GENERALE SULLA GARANZIA GIOVANI Riunione Commissione Sindacale Roma 15 aprile 2014 a cura del SERVIZIO SINDACALE GIUSLAVORISTICO Dipartimento Politico Sindacale

Dettagli

I. Il progetto Andiamo a Lavorare!

I. Il progetto Andiamo a Lavorare! Andiamo a Lavorare! I. Il progetto Andiamo a Lavorare! I. Come è nato Il progetto Andiamo a lavorare! nasce dall incontro tra una Amministrazione Comunale di Canale Monterano,, gli Operatori del Servizio

Dettagli

Garanzia Giovani IL PIANO DI ATTUAZIONE ITALIANO. A cura dell'area Lavoro Ital Uil

Garanzia Giovani IL PIANO DI ATTUAZIONE ITALIANO. A cura dell'area Lavoro Ital Uil Garanzia Giovani IL PIANO DI ATTUAZIONE ITALIANO IL PROGRAMMA La GARANZIA GIOVANI è un PROGRAMMA EUROPEO per il contrasto al fenomeno della disoccupazione giovanile IL CONTESTO LA RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO

Dettagli

D.R. N. 1002/14 IL RETTORE

D.R. N. 1002/14 IL RETTORE D.R. N. 1002/14 IL RETTORE Vista la Legge 9 maggio 1989, n. 168, istitutiva del Ministero dell'università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica; Vista la Legge n. 240 del 30 dicembre 2010; Visto lo

Dettagli

(Testo coordinato con le modifiche e le integrazioni di cui alla L.R. 20 febbraio 2014, n. 5) CAPO I Principi generali

(Testo coordinato con le modifiche e le integrazioni di cui alla L.R. 20 febbraio 2014, n. 5) CAPO I Principi generali Legge regionale 18 dicembre 2013, n. 53 Disciplina del Sistema Regionale dell Istruzione e Formazione Professionale. (BUR n. 24 del 16 dicembre 2013, supplemento straordinario n. 6 del 27 dicembre 2013)

Dettagli

SCHEMA DI ACCORDO PER LA DISCIPLINA E LA DURATA DELL APPRENDISTATO PER LA QUALIFICA E PER IL DIPLOMA PROFESSIONALE NELLA REGIONE ABRUZZO

SCHEMA DI ACCORDO PER LA DISCIPLINA E LA DURATA DELL APPRENDISTATO PER LA QUALIFICA E PER IL DIPLOMA PROFESSIONALE NELLA REGIONE ABRUZZO ALLEGATO A GIUNTA REGIONALE D ABRUZZO DIREZIONE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO, FORMAZIONE ED ISTRUZIONE, POLITICHE SOCIALI REGIONE ABRUZZO GIUNTA REGIONALE D ABRUZZO DIREZIONE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO

Dettagli

Allegato A PROVINCIA DI COMO SETTORE FORMAZIONE PROFESSIONALE E POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO

Allegato A PROVINCIA DI COMO SETTORE FORMAZIONE PROFESSIONALE E POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO Allegato A PROVINCIA DI COMO SETTORE FORMAZIONE PROFESSIONALE E POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO LINEE DI INDIRIZZO PER LA FORMAZIONE FORMALE ESTERNA DEGLI APPRENDISTI A FINANZIAMENTO PUBBLICO IN PROVINCIA

Dettagli

Regolamento in materia di CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO E CORSI DI PERFEZIONAMENTO. dell Università degli Studi di Perugia

Regolamento in materia di CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO E CORSI DI PERFEZIONAMENTO. dell Università degli Studi di Perugia Regolamento in materia di CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO E CORSI DI PERFEZIONAMENTO dell Università degli Studi di Perugia (Emanato con decreto rettorale n. 66 del 26 gennaio 2015) 1 Indice TITOLO I DEFINIZIONI

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Si è riunita oggi la Cabina di Regia per l attuazione del Piano di azione per l occupabilità dei

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 3144 Seduta del 18/02/2015

DELIBERAZIONE N X / 3144 Seduta del 18/02/2015 DELIBERAZIONE N X / 3144 Seduta del 18/02/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI MARIA CRISTINA CANTU' CRISTINA

Dettagli

Approvazione Convenzione tra Regione Piemonte e Universita' degli Studi di Torino, ai sensi della d.g.r. 7-2062 del 7/9/2015

Approvazione Convenzione tra Regione Piemonte e Universita' degli Studi di Torino, ai sensi della d.g.r. 7-2062 del 7/9/2015 REGIONE PIEMONTE BU43 29/10/2015 Codice A1108A D.D. 8 settembre 2015, n. 512 Approvazione Convenzione tra Regione Piemonte e Universita' degli Studi di Torino, ai sensi della d.g.r. 7-2062 del 7/9/2015

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Documento condiviso tra le Università di Macerata e Camerino in attuazione degli indirizzi dell accordo di programma dell 11 febbraio 2010 tra Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca,

Dettagli

FAQ GARANZIA PON IOG

FAQ GARANZIA PON IOG GARANZIA PON IOG Deliberazione della Giunta Regionale 3 novembre 2014, n. 34-521. Direttiva pluriennale per l attuazione del Piano Regionale Garanzia Giovani (Youth Employment Iniziative PON Garanzia Giovani).

Dettagli

PROCEDURA PER LA STIPULA DELLE CONVENZIONI PER TIROCINI

PROCEDURA PER LA STIPULA DELLE CONVENZIONI PER TIROCINI PROCEDURA PER LA STIPULA DELLE CONVENZIONI PER TIROCINI Il presente documento contiene i 2 modelli necessari per la stipula delle Convenzioni per i Tirocini Curriculari e per i Tirocini Formativi e di

Dettagli

Programma Operativo Nazionale per l attuazione della Iniziativa Europea per l Occupazione dei Giovani

Programma Operativo Nazionale per l attuazione della Iniziativa Europea per l Occupazione dei Giovani Programma Operativo Nazionale per l attuazione della Iniziativa Europea per l Occupazione dei Giovani CONVENZIONE TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Direzione Generale per le Politiche

Dettagli

DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO

DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO 7753 12/08/2014 Identificativo Atto n. 791 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO APPROVAZIONE PROGETTO SPERIMENTALE DI MASTER RIVOLTO AD APPRENDISTI ASSUNTI AI SENSI DELL ART. 5 DEL D.LGS.

Dettagli

TRA LA REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO ALL ISTRUZIONE, SPORT E TURISMO ASSESSORATO AL LAVORO E FORMAZIONE PROFESSIONALE

TRA LA REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO ALL ISTRUZIONE, SPORT E TURISMO ASSESSORATO AL LAVORO E FORMAZIONE PROFESSIONALE Regione Piemonte Assessorato all Istruzione, Sport e Turismo e Assessorato al Lavoro e alla Formazione Professionale Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte Accordo per la realizzazione di percorsi

Dettagli

\ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 REGOLAMENTO MASTER

\ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 REGOLAMENTO MASTER \ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 Art.1 Master universitari REGOLAMENTO MASTER 1. In attuazione dell articolo 1,

Dettagli

CONVENZIONE TRA AGENZIA DELLE ENTRATE - DIREZIONE REGIONALE DEL LAZIO E UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA TUSCIA DI VITERBO

CONVENZIONE TRA AGENZIA DELLE ENTRATE - DIREZIONE REGIONALE DEL LAZIO E UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA TUSCIA DI VITERBO DIREZIONE Viterbo, REGIONALE LAZIO CONVENZIONE TRA AGENZIA DELLE ENTRATE - DIREZIONE REGIONALE DEL LAZIO E UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA TUSCIA DI VITERBO PER : TIROCINIO FORMATIVO STUDENTI ; RICONOSCIMENTO

Dettagli

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa Apprendistato di alta formazione e ricerca Guida informativa Cos è l apprendistato di alta formazione e di ricerca Il contratto di apprendistato per il conseguimento di un diploma di istruzione secondaria

Dettagli

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO REGIONE TOSCANA L.R. 2 aprile 2009, n. 16 Cittadinanza di genere B.U. Regione Toscana 06 aprile 2009, n. 11 PREAMBOLO Visto l articolo 117, terzo, quarto e settimo comma della Costituzione; Visto l articolo

Dettagli

TRA LA REGIONE PUGLIA ASSESSORATO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO E LA FORMAZIONE PROFESSIONALE

TRA LA REGIONE PUGLIA ASSESSORATO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO E LA FORMAZIONE PROFESSIONALE Regione Puglia Assessorato per il diritto allo studio e la formazione professionale Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Accordo per la realizzazione nell anno scolastico 2011/2012 di percorsi di

Dettagli

AVVISO PUBBLICO Sub 1

AVVISO PUBBLICO Sub 1 AVVISO PUBBLICO Sub 1 Per l'assegnazione di un contributo agli Istituti di Istruzione Secondaria di 2 grado della provincia di Pordenone per la realizzazione di progetti al supporto di giovani studenti

Dettagli