il Cantiere Sicuro Notiziario dell E.S.E.B. - ENTE SISTEMA EDILIZIA BRESCIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "il Cantiere Sicuro Notiziario dell E.S.E.B. - ENTE SISTEMA EDILIZIA BRESCIA"

Transcript

1 il Cantiere Sicuro Notiziario dell E.S.E.B. - ENTE SISTEMA EDILIZIA BRESCIA informazioni per la sicurezza in cantiere 01 Ente Sistema Edilizia Brescia - via della Garzetta, Brescia ENTE SISTEMA EDILIZIA BRESCIA IL PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (P.O.S.) Anno 7 - n 1 - Maggio 2015

2 SOMMARIO ENTE SISTEMA EDILIZIA BRESCIA IL PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (D.P.I.) Pag. 3 Pag. 4 a 12 DOMANDE DAL CANTIERE Pag. 13 il Cantiere Sicuro REDAZIONE: Via della Garzetta, Brescia Tel fax DIRETTORE RESPONSABILE: Depellegrin Nicolò COMITATO DI REDAZIONE: Ider Primo, Niane Ibrahima, Depellegrin Nicolò STAMPA Poligrafica Bresciana Brescia Registrazione del tribunale di Brescia n 37 del 9/7/2009 Costituito da COLLEGIO COSTRUTTORI EDILI di BRESCIA e PROVINCIA e Federazione Lavoratori Costruzioni: FeNEAL-UIL FILCA-CISL FILLEA-CGIL Via della Garzetta, BRESCIA Tel.: fax: Per qualsiasi informazione, per fissare appuntamenti presso i nostri uffici, presso gli uffici dell impresa o direttamente all interno dei cantieri, per organizzare corsi di formazione alla sicurezza, per l addestramento all uso di macchinari o attrezzature e per consulenze di qualsiasi genere in relazione alla sicurezza ed alla gestione del cantiere, il personale di ESEB è a disposizione gratuita di tutte le imprese regolarmente iscritte alla Cassa Edile di Brescia, dal lunedì al venerdì, dalle ore 8:00 alle ore 12:00 e dalle ore 13:00 alle ore al numero Per informazioni relative a: Segreteria generale: Sig.ra LUISA Corsi macchine e per la formazione del personale: Sig.ra SARA Consulenze e formazione per la sicurezza: Sig.ra ELISA Corsi Apprendisti e Istituto Professionale: Sig.ra FRANCESCA Sul sito internet dell ente ( ) sono disponibili i moduli con tutte le informazioni relative ai corsi di formazione proposti, le schede per l iscrizione on line, e tutte le news relative alle iniziative di promozione della cultura organizzate da ESEB. ASSISTENZA CONTINUA AI LAVORATORI ED ALLE IMPRESE 1. Si fa presente che le ispezioni effettuate dagli organismi preposti alla vigilanza in materia di sicurezza sul lavoro (ASL e Ispettorato del Lavoro), sono principalmente rivolte al controllo della corretta applicazione delle norme antinfortunistiche ed alla verifica dell effettuazione di un adeguata informazione e formazione delle maestranze sui rischi presenti nelle lavorazioni. 2. Pertanto si ricorda che tutte le imprese iscritte alla C.A.P.E. possono usufruire gratuitamente dell assistenza del E.S.E.B. sia per la verifica preventiva e continuativa delle condizioni antinfortunistiche dei cantieri, sia per l informazione e la formazione delle maestranze. 3. Per qualsiasi richiesta di consulenza, di verifica in cantiere, o di formazione del personale, le imprese ed i lavoratori possono telefonare alla segreteria del E.S.E.B. in orario di lavoro al n dal lunedi al venerdi dalle ore 8.00 alle ore e dalle ore alle ore 17.00

3 ENTE SISTEMA EDILIZIA BRESCIA (ESEB) Al fine di fornire un miglior servizio alle imprese, da gennaio 2015 le due istituzioni storiche del sistema bilaterale dell edilizia, il COMITATO PARITETICO TERRITORIALE PER LA SICUREZZA (CPT) e la SCUOLA EDILE BRESCIANA (SEB), si sono unite nell ENTE SISTEMA EDILIZIA BRESCIA (ESEB). Le imprese iscritte alla Cassa Edile di Brescia possono ricevere dall ESEB assistenza completa e continuativa in relazione alla sicurezza sui cantieri e alla formazione professionale dei propri collaboratori. L assistenza è completamente GRATUITA. Per verificare gli adempimenti relativi alla sicurezza e alla formazione, e individuare il percorso più rapido ed economico per assolverli, consigliamo di fissare una consulenza gratuita presso gli uffici dell ESEB. FORMAZIONE PROFESSIONALE Nell ambito della formazione professionale, tutti i corsi erogati dall ESEB sono GRATUITI per i dipendenti regolarmente iscritti alla Cassa Edile di Brescia. I principali corsi previsti dagli accordi Stato-Regione che riguardano la formazione alla sicurezza di base sono: corso 16 ore per lavoratori; corsi per preposti e dirigenti; RSPP datori di lavoro; corsi addetti alle emergenze; formazione specifica per le attività di cantiere (ponteggi, macchine movimento terra, gru, PLE, posa segnaletica stradale, carrelli elevatori, gru su autocarro, autogru, ambienti confinati, etc.). SICUREZZA SUI CANTIERI Per gestire al meglio e nel modo più semplice possibile le incombenze relative alla sicurezza sul cantiere, le imprese iscritte alla Cassa Edile possono accedere gratuitamente a tutti i servizi messi a disposizione dall ESEB: consulenze all interno dei cantieri: sopralluoghi gratuiti di tecnici competenti al fine di migliorare le condizioni di sicurezza del cantiere e ottemperare agli obblighi di Legge; assistenza e supporto per l ottenimento della riduzione del tasso assicurativo INAIL (OT24); consulenze documentali: assistenza alla redazione dei documenti per la sicurezza / verifica della loro completezza e regolarità. Per fissare un appuntamento o per informazioni sulla formazione: tel Orari: da lunedì a venerdì, dalle ore 8:00 alle ore 12:00 e dalle ore 13:00 alle ore 17:00. 03

4 Il PIANO OPERATIVO di SICUREZZA P.O.S. Il Piano Operativo di Sicurezza, secondo la definizione contenuta nell articolo 89 del Decreto Legislativo 81/08 è il documento che il datore di lavoro dell impresa esecutrice redige, in riferimento al singolo cantiere interessato, ai sensi dell articolo 17 comma 1, lettera a), i cui contenuti sono riportati nell allegato XV. I contenuti minimi del Piano Operativo di Sicurezza, che è elaborato obbligatoriamente dal datore di lavoro, sono quindi contenuti nell Allegato XV del Dlgs 81/08. Il P.O.S., deve sempre essere tenuto in cantiere, a disposizione, oltre che degli organi di vigilanza, di tutti gli operatori, che nel documento devono poter trovare le indicazioni da seguire per gestire il cantiere in conformità a quanto previsto dal Datore di Lavoro. Chi deve redigere il P.O.S.? La redazione del POS, che può essere definita la valutazione dei rischi del singolo cantiere, è compito indelegabile del Datore di Lavoro. In generale possiamo definire il POS come una sorta di carta di identità del cantiere temporaneo o mobile, infatti in questo documento devono essere riportati, ad esempio: dati anagrafici della ditta esecutrice, dati relativi al cantiere, organigramma, attrezzature e impianti utilizzati, descrizione delle fasi di lavorazione, informazioni relative alla prevenzione quali figure professionali e DPI, attività di formazione e informazione per la sicurezza dei lavoratori. E pertanto il Datore di Lavoro di tutte le imprese presenti in cantiere che deve effettuare la valutazione dei rischi correlati alle attività da svolgere, ed analizzare le metodologie per eliminarli, o ridurli al minimo, come previsto dalla Normativa stessa. Il P.O.S. è il documento di dettaglio della Valutazione Rischi che riguarda le attività di lavoro presso un cantiere esterno, situazione particolare che richiede una speciale valutazione poiché entrano in campo nuovi fattori di rischio e contesti diversi. Proprio per la particolare circostanza è chiamata in causa la supervisione del Datore di Lavoro che dovrà garantire il corretto andamento dei lavori in totale sicurezza. Prima che si inizi un attività presso un cantiere esterno il P.O.S. dovrà essere redatto sia dal datore di lavoro dell impresa affidataria che dal datore di lavoro dell impresa esecutrice. Art. 96 D.Lgs. 81/08: I Datori di Lavoro delle imprese affidatarie e delle imprese esecutrici, anche nel caso in cui in cantiere operi una unica impresa, anche famigliare o con meno di dieci addetti, g) redigono il Piano Operativo di Sicurezza. Quali sono i contenuti minimi del POS? Come si evince dall Allegato, il Piano Operativo di Sicurezza nei cantieri temporanei o mobili è redatto da ciascun datore di lavoro di imprese esecutrici, in riferimento ad uno specifico cantiere. Il POS deve contenere: 1. i dati dell impresa esecutrice; 2. le specifiche mansioni per la sicurezza svolte in cantiere; 04

5 3. la descrizione dell attività svolta in cantiere; 4. l elenco dei ponteggi, dei ponti e delle macchine utilizzate in cantiere; 5. l elenco delle sostanze e dei preparati pericolosi; 6. l esito della valutazione del rischio rumore; 7. le misure preventive e protettive da integrare al PSC; 8. le procedure complementari richieste dal PSC; 9. l elenco dei dispositivi di protezione individuale; 10. la documentazione riguardante l informazione e la formazione dei lavoratori che operano in cantiere. I dati identificativi dell impresa esecutrice riguardano: 1. il nominativo del datore di lavoro; 2. l indirizzo e il numero di telefono della sede legale e degli uffici del cantiere; 3. le singole lavorazioni svolte in cantiere dall impresa esecutrice; 4. i nominativi delle figure coinvolte nella sicurezza, ossia l RLS, gli addetti al primo soccorso e gli addetti alla gestione delle emergenze e prevenzione antincendio; 5. il nominativo del medico competente, nel caso fosse nominato; 6. il nominativo dell RSPP; 7. il nominativo del direttore tecnico del cantiere; 8. il numero dei lavoratori dipendenti dell impresa esecutrice e dei lavoratori autonomi. ATTENZIONE Molte imprese utilizzano dei programmi informatici per la redazione del documento: in questo caso è conveniente controllare che i contenuti corrispondano a quelli previsti dalla Legge. Inoltre è consigliabile utilizzare l elenco dell allegato XV come vero e proprio indice dei POS da redigere, per facilitare il reperimento delle informazioni da parte degli addetti di cantiere, e per controllare che il documento non abbia mancanze. Quando deve essere redatto il P.O.S.? SEMPRE, PRIMA dell inizio del cantiere. Non esiste cantiere edile che, per durata o tipologia di lavorazioni, non richieda alle imprese presenti la redazione del Documento. Prima dell inizio dei rispettivi lavori ciascuna impresa esecutrice trasmette il proprio P.O.S. all impresa affidataria, la quale, previa verifica della congruenza rispetto al proprio, lo trasmette al coordinatore per l esecuzione (Art. 101 D.Lgs. 81/08). 05

6 Chi collabora alla redazione del P.O.S.? Il Datore di Lavoro redige il POS coordinandosi con il R.S.P.P., Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione; finita la redazione tale fondamentale documento deve essere sottoposto all attenzione del R.L.S., Rappresentante dei lavoratori per la Sicurezza. Il Lavoratore autonomo / impresa individuale senza dipendenti è obbligato alla redazione del P.O.S.? La Legge obbliga le imprese alla stesura del Piano Operativo di Sicurezza POS, proprio in virtù di ciò i lavoratori autonomi/imprese individuali senza dipendenti, nel momento in cui operano in cantiere, non sono tenuti a presentare un proprio POS. L art. 89 del D.Lgs. 81/08 definisce infatti il lavoratore autonomo come: Il R.L.S. deve valutare attentamente se il POS possa essere ritenuto soddisfacente per quanto riguarda la tutela e sicurezza dei lavoratori, a partire dai contenuti minimi. Qualora il RLS ritenesse il Piano Operativo di Sicurezza carente su alcune informazioni minime, soprattutto quelle relative alla sicurezza del lavoratore (ad esempio, l elenco dei DPI forniti agli operai o quelle su informazione e formazione del lavoratore in cantiere), deve far presenti le criticità individuate. la persona fisica la cui attività professionale contribuisce alla realizzazione dell opera senza vincolo di subordinazione. Pertanto, l impresa che incarica il lavoratore autonomo dello svolgimento di alcune lavorazioni, deve: 1. specificare nel proprio POS le attività che quest ultimo effettuerà nel cantiere, 2. analizzare i rischi che questi porta nel luogo di lavoro, 3. specificare i mezzi e gli strumenti che verranno adottati per eliminare detti rischi, o ridurli al minimo. Quando il documento viene considerato completo e redatto nel modo corretto, l R.L.S. deve firmarlo per accettazione e condivisione. Il Lavoratore autonomo, in questo caso, deve firmare il P.O.S. dell impresa, per accettazione e condivisione. La legge, al contempo, obbliga gli autonomi a rispettare le indicazioni previste dal P.S.C. (Piano di sicurezza e Coordinamento) e dal P.O.S., che sono stati trasmessi loro dall impresa affidataria. (Art. 100 D.Lgs. 81/08). 06

7 MODELLO SEMPLIFICATO PER LA REDAZIONE DEL P.O.S. Con Decreto Interministeriale 9 settembre 2014 (comunicazione in Gazzetta Ufficiale del 12 settembre 2012, n. 212) sono stati definiti i modelli semplificati per la redazione dei seguenti piani di sicurezza: 1. Piano Operativo di Sicurezza (POS) 2. Piano di Sicurezza e di Coordinamento (PSC) 3. Piano di Sicurezza Sostitutivo (PSS) 4. Fascicolo dell Opera (FO) Fermo restando gli adempimenti di legge obbligatori, di cui al Titolo IV del D.Lgs. 81/2008 e del D.Lgs. 163/2006, il datore di lavoro delle imprese affidatarie e delle imprese esecutrici, il coordinatore per la sicurezza e l appaltatore o il concessionario possono facoltativamente predisporre i piani di sicurezza utilizzando i modelli semplificati in allegato al Decreto. Quello che segue, corredato di spiegazioni e suggerimenti, è il modello semplificato di POS, realizzato dai Ministeri incaricati, si ricorda che il modello è disponibile nella sezione documenti, sul sito internet del Comitato Paritetico all indirizzo Allegato I Modello semplificato per la redazione del POS (Le dimensioni dei campi indicati nelle tabelle a seguire sono meramente indicative in quanto dipendenti dal contenuto) PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA MODELLO SEMPLIFICATO 0 00/00/0000 PRIMA EMISSIONE REV DATA DESCRIZIONE REVISIONE REDAZIONE Firma Il POS è un documento che deve corrispondere alla realtà di cantiere: è quindi possibile che, nella realizzazione dell opera, debbano essere apportate modifiche. In tal caso si renderà necessario effettuare delle revisioni. PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA La redazione del POS deve essere improntata su criteri di semplicità, brevità e comprensibilità, in modo da garantire la completezza e l idoneità quale strumento di pianificazione degli interventi di prevenzione in cantiere, l indicazione di misure di prevenzione e protezione e dei dpi, le procedure per l attuazione delle misure da realizzare e i ruoli che vi devono provvedere IDENTIFICAZIONE E DESCRIZIONE DELL OPERA (3.2.1)* Individuazione del Committente e indirizzo del cantiere Committente: cognome e nome: indirizzo: cod.fisc.: tel.: mail.: Responsabile dei lavori (se nominato): cognome e nome: indirizzo: cod.fisc.: tel.: mail.: Il POS è un documento specifico per ogni singolo cantiere! I dati devono essere corretti e relativi alle reali lavorazioni! NON E SUFFICIENTE CAMBIARE LA COPERTINA!!! 07

8 IDENTIFICAZIONE E DESCRIZIONE DELL OPERA (3.2.1)* Individuazione del Committente e indirizzo del cantiere Committente: cognome e nome: indirizzo: cod.fisc.: tel.: mail.: Responsabile dei lavori (se nominato): cognome e nome: indirizzo: cod.fisc.: tel.: mail.: Cantiere: Via: Località: Provincia: Il POS è un documento specifico per ogni singolo cantiere! I dati devono essere corretti e relativi alle reali lavorazioni! NON E SUFFICIENTE CAMBIARE LA COPERTINA!!! Descrizione sintetica delle attività che saranno svolte in cantiere ( lett. c)) * I riferimenti numerici corrispondono ai paragrafi dell allegato XV del d.lgs. n. 81 del 2008 DATI IDENTIFICATIVI DELL IMPRESA ( lettera a) punto 1))* Impresa affidataria Impresa affidataria ed esecutrice Impresa esecutrice in sub appalto a: Durata dei lavori Le attività dell impresa nel cantiere in oggetto hanno durata minore maggiore a 200 giorni Ragione Sociale Datore di Lavoro Sede Legale Indirizzo: Ogni singola impresa presente in cantiere deve redigere e fornire il proprio POS prima dell inizio delle lavorazioni. Sede Operativa Uffici di cantiere Tel. Fax Indirizzo: Tel. Fax Indirizzo: Tel. Fax DIRIGENTI E PREPOSTI ( lettera a) punto 6; lettera b)* Dirigente Preposto 08 Direttore Tecnico di cantiere Incaricato dall impresa affidataria per l assolvimento dei compiti previsti all art. 97 I nominativi inseriti devono corrispondere ai soggetti presenti in cantiere! Capo cantiere Incaricato dall impresa affidataria per l assolvimento dei compiti previsti all art. 97 Altro (definire)

9 Tel. Fax DIRIGENTI E PREPOSTI ( lettera a) punto 6; lettera b)* Dirigente Preposto Direttore Tecnico di cantiere Incaricato dall impresa affidataria per l assolvimento dei compiti previsti all art. 97 I nominativi inseriti devono corrispondere ai soggetti presenti in cantiere! Capo cantiere Incaricato dall impresa affidataria per l assolvimento dei compiti previsti all art. 97 Altro (definire) RESPONSABILE SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (RSPP) ( lettera a) punto 5; lettera b)* Il ruolo di Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione è svolto da: Datore di lavoro. Altra persona Interna all impresa Esterna (consulente) : MEDICO COMPETENTE (ove previsto) ( lettera a) punto 4; lettera b)* RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (RLS o RLST) ( lettera a) punto 3; lettera b)* Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza aziendale (RLS) Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza Territoriale (RLST) Anche il R.L.S.T. deve firmare il P.O.S. per accettazione e condivisione: disponibile sul sito il modulo per la messa a disposizione del POS al Rappresentante dei lavoratori Territoriale ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO DI PRONTO SOCCORSO, ANTINCENDIO ED EVACUAZIONE DEI LAVORATORI ( lettera a) punto 3)* Verificare i riferimenti contenuti nel PSC, se redatto, in merito a Emergenza, Evacuazione e Primo Soccorso: a cura del committente gestione interna all impresa gestione tipo comune tra le imprese Se si è individuata la gestione interna all impresa, indicare i lavoratori incaricati Se si è individuata la gestione comune, inserire i dati dell impresa, o delle imprese a cui fanno capo: Gli addetti al primo soccorso ed all antincendio indicati DEVONO ESSERE SEMPRE PRESENTI IN CANTIERE! LAVORATORI INCARICATI DELLA GESTIONE DELLE EMERGENZE ( lettera a) punto 3; lettera b)* 09

10 disponibile sul sito il modulo per la messa a disposizione del POS al Rappresentante dei lavoratori Territoriale ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO DI PRONTO SOCCORSO, ANTINCENDIO ED EVACUAZIONE DEI LAVORATORI ( lettera a) punto 3)* Verificare i riferimenti contenuti nel PSC, se redatto, in merito a Emergenza, Evacuazione e Primo Soccorso: a cura del committente gestione interna all impresa gestione tipo comune tra le imprese Se si è individuata la gestione interna all impresa, indicare i lavoratori incaricati Se si è individuata la gestione comune, inserire i dati dell impresa, o delle imprese a cui fanno capo: Gli addetti al primo soccorso ed all antincendio indicati DEVONO ESSERE SEMPRE PRESENTI IN CANTIERE! LAVORATORI INCARICATI DELLA GESTIONE DELLE EMERGENZE ( lettera a) punto 3; lettera b)* Tipo nomina Prevenzione incendi, lotta antincendio, evacuazione, salvataggio Primo soccorso Mansione specifiche : Prevenzione incendi, lotta antincendio, evacuazione, salvataggio Primo soccorso Mansione specifiche : NUMERO E QUALIFICA DEI LAVORATORI OPERANTI IN CANTIERE PER CONTO DELL IMPRESA ( lettera a) punto 7)* LAVORATORI Qualifica Numero Note LAVORATORI AUTONOMI OPERANTI PER CONTO DELL IMPRESA ( lettera a) punto 7)* Dati identificativi Attività svolta in cantiere dal soggetto : indirizzo: cod.fisc.: p.iva: Il Lavoratore autonomo deve firmare il POS per presa visione e condivisione del documento Data ingresso cantiere: Data uscita cantiere: Note: 10

11 (3.2.1 lettera l))* Specificare per ciascun lavoratore l informazione, la formazione e l addestramento ricevuti i cui attestati sono a disposizione presso la sede dell impresa N Lavoratori impegnati in cantiere Qualifica Informazione, formazione e addestramento forniti 1 base rischi specifici e di mansione rischi di cantiere contenuti in PSC e POS DPI 3 Cat. (compreso addestramento) Per ciascun lavoratore presente in Altro (descrivere) 2 base cantiere deve essere riportato l elenco dei corsi svolti per la sicurezza e per l abilitazione all uso delle macchine; gli attestati possono essere conservati presso la sede dell impresa rischi specifici e di mansione rischi di cantiere contenuti in PSC e POS DPI 3 Cat. (compreso addestramento) Altro (descrivere) base rischi specifici e di mansione rischi di cantiere contenuti in PSC e POS DPI 3 Cat. (compreso addestramento) Altro (descrivere) ESITO DEL RAPPORTO DI VALUTAZIONE DEL RUMORE ( lettera f))* Il rapporto di valutazione di esposizione dei lavoratori al rumore, relativamente alle lavorazioni svolte in cantiere, è il seguente: TABELL RIEPILOGATIVA DEI LIVELLI DI ESPOSIZIONE Mansione (o nominativo) Lavorazione Livello di pressione sonora delle sorgenti di rumore utilizzate Livelli di esposizione giornaliera/settimanale Note LAVORAZIONI SVOLTE IN CANTIERE ( lettera a) punto 2; lettera c,d,e,g,i,h)* N Lavorazione Misure preventive e protettive 1 Descrizione delle lavorazione: Modalità e organizzazione della fase di lavoro: Sostanze e preparati pericolosi (di cui si allegano schede): Opere provvisionali: Macchine: Impianti: Turni di lavoro: Rischi: DPI: Durata presunta in gg. della lavorazione: Eventuali schemi ed elaborati grafici: Questa sezione, la più complessa, deve essere ripetuta in relazione a tutte le operazioni da svolgere all interno del cantiere! Modalità di svolgimento della lavorazione svolgimento diretto svolgimento in subappalto a:. svolgimento in collaborazione con: PROCEDURE COMPLEMENTARI O DI DETTAGLIO RICHIESTE DAL PSC (SE PREVISTO) ( lettera h )* Nel PSC sono state richieste delle procedure complementari o di dettaglio: no si Se si, indicazioni a seguire: N Procedura richiesta nel PSC Indicazioni complementari e di dettaglio 1 11

12 PROCEDURE COMPLEMENTARI O DI DETTAGLIO RICHIESTE DAL PSC (SE PREVISTO) ( lettera h )* Nel PSC sono state richieste delle procedure complementari o di dettaglio: no si Se si, indicazioni a seguire: N Procedura richiesta nel PSC Indicazioni complementari e di dettaglio 1 ELENCO ALLEGATI OBBLIGATORI Scheda di sicurezza delle sostanze e preparati pericolosi Il POS deve essere di facile comprensione ed applicazione: quante più tavole esplicative vi sono allegate, tanto meglio è!!! Il presente documento è composta da n. pagine. 1. Il Datore di lavoro dell impresa FIRME Data 2. Il RLS / RLST per Consultazione Data Firma Firma 3. In caso di subappalto, il datore di lavoro dell impresa affidataria per congruenza del presente documento rispetto al proprio POS Data Firma 4. Il CSE, se presente, per verifica di coerenza con il PSC Data Firma 12

13 1 LE DOMANDE DAL CANTIERE LE RISPOSTE AI QUESITI TECNICI RIVOLTI DALLE IMPRESE ALL ENTE SISTEMA EDILIZIA BRESCIA 1 - DOMANDA È SEMPRE OBBLIGATORIA LA PRESENZA DEGLI ADDETTI ALLE EMERGENZE? 1 - RISPOSTA E il datore di lavoro che, nella valutazione dei rischi, determina il numero di addetti alle emergenze (primo soccorso e antincendio) che devono essere nominati. Non esiste una regola generale: dipende dai rischi dell impresa e dal tipo di organizzazione. Come principio generico si può affermare che è opportuno che l impresa si organizzi in modo tale che in ogni cantiere sia presente almeno un addetto alle emergenze. 2 - DOMANDA QUALI SONO LE FIGURE DEL SISTEMA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE CHE DEVONO ESSERE NOMINATE IN UN IMPRESA? 2 - RISPOSTA In un impresa edile devono essere sempre nominate dal datore di lavoro le seguenti figure:. Il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (R.S.P.P.). Il Medico Competente. Gli Addetti alle emergenze (antincendio e primo soccorso).. Il Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza (R.L.S. - quest ultimo viene eletto dai lavoratori) 3 - DOMANDA QUANDO SI DEVE EFFETTUARE IL CONTROLLO DI CATENE, FUNI E GANCI DEGLI ORGANI DI SOLLEVAMENTO? 3 - RISPOSTA Le funi, le catene ed i ganci devono essere verificati da personale specializzato ogni tre mesi e le verifiche devono essere annotate nel libretto delle verifiche Tutte le imprese, ed i lavoratori che volessero far pervenire le proprie domande a Il Cantiere Sicuro, possono rivolgersi direttamente agli uffici dell E.S.E.B., dal lunedì al venerdì, dalle 8.00 alle e dalle alle 17.00, al numero di telefono , oppure inviando le stesse al numero di fax

PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA MODELLO SEMPLIFICATO

PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA MODELLO SEMPLIFICATO Allegato I MODELLO SEMPLIFICATO PER LA REDAZIONE DEL POS (Le dimensioni dei campi indicati nelle tabelle a seguire sono meramente indicative in quanto dipendenti dal contenuto) PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA

Dettagli

PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA

PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA Allegato I Modello semplificato per la redazione del (Le dimensioni dei campi indicati nelle tabelle a seguire sono meramente indicative in quanto dipendenti dal contenuto) PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA

Dettagli

il Ca n t i e r e Sic u r o Notiziario del Comitato Paritetico Territoriale di Brescia e provincia per l edilizia

il Ca n t i e r e Sic u r o Notiziario del Comitato Paritetico Territoriale di Brescia e provincia per l edilizia il Ca n t i e r e Sic u r o Notiziario del Comitato Paritetico Territoriale di Brescia e provincia per l edilizia informazioni per la sicurezza in cantiere 02 Comitato paritetico territoriale di Brescia

Dettagli

CHECK-LIST PER LA VERIFICA DEI CONTENUTI MINIMI DEL POS ai sensi del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. - art. 89, comma 1, lettera h) e Allegato XV

CHECK-LIST PER LA VERIFICA DEI CONTENUTI MINIMI DEL POS ai sensi del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. - art. 89, comma 1, lettera h) e Allegato XV CHECK-LIST PER LA VERIFICA DEI CONTENUTI MINIMI DEL POS ai sensi del D.Lgs. 8/008 e s.m.i. - art. 89, comma, lettera h) e Allegato XV POS dell Impresa Cantiere per la realizzazione di Lavori svolti in

Dettagli

DECRETO 9 settembre 2014 PIANI DI SICUREZZA SEMPLIFICATI

DECRETO 9 settembre 2014 PIANI DI SICUREZZA SEMPLIFICATI DECRETO 9 settembre 2014 PIANI DI SICUREZZA SEMPLIFICATI Forlimpopoli 29 OTTOBRE 2014 Bertozzi - Bertoni Azienda USL della Romagna Il "Decreto del Fare", Il "Decreto del Fare", ovvero il Decreto Legge

Dettagli

Corso di aggiornamento RSPP aziende edili. Lezione: Il Piano di Sicurezza Sostitutivo (P.S.S)

Corso di aggiornamento RSPP aziende edili. Lezione: Il Piano di Sicurezza Sostitutivo (P.S.S) Corso di aggiornamento RSPP aziende edili Lezione: Il Piano di Sicurezza Sostitutivo (P.S.S) In questa unità didattica descriveremo le caratteristiche del Piano di Sicurezza Sostitutivo (P.S.S.). Nello

Dettagli

FASCICOLO DI DOCUMENTI OBBLIGATORI IN CANTIERE D R. M A R R O C C O L U C I O M E D I C O D E L L A V O R O

FASCICOLO DI DOCUMENTI OBBLIGATORI IN CANTIERE D R. M A R R O C C O L U C I O M E D I C O D E L L A V O R O FASCICOLO DI DOCUMENTI OBBLIGATORI IN CANTIERE D R. M A R R O C C O L U C I O M E D I C O D E L L A V O R O Documenti concernenti gli obblighi a carico del Datore di Lavoro Nomine e attestati di formazione

Dettagli

PIANO DI SICUREZZA SOSTITUTIVO integrato dei contenuti del POS MODELLO SEMPLIFICATO

PIANO DI SICUREZZA SOSTITUTIVO integrato dei contenuti del POS MODELLO SEMPLIFICATO Allegato III MODELLO SEMPLIFICATO PER LA REDAZIONE DEL PSS (Le dimensioni dei campi indicati nelle tabelle a seguire sono meramente indicative in quanto dipendenti dal contenuto) PIANO DI SICUREZZA SOSTITUTIVO

Dettagli

CHECK-LIST PER LA VERIFICA DEI CONTENUTI MINIMI DEL POS ai sensi del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. - art. 89, comma 1, lettera h) e Allegato XV

CHECK-LIST PER LA VERIFICA DEI CONTENUTI MINIMI DEL POS ai sensi del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. - art. 89, comma 1, lettera h) e Allegato XV CHECK-LIST PER LA VERIFICA DEI CONTENUTI MINIMI DEL POS ai sensi del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. - art. 89, comma 1, lettera h) e Allegato XV POS dell Impresa Cantiere per la realizzazione di Lavori svolti

Dettagli

Piano operativo di sicurezza.

Piano operativo di sicurezza. Piano operativo di sicurezza. Contenuti minimi, obbiettivi e obblighi di trasmissione ai sensi del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. Almese, 4 novembre 2009 Dott. Paolo PICCO TdP SPreSAL ASL TO3 - Rivoli (TO) D.Lgs.

Dettagli

CASSA EDILE BRESCIA VIA OBERDAN 122 25128 BRESCIA TEL. 030 289061 FAX 030 3756321 www.cassaedilebrescia.it e-mail: info@cassaedilebrescia.

CASSA EDILE BRESCIA VIA OBERDAN 122 25128 BRESCIA TEL. 030 289061 FAX 030 3756321 www.cassaedilebrescia.it e-mail: info@cassaedilebrescia. www.cassaedilebrescia.it e-mail: info@cassaedilebrescia.it SERVIZI INFORMATIVI Mod. 02.12.imp Ed. 01 Rev. 00 ACCOGLIENZA ALLE IMPRESE EDILI 1. EDILIZIA: ORGANISMI PROVINCIALI A CARATTERE BILATERALE 2.

Dettagli

STUDIO DI ARCHITETTURA

STUDIO DI ARCHITETTURA STUDIO DI ARCHITETTURA 17 - VIA COL DI LANA - 21053 - CASTELLANZA - VARESE - TELEFONO +39 331 501622 - TELEFAX +39 331 501610 - EMAIL mcaldiroli@betanet.it P I A N O D I S I C U R E Z Z A & C O O R D I

Dettagli

DOCUMENTAZIONE DI CANTIERE

DOCUMENTAZIONE DI CANTIERE DOCUMENTAZIONE DI CANTIERE IMPRESA CANTIERE COMMITTENTE Comitato Paritetico Territoriale della FeNeal UIL, FILCA-CISL, FILLEA-CGIL della Provincia di L AQUILA - Tel. 0862.401396 Fax. 0862.482093 www.cptlaquila.it

Dettagli

LISTA DI CONTROLLO DEL POS

LISTA DI CONTROLLO DEL POS LISTA DI CONTROLLO DEL POS Verifica sui contenuti minimi del documento secondo quanto previsto dal punto 3.2.1. dell allegato XV del D.Lgs 81/2008 Committente : Lavori : Ubicazione Cantiere: Impresa esecutrice:

Dettagli

Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza

Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza Da tenere in cantiere ai sensi del D. Lgs. 81/08 1. Documentazione Generale 01 02 Cartello informativo di cantiere Notifica Preliminare

Dettagli

PIANO OPERA TI VO DI SICUREZZA MODELLO SEMPLIFICATO

PIANO OPERA TI VO DI SICUREZZA MODELLO SEMPLIFICATO Aegato I Modeo sempificato per a redazione de (Le dimensioni dei campi indicati nee tabee a seguire sono meramente indicative in quanto dipendenti da contenuto} PIANO OPERA TI VO DI SICUREZZA MODELLO SEMPLIFICATO

Dettagli

Piano Operativo di Sicurezza

Piano Operativo di Sicurezza MODELLO DI Piano Operativo di Sicurezza POS Modello PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA IMPRESA: INDIRIZZO CANTIERE: OPERA DA REALIZZARE: COMMITTENTE: Il presente piano costituisce la prima edizione. Il presente

Dettagli

COME STA IL TUO CANTIERE?

COME STA IL TUO CANTIERE? Vademecum per l impresa e il cantiere 15x21 30-04-2010 10:56 MAGGIO 2010 Pagina 1 COME STA IL TUO CANTIERE? UNA VISITA TECNICA DEL CTP PUÒ EVITARTI COMPLICAZIONI PRENOTALA ADESSO METTI IN REGOLA IL TUO

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA REDAZIONE DEL POS

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA REDAZIONE DEL POS Istruzioni per la compilazione delle linee d indirizzo per la redazione del POS 1 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA REDAZIONE DEL POS (Documento da non allegare al POS) Il

Dettagli

Le politiche delle Regioni per la promozione della. salute e della sicurezza nei cantieri edili: Le linee guida DPR 222/03

Le politiche delle Regioni per la promozione della. salute e della sicurezza nei cantieri edili: Le linee guida DPR 222/03 Le politiche delle Regioni per la promozione della salute e della sicurezza nei cantieri edili: Le linee guida DPR 222/03 Ing. Marco Masi Regione Toscana Settore Prevenzione e Sicurezza DPR 222/2003 :

Dettagli

COME STA IL TUO CANTIERE?

COME STA IL TUO CANTIERE? Vademecum per l impresa e il cantiere 15x21 30-04-2010 10:56 maggio 2010 Pagina 1 COME STA IL TUO CANTIERE? UNA VISITA TECNICA DEL CTP PUÒ EVITARTI COMPLICAZIONI PRENOTALA ADESSO METTI IN REGOLA IL TUO

Dettagli

ELENCO NON ESAUSTIVO DELLA DOCUMENTAZIONE DA TENERE NEL CANTIERE EDILE

ELENCO NON ESAUSTIVO DELLA DOCUMENTAZIONE DA TENERE NEL CANTIERE EDILE ELENCO NON ESAUSTIVO DELLA DOCUMENTAZIONE DA TENERE NEL CANTIERE EDILE DOCUMENTAZIONE INERENTE LA PIANIFICAZIONE IN SICUREZZA DELL ATTIVITÀ DI CANTIERE PSC - Piano di sicurezza e coordinamento Art. 100

Dettagli

il Ca n t i e r e Sic u r o Notiziario del Comitato Paritetico Territoriale di Brescia e provincia per l edilizia

il Ca n t i e r e Sic u r o Notiziario del Comitato Paritetico Territoriale di Brescia e provincia per l edilizia il Ca n t i e r e Sic u r o Notiziario del Comitato Paritetico Territoriale di Brescia e provincia per l edilizia informazioni per la sicurezza in cantiere 01 Comitato paritetico territoriale di Brescia

Dettagli

ELENCO NON ESAUSTIVO DELLA DOCUMENTAZIONE DA TENERE NEL CANTIERE EDILE

ELENCO NON ESAUSTIVO DELLA DOCUMENTAZIONE DA TENERE NEL CANTIERE EDILE ELENCO NON ESAUSTIVO DELLA DOCUMENTAZIONE DA TENERE NEL CANTIERE EDILE DESCRIZIONE DOCUMENTO RIF. e NOTE COMPETENZA DOCUMENTAZIONE INERENTE LA PIANIFICAZIONE IN SICUREZZA DELL ATTIVITÀ DI CANTIERE PSC

Dettagli

L ACCERTAMENTO ISPETTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

L ACCERTAMENTO ISPETTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO SEMINARIO TECNICO Associazione Industriali Province della Sardegna Meridionale Cagliari, Carbonia-Iglesias e Medio Campidano CONFINDUSTRIA Sezione Costruttori Edili Gruppo Giovani Imprenditori L ACCERTAMENTO

Dettagli

DOCUMENTI DI CANTIERE RIFERIMENTI LEGISLATIVI CONTENUTI

DOCUMENTI DI CANTIERE RIFERIMENTI LEGISLATIVI CONTENUTI DOCUMENTI DI CANTIERE RIFERIMENTI LEGISLATIVI CONTENUTI Corso di aggiornamento per coordinatori in fase di progettazione ed esecuzione dei lavori 06/03/2013 Dott. Lucio QUATTROCCHI D.Lgs. 9 aprile 2008,

Dettagli

PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE

PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE IL DATORE DI LAVORO OBBLIGHI FONDAMENTALI DEL DATORE DI LAVORO: effettuare la valutazione dei rischi, redigere

Dettagli

EL PSC 4 COMUNE DI MONZUNO (BO) RISTRUTTURAZIONE DEL MUNICIPIO CON MIGLIORAMENTO SISMICO E RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA. oggetto : Modulistica

EL PSC 4 COMUNE DI MONZUNO (BO) RISTRUTTURAZIONE DEL MUNICIPIO CON MIGLIORAMENTO SISMICO E RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA. oggetto : Modulistica COMUNE DI MONZUNO (BO) RISTRUTTURAZIONE DEL MUNICIPIO CON MIGLIORAMENTO SISMICO E RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA Il Progettista Coordinatore Ing. VITO MARCHIONNA STEP ENGINEERING VIA PERSICETANA VECCHIA,

Dettagli

OPERATIVO di SICUREZZA

OPERATIVO di SICUREZZA PIANO OPERATIVO di SICUREZZA conforme ai contenuti minimi previsti dall allegato XV del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. DITTA INDIRIZZO CANTIERE NATURA DELL OPERA 1 1) ANAGRAFE DELL IMPRESA ESECUTRICE Ditta Sede

Dettagli

C.P.T. PADOVA Via Basilicata, 10 FORMAZIONE SPECIFICA PER DATORI DI LAVORO E DIRIGENTI DELLE IMPRESE AFFIDATARIE

C.P.T. PADOVA Via Basilicata, 10 FORMAZIONE SPECIFICA PER DATORI DI LAVORO E DIRIGENTI DELLE IMPRESE AFFIDATARIE C.P.T. PADOVA Via Basilicata, 10 FORMAZIONE SPECIFICA PER DATORI DI LAVORO E DIRIGENTI DELLE IMPRESE AFFIDATARIE (ai sensi del D. Lgs. 81/08 art. 97, c. 3.ter) 2 giorno - seconda parte sabato 15 maggio

Dettagli

SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI IL PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA P.O.S.

SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI IL PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA P.O.S. SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI IL PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA P.O.S. La versione aggiornata del Testo Unico: Rev. 13^ - Maggio 2013 TITOLO IV - CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI CAPO I - MISURE PER LA SALUTE

Dettagli

PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA RELATIVO AI LAVORI DI

PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA RELATIVO AI LAVORI DI PIA OPERATIVO DI CUREZZA RELATIVO AI LAVORI DI IMPRESA Premessa: Il presente P.O.S. è redatto coerentemente con i contenuti del P.S.C. redatto dal Coordinatore alla Sicurezza in fase di progettazione e

Dettagli

Gli obblighi documentali da parte dei committenti, imprese, coordinatori per la sicurezza

Gli obblighi documentali da parte dei committenti, imprese, coordinatori per la sicurezza Gli obblighi documentali da parte dei committenti, imprese, coordinatori per la sicurezza Vanno conservati presso il cantiere i documenti indispensabili per dimostrare, in caso di ispezione dell organo

Dettagli

PROCEDURA: ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE DEL POS

PROCEDURA: ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE DEL POS PROCEDURA: ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE DEL POS Scopo Definire una procedura che permetta di redigere, aggiornare e verificare il POS (piano operativo di sicurezza) da parte delle imprese esecutrici presenti

Dettagli

PSC e POS Piano di Sicurezza e Coordinamento Piano Operativo di Sicurezza

PSC e POS Piano di Sicurezza e Coordinamento Piano Operativo di Sicurezza Gli appalti e il D.Lgs 81/2008 dopo il recepimento del D.Lgs 106/2009 PSC e POS Piano di Sicurezza e Coordinamento Piano Operativo di Sicurezza Francesco Burba ingegnere Campolongo Tapogliano (UD) corso

Dettagli

PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE

PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE IL DATORE DI LAVORO OBBLIGHI FONDAMENTALI DEL DATORE DI LAVORO: effettuare la valutazione dei rischi, redigere

Dettagli

7.1 Introduzione. 7.2 Coordinamento tra PSC e POS

7.1 Introduzione. 7.2 Coordinamento tra PSC e POS 7 7.1 Introduzione Il Piano Operativo di Sicurezza è stato l ultimo piano introdotto dalla normativa sulla salute e sicurezza nei cantieri e sugli appalti di lavori pubblici, con lo scopo di separare le

Dettagli

Valutazione dei rischi in cantiere: il P.O.S.

Valutazione dei rischi in cantiere: il P.O.S. Valutazione dei rischi in cantiere: il P.O.S. Carmine Del Basso Tecnico della Prevenzione S.Pre.S.A.L. Cosa dice la norma La valutazione dei rischi Il Datore di Lavoro valuta tutti i rischi: per la sicurezza

Dettagli

OPERATIVO di SICUREZZA

OPERATIVO di SICUREZZA PIANO OPERATIVO di SICUREZZA coi contenuti minimi dell allegato XV del D.Lgs. 81/08 DITTA INDIRIZZO CANTIERE OPERE DA REALIZZARE 1 1) ANAGRAFE DELL IMPRESA ESECUTRICE Ditta Sede legale _ Città ( ) Tel.

Dettagli

7 novembre 2008 Forum di Omegna PROVINCIA DEL VCO. MINISTERO DEL WELFARE Regione Piemonte Direzione Provinciale del Lavoro del VCO

7 novembre 2008 Forum di Omegna PROVINCIA DEL VCO. MINISTERO DEL WELFARE Regione Piemonte Direzione Provinciale del Lavoro del VCO Ordine degli Ingegneri della Provincia del VCO Collegio dei Geometri della Provincia del VCO Ordine degli Architetti delle Provincie di Novara e VCO Collegio dei periti della Provincia del VCO PROVINCIA

Dettagli

3.1 Introduzione. 3.2 Scopo e finalità del POS

3.1 Introduzione. 3.2 Scopo e finalità del POS 3 3.1 Introduzione L introduzione del Piano Operativo di Sicurezza (POS) è avvenuta con l emanazione della L. 415/1998 che ha modificato la L. 109/1994 in materia di lavori pubblici. L articolo 31 della

Dettagli

D.Lgs. 81/08 TITOLO IV

D.Lgs. 81/08 TITOLO IV D.Lgs. 81/08 TITOLO IV CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI CAPO I LE NOVITA RILEVANTI DIVO PIOLI Art. 89 C 1 c RESPONSABILE DEI LAVORI SOGGETTO CHE PUÒ ESSERE INCARICATO, DAL COMMITTENTE, DELLA PROGETTAZIONE

Dettagli

IL MODELLO SEMPLIFICATO PER LA PREDISPOSIZIONE DEL PSC ED IL RUOLO DEL CSP

IL MODELLO SEMPLIFICATO PER LA PREDISPOSIZIONE DEL PSC ED IL RUOLO DEL CSP Servizio Prevenzione Sicurezza Luoghi di Lavoro Responsabile: Dott. Vito Liberati IL MODELLO SEMPLIFICATO PER LA PREDISPOSIZIONE DEL PSC ED IL RUOLO DEL CSP Teramo, 25 marzo 2015 Giovanni Di Feliciantonio

Dettagli

ISTRUZIONI MODELLO POS

ISTRUZIONI MODELLO POS ISTRUZIONI MODELLO POS ISTRUZIONI - COPERTINA DOCUMENTO È necessario revisionare il POS ogni qual volta siano apportate modifiche significative alla situazione lavorativa ipotizzata, soprattutto se connessa

Dettagli

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Ente di formazione accreditato dalla Regione Siciliana Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Page1 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO IN MATERIA

Dettagli

RACCOGLITORE DELLA DOCUMENTAZIONE OBBLIGATORIA DA CONSERVARE IN CANTIERE

RACCOGLITORE DELLA DOCUMENTAZIONE OBBLIGATORIA DA CONSERVARE IN CANTIERE RACCOGLITORE DELLA DOCUMENTAZIONE OBBLIGATORIA DA CONSERVARE IN CANTIERE DITTA RECAPITI TELEFONICI PREPOSTO DI CANTIERE LAVORATORI DELL'IMPRESA PRESENTI IN CANTIERE: DOCUMENTAZIONI CONTRATTUALI CONTRATTO

Dettagli

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Contratto d Appalto : Impresa Affidataria : Importo Lavori : di cui Oneri per la Sicurezza : VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Responsabile dei Lavori : Coordinatore Sicurezza in

Dettagli

Cosa è? va considerato come piano complementare e di dettaglio del piano di sicurezza e di coordinamento (PSC) al quale deve essere coerente

Cosa è? va considerato come piano complementare e di dettaglio del piano di sicurezza e di coordinamento (PSC) al quale deve essere coerente Az. U.S.L. n 2 Lucca Dipartimento della Prevenzione U.O. Prevenzione e Sicurezza PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (P.O.S.( P.O.S.) Cosa è? è il documento che il datore di lavoro dell impresa esecutrice redige,

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. COMMITTENTE Il soggetto per conto del quale l'intera opera viene realizzata

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. COMMITTENTE Il soggetto per conto del quale l'intera opera viene realizzata CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI CAPO 1 Articolo 89 - DEFINIZIONI COMMITTENTE Il soggetto per conto del quale l'intera opera viene realizzata RESPONSABILE DEI LAVORI soggetto che può essere incaricato dal

Dettagli

COME STA IL TUO CANTIERE?

COME STA IL TUO CANTIERE? Vademecum per l impresa e il cantiere 15x21 30-04-2010 10:56 Pagina 1 maggio 2010 COME STA IL TUO CANTIERE? UNA VISITA TECNICA DEL CTP PUÒ EVITARTI COMPLICAZIONI PRENOTALA ADESSO METTI IN REGOLA IL TUO

Dettagli

il Ca n t i e r e Sic u r o Notiziario del Comitato Paritetico Territoriale di Brescia e provincia per l edilizia

il Ca n t i e r e Sic u r o Notiziario del Comitato Paritetico Territoriale di Brescia e provincia per l edilizia il Ca n t i e r e Sic u r o Notiziario del Comitato Paritetico Territoriale di Brescia e provincia per l edilizia informazioni per la sicurezza in cantiere 02 D.U.V.R.I. Sicurezza nei lavori edili da eseguire

Dettagli

GESTIONE DEGLI APPALTI. Copyright Diritti riservati

GESTIONE DEGLI APPALTI. Copyright Diritti riservati GESTIONE DEGLI APPALTI Copyright Diritti riservati GESTIONE DEGLI APPALTI RIF. D. LGS. 81/08 s.m.i. Articolo 26 - Obblighi connessi ai contratti d appalto o d opera o di somministrazione Titolo IV Cantieri

Dettagli

Il valore della sicurezza nelle imprese del settore. edile

Il valore della sicurezza nelle imprese del settore. edile Confartigianato Ravenna 17 dicembre 2008 Il nuovo Testo Unico sulla Sicurezza e Salute nei luoghi di lavoro D.Lgs. 9 aprile 2008 n.81 Il valore della sicurezza nelle imprese del settore p.i Elio Mazza

Dettagli

GILBERTO LOFFREDO. Rimini, via Macanno, 20 p.e.: gilberto.loffredo@katamail.com

GILBERTO LOFFREDO. Rimini, via Macanno, 20 p.e.: gilberto.loffredo@katamail.com GILBERTO LOFFREDO Rimini, via Macanno, 20 p.e.: gilberto.loffredo@katamail.com Comitato Paritetico Territoriale Per la Prevenzione Infortuni l Igiene e l Ambiente di Lavoro della Provincia di Rimini 2

Dettagli

TAVOLO SICUREZZA CANTIERI REGGIO EMILIA

TAVOLO SICUREZZA CANTIERI REGGIO EMILIA Reggio Emilia 10/2012 Il presente documento è stato predisposto e redatto dal Tavolo Sicurezza Cantieri - Reggio Emilia, di cui è promotore ANCE Reggio Emilia Collegio Costruttori Edili Ind. RE è partecipato

Dettagli

MODELLO DI. Piano di Sicurezza Sostitutivo

MODELLO DI. Piano di Sicurezza Sostitutivo MODELLO DI Piano di Sicurezza Sostitutivo PIANO DI SICUREZZA SOSTITUTIVO IMPRESA: INDIRIZZO CANTIERE: OPERA DA REALIZZARE: COMMITTENTE: Il presente piano costituisce la prima edizione. Il presente piano

Dettagli

IL COMMITTENTE NEI LAVORI EDILI

IL COMMITTENTE NEI LAVORI EDILI COLLEGIO DEI GEOMETRI E GEOMETRI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SIENA IL COMMITTENTE NEI LAVORI EDILI GUIDA PRATICA SUGLI OBBLIGHI E REPONSABILITA DEL COMMITTENTE E DEL RESPONSABILE DEI LAVORI PREMESSA Con

Dettagli

DOTT. ING. DANILO G.M. DE FILIPPO

DOTT. ING. DANILO G.M. DE FILIPPO IL DECRETO INTERMINISTERIALE 9 SETTEMBRE 2014 ESEMPIO DI STESURA DI UN PSC E DEL FASCICOLO DELL OPERA CON IL MODELLO SEMPLIFICATO SEMPLIFICHIAMO IL LAVORO DEL COORDINATORE? DOTT. ING. DANILO G.M. DE FILIPPO

Dettagli

Produzione edilizia e sicurezza a.a. 2009-2010. Lo schema. TITOLO II Luoghi di lavoro

Produzione edilizia e sicurezza a.a. 2009-2010. Lo schema. TITOLO II Luoghi di lavoro Scienza dell Architettura e dell Ingegneria Edile TITOLO IV D.LGS. 81/08 POS Produzione edilizia e sicurezza a.a. 2009-2010 Lo schema TITOLO I CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI CAPO II SISTEMA ISTITUZIONALE

Dettagli

GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA NEI LAVORI EDILI E DI INGEGNERIA CIVILE REALIZZATI PRESSO SEDI ASM SPA Rev 0 del 18/10/2013

GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA NEI LAVORI EDILI E DI INGEGNERIA CIVILE REALIZZATI PRESSO SEDI ASM SPA Rev 0 del 18/10/2013 GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA NEI LAVORI EDILI E DI INGEGNERIA CIVILE REALIZZATI PRESSO SEDI ASM SPA Rev 0 del 18/10/2013 ART. 1. GENERALITA Il presente titolo costituisce parte integrante del contratto

Dettagli

Il Piano Operativo di Sicurezza POS. venerdì 23 aprile 2010. 28 giugno 2012 Alfonso Cioffi- ASSIMPREDIL ANCE POS OPERATIVO DI SICUREZZA"

Il Piano Operativo di Sicurezza POS. venerdì 23 aprile 2010. 28 giugno 2012 Alfonso Cioffi- ASSIMPREDIL ANCE POS OPERATIVO DI SICUREZZA Il Piano Oativo di Sicurezza POS Pag.1 POS OPERATIVO SICUREZZA ART. 89 D.Lgs 10609- DEFINIZIONI Comma 1, lettera h) Piano Oativo di Sicurezza: il documento che il datore di lavoro dell impresa esecutrice

Dettagli

Sintesi ragionata delle nuove regole per la gestione aziendale. della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro

Sintesi ragionata delle nuove regole per la gestione aziendale. della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro Una premessa TESTO UNICO DELLA SICUREZZA Sintesi ragionata delle nuove regole per la gestione aziendale della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro È in vigore dal 15 maggio 2008, il nuovo Testo

Dettagli

QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO

QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO CENNI STORICI UN SALTO DI QUALITÀ NELLA LEGISLAZIONE SULLA PREVENZIONE INFORTUNI E L IGIENE DEL LAVORO VIENE DATO DAL PROGRESSIVO CONSOLIDAMENTO DELLA COMUNITÀ EUROPEA,

Dettagli

mod. 7.05/TUS-IV.52 rev. 02 di data 01 ottobre 2009 Procedura POI 7.05/01 SPETT.LE VIA CITTA p.c. FAX IDONEITA' POS

mod. 7.05/TUS-IV.52 rev. 02 di data 01 ottobre 2009 Procedura POI 7.05/01 SPETT.LE VIA CITTA p.c. FAX IDONEITA' POS mod. 7.05/TUS-IV.52 rev. 02 di data 01 ottobre 2009 Procedura POI 7.05/01 SPETT.LE IMPRESA AFFIDATARIA VIA CITTA COMMESSA: FAX p.c. SPETT.LE VIA CITTA FAX LAVORI DI PRESSO IL CANTIERE IDONEITA' POS Il

Dettagli

Associazione Artigiani Piccole e Medie Imprese di Trieste. Ufficio Ambiente e sicurezza

Associazione Artigiani Piccole e Medie Imprese di Trieste. Ufficio Ambiente e sicurezza Associazione Artigiani Piccole e Medie Imprese di Trieste Ufficio Ambiente e sicurezza PROMEMORIA NON ESAUSTIVO DELLA DOCUMENTAZIONE DELLE IMPRESE DI CANTIERE 1. DOCUMENTAZIONE GENERALE (a cura dell impresa

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA SICUREZZA IN EDILIZIA

LINEE GUIDA PER LA SICUREZZA IN EDILIZIA Comitato paritetico territoriale per la prevenzione degli infortuni, l igiene e l ambiente di lavoro di Taranto e Provincia LINEE GUIDA PER LA SICUREZZA IN EDILIZIA SETTEMBRE 2013 Le indicazioni della

Dettagli

2. P R O G R A M M A Z I O N E D E I L A V O R I

2. P R O G R A M M A Z I O N E D E I L A V O R I 1. A N A G R A F I C A D E L L O P E R A S O G G E T T I C O I N V O L T I G E S T I O N E D E L P S C 1.1 CARATTERISTICHE DELL OPERA 1. Le caratteristiche dell opera da eseguire sono state trattate nel

Dettagli

TESTO UNICO DELLA SICUREZZA Decreto Legislativo 81/08

TESTO UNICO DELLA SICUREZZA Decreto Legislativo 81/08 TESTO UNICO DELLA SICUREZZA Decreto Legislativo 81/08 Sintesi ragionata delle nuove regole per la gestione aziendale della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro Una premessa È in vigore dal 15

Dettagli

Protocollo di intesa a programmare, ferme restando le specifiche. competenze di ogni soggetto, interventi di prevenzione congiunti e

Protocollo di intesa a programmare, ferme restando le specifiche. competenze di ogni soggetto, interventi di prevenzione congiunti e PROTOCOLLO DI INTESA IN MATERIA DI SICUREZZA, IGIENE NEI LUOGHI DI LAVORO E LEGALITA NELLA REALIZZAZIONE DI UNA NUOVA RESIDENZA UNIVERSITARIA IN PISA Protocollo di intesa a programmare, ferme restando

Dettagli

ALLEGATO G MODULI PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA

ALLEGATO G MODULI PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA ALLEGATO G MODULI PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA ELENCO MODULI CONTENUTI - DICHIARAZIONE ART. 3, COMMA 8, DEL D. LGS. 494/96. - NOMINA DEL DIRETTORE DI CANTIERE - DICHIARAZIONE DI EFFETTUAZIONE DEGLI

Dettagli

D.Lgs. 81/08 - Sicurezza sul lavoro - Attività di formazione obbligatorie 24 Febbraio 2015

D.Lgs. 81/08 - Sicurezza sul lavoro - Attività di formazione obbligatorie 24 Febbraio 2015 D.Lgs. 81/08 - Sicurezza sul lavoro - Attività di formazione obbligatorie 24 Febbraio 2015 Si riassumono di seguito gli obblighi formativi per le principali figure professionali tipiche delle imprese edili:

Dettagli

Prof. ssa Lucia Niccacci Anno Accademico 2009/2010

Prof. ssa Lucia Niccacci Anno Accademico 2009/2010 Corso di laurea in Ingegneria Edile Prof. ssa Lucia Niccacci Anno Accademico 2009/2010 Il TITOLO IV del Testo Unico 81/08 in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI

Dettagli

DOCUMENTAZIONE MINIMA CHE DEVE ESSERE PRESENTE IN AZIENDA E TENUTA A DISPOSIZIONE DEGLI ORGANI DI VIGILANZA

DOCUMENTAZIONE MINIMA CHE DEVE ESSERE PRESENTE IN AZIENDA E TENUTA A DISPOSIZIONE DEGLI ORGANI DI VIGILANZA Confederazione italiana agricoltori DOCUMENTAZIONE MINIMA CHE DEVE ESSERE PRESENTE IN AZIENDA E TENUTA A DISPOSIZIONE DEGLI ORGANI DI VIGILANZA Elenco non esaustivo, ma esemplificativo delle principali

Dettagli

CATALOGO CORSI 2014/2015

CATALOGO CORSI 2014/2015 Verona, 18 settembre 2014 A tutte le imprese iscritte alla Cassa Edile di Verona CATALOGO CORSI 2014/2015 Riprendono dal mese di ottobre i corsi che ESEV e CPT offrono all intero settore dell edilizia.

Dettagli

IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI IL ( Ai sensi dell art. 17 comma 1 lett. a e dell art. 28 del D.Lgs. 81/2008 ) a cura di Messina D.Lgs. 81/2008 Art. 2. - Definizioni 1. Ai fini ed agli effetti delle disposizioni di cui al presente decreto

Dettagli

la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili

la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili COMITATO PARITETICO TERRITORIALE DI TORINO E PROVINCIA la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili MODELLI PER LA REDAZIONE DEL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI, PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA E

Dettagli

CONTENUTI MINIMI DEL PSC/16

CONTENUTI MINIMI DEL PSC/16 CONTENUTI MINIMI DEL PSC/16 IDENTIFICAZIONE E DESCRIZIONE DELL OPERA L identificazione e la descrizione dell opera è esplicitata con: a) l indirizzo del cantiere; b) la descrizione del contesto in cui

Dettagli

3) descrizione sintetica dell opera, con particolare riferimento alle scelte progettuali, architettoniche, strutturali e tecnologiche; - - - - -

3) descrizione sintetica dell opera, con particolare riferimento alle scelte progettuali, architettoniche, strutturali e tecnologiche; - - - - - Collegio Geometri della Provincia di Brescia Commissione 494 Sicurezza dei Cantieri P.S.C. P.S.C. (o Piano di Sicurezza e di Coordinamento): specificato per ogni singolo cantiere temporaneo o mobile e

Dettagli

2. SCOPO Gestione dei fornitori di beni e servizi; Gestione delle imprese esterne e degli appaltatori operanti per conto di Alac SpA.

2. SCOPO Gestione dei fornitori di beni e servizi; Gestione delle imprese esterne e degli appaltatori operanti per conto di Alac SpA. Acquedotto Langhe e Alpi Cuneesi SpA Sede legale in Cuneo, Corso Nizza 9 acquedotto.langhe@acquambiente.it www.acquambiente.it SGSL Procedura Acquisto beni - servizi P06 Rev 01 del 16/09/09 1. DISTRIBUZIONE

Dettagli

Safety Services s.r.l.

Safety Services s.r.l. Safety Services s.r.l. Consulenza per la Gestione della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Sistemi Qualità, Ambiente, Igiene degli Alimenti, Privacy Corsi di Formazione Aziendale Sede Legale: Via Petrarca

Dettagli

La Sicurezza nei luoghi di lavoro: - Corso di Aggiornamento per Coordinatori per la Sicurezza in fase di Progettazione e di Esecuzione dei lavori

La Sicurezza nei luoghi di lavoro: - Corso di Aggiornamento per Coordinatori per la Sicurezza in fase di Progettazione e di Esecuzione dei lavori La Sicurezza nei luoghi di lavoro: - Corso di Aggiornamento per Coordinatori per la Sicurezza in fase di Progettazione e di Esecuzione dei lavori Modulo III I documenti a cura dei Coordinatori per la Sicurezza

Dettagli

Il decreto legislativo 494/96. Geom. Stefano Fiori

Il decreto legislativo 494/96. Geom. Stefano Fiori Il decreto legislativo 494/96 Geom. Stefano Fiori EVOLUZIONE NORMATIVA DEFINIZIONI Articolo 1 1. Il presente decreto legislativo prescrive misure per la tutela e per la sicurezza dei Lavoratori nei cantieri

Dettagli

I piani di sicurezza e la stima dei costi

I piani di sicurezza e la stima dei costi I piani di sicurezza e la stima dei costi Corso sulla sicurezza nei cantieri temporanei o mobili di cui al D.Lgs. n. 81/2008 e s.m.i. PIANI Di SICUREZZA/1 Riferimenti normativi Art. 131 del D.Lgs. n. 163/2006

Dettagli

Vincenzo Mainardi PIANO OPERATIVO E IDONEITÀ TECNICO PROFESSIONALE AI SENSI DEL D.LGS. 81/2008 E D.LGS. 106/2009

Vincenzo Mainardi PIANO OPERATIVO E IDONEITÀ TECNICO PROFESSIONALE AI SENSI DEL D.LGS. 81/2008 E D.LGS. 106/2009 Vincenzo Mainardi Guida al POS e ITP PIANO OPERATIVO E IDONEITÀ TECNICO PROFESSIONALE AI SENSI DEL D.LGS. 81/2008 E D.LGS. 106/2009 CD-ROM INCLUSO CON MODELLO COMPLETO E PRECOMPILATO DI POS E ITP Indice

Dettagli

il Ca n t i e r e Sic u r o Notiziario del Comitato Paritetico Territoriale di Brescia e provincia per l edilizia

il Ca n t i e r e Sic u r o Notiziario del Comitato Paritetico Territoriale di Brescia e provincia per l edilizia il Ca n t i e r e Sic u r o Notiziario del Comitato Paritetico Territoriale di Brescia e provincia per l edilizia informazioni per la sicurezza in cantiere 01 Comitato paritetico territoriale di Brescia

Dettagli

LEZIONE 10 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI Decreto Legislativo n. 81 del 9 aprile 2008

LEZIONE 10 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI Decreto Legislativo n. 81 del 9 aprile 2008 LEZIONE 10 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI Decreto Legislativo n. 81 del 9 aprile 2008 ARGOMENTI DEL CORSO DEFINIZIONI; OBBLIGHI E RESPONSABILITÀ DEL COMMITTENTE O DEL RESPONSABILE DEI LAVORI; LA NOTIFICA

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE DI 120 ORE PER COORDINATORI PER LA SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI MODULO METODOLOGICO ORGANIZZATIVO

CORSO DI FORMAZIONE DI 120 ORE PER COORDINATORI PER LA SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI MODULO METODOLOGICO ORGANIZZATIVO CORSO DI FORMAZIONE DI 120 ORE PER COORDINATORI PER LA SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI MODULO METODOLOGICO ORGANIZZATIVO Il Piano di Sicurezza e Coordinamento; il Fascicolo con le caratteristiche

Dettagli

Contenuti ripetitivi e legati all attività ed organizzazione aziendale

Contenuti ripetitivi e legati all attività ed organizzazione aziendale P.O.S. I contenuti minimi secondo l allegato XV Contenuti ripetitivi e legati all attività ed organizzazione aziendale Contenuti che possono in parte variare da un cantiere all altro della stessa azienda

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI ELENCO MODULISTICA

INFORMAZIONI GENERALI ELENCO MODULISTICA INFORMAZIONI GENERALI ELENCO MODULISTICA 1) Comunicazione da apporre in bacheca aziendale per informare i lavoratori della possibile figura di RLS 2) Verbale di elezione del RLS 3) Anagrafica RLS 4) Lettera

Dettagli

PIANO di LAVORO ( D.Lgs. 277/91) ; PIANO SOSTITUTIVO di SICUREZZA( L. 109/94); PIANO OPERATIVO di SICUREZZA e PIANO di SICUREZZA e di COORDINAMENTO

PIANO di LAVORO ( D.Lgs. 277/91) ; PIANO SOSTITUTIVO di SICUREZZA( L. 109/94); PIANO OPERATIVO di SICUREZZA e PIANO di SICUREZZA e di COORDINAMENTO PIANO di LAVORO ( D.Lgs. 277/91) ; PIANO SOSTITUTIVO di SICUREZZA( L. 109/94); PIANO OPERATIVO di SICUREZZA e PIANO di SICUREZZA e di COORDINAMENTO ( D.Lgs. 494/96 e ss.mm.), nei cantieri edili. La selva

Dettagli

TITOLO IV CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. CAPO I Misure per la salute e sicurezza nei cantieri temporanei o mobili

TITOLO IV CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. CAPO I Misure per la salute e sicurezza nei cantieri temporanei o mobili Art. 97 del D. Lgs n. 81/2008 Dott. Michele MONTRANO ASL TO3 SPreSAL Rivoli (TO) TITOLO IV CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI Misure per la salute e sicurezza nei cantieri temporanei o mobili I Norme per la

Dettagli

Lista di controllo Allegato 11 FORMAZIONE INFORMAZIONE ADDESTRAMENTO

Lista di controllo Allegato 11 FORMAZIONE INFORMAZIONE ADDESTRAMENTO CO.RE.CO VENETO Indicazioni per stesura DVR STD Versione 2012 Lista di controllo Allegato 11 FORMAZIONE INFORMAZIONE ADDESTRAMENTO PRENDERE IN CONSIDERAZIONE UNICAMENTE I PUNTI DI ATTENZIONE PERTINENTI

Dettagli

D. LGS. 81/08 testo unico sulla sicurezza

D. LGS. 81/08 testo unico sulla sicurezza Campagna straordinaria di formazione per la diffusione della cultura della salute e della sicurezza rivolto al mondo dell impresa. Cantieri di sicurezza 52/1/3/277/2010 D. LGS. 81/08 testo unico sulla

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE

CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE ALLEGATO 6 CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente Capitolato, alle seguenti espressioni sono

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Commissario delegato

Presidenza del Consiglio dei Ministri Commissario delegato Presidenza del Consiglio dei Ministri Commissario delegato ai sensi dell art. 1 dell Ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri 21 dicembre 2007, n. 3635 3836/2009 e s.m.i. DOCUMENTO 6 PROTOCOLLO

Dettagli

CATALOGO FORMATIVO VALIDO PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE DI AZIENDE

CATALOGO FORMATIVO VALIDO PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE DI AZIENDE CATALOGO FORMATIVO VALIDO PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE DI AZIENDE LEGISLATIVI I corsi di formazione risultano conformi (per contenuti e durata) a quanto previsto dal D.Lgs 81/2008 (e s.m.i.)

Dettagli

Profession Power Group - PPG Medicina del lavoro - Sicurezza e igiene sui luoghi di lavoro. Servizi

Profession Power Group - PPG Medicina del lavoro - Sicurezza e igiene sui luoghi di lavoro. Servizi Profession Power Group - PPG Medicina del lavoro - Sicurezza e igiene sui luoghi di lavoro Servizi BrainCare S.r.l., opera anche nel settore Medicina del Lavoro offrendo alle Aziende Clienti, i suoi servizi

Dettagli

SCHEMI LETTERE DI NOTIFICA SCHEMA DI AUTOCERTIFICAZIONE SCHEMI LETTERE DI DESIGNAZIONE SCHEMA LETTERA DI INFORMAZIONE AI LAVORATORI

SCHEMI LETTERE DI NOTIFICA SCHEMA DI AUTOCERTIFICAZIONE SCHEMI LETTERE DI DESIGNAZIONE SCHEMA LETTERA DI INFORMAZIONE AI LAVORATORI SCHEMI LETTERE DI NOTIFICA SCHEMA DI AUTOCERTIFICAZIONE SCHEMI LETTERE DI DESIGNAZIONE SCHEMA LETTERA DI INFORMAZIONE AI LAVORATORI SCHEMA DEL VERBALE DI RIUNIONE PERIODICA Modello A) BOZZA DI LETTERA

Dettagli

Le politiche delle Regioni per la promozione della salute e della sicurezza nei cantieri edili: Le linee guida DPR 222/03

Le politiche delle Regioni per la promozione della salute e della sicurezza nei cantieri edili: Le linee guida DPR 222/03 Le politiche delle Regioni per la promozione della salute e della sicurezza nei cantieri edili: Le linee guida DPR 222/03 Ing. Marco Masi Regione Toscana Settore Prevenzione e Sicurezza PREVENZIONE E SICUREZZA

Dettagli