SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI"

Transcript

1 La sicurezza ne azienda agricoa e nei cantieri forestai Le opportunità per i dottori agronomi e forestai SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI Prof. Danio MONARCA

2 Art. 26 Obbighi connessi ai contratti d'appato o d'opera o di somministrazione 1. I datore di avoro, in caso di affidamento dei avori a'impresa appatatrice o a avoratori autonomi a'interno dea propria azienda, o di una singoa unita' produttiva dea stessa, nonche' ne'ambito de'intero cico produttivo de'azienda medesima: a) verifica, con e modaita' previste da decreto di cui a'articoo 6, comma 8, ettera g), 'idoneita' tecnico professionae dee imprese appatatrici o dei avoratori autonomi in reazione ai avori da affidare in appato o mediante contratto d'opera o di somministrazione. Fino aa data di entrata in vigore di tae decreto, a verifica e' eseguita attraverso e seguenti modaita': 1) acquisizione de certificato di iscrizione aa camera di commercio, industria e artigianato; 2) acquisizione de'autocertificazione de'impresa appatatrice o dei avoratori autonomi de possesso dei requisiti di idoneita tecnico professionae.

3 Art. 26 Obbighi connessi ai contratti d'appato o d'opera o di somministrazione 1. I datore di avoro: b) fornisce agi stessi soggetti dettagiate informazioni sui rischi specifici esistenti ne'ambiente in cui sono destinati ad operare e sue misure di prevenzione e di emergenza adottate in reazione aa propria attivita'.

4 Art. 26 Obbighi connessi ai contratti d'appato o d'opera o di somministrazione 2. I datori di avoro, ivi compresi i subappatatori: a) cooperano a'attuazione dee misure di prevenzione e protezione dai rischi su avoro incidenti su'attivita' avorativa oggetto de'appato; b) coordinano gi interventi di protezione e prevenzione dai rischi cui sono esposti i avoratori, informandosi reciprocamente anche a fine di eiminare rischi dovuti ae interferenze tra i avori dee diverse imprese coinvote ne'esecuzione de'opera compessiva.

5 Art. 26 Obbighi connessi ai contratti d'appato o d'opera o di somministrazione 3. I datore di avoro committente promuove a cooperazione ed i coordinamento di cui a comma 2, eaborando un unico documento di vautazione dei rischi che indichi e misure adottate per eiminare o, ove cio' non e' possibie, ridurre a minimo i rischi da interferenze. Tae documento e' aegato a contratto di appato o di opera. Ai contratti stipuati anteriormente a 25 agosto 2007 ed ancora in corso aa data de 31 dicembre 2008, i documento di cui a precedente periodo deve essere aegato entro tae utima data. Le disposizioni de presente comma non si appicano ai rischi specifici propri de'attivita' dee imprese appatatrici o dei singoi avoratori autonomi.

6 Art. 26 Obbighi connessi ai contratti d'appato o d'opera o di somministrazione 4. Ferme restando e disposizioni di egge vigenti in materia di responsabiita' soidae per i mancato pagamento dee retribuzioni e dei contributi previdenziai e assicurativi, 'imprenditore committente risponde in soido con 'appatatore, nonche' con ciascuno degi eventuai subappatatori, per tutti i danni per i quai i avoratore, dipendente da'appatatore o da subappatatore, non risuti indennizzato ad opera de'inail o de'istituto di previdenza per i settore marittimo (IPSEMA). Le disposizioni de presente comma non si appicano ai danni conseguenza dei rischi specifici propri de'attivita' dee imprese appatatrici o subappatatrici.

7 5. Nei singoi contratti di subappato, di appato e di somministrazione, anche quaora in essere a momento dea data di entrata in vigore de presente decreto, di cui agi articoi 1559, ad escusione dei contratti di somministrazione di beni e servizi essenziai, 1655, 1656 e 1677 de codice civie, devono essere specificamente indicati a pena di nuita' ai sensi de'articoo 1418 de codice civie i costi reativi aa sicurezza de avoro con particoare riferimento a quei propri connessi ao specifico appato. Con riferimento ai contratti di cui a precedente periodo stipuati prima de 25 agosto 2007 i costi dea sicurezza de avoro devono essere indicati entro i 31 dicembre 2008, quaora gi stessi contratti siano ancora in corso a tae data. A tai dati possono accedere, su richiesta, i rappresentante dei avoratori per a sicurezza e gi organismi ocai dee organizzazioni sindacai dei avoratori comparativamente piu' rappresentative a iveo nazionae.

8 6. Nea predisposizione dee gare di appato e nea vautazione de'anomaia dee offerte nee procedure di affidamento di appati di avori pubbici, di servizi e di forniture, gi enti aggiudicatori sono tenuti a vautare che i vaore economico sia adeguato e sufficiente rispetto a costo de avoro e a costo reativo aa sicurezza, i quae deve essere specificamente indicato e risutare congruo rispetto a'entita' e ae caratteristiche dei avori, dei servizi o dee forniture. Ai fini de presente comma i costo de avoro e' determinato periodicamente, in apposite tabee, da Ministro de avoro e dea previdenza sociae, sua base dei vaori economici previsti daa contrattazione coettiva stipuata dai sindacati comparativamente piu' rappresentativi, dee norme in materia previdenziae ed assistenziae, dei diversi settori merceoogici e dee differenti aree territoriai. In mancanza di contratto coettivo appicabie, i costo de avoro e' determinato in reazione a contratto coettivo de settore merceoogico piu' vicino a queo preso in considerazione.

9 7. Per quanto non diversamente disposto da CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI (decreto egisativo 12 aprie 2006, n. 163, e modifiche articoo 8, comma 1, dea egge 3 agosto 2007, n. 123) trovano appicazione in materia di appati pubbici e disposizioni de presente decreto. 8. Ne'ambito deo svogimento di attivita' in regime di appato o subappato, i personae occupato da'impresa appatatrice o subappatatrice deve essere munito di apposita tessera di riconoscimento corredata di fotografia, contenente e generaita' de avoratore e 'indicazione de datore di avoro. Art. 8 I costo reativo aa sicurezza non puo' essere comunque soggetto a ribasso d'asta

10 Titoo IV D.Lgs. 81 (Ex Decreto Legisativo n n 494 de 14 agosto 1996) Attuazione dea direttiva 92/57/CEE concernente e prescrizioni minime di sicurezza e di saute da attuare nei cantieri temporanei o mobii

11 Campo di appicazione 1. I titoo IV Capo I prescrive misure per a tutea dea saute e per a sicurezza dei avoratori nei cantieri temporanei o mobii (quaunque uogo in cui si effettuano avori edii o di ingegneria civie i cui eenco èriportato a'aegato X) 2. Le disposizioni de decreto egisativo 81, e dea vigente egisazione in materia di prevenzione infortuni e di igiene de avoro si appicano a settore di cui sopra, fatte save e disposizioni specifiche contenute ne decreto egisativo 81

12 ALLEGATO X AL D.Lgs. 81 ELENCO DEI LAVORI EDILI O DI GENIO CIVILE (per a definizione di cantiere temporaneo o mobie) 1. I avori di costruzione, manutenzione, riparazione, demoizione, conservazione, risanamento, ristrutturazione o equipaggiamento, a trasformazione, i rinnovamento o o smanteamento di opere fisse, permanenti o temporanee, in muratura, in cemento armato, in metao, in egno o in atri materiai, comprese e inee eettriche, e parti strutturai degi impianti eettrici, e opere stradai, ferroviarie, idrauiche, marittime, idroeettriche e, soo per a parte che comporta avori edii o di ingegneria civie, e opere di bonifica, di sistemazione forestae e di sterro. 2. Sono, inotre, avori di costruzione edie o di ingegneria civie gi scavi, ed i montaggio e o smontaggio di eementi prefabbricati utiizzati per a reaizzazione di avori edii o di ingegneria civie.

13 FIGURE INTERESSATE (1) Committente: i soggetto per conto de quae 'intera opera viene reaizzata, indipendentemente da eventuai frazionamenti dea sua reaizzazione. Ne caso di appato di opera pubbica, i committente èi soggetto titoare de potere decisionae e di spesa reativo aa gestione de appato. Responsabie dei avori: soggetto incaricato, da committente, dea progettazione o de controo de'esecuzione de'opera; tae soggetto coincide con i progettista per a fase di progettazione de'opera e con i direttore dei avori per a fase di esecuzione de'opera. Ne campo di appicazione de decreto egisativo 12 aprie 2006, n. 163, e successive modificazioni, i responsabie dei avori e' i responsabie unico de procedimento.

14 FIGURE INTERESSATE (2) Lavoratore autonomo: persona fisica a cui attività professionae concorre aa reaizzazione de'opera senza vincoo di subordinazione. Coordinatore in materia di sicurezza e di saute durante a progettazione de'opera: soggetto incaricato, da committente o da responsabie dei avori, de esecuzione dei compiti di cui a art. 91. Coordinatore in materia di sicurezza e di saute durante a reaizzazione de'opera: soggetto, diverso da datore di avoro de impresa esecutrice, incaricato, da committente o da responsabie dei avori, de esecuzione dei compiti di cui a art. 92.

15 DEFINIZIONI Uomini giorno: entità presunta de cantiere rappresentata daa somma dee giornate avorative prestate dai avoratori, anche autonomi, previste per a reaizzazione de opera. Piano operativo di sicurezza: i documento che i datore di avoro de impresa esecutrice redige, in riferimento a singoo cantiere interessato, ai sensi de art. 17 comma 1 ettera A, i cui contenuti sono riportati ne a. XV.

16 Art. 90 Obbighi de committente o de responsabie dei avori 1. I committente o i responsabie dei avori, nea fase di progettazione de'opera, ed in particoare a momento dee scete tecniche, ne'esecuzione de progetto e ne'organizzazione dee operazioni di cantiere, si attiene ai principi e ae misure generai di tutea di cui a'articoo 15. A fine di permettere a pianificazione de'esecuzione in condizioni di sicurezza dei avori o dee fasi di avoro che si devono svogere simutaneamente o successivamente tra oro, i committente o i responsabie dei avori prevede ne progetto a durata di tai avori o fasi di avoro. 2. I committente o i responsabie dei avori, nea fase dea progettazione de'opera, vauta i documenti di cui a'articoo 91, comma 1, ettere a) e b).

17 Art. 90 La sicurezza dei cantieri 3. Nei cantieri in cui e' prevista a presenza di piu' imprese, anche non contemporanea, i committente, anche nei casi di coincidenza con 'impresa esecutrice, o i responsabie dei avori, contestuamente a'affidamento de'incarico di progettazione, designa i coordinatore per a progettazione. 4. Ne caso di cui a comma 3, i committente o i responsabie dei avori, prima de'affidamento dei avori, designa i coordinatore per 'esecuzione dei avori, in possesso dei requisiti di cui a'articoo La disposizione di cui a comma 4 si appica anche ne caso in cui, dopo 'affidamento dei avori a un'unica impresa, 'esecuzione dei avori o di parte di essi sia affidata a una o piu' imprese.

18 Art. 90 La sicurezza dei cantieri 6. I committente o i responsabie dei avori, quaora in possesso dei requisiti di cui a'articoo 98, ha facota' di svogere e funzioni sia di coordinatore per a progettazione sia di coordinatore per 'esecuzione dei avori. 7. I committente o i responsabie dei avori comunica ae imprese esecutrici e ai avoratori autonomi i nominativo de coordinatore per a progettazione e queo de coordinatore per 'esecuzione dei avori. Tai nominativi sono indicati ne carteo di cantiere. 8. I committente o i responsabie dei avori ha facota' di sostituire in quasiasi momento, anche personamente, se in possesso dei requisiti di cui a'articoo 98, i soggetti designati in attuazione dei commi 3 e 4.

19 Art. 90 La sicurezza dei cantieri 9. I committente o i responsabie dei avori, anche ne caso di affidamento dei avori ad un'unica impresa: a) verifica 'idoneita' tecnico professionae de'impresa affidataria, dee imprese esecutrici e dei avoratori autonomi in reazione ae funzioni o ai avori da affidare, con e modaita' di cui a'aegato XVII. Nei casi di cui a comma 11, i requisito di cui a periodo che precede si considera soddisfatto mediante presentazione da parte dee imprese de certificato di iscrizione aa Camera di commercio, industria e artigianato e de documento unico di regoarita' contributiva, corredato da autocertificazione in ordine a possesso degi atri requisiti previsti da'aegato XVII;

20 Art. 90 La sicurezza dei cantieri 9. I committente o i responsabie dei avori, anche ne caso di affidamento dei avori ad un'unica impresa: b) chiede ae imprese esecutrici una dichiarazione de'organico medio annuo, distinto per quaifica, corredata dagi estremi dee denunce dei avoratori effettuate a'istituto nazionae dea previdenza sociae (INPS), a'istituto nazionae assicurazione infortuni su avoro (INAIL) e ae casse edii, nonche' una dichiarazione reativa a contratto coettivo stipuato dae organizzazioni sindacai comparativamente piu' rappresentative, appicato ai avoratori dipendenti. Nei casi di cui a comma 11, i requisito di cui a periodo che precede si considera soddisfatto mediante presentazione da parte dee imprese de DURC documento unico di regoarita' contributiva e de'autocertificazione reativa a contratto coettivo appicato;

21 Art. 90 La sicurezza dei cantieri 9. I committente o i responsabie dei avori: c) trasmette a'amministrazione competente, prima de'inizio dei avori oggetto de permesso di costruire o dea denuncia di inizio attivita', i nominativo dee imprese esecutrici dei avori unitamente aa documentazione di cui ae ettere a) e b). L'obbigo di cui a periodo che precede sussiste anche in caso di avori eseguiti in economia mediante affidamento dee singoe avorazioni a avoratori autonomi, ovvero di avori reaizzati direttamente con proprio personae dipendente senza ricorso a'appato. In assenza de documento unico di regoarita' contributiva, anche in caso di variazione de'impresa esecutrice dei avori, 'efficacia de titoo abiitativo e' sospesa.

22 Art. 90 La sicurezza dei cantieri 10. In assenza de piano di sicurezza e di coordinamento di cui a'articoo 100 o de fascicoo di cui a'articoo 91, comma 1, ettera b), quando previsti, oppure in assenza di notifica di cui a'articoo 99, quando prevista, e' sospesa 'efficacia de titoo abiitativo. L'organo di vigianza comunica 'inadempienza a'amministrazione concedente. 11. In caso di avori privati, a disposizione di cui a comma 3 non si appica ai avori non soggetti a permesso di costruire. Si appica in ogni caso quanto disposto da'articoo 92, comma 2.

23 ALLEGATO XI ELENCO DEI LAVORI COMPORTANTI RISCHI PARTICOLARI 1. Lavori che espongono i avoratori a rischi di seppeimento o di sprofondamento a profondità superiore a m 1,5 o di caduta da'ato da atezza superiore a m 2, se particoarmente aggravati daa natura de'attività o dei procedimenti attuati oppure dae condizioni ambientai de posto di avoro o de'opera. 2. Lavori che espongono i avoratori a sostanze chimiche o bioogiche e quai presentano rischi particoari per a sicurezza e a saute dei avoratori oppure comportano un'esigenza egae di sorvegianza sanitaria. 3. Lavori con radiazioni ionizzanti che esigono a designazione di zone controate o sorvegiate come definite daa vigente normativa in materia di protezione dei avoratori dae radiazioni ionizzanti. 4. Lavori in prossimità di inee eettriche aeree a conduttori nudi in tensione. 5. Lavori che espongono ad un rischio di annegamento. 6. Lavori in pozzi, sterri sotterranei e gaerie. 7. Lavori subacquei con respiratori. 8. Lavori in cassoni ad aria compressa. 9. Lavori comportanti 'impiego di esposivi. 10. Lavori di montaggio o smontaggio di eementi prefabbricati pesanti.

24 OBBLIGHI DEL COMMITTENTE O DEL RESPONSABILE DEI LAVORI 1. Attenersi ai principi de art Prevedere ne progetto a durata dei avori o dee fasi di avoro 3. Vautare i documenti redatti da coordinatore per a progettazione 4. Designare, prima di affidare i avori, i coordinatore per esecuzione che deve essere in possesso dei requisiti di egge 5. Comunicare ae imprese esecutrici i nominativi dei coordinatori 6. Sostituire in quasiasi momento i soggetti designati per i coordinamento 7. Verificare idoneità tecnica professionae dee imprese esecutrici e controare e denunce INPS e INAIL * tae ruoo può essere svoto anche dao stesso committente se in possesso dei requisiti di egge Gi obbighi di cui ai punti 1 2 7vagono anche per appati sotto i 200 uomini giorno

25 Obbighi de coordinatore per a progettazione (art. 91) 1) redige i piano di sicurezza e coordinamento; 2) predispone un fascicoo * contenente e informazioni utii ai fini dea prevenzione e protezione dai rischi cui sono esposti i avoratori, tenendo conto dee specifiche norme di buona tecnica e de'aegato II a documento U.E. 26/05/93.

26 Art. 92 Obbighi de coordinatore per esecuzione dei avori (1) Durante a reaizzazione de opera 1) verifica, con opportune azioni di coordinamento e controo, 'appicazione da parte dee imprese esecutrici e dei avoratori autonomi dee disposizioni oro pertinenti contenute ne PSC e a corretta appicazione dee reative procedure di avoro; 2) verifica idoneità de POS presentato dae imprese esecutrici e a coerenza co PSC 3) organizza, tra i datori di avoro, ivi compresi i avoratori autonomi, a cooperazione ed i coordinamento dee attività nonché a oro reciproca informazione; 4) verifica 'attuazione di quanto previsto negi accordi tra e parti sociai a fine di reaizzare i coordinamento tra i rappresentanti dea sicurezza finaizzato a migioramento dea sicurezza in cantiere;

27 Art. 92 Obbighi de coordinatore per esecuzione dei avori (2) 5) segnaa a committente o a responsabie dei avori, e inosservanze da parte dee imprese e dei avoratori autonomi e propone a sospensione dei avori, 'aontanamento dee imprese o dei avoratori autonomi da cantiere, o a risouzione de contratto; 6) sospende in caso di pericoo grave ed imminente, direttamente riscontrato, e singoe avorazioni fino aa verifica degi avvenuti adeguamenti effettuati dae imprese interessate. * Segnaazione aa ASL: quaora i committente o i responsabie dei avori non adotti acun provvedimento, dopo a segnaazione, senza fornire idonea motivazione, i coordinatore per esecuzione provvede a dare comunicazione de inadempienza aa ASL e aa Dir. Prov. Lavoro territoriamente competenti

28 RESPONSABILITA DEI COMMITTENTI E DEL RESPONSABILE DEI LAVORI (art. 93) I committente èesonerato dae responsabiità connesse a adempimento degi obbighi imitatamente a incarico conferito a responsabie dei avori. Anche se ciò non o esonera dae responsabiita' connesse aa verifica degi adempimenti degi obbighi di cui agi articoi 90, 92, comma 1, ettera e), e 99. La designazione de Coordinatore per a progettazione e de Coordinatore per a Esecuzione non esonera i committente o i responsabie dei avori dae responsabiità connesse aa verifica de adempimento dei oro obbighi.

29 OBBLIGHI DEI LAVORATORI AUTONOMI (art. 94) Attenersi agi obbighi de D.Lgs. 81 (attrezzature, DPI, ecc.) Adeguarsi ae indicazioni fornite da coordinatore per esecuzione dei avori, ai fini dea sicurezza

30 Art. 95 Misure generai di tutea I datori di avoro dee imprese esecutrici osservano e misure generai di tutea (art. 15) e curano in particoare, ciascuno per a parte di competenza: a) i mantenimento de cantiere in condizioni ordinate e di soddisfacente saubrità; b) a sceta de'ubicazione di posti di avoro tenendo conto dee condizioni di accesso a tai posti, definendo vie o zone di spostamento o di circoazione; c) e condizioni di movimentazione dei vari materiai; d) a manutenzione, i controo prima de'entrata in servizio e i controo periodico degi impianti e dei dispositivi a fine di eiminare i difetti che possono pregiudicare a sicurezza e a saute dei avoratori; e) a deimitazione e 'aestimento dee zone di stoccaggio e di deposito dei vari materiai, in particoare quando si tratta di materie e di sostanze pericoose; f) 'adeguamento, in funzione de'evouzione de cantiere, dea durata effettiva da attribuire ai vari tipi di avoro o fasi di avoro; g) a cooperazione tra datori di avoro e avoratori autonomi; h) e interazioni con e attività che avvengono su uogo, a'interno o in prossimità de cantiere.

31 Art. 96 Obbighi dei datori di avoro, dei dirigenti e dei preposti 1. I datori di avoro dee imprese affidatarie ed esecutrici, anche ne caso in cui ne cantiere operi un'unica impresa, anche famiiare o con meno di dieci addetti: a) adottano e misure conformi ae prescrizioni di cui a'aegato XIII; b) predispongono 'accesso e a recinzione de cantiere con modaita' chiaramente visibii e individuabii; c) curano a disposizione o 'accatastamento di materiai o attrezzature in modo da evitarne i croo o i ribatamento; d) curano a protezione dei avoratori contro e infuenze atmosferiche che possono compromettere a oro sicurezza e a oro saute; e) curano e condizioni di rimozione dei materiai pericoosi, previo, se de caso, coordinamento con i committente o i responsabie dei avori; f) curano che o stoccaggio e 'evacuazione dei detriti e dee macerie avvengano correttamente; g) redigono i piano operativo di sicurezza di cui a'articoo 89, comma 1, ettera h).

32 Art. 96 Obbighi dei datori di avoro dee imprese esecutrici 2. L'accettazione da parte di ciascun datore di avoro dee imprese esecutrici de piano di sicurezza e di coordinamento di cui a'articoo 100 e a redazione de piano operativo di sicurezza costituiscono, imitatamente a singoo cantiere interessato, adempimento ae disposizioni di cui a'articoo 17 comma 1, ettera a), a'articoo 18, comma 1, ettera z), e a'articoo 26, commi 1, ettera b), e 3.

33 Art. 97 Obbighi de datore di avoro de'impresa affidataria 1. I datore di avoro de'impresa affidataria vigia sua sicurezza dei avori affidati e su'appicazione dee disposizioni e dee prescrizioni de piano di sicurezza e coordinamento. 2. Gi obbighi derivanti da'articoo 26, fatte save e disposizioni di cui a'articoo 96, comma 2, sono riferiti anche a datore di avoro de'impresa affidataria. Per a verifica de'idoneita' tecnico professionae si fa riferimento ae modaita di cui a'aegato XVII. 3. I datore di avoro de'impresa affidataria deve, inotre: a) coordinare gi interventi di cui agi articoi 95 e 96; b) verificare a congruenza dei piani operativi di sicurezza (POS) dee imprese esecutrici rispetto a proprio, prima dea trasmissione dei suddetti piani operativi di sicurezza a coordinatore per 'esecuzione.

34 Art. 98 Requisiti professionai de coordinatore per a progettazione e de coordinatore per 'esecuzione dei avori (1) 1. I coordinatore per a progettazione e i coordinatore per 'esecuzione dei avori debbono essere in possesso dei seguenti requisiti: a) dipoma di aurea in ingegneria, architettura, geoogia, scienze agrarie o scienze forestai, nonché attestazione da parte di datori di avoro o committenti comprovante 'espetamento di attività avorativa ne settore dee costruzioni per ameno un anno; b) dipoma universitario in ingegneria o architettura nonché attestazione da parte di datori di avoro o committenti comprovante 'espetamento di attività avorative ne settore dee costruzioni per ameno due anni; c) dipoma di geometra o perito industriae o perito agrario o agrotecnico nonché attestazione da parte di datori di avoro o committenti comprovante 'espetamento di attività avorativa ne settore dee costruzioni per ameno tre anni.

35 Art. 98 Requisiti professionai de coordinatore per a progettazione e de coordinatore per 'esecuzione dei avori (2) 2. I soggetti di cui a comma 1, devono essere, atresì, in possesso di attestato di frequenza a specifico corso in materia di sicurezza organizzato dae regioni, mediante e strutture tecniche operanti ne settore dea prevenzione e dea formazione professionae, o, in via aternativa, da'ispesl, da'inail, da'istituto itaiano di medicina sociae, dai rispettivi ordini o coegi professionai, dae università, dae associazioni sindacai dei datori di avoro e dei avoratori o dagi organismi paritetici istituiti ne settore de'ediizia. 3. I contenuto e a durata dei corsi di cui a comma 2 devono rispettare ameno e prescrizioni di cui a'aegato XIV. 4. L'attestato di cui a comma 2 non èrichiesto per cooro che, non più in servizio, abbiano svoto attività tecnica in materia di sicurezza nee costruzioni, per ameno cinque anni, in quaità di pubbici ufficiai o di incaricati di pubbico servizio e per cooro che producano un certificato universitario attestante i superamento di uno o più esami de corso o dipoma di aurea.

36 Art. 99 Notifica preiminare 1. I committente o i responsabie dei avori, prima de'inizio dei avori, trasmette aa ASL e aa direzione provinciae de avoro territoriamente competenti a notifica preiminare eaborata conformemente a'aegato XII nonché gi eventuai aggiornamenti nei seguenti casi: a) cantieri per cui èrichiesta a nomina dei coordinatori (> 200 uomini giorno o aegato XIII); b) cantieri che, iniziamente non soggetti a'obbigo di notifica, ricadono nee categorie di cui sopra per effetto di varianti sopravvenute in corso d'opera; c) cantieri in cui opera un'unica impresa a cui entità presunta di avoro non sia inferiore a duecento uomini giorno. 2. Copia dea notifica deve essere affissa in maniera visibie presso i cantiere e custodita a disposizione de'organo di vigianza territoriamente competente. 3. Gi organismi paritetici istituiti ne settore dee costruzioni in attuazione de art. 51 hanno accesso ai dati reativi ae notifiche preiminari presso gi organi di vigianza.

37 I piano di sicurezza e coordinamento PSC I piano contiene: individuazione, anaisi e vautazione dei rischi; e procedure, gi apprestamenti, e attrezzature per i rispetto dee norme di prevenzione e tutea; a stima dei costi non soggetti a ribasso. I piano è costituito da una reazione tecnica e prescrizioni.

38 Art. 100 Piano di sicurezza e di coordinamento (1) 1. I PSC e' corredato da tavoe espicative di progetto, reative agi aspetti dea sicurezza, comprendenti ameno una panimetria su'organizzazione de cantiere e, ove a articoarita' de'opera o richieda, una tavoa tecnica sugi scavi. I contenuti minimi de piano di sicurezza e di coordinamento e 'indicazione dea stima dei costi dea sicurezza sono definiti a'aegato XV. 2. I piano di sicurezza e coordinamento e' parte integrante de contratto di appato. 3. I datori di avoro dee imprese esecutrici e i avoratori autonomi sono tenuti ad attuare quanto previsto ne piano di cui a comma 1 e ne piano operativo di sicurezza.

39 Art. 100 Piano di sicurezza e di coordinamento (2) 4. I datori di avoro dee imprese esecutrici mettono a disposizione dei rappresentanti per a sicurezza copia de piano di sicurezza e di coordinamento e de piano operativo di sicurezza ameno dieci giorni prima de'inizio dei avori. 5. L'impresa che si aggiudica i avori ha facota' di presentare a coordinatore per 'esecuzione proposte di integrazione a piano di sicurezza e di coordinamento, ove ritenga di poter megio garantire a sicurezza ne cantiere sua base dea propria esperienza. In nessun caso e eventuai integrazioni possono giustificare modifiche o adeguamento dei prezzi pattuiti. 6. Le disposizioni de presente articoo non si appicano ai avori a cui esecuzione immediata e' necessaria per prevenire incidenti imminenti o per organizzare urgenti misure di savataggio.

40 PSC Prescrizioni di sicurezza e saute In particoare i piano contiene, in reazione aa tipoogia de cantiere interessato, i seguenti eementi: a) modaità da seguire per a recinzione de cantiere, gi accessi e e segnaazioni; b) protezioni o misure di sicurezza contro i possibii rischi provenienti da'ambiente esterno; c) prescrizioni per i servizi igienico-assistenziai; d) protezioni o misure di sicurezza connesse aa presenza ne'area de cantiere di inee aeree e condutture sotterranee; e) viabiità principae di cantiere; f) impianti di aimentazione e reti principai di eettricità, acqua, gas ed energia di quasiasi tipo; g) impianti di terra e di protezione contro e scariche atmosferiche.

41 h) misure generai di protezione contro i rischio di seppeimento negi scavi; i) misure generai da adottare contro i rischio di annegamento; ) misure generai di protezione da adottare contro i rischio di caduta da'ato; m) misure per assicurare a saubrità de'aria nei avori in gaeria; n) misure per assicurare a stabiità dee pareti e dea vota nei avori in gaeria; o) misure generai di sicurezza da adottare in caso di estese demoizioni o manutenzioni, ove e modaità tecniche d attuazione siano definite in fase di progetto; p) misure di sicurezza contro i possibii rischi di incendio o esposione connessi con avorazioni e materiai pericoosi utiizzati in cantiere; q) disposizioni per dare attuazione aa consutazione dei rappresentanti dei avoratori per a sicurezza; r) disposizioni per dare attuazione a organizzazione tra i datori di avoro, ivi compresi i avoratori autonomi, dea cooperazione e de coordinamento dee attività nonché a oro reciproca informazione; s) vautazione, in reazione aa tipoogia dei avori, dee spese prevedibii per 'attuazione dei singoi eementi de piano; t) misure generai di protezione da adottare contro gi sbazi eccessivi di temperatura.

42 IL PSC (Linee guida Conferenza Presidenti Regioni) Deve essere: Specifico per a singoa opera Leggibie e quindi comprensibie dae imprese Reaizzabie Controabie Da punto di vista tecnico deve essere: Integrato con e scete progettuai Articoato per fasi avorative in modo da individuare: Rischi specifici e reai per que contesto I momenti critici dovuti ae avorazioni interferenti Le modaità per eiminare o ridurre tai rischi I soggetti incaricati dei controi e degi obbighi La stima dei costi per a sicurezza

43 Deve essere inotre: IL PSC Sufficientemente anaitico per individuare: Tecnoogie e attrezzature Apprestamenti Procedure esecutive Eementi di coordinamento Utiizzabie dae imprese Non deve essere: Un trattato di tutti i rischi, né una raccota di eggi Deve affrontare, per ogni fase operativa: Cosa si fa ne cantiere Come deve essere fatto Disegni e indicazioni tecniche Schede specifiche per e singoe imprese

44 ELEMENTI COSTITUTIVI DEL PIANO 1. Identificazione e descrizione de opera Tavoe di coocazione Descrizione sintetica de opera Tavoe di progetto 2. Soggetti de cantiere e dea sicurezza Committente e/o Responsabie dei avori Coordinatore per a progettazione Progettista Coordinatore per esecuzione Direttore avori Datori di avoro RSPP RLS Medico competente

45 ELEMENTI COSTITUTIVI DEL PIANO 3. Vautazione dei rischi, procedure, apprestamenti ed attrezzature reativi a: Sito Caratteristiche de area Presenza di situazioni circostanti (inee eettriche, atri cantieri, viabiità ) Rischi per ambiente circostante 4. Per ogni tipoogia di situazione o di rischio andranno individuati: Le azioni richieste (eventuai tavoe e disegni) La cronoogia per a oro reaizzazione I soggetti incaricati

46 ELEMENTI COSTITUTIVI DEL PIANO 5. Con aiuto di tavoe e disegni tecnici, va indicata a disposizione di una serie di eementi (ubicazione, cronoogia, soggetti) come: Recinzione de cantiere, accessi e segnaazioni Servizi igienico-assistenziai Viabiità de cantiere con aree di parcheggio per addetti Impianti di aimentazione e reti en.e., gas, acqua Impianti fissi di cantiere Zone di carico/scarico Zone deposito attrezzature e stoccaggio materiai Contenitori raccota rifiuti

47 FLOW CHART

48 Diagramma di Gantt

49 I computo degi uomini giorno P = M + N + T + MO + S + SG + U Dove M = prezzo dei materiai N = prezzo dei noi T = prezzo dei trasporti MO = prezzo dea manodopera S = spese reative aa sicurezza SG= spese generai (13-15%) U = utie appatatore (10%)

50 Esempio di cacoo uomini giorno Reaizzazione di strada rurae Importo a base d asta ,00 1. Si detrae utie U U = ( /1,10) = ,70 Restano ,30 2. Si detraggono e spese generai SG SG = , ,30/1,14 = ,82 Restano ,48, per materiai, manodopera, sicurezza, trasporti e noi.

51 Esempio di cacoo uomini giorno Restano ,48 (materiai, manodopera, sicurezza, trasporti e noi). (DM 11/12/78, tabea 1 Movimenti di materie) - Incidenza manodopera 18% - Squadra tipo: 1 operaio speciaizzato 21,00 /h ed 8 operai comuni 8 x 18,00 /h = 144,00 /h 165,00 /h Costo medio operaio (per giorno) (165,00/ 9) x 8 h/d = 146,67 /d Costo manodopera = ,48 x 0,18 = , ,20/ 146,67 = 294 uomini-giorno Decreto Ministeriae 11/12/1978 Nuove tabee dee quote d incidenza per e principai categorie di avoro nonché a composizione dee rispettive squadre tipo, etc. (G.U. 23/12/1978 n. 357)

52 GRAZIE PER L ATTENZIONE Bernardino Ramazzini (Carpi Padova 1714) Padre dea Medicina de Lavoro Medico in Ducato di Castro (Viterbo) da 1660 a 1680 circa

Il nuovo quadro normativo in materia di Appalti, Cantieri e DUVRI

Il nuovo quadro normativo in materia di Appalti, Cantieri e DUVRI Il nuovo quadro normativo in materia di Appalti, Cantieri e DUVRI Alessandra Pellegrini Direzione Tecnico Scientifica 14 Ottobre 2009 T.U. SALUTE E SICUREZZA (D.LGS. 81/2008): prime analisi e commenti

Dettagli

Prof. ssa Lucia Niccacci Anno Accademico 2009/2010

Prof. ssa Lucia Niccacci Anno Accademico 2009/2010 Corso di laurea in Ingegneria Edile Prof. ssa Lucia Niccacci Anno Accademico 2009/2010 Il TITOLO IV del Testo Unico 81/08 in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER L UTENTE

NOTA INFORMATIVA PER L UTENTE DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO PREVENZIONE E SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO Regione Lazio NOTA INFORMATIVA PER L UTENTE D.Lgs. 81/08: PRINCIPALI ADEMPIMENTI PER I COMMITTENTI DI OPERE EDILI Azienda

Dettagli

SICUREZZA ELETTRICA: LE NOVITÀ PER IL DATORE DI LAVORO SUGLI IMPIANTI E SULLE APPARECCHIATURE

SICUREZZA ELETTRICA: LE NOVITÀ PER IL DATORE DI LAVORO SUGLI IMPIANTI E SULLE APPARECCHIATURE Focus TU Articoo SICUREZZA ELETTRICA: LE NOVITÀ PER IL DATORE DI LAVORO SUGLI IMPIANTI E SULLE APPARECCHIATURE di Fausto Di Tosto, primo tecnoogo, Sezione Impianti e apparecchiature eettriche - ISPESL

Dettagli

Misure per la salute e la sicurezza nei cantieri temporanei e mobili

Misure per la salute e la sicurezza nei cantieri temporanei e mobili Associazione Industriali Province della Sardegna Meridionale Cagliari, Carbonia-Iglesias e Medio Campidano CONFINDUSTRIA Misure per la salute e la sicurezza nei cantieri temporanei e mobili Cagliari 16

Dettagli

Obblighieadempimenti. TDP:Giuseppe Maiolani MarcoFrabeti MarioBogliari

Obblighieadempimenti. TDP:Giuseppe Maiolani MarcoFrabeti MarioBogliari Obblighieadempimenti TDP:Giuseppe Maiolani MarcoFrabeti MarioBogliari Il Committente Privato in edilizia obblighi ed adempimenti Il Committente Privato è il soggetto fondamentale per garantire regolarità

Dettagli

DUVRI. Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenze

DUVRI. Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenze DUVRI Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenze Legge 3 agosto 2007, n. 123 : Misure in tema di tutela della salute e della sicurezza sul lavoro e delega al Governo per il riassetto e la

Dettagli

Cantieri di entità presunta inferiore a 200 uomini-giorno (*) i cui lavori non comportino rischi particolari di cui all allegato XI (**)

Cantieri di entità presunta inferiore a 200 uomini-giorno (*) i cui lavori non comportino rischi particolari di cui all allegato XI (**) Idoneità tecnico professionale ai sensi dell Allegato XVII al D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. e documenti da consegnare al committente o al responsabile dei lavori SOGGETTI OBBLIGATI esecutrici affidatarie che

Dettagli

PIANO OPERA TI VO DI SICUREZZA MODELLO SEMPLIFICATO

PIANO OPERA TI VO DI SICUREZZA MODELLO SEMPLIFICATO Aegato I Modeo sempificato per a redazione de (Le dimensioni dei campi indicati nee tabee a seguire sono meramente indicative in quanto dipendenti da contenuto} PIANO OPERA TI VO DI SICUREZZA MODELLO SEMPLIFICATO

Dettagli

LEZIONE 10 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI Decreto Legislativo n. 81 del 9 aprile 2008

LEZIONE 10 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI Decreto Legislativo n. 81 del 9 aprile 2008 LEZIONE 10 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI Decreto Legislativo n. 81 del 9 aprile 2008 ARGOMENTI DEL CORSO DEFINIZIONI; OBBLIGHI E RESPONSABILITÀ DEL COMMITTENTE O DEL RESPONSABILE DEI LAVORI; LA NOTIFICA

Dettagli

Corso di aggiornamento per coordinatori della sicurezza. Corso di aggiornamento per coordinatori CEFAS Ing. Giancarlo Napoli e Dott.

Corso di aggiornamento per coordinatori della sicurezza. Corso di aggiornamento per coordinatori CEFAS Ing. Giancarlo Napoli e Dott. Corso di aggiornamento per coordinatori della sicurezza Corso di aggiornamento per coordinatori CEFAS Ing. Giancarlo Napoli e Dott. Sandro Celli Le figure del titolo IV del Dlgs 81/2008 Soggetti destinatari

Dettagli

Il coordinatore in materia di salute e sicurezza nei cantieri ai sensi del D.L.vo 494/96

Il coordinatore in materia di salute e sicurezza nei cantieri ai sensi del D.L.vo 494/96 Il coordinatore in materia di salute e sicurezza nei cantieri ai sensi del D.L.vo 494/96 Giornata di Studio 8 Giugno 2006 Ing. Sandro Vescovi INFN - LNF Il settore delle Costruzioni presenta un rischio

Dettagli

Il decreto legislativo 494/96. Geom. Stefano Fiori

Il decreto legislativo 494/96. Geom. Stefano Fiori Il decreto legislativo 494/96 Geom. Stefano Fiori EVOLUZIONE NORMATIVA DEFINIZIONI Articolo 1 1. Il presente decreto legislativo prescrive misure per la tutela e per la sicurezza dei Lavoratori nei cantieri

Dettagli

SICUREZZA IN CANTIERE SECONDO IL Dlgs 81/2008

SICUREZZA IN CANTIERE SECONDO IL Dlgs 81/2008 SICUREZZA IN CANTIERE SECONDO IL Dlgs 81/2008 INDICE Chi sono il CSP e Il CSE? 2 Cos è il P.S.C. (Piano di Sicurezza e Coordinamento)? 3 Cos è il P.O.S Piano operativo di Sicurezza 5 Fascicolo dell'opera

Dettagli

GESTIONE DEGLI APPALTI. Copyright Diritti riservati

GESTIONE DEGLI APPALTI. Copyright Diritti riservati GESTIONE DEGLI APPALTI Copyright Diritti riservati GESTIONE DEGLI APPALTI RIF. D. LGS. 81/08 s.m.i. Articolo 26 - Obblighi connessi ai contratti d appalto o d opera o di somministrazione Titolo IV Cantieri

Dettagli

PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE

PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE IL DATORE DI LAVORO OBBLIGHI FONDAMENTALI DEL DATORE DI LAVORO: effettuare la valutazione dei rischi, redigere

Dettagli

D.Lgs. 81/08 TITOLO IV

D.Lgs. 81/08 TITOLO IV D.Lgs. 81/08 TITOLO IV CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI CAPO I LE NOVITA RILEVANTI DIVO PIOLI Art. 89 C 1 c RESPONSABILE DEI LAVORI SOGGETTO CHE PUÒ ESSERE INCARICATO, DAL COMMITTENTE, DELLA PROGETTAZIONE

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

D. LGS. 81/08 testo unico sulla sicurezza

D. LGS. 81/08 testo unico sulla sicurezza Campagna straordinaria di formazione per la diffusione della cultura della salute e della sicurezza rivolto al mondo dell impresa. Cantieri di sicurezza 52/1/3/277/2010 D. LGS. 81/08 testo unico sulla

Dettagli

TITOLO IV - CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI. 18.51.40 Ing. P. Pierannunzi - Medicina del lavoro 1/106

TITOLO IV - CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI. 18.51.40 Ing. P. Pierannunzi - Medicina del lavoro 1/106 TITOLO IV - CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI 18.51.40 Ing. P. Pierannunzi - Medicina del lavoro 1/106 TITOLO IV CAPO I - MISURE PER LA SALUTE E SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI Articolo 88 - Campo

Dettagli

Capitolo Secondo. Compiti e responsabilità dei protagonisti della sicurezza

Capitolo Secondo. Compiti e responsabilità dei protagonisti della sicurezza Capitolo Secondo Compiti e responsabilità dei protagonisti della sicurezza I responsabili della sicurezza nei cantieri temporanei o mobili sono: Committente e Responsabile dei lavori (Scheda 2.1) Datore

Dettagli

Provincia di Pistoia Economato, Provveditorato e Patrimonio Mobiliare

Provincia di Pistoia Economato, Provveditorato e Patrimonio Mobiliare Provincia di Pistoia Economato, Provveditorato e Patrimonio Mobiiare Convenzione fra 'Amministrazione provinciae di Pistoia e a PROD. 84 di Pistoia (PT) ai sensi de'art. 5 Legge 381191 e S. di puizia dei

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

TITOLO IV CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. CAPO I Misure per la salute e sicurezza nei cantieri temporanei o mobili

TITOLO IV CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. CAPO I Misure per la salute e sicurezza nei cantieri temporanei o mobili Art. 97 del D. Lgs n. 81/2008 Dott. Michele MONTRANO ASL TO3 SPreSAL Rivoli (TO) TITOLO IV CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI Misure per la salute e sicurezza nei cantieri temporanei o mobili I Norme per la

Dettagli

La Delega di funzioni (Art. 16)

La Delega di funzioni (Art. 16) La Delega di funzioni (Art. 16) Delega di di funzioni - (Art. 16) 1. La delega di funzioni da parte del datore di lavoro, ove non espressamente esclusa, é ammessa con i seguenti limiti e condizioni: a)

Dettagli

PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO MODELLO SEMPLIFICATO

PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO MODELLO SEMPLIFICATO Aegato II Modeo sempificato per a redazione de PSC (Le dimensioni dei campi indicati nee tabee a seguire sono meramente indicative in quanto dipendenti da contenuto) PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO

Dettagli

Seminario regionale La sicurezza nei cantieri forestali

Seminario regionale La sicurezza nei cantieri forestali Seminario regionale La sicurezza nei cantieri forestali 14 giugno 2012 - Fenestrelle (TO) ASL CN2 Alba-Bra Servizio di Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro (S.Pre Pre.S.A.L.) TITOLO IV D.L.gs 81/08

Dettagli

Dipartimento Amministrativo per la Sanità Area Servizio di Prevenzione e Protezione

Dipartimento Amministrativo per la Sanità Area Servizio di Prevenzione e Protezione GUIDA PRATICA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEL DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI (D.U.V.R.I.) Realizzato da: Arch. Valentina MEGNA Lucia Maria Stella VURRO Indice CHE COSA È IL D.U.V.R.I.?... 3 INDICAZIONI

Dettagli

Confronto tra il vecchio DLgs 494/96 ed il Titolo IV del nuovo DLgs 81/08

Confronto tra il vecchio DLgs 494/96 ed il Titolo IV del nuovo DLgs 81/08 CONFRONTOn 26-05-2008 13:44 Pagina 8 Confronto tra il vecchio DLgs 494/96 ed il Titolo IV del nuovo DLgs 81/08 Vecchio DLgs. 494/96, 528/99, 276/03 e 251/04 TESTO INTEGRATO In questa colonna le integrazioni

Dettagli

Focus group Sicurezza Articoli tematici Brevi note sulle interconnessioni tra il RUP ed i soggetti di cui al Titolo IV del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.

Focus group Sicurezza Articoli tematici Brevi note sulle interconnessioni tra il RUP ed i soggetti di cui al Titolo IV del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. Come previsto dalle vigenti normative in materia di contratti pubblici: D.Lgs. 163/2006 e s.m.i. e D.P.R. 207/2010 e s.m.i., il Responsabile Unico del Procedimento è il soggetto responsabile incaricato

Dettagli

Dlgs 81/2008 qualche domanda e risposta

Dlgs 81/2008 qualche domanda e risposta Dlgs 81/2008 qualche domanda e risposta A cura dello Studio Commercialista Di Michele di Roma e Milano Quale documentazione occorre per essere in regola con il D.lgs. 81/08? Occorre l organigramma della

Dettagli

OBBLIGHI CONNESSI AI CONTRATTI D APPALTO O D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE - NORMATIVA DI RIFERIMENTO E MODULI DI AUTOCERTIFICAZIONE

OBBLIGHI CONNESSI AI CONTRATTI D APPALTO O D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE - NORMATIVA DI RIFERIMENTO E MODULI DI AUTOCERTIFICAZIONE OBBLIGHI CONNES AI CONTRATTI D APPALTO O D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE - RMATIVA DI RIFERIMENTO E MODULI DI AUTOCERTIFICAZIONE ARTICOLO 26 - OBBLIGHI CONNES AI CONTRATTI D APPALTO O D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE

Dettagli

Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza

Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza Da tenere in cantiere ai sensi del D. Lgs. 81/08 1. Documentazione Generale 01 02 Cartello informativo di cantiere Notifica Preliminare

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE

CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE ALLEGATO 6 CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente Capitolato, alle seguenti espressioni sono

Dettagli

SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI IL PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA P.O.S.

SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI IL PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA P.O.S. SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI IL PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA P.O.S. La versione aggiornata del Testo Unico: Rev. 13^ - Maggio 2013 TITOLO IV - CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI CAPO I - MISURE PER LA SALUTE

Dettagli

FASCICOLO DI DOCUMENTI OBBLIGATORI IN CANTIERE D R. M A R R O C C O L U C I O M E D I C O D E L L A V O R O

FASCICOLO DI DOCUMENTI OBBLIGATORI IN CANTIERE D R. M A R R O C C O L U C I O M E D I C O D E L L A V O R O FASCICOLO DI DOCUMENTI OBBLIGATORI IN CANTIERE D R. M A R R O C C O L U C I O M E D I C O D E L L A V O R O Documenti concernenti gli obblighi a carico del Datore di Lavoro Nomine e attestati di formazione

Dettagli

Il valore della sicurezza nelle imprese del settore. edile

Il valore della sicurezza nelle imprese del settore. edile Confartigianato Ravenna 17 dicembre 2008 Il nuovo Testo Unico sulla Sicurezza e Salute nei luoghi di lavoro D.Lgs. 9 aprile 2008 n.81 Il valore della sicurezza nelle imprese del settore p.i Elio Mazza

Dettagli

D. Lgs. 9 Aprile 2008 n. 81

D. Lgs. 9 Aprile 2008 n. 81 D. Lgs. 9 Aprile 2008 n. 81 TITOLO IV CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI QUADRO GENERALE e CAPO I DIVO PIOLI TUTELA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO Attuazione art. 1 L. 123/2007 D.Lgs. 81/08

Dettagli

COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell'umanità

COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell'umanità COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell'umanità Area Servizi alla Persona Settore Servizi alla Persona, Istruzione, Formazione Servizio Salute e Politiche Socio Sanitarie AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLE

Dettagli

7.1 Introduzione. 7.2 Coordinamento tra PSC e POS

7.1 Introduzione. 7.2 Coordinamento tra PSC e POS 7 7.1 Introduzione Il Piano Operativo di Sicurezza è stato l ultimo piano introdotto dalla normativa sulla salute e sicurezza nei cantieri e sugli appalti di lavori pubblici, con lo scopo di separare le

Dettagli

PIANO DI SICUREZZA SOSTITUTIVO integrato dei contenuti del POS MODELLO SEMPLIFICATO

PIANO DI SICUREZZA SOSTITUTIVO integrato dei contenuti del POS MODELLO SEMPLIFICATO Allegato III MODELLO SEMPLIFICATO PER LA REDAZIONE DEL PSS (Le dimensioni dei campi indicati nelle tabelle a seguire sono meramente indicative in quanto dipendenti dal contenuto) PIANO DI SICUREZZA SOSTITUTIVO

Dettagli

LA SICUREZZA SUL LAVORO Sicurezza significa svolgimento dell attività lavorativa in condizioni tali che la vita, l incolumità fisica e la salute non siano esposte a pericolo. Oggetto di tutela non è esclusivamente

Dettagli

La progettazione della sicurezza nei cantieri temporanei e mobili nei Lavori Pubblici

La progettazione della sicurezza nei cantieri temporanei e mobili nei Lavori Pubblici La progettazione della sicurezza nei cantieri temporanei e mobili nei Lavori Pubblici BERGAMO 31.01.2007 www.gruppomercurio gruppomercurio.orgorg FASE PRELIMINARE Individuazione del Responsabile Unico

Dettagli

Fare riferimento ad ambienti confinati e sospetti di inquinamento vuol dire contemplare una

Fare riferimento ad ambienti confinati e sospetti di inquinamento vuol dire contemplare una Articoo In arrivo una nuova norma per a quaificazione dee imprese Le procedure di avoro per garantire a sicurezza negi ambienti confinati Fare riferimento ad ambienti confinati e sospetti di inquinamento

Dettagli

Modifiche al Titolo IV D.Lgs. 81/08 sui cantieri edili

Modifiche al Titolo IV D.Lgs. 81/08 sui cantieri edili OSSERVATORIO SICUREZZA LAVORO INAIL LOMBARDIA - TRIBUNALE MILANO - CPT MILANO, LODI, MONZA E BRIANZA Modifiche al Titolo IV D.Lgs. 81/08 sui cantieri edili Ing. Carmine Esposito Consulenza Tecnica Accertamento

Dettagli

PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO MODELLO SEMPLIFICATO

PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO MODELLO SEMPLIFICATO Allegato II Modello semplificato per la redazione del PSC (Le dimensioni dei campi indicati nelle tabelle a seguire sono meramente indicative in quanto dipendenti dal contenuto) PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO

Dettagli

LA NUOVA REGOLAMENTAZIONE SUI LAVORI ELETTRICI SOTTO TENSIONE

LA NUOVA REGOLAMENTAZIONE SUI LAVORI ELETTRICI SOTTO TENSIONE LA NUOVA REGOLAMENTAZIONE SUI LAVORI ELETTRICI SOTTO TENSIONE di Fausto Di Tosto dipartimento Certificazione e Conformità dei Prodotti e Impianti INAIL, ex ISPESL Osservatorio a cura de Ufficio Reazioni

Dettagli

I piani di sicurezza e la stima dei costi

I piani di sicurezza e la stima dei costi I piani di sicurezza e la stima dei costi Corso sulla sicurezza nei cantieri temporanei o mobili di cui al D.Lgs. n. 81/2008 e s.m.i. PIANI Di SICUREZZA/1 Riferimenti normativi Art. 131 del D.Lgs. n. 163/2006

Dettagli

Determinazione nr. 3 -i del 21 APR. 20!4

Determinazione nr. 3 -i del 21 APR. 20!4 CITTA' DI CASTELLAMMARE DI STABIA AMBITO 27 egge 328/00 Determinazione nr. 3 -i de 21 APR. 20!4 N 3't L; de Registro Generae de 2 3 APR. 2014 Oggetto: Tirocinante Di Maio Serena : autorizzazione ad effettuare

Dettagli

La Sicurezza nei luoghi di lavoro: - Corso di Aggiornamento per Coordinatori per la Sicurezza in fase di Progettazione e di Esecuzione dei lavori

La Sicurezza nei luoghi di lavoro: - Corso di Aggiornamento per Coordinatori per la Sicurezza in fase di Progettazione e di Esecuzione dei lavori La Sicurezza nei luoghi di lavoro: - Corso di Aggiornamento per Coordinatori per la Sicurezza in fase di Progettazione e di Esecuzione dei lavori Modulo II Le figure responsabili della sicurezza: i Coordinatori

Dettagli

Ing. Augusto Maria Franzero Lungodora Colletta 131 10153 Torino Tel. +39 11 850025 Fax +39 11 850042

Ing. Augusto Maria Franzero Lungodora Colletta 131 10153 Torino Tel. +39 11 850025 Fax +39 11 850042 LEGENDA Testo in giallo: parti modificate o soppresse dal D. Lgs. n. 106/2009 e Legge Comunitaria n. 88/2009 Testo in rosso: parti variate o aggiunte dal D. Lgs. n. 106/2009 e Legge Comunitaria n. 88/2009

Dettagli

Sicurezza nei Cantieri Edili

Sicurezza nei Cantieri Edili Sicurezza nei Cantieri Edili Rev. 1 ott. 2009 Cantieri slide 1 di 51 Cantiere e sicurezza sul lavoro Il settore delle costruzioni continua a mantenere alti indici infortunistici sia di frequenza che di

Dettagli

COME STA IL TUO CANTIERE?

COME STA IL TUO CANTIERE? Vademecum per l impresa e il cantiere 15x21 30-04-2010 10:56 MAGGIO 2010 Pagina 1 COME STA IL TUO CANTIERE? UNA VISITA TECNICA DEL CTP PUÒ EVITARTI COMPLICAZIONI PRENOTALA ADESSO METTI IN REGOLA IL TUO

Dettagli

PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE

PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE IL DATORE DI LAVORO OBBLIGHI FONDAMENTALI DEL DATORE DI LAVORO: effettuare la valutazione dei rischi, redigere

Dettagli

CANTIERI TITOLO IV (ARTT. 88-160)

CANTIERI TITOLO IV (ARTT. 88-160) CANTIERI TITOLO IV (ARTT. 88-160) All interno di un cantiere già avviato deve entrare un impresa di due soci, chiamati dal committente per la realizzazione di un soppalco in ferro, e quindi non in subappalto.

Dettagli

Risoluzione di travature reticolari iperstatiche col metodo delle forze. Complemento alla lezione 43/50: Il metodo delle forze II

Risoluzione di travature reticolari iperstatiche col metodo delle forze. Complemento alla lezione 43/50: Il metodo delle forze II Risouzione di travature reticoari iperstatiche co metodo dee forze ompemento aa ezione 3/50: I metodo dee forze II sercizio. er a travatura reticoare sotto riportata, determinare gi sforzo nee aste che

Dettagli

COME STA IL TUO CANTIERE?

COME STA IL TUO CANTIERE? Vademecum per l impresa e il cantiere 15x21 30-04-2010 10:56 maggio 2010 Pagina 1 COME STA IL TUO CANTIERE? UNA VISITA TECNICA DEL CTP PUÒ EVITARTI COMPLICAZIONI PRENOTALA ADESSO METTI IN REGOLA IL TUO

Dettagli

Allegati: Si allegano i seguenti documenti:

Allegati: Si allegano i seguenti documenti: Mod. 4AE AL DIRIGENTE DEL SETTORE PIANIFICAZIONE URBANISTICA E GESTIONE DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI AGRIGENTO (da presentarsi a mano all'uff. protocollo o mediante Raccomandata RR) OGGETTO: Comunicazione

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. COMMITTENTE Il soggetto per conto del quale l'intera opera viene realizzata

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. COMMITTENTE Il soggetto per conto del quale l'intera opera viene realizzata CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI CAPO 1 Articolo 89 - DEFINIZIONI COMMITTENTE Il soggetto per conto del quale l'intera opera viene realizzata RESPONSABILE DEI LAVORI soggetto che può essere incaricato dal

Dettagli

LA SICUREZZA DEI CANTIERI. ing. PAOLO IANNELLI- Ministero per i beni e le attività culturali

LA SICUREZZA DEI CANTIERI. ing. PAOLO IANNELLI- Ministero per i beni e le attività culturali LA SICUREZZA DEI CANTIERI ing. PAOLO IANNELLI- Ministero per i beni e le attività culturali 1 I riferimenti normativi (norme prescrittive) D.P.R. 27.04.1955 n. 547 Norme di prevenzione degli infortuni

Dettagli

DOTT. ING. DANILO G.M. DE FILIPPO Responsabile U.O. Vigilanza - DTL Siena

DOTT. ING. DANILO G.M. DE FILIPPO Responsabile U.O. Vigilanza - DTL Siena DOTT. ING. DANILO G.M. DE FILIPPO Responsabile U.O. Vigilanza - DTL Siena ddefilippo@lavoro.gov.it http://facebook.com/sinergiaperlasicurezza Cassazione Penale Sez. IV 13 maggio 2010 n.18149 Marzano Sulla

Dettagli

Art. 26. Obblighi connessi ai contratti d'appalto o d'opera o di somministrazione

Art. 26. Obblighi connessi ai contratti d'appalto o d'opera o di somministrazione Sicurezza: semplificazioni del Decreto Del Fare Art. 26 Dlgs. 81/2008 - Schema a cura di Studio Legale Ambiente Cinzia Silvestri Si propone schema dell art. 26 come modificato dal DL 69/2013 art. 32. Art.

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO PROVINCIALE N. 8258

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO PROVINCIALE N. 8258 PROVINCIA DI ASTI VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO PROVINCIALE N. 8258 OGGETTO APPROVAZIONE REGOLAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE 20/62 L anno duemiasei i giorno trenta de

Dettagli

DOCUMENTAZIONE DI CANTIERE

DOCUMENTAZIONE DI CANTIERE DOCUMENTAZIONE DI CANTIERE IMPRESA CANTIERE COMMITTENTE Comitato Paritetico Territoriale della FeNeal UIL, FILCA-CISL, FILLEA-CGIL della Provincia di L AQUILA - Tel. 0862.401396 Fax. 0862.482093 www.cptlaquila.it

Dettagli

G278 AVVISO PER MANIFESTAZIONE DI INTERESSE

G278 AVVISO PER MANIFESTAZIONE DI INTERESSE -~ ' UNIVERSITÀ AREA AFFARI GENERAU mtuzionali E LEGAU Ufficio Ediizia Universitaria e Contratti prot SòeaA dei cd?;\ o:t..wx::. G278 AVVISO PER MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ART, -OGGETTO, 1. L'Università

Dettagli

Il rischio chimico. Titolo IX, Capo I del D.Lgs. 81/08

Il rischio chimico. Titolo IX, Capo I del D.Lgs. 81/08 Il rischio chimico Titolo IX, Capo I del D.Lgs. 81/08 Il rischio chimico Il rischio chimico Il rischio chimico Il rischio chimico Il rischio chimico Il rischio chimico Il rischio chimico Il rischio chimico

Dettagli

Provincia di Terni DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE. Repertorio Generale delle Determinazioni dirigenziali n. 114 del 27/02/2015

Provincia di Terni DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE. Repertorio Generale delle Determinazioni dirigenziali n. 114 del 27/02/2015 Tit. SETTRE: DIRIGENTE: SERVIZI: Ambiente e Difesa de Suoo Arch. Donatea Venti Gestione amm.va contabie Repertorio U.. dee determinazioni dirigenziai n. 2 de 26/01/2015 GGETT: Piano di Azione Ambientae

Dettagli

Il DURC nel contesto della verifica dell idoneità tecnico professionale delle imprese appaltatrici

Il DURC nel contesto della verifica dell idoneità tecnico professionale delle imprese appaltatrici IL DOCUMENTO UNICO DI REGOLARITA CONTRIBUTIVA (DURC) Il DURC nel contesto della verifica dell idoneità tecnico professionale delle imprese appaltatrici Ordine degli Ingegneri di Bergamo Ing. Filippo Scopazzo

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) NEL TESTO UNICO SULLA SICUREZZA ADEMPIMENTI E RESPONSABILITA isp. arch. Valeria

Dettagli

Associazione Artigiani Piccole e Medie Imprese di Trieste. Ufficio Ambiente e sicurezza

Associazione Artigiani Piccole e Medie Imprese di Trieste. Ufficio Ambiente e sicurezza Associazione Artigiani Piccole e Medie Imprese di Trieste Ufficio Ambiente e sicurezza PROMEMORIA NON ESAUSTIVO DELLA DOCUMENTAZIONE DELLE IMPRESE DI CANTIERE 1. DOCUMENTAZIONE GENERALE (a cura dell impresa

Dettagli

Un mondo di vantaggi. Un offerta personalizzata. Là dove i Papi vanno in vacanza CREVALMAGAZINE SOCIOINCREVAL TECNOLOGIA PER IL CLIENTE

Un mondo di vantaggi. Un offerta personalizzata. Là dove i Papi vanno in vacanza CREVALMAGAZINE SOCIOINCREVAL TECNOLOGIA PER IL CLIENTE ECONOMIA CULTURA SOLIDARIETÀ TERRITORIO SPORT PLEIADI N 62 - Semestrae - Aprie 2013 CREVALMAGAZINE SOCIOINCREVAL Un mondo di vantaggi TECNOLOGIA PER IL CLIENTE Un offerta personaizzata CASTELLI ROMANI

Dettagli

il DM 27012004 "Modifiche al Regolamento recante norme concernenti l'autonomia

il DM 27012004 Modifiche al Regolamento recante norme concernenti l'autonomia carica presso a sede de'università; e La Federazione CONFAL-UNSA Coordinamento Nazionae Beni Cuturai (di seguito denominata Federazione) con sede c/o Ministero per i Beni e e AttivitA Cuturai. Via de Coegio

Dettagli

CAPO II NORME PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI SUL LAVORO NELLE COSTRUZIONI E NEI LAVORI IN QUOTA

CAPO II NORME PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI SUL LAVORO NELLE COSTRUZIONI E NEI LAVORI IN QUOTA TITOLO IV CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI DLGS 81/200 08 CAPO I MISURE PER LA SALUTE E SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI CAPO II NORME PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI SUL LAVORO NELLE COSTRUZIONI

Dettagli

Sintesi ragionata delle nuove regole per la gestione aziendale. della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro

Sintesi ragionata delle nuove regole per la gestione aziendale. della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro Una premessa TESTO UNICO DELLA SICUREZZA Sintesi ragionata delle nuove regole per la gestione aziendale della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro È in vigore dal 15 maggio 2008, il nuovo Testo

Dettagli

Piccola guida sulla sicurezza e sulla responsabilità del committente nei lavori edili.

Piccola guida sulla sicurezza e sulla responsabilità del committente nei lavori edili. Piccola guida sulla sicurezza e sulla responsabilità del committente nei lavori edili. COPERTO RECINTO BOX PICCOLA GUIDA SULLA SICUREZZA E SULLA RESPONSABILITÀ DEL COMMITTENTE NEI LAVORI EDILI. D.Lgs 494/96

Dettagli

ELENCO NON ESAUSTIVO DELLA DOCUMENTAZIONE DA TENERE NEL CANTIERE EDILE

ELENCO NON ESAUSTIVO DELLA DOCUMENTAZIONE DA TENERE NEL CANTIERE EDILE ELENCO NON ESAUSTIVO DELLA DOCUMENTAZIONE DA TENERE NEL CANTIERE EDILE DESCRIZIONE DOCUMENTO RIF. e NOTE COMPETENZA DOCUMENTAZIONE INERENTE LA PIANIFICAZIONE IN SICUREZZA DELL ATTIVITÀ DI CANTIERE PSC

Dettagli

Il Preposto. Stress da lavoro correlato, gestanti, sicurezza negli uffici. Materiale didattico per la formazione dei Preposti

Il Preposto. Stress da lavoro correlato, gestanti, sicurezza negli uffici. Materiale didattico per la formazione dei Preposti Materiae didattico per a formazione dei Preposti I Preposto Stress da avoro correato, gestanti, sicurezza negi uffici Cutura dea sicurezza patrimonio comune de mondo de avoro: impresa, avoratori e parti

Dettagli

IL COMMITTENTE NEI LAVORI EDILI

IL COMMITTENTE NEI LAVORI EDILI COLLEGIO DEI GEOMETRI E GEOMETRI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SIENA IL COMMITTENTE NEI LAVORI EDILI GUIDA PRATICA SUGLI OBBLIGHI E REPONSABILITA DEL COMMITTENTE E DEL RESPONSABILE DEI LAVORI PREMESSA Con

Dettagli

Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenti ai fini dell applicazione dell articolo 26 del Decreto Legislativo 81/08

Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenti ai fini dell applicazione dell articolo 26 del Decreto Legislativo 81/08 INTERFERENTI DI CUI ALL ART.26 D.LGS 81/08 (ALL B) Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenti ai fini dell applicazione dell articolo 26 del Decreto Legislativo 81/08 COMMITTENTE Consiglio

Dettagli

Sicurezza e prevenzione D.lgs 81/08

Sicurezza e prevenzione D.lgs 81/08 Sicurezza e prevenzione D.lgs 81/08 L obbiettivo di tale documento è quello di fornire all amministratore chiarezza proprio sulle responsabilità specifiche del suo ruolo e, non meno importante, di proporre

Dettagli

UOC: Sviluppo Competenze e Formazione DIRETTORE: Dott. M. Bizzoca Te!' 0746 278769 - FAX 0746 278742 - e-mail: formazione@as!.rieti.

UOC: Sviluppo Competenze e Formazione DIRETTORE: Dott. M. Bizzoca Te!' 0746 278769 - FAX 0746 278742 - e-mail: formazione@as!.rieti. +ASL RET AZENDA UNTÀ SANTARA LOCALE RET Via de Terminio, 42-02100 RET - Te. 0746.2781 - PEe: as.rieti@pec.it C.F. e P.1. 00821180577 REGONE T LAZO.. UOC: Sviuppo Competenze e Formazione DRETTORE: Dott.

Dettagli

LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO O D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE

LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO O D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO O D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE Servizio Prevenzione e Protezione V IA A LBERTONI, 15-40138 BOLOGNA! 051.63.61.371-FAX 051.63.61.358 E-mail: spp@aosp.bo.it

Dettagli

la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili

la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili COMITATO PARITETICO TERRITORIALE DI TORINO E PROVINCIA la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili MODELLI PER LA REDAZIONE DEL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI, PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA E

Dettagli

La solarità nelle varie zone italiane per il fotovoltaico

La solarità nelle varie zone italiane per il fotovoltaico Energia e Ambiente La soarità nee varie zone itaiane per i fotovotaico Modena 5 marzo 2008 Gianni Leanza Energia e Ambiente QUANTA ENERGIA ARRIVA DAL SOLE? Da Soe, si iberano enormi quantità di energia

Dettagli

2. SCOPO Gestione dei fornitori di beni e servizi; Gestione delle imprese esterne e degli appaltatori operanti per conto di Alac SpA.

2. SCOPO Gestione dei fornitori di beni e servizi; Gestione delle imprese esterne e degli appaltatori operanti per conto di Alac SpA. Acquedotto Langhe e Alpi Cuneesi SpA Sede legale in Cuneo, Corso Nizza 9 acquedotto.langhe@acquambiente.it www.acquambiente.it SGSL Procedura Acquisto beni - servizi P06 Rev 01 del 16/09/09 1. DISTRIBUZIONE

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI TOR VERGATA

UNIVERSITA DEGLI STUDI TOR VERGATA UNIVERSITA DEGLI STUDI TOR VERGATA SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI E TEMPORANEI Ing. Chiara Pugnalini CORSO DI TECNOLOGIA DEI MATERIALI E CHIMICA APPLICATA Profs. Antonio Rinaldi/ Elisabetta di Bartolomeo

Dettagli

Allegato a) LINEE GUIDA CTS03/2-2015 Sostituiscono le LINEE GUIDA CTS03/1-2014

Allegato a) LINEE GUIDA CTS03/2-2015 Sostituiscono le LINEE GUIDA CTS03/1-2014 Allegato a) PROCEDURE DI SALUTE E SICUREZZA RELATIVE A APPALTI DI LAVORI, FORNITURE E SERVIZI ALL INTERNO DEGLI ISTITUTI SCOLASTICI DI SECONDO GRADO AI SENSI DELL ART. 26 DEL D.LGS. 81/2008 LINEE GUIDA

Dettagli

La sicurezza nei cantieri

La sicurezza nei cantieri Guido Cianciulli Nuovi Principi Normativi e Piani Operativi di Sicurezza La sicurezza nei cantieri Nuovi principi normativi e piani operativi di sicurezza La sicurezza nei cantieri nel 494 bis (D.Lgs.

Dettagli

LA SICUREZZA SUL LAVORO Sicurezza significa svolgimento dell attività lavorativa in condizioni tali che la vita, l incolumità fisica e la salute non siano esposte a pericolo. Oggetto di tutela non è esclusivamente

Dettagli

Dichiarazione Committente/Responsabile lavori AL COMUNE DI RAGUSA. Sportello Unico per l Edilizia S.U.E.

Dichiarazione Committente/Responsabile lavori AL COMUNE DI RAGUSA. Sportello Unico per l Edilizia S.U.E. AL COMUNE DI RAGUSA Sportello Unico per l Edilizia S.U.E. DICHIARAZIONE DEL COMMITTENTE O RESPONSABILE DEI LAVORI (art.90 D.Lgs. n. 81 del 09.04 08 come modificato dall art 59 del D.Lgs n. 106 del 03.08.09)

Dettagli

Le malattie professionali da esposizione a:

Le malattie professionali da esposizione a: Le malattie professionali da esposizione a: AMIANTO RUMORE VIBRAZIONI MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI Mauro Valiani Con il decreto 81/2008 (impropriamente Testo Unico..), è cambiato il modo di concepire

Dettagli

Dott.ssa Maria Gabriella Pregnolato

Dott.ssa Maria Gabriella Pregnolato Dott.ssa Maria Gabriella Pregnolato Decreto legislativo 14 agosto 1996, n. 494 Articolo 5 Obblighi del coordinatore per l'esecuzione dei lavori 1. Durante la realizzazione dell opera, il coordinatore per

Dettagli

Iscrizione N: T000629 Il Presidente della Sezione regionale del Piemonte dell'albo Nazionale Gestori Ambientali

Iscrizione N: T000629 Il Presidente della Sezione regionale del Piemonte dell'albo Nazionale Gestori Ambientali J Abo Nazionae Gestori Ambientai SE ZIONE REGIONALE DEL PIEMONTE a presso a Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricotura di TORINO Iscrizione N: T000629 I Presidente dea Sezione regionae de Piemonte

Dettagli

Allegato 15 Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili

Allegato 15 Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili Allegato 15 Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1. - Definizioni e termini di efficacia 1.1.1. Ai fini del presente allegato si intendono

Dettagli

Atto costitutivo dell'associazione di volontariato

Atto costitutivo dell'associazione di volontariato Esente da imposte di boo e registro ex artt. 6-8 Legge 266/1991. Atto costitutivo de'associazione di voontariato ART. 1 - È costituita fra i suddetti comparenti 'associazione di voontariato costituita

Dettagli

Compiti e responsabilità dei Coordinatori

Compiti e responsabilità dei Coordinatori Seminario Tecnico sui piani di sicurezza e di coordinamento: ruolo del C.S.P. E DEL C.S.E. Pistoia, 26 ottobre 2010 Compiti e responsabilità dei Coordinatori dott. ing. Biagio Mugnieco Direzione Provinciale

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA REDAZIONE DEL POS

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA REDAZIONE DEL POS Istruzioni per la compilazione delle linee d indirizzo per la redazione del POS 1 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA REDAZIONE DEL POS (Documento da non allegare al POS) Il

Dettagli

PIANO DI SICUREZZA SOSTITUTIVO integrato dei contenuti del POS MODELLO SEMPLIFICATO

PIANO DI SICUREZZA SOSTITUTIVO integrato dei contenuti del POS MODELLO SEMPLIFICATO Aegato III Modeo sempificato per a redazione de PSS (Le dimensioni dei campi indicati nee tabee a seguire sono meramente indicative in quanto dipendenti da contenuto} PIANO I SICUREZZA SOSTITUTIVO integrato

Dettagli

DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIAL ARTISTA:

DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIAL ARTISTA: Allegato F, schema di DUVRI DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIAL ARTISTA:. OGGETTO APPALTO: FORNITURA E INSTALLAZIONE DI OPERE D ARTE PER IL PALAZZO RICERCA E CONOSCENZA DELLA FONDAZIONE

Dettagli

LA SICUREZZA NEGLI APPALTI SECONDO IL D. LGS. 81/08

LA SICUREZZA NEGLI APPALTI SECONDO IL D. LGS. 81/08 Federazione regionale degli Ordini degli Ingegneri del Veneto LA SICUREZZA NEGLI APPALTI SECONDO IL D. LGS. 81/08 A CURA DI: Ing. Mauro Rossato Vega Engineering 1 Art. 26 Obblighi connessi ai contratti

Dettagli