Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Molise Direzione Generale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Molise Direzione Generale"

Transcript

1 MOLISE 1

2 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Molise Direzione Generale Gruppo di Lavoro Dirigente dott. ssa Giuliana Petta, Dirigente USR Molise scolastico in quiescenza prof.ssa Carmela Iannacone, proff.sse Oronza Perniola e Carla Tammaro dell Autonomia scolastica, Direttore SGA Patrizia De Felice e l amministrativa sig.ra Anna Geremia Obiettivo del TOUR portare direttamente nelle scuole la lettura MOLISE integrale del documento mediante la proiezioni di slides ed offrire ai Dirigenti, ai Docenti, al personale della scuola, agli studenti e ai genitori la possibilità di partecipare attivamente alla consultazione nazionale mediante il questionario e le aree di discussione dove inserire commenti, riflessioni, proposte. Scuole coinvolte 18 scuole del Molise Dirigenti 18 Dirigenti scolastici Docenti e personale Oltre 800 della scuola Studenti Oltre 50 Genitori Oltre 30 2

3 Introduzione Il presente Report dell USR del Molise rappresenta il lavoro svolto dal Gruppo costituito dal Dirigente Ufficio I dott. ssa Giuliana Petta, dal Dirigente scolastico in quiescenza prof.ssa Carmela Iannacone, dalle proff.sse Oronza Perniola e Carla Tammaro dell Autonomia scolastica, dal Direttore SGA Patrizia De Felice e dall Assistente amministrativa sig.ra Anna Geremia che, in occasione della Consultazione lanciata dal governo con la pubblicazione del documento La Buona Scuola, ha operato al fine di dare massima diffusione al documento. Dopo aver quindi invitati tutti i Dirigenti scolastici delle scuole della provincia di Campobasso e di Isernia a dare la massima diffusione del documento La Buona Scuola, il Gruppo ha scelto come obiettivo principale di lavoro di proporre la lettura integrale del documento al fine di coinvolgere il maggior numero possibile di Dirigenti, Docenti, Studenti, Genitori e tutti i cittadini che, a varie titolo, sono o saranno interessati dall innovazione della scuola italiana. Da una indagine condotta dal Gruppo nei primi giorni di ottobre, è risultato che erano decisamente pochi i docenti e il personale della scuola che avevano letto il documento. Inoltre, molti si erano fermati dopo le primissime pagine per cui le informazioni possedute non sempre risultavano corrispondere a quanto proposto dal documento. La mancanza di lettura era giustificata dalla eccessiva lunghezza del documento, ma anche dal periodo scelto per la sua presentazione: l avvio dell anno scolastico, gli orari da stabilizzare, i consigli di classe, le programmazioni, le riunioni dei Dipartimenti, i Collegi docenti ed altro. Il Gruppo si è allora interrogato sull opportunità di elaborare una lettura del documento in modo da assicurare, ad un numero significativo di docenti, la conoscenza di quanto proposto al fine di permettere ad ognuno di partecipare fattivamente ed in modo consapevole, quindi costruttivo, alla consultazione richiesta dal MIUR. L obiettivo è stato quello di stimolare alla lettura del documento per rilevare il grado di soddisfazione, gli umori, le propensioni e le tendenze delle componenti interne ed esterne alle Istituzioni Scolastiche in merito alle proposte dichiarate nel documento. Da ciò nasce 3

4 l impegno del Gruppo di portare direttamente nelle scuole la lettura integrale del documento mediante la proiezioni di slides ed offrire a tutti la possibilità di accedere al questionario nazionale per inserire commenti, riflessioni e proposte. L impegno del gruppo di assicurare al maggior numero possibili degli operatori della scuola la conoscenza del documento era dovuto anche alla presenza in Molise del dott. Chiappetta che, in quanto componente attivo dello staff del Tour MIUR, il giorno 4 novembre 2014, ha incontrato a Campobasso, presso l Auditorium del Liceo Classico M. Pagano i Dirigente, i Docenti, gli Studenti, i Genitori ed il personale ATA delle scuole molisane. Il Gruppo di lavoro ha quindi, organizzato un TOUR MOLISE proponendo la lettura del documento direttamente nelle scuole dove ha incontrato i Dirigenti, i Docenti, gli Studenti ed i genitori. L idea di proporre la lettura del documento ha trovato vivo interesse per cui le 127 pagine del documento, trasformate in agevoli slides, sono state lette in 18 scuole della regione ad oltre 800 docenti, a 18 dirigenti, ad un buon numero di studenti degli istituti superiori e ad oltre trenta genitori. Un incontro specifico è stato organizzato per gli studenti della Consulta che sono stati convocati in una mattinata a loro dedicata nella sede dell USR di Campobasso 4

5 Il primo incontro del TOUR MOLISE è avvenuto il giorno 14 ottobre presso l Istituto Comprensivo Colozza di Campobasso a seguire: il 17 ottobre presso la Scuola Paritaria Maria Immacolata di Campobasso; il 21 ottobre presso l istituto Comprensivo di Baranello (CB); il 24 ottobre presso l istituto di Istruzione di 1 grado Bernacchia di Termoli presenti all incontro il 1 - il 2 e il 3 Circolo Didattico di Termoli; il 28 ottobre presso l Istituto Comprensivo Matese di Vinchiaturo; (CB) il 30 ottobre presso l IISS Cuoco Manuppelli di Isernia; il 31 ottobre presso l IISS L. Pilla di Campobasso; il 3 novembre presso l IPSEOA di Termoli e nello stesso incontro l Istituto Omnicomprensivo di Guglionesi il 4 novembre presso l Istituto Comprensivo I. Petrone di Campobasso; il 5 novembre presso l Istituto Omnicomprensivo di Santa Croce di Magliano; il 5 novembre presso l Ufficio Scolastico Regionale del Molise (incontro destinato a tutto il personale); il 7 novembre presso l IISS M. Pagano di Campobasso; il 12 novembre presso IISS Giordano di Venafro e nello stesso incontro l Istituto Comprensivo di Venafro. 5

6 Considerato l elevato numero di personale incontrato, risulta al Gruppo che, oltre il 50% di coloro che sono stati presenti alla lettura del documento, hanno partecipato attivamente alla consultazione richiesta dal MIUR rispondendo al questionario e alle attività presenti on line. Al termine di ogni incontro di lettura, i componenti il Gruppo USR hanno conversato con i presenti ed hanno quindi avuto occasione di raccogliere, a caldo, considerazioni e valutazioni di merito relativamente al documento ma anche delle incertezze, dei dubbi, dei suggerimenti, dei dissensi e delle critiche. La lettura è stata presentata nel modo più neutrale possibile al fine di permettere a tutti i partecipanti di poter esprimere liberamente il proprio pensiero in merito alle tante proposte presenti nei sei capitoli del documento. Le conversazioni che hanno fatto seguito alla lettura hanno fatto emergere interessanti considerazioni e tante osservazioni (successivamente comunicate al MIUR attraverso lo strumento del questionario e mediante le aree di discussione presenti sulla piattaforma). 6

7 Da quanto emerso in occasione degli incontri, premesso che tutti hanno riconosciuto ed apprezzato i tanti aspetti innovativi presenti nel documento, si possono segnalare i seguenti commenti: Dal capitolo 1 Mai più precari nella scuola: 1. il piano di assunzione straordinario lascia perplesso il mondo della scuola sia per l elevato numero di docenti da far entrare nelle scuole (che oggi presentano già seri e diffusi problemi) sia per l effettivo compito da affidare loro nell ambito dell offerta formativa. Molti auspicano in ingresso diluito nel tempo e a piccoli gruppi e, soprattutto, chiedono di fare ulteriore spazio permettendo ai tanti docenti che lo chiedono da tempo, di andare in pensione. 2. Molti sono d accordo con l operazione di svuotare le GAE ma sottolineano anche la necessità di non dimenticare le altre graduatorie che, a loro volta, potrebbero continuare ad alimentare il contenzioso rendendo vana l applicabilità della normativa. 3. La sparizione del precariato definito cronico/storico ha trovato giudizio positivo in quasi tutti coloro che sono intervenuti agli incontri di lettura in quanto affermano che lo Stato, ogni anno, utilizza i docenti senza assicurare loro la stabilità psicologica e professionale che meritano dal momento che con la loro presenza nelle scuole hanno garantito non solo la continuità didattica e l ampliamento dell offerta formativa, ma hanno garantito, anche e soprattutto, la funzionalità del sistema nazionale dell Istruzione. 4. Tutti d accordo nel procedere al censimento per distinguere i docenti che effettivamente hanno i requisiti per essere assunti a tempo indeterminato rispetto a coloro che sono definiti precari ma non hanno effettuato supplenze. 5. Dal personale ATA è emersa la preoccupazione che l operazione ha bisogno di tempi lunghi e che quelli proposti dal documento La Buona Scuola non permetteranno, per l anno scolastico 2015/16, le azioni di assunzione proposte. Le segreterie scolastiche non sono considerate in grado di effettuare le procedure di loro competenza nei tempi dovuti per cui, si rischia anche di 7

8 bloccare la Ragioneria dello Stato relativamente ai contratti che dovranno essere a tempo indeterminato. 6. Preoccupazioni anche per le operazioni che dovranno essere effettuate dagli Uffici scolastici provinciali. Dal 2016 si entrerà solo per concorso: Non sono emersi particolari commenti in merito all entrata per concorso se non qualche perplessità riferita alla possibilità di creare molti malumori tra coloro che, oggi a vario titolo, si trovano nella condizione di essere dichiarati abilitati. Il problema vero resta quello della formazione iniziale ed è auspicabile un unico percorso abilitante in modo da ripartire da zero ed uscire dalla giungla degli attuali percorsi abilitanti che portano verso scenari di contenzioso. La maggior parte trova positivo ricondurre il reclutamento di tutto il personale della scuola (docenti e ATA) ad un unico canale del quale però si chiede massima trasparenza, correttezza ed onestà. Basta supplenze: Le opinioni in merito alla riduzione delle supplenze brevi sono state abbastanza vivaci dal momento che per alcuni è considerata positiva per molti altri, invece, potrebbe creare ulteriori problemi nelle scuole e nelle classi. Per tutti emerge chiaro che si è di fronte ad una operazione che mira esclusivamente a ridurre la spesa pubblica. Dal capitolo 2 Questo capitolo ha sollevato molte polemiche e creato confusione tra le diverse opinioni La scuola fa carriera, qualità, valutazione e merito: 1. I presenti agli incontri hanno considerato positivamente il piano sulla valutazione e l approccio al cambiamento partendo dall autovalutazione ma, quasi tutti hanno manifestato dubbi circa la fattiva realizzazione richiamando quanto già avvenuto in passato relativamente alle azioni affidate ai dirigenti e alla loro premialità. 2. La preoccupazione emersa è che la pubblicizzazione delle attività e 8

9 delle azioni della scuola e di tutto il personale possa creare concorrenza negativa tra le scuole esistenti nelle piccole regioni come il Molise, dove le scuole sono attualmente appena 54 e in futuro rischiano di diminuire ulteriormente. 3. La preoccupazione riguarda anche possibili concorrenze negative tra il personale interno in merito ai meccanismi della premialità economica sul FIS 4. La scuola si aggiorna, formazione e innovazione. I docenti sono quasi tutti d accordo nel considerare importante la formazione da ricevere periodicamente nel corso della carriera però, le polemiche sono nate dal legame esistente tra la formazione e la carriera come propone il documento La Buona scuola. La formazione obbligatoria deve essere fatta in servizio e non deve prevedere alcuna ricompensa economica. La carriera deve invece essere riconosciuta attraverso un serio e nuovo contratto che metta bene in chiaro il funzionamento degli scatti economici e la crescita professionale del docente Scuola di vetro: dati e profili online. Il registro nazionale dei docenti non ha suscitato grande interesse in quanto i docenti si sentono già rappresentati dai CV che però, a loro dire, non vengono letti da nessuno. Molti sono dell avviso che il registro nazionale deve contenere solo tutte le esperienze maturare nell ambito dell attività professionale. Dal capitolo 3 Sblocca scuola: i suggerimenti in merito sono stati inseriti sulla piattaforma on line da coloro che hanno partecipato agli incontri di lettura. La scuola digitale: - il tema del digitale a scuola, al quale il documento dedica anche diverse pagine, non ha trovato particolare entusiasmo ed 9

10 interesse. I docenti si sono limitati a dichiarare che la connettività e l interazione in ambienti di apprendimento digitali sono concetti importanti ma che rappresentano un futuro ancora lontano dal momento che i docenti non sono formati e tanto meno preparati per gestire questi nuovi modelli ed ambienti tecnologici. Per molti docenti la formazione in tema di digitale non è semplice: crea preoccupazione ed ansia approcciare e gestire i sistemi Byod, utilizzare i tablet, gli smartphone, le Google Apps, e i tanti altri dispositivi tecnologici. - Tra i docenti degli Istituti superiori è emerso un diffuso scetticismo sulla possibilità di poter disporre di tutte queste apparecchiature digitali considerato che mancano anche le LIM (invece numerose nelle scuole primarie e superiori di primo grado) Dal capitolo 4 Cultura in corpore sano: a) La maggior parte dei docenti, specialmente quelli della primaria, è abbastanza d accordo con la proposta del Piano La Buona Scuola di aumentare di un'ora a settimana l insegnamento della musica e dell educazione fisica e poter disporre del rafforzamento dell'insegnamento in inglese nella primaria. b) L introduzione dell insegnamento di una disciplina non linguistica (DNL) in lingua straniera (CLIL), da quest anno obbligatorio in tutte le classi terminali dei licei e degli istituti tecnici, non trova particolare interesse tra i docenti. Alcuni, pur riconoscendo l importanza di questa innovazione culturale e linguistica, affermano che i docenti italiani non possono rispondere in modo adeguato in quanto privi della competenza linguistica richiesta. Specialmente nei licei linguistici dove gli studenti possiedono certificazioni B2 e anche C1. Per molti, la situazione di disagio linguistico non può cambiare a breve perché l assunzione dei precari porterà nella scuola docenti che non possiedono elevati livelli linguistici tali da permettere loro di insegnare la loro materia in inglese. Inoltre, i percorsi formativi a carattere metodologico non bastano occorre potenziare quelli linguistici. 10

11 Nuove alfabetizzazioni: a) I docenti dei comprensivi hanno apprezzato le proposte per il rafforzamento informatico ma tutti hanno sottolineato il disagio di lavorare senza l aiuto, la presenza di un Assistente Tecnico, figura presente solo nelle scuole superiori. b) Non sono mancate dichiarazioni di preoccupazioni relativamente al pensiero computazionale e alla programmazione informatica nella scuola primaria in quanto manca la formazione dei docenti e la presenza delle apparecchiature informatiche. Dal capitolo 5 Fondata sul lavoro 1. Il capitolo quinto ha naturalmente trovato interesse solo nei Dirigenti e Docenti degli Istituti Superiori specialmente quelli dei Tecnici e dei professionali che hanno espresso molte preoccupazioni in merito a quanto proposto nel documento che va oltre l impegno attuale della scuola in materia di alternanza scuola lavoro: la scuola oggi è in grado di intervenire sui meccanismi che le permettono di collegare l istruzione al mondo del lavoro e quindi agli enti presenti sul territorio. Il documento chiede di più. Ad esempio, l'obbligatorietà dell alternanza è sicuramente un elemento qualificante ma, se obbliga anche alla realizzazione di percorsi co-progettati con l'azienda, co-valutati con riferimento agli esiti in termini di competenze acquisite significa che si va oltre gli attuali modelli di stage per entrare in una dimensione in cui i costi e gli impegni sono decisamente diversi. Il commento è che la scuola e i docenti non sono preparati per affrontare questi nuovi modelli. 2. Relativamente alla proposta delle 200 ore di alternanza per tutte le classi terze, quarte e quinte, i pareri sono diversi: per alcuni non è pensabile ritornare alle ore obbligatorie che esistevano negli Istituti Professionali prima della riforma Gelmini; altri sono 11

12 possibilisti ma vedono il grande problema dei finanziamenti che occorrono per realizzarli; altri ancora propongono per la classe terza di avviare l approccio in azienda con semplici visite e di realizzare brevi momenti di stage per le classi quarte e, solo al quinto anno, con gli studenti oramai maturi e consapevoli delle norme e regole che governano le aziende, prevedere periodi e moduli di apprendimento più lunghi. 3. I commenti hanno però evidenziato forte scetticismo nei riguardi dell Alternanza Scuola Lavoro in Molise perché la crisi ha fatto chiudere molte realtà lavorative. Inoltre, le aziende e gli enti non sempre sono sensibili o preparati ai progetti dell Alternanza. Dal capitolo 6 La scuola per tutti, tutti per la scuola: Rispetto all'assegnazione delle risorse pubbliche per l offerta formativa, la maggior parte dei presenti agli incontri ha approvato la proposta di rifinanziare e stabilizzare il Fondo che deve essere però dato alle scuole che ne hanno bisogno e che tutto quello che viene finanziato, sia pubblico che privato, deve essere trasparente. Relativamente alle risorse private sono emersi dubbi circa il potere che le aziende potrebbero assumere nelle scuole. E il caso di segnalare che prima di iniziare il TOUR MOLISE nelle scuole, Il Dirigente, dott.ssa Giuliana Petta, ha invitato i Sindacati per un incontro di condivisione delle operazioni da attivare sul territorio nel rispetto di tutte le idee. Inoltre, per tutto il periodo destinato alla consultazione, in occasione dei vari incontri avvenuti con enti e realtà territoriali, di vario tipo, è stato dedicato sempre uno spazio per informare tutti i presenti della consultazione lanciata dal governo con la pubblicazione del documento La Buona Scuola. 12

13 13

Circ. n. 87 San Donà di Piave, 15 ottobre 2014. OGGETTO: Consultazione nazionale Rapporto governativo La Buona Scuola

Circ. n. 87 San Donà di Piave, 15 ottobre 2014. OGGETTO: Consultazione nazionale Rapporto governativo La Buona Scuola LICEO STATALE «E.MONTALE» Liceo Classico e Liceo Linguistico Cod. fisc. 84003580275 30027 SAN DONÀ DI PIAVE (Venezia) Viale Libertà, 28 Tel. 0421/52166 Fax 0421/55141 www.liceomontale.it E-mail: info@liceomontale.it

Dettagli

LA BUONA SCUOLA IN ABRUZZO. La situazione del sistema scolastico abruzzese.

LA BUONA SCUOLA IN ABRUZZO. La situazione del sistema scolastico abruzzese. LA BUONA SCUOLA IN ABRUZZO La situazione del sistema scolastico abruzzese. Le scuole della regione Abruzzo sono così distribuite nel territorio: Provincia Alunni Scuole Chieti 53.596 N. 60 ISTITUZIONI

Dettagli

SUPERIORE NICOLA MORESCHI SETTORE ECONOMICO

SUPERIORE NICOLA MORESCHI SETTORE ECONOMICO ISTITUTO di ISTRUZIONE SUPERIORE NICOLA MORESCHI SETTORE ECONOMICO Amministrazione, finanza e marketing Relazioni internazionali per il marketing Sistemi informativi aziendali LICEO SCIENTIFICO Viale San

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CHIOGGIA 3

ISTITUTO COMPRENSIVO CHIOGGIA 3 ISTITUTO COMPRENSIVO CHIOGGIA 3 SCUOLA INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO Cod. Min. VEIC85000R Cod. Fiscale 91020300272 Distretto Scolastico n. 56 Presidenza e Segreteria Via Aldo

Dettagli

CONSULTAZIONE NAZIONALE SULLE LINEE GUIDA DEL GOVERNO LA BUONA SCUOLA

CONSULTAZIONE NAZIONALE SULLE LINEE GUIDA DEL GOVERNO LA BUONA SCUOLA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva de Biasio S. Croce 1299-30135 VENEZIA CONSULTAZIONE NAZIONALE SULLE LINEE GUIDA

Dettagli

Incontri nel territorio della regione FVG per l ascolto e il confronto sulla proposta del governo Promossi dall On. Giorgio Zanin

Incontri nel territorio della regione FVG per l ascolto e il confronto sulla proposta del governo Promossi dall On. Giorgio Zanin Incontri nel territorio della regione FVG per l ascolto e il confronto sulla proposta del governo Promossi dall On. Giorgio Zanin Al nostro Paese serve una BUONA SCUOLA Perché è l unica risposta alla nuova

Dettagli

Introduzione. Le Consulte provinciali degli studenti si sono attivate per svolgere al meglio il loro ruolo caratterizzante di

Introduzione. Le Consulte provinciali degli studenti si sono attivate per svolgere al meglio il loro ruolo caratterizzante di BASILICATA 1 2 Introduzione Il presente documento è il risultato del lavoro del gruppo di ricerca promosso dall USR della Basilicata e composto dai Dirigenti dell Ufficio I e dell Ufficio II, dai due Dirigenti

Dettagli

CONSULTAZIONE NAZIONALE SULLE LINEE GUIDA DEL GOVERNO LA BUONA SCUOLA

CONSULTAZIONE NAZIONALE SULLE LINEE GUIDA DEL GOVERNO LA BUONA SCUOLA 1 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva de Biasio S. Croce 1299-30135 VENEZIA CONSULTAZIONE NAZIONALE SULLE LINEE

Dettagli

RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO

RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO M.I.U.R. U.S.R. per la Campania Direzione Generale ISTITUTO COMPRENSIVO 3 - GADDA Via A. Gramsci,22 80010 Quarto (Na) Tel & Fax: 081/8768767 e-mail : naic8fc004@istruzione.it Sito web : www.icterzogadda.it

Dettagli

REPORT ESITI MONITORAGGIO DEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

REPORT ESITI MONITORAGGIO DEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA M.I.U.R. U.S.R. per la Campania Direzione Generale ISTITUTO COMPRENSIVO 3 - GADDA Via A. Gramsci,22 80010 Quarto (Na) Tel & Fax: 081/8768767 e-mail : naic8fc004@istruzione.it Sito web : www.icterzogadda.it

Dettagli

Ministero dell Istruzione, Università e Ricerca

Ministero dell Istruzione, Università e Ricerca Ministero dell Istruzione, Università e Ricerca UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO ALFREDO FIORINI S c u o l a d e l l I n f a n z i a, S c u o l a P r i m a r i a e S c u o

Dettagli

RELAZIONE SUL PROCESSO DI AUTOANALISI E AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO

RELAZIONE SUL PROCESSO DI AUTOANALISI E AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA DI 1 GRADO E LICEO SCIENTIFICO Via Cupello n.2-86047 Santa Croce di Magliano (CB) Tel 0874728014 Fax 0874729822 C.F. 91040770702 E-mail

Dettagli

La Buona Scuola: il MIUR ascolta il territorio

La Buona Scuola: il MIUR ascolta il territorio La Buona Scuola: il MIUR ascolta il territorio Terni, Auditorium A.Casagrande F.Cesi 3 novembre 2014 Silvio Improta Dirigente Scolastico - Staff Regionale per le Misure di accompagnamento alle Nuove Indicazioni

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE EVANGELISTA TORRICELLI

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE EVANGELISTA TORRICELLI Albo d Istituto Prot. n. 6198/C23 Milano, 13 novembre 2015 Oggetto: atto d indirizzo del Dirigente Scolastico per la predisposizione del Piano Triennale dell Offerta Formativa ai sensi dell art. 1, comma

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE 1 IL DOCUMENTO NEI 12 PUNTI DI SINTESI 2 1. MAI PIÙ' PRECARI NELLA SCUOLA Un piano

Dettagli

INDIRIZZI PER LE ATTIVITÀ DELLA SCUOLA, DELLE SCELTE DI GESTIONE E DI AMMINISTRAZIONE

INDIRIZZI PER LE ATTIVITÀ DELLA SCUOLA, DELLE SCELTE DI GESTIONE E DI AMMINISTRAZIONE MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, UNIVERSITA' E RICERCA Liceo Scientifico Statale Galileo Galilei Via Mameli, 4-34139 - Trieste tel. +39 040 390 270 / 290 ; fax + ; Fax +39 040 3798970 C.F. - 80023500327; tsps02000r@istruzione.it

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE 1 Informazioni generali 1 ciclo di istruzione : Rifinanziamento misure di accompagnamento

Dettagli

ISTITUTO D'ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE

ISTITUTO D'ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE PIANO DI LAVORO RELATIVO ALLA ORGANIZZAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE ATTIVITA DI ORIENTAMENTO DELL TECNOLOGICO E DEL LICEO SCIENTIFICO DELL I.I.S.S. G. Salvemini a.s. 2014-15 L'attività di orientamento ha

Dettagli

PNSD PER IL PTOF. A cura dell AD Prof.ssa Rosanna Leone

PNSD PER IL PTOF. A cura dell AD Prof.ssa Rosanna Leone Liceo Scientifico ad opzione IGCSE Via S. Colomba, 52 BENEVENTO 0824.362718 0824.360947- mail:bnps010006@istruzione.it sito: www.liceorummo.gov.it pec: bnps010006@pec.istruzione.it CF:80002060624 Codice

Dettagli

Liceo Scientifico "Corradino D'Ascanio" Montesilvano

Liceo Scientifico Corradino D'Ascanio Montesilvano Liceo Scientifico Statale Galilei Pescara - Capofila - Liceo Scientifico Statale D Ascanio - Montesilvano Scuola Secondaria I Grado Rossetti-Mazzini Pescara Associazione Focolare Maria Regina onlus che

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale

Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale Prot.n.10383 Bari,06.10.2014 Ai dirigenti scolastici della Puglia Ai coordinatori delle scuole paritarie della Puglia Ai docenti di ogni ordine e grado Al personale ATA Ai genitori dei Consigli di Istituto

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio I.T.C.G.S. PAOLO TOSCANELLI 00122 Roma Lido - Via Delle Rande, 22 - XXI Distretto Rmtd640001@istruzione.it

Dettagli

È un pilastro fondamentale de La Buona Scuola (legge 107/2015).

È un pilastro fondamentale de La Buona Scuola (legge 107/2015). Il Piano Nazionale Scuola Digitale (PNSD) è il documento di indirizzo del Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca per il lancio di una strategia complessiva di innovazione della scuola

Dettagli

SCUOLA LE COSE SI POSSONO FARE CI STIAMO PROVANDO

SCUOLA LE COSE SI POSSONO FARE CI STIAMO PROVANDO LE COSE SI POSSONO FARE CI STIAMO PROVANDO 1. Investire nel capitale umano per essere una superpotenza culturale Il Ddl di riforma della scuola è stato approvato alla Camera. A giugno sarà votato al Senato.

Dettagli

PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA (PTOF) per gli Anni Scolastici 2016-17, 2017-18 e 2018-19

PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA (PTOF) per gli Anni Scolastici 2016-17, 2017-18 e 2018-19 LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B. Quadri Via Carducci, 17-36100 Vicenza - Tel. 0039 0444928877 - www.liceoquadri.gov.it vips05000n@istruzione.it vips05000n@pec.istruzione.it - C. F. 80014650248 PIANO TRIENNALE

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO RIGUARDANTE LA DEFINIZIONE E LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA TRIENNIO 2016/17, 2017-18 e 2018-19

ATTO DI INDIRIZZO RIGUARDANTE LA DEFINIZIONE E LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA TRIENNIO 2016/17, 2017-18 e 2018-19 ISTITUTO COMPRENSIVO DI PINO TORINESE Provincia di Torino Via Molina, 21 10025 Pino Torinese (TO) Tel. 011/8117260 Fax 011/8117202 www.pinoscuola.gov.it E-mail: toic85500g@istruzione.it icpino@pinoscuola.it

Dettagli

Dalla Buona Scuola al DDL: cosa succede alla pubblica istruzione?

Dalla Buona Scuola al DDL: cosa succede alla pubblica istruzione? Dalla Buona Scuola al DDL: cosa succede alla pubblica istruzione? FINALITA DEL DDL Disciplina l autonomia delle istituzioni scolastiche, anche in relazione alla dotazione finanziaria, allo scopo di garantire

Dettagli

Di un elemento però non si può non rilevare l assenza: un cenno all idea che questo governo ha o vuole dare del sistema nazionale di istruzione.

Di un elemento però non si può non rilevare l assenza: un cenno all idea che questo governo ha o vuole dare del sistema nazionale di istruzione. La raccolta di riflessioni di seguito riportata riguardante il documento per la consultazione popolare La buona scuola, prodotta nell autunno scorso, vede ora alcune delle prospettive indicate riflettersi

Dettagli

LA BUONA SCUOLA UNA SCUOLA BUONA

LA BUONA SCUOLA UNA SCUOLA BUONA LA BUONA SCUOLA Riflessioni sulla proposta del governo per UNA SCUOLA BUONA Bergamo, 31 Ottobre 2014 1 I nuovi 140.000 docenti 2 Opportunità Formazione e carriera 3 Vera autonomia La buona scuola 4 Ripensare

Dettagli

Premessa Questionario DOCENTI - n. 90 partecipanti.

Premessa Questionario DOCENTI - n. 90 partecipanti. Premessa Tutti i questionari sono stati somministrati on line; a questa regola hanno fatto parziale eccezione solo quelli dei genitori per l ovvio motivo della difficoltà di averli a scuola, per cui in

Dettagli

ANIEF BENEVENTO. SEMINARIO 5 Settembre 2014

ANIEF BENEVENTO. SEMINARIO 5 Settembre 2014 ANIEF BENEVENTO SEMINARIO 5 Settembre 2014 I.C O. Fragnito SAN GIORGIO LA MOLARA Sede Via Montedoro,1 Emilia Tartaglia Polcini Coordinatore Provinciale i Anief Benevento INTRODUZIONE Perché lo facciamo?

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia C.P.I.A. RAGUSA

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia C.P.I.A. RAGUSA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia C.P.I.A. RAGUSA Centro Provinciale per l Istruzione degli Adulti Via Giordano Bruno sn 97100 RAGUSA

Dettagli

C.F. 80013530565. Prot. n. 4155/C9f Viterbo, 30/10/2015 CIG: Z8B16DFCD2

C.F. 80013530565. Prot. n. 4155/C9f Viterbo, 30/10/2015 CIG: Z8B16DFCD2 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Istituto Tecnico Statale Settore Economico Paolo Savi Viale Raniero Capocci, 36 01100 Viterbo 0761/340155-0761/340816

Dettagli

19 maggio 2015 Assemblee sindacali in orario di lavoro:

19 maggio 2015 Assemblee sindacali in orario di lavoro: Segreterie di VERONA 19 maggio 2015 Assemblee sindacali in orario di lavoro: Continua la mobilitazione della categoria per chiedere di modificare radicalmente il contenuto del DDL La SCUOLA VERONESE oggi

Dettagli

CONSULTAZIONE NAZIONALE SULLE LINEE GUIDA DEL GOVERNO LA BUONA SCUOLA I DODICI PUNTI DEL DOCUMENTO

CONSULTAZIONE NAZIONALE SULLE LINEE GUIDA DEL GOVERNO LA BUONA SCUOLA I DODICI PUNTI DEL DOCUMENTO MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva de Biasio S. Croce 1299-30135 VENEZIA CONSULTAZIONE NAZIONALE SULLE LINEE GUIDA

Dettagli

M. I. U. R. I. S. PUECHER OLIVETTI C.M. MIIS08900V - C.F.

M. I. U. R. I. S. PUECHER OLIVETTI C.M. MIIS08900V - C.F. M. I. U. R. I. S. PUECHER OLIVETTI C.M. MIIS08900V - C.F. 93545220159 Sede amministrativa: Via Bersaglio, 56 Rho 20017 Tel.: 02 9302236 Fax: 02 9307396 Sito web:www.puecherolivetti.it e-mail:puecherolivetti@puecherolivetti.it

Dettagli

Prot. n. 9765 A/02 Cingoli, 25 novembre 2015

Prot. n. 9765 A/02 Cingoli, 25 novembre 2015 Prot. n. 9765 A/02 Cingoli, 25 novembre 2015 AL COLLEGIO DEI DOCENTI E P.C. AL CONSIGLIO D ISTITUTO AI GENITORI AGLI ALUNNI AL PERSONALE ATA ATTI ALBO OGGETTO: ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO

Dettagli

Prot. n.4925/c43 del 24 /11/2015 CIG Z1B174005D

Prot. n.4925/c43 del 24 /11/2015 CIG Z1B174005D Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio LICEO SCIENTIFICO E LINGUISTICO STATALE G A L I L E O G A L I L E I 00053 CIVITAVECCHIA - Via dell Immacolata

Dettagli

OGGETTO: Linee guida Progetto PERCORSO DI ORIENTAMENTO in collaborazione con la FS Prof. Sergio.

OGGETTO: Linee guida Progetto PERCORSO DI ORIENTAMENTO in collaborazione con la FS Prof. Sergio. Distretto Scolastico N 53 Nocera Inferiore (SA) Prot. n. 1676 C/2 Nocera Superiore,18/10/2012 A tutti i docenti All attenzione della prof. Sergio FS di riferimento All attenzione di tutti i genitori Tramite

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI INTERVENTO dell Animatore Digitale per il PNSD

PIANO TRIENNALE DI INTERVENTO dell Animatore Digitale per il PNSD ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI SOGLIANO AL RUBICONE Scuole dell Infanzia, Primarie, Secondarie dei Comuni di Sogliano, Borghi, Roncofreddo Via Aldo Moro, 6-47030 Sogliano al Rubicone (FC) - TEL. 0541-948631

Dettagli

Prot. n. 7467/H1 Vercelli, 30 settembre 2015

Prot. n. 7467/H1 Vercelli, 30 settembre 2015 Prot. n. 7467/H1, 30 settembre 2015 AL COLLEGIO DEI DOCENTI E P.C. AL CONSIGLIO D ISTITUTO AI GENITORI AL PERSONALE ATA ATTI ALBO OGGETTO: ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA PREDISPOSIZIONE

Dettagli

LICEO CLASSICO STATALE Liceo delle Scienze Umane - Liceo Economico Sociale Vittorio Emanuele II - JESI -

LICEO CLASSICO STATALE Liceo delle Scienze Umane - Liceo Economico Sociale Vittorio Emanuele II - JESI - Prot. n. 5866/C16a Jesi, 13/10/2015 AL COLLEGIO DEI DOCENTI E P.C. AL CONSIGLIO D ISTITUTO AI GENITORI AGLI ALUNNI AL PERSONALE ATA ATTI ALBO OGGETTO: ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA PREDISPOSIZIONE

Dettagli

VERBALE n 06 a.s. 2013/2014 DEL COLLEGIO DOCENTI DEL 16/05/2014

VERBALE n 06 a.s. 2013/2014 DEL COLLEGIO DOCENTI DEL 16/05/2014 VERBALE n 06 a.s. 2013/2014 DEL COLLEGIO DOCENTI DEL 16/05/2014 Il giorno 16 maggio 2014, alle ore 14,30, nei locali dell Aula Magna dell Istituto Roncalli, su convocazione scritta, si riunisce il Collegio

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE Leon Battista ALBERTI Viale della Civiltà del Lavoro, 4-00144 ROMA. Prot. n.105/b9 del 04 /02/2016

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE Leon Battista ALBERTI Viale della Civiltà del Lavoro, 4-00144 ROMA. Prot. n.105/b9 del 04 /02/2016 Prot. n.105/b9 del 04 /02/2016 Oggetto: Avviso pubblico per la presentazione di proposte per la realizzazione di corsi linguistici per l insegnamento di un DNL in lingua straniera inglese secondo la metodologia

Dettagli

Prot. N. 6093 C 24 Bologna, 18/11/2015

Prot. N. 6093 C 24 Bologna, 18/11/2015 Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per l Emilia Romagna ISTITUTO COMPRENSIVO N. 14 Via Emilia Ponente 311 40132 Bologna - Te.l 051/381585-051/404810 - Fax.051/383759 C.F.

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e di formazione

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e di formazione Prot.n. 28710 del 07-09-2015 Ai Direttori generali degli Uffici Scolastici Regionali Ai referenti regionali del piano CLIL LORO SEDI OGGETTO: Organizzazione e avvio dei corsi linguistici per docenti CLIL

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER FORMATORI/TUTOR CORSO DI FORMAZIONE LINGUA INGLESE DOCENTI DI SCUOLA PRIMARIA Modulo di 50 ore

AVVISO PUBBLICO PER FORMATORI/TUTOR CORSO DI FORMAZIONE LINGUA INGLESE DOCENTI DI SCUOLA PRIMARIA Modulo di 50 ore ISTITUTO COMPRENSIVO ISA 2-La Spezia Complesso scolastico 2 giugno-viale AldoFerrari-19122-La Spezia-Tel:0187 743178 fax 0187 707078 e-mail: spic815002@istruzione.it sito web: http://www.istitutocomprensivoisa2laspezia.gov.it

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL ANIMATORE DIGITALE PER IL PNSD

PIANO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL ANIMATORE DIGITALE PER IL PNSD DIREZIONE DIDATTICA LORENZINI CASERTA Sede centrale: Viale Cappiello, 23 81100 CASERTA (CE) Tel./fax 0823443641 Cod. Fiscale 93082920617 Codice Meccanografico Scuola CEEE100002 E-mail: ceee100002@istruzione.it

Dettagli

Attivita di comunicazione (note, informative, circolari) DOCUMENTO AD USO INTERNO 1

Attivita di comunicazione (note, informative, circolari) DOCUMENTO AD USO INTERNO 1 Attivita di comunicazione (note, informative, circolari) DOCUMENTO AD USO INTERNO 1 La Buona Scuola in Toscana Vademecum per i Focus Group Il Focus Group (di seguito FG) è una tecnica di rilevazione basata

Dettagli

1.1. Orientare l istituzione attraverso lo sviluppo di una mission, una vision e dei valori

1.1. Orientare l istituzione attraverso lo sviluppo di una mission, una vision e dei valori 1.1. Orientare l istituzione attraverso lo sviluppo di una mission, una vision e dei valori La Mission e la Vision dell Istituto sono state definite chiaramente all interno dello staff di presidenza, condivise

Dettagli

Piano di formazione linguistica comunicativa e metodologico didattica in lingua inglese per i docenti di scuola primaria a.s.

Piano di formazione linguistica comunicativa e metodologico didattica in lingua inglese per i docenti di scuola primaria a.s. Piano di formazione linguistica comunicativa e metodologico didattica in lingua inglese per i docenti di scuola primaria a.s. 2005/2006 Sintesi della riunione con i referenti regionali 13/14 settembre

Dettagli

I S T I T U T O S T A T A L E I S T R U Z I O N E S U P E R I O R E

I S T I T U T O S T A T A L E I S T R U Z I O N E S U P E R I O R E UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIA I S T I T U T O S T A T A L E I S T R U Z I O N E S U P E R I O R E Lic. CLASSICO Lic. LINGUISTICO Lic. SCIENZE UMANE Lic. SCIENTIFICO e SCIENZE APPLICATE

Dettagli

PROGETTAZIONE PIANO DI PROGETTO. Orientamento in uscita e stage formativo WALTER ORNAGHI

PROGETTAZIONE PIANO DI PROGETTO. Orientamento in uscita e stage formativo WALTER ORNAGHI PIANO DI PROGETTO PROGETTO RESPONSABILE PROGETTO OUT Orientamento in uscita e stage formativo WALTER ORNAGHI Studentesse e studenti del IV e V anno dell Istituto DESTINATARI Docenti di scienze sociali

Dettagli

2013/2014 ISTITUTO DI ISTRUZIONE RELAZIONE AUTOVALUTAZIONE DI ISTITUTO CODICE TNIS00300A MARTINO MARTINI. ANALISI DATI Data Warehouse

2013/2014 ISTITUTO DI ISTRUZIONE RELAZIONE AUTOVALUTAZIONE DI ISTITUTO CODICE TNIS00300A MARTINO MARTINI. ANALISI DATI Data Warehouse 2013/2014 ISTITUTO DI ISTRUZIONE MARTINO MARTINI RELAZIONE AUTOVALUTAZIONE DI ISTITUTO CODICE TNIS00300A ANALISI DATI Data Warehouse NUCLEO INTERNO DI VALUTAZIONE 31/01/2014 SOMMARIO PRESENTAZIONE DELL

Dettagli

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa Convegno Nazionale La Mediazione familiare, una risorsa per genitori e bambini nella separazione Bologna, 1 e 2 dicembre 2006 LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini

Dettagli

Prot. n. 1741/C14h Lucca, 10 marzo 2014 AVVISO PUBBLICO

Prot. n. 1741/C14h Lucca, 10 marzo 2014 AVVISO PUBBLICO Prot. n. 1741/C14h Lucca, 10 marzo 2014 AVVISO PUBBLICO Oggetto: INVITO A PRESENTARE PROPOSTE PER LA REALIZZAZIONE DI CORSI PER LO SVILUPPO DI COMPETENZE LINGUISTICO-COMUNICATIVE NELL L AMBITO DEL CLIL

Dettagli

Regolamento per la gestione dei Percorsi Abilitanti Speciali (PAS) Roma 23.10.2014

Regolamento per la gestione dei Percorsi Abilitanti Speciali (PAS) Roma 23.10.2014 Regolamento per la gestione dei Percorsi Abilitanti Speciali (PAS) 0 Roma 23.10.2014 Sommario 1. Oggetto... 2 2. Riferimenti normativi e attuativi... 2 3. Gruppo di lavoro e ruoli... 3 4. Tabella riepilogativa

Dettagli

VERBALE del CONSIGLIO di ISTITUTO (Seduta del 18 maggio 2015)

VERBALE del CONSIGLIO di ISTITUTO (Seduta del 18 maggio 2015) Scuola Secondaria di Primo Grado CARLO POERIO Corso Vittorio Emanuele, 124 Tel. e Fax 081/7613122 80121 NAPOLI Distretto Scolastico n. 41 Codice NAMM07800V C.F 80061370633 Sito web: www.scuolacarlopoerio.gov.it

Dettagli

Prot.n.8233/A32 Chieti, 1 ottobre 2015

Prot.n.8233/A32 Chieti, 1 ottobre 2015 ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Via Campobasso, 10-66100 CHIETI - tel. Segreteria : 0871 560525 - - fax: 0871565781 codice fiscale: 93048780691 - codice meccanografico: CHIC83700A Indirizzo di posta elettronica

Dettagli

Progetto per l attuazione del PNSD nel PTOF 2016-2019

Progetto per l attuazione del PNSD nel PTOF 2016-2019 Progetto per l attuazione del PNSD nel PTOF 2016-2019 Premessa Il Piano nazionale scuola Digitale (PNSD) (D.M. n.851 del 27/10/2015) si pone nell ottica di scuola non più unicamente trasmissiva e di scuola

Dettagli

Prot. n. 5026 C/24 Macerata, 19/10/2015

Prot. n. 5026 C/24 Macerata, 19/10/2015 Prot. n. 5026 C/24 Macerata, 19/10/2015 AVVISO PUBBLICO (FORMATORI) Oggetto: Avviso pubblico per la presentazione di proposte per la realizzazione di corsi linguistici per l insegnamento di una DNL (disciplina

Dettagli

Prot. n. 3126 Velletri, 21/11/2015

Prot. n. 3126 Velletri, 21/11/2015 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio LICEO SCIENTIFICO STATALE ASCANIO LANDI Via Salvo D Acquisto, 61-00049 Velletri (Roma) - Tel. 06121125780

Dettagli

A.S. 2015/16 VERBALE N. 1 DEL COLLEGIO DEI DOCENTI 1 settembre 2015

A.S. 2015/16 VERBALE N. 1 DEL COLLEGIO DEI DOCENTI 1 settembre 2015 A.S. 2015/16 VERBALE N. 1 DEL COLLEGIO DEI DOCENTI 1 settembre 2015 Il giorno martedì 1 settembre 2015 alle ore 9:00, presso l Aula Magna dell istituto si riunisce il Collegio dei docenti, per discutere

Dettagli

PIANO SCUOLA DIGITALE PTOF. Istituto Comprensivo Statale R. Guttuso

PIANO SCUOLA DIGITALE PTOF. Istituto Comprensivo Statale R. Guttuso PIANO SCUOLA DIGITALE PTOF Istituto Comprensivo Statale R. Guttuso Premessa La legge 107 prevede che dall anno 2016 tutte le scuole inseriscano nei Piani Triennali dell Offerta Formativa azioni coerenti

Dettagli

Il PNSD nel PTOF d Istituto A cura dell A.D. / F.S. Prof.ssa Gemma Vernoia

Il PNSD nel PTOF d Istituto A cura dell A.D. / F.S. Prof.ssa Gemma Vernoia ISTITUTO COMPRENSIVO G. CALÒ V.le M. D UNGHERIA, 86 74013 GINOSA TA tel. 099/8290470 Email: TAIC82600L@istruzione.it - www.scuolacalo.gov..it Il PNSD nel PTOF d Istituto A cura dell A.D. / F.S. Prof.ssa

Dettagli

PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE 2016 / 2019. Team per l Innovazione dell ISC Nardi

PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE 2016 / 2019. Team per l Innovazione dell ISC Nardi PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE 2016 / 2019 Team per l Innovazione dell ISC Nardi PREMESSA L animatore digitale individuato in ogni scuola sarà formato in modo specifico affinché possa (rif. Prot. N 17791

Dettagli

Audit interno d Istituto

Audit interno d Istituto Audit interno d Istituto Riesame della Direzione (a.s. 2014/2015) I.I.S. Remo Brindisi Lido degli Estensi 20 maggio 2015 Riesame della Direzione: l Indice 1.Riesame della Direzione (esame di tutte le articolazioni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CORTONA 2 SEDE: Via dei Combattenti, TERONTOLA - 52044 - CORTONA (AR) - tel / fax 0575 67519

ISTITUTO COMPRENSIVO CORTONA 2 SEDE: Via dei Combattenti, TERONTOLA - 52044 - CORTONA (AR) - tel / fax 0575 67519 ISTITUTO COMPRENSIVO CORTONA 2 SEDE: Via dei Combattenti, TERONTOLA - 52044 - CORTONA (AR) - tel / fax 0575 67519 CF: 92082410512 - cod. MIUR: ARIC841007 - email: aric841007@istruzione.it pec:aric841007@pec.istruzione.it

Dettagli

Piano scolastico di orientamento a.s. 2014/2015

Piano scolastico di orientamento a.s. 2014/2015 I S T I T U T O O M N I C O M P R E N S I V O SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA DI 1 GRADO E LICEO SCIENTIFICO Via Cupello n.2-86047 Santa Croce di Magliano (CB) Tel 0874728014 Fax 0874729822

Dettagli

Prot.n. 0002358/C14 Mirano, 19/03/2014 AVVISO PUBBLICO (FORMATORI)

Prot.n. 0002358/C14 Mirano, 19/03/2014 AVVISO PUBBLICO (FORMATORI) I.I.S. STATALE ETTORE MAJORANA LICEI CLASSICO LINGUISTICO - SCIENTIFICO Via G. Matteotti, 44 30035 Mirano VE - tel. 041.5700648 / 041.430929 041.5727427 Codice Fiscale 82011350277 cod. mecc. VEIS00300B

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Comitato per la Valutazione della Didattica Verbale della riunione del 24 giugno 2008

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Comitato per la Valutazione della Didattica Verbale della riunione del 24 giugno 2008 Oggi in Pavia, alle ore 14.30, presso la Stanza di Napoleone, Laboratorio di Anatomia Comparata, Dipartimento di Biologia Animale, piazza Botta 10, si riunisce il Comitato per la valutazione della didattica.

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio LICEO SCIENTIFICO E LINGUISTICO STATALE G A L I L E O G A L I L E I 00053 CIVITAVECCHIA - Via dell Immacolata

Dettagli

PRIME OSSERVAZIONI DELLO SNALS-CONFSAL SUL DOCUMENTO DEL GOVERNO LA BUONA SCUOLA

PRIME OSSERVAZIONI DELLO SNALS-CONFSAL SUL DOCUMENTO DEL GOVERNO LA BUONA SCUOLA PRIME OSSERVAZIONI DELLO SNALS-CONFSAL SUL DOCUMENTO DEL GOVERNO LA BUONA SCUOLA CONFERENZA DEI SEGRETARI PROVINCIALI E REGIONALI 17-18 SETTEMBRE 2014 Lo Snals-Confsal, il più rappresentativo sindacato

Dettagli

I neodiplomati 2015 si presentano nella banca dati AlmaDiploma

I neodiplomati 2015 si presentano nella banca dati AlmaDiploma I neodiplomati 2015 si presentano nella banca dati AlmaDiploma Appena concluso l Esame di Stato 2015, i loro curricula sono già nella banca dati AlmaDiploma, lo strumento on line di valorizzazione dei

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e di formazione Direzione generale per il personale scolastico Progetto Nazionale di Formazione per i Dirigenti Scolastici immessi in ruolo nell a.s.

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE "Liberare la dirigenza scolastica: valorizzare la specificità, togliere oneri impropri, impedire invadenze esterne

CONVEGNO NAZIONALE Liberare la dirigenza scolastica: valorizzare la specificità, togliere oneri impropri, impedire invadenze esterne CONVEGNO NAZIONALE "Liberare la dirigenza scolastica: valorizzare la specificità, togliere oneri impropri, impedire invadenze esterne Sintesi Relazione Angela Pecetta, Dirigente Scolastica Toscana Firenze,

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Friuli Venezia Giulia - Direzione Generale

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Friuli Venezia Giulia - Direzione Generale Prot. n. AOODRFR-11775 Trieste, lì 23.12.2014 BANDO PUBBLICO Oggetto: REALIZZAZIONE DI CORSI METODOLOGICO-DIDATTICI NELL AMBITO DEL CLIL per docenti di scuola secondaria di II grado (D.M.351/2014) VISTI

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

IL DIRIGENTE SCOLASTICO ISTITUTO MAGISTRALE STATALE REGINA MARGHERITA Piazzetta SS.Salvatore,1 90134 PALERMO Tel. 091/334424 Fax 0916512106 Distretto Scolastico n. 1/39 Codice fiscale 80019900820 PAPM04000V E mail : papm04000v@istruzione.it

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

IL DIRIGENTE SCOLASTICO Istituto Tecnico Economico e Tecnologico Andrea Mantegna Via G. Gonzaga, 8 MANTOVA Tel.: 0376 320688 Fax: 0376 310580 Cod. Mecc. MNTE01000B www. itetmantegna.it Mail: itetmantegna@itetmantegna.it mnte01000b@istruzione.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE "GIUSEPPE SCELSA" CODICE FISCALE 80019800822 - Sito Web www.icscelsa.gov.it

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE GIUSEPPE SCELSA CODICE FISCALE 80019800822 - Sito Web www.icscelsa.gov.it ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE "GIUSEPPE SCELSA" CODICE FISCALE 80019800822 - Sito Web www.icscelsa.gov.it E-mail paic8ar00v@istruzione.it E-mail certificata paic8ar00v@pec.istruzione.it Via Villani, 40

Dettagli

Offerta Formativa Eurosofia 2015/2016

Offerta Formativa Eurosofia 2015/2016 Offerta Formativa Eurosofia 2015/2016 BONUS PER LA FORMAZIONE E possibile utilizzare il bonus di 500 euro per l acquisto di tutti i corsi di formazione organizzati nell ambito della nostra offerta formativa

Dettagli

Torino, 10 novembre 2015 Prot. n.1906/a22. Al Collegio dei Docenti. E p.c. Al Consiglio di Istituto All Albo Al Personale ATA

Torino, 10 novembre 2015 Prot. n.1906/a22. Al Collegio dei Docenti. E p.c. Al Consiglio di Istituto All Albo Al Personale ATA Torino, 10 novembre 2015 Prot. n.1906/a22 Al Collegio dei Docenti E p.c. Al Consiglio di Istituto All Albo Al Personale ATA Oggetto : Pubblicazione Atto di Indirizzo del Dirigente Scolastico per la predisposizione

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto DIREZIONE GENERALE

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto DIREZIONE GENERALE Prot. n. AOODRVE-8285 Venezia, 9 luglio 2015 IL DIRETTORE GENERALE VISTO VISTO VISTA l art. 26, comma 8, della Legge 23 dicembre 1998, n 448, il quale prevede che l Amministrazione Scolastica, centrale

Dettagli

RAPPORTO AUTOVALUTAZIONE ISTITUTO RAV

RAPPORTO AUTOVALUTAZIONE ISTITUTO RAV RAPPORTO AUTOVALUTAZIONE ISTITUTO RAV Risultati Questionario Istituto di Istruzione Superiore Cambi Serrani ANIS002001 L ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CAMBI SERRANI E LA SICUREZZA L ISTITUTO DI ISTRUZIONE

Dettagli

Prot. n. 7373/C12 del 21 /11/2015

Prot. n. 7373/C12 del 21 /11/2015 MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE F. Brunelleschi L. Da Vinci con sezioni associate: Istituto Tecnico

Dettagli

CONTRIBUTO DELLA FISH - FEDERAZIONE ITALIANA PER IL SUPERAMENTO DELL HANDICAP per la consultazione sulla Buona Scuola avviata dal Governo

CONTRIBUTO DELLA FISH - FEDERAZIONE ITALIANA PER IL SUPERAMENTO DELL HANDICAP per la consultazione sulla Buona Scuola avviata dal Governo CONTRIBUTO DELLA FISH - FEDERAZIONE ITALIANA PER IL SUPERAMENTO DELL HANDICAP per la consultazione sulla Buona Scuola avviata dal Governo Commenti generali elementi positivi e negativi Il piano per la

Dettagli

Piano di miglioramento scuola secondaria di I grado N. Monterisi

Piano di miglioramento scuola secondaria di I grado N. Monterisi Piano di miglioramento scuola secondaria di I grado N. Monterisi Il presente Piano di Miglioramento è il documento programmatico successivo alla pubblicazione del Rapporto di Autovalutazione (RAV) previsto

Dettagli

Un'indagine conoscitiva

Un'indagine conoscitiva Un'indagine conoscitiva Annalisa Santini* - Marcello Pedone** 1. Premessa Il confronto con gli altri paesi dell area Europea e mondiale ci ha portato a riconoscere il valore universale della cultura matematica

Dettagli

Progetto per l attuazione del PNSD nel PTOF 2016-2019 COSSARDAVINCI"

Progetto per l attuazione del PNSD nel PTOF 2016-2019 COSSARDAVINCI Progetto per l attuazione del PNSD nel PTOF 2016-2019 COSSARDAVINCI" Premessa Il Piano nazionale scuola Digitale (PNSD) (D.M. n.851 del 27/10/2015) si pone nell ottica di scuola non più unicamente trasmissiva

Dettagli

AVVISO PUBBLICO ALLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE ED EDUCATIVE DELLA REGIONE SICILIA

AVVISO PUBBLICO ALLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE ED EDUCATIVE DELLA REGIONE SICILIA MIUR.AOODRSI.REGISTRO UFFICIALE(U).0014035.18-09-2015 www.usr.sicilia.it AVVISO PUBBLICO ALLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE ED EDUCATIVE DELLA REGIONE SICILIA PER LA PRESENTAZIONE DI PROPOSTE PER LA REALIZZAZIONE

Dettagli

COSTITUZIONE RETE PROVINCIALE. Messina 11 febbraio 2015

COSTITUZIONE RETE PROVINCIALE. Messina 11 febbraio 2015 COSTITUZIONE RETE PROVINCIALE Messina 11 febbraio 2015 Breve Excursus sulla normativa CLIL DM 30 Settembre 2011 Il documento che stabilisce i criteri e le modalità per lo svolgimento dei corsi di perfezionamento

Dettagli

SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO

SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO MINISTERO ISTRUZIONE UNIVERSITÀ RICERCA DIREZIONE REGIONALE TOSCANA UFFICIO TERRITORIALE DI AREZZO ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MATERNA ELEMENTARE MEDIA DI CIVITELLA IN VAL DI CHIANA INFORMAZIONI ESSENZIALI

Dettagli

Sul governo e sul progetto dell istituzione scolastica

Sul governo e sul progetto dell istituzione scolastica Milano 8 aprile 2015 INCONTRO CON I CAPIGRUPPO CONSIGLIARI DI REGIONE LOMBARDIA Introduzione ai lavori a cura di Silvio Colombini (Segretario generale CISL Scuola Lombardia) Premessa Il Governo ha scelto

Dettagli

Prot. n. 3511/B15 Genova, 16 ottobre 2015

Prot. n. 3511/B15 Genova, 16 ottobre 2015 Prot. n. 3511/B15 Genova, 16 ottobre 2015 AL COLLEGIO DEI DOCENTI E P.C. AL CONSIGLIO D ISTITUTO AI GENITORI AGLI ALUNNI AL PERSONALE ATA ATTI ALBO OGGETTO: ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER

Dettagli

Prot. N.1326/A26 S. Angelo Lodigiano, 16/4/2015

Prot. N.1326/A26 S. Angelo Lodigiano, 16/4/2015 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DI ACCOMPAGNAMENTO AL CONTRATTO INTEGRATIVO DI ISTITUTO 2014/2015 DELL ISTITUTO COMPRENSIVO R.MORZENTI SANT ANGELO LODIGIANO (ai sensi dell art. 40 bis, comma 5, D.Lgs. 165/2001

Dettagli