3. La matrice dei dati e le analisi preliminari 3.1 Introduzione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "3. La matrice dei dati e le analisi preliminari 3.1 Introduzione"

Transcript

1 3. L mtice dei dti e le nlii pelimini 3. Intoduzione Pe elizze un nlii ttitic concenente fenomeni ziendli, o di qulii lt ntu, non bt ccogliee dti, biogn nche ognizzli in modo ppopito. Si che i dti poengno d fonti econdie (i ed il Cpitolo ) o d ilezioni d hoc (Cpitolo ), ei nno ognizzti in modo d endee poibili le nlii ttitiche, che peo coinolgono contemponemente un plulità di ibili, come i edà più nti (Cpitoli 4 e 5). Ognizze i dti in modo ppopito ignific itemli in un mtice di dti, oeo in un tol compot d un ceto numeo di ighe e di colonne. Nelle ighe engono in genee collocti gli oggetti, cioè le unità di oezione, o unità ttitiche, che poono eee indiidui, impee, o nche modlità di un cttee, d eempio l egione di eidenz o il ettoe di ttiità delle impee, ecc. Nelle colonne engono inece collocti gli ttibuti delle unità ttitiche, cioè le diee ibili miute u di ee. Ad eempio, e i dee elizze un nlii ttitic di dti ccolti tmite un indgine cmpioni ulle impee, nelle ighe dell mtice dei dti enno collocte le diee impee del cmpione, mente nelle colonne enno collocte le ibili che u ognun di ee ono tte ilete. Quete ultime poono eee di tipologie eteogenee pe liello di miuzione: lcune quntittie, come il olume dei ici o il numeo dei dipendenti; lte qulittie odinli, come il titolo di tudio del titole dell impe; lte nco qulittie connee, come l fom giuidic. Le nlii che potnno eee compiute, gli indici ttitici che potnno eee clcolti, ntulmente nno diei econd del tipo di ibili coinolte. In queto cpitolo engono illutte le pincipli nlii pelimini che poono eee condotte u mtici di dti del tipo ccennto. In pticole, enno ichimte le nlii che poono eee condotte ui coiddetti pofili di colonn e quelle ui coiddetti pofili di ig dell mtice. I pofili di colonn i ifeicono lle ditibuzioni delle ingole ibili t le unità ttitiche, mente i pofili di ig deciono le ingole unità ttitiche ull be delle molteplici ibili u di ee ilete. Pe qunto igud le nlii ui pofili di colonn enno tutti tlcite le nlii coiddette uniite, concenenti cioè le ingole ibili, che ono oggetto di ppofondit tttzione nei coi di ttitic di be. Venno inece ichimte le pincipli nlii biite, concenenti in pticole il gdo di ocizione t coppie di ibili peenti nell mtice dei dti. Con ifeimento i pofili ig enno inece ichimte le pincipli miue di ditnz e imilità t unità ttitiche. Gli indici di ocizione o di ditnz che enno illutti in queto cpitolo cotituicono peo il punto di ptenz pe le più complee nlii ttitiche che nno oggetto dei poimi due cpitoli: pe l fomulzione dei modelli di egeione multiit (Cpitolo 4); pe l elizzzione delle diee nlii multidimenionli (Cpitolo 5). Un olt intodott l mtice dei dti nell u fom più comune (Pgfo 3.), il cpitolo i pe con un ichimo i pincipli poblemi di qulità dei dti contenuti nell mtice, in pticole quelli deinti dll peenz di loi nomli (outlie) e dll peenz di mncte ipote pzili (Pgfo 3.3). Succeimente engono illutte le pincipli miue di ocizione t ibili, nei diei ci di ibili qulittie, quntittie o mite (Pgfo 3.4). Infine, engono illutte le pincipli miue di ditnz o di imilità t le unità ttitiche, nch ee diee econd del tipo di ibili coinolte (Pgfo 3.5).

2 3. L mtice dei dti Nell u fom più comune, un mtice dei dti è un tbell contenente le infomzioni diponibili eltimente d un inieme di unità ttitiche. In genele, upponendo di ee oeto i loi di p cttei u un collettio di n unità ttitiche, l mtice dei dti, denott X (di dimenione n x p), à tuttut nel modo eguente: x x x h x j x p x x xh x j x p xi xi xih xij xip X. x x xh xj xp xn xn xnh xnj xnp Cicun ig dell mtice contiene le p infomzioni eltie d un detemint unità ttitic, mente cicun colonn contiene le modlità unte d un deteminto cttee nelle diee unità ttitiche. Il uo geneico elemento x ij ppeent dunque l modlità che il j-eimo cttee ume in coipondenz dell i-eim unità. L mtice dei dti può nche eee it come un inieme di n ettoi ig (di dimenioni x p) contenenti cicuno il pofilo di cicun unità ttitic, oeo i loi che in e umono le p ibili oete. Se i indic con x i il geneico ettoe ig: x i xi xi xi p l mtice X può dunque eee ppeentt nel modo eguente [ x, x,, x ] i x X, n. Come ccennto, i cttei oeti poono eee di ntu eteogene. Si poono inftti ee: cttei qulittii connei, o in cl nominle, che peedono modlità non numeiche e non odinbili; cttei qulittii odinli, o in cl odinle, che peedono modlità non numeiche m t loo odinbili; cttei quntittii, i u cl d intelli che u cl di ppoti, che peedono modlità numeiche. L mtice dei dti è petnto peo ctteizz dll peenz di ibili mite, lcune quntittie e lte qulittie. Come le ibili, nche le unità ttitiche poono eee di i ntu. Nelle nlii intziendli, d eempio, le unità oete poono eee i ingoli podotti dell ziend, oppue i diei tbilimenti poduttii, i diei epti di uno tbilimento, i dipendenti o i clienti dell ziend. Nelle nlii inte-ziendli, inece, le unità oete poono eee cotituite dlle

3 diee ziende concoenti o d un cmpione di conumtoi dei podotti del ettoe. In lte nlii i poono ee, quli unità ttitiche, le diee egioni di un pee o i diei ettoi poduttii. 3.3 L qulità dei dti e le mncte ipote pzili Un olt cotuit l mtice dei dti, un poblem d ffonte in i pelimine igud l qulità delle infomzioni in e contenute. Come i è ito nei due pecedenti cpitoli, poblemi di qulità poono igude i i dti deinti d ilezioni pimie che quelli deunti d fonti econdie. Nel pimo co lcuni poblemi di qulità poono eee peenuti nell fe dell ilezione: tteo l fomulzione chi ed unioc dei queiti; l celt di un degut tecnic di cquiizione delle infomzioni; l ddetmento dei iletoi; l elizzzione di indgini pilot, ecc. Nel econdo co i ttt inece di cquiie, inieme i dti, nche le infomzioni ul loo poceo di fomzione e ull loo qulità, l fine di lutne l utilizzbilità nello pecifico conteto di nlii. I due pincipli poblemi di qulità in un mtice dei dti ono cotituiti dll peenz di loi eti o di loi mncnti. I pimi poono deie d diee, come i edà nel poimo pgfo, e occoe in pimo luogo indiiduli. I econdi ono inece diettmente indiidubili, deindo o d mncte ipote pzili nelle ilezioni pimie o d buchi infomtii peenti nelle fonti ttitiche di dti econdi, e il poblem è cegliee il modo di tttli, come i edà nel pgfo ucceio I loi eti Nel co di dti ileti tmite indgine i loi eti poono deie d: eoe di ipot dell'inteitto che non h intepetto coettmente il queito poto, h oluto delibetmente ipondee in modo eto o, infine, h fonito un ipot impeci pe poblemi di memoi o non conocenz puntule del fenomeno; eoe dell'inteittoe nel poe il queito; eoe nel dt enty o negli tumenti utomtici di cquiizione u uppoto infomtico dei quetioni ctcei. L peenz di loi eti può eee egnlt d: loi fuoi dominio, cioè non pptenenti d un inieme pedefinito di loi mmiibili; loi nomli, o outlie, cioè ignifictimente diei d quelli oeti nell mggio pte delle unit; incomptibilità di ipote ll'inteno dello teo quetionio, qundo i loi di un o piu ibili in eo ilete contddicono pedefinite egole di ntu logic e/o elzioni di tipo mtemtico. L'indiiduzione dei loi eti in genee i le di un eie di contolli, clificbili nelle eguenti ctegoie: contolli di conitenz. Veificno che pefite combinzioni di loi unti d ibili ilete in un te unità oddifino deteminti equiiti (egole di incomptibilità); contolli di lidità o di nge. Veificno che i loi unti d un dt ibile ino inteni ll intello di definizione dell ibile te; contolli pe gli outlie. Utilizzti pe iole le unità ttitiche che peentno, pe lcune delle ibili, loi che i dicotno in modo ignifictio di loi che le tee umono nel eto delle unità ilete o ipetto ilezioni pecedenti. Queti loi ono Nonotnte il poceo di infomtizzzione mett dipoizione tumenti pottili di dimenioni empe più comptte, il quetionio ctceo è empe molto utilizzto pecilmente pe i quetioni utoomminitti in luoghi peti l pubblico, nei quetioni potli, ecc. (edi Cpitolo ).

4 con lt pobbilità eti, m l ezione dell loo non coettezz neceit di ulteioi eifiche come, d eempio, l einteit dell unità utilizzndo un dieo tumento di ilezione. Gli eoi poono eee douti d un qulunque delle fi di ccolt e me punto dei dti o d un eie di concue. Pe queto motio, mente tdizionlmente il poceo di contollo e coezione eni in un momento ucceio ll fe di egitzione dei dti, l tendenz ttule e quell di pote il contollo dei dti il più poibile icino ll fe di ccolt delle infomzioni peo le unità ttitiche, in modo d endee poibile l coezione immedit di infomzioni che iulteo non comptibili o nomle Le mncte ipote pzili Le mncte ipote un o più domnde nelle ilezioni cmpionie, o l enz di qulche dto nelle fonti econdie, poono eee tttte in diei modi. Un pimo e più bigtio modo conite nell eliminzione dll mtice dei dti di tutte le unità oete olo pzilmente. L utilizzo delle ole unità oete completmente detemin peò u olt due non tcubili coneguenze negtie. L pim è l iduzione dell numeoità delle oezioni, che influenz l efficienz delle time. L econd coneguenz, foe nco più ge dell pim, i può detemine ull coettezz delle time. Ciò iene qundo l peenz di dti mncnti non è cule, oeo qundo l pobbilità di oee un mnct ipot pzile pe un ibile dipende d lte ctteitiche delle unità. Un die oluzione l poblem, fequentemente dottt, conite nell utilizze diei iniemi di unità pe elizze le diee nlii dei dti. Si ctno cioè non tutte le unità oete pzilmente, m olo quelle con dti mncnti eltimente lle ibili di inteee pe ogni pecific nlii. Le nlii uniite nno cioè bte olo ulle ipote effettimente fonite pe quell pecific domnd; le nlii biite olo ulle unità che hnno i dti completi pe quell coppi di ibili; le nlii multiite nno bte olo ulle unità che peentno ipote lide pe tutte le ibili utilizzte nell pecific nlii. Adottndo quet oluzione, l coneguenz negti è che l numeoità del cmpione iulteà ibile nelle diee nlii effettute, il che complic l lettu e l intepetzione dei iultti. Un oluzione nco die, pe molti petti pefeibile tutte le pecedenti, conite nell impute l mnct ipot, egnndo l dto mncnte un loe pluibile. Ciò conente di mntenee l dimenione oigini dell mtice pe tutte le nlii d elizze. Le tecniche di imputzione poono eee diee. Le più comuni ono le eguenti. Imputzione di un loe medio. All mnct ipot pzile iene otituito il loe medio clcolto ulle unità oete. In genee i utilizz l medi itmetic o l medin pe cttei quntittii o qulittii odinli e l mod pe cttei qulittii connei. Se i utilizz l medi itmetic, un olt effettut l imputzione non cmbi l medi dell ditibuzione m i iduce l ibilità poiché tutti i dti imputti umono lo teo loe. Se inece i utilizz l medin, i lci init l medin te, i icinno medi e medin e i iduce l ibilità. Un modlità un po più comple di ppliczione di tle metodo conite nell impute l mnct ipot pzile con l medi o l medin clcolte, inece che ul compleo delle unità, u un ottoinieme più omogeneo ipetto ll unità oggetto di imputzione. In lti temini, pe un detemint ibile con mncte ipote, i uddiide l inieme delle unità oete in ottoiniemi omogenei - poibilmente cotuiti ull be di un o più ibili pie di mncte ipote e legte ll ibile oggetto di imputzione - e i imputno i dti mncnti di ogni ottoinieme con l ipetti medi (o medin). Ne dei un modificzione dell medi timt pim delle imputzioni, in diezione di quell e dell popolzione, e un minoe effetto di Si ttt, d eempio, delle einteite telefoniche o diette ui quetioni dubbi eguito di un indgine potle.

5 ppittimento ugli indici di ibilità. Imputzione con pelieo d dontoe. Inece che un loe medio, cicun mnct ipot pzile iene imputto un loe indiidule donto d un unità il più poibile imile quell con dto mncnte. Pe indiidue l unità dontoe di ipot i metodi più utilizzti ono quelli denominti cold deck e hot deck. Entmbi peedono le eguenti fi: - i diidono le unità in due guppi: quelli con mncte ipote pzili, che neceitno di iceee un dto, e quelli completi, che cotituicono i potenzili dontoi; - cicun mnct ipot pzile i imput l ipot dt dll unità più imile in elzione d lte ctteitiche peenti nell mtice dei dti; qulo i indiiduino più unità come potenzili dontoi e ne ceglie un culmente. L diffeenz t i due metodi t nel ftto che, mente con il metodo cold deck il guppo dei potenzili dontoi et il medeimo pe tutto il poceo di imputzione, con il metodo hot deck eo iene ggionto d ogni imputzione uccei. Imputzione d modello. Pe cicun ibile ffett d oezioni mncnti i pecific un modello di egeione multipl utilizzndo k egeoi celti t le lte ibili peenti nell mtice dei dti, in qulche modo collegte ll ibile d impute. Effettut l tim dei pmeti del modello, cicun unità con mnct ipot i imput il loe pedetto dl modello, dti i loi in e unti di egeoi. Nel co l unità conidet peenti mncte ipote nche t le ibili eplictie del modello in genee i utilizz un modello con un minoe numeo di egeoi. Imputzione toctic. A cicun dto mncnte e ne otituice uno ettto culmente d un ditibuzione itenut pluibile pe l ibile. Il poblem pinciple conite nell indiidue, di olt in olt, l più pluibile ditibuzione delle ibili ffette d mncte ipote. Il ntggio t inece nell poibilità di ipetee più olte l pocedu e ice utili indiczioni ull ibilità intodott nelle time dl poceo di imputzione.

6 3.4 Le nlii ui pofili di colonn Come ccennto nell intoduzione, le nlii ui pofili di colonn dell mtice di dti engono di eguito limitte quelle biite, olte d nlizze le ocizioni eitenti t le ibili conidete coppie. In genele, l obiettio delle nlii biite è ottenee, ptie dll mtice dei dti X (di dimenioni n x p) un mtice delle ocizioni A (di dimenioni p x p) del tipo eguente: h A j p h j p h h hh jh ph j j hj jj pj p p hp jp pp, doe hj è un miu dell ocizione eitente t l h-eim e l j-eim ibile dell mtice dei dti. L miu di tle ocizione dipende dl tipo di ibili conidete, che come più olte icodto poono eee qulittie connee, qulittie odinli, quntittie, mite. Di eguito engono ichimti i pincipli indici di ocizione utilizzbili in peenz di quete diee tipologie di ibili. Vibili qulittie connee. A ptie d cicun coppi di colonne dell mtice dei dti può eee cotuit un ditibuzione doppi di fequenze e u di e i può clcole l indice di ocizione chi-qudto, definito come: S T ct t n t χ, doe: S e T ono ipettimente il numeo di modlità del pimo e del econdo cttee; n t (n. n.t ) / n ono le fequenze teoiche di indipendenz nell tbell doppi, cioè le fequenze che i ebbeo oete, dti i loi mginli di ig e di colonn, nel co di pefett indipendenz t i due cttei; c t n t n t ono le contingenze, cioè le diffeenze t le fequenze oete e quelle teoiche di indipendenz. Se i due cttei ono pefettmente indipendenti, tutti i numetoi dei ppoti ono pi zeo e quindi l indice ume loe zeo. Qunto più le fequenze oete i dicotno dlle fequenze teoiche di indipendenz l indice χ ume loi più eleti. L indice non h un mimo definito e il uo loe, pità di ocizione, dipende dll numeoità del collettio. Un miu elti di ocizione, che ume loi compei t zeo ed uno, è dt dll indice di Cmé, denominto indice medio di contingenz e definito come:

7 min χ n [( S ),( T ) ] /. L indice le nco zeo qundo i due cttei ono indipendenti, mente ume loe pi d uno qundo t i due cttei i è mim ocizione. Clcolto l indice pe ogni coppi di ibili (colonne) dell mtice dei dti oigini, hj pe le geneiche colonne h-eim e j-eim, i otteà dunque un mtice V (di dimenioni p x p) del tipo eguente: V h j p h j p h h hh jh ph j j hj jj pj p p hp jp pp. L mtice V è immetic con loi uniti ull digonle pinciple. Eempio 3. Supponimo di dipoe dell eguente mtice dei dti elti te ibili qulittie connee - eo, condizione loti e pot pefeito - ilete u noe indiidui e di ole clcole il gdo di ocizione t le due ibili. Indiidui Seo Condizione Spot F Impegto Clcio M Opeio Bket 3 F Impiegto Clcio 4 M Libeo pof. Nuoto 5 M Impiegto Clcio 6 M Opeio Clcio 7 F Opeio Nuoto 8 M Opeio Nuoto 9 F Impiegto Bket T l coppi di cttei eo e condizione loti i può cotuie l eguente tbell doppi entt Seo Condizione loti Impiegto Lib. Pof. Opeio Totle F M 3 5 Totle D e i poono ice le eguenti tbelle delle fequenze teoiche e delle contingenze: Fequenze teoiche: Seo Condizione loti Impiegto Lib. Pof. Opeio Totle F,78 0,44,78 4

8 M, 0,56, 5 Totle Contingenze: Seo Condizione loti Impiegto Lib. Pof. Opeio Totle F, -0,44-0,78 0 M -, 0,44 0,78 0 Totle L indice di ocizione chi-qudto è pi :,488 0,94 0,60,488 0,94 0,60 χ ,9 ;,78 0,44,78, 0,56, mente l indice è pi :,9 9 0,57. Pocedendo in modo nlogo pe le lte coppie di cttei i ottiene l eguente mtice di ocizione V ; V 0,57 0,5. 0,6 0,57 0,5 0,6 Vibili qulittie odinli. Nel co di ibili qulittie odinli un indice di ocizione dee pote miue, olte ll intenità dell ocizione peente t i due cttei, nche il eo dell elzione. L indice dee cioè pote ditinguee t un elzione poiti, doe l cecee delle modlità di un cttee tendono cecee nche le modlità dell lto, d un elzione negti, doe l cecee delle modlità di un cttee quelle dell lto tendono dececee. Se il numeo delle modlità dei due cttei non è toppo eleto, i può clcole, ptie dll ditibuzione doppi di fequenze, l indice gmm di Goodmn e Kukl: N N c d γ, c N + N d doe N c e N d ono, ipettimente, il numeo di coppie in cui i cttei ono odinti llo teo modo, e mnifetno quindi un concodnz, e il numeo di coppie in cui, l contio, i due cttei ono odinti in modo dieo (dicodnz). Un coppi di unità eidenzi concodnz, e petnto pptiene N c qundo, ipetto ll pim unità, le modlità che i due cttei umono nell econd ono entmbe mggioi o entmbe minoi. Al contio, un coppi di unità eidenzi dicodnz, e dunque pptiene N d, qundo, ipetto ll pim unità, le modlità che i due cttei umono nell econd ono un mggioe e l lt minoe. L indice γ ume loi compei t e, doe il egno indic il eo dell elzione (concodnz o dicodnz), mente il loe oluto indic l intenità dell te. L indice ume inftti il uo loe mimo qundo N d 0, qundo cioè tutte le coppie di unità eidenzino concodnz, mente ume loe pi qundo N c 0 e quindi tutte le coppie epimono dicodnz.

9 Se inece il numeo delle modlità dei due cttei è eleto, icinndoi l numeo delle unità del collettio, i può utilizze l indice di ocizione t gdutoie ρ di Spemn definito come: 6 di i ρ, n( n ) n doe d i indic l diffeenz t le poizioni in gdutoi pe i due cttei in eme elti ll i- eim unità. Clcolti γ o ρ pe tutte le coppie di cttei, i ottenno, ipettimente, le mtici Γ o Ρ (entmbe di dimenioni p x p). Eempio 3. Si dipone dei eguenti dti eltii i lielli di oddifzione di 3 clienti di un upemecto pe i epti tglio, mcellei e pechei. Clienti Repto Repto Repto tglio mcellei pechei lto medio medio medio lto bo 3 lto lto bo 4 bo medio medio 5 bo bo medio 6 medio bo lto 7 lto medio lto 8 medio lto bo 9 lto lto medio 0 bo medio lto lto lto lto lto bo medio 3 medio medio bo Pe i cttei oddifzione pe il epto tglio e oddifzione pe il epto mcellei i può cotuie l eguente tbell doppi entt Soddifzione Soddifzione epto mcellei epto tglio Alto Medio Bo Totle Alto 3 6 Medio 4 Bo 0 3 Totle Ptendo dll unic unità che peent bo liello di oddifzione i pe il epto tglio che pe il epto mcellei, le lte unità che epimono concodnz con quet ono: le te unità che epimono lto liello di oddifzione pe entmbi i cttei; le due unità che epimono lt oddifzione pe il epto tglio e medi pe il epto mcellei; le due unità che epimono medi oddifzione pe il epto tglio e lt pe il epto mcellei, olte ll unità che epime medi oddifzione pe entmbi i epti. Il numeo di coppie di unità che epimono concodnz e che compendono il cliente con b oddifzione pe entmbi i cttei e pi (3+++). Il numeo compleio di coppie di unità che epimono concodnz è dunque pi :

10 N c (3+++)+(3+)+(0)+(3+)+(3)+(0)+0(0)+(0)+3(0)6. Ptendo dl etice dell tbell che contiene il numeo di clienti con b oddifzione pe il epto tglio e lt oddifzione pe il epto mcellei i può clcole il numeo di coppie che epimono dicodnz nel modo eguente: N d 0( ) + ( + ) + ( + ) + () ; L indice γ iult petnto pi : 6 5 γ 0, Pocedendo in modo nlogo pe le lte coppie di ibili i ottiene l mtice di ocizione Γ 0,4 0,49. 0,05 0,4 0,49 0,05 Eempio 3.3 Si ipotizzi che d un cmpione di conumtoi ino tte ftte ggie cinque mche di pt con il medeimo condimento e che ino tti ileti gli odinmenti in elzione lle ctteitiche guto e cpcità di tenee l cottu, ttibuendo l pim poizione () ll pt giudict miglioe e l ultim (5) ll peggioe. Si ipotizzi inolte che con un ilezione peo un cmpione di eecizi commecili ino tti ileti i pezzi medi di endit delle cinque mche di pt, epei nch ei u cl odinle, egnndo punteggio pi d ll mc più coto e coì i fino l punteggio 5 egnto ll più economic. Si uppong che l mtice dei dti i l eguente: Mc di pt Guto Cottu Pezzo A 3 3 B 4 C D 3 E 5 4 T i cttei guto e cpcità di tenee l cottu i clcolno le diffeenze t le poizioni in gdutoi e le diffeenze l qudto: Mc di pt Poizioni in gdutoi Guto Cottu d d A 3-4 B C D 3 E 5 4 L indice ρ à petnto pi : ρ 0,60. 5(5 ) 0

11 Pocedendo in modo nlogo pe le lte coppie di ibili i ottiene l mtice di ocizione eguente: 0,6 0,4 Ρ 0,6 0,3. 0,4 0,3 Cttei quntittii. Le più comuni miue di ocizione t ibili quntittie ono l coinz e il coefficiente di coelzione linee. Indicti con x ih e x ij i loi unti dlle ibili h-eim e j-eim nell unità i-eim e con xh e x j i ipettii loi medi, l coinz è definit dll eguente epeione: hj n ( x xh)( xij x ih j ) i n Si hnno loi poitii dell coinz qundo l omm lgebic dei podotti l numetoe è poiti e quindi pelgono podotti di egno poitio, che indicno concodnz t le due ibili (loi di x h e x j congiuntmente o mggioi delle ipettie medie itmetiche, o minoi di ee). Vloi negtii i hnno inece qundo pelgono podotti che indicno dicodnz t i due cttei (loi di x h mggioi dell medi e loi di x j minoi, o icee). Vloi pi zeo i hnno infine qundo l omm lgebic dei podotti l numetoe i nnull, cioè qundo non pelgono né i podotti che indicno concodnz né quelli che indicno dicodnz, oeo i due cttei ono linemente indipendenti. Clcolt l coinz pe tutte le coppie di ibili i può cotuie un mtice del tipo eguente (di dimenioni p x p), dett mtice delle coinze: h S j p h j p h h hh jh ph j j hj jj pj p p hp jp pp. L mtice è immetic e ull digonle pinciple peent le inze delle p ibili, oeo le coinze di ogni ibile con e te. Pe l geneic ibile h i h inftti: hh n i ( x ih x )( x h n ih xh) n i ( x x ) ih n h σ h I loi unti dlle coinze dipendono dlle cle di miu delle ibili nell mtice dei dti, il che li ende non diettmente confontbili t loo l fine di lute e t un coppi di ibili i i un ocizione mggioe o minoe ipetto d un'lt. Pe oie tle poblem i può icoee l coefficiente di coelzione linee di Bi e Peon, definito dll eguente epeione:

12 hj hj, σ h σ j doe σ h e σ j ono le deizioni tndd dei due cttei. Il coefficiente di coelzione linee ume lo teo egno dell coinz ed è compeo t e. Clcolti i coefficienti di coelzione linee t tutte le coppie di ibili i ottiene dunque un mtice di coelzione R, del tipo eguente: h R j p h j p h h hh jh ph j j hj jj pj p p hp jp pp. L mtice è immetic e con loi uniti ull digonle pinciple. Eempio 3.4 Si ipotizzi di e ileto lcuni indici di bilncio u qutto ziende, ipotti nell eguente mtice dei dti. Aziend ROI ROE ROS Indebitmento A 7, 8, 5,7 5,3 B 0,3,5,8 53,4 C 0,4,5 5, 34, D 5,,0,,7 Reltimente gli indici ROI e ROE i clcolno medie itmetiche e deizioni tndd: x 3,3 ; x 3, 55 ; σ, 96 ; σ, 7. ROI ROE ROI Gli indici di coinz e di coelzione i clcolno nel modo eguente: ROE ROIROE ( 7, 3,3)( 8, 3,55) + ( 0,3 3,3)(,5 3,55) + ( 0,4 3,3)(,5 3,55) + ( 5, 3,3)(,0 3,55) 5 4,08 6,0 ; 4 6,0 ROIROE 0,75.,96,7 Pocedendo in modo nlogo pe tutte le lte coppie di ibili di ottengono le mtici S e R:

13 8,77 6,0 0,36 33,4 6,0 7,33 3,36,4 S ; 0,36 3,36 3,33 5,33 33,4,44 5,33 9,07,00 0,75 0,07 0,74 0,75,00 0,68 0,8 R. 0,07 0,68,00 0,9 0,74 0,8 0,9,00 Cttei miti. Come i è più olte ipetuto, nelle nlii ttitiche di dti ziendli o di mecto l mtice dei dti è peo cttee mito, con lcune ibili quntittie e lte qulittie, odinli o connee. Diponendo di un mtice di dti con ibili mite, occoe dotte miue di ocizione diee pe ogni combinzione di tipologie di ibili d nlizze. Ntulmente, le miue di ocizione eltie ibili dello teo tipo (qulittie connee, odinli, quntittie) nno quelle già illutte nei punti pecedenti, mente poblemi di celt di indici ppopiti i pongono nel co in cui i debb miue l ocizione t ibili pptenenti tipologie diffeenti. I poibili ci ono i eguenti: ) - ibili qulittie connee con qulittie odinli; b) - ibili qulittie connee con ibili quntittie; c) - ibili qulittie odinli con ibili quntittie. In queti ci, un pim oluzione conite nel icondue le ibili ll medeim tipologi tfomndo oppotunmente l cl di miu delle ibili: nel co ) iconducendo le ibili miute u cl odinle in connee; nei ci b) e c) iconducendo le ibili miute u un cl quntitti in qulitti (conne nel pimo co; odinle nel econdo). Ricondotte le ibili ll te tipologi, i clcolno i eltii indici già illutti. Il limite di tle oluzione t oimente nel ftto che iene pedut un pte dell infomzione contenut nell mtice dei dti oigini. Un dieo ppoccio l poblem, che upe l inconeniente ppen ichimto, conite nel clcole un indice di ocizione intodotto ppoitmente pe il co di ibili mite. Tle indice è il ppoto di coelzione, dto dll eguente epeione: σ medi( y / x) η y / x, y σ doe: x e y indicno, ipettimente, l ibile qulitti (conne o odinle) e quell quntitti; σ y è l inz dell ibile quntitti; σ medi(y/x) è l inz delle medie del cttee quntittio condizionte lle modlità di quello qulittio. Il ppoto di coelzione epime dunque l quot dell inz complei di un ibile quntitti piegt dlle medie condizionte lle modlità di un ibile qulitti: qundo tli medie ono uguli t loo uol die che l ibile y non dipende, in medi, dlle modlità dell ibile x e l indice le zeo; qundo tli medie ono inece diee t loo, uol die che eite un elzione t le modlità delle due ibili, che h intenità mim qundo tutt l inz di y è piegt dll ibilità t le medie condizionte, nel qul co l indice le uno.

14 Clcolti i ppoti di coelzione t tutte le coppie di ibili i ottiene dunque un mtice di ppoti di coelzione nlog lle pecedenti. Il qudo completo delle miue di ocizione utilizzbili nel co di ibili mite è ipotto nell mtice eguente, doe i diei blocchi coipondono i poibili incoci t le ibili delle diee tipologie. Qulittii connei Qulittii odinli Quntittii Qulittii connei V V V Qulittii odinli, P, P Quntittii S e R Nei te blocchi digonli i poono clcole le mtici V,, P, S ed R ite in pecedenz. Nei blocchi non digonli, che i ifeicono ll ocizione t un cttee quntittio e uno qulittio, i poono clcole lcune delle medeime mtici (V,, P), un olt icondotte le ibili quntittie connee o odinli, econd dei ci, oppue i può clcole l mtice dei ppoti di coelzione. Eempio 3.5 Si uppong di dipoe delle eguenti infomzioni eltimente d un guppo di clienti di un ziend commecile: pofeione, eo, liello di oddifzione l eecizio commecile (LS), pe il noto eecizio, liello di oddifzione pe il pinciple competito (LSC), eddito, quot cquiti peo l eecizio. Clienti Pofeione Seo LS LSC Reddito Quot cquiti Impiegto F Alto Medio,8 58, Opeio M Medio Bo, 65,0 3 Impiegto M Bo Bo,4 64,5 4 Opeio F Medio Bo,3 63,0 5 L. Aut. M Alto Alto,0 5,0 6 Impiegto F Alto Bo, 70,0 7 Opeio M Bo Medio,5 40,0

15 8 L. Aut. M Medio Bo,5 4,5 9 Opeio M Alto Alto,4 66,0 0 L. Aut. F Medio Bo 3,0 38,5 Opeio M Alto Medio,0 60,0 T l pofeione e il eddito i può clcole il ppoto di coelzione nel modo eguente: medi (eddito),65; σ eddito 0,353; medi (eddito/pofimpiegto),43 ; medi (eddito/pofopeio),8 ; medi (eddito/pofl.utonomo),50. η eddito / pofeioe (,43,65) 3 + (,8,65) 5 + (,50,65) 0, ,7 0,77. 0,353 L mtice di ocizione è l eguente: Pofeione Seo LS LSC Reddito Quot cquiti Pofeione,00 0,40 0,38 0,33 0,77 0,5 Seo,00 0,4 0,39 0,03 0,0 LS,00 0,63 0,9 0,6 LSC,00 0,04 0,04 Reddito,00-0,79 Quot cq.,00 Appliczioni in Poc Co

16 3.5 Le nlii ui pofili di ig Le nlii ui pofili di ig hnno l obiettio di miue in modo intetico l ditnz o l imilità t coppie di unità del collettio ttitico, che ono ppunto collocte nelle ighe dell mtice dei dti. L ditnz oimente non è inte in eno pzile, benì come diffeenz, t le due unità, eltimente i loi unti dlle ibili contenute nell mtice dei dti. Ad eempio, ipotizzimo di ee condotto un indgine olt miue il liello di oddifzione d pte dei clienti di un compgni ee in elzione diee ctteitiche (qulità dei eizi di te, puntulità dei oli, cotei del peonle di olo, qulità del eizio di itozione, ecc). Miue l ditnz t due clienti ignific peenie d un miu intetic di qunto ei ono t loo diei in elzione lle ctteitiche ilete. Indict con d i l ditnz t le unità i-eim e -eim, tle miu doebbe godee delle eguenti popietà: d i 0, non negtiità.gli indici di ditnz ono in genee poitii e iultno uguli zeo olo qundo le due unità peentno le tee modlità pe tutti i cttei peenti nell mtice dei dti; d ii 0, l ditnz t cicun unità e e te è pi zeo; d i d i, immeti. L ditnz t l unità i-eim e l unità -eim dee iulte ugule quell t l unità -eim e l i-eim; d i d i + d, dieguglinz tingole. L omm delle ditnze t le unità i e e le unità e dee eee minoe o l più ugule ll ditnz t i e. Se un miu di ditnz oddif tutte le popietà op epote i dice che lo pzio di ifeimento è uno pzio metico. A ptie dll mtice dei dti X, un olt clcolte tutte le ditnze t le n unità ttitiche i ottiene un mtice di ditnz D, di dimenione n x n, del tipo eguente: D d d d d d d d d d d d d d d d d d d d d d d d d d i n i n i i ii i in i n n n ni n nn Nel eguito enno illutte le diee miue di ditnz che poono eee clcolte in coipondenz lle diee tipologie di cttei peenti nell mtice dei dti. Cttei qulittii connei politomici. In peenz di un mtice dei dti compot d p cttei qulittii connei politomici i può utilizze l indice di ditnz di Sneth, dto dll fequenz elti dei cttei pe i quli le unità i-eim e -eim peentno modlità diee. Pe il geneico cttee k i pone: d i,k e x ik x k, d i,k 0 e x ik x k. L indice di ditnz di Sneth t i ed è:

17 d i p d i, k k p. In otnz i contno le colonne pe le quli le ighe i e dell mtice dei dti peentno modlità diee e i ppot tle numeo p, cioè l totle dei cttei peenti nell mtice dei dti. Eendo definito come fequenz elti, l indice è compeo t 0 e. Altentimente, i può definie un coipondente miu di imilità t due unità, denotto c i, come l fequenz elti dei cttei con modlità uguli. Oimente à d i + c i. Nel eguito, pe ogni miu di ditnz compee t 0 e eà definito un coipondente indice di imilità c i dto dl complemento dell indice di ditnz: c i - d i. Eempio 3.6 Si ipotizzi di ole miue l ditnz t i oggetti ptie dll eguente mtice dei dti contenente le mche pefeite di cffè, thè e pt, nonché l inegn dell gnde ditibuzione pefeit in un cmpione di 5 oggetti: Soggetto Cffè Thè Pt Inegn Splendid Lipton De Cecco Cond So Infè Bill Sidi 3 Lzz Lipton De Cecco Cond 4 Splendid Infè Bill Coop 5 So Lipton Bill Coop L ditnz t i oggetti e è pi d (mimo) poiché in ei tutte le modlità dei qutto cttei ono diee. Si h cioè: d, ; d, ; d,3 ; d,4. L indice di ditnz à dunque: d. 4 Inece, l ditnz t il oggetto e 3 è molto minoe poiché in te ci u qutto le modlità coincidono. Si h inftti: d 3, ; d 3, d 3,3 d 3,4 0 e quindi: d 3 /4 0,5. Clcolt pe tutte le coppie di oggetti, l mtice delle ditnze iulteà l eguente: 0 0,5 0,75 0,75 0 0,5 0,5 D 0,5 0 0,75. 0,75 0,5 0 0,5 0,75 0,5 0,75 0,5 0 Cttei qulittii dicotomici. Ipotizzimo che l mtice dei dti conteng p miuzioni nominli dicotomiche del tipo peenz/enz, indicte ipettimente con e 0. Due geneiche ighe dell mtice dei dti poono eee intetizzte nell eguente tbell di contingenz: unità i 0 unità b

18 0 c d doe ppeent il numeo di cttei peenti in entmbe le unità, b il numeo di cttei peenti nell unità m enti nell unità i, c il numeo di cttei peenti nell unità i m enti nell unità e d il numeo di cttei enti in entmbe le unità. A ptie d tli elementi poono eee clcolte diee miue di ditnz, econdo gli ppocci di eguito ichimti. Simple mtching. L più immedit miu di ditnz è dt dll fequenz elti degli ttibuti peenti in un unità e enti nell lt: b + c d i. p Il coipondente indice di imilità à: + d ci di. p Indice di ditnz di Jccd. A diffeenz dell ppoccio imple mtching, l indice di Jccd eclude dl denomintoe l elemento d, cioè il numeo di cttei enti in entmbe le unità. L indice è dunque il eguente: b + c d i, + b + c mente il coipondente indice di imilità è: ci di. + b + c Quet die definizione del denomintoe è uggeit dll non oppotunità di conidee come indictoe di imilitudine t due unità il ftto di peente entmbe modlità ente in elzione d un cttee. Pe chiie meglio i conidei, d eempio, il co di un ondggio in cui i chiede d lcuni indiidui e il bto e ono oliti nde in pizzei. Conidendo due unità, e entmbe ipondono ì ciò è icumente indice di imilitudine, mente e un iponde ì e l lt no è ltettnto inequiocbilmente indice di dieità. M e entmbe ipondono no ciò non può eee conideto indice di imilitudine peché un indiiduo potebbe eee olito nde l pub, mente l lto potebbe uulmente ete c. Indice di ditnz di Czeknowki. L indice f popi l citic di Jccd ll ppoccio Simple mtching e, in più, egn un peo doppio l numeo di ttibuti peenti in entmbe le unità. L indice di ditnz è dto petnto dll epeione: b + c d i, + b + c mente quello di imilità è: ci di + b + c Eempio 3.7 Si ipotizzi di e ileto i pei in cui un guppo di ziende concoenti epotno i loo podotti, ottenendo i eguenti dti: Aziend Fnci Gemni Pei Bi Spgn Auti Geci A Si Si No Si No No

19 B Si No No Si Si Si C No No No No Si No D Si No Si Si Si Si Se conideimo l coppi di ziende BD emo: 4, b, c 0, d, con p 6. Se i utilizz l ppoccio imple mtching emo petnto d BD /6. Utilizzndo l indice di Jccd emo d BD /5. Se i utilizz infine l indice di Czeknowki i ottiene d BD /9. Pe il olo indice di imple mtching, l mtice complet delle ditnze t le qutto ziende è l eguente: 0 / 6 4/6 4/ 6 / 6 0 3/ 6 / 6 D. 4/ 6 3/ 6 0 4/ 6 4/ 6 / 6 4/6 0 Cttei qulittii odinli. Nel co di un mtice dei dti contenente tutte ibili odinli, come d eempio il liello di oddifzione pe un eie di ctteitiche di un podotto o eizio (in genee è ileto u cl odinle, con modlità del tipo: pe niente; poco; bbtnz; molto; moltiimo) un poibile oluzione conite nell ttibuie un punteggio cecente di un te quntità l cecee dell miuzione odinle. Ad eempio: pe niente; poco; 3 bbtnz; 4 molto; 5 moltiimo. Compiut quet opezione i può utilizze un indice di ditnz pe dti quntittii (edi più nti). Oimente, coì fcendo i intoduce un elemento di bitietà nell nlii, poiché i ipotizz: ) che l diffeenz t due modlità contigue i empe l te (d eempio, che l diffeenz di oddifzione che eite t poco e bbtnz i pi quell che eitente t molto e moltiimo); b) che l diffeenz t due modlità epte d un tez i doppi ipetto quell t modlità contigue (d eempio, che l diffeenz di oddifzione t bbtnz e moltiimo i doppi ipetto quell t poco e bbtnz). L ltenti conite nel conidee l miuzione liello nominle e pplice l indice di Sneth; in queto modo peò i inunci d un gn pte del contenuto infomtio peente nell mtice dei dti, gion pe cui in genee i pefeice dotte l pim oluzione. Cttei quntittii. Nel co di cttei quntittii l pim e più elemente miu di ditnz che i può dotte è cotituit dll ditnz euclide, definit come l dice qudt dell omm delle diffeenze l qudto t le modlità pptenenti lle due unità eltie tutti i cttei peenti nell mtice dei dti. Indicte con x ik e x k le modlità unte dll ibile k nelle unità i ed, l ditnz euclide d i t le due unità è dt dll eguente epeione: / p d i ( xik xk ). k In temini ettoili, l ditnz euclide può nche eee it come l nom dell diffeenz t i ettoi ig dell mtice dei dti. Inftti l (3.) i può nche ciee come: di ( xi x ) ( xi x ) xi x /.

20 Eempio 3.8 Si ipotizzi che pe un guppo di ziende ino tti ileti gli indici di bilncio ipotti nell eguente mtice dei dti: Aziend ROI ROE ROS Indebitmento A 7, 8, 5,7 5,3 B 0,3,5,8 53,4 C 0,4,5 5, 34, D 5,,0,,7 L ditnz euclide t l pim e l econd ziend iulteà pi : d AB [( 7, 0,3) + ( 8,,5) + ( 5,7,8) + ( 5,3 53,4) ] / 9, 8 Pocedendo in modo nlogo pe le lte coppie di ighe, i ottiene l eguente mtice delle ditnze euclidee: 0 9,8,45 5,74 9,8 0 9,47 4,0 D.,45 9,47 0 3,4 5,74 4,0 3,4 0 L ditnz euclide peent tutti due odini di poblemi. Anzitutto un poblem di cl. Come i ede i dll fomul che dll eempio, engono inftti ommte diffeenze l qudto eltie cttei diei e miuti in unità di miu diee. L ipotei che i dott è che, i fini dell ditnz t le due unità, un diffeenz di un unità epe nell unità di miu di un cttee bbi l te impotnz di un diffeenz di un unità epe nell unità di miu di un lto cttee. Ripendendo l eempio pecedente, l ditnz t due ziende iene clcolt egnndo ll diffeenz di un punto di ROI l te impotnz dell diffeenz di un punto nel gdo di indebitmento, il che non ppe ppopito. M lti eempi poono chiie meglio come tle unzione ppeenti un eidente foztu. Si conidei, d eempio, di e ileto in un guppo di potenzili clienti il numeo di figli e l cilindt dell utomobile, miut in centimeti cubi. In queto co dotte l miu di ditnz euclide pe confonte due indiidui ignific ipotizze che un diffeenz di un figlio in più o in meno bbi l te impotnz di un diffeenz di un centimeto cubo nell cilindt dell uto poedut. Pe oie tle poblem i può icoee ll tnddizzzione dell mtice dei dti, depundo le ibili dll effetto delle diee unità di miu dottte e poi clcole l ditnz euclide ui pofili tnddizzti. L fom più comune di tnddizzzione è quell che conite nel otte cicun elemento dell mtice dei dti l medi di colonn e diidee pe l elti deizione tndd, come nell epeione eguente: z ik xik xk σ k L mtice dei dti tnddizzti è di coneguenz dimenionle con tutti i ettoi colonn che peentno medi pi zeo e inz uniti.

21 Eempio 3.9 Ripendendo l eempio pecedente, i ttt di clcole peliminmente medi itmetic e deizione tndd pe le qutto ibili ilete: Vibile ROI ROE ROS INDEB Medi 3,3 3,55 3,73 3,3 Deizione tndd,96,7,8 5,4 Il loe tnddizzto coipondente x à quindi: 7, 3,3 z,3.,96 In modo nlogo poono eee clcolti i etnti loi ottenendo l eguente mtice Z dei dti tnddizzti:,3,7,08 0,38 0,99 0,76 0,5,47 Z. 0,95 0,39 0,8 0,0 0,63 0,57,38,8 L coipondente mtice delle ditnz euclidee clcolt ptie dll mtice Z è, infine, l eguente: 0 4,7 3,6 3,55 4,7 0,87 3,3 D. 3,6,87 0 3,09 3,55 3,3 3,09 0 Un econdo limite dell ditnz euclide è che e non tiene conto delle eentuli coelzioni eitenti t le diee ibili dell mtice dei dti. Se due ibili iultno fotemente coelte ignific che ono epeione dello teo fenomeno e che nell miu dell ditnz (euclide) t le due unità i tiene conto due olte dello teo fttoe. Un poibile oluzione queto econdo poblem conite nel clcole l ditnz euclide pondet, dt dll eguente epeione: d i p / ( xik xk ) wk k doe w k è un coefficiente di pondezione. In temini mticili l te epeione i può ciee nel modo eguente: di ( x ) ( ) i x W xi x / doe W è un mtice digonle (di dimenioni p x p) contenente i coefficienti di pondezioni delle p ibili. Tli coefficienti doebbeo iulte tnto mggioi qunto più l k-eim ibile è incoelt con le lte p- ibili peenti nell mtice dei dti, cioè qunto più il contibuto infomtio dell k-eim ibile è oiginle ipetto quello peente nelle ibili etnti. E l contio, i coefficienti di pondezione doebbeo eee tnto minoi qunto più l

22 k-eim ibile iult coelt con le lte, in qunto il uo contibuto infomtio iult lmeno pzilmente duplicto ipetto quello ppotto dlle lte ibili. Inece di un mtice digonle i può utilizze un mtice W immetic pien 3. Un co pticole di ditnz euclide pondet tmite un mtice immetic pien è l ditnz di Mhlnobi, che ume come mtice di pondezione l ine dell mtice di coinz. L u epeione è dunque l eguente: di / x ( ) i S xi x. ( x ) L ditnz di Mhlnobi cotituice dunque un miu di ditnz clcolt l netto dell coelzione eitente t le ibili. Allo teo tempo e elimin nche l effetto deinte dlle diee cle di miu dottte pe le ibili e può eee quindi clcolt diettmente ulle ibili ilete 4. Eempio 3.0 Si conidei l eguente mtice dei dti contenente le ibili eddito menile, pe pe conumo menile e impoto medio dello contino ilete peo lcuni clienti di un eecizio commecile: eddito conumo Impoto medio, ,8,3 9,5 A ptie dll mtice dei dti i clcolno le mtici D delle ditnze euclidee, S delle coinze e R delle coelzioni: 0,69,45,4,69 0,54 3,48 D ;,45,54 0,55,4 3,48,55 0 0,69 0,53,06 S 0,53 0,44,90 ;,06,90 0,69,00 0,9 0,08 R 0,9,00 0,46. 0,08 0,46,00 3 In ogni co, ffinché i bbi d ij 0, l mtice W dee eee emi definit poiti 4 Si può dimote inftti che l ditnz di Mhlnobi è ugule nche ll ditnz euclide pondet clcolt ulle ibili tnddizzte utilizzndo come mtice di pondezione l ine dell mtice di coelzione: dij / ( x x ) S ( x x ) ( z z ) i j i j i j R ( z z i j ) /

23 Come e lecito ttendei, i ile un fote coelzione poiti t eddito e conumo, il che ignific che le due ibili eidenzino un contenuto infomtio lmeno in pte comune. Supponimo o di ole clcole l ditnz euclide t l econd e l qut unità, quelle che peentno l mim diffeenz pe il eddito e il conumo. Sommndo diffeenze l qudto t 4 e e poi t 3 e,3 i ommno diffeenze che, lmeno in pte, epimono lo teo fenomeno (l diffeenz di liello di beneee economico). L ditnz euclide t l econd e l qut unità iult inftti pi 3,48, l ditnz più gnde ipetto tutte le lte coppie di unità. Clcolimo o l ditnz di Mhlnobi t le medeime due unità. Si dee innnzi tutto clcole l ine dell mtice delle coinze, che è l eguente: 3,63 5,5 3,05 S 5,5 94,7 6,80. 3,05 6,80 0,7 Quindi l ditnz di Mhlnobi t le unità e 4 à: 3,63 5,5 3,05 3 / d 4 ( x x4 ) S ( x x4 ) ( 3,7 0,5) 5,5 94,7 6,80,7 5, 40. 3,05 6,80 0,7 0,5 Clcolndo in modo nlogo gli indici di ditnz t tutte le lte coppie di unità di ottiene l eguente mtice delle ditnze di Mhlnobi: 0 4,68,8 3,64 4,68 0 5,0 5,40 D.,8 5,0 0 6,37 3,64 5,40 6,37 0 Si può oee come, utilizzndo l indice di Mhlnobi, l ditnz t l econd e l qut unità non è più l più elet ipetto tutte le lte coppie di unità: l mim ditnz o è quell t l tez e l qut unità. Un indice di ditnz più genele pe cttei quntittii è dto dll ditnz di Minkowki, definito dll eguente epeione: / Si oe fcilmente che qundo l ditnz di Minkowki coincide con l ditnz euclide. Qundo l ditnz di Minkowki iene dett ditnz di Mnhttn o ditnz dell città blocchi, e ume l eguente epeione: L definizione di ditnz di Mnhttn dei dl ftto che in un eempio due dimenioni (x e x) l ditnz t due etici di un edificio Cttei miti. Nell nlii ui pofili di colonn i è ito come non eit un unico indictoe che conent di clcole l intenità e l diezione delle elzioni di ocizione t coppie di ibili, pecindee dll tipologi delle medeime (qulittie o quntittie) e utilizzndo tutto il contenuto infomtio peente nell mtice dei dti. Nel co delle elzioni t unità un miu intetic dell ditnz eitente t due pofili di ig di un mtice di dti con ibili di tipo mito i può inece ottenee. Tle miu è dt dll indice di ditnz di Gowe, definito nel modo eguente:

24 d i p k p k d δ i, k i, k, doe d i,k è un miu di ditnz t le ighe i e dell mtice dei dti in elzione l k-eimo ttibuto, mente δ ij,k è un ibile dicotomic che ume loe uno e le due unità poono eee confontte in elzione ll ttibuto k e zeo ltimenti. L miu dell ditnz i econd del tipo di cttee. Cttei quntittii: d i, k xik xk, δ i, k Rnge( k) doe Rnge(k) è il cmpo di izione dell ibile k. Cttei qulittii odinli: Si tfomno le ibili in quntittie ttibuendo punteggi cecenti l cecee delle modlità del cttee, iconducendoci l co pecedente. Cttei qulittii dicotomici: d i,k ume loi 0 o econd che le due unità peentino modlità uguli o diee; δ i,k ume empe loe lo il co di ipot negti pe entmbe le unità, nel qul co ume loe 0. Lo chem eguente iume i loi unti d d i,k e δ i,k nei diei ci: d i,k Unità i Unità Si No Si 0 No 0 δ i,k Unità i Unità Si No Si No 0 Il ftto di poe δ i,k ugule zeo nel co di enz del fenomeno in entmbi i cttei equile d dotte pe queto tipo di cttei l miu di ditnz popot d Jccd. Cttei qulittii connei politomici: Si ume come miu di ditnz quell di Sneth; petnto d i,k ume loe uno e le unità i e j peentno modlità die in elzione l cttee k e zeo ltimenti, mente δ i,k. L miu di ditnz popot d Gowe è compe t zeo e uno. Anche d e coiponde dunque un indice di imilità definito come il complemento d uno dell ditnz: c i - d i

25 Eempio 3. Si uppong che u qutto clienti di un compgni ee ino tti ileti il numeo di oli nell ultimo nno, il gdo di oddifzione, l eentule uo di intenet pe l penotzione e il pee di eidenz, ottenendo l eguente mtice dei dti: Clienti N. oli ultimo nno Soddifzione Uo intenet Pee eidenz A 8 moltiimo No Itli B bbtnz No Fnci C 3 molto Si Fnci D poco Si Gemni Pe l oddifzione i pone pe niente, poco, 3 bbtnz, 4 molto e 5 moltiimo. Pe l uo di intenet pe l penotzione, il ftto di e ipoto entmbi no, ende non confontbili le unità, in qunto non poimo pee e l penotzione è enut con l medeim modlità o con modlità die, pe cui δ i,k iene poto pi zeo. L ditnz t le unità A e B è: d AB 0,83 ; mente quell t A e C è: d AC 0, Pocedendo nlogmente pe le lte coppie di ibili i ottiene l eguente mtice delle ditnze di Gowe: 0 0,83 0,74 0,90 0,83 0 0,38 0,60 D. 0,74 0,38 0 0,4 0,90 0,60 0, Le nlii ui pofili di colonn e di ig in S, R ed Xltt In SAS l nlii ui pofili di colonn può eee elizzt tteo l pocedu CORR. L pocedu conente di clcole l mtice di coinz e l mtice di coelzione medinte l indice di Bi o il coefficiente di coelzione t nghi di Spemn. L inti fondmentle è l eguente: PROC CORR DATAnome PEARSON Specific il d di input; qulo l opzione i ome iene Conideto l ultimo dt et ceto nell eione di loo. Clcol l mtice di coelzione utilizzndo il coefficiente di

26 SPEARMAN COV OUTPnome OUTSnome VAR elenco ibili BY elenco ibili coelzione linee di Bi e Peon. Clcol l mtice di coelzione utilizzndo il coefficiente di coelzione t nghi di Spemn; qulo le ibili peenti nel dt et di input ino quntittie, ee engono peentimente tfomte in nghi. Clcol l mtice di coinze. Specific il d di output doe iene memoizzt l mtice di coelzione (Bi e Peon). Specific il d di output doe iene memoizzt l mtice di coelzione (Spemn). Specific l elenco delle ibili ulle quli clcole l mtice di coelzione; e omeo engono conidete tutte le ibili numeiche del dt et. Clcol tnte mtici di coelzione ull be dei guppi fomti dlle diee modlità delle ibili che eguono lo ttement BY. In mbiente R pe il clcolo dell mtice di coelzione i può utilizze l funzione co; l funzione, eguit come gomento olo dll mtice dei dti, clcol pe defult l mtice di coelzione utilizzndo il coefficiente di coelzione linee di Bi e Peon. Qulo i deidei clcole il coefficiente di coelzione t nghi di Spemn occoe ineie l opzione method pemn. Pe il clcolo dell indice di ocizione gmm di Goodmn e Kukl, in peenz di ibili odinli con un idotto numeo di modlità, i può icoee ll funzione co.cen, peente nel pcchetto Hmic; in queto co gli gomenti d ineie ono le due ibili pe le quli i ichiede il clcolo dell indice gmm e l opzione outxtrue. Nell output l indice gmm iene identificto con Dxy. Oimente, pe iucie d cquiie l odinmento delle modlità dei cttei qulittii odinli, le ibili donno eee definite come quntittie con modlità cecenti eguendo l odinmento delle ibili qulittie. In Xltt, un olt itemt l mtice dei dti nel foglio Excel, pe ottenee l mtice di coelzione i doà cegliee l opzione decizione dei dti (econd opzione nel menù pinciple di Xltt) e ucceimente l opzione mtici di imilità/diimilità (coelzione) (qut opzione). Nel dilog box che i pe doemo indice l zon del foglio excel in cui è contenut l mtice dei dti, cegliee l opzione quntittii pe il tipo dei dti, indice imilità e coefficiente di coelzione di Peon pe l celt del tipo di poimità, e di clcole le poimità pe le colonne. Eempio 3. Pocedue in S, R e Xltt pe il clcolo dell mtice di coelzione Un ziend di cedito dipone delle infomzioni ull clientel ziendle eltie l numeo di ddetti, ll dut del ppoto (nni) e l ldo (milioni di euo). I pogmmi eguenti, coedti di eltii output, clcolno l mtice di coelzione utilizzndo l indice di Bi e Peon in S, R e Xltt. * eempio pocedu CORR; dt bnc; input n_ddetti dut ldo; cd;

27 ; poc co dtbnc peon outpiu ; un;!"#"!$#$!$!""# # %!# "#"!#%$!&""# # '# ( #" #'')$ ("# (#& # ** +,-.,/00. # # )&'%( #%!! #%&$ #' # )&'%# ( # )%!" #%&$ #%& ( #%!!( # )%!"# #' #%& > dti n_ddetti dut ldo > co(dti) n_ddetti dut ldo n_ddetti dut ldo >

28

MATRICI SIMILI E MATRICI DIAGONALIZZABILI

MATRICI SIMILI E MATRICI DIAGONALIZZABILI MATRICI SIMILI E MATRICI DIAGONALIZZABILI DEFINIZIONE: Due mtici qudte A e B, dello stesso odine n, si dicono simili se esiste un mtice non singole S, tle che isulti: B S A S L mtice S si chim nche mtice

Dettagli

Momento di una forza rispettto ad un punto

Momento di una forza rispettto ad un punto Momento di un fo ispettto d un punto Rihimimo lune delle definiioni e popietà sui vettoi già disusse ll iniio del oso Podotto vettoile: ϑ ϑ sin sin θ Il vettoe è dietto lungo l pependiole l pino individuto

Dettagli

LE INCERTEZZE E LA LORO PROPAGAZIONE NELLE MISURE INDIRETTE

LE INCERTEZZE E LA LORO PROPAGAZIONE NELLE MISURE INDIRETTE LE INCERTEZZE E LA LORO PROPAGAZIONE NELLE MISURE INDIRETTE Pof. Agelo Ageletti -.s. 006/007 1) COME SI SCRIVE IL RISULTATO DI UNA MISURA Il modo miglioe pe espimee il isultto di u misu è quello di de,

Dettagli

METODO VOLTAMPEROMETRICO

METODO VOLTAMPEROMETRICO METODO OLTAMPEOMETCO Tle etodo consente di isrre indirettente n resistenz elettric ed ipieg l definizione stess di resistenz : doe rppresent l tensione i cpi dell resistenz e l corrente che l ttrers coe

Dettagli

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n.

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n. AUTOVALORI ED AUTOVETTORI Si V uno spzio vettorile di dimensione finit n. Dicesi endomorfismo di V ogni ppliczione linere f : V V dello spzio vettorile in sé. Se f è un endomorfismo di V in V, considert

Dettagli

www.scuolainweb.altervista.org Problemi di Fisica La Dinamica

www.scuolainweb.altervista.org Problemi di Fisica La Dinamica www.suolinweb.ltevist.og L Dinmi Poblemi di isi L Dinmi PROBLEA N. Un opo di mss m 4 kg viene spostto on un foz ostnte 3 N su un supefiie piv di ttito pe un ttto s,3 m. Supponendo he il opo inizilmente

Dettagli

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008 ANALISI REALE E COMPLESSA.. 2007-2008 1 Successioni e serie di funzioni 1.1 Introduzione In questo cpitolo studimo l convergenz di successioni del tipo n f n, dove le f n sono tutte funzioni vlori reli

Dettagli

FAST FOURIER TRASFORM-FFT

FAST FOURIER TRASFORM-FFT A p p e n d i c e B FAST FOURIER TRASFORM-FFT La tasfomata disceta di Fouie svolge un uolo molto impotante nello studio, nell analisi e nell implementazione di algoitmi dei segnali in tempo disceto. Come

Dettagli

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito.

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito. Integrli de niti. Il problem di clcolre l re di un regione pin delimitt d gr ci di funzioni si può risolvere usndo l integrle de nito. L integrle de nito st l problem del clcolo di ree come l equzione

Dettagli

durante lo spostamento infinitesimo dr la quantità data dal prodotto scalare F dr

durante lo spostamento infinitesimo dr la quantità data dal prodotto scalare F dr 4. Lavoo ed enegia Definizione di lavoo di una foza Si considea un copo di massa m in moto lungo una ceta taiettoia. Si definisce lavoo infinitesimo fatto dalla foza F duante lo spostamento infinitesimo

Dettagli

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14)

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14) . Funzioni iniettive, suriettive e iiettive (Ref p.4) Dll definizione di funzione si ricv che, not un funzione y f( ), comunque preso un vlore di pprtenente l dominio di f( ) esiste un solo vlore di y

Dettagli

La scelta di equilibrio del consumatore. Integrazione del Cap. 21 del testo di Mankiw 1

La scelta di equilibrio del consumatore. Integrazione del Cap. 21 del testo di Mankiw 1 M.Blconi e R.Fontn, Disense di conomi: 3) quilirio del consumtore L scelt di equilirio del consumtore ntegrzione del C. 21 del testo di Mnkiw 1 Prte 1 l vincolo di ilncio Suonimo che il reddito di un consumtore

Dettagli

Forza centripeta e gravitazione

Forza centripeta e gravitazione pitolo 6 Foz centipet e gitzione 1. Il oto cicole Quli sono le ctteistiche del oto cicole? Un pticell si dice nit di oto cicole qundo l su tiettoi è un ciconfeenz. Lo studio di questo tipo di oto iene

Dettagli

ELETTROMAGNETI IBK Elettromagneti per l automazione flessibile

ELETTROMAGNETI IBK Elettromagneti per l automazione flessibile INDUCTIVE COMPONENTS I 0 I 0 IBK ELETTROMAGNETI IBK Elettomneti e l utomzione flessibile Ctloo eli elettomneti IBK e l zionmento ei sistemi oscillnti Eizione Mio 2004 www.eoitli.it/ootti/feee.tml Elettomneti

Dettagli

BOZZA. Lezione n. 20. Stati limite nel cemento armato Stato limite ultimo per tensioni normali

BOZZA. Lezione n. 20. Stati limite nel cemento armato Stato limite ultimo per tensioni normali Lezione n. Stati limite nel cemento armato Stato limite ultimo per tenioni normali Determinazione elle configurazioni i rottura per la ezione Una volta introotti i legami cotitutivi, è poibile eterminare

Dettagli

Esercizi sulle serie di Fourier

Esercizi sulle serie di Fourier Esercizi sulle serie di Fourier Corso di Fisic Mtemtic,.. 3- Diprtimento di Mtemtic, Università di Milno Novembre 3 Sviluppo in serie di Fourier (esponenzile) In questi esercizi, si richiede di sviluppre

Dettagli

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma INTEGRALI IMPROPRI. Integrli impropri su intervlli itti Dt un funzione f() continu in [, b), ponimo ε f() = f() ε + qundo il ite esiste. Se tle ite esiste finito, l integrle improprio si dice convergente

Dettagli

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) =

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) = Note ed esercizi di Anlisi Mtemtic - (Fosci) Ingegneri dell Informzione - 28-29. Lezione del 7 novembre 28. Questi esercizi sono reperibili dll pgin web del corso ttp://utenti.unife.it/dmino.fosci/didttic/mii89.tml

Dettagli

07 GUIDA ALLA PROGETTAZIONE. Guida alla progettazione

07 GUIDA ALLA PROGETTAZIONE. Guida alla progettazione 07 Guid ll progettzione Scelt tubzioni e giunti 2 tubi di misur [mm] Dimetro tubzioni unità esterne (A) Giunti 12Hp 1Hp 1Hp Selezionre il dimetro delle unità esterne dll seguente tbell Giunto Y tr unità

Dettagli

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Laboraorio di Algorimi e Sruure Dai Aniello Murano hp://people.na.infn.i people.na.infn.i/ ~murano/ 1 Algorimi per il calcolo di percori minimi u un grafo 1 Un emplice problema Pr oblema: Supponiamo che

Dettagli

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile Corso di Anlisi Mtemtic Clcolo integrle per funzioni di un vribile Lure in Informtic e Comuniczione Digitle A.A. 2013/2014 Università di Bri ICD (Bri) Anlisi Mtemtic 1 / 40 1 L integrle come limite di

Dettagli

Elementi della teoria della diffusione

Elementi della teoria della diffusione Elementi della teoia della diffusione Pe ottenee infomazioni sulla stuttua della mateia, dai nuclei ai solidi, si studia la diffusione scatteing) di paticelle: elettoni, paticelle alfa, potoni, neutoni,

Dettagli

R-402A R-404A R-410A R-507 SIZE COLOR CODE

R-402A R-404A R-410A R-507 SIZE COLOR CODE La temostatica BQ può essee pesonalizzata pe qualsiasi applicazione di efigeazione e condizionamento. Devi solo selezionae il coetto elemento temostatico, la giusta taglia dell oifizio ed il tipo di copo

Dettagli

13. EQUAZIONI ALGEBRICHE

13. EQUAZIONI ALGEBRICHE G. Smmito, A. Bernrdo, Formulrio di mtemti Equzioni lgerihe F. Cimolin, L. Brlett, L. Lussrdi. EQUAZIONI ALGEBRICHE. Prinipi di equivlenz Si die identità un'uguglinz tr due espressioni ontenenti un o più

Dettagli

Titolazione Acido Debole Base Forte. La reazione che avviene nella titolazione di un acido debole HA con una base forte NaOH è:

Titolazione Acido Debole Base Forte. La reazione che avviene nella titolazione di un acido debole HA con una base forte NaOH è: Titolzione Acido Debole Bse Forte L rezione che vviene nell titolzione di un cido debole HA con un bse forte NOH è: HA(q) NOH(q) N (q) A (q) HO Per quest rezione l costnte di equilibrio è: 1 = = >>1 w

Dettagli

Ing. Alessandro Pochì

Ing. Alessandro Pochì Dispense di Mtemtic clsse quint -Gli integrli Quest oper è distriuit con: Licenz Cretive Commons Attriuzione - Non commercile - Non opere derivte. Itli Ing. Alessndro Pochì Appunti di lezione svolti ll

Dettagli

CHAPTER 1 CINEMATICA. 1.1. Moto Rettilineo

CHAPTER 1 CINEMATICA. 1.1. Moto Rettilineo ESERCIZI DI FISICA CHAPTER 1 CINEMATICA 1.1. Moto Rettilineo Velocità media: vettoriale e calare. Exercie 1. Carl Lewi ha coro i 100m piani in circa 10, e Bill Rodger ha vinto la maratona (circa 4km)

Dettagli

Dinamica. Se un corpo non interagisce con altri corpi la sua velocità non cambia.

Dinamica. Se un corpo non interagisce con altri corpi la sua velocità non cambia. Poblema fondamentale: deteminae il moto note le cause (foze) pe oa copi «puntifomi» Dinamica Se un copo non inteagisce con alti copi la sua velocità non cambia. Se inizialmente femo imane in quiete, se

Dettagli

Il volume del cilindro è dato dal prodotto della superficie di base per l altezza, quindi

Il volume del cilindro è dato dal prodotto della superficie di base per l altezza, quindi Mtemtic per l nuov mturità scientific A. Bernrdo M. Pedone 3 Questionrio Quesito 1 Provre che un sfer è equivlente i /3 del cilindro circoscritto. r 4 3 Il volume dell sfer è 3 r Il volume del cilindro

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA PSICOGERIATRIA. anni di AIP. Relazione del Presidente in occasione del 10 Congresso Nazionale

ASSOCIAZIONE ITALIANA PSICOGERIATRIA. anni di AIP. Relazione del Presidente in occasione del 10 Congresso Nazionale ASSOCIAZIONE ITALIANA PSICOGERIATRIA anni di AIP Relazione del Preidente in occaione del 10 Congreo Nazionale Gardone Riviera (BS), 15 aprile 2010 Preidenti Onorari Mario Barucci Lodovico Frattola Pat

Dettagli

3. La velocità v di un satellite in un orbita circolare di raggio r intorno alla Terra è v = e,

3. La velocità v di un satellite in un orbita circolare di raggio r intorno alla Terra è v = e, Capitolo 10 La gavitazione Domande 1. La massa di un oggetto è una misua quantitativa della sua inezia ed è una popietà intinseca dell oggetto, indipendentemente dal luogo in cui esso si tova. Il peso

Dettagli

INTERCONNESSIONE CONNETTIVITÀ

INTERCONNESSIONE CONNETTIVITÀ EMC VMA AX 10K EMC VMAX 10K fornisce e un'rchitettu ur scle-out multi-controlller Tier 1 rele e che nsolidmento ed efficienz. EMC VMAX 10 0K utilizz l stess s grntisce lle ziende con stemi VMAX 20 0K e

Dettagli

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x Appunti elorti dll prof.ss Biondin Gldi Funzione integrle Si y = f() un funzione continu in un intervllo [; ] e si 0 [; ]; l integrle 0 f()d si definisce Funzione Integrle; si chim funzione integrle in

Dettagli

Campo elettrostatico nei conduttori

Campo elettrostatico nei conduttori Campo elettostatico nei conduttoi Consideeemo conduttoi metallici (no gas, semiconduttoi, ecc): elettoni di conduzione libei di muovesi Applichiamo un campo elettostatico: movimento di caiche tansiente

Dettagli

ALU STAFFE IN ALLUMINIO SENZA FORI

ALU STAFFE IN ALLUMINIO SENZA FORI ALU STAFFE IN ALLUMINIO SENZA FORI Giunzione a compara in lega di alluminio per utilizzo in ambienti interni ed eterni (cl. di erv. 2) Preforata con ditanze ottimizzate per giunzioni ia u legno (chiodi

Dettagli

VERIFICA DI UN CIRCUITO RESISTIVO CONTENENTE PIÙ GENERATORI CON UN TERMINALE COMUNE E SENZA TERMINALE COMUNE.

VERIFICA DI UN CIRCUITO RESISTIVO CONTENENTE PIÙ GENERATORI CON UN TERMINALE COMUNE E SENZA TERMINALE COMUNE. FCA D UN CCUTO SSTO CONTNNT PÙ GNATO CON UN TMNAL COMUN SNZA TMNAL COMUN. Si verifino quttro iruiti on due genertori: genertori on polrità onorde e un terminle omune genertori on polrità disorde e un terminle

Dettagli

Problemi di massimo e minimo in Geometria Solida Problemi su poliedri. Indice dei problemi risolti

Problemi di massimo e minimo in Geometria Solida Problemi su poliedri. Indice dei problemi risolti Problemi di mssimo e minimo in Geometri olid Problemi su poliedri Indice dei problemi risolti In generle, un problem si riferisce un figur con crtteristice specifice (p.es., il numero dei lti dell bse)

Dettagli

). Per i tre casi indicati sarà allora: 1: L L 2

). Per i tre casi indicati sarà allora: 1: L L 2 apitolo 0 Enegia potenziale elettica Domane. Il lavoo pe spostae una caica ta ue punti è: L 0(! ). Pe i te casi inicati saà alloa: L (50! 00 ) (50 ) : 0 0 : L 0! 0 3: L 0! 0 [5 ( 5 )] (50 ) [ 0 ( 60 )]

Dettagli

Variazioni di sviluppo del lobo frontale nell'uomo

Variazioni di sviluppo del lobo frontale nell'uomo Istituto di Antropologi dell Regi Università di Rom Vrizioni di sviluppo del lobo frontle nell'uomo pel Dott. SERGIO SERGI Libero docente ed iuto ll cttedr di Antropologi. Il problem dei rpporti di sviluppo

Dettagli

Messa a punto avanzata più semplice utilizzando Funzione Load Observer

Messa a punto avanzata più semplice utilizzando Funzione Load Observer Mea a punto avanzata più emplice utilizzando Funzione Load Oberver EMEA Speed & Poition CE Team AUL 34 Copyright 0 Rockwell Automation, Inc. All right reerved. Co è l inerzia? Tutti comprendiamo il concetto

Dettagli

Algoritmi di visita di un grafo

Algoritmi di visita di un grafo Algoimi di iia di n gafo Ilaia Caelli caelli@dii.nii.i Unieià degli Sdi di Siena Dipaimeno di Ingegneia dell Infomazione A.A. 2009/2010 I. Caelli Viia di n gafo, A.A. 2009/2010 1/44 Gafi Viia in ampiezza

Dettagli

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE Soluzioni di quesiti e prolemi trtti dl Corso Bse Blu di Mtemti volume 5 [] (Es. n. 8 pg. 9 V) Dell prol f ( ) si hnno le seguenti informzioni, tutte

Dettagli

Esempio Data la matrice E estraiamo due minori di ordine 3 differenti:

Esempio Data la matrice E estraiamo due minori di ordine 3 differenti: Minori di un mtrice Si A K m,n, si definisce minore di ordine p con p N, p

Dettagli

Appunti di Analisi matematica 1. Paolo Acquistapace

Appunti di Analisi matematica 1. Paolo Acquistapace Appunti di Anlisi mtemtic Polo Acquistpce 23 febbrio 205 Indice Numeri 4. Alfbeto greco................................. 4.2 Insiemi..................................... 4.3 Funzioni....................................

Dettagli

Macchine elettriche in corrente continua

Macchine elettriche in corrente continua cchine elettriche in corrente continu Generlità Può essere definit mcchin un dispositivo che convert energi d un form un ltr. Le mcchine elettriche in prticolre convertono energi elettric in energi meccnic

Dettagli

Fatturiamo. Versione 5. Manuale per l utente. Active Software Corso Italia 149-34170 Gorizia email info@activeweb.it

Fatturiamo. Versione 5. Manuale per l utente. Active Software Corso Italia 149-34170 Gorizia email info@activeweb.it Ftturimo Versione 5 Mnule per l utente Active Softwre Corso Itli 149-34170 Gorizi emil info@ctiveweb.it Se questo documento ppre nell finestr del vostro browser Internet di defult, richimte il comndo Registr

Dettagli

Errori di misura. è ragionevole assumere che una buona stima del valore vero sia la media

Errori di misura. è ragionevole assumere che una buona stima del valore vero sia la media Errori di miura Se lo trumento di miura è abbatanza enibile, la miura rietuta della tea grandezza fiica darà riultati diveri fra loro e fluttuanti in modo caratteritico. E l effetto di errori cauali, o

Dettagli

I principi della Dinamica. L azione di una forza è descritta dalle leggi di Newton, possono fare Lavoro e trasferire Energia

I principi della Dinamica. L azione di una forza è descritta dalle leggi di Newton, possono fare Lavoro e trasferire Energia I pincipi della Dinamica Un oggetto si mette in movimento quando viene spinto o tiato o meglio quando è soggetto ad una foza 1. Le foze sono gandezze fisiche vettoiali che influiscono su un copo in modo

Dettagli

Le spese di ricerca e sviluppo: gestione contabile ed iscrizione in bilancio *

Le spese di ricerca e sviluppo: gestione contabile ed iscrizione in bilancio * www.solmp.it Le : gestione contbile ed iscrizione in bilncio * Piero Pisoni, Fbrizio Bv, Dontell Busso e Alin Devlle ** 1. Premess Le sono esminte nei seguenti spetti: Il presente elborto è trtto d: definizione

Dettagli

Domanda n. del Pensione n. cat. abitante a Prov. CAP. via n. DICHIARA, sotto la propria responsabilità, che per gli anni:

Domanda n. del Pensione n. cat. abitante a Prov. CAP. via n. DICHIARA, sotto la propria responsabilità, che per gli anni: Mod. RED Sede di Domnd n. del Pensione n. ct. nto il stto civile bitnte Prov. CAP vi n. DICHIARA, sotto l propri responsbilità, che per gli nni: A B (brrre l csell reltiv ll propri situzione) NON POSSIEDE

Dettagli

Definizioni fondamentali

Definizioni fondamentali Definizioni fondmentli Sistem scisse su un rett 1 Un rett si ce orientt qundo su ess è fissto un verso percorrenz Dti due punti qulsisi A e B un rett orientt r, il segmento AB che può essere percorso d

Dettagli

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione RELAZIONI E FUNZIONI Relzioni inrie Dti ue insiemi non vuoti e (he possono eventulmente oiniere), si ie relzione tr e un qulsisi legge he ssoi elementi elementi. L insieme A è etto insieme i prtenz. L

Dettagli

11. Attività svolta dall Agenzia, risorse e aspetti organizzativi

11. Attività svolta dall Agenzia, risorse e aspetti organizzativi 11. Attività svolt dll Agenzi, risorse e spetti orgnizztivi 11.1 Attività istituzionle svolt i sensi dell Deliberzione istitutiv In un vlutzione complessiv delle ttività svolte dll Agenzi i sensi dell

Dettagli

Gravitazione Universale

Gravitazione Universale Gavitazione Univesale Liceo Ginnasio Statale S.M. Legnani Anno Scolastico 2007/08 Classe 3B IndiizzoClassico Pof.Robeto Squellati 1 Le leggi di Kepleo Ossevando la posizione di Mate ispetto alle alte stelle,

Dettagli

INDURIMENTO SUPERFICIALE DI LEGHE DI TITANIO MEDIANTE TRATTAMENTI TERMICI DI DIFFUSIONE DI Ni

INDURIMENTO SUPERFICIALE DI LEGHE DI TITANIO MEDIANTE TRATTAMENTI TERMICI DI DIFFUSIONE DI Ni Memorie >> Titnio e ue leghe INDURIMENTO SUPERFICIALE DI LEGHE DI TITANIO MEDIANTE TRATTAMENTI TERMICI DI DIFFUSIONE DI Ni I. Rmpin, K. Brunelli, M. Dlà In queto lvoro ono tti ottenuti rivetimenti di Ni

Dettagli

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N Operzioi fodetli i - 1 Le operzioi fodetli i Bsic Arithetic Opertios i I geerle u operzioe è u procedieto che due o più ueri, dti i u certo ordie e detti terii dell'operzioe, e ssoci u ltro, detto risultto

Dettagli

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010 Corso di ordinmnto - Sssion suppltiv -.s. 9- PROBLEMA ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE SUPPLETIA Tm di: MATEMATICA. s. 9- Dt un circonrnz di cntro O rggio unitrio, si prndno

Dettagli

Impianti VAV di ultima generazione

Impianti VAV di ultima generazione PANORAMICA Impianti VAV di ultima generazione Prodotti all'avanguardia per la ventilazione regolabile u richieta! www.wegon.com La ventilazione regolabile u richieta garantice grande comfort e coti di

Dettagli

v999999999 Italià (més grans de 25 anys) Aferrau una etiqueta identificativa Convocatòri a 2015 de codi de barres Model 1

v999999999 Italià (més grans de 25 anys) Aferrau una etiqueta identificativa Convocatòri a 2015 de codi de barres Model 1 Aferru un etiquet identifictiv v999999999 de codi de brres Itlià (més grns de 25 nys) Model 1 Not 1ª Not 2ª Aferru l cpçler d exmen un cop cbt l exercici Puntució: preguntes vertder/fls: 1 punt; preguntes

Dettagli

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino:

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino: Prof. Emnul ANDRISANI Studio di funzion Funzioni rzionli intr n n o... n n Crttristich: sono funzioni continu drivbili in tutto il cmpo rl D R quindi non sistono sintoti vrticli D R quindi non sistono

Dettagli

Raffinamenti dell equilibrio di Nash

Raffinamenti dell equilibrio di Nash Raffinamenti dell equilibrio di Nah equilibri perfetti nei ottogiohi (SPE) ed altro Appunti a ura di Fioravante PATRONE verione del: maggio ndie Equilibri perfetti nei ottogiohi (SPE) SPE problematii 4

Dettagli

LE IRRESISTIBILI DOLCI TENTAZIONI DEL MOMENTO, SCEGLI LA TUA BASE SCATENA LA TUA FANTASIA CONQUISTA TANTI NUOVI CLIENTI!

LE IRRESISTIBILI DOLCI TENTAZIONI DEL MOMENTO, SCEGLI LA TUA BASE SCATENA LA TUA FANTASIA CONQUISTA TANTI NUOVI CLIENTI! Le ALL ITALIANA CREA LA TUA ALL ITALIANA Decidi di essere oriin le, cre tivo e diverso d i tuoi concorrenti : Cre le tue person lissime cup c kes ll it li n, LE IRRESISTIBILI DOLCI TENTAZIONI DEL MOMENTO,

Dettagli

Lezione 4. Risposte canoniche dei sistemi del primo e del secondo ordine

Lezione 4. Risposte canoniche dei sistemi del primo e del secondo ordine Lezione 4 Ripoe canoniche dei iemi del primo e del econdo ordine Parameri caraeriici della ripoa allo calino Per ripoe canoniche i inendono le ripoe dei iemi dinamici ai egnali coiddei canonici (impulo,

Dettagli

LE INTERSEZIONI Dispense didattiche di TOPOGRAFIA

LE INTERSEZIONI Dispense didattiche di TOPOGRAFIA lsse qurt Docente: In. Ntt MODULO I: IL RILIEVO TOOGRFIO UD I: L INQUDRMENTO ON LE RETI - INTERSEZIONI LE INTERSEZIONI Dispense didttiche di TOOGRFI r M unto di ollins O s θ 00 O d O d 00 θ θ ω ' ω θ c'

Dettagli

Linguaggio del calcolatore. Algebra di Boole AND, OR, NOT. Notazione. And e or. Circuiti e reti combinatorie. Appendice A + dispense

Linguaggio del calcolatore. Algebra di Boole AND, OR, NOT. Notazione. And e or. Circuiti e reti combinatorie. Appendice A + dispense Linguaggio del calcolatore Circuiti e reti combinatorie ppendice + dispense Solo assenza o presenza di tensione: o Tante componenti interconnesse che si basano su e nche per esprimere concetti complessi

Dettagli

ESERCITAZIONI. I. 1)Una coppia ha già due figlie. Se pianificassero di avere 6 figli, con quale probabilità avranno una famiglia di tutte figlie?

ESERCITAZIONI. I. 1)Una coppia ha già due figlie. Se pianificassero di avere 6 figli, con quale probabilità avranno una famiglia di tutte figlie? ESERCITZIONI. I 1)Un coppi h già due figlie. Se pinificssero di vere 6 figli, con qule probbilità vrnno un fmigli di tutte figlie? ) 1/4 b)1/8 c)1/16 d)1/32 e)1/64 2)In un fmigli con 3 bmbini, qul e l

Dettagli

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it)

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it) I rdicli Cludio CANCELLI (www.cludioccelli.it) Ed..0 www.cludioccelli.it Dec. 0 I rdicli INDICE DEI CONTENUTI. I RADICALI... INDICE DI RADICE PARI...4 INDICE DI RADICE DISPARI...5 RADICALI SIMILI...6 PROPRIETA

Dettagli

Dott.ssa Caterina Gurrieri

Dott.ssa Caterina Gurrieri Dott.ssa Caterina Gurrieri Le relazioni tra caratteri Data una tabella a doppia entrata, grande importanza riveste il misurare se e in che misura le variabili in essa riportata sono in qualche modo

Dettagli

Numeri razionali COGNOME... NOME... Classe... Data...

Numeri razionali COGNOME... NOME... Classe... Data... I numeri rzionli Cpitolo Numeri rzionli Verifi per l lsse prim COGNOME............................... NOME............................. Clsse.................................... Dt...............................

Dettagli

Biblioteca Tecnica Knauf 05/2006. L acustica con Knauf. Soluzioni tecniche per l edilizia civile e industriale

Biblioteca Tecnica Knauf 05/2006. L acustica con Knauf. Soluzioni tecniche per l edilizia civile e industriale Biliotec Tecnic Knuf 05/2006 L cutic con Knuf Indice 1. Introduzione...4 2. Suoni e rumori...5 Glorio...5 Rumori erei...5 Rumori impttivi...6 Tempo di rivererzione (T60)...6 Fonoiolmento e fonoorimento...7

Dettagli

Comparazione delle performance di 6 cloni di Gamay ad altitudine elevata

Comparazione delle performance di 6 cloni di Gamay ad altitudine elevata Comprzione delle performnce di 6 cloni di Gmy d ltitudine elevt 1 / 46 Motivzioni Selezione clonle IAR-4 Lo IAR-4 è stto selezionto in mbiente montno d un prticolre popolzione di mterile stndrd, dll qule

Dettagli

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI . L'INSIEME DEI NUMERI REALI. I pricipli isiemi di umeri Ripredimo i pricipli isiemi umerici N, l'isieme dei umeri turli 0; ; ; ; ;... L'ide ituitiv di umero turle è ssocit l prolem di cotre e ordire gli

Dettagli

Matrice rappresent. Base ker e img. Rappresentazione cartesiana ker(f) + im(f).

Matrice rappresent. Base ker e img. Rappresentazione cartesiana ker(f) + im(f). Due Matrici A,B. Ker f = ker g. 1- Ridurre a scala A e B e faccio il sistema. 2 Se Vengono gli stessi valori allora, i ker sono uguali. Cauchy 1 autovalore, 1- Metto a matrice x1(0),x2(0),x3(0) e la chiamo

Dettagli

a Crediamo nel concetto di cucina a chilometro zero e nei prodotti di stagione, crediamo nel rispetto dell ambiente e delle tradizioni.

a Crediamo nel concetto di cucina a chilometro zero e nei prodotti di stagione, crediamo nel rispetto dell ambiente e delle tradizioni. Credimo nel concetto di cucin chilometro zero e nei prodotti di stgione, credimo nel rispetto dell mbiente e delle trdizioni. L nostr propost enogstronomic è bst sull riscopert delle ricette più semplici

Dettagli

ISTRUZIONI OPERATIVE PER GLI INTERVENTI SULLE TARIFFE INCENTIVANTI RELATIVE AGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI ai sensi dell art. 26 della Legge 116/2014

ISTRUZIONI OPERATIVE PER GLI INTERVENTI SULLE TARIFFE INCENTIVANTI RELATIVE AGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI ai sensi dell art. 26 della Legge 116/2014 ISTRUZIONI OPERATIVE PER GLI INTERVENTI SULLE TARIFFE INCENTIVANTI RELATIVE AGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI i sensi dell rt. 26 dell Legge 116/2014 (c.d. Legge Copetitività ) Ro, 3 novebre 2014 Indice 1. Contesto

Dettagli

PROBLEMI. 1) Calcolare il tempo impiegato dal suono per percorrere 8 Km. La velocità del suono nell aria è v = 340 m/s.

PROBLEMI. 1) Calcolare il tempo impiegato dal suono per percorrere 8 Km. La velocità del suono nell aria è v = 340 m/s. PROBLEMI 1) Calcolare il tempo impiegato dal uono per percorrere 8 Km. La velocità del uono nell aria è v = 340 m/. ) Dopo quanto tempo un onda onora emea da un punto ditante 400 m da una uperficie ripaa

Dettagli

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso.

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso. I vettor B Un segmento orentto è un segmento su cu è stto fssto un verso B d percorrenz, d verso oppure d verso. A A Il segmento orentto d verso è ndcto con l smolo. Due segment orentt che hnno l stess

Dettagli

EQUILIBRI IN SOLUZIONE ACQUOSA

EQUILIBRI IN SOLUZIONE ACQUOSA Dispense CHIMICA GENERALE E ORGANICA (STAL) 010/11 Prof. P. Crloni EQUILIBRI IN SOLUZIONE ACQUOSA Qundo si prl di rezioni di equilirio dei composti inorgnici, un considerzione prticolre viene rivolt lle

Dettagli

VBA. Il Visual Basic for Application. Funz ioni

VBA. Il Visual Basic for Application. Funz ioni VBA Il Visual Basic for Application Le funz ioni Le procedure Funz ioni µ E pos s ibile (e cons igliato) s comporre un problema i n sotto- problemi e combinar e poi assieme le s oluz i oni per ottenere

Dettagli

Sistemi e modelli matematici

Sistemi e modelli matematici 0.0.. Sistemi e modelli matematici L automazione è un complesso di tecniche volte a sostituire l intervento umano, o a migliorarne l efficienza, nell esercizio di dispositivi e impianti. Un importante

Dettagli

Cuscinetti ad una corona di sfere a contatto obliquo

Cuscinetti ad una corona di sfere a contatto obliquo Cuscinetti d un coron di sfere conttto obliquo Cuscinetti d un coron di sfere conttto obliquo 232 Definizione ed ttitudini 232 Serie 233 Vrinti 233 Tollernze e giochi 234 Elementi di clcolo 236 Crtteristiche

Dettagli

Esercizi della 8 lezione sulla Geomeria Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ERCIZI SULL' IPERBOLE

Esercizi della 8 lezione sulla Geomeria Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ERCIZI SULL' IPERBOLE Eserizi dell lezione sull Geomeri Linere ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA ESERCIZI SULLA PARABOLA ESERCIZI SULL' ELLISSE ES ERCIZI SULL' IPERBOLE ESERCIZI SULLA CIRCONFERENZA. Determinre l equzione dell ironferenz

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

Metodi d integrazione di Montecarlo

Metodi d integrazione di Montecarlo Metodi d itegrzioe di Motecrlo Simulzioe l termie simulzioe ell su ccezioe scietific h u sigificto diverso dll ccezioe correte. Nell uso ordirio è sioimo si fizioe; ell uso scietifico è sioimo di imitzioe,

Dettagli

STATISTICA 1 ESERCITAZIONE 1 CLASSIFICAZIONE DELLE VARIABILI CASUALI

STATISTICA 1 ESERCITAZIONE 1 CLASSIFICAZIONE DELLE VARIABILI CASUALI STATISTICA 1 ESERCITAZIONE 1 Dott. Giuseppe Pandolfo 30 Settembre 2013 Popolazione statistica: insieme degli elementi oggetto dell indagine statistica. Unità statistica: ogni elemento della popolazione

Dettagli

EQUAZIONI CON VALORE ASSOLUTO

EQUAZIONI CON VALORE ASSOLUTO VALORE AOLUTO EQUAZIONI CON VALORE AOLUTO Esercizi DIEQUAZIONI CON VALORE AOLUTO Esercizi Prof. Giulia Cagnetta ITI Marconi Domodossola (VB) *EQUAZIONI CON VALORE AOLUTO Data una qualsiasi espressione

Dettagli

1. Integrazione di funzioni razionali fratte

1. Integrazione di funzioni razionali fratte . Integazone d fnzon azonal fatte P S songa d vole calcolae n ntegale del to: d Q ove P e Q sono olno nell ndetenata d gado assegnato. Sonao ce: P a n n a n n a a Q b b b b oleent s etod d ntegazone I

Dettagli

SCOMPOSIZIONE IN FATTORI DI UN POLINOMIO

SCOMPOSIZIONE IN FATTORI DI UN POLINOMIO SCOMPOSIZIONE IN FATTORI DI UN POLINOMIO Così come avviene per i numeri ( 180 = 5 ), la scomposizione in fattori di un polinomio è la trasformazione di un polinomio in un prodotto di più polinomi irriducibili

Dettagli

Vietata la pubblicazione, la riproduzione e la divulgazione a scopo di lucro.

Vietata la pubblicazione, la riproduzione e la divulgazione a scopo di lucro. Viett l pubbliczione, l riprouzione e l ivulgzione scopo i lucro. GA00001 Qul è l mpiezz ell ngolo che si ottiene ) 95 b) 275 c) 265 ) 5 b sottreno 85 un ngolo giro? GA00002 Due ngoli ll circonferenz che

Dettagli

Il modello relazionale. Il Modello Relazionale. Il modello relazionale. Relazione. Dominio. Esempio

Il modello relazionale. Il Modello Relazionale. Il modello relazionale. Relazione. Dominio. Esempio Il Moello elzionle Proposto E. F. o nel 1970 per vorire l inipenenz ei ti e reso isponiile ome moello logio in DM reli nel 1981 si s sul onetto mtemtio i relzione, questo ornise l moello un se teori he

Dettagli

Unità Didattica N 28 Punti notevoli di un triangolo

Unità Didattica N 28 Punti notevoli di un triangolo 68 Unità Didattica N 8 Punti notevoli di un triangolo Unità Didattica N 8 Punti notevoli di un triangolo 0) ircocentro 0) Incentro 03) Baricentro 04) Ortocentro Pagina 68 di 73 Unità Didattica N 8 Punti

Dettagli

I.12. Elementi di teoria dell urto

I.12. Elementi di teoria dell urto Corso di fisica generale a cura di Claudio Cereda rel. 5. 7 marzo 04 I.. Elementi di teoria dell urto Cos è un urto? L urto totalmente anelastico L urto elastico Il rallentamento dei neutroni Quesiti di

Dettagli

Pubblica. Inchiesta. Progett PROGETTO. Protezione contro i fulmini C. 994 30-06-2008 81-10; V... IMPIANTI E SICUREZZA DI ESERCIZIO

Pubblica. Inchiesta. Progett PROGETTO. Protezione contro i fulmini C. 994 30-06-2008 81-10; V... IMPIANTI E SICUREZZA DI ESERCIZIO N O R M A I T A L I A N A C E I Data Scadenza C. 994 30-06-2008 Data zione 2008- Classificazione 81-10; V... Titolo Protezione contro i fulmi Title n IMPIANTI E SICUREZZA DI ESERCIZIO PROGETTO 1 Progett

Dettagli

LEZIONE 14. a 1,1 v 1 + a 1,2 v 2 + a 1,3 v 3 + + a 1,n 1 v n 1 + a 1,n v n = w 1

LEZIONE 14. a 1,1 v 1 + a 1,2 v 2 + a 1,3 v 3 + + a 1,n 1 v n 1 + a 1,n v n = w 1 LEZIONE 14 141 Dimensione di uno spazio vettoriale Abbiamo visto come l esistenza di una base in uno spazio vettoriale V su k = R, C, permetta di sostituire a V, che può essere complicato da trattare,

Dettagli

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento.

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. Excel: le funzioni Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. DEFINIZIONE: Le funzioni sono dei procedimenti

Dettagli

Appendice I. Principali procedure ed istruzioni per la gestione di files, l'analisi statistica di tipo descrittivo e la correlazione semplice

Appendice I. Principali procedure ed istruzioni per la gestione di files, l'analisi statistica di tipo descrittivo e la correlazione semplice . Principali procedure ed istruzioni per la gestione di files, l'analisi statistica di tipo descrittivo e la correlazione semplice Ordinamento di osservazioni: PROC SORT PROC SORT DATA=fa il sort è numerico

Dettagli

Curve caratteristiche meccaniche di motori elettrici C.C.

Curve caratteristiche meccaniche di motori elettrici C.C. Motoi 1 Idie ue aatteistihe meaihe di motoi elettii.. osideazioi geeali Motoi ad eitazioe idipedete 1 Opeazioi o oete d eitazioe ostate Opeazioi o oete d eitazioe aiabile e tesioe d amatua ostate Motoi

Dettagli

Il villaggio delle fiabe

Il villaggio delle fiabe Il villaggio delle fiabe Idea Progetto bambini 2^ A A. Mei Costruzione Direzione dei lavori maestre L idea di partenza Il DADO è un cubo. Noi siamo molto curiosi e ci siamo posti questa domanda: Come sono

Dettagli

Liste di specie e misure di diversità

Liste di specie e misure di diversità Lte d pece e mure d dvertà Carattertche delle lte d pece I dat ono par, coè hanno molt valor null (a volte la maggoranza!) La gran parte delle pece preent è rara. I fattor ambental che nfluenzano la dtrbuzone

Dettagli

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario Prot. Novara, 20 luglio 20 OGGETTO: CALENDARIO DEGLI IMPEGNI DI SETTEMBRE 20 Date Impegni Orario 1 settembre Collegio Docenti :00 2 settembre Prove studenti con giudizio sospeso (vedi elenco) 8:30 3 settembre

Dettagli