SEGNALAZIONI ALL AGENZIA DELLE ENTRATE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SEGNALAZIONI ALL AGENZIA DELLE ENTRATE"

Transcript

1 SEGNALAZIONI ALL AGENZIA DELLE ENTRATE V A D E M E C U M A D U S O D E I C O M U N I Luglio 2009 Agenzia delle Entrate Direzione Regionale del Molise

2

3 3 di 34 Prefazione La lotta all evasione rappresenta da sempre un elemento essenziale per la garanzia della corretta convivenza civile, ma che assume, in questo momento di crisi internazionale, una rilevanza particolarmente strategica per il Paese. L Agenzia delle Entrate è da sempre impegnata in questa attività al massimo delle proprie potenzialità, ma oggi appare fondamentale il coinvolgimento diretto del cittadino e degli Enti locali, con i Comuni in prima linea. Il Comune è la prima espressione della volontà popolare di darsi una guida, un complesso di regole di gestione e un garante del bene comune, ed è questo che lo rende il miglior conoscitore della realtà in cui vive e opera, oltre che il partner ideale dell Agenzia delle Entrate nel contrastare il fenomeno dell evasione. Nell ottica di collaborazione tra Enti che ha caratterizzato l evoluzione della Pubblica Amministrazione negli ultimi decenni, la Direzione Regionale del Molise dell Agenzia delle Entrate ha stilato undici protocolli d intesa con altrettanti Comuni, tra cui i due capoluoghi di provincia della Regione, con l obiettivo di garantire una maggiore efficacia dell azione di contrasto all evasione sul proprio territorio. Partendo dalla certezza che i soggetti firmatari siano fermamente convinti che tutti sono tenuti a concorrere alle spese pubbliche - secondo il dettato costituzionale - in ragione della loro capacità contributiva, è stata pensata questa guida che intende dare corpo e sostanza ai protocolli già firmati e a quelli che seguiranno. La Guida ha, dunque, lo scopo di dare un supporto operativo, reale, a chi si occuperà di alimentare la procedura di segnalazione all Agenzia delle Entrate, nello spirito di collaborazione e chiarezza che deve animare tutti i rapporti tra gli enti deputati a fare gli interessi della collettività, affinché i protocolli d intesa non si limitino ad essere contenitori vuoti, belle parole messe su carta insieme a tanti buoni propositi, ma rappresentino un ulteriore incisivo strumento nella lotta all evasione. Rossella Rotondo Direttore Regionale del Molise

4 4 di 34 I riferimenti dell Agenzia delle Entrate in Molise DIREZIONE REGIONALE DEL MOLISE Indirizzo: via A. Scatolone, Campobasso Centralino: DIREZIONE PROVINCIALE DI ISERNIA Indirizzo: via G. Veneziale, Isernia Centralino: Ufficio Controlli: Ufficio Territoriale: UFFICIO LOCALE DI CAMPOBASSO Indirizzo: piazzale G. Palatucci, Campobasso Centralino: UFFICIO LOCALE DI LARINO Indirizzo: viale G. Cesare, Larino (CB) Centralino: UFFICIO LOCALE DI TERMOLI Indirizzo: via Egadi, Termoli (CB) Centralino:

5 5 di 34 SOMMARIO PROCEDURA SEGNALAZIONI ALL AGENZIA DELLE ENTRATE : LE RISPOSTE ALLE DOMANDE FREQUENTI 6 1. Quali sono le ragioni della collaborazione tra Agenzia delle Entrate e Comuni nel contrasto all evasione e come si attua? 6 2. Quali sono gli elementi fondamentali alla base dello scambio di informazioni? 7 3. Cos è una segnalazione qualificata e come funziona la partecipazione del Comune all attività di accertamento? Svolgimento di attività senza partita IVA Svolgimento di attività diversa da quella dichiarata esercenti attività d impresa, arti e professioni Svolgimento di attività diversa da quella dichiarata circoli ricreativi ed enti non commerciali Proprietà o diritto reale in assenza di contratti registrati Beni indicanti capacità contributiva Quali sono i possibili ambiti di intervento? Come funziona lo scambio di dati tra i Comuni e l Agenzia delle Entrate? Come possono accedere all applicazione SIATEL i soggetti incaricati? Quali sono e a cosa servono le altre funzioni presenti nella procedura? Cosa accade una volta che la segnalazione è stata inserita nella procedura SIATEL? Conclusioni 32 Appendice - CHIARIMENTI SUI RIFERIMENTI NORMATIVI 33

6 6 di 34 PROCEDURA SEGNALAZIONI ALL AGENZIA DELLE ENTRATE : LE RISPOSTE ALLE DOMANDE FREQUENTI 1. Quali sono le ragioni della collaborazione tra Agenzia delle Entrate e Comuni nel contrasto all evasione e come si attua? La lotta all evasione è divenuta negli ultimi anni una priorità che investe non solo lo Stato, con i suoi organi ed enti istituzionalmente deputati a contrastarla, ma anche tutti i soggetti pubblici che sono a diretto contatto con le specifiche realtà territoriali. Diretti interessati e partners ideali di questa sfida dei nostri tempi sono i Comuni, attraverso il cui coinvolgimento partecipato è possibile realizzare l ampliamento dell azione di contrasto sul territorio ed una sua sempre maggiore efficacia. Già l articolo 44 del Decreto del Presidente della Repubblica del 29/09/1973 n stabiliva che: i Comuni partecipano all accertamento dei redditi delle persone fisiche; il Comune di domicilio fiscale del contribuente può segnalare all ufficio delle imposte dirette qualsiasi integrazione degli elementi contenuti nelle dichiarazioni presentate dalle persone fisiche, indicando dati, fatti ed elementi rilevanti e fornendo ogni idonea documentazione atta a comprovarla. L articolo 1 del decreto Legge del 30/09/2005 n sancisce che la partecipazione dei Comuni all accertamento fiscale è incentivata mediante il riconoscimento di una quota pari al 30% delle maggiori somme relative a tributi statali e riscosse a titolo definitivo, a seguito dell intervento del Comune 3 ; con provvedimento del Direttore dell Agenzia delle Entrate sono stabilite le modalità di accesso alle banche dati e di trasmissione ai Comuni, nonché quelle della loro partecipazione all accertamento fiscale. Lo stesso decreto stabilisce che il Dipartimento delle Finanze fornisce ai Comuni, con cadenza semestrale, l elenco delle iscrizioni a ruolo delle somme derivanti da accertamenti ai quali gli stessi abbiano contribuito. In questo contesto, il capoluogo di Regione, il secondo capoluogo di Provincia più altri comuni per un totale di undici Comuni molisani ossia Campobasso, Bojano, Busso, Guglionesi, Macchia Valfortore, Oratino, Petacciato e Rotello per la provincia di Campobasso e Isernia, Castelpetroso e Venafro per la provincia di Isernia - e la Direzione Regionale del Molise dell Agenzia delle Entrate, hanno voluto ribadire, attraverso specifici protocolli d intesa, la propria adesione a collaborare attivamente per determinare, in modo coordinato e finalizzato alla realtà regionale, le modalità 1 In vigore fino al 25/04/ modificato dal D.P.R. del 28/11/1980 n. 787 art Convertito con modificazioni dalla legge n. 248 del 2 dicembre 2005, integrato dal D.L. 25/08/2008, n Nel caso di partecipazione di più Comuni all accertamento di una medesima posizione soggettiva si avrà la ripartizione in uguale misura della quota pari al 30 per cento delle maggiori somme riscosse a titolo definitivo.

7 7 di 34 operative attraverso le quali i Comuni della regione possono partecipare costruttivamente e positivamente alla lotta all evasione. 2. Quali sono gli elementi fondamentali alla base dello scambio di informazioni? Il Provvedimento del Direttore dell Agenzia delle Entrate del 3 dicembre (adottato di intesa con la Conferenza Stato - Città ed Autonomie Locali) dà attuazione a quanto disposto dal sopra citato art. 1 del D.L. del 30 settembre 2005, n. 203 e specifica gli elementi fondamentali alla base dell interscambio informativo tra Comuni e Agenzia delle Entrate: 1. l Agenzia delle Entrate rende disponibili ai Comuni i flussi informativi relativi a contratti di somministrazione di acqua, energia elettrica e gas, contratti di locazione di immobili, bonifici bancari e postali per ristrutturazioni edilizie e le informazioni relative alle denunce di successione che abbiano ad oggetto immobili; 2. i Comuni, dopo apposita attività istruttoria realizzata anche mediante l utilizzo del patrimonio informativo a disposizione, trasmettono all Agenzia delle Entrate SEGNALAZIONI QUALIFICATE. La partecipazione del comune dell accertamento può essere attuata direttamente dall Ente locale o dalle società ed enti partecipati o incaricati per le attività di supporto ai controlli fiscali sui tributi comunali; i Comuni partecipano all attività di accertamento fiscale fornendo informazioni suscettibili di utilizzo ai fini dell accertamento dei tributi erariali, diretti ed indiretti. Le segnalazioni dei Comuni sono primariamente riferite a situazioni sintomatiche di fenomeni evasivi, con particolare riguardo all economia sommersa ed all utilizzo del patrimonio immobiliare in evasione delle imposte relative. Presupposti del riconoscimento economico della partecipazione all attività di controllo Attività Ente preposto / Responsabile Effettuazione della segnalazione Comune Inserimento della segnalazione nel Piano Annuale Agenzia delle Entrate dei Controlli (P.A.C.) Emissione dell atto impositivo Agenzia delle Entrate Avvenuta riscossione a titolo definitivo Tabella 1 Contribuente/ Agente della riscossione 4 Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 17 dicembre 2007, n. 292.

8 8 di Cos è una segnalazione qualificata e come funziona la partecipazione del Comune all attività di accertamento? Le segnalazioni qualificate sono posizioni soggettive in relazione alle quali sono rilevati e segnalati atti, fatti e negozi che evidenziano, senza ulteriori elaborazioni logiche, comportamenti evasivi ed elusivi. In altri termini il Comune fornisce all Amministrazione finanziaria elementi funzionali a determinare l effettiva capacità contributiva dei cittadini e direttamente utilizzabili per evidenziare comportamenti evasivi ed elusivi. Alcuni esempi pratici: 3.1. Svolgimento di attività senza partita IVA Fonte dei dati Elaborazione necessaria Fattispecie segnalata Verifiche del Comune sui soggetti che svolgono un attività di impresa, attraverso controlli della Polizia Municipale. Riscontro nell applicativo SIATEL dell assenza o cessazione di partita IVA tramite la funzione Interrogazione Soggetto, o consultando la Camera di Commercio tramite i collegamenti telematici disponibili. Redditi di impresa non dichiarati. Contenuto della Nominativo del soggetto con descrizione dell attività svolta, segnalazione eventuale documentazione. Possibile attività da parte Accertamento induttivo. dell Agenzia delle Entrate Tabella 2 - elementi costitutivi della segnalazione 3.2. Svolgimento di attività diversa da quella dichiarata esercenti attività d impresa, arti e professioni Fonte dei dati Verifiche del Comune sulle autorizzazioni all esercizio di attività attraverso controlli della Polizia Municipale. Elaborazione necessaria Riscontro nell applicativo SIATEL del codice attività associato al soggetto. Fattispecie segnalata Esercizio attività diversa. Contenuto della segnalazione Nominativo del soggetto con descrizione dell attività svolta, eventuale documentazione. Possibile attività da parte Accertamento studi di settore relativo all effettiva attività svolta. dell Agenzia delle Entrate Tabella 3 - elementi costitutivi della segnalazione

9 9 di Svolgimento di attività diversa da quella dichiarata circoli ricreativi ed enti non commerciali Fonte dei dati Elaborazione necessaria Fattispecie segnalata Contenuto della segnalazione Possibile attività da parte dell Agenzia delle Entrate Controlli della Polizia Municipale sulle attività effettivamente svolte, e sul rispetto delle condizioni che qualificano gli enti non commerciali: 1. conformità alle finalità istituzionali dell ente; 2. non avere una specifica organizzazione; 3. i corrispettivi percepiti non eccedano i costi di diretta imputazione, cioè non diano luogo alla formazione di utili ma remunerino solo le spese sostenute. Riscontro nell applicativo SIATEL del codice attività associato al soggetto. Esercizio attività diversa. Nominativo soggetto con descrizione dell attività svolta, eventuale documentazione. Accertamento studi di settore relativo all effettiva attività svolta. Tabella 4 - elementi costitutivi della segnalazione 3.4. Proprietà o diritto reale in assenza di contratti registrati Fonte dei dati Elaborazione necessaria Fattispecie segnalata Contenuto della segnalazione Possibile attività da parte dell Agenzia delle Entrate Rilevazione da parte del Comune della presenza di diritti di proprietà o diritti reali di godimento di unità immobiliari abitate, in assenza di contratti registrati, da soggetti diversi dai proprietari o dai titolari di tali diritti. Questo attraverso incroci tra le utenze domestiche (acqua, energia elettrica, gas) e i dati derivanti dalla gestione della TARSU e della TIA, o attraverso interrogazioni dell Anagrafe della popolazione. Verifica dell avvenuta registrazione del contratto. Omessa registrazione del contratto di locazione presso l A.E. /omessa dichiarazione di redditi fabbricati. Dati relativi alla presenza dei diritti di proprietà o dei diritti reali di godimento. Accertamento analitico ai fini delle imposte dirette e indirette. Tabella 5 - elementi costitutivi della segnalazione

10 10 di Beni indicanti capacità contributiva Fonte dei dati Elaborazione necessaria Fattispecie segnalata Contenuto della segnalazione Possibile attività da parte dell Agenzia delle Entrate Controllo del territorio soprattutto attraverso verifiche condotte dalla Polizia Municipale. Riscontro nell applicativo SIATEL dei redditi dichiarati. Accertamento della proprietà di beni di lusso. Descrizione del bene, dati del titolare, titolo di possesso. Accertamento con determinazione sintetica del reddito. Tabella 6 - elementi costitutivi della segnalazione Il Decreto Ministeriale del 19/11/1992 concernente la determinazione, ai fini dell'imposta sul reddito delle persone fisiche, degli indici e coefficienti presuntivi di reddito o di maggior reddito in relazione agli elementi indicativi di capacità contributiva, ha stilato un elenco con le indicazioni puntuali delle categorie di riferimento (Tabella 7). Elementi AEROMOBILI AUTOVEICOLI Tipologia Aerei da turismo, elicotteri da turismo, alianti e motoalianti, Ultraleggeri e deltaplani a motore. Autoveicoli con alimentazione a benzina o gasolio in proporzione alla potenza (cavalli vapore). ALTRI MEZZI DI TRASPORTO A MOTORE Campers, autocaravans, motocicli (superiori a 250 cc.). ASSICURAZIONI CAVALLI DA CORSA O DA EQUITAZIONE COLLABORATORI FAMILIARI NAVI E IMBARCAZIONI DA DIPORTO RESIDENZE PRINCIPALI E SECONDARIE Escluse quelle relative all utilizzo di veicoli a motore, quelle sulla vita, quelle contro infortuni e malattie. Mantenuti in proprio o a pensione. A tempo pieno e conviventi, a tempo parziale non conviventi. Imbarcazioni da diporto a vela o a motore di varia stazza, anche in locazione (3 mesi). Residenze principali ubicate in Italia (a seconda della Regione), residenze secondarie ubicate in Italia o all estero, in locazione stagionale, in multiproprietà: roulottes. Tabella 7

11 11 di 34 La Circolare n. 13/E del 9 aprile 2009 e le indicazioni fornite alla Guardia di Finanza evidenziano altri indici. Essi sono: - pagamento di consistenti rate di mutuo; - pagamento di canoni di locazione finanziaria (leasing), soprattutto in relazione a unità immobiliari di pregio, auto di lusso e natanti da diporto; - sostenimento di spese per ristrutturazioni di immobili; - sostenimento di spese per arredi di lusso per abitazioni; - pagamento di quote di iscrizione a circoli esclusivi; - pagamento di rette per la frequentazione di scuole private particolarmente costose; - pagamento di canoni per l affitto di posto barca; - acquisto di beni di particolare valore (quadri, gioielli, reperti di interesse storicoarcheologico, ecc); - partecipazioni ad aste; - frequentazione di case da gioco e centri benessere; - viaggi e crociere; - hobby particolarmente costosi (es., partecipazione a gare automobilistiche, rally, gare di motonautica, ecc.). 4. Quali sono i possibili ambiti di intervento? Il Provvedimento del Direttore dell Agenzia n del 3 dicembre 2007 ha, inoltre: a. individuato gli ambiti di intervento rilevanti per le attività istituzionali dei Comuni e per quelle di controllo fiscale dell Agenzia delle Entrate, ossia: commercio e professioni; urbanistica e territorio; proprietà edilizie e patrimonio immobiliare; residenze fittizie all estero; disponibilità di beni indicativi di capacità contributiva. b. indicato SIATEL e l ambiente web quali, rispettivamente, canale telematico e modalità di trasmissione delle segnalazioni inviate dai Comuni agli Uffici dell Agenzia delle Entrate. Il successivo Provvedimento n del 26 novembre 2008 ha individuato la definizione delle specifiche tecniche alla base del processo di interscambio informativo. 5. Come funziona lo scambio di dati tra i Comuni e l Agenzia delle Entrate 5? L attivazione della trasmissione è di pertinenza del Comune, che trasmette i dati al Sistema Centrale dell Agenzia delle Entrate mediante un interfaccia web disponibile tra le funzionalità del portale 5 Vedi SEGNALAZIONI ALL AGENZIA DELLE ENTRATE - GUIDA OPERATIVA (P.3).

12 12 di 34 SIATEL. Una volta giunti a Sistema Centrale, lo stesso smista le singole segnalazioni sul soggetto segnalato agli Uffici territorialmente competenti (per anno d imposta), rendendo acquisibile e interrogabile la segnalazione stessa per la successiva analisi e lavorazione. La trasmissione telematica sostituisce quella cartacea anche per non aggravare di ulteriori adempimenti i Comuni e rendere i trasferimenti di informazioni più veloci, ma nel caso in cui l Ufficio che riceve la segnalazione ritenesse opportuno approfondire la posizione del soggetto segnalato, potrà richiedere al Comune interessato l invio dell intera documentazione cartacea che ha condotto alla segnalazione stessa. Il Provvedimento del 26 novembre 2008 definisce, inoltre, la tempistica di trasmissione delle informazioni, prevedendo che per i periodi di imposta i cui termini per l esercizio dell attività di accertamento decadono il 31 dicembre dell anno nel quale si effettua la segnalazione, la trasmissione telematica è effettuata entro e non oltre il giorno 30 del mese di giugno. Periodo di imposta Anno di presentazione della dichiarazione Temine accertamento dichiarazione presentata Temine accertamento dichiarazione omessa Tabella 8 - Termine di decadenza potere accertamento

13 13 di 34 In sintesi a. Il Comune trasmette i dati al Sistema Centrale dell Agenzia delle Entrate mediante un interfaccia web disponibile su portale SIATEL (funzione Accertamento ai Comuni ); b. Il Sistema smista le segnalazioni agli Uffici territorialmente competenti in relazione al domicilio fiscale del contribuente, per anno di imposta; c. Il Sistema garantisce il controllo sulla congruenza dei dati da trasmettere con quanto previsto dall allegato tecnico; d. La trasmissione delle segnalazioni si considera effettuata quando è completata, da parte dell Agenzia delle Entrate, la ricezione dei dati, evidenziata con apposita messaggistica; e. Le segnalazioni trasmesse sono oggetto di valutazione da parte dell Ufficio dell Agenzia, secondo gli ordinari criteri di proficuità comparata per la predisposizione del Piano Annuale dei Controlli (come, ad esempio, il tempo richiesto per portare a termine il controllo, l entità delle somme accertabili, ecc ); f. Gli avvisi di accertamento notificati e gli accertamenti con adesione perfezionati, riferiti alle segnalazioni, sono tracciati sino alla fase della definitiva riscossione delle maggiori imposte, interessi e sanzioni; g. A seguito della definitiva riscossione il 30% degli importi di riferimento è destinato ai Comuni che hanno contribuito all accertamento; 6. Come possono accedere all applicazione SIATEL i soggetti incaricati? Il primo passo da compiere è la corretta abilitazione dell operatore individuato, attraverso una richiesta da parte del responsabile dell Ente alla Direzione Regionale dell Agenzia delle Entrate territorialmente competente. La modulistica necessaria è disponibile sul sito internet dell Agenzia al percorso Servizi - Servizi telematici - SIATEL - SIATEL : Accesso ai dati dell'anagrafe tributaria - SIATEL Comuni. Nella pagina è presente un elenco delle regioni, e, in alternativa, una cartina d Italia, tramite cui è possibile selezionare la regione di appartenenza, nel nostro caso il Molise. È importante sottolineare che è necessario individuare tra i dipendenti del Comune almeno un utente Amministratore, che non va confuso con l Amministratore dell Ente. È opportuno che sia abilitato come Amministratore dell applicativo SIATEL un funzionario/impiegato che gestisca materialmente la procedura e che abbia un profilo di abilitazione a un numero maggiore di funzioni di quello dei comuni Utenti, poiché sarà l Amministratore così individuato ad abilitare i nuovi addetti e a intervenire in caso di attribuzione di nuove password o di nuove funzioni agli stessi. Collegandosi al sito https://siatel.finanze.it appare la schermata riportata di seguito (Figura 1) 1 in cui inserire le credenziali di accesso così ricevute.

14 14 di 34 Figura 1 NUOVE MODALITA DI ACCESSO AL SERVIZIO SIATEL Il Garante della Privacy, in una valutazione sul sistema di autenticazione degli incaricati al servizio Siatel, ha richiesto di: irrobustire la procedura di autenticazione, tramite l adozione di componenti non riservate delle credenziali, non facilmente riconducibili a soggetti legittimamente incaricati; l utilizzo del codice fiscale, pur tecnicamente corretto, può prestarsi alla realizzazione di attacchi condotti dall interno degli enti coinvolti. A tal fine, per ottemperare alla richiesta, è stato necessario modificare le modalità di accesso al servizio Siatel, prevedendo, in alternativa al codice fiscale, un identificativo proposto dal Sistema, non riconducibile alla persona, perché non basato su algoritmi di calcolo applicati ad informazioni anagrafiche dell utente. Tale identificativo (detto "nickname"), costituito da una stringa di 10 caratteri (tre lettere e 7 cifre) costruito in modo casuale, viene comunicato dal Sistema nel momento in cui si accede al servizio per la prima volta.

15 15 di 34 Ogni utente avrà l onere di registrare questo identificativo e di custodirlo con la stessa segretezza della password di accesso al Siatel. In caso di smarrimento dell identificativo o nel caso in cui l utente lo ritenesse necessario, potrà fare richiesta di emissione di un nuovo nickname all amministratore degli utenti (ossia all incaricato del Comune cui è stato assegnato il profilo di AMMINISTRATORE), che ha la possibilità di visualizzarlo o di emetterne uno nuovo: il servizio di assistenza non è in grado di conoscere l identificativo attribuito a ciascun soggetto e quindi non è in grado di fornire tale informazione agli utenti. Per tutte le specifiche tecniche è disponibile all interno della procedura la Guida operativa al nickname, con le spiegazioni di tutti i passaggi da seguire. Una volta entrati in procedura, viene visualizzata la schermata riportata di seguito (Figura 2) e va selezionata la voce Accertamento ai COMUNI. Figura 2

16 16 di 34 Cliccando sull icona Segnalazioni si accede all applicazione, ma per proseguire con le operazioni e necessario effettuare il log-in, ossia inserire le proprie credenziali nella seguente schermata. (Figura 3): Figura 3 Dopo che l utente designato dal Comune di appartenenza avrà inserito il proprio codice fiscale (ovvero il proprio nickname) e la propria password, questi può visualizzare il menu Segnalazioni sulla sinistra dello schermo, in cui è presente la funzione Inserimento, che consente di caricare a sistema le segnalazioni. Cliccando sul collegamento Inserimento, l applicazione visualizza la seguente schermata (Figura 4).

17 17 di 34 Figura 4 In questa prima fase l addetto che trasmette (ossia il funzionario o l impiegato individuato dal Comune a tale scopo) deve scegliere a priori se la segnalazione riguarda un soggetto in qualità di persona fisica (ad esempio se si vuole segnalare un soggetto per una fittizia residenza estera) ovvero in qualità di titolare di partita Iva (ad esempio nel caso di segnalazione di un attività diversa da quella dichiarata per esercenti attività d impresa, arti e professioni). L operatore deve, quindi, inserire il codice fiscale di persona fisica oppure il codice fiscale o la partita Iva del soggetto che svolge attività di impresa o lavoro autonomo. Automaticamente la procedura, collegandosi all archivio anagrafico, verifica che il codice fiscale o la partita Iva siano corretti. In tale pagina sono presenti due campi: Codice fiscale alfanumerico o codice fiscale numerico segnalazione rilevante per persona fisica. Dopo aver inserito il codice fiscale della persona fisica in tale campo, la funzione porta direttamente alla schermata Inserimento dati generali della segnalazione ; Codice fiscale numerico o Partita Iva segnalazione rilevante per attività d impresa o lavoro autonomo. Nel caso di una segnalazione legata a un attività di impresa o lavoro autonomo, al momento dell inserimento del codice fiscale o della partita IVA, se il soggetto è titolare di più partite IVA, viene prospettata la seguente pagina intermedia (Figura 5) dove selezionare la partita IVA oggetto della segnalazione.

18 18 di 34 Figura 5 Se il soggetto è titolare di un unica partita IVA, si accede direttamente alla pagina di Inserimento dati generali della segnalazione (Figura 6):

19 19 di 34 Figura 6

20 20 di Quali sono e a cosa servono le altre funzioni presenti nella procedura? Nel menu Segnalazioni, oltre alla voce Inserimento sono presenti altre funzioni, che consentono agli operatori SIATEL di effettuare tutta una serie di operazioni. a. La funzione Interrogazione permette di visualizzare tutte le segnalazioni inserite nel Sistema. Gli utenti abilitati ad accedere alla procedura possono effettuare la ricerca inserendo a scelta il codice fiscale, la partita Iva o il numero identificativo della segnalazione (Figura 7). 7 Figura 7 Una volta scelto il criterio e inserito il codice fiscale del soggetto, la partita Iva o l identificativo della segnalazione, l applicativo apre una schermata con tutti i dati della segnalazione. Viene anche data l informazione sullo STATO DELLA SEGNALAZIONE (Figura 8).

21 21 di 34 Figura 8 b. Grazie alla funzione Variazione/Invio gli incaricati comunali possono effettuare le modifiche e gli aggiornamenti delle segnalazioni salvate, ma non ancora inviate all Agenzia (Figura 9).

22 22 di 34 Figura 9 Al termine delle modifiche la procedura chiederà un di dare ancora un OK per salvare le variazioni apportate (Figura 10), dal momento che in seguito non sarà possibile apportare ulteriori modifiche.

23 23 di 34 Figura 10 c. Con la funzione Annullamento possono essere annullate tutte le segnalazioni non ancora inviate all Agenzia. d. La funzione Elenco consente di visualizzare le segnalazioni inserite dal Comune, anche in modalità stampa (Figura 11). Sono a disposizione degli operatori abilitati due FILTRI DI RICERCA alternativi, ossia: - Elenco per tipo di segnalazione (salvate, inviate o prese in carico); - Periodo di riferimento (in cui inserire la data di inserimento della segnalazione o l arco di tempo entro cui limitare la ricerca).

24 24 di 34 Figura 11 Come nell esempio riportato di seguito (Figura 12) l utente ha a disposizione il Protocollo Siatel, la Data di inserimento e l Anno d imposta. Figura 12 Se l incaricato del Comune non sceglie il criterio del periodo di riferimento, oltre a questi dati la procedura fornisce anche lo stato della segnalazione e informa se questa sia stata presa in carico dall Agenzia delle Entrate. Tutte le informazioni si riferiscono al Comune per conto del quale è abilitato l operatore. Il nome del Comune compare sullo schermo in alto a destra accanto al relativo codice catastale. In caso di necessità l incaricato del Comune estrapolati e riportati su un foglio elettronico Excel i dati contenuti nell elenco (facendo click sull icona indicata dalla freccia in Figura 12) e con la funzione Stampa può stampare tutte le segnalazioni in formato pdf (Figura 13).

25 25 di 34 Figura Cosa accade una volta che la segnalazione è stata inserita nella procedura SIATEL? L Ufficio dell Agenzia delle Entrate competente territorialmente riceve a Sistema la segnalazione e, selezionando la funzione Acquisizione, l applicativo propone una pagina dove l operatore incaricato dall Agenzia delle Entrate potrà scegliere le modalità di ricerca delle segnalazioni trasmesse. Le funzioni messe a disposizione degli operatori dell Agenzia sono molto simili a quelle presenti in procedura per i Comuni, se si fa eccezione della funzione Inserimento per ovvi motivi. La selezione del collegamento Elenco delle segnalazioni da acquisire di competenza dell Ufficio porterà all elenco delle segnalazioni che l Ufficio dovrebbe prendere in carico (Figura 14):

26 26 di 34 Figura 14 Facendo click sul collegamento presente per ogni codice fiscale verrà visualizzata la segnalazione da acquisire (Figura 15 e 16): 1

27 27 di 34 Figura 15

28 28 di 34 Figura 16 Una volta acquisite le segnalazioni (tramite il tasto Acquisisci evidenziato in Figura 16), per poter accedere alle segnalazioni inserite anche l Amministrazione Finanziaria ha a disposizione la funzione Interrogazione, e la stessa triplice opzione di ricerca: - per codice fiscale - per partita Iva - per numero segnalazione Una volta selezionata la segnalazione si aprirà la seguente maschera (Fig Figure 17 e 18): 1

29 29 di 34 Figura 17

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti:

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: Benvenuto su RLI WEB L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: richieste di registrazione dei contratti di locazione di beni immobili e affitto fondi rustici;

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

L ACCERTAMENTO SINTETICO Il confronto tra vecchio e nuovo strumento. di Carlo Nocera

L ACCERTAMENTO SINTETICO Il confronto tra vecchio e nuovo strumento. di Carlo Nocera L ACCERTAMENTO SINTETICO Il confronto tra vecchio e nuovo strumento di Carlo Nocera IL CONFRONTO ACCERTAMENTO SINTETICO RILEVANZA VECCHIO STRUMENTO RILEVANZA NUOVO STRUMENTO DISPONIBILITA E POSSESSO BENI

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone: Prot. n. 2014/159941 Modalità operative per l inclusione nella banca dati dei soggetti passivi che effettuano operazioni intracomunitarie, di cui all art. 17 del Regolamento (UE) n. 904/2010 del Consiglio

Dettagli

Manuale d uso per la raccolta: Monitoraggio del servizio di Maggior Tutela

Manuale d uso per la raccolta: Monitoraggio del servizio di Maggior Tutela Manuale d uso per la raccolta: Monitoraggio del servizio di Maggior Tutela Pagina 1 di 9 Indice generale 1 Accesso alla raccolta... 3 2 Il pannello di controllo della raccolta e attivazione delle maschere...

Dettagli

Visualizzatore Pagamenti F24 per RC AUTO - istruzioni

Visualizzatore Pagamenti F24 per RC AUTO - istruzioni Visualizzatore Pagamenti F24 per RC AUTO - istruzioni Il programma consente di visualizzare il contenuto dei files scaricabili da SIATEL 2.0 (PUNTOFISCO), relativi ai versamenti, eseguiti tramite modello

Dettagli

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3 FAQ 2015 Flusso telematico dei modelli 730-4 D.M. 31 maggio 1999, n. 164 Comunicazione dei sostituti d imposta per la ricezione telematica, tramite l Agenzia delle entrate, dei dati dei 730-4 relativi

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici ALLEGATO TECNICO ALLA CIRCOLARE N. 23/05 Ai sensi del presente allegato tecnico si intende: a) per "S.S.C.E. il sistema di sicurezza del circuito di emissione dei documenti di identità elettronica; b)

Dettagli

l agenzia in f orma GUIDA OPERATIVA AL MODELLO F24 ON LINE

l agenzia in f orma GUIDA OPERATIVA AL MODELLO F24 ON LINE 6 l agenzia in f orma 2006 GUIDA OPERATIVA AL MODELLO F24 ON LINE INDICE INTRODUZIONE 2 1. I VERSAMENTI TELEMATICI 3 I vantaggi dei versamenti on line 3 Come si effettuano 3 Il conto su cui addebitare

Dettagli

MANUALE DOMANDA WEB DI CONTRIBUTO A PENSIONATI NON AUTOSUFFICIENTI GESTIONE MAGISTRALE

MANUALE DOMANDA WEB DI CONTRIBUTO A PENSIONATI NON AUTOSUFFICIENTI GESTIONE MAGISTRALE Pag. 1 di 14 MANUALE DOMANDA WEB DI CONTRIBUTO A PENSIONATI NON AUTOSUFFICIENTI GESTIONE MAGISTRALE INTRODUZIONE Pag. 2 di 14 INDICE pag. 1. INTRODUZIONE... 3 1.1 PREMESSA... 3 2.... 4 2.1 - HOME PAGE...

Dettagli

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB...

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 1. CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 5 1.3.1 CREAZIONE GUIDATA DELLA FATTURA IN FORMATO XML

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

Il programma è articolato in due parti. Nella Prima parte: cosa è il mondo NoiPA, con un focus sulla posizione dell utente all interno dell intero

Il programma è articolato in due parti. Nella Prima parte: cosa è il mondo NoiPA, con un focus sulla posizione dell utente all interno dell intero 1 Il programma è articolato in due parti. Nella Prima parte: cosa è il mondo NoiPA, con un focus sulla posizione dell utente all interno dell intero sistema e sui servizi a disposizione sia in qualità

Dettagli

Lavoro Occasionale Accessorio. Manuale Utente Internet

Lavoro Occasionale Accessorio. Manuale Utente Internet Lavoro Occasionale Accessorio Internet 1. Introduzione... 3 1.1 Obiettivo del documento... 3 1.2 Normativa... 3 1.3 Attori del Processo... 4 1.4 Accesso Internet... 5 1.4.1 Accesso Internet da Informazioni...

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI In collaborazione con Assessorato Aree Cittadine e Consigli di Zona Consigli Quanto costa comprar casa CASA: LE TASSE DA

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

MANUALE DI RIFERIMENTO

MANUALE DI RIFERIMENTO - Dominio Provinciale Tecnologia dei Processi UALE DI RIFERIMENTO Procedura COB Import tracciato Ministeriale Preparato da: Paolo.Meyer Firma Data Verificato da: Carlo di Fede Firma Data Approvato da:

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

Denuncia di Malattia Professionale telematica

Denuncia di Malattia Professionale telematica Denuncia di Malattia Professionale telematica Manuale utente Versione 1.5 COME ACCEDERE ALLA DENUNCIA DI MALATTIA PROFESSIONALE ONLINE... 3 SITO INAIL... 3 LOGIN... 4 UTILIZZA LE TUE APPLICAZIONI... 5

Dettagli

L ACCERTAMENTO SINTETICO. di Gianfranco Ferranti

L ACCERTAMENTO SINTETICO. di Gianfranco Ferranti L ACCERTAMENTO SINTETICO di Gianfranco Ferranti 1. PREMESSA L art. 38, commi quarto e seguenti, del DPR n. 600 del 1973 consente di rettificare le dichiarazioni presentate dai contribuenti persone fisiche

Dettagli

IMMOBILI. Art.1. Art.2

IMMOBILI. Art.1. Art.2 Comune di Marta Provincia di Viterbo Piazza Umberto I n.1 010100 Marta (VT) Tel. 0769187381 Fax 0761873828 Sito web www..comune.marta.vt.it REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI

Dettagli

Guida ai servizi online della Provincia di Milano

Guida ai servizi online della Provincia di Milano Guida ai servizi online della Provincia di Milano - 1 - Il servizio CPI On line consente a tutti gli iscritti ai Centri per l impiego della Provincia di Milano di visualizzare, modificare e stampare alcune

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale

Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale Prot. n. 2012/140335 Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base

Dettagli

Procedura Import tracciato ministeriale

Procedura Import tracciato ministeriale Progetto SINTESI Dominio Provinciale Modulo Applicativo:COB Procedura Import tracciato ministeriale 1 INDICE 1 INTRODUZIONE... 3 2 LETTURA DEL FILE... 4 3 IMPORT DEI FILE... 10 4 VERIFICA DELLE BOZZE E

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

Accesso all Area di Lavoro

Accesso all Area di Lavoro Accesso all Area di Lavoro Una volta che l Utente ha attivato le sue credenziali d accesso Username e Password può effettuare il login e quindi avere accesso alla propria Area di Lavoro. Gli apparirà la

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

GUIDA ALLA REGISTRAZIONE

GUIDA ALLA REGISTRAZIONE PIATTAFORMA PER LA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA ALLA REGISTRAZIONE PER LE AMMINISTRAZIONI E GLI ENTI PUBBLICI Versione 1.1 del 06/12/2013 Sommario Premessa... 3 Passo 1 - Registrazione dell Amministrazione/Ente...

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2011 Progetto Istanze On Line 21 febbraio 2011 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 PROGETTO ISTANZE ON LINE... 4 2.1 COS È E A CHI È RIVOLTO... 4 2.2 NORMATIVA

Dettagli

I.U.C. Imposta Unica Comunale

I.U.C. Imposta Unica Comunale COMUNE DI MARCON I.U.C. Imposta Unica Comunale Con la Legge n. 147/2013 (Legge di stabilità 2014) è stata istituita a decorrere dal 01/01/2014 l Imposta Unica Comunale (IUC). L imposta unica comunale (IUC)

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni CIRCOLARE N. 2/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE Roma, 11 maggio 2010 DIREZIONE FEDERALISMO FISCALE PROT. 10968/2010 Ai Comuni Alle Regioni Friuli-Venezia Giulia e Valle

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

GUIDA AL VERSAMENTO DELLA TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI

GUIDA AL VERSAMENTO DELLA TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI GUIDA AL VERSAMENTO DELLA TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI Chi deve pagare la Tassa Smaltimento Rifiuti Solidi Urbani? Tutti coloro che occupano,utilizzano o dispongono di locali e di aree scoperte a qualsiasi

Dettagli

nota Istat prot. 912/2014/P del 15/01/2014 Responsabile della toponomastica addetto alla toponomastica Responsabile del servizio

nota Istat prot. 912/2014/P del 15/01/2014 Responsabile della toponomastica addetto alla toponomastica Responsabile del servizio A B C delle attività iniziali per accedere alle funzioni di Gestione della toponomastica Come indicato nella nota Istat prot. 912/2014/P del 15/01/2014 per le attività legate alla gestione della toponomastica

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Il presente documento applica il Regolamento sulla gestione delle segnalazioni e dei reclami

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef Direzione Generale per il terzo settore e le formazioni sociali Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef PREMESSA Fonti normative dell

Dettagli

Comunicazione scuola famiglia

Comunicazione scuola famiglia Manuale d'uso Comunicazione scuola famiglia INFOZETA Centro di ricerca e sviluppo di soluzioni informatiche per la scuola Copyright InfoZeta 2013. 1 Prima di iniziare l utilizzo del software raccomandiamo

Dettagli

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 Sommario 1. Inquadramento normativo generale 2. Trasferimenti di fabbricati 3. terreni edificabili 4. terreni agricoli 5. Successioni

Dettagli

Finanziamenti on line -

Finanziamenti on line - Finanziamenti on line - Manuale per la compilazione dei moduli di Gestione dei Progetti Finanziati del Sistema GEFO Rev. 02 Manuale GeFO Pagina 1 Indice 1. Introduzione... 4 1.1 Scopo e campo di applicazione...

Dettagli

LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL SITAR RS - SISTEMA INFORMATIVO TELEMATICO DEGLI APPALTI REGIONALI. della Regione Siciliana -

LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL SITAR RS - SISTEMA INFORMATIVO TELEMATICO DEGLI APPALTI REGIONALI. della Regione Siciliana - Assessorato Regionale delle Infrastrutture e della Mobilità OSSERVATORIO REGIONALE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via Camillo Camilliani, 87 90145 PALERMO LINEE GUIDA PER L UTILIZZO

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

PROCEDURA CAMBIO ANNO SCOLASTICO IN AREA ALUNNI

PROCEDURA CAMBIO ANNO SCOLASTICO IN AREA ALUNNI PROCEDURA CAMBIO ANNO SCOLASTICO IN AREA ALUNNI GENERAZIONE ARCHIVI Per generazione archivi si intende il riportare nel nuovo anno scolastico tutta una serie di informazioni necessarie a preparare il lavoro

Dettagli

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria IMU - che cos'è L IMU si continua a pagare sulle case di lusso (categorie A/1, A/8 e A/9), sulle seconde case e su tutti gli altri immobili (ad esempio laboratori, negozi, capannoni, box non di pertinenza

Dettagli

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Permessi di costruire Ufficio Sala Visure e Certificazioni Urbanistiche Viale della

Dettagli

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380) 2 Al Comune di Pratica edilizia SUAP SUE Indirizzo PEC / Posta elettronica del Protocollo CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

Dettagli

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 A cura di Raffaella Pompei, dottore commercialista, funzionario dell Ufficio fiscale Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 Il Decreto Renzi ha ampliato i casi in cui è necessario

Dettagli

MANUALE SOFTWARE LIVE MESSAGE ISTRUZIONI PER L UTENTE

MANUALE SOFTWARE LIVE MESSAGE ISTRUZIONI PER L UTENTE MANUALE SOFTWARE ISTRUZIONI PER L UTENTE PAGINA 2 Indice Capitolo 1: Come muoversi all interno del programma 3 1.1 Inserimento di un nuovo sms 4 1.2 Rubrica 4 1.3 Ricarica credito 5 PAGINA 3 Capitolo 1:

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 2 INDICE PREMESSA 1. ADEMPIMENTI 1.1 Enti del volontariato 1.2

Dettagli

PARTECIPAZIONE DEI COMUNI ALL ACCERTAMENTO

PARTECIPAZIONE DEI COMUNI ALL ACCERTAMENTO PARTECIPAZIONE DEI COMUNI ALL ACCERTAMENTO INDIVIDUAZIONE ED ANALISI DI FATTISPECIE EVASIVE/ELUSIVE RIENTRANTI NEGLI AMBITI DI COLLABORAZIONE CON I COMUNI 1 Attività istruttoria per la raccolta degli elementi

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI COMUNE DI TREMEZZINA REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI Approvato con deliberazione del Commissario prefettizio assunta con i poteri di Consiglio n. 19 del 02/04/2014

Dettagli

Dipartimento Comunicazione. Guida all Identificazione al Portale di Roma Capitale

Dipartimento Comunicazione. Guida all Identificazione al Portale di Roma Capitale Dipartimento Comunicazione Guida all Identificazione al Portale di Roma Capitale Sommario 1. Premessa... 3 2. Identificazione al Portale di Roma Capitale tramite documento d identità... 4 2.1 Registrazione

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI SI AVVERTE CHE PER LA CORRETTA COMPILAZIONE DEL MOD.COM1, È NECESSARIA UNA PRELIMINARE ATTENTA LETTURA

Dettagli

ACCESSO AL PORTALE INTERNET GSE

ACCESSO AL PORTALE INTERNET GSE ACCESSO AL PORTALE INTERNET GSE Guida d uso per la registrazione e l accesso Ver 3.0 del 22/11/2013 Pag. 1 di 16 Sommario 1. Registrazione sul portale GSE... 3 2. Accesso al Portale... 8 2.1 Accesso alle

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

Figura 1 - Schermata principale di Login

Figura 1 - Schermata principale di Login MONITOR ON LINE Infracom Italia ha realizzato uno strumento a disposizione dei Clienti che permette a questi di avere sotto controllo in maniera semplice e veloce tutti i dati relativi alla spesa del traffico

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2014 Progetto Istanze On Line 09 aprile 2014 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 GESTIONE DELL UTENZA... 4 2.1 COS È E A CHI È RIVOLTO... 4 2.2 NORMATIVA

Dettagli

GUIDA OPERATIVA ALLE OPERAZIONI

GUIDA OPERATIVA ALLE OPERAZIONI PIATTAFORMA PER LA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA OPERATIVA ALLE OPERAZIONI DI SMOBILIZZO DEL CREDITO CERTIFICATO CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLE AMMINISTRAZIONI DEBITRICI Versione 1.1 del 06/12/2013

Dettagli

IL FUNZIONARIO RESPONSABILE

IL FUNZIONARIO RESPONSABILE IL FUNZIONARIO RESPONSABILE Vista la vigente normativa in materia, applicabile all'imposta Comunale sugli Immobili e richiamata nel presente atto, AVVISA il contribuente, Coce Fiscale, residente in - (

Dettagli

Posta Elettronica Certificata

Posta Elettronica Certificata Posta Elettronica Certificata Manuale di utilizzo del servizio Webmail di Telecom Italia Trust Technologies Documento ad uso pubblico Pag. 1 di 33 Indice degli argomenti 1 INTRODUZIONE... 3 1.1 Obiettivi...

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

genzia ntrate RICHIESTA DI REGISTRAZIONE E ADEMPIMENTI SUCCESSIVI Contratti di locazione e affitto di immobili

genzia ntrate RICHIESTA DI REGISTRAZIONE E ADEMPIMENTI SUCCESSIVI Contratti di locazione e affitto di immobili genzia ntrate MOD. RLI RICHIESTA DI REGISTRAZIONE E ADEMPIMENTI SUCCESVI Contratti di locazione e affitto di immobili (art. 11 del D.P.R. 26 aprile 1986 n.131) Informativa sul trattamento dei dati personali

Dettagli

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti.

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. CIRCOLARE N. 23/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. La legge di

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

L ACCERTAMENTO SINTETICO REDDITOMETRICO

L ACCERTAMENTO SINTETICO REDDITOMETRICO MAURO NICOLA PREDIDENTE ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI NOVARA REVISORE LEGALE MEMBRO DELLA COMM. II. DD. DEL CNDCEC L ACCERTAMENTO SINTETICO REDDITOMETRICO IL NUOVO REDDITOMETRO

Dettagli

COMUNE DI NE Provincia di Genova

COMUNE DI NE Provincia di Genova COMUNE DI NE Provincia di Genova COPIA Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza del 28.04.2014 Reg. Verb. N. 5 OGGETTO: GESTIONE COMPONENTE TASI (TRIBUTO SERVIZI INDIVISIBILI) ANNO 2014. L anno duemilaquattordici

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

GUIDA ALLA SPEDIZIONE DELLA PRATICA CUR PER IL MANTENIMENTO DELL ISCRIZIONE ALL ALBO REGIONALE DELLE COOPERATIVE SOCIALI

GUIDA ALLA SPEDIZIONE DELLA PRATICA CUR PER IL MANTENIMENTO DELL ISCRIZIONE ALL ALBO REGIONALE DELLE COOPERATIVE SOCIALI GUIDA ALLA SPEDIZIONE DELLA PRATICA CUR PER IL MANTENIMENTO DELL ISCRIZIONE ALL ALBO REGIONALE DELLE COOPERATIVE SOCIALI 1. Dotazioni informatiche minime: Pc con accesso ad internet Contratto Telemaco

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli