Centro Europeo di Ricerche Preistoriche Collana Ricerche 3

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Centro Europeo di Ricerche Preistoriche Collana Ricerche 3"

Transcript

1 01-impaginato :23 Pagina I Centro Europeo di Ricerche Preistoriche Collana Ricerche 3 A05 13/3

2 01-impaginato :23 Pagina II

3 01-impaginato :23 Pagina III Preistoria in Molise Gli insediamenti del territorio di Isernia A cura di Carlo Peretto Antonella Minelli

4 01-impaginato :23 Pagina IV Copyright MMVI Centro Europeo di Ricerche Preistoriche Località Santo Spirito Isernia ARACNE editrice S.r.l. via Raffaele Garofalo, 133 A/B Roma (06) ISBN I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento anche parziale, con qualsiasi mezzo, sono riservati per tutti i Paesi. Non sono assolutamente consentite le fotocopie senza il permesso scritto dell Editore. I edizione: settembre 2006

5 01-impaginato :23 Pagina V La pubblicazione di questo volume è stata possibile grazie alla Convenzione stipulata tra l Agenzia di Sviluppo Rurale MOLI.G.A.L. (Molise Gruppo di Azione Locale) e l Università degli Studi di Ferrara per rafforzare la conoscenza e la divulgazione delle risorse ambientali e culturali presenti in alcune aree LEADER+ della provincia di Isernia. L iniziativa rientra nel Programma Comunitario PIC LEADER + Molise_PSL Contado di Molisij Parco Rurale d Europa, Iniziativa Comunitaria in Materia di Sviluppo Rurale; Asse 1 Sostegno a strategie pilota e sviluppo rurale a carattere territoriale ed integrato; Misura 1.3 Rafforzamento della conoscenza della diffusione e della fruizione delle risorse dei territori rurali dal punto di vista ambientale e culturale; Azione Studi, ricerche. Dal 2004, data di inizio del progetto, determinanti sono state la collaborazione scientifica e la programmazione congiunta delle iniziative con la Soprintendenza Archeologica del Molise, l Università degli Studi del Molise e il Centro Europeo di Ricerche Preistoriche di Isernia. L iniziativa ha consentito di sviluppare in maniera proficua le conoscenze sulla Preistoria della provincia di Isernia. Oltre ad alcuni nuovi approfondimenti relativi al giacimento de La Pineta e alle significative raccolte di superficie di ampia distribuzione, si sottolinea l individuazione e lo scavo di nuovi importanti insediamenti paleolitici in deposizione primaria in grado di apportare un contributo decisivo alla definizione degli eventi principali che caratterizzano la storia più antica, dal punto di vista sia culturale che ambientale. R E G I O N E I S E M O L

6 01-impaginato :23 Pagina VI Autori degli interventi scientifici Alessandro Antonucci, Marta Arzarello Ornella De Curtis, Annarosa Di Nucci Federica Fontana, Rosalia Gallotti Carlo Peretto, Ettore Rufo, Benedetto Sala Ursula Thun Hohenstein, Sara Ziggiotti Università degli Studi di Ferrara Dipartimento delle Risorse Naturali e Culturali Redazione Marta Arzarello, Annarosa Di Nucci Marilena Leis, Giuseppe Lembo, Antonella Minelli, Carlo Peretto, Ettore Rufo Progetto grafico e impaginazione Elena Marrocchino, Carmela Vaccaro Università degli Studi di Ferrara Dipartimento di Scienze della Terra Antonella Minelli Università degli Studi del Molise Dipartimento di Scienze e Tecnologie per l Ambiente e il Territorio Lorenzo Costantini, Giuseppe Lembo Ricostruzioni pittoriche Marco Cutrona, Gabriele Nenzioni Mauro Coltorti, Pierluigi Pieruccini Silvia Ravani Università degli Studi di Siena Dipartimento di Scienze della Terra Cristiana Terzani Soprintendenza Archeologica del Molise Disegni dei reperti archeologici Giampietro De Marchis, Davide Mengoli Ettore Rufo, Benedetto Sala, Anne Marie Moigne Muséum National d Histoire Naturelle, Parigi Silvia Ricciardi Università degli Studi di Bologna sede decentrata di Ravenna Dipartimento di Archeologia Centro di Ricerche Archeobotaniche Archeoflorae Giuseppe Lembo, Bruno Paglione Maria Angela Rufo Centro Europeo di Ricerche Preistoriche, Isernia Si ringraziano per la collaborazione, la disponibilità e l amicizia: Mario Pagano, Soprintendente ai Beni Archeologici del Molise; Paolo Nuvoli, Presidente dell Agenzia di Sviluppo Rurale MOLI.G.A.L. (Molise Gruppo di Azione Locale); Raffaele Mauro, Presidente dell Amministrazione Provinciale di Isernia; Gabriele Melogli, Sindaco del Comune di Isernia; Antonio Izzi, Sindaco di Rocchetta a Volturno; Antonio Conti, Sindaco di Carovilli; Adriano Giannola, Presidente dell Istituto Banco di Napoli; Angelo Iapaolo, Presidente del Centro Europeo di Ricerche Preistoriche di Isernia; Aldo Pace, Direttore Generale dell Istituto Banco di Napoli. Un particolare ringraziamento va inoltre a Natalino Paone e a Domenico Pellegrino per la costante attenzione rivolta alla valorizzazione del giacimento preistorico di Isernia La Pineta, sia con interventi nel settore della ricerca scientifica che in quello della comunicazione e della fruizione. Non si possono assolutamente dimenticare gli interventi di Edilio Petrocelli, convinto assertore della necessità inconfutabile di favorire in ogni modo le attività di valorizzazione del giacimento; in quest ottica, allo stesso, quale membro del Parlamento, si deve la presentazione e l approvazione della legge 730 del 28 ottobre 1986 che consentì, con consistenti finanziamenti, di avviare la realizzazione del Museo paleolitico sull area degli scavi. Si ringrazia inoltre per la segnalazione dei ritrovamenti e per la disponibilità all accesso alla aree d interesse archeologico: Pierluigi Berardinelli, Ermando D Agostino, Massimiliano D Agostino, Vladimiro D Agostino, Concetta Leone, Bruno Paglione, Delia Pallotta, Angela Pizzi, Angelo Scioli.

7 01-impaginato :23 Pagina VII Indice Presentazione di Mario Pagano IX Presentazione di Angelo Iapaolo XI Presentazione di Paolo Nuvoli XIII Introduzione di Carlo Peretto XV 1. Storia delle ricerche Sintesi sulla storia delle ricerche a carattere preistorico nella Provincia di Isernia La scoperta, lo scavo e la valorizzazione dell insediamento di Isernia La Pineta Gli studi di Stefano Grimaldi Le ultime acquisizioni Gli interventi sistematici Isernia La Pineta, Aspetti topografici Sintesi dei dati già acquisiti e noti in letteratura Nuove osservazioni sulla caratterizzazione petrografica della serie stratigrafica di Isernia La Pineta Considerazioni sugli studi palinologici relativi alla sequenza stratigrafica di Isernia La Pineta a I vertebrati fossili: le nuove specie rinvenute a La Pineta b I vertebrati fossili: considerazioni archeozoologiche, determinazione dell età di morte e delle abitudini alimentari di Bison schoetensacki (Freudenberg, 1914) di Isernia La Pineta a L industria litica: l industria in calcare del sito paleolitico di Isernia La Pineta b L industria litica: i nuovi dati sull industria in selce Trend distributivi dei reperti litici e paleontologici delle archeosuperfici 3c e 3a del I settore di scavo Considerazioni conclusive L Acheuleano di Colle delle Api Aspetti topografici Geoarcheologia del sito Gli studi palinologici I vertebrati fossili L industria litica Considerazioni conclusive Il Musteriano di Grotta Reali Aspetti topografici Georcheologia dell insediamento musteriano di Grotta Reali ed evoluzione delle sorgenti del Volturno a I vertebrati fossili: indicazioni paleoecologiche e paleoclimatiche dai reperti a micromammiferi di Grotta Reali: risultati preliminari VII

8 01-impaginato :23 Pagina VIII VIII Indice 2.3.3b I vertebrati fossili: i macromammiferi e l analisi archeozoologica a L industria litica: studio tecno economico b L industria litica: analisi funzionale di un campione di manufatti Considerazioni conclusive Survey e sondaggi L insediamento di S. Lorenzo Aspetti topografici L industria litica Considerazioni conclusive Le raccolte di superficie Pescopennataro: Rio Verde e Laghi dell Anitra (RV, RV1, RV2, RV3) Aspetti topografici a L insieme litico di Rio Verde RV b L insieme litico di Rio Verde RV c L insieme litico di Rio Verde RV d L insieme litico di Rio Verde RV Considerazioni conclusive Carovilli: località San Mauro e località Fonte Curello (C3) Aspetti topografici a L insieme litico di località San Mauro: osservazioni preliminari b L insieme litico di località Fonte Curello Vastogirardi Aspetti topografici Le industrie litiche Considerazioni conclusive Sessano del Molise (S, S1) Aspetti topografici a L insieme litico di Sessano S b L insieme litico di Sessano S Considerazioni conclusive Capracotta Aspetti topografici L insieme litico: osservazioni preliminari Considerazioni conclusive I risultati delle attività di ricognizione nell Alto Molise I ritrovamenti ceramici Considerazioni conclusive Bibliografia

9 01-impaginato :23 Pagina IX Presentazione Mario Pagano* Già l architetto Carlo Bonucci, in epoca borbonica, segnalava l importanza dei reperti litici preistorici provenienti dal Molise ma, fino alla fortuita scoperta dell importante sito della Pineta di Isernia, la preistoria della Regione risultava quasi sconosciuta. Gli scavi e le più recenti ricerche permettono di avere un primo quadro di una realtà complessa e articolata, e si può dire che fin dal Paleolitico il popolamento del Molise fu talmente considerevole, che molto spesso ci si imbatte, nel corso delle ricognizioni, in manufatti preistorici di grandissimo interesse. Mentre mai si sono interrotti gli scavi e le pubblicazioni sul sito della Pineta di Isernia, e si procede, finalmente alacremente, con il contributo della Regione, della Provincia e del Comune di Isernia, e con la sempre attiva collaborazione del prof. Carlo Peretto dell Università di Ferrara e della sua ben sperimentata e altamente meritevole équipe, al completamento del Museo e del Parco del Paleolitico di Isernia, che costituirà, certo, un punto di riferimento per la preistoria italiana (ancora troppo trascurata rispetto all interesse che essa suscita in altri paesi europei, come la Francia), essenziale appare la ricognizione topografica del territorio molisano, accompagnata da una serie di saggi stratigrafici di controllo, e dalla pubblicazione degli importanti materiali raccolti nel corso degli anni da studiosi e appassionati. Il presente volume costituisce il primo risultato di una ricerca collettiva e interdisciplinare, e fornisce una sintesi completa dei dati a disposizione per l area di Isernia e per l Alto Molise. Esso affianca lo sforzo della Soprintendenza archeologica del Molise, con la pubblicazione della Nuova serie della Rivista Conoscenze, che da molti anni era interrotta, del Catalogo del Museo Provinciale Sannitico di Campobasso, di una collana di Studi e ricerche e il progetto della Carta archeologica del Molise, teso alla generale ricognizione del patrimonio archeologico della Regione. La concretezza dei risultati raggiunti è base necessaria per ulteriori sforzi, che sicuramente saranno decisivi perché il lavoro compiuto sia durevole nel tempo, e porti nuovi e maggiori frutti per il futuro. * Soprintendente per i Beni archeologici del Molise IX

10 01-impaginato :23 Pagina X

11 01-impaginato :23 Pagina XI Presentazione Angelo Iapaolo* Conoscere il territorio attraverso la lettura delle testimonianze che si sono conservate nel tempo e che attendono solo di esser raccolte, studiate, interpretate e valorizzate, è diventata un esigenza che accomuna tutti coloro che vogliono scoprire le ricchezze della propria terra perché è attraverso di esse che rinasce e si ricostruisce la storia. Il presente lavoro, frutto di un encomiabile attività di ricerca sul campo e di una sinergia di gruppo che coinvolge istituzioni pubbliche e private, amatori locali e valide figure di ricercatori molisani e non, si caratterizza per un esaustiva e completa analisi di una ben precisa area della Regione, la Provincia di Isernia, che è una miniera di ricchezze naturalistiche, archeologiche, architettoniche, storiche, nonché di informazioni e di tracce legate al nostro passato più antico. Un passo importante è stato sicuramente fatto con la predisposizione di questo lavoro in quanto parte di queste tracce sono state individuate, disvelate e ricostruite per essere trasposte alla conoscenza di un pubblico più vasto sia di specialisti che di soli curiosi ed interessati. Il motore che ha alimentato questa ricerca ha trovato senza dubbio forza nella ormai ventennale collaborazione che unisce le istituzioni universitarie, in particolare l Università di Ferrara, e le Amministrazioni locali, tra cui la Provincia di Isernia, ciascuna per la parte di propria competenza, al fine di operare concretamente e fattivamente alla salvaguardia e tutela del patrimonio archeologico. Tale connubio è quanto mai importante considerando che notevoli sforzi sono stati prodotti fin dalla scoperta del sito paleolitico di Isernia La Pineta nel comune intento di incentivare e sostenere la ricerca scientifica nonché di renderla fruibile ad ampio raggio; tali sforzi trovano oggi completa realizzazione nel Centro Europeo di Ricerche Preistoriche che testimonia il risultato di questo impegno e l importanza di aver creato in loco un associazione che opera per potenziare la conoscenza della preistoria non solo in ambito locale ma anche nazionale ed internazionale, favorendo lo sviluppo di quell interdisciplinarità, che è necessaria ed indispensabile per tali obiettivi. In questo senso è altresì importante sottolineare come giovani ricercatori oggi sono un punto di riferimento all interno di tale operazione di potenziamento della ricerca a riprova della volontà di creare una situazione stabile che diventi il fulcro di un circuito a valenza internazionale. * Presidente del Centro Europeo di Ricerche Preistoriche XI

12 01-impaginato :23 Pagina XII

13 01-impaginato :23 Pagina XIII Presentazione Paolo Nuvoli* È una grande soddisfazione aver contribuito, in veste di Presidente del Consorzio MOLI.G.A.L., allo studio dei materiali preistorici della Provincia di Isernia e alla pubblicazione dettagliata dei risultati raggiunti. Infatti, nell ambito del programma comunitario LEADER +, attenzione è stata posta allo sviluppo delle conoscenze, della diffusione e della fruizione delle risorse dal punto di vista ambientale e culturale, attraverso il finanziamento di iniziative mirate alla ricerca e alla divulgazione dei risultati raggiunti. Le nuove informazioni, che si aggiungono al già noto insediamento de La Pineta, consentono di tracciare un quadro ampio e articolato della successione degli eventi naturali e culturali della preistoria del territorio in esame in modo da poter contribuire, con un offerta culturale di ampio respiro, alla valorizzazione di una specifica area LEADER + del Molise. Per questo motivo, alla prestigiosa presenza di testimonianze riconducibili alla fase sannitica, romana e medioevale, ora possiamo associare anche importanti testimonianze paleolitiche, distribuite in un arco di tempo dell ordine di centinaia di migliaia d anni. Questa fase della nostra storia antica si coniuga con una più attenta politica di valorizzazione e di fruizione che i vari Comuni interessati e la Provincia di Isernia perseguono con sempre maggiore determinazione, anche con proposte museali, come ad esempio quelle di Rocchetta a Volturno e Carovilli. Un ulteriore fattore di soddisfazione è rappresentata dal fatto che, con il progetto promosso dal MOLI.G.A.L., un certo numero di giovani ricercatori ha avuto l opportunità di penetrare a fondo le tematiche della preistoria, sviluppando una maggiore capacità di intervento oltre che di conoscenza scientifica. Si è rafforzata così, in sede locale, la presenza di specifiche professionalità con una compagine ad alto livello conoscitivo dei contenuti naturalistici e culturali riconducibili alla nostra storia evolutiva. Questo gruppo di lavoro è quanto mai fondamentale per facilitare la crescita di nuove iniziative rivolte ad un sistema integrato di gestione e fruizione del patrimonio culturale e rappresenta un elemento insostituibile verso uno sviluppo che si possa definire sostenibile, favorendo un turismo di visitazione non soltanto di massa, quanto piuttosto di qualità, motivato da un desiderio di conoscenza più approfondita. Da sottolineare, inoltre, che il progetto, promosso dal MOLI.G.A.L., rafforza inoltre la consapevolezza del valore della propria storia, anche di quella più antica, che per molti aspetti è decisamente affascinante. Essa si configura come un fattore insostituibile per la comprensione delle nostre vere radici, nella prospettiva fondamentale di conoscere, nel modo più corretto possibile, da dove veniamo, chi siamo e soprattutto quali future aspettative possiamo prevedere per l Umanità, certi che la conoscenza rappresenti il fattore fondante per un futuro migliore. * Presidente dell Agenzia di Sviluppo Rurale MOLI.G.A.L. (Molise Gruppo di Azione Locale) XIII

14 01-impaginato :23 Pagina XIV

15 01-impaginato :23 Pagina XV Introduzione Carlo Peretto L emergere, negli ultimi anni, di nuove evidenze preistoriche nell area della Provincia di Isernia, ha dato stimolo ad un intensificarsi delle ricerche mirate d ambito territoriale, traducendosi nella strutturata volontà di raccogliere in una sintesi generale le recenti acquisizioni sul più antico popolamento del Molise, che giungono a colmare le note lacune gravanti su questo settore. Trasvolando le sporadiche raccolte della fine dell 800 e i pionieristici resoconti del Pigorini e del Nicolucci, datati ad un tempo in cui il Molise non vantava ancora l autonomia regionale, e comunque meritevoli d aver svelato al neonato mondo dell archeologia preistorica le potenzialità documentarie di questo territorio, la prima reale svolta si ha nel 1978, con la scoperta del giacimento di Isernia La Pineta, nuova importante pedina nello studio del più antico popolamento europeo. Le ininterrotte ricerche interdisciplinari, condotte da più di un ventennio su questo sito, mai mancano di contribuire alla crescita, sia documentaria che metodologica, della ricerca preistorica; ancor oggi nuovi dati continuano ad emergere dagli studi di campo e di laboratorio, dando impulso ad un continuo aggiornamento della letteratura scientifica d ambito antropologico e preistorico in senso lato. D altro canto, si manifestava da tempo la necessità di allargare la prospettiva, inserendo il complesso de La Pineta in un contesto più ampio, che rendesse conto delle modalità di impegno dell ambiente da parte dei gruppi umani nel corso del tempo, svelando un mondo latente dietro una ipotetica verginità. Unica eccezione nel panorama degli studi preistorici molisani, altrimenti dominato dall esclusività del sito di Isernia La Pineta, era rappresentata dallo studio condotto su alcune collezioni litiche di diversa provenienza e attribuzione da Stefano Grimaldi, negli anni , pubblicato solo di recente. Il primo nuovo impulso è giunto nel 2000, seguendo di un solo anno la ripresa dei lavori sul sito di Isernia La Pineta e la predisposizione delle nuove strutture di ricerca: l individuazione di un area di frequentazione acheuleana in Contrada Colle delle Api a Monteroduni, indotta dal recupero di due bifacciali, di alcune schegge litiche e di resti ossei emergenti da una sezione artificiale. Nel 2001, poi, una nuova evidenza avrebbe rafforzato la volontà di allargare il raggio di ricerca preistorica in Molise: la scoperta del sito musteriano di Grotta Reali a Rocchetta a Volturno. Nel frattempo nuove evidenze emergevano dalle ricognizioni nell hinterland di Isernia, condotte con particolare intensità nell Alto Molise, il cui interesse era da tempo noto grazie all attività di Bruno Paglione, alle raccolte di appassionati locali, alle decennali ricerche del Radmilli nei territori di confine tra Abruzzo e Molise e al censimento di Stefano Grimaldi. La possibilità di dar corpo alle nuove acquisizioni è giunta nel 2004, con la stipula di una Convenzione tra l Agenzia di Sviluppo Rurale MOLI.G.A.L. (Molise Gruppo Azione Locale) e l Università degli Studi di Ferrara per l attuazione del progetto nell ambito del Programma Comunitario LEADER + per lo sviluppo delle conoscenze, in ambito culturale, della provincia di Isernia. Le fasi di attuazione del Progetto ed il rela- XV

16 01-impaginato :23 Pagina XVI XVI Introduzione tivo cronogramma di sviluppo prevedevano, in particolare, una serie di interventi mirati ad intessere o rafforzare collaborazioni con gli Enti preposti alla salvaguardia e valorizzazione del patrimonio culturale e ottenere eventuali autorizzazioni per il corretto espletamento delle attività. Ulteriori attivazioni erano finalizzate ad approfondire il quadro delle conoscenze relative al territorio molisano, con particolare riferimento alla provincia di Isernia, attraverso attente ricognizioni territoriali e una serie di sopralluoghi e interventi puntuali. I risultati ottenuti sono pienamente rispondenti alle iniziali aspettative: diversi interventi specifici nelle aree di accertato interesse archeologico (Grotta Reali, Colle delle Api, Carovilli, San Lorenzo di Civitanova del Sannio), attuati, a seconda dei casi, in forma di scavi stratigrafici, sondaggi o survey, hanno accompagnato le ininterrotte ricognizioni e raccolte di materiale. Per una adeguata presentazione dei risultati raggiunti, a coronamento del Progetto MOLI.G.A.L., è stata programmata e poi realizzata la pubblicazione del presente volume monografico che raduna, in una sintesi esaustiva, tutte le nuove evidenze della preistoria molisana 1. La struttura del volume è così concepita: una rassegna che raccolga, divise per grandi orizzonti cronologico culturali, le testimonianze preistoriche del territorio di Isernia, con una canonica distinzione tra contesti di scavo e insiemi di superficie. Per ciascun insediamento vengono, nell ordine, indicati la storia delle ricerche, le modalità d intervento o raccolta e lo studio delle industrie litiche; in caso di contesti di scavo, le sezioni sono arricchite da contributi interdisciplinari. Una parte introduttiva è dedicata alla storia delle ricerche, con una breve sintesi di quanto già noto in letteratura, dai più antichi rinvenimenti alle acquisizioni degli ultimi anni, passando immancabilmente per la scoperta del giacimento di Isernia La Pineta. Il volume si configura, in ultima analisi, come un compendio esaustivo di tutti i siti preistorici presenti nel territorio della provincia di Isernia, dunque come supporto scientifico e didattico di estrema utilità per la comprensione e la ricostruzione delle modalità di insediamento dell area nel corso del tempo. 1. Il progetto promosso dal Consorzio MOLI.G.A.L. è stato possibile grazie alla partecipazione di numerosi collaboratori che col loro impegno hanno consentito di portare a compimento l iniziativa. Un particolare ringraziamento va a Bruno Paglione per l assidua presenza in questo periodo, fattore fondamentale per la segnalazione di numerosi siti e per la costante raccolta dei materiali provenienti dalle sistematiche prospezioni di superficie. Si ringraziano inoltre, per la proficua collaborazione Marta Arzarello, Pierluigi Berardinelli, Marilena Cozzolino, Federica Fontana, Rosalia Gallotti, Marilena Leis, Giuseppe Lembo, Annarosa Di Nucci, Marco Pavia, Ettore Rufo, Maria Angela Rufo, Ursula Thun Hohenstein, Ciro Tartarini. Si ringraziano, in particolare, la sig. Delia Pallotta per la disponibilità concessa per lo svolgimento di verifiche stratigrafiche nel riparo e nelle grotta di Cegni Ciffuni a Carovilli, il sig. Angelo Scioli per l accesso all area di Colle delle Api e il sig. Ermando D Agostino proprietario della cava di Rocchetta a Volturno dove è ubicata la Grotta Reali. Si ringrazia altresì il gruppo di speleologi di Campobasso, Massimo Mancini, Giampiero Insogna, Alexandra Fatica che hanno dato un valido supporto alla realizzazione delle attività di prospezione nel comune di Carovilli. Un ringraziamento particolare va anche agli studenti dei Corsi di Laurea, italiani e stranieri, che hanno partecipato alle attività di esplorazione, scavo e documentazione: Nelson Veiga, Vera Cabedal, Edgar Simões, Marina Cecilia Flores, Maria Alegre, Isabel Sanchez Miguel, Marco Antonio Alvarez Novoa, Daniela Barbieri, Arianna Sellitto, Amelia Pistillo, Paola Rocco, Barbara Valiante, Decio Volpe, Cecilia Buonsanto, Ilaria Gobbo, Federica Marchitelli, Laura Pontarelli, Pasquale Marino, Simone Di Mauro, Federica Fasano, Annamaria Zaccaria, Nikolas Path, Francesca Del Giudice, Orietta Mura, Roberto Tallu.

17 01-impaginato :23 Pagina 1 1 Storia delle ricerche 1

18 01-impaginato :23 Pagina 2

19 01-impaginato :23 Pagina Sintesi sulla storia delle ricerche a carattere preistorico nella provincia di Isernia A. Minelli, C. Peretto, E. Rufo, C. Terzani Le conoscenze sulla preistoria in Molise sono gravate, ad oggi, da una certa lacunosità (Giannitrapani, 2003; Grimaldi, 2005), nonostante l antico esordio delle indagini sull Età della pietra della Regione, risalente agli ultimi decenni dell Ottocento e legato al nome di Luigi Pigorini (1876). Nello stesso periodo si collocano gli studi dell antropologo Giustiniano Nicolucci (1878). L attenzione di appassionati e studiosi di fine secolo, in linea con la tradizione umanistica, era ispirata ad un gusto estetico di tipo antiquario, volto al collezionismo, dunque reo di una selezione dei manufatti su base stilistica, o improntato all Idealismo dominante, attento all istituzione di culture e di rado sensibile agli aspetti bio culturali, economici e comportamentali (Schnapp, 1993). Ciò non esclude i meriti delle vecchie raccolte, le quali, oltre ad aver preservato testimonianze materiali ora custodite nei musei, hanno consentito di orientare le ricerche verso i luoghi di provenienza degli artefatti, ove esattamente indicati, o quanto meno di tracciare le linee di diffusione dei gruppi umani preistorici in Molise. Le collezioni principali sono quelle del Museo Preistorico ed Etnografico L. Pigorini di Roma, del Museo Etnopreistorico del CAI in Castel dell Ovo a Napoli, del Museo Sannitico di Campobasso, del Museo di Baranello e della Biblioteca comunale di Agnone. L incertezza o genericità dei toponimi di provenienza e gli arbitrari criteri di raccolta e selezione dei reperti (non è un caso che in tutte le collezioni museali dominino elementi stilisticamente meritevoli, quali le cuspidi di freccia) in breve, l amalgama compositivo delle collezioni, conferiscono loro un grado di significatività non particolarmente elevato. Il vuoto esistente tra la fine dell Ottocento e la metà del Novecento si colma a partire dagli anni Cinquanta, con gli esordi delle ricerche in Abruzzo da parte di Antonio Radmilli; al 1957 risale una prima consistente raccolta di superficie nel territorio di Pescopennataro, in località Prato Martello, che restituisce manufatti litici attribuiti al Paleolitico inferiore medio e superiore (Leonardi et al., 1957; Radmilli, 1965); ne deriverà lo stimolo ad ulteriori indagini che faranno dell area di Pescopennataro una ricca miniera per le indagini preistoriche in Molise (Cfr. Cap. 4.1). Nel 1963 il Molise si costituisce in regione autonoma, separandosi dall Abruzzo; ciò determina una deriva nelle ricerche mirate, che interesseranno d ora in poi per un decennio circa il territorio abruzzese, privilegiato dal gruppo di Radmilli; proseguono, nel frattempo, le indagini personali degli appassionati, che fruttano preziose e attente raccolte. È solo con gli inizi degli anni Settanta che le ricerche in Molise conoscono una rinascita, grazie alle iniziative promosse dalla Soprintendenza Archeologica del Molise. In questo ambito si inserisce il progetto d ampio respiro dell Università di Sheffield (UK), promosso dal gruppo di lavoro di Graeme Barker (1975, 1995). Nel 1974 si collocano le prime tappe della campagna di ricognizione nella Valle del Biferno, che proseguirà sistematicamente per circa un decennio, con ulteriori riprese negli anni Novanta. Il progetto Biferno Valley Landscape Archeology regalerà un accurata carta archeologica del Molise 3

20 01-impaginato :23 Pagina 4 4 Capitolo 1 orientale, dalle più antiche fasi della preistoria sino al basso Medioevo, con una nota di privilegio per la protostoria e il processo di strutturazione politica dell Età del Ferro, ma tutt altro che ignara delle evidenze paleolitiche (Fig. 1). Una svolta nel panorama della preistoria molisana si ha nel 1978, con la scoperta del giacimento di Isernia La Pineta. Le indagini effettuate dall Università degli Studi di Ferrara hanno portato alla luce un importante insediamento del Paleolitico inferiore, datato a mila anni BP, di rilevanza cardine per gli studi sul più antico popolamento europeo. L emergere di evidenze nel corso degli scavi d Isernia stimola la curiosità archeologica di studiosi e amatori locali nei primi anni Ottanta, mentre proseguono, fruttando risultati sorprendenti, le ricognizioni di Barker nella Valle del Biferno. Ripetute prospezioni nei depositi quaternari fluvio lacustri dell area tra Isernia e Venafro restituiscono industrie paleolitiche, anche se sporadiche e fuori contesto (da ricordare, tra le altre, le raccolte di Fabio Vianello e Mauro Cremaschi). Le zone più interessate dalle ricerche sono però l Alto Molise e l alta Valle del Volturno: nel 1985 si colloca un altra importante raccolta di manufatti del Paleolitico inferiore medio e superiore nel territorio di Pescopennataro (Ucelli Gnesutta, 1985), mentre nell estate del 1993 l equipe dell Università di Sheffield (UK), impegnata negli scavi del monastero di S.Vincenzo, conduce una campagna di ricognizione presso il Monte Santa Croce, nel comune di Cerro al Volturno, che ha restituito alcuni manufatti litici musteriani (Francis, 1994). Ancora, tra la fine degli anni Ottanta e l inizio dei Novanta, le indagini sistematiche dell Università di Perugia nella città romana di Altilia Sepino sono intercalate a prospezioni nell intera area del Sannio, nell area meridionale di Campobasso; dalle ricerche derivano raccolte eterogenee, che comprendono anche elementi paleolitici. Contemporaneamente, ad opera dell Università di Perugia viene indagata anche la fascia costiera: tra i rinvenimenti vengono individuati prodotti litici di età preistorica (Grimaldi, 2005). Ricordiamo infine recenti pubblicazioni che illustrano vari ritrovamenti (Ciavolino & Patriarca, 1996) e altri, più consistenti, valorizzati grazie all istituzione di una borsa di studio dell Istituto Regionale per gli Studi Storici del Molise V. Cuoco, vinta dal dott. Stefano Grimaldi. Le ricerche, in collaborazione con il sig. Bruno Paglione, hanno fruttato un ragguaglio sistematico delle evidenze paleolitiche della regione, in veste di censimento (Grimaldi, 1996b, 1998b, 2005). Fig. 1 Distribuzione delle evidenze paleolitiche nella Valle del Biferno (da Barker, 1995, Fig. 36)

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 REGIONE ABRUZZO Servizio Politica Energetica, Qualità dell aria, SINA Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 anno scolastico 2014-2015 1. PREMESSA La Regione Abruzzo - insieme al MIUR (Ministero della Pubblica

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

Contesti ceramici dai Fori Imperiali

Contesti ceramici dai Fori Imperiali Contesti ceramici dai Fori Imperiali a cura di BAR International Series 2455 2013 Published by Archaeopress Publishers of British Archaeological Reports Gordon House 276 Banbury Road Oxford OX2 7ED England

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD. LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA UNA STRAORDINARIA MOSTRA CHE AFFRONTA IL TEMA DEL CIBO DAL PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO, SVELANDONE TUTTI

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013 Consultazione Pubblica per l istituzione dell Anagrafe Nazionale Nominativa dei Professori e dei Ricercatori e delle Pubblicazioni Scientifiche (ANPRePS) Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività:

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività: Idecom è una società nata dal gruppo Ladurner che da anni è specializzato nella progettazione, costruzione e gestione di impianti nel campo dell ecologia e dell ambiente, in particolare in impianti di

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

ALTRE PAROLE PER DIRLO. Diamo corpo e parola alla forza delle donne NOVEMBRE GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE

ALTRE PAROLE PER DIRLO. Diamo corpo e parola alla forza delle donne NOVEMBRE GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE 25 foto di Sophie Anne Herin GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE ALTRE PAROLE PER DIRLO Diamo corpo e parola alla forza delle donne Libere di scegliere Libere di desiderare Libere di

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

PROGETTAZIONE ARTISTICA PER L IMPRESA. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano

PROGETTAZIONE ARTISTICA PER L IMPRESA. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano IO E PROGETTAZIONE ARTISTICA PER L IMPRESA Accademia di Belle Arti di Brera - Milano Il diploma accademico di primo livello è equipollente alla laurea triennale. La scuola, a livello universitario, intende

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso A09 Enrico Fontana L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi Prefazione di Massimiliano Manzetti Presentazione di Nicola Rosso Copyright MMXV ARACNE editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

SUA-RD Sperimentazione anno 2013

SUA-RD Sperimentazione anno 2013 Firenze 21 Gennaio 2015 Sperimentazione anno 2013 La Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) è strutturata in 3 parti Parte I Obiettivi, risorse e gestione del Dipartimento Parte II:

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

DIRITTO ALLO STUDIO. Università degli Studi del Sannio. Costruiamo insieme il tuo FUTURO

DIRITTO ALLO STUDIO. Università degli Studi del Sannio. Costruiamo insieme il tuo FUTURO DIRITTO ALLO STUDIO I capaci e i meritevoli, anche se privi di mezzi, hanno diritto di raggiungere i gradi più alti degli studi. art. 34 Costituzione della Repubblica Italiana Diritto allo studio universitario

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

SUA-RD. Presidio Qualità Ateneo Università di Ferrara. 8 Gennaio 2015 Presidio Qualità Ateneo 1

SUA-RD. Presidio Qualità Ateneo Università di Ferrara. 8 Gennaio 2015 Presidio Qualità Ateneo 1 SUA-RD Presidio Qualità Ateneo Università di Ferrara 8 Gennaio 2015 Presidio Qualità Ateneo 1 Finalità della presentazione Questa presentazione ha lo scopo di esaminare le modalità di compilazione della

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA. 30 Maggio - 5 Giugno 2015!

SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA. 30 Maggio - 5 Giugno 2015! 30 Maggio - 5 Giugno 2015! 30 Maggio - 5 Giugno 2015! SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA L'Archeotour, giunto quest'anno alla sua XI edizione, è un'iniziativa del Rotary Club Cagliari per far conoscere

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

IL DIRIGENTE DI SERVIZIO

IL DIRIGENTE DI SERVIZIO Pag. 1 / 6 comune di trieste piazza Unità d Italia 4 34121 Trieste www.comune.trieste.it partita iva 00210240321 AREA CULTURA E SPORT SERVIZIO MUSEO ARTE MODERNA REVOLTELLA REG. DET. DIR. N. 5164 / 2011

Dettagli

PROGRAMMA VINCI Bando 2015

PROGRAMMA VINCI Bando 2015 PROGRAMMA VINCI Bando 2015 L Università Italo Francese / Université Franco Italienne (UIF/UFI) emette il quindicesimo bando Vinci, volto a sostenere le seguenti iniziative: I. Corsi universitari binazionali

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

Il dono: le sue ambivalenze e i suoi paradossi. Un dialogo interdisciplinare.

Il dono: le sue ambivalenze e i suoi paradossi. Un dialogo interdisciplinare. CALL FOR PAPERS Il dono: le sue ambivalenze e i suoi paradossi. Un dialogo interdisciplinare. 18-19 settembre 2008 Università di Milano-Bicocca L analisi del dono risulta sempre più presente nel dibattito

Dettagli

IL COMPARTO DEL TABACCO IN ITALIA ALLA LUCE DELLA NUOVA OCM

IL COMPARTO DEL TABACCO IN ITALIA ALLA LUCE DELLA NUOVA OCM Istituto Nazionale di Economia Agraria IL COMPARTO DEL TABACCO IN ITALIA ALLA LUCE DELLA NUOVA OCM a cura di Roberta Sardone Edizioni Scientifiche Italiane ISTITUTO NAZIONALE DI ECONOMIA AGRARIA IL COMPARTO

Dettagli

Linee guida per la compilazione della SUA-RD da parte di docenti, ricercatori, dottorandi e assegnisti

Linee guida per la compilazione della SUA-RD da parte di docenti, ricercatori, dottorandi e assegnisti Linee guida per la compilazione della SUA-RD da parte di docenti, ricercatori, dottorandi e assegnisti Versione 1.1 2 dicembre 2014 Sommario 1 Introduzione... 3 2 Cosa devono fare docenti, ricercatori,

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica

Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Indice 1 Definizioni 2 Premesse 3 Commissione di Ateneo per l Accesso aperto 4 Gruppo di lavoro 5

Dettagli

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE».

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE». Federcongressi&eventi è l associazione delle imprese e dei professionisti che lavorano nell industria italiana dei convegni, congressi ed eventi: un industria che dà lavoro a 287.741 persone, di cui 190.125

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

La preistoria e la sua divulgazione attraverso la sperimentazione interattiva

La preistoria e la sua divulgazione attraverso la sperimentazione interattiva Archeologia Divulgativa & Sperimentale La preistoria e la sua divulgazione Edoardo Ratti 2 La Preistoria e la sua divulgazione ARCHEOLINK e-mail: info@archeolink.it www.archeolink.it Prima edizione, La

Dettagli

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI CIMEA di Luca Lantero Settembre 2008 1 Cicli Titoli di studio EHEA 1 2 3 Istruzione superiore universitaria Laurea Laurea Magistrale

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

Omegna.doc. Laboratorio Fotografico. missione 1 - paesaggio urbano-industriale: la IRMEL. a cura di FRANCESCO LILLO

Omegna.doc. Laboratorio Fotografico. missione 1 - paesaggio urbano-industriale: la IRMEL. a cura di FRANCESCO LILLO Laboratorio Fotografico Omegna.doc missione 1 - paesaggio urbano-industriale: la IRMEL a cura di FRANCESCO LILLO Associazione Culturale Mastronauta progetto PER FARE UN ALBERO Laboratorio Fotografico Omegna.doc

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO ATTUAZIONE DEL PROGETTO REBIR Risparmio Energetico, Bioedilizia, Riuso Data 29.01.2009

Dettagli

STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES

STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES NEW LIGHT ON ROME, ROMA, MERCATI DI TRAIANO, 2000 ARTISTA PETER ERSKINE Gruppo per la storia dell'energia solare (GSES) www.gses.it

Dettagli

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015 STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS Anno Accademico 2014/2015 PERCHE LA SCHEDA SUA CDS? L Obiettivo della scheda SUA-CdS non è puramente compilativo; tale strumento vuole essere una guida ad

Dettagli

Le interfacce aptiche per i beni culturali

Le interfacce aptiche per i beni culturali Le interfacce aptiche per i beni culturali Massimo Bergamasco 1, Carlo Alberto Avizzano 1, Fiammetta Ghedini 1, Marcello Carrozzino 1,2 1PERCRO Scuola Superiore Sant Anna, Pisa 2IMT Institude for Advanced

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Esecuzione e Interpretazione / CHITARRA

Esecuzione e Interpretazione / CHITARRA Graduatoria Docenti aspiranti all UTILIZZAZIONE nei LICEI MUSICALI Anno Scolastico 0/ Esecuzione e Interpretazione / CHITARRA sul posto o sulla quota orario assegnata nell anno scolastico 0/ (docenti titolari

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1115 Prot. n 8165 Data 23.04.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

LINEE GUIDA per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD)

LINEE GUIDA per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) LINEE GUIDA per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) Indice 1. Le basi normative e aspetti generali 2. Parte I: obiettivi, risorse e gestione del Dipartimento

Dettagli

Premessa. 11100 Aosta (Ao) 2/A, via Promis telefono +39 0165272866 telefax +39 0165272840

Premessa. 11100 Aosta (Ao) 2/A, via Promis telefono +39 0165272866 telefax +39 0165272840 Assessorat des Ouvrages Publics de la protection des sols et du logement public Assessorato Opere Pubbliche, Difesa del Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica Premessa Le fondamentali indicazioni riportate

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

Il Mobile Significante 2015 XII edizione

Il Mobile Significante 2015 XII edizione Internazionale Fondazione Aldo Morelato sull arte applicata nel mobile. Il Mobile Significante XII edizione I Luoghi del relax 2.0 oggetti d arredo per il relax domestico Art. 1 Tema del concorso Lo spazio

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli