L imposta di bollo speciale sui rapporti segretati e quella straordinaria sui prelievi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L imposta di bollo speciale sui rapporti segretati e quella straordinaria sui prelievi"

Transcript

1 1363 ATTUALITÀ Provvedimento Agenzia delle Entrate del 14 febbraio 2012 L imposta di bollo speciale sui rapporti segretati e quella straordinaria sui prelievi di Enzo Mignarri Con un comunicato stampa emesso nella tarda serata del 15 febbraio 2012, il Ministero dell economia e delle finanze ha disposto la proroga del termine fissato dal D.L. n. 201/2011 per il 16 febbraio 2012 per il pagamento dell imposta di bollo speciale sui rapporti ancora segretati e di quella straordinaria su quelli cosiddetti de-scudati. Il tempo che la proroga metterà a disposizione degli operatori dovrà essere utilizzato per risolvere i dubbi ancora esistenti, di cui questo contributo propone una sintetica disamina, dopo i primi (tardivi) chiarimenti forniti dall Agenzia delle Entrate con il provvedimento del 14 febbraio 2012, e per approntare le procedure informatiche e organizzative necessarie per il corretto adempimento degli obblighi tributari. 1. Premessa Nell ambito del D.L. 6 dicembre 2011, n. 201 (cosiddetto Salva Italia ) convertito, con modifiche, dalla L. 22 dicembre 2011, n. 214 pubblicata sul supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 300 del 27 dicembre 2011 e in vigore dal giorno successivo sono state istituite due forme di prelievo volte a colpire le attività finanziarie oggetto di emersione ancora segretate e quelle non più segretate: l imposta di bollo speciale di cui all art. 19, comma 6; l imposta straordinaria di cui all art. 19, comma L imposta di bollo speciale Con l art. 19, comma 6, si è stabilito che le attività finanziarie oggetto di emersione ai sensi dell art. 13-bis del D.L. n. 78/2009, convertito, con modificazioni, dalla L. n. 102/2009, e successive modificazioni, e degli artt. 12 e 15 del D.L. n. 350/2001, convertito, con modificazioni, dalla L. n. 409/2001, e successive modificazioni 1, sono soggette a un imposta di bollo speciale annuale del 4 per mille (cosiddetta imposta sull anonimato). Per gli anni 2012 e 2013 l aliquota è stabilita, rispettivamente, nella misura del 10 e del 13,5 per mille. Tale imposta è determinata al netto dell eventuale imposta di bollo pagata ai sensi del comma 2-ter dell art. 13 della Tariffa allegata al D.P.R. n. 642/1972 e successive modificazioni (ossia quella sulle comunicazioni alla clientela relative agli strumenti e ai prodotti finanziari anche non soggetti all obbligo di deposito, ad esclusione dei fondi pensione e dei fondi sanitari), ma non di quella di cui al comma 2-bis dell art. 13 della Tariffa relativa agli estratti conto. Ai sensi del successivo comma 8 del predetto articolo, gli intermediari interessati provvedono a trattenere l imposta dal conto del soggetto che ha effettuato l emersione, o ricevono provvista dallo stesso contribuente, ed effettuano il re- 1 Sono pertanto ricompresi tutti gli scudi ad oggi effettuati.

2 1364 ATTUALITÀ Imposte indirette lativo versamento entro il 16 febbraio di ciascun anno con riferimento al valore delle attività ancora segretate al 31 dicembre dell anno precedente. Il versamento è effettuato secondo le disposizioni contenute nel capo III del D.Lgs. n. 241/1997 e successive modificazioni. Per il solo versamento da effettuare nel 2012, il valore delle attività segretate è quello al 6 dicembre Gli intermediari segnalano all Agenzia delle Entrate i contribuenti nei confronti dei quali non è stata applicata e versata l imposta con le suddette modalità. Nei confronti dei predetti contribuenti, l imposta è riscossa mediante i- scrizione a ruolo ai sensi dell art. 14 del D.P.R. n. 602/1973 e successive modificazioni. Per l omesso versamento dell imposta, il comma 10 prevede che debba applicarsi una sanzione pari all importo non versato. Per l accertamento e la riscossione dell imposta in questione, nonché per il relativo contenzioso si applicano le disposizioni in materia di imposta di bollo. 3. L imposta straordinaria Sulle attività finanziarie oggetto di emersione che, alla data del 6 dicembre 2011, sono state in tutto o in parte prelevate dal rapporto di deposito, amministrazione o gestione acceso per effetto della procedura di emersione ovvero comunque dismesse, il comma 12 dell art. 19 stabilisce che è dovuta, per il solo anno 2012, un imposta straordinaria pari al 10 per mille. Per la disciplina del prelievo sulle attività finanziarie scudate non più segretate si applicano i commi da 8 a 11 dell art. 19 e, pertanto, ne dovrebbe conseguire che: l imposta straordinaria è (o, meglio, doveva essere) versata dagli intermediari entro il 16 febbraio 2012, con riferimento al valore delle attività de-scudate al 6 dicembre 2011, ottenendone provvista dal contribuente (comma 8); nel caso di mancata applicazione dell imposta straordinaria gli intermediari dovranno comunque segnalare all Agenzia delle Entrate i contribuenti già titolari di conti scudati (comma 9); si applicano le norme procedurali in materia di imposta di bollo e la speciale sanzione pari all importo non versato (commi 10 e 11). 4. Disposizioni attuative L art. 19 del D.L. n. 201/2011 stabilisce al comma 23 che con uno o più provvedimenti del Direttore dell Agenzia delle Entrate verranno stabilite le disposizioni di attuazione dei commi da 6 a 22. In data 9 febbraio 2012, con ris. n. 14/E 2, l Agenzia delle Entrate ha istituito i codici tributo per il versamento, tramite Modello F24, delle somme dovute ai sensi delle suddette disposizioni ossia i codici: 8111 denominato Imposta di bollo speciale di cui all art. 19, comma 6, del D.L. 201/2011 ; 8112 denominato Imposta straordinaria di cui all art. 19, comma 12, del D.L. 201/2011 ; 8113 denominato Sanzione per omesso versamento di cui all art. 19, commi 10 e 12 del D.L. n. 201/2011. In data 14 febbraio 2012 a ridosso della scadenza per il pagamento fissato dal citato art. 19 per il 16 febbraio 2012 il Direttore dell Agenzia delle Entrate ha emanato le previste disposizioni di attuazione con riguardo all imposta di bollo speciale e a quella straordinaria. Il provvedimento fornisce taluni importanti chiarimenti agli intermediari e ai contribuenti per il pagamento delle suddette imposte. Tuttavia, le tardive disposizioni attuative dell Agenzia delle Entrate, da un lato, e le obiettive difficoltà operative rappresentate dagli intermediari finanziari tenuti al versamento dell imposta sulle attività oggetto di scudo fiscale, dall altro, hanno indotto il Ministero dell economia e delle finanze ha emettere, nella tarda serata del 15 febbraio 2012, un comunicato stampa con cui ha stabilito che il termine già fissato al 16 febbraio sarà differito con il primo provvedimento legislativo utile. Con lo stesso provvedimento sarà disposto che i versamenti non effettuati fino alla data di entrata in vigore della disposizione di proroga non configureranno violazione in materia di versamenti. 5. Le criticità emerse e i chiarimenti forniti Nell applicazione dell imposizione introdotta sulle attività finanziarie oggetto di scudo, sono venute alla luce varie criticità, non sempre superabili in via analogica o sistematica. Nel proseguo del lavoro si procederà a una sintetica e articolata disamina delle principali problematiche sino ad oggi emerse e dei chiarimenti forniti al riguardo nel citato provvedimento di attuazione. 2 In banca dati fisconline.

3 Imposte indirette ATTUALITÀ L imposta di bollo speciale Ambito di applicazione oggettivo Il provvedimento del 14 febbraio 2012 ha precisato che l imposta riguarda le sole attività finanziarie oggetto delle operazioni di emersione attraverso la procedura del rimpatrio sia fisico che giuridico e che sono ancora detenute in regime di riservatezza al 6 dicembre 2011, con riferimento al primo anno di applicazione, e al 31 dicembre per gli anni successivi. È stato, pertanto, chiarito che rientrano nell ambito di applicazione i cosiddetti rimpatri giuridici effettuati dalle società fiduciarie, mentre sono esclusi gli immobili detenuti all estero e oggetto di scudo, in quanto la norma fa riferimento alle sole attività finanziarie. Il provvedimento non precisa quali sono le attività interessate ossia se si debba, ad esempio, far riferimento come sembrerebbe ragionevole a tutte le attività finanziarie a suo tempo scudate che comprendevano anche le partecipazioni detenute all estero in società non quotate e i finanziamenti dei soci. La precisazione fornita consente anche di escludere dall ambito di applicazione le attività finanziarie oggetto di regolarizzazione, fugando i dubbi sollevati dal conflitto esistente tra il disposto del comma 6 dell art. 19 che con il richiamo all art. 15 del D.L. n. 350/2001 ricomprende le attività rimpatriate o regolarizzate e il comma 8 dello stesso articolo riferito solo alle attività ancora segretate. Determinazione della base imponibile Circa la base imponibile, il provvedimento ribadisce che l imposta è calcolata sull ammontare delle somme e sul valore di mercato delle attività finanziarie alla data di riferimento e, in mancanza del valore di mercato, sulla base del valore nominale ovvero quello di rimborso di tali attività. L imposta si dovrebbe applicare anche ai redditi (interessi, cedole, dividendi, plusvalenze) derivanti dalle attività rimpatriate che hanno alimentato i conti scudati. Dato che il saldo contabile e quello liquido del conto corrente scudato possono essere discordanti per effetto delle operazioni disposte in data precedente a quella della rilevazione e ancora non regolate (ad esempio per l acquisto o la vendita di titoli), occorre chiarire dato che la norma non dispone nulla al riguardo quale dei due saldi utilizzare per il calcolo dell imposta. Si rammenta che, ai fini dell imposta di bollo ordinaria ex D.P.R. n. 642/1972, si tiene conto del saldo contabile e non del saldo per valuta (posizione questa ancora da confermare da parte dell Agenzia delle Entrate e, quindi, suscettibile di modifiche). Tuttavia, è da tenere presente che, nel caso specifico, quanto accreditato/addebitato sul conto corrente scudato dovrebbe trovare contropartita in una rilevazione di segno opposto sul dossier titoli. Ad esempio: la vendita di un titolo dovrebbe comportare una movimentazione di segno negativo sul dossier titoli scudato e di segno positivo sul conto corrente scudato (per effetto dell accredito delle somme rivenienti dalla vendita stessa). È evidente che lo spirito della norma non può essere quello di realizzare una duplicazione di imposta. Ne consegue che per tali operazioni dovrà essere considerata la base imponibile complessiva (rappresentata dalle attività scudate ) tenendo conto dei movimenti in questione e neutralizzando le situazioni che comporterebbero una duplicazione di imposta. Come detto, l imposta speciale di bollo è determinata al netto dell eventuale imposta di bollo pagata sulle comunicazioni relative agli strumenti e ai prodotti finanziari (art. 13, comma 2-ter della tariffa). Al riguardo non è stato chiarito con quali modalità applicare la riduzione di imposta e se per imposta già pagata nel 2011 si intende quella relativa a tutto il Valenza pratica della segretazione Date le comunicazioni effettuate dagli intermediari all Anagrafe tributaria dei rapporti segretati accesi (cfr. la circ. n. 18/E del 4 aprile ) e di quelle previste dall art. 11 del D.L. n. 201/2011 (segnalazione di tutte le movimentazioni di conti e depositi), il pagamento della cosiddetta tassa sull anonimato può avere un senso, in futuro, solo se da quest ultime rilevazioni verranno esclusi i conti segretati L imposta straordinaria sui prelievi Per questa forma di imposizione una tantum, il provvedimento prevede che per le attività finanziarie oggetto di emersione che, alla data del 6 dicembre 2011, sono state in tutto o in parte prelevate dal rapporto di deposito, amministrazione o gestione acceso per effetto della procedura di emersione ovvero comunque dismesse, è dovuta, per il solo anno 2012, un imposta straordinaria pari al 10 per mille. 3 In banca dati fisconline.

4 1366 ATTUALITÀ Imposte indirette L imposta si applica sulle somme e sul valore di mercato delle attività finanziarie alla data del prelievo o, in mancanza, sul loro valore nominale o di rimborso. Si osserva che il provvedimento, analogamente al decreto, non contiene alcun riferimento temporale per cui i prelievi e le dismissioni interessate non parrebbero limitate al solo 2011, diversamente da quella che era l opinione prevalente tra gli operatori, ma dovrebbero decorrere dal momento della costituzione dei rapporti secretati. Tale aspetto assume, è evidente, particolare rilevanza sia sotto il profilo della correttezza del prelievo (anche in base al principio sulla capacità contributiva sancito dalla Costituzione) sia con riguardo alle difficoltà insite nel reperimento delle informazioni necessarie visto che il primo scudo risale, come è noto, al Dato il rinvio ai commi da 8 a 11, l imposta straordinaria si dovrebbe applicare solo alle attività finanziarie detenute in Italia (direttamente o tramite intermediari) e non a quelle patrimoniali di altro genere Problematiche comuni ai due prelievi Consenso del contribuente Non è stato chiarito se l intermediario, come avviene per l imposta di bollo ordinaria, possa prelevare l imposta dal conto corrente del contribuente senza il suo consenso e se, nella fattispecie, in mancanza di provvista, sia anche autorizzato a liquidare altri assets del cliente/contribuente. L orientamento al momento prevalente tra gli intermediari è quello secondo cui in presenza sul conto corrente scudato di un saldo positivo sufficiente a coprire l obbligo tributario gli intermediari sono tenuti a operare il prelievo, a prescindere dall assenso del cliente. Nel caso in cui il contribuente anche in presenza della necessaria liquidità sul conto corrente scudato non intenda per ragioni di principio versare il tributo deve essere informato delle conseguenze derivanti dalla sua scelta che in tale ipotesi deve essere opportunamente formalizzata per tutelare la posizione dell intermediario che, successivamente, sarà tenuto alla segnalazione nominativa del contribuente con la conseguente perdita dell anonimato. Aspetti operativi La norma introdotta fa riferimento alle attività finanziarie scudate per cui non assume rilevanza il contenuto della dichiarazione riservata (che poteva includere anche gli immobili), ma il valore delle attività finanziarie immesse nei rapporti segretati. Nel caso in cui la provvista per il pagamento dell imposta venga versata nel conto segretato ciò determina, sulla base delle normativa vigente, la perdita della segretazione. Tale disposizione dovrebbe essere riconsiderata ammettendo che gli apporti finalizzati al pagamento delle imposte in questione non determinano la perdita della segretazione. Dovranno essere fornite istruzioni su come applicare la norma in caso, ad esempio, di decesso del contribuente che aveva presentato la dichiarazione riservata e su come comportarsi nel caso in cui fra il 6 dicembre 2011 e il 31 dicembre 2011 il contribuente abbia rinunciato alla segretazione (ad esempio, abbia movimentato il conto scudato o abbia anche solo inviato una dichiarazione di rinuncia alla segretazione). Non è stato chiarito come comportarsi nell ipotesi in cui si siano verificati fatti che abbiano originato segnalazioni nominative di clienti scudati (o nell ambito del quadro SO del Modello 770 ovvero nell ambito del monitoraggio) oppure nel caso in cui la dichiarazione riservata sia stata e- sibita dal contribuente in sede di verifica fiscale. La normativa fiscale al momento emanata non prevede alcun obbligo di attestazione nei confronti del cliente. Rapporti fiduciari Una tematica di particolare rilevanza, anche sotto il profilo operativo, è costituita dai rapporti fiduciari, soggetti ai prelievi in questione, detenuti in Italia presso le banche dalle società fiduciarie per i quali si pone il problema di una corretta applicazione dell obbligazione tributaria dato che le disposizioni vigenti stabiliscono come detto che l imposta di bollo speciale è determinata al netto di quella ordinaria pagata sulle comunicazioni alla clientela relative ai prodotti e agli strumenti finanziari, il che impone almeno uno scambio di informazioni tra tali intermediari. Gli adempimenti necessari al pagamento delle menzionate imposte, al momento non disciplinati, potrebbero trovare una soluzione in un accordo in base al quale la società fiduciaria affida alla banca il calcolo dell imponibile, l addebito dei conti fiduciari e il successivo versamento all Erario di quanto dovuto dai fiducianti. La banca, a sua volta, dovrebbe poi rendicontare alla società fiduciaria l attività svolta in modo tail fisco - rivista online - utente $ E - tutti i diritti riservati - WKI Srl

5 Imposte indirette ATTUALITÀ 1367 le che quest ultima ne abbia una completa e dettagliata visione a livello di singolo rapporto e possa poi adempiere agli obblighi tributari che le competono e, in particolare, alla segnalazione all Amministrazione finanziaria dei contribuenti nei confronti dei quali non è stata applicata e versata l imposta dovuta con le modalità stabilite dal comma 8 dell art. 19 del D.L. n. 201/2011. Una suddivisione degli adempimenti, questa, che consentirebbe, da un lato, di ridurre i costi complessivamente sopportati dagli intermediari (ad esempio, per la valorizzazione degli assets al valore di mercato) e di evitare al contribuente una doppia tassazione. Spingono in questa direzione anche le caratteristiche che connotano i due prelievi imposti sulle attività emerse che sono poi quelle proprie dell imposta di bollo ordinaria confermate pure dal comma 9 dell art. 19, secondo cui per l accertamento e la riscossione nonché per il contenzioso si applicano, in ogni caso, le stesse disposizioni. Diverso è il caso dei rapporti fiduciari detenuti all estero dalle società fiduciarie, ossia in regime di rimpatrio giuridico, dato che per tali rapporti gli adempimenti richiesti per il pagamento delle imposte sono in ogni caso a carico delle società fiduciarie. Tuttavia, nella fattispecie, risulta non immediato il computo del valore di mercato delle attività finanziarie, che di norma non viene effettuato dalle fiduciarie ma soltanto dalla banca estera interessata, e più lungo l iter necessario per il pagamento delle imposte in quanto la società fiduciaria deve procedere richiedendo dapprima alla banca estera di addebitare il conto o i conti ivi detenuti e poi aspettare di ricevere da quest ultima il relativo accredito per poterlo poi versare all erario. Gestioni patrimoniali scudate Anche per le gestioni dovrebbe essere tassato il valore di mercato delle attività ancora segretate al 31 dicembre dell anno precedente a quello per il quale è dovuta l imposta e, limitatamente, al 2012 al valore delle attività ancora segretate al 6 dicembre Polizze assicurative scudate Importanti chiarimenti sono stati forniti per le polizze assicurative scudate con riguardo all applicazione delle imposte in questione e al loro versamento. Infatti, il provvedimento, dopo aver ricordato che gli intermediari specificamente individuati dall art. 11, comma 1, lettera b), del D.L. n. 350/2001 (banche italiane, società di intermediazione mobiliare, società di gestione del risparmio, società fiduciarie, agenti di cambio e Poste Italiane S.p.A., nonché stabili organizzazioni in Italia di banche e di imprese di investimento non residenti) provvedono a trattenere l imposta di bollo speciale annuale sulle attività oggetto di emersione e l imposta straordinaria sui prelievi delle medesime attività dal conto del soggetto che ha effettuato l emersione o ricevono provvista dallo stesso contribuente, ha stabilito che tra tali intermediari sono ricomprese anche le imprese di assicurazione residenti nel caso in cui le attività rimpatriate, o comunque parte di esse, siano state utilizzate per la sottoscrizione di un contratto di assicurazione sulla vita o di capitalizzazione in regime di riservatezza. Nel caso in cui le polizze siano state oggetto di contraenza da parte di una società fiduciaria, non è chiaro chi sia l intermediario obbligato al prelievo ossia la compagnia di assicurazione che ha le informazioni necessarie e, di norma, la provvista richiesta o la società fiduciaria che, pur essendo più vicino al cliente, non ha le informazioni richieste e che, in assenza di altri rapporti, dovrà farsi fare provvista dall assicurato. In tal caso, a parte la possibilità di un accordo tra gli intermediari interessati su chi debba applicare l imposta, sembrerebbe opportuno che il prelievo venisse effettuato dalla compagnia di assicurazione così come, del resto, il provvedimento dispone in via generale. Trasferimento del conto scudato Nell ipotesi in cui il contribuente detenga il conto segretato presso il medesimo intermediario con il quale è stata effettuata la procedura del rimpatrio delle attività finanziarie, tale intermediario è tenuto a prelevare l imposta di bollo speciale annuale e l eventuale imposta straordinaria sui prelievi. Se il contribuente ha trasferito il conto segretato presso altro intermediario, mantenendo il regime della riservatezza, l ultimo intermediario presso cui è ancora detenuto il conto è tenuto al prelievo delle imposte. Qualora il contribuente abbia trasferito il conto segretato presso altro intermediario senza mantenere il regime della riservatezza, l imposta di cui al comma 6 dell art. 19 del D.L. n. 201/2011 non è dovuta. Tuttavia, considerato che detto trasferimento è equiparabile ad un prelievo, l intermediario presso il quale detto prelievo è stato effettuato è tenuto a segnalare il nominativo del contribuente all Amministrazione finanziaria.

6 1368 ATTUALITÀ Imposte indirette Nel caso in cui il contribuente abbia trasferito parte delle attività detenute nel conto segretato presso altro intermediario in un conto non segretato, l intermediario presso cui è detenuto il conto segretato applica l imposta di cui al comma 6 dell art. 19 del decreto sulle attività finanziarie ancora segretate e quella di cui al comma 12 sulle attività finanziarie eventualmente trasferite o prelevate. L Agenzia delle Entrate ha precisato che, in ogni caso, il contribuente può evitare la segnalazione all Amministrazione finanziaria fornendo la provvista all intermediario per il pagamento delle imposte. Le precisazioni fornite risolvono le perplessità sollevate in quanto, correttamente, vengono stabiliti i comportamenti cui sono tenuti gli intermediari che intervengono nel caso di trasferimento del conto scudato. In effetti, l intermediario cedente, ancorché a suo tempo abbia ricevuto la dichiarazione riservata, non è tenuto ad alcun adempimento, né di versamento né di segnalazione, nel caso in cui al momento del passaggio sia stata mantenuta la segretazione. Successivamente al cedente risulta impossibile stabilire se le attività trasferite presso altro intermediario abbiano conservato o meno la segretazione e siano, pertanto, da assoggettare al prelievo sull anonimato. Diverso è, ovviamente, il caso in cui il trasferimento sia avvenuto senza mantenere la riservatezza. Versamento dell imposta Nel caso in cui l intermediario abbia ricevuto la necessaria provvista ma non provveda per tempo al pagamento, non è chiaro se le eventuali sanzioni siano a carico del contribuente o dell intermediario operante in qualità di sostituto di imposta. In caso di versamento in eccesso da parte dell intermediario, deve essere chiarito come restituire al cliente l eventuale imposta erroneamente pagata in eccesso e come compensare il credito verso l erario utilizzando il Modello F24. Possibilità di avvalersi del ravvedimento operoso A seguito della possibilità concessa dal provvedimento di rimandare alla dichiarazione dei sostituti di imposta del 2012 la segnalazione di coloro che non hanno in tutto o in parte assolto l obbligazione tributaria, sarebbe opportuno chiarire se torni applicabile l istituto del ravvedimento o- peroso che consente di effettuare il versamento tardivo con il pagamento delle sanzioni in misura ridotta e degli interessi al tasso legale. Il provvedimento disciplina infatti solo la fattispecie dell omesso versamento che viene sanzionato in misura pari al 100% di quanto non versato. Tale sanzione, per effetto di quanto stabilito nel provvedimento stesso, è a carico del contribuente. In effetti, non sembrerebbe potersi escludere la possibilità per l intermediario di ricorrere alla norma di carattere generale contenuta nell art. 13 del D.Lgs. n. 472/1997 anche se un chiarimento in proposito da parte dell Amministrazione finanziaria sarebbe opportuno. Obblighi di segnalazione all Agenzia delle Entrate Il provvedimento ha stabilito che la segnalazione va effettuata nella dichiarazione dei sostituti d imposta e degli intermediari, Modello 770 ordinario, a decorrere da quello relativo al periodo d imposta 2012 (Modello 770/2013). La segnalazione è altresì dovuta qualora il contribuente abbia chiuso il conto segretato tra il 7 e il 31 dicembre 2011 e non abbia fornito la provvista per il pagamento dell imposta di cui al comma 6 dell art. 19 del decreto. Con riguardo ai dati necessari per la compilazione del Modello 770, non è stata fornita alcuna indicazione. È da ritenere che il contenuto minimo della segnalazione in discorso sia rappresentato dagli elementi necessari per consentire all Amministrazione finanziaria di poter procedere, come prevede la legge, immediatamente nei confronti del contribuente all iscrizione a ruolo dell imposta dovuta. Iscrizione a ruolo L immediata iscrizione a ruolo dell ammontare dell imposta non pagata pone il problema delle conseguenze derivanti da eventuali segnalazioni errate effettuate dagli intermediari all Agenzia delle Entrate.

Attività finanziarie rimpatriate : imposta di bollo speciale e imposta strardinaria di Massimo Gabelli (*) e Davide Rossetti (*)

Attività finanziarie rimpatriate : imposta di bollo speciale e imposta strardinaria di Massimo Gabelli (*) e Davide Rossetti (*) Attività finanziarie rimpatriate : imposta di bollo speciale e imposta strardinaria di Massimo Gabelli (*) e Davide Rossetti (*) Con l emanazione del decreto Monti (D.L. 6 dicembre 2011, n. 201, convertito

Dettagli

L imposta di bollo speciale sulle attività oggetto di emersione ancora segretate

L imposta di bollo speciale sulle attività oggetto di emersione ancora segretate 5591 APPROFONDIMENTO L imposta di bollo speciale sulle attività oggetto di emersione ancora segretate di Enzo Mignarri Con la pubblicazione della circolare dell Agenzia delle Entrate n. 29/E del 5 luglio

Dettagli

CIRCOLARE N. 29/E. Roma, 5 luglio 2012

CIRCOLARE N. 29/E. Roma, 5 luglio 2012 CIRCOLARE N. 29/E Direzione Centrale Normativa Roma, 5 luglio 2012 OGGETTO: Imposta di bollo speciale sulle attività finanziarie oggetto di operazioni di emersione e imposta straordinaria sui prelievi

Dettagli

Diritto tributario italiano L imposta di bollo sulle attività finanziarie oggetto di emersione

Diritto tributario italiano L imposta di bollo sulle attività finanziarie oggetto di emersione Diritto tributario italiano L imposta di bollo sulle attività finanziarie oggetto di emersione 13 Stefano Grilli Dottore commercialista, Studio Gianni, Origoni, Grippo, Cappelli & Partners, Milano Le ultime

Dettagli

Circolare n. 21 INDICE

Circolare n. 21 INDICE Circolare n. 21 del 15 giugno 2012 Imposte patrimoniali sugli immobili all estero, sulle attività finanziarie detenute all estero e sulle attività oggetto di scudo fiscale - Riepilogo della disciplina

Dettagli

Intervento di Enzo Mignarri - Monte Paschi Fiduciaria Milano, 24 gennaio 2012

Intervento di Enzo Mignarri - Monte Paschi Fiduciaria Milano, 24 gennaio 2012 Agenda Intervento di Enzo Mignarri - Monte Paschi Fiduciaria Milano, 24 gennaio 2012 1) Le nuove disposizioni in materia di imposte di bollo sui conti correnti, titoli, strumenti e prodotti finanziari

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Informativa n. 24 del 18 giugno 2012 Imposte patrimoniali

Dettagli

INTRODUZIONE -... IMPOSTA DI BOLLO SPECIALE.. IMPOSTA STRAORDINARIA UNA TANTUM.. VERSAMENTO DELLE IMPOSTE.. MODALITA DI APPLICAZIONE.

INTRODUZIONE -... IMPOSTA DI BOLLO SPECIALE.. IMPOSTA STRAORDINARIA UNA TANTUM.. VERSAMENTO DELLE IMPOSTE.. MODALITA DI APPLICAZIONE. CIRCOLARE NR. 8/2012 OGGETTO: IMPOSTE SULLO SCUDO FISCALE" (DECRETO LEGGE N.16 DEL 2/3/2102) CONTENUTO La commissione Finanze della Camera ha approvato alcuni emendamenti al decreto legge fiscale che interessano

Dettagli

GPAV Dottori Commercialisti Associati

GPAV Dottori Commercialisti Associati Le novità fiscali contenute nell articolo 19 del cd. Decreto Monti (D.L. 201/2011) come integrato e modificato dal cd. Decreto sulle semplificazioni fiscali (D.L. 16/2012) Ordine Dottori Commercialisti

Dettagli

Attivita' scudate, quando viene meno la riservatezza Le indicazioni nella circolare n. 29/E/2012 Ipsoa.it

Attivita' scudate, quando viene meno la riservatezza Le indicazioni nella circolare n. 29/E/2012 Ipsoa.it Attivita' scudate, quando viene meno la riservatezza Le indicazioni nella circolare n. 29/E/2012 Ipsoa.it di Marco Piazza Si puo' far cessare il regime di riservatezza dei conti e depositi scudati e quindi

Dettagli

L imposta sul valore delle attività finanziarie detenute all estero: disciplina e applicazione

L imposta sul valore delle attività finanziarie detenute all estero: disciplina e applicazione 6077 APPROFONDIMENTO L imposta sul valore delle attività finanziarie detenute all estero: disciplina e applicazione di Enzo Mignarri Con il varo del decreto legge cosiddetto Salva Italia, sono state introdotte

Dettagli

Attività delle società fiduciarie attraverso mandati ad amministrare senza intestazione

Attività delle società fiduciarie attraverso mandati ad amministrare senza intestazione 2919 APPROFONDIMENTO Attività delle società fiduciarie attraverso mandati ad amministrare senza intestazione di Enzo Mignarri Con la ris. n. 23/E dell 8 marzo 2012, l Agenzia delle Entrate ha risposto

Dettagli

Articolo 7 (Modifiche alla disciplina delle Imposte sul Valore delle Attività Finanziarie all Estero (IVAFE) - Caso EU Pilot 5095/13/TAXU)

Articolo 7 (Modifiche alla disciplina delle Imposte sul Valore delle Attività Finanziarie all Estero (IVAFE) - Caso EU Pilot 5095/13/TAXU) Articolo 7 (Modifiche alla disciplina delle Imposte sul Valore delle Attività Finanziarie all Estero (IVAFE) - Caso EU Pilot 5095/13/TAXU) L articolo 7, apportando modifiche all articolo 19 del D.L. n.

Dettagli

CIRCOLARE N. 41/E. Roma, 31 ottobre 2012

CIRCOLARE N. 41/E. Roma, 31 ottobre 2012 CIRCOLARE N. 41/E Direzione Centrale Normativa Roma, 31 ottobre 2012 OGGETTO: Assicurazioni estere operanti in Italia in regime di libera prestazione di servizi. Articolo 68 del decreto legge 22 giugno

Dettagli

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito RISOLUZIONE N. 76/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 novembre 2013 OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito Con la richiesta di consulenza

Dettagli

ENTI NON COMMERCIALI E SCUDO FISCALE-TER

ENTI NON COMMERCIALI E SCUDO FISCALE-TER ENTI NON COMMERCIALI E SCUDO FISCALE-TER Premessa Attraverso un emendamento al Decreto Legge 1 luglio 2009, n. 78 (i.e. Decreto anticrisi), introdotto dalla Legge 3 agosto 2009, n. 102, di conversione

Dettagli

Scudo fiscale ter: - Le scelte strategiche nell emersione e nella compilazione della dichiarazione riservata

Scudo fiscale ter: - Le scelte strategiche nell emersione e nella compilazione della dichiarazione riservata Scudo fiscale ter: - nell emersione e nella compilazione della dichiarazione riservata di Università di Genova - Professore aggregato di Diritto Commerciale Componente commissione Trust CNDCEC nell emersione

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Roma, 19 giugno 2006

CIRCOLARE N. 22/E. Roma, 19 giugno 2006 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 giugno 2006 Oggetto: Fondi comuni di investimento immobiliare. Modificazioni al regime tributario dei partecipanti. Articolo 1, comma

Dettagli

MODIFICHE NELLA COMPILAZIONE DEL QUADRO RW IN APPLICAZIONE DELLA LEGGE SUL MONITORAGGIO

MODIFICHE NELLA COMPILAZIONE DEL QUADRO RW IN APPLICAZIONE DELLA LEGGE SUL MONITORAGGIO MODIFICHE NELLA COMPILAZIONE DEL QUADRO RW IN APPLICAZIONE DELLA LEGGE SUL MONITORAGGIO SOGGETTI OBBLIGATI ALLA COMPILAZIONE DEL QUADRO RW A NORMA DEGLI ARTT. 2 E 4 DEL D.L. 167/1990 PERSONE FISICHE ENTI

Dettagli

R21 - QUADRO RZ - DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA RELATIVA A INTERESSI, ALTRI REDDITI DI CAPITALE E REDDITI DIVERSI

R21 - QUADRO RZ - DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA RELATIVA A INTERESSI, ALTRI REDDITI DI CAPITALE E REDDITI DIVERSI R21 - QUADRO RZ - DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA RELATIVA A INTERESSI, ALTRI REDDITI DI CAPITALE E REDDITI DIVERSI 21.1 Generalità Il quadro RZ deve essere compilato dai soggetti che hanno corrisposto

Dettagli

La tassazione dei redditi delle attività finanziarie dopo il mille proroghe e i decreti di attuazione

La tassazione dei redditi delle attività finanziarie dopo il mille proroghe e i decreti di attuazione 470 APPROFONDIMENTO La tassazione dei redditi delle attività finanziarie dopo il mille proroghe e i decreti di attuazione di Enzo Mignarri Con il D.L. n. 216/2011 c.d. mille proroghe e con tre decreti

Dettagli

RISOLUZIONE N. 61/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 61/E QUESITO RISOLUZIONE N. 61/E Roma, 31 maggio 2011 OGGETTO: Interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Applicazione dell imposta sostitutiva ai sensi dell articolo 6 del decreto legislativo 21 novembre

Dettagli

ASPETTI TRIBUTARI INTERNAZIONALI E MONITORAGGIO

ASPETTI TRIBUTARI INTERNAZIONALI E MONITORAGGIO Convegno IMMOBILI IN ITALIA ED ALL ESTERO: ASPETTI TRIBUTARI INTERNAZIONALI E MONITORAGGIO Roberto TAMBURELLI 1 Introduzione all RW FONTE NORMATIVA Gli Art. 2 e 4 del D.L. 167/1990 obbligano alcuni soggetti

Dettagli

CONTO CORRENTE SCUDO FISCALE

CONTO CORRENTE SCUDO FISCALE FOGLIO INFORMATIVO CONTO CORRENTE SCUDO FISCALE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Sistema S.p.A. Sede legale e amministrativa Corso Monforte, 20-20122 Milano Telefono +39 02 802801 - Fax +39 02 72093979 Codice

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Prot.2013/151663 Modalità di attuazione delle disposizioni relative al monitoraggio fiscale contenute nell articolo 4 del decreto legge 28 giugno 1990, n. 167, convertito, con modificazioni, dalla legge

Dettagli

Il quadro RW: sanzioni, dichiarazione integrativa e ravvedimento operoso

Il quadro RW: sanzioni, dichiarazione integrativa e ravvedimento operoso Pag. 3350 n. 39/2011 29/10/2011 Il quadro RW: sanzioni, dichiarazione integrativa e ravvedimento operoso di Fabrizio Dominici SOMMARIO Pag. Le sezioni del quadro RW 3351 La prassi dell amministrazione

Dettagli

EMERSIONE DI ATTIVITÀ DETENUTE ALL ESTERO

EMERSIONE DI ATTIVITÀ DETENUTE ALL ESTERO Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli EMERSIONE DI ATTIVITÀ DETENUTE ALL ESTERO (Artt. 11-21 Decreto legge 25 settembre 2001, n. 350, convertito,

Dettagli

studio associato zaniboni

studio associato zaniboni N. protocollo: 51/2013 Oggetto: BENI AI SOCI E FINANZIAMENTI COMUNICAZIONE 2012 DA INVIARE ENTRO IL 12 DICEMBRE 2013 Con due distinti provvedimenti del Direttore dell Agenzia delle Entrate del 2 agosto

Dettagli

CASA E FISCO. Aggiunti con Emendamento Fleres

CASA E FISCO. Aggiunti con Emendamento Fleres CASA E FISCO VADEMECUM SCUDO FISCALE 2009 Lo scudo fiscale prevede la possibilità di regolarizzare le attività finanziarie o patrimoniali detenute all estero in violazione della normativa relativa al monitoraggio

Dettagli

1 Redditi di capitale 3 1.1 Aspetti definitori 4 1.2 Redditi di capitale 5 1.3 Determinazione dei redditi di capitale 6

1 Redditi di capitale 3 1.1 Aspetti definitori 4 1.2 Redditi di capitale 5 1.3 Determinazione dei redditi di capitale 6 Indice Introduzione XV Parte prima PRINCIPI GENERALI 1 Redditi di capitale 3 1.1 Aspetti definitori 4 1.2 Redditi di capitale 5 1.3 Determinazione dei redditi di capitale 6 2 Redditi diversi di natura

Dettagli

La tassazione degli immobili e delle attività detenute all estero. Brevi appunti su IVIE ed IVAFE

La tassazione degli immobili e delle attività detenute all estero. Brevi appunti su IVIE ed IVAFE La tassazione degli immobili e delle attività detenute all estero Brevi appunti su IVIE ed IVAFE NORMATIVA DI RIFERIMENTO L'articolo 19 del DL 06/12/2011 n. 201 ha istituito: Decreto Legge Salva Italia

Dettagli

Documento. n. 13. La tassazione degli immobili esteri

Documento. n. 13. La tassazione degli immobili esteri Documento n. 13 La tassazione degli immobili esteri Febbraio 2013 LA TASSAZIONE DEGLI IMMOBILI ESTERI LA TASSAZIONE DEGLI IMMOBILI ESTERI SOMMARIO: 1. Presupposto impositivo. 2. Soggetti passivi. 3. Base

Dettagli

Il Ministro dell economia e delle finanze

Il Ministro dell economia e delle finanze Il Ministro dell economia e delle finanze Visto il decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 642, e successive modificazioni ed integrazioni recante la disciplina dell imposta di bollo;

Dettagli

1.2 D: In caso di rimpatrio giuridico il fiduciante è tenuto a compilare il quadro RW nell anno 2009? E negli anni successivi?

1.2 D: In caso di rimpatrio giuridico il fiduciante è tenuto a compilare il quadro RW nell anno 2009? E negli anni successivi? 1 - RIMPATRIO GIURIDICO 1.1 D: Ai fini di poter effettuare un rimpatrio giuridico di titoli, gli stessi devono essere depositati/intestati alla fiduciaria. È possibile il deposito presso qualunque soggetto

Dettagli

Hedge Invest Workshop Milano, 23 settembre 2009. Lo scudo fiscale III. Paolo Ludovici Maisto e Associati

Hedge Invest Workshop Milano, 23 settembre 2009. Lo scudo fiscale III. Paolo Ludovici Maisto e Associati Hedge Invest Workshop Milano, 23 settembre 2009 Lo scudo fiscale III Paolo Ludovici Maisto e Associati Imposta straordinaria sulle attività finanziarie e patrimoniali estere a)attività detenute da soggetti

Dettagli

Le novità in materia di imposta di bollo e gli orientamenti dell Agenzia delle entrate

Le novità in materia di imposta di bollo e gli orientamenti dell Agenzia delle entrate S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO PRODOTTI E SERVIZI FINANZIARI: RECENTI NOVITA IN MATERIA DI IMPOSTE INDIRETTE Le novità in materia di imposta di bollo e gli orientamenti dell Agenzia delle

Dettagli

Contenuto in sintesi ----------

Contenuto in sintesi ---------- DIREZIONE SERVIZI TRIBUTARI Anno 2012 Circ. n. 77 05.07.2012-77/FS/om TITOLO: Imposta sul valore degli immobili situati all estero e sul valore delle attività finanziarie detenute all estero Circolare

Dettagli

Roma, 24 ottobre 2011

Roma, 24 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 46/E Direzione Centrale Normativa Settore Imposte Indirette Ufficio Registro e altri tributi indiretti Direzione Centrale Normativa Roma, 24 ottobre 2011 OGGETTO:Imposta di bollo sulle comunicazioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 13 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 13 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 2/E, Direzione Centrale Normativa Roma, 13 febbraio 2015 OGGETTO: Disposizioni in materia di previdenza complementare. Articolo 1, commi 621, 622, 624 della legge 23 dicembre 2014, n. 190

Dettagli

Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA

Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA Estratti di conto corrente, rendiconti dei libretti di risparmio e comunicazioni dei prodotti finanziari Dalle Entrate nuovi chiarimenti sull applicazione dell imposta

Dettagli

L imposta di bollo sulle attività finanziarie scudate: valutazioni di convenienza. di Giulio Andreani e Fabio Giommoni

L imposta di bollo sulle attività finanziarie scudate: valutazioni di convenienza. di Giulio Andreani e Fabio Giommoni L imposta di bollo sulle attività finanziarie scudate: valutazioni di convenienza Imposte di Giulio Andreani e Fabio Giommoni Con il decreto «salva Italia» è stata introdotta un imposta di bollo speciale

Dettagli

CIRCOLARE N. 62 /E. Roma, 31 dicembre 2003. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N. 62 /E. Roma, 31 dicembre 2003. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 62 /E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 31 dicembre 2003 Oggetto: Modificazioni delle disposizioni tributarie riguardanti i contratti assicurativi stipulati con imprese non

Dettagli

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 03 novembre 2008

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 03 novembre 2008 CIRCOLARE N. 61/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 03 novembre 2008 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dei fondi immobiliari. Articolo 82, commi da 17 a 22, del decreto-legge 25 giugno

Dettagli

NOVITÀ MODELLI 770/2010 SEMPLIFICATO e ORDINARIO

NOVITÀ MODELLI 770/2010 SEMPLIFICATO e ORDINARIO Circolare informativa per la clientela n. 14/2010 del 10 giugno 2010 NOVITÀ MODELLI 770/2010 SEMPLIFICATO e ORDINARIO In questa Circolare 1. Modelli 770/2010 Semplificato e Ordinario 2. Principali novità

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Voluntary disclosure Casi risolti circolari n. 27/E/2015, 30/E/2015, 31/E/2015

Voluntary disclosure Casi risolti circolari n. 27/E/2015, 30/E/2015, 31/E/2015 Voluntary disclosure Casi risolti circolari n. 27/E/2015, 30/E/2015, 31/E/2015 Saverio Cinieri Dottore Commercialista Revisore Contabile Giornalista pubblicista Agg. 11/09/2015 1 Circolare 16/07/2015,

Dettagli

GLI ACCERTAMENTI FISCALI SULLE PERSONE FISICHE GLI ACCERTAMENTI FISCALI SULLE PERSONE FISICHE 1. Introduzione 2. Le nuove regole per gli accertamenti 3. L acquisizione delle informazioni 4. La tutela del

Dettagli

CIRCOLARE N. 11/E. Roma, 12 marzo 2010

CIRCOLARE N. 11/E. Roma, 12 marzo 2010 CIRCOLARE N. 11/E Direzione Centrale Normativa Roma, 12 marzo OGGETTO: Regolarizzazione delle omissioni relative al monitoraggio degli investimenti esteri e delle attività estere di natura finanziaria.

Dettagli

ADEMPIMENTI FISCALI NELLE MANIFESTAZIONI A PREMI

ADEMPIMENTI FISCALI NELLE MANIFESTAZIONI A PREMI ADEMPIMENTI FISCALI NELLE MANIFESTAZIONI A PREMI Convegno giorno 12 dicembre 2008 presso Camera di Commercio, Industria, Artigianato ed Agricoltura di Treviso FISCALITA INDIRETTA Il trattamento tributario

Dettagli

Professional Investment Fund: regime fiscale. Avv. Massimo Antonini Lugano 19/20 novembre 2012

Professional Investment Fund: regime fiscale. Avv. Massimo Antonini Lugano 19/20 novembre 2012 Professional Investment Fund: regime fiscale Avv. Massimo Antonini Lugano 19/20 novembre 2012 1 I proventi derivanti dalla partecipazione in PIF 2 I proventi derivanti dalla partecipazioni in PIF Qualora

Dettagli

LA MANOVRA SALVA ITALIA

LA MANOVRA SALVA ITALIA Circolare n. 1 del 10/01/2012 LA MANOVRA SALVA ITALIA Il Governo Monti con il decreto 06/12/2011 n. 201, convertito in legge n. 214 del 28/12/2011 ha adottato una serie di provvedimenti a largo raggio

Dettagli

Il Quadro RW. a cura di Sergio Pellegrino. Studio Pellegrino

Il Quadro RW. a cura di Sergio Pellegrino. Studio Pellegrino Il Quadro RW a cura di Sergio Pellegrino Studio Pellegrino PREMESSA METODOLOGICA NEL MODELLO UNICO CONVIVONO DUE MONDI DICHIARAZIONE DEI REDDITI PRODOTTI ALL ESTERO SEGNALAZIONE DELLE ATTIVITA DETENUTE

Dettagli

Imposta di bollo su conti correnti, libretti di risparmio e prodotti. finanziari

Imposta di bollo su conti correnti, libretti di risparmio e prodotti. finanziari Imposta di bollo su conti correnti, libretti di risparmio e prodotti finanziari (di Leda Rita Corrado - Assegnista di ricerca in Diritto Tributario presso l Università degli Studi di Roma Tor Vergata e

Dettagli

Circolare N.82 del 1 Giugno 2012. Precisazioni su imposta di bollo di c/c e dossier titoli

Circolare N.82 del 1 Giugno 2012. Precisazioni su imposta di bollo di c/c e dossier titoli Circolare N.82 del 1 Giugno 2012 Precisazioni su imposta di bollo di c/c e dossier titoli Precisazioni su imposta di bollo di c/c e dossier titoli Gentile cliente con la presente desideriamo informarla

Dettagli

Studio Tributario e Societario

Studio Tributario e Societario Studio Tributario e Societario Studio Tributario e Societario Convegno Novità Tributarie 2011/2012 Genova, 19 Gennaio 2012 La tassazione delle persone fisiche come stumento di redistribuzione della ricchezza:

Dettagli

SALDO IVA 2012 VERSAMENTO ENTRO IL 18 MARZO 2013

SALDO IVA 2012 VERSAMENTO ENTRO IL 18 MARZO 2013 Circolare informativa per la clientela n. 6/2013 del 21 febbraio 2013 SALDO IVA 2012 VERSAMENTO ENTRO IL 18 MARZO 2013 In questa Circolare 1. Calcolo dell'iva dovuta 2. Modalità e termini di versamento

Dettagli

Informativa per la clientela

Informativa per la clientela Informativa per la clientela Informativa n. 5 del 23 gennaio 2012 La manovra Monti (DL 6.12.2011 n. 201 convertito nella L. 22.12.2011 n. 214) - Novità in materia di imposta di bollo su conti correnti,

Dettagli

Novembre 2013. Risoluzione 76/E del 6 novembre 2013 - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito

Novembre 2013. Risoluzione 76/E del 6 novembre 2013 - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito Novembre 2013 Risoluzione 76/E del 6 novembre 2013 - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito Avv. Vincenzo Bancone e Dott. Manfredi La Barbera, CBA Studio Legale e Tributario

Dettagli

L IVIE / IVAFE ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

L IVIE / IVAFE ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE L IVIE / IVAFE ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Art. 19, commi da 13 a 23, DL n. 201/2011 Art. 1, commi 518 e 519, Legge n. 228/2012 Circolari Agenzia Entrate 3.5.2013 n. 12/E e 9.5.2013,

Dettagli

Quadro RW INVESTIMENTI ALL ESTERO E/O ATTIVITÀ ESTERE DI NATURA FINANZIARIA - MONITORAGGIO IVIE/IVAFE

Quadro RW INVESTIMENTI ALL ESTERO E/O ATTIVITÀ ESTERE DI NATURA FINANZIARIA - MONITORAGGIO IVIE/IVAFE Quadro RW INVESTIMENTI ALL ESTERO E/O ATTIVITÀ ESTERE DI NATURA FINANZIARIA - MONITORAGGIO IVIE/IVAFE ADEMPIMENTO NOVITÀ 2015 SOGGETTI INTERESSATI SOGGETTI ESONERATI SCADENZA COME SI COMPILA Il Quadro

Dettagli

Dottori Commercialisti Associati. dottore commercialista revisore contabile. RITA MAGGI dottore in economia. ELISA FERRARI Dottore in economia

Dottori Commercialisti Associati. dottore commercialista revisore contabile. RITA MAGGI dottore in economia. ELISA FERRARI Dottore in economia Dottori Commercialisti Associati ASSOCIATI: GIOVANNI ALBERTI Professore Ordinario di Economia Aziendale all Università di Verona dottore commercialista revisore contabile CLAUDIO UBINI dottore commercialista

Dettagli

Accertamenti bancari Novità in tema di tassazione delle attività finanziarie

Accertamenti bancari Novità in tema di tassazione delle attività finanziarie Accertamenti bancari Novità in tema di tassazione delle attività finanziarie Incontro organizzato da ALVEC Sirmione, 20 gennaio 2007 Dott. Renzo Parisotto ACCERTAMENTI BANCARI Inquadramento normativo Le

Dettagli

Precisazioni su imposta di bollo di c/c e dossier titoli Premessa

Precisazioni su imposta di bollo di c/c e dossier titoli Premessa CIRCOLARE A.F. N. 82 del 1 Giugno 2012 Ai gentili clienti Loro sedi Precisazioni su imposta di bollo di c/c e dossier titoli Premessa Come noto, l art. 19 commi 1 e 5 del decreto salva Italia e l art.

Dettagli

D.L. 13 agosto 2011, n. 138 conv. in L. 14 settembre 2011, n. 148 modificato dal D.L. 2 marzo 2012, n. 16 conv. in L. 26 aprile 2012, n.

D.L. 13 agosto 2011, n. 138 conv. in L. 14 settembre 2011, n. 148 modificato dal D.L. 2 marzo 2012, n. 16 conv. in L. 26 aprile 2012, n. D.L. 13 agosto 2011, n. 138 (G.U. 13-8-2011, n. 188), conv. in L. 14 settembre 2011, n. 148 (G.U. 16-9- 2011, n. 216). Ulteriori misure urgenti per la stabilizzazione finanziaria e per lo sviluppo; modificato

Dettagli

Proventi distribuiti da un fondo comune d investimento mobiliare di diritto italiano ai sottoscrittori non residenti

Proventi distribuiti da un fondo comune d investimento mobiliare di diritto italiano ai sottoscrittori non residenti Proventi distribuiti da un fondo comune d investimento mobiliare di diritto italiano ai sottoscrittori non residenti di Mario Tommaso Buzzelli (*) Il regime di tassazione dei proventi erogati da fondi

Dettagli

Diritto tributario italiano Il nuovo quadro RW del Modello Unico 2014

Diritto tributario italiano Il nuovo quadro RW del Modello Unico 2014 Diritto tributario italiano Il nuovo quadro RW del Modello Unico 2014 21 Raul Angelo Papotti Socio dello Studio Legale Chiomenti di Milano. Avvocato e Dottore Commercialista in Milano. LL.M. (Leiden) Obblighi

Dettagli

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli esperti contabili di Roma

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli esperti contabili di Roma Ordine dei Dottori Commercialisti e degli esperti contabili di Roma Riforma della tassazione dei redditi di capitale e dei redditi diversi di natura finanziaria (D.L. n. 138/2011 convertito in L. n. 148/2011

Dettagli

Ristretto l ambito oggettivo di applicazione

Ristretto l ambito oggettivo di applicazione Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 320 06.11.2014 Ivafe: le novità della europea bis Ristretto l ambito oggettivo di applicazione Categoria: Contribuenti Sottocategoria: Varie Con

Dettagli

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 19/E Roma, 09 maggio 2005 OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

Dettagli

GLI ACCERTAMENTI FISCALI SULLE PERSONE FISICHE GLI ACCERTAMENTI FISCALI SULLE PERSONE FISICHE 1. Introduzione 2. Le nuove regole per gli accertamenti 3. L acquisizione delle informazioni 4. La tutela del

Dettagli

INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ

INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ Con la presente comunicazione si desidera fornire una breve sintesi del regime fiscale applicabile ai fondi comuni di investimento mobiliare di diritto italiano, nonché del

Dettagli

DEPOSITO TITOLI SCUDO FISCALE

DEPOSITO TITOLI SCUDO FISCALE FOGLIO INFORMATIVO DEPOSITO TITOLI SCUDO FISCALE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Sistema S.p.A. Sede legale e amministrativa Corso Monforte, 20-20122 Milano Telefono +39 02 802801 - Fax +39 02 72093979

Dettagli

RISOLUZIONE N. 16/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 16/E QUESITO RISOLUZIONE N. 16/E Direzione Centrale Normativa Roma, 16 febbraio 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Individuazione del soggetto tenuto all applicazione delle ritenute ed imposte sostitutive sui redditi

Dettagli

Partecipazioni in società estere a scudo variabile

Partecipazioni in società estere a scudo variabile Focus di pratica professionale di Luca Miele Partecipazioni in società estere a scudo variabile Premessa Una delle fattispecie più frequenti di adesione allo Scudo fiscale riguarda l emersione di partecipazioni

Dettagli

La dichiarazione riservata e la tassazione dei redditi intermedi

La dichiarazione riservata e la tassazione dei redditi intermedi Focus di pratica professionale di Alessandro Corsini La dichiarazione riservata e la tassazione dei redditi intermedi Premessa Grazie agli altri contributi già pubblicati su questa rivista, abbiamo visto

Dettagli

Capo I DISPOSIZIONI IN MATERIA DI IMPOSTE SUI REDDITI. Sezione I. Disposizioni in materia di redditi di impresa. Art. 1.

Capo I DISPOSIZIONI IN MATERIA DI IMPOSTE SUI REDDITI. Sezione I. Disposizioni in materia di redditi di impresa. Art. 1. LEGGE 21 novembre 2000, n.342 Misure in materia fiscale. Capo I DISPOSIZIONI IN MATERIA DI IMPOSTE SUI REDDITI Sezione I Disposizioni in materia di redditi di impresa Art. 1. (Disposizioni in materia di

Dettagli

COMMISSIONE STUDI TRIBUTARI

COMMISSIONE STUDI TRIBUTARI COMMISSIONE STUDI TRIBUTARI Studio n. 100/2003/T DECADENZA DALLE C.D. AGEVOLAZIONI PRIMA CASA Approvato dalla Commissione studi tributari il 19 dicembre 2003. 1. Introduzione Con il comma 5 dell art. 41

Dettagli

CIRCOLARE INFORMATIVA APRILE N. 4/2012

CIRCOLARE INFORMATIVA APRILE N. 4/2012 CIRCOLARE INFORMATIVA APRILE N. 4/2012 A TUTTI I CLIENTI LORO SEDI Di seguito evidenziamo i principali adempimenti del mese di aprile. Versamenti Iva mensili Scade Il 16 aprile il termine di versamento

Dettagli

SALDO IVA 2014 VERSAMENTO ENTRO IL 16 MARZO 2015. In questa Circolare

SALDO IVA 2014 VERSAMENTO ENTRO IL 16 MARZO 2015. In questa Circolare SALDO IVA 2014 VERSAMENTO ENTRO IL 16 MARZO 2015 In questa Circolare 1. Premessa 2. Calcolo dell Iva dovuta 3. Come e quando si versa 4. Sanzioni amministrative 5. Sanzioni penali I contribuenti soggetti

Dettagli

1. Quesiti in materia di fiscalità finanziaria (Circolare n. 60/E)

1. Quesiti in materia di fiscalità finanziaria (Circolare n. 60/E) Circolare Informativa n. 13/2001 Alle Società consorziate Roma, 4 luglio 2001 Rif.: 502.6; 760; 800.18; 507.6.1; 560.11; 980. Oggetto: Chiarimenti ministeriali in materia di fiscalità finanziaria, di IVA

Dettagli

M A U R O N I C O L A D O T T O R E C O M M E R C I A L I S T A R E V I S O R E L E G A L E

M A U R O N I C O L A D O T T O R E C O M M E R C I A L I S T A R E V I S O R E L E G A L E M A U R O N I C O L A D O T T O R E C O M M E R C I A L I S T A R E V I S O R E L E G A L E VIA MATTEOTTI, 58-28062 CAMERI - NO 0321 51.82.00 0321 51.81.81 M A U R O N I C O L A F O G L I O S E G U E N.

Dettagli

CIRCOLARE N. 40/E. Roma, 4 agosto 2011. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 40/E. Roma, 4 agosto 2011. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 40/E Direzione Centrale Normativa Roma, 4 agosto 2011 OGGETTO: Imposta di bollo sulle comunicazioni relative ai depositi di titoli Decreto legge 6 luglio 2011, n. 98 convertito con modificazioni

Dettagli

GLI OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE DEGLI INVESTIMENTI ESTERI QUADRO RW DEL MODELLO UNICO LE RECENTI NOVITA

GLI OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE DEGLI INVESTIMENTI ESTERI QUADRO RW DEL MODELLO UNICO LE RECENTI NOVITA NEWSLETTER n. 21 15 aprile 2014 GLI OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE DEGLI INVESTIMENTI ESTERI QUADRO RW DEL MODELLO UNICO LE RECENTI NOVITA RIFERIMENTI: D.L. n. 167/1990 Legge n. 97/2013 ( Legge Europea ) Legge

Dettagli

CESEDA studio associato. Circolare numero 2 del 17 gennaio 2014 IN BREVE

CESEDA studio associato. Circolare numero 2 del 17 gennaio 2014 IN BREVE CESEDA studio associato Circolare numero 2 del 17 gennaio 2014 IN BREVE Compensazione del credito IVA dal 16 gennaio 2014 Nuovi limiti alle compensazioni d imposta (imposte sui redditi, IRAP, ritenute

Dettagli

ORDINARIO. Anno 2012. Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003. Finalità.

ORDINARIO. Anno 2012. Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003. Finalità. 0 Anno 0 Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. del D.Lgs. n. 9 del 00 Finalità del trattamento Dati personali Modalità del trattamento Titolari del trattamento Responsabili

Dettagli

RISPARMIO: LE NOVITÀ FISCALI. Bozza

RISPARMIO: LE NOVITÀ FISCALI. Bozza RISPARMIO: LE NOVITÀ FISCALI COSA SAPERE SU INVESTIMENTI E DEPOSITO TITOLI Nuova Edizione INDICE 1. Le imposte dirette Per quali rendite finanziarie è prevista l aliquota unica? 2. Le imposte indirette

Dettagli

Le imposte patrimoniali e il monitoraggio. Avv. Antonio Tomassini DLA Piper

Le imposte patrimoniali e il monitoraggio. Avv. Antonio Tomassini DLA Piper Le imposte patrimoniali e il monitoraggio fiscale Le imposte patrimoniali e il monitoraggio fiscale. L'imposizione patrimoniale nel sistema fiscale italiano e i rapporti con l'imposizione sui redditi (IVIE,

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 162 del 29 Ottobre 2013 Ai gentili clienti Loro sedi 12 dicembre 2013: appuntamento con la comunicazione dei beni e finanziamenti dati in godimento ai soci Rileva solo

Dettagli

GLI ACCERTAMENTI FISCALI SULLE PERSONE FISICHE

GLI ACCERTAMENTI FISCALI SULLE PERSONE FISICHE GLI ACCERTAMENTI FISCALI SULLE PERSONE FISICHE GLI ACCERTAMENTI FISCALI SULLE PERSONE FISICHE 1. Introduzione 2. Le nuove regole per gli accertamenti 3. L acquisizione delle informazioni 4. La tutela del

Dettagli

DISCIPLINA BOLLI E TASSAZIONE CONTI CORRENTI POST DECRETO SALVA ITALIA

DISCIPLINA BOLLI E TASSAZIONE CONTI CORRENTI POST DECRETO SALVA ITALIA DISCIPLINA BOLLI E TASSAZIONE CONTI CORRENTI POST DECRETO SALVA ITALIA Con il Decreto Salva Italia si introduce una nuova tassazione sugli strumenti finanziari, sui conti correnti bancari e sui conti di

Dettagli

NORMA DI COMPORTAMENTO N. 185

NORMA DI COMPORTAMENTO N. 185 ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA *** *** *** NORMA DI COMPORTAMENTO

Dettagli

DICHIARAZIONI FISCALI

DICHIARAZIONI FISCALI QUADRO SG SOMME DERIVANTI DA RISCATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA E CAPITALI CORRISPOSTI IN DIPENDENZA DI CONTRATTI DI ASSICURAZIONE SULLA VITA, O DI CAPITALIZZAZIONE NONCHÉ RENDIMENTI DELLE PRESTAZIONI

Dettagli

IL QUADRO RW. a cura di Duilio Liburdi Pubblicista Dottore Commercialista

IL QUADRO RW. a cura di Duilio Liburdi Pubblicista Dottore Commercialista IL QUADRO RW a cura di Duilio Liburdi Pubblicista Dottore Commercialista 1 modulo Gli obblighi legati al quadro RW MONITORAGGIO QUADRO RW l obbligo di monitoraggio in dichiarazione RW sussiste se: sono

Dettagli

Unico 2015: IVIE, IVAFE e Voluntary disclosure

Unico 2015: IVIE, IVAFE e Voluntary disclosure Circolare Monografica 12 maggio 2015, n. 2158 DICHIARAZIONI Unico 2015: IVIE, IVAFE e Voluntary disclosure La compilazione del Quadro RW di Armando Urbano Il quadro RW deve essere compilato dalle persone

Dettagli

R O S S I & A S S O C I A T I

R O S S I & A S S O C I A T I R O S S I & A S S O C I A T I C o r p o r a t e A d v i s o r s Main Office: Via S. Radegonda, 8 - Milano www.rossiassociati.it Tel +39 02.874271 Fax +39 02.72099377 NEWS SETTIMANALE Novembre 2013 nr.

Dettagli

Comunicazione dei beni in godimento ai soci o familiari e dei finanziamenti o capitalizzazioni ricevuti dall impresa NUMERO 25-14 OTTOBRE 20141

Comunicazione dei beni in godimento ai soci o familiari e dei finanziamenti o capitalizzazioni ricevuti dall impresa NUMERO 25-14 OTTOBRE 20141 Comunicazione dei beni in godimento ai soci o familiari e dei finanziamenti o capitalizzazioni ricevuti dall impresa 1 1 PREMESSA L art. 2 co. 36-terdecies - 36-duodevicies del DL 13.8.2011 n. 138, conv.

Dettagli

Comunicazione dei beni in godimento ai soci o familiari e dei finanziamenti o capitalizzazioni ricevuti dall impresa

Comunicazione dei beni in godimento ai soci o familiari e dei finanziamenti o capitalizzazioni ricevuti dall impresa Circolare n. 19 Comunicazione dei beni in godimento ai soci o familiari e dei finanziamenti o capitalizzazioni ricevuti dall impresa del 20 ottobre 2014 INDICE 1 Premessa... 2 2 Soggetti obbligati ad effettuare

Dettagli

Centro di Servizio per il Volontariato della Provincia di Belluno www.csvbelluno.it 1

Centro di Servizio per il Volontariato della Provincia di Belluno www.csvbelluno.it 1 CIRC.MIN. 213/E/2000 Modifiche alla disciplina tributaria dei redditi di capitale e dei redditi diversi di natura finanziaria. D.lgs. 505/1999 e d.lgs. 221/2000 INDICE 1 La nuova disciplina degli interessi

Dettagli