REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI BICICLETTE PUBBLICHE NEL COMUNE DI FERRARA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI BICICLETTE PUBBLICHE NEL COMUNE DI FERRARA"

Transcript

1 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI BICICLETTE PUBBLICHE NEL COMUNE DI FERRARA Approvato con delibera del Consiglio Comunale del 10/07/2006 n. 15/

2 INDICE ART. 1 OGGETTO DEL SERVIZIO 3 ART. 2 CARATTERISTICHE DEL SERVIZIO 3 ART. 3 RICHIESTA DELLA CHIAVE CODIFICATA 4 ART. 4 REQUISITI PER LA RICHIESTA DELLA CHIAVE CODIFICATA 4 ART. 5 MODALITA DI UTILIZZO DELLA BICICLETTA PUBBLICA 5 ART. 6 OBBLIGHI DEL FRUITORE DEL SERVIZIO 5 ART. 7 PENALITA 7 ART. 8 MANSIONI OPERATIVE DELEGATE A FERRARA TUA 8 ART. 9 VIGILANZA E CONTROLLO 8 ART. 10 ONERI AGGIUNTIVI E RESPONSABILITA 9 ART. 11 DISPOSIZIONI FINALI 9 ART. 12 NORME TRANSITORIE E ENTRATA IN VIGORE 10 2

3 ART. 1 OGGETTO DEL SERVIZIO Il presente regolamento ha per oggetto la regolamentazione del servizio biciclette pubbliche a uso pubblico situate nel centro abitato di Ferrara, (Progetto Bicibuskey ) e la cui gestione è stata delegata alla Società Ferrara TUA da parte della Amministrazione Comunale con delibera della G.C. 38/105579/2005. Il Servizio è costituito da una dotazione strumentale indispensabile al suo funzionamento così composta: biciclette (attualmente in numero di 74); rastrelliere modulari da quattro posti bici ciascuna ( attualmente 19) ubicate nei punti indicati nella planimetria (Allegato A); chiavi per l utilizzo delle biciclette. La dotazione attuale potrà subire variazioni in base ad accertate necessità; in tal senso l Amministrazione potrà valutare la possibilità di ampliare la dotazione strumentale qualora il numero di richieste di rilascio di chiavi dovesse superare il rapporto di 1 a 10 (tra biciclette disponibili e chiavi distribuite) ritenuto il limite per garantire un livello di servizio adeguato. In particolare, il presente Regolamento definisce modalità di utilizzo e i requisiti necessari per ottenere il rilascio delle chiavi codificate necessarie per l utilizzo delle biciclette pubbliche, nonché gli obblighi dei fruitori del servizio e le mansioni gestionali affidate alla Società Ferrara TUA. ART. 2 CARATTERISTICHE DEL SERVIZIO Il servizio è a disposizione dei suoi fruitori previo il pagamento di una somma da versare per il ritiro della chiave secondo quanto determinato con proprio atto dalla Giunta Comunale della quale l 80% a titolo di cauzione e il restando 20% a titolo di rimborso spese. La somma versata a titolo di cauzione sarà restituita al momento della riconsegna della chiave. Per utilizzare le biciclette pubbliche è pertanto necessario entrare in possesso di apposita chiave codificata che, inserita nel dispositivo presente nella rastrelliera, permette all utilizzatore di sganciare la bicicletta dalla rastrelliera e di prelevarla per l uso. 3

4 La chiave codificata rimane alloggiata nel dispositivo della rastrelliera; ciò al fine di consentire l individuazione di chi sta utilizzando il mezzo. ART. 3 RICHIESTA DELLA CHIAVE CODIFICATA La chiave codificata occorrente per l utilizzo della bicicletta pubblica (colore giallo e blu del sistema Bicibuskey), può essere ritirata presso il Centro Servizi della Società Ferrara TUA, ubicato in Via Kennedy (presso area parcheggio Centro Storico) dopo aver effettuato: 1.la compilazione e sottoscrizione di apposito modulo di richiesta riportante i dati anagrafici del richiedente, il numero di serie della chiave codificata rilasciata e gli obblighi contrattuali a cui è sottoposto il sottoscrittore e titolare della chiave stessa, esplicitati al successivo art. 6 e che verranno riportati per esteso su detto modulo. 2.il pagamento della somma prestabilita di cui all art. 2. Nella compilazione del suddetto modulo, il richiedente dovrà esibire un documento di riconoscimento valido e fornire esattamente tutti i dati necessari all attribuzione della chiave codificata. 3.la sottoscrizione della specifica clausola indicante la rinuncia a non avanzare alcun diritto di proprietà sulla bicicletta e sulla chiave codificata in uso. ART. 4 REQUISITI PER LA RICHIESTA DELLA CHIAVE CODIFICATA Per aver diritto alla consegna della chiave codificata che consente l utilizzo della bicicletta pubblica, occorre essere in possesso contestualmente dei seguenti requisiti: essere maggiorenni o aver compiuto 15 anni di età ed essere accompagnati all atto della richiesta da un maggiorenne che dovrà validare con la sua firma la sottoscrizione della richiesta formulata dal minore; avere la residenza anagrafica nel Comune di Ferrara o nella Provincia di Ferrara, oppure risultare iscritti ad un istituto scolastico, o dimostrare di avere un rapporto di lavoro o professionale all interno del Comune di Ferrara. Tali circostanze dovranno essere adeguatamente comprovate. Non è possibile ottenere il rilascio della chiave in mancanza dei requisiti sopra indicati, e in 4

5 particolare non è possibile ottenere il rilascio della chiave qualora ci si trovi a soggiornare nel territorio del comune per motivi turistici od occasionali. ART. 5 MODALITA DI UTILIZZO DELLA BICICLETTA PUBBLICA L utilizzo della bicicletta pubblica è disciplinato dalle condizioni di seguito indicate, alle quali il fruitore del servizio dichiara di attenersi sottoscrivendo il modulo di richiesta della chiave codificata e riportato in Allegato B al presente Regolamento. La bicicletta pubblica deve essere: 1.utilizzata esclusivamente all interno del territorio del Comune di Ferrara; è fatto divieto di trasportare la stessa con qualsiasi mezzo; 2.ricoverata nella medesima rastrelliera nel medesimo stallo e nelle medesime condizioni in cui è stata prelevata. La collocazione della bicicletta nella maniera prevista consentirà lo sblocco ed il conseguente recupero della chiave codificata da parte del fruitore del servizio che la conserverà presso di sé fino al successivo utilizzo; 3.utilizzata nell intervallo di tempo compreso tra le ore 6,00 e le ore 23,00 di ogni giornata; 4.ogni volta terminato il suo utilizzo, sempre riposizionata con sollecitudine nelle apposite rastrelliere e nella maniera corretta in modo da consentirne il massimo utilizzo da parte di altri fruitori del servizio; 5.sempre chiusa con l apposito cavo antifurto quando il mezzo viene lasciato temporaneamente incustodito durante il periodo di utilizzo. ART. 6 OBBLIGHI DEL FRUITORE DEL SERVIZIO L utilizzatore della bicicletta pubblica, sottoscrivendo incondizionatamente il modulo di richiesta della chiave codificata, assume i seguenti obblighi: 1.non possedere altre chiavi codificate e conservare con cura la chiave assegnata; 2.verificare la funzionalità della bicicletta al momento del prelievo ed utilizzarla solo se ritenuta idonea all uso; 3.custodire diligentemente la bicicletta pubblica e non manometterne alcuna parte meccanica; 4.risarcire i danni a lui imputabili per incauto utilizzo del sistema meccanico e/o delle varie parti della bicicletta pubblica, compresi gli equipaggiamenti; 5.condurre ed utilizzare la bicicletta pubblica nel rispetto delle norme sulla circolazione stradale, nonché osservando i principi generali di prudenza, diligenza e tutela dei diritti altrui; 5

6 6.restituire la chiave codificata al Centro Servizi della Società Ferrara TUA su richiesta insindacabile formulata dall Amministrazione Comunale; 7.non cedere la guida o la custodia della bicicletta pubblica a persone non idonee ad effettuare tali operazioni, a pena di essere ritenuto, in caso contrario, unico responsabile; 8.segnalare al Centro Servizi della Società Ferrara TUA ogni danno al mezzo subito in occasione del suo utilizzo; 9.sollevare incondizionatamente il Comune di Ferrara e la Società Ferrara TUA affidataria del servizio da ogni e qualsiasi danno, anche non patrimoniale, subito da terzi ( persone, cose o animali) o dall ente durante e/o in occasione dell utilizzo della bicicletta pubblica; 10.corrispondere al Centro Servizi della Società Ferrara TUA la somma necessaria per il ripristino totale della bicicletta pubblica da lui stesso danneggiata o distrutta per incidente e/o rottura; 11.in caso di smarrimento della propria chiave codificata: effettuare tempestivamente denuncia ad un Ufficio di Polizia (Carabinieri o Questura) e a presentare una copia di quest ultima al Centro Servizi della Società Ferrara TUA, sollevandosi così da ogni responsabilità. In assenza della suddetta denuncia, qualora la bicicletta pubblica venga rubata con l utilizzo della chiave codificata smarrita l utente si impegna a corrispondere al Comune di Ferrara per il tramite del Centro Servizi della Società Ferrara TUA il valore commerciale della stessa al momento del furto. Inoltre qualora l utente desideri entrare in possesso di una seconda chiave codificata dovrà esibire una copia della denuncia di smarrimento e corrispondere di nuovo l importo di cui all art. 2. Qualora l utente ritrovasse la chiave a suo tempo smarrita e per la quale era stata effettuata la denuncia di smarrimento dovrà restituire la chiave ritrovata e richiedere alla Società Ferrara TUA la restituzione della corrispondente cauzione versata; 12.in caso di furto della bicicletta pubblica in uso, a seguito di ricovero della stessa al di fuori dell apposita rastrelliera senza la chiusura del cavo antifurto in dotazione: effettuare tempestiva denuncia di furto ad un Ufficio di Polizia (Carabinieri o Questura) e a presentare una copia di quest ultima al Centro Servizi della Società Ferrara TUA. In ogni caso, a corrispondere al Comune di Ferrara per il tramite del Centro Servizi della Società Ferrara TUA il valore commerciale della stessa bicicletta al momento del furto. La Società Ferrara TUA trasmetterà a sua volta copia della denuncia al Comune che provvederà con le ulteriori incombenze di competenza; 13.in caso di furto della bicicletta pubblica in uso, a seguito di ricovero della stessa al di fuori dell apposita rastrelliera con la chiusura del cavo antifurto in dotazione: effettuare tempestiva denuncia di furto ad un Ufficio di Polizia (Carabinieri o Questura) e a presentare una copia di quest ultima unitamente alla chiave del cavo antifurto (chiave che viene rilasciata solo a bloccaggio avvenuto) al Centro Servizi della Società Ferrara TUA sollevandosi così da ogni responsabilità. In caso contrario, il furto verrà considerato come al punto 12 (furto a seguito di ricovero della bicicletta al di fuori dell apposita rastrelliera senza la chiusura del cavo antifurto) e 6

7 pertanto con l obbligo di corrispondere al Comune di Ferrara il valore commerciale della stessa al momento del furto. La Società Ferrara TUA trasmetterà a sua volta copia della denuncia al Comune che provvederà con gli ulteriori incombenti di competenza ART. 7 PENALITA L utilizzatore della bicicletta pubblica, contravvenendo agli impegni di cui al precedente articolo assunti a seguito della sottoscrizione del modulo di richiesta della chiave codificata, sarà invitato a restituire la chiave codificata al Centro Servizi della Società Ferrara TUA e a titolo di penale: 1.non gli verrà restituita la cauzione 2.non potrà ottenere in futuro il rilascio di una nuova chiave. Il Centro Servizi della Società Ferrara TUA provvederà semestralmente a comunicare al Comune di Ferrara Servizio Mobilità i dati relativi alle chiavi codificate ritirate e a versare gli importi relativi alle penali applicate corrispondenti agli importi dei depositi cauzionali per i quali si perde il diritto alla restituzione a seguito del ritiro forzoso della chiave. ART. 8 MANSIONI OPERATIVE DELEGATE A FERRARA TUA Relativamente al servizio in questione, vengono di seguito richiamate ed elencate le mansioni operative e gestionali delegate alla Società Ferrara TUA in forza della Delibera Giunta Comunale PG. 38/105579/2005 rilascio agli utilizzatori del servizio delle chiavi codificate, previa compilazione da parte di questi ultimi dell apposito modulo, la sottoscrizione del contratto e l incasso della somma di cui all art. 2 per il ritiro della chiave; gestione del software con i dati di tutti i detentori delle chiavi e dei relativi codici di identificazione; ritiro della copia di denuncia di smarrimento della chiave codificata e/o furto della bicicletta pubblica, nei casi disciplinati dall art.6, punti del presente Regolamento; consegna della seconda chiave codificata, secondo le modalità previste dall art. 6 punto 11 del presente Regolamento; riscossione delle somme relative alle penalità; manutenzione delle biciclette e delle rastrelliere; recupero della bicicletta e prelievo nel caso previsto dall art. 7 del presente Regolamento; 7

8 Le attività di contatto con l utenza verranno effettuate presso la sede operativa della Società ubicata presso il parcheggio Centro Storico. ART. 9 VIGILANZA E CONTROLLO La funzione di vigilanza e controllo sarà espletata dalla Società Ferrara TUA. L attività consisterà nell accertamento che dalle ore 23,00 alle ore 6,00 del giorno successivo, le biciclette siano collocate nelle apposite rastrelliere ed in caso contrario provvedere al recupero del mezzo attraverso il numero della chiave inserita in rastrelliera per l identificazione del corrispondente utente. ART. 10 ONERI AGGIUNTIVI E RESPONSABILITA La fruizione del servizio da parte degli utenti è subordinata alla sottoscrizione ed accettazione incondizionata delle norme del presente Regolamento, nonché delle prescrizioni e clausole riportate sull apposito modulo di richiesta della chiave codificata. In ogni caso, si precisa che il Comune di Ferrara e la Società Ferrara TUA affidataria del Servizio non risponderanno di: 1.danni e pregiudizi di qualsiasi genere subiti dall utilizzatore della bicicletta pubblica per effetto o in conseguenza di tale utilizzo, nonché arrecati a terzi (persone, cose, animali) a seguito dell utilizzo dello stesso mezzo pubblico; 2.smarrimento, distruzione e furto o rapina di oggetti o animali presenti a bordo della bicicletta utilizzata. Inoltre, l utente è tenuto a sollevare l Amministrazione Comunale e la Società Ferrara TUA per tutte le eventuali violazioni amministrative commesse o ascrittegli durante e a causa dell utilizzo della bicicletta pubblica per infrazioni al D. Lgs 285/92 Nuovo Codice della Strada e successive modifiche ed integrazioni, nonché quelle previste in altre disposizioni di legge, di regolamento o derivanti da provvedimenti amministrativi. 8

9 Poiché, servendosi della propria chiave codificata, l utente ha la possibilità di prelevare ed utilizzare anche le biciclette pubbliche in dotazione presso altri Comuni del territorio nazionale che adottano lo stesso sistema ( Sistema C entro in Bici ), tramite la sottoscrizione del modulo egli si impegna ad osservare ed accettare le norme con le quali ogni Comune disciplina in modo insindacabile il proprio servizio (norme ben visibili nelle tabelle in rastrelliera). ART. 11 DISPOSIZIONI FINALI Per le ipotesi non espressamente previste e disciplinate dal presente Regolamento si fa riferimento alle norme vigenti in materia. Si fa obbligo alla Società Ferrara TUA affidataria del servizio di dare adeguata pubblicità al contenuto del presente Regolamento presso il punto di prelievo delle chiavi codificate. Copia dello stesso dovrà essere sempre a disposizione del pubblico presso la sede operativa denominata Centro Servizi di Ferrara TUA ed ubicata presso il Parcheggio Centro Storico. ART.12 NORME TRANSITORIE E ENTRATA IN VIGORE Della entrata in vigore del presente Regolamento è data notizia mediante pubblicazione e affissione per giorni quindici di apposito avviso all Albo Pretorio. 9

NORME PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI BICICLETTE PUBBLICHE AD USO DELLA CITTADINANZA NEL CENTRO URBANO DI LUGO DENOMINATO VIVERE LA CITTA PEDALANDO.

NORME PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI BICICLETTE PUBBLICHE AD USO DELLA CITTADINANZA NEL CENTRO URBANO DI LUGO DENOMINATO VIVERE LA CITTA PEDALANDO. NORME PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI BICICLETTE PUBBLICHE AD USO DELLA CITTADINANZA NEL CENTRO URBANO DI LUGO DENOMINATO VIVERE LA CITTA PEDALANDO. Approvato con Deliberazione di C.C. n. 66. del 07.07.2005

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ORGANIZZAZIONE, LA GESTIONE E FRUIZIONE DEL SERVIZIO C ENTRO IN BICI ( NOLEGGIO GRATUITO DELLE BICICLETTE COMUNALI)

REGOLAMENTO PER L'ORGANIZZAZIONE, LA GESTIONE E FRUIZIONE DEL SERVIZIO C ENTRO IN BICI ( NOLEGGIO GRATUITO DELLE BICICLETTE COMUNALI) REGOLAMENTO PER L'ORGANIZZAZIONE, LA GESTIONE E FRUIZIONE DEL SERVIZIO C ENTRO IN BICI ( NOLEGGIO GRATUITO DELLE BICICLETTE COMUNALI) Approvato con Delibera di Giunta n. 187 del 04/08/2009 Modificato con

Dettagli

REGOLAMENTO DI UTILIZZO DEL SISTEMA C ENTRO IN BICI. 1) Il sottoscrittore del presente modulo dichiara di essere in possesso dei seguenti requisiti

REGOLAMENTO DI UTILIZZO DEL SISTEMA C ENTRO IN BICI. 1) Il sottoscrittore del presente modulo dichiara di essere in possesso dei seguenti requisiti REGOLAMENTO DI UTILIZZO DEL SISTEMA C ENTRO IN BICI 1) Il sottoscrittore del presente modulo dichiara di essere in possesso dei seguenti requisiti che consentono l utilizzo della bicicletta pubblica alla

Dettagli

pagamento di 7 euro per il ritiro della chiave codificata che rimane di proprità del richiedente.

pagamento di 7 euro per il ritiro della chiave codificata che rimane di proprità del richiedente. Il servizio C entro in bici è finalizzato alla valorizzazione del centro della Città di Conegliano ed a favorire l uso della bicicletta in sostituzione dell automobile allo scopo di ridurre l inquinamento

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA FRUIZIONE E LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI BICICLETTE PUBBLICHE DEL COMUNE DI MARCON, DENOMINATO C ENTRO IN BICI.

DISCIPLINARE PER LA FRUIZIONE E LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI BICICLETTE PUBBLICHE DEL COMUNE DI MARCON, DENOMINATO C ENTRO IN BICI. COMUNE DI MARCON DISCIPLINARE PER LA FRUIZIONE E LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI BICICLETTE PUBBLICHE DEL COMUNE DI MARCON, DENOMINATO C ENTRO IN BICI. Il servizio C entro in bici è finalizzato alla valorizzazione

Dettagli

Città di Portogruaro Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER LA FRUIZIONE E LA GESTIONE DEL SERVIZIO C ENTRO IN BICI -NOLEGGIO GRATUITO DI BICICLETTE-

Città di Portogruaro Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER LA FRUIZIONE E LA GESTIONE DEL SERVIZIO C ENTRO IN BICI -NOLEGGIO GRATUITO DI BICICLETTE- Città di Portogruaro Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER LA FRUIZIONE E LA GESTIONE DEL SERVIZIO C ENTRO IN BICI -NOLEGGIO GRATUITO DI BICICLETTE- 1 INDICE TITOLO I - Fruizione del servizio C Entro in

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO GRATUITO DI BICICLETTE MESSO A DISPOSIZIONE DEGLI STUDENTI, DEI DOCENTI E DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO E BIBLIOTECARIO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FRUIZIONE E LA GESTIONE DEL SERVIZIO C ENTRO IN BICI (NOLEGGIO GRATUITO DELLE BICICLETTE COMUNALI) rev.0

REGOLAMENTO PER LA FRUIZIONE E LA GESTIONE DEL SERVIZIO C ENTRO IN BICI (NOLEGGIO GRATUITO DELLE BICICLETTE COMUNALI) rev.0 REGOLAMENTO PER LA FRUIZIONE E LA GESTIONE DEL SERVIZIO C ENTRO IN BICI (NOLEGGIO GRATUITO DELLE BICICLETTE COMUNALI) rev.0 TITOLO I FRUIZIONE DEL SERVIZIO C ENTRO IN BICI ART. 1 - OGGETTO DEL SERVIZIO

Dettagli

COMUNE DI SANTO STEFANO TICINO (Provincia di Milano) Via Garibaldi n. 9 20010 Santo Stefano Ticino

COMUNE DI SANTO STEFANO TICINO (Provincia di Milano) Via Garibaldi n. 9 20010 Santo Stefano Ticino COMUNE DI SANTO STEFANO TICINO (Provincia di Milano) Via Garibaldi n. 9 20010 Santo Stefano Ticino DISCIPLINARE ESECUTIVO PER LA FRUIZIONE DEL SERVIZIO C ENTRO IN BICI - ACCESSO CON CHIAVE CODIFICATA ALL

Dettagli

TITOLO I FRUIZIONE DEL SERVIZIO SESTO FIORENTINO BIKE SHARING

TITOLO I FRUIZIONE DEL SERVIZIO SESTO FIORENTINO BIKE SHARING DISCIPLINARE PER LA FRUIZIONE E LA GESTIONE DEL SERVIZIO SESTO FIORENTINO BIKE SHARING (ACCESSO CON CHIAVE CODIFICATA ALL USO DELLE BICICLETTE COMUNALI) TITOLO I FRUIZIONE DEL SERVIZIO SESTO FIORENTINO

Dettagli

Disciplinare per l'utilizzo del servizio di noleggio gratuito di biciclette comunali denominato Bike Sharing La Perla in bici

Disciplinare per l'utilizzo del servizio di noleggio gratuito di biciclette comunali denominato Bike Sharing La Perla in bici Disciplinare per l'utilizzo del servizio di noleggio gratuito di biciclette comunali denominato Bike Sharing La Perla in bici OGGETTO DEL SERVIZIO Il servizio Bike Sharing La Perla in Bici è finalizzato

Dettagli

COMUNE DI CARPI SETTORE A3 PROGETTAZIONE, D.L. INFRASTRUTTURE-PATRIMONIO-MANUTENZIONE UFFICIO VIABILITA' E TRASPORTI SCHEMA

COMUNE DI CARPI SETTORE A3 PROGETTAZIONE, D.L. INFRASTRUTTURE-PATRIMONIO-MANUTENZIONE UFFICIO VIABILITA' E TRASPORTI SCHEMA COMUNE DI CARPI SETTORE A3 PROGETTAZIONE, D.L. INFRASTRUTTURE-PATRIMONIO-MANUTENZIONE UFFICIO VIABILITA' E TRASPORTI SCHEMA MODALITA' PER L'ACCESSO E LA FRUIZIONE DEL SERVIZIO DI NOLEGGIO GRATUITO DI BICICLETTE

Dettagli

Città di Castel Maggiore Provincia di Bologna

Città di Castel Maggiore Provincia di Bologna Città di Castel Maggiore Provincia di Bologna N.ro chiave consegnata N.ro P.G. del Competenza: URP Classificazione: 06.09 Codificazione: Bike14 SERVIZIO DI BICICLETTE PUBBLICHE AD USO DELLA CITTADINANZA

Dettagli

COMUNE DI LANCIANO Città Medaglia D Oro al V.M. Provincia di Chieti Settore Tutela Ambiente

COMUNE DI LANCIANO Città Medaglia D Oro al V.M. Provincia di Chieti Settore Tutela Ambiente DISCIPLINARE D'USO PER LA FRUIZIONE E LA GESTIONE DEL SERVIZIO BIKE SHARING PROGETTO ANXANUM Titolo I Fruizione del servizio Pedali in Comune Art. 1 Oggetto del servizio Il servizio Pedali in Comune è

Dettagli

Nome OBBLIGHI DELL UTENTE DEL SERVIZIO C ENTRO IN BICI

Nome OBBLIGHI DELL UTENTE DEL SERVIZIO C ENTRO IN BICI Comune di Alassio MODULO DI ADESIONE AL SERVIZIO C ENTRO IN BICI Ai sensi del regolamento del servizio di biciclette pubbliche ad uso della cittadinanza e dei turisti nel Comune di Alassio Numero della

Dettagli

COMUNE DI GAGLIANO DEL CAPO

COMUNE DI GAGLIANO DEL CAPO COMUNE DI GAGLIANO DEL CAPO MODULO DI RICHIESTA DELLA CHIAVE CODIFICATA AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI BICICLETTE PUBBLICHE AD USO DELLA CITTADINANZA DI GAGLIANO DEL CAPO, DENOMINATO "BY BIKE".

Dettagli

COMUNE DI PASTORANO. (Provincia di Caserta)

COMUNE DI PASTORANO. (Provincia di Caserta) COMUNE DI PASTORANO (Provincia di Caserta) Via L. Caracciolo n. 6-81050 Pastorano (CE) - Tel.: 0823-879021 - Fax: 0823-879335 - C.F. e P. I.V.A.: 02703380614 Sito internet: http://www.pastorano.gov.it

Dettagli

CONTRATTO DI UTILIZZO DEL SERVIZIO DI BIKE SHARING NELLA CITTÀ DELLA SPEZIA DENOMINATO Speziainbici

CONTRATTO DI UTILIZZO DEL SERVIZIO DI BIKE SHARING NELLA CITTÀ DELLA SPEZIA DENOMINATO Speziainbici CONTRATTO DI UTILIZZO DEL SERVIZIO DI BIKE SHARING NELLA CITTÀ DELLA SPEZIA DENOMINATO Speziainbici Il /la sottoscritt Sesso [ ] M [ ] F consapevole delle responsabilità e delle pene previste dall articolo

Dettagli

CONTRATTO PER L UTILIZZO DEL SERVIZIO DI BICICLETTE (BIKE SHARING) NELLA CITTÀ DI BRESCIA DENOMINATO BICIMIA

CONTRATTO PER L UTILIZZO DEL SERVIZIO DI BICICLETTE (BIKE SHARING) NELLA CITTÀ DI BRESCIA DENOMINATO BICIMIA CONTRATTO PER L UTILIZZO DEL SERVIZIO DI BICICLETTE (BIKE SHARING) NELLA CITTÀ DI BRESCIA DENOMINATO BICIMIA Il/La sottoscritt Sesso: M F (barrare) Codice fiscale: Con la sottoscrizione del presente contratto

Dettagli

Regolamento per l utilizzo del servizio PremiaBike La tua bici di cortesia per lo shopping

Regolamento per l utilizzo del servizio PremiaBike La tua bici di cortesia per lo shopping Regolamento per l utilizzo del servizio PremiaBike La tua bici di cortesia per lo shopping Il presente regolamento disciplina il servizio PremiaBike offerto dal Consorzio Sassari in Centro. 1 Premessa

Dettagli

Bicincittà CONTRATTO PER L UTILIZZO DEL SERVIZIO DI BICICLETTE PUBBLICHE NEL CENTRO DI NOVARA DENOMINATO BICINCITTA. Il /la sottoscritt sesso M F

Bicincittà CONTRATTO PER L UTILIZZO DEL SERVIZIO DI BICICLETTE PUBBLICHE NEL CENTRO DI NOVARA DENOMINATO BICINCITTA. Il /la sottoscritt sesso M F Bicincittà CONTRATTO PER L UTILIZZO DEL SERVIZIO DI BICICLETTE PUBBLICHE NEL CENTRO DI NOVARA DENOMINATO BICINCITTA Al Signor Sindaco del Comune di Novara Il /la sottoscritt sesso M F Consapevole delle

Dettagli

CONTRATTO DI UTILIZZO DEL SERVIZIO DI BIKE SHARING NELLA CITTÀ DI AREZZO DENOMINATO ARBIKE

CONTRATTO DI UTILIZZO DEL SERVIZIO DI BIKE SHARING NELLA CITTÀ DI AREZZO DENOMINATO ARBIKE ATAM SpA Loc. Case Nuove di Ceciliano, 49/5 Arezzo Tel. 0575/984520-984534 fax 0575/381012 www.atamarezzo.it atam@atamarezzo.it assistenza amministrativa: 800381730 assistenza tecnica: 335 7600743 sito

Dettagli

Città di Velletri CONTRATTO DI UTILIZZO DEL SERVIZIO DI BIKE SHARING NELLA CITTÀ DI VELLETRI

Città di Velletri CONTRATTO DI UTILIZZO DEL SERVIZIO DI BIKE SHARING NELLA CITTÀ DI VELLETRI CONTRATTO DI UTILIZZO DEL SERVIZIO DI BIKE SHARING NELLA CITTÀ DI VELLETRI Il /la sottoscritt Sesso [ ] M [ ] F consapevole delle responsabilità e delle pene previste dall articolo 76) del DPR 445/2000

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SERVIZIO DI BICICLETTE (BIKE SHARING) BICI CONDIVISA NELLA CITTÀ DI LIVORNO

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SERVIZIO DI BICICLETTE (BIKE SHARING) BICI CONDIVISA NELLA CITTÀ DI LIVORNO REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SERVIZIO DI BICICLETTE (BIKE SHARING) BICI CONDIVISA NELLA CITTÀ DI LIVORNO Il presente regolamento stabilisce le condizioni di utilizzo del Servizio di Bike Sharing (bici

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO E L ACCESSO AL SERVIZIO DEL SISTEMA MI MUOVO IN BICI NEL COMUNE DI FERRARA

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO E L ACCESSO AL SERVIZIO DEL SISTEMA MI MUOVO IN BICI NEL COMUNE DI FERRARA Servizio Mobilità e Traffico REGOLAMENTO PER L UTILIZZO E L ACCESSO AL SERVIZIO DEL SISTEMA MI MUOVO IN BICI NEL COMUNE DI FERRARA Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 7/20543/13 dell'8 aprile

Dettagli

SCHEDA DI ISCRIZIONE

SCHEDA DI ISCRIZIONE SCHEDA DI ISCRIZIONE Generalità del contraente Io sottoscritto/a Presa visione delle condizioni contrattuali che regolano l uso del Servizio di bike sharing nel Comune di Treviglio ed avendole accettate

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SERVIZIO DI BICICLETTE (BIKE SHARING) NELLA CITTÀ DI LECCO

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SERVIZIO DI BICICLETTE (BIKE SHARING) NELLA CITTÀ DI LECCO REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SERVIZIO DI BICICLETTE (BIKE SHARING) NELLA CITTÀ DI LECCO (Approvato dal Consiglio comunale con deliberazione del 12.09.2011, n. 86) Il presente regolamento stabilisce le

Dettagli

CONTRATTO DI UTILIZZO DEL SERVIZIO DI BIKE SHARING NEL COMUNE DI GENOVA DENOMINATO MoBike

CONTRATTO DI UTILIZZO DEL SERVIZIO DI BIKE SHARING NEL COMUNE DI GENOVA DENOMINATO MoBike CONTRATTO DI UTILIZZO DEL SERVIZIO DI BIKE SHARING NEL COMUNE DI GENOVA DENOMINATO MoBike Il presente contratto stabilisce le condizioni di utilizzo del Servizio di Bike Sharing (bici condivisa) denominato

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI BIKE SHARING INTERCOMUNALE PER GLI SPOSTAMENTI CASA LAVORO DENOMINATO: MeglioInBici

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI BIKE SHARING INTERCOMUNALE PER GLI SPOSTAMENTI CASA LAVORO DENOMINATO: MeglioInBici REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI BIKE SHARING INTERCOMUNALE PER GLI SPOSTAMENTI CASA LAVORO DENOMINATO: MeglioInBici Il presente regolamento stabilisce le condizioni di utilizzo del Servizio

Dettagli

Il/La sottoscritt. di essere nato a (Nazione) (Città) CAP PROV. (Città) CAP PROV. Via: nr. DICHIARA INOLTRE:

Il/La sottoscritt. di essere nato a (Nazione) (Città) CAP PROV. (Città) CAP PROV. Via: nr. DICHIARA INOLTRE: CONTRATTO PER L UTILIZZO DEL SERVIZIO DI BICICLETTE (BIKE SHARING) NELLA CITTÀ DI BRESCIA DENOMINATO BICIMIA - per utenti minori di anni 18, con esclusione dei minori di anni 14 - Dati del minore: Il/La

Dettagli

COMUNE Codice e revisione: di SCHIO 90520.104112/1

COMUNE Codice e revisione: di SCHIO 90520.104112/1 CONTRATTO DI UTILIZZO DEL SERVIZIO DI BIKE SHARING DENOMINATO BICI SCHIO NELLA CITTA DI SCHIO II /la sottoscritto Sesso M F consapevole delle responsabilità e/delle pene previste dall'articolo 76) del

Dettagli

Regolamento di Istituto

Regolamento di Istituto SOGGETTO ATTUATORE: COMUNE DI CATANIA In collaborazione con PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE Regolamento di Istituto Regolamento di utilizzo del Servizio di Bike Sharing denominato

Dettagli

Deliberazione della Giunta Comunale

Deliberazione della Giunta Comunale COMUNE DI GEMMANO 47855 Provincia di Rimini Sede: Piazza Roma n. 1 Tel. (0541) 854060 854080 Fax (0541) 854012 Partita I.V.A. n. 01188110405 Codice Fiscale n. 82005670409 Deliberazione della Giunta Comunale

Dettagli

CONTRATTO SERVIZIO DI BIKE SHARING NEL COMUNE DI GENOVA

CONTRATTO SERVIZIO DI BIKE SHARING NEL COMUNE DI GENOVA CONTRATTO SERVIZIO DI BIKE SHARING NEL COMUNE DI GENOVA CONDIZIONI GENERALI DI ACCESSO E DI UTILIZZO Il presente contratto stabilisce le condizioni di utilizzo del Servizio di Bike Sharing (bici condivisa)

Dettagli

DICHIARA: 3. di assumere incondizionatamente gli obblighi di seguito riportati e di prendere atto ed accettare i seguenti divieti:

DICHIARA: 3. di assumere incondizionatamente gli obblighi di seguito riportati e di prendere atto ed accettare i seguenti divieti: Il sottoscritto utente (d ora in poi Utente ), con riferimento al servizio bike sharing BICIMIA (d ora in poi Servizio ) gestito da Brescia Mobilità S.p.A. (d ora in poi Brescia Mobilità ): DICHIARA: 1.

Dettagli

CONTRATTO PER L UTILIZZO DEL SERVIZIO DI BICICLETTE PUBBLICHE (BIKE SHARING) NELLA CITTA DI VARESE DENOMINATO GIMME BIKE

CONTRATTO PER L UTILIZZO DEL SERVIZIO DI BICICLETTE PUBBLICHE (BIKE SHARING) NELLA CITTA DI VARESE DENOMINATO GIMME BIKE CONTRATTO PER L UTILIZZO DEL SERVIZIO DI BICICLETTE PUBBLICHE (BIKE SHARING) NELLA CITTA DI VARESE DENOMINATO GIMME BIKE Il/La sottoscritt Sesso M F (nome e cognome) Consapevole delle conseguenze amministrative

Dettagli

CITTA DI MANFREDONIA Provincia di Foggia

CITTA DI MANFREDONIA Provincia di Foggia CITTA DI MANFREDONIA Provincia di Foggia Deliberazione della Giunta Comunale Seduta n.72 del 21.11. n 308 OGGETTO: PROPOSTA DI INTERVENTI PER LA MOBILITA' SOSTENIBILE. APPROVAZIONE "DISCIPLINARE DI UTILIZZO

Dettagli

REGOLAMENTO DI UTILIZZO DEL SISTEMA DI BIKE SHARING E-MOTION MAGNIFICA COMUNITA DEGLI ALTIPIANI CIMBRI

REGOLAMENTO DI UTILIZZO DEL SISTEMA DI BIKE SHARING E-MOTION MAGNIFICA COMUNITA DEGLI ALTIPIANI CIMBRI REGOLAMENTO DI UTILIZZO DEL SISTEMA DI BIKE SHARING E-MOTION MAGNIFICA COMUNITA DEGLI ALTIPIANI CIMBRI PREMESSA Il servizio è finalizzato alla promozione della mobilità sostenibile nel territorio della

Dettagli

Regolamento dell Istituto d Istruzione Superiore G.B. Vaccarini Via Orchidea 9-95123 CATANIA Tel. 095-439120 - Fax: 095/439121

Regolamento dell Istituto d Istruzione Superiore G.B. Vaccarini Via Orchidea 9-95123 CATANIA Tel. 095-439120 - Fax: 095/439121 SOGGETTO ATTUATORE: COMUNE DI CATANIA In collaborazione con PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE Regolamento dell Istituto d Istruzione Superiore G.B. Vaccarini Via Orchidea 9-95123

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DEGLI OGGETTI RINVENUTI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DEGLI OGGETTI RINVENUTI COMUNE DI CODOGNE (Provincia di Treviso) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DEGLI OGGETTI RINVENUTI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 4 in ata 26 Aprile 2006. La deliberazione ed il regolamento

Dettagli

Art. 1) Oggetto del contratto. Il presente contratto disciplina la concessione del

Art. 1) Oggetto del contratto. Il presente contratto disciplina la concessione del COMUNE DI LECCO SETTORE LAVORI PUBBLICI SCHEMA DI CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DELLA CONCESSIONE DI SERVIZIO RELATIVA ALL AREA DI PARCHEGGIO PUBBLICO DI PIAZZA SASSI. Art. 1) Oggetto del contratto. Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DEL SERVIZIO DI BIKE SHARING "ANDRIAINBICI"

REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DEL SERVIZIO DI BIKE SHARING ANDRIAINBICI - -.----.--~ REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DEL SERVIZIO DI BIKE SHARING "ANDRIAINBICI" Il presente Regolamento stabilisce le condizioni di utilizzo del servizio di Bike Shanng denominato "ANDRIA IN BICL..".

Dettagli

COMUNE DI PALAIA. Eccezionalmente l uso può essere concesso per manifestazioni che si tengono al di fuori del territorio comunale.

COMUNE DI PALAIA. Eccezionalmente l uso può essere concesso per manifestazioni che si tengono al di fuori del territorio comunale. COMUNE DI PALAIA DISCIPLINARE PER LA CONCESSIONE IN USO A TERZI DI ATTREZZATURE COMUNALI (SEDIE E TAVOLI) PER L ORGANIZZAZIONE DI MANIFESTAZIONI E SPETTACOLI INDICE Art. 1 Oggetto. Art. 2 Modalità di concessione

Dettagli

Città di Portogruaro Provincia di Venezia REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO OGGETTI RINVENUTI

Città di Portogruaro Provincia di Venezia REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO OGGETTI RINVENUTI Città di Portogruaro Provincia di Venezia REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO OGGETTI RINVENUTI Approvato con deliberazione del C.C. n. 84 del 8.9.2005 INDICE DISPOSIZIONI GENERALI PUBBLICITA DEL RITROVAMENTO

Dettagli

Regolamento dell Istituto d Istruzione Superiore G.B. Vaccarini Via Orchidea 9-95123 CATANIA Tel. 095-439120 - Fax: 095/439121

Regolamento dell Istituto d Istruzione Superiore G.B. Vaccarini Via Orchidea 9-95123 CATANIA Tel. 095-439120 - Fax: 095/439121 SOGGETTO ATTUATORE: COMUNE DI CATANIA In collaborazione con PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE Regolamento dell Istituto d Istruzione Superiore G.B. Vaccarini Via Orchidea 9-95123

Dettagli

Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 35 del 05.06.2013

Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 35 del 05.06.2013 COMUNE DI PALO DEL COLLE Provincia di Bari REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DEI CANI RANDAGI RICOVERATI NEL CANILE RIFUGIO CONVENZIONATO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 35 del 05.06.2013

Dettagli

DOMANDA DI ISCRIZIONE AL SERVIZIO TRASPORTO SCOLASTICO. Il sottoscritto nato a. il C.F. e residente a. in via Tel: / Cell.

DOMANDA DI ISCRIZIONE AL SERVIZIO TRASPORTO SCOLASTICO. Il sottoscritto nato a. il C.F. e residente a. in via Tel: / Cell. DOMANDA DI ISCRIZIONE AL SERVIZIO TRASPORTO SCOLASTICO Cittadella, Al Comune di Cittadella Ufficio Economato e Servizi Scolastici Il sottoscritto nato a il C.F. e residente a in via Tel: / Cell. in qualità

Dettagli

COMUNE DI PAGANI Provincia di Salerno REGOLAMENTO PER L'USO E L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEI BENI CONFISCATI E TRASFERITI AL COMUNE DI PAGANI

COMUNE DI PAGANI Provincia di Salerno REGOLAMENTO PER L'USO E L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEI BENI CONFISCATI E TRASFERITI AL COMUNE DI PAGANI COMUNE DI PAGANI Provincia di Salerno REGOLAMENTO PER L'USO E L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEI BENI CONFISCATI E TRASFERITI AL COMUNE DI PAGANI Approvato con Deliberazione della Commissione Straordinaria

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI DISCIPLINA DELL ATTIVITA DEL GRUPPO VOLONTARI CIVICI DEL COMUNE DI TRIUGGIO

REGOLAMENTO COMUNALE DI DISCIPLINA DELL ATTIVITA DEL GRUPPO VOLONTARI CIVICI DEL COMUNE DI TRIUGGIO REGOLAMENTO COMUNALE DI DISCIPLINA DELL ATTIVITA DEL GRUPPO VOLONTARI CIVICI DEL COMUNE DI TRIUGGIO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 del 26/03/2015 1 ARTICOLO 1 Oggetto 1. Il presente

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI. (Norme di riferimento: artt. 927-928-929-930-931 c.c.) ART. 1 Oggetto del Regolamento

DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI. (Norme di riferimento: artt. 927-928-929-930-931 c.c.) ART. 1 Oggetto del Regolamento DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI. (Norme di riferimento: artt. 927-928-929-930-931 c.c.) ART. 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina le funzioni che il Codice

Dettagli

INFORMATIVA ALL'UTENZA RIMOZIONE VEICOLI. Si comunica che a partire dal giorno 17 settembre 2013 i veicoli:

INFORMATIVA ALL'UTENZA RIMOZIONE VEICOLI. Si comunica che a partire dal giorno 17 settembre 2013 i veicoli: INFORMATIVA ALL'UTENZA RIMOZIONE VEICOLI Si comunica che a partire dal giorno 17 settembre 2013 i veicoli: parcheggiati al di fuori degli appositi stalli indicati dalla segnaletica o parcheggiati in aree

Dettagli

COMUNE DI MELITO DI NAPOLI

COMUNE DI MELITO DI NAPOLI INDICE ART. 1 - FINALITÀ E CONTENUTO DEL REGOLAMENTO ART. 2 - ORGANIZZAZIONE ART. 3 - GESTIONE DEI VEICOLI E RELATIVE RESPONSABILITÀ ART. 4 - USO DEI VEICOLI CON PERSONALE AUTISTA ART. 5 - MODALITÀ DI

Dettagli

COMUNE DI MENDICINO (Provincia di Cosenza) REGOLAMENTO AUTOMEZZI COMUNALI

COMUNE DI MENDICINO (Provincia di Cosenza) REGOLAMENTO AUTOMEZZI COMUNALI COMUNE DI MENDICINO (Provincia di Cosenza) REGOLAMENTO AUTOMEZZI COMUNALI Art. 1 Scopo del regolamento e disposizioni generali. Il seguente regolamento disciplina limiti, criteri e modalità per l acquisizione,

Dettagli

Comune di GARDONE RIVIERA

Comune di GARDONE RIVIERA Comune di GARDONE RIVIERA Provincia di BRESCIA REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA DI SOGGIORNO INDICE Articolo 1 Oggetto del regolamento Articolo 2 Istituzione dell imposta Articolo 3

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI CUSTODIA E RESTITUZIONE DEGLI OGGETTI TROVATI

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI CUSTODIA E RESTITUZIONE DEGLI OGGETTI TROVATI REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI CUSTODIA E RESTITUZIONE DEGLI OGGETTI TROVATI Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 99 del 13-03-1995 Modificato con Delibera di Consiglio Comunale n. 244 del 29-10-1998

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE PALESTRE COMUNALI COMUNE DI MARCIGNAGO (Prov. Pavia) REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE PALESTRE COMUNALI Approvato con delibera C.C. n. 15 del 28.04.2011 Art. 1 Finalità Scopo del presente regolamento è quello di regolare

Dettagli

Eurocontratto di NOLEGGIO AUTO

Eurocontratto di NOLEGGIO AUTO Eurocontratto di NOLEGGIO AUTO 1 Pistoia, Contratto N La Società/Impresa di autonoleggio (Locatrice) concede in noleggio al/alla Sig/Società che sottoscrive il presente contratto, in nome proprio/in qualità

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DI PIAZZALE ROMA LA PISTA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DI PIAZZALE ROMA LA PISTA Comune di Castelnuovo di Val di Cecina Provincia Di Pisa REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DI PIAZZALE ROMA LA PISTA Approvato con atto di Consiglio Comunale n. 090 del 22.12.2009

Dettagli

COMUNE DI LAZZATE Provincia di Monza e Brianza

COMUNE DI LAZZATE Provincia di Monza e Brianza COMUNE DI LAZZATE Provincia di Monza e Brianza Regolamento per la concessione in uso di beni mobili comunali Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 23 del 21.05.2003 Integrato con deliberazione

Dettagli

COMUNE DI CISERANO. (Provincia di Bergamo) REGOLAMENTO PER IL TRASPORTO SCOLASTICO

COMUNE DI CISERANO. (Provincia di Bergamo) REGOLAMENTO PER IL TRASPORTO SCOLASTICO COMUNE DI CISERANO (Provincia di Bergamo) REGOLAMENTO PER IL TRASPORTO SCOLASTICO Approvato con deliberazione di C.C. n. 30 del 05.06.2003 ARTICOLO 1 Oggetto L Amministrazione comunale di Ciserano, valutate

Dettagli

Regolamento per la concessione e l uso dei telefoni cellulari

Regolamento per la concessione e l uso dei telefoni cellulari Regolamento per la concessione e l uso dei telefoni cellulari Approvato con Delibera di Giunta Comunale n. 109 del 12/05/2009, modificato con Delibera di Giunta Comunale n. 156 del 09/07/2009 1 SOMMARIO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE, L UTILIZZO E IL PRESTITO DEI BENI MOBILI DEL LICEO DI STATO CARLO RINALDINI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE, L UTILIZZO E IL PRESTITO DEI BENI MOBILI DEL LICEO DI STATO CARLO RINALDINI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE, L UTILIZZO E IL PRESTITO DEI BENI MOBILI DEL LICEO DI STATO CARLO RINALDINI Redatto ai sensi dell art. 125, comma 10 del D.Lgs 12 aprile 2006, n. 163 Codice dei contratti pubblici

Dettagli

AVVISO DI VENDITA DELL IMMOBILE SITO IN MATERA, PIAZZA SAN FRANCESCO 2, SENZA BASE D ASTA 2. DATI E INQUADRAMENTO URBANISTICO DELL IMMOBILE

AVVISO DI VENDITA DELL IMMOBILE SITO IN MATERA, PIAZZA SAN FRANCESCO 2, SENZA BASE D ASTA 2. DATI E INQUADRAMENTO URBANISTICO DELL IMMOBILE AVVISO DI VENDITA DELL IMMOBILE SITO IN MATERA, PIAZZA SAN FRANCESCO 2, SENZA BASE D ASTA 1. OGGETTO DELLA VENDITA La Banca d Italia, con sede legale in Roma, Via Nazionale, 91, intende alienare l immobile

Dettagli

REGOLAMENTO OGGETTI RINVENUTI. APPROVATO: con delibera di Consiglio Comunale n. 147 in data 10/12/2002

REGOLAMENTO OGGETTI RINVENUTI. APPROVATO: con delibera di Consiglio Comunale n. 147 in data 10/12/2002 REGOLAMENTO OGGETTI RINVENUTI 2002 APPROVATO: con delibera di Consiglio Comunale n. 147 in data 10/12/2002 REGOLAMENTO OGGETTI RINVENUTI DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 L Ufficio Oggetti Rinvenuti, ha

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO REGOLAMENTO COMUNALE PER L USO PUBBLICO DEL PALCO MODULARE DA ESTERNO DI PROPRIETA COMUNALE

COMUNE DI GAVORRANO REGOLAMENTO COMUNALE PER L USO PUBBLICO DEL PALCO MODULARE DA ESTERNO DI PROPRIETA COMUNALE COMUNE DI GAVORRANO REGOLAMENTO COMUNALE PER L USO PUBBLICO DEL PALCO MODULARE DA ESTERNO DI PROPRIETA COMUNALE INDICE ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART. 6 ART. 7 ART. 8 ART. 9 ART. 10 OGGETTO CRITERI

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ECONOMATO

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ECONOMATO Allegato A) alla Deliberazione C.C. n. 40 del 21/05/2012 COMUNE DI ARGENTA Provincia di Ferrara Piazza Garibaldi, 1-44011 Argenta (FE) Cod. Fisc. 00315410381 - P.I. 00108090382 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO

Dettagli

MODALITÀ DI UTILIZZO DELLA SALA PROVE MUSICALE del Centro d Aggregazione Giovanile Via Giardini n. 31- Zoppola

MODALITÀ DI UTILIZZO DELLA SALA PROVE MUSICALE del Centro d Aggregazione Giovanile Via Giardini n. 31- Zoppola MODALITÀ DI UTILIZZO DELLA SALA PROVE MUSICALE del Centro d Aggregazione Giovanile Via Giardini n. 31- Zoppola (approvate con delibera della Giunta Comunale n. 190 del 28.09.2009) Premessa Il Comune di

Dettagli

Deposito cauzionale Carta di Credito

Deposito cauzionale Carta di Credito TORINO, li... La Società/Impresa di autonoleggio TOMMASINO AUTONOLEGGI S.R.L. (Locatrice) concede in noleggio al/alla Sig./... nato/a i... a... Residente... Via... Tipo di documento...cat...validità...

Dettagli

Regolamento per la disciplina dell assegnazione e dell utilizzo degli apparati di telefonia mobile

Regolamento per la disciplina dell assegnazione e dell utilizzo degli apparati di telefonia mobile COMUNE DI ARNAD REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA Regolamento per la disciplina dell assegnazione e dell utilizzo degli apparati di telefonia mobile Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 75

Dettagli

COMUNE DI ORZINUOVI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI RIMOZIONE COATTA DEI VEICOLI. Provincia di Brescia

COMUNE DI ORZINUOVI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI RIMOZIONE COATTA DEI VEICOLI. Provincia di Brescia COMUNE DI ORZINUOVI Provincia di Brescia REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI RIMOZIONE COATTA DEI VEICOLI Adottato con delibera del Consiglio Comunale n. 13 del 22/02/2010 Art. 1 OGGETTO DEL DISCIPLINARE Il presente

Dettagli

ASSOCIAZIONE TURISTICA PROLOCO DI MACELLO. Via Parrocchiale, 24. 10060 MACELLO (TO) (Per recapiti telefonici si veda la rubrica telefonica allegata)

ASSOCIAZIONE TURISTICA PROLOCO DI MACELLO. Via Parrocchiale, 24. 10060 MACELLO (TO) (Per recapiti telefonici si veda la rubrica telefonica allegata) ASSOCIAZIONE TURISTICA PROLOCO DI MACELLO Via Parrocchiale, 24. 10060 MACELLO (TO) Email: prolocomacello@gmail.com (Per recapiti telefonici si veda la rubrica telefonica allegata) REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE

Dettagli

Comune di Aosta REGOLAMENTO DI ECONOMATO. Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 83 del 15.12.2009 INDICE. CAPO I Servizio di economato

Comune di Aosta REGOLAMENTO DI ECONOMATO. Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 83 del 15.12.2009 INDICE. CAPO I Servizio di economato Comune di Aosta REGOLAMENTO DI ECONOMATO Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 83 del 15.12.2009 INDICE CAPO I Servizio di economato Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art. 7 Art.

Dettagli

OGGETTO: Servizio di rimozione e/o blocco dei veicoli SCHEMA DI CONVENZIONE. Art. 1

OGGETTO: Servizio di rimozione e/o blocco dei veicoli SCHEMA DI CONVENZIONE. Art. 1 OGGETTO: Servizio di rimozione e/o blocco dei veicoli SCHEMA DI CONVENZIONE Art. 1 Il Comune di Bagno a Ripoli, avvalendosi della facoltà attribuita dall art. 354 del D.P.R. 16.12.92 n. 495, affida in

Dettagli

COMUNE DI CENATE SOTTO Provincia di Bergamo

COMUNE DI CENATE SOTTO Provincia di Bergamo COMUNE DI CENATE SOTTO Provincia di Bergamo REGOLAMENTO DISCIPLINANTE LA CONCESSIONE IN USO DELLA SALA POLIVALENTE PALAINCONTRO IN VIA A. MORO Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 16 del 21.06.2007

Dettagli

Comune di Rovigo REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO DISABILI

Comune di Rovigo REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO DISABILI Comune di Rovigo REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO DISABILI Testo approvato con Delibera Consiliare n. 9 del 01.03.2011 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO DISABILI INDICE Art.1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO...

Dettagli

COMUNE DI CORBETTA PROVINCIA DI MILANO

COMUNE DI CORBETTA PROVINCIA DI MILANO COMUNE DI CORBETTA PROVINCIA DI MILANO REGOLAMENTO PER L UTILIZZAZIONE DEL PARCO ANGELO DELLA TORRE E DELLE RELATIVE STRUTTURE. ART.1 OGGETTO Il presente regolamento disciplina l uso del Parco della Villa

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DI LOCALI DI PROPRIETA COMUNALE SITI IN VIA MOLINI.

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DI LOCALI DI PROPRIETA COMUNALE SITI IN VIA MOLINI. REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DI LOCALI DI PROPRIETA COMUNALE SITI IN VIA MOLINI. ART. 1 - CAMPO DI APPLICAZIONE - Il presente regolamento disciplina l uso dei seguenti immobili di proprietà comunale:

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE COSE RITROVATE E CONSEGNATE AL COMUNE

REGOLAMENTO DELLE COSE RITROVATE E CONSEGNATE AL COMUNE REGOLAMENTO COMUNALE n. 32 REGOLAMENTO DELLE COSE RITROVATE E CONSEGNATE AL COMUNE Allegato sub-b alla deliberazione di Consiglio Comunale n. 56 del 30/6/2003 Art.1 Obblighi per il ritrovatore di cosa

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI VOLONTARI PER SCOPI DI PUBBLICA UTILITA

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI VOLONTARI PER SCOPI DI PUBBLICA UTILITA REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI VOLONTARI PER SCOPI DI PUBBLICA UTILITA Art.1 Oggetto e finalità del regolamento. Principi generali 1.Il presente regolamento ha per oggetto la disciplina degli interventi

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI. Approvato con deliberazione consigliare n.31 dd.20/4/04 DISPOSIZIONI GENERALI. art. 1. art.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI. Approvato con deliberazione consigliare n.31 dd.20/4/04 DISPOSIZIONI GENERALI. art. 1. art. REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI Approvato con deliberazione consigliare n.31 dd.20/4/04 DISPOSIZIONI GENERALI art. 1 Nell ambito del Servizio Programmazione Acquisti del Comune di Trieste

Dettagli

Regolamento per l utilizzo delle aree verdi comunali e di libero accesso ;

Regolamento per l utilizzo delle aree verdi comunali e di libero accesso ; Allegato A RICHIESTA AFFIDAMENTO AREE VERDI COMUNALI E RIDUZIONE TARES OGGETTO: Richiesta affidamento area verde comunale e riduzione TARES. Il sottoscritto.. nato a il.. residente a in Via.. n... CHIEDE

Dettagli

COMUNE DI PALMARIGGI Provincia di Lecce REGOLAMENTO COMUNALE PER L ADOZIONE DI CANI RANDAGI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI PALMARIGGI Provincia di Lecce REGOLAMENTO COMUNALE PER L ADOZIONE DI CANI RANDAGI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI PALMARIGGI Provincia di Lecce REGOLAMENTO COMUNALE PER L ADOZIONE DI CANI RANDAGI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 31 del 29.12.2015 1 INDICE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ADOZIONE DI CANI RANDAGI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ADOZIONE DI CANI RANDAGI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE PER L ADOZIONE DI CANI RANDAGI RITROVATI SUL TERRITORIO COMUNALE INDICE Titolo I. - Adozione...2 Art. 1 Finalità...2 Art. 2 Requisiti per l affidamento dell animale...2 Art. 3 Modalità

Dettagli

COMUNE DI CERRO AL LAMBRO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO DEL VOLONTARIATO PER SCOPI DI PUBBLICA UTILITA

COMUNE DI CERRO AL LAMBRO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO DEL VOLONTARIATO PER SCOPI DI PUBBLICA UTILITA COMUNE DI CERRO AL LAMBRO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO DEL VOLONTARIATO PER SCOPI DI PUBBLICA UTILITA Art. 1 Oggetto e finalità del regolamento. Principi generali 1. Il Comune di Cerro al Lambro riconosce

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E LA RICONSEGNA DEGLI OGGETTI RITROVATI"

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E LA RICONSEGNA DEGLI OGGETTI RITROVATI COMUNE DI MEZZAGO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E LA RICONSEGNA DEGLI OGGETTI RITROVATI" Approvato con delibera di C.C. nr. 18 del 09-06-2015 INDICE art.1 DISPOSIZIONI GENERALI art. 2 CONSEGNA DEL BENE art.3

Dettagli

COMUNE DI VIGONE. Provincia di Torino REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE

COMUNE DI VIGONE. Provincia di Torino REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI VIGONE Provincia di Torino REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 40 DEL 27 LUGLIO 2005 1

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI Approvato con Deliberazione C.C. n. 21 del 9/6/2011 In vigore dal 3 luglio 2011 1 I N D I C E Art. 1 - Oggetto

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI LOCALI COMUNALI DESTINATI AD ATTIVITA SPORTIVE RICREATIVE E CULTURALI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI LOCALI COMUNALI DESTINATI AD ATTIVITA SPORTIVE RICREATIVE E CULTURALI COMUNE DI BASTIDA PANCARANA (Provincia di Pavia) C.F. 86001910180 Partita IVA 00488500182 Telefono 0383 85002 fax 0383 895700 REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI LOCALI COMUNALI DESTINATI AD ATTIVITA SPORTIVE

Dettagli

PROVINCIA DI LECCE. Regolamento per l uso degli automezzi

PROVINCIA DI LECCE. Regolamento per l uso degli automezzi PROVINCIA DI LECCE Regolamento per l uso degli automezzi Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina l uso e la gestione degli autoveicoli a disposizione della Provincia di Lecce. Art. 2 Parco

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI PRESTITO

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI PRESTITO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI PRESTITO Il presente regolamento definisce le modalità e i termini di erogazione del servizio di prestito presso la Biblioteca di Discipline Umanistiche. Il presente regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RITROVATI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RITROVATI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RITROVATI Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n.42 del 16/09/2010 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELLE COSE RITROVATE 1 Indice Art. 1 Oggetto

Dettagli

REGOLAMENTO OGGETTI SMARRITI

REGOLAMENTO OGGETTI SMARRITI COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE Provincia di Pistoia CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE NUCLEO POLIZIA AMMINISTRATIVA REGOLAMENTO OGGETTI SMARRITI 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1: Art. 2: Art. 3: Art.

Dettagli

La vettura noleggiata è dotata delle seguenti coperture assicurativa incluse nel prezzo di noleggio e riportate sul contratto di noleggio.

La vettura noleggiata è dotata delle seguenti coperture assicurativa incluse nel prezzo di noleggio e riportate sul contratto di noleggio. CONDIZIONI GENERALI DI NOLEGGIO 1.QUALIFICAZIONE RICHIESTA PER IL NOLEGGIO - Ogni guidatore deve presentare la sua patente di guida (patente categoria B in corso di validità) valida per il paese in cui

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DELLE SALE NELLA SEDE FRIULI FUTURE FORUM - FFF

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DELLE SALE NELLA SEDE FRIULI FUTURE FORUM - FFF REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DELLE SALE NELLA SEDE FRIULI FUTURE FORUM - FFF PREMESSA Il presente Regolamento disciplina la concessione in uso a terzi delle sale nella disponibilità della Camera

Dettagli

CONVENZIONE PER L UTILIZZO DELLA FORESTERIA TRA. l UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA, di seguito denominata Università, con sede

CONVENZIONE PER L UTILIZZO DELLA FORESTERIA TRA. l UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA, di seguito denominata Università, con sede CONVENZIONE PER L UTILIZZO DELLA FORESTERIA TRA l UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA, di seguito denominata Università, con sede in via dell Artigliere n. 8 a Verona, Codice Fiscale 93009870234, nella persona

Dettagli

DISCIPLINARE DI GESTIONE DEL SISTEMA DI BIKE SHARING Comune di Scandiano. MI Muovo Mi Muovo in Bici :abbonamento unico per viaggiare in Emilia Romagna

DISCIPLINARE DI GESTIONE DEL SISTEMA DI BIKE SHARING Comune di Scandiano. MI Muovo Mi Muovo in Bici :abbonamento unico per viaggiare in Emilia Romagna ALLEGATO "C" DISCIPLINARE DI GESTIONE DEL SISTEMA DI BIKE SHARING Comune di Scandiano MI Muovo Mi Muovo in Bici :abbonamento unico per viaggiare in Emilia Romagna MI Muovo è un abbonamento unico integrato

Dettagli

COMUNE DI NETTUNO PROVINCIA DI ROMA REGOLAMENTO DEI PARCHEGGI PUBBLICI A PAGAMENTO. DELIBERA DI ADOZIONE n.12 C.C. del 24 aprile 2011

COMUNE DI NETTUNO PROVINCIA DI ROMA REGOLAMENTO DEI PARCHEGGI PUBBLICI A PAGAMENTO. DELIBERA DI ADOZIONE n.12 C.C. del 24 aprile 2011 COMUNE DI NETTUNO PROVINCIA DI ROMA REGOLAMENTO DEI PARCHEGGI PUBBLICI A PAGAMENTO DELIBERA DI ADOZIONE n.12 C.C. del 24 aprile 2011 AGGIORNAMENTO Delibera n.9 C.C. del 12 marzo 2012 RACCOLTA STATUTI E

Dettagli

CONTRATTO DI COMODATO d USO. L anno 2013, il giorno del mese di marzo con la presente scrittura privata da valere a tutti gli effetti di legge TRA

CONTRATTO DI COMODATO d USO. L anno 2013, il giorno del mese di marzo con la presente scrittura privata da valere a tutti gli effetti di legge TRA CONTRATTO DI COMODATO d USO L anno 2013, il giorno del mese di marzo con la presente scrittura privata da valere a tutti gli effetti di legge TRA il Liceo Scientifico Statale Paolo Frisi di Monza (via

Dettagli

Disciplinare comunale per la celebrazione dei matrimoni civili

Disciplinare comunale per la celebrazione dei matrimoni civili Disciplinare comunale per la celebrazione dei matrimoni civili Approvato con Deliberazione G.C. n. 10 del 10/2/2011 In vigore dal 10 febbraio 2011 Integrato con Deliberazione di G.C. n. 54 del 21/6/2012

Dettagli

COMUNE DI PONTOGLIO. Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI PONTOGLIO. Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI PONTOGLIO Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Indice Art. 1 Servizio di Economato Art. 2 Economo Comunale Art. 3 Funzioni del Servizio di Economato Art. 4 Indennità

Dettagli