Arch. R.Angioni Riproduzione Vietata 0

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Arch. R.Angioni Riproduzione Vietata 0"

Transcript

1 La Normativa REGIONALE Decreto del Presidente della Giunta Regionale Toscana 18 dicembre 2013, n. 75/R Riproduzione Vietata 0

2 La Normativa Regionale REGIONE TOSCANA Decreto del Presidente della Giunta Regionale Toscana 18 dicembre 2013, n. 75/R Regolamento di attuazione dell articolo 82, comma 15, della legge regionale 3 gennaio 200 5, n. 1 (Norme per il governo del territorio ). Abrogazione dl del regolamento approvato con DPGRT D.P.G.R.T. 62/R/20 05 REGIONE SICILIA DECRETO 5 settembre Norme sulle misure di prevenzione e protezione dai rischi di caduta dall alto da predisporre negli edifici per l esecuzione dei lavori di manutenzione sulle coperture in condizioni di sicurezza. Regione Veneto DGR N. 97 del 31 gennaio 2012 Approvazione note di indirizzo per l'applicazione dell'art. 79 bis della L.R. 61/85, come modificata dalla L.R. n. 4/2008, aggiornamento delle istruzioni tecniche per la predisposizione delle misure preventive e protettive per l'accesso, il transito e l'esecuzione dei lavori di manutenzione in quota in condizioni di sicurezza. Regione Umbria Legge regionale 28 ottobre 2011 n Approvazione Linee di indirizzo per la prevenzione delle cadute dall alto. Finalità del documento è quella di proporre criteri, metodi di intervento e controllo da seguire durante la progettazione e realizzazione di un lavoro edile al fine di prevenire i rischi di infortunio a seguito di caduta dall alto o di sprofondamento. Non vengono quindi riproposti unicamente i dettami normativi, già di per se obbligatoriamente noti, ma piuttosto un esempio concreto della loro applicazione anche per gli addetti ad interventi di piccola entità o di manutenzione leggera. Regione Liguria Legge regionale 15 febbraio 2010 n. 5 Norme per la prevenzione delle cadute dall'alto nei cantieri edili Bollettino Ufficiale della Regione Liguria n. 2 del 17 febbraio 2010 Regione Lombardia Decreto 119 del 14 gennaio 2009 (Direzione generale di sanità atto 1368) Disposizioni concernenti la prevenzione dei rischi di caduta dall alto Regione Veneto DGR n del Istruzioni tecniche sulle misure preventive e protettive da predisporre negli edifici per l accesso, il transito e l esecuzione dei lavori di manutenzione in quota in condizioni di sicurezza (art. 79 bis L.R. 61/85). Bollettino Ufficiale della Regione Veneto Regione Veneto Allegato al DGR n del Allegato A Bollettino Ufficiale della Regione Veneto Regione Emilia Romagna Legge regionale 02 marzo 2009, n. 2 (LR ER ) Tutela e sicurezza del lavoro nei cantieri edili e di ingegneria civile Bollettino Ufficiale i n. 33 del 2 marzo 2009 della Regione Emilia Romagna Provincia Autonoma di Trento Legge Provinciale 9 febbraio 2007, n.3 Prevenzione delle cadute dall'alto e promozione della sicurezza sul lavoro Bollettino Ufficiale della Provincia Autonoma di Trento n. 8 del 20 febbraio 2007 Riproduzione Vietata 1

3 Art. 82 Disposizioni generali LRT. 1/ Per le opere ricadenti nell ambito di applicazione del titolo IV, capo I, del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 (Attuazione dell articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro), l efficacia del permesso di costruire o della SCIA è sospesa in caso di inosservanza, da parte del committente o del responsabile dei lavori, degli obblighi a loro derivanti dagli articoli 90, 93, 99 e 101 del decreto legislativo medesimo. Il permesso di costruire o la SCIA riacquistano efficacia dopo l ottemperanza agli obblighi. La notifica preliminare, oltre a contenere quanto disposto dall allegato XII del d.lgs. 81/2008, dà atto dell avvenuta redazione del piano di sicurezza e di coordinamento, quando previsto, certificato dal professionista abilitato, e del rispetto della legge regionale 23 dicembre 2003, n. 64 (Norme per la prevenzione delle cadute dall alto nei cantieri edili. Modifiche alla legge regionale 14 ottobre 1999, n. 52 concernente la disciplina delle attività edilizie). Dlgs. 81/08 At Art. 90 Obblighi del committente o del responsabile dei lavori Art. 93 Responsabilità dei dicommittenti ti e dei diresponsabili dei di lavori Art. 99 Notifica preliminare Art. 101 Obblighi di trasmissione Riproduzione Vietata 2

4 Art. 82 Disposizioni generali LRT. 1/ Nel caso di inizio dei lavori in mancanza dei piani di sicurezza di cui agli articoli 100, comma 1, e 101, comma 1, del d.lgs. 81/2008, l organo preposto alla vigilanza ai sensi dell articolo l 13 dl del medesimo decreto legislativo ordina l immediata sospensione dei lavori fino all adempimento degli obblighi di cui alle citate disposizioni. l organo lorgano preposto alla vigilanza ordina l immediata sospensione dei lavori fino all adempimento. Dlgs. 81/08 Art. 100 Piano di sicurezza e di coordinamento Art. 101 Obblighi di trasmissione Riproduzione Vietata 3

5 Dlgs 81/08 Articolo 90 Obblighi del committente o del responsabile dei lavori 9. Il committente t o il responsabile dei ilavori, anche nel caso di affidamento dei lavori ad un unica impresa o ad un lavoratore autonomo c) trasmette all amministrazione concedente, prima dell inizio dei lavori oggetto del permesso di costruire o della denuncia di inizio attività, copia della notifica preliminare di cui all articolo 99, il documento unico di regolarità contributiva delle imprese e dei lavoratori autonomi, fatto salvo quanto previsto dall articolo 16 bis, comma 10, del decreto legge 29 novembre 2008, n. 185, convertito, con modificazioni, dalla legge 28 gennaio 2009, n. 2, e una dichiarazione attestante l avvenuta verifica della ulteriore documentazione di cui alle lettere a) e b). 10. In assenza del piano di sicurezza e di coordinamento di cui all articolo 100 o del fascicolo di cui all articolo 91, comma 1, lettera b), quando previsti, oppure in assenza di notifica di cui all articolo 99, quando prevista oppure in assenza del documento unico di regolarità contributiva delle imprese o dei lavoratori autonomi, é sospesa l efficacia del titolo abilitativo. L organo di vigilanza comunica l inadempienza all amministrazione concedente. Sospensione dell efficacia del titolo abilitativo 1. Assenza del dldurc 2. Assenza di PSC 3. Assenza Fascicolo 4. Assenza di Notifica Riproduzione Vietata 4

6 Dlgs 81/08 Articolo 14 Disposizioni per il contrasto del lavoro irregolare e per la tutela della salute e sicurezza dei lavoratori 1. Al fine di far cessare il pericolo per la tutela della salute e la sicurezza dei lavoratori, nonché di contrastare il fenomeno del lavoro sommerso e irregolare, FERME RESTANDO LE ATTRIBUZIONI DEL COORDINATORE PER L ESECUZIONE DEI LAVORI DI CUI ALL ARTICOLOARTICOLO 92, COMMA 1, LETTERA E), gli organi di vigilanza del Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali, anche su segnalazione delle amministrazioni pubbliche secondo le rispettive competenze, possono adottare provvedimenti di sospensione in relazione alla parte dell attività imprenditoriale interessata dalle violazioni quando riscontrano l impiego di personale non risultante dalla dll documentazione obbligatoria in misura pari o superiore al 20 per cento del totale dei lavoratori presenti sul luogo di lavoro, nonché in caso di gravi e reiterate violazioni in materia di tutela della salute e della sicurezza sul lavoro individuate d con decreto del dlministero del dllavoro, della dll salute e delle dll politiche sociali, adottato sentito il Ministero dell interno e la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano. In attesa della adozione del citato decreto, le violazioni in materia di tutela della salute e della sicurezza sul lavoro che costituiscono il presupposto per l adozione del provvedimento di sospensione dell attività imprenditoriale sono quelle individuate nell Allegato I. (omissis). Sospensione attività imprenditoriale l d ll l d ll i l l h i i il 1. Impiego di personale non regolare 2. Allegato I Riproduzione Vietata 5

7 ALLEGATO I GRAVI VIOLAZIONI AI FINI DELL ADOZIONE DEL PROVVEDIMENTO DI SOSPENSIONE DELL ATTIVITÀ IMPRENDITORIALE Violazioni che espongono a rischi di carattere generale Mancata elaborazione del documento di valutazione dei rischi; Mancata elaborazione del Piano di Emergenza ed Evacuazione; Mancata formazione edaddestramento; Mancata costituzione del servizio di prevenzione e protezione e nomina del relativo responsabile; Mancata elaborazione piano operativo di sicurezza (POS); Violazioni che espongono al rischio di caduta dall alto Mancata fornitura del dispositivo di protezione individuale contro le cadute dall alto; Mancanza di protezioni verso il vuoto. Violazioni che espongono al rischio di seppellimento Mancata applicazione delle armature di sostegno, fatte salve le prescrizioni desumibili dalla relazione tecnica di consistenza dl del terreno. Violazioni che espongono al rischio di elettrocuzione Lavori in prossimità di linee elettriche in assenza di disposizioni organizzative e procedurali idonee a proteggere i lavoratori dai conseguenti rischi; Presenza di conduttori nudi in tensione in assenza di disposizioni organizzative e procedurali idonee a proteggere i lavoratori dai conseguenti rischi; Mancanza protezione contro i contatti diretti ed indiretti (impianto di terra, interruttore magnetotermico, interruttore differenziale). Violazioni che espongono al rischio d amianto Mancata notifica all organo di vigilanza prima dell inizio dei lavori che possono comportare il rischio di esposizione ii ad amianto. Riproduzione Vietata 6

8 RT.. 82 DISPOSIZIONI GENERALI LRT. 1/2005 ART 13. I progetti relativi ad interventi che riguardano le coperture di edifici di nuova costruzione oppure le coperture di edifici già esistenti, prevedono l applicazione di idonee misure preventive e protettive che consentano, nella successiva fase di manutenzione degli edifici l ACCESSO, il TRANSITO e l ESECUZIONE dei lavori in quota in condizioni di sicurezza., l accesso, il transito e l esecuzione dei lavori in quota in condizioni di sicurezza. 14. La mancata previsione delle misure di cui al comma 13 costituisce causa ostativa al rilascio del permesso di costruire ed impedisce altresì l efficacia della SCIA di cui all articolo I comuni adeguano i propri regolamenti edilizi alle norme regolamentari regionali recanti istruzioni tecniche sulle misure preventive e protettive di cui al comma 14. Tali norme sono direttamente applicabili anche in caso di mancato adeguamento e prevalgono su eventuali disposizioni difformi dei regolamenti edilizi comunali. Riproduzione Vietata 7

9 ART. 86 ULTIMAZIONE DEI LAVORI. CERTIFICATO DI CONFORMITÀ. CERTIFICATO DI ABITABILITÀ O AGIBILITÀ. INIZIO DI ESERCIZIO DI ATTIVITÀ PRODUTTIVE 3. Nei casi di cui al comma 2, una volta ultimati i lavori e certificata la conformità di cui al comma 1, ovvero applicate le sanzioni pecuniarie nei casi previsti al titolo VIII, capo I e certificata la conformità di cui al comma 1, l'abitabilità o agibilità dei locali è attestata da un professionista abilitato unitamente alla conformità con le norme igienico sanitarie, nonché alle norme sulle barriere architettoniche e alle istruzioni i itecniche ih di cui all'articolo l 82, comma 16. Al momento dell'attestazione, il professionista abilitato consegna al comune copia del fascicolo di cui all'articolo 91 comma 1, lettera b) del d.lgs. 81/2008, ove ai sensi del medesimo decreto legislativo ne sia prevista la formazione. L'abitabilità o agibilità decorrono dalla data in cui l'attestazione perviene al comune. Nei casi di cui al comma 2, una volta ultimati i lavori e certificata la conformità di cui al comma 1, ovvero applicate le sanzioni pecuniarie nei casi previsti al titolo VIII, capo I e certificata la conformità di cui al comma 1, l abitabilità o agibilità dei locali è attestata da un professionista abilitato unitamente alla conformità con le norme igienico sanitarie, nonché alle norme sulle barriere architettoniche e alle istruzioni tecniche di cui all articolo 82, comma 16. Al momento dell attestazione, il professionista abilitato consegna al comune, copia del fascicolo di cui all articolo 91, comma 1, lettera b) del d.lgs 81/2008 ove, ai sensi del medesimo decreto legislativo ne sia prevista la formazione. L abitabilità bilità o agibilità decorrono dalla data in cui l attestazione t perviene al comune. Riproduzione Vietata 8

10 ART. 86 ULTIMAZIONE DEI LAVORI. CERTIFICATO DI CONFORMITÀ. CERTIFICATO DI ABITABILITÀ O AGIBILITÀ. INIZIO DI ESERCIZIO DI ATTIVITÀ PRODUTTIVE 3. Nei casi di cui al comma 2, una volta ultimati i lavori e certificata t la conformità di cui al comma 1, ovvero applicate le sanzioni pecuniarie nei casi previsti al titolo VIII, capo I e certificata la conformità di cui al comma 1, l'abitabilità o agibilità dei locali è attestata da un professionista abilitato unitamente alla conformità con norme igienico sanitarie, nonché alle norme sulle barriere architettoniche e alle istruzioni tecniche di cui all articolo 82, comma 16. Al momento dell attestazione, il professionista abilitato consegna al comune, copia del fascicolo di cui all'articolo 91 comma 1, lettera b) del d.lgs. 81/2008, ove ai sensi del medesimo decreto legislativo ne sia prevista la formazione. L'abitabilità o agibilità decorrono dalla data in cui l'attestazione perviene al comune. 4. Entro centottanta giorni dalla data in cui è pervenuta l'attestazione di cui al comma 3, il comune, tramite l'azienda USL, dispone ispezioni, anche a campione, al fine di verificare i requisiti di abitabilità e agibilità delle costruzioni. A tal fine fornisce periodicamente all'azienda USL le informazioni necessarie. Sonocomunque soggette a controllo ai fini dell'applicazione della r. 47/1991, le opere relative agli edifici e locali di cui all' articolo 2, comma 2, lettere a), c) e d) della stessa l.r. 47/1991. Riproduzione Vietata 9

11 Decreto del Presidente della Giunta regionale Art. 2 Ambito di Applicazione a) Si rimarca come l ambito di applicazione avviene già al 1. Il presente regolamento si applica nella progettazione e realizzazione di qualsiasi intervento t edilizio i ed impiantistico che interessi coperture di nuove costruzioni o di edifici esistenti ai sensi dell articolo 1. momento della progettazione mentre l omissione di qualsiasi tipologia e destinazione d uso è dovuta al ftt fatto che comunque sono comprese b) Viene introdotto che l intervento t a cui si riferisce i non è solo di TIPO EDILIZIO ma anche di tipo IMPIANTISTICO Riproduzione Vietata 10

12 Decreto del Presidente della Giunta regionale Art. 2 Ambito di Applicazione Sono esclusi dall ambito di applicazione del presente regolamento: a) gli interventi di manutenzione ordinaria che riguarda no le opere di riparazione, rinnovamento e sostituzione delle finiture degli edifici e quelle necessarie ad integrare o mantenere in efficienza i gli impianti tecnologici esistenti; b) i pergolati e le coperture di manufatti aventi carattere temporaneo riconducibili alle fattispecie di cuiall articolo articolo 80, comma 2, lettera b) della l.r. 1/2005; c) le coperture che non espongono ad un rischio di caduta dall alto da un altezza maggiore di 2 metri misurata dal punto più elevato rispetto al piano sottostante ; d) gli interventi impiantistici diversi da quelli definiti all articolo 3, comma 1, lettera d). Diversamente dal precedente regolamento non si parla più di manutenzione straordinaria come tipologia di intervento su cui si applica il regolamento, non ha più importanza la tipologia di intervento in quanto si applica a tutte le tipologie di intervento edilizio ed impiantistico precisando i casi di esclusione. articolo 80, comma 2, lettera b) della lr1/2005 l.r. b) le opere dirette a soddisfare obiettive esigenze contingenti e temporanee e ad essere immediatamente rimosse al cessare della necessità, comunque entro un termine non superiore a novanta giorni Riproduzione Vietata 11

13 Decreto del Presidente della Giunta regionale Art. 2 Ambito di Applicazione INTERVENTI IMPIANTISTICI A CUI SI APPLICA IL REGOLAMENTO d) per interventi impiantistici, l installazione, la trasformazione, l ampliamento e la straordinaria manutenzione di: 1. impianti di produzione, trasformazione, trasporto, distribuzione, utilizzazione dell energia elettrica, compresi impianti da fonti di energia rinnovabili (FER); 2. impianti di protezione contro le scariche atmosferiche; 3. impianti di riscaldamento, climatizzazione, condizionamento, refrigerazione di qualsiasi natura o specie, compresi impianti da fonti di energia rinnovabili (FER), comprese le opere di evacuazione dei prodotti della combustione e delle condense. Sono esclusi in questo caso gli impianti di messa in opera o trasformazione di antenne televisive Sono però compresi non solo la nuova realizzazione ma anche la trasformazione, l ampliamento e la straordinaria manutenzione. Riproduzione Vietata 12

14 Decreto del Presidente della Giunta regionale Art. 2 Ambito di Applicazione 4. Le coperture prive di impianti tecnologici di qualsivoglia tipologia, in cui il dislivello tra il punto più elevato della copertura ed il piano di campagna naturale o artificiale sottostante non sia superiore a 4 metri, non necessitano di misure preventive e protettive fisse o permanenti. In tali casi dovrà comunque essere redatto l elaborato tecnico della copertura di cui all articolo 5 indicante le misure sostitutive a quelle fisse o permanenti, da adottarsi per le successive manutenzioni dll della copertura. L eventuale successiva installazione di impianti tecnologici di qualsivoglia tipologia comporta l adozione di misure preventive e protettive fisse o permanenti. PUR NECESSITANDO DI UN ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA Sono state escluse tutta una serie di coperture di modesta altezza per il cui intervento è Possibile il ricorso a soluzioni non permanenti o fisse (quali i ponteggi o guardacorpi) Purchè PRIVE DI IMPIANTI TECNOLOGICI (per impianti si intendono quelli indicati precedentemente) Riproduzione Vietata 13

15 Esempio Riproduzione Vietata 14

16 Esempio Riproduzione Vietata 15

17 Decreto del Presidente della Giunta regionale Oggetto dell intervento in copertura Art. 2 Ambito di Applicazione g) per transito ed esecuzione di lavori sulla copertura, la possibilità di spostamento e di lavoro in sicurezza sulla porzione di copertura oggetto dell intervento, atta a garantire la raggiungibilità di tutte le sue componenti a fini manutentivi; Negli interventi sull esistente, le misure di protezione si applicano alla SOLA porzione di copertura oggetto di intervento. Pertanto se la progettazione richiede un intervento solo su una parte della copertura è solo a questa che è richiesto di disporre dei sistemi anticaduta, di un punto di accesso e di un percorso sicuro verso quest ultima Per le coperture interessate esistenti da interventi impiantistici si può ritenere minima l area della copertura oggetto di intervento quella che consente il raggiungimento dell area in cui sono collocati gli impianti realizzati, trasformati o ampliati. Riproduzione Vietata 16

18 Decreto del Presidente della Giunta regionale Art. 2 Ambito di Applicazione Dlgs. 81/08 5. In relazione ai lavori da effettuare le misure progettate ed installate ai sensi del presente regolamento devono essere adottate ed utilizzate nel rispetto di quanto previsto dagli articoli 15, 111 e 115 del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 (Attuazione dell articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n.123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro). Articolo 15 Misure generali di tutela Articolo 111 Obblighi del datore di lavoro nell uso di attrezzature per lavori in quota Articolo 115 Sistemi di protezione contro le cadute dall alto alto SI E VOLUTO RICORDARE COME QUALUNQUE ATTIVITA CHE ESPONE AD UN RISCHIO CADUTA DALLALTO DALL ALTO COMPORTI IL RISPETTO DELLE NORMATIVA SULLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO ED IN PARTICOLARE VENGONO RICORDATI GLI ARTICOLI SPECIFICI Riproduzione Vietata 17

19 Decreto del Presidente della Giunta regionale Art. 2 Ambito di Applicazione 6. Le opere e i manufatti costituenti i componenti essenziali del sistema anticaduta, nella misura strettamente necessaria a garantire l accesso, il transito e l esecuzione dei lavori sulle coperture in condizioni di sicurezza, non sono considerate nelleverifiche di conformità urbanistico edilizia riferite a parametri quali il volume, la superficie utile o l altezza massima dll delle costruzioni. i QUESTO COMMA CONSENTE DI REALIZZARE INTERVENTI VOLTI A RENDERE SICURO IL TRANSITO, L ACCESSO LACCESSO E LESECUZIONE L ESECUZIONE DEI LAVORI SU COPERTURE SENZA PREGIUDIZIO DI COMPUTO URBANISTICO AD ESEMPIO SI POSSONO REALIZZARE ABBAINI CON CARATTERISTICHE DI PUNTO DI ACCESSO SENZA COMPUTARE LA VOLUMETRIA E I RELATIVI ONERI O REALIZZARE PARAPETTI DI PROTEZIONE IN COPERTURA SENZA COMPUTARE L ALTEZZA DELL EDIFICIO ALL ALTEZZA DEL PARAPETTO Riproduzione Vietata 18

20 Art. 3 Definizioni Decreto del Presidente della Giunta regionale a) per copertura, la delimitazione superiore di un edificio, o di altro manufatto edilizio comunque denominato, provvisto o meno di tamponamenti laterali, atta ad assicurare protezione dagli agenti atmosferici, costituita da una struttura portante e da un manto superficiale esterno. La copertura assume diverse denominazioni in ragione della sua configurazione strutturale e morfotipologica, ovvero in relazione al materiale usato per la struttura o per il manto superficiale; Questa nuova definizione di copertura è molto più chiara rispetto alla precedente versione dove veniva definita come Delimitazione superiore dell involucro edilizio l eliminazione del riferimento all involucro edilizio e l inciso provvisto o meno di tamponamenti laterali non lascia spazio ad una interpretazione riduttiva, tutte le coperture in senso ampio rientrano all interno della definizione (Pensiline, tettoie tt ecc. ecc) Riproduzione Vietata 19

21 Art. 3 Definizioni Decreto del Presidente della Giunta regionale b) per copertura calpestabile, la porzione di copertura, accessibile in caso di manutenzione, calcolata per carichi di esercizio minimi in grado di sostenere sia il peso delle persone che degli eventuali materiali depositati, conformi a quelli indicati nel decreto 14 gennaio 2008 del Ministero delle Infrastrutture (Approvazione delle nuove norme tecniche per le costruzioni tabella 3.1.II, categoria H); Vengono definiti quali siano i requisiti minimi per concepire la possibilità di una copertura di sostenere il carico di una persona per svolgere operazioni di manutenzione. Attualmente si ricorda che per le coperture definite accessibili per opere di manutenzione si hanno i seguenti valori minimi. Coperture e e sottotetti Cat. H1 Coperture e sottotetti accessibili per sola manutenzione qk = 0,50 [kn/m 2 ] carico unif. distribuito Qk = 1,20 [kn] carico concentrato Hk = 1,00 [kn/m] carico al metro lineare Riproduzione Vietata 20

22 Art. 3 Definizioni Decreto del Presidente della Giunta regionale c) per superficie vetrata antisfondamento, quella realizzata in vetro stratificato classificato come vetro anticaduta nel vuoto secondo la UNI EN rispondente alla classe minima 1 (B)1 Vengono definiti ai sensi del regolamento quale debba essere il requisito tecnico per concepire una vetrata calpestabile con funzione antisfondamento classe 1(B)1 deve resistere alla caduta dell impattatore da un altezza di mm (anticaduta nel vuoto). si tratta di una vetrata stratificata di spessore generalmente > 12 mm con un peso di circa 30 Kg/m 2 ) Riproduzione Vietata 21

23 Art. 3 Definizioni Decreto del Presidente della Giunta regionale c) per superficie vetrata antisfondamento, quella realizzata in vetro stratificato classificato come vetro anticaduta nel vuoto secondo la UNI EN rispondente alla classe minima 1 (B)1 Vengono definiti ai sensi del regolamento quale debba essere il requisito tecnico per concepire una vetrata calpestabile con funzione antisfondamento le vetrate non rispondenti a questo requisito devono considerarsi sfondabili e quindi da proteggere classe 1(B)1 deve resistere alla caduta dell impattatore da un altezza di mm (anticaduta nel vuoto). si tratta di una vetrata stratificata di spessore generalmente > 12 mm con un peso di circa 30 Kg/m 2 ) Riproduzione Vietata 22

24 Art. 3 Definizioni Decreto del Presidente della Giunta regionale s) per elemento fisso, un elemento inamovibile stabilmente ancorato all edificio, che non può essere rimosso se non intervenendo con una demolizione parziale o totale della struttura a cui viene fissato; t) per elemento permanente, un elemento costituente dotazione stabile dell edificio che può essere rimosso e posizionato al momento della sua effettiva utilizzazione quale una scala, un parapetto, un dispositivo di ancoraggio o altro dispositivo di protezione collettiva non fisso; Vengono introdotte, specificandole, anche soluzioni non permanenti assieme a quelle fisse Riproduzione Vietata 23

25 Art. 3 Definizioni Decreto del Presidente della Giunta regionale u) per progettista, il tecnico abilitato incaricato della progettazione dell intervento edilizio soggetto a SCIA o a permesso di costruire; per gli interventi costituenti attività edilizia libera e per gli interventi impiantistici di cui alla lettera d), il tecnico abilitato alla progettazione incaricato degli adempimenti di cui al presente regolamento. Oltre al COORDINATORE, che è la figura di riferimento per gli adempimenti progettuali legati all ETC, ma che non necessariamente è sempre presente, viene definito anche chi possa essere il PROGETTISTA. Da questa definizione deriva che il progetto non può essere redatto da un tecnico di una impresa installatrice ma deve essere un soggetto direttamente incaricato dal committente, senza vincoli di subordinazione con la ditta installatrice, che si occupa della parte tecnica. Si rimarca che l ETC debba essere redatto indipendentemente dal tipo di pratica edilizia che si vada a realizzare. Riproduzione Vietata 24

26 Art. 3 Definizioni Decreto del Presidente della Giunta regionale Percorso di accesso alla copertura Il tragitto che un operatore deve coprire internamente od esternamente al fabbricato fbbi per raggiungere il punto di accesso alla copertura. Accesso alla copertura Ilpunto punto, raggiungibile mediante un percorso, in grado di consentire il trasferimento in sicurezza di un operatore e di eventuali materiali ed utensili da lavoro sulla copertura. Transito e lavori su coperture Possibilità di spostamento e di lavoro in sicurezza su tutta la superficie delle coperture oggetto di progettazione. sulla porzione di copertura oggetto dell intervento intervento, atta a garantire la raggiungibilità di tutte le sue componenti a fini manutentivi; Transito in Copertura esistente con intervento localizzato Transito in Nuova Copertura Riproduzione Vietata 25

27 Decreto del Presidente della Giunta regionale Come definito precedentemente Art. 4 Adempimenti Art. 3 lett. u 1. La conformità dell elaborato tecnico della copertura alle misure preventive e protettive indicate nella sezione II è attestata dal COORDINATORE DELLA SICUREZZA o, in sua assenza, dal PROGETTISTA all atto di inoltro della seguente documentazione: a) istanze di permesso di costruire, anche riferite a varianti in corso di opera che comportano la sospensione dei relativi lavori; b) segnalazioni certificate di inizio attività edilizia (SCIA), anche riferite a varianti in corso d opera che comportano la sospensione di dei relativi ltiilavori; c) varianti in corso d opera che non comportano la sospensione dei relativi lavori, ai sensi dell articolo 83 bis della l.r. 1/2005 Concessioni SCIA Anche per Varianti Con sospensione Lavori Senza sospensione Lavori (art. 83 bis LR 1/2005) Riproduzione Vietata 26

28 Art. 4 Adempimenti Decreto del Presidente della Giunta regionale 2. Nel caso di interventi di manutenzione straordinaria costituenti attività edilizia libera e di interventi impiantistici di cui all articolo 3, comma 1, lettera d), la conformità dell elaborato tecnico della copertura alle misure preventive e protettive indicate nella sezione II è attestata al committente dal coordinatore della sicurezza o, in sua assenza, dal progettista. Copia dell elaborato e dell attestazione è prodotta all amministrazione comunale solo su espressa richiesta di quest ultima nell ambito delle attività istituzionali di vigilanza e controllo. Anche in assenza di un intervento che non necessita di una pratica edilizia in quanto attività libera comunque L ETC deve essere redatto anche se non deve essere depositato. Può essere depositato solo su espressa richiesta ihi degli organi di vigilanza iil Riproduzione Vietata 27

29 Art. 4 Adempimenti Decreto del Presidente della Giunta regionale 3. Nel caso di interventi edilizi per i quali debba essere certificata L ABITABILITÀ O L AGIBILITÀ ai sensi della vigente normativa regionale, il professionista abilitato, al momento del deposito dell attestazione di cui all articolo 86, comma 3 della l. r. 1/2005, allega la certificazione di conformità delle opere eseguite sulla copertura alle misure preventive e protettive ttti di cui alla sezione II. SI CONFERMA IL PRECEDENTE IMPIANTO La certificazione di abitabilità o di agibilità delle unità immobiliari è necessaria, oltre che per le nuove costruzioni, anche: 1. in conseguenza dell esecuzione di lavori di ristrutturazione edilizia o di ampliamento, che riguardino parti strutturali degli edifici; 2. in conseguenza dell esecuzione di lavori di restauro o ristrutturazione edilizia o di ampliamento contestuali a mutamento di destinazione d uso. Riproduzione Vietata 28

30 Art. 4 Adempimenti Decreto del Presidente della Giunta regionale 4. Per gli immobili e le aree soggetti a tutela ai sensi del decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42 (Codice dei beni culturali e del paesaggio, ai sensi dell articolo 10 della legge 6 luglio 2002, n.137) sono fatte salve le disposizioni ivi previste. I Beni culturali e del Paesaggio sonosoggetti soggetti a normativa Statale che in questo caso ha il sopravvento sulle norme regionali pertanto la soprintendenza può disciplinare diversamente in merito all obbligatorietà di soluzioni rivolte alla futura manutenzione delle coperture Riproduzione Vietata 29

31 Precedentemente La differenza era tra Il PERMANENTE (inteso come fisso) e PROVVISORIO DPGR 23 novembre 2005, n.62/r Criteri generali diprogettazione Nei casi di cui al capitolo 2 (Campo di Applicazione), devono essere progettate e realizzate misure preventive e protettive al fine di poter eseguire successivi lavori di manutenzione sulla copertura in condizioni di sicurezza. Tali misure preventive e protettive ttti sono finalizzate a mettere in sicurezza: il percorso di accesso alla copertura; l accesso alla copertura; il transito e l esecuzione dei lavori sulla copertura. Percorsi ed accessi devono essere di tipo PERMANENTE, fatta salva la possibilità di adottare misure di tipo PROVVISORIO, purché di pari efficacia. Il transito e l esecuzione dei lavori di manutenzione sulle coperture oggetto di progettazione devono essere garantiti attraverso elementi protettivi PERMANENTI. Riproduzione Vietata 30 A seguito della nuova definizione di permanente e fisso vengono a definirsi le possibili soluzioni in FISSE O PERMANENTI DPGR 18 dicembre 2013, n. 75/R 1) Nei casi di cui all articolo 2, sono progettate e realizzate, nel rispetto dei criteri di cui al presente articolo, misure preventive e protettive al fine di poter eseguire successivi interventi impiantistici o di manutenzione sulla copertura in condizioni i i di sicurezza. Tali misure preventive e protettive sono finalizzate a mettere in sicurezza: a) il percorso di accesso alla copertura; b) l accesso alla copertura; c) il transito e l esecuzione dei lavori sulla copertura. 2) I percorsi devono essere di tipo FISSO O PERMANENTE e gli accessi devono essere di tipo FISSO. 3) Il transito e l esecuzione degli interventi impiantistici o di manutenzione sulle coperture devono essere garantiti attraverso elementi protettivi di tipo FISSO O PERMANENTE.

32 Decreto del Presidente della Giunta regionale Art. 7 Criteri generali di Progettazione 4) Nei casi di interventi su coperture esistenti, nei quali non sia possibile adottare misure di tipo fisso o permanenteaa causa di caratteristiche strutturali insufficienti a garantire l ancoraggio dei sistemi anticaduta, o per contrasto con prescrizioni regolamentari o con norme di tutela riguardanti l immobile interessato dall intervento, nella relazione tecnica di cui all articolo 5, comma 4, lettera ltt b), devono essere specificate le motivazioni i i per le quali tali misure risultano non realizzabili. Devono altresì essere indicate le idonee misure di TIPO PROVVISORIO PREVISTE IN SOSTITUZIONE, tali comunque da garantire l esecuzione degli interventi impiantistici o di manutenzione della copertura in condizioni di sicurezza. 5) (OMISSIS) 6) Negli interventi impiantistici comportanti l installazione sulle coperture calpestabili di PANNELLI SOLARI devono essere reperiti appositi spazi di dimensioni sufficienti a consentire l installazione e l uso di un sistema anticaduta garantendo la manutenzione in sicurezza della copertura e delle sue dotazioni. Tale disposizione non si applica nei casi di adozione di dispositivi di protezione collettiva permanenti. IL COMMA 4 NELLE COPERTURE ESISTENTI (E SOLO IN QUESTE) QUALORA NON SIA POSSIBILE REALIZZARE MISURE NE DI TIPO FISSO NE DI TIPO PERMANENTE E CONSENTITO. PREVIA RELAZIONE TECNICA IN CUI SI SPIEGANO LE MOTIVAZIONI UTILIZZARE MISURE DI TIPO PROVVISORIO L ARTICOLO SUGGERISCE CHE LE MOTIVAZIONI CHE POSSONO ESSERE ADOTTATE SONO O DI NATURA STRUTTURALE O DI NATURA NORMATIVA (IN CASO DI PARTICOLARI TUTELE QUALI BENI PAESAGGISTICI O SOGGETTI A PARERE O NULLA OSTA DI SOPRINTENDENZE AD ESEMPIO) Priorità alle misure FISSE O PERMANENTI, nell impossibilità oggettiva di realizzarne si può adottarne di TEMPORANEE PURCHE DEBITAMENTE MOTIVATE IL COMMA 6 ESPLICITA CHIARAMENTE NELLE COPERTURE DOVE SI ISTALLANO PANNELLI SOLARI DEVONO ESSERE LASCIATI IDONEI SPAZI IN GRADO DI CONSENTIRE LA MESSA IN OPERA DI UN SISTEMA ANTICADUTA NEL CASO DI ASSENZA DI PARAPETTI PROTETTIVI Riproduzione Vietata 31

33 Art. 8 Decreto del Presidente della Giunta regionale accesso alla Percorsi di accesso alla copertura 1) I percorsi di accesso alla copertura possono essere interni o esterni. La loro configurazione deve consentire il passaggio degli operatori, dei loro utensili da lavoro e dei materiali in condizioni di sicurezza. 2) Lungo l intero sviluppo dei percorsi è necessaria l adozione delle seguenti misure: a) gli ostacoli fissi, che per ragioni tecniche non possono essere eliminati, devono essere chiaramente segnalati e, se del caso, protetti in modo da non costituire pericolo; b) ove sia prevedibile un utilizzo del percorso in condizioni di scarsa o assente illuminazione naturale, deve essere garantito un illuminamento conforme alla norma UNI EN e UNI EN I corpi illuminanti devono essere installati in modo da prevenire i rischio d urto; c) deve essere previsto un dimensionamento in relazione ai carichi di esercizio, tenendo conto dei L altezza minima di un percorso di accesso alla copertura deve essere > 1.80 m prevedibili ingombri di materiali ed utensili da trasportare, con una larghezza non inferiore a 0,60 metri per il solo transito dell operatore; 3) deve essere garantita un altezza libera superiore a 1,80 metri rispetto al piano di calpestio. In presenza di vincoli costruttivi non eliminabili, tale altezza può essere ridotta limitatamente ad un unico e breve tratto; 4) i percorsi orizzontali o inclinati devono essere protetti contro il rischio di caduta nei lati prospicienti il vuoto o esposti verso superfici sfondabili; Riproduzione Vietata 32

34 SONO IDENTIFICATI SOLO TRE TIPOLOGIE DI PERCORSI VERTICALI Art. 8 Decreto del Presidente della Giunta regionale Percorsi di accesso alla copertura f) i percorsi verticali devono essere realizzati tramite le seguenti strutture: 1) scale per il trasferimento in quota opportunamente vincolate alla zona di sbarco; 2) apparecchi di sollevamento certificati anche peril trasferimentodi persone inquota; 3) ponteggi; g) i percorsi verticali costituiti da scale fisse devono essere predisposti secondo il seguente ordine di priorità: 1) scale fisse a gradini a rampe con sviluppo rettilineo; 2) scale retrattili fisse a gradino; 3) scale fisse a chiocciola; 4) scale fisse a pioli con inclinazione minore o uguale a 75 ; 5) scale fisse a pioli con inclinazione superiore a 75. Riproduzione Vietata 33

35 Art. 8 Decreto del Presidente della Giunta regionale Percorsi di accesso alla copertura 3) Per particolari e documentate esigenze di natura tecnica, ovvero al fine di garantire il rispetto di eventuali norme di tutela riguardanti l immobile, è ammesso il ricorso ad apposite scale portatili, costituenti dotazione permanente dell edificio, solidamente vincolabili alla zona di sbarco e di altezza tale da sporgere a sufficienza oltre il livello di accesso, salvo che altri dispositivi garantiscano una presa sicura all operatore. In tali casi nell elaborato tecnico della copertura è indicato il vano dell edificio nel quale dette scale portatili sono custodite. 4) Nei casi in cui sussistano dimostrati impedimenti alla realizzazione di percorsi fissi o permanenti, ovvero laddove la realizzazione dei medesimi risulti in contrasto con norme di tutelariguardantil immobile l immobile, devono essere individuati spazi in grado di ospitare le soluzioni provvisorie prescelte. Soluzioni Permanenti Con scale portatili Minimo: individuare un luogo dove siano custodite Soluzioni Provvisorie Minimo: individuazione un area libera dove poter installare la soluzione prescelta Riproduzione Vietata 34

36 Art. 8 Decreto del Presidente della Giunta regionale Percorsi di accesso alla copertura 5) Per il raggiungimento g di accessi interni ed esterni comportante il superamento di un dislivello inferiore a 2 metri è ammissibile il ricorso ad idonee soluzioni temporanee. 6) I percorsi verticali con esclusiva funzione di accesso alla copertura devono essere muniti di sbarramento che ne impedisca l utilizzo ai soggetti non autorizzati. Riproduzione Vietata 35

37 Art. 9 Decreto del Presidente della Giunta regionale p Accessi alla copertura 1. La copertura deve essere dotata almeno di un accesso, interno od esterno, in grado di garantire il passaggio ed il trasferimento di un operatore e di materiali ed utensili in condizioni di sicurezza. 2. Un accesso interno deve possedere le seguenti caratteristiche: a) ove sia costituito da una apertura verticale, la stessa deve avere una larghezza libera minima di 0,70 metri ed un altezza libera minima di 1,20 metri. Limitatamente agli interventi da eseguirsi su edifici esistenti, qualora per dimostrati impedimenti di natura tecnica ovvero per contrasto con norme di tutela riguardanti l immobile non sia possibile garantire il Per gli edifici esistenti possibilità di derogare ai minimi dimensionali rispetto delle dimensioni minime prescritte e vi siano altresì dimostrati impedimenti alla realizzazione di un accesso esterno conforme alle disposizioni di cui al presente regolamento, sono ammesse aperture di dimensioni inferiori, nel rispetto dei limiti dimensionali di cui alla lettera b) e tali comunque da garantire il passaggio di persone e materiali; b) ove sia costituito da una apertura orizzontale od inclinata, la stessa deve essere dimensionata sui prevedibili ingombri di materiali ed utensili da trasportare; se di forma rettangolare, l apertura deve avere una superficie libera di passaggio non inferiore a 0,50 metri quadrati, con lato inferiore di larghezza minima di 0,70 metri; Riproduzione Vietata 36

38 La luce di passaggio deve Decreto del Presidente della Giunta regionale essere facile e libera da impedimenti Accessi alla copertura Art. 9 a) i serramenti delle aperture di accesso non devono presentare parti taglienti o elementi sporgenti ed il sistema di apertura dell anta deve essere agevole e sicuro; b) l accesso da aperture orizzontali o inclinate non deve comportare la rimozione dell anta dalla sede in cui è incernierata allo stipite; il sistema di connessione dell anta allo stipite it deve essere tale da impedire il distacco accidentale dell anta in posizione di apertura; l anta deve inoltre essere provvista di meccanismo tale da evitare l investimento improvviso ed incontrollato del soggetto che la apre. Coperture Piane: Cancelletto Coperture Inclinate: Ancoraggio facilmente raggiungibile 3. Un accesso esterno deve essere inequivocabilmente riconoscibile per il raggiungimento g di sistemi di accesso fissi, permanenti o mobili. Nelle coperture piane, esso deve essere adeguatamente protetto da parapetti con cancelletto apribile verso l interno. Nelle coperture inclinate, esso deve essere dotato di un ancoraggio facilmente raggiungibile al quale l operatore, prima di accedere alla copertura, possa agganciare il dispositivo di protezione individuale e collegarsi ad un sistema di ancoraggio presente sul tetto. Riproduzione Vietata 37

39 Art. 10 Decreto del Presidente della Giunta regionale Transito ed esecuzione dei lavori sulle coperture 1. Al fine di garantire un adeguato livello di sicurezza durante il transito e la sosta sulla copertura, a partire dal punto di accesso, devono essere previsti elementi fissi di protezione ed elementi che favoriscono l utilizzo di dispositivi di sicurezza nonché la posa in opera di eventuali ulteriori dispositivi. 2. Il transito sulle coperture deve garantire, a partire dal punto di accesso, il passaggio e la sosta in sicurezza per interventi impiantistici o di manutenzione mediante elementi protettivi quali: 1. parapetti; p 2. linee di ancoraggio; 3. dispositivi di ancoraggio; 4. ganci di sicurezza da tetto; 5. reti di sicurezza anticaduta; 6. impalcati; 7. passerelle o andatoie per il transito di persone e materiali; 8. scalini i posapiede; 9. piani di camminamento Per la definizione e i requisiti dei vari dispositivi si rimanda all art. 3 in cui vengono fornite tutte le indicazioni e gli eventuali riferimenti normativi che individuano i requisiti prestazionali Riproduzione Vietata 38

40 Art. 10 Decreto del Presidente della Giunta regionale Transito ed esecuzione dei lavori sulle coperture 3. Nella scelta degli elementi protettivi di cui al comma 2 deve essere considerata la frequenza degli interventi di manutenzione previsti, privilegiando i sistemi collettivi di protezione rispetto a quelli individuali. 4. L impiego di dispositivi di ancoraggio puntuali o ganci di sicurezza da tetto è consentito solo per brevi spostamenti o laddove le linee di ancoraggio risultino non installabili per le caratteristiche dimensionali, strutturali o morfologiche delle coperture, ovvero per contrasto con norme di tutela riguardanti l immobile interessato dall intervento. 5. Laddove le caratteristiche della copertura lo consentano, in attuazione dei principi generali di tutela di cui all art. 15 del D.Lgs 81/08 e della necessità di eseguire eventuali operazioni di salvataggio, assistenza e recupero in caso di caduta, la scelta dei dispositivi di ancoraggio deve essere rivolta verso quelle tipologie di dispositivi che consentono l utilizzo contemporaneo da parte di più persone. Riproduzione Vietata 39 a) Priorità ai Dispositivi di Protezione Collettiva b) Si precisano i casi è ammesso il ricorso a ancoraggi puntuali: Piccole dimensioni Strutture non idonee ad ospitare sistemi in linea Norme di tutela e vincoli normativi Dispositivi in grado di consentire l uso contemporaneo di più soggetti Le caratteristiche citate della copertura sono quelle descritte pocanzi

41 Art. 5 Decreto del Presidente della Giunta regionale L Elaborato Tecnico delle Coperture 1. L elaborato tecnico della copertura è redatto in fase di progettazione. A tale adempimento provvede, nei casi di cui all articolo 90, comma 3, del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, il coordinatore per la progettazione avente gli obblighi di cui all articolo 91 del d.lgs. 81/2008. Nei casi in cui tale figura non sia prevista, provvede il progettista dell intervento. 2. L elaborato tecnico della copertura è aggiornato e completato, ai sensi del comma 4, lettere c), d), e), f), g), ed h) entro la fine dei lavori. A tali adempimenti provvede il coordinatore per l esecuzione dei lavori avente gli obblighi di cui dell articolo 92 del d.lgs. 81/2008 oppure, nei casi in cui tale figura non sia prevista, il direttore dei lavori. 3. Per i lavori affidati dai soggetti di cui all articolo 2 del d.lgs. 163/2006 l elaborato tecnico della copertura fa parte del progetto esecutivo ai sensi dell articolo 93, comma 5, del d.lgs. 163/2006 a) L ETC costituisce elemento indispensabile dei documenti di progetto redatto dal Coordinatore alla progettazione o, in sua assenza da l Progettista (come definito precedentemente) a) Aggiornamento a cura del Coordinatore alla Esecuzione o, in sua assenza dal Direttore dei Lavori. Riproduzione Vietata 40

42 Art. 5 Decreto del Presidente della Giunta regionale L Elaborato Tecnico delle Coperture (contenuti) a) ELABORATI GRAFICI IN SCALA ADEGUATA, IN CUI SIANO INDICATI: 1. l area di intervento; 2. l ubicazione e le caratteristiche dimensionali dei percorsi e degli accessi; 3. il posizionamento degli elementi protettivi e dei dispositivi anticadutaperil il transito e l esecuzione dei lavori in copertura; 4. i dispositivi di protezione collettiva e/o individuali previsti; 5. l altezza libera di caduta su tutti i lati esposti ad arresto caduta; 6. i bordi e le aree di lavoro soggetti a trattenuta, ad arresto caduta, a manutenzione operata dal basso; 7. le aree della copertura non calpestabili; 8. le aree libere in grado di ospitare le soluzioni provvisorie prescelte; 9. le misure relative al recupero in caso di caduta. Riproduzione Vietata 41

43 Art. 5 Decreto del Presidente della Giunta regionale L Elaborato Tecnico delle Coperture (contenuti) b) RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA delle soluzioni progettuali nella quale sia evidenziato in modo puntuale il rispetto delle misure preventive e protettive di cui alla sezione II; nel caso di adozione di misure preventive e protettive di tipo provvisorio di cui all articolo 7, comma 4, la relazione esplicita le motivazioni che impediscono l adozione di misure di tipo fisso o permanente, nonché le caratteristiche delle soluzioni alternativepreviste nel progetto; Riproduzione Vietata 42

44 Art. 5 Decreto del Presidente della Giunta regionale L Elaborato Tecnico delle Coperture (contenuti) c) PLANIMETRIA DI DETTAGLIO della copertura in scala adeguata (allegato 3 ), nella quale siano evidenziati gli elementi di cui al comma 4, lettera a), specificando per ciascuno dei dispositivi di ancoraggio, linee di ancoraggio o ganci di sicurezza da tetto utilizzati, la norma UNI di riferimento, il tipo di appartenenza, il modello, il fabbricante ed il numero massimo di utilizzatori contemporanei, nonché la manutenzione periodica prevista; Riproduzione Vietata 43

45 Art. 5 Decreto del Presidente della Giunta regionale L Elaborato Tecnico delle Coperture (contenuti) d) RELAZIONE DI CALCOLO, redatta da un professionista abilitatoalcalcolo al strutturale, contenentela verifica del sistema di fissaggio e l accertamento della resistenza degli elementi strutturali della copertura alle massime sollecitazioni trasmesse dal dispositivo di ancoraggio in caso di caduta, comprensive del coefficiente di sicurezza desunto dalle relative norme tecniche. e) CERTIFICAZIONE DEL FABBRICANTE dei dispositivi di ancoraggio installati secondo le norme UNI di riferimento. Sono installabili i dispositivi di ancoraggio appositamente progettati peril collegamento di componenti di un sistema di protezione individuale contro le cadute in conformità alla UNI EN 363 (es. linee di ancoraggio e/o ganci di sicurezza da tetto, ancoraggi puntuali, ecc.) che siano realizzatisecondo le norme tecniche UNI di riferimento. Viene definito quello che deve essere l oggetto della verifica nella relazione di calcolo consistente la verifica del sistema di fissaggio per gli elementi strutturali non si chiede la verifica ma l accertamento della loro capacità in riferimento i alle sollecitazioni i i prevedibili aumentate del coefficiente di sicurezza previsto dalle norme tecniche di riferimento Riproduzione Vietata 44

46 Art. 5 Decreto del Presidente della Giunta regionale L Elaborato Tecnico delle Coperture (contenuti) f) DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ dell installatore, riguardantela corretta installazione di dispositivi di ancoraggio, linee di ancoraggio e/o ganci di sicurezza da tetto, che deve contenere almeno le seguenti informazioni: 1. installazione secondo le istruzioni fornite dal fabbricante; 2. effettuazione dell installazione secondo il progetto di cui alle lettere c) e d); 3. fissaggio alla struttura di supporto secondo le modalitàindicate indicate dal progettista (es. numero di bulloni, materiali corretti, corretto posizionamento); 4. messa in esercizio secondo le informazioni fornite dal fabbricante; 5. documentazione fotografica dei particolari del fissaggio al supporto di fondo, qualora il fissaggio non risultasse più visibile dopo aver completato l'installazione. Questi dati sono da considerarsi come dati MINIMI al Coordinatore compete LA VERIFICA DELLA DOCUMENTAZIONE Riproduzione Vietata 45

47 Art. 5 Decreto del Presidente della Giunta regionale L Elaborato Tecnico delle Coperture (contenuti) g) MANUALE D USO DI DISPOSITIVI di ancoraggio, linee di ancoraggio e/o ganci di sicurezza da tetto installati, con eventuale documentazione fotografica; h) PROGRAMMA DI MANUTENZIONE dei dispositivi di ancoraggio, linee di ancoraggio e/o ganci di sicurezza da tetto installati. Riproduzione Vietata 46

48 Elaborato Tecnico della Copertura Decreto del Presidente della Giuntaregionale 1. L elaborato tecnico della copertura è redatto in fase di PROGETTAZIONE. A tale adempimento provvede, nei casi di cui all articolo 90, comma 3, del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, il COORDINATORE PER LA PROGETTAZIONE avente gli obblighi di cui all articolo l 91 dl del d.lgs. 81/2008. Nei casi in cui tale figura non sia prevista, provvede il progettista dell intervento. 2. L elaborato tecnico della copertura è aggiornato e completato, ai sensi dl del comma 4, lettere c), d), e), f), g), ed h) entro la fine dei lavori. A tali adempimenti provvede IL COORDINATORE PER L ESECUZIONE DEI LAVORI avente gli obblighi di cui dell articolo 92 del d.lgs. 81/2008 oppure, nei casi in cui tale figura non sia prevista, il direttore dei lavori. La figura del progettista e del direttore dei lavori in questo caso è veramente residuale in quanto tutti i lavori edili che in cui vi sia la presenza anche non contemporanea di più imprese (indipendentemente dal numero di uomini giorno) comportano la necessità di un PSC Riproduzione Vietata 47

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA Legge Regionale 3 gennaio 2005, n. 1 - articolo 82, comma 16 Decreto del Presidente della Giunta Regionale 18 dicembre 2013, n. 75/R Regolamento di attuazione dell articolo

Dettagli

REGOLAMENTO CADUTE DALL ALTO

REGOLAMENTO CADUTE DALL ALTO Allegato n 3 REGOLAMENTO Comune di Montemurlo Area A Ufficio Edilizia Privata Via Toscanini 1, Tel. 0574 / 558329 Fax 0574/558310 e-mail: montemurlo@comune.montemurlo.po.it Orario di apertura: lun. 9.00/13.00

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 25 febbraio 2008, n. 7-114/Leg

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 25 febbraio 2008, n. 7-114/Leg DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 25 febbraio 2008, n. 7-114/Leg Regolamento tecnico per la prevenzione dei rischi di infortunio a seguito di cadute dall'alto nei lavori di manutenzione ordinaria

Dettagli

LA SICUREZZA in COPERTURA

LA SICUREZZA in COPERTURA INCONTRI TECNICI Progettazione, tecniche e materiali 08 giugno 2011 LA SICUREZZA in COPERTURA INQUADRAMENTO NORMATIVO Relatori: Ing. Cosimo Chines Ing. Stefano Camoni In collaborazione con Studio Tecnico

Dettagli

2.1 Ai fini di quanto disciplinato nel presente atto di indirizzo e coordinamento si intende per:

2.1 Ai fini di quanto disciplinato nel presente atto di indirizzo e coordinamento si intende per: Allegato 1) Atto di indirizzo e coordinamento per la prevenzione delle cadute dall alto nei lavori in quota nei cantieri edili e di ingegneria civile ai sensi dell art. 6 della legge regionale 2 marzo

Dettagli

IL NUOVO REGOLAMENTO e

IL NUOVO REGOLAMENTO e Seminario Aggiornamento Collegio Geometri Grosseto Soluzioni progettuali di sistemi anticaduta e Dr. Rolando Giomarelli Az. Usl 7 di Siena 1/35 La Normativa Tutto parte dalla L.R. n. 64/03 (Norme per la

Dettagli

D.P.G.R. 23-11-2005 n. 62/R

D.P.G.R. 23-11-2005 n. 62/R D.P.G.R. 23-11-2005 n. 62/R Regolamento di attuazione dell'articolo 82, comma 16, della legge regionale 3 gennaio 2005, n. 1 (Norme per il governo del territorio) relativo alle istruzioni tecniche sulle

Dettagli

IL NUOVO REGOLAMENTO. IL NUOVO REGOLAMENTO La Normativa. IL NUOVO REGOLAMENTO La Normativa 18/12/2014 1 /35. Criteri di Progettazione

IL NUOVO REGOLAMENTO. IL NUOVO REGOLAMENTO La Normativa. IL NUOVO REGOLAMENTO La Normativa 18/12/2014 1 /35. Criteri di Progettazione Seminario Aggiornamento Coordinatori Soluzioni progettuali di sistemi anticaduta e 1 /35 La Normativa Tutto parte dalla L.R. n. 64/03 (Norme per la prevenzione delle cadute dall'alto nei cantieri edili

Dettagli

Le scelte progettuaii, i documenti necessari e gli apprestamenti di difesa.

Le scelte progettuaii, i documenti necessari e gli apprestamenti di difesa. Firenze, 26 giugno 2006 CONVEGNO Sicurezza nei cantieri mobili e temporanei: i lavori in altezza Le scelte progettuaii, i documenti necessari e gli apprestamenti di difesa. Regolamento di attuazione dell

Dettagli

Le Leggi Regionali per la prevenzione delle cadute dall alto durante gli interventi sulle coperture degli edifici Roma 4 Aprile 2012

Le Leggi Regionali per la prevenzione delle cadute dall alto durante gli interventi sulle coperture degli edifici Roma 4 Aprile 2012 Le Leggi Regionali per la prevenzione delle cadute dall alto durante gli interventi sulle coperture degli edifici Roma 4 Aprile 2012 Ing. Irene Chirizzi REGIONE TOSCANA Direzione Generale Diritti di cittadinanza

Dettagli

Regolamento tecnico per la prevenzione dei rischi di infortunio a seguito di cadute dall alto nei lavori di manutenzione ordinaria sulle coperture

Regolamento tecnico per la prevenzione dei rischi di infortunio a seguito di cadute dall alto nei lavori di manutenzione ordinaria sulle coperture Regolamento tecnico per la prevenzione dei rischi di infortunio a seguito di cadute dall alto nei lavori di manutenzione ordinaria sulle coperture per l espressione del parere di competenza della terza

Dettagli

Città di Castel San Giovanni Provincia di Piacenza Settore IV: Sviluppo Urbano NUOVO ATTO DI COORDINAMENTO REGIONALE SULLE LINEE VITA

Città di Castel San Giovanni Provincia di Piacenza Settore IV: Sviluppo Urbano NUOVO ATTO DI COORDINAMENTO REGIONALE SULLE LINEE VITA Città di Castel San Giovanni Provincia di Piacenza Settore IV: Sviluppo Urbano N. 19/2015 NUOVO ATTO DI COORDINAMENTO REGIONALE SULLE LINEE VITA Disposizione tecnico organizzativa (DTO 19/2015) 1 (ai sensi

Dettagli

Relatori: Geom. Gian Luca SAMOGGIA - Direttore Centro Studi ANACI Regionale Geom. Marco MARCHESI - Docente Centro Studi ANACI Bologna

Relatori: Geom. Gian Luca SAMOGGIA - Direttore Centro Studi ANACI Regionale Geom. Marco MARCHESI - Docente Centro Studi ANACI Bologna Anaci Bologna OBBLIGO LINEE VITA IN EMILIA ROMAGNA Relatori: Geom. Gian Luca SAMOGGIA - Direttore Centro Studi ANACI Regionale Geom. Marco MARCHESI - Docente Centro Studi ANACI Bologna OeM Bologna 14.02.2014

Dettagli

ELABORATO TECNICO DELLE COPERTURE

ELABORATO TECNICO DELLE COPERTURE Comune di Scandicci Provincia di FI ELABORATO TECNICO DELLE COPERTURE relazione tecnica illustrativa (Regione TOSCANA - D.P.G.R. del 18 Dicembre 2013, n. 75/R) OGGETTO: Rifacimento della copertura oltre

Dettagli

Art. 65 Disposizioni di prima applicazione

Art. 65 Disposizioni di prima applicazione 3. Entro due mesi dal pagamento della somma di cui al comma 2 l ente che ha presentato l opzione procede al versamento di un ulteriore importo pari al 20 per cento del prezzo di stima, a titolo di anticipazione

Dettagli

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA art. 5 del DPGR del 23.11.2005 n.62/r

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA art. 5 del DPGR del 23.11.2005 n.62/r ALLEGATO alla seguente pratica: Denuncia inizio attività Richiesta Permesso di costruire Variante con sospensione lavori Variante senza sospensione lavori (art.142 L.R. 01/05) Istanza di sanatoria (art.140

Dettagli

Integrazione al Titolo III del Regolamento di Igiene

Integrazione al Titolo III del Regolamento di Igiene Allegato alla Delibera n. 850 del 17.12.2004 Integrazione al Titolo III del Regolamento di Igiene Articolo 3.2.11: Disposizioni concernenti la prevenzione dei rischi di caduta dall alto Le seguenti disposizioni

Dettagli

Sistemi di ancoraggio permanenti per dispositivi di protezione individuale contro le cadute

Sistemi di ancoraggio permanenti per dispositivi di protezione individuale contro le cadute Sistemi di ancoraggio permanenti per dispositivi di protezione individuale contro le cadute Atto di indirizzo e coordinamento per la prevenzione delle cadute dall alto nei lavori in quota della Regione

Dettagli

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA DPGR Toscana 23 novembre 2005, n. 62/R -Art. 5 comma 4 4. L elaborato tecnico della copertura, in relazione alle diverse fattispecie di cui all articolo 6, deve avere

Dettagli

ESPERIENZE DI ELABORAZIONI FASCICOLI TECNICI DI MANUTENZIONE AI FINE DELLA SICUREZZA CON PARTICOLARE ATTENZIONE ALL ELABORATO DELLA COPERTURA (E.T.C.

ESPERIENZE DI ELABORAZIONI FASCICOLI TECNICI DI MANUTENZIONE AI FINE DELLA SICUREZZA CON PARTICOLARE ATTENZIONE ALL ELABORATO DELLA COPERTURA (E.T.C. ESPERIENZE DI ELABORAZIONI FASCICOLI TECNICI DI MANUTENZIONE AI FINE DELLA SICUREZZA CON PARTICOLARE ATTENZIONE ALL ELABORATO DELLA COPERTURA (E.T.C.) ESEMPLIFICAZIONE DI E.T.C. SU PROGETTI REALMENTE ESEGUITI,

Dettagli

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA (art. 4, comma 1 del Regolamento di Attuazione)

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA (art. 4, comma 1 del Regolamento di Attuazione) Comune di Provincia di (spazio per il protocollo) Al Comune di - Edilizia Privata ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA (art. 4, comma 1 del Regolamento di Attuazione) ELABORATI FASE 1 (art. 6, comma 1/a,b,c

Dettagli

75/R/201 3. interno della Giunta regionale 18 marzo 2013, n. 3; Decreto del Presidente della Giunta regionale 18 dicembre 2013, n.

75/R/201 3. interno della Giunta regionale 18 marzo 2013, n. 3; Decreto del Presidente della Giunta regionale 18 dicembre 2013, n. 75/R/201 3 1 Decreto del Presidente della Giunta regionale 18 dicembre 2013, n. 75/R Regola m e n t o di attuazio n e dell artic ol o 82, com m a 15, della leg g e regio n a l e 3 gen n ai o 200 5, n.

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE DI VALLECAMONICA-SEBINO

AZIENDA SANITARIA LOCALE DI VALLECAMONICA-SEBINO AZIENDA SANITARIA LOCALE DI VALLECAMONICA-SEBINO Sede Legale: Via Nissolina, 2-25043 - Breno (BS) - Tel. 0364/329.1 - Fax 0364/329310 www.aslvallecamonicasebino.it DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio

Dettagli

Metodologia per una corretta progettazione Dott. Alfredo Terreni

Metodologia per una corretta progettazione Dott. Alfredo Terreni Metodologia per una corretta progettazione Dott. Alfredo Terreni 1/35 Criteri di Progettazione Il corretto approccio alla progettazione di una copertura sicura èfinalizzato all eliminazione e/o riduzione

Dettagli

IL RISCHIO DI CADUTA DAI TETTI PER LAVORI DI RIMOZIONE DEL MANTO DI COPERTURA e lavori di manutenzione. Foto di Charles Ebbets

IL RISCHIO DI CADUTA DAI TETTI PER LAVORI DI RIMOZIONE DEL MANTO DI COPERTURA e lavori di manutenzione. Foto di Charles Ebbets IL RISCHIO DI CADUTA DAI TETTI PER LAVORI DI RIMOZIONE DEL MANTO DI COPERTURA e lavori di manutenzione Foto di Charles Ebbets Tutte le attività svolte su coperture in funzione dell altezza, della tipologia

Dettagli

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA Protocollo Pratica Edilizia n... /... ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA L.R. 10.11.2014 n.65, art. 141 c. 13, 14 e 15 D.P.G.R. del 18.12.2013 n 75/R RICHIEDENTE / COMMITTENTE: nome Cognome Residente/con

Dettagli

Comune di Fauglia Provincia di Pisa

Comune di Fauglia Provincia di Pisa Comune di Fauglia Provincia di Pisa ============= Oggetto: DICHIARAZIONE DI CONFORMITA AI SENSI DEL DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 23.11.2005, n. 62/R (misure preventive e protettive per

Dettagli

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA (art. 6, comma 4 del DPGR 23 novembre 2005, n. 62/R)

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA (art. 6, comma 4 del DPGR 23 novembre 2005, n. 62/R) COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE (Provincia di Pistoia) C.F. - P.I. 00185430477 U.O. URBANISTICA Tel. 0573 917228 Fax 0573 917310 Via Castruccio Castracani, 7 51030 Serravalle Pistoiese e-mail: urbanistica@comune.serravalle-pistoiese.pt.it

Dettagli

Piano di Recupero ai sensi degli art. 12.3 e 15.8 delle NTA per la realizzazione di

Piano di Recupero ai sensi degli art. 12.3 e 15.8 delle NTA per la realizzazione di Piano di Recupero ai sensi degli art. 12.3 e 15.8 delle NTA per la realizzazione di FABBRICATO RESIDENZIALE FORMATO DA QUATTRO U.I. previa demolizione del fabbricato esistente scheda A7 allegato A delle

Dettagli

Regolamento Locale d Igiene - art. 3.2.11. Disposizioni concernenti la prevenzione dei rischi di caduta dall'alto

Regolamento Locale d Igiene - art. 3.2.11. Disposizioni concernenti la prevenzione dei rischi di caduta dall'alto ALLEGATO N. 1 Regolamento Locale d Igiene - art. 3.2.11 Disposizioni concernenti la prevenzione dei rischi di caduta dall'alto Le seguenti disposizioni si applicano alle nuove costruzioni di qualsiasi

Dettagli

ALLEGATO B Dgr n. 97 del 31.01.2012 pag. 1/7

ALLEGATO B Dgr n. 97 del 31.01.2012 pag. 1/7 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO B Dgr n. 97 del 31.01.2012 pag. 1/7 ISTRUZIONI TECNICHE RELATIVE ALLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE DA PREDISPORRE NEGLI EDIFICI PER L ACCESSO, IL TRANSITO E L

Dettagli

I FONDAMENTALI DI UN CORRETTO IMPIANTO DI ANCORAGGIO

I FONDAMENTALI DI UN CORRETTO IMPIANTO DI ANCORAGGIO Federico Genovesi Pierfrancesco Miniati I FONDAMENTALI DI UN CORRETTO IMPIANTO DI ANCORAGGIO I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento totale o parziale,

Dettagli

La progettazione dell opera orientata alla sicurezza nei lavori in quota

La progettazione dell opera orientata alla sicurezza nei lavori in quota Seminario: Lavori su coperture: problematiche, approfondimenti, soluzioni ed indirizzi La progettazione dell opera orientata alla sicurezza nei lavori in quota A cura di: ing. Giuseppe SEMERARO OBIETTIVI

Dettagli

3.2.8 Parapetti 3.2.9 Gronde e pluviali 3.2.10 Misure contro la penetrazione dei volatili e di animali in genere

3.2.8 Parapetti 3.2.9 Gronde e pluviali 3.2.10 Misure contro la penetrazione dei volatili e di animali in genere 3.2.8 Parapetti Le finestre, i balconi e le terrazze devono avere parapetti di altezza non inferiore a cm. 100. In ogni caso i parapetti, fermo restando che devono garantire sufficiente resistenza agli

Dettagli

ALLEGATO A Dgr n. 2774 del 22/09/09 pag. 1/10

ALLEGATO A Dgr n. 2774 del 22/09/09 pag. 1/10 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. 2774 del 22/09/09 pag. 1/10 ISTRUZIONI TECNICHE RELATIVE ALLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE DA PREDISPORRE NEGLI EDIFICI PER L ACCESSO, IL TRANSITO E

Dettagli

Seminario su linee vita: normative, tecniche e procedure

Seminario su linee vita: normative, tecniche e procedure Seminario su linee vita: normative, tecniche e procedure Fascicolo dell opera (D.Lgs. 81/08 art.91 All. XVI) elaborato tecnico e grafico della copertura relazione tecnica illustrativa fascicolo del sistema

Dettagli

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA - RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA -

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA - RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA - ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA - RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA - Identificazione dell edificio e dei soggetti coinvolti nella realizzazione dell opera: Edificio sito in: Via O. Bravin 151/B 30023 Comune

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA DPGR Toscana 23 novembre 2005, n. 62/R -Art. 5 comma 4" lett. b COMMITTENTE: Comune di Signa con sede in via Piazza Repubblica n 1 Comune

Dettagli

Azienda Sanitaria Locale Provincia di Milano 3

Azienda Sanitaria Locale Provincia di Milano 3 Azienda Sanitaria Locale Provincia di Milano 3 Deliberazione n 642 Seduta del 19/10/2005 Regolamento Locale d Igiene - Aggiornamento del Titolo III - Inserimento dell art. 3.2.11: Disposizioni concernenti

Dettagli

Parapetti provvisori quali sistemi collettivi di protezione dei bordi

Parapetti provvisori quali sistemi collettivi di protezione dei bordi Martedì 22 luglio2014, dalle ore 15.00 alle ore 17.00 presso la sede CPT, Viale Milano 56/60 Lodi Parapetti provvisori quali sistemi collettivi di protezione dei bordi ing. Massimiliano Colletta I LAVORI

Dettagli

PROGETTISTI ASSOCIATI P.B. 11.03.2013 ARCH. A. EUGENIO BACCHILEGA ARCH. PAOLO GIAROLA

PROGETTISTI ASSOCIATI P.B. 11.03.2013 ARCH. A. EUGENIO BACCHILEGA ARCH. PAOLO GIAROLA LA COMMITTENZA IL TECNICO PROGETTISTI ASSOCIATI ARCH. A. EUGENIO BACCHILEGA ARCH. PAOLO GIAROLA PROGETTO Corso della Vittoria 36-37045 - Legnago (VR) Tel. +39.0442.600726 - Fax +39.0442.626682 proass@progettistiassociati1.191.it

Dettagli

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA L.R. n. 1 del 03/01/2005 - art. 82 commi 14 e 16 D.P.G.R. n. 62/R del 23/11/2005

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA L.R. n. 1 del 03/01/2005 - art. 82 commi 14 e 16 D.P.G.R. n. 62/R del 23/11/2005 Al Comune di PRATO Servizio Gestione attività edilizia Via Arcivescovo Martini n. 60 59100 PRATO ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA L.R. n. 1 del 03/01/2005 - art. 82 commi 14 e 16 D.P.G.R. n. 62/R del

Dettagli

L.R. 10.11.2014 n. 65 Norme per il governo del territorio - - - - - le principali novità in materia edilizia Arch. Lorenzo Paoli

L.R. 10.11.2014 n. 65 Norme per il governo del territorio - - - - - le principali novità in materia edilizia Arch. Lorenzo Paoli L.R. 10.11.2014 n. 65 Norme per il governo del territorio - - - - - le principali novità in materia edilizia Arch. Lorenzo Paoli Dirigente del Settore Edilizia e Urbanistica / Comune di Scandicci (FI)

Dettagli

La progettazione dell opera orientata alla sicurezza nei lavori sulle coperture

La progettazione dell opera orientata alla sicurezza nei lavori sulle coperture Confindustria Marche Cadute dall alto Ancona 27 febbraio 2014 La progettazione dell opera orientata alla sicurezza nei lavori sulle coperture A cura di: ing. Giuseppe SEMERARO OBIETTIVI DEL PROGETTO 1

Dettagli

5-10-2012 - GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA - PARTE I n. 42

5-10-2012 - GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA - PARTE I n. 42 5-10-2012 - GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA - PARTE I n. 42 ASSESSORATO DELLA SALUTE DECRETO 5 settembre 2012. Norme sulle misure di prevenzione e protezione dai rischi di caduta dall alto da

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA Dgr Veneto n. 97 del 31 gennaio 2012

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA Dgr Veneto n. 97 del 31 gennaio 2012 RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA Dgr Veneto n. 97 del 31 gennaio 2012 COMMITTENTE: UNIONE DEI COMUNI DEL MEDIO BRENTA Viale della Costituzione, 3 35010 Cadoneghe (PD) tipologia intervento Per i lavori di:

Dettagli

A) DOCUMENTAZIONE SPECIFICA DELL IMPRESA

A) DOCUMENTAZIONE SPECIFICA DELL IMPRESA I CONTENUTI DELLA VIGILANZA NEI CANTIERE A) DOCUMENTAZIONE SPECIFICA DELL IMPRESA B) DOCUMENTAZIONE DEL CANTIERE C) CONTROLLO ADOZIONE MISURE DI SICUREZZA PER LE LAVORAZIONI CORSO D) LA GESTIONE DEL CANTIERE

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA Dgr Veneto n. 2774 del 22 settembre 2009 Istruzioni tecniche sulle misure preventive e protettive da predisporre negli edifici per l accesso, il transito e l esecuzione dei

Dettagli

LAVORO SULLE COPERTURE

LAVORO SULLE COPERTURE 1 LAVORO SULLE COPERTURE UNI EN 8088 2 Lavori inerenti le coperture dei fabbricati (definizioni) [UNI 8088] Tipi di coperture [UNI 8088] MANTO DI COPERTURA Per manto di copertura si intende l insieme degli

Dettagli

PALAZZINA B. COMMITTENTE: Sig. Di Quinzio Gabriele - Ranieri Lauretta Strada Monte Calvo 18030 Poggio (IM)

PALAZZINA B. COMMITTENTE: Sig. Di Quinzio Gabriele - Ranieri Lauretta Strada Monte Calvo 18030 Poggio (IM) COMMITTENTE: Sig. Di Quinzio Gabriele - Ranieri Lauretta Strada Monte Calvo 18030 Poggio (IM) OGGETTO: Norme per la prevenzione delle cadute dall'alto nei cantieri edili. Progettazione preliminare di un

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

Descrizione Copertura:

Descrizione Copertura: Soluzioni Progettuali Scheda: SP18 Rev: 20/10/2009 12.33.00 Pagina 1/1 Descrizione Copertura: STATO DI FATTO COPERTURA A VOLTA a bassa pendenza (inferiore a 15 ) con annesso a copertura PIANA Nuova Esistente

Dettagli

CAPO III IMPIANTI E APPARECCHIATURE ELETTRICHE

CAPO III IMPIANTI E APPARECCHIATURE ELETTRICHE Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81 Titolo III Capo III articoli 80-87 e Allegati V- VI - IX Titolo IV Capo II art 117 e Allegato X - così come modificati dal Decreto Legislativo 3 agosto 2009, n.

Dettagli

SOMMARIO DELLA PRESENTAZIONE

SOMMARIO DELLA PRESENTAZIONE LINEE VITA: LA PROGETTAZIONE E L INSTALLAZIONE ing. Massimiliano Granata Coordinatore tecnico area edilizia Romeo Safety Italia srl 1 SOMMARIO DELLA PRESENTAZIONE A. LA NORMATIVA B. LA PROGETTAZIONE C.

Dettagli

Comune di Cecina: regolamento per l edilizia sostenibile

Comune di Cecina: regolamento per l edilizia sostenibile Comune di Cecina: regolamento per l edilizia sostenibile Indirizzi del settore energia nella provincia di Livorno Roberto Bianco 19 giugno 2007 1 Pianificazione energetica provinciale: di linee di indirizzo

Dettagli

Descrizione Copertura:

Descrizione Copertura: Soluzioni Progettuali Scheda: SP02 Rev: 22/10/2009 17.58.00 Pagina 1/1 Descrizione Copertura: STATO DI FATTO COPERTURA A CAPANNA A FALDE SOVRAPPOSTE Nuova Esistente Praticabile Non Praticabile Il fabbricato

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio di Prevenzione e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro La progettazione degli edifici e della sicurezza integrazione del regolamento locale di igiene OBIETTIVO: introdurre

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA REGIONE VENETO Delibera della Giunta Regionale n. 2774 del 22 settembre 2009 Istruzioni tecniche sulle misure preventive e protettive da predisporre negli edifici per l accesso,

Dettagli

Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire

Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire Interventi edilizi e titoli abilitativi, in questo articolo analizziamo le definizioni di CIL,

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE della Regione Toscana

BOLLETTINO UFFICIALE della Regione Toscana Anno XLIV Repubblica Italiana BOLLETTINO UFFICIALE della Regione Toscana Parte Prima n. 61 venerdì, 20 dicembre 2013 Firenze Bollettino Ufficiale: piazza dell'unità Italiana, 1-50123 Firenze - Fax: 055-4384620

Dettagli

Obblighieadempimenti. TDP:Giuseppe Maiolani MarcoFrabeti MarioBogliari

Obblighieadempimenti. TDP:Giuseppe Maiolani MarcoFrabeti MarioBogliari Obblighieadempimenti TDP:Giuseppe Maiolani MarcoFrabeti MarioBogliari Il Committente Privato in edilizia obblighi ed adempimenti Il Committente Privato è il soggetto fondamentale per garantire regolarità

Dettagli

COMUNE DI PIANCASTAGNAIO

COMUNE DI PIANCASTAGNAIO COMUNE DI PIANCASTAGNAIO MANUTENZIONE STRAORDIANRIA DELL EDIFICIO DENOMINATO RIPARAZIONE LOCOMOTORI/SILOS ALL INTERNO DELLA EX. MINIERA DI MERCURIO DEL SIELE COMUNE DI PIANCASTAGNAIO COMMITTENTE COMUNE

Dettagli

Il sottoscritto progettista delle opere: Cognome Nome nato a Prov. il C.F. Iscritto all Albo/Collegio dei della Provincia di al n.

Il sottoscritto progettista delle opere: Cognome Nome nato a Prov. il C.F. Iscritto all Albo/Collegio dei della Provincia di al n. Protocollo Al Responsabile del Settore Gestione del Territorio del comune di Verdellino Relazione tecnica di asseverazione Allegata alla Comunicazione di Inizio lavori per Attività Edilizia Libera non

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 15 GIU- GNO 2015, N. 699

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 15 GIU- GNO 2015, N. 699 110 Regione Emilia-Romagna DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 15 GIU- GNO 2015, N. 699 Approvazione nuovo "Atto di indirizzo e coordinamento per la prevenzione delle cadute dall'alto nei lavori in quota

Dettagli

CHECK LIST PER LA SICUREZZA NEL CANTIERE EDILE

CHECK LIST PER LA SICUREZZA NEL CANTIERE EDILE IMPRESA: CHECK LIST PER LA CUREZZA NEL CANTIERE EDILE Visita al cantiere sito in. Via. Committente:.. Coordinatore per la sicurezza: Responsabile di cantiere: DATA VERIFICA: / / Soggetto verificatore:..

Dettagli

COMUNE DI BRIENNO Provincia di Como

COMUNE DI BRIENNO Provincia di Como COMUNE DI BRIENNO Provincia di Como REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E LA POSA DI IMPIANTI SOLARI E FOTOVOLTAICI (da 1 a 5 Kwp) (approvato con deliberazione c.c. numero 21 del 30.06.2011) Pagina 1 di 5

Dettagli

La nuova normativa regionale sulla manutenzione in sicurezza degli edifici

La nuova normativa regionale sulla manutenzione in sicurezza degli edifici La nuova normativa regionale sulla manutenzione in sicurezza degli edifici Per un futuro senza cadute dall alto Ing. Maurizio De Napoli SPISAL ULSS 9 TREVISO 29.01.2013 DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA REGIONALE

Dettagli

SCALE. SCALE (Allegato XX del D.Lgs 81/08)

SCALE. SCALE (Allegato XX del D.Lgs 81/08) SCALE SCALE (Allegato XX del D.Lgs 81/08) E riconosciuta la conformità delle scale portatili, alle seguenti condizioni: a) le scale portatili siano costruite conformemente alla norma tecnica UNI EN 131

Dettagli

IL REGOLAMENTO REGIONALE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO, EX ART.82 C.16 DELLA L.R. 1/2005 e la Circolare regionale interpretativa del 12 Aprile 2006

IL REGOLAMENTO REGIONALE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO, EX ART.82 C.16 DELLA L.R. 1/2005 e la Circolare regionale interpretativa del 12 Aprile 2006 IL REGOLAMENTO REGIONALE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO, EX ART.82 C.16 DELLA L.R. 1/2005 e la Circolare regionale interpretativa del 12 Aprile 2006 Livorno, 30 novembre 2007 Ing. Francesco Vigiani D.G. Diritto

Dettagli

N.B.: il documentonews non rappresenta una pubblicazione, ne una testata giornalistica, ma un documento di lavoro del Centro Studi

N.B.: il documentonews non rappresenta una pubblicazione, ne una testata giornalistica, ma un documento di lavoro del Centro Studi DOCUMENTINEWS Approfondimenti schematici e monotematici di tipo tecnico-giuridico su Normative, Regole, Giurisprudenza, Tecnologie, Tecniche, Prodotti e Materiali da costruzione e per lo studio professionale.

Dettagli

DALLA LEGGE 46/90 E DAL DPR 47/91 AL NUOVO DM 37/08

DALLA LEGGE 46/90 E DAL DPR 47/91 AL NUOVO DM 37/08 DALLA LEGGE 46/90 E DAL DPR 47/91 AL NUOVO DM 37/08 DM del 22/01/08 n. 37 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ATTIVITA DI INSTALLAZIONE DEGLI IMPIANTI ALL INTERNO DEGLI EDIFICI Art. 1 - IMPIANTI SOGGETTI ALL APPLICAZIONE

Dettagli

ALLEGATO A Delibera Consiglio Comunale n 107 del 13/11/08

ALLEGATO A Delibera Consiglio Comunale n 107 del 13/11/08 ALLEGATO A Delibera Consiglio Comunale n 107 del 13/11/08 Norme regolamentari relative all installazione di impianti tecnologici e di altri manufatti comportanti modifiche dell aspetto esteriore degli

Dettagli

ALLEGATO B. Art. 1 - Impianti a fonti rinnovabili, pannelli solari termici e fotovoltaici, generatori eolici

ALLEGATO B. Art. 1 - Impianti a fonti rinnovabili, pannelli solari termici e fotovoltaici, generatori eolici ALLEGATO B Norme regolamentari relative all installazione di impianti tecnologici e di altri manufatti comportanti modifiche dell aspetto esteriore degli edifici Art. 1 - Impianti a fonti rinnovabili,

Dettagli

COMUNE DI FERRARA SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE SERVIZIO QUALITÀ EDILIZIA SPORTELLO UNICO EDILIZIA. NP 3534/10 Ferrara 15.06.

COMUNE DI FERRARA SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE SERVIZIO QUALITÀ EDILIZIA SPORTELLO UNICO EDILIZIA. NP 3534/10 Ferrara 15.06. COMUNE DI FERRARA SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE SERVIZIO QUALITÀ EDILIZIA SPORTELLO UNICO EDILIZIA NP 3534/10 Ferrara 15.06.2010 Agli Uffici del Servizio Qualità e del SUE OGGETTO Conversione in

Dettagli

LAVORO IN QUOTA: DEFINZIONE

LAVORO IN QUOTA: DEFINZIONE LAVORI IN ALTEZZA - NORME DI RIFERIMENTO D.Lgs 81/2008 e s.m.i. In particolare Titolo IV Cantieri temporanei o mobili Capo II Norme per la prevenzione sul lavoro nelle costruzioni e nei lavori in quota

Dettagli

Vista la legge 1 marzo 2002, n. 39, ed in particolare l'articolo 1, commi 1, 3 e 5;

Vista la legge 1 marzo 2002, n. 39, ed in particolare l'articolo 1, commi 1, 3 e 5; Attuazione della direttiva 2001/45/CE relativa ai requisiti minimi di sicurezza e di salute per l'uso delle attrezzature di lavoro da parte dei lavoratori IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visti gli articoli

Dettagli

Linee Vita. Progettazione ed Posa in Opera D.Lgs.81/08 e s.m.i. L.R.5/2010. M.EN.S. Engineering. Dott. Ing. Corrado Giromini

Linee Vita. Progettazione ed Posa in Opera D.Lgs.81/08 e s.m.i. L.R.5/2010. M.EN.S. Engineering. Dott. Ing. Corrado Giromini M.EN.S. Engineering Dott. Ing. Corrado Giromini Sistemi Anticaduta dall Alto Linee Vita Progettazione ed Posa in Opera D.Lgs.81/08 e s.m.i. L.R.5/2010 M.EN.S. Engineering Sommario Normativa D.Lgs.81/08

Dettagli

Descrizione Copertura:

Descrizione Copertura: Soluzioni Progettuali Scheda: SP09 Rev: 09/07/2009 9.47.00 Pagina 1/8 Descrizione Copertura: STATO DI FATTO COPERTURA CON PIANTA AD L E PADIGLIONE Nuova Esistente Praticabile Non Praticabile Si tratta

Dettagli

SETTORE URBANISTICA, EDILIZIA PRIVATA E SPORTELLO UNICO PER LE IMPRESE ABBATTIMENTO ALBERI

SETTORE URBANISTICA, EDILIZIA PRIVATA E SPORTELLO UNICO PER LE IMPRESE ABBATTIMENTO ALBERI SETTORE URBANISTICA, EDILIZIA PRIVATA E SPORTELLO UNICO PER LE IMPRESE ABBATTIMENTO ALBERI Deve essere presentata comunicazione relativa all abbattimento degli alberi. Solo nel caso in cui le piante interessate

Dettagli

Legge regionale 8 luglio 2011, n. 13 (BUR n. 50/2011) - Testo storico

Legge regionale 8 luglio 2011, n. 13 (BUR n. 50/2011) - Testo storico MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 8 LUGLIO 2009, N. 14 INTERVENTO REGIONALE A SOSTEGNO DEL SETTORE EDILIZIO E PER FAVORIRE L'UTILIZZO DELL'EDILIZIA SOSTENIBILE E MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 12 LUGLIO 2007,

Dettagli

Elementi di giudizio. Cadute dall alto. Lavoratori esposti al rischio di caduta da una altezza superiore a circa tre. Estesa carenza di protezioni

Elementi di giudizio. Cadute dall alto. Lavoratori esposti al rischio di caduta da una altezza superiore a circa tre. Estesa carenza di protezioni SPISAL Asl 20 Asl 21 Asl 22 Direzione Provinciale del Lavoro Comitato Paritetico Territoriale Polizia Municipale Campagna Cantieri Sicuri 2007 Elementi di giudizio Cantieri sotto il Minimo Etico Cadute

Dettagli

Descrizione Copertura:

Descrizione Copertura: Attività: 1 b Step:5 SP33.doc Soluzioni Progettuali Pagina 1/6 Descrizione Copertura: COPERTURA A TRE FALDE STATO DI FATTO Nuova Esistente Praticabile Non Praticabile Il fabbricato presenta copertura a

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

Oggetto_. Localizzazione_. Committente_. Altanon S.r.l. Descrizione_. Fase_. Scala_. Data deposito_. Codice interno_. Informativa_.

Oggetto_. Localizzazione_. Committente_. Altanon S.r.l. Descrizione_. Fase_. Scala_. Data deposito_. Codice interno_. Informativa_. GianRenato Piolo Architetto Oggetto_ Variante alla P.E. n. 2012/0533 ai sensi della L.R. 14/2009 e ss.mm.ii. e delle Norme Tecniche del Piano degli Interventi 2008/C per l'attuazione dei Comparti n.1,

Dettagli

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 16/22/CU01/C1

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 16/22/CU01/C1 CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 16/22/CU01/C1 INTESA SULLO SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 5, COMMA 2, DELLA LEGGE 7 AGOSTO 2015, N.

Dettagli

(DGRV 2774/09 così come modificato dalla DGRV 97/2012)

(DGRV 2774/09 così come modificato dalla DGRV 97/2012) ISTRUZIONI TECNICHE PER LA PREDISPOSIZIONE DELLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE PER L ACCESSO, IL TRANSITO E L ESECUZIONE DEI LAVORI DI MANUTENZIONE IN QUOTA IN CONDIZIONI DI SICUREZZA (DGRV 2774/09 così

Dettagli

VARIABILI NELL INDIVIDUAZIONE DEL SISTEMA DI ACCESSO NEI LAVORI IN COPERTURA

VARIABILI NELL INDIVIDUAZIONE DEL SISTEMA DI ACCESSO NEI LAVORI IN COPERTURA VARIABILI NELL INDIVIDUAZIONE DEL SISTEMA DI ACCESSO NEI LAVORI IN COPERTURA CRITERI PROGETTUALI PER LA REALIZZAZIONE DI PERCORSI & ACCESSI r.angioni@gmail.com SOLUZIONI PROGETTUALI MEDIANTE SISTEMI ANTICADUTA

Dettagli

Sistemi di ancoraggio permanenti per dispositivi di protezione individuale contro le cadute

Sistemi di ancoraggio permanenti per dispositivi di protezione individuale contro le cadute Sistemi di ancoraggio permanenti per dispositivi di protezione individuale contro le cadute Atto di indirizzo e coordinamento per la prevenzione delle cadute dall alto nei lavori in quota della Regione

Dettagli

IL SISTEMA SANZIONATORIO

IL SISTEMA SANZIONATORIO IL SISTEMA SANZIONATORIO - Tipologie delle sanzioni - Soggetti cui si applicano - Sospensione dell attività imprenditoriale - Iter per i diversi reati -Verbali di sopralluogo, di contravvenzione e prescrizione

Dettagli

La norma UNI EN 795 e le linee vita come sistema di protezione.

La norma UNI EN 795 e le linee vita come sistema di protezione. Convegno Nazionale Professione Geometra: esperto in sicurezza 9 novembre 2012 La norma UNI EN 795 e le linee vita come sistema di protezione. Dott. Michele MONTRANO LAVORI IN QUOTA Lavoro in quota: attività

Dettagli

Soluzioni Progettuali Scheda: SP15 Rev: 28/09/2009 16.17.00 Pagina 1/6

Soluzioni Progettuali Scheda: SP15 Rev: 28/09/2009 16.17.00 Pagina 1/6 Soluzioni Progettuali Scheda: SP15 Rev: 28/09/2009 16.17.00 Pagina 1/6 Descrizione Copertura: STATO DI FATTO COPERTURA A FALDE INCLINATE A GRONDA COSTANTE PIANTA RETTANGOLARE Nuova Esistente Praticabile

Dettagli

CERTIFICAZIONE ENERGETICA

CERTIFICAZIONE ENERGETICA CERTIFICAZIONE ENERGETICA La certificazione energetica è un processo finalizzato a far conoscere al cittadino le caratteristiche energetiche del sistema edificio-impianto che sta per acquistare o per affittare.

Dettagli

Seminario regionale La sicurezza nei cantieri forestali

Seminario regionale La sicurezza nei cantieri forestali Seminario regionale La sicurezza nei cantieri forestali 14 giugno 2012 - Fenestrelle (TO) ASL CN2 Alba-Bra Servizio di Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro (S.Pre Pre.S.A.L.) TITOLO IV D.L.gs 81/08

Dettagli

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture LINEE GUIDA RELATIVE ALLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE DA PREDISPORRE NEGLI EDIFICI PER L ACCESSO, IL TRANSITO E L ESECUZIONE DEI LAVORI DI MANUTENZIONE IN QUOTA IN CONDIZIONI DI SICUREZZA Aprile 2007

Dettagli

PROPOSTA DI INTEGRAZIONE DEI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI

PROPOSTA DI INTEGRAZIONE DEI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI SERVIZI DI PREVENZIONE E SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO Via Amendola, 2 42100 Reggio Emilia Tel. 0522.335377 Fax 0522.335446 GRUPPO PROVINCIALE SICUREZZA NELLA MANUTENZIONE PROPOSTA DI INTEGRAZIONE

Dettagli

Le novità del Testo Unico in tema di sicurezza cantieri (il fascicolo di manutenzione)

Le novità del Testo Unico in tema di sicurezza cantieri (il fascicolo di manutenzione) Le novità del Testo Unico in tema di sicurezza cantieri (il fascicolo di manutenzione) Piano di manutenzione dell opera e delle sue parti Nei lavori pubblici, (D. Lgs. 163/06 e regolamento di attuazione

Dettagli

L.R. 08 Novembre 2004, n. 12 Disposizioni in materia di definizione di illeciti edilizi (1)

L.R. 08 Novembre 2004, n. 12 Disposizioni in materia di definizione di illeciti edilizi (1) L.R. 08 Novembre 2004, n. 12 Disposizioni in materia di definizione di illeciti edilizi (1) SOMMARIO Art. 1 - Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 - Opere abusive suscettibili di sanatoria Art. 3 -

Dettagli

LA PROGETTAZIONE DEGLI EDIFICI E DELLA SICUREZZA NEI LAVORI DI MANUTENZIONE SICUREZZA NELLA MANUTENZIONE

LA PROGETTAZIONE DEGLI EDIFICI E DELLA SICUREZZA NEI LAVORI DI MANUTENZIONE SICUREZZA NELLA MANUTENZIONE SICUREZZA NELLA MANUTENZIONE 1 ESIGENZE DA SODDISFARE L opera deve essere progettata ed eseguita in modo che la manutenzione, la verifica o la riparazione dell opera e delle sue pertinenze, comprese le

Dettagli

REGIONE UMBRIA - GIUNTA REGIONALE - PROPOSTA DI REGOLAMENTO

REGIONE UMBRIA - GIUNTA REGIONALE - PROPOSTA DI REGOLAMENTO Proposta di regolamento regionale: Regolamento di cui alla legge regionale 17 settembre 2013, n.16 (Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto). Art. 1 (Oggetto) 1. Il presente regolamento,

Dettagli

PROGETTO DEFINITIVO - ESECUTIVO

PROGETTO DEFINITIVO - ESECUTIVO Regione Veneto COMUNE DI TRECENTA INTERVENTI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA ED ADEGUAMENTO ALLE NORMATIVE VIGENTI IN MATERIA DI SICUREZZA, IGIENE, MIGLIORAMENTO SISMICO ED EFFICIENTAMENTO ENERGETICO DELLA

Dettagli