La Macchina RAM Shepherdson e Sturgis (1963)

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Macchina RAM Shepherdson e Sturgis (1963)"

Transcript

1 La Macchina RAM Shepherdson e Sturgis (963) Nastro di ingresso PROGRAM COUNTER Nastro di uscita PROGRAMMA ACCUMULATORE UNITA' ARITMETICA M E M O R I A

2 Formato delle Istruzioni CODOP =x x è operando immediato CODOP x L operando si trova memorizzato in M[x] (Indirizzamento diretto) LDA x M [x] op CODOP *x L operando si trova memorizzato in M [ M[x] ] (Indirizzamento indiretto) M [y] op LDA *x M [x] y CODOP label Essendo label una stringa alfanumerica si introduce la funzione b(label) che!! associa un numero intero ad una label.

3 Un set di istruzioni LDA = x M[] & x LDA x M[] & M[x] LDA *x M[] & M[M[x]] ADD =x M[] & M[] + x ADD x M[] & M[] + M[x] ADD *x M[] & M[] + M[M[x]] STO x M[x] & M[] STO *x M[M[x]] & M[] SUB =x M[] & M[] - x SUB x M[] & M[] - M[x] SUB *x M[] & M[] - M[M[x]] READ x M[x]& valore in input READ *x M[M[x]]& valore in input WRITE = x Stampa in uscita x WRITE x Stampa in uscita M[x] WRITE *x Stampa in uscita M[M[x]] JMP label JSP label JSZ label PC & b(label) if M[] > PC & b(label) else PC& PC+ if M[] = PC & b(label) else PC& PC+ HLT Fine della computazione Si osservi che per ogni istruzione che non sia dì salto o l istruzione di HLT si ha sempre PC& PC +

4 Esempio di programma sulla RAM READ READ 2 loop: LDA SUB 2 JSZ halt LDA! SUB 2 JSP via LDA STO 3 LDA 2 STO LDA 3 STO 2 via: LDA SUB 2 STO JMP loop halt: WRITE HLT Start a, b a = b a < b a = a - b T T MCD di due numeri interi a Stop a b

5 Valutazione della complessità computazionale nella RAM Criterio del costo uniforme - Si fa l assunzione che ciascuna istruzione richieda una unità di tempo - Ciascuna locazione di memoria, compreso l accumulatore, richieda una unità di spazio Il modello a costi uniformi è giudicato come poco realistico in quanto: - il costo di esecuzione di una istruzione risulta indipendente dalla dimensione del dato - l accesso ad un registro di memoria risulta unitario indipendentemente dal numero dei registri accessibili. In altre parole il criterio del costo uniforme non potrebbe modellare valutazioni di complessità per dati arbitrariamente grandi e per occupazioni di memoria anch esse arbitrariamente grandi, in quanto suppone che sia possibile accedere ad una quantità di informazione illimitata in un tempo limitato.

6 Valutazione della complessità computazionale nella RAM Criterio del costo logaritmico - Si fa l assunzione che il tempo richiesto per eseguire l istruzione sia proporzionale alla lunghezza degli operandi. Si introduce la funzione l (n) definita come l (n) = if n = then else - log 2 n - + per valutare il costo di una istruzione si considerano i seguenti contributi. l elaborazione di un operando ha un costo l (n) 2. l accesso ad un registro i viene valutato come l (i) - Si applica la medesima filosofia per l occupazione di spazio Sia m l indirizzo più alto del registro di memoria cui si fa accesso durante l esecuzione del programma e sia M i il valore assoluto più grande immagazinato allora: m! i l (M i ) definisce la complessità spaziale logaritmica

7 LDA = x l(x) LDA x l(x) + l(m[x] ) LDA *x l(x) + l(m[x] ) + l(m[m[x]]) STO x l (M[]) + l(x) STO *x l (M[]) + l(x) + l(m[x] ) Costi logaritmici ADD =x l (M[]) + l(x) ADD x l (M[]) + l(x) + l(m[x] ) ADD *x l (M[]) + l(x) + l(m[x] ) + l(m[m[x]]) READ x l(val) + l(x) READ *x l(val) + l(x) + l(m[x] ) WRITE = x l(x) WRITE x l(x) + l(m[x] ) WRITE *x l(x) + l(m[x] ) + l(m[m[x]]) JMP label JSP label l (M[]) JSZ label l (M[]) HLT

8 Valutazione della complessità dell algoritmo per il MCD Una digressione sulla teoria dei numeri Si consideri la successione di Fibonacci Si dimostra che l n-esimo numero della successione può essere calcolato come F =! n / #5 dove! = n se si considera b = F ed a = F si può ricavare una relazione tra n e a (oppure b) n+ n+2 a = F n+2 =! n+2 / #5 n = log! (a #5 ) - 2 Si fa uso del seguente risultato (Teorema di G. Lamè): siano a e b tali che a > b> e sia n ", se a e b sono due numeri di Fibonacci tali che a = F n+2 e b = F n+ allora l applicazione del metodo di Euclide per il calcolo del MCD richiede n divisioni e rappresenta il caso peggiore.

9 Valutazione della complessità dell algoritmo per il MCD cont. Start MCD di due numeri interi a, b Esempio: a = 34 = F 9 a = b T a Stop b = 2 = F 8 n = 7 a < b T a b a = a - b

10 Ripetizioni $ READ READ 2 $ loop: LDA n+ SUB 2 n+ JSZ halt n+ LDA$ n SUB 2 n JSP via n LDA n- STO 3 n- LDA 2 n- STO n- LDA 3 n- STO 2 n- via: LDA n SUB 2 n STO n JMP loop n halt: WRITE HLT T(n) = 3(n+)+6(n-)+7n+4= 6n+ T(n) = 6[log! (a #5 )] - 3 Valutazione con costi uniformi n Start a, b a = b n a < b a = a - b T T n- MCD di due numeri interi a a b n- poiché a > b e n = log! (a #5 ) - 2 si ha O(log(a)) Stop

11 Valutazione con costi logaritmici Ripetizioni $ READ l() + l(a) READ 2 l(2) + l(b) loop: LDA n+ l() + l(m[]) SUB 2 n+ l(m[]) + l(2)+l(m[2]) "+2 l(a) JSZ halt n+ l(m[]) l(a) LDA$ n l() + l(m[]) SUB 2 n l(m[]) + l(2)+l(m[2]) "+2 l(a) JSP via n l(m[]) l(a) LDA n- l() + l(m[]) STO 3 n- l(m[]) + l(3) LDA 2 n- l(2)+l(m[2]) STO n- l(m[]) + l() LDA 3 n- l(3)+l(m[3]) STO 2 n- l(m[]) + l(2) via: LDA n l() + l(m[]) SUB 2 n l(m[]) + l(2)+l(m[2]) "+2 l(a) STO n l(m[]) + l() JMP loop n halt: WRITE l() + l(m[]) HLT si fa l ipotesi che l accesso a un registro sia costante es: "=2 inoltre a > b per cui si normalizza a l(a) pertanto T(n) = 8 n l(a) + l(a) + 27 n - O(log 2 (a))

12 Equivalenza dei modelli di calcolo (MT # RAM) Teorema. Una Macchina di Turing multinastro con complessità temporale T può essere simulata da una macchina RAM con complessità O(T) secondo il criterio del costo uniforme e O(T log(t)) secondo il criterio del costo logaritmico. La chiave della dimostrazione è l isomorfismo tra il nastro della MT e la memoria della RAM supposto che nelle celle della MT vi sia un digit / e che si faccia coincidere la cella i-esima del nastro della MT con il registro di memoria i+-esimo della RAM. Il registro della RAM indicherà l attuale posizione della testina di lettura/ scrittura della MT (inizializzata a 2). Se ad esempio la MT prevede le seguenti due transizioni " (p,) (q,,d) e " (p, ) (p,,s) il seguente frammento implementa le due transizioni: p LOAD * Carica il valore della prima cella del nastro nell accumulatore JSP p poiché nel nostro caso il valore è si va in sequenza LOAD = STORE * cambia il valore da ad nella cella puntata dal registro LOAD ADD = STORE spostamento a destra della testina di lettura/scrittura JUMP q vai allo stato q p LOAD SUB = STORE spostamento a sinistra della testina di lettura/scrittura JUMP p RAM... M T

13 Equivalenza dei modelli di calcolo (MT # RAM) La macchina RAM riesce a simulare una transizione della MT in al più 8 istruzioni perché tante sono le istruzioni necessarie per realizzare transizioni in cui tutti gli elementi vengono variati. p LOAD * Ciascuna istruzione della RAM ha un costo che è al più O(log i max) dove i max indica il massimo numero di celle usate dalla MT quindi se la MT effettua T passi il costo complessivo del programma sulla RAM è O(T logt). Si osservi che nel caso si consideri il costo uniforme, non misurando l accesso alla memoria in termini logaritmici il costo complessivo è evidentemente O(T) JSP p LOAD = STORE * LOAD ADD = STORE JUMP q p LOAD SUB = STORE JUMP p...

14 Equivalenza dei modelli di calcolo (RAM # MT) Teorema: Si consideri un linguagio L accettato da una RAM con complessità temporale T secondo il criterio del costo logaritmico. E allora possibile costruire una macchina di Turing Multinastro che riconosce L in un tempo O(T 2 ). Oltre a due nastri TI e To che contengono l input e l output della Macchina RAM ci sono altri tre nastri che codificano: - T la memoria della RAM secondo la seguente convenzione: sia {i j j=,...k} l insieme degli indici tali che in un dato istante M[i j ] risulti inizializzato, il nastro T viene rappresentato come: T... $ $ $ M[i ] $ $... $ $ $ M[i k ] $ $... i dove il carattere $ viene usato come separatore, ed i simboli ij e M[ij ] vengono codificati in binario. - T2 contiene l accumulatore M[] codificato in binario - T3 viene usato come memoria temporanea. i k

15 Equivalenza dei modelli di calcolo (RAM # MT) Simulazione di alcune istruzioni significative della macchina RAM sulla MT. LOAD h - si cerca sul nastro T la sequenza $$ h $ M[h] $$ a partire dal margine sinistro del nastro se non viene trovata la macchina va in errore. - si copia il valore M[h] sul nastro T2 [l accumulatore] STORE h. si cerca sul nastro T la sequenza $$ h $ M[h] $$ se la ricerca fallisce vuol dire che ci troviamo in uno dei seguenti due casi: a) i k < h [indirizzamento ad un punto della memoria non ancora acceduto] $ in questo caso si memorizza la sequenza h $ M[] $$ al limite destro di T b) esiste un j < k tale che ij < h < ij+ [indirizzamento ad un punto della memoria non ancora acceduto] in questo caso: - si copia la porzione di T alla destra di ij $ M[ij] $ $ in T3 $ - si memorizza la sequenza h $ M[] $$ alla destra di i j $ M[i j ] $ $ - si memorizza il contenuto di T 3 alla destra di h $ M[] $$ 2. altrimenti si è trovato sul nastro un j tale che ij = h allora - si copia la porzione di T alla destra di h $ M[h] $ $ in T3 - si memorizza M[] $ $ alla destra di h $ in T $ - si copia il contenuto di T 3 alla destra di h $ M[] $ $ in T 3

16 Equivalenza dei modelli di calcolo (RAM # MT) Per quanto riguarda la valutazione dei costi in questo caso c è una notevole differenza qualora si consideri il costo logaritmico ed il costo uniforme. Nel caso del costo logaritmico, essendo questa una valutazione più accurata, se la macchina RAM lavora in un tempo T la MT lavora in un tempo O(T 2 ). Si ha infatti che la lunghezza del nastro T della MT avrà una lunghezza massima limitata da tmax ciò significa che nel caso peggiore ogni istruzione della RAM, simulata sulla MT, necessita di accedere a tutto il nastro. D altra parte ogni istruzione della RAM necessita di impiegare almeno un log(i) per l accesso all indirizzo del dato e log M[i] per l accesso al dato. Pertanto la MT deve pagare lo stesso tempo T della macchina RAM per l accesso ai dati più un fattore tmax < T per l esecuzione dell istruzione, da qui la valutazione O(T 2 ). Questo ragionamento non è valido se si valuta la RAM con costi uniformi, infatti una macchina a costi uniformi può valutare numeri 2 2n in un tempo O(n) [cioé calcola un numero di taglia esponenziale in un tempo lineare], mentre una MT richiederà 2 n celle per memorizzarli e leggerli, quindi necessiterà di almeno O(2 n ) passi per poterli calcolare. Ne consegue che le due complessità non sono polinomialmente correlate.

17 Equivalenza dei modelli di calcolo La macchina RAM con costi logaritmici e la macchina di Turing multinastro sono correlate polinomialmente. Se la complessità di un modello è O(T) la complessità dell altro è O(P. T) dove P è una funzione polinomiale Tutti i modelli computazionali adottando ipotesi ragionevoli per le misure di costo, hanno funzioni di complessità spaziale e temporale correlate polinomialmente. (Quest ultimo enunciato è considerato il corrispettivo della tesi di Church per la complessità computazionale).

Capitolo 6: Modelli di calcolo per linguaggi imperativi e funzionali

Capitolo 6: Modelli di calcolo per linguaggi imperativi e funzionali Capitolo 6: Modelli di calcolo per linguaggi imperativi e funzionali 1 Modelli imperativi: le RAM (Random Access Machine) I modelli di calcolo imperativi sono direttamente collegati al modello Von Neumann,

Dettagli

Tipologie di macchine di Turing

Tipologie di macchine di Turing Tipologie di macchine di Turing - Macchina di Turing standard - Macchina di Turing con un nastro illimitato in una sola direzione - Macchina di Turing multinastro - Macchina di Turing non deterministica

Dettagli

Informatica Teorica. Macchine a registri

Informatica Teorica. Macchine a registri Informatica Teorica Macchine a registri 1 Macchine a registri RAM (Random Access Machine) astrazione ragionevole di un calcolatore nastro di ingresso nastro di uscita unità centrale in grado di eseguire

Dettagli

PARTE III MACCHINE A REGISTRI

PARTE III MACCHINE A REGISTRI PARTE III MACCHINE A REGISTRI Macchine a registri (RAM) Modelli di costo RAM e macchine di Turing Macchine a registri elementari 1 3.1 MACCHINE A REGISTRI (RAM: Random Access Machines) Introdotte da Shepherdson

Dettagli

Varianti Macchine di Turing

Varianti Macchine di Turing Varianti Macchine di Turing Esistono definizioni alternative di macchina di Turing. Chiamate Varianti. Tra queste vedremo: MdT a più nastri e MdT non deterministiche. Mostriamo: tutte le varianti ragionevoli

Dettagli

Von Neumann. John Von Neumann (1903-1957)

Von Neumann. John Von Neumann (1903-1957) Linguaggio macchina Von Neumann John Von Neumann (1903-1957) Inventore dell EDVAC (Electronic Discrete Variables AutomaFc Computer), la prima macchina digitale programmabile tramite un soiware basata su

Dettagli

Corso di Laurea in Matematica

Corso di Laurea in Matematica Corso di Laurea in Matematica Laboratorio di Informatica (a.a. 2002-03) Esercizi 1 Docente: Monica Nesi 1. Scrivere un programma in C che, dati in ingresso due numeri naturali, calcola il loro prodotto

Dettagli

La macchina universale

La macchina universale La macchina universale Una immediata conseguenza della dimostrazione è la seguente Corollario il linguaggio L H = {M (w) M rappresenta una macchina di Turing che si ferma con input w} sull alfabeto {0,1}*

Dettagli

Architettura hardware

Architettura hardware Architettura dell elaboratore Architettura hardware la parte che si può prendere a calci Sistema composto da un numero elevato di componenti, in cui ogni componente svolge una sua funzione elaborazione

Dettagli

Laurea Specialistica in Informatica - Università di Ferrara 2008-2009 [1]

Laurea Specialistica in Informatica - Università di Ferrara 2008-2009 [1] Laurea Specialistica in Informatica - Università di Ferrara 2008-2009 [1] Macchine di Turing modello di calcolo introdotto dall ingegner Alan Turing nel 1936, per simulare il processo di calcolo umano

Dettagli

Ing. Paolo Domenici PREFAZIONE

Ing. Paolo Domenici PREFAZIONE Ing. Paolo Domenici SISTEMI A MICROPROCESSORE PREFAZIONE Il corso ha lo scopo di fornire i concetti fondamentali dei sistemi a microprocessore in modo semplice e interattivo. È costituito da una parte

Dettagli

PARTE III MACCHINE A REGISTRI

PARTE III MACCHINE A REGISTRI PARTE III MACCHINE A REGISTRI Macchine a registri (RAM) Modelli di costo RAM e macchine di Turing Macchine a registri elementari 1 3.1 MACCHINE A REGISTRI (RAM: Random Access Machines) Introdotte da Shepherdson

Dettagli

L interesse nella macchina di Turing

L interesse nella macchina di Turing Aniello Murano Macchina di Turing universale e problema della fermata 6 Lezione n. Parole chiave: Universal Turing machine Corso di Laurea: Informatica Codice: Email Docente: murano@ na.infn.it A.A. 2008-2009

Dettagli

Lezione n.9. Introduzione al linguaggio macchina

Lezione n.9. Introduzione al linguaggio macchina Lezione n.9 Autore:Luca Orrù 1 Sommario Esecuzione delle istruzioni Architettura interna ed esterna Linguaggio assembler e modi d indirizzamento Consideriamo ora la singola istruzione e la scomponiamo

Dettagli

Prelievo di un istruzione. Istruzioni macchina. Tipi di istruzioni. Registri principali della CPU e loro ruolo

Prelievo di un istruzione. Istruzioni macchina. Tipi di istruzioni. Registri principali della CPU e loro ruolo Registri principali della CPU e loro ruolo CPU e linguaggio macchina domande ed esercizi PC: indirizzo prossima IR: corrente MAR: indirizzo cella di M da leggere/scrivere MBR: contenuto cella di M letta

Dettagli

Esercizio su MT. Svolgimento

Esercizio su MT. Svolgimento Esercizio su MT Definire una macchina di Turing deterministica M a nastro singolo e i concetti di configurazione e di transizione. Sintetizzare una macchina di Turing trasduttore che trasformi un numero

Dettagli

Il processore. Il processore. Il processore. Il processore. Architettura dell elaboratore

Il processore. Il processore. Il processore. Il processore. Architettura dell elaboratore Il processore Architettura dell elaboratore Il processore La esegue istruzioni in linguaggio macchina In modo sequenziale e ciclico (ciclo macchina o ciclo ) Effettuando operazioni di lettura delle istruzioni

Dettagli

Architettura di un Elaboratore

Architettura di un Elaboratore Architettura di un Elaboratore Fabio Massimo Zanzotto Ricapitoliamo puntate precedenti Cosa abbiamo a disposizione: Concetto di algoritmo (con eventuale parametrizzazione) Rappresentazione dell informazione

Dettagli

Architettura di un computer

Architettura di un computer Architettura di un computer Modulo di Informatica Dott.sa Sara Zuppiroli A.A. 2012-2013 Modulo di Informatica () Architettura A.A. 2012-2013 1 / 36 La tecnologia Cerchiamo di capire alcuni concetti su

Dettagli

E una notazione per descrivere gli algoritmi.

E una notazione per descrivere gli algoritmi. Linguaggio di Programmazione E una notazione per descrivere gli algoritmi. Programma:: e la rappresentazione di un algoritmo in un particolare linguaggio di programmazione. In generale, ogni linguaggio

Dettagli

un nastro di carta prolungabile a piacere e suddiviso in celle vuote o contenenti al più un unico carattere;

un nastro di carta prolungabile a piacere e suddiviso in celle vuote o contenenti al più un unico carattere; Algoritmi 3 3.5 Capacità di calcolo Il matematico inglese Alan Turing (1912-1954) descrisse nel 1936 un tipo di automi, oggi detti macchine di Turing, e fornì una della prime definizioni rigorose di esecuzione

Dettagli

L unità di controllo. Il processore: unità di controllo. Le macchine a stati finiti. Struttura della macchina a stati finiti

L unità di controllo. Il processore: unità di controllo. Le macchine a stati finiti. Struttura della macchina a stati finiti Il processore: unità di lo Architetture dei Calcolatori (lettere A-I) L unità di lo L unità di lo è responsabile della generazione dei segnali di lo che vengono inviati all unità di elaborazione Alcune

Dettagli

Il Processore: i registri

Il Processore: i registri Il Processore: i registri Il processore contiene al suo interno un certo numero di registri (unità di memoria estremamente veloci) Le dimensioni di un registro sono di pochi byte (4, 8) I registri contengono

Dettagli

Operazioni di input e output in Fortran 90

Operazioni di input e output in Fortran 90 Operazioni di input e output in Fortran 90 Ing. Luca De Santis DIS - Dipartimento di informatica e sistemistica Anno accademico 2006/2007 Fortran 90: file e formattazione DIS - Dipartimento di informatica

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Il concetto di Algoritmo e di Calcolatore Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Cos

Dettagli

Le Macchine di Turing

Le Macchine di Turing Le Macchine di Turing Come è fatta una MdT? Una MdT è definita da: un nastro una testina uno stato interno un programma uno stato iniziale Il nastro Il nastro è infinito suddiviso in celle In una cella

Dettagli

Macchine di Turing, problemi ricorsivi e ricorsivamente enumerabili

Macchine di Turing, problemi ricorsivi e ricorsivamente enumerabili Macchine di Turing, problemi ricorsivi e ricorsivamente enumerabili roblemi che i calcolatori non possono risolvere E importante sapere se un programma e corretto, cioe fa quello che ci aspettiamo. E facile

Dettagli

Le parole dell informatica: modello di calcolo, complessità e trattabilità

Le parole dell informatica: modello di calcolo, complessità e trattabilità Le parole dell informatica: modello di calcolo, complessità e trattabilità Angelo Montanari Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli Studi di Udine Ciclo di seminari su un Vocabolario

Dettagli

Macchine a registri RAM (Random Access Machines)

Macchine a registri RAM (Random Access Machines) Macchine a registri RAM (Random Access Machines) Introdotte da Shepherdson e Sturgis nel 1963 per sviluppare la teoria della calcolabilità con un modello astratto di un reale calcolatore (macchina di von

Dettagli

Esegue la sommatral'accumulatoreac e Se I=1, ilcontenutodellacelladi memoriailcui indirizzoè

Esegue la sommatral'accumulatoreac e Se I=1, ilcontenutodellacelladi memoriailcui indirizzoè Parte II AND 104 I, micro-operazioni c 0 t 0 : MAR PC c 0 t 1 : MBR M, PC PC+1 c 0 t 2 : OPR MBR(OP), I MBR(I) q 7 Ic 0 t 3 : R 1 Ciclo di fetch (q 7 +I )c 0 t 3 : F 1 c 1 t 0 : MAR MBR(AD); / 104 da Hex

Dettagli

Migliorare le prestazioni di processori e memorie

Migliorare le prestazioni di processori e memorie Migliorare le prestazioni di processori e memorie Corso: Architetture degli Elaboratori Docenti: F. Barbanera, G. Bella UNIVERSITA DI CATANIA Dip. di Matematica e Informatica Tipologie dei Miglioramenti

Dettagli

Capitolo 5: Macchine di Turing e calcolabilitá secondo Turing

Capitolo 5: Macchine di Turing e calcolabilitá secondo Turing Capitolo 5: Macchine di Turing e calcolabilitá secondo Turing 1 Macchina di Turing (MDT ) Un dispositivo che accede a un nastro (potenzialmente) illimitato diviso in celle contenenti ciascuna un simbolo

Dettagli

Programmazione dello Z80

Programmazione dello Z80 Il microprocessore si incarica di: gestire il programma e i suoi dati di eseguire i calcoli richiesti. Le azioni appena elencate rendono necessario che il microprocessore abbia da qualche parte, al suo

Dettagli

Prob(CCCCCCCCCC) = 1 2 10

Prob(CCCCCCCCCC) = 1 2 10 12. Contenuto di Informazione Algoritmico (AIC) - 17/05/12 Vogliamo adesso introdurre una nozione di contenuto di informazione di una stringa infinita, prodotta da una sorgente di informazione, che non

Dettagli

Architettura del calcolatore

Architettura del calcolatore Architettura del calcolatore La prima decomposizione di un calcolatore è relativa a due macro-componenti: Hardware Software Architettura del calcolatore L architettura dell hardware di un calcolatore reale

Dettagli

Nozione di algoritmo. Gabriella Trucco

Nozione di algoritmo. Gabriella Trucco Nozione di algoritmo Gabriella Trucco Programmazione Attività con cui si predispone l'elaboratore ad eseguire un particolare insieme di azioni su particolari informazioni (dati), allo scopo di risolvere

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni LEZIONE 2 (HARDWARE) a.a. 2011/2012 Francesco Fontanella Tre concetti Fondamentali Algoritmo; Automa (o anche macchina); Calcolo; 2 Calcolatore MACCHINA

Dettagli

Architettura (10/9/2003) Pag. 1/6. Cognome e Nome (in stampatello):

Architettura (10/9/2003) Pag. 1/6. Cognome e Nome (in stampatello): Architettura (10/9003) Pag. 1/6 Esame di Architettura (matr.0-1) del 10/9003 Per Fondamenti di Architettura NON rispondere Per le domande a risposta multipla cerchiare la risposta scelta. Non alle domande

Dettagli

I componenti di un Sistema di elaborazione. Memoria centrale. È costituita da una serie di CHIP disposti su una scheda elettronica

I componenti di un Sistema di elaborazione. Memoria centrale. È costituita da una serie di CHIP disposti su una scheda elettronica I componenti di un Sistema di elaborazione. Memoria centrale Memorizza : istruzioni dati In forma BINARIA : 10001010101000110101... È costituita da una serie di CHIP disposti su una scheda elettronica

Dettagli

Quinto Homework. Indicare il tempo necessario all'esecuzione del programma in caso di avvio e ritiro fuori ordine.

Quinto Homework. Indicare il tempo necessario all'esecuzione del programma in caso di avvio e ritiro fuori ordine. Quinto Homework 1) Si vuole progettare una cache a mappatura diretta per un sistema a 32 bit per una memoria da 2 GB (quindi sono solo 31 i bit utili per gli indirizzi) e blocchi di 64 byte. Rispondere

Dettagli

Macchine RAM. API a.a. 2013/2014 Gennaio 27, 2014 Flavio Mutti, PhD

Macchine RAM. API a.a. 2013/2014 Gennaio 27, 2014 Flavio Mutti, PhD Macchine RAM API a.a. 2013/2014 Gennaio 27, 2014 Flavio Mutti, PhD 2 Macchina RAM 3 Esercizio Si consideri il linguaggio definito da: L = wcw R w a, b } 1. Codificare un programma RAM per il riconoscimento

Dettagli

Interpreti e compilatori La macchina di Von Neumann

Interpreti e compilatori La macchina di Von Neumann Interpreti e compilatori La macchina di Von Neumann Informatica@Matematica Simone Martini a.a. 2014-2015 1 / 38 Parte I Interpreti e compilatori 2 / 38 Macchine astratte Una macchina astratta è un esecutore

Dettagli

Introduzione ai problemi NP-completi

Introduzione ai problemi NP-completi Corso di Algoritmi e Strutture Dati Introduzione ai problemi NP-completi Nuova versione del capitolo 13 delle dispense (basata sui modelli non deterministici) Anno accademico 2007/2008 Corso di laurea

Dettagli

I sistemi di numerazione

I sistemi di numerazione I sistemi di numerazione 01-INFORMAZIONE E SUA RAPPRESENTAZIONE Sia dato un insieme finito di caratteri distinti, che chiameremo alfabeto. Utilizzando anche ripetutamente caratteri di un alfabeto, si possono

Dettagli

L architettura di riferimento

L architettura di riferimento Architetture degli elaboratori e delle reti Lezione 10 L architettura di riferimento Proff. A. Borghese, F. Pedersini Dipartimento di Scienze dell Informazione Università degli Studi di Milano L 10 1/27

Dettagli

CPU. Maurizio Palesi

CPU. Maurizio Palesi CPU Central Processing Unit 1 Organizzazione Tipica CPU Dispositivi di I/O Unità di controllo Unità aritmetico logica (ALU) Terminale Stampante Registri CPU Memoria centrale Unità disco Bus 2 L'Esecutore

Dettagli

Laboratorio di Informatica Corso di Laurea in Matematica A.A. 2007/2008

Laboratorio di Informatica Corso di Laurea in Matematica A.A. 2007/2008 Laboratorio di Informatica Corso di Laurea in Matematica A.A. 2007/2008 Dott.Davide Di Ruscio Dipartimento di Informatica Università degli Studi di L Aquila Lezione del 11/01/08 Nota Questi lucidi sono

Dettagli

12. MACCHINE DI TURING E CALCOLABILITA

12. MACCHINE DI TURING E CALCOLABILITA 12. MACCHINE DI TURING E CALCOLABILITA 12.1 Funzioni calcolabili secondo Turing 12.2 Insiemi e linguaggi decidibili e semidecidibili 12.3 Macchine di Turing multinastro e nondeterministiche 12.4 Macchina

Dettagli

L architettura del calcolatore (Prima parte)

L architettura del calcolatore (Prima parte) L architettura del calcolatore (Prima parte) Percorso di Preparazione agli Studi di Ingegneria Università degli Studi di Brescia Docente: Massimiliano Giacomin Calcolatore astratto e reale Concetto astratto

Dettagli

3 CENNI DI TEORIA DELLA COMPLESSITA COMPUTAZIONALE. E. Amaldi Fondamenti di R.O. Politecnico di Milano 1

3 CENNI DI TEORIA DELLA COMPLESSITA COMPUTAZIONALE. E. Amaldi Fondamenti di R.O. Politecnico di Milano 1 3 CENNI DI TEORIA DELLA COMPLESSITA COMPUTAZIONALE E. Amaldi Fondamenti di R.O. Politecnico di Milano 1 Scopo: Stimare l onere computazionale per risolvere problemi di ottimizzazione e di altra natura

Dettagli

Fondamenti di Informatica PROBLEMI E ALGORITMI. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1

Fondamenti di Informatica PROBLEMI E ALGORITMI. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Fondamenti di Informatica PROBLEMI E ALGORITMI Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Specifica di un algoritmo Primo approccio, scrittura diretta del programma: la soluzione coincide con la codifica

Dettagli

2) Codici univocamente decifrabili e codici a prefisso.

2) Codici univocamente decifrabili e codici a prefisso. Argomenti della Lezione ) Codici di sorgente 2) Codici univocamente decifrabili e codici a prefisso. 3) Disuguaglianza di Kraft 4) Primo Teorema di Shannon 5) Codifica di Huffman Codifica di sorgente Il

Dettagli

Macchine di Turing. a n B B. Controllo Finito

Macchine di Turing. a n B B. Controllo Finito Macchine di Turing Il modello standard di macchina di Turing era un controllo finito, un nastro di input, diviso in celle, e una testina che prende in considerazione una cella del nastro alla volta. Il

Dettagli

Appunti introduttivi sulla progettazione degli algoritmi

Appunti introduttivi sulla progettazione degli algoritmi Appunti introduttivi sulla progettazione degli algoritmi Marco Liverani Ottobre 2007 Nelle pagine seguenti sono riportati alcuni problemi e le relative soluzioni costituite da semplici algoritmi espressi

Dettagli

ALGORITMI 1. GLI ALGORITMI 2. IL LINGUAGGIO DI PROGETTO

ALGORITMI 1. GLI ALGORITMI 2. IL LINGUAGGIO DI PROGETTO ALGORITMI 1. GLI ALGORITMI Un algoritmo è la descrizione del percorso risolutivo di un problema per giungere dai dati iniziali ai risultati finali. Scriviamo l algoritmo pensando di rivolgerci a un esecutore,

Dettagli

Quaderni di Informatica. Macchine e Linguaggi. Luigino Calvi

Quaderni di Informatica. Macchine e Linguaggi. Luigino Calvi Quaderni di Informatica Macchine e Linguaggi Luigino Calvi I.I.S. Negrelli-Forcellini - Feltre 2014 ii Capitolo 1 Macchine di Turing Potrebbe essere deludente apprendere che, fondamentalmente, computer

Dettagli

Introduzione. Il principio di localizzazione... 2 Organizzazioni delle memorie cache... 4 Gestione delle scritture in una cache...

Introduzione. Il principio di localizzazione... 2 Organizzazioni delle memorie cache... 4 Gestione delle scritture in una cache... Appunti di Calcolatori Elettronici Concetti generali sulla memoria cache Introduzione... 1 Il principio di localizzazione... 2 Organizzazioni delle memorie cache... 4 Gestione delle scritture in una cache...

Dettagli

ARCHITETTURE MICROPROGRAMMATE. 1. Necessità di un architettura microprogrammata 1. Cos è un architettura microprogrammata? 4

ARCHITETTURE MICROPROGRAMMATE. 1. Necessità di un architettura microprogrammata 1. Cos è un architettura microprogrammata? 4 ARCHITETTURE MICROPROGRAMMATE. 1 Necessità di un architettura microprogrammata 1 Cos è un architettura microprogrammata? 4 Struttura di una microistruzione. 5 Esempi di microprogrammi 9 Esempio 1 9 Esempio

Dettagli

Risolvere un problema significa individuare un procedimento che permetta di arrivare al risultato partendo dai dati

Risolvere un problema significa individuare un procedimento che permetta di arrivare al risultato partendo dai dati Algoritmi Algoritmi Risolvere un problema significa individuare un procedimento che permetta di arrivare al risultato partendo dai dati Il procedimento (chiamato algoritmo) è composto da passi elementari

Dettagli

Architettura di tipo registro-registro (load/store)

Architettura di tipo registro-registro (load/store) Caratteristiche principali dell architettura del processore MIPS E un architettura RISC (Reduced Instruction Set Computer) Esegue soltanto istruzioni con un ciclo base ridotto, cioè costituito da poche

Dettagli

Appunti di Analisi e Progettazione di Algoritmi. Vincenzo Acciaro Teresa Roselli Vittorio Marengo

Appunti di Analisi e Progettazione di Algoritmi. Vincenzo Acciaro Teresa Roselli Vittorio Marengo Appunti di Analisi e Progettazione di Algoritmi Vincenzo Acciaro Teresa Roselli Vittorio Marengo 2 Indice 1 Prefazione 9 2 Introduzione 13 2.1 Algoritmi e problemi....................... 15 2.1.1 Esempio

Dettagli

Corso Programmazione 2011-2012

Corso Programmazione 2011-2012 Corso Programmazione 2011-2012 (docente) Fabio Aiolli E-mail: aiolli@math.unipd.it Web: www.math.unipd.it/~aiolli (docenti laboratorio) E. Caniato, A. Ceccato Dipartimento di Matematica Pura ed Applicata

Dettagli

Automi. Sono così esempi di automi una lavatrice, un distributore automatico di bibite, un interruttore, una calcolatrice tascabile,...

Automi. Sono così esempi di automi una lavatrice, un distributore automatico di bibite, un interruttore, una calcolatrice tascabile,... Automi Con il termine automa 1 s intende un qualunque dispositivo o un suo modello, un qualunque oggetto, che esegue da se stesso un particolare compito, sulla base degli stimoli od ordini ricevuti detti

Dettagli

Lezione n.19 Processori RISC e CISC

Lezione n.19 Processori RISC e CISC Lezione n.19 Processori RISC e CISC 1 Processori RISC e Superscalari Motivazioni che hanno portato alla realizzazione di queste architetture Sommario: Confronto tra le architetture CISC e RISC Prestazioni

Dettagli

CALCOLATORI ELETTRONICI A cura di Luca Orrù. Lezione n.7. Il moltiplicatore binario e il ciclo di base di una CPU

CALCOLATORI ELETTRONICI A cura di Luca Orrù. Lezione n.7. Il moltiplicatore binario e il ciclo di base di una CPU Lezione n.7 Il moltiplicatore binario e il ciclo di base di una CPU 1 SOMMARIO Architettura del moltiplicatore Architettura di base di una CPU Ciclo principale di base di una CPU Riprendiamo l analisi

Dettagli

Il calcolatore elettronico. Parte dei lucidi sono stati gentilmente forniti dal Prof. Beraldi

Il calcolatore elettronico. Parte dei lucidi sono stati gentilmente forniti dal Prof. Beraldi Il calcolatore elettronico Parte dei lucidi sono stati gentilmente forniti dal Prof. Beraldi Introduzione Un calcolatore elettronico è un sistema elettronico digitale programmabile Sistema: composto da

Dettagli

Parte II.2 Elaboratore

Parte II.2 Elaboratore Parte II.2 Elaboratore Elisabetta Ronchieri Università di Ferrara Dipartimento di Economia e Management Insegnamento di Informatica Dicembre 1, 2015 Elisabetta Elisabetta Ronchieri II Software Argomenti

Dettagli

I sistemi di elaborazione

I sistemi di elaborazione 2 I sistemi di elaborazione 2.0 I sistemi di elaborazione c Diego Calvanese Fondamenti di Informatica Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica A.A. 2001/2002 2.0 0 2 I sistemi di elaborazione Architettura

Dettagli

DAL DIAGRAMMA AL CODICE

DAL DIAGRAMMA AL CODICE DAL DIAGRAMMA AL CODICE Un diagramma di flusso Appare, come un insieme di blocchi di forme diverse che contengono le istruzioni da eseguire, collegati fra loro da linee orientate che specificano la sequenza

Dettagli

Introduzione alla tecnica di Programmazione Dinamica

Introduzione alla tecnica di Programmazione Dinamica Universitá degli Studi di Salerno Corso di Algoritmi Prof. Ugo Vaccaro Anno Acc. 2014/15 p. 1/37 Sommario della lezione Introduzione alla tecnica di Programmazione Dinamica Esempio di applicazione n. 1:

Dettagli

3. Programmazione strutturata (testo di riferimento: Bellini-Guidi)

3. Programmazione strutturata (testo di riferimento: Bellini-Guidi) Corso di Fondamenti di Informatica Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica (A-K) 3. (testo di riferimento: Bellini-Guidi) Ing. Agnese Pinto 1 di 28 Linguaggi di programmazione Un programma è un algoritmo

Dettagli

Programmazione dinamica

Programmazione dinamica Capitolo 6 Programmazione dinamica 6.4 Il problema della distanza di edit tra due stringhe x e y chiede di calcolare il minimo numero di operazioni su singoli caratteri (inserimento, cancellazione e sostituzione)

Dettagli

Capitolo 3 Operazioni di ingresso e uscita

Capitolo 3 Operazioni di ingresso e uscita Capitolo 3 Operazioni di ingresso e uscita 3.1. Per assicurare che i dati siano letti solo una volta. 3.2. Assumendo i registri dell interfaccia dello schermo in Figura 3.3, si può usare il seguente programma:

Dettagli

CALCOLATORI ELETTRONICI A cura di Luca Orrù. Lezione n.6. Unità di controllo microprogrammata

CALCOLATORI ELETTRONICI A cura di Luca Orrù. Lezione n.6. Unità di controllo microprogrammata Lezione n.6 Unità di controllo microprogrammata 1 Sommario Unità di controllo microprogrammata Ottimizzazione, per ottimizzare lo spazio di memoria occupato Il moltiplicatore binario Esempio di architettura

Dettagli

Il processore - CPU. PDF created with pdffactory trial version www.pdffactory.com

Il processore - CPU. PDF created with pdffactory trial version www.pdffactory.com Il processore - CPU (CENTRAL PROCESSING UNIT) Funzionamento o Programmi e dati risiedono in file memorizzati in memoria secondaria. o Per essere eseguiti (i programmi) e usati (i dati) vengono copiati

Dettagli

PROVA INTRACORSO TRACCIA A Pagina 1 di 6

PROVA INTRACORSO TRACCIA A Pagina 1 di 6 PROVA INTRACORSO DI ELEMENTI DI INFORMATICA MATRICOLA COGNOME E NOME TRACCIA A DOMANDA 1 Calcolare il risultato delle seguenti operazioni binarie tra numeri interi con segno rappresentati in complemento

Dettagli

Anatomia e fisiologia del computer: l architettura del calcolatore

Anatomia e fisiologia del computer: l architettura del calcolatore Corso di Laurea Ingegneria Civile Fondamenti di Informatica Dispensa 01 Anatomia e fisiologia del computer: l architettura del calcolatore Marzo 2009 L architettura del calcolatore 1 Nota bene Alcune parti

Dettagli

Istruzioni di modifica della sequenza di elaborazione

Istruzioni di modifica della sequenza di elaborazione Istruzioni di modifica della sequenza di elaborazione Permettono di modificare la sequenza di esecuzione delle istruzioni di un programma, normalmente controllata dal meccanismo automatico di avanzamento

Dettagli

Complessità Computazionale

Complessità Computazionale Complessità Computazionale Analisi Algoritmi e pseudocodice Cosa significa analizzare un algoritmo Modello di calcolo Analisi del caso peggiore e del caso medio Esempio di algoritmo in pseudocodice INSERTION

Dettagli

Introduzione. Informatica B. Daniele Loiacono

Introduzione. Informatica B. Daniele Loiacono Introduzione Informatica B Perchè studiare l informatica? Perchè ha a che fare con quasi tutto quello con cui abbiamo a che fare ogni giorno Perché è uno strumento fondamentale per progettare l innovazione

Dettagli

Dispense del corso di Logica a.a. 2015/16: Problemi di primo livello. V. M. Abrusci

Dispense del corso di Logica a.a. 2015/16: Problemi di primo livello. V. M. Abrusci Dispense del corso di Logica a.a. 2015/16: Problemi di primo livello V. M. Abrusci 12 ottobre 2015 0.1 Problemi logici basilari sulle classi Le classi sono uno dei temi della logica. Esponiamo in questa

Dettagli

Fondamenti di informatica: un po di storia

Fondamenti di informatica: un po di storia Fondamenti di informatica: un po di storia L idea di utilizzare dispositivi meccanici per effettuare in modo automatico calcoli risale al 600 (Pascal, Leibniz) Nell ottocento vengono realizzati i primi

Dettagli

Appunti del corso di Informatica 1 (IN1 Fondamenti) 2 Introduzione alla programmazione

Appunti del corso di Informatica 1 (IN1 Fondamenti) 2 Introduzione alla programmazione Università Roma Tre Facoltà di Scienze M.F.N. Corso di Laurea in Matematica Appunti del corso di Informatica 1 (IN1 Fondamenti) 2 Introduzione alla programmazione Marco Liverani (liverani@mat.uniroma3.it)

Dettagli

La macchina programmata Instruction Set Architecture (1)

La macchina programmata Instruction Set Architecture (1) Corso di Laurea in Informatica Architettura degli elaboratori a.a. 2014-15 La macchina programmata Instruction Set Architecture (1) Schema base di esecuzione Istruzioni macchina Outline Componenti di un

Dettagli

Sommario Introduzione al linguaggio Assembly. Calcolatori Elettronici Prof. Gian Luca Marcialis. Le operazioni fondamentali

Sommario Introduzione al linguaggio Assembly. Calcolatori Elettronici Prof. Gian Luca Marcialis. Le operazioni fondamentali Prof. Gian Luca Marcialis Corso di Laurea di Ingegneria Elettronica Capitolo 5 Linguaggio Assembly Fonti principali: Patterson, A.D., Hennessy, J., "Struttura, organizzazione e progetto dei calcolatori

Dettagli

Descrizione di un algoritmo

Descrizione di un algoritmo Descrizione di un algoritmo Un algoritmo descrive due tipi fondamentali di oper: calcoli ottenibili tramite le oper primitive su tipi di dato (valutazione di espressioni) che consistono nella modifica

Dettagli

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Docente: Camillo Fiorentini 18 dicembre 2007 Esercizio 1: rappresentazione di una tabella di occorrenze L obiettivo è quello di rappresentare in modo efficiente

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione dell informazione negli elaboratori

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione dell informazione negli elaboratori Informazione e computer Si può rappresentare l informazione attraverso varie forme: Numeri Testi Suoni Immagini 0001010010100101010 Computer Cerchiamo di capire come tutte queste informazioni possano essere

Dettagli

Il processore - CPU (CENTRAL PROCESSING UNIT)

Il processore - CPU (CENTRAL PROCESSING UNIT) Il processore - CPU (CENTRAL PROCESSING UNIT) Funzionamento Programmi e dati risiedono in file memorizzati in memoria secondaria. Per essere eseguiti (i programmi) e usati (i dati) vengono copiati nella

Dettagli

Laboratorio di architettura degli elaboratori Progetto finale AA 2005/2006

Laboratorio di architettura degli elaboratori Progetto finale AA 2005/2006 Laboratorio di architettura degli elaboratori Progetto finale AA 2005/2006 Esercizio 1 - Heapsort Si consideri la seguente struttura dati, chiamata heap. Essa è un albero binario semi-completo (ossia un

Dettagli

I tipi di dato astratti

I tipi di dato astratti I tipi di dato astratti.0 I tipi di dato astratti c Diego Calvanese Fondamenti di Informatica Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica A.A. 001/00.0 0 I tipi di dato astratti La nozione di tipo di dato

Dettagli

Teoria della computazione Quali problemi sappiamo risolvere. A prima vista la domanda può sembrare troppo

Teoria della computazione Quali problemi sappiamo risolvere. A prima vista la domanda può sembrare troppo 1 Teoria della computazione Quali problemi sappiamo risolvere Con quali macchine In assoluto A prima vista la domanda può sembrare troppo generale: Che cosa intendiamo per problema? Un calcolo matematico;

Dettagli

Architettura degli elaboratori (A)

Architettura degli elaboratori (A) Laurea in Informatica a.a. 2010-2011 Laboratorio del corso di Architettura degli elaboratori (A) Modulo 1: l Architettura dell 8086 Valeria Carofiglio Linguaggi a vari livelli e loro relazioni Programma

Dettagli

Fondamenti di Informatica. Computabilità e Macchine di Turing. Prof. Franco Zambonelli Gennaio 2011

Fondamenti di Informatica. Computabilità e Macchine di Turing. Prof. Franco Zambonelli Gennaio 2011 Fondamenti di Informatica Computabilità e Macchine di Turing Prof. Franco Zambonelli Gennaio 2011 Letture Consigliate: Roger Penrose, La Mente Nuova dell Imperatore, Sansoni Editrice. Martin Davis, Il

Dettagli

Lezione 3: Architettura del calcolatore

Lezione 3: Architettura del calcolatore Lezione 3: Architettura del calcolatore Architettura di Von Neumann BUS, CPU e Memoria centrale Ciclo di esecuzione delle istruzioni Architettura del calcolatore Il calcolatore è: uno strumento programmabile

Dettagli

Algoritmi di Ricerca. Esempi di programmi Java

Algoritmi di Ricerca. Esempi di programmi Java Fondamenti di Informatica Algoritmi di Ricerca Esempi di programmi Java Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Ricerca in una sequenza di elementi Data una sequenza di elementi, occorre verificare

Dettagli

Le memorie. Università degli Studi di Salerno

Le memorie. Università degli Studi di Salerno Le memorie Università degli Studi di Salerno Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione Informatica generale (matr. Dispari) Docente: Angela Peduto A.A. 25/26 Le memorie Cosa vorremmo : una memoria

Dettagli

PROBLEMA DELLA RICERCA DI UN ELEMENTO IN UN ARRAY E ALGORITMI RISOLUTIVI

PROBLEMA DELLA RICERCA DI UN ELEMENTO IN UN ARRAY E ALGORITMI RISOLUTIVI PROBLEMA DELLA RICERCA DI UN ELEMENTO IN UN ARRAY E ALGORITMI RISOLUTIVI PROBLEMA DELLA RICERCA in termini generali: Dati in input un insieme S di elementi (numeri, caratteri, stringhe, ) e un elemento

Dettagli

INFORMATICA E COMPUTER : INTRODUZIONE

INFORMATICA E COMPUTER : INTRODUZIONE INFORMATICA E COMPUTER : INTRODUZIONE! Informatica: dal francese, informatique informat(ion) (automat)ique [termine coniato dall'ingegnere francese Philippe Dreyfus nel 1962] è la scienza che studia i

Dettagli

Capitolo 7: Teoria generale della calcolabilitá

Capitolo 7: Teoria generale della calcolabilitá Capitolo 7: Teoria generale della calcolabilitá 1 Differenti nozioni di calcolabilitá (che seguono da differenti modelli di calcolo) portano a definire la stessa classe di funzioni. Le tecniche di simulazione

Dettagli