PROTEINE (dal greco proteios, che occupa il primo posto)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROTEINE (dal greco proteios, che occupa il primo posto)"

Transcript

1 PRTEIE (dal greco proteios, che occupa il primo posto) costituite da una o più catene polipeptidiche; i peptidi sono eteropolimeri lineari formati da 0-50 amminoacidi (aa); si conoscono centinaia di aa diversi, ma solo venti fanno parte delle proteine; le catene polipeptidiche contengono aa; in natura esistono presenti nell uomo; proteine diverse di cui sono il PM delle proteine è compreso tra alcune migliaia e diversi milioni; hanno sequenza aa unica e codificata nel nostro corredo genetico; nelle cellule costituiscono il 50% della sostanza secca; nell organismo umano rappresentano il 14-18%; negli alimenti, rappresentano lo 0-30% del prodotto fresco.

2 ALCUE FUZII BICIMICE modulano l espressione dei geni (repressori) e intervengono nella duplicazione, trascrizione e traduzione del DA; regolano il metabolismo, come enzimi e come ormoni; trasportano diverse molecole (ad es. emoglobina) attraverso i liquidi circolanti e attraverso le membrane cellulari ( pompe e canali proteici ); intervengono nella coagulazione del sangue (ad es. fibrinogeno); proteggono l organismo dalle infezioni (anticorpi); danno luogo a strutture contrattili (ad es. actina, miosina); partecipano alla generazione e trasmissione degli impulsi nervosi; costituiscono la struttura di sostegno dei tessuti animali (ad es. cheratina, collageno, elastina); rappresentano forme di deposito di principi nutritivi a cui attingono l embrione animale o vegetale oppure il lattante (ad es. ovoalbumina, caseina).

3 CARATTERISTICE GEERALI delle PRTEIE CTEUTE negli ALIMETI le troviamo in quasi tutti gli alimenti eccetto zucchero, olio, bevande alcoliche; molto importanti dal punto di vista nutritivo quelle dei tessuti muscolari (40% actina e miosina) e quelle di deposito (del latte, delle uova, dei semi); alcune, contenute negli alimenti, sono dannose per l organismo: fattori antinutrizionali (vengono inattivati con la cottura, ad es. le lectine, con potere emoagglutinante, presenti nelle leguminose, nei cereali; gli inibitori di enzimi ad es. dell amilasi, contenuti nella cariosside del frumento); allergeni (possono esserlo, in individui sensibili, proteine del latte vaccino, dell uovo, dei crostacei, delle arachidi, provocando reazioni allergiche più o meno gravi); tossine (prodotte da microrganismi contaminanti o presenti nell animale o nella pianta; ad es. tossina botulinica). prioni (responsabili di alcune malattie degenerative del sistema nervoso negli animali, come lo scrapie negli ovini e la malattia della mucca pazza e più raramente nell uomo, encefalopatia spongiforme).

4 PEPTIDI Possono essere di origine non proteica e quindi contenere amminoacidi diversi dai 20 che costituiscono le proteine; nelle cellule svolgono importanti funzioni biologiche: alcuni hanno funzione ormonale (ad es. l ossitocina ha grande importanza nel parto perché stimola la muscolatura liscia dell utero); interessanti esempi di peptidi non proteici vengono dal mondo dei microrganismi e dei vegetali: le amatossine e le fallotossine dei funghi velenosi (amanita) sono oligopeptidi che resistono al calore e all essiccamento; distruggono tessuto epatico e renale.

5 AMMIACIDI L importanza alimentare delle proteine è dovuta ai loro costituenti, cioè gli amminoacidi (aa); il nostro organismo ha bisogno di aa per costruire le sue proteine ed altre molecole; nove aa in particolare sono essenziali e vanno quindi introdotti con la dieta perché l organismo o non riesce a sintetizzarli da solo, o lo fa molto lentamente;

6 gli aa possono essere classificati in base alla natura del gruppo R: R carico (a p neutro) aa carichi positivamente o aa basici: lisina, arginina, istidina aa carichi negativamente o aa acidi: acido glutammico e aspartico. R neutro R apolare alifatico: glicina, alanina, leucina, isoleucina, valina, prolina. R apolare aromatico: fenilalanina, tirosina, triptofano. R polare: - (serina, treonina); - S (cisteina); -SC 3 (metionina); - C 2 (asparagina e glutammina) Poco o affatto solubili in 2 Molto più solubili in 2

7 *amminoacidi essenziali * * * * * * * * * * *

8 gli aa hanno almeno un atomo di carbonio asimmetrico (C α) per cui sono molecole chirali; quelli proteici appartengono alla serie L; R 2 Struttura prospettica di un L-aa. 2 C R Proiezione di Fischer di un L-aa. R in soluzione acquosa neutra esistono come ioni dipolari o zwitterioni; solidificano come cristalli ionici, con p.f. >200 C; essendo anfoliti, li troviamo in forme diverse a seconda del p a cui si trovano;

9 AMMIACID pi ogni aa ha un preciso valore di p (pi = punto isoelettrico) in cui si trova in forma zwitterionica, cioè in cui non presenta carica netta; il valore di pi dipende dalle costanti di dissociazione dei gruppi acidi e basici presenti nella molecola; per aa monoamminomonocarbossilici il pi è vicino a sei; oltre ai venti aa che costituiscono le proteine ve ne sono altri con importanti funzioni biologiche (citrullina, ornitina, β-alanina, ecc.); Glicina 5,97 Alanina 6,02 Valina 5,97 Leucina 5,98 Isoleucina 6,02 Metionina 5,06 Fenilalanina 5,48 Triptofano 5,88 Serina 5,68 Treonina 5,60 Cisteina 5,02 Tirosina 5,67 Asparagina 5,41 Glutammina 5,70 Acido aspartico 2,98 Acido glutamminico 3,22 Arginina 10,76 Lisina 9,74 Istidina 7,59 Prolina 6,30

10 alcuni aa proteici possono essere presenti in forma modificata (metilata ad es. 3-metilistidina della miosina; ossidrilata ad es. idrossiprolina del collageno, carbossilata, ad es. acido γ-carbossiglutammico della protrombina attiva; fosforilata, ad es. fosfoserina dalla fosforilasi); tali modificazioni sono indispensabili per le funzioni delle proteine cui appartengono. STRUTTURA DELLE PRTEIE Anche la struttura tridimensionale delle catene polipeptidiche determina le funzioni biologiche della molecola.

11 Struttura primaria E determinata dalla specifica sequenza amminoacidica che ogni proteina ha. Minimi cambiamenti nella struttura primaria possono ripercuotersi anche gravemente sulle funzioni biologiche della proteina; ad es. cambiamento di un aa con un altro: es. l anemia falciforme è dovuta alla sostituzione della valina in posizione 6 della catena β con l acido glutammico, nell emoglobina. La struttura primaria è determinata geneticamente: le sequenze aa di tutte le proteine di un individuo sono codificate in tratti del suo DA (geni).

12 Le conformazioni strutturali possibili per una proteina sono innumerevoli, ma una è quella favorita, quella a minore energia, detta forma nativa. Stabilità della struttura primaria: legame peptidico e ponti disolfuro (tra residui di cisteina anche lontani nella sequenza aa). Legame peptidico C C 60 % R C R C + 40 % C 2 δ- C C x δ+ C R 2 R 2 Rotazione bloccata intorno al legame C-

13 Struttura secondaria E data dalle conformazioni spaziali assunte dalle catene peptidiche singolarmente, in tratti più o meno estesi della proteina. E dovuta agli angoli tra i piani su cui giacciono i vari legami peptidici. Le principali sono: α elica, frequente, ma per brevi tratti, più frequentemente destrorsa; angoli 80 ; 3.6 aa ogni spira; gruppi R all esterno; leg. stabilizzanti; alcune sequenze aa non sono compatibili per carica o ingombro; alcune α eliche si attorcigliano insieme, con leg., ad es. α cheratina dei capelli e delle unghie;

14 lamina β, frequente, es. fibroina della seta; (angoli 120, struttura molto più distesa; gli aa si susseguono formando un foglio pieghettato; gli R emergono dagli spigoli alternativamente al di sopra e al di sotto del foglio; due o più catene aa si trovano affiancate attraverso ponti di. R 11 R 12 R 10 R 9 R 8 R 7 R 1 R 2 R 3 R 4 R 5 R 6

15 - β turn: inversioni a U della catena (elica α o foglio β) dovute ad un legame R 10 R 9 R 8 R 11 R 7 tra il carbonile di un aa e l del terzo successivo - elica del collageno: tre catene polipeptidiche avvolte ad elica levogira ed attorcigliate insieme. Legami a solo intermolecolari. gni spira è costituita da tre aa di cui uno è sempre la glicina, gli altri due spesso prolina e idrossiprolina. Il collageno è la proteina più abbondante nei mammiferi (muscoli, cartilagini, ossa, tendini, pelle, ecc.). Ci possono essere tratti della catena privi di struttura secondaria (random coil, tratto casuale o a gomitolo).

16 Struttura terziaria ulteriore organizzazione tridimensionale compatta della molecola data dalla reciproca disposizione spaziale delle strutture secondarie. è presente soprattutto nelle proteine globulari. Le proteine fibrose, con funzione essenzialmente meccanica sono strutturate in modo più semplice e in genere non vanno oltre la struttura secondaria. Le diverse strutture terziarie si riflettono sulla funzione specifica delle singole proteine. E stabilizzata da una serie di legami: covalenti (ponti disolfuro); ionici; a ; idrofobici. I domini sono le parti della molecola che si distinguono per la particolare struttura spaziale ( aa).

17 Struttura quaternaria associazione di più catene polipeptidiche aventi già struttura terziaria. riguarda proteine molto complesse, con particolari funzioni. Ad es. l emoglobina formata da 4 subunità: 2 catene α e 2 β a ciascuna delle quali è legato un gruppo eme. CLASSIFICAZIE DELLE PRTEIE in base alla forma Fibrose: funzione meccanica (fibroina, miosina, cheratina, collageno, elastina, ecc.; Globulari: tutte le altre; in base alla composizione chimica Semplici: dall idrolisi si ottengono solo aa; composizione: C50%, 23%, 16%, 7%, S3%max; Coniugate: contengono un gruppo prostetico legato covalentemente o non;

18 in base alle proprietà chimicofisiche Protammine e istoni: basiche, solubili in acqua, contengono diamminoacidi; associate agli acidi nucleici, si trovano nei cromosomi (nucleoproteine); le protammine non coagulano al calore; Albumine: solubili in acqua, coagulano al calore; es. lattoalbumina, ovoalbumina, ecc. Globuline: solubili in sol. saline dil. a p neutro, coagulano al calore; es. ovoglobulina, fibrinogeno, ecc. Prolammine: solubili in etanolo al 70%; es. gliadina nel frumento. Gluteline: solubili in acidi e alcali diluiti; es. glutenina nel frumento. Scleroproteine: insolubili in acqua, acidi, alcali e sol. saline; il collagene bollito in acqua e lasciato raffreddare gelatinizza. G l o b u l a r i F i b r o s e

19 PRPRIETA UTRIZIALI la loro importanza è dovuta al fatto che ci forniscono aa che hanno funzione: plastica ( mattoni per la sintesi di proteine umane); regolatrice (precursori di molecole biologicamente importanti); energetica (ossidazione con il ciclo di Krebs o trasformazione in glucosio, gluconeogenesi). idrolisi nell apparato digerente ad opera di pepsina e peptidasi che le scindono in aa liberi, di- e tripeptidi; gli aa vengono assorbiti a livello intestinale e sono poi portati al fegato che è l organo chiave: regola l utilizzazione ed il metabolismo degli aa.

20 BISGI PRTEICI ed in aa ESSEZIALI le proteine del nostro corpo vengono in parte riutilizzate, ma ca. 1/5 viene utilizzata per la sintesi di sostanze non proteiche, per cui è necessario assumere aa essenziali e non, con la dieta. Il bisogno proteico totale è maggiore durante la crescita, la gravidanza e l allattamento, nel corso o in seguito a stati patologici; l adulto sano dovrebbe assumere con la dieta 0,75 g/kg di peso corporeo al giorno di proteina di alta qualità (52,5 g/die per un uomo di 70 Kg), ca. 10% dell energia totale; le proteine in eccesso rispetto ai fabbisogni non vengono immagazzinate, mentre se la dieta non assicura abbastanza calorie, gli aa vengono utilizzati in tutto o in parte per produrre energia;

21 il fabbisogno in aa essenziali è massimo nei primi mesi di vita e decresce con l età in maniera molto maggiore di quanto non sia per il fabbisogno proteico totale (notevole capacità dell organismo adulto di riciclare gli aa essenziali); anche il carente apporto di un solo aa compromette la sintesi proteica e gli aa presenti vengono degradati. VALRE PRTEIC degli ALIMETI è dato da quantità, qualità, digeribilità delle proteine contenute nell alimento; proteine ad alto valore biologico: di origine animale, hanno composizione aa vicina a quella delle proteine umane; Latte vaccino: 3,5 % uova: 13 % carne, pesce: % formaggi: % Le proteine globulari hanno maggiore digeribilità rispetto alle fibrose.

22 Cereali e legumi: 8-40 %; sono proteine con discreto valore biologico, ma la loro disponibilità è abbassata per l associazione alla fibra nell alimento e per la presenza di fattori antinutrizionali. Contengono tutti gli aa essenziali, ma alcuni in quantità troppo basse: lisina, treonina e triptofano per i cereali, metionina per i legumi. Piccole quantità di proteine animali (in particolare quelle del latte hanno un adatta composizione) sono sufficienti ad integrare quelle dei cereali. Anche le proteine dei legumi possono compensare il contenuto proteico dei cereali, tuttavia si ritiene opportuno che almeno il % del fabbisogno proteico giornaliero sia di origine animale. Frutta e ortaggi: bassi contenuti (ca. 3 %) sia qualitativi che quantitativi. aminoacidi essenziali in proteine di diversi alimenti in relazione al loro contenuto nelle proteine del latte materno Whole egg Ph Peas Wheat Isoleucine Leucin Vaccine milk Beef Methionine Soy Peas + wheat Lysine P h Threonine Ph Ph Phenylalanine Valin ystidin Tryptophan Phen ylala nine

23 PRPRIETA FUZIALI DELLE PRTEIE Sono proprietà chimico-fisiche che determinano alcuni caratteri organolettici (aspetto, consistenza, ecc.) degli alimenti ed il loro comportamento nelle trasformazioni alimentari (assorbimento di acqua, rigonfiamento, formazione di gel, schiume, ecc.). idratazione; interazione con altre proteine; di superficie; Dipendono anche da c, p, T, presenza di altre sostanze, ecc. Interazioni proteine-acqua l acqua degli alimenti si trova quasi sempre associata alle proteine, ne modifica forma e ne influenza proprietà chimico-fisiche; l acqua può essere libera (o congelabile, acqua di imbibizione si è insinuata nei pori per capillarità ed è trattenuta fisicamente)

24 oppure legata (incongelabile, di struttura o adsorbita sulla superficie); la solubilità in acqua è una proprietà a cui spesso sono legate altre funzioni della proteina e dipende da diversi fattori: ad es. aumenta allontanandosi dal pi e diminuisce con la denaturazione (sovente si ha precipitazione a seguito di riscaldamento a T > 50 C). Interazioni proteina- proteina le proteine tendono ad aggregarsi tra di loro attraverso legami (a, covalenti di -S-S-, idrofobici, dipolari) in due modi: disordinato (precipitazione) o con ordine (gelificazione); affinchè si formi un gel (importante nella preparazione di cibi) si deve avere un dispiegamento delle proteine con esposizione dei gruppi R che possono così interagire ordinatamente.

25 le interazioni idrofobiche sono favorite ad alte T, mentre i legami, a basse T; i gel stabilizzati da ponti disolfuro (es. ovoalbumina) sono termoirreversibili, quelli stabilizzati da leg. sono termoreversibili (es. gelatina del collageno). Proprietà di superficie fondamentali nella formazione e stabilizzazione di schiume ed emulsioni: schiume: bolle d aria disperse in una fase liquida o semiliquida continua (es. albume montato a neve); emulsioni: minute gocce di un liquido (fase dispersa) sospese in un altro (fase continua); di solito la fase dispersa è costituita da lipidi e quella continua da acqua (es. latte), ma a volte è il contrario (es. burro).

26 le proteine facilitano la formazione di schiume ed emulsioni disponendosi sulla superficie all interfaccia tra la fase dispersa e la fase continua abbassando la tensione superficiale (per far ciò devono essere povere di strutture secondarie e terziarie oppure devono aver subito parziale denaturazione, svolgendosi); le emulsioni sono stabilizzate da proteine con gruppi R idrofobici che possono instaurare legami con le bolle lipidiche (es. caseine); le proteine con superficie molto idrofila (es. proteine del siero del latte) hanno scarso potere emulsionante; le schiume sono stabilizzate da proteine molto flessibili e mobili che contrastano la rottura delle bolle d aria.

27 DSAGGI delle PRTEIE Si fa riferimento alla quantità di azoto presente in un determinato peso di un alimento, assumendo che provenga tutto da fonti proteiche. Scandalo melamina nel latte, settembre 2008, Cina Metodo Kjeldahl Scaldando a lungo pochi grammi dell alimento in esame con 2 S 4, si ottiene la completa mineralizzazione della frazione organica. Tutto l azoto presente si trasforma in ammonio(solfato), il quale trattato con una base forte, libera ammoniaca che viene titolata. La quantità di va moltiplicata per un fattore di conversione (circa 6) ottenuto calcolando la percentuale media di azoto nelle proteine (ca.16%). Latte 6.68 (15.0%) Uova 6.38 (15.7%) Cereali 5.70 (17.5%) Carne 6.25 (16%)

28 Dosaggio degli amminoacidi Al campione proteico viene addizionato Cl 6 e si porta all ebollizione che viene protratta per 24h. In tal modo si ha un idrolisi totale, con liberazione di tutti gli aa della proteina che possono essere poi dosati ed identificati con diversi metodi. 2 R 2 +, R 1 R 3 R 1 R 2 R 3 METD CRMATGRAFIC: Si usano resine a scambio cationico, polimeri insolubili a cui sono legati gruppi -S 3-. Si fa passare attraverso una colonna impaccata con resina a scambio cationico, una soluzione acida contenente la miscela di aa. Questi sono trattenuti dalla resina a causa delle forze attrattive che si esercitano tra i gruppi solfonato ed i gruppi e le cariche positive degli aa. Gli aa più basici (con più cariche positive) sono trattenuti più fortemente dalla resina. Si fa eluire la miscela di aa con una soluzione tampone a p acido, poi mano a mano si aumenta il p dell eluente cambiando la soluzione tampone, in modo da spostare dalla resina anche gli aa più basici.

Amminoacidi e Proteine

Amminoacidi e Proteine Amminoacidi e Proteine Struttura generale di un α-amminoacido R = catena laterale AMMINOACIDI (AA) CELLULARI Gli amminoacidi presenti nella cellula possono essere il prodotto di idrolisi delle proteine

Dettagli

LE BIOMOLECOLE DETTE ANCHE MOLECOLE ORGANICHE; CARBOIDRATI PROTEINE. sono ACIDI NUCLEICI. molecole complesse = POLIMERI. formate dall'unione di

LE BIOMOLECOLE DETTE ANCHE MOLECOLE ORGANICHE; CARBOIDRATI PROTEINE. sono ACIDI NUCLEICI. molecole complesse = POLIMERI. formate dall'unione di LE BIOMOLECOLE LE BIOMOLECOLE DETTE ANCHE MOLECOLE ORGANICHE; CARBOIDRATI LE BIOMOLECOLE sono LIPIDI PROTEINE ACIDI NUCLEICI molecole complesse = POLIMERI formate dall'unione di molecole semplici = MONOMERI

Dettagli

amminico è legato all atomo di carbonio immediatamente adiacente al gruppo carbonilico e hanno la seguente

amminico è legato all atomo di carbonio immediatamente adiacente al gruppo carbonilico e hanno la seguente Gli amminoacidi naturali sono α-amminoacidi : il gruppo amminico è legato all atomo di carbonio immediatamente adiacente al gruppo carbonilico e hanno la seguente formula generale: gruppo funzionale carbossilico

Dettagli

Gli amminoacidi Gli amminoacidi sono dei composti polifunzionali che hanno formula generale:

Gli amminoacidi Gli amminoacidi sono dei composti polifunzionali che hanno formula generale: Gli amminoacidi Gli amminoacidi sono dei composti polifunzionali che hanno formula generale: N 2 Il nome ordinario degli amminoacidi prevale su quello della nomenclatura IUPA. Si possono avere α-amminoacidi,

Dettagli

aa 2013-14 Proteine Struttura delle Proteine α Amminoacidi

aa 2013-14 Proteine Struttura delle Proteine α Amminoacidi Proteine Biopolimeri degli α-amino acidi. Amino acidi sono uniti attraverso il legame peptidico. Alcune funzioni: Struttura (collagene, cheratina ecc.) Enzimi (maltasi, deidrogenasi ecc) Trasporto (albumine,

Dettagli

AMMINOACIDI E PROTEINE

AMMINOACIDI E PROTEINE AMMINOACIDI E PROTEINE Vengono chiamate amminoacidi quelle molecole organiche in cui sono contemporaneamente presenti sia un gruppo acido carbossilico -COO che un gruppo amminico -N2. Una molecola appartenente

Dettagli

PROTEINA GREGGIA (P.G.)

PROTEINA GREGGIA (P.G.) PROTEINA GREGGIA (P.G.) Il contenuto proteico di un alimento è valutato dal suo tenore in azoto, determinato con il metodo Kjeldahl modificato. Il metodo Kjeldahl valuta la maggior parte dell azoto presente

Dettagli

Gli amminoacidi Il legame peptidico Motivi strutturali classificazione, architettura topologia delle strutture tridimensionali di proteine.

Gli amminoacidi Il legame peptidico Motivi strutturali classificazione, architettura topologia delle strutture tridimensionali di proteine. Struttura di proteine Gli amminoacidi Il legame peptidico Motivi strutturali classificazione, architettura topologia delle strutture tridimensionali di proteine. Correlazioni struttura-funzione Gli amminoacidi

Dettagli

AMINOACIDI - 1 AMINOACIDI - 2

AMINOACIDI - 1 AMINOACIDI - 2 AMINOAIDI - 1 Proteine (gr. pròtos = primo) 50-80% peso secco cellulare GENE POTEINA EFFETTO proteine calore idrolisi acida o alcalina α-aminoacidi proteasi Struttura generale degli α-aminoacidi primari

Dettagli

Livello di organizzazione degli esseri viventi

Livello di organizzazione degli esseri viventi Livello di organizzazione degli esseri viventi _Organismo; _Apparato; _Organo; _Tessuti; _Cellule; _Organelli cellulari; _Molecole. Atomo, elemento, molecola, composto, formula, legame, elettronegativita.

Dettagli

4x4x4=4 3 =64 codoni. 20 aminoacidi

4x4x4=4 3 =64 codoni. 20 aminoacidi 4x4x4=4 3 =64 codoni 20 aminoacidi 1 Le 20 diverse catene laterali (gruppo R) che costituiscono gli aminoacidi si differenziano considerevolmente per dimensioni, volume e per le loro caratteristiche fisico-chimiche,

Dettagli

Capitolo 17. Risposte alle domande interne al capitolo. 17.1 (p. 501) a. glicina. b. prolina. c. treonina. d. aspartato

Capitolo 17. Risposte alle domande interne al capitolo. 17.1 (p. 501) a. glicina. b. prolina. c. treonina. d. aspartato apitolo 17 Risposte alle domande interne al capitolo 17.1 (p. 501) a. glicina b. prolina c. treonina d. aspartato e. 17.2 (p. 501) a. La glicina è un aminoacido idrofobico. b. La prolina è un aminoacido

Dettagli

Struttura delle proteine

Struttura delle proteine Struttura delle proteine Nelle proteine vi sono quattro livelli di organizzazione strutturale Struttura Primaria: sequenza di aminoacidi legati tra loro da legami peptidici Tutte le proteine esistenti

Dettagli

Lezione 2. Sommario. Bioinformatica. Lezione 2: AMMINOACIDI E POLIPEPTIDI Aminoacidi e proteine. Mauro Ceccanti e Alberto Paoluzzi

Lezione 2. Sommario. Bioinformatica. Lezione 2: AMMINOACIDI E POLIPEPTIDI Aminoacidi e proteine. Mauro Ceccanti e Alberto Paoluzzi Lezione 2 Bioinformatica Mauro Ceccanti e Alberto Paoluzzi Lezione 2: AMMINOACIDI E POLIPEPTIDI Aminoacidi e proteine Dip. Informatica e Automazione Università Roma Tre Dip. Medicina Clinica Università

Dettagli

AMINOACIDI. GENE PROTEINA EFFETTO. calore. idrolisi acida (o alcalina) Struttura generale degli α-aminoacidi primari (standard, normali):

AMINOACIDI. GENE PROTEINA EFFETTO. calore. idrolisi acida (o alcalina) Struttura generale degli α-aminoacidi primari (standard, normali): AMINOAIDI. Proteine (gr. pròtos = primo) > 50% peso secco cellulare GENE POTEINA EFFETTO proteine calore idrolisi acida (o alcalina) α-aminoacidi Struttura generale degli α-aminoacidi primari (standard,

Dettagli

BIOMOLECOLE (IN ALIMENTAZIONE SONO CLASSIFICATE TRA I MACRONUTRIENTI)

BIOMOLECOLE (IN ALIMENTAZIONE SONO CLASSIFICATE TRA I MACRONUTRIENTI) BIOMOLECOLE (IN ALIMENTAZIONE SONO CLASSIFICATE TRA I MACRONUTRIENTI) Sono i composti chimici dei viventi. Sono formate da Carbonio (C), Idrogeno (H), Ossigeno (O), Azoto (N), Fosforo (P) e Zolfo (S).

Dettagli

N 2, malgrado la sua abbondanza, è un fattore limitante la crescita della maggior parte degli organismi

N 2, malgrado la sua abbondanza, è un fattore limitante la crescita della maggior parte degli organismi Glicina (Gly) Alanina (Ala) N 2, malgrado la sua abbondanza, è un fattore limitante la crescita della maggior parte degli organismi La digestione delle proteine endopeptidasi H O R H O R R H 3+ N -C-C-NH-C-C-NH-C-C-NH-C-C-NH-C-COO

Dettagli

Le proteine. Polimeri composto da 20 diversi aminoacidi

Le proteine. Polimeri composto da 20 diversi aminoacidi Le proteine Polimeri composto da 20 diversi aminoacidi (D. Voet, J.G. Voet, Biochemistry, 3 ed., John Wiley & Sons, 2004) PROTEINE come ATTUATORI nella cellula Trasporto elettronico Trasporto di ioni e

Dettagli

Metabolismo degli aminoacidi

Metabolismo degli aminoacidi Metabolismo degli aminoacidi Quando gli aminoacidi provenienti dalla digestione gastrica e intestinale, non vengono utilizzati per la costruzione di nuove proteine vengono demoliti Transaminazione Per

Dettagli

i principi alimentari

i principi alimentari i principi alimentari CARBOIDRATI glucidi PROTEINE protidi GRASSI lipidi VITAMINE SALI MINERALI ACQUA 1 carboidrati glucidi o zuccheri sono composti di carbonio, idrogeno e ossigeno Lo zucchero più semplice

Dettagli

Le proteine. Le proteine sono macromolecole che presentano differenze funzionali e strutturali

Le proteine. Le proteine sono macromolecole che presentano differenze funzionali e strutturali Le proteine Le proteine sono macromolecole che presentano differenze funzionali e strutturali LE PROTEINE HANNO FUNZIONI BIOLOGICHE DIVERSE enzimi proteine di trasporto proteine strutturali proteine di

Dettagli

che è caratteristico degli alcoli (es CH 3 -CH 2 -OH etanolo) gruppo carbonilico che si trova in composti detti chetoni;

che è caratteristico degli alcoli (es CH 3 -CH 2 -OH etanolo) gruppo carbonilico che si trova in composti detti chetoni; LE BIOMOLECOLE 1. IL CARBONIO E I SUOI COMPOSTI Il carbonio è l'elemento base del mondo vivente. Ciò si deve alla sua particolare capacità di formare 4 legami covalenti, in genere molto forti, o con altri

Dettagli

Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di CHIMICA BIOLOGICA. Angela Chambery Lezione 4

Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di CHIMICA BIOLOGICA. Angela Chambery Lezione 4 Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di CHIMICA BIOLOGICA Angela Chambery Lezione 4 Scoperta degli amminoacidi: gli amminoacidi essenziali Gli amminoacidi essenziali sono quegli amminoacidi che un

Dettagli

STRUTTURA E FUNZIONE DELLE PROTEINE

STRUTTURA E FUNZIONE DELLE PROTEINE STRUTTURA E FUNZIONE DELLE PROTEINE Le PROTEINE sono i biopolimeri maggiormente presenti all interno delle cellule, dal momento che costituiscono dal 40 al 70% del peso secco. Svolgono funzioni biologiche

Dettagli

Le Biomolecole I parte. Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti

Le Biomolecole I parte. Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti Le Biomolecole I parte Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti LE BIOMOLECOLE Le biomolecole, presenti in tutti gli esseri viventi, sono molecole composte principalmente da carbonio, idrogeno, azoto e ossigeno.

Dettagli

PROTEINE. Amminoacidi

PROTEINE. Amminoacidi PROTEINE Le proteine sono le macromolecole alla base delle attività cellulari. Sono oltre diecimila per cellula, dove svolgono differenti funzioni: Sono ad esempio: enzimi: aumentano la velocità delle

Dettagli

I gruppi R differenziano i 20 amminoacidi standard. Tratto da D. Voet, G. Voet e C.W. Pratt Fondamenti di biochimica

I gruppi R differenziano i 20 amminoacidi standard. Tratto da D. Voet, G. Voet e C.W. Pratt Fondamenti di biochimica Gli aminoacidi NOMENCLATURA Aminoacido Abbr. tre lettere Abbr. una lettera Aminoacido Abbr. tre lettere Abbr. una lettera Alanina ALA A Lisina LYS K Arginina ARG R Metionina MET M Asparagina ASN N Fenilalanina

Dettagli

L E P R O T E I N E. Le proteine sono macromolecole formate dall'unione di molte unità elementari chiamate amminoacidi (AA).

L E P R O T E I N E. Le proteine sono macromolecole formate dall'unione di molte unità elementari chiamate amminoacidi (AA). L E P R O T E I N E ASPETTI GENERALI I protidi o proteine sono i costituenti principali delle cellule, sia animali che vegetali; sono sempre presenti negli esseri viventi dei quali entrano a far parte

Dettagli

I L I P I D I. Lipidi complessi: fosfolipidi e glicolipidi; sono formati da CHO e altre sostanze.

I L I P I D I. Lipidi complessi: fosfolipidi e glicolipidi; sono formati da CHO e altre sostanze. I L I P I D I ASPETTI GENERALI I Lipidi o grassi sono la riserva energetica del nostro organismo; nel corpo umano costituiscono mediamente il 17% del peso corporeo dove formano il tessuto adiposo. In generale

Dettagli

I composti organici della vita: carboidrati, lipidi, proteine e acidi nucleici

I composti organici della vita: carboidrati, lipidi, proteine e acidi nucleici I composti organici della vita: carboidrati, lipidi, proteine e acidi nucleici La seta della tela di ragno è un insieme di macromolecole, dette proteine. Sono le caratteristiche fisico-chimiche di queste

Dettagli

Digestione delle proteine: 6 fasi

Digestione delle proteine: 6 fasi orletto a spazzola Digestione delle proteine: 6 fasi 1. Idrolisi gastrica del legame peptidico 2. Digestione a peptidi più piccoli da parte delle proteasi pancreatiche nel lume dell intestino tenue 3.

Dettagli

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici Prof. Carlo Carrisi Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti: servono a nutrire l organismo, derivano dalla digestione, vengono

Dettagli

Strutture molecolari della cellula: Bio-macromolecole. Prof. C. Guarino

Strutture molecolari della cellula: Bio-macromolecole. Prof. C. Guarino Strutture molecolari della cellula: Bio-macromolecole Prof. C. Guarino INTRO Ogni cellula vivente racchiude una pluralità di molecole diverse L acqua è l elemento dominante, nelle cellule vegetali e nei

Dettagli

Spettrofotometria e analisi di amminoacidi. Quantizzazione di proteine e di miscele di amminoacidi

Spettrofotometria e analisi di amminoacidi. Quantizzazione di proteine e di miscele di amminoacidi Spettrofotometria e analisi di amminoacidi Quantizzazione di proteine e di miscele di amminoacidi Assorbimento della luce ONDE ELETTROMAGNETICHE La radiazione elettromagnetica è, dal punto di vista dell'elettromagnetismo

Dettagli

Le proteine rappresentano gli elementi strutturali e funzionali più importanti nei sistemi viventi. Qualsiasi processo vitale dipende da questa

Le proteine rappresentano gli elementi strutturali e funzionali più importanti nei sistemi viventi. Qualsiasi processo vitale dipende da questa Gli amminoacidi Le proteine rappresentano gli elementi strutturali e funzionali più importanti nei sistemi viventi. Qualsiasi processo vitale dipende da questa classe di molecole: p. es. la catalisi delle

Dettagli

IL LATTE. Le femmine dei mammiferi cominciano a produrre latte al termine della gravidanza in seguito a stimoli neuroendocrini.

IL LATTE. Le femmine dei mammiferi cominciano a produrre latte al termine della gravidanza in seguito a stimoli neuroendocrini. IL LATTE DEFINIZIONE GENERALE Per latte alimentare si intende il prodotto ottenuto dalla mungitura regolare, ininterrotta e completa di animali in buono stato di salute e di nutrizione. Le femmine dei

Dettagli

L educazione alimentare

L educazione alimentare L educazione alimentare Educazione alimentare: alimenti e nutrienti Sono ALIMENTI tutte le sostanze che l organismo può utilizzare per l accrescimento, il mantenimento e il funzionamento delle strutture

Dettagli

Pur rappresentando il 60-65% delle calorie della dieta sono contenuti nel corpo solo per l 1% 60-65% 1%

Pur rappresentando il 60-65% delle calorie della dieta sono contenuti nel corpo solo per l 1% 60-65% 1% CARBOIDRATI 1 GLUCIDI Il termine deriva dal greco, dolce, dato che i più semplici hanno sapore dolce; vengono anche chiamati carboidrati Sono i costituenti più importanti dei vegetali che li sintetizzano

Dettagli

Nota dell editore Presentazione

Nota dell editore Presentazione 00PrPag 3-08-2007 11:42 Pagina V Autori Nota dell editore Presentazione XI XIII XV Parte I Chimica 1 Struttura dell atomo 3 Teorie atomiche 3 Costituenti dell atomo 4 Numeri quantici 5 Tipi di orbitali

Dettagli

GUIDA ORTOMOLECOLARE ALLA INTERPRETAZIONE DEL TEST DEGLI AMINOACIDI

GUIDA ORTOMOLECOLARE ALLA INTERPRETAZIONE DEL TEST DEGLI AMINOACIDI GUIDA ORTOMOLECOLARE ALLA INTERPRETAZIONE DEL TEST DEGLI AMINOACIDI AMINOACIDI ESSENZIALI Gli aminoacidi indispensabili, noti anche come aminoacidi essenziali, devono essere forniti al corpo con gli alimenti

Dettagli

Metabolismo dei composti azotati: aminoacidi e nucleotidi

Metabolismo dei composti azotati: aminoacidi e nucleotidi Metabolismo dei composti azotati: aminoacidi e nucleotidi Metabolismo degli aminoacidi I composti azotati L azoto contenuto nella cellula è presente soprattutto negli AMINOACIDI delle proteine e nelle

Dettagli

REPLICAZIONE DEL DNA

REPLICAZIONE DEL DNA REPLICAZIONE DEL DNA La replicazione (o anche duplicazione) è il meccanismo molecolare attraverso cui il DNA produce una copia di sé stesso. Ogni volta che una cellula si divide, infatti, l'intero genoma

Dettagli

Le idee della chimica

Le idee della chimica G. Valitutti A.Tifi A.Gentile Seconda edizione Copyright 2009 Zanichelli editore Capitolo 25 Le basi della biochimica 1. I carboidrati 2. I lipidi 3. Gli amminoacidi, i peptidi e le proteine 4. La struttura

Dettagli

La biochimica è anche definita la chimica del C :

La biochimica è anche definita la chimica del C : Tutte le cellule viventi sono composte da macromolecole simili, costituite dalle stesse piccole molecole di base. La grande diversità è data dalle diverse combinazioni di 4 principali elementi C H O N

Dettagli

Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di BIOCHIMICA. Angela Chambery Lezione 9

Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di BIOCHIMICA. Angela Chambery Lezione 9 Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di BIOCHIMICA Angela Chambery Lezione 9 Funzioni delle proteine Concetti chiave: La varietà strutturale delle proteine consente loro di svolgere un enorme quantità

Dettagli

Degradazione delle proteine della dieta. Catabolismo degli aminoacidi

Degradazione delle proteine della dieta. Catabolismo degli aminoacidi Degradazione delle proteine della dieta Catabolismo degli aminoacidi LE PROTEINE DELLA DIETA SONO DEGRADATE ENZIMATICAMENTE AD AMINOACIDI LIBERI L ingresso di una proteina nello stomaco stimola la mucosa

Dettagli

I Composti Organici. Le Biomolecole

I Composti Organici. Le Biomolecole I Composti Organici I composti organici sono molecole tutte contenenti carbonio. Essi comprendono. 1. composti di interesse energetico che sono gli Idrocarburi ( i derivati del petrolio), 2. composti a

Dettagli

Legami chimici. Covalente. Legami deboli

Legami chimici. Covalente. Legami deboli Legami chimici Covalente Legami deboli Legame fosfodiesterico Legami deboli Legami idrogeno Interazioni idrofobiche Attrazioni di Van der Waals Legami ionici Studio delle macromolecole Lipidi

Dettagli

Dipartimento Di Scienze Della Vita STRUTTURA DELLE PROTEINE

Dipartimento Di Scienze Della Vita STRUTTURA DELLE PROTEINE Dipartimento Di Scienze Della Vita STRUTTURA DELLE PROTEINE LE PROTEINE possono assumere 4 LIVELLI DI ORGANIZZAZIONE STRUTTURA PRIMARIA SEQUENZA degli amminoacidi STRUTTURA SECONDARIA Ripiegamento locale

Dettagli

Scaricato da www.sunhope.it 17/11/2010

Scaricato da www.sunhope.it 17/11/2010 MDUL 2 LE MLECLE BILGICHE BIMLECLE Costituiscono le strutture presenti negli organismi viventi UNITÀ 2.1 I GLUCIDI GLICIDI o ZUCCHERI o CARBIDRATI I diversi tipi di glicidi Caratteristiche: Sono composti

Dettagli

Nutrizione. Protidi. Lipidi. Glucidi. Vitamine. Minerali. Acqua Alcool

Nutrizione. Protidi. Lipidi. Glucidi. Vitamine. Minerali. Acqua Alcool Nutrizione E il processo attraverso il quale l organismo utilizza i nutrienti ingeriti con il cibo. La nutrizione valuta: - le interazioni tra organismi viventi e cibo - le azioni ed interazioni dei nutrienti,

Dettagli

Dall RNA alle proteine. La traduzione nei procarioti e negli eucarioti

Dall RNA alle proteine. La traduzione nei procarioti e negli eucarioti Dall RNA alle proteine La traduzione nei procarioti e negli eucarioti Codice genetico La sequenza dell mrna viene decodificata a gruppi di tre nucleotidi, e tradotta in una sequenza di amminoacidi 4 x

Dettagli

Seminario. Domini modulari delle proteine 1

Seminario. Domini modulari delle proteine 1 Seminario Proteine della matrice DOMINI E MODULI Domini modulari delle proteine 1 La maggior parte dei peptidi consiste in disposizioni lineari di regioni globulari, ripiegate in modo indipendente, dette

Dettagli

DOMINI E MODULI 02/04/2014. Domini modulari delle proteine 2

DOMINI E MODULI 02/04/2014. Domini modulari delle proteine 2 Domini modulari delle proteine 1 Proteine della matrice DOMINI E MODULI La maggior parte dei peptidi consiste in disposizioni lineari di regioni globulari, ripiegate in modo indipendente, dette domini,

Dettagli

I GLICIDI (ZUCCHERI, CARBOIDRATI)

I GLICIDI (ZUCCHERI, CARBOIDRATI) I GLICIDI (ZUCCHERI, CARBOIDRATI) Hanno come compito principale la produzione di energia, indispensabile per i processi vitali dell'organismo. Inoltre partecipano alla costituzione di fattori vitaminici,

Dettagli

dieta vengono convertiti in composti dei corpi chetonici.

dieta vengono convertiti in composti dei corpi chetonici. Metabolismo degli aminoacidi Metabolismo degli aminoacidi Gli aminoacidi introdotti in eccesso con la dieta vengono convertiti in composti precursori del glucosio, degli acidi grassi e dei corpi chetonici.

Dettagli

Traduzione dell informazione genetica (1)

Traduzione dell informazione genetica (1) Traduzione dell informazione genetica (1) 1 Traduzione dell informazione genetica (2) Il processo negli eucarioti richiede: 70 diverse proteine ribosomiali >20 enzimi che attivano i precursori degli amminoacidi

Dettagli

Farine animali. Comprendono tutti i sottoprodotti derivanti dalla lavorazione di carne, pesce e latte.

Farine animali. Comprendono tutti i sottoprodotti derivanti dalla lavorazione di carne, pesce e latte. Farine animali Comprendono tutti i sottoprodotti derivanti dalla lavorazione di carne, pesce e latte. Vengono impiegate in virtù per il loro elevato livello di aminoacidi e minerali ma sono anche ricche

Dettagli

I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento

I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento dossier FRUMENTO 2 I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento Aumentare la resa del frumento, e contemporaneamente anche la qualità, è possibile solo con una concimazione azotata continua

Dettagli

Peptidi, proteine ed e nzim i i 1

Peptidi, proteine ed e nzim i i 1 Peptidi, proteine ed enzimi 1 Gli amminoacidi possono formare catene Due amminoacidi possono unirsi tra loro attraverso il legame ammidico detto legame peptidico, tra il gruppo NH 2 di un amminoacido e

Dettagli

corta catena (meno di 20 ammino acidi) mancanza di una struttura spaziale organizzata lunga catena di ammino acidi struttura spaziale organizzata

corta catena (meno di 20 ammino acidi) mancanza di una struttura spaziale organizzata lunga catena di ammino acidi struttura spaziale organizzata STRUTTURA DELLE PROTEINE Peptide: corta catena (meno di 20 ammino acidi) mancanza di una struttura spaziale organizzata Polipeptide (proteina): lunga catena di ammino acidi struttura spaziale organizzata

Dettagli

Prof. Maria Nicola GADALETA

Prof. Maria Nicola GADALETA Prof. Maria Nicola GADALETA E-mail: m.n.gadaleta@biologia.uniba.it Facoltà di Scienze Biotecnologiche Corso di Laurea in Biotecnologie Sanitarie e Farmaceutiche Biochimica e Biotecnologie Biochimiche DISPENSA

Dettagli

INSOLUBILI IN ACQUA E SOLUBILI NEI SOLVENTI ORGANICI NON POLARI

INSOLUBILI IN ACQUA E SOLUBILI NEI SOLVENTI ORGANICI NON POLARI LIPIDI Una delle quattro principali classi di sostanze biologicamente attive. I lipidi (la parola deriva dal greco lípos, grasso) sono costituenti delle piante e degli animali, caratterizzati da particolari

Dettagli

saccaridi glucidi (CH O) poli-idrossi chetoni aldeidi monosaccaridi oligo- e poli-saccaridi il glucosio amido cellulosa

saccaridi glucidi (CH O) poli-idrossi chetoni aldeidi monosaccaridi oligo- e poli-saccaridi il glucosio amido cellulosa I carboidrati I carboidrati (o saccaridi o glucidi) hanno formula bruta (CH 2 O) n, dove n è maggiore di 3. Chimicamente sono poli-idrossi chetoni o aldeidi ed esistono sia in forma semplice (monosaccaridi)

Dettagli

Alimentazione: concetti generali

Alimentazione: concetti generali Federazione Italiana Rugby: Corso per preparatori fisici per il rugby. Tirrenia, 20-26 agosto 2006 Alimentazione: concetti generali Dott.ssa Silvia Pogliaghi Specialista in medicina dello Sport Ricercatore

Dettagli

Il Frumento. Tratto da: Alimentazione e Superstizione di Claudia Luoni e Antonio G. Traverso, Edizioni Ecosalute, 2007.

Il Frumento. Tratto da: Alimentazione e Superstizione di Claudia Luoni e Antonio G. Traverso, Edizioni Ecosalute, 2007. 1 2 3 4 5 Il Frumento Tratto da: Alimentazione e Superstizione di Claudia Luoni e Antonio G. Traverso, Edizioni Ecosalute, 2007. L'alimento che più consumiamo è sicuramente il frumento; pane, pasta, dolci,

Dettagli

Metabolismo degli amminoacidi

Metabolismo degli amminoacidi Metabolismo degli amminoacidi Gli amminoacidi derivati in gran parte dalla degradazione delle proteine della dieta o intracellulari possono essere ossidati per generare e energia. La quantità di energia

Dettagli

GIOCHI DELLA CHIMICA

GIOCHI DELLA CHIMICA GIOCHI DELLA CHIMICA FASE D ISTITUTO (TRIENNIO) 21 marzo 2016 La prova è costituita da 50 quesiti. ALUNNO CLASSE Scrivi la risposta a ciascuna domanda nel foglio risposte allegato. 1. Quale dei seguenti

Dettagli

Principi nutritivi calorici

Principi nutritivi calorici Principi nutritivi calorici funzione energetica costruttiva regolatrice principi nutritivi glucidi lipidi protidi 1 PROTEINE Cosa sono? Fonte principale di azoto dell organismo Catene formate dall unione

Dettagli

PROTEINE Proteine ed aminoacidi Le proteine o protidi sono composti azotati ad elevato peso molecolare Rappresentano i costituenti fondamentali del

PROTEINE Proteine ed aminoacidi Le proteine o protidi sono composti azotati ad elevato peso molecolare Rappresentano i costituenti fondamentali del PROTEINE Proteine ed aminoacidi Le proteine o protidi sono composti azotati ad elevato peso molecolare Rappresentano i costituenti fondamentali del protoplasma Hanno grandissima importanza anche alimentare

Dettagli

BIOMOLECOLE STRUTTURA E FUNZIONE

BIOMOLECOLE STRUTTURA E FUNZIONE BIOMOLECOLE STRUTTURA E FUNZIONE Lo studio delle relazioni tra struttura e funzione nelle biomolecole è uno degli aspetti più importanti per la comprensione del funzionamento dei processi biologici La

Dettagli

A livello della loro struttura chimica, come i grassi, anche i carboidrati sono composti ternari, formati cioè da tre molecole:

A livello della loro struttura chimica, come i grassi, anche i carboidrati sono composti ternari, formati cioè da tre molecole: I carboidrati costituiscono la fonte di energia principale per lo svolgimento di tutte le funzioni organiche (mantenimento della temperatura corporea, battito cardiaco, funzioni cerebrali, digestione,

Dettagli

La sostanza organica

La sostanza organica La sostanza organica La frazione solida di un suolo comprende anche la componente organica. Il contenuto di sostanza organica in un suolo è molto variabile, in genere nell intervallo 0.5-10 %, (5% in media).

Dettagli

Il ciclo nutrizione / digiuno

Il ciclo nutrizione / digiuno Il ciclo nutrizione / digiuno Aspetti generali La fase di assorbimento è il periodo che va dalle 2 alle 4 ore successive all assunzione di un pasto. Durante questo intervallo si verifica un transitorio

Dettagli

False credenze e nuove certezze Reggio Emilia 22.11.2014

False credenze e nuove certezze Reggio Emilia 22.11.2014 I consumi di proteine 1861-2007 Come sono fatte le proteine? Le proteine sono uno dei tre macronutrienti (gli altri sono carboidrati e grassi), su cui si basa principalmente la nostra alimentazione.

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

GLICIDI, GRASSI, PROTEINE

GLICIDI, GRASSI, PROTEINE SPECIALE: "ALIMENTAZIONE E SPORT" GLICIDI, GRASSI, PROTEINE Testo e disegni di Stelvio Beraldo I GLICIDI (ZUCCHERI, CARBOIDRATI) Hanno come compito principale la produzione di energia, indispensabile per

Dettagli

BIOLOGIA GENERALE. Alessandro Massolo Dip. Biologia Animale e Genetica c/o Prof. F. Dessì-Fulgheri (Via Romana 17) massolo@unifi.

BIOLOGIA GENERALE. Alessandro Massolo Dip. Biologia Animale e Genetica c/o Prof. F. Dessì-Fulgheri (Via Romana 17) massolo@unifi. Biologia generale Massolo Alessandro massolo@unifi.it; Tel. 347-9403330 BIOLOGIA GENERALE Facoltà di Scienze della Formazione Scienze della Formazione Primaria Alessandro Massolo Dip. Biologia Animale

Dettagli

COSA SONO I NUTRIENTI?

COSA SONO I NUTRIENTI? 1. DAGLI ALIMENTI AI NUTRIENTI Gli alimenti che mangiamo vengono digeriti e scomposti in elementi più semplici, i nutrienti, che vengono riversati nel flusso sanguigno per essere distribuiti a tutte le

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA PROTEINE BCP 1-2

INTRODUZIONE ALLA PROTEINE BCP 1-2 INTRODUZIONE ALLA BIOCHIMICA DELLE PROTEINE BCP 1-2 Pietre miliari Lehninger 1973 Biochemistry Proteine ricombinanti Protein engineering Cristallografia, NMR, EM, MS, spettroscopie... Computing Bioinformaticai

Dettagli

Progetto «Puliamo Garibaldi» Geanina Mihai VD Liceo classico Giulio Cesare

Progetto «Puliamo Garibaldi» Geanina Mihai VD Liceo classico Giulio Cesare Progetto «Puliamo Garibaldi» Geanina Mihai VD Liceo classico Giulio Cesare Qual è il rame e qual è lo stagno? E iniziato così questo progetto. Si tratta di «pulire Garibaldi»,quindi di pulire una statua.la

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Metabolismo degli Ammino Acidi

Metabolismo degli Ammino Acidi Metabolismo degli Ammino Acidi (La proteina stimola la secrezione della gastrina che stimola la secrezione di l e pepsinogeno) R 1 - R 2 - N 3 Transaminasi R 1 - R 2 - N 3 Transaminasi (amminotransferasi)

Dettagli

Le molecole della vita

Le molecole della vita Le molecole della vita Inorganici -Acqua -Ossigeno (O 2 ), Anidride carbonica (CO 2 ) -Elementi minerali quali Calcio (Ca), Fosforo (P), Magnesio (Mg), Sodio(Na), Potassio (K), Zolfo (S), Cloro (Cl), Ferro

Dettagli

Una proteina qualsiasi assume costantemente un unica conformazione ben definita, cui è legata la sua azione biologica.

Una proteina qualsiasi assume costantemente un unica conformazione ben definita, cui è legata la sua azione biologica. Concanavalina A Emoglobina subunità Trioso fosfato isomerasi Una proteina qualsiasi assume costantemente un unica conformazione ben definita, cui è legata la sua azione biologica. 1 La conformazione è

Dettagli

INTEGRAZIONE. L integrazione è il nuovo confine con cui si confronta la prestazione sportiva.

INTEGRAZIONE. L integrazione è il nuovo confine con cui si confronta la prestazione sportiva. INTEGRAZIONE L integrazione è il nuovo confine con cui si confronta la prestazione sportiva. Recenti polemiche riprese ad arte dai media hanno portato ad una perversa identificazione tra Integrazione e

Dettagli

2011 - G. Licini, Università di Padova. La riproduzione a fini commerciali è vietata

2011 - G. Licini, Università di Padova. La riproduzione a fini commerciali è vietata Ammino acidi Composto che contiene una funziome acida e amminica. Usualmente però con amminoacidi si intendono gli alfa- amminoacidi. Tra questi composti ve ne sono 20 che vengono definiti geneticamente

Dettagli

Marinella Bosetto Irene Lozzi. Elementi di biochimica agraria

Marinella Bosetto Irene Lozzi. Elementi di biochimica agraria A07 25 Marinella Bosetto Irene Lozzi Elementi di biochimica agraria Copyright MMVI ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133 A/B 00173 Roma (06) 93781065

Dettagli

METTETE IL COLLAGENE NELLA VOSTRA VITA Per vincere l invecchiamento cellulare

METTETE IL COLLAGENE NELLA VOSTRA VITA Per vincere l invecchiamento cellulare METTETE IL COLLAGENE NELLA VOSTRA VITA Per vincere l invecchiamento cellulare VIE COS È IL COLLAGENE? LA PAROLA COLLAGENE VIENE DAL GRECO "KOLLA" E "GENMEN" CHI SIGNIFICA PRODURRE LA COLLA. IL COLLAGENE

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

Metabolismo di proteine e aminoacidi nel muscolo

Metabolismo di proteine e aminoacidi nel muscolo Metabolismo di proteine e aminoacidi nel muscolo L equilibrio tra proteolisi e sintesi determina la crescita, l ipertrofia e l atrofia del muscolo L equilibrio è anche importante per l omeostasi generale

Dettagli

ENZIMI CINETICA ENZIMATICA

ENZIMI CINETICA ENZIMATICA ENZIMI PERCHE UNA REAZIONE AVVENGA, SI DEVONO SODDISFARE TRE CONDIZIONI I SUBSTRATI DEVONO ENTRARE IN COLLISIONE LA COLLISIONE DEVE AVVENIRE CON ORIENTAMENTO CORRETTO I REAGENTI DEVONO AVERE ENERGIA SUFFICIENTE

Dettagli

Alimentazione Fabbisogni 4.8

Alimentazione Fabbisogni 4.8 08/2000 Alimentazione Fabbisogni 4.8 IL FOSFORO P di Cosmino Giovanni Basile Lo scheletro è la parte più ricca di fosforo di tutto l organismo. Nel tessuto osseo il P si trova sotto forma di fosfato tricalcico

Dettagli

Proteine H 3 N + CH 2 CO 2 - = H 2 NCH 2 COOH

Proteine H 3 N + CH 2 CO 2 - = H 2 NCH 2 COOH Proteine Le proteine sono diffusamente presenti all'interno dei musei e nelle gallerie d'arte, poiché essenzialmente tutti i materiali grezzi di origine animale le possiedono. Le proteine sono per il mondo

Dettagli

CARBOIDRATI C H O ZUCCHERO SACCARIDE GLUCIDE CARBOIDRATO

CARBOIDRATI C H O ZUCCHERO SACCARIDE GLUCIDE CARBOIDRATO CARBOIDRATI ZUCCHERO SACCARIDE GLUCIDE CARBOIDRATO C H O carboidrati C n H 2n O n H C O C O Il glucosio è un monosaccaride con 6 atomi di carbonio GLUCOSIO Forma ciclica Forma lineare a ph 7 circa lo 0,0026%

Dettagli

unità C2. Le trasformazioni energetiche nelle cellule

unità C2. Le trasformazioni energetiche nelle cellule unità 2. Le trasformazioni energetiche nelle cellule Il trasporto nelle cellule avviene senza consumo di energia con consumo di energia trasporto passivo trasporto attivo attraverso il doppio strato fosfolipidico

Dettagli

MODIFICAZIONI POST-TRADUZIONALI DELLE PROTEINE

MODIFICAZIONI POST-TRADUZIONALI DELLE PROTEINE MODIFICAZIONI POST-TRADUZIONALI DELLE PROTEINE Nell ultima fase della sintesi proteica la catena polipeptidica neosintetizzata assume spontaneamente la sua conformazione nativa (massimo numero di legami

Dettagli

ELENCO SOSTANZE AD EFFETTO NUTRITIVO O FISIOLOGICO IMPIEGABILI NEGLI INTEGRATORI ALIMENATRI

ELENCO SOSTANZE AD EFFETTO NUTRITIVO O FISIOLOGICO IMPIEGABILI NEGLI INTEGRATORI ALIMENATRI 1. Aminoacidi ELENCO SOSTANZE AD EFFETTO NUTRITIVO O FISIOLOGICO IMPIEGABILI NEGLI INTEGRATORI ALIMENATRI La tabella sottostante riporta la stima dell apporto giornaliero di riferimento per gli aminoacidi

Dettagli

CONTENUTO DEL GEL DI ALOE VERA FOREVER LIVING

CONTENUTO DEL GEL DI ALOE VERA FOREVER LIVING CONTENUTO DEL GEL DI ALOE VERA FOREVER LIVING Uno studio indipendente condotto dalla Food and Drug Research Laboratories, Inc. di New York mostra che il nostro GEL stabilizzato di Aloe vera brevettato

Dettagli

ELENCO SOSTANZE AD EFFETTO NUTRITIVO O FISIOLOGICO IMPIEGABILI NEGLI INTEGRATORI ALIMENTARI

ELENCO SOSTANZE AD EFFETTO NUTRITIVO O FISIOLOGICO IMPIEGABILI NEGLI INTEGRATORI ALIMENTARI 1. Aminoacidi ELENCO SOSTANZE AD EFFETTO NUTRITIVO O FISIOLOGICO IMPIEGABILI NEGLI INTEGRATORI ALIMENTARI La tabella sottostante riporta la stima dell apporto giornaliero di riferimento per gli aminoacidi

Dettagli