L'Unione europea è uno dei principali attori sul mercato mondiale del frumento duro

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L'Unione europea è uno dei principali attori sul mercato mondiale del frumento duro"

Transcript

1 6,17(6, L'Unione europea è uno dei principali attori sul mercato mondiale del frumento duro Con una produzione media di quasi 8 milioni di t all anno sul periodo , l'unione europea è il principale produttore mondiale di frumento duro davanti alla Turchia, al Canada e agli Stati Uniti: questi quattro paesi o gruppi di paesi forniscono da soli i due terzi della produzione mondiale. A livello dell'unione europea, quattro paesi - Italia, Grecia, Francia, Spagna - rappresentano la quasi totalità della produzione comunitaria. A questa concentrazione della produzione fa riscontro una polarizzazione degli scambi internazionali. Quasi la metà delle importazioni mondiali sono appannaggio del Nord Africa e l'algeria assorbe da sola oltre un terzo del totale. Analogamente il Canada, la cui produzione è principalmente destinata all'esportazione, assorbe da solo la metà delle esportazioni mondiali. La situazione dell'unione europea, che alla fine degli anni '80 era il secondo esportatore mondiale e il fornitore di riferimento dei paesi importatori del bacino mediterraneo, si è deteriorata al punto tale che l'unione è diventata importatrice netta di frumento duro nella seconda metà del decennio '90. La politica comunitaria del frumento duro e i suoi strumenti Gli obiettivi della politica comunitaria del frumento duro, come indicati nei vari testi regolamentari che, in seguito alla riforma del 1992, definiscono la politica comunitaria relativa ai seminativi e più precisamente al frumento duro, possono essere sintetizzati come segue: Œ Œ Œ equilibrare e stabilizzare il mercato interno del frumento duro nell'unione europea, a un livello di prezzo vicino al corso mondiale, e in base a una produzione localizzata di preferenza nelle zone in cui la coltivazione del frumento duro è tradizionale, Œ garantendo al tempo stesso un reddito equo ai produttori. Gli strumenti al servizio di questa politica sono molteplici: Interventi sul mercato tramite l'acquisto, da parte degli organismi di ammasso pubblico ad un prezzo fissato in anticipo, di qualsiasi quantitativo di frumento duro proposto per il conferimento. Tale meccanismo, che svolgeva un ruolo fondamentale nel contesto del sostegno dei prezzi prima della riforma della politica agricola del 1992 è stato mantenuto ma il prezzo d'acquisto all'intervento del frumento duro è stato ridotto della metà. Aiuti diretti, detti pagamenti compensativi, versati ai produttori di frumento duro al medesimo titolo degli aiuti versati ad altri produttori di cereali. Il tasso per ettaro di tali aiuti, che varia da una regione all'altra, dipende dalla resa storica regionale delle colture cerealicole. Per beneficiarne, gli agricoltori, piccoli coltivatori esclusi, possono vedersi imporre il ritiro di parte della loro superficie coltivabile. 2

2 A questo aiuto diretto di carattere generale si aggiunge, per i produttori di frumento duro delle zone dette tradizionali o semitradizionali, un aiuto specifico o supplemento frumento duro. Le superfici che potrebbero beneficiare della concessione di questo aiuto sono tuttavia limitate. In origine erano ammissibili al supplemento frumento duro solo gli agricoltori iscritti in un registro dei produttori di frumento duro e per una superficie massima fissata in funzione della superficie da essi coltivata negli anni A decorrere dalla campagna 1999/2000, tutti gli agricoltori delle zone tradizionali e semitradizionali potranno riscuotere un supplemento frumento duro ma il volume globale dell'aiuto concesso a uno Stato membro non potrà superare una superficie massima garantita o SMG. Un superamento di tale limite comporterà automaticamente una diminuzione proporzionale della superficie per la quale è previsto il versamento del supplemento frumento duro, ciò che equivale a una riduzione del tasso per ettaro dell'aiuto stesso. Infine, se da un lato un dazio doganale determina un prezzo minimo delle importazioni di frumento duro originarie dei paesi terzi, dall'altro, possono essere versate restituzioni agli esportatori per colmare la differenza eventuale fra il prezzo interno del frumento duro e il prezzo a livello internazionale. Scopo del presente studio è di valutare in quale misura tutti gli strumenti summenzionati hanno consentito di conseguire gli obiettivi assegnati alla politica comunitaria in materia di frumento duro nonché di valutare l'efficacia con la quale sono stati utilizzati detti strumenti. Lo squilibrio strutturale del mercato è stato riassorbito Prima della riforma del 1992, il mercato europeo del frumento duro era caratterizzato da eccedenze strutturali dell offerta rispetto alla domanda. Il risultato era l accumulo di scorte pubbliche a carico del bilancio comunitario e l obbligo di sovvenzionare le esportazioni verso i mercati terzi. Le misure adottate nel 1992 hanno portato al ripristino di una situazione più sana. La riduzione del prezzo d'acquisto all'intervento e la diminuzione del prezzo di mercato del frumento duro hanno praticamente avuto come conseguenza l'abbandono della coltivazione di questo prodotto nelle regioni non ammissibili al supplemento frumento duro. Era questo uno degli obiettivi espliciti della riforma. D'altro canto, la superficie dei seminativi classificati come zone tradizionali e semitradizionali, e quindi ammissibili a tale titolo al supplemento frumento duro a tasso pieno o a tasso ridotto, è aumentata di anno in anno solo in misura molto graduale. Infine, mentre le rese superiori a 5 t per ettaro erano normalmente registrate nelle zone non tradizionali, la resa media in zona tradizionale è inferiore a 2,5 t per ettaro. Tutti questi elementi hanno avuto come conseguenza una crescita assai moderata della produzione, dell'ordine dell'1,4% all'anno come tendenza generale negli anni 90. Al tempo stesso, la domanda interna ha registrato una forte crescita a motivo dell'impiego del frumento duro per l'alimentazione umana con una tendenza all'aumento superiore al 6% all'anno ma anche a causa della proliferazione degli impieghi del frumento duro nell'alimentazione degli animali, impieghi che in meno di dieci anni sono passati da qualche migliaia di t a 1 milione di t. Il fattore determinante di questa evoluzione sembra essere la sensibile diminuzione dello 3

3 scarto di prezzo fra il frumento duro e i cereali foraggieri in seguito all applicazione della riforma. La forte divergenza dei tassi di crescita fra la produzione e la domanda interna di frumento duro ha consentito di eliminare in pochi anni scorte pubbliche di fumento duro ma ha avuto anche come conseguenza un inversione di tendenza per quanto concerne gli scambi con l estero. L Unione europea, che alla fine degli anni 80 e all inizio degli anni 90 era esportatrice di oltre 2 milioni di t di frumento duro sotto forma di chicchi, crusche e semole, dal 1995 è diventata importatrice netta di frumento duro. 4

4 La qualità del frumento duro prodotto nell'unione europea tende a deteriorarsi Le industrie di trasformazione del frumento duro sono confrontate a un deterioramento della qualità del frumento duro prodotto nell'unione europea, segnatamente per quanto concerne il tenore di proteine. La riforma del 1992 non è forse estranea a questo fenomeno. Se la concimazione e le pratiche colturali contribuiscono ad aumentare il tenore di proteine del chicco, la diminuzione del prezzo del frumento duro relativamente al prezzo dei concimi ha incitato i produttori a ridurre il volume dei loro consumi intermedi. Peraltro, gli aiuti diretti rappresentano una quota crescente nel reddito di questa coltura rispetto al prodotto della vendita e quindi i produttori sono poco incoraggiati ad incrementare la qualità della produzione. E lo sono ancor meno anche perché il prezzo d'acquisto del frumento duro da parte dei grossisti e delle industrie di trasformazione non è differenziato in funzione della qualità del chicco. Infine, la concentrazione della produzione del frumento duro nelle zone tradizionali, dove prevalgono le piccole aziende agricole, rende difficile costituire partite di qualità omogenea. Questo deterioramento della qualità del frumento duro prodotto nell'unione, oltre a creare difficoltà all'industria di trasformazione, potrebbe costituire, congiuntamente alla riduzione dello scarto di prezzo fra frumento duro e cereali secondari, uno dei fattori che spiegano il rapido sviluppo degli impieghi del frumento duro per l'alimentazione degli animali. Il prezzo interno del frumento duro tende ad allinearsi sui prezzi delle importazioni Dal gennaio 1995, il prezzo del frumento duro in Europa oscilla intorno al prezzo minimo all'importazione di tale cereale. Questo fenomeno si spiega a motivo del passaggio dell'unione europea a una situazione di importatrice netta di frumento duro. Tale fenomeno è destinato a durare finché persisterà questa situazione. Solo nell'ipotesi in cui l'unione europea dovesse tornare ad essere esportatrice netta, il prezzo interno del frumento duro potrebbe fluttuare fra i limiti fissati dal prezzo d'intervento (se il prezzo internazionale dovesse scendere sotto di tale livello) e il prezzo minimo all'importazione (se il prezzo internazionale superasse tale soglia). Ciò premesso, anche nella situazione di importatrice netta che ha caratterizzato l'unione europea in questi ultimi anni, le fluttuazioni del prezzo interno del frumento duro intorno al prezzo minimo all'importazione sono state relativamente importanti (20% e oltre nel corso di una campagna), mentre i meccanismi associati al prezzo minimo (dazio doganale all'importazione e tassa all'esportazione) avrebbero dovuto in teoria limitarne l'entità. Una spiegazione possibile di questo fenomeno è che il volume delle scorte presso operatori privati è troppo limitato per consentire adattamenti a breve termine dell'offerta e della domanda in attesa che intervenga un adattamento più durevole conseguente ai flussi internazionali. Infine, il mercato europeo del frumento duro sembra relativamente ben integrato poiché l'andamento dei prezzo registra un'evoluzione parallela nei quattro principali paesi produttori. Tuttavia, tali adattamenti di prezzo richiedono tempi dell'ordine da uno a due mesi per prodursi. 5

5 Gli aiuti diretti ai produttori sono indispensabili ma sono stati fissati ad un livello troppo elevato Se da un lato ha sensibilmente ridotto il livello del sostegno garantito dal meccanismo dell intervento, la riforma del sistema di aiuto a favore dei produttori di frumento duro si è posta come obiettivo di compensare gli effetti potenzialmente negativi della riforma stessa sul reddito dei produttori attribuendo a questi ultimi aiuti diretti al reddito. Ciò premesso non sorprende che gli aiuti diretti al reddito, pagamenti compensativi e supplemento frumento duro, rappresentino ormai una quota assai importante delle entrate dei produttori di frumento duro. Misurata su un campione di imprese specializzate in questa coltura, la quota degli aiuti diretti nelle entrate per ettaro della coltivazione di frumento duro va dal 40% in Francia al 60% in Grecia. In mancanza di tali aiuti, le aziende specializzate non sarebbero in grado di garantire un reddito decente ai loro produttori e sarebbero condannate a scomparire o ad orientarsi verso altri sistemi di produzione. Se l'istituzione di tali aiuti diretti, come suggerisce il regolamento (CE) n. 1765/92, si prefiggeva di compensare la perdita subita dai produttori di frumento duro a motivo della riforma del regime di sostegno dei prezzi, il tasso fissato per il supplemento frumento duro, ovvero 358,6 per ettaro (e 344,5 per ettaro a decorrere dalla campagna 1999/2000) è eccessivo. In effetti, il pagamento compensativo erogato ai produttori di frumento duro, al medesimo titolo che ai produttori di altri cereali, ha compensato in grandissima parte la perdita di reddito subita a motivo del calo del prezzo di mercato del frumento duro. Il costo finanziario della politica comunitaria del frumento duro è ormai stabilizzato La riforma del 1992 non ha ridotto il costo finanziario della politica comunitaria del frumento duro che è anzi passato da 1,3 miliardi di ECU nel 1992 a 1,7 miliardi di ECU negli anni Ma se con il regime vigente prima della riforma il costo finanziario di tale politica rischiava di aumentare ogni anno, l'attuazione della riforma del 1992 e l'istituzione, a partire della campagna 1999/2000, di un massimale delle spese per il supplemento frumento duro, permettono di sperare in una stabilizzazione del costo. Quanto all'efficacia degli aiuti, si lamenta che sul miliardo di ECU speso a titolo del supplemento frumento duro, circa 150 milioni siano andati a beneficio di una produzione la cui destinazione finale è l'alimentazione del bestiame mentre altre varietà di cereali, per i quali non è previsto il versamento di un aiuto specifico, potrebbero essere utilizzate a tal fine. Raccomandazioni Il regime di aiuto al frumento si distingue dal regime generale degli aiuti ai seminati per due aspetti: l'esistenza di un aiuto diretto specifico, il supplemento frumento duro, e la limitazione di questo aiuto ai soli produttori insediati nelle zone identificate come tradizionali o semitradizionali. Le raccomandazioni che si 6

6 possono formulare quanto alla valutazione di questa politica variano sensibilmente a seconda che si proponga di conservare un regime specifico per l aiuto al frumento duro o se invece si propone di allineare la politica seguita in materia di frumento duro sulla politica applicata agli altri seminativi. 7

7 Ridurre il tasso del supplemento frumento duro In precedenza si è osservato che il tasso al quale è stato fissato il supplemento frumento duro è eccessivo in relazione all'obiettivo di mantenere il reddito dei produttori. Tenuto conto dell'effetto correttore del pagamento compensativo, che i produttori di frumento duro riscuotono al medesimo titolo dei produttori di altri cereali, un supplemento frumento duro dell'ordine di 245 per ettaro, pari a 100 in meno rispetto al tasso attualmente praticato, sarebbe stato sufficiente per compensare la perdita di reddito subita dai produttori a motivo dell'attuazione della riforma del Migliorare la qualità del frumento duro prodotto nell'unione Uno degli aspetti negativi emersi successivamente all applicazione della riforma del 1992 è una tendenza preoccupante al deterioramento della qualità del frumento duro prodotto nell'unione europea. Un'inversione di questa tendenza, e più particolarmente l'incremento del tenore di proteine del frumento duro, avrebbe conseguenze assai positive. Le industrie di trasformazione troverebbero più facilmente sul mercato interno la materia prima della quale hanno bisogno per fornire esse stesse prodotti di qualità. I quantitativi di frumento duro che vengono destinati all'alimentazione animale perché non rispondono alle esigenze minime di qualità dell'industria diminuirebbero, ciò che eviterebbe uno spreco di aiuti pubblici. Infine, in seguito alla diminuzione dei quantitativi di frumento duro destinati all'alimentazione animale, il bilancio degli scambi esterni di frumento duro dell'unione registrerebbe un miglioramento. A tale proposito, l'obbligo ormai imposto ai produttori di seminare varietà certificate se vogliono beneficiare del supplemento frumento duro, è una misura positiva. Non sembra però auspicabile che la Commissione europea si impegni maggiormente su questa strada. Se una serie di misure complementari potrebbero benissimo essere adottate per garantire la qualità della produzione europea di frumento duro, queste ultime sono, a nostro parere, responsabilità comune degli operatori interessati: organizzazioni di produttori, produttori e venditori di sementi, grossisti, trasformatori. Se gli operatori del settore del frumento duro si accordassero su una serie di norme di buona pratica, le amministrazioni nazionali e regionali competenti potrebbero fare in modo che le medesime vengano rispettate da tutte le parti interessate. Da parte sua, la Commissione europea potrebbe appoggiare le iniziative degli operatori del settore concentrando i propri aiuti sui produttori che partecipano a questo sforzo di qualità. Permettere alla produzione comunitaria di frumento duro di adeguarsi alla domanda Alla fine degli anni '80, l'unione europea era il secondo esportatore mondiale di frumento duro ma oggi è importatrice netta. I principali importatori di frumento duro sono paesi del bacino mediterraneo, geograficamente vicini all'unione. I prezzi del frumento duro sul mercato interno dell'unione e sul mercato mondiale consentono ormai all'unione europea di esportare frumento duro senza dover 8

8 sovvenzionare gli esportatori. Infine, l Unione europea, che per parecchi prodotti agricoli deve far fronte al rischio di eccedenze di produzione, è costretta a mettere a riposo parte del suo potenziale di produzione agricola. Ciò premesso è lecito caldeggiare in Europa un incremento della produzione di frumento duro. Siffatto aumento della produzione potrebbe avvenire spontaneamente. Nel quadro delle disposizioni applicabili a decorrere dalla campagna 1999/2000, la possibilità di riscuotere il supplemento frumento duro, che era fino allora riservato a una superficie rigorosamente limitata all'interno stesso delle zone tradizionali e semitradizionali, potrà d'ora in poi riguardare la totalità delle superfici che si trovano in dette zone. Solo per l'importo globale dell'aiuto è previsto un massimale tramite la superficie massima garantita per cui un incremento della coltivazione al di là della SMG comporterà una diminuzione del tasso d'aiuto per ettaro. Tenuto conto del livello elevato del supplemento frumento duro a tasso pieno, questa disposizione dovrebbe favorire un'estensione delle superfici investite a frumento duro. Le autorità spagnole, in particolare, prevedono un incremento dell'ordine del 20% delle superfici investite a frumento duro nelle zone tradizionali. Qualora risultasse auspicabile potenziare ulteriormente la produzione di frumento duro, una possibilità complementare, senza modificare il regime di aiuto, è di ampliare le superfici massime autorizzate, principalmente nelle zone semitradizionali, ciò che tuttavia comporterebbe un incremento parallelo della dotazione assegnata al supplemento frumento duro. Allineare il regime di aiuto del frumento duro su quello degli altri seminativi Le specificità del regime di aiuto a favore del frumento duro sembrano avere come unica giustificazione la volontà di localizzare questa coltura in talune zone, dette tradizionali. Ora, se queste zone, o almeno alcune di esse, hanno in effetti una lunga tradizione di coltivazione di questo cereale, nulla consente di affermare che sono quelle in cui questo tipo di cereale può essere prodotto ad un costo inferiore. Pertanto, l'obiettivo della localizzazione potrebbe risultare contrario alla preoccupazione di garantire la capacità concorrenziale che manifesta peraltro la politica comunitaria del frumento duro quando si prefigge come obiettivo l'equilibrio del mercato del prodotto ad un prezzo vicino ai corsi mondiali, garantendo ai produttori un reddito equo. La ricerca della capacità concorrenziale vorrebbe che tutti i produttori potenziali di frumento duro, a prescindere dalla rispettiva localizzazione, beneficino del medesimo regime di sostegno. Si osserva tuttavia che, in mancanza del supplemento frumento duro, gli agricoltori delle zone non tradizionali hanno praticamente abbandonato questa coltura a causa del calo del prezzo di mercato. Questa constatazione tende a suggerire che il differenziale di prezzo, come fissato dal mercato, fra il frumento duro e gli altri cereali o colture alternative non compensa appieno il differenziale di resa fra il frumento duro e dette colture alternative. In queste condizioni, la soppressione del supplemento frumento duro potrebbe comportare una carenza cronica dell'offerta. L'istituzione di un regime di aiuto a favore del frumento duro identico a quello applicato agli altri seminativi, e segnatamente alle colture di semi oleosi, presupporrebbe che venga concesso ai produttori di frumento duro un pagamento compensativo a tasso differenziato che tenga conto al tempo stesso del differenziale 9

9 di resa e del differenziale di prezzo di mercato fra questa coltura e le altre colture cerealicole. In questa ipotesi, le zone di coltivazione tradizionali del frumento duro, regioni mediocremente fertili, soggette a siccità, minacciate dalla desertificazione e nelle quali le aziende agricole sono spesso di piccole dimensioni, dovrebbero beneficiare di aiuti specifici della politica strutturale come già avviene per altre regioni dell'unione che devono affrontare condizioni altrettanto difficili. È lecito pensare che questa separazione della politica di mercato dalla politica strutturale a vocazione sociale consentirebbe, più di quanto potrebbe consentire una politica con obiettivi molteplici e talvolta contraddittori, di conseguire gli obiettivi dell'una e dell'altra in condizioni ottimali di efficacia e di efficienza. 10

Gli strumenti di Politica Agraria

Gli strumenti di Politica Agraria Gli strumenti di Politica Agraria Prof. Andrea Segrè 1 Motivazioni degli interventi di politica agraria Migliorare il collegamento delle imprese agricole con il mercato Facilitare la concentrazione Stabilizzare

Dettagli

1) I modelli rurali teoria del rurale. 2) La prima PAC dalla nascita agli anni 70

1) I modelli rurali teoria del rurale. 2) La prima PAC dalla nascita agli anni 70 1) I modelli rurali teoria del rurale 2) La prima PAC dalla nascita agli anni 70 Dott.ssa Chiara Mazzocchi Corso PSR 2010-2011 Università degli studi Milano-Bicocca Sviluppo rurale diverse concezioni dello

Dettagli

Il mercato internazionale dei prodotti biologici

Il mercato internazionale dei prodotti biologici Marzo 2014 Il mercato internazionale dei prodotti biologici In sintesi Il presente Report sintetizza i principali dati internazionali diffusi di recente in occasione della Fiera Biofach di Norimberga.

Dettagli

ALLEGATO 8) Si riportano di seguito le regole comunitarie che disciplinano l ammissibilità agli aiuti di Stato da parte delle imprese.

ALLEGATO 8) Si riportano di seguito le regole comunitarie che disciplinano l ammissibilità agli aiuti di Stato da parte delle imprese. ALLEGATO 8) Si riportano di seguito le regole comunitarie che disciplinano l ammissibilità agli aiuti di Stato da parte delle imprese. Articoli 38 e 39 del Regolamento generale di esenzione per gli aiuti

Dettagli

I prezzi dei cereali in Italia

I prezzi dei cereali in Italia Workshop Prezzi agricoli ed emergenza alimentare: cause, effetti, implicazioni per le politiche I prezzi dei cereali in Italia Roma, 8 luglio 2008 Angelo Frascarelli Università degli Studi di Perugia angelof@unipg.it

Dettagli

L 346/12 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 20.12.2013

L 346/12 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 20.12.2013 L 346/12 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 20.12.2013 REGOLAMENTO (UE) N. 1370/2013 DEL CONSIGLIO del 16 dicembre 2013 recante misure per la fissazione di determinati aiuti e restituzioni connessi

Dettagli

Indice. Il mercato internazionale dei cereali: tendenze e prospettive per l Italia. Premessa 14/10/2010

Indice. Il mercato internazionale dei cereali: tendenze e prospettive per l Italia. Premessa 14/10/2010 Il mercato internazionale dei cereali: tendenze e prospettive per l Italia Grano Italia, Bologna 30 settembre - 1 ottobre 2010 Aula Magna della Facoltà di Agraria Prof. Gabriele Canali SMEA, Alta Scuola

Dettagli

Modello per la notificazione dei regimi di aiuto a finalità regionale

Modello per la notificazione dei regimi di aiuto a finalità regionale version du 19 nov. 99. Modello per la notificazione dei regimi di aiuto a finalità regionale Il presente modello può essere utilizzato per la notificazione, ai sensi dell'articolo 88, paragrafo 3 del trattato

Dettagli

Domanda e Offerta. G. Pignataro Microeconomia SPOSI

Domanda e Offerta. G. Pignataro Microeconomia SPOSI Domanda e Offerta Domanda e Offerta Il meccanismo di mercato Variazioni dell equilibrio di mercato Elasticità della domanda e dell offerta Elasticità di breve e di lungo periodo Gli effetti dell intervento

Dettagli

PROGETTO DI RELAZIONE

PROGETTO DI RELAZIONE ACP-EU JOINT PARLIAMENTARY ASSEMBLY ASSEMBLEE PARLEMENTAIRE PARAIRE ACP-UE Commissione per lo sviluppo economico, le finanze e il commercio ACP-UE/101.868/B 19.3.2015 PROGETTO DI RELAZIONE sul finanziamento

Dettagli

PICCOLO, GRANDE, NUOVO Il commercio in Piemonte prima della riforma

PICCOLO, GRANDE, NUOVO Il commercio in Piemonte prima della riforma Errore. L'argomento parametro è sconosciuto. Direzione Commercio Artigianato PICCOLO, GRANDE, NUOVO Il commercio in Piemonte prima della riforma Sintesi dei risultati Maggio 2002 Piccolo, grande, nuovo.

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis Filiale di Campobasso, Banca d Italia Campobasso, 18 giugno 2015 L economia italiana La prolungata flessione del PIL si è attenuata Andamento

Dettagli

La partenza ritardata e lenta I fondi europei leva per uscire dalla crisi

La partenza ritardata e lenta I fondi europei leva per uscire dalla crisi discussione di Scenari economici n. 20 La partenza ritardata e lenta I fondi europei leva per uscire dalla crisi Alessandra Staderini Servizio Struttura economica, Banca d Italia Roma, 26 giugno 2014 Confindustria,

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

C 188/6 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 11.8.2009

C 188/6 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 11.8.2009 C 188/6 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 11.8.2009 Comunicazione della Commissione Criteri per l'analisi della compatibilità degli aiuti di stato a favore dei lavoratori svantaggiati e disabili soggetti

Dettagli

* Evoluzione della. previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio

* Evoluzione della. previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio * Evoluzione della previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio * La pensione pubblica *La previdenza complementare *I numeri della previdenza complementare in Italia *Le questioni

Dettagli

REVISIONE INTERMEDIA DELLA POLITICA AGRICOLA COMUNE

REVISIONE INTERMEDIA DELLA POLITICA AGRICOLA COMUNE REVISIONE INTERMEDIA DELLA POLITICA AGRICOLA COMUNE Comunicazione della Commissione al Consiglio e al Parlamento Europeo COM (2002) 394 SINTESI 2003 La PAC tra Agenda 2000 ed il 2008: la Revisione di Medio

Dettagli

La posizione del comparto sementiero nella filiera del frumento

La posizione del comparto sementiero nella filiera del frumento GranItalia Aula Magna della Facoltà di Agraria Università di Bologna, 1 ottobre 2010 La posizione del comparto sementiero nella filiera del frumento Industria sementiera e innovazione varietale. La collaborazione

Dettagli

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione ALIMENTARE Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione L industria alimentare è piuttosto importante per l economia italiana; il valore aggiunto prodotto da questo settore rappresenta

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione PRODOTTI IN METALLO Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore; come misura dell attività si utilizza il valore aggiunto

Dettagli

Alimentazione naturale

Alimentazione naturale B Alimentazione naturale Secondo i dati dell ISMEA (Osservatorio del mercato dei prodotti biologici), in un anno di crisi come il 2010 i consumi di prodotti ortofrutticoli biologici hanno avuto un andamento

Dettagli

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO OTTOBRE 2010 a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi e dell Ufficio Lavori all Estero e Relazioni Internazionali

Dettagli

$/&81,'$7,68// 2/,2%,2/2*,&2

$/&81,'$7,68// 2/,2%,2/2*,&2 $/&81,'$7,68// 2/,2%,2/2*,&2 / DUHDGLSURGX]LRQHELRORJLFD A fianco l uso dell olio di oliva tradizionale, sono cresciute la produzione ed il consumo dell olio biologico, con il conseguente aumento dell

Dettagli

La riforma della PAC per il post 2013: principali cambiamenti e possibili impatti

La riforma della PAC per il post 2013: principali cambiamenti e possibili impatti La riforma della PAC per il post 2013: principali cambiamenti e possibili impatti DENIS PANTINI Responsabile Area Agricoltura e Industria Alimentare 5 aprile 2013 I temi di approfondimento Il percorso

Dettagli

GLI STRUMENTI PER LA GESTIONE DEL RISCHIO IN AGRICOLTURA ESPERIENZE ESTERE E SISTEMA ITALIANO. Marzo 2009

GLI STRUMENTI PER LA GESTIONE DEL RISCHIO IN AGRICOLTURA ESPERIENZE ESTERE E SISTEMA ITALIANO. Marzo 2009 GLI STRUMENTI PER LA GESTIONE DEL RISCHIO IN AGRICOLTURA ESPERIENZE ESTERE E SISTEMA ITALIANO Marzo 2009 GLI STRUMENTI PER LA GESTIONE DEL RISCHIO IN AGRICOLTURA ESPERIENZE ESTERE E SISTEMA ITALIANO CONTENUTI

Dettagli

STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020

STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020 Verso un utilizzo più strategico imparando dall esperienza maturata Roberto D Auria Mario Guido Gruppo di lavoro Competitività Roma, 28 ottobre 2013 L esperienza

Dettagli

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Relazioni monetarie e finanziarie si stabiliscono anche tra i residenti di un paese e i non-residenti. Le transazioni internazionali necessitano di istituzioni

Dettagli

La Valutazione della Convenienza Economica della Filiera del biodiesel a Scala Regionale

La Valutazione della Convenienza Economica della Filiera del biodiesel a Scala Regionale La Valutazione della Convenienza Economica della Filiera del biodiesel a Scala Regionale Filippo Arfini, Michele Donati(Uniparma) Annalisa Zezza (INEA) U.O Economia ANCONA, 26-27 SETTEMBRE 2013 Unità Operativa

Dettagli

ANALISI DI CONTESTO: LE TENDENZE RECENTI ED I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NELLA FILIERA ORTOFRUTTICOLA ITALIANA

ANALISI DI CONTESTO: LE TENDENZE RECENTI ED I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NELLA FILIERA ORTOFRUTTICOLA ITALIANA ANALISI DI CONTESTO: LE TENDENZE RECENTI ED I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NELLA FILIERA ORTOFRUTTICOLA ITALIANA ISMEA Direzione Servizi di Mercato e Supporti Tecnologici Dr. Mario Schiano lo Moriello 1

Dettagli

DECISIONE DELLA COMMISSIONE

DECISIONE DELLA COMMISSIONE 16.1.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 11/7 IV (Atti adottati prima del 1 o dicembre 2009, in applicazione del trattato CE, del trattato UE e del trattato Euratom) DECISIONE DELLA COMMISSIONE

Dettagli

ELIMINARE LA FAME E LA POVERTÀ

ELIMINARE LA FAME E LA POVERTÀ Secondo le Nazioni Unite, circa 25 mila persone muoiono di fame tutti i giorni, soprattutto bambini e anziani. Per ELIMINARE LA FAME E LA POVERTÀ, è prioritario affrontare la questione della terra, del

Dettagli

Sistema bancario globale: frammentazione o cambiamenti strutturali?

Sistema bancario globale: frammentazione o cambiamenti strutturali? RESeT INTERNAZIONALE Vox STIJN CLAESSENS, NEELTJE VAN HOREN ED. IT. DI ALDO CARBONE 6 Dicembre 2014 Sistema bancario globale: frammentazione o cambiamenti strutturali? La crisi finanziaria mondiale ha

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

La bilancia dei pagamenti

La bilancia dei pagamenti La bilancia dei pagamenti Necessaria una moneta per regolare gli scambi internazionali Convertibilità (oro o moneta-chiave) Esportazioni: ingresso di valute estere Importazioni: uscita di valute estere

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 10.06.2004 COM(2004)415 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO Piano d azione europeo per l agricoltura biologica

Dettagli

Stock del credito al consumo sui consumi delle famiglie

Stock del credito al consumo sui consumi delle famiglie CREDITO AL CONSUMO: GLI EFFETTI DELLA CRISI Da uno studio della Banca d Italia 1, che valuta gli effetti della crisi sul mercato del credito al consumo in Italia, emerge una situazione attuale diversa

Dettagli

A volte il risultato della revisione è l'attribuzione di un rating peggiorativo, che può portare alla revoca in tronco degli affidamenti!

A volte il risultato della revisione è l'attribuzione di un rating peggiorativo, che può portare alla revoca in tronco degli affidamenti! Accade spesso che la banca vada a visitare l azienda solo quando deve acquisirne la relazione o, successivamente, per collocare nuovi prodotti o chiedere maggiori flussi di lavoro o relazioni indotte,

Dettagli

8.2.1.2 Descrizione della Misura, inclusa la logica di intervento ed il contributo alle FA ed agli obiettivi trasversali

8.2.1.2 Descrizione della Misura, inclusa la logica di intervento ed il contributo alle FA ed agli obiettivi trasversali 8.2 Descrizione della Misura 8.2.1 Codice e titolo della Misura Regimi di qualità dei prodotti agricoli e alimentari. Cod. Misura 3. 8.2.1.1 Basi giuridiche Base giuridica della Misura 3 è l Art. 16 del

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 16 suppl. del 02-02-2012

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 16 suppl. del 02-02-2012 6 REGOLAMENTO REGIONALE 31 gennaio 2012, n. 2 Regolamento per la concessione di aiuti di importanza minore (de minimis) alle PMI e abrogazione dei Regolamenti Regionali n. 24 del 21 novembre 2008 e n.

Dettagli

PROSPETTIVE DELLE TECNOLOGIE ENERGETICHE MONDIALI 2050 (WETO-H2) MESSAGGI FONDAMENTALI

PROSPETTIVE DELLE TECNOLOGIE ENERGETICHE MONDIALI 2050 (WETO-H2) MESSAGGI FONDAMENTALI PROSPETTIVE DELLE TECNOLOGIE ENERGETICHE MONDIALI 2050 (WETO-H2) MESSAGGI FONDAMENTALI Lo studio WETO-H2 ha elaborato una proiezione di riferimento del sistema energetico mondiale e due scenari di variazione,

Dettagli

La riforma della PAC per il post 2013: principali cambiamenti e possibili impatti

La riforma della PAC per il post 2013: principali cambiamenti e possibili impatti La riforma della PAC per il post 2013: principali cambiamenti e possibili impatti Università di Bologna 17 maggio, 2013 I temi di approfondimento Il percorso di riforma Gli obiettivi e lo scenario economico

Dettagli

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI PREMESSA L importanza crescente delle caratteristiche locali nello spiegare l andamento industriale ed economico del Paese

Dettagli

Cos è l Agricoltura Biologica?

Cos è l Agricoltura Biologica? Cos è l Agricoltura Biologica? La produzione biologica è un sistema globale di gestione dell azienda agricola e di produzione agroalimentare basato sull interazione tra le migliori pratiche ambientali,

Dettagli

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia Paolo Sestito Servizio struttura Economica, Banca d Italia Modena, 4 giugno 215 Il contesto internazionale e l area dell euro 2 Nei paesi emergenti,

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

OGGETTO: SEPARAZIONE BANCARIA E RIFORMA NORMATIVA SECONDO IL MODELLO DELLA LEGGE GLASS - STEAGALL

OGGETTO: SEPARAZIONE BANCARIA E RIFORMA NORMATIVA SECONDO IL MODELLO DELLA LEGGE GLASS - STEAGALL REGIONE TOSCANA Consiglio Regionale Gruppo Consiliare Gruppo Misto Firenze, 7 maggio 2013 Al Presidente del Consiglio della Regione Toscana On. Alberto Monaci MOZIONE (ai sensi dell art. 167 Reg. Interno)

Dettagli

Capitolo 3. La domanda e l'offerta

Capitolo 3. La domanda e l'offerta Capitolo 3 La domanda e l'offerta Domanda e offerta sono parte di un modello che punta a spiegare in che modo vengono determinati i prezzi in un sistema di mercato I mercati Un mercato è un gruppo di acquirenti

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 2. L agricoltura italiana a confronto con l Ue IN SINTESI Nel 2011, secondo i conti economici dell agricoltura pubblicati da Eurostat, il reddito agricolo italiano

Dettagli

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Agosto 2012 Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Aumentano le imprese con Ebitda insufficiente per sostenere oneri e debiti finanziari Alla ricerca della marginalità perduta Sintesi dei risultati

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 19 giugno 2003, n. 0205/Pres.

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 19 giugno 2003, n. 0205/Pres. L.R. 13/2002, art. 7, c. 15 e 16 B.U.R. 23/7/2003, n. 30 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 19 giugno 2003, n. 0205/Pres. Regolamento recante criteri e modalità applicabili nella concessione degli aiuti

Dettagli

Il Regime di Pagamento Unico. Simone Severini DAFNE Facoltà di Agraria Viterbo

Il Regime di Pagamento Unico. Simone Severini DAFNE Facoltà di Agraria Viterbo Il Regime di Pagamento Unico Simone Severini DAFNE Facoltà di Agraria Viterbo Riforma Fischler (2003) Motivazioni della riforma Allargamento dell UE del 2004 (15 25 Stati Membri): Nuovi SM: rapporto abitanti/agricoltori;

Dettagli

L ATTENDIBILITÀ DEL QUADRO PROGRAMMATICO DELLA LEGGE DI STABILITÀ SULLA RIDUZIONE DEL DEBITO

L ATTENDIBILITÀ DEL QUADRO PROGRAMMATICO DELLA LEGGE DI STABILITÀ SULLA RIDUZIONE DEL DEBITO L ATTENDIBILITÀ DEL QUADRO PROGRAMMATICO DELLA LEGGE DI STABILITÀ SULLA RIDUZIONE DEL DEBITO Giuseppe Maria Pignataro * Nei programmi del governo (Legge di Stabilità e DEF), per fare scendere il debito

Dettagli

L OSSERVATORIO. 22 Luglio 2013 CATEGORIA: SOCIETA L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE 23% 42% 29%

L OSSERVATORIO. 22 Luglio 2013 CATEGORIA: SOCIETA L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE 23% 42% 29% L OSSERVATORIO L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE Problemi di condotta Tra le vittime di episodi di bullismo 42% Tra chi ha compiuto atti di bullismo Non coinvolti

Dettagli

16 Rapporto Nazionale sulla Formazione Indagine su Comuni e Province. Nicoletta Bevilacqua Responsabile Ufficio Monitoraggio e ricerca FormezPA

16 Rapporto Nazionale sulla Formazione Indagine su Comuni e Province. Nicoletta Bevilacqua Responsabile Ufficio Monitoraggio e ricerca FormezPA 16 Rapporto Nazionale sulla Formazione Indagine su Comuni e Province Nicoletta Bevilacqua Responsabile Ufficio Monitoraggio e ricerca FormezPA Obiettivi della presentazione Illustrare i principali risultati

Dettagli

Revisione della comunicazione sull assicurazione del credito all esportazione a breve termine. Documento di consultazione

Revisione della comunicazione sull assicurazione del credito all esportazione a breve termine. Documento di consultazione Revisione della comunicazione sull assicurazione del credito all esportazione a breve termine 1. Introduzione Documento di consultazione In alcuni Stati membri esistono agenzie ufficiali di credito all

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

Disoccupazione e salario reale

Disoccupazione e salario reale Disoccupazione e salario reale Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 28 La disoccupazione Come si misura la disoccupazione? Come si interpretano i

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione MACCHINE E APPARECCHIATURE ELETTRICHE Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell industria dell elettronica;

Dettagli

La produzione. Produzione

La produzione. Produzione La produzione Produzione > La produzione è attività che consiste nella combinazione di fattori produttivi (input) e nella loro trasformazione in prodotti (output) direttamente consumabili destinati ad

Dettagli

LA GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE

LA GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE LA GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE La programmazione comunitaria 2014-2020: le risorse per l Italia Nel periodo 2014-2020, con il nuovo Accordo di partenariato tra Italia e Commissione Europea, l

Dettagli

Commissione per il controllo dei bilanci DOCUMENTO DI LAVORO

Commissione per il controllo dei bilanci DOCUMENTO DI LAVORO PARLAMENTO EUROPEO 2009-2014 Commissione per il controllo dei bilanci 12.11.2010 DOCUMENTO DI LAVORO sulla relazione speciale n. 6/2010 della Corte dei conti europea intitolata "La riforma del mercato

Dettagli

VITICOLTURA BIOLOGICA Expo Milano 2015 27 ottobre Paolo Di Francesco Agronomo Studio SATA

VITICOLTURA BIOLOGICA Expo Milano 2015 27 ottobre Paolo Di Francesco Agronomo Studio SATA VITICOLTURA BIOLOGICA Expo Milano 2015 27 ottobre Paolo Di Francesco Agronomo Studio SATA di cosa parliamo Alcuni dati I regolamenti europei I decreti italiani Un paio di citazioni Le sensazioni Il futuro

Dettagli

La riforma della PAC nelle proposte della Commissione europea. Andrea Comacchio Commissario allo sviluppo rurale

La riforma della PAC nelle proposte della Commissione europea. Andrea Comacchio Commissario allo sviluppo rurale La riforma della PAC nelle proposte della Commissione europea Andrea Comacchio Commissario allo sviluppo rurale La PAC nel nuovo bilancio Ue Congelamento della spesa in valori correnti per entrambi i pilastri

Dettagli

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa Economia La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA Così come in una famiglia, anche in una economia si devono affrontare molte

Dettagli

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione Agricoltura e Produzione Agroalimentare Prof. Felice ADINOLFI Università degli Studi di Bologna Roma 22 Gennaio

Dettagli

Gli incentivi non mettono in moto l automobile

Gli incentivi non mettono in moto l automobile 115 idee per il libero mercato Gli incentivi non mettono in moto l automobile di Andrea Giuricin Il rallentamento economico e la crisi finanziaria hanno avuto un forte impatto su uno dei settori più importanti

Dettagli

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A L economia del Veneto Venezia, 17 giugno 2014 Le imprese L'eredità della crisi Indice del PIL (2007=100) Nel Nord Est la riduzione cumulata del PIL è di 8 punti percentuali.

Dettagli

Aiuto di Stato N 742/2001 Italia (Toscana). Risparmio energetico e sviluppo delle fonti rinnovabili.

Aiuto di Stato N 742/2001 Italia (Toscana). Risparmio energetico e sviluppo delle fonti rinnovabili. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 24.01.2003 C(2003) 80 Oggetto: Aiuto di Stato N 742/2001 Italia (Toscana). Risparmio energetico e sviluppo delle fonti rinnovabili. Signor Ministro, 1. PROCEDIMENTO 1. Con

Dettagli

PAC POST 2013, I NUOVI SCENARI DEL SETTORE VITIVINICOLO. Palma Esposito. Responsabile nazionale settore vitivinicolo

PAC POST 2013, I NUOVI SCENARI DEL SETTORE VITIVINICOLO. Palma Esposito. Responsabile nazionale settore vitivinicolo PAC POST 2013, I NUOVI SCENARI DEL SETTORE VITIVINICOLO Palma Esposito Responsabile nazionale settore vitivinicolo Principali novità per il vino nella PAC post 2013 e indicazioni temporali PAC post 2013,

Dettagli

5LIRUPDGHOOD3$&XQDSURVSHWWLYDDOXQJRWHUPLQH SHU XQDJULFROWXUD VRVWHQLELOH 'RPDQGH H ULVSRVWH

5LIRUPDGHOOD3$&XQDSURVSHWWLYDDOXQJRWHUPLQH SHU XQDJULFROWXUD VRVWHQLELOH 'RPDQGH H ULVSRVWH 0(02 Bruxelles, 22 gennaio 2003 5LIRUPDGHOOD3$&XQDSURVSHWWLYDDOXQJRWHUPLQH SHU XQDJULFROWXUD VRVWHQLELOH 'RPDQGH H ULVSRVWH 3HUFKpqDWWXDOPHQWHQHFHVVDULDXQDULIRUPDGHOODSROLWLFDDJULFROD HXURSHD" Il settore

Dettagli

FARRO TERRA DI SAN MARINO

FARRO TERRA DI SAN MARINO DISCIPLINARE DI PRODUZIONE FARRO TERRA DI SAN MARINO ARTICOLO 1 La denominazione Farro Terra di San Marino è riservata esclusivamente al prodotto ottenuto in aziende agricole localizzate entro i confini

Dettagli

Stime 2012 degli investimenti e delle produzioni dei principali cereali in Italia. Maggio 2012

Stime 2012 degli investimenti e delle produzioni dei principali cereali in Italia. Maggio 2012 produzioni dei principali cereali in Italia Maggio 2012 1 produzioni dei principali cereali in Italia L ISTAT ha divulgato a febbraio 2012 le intenzioni di semina delle principali coltivazioni erbacee.

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 16 DICEMBRE 2010 Microimprese ancora in affanno ma emergono i primi timidi segnali di miglioramento negli investimenti Calano

Dettagli

COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA

COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO - la competitività della provincia di Bologna Indice 1. Esportazioni e competitività:

Dettagli

Modello keynesiano: il settore reale

Modello keynesiano: il settore reale Macro 4 Modello keynesiano: il settore reale La macroeconomia keynesiana La macroeconomia si occupa di studiare i meccanismi di determinazione delle grandezze economiche aggregate, così come definite dalla

Dettagli

La Stampa in Italia 2008 2010

La Stampa in Italia 2008 2010 FEDERAZIONE ITALIANA EDITORI GIORNALI La Stampa in Italia 2008 2010 Roma 13 aprile 2011 Le ricadute della crisi economica sul settore dell editoria giornalistica nel biennio 2008-2009 sono state pesanti.

Dettagli

Il futuro della PAC quali prospettive per le assicurazioni e fondi di mutualizzazione? Pasquale DI RUBBO Policy Advisor Trento 1 Aprile 2011

Il futuro della PAC quali prospettive per le assicurazioni e fondi di mutualizzazione? Pasquale DI RUBBO Policy Advisor Trento 1 Aprile 2011 Il futuro della PAC quali prospettive per le assicurazioni e fondi di mutualizzazione? Pasquale DI RUBBO Policy Advisor Trento 1 Aprile 2011 Che cosa sono il Copa e la Cogeca? Il Copa Gli agricoltori europei

Dettagli

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE Allegato B alla delibera n. 380/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: a) l ambito dell intervento regolamentare proposto, con particolare

Dettagli

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 34 Domanda Aggregata e politica economica Quando

Dettagli

Capitolo 8. Struttura della presentazione. Tipi di dazio. Gli strumenti della politica commerciale

Capitolo 8. Struttura della presentazione. Tipi di dazio. Gli strumenti della politica commerciale Capitolo 8 Gli strumenti della politica commerciale preparato da Thomas Bishop (adattamento italiano di Rosario Crinò) 1 Struttura della presentazione Analisi dei dazi in equilibrio parziale: offerta,

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

Il mercato dell olio di oliva in Russia Analisi delle opportunità commerciali per le imprese italiane

Il mercato dell olio di oliva in Russia Analisi delle opportunità commerciali per le imprese italiane Il mercato dell olio di oliva in Russia Analisi delle opportunità commerciali per le imprese italiane Roberto Cassanelli - Responsabile Commerciale Corporate Nord Est Verona, 8 aprile 2013 INDICE IL QUADRO

Dettagli

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE OSSERVATORIO NAZIONALE IMMIGRATI E CASA 9 RAPPORTO LUGLIO 2012 VIA LORENZO MAGALOTTI, 15 00197 ROMA TEL. 06/8558802 FAX 06/84241536 E' in corso

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

I rapporti economici internazionali. Liberismo e protezionismo La Bilancia dei pagamenti Il cambio La globalizzazione

I rapporti economici internazionali. Liberismo e protezionismo La Bilancia dei pagamenti Il cambio La globalizzazione I rapporti economici internazionali Liberismo e protezionismo La Bilancia dei pagamenti Il cambio La globalizzazione Il commercio internazionale E costituito da tutti gli scambi di beni e servizi tra gli

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

Ecco i titoli definitivi

Ecco i titoli definitivi ATTUALITÀ PAC Il Valore Unitario Nazionale è di 217,64 euro/ha di Angelo Frascarelli Il 1 aprile Agea ha comunicato numero e valore dei titoli dal al 2020 Ecco i titoli definitivi I l 1 aprile, Agea ha

Dettagli

FONDINPS - Fondo pensione complementare INPS Iscritto n. 500 all Albo Covip

FONDINPS - Fondo pensione complementare INPS Iscritto n. 500 all Albo Covip DOCUMENTO SUL REGIIME FIISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il rischio debito affonda le Borse, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta corretta è una soltanto. FRANCOFORTE.

Dettagli

Dossier di documentazione IL GOVERNO DEL PERSONALE NEL SETTORE SANITARIO

Dossier di documentazione IL GOVERNO DEL PERSONALE NEL SETTORE SANITARIO PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Ufficio di Segreteria della Conferenza Permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano Dossier di documentazione IL

Dettagli

D. Lgs. 185/00 - MISURE IN FAVORE DELLA NUOVA IMPRENDITORIALITA NEI SETTORI DELLA PRODUZIONE E DEI SERVIZI ALLE IMPRESE, E IN AGRICOLTURA

D. Lgs. 185/00 - MISURE IN FAVORE DELLA NUOVA IMPRENDITORIALITA NEI SETTORI DELLA PRODUZIONE E DEI SERVIZI ALLE IMPRESE, E IN AGRICOLTURA Sviluppo Italia Autoimp e autoimpr Autoimpr prod e serv imprese D. Lgs. 185/00 - MISURE IN FAVORE DELLA NUOVA IMPRENDITORIALITA NEI SETTORI DELLA PRODUZIONE E DEI SERVIZI ALLE IMPRESE, E IN AGRICOLTURA

Dettagli

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI COMUNICATO STAMPA ESAMINATI DAL CONSIGLIO I RISULTATI CONSOLIDATI DEL PRIMO TRIMESTRE GRUPPO ITALMOBILIARE: RICAVI: 1.386,4 MILIONI DI EURO (1.452,5 MILIONI NEL PRIMO TRIMESTRE

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL QUADRO NORMATIVO DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE

L EVOLUZIONE DEL QUADRO NORMATIVO DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE per Confcooperative L EVOLUZIONE DEL QUADRO NORMATIVO DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE Novembre 2006 1 Legge Finanziaria art. 84 Fondo per l erogazione ai lavoratori dipendenti del TFR DM sul Fondo Tesoreria

Dettagli

Concetti di marketing turistico

Concetti di marketing turistico Concetti di marketing turistico Introduzione Un impresa, per individuare la linea d azione che ha la maggior probabilità di portare al successo il proprio prodotto, cerca di anticipare i bisogni dei consumatori,

Dettagli

Documento di economia e finanza 2015. Dossier 1 La finanza delle amministrazioni comunali

Documento di economia e finanza 2015. Dossier 1 La finanza delle amministrazioni comunali Documento di economia e finanza 2015 Dossier 1 La finanza delle amministrazioni comunali Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Giorgio Alleva Commissioni riunite V Commissione

Dettagli

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi. BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

La dimensione economica e le specializzazioni dell agricoltura del Friuli Venezia Giulia. Produttori e redditi, prodotti e mercati

La dimensione economica e le specializzazioni dell agricoltura del Friuli Venezia Giulia. Produttori e redditi, prodotti e mercati La dimensione economica e le specializzazioni dell agricoltura del Friuli Venezia Giulia Produttori e redditi, prodotti e mercati Rosalba Sterzi 21 marzo 2014 Indice 1. Profilo socio/demografico dei conduttori:

Dettagli

Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%).

Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%). BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI CREDITO DA PARTE DELLE FAMIGLIE Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%). Le evidenze

Dettagli

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica MODULO 2 - La spesa pubblica LE DIMENSIONI DELLA SPESA PUBBLICA L insieme dei mezzi monetari che lo Stato e gli altri enti pubblici erogano per il raggiungimento dei fini di pubblico interesse costituisce

Dettagli