Disturbi glutine-correlati in assenza di celiachia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Disturbi glutine-correlati in assenza di celiachia"

Transcript

1 Forum GLUTEN-FREE JOURNAL FOR HEALTH CARE PROFESSIONALS EDIZIONE 02/2013 Intolleranza al frumento in assenza di celiachia: una nuova entità clinica L'esistenza della nuova entità della sensibilità al frumento (WS) in assenza di celiachia è attualmente oggetto di dibattito e non sono ancora stati individuati biomarcatori specifici. Per questa ragione sono stati riesaminati i dati di 276 pazienti raccolti dal 2001 al Nell'ambito di uno studio in doppio cieco, controllato con placebo, a questi pazienti, che mostravano sintomi simili a quelli dell'intestino irritabile, è stata diagnosticata una sensibilità al frumento. I risultati attuali confermano l'effettiva esistenza della sensibilità al frumento, con l'osservazione di due gruppi distinti: uno il cui quadro clinico è simile a quello della celiachia e un altro le cui caratteristiche assomigliano maggiormente a un'allergia alimentare. Carroccio, Antonio et al. (2012): Non- Celiac Wheat Sensitivity Diagnosed by Double-Blind Placebo-Controlled Challenge: Exploring a New Clinical Entity. Am J Gastroenterol 2012; 107: Disturbi glutine-correlati in assenza di celiachia Una percentuale sempre crescente di persone soffre di disturbi gastrointestinali in seguito al consumo di prodotti contenenti glutine. Solitamente, l'ipotesi formulata per questi pazienti è quella di celiachia. Ma cosa succede quando l'esito è negativo? Esistono altre forme di disturbi glutine-correlati e com'è possibile diagnosticarli? La celiachia è una malattia infiammatoria cronica del tratto gastrointestinale che interessa circa l'un per cento della popolazione. Essaviene definita come una risposta immunitaria aumentata al glutine, una proteina del frumento. Il gold standard diagnostico prevede test sierologici e una biopsia duodenale. In presenza di anticorpi specifici e di un'atrofia della mucosa nell'intestino tenue si può parlare di celiachia. L'unica terapia possibile consiste in un'alimentazione senza glutine per tutta la vita, che consente il regresso dei danni alla mucosa e migliora sensibilmente il benessere del paziente. Sebbene la prevalenza della celiachia si attesti solo all'un per cento, una parte ben più ampia della popolazione consuma prodotti senza glutine. Lo sviluppo del mercato dei prodotti alimentari senza glutine ha segnato un forte incremento negli ultimi anni. Un'analisi di mercato condotta nel Nordamerica ha rilevato che dal 15 al 25 per cento della popolazione consuma alimenti senza glutine. Una ragione alla base di questa tendenza potrebbe essere l'aumento del numero di pazienti che soffre di disturbi glutine-correlati. In gran parte dei soggetti colpiti non si riscontra tuttavia alcun marcatore di celiachia. Questo dato complica le analisi, la diagnosi e il trattamento di questi pazienti e rappresenta una sfida per medici ed esperti in materia di nutrizione. DOTT. IMRAN AZIZ Ricercatore clinico presso l'unità di Gastroenterologia del Royal Hallamshire Hospital di Sheffield, Gran Bretagna

2 JOURNAL FOR HEALTH CARE PROFESSIONALS EDIZIONE 02/2013 Disturbi glutine-correlati nei pazienti non celiaci Le analisi mostrano che vi sono pazienti che, nonostante la diagnosi confermi l'assenza di celiachia, reagiscono negativamente al glutine. In uno studio prospettico condotto su 94 adulti che manifestavano disturbi addominali in seguito al consumo di glutine, il 63 per cento dei partecipanti allo studio non è risultato affetto né da celiachia né da allergia al frumento. Ciononostante, a seguito dell'adozione di un'alimentazione priva di glutine si è osservato un miglioramento della situazione dei partecipanti. Si è inoltre potuto appurare come la presenza dell'anticorpo anti-gliadina fosse maggiore nei pazienti con disturbi glutine-correlati o sindrome dell'intestino irritabile rispetto al gruppo di controllo di soggetti sani. Un ulteriore studio ha preso in esame la reazione al glutine in 920 pazienti affetti da sindrome dell'intestino irritabile. Lo studio prevedeva l'adesione a una dieta ad eliminazione di quattro settimane e, dopo un periodo di wash-out, una fase di due settimane di assunzione di cibo contenente glutine o placebo. Un terzo dei pazienti ha mostrato una reazione clinica significativa alla proteina del frumento non indotta dal placebo. Tale reazione si è manifestata in termini di aumento dei dolori addominali, gonfiore e alterata consistenza delle feci. Questa e altre scoperte scientifiche confermano l'ipotesi che l'introduzione di glutine può provocare disturbi gastrointestinali anche in pazienti in cui la diagnosi di celiachia è negativa. Scoperte degli esperti internazionali La scoperta del fatto che la reazione al glutine non è limitata alla celiachia ha spinto 15 esperti di livello internazionale a sviluppare nel 2012 un documento comune. Tra le altre cose, il documento fissa una nuova nomenclatura e una classificazione dei disturbi glutine-correlati (vedere tabella 1). Non-Celiac Gluten Sensitivity L'esatta prevalenza della Non-Celiac Gluten Sensitivity (NCGS) è tuttora sconosciuta, ma in base a studi condotti dal Center For Celiac Research" della University of Maryland di Baltimora (USA) è stimata attorno al 6%. Non si conoscono nemmeno i biomarcatori specifici per l'identificazione della NCGS e le eventuali conseguenze a lungo termine per i pazienti. I sintomi che si possono osservare in presenza di NCGS sono svariati. I disturbi addominali comprendono gonfiore, dolori e diarrea. Possono inoltre manifestarsi sintomi diversi da quelli del tratto gastrointestinale, come cefalea, foggy mind ( stato di annebbiamento mentale ), depressione, stanchezza, dolori muscolari e eruzioni cutanee. Secondo alcuni esperti, la NCGS è da ricondurre esclusivamente a una risposta immunitaria congenita, mentre la celiachia può costituire una reazione immunitaria sia congenita sia acquisita. Una diagnosi di NCGS può avvenire solamente previa esclusione degli altri disturbi glutine-correlati (vedere tabella 2). Tabella 1: classificazione dei disturbi glutine-correlati Il glutine e le altre componenti del frumento Celiachia Allergia al frumento Non-Celiac Gluten Sensitivity Risposta immunitaria al glutine a livello dell'intestino, con conseguente infiammazione cronica e degenerazione dei villi intestinali Risposta immunitaria avversa alle proteine del frumento, indotta dalle IgE Reazione al glutine con esclusione dei meccanismi sia allergici sia autoimmuni (diagnosi basata su criteri di esclusione) È inoltre poco chiaro se sia proprio l'esclusione del glutine a produrre un miglioramento del quadro sintomatico nei soggetti interessati. Si sta indagando se un'altra componente del frumento possa fungere da fattore scatenante per questi disturbi. Gli esperti sospettano che i fruttani, un tipo di carboidrati presenti nel frumento, una volta fermentati possano inne- 2

3 Forum scare problemi intestinali nei pazienti affetti da sindrome dell'intestino irritabile. Escludendo il glutine si riduce automaticamente l'assunzione di fruttani, che influenzano flora intestinale, produzione di gas e fermentazione. Tuttavia, alcuni studi identificano il glutine quale il fattore scatenante dei sintomi gastrointestinali nei pazienti non affetti da celiachia. Sono comunque necessari ulteriori studi per trarre conclusioni univoche circa il fattore scatenante alla base di questi disturbi. Tabella 2: diagnosi dei disturbi glutine-correlati Esame Celiachia Allergia al frumento NCGS Sierologia (anticorpi antitransglutaminasi) Biopsia duodenale positiva negativa negativa Atrofia dei villi intestinali normale normale o normale con aumento dei linfociti intraepiteliali Conclusione sierologia IgE o prick test cutaneo con il frumento negativa positiva negativa I medici hanno osservato che la crescente adozione a livello globale della dieta mediterranea sembra comportare una maggiore frequenza dei disturbi glutine-correlati. In questi pazienti vengono spesso escluse allergia al frumento o celiachia e si parla di sensibilità al glutine. I soggetti colpiti traggono beneficio da un'alimentazione senza glutine che determina un sensibile miglioramento del quadro sintomatico. È importante spiegare a questi pazienti che esiste una nuova forma di disturbi glutinecorrelati, detta Non-Celiac Gluten Sensitivity, la cui conoscenza è tuttavia ancora parziale. BIBLIOGRAFIA Imran Aziz et al.: Does gluten sensitivity in the absence of coeliac disease exist? BMJ 2012;345:e7907

4 JOURNAL FOR HEALTH CARE PROFESSIONALS EDIZIONE 02/2013 IL PARERE DI UN ESPERTO L'alimentazione senza glutine in caso di intestino irritabile Uno studio scientifico in corso di svolgimento presso la Charité di Berlino sta esaminando quali pazienti affetti da sindrome dell'intestino irritabile (IBS) possono trarre beneficio da un'alimentazione senza glutine. Secondo gli scienziati, nel 20 per cento circa dei pazienti con IBS potrebbe essere presente una sensibilità al glutine, trattabile con il passaggio a un regime alimentare privo di glutine. Attualmente è tuttora in corso l'arruolamento di soggetti per lo studio GIBS (Gluten-free diet in IBS). DOTT. REINER ULLRICH Direttore dello studio Gluten-free diet in IBS (GIBS), Charité, Università di Medicina di Berlino, Campus Benjamin Franklin, Clinica Medica di Gastroenterologia, Infettivologia e Reumatologia, Berlino La cosiddetta sindrome dell'intestino irritabile (IBS, dall'inglese Irritable Bowel Syndrome) è innocua, ma spesso rappresenta una grave menomazione per chi ne è affetto ed è difficile da trattare. Benché la causa alla base dell'ibs sia tuttora ignota, studi precedenti sembrano indicare che un ipersensibilità al glutine potrebbe avere un ruolo in parte dei pazienti che ne sono affetti. È stato dimostrato che una percentuale significativa di pazienti affetti da IBS con diarrea predominante e positivi al test per l'allele HLA-DQ2 associato alla celiachia si sia liberata del disturbo seguendo una dieta senza glutine (GFD). La sensibilità e specificità di HLA-DQ2 come marcatore diagnostico erano rispettivamente del 92 e 52 per cento. A dispetto di indizi tanto promettenti, attualmente né la determinazione di HLA-DQ2 né la sperimentazione di una dieta priva di glutine fanno parte delle raccomandazioni in caso di IBS. consenta di individuare quei pazienti che possono trarre giovamento da una dieta priva di glutine. Il gene HLA-DQ2 è presente pressoché in tutti i pazienti celiaci, ma anche in circa un quarto della popolazione normale. La presenza di questa caratteristica non ha dunque alcun significato, ma la sua assenza consente di escludere con un ampio margine di sicurezza che si tratti celiachia. L'obiettivo dello studio GIBS è verificare se, in assenza di questo elemento, in pazienti affetti da sindrome dell'intestino irritabile è possibile escludere la presenza di una GS. Nei pazienti che presentano una sensibilità al glutine (GS) anziché la sindrome dell'intestino irritabile, con l'adozione di una dieta senza glutine si può osservare un notevole miglioramento o la scomparsa dei sintomi. Informazioni di base sulla sindrome dell'intestino irritabile Per diagnosticare la sindrome del colon irritabile secondo i criteri di Roma III implementati nel 2006 Dolore e/o distensione addominale che ricorrono 3 gg/mese negli ultimi 3 mesi, associato con 2 deiseguenti fatti: a) Miglioramento con la defecazione b) Insorgenza in associazione con variazioni dell alvo c) Compaiono in associazione con variazioni della forma delle feci. HLA-DQ2 come biomarcatore della sensibilità al glutine? Sotto la direzione del Dottor Reiner Ullrich, un'equipe dell'istituto Charité di Berlino sta esaminando il rapporto tra IBS e sensibilità al glutine (GS) in uno studio diagnostico di fase 3, prospettico, in doppio cieco. L'obiettivo è scoprire se la tipizzazione di HLA-DQ2 possa contribuire alla diagnosi di sensibilità al glutine in pazienti con IBS senza stipsi secondo i criteri di Roma III. Lo studio esaminerà dunque se il marcatore genetico HLA-DQ2 La sindrome dell'intestino irritabile è la malattia gastroenterologica cronica più frequente. Interessa il 12,5 per cento della popolazione tedesca, metà della quale si rivolge regolarmente al medico in conseguenza dei disturbi. I sintomi sono vari e spaziano da diarrea e dolori addominali a sensazione di pienezza, gonfiore e stipsi. Le procedure diagnostiche attualmente disponibili non consentono di comprovare alterazioni patologiche. La terapia è dunque limitata a misure atte a ridurre i sintomi, con un risultato spesso insoddisfacente per i soggetti interessati. 4

5 Forum Informazioni di base sullo studio Fig. 1: diagramma di flusso delle fasi previste per i soggetti partecipanti allo studio GIBS. (le indicazioni percentuali rappresentano delle stime dei valori attesi.) REQUISITI PER LA PARTECIPAZIONE ALLO STUDIO Pazienti Roma III Stipsi assente Sintomi settimanali > testare per influenza presenza di sindrome dell'intestino irritabile con insorgenza di disturbi almeno una volta a settimana età minima 18 anni nessuna partecipazione ad altro studio clinico nel mese precedente e durante la partecipazione Altre malattie > esclusione 10% osservazione per 4 settimane 90% Diagnosi 10% sintomi < una volta a settimana Accenno (miglioramento significativo) > esclusione disponibilità a seguire una dieta senza glutine di quattro mesi 90% CRITERI DI ESCLUSIONE IBS-D o IBS-M > Inclusione negli studi disturbo con stipsi predominante gravidanza e allattamento Test HLA-DQ2 pancreatite o malattia gastrointestinale cronica Non rilevato VALUTAZIONI PREVISTE 70% 30% periodo di osservazione di quattro settimane per il rilevamento del quadro sintomatico esami diagnostici per escludere la presenza di altre malattie croniche gastrointestinali o del pancreas determinazione di HLA-DQ2 (rivelato solo al termine dello studio, per escludere ogni influenza e preservare il cieco) drop-out 15% 90% HLA-DQ2 negativo Dieta senza glutine Nessun accenno Accenno Nessun accenno HLA-DQ2 positivo Dieta senza glutine 10% 40% 60% Accenno 15% drop-out (IBS-D = sindrome dell'intestino irritabile con diarrea predominante; IBS-M = sindrome dell'intestino irritabile di tipo misto ) I disturbi si risolvono dopo alcuni giorni Circa il 20 per cento dei pazienti affetti da sindrome dell'intestino irritabile si è espressa positivamente in merito alla dieta senza glutine e viene classificata come sensibile al glutine. BIBLIOGRAFIA Wahnschaffe et al., Gastroenterology 121(6), 1329 (2001) Wahnschaffe et al., Clin Gastroenterol Hepatol 5, 844 (Jul, 2007)

6 AUTORI dei sintomi CELIACHIA ad alcuni anni adattativa) 95% dei casi) extraintestinali Complicanze l adozio SENSIBILITÀ AL GLUTINE Da alcune ore ad alcuni giorni Reazione immunologica finora non chiara non chiara Negativi * (Marsh 0-1) Intestinali ed extraintestinali non note ff fi fi ff V fi ca sia dità. ità più alti, ato :32:28 sia priva ( è Que Qu Esi In c È un Vi è Vi è È pos aumento e i medici FONTI 1. Sapone on new no JOURNAL FOR HEALTH CARE PROFESSIONALS EDIZIONE 02/2013 Relazione di sintesi sull'international Expert Meeting on Gluten Sensitivity Oltre a celiachia e allergia al frumento esiste un nuovo disturbo associato al glutine: la sensibilità al glutine. Ma che cosa si intende esattamente e quali criteri diagnostici è possibile definire? A dicembre 2012, circa 30 scienziati di livello internazionale si sono posti proprio queste domande. I risultati dell'incontro sono riassunti in una relazione di sintesi disponibile in formato PDF sul sito web di Dr. Schär Institute. Premessa Dopo la prima Consensus Conference tenutasi a Londra nel 2011, l'1 e 2 dicembre 2012 si è svolto a Monaco il secondo International Expert Meeting on Gluten Sensitivity. Per un intero fine settimana, circa 30 scienziati e medici provenienti da Stati Uniti, Inghilterra, Italia, Germania, Francia, Spagna, Austria, Argentina, Slovenia e Paesi Bassi si sono confrontati sulle nuove conoscenze nel campo della sensibilità al glutine (GS - Gluten Sensitivity). Gli esperti hanno discusso tra l'altro su quale sia la migliore definizione e nomenclatura da adottare per la sensibilità al glutine, sulle conoscenze attuali in materia di GS e su quali questioni siano ancora da approfondire. Si è anche affrontato il problema di quali siano i biomarcatori adatti per la diagnosi di sensibilità al glutine e in che modo il tema dell'intestino irritabile sia correlato al problema della GS. Si è inoltre discusso di come sia possibile riuscire a distinguere una vera sensibilità al glutine da un effetto placebo ottenuto attraverso l'adozione di un'alimentazione priva di glutine. L'incontro internazionale ha visto la partecipazione di luminari del calibro del Prof. Alessio Fasano, del Prof. Carlo Catassi, del Prof. Detlef Schuppan, del Prof. David Sanders, del Dott. Michael Schumann, del Prof. Wolfgang Holtmeier e della Dott.ssa Anna Sapone. RELAZIONE DI SINTESI Conferenza internazionale sulla sensibilità al glutine Monaco, 1-2/12/2012 Catassi, C.: Department of Pediatrics, Università Politecnica delle Marche, Co-Director, Center for Celiac Research, University of Maryland School of Medicine, Baltimore, USA Fasano, A.: M.D., Professor of Pediatrics, Medicine and Physiology, Director, Mucosal Biology Research Center University of Maryland School of Medicine, Baltimore, USA Sapone, A.: Mucosal Biology Research Center and Center for Celiac Research, University of Maryland School of Medicine, Baltimore, USA, Department of Internal and Experimental Medicine Magrassi-Lanzara, Second University of Naples, Neapel, Italien BACKGROUND E OBIETTIVI Dopo la prima Consensus Conference tenutasi a Londra nel 2011, si è svolta a Monaco, a fine 2012, la seconda Conferenza internazionale sulla sensibilità al glutine. La conferenza ha visto la partecipazione di circa 30 medici e scienziati provenienti da Stati Uniti, Inghilterra, Italia, Germania, Francia, Spagna, Austria, Argentina, Slovenia e Paesi Bassi, che hanno discusso delle attuali conoscenze scientifiche sui disturbi associati al glutine e sulla sensibilità al glutine (GS). I risultati illustrati in questa sede rappresentano il proseguimento delle conclusioni tratte nell ambito della prima Consensus Conference, pubblicate come algoritmo diagnostico nella rivista specializzata online BCM Medicine. 1 L obiettivo degli esperti è la redazione di un trattato sulle attuali conoscenze scientifiche e la stesura delle prime linee guida relative ai disturbi correlati al glutine, in particolare alla sensibilità al glutine. È inoltre necessario che gli studi sui disturbi -correlati al glutine e sulla sensibilità al glutine, attualmente in corso e in programma per il futuro, vengano coordinati e armonizzati. RISULTATI Intervallo di tempo tra esposizione al glutine e insorgenza 1. CONCETTI Nomenclatura: Per quanto riguarda la nomenclatura, gli scienziati hanno concordato di passare da sensibilità al glutine a sensibilità al glutine non celiaca (Non Celiac Gluten Sensitivity, NCGS). Questa precisazione sottolinea come la diagnosi della sensibilità al glutine debba avvenire attraverso l esclusione di altre patologie correlate al glutine. di linfo- indivi- lità al glutine non celiaca. Una reazione delle IgA non è da escludere. Alcuni studi indicano una correlazione con gli anticorpi anti-gliadina di prima generazione. Si consiglia di non includerli nella diagnosi di celiachia, ma possono essere presi in considerazione nella sensibilità al glutine non celiaca. Questo è quanto messo in evidenza da alcuni studi in doppio cieco su sottogruppi di popolazione specifici, come ad esempio pazienti con sindrome dell intestino irritabile (Irritable Bowel Syndrome, IBS). Ad ogni modo, questo non vale per i pazienti in età pediatrica, nei quali la sensibilità al glutine non celiaca può ugualmente manifestarsi in forma di sintomi gastrointestinali. Non esistono tuttavia ulteriori studi a talriguardo. Sembra inoltre possibile un coinvolgimento degli inibitori dell amilasi/tripsina (ATI). Non si può nemmeno escludere il ruolo di altre proteine correlate al glutine quali fattori scatenanti, ma mancano ancora studi a tal proposito. La prevalenza di HLA-DQ2/DQ8 nella sensibilità al glutine non celiaca è inferiore rispetto alla celiachia, in quanto sono stati riscontrati nel circa 50% dei casi. Anche gli anticorpi anti-gliadina sono presenti nel 50% dei casi. Il test non è specifico per la celiachia e non consente di ipotizzare la sensibilità al glutine non celiaca. Si tratta solamente di marcatori dell assunzione di glutine, del passaggio del glutine nella mucosa intestinale e di una reazione immunitaria al glutine. Decorso: Le lesioni intestinali in caso di sensibilità al glutine non celiaca corrispondono al grado Marsh 0 oppure 1. La quantità di linfociti intraepiteliali è inferiore rispetto alla celiachia. Vengono indivi- duati i linfociti /, mentre nella celiachia i linfociti /. In seguito all assunzione di glutine, in caso di sensibilità al glutine non celiaca sia l insorgenza che la riduzione dei sintomi si manifestano con rapidità. Diversamente da quanto accade nella celiachia, in caso di sensibilità al glutine non celiaca il valore soglia fino al quale si ha tolleranza al glutine è variabile da persona a persona e nel corso del tempo. Terapia: Alcuni pazienti affetti da sensibilità al glutine non celiaca necessitano, analogamente ai pazienti celiaci, di un alimentazione rigorosamente priva di glutine, compreso il controllo delle contaminazioni incrociate. Altri, invece, presentano livelli di tolleranza più alti, e tollerano l assunzione di una certa quantità di glutine. Correlazione con altre patologie: Due studi sulla sensibilità al glutine non celiaca in pazienti con sindrome dell intestino irritabile condotti in Australia e in Italia hanno dimostrato che il 5% dei pazienti australiani e il 10-15% di quelli italiani ne sono affetti. Uno studio intrapreso di recente in Germania produrrà presumibilmente risultati analoghi. Il ruolo della sensibilità al glutine non celiaca nei riguardi del sistema nervoso centrale è collegato principalmente ad autismo e schizofrenia. Questi disturbi sono associati a fattori genetici e ambientali che concorrono all insorgere dei sintomi. Il ruolo del glutine a tal riguardo è uno dei fattori più studiati e discussi. Se da un lato la medicina alternativa e complementare sostengono no che il glutine sia responsabile dello sviluppo dei sintomi e suggeriscono pertanto un trattamento con dieta senza glutine; altri medici partono dal presupposto che l adozione di un alimentazione senza glutine sia priva di ragionevole fondamento, in quanto la celiachia è stata riscontrata solo di rado in presenza di queste patologie. A parere degli autori, in questi sottogruppi ogruppipi di popolazione bisognerebbe ricercare anche la Da alcune settimane Patogenesi Autoimmune (immunità innata e HLA HLA DQ2/8 (circa nel Autoanticorpi Positivi (elevata sensibilità e specificità) Enteropatia tipica assente; occasionalmente leggero aumento degli IEL Sintomi Intestinali ed Complicanze Malattie concomitanti, nel lungo periodo * eccetto: anticorpi anti-gliadina IgA e/o IgG (AGA) Nessuna malattia concomitante, nel lungo periodo Complicanze Definizione: La sensibilità al glutine non celiaca, da diagnosticarsi in seguito all esclusione di altri disturbi imputabili al glutine, come la celiachia (Celiac Disease, CD) e l allergia al frumento, è un disturbo che provoca l insorgenza di sintomi in seguito al consumo di alimenti contenenti glutine. 2. ATTUALE STATO DELLA SCIENZA Prevalenza: Non sono attualmente disponibili dati epidemiologici dimostrati. Tuttavia, gli esperti ipotizzano che la sensibilità al glutine non celiaca si manifesti con maggior frequenza rispetto alla celiachia. Le prime stime si attestano attorno al 6% della popolazione. Biomarcatori: Allo stato attuale non sono noti biomarcatori per la diagnosi della sensibilità al glutine non celiaca. È stato osservato che l immunità congenita è un fattore rilevante, ma non sono stati condotti studi su quali siano i fattori scatenanti lo sviluppo della sensibi- DSI_Kurzreport_GS_IT_ indd :32:28 Dr. Schär SPA, Professionals, Winkela 9 sensibilità al glutine non celiaca, poiché potrebbe esercitare un ruolo importante in entrambi i disturbi. In futuro si dovranno anche effettuare studi sulle patologie autoimmuni associate, correlate ad anticorpi specifici per determinati alimenti, e analizzare la possibilità di un aumento della comorbidità. Per studiare la possibile predisposizione genetica, gli studi futuri dovranno coinvolgere i familiari dei pazienti. Disegno degli studi: È necessario attuare un armonizzazione degli studi futuri attraverso l implementazione di un disegno analogo al fine di consentire l analisi comune dei dati e l utilizzo dei medesimi campioni per quanto concerne patogenesi e diagnosi. Per escludere l effetto placebo dell alimentazione senza glutine, il disegno dello studio dovrà essere in doppio cieco e controllato con placebo. Questo rappresenta l unico metodo scientifico corretto per distinguere la risposta immunitaria dall effetto placebo, sia nella ricerca sui biomarcatori che negli studi sulla sindrome dell intestino irritabile. In tal modo è possibile impedire che sperimentatore e soggetto dello studio subiscano condizionamenti. È altresì importante che gli studi in corso e quelli futuri adottino protocolli simili o identici. A tal proposito, in occasione della conferenza di Monaco è stato costituito un gruppo di lavoro. 3. SINTESI E PROSPETTIVE Fattori noti: La sensibilità al glutine non celiaca (NCGS) è una disfunzione diffusa. si presume sia correlata ad un funzionamento anomalo dell immunità congenita. reagisce positivamente all alimentazione senza glutine. ha effetti su alcuni disturbi del comportamento (ansia, depressione). è clinicamente variabile. Questioni irrisolte: Quali sono le componenti tossiche, ossia le componenti del glutine? Esistono componenti genetiche? In che modo varia il valore soglia? È una manifestazione permanente? Vi è una correlazione con il malassorbimento? Vi è una correlazione con qualche malattia autoimmune? È possibile formulare una prognosi? Consapevolezza e informazione: Nella popolazione si riscontra un aumento nel ricorso all alimentazione senza glutine non basato su evidenze scientifiche né su una diagnosi corretta. L opinione pubblica e i medici di base dovrebbero essere informati sulla differenza tra ce- liachia e sensibilità al glutine non celiaca. 1. Sapone A et al. Spectrum of gluten-related disorder: consensus on new nomenclature and classification. BMC Medicine 2012;10:13. SIT38 Primi risultati Per quanto riguarda la nomenclatura, gli scienziati hanno concordato di passare da Gluten Sensitivity a Non Celiac Gluten Sensitivity (NCGS). Questa specificazione sottolinea come la diagnosi di sensibilità al glutine debba avvenire attraverso l'esclusione di altre patologie correlate al glutine. La sensibilità al glutine non celiaca, da diagnosticarsi in seguito all'esclusione di altri disturbi imputabili al glutine, come la celiachia (Celiac Disease, CD) e l'allergia al frumento, è un disturbo che provoca l'insorgenza di sintomi in seguito al consumo di alimenti contenenti glutine. Al momento non è possibile affermare quale sia la prevalenza della NCGS, data l'assenza di dati epidemiologici consolidati. Tuttavia, gli esperti ipotizzano che la sensibilità al glutine non celiaca si manifesti con maggior frequenza rispetto alla celiachia. Finora non è stato possibile identificare marcatori specifici per la diagnosi di NCGS. È stato osservato che l'immunità congenita è un fattore rilevante, ma non sono stati effettuati studi su quali siano i fattori scatenanti per lo sviluppo di una sensibilità al glutine non celiaca. La relazione di sintesi illustra ulteriori fattori che possono rivestire un ruolo nella diagnosi. Se si sospetta la presenza di NCGS in un paziente, come nella celiachia è necessario che questi si attenga a una dieta priva di glutine. Nei pazienti affetti da NCGS, la dieta può essere strutturata molto diversamente rispetto ai pazienti celiaci. Alcuni pazienti necessitano, analogamente ai pazienti celiaci, di una rigida alimentazione senza glutine, che includa controlli per le contaminazioni incrociate. Altri invece presentano livelli di tolleranza più alti, e tollerano l'assunzione di una certa quantità di glutine. FATTORI NOTI: LA NCGS è una disfunzione diffusa. si presume sia correlata a un funzionamento anomalo dell'immunità congenita. reagisce positivamente a un'alimentazione senza glutine. ha effetti su alcuni disturbi del comportamento (ansia, depressione). è clinicamente variabile. QUESTIONI IRRISOLTE Quali sono le componenti tossiche, ossia le componenti del glutine? Esistono componenti genetiche? Qual è il valore soglia per il glutine? È una manifestazione permanente? Vi è una correlazione con il malassorbimento? Vi è una correlazione con qualche malattia autoimmune? È possibile formulare una prognosi? Consapevolezza e informazione Nella popolazione si riscontra un aumento nel ricorso all'alimentazione senza glutine non basato su evidenze scientifiche né su una diagnosi corretta. L'opinione pubblica e i medici dovrebbero essere informati della differenza tra celiachia e NCGS. Per accrescere le conoscenze dei consumatori, Dr. Schär si impegna e fornire informazioni sul tema glutine, intolleranza al glutine e sensibilità al glutine. La versione completa della relazione di sintesi dell'expert Meeting (informazioni di base > raccomandazioni internazionali) e le interviste agli esperti in formato video (Clinical Library) sono disponibili sul sito web di Dr. Schär Institute nell'area dedicata alla sensibilità al glutine. Dr. Schär SPA, Professionals, Winkelau 9, I Postal, DSI_Kurzreport_GS_IT_ indd :32:36 6

7 Forum Gli studi dell'istituto GfK: che cosa sanno i consumatori dell'intolleranza al glutine? Un numero sempre più elevato di persone lamenta disturbi in seguito all'assunzione di determinati alimenti. Ma i consumatori sanno che sintomi quali gonfiore, diarrea e cefalea possono essere segno di un'intolleranza al glutine? È A CONOSCENZA DEL FATTO CHE IL GLUTINE PUÒ SCATENARE DOLORI ADDOMINALI, DIARREA E GONFIORE? Per testare il livello delle conoscenze dei consumatori sul tema del glutine, la società di ricerche di mercato GfK, con sede a Norimberga, ha condotto nel mese di ottobre 2012 in Germania uno studio rappresentativo per conto di Dr. Schär. Oltre alle conoscenze dei consumatori in fatto di glutine, lo studio si è occupato di rilevare quali siano le fonti di informazioni da essi consultate con maggiore frequenza e le azioni intraprese in caso di problemi del tratto gastrointestinale. Quanto sono informati i consumatori? Quasi la metà degli intervistati ha sentito parlare almeno una volta di concetti quali glutine, celiachia, intolleranza al glutine o sensibilità al glutine. Due terzi di questi è consapevole che si tratta di una proteina contenuta in cereali come il frumento e la segale. Appena il 16 per cento non sa cosa si intenda quando si parla di glutine o di intolleranza al glutine. Tuttavia, la maggior parte degli intervistati non ha preso in considerazione il glutine come causa di sintomi quali gonfiore, diarrea, mal di pancia, cefalea o dolori articolari, stanchezza o problemi di concentrazione. Solo l'8 per cento mette in relazione la proteina del frumento con questi disturbi. Gli intervistati a conoscenza del problema dell'intolleranza al glutine hanno indicato il glutine come fattore scatenante delle seguenti malattie: intestino irritabile, allergia al frumento, sensibilità al glutine, eruzioni cutanee e celiachia. Appena un terzo degli intervistati non sa quali malattie possano essere provocate dal glutine in caso di intolleranza. Le conoscenze di queste persone intervistate provengono principalmente da amici e parenti, giornali, riviste, opuscoli della farmacia e dalla televisione. Punti di riferimento e fonti di informazioni In presenza di disturbi a carico di stomaco, intestino o della digestione, gli intervistati si rivolgono essenzialmente al medico di famiglia. Il secondo punto di riferimento più frequente è la farmacia. Lo specialista è chiamato in causa appena dal 15 per cento degli intervistati, seguito subito dopo da amici e conoscenti, interpellati con la richiesta di un consiglio. Solo il 3 per cento degli intervistati si è rivolto al medico accennando specificamente ad un'intolleranza al glutine. Nel complesso, la soddisfazione degli intervistati rispetto alle informazioni ricevute presso le diverse fonti è elevata e viene considerata sufficiente. In particolare Internet e il medico di famiglia, secondo gli intervistati, forniscono informazioni sufficienti. Nonostante i tre quarti degli intervistati che hanno consultato lo specialista indichino di essere stati informati in maniera sufficiente, il 18 per cento di essi non è stato in grado di fornire alcuna indicazione circa la quantità di informazioni. Conoscenza dei prodotti senza glutine Nel complesso, per gli intervistati che conoscono il concetto di intolleranza al glutine i prodotti senza glutine risultano piuttosto sconosciuti. Solo il 13 per cento degli intervistati conosce e acquista prodotti senza glutine. I prodotti più conosciuti nel gruppo di intervistati che è a conoscenza dell'intolleranza al glutine sono le farine, il pane e gli snack, seguiti da pasta, prodotti surgelati, insaccati e formaggi. Tutti gli intervistati A CHI CI SI RIVOLGE IN CASO DI INTOLLERANZA AL GLUTINE? Medico di famiglia farmacista medico specialista conoscente Intervistati con conoscenze sull'intolleranza al glutine 8 % % LA STESSA PERCENTUALE HA GIÀ SENTITO PARLARE DI GLUTINE, CELIACHIA, INTOLLERANZA AL GLUTINE E SENSIBILITÀ AL GLUTINE 43 % 22 % 15 % 12 % 75 % Glutine Di questi, conoscono 57 % 71 % Intolleranza al glutine Di questi, intendono: una proteina contenuta in cereali quali il frumento o la segale 59 % Fonte: studio di Gfk per conto del gruppo Dr. Schär

8 12 Wheat Allergy (WA) Skin Prick Test Wheat Specific Serum IgE Gluten challenge NO Test + Challenge + YES WA diagnosis confirmed History and Physical Exam Initial Evaluation Consider Differential Diagnosis WA ruled out Potential CD Celiac Disease (CD) Gluten Sensitivity (GS) ttg IgA + /EMA + Total IgA Deamidated AGA AGA ttg and/or daga + EGD with biopsies YES NO Biopsy positive YES CD diagnosis confirmed NO Suspected GS NO Gluten challenge + YES GS diagnosis confirmed GS ruled out Consider other diagnosis News Forum JOURNAL FOR HEALTH CARE PROFESSIONALS GLUTEN-FREE EDIZIONE 02/2013 Interviste agli esperti sulla sensibilità al glutine In occasione dell' International Expert Meeting on Gluten Sensitivity tenutosi a Monaco nel 2012, Dr. Schär Institute ha invitato gli esperti a dire la loro. Nel corso di interviste individuali, agli scienziati e medici provenienti da tutto il mondo sono state poste domande sul nuovo quadro clinico della sensibilità al glutine. Come viene definita la sensibilità al glutine? Qual è la prevalenza della sensibilità al glutine? Qual è l'attuale stato della ricerca? Quali sono le differenze rispetto alla celiachia? Tra gli intervistati compaiono luminari del calibro del Prof. Alessio Fasano, del Prof. Carlo Catassi, del Prof. Detlef Schuppan, del Prof. David Sanders, del Dott. Michael Schumann, del Prof. Wolfgang Holtmeier e della Dott.ssa Anna Sapone. Preparate e raggruppate per ambito tematico, le interviste agli esperti sono disponibili sul sito web di Dr. Schär Institute nell'area dedicata alla sensibilità al glutine nella Clinical Library. Una piattaforma virtuale per informare i pazienti Save the Date! Convegno internazionale sulla celiachia Dal 22 al 25 settembre 2013 a Chicago, USA Non si perda questo importante evento riguardante la celiachia e i disturbi glutine correlati! Gli esperti Vi presenteranno gli ultimi risultati della ricerca e un update sulle tematiche relative ai disturbi legati al glutine. Dr. Schär organizzerà un pre- conference Workshop dal Brochure dedicata alla sensibilità al glutine titolo An update on Gluten Sensitivity. Non si perda questo interessantissimo dibattito sulla sensibilitá al glutine! Per ulteriori informazioni e la registrazione all evento La preghiamo di visitare il sito web del ICDS! Nella primavera 2013 è partita questa iniziativa da parte della Dr. Schär, che ha come scopo quello di informare e promuovere il riconoscimento dei disturbi associati al glutine. Gli interessati possono visitare il sito web e informarsi sul glutine e i tre diversi disturbi ad esso correlati: celiachia, allergia al frumento e la sensibilitá al glutine. Prima di iniziare una dieta senza glutine, è consigliato farsi visitare da un medico specialista per assicurarsi della diagnosi. Questo sito offre tante informazioni e consigli per quanto riguarda il trattamento dell intolleranza al glutine. La brochure di Dr. Schär Institute vi svela, in forma compatta e sintetica, tutto ciò che c'è da sapere sul tema della sensibilità al glutine. Oltre a informazioni di base fondamentali, come la definizione di glutine e sensibilità al glutine, la brochure presenta informazioni più dettagliate, ad esempio un paragrafo sul fattore FOXP3. Che cos'è questo fattore e qual è il suo significato per la diagnosi di sensibilità al glutine? Nella brochure vengono inoltre presentate indicazioni terapeutiche integrate da esempi di casi pratici. La brochure può essere scaricata in formato PDF dal sito web di Dr. Schär Institute nella sezione degli strumenti di consulenza per gli specialisti nell'area dedicata alla sensibilità al glutine oppure ordinata gratuitamente. Questa sezione inoltre presenta altri materiali informativi sul tema della sensibilità al glutine. Gluten sensitivity DIAGNOSTIC IC ALGORITHM The First Consensus Conference on of reaction to gluten: wheat allergy, Gluten Sensitivity held in London coeliac disease and gluten sensitivity, on 11 and 12 February 2011 led to and how to tackle the complex and the proposal of the first diagnostic wide ranging set of symptoms. algorithm aiming to create greater clarity between the various forms Present in wheat, barley, rye and other types of grain, gluten is a protein aggregate composed of 45 % gliadin and 55 % glutenins. Gluten in an aqueous solution consists of an elastic, porous grid matrix that provides the main structure of dough for breadmaking. In physical terms, its main characteristic is viscoelasticity. This creates a material that is both elastic and plastic, with the capacity to change its original shape. In terms of bread-making, ak practical implications include: the increased volume of oven-baked leavened products and the capacity to retain starch during cooking of the dough and delay its absorption during digestion. rye 1 GLUTEN barley wheat EDITOR Dr. Schär Professionals Dr. Schär GmbH / Srl, Winkelau 9, I Burgstall / Postal Phone , Fax , Testi: zweiblick, Dr. Schär Professionals Traduzione: eurocom translation services SIT0213

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

SENSIBILITÀ AL GLUTINE NON CELIACA: LA NUOVA FRONTIERA DEI DISTURBI GLUTINE-CORRELATI

SENSIBILITÀ AL GLUTINE NON CELIACA: LA NUOVA FRONTIERA DEI DISTURBI GLUTINE-CORRELATI SENSIBILITÀ AL GLUTINE NON CELIACA: LA NUOVA FRONTIERA DEI DISTURBI GLUTINE-CORRELATI International Expert Meeting on Gluten Sensitivity Monaco, 1. 2. Dicembre 2012 AUTORI Carlo Catassi, Julio C. Bai,

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

IL CELIACO: UNA PERSONA, UN PAZIENTE, UN TARGET. Una vita senza glutine

IL CELIACO: UNA PERSONA, UN PAZIENTE, UN TARGET. Una vita senza glutine IL CELIACO: UNA PERSONA, UN PAZIENTE, UN TARGET Una vita senza glutine Programma Scienziati in Azienda - XI Edizione Stresa, 27 settembre 2010 12 luglio 2011 A cura di: Andrea Finco, Antonella Galeotafiore,

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO GELATO SENZA GLUTINE: RISCHIO O SICUREZZA?

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO GELATO SENZA GLUTINE: RISCHIO O SICUREZZA? UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Agrarie e Alimentari Corso di Laurea Triennale in Scienze e Tecnologie Alimentari GELATO SENZA GLUTINE: RISCHIO O SICUREZZA? Relatore: Prof. Salvatore

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile Le cause più frequenti nelle diverse fasce d età Le indicazioni sulle singole cause citate nel capitolo precedente si riferivano a tutte le persone affette da epilessia, senza tener conto dell età delle

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Relazione annuale al Parlamento sulla celiachia

Relazione annuale al Parlamento sulla celiachia Direzione Generale per l Igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione Relazione annuale al Parlamento sulla celiachia Anno 2013 MINISTERO DELLA SALUTE* REGISTRO NAZIONALE* ALIMENTO SENZA GLUTINE

Dettagli

Le «contaminazioni» nella dieta senza glutine

Le «contaminazioni» nella dieta senza glutine Le «contaminazioni» nella dieta senza glutine La contaminazione con glutine di cibi che ne sono apparentemente privi è tema molto sentito e resta tuttora vivo il dibattito su come «gestire» le informazioni

Dettagli

LA MALATTIA CELIACA IN MEDICINA GENERALE

LA MALATTIA CELIACA IN MEDICINA GENERALE LA MALATTIA CELIACA IN MEDICINA GENERALE Coordinamento Scientifi co Umberto Volta Enzo Ubaldi PACINI EDITORE MEDICINA Copyright 2009 by Pacini Editore S.p.A. Pisa ISBN 978-88-6315-168-8 Realizzazione editoriale

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza Commissione Nazionale dei Corsi di Laurea in Infermieristica La valutazione dei risultati dell apprendimento e qualità formativa dei Corsi di laurea in Infermieristica Milano, 10 giugno 2011 Realtà e problematiche

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

ASPETTI NUTRIZIONALI DELLA DIETA SENZA GLUTINE

ASPETTI NUTRIZIONALI DELLA DIETA SENZA GLUTINE COELIAC FORUM EDIZIONE NR 02_2010 IN PRIMO PIANO AGGIORNAMENTO RICERCA ASPETTI NUTRIZIONALI DELLA DIETA SENZA GLUTINE La terapia nutrizionale è l unico trattamento universalmente accettato per la celiachia,

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

Il cancro dell intestino

Il cancro dell intestino Il cancro dell intestino Le principali domande e risposte Un informazione della Lega contro il cancro 1 INDICE L intestino 3 Il cancro dell intestino 4 Diagnosi precoce 7 Prevenzione 14 Che cosa posso

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane

Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane POpolazione Sieropositiva ITaliana Abitudini e stili di vita della paziente donna giovane Survey realizzata da In collaborazione con Con il supporto non condizionato di 3 METODOLOGIA Progetto POSIT POpolazione

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

Cos e` la Psicosi da Depressione?

Cos e` la Psicosi da Depressione? Italian Cos e` la Psicosi da Depressione? (What is a depressive disorder?) Cos e` la psicosi depressiva? La parola depressione viene di solito usata per decrivere lo stato di tristezza di cui noi tutti

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Agosto 2013 Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Dr. Richard A. Bailey, Poultry Health Scientist Sommario Introduzione Flora Intestinale Mantenere in equilibrio la salute intestinale Conclusioni

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

ANEMIE DEL II GRUPPO

ANEMIE DEL II GRUPPO ANEMIE DEL II GRUPPO Per incapacità dell eritrone midollare di produrre normalmente eritrociti a causa di difetti della: Proliferazione cellulare ESALTATA ERITROPOIESI INEFFICACE (ERITROBLASTOLISI MIDOLLARE)

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Ipertiroidismo. Serie n. 15a

Ipertiroidismo. Serie n. 15a Ipertiroidismo Serie n. 15a Guida per il paziente Livello: medio Ipertiroidismo - Series n. 15a (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto dal dott. Fernando Vera, dal Prof. Gary Butler

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN Stelvio Sestini, MD, PhD Unità di Medicina Nucleare - USL4 Prato Università degli Studi di Firenze Concetto 1. Le M. Neurodegenerative sono in aumento Concetto 2. Le

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza

Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza POpolazione Sieropositiva ITaliana Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza Survey realizzata da In collaborazione con Con il supporto non condizionato di 2 METODOLOGIA Progetto

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA PROGRAMMAZIONE Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA Classe: 4^ LTS/A - SALUTE Insegnante: Claudio Furioso Ore preventivo: 132 SCANSIONE MODULI N TITOLO MODULO set ott nov dic gen feb

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

Per far sviluppare appieno la

Per far sviluppare appieno la 2008;25 (4): 30-32 30 Maria Benetton, Gian Domenico Giusti, Comitato Direttivo Aniarti Scrivere per una rivista. Suggerimenti per presentare un articolo scientifico Riassunto Obiettivo: il principale obiettivo

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende Formazione e informazione perla prevenzione nell hotellerie e nella Gastronomia 2 Traduzione e adattamento italiani a cura di: Gruppo di lavoro

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

Risultati dell inchiesta sugli ultracinquantenni in Europa

Risultati dell inchiesta sugli ultracinquantenni in Europa www.unil.ch/share Risultati dell inchiesta sugli ultracinquantenni in Europa Cosa accadrà in futuro? Il passo successivo dell inchiesta sugli ultracinquantenni in Europa sarà completare la base dati già

Dettagli

I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN)

I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN) I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN) VALUTAZIONE DELLA TERAPIA FARMACOLOGICA PER LA CURA DEI COMPORTAMENTI PROBLEMATICI IN SOGGETTI CON SINDROME DI PRADER WILLI State per compilare un questionario sull'utilizzo

Dettagli

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina UN ESPERIENZA Dott.ssa Stefania Bracci Datré S.r.l via di Vorno 9A/4 Guamo (Lucca) s.bracci@datre.it Sommario In questo contributo presentiamo

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014 Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti Un case report è una dettagliata narrazione di sintomi, segni, diagnosi, trattamento e follow up di uno o più pazienti. Sebbene nell era della

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

LA VALUTAZIONE COGNITIVA NELL AUTISMO

LA VALUTAZIONE COGNITIVA NELL AUTISMO LA VALUTAZIONE COGNITIVA NELL AUTISMO Risultati di una ricerca su un campione di 135 bambini Massimiliano Petrillo Magda Di Renzo CAMPIONE DI RICERCA 135 bambini (106 M / 29 F) Età compresa tra 2,5-16,5

Dettagli

Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa

Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa INCONTRO TECNICO GRATUITO Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa Treviso, 17 giugno 2010 Oggi parleremo di: Principali riferimenti normativi e presentazione dell accordo quadro europeo

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

TI R OIDIT E P O S T PA RT U M

TI R OIDIT E P O S T PA RT U M TI R OIDIT E P O S T PA RT U M La tiroidite po st partum è una particolare forma di tiroidite autoimmune che si caratterizza per avere una precisa collocazione temporale. Si manifesta, infatti, nelle donne

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA

LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA AIDS e sindromi correlate Presentazione al XXII Congresso Nazionale di POpolazione Sieropositiva ITaliana LA PERSONA CON INFEZIONE DA HIV IN ITALIA Abitudini e stili di vita del paziente immigrato Survey

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli