Spettroscopia NIR Applicazioni industriali dello SpectraAlyzer

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Spettroscopia NIR Applicazioni industriali dello SpectraAlyzer"

Transcript

1 Spettroscopia NIR Applicazioni industriali dello SpectraAlyzer Pubblicazione a cura di Marchioro Gabriele responsabile di prodotto NIR AxFlow S.p.A. Pagina 1 di 31

2 Indice 1 LA SPETTROSCOPIA NIR - teoria e principio del metodo Cenni storici Teoria e principio del metodo Funzionamento di uno spettrometro NIR Spettrofotometro NIR a filtri SpectraAlyzer Calibrazione Manipolazione del campione Mercati ed applicazione dello SpectraAlyzer Zootecnia Mercato ed esigenze analitiche Soluzioni Axflow Italia per l industria zootecnica Grano, molini, pastifici Mercato ed esigenze analitiche Soluzioni Axflow Italia per l industria molitoria Latte e derivati Mercato ed esigenze analitiche Soluzioni Axflow Italia per l industria lattiero casearia Industria dei grassi Mercato ed esigenze analitiche Soluzioni Axflow Italia per l industria dei grassi Industria della carne Mercato ed esigenze analitiche Soluzioni Axflow Italia per l industria della carne Industria delle bevande alcooliche Mercato ed esigenze analitiche Soluzioni Axflow Italia per l industria delle bevande alcooliche Industria olivicola Mercato ed esigenze analitiche Soluzioni Axflow Italia per l industria olivicola Industria alimentare Mercato ed esigenze analitiche Soluzioni Axflow Italia per l industria alimentare...31 Pagina 2 di 31

3 Astratto 1 LA SPETTROSCOPIA NIR - teoria e principio del metodo I fenomeni legati all'interazione luce-materia sono ben noti e tutti e fanno parte della vita quotidiana di ognuno di noi; l'occhio, infatti, sfrutta questi fenomeni per darci informazioni sul mondo circostante. Quando un oggetto viene investito da un fascio luminoso è in grado di assorbire una parte della luce, la frazione non assorbita viene normalmente riflessa o trasmessa. Perché la luce venga assorbita è necessario che le sue lunghezze d'onda siano uguali a quelle dei moti vibrazionali dei legami che compongono atomi e molecole. La quantità di luce assorbita dipende perciò, dalla composizione dell'oggetto e una misura della luce assorbita può, quindi, dare informazioni sulle caratteristiche degli oggetti. Si parla di misure in riflessione quando il detector si trova dalla stessa parte della sorgente luminosa, di misure in trasmissione quando il detector è dalla parte opposta alla fonte luminosa. La quantità di luce assorbita dal campione è data dalla differenza tra quantità di luce inviata e la quantità di luce emessa (riflessa o trasmessa). Ripetendo la misura per diverse lunghezze d'onda si ottiene quello che viene chiamato spettro del campione e che corrisponde alla sua impronta digitale tanto è caratteristico di ogni prodotto; da uno spettro quindi si possono ottenere informazioni sulla composizione chimica di matrici anche molto complesse. Le informazioni non sono solo sulla composizione, ma anche sull'aspetto fisico superficiale del campione, a seconda della superficie che viene investita si possono, infatti, avere risposte diverse. Questo è un fenomeno da tenere sempre presente quando si compiono determinazioni NIR in quanto la granulometria del campione può influenzare la risposta. Esiste una legge che, per ogni lunghezza d'onda lega la concentrazione di un parametro: la legge di Lambert-Beer. Tale legge è però lineare solo per intervalli limitati di concentrazione. A seconda dell'intervallo di lunghezze d'onda che si utilizza le informazioni che si ottengono possono essere diverse, perché diversi sono i legami in grado di interagire. Le lunghezze d'onda del VICINO INFRAROSSO vanno da 1100 a 2500 nm e hanno energie corrispondenti alle energie di vibrazione dei gruppi caratteristici delle molecole organiche, risulta quindi particolarmente utile quando si vuole analizzare sia qualitativamente che quantitativamente la sostanza organica. In questa zona spettrale, inoltre, il materiale in vetro presenta assorbimenti particolarmente bassi ed è perciò conveniente per analisi routinarie in quanto si possono utilizzare materiali a basso costo. Caratteristica saliente è inoltre la possibilità di analizzare i campioni senza alcuna preparazione e lo spettro risultante presenta comunque un buon rapporto segnale/rumore. Per utilizzare questi strumenti è perciò necessario individuare quali sono le lunghezze d'onda che contengono le informazioni utili ai fini analitici e qual è la relazione matematica che lega l'informazione spettrale al dato chimico. Questa procedura si chiama taratura o calibrazione e prevede la registrazione di un gran numero si spettri e l'ausilio di computer per i calcoli. Una volta tarato lo strumento è però in grado di compiere analisi indipendentemente dalla presenza del calcolatore. Pagina 3 di 31

4 1.1 Cenni storici I primi strumenti commerciali e le prime applicazioni su generi alimentari della spettroscopia NIR risalgono alla metà degli anni 70 con la determinazione del contenuto in proteine e grasso del mais (Hymowitz, et al. 1974), della soia (Rinne, et al. 1975), e la determinazione dell umidità e del contenuto in proteine di campioni di grano (Williams 1975). A metà degli anni 80 negli Stati Uniti d America divenne il metodo di riferimento per l analisi del contenuto in proteine del grano. Fu il primo passo per una tecnologia fino allora confinata ad impieghi militari (valutazione materiali). Tuttavia visto l elevato costo della strumentazione e la difficoltà nella gestione degli spettri risultanti, questa tecnica rimase confinata ad una ristretta cerchia d utilizzatori. Questo confinamento elitario costò diversi anni di stagnazione nella messa a punto di nuove applicazioni. Un cambiamento si ebbe quando lo sviluppo dell elettronica e la conseguente disponibilità di calcolatori veloci ed economici portarono il costo della strumentazione a livelli di mercato accettabili e la gestione degli spettri a livello più accessibile. Aumentando la disponibilità di strumenti sul mercato anche lo sviluppo di nuove applicazioni nei campi più disparati si fece più solerte. Attualmente la tecnica NIR è accettata in diversi metodi ufficiali e permette analisi veloci ed economiche nei campi più vari, dal settore agroalimentare alla farmaceutica, dall industria petrolchimica a quella dei cosmetici. Le tecniche analitiche che fanno riferimento alla spettroscopia d assorbimento coprono il campo delle lunghezze d onda che vanno da 1nm a nm. All interno di quest intervallo sono compresi dunque i raggi X (tecniche di diffrazione a raggi X o XRF) il visibile e l ultravioletto (spettrofotometri UV-Vis) e la vasta regione degli infrarossi (medio infrarosso (MIR), lontano infrarosso (FIR) e vicino infrarosso (NIR)). Spettro radiazioni elettromagnetiche Pagina 4 di 31

5 1.2 Teoria e principio del metodo Vediamo ora come interagisce la radiazione NIR con la materia. Secondo i dettami della teoria quantistica ciascun atomo o molecola possiede un proprio stato energetico detto stato fondamentale in cui la struttura ha la più bassa energia possibile. Se quest atomo, o molecola, è colpito da radiazioni si osserva un assorbimento delle stesse solo se l energia portata dalla radiazione corrisponde ad un salto di stato energetico della struttura. L interazione che coinvolge la radiazione NIR è la transazione vibrazionale ovvero muta l ampiezza delle vibrazioni tra gli atomi della molecola in esame. Le variazioni dell energia vibrazionale all interno della molecola sono quindi quantizzate, ciascuna coppia d atomi assorbe le lunghezze d onda specifiche della radiazione in base alla loro massa atomica e alla forza del legame che li tiene uniti (nel caso della molecola d acqua è interessato il legame H-O). Nell ambito delle transazioni vibrazionale possiamo individuare due sottogruppi della modalità principale: l elongazione ( o stretching ) e la flessione (o bending ). Nel caso dell elongazione assistiamo ad una vibrazione che implica un continuo cambiamento della distanza interatomica lungo l asse di un legame dipolare. La flessione riguarda il continuo cambiamento dell angolo tra due legami aventi in comune un atomo. Il fenomeno della flessione ha poi quattro modalità d espressione, per così dire, in altre parole i cosiddetti scissoring, rocking, wagging e twisting. Questi quattro modi di vibrazione sono corrispondenti ai diversi piani in cui si trovano i legami e secondo le direzioni delle vibrazioni che possono essere concordi od opposte. In conseguenza di queste possibilità di vibrazioni si verificano quattro bande d assorbimento nel vicino infrarosso ovvero Bande fondamentali Bande armoniche Bande di combinazione Bande di differenza Le bande fondamentali corrispondono all assorbimento d energia sufficiente alla transazione da un livello vibrazionale fondamentale ad un primo stadio d eccitazione. Generalmente avvengono nella regione spettrale che va da 4000 a 400 cm-1. Sono bande poco indicative per l indagine NIR poiché sono ai limiti dello spettro, rivestono importanza nelle analisi eseguite con spettrometri MIR o FIR. Le bande armoniche, fondamentali nell analisi con spettrometri NIR, sono derivate dall assorbimento d energia multipla a quella necessaria per la banda fondamentale, una sorta di risonanza di frequenze (armonica) multiple. Sono definite spesso Overtones nella letteratura riguardante il vicino infrarosso. Le bande di combinazione e le bande di differenza si producono solo quando i fotoni assorbiti modificano nello stesso tempo il livello d energia di due o più legami interatomici. Esse non appaiono se non a frequenze uguali alla somma o alla differenza delle frequenze della vibrazione. Sono sicuramente osservabili nel campo del vicino infrarosso ed hanno le stesse intensità delle bande armoniche. Come abbiamo visto le vibrazioni fondamentali dei legami molecolari si osservano nello spettro sotto ai 1.100nm e interessano quindi la sezione dello spettro del medio e lontano infrarosso (MIR e FIR), ma sono però utili per capire il meccanismo che sta alla base dell utilizzo delle radiazione nel vicino infrarosso ( NIR ). Prendiamo in esame il caso di una molecola d acqua, queste vibrazioni fondamentali si osservano alla lunghezza d onda 2734nm con una vibrazione simmetrica della molecola, alla lunghezza d onda di 6270 nm si osserva una vibrazione asimmetrica ed infine alla lunghezza d onda di 2662 nm si registra un ennesima vibrazione simmetrica della molecola. Nelle figure sotto sono rappresentati i gradi delle vibrazioni fondamentali della molecola. Pagina 5 di 31

6 Prendiamo adesso in considerazione le vibrazioni combinate (armoniche) dell acqua ottenibili con spettroscopia NIR. Con l utilizzo delle radiazioni NIR abbiamo quindi disposizione una lunghezza d onda in più per verificare la presenza d acqua in una matrice. Quest insieme di vibrazioni caratterizza la molecola dell acqua e sono estremamente specifiche per essa. Vi sono poi delle bande che non possono essere rilevate per la bassa energia che trasportano e non sono quindi utili al fine del riconoscimento della molecola. Il discorso vale anche per molecole più grandi dove il numero di vibrazioni armoniche è tanto più grande quanto più complessa è la molecola. Nel caso del saccarosio (formula bruta C12 H22 O11) che possiede quarantacinque atomi coinvolti che danno luogo a ben centoventinove vibrazioni fondamentali e ad un numero notevolmente alto di vibrazioni armoniche. Pagina 6 di 31

7 In questo caso l utilizzo della regione del vicino infrarosso ci permette di verificare con estrema esattezza la presenza di saccarosio nel campione in esame discriminandolo da altri elementi contenuti nella matrice. Riassumendo possiamo affermare che le radiazioni NIR benché d intensità più debole rispetto alla regione del MIR o del FIR ci offrono uno strumento d indagine molto versatile e flessibile che trova applicazione in molti campi d analisi. Inoltre l indagine NIR è in grado di dare in pochi minuti un analisi completa di diversi parametri su di una matrice senza preparazione del campione e senza distruggere il campione. La regione dello spettro NIR, come già anticipato, è caratterizzata da deboli assorbimenti e da una forte sovrapposizione delle bande che però risultano di semplice assegnazione a strutture chimiche. Nella regione NIR si osservano solo le bande che contengono legami molecolari forti e atomi relativamente leggeri ovvero i legami C-H, O-H e N-H. Poiché nell analisi NIR si associano le bande delle armoniche superiori e delle loro combinazioni, gli spettri risultanti sono caratterizzati da grosse sovrapposizioni di bande e danno come risultato picchi molto allargati. Questo inficia la possibilità di un interpretazione visiva degli spettri come invece avviene nell analisi IR classica (il termine FIR non è comunemente utilizzato). Viene di norma utilizzato un software chemiometrico per interpretare gli spettri ottenuti e dare risultati sia qualitativi sia quantitativi. Anche nel caso dell analisi nella regione spettrale NIR si applica la legge di Lambert-Beer che, ad ogni lunghezza d onda, lega la concentrazione di un parametro. Tale legge è però lineare solo per intervalli limitati di concentrazione. Questo è dovuto alla relativa debolezza delle sorgenti luminose e dei sensori utilizzati nella strumentazione NIR che spesso provocano deviazioni da questa legge. Ciò porta a relazioni non lineari tra energia diffusa o trasmessa e concentrazione dei diversi composti del campione in esame. In effetti, in questi casi, la parte di radiazione riflessa diviene non trascurabile, questo obbliga a legare l assorbanza e la concentrazione a curve di calibrazione. Pagina 7 di 31

8 La deviazione alla legge ha sostanzialmente due cause, alla prima è legata alla capacità del dispositivo di selezione delle lunghezze d onda ( filtri, monocromatore e interferometro) la seconda dipende dalla luce dispersa. Questa è generata sia dalla radiazione che arriva al detector senza interagire con il campione o alla radiazione che subisce riflessione speculare. Le informazioni ottenibili con uno spettrofotometro NIR sono quindi diverse, esse non riguardano solo la composizione del campione, ma anche il suo aspetto fisico superficiale, in alcuni casi è possibile verificare la granulometria di campioni o la loro viscosità. Infine sostanze che non presentano assorbimenti nella regione NIR possono essere riconosciute in maniera indiretta. Si osservano gli spostamenti delle bande d assorbimento dei composti che sono causate dalla presenza per esempio di sali inorganici o materiali NIR opachi. Un caso su tutti, la determinazione del sale (NaCl) nel prosciutto è eseguita osservando gli spostamenti delle bande d assorbimento dell acqua. Un ulteriore vantaggio dell utilizzo delle radiazioni NIR è che queste non sono assorbite dal vetro, si può quindi utilizzare questo materiale (robusto ed economico) per le parti ottiche con conseguente diminuzione dei costi di produzione. L utilizzo delle fibre di vetro è utile nelle misurazioni in situ (sonde a fibre ottiche per riconoscimento materie prime ecc..) e permette di effettuare analisi sul campo o di creare dei sistemi di misura in continuo a più punti di lettura. Alle frequenze delle armoniche superiori i valori d assorbanza sono da 10 a 100 volte più bassi che alle frequenze della regione del MIR, ne consegue che i campioni da sottoporre all analisi NIR non richiedono diluizioni, questo rappresenta un vantaggio notevole della tecnica; l analisi può essere eseguita su campioni tal quali senza nessun tipo di preparazione. Essendo poi un analisi non distruttiva il campione può essere completamente recuperato sia per successive analisi con altre tecniche sia per utilizzarlo per sintesi o per lavorazioni successive. Spettro NIR di Polistirene Pagina 8 di 31

9 2 Funzionamento di uno spettrofotometro NIR Lo spettrografo consiste, in linea generale, in una sorgente di luce infrarossa, generalmente una lampada alogena con filamento di tungsteno, questo è riscaldato fino a 2600 C. Risulta un emissione di radiazioni che copre la regione dell ultravioletto fino a quella dell infrarosso. La luce è divisa in due raggi d uguale intensità, uno dei quali è fatto passare attraverso il campione della sostanza da esaminare. Se la frequenza di una vibrazione della molecola della sostanza cade nell intervallo compreso dallo strumento, la molecola assorbe energia di tale frequenza dal raggio di luce. Un detector ne registra l intensità. I detector sono generalmente al solfuro di piombo, poiché è molto sensibile è protetto da un vetro che ne limita la suscettibilità agli sbalzi termici. Sono però disponibili anche i fototubi, questi sono formati da una cella sotto vuoto nella quale sono collegati un catodo concavo di materiale foto-emissivo che emette elettroni quando irradiato con protoni e un anodo positivo. Gli elettroni passano dal catodo all anodo attraversando lo spazio vuoto dove sono amplificati da un sorgente di d.d.p. esterna. Il numero d elettroni espulsi è direttamente proporzionale alla radiazione incidente. Infine è possibile utilizzare i rivelatori fotovoltaici. Un materiale semiconduttore (selenio e silicio) è depositato in film sottile su un supporto d acciaio. Quando la radiazione luminosa raggiunge il semiconduttore si ha la produzione di una corrente proporzionale alla radiazione incidente. Si registrerà quindi il cambiamento di tensione, questo rivelatore, per le caratteristiche del raggio incidente si usa normalmente nella tecnica a trasmissione ed in quella a riflessione tra 700 e 1100 nm. Negli strumenti in commercio sono usate tre diverse geometrie per catturare le radiazioni riflesse, classificabili nel modo seguente: Sfera integratrice Detector ad angolo solido largo Detector piccolo Delle tre soluzioni la sfera integratrice (nella figura) offre la più completa rappresentazione della riflettanza di un campione, oltre ad un facile metodo per ottenere le operazioni in doppio raggio che minimizzano i problemi di stabilità delle lampade e dei detector. 11. sfera integratrice 12. detectors 13. campione Il detector ad angolo offre buona efficacia di rappresentazione, semplicità di costruzione e minima interferenza da riflettanza speculare. Il detector piccolo infine, offre semplicità di costruzione, il più basso rumore di fondo ed i costi più bassi. Le tre geometrie sono utilizzabili su strumenti a filtri, per i sistemi a scansione si utilizzano i detectors a sfera ed ad angolo per la loro capacità de seguire la scansione dell intero spettro. Un sistema di calcolo associa queste informazioni con le curve di riferimento dando un risultato matematico. Risulta indispensabile l ausilio di un sistema di calcolo basato su calcolatori che consentono di ottenere dati in tempi ridottissimi con accuratezza e precisione molto elevate. Esistono differenti tipologie di spettrometri che si differenziano sostanzialmente nel sistema adottato per generare la luce NIR. Abbiamo quindi cinque differenti sistemi, spettrometri a filtri, a monocromatore, Trasformata di Fourier, cristalli bifrangenti detti AOTS e i sistemi basati su diodi. Nella prossima sezione viene descritta il sistema a filtri interferenziali. Pagina 9 di 31

10 3 Spettrofotometro NIR a filtri SpectraAlyzer La luce di una sorgente è fatta passare attraverso una prima lente che polarizza la luce policromatica, il raggio di luce passa poi attraverso un chopper (elemento del sistema ottico) che determina tre possibili stati del raggio per ogni punto di lettura: Campione, riferimento e dark (buio). Nella posizione dark non vi è luce inviata al sistema, i detector misurano il segnale di fondo, o rumore elettronico, e automaticamente compiono un autozero elettronico sulla base di queste informazioni. La posizione campione è quella in cui il raggio di luce è inviato sui filtri rotanti del sistema che selezionano una singola lunghezza d onda che è utilizzata per l analisi. La posizione riferimento è utilizzata, ovviamente, per creare il raggio di riferimento. La lettura dell'assorbimento del campione sarà quindi la differenza tra la luce inviata (riferimento) e la somma di quella che arriva al detector dopo il passaggio sul campione (campione) e del segnale che si ha sul detector in assenza di luce (dark); questa procedura consente un'altissima precisione di scansione anche se le condizioni ambientali variano per umidità e temperatura. Lo SpectraAlyzer è il capostipite di una nuova linea di spettrofotometri NIR a filtri da laboratorio prodotta dalla società Tedesca Zeutec GmbH, che per funzionalità, applicazioni e prestazioni si candida come naturale successore della serie InfraAlyzer Bran+Luebbe, Queste sono le caratteristiche salienti dello SpectraAlyzer: Lo SpectraAlyzer ZEUTEC è un nuovo analizzatore NIR con soluzioni tecniche hardware moderne che è stato reingegnerizzato ed evoluto partendo dai più conosciuti strumenti prodotti da Technicon e da Bran+Luebbe la famiglia InfraAlyzer TM Grazie alla sua completa compatibilità lo SpectraAlyzer offre le migliori prestazioni ottiche possibili basate sul concetto Sample and Reference già utilizzati con successo sugli InfraAlyzer TM L identico disegno dell ottica permette il trasferimento diretto delle calibrazioni dai vecchi InfraAlyzer TM allo SpectraAlyzer, potendo pertanto attingere da un ricco database di calibrazioni e dati sviluppato in decenni di applicazioni nei più svariati settori industriali, evitando costosi e lunghi tempi di raccolta dati per sviluppare nuove calibrazioni, velocizzando così la messa in servizio; Lo strumento utilizza le stesse tazzine e moduli di presentazione campione utilizzati dalla serie InfraAlyzer TM Pagina 10 di 31

11 Lo SpectraAlyzer è disponibile in due versioni: il modello Basic versione base ed economica a 6 filtri interferenziali, ed il modello Premium a 19 filtri interferenziali, di cui segue tabella elencante le lunghezze d onda tipiche; entrambi i modelli permettono un buon grado d affidabilità su analisi di routine. Il vantaggio di un sistema a filtri come lo SpectraAlyzer risiede, oltre che ad un evidente vantaggio economico se confrontato con sistemi utilizzanti altre costruzioni più complesse, nell accuratezza delle lunghezze d onda prodotte (i filtri sono costruiti in materiali che non degradano nel tempo) che consente un elevata riproducibilità analisi dopo analisi. Il sistema a filtri ha, inoltre, meno parti in movimento di un sistema a scansione ed è conseguentemente più semplice e meno soggetto a rotture meccaniche. Facili da utilizzare non richiedono personale particolarmente tecnico. Trova largo utilizzo in analisi di routine su matrici non troppo complesse (grassi, proteine, umidità, grado alcolico ecc.. su matrici come cioccolato, grano e farine, bevande alcoliche ecc..). Pagina 11 di 31

12 4 Calibrazione Cos è la Calibrazione e perché è necessaria? Quando sono stati collezioni abbastanza Spettri rappresentativi delle loro proprietà, si può calcolare una Calibrazione, cioè sviluppare un modello matematico che descriva la varianza degli Spettri e metta in relazione questa varianza con i valori delle proprietà. Sono perciò necessari diversi campioni di cui si conoscano bene le concentrazioni o le identità. Scegliere i Campioni per una Calibrazione La selezione di campioni rappresentativi e di Spettri per una calibrazione è uno dei punti critici per l impostazione di una Applicazione NIRA. Questa selezione influenza fortemente la qualità e l affidabilità di una Calibrazione e di una Applicazione nel complesso. Un solo campione di un certo prodotto non può essere rappresentativo di tutto il prodotto. Perciò un set di campioni che sia il più rappresentativo possibile (e i loro Spettri) deve essere raccolto per una Calibrazione. Questa processo di selezione può essere paragonato all usare gli exit-polls per prevedere i risultati delle elezioni, cioè, se il campione di popolazione è grande abbastanza e rappresentativo dei votanti, ci si può aspettare che la previsione sia accurata. Per ottenere un set di campioni rappresentativi bisogna attenersi alle seguenti regole: coprire l intero intervallo di concentrazione che ci si aspetta per quella determinata proprietà La scelta dei campioni per una Calibrazione dovrebbe essere fatta in modo da includere l intero intervallo di concentrazione che avranno i campioni analizzati in routine per la proprietà in oggetto. Idealmente, bisognerebbe includere anche alcuni campioni che abbiano concentrazione più alta e più bassa per rendere la Calibrazione più stabile. La Calibrazione dovrebbe essere impostata in modo che i campioni che ci si aspetta di analizzare in routine abbiano valori, per tutte le proprietà, tali da essere sempre entro l intervallo considerato. includere abbastanza campioni Il numero dei campioni da usarsi in Calibrazione dipende dal tipo di prodotto da analizzare e dal numero di proprietà da determinare. Come regola generale si prendano 30 campioni per proprietà, p.e. 30 campioni per una proprietà, 60 campioni per due proprietà, ecc. Se à difficile ottenere così tanti campioni (con sufficiente varianza nelle loro proprietà), può essere necessario raccogliere campioni per un lungo periodo di tempo, al fine di ottenere il set prefissato. Si può cominciare con piccolo numero di campioni ed espandere il set di Calibrazione in seguito per avere una Calibrazione più robusta. Si consideri inoltre la necessità di extra campioni per un set di verifica per la convalida delle prestazioni della Calibrazione. si scelga una uniforme distribuzione di campioni all interno dell intervallo di concentrazione della proprietà La distribuzione dei valori delle proprietà entro l intervallo di calibrazione dovrebbe essere uniforme, cioè per ogni valore di proprietà lo stesso numero di campioni dovrebbe essere disponibile. Pagina 12 di 31

13 E anche importante che differenti proprietà varino indipendentemente, cioè, che alti valori della proprietà A siano associati a valori sia alti che bassi della proprietà B e vice versa. si scelgano campioni da diversi lotti ed in diversi giorni si analizzino i campioni in diverse condizioni Non si analizzino i campioni solo in condizioni ideali. E importante che le proprietà fisiche che possono interferire, come compressione e temperatura, varino in modo uniforme lungo tutto l intervallo di concentrazione. Questo renderà la Calibrazione resistente alle variazioni di queste caratteristiche. misurare parecchi Spettri di ogni campione Misurando un campione un paio di volte si riduce l errore casuale dovuto ad una non omogenea distribuzione del campione. Si dovrebbe, se lo strumento lo consente, cambiare la posizione del campione rispetto al dispositivo di misura tra una misura e l altra. Per esempio, se si sta misurando con un InfraAlyzer, ruotare la tazzina con il campione nel cassetto prima di cominciare un seconda misura. Ottenere valori di riferimento Per impostare una Calibrazione e per valutarne l affidabilità e la precisione sarà necessario determinare i valori delle proprietà con i metodi ufficiali. I valori ottenuti con questi metodi saranno usati come valori di riferimento. Si consideri quanto segue per la determinazione dei valori di riferimento: Si devono usare solo metodi di laboratorio riconosciuti internazionalmente, se disponibili, come FDA-, EPA- o, per prodotti farmaceutici, metodi approvati dalla Farmacopea. Inoltre si documentino i risultati con cura. Essi influiranno sui risultati della vostra Applicazione. Si analizzi ogni campioni in doppio (o in triplo!), in doppio cieco, per ridurre al minimo l errore casuale. Di preferenza si dovrebbero ripetere le analisi in giorni diversi. Pagina 13 di 31

14 4.1 Manipolazione del campione Le strumentazioni utilizzate nella spettroscopia NIR sono assai sofisticate e sono molto riproducibili ed accurate. Il tallone d'achille è la presentazione del campione, in quanto sia in trasmissione che in riflessione la manipolazione del campione è il passaggio più critico nel processo di analisi. Dal momento che la maggior parte dei campioni analizzati con la tecnica NIR sono solidi si utilizza la riflettanza diffusa. In questo caso il raggio di luce incidente colpisce il campione perpendicolarmente. La luce che non interagisce con il campione viene semplicemente riflessa e ripercorre lo stesso cammino della luce incidente (riflessione speculare). La luce che interagisce, invece, viene riflessa in maniera diffusa, cioè multidirezionale. Essa viene poi ricevuta da una sfera integratrice e focalizzata sui detector al solfuro di piombo. Quando la superficie irregolare di materiali granulari è posizionata sotto il raggio si verificano sia fenomeni di assorbimento che di dispersione. Ci possono anche essere lievi effetti di polarizzazione dovuti a materiali fibrosi. E' quindi imperativo introdurre il campione sempre nello stesso modo o mostrare tutta la variazione possibile allo strumento per consentire ad esso di mediare gli effetti. Queste informazioni portano ad alcuni regole generali per la manipolazione dei campioni solidi: l'uniformità della dimensione delle particelle è importante nelle normali misure d'assorbanza. Se si utilizza uno strumento a scansione continua può essere utile usare l'algoritmo derivata, ma il più semplice accorgimento è naturalmente quello di macinare il campione. la geometria del campione è anche importante nelle misure in riflessione. Se si usa una tazzina aperta per campioni semisolidi o in polvere il livellamento della superficie è critico: è possibile creare un effetto ondulato sulla superficie; in questi casi rileggere il campione ruotando la celletta e mediarne i risultati è molto utile per migliorare la precisione. se il campione ha una spiccata direzionalità, ad esempio fibre o materiali a cristalli grandi, l'analisi con la tazzina chiusa deve essere fatta sia ripreparando il campione sia rileggendolo dopo rotazione. Quando il problema può essere la non omogeneità di miscele solide a causa per esempio della diverse densità dei componenti la miscela sono opportune sia la macinazione che la ripreparazione. Nella sezioni seguenti sono illustrati vari dispositivi di presentazione del campione e le procedure di campionamento in funzione della forma fisica del campione da analizzare. Pagina 14 di 31

15 5 Mercati ed applicazioni dello SpectraAlyzer Segue una panoramica dei più importanti settori merceologici in cui la strumentazione NIR, dapprima la linea InfraAlyzer Bran+Luebbe, ed ora la linea SpectraAlyzer trovano applicazione. 5.1 ZOOTECNIA - Mercato ed esigenze analitiche La produzione di mangimi consiste nella miscelazione di svariati ingredienti al fine di ottenere un prodotto con le caratteristiche nutrizionali adeguate alla specie animale a cui è destinato. Il prodotto viene commercializzato essiccato e per lo più in forma di pellets. Le specifiche nutrizionali si basano sul contenuto totale dei vari nutrienti (proteine, grassi, fibre, carboidrati, vitamine, oligoelementi, elementi minerali e potere calorico) più che sulla composizione delle materie prime. Nello stesso prodotto finito, infatti la presenza e le percentuali delle varie materie prime può variare a seconda del costo e della disponibilità, quello che conta è che il mangime finito presenti le stesse caratteristiche nutrizionali, cioè abbia gli stessi dati di cartellino. I mangimifici spesso producono mangimi con formulazione personalizzata su richiesta del cliente. I mangimifici hanno l obbligo di dichiarare i contenuti percentuali sul secco dei vari nutrienti, il cartellino appunto. I prodotti finiti di un magimificio sono, quindi composti a matrice assai variabile, pur partendo dalle stesse materie prime, queste ultime sono inoltre grosso modo le stesse per tutti i mangimifici. Le materie prime più utilizzate si possono così riassumere: farine di estrazione da oleaginose (soia, girasole) farine di carne e di pesce sottoprodotti della lavorazione dei cereali (pula, farinacci, crusca) scarti di lavorazione della produzione dello zucchero (melassi) cereali (mais, orzo, avena, grano, sorgo) fieni (medica, trifoglio, prati polifiti) insilati In questa situazione i controlli che interessano il mangimificio sono di due tipi: l analisi delle materie prime, sia per il loro pagamento sia per stabilirne l utilizzo e l analisi del prodotto finito. Normalmente, però i mangimifici, specie se di piccole e medie dimensioni, non hanno laboratori attrezzati per le numerose determinazioni necessarie e si affidano all esperienza, a laboratori esterni, alla fiducia nei fornitori. L analisi con la tecnica NIR si presenta quindi particolarmente interessante per un buon controllo delle materie prime, che consente da un lato l ottimizzazione del loro utilizzo e dall altro una buona previsione dei tenori analitici del mangime finito. L analisi con tecnica NIR è anche applicabile ai controlli sui prodotti finiti sebbene l eccessiva variabilità nelle matrici possa richiedere un lungo periodo di addestramento o calibrazione dello strumento. Pagina 15 di 31

16 5.1.1 SOLUZIONI AXFLOW Italia PER L INDUSTRIA ZOOTECNICA AXFLOW Italia ha in questo settore una solida esperienza, maturata negli anni come BRAN+LUEBBE Italia: questa è infatti una delle prime applicazioni del NIR sia storicamente sia come numero di strumenti venduti in tutto il mondo. Le soluzioni strumentali ed applicative proposte, tra le tante disponibili, sono frutto di una scelta basata su anni di confronti e di lavoro fianco a fianco dei clienti. STRUMENTO: SpectraAlyzer Premium a 19 filtri interferenziali ACCESSORI : tazzina chiusa per polveri. TAZZINA ROTANTE qualora non si voglia affrontare la macinazione del campione che è altrimenti necessaria SOFTWARE : APPLICATION WORX+ SUPPORTO APPLICATIVO: numerose le curve disponibili (vedi elenco seguente) ed inoltre la collaborazione con istituti in grado di sviluppare su richiesta le curve per i parametri non ancora disponibili. Cassetto con tazzina rotante per l analisi di granelle tal quali Pagina 16 di 31

17 Procedura di riempimento della tazzina portacampione con granelle di mais (esempio). Elenco delle curve disponibili: Per curve disponibili si intendono le equazioni di base, queste dovranno essere opportunamente corrette con un set di circa campioni messi a disposizione dal cliente preventivamente analizzati e scelti in modo da coprire l intero intervallo di concentrazione dei parametri di interesse. Prodotto Parametri Range Correlazione Errore Standard Erba Medica Fibre NDF ADF % % % % % % Pagina 17 di 31

18 Prodotto Parametri Range Correlazione Errore Standard Fieno Farina Di Carne Farina Di Girasole Crusca Cruscami Vari Farinaccio Frumento Glutine Di Mais Mais Granella Orzo Soia Normale Soia Proteica Fibre NDF ADF Fibre Ceneri Fibre Ceneri Fibre Fibre Ceneri Fibre Fibre Ceneri Fibre % % % % % % % % % % % % % % % % % % % % % % % % % % % % % % % % % % % % % 4.1-7,3 % % % % % % o,94 0, , Nota: l elenco delle curve di calibrazione è relativo ai prodotti e proprietà più frequentemente richiesti; nel database AxFlow sono disponibili diversi altri prodotti. Pagina 18 di 31

19 5.2 GRANO, MOLINI E PASTIFICI Mercato ed esigenze analitiche L industria legata al grano prevede tre distinti passaggi che sono normalmente rappresentati da figure diverse: lo stoccaggio dei grani, il molino e l industria alimentare che utilizza le farine o le semole; ognuna di queste figure ha esigenze di controlli analitici A. Stoccaggio del grano: esistono vari tipi di grano con caratteristiche diverse, che dipendono dalla sua provenienza, dalla varietà, da variabili climatiche e stagionali. Il pagamento del grano avviene in base alla sua qualità ed esistono dei limiti di legge per quanto riguarda il tenore in acqua. Le caratteristiche del grano dipendono in larga misura del contenuto e dalla qualità delle proteine che definiscono le cosiddette caratteristiche reologiche, cioè il comportamento degli impasti durante la lavorazione (viscosità, elasticità, tenacia, capacità di inglobare aria, friabilità, ecc.). Per questo settore è di grande interesse poter disporre dei dati analitici di proteine ed umidità in tempi rapidi allo scarico dei camion. B. Molini: esistono due tipi di molini quelli che lavorano grano duro e quelli che lavorano grano tenero. I primi producono le semole per la produzione di pasta i secondi le farine. In entrambi casi i parametri tecnologici del molino possono essere variati in funzione della materia prima e del tipo di prodotto che si intende ottenere. E quindi assai interessante conoscere le caratteristiche chimiche del prodotto trattato: in questo caso i parametri da controllare sono proteine,glutine, umidità e ceneri, molto importanti queste ultime soprattutto per le semole perché esistono dei limiti legge da rispettare. Sono inoltre richieste le analisi dei sottoprodotti (crusca, cruschello, farinaccio, ecc.) da destinare ad uso zootecnico (vedi). C. Industria alimentare: farine e semole entrano in quasi tutte le preparazioni alimentari in quantità considerevoli, in ogni caso disporre dei dati di proteine ed umidità è considerato fondamentale per controllare sia la qualità della produzione sia, in molti casi i parametri della processo produttivo. Per i pastifici in particolare l analisi delle ceneri è, come per i molini, molto importante. Nei molini a tenero è assai utile il riconoscimento qualitativo dei vari tipi di farina (da biscotti, da crackers, da pizza p.e.) l analisi NIR è in grado di discriminare efficacemente le varie tipologie di sfarinato SOLUZIONI AXFLOW Italia PER L INDUSTRIA MOLITORIA AXFLOW Italia ha in questo settore una solida esperienza, maturata negli anni come BRAN+LUEBBE Italia: le soluzioni strumentali ed applicative proposte, tra le tante disponibili, sono frutto di una scelta basata su anni di confronti e di lavoro fianco a fianco dei clienti. Settore A Stoccaggio del grano In questo caso è di grande interesse la possibilità di analizzare il prodotto senza doverlo macinare, a questo scopo lo SpectraAlyzer può essere equipaggiato con il cassetto con tazzina rotante, che permette di analizzare i grani senza macinazione. STRUMENTO: SpectraAlyzer Premium a 19 filtri interferenziali ACCESSORI : TAZZINA ROTANTE qualora non si voglia affrontare la macinazione del campione che è altrimenti necessaria (vedi) SOFTWARE : APPLICATION WORX+ SUPPORTO APPLICATIVO: curve standard disponibili (vedi elenco seguente) Prodotto Parametri Range Correlazione Errore Standard Grano intero % % 0.17 Pagina 19 di 31

20 Settori B e C Molini ed industria alimentare STRUMENTO: SpectraAlyzer Premium a 19 filtri interferenziali ACCESSORI : tazzina chiusa per polveri e tazzina di acciaio con cammino ottico da 3mm per liquidi SOFTWARE : APPLICATION WORX+ SUPPORTO APPLICATIVO: curve standard disponibili (vedi elenco seguente) Elenco delle curve disponibili: Per curve disponibili si intendono le equazioni di base, queste dovranno essere opportunamente corrette con un set di circa campioni messi a disposizione dal cliente preventivamente analizzati e scelti in modo da coprire l intero intervallo di concentrazione dei parametri di interesse. Prodotto Parametri Range Correlazione Errore Standard Farina di tenero Glutine Ceneri % % s.s % s.s % s.s Semola Misto d Uovo Tuorlo Albume Ceneri Residuo Secco Steroli Residuo Secco Steroli Residuo Secco % % % % % % % % % % % % % % Fioretto di mais Grassi % 0, Gritz di mais Grassi % Sono inoltre disponibili calibrazioni su prodotti finiti, es. pasta di semola e pasta all uovo da personalizzarsi in base alla produzione specifica del cliente. Pagina 20 di 31

Caratteristiche dello spettrofotometro NIR ZEUTEC SpectraAlyzer Grain

Caratteristiche dello spettrofotometro NIR ZEUTEC SpectraAlyzer Grain Caratteristiche dello spettrofotometro NIR ZEUTEC SpectraAlyzer Grain Come funziona Lo SpectraAlyzer Grain è uno spettrofotometro nel vicino infrarosso (NIT Near Infrared Transmission) che è dedicato per

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

Spettroscopia e spettrometria ottica. Francesco Nobili

Spettroscopia e spettrometria ottica. Francesco Nobili Spettroscopia e spettrometria ottica Francesco Nobili SPETTROSCOPIA OTTICA Nelle tecniche spettroscopiche si analizza l intensità dell interazione radiazione-materia a varie lunghezze d onda Tale interazione

Dettagli

SPETTROSCOPIA INFRAROSSA

SPETTROSCOPIA INFRAROSSA SPETTROSCOPIA INFRAROSSA Metodi fisici in chimica organica spettroscopia IR Vibrazioni molecolari 400-4000 4000 cm -1 Spettri molto complessi anche per molecole semplici:! Riconoscimento sostanze incognite

Dettagli

SPETTROSCOPIA ATOMICA

SPETTROSCOPIA ATOMICA SPETTROSCOPIA ATOMICA Corso di laurea in Tecnologie Alimentari La spettroscopia atomica studia l assorbimento, l emissione o la fluorescenza di atomi o di ioni metallici. Le regioni dello spettro interessate

Dettagli

NOTE TECNICHE DI LABORATORIO

NOTE TECNICHE DI LABORATORIO NOTE TECNICHE DI LABORATORIO 1. NORME DI RIFERIMENTO La determinazione dell indice di rilascio è definita dalla seguente norma: D.M. 14 maggio 1996 Normative e metodologie tecniche per gli interventi di

Dettagli

Misura delle proprietà di trasmissione e assorbimento della luce da parte dei materiali mediante spettrofotometro

Misura delle proprietà di trasmissione e assorbimento della luce da parte dei materiali mediante spettrofotometro Misura delle proprietà di trasmissione e assorbimento della luce da parte dei materiali mediante spettrofotometro Apparato sperimentale: Spettrofotometro digitale SPID HR (U21830) con software di acquisizione,

Dettagli

SPETTROSCOPIA MOLECOLARE

SPETTROSCOPIA MOLECOLARE SPETTROSCOPIA MOLECOLARE La spettroscopia molecolare studia l assorbimento o l emissione delle radiazioni elettromagnetiche da parte delle molecole. Il dato sperimentale che si ottiene, chiamato rispettivamente

Dettagli

Spettroscopia atomica

Spettroscopia atomica Spettroscopia atomica La spettroscopia atomica è una tecnica di indagine qualitativa e quantitativa, in cui una sostanza viene decomposta negli atomi che la costituiscono tramite una fiamma, un fornetto

Dettagli

Spettroscopia Raman. Trasmissione-assorbimento

Spettroscopia Raman. Trasmissione-assorbimento Spettroscopia Raman Quando una radiazione monocromatica di frequenza n o e incidente ad un sistema molecolare la luce viene: assorbita se ha energia pari ad una possibile transizione ad un livello energetico

Dettagli

FISICA PER I BENI CULTURALI

FISICA PER I BENI CULTURALI FISICA PER I BENI CULTURALI VI Riflettografia IR, spettrofotometria P. Sapia Università della Calabria a.a. 2009/10 Collocazione spetrale dei raggi IR LUCE e COLORE Riflessione / Diffusione Assorbimento

Dettagli

La legge di Lambert-Beer

La legge di Lambert-Beer La legge di Lambert-Beer In questa esperienza determinerete la concentrazione di una soluzione incognita di permanganato di potassio per via spettrofotometrica. Generalita La spettroscopia si occupa dell

Dettagli

DIABETE E ALIMENTAZIONE

DIABETE E ALIMENTAZIONE DIABETE E ALIMENTAZIONE La pianificazione di una dieta corretta può essere difficile se non si è certi della combinazione di cibi migliore, delle porzioni e dell effetto dei diversi alimenti sui livelli

Dettagli

vi dipende dalla composizione del mezzo che attraversa

vi dipende dalla composizione del mezzo che attraversa LA SPETTROSCOPIA Le tecniche spettroscopiche si basano sull assorbimento o sulla emissione di una radiazione elettromagnetica da parte di un atomo o di una molecola La radiazione elettromagnetica è una

Dettagli

Diode Array 7250. Analisi NIR in produzione ed in laboratorio. Accurate Analysis Anything, Anywhere, Anytime, Anybody.

Diode Array 7250. Analisi NIR in produzione ed in laboratorio. Accurate Analysis Anything, Anywhere, Anytime, Anybody. Diode Array 7250 Analisi NIR in produzione ed in laboratorio Veloce Robusto Gestibile in rete Facile da usare Accurate Analysis Anything, Anywhere, Anytime, Anybody. Accurate Analysis Il DA 7250 è semplicemente

Dettagli

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE 1) CONTROLLA IL PESO E MANTIENITI ATTIVO Pesarsi almeno una

Dettagli

) e assorbanza A = -log T A destra: diverse scelte per la linea di base

) e assorbanza A = -log T A destra: diverse scelte per la linea di base LE BANDE IR A sinistra: come si ricavano i valori di trasmittanza (T = P/P 0 ) e assorbanza A = -log T A destra: diverse scelte per la linea di base SPETTRI IN SOLIDO E IN SOLUZIONE In alto: lo spettro

Dettagli

Capitolo 3 Sorgenti artificiali di luce 3.1 Lampade ad incandescenza

Capitolo 3 Sorgenti artificiali di luce 3.1 Lampade ad incandescenza Capitolo 3 Sorgenti artificiali di luce Il Sole è sicuramente la sorgente più comune e facilmente disponibile. In realtà però al giorno d oggi molte attività sono svolte sotto sorgenti artificiali di tipo

Dettagli

PIANO DI STUDIO DELLA DISCIPLINA

PIANO DI STUDIO DELLA DISCIPLINA Modulo Gestione Qualità UNI EN ISO 9001 : 2008 Tel. 0331635718 fax 0331679586 info@isisfacchinetti.it www.isisfacchinetti.it PIANO STUDIO DELLA DISCIPLINA PIANO DI STUDIO DELLA DISCIPLINA Chimica Analitica

Dettagli

CONTROLLO DI QUALITA DEGLI ALIMENTI

CONTROLLO DI QUALITA DEGLI ALIMENTI CONTROLLO DI QUALITA DEGLI ALIMENTI ANNO ACCADEMICO 2009-2010 CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE DOCENTE: Maria Grazia Volpe mail:mgvolpe@isa.cnr.it FINALITA Il corso si prefigge di avviare lo studente all

Dettagli

Lo spettro IR. Lo spettro IR è un grafico in cui vengono riportate: -Nell Nell asse delle ascisse

Lo spettro IR. Lo spettro IR è un grafico in cui vengono riportate: -Nell Nell asse delle ascisse Lo spettro IR Lo spettro IR è un grafico in cui vengono riportate: -Nell Nell asse delle ascisse la frequenza della radiazione IR assorbite espressa in numero d onda (wavenumbers) -In ordinate è riportata

Dettagli

L analisi della luce degli astri: fotometria e spettrometria

L analisi della luce degli astri: fotometria e spettrometria Università del Salento Progetto Lauree Scientifiche Attività formativa Modulo 1 L analisi della luce degli astri: fotometria e spettrometria Vincenzo Orofino Gruppo di Astrofisica LA LUCE Natura della

Dettagli

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI Cos è un vetro? COS È UN VETRO? SOLIDO? LIQUIDO? ALTRO? GLI STATI DELLA MATERIA Volume specifico Liquido Vetro Tg CAMBIAMENTO DI VOLUME Tf Tf =TEMPERATURA

Dettagli

Introduzione alle tecniche spettroscopiche e all interazione radiazione/materia. Francesco Nobili

Introduzione alle tecniche spettroscopiche e all interazione radiazione/materia. Francesco Nobili Introduzione alle tecniche spettroscopiche e all interazione radiazione/materia Francesco Nobili TECNICHE SPETTROSCOPICHE Le tecniche spettroscopiche sono tecniche analitiche basate sull interazione tra

Dettagli

Capitolo 4 Le spettroscopie. 1. Lo spettro elettromagnetico

Capitolo 4 Le spettroscopie. 1. Lo spettro elettromagnetico Capitolo 4 Le spettroscopie 1. Lo spettro elettromagnetico 2) Tipi di spettroscopia Emissione: transizione da livello superiore a livello inferiore Assorbimento: contrario 2.1 Spettroscopie rotazionali,

Dettagli

Proprietà ottiche di nanocristalli

Proprietà ottiche di nanocristalli Gerelli Yuri Corso di Spettroscopia Proprietà ottiche di nanocristalli Introduzione L esperienza affrontata in laboratorio prevede la caratterizzazione delle basilari proprietà ottiche di cristalli nanostrutturati,

Dettagli

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE Corso di tecniche di assistenza di base per caregivers Maggio Dicembre 2012 FABBISOGNO ENERGETICO Il fabbisogno energetico è individuale e dipende da: Sesso Peso Altezza Età

Dettagli

Dispositivi optoelettronici (1)

Dispositivi optoelettronici (1) Dispositivi optoelettronici (1) Sono dispositivi dove giocano un ruolo fondamentale sia le correnti elettriche che i fotoni, le particelle base della radiazione elettromagnetica. Le onde elettromagnetiche

Dettagli

Corso di insegnamento Biochimica e Biotecnologie degli Alimenti. Spettrofotometria. Lezione n. XXII-30.05.14

Corso di insegnamento Biochimica e Biotecnologie degli Alimenti. Spettrofotometria. Lezione n. XXII-30.05.14 Corso di insegnamento Biochimica e Biotecnologie degli Alimenti Spettrofotometria Lezione n. XXII-30.05.14 RADIAZIONI ELETTROMAGNETICHE Le radiazioni elettromagnetiche possono essere rappresentate sia

Dettagli

Istituzioni di fisica della materia I Lezione 3. S. Solimeno lezione 3 1

Istituzioni di fisica della materia I Lezione 3. S. Solimeno lezione 3 1 Istituzioni di fisica della materia I Lezione 3 S. Solimeno lezione 3 1 S. Solimeno lezione 3 2 S. Solimeno lezione 3 3 S. Solimeno lezione 3 4 S. Solimeno lezione 3 5 spettroscopia gamma di colori che

Dettagli

Introduzione alle onde Elettromagnetiche (EM)

Introduzione alle onde Elettromagnetiche (EM) Introduzione alle onde Elettromagnetiche (EM) Proprieta fondamentali L energia EM e il mezzo tramite il quale puo essere trasmessa informazione tra un oggetto ed un sensore (e.g. radar) o tra sensori/stazioni

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL pk a DI UN INDICATORE DA MISURE SPETTROFOTOMETRICHE

DETERMINAZIONE DEL pk a DI UN INDICATORE DA MISURE SPETTROFOTOMETRICHE DETERMINAZIONE DEL pk a DI UN INDICATORE DA MISURE SPETTROFOTOMETRICHE Con il nome di indicatori di ph vengono denominate delle sostanze in grado di assumere diverse colorazioni a seconda della concentrazione

Dettagli

LA TERMOGRAFIA SPETTRO ONDE ELETTROMAGNETICHE

LA TERMOGRAFIA SPETTRO ONDE ELETTROMAGNETICHE SPETTRO ONDE ELETTROMAGNETICHE La radiazione elettromagnetica è un mezzo di trasmissione dell energia sotto forma di onde aventi entrambe le componenti elettriche e magnetiche. La sequenza ordinata delle

Dettagli

Campionamento e analisi delle micotossine

Campionamento e analisi delle micotossine Campionamento e analisi delle micotossine Emma Tealdo, Veneto Agricoltura 5.1 Introduzione Un corretto campionamento è il presupposto essenziale per un metodo analitico affidabile, tenendo presente che

Dettagli

SPETTROFOTOMETRI. Visibile e UV-Visibile

SPETTROFOTOMETRI. Visibile e UV-Visibile Visibile e UV-Visibile Il Produttore Gli spettrofotometri ONDA sono prodotti da una azienda con oltre dieci anni di esperienza nello sviluppo di strumenti UV/Vis, singolo e doppio raggio, con controllo

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali DIPARTIMENTO SANITA PUBBLICA VETERINARIA, NUTRIZIONE E SICUREZZA ALIMENTI DIREZIONE GENERALE SICUREZZA ALIMENTI E NUTRIZIONE Elementi informativi

Dettagli

Strumentazione spettrometrica per la misura delle caratteristiche di assorbimento, riflessione e trasmissione di vari materiali

Strumentazione spettrometrica per la misura delle caratteristiche di assorbimento, riflessione e trasmissione di vari materiali Strumentazione spettrometrica per la misura delle caratteristiche di assorbimento, riflessione e trasmissione di vari materiali G. Chiani, L. Mercatelli, P. Sansoni, D. Fontani, D. Jafrancesco, M. De Lucia

Dettagli

IL LASER. Principio di funzionamento.

IL LASER. Principio di funzionamento. IL LASER Acronimo di Light Amplification by Stimulated Emission of Radiation (amplificazione di luce per mezzo di emissione stimolata di radiazione), è un amplificatore coerente di fotoni, cioè un dispositivo

Dettagli

Sensori di temperatura

Sensori di temperatura Sensori di temperatura La variazione di temperatura è tra le principali cause di cambiamento delle caratteristiche fisiche dei materiali, pertanto, si possono realizzare elementi sensibili alle variazioni

Dettagli

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LATTANTI I bambini sino a 6 mesi assumono solamente latte seguendo le modalità e le dosi imposte dal pediatra. L allattamento artificiale inizierà con: Latte in polvere adattato

Dettagli

Le reazioni di ossidoriduzione

Le reazioni di ossidoriduzione I.S. G. TASSINARI PROGRAMMAZIONE di CHIMICA ANALITICA E STUMENTALE Classe 4L - A.S. 2015-16 Docenti: prof.ssa Stefania Comes- prof.ssa Anna Alfano ANALISI INIZIALE DELLA CLASSE: La classe risulta composta

Dettagli

COMPONENTI ANALITICI *

COMPONENTI ANALITICI * Nucleo GP Nostrale Preparato secondo il regolamento (UE) N. 584/2011 - Grana Padano. Nucleo GP Nostrale della linea Nostrale Vacche da Latte è un mangime complementare per vacche in lattazione ideale per

Dettagli

Spettroscopia rotazionale

Spettroscopia rotazionale Spettroscopia rotazionale La spettroscopia rotazionale si occupa dello studio delle eccitazioni rotazionali delle molecole. La spettroscopia rotazionale è utile in fase gas, in cui le molecole sono libere

Dettagli

Spettrofotometria. Le onde luminose consistono in campi magnetici e campi elettrici oscillanti, fra loro perpendicolari.

Spettrofotometria. Le onde luminose consistono in campi magnetici e campi elettrici oscillanti, fra loro perpendicolari. Spettrofotometria. Con questo termine si intende l utilizzo della luce nella misura delle concentrazioni chimiche. Per affrontare questo argomento dovremo conoscere: Natura e proprietà della luce. Cosa

Dettagli

Scienze integrate (Biologia con elem.di biologia marina) Prof.ssa Rosa Domestico Lavoro degli alunni della classe IIG a.s.

Scienze integrate (Biologia con elem.di biologia marina) Prof.ssa Rosa Domestico Lavoro degli alunni della classe IIG a.s. LA LUCE Scienze integrate (Biologia con elem.di biologia marina) Prof.ssa Rosa Domestico Lavoro degli alunni della classe IIG a.s. 2012_2013 La luce è una forma di energia che ci fa vedere le forme, i

Dettagli

Laboratorio 2B A.A. 2012/2013. 7 Ottica Fisica II. Assorbimento Sorgenti luminose LED Diodi laser. Lab 2B CdL Fisica

Laboratorio 2B A.A. 2012/2013. 7 Ottica Fisica II. Assorbimento Sorgenti luminose LED Diodi laser. Lab 2B CdL Fisica Laboratorio 2B A.A. 2012/2013 7 Ottica Fisica Assorbimento Sorgenti luminose LED Diodi laser Spettrofotometria: assorbimento ottico La spettroscopia può fornire informazioni sulla natura degli atomi. Esempio:

Dettagli

FT-IR/ATR PRINCIPIO FISICO

FT-IR/ATR PRINCIPIO FISICO FT-IR/ATR La Spettroscopia Infrarossa è una tecnica spettroscopica di assorbimento, che studia i legami chimici. Questa tecnica spettroscopica dà informazioni sui gruppi funzionali presenti nella molecola

Dettagli

CONOSCERE LA LUCE. Propagazione nello spazio di un onda elettromagnetica.

CONOSCERE LA LUCE. Propagazione nello spazio di un onda elettromagnetica. FOTODIDATTICA CONOSCERE LA LUCE Le caratteristiche fisiche, l analisi dei fenomeni luminosi, la temperatura di colore. Iniziamo in questo fascicolo una nuova serie di articoli che riteniamo possano essere

Dettagli

Pasta frolla. Pasta sable. Pasta brise

Pasta frolla. Pasta sable. Pasta brise Pasta frolla Pari q.tà materia grassa e zucchero Pasta sable % maggiore di m. g. rispetto allo zucchero Pasta brise % di sale maggiore (0,80%) % di zucchero minore 2-3% Giambattista Montanari Farine Amidi

Dettagli

Università degli Studi di Parma Corso di Laurea in Chimica 1. Luce e Molecole

Università degli Studi di Parma Corso di Laurea in Chimica 1. Luce e Molecole Università degli Studi di Parma Corso di Laurea in Chimica 1 Luce e Molecole 1 INTRODUZIONE La spettroscopia è uno dei settori della chimica. Il chimico spettroscopista indaga il comportamento delle molecole

Dettagli

COMMERCIO ALL INGROSSO DI FRUTTA E ORTAGGI CONSERVATI COMMERCIO ALL INGROSSO DI PRODOTTI DI SALUMERIA

COMMERCIO ALL INGROSSO DI FRUTTA E ORTAGGI CONSERVATI COMMERCIO ALL INGROSSO DI PRODOTTI DI SALUMERIA STUDIO DI SETTORE WM21E ATTIVITÀ 46.31.20 COMMERCIO ALL INGROSSO DI FRUTTA E ORTAGGI CONSERVATI ATTIVITÀ 46.32.20 COMMERCIO ALL INGROSSO DI PRODOTTI DI SALUMERIA ATTIVITÀ 46.33.10 COMMERCIO ALL INGROSSO

Dettagli

Distribuito da: Zetalab s.r.l. Via Castelfidardo, 11-35141 Padova Telefono 049 2021144 - Fax 049 2021143 Internet: www.zetalab.

Distribuito da: Zetalab s.r.l. Via Castelfidardo, 11-35141 Padova Telefono 049 2021144 - Fax 049 2021143 Internet: www.zetalab. Distribuito da: Zetalab s.r.l. Via Castelfidardo, 11-35141 Padova Telefono 049 2021144 - Fax 049 2021143 Internet: www.zetalab.it - e-mail: info@zetalab.it T60 Spettrofotometri Bassa Luce diffusa Stabilità

Dettagli

DETERMINAZIONE SPERIMENTALE DELLA CINETICA DI UNA REAZIONE CHIMICA PER VIA SPETTROFOTOMETRICA

DETERMINAZIONE SPERIMENTALE DELLA CINETICA DI UNA REAZIONE CHIMICA PER VIA SPETTROFOTOMETRICA DETERMINAZIONE SPERIMENTALE DELLA CINETICA DI UNA REAZIONE CHIMICA PER VIA SPETTROFOTOMETRICA L obiettivo di questa esperienza è quello di studiare la cinetica della reazione tra una soluzione acida di

Dettagli

L osservatorio del Monte Baldo, dispone tra le altre strumentazioni di uno spettroscopio DSS7 Sbig, utilizzato sia a scopi di ricerca che didattci.

L osservatorio del Monte Baldo, dispone tra le altre strumentazioni di uno spettroscopio DSS7 Sbig, utilizzato sia a scopi di ricerca che didattci. Il DSS7 Lo spettroscopio dell Osservatorio Monte Baldo A.Gelodi L osservatorio del Monte Baldo, dispone tra le altre strumentazioni di uno spettroscopio DSS7 Sbig, utilizzato sia a scopi di ricerca che

Dettagli

Sensori, trasduttori e trasmettitori: Evoluzioni e tendenze

Sensori, trasduttori e trasmettitori: Evoluzioni e tendenze Piero G. Squizzato Sensori, trasduttori e trasmettitori: Evoluzioni e tendenze Nell automazione l elemento fondamentale è una precisa e affidabile misura delle variabili fisiche e chimiche, identificanti

Dettagli

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA La dieta nel diabete Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura

Dettagli

INTERFEROMETRO (Michelson)

INTERFEROMETRO (Michelson) S I beam splitter Semispecchio divide il raggio sorgente in due raggi, inviandoli a due specchi distinti: uno fisso e l altro mobile δ (OM - OF) INTERFEROMETRO (Michelson) specchio fisso OF OM + D m specchio

Dettagli

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LATTANTI I bambini sino a 6 mesi assumono solamente latte seguendo le modalità e le dosi imposte dal pediatra. L allattamento artificiale inizierà con: Latte in polvere adattato

Dettagli

I rifiuti d amianto: caratterizzazione CER, inertizzazione e smaltimento. Dr. ssa Elisa Tamburo

I rifiuti d amianto: caratterizzazione CER, inertizzazione e smaltimento. Dr. ssa Elisa Tamburo UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO Dipartimento di Scienze della Terra e del Mare (DiSTeM) I rifiuti d amianto: caratterizzazione CER, inertizzazione e smaltimento email address: elisa.tamburo@unipa.it

Dettagli

Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari

Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari È una iniziativa Diversity & Inclusion Sandoz Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari Introduzione: Le malattie cardiovascolari

Dettagli

Essere d accordo o Non essere d accordo, questo è il dilemma

Essere d accordo o Non essere d accordo, questo è il dilemma Essere d accordo o Non essere d accordo, questo è il dilemma Interessante concetto combinare monologo e dialogo. Anche nell Industria è presente questa combinazione: nel monologo, quando si estrapolano

Dettagli

Trasmissione termica

Trasmissione termica ISOLAMENTO TERMICO Per oltre 80 anni l utilizzo della vetrata isolante è stata riconosciuta come una condizione essenziale per garantire l isolamento termico degli edifici. Recenti sviluppi tecnologici

Dettagli

Unità Didattica 1. La radiazione di Corpo Nero

Unità Didattica 1. La radiazione di Corpo Nero Diapositiva 1 Unità Didattica 1 La radiazione di Corpo Nero Questa unità contiene informazioni sulle proprietà del corpo nero, fondamentali per la comprensione dei meccanismi di emissione delle sorgenti

Dettagli

LA LUCE. Lezioni d'autore

LA LUCE. Lezioni d'autore LA LUCE Lezioni d'autore VIDEO L ottica geometrica e il principio di Fermat (I) La radiazione riflessa da specchi ha importanti applicazioni. Si pensi al settore energetico dove specchi piani in movimento

Dettagli

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI Le Linee guida per una sana alimentazione italiana dell Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN) pubblicate nel 2003 propongono dieci direttive

Dettagli

EMISSIONE E ASSORBIMENTO DI LUCE DA PARTE DELLA MATERIA

EMISSIONE E ASSORBIMENTO DI LUCE DA PARTE DELLA MATERIA EMISSIONE E ASSORBIMENTO DI LUCE DA PARTE DELLA MATERIA Poiché la luce è energia trasportata da oscillazioni del campo elettrico (fotoni) e la materia è fatta di particelle elettricamente cariche (atomi

Dettagli

1 Caratteristiche dei materiali utilizzati in ottica oftalmica di Alessandro Farini 1.1 Caratteristiche ottiche dei materiali oftalmici

1 Caratteristiche dei materiali utilizzati in ottica oftalmica di Alessandro Farini 1.1 Caratteristiche ottiche dei materiali oftalmici 1 Caratteristiche dei materiali utilizzati in ottica oftalmica di Alessandro Farini Esaminiamo in questo capitolo le principali caratteristiche dei vari materiali utilizzati nel campo dell'ottica oftalmica,

Dettagli

Istituto Superiore di Stato per l'enogastronomia e l'ospitalità Alberghiera. "A. Prever" PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

Istituto Superiore di Stato per l'enogastronomia e l'ospitalità Alberghiera. A. Prever PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE Istituto Superiore di Stato per l'enogastronomia e l'ospitalità Alberghiera DISCIPLINA: "A. Prever" PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ANALISI E CONTROLLI CHIMICI DEI PRODOTTI ALIMENTARI CLASSE: IV sez A, B,

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE, SISTEMA DI RICOSTRUZIONE, SISTEMA DI VISUALIZZAZIONE

SISTEMA DI MISURAZIONE, SISTEMA DI RICOSTRUZIONE, SISTEMA DI VISUALIZZAZIONE LA TOMOGRAFIA COMPUTERIZZATA: MODALITA DI FORMAZIONE DELL IMMAGINE SISTEMA DI MISURAZIONE, SISTEMA DI RICOSTRUZIONE, SISTEMA DI VISUALIZZAZIONE SISTEMA DI MISURAZIONE: ACQUISIZIONE DELL IMMAGINE TC Un

Dettagli

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro,

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro, I nutrienti I gruppi alimentari NEL NOSTRO VIVER COMUNE, NON RAGIONIAMO CON NUTRIENTI MA CON ALIMENTI: SONO PERTANTO STATI RAGGRUPPATI GLI ALIMENTI SECONDO CARATTERISTICHE NUTRITIVE IN COMUNE. GRUPPO N

Dettagli

XRF SEM Micro-Raman. Fluorescenza a raggi X (XRF) S4 Pioneer - Bruker. Analisi elementale qualitativa e quantitativa

XRF SEM Micro-Raman. Fluorescenza a raggi X (XRF) S4 Pioneer - Bruker. Analisi elementale qualitativa e quantitativa XRF SEM Micro-Raman Fluorescenza a raggi X (XRF) S4 Pioneer - Bruker Analisi elementale qualitativa e quantitativa Non distruttiva Campioni solidi, liquidi o in polvere Multielementale Veloce Limite di

Dettagli

LA NATURA ELETTROMAGNETICA DELLA LUCE

LA NATURA ELETTROMAGNETICA DELLA LUCE LA NATURA ELETTROMAGNETICA DELLA LUCE LA TEORIA DI MAXWELL La definizione della natura della luce ha sempre rappresentato un problema fondamentale per la fisica. Il matematico e fisico britannico Isaac

Dettagli

VERDURA FRUTTA FRUTTA SECCA E SEMI OLEAGINOSI

VERDURA FRUTTA FRUTTA SECCA E SEMI OLEAGINOSI DIETA VEGETARIANA Nella realizzazione di una dieta vegetariana frequentemente viene seguito un percorso che passa attraverso un procedimento di eliminazione di gruppi di cibi dall architettura tipica della

Dettagli

Ottimizzazione delle fermentazioni ruminali

Ottimizzazione delle fermentazioni ruminali Ottimizzazione delle fermentazioni ruminali Digestione ruminale della fibra L ottimizzazione della digestione della fibra nei ruminanti inizia dal substrato I batteri fibrolitici hanno infatti necessità

Dettagli

SISTEMI DI ILLUMINAZIONE A FIBRE OTTICHE

SISTEMI DI ILLUMINAZIONE A FIBRE OTTICHE SISTEMI DI ILLUMINAZIONE A FIBRE OTTICHE 1 Illuminatore L illuminatore provvede a generare la luce e inviarla, minimizzando ogni dispersione con un sistema ottico opportuno, nel bundle cioè nel collettore

Dettagli

La dieta della Manager Assistant

La dieta della Manager Assistant La dieta della Manager Assistant TUTTI I GIORNI COLAZIONE - 1 vasetto di yogurt oppure 1 tazza di latte parzialmente scremato oppure 1 cappuccino - 3 biscotti secchi oppure 4 fette biscottate oppure 1

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PROGRAMMA CONSUNTIVO a.s. 2014/2015 MATERIA CHIMICA ANALITICA STRUMENTALE CLASSE 5 SEZIONE B INDIRIZZO CM DOCENTE Buga Morena - Cortellino Nunzia ORE DI LEZIONE 8 (5) OBIETTIVI **************** CONOSCENZE/ABILITA

Dettagli

www.bertok.info indagine sui "pan bauletto" additivi, etc. informazioni nutrizionali senza coloranti, grassi, idrogenati, additivi edulcoranti

www.bertok.info indagine sui pan bauletto additivi, etc. informazioni nutrizionali senza coloranti, grassi, idrogenati, additivi edulcoranti www.bertok.info indagine sui "pan bauletto" id. prodotto marca luogo di produzione ingredienti additivi, etc. informazioni nutrizionali peso per confezione costo note impressioni personali 1 integrale

Dettagli

MEDIE MENSILI MESE DI: GENNAIO 2015

MEDIE MENSILI MESE DI: GENNAIO 2015 MESE DI: GENNAIO 2015 MEDIE MENSILI BESTIAME SUINO DA ALLEVAMENTO DOT MARCHIATI da 6 kg kg 6,613 da 15 Kg. kg 3,758 da 25 Kg. kg 2,425 da 30 Kg. kg 2,143 da 40 Kg. kg 1,700 da 50 Kg. kg 1,520 da 65 Kg.

Dettagli

ESPERIENZA 5 OTTICA FISICA INTERFERENZA E DIFFRAZIONE

ESPERIENZA 5 OTTICA FISICA INTERFERENZA E DIFFRAZIONE ESPERIENZA 5 OTTICA FISICA INTERFERENZA E DIFFRAZIONE Lo scopo di quest esperimento è osservare la natura ondulatoria della luce, nei fenomeni della diffrazione e dell interferenza propri delle onde. In

Dettagli

Le sorgenti di radiazioni ottiche artificiali (ROA) non coerenti

Le sorgenti di radiazioni ottiche artificiali (ROA) non coerenti Le sorgenti di radiazioni ottiche artificiali (ROA) non coerenti Dr. Riccardo Di Liberto Struttura Complessa di Fisica Sanitaria Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo - Pavia Principali applicazioni

Dettagli

SPETTROSCOPIA UV/visibile

SPETTROSCOPIA UV/visibile UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA DIP SCIENZE DEL FARMACO CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN CHIMICA E TECNOLOGIA FARMACEUTICHE Laboratorio di Analisi dei Farmaci 1 LAF-1 8 CFU Corso M-Z SPETTROSCOPIA UV/visibile

Dettagli

1. Talco (più tenero) 2. Gesso 3. Calcite 4. Fluorite 5. Apatite 6. Ortoclasio 7. Quarzo 8. Topazio 9. Corindone 10. Diamante (più duro)

1. Talco (più tenero) 2. Gesso 3. Calcite 4. Fluorite 5. Apatite 6. Ortoclasio 7. Quarzo 8. Topazio 9. Corindone 10. Diamante (più duro) 1. Lo stato solido Lo stato solido è uno stato condensato della materia; le particelle (che possono essere presenti come atomi, ioni o molecole) occupano posizioni fisse e la loro libertà di movimento

Dettagli

I PRINCIPI DEL RISCALDAMENTO A MICROONDE

I PRINCIPI DEL RISCALDAMENTO A MICROONDE I PRINCIPI DEL RISCALDAMENTO A MICROONDE Prof. Paolo ARCIONI Dipartimento di Elettronica Università di Pavia UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA DEI MATERIALI E

Dettagli

Ottica fisiologica (2): sistemi ottici

Ottica fisiologica (2): sistemi ottici Ottica fisiologica (2): sistemi ottici Corso di Principi e Modelli della Percezione Prof. Giuseppe Boccignone Dipartimento di Informatica Università di Milano boccignone@di.unimi.it http://boccignone.di.unimi.it/pmp_2014.html

Dettagli

TABELLE DIETETICHE. Media Maschi/femmine (Kcal/gg) Fabbisogno Energetico. Nido d infanzia dell infanzia

TABELLE DIETETICHE. Media Maschi/femmine (Kcal/gg) Fabbisogno Energetico. Nido d infanzia dell infanzia TABELLE DIETETICHE La tabella dietetica deve fornire la corretta quantità in nutrienti, sia dal punto di vista qualitativo che quantitativo, in modo che l organismo dell individuo non debba ricorrere ad

Dettagli

L analisi spaziale. Indici statistici geospaziali

L analisi spaziale. Indici statistici geospaziali L analisi spaziale Uno degli scopi principali dei GIS e quello di offrire strumenti concettuali e metodologici per studiare analiticamente le relazioni nello spazio L analisi spaziale ha come obbiettivo

Dettagli

ZUCCHERI RIDUCENTI E ALTRI ZUCCHERI

ZUCCHERI RIDUCENTI E ALTRI ZUCCHERI ZUCCHERI RIDUCENTI E ALTRI ZUCCHERI Kit enzimatici Megazyme I kit enzimatici Megazyme permettono l analisi quantitativa, semplice e affidabile, di singoli zuccheri come glucosio, fruttosio, saccarosio

Dettagli

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia 8. Varia spesso le tue scelte a tavola 58 La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia da essi apportata, anche altri nutrienti indispensabili,

Dettagli

Diffrazione di raggi X

Diffrazione di raggi X Diffrazione di raggi X Quando una radiazione X colpisce la faccia di un cristallo con un certo angolo di incidenza θ, essa in parte è diffusa dallo strato di atomi della superficie, in parte penetra verso

Dettagli

Il diodo emettitore di luce e la costante di Planck

Il diodo emettitore di luce e la costante di Planck Progetto A1e Un esperimento in prestito di Lauree Scientifiche G. Rinaudo Dicembre 2005 Il diodo emettitore di luce e la costante di Planck Scopo dell esperimento Indagare il doppio comportamento corpuscolare

Dettagli

Spettrometria. Introduzione.

Spettrometria. Introduzione. Spettrometria. Introduzione. Lo studio degli spettri di emissione e di assorbimento è stato sicuramente uno degli aspetti che hanno maggiormente contribuito alla crisi della meccanica classica a cavallo

Dettagli

Diode Array 7440 SD. Apparecchio NIR per analisi in linea. Affidabile, Accurato, Immediato

Diode Array 7440 SD. Apparecchio NIR per analisi in linea. Affidabile, Accurato, Immediato Diode Array 7440 SD Apparecchio NIR per analisi in linea Tutti i tipi di Snack Food Umidità, Grassi, sale Design industriale e sanitario Interfaccia basata su Web Affidabile, Accurato, Immediato Il controllo

Dettagli

STEREOISOMERIA carbonio ibridizzato sp3 è legato a quattro atomi o gruppi tutti diversi fra loro

STEREOISOMERIA carbonio ibridizzato sp3 è legato a quattro atomi o gruppi tutti diversi fra loro STEREOISOMERIA i sono oggetti che sono sovrapponibili alla loro immagine speculare: tutti gli oggetti di forma piana, ad esempio. osì, se prendo un alchene e lo confronto con la sua immagine allo specchio:

Dettagli

4 La Polarizzazione della Luce

4 La Polarizzazione della Luce 4 La Polarizzazione della Luce Per comprendere il fenomeno della polarizzazione è necessario tenere conto del fatto che il campo elettromagnetico, la cui variazione nel tempo e nello spazio provoca le

Dettagli

Analisi del caffè mediante spettroscopia NIR

Analisi del caffè mediante spettroscopia NIR Analisi del caffè mediante spettroscopia NIR 1 Introduzione I metodi analitici conventionali sono stati usati per monitorare i principali parametri del caffé. Normalmente, i costi ed il lavoro necessario

Dettagli

Casi pratici di calcolo dei DPI. Vincenzo Salamone A.O.U. Policlinico-V. Emanuele Catania

Casi pratici di calcolo dei DPI. Vincenzo Salamone A.O.U. Policlinico-V. Emanuele Catania Casi pratici di calcolo dei DPI Vincenzo Salamone A.O.U. Policlinico-V. Emanuele Catania Cause degli incidenti: Occhiali protettivi non utilizzati (anche se disponibili) Uso di occhiali non adatti o difettosi

Dettagli

Termologia. Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti

Termologia. Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti Termologia Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti Trasmissione del calore Legge di Wien Legge di Stefan-Boltzmann Gas

Dettagli

IL MODELLO ATOMICO DI BOHR

IL MODELLO ATOMICO DI BOHR IL MODELLO ATOMICO DI BOHR LA LUCE Un valido contributo alla comprensione della struttura dell atomo venne dato dallo studio delle radiazioni luminose emesse dagli atomi opportunamente sollecitati. Lo

Dettagli

Applicazioni del laser in metrologia e non

Applicazioni del laser in metrologia e non Applicazioni del laser in metrologia e non Applicazioni del laser nella metrologia dimensionale Misura di blocchetti di riscontro I blocchetti di riscontro (gauge blocks) sono dei parallelepipedi di acciaio

Dettagli