Capitolo IV ProteoliSi durante la fermentazione di impasti acidi modello

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Capitolo IV ProteoliSi durante la fermentazione di impasti acidi modello"

Transcript

1 Capitolo IV Proteolisi durante la fermentazione di impasti acidi modello Impasti acidi modello ottenuti con farina di grano duro sono sati inoculati con sei diversi ceppi di batteri lattici, in associazione o meno con un lievito commerciale, per studiare la proteolisi durante la fermentazione. La conta cellulare, il ph e la concentrazione di aminoacidi liberi sono stati misurati a diversi tempi di incubazione ed un estrazione sequenziale è stata effettuata per separare le diverse frazioni proteiche. La frazione proteica (albumine e globuline) solubile in soluzione salina è stata analizzata mediante cromatografia liquida ad alta prestazione (RP-HPLC) e SDS-PAGE, mentre le frazioni solubili in propanolo (gliadine) e insolubili (glutenine) sono state analizzate solamente con SDS-PAGE. Metodi statistici multivariati sono stati utilizzati per l analisi dei risultati. La presenza del lievito e dei batteri lattici ha influenzato in modo complesso i profili RP-HPLC e SDS-PAGE delle proteine solubili. Gli unici cambiamenti a carico delle proteine del glutine correlati alla presenza dei batteri lattici hanno riguardato la comparsa di nuovi frammenti proteici (20 e 27 kda) dalle gliadine e la degradazione delle subunità di glutenina ad alto peso molecolare Introduzione La fermentazione degli impasti acidi è un processo tradizionale utilizzato nell industria della panificazione per migliorare la qualità e il sapore dei prodotti da forno. L aggiunta degli impasti acidi durante la panificazione influenza in vari modi le proprietà del pane; durante questo processo, infatti, le attività metaboliche che si verificano sono responsabili dei cambiamenti della farina nonchè del profumo, del gusto, del valore nutrizionale e della conservazione del pane. I batteri lattici e i lieviti sono i microrganismi dominante negli impasti acidi (De Vuyst e Neysens, 2005) e, di conseguenza, le proprietà organolettiche e nutrizionali del pane dipendono da loro metabolismo e dalla loro attività di cooperazione. L acidificazione e i composti antimicrobici prodotti dalla microflora lattica contribuiscono alla stabilità dei prodotti e svolgono un 73

2 ruolo importante nella regolazione delle complesse interazioni che si verificano all interno della microflora starter e tra gli starter e la microflora contaminante (Messens et al., 2002). Gli esopolisaccaridi (EPS) possono sostituire gli idrocolloidi per migliorare la tessitura e le proprietà nutrizionali del pane (Thieking et al., 2003). La produzione di CO 2 da parte dei batteri lattici eterofermentanti e dei lieviti influisce sul processo di lievitazione dell impasto, migliorando la consistenza del pane. Inoltre, l interazione tra batteri lattici e lieviti può influenzare la sintesi di composti volatili che contribuiscono al sapore e al profumo dei prodotti da forno (De Vuyst e Neysens, 2005). L drolisi di agenti chelanti come l acido fitico, inoltre, può avere ripercussioni positive sulle implicazioni nutrizionali del pane aumentando la biodisponibilità di minerali (De Angelis et al., 2003). Le proprietà dell impasto e il valore nutrizionale del pane sono fortemente influenzati dal contenuto nonché dalla composizione delle proteine della farina. La degradazione delle proteine del glutine influenza la reologia degli impasti e, di conseguenza, la struttura del pane (Thiele et al., 2004); inoltre, l idrolisi della maglia glutinica migliora la lavorabilità dell impasto (Wehrle et al., 1999). Gli aminoacidi e i piccoli peptidi rilasciati durante la fermentazione sono importanti per la crescita microbica nonché per lo sviluppo dell aroma nei prodotti da forno. L attività proteolitica/ peptidolitica dei batteri lattici può contribuire all idrolisi dei peptidi amari e alla liberazione di peptidi bioattivi (Mugula et al., 2003). Alcune proteine della farina e i prodotti della loro idrolisi possono incidere sulla salute umana; in particolare, i peptidi generati dalla digestione delle prolamine del frumento danneggiano la mucosa intestinale umana in persone affette da morbo celiaco o da enteropatie causate dalla sensibilità al glutine (Di Cagno et al., 2002). In aggiunta, alcune sequenze di aminoacidi delle proteine del frumento sembrano essere correlate ad alcuni disturbi mentali, come la schizofrenia e l autismo (Pasini et al., 2001). In letteratura sono state proposte diverse teorie sul fatto che l attività proteolitica durante la fermentazione acida provenga dai batteri lattici e/o lieviti indigeni o dagli enzimi dei cereali (Loponen et al., 2004). La farina, i lieviti e i batteri lattici contengono proteasi e peptidasi che possono contribuire in modo diverso agli eventi proteolitici. Thiele et al. (2004) hanno dimostrato che la proteolisi durante la fermentazione degli impasti 74

3 acidi è legata principalmente all attivazione degli enzimi dei cereali in presenza di bassi valori di ph; le proteasi della farina, infatti, sono in grado di degradare le prolamine in condizioni di ph acido (Loponen et al., 2004). Al contrario, altri studi hanno dimostrato che i batteri lattici hanno un ruolo sostanziale nella proteolisi durante la fermentazione (Di Cagno et al., 2002; Wehrle et al., 1999). Lo scopo del presente lavoro è stato quello di indagare sui cambiamenti che si verificano a carico della frazione proteica durante fermentazione degli impasti acidi, nonché di individuare le fonti dell attività proteolitica e i fattori che possono essere responsabili di questi eventi, come l attività degli enzimi della farina, le condizioni di ph e il metabolismo microbico Materiali e metodi Ceppi e condizioni di coltura Due ceppi di Lactobacillus plantarum e un ceppo di Lb. pentosus, Lb. curvatus, Leuconostoc mesenteroides e Weissella cibaria sono stati utilizzati in questo studio. Tutti i ceppi sono stati isolati da impasti acidi per la produzione del pane Cornetto di Matera (Ricciardi et al., 2002) e sono stati mantenuti come coltura liofilizzata nella Collezione del Dipartimento di Biologia, Difesa e Biotecnologie Agro-Forestali, Università della Basilicata, Potenza, Italia. Il lievito commerciale liofilizzato è stato ottenuto dalla Lesaffre Corporation (Nord America, Stati Uniti d America). I ceppi di batteri lattici sono stati propagati in MRS modificato (mmrs) contenente 10 g/l di maltosio e 5 g/l di glucosio e fruttosio (Thiele et al., 2004). Le cellule raccolte mediante centrifugazione (12000 x g, 10 min, 4 C), sono state lavate due volte e risosepse in NaCl 0,85% (w/v) per ottenere una concentrazione finale pari a 10 7 ufc/g di impasto. Il lievito è stato rivitalizzato con NaCl 0,85% (w/v) e aggiunto immediatamente alla impasto per ottenere una concentrazione finale di 10 6 ufc/g di impasto Fermentazione degli impasti acidi In tutte le prove è stata utilizzata una farina commerciale di grano tenero (Odlum gruppo, Dublino, Irlanda) contenente 12% di proteine (w/w sul peso secco), 0,5% di ceneri (w/w sul peso secco), 13% di umidità (w/w) e un valore di Hagberg pari a 250. La farina non è stata trattata o addizionata 75

4 con additivi. Gli impasti sono stati preparati come descritto in Tabella 1, miscelando acqua e farina con una spatola sterile per 3 minuti per ottenere un impasto con grado di idratazione (DY) pari a 200. Le fermentazioni sono state condotte per 24 ore a 30 C. Due fermentazioni, ottenuto aggiungendo antibiotici all impasto, sono state effettuate asetticamente a ph 6,0 e 3,5, rispettivamente. I campioni sono stati prelevati a 0, 6 e 24 ore per le successive analisi. Tabella 1. Formula per gli impasti acid modello Contollo neutro Controllo acido Lievito neutro Lievito acido Batteri lattici Batteri lattici, tampone Farina (g) Acqua (ml) NaCl (g) Soluzione acida b (µl) Penicillina G c (µl) Cicloesimmside c (µl) Cloramfenicolo c (μl) Batteri lattici a (ml) Lievito (ml) Tampone fosfato d (ml) Batteri lattici, lievito a Lb. plantarum DBPZ1015 o Lb. plantarum DBPZ1025, o Lb. pentosus DBPZ0984 o Lb. curvatus DBPZ1020 o W. cibaria DBPZ1006 o Leuc. mesenteroides DBPZ1005. b Miscela di 4 volumi of acido lattico (90%) and 1 volume di acido acetico (98%) c 1g/L cicloesimmside and cloramfenicolo; IU/mL Penicillina G d 1 mol/l tampone sodio fosfato a ph 6, Conta delle colonie e misura del ph I batteri lattici e i lieviti sono stati enumerati al termine della fermentazione su piastre di mmrs agar e YPD (estratto di lievito 10 g/l, Peptone 20 g/l, glucosio 20 g/l) agar, rispettivamente. I valori di ph sono stati misurati per ogni sospensione di impasto (1 g di impasto e 9 ml di acqua distillata) dopo 0, 6 e 24 ore di fermentazione utilizzando un elettrodo a vetro (phmetro 210, Radiometer, Copenhagen, DK). 76

5 Estrazione delle proteine dai campioni di impasto Le frazioni proteiche degli impasti sono state estratte in modo sequenziale utilizzando i seguenti solventi: (1) 0,5 mol/l di NaCl e 150 mmol/l di fosfato di sodio, ph 6,8 (albumine e globuline), (2) 50% (v/v) di 2-propanolo in H 2 O (gliadine), (3) 1,5% (w/w) SDS, 1% (w/w) di DTT e 0,063 mol/l di Tris-HCl, ph 7,5 (glutenine). 6 ml di solvente sono stati aggiunti a 2 g di impasto e ogni estrazione è stata effettuata per 30 minuti a temperatura ambiente (albumine, globuline e gliadine) o 70 C (glutenine), agitando la sospensione ogni 10 minuti. I surnatanti sono stati recuperati mediante centrifugazione per 10 minuti, x g a 4 C (albumine, globuline e gliadine) o a 20 C (glutenine). Un lavaggio del pellet con acqua deionizzata è stato incluso, in seguito all estrazione con soluzione salina, per rimuovere i residui di sale e di acidi organici. Gli estratti non sono stati combinati. La frazione contenente albumine-globuline è stata dializzata (Medicell International Ltd, Londra, tubi per dialisi di cut-off 3500 Da) contro acqua deionizzata a 4 C per 24 ore e successivamente liofilizzata e conservata a temperatura ambiente fino alle analisi mediante SDS-PAGE e RP- HPLC. Gli estratti contenenti gliadine e glutenine sono stati conservati a -80 C fino all analisi mediante SDS-PAGE Determinazione degli aminoacidi liberi totali La concentrazione di aminoacidi liberi totali presenti nella frazione solubile in soluzione salina è stata determinata utilizzando il metodo dell acido trinitrobenzensulfonico (TNBS; Adler-Nissen, 1979). Una curva di taratura è stata preparata utilizzando la leucina (Leu, Sigma) come standard (range 0,0-1,0 mmol/l di Leu) e risultati sono stati espressi come mg di Leu/kg di impasto Analisi degli estratti mediante RP-HPLC Gli estratti solubili in soluzione salina sono stati analizzati mediante RP-HPLC. I campioni liofilizzati sono stati disciolti (10 mg/ml) in acido trifluoroacetico (TFA, sequenziale grado, Sigma) allo 0,1% (v/v) in acqua deionizzata per HPLC (sistema Milli-Q, Waters Corp) e centrifugati a x g per 5 minuti a temperatura ambiente. I surnatanti sono stati filtrati con filtri in acetato di cellulosa con porosità di 0,45 μm (Sartorius GmbH, Goettingen, Germania) e iniettati (150 μl) in un sistema HPLC Varian (Varian Associates Inc., Walnut Creek, CA, USA), composto da un autocampionatore, un sistema PROSTAR con tre pompe per il solvente, uno rivelatore spettrofotometrico PROSTAR interfacciato con un PC e un software per il sistema di controllo e acquisizione dati (Varian 77

6 Star Workstation 5). La colonna utilizzata era una C8 250 x 4 mm Nucleosil (5 μm dimensioni delle particelle, 300 A dimensione dei pori, a temperatura ambiente), con una colonna di controllo 4,6 x 10 mm (HPLC Capital Ltd., Broxburn, West Lothian, Regno Unito). Per la separazione sono stati utilizzati gli eluenti A, TFA 0,1% (v/v) in acqua deionizzata HPLC, e B, TFA 0,1% in acetonitrile (HPLC, Lab-scan Ltd., Dublino, Irlanda) e il seguente gradiente: 100% A per 5 min, 50% B (v/v) da 6 a 55 min, 50% B (v/v) per 6 minuti, 60% B (v/v) da 62 a 66 min e 60% B (v/v) per 3 min, con un flusso di 0,75 ml/min. La colonna è stata lavata con il 95% B (v/v) per 5 minuti. Le proteine sono state rilevate misurando l assorbanza a 214 nm. Alcuni campioni sono stati replicati tre volte per misurare la riproducibilità delle condizioni operative Analisi degli estratti mediante SDS-PAGE Tutte le frazioni proteiche sono state analizzate mediante SDS-PAGE utilizzando un apparato MiniProtean III (Bio-Rad Laboratories). Gli estratti liofilizzati contenenti albumine-globuline (circa 3,0 mg) sono stati sciolti in 0,5 ml di tampone (Sample buffer 2x, Sigma), mentre 1 volume degli estratti di gliadina e 1 volume degli di estratti glutenina sono stati mescolati con 3 o 4 volumi di Sample buffer, rispettivamente. I campioni sono stati riscaldati a 95 C per 5 minuti prima della corsa elettroforetica, eseguita utilizzando un gel per la separazione (12% w / v T, 2,67% w / v C) e uno per l allineamento (4% T, C 2,67%) (Laemmli, 1970) delle proteine. I gel sono stati corsi ad una corrente costante di 20 ma per 3 ore utilizzando un unità Power Pack 3000 (Bio-Rad Laboratories). La colorazione è stata effettuata in accordo con Pot et al. (1994) Analisi statistica dei dati I cromatogrammi RP-HPLC (altezza e tempo di ritenzione dei picchi) sono stati trasformati attraverso una funzione logistica, come descritto da Piraino et al. (2004). L altezza di picco è stato espresso come percentuale sul totale e i picchi con altezza < 0,5% sono stati scartati dall analisi. I gruppi di picchi (45; altezza della classe = 1,48) sono stati definiti sulla base del tempo di ritenzione (RT) compreso tra 5 minuti (prima classe) e 70 minuti (ultima classe). Le 45 classi sono state utilizzate come variabili per l analisi delle componenti principali (PCA). I profili SDS-PAGE sono stati elaborati, in accordo con Piraino et al. (2002), utilizzando una trasformazione logaritmica della massa molecolare (MM; log kda). I gruppi di bande (16; larghezza della classe = 0,040 log kda) 78

7 sono stati calcolati nel range di MM da 20 kda (prima classe) a 80 kda (ultima classe). I profili SDS-PAGE delle frazioni conteneti gliadina e glutenina sono state analizzate attraverso matching visivo. Tutte le analisi statistiche e grafici sono stati realizzati utilizzando Systat 10,0 per Windows (SPSS, Chicago, IL, Stati Uniti d America) Risultati e discussione Crescita microbica, diminuzione del ph e aminoacidi liberi totali Le fermentazioni sono state effettuate utilizzando colture pure di batteri lattici e combinazioni di batteri lattici e un lievito commerciale. In aggiunta, sono stati realizzati degli impasti inoculati con i batteri lattici in presenza di tampone fosfato per rallentare il decremento di ph causato dalla produzione di acido lattico nel tentativo di discriminare tra gli effetti del metabolismo microbico e le condizioni di ph. Due fermentazioni, ottenute mediante aggiungendo antibiotici alla miscela dell impasto, sono state effettuate a ph neutro (6,0) e acido (3,5), per valutare la proteolisi in assenza di metabolismo microbico. L aggiunta di antibiotici, ha dato un buon controllo della crescita di batteri lattici e/o lieviti. Infatti, conta delle colonie di lieviti e batteri lattici negli impasti di controllo era inferiore a 10 3 ufc/g di impasto. Dopo 24 ore di fermentazione, gli impasti acidi avevano popolazioni microbiche che andavano da 8,6 a 9,6 log (ufc/g) per i batteri lattici e da 7,6 a 8,9 log (ufc/g) per i lieviti (Figura 1). L aggiunta del lievito ha diminuito notevolmente la popolazione finale dei batteri lattici (p = 0,015). Di conseguenza, i valori di ph sono stati leggermente più elevati quando il lievito è stato utilizzato nell impasto. Questa potrebbe essere una conseguenza della competizione microbica per le fonti di carbonio durante la fermentazione. Infatti, la crescita batterica e la produzione di acidi lattico e acetico diminuisce quando S. cerevisiae è associato ai batteri lattici a causa del rapido consumo di maltosio e glucosio da parte del lievito. Pertanto, lo squilibrio tra il consumo da parte del lievito e l idrolisi dell amido da parte degli enzimi della farina hanno portato al rapido esaurimento dei carboidrati solubile durante la fermentazione che, a sua volta, ha diminuito l acidificazione da parte dei batteri lattici (Gobbetti, 1998). In particolare, in questo studio, la popolazione dei batteri lattici omofermentanti è stata influenzata dalla presenza o dall assenza del lievito in misura minore rispetto ai ceppi eterofermentanti. Probabilmente, la diminuzione della crescita di W. cibaria e Leuc. mesenteroides potrebbe essere dovuta all elevato consumo di acido aspartico e asparagina 79

8 negli impasti inoculati con il lievito (Collare e Martinez, 1993); la maggior parte dei batteri eterofermentanti, infatti, sono auxotrofi per arginina, leucina, fenilalanina, triptofano, tirosina e valina (Collare et al., 1991). D altro canto, l aggiunta dei batteri lattici ha stimolato la crescita del lievito, che è passata dal 7,7 log (ufc/g) in assenza di batteri lattici, fino a 8,6-8,9 log (ufc/g) quando il lievito era utilizzato in associazione con ceppi di Lb. curvatus, W. cibaria e Lb. pentosus. Ciò suggerisce che la crescita dei lieviti potrebbe essere rafforzata da rilascio di aminoacidi e/o peptidi in seguito all azione proteolitica dei batteri lattici durante la fermentazione. La proteolisi operata dai batteri lattici, infatti, aumenta la concentrazione totale di aminoacidi liberi che possono essere utilizzati dai lieviti (Gobbetti, 1998). In questo studio, la concentrazione di aminoacidi aumentava durante la fermentazione, fino a raddoppiare dopo 24 ore di incubazione (Figura 2). Gli impasti acidi e l impasto di controllo a ph 3,5 hanno mostrato un aumento degli aminoacidi liberi rispetto all impasto di controllo neutro. Negli impasti fermentati con il lievito e i batteri lattici, la concentrazione di aminoacidi era inferiore (p = 0,001) rispetto a quella degli impasti fermentati solo con batteri lattici, indicando che il consumo di aminoacidi è maggiore in presenza di lieviti. Tuttavia, questi risultati possono essere dovuti in parte ai maggiori valori di ph (0,25 unità in media, p = 0,001) osservati a causa dell inibizione della crescita dei batteri lattici. La più bassa concentrazione di aminoacidi è stata osservata negli impasti fermentati solo con il lievito. Thiele et al. (2002) hanno dimostrato la fermentazione con batteri lattici porta ad un aumento delle concentrazioni di aminoacidi, mentre gli impasti inoculati con un coltura mista o con lieviti hanno un livello più basso di aminoacidi, a conferma che la presenza dei lieviti porta ad una esaurimento degli amminoacidi durante la fermentazione. La concentrazione di aminoacidi, inoltre, non ha registrato un aumento lineare durante la fermentazione; all inizio dell incubazione (6 ore) il livello di amminoacidi era inferiore negli impasti inoculati con i batteri lattici rispetto all impasto di controllo acidificato, suggerendo un periodo di adattamento dei batteri all ambiente seguito da una forte domanda di azoto assimilabile. I nostri risultati indicano che i livelli di aminoacidi ngli impasti dipendono da vari fattori, principalmente dal ph, dal tempo di fermentazione, dall attività proteolitica della microflora e/o degli enzimi della farina e dal consumo di aminoacidi da parte di batteri lattici e/o lieviti. L aggiunta di tampone fosfato non ha fornito un buon controllo del ph a causa dell elevata capacità acidificante dei ceppi di batteri lattici. I 80

9 Figura 1. Popolazione microbica (espressa come log ufc/ml) del lievito (yeasts) e dei batteri lattici (LAB) dopo 24 ore di fermentazione. P1=Lb. plantarum DBPZ1025, P2=Lb. plantarum DBPZ1015, PE=Lb. pentosus DBPZ0984, C=Lb. curvatus DBPZ1020, W=W. cibaria DBPZ1006, M=Leuc. mesenteroides DBPZ1005, N3=impasto di controllo acidificato, NN=impasto di controllo neutro; 7=condizioni tamponate; ( )=0 ore di fermentazioni, ( )=6 ore, ( )=24 ore. Simboli pieni=presenza di lievito. Figura 2. Concentrazione di aminoacidi liberi totali (espressa come mg Leu/kg di impasto) durante la fermentazione degli impasti. P1=Lb. plantarum DBPZ1025, P2=Lb. plantarum DBPZ1015, PE=Lb. pentosus DBPZ0984, C=Lb. curvatus DBPZ1020, W=W. cibaria DBPZ1006, M=Leuc. mesenteroides DBPZ1005, N3=impasto di controllo acidificato, NN=impasto di controllo neutro; 7=condizioni tamponate; ( )=0 ore di fermentazioni, ( )=6 ore, ( )=24 ore. Simboli pieni=presenza di lievito. 81

10 valori di ph sono stati in media di 0,12 unità superiori (p = 0,001) in presenza di tampone, ma questo non ha avuto alcun effetto significativo sulla crescita dei batteri. Il contenuto di aminoacidi liberi è stato leggermente inferiore quando è stato utilizzato il tampone, suggerendo che la proteolisi è principalmente associato alla diminuzione di ph che promuove l attivazione degli enzimi dei cereali. Tuttavia, il ph non è l unico fattore che determina il livello di aminoacidi liberi. In realtà, differenze significative erano evidenti a simili valori di ph e tempo di incubazione. In particolare, dopo 24 ore di fermentazione, l impasto inoculato con Lb. plantarum DBPZ1025 aveva una concentrazione di amminoacidi liberi superiore a quella dell impasto inoculati con Lb. pentosus anche se il ph finale era lo stesso (ph = 3,75). Inoltre, allo stesso tempo di fermentazione, la quantità di aminoacidi dell impasto inoculato con Lb. plantarum DBPZ1025 era superiore anche a quella dell impasto di controllo acidificato (ph = 3,5), suggerendo il contributo sostanziale dei batteri lattici negli eventi proteolitici, come già dimostrato da Di Cagno et al. (2002). In contrasto con i nostri dati, Thiele et al. (2002) hanno dimostrato che il rilascio di aminoacidi non ha superato le concentrazioni degli impasti di controllo acidificati, indicando che l attività proteolitica dei batteri è trascurabile rispetto all attività proteolitica degli enzimi della farina Idrolisi delle proteine solubili in soluzione salina durante la fermentazione degli impasti I cambiamenti che si sono verificati a carico della frazione proteica solubile in soluzione salina, durante la fermentazione degli impasti, sono stati analizzati qualitativamente mediante SDS-PAGE. Gli estratti conteneti albumine-globuline avevano polipeptidi con masse molecolari (MM) comprese tra 10 e 80 kda, con un alta concentrazione di bande con MM nel range di kda, kda e kda. I profili proteici mostrano che la fermentazione ha determinato la degradazione di proteine ad alto peso molecolare (Figura 3). L intensità di queste bande, infatti, è diminuita all aumentare del tempo di fermentazione e alcune bande sono completamente scomparse a causa della attività proteolitica. Le differenze tra i pattern SDS-PAGE degli impasti di controllo neutro e acidificato suggeriscono che i principali effetti sull idrolisi delle proteine 82

11 Figura 3. Esempio di SDS-PAGE della frazione contenete albumine e globuline. C1214 (60.8 kda), C10 (45.9 kda), C7 (34.8 kda), C5 (28.9 kda) e C2 (21.9 kda) sono le principali bande proteiche idrolizzate durante la fermentazione. L1, L7=standard di massa molecolare (Sigmamarker Wide Range, Sigma); L2=albumine; L3=globuline; L4= controllo neutro a 6 ore; L5= controllo acidificato a 6 ore; L6=Leuc. mesenteroides DBPZ1005 a 6 ore; L8=Leuc. mesenteroides DBPZ1005 a 24 ore; L9=Lb. plantarum DBPZ1025 con lievito a 6 ore; L10=Lb. plantarum DBPZ1025 con lievito a 24; L11=Lb. pentosus DBPZ0984 con tampone a 6 ore; L12=Lb. pentosus DBPZ0984 con tampone a 24 ore. erano imputabili alle condizioni di ph e all attività proteolitica degli enzimi della farina. Tuttavia, la presenza di lieviti e batteri lattici ha influenzato significativamente il pattern della frazione proteica solubile sia dopo 6 che 24 ore di fermentazione. Un elevato grado di idrolisi delle proteine è stato osservato negli impasti inoculati con Lb. plantarum DBPZ1015 e Lb. curvatus dopo 6 ore di fermentazione. Al termine dell incubazione (24 ore), negli impasti inoculati con i due ceppi di Lb. plantarum, e con il ceppo di Lb. curvatus e Lb. pentosus è stata osservata la maggiore degradazione delle proteine solubili. L associazione con il lievito, inoltre, ha portato ad un aumento delle frazioni proteiche con bassa MM rispetto agli impasti inoculati solo con i batteri lattici (Figura 4). In associazione con Lb. curvatus o con i due 83

12 ceppi di Lb. plantarum, la presenza del lievito migliorava la degradazione delle proteine a 60,8 kda, 38,2-34,8 kda e 28,9 kda, aumentando le frazioni proteiche nel range di 26,4-24,1 kda. L interazione tra Lb. pentosus e il lievito ha aumentato la produzione di frammenti nel range di MM da 21,9 a 20,0 kda, come conseguenza dell idrolisi delle proteine di MM compresa tra 28,9 e 24,1 kda. Analisi multivariata dei pattern SDS-PAGE della frazione proteica solubile Per determinare i principali fattori che influenzano l idrolisi delle proteine durante la fermentazione, è stata condotta un analisi delle componenti principali Figura 4. Multiplot dei profili SDS-PAGE della frazione proteica solubile, relative all interazione tra batteri lattici (LAB) e lievito (yeast) dopo 24 ore di fermentazione. CB=W. cibaria DBPZ1006, CU=Lb. curvatus DBPZ1020; ME=Leuc. mesenteroides DBPZ1005, NN=impasto di controllo neutro; P1=Lb. plantarum DBPZ1025, P2=Lb. plantarum DBPZ1015, PE=Lb. pentosus DBPZ0984. PINT= intensità della banda proteica come percentuale dell intensità totale. (PCA) sulla matrice di covarianza dei dati elettroforetici della frazione contenete albumine e globulina. Dopo un analisi preliminare, sono state selezionate le variabili (bande) C1214 (comprendente C12, C13 e C14), C11, C10, C8, C7, C5, C4 e C3. Due componenti principali sono stati usate per speigare il 79,8% della varianza totale. Le Figure 5 (a) e (b) mostrano la distribuzione dei campioni. La maggior parte della varianza (69,4%) è stata fortemente associata alla somma delle intensità delle bande che vanno da 55,3 a 66,5 kda (C1214, classe centrata a 60,8 kda) e debolmente legata ai cambiamenti delle bande appartenenti alle classi C4 (26,4 kda) e C8 (38.2 kda). Variazioni sul secondo asse principale (10,4% della varianza totale) sono state associate con le variabili C7 (34,8 kda), C11 (50,4 kda), C3 (24.1 kda) e C5 (28,9 kda). I campioni erano divisi in due gruppi, in base al tempo di fermentazione. 84

13 Figura 5. (a) Grafico dei due fattori dell analisi delle componenti principali (PCA). P1=Lb. plantarum DBPZ1025, P2=Lb. plantarum DBPZ1015, PE=Lb. pentosus DBPZ0984, C=Lb. curvatus DBPZ1020, W=W. cibaria DBPZ1006, M=Leuc. mesenteroides DBPZ1005, N3=controllo acidificato, NN=controllo neutro; 7=condizione tamponata; ( )=0 ore di fermentazione, ( )=6 ore, ( )=24 ore. Simboli pieni=presenza di lievito. (b) Grafico delle bande che influenzano la varianza nell analisi delle componenti principali a b 85

14 I campioni dopo 6 ore di fermentazione risultavamo più raggruppati rispetto a quelli analizzati dopo 24 ore di incubazione, ad eccezione dell impasto di controllo acidificato (NONE3) che presentava un ph basso fin dall inizio della fermentazione. I campioni di impasto inoculati solo con il lievito, sia a 6 che 24 ore, erano situati nella parte sinistra del grafico e mostravano i più bassi livelli di attività proteolitica. Le repliche degli stessi campioni erano molto vicini dimostrando la ripetibilità dell analisi. L analisi delle singole bande in funzione del tempo e del ph ha dimostrato che le bande appartenenti alla classe centrata a 60,8 kda diminuiva all aumentare del tempo e con la diminuzione del ph. La presenza del lievito migliorava l idrolisi delle proteine, soprattutto in associazione con Lb. curvatus, Lb. pentosus o Lb. plantarum DBPZ1015. Bande della classe C10 (45,9 kda) erano completamente scomparse dopo 24 ore. D altro canto, l intensità delle bande della classe C4 (26,4 kda) aumentava con il tempo di incubazione e, in misura minore, con la diminuzione del ph. Un alta intensità delle bande a 26,4 kda è osservata per gli impasti inoculati con Lb. curvatus e Lb. pentosus, in coltura pura o in associazione con il lievito, suggerendo che l attività microbica, insieme a cambiamenti di ph, erano alla base della proteolisi Analisi quantitativa della frazione proteica solubile mediante RP-HPLC L analisi dei cromatogrammi RP-HPLC frazione proteica solubile ha dimostrato che la fermentazione ha generato cambiamenti nei profili proteici. La fermentazione dell impasto di controllo ha causato una forte diminuzione dei picchi eluiti dopo 50 min (tempo di ritenzione, RT) e un aumento di quelli con RT di 40 min. Lo stesso andamento è stato osservato per gli impasti inoculati con W. cibaria, Lb. curvatus e Lb. plantarum DBPZ1015 dopo 24 ore di incubazione. Dopo 6 ore di fermentazione, l interazione con il lievito non ha modificato i profili RP-HPLC negli impasti inoculati con W. cibaria e Leuc. mesenteroides, mentre alcune differenze erano evidenti per gli impasti inoculati con i due ceppi di Lb. plantarum e, in misura minore, con Lb. pentosus. Al termine della fermentazione (24 ore), i maggiori cambiamenti sono stati osservati in presenza di lievito (Figura 6). Una PCA è stata effettuata sulla matrice di covarianza dei dati. Le variabili utilizzate per l analisi statistica sono state le classi comprese tra C24 e C34 (RT da 38,97 a 53,75 minuti, rispettivamente) e le due componenti principali spiegavano il 78,8% 86

15 Figura 6. Multiplot dei profili RP-HPLC della frazione proteica solubile, relative all interazione tra batteri lattici (LAB) e lievito (yeast) dopo 24 ore di fermentazione. CB=W. cibaria DBPZ1006, CU=Lb. curvatus DBPZ1020; ME=Leuc. mesenteroides DBPZ1005, NN= impasto di controllo neutro; P1=Lb. plantarum DBPZ1025, P2=Lb. plantarum DBPZ1015, PE=Lb. pentosus DBPZ0984. PEAKH= altezza del picco come percentuale dell altezza totale. della varianza totale. I risultati sono mostrati in Figura 7 (a) e (b). La prima PC (48,8% della varianza totale) è stata associata negativamente con C30 (picchi con RT di 47,8 min) e debolmente con C29 (RT di 46,36 min). La seconda PC (30% della varianza totale) è stata fortemente e negativamente correlata ai cambiamenti dei picchi con RT di 40,45 min (C25). I picchi C24 (RT di 38,97 min), C26 (RT di 41,93 min) e C28 (RT di 44,88 min) erano correlati debolmente e negativamente alla PC secondaria Un piccolo gruppo di campioni (sezione in basso a destra del grafico) aveva un profilo molto simile all impasto di controllo acidificato dopo 24 ore di fermentazione, con un decremento del picco con RT di 47,8 min e un aumento dei picchi con RT di 40,45 e 41,93 min. Questo andamento è stato osservato soprattutto quando Lb. curvatus, W. cibaria e Lb. plantarum DBPZ1025 erano utilizzati come starter e non erano associati al lievito. Questi risultati suggeriscono ancora una volta che il ph non è l unico fattore a determinare i cambiamenti a carico della frazione proteica durante la fermentazione. Un altro gruppo di campioni, analizzato sia dopo 6 che 24 ore (sezione in alto a destra del grafico) aveva un profilo simile all impasto di controllo neutro dopo 6 e 24 ore e a quello di controllo acidificato dopo 6 ore, indicando una moderata degradazione delle proteine. Gli studi sull idrolisi delle albumine e delle globuline durante la fermentazione sono rari rispetto a quelli sull idrolisi delle gliadine e delle glutenine e, di conseguenza, il confronto dei nostri risultati con i dati riportati in letteratura 87

16 Figura 7. (a) Grafico dei due fattori dell analisi delle componenti principali (PCA). PL1=Lb. plantarum DBPZ1025, PL2=Lb. plantarum DBPZ1015, PE=Lb. pentosus DBPZ0984, CU=Lb. curvatus DBPZ1020, CO=W. cibaria DBPZ1006, ME=Leuc. mesenteroides DBPZ1005, NONE3=controllo acidificato, NONEN= controllo neutro; 7= condizione tamponata; ( )=0 ore di fermentazione, ( )=6 ore, ( )=24 ore. Simboli pieni=presenza di lievito. (b) Grafico dei picchi che influenzano la varianza nell analisi delle componenti principlali a b

17 non è facile. Inoltre, l interpretazione dei risultati potrebbe essere difficile a causa della complessità di queste frazioni proteiche che potrebbero contenere peptidi solubili derivanti dall idrolisi di gliadine e/o glutenine. Di Cagno et al. (2002) hanno dimostrato un significativo grado di idrolisi della frazione solubile in acqua e sale durante la fermentazione di impasti inoculati con lattobacilli. Inoltre, la degradazione delle albumine e delle globuline è stata osservata anche in impasti acidificati (Thiele et al., 2003). L attività di una proteinasi spertica del glutine (GlAP 1) non ha avuto alcun effetto visibile sul profile SDS-PAGE di albumine e globuline (Bleukx et al., 1998), mentre un modesto cambiamento è stato osservato dopo 72 ore di digestione con una seconda proteinasi aspartica (GlAP 2) (Bleukx e Delcour, 2000) Analisi dei pattern SDS-PAGE di gliadine e glutenine Le gliadine e le glutenine sono state degradate in misura minore rispetto alle albumine e alle globuline durante la fermentazione (dati non mostrati). L idrolisi della frazione contenete le gliadine ha generato nuovi frammenti proteici con MM di ca. 20 kda e 27 kda, dopo 24 ore di fermentazione. In particolare, un elevata intensità della banda a 27 kda era presente nell impasto di controllo acidificato e e in quelli inoculati con Lb. plantarum DBPZ1015, in assenza del lievito. L intensità della banda a 20 kda, invece, è stata più elevata nell impasto di controllo acidificato e in quello inoculato con Lb. curvatus in associazione con il lievito. I profili elettroforetici delle glutenine indicano che la fermentazione ha portato alla rottura di proteine ad alta MM. I cambiamenti nelle glutenine sono stati osservati soprattutto nell impasto di controllo acidificato in cui si è verificata una completa scomparsa delle bande con MM tra 110 e 85 kda e da una diminuzione nell intensità delle bande con MM da 65 a 60 kda e da 54 a 34 kda. Nuovi frammenti proteici con MM di ca. 57 kda sono stati generati dall attività proteolitica degli enzimi della farina. Un simile grado di idrolisi è stato osservato negli impasti inoculati con i due ceppi di Lb. plantarum, da soli o in associazione con il lievito, e per quelli preparati con Lb. curvatus e Leuc. mesenteoides in associazione con il lievito. Non è stato possibile eseguire un analisi statistica multivariata dei risultati a causa della difficoltà nel risolvere l intensità delle bande da 36 a 45 kda che occupavano la maggior parte dei campioni di gliadine e glutenine. La proteolisi che si verifica durante fermentazione degli impasti acidi è stata 89

18 studiata da diversi autori, ma sono ancora poco chiari gli effetti del ph,del metabolismo microbico e delle attività enzimatiche. In letteratura, infatti, sono presenti numerosi lavori sull idrolisi delle proteine del glutine, ma molti di questi sono divergenti a causa della complessità del fenomeno. Le proteine del glutine contribuiscono alla forza dell impasto, alla ritenzione di gas e al miglioramento della struttura e del sapore dell impasto (Drago e Gonzalez, 2001). Tuttavia, l insolubilità in acqua delle proteine del glutine può limitare il substrato per gli enzimi proteolitici (Thiele et al., 2002), rendendo difficile la degradazione delle proteine. Inoltre, durante la fermentazione le subunità di glutenina sono idrolizzate e peptidi a basso peso molecolare rilasciati possono rimanere associati al macropolimero di glutine (Thiele et al., 2004). Thiele et al. (2004) hanno dimostrato che l idrolisi delle glutenine è legata principalmente alla diminuzione del ph durante il processo di fermentazione che, a sua volta, promuove l attivazione degli enzimi della farina, piuttosto che a specifiche proteinasi dei batteri lattici. Durante la fermentazione di impasti inoculati con lattobacilli aumentano le concentrazione di piccoli peptidi, come dipeptides e aminoacidi, mentre le quantità delle subunità di glutenina a peso molecolare (LMW-GS) rimangono inalterate. Al contrario, quando la fermentazione è svolta in assenza di colture starter, la maggior parte delle LMW-GS risulta in un alta concentrazione di peptidi (Thiele et al., 2003). L idrolisi delle proteine del glutine è principalmente connessa all attività di enzimi proteolitici della farina, come le proteinasi aspartiche (GlAP) e le serina proteinasi. Bleukx et al. (1998) hanno dimostrato che una GlAP aveva la massima attività di idrolisi del glutine a ph 3,0. I pattern SDS-PAGE degli impasti incubati con questa GlAP mostravano un elevata degradazione delle subunità di glutenina ad alto peso molecolare (HMW-GS) e la comparsa di diverse bande di proteine con MM nel range di 9-19 kda, kda, 57 kda e kda. Una GlAP (GlAP2), in contrasto con la prima, non era in grado di idrolizzare le subunità LMW-GS delle gliadine, mentre le HMW- GS sono state idrolizzate con il rilascio di frammenti proteici con MM di kda, 42 e 72 kda (Bleukx e Delcour, 2000). L idrolisi del glutine da parte dei batteri lattici è stata riportata da Wehrle et al. (1999). Tra i batteri lattici, Lb. sanfraciscensis CB1 ha dimostrato di avere una particolare capacità di degradare le proteine o i peptidi durante la fermentazione. Il sistema proteolitico Lb. sanfraciscensis CB1, caratterizzato da una serina 90

19 proteasi, da una dipeptidasi e un aminopeptidasi generale, aveva un elevata capacità di idrolisi nei confronti delle gliadine (Gobbetti et al., 1996). Di Cagno et al. (2002) hanno dimostrato che alcuni ceppi di batteri lattici sono in grado di idrolizzare il peptidi 33-mer, un potente induttore della risposta immunitaria mediata dalle cellule T nei pazienti affetti da morbo celiaco. I nostri risultati hanno dimostrato che la proteolisi da parte dei lieviti è trascurabile rispetto alle attività dei batteri lattici e degli enzimi della farina. Pochissimi sono i lieviti con una marcata attività proteolitica. Tuttavia, alcuni ceppi della specie Yarrowia lipolytica sono caseinolitici, e altri appartenenti ai generi Candida e Saccharomyces spp. producono proteinasi extracellulari con varie applicazioni nell industria alimentare, tra cui la liquefazione della gelatina (Mugula et al., 2003). Nel presente lavoro, i profili proteici ottenuti mediante SDS-PAGE e RP-HPLC hanno dimostrato la presenza di attività proteolitica durante la fermentazione. In particolare, questo studio conferma che gli eventi proteolitici durante la fermentazione degli impasti acidi sono in gran parte legati alle attività degli enzimi dei cereali ma, allo stesso tempo, i nostri risultai dimostrano il ruolo significativo svolto dai batteri lattici nella proteolisi e la loro possibile applicazione nel settore della panificazione. BIBLIOGRAFIA Adler-Nissen, J Determination of degree of hydrolysis of food proteins hydrolysates by trinitrobenzensulfonic acid. Journal of Agricultural and Food Chemistry, 27, Bauer, N., Koehler, P., Wieser, H., Schieberle, P Studies on effect on microbial transglutaminase on gluten proteins of wheat. I. Biochemical Analysis. Cereal Chemisrty, 80, Bleukx, W.; Delcour, J. A. A second aspartic proteinase associated with wheat gluten Journal of Cereal Science, 32, Bleukx, W., Brijs, K., Torrekens, S., Van Leuven, F., Delcour, J.A Specificity of wheat gluten aspartic proteinase. Biochimical and Biophysica Acta, 1387, Collar, C., Martinez, C.S Amino acid profiles of fermenting wheat sour doughs. Journal of Food Science, 58, Collar, C., Mascarós, A.F., Prieto, J.A., Benedito De Barber, B Changes in free amino acid during fermentation of wheat doughs starter whit pure culture of lactic acid bacteria. Cereal Chemistry, 68, De Angelis, M., Gallo, G., Corbo, M.R., McSweeney, P.L.H., Faccia, M., Giovine, M., Gobbetti, M Phytase activity in sourdough lactic acid bacteria: purification and characterization of a phytase from Lactobacillus sanfranciscensis CB1. International 91

20 Journal of Food Microbiology, 87, De Vuyst, L; Neysens, P. The sourdough microflora: biodiversity and metabolic interactions Trends in Food Science and Technology, 16, Di Cagno, R., De Angelis, M., Lavermicocca, P., De Vincenzi, M., Giovannini, C., Faccia, M., Gobbetti, M Proteolysis by sourdough lactic acid bacteria: effects on wheat flour protein fractions and gliadin peptides involved in human cereal intolerance. Applied and Environmental Microbioogy, 68, Drago, S.R., González, R.J. Foaming properties of enzymatically hydrolysed wheat gluten Inovative Food Scence and Emerging Technologies, 1, Gobbetti, M. The sourdough microflora: Interactions of lactic acid bacteria and yeasts Trends in Food Science and Technology, 28, Gobbetti, M., Smacchi, E., Corsetti, A The proteolytic system of Lactobacillus sanfrancisco CB1: purification and characterizamtion of a proteinase, a dipeptidase, and aminopeptidase. Applied and Environmental Microbiology, 62, Laemmli, U.K Cleavage of structural srotein during the assembly of the head of bacteriophage T4. Nature, 227, Loponen, J., Mikola, M., Katina, K., Sontag-Strohm, T., Salovaara, H Degradation of HMW glutenins during wheat aourdough fermentations. Cereal Chemistry, 81, Messens, W., De Vuyst, L Inhibitory substances produced by Lactobacilli isolated from sourdoughs-a review. International Journal of Food Microbiology, 72, Mugula, J. K., Sørhaug, T., Stepaniak, L Proteolytic activities in togwa, a Tanzanian fermented food. International Journal of Food Microbiology, 84, Pasini, G., Simonato, B., Giannattasio, M., Peruffo, A.D.B., Curioni, A Modification of wheat flour proteins during on vitro digestion of bread dough, crumb, and crust: an electrophoretic and immunological study. Journal of Agricultural and Food Chemisrty, 49, Piraino, P., Parente, E., McSweeney, P.L.H Processing of chromatographic data for chemometric analysis of peptide profiles from cheese extracts: a novel approach. Journal of Agricultural and Food Chemisrty, 52, Piraino, P., Ricciardi, A., Lanorte, M.T., Malkhazova, I., Parente, E A procedure for data reduction in electrophoretic fingerprints. Biotechnology Letters, 24, Pot, B., Vandamme, P., Kersters, K Analysis of electrophoresis whole-organism protein fingerprintings. In: Goodfellow, M., o Donnell, A.G. (Eds), Modern Microbiological Methods. Chemical Methods in Procaryotic Systematic. John Wiley and Son, Chichester Ricciardi, A., Paraggio, M., Salzano, G., Andreotti, G., De Fina, M., Romano, P La microflora degli impasti utilizzati per la produzione del Cornetto di Matera e del Pane di Altamura. Tecnica Molitoria Thiele, C., Grassl, S., Gänzle, M.G Gluten hydrolysis and depolymerization during sourdough fermentation. Journal of Agricultural and Food Chemistry, 52, Thiele, C., Gänzle, M.G., Vogel, R.F Flourescence labeling of wheat proteins for 92

Capitolo III. At t i v i t à e n z i m at i c h e d e i b at t e r i l at t i c i i s o l at i d a i m p a s t i

Capitolo III. At t i v i t à e n z i m at i c h e d e i b at t e r i l at t i c i i s o l at i d a i m p a s t i Capitolo III At t i v i t à e n z i m at i c h e d e i b at t e r i l at t i c i i s o l at i d a i m p a s t i acidi per la produzione del Cornetto di Matera Quarantuno ceppi di batteri lattici, isolati

Dettagli

Studi conformazionali di subunità gluteniniche ad alto peso molecolare del frumento mediante spettroscopia di dicroismo circolare

Studi conformazionali di subunità gluteniniche ad alto peso molecolare del frumento mediante spettroscopia di dicroismo circolare Studi conformazionali di subunità gluteniniche ad alto peso molecolare del frumento mediante spettroscopia di dicroismo circolare S. Fisichella 1, A. Palermo 1, A. Savarino 1 1 Dipartimento di Scienze

Dettagli

mediante proteasi industriali

mediante proteasi industriali Valorizzazione delle farine disoleate mediante proteasi industriali Alessandra Stefan Unità operativa: CSGI (Consorzio per lo Sviluppo dei Sistemi a Grande Interfase, Firenze) Dipartimento di Farmacia

Dettagli

Proteine e Glutine del Farro

Proteine e Glutine del Farro Proteine e Glutine del Farro Il frumento e tutti i cereali in genere mostrano una distribuzione percentuale di sostanze nutritive (macronutrienti) suddivisa in: 7-10% lipidi, 64-68% carboidrati, 12-15%

Dettagli

Spettrofotometria e analisi di amminoacidi. Quantizzazione di proteine e di miscele di amminoacidi

Spettrofotometria e analisi di amminoacidi. Quantizzazione di proteine e di miscele di amminoacidi Spettrofotometria e analisi di amminoacidi Quantizzazione di proteine e di miscele di amminoacidi Assorbimento della luce ONDE ELETTROMAGNETICHE La radiazione elettromagnetica è, dal punto di vista dell'elettromagnetismo

Dettagli

IL BENESSERE CHE NASCE DA UN PRODOTTO SEMPLICE COME IL PANE

IL BENESSERE CHE NASCE DA UN PRODOTTO SEMPLICE COME IL PANE IL BENESSERE CHE NASCE DA UN PRODOTTO SEMPLICE COME IL PANE Nicola Damiano Responsabile Ricerca & Sviluppo Gruppo Novelli Convegno Associazione Giuseppe Dossetti La salute vien mangiando dalla nascita

Dettagli

RISOLUZIONE OIV-OENO 487-2013 REVISIONE DELLA MONOGRAFIA SULLA MISURA DELL ATTIVITÀ DELLA CINNAMIL ESTERASI NEI PREPARATI ENZIMATICI (OIV-OENO 6-2007)

RISOLUZIONE OIV-OENO 487-2013 REVISIONE DELLA MONOGRAFIA SULLA MISURA DELL ATTIVITÀ DELLA CINNAMIL ESTERASI NEI PREPARATI ENZIMATICI (OIV-OENO 6-2007) RISOLUZIONE OIV-OENO 487-2013 REVISIONE DELLA MONOGRAFIA SULLA MISURA DELL ATTIVITÀ DELLA CINNAMIL ESTERASI NEI PREPARATI ENZIMATICI (OIV-OENO 6-2007) L ASSEMBLEA GENERALE, Visto l articolo 2, paragrafo

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN BIOLOGIA GENERALE E APPLICATA Anno Accademico 2007/2008. Corso di: Laboratorio di Biologia II Chimica Biologica

CORSO DI LAUREA IN BIOLOGIA GENERALE E APPLICATA Anno Accademico 2007/2008. Corso di: Laboratorio di Biologia II Chimica Biologica CORSO DI LAUREA IN BIOLOGIA GENERALE E APPLICATA Anno Accademico 2007/2008 Corso di: Laboratorio di Biologia II Chimica Biologica Dott. Marcello MEROLA Parziale purificazione dell enzima Alcool Deidrogenasi

Dettagli

Il Frumento. Tratto da: Alimentazione e Superstizione di Claudia Luoni e Antonio G. Traverso, Edizioni Ecosalute, 2007.

Il Frumento. Tratto da: Alimentazione e Superstizione di Claudia Luoni e Antonio G. Traverso, Edizioni Ecosalute, 2007. 1 2 3 4 5 Il Frumento Tratto da: Alimentazione e Superstizione di Claudia Luoni e Antonio G. Traverso, Edizioni Ecosalute, 2007. L'alimento che più consumiamo è sicuramente il frumento; pane, pasta, dolci,

Dettagli

Pasta frolla. Pasta sable. Pasta brise

Pasta frolla. Pasta sable. Pasta brise Pasta frolla Pari q.tà materia grassa e zucchero Pasta sable % maggiore di m. g. rispetto allo zucchero Pasta brise % di sale maggiore (0,80%) % di zucchero minore 2-3% Giambattista Montanari Farine Amidi

Dettagli

Maria Antonietta Lepore. Principali tecniche di biologia molecolare clinica

Maria Antonietta Lepore. Principali tecniche di biologia molecolare clinica Maria Antonietta Lepore Principali tecniche di biologia molecolare clinica Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133 a/b 00173 Roma (06)

Dettagli

RISOLUZIONE ENO 24/2004

RISOLUZIONE ENO 24/2004 RICERCA DI SOSTANZE PROTEICHE DI ORIGINE VEGETALE NEI VINI E NEI MOSTI L'ASSEMBLEA GENERALE, Visto l'articolo 2 paragrafo 2 iv dell'accordo del 3 aprile 2001 che istituisce l'organizzazione internazionale

Dettagli

ESTRAZIONE ACIDI NUCLEICI CON PARTICOLARE RIFERIMENTO A DNA ESTRATTO DA TESSUTI FISSATI IN FORMALINA E INCLUSI IN PARAFFINA (FFPE)

ESTRAZIONE ACIDI NUCLEICI CON PARTICOLARE RIFERIMENTO A DNA ESTRATTO DA TESSUTI FISSATI IN FORMALINA E INCLUSI IN PARAFFINA (FFPE) ESTRAZIONE ACIDI NUCLEICI CON PARTICOLARE RIFERIMENTO A DNA ESTRATTO DA TESSUTI FISSATI IN FORMALINA E INCLUSI IN PARAFFINA (FFPE) SALVATORE GIRLANDO LABORATORIO PATOLOGIA MOLECOLARE ANATOMIA PATOLOGICA

Dettagli

Purificazione e determinazione di proteine

Purificazione e determinazione di proteine Corso di insegnamento Biochimica e Biotecnologie degli Alimenti Purificazione e determinazione di proteine O H N R O H N Cu 2+ N H O R N H O N N O- O O- O Acido bicinconico Lezione n.xxi-26.05.14 Estrazione

Dettagli

Il concetto di qualità di un prodotto alimentare è un concetto

Il concetto di qualità di un prodotto alimentare è un concetto I METODI ANALITICI PER LA MISURA DELLA QUALITÀ DEI CEREALI Maria Grazia D Egidio 1 e Marina Carcea 2 1 Consiglio per la Ricerca e Sperimentazione in Agricoltura (CRA-Unità di ricerca per la Valorizzazione

Dettagli

1. LA CARIOSSIDE DEL FRUMENTO

1. LA CARIOSSIDE DEL FRUMENTO INDICI TECNOLOGICI :: Il frumento :: 1. La cariosside del frumento 2. Composizione chimica 3. Le proteine del frumento 4. Aspetti qualitativi del frumento 5. Qualità molitoria 6. Qualità tecnologica 7.

Dettagli

Le proteine. Purificazione delle proteine: La purificazione di una proteina costituisce il primo passaggio nello studio delle sue proprietà.

Le proteine. Purificazione delle proteine: La purificazione di una proteina costituisce il primo passaggio nello studio delle sue proprietà. Le proteine Purificazione delle proteine: La purificazione di una proteina costituisce il primo passaggio nello studio delle sue proprietà. Una proteina per poter essere purificata deve, dapprima, essere

Dettagli

Materiali e Metodi MATERIALI E METODI

Materiali e Metodi MATERIALI E METODI MATERIALI E METODI 62 1. Pazienti con IBS Per eseguire l analisi del polimorfismo 5HTTLPR è stato necessario ottenere campioni di sangue intero o saliva dai quali estrarre il DNA genomico. A tal fine è

Dettagli

Never impure protein PURIFICAZIONE DI PROTEINE

Never impure protein PURIFICAZIONE DI PROTEINE Never waste pure thoughts on an impure protein PURIFICAZIONE DI PROTEINE PURIFICARE Purificare significa ottenere solamente la nostra molecola di interesse. Purificare una proteina per: Determinarne la

Dettagli

Caratterizzazione biochimica dei carboidrati contenuti nel formaggio PARMIGIANO-REGGIANO a diversi tempi di stagionatura.

Caratterizzazione biochimica dei carboidrati contenuti nel formaggio PARMIGIANO-REGGIANO a diversi tempi di stagionatura. Caratterizzazione biochimica dei carboidrati contenuti nel formaggio PARMIGIANO-REGGIANO a diversi tempi di stagionatura. Prof. Giovanni Valentino Coppa Introduzione A) L ecosistema intestinale ed i vantaggi

Dettagli

Crescita microbica e metodi di determinazione del numero di cellule

Crescita microbica e metodi di determinazione del numero di cellule Crescita microbica e metodi di determinazione del numero di cellule La crescita microbica La crescita microbica 1 2 2 2 2 3 2 4 2 n Progressione geometrica in base 2 La crescita microbica Tempo di duplicazione

Dettagli

Soluzioni e tamponi utilizzati per la PCR, senza DNA

Soluzioni e tamponi utilizzati per la PCR, senza DNA Materiali biologici In questo file sono elencati, capitolo per capitolo, i materiali biologici da richiedere al CusMiBio (o centro simile) per realizzare gli esperimenti che abbiamo illustrato (www.cusmibio.unimi.it).

Dettagli

BROMURO, CLORITO, CLORURO, FLUORURO, FOSFATO, IODURO, NITRATO, NITRITO, SOLFATO: METODO PER CROMATOGRAFIA IONICA ISS.CBB.037.REV00

BROMURO, CLORITO, CLORURO, FLUORURO, FOSFATO, IODURO, NITRATO, NITRITO, SOLFATO: METODO PER CROMATOGRAFIA IONICA ISS.CBB.037.REV00 BROMURO, CLORITO, CLORURO, FLUORURO, FOSFATO, IODURO, NITRATO, NITRITO, SOLFATO: METODO PER CROMATOGRAFIA IONICA ISS.CBB.037.REV00 0. Generalità e definizioni Gli anioni bromuro, clorito, cloruro, fluoruro,

Dettagli

Triennio 2002 / 2004. (Attività di ricerca e sperimentazione agraria d'interesse regionale finanziata dalla Regione Marche ai sensi della L.R.

Triennio 2002 / 2004. (Attività di ricerca e sperimentazione agraria d'interesse regionale finanziata dalla Regione Marche ai sensi della L.R. Valutazione tossicologica, tecnologica e agronomica di cereali per lo sviluppo di genotipi a basso contenuto di fattori tossici connessi alla intolleranza al glutine Triennio 2002 / 2004 (Attività di ricerca

Dettagli

La Sicilia è la prima regione in Italia per allevamenti di asine specializzati nella produzione di latte

La Sicilia è la prima regione in Italia per allevamenti di asine specializzati nella produzione di latte Il latte di asina nell alimentazione umana: ruolo della frazione proteica La Sicilia è la prima regione in Italia per allevamenti di asine specializzati nella produzione di latte Grigio Siciliano (100)

Dettagli

IL PROCESSO DI FERMENTAZIONE: protagonista da sempre nella cultura dei popoli. Vendemmia egizia, tomba tebana di Nakht. 1425 ca.

IL PROCESSO DI FERMENTAZIONE: protagonista da sempre nella cultura dei popoli. Vendemmia egizia, tomba tebana di Nakht. 1425 ca. IL PROCESSO DI FERMENTAZIONE: protagonista da sempre nella cultura dei popoli Vendemmia egizia, tomba tebana di Nakht. 1425 ca. Nel corso della storia il vino 8000 a.c. ca Caucaso, fermentazione accidentale

Dettagli

Aspetti microbiologici della shelf-life del pane

Aspetti microbiologici della shelf-life del pane Università degli Studi di Sassari Dipartimento di Scienze Ambientali Agrarie e Biotecnologie Agro-Alimentari - Sez. Microbiologia Generale ed Applicata - Aspetti microbiologici della shelf-life del pane

Dettagli

Biosintesi non ribosomiale di metaboliti peptidici bioattivi

Biosintesi non ribosomiale di metaboliti peptidici bioattivi Biosintesi non ribosomiale di metaboliti peptidici bioattivi Principali bersagli degli antibiotici Gli antibiotici derivano per la maggior parte da composti naturali Strutture di alcuni peptidi bioattivi

Dettagli

Cromatografia Dal greco chroma : colore, graphein : scrivere 1903 Mikhail Twsett (pigmenti vegetali su carta)

Cromatografia Dal greco chroma : colore, graphein : scrivere 1903 Mikhail Twsett (pigmenti vegetali su carta) Cromatografia Dal greco chroma : colore, graphein : scrivere 1903 Mikhail Twsett (pigmenti vegetali su carta) E il termine generico che indica una serie di tecniche di separazione di molecole simili in

Dettagli

Laboratorio di Didattica dell Agronomia e delle Coltivazioni Erbacee II (Prof. Teofilo Vamerali) Qualità delle farine per la panificazione

Laboratorio di Didattica dell Agronomia e delle Coltivazioni Erbacee II (Prof. Teofilo Vamerali) Qualità delle farine per la panificazione Laboratorio di Didattica dell Agronomia e delle Coltivazioni Erbacee II (Prof. Teofilo Vamerali) Qualità delle farine per la panificazione Programma del laboratorio N Lez. Modalità Titolo della lezione

Dettagli

III Esercitazione 14-15 gennaio 2015. Tampone buccale Estrazione DNA. Preparazione di gel di agarosio Elettroforesi

III Esercitazione 14-15 gennaio 2015. Tampone buccale Estrazione DNA. Preparazione di gel di agarosio Elettroforesi Corso di Laurea in Ottica e Optometria, Università di Padova Insegnamento di Biologia Dr. Stefania Bortoluzzi, Prof. David Baroni, Dr. Francesca Boaretto III Esercitazione 14-15 gennaio 2015 Sommario schematico

Dettagli

frazionamento). Per ciascuna frazione è determinata la quantità di proteine totali e le unità di attività enzimatica della proteina di interesse.

frazionamento). Per ciascuna frazione è determinata la quantità di proteine totali e le unità di attività enzimatica della proteina di interesse. Ogni passaggio della procedura di purificazione determina la separazione delle proteine totali presenti nel campione in una serie di frazioni (frazionamento( frazionamento). Per ciascuna frazione è determinata

Dettagli

Continua. Peptidasi H 2 O

Continua. Peptidasi H 2 O Continua Peptidasi H 2 O Classificazione delle peptidasi 1. Meccanismo catalitico 2. Tipo di reazione catalizzata 3. Struttura molecolare e omologia 1. Meccanismo catalitico (mostrato per la chimotripsina)

Dettagli

12-05-2010 ESTRAZIONE E PURIFICAZIONE DI ACIDI NUCLEICI ESTRAZIONE E PURIFICAZIONE DI ACIDI NUCLEICI ESTRAZIONE E PURIFICAZIONE DI ACIDI NUCLEICI

12-05-2010 ESTRAZIONE E PURIFICAZIONE DI ACIDI NUCLEICI ESTRAZIONE E PURIFICAZIONE DI ACIDI NUCLEICI ESTRAZIONE E PURIFICAZIONE DI ACIDI NUCLEICI Il primo passaggio per la maggior parte delle procedure che verranno trattate in questo corso consiste nell estrazione del DNA (e dell RNA) da materiale biologico, e nella sua purificazione mediante separazione

Dettagli

Metodi: CEN/TC275/WG6/TAG4

Metodi: CEN/TC275/WG6/TAG4 Determinazione di HAV e Norovirus in molluschi bivalvi mediante Real time PCR Elisabetta Suffredini Istituto Superiore di Sanità Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Sicurezza Alimentare Ancona

Dettagli

Valutazione degli alimenti per la nutrizione e alimentazione del cavallo nel rispetto della anatomia e fisiologia dell apparato digerente

Valutazione degli alimenti per la nutrizione e alimentazione del cavallo nel rispetto della anatomia e fisiologia dell apparato digerente Valutazione degli alimenti per la nutrizione e alimentazione del cavallo nel rispetto della anatomia e fisiologia dell apparato digerente Cavallucci Clarita Medico Veterinario Ph.D. claritacavallucci@alice.it

Dettagli

Strategie per la purificazione delle proteine

Strategie per la purificazione delle proteine Strategie per la purificazione delle proteine Attenzione! C è differenza tra separazione per alcuni scopi analitici (Gel-electrophoresis, IEF, 2D-gels) e purificazione In una cellula ci possono essere

Dettagli

Scheda tecnica TRI118

Scheda tecnica TRI118 TRI REAGENT - RNA / DNA / PROTEIN ISOLATION REAGENT Cat. No. TR 118/50 Cat. No. TR 118/100 Cat. No. TR 118/200 Produttore: Molecular Research Center Distributore: Bio-Optica Conservare a 4-25 C DESCRIZIONE

Dettagli

I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento

I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento dossier FRUMENTO 2 I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento Aumentare la resa del frumento, e contemporaneamente anche la qualità, è possibile solo con una concimazione azotata continua

Dettagli

Università di Foggia Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell Ambiente

Università di Foggia Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell Ambiente Università di Foggia Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell Ambiente Produzione di formaggio di bufala a pasta semidura: studio della proteolisi Barbara La Gatta, Giusy Rusco, Aldo Di Luccia

Dettagli

Introduzione. Colture cellulari in vitro: cellule isolate dal loro ambiente e messe in condizioni di vivere all'interno di un sistema definito

Introduzione. Colture cellulari in vitro: cellule isolate dal loro ambiente e messe in condizioni di vivere all'interno di un sistema definito Colture Cellulari Introduzione Colture cellulari in vitro: cellule isolate dal loro ambiente e messe in condizioni di vivere all'interno di un sistema definito strumento fondamentale per studi biochimici,

Dettagli

Centro Interdipartimentale di Ricerca per l Innovazione in Viticoltura ed Enologia

Centro Interdipartimentale di Ricerca per l Innovazione in Viticoltura ed Enologia Il DNA come Elemento Tracciante in Spumantizzazione Centro Interdipartimentale di Ricerca per l Innovazione in Viticoltura ed Enologia Dr. Ileana Vigentini IL VINO SPUMANTE METODO CLASSICO (CHAMPENOISE

Dettagli

Colture Cellulari: introduzione

Colture Cellulari: introduzione Colture Cellulari: introduzione! Colture cellulari in vitro: cellule isolate dal loro ambiente e messe in condizioni di vivere all'interno di un sistema definito strumento fondamentale per studi biochimici,

Dettagli

Casi pratici di messa a punto di alimenti funzionali

Casi pratici di messa a punto di alimenti funzionali Casi pratici di messa a punto di alimenti funzionali Bari, 15 marzo 2013 Dr. Ph.D. Fabio Minervini Riduzione dell intolleranza al glutine mediante l uso di batteri lattici selezionati Glutine: Frazione

Dettagli

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Il clonaggio molecolare è una delle basi dell ingegneria genetica. Esso consiste nell inserire un frammento di DNA (chiamato inserto) in un vettore appropriato

Dettagli

Il Naftalene è il più semplice degli IPA. Cl 12

Il Naftalene è il più semplice degli IPA. Cl 12 Gli idrocarburi policiclici aromatici sono idrocarburi costituiti da due o più anelli benzenici uniti fra loro, in un unica struttura piana, attraverso coppie di atomi di carbonio condivisi fra anelli

Dettagli

IL LATTE. Le femmine dei mammiferi cominciano a produrre latte al termine della gravidanza in seguito a stimoli neuroendocrini.

IL LATTE. Le femmine dei mammiferi cominciano a produrre latte al termine della gravidanza in seguito a stimoli neuroendocrini. IL LATTE DEFINIZIONE GENERALE Per latte alimentare si intende il prodotto ottenuto dalla mungitura regolare, ininterrotta e completa di animali in buono stato di salute e di nutrizione. Le femmine dei

Dettagli

Perche usare Gel di Poliacrilammide per separare le proteine?

Perche usare Gel di Poliacrilammide per separare le proteine? Perche usare Gel di Poliacrilammide per separare le proteine? I gel di poliacrilammide hanno una trama piu compatta I pori hanno dimensioni minori che nei gel di agarosio Le proteine sono molto piu piccole

Dettagli

Amminoacidi e Proteine

Amminoacidi e Proteine Amminoacidi e Proteine Struttura generale di un α-amminoacido R = catena laterale AMMINOACIDI (AA) CELLULARI Gli amminoacidi presenti nella cellula possono essere il prodotto di idrolisi delle proteine

Dettagli

GENETICA DI UNA SPIGA DI QUALITA

GENETICA DI UNA SPIGA DI QUALITA LE SCIENZE AGRARIE Tra OGM e agricolture alternative Firenze, 19 Aprile 2013 GENETICA DI UNA SPIGA DI QUALITA Blanco Università degli Studi di Bari Aldo Moro A. La Dieta Mediterranea è caratterizzata dal

Dettagli

Alimenti funzionali II

Alimenti funzionali II Alimenti funzionali II Probiotici Etimologia della parola Dal greco Pro Bios cioè A favore della vita Il termine è stato usato per la prima volta a metà del secolo scorso Definizione Probiotico è un supplemento

Dettagli

Detergente enzimi (es. preparato per ammorbidire la

Detergente enzimi (es. preparato per ammorbidire la LABORATORIO 2: ESTRAZIONE ED ANALISI ELETTROFORETICA DI DNA GENOMICO Come fare? Seguiamo 3 semplici passaggi: Detergente enzimi (es. preparato per ammorbidire la carne) Alcol Cooome?? E' così facile??

Dettagli

BIOCHIMICA e BIOTECNOLOGIE degli ALIMENTI

BIOCHIMICA e BIOTECNOLOGIE degli ALIMENTI Seconda Università degli Studi di Napoli DiSTABiF Anno Accademico 2013-14 Corso di Laurea Magistrale in SCIENZE DEGLI ALIMENTI E DELLA NUTRIZIONE UMANA Insegnamento di BIOCHIMICA e BIOTECNOLOGIE degli

Dettagli

N Matrice Prova Metodo

N Matrice Prova Metodo E-MQ 1-1 ELENCO METODI DI PROVA LABORATORIO Pagina 1 di 9 Campionamento Latte e lattiero Latte e lattiero Alimenti zootecnici Alimenti zootecnici Preparazione campione per l'analisi microbiologica Preparazione

Dettagli

STRATEGIE PER LA PURIFICAZIONE DI PROTEINE

STRATEGIE PER LA PURIFICAZIONE DI PROTEINE 1 STRATEGIE PER LA PURIFICAZIONE DI PROTEINE Abbiamo visto in precedenza le strategie (basate essenzialmente su tecniche centrifugative) per l isolamento di organelli subcellulari. Spesso, però, l interesse

Dettagli

L azoto organico nel suolo, le forme e la sua gestione

L azoto organico nel suolo, le forme e la sua gestione TECNICA L azoto organico nel suolo, le forme e la sua gestione Solo conoscendo le frazioni e le trasformazioni dell azoto organico nel terreno è possibile risparmiare, rispettare l ambiente e nutrire al

Dettagli

Strategie per la purificazione delle proteine

Strategie per la purificazione delle proteine Strategie per la purificazione delle proteine Attenzione! E opportuno distinguere tra metodi di separazione per specifici scopi analitici (basati su tecniche ad alta risoluzione, quali, ad esempio, IEF,,g

Dettagli

Elettroforesi. Elettroforesi: processo per cui molecole cariche si separano in un campo elettrico a causa della loro diversa mobilita.

Elettroforesi. Elettroforesi: processo per cui molecole cariche si separano in un campo elettrico a causa della loro diversa mobilita. Elettroforesi Elettroforesi: processo per cui molecole cariche si separano in un campo elettrico a causa della loro diversa mobilita. A qualunque ph diverso dal pi le proteine hanno una carica netta quindi,

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA Premesso che nell ambito del progetto Castagna di Montella:

Dettagli

FORMAGGIO - DETERMINAZIONE DEL CONTENUTO DI AMMINOACIDI LIBERI

FORMAGGIO - DETERMINAZIONE DEL CONTENUTO DI AMMINOACIDI LIBERI Decreto n. 6890 ALLEGATO : METODO DI ANALISI FORMAGGIO - DETERMINAZIONE DEL CONTENUTO DI AMMINOACIDI LIBERI 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Questo standard descrive la determinazione del contenuto di

Dettagli

FERTIL - FERTORGANICO

FERTIL - FERTORGANICO FERTIL - FERTORGANICO 2 Fertil e Fertorganico Una buona strategia di concimazione azotata prevede l utilizzo efficiente dell azoto, riducendone le unità apportate per unità di prodotto utile asportato

Dettagli

Celiachia: ci salverà il lievito madre

Celiachia: ci salverà il lievito madre Celiachia: ci salverà il lievito madre La celiachia negli ultimi anni è entrata prepotentemente nelle nostre vite: è ormai quasi impossibile non conoscere qualcuno che sia affetto da tale forma di intolleranza

Dettagli

EFFETTIVITÁ NELLA PRODUZIONE DI BIOGAS. Dove sono le riserve nell alimentazione e nella gestione di impianti di Biogas. dinametan : Foraggi e fatti

EFFETTIVITÁ NELLA PRODUZIONE DI BIOGAS. Dove sono le riserve nell alimentazione e nella gestione di impianti di Biogas. dinametan : Foraggi e fatti EFFETTIVITÁ NELLA PRODUZIONE DI BIOGAS Dove sono le riserve nell alimentazione e nella gestione di impianti di Biogas dinametan : Foraggi e fatti Una crescente pressione sulla redditivitá e l efficienza

Dettagli

Qualità Globale Merceologica: caratteristiche fisiche della granella Tecnologica: quantità, qualità e caratteristiche delle proteine di riserva

Qualità Globale Merceologica: caratteristiche fisiche della granella Tecnologica: quantità, qualità e caratteristiche delle proteine di riserva FRUMENTO QUALITÀ 1 Qualità Globale Merceologica: caratteristiche fisiche della granella Tecnologica: quantità, qualità e caratteristiche delle proteine di riserva Sanitaria : salubrità dei prodotti alimentari

Dettagli

PROTEINA GREGGIA (P.G.)

PROTEINA GREGGIA (P.G.) PROTEINA GREGGIA (P.G.) Il contenuto proteico di un alimento è valutato dal suo tenore in azoto, determinato con il metodo Kjeldahl modificato. Il metodo Kjeldahl valuta la maggior parte dell azoto presente

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Dott. MONCALVO ALESSANDRO

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Dott. MONCALVO ALESSANDRO CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM Dott. MONCALVO ALESSANDRO DATI ANAGRAFICI Nome: Alessandro Cognome: MONCALVO Luogo e data di nascita: Novi Ligure, 23-09-1984 Cittadinanza: italiana Stato civile: celibe Residente

Dettagli

RISOLUZIONE OIV-OENO 439-2012

RISOLUZIONE OIV-OENO 439-2012 RISOLUZIONE OIV-OENO 439-2012 PRATICHE ENOLOGICHE SPECIFICHE PER I VINI AROMATIZZATI, LE BEVANDE A BASE DI PRODOTTI VITIVINICOLI E LE BEVANDE A BASE DI VINO L'ASSEMBLEA GENERALE CONSIDERATA la risoluzione

Dettagli

Dieta ipoproteica, dieta vegetariana, dieta vegana: per quali pazienti? Incontro tenuto da Dott.ssa Ilaria De Simone Ospedale Bassini

Dieta ipoproteica, dieta vegetariana, dieta vegana: per quali pazienti? Incontro tenuto da Dott.ssa Ilaria De Simone Ospedale Bassini Dieta ipoproteica, dieta vegetariana, dieta vegana: per quali pazienti? Incontro tenuto da Dott.ssa Ilaria De Simone Ospedale Bassini Dal greco diaita Dieta: ieri - modo di vivere volto alla salute - stile

Dettagli

CERCASI ENZIMA. I.T.S.E. Cecilia DEGANUTTI ALUNNI: Bogojevic Lidija De Stefano Davide Gabara Mihai Andrei Stoian Ioana Versolatto Sara

CERCASI ENZIMA. I.T.S.E. Cecilia DEGANUTTI ALUNNI: Bogojevic Lidija De Stefano Davide Gabara Mihai Andrei Stoian Ioana Versolatto Sara I.T.S.E. Cecilia DEGANUTTI CERCASI ENZIMA ALUNNI: Bogojevic Lidija De Stefano Davide Gabara Mihai Andrei Stoian Ioana Versolatto Sara INSEGNANTE: Prof.ssa Cinello Eugenia TECNICO LABORATORIO: Finiello

Dettagli

Donatella Peressini, Monica Pin, Alessandro Sensidoni Dipartimento di Scienze degli Alimenti, Università di Udine, via Sondrio 2/A-33100 Udine

Donatella Peressini, Monica Pin, Alessandro Sensidoni Dipartimento di Scienze degli Alimenti, Università di Udine, via Sondrio 2/A-33100 Udine GLI INDICI QUALITATIVI DEL FRUMENTO: STUDIO DELLE RELAZIONI TRA CARATTERISTICHE COMPOSITIVE DEL FRUMENTO TENERO, CARATTERISTICHE REOLOGICHE DEGLI IMPASTI E PROPRIETA PANIFICATORIE Donatella Peressini,

Dettagli

UNIVERSITA DI VERONA FACOLTA DI SCIENZE MM.FF.NN

UNIVERSITA DI VERONA FACOLTA DI SCIENZE MM.FF.NN UNIVERSITA DI VERONA FACOLTA DI SCIENZE MM.FF.NN CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE AGRO-INDUSTRIALI LABORATORIO DI CHIMICA ANALITICA ANNO ACCADEMICO 2005-2006 DETERMINAZIONE DEI NITRATI NELL ACQUA POTABILE

Dettagli

1. DETERMINAZIONE DELLA QUALITÀ DELLE FARINE DI FRUMENTO

1. DETERMINAZIONE DELLA QUALITÀ DELLE FARINE DI FRUMENTO Laboratorio 1 1. DETERMINAZIONE DELLA QUALITÀ DELLE FARINE DI FRUMENTO INDICE 1. COMPOSIZIONE E QUALITÀ DELLE CARIOSSIDI DI FRUMENTO 2 1.1. Composizione della cariosside 2 1.2. Caratteri qualitativi del

Dettagli

Il Regolamento 2073 CE

Il Regolamento 2073 CE Il Regolamento 2073 CE e la valutazione dei criteri di processo e di sicurezza alimentare attraverso il Challenge test Contributi pratici Mauro Fontana Responsabile Controllo Qualità Stefano Bisotti Direttore

Dettagli

Indice generale Capitolo 1 Soluzioni e sospensioni Capitolo 2 Sospensioni: separazione delle fasi Capitolo 3 Proprietà colligative delle soluzioni

Indice generale Capitolo 1 Soluzioni e sospensioni Capitolo 2 Sospensioni: separazione delle fasi Capitolo 3 Proprietà colligative delle soluzioni Indice generale Capitolo 1 Soluzioni e sospensioni 1 Soluzioni 2 Sospensioni 4 Soluzioni di elettroliti 5 9 Capitolo 2 Sospensioni: separazione delle fasi 11 Filtrazione 11 Centrifugazione 12 20 Capitolo

Dettagli

Strutturazione di impasti per la produzione di pane e pasta contenenti sfarinati con alto valore funzionale

Strutturazione di impasti per la produzione di pane e pasta contenenti sfarinati con alto valore funzionale Progetto Responsabile: Dr.sa M.G.D Egidio (CRA-ISC Roma) Unità di ricerca Dipartimento di Scienze e Tecnologie Alimentari e Microbiologiche UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO Strutturazione di impasti per

Dettagli

PROGETTO DNA CHIAVI IN MANO

PROGETTO DNA CHIAVI IN MANO PROGETTO DNA CHIAVI IN MANO La collaborazione con il Virgilio e il progetto dell IFOM Il progetto DNA chiavi in mano è un percorso pensato dal Centro di Ricerca internazionale IFOM per avvicinare i ragazzi

Dettagli

ALCOL PROPILICO urinario in GC-FID Codice GC06510

ALCOL PROPILICO urinario in GC-FID Codice GC06510 ALCOL PROPILICO urinario in GC-FID Codice GC BIOCHIMICA L alcol propilico è un alcol, che a temperatura ambiente si presenta come un liquido incolore dall'odore alcolico. È un composto molto infiammabile,

Dettagli

Strategie di purificazione di proteine

Strategie di purificazione di proteine Laurea Magistrale in Scienze e Biotecnologie degli Alimenti Strategie di purificazione di proteine Lezione n.xx-2-23 PRINCIPIO - ALIMENTI DA MATRICI SOLIDE E LIQUIDE MATRICI SOLIDE - ROMPERE LA STRUTTURA

Dettagli

OenoHow vino rosso in 10 step

OenoHow vino rosso in 10 step OenoHow vino rosso in 10 step 1Ricevimento uve Le uve devono essere: Sane (minor presenza di muffa e altri patogeni) più integre possibile (per evitare eccessi di feccia) raccolte da meno tempo possibile

Dettagli

Scheda Tecnica Prodotto :

Scheda Tecnica Prodotto : ! 1 Scheda Tecnica Prodotto : Taralli Scaldati Classici, con olio extravergine d oliva 10% Confezione Kg 5 Marchio : FIORE ANTONIO Data Rev. : Gennaio 2015 Cod. Produzione : E813 Cod. EAN : - Cod. Fatturazione

Dettagli

Interazioni proteina-proteina. Una proteina può interagire: 1) con dei metaboliti, 2) con altre proteine, 3) con acidi nucleici,

Interazioni proteina-proteina. Una proteina può interagire: 1) con dei metaboliti, 2) con altre proteine, 3) con acidi nucleici, Interazioni proteina-proteina Una proteina può interagire: 1) con dei metaboliti, 2) con altre proteine, 3) con acidi nucleici, 4) con più di una di queste molecole Le interazioni con metaboliti hanno

Dettagli

Allegato 4.1. Analisi della frazione gluteninica (Glutenine ad alto peso molecolare APM)

Allegato 4.1. Analisi della frazione gluteninica (Glutenine ad alto peso molecolare APM) Allegato 4.1 PROTOCOLLO TECNICO PER LA CARATTERIZZAZIONE DELLE VARIETÀ DI FRUMENTO TENERO, FRUMENTO DURO, SPELTA, FARRO DICOCCO E FARRO PICCOLO MEDIANTE ELETTROFORESI DELLE PROTEINE DI RISERVA DEL SEME.

Dettagli

DALL ESTRAZIONE DEL DNA AL FINGERPRINTING

DALL ESTRAZIONE DEL DNA AL FINGERPRINTING DALL ESTRAZIONE DEL DNA AL FINGERPRINTING SCOPO DELL'ATTIVITÀ Ciascuno studente estrae il proprio DNA da cellule della mucosa boccale. Quindi, mediante PCR, vengono amplificati frammenti corrispondenti

Dettagli

Gruppo L.E.T. Poggibonsi (Si), Italy

Gruppo L.E.T. Poggibonsi (Si), Italy Gruppo L.E.T. Poggibonsi (Si), Italy ATTIVANTE SF ENZIMA PL ENZIMA PM LIEVITO AB LIEVITO SB LIEVITO SC TANNINO C TANNINO G TANNINO Q TANNINO QG GOMMA ARABICA S Attivante SF Attivante di fermentazione complesso

Dettagli

ACIDO trans,trans MUCONICO LIBERO URINARIO in UV Codice Z23010

ACIDO trans,trans MUCONICO LIBERO URINARIO in UV Codice Z23010 ACIDO trans,trans MUCONICO LIBERO URINARIO in UV Codice Z BIOCHIMICA Il dosaggio dell acido trans,trans-muconico ( t,t-ma ) viene da tempo proposto come un marker biologico affidabile e sensibile per il

Dettagli

La chimica negli alimenti

La chimica negli alimenti La chimica negli alimenti Come rendere attuale una materia astratta e far divertire i ragazzi Daniela Tofani 1 Chimica laboratoriale Alto contenuto didattico Ampio spazi di discussione con gli studenti

Dettagli

Le proteine. Polimeri composto da 20 diversi aminoacidi

Le proteine. Polimeri composto da 20 diversi aminoacidi Le proteine Polimeri composto da 20 diversi aminoacidi (D. Voet, J.G. Voet, Biochemistry, 3 ed., John Wiley & Sons, 2004) PROTEINE come ATTUATORI nella cellula Trasporto elettronico Trasporto di ioni e

Dettagli

25-OH VITAMINA D 3 e 25-OH VITAMINA D 2 PLASMATICHE IN LC/MS Codice LC19015

25-OH VITAMINA D 3 e 25-OH VITAMINA D 2 PLASMATICHE IN LC/MS Codice LC19015 25-OH VITAMINA D 3 e 25-OH VITAMINA D 2 PLASMATICHE IN LC/MS Codice LC19015 INTRODUZIONE La vitamina D ha un ruolo fondamentale nel controllo delle concentrazioni di calcio e fosforo nel liquido extracellulare

Dettagli

4x4x4=4 3 =64 codoni. 20 aminoacidi

4x4x4=4 3 =64 codoni. 20 aminoacidi 4x4x4=4 3 =64 codoni 20 aminoacidi 1 Le 20 diverse catene laterali (gruppo R) che costituiscono gli aminoacidi si differenziano considerevolmente per dimensioni, volume e per le loro caratteristiche fisico-chimiche,

Dettagli

IN CASO DI SPORT SCOPRI PERCHÉ. con i consigli della nutrizionista Elisabetta Orsi, consulente della Nazionale di Calcio Italiana

IN CASO DI SPORT SCOPRI PERCHÉ. con i consigli della nutrizionista Elisabetta Orsi, consulente della Nazionale di Calcio Italiana IN CASO DI SPORT SCOPRI PERCHÉ con i consigli della nutrizionista Elisabetta Orsi, consulente della Nazionale di Calcio Italiana ATTIVITÀ SPORTIVA ENDURANCE ALIMENTAZIONE 2 1 ADEGUATO APPORTO DI TUTTI

Dettagli

Valutazione sperimentale di formulazioni di pane e biscotti a basso indice glicemico

Valutazione sperimentale di formulazioni di pane e biscotti a basso indice glicemico Valutazione sperimentale di formulazioni di pane e biscotti a basso indice glicemico Premessa L'indice glicemico (IG) di un alimento, definito come l'area sotto la curva (AUC) della glicemia conseguente

Dettagli

CONSORZIO RICERCA FILIERA LATTIERO CASEARIA RAGUSA. Programma Operativo PSR 124 Campania

CONSORZIO RICERCA FILIERA LATTIERO CASEARIA RAGUSA. Programma Operativo PSR 124 Campania RAGUSA Programma Operativo PSR 124 Campania UN NUOVO MODELLO PER RIVITALIZZARE LA FILIERA DEL LATTE BOVINO. Il LATTE NOBILE Acronimo NOBILAT ALLEGATO C1 CARATTERIZZAZIONE DEI PROFILI AROMATICI (in grassetto-corsivo

Dettagli

Livello di organizzazione degli esseri viventi

Livello di organizzazione degli esseri viventi Livello di organizzazione degli esseri viventi _Organismo; _Apparato; _Organo; _Tessuti; _Cellule; _Organelli cellulari; _Molecole. Atomo, elemento, molecola, composto, formula, legame, elettronegativita.

Dettagli

SCHEDA TECNICA RINFORZA-PediaSure

SCHEDA TECNICA RINFORZA-PediaSure SCHEDA TECNICA RINFORZA-PediaSure (gusto cioccolato n lista M990) (gusto vaniglia n lista M 713) Integratore nutrizionale completo, in polvere, per bambini da 1 a 10 anni. INDICAZIONI PRINCIPALI Pediasure

Dettagli

ANTITUBERCOLARI PLASMATICI in LC/MS Codice LC79110 (Etambutolo, Isoniazide, Rifampicina)

ANTITUBERCOLARI PLASMATICI in LC/MS Codice LC79110 (Etambutolo, Isoniazide, Rifampicina) ANTITUBERCOLARI PLASMATICI in LC/MS Codice LC79110 (Etambutolo, Isoniazide, Rifampicina) INTRODUZIONE Tecnicamente si definisce antibiotico una sostanza di origine naturale prodotta da un microrganismo,

Dettagli

P ARAMETRI FISICI, CHIMICI E CHIMICO-FISICI

P ARAMETRI FISICI, CHIMICI E CHIMICO-FISICI 2020. Colore Il colore di un acqua è dovuto alla presenza di ioni metallici (ferro, manganese, rame), sostanze organiche (acidi umici e fulvici) e scarichi industriali. Il colore di un acqua si riferisce

Dettagli

AMMINOACIDI E PROTEINE

AMMINOACIDI E PROTEINE AMMINOACIDI E PROTEINE Vengono chiamate amminoacidi quelle molecole organiche in cui sono contemporaneamente presenti sia un gruppo acido carbossilico -COO che un gruppo amminico -N2. Una molecola appartenente

Dettagli

Protocollo di laboratorio per la purificazione manuale del DNA a partire da 0,5 ml di campione

Protocollo di laboratorio per la purificazione manuale del DNA a partire da 0,5 ml di campione Protocollo di laboratorio per la purificazione manuale del DNA a partire da 0,5 ml di campione Per la purificazione del DNA genomico proveniente dai kit di prelievo Oragene e ORAcollect. Per le istruzioni

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

Dal Grano al Pane. Prof. Marco Binda 30 ottobre 2014

Dal Grano al Pane. Prof. Marco Binda 30 ottobre 2014 Dal Grano al Pane Prof. Marco Binda 30 ottobre 2014 Triticum durum o grano duro Triticum vulgare o grano tenero ATriticum durum -BTriticum aestivum var. Spada -CTriticum aestivum var. Brasilia La cariosside

Dettagli