ALLERGIE ALIMENTARI: STIMOLARE LA RICERCA PER TUTELARE IL CONSUMATORE. Torino, 9 Novembre 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ALLERGIE ALIMENTARI: STIMOLARE LA RICERCA PER TUTELARE IL CONSUMATORE. Torino, 9 Novembre 2012"

Transcript

1 ALLERGIE ALIMENTARI: STIMOLARE LA RICERCA PER TUTELARE IL CONSUMATORE Torino, 9 Novembre 2012 Valutazione della tossicità delle proteine del glutine di Triticum monococcum nei pazienti celiaci Maria Mazza, BSc S.C. Neuroscienze - CEA S.S. Genetica e Immunobiochimica Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Piemonte, Liguria e Valle d Aosta

2 LA CELIACHIA La malattia celiaca è una malattia infiammatoria cronica immuno-mediata Ingestione del glutine presente nelle farine di grano, orzo e segale Può manifestarsi a qualsiasi età con ampio spettro di manifestazioni cliniche Esistono diverse forme cliniche: forma tipica o classica; forma atipica; forma silente; forma latente

3 Forma tipica o classica Esordio della malattia nei primi mesi di vita (6-15 mese) Quadro clinico: diarrea cronica, inappetenza, rallentamento della crescita, perdita di peso, ipotonia muscolare, irritabilità. Alterazioni della mucosa intestinale. Forma atipica Sintomatologia extra-intestinale Manifestazioni cliniche secondarie al malassorbimento: anemia, bassa statura, rachitismo, displasia dello smalto dentario, dolori addominali ricorrenti, ritardo puberale, aftosi recidivante, stipsi, ipertransaminasemia idiopatica, sindromi emorragiche, alopecia. Forma silente Presenza delle tipiche lesioni istologiche della mucosa intestinale Forma apparentemente asintomatica Forma latente Soggetti asintomatici con mucosa intestinale normale ma con marcatori anticorpali positivi.

4 Complicanze Nel caso di diagnosi tardiva o per mancato trattamento possono presentarsi diversi problemi piuttosto gravi a carico di diversi apparati, quali: gastroenterico (linfoma) osteoscheletrico (osteoporosi, osteomalacia) genitale femminile (infertilità, poliabortività) Diagnosi Markers sierologici: ricerca di anticorpi anti-gliadina (AGA) ricerca di anticorpi anti-endomisio (IgA-EMA) ricerca di anticorpi anti-transglutaminasi tessutale (IgA-tTG) Biopsia intestino tenue

5 Diagnosi definitiva Esame istologico Soggetto sano Soggetto celiaco Assenza villi villi cripte cripte Totale o parziale atrofia dei villi con perdita dell orletto a spazzola; ipertrofia delle cripte; aumentato numero dei IEL; infiltrazione nella lamina propria di cellule infiammatorie.

6 Epidemiologia della celiachia La malattia celiaca coinvolge tra lo 0.5% e l 1% della popolazione mondiale. Patologia ancora sottodiagnosticata Modello ad iceberg della celiachia diagnosticato non diagnosticato

7 GLUTEN FREE DIET Frumento, Orzo, Segale, Avena, NO Farro, Kamut, Spelta, Triticale. pane, pasta, prodotti da forno, birra,alimenti lavorati (gelati, salumi) Amaranto, grano saraceno, riso,mais, miglio, sesamo, sorgo tapioca,castagna patata, legumi, SI latte, uova, formaggi, prodotti da forno preparati con proteine alternative a quelle del glutine La spiga di grano barrata compare sulla confezione degli alimenti e bevande privi di prolamine tossiche ( 20ppm).

8 Basi genetiche della celiachia Associazione con alcune varianti del complesso HLA (Human Leucocyte Antigen) La predisposizione alla celiachia si correla con la presenza degli alleli DQA1*05 e DQB1*02 APC catena β DQB1*02 catena α DQA1*05 catena β DQB1*0302 catena α DQA1*03 HLA-DQ2 HLA-DQ8 ~ 90% celiaci ~ 6% celiaci DQA1*05 e DQB1*02 sono alleli comuni nella popolazione sana, quindi la presenza delle molecole HLA-DQ2 o DQ8 rappresenta una condizione necessaria ma non sufficiente. Probabile coinvolgimento di altri geni e/o altri fattori.

9 Eziologia Prolamine:ricche di prolina e glutamina Glutenine - elasticità Gliadine - estensibilità Gliadine: frazione alcool-solubile coinvolta nella patogenesi della celiachia Glutenine: frazione idro-solubile poco coinvolta nella tossicità

10 Gliadine Costituiscono il 40% delle proteine di riserva della cariosside A-PAGE ω γ Caratteristiche principali monomeriche solubili in alcool (etanolo) distinte in tre famiglie (ω, γ e α/β) p.m. compreso tra 28 e 70 kda α/β

11 Glutenine SDS-PAGE A D HMW Caratteristiche principali polimeriche, HMW ( kda) e LMW (10-70 kda) idro-solubili distinte in 4 gruppi:a (HMW); D, B e C (LMW) B C LMW

12 Prolamine Glutenine Gliadine Prolamine (ricche di prolina e glutamina) epitelio int. celiaco Proteasi Azione tossica 2-5 kda Zonulina

13 Patogenesi della malattia celiaca Attività citotossica Sistema immunitario innato

14 Patogenesi della malattia celiaca Attività immunogenica Sistema immunitario adattativo

15 PNAS October 14, 2003 vol. 100 no. 21 The HLA-DQ2 gene dose effect in celiac disease is directly related to the magnitude and breadth of gluten-specific T cell responses Willemijn Vader, Dariusz Stepniak, Yvonne Kooy, Luisa Mearin, Allan Thompson, Jon J. van Rood, Liesbeth Spaenij, and Frits Koning Soglia patologica Il numero di peptidi che interagiscono con i recettori HLA-DQ2 o HLA-DQ8 nella mucosa intestinale e l intensità della risposta delle cellule T indotta da ciascun peptide prolaminico determinano una soglia che deve essere superata affinchè in un individuo geneticamente predisposto alla celiachia si abbia una reazione immunitaria patologica verso le proteine del glutine.

16 Test in vitro Utilizzo di colture in vitro per studiare gli effetti dell esposizione alle prolamine e i meccanismi cellulari e molecolari della celiachia IMMUNITA INNATA Cellule K562(S) (mieloma leucemico umano) Cellule Caco2 (adenocarcinoma umano) Riduzione resistenza elettrica transepiteliale Agglutinazione Minimal Agglutination Concentration Crescita epiteliale simile alla mucosa in testinale Attivazione apoptosi

17 Test in vitro IMMUNITA ADATTATIVA Proliferazione cellulare Secrezione INF-γ Linfociti T prelevati dalla mucosa di pazienti celiaci

18 Peptidi tossici Esistono numerose sequenze peptidiche coinvolte nei processi di tossici Peptide 13-mer LGQQQPFPPQQPY (31-43 α-gliadina o A-gliadina), molto attivo nell indurre lesioni della mucosa intestinale e apoptosi dell enterocita (peptide citotossico). Questo peptide o la sua variante PGQQQPFPPQQPY è presente in molte delle sequenze α-gliadine Peptide 33-mer LQLQPFPQPQLPYPQPQLPYPQPQLPYPQPQPF presente nel grano tenero e contiene tre epitopi immunodominanti lunghi 11, 12 o 13 aa noti come DQ2-a-I (LQPFPQPQLPY), DQ2-a-II (PQPQLPYPQPQL) e DQ2-a-III (QLPYPQPQLPYPQ) che reagiscono fortemente con i linfociti T intestinali di tutti i pazienti celiaci (peptide immunogenico).

19 Peptide protettivo Peptide 10-mer QQPQDAVQPF (~1,2 kda), isolato tra i peptidi prolaminici della varietà di grano duro Adamello, previene l agglutinazione delle cellule K562 (S) causata dalle prolamine di grano tenero, grano spelta e di alcune accessioni di farro. Azione protettiva legata: 1. alla presenza di acido aspartico (D) in pos. 5; 2. alla presenza dell alanina (A) in posizione 6. I residui di aspartato e alanina competono per il legame con le APC e blocco della risposta immunitaria.

20 Triticum monococcum E un frumento diploide a cariosside vestita con genoma AA (2n=14). Rappresenta una varietà antica di frumento coltivata attualmente su poche centinaia di ettari in aree remote della regione mediterranea. Caratteristiche peculiari di questa varietà sono: 1. grande resistenza a stress ambientali e a vari patogeni; 2. elevato valore nutrizionale (maggiore contenuto in proteine, carotenoidi, vitamina E, lipidi, zinco e ferro); 3. migliore tollerabilità alimentare delle prolamine

21 Ricerca Corrente IZS PLV 14/10 Obiettivi Valutare la presenza ed il numero di peptidi tossici in alcune varietà di grano monococco attraverso studi immunobiochimici e test di tossicità in vitro. Selezionare linee di monococco tollerate dai celiaci ma soprattutto di ridurre l esposizione della popolazione umana alle proteine tossiche del glutine Unità Operative coinvolte 1. S.S. Genetica e Immunobiochimica (IZSPLV); Dr.ssa M. Mazza; 2. CRA-QCE; Dr. Norberto Pogna; 3. Ospedale G. Gaslini di Genova; Dr. Giovanni Candiano.

22 Materiali e metodi Varietà di grano monococco: Stendhal, Monlis e ID331 1.Estrazione e purificazione delle proteine del glutine dalle tre linee di grano monococco. 2.Separazione elettroforetica bidimensionale (A-PAGE x SDS-PAGE) delle proteine estratte. 3.Identificazione immunologica mediante Western Blot degli epitopi prolaminici immunodominanti. 4.Identificazione mediante spettrometria di massa degli spot proteici immunodominanti. 5.Valutazione della tossicità dei pepetidi prolaminici in vitro su cellule K562(S) e linfociti T di mucosa intestinale umana.

23 Risultati immunobiochimici Assenza nelle tre linee di monococco del peptide 13- mer (P31-43) con attività citotossica. Presenza di diversi peptidi con sequenza simile al peptide 33-mer con attività immunogenica. Assenza del peptide protettivo 10-mer.

24 Citotossicità Stendhal e ID331 non risultano tossici verso la mucosa celiaca, eccetto il Monlis che sembra comportarsi come il frumento tenero. Citotossicità del Monlis associata a peptidi diversi dal 13- mer. Presenza nel monococco di peptidi protettivi diversi dal peptide 10-mer.

25 Triticum monococcum Dal sequenziamento dei geni delle ω-gliadine di monococco, è stata individuata una sequenza codificante un peptide di 9 aa, con sequenza simile a quella ritrovata in grano duro varietà Adamello: Adamello QQPQDAVQPF Monococco QQPQRPQPF Sebbene siano leggermente diverse, queste sequenze sono accomunate dalla presenza di aa carichi in posizione centrale. Se questo peptide viene somministrato in combinazione con le prolamine di grano tenero, viene ridotta la produzione di IL-15 (responsabile dell effetto citotossico sulle cellule della mucosa intestinale).

26 Perché alcune linee di monococco non scatenano l immunità innata? Dall analisi elettroforetica A-PAGE delle tre linee si osserva che Monlis è priva di ω-gliadine, Stendhal presenta 4 bande che, in seconda dimensione, si risolvono in c.ca 13 spot e ID331 presenta una sola banda che si risolve, in seconda dimensione, in un solo spot a basso peso molecolare. 1. Stendhal 2. Monlis 3. ID 331 Stendhal ID331

27 Triticum monococcum I digesti PT-gliadinici delle tre accessioni di monococco sono stati testati sulle cellule K562 e su espianti bioptici del duodeno di pazienti celiaci in remissione: I digesti di Monlis hanno lo stesso comportamento dei digesti del grano tenero, sono quindi in grado di agglutinare le cellule K562 e stimolare l immunità innata. I digesti di ID331 non agglutinano le cellule K562 e non sono in grado di stimolare l immunità innata La proprietà protettiva di ID331 è dovuta all ω-gliadina, assente in Monlis?

28 Ringraziamenti Laboratorio Fisiopatologia dell Uremia Giovanni Candiano Unità di Ricerca per la Valorizzazione Qualitativa dei Cereali (QCE) di Roma Norberto Pogna SS Genetica e Immunobiochimica Pier Luigi Acutis Simona Carrella

29 Grazie a tutti per l attenzione

Triennio 2002 / 2004. (Attività di ricerca e sperimentazione agraria d'interesse regionale finanziata dalla Regione Marche ai sensi della L.R.

Triennio 2002 / 2004. (Attività di ricerca e sperimentazione agraria d'interesse regionale finanziata dalla Regione Marche ai sensi della L.R. Valutazione tossicologica, tecnologica e agronomica di cereali per lo sviluppo di genotipi a basso contenuto di fattori tossici connessi alla intolleranza al glutine Triennio 2002 / 2004 (Attività di ricerca

Dettagli

Malattia celiaca. Conoscere la Celiachia. La Celiachia, la mia, la tua, la nostra dieta

Malattia celiaca. Conoscere la Celiachia. La Celiachia, la mia, la tua, la nostra dieta Malattia celiaca Conoscere la Celiachia La Celiachia, la mia, la tua, la nostra dieta Dott.ssa Roberta Maccaferri U.O. di Pediatria Ospedale di Mirandola DEFINIZIONE La malattia celiaca (MC) è una enteropatia

Dettagli

Lo screening della Celiachia in una popolazione con Diabete Mellito tipo 1. Epidemiologia, follow-up clinico e ruolo della tipizzazione HLA.

Lo screening della Celiachia in una popolazione con Diabete Mellito tipo 1. Epidemiologia, follow-up clinico e ruolo della tipizzazione HLA. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Tesi di laurea Lo screening della Celiachia in una popolazione con Diabete Mellito tipo 1. Epidemiologia, follow-up clinico e ruolo della

Dettagli

La Celiachia AIC - GUIDA ALL ALIMENTAZIONE DEL CELIACO EDIZIONE 2014 APPROFONDIMENTO

La Celiachia AIC - GUIDA ALL ALIMENTAZIONE DEL CELIACO EDIZIONE 2014 APPROFONDIMENTO La Celiachia AIC - GUIDA ALL ALIMENTAZIONE DEL CELIACO EDIZIONE 2014 La celiachia è un intolleranza permanente al glutine presente negli alimenti. Il glutine è un complesso proteico presente in alcuni

Dettagli

Manifestazioni cliniche e diagnosi della Celiachia in età pediatrica

Manifestazioni cliniche e diagnosi della Celiachia in età pediatrica Manifestazioni cliniche e diagnosi della Celiachia in età pediatrica F.Ferretti U.O. di Mal Epatometaboliche Osp. Pediatrico Bambino Gesù - Roma Palazzo dei Congressi EUR 10.10.2015 Malattia celiaca (MC)

Dettagli

CELIACHIA. Fino a pochi anni fa la celiachia era considerata una mal poco frequente; oggi in Italia 1 caso ogni 100 abitanti

CELIACHIA. Fino a pochi anni fa la celiachia era considerata una mal poco frequente; oggi in Italia 1 caso ogni 100 abitanti CELIACHIA E una enteropatia autoimmune geneticamente determinata,caratterizzata da una risposta autoimmune contro la glutine, contenuto nel grano, orzo, segale, farro ed altri cereali minori. E caratterizzata

Dettagli

Cattedra di Pediatria Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Chieti. La Malattia Celiaca. F. Chiarelli

Cattedra di Pediatria Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Chieti. La Malattia Celiaca. F. Chiarelli PROGETTO e-learning IN PEDIATRIA Cattedra di Pediatria Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Chieti La Malattia Celiaca F. Chiarelli Definizione La Malattia Celiaca è una condizione

Dettagli

Dott. R. Auricchio Dipartimento di Pediatria Università Federico II Napoli

Dott. R. Auricchio Dipartimento di Pediatria Università Federico II Napoli Dott. R. Auricchio Dipartimento di Pediatria Università Federico II Napoli Agadir, 18 25 luglio 2008 Malattia celiaca Aberrante risposta immune mucosale, secondaria all ingestione di gliadina di grano

Dettagli

28 Convegno annuale del Prolamin Working Group

28 Convegno annuale del Prolamin Working Group 28 Convegno annuale del Prolamin Working Group A Nantes, dal 25 al 27 Settembre 2014, si sono incontrati ancora una volta esperti da tutto il mondo per fare il punto su glutine e celiachia, sulle normative

Dettagli

Gonfiore addominale Stanchezza Emicranie ricorrenti... Ora tutti concordi: INTOLLERANZA AL GLUTINE

Gonfiore addominale Stanchezza Emicranie ricorrenti... Ora tutti concordi: INTOLLERANZA AL GLUTINE Guida di informazione e approfondimento scientifico Sostenitori del Naturale Curativo Gonfiore addominale Stanchezza Emicranie ricorrenti... Ora tutti concordi: INTOLLERANZA AL GLUTINE Recentissimi studi

Dettagli

Cos è la celiachia? Centro Interdipartimentale di Ricerca in Farmacoeconomia e Farmacoutilizzazione

Cos è la celiachia? Centro Interdipartimentale di Ricerca in Farmacoeconomia e Farmacoutilizzazione La Celiachia Cos è la celiachia? La celiachia è un intolleranza permanente al glutine, sostanza proteica presente in avena, frumento, farro, kamut, orzo, segale, spelta e triticale. L incidenza di questa

Dettagli

CAUSE DI MALNUTRIZIONE

CAUSE DI MALNUTRIZIONE CAUSE DI MALNUTRIZIONE INADEGUATO INTROITO DI NUTRIENTI DIFFICOLTA AD ALIMENTARSI Insufficiente introito di energia e proteine con gli alimenti MALNUTRIZIONE CORRELATA ALLA MALATTIA Malnutrizione: conseguenze

Dettagli

La celiachia o malattia celiaca (MC) è un intolleranza

La celiachia o malattia celiaca (MC) è un intolleranza Camera dei Deputati 9 Senato della Repubblica I n t r o d u z io n e La celiachia o malattia celiaca (MC) è un intolleranza alimentare autoimmune permanente, scatenata in soggetti geneticamente predisposti,

Dettagli

CELIACHIA. definizione

CELIACHIA. definizione CELIACHIA definizione Intolleranza permanente al glutine, cioè una sostanza proteica presente in numerosi cibi (pane, pasta, biscotti, pizza,e pietanze contenenti orzo frumento e segale) SI NASCE O SI

Dettagli

PERCORSO DIAGNOSTICO CONDIVISO E CELIACHIA

PERCORSO DIAGNOSTICO CONDIVISO E CELIACHIA PERCORSO DIAGNOSTICO CONDIVISO E CELIACHIA LA DIAGNOSTICA SIEROLOGICA A. BIANO LAB. PATOLOGIA CLINICA P.O. CAIRO MONTENOTTE La CELIACHIA è l intolleranza permanente al glutine, sostanza di natura proteica

Dettagli

MENU SCOLASTICI E DIETE SPECIALI: allergie, intolleranze e celiachia

MENU SCOLASTICI E DIETE SPECIALI: allergie, intolleranze e celiachia Dipartimento di Sanità Pubblica Servizo Igiene degli Alimenti e della Nutrizione DIETE SPECIALI E CELIACHIA nei nidi d'infanzia di Modena 24 Marzo 2010 MENU SCOLASTICI E DIETE SPECIALI: allergie, intolleranze

Dettagli

GLUTEN SENSITIVITY (Valutazione immunitaria della sensibilità al glutine)

GLUTEN SENSITIVITY (Valutazione immunitaria della sensibilità al glutine) ALLEGATO: Note informative a corredo del risultato analitico utili al paziente ed al suo medico al quale comunque si rimanda per una corretta interpretazione dei dati. Cod. ID: 123456 CCV: 000 Data: 01/01/2014

Dettagli

Audizione Commissione Igiene e Salute Senato della Repubblica. 8 Ottobre 2013

Audizione Commissione Igiene e Salute Senato della Repubblica. 8 Ottobre 2013 Audizione Commissione Igiene e Salute Senato della Repubblica 8 Ottobre 2013 1 Definizione di celiachia, epidemiologia e patologie glutine correlate 2 3 Breve presentazione dell Associazione Italiana Celiachia,

Dettagli

Dossier N.12. Malattia Celiaca. Aggiornamento tecnico scientifico A cura della: D.ssa Simonetta Signorini

Dossier N.12. Malattia Celiaca. Aggiornamento tecnico scientifico A cura della: D.ssa Simonetta Signorini Dossier N.12 Malattia Celiaca Aggiornamento tecnico scientifico A cura della: D.ssa Simonetta Signorini Dossier N. 12 Febbraio 2011 Indice Introduzione 4 Genetica 5 Fattore Ambientale e Processi Infiammatori

Dettagli

SCEGLI IL GUSTO. 7 febbraio 2013 Body Worlds. Anna Caroli

SCEGLI IL GUSTO. 7 febbraio 2013 Body Worlds. Anna Caroli SCEGLI IL GUSTO 7 febbraio 2013 Body Worlds Anna Caroli Terminato l iter diagnostico esami del sangue biopsia enterica Oggi so di essere celiaco Cosa faccio e cosa mangio Il Medico fornisce le prime e

Dettagli

Il Frumento. Tratto da: Alimentazione e Superstizione di Claudia Luoni e Antonio G. Traverso, Edizioni Ecosalute, 2007.

Il Frumento. Tratto da: Alimentazione e Superstizione di Claudia Luoni e Antonio G. Traverso, Edizioni Ecosalute, 2007. 1 2 3 4 5 Il Frumento Tratto da: Alimentazione e Superstizione di Claudia Luoni e Antonio G. Traverso, Edizioni Ecosalute, 2007. L'alimento che più consumiamo è sicuramente il frumento; pane, pasta, dolci,

Dettagli

Alma Mater Studiorum Università di Bologna Facoltà di Farmacia

Alma Mater Studiorum Università di Bologna Facoltà di Farmacia Alma Mater Studiorum Università di Bologna Facoltà di Farmacia Corso di laurea in Farmacia Dipartimento di Biochimica G. Moruzzi Materia di Tesi: Biochimica della nutrizione Nuove prospettive nutrizionali

Dettagli

Corso di Laurea Triennale in Scienze e Tecnologie Alimentari

Corso di Laurea Triennale in Scienze e Tecnologie Alimentari Corso di Laurea Triennale in Scienze e Tecnologie Alimentari NUOVI STRUMENTI DA CUCINA AL SERVIZIO DEL SENZA GLUTINE. INDAGINE PRESSO UN CAMPIONE DI LOCALI ADERENTI AL NETWORK AIC LOMBARDIA ONLUS SULLE

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA TUSCIA DI VITERBO DIPARTIMENTO DI AGROBIOLOGIA ED AGROCHIMICA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA TUSCIA DI VITERBO DIPARTIMENTO DI AGROBIOLOGIA ED AGROCHIMICA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA TUSCIA DI VITERBO DIPARTIMENTO DI AGROBIOLOGIA ED AGROCHIMICA CORSO DI DOTTORATO DI RICERCA IN BIOTECNOLOGIE VEGETALI XVIII CICLO. LA REATTIVITÀ DI FLUORESCENZA NUCLEARE: UN

Dettagli

INDICE INTRODUZIONE----------------------------------------------------------------------------------------------1

INDICE INTRODUZIONE----------------------------------------------------------------------------------------------1 INDICE INTRODUZIONE----------------------------------------------------------------------------------------------1 Pag. CAPITOLO PRIMO CELIACHIA------------------------------------------------------------------------------------------------------3

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 2712 del 29 dicembre 2014

ALLEGATOA alla Dgr n. 2712 del 29 dicembre 2014 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 2712 del 29 dicembre 2014 DOCUMENTO DI INQUADRAMENTO PER LA DIAGNOSI ED IL MONITORAGGIO DELLA CELIACHIA Quesito 1 Qual è il protocollo diagnostico

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN MEDICINA E CHIRURGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN MEDICINA E CHIRURGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN MEDICINA E CHIRURGIA DIPARTIMENTO MATERNO-INFANTILE E DI BIOLOGIA E GENETICA. SEZIONE DI PEDIATRIA Tesi

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA DIPARTIMENTO DI PEDIATRIA DOTTORATO IN SCIENZE PEDIATRICHE XXII CICLO Coordinatore: Prof. Giovanni Sorge TESI DI DOTTORATO CLINICO-SPERIMENTALE Epoca di introduzione del

Dettagli

Celiachia e Gluten Sensitivity: Dubbi o certezze? Maria Teresa Bardella

Celiachia e Gluten Sensitivity: Dubbi o certezze? Maria Teresa Bardella Congresso Regionale AIC Lombardia Milano, Sabato 23 Marzo 2013 Celiachia e Gluten Sensitivity: Dubbi o certezze? Maria Teresa Bardella Centro per la Prevenzione e Diagnosi della Malattia Celiaca IRCCS

Dettagli

Cereali e Salute: Triticum dicoccum ad elevata tollerabilità

Cereali e Salute: Triticum dicoccum ad elevata tollerabilità Cereali e Salute: Triticum dicoccum ad elevata tollerabilità Relazione conclusiva progetto triennale Cereali e salute: Triticum dicoccum ad elevata tollerabilità I cereali, rappresentati da numerose specie

Dettagli

CELIACHIA. Corsi di Formazione/Informazione per operatori della ristorazione e albergatori (ex L. 123/05) Margherita Bonamico

CELIACHIA. Corsi di Formazione/Informazione per operatori della ristorazione e albergatori (ex L. 123/05) Margherita Bonamico CELIACHIA Corsi di Formazione/Informazione per operatori della ristorazione e albergatori (ex L. 123/05) Margherita Bonamico U.O.D. Celiachia e Patologie da Malassorbimento D. A. I. di Pediatria e Neuropsichiatria

Dettagli

Proteine e Glutine del Farro

Proteine e Glutine del Farro Proteine e Glutine del Farro Il frumento e tutti i cereali in genere mostrano una distribuzione percentuale di sostanze nutritive (macronutrienti) suddivisa in: 7-10% lipidi, 64-68% carboidrati, 12-15%

Dettagli

Celiachia e sicurezza alimentare in EXPO: l eccellenza italiana

Celiachia e sicurezza alimentare in EXPO: l eccellenza italiana Celiachia e sicurezza alimentare in EXPO: l eccellenza italiana Dr.ssa Simona De Stefano Ministero della Salute Direzione Generale per l Igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione Ufficio V Nutrizione

Dettagli

1 a parte: La malattia celiaca: epidemiologia e conseguenze per la salute. 2 a parte: La dieta dei celiaci. Prof. F. M. Paone Roma 16 novembre 2011

1 a parte: La malattia celiaca: epidemiologia e conseguenze per la salute. 2 a parte: La dieta dei celiaci. Prof. F. M. Paone Roma 16 novembre 2011 1 a parte: La malattia celiaca: epidemiologia e conseguenze per la salute. 2 a parte: La dieta dei celiaci Prof. F. M. Paone Roma 16 novembre 2011 CELIACHIA - 1 a parte: Epidemiologia e conseguenze per

Dettagli

PROGRESSI DELLA RICERCA SULLA CELIACHIA: NON SOLO NUOVE TERAPIE

PROGRESSI DELLA RICERCA SULLA CELIACHIA: NON SOLO NUOVE TERAPIE Convegno A.I.C. Piemonte e Valle d Aosta Torino, 10 Marzo 2007 PROGRESSI DELLA RICERCA SULLA CELIACHIA: NON SOLO NUOVE TERAPIE LESSONS FROM NEW YORK 12th INTERNATIONAL SYMPOSIUM ON COELIAC DISEASE 9-11

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI TRIESTE ACCURATEZZA E CORRELAZIONE ISTOLOGICA DEGLI ANTICORPI ANTI ACTINA NELLA DIAGNOSI DI MALATTIA CELIACA

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI TRIESTE ACCURATEZZA E CORRELAZIONE ISTOLOGICA DEGLI ANTICORPI ANTI ACTINA NELLA DIAGNOSI DI MALATTIA CELIACA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI TRIESTE Sede Amministrativa del Dottorato di Ricerca UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO Sede convenzionata Dipartimento Univ. Clinico di Scienze della Riproduzione e dello Sviluppo

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO GELATO SENZA GLUTINE: RISCHIO O SICUREZZA?

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO GELATO SENZA GLUTINE: RISCHIO O SICUREZZA? UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Agrarie e Alimentari Corso di Laurea Triennale in Scienze e Tecnologie Alimentari GELATO SENZA GLUTINE: RISCHIO O SICUREZZA? Relatore: Prof. Salvatore

Dettagli

International Master in Clinical Pharmacy

International Master in Clinical Pharmacy International Master in Clinical Pharmacy Universidad de Granada Granada, 25 Marzo 2014 Belén García-Villanova Ruiz Dpto. Nutrición y Bromatología Universidad de Granada Alimentazione in determinate situazioni

Dettagli

CELIACHIA E TEST HLA RACCOMANDAZIONI

CELIACHIA E TEST HLA RACCOMANDAZIONI CELIACHIA E TEST HLA RACCOMANDAZIONI a cura di Maria Cristina Mazzilli 1 Antonio Calabrò 2 Carlo Catassi 2 Luigi Greco 2 Riccardo Troncone 2 Umberto Volta 2 Valerio Misefari 3 Antonio Amoroso 4 Ettore

Dettagli

IL CELIACO: UNA PERSONA, UN PAZIENTE, UN TARGET. Una vita senza glutine

IL CELIACO: UNA PERSONA, UN PAZIENTE, UN TARGET. Una vita senza glutine IL CELIACO: UNA PERSONA, UN PAZIENTE, UN TARGET Una vita senza glutine Programma Scienziati in Azienda - XI Edizione Stresa, 27 settembre 2010 12 luglio 2011 A cura di: Andrea Finco, Antonella Galeotafiore,

Dettagli

E tutta colpa della Biochimica ovvero

E tutta colpa della Biochimica ovvero E tutta colpa della Biochimica ovvero Yin Yang degli alimenti Paola Palestini Grassi animali o grassi vegetali???? Glucosio o fruttosio???? Antiossidanti contro i radicali liberi ma cosa sono???? Allergie

Dettagli

La gliadina è per il soggetto celiaco la sostanza tossica la cui azione non viene modificata dalla pepsina e dalla tripsina.

La gliadina è per il soggetto celiaco la sostanza tossica la cui azione non viene modificata dalla pepsina e dalla tripsina. Cos è la celiachia? La celiachia è una intolleranza permanente al glutine, geneticamente determinata, ad elevata prevalenza nella popolazione (1 caso ogni 180 persone). Nei soggetti celiaci il glutine

Dettagli

Allergia da alimenti. Cause. Manifestazioni cliniche

Allergia da alimenti. Cause. Manifestazioni cliniche Allergia da alimenti Il problema delle reazioni avverse agli alimenti era noto fin dai tempi degli antichi greci e particolari manifestazioni erano già state associate all ingestione di cibi. Tutti gli

Dettagli

7. DISTURBI ALIMENTARI

7. DISTURBI ALIMENTARI 7. DISTURBI ALIMENTARI Introduzione La maggior parte degli individui può generalmente assumere una grande varietà di cibo senza alcun problema. Per un gruppo sempre maggiore di persone, tuttavia, determinati

Dettagli

RISPOSTA ANTI-GLUTINE NELLA MALATTIA CELIACA

RISPOSTA ANTI-GLUTINE NELLA MALATTIA CELIACA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE Sede Amministrativa del Dottorato di Ricerca Università degli Studi di Trieste Sedi Convenzionate Università degli Studi di Torino XXI CICLO DEL DOTTORATO DI RICERCA IN

Dettagli

ALLEGATO AT04 INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI DI SALUTE

ALLEGATO AT04 INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI DI SALUTE PROCEDURA APERTA PER L'AFFIDAMENTO DI PARTE DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA DEL COMUNE DI VERONA GESTITO DA AGEC PERIODO 1.7.2013 / 30.06.2016 ALLEGATO AT04 INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI

Dettagli

Ruolo delle Peptidasi dei LAB nell idrolisi delle Gliadine Antigeniche e di Peptidi derivanti dal 33-mer

Ruolo delle Peptidasi dei LAB nell idrolisi delle Gliadine Antigeniche e di Peptidi derivanti dal 33-mer UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI SCUOLA DI DOTTORATO SCIENZE DEI SISTEMI AGRARI E FORESTALI E DELLE PRODUZIONI ALIMENTARI XXII CICLO Indirizzo: Biotecnologie microbiche agroalimentari (Coordinatore di

Dettagli

Mangiare a Pisa Menu Catering per Celiaci

Mangiare a Pisa Menu Catering per Celiaci Mangiare a Pisa Menu Catering per Celiaci by leonardo - domenica, luglio 05, 2015 http://www.happynewlife.it/it/mangiare-a-pisa-menu-catering-celiaci/ Mangiare a Pisa: Menù per Celiaci Abbiamo una linea

Dettagli

Relazione annuale al Parlamento sulla celiachia

Relazione annuale al Parlamento sulla celiachia Direzione Generale per l Igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione Relazione annuale al Parlamento sulla celiachia Anno 2013 MINISTERO DELLA SALUTE* REGISTRO NAZIONALE* ALIMENTO SENZA GLUTINE

Dettagli

PERCORSO ASSISTENZIALE PER LA PATOLOGIA RARA DERMATOLOGICA RARA: DERMATITE ERPETIFORME

PERCORSO ASSISTENZIALE PER LA PATOLOGIA RARA DERMATOLOGICA RARA: DERMATITE ERPETIFORME Allegato 4 PERCORSO ASSISTENZIALE PER LA PATOLOGIA RARA DERMATOLOGICA RARA: DERMATITE ERPETIFORME 1) Percorso Assistenziale Com è noto, la DE è una dermatosi rara, attualmente considerata come l espressione

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA. PERIODO 1.9.2012/30.06.2017

PROCEDURA APERTA PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA. PERIODO 1.9.2012/30.06.2017 PROCEDURA APERTA PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA. PERIODO 1.9.2012/30.06.2017 INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI DI SALUTE Allegato Tecnico n. 4 al Capitolato Speciale

Dettagli

Le allergie alimentari

Le allergie alimentari Le allergie alimentari A cura del Dott. Renato Caviglia, MD, PhD Specialista in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva Dottore di Ricerca in Scienze Epato-Gastroenterologiche Introduzione L'allergia

Dettagli

GRASSI E SOVRAPPESO : UN RISCHIO PER IL CELIACO?

GRASSI E SOVRAPPESO : UN RISCHIO PER IL CELIACO? GRASSI E SOVRAPPESO : UN RISCHIO PER IL CELIACO? LIDIA ROVERA UOA Gastroenterologia Dietetica e Nutrizione Clinica ASO Ordine Mauriziano-Torino I.R.C.C. Candiolo LUCIA FRANSOS Dietista AIC -Piemonte e

Dettagli

GENETICA DI UNA SPIGA DI QUALITA

GENETICA DI UNA SPIGA DI QUALITA LE SCIENZE AGRARIE Tra OGM e agricolture alternative Firenze, 19 Aprile 2013 GENETICA DI UNA SPIGA DI QUALITA Blanco Università degli Studi di Bari Aldo Moro A. La Dieta Mediterranea è caratterizzata dal

Dettagli

PRODOTTI DESTINATI AD UN ALIMENTAZIONE PARTICOLARE

PRODOTTI DESTINATI AD UN ALIMENTAZIONE PARTICOLARE PRODOTTI DESTINATI AD UN ALIMENTAZIONE PARTICOLARE Caterina La Rosa Università degli Studi di Siena Siena 10 Ottobre 2008 SOSTANZE ALIMENTARI Sono, oltre alle materie prime naturali provenienti, per coltura

Dettagli

Progetto MonICA Monococco per l Innovazione Cerealicola ed Alimentare

Progetto MonICA Monococco per l Innovazione Cerealicola ed Alimentare RegioneLombardia Agricoltura Progetto MonICA Monococco per l Innovazione Cerealicola ed Alimentare Quaderni della ricerca n. 95 - ottobre 2008 RegioneLombardia COLTIVARE IL FUTURO Sperimentazione condotta

Dettagli

MALATTIA CELIACA. Il test HLA per la celiachia. Le malattie genetiche si distinguono tra monogeniche e multifattoriali

MALATTIA CELIACA. Il test HLA per la celiachia. Le malattie genetiche si distinguono tra monogeniche e multifattoriali MALATTIA CELIACA La ricerca della malattia celiaca si esegue evidenziando nel sangue e quindi nel DNA gli alleli che codificano per le molecole DQ2 DQ8. La presenza di questi determina la possibilità che

Dettagli

Dr. Francesco Cosentino

Dr. Francesco Cosentino Malattia Celiaca ENTEROPATIA CRONICA DA INTOLLERANZA PERMANENTE AL GLUTINE ED ALLE PROTEINE AFFINI IN SOGGETTI GENETICAMENTE PREDISPOSTI HLADQ2 HLADQ8 Dr. Francesco Cosentino Incidenza M.Celiaca 1980-2005

Dettagli

La sindrome dell intestino irritabile post-infettiva

La sindrome dell intestino irritabile post-infettiva La sindrome dell intestino irritabile post-infettiva Dr.ssa Chiara Ricci Università di Brescia Spedali Civili, Brescia Definizione La sindrome dell intestino irritabile Disordine funzionale dell intestino

Dettagli

rapido miglioramento clinico dopo la eliminazione dalla dieta di alcuni cereali

rapido miglioramento clinico dopo la eliminazione dalla dieta di alcuni cereali ENTEROPATIA DA GLUTINE SPRUE CELIACA malassorbimento di nutrienti da parte di quel tratto di piccolo intestino che è danneggiato caratteristiche, anche se non specifiche, lesioni della mucosa del piccolo

Dettagli

ALLEGATO D INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI DI SALUTE

ALLEGATO D INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI DI SALUTE ALLEGATO D INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI DI SALUTE 1.Premessa Nell ambito della ristorazione scolastica è prevista la possibilità di richiedere Diete speciali per motivi di salute per venire

Dettagli

LA DIAGNOSI DI MALATTIA CELIACA

LA DIAGNOSI DI MALATTIA CELIACA LA DIAGNOSI DI MALATTIA CELIACA U. VOLTA INTRODUZIONE Negli ultimi decenni i brillanti risultati raggiunti dalle ricerche sulla malattia celiaca hanno portato a radicali cambiamenti nella storia naturale

Dettagli

Grosseto, 26 febbraio 2015 Allergie ed intolleranze alimentari 2 Le allergie alimentari interessano il 2 4% circa dell intera popolazione generale, con una incidenza maggiore nei bambini, dove raggiunge

Dettagli

farina serve ad indicare quella di grano semola

farina serve ad indicare quella di grano semola Cos è la farina? La farina è il prodotto ottenuto dalla macinazione di cereali o di altri prodotti (legumi, frutta a guscio, tuberi). Nell'uso comune quando non specificato il termine farina serve ad indicare

Dettagli

Vademecum Celiachia. a cura della Associazione Italiana Celiachia. E d i z i o n e 2 0 0 8

Vademecum Celiachia. a cura della Associazione Italiana Celiachia. E d i z i o n e 2 0 0 8 Supplemento n 2 a Celiachia Notizie Anno XXVII n. 66 - Marzo 2008 - Reg. n. 197 del 23/03/91 presso il Trib. di Milano - Tariffa R.O.C. (ex tab.b)- Poste Italiane s.p.a. Spedizione in Abbonamento Postale

Dettagli

LA DIETA NEL CELIACO il parere del nutrizionista

LA DIETA NEL CELIACO il parere del nutrizionista LA DIETA NEL CELIACO il parere del nutrizionista Dietista LORENZA BENNATI ASL 22 PP.OO Novi Ligure - Ovada STARE A DIETA ma non essere a dieta Dalla dieta come peso e limite A uno stile di vita (alimentare)

Dettagli

Strumenti e Tecniche di studio in patologia

Strumenti e Tecniche di studio in patologia Strumenti e Tecniche di studio in patologia Gli strumenti della patologia: Microscopia Biologia molecolare Indagini biochimiche Microscopia Ottica citopatologia ed istopatologia citochimica ed istochimica

Dettagli

La malattia celiaca. Fabio Meneghin. Clinica Pediatrica, Università degli Studi di Milano, AO Luigi Sacco. Milano, 21.05.2011. rel.

La malattia celiaca. Fabio Meneghin. Clinica Pediatrica, Università degli Studi di Milano, AO Luigi Sacco. Milano, 21.05.2011. rel. La malattia celiaca Fabio Meneghin Clinica Pediatrica, Università degli Studi di Milano, AO Luigi Sacco Milano, 21.05.2011 rel.1 2008/07/30 CELIAC DISEASE IN LONDON, YEAR 1938 Definizione La celiachia

Dettagli

ALLERGIE ED INTOLLERANZE ALIMENTARI: POTENZIALITÀ ANALITICHE ED EVOLUZIONE NORMATIVA

ALLERGIE ED INTOLLERANZE ALIMENTARI: POTENZIALITÀ ANALITICHE ED EVOLUZIONE NORMATIVA ALLERGIE ED INTOLLERANZE ALIMENTARI: POTENZIALITÀ ANALITICHE ED EVOLUZIONE NORMATIVA Ermanno Errani Responsabile Area Analitica Alimenti ARPA Emilia-Romagna Sezione Provinciale di Bologna REAZIONI AVVERSE

Dettagli

IL LABORATORIO IN GASTROENTEROLOGIA. www.fisiokinesiterapia.biz

IL LABORATORIO IN GASTROENTEROLOGIA. www.fisiokinesiterapia.biz IL LABORATORIO IN GASTROENTEROLOGIA www.fisiokinesiterapia.biz sangue feci espirato mucosa succo duodenale DIAGNOSTICA H. PYLORI Dosaggio Abs di classe IgG 13 C-Urea Breath Test Dosaggio Ag fecali Gastropanel

Dettagli

Malattia celiaca: presentazione di un caso clinico tipico e di un caso clinico atipico

Malattia celiaca: presentazione di un caso clinico tipico e di un caso clinico atipico Sezione ECM Malattia celiaca: presentazione di un caso clinico tipico e di un caso clinico atipico Antonio Carroccio, Lidia Di Prima, Alberto Notarbartolo (Ann Ital Med Int 2004; 19: 63-78) PRESENTAZIONE

Dettagli

INFEZIONE DA HIV ED AIDS WWW.SLIDETUBE.IT

INFEZIONE DA HIV ED AIDS WWW.SLIDETUBE.IT INFEZIONE DA HIV ED AIDS HIV 1 ed HIV 2 appartengono alla famiglia dei Retroviridae, genere lentovirus. L infezione da HIV provoca nell ospite una progressiva compromissione delle difese immunitarie, soprattutto

Dettagli

Prima parte. Prof. Leonardo Della Salda

Prima parte. Prof. Leonardo Della Salda Prima parte Prof. Leonardo Della Salda Modalità di difesa dell organismo Aspetti essenziali della risposta immunitaria Fattori che influenzano l antigenicità Antigeni Apteni Penicillina-albumina (ipersensibilità

Dettagli

Prospettive terapeutiche future: utopia o valida alternativa alla dieta

Prospettive terapeutiche future: utopia o valida alternativa alla dieta 3 Convegno Nazionale AIC Roma, 7 novembre 2014 Prospettive terapeutiche future: utopia o valida alternativa alla dieta Umberto Volta Dept of Medical and Surgical Sciences University of Bologna Board AIC

Dettagli

Cosa succede quando la celiachia È donna

Cosa succede quando la celiachia È donna Cosa succede quando la celiachia È donna Menopausa, osteoporosi, rischi legati alla gravidanza. La celiachia nei soggetti femminili si accompagna a una serie di problemi aggiuntivi. Un Gruppo Clinico formato

Dettagli

Cos è il farro? farro

Cos è il farro? farro La Storia Il farro è un antico grano le cui origini si possono far risalire a oltre 5000 anni fa in Medio Oriente vicino a quello che ora è l Iran. Coltivato diffusamente fino al principio del XX secolo

Dettagli

A tavola con la celiachia INTRODUZIONE

A tavola con la celiachia INTRODUZIONE INTRODUZIONE In questi ultimi anni il numero dei soggetti celiaci è notevolmente aumentato, secondo quanto riferisce l Associazione Italiana Celiachia l incidenza di questa intolleranza in Italia è stimata

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE n. 171/9^ di iniziativa del consigliere regionale giordano, recante:

PROPOSTA DI LEGGE n. 171/9^ di iniziativa del consigliere regionale giordano, recante: PROPOSTA DI LEGGE n. 171/9^ di iniziativa del consigliere regionale giordano, recante: interventi a favore dei soggetti celiaci Il Dirigente F.to antonio cortellaro Il Presidente f.to Nazzareno salerno

Dettagli

OSTEOPOROSI E CELIACHIA

OSTEOPOROSI E CELIACHIA CONGRESSO REGIONALE AIC Piemonte e Valle d Aosta Se la riconosci non fa più paura OSTEOPOROSI E CELIACHIA G.C. Isaia AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA S.GIOVANNI BATTISTA DI TORINO DIPARTIMENTO DI DISCIPLINE

Dettagli

Università degli Studi di Catania MORBO DI CROHN. U.O. di Chirurgia Laparoscopica A.O.U. Policlinico G.Rodolico - Catania Direttore: Prof. V.

Università degli Studi di Catania MORBO DI CROHN. U.O. di Chirurgia Laparoscopica A.O.U. Policlinico G.Rodolico - Catania Direttore: Prof. V. Università degli Studi di Catania MORBO DI CROHN U.O. di Chirurgia Laparoscopica A.O.U. Policlinico G.Rodolico - Catania Direttore: Prof. V. Minutolo Crohn nel 1932 definì ILEITE TERMINALE un affezione

Dettagli

Celiachia, dalla diagnosi alla dieta

Celiachia, dalla diagnosi alla dieta Celiachia, dalla diagnosi alla dieta 1 AZIENDA OSPEDALIERA DI VERONA Dott. Marco Cipolli, pediatra e gastroenterologo Dott. Paolo Fortunati, pediatra Sig.ra Rita Piccoli, dietista Dott. Enrico Valletta,

Dettagli

Allergie e intolleranze. Come puoi proteggerti.

Allergie e intolleranze. Come puoi proteggerti. 07 Periodico d informazione gratuito - N. 3 / 2013 di Inter-Med srl - C.so Vittorio Emanuele II, 45 33170 Pordenone - www.intermeditalia.com NEWS DAL MONDO DELL ALIMENTAZIONE Allergie e intolleranze. Come

Dettagli

Dal seme alla farina: metodi tradizionali e innovativi per la tracciabilità genetica dei cereali

Dal seme alla farina: metodi tradizionali e innovativi per la tracciabilità genetica dei cereali Dal seme alla farina: metodi tradizionali e innovativi per la tracciabilità genetica dei cereali Chiara Delogu Lorella Andreani SCS- Centro per la sperimentazione e certificazione delle sementi SEME Materiale

Dettagli

Le ricette del pane in collaborazione con Emile-Henry

Le ricette del pane in collaborazione con Emile-Henry Le ricette del pane in collaborazione con Emile-Henry IL PANE Fare il pane in casa è molto più che una moda salutista o di una scelta economica, significa riappropriarsi di capacità manuali e modalità

Dettagli

Allergie: I disturbi si manifestano rapidamente, subito dopo l'ingestione di un

Allergie: I disturbi si manifestano rapidamente, subito dopo l'ingestione di un INTOLLERANZE ALIMENTARI & PRESTAZIONE SPORTIVA In questo articolo vorrei ripresentare in maniera più approfondita un argomento alquanto dibattuto sia in campo medico (convenzionale e non) e sia in campo

Dettagli

Prevenzione delle malattie da infezione

Prevenzione delle malattie da infezione Prevenzione delle malattie da infezione Obiettivi della prevenzione allungare la vita; ridurre l'invalidità (disabilità) 3 livelli di prevenzione Primaria: pre-malattia; adozione di specifiche protezioni,

Dettagli

Introduzione...13 PARTE GENERALE...17

Introduzione...13 PARTE GENERALE...17 Indice Introduzione...13 PARTE GENERALE...17 Cap. 1 COMPOSIZIONE BIOCHIMICA DEGLI ALIMENTI VEGETALI 1.1 Definizione di alimento...18 1.2 Principi nutritivi...18 1.2.1 Inorganici...19 1.2.1.1 Ossigeno...19

Dettagli

Da una dieta di esclusione ad un pasto di qualità

Da una dieta di esclusione ad un pasto di qualità Da una dieta di esclusione ad un pasto di qualità Dr.ssa Simona De Stefano Direzione Generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Ufficio V Nutrizione - Ministero della Salute Roma,

Dettagli

Regione cerniera monomero regione cerniera

Regione cerniera monomero regione cerniera Regione cerniera Tutte le Ig, sia quelle secrete che quelle presenti sulla membrana plasmatica dei linfociti B, sono costituite da quattro catene proteiche, due pesanti (H, da heavy, in rosso nel disegno)

Dettagli

LA DIETA SENZA GLUTINE E UNA ALTERNATIVA POSSIBILE E GUSTOSA, NON UNA RINUNCIA.

LA DIETA SENZA GLUTINE E UNA ALTERNATIVA POSSIBILE E GUSTOSA, NON UNA RINUNCIA. La terapia della intolleranza al glutine consiste solo nella dieta che NON deve contenere alimenti preparati con le farine dei cereali tossici per il paziente celiaco: FRUMENTO, ORZO, SEGALE (e analoghi

Dettagli

IPOTIROIDISMO ACQUISITO: PERCORSO DIAGNOSTICO-ASSISTENZIALE

IPOTIROIDISMO ACQUISITO: PERCORSO DIAGNOSTICO-ASSISTENZIALE IPOTIROIDISMO ACQUISITO: PERCORSO DIAGNOSTICO-ASSISTENZIALE ASSISTENZIALE Dr.ssa Federica Gallarotti SC Pediatria ASO S. Croce e Carle IPOTIROIDISMO ACQUISITO PRIMITIVO Causato da insufficienza della ghiandola

Dettagli

Viaggio al centro della Biodiversità

Viaggio al centro della Biodiversità Liceo G.M. Colombini - Piacenza - indirizzo scientifico-tecnologico Biodiversità all interno di ogni specie e varietà dovute all azione dell uomo in ambito genetico Viaggio al centro della Biodiversità

Dettagli

Dossier GASTROENTEROLOGIA. Intolleranza genetica al glutine: la storia, la clinica, le novità.

Dossier GASTROENTEROLOGIA. Intolleranza genetica al glutine: la storia, la clinica, le novità. Dossier GASTROENTEROLOGIA Intolleranza genetica al glutine: la storia, la clinica, le novità. Irene Berti, Alessandro Ventura, *Giuseppe Maggiore Dipartimento Clinico di Scienza della Riproduzione e dello

Dettagli

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum);

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum); Farro Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Il farro, nome comune usato per tre differenti specie del genere Triticum, rappresenta il più antico tipo di frumento coltivato, utilizzata dall'uomo come nutrimento

Dettagli

PERCORSO PER LA DIAGNOSI ED IL FOLLOW-UP DELLA MALATTIA CELIACA

PERCORSO PER LA DIAGNOSI ED IL FOLLOW-UP DELLA MALATTIA CELIACA PERCORSO PER LA DIAGNOSI ED IL FOLLOW-UP DELLA MALATTIA CELIACA Umberto Volta Resp. Amb. Diagnosi e Studio complicanze Malattia Celiaca MI Bianchi Pd 11 Presidio della Rete Regionale delle Malattie Rare

Dettagli

Citotossicità mediata dai linfociti T CD8 + nell eziologia eziologia di patologie neurodegenerative. Manuele Ongari

Citotossicità mediata dai linfociti T CD8 + nell eziologia eziologia di patologie neurodegenerative. Manuele Ongari Citotossicità mediata dai linfociti T CD8 + nell eziologia eziologia di patologie neurodegenerative Manuele Ongari Esame di Immunologia Scuola di specializzazione in Biochimica clinica I LINFOCITI T CD8

Dettagli

Analisi di possibili cofattori coinvolti nell eziopatogenesi del sarcoma di Kaposi

Analisi di possibili cofattori coinvolti nell eziopatogenesi del sarcoma di Kaposi Consorzio 21 Edificio 2- Polaris Programma Master and Back Loc. Piscina Manna 09010 Pula Programma di Tirocinio Stage Analisi di possibili cofattori coinvolti nell eziopatogenesi del sarcoma di Kaposi

Dettagli

DIABETE MELLITO. Patologia cronica del metabolismo conseguente a disfunzione insulinica. Patologia multisistemica e multifattoriale

DIABETE MELLITO. Patologia cronica del metabolismo conseguente a disfunzione insulinica. Patologia multisistemica e multifattoriale DIABETE MELLITO Patologia cronica del metabolismo conseguente a disfunzione insulinica Patologia multisistemica e multifattoriale Parametri clinici: iperglicemia glicosuria - poliuria - polidipsia cheto-acidosi

Dettagli

La cfs ovvero : la sindrome da stanchezza cronica

La cfs ovvero : la sindrome da stanchezza cronica La cfs ovvero : la sindrome da stanchezza cronica Tutti noi abbiamo dei periodi di stanchezza, solitamente transitoria, dovuti a cause conosciute come per esempio lo stress o il superlavoro, questa stanchezza

Dettagli

EFFETTI IMMUNOLOGICI DI ORZO, SEGALE ED AVENA SULLA MUCOSA INTESTINALE DI SOGGETTI AFFETTI DA MALATTIA CELIACA: ATTIVAZIONE SPECIFICA IN VITRO

EFFETTI IMMUNOLOGICI DI ORZO, SEGALE ED AVENA SULLA MUCOSA INTESTINALE DI SOGGETTI AFFETTI DA MALATTIA CELIACA: ATTIVAZIONE SPECIFICA IN VITRO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA TUSCIA DI VITERBO DIPARTIMENTO DI AGROBIOLOGIA E AGROCHIMICA CORSO DI DOTTORATO DI RICERCA IN BIOTECNOLOGIE VEGETALI - XVIII CICLO TESI SPERIMENTALE: EFFETTI IMMUNOLOGICI DI

Dettagli