La normativa EMIR e l obbligodireporting. Dott. S. Lo Giudice Responsabile dell Ufficio Post-Trading

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La normativa EMIR e l obbligodireporting. Dott. S. Lo Giudice Responsabile dell Ufficio Post-Trading"

Transcript

1 La normativa EMIR e l obbligodireporting Dott. S. Lo Giudice Responsabile dell Ufficio Post-Trading Roma, 23 gennaio 2014

2 L impianto normativo di EMIR Il Regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio entrato in vigore il 16 agosto 2012 Gli standard tecnici adottati dalla Commissione europea come regolamenti delegati e di esecuzione Le Q&A della Commissione e dell ESMA Page 2

3 I principali contenuti di EMIR (1) Page 3

4 L ambito di applicazione oggettivo CCP Strumenti finanziari Reporting (Trade repositories) Obbligo di compensazione e tecnichedimitigazionedel rischio Derivati Derivati OTC Page 4

5 L ambito di applicazione soggettivo CCP Trade Repositories Controparti Finanziarie Imprese di investimento enti creditizi compagnie di assicurazione e riassicurazione OICVM Enti pensionistici Fondi di investimento alternativi Controparti Non Finanziarie Controparti Non Finanziarie Qualificate Third country entities Page 5

6 I principali contenuti di EMIR (2) Contropartifinanziariee non finanziarie qualificate Obbligo di compensazione Tecniche di mitigazione del rischio Obbligo di segnalazione Contropartinon finanziarienon qualificate Obbligo di segnalazione Alcune tecniche di mitigazione del rischio di tipo operativo CCP Requisiti di regolamentazione Trade repositories Requisiti di regolamentazione Page 6

7 Controparti non finanziarie Le imprese stabilite nell Unione diverse dalle Controparti Finanziarie e dalle CCP Cos è impresa? Attività di natura economica = Offerta di beni e servizi sul mercato Anche l imprenditore persona fisica! Anche le no profit entities! Page 7

8 Obbligo di reporting (1) Flusso di reporting Derivati compensati Derivati non compensati Parte A Parte B Clearing Member CCP Clearing Member Trade Repository registrata o riconosciuta dall ESMA Page 8

9 Le TR registrate dall ESMA ad oggi DTCC Derivatives Repository Ltd. (DDRL), United Kingdom Regis-TR S.A., Luxembourg UnaVista Ltd, United Kingdom Krajowy Depozyt Papierów Wartosciowych S.A. (KDPW), Poland CME European Trade Repository (CME ETR), United Kingdom ICE Trade Vault Europe Ltd Page 9

10 Entrata in vigore Tipologia di contratto Data di entrata in vigore Condizioni Derivati su credito e IRS Non prima del 1 luglio 2014 Tutte le altre categorie di derivati 90 giorni dopo la registrazione di un TR ai sensi di EMIR* Non prima del 1 gennaio 2014 Tutte le categorie di derivati In assenza di TR registrate ai sensi di EMIR, dal 1 luglio 2015 Adempimento da assolversi tramite invio delle segnalazioni all ESMA Page 10

11 Termini per la segnalazione Tipologia di contratto Status del contratto al 16 agosto 2012 Status del contratto al 12 febbraio 2014 Termine ultimo per la segnalazione Derivati conclusi a partire dalla data in vigore dell obbligo entro il giorno successivo Outstanding outstanding 90 giorni Derivati conclusifino al 15 agosto 2012 compreso Outstanding non più outstanding Tre anni Derivati conclusi il 16 agosto 2012 o successivamente Outstanding 90 giorni? non più outstanding Tre anni Page 11

12 Proroga entrata in vigore Cfr. Regolamento di esecuzione n. 1247/2012, art. 5, comma 5 TR Q&A3 (b) Page 12

13 Delega adempimento A B A delega B A delega un soggetto terzo A e B delegano lo stesso soggetto terzo A e B delegano due soggetti terzi diversi Page 13

14 Chi è la controparte? Generalmente il fondo, a meno che il gestore non concluda il contratto in nome e per conto proprio (in tal caso l identificativo sarà quello del gestore) il cliente Page 14

15 Obbligo di reporting (2) A B A = EU counterparty soggetta ad EMIR B = Non-EU counterparty o EU counterparty non soggetta ad EMIR A è soggetta all obbligo di reporting A deve dare conto anche dell identità della sua controparte EMIR, articolo 9, comma 5 ESMA Q&A, Part IV: reporting to TRs Transactions scenarios Page 15

16 Scenari mondo ETD (1) Page 16

17 Scenari mondo ETD (2) Give-up Page 17

Maria Antonietta Scopelliti. Roma, 12 maggio 2014

Maria Antonietta Scopelliti. Roma, 12 maggio 2014 Maria Antonietta Scopelliti Divisione Mercati Roma, 12 maggio 2014 I mercati 1. Trading venue 2. Vigilanza ai sensi del Regolamento EMIR 3. Abusidimercato Roma, 12 maggio 2014 2 I mercati 1. Trading venue

Dettagli

TECNICHE DI RISK MITIGATION SOTTO L EMIR, IRISVOLTILEGALI: FRAMEWORK GENERALE E CONSIGLI PRATICI

TECNICHE DI RISK MITIGATION SOTTO L EMIR, IRISVOLTILEGALI: FRAMEWORK GENERALE E CONSIGLI PRATICI 15 Settembre 2014 TECNICHE DI RISK MITIGATION SOTTO L EMIR, IRISVOLTILEGALI: FRAMEWORK GENERALE E CONSIGLI PRATICI Avv. CARMINE ONCIA Milano Roma Bruxelles SOMMARIO EMIR AMBITO APPLICATIVO TECNICHE DI

Dettagli

Transaction Reporting Service: EMIR

Transaction Reporting Service: EMIR Transaction Reporting Service: EMIR Manuale del Servizio Gennaio 2014 Versione 1.0 Contents Indice 1.0 Storia delle revisioni 4 2.0 Introduzione 4 2.1 Scopo 5 2.2 Riferimenti 5 3.0 Trade Reporting nella

Dettagli

Il cantiere europeo della previdenza complementare

Il cantiere europeo della previdenza complementare Il cantiere europeo della previdenza complementare Antonello Motroni Roma, 20 novembre 2014 Agenda Ue Long term financing investments (LTFI) - Revisione direttiva Iorp Proposta di regolamento su indici

Dettagli

I regolamenti europei EMIR e REMIT

I regolamenti europei EMIR e REMIT I regolamenti europei EMIR e REMIT Implementazione pratica per un azienda NFC- Sommario I. L EMIR ed i suoi obblighi II. REMIT e i suoi obblighi III. EMIR: l implementazione pratica in azienda Che cos

Dettagli

del 24 ottobre 2014 2) EMIR: aggiornate le Q&A dell ESMA

del 24 ottobre 2014 2) EMIR: aggiornate le Q&A dell ESMA AGGIORNAMENTO NORMATIVO N. 38/2014 del 24 ottobre 2014 1) Direttiva Prospetto: aggiornate le Q&A dell ESMA 2) EMIR: aggiornate le Q&A dell ESMA 3) Commissione europea: nuove norme di dettaglio sui contributi

Dettagli

Aprile 2014. 2003/41/CE e 2009/65/CE e i Regolamenti (CE) n. 1060/2009 e (UE) n. 1095/2010.

Aprile 2014. 2003/41/CE e 2009/65/CE e i Regolamenti (CE) n. 1060/2009 e (UE) n. 1095/2010. Aprile 2014 Recepimento della AIFMD in Italia e spunti EMIR Laura Francazi, Allen & Overy Il decreto legislativo 1 che recepisce in Italia le disposizioni della direttiva europea sui gestori di fondi di

Dettagli

Settembre 2015. MiFID II. I servizi di comunicazione dati: APA, ARM e CTP

Settembre 2015. MiFID II. I servizi di comunicazione dati: APA, ARM e CTP Settembre 2015 MiFID II. I servizi di comunicazione dati: APA, ARM e CTP Francesca Scacchi e Giuseppe Zaghini, Vigilanza su mercati e Servizi di Investimento, Federcasse La Direttiva 2014/65/UE (di seguito

Dettagli

ANALISI REGOLAMENTI DERIVATI OTC, TRADE REPOSITORY E CCP

ANALISI REGOLAMENTI DERIVATI OTC, TRADE REPOSITORY E CCP ANALISI REGOLAMENTI DERIVATI OTC, TRADE REPOSITORY E CCP A seguire, suddiviso per numero regolamento, l analisi di sintesi dei regolamenti pubblicati sulla gazzetta ufficiale dell Unione Europea. Regolamento

Dettagli

News Ambientale n. 13

News Ambientale n. 13 Studio Legale Perrelli & Associés member of News Ambientale n. 13 La Legge di stabilità italiana 2015 e l applicabilità del reverse charge allo scambio di quote di emissione di gas ad effetto serra, comparazioni

Dettagli

AGGIORNAMENTO NORMATIVO N. 19/2014

AGGIORNAMENTO NORMATIVO N. 19/2014 AGGIORNAMENTO NORMATIVO N. 19/2014 del 23 maggio 2014 1) Poteri dell EIOPA e dell ESMA: pubblicata in Gazzetta Ufficiale dell Unione Europa la Direttiva 2014/51/UE 2) CRR e CRD IV: pubblicate in Gazzetta

Dettagli

Commissione per l'industria, la ricerca e l'energia

Commissione per l'industria, la ricerca e l'energia PARLAMENTO EUROPEO 2009-2014 Commissione per l'industria, la ricerca e l'energia 2011/0296(COD) 4.5.2012 EMENDAMENTI 1-9 Progetto di parere Holger Krahmer (PE486.103v01-00) del Parlamento europeo e del

Dettagli

La posizione dell Italia nel processo di revisione della MiFID

La posizione dell Italia nel processo di revisione della MiFID La posizione dell Italia nel processo di revisione della MiFID Milano, 20 marzo 2013 Avv. Roberto Ciciani La relazione è svolta a titolo personale e non impegna l Amministrazione di appartenenza Il processo

Dettagli

Transazioni in derivati OTC Obblighi di clearing e di trading Derivati su merci Requisiti di trasparenza

Transazioni in derivati OTC Obblighi di clearing e di trading Derivati su merci Requisiti di trasparenza Transazioni in derivati OTC Obblighi di clearing e di trading Derivati su merci Requisiti di trasparenza Martina Tambucci Consob, Divisione Mercati Le opinioni espresse sono a titolo personale e non impegnano

Dettagli

Legislazione bancaria e finanziaria 7 aprile 2014. Francesca Mattassoglio

Legislazione bancaria e finanziaria 7 aprile 2014. Francesca Mattassoglio Legislazione bancaria e finanziaria 7 aprile 2014 Francesca Mattassoglio La crisi economico finanziaria La crisi bancaria del 2007 - il contesto socio economico in cui matura; - la scintilla mutui americani

Dettagli

Uno sguardo al Post- Trading

Uno sguardo al Post- Trading Uno sguardo al Post- Trading Salvatore Lo Giudice Responsabile dell Ufficio Post- Trading Post- trading & T2S Forum 2015 11 Novembre 2015 Indice CSDR ü I contenuti ü Stato dell arte ed entrata in vigore

Dettagli

Workshop sulle Misure di Livello 2

Workshop sulle Misure di Livello 2 Workshop sulle Misure di Livello 2 della MiFID II/MiFIR La disciplina dei Mercati Martina Mosco Ufficio Vigilanza Infrastrutture di Mercato CONSOB 14 luglio 2014 * Le presenti slide rappresentano una sintesi

Dettagli

NEWSLETTER GENNAIO 2014 SOMMARIO

NEWSLETTER GENNAIO 2014 SOMMARIO NEWSLETTER GENNAIO 2014 SOMMARIO 1. NORMATIVA, REGOLAMENTI ED INTERPRETAZIONI 1.1. Unione Europea - Direttiva 2013/58/UE 1.2. ESAs (European Supervisory Authorities) - Joint position of the European Supervisory

Dettagli

BANCA CENTRALE EUROPEA

BANCA CENTRALE EUROPEA 19.6.2012 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 175/11 III (Atti preparatori) BANCA CENTRALE EUROPEA PARERE DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA del 25 aprile 2012 in merito alla proposta di regolamento del

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 4/2016

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 4/2016 DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 4/2016 SCHEMA DI REGOLAMENTO IVASS N. DEL CONCERNENTE LE INFORMAZIONI QUANTITATIVE PERIODICHE DA TRASMETTERE ALL IVASS AI FINI DI STABILITÀ FINANZIARIA E DI VIGILANZA MACROPRUDENZIALE

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI CLIENTI

CLASSIFICAZIONE DEI CLIENTI CLASSIFICAZIONE DEI CLIENTI A seguito dell'attuazione della direttiva relativa ai mercati degli strumenti finanziari (MiFID) nell'unione Europea e in accordo con i servizi e attività di investimento e

Dettagli

SwapClear si impegna a offrire ai suoi clienti la gamma più completa di opzioni di protezione.

SwapClear si impegna a offrire ai suoi clienti la gamma più completa di opzioni di protezione. EMIR (European Market Infrastructure Regulation) La normativa che disciplina il mercato dei derivati OTC in tutti gli stati membri della UE, per limitare i rischi emersi durante la crisi finanziaria. EMIR

Dettagli

FONDO PENSIONE NAZIONALE PER IL PERSONALE DELLE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI ED ARTIGIANE

FONDO PENSIONE NAZIONALE PER IL PERSONALE DELLE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI ED ARTIGIANE FONDO PENSIONE NAZIONALE PER IL PERSONALE DELLE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI ED ARTIGIANE Iscritto al n 1386 dell Albo dei Fondi Pensione SOLLECITAZIONE PUBBLICA DI OFFERTA PER LA GESTIONE

Dettagli

Presentazione Trade. Repositories & CME Group. Ottobre 2013

Presentazione Trade. Repositories & CME Group. Ottobre 2013 Presentazione Trade Repositories & CME Group Ottobre 2013 Chi siamo CME Group è la principale borsa mondiale di futures e offre la più vasta gamma di strumenti derivati. Aziende, istituzioni e singoli

Dettagli

Modalità operative di trasmissione degli ordini

Modalità operative di trasmissione degli ordini Modalità operative di trasmissione degli ordini 18/06/2012 INDICE 1. PREMESSA 3 1.1 Scopo 4 1.2 Riferimenti Normativi 4 1.3 Definizioni 4 2. QUALITÀ DELL ESECUZIONE 6 3. FATTORI DI ESECUZIONE 7 3.1 Eccezioni

Dettagli

AGGIORNAMENTO NORMATIVO N. 30/2014. del 29 agosto 2014

AGGIORNAMENTO NORMATIVO N. 30/2014. del 29 agosto 2014 AGGIORNAMENTO NORMATIVO N. 30/2014 del 29 agosto 2014 1) OICVM: pubblicata nella Gazzetta Ufficiale dell Unione Europea la Direttiva 2014/91/UE di modifica della Direttiva 2009/65/CE 2) CRD IV: pubblicato

Dettagli

D.M. 166/2014 MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE. Visto il decreto 10 maggio 2007 n. 62, adottato dal Ministero dell economia e delle finanze

D.M. 166/2014 MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE. Visto il decreto 10 maggio 2007 n. 62, adottato dal Ministero dell economia e delle finanze MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 2 settembre 2014, n. 166 (G.U. 13 novembre 2014, n.264) Regolamento di attuazione dell articolo 6, comma 5-bis del decreto legislativo 5 dicembre 2005, n.

Dettagli

Gli impatti della MiFID II nell Asset Management: una prospettiva

Gli impatti della MiFID II nell Asset Management: una prospettiva Financial Services Gli impatti della MiFID II nell Asset Management: una prospettiva Crisi Finanziaria/ Impegni del G20 Impatti della tecnologia Integrazioni Comunitarie Nuovo schema di vigilanza EU www.pwc.com/it

Dettagli

REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 1247/2012 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 1247/2012 DELLA COMMISSIONE L 352/20 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 21.12.2012 REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 1247/2012 DELLA COMMISSIONE del 19 dicembre 2012 che stabilisce norme tecniche di attuazione per quanto riguarda

Dettagli

NEWSLETTER n. 40 novembre 2015 SOMMARIO

NEWSLETTER n. 40 novembre 2015 SOMMARIO NEWSLETTER n. 40 novembre 2015 SOMMARIO 1. NOVITÀ NORMATIVE... 3 1.1. BANCA D'ITALIA - Requisito di Copertura della Liquidità e Indice di Leva Finanziaria... 3 1.2. CONSOB Comunicazione sulla prestazione

Dettagli

Provvedimenti di carattere generale delle autorità creditizie Sezione II - Banca d'italia

Provvedimenti di carattere generale delle autorità creditizie Sezione II - Banca d'italia Comunicazione del 25 marzo 2015. Recepimento della direttiva 2011/61/UE (AIFMD). Modifiche alla disciplina in materia di risparmio gestito. Adempimenti per le SGR che intendono essere iscritte all'albo

Dettagli

POTERE SANZIONATORIO DELLA BCE: PUBBLICATO NELLA GAZZETTA UFFICIALE VIGILANZA BANCARIA E RISCHIO DI CREDITO: IL COMITATO DI BASILEA AVVIA UNA

POTERE SANZIONATORIO DELLA BCE: PUBBLICATO NELLA GAZZETTA UFFICIALE VIGILANZA BANCARIA E RISCHIO DI CREDITO: IL COMITATO DI BASILEA AVVIA UNA POTERE SANZIONATORIO DELLA BCE: PUBBLICATO NELLA GAZZETTA UFFICIALE DELL UNIONE EUROPEA IL REGOLAMENTO 0/9 VIGILANZA BANCARIA E RISCHIO DI CREDITO: IL COMITATO DI BASILEA AVVIA UNA CONSULTAZIONE SULLA

Dettagli

% PRESENZE % ASSENZE IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO DOTT. DI ASCENZI TULLIO

% PRESENZE % ASSENZE IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO DOTT. DI ASCENZI TULLIO ADEMPIMENTI LEGGE 18 GIUGNO 29, N. 69 ANNO 211 MESE DI GENNAIO n^ Dipendenti AREE PRESENZE ASSENZE 81,25 18,75 87,5 12,5 2 ECONOMICO-FINANZIARIA 77,27 22,23 media mensile di PRESENZA 82,14 17,86 12,86

Dettagli

Workshop sulle Misure di Livello

Workshop sulle Misure di Livello Workshop sulle Misure di Livello 2 della MiFID II/MiFIR La disciplina dei Mercati: Internalizzatori Sistematici Isadora Tarola Responsabile dell Ufficio Vigilanza Infrastrutture di Mercato CONSOB 22 luglio

Dettagli

Master Regolazione dell attività e dei mercati finanziari. Operativitàin derivati. Marialaura Napoli

Master Regolazione dell attività e dei mercati finanziari. Operativitàin derivati. Marialaura Napoli Master Regolazione dell attività e dei mercati finanziari Operativitàin derivati Marialaura Napoli 2 Agenda I contratti derivati nell attuale quadro normativo Novità introdotte dalla Dir. 2004/39 Le sedi

Dettagli

Art. 5. Atti pregiudizievoli dell integrità dei Mercati (Artt. 11.4 Reg.)

Art. 5. Atti pregiudizievoli dell integrità dei Mercati (Artt. 11.4 Reg.) MTS ISTRUZIONI AL REGOLAMENTO DEL MERCATO DELLEOBBLIGAZIONI NON GOVERNATIVE E DEI TITOLI EMESSI DA ORGANISMI INTERNAZIONALI PARTECIPATI DA STATI Art.1. Definizioni (Art. 1 Reg.) 1. Le definizioni di cui

Dettagli

DTCC GTR OTC Lite Guida per l utente

DTCC GTR OTC Lite Guida per l utente GTR l utente DTCC GTR OTC Lite Guida per l utente Febbraio 2014 L autorità europea degli strumenti finanziari e dei mercati (ESMA) non ha approvato o sanzionato le informazioni contenute in questo documento.

Dettagli

U n o r d i n e s u m i s u r a p e r o g n i t a g l i a. Le funzionalità Cross Order e Block Trade Facilities sui mercati cash

U n o r d i n e s u m i s u r a p e r o g n i t a g l i a. Le funzionalità Cross Order e Block Trade Facilities sui mercati cash U n o r d i n e s u m i s u r a p e r o g n i t a g l i a Le funzionalità Cross Order e Block Trade Facilities sui mercati cash Introduzione I Cross Order e i Block Trade Facilities (BTF) sono due nuove

Dettagli

Orientamenti per le autorità competenti e le società di gestione di OICVM

Orientamenti per le autorità competenti e le società di gestione di OICVM Orientamenti per le autorità competenti e le società di gestione di OICVM Orientamenti su questioni relative agli ETF e ad altri OICVM 01.08.2014 ESMA/2014/937IT Data: 01.08.2014 ESMA/2014/937IT Indice

Dettagli

Un ordine su misura per ogni taglia

Un ordine su misura per ogni taglia Un ordine su misura per ogni taglia Le funzionalità Cross Order e Block Trade Facilities sui mercati cash Cross Order e BTF Introduzione I Cross Order e la Block Trade Facilities (BTF) sono due nuove tipologie

Dettagli

GENNAIO 2015 Utenze Non Domestiche

GENNAIO 2015 Utenze Non Domestiche G V S D L M M G V S D L M M G V S D L M M G V S D L M M G V S GENNAIO 2015 D L M M G V S D L M M G V S D L M M G V S D L M M G V S 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27

Dettagli

NEWSLETTER n. 27 MARZO 2015 SOMMARIO

NEWSLETTER n. 27 MARZO 2015 SOMMARIO NEWSLETTER n. 27 MARZO 2015 SOMMARIO 1. NOVITÀ NORMATIVE... 3 1.1. BANCA DI ITALIA - ultimo aggiornamento alla Circolare n. 154 in materia di segnalazioni di vigilanza... 3 1.2. BANCA DI ITALIA - Operazioni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di MONGRANDO

ISTITUTO COMPRENSIVO di MONGRANDO Assenze NOVEMBRE 2013 101 202 assenza 8,00% presenza 92,00% 25 100 assenza 16,00% presenza 84,00% Assenze OTTOBRE 2013 101 162 assenza 5,94% presenza 94,06% 25 106 assenza 15,70% presenza 84,30% Assenze

Dettagli

CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA EVARISTO FELICE DALL ABACO NOVEMBRE 2013

CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA EVARISTO FELICE DALL ABACO NOVEMBRE 2013 NOVEMBRE 2013 di assenza 22 25 550 32 13 34 10 89 9 648 36 // // // 36 DICEMBRE 2013 di assenza 22 20 440 // 99 11 3 113 6 432 24 // // 6 30 GENNAIO 2014 22 25 550 12 54 24 19 109 7 504 3 // 2 1 6 FEBBRAIO

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E DI MAGGIOR PRESENZA DEL PERSONALE DELL ENTE PARCO REGIONALE MIGLIARINO, SAN ROSSORE, MASSACIUCCOLI

TASSI DI ASSENZA E DI MAGGIOR PRESENZA DEL PERSONALE DELL ENTE PARCO REGIONALE MIGLIARINO, SAN ROSSORE, MASSACIUCCOLI periodo : mese di GENNAIO 2014 50 1099 170 929 15,47 84,53 periodo : mese di FEBBRAIO 2014 50 1029 91 938 8,84 91,16 periodo : mese di MARZO 2014 50 1075 92 983 8,56 91,44 periodo : mese di APRILE 2014

Dettagli

intermediari Discussion

intermediari Discussion CONSOB Presentazione della Relazione per il 2013 Roma, 12 maggio 2014 La vigilanza sui mercati e sugli intermediari Discussion Giovanni Petrella Università Cattolica, Milano giovanni.petrella@unicatt.it

Dettagli

Obblighi futuri di reportistica secondo il regolamento REMIT

Obblighi futuri di reportistica secondo il regolamento REMIT EMIR e REMIT: giornata di studio EFET sulla regolamentazione finanziaria dei mercati energetici Obblighi futuri di reportistica secondo il regolamento REMIT Biagio De Filpo Direzione Mercati Autorità per

Dettagli

Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse

Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse Milano 12 marzo Fondazione Ambrosianeum Via delle Ore 3 Un Azienda ha la necessità di finanziare la sua attività caratteristica per un importo

Dettagli

comunica e dichiara quanto segue

comunica e dichiara quanto segue Stampare su carta intestata dell Operatore. Compilare gli spazi vuoti e barrare le caselle interessate; apporre la firma del Rappresentante Legale o del Rappresentante Contrattuale ed inviare in originale

Dettagli

Assenze dei dipendenti comunali (art. 21 Legge n. 69/2009) del mese di Gennaio 2011

Assenze dei dipendenti comunali (art. 21 Legge n. 69/2009) del mese di Gennaio 2011 del mese di Gennaio 2011 area unica 684 136 548 19,88% 80,12% 32 del mese di Febbraio 2011 area unica 684 97 587 14,18% 85,82% 32 del mese di Marzo 2011 area unica 768 95 673 12,37% 87,63% 32 del mese

Dettagli

LIVELLI DI PROTEZIONE E COSTI ASSOCIATI AI VARI LIVELLI DI

LIVELLI DI PROTEZIONE E COSTI ASSOCIATI AI VARI LIVELLI DI LIVELLI DI PROTEZIONE E COSTI ASSOCIATI AI VARI LIVELLI DI SEGREGAZIONE (DOCUMENTO REDATTO AI SENSI DELL ARTICOLO 39, COMMA 7, DEL REGOLAMENTO UE N. 648/2012) EQUITA - SOCIETÀ DI INTERMEDIAZIONE MOBILIARE

Dettagli

Orientamenti per le autorità competenti e le società di gestione di OICVM

Orientamenti per le autorità competenti e le società di gestione di OICVM Orientamenti per le autorità competenti e le società di gestione di OICVM Orientamenti su questioni relative agli ETF e ad altri OICVM 18.12.2012 ESMA/2012/832IT Data: 18.12.2012 ESMA/2012/832IT Indice

Dettagli

del 4 luglio 2014 4) AIFMD: aggiornate le Q&A dell ESMA

del 4 luglio 2014 4) AIFMD: aggiornate le Q&A dell ESMA AGGIORNAMENTO NORMATIVO N. 25/2014 del 4 luglio 2014 1) Nuovo procedimento di sequestro conservativo sui conti bancari: pubblicato nella Gazzetta Ufficiale dell Unione Europea il Regolamento UE n. 665/2014

Dettagli

SAFE BAG S.P.A. PROCEDURA PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

SAFE BAG S.P.A. PROCEDURA PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE SAFE BAG S.P.A. PROCEDURA PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Articolo 1 Premessa La presente procedura (la Procedura ) è stata approvata dal Consiglio di Amministrazione di Safe Bag S.p.A. ( la Società

Dettagli

NOVITA IN TEMA DI IVA E DI CRITERI DI TERRITORIALITA

NOVITA IN TEMA DI IVA E DI CRITERI DI TERRITORIALITA ADC ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI SINDACATO NAZIONALE UNITARIO SEZIONE DI ROMA NOVITA IN TEMA DI IVA E DI CRITERI DI TERRITORIALITA Roma, 11 febbraio 2010 Le nuove regole

Dettagli

Orientamenti. sulla serie di scenari da utilizzare nei piani di risanamento ABE/GL/2014/06. 18 luglio 2014

Orientamenti. sulla serie di scenari da utilizzare nei piani di risanamento ABE/GL/2014/06. 18 luglio 2014 ABE/GL/2014/06 18 luglio 2014 Orientamenti sulla serie di scenari da utilizzare nei piani di risanamento 1 Orientamenti ABE sulla serie di scenari da utilizzare nei piani di risanamento Status giuridico

Dettagli

DECISIONI ASSUNTE DAL CONSIGLIO DIRETTIVO DELLA BCE (IN AGGIUNTA

DECISIONI ASSUNTE DAL CONSIGLIO DIRETTIVO DELLA BCE (IN AGGIUNTA 18 aprile 2012 DECISIONI ASSUNTE DAL CONSIGLIO DIRETTIVO DELLA BCE (IN AGGIUNTA A QUELLE CHE FISSANO I TASSI DI INTERESSE) Aprile 2012 Operazioni di mercato Requisito informativo riguardante le modifiche

Dettagli

Rimborsi IVA: il nuovo art. 38-bis, D.P.R. 633/1972

Rimborsi IVA: il nuovo art. 38-bis, D.P.R. 633/1972 Sandra Migliaccio (Agenzia delle Entrate - DR Piemonte Ufficio Fiscalità Generale) Rimborsi IVA: il nuovo art. 38-bis, D.P.R. 633/1972 1 L utilizzo del credito IVA Compensazione verticale Rimborso del

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

Vigente al: 5-6-2015 IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Vigente al: 5-6-2015 IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO LEGISLATIVO 7 maggio 2015, n. 66 Norme per l'attuazione della direttiva 2013/14/UE, che modifica le direttive 2003/41/CE, 2009/65/CE e 2011/61/UE, e per l'adeguamento alle disposizioni del regolamento

Dettagli

POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA 1. Obiettivo del Documento... 2 2. Criteri per la classificazione della clientela... 2 2.1 Controparti qualificate... 2 2.2. Clientela professionale... 3 2.3

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA

IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 43436/2014 Approvazione del modello IVA TR per la richiesta di rimborso o per l utilizzo in compensazione del credito IVA trimestrale, delle relative istruzioni e delle specifiche tecniche per la

Dettagli

Ordinanza FINMA sull infrastruttura del mercato finanziario

Ordinanza FINMA sull infrastruttura del mercato finanziario 20 agosto 2015 Ordinanza FINMA sull infrastruttura del mercato finanziario Rapporto esplicativo Laupenstrasse 27, 3003 Bern Tel. +41 (0)31 327 91 00, Fax +41 (0)31 327 91 01 www.finma.ch / Sommario Punti

Dettagli

La Direttiva Mifid. Principali novità e procedure di adeguamento. Avv. Fabio Civale Milano, 17 aprile 2007

La Direttiva Mifid. Principali novità e procedure di adeguamento. Avv. Fabio Civale Milano, 17 aprile 2007 La Direttiva Mifid Principali novità e procedure di adeguamento Milano, 17 aprile 2007 1 Linea dell intervento A. La Direttiva MIFID B. Regole di condotta e categorie di clientela C. Valutazione di adeguatezza

Dettagli

LA RISPOSTA DELLA REGOLAMENTAZIONE FINANZIARIA: LE CENTRAL COUNTERPARTIES (CCP)

LA RISPOSTA DELLA REGOLAMENTAZIONE FINANZIARIA: LE CENTRAL COUNTERPARTIES (CCP) Dipartimento di IMPRESA E MANAGEMENT Cattedra FINANZA AZIENDALE AVANZATA LA RISPOSTA DELLA REGOLAMENTAZIONE FINANZIARIA: LE CENTRAL COUNTERPARTIES (CCP) RELATORE Prof. Ernesto Monti CANDIDATO Gabriele

Dettagli

Post Trade event London Stock Exchange Group

Post Trade event London Stock Exchange Group Post Trade event Agenda - L offerta di Monte Titoli e T2S - I progetti di CC&G: EMIR e CCP su ICSDs - UnaVista Trade Repository service London Stock Exchange Group 24 giugno 2013 Page 2 L offerta di Monte

Dettagli

OGGETTO: F24 Elide dal 1 gennaio 2015

OGGETTO: F24 Elide dal 1 gennaio 2015 Informativa per la clientela di studio Informativa per la clientela di studio OGGETTO: F24 Elide dal 1 gennaio 2015 Gentile Cliente, intendiamo metterla a conoscenza che, dal 1 gennaio 2015, l imposta

Dettagli

AIFMD NOVITÀ INTRODOTTE CON I DECRETI ATTUATIVI: AMBITI DI APPLICAZIONE E PROFILI DI GOVERNANCE

AIFMD NOVITÀ INTRODOTTE CON I DECRETI ATTUATIVI: AMBITI DI APPLICAZIONE E PROFILI DI GOVERNANCE AIFMD NOVITÀ INTRODOTTE CON I DECRETI ATTUATIVI: AMBITI DI APPLICAZIONE E PROFILI DI GOVERNANCE Partner di: Private Equity LAB Associato a: Shadow Banking e AIFMD G20 Pittsburgh 2009 Rivedere l intero

Dettagli

ARIANNA IMMACOLATO IMPATTO DELL IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE DIRETTORE SETTORE FISCALE ASSOGESTIONI MILANO, 31 OTTOBRE 2013

ARIANNA IMMACOLATO IMPATTO DELL IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE DIRETTORE SETTORE FISCALE ASSOGESTIONI MILANO, 31 OTTOBRE 2013 IMPATTO DELL IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE ITALIANA ED EUROPEA SULL INDUSTRIA ITALIANA DEL RISPARMIO GESTITO ARIANNA IMMACOLATO DIRETTORE SETTORE FISCALE ASSOGESTIONI MILANO, 31 OTTOBRE 2013 1

Dettagli

Osservazioni relative alle proposte di modifica del TUF

Osservazioni relative alle proposte di modifica del TUF Risposta ABI alla consultazione del Dipartimento del Tesoro sullo schema di decreto legislativo recante attuazione della direttiva 2009/65/CE, concernente il coordinamento delle disposizioni legislative,

Dettagli

Il Ministro dell Economia e delle Finanze

Il Ministro dell Economia e delle Finanze Il Ministro dell Economia e delle Finanze Vista la legge 24 dicembre 2012, n. 228 recante disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (Legge di stabilità 2013); Visto,

Dettagli

L active management - spinte regolamentari e opportunità di business. ABI -24 giugno 2015

L active management - spinte regolamentari e opportunità di business. ABI -24 giugno 2015 L active management - spinte regolamentari e opportunità di business ABI -24 giugno 2015 Agenda Introduzione Active management I principali Impatti Active management Le innovazioni Active management Un

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 23/2015

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 23/2015 DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 23/2015 EMANAZIONE DEL REGOLAMENTO IVASS N. XX DEL XX/XX/XXXX CONCERNENTE L APPLICAZIONE DEL METODO LOOK-THROUGH AI FINI DELLA DETERMINAZIONE DEL REQUISITO PATRIMONIALE DI

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

PR. SCADENZA ADEMPIMENTO NOTE COMMISSIONE PROCEDURE ADEMPIMENTI FISCALI INIZIALI DEL CURATORE

PR. SCADENZA ADEMPIMENTO NOTE COMMISSIONE PROCEDURE ADEMPIMENTI FISCALI INIZIALI DEL CURATORE ADEMPIMENTI FISCALI INIZIALI DEL CURATORE 1 Entro 30 gg. dalla Comunicare all Agenzia delle Entrate la dichiarazione di fallimento sentenza di con modello di variazione dati (art. 35 Dpr 633/72). fallimento

Dettagli

La nuova direttiva sui servizi di investimento 2004/39/CE (MiFID)

La nuova direttiva sui servizi di investimento 2004/39/CE (MiFID) La nuova direttiva sui servizi di investimento 2004/39/CE (MiFID) (e relative norme di 2 livello: Direttiva 2006/73/CE e Regolamento 1287/2006) Regulation & Post Trading Division Fabrizio Plateroti Elena

Dettagli

sa CC&G : Cassa di Compensazione e Garanzia S.p.A. Regolamento approvato dalla Banca d'italia, d intesa con la Consob il 28 agosto 2013

sa CC&G : Cassa di Compensazione e Garanzia S.p.A. Regolamento approvato dalla Banca d'italia, d intesa con la Consob il 28 agosto 2013 sa CC&G : Cassa di Compensazione e Garanzia S.p.A. Regolamento approvato dalla Banca d'italia, d intesa con la Consob il 28 agosto 2013 in vigore dal 28 ottobre 2013 Indice SEZIONE A DISPOSIZIONI GENERALI...

Dettagli

IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI

IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Schema di regolamento ministeriale di attuazione dell articolo 6, comma 5-bis, del decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252, recante norme sui criteri e i limiti di investimento delle risorse dei fondi

Dettagli

ISSN: 2279 9737 Rivista di Diritto Bancario La nuova Cross-Border Regulation of Swaps/Derivatives : il documento CFTC dell 11 luglio 2013

ISSN: 2279 9737 Rivista di Diritto Bancario La nuova Cross-Border Regulation of Swaps/Derivatives : il documento CFTC dell 11 luglio 2013 ISSN: 2279 9737 Rivista di Diritto Bancario Agosto 2013 La nuova Cross-Border Regulation of Swaps/Derivatives : il documento CFTC dell 11 luglio 2013 Alessandro Simionato 1. Premessa. La Commodity Futures

Dettagli

Monte Titoli. Procedura di gestione delle insolvenze. Descrizione della procedura

Monte Titoli. Procedura di gestione delle insolvenze. Descrizione della procedura Monte Titoli Procedura di gestione delle insolvenze Descrizione della procedura Versione 1.0 9 aprile 2013 PREMESSA L obiettivo del documento è quello di descrivere la procedura di gestione dell insolvenza

Dettagli

3. Regime fiscale dei partecipanti... 15

3. Regime fiscale dei partecipanti... 15 Circolare n. 33/E Direzione Centrale Normativa Roma, 15 luglio 2011 OGGETTO: Articolo 2, commi da 62 a 79, del decreto-legge del 29 dicembre 2010, n. 225, convertito, con modificazioni, dalla legge 26

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

POLICY SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

POLICY SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA POLICY SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA Delibera del Consiglio di Amministrazione del 19 Febbraio 2016 Premessa In conformità alle disposizioni di cui all Allegato 3 del Regolamento Intermediari CONSOB

Dettagli

MODULO DI CANDIDATURA

MODULO DI CANDIDATURA MODULO DI CANDIDATURA Gentile Signora/Egregio Signore, troverà in allegato la candidatura di [nome del fornitore di servizi] in risposta all invito a manifestare interesse relativo ai fornitori di dati

Dettagli

ULTIME NOVITÀ FISCALI

ULTIME NOVITÀ FISCALI Circolare nr.03/2015 Ai sig.ri Clienti E loro sedi ULTIME NOVITÀ FISCALI Diritto CCIAA 2015 Decreto Ministero Sviluppo economico 8.1.2015 Tremonti-quater Circolare Agenzia Entrate 19.2.2015, n. 5/E È stato

Dettagli

Il regime di tassazione dei fondi comuni d investimento d

Il regime di tassazione dei fondi comuni d investimento d Il regime di tassazione dei fondi comuni d investimento d italiani Relatori: Dott. Paolo Bifulco Dott. Sandro Botticelli Materiale predisposto da Assogestioni 1 Normativa di riferimento art. 2, commi da

Dettagli

Toscana: Insediamento giovani agricoltori Misura 112 PSR 2007-2013 - Pacchetto Giovani

Toscana: Insediamento giovani agricoltori Misura 112 PSR 2007-2013 - Pacchetto Giovani Toscana: Insediamento giovani agricoltori Misura 112 PSR 2007-2013 - Pacchetto Giovani Descrizione In breve La misura è finalizzata a favorire l occupazione e il ricambio generazionale nel settore agricolo.

Dettagli

TASK FORCE ASSOGESTIONI PER L ATTUAZIONE IN ITALIA DELLA UCITS IV. Documento conclusivo

TASK FORCE ASSOGESTIONI PER L ATTUAZIONE IN ITALIA DELLA UCITS IV. Documento conclusivo TASK FORCE ASSOGESTIONI PER L ATTUAZIONE IN ITALIA DELLA UCITS IV Documento conclusivo Febbraio 2011 Task force assogestioni per l attuazione in italia della ucits IV Documento conclusivo Febbraio 2011

Dettagli

(Atti legislativi) REGOLAMENTI

(Atti legislativi) REGOLAMENTI 27.7.2012 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 201/1 I (Atti legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 648/2012 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 4 luglio 2012 sugli strumenti derivati

Dettagli

Documento per la consultazione Obblighi antiriciclaggio applicabili a seguito di operazioni di factoring

Documento per la consultazione Obblighi antiriciclaggio applicabili a seguito di operazioni di factoring Documento per la consultazione Obblighi antiriciclaggio applicabili a seguito di operazioni di factoring Con il presente documento si sottopongono a consultazione pubblica alcune modifiche alle disposizioni

Dettagli

REGISTRAZIONE PRESSO IL PORTALE DELL IRS E REPORTING

REGISTRAZIONE PRESSO IL PORTALE DELL IRS E REPORTING LORENZO SCARAMUZZINO SGSS TAX AFFAIRS REGISTRAZIONE PRESSO IL PORTALE DELL IRS E REPORTING LE PROSSIME SCADENZE FATCA INDICE CAPITOLO 01_ADEMPIMENTI FATCA A. RICHIAMO DEGLI ADEMPIMENTI E DELLE RELATIVE

Dettagli

REGISTRO REMIT QUESTION & ANSWER

REGISTRO REMIT QUESTION & ANSWER REGISTRO REMIT QUESTION & ANSWER Aggiornate al: 11 settembre 2015 1 REMIT Q&A Definizioni 1. ACER: Agenzia per la cooperazione fra i regolatori nazionali dell energia. 2. REMIT: Regolamento (UE) n. 1227/2011

Dettagli

POSITION PAPER. 23 novembre 2007

POSITION PAPER. 23 novembre 2007 Risposta ABI alla consultazione della CONSOB sulla Comunicazione contenente chiarimenti di natura applicativa in merito al Regolamento Mercati adottato in attuazione della MiFID 23 novembre 2007 POSITION

Dettagli

ALL INPS ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE DIREZIONE CENTRALE DELLE ENTRATE CONTRIBUTIVE Via Ciro il Grande, 21 00144 ROMA

ALL INPS ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE DIREZIONE CENTRALE DELLE ENTRATE CONTRIBUTIVE Via Ciro il Grande, 21 00144 ROMA ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA Roma, 22-6-2004 DIREZIONE CENTRALE DELLE ENTRATE VIA A.BALLARIN 42 00142 ROMA ALLE AZIENDE USL ALLE AZIENDE OSPEDALIERE ALLE

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 23.2.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 52/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 148/2013 DELLA COMMISSIONE del 19 dicembre 2012 che integra il regolamento (UE)

Dettagli

RISOLUZIONE N. 14/E. Roma, 24 gennaio 2014

RISOLUZIONE N. 14/E. Roma, 24 gennaio 2014 - Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti RISOLUZIONE N. 14/E Roma, 24 gennaio 2014 OGGETTO: Istituzione dei codici tributo per il versamento, tramite modello F24 Versamenti con elementi identificativi,

Dettagli

Strategia di classificazione della clientela relativamente ai servizi d investimento offerti dalla Banca Nazionale del Lavoro SpA

Strategia di classificazione della clientela relativamente ai servizi d investimento offerti dalla Banca Nazionale del Lavoro SpA relativamente ai servizi d investimento offerti dalla Banca Nazionale del Lavoro SpA Classification Policy PREMESSA, FONTI NORMATIVE ED OBIETTIVO DEL DOCUMENTO... 3 1. DEFINIZIONI... 3 1.1. CLIENTI PROFESSIONALI...

Dettagli

CONTRATTO DI ORDINI PER ACQUISTO DI TITOLI ATTRAVERSO OPERAZIONI DI PRESTITO E RIPORTO

CONTRATTO DI ORDINI PER ACQUISTO DI TITOLI ATTRAVERSO OPERAZIONI DI PRESTITO E RIPORTO Spett.le CONTRATTO DI ORDINI PER ACQUISTO DI TITOLI ATTRAVERSO OPERAZIONI DI PRESTITO E RIPORTO Con la presente io/noi sottoscritto/i, nel dichiararvi che è mia/nostra esigenza ottenere in prestito

Dettagli

ESMA Colla tera l e Va luation Guida per l utente

ESMA Colla tera l e Va luation Guida per l utente DTCC Product Ma na gement ESMA Colla tera l e Va luation Guida per l utente DTCC GTR Collateral e Valuation Guida per l utente M a ggio 2 0 1 4 L Autorità Europea degli Strumenti Finanziari e dei Mercati

Dettagli