Il Wto ed altre mostruosità della società neoliberista

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Wto ed altre mostruosità della società neoliberista"

Transcript

1 SUPSI DSAS - Società ed economia Elaborato scritto per il seminario Globalizzazione e nuove problematiche sociali Prof: Jenny Assi e Christian Marazzi Il Wto ed altre mostruosità della società neoliberista I veri violenti sono quelli ( ) che promulgano leggi e misure che mettono per la strada centinaia di migliaia di persone in povertà, quelli che permettono alle multinazionali farmaceutiche di fare miliardi sulle malattie, causando la morte di milioni di persone, quelli che stanno brevettando la vita, creando la dipendenza e la fame. In una parola, quelli che mettono i loro profitti avanti alle nostre vite. Questi sono quelli di cui dobbiamo avere paura, non degli anarchici." Da un comunicato del Blocco Nero (Black Bloc) del a Seattle (http://www.tmcrew.org/chiapas/seattle/black_bloc.htm) Olmo Cerri febbraio 2005

2 Elaborato seminario socioeconomia:il Wto e altre mostruosità della società neoliberista 2/14 Indice: 1) Cos è il Wto ) Gli accordi Accordo generale sulle tariffe doganali (Gatt) - Accordo generale sul commercio dei servizi (Gats) - Accordo sull agricoltura - Accordo sui diritti di proprietà intellettuale (Trips) - Accordo sulle misure che riguardano gli investimenti e legati al commercio (Trims) - Accordo sugli ostacoli tecnici al commercio (Tbt) - Accordo sulle misure sanitarie e fitosanitarie (Sps) 3) I principi ) La presunta democrazia del WTO ) L organo di risoluzione delle controversie (Drb) ) Non vi è niente di inevitabile nello stato di cose attuali: le contestazioni: il movimento no-global o neo-global.. 10 Un altro mondo è possibile Cenni storici La repressione Agire localmente 7) Riflessioni personali a conclusione del lavoro ) Bibiliografia: Cartacea Pagine Web

3 Elaborato seminario socioeconomia:il Wto e altre mostruosità della società neoliberista 3/14 1) Cos è il Wto Il World Trade Organisation (Wto) 1, in italiano Organizzazione Mondiale del Commercio (Omc) è nato nel 1995 e si basa sul Trattato di Marrakech, sottoscritto l anno precedente, che ne costituisce il documento fondamentale. Questa organizzazione, forse la più potente sul piano legislativo e giuridico del mondo, porta avanti le politiche e gli accordi in ambito economico e commerciale stipulati a partire dal 1947 (anno in cui è stata redatta la prima versione dell Accordo sulle tariffe e il commercio, vedi paragrafo sul Gatt) fino ad oggi. Esso è l organismo preposto a controllare e decidere sulle questioni giuridiche fra le diverse nazioni, nell ambito del commercio. Il Wto conta oltre 148 paesi membri 2 e ha la sua sede in Svizzera, a Ginevra, negli ex uffici del Gatt. Le sue lingue ufficiali sono il francese, lo spagnolo e l inglese, ma sempre di più predomina quest ultima. Il suo budget annuale per il 2004 è stato di 162 milioni di franchi ed ha avuto un effettivo di circa 600 persone. È una delle principali istanze che favoriscono la globalizzazione neoliberista, il nuovo sistema economico mondiale governato dalle multinazionali. Il concetto di base di queste politiche risiede nell idea che l efficienza economica delle multinazionali si traduca automaticamente in maggior benefici per tutta la comunità: quindi la libertà economica deve essere messa in primo piano rispetto a qualsiasi altro valore. Il suo scopo istituzionalmente dichiarato è quello di promuovere la liberalizzazione dei mercati, di rendere la circolazione delle merci la più libera possibile. Nel materiale informativo che il Wto distribuisce 3, si definisce come un organizzazione, che pur essendo composta da Stati, ha come obiettivo quello di aiutare le imprese produttrici di beni e servizi a condurre i loro affari, rendendone lo svolgimento più sicuro e profittevole, al riparo da cambiamenti improvvisi dei quadri politici nazionali. Difatti ogni accordo del Wto permette di estendere le politiche neoliberiste e liberalizzare i mercati interni, ma non permette il contrario: non è possibile tornare indietro rispetto a liberalizzazioni effettuate precedentemente. Nel caso che questo dovesse avvenire, sono state previste onerose sanzioni economiche, quindi gli accordi del Wto sono praticamente irreversibili, tant è vero che l atto di adesione al Wto impegna i paesi membri a perseguire una liberalizzazione progressiva e crescente". Ufficialmente la sua linea economica dovrebbe essere quella del libero mercato free trade, ma a ben vedere si tratta di un commercio regolato dalle multinazionali corporate managed trade. Questo modello viene comunemente definito neoliberismo, una nuova interpretazione del liberismo, che indica un ordine economico mondiale che vorrebbe essere capace di gestire in maniera ottimale ogni aspetto della società, mentre invece sta conducendo porzioni sempre più ampie della popolazione mondiale in situazioni di insostenibile povertà. 1 Sito web ufficiale dell Organizzazione Mondiale del Commercio: 2 Elenco completo e aggiornato con la data di adesione dei singoli paesi e informazioni aggiuntive (in francese): ( ) 3 Trading in to the future", Wto, Marzo 2001

4 Elaborato seminario socioeconomia:il Wto e altre mostruosità della società neoliberista 4/14 2) Gli accordi Le politiche neoliberiste del Wto si basano su di un sistema di regole che sono dettate da diversi accordi economici fra i paesi che decidono di aderire e di sanzioni economiche per coloro che non rispettano gli impegni presi o trasgrediscono le regole. Tutte queste convenzioni, e sono più di 60, sono finalizzate alla liberalizzazione completa del commercio mondiale, in particolare tramite l apertura delle frontiere, l abbattimento delle barriere economiche e doganali, e al tentativo di sottomettere tutte le attività al principio della concorrenza e alle leggi del libero mercato. Gli accordi stipulati fra i paesi partecipanti sono molteplici e complessi, i principali però sono elencati qui di seguito: Accordo generale sulle tariffe doganali (Gatt) La prima versione del Gatt è stata firmata nel 1947, l accordo voleva incoraggiare il libero commercio tra i paesi firmatari attraverso un abbassamento delle tariffe doganali, in seguito il Gatt divenne anche il nome dell organizzazione che aveva il compito di garantire il rispetto dell accordo, quest organismo è comunemente considerato il precursore del Wto. Oggi il Gatt come organizzazione non esiste più, ma continua ad avere valore come accordo con il nome di Gatt Il primo Gatt si occupava sostanzialmente della vendita di beni, ora per far fronte all aumentato desiderio di ricchezza da parte delle multinazionali, si è reso necessario aprire la liberalizzazione del commercio anche ad altri settori. Accordo generale sul commercio dei servizi (Gats) La definizione del Gats per il Wto è: il primo accordo multilaterale per fornire diritti legalmente vincolanti al commercio di tutti i servizi. Contiene l impegno ad una continua liberalizzazione attraverso periodiche trattative. Ed è il primo accordo multilaterale mondiale sugli investimenti, copre ogni possibile mezzo di fornitura dei servizi, compreso il diritto di stabilire una presenza commerciale in un mercato estero. I servizi coperti dal Gats non sono quindi solamente transazioni commerciali (che comunque riguardano un valore di circa miliardi di dollari all anno), ma si estendono praticamente su ogni attività umana. In particolare su 160 settori, suddivisi in 11 grandi insiemi in cui rientra praticamente tutto: sanità e servizi sociali; istruzione; ambiente; comunicazione; affari; costruzione; distribuzione; turismo; tempo libero, cultura e sport; trasporti e un non meglio definito altri. Le uniche attività che per ora non rientrano nel controllo del Gats sono le banche centrali, la giustizia, la polizia e gli eserciti. L obbiettivo è quello di ridurre o eliminare tutte le misure governative che impediscono ai servizi di essere liberamente forniti attraverso le frontiere nazionali. Una volta che un paese ha accettato il Gats sarà molto difficile che possa tornare sui suoi passi, anche quest accordo è praticamente irreversibile, uno stato che vorrà prenderà questa decisione sarà chiamato a chiedere il consenso a tutti gli altri paesi membri e in caso che questi non fossero d accordo dovrà subire ingenti sanzioni economiche. Si tratta quindi di un dispositivo perverso e cervellotico che mette seriamente a rischio la qualità di questi servizi basilari e apre le porte a tagli, deregolamentazioni, peggioramenti e abusi di ogni tipo, anche per questo è uno degli accordi maggiormente contestati dal movimento altermondialista. Accordo sull agricoltura L accordo sull agricoltura (non ancora completamente operativo), vorrebbe la completa liberalizzazione del mercato agricolo. Questo causerebbe la perdita della sovranità alimentare dei singoli stati, la riduzione delle normative di tutela della qualità dei cibi e della protezione delle risorse ambientali. La responsabilità dell alimentazione dell intera umanità sarebbe consegnata ad un piccolo gruppo di multinazionali agroalimentari (in particolare americane e in piccola parte europee) che avrebbero ogni potere su questo vitale settore.

5 Elaborato seminario socioeconomia:il Wto e altre mostruosità della società neoliberista 5/14 Interessante è la preoccupazione rispetto a questo accordo espressa dai popoli indigeni, che attraverso una dichiarazione 4 presentata a Seattle, esprimono alcune giustificate perplessità: Abbiamo la certezza che la filosofia, i principi e le metodologie che ispirano gli accordi del Wto siano diametralmente opposti alle nostre convinzioni, alla nostra spiritualità, alla nostra concezione del mondo, alle nostre idee e metodologie nei processi di sviluppo per il commercio e la tutela dell ambiente. I Popoli Indigeni sono senza dubbio i più duramente colpiti dalle conseguenze negative della globalizzazione e degli accordi Wto. Crediamo però di poter offrire delle valide alternative al modello predominante di crescita economica basata sull esportazione. I nostri modi di vivere e le nostre culture ecocompatibili, la nostra conoscenza tradizionale, la nostra cosmologia e la nostra spiritualità, i nostri valori collettivi, gli scambi tra di noi ed il nostro rispetto e l ammirazione per la Madre Terra sono tutti aspetti fondamentali per una società diversa, caratterizzata dalla giustizia, dalle pari opportunità e dalla consapevolezza per la natura. Accordo sui diritti di proprietà intellettuale (Trips) È un accordo che garantisce alle grandi imprese multinazionali la completa tutela della proprietà intellettuale. Attraverso la registrazione di marchi, i brevetti ed il copyright il sapere comunitario, da sempre bene collettivo, gratuito e diffondibile diventa improvvisamente proprietà privata e mercificabile. La condivisione del sapere, che è una delle condizioni necessarie per il progresso scientifico e tecnologico viene fortemente limitata. La conoscenza diventa monopolio di pochi. Ancora non sono prevedibili le conseguenze di questa limitazione sull evoluzione scientifica del genere umano. Più nel concreto e nel reale, il Trips permette la brevettazione degli elementi basilari per la vita umana, animale e vegetale. Essi diventano fonti di ulteriore guadagno per le multinazionali agroalimentari, impedendo alle popolazioni indigene, forse le uniche legittime proprietarie, l utilizzo delle risorse della propria terra. A causa di questo accordo migliaia di persone nei paesi in via di sviluppo sono condannate a morte dall impossibilità di accedere a scoperte farmaceutiche tutelate da brevetti e commercializzate a prezzi esageratamente elevati rispetto alle loro possibilità economiche. L accordo impedisce anche la produzione di farmaci copia a basso costo. Uno dei primi casi di brevetto di specie viventi è avvenuta nel 1980 negli Stati Uniti, quando la Corte Suprema degli USA ha decretato che un organismo vivente, un batterio in grado di degradare il petrolio, sarebbe potuto essere registrato. Da quel momento in poi, anche grazie ad accordi come il Trips, sono stati brevettati tutta una serie di viventi. È stata incentivata quella che è stata definita biopirateria, ovvero l invio di ricercatori in zone ad alta biodiversità alla ricerca di piante o organismi di valore dei quali prelevano dei campioni da cui vengono isolati i principi attivi e le sequenze genetiche basilari che poi vengono brevettati come nuova invenzione. In questo modo la millenaria saggezza dei popoli nativi viene derubata e rimane, per almeno vent anni, proprietà delle multinazionali. Addirittura, per continuare ad utilizzare i rimedi che da sempre hanno utilizzato, gli indigeni si vedono costretti a pagare le royalty alle industrie farmaceutiche e agroalimentari. Greenpeace Italia 5, l associazione ambientalista, propone due esempi emblematici di casi di biopirateria: In India, l albero di Neem è stato utilizzato ed apprezzato per migliaia di anni a causa delle sue proprietà antibatteriche ed insetticide. Le multinazionali occidentali hanno ottenuto dozzine di brevetti su queste caratteristiche e ancora La bacca dell oblio, originaria del Gabon nell Africa Occidentale, contiene un composto dolce che è stato brevettato dalla Università del Wisconsin nella speranza di fare quattrini nel lucrativo 4 Dichiarazione di Seattle dei Popoli Indigeni: ( ) 5 Greenpeace: In cibo veritas: il gusto del vero contro l'inganno del transgenico: ( )

6 Elaborato seminario socioeconomia:il Wto e altre mostruosità della società neoliberista 6/14 mercato dei dolciumi. Nonostante il gusto dolce delle bacche sia ben noto nell Africa Occidentale, l università afferma che la sostanza dolcificante (brazzeina) è una sua propria invenzione e non riconosce connessioni con il Gabon. Anche la produzione artistica viene colpita da queste misure, diventando anch essa una merce con la possibilità di essere trattata alla stessa stregua di una merce. Accordo sulle misure che riguardano gli investimenti e legate al commercio (Trims) 6 Gli accordi Trims vogliono agevolare gli investimenti esteri per promuovere il commercio delle merci in altri paesi. Limitano tutte le misure di protezione del mercato indigeno, come per esempio l obbligo di reinvestire parte dei guadagni nel mercato locale. Impediscono anche l obbligo di utilizzare manodopera locale, oppure quello di comprare parte delle materie prime dalle aziende del posto. Questo accordo sfavorirà in particolare quei paesi in cui lo stato veglia contro il sovrasfruttamento delle risorse primarie (in particolare nel settore agricolo ed estrattivo), che può dare ricchezza a breve termine per l imprenditore estero, ma genera povertà diffusa e deterioramento dello stato ambientale per la popolazione locale. Inoltre, grazie a questi accordi, ogni beneficio o facilitazione che esiste per le aziende locali deve essere automaticamente applicato anche per le imprese estere. Accordo sugli ostacoli tecnici al commercio (Tbt) Accordo sulle misure sanitarie e fitosanitarie (Sps) Questi due accordi sono strettamente legati fra di loro, ambedue obbligano i paesi aderenti ad equiparare le legislazioni interne in campo di protezione alimentare (per esempio sui pesticidi o alcuni tipi di OGM), le misure di protezione ambientale, le regole di qualità dei prodotti non alimentari, ad altri accordi già esistenti. Uno di questi è il Codex Alimentarius, un documento della FAO (Food and Agricolture organisation of the United Nation) stilato in collaborazione con le industrie agroalimentari con lo scopo di salvaguardare i loro interessi e non certo la salute del consumatore. Entrambi gli accordi rendono estremamente difficoltoso il rispetto, all interno degli stati, del principio di precauzionalità. Principio sostanzialmente dettato dal buonsenso, che indica che, fino a quando non è stata provata l innocuità di un prodotto, esso rimane ipoteticamente nocivo. Sta quindi ai produttori e agli esportatori doverne provare l innocuità e non al consumatore doverne provare la nocività. Un esempio della deleterietà di quest accordo è stata la vertenza sulla carne agli ormoni 7, l Unione Europea è stata sanzionata per aver impedito precauzionalmente tramite embargo, l entrata in Europa di carne bovina di provenienza USA, che riscontrava quantità di ormoni della crescita ritenute eccessive e potenzialmente dannosi per l organismo umano. In particolare alcune di queste sostanze erano ritenute potenzialmente cancerogene o dannose per l apparato endocrino. Gli USA hanno richiesto di poter sanzionare l UE per un danno valutato attorno ai 202 milioni di dollari, imponendo dei dazi doganali fino al 100% su prodotti tipicamente europei (fra gli altri il Roquefort francese, la mostarda digionese, il paté, i tartufi italiani e il prosciutto svedese). 6 Cfr: Gli effetti del principio del «Trattamento nazionale» e gli altri accordi sugli investimenti (da: Le Monde Diplomatique del febbraio 2003) ( ) 7 Newsletter numero 12 della commissione europea per l agricoltura del maggio 1999; ( )

7 Elaborato seminario socioeconomia:il Wto e altre mostruosità della società neoliberista 7/14 3) I principi Tutti gli accordi del Wto, non importa a quali settori essi si riferiscono, fanno capo ad una serie di principi guida che costituiscono lo scheletro dell associazione. Essi sono inseriti nell atto finale di costituzione ma sono riassumibili nei seguenti quattro principi: - Assenza di discriminazioni: nessuna eccezione è concessa. O si accetta integralmente il sistema proposto dal Wto o lo si rifiuta, non sono possibili partecipazioni parziali. Ogni stato deve provvedere per evitare che le leggi interne collidano con le decisioni prese con gli accordi. - Liberalizzazione: l eliminazione del controllo statale deve avvenire attraverso un continuo e crescente processo di liberalizzazione. Devono essere eliminate non solo tutte le barriere di ordine economico, ma anche tutte le barriere non tariffarie. Cosa significhi di concreto questo è difficilmente immaginabile, sta di fatto che qualsiasi cosa può rientrare nella definizione di barriera non tariffaria. - Eliminazione degli imprevisti, trasparenza: ogni paese deve impegnarsi a condurre politiche in linea con gli accordi del Wto, deve inoltre segnalare tutti gli aspetti (norme, leggi o disposizioni) che potrebbero avere un impatto sul commercio. Per vegliare su questo principio sono eseguiti regolarmente dei controlli e sono previste sanzioni economiche per i paesi che non dovessero accettarli. - Più competitività, è scoraggiato o in certi casi addirittura proibito, il fatto di favorire i prodotti interni rispetto a quelli d esportazione o la sovvenzione di determinati prodotti. Non devono essere messe barriere di nessun tipo; non è possibile per esempio favorire il commercio di prodotti che rispettano standard etici rispetto a quelli che sfruttano il lavoro minorile. Neppure motivazioni che riguardano la protezione della salute dei produttori o delle risorse ambientali con cui sono prodotte, possono essere utilizzate per favorire o discriminare una merce. Sono proibiti anche tutte le misure di contingentamento, gli embarghi, e i prezzi minimi per le importazioni. Queste regole non toccano solamente le importazioni, ma anche le esportazioni. Per esempio un paese non può rifiutarsi di esportare un prodotto di cui dispone (compresi cibo ed acqua) nel caso ce ne fosse una richiesta, neppure se nel paese fosse in corso una carestia cronica interna oppure corresse il rischio di siccità.

8 Elaborato seminario socioeconomia:il Wto e altre mostruosità della società neoliberista 8/14 4) La presunta democrazia del WTO L organo decisionale ufficiale del Wto è la conferenza ministeriale, che deve riunirsi almeno una volta ogni due anni ed è composta dai rappresentanti di tutti i paesi membri. Questa conferenza può creare sottogruppi di lavoro e comitati tematici (per esempio sullo sviluppo, sull ambiente, eccetera). Nel Wto ogni paese dovrebbe avere la medesima forza decisionale, a differenza di altri organismi internazionali come la Banca Mondiale o il Fondo Monetario Internazionale 8 il cui potere decisionale dei singoli paesi è legato alla loro forza economica o all Onu 9, in cui alcuni paesi hanno il diritto veto. Inoltre non vi è una delega delle decisioni ad un consiglio di amministrazione eletto, questo potrebbe far sperare in una gestione democratica ed equa delle decisioni, ma non è così. Siccome gli incontri della conferenza ministeriale si tengono solamente ad appuntamenti molto distanziati nel tempo, la concreta politica gestionale del Wto viene decisa comunque dal solo consiglio gestionale, che è composto dagli ambasciatori a Ginevra (o rappresentanti permanenti) dei paesi membri. In concreto significa quindi che solo gli stati che hanno la possibilità economica di mantenere un rappresentante fisso nella città sul Lemano, possono partecipare attivamente alle decisioni. Quindi anche se teoricamente ogni stato dovrebbe avere il medesimo peso rispetto alla presa di decisioni, nella pratica ciò non avviene. Ci sono almeno 36 paesi che non dispongono di un ambasciatore fisso alla Wto oppure ne condividono uno. Anche per i paesi del sud più importanti risulta difficile (praticamente impossibile) rimanere al corrente di tutto, per una partecipazione attiva sarebbe necessario prevedere la presenza e la sussistenza di tutta una serie di esperti nei vari argomenti in una cittadina piuttosto costosa quale è Ginevra. Un rappresentante di un paese del sud del mondo, citato da Susan George nel suo Fermiamo il Wto 10 inquadra in maniera chiara il problema: Il Wto è come un cinema multisala. Bisogna decidere quale film si ha davvero voglia di vedere, perché non è possibile vederli tutti. Si tratta quindi, nonostante le apparenze, di un processo decisionale davvero poco trasparente e democratico, addirittura l accesso ai resoconti e ai verbali e alle decisioni prese dai vari comitati tematici è reso difficoltoso sia ai cittadini che ai loro rappresentanti se non molto tempo dopo. Ad una richiesta dell economista Susan Gorge, vicepresidente di Attac Francia, di poter accedere ai resoconti in tempi più rapidi (ora occorre aspettare almeno un anno) la risposta è stata alcuni paesi membri non auspicano una pubblicazione più rapida. 8 La Banca mondiale (BM) è un'agenzia speciale dell'onu, nata dagli accordi monetari e bancari di Bretton Woods del 1944 con l'obbiettivo di rimettere in sesto l'economia del pianeta dopo la seconda guerra mondiale. È una delle più importanti istituzioni finanziarie al mondo, è stata fondata nel 1944 e vi fanno parte oltre 181 paesi. Si occupa di gestire il prestito di denaro ai paesi poveri, ma lo fa imponendo tassi di interesse inaccettabili per l'economia di questi paesi. Inoltre impone ai paesi indebitati programmi definiti "di aggiustamento strutturale", che richiedono pericolose misure quali l'aumento delle tasse sulla sanità e sulla socialità e la svendita a imprenditori esteri di molte fondamentali strutture pubbliche, per esempio quelle per l'approvvigionamento dell'acqua. Per far fronte agli ingenti debiti che i paesi in via di sviluppo hanno contratto con la banca mondiale i paesi impoveriti rinunciano a spese più utili per la comunità come istruzione e salute. La BM collabora strettamente con il Fondo Monetario Internazionale (FMI), è anch'esso strumento della logica planetaria di sviluppo economico e di liberalizzazione degli scambi voluti dalle imprese transnazionali. All'interno di questi organismi il potere decisionale è legato alla capacità economica di un paese Informazioni su questi organismi: ( ) 9 L organizzazione delle Nazioni Unite (Onu) nata nel 1945 con lo scopo di garantire la pace e la sicurezza e difendere i diritti umani nel mondo, tramite pressioni diplomatiche, sanzioni economiche e interventi militari dei suoi caschi blu. Il suo organo più importante è il Consiglio di sicurezza, formato da quindici Stati dieci di questi sono scelti a rotazione ogni due anni, mentre cinque sono membri permanenti (Francia, Regno Unito, Stati Uniti, Russia e Cina) 10 Susan Gorge, Fermiamo il Wto, Feltrinelli Attac, 2002

9 Elaborato seminario socioeconomia:il Wto e altre mostruosità della società neoliberista 9/14 5) L organo di risoluzione delle controversie (Drb) Quando, all interno del Wto, qualcosa non funziona, in particolare se uno degli stati cofirmatari degli accordi si ritiene in qualche modo leso da un altro stato, esso può rivolgersi al Drb, che ha in mano il potere coercitivo del Wto. Quest organo organizza un incontro detto consultazione con i governi coinvolti dalla vertenza. Se entro sessanta giorni non scaturisce una soluzione soddisfacente per entrambe le parti si procede con la costituzione di un gruppo speciale composto da tre esperti del commercio, scelti da una lista di candidati suggeriti dai vari governi. Esso è definito panel ed ha funzioni arbitrali. Questo gruppo si riunisce a porte chiuse e prende atto delle motivazioni portate dagli avvocati delle due parti, può richiedere pareri su argomenti e problematiche tecniche a gruppi di esperti, ma non è obbligato ad ascoltare prese di posizioni e informazioni provenienti da individui, nazioni o organizzazioni diversi da quelle coinvolte dalla problematica da risolvere, dovrà produrre un rapporto che dovrà essere reso operativo entro sessanta giorni. Nel caso che una delle parti volesse ricorrere può farlo ad un organo permanente composto da sette esperti che cambiano ogni quattro anni. Entro novanta giorni essi potranno modificare il primo rapporto del panel che altrimenti diventerà poi vincolante ed esecutivo. Il paese che non ha rispettato gli accordi dovrà quindi al più presto conformare le proprie leggi alle regole imposte dal Wto, se ciò non dovesse accadere il paese leso potrà introdurre dei dazi doganali maggiorati alle merci in importazione dal paese lesionante, sempre restando però nello stesso settore in cui è stato colpito.

10 Elaborato seminario socioeconomia:il Wto e altre mostruosità della società neoliberista 10/14 6) Non vi è niente di inevitabile nello stato di cose attuali 11 : le contestazioni, il movimento no-global o neo-global 12 Un altro mondo è possibile Le società multinazionali, secondo uno studio sugli investimenti nel mondo dell Unctad 13 sono circa 60'000, ma la maggior parte del potere è gestito dalle sole 500 società più grosse (addirittura i primi 200 gruppi dispongono di quasi un quarto dell intero prodotto mondiale lordo) auspicherebbero addirittura un accelerazione dell espansione dei poteri del Wto. Esse propongono una visione dello stato di cose attuali come inevitabile ed esprimono questo concetto con l acronimo TINA Ther Is Not Alternative, ma è evidente che si tratta di un inganno. Manca ancora una seria riflessione condivisa dalle parti sui benefici e sui danni che il Wto ha compiuto fino ad ora. Non siamo quindi davanti ad un destino inevitabile, quello che stiamo vivendo fa parte di una strategia mirata finalizzata alla costruzione di un sistema di regole che facilitano investitori e società multinazionali a scapito della popolazione e dell ambiente. È stata anche questa presa di coscienza, che ha portato alla nascita di un movimento globale di contestazione della globalizzazione neoliberista, che ha avuto la sua prima apparizione pubblica e una grande visibilità mediatica in occasione della conferenza ministeriale tenutasi a Seattle nel Cenni storici Tracciare la storia o proporre una definizione di quello che è stato comunemente chiamato come movimento no-global è estremamente difficile. Si tratta di un movimento molto ampio e multiforme, che racchiude in se una variegatissima umanità (dai gruppi anarchici radicali alle associazioni cattoliche di base). Ha uno spettro ampissimo di azione e pratica la sua lotta con forme molto diverse e apparentemente contrastanti. Il punto di contatto fra tutte queste persone è quello di desiderare la salvezza del genere umano, rispetto alla follia neoliberista del capitalismo in costante espansione. Questo obbiettivo è perseguito da persone che confluiscono da gruppi e organizzazioni molto diverse, nati in occasione di momenti storici o periodi specifici (pacifisti, antinuclearisti, femministe, ecc) impegnati a mettere in correlazione gli eventi globali facendone risaltare le connessioni (che spesso sono nascoste dai gruppi al potere) per cercare di capire i presupposti di ogni cosa. Da questo modo di procedere è nato lo slogan un altro mondo è possibile che mette in risalto la non inevitabilità dello stato di cose attuali e le precise responsabilità di ognuno (dai dirigenti delle multinazionali ai singoli cittadini) rispetto alla situazione globale. Solitamente si riconduce la nascita del movimento alle burrascose giornate contro il Wto, a Seattle, nell ottobre del Per la prima volta il movimento si distanzia dalle ONG che invece riconoscono il Wto come interlocutore, non accettando la legittimità di questo organismo internazionale che esclude dal processo decisionale i cittadini degli stati membri. Man mano che il movimento si organizza le rivendicazioni appaiono più definite (sempre però accettate e appoggiate in maniera diversa dalle varie anime del movimento): introduzione della Tobin Tax, ossia un minimo prelievo fiscale sulle transazioni finanziarie, la cancellazione del debito ai paesi in via di sviluppo, l attuazione dell Accordo di Kyoto sul riscaldamento climatico, l accesso per 11 Adattamento da un intervista di Radio B29 di Belgrado a Noam Chomsky sugli attacchi dell 11 settembre. Noam Chomsky è un intellettuale americano da sempre in prima fila nelle lotte della sinistra radicale, e da sempre impegnato nella riflessione e nella messa in discussione del colonialismo culturale e non degli USA Biografia: ( ) Altri suoi testi: ( ) Trascrizione dell intervista: ( ) 12 Cfr: Le radici del movimento no global, di Vittorio Sartogo ( ) Alain Touraine, Come liberarsi del liberismo, I movimenti contro la globalizzazione, 2000, Saggiatore Editore 13 Conferenza delle Nazioni unite sul commercio e lo sviluppo ( )

11 Elaborato seminario socioeconomia:il Wto e altre mostruosità della società neoliberista 11/14 tutti ai medicinali e ai servizi sanitari, la creazione di un fondo contro l Aids, la riconversione dell industria bellica, e la globalizzazione dei diritti. Dal 99 in poi, ognuno dei vertici dei principali organismi internazionali, quando non erano appositamente organizzati in località impervie e irraggiungibili per evitare le contestazioni, è stato accompagnato da diverse forme di contestazione, che sono servite principalmente a portare l attenzione dell opinione pubblica sul lato più problematico della globalizzazione (Ginevra, Colonia, Davos, Napoli, Buenos Aires, Washington DC, Praga, Bangkok, Nizza, Porto Alegre, Monaco, Madrid, Genova, Salonicco e molti altri 14 ). Uno dei meriti principali del movimento contro la globalizzazione, secondo James O'Connor 15, californiano e docente universitario, è proprio quello di aver messo in luce che il fine - e il risultato - ultimo della liberalizzazione degli investimenti e del commercio è la mercificazione del mondo intero. Questo problema di disinformazione è dato dal fatto che i media ufficiali sono tutti più o meno legati al potere economico, sono quindi parte integrante del sistema da combattere. Anche per questo, assieme alle contestazioni sono nati diversi mezzi di informazione indipendente che, in particolare tramite il Web, si occupano di diffondere notizie in maniera alternativa sulle mobilitazioni e le problematiche legate alla globalizzazione, uno di questi, forse il più conosciuto, è Indymedia 16. La repressione I governi mettono in atto pesanti strategie di repressione rispetto alle contestazioni, polizia ed eserciti vengono mobilitati a difesa di interessi privati di multinazionali. Durante le contestazioni violenze e abusi da parte della polizia sono molto frequenti, addirittura Amnesty Internetional 17 si mobilita contro queste inaudite e spropositate azioni repressive e riporta nel suo rapporto annuale 2004, a proposito della polizia elvetica durante alcune manifestazioni la polizia è ricorsa a un uso eccessivo ed ingiustificato della forza in diverse dimostrazioni e ha utilizzato equipaggiamenti progettati per inabilitare o neutralizzare temporaneamente le persone. La violenza della repressione, ha raggiunto il suo apice durante le contestazioni contro il G8 a Genova 18 nell estate del 2000 in cui un giovane è stato ucciso da un colpo di pistola sparato da un poliziotti e in cui centinaia di persone sono state brutalmente picchiate in strada e in corso di irruzioni in stabili adibiti a dormitorio per i manifestanti. Anche in Svizzera la polizia non ha risparmiato brutalità, per esempio ad Aubonne, quando nel giugno del 2004 un poliziotto, sopra ad un cavalcavia, ha tagliato la corda a cui era appeso un manifestante facendolo precipitare da una trentina di metri 19, oppure le militarizzazione della città di Berna quest anno o le brutalità e le schedature di massa a Landquart durante il Wef a Davos dello scorso anno Una raccolta completa e strutturata degli appuntamenti è rintracciabile qui: ( ) 15 Articolo completo di James O'Connor: ( ) 16 Indymedia.org: un network di media gestiti collettivamente per una narrazione radicale, obiettiva e appassionata della verità. Ci impegniamo con amore e ispirazione per tutte quelle persone che lavorano per un mondo migliore, a dispetto delle distorsioni dei media che con riluttanza si impegnano a raccontare gli sforzi dell'umanità libera. ( ) 17 Amnesty a proposito degli abusi contro il movimento No-Global ( ) Raccolta di materiali, testimonianze e la trascrizione degli atti dei processi sul G8 di Genova, a cura di indymedia Italia: ( ) 19 Se la polizia taglia la corda dossier sui fatti di Aubonne curato da Indymedia Svizzera ( ) 20 Rapporto antirepressione degli accadimenti durante il Wef a Davos del ( )

12 Elaborato seminario socioeconomia:il Wto e altre mostruosità della società neoliberista 12/14 A questo proposito una riflessione di Nelson Mandela 21 : Un governo che usa la forza per mantenere il dominio, insegna agli oppressi ad usare la forza per opporsi. Agire localmente Un altra importante forma di resistenza applicata dal movimento è l agire locale: la necessità del riscoprire e proteggere le unicità del proprio territorio, di ricreare la rete sociale locale, di proporre delle alternative di vita quotidiana socialmente ed ecologicamente sostenibili lontane dalle logiche neoliberiste, valorizzando le differenze per opporsi al sistema massificante globale, senza però cadere nel campanilismo. È su questa spinta che sono nati centinaia di cantieri sociali, gruppi di cittadini che si riuniscono, discutono, scambiano e agiscono a livello locale per proporre alternative. Forum sociali, centri sociali, iniziative editoriali o informative, feste, fiere, radio e televisioni libere: manifestazioni che portano avanti nella pratica le idee antiglobalizzazione. 21 Nelson Mandela (1918), simbolo della lotta contro l apartheid, passa quasi trent anni in carcere a causa delle sue idee, diventerà poi governatore del Sudafrica. Citazione tratta da Bertelli Pino, Zero in Condotta, Edizioni L affranchi, Salarino 1992

13 Elaborato seminario socioeconomia:il Wto e altre mostruosità della società neoliberista 13/14 7) Riflessioni personali a conclusione del lavoro La nostra libertà di parola è la misura della loro potenza no voglio dire che ti lasciano il tuo spazio libero quello quello che chiamano libertà, ma con questo spazio tu non hai nessuna partecipazione o meglio nessuna incidenza, nel senso che non hai nessuna possibilità di sovvertire o modificare qualcosa. In poche parole non si riesce mai a dar fastidio a nessuno! Giorgio Gaber, Dialogo tra un impiegato e un non so. (1972) Le politiche portate avanti dal Wto si insinuano subdolamente in ogni anfratto, anche i più privati della nostra vita, è un istituzione mostruosa, creata da menti machiavelliche e perverse. È davvero possibile fare qualcosa per fermare questa tendenza. Quello che faccio (o credo di fare) per oppormi alla globalizzazione neoliberista, al calpestamento dei diritti umani serve a qualcosa oppure, come ipotizza Gaber, è tutto inutile? Sono sicuro che tutto può essere messo in discussione, che l unico vincolo è quello della morte, tutto il resto è lasciato alla nostra responsabilità collettiva. Ho già spiegato i motivi che mi portano a credere che poco o niente su questa terra sia ineluttabile, e che tutto sia conseguenza o risultato di qualcos altro. Tutto è in mano nostra, anzi tutto è in mano mia. Niente potrà togliermi questo potere (e questo dovere). So che spesso si tratta di un processo lunghissimo e che, spesso, tutte le persone che mi circonderanno saranno così convinte della cristallizzazione della realtà, che solo difficilmente sarà possibile modificare lo status quo. Meccanismi perversi che ripetuti alla follia paiono normali ed inevitabili. Non potrei sopportare di contribuire con le mie azioni ad una istituzione di questo tipo. Non voglio rinunciare all utopia. Non è difficile incontrare in ogni ambito della nostra vita persone che, riprendendo la famosa metafora di Galeano, hanno smesso di camminare. Si sono fermate o per rassegnazione, che al limite posso comprendere oppure ed è più grave, per la convinzione di essere arrivate. Come non è possibile raggiungere l orizzonte non è possibile raggiungere uno stato in cui non ci sia margine di miglioramento, in cui non sia possibile guardare la situazione da un punto di vista diverso e rimettere tutto in discussione. Se questa mia convinzione non perderà smalto nei prossimi anni rivelandosi una pura fase adolescenziale, sarà un limite o una risorsa nel mio bagaglio di operatore sociale? Dispongo davvero delle competenze e della lucidità necessaria a valutare personalmente ciò che mi circonda o sarebbe più modesto ed onesto affidarsi a criteri di valutazioni più quantitativi e democratici?

14 Elaborato seminario socioeconomia:il Wto e altre mostruosità della società neoliberista 14/14 8) Bibiliografia: Cartacea: Wallach Lori - Michele Sforza, WTO Tutto quello che non vi hanno mai detto sul commercio globale, Feltrinelli 2000 Gorge Susan, Fermiamo il WTO, Feltrinelli attac, 2002 Chomsky Noam, Sulla nostra pelle, Mercato Globale o movimento globale?, Marco Tropea Editore, 2001 Touraine Alain, Come liberarsi del liberismo, I movimenti contro la globalizzazione, Saggiatore Editore, 2000 Dispense e fotocopie varie distribuite durante il corso e il seminario (Supsi, Dsas, 2004) Pagine WEB: Raccolta di articoli di ATTAC Italia sul neoliberismo (26 dicembre 2004) Ricci Andrea, Relazione introduttiva, responsabile nazionale Economia PRC al Seminario nazionale organizzato dal Partito della Rifondazione Comunista Rialto S. Ambrogio - Roma 4 aprile 2003 intitolato: CANCUN 2003: AFFONDIAMO IL WTO!! Per la democrazia e i beni comuni (21 dicembre 2004) Sezione didattica del Volontariato Internazionale per lo Sviluppo (VIS) (26 dicembre 2004) Greenpeace: In cibo veritas, il gusto del vero contro l'inganno del transgenico : (27 dicembre 2004) Trascrizione della puntata di Report di Rai 3 di Venerdì 9 giugno 2000 I Globalizzatori (22 dicembre 2004) Newsletter numero 12 della commissione europea per l agricoltura del maggio (26 dicembre 2004) Gli effetti del principio del «Trattamento nazionale» e gli altri accordi sugli investimenti (da: Le Monde Diplomatique del febbraio 2003) (27 dicembre 2004) Sito dello scrittore, filosofo, e ecologista visionario Edward Goldsmith. Il fondatore della rivista The Ecologist (31 dicembre 2004) Azione Globale dei Popolo un network mondiale che si propone di creare un alternativa duratura, sociale, pacifica al capitalismo e altre forme di repressione (31 dicembre 2004) Altre pagine consultate sono citate direttamente nelle note a fondo pagina.

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente

Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente OECD Insights Sustainable Development: Linking Economy, Society, environment Summary in Italian Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente Sintesi in italiano L espressione

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi Humana comoedia Una riflessione sulla condizione umana oggi Biagio Pittaro HUMANA COMOEDIA Una riflessione sulla condizione umana oggi saggio www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Biagio Pittaro Tutti

Dettagli

LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE

LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE L ordinamento giuridico internazionale Diritto internazionale generale e diritto internazionale particolare L adattamento del diritto interno

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali

Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali Traduzione 1 Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali Conclusa a Parigi il 20 ottobre 2005 La Conferenza generale dell Organizzazione delle Nazioni Unite

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

Accordo che istituisce l Organizzazione mondiale del commercio

Accordo che istituisce l Organizzazione mondiale del commercio Traduzione 1 Accordo che istituisce l Organizzazione mondiale del commercio 0.632.20 Concluso a Marrakech il 15 aprile 1994 Approvato dall Assemblea federale il 16 dicembre 1994 2 Ratificato dalla Svizzera

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

http://comune-info.net/2015/04/t-tip-il-re-e-nudo/

http://comune-info.net/2015/04/t-tip-il-re-e-nudo/ comune-info.net http://comune-info.net/2015/04/t-tip-il-re-e-nudo/ T-tip, il re è nudo Nelle foto di Riccardo Troisi l azione diretta di sabato 18 aprile contro i fantasmi del T- tip nel centro di Roma.

Dettagli

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO L Autopresentazione dell organizzazione e il Modello di report sono stati sviluppati da PICUM con il sostegno di due

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

BANDO DEV REPORTER NETWORK

BANDO DEV REPORTER NETWORK BANDO DEV REPORTER NETWORK Premessa La Federazione Catalana delle Ong per lo Sviluppo (FCONGD), il Consorzio delle Ong Piemontesi (COP) e la Rete Rhône-Alpes di appoggio alla cooperazione (RESACOOP) realizzano

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO Perché una questione linguistica per l Unione europea? Il multilinguismo è oggi inteso come la capacità di società, istituzioni, gruppi e cittadini di relazionarsi

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Report Operativo Settimanale

Report Operativo Settimanale Report Operativo n 70 del 1 dicembre 2014 Una settimana decisamente tranquilla per l indice Ftse Mib che ha consolidato i valori attorno a quota 20000 punti. L inversione del trend negativo di medio periodo

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE?

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? TERRITORIO BENE COMUNE IN MOVIMENTO Camerano, 30 GENNAIO 2015 QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? Maurizio Sebastiani Italia Nostra Marche 1 I RISCHI DELLO «SBLOCCA ITALIA» Sblocca Italia, allarme di Bankitalia:

Dettagli

Finanziarizzazione delle risorse naturali.

Finanziarizzazione delle risorse naturali. La finanziarizzazione dell acqua. Scheda preparata da CRBM in occasione dell incontro Europeo For the construction of the European Network of Water Commons Napoli, 10-11 dicembre 2011 a cura di Antonio

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE ARTICOLO 1 (Istituzione e scopo) Con Protocollo di intesa, posto in allegato (All. 1),

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente»

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Conferenza stampa annuale del 17 giugno 2014 Anne Héritier Lachat, presidente del Consiglio di amministrazione «Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Gentili Signore, egregi Signori, sono ormai trascorsi

Dettagli

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA TITOLO VII NORME COMUNI SULLA CONCORRENZA, SULLA FISCALITÀ E SUL RAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI

Dettagli

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili 45 aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE Slowfood aprile 2010 www.slowfood.it Acqua alle corde Azioni sostenibili Professione happycoltore La rete delle comunità

Dettagli

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A. GENERALITA ALPHAITALIA Spa ha deciso di adottare, integrare nel proprio sistema di gestione (insieme agli aspetti dell assicurazione qualità, della gestione ambientale e della sicurezza sul luogo di lavoro)

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE) é un'organizzazione indipendente di regioni e la più importante rete di cooperazione interregionale nella Grande Europa. Rappresenta 12 organizzazioni interregionali

Dettagli

Uno sguardo sull ILO. Organizzazione Internazionale del Lavoro

Uno sguardo sull ILO. Organizzazione Internazionale del Lavoro Uno sguardo sull ILO Organizzazione Internazionale del Lavoro La pace universale e duratura può essere fondata soltanto sulla giustizia sociale Costituzione dell OIL, 1919 Uno sguardo su ll I LO L Organizzazione

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 20/15 Lussemburgo, 26 febbraio 2015 Stampa e Informazione Sentenza nella causa C-472/13 Andre Lawrence Shepherd / Bundesrepublik Deutschland

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

Manuale del Trader. Benvenuti nel fantastico mondo del trading binario!

Manuale del Trader. Benvenuti nel fantastico mondo del trading binario! Manuale del Trader Benvenuti nel fantastico mondo del trading binario! Questo manuale spiega esattamente cosa sono le opzioni binarie, come investire e familiarizzare con il nostro sito web. Se avete delle

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

GLI ITALIANI E LO STATO

GLI ITALIANI E LO STATO GLI ITALIANI E LO STATO Rapporto 2014 NOTA INFORMATIVA Il sondaggio è stato condotto da Demetra (sistema CATI) nel periodo 15 19 dicembre 2014. Il campione nazionale intervistato è tratto dall elenco di

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto Mini Guida Lotta alle frodi nella RC Auto Guida realizzata da Con il patrocinio ed il contributo finanziario del LOTTA ALLE FRODI NELLA RC AUTO Le frodi rappresentano un problema grave per il settore della

Dettagli

Struttura giuridica e sede del Tribunale

Struttura giuridica e sede del Tribunale Bundesgericht Tribunal fédéral Benvenuti! Visita del Tribunale federale Tribunale federale Tribunal federal Vista della facciata frontale, Tribunale federale Losanna Foto: Philippe Dudouit L organizzazione

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

GeMUN Genoa ModelUnited Nations

GeMUN Genoa ModelUnited Nations GeMUN Genoa ModelUnited Nations 1 Indice Checos èilgemun...3 PerchéprenderpartealGeMUN...4 ProssimieventiMUNaGenova...5 Laconferenzainpratica...6 Lastrutturadellaconferenza...7 StoriadelGeMUN...8 2 Che

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI VALENTINO DOMINI L attacco iniziale, prima azione di affrancamento della coppia controgiocante, è un privilegio e una responsabilità: molti contratti vengono battuti o realizzati proprio in rapporto a

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI La Repubblica Italiana ed il Regno dell Arabia Saudita desiderando intensificare

Dettagli

La Fame: una sfida da affrontare

La Fame: una sfida da affrontare La Fame: una sfida da affrontare La fame nascosta La fame è tra le minacce più grandi dell'umanità. Colpisce oltre 850 milioni di persone in tutto il mondo. Ciononostante, quante volte i giornali pubblicano

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

Misure restrittive dell'ue

Misure restrittive dell'ue SCHEDA INFORMATIVA Bruxelles, 29 aprile 2014 Misure restrittive dell'ue Le sanzioni sono uno degli strumenti dell'ue per promuovere gli obiettivi della politica estera e di sicurezza comune (PESC): pace,

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

Dichiarazione delle Nazioni Unite sull'ambiente umano (STOCCOLMA 1972)

Dichiarazione delle Nazioni Unite sull'ambiente umano (STOCCOLMA 1972) Dichiarazione delle Nazioni Unite sull'ambiente umano (STOCCOLMA 1972) Dichiarazione delle Nazioni Unite alla Conferenza su L'Ambiente Umano tenutasi a Stoccolma da 5 a 16 giugno 1972, che ha considerato

Dettagli

Annuario dei dati ambientali

Annuario dei dati ambientali Annuario dei dati ambientali CAPITOLO IV RADIAZIONI NON IONIZZANTI Autori: Giovanni FINOCCHIARO Coordinatore: ha fornito contributi: Patrizia VALENTINI ISPRA 2 IV. LA PERCEZIONE DEI CITTADINI EUROPEI E

Dettagli

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona?

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Nel Western Australia, la legge permette di redigere una dichiarazione anticipata di trattamento per stabilire quali cure si vogliono

Dettagli

VADEMECUM Finanziamenti diretti europei. Come redigere un progetto di successo

VADEMECUM Finanziamenti diretti europei. Come redigere un progetto di successo VADEMECUM Finanziamenti diretti europei Come redigere un progetto di successo redazione: Petra Sevvi, Renata Tomi Info Point Europa della Provincia autonoma di Bolzano Alto Adige Ripartizione Europa Ufficio

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Il Governo della Repubblica Italiana ed il Governo del Regno del Marocco (qui

Dettagli