Cereali Autunno Vernini

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Cereali Autunno Vernini"

Transcript

1 ANNO VI - SPECIALE Numero 1 - Ottobre 2007 Assessorato Agricoltura, Montagna, Sviluppo rurale e Tutela Fauna e Flora Cereali Autunno Vernini Attività sperimentale in provincia di Torino nell anno 2006/2007 La scelta varietale è, insieme alla corretta gestione agronomica, un fattore decisivo per ottenere produzioni cerealicole soddisfacenti per l agricoltore, dal punto di vista sia quantitativo che qualitativo. Andamento climatico pagina 3 Prove varietali di frumento tenero e orzo pagina 4 Frumento duro: i confronti varietali 2006/2007 pagina 9 Cimici del frumento: risultati del monitoraggio nel 2007 pagina 13 a tutto bio Confronto varietale di frumento tenero in coltivazione con metodo biologico pagina 16 Per questo motivo, il Servizio Agricoltura della Provincia di Torino, da molti anni, partecipa a prove di confronto varietale nell ambito della rete di sperimentazione nazionale. I risultati ottenuti a livello locale, integrati con quelli derivanti dalla rete nazionale (pubblicati sulle principali riviste di agricoltura), possono infatti fornire agli agricoltori un utile supporto nella scelta della varietà ottimale per il proprio areale. Nella campagna , questa attività è consistita nella realizzazione di campi di confronto varietale di orzo, frumento tenero e frumento duro. Le prove sono state gestite in collaborazione con gli enti erogatori della consulenza tecnica in agricoltura con il coordinamento della Regione Piemonte. Il supporto scientifico alla rete di confronto varietale è stato fornito dal C.R.A. (Consiglio per la Ricerca e la sperimentazione in Agricoltura) con le varie sezioni specializzate per la cerealicoltura. In particolare, sono stati allestiti 5 campi prova di orzo e 5 di frumento tenero, all interno di aziende agricole dislocate sul territorio provinciale. Da quest anno, la sperimenta-

2 PAGINA 2 zione on farm (vedere glossario pag. 15) si è estesa a 4 varietà di frumento duro, la cui coltivazione sta diventando sempre più interessante anche per i nostri areali. Inoltre, sempre per il frumento duro, si è ripetuta, per il secondo anno consecutivo, la prova a parcelline di confronto tra 20 varietà diverse. Per completare il quadro delle attività svolte sui cereali autunno-vernini, si presentano i risultati del confronto di varietà di frumento tenero in agricoltura biologica, eseguite dal C.R.A.B (Centro di riferimento per l agricoltura biologica). Infine, si riportano i dati del monitoraggio, effettuato sul territorio provinciale nella primavera 2007, della presenza e diffusione della cimice del grano. Il danno causato da questo insetto sulla granella di frumento tenero ha rappresentato negli ultimi anni uno dei più importanti temi di difesa di questa coltura nei nostri areali. ORZO Coordinatore scientifico nazionale: CRA Istituto Sperimentale per la Cerealicoltura sez. Fiorenzuola d Arda Comune Azienda Tecnico - Ente di consulenza Borgaro Torinese Torazza Michele e Serafino Luigina Gabriele Busso (Agritecna) Carignano Biancotto Matteo Paolo Romano (GCS) Chieri Gamba Gianfranco Patrizia Ferrero (Agritecna) Nichelino Piovano Michele Daniele Gaido (GCS) Verolengo Ponzetto Giancarlo Gabriele Umberto Tresso (GCS) FRUMENTO TENERO Comune Azienda Tecnico - Ente di consulenza Carmagnola Giraudi Mario e Marco Paolo Romano (GCS) Chivasso Viora Vittorio Primo Livio (Agritecna) Riva presso Chieri Tamagnone Silvestro Patrizia Ferrero (Agritecna) Villareggia Carra Carlo Paolo Dotto (GCS) Leinì Oria Giovanni Umberto Tresso, Luca Giacomini (GCS) FRUMENTO DURO Comune Azienda Tecnico Riva presso Chieri Presso il centro CAPAC Andrea Pilati, Roberta Pons, Carlo Ferrero (C.A.P.A.C. - Consorzio Agrario Piemontese per Agroforniture e Cereali) FRUMENTO TENERO BIOLOGICO Comune Azienda Tecnico Pralormo Castiglione Vecchio di Battista Lisa Massimo Pinna, Ursula Gamba, Sandra Spagnolo (C.R.A.B. - Centro Riferimento per l Agricoltura Biologica)

3 PAGINA 3 Andamento climatico L andamento climatico nella stagione 2006/2007 ha avuto un decorso inconsueto ed in generale sfavorevole per la coltivazione dei cereali vernini (Figura 1). L inverno particolarmente mite ha determinato uno sviluppo eccessivamente precoce della vegetazione e ha favorito la trasmissione di virosi su frumento tenero e orzo. Le ridotte precipitazioni durante l inverno e l inizio della primavera hanno causato delle condizioni di stress idrico su queste colture fino alla fine di aprile, mentre le intense piogge di fine primavera hanno determinato un precoce allettamento, in particolare dell orzo, ed un forte attacco di malattie fungine. Precipitazioni Precipitazioni 2006/2007 Temperatura media Temperatura media 2006/2007 Temp. ( C) Candiolo Precipitazioni (mm) 0 AGO SET OTT NOV DIC GEN FEB MAR APR MAG GIU LUG 0 Temp. ( C) Chieri Precipitazioni (mm) 0 AGO SET OTT NOV DIC GEN FEB MAR APR MAG GIU LUG 0 Figura 1 Andamento meteorologico (temperature medie mensili e precipitazioni) registrate in due località della provincia di Torino nella stagione 2006/2007 I dati delle stazioni agrometeorologiche sono stati forniti dalla Sezione di Agrometeorologia del Settore Fitosanitario della Regione Piemonte.

4 PAGINA 4 Prove varietali di frumento tenero e orzo Frumento tenero Nel 2006/2007, la sperimentazione on farm di confronto tra varietà di frumento tenero è stata condotta, in provincia di Torino, in cinque località. Il confronto ha riguardato 10 varietà che erano state valutate di particolare interesse per i nostri areali Produzione granella (t/ha) Figura 2 Produzioni di granella di frumento tenero negli anni dal 2004 al 2007 (media delle produzioni delle varietà Aubusson e Isengrain) Per quanto riguarda le produzioni, la resa media in granella è stata di 5,1 t/ha: la più bassa degli ultimi 4 anni (figura 2). Questo è avvenuto a causa dell andamento climatico sfavorevole, caratterizzato da temperature inferiori alla media durante alcune fasi di maturazione della granella ed allo sviluppo di numerose malattie fungine, sia a carico dell apparato fogliare che della spiga. In generale, le rese delle diverse varietà non si sono differenziate tra loro in modo evidente (figura 3). Tuttavia, le varietà PR22R58 e Aubusson sono risultate le più produttive, con rese rispettivamente di 5,9 e 5,5 t/ha (tabella 1), mentre Avorio ha fatto registrare i valori più bassi (4.5 t/ha). Anche il livello qualitativo della granella è risultata insoddisfacente (tabella 2). Infatti, sia il peso ettolitrico che la percentuale di proteine grezze sono apparse decisamente i nferiori a quelle registrate l anno scorso.

5 PAGINA Produzione granella Proteine grezze % 16 Indice produzione PR22R58 AUBUSSON AFRICA A416 ABATE BOLOGNA BOKARO ANAPO APACHE Proteine grezze % KALANGO ISENGRAIN AVORIO 12 Figura 3 Produzioni medie indicizzate e proteine grezze delle varietà di frumento tenero in prova nelle 13 località del Piemonte nel 2007 In azzurro sono evidenziati i frumenti di forza, in giallo i frumenti panificabili superiori ed in arancione i frumenti panificabili. Tabella 1 Produzioni di granella di frumento tenero (t/ha al 13% di umidità) registrate, nel 2007, nelle prove "on farm" della regione Piemonte

6 PAGINA 6 Varietà Classe qualitativa (1) Produzione (t/ha) Altezza pianta (cm) Allettamento (0-9) Peso ettolitrico (kg/hl) Proteine grezze (%) (2) ABATE FP (*) ANAPO FP (**) APACHE FPS (*) AUBUSSON FP (**) AVORIO FPS (*) BOKARO FP (*) BOLOGNA FF (**) ISENGRAIN FP (**) KALANGO FPS (*) PR22R58 FP (**) Tabella 2 Dati produttivi e agronomici delle varietà di frumento tenero in prova, nel 2007, nelle 5 località in provincia di Torino (1) FF=frumento di forza, FPS=frumento panificabile superiore, FP=frumento panificabile, FB=frumento biscottiero (2) Il dato relativo alle proteine grezze si riferisce ad una (*) oppure 4 (**) ripetizioni. Orzo Nell annata 2006/2007, la sperimentazione on farm di confronto varietale per l orzo ha riguardato cinque campi prova situati in provincia di Torino, facenti parte della rete regionale che include ulteriori due campi prova realizzati in provincia di Cuneo. Complessivamente sono state valutate 10 varietà di orzo: Alce, Aldebaran, Estival, Ketos, Ponente e Vega che sono state confrontate in tutte le località; Marjorie e Sixtine sono state valutate solo in provincia di Torino, Boreale e Colibrì solo in provincia di Cuneo. Nel 2007, le rese di granella delle varietà in prova (tabella 3) sono state basse rispetto alla media degli ultimi 4 anni di prova (figura 4), a causa dell andamento climatico negativo Varietà Bra (CN) Roascio (CN) Chieri Verolengo Nichelino Borgaro Carignano Media Torino Media Piemonte ALCE ALDEBARAN BOREALE COLIBRI ESTIVAL KETOS MARJORIE PONENTE SIXTINE VEGA Media Tabella 3 Produzioni di granella di orzo (t/ha al 13% di umidità) registrate, nel 2007, nelle prove "on farm" della regione Piemonte

7 PAGINA 7 che ha determinato un precoce allettamento delle piante e ha favorito la diffusione e lo sviluppo di malattie fitopatologiche quali il virus del nanismo giallo, l oidio e la maculatura reticolare fogliare. Inoltre, in confronto ai dati rilevati lo scorso anno, si è osservato quest anno un anticipo di circa tre settimane della data di spigatura. In queste condizioni sfavorevoli per la produzione di orzo, le varietà non si sono differenziate tra loro in modo evidente (figura 5). Tuttavia Ketos e Aldebaran sono risultate le varietà polistiche più produttive, con medie rispettivamente di 6,3 e 6,1 t/ha. Inoltre, tra le località in provincia di Torino, il campo prova di Borgaro è risultato il meno produttivo, mentre quello di Carignano ha fatto registrare le rese maggiori. 10 Produzione granella (t/ha) Figura 4 Produzioni di granella di orzo negli anni dal 2004 al 2007 (media delle produzioni delle varietà Ketos e Marjorie) Produzione granella Proteine (%) 12 Figura 5 Produzioni medie indicizzate e peso ettolitrico delle varietà in prova nelle 7 località del Piemonte nel 2007 In giallo sono evidenziati le varietà di orzo distico ed in azzurro le varietà polistiche Indice produzione KETOS ALDEBARAN PONENTE VEGA ESTIVAL SIXTINE ALCE MARJORIE Proteine grezze %

8 PAGINA 8 Per quanto riguarda gli aspetti qualitativi (tabella 4), il 2007 ha fatto registrare anche una scarsa qualità della granella sia in termini di peso ettolitrico, sia in termini di percentuale di proteine grezze. Alla luce di quanto emerso dalla sperimentazione on farm e dalla Rete di prove condotte a livello nazionale, si può concludere che la campagna 2006/07 non è stata molto favorevole alla coltura dell orzo soprattutto nell areale Nord, dove alla minore produzione è corrisposta una qualità della granella tra le peggiori riscontrate negli ultimi anni. Varietà Tipo di spiga (1) n. località Data di spigatura (gg da 1/4) Altezza pianta (cm) Allettamento (%) Produzione (t/ha) Peso 1000 semi (g) Peso Proteine ettolitrico (kg/hl) (%) ALCE D ALDEBARAN P BOREALE D COLIBRI P ESTIVAL P KETOS P MARJORIE D PONENTE P SIXTINE P VEGA P Tabella 4 Dati produttivi e agronomici delle varietà di orzo in prova, nel 2007, nelle 7 località del Piemonte (1) D = orzo varietà distica, P = orzo varietà polistica Campo varietale frumento tenero on -farm di Riva presso Chieri

9 PAGINA 9 Frumento duro: i confronti varietali 2006/2007 Negli ultimi anni sta aumentando sul mercato italiano la richiesta di frumento duro, soprattutto a seguito di una diminuzione degli investimenti di tale coltura nel sud Italia, causata dal disaccoppiamento dei premi PAC. Il conseguente aumento del prezzo della granella e la presenza sul mercato di varietà a ciclo più lungo che ben si adattano ai climi del nord Italia, fanno sì che molti agricoltori stiano rivolgendo maggiore interesse a questa coltura. Nell ambito del proprio Programma di Divulgazione Agricola, il Servizio Agricoltura Provinciale, nell anno 2006/2007, ha contribuito finanziariamente per il secondo anno consecutivo alla realizzazione di un campo a parcelline realizzato dal CAPAC (Consorzio Agricolo Piemontese per Agroforniture e Cereali) presso il centro di Riva presso Chieri. Da quest anno tale campo è incluso nella Rete di monitoraggio nazionale del grano duro (coordinato dal CRA - Istituto sperimentale per la cerealicoltura Sezione di Roma). Inoltre, sono stati allestiti anche dei campi di confronto varietale in tre aziende agricole, in collaborazione con gli Enti erogatori della consulenza tecnica in agricoltura. I dati qui di seguito riportati riguardano quindi sia la prova varietale sperimentale a parcelline, gestita dal CAPAC, sia le prove dimostrative on-farm, ovvero su parcelle più grandi seguite dagli agricoltori stessi. Confronto varietale in parcelline Sono state confrontate 30 varietà di frumento duro in parcelline di circa 10 m 2 ciascuna, ripetute tre volte. Il campo, precedentemente coltivato a mais da granella, è stato concimato in pre-semina con 115 unità/ha di potassio e seminato l ultima settimana di ottobre. È stato distribuito in copertura un concime azotato a lenta cessione in ragione di 140 unità/ha all inizio di marzo e 40 unità/ha in fase di botticella; il diserbo è stato effettuato a fine accestimento. La raccolta è avvenuta il 22 giugno. Per una valutazione delle caratteristiche varietali del grano duro, oltre ai dati produttivi, risultano determinanti anche il peso ettolitrico e le proteine. Quest ultime, in particolare, sono molto importanti per il valore commerciale della granella prodotta, che si stabilisce in base ad un premio per ogni punto percentuale di proteine al di sopra di 13,5% della sostanza secca (s.s.). In tabella 5 vengono riportati i risultati produttivi e qualitativi delle varietà in prova. La produzione media è stata di 5,8 t/ha; le varietà più produttive, con rese superiori a 7 t/ha, sono state: Meridiano, PR22D40 e Asdrubal. Altre 8 varietà (Saragolla, Iride, Caprì, Levante, Dylan, Duilio, Virgilio e PR22D89) si sono rivelate interessanti, con rese

10 Varietà Produzione (t/ha) Indice produttivo Peso ettolitrico (kg/hl) PAGINA 10 Proteine (%) Meridiano PR22D Asdrubal Saragolla Iride Caprì Levante Dylan Duilio Virgilio PR22D Dario Neolatino Solex Normanno Anco Marzio Achille Claudio Orfeo Casanova Orobel Sfinge Creso Vendetta K Simeto Catervo Ciccio Ariosto Chiara Media Tabella 5 caratteristiche produttive delle varietà di grano duro messe a confronto nel campo varietale di Riva presso Chieri superiori a 6 t/ha. Per quanto riguarda il tenore proteico, tutte le varietà hanno superato il limite minimo del 13,5%; in particolare i migliori risultati sono stati ottenuti dalle varietà Vendetta, Simeto, Catervo, Ariosto e PR22D66. Infine, in figura 6, si riporta la resa produttiva di ciascuna varietà in prova, espressa in funzione del tenore proteico. Le varietà posizionate nel quadrante in alto a destra risultano quindi essere le più interessanti, per quantità e qualità prodotta. Confronto varietale on farm Quattro varietà di grano duro sono state messe a confronto in 3 località (Carmagnola, Leinì e Riva presso Chieri) su parcelle di circa 1000 m 2 ciascuna, poste all interno dei campi varietali di frumento tenero. Le pratiche colturali sono state le medesime già

11 PAGINA 11 descritte precedentemente con l aggiunta di una concimazione fogliare a base di un concime azotato ed alghe, distribuita in fioritura, in concomitanza con il trattamento fungicida. Le varietà a confronto sono state Orobel, Neodur, Tiziana ed Ariosto, le quali erano risultate interessanti nella prova a parcelline svolta presso il CAPAC di Riva presso Chieri nella stagione precedente. In tabella 6 e 7 sono riportati rispettivamente la produzione ed il tenore proteico delle varietà in prova nelle diverse località, confrontati anche con i risultati del frumento tenero nel medesimo campo prova. In generale, le rese produttive sono state inferiori mediamente del 10% a quelle del grano tenero; il tenore proteico è sempre stato superiore a quello del frumento tenero con risultati più che soddisfacenti, ad eccezione del campo di Volpiano dove la varietà Orobel non ha raggiunto il minimo del 13,5%. In figura 7 è riportata, per ciascuna varietà, la produzione (in base all indice produttivo di ogni campo), espressa in funzione del tenore proteico (in base all indice proteico di Indice produttivo Meridiano PR22D40 Iride Caprì Asdrubal Saragolla Dylan Levante Duilio Virgilio Neolatino Dario PR22D89 Solex Achille A. Marzio Orfeo Normanno Casanova Orobel Sfinge Vendetta K26 Creso Simeto Ciccio Ariosto Figura 6 Indice produttivo (media generale = base 100) e tenore in proteine delle varietà in prova nel campo varietale di Riva presso Chieri Chiara Proteine (% s.s.) Volpiano Riva presso Chieri Carmagnola Media Media frumento tenero ARIOSTO NEODUR OROBEL TIZIANA Media frumento duro Tabella 6 Confronto tra le rese (t/ha) di frumento tenero e duro nelle diverse località di prova

12 PAGINA 12 Volpiano Riva presso Chieri Carmagnola Media Media frumento tenero ARIOSTO NEODUR OROBEL TIZIANA Media frumento duro Tabella 7 Confronto tra il contenuto proteico (%) del frumento tenero e duro nelle diverse località di prova ogni campo). La varietà Neodur è risultata la più stabile sia per quanto riguarda la produzione sia per quanto riguarda il tenore proteico. La varietà Ariosto ha manifestato in tutti i campi una produzione inferiore alla media delle altre varietà di grano duro, ma con tenore proteico sempre elevato. Questi dati confermano quanto evidenziato anche quest anno nel campo sperimentale gestito dal CAPAC. Le varietà Orobel e Tiziana invece hanno sempre dato produzioni elevate, ma con tenore proteico più basso della media. 140 ARIOSTO Indice produttivo NEODUR OROBEL TIZIANA Figura 7 indice produttivo e indice proteico delle varietà in prova nelle diverse località (media della località = base 100) Indice proteico Conclusioni Le prove svolte quest anno hanno confermato l adattabilità di alcune varietà di grano duro al clima del nostro areale, pur in stagioni anomale come quella trascorsa. Il frumento duro, fino ad ora, è risultata una coltura interessante sia per quanto riguarda le caratteristiche produttive sia per quanto riguarda quelle merceologiche. Alcuni aspetti agronomici però sono ancora da approfondire, in particolare, per quanto riguarda l allettamento e la concimazione. Circa il primo aspetto va ricordato che si tratta di una coltura molto sensibile. In particolar modo in questa annata il fenomeno è risultato molto marcato a seguito delle precipitazioni verificatesi poco prima della raccolta. Sarebbe necessario provare delle varietà a taglia più bassa o comunque più resistenti. Per quanto riguarda la concimazione, a causa del maggior tenore proteico della granella rispetto al frumento tenero, è necessario aumentare l apporto di azoto, prevedendo una distribuzione nella fase di botticella o di fioritura).

13 PAGINA 13 Cimici del frumento: risultati del monitoraggio 2007 La presenza di cimici del frumento (insetti eterotteri che nei nostri areali appartengono principalmente alle specie Eurygaster maura ed Eurygaster austriaca) nell annata 2006/2007 è stata molto bassa in tutte le località controllate nella provincia di Torino. Questo è il risultato dell attività di monitoraggio condotta in 8 località dai tecnici del Servizio Agricoltura della Provincia, in collaborazione con la Sezione di Entomologia Agraria dell Università di Torino. Il monitoraggio è stato condotto allo scopo di verificare la consistenza delle popolazioni delle cimici attraverso metodi di rilevamento attendibili, cioè in grado di prevedere la reale gravità delle infestazioni, e al contempo di facile e rapida esecuzione. In figura 9 sono rappresentati i risultati dei rilievi, effettuati nel periodo aprile-giugno su campi di frumento dove non sono stati eseguiti trattamenti insetticidi, espressi in numero di insetti rinvenuti per metro quadro (ogni dato rappresenta la media di almeno 20 ripetizioni per singolo campo). Questi dati, che sono stati resi disponibili in tempo reale sul sito internet della Provincia all indirizzo: evidenziano come in tutto il periodo e in tutte le località si è sempre rimasti molto al di sotto della soglia di 5 insetti a metro quadro, soglia che rappresenta il valore limite oltre il quale è probabile un danno alla qualità panificatoria delle farine. La presenza dell insetto, con l eccezione del campo di frumento sito a Brozolo, è rimasta prossima allo zero nel periodo in cui le punture causano il danno maggiore, ovvero durante la fase di maturazione latteo-cerosa delle cariossidi. Qualora le analisi sulle farine confermassero che i pochi insetti presenti non hanno causato un alterazione della qualità delle farine - e le indicazioni provenienti dai mulini a livello regionale sembrano andare in questo senso - anche il 2007, così come il 2006, potrà considerarsi un anno indenne da problemi collegati con l attività trofica delle cimici. Nei prossimi anni sarà sempre più importante assicurare un adeguato monitoraggio sull andamento delle popolazioni di cimici, per verificare l opportunità di ricorrere a trattamenti insetticidi nel corso della campagna, e per programmare una difesa efficace

14 PAGINA 14 solo nel caso di superamento di soglie critiche di intervento. Questo al fine di evitare trattamenti indiscriminati con prodotti di contatto che possono comportare rischi ambientali, rappresentano un costo rilevante per gli agricoltori e non sempre sono giustificabili da un punto di vista tecnico. I risultati completi dell indagine verranno riportati nei prossimi numeri di A tutto Campo. Figura 8 Numero di cimici per mq misurati in 5 rilievi di campo, nel 2007, in otto località della provincia di Torino e nel 2008 Sono già state selezionate le varietà di orzo, frumento tenero e frumento duro che saranno messe a confronto nei campi on farm della Provincia di Torino nella campagna 2007/2008, di seguito riportate in tabella. LISTA VARIETALE FRUMENTO TENERO LISTA VARIETALE ORZO AUBUSSON frumento panificabile COMETA distico BOLOGNA PR22R58 frumento di forza frumento panificabile AMOROSA ALCE BOREALE polistico distico distico A416 frumento panificabile KETOS polistico AZZORRE COPERNICO frumento panificabile frumento panificabile PONENTE ESTIVAL VEGA polistico polistico polistico EGIZIO frumento panificabile superiore LISTA VARIETALE FRUMENTO DURO GENERALE EXOTIC frumento panificabile superiore frumento panificabile SARAGOLLA SAN CARLO LATINUR molto produttiva di taglia bassa buona qualità AFRICA frumento panificabile OROBEL media produttività in neretto-corsivo sono riportate le varietà in prova al primo anno

15 PAGINA 15 Glossario Per rendere più facilmente comprensibili le tabelle, i grafici e i testi contenuti in queste pagine, si riporta il significato di alcuni termini utilizzati: Campi on farm : campi prova realizzati a scopo dimostrativo in aziende agricole, la cui gestione agronomica è affidata all agricoltore stesso, secondo l agrotecnica consueta per l azienda. Le unità sperimentali (parcelle) che ospitano le singole varietà, sono generalmente di grandi dimensioni, ovvero almeno di 500 m 2. I risultati ottenuti dal singolo campo assumono valore solo quando sono messi in relazione a tutti quelli ottenuti dal campi costituenti la rete di confronto, dislocati in areali rappresentativi, con caratteristiche pedoclimatiche molto differenti tra loro. Indice produttivo: posta uguale a 100 la produzione media del campo, indica in percentuale la resa della varietà. Valori superiori a 100 indicano una produzione sopra la media, viceversa valori inferiori a 100 indicano produzioni inferiori alla media. Indice proteico: posto uguale a 100 il tenore proteico medio del campo, indica in percentuale il tenore proteico delle varietà. Si ringraziano gli agricoltori presso le cui aziende sono stati realizzati i campi on farm, per la loro disponibilità ed attiva partecipazione ed i tecnici agrari che hanno partecipato alla realizzazione delle prove Assessorato Agricoltura, Montagna, Sviluppo rurale e Tutela Fauna e Flora CURATORI: Stefano Dolzan, Flavia Domenighini, Paolo Ferro, Stefano Monaco, Ivana Picciau, Annalisa Turchi Informazioni Informazioni SERVIZIO AGRICOLTURA Dirigente Servizio: Antonio Parrini via Bertola Torino Tel Fax Orario per il pubblico: lun e gio /

16 PAGINA 16 C.R.A.B. S.c.r.l. - Centro di riferimento per l Agricoltura Biologica Via San Vincenzo Bibiana - tel Confronto varietale di frumento tenero in coltivazione con metodo biologico Risultati della prova nell annata 2006/2007 a cura di Massimo Pinna, Ursula Gamba e Sandra Spagnolo Con l intento di fornire agli agricoltori che adottano sistemi di produzione biologica un indicazione delle varietà di frumento più idonee per i requisiti di rusticità e informazioni relative alla produttività, alla qualità della granella e alla stabilità delle rese, il C.R.A.B. s.c.r.l. ha aderito al progetto Reti nazionali per la formulazione di liste di varietà di frumento duro e tenero consigliate in cerealicoltura biologica, finanziato dal Mipaaf e coordinato dalla Sezione di Sant Angelo Lodigiano del CRA (Istituto Sperimentale per la Cerealicoltura). Varietà Classe qualitativa (1) Produzione (t/ha) Altezza pianta (cm) Allettamento (0-9) Peso 1000 semi (g) Peso ettolitrico (kg/hl) A416 FP ABATE FP AFRICA FP ALBACHIARA FPS ASTER FF AUBUSSON FP AVORIO FPS BLASCO FPS BOKARO FP BOLERO FP BOLOGNA FF BRAMANTE FB CRAKLIN FB GENERALE FPS GEPPETTO FP ISENGRAIN FP KALANGO FP PALLADIO FPS PR22R58 FP SERPICO FPS Media Tabella 8 Dati produttivi e agronomici delle varietà di frumento tenero in prova in coltivazione biologica nel 2006/2007 (1) FF=frumento di forza, FPS=frumento panificabile superiore, FP=frumento panificabile, FB=frumento

17 PAGINA 17 Il C.R.A.B. ha aderito al progetto fin dal 2003, allestendo per due anni consecutivi il campo sperimentale presso la Scuola Teorico Pratica Malva Arnaldi di Bibiana e, dal 2005, presso un azienda ad indirizzo cerealicolo, sita nel comune di Pralormo. Le varietà a confronto sono state 20, (3 ripetizioni per varietà, per un totale di 60 parcelle della superficie di 10 m 2 ciascuna). Nel 2006 la semina è stata realizzata su un terreno argilloso precedentemente occupato da mais, applicando ad un motocoltivatore una seminatrice meccanica. Tutte le varietà hanno manifestato problemi nella fase di emergenza, per poi riprendersi con l accestimento. Nella fase di levata è stata eseguita una fertilizzazione mediante concime organico azotato ammesso in agricoltura biologica. Benché non si sia effettuato alcun intervento per il controllo delle infestanti, non si sono manifestate infestazioni se non a livello degli stradini di separazione delle parcelle e in quelle parcelle dove la densità della coltivazione era rimasta scarsa. Sono risultati invece significativi i danni causati da Fusarium spp., conseguenza dell elevata piovosità primaverile. La produzione media di granella è stata di 4,4 t/ha (Tabella 8 e Figura 9), decisamente inferiore a quella registrata lo scorso anno, a causa del decorso stagionale sfavorevole per la coltura del frumento. Tra le varietà in prova, Bolero ha fatto registrare la resa maggiore (5,6 t/ha), mentre Avorio quella minore (3,4 t/ha). Inoltre, la varietà PR22R58 è risultata tra le più produttive anche in condizioni di tecnica di coltivazione biologica, oltre che di quella convenzionale. Infine, il peso di 1000 semi ed il peso ettolitrico sono stati bassi per tutte le varietà in prova (media peso 1000 semi = 33,6 g e media peso hl = 66,2 kg/hl), dimostrando una scarsa qualità della granella. Tuttavia questa diminuzione di qualità è stata rilevata anche nel frumento tenero in coltivazione convenzionale, ed è stata causata dell andamento climatico negativo della stagione 2006/2007. Produzione granella (t/ha) BOLERO Produzione PR22R58 AUBUSSON CRAKLIN ABATE Peso ettolitrico GEPPETTO ISENGRAIN BOKARO PALLADIO ALBACHIARA BRAMANTE BOLOGNA ASTER A416 SERPICO GENERALE KALANGO AFRICA BLASCO AVORIO Peso ettolitrico (kg/hl) Figura 9 Produzioni di granella e peso ettolitrico delle varietà di frumento tenero in prova nel 2006/2007 a Pralormo In azzurro sono evidenziati i frumenti di forza, in giallo i frumenti panificabili superiori, in arancione i frumenti panificabili ed in verde i frumenti biscottieri. a tutto campo Autorizzazione del Tribunale di Torino n del 11/06/2002 Direttore Responsabile: Michele Fassinotti Caporedattore: Angela Maria Minerva Direzione, Redazione e Amministrazione: via Bertola Torino Tel Fax Progetto grafico e impaginazione: Provincia di Torino, Direzione area attività produttive Foto: Archivio Fotografico Provincia di Torino Andrea Vettoretti (AFPT) In copertina: campo varietale di frumento a Villareggio

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO FABRIANO 06 MAGGIO 2014 1 Fig 1 Intervento di semina su sodo con

Dettagli

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Abano Terme, 27 29 Aprile 2007 Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Adriano Barbi, Alessandro Chiaudani, Irene Delillo ARPAV Centro Meteorologico di Teolo Sabato 28 Aprile 2007 In collaborazione con

Dettagli

Endivie 2013-2014. Qualità e innovazione Tante novità, da condividere

Endivie 2013-2014. Qualità e innovazione Tante novità, da condividere Endivie 2013-2014 Qualità e innovazione Tante novità, da condividere Tutto il meglio dell endivia Negli ultimi anni Rijk Zwaan ha realizzato un importante programma di ricerca dedicato all endivia. Si

Dettagli

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Questo contenuto ti è offerto da: www.sipcamitalia.it Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni.

Dettagli

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI Anno 2006/2007 A cura dell ufficio Agronomico Italpollina Spa OBIETTIVO

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Linea 1 Nella linea 1 sono state impiantate due prove di confronto parcellare nei due siti sperimentali di Antria e Marciano. Il materiale

Dettagli

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo Le forze inorganiche creano sempre solo l inorganico. Mediante una forza superiore che agisce nel corpo vivente, al cui servizio sono le forze

Dettagli

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI PREMESSA Si assiste sempre più spesso ad andamenti meteorologici imprevedibili e come tali differenti dall ordinario: periodi particolarmente asciutti alternati ad altri particolarmente piovosi. Allo stesso

Dettagli

CENTRO PO DI TRAMONTANA. nei settori orticolo e floricolo

CENTRO PO DI TRAMONTANA. nei settori orticolo e floricolo CENTRO PO DI TRAMONTANA RISULTATI SPERIMENTALI 2014 nei settori orticolo e floricolo 23 SPERIMENTAZIONE E ORIENTAMENTI Per la ventitreesima stagione consecutiva Veneto Agricoltura presenta i risultati

Dettagli

Lineamenti di storia del Consorzio Agricolo Piemontese per Agroforniture e Cereali Leopoldo Cassibba 1

Lineamenti di storia del Consorzio Agricolo Piemontese per Agroforniture e Cereali Leopoldo Cassibba 1 Lineamenti di storia del Consorzio Agricolo Piemontese per Agroforniture e Cereali Leopoldo Cassibba 1 Introduzione L elaborato ripercorre l evoluzione del CAPAC (Consorzio Agricolo Piemontese per Agroforniture

Dettagli

Indagine Agronomica. Obiettivi: Progetto CORINAT

Indagine Agronomica. Obiettivi: Progetto CORINAT Progetto CORINAT Indagine Agronomica Obiettivi: Creazione di un sistema cartografico (GIS) per l analisi territoriale Valutazione della influenza della misura 214 azione i sui componenti della produzione

Dettagli

Tecnici coinvolti: Michele Baudino*; Alessandro Costanzo **; Diego Scarpa **

Tecnici coinvolti: Michele Baudino*; Alessandro Costanzo **; Diego Scarpa ** MELONE Tecnici coinvolti: Michele Baudino*; Alessandro Costanzo **; Diego Scarpa ** * Tecnico CReSO ; Tecnici SATA / Cadir Lab. Elenco delle cultivar poste a confronto Varietà Ditta Tip. Agustino Rijk

Dettagli

MODENA E IL SUO CLIMA

MODENA E IL SUO CLIMA Comune di Modena - SERVIZIO STATISTICA: note divulgative Pagina 1 di 2 MODENA E IL SUO CLIMA Modena, pur non essendo estranea al fenomeno del riscaldamento generalizzato, continua ad essere caratterizzata

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

Facciamoci due conti

Facciamoci due conti Facciamoci due conti Ma alla fine quanto si guadagna a coltivare canapa? la domanda sorge spontanea ed è più che legittima, specie considerando il panorama deprimente dell agricoltura in Italia ai giorni

Dettagli

Miscele da Sovescio Agri.Bio

Miscele da Sovescio Agri.Bio Miscele da Sovescio Agri.Bio Il sovescio è una pratica agronomica consistente nell'interramento di apposite colture allo scopo di mantenere o aumentare la fertilità del terreno. I risultati che si possono

Dettagli

Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura. melo, pero, kiwi. schede colturali - volume 4

Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura. melo, pero, kiwi. schede colturali - volume 4 Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura melo, pero, kiwi schede colturali - volume 4 I prodotti che AGM fabbrica con destinazione speciale per frutteti, sono stati testati

Dettagli

n 6 di mercoledì 20/05/2015 Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto

n 6 di mercoledì 20/05/2015 Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto Fattori comprensoriali comuni Fonti di approvvigionamento idriche Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto Fiume PO portata presso località Pontelagoscuro - Fiume PO livello presso opera

Dettagli

Presentazione ed utilizzo di VitiMeteo-Plasmopara

Presentazione ed utilizzo di VitiMeteo-Plasmopara Presentazione ed utilizzo di VitiMeteo-Plasmopara VitiMeteo-Plasmopara consente di affinare la lotta contro la peronospora, senza tralasciare gli episodi d infezioni importanti e permette di evitare dei

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015

OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015 OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015 RAPPORTI DI LAVORO ATTIVATI (1) NEI MESI GENNAIO-MARZO DEGLI ANNI 2013, 2014 E 2015 A. NUOVI RAPPORTI DI LAVORO A1. Assunzioni a tempo indeterminato gen-mar

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE?

GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE? GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE? Elisa Angelini elisa.angelini@entecra.it C.R.A. Centro di Ricerca per la Viticoltura Conegliano (TV) Foto P. Marcuzzo Foto G. Rama UN PO DI

Dettagli

PRODUTTIVITÁ DELLE SRC NELL APPENNINO CALABRESE. Sara Bergante Gianni Facciotto, Laura Rosso, Giuseppe Nervo, Enrico Allasia, Franco Fazio

PRODUTTIVITÁ DELLE SRC NELL APPENNINO CALABRESE. Sara Bergante Gianni Facciotto, Laura Rosso, Giuseppe Nervo, Enrico Allasia, Franco Fazio PRODUTTIVITÁ DELLE SRC NELL APPENNINO CALABRESE Sara Bergante Gianni Facciotto, Laura Rosso, Giuseppe Nervo, Enrico Allasia, Franco Fazio 1 Ambito della ricerca Nella primavera 2009 l Unità di Ricerca

Dettagli

Fitopro s.r.l. - Milano. Servizio Fitosanitario Regionaledel Veneto - Bovolino di Buttapietra (VR)

Fitopro s.r.l. - Milano. Servizio Fitosanitario Regionaledel Veneto - Bovolino di Buttapietra (VR) LOTTA ANTIPERONOSPORICA SU VITE IN REGIME DI AGRICOLTURA BIOLOGICA: CONFRONTO TRA STRATEGIA A PROTEZIONE CONTINUA E STRATEGIA SUPPORTATA DAL MODELLO EPI. VENETO, BIENNIO 2007/2008 M. Buccini 1, G. Rho

Dettagli

IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO

IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO ifesa delle oreste Dryocosmus kuriphilus Yat su matsu Hymenoptera Cynipidae Cos è il Cinipide galligeno del castagno? L imenottero cinipide Dryocosmus kuriphilus Yatsumatsu

Dettagli

IASMA Notizie DIFESA ESTIVA DELL OLIVO

IASMA Notizie DIFESA ESTIVA DELL OLIVO IASMA Notizie OLIVICOLTURA Notiziario tecnico del Centro Trasferimento Tecnologico della Fondazione Edmund Mach - Istituto Agrario di S. Michele all Adige 24 giugno 2011 n. 2 IASMA Notizie n. 28 - Anno

Dettagli

CARATTERISTIC HE-ALIMENTARI. buono da mensa ottimo per salse fragranza intensa

CARATTERISTIC HE-ALIMENTARI. buono da mensa ottimo per salse fragranza intensa CARATTRISTICH- CARATTRISTIC H-ALIMNTARI DV pomodoro ovale di daniele semina: febbraio trapianto: aprile-maggio raccolta: luglio-novembre buccia chiara, arancione se maturo, polpa compatta, pochi semi,

Dettagli

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione Agricoltura e Produzione Agroalimentare Prof. Felice ADINOLFI Università degli Studi di Bologna Roma 22 Gennaio

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

n 9 di mercoledì 10/06/2015 Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto

n 9 di mercoledì 10/06/2015 Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto Fattori comprensoriali comuni Fonti di approvvigionamento idriche Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto Fiume PO portata presso località Pontelagoscuro - Fiume PO livello presso opera

Dettagli

Danni insoliti da tripidi sul frutto melo

Danni insoliti da tripidi sul frutto melo Danni insoliti da tripidi sul frutto melo L osservazione e lo studio di sintomi su piante o frutti fa parte delle attività della Sezione Difesa delle Piante presso il Centro per la Sperimentazione Agraria

Dettagli

Funghi e micotossine

Funghi e micotossine Funghi e micotossine Roberto Causin, Dipartimento TeSAF, Sezione Patologia Vegetale, Università degli Studi di Padova 1.1 Aspetti generali Si conoscono decine di generi e specie fungine (muffe) in grado

Dettagli

Fabbricazione di altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi (Ateco 23)

Fabbricazione di altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi (Ateco 23) Fabbricazione di altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi (Ateco 23) Indicatori congiunturali di settore e previsioni Business Analysis Aprile 2015 Indicatori congiunturali Indice della

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.vitaincampagna.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue sucessive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi da

Dettagli

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A.

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. Marra PROGETTO OBIETTIVO MATERNO INFANTILE ( POMI) DM 24 APRILE 2000 TRE

Dettagli

RIFERIMENTI NORMATIVI

RIFERIMENTI NORMATIVI RIFERIMENTI NORMATIVI Produzione e vendita di compost: Legge n. 748/1984 sui fertilizzanti modificata dal D. L. 217 del 29.04.06 e successive modifiche Allegato IIA del Reg. CE 2092/91 (per chi pratica

Dettagli

Lotta biologica per la difesa fitosanitaria del castagneto

Lotta biologica per la difesa fitosanitaria del castagneto GAL L ALTRA ROMAGNA S. CONS. A R.L. Via Roma, 24 47027 Sarsina (FC) Tel. 0547.698301 Fax 0547.698345 altrarom@tin.it COD. FISC. e P. IVA 02223700408 www.altraromagna.it PSR ASSE 4 Leader MISURA 412 Azione

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT MONITORAGGIO DELLE MICOTOSSINE NEI PRINCIPALI ALIMENTI ZOOTECNICI PRESENTI SUL MERCATO LOMBARDO PER GARANTIRE PRODUZIONI ZOOTECNICHE DI QUALITA Siamo giunti alla 3 pubblicazione

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ NELL AREA DEL CAVALLINO

PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ NELL AREA DEL CAVALLINO Studio di tecniche innovative per la razionalizzazione dell uso di fertilizzanti abbinato alla razionalizzazione della risorsa idrica PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ

Dettagli

UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO

UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO Con il patrocinio di energia UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO Dopo un anno di monitoraggio climatico nella città di Perugia, effettuato grazie alla rete meteo installata

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia

C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia VINCENZO FEDELE E GIOVANNI ANNICCHIARICO C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia Stalla Pascolo DECIDE L ALLEVATORE DECIDE L ANIMALE Scelta alimenti Scelta alimenti (Vegetazione) Quantità (limitata)

Dettagli

ELEMENTI DI STATISTICA DESCRITTIVA ED INFERENZIALE

ELEMENTI DI STATISTICA DESCRITTIVA ED INFERENZIALE ELEMENTI DI STATISTICA DESCRITTIVA ED INFERENZIALE Per gli studenti del 1 Anno della Facoltà di Agraria APPUNTI DALLE LEZIONI (A.A. 00/003) Andrea Onofri Dipartimento di Scienze Agroambientali e della

Dettagli

COLTURE FORAGGERE. Scheda. 1 - Erbai autunno vernini. 2 - Erba medica. 3 - Favino. 4 - Sulla, lupinella e trifogli annuali e biennali da foraggio

COLTURE FORAGGERE. Scheda. 1 - Erbai autunno vernini. 2 - Erba medica. 3 - Favino. 4 - Sulla, lupinella e trifogli annuali e biennali da foraggio Regione Toscana PSR 2007/13 e L.R. 25/99 Agricoltura Integrata: Schede Tecniche Difesa e Diserbo Annata agraria 2015 Rev. 6 Pag.171 di 256 COLTURE FORAGGERE Scheda 1 - Erbai autunno vernini 2 - Erba medica

Dettagli

Operazioni colturali Misura Prezzo unitario Aratura ha 150,00 Erpicatura ha 60,00 Fresatura o erpice rotante ha 123,00 Semina mais e girasole,

Operazioni colturali Misura Prezzo unitario Aratura ha 150,00 Erpicatura ha 60,00 Fresatura o erpice rotante ha 123,00 Semina mais e girasole, Operazioni colturali Misura Prezzo unitario Aratura ha 150,00 Erpicatura ha 60,00 Fresatura o erpice rotante ha 123,00 Semina mais e girasole, macchina monoseme ha 63,00 Con concimazione localizzata ha

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

ΕΡΓ. ΓΕΩΡΓΙΚΗΣ ΜΗΧΑΝΟΛΟΓΙΑΣ TEL.: (+30210)5294040 FAX: (+301)5294032 ΚΑΘ. Ν. ΣΥΓΡΙΜΗΣ email:ns@aua.gr, www.aua.gr/ns

ΕΡΓ. ΓΕΩΡΓΙΚΗΣ ΜΗΧΑΝΟΛΟΓΙΑΣ TEL.: (+30210)5294040 FAX: (+301)5294032 ΚΑΘ. Ν. ΣΥΓΡΙΜΗΣ email:ns@aua.gr, www.aua.gr/ns ORTICOLE IN SERRA Preparazione del terreno Trapianto Post-Trapianto Inizio accrescimento vegetativo Accrescimento vegetativo Fioritura Allegagione Ingrossamento bacche frutti Invaiatura Maturazione Obiettivo/Problema

Dettagli

Tecniche di restauro vegetazionale nei lavori forestali della Provincia Autonoma di Trento La Plagne 13 giugno 2014

Tecniche di restauro vegetazionale nei lavori forestali della Provincia Autonoma di Trento La Plagne 13 giugno 2014 Tecniche di restauro vegetazionale nei lavori forestali della Provincia Autonoma di Trento La Plagne 13 giugno 2014 Gli interventi di ripristino vegetazionale rappresentano la fase conclusiva dei lavori

Dettagli

Società Agricola: Emon Agri

Società Agricola: Emon Agri Società Agricola: Emon Agri INTERVISTA AD UN AGRICOLTORE DELLA SOCIETA' AGRICOLA: Sul vostro logo c'è scritto che attuate una coltivazione virtuosa, ci può dire cosa si intende? Ci spiega: Per coltivazione

Dettagli

DIAMO VOCE ALLE SEMENTI!

DIAMO VOCE ALLE SEMENTI! DIAMO VOCE ALLE SEMENTI! POTRA L EUROPA RINUNCIARE ALL INNOVAZIONE VARIETALE? LA NOSTRA VISIONE L innovazione legata alle sementi deve essere alla base della filiera alimentare, per stimolare lo sviluppo

Dettagli

Biochar, fattori che influenzano la sua qualità ammendante

Biochar, fattori che influenzano la sua qualità ammendante ANALISI DELL UNIVERSITÀ DI TORINO SU BIOCHAR OTTENUTO DA DIVERSE MATRICI Biochar, fattori che influenzano la sua qualità ammendante di L. Petruzzelli, R. Subedi, C. Bertora, E. Remogna, C. Grignani Dal

Dettagli

Introduzione alla Relazione del convegno

Introduzione alla Relazione del convegno PIANO D AZIONE NAZIONALE PER L USO SOSTENIBIL E DEI PRODOTTI FITOSANIT ARI E PROPOSTE DI STRUMENT I APPLICAT IV I 19 novembre 2012 Environmental Park Centro Congressi Sala Kyoto Via Livorno, 60 Torino

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

garantiscono completamente quanto sopra un anno su due, statisticamente.

garantiscono completamente quanto sopra un anno su due, statisticamente. Direzione Ambiente Linee guida per la verifica dei fabbisogni irrigui, la revisione delle concessioni e il calcolo dei riparti in condizioni di magra Quant4 Software di calcolo dei fabbisogni irrigui comprensoriali

Dettagli

IL COMPARTO DEL TABACCO IN ITALIA ALLA LUCE DELLA NUOVA OCM

IL COMPARTO DEL TABACCO IN ITALIA ALLA LUCE DELLA NUOVA OCM Istituto Nazionale di Economia Agraria IL COMPARTO DEL TABACCO IN ITALIA ALLA LUCE DELLA NUOVA OCM a cura di Roberta Sardone Edizioni Scientifiche Italiane ISTITUTO NAZIONALE DI ECONOMIA AGRARIA IL COMPARTO

Dettagli

All Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA. Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA

All Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA. Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA AREA COORDINAMENTO Ufficio Rapporti Finanziari Via Salandra, 13 00187 Roma Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.770 Prot. N. ACIU.2015.140 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 20 marzo 2015 Organismo Pagatore AGEA

Dettagli

Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN

Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN Alessandra Galosi - Stefano Lucci Luca Segazzi ISPRA Istituto Superiore per la Protezione e Ricerca Ambientale 1.Premessa 2. L attività

Dettagli

MALATTIE E TECNICHE DI CONTENIMENTO

MALATTIE E TECNICHE DI CONTENIMENTO Le prospettive del vivaismo viticolo europeo MALATTIE E TECNICHE DI CONTENIMENTO Elisa Angelini CRA VIT Centro di Ricerca per la Viticoltura Conegliano (TV) 1. Giallumi (Flavescenza dorata e Legno nero):

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

CONVEGNO FAI L UNIVERSO APE IN PERICOLO. Resoconto preliminare

CONVEGNO FAI L UNIVERSO APE IN PERICOLO. Resoconto preliminare CONVEGNO FAI L UNIVERSO APE IN PERICOLO ---------------------------- Resoconto preliminare L importanza di una rete di monitoraggio Al fine di avere idee precise sulla natura e sull entità degli spopolamenti

Dettagli

Mario Fargnoli. www.politicheagricole.it

Mario Fargnoli. www.politicheagricole.it La revisione delle macchine agricole immatricolate Mario Fargnoli Giornata di Studio www.politicheagricole.it Sicurezza del lavoro in agricoltura e nella circolazione stradale tra obblighi di legge ed

Dettagli

Testo Consolidato del Decreto n 30125 del 22 dicembre 2009 (come modificato dal DM 10346 del 13 maggio 2011)

Testo Consolidato del Decreto n 30125 del 22 dicembre 2009 (come modificato dal DM 10346 del 13 maggio 2011) Testo Consolidato del Decreto n 30125 del 22 dicembre 2009 (come modificato dal DM 10346 del 13 maggio 2011) L AGRICOLTURA A BENEFICIO DI TUTTI Documento prodotto nell ambito della Rete Rurale Nazionale

Dettagli

Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura

Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura Obiettivi: - evitare o ridurre il fenomeno della sciamatura - conservare le api nell alveare o nell apiario (sciamatura temporanea) I metodi sono diversi

Dettagli

ogni giorno in prima linea

ogni giorno in prima linea Servizio itosanitario Emilia-Romagna ogni giorno in prima linea proteggere le coltivazioni, le alberature, i parchi e le aree verdi dell'emilia-romagna da organismi nocivi fornire un supporto specialistico

Dettagli

Convegno ARPAER-OGER-Provincia Piacenza CAMBIAMENTO CLIMATICO, ACQUE E DISSESTO IDROGEOLOGICO. GEOFLUID, Piacenza - 1 ottobre 2014

Convegno ARPAER-OGER-Provincia Piacenza CAMBIAMENTO CLIMATICO, ACQUE E DISSESTO IDROGEOLOGICO. GEOFLUID, Piacenza - 1 ottobre 2014 CAMBIAMENTO CLIMATICO, ACQUE E DISSESTO IDROGEOLOGICO Il cambiamento climatico ed il suo impatto ambientale-territoriale su risorsa idrica e rischio Idrogeologico Carlo Cacciamani Direttore Arpa, Servizio

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA UNICA DI PAGAMENTO RACCOLTO 2014

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA UNICA DI PAGAMENTO RACCOLTO 2014 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA UNICA DI PAGAMENTO RACCOLTO 2014 Per la compilazione della domanda unica 2014 è necessario conoscere la normativa comunitaria e nazionale di riferimento ed in particolare

Dettagli

I risultati dei campi varietali di sorgo da granella e da biomassa

I risultati dei campi varietali di sorgo da granella e da biomassa I risultati dei campi varietali di sorgo da granella e da biomassa Roberto Reggiani Az. Agr. Sperim. Stuard - Parma Renato Canestrale Centro Ricerche Produzioni Vegetali Settore Grandi Colture - Faenza

Dettagli

TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane

TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane Agrofarmaco biologico per la prevenzione delle malattie fungine del terreno TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane NOVITà TELLUS: la nuova risorsa per una crescita vigorosa TELLUS

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO

REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO del 28 giugno 2007 RELATIVO ALLA PRODUZIONE BIOLOGICA E ALL ETICHETTATURA DEI PRODOTTI BIOLOGICI E CHE ABROGA IL REGOLAMENTO (CEE) N. 2092/91 TESTO COORDINATO

Dettagli

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO Ufficio studi I dati più recenti indicano in oltre 1,4 milioni il numero degli occupati nelle imprese del turismo. Il 68% sono dipendenti. Per conto dell EBNT (Ente Bilaterale Nazionale del Turismo) Fipe,

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema dei fontanili del Parco Agricolo Sud Milano

Indagine conoscitiva sul sistema dei fontanili del Parco Agricolo Sud Milano Altri studi condotti dal Parco integrati con il Sitpas U. Ceriani - Direttore del Parco Agricolo Sud Milano, Provincia di Milano M. Cont - Funzionario Agronomo del Parco Agricolo Sud Milano, Provincia

Dettagli

In Olanda serricoltori come broker di borsa

In Olanda serricoltori come broker di borsa ORTICOLTURA In Olanda serricoltori come broker di borsa Le importazioni a basso prezzo di energia dalla Germania hanno reso poco redditizia la vendita alla rete, i coltivatori monitorano le quotazioni

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 20.6.2014 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea L 181/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 639/2014 DELLA COMMISSIONE dell 11 marzo 2014 che integra il regolamento (UE)

Dettagli

APPROCCI INNOVATIVI NELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI ALBICOCCO

APPROCCI INNOVATIVI NELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI ALBICOCCO SEMINARIO TECNICO ALBICOCCHE DI QUALITA :tecniche agronomiche, innovazione varietale e strategie di mercato APPROCCI INNOVATIVI NELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI ALBICOCCO Sala Consiliare Comune di Scanzano

Dettagli

Livello intermedio DAL GRANO AL PANE

Livello intermedio DAL GRANO AL PANE Livello intermedio DAL GRANO AL PANE Indice Storia del pane 4 Selezione dei cereali 5 Cerealicoltura 6 Dal mugnaio 7 Dal panettiere 8 I tipi di pane 9 Il pane nell alimentazione 10/11 Il pane nelle usanze

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum);

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum); Farro Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Il farro, nome comune usato per tre differenti specie del genere Triticum, rappresenta il più antico tipo di frumento coltivato, utilizzata dall'uomo come nutrimento

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

GIUSTIFICAZIONE DEI LIVELLI DI AIUT. O MISURA F "AGROAMBIENTE"

GIUSTIFICAZIONE DEI LIVELLI DI AIUT. O MISURA F AGROAMBIENTE REGIONE SICILIANA ASSESSORATO AGRICOLTURA E FORESTE Piano di Sviluppo Rurale GIUSTIFICAZIONE DEI LIVELLI DI AIUT. O MISURA F "AGROAMBIENTE" PREMESSA Il calcolo dei livelli di aiuto è stato effettuato secondo

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL PIEMONTE UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE : CUNEO

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL PIEMONTE UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE : CUNEO GRADUATORIA TITOLARI SU DOTAZIONE ORGANICA PROVINCIALE - SC. SEC. DI II GRADO PAG. 1 SI COMUNICANO, ORDINATI PER DATI ANAGRAFICI E DISTINTI PER CLASSE DI CONCORSO, I SEGUENTI DATI RELATIVI AI DOCENTI TITOLARI

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t LEGGE REGIONALE 20 MAGGIO 2014, N. 26 Disposizioni per favorire l accesso dei giovani all agricoltura e contrastare l abbandono e il consumo dei suoli agricoli 2 LEGGE REGIONALE Disposizioni per favorire

Dettagli

Relatore: per.agr. Roberto Nataloni Dlgs 150/2012 Art. 1 Oggetto Il presente decreto definisce le misure per un uso sostenibile dei pesticidi, che sono prodotti fitosanitari come definiti all articolo

Dettagli

Sono nati per l autoconsumo,

Sono nati per l autoconsumo, Il prodotto bio è fai da te Consumatori Li considerano troppo cari e con una tracciabilità inadeguata. Eppure gli shopper apprezzano sempre di più le referenze biologiche. Così decidono di coltivarle in

Dettagli

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO ndice 1 Fai come fa la Natura 2 Cosa ci metti per fare la terra? 3 Come funziona il Compostaggio 4 Le cose

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3

AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3 AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3 A S S E 2 : M I G L I O R A M E N T O D E L L A M B I E N T E E D E L L O S P A

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

IT 2014. La Commissione ha gestito in maniera efficace l integrazione del sostegno accoppiato nel regime di pagamento unico? Relazione speciale

IT 2014. La Commissione ha gestito in maniera efficace l integrazione del sostegno accoppiato nel regime di pagamento unico? Relazione speciale IT 2014 n. 08 Relazione speciale La Commissione ha gestito in maniera efficace l integrazione del sostegno accoppiato nel regime di pagamento unico? CORTE DEI CONTI EUROPEA CORTE DEI CONTI EUROPEA 12,

Dettagli