Cereali Autunno Vernini

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Cereali Autunno Vernini"

Transcript

1 ANNO VI - SPECIALE Numero 1 - Ottobre 2007 Assessorato Agricoltura, Montagna, Sviluppo rurale e Tutela Fauna e Flora Cereali Autunno Vernini Attività sperimentale in provincia di Torino nell anno 2006/2007 La scelta varietale è, insieme alla corretta gestione agronomica, un fattore decisivo per ottenere produzioni cerealicole soddisfacenti per l agricoltore, dal punto di vista sia quantitativo che qualitativo. Andamento climatico pagina 3 Prove varietali di frumento tenero e orzo pagina 4 Frumento duro: i confronti varietali 2006/2007 pagina 9 Cimici del frumento: risultati del monitoraggio nel 2007 pagina 13 a tutto bio Confronto varietale di frumento tenero in coltivazione con metodo biologico pagina 16 Per questo motivo, il Servizio Agricoltura della Provincia di Torino, da molti anni, partecipa a prove di confronto varietale nell ambito della rete di sperimentazione nazionale. I risultati ottenuti a livello locale, integrati con quelli derivanti dalla rete nazionale (pubblicati sulle principali riviste di agricoltura), possono infatti fornire agli agricoltori un utile supporto nella scelta della varietà ottimale per il proprio areale. Nella campagna , questa attività è consistita nella realizzazione di campi di confronto varietale di orzo, frumento tenero e frumento duro. Le prove sono state gestite in collaborazione con gli enti erogatori della consulenza tecnica in agricoltura con il coordinamento della Regione Piemonte. Il supporto scientifico alla rete di confronto varietale è stato fornito dal C.R.A. (Consiglio per la Ricerca e la sperimentazione in Agricoltura) con le varie sezioni specializzate per la cerealicoltura. In particolare, sono stati allestiti 5 campi prova di orzo e 5 di frumento tenero, all interno di aziende agricole dislocate sul territorio provinciale. Da quest anno, la sperimenta-

2 PAGINA 2 zione on farm (vedere glossario pag. 15) si è estesa a 4 varietà di frumento duro, la cui coltivazione sta diventando sempre più interessante anche per i nostri areali. Inoltre, sempre per il frumento duro, si è ripetuta, per il secondo anno consecutivo, la prova a parcelline di confronto tra 20 varietà diverse. Per completare il quadro delle attività svolte sui cereali autunno-vernini, si presentano i risultati del confronto di varietà di frumento tenero in agricoltura biologica, eseguite dal C.R.A.B (Centro di riferimento per l agricoltura biologica). Infine, si riportano i dati del monitoraggio, effettuato sul territorio provinciale nella primavera 2007, della presenza e diffusione della cimice del grano. Il danno causato da questo insetto sulla granella di frumento tenero ha rappresentato negli ultimi anni uno dei più importanti temi di difesa di questa coltura nei nostri areali. ORZO Coordinatore scientifico nazionale: CRA Istituto Sperimentale per la Cerealicoltura sez. Fiorenzuola d Arda Comune Azienda Tecnico - Ente di consulenza Borgaro Torinese Torazza Michele e Serafino Luigina Gabriele Busso (Agritecna) Carignano Biancotto Matteo Paolo Romano (GCS) Chieri Gamba Gianfranco Patrizia Ferrero (Agritecna) Nichelino Piovano Michele Daniele Gaido (GCS) Verolengo Ponzetto Giancarlo Gabriele Umberto Tresso (GCS) FRUMENTO TENERO Comune Azienda Tecnico - Ente di consulenza Carmagnola Giraudi Mario e Marco Paolo Romano (GCS) Chivasso Viora Vittorio Primo Livio (Agritecna) Riva presso Chieri Tamagnone Silvestro Patrizia Ferrero (Agritecna) Villareggia Carra Carlo Paolo Dotto (GCS) Leinì Oria Giovanni Umberto Tresso, Luca Giacomini (GCS) FRUMENTO DURO Comune Azienda Tecnico Riva presso Chieri Presso il centro CAPAC Andrea Pilati, Roberta Pons, Carlo Ferrero (C.A.P.A.C. - Consorzio Agrario Piemontese per Agroforniture e Cereali) FRUMENTO TENERO BIOLOGICO Comune Azienda Tecnico Pralormo Castiglione Vecchio di Battista Lisa Massimo Pinna, Ursula Gamba, Sandra Spagnolo (C.R.A.B. - Centro Riferimento per l Agricoltura Biologica)

3 PAGINA 3 Andamento climatico L andamento climatico nella stagione 2006/2007 ha avuto un decorso inconsueto ed in generale sfavorevole per la coltivazione dei cereali vernini (Figura 1). L inverno particolarmente mite ha determinato uno sviluppo eccessivamente precoce della vegetazione e ha favorito la trasmissione di virosi su frumento tenero e orzo. Le ridotte precipitazioni durante l inverno e l inizio della primavera hanno causato delle condizioni di stress idrico su queste colture fino alla fine di aprile, mentre le intense piogge di fine primavera hanno determinato un precoce allettamento, in particolare dell orzo, ed un forte attacco di malattie fungine. Precipitazioni Precipitazioni 2006/2007 Temperatura media Temperatura media 2006/2007 Temp. ( C) Candiolo Precipitazioni (mm) 0 AGO SET OTT NOV DIC GEN FEB MAR APR MAG GIU LUG 0 Temp. ( C) Chieri Precipitazioni (mm) 0 AGO SET OTT NOV DIC GEN FEB MAR APR MAG GIU LUG 0 Figura 1 Andamento meteorologico (temperature medie mensili e precipitazioni) registrate in due località della provincia di Torino nella stagione 2006/2007 I dati delle stazioni agrometeorologiche sono stati forniti dalla Sezione di Agrometeorologia del Settore Fitosanitario della Regione Piemonte.

4 PAGINA 4 Prove varietali di frumento tenero e orzo Frumento tenero Nel 2006/2007, la sperimentazione on farm di confronto tra varietà di frumento tenero è stata condotta, in provincia di Torino, in cinque località. Il confronto ha riguardato 10 varietà che erano state valutate di particolare interesse per i nostri areali Produzione granella (t/ha) Figura 2 Produzioni di granella di frumento tenero negli anni dal 2004 al 2007 (media delle produzioni delle varietà Aubusson e Isengrain) Per quanto riguarda le produzioni, la resa media in granella è stata di 5,1 t/ha: la più bassa degli ultimi 4 anni (figura 2). Questo è avvenuto a causa dell andamento climatico sfavorevole, caratterizzato da temperature inferiori alla media durante alcune fasi di maturazione della granella ed allo sviluppo di numerose malattie fungine, sia a carico dell apparato fogliare che della spiga. In generale, le rese delle diverse varietà non si sono differenziate tra loro in modo evidente (figura 3). Tuttavia, le varietà PR22R58 e Aubusson sono risultate le più produttive, con rese rispettivamente di 5,9 e 5,5 t/ha (tabella 1), mentre Avorio ha fatto registrare i valori più bassi (4.5 t/ha). Anche il livello qualitativo della granella è risultata insoddisfacente (tabella 2). Infatti, sia il peso ettolitrico che la percentuale di proteine grezze sono apparse decisamente i nferiori a quelle registrate l anno scorso.

5 PAGINA Produzione granella Proteine grezze % 16 Indice produzione PR22R58 AUBUSSON AFRICA A416 ABATE BOLOGNA BOKARO ANAPO APACHE Proteine grezze % KALANGO ISENGRAIN AVORIO 12 Figura 3 Produzioni medie indicizzate e proteine grezze delle varietà di frumento tenero in prova nelle 13 località del Piemonte nel 2007 In azzurro sono evidenziati i frumenti di forza, in giallo i frumenti panificabili superiori ed in arancione i frumenti panificabili. Tabella 1 Produzioni di granella di frumento tenero (t/ha al 13% di umidità) registrate, nel 2007, nelle prove "on farm" della regione Piemonte

6 PAGINA 6 Varietà Classe qualitativa (1) Produzione (t/ha) Altezza pianta (cm) Allettamento (0-9) Peso ettolitrico (kg/hl) Proteine grezze (%) (2) ABATE FP (*) ANAPO FP (**) APACHE FPS (*) AUBUSSON FP (**) AVORIO FPS (*) BOKARO FP (*) BOLOGNA FF (**) ISENGRAIN FP (**) KALANGO FPS (*) PR22R58 FP (**) Tabella 2 Dati produttivi e agronomici delle varietà di frumento tenero in prova, nel 2007, nelle 5 località in provincia di Torino (1) FF=frumento di forza, FPS=frumento panificabile superiore, FP=frumento panificabile, FB=frumento biscottiero (2) Il dato relativo alle proteine grezze si riferisce ad una (*) oppure 4 (**) ripetizioni. Orzo Nell annata 2006/2007, la sperimentazione on farm di confronto varietale per l orzo ha riguardato cinque campi prova situati in provincia di Torino, facenti parte della rete regionale che include ulteriori due campi prova realizzati in provincia di Cuneo. Complessivamente sono state valutate 10 varietà di orzo: Alce, Aldebaran, Estival, Ketos, Ponente e Vega che sono state confrontate in tutte le località; Marjorie e Sixtine sono state valutate solo in provincia di Torino, Boreale e Colibrì solo in provincia di Cuneo. Nel 2007, le rese di granella delle varietà in prova (tabella 3) sono state basse rispetto alla media degli ultimi 4 anni di prova (figura 4), a causa dell andamento climatico negativo Varietà Bra (CN) Roascio (CN) Chieri Verolengo Nichelino Borgaro Carignano Media Torino Media Piemonte ALCE ALDEBARAN BOREALE COLIBRI ESTIVAL KETOS MARJORIE PONENTE SIXTINE VEGA Media Tabella 3 Produzioni di granella di orzo (t/ha al 13% di umidità) registrate, nel 2007, nelle prove "on farm" della regione Piemonte

7 PAGINA 7 che ha determinato un precoce allettamento delle piante e ha favorito la diffusione e lo sviluppo di malattie fitopatologiche quali il virus del nanismo giallo, l oidio e la maculatura reticolare fogliare. Inoltre, in confronto ai dati rilevati lo scorso anno, si è osservato quest anno un anticipo di circa tre settimane della data di spigatura. In queste condizioni sfavorevoli per la produzione di orzo, le varietà non si sono differenziate tra loro in modo evidente (figura 5). Tuttavia Ketos e Aldebaran sono risultate le varietà polistiche più produttive, con medie rispettivamente di 6,3 e 6,1 t/ha. Inoltre, tra le località in provincia di Torino, il campo prova di Borgaro è risultato il meno produttivo, mentre quello di Carignano ha fatto registrare le rese maggiori. 10 Produzione granella (t/ha) Figura 4 Produzioni di granella di orzo negli anni dal 2004 al 2007 (media delle produzioni delle varietà Ketos e Marjorie) Produzione granella Proteine (%) 12 Figura 5 Produzioni medie indicizzate e peso ettolitrico delle varietà in prova nelle 7 località del Piemonte nel 2007 In giallo sono evidenziati le varietà di orzo distico ed in azzurro le varietà polistiche Indice produzione KETOS ALDEBARAN PONENTE VEGA ESTIVAL SIXTINE ALCE MARJORIE Proteine grezze %

8 PAGINA 8 Per quanto riguarda gli aspetti qualitativi (tabella 4), il 2007 ha fatto registrare anche una scarsa qualità della granella sia in termini di peso ettolitrico, sia in termini di percentuale di proteine grezze. Alla luce di quanto emerso dalla sperimentazione on farm e dalla Rete di prove condotte a livello nazionale, si può concludere che la campagna 2006/07 non è stata molto favorevole alla coltura dell orzo soprattutto nell areale Nord, dove alla minore produzione è corrisposta una qualità della granella tra le peggiori riscontrate negli ultimi anni. Varietà Tipo di spiga (1) n. località Data di spigatura (gg da 1/4) Altezza pianta (cm) Allettamento (%) Produzione (t/ha) Peso 1000 semi (g) Peso Proteine ettolitrico (kg/hl) (%) ALCE D ALDEBARAN P BOREALE D COLIBRI P ESTIVAL P KETOS P MARJORIE D PONENTE P SIXTINE P VEGA P Tabella 4 Dati produttivi e agronomici delle varietà di orzo in prova, nel 2007, nelle 7 località del Piemonte (1) D = orzo varietà distica, P = orzo varietà polistica Campo varietale frumento tenero on -farm di Riva presso Chieri

9 PAGINA 9 Frumento duro: i confronti varietali 2006/2007 Negli ultimi anni sta aumentando sul mercato italiano la richiesta di frumento duro, soprattutto a seguito di una diminuzione degli investimenti di tale coltura nel sud Italia, causata dal disaccoppiamento dei premi PAC. Il conseguente aumento del prezzo della granella e la presenza sul mercato di varietà a ciclo più lungo che ben si adattano ai climi del nord Italia, fanno sì che molti agricoltori stiano rivolgendo maggiore interesse a questa coltura. Nell ambito del proprio Programma di Divulgazione Agricola, il Servizio Agricoltura Provinciale, nell anno 2006/2007, ha contribuito finanziariamente per il secondo anno consecutivo alla realizzazione di un campo a parcelline realizzato dal CAPAC (Consorzio Agricolo Piemontese per Agroforniture e Cereali) presso il centro di Riva presso Chieri. Da quest anno tale campo è incluso nella Rete di monitoraggio nazionale del grano duro (coordinato dal CRA - Istituto sperimentale per la cerealicoltura Sezione di Roma). Inoltre, sono stati allestiti anche dei campi di confronto varietale in tre aziende agricole, in collaborazione con gli Enti erogatori della consulenza tecnica in agricoltura. I dati qui di seguito riportati riguardano quindi sia la prova varietale sperimentale a parcelline, gestita dal CAPAC, sia le prove dimostrative on-farm, ovvero su parcelle più grandi seguite dagli agricoltori stessi. Confronto varietale in parcelline Sono state confrontate 30 varietà di frumento duro in parcelline di circa 10 m 2 ciascuna, ripetute tre volte. Il campo, precedentemente coltivato a mais da granella, è stato concimato in pre-semina con 115 unità/ha di potassio e seminato l ultima settimana di ottobre. È stato distribuito in copertura un concime azotato a lenta cessione in ragione di 140 unità/ha all inizio di marzo e 40 unità/ha in fase di botticella; il diserbo è stato effettuato a fine accestimento. La raccolta è avvenuta il 22 giugno. Per una valutazione delle caratteristiche varietali del grano duro, oltre ai dati produttivi, risultano determinanti anche il peso ettolitrico e le proteine. Quest ultime, in particolare, sono molto importanti per il valore commerciale della granella prodotta, che si stabilisce in base ad un premio per ogni punto percentuale di proteine al di sopra di 13,5% della sostanza secca (s.s.). In tabella 5 vengono riportati i risultati produttivi e qualitativi delle varietà in prova. La produzione media è stata di 5,8 t/ha; le varietà più produttive, con rese superiori a 7 t/ha, sono state: Meridiano, PR22D40 e Asdrubal. Altre 8 varietà (Saragolla, Iride, Caprì, Levante, Dylan, Duilio, Virgilio e PR22D89) si sono rivelate interessanti, con rese

10 Varietà Produzione (t/ha) Indice produttivo Peso ettolitrico (kg/hl) PAGINA 10 Proteine (%) Meridiano PR22D Asdrubal Saragolla Iride Caprì Levante Dylan Duilio Virgilio PR22D Dario Neolatino Solex Normanno Anco Marzio Achille Claudio Orfeo Casanova Orobel Sfinge Creso Vendetta K Simeto Catervo Ciccio Ariosto Chiara Media Tabella 5 caratteristiche produttive delle varietà di grano duro messe a confronto nel campo varietale di Riva presso Chieri superiori a 6 t/ha. Per quanto riguarda il tenore proteico, tutte le varietà hanno superato il limite minimo del 13,5%; in particolare i migliori risultati sono stati ottenuti dalle varietà Vendetta, Simeto, Catervo, Ariosto e PR22D66. Infine, in figura 6, si riporta la resa produttiva di ciascuna varietà in prova, espressa in funzione del tenore proteico. Le varietà posizionate nel quadrante in alto a destra risultano quindi essere le più interessanti, per quantità e qualità prodotta. Confronto varietale on farm Quattro varietà di grano duro sono state messe a confronto in 3 località (Carmagnola, Leinì e Riva presso Chieri) su parcelle di circa 1000 m 2 ciascuna, poste all interno dei campi varietali di frumento tenero. Le pratiche colturali sono state le medesime già

11 PAGINA 11 descritte precedentemente con l aggiunta di una concimazione fogliare a base di un concime azotato ed alghe, distribuita in fioritura, in concomitanza con il trattamento fungicida. Le varietà a confronto sono state Orobel, Neodur, Tiziana ed Ariosto, le quali erano risultate interessanti nella prova a parcelline svolta presso il CAPAC di Riva presso Chieri nella stagione precedente. In tabella 6 e 7 sono riportati rispettivamente la produzione ed il tenore proteico delle varietà in prova nelle diverse località, confrontati anche con i risultati del frumento tenero nel medesimo campo prova. In generale, le rese produttive sono state inferiori mediamente del 10% a quelle del grano tenero; il tenore proteico è sempre stato superiore a quello del frumento tenero con risultati più che soddisfacenti, ad eccezione del campo di Volpiano dove la varietà Orobel non ha raggiunto il minimo del 13,5%. In figura 7 è riportata, per ciascuna varietà, la produzione (in base all indice produttivo di ogni campo), espressa in funzione del tenore proteico (in base all indice proteico di Indice produttivo Meridiano PR22D40 Iride Caprì Asdrubal Saragolla Dylan Levante Duilio Virgilio Neolatino Dario PR22D89 Solex Achille A. Marzio Orfeo Normanno Casanova Orobel Sfinge Vendetta K26 Creso Simeto Ciccio Ariosto Figura 6 Indice produttivo (media generale = base 100) e tenore in proteine delle varietà in prova nel campo varietale di Riva presso Chieri Chiara Proteine (% s.s.) Volpiano Riva presso Chieri Carmagnola Media Media frumento tenero ARIOSTO NEODUR OROBEL TIZIANA Media frumento duro Tabella 6 Confronto tra le rese (t/ha) di frumento tenero e duro nelle diverse località di prova

12 PAGINA 12 Volpiano Riva presso Chieri Carmagnola Media Media frumento tenero ARIOSTO NEODUR OROBEL TIZIANA Media frumento duro Tabella 7 Confronto tra il contenuto proteico (%) del frumento tenero e duro nelle diverse località di prova ogni campo). La varietà Neodur è risultata la più stabile sia per quanto riguarda la produzione sia per quanto riguarda il tenore proteico. La varietà Ariosto ha manifestato in tutti i campi una produzione inferiore alla media delle altre varietà di grano duro, ma con tenore proteico sempre elevato. Questi dati confermano quanto evidenziato anche quest anno nel campo sperimentale gestito dal CAPAC. Le varietà Orobel e Tiziana invece hanno sempre dato produzioni elevate, ma con tenore proteico più basso della media. 140 ARIOSTO Indice produttivo NEODUR OROBEL TIZIANA Figura 7 indice produttivo e indice proteico delle varietà in prova nelle diverse località (media della località = base 100) Indice proteico Conclusioni Le prove svolte quest anno hanno confermato l adattabilità di alcune varietà di grano duro al clima del nostro areale, pur in stagioni anomale come quella trascorsa. Il frumento duro, fino ad ora, è risultata una coltura interessante sia per quanto riguarda le caratteristiche produttive sia per quanto riguarda quelle merceologiche. Alcuni aspetti agronomici però sono ancora da approfondire, in particolare, per quanto riguarda l allettamento e la concimazione. Circa il primo aspetto va ricordato che si tratta di una coltura molto sensibile. In particolar modo in questa annata il fenomeno è risultato molto marcato a seguito delle precipitazioni verificatesi poco prima della raccolta. Sarebbe necessario provare delle varietà a taglia più bassa o comunque più resistenti. Per quanto riguarda la concimazione, a causa del maggior tenore proteico della granella rispetto al frumento tenero, è necessario aumentare l apporto di azoto, prevedendo una distribuzione nella fase di botticella o di fioritura).

13 PAGINA 13 Cimici del frumento: risultati del monitoraggio 2007 La presenza di cimici del frumento (insetti eterotteri che nei nostri areali appartengono principalmente alle specie Eurygaster maura ed Eurygaster austriaca) nell annata 2006/2007 è stata molto bassa in tutte le località controllate nella provincia di Torino. Questo è il risultato dell attività di monitoraggio condotta in 8 località dai tecnici del Servizio Agricoltura della Provincia, in collaborazione con la Sezione di Entomologia Agraria dell Università di Torino. Il monitoraggio è stato condotto allo scopo di verificare la consistenza delle popolazioni delle cimici attraverso metodi di rilevamento attendibili, cioè in grado di prevedere la reale gravità delle infestazioni, e al contempo di facile e rapida esecuzione. In figura 9 sono rappresentati i risultati dei rilievi, effettuati nel periodo aprile-giugno su campi di frumento dove non sono stati eseguiti trattamenti insetticidi, espressi in numero di insetti rinvenuti per metro quadro (ogni dato rappresenta la media di almeno 20 ripetizioni per singolo campo). Questi dati, che sono stati resi disponibili in tempo reale sul sito internet della Provincia all indirizzo: evidenziano come in tutto il periodo e in tutte le località si è sempre rimasti molto al di sotto della soglia di 5 insetti a metro quadro, soglia che rappresenta il valore limite oltre il quale è probabile un danno alla qualità panificatoria delle farine. La presenza dell insetto, con l eccezione del campo di frumento sito a Brozolo, è rimasta prossima allo zero nel periodo in cui le punture causano il danno maggiore, ovvero durante la fase di maturazione latteo-cerosa delle cariossidi. Qualora le analisi sulle farine confermassero che i pochi insetti presenti non hanno causato un alterazione della qualità delle farine - e le indicazioni provenienti dai mulini a livello regionale sembrano andare in questo senso - anche il 2007, così come il 2006, potrà considerarsi un anno indenne da problemi collegati con l attività trofica delle cimici. Nei prossimi anni sarà sempre più importante assicurare un adeguato monitoraggio sull andamento delle popolazioni di cimici, per verificare l opportunità di ricorrere a trattamenti insetticidi nel corso della campagna, e per programmare una difesa efficace

14 PAGINA 14 solo nel caso di superamento di soglie critiche di intervento. Questo al fine di evitare trattamenti indiscriminati con prodotti di contatto che possono comportare rischi ambientali, rappresentano un costo rilevante per gli agricoltori e non sempre sono giustificabili da un punto di vista tecnico. I risultati completi dell indagine verranno riportati nei prossimi numeri di A tutto Campo. Figura 8 Numero di cimici per mq misurati in 5 rilievi di campo, nel 2007, in otto località della provincia di Torino e nel 2008 Sono già state selezionate le varietà di orzo, frumento tenero e frumento duro che saranno messe a confronto nei campi on farm della Provincia di Torino nella campagna 2007/2008, di seguito riportate in tabella. LISTA VARIETALE FRUMENTO TENERO LISTA VARIETALE ORZO AUBUSSON frumento panificabile COMETA distico BOLOGNA PR22R58 frumento di forza frumento panificabile AMOROSA ALCE BOREALE polistico distico distico A416 frumento panificabile KETOS polistico AZZORRE COPERNICO frumento panificabile frumento panificabile PONENTE ESTIVAL VEGA polistico polistico polistico EGIZIO frumento panificabile superiore LISTA VARIETALE FRUMENTO DURO GENERALE EXOTIC frumento panificabile superiore frumento panificabile SARAGOLLA SAN CARLO LATINUR molto produttiva di taglia bassa buona qualità AFRICA frumento panificabile OROBEL media produttività in neretto-corsivo sono riportate le varietà in prova al primo anno

15 PAGINA 15 Glossario Per rendere più facilmente comprensibili le tabelle, i grafici e i testi contenuti in queste pagine, si riporta il significato di alcuni termini utilizzati: Campi on farm : campi prova realizzati a scopo dimostrativo in aziende agricole, la cui gestione agronomica è affidata all agricoltore stesso, secondo l agrotecnica consueta per l azienda. Le unità sperimentali (parcelle) che ospitano le singole varietà, sono generalmente di grandi dimensioni, ovvero almeno di 500 m 2. I risultati ottenuti dal singolo campo assumono valore solo quando sono messi in relazione a tutti quelli ottenuti dal campi costituenti la rete di confronto, dislocati in areali rappresentativi, con caratteristiche pedoclimatiche molto differenti tra loro. Indice produttivo: posta uguale a 100 la produzione media del campo, indica in percentuale la resa della varietà. Valori superiori a 100 indicano una produzione sopra la media, viceversa valori inferiori a 100 indicano produzioni inferiori alla media. Indice proteico: posto uguale a 100 il tenore proteico medio del campo, indica in percentuale il tenore proteico delle varietà. Si ringraziano gli agricoltori presso le cui aziende sono stati realizzati i campi on farm, per la loro disponibilità ed attiva partecipazione ed i tecnici agrari che hanno partecipato alla realizzazione delle prove Assessorato Agricoltura, Montagna, Sviluppo rurale e Tutela Fauna e Flora CURATORI: Stefano Dolzan, Flavia Domenighini, Paolo Ferro, Stefano Monaco, Ivana Picciau, Annalisa Turchi Informazioni Informazioni SERVIZIO AGRICOLTURA Dirigente Servizio: Antonio Parrini via Bertola Torino Tel Fax Orario per il pubblico: lun e gio /

16 PAGINA 16 C.R.A.B. S.c.r.l. - Centro di riferimento per l Agricoltura Biologica Via San Vincenzo Bibiana - tel Confronto varietale di frumento tenero in coltivazione con metodo biologico Risultati della prova nell annata 2006/2007 a cura di Massimo Pinna, Ursula Gamba e Sandra Spagnolo Con l intento di fornire agli agricoltori che adottano sistemi di produzione biologica un indicazione delle varietà di frumento più idonee per i requisiti di rusticità e informazioni relative alla produttività, alla qualità della granella e alla stabilità delle rese, il C.R.A.B. s.c.r.l. ha aderito al progetto Reti nazionali per la formulazione di liste di varietà di frumento duro e tenero consigliate in cerealicoltura biologica, finanziato dal Mipaaf e coordinato dalla Sezione di Sant Angelo Lodigiano del CRA (Istituto Sperimentale per la Cerealicoltura). Varietà Classe qualitativa (1) Produzione (t/ha) Altezza pianta (cm) Allettamento (0-9) Peso 1000 semi (g) Peso ettolitrico (kg/hl) A416 FP ABATE FP AFRICA FP ALBACHIARA FPS ASTER FF AUBUSSON FP AVORIO FPS BLASCO FPS BOKARO FP BOLERO FP BOLOGNA FF BRAMANTE FB CRAKLIN FB GENERALE FPS GEPPETTO FP ISENGRAIN FP KALANGO FP PALLADIO FPS PR22R58 FP SERPICO FPS Media Tabella 8 Dati produttivi e agronomici delle varietà di frumento tenero in prova in coltivazione biologica nel 2006/2007 (1) FF=frumento di forza, FPS=frumento panificabile superiore, FP=frumento panificabile, FB=frumento

17 PAGINA 17 Il C.R.A.B. ha aderito al progetto fin dal 2003, allestendo per due anni consecutivi il campo sperimentale presso la Scuola Teorico Pratica Malva Arnaldi di Bibiana e, dal 2005, presso un azienda ad indirizzo cerealicolo, sita nel comune di Pralormo. Le varietà a confronto sono state 20, (3 ripetizioni per varietà, per un totale di 60 parcelle della superficie di 10 m 2 ciascuna). Nel 2006 la semina è stata realizzata su un terreno argilloso precedentemente occupato da mais, applicando ad un motocoltivatore una seminatrice meccanica. Tutte le varietà hanno manifestato problemi nella fase di emergenza, per poi riprendersi con l accestimento. Nella fase di levata è stata eseguita una fertilizzazione mediante concime organico azotato ammesso in agricoltura biologica. Benché non si sia effettuato alcun intervento per il controllo delle infestanti, non si sono manifestate infestazioni se non a livello degli stradini di separazione delle parcelle e in quelle parcelle dove la densità della coltivazione era rimasta scarsa. Sono risultati invece significativi i danni causati da Fusarium spp., conseguenza dell elevata piovosità primaverile. La produzione media di granella è stata di 4,4 t/ha (Tabella 8 e Figura 9), decisamente inferiore a quella registrata lo scorso anno, a causa del decorso stagionale sfavorevole per la coltura del frumento. Tra le varietà in prova, Bolero ha fatto registrare la resa maggiore (5,6 t/ha), mentre Avorio quella minore (3,4 t/ha). Inoltre, la varietà PR22R58 è risultata tra le più produttive anche in condizioni di tecnica di coltivazione biologica, oltre che di quella convenzionale. Infine, il peso di 1000 semi ed il peso ettolitrico sono stati bassi per tutte le varietà in prova (media peso 1000 semi = 33,6 g e media peso hl = 66,2 kg/hl), dimostrando una scarsa qualità della granella. Tuttavia questa diminuzione di qualità è stata rilevata anche nel frumento tenero in coltivazione convenzionale, ed è stata causata dell andamento climatico negativo della stagione 2006/2007. Produzione granella (t/ha) BOLERO Produzione PR22R58 AUBUSSON CRAKLIN ABATE Peso ettolitrico GEPPETTO ISENGRAIN BOKARO PALLADIO ALBACHIARA BRAMANTE BOLOGNA ASTER A416 SERPICO GENERALE KALANGO AFRICA BLASCO AVORIO Peso ettolitrico (kg/hl) Figura 9 Produzioni di granella e peso ettolitrico delle varietà di frumento tenero in prova nel 2006/2007 a Pralormo In azzurro sono evidenziati i frumenti di forza, in giallo i frumenti panificabili superiori, in arancione i frumenti panificabili ed in verde i frumenti biscottieri. a tutto campo Autorizzazione del Tribunale di Torino n del 11/06/2002 Direttore Responsabile: Michele Fassinotti Caporedattore: Angela Maria Minerva Direzione, Redazione e Amministrazione: via Bertola Torino Tel Fax Progetto grafico e impaginazione: Provincia di Torino, Direzione area attività produttive Foto: Archivio Fotografico Provincia di Torino Andrea Vettoretti (AFPT) In copertina: campo varietale di frumento a Villareggio

Frumento: quanto azoto serve per produrre granella e proteine

Frumento: quanto azoto serve per produrre granella e proteine FERTILIZZAZIONE RISULTATI DI UNA SPERIMENTAZIONE BIENNALE SU 4 VARIETÀ Frumento: quanto azoto serve per produrre granella e proteine L azoto è fondamentale per arrivare a rese soddisfacenti nei frumenti

Dettagli

Cereali: tecnica colturale del frumento

Cereali: tecnica colturale del frumento Cereali: tecnica colturale del frumento Modulo di sistemi foraggeri Andrea Onofri Perugia, A.A. 2009-2010 1 Contenuti Contents 1 Tecnica d impianto Scelta varietale 1. Qualità e destinazione del prodotto

Dettagli

Aspetti quantitativi e qualitativi della produzione di frumento duro in Campania. Annata agraria 2009-2010

Aspetti quantitativi e qualitativi della produzione di frumento duro in Campania. Annata agraria 2009-2010 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II AZIENDA AGRARIA TORRE LAMA Via G. Fortunato, 3 84092 BELLIZZI ITALY Tel/Fax.: +39 089 51110 Convenzione tra Pastificio Lucio Garofalo e Azienda Torre Lama Aspetti

Dettagli

Tabella 1 - Superfici investite a colza (ha) in Italia anni 2006-2009 (dati ISTAT)

Tabella 1 - Superfici investite a colza (ha) in Italia anni 2006-2009 (dati ISTAT) colture energetiche colza Confronto varietale 21 Negli ultimi anni in Italia e in Veneto si è osservata una progressiva diffusione della coltivazione di colza. A livello nazionale, infatti, le superfici

Dettagli

Numero nove 7 marzo 2014

Numero nove 7 marzo 2014 Numero nove 7 marzo 2014 La situazione dei mercati mondiali dei cereali - prospettive 4 marzo 2014 Powered by Aretè s.r.l. In questo numero Mercati: le quotazioni nazionali dei principali prodotti agricoli

Dettagli

Confronto fra ibridi di mais in Piemonte nel 2012

Confronto fra ibridi di mais in Piemonte nel 2012 Confronto fra ibridi di mais in Piemonte nel 2012 Ricerca Finanziata dalla Regione Piemonte Carlo Ferrero, Andrea Pilati - Capac Soc, Coop. Agr. Roberta Pons - Cooperativa Agrovalli S. C. Nel 2012, nonostante

Dettagli

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO FABRIANO 06 MAGGIO 2014 1 Fig 1 Intervento di semina su sodo con

Dettagli

Ursula Gamba* Sandra Spagnolo* Massimo Pinna*

Ursula Gamba* Sandra Spagnolo* Massimo Pinna* Ursula Gamba* Sandra Spagnolo* Massimo Pinna* ABSTRACT - - KEYWORDS Maize cultivars, biodiversity, cultivars comparison. Introduzione Dal 2002 il CRAB s.c.r.l. svolge un lavoro di recupero di vecchie varietà

Dettagli

I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento

I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento dossier FRUMENTO 2 I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento Aumentare la resa del frumento, e contemporaneamente anche la qualità, è possibile solo con una concimazione azotata continua

Dettagli

Diffusione della malattia.

Diffusione della malattia. IL VIRUS DEL MOSAICO COMUNE DEL FRUMENTO Angelo Sarti, ASTRA Innovazione e Sviluppo U.O. Mario Neri Imola (BO) angelo.sarti@astrainnovazione.it Coception Rubies-Autonnell, Dista Area di Patologia Vegetale

Dettagli

Piano Sementiero Nazionale per l Agricoltura Biologica

Piano Sementiero Nazionale per l Agricoltura Biologica Piano Sementiero Nazionale per l Agricoltura Biologica Presentazione dei risultati del secondo biennio di attività Linee guida e disciplinari per la produzione di sementi biologiche D.ssa Alessandra Sommovigo

Dettagli

ESPERIENZE SPERIMENTALI SULL INTERAZIONE DEI VARI FATTORI DELLA PRODUZIONE: VARIETÀ, NUTRIZIONE E DIFESA

ESPERIENZE SPERIMENTALI SULL INTERAZIONE DEI VARI FATTORI DELLA PRODUZIONE: VARIETÀ, NUTRIZIONE E DIFESA ESPERIENZE SPERIMENTALI SULL INTERAZIONE DEI VARI FATTORI DELLA PRODUZIONE: VARIETÀ, NUTRIZIONE E DIFESA L. Zanzi, D. Bartolini, G. Pradolesi R&S Terremerse OBIETTIVI Valutare gli effetti combinati della

Dettagli

INDICE 4 INTRODUZIONE 9 GRANO DURO 35 ORZO DISTICO 39 ORZO IBRIDO 42 ORZO POLISTICO 22 GRANO TENERO. 4 - L Azienda L industria sementiera

INDICE 4 INTRODUZIONE 9 GRANO DURO 35 ORZO DISTICO 39 ORZO IBRIDO 42 ORZO POLISTICO 22 GRANO TENERO. 4 - L Azienda L industria sementiera INDICE 4 INTRODUZIONE 4 - L Azienda L industria sementiera 7 - La scelta delle varietà La selezione 9 GRANO DURO 10 - Avispa 11 - Colorado 12 - Sy Lido 13 - Miradoux 14 - PR22D40 15 - PR22D66 16 - PR22D78

Dettagli

Bollettino Agrometeorologico Viticoltura

Bollettino Agrometeorologico Viticoltura Viale Bornata 11 25123 Brescia tel 3.362285-3677 assistenzatecnica@centrovitivinicoloprovinciale.it Bollettini e schede del Manuale di Viticoltura del CVP su: www.centrovitivinicoloprovinciale.it - BOLLETTINO

Dettagli

Verifica di diverse strategie di fertirrigazione biologica sulla CV Pink Lady

Verifica di diverse strategie di fertirrigazione biologica sulla CV Pink Lady Verifica di diverse strategie di fertirrigazione biologica sulla CV Pink Lady Pinna Massimo ( ) -Gamba Ursula ( ) -Spagnolo Sandra ( ) ( ) CRAB-Centro di Riferimento per l Agricoltura Biologica della Provincia

Dettagli

Risultati vegeto produttivi di ibridi di mais e varietà di frumento a diversi livelli di

Risultati vegeto produttivi di ibridi di mais e varietà di frumento a diversi livelli di Risultati vegeto produttivi di ibridi di mais e varietà di frumento a diversi livelli di concimazioneazotatanei azotata nei quattro terreni prevalenti della provincia di Ferrara Sandro Bolognesi Ai Azienda

Dettagli

Tutela e valorizzazione del territorio: Servizio Fitosanitario Regionale: Autorità di Controllo e Tracciabilità:

Tutela e valorizzazione del territorio: Servizio Fitosanitario Regionale: Autorità di Controllo e Tracciabilità: La rete agrofenologica nelle Marche: esperienze e applicazioni Angela Sanchioni ** - Daniele Sparvoli* IPHEN 2011 Roma, 3 Marzo 2011 *Centro Operativo Agrometrologico **Centro Agrometeo Locale per la Provincia

Dettagli

Mais: impianto e tecnica colturale

Mais: impianto e tecnica colturale Mais: impianto e tecnica colturale Modulo di sistemi foraggeri Andrea Onofri Perugia, A.A. 2009-2010 1 Contenuti Contents 1 Tipologie di ibridi 1 2 Impianto 3 3 Fertilizzazione 4 4 Cure colturali 4 5 Raccolta

Dettagli

ERBAI E SORGHI DA SFALCIO, INSILATO E GRANELLA SEMINE PRIMAVERILI ESTIVE 2014

ERBAI E SORGHI DA SFALCIO, INSILATO E GRANELLA SEMINE PRIMAVERILI ESTIVE 2014 ERBAI E SORGHI DA SFALCIO, INSILATO E GRANELLA SEMINE PRIMAVERILI ESTIVE 2014 TECNOZOO, AL FIANCO DEGLI ALLEVATORI DAL SEME AL PRODOTTO FINITO! SOMMARIO SORGO IBRIDO DA SFALCIO KARIM Pag 4 SORGO GENTILE

Dettagli

La produzione biologica dei cereali autunno-vernini Breve vademecum

La produzione biologica dei cereali autunno-vernini Breve vademecum La produzione biologica dei cereali autunno-vernini Breve vademecum Introduzione I cereali utilizzati da secoli sia nell'alimentazione umana che in quella animale, grazie alle loro spiccate doti nutrizionali,

Dettagli

Stime 2012 degli investimenti e delle produzioni dei principali cereali in Italia. Maggio 2012

Stime 2012 degli investimenti e delle produzioni dei principali cereali in Italia. Maggio 2012 produzioni dei principali cereali in Italia Maggio 2012 1 produzioni dei principali cereali in Italia L ISTAT ha divulgato a febbraio 2012 le intenzioni di semina delle principali coltivazioni erbacee.

Dettagli

speciale cereali autunno - vernini 2009-2010

speciale cereali autunno - vernini 2009-2010 Stampato su carta riciclata 100% "Cyclus Offset" della Dalum Papir A/S Pr oge t to g r afi co: Pagina - R ave n na - St a m pa : G aleat i I nd us t r ie G r afi che - I mola speciale cereali autunno -

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA RIDUZIONE DEL RISCHIO DI CONTAMINAZIONE DA MICOTOSSINE NEL MAIS

LINEE GUIDA PER LA RIDUZIONE DEL RISCHIO DI CONTAMINAZIONE DA MICOTOSSINE NEL MAIS LINEE GUIDA PER LA RIDUZIONE DEL RISCHIO DI CONTAMINAZIONE DA MICOTOSSINE NEL MAIS Il mais è tra i prodotti vegetali più soggetti alla contaminazione da parte delle micotossine. I principali funghi tossigeni

Dettagli

Cereali. Nome botanico. Famiglia. Origine e diffusione. Utilizzazioni. Esigenze climatiche. schede colturali. Mais. Graminacee.

Cereali. Nome botanico. Famiglia. Origine e diffusione. Utilizzazioni. Esigenze climatiche. schede colturali. Mais. Graminacee. Cereali primaveriliestivi ed estivi schede colturali Mais Nome botanico Zea mais Famiglia Graminacee Origine e diffusione Produzione mondiale di Mais (FAO 2001) Produzione europea di Mais (FAO 2001) Produzione

Dettagli

Opportunità di commercializzazione e Tecnica di coltivazione dell ASPARAGO in Italia

Opportunità di commercializzazione e Tecnica di coltivazione dell ASPARAGO in Italia Piacenza, 1 dicembre 2009 Opportunità di commercializzazione e Tecnica di coltivazione dell ASPARAGO in Italia Luciano Trentini CSO - Centro Servizi Ortofrutticoli 1 1 LA PRODUZIONE DI ASPARAGO NEI PRINCIPALI

Dettagli

ALLEGATO N 2 - pag. 1 di 5

ALLEGATO N 2 - pag. 1 di 5 ALLEGATO N 2 - pag. 1 di 5 supplementare e per la produzione di grano duro di qualità GRANO (FRUMENTO) DURO ACHILLE 002 236 X X GRANO (FRUMENTO) DURO ADAMELLO 002 001 X X GRANO (FRUMENTO) DURO ALEMANNO

Dettagli

DI COMO - LECCO - SONDRIO. Ufficio Tecnico

DI COMO - LECCO - SONDRIO. Ufficio Tecnico Consigli per ridurre la presenza di micotossine nella granella di mais (Presentato da A.I.R.E.S Associazione Raccoglitori Essiccatori Stoccatori di cereali e semi oleosi) Le ricerche sperimentali condotte

Dettagli

Minimizzare la presenza di micotossine nella granella

Minimizzare la presenza di micotossine nella granella n. 14/2013 [ SPECIALE DIFESA MAIS ] Terra e Vita 45 Minimizzare la presenza di micotossine nella granella [ DI RICCARDO BUGIANI ] Le strategie agronomiche, il possibile contributo dei bio control agents

Dettagli

DAL FRUMENTO AL PANE LA QUALITÀ DIIERI E DIOGGI

DAL FRUMENTO AL PANE LA QUALITÀ DIIERI E DIOGGI DAL FRUMENTO AL PANE LA QUALITÀ DIIERI E DIOGGI Mercato nazionale ed internazionale del frumento e situazione attuale delle coltivazioni nel nord Italia: problematiche di coltivazione nel convenzionale,

Dettagli

Lombriasco, 27 marzo 2015 Convegno Finale Progetto Life+ UNIZEO

Lombriasco, 27 marzo 2015 Convegno Finale Progetto Life+ UNIZEO Life + UNIZEO: Progettazione delle prove agronomiche e risultati della sperimentazione S. Monaco, N. Sanino, C. Grignani Università di Torino - Dip. Scienze Agrarie, Forestali e Alimentari Lombriasco,

Dettagli

Le cimici del frumento: diffusione ed efficacia dei parassitoidi oofagi in relazione alle caratteristiche dell agroecosistema

Le cimici del frumento: diffusione ed efficacia dei parassitoidi oofagi in relazione alle caratteristiche dell agroecosistema Le cimici del frumento: diffusione ed efficacia dei parassitoidi oofagi in relazione alle caratteristiche dell agroecosistema Luciana Tavella Di.Va.P.R.A. Settore Entomologia e Zoologia applicate all Ambiente

Dettagli

Le varietà di frumento duro in Italia Risultati della rete nazionale di sperimentazione 1999-2012

Le varietà di frumento duro in Italia Risultati della rete nazionale di sperimentazione 1999-2012 Le varietà di frumento duro in Italia Risultati della rete nazionale di sperimentazione 1999-2012 Fabrizio Quaranta, Andreina Belocchi, Mauro Fornara, Cecilia Ripa, Maria Grazia D Egidio Volume realizzato

Dettagli

Ideotipo ed epoca di raccolta per il sorgo da biomassa

Ideotipo ed epoca di raccolta per il sorgo da biomassa I risultati delle prove condotte in 1 raccolto nell ambito del progetto Quale_Sorgo di Paolo Mantovi, Roberto Davolio, Alessandra Immovilli Fondazione Crpa Studi Ricerche Ideotipo ed epoca di raccolta

Dettagli

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Abano Terme, 27 29 Aprile 2007 Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Adriano Barbi, Alessandro Chiaudani, Irene Delillo ARPAV Centro Meteorologico di Teolo Sabato 28 Aprile 2007 In collaborazione con

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE PER LA CONCESSIONE D USO DEL MARCHIO DEL PARCO NATURALE REGIONALE SIRENTE VELINO GRANO SOLINA

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE PER LA CONCESSIONE D USO DEL MARCHIO DEL PARCO NATURALE REGIONALE SIRENTE VELINO GRANO SOLINA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE PER LA CONCESSIONE D USO DEL MARCHIO DEL PARCO NATURALE REGIONALE SIRENTE VELINO GRANO SOLINA Approvato con Delibera del Consiglio Direttivo n 23 del 23/09/2008 DISCIPLINARE

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO DTP 02 DISCIPLINARE PER LA PREVENZIONE DI MICOTOSSINE (AFLATOSSINA B1) SU MAIS

DOCUMENTO TECNICO DTP 02 DISCIPLINARE PER LA PREVENZIONE DI MICOTOSSINE (AFLATOSSINA B1) SU MAIS Pag. 1 di 7 DOCUMENTO TECNICO DISCIPLINARE PER LA PREVENZIONE DI MICOTOSSINE (AFLATOSSINA B1) SU MAIS CCPB SRL 40126 Bologna Italy Via J. Barozzi, 8 tel. 051/6089811 fax 051/254842 www.ccpb.it ccpb@ccpb.it

Dettagli

Obiettivi: agricoltura sostenibile. Economica

Obiettivi: agricoltura sostenibile. Economica La produzione integrata del frumento: frumento: uno strumento operativo di modellistica applicata Pierluigi Meriggi Horta Srl Granoduro.net Obiettivi Struttura Funzionalità Obiettivi: agricoltura sostenibile

Dettagli

SPERIMENTAZIONE MAIS GM Anno 2005

SPERIMENTAZIONE MAIS GM Anno 2005 Università degli Studi di Milano AZIENDA DIDATTICO-SPERIMENTALE A. MENOZZI CASCINA MARIANNA 27015 LANDRIANO Tel. 0382/64598 FAX 0382/615448 SPERIMENTAZIONE MAIS GM Anno 2005 Relazione Prof. Dott. Agr.

Dettagli

Endivie 2013-2014. Qualità e innovazione Tante novità, da condividere

Endivie 2013-2014. Qualità e innovazione Tante novità, da condividere Endivie 2013-2014 Qualità e innovazione Tante novità, da condividere Tutto il meglio dell endivia Negli ultimi anni Rijk Zwaan ha realizzato un importante programma di ricerca dedicato all endivia. Si

Dettagli

Disciplinare per la coltivazione del frumento tenero e duro

Disciplinare per la coltivazione del frumento tenero e duro Disciplinare per la coltivazione del frumento tenero e duro Versione 1.0-1 - Soci: - Unione Seminativi - Consorzio Agrario Inter Provinciale Forlì Cesena Rimini - Consorzio Agrario Provinciale di Siena

Dettagli

Gestione del rischio micotossine nella filiera produttiva del mais

Gestione del rischio micotossine nella filiera produttiva del mais Gestione del rischio micotossine nella filiera produttiva del mais Giuliano Mosca, Dipartimento Agronomia ambientale e Produzioni vegetali Università degli Studi di Padova 2.1 Introduzione Il frutto del

Dettagli

Scopo della concimazione è

Scopo della concimazione è PECIALE S DOSI, TIPOLOGIE DI CONCIMI E MODALITÀ DI SOMMINISTRAZIONE La concimazione azotata ideale dipende dall obiettivo produttivo È solo dopo aver definito quantità e qualità della produzione da ottenere

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI Dipartimento discienze Agronomiche e Genetica Vegetale Agraria Via E. De Nicola 07100 Sassari Tel. +39 079 229222/3 Fax +39 079 229222 e-mail agcess@uniss.it Partita IVA

Dettagli

Servizi e prodotti Syngenta per aumentare la produzione metanigena. CNH Industrial Village, 14 gennaio 2014

Servizi e prodotti Syngenta per aumentare la produzione metanigena. CNH Industrial Village, 14 gennaio 2014 Servizi e prodotti Syngenta per aumentare la produzione metanigena CNH Industrial Village, 14 gennaio 2014 Potere metanigeno: fattori determinanti Genetica Digeribilità della fibra Contenuto di amido Stress

Dettagli

Il frumento, ottimo foraggio per le nostre vacche

Il frumento, ottimo foraggio per le nostre vacche 15 DIVERSE TIPOLOGIE DI FORAGGIO CONFRONTATE DA TECNICI SATA Il frumento, ottimo foraggio per le nostre vacche di Marco Bellini, Enea Guidorzi del frumento in campo zootecnico da sempre riveste un importanza

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Questo contenuto ti è offerto da: www.sipcamitalia.it Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni.

Dettagli

IMPIEGO DI UN MODELLO AGROMETEOROLOGICO PER LA CARATTERIZZAZIONE DEL RISCHIO POTENZIALE DI PRODUZIONE DI MICOTOSSINE NELLE AREE MAIDICOLE PIEMONTESI.

IMPIEGO DI UN MODELLO AGROMETEOROLOGICO PER LA CARATTERIZZAZIONE DEL RISCHIO POTENZIALE DI PRODUZIONE DI MICOTOSSINE NELLE AREE MAIDICOLE PIEMONTESI. IMPIEGO DI UN MODELLO AGROMETEOROLOGICO PER LA CARATTERIZZAZIONE DEL RISCHIO POTENZIALE DI PRODUZIONE DI MICOTOSSINE NELLE AREE MAIDICOLE PIEMONTESI. F. Spanna 1, G. Cressano 1, T. La Iacona 1, I. Vercellino

Dettagli

Il grano e le sue produzioni in Sardegna

Il grano e le sue produzioni in Sardegna Bruno Satta (U.O. Produzione e valorizzazione delle filiere cerealicole) Giornata di studio: La seada, un dolce tra antico e moderno Un percorso di promozione, tutela e Valorizzazione Badde Salighes 13

Dettagli

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Linea 1 Nella linea 1 sono state impiantate due prove di confronto parcellare nei due siti sperimentali di Antria e Marciano. Il materiale

Dettagli

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI PREMESSA Si assiste sempre più spesso ad andamenti meteorologici imprevedibili e come tali differenti dall ordinario: periodi particolarmente asciutti alternati ad altri particolarmente piovosi. Allo stesso

Dettagli

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI Anno 2006/2007 A cura dell ufficio Agronomico Italpollina Spa OBIETTIVO

Dettagli

Rapporto quindicinale sulla situazione dei mercati nazionali Riferimento dal 1 al 14 marzo 2014 18 marzo 2014 Powered by Aretè s.r.l.

Rapporto quindicinale sulla situazione dei mercati nazionali Riferimento dal 1 al 14 marzo 2014 18 marzo 2014 Powered by Aretè s.r.l. Numero undici 21 marzo 2014 Rapporto quindicinale sulla situazione dei mercati nazionali Riferimento dal 1 al 14 marzo 2014 18 marzo 2014 Powered by Aretè s.r.l. In questo numero CGBI: lettera del Presidente

Dettagli

Qualità Globale Merceologica: caratteristiche fisiche della granella Tecnologica: quantità, qualità e caratteristiche delle proteine di riserva

Qualità Globale Merceologica: caratteristiche fisiche della granella Tecnologica: quantità, qualità e caratteristiche delle proteine di riserva FRUMENTO QUALITÀ 1 Qualità Globale Merceologica: caratteristiche fisiche della granella Tecnologica: quantità, qualità e caratteristiche delle proteine di riserva Sanitaria : salubrità dei prodotti alimentari

Dettagli

La tecnica agronomica per gli orzi ibridi

La tecnica agronomica per gli orzi ibridi 5 TESI AGRONOMICHE SVOLTE IN PIEMONTE NEL 2013-2015 La tecnica agronomica per gli orzi ibridi AGRONOMIA Entrambe le cultivar, convenzionale e ibrida, manifestano una chiara relazione tra la produzione

Dettagli

Bollettino agrometeorologico mensile novembre 2008

Bollettino agrometeorologico mensile novembre 2008 Bollettino agrometeorologico mensile novembre 2008 H2O - Deficit totale (mm) -200-150 -100-50 0 50 100 Situazione dei terreni rispetto alla condizione di Capacità di Campo Precipitazioni intense a fine

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue sucessive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

www.informatoreagrario.it

www.informatoreagrario.it SUPPLEMENTO AL N. 33/2012 7/13 settembre 2012 www.informatoreagrario.it RESE E QUALITÀ DI 45 VARIETÀ TESTATE IN TUTTA ITALIA Poste Italiane spa - Sped. in A.P. - D.L. 353/2003 (Conv. in L. 27-2-2004 n.

Dettagli

IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI

IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI Indice 1. Introduzione... 2 2. Metodologia... 3 3. Temperatura... 3 4. Vento... 10 5. Installazione stazione portatile e campagna di misura... 11 6. Elaborazione dati

Dettagli

Sistemi foraggeri per l azienda zootecnica da latte in Pianura Padana: gestione agronomica e costi. Borreani G., Tabacco E.

Sistemi foraggeri per l azienda zootecnica da latte in Pianura Padana: gestione agronomica e costi. Borreani G., Tabacco E. Sistemi foraggeri per l azienda zootecnica da latte in Pianura Padana: gestione agronomica e costi Borreani G., Tabacco E. Dip. Dip. Scienze Scienze Agrarie, Agrarie, Forestali Forestali ee Alimentari

Dettagli

Recupero e caratterizzazione di vecchi ecotipi autoctoni di fagiolo da granella

Recupero e caratterizzazione di vecchi ecotipi autoctoni di fagiolo da granella Recupero e caratterizzazione di vecchi ecotipi autoctoni di fagiolo da granella Carmagnola 25 marzo 2011 Michele Baudino, Ezio Portis Il fagiolo da granella in Piemonte Fagiolo per produzione di granella

Dettagli

La coltivazione del pomodoro da

La coltivazione del pomodoro da UNA FORMA CHE TA RICUOTENDO UN BUON UCCEO COMMERCIALE celta delle varietà di pomodoro Cuor di Bue Alcune prove in Piemonte hanno messo a confronto qualità e produzioni dei nuovi ibridi della tipologia

Dettagli

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo Le forze inorganiche creano sempre solo l inorganico. Mediante una forza superiore che agisce nel corpo vivente, al cui servizio sono le forze

Dettagli

Laurea in Scienze e Tecnologie delle Produzioni Animali

Laurea in Scienze e Tecnologie delle Produzioni Animali FACOLTA DI AGRARIA Laurea in Scienze e Tecnologie delle Produzioni Animali Corso di Agronomia e Sistemi foraggeri Modulo di Sistemi foraggeri ESERCITAZIONE - QUESTIONARIO n. 2 Nome e cognome... n. di matricola.

Dettagli

LA SCELTA VARIETALE IN ASPARAGO È STRATEGICA. Agostino Falavigna agostino.falavigna@entecra.it. www.entecra.it. Badoere di Morgano 20 settembre 2013

LA SCELTA VARIETALE IN ASPARAGO È STRATEGICA. Agostino Falavigna agostino.falavigna@entecra.it. www.entecra.it. Badoere di Morgano 20 settembre 2013 1 www.entecra.it LA SCELTA VARIETALE IN ASPARAGO È STRATEGICA Agostino Falavigna agostino.falavigna@entecra.it Badoere di Morgano 20 settembre 2013 21/09/2013 CRA-Unità di Ricerca per l Orticoltura (Montanaso

Dettagli

Planta. Sementi e Soluzioni per l Agricoltura

Planta. Sementi e Soluzioni per l Agricoltura Sementi e Soluzioni per l Agricoltura Sementi e Soluzioni per l Agricoltura Una nuova gamma di prodotti per l agricoltura italiana Ibridi di mais IBRIDO Classe FAO Giorni GDM 437 300 105 SNH 9402 400 115

Dettagli

Ottimizzare la raccolta e la conservazione dei prati e degli erbai per ridurre i costi di alimentazione della vacca da latte

Ottimizzare la raccolta e la conservazione dei prati e degli erbai per ridurre i costi di alimentazione della vacca da latte Come produrre più latte dai propri foraggi Piacenza 14 OTTOBRE 2011 Ottimizzare la raccolta e la conservazione dei prati e degli erbai per ridurre i costi di alimentazione della vacca da latte Giorgio

Dettagli

CENTRO PO DI TRAMONTANA. nei settori orticolo e floricolo

CENTRO PO DI TRAMONTANA. nei settori orticolo e floricolo CENTRO PO DI TRAMONTANA RISULTATI SPERIMENTALI 2014 nei settori orticolo e floricolo 23 SPERIMENTAZIONE E ORIENTAMENTI Per la ventitreesima stagione consecutiva Veneto Agricoltura presenta i risultati

Dettagli

LA GENETICA VEGETALE AL SERVIZIO DELL AGRICOLTURA

LA GENETICA VEGETALE AL SERVIZIO DELL AGRICOLTURA LA GENETICA VEGETALE AL SERVIZIO DELL AGRICOLTURA Ricerca applicata Catalogo 2014 LA GENETICA VEGETALE AL SERVIZIO DELL AGRICOLTURA Lo sviluppo di una attività di ricerca in Italia sulla genetica vegetale

Dettagli

STATISTICHE AGRONOMICHE DI SUPERFICIE, RESA E PRODUZIONE

STATISTICHE AGRONOMICHE DI SUPERFICIE, RESA E PRODUZIONE Dipartimento delle politiche competitive del mondo rurale e della qualità Direzione generale della competitività per lo sviluppo rurale STATISTICHE AGRONOMICHE DI SUPERFICIE, RESA E PRODUZIONE Bollettino

Dettagli

Informazioni sull'invio dei campioni e delle domande

Informazioni sull'invio dei campioni e delle domande Informazioni sull'invio dei e delle domande Luogo dove inviare i Frumento duro 12 kg I e II anno, 200 spighe/pannocchie (solo il Frumento tenero 10 kg I e II anno, 200 spighe/pannocchie (solo il Orzo primaverile

Dettagli

Prove sperimentali anno 2009. Risultati produttivi. Istituto Podere Pignatelli

Prove sperimentali anno 2009. Risultati produttivi. Istituto Podere Pignatelli 16 16 Istituto Podere Pignatelli Frazione Madonna Orti 49 10068 Villafranca Piemonte (TO) Telefono 011.980.70.21 Prove sperimentali anno 2009 Risultati produttivi Relazione a cura di Marocco dott. Silvio

Dettagli

2011-2012 2011-2012 2011-201 2011-2012 PRESENTAZIONE GENERALE PRESENTAZIONE GENERALE

2011-2012 2011-2012 2011-201 2011-2012 PRESENTAZIONE GENERALE PRESENTAZIONE GENERALE CATALOGO GENERALE 2011-2012 CATALOGO GENERALE CATALOGO GENERALE PRESENTAZIONE GENERALE 012 2011-2012 2011-2012 CATALOGO G 2011-201 RESENTAZIONE GENERALE FRUMENTI TENERI DI QUALITA' PER I MOLINI CEREALI

Dettagli

Parte ottava. Analisi Statistica sui determinanti della qualità proteica del grano duro in Sicilia 2000-2005: alcuni risultati preliminari

Parte ottava. Analisi Statistica sui determinanti della qualità proteica del grano duro in Sicilia 2000-2005: alcuni risultati preliminari Parte ottava Analisi Statistica sui determinanti della qualità proteica del grano duro in Sicilia 2000-2005: alcuni risultati preliminari V. Muggeo 1, V. Brasile 1, B. Messina 2, G. Russo 2 1 Dipartimento

Dettagli

Le micottossine del mais

Le micottossine del mais Le micottossine del mais Prevenzione, controllo in campo e in azienda 1 definizione Definizione Metaboliti secondari prodotti da funghi parassiti delle piante e agenti di ammuffimenti delle derrate alimentari

Dettagli

Linee guida per la riduzione del rischio di contaminazione da micotossine nel mais

Linee guida per la riduzione del rischio di contaminazione da micotossine nel mais Revisione Marzo 2013 Linee guida per la riduzione del rischio di contaminazione da micotossine nel mais In Emilia-Romagna le micotossine più diffuse nel mais sono fumonisine (FB) e aflatossine (AF), mentre

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Risultati della Ricerca Titolo Mappe di conducibilità elettrica Descrizione estesa del risultato Le mappe ottenute con il cokriging per le variabili di induzione elettromagnetica (EMI) sembrano rivelare

Dettagli

Dott. Alberto Braghin - Agronomo

Dott. Alberto Braghin - Agronomo Dott. - Agronomo Premessa La maggior parte dei gestori di impianti per la produzione di biogas utilizzano oggi insilati di mais come digestato. In anni caratterizzati dall'andamento sfavorevole del tempo

Dettagli

TECNICHE AGRONOMICHE SOSTENIBILI DI ADATTAMENTO AI CAMBIAMENTI CLIMATICI IN SISTEMI ORTICOLI BIOLOGICI

TECNICHE AGRONOMICHE SOSTENIBILI DI ADATTAMENTO AI CAMBIAMENTI CLIMATICI IN SISTEMI ORTICOLI BIOLOGICI XLIV Convegno Nazionale SOCIETÀ ITALIANA DI AGRONOMIA Agricoltura biologica PQA V TECNICHE AGRONOMICHE SOSTENIBILI DI ADATTAMENTO AI CAMBIAMENTI CLIMATICI IN SISTEMI ORTICOLI BIOLOGICI Mariangela Diacono

Dettagli

Energia ibrida per gli impianti di biogas

Energia ibrida per gli impianti di biogas Energia ibrida per gli impianti di biogas Energia ibrida: una grande opportunità per agricoltori ed allevatori Gli impianti di biogas per loro natura possono essere alimentati con vari tipi di matrici

Dettagli

Istituto Sementi e Tecnologie Agro-alimentari

Istituto Sementi e Tecnologie Agro-alimentari Ricerca applicata Istituto Sementi e Tecnologie Agro-alimentari Catalogo 2010 ISTA - VENETO SEMENTI: LA GENETICA VEGETALE AL SERVIZIO DELL AGRICOLTURA Il 2009 è un anno importante per la storia di due

Dettagli

PIANOASSICURATIVOAGRICOLONAZIONALE 2014

PIANOASSICURATIVOAGRICOLONAZIONALE 2014 PIANOASSICURATIVOAGRICOLONAZIONALE 2014 Scadenza adesione Polizze collettive 1) Per essere ammessi a contributo i certificati devono essere sottoscritti entro le seguenti date: 31 Marzo 2014 Colture a

Dettagli

Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali

Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali Obiettivo 1 EROSIONE DEL SUOLO Obiettivo 2 SOSTANZA ORGANICA DEL SUOLO Obiettivo 3 STRUTTURA DEL SUOLO Obiettivo 4 LIVELLO MINIMO DI MANTENIMENTO Regione Campania - Assessorato Agricoltura e alle Attività

Dettagli

Dal seme alla farina: metodi tradizionali e innovativi per la tracciabilità genetica dei cereali

Dal seme alla farina: metodi tradizionali e innovativi per la tracciabilità genetica dei cereali Dal seme alla farina: metodi tradizionali e innovativi per la tracciabilità genetica dei cereali Chiara Delogu Lorella Andreani SCS- Centro per la sperimentazione e certificazione delle sementi SEME Materiale

Dettagli

R_INNOVA PRO.VE.: AZIONE 2 Soia ERSAF MN Prova di tecnica colturale Relazione 1 Anno di Attività

R_INNOVA PRO.VE.: AZIONE 2 Soia ERSAF MN Prova di tecnica colturale Relazione 1 Anno di Attività ntroduzione R_NNOVA PRO.VE.: AZONE 2 Soia ERSAF MN Prova di tecnica colturale Relazione 1 Anno di Attività L obiettivo del progetto R_nnova Pro.Ve., per la parte assegnata a ERSAF, è quello di analizzare

Dettagli

AIPAS con iscritto Sezione Veneto e Friuli Venezia Giulia

AIPAS con iscritto Sezione Veneto e Friuli Venezia Giulia Un ALTRA AGRICOLTURA è POSSIBILE con la SEMINA DIRETTA Maggiore redditività aziendale - Minore consumo di gasolio - Minore usura delle macchine - Rapidità di esecuzione - Minore impiego di fertilizzanti

Dettagli

Gennaio 2014. Osservatorio Fertilizzanti

Gennaio 2014. Osservatorio Fertilizzanti Gennaio 2014 Osservatorio Fertilizzanti Frisio D. G., Casati D., Ferrazzi G. Osservatorio Economico Colture Vegetali - Dipartimento di Economia Management e Metodi Quantitativi - Università degli Studi

Dettagli

Rapporto quindicinale sulla situazione dei mercati nazionali Riferimento dal 20 al 31 maggio 2013 4 giugno 2013 Powered by Aretè s.r.l.

Rapporto quindicinale sulla situazione dei mercati nazionali Riferimento dal 20 al 31 maggio 2013 4 giugno 2013 Powered by Aretè s.r.l. Numero ventidue 7 giugno 2013 Rapporto quindicinale sulla situazione dei mercati nazionali Riferimento dal 20 al 31 maggio 2013 4 giugno 2013 Powered by Aretè s.r.l. In questo numero ANB: approvazione

Dettagli

Sperimentazione a supporto del Servizio di Assistenza Tecnica: Filiera Orticola

Sperimentazione a supporto del Servizio di Assistenza Tecnica: Filiera Orticola Sperimentazione a supporto del Servizio di Assistenza Tecnica: Filiera Orticola OBIETTIVI Il presente progetto sperimentale prevedeva l esecuzione di diverse prove di campo, condotte nel 2006, riguardanti

Dettagli

FERTIL - FERTORGANICO

FERTIL - FERTORGANICO FERTIL - FERTORGANICO 2 Fertil e Fertorganico Una buona strategia di concimazione azotata prevede l utilizzo efficiente dell azoto, riducendone le unità apportate per unità di prodotto utile asportato

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

Risultati prove varietali mais 2013

Risultati prove varietali mais 2013 Risultati prove varietali mais 2013 Barbiani Giorgio E-mail : giorgio.barbiani@ersa.fvg.it Tel.0432/529221 Cell.334/6118215 mm 250 200 Temperature e piovosità 150 100 50 0 c 30 25 20 15 10 5 0 3 ago 1

Dettagli

Trattare la piralide del mais entro il picco delle catture TRATTAMENTO 2005 2006 2007

Trattare la piralide del mais entro il picco delle catture TRATTAMENTO 2005 2006 2007 10 Terra e Vita [ APPROFONDIMENTI ] n. 19/2009 1 2 [ MICOTOSSINE MAIS ] Monitorare il volo degli adulti. Meglio applicazioni precoci che tardive Trattare la piralide del mais entro il picco delle catture

Dettagli

sintesi delle attività del Centro

sintesi delle attività del Centro sintesi delle attività del Centro Previsioni meteorologiche Monitoraggio agro-idro-meteorologico Gestione allerte meteorologiche Agrometeorologia Biometeorologia Climatologia Realizzazione e diffusione

Dettagli

Come un agricoltura produttiva e un ambiente vivo e ricco di biodiversità possono convivere

Come un agricoltura produttiva e un ambiente vivo e ricco di biodiversità possono convivere Cascina San Vittore in Canale Come un agricoltura produttiva e un ambiente vivo e ricco di biodiversità possono convivere Azienda agricola aderente al progetto Operation Pollinator Premessa La perdita

Dettagli

VADEMECUM. colza. Gli innovativi ibridi Pioneer Note di tecnica colturale

VADEMECUM. colza. Gli innovativi ibridi Pioneer Note di tecnica colturale VADEMECUM colza Gli innovativi ibridi Pioneer Note di tecnica colturale UNA GAMMA COMPLETA DI IBRIDI DI COLZA Con grande piacere Le presentiamo la gamma di ibridi di colza per le semine 20. Gli ibridi

Dettagli

La semina. Numero di piante per unità di superficie. Resa

La semina. Numero di piante per unità di superficie. Resa La semina La semina è quell operazione con la quale il seme (medica, pomodoro ecc.) o il frutto (cereali, girasole ecc.) vengono immessi nel terreno allo scopo di ottenere la nascita delle piante che avvieranno

Dettagli

DM N 2026 DEL 24 SETTEMBRE 2004 RELATIVO ALL ATTUAZIONE DEGLI ARTICOLI 8 E 9 DEL DECRETO MINISTERIALE 5 AGOSTO 2004 (ARTICOLO 69)

DM N 2026 DEL 24 SETTEMBRE 2004 RELATIVO ALL ATTUAZIONE DEGLI ARTICOLI 8 E 9 DEL DECRETO MINISTERIALE 5 AGOSTO 2004 (ARTICOLO 69) DM N 2026 DEL 24 SETTEMBRE 2004 RELATIVO ALL ATTUAZIONE DEGLI ARTICOLI 8 E 9 DEL DECRETO MINISTERIALE 5 AGOSTO 2004 (ARTICOLO 69) a cura del Servizio Organizzazione Economica Integrazioni e modifiche apportate

Dettagli

PROGETTO AGRITRASFER IN SUD Comunità di Pratiche Cerealicoltura

PROGETTO AGRITRASFER IN SUD Comunità di Pratiche Cerealicoltura PROGETTO AGRITRASFER IN SUD Comunità di Pratiche Cerealicoltura Documento aperto alla discussione e agli approfondimenti su Norme tecniche di coltura-frumento duro Progetto Agritrasfer-In-Sud (D.M. MiPAAF

Dettagli

Sviluppo agricolo auto imprenditorialità Selezione donne Fase a Ottobre Novembre 2012

Sviluppo agricolo auto imprenditorialità Selezione donne Fase a Ottobre Novembre 2012 Completamento del sistema integrato di sviluppo rurale sostenibile, migliorando le condizioni di vita delle donne vulnerabili, attraverso la promozione e lo sviluppo agroalimentare a DSCHANG CAMEROUN RELAZIONE

Dettagli