Come produrre un latte di qualità e mantenere un buono stato di salute delle bovine

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Come produrre un latte di qualità e mantenere un buono stato di salute delle bovine"

Transcript

1 Conferenze di zootecnia, assistenza tecnica 2010/2011 Provincia di Novara Armeno 18 febbraio 2011 Come produrre un latte di qualità e mantenere un buono stato di salute delle bovine Prof. Giovanni Savoini Dipartimento di Scienze e Tecnologie Veterinarie per la Sicurezza Alimentare Università degli Studi di Milano

2 mg/100 ml Andamento percentuale grasso e proteina del latte durante la lattazione Rapporto proteina/grasso: 0,85-0,90 Es. : 3,40/3,90 = 0,87 4 3,9 3,8 3,7 3,6 3,5 3,4 3,3 3,2 3,1 3 2,9 2, Controlli funzionali mensili APA Grasso (%) Proteina (%)

3 mg/100 ml Grasso Valori elevati di grasso all inizio della lattazione sono indice di chetosi Valori bassi di grasso sono indice di acidosi L inversione grasso/proteine è indice di acidosi 4 3,9 3,8 3,7 3,6 3,5 3,4 3,3 3,2 3,1 3 2,9 2, Controlli funzionali mensili APA Grasso (%) Proteina (%)

4 lipidi Aumentare la sintesi endogena mammaria Orientare le fermentazioni ruminali a produrre maggiori quantità di acetato e butirrato Incremento del tenore in grasso (anche 2 punti percentuali) del latte intervenendo sull alimentazione : 1. > foraggio/concentrato 2. > quota sottoprodotti fibrosi ad elevata degradabilità ruminale 3. Macinazione grossolana dei cereali 4. 75% NDF da foraggio con sufficiente apporto di pendf 5. Adeguato potere tampone e capacità scambio cationico materie prime 6. Fieno di medica (1-2 kg) o paglia ( kg) 7. Evitare somministrazione di grassi vegetali non protetti 8. Somministrazione di sostanze tamponanti (bicarbonato di sodio g capo/d insieme ad ossido di magnesio in rapporto 3:1) 9. Somministrazione lievito di birra 10. Somministrazione di malato 11. Somministrazione di fattori lipotropi (colina 30g/capo/d, metionina 10-30g/capo/d

5 mg/100 ml Proteina Valori bassi di proteina sono indice di insufficiente apporto di energia (amido e zuccheri) con la dieta Valori bassi di proteina sono spesso associati a problemi di fertilità 4 3,9 3,8 3,7 3,6 3,5 3,4 3,3 3,2 3,1 3 2,9 2, Controlli funzionali mensili APA Grasso (%) Proteina (%)

6 Livelli di proteina nel latte inferiori alla media di stalla sono associati a inferiore fertilità e ad una maggiore probabilità di eliminazione (riforma) Deviazione del livello di proteina nel latte e fertilità Deviazione del livello di proteina nel latte e probabilità di riforma Tena-Matinez et al., 2009

7 proteina Incrementare quantità totale di aminoacidi che raggiunge l intestino = buona efficienza delle fermentazioni ruminali Controllare il profilo aminoacidico della proteina duodenale Incremento del tenore di proteina nel latte : 1. < foraggio/concentrato 2. > NSC 35-41% s.s. o in rapporto con NDF Fonti amilacee a diversa fermentiscibilità ruminale 4. Corretta % PG ed uso di fonti proteiche poco degradabili 5. Valutazione della proteina metabolizzabile 6. somministrazione di fonti proteiche ad elevato valore biologico 7. Utilizzo di aminoacidi protetti a livello ruminale (metionina e lisina 1:3)

8 Urea 8 di 51

9 urea LA CONCENTRAZIONE DI UREA NEL LATTE E UN UTILE STRUMENTO DI PREVISIONE RIGUARDO L ESCREZIONE DI AZOTO NELLA BOVINA DA LATTE: Fattori di conversione per trasformare l urea ad azoto ureico e per trasformare le unità di misura: - per trasformare il valore di urea in azoto ureico : DIVIDERE PER 2,18 (Es: 35mg/100ml urea=16 mg azoto ureico) - per trasformare il valore di urea da mg/100 ml a mmoli/l: DIVIDERE PER 6,03 (Es: 35mg/100ml urea=5,8mmoli/urea) RANGE DI RIFERIMENTO DEL TENORE DI UREA NEL LATTE ECCESSO proteina degradabile e solubile CARENZA DI NSC ECCESSO DI NSC CARENZA proteina degradabile e solubile Ridotta ingestione Ridotta produzione Epatopatie Rischi di chetosi e zoppie Problemi di fertilità Ridotta ingestione Ridotta produzione Rischi di acidosi Rischi di fertilità Valori di urea superiori a mg/100ml Valori di urea inferiori a mg/100ml

10 urea L'assunzione di razioni ad alto tenore proteico comporta un innalzamento dell'urea, mentre aumentando l'energia della razione si verifica di solito un decremento della sua concentrazione. Principali cause delle variazioni nella concentrazione di urea PROBABILI CAUSE Eccesso proteico (proteine degradabili) Eccesso energetico CONCENTRAZIONE Aumento Calo Nelle bovine l'elaborazione delle proteine e dei carboidrati a livello ruminale influenza la concentrazione d'urea: aumentando i carboidrati (cereali) in razione, si ha anche un aumento della produzione microbica ruminale, con un conseguente calo dell'ammoniaca nel rumine e dell'urea nel sangue. Aumento ingestione acqua Calo ingestione acqua Metionina +Lisina protette Aumento ingestione S.S. Ore successive al pasto Temperatura elevata Stress Potenziale genetico elevato Calo Aumento Calo Aumento Aumento Aumento Aumento Calo

11 Cellule somatiche 11 di 51

12 cellule somatiche NEUTROFILI MACROFAGI LINFOCITI CELLULE EPITELIO GHIANDOLARE Meccanismo di difesa della mammella nei confronti dei patogeni Sono normalmente presenti nel latte < = un loro aumento deriva da traumi o fenomeni infiammatori (mastiti) Rappresentano un buon parametro per valutare la sanità della mammella

13 cellule somatiche Un aumento del contenuto delle cellule somatiche si registra nei primi mesi di lattazione: Bilancio energetico negativo Depressione immunitaria post-parto Particolari patologie metaboliche (chetosi, acidosi, ipocalcemia, etc. ) Micotossine presenti negli alimenti Corretta profilassi nutrizionale dei fenomeni di mastite comporta: 1. Somministrazione diete bilanciate nelle varie componenti 2. Riduzione del bilancio energetico negativo 3. Prevenzione ipocalcemia 4. Controllo e contenimento micotossine alimentari 5. Somministrazione micronutrienti che stimolino risposta immunitaria

14 Pascolo 14 di 51

15 Il pascolo non permette di conoscere l assunzione di alimento, di nutrienti e conseguentemente è difficile determinare con esattezza le necessarie integrazioni. Solo una accurata gestione del pascolo (rotazione) può permettere un adeguata assunzione di foraggio di alta qualità (digeribilità)

16 La rotazione del pascolo implica un pascolamento intensivo per un periodo limitato di tempo (8-9 giorni) seguito da un periodo di riposo. In questo modo si riducono le forti variazioni di produzione di latte che si riscontrano nelle bovine al pascolo

17 La produzione di latte varia con la rotazione del pascolo

18 La produzione di latte varia con la rotazione del pascolo Perché varia la composizione del pascolo

19 Il contenuto in nutrienti dell erba varia nelle foglie, nello stelo e della distribuzione

20 Quanta s.s. viene assunta al pascolo? Le bovine pascolano da 6 a 9 ore al giorno. Il numero di assunzioni per minuto è abbastanza costante (55-65) Quindi la quantità di s.s. assunta dipende dalla dimensione delle singole assunzioni

21 Quanta s.s. viene assunta al pascolo? Con pascolo rigoglioso (0,5 g s.s. per assunzione): 60 assunzioni/min x 8 h = 14,4 kg s.s. Con pascolo meno rigoglioso (0,25 g s.s. per assunzione): 65 assunzioni/min. x 9 h = 8,8 kg s.s. Philip e Leaver (1989) Un buon pascolo potrebbe soddisfare i fabbisogni per produrre litri di latte

22 Assunzione di ss (% PV) (21 giorni dopo il parto) Correlazione tra l assunzione di sostanza secca, % del PV, 1 giorno prima e 21 dopo il parto. Assunzione di ss (%PV) (1 giorno prima del parto) Grummer, 1995

23 I fabbisogni di glucosio sono superiori rispetto alle richieste nel periodo di transizione Drackley et al., 2001

24 Bilancio energetico e fertilita nella bovina da latte L elevata richiesta di principi nutritivi glucogenici (ac.propionico, glucosio) e forse aminogenici (aminoacidi) per la produzione del latte esita in un insufficiente apporto degli stessi principi per il normale sviluppo dei follicoli

25 Bilancio energetico e fertilita nella bovina da latte In situazioni di bilancio energetico negativo le concentrazioni di insulina restano basse, riducendo notevolmente il livello di rilascio pulsatile dell LH Il periodo piu importante e compreso tra una settimana prima e due settimane dopo il parto

26 Alpeggio (pascolo) ed apporti energetici L energia è il primo fattore limitante per le bovine ad alta produzione in alpeggio o al pascolo e che non ricevono integrazione di concentrati

27 L assunzione di sostanza secca di bovine al pascolo è inferiore rispetto a bovine alimentate con unifeed È necessario un supplemento (concentrato) per raggiungere il potenziale genetico di assunzione di sostanza secca

28 L integrazione con concentrati a bovine al pascolo consente di ottenere +24% di assunzione di sostanza secca +22% di latte +4% -6% del contenuto proteico del latte del contenuto lipidico del latte

29 Assunzione di s.s. e produzione di latte a bovine al pascolo o alimentate con unifeed Pascolo Unifeed Assunzione s.s. (kg) 19,0 23,4 Latte (kg/d) 29,6 44,1 Hayirli et al., 2002

30 Tasso di sostituzione: riduzione di assunzione di pascolo per ogni kg di concentrato Il tasso di sostituzione è influenzato dalla disponibilità e dalla digeribilità del pascolo, dalla qualità e dalle caratteristiche del concentrato somministrato e dallo stadio di lattazione Minore è il tasso di sostituzione, maggiore è la risposta attesa per kg di concentrato supplementare

31 Effetto dell integrazione con concentrati a bovine al pascolo Limitata disponibilità di pascolo Elevata disponibilità di pascolo Solo pascolo + *concentrato Solo pascolo + *concentrato Ass. s.s. (kg) 18,30 24,10 21,20 24,80 Conc. (kg s.s.) 0,80 8,60 0,70 8,70 Pasc. (kg s.s.) 17,50 15,50 20,50 16,10 PG (%s.s) 19,70 17,90 19,30 17,50 NDF (%s.s.) 55,20 42,30 54,20 41,90 NEl (Mkal/kg) 1,62 1,70 1,63 1,70 *Concentrato a base di cereali e sottoprodotti PG 13,4%tq, NSC 59,2%tq, NDF 17,4%tq Bargo et al. 2002

32 Effetto dell integrazione con concentrati a bovine al pascolo Limitata disponibilità di pascolo Elevata disponibilità di pascolo Solo pascolo + *concentrato Solo pascolo + *concentrato Latte (kg/d) 19,10 29,70 22,20 29,90 Grasso (%) 3,82 3,29 3,79 3,32 Proteinea (%) 2,98 3,08 2,93 3,11 N ureico (mg/100ml) 13,90 11,60 14,20 11,10 NEFA (meq/l) 380,40 282,50 308,20 243,70 *Concentrato a base di cereali e sottoprodotti PG 13,4%tq, NSC 59,2%tq, NDF 17,4%tq Bargo et al. 2002

33 (Rhodes et al. 2003) Sviluppo e funzionalita follicolare

34 Quali concentrati è utile somministrare alle bovine al pascolo? Concentrati contenenti cereali (mais) in quanto l erba è mediamente ricca in proteina ma povera in energia

35 Amido degradato a livello ruminale g kg DM AMIDO : RISERVA ENERGETICA DEL MONDO VEGETALE Amido non degradato a livello ruminale g kg DM

36 Degradabilità amido INFLUENZA DEI TRATTAMENTI SULLA DEGRADABILITA DELL AMIDO Influenza delle dimensioni delle particelle di alimento sull effettiva degradabilità dell amido La riduzione delle dimensioni delle particelle aumenta la degradabilità dell amido a livello ruminale Media dimensioni particelle (mm) cereali velocemente degradati cereali lentamente degradati leguminose (Offner et al., 2003)

37 INFLUENZA DEI TRATTAMENTI SULLA DEGRADABILITA DELL AMIDO L'amido è presente sotto forma di granuli a struttura semicristallina: il trattamento a calore altera tale struttura (processo di gelatinizzazione), rendendo l'amido più dedradabile a livello ruminale e più digeribile a livello intestinale Il raffreddamento conduce a parziali fenomeni di ricristallizzazione dell'amido, ne riduce parzialmente la digeribilità. Degradabilita ruminale % Mais farina 76 Mais fiocchi Mais pastone 85 86

38 VELOCITA DI DEGRADAZIONE DI AMIDO E PROTEINA Le quote di PG e amido degradate nel rumine dopo 12 ore per frumento ( ), orzo ( ) ed avena ( ) sono superiori al 98% confermando che queste quote sono state a completa disposizione delle popolazioni microbiche del rumine Le quote di PG e di amido degradate nel rumine alla medesima ora per il mais ( ) ed il sorgo ( ) raggiungono rispettivamente meno dell 80% e meno del 66% mais sorgo frumento orzo avena (Herrera-Saldana et al., 1990) Costante di degradazione reale = Kd / (Kd+Kp)

39 FERMENTESCIBILITA DEI CARBOIDRATI CONTENUTI IN DIVERSI ALIMENTI PER I RUMINANTI GLUCIDI A1 - ACIDI ORGANICI (insilati) TEMPI DI FERMENTAZIONE RUMINALE 1-2% /ora PRINCIPALI ALIMENTI A2 - ZUCCHERI SOLUBILI % /ora Melasso, siero latte (lattosio), carrube B1 - AMIDI % / ora Frumento>orzo>mais>segaleavena cotti>crudi Pastone>granella B2 PECTINA, BETA GLUCANI B3 CELLULOSA, EMICELLULOSA C - FIBRA LIGNIFICATA, LIGNINA % / ora Polpe bietola, pastazzo agrumi, buccette soia,cruscami, residui fermentazione 2-10 % / ora Fieni, insilati 0 % / ora Paglie, fieni troppo maturi 39 di 51

40 Stima i valori di proteina digeribile intestinale: PDI = PDIM + PDIA PDI = proteina digeribile intestinale PDIM = proteina digeribile intestinale di origine microbica, che dipende dalla disponibilità di energia (PDIME) e di azoto (PDIMN) PDIA = Proteina digeribile intestinale di origine alimentare Figura 2.4. Sistema di valutazione delle proteine secondo l'inra (INRA, 1988). Stima i valori di: Proteina solubile = A + B 1 Proteina degradabile (RDP) = A + B 1 + B 2 (70-30%) + B 3 (10%) Proteina non degradabile (RUP) = B 2 (30-70%) + B 3 (90%) + C Le diverse frazioni sono caratterizzate inoltre da una diversa digeribilità intestinale: Proteine: degradazione ruminale e digeribilità Frazione Degradazione rum.%/h Digestione Intestinale, % A Immediata non raggiunge l intestino. B B B C 0 0 A: azoto non proteico; B 1,B 2,B 3 : proteina vera a diversa degradabilità ruminale - B 1 =veloce, B 2 =intermedia, B 3 =lenta; C: proteina non degradabile, non disponibile (proteina legata alla fibra ADF=ADIN). Figura 2.4. Sistema di valutazione delle proteine secondo il sistema Cornell (Cornell Net Carbohydrate Protein System (CNCPS), Sniffen et al., 1992) ed NRC (2001)

41 CPM COMPOSIZIONE DELLE FRAZIONI DEI CARBOIDRATI: espresse come % sulla s.s. alimento choa1 Acidi organici choa2 Zuccheri chob1 Amido chob2 Pectine, betaglucani Insilato mais 21,00 1,00 77,00 1, Mais granella 0,00 2,00 97,00 1, Mais granella fine 0,00 2,00 97,00 1, Mais fioccato 0,00 2,00 97,00 1, Mais pastone 2,00 2,40 94,00 1, Orzo 0,00 4,00 86,00 10, Sorgo 0,00 10,00 90,00 0, Frumento 0,00 3,00 92,00 5, Avena 0,00 5,00 85,00 10, Totale

42 CPM DEGRADABILITA RUMINALE DELLE DIVERSE COMPONENTI: espressa come %/h alimento choa1 Acidi organici choa2 Zuccheri chob1 Amido chob2 Pectine, betaglucani chob3 Cellulosa, emicellulosa Insilato mais 0,00 300,00 40,00 40,00 6,00 Mais granella 0,00 150,00 20,00 20,00 4,00 Mais granella fine 0,00 300,00 30,00 30,00 6,00 Mais fioccato 0,00 300,00 40,00 40,00 6,00 Mais pastone 0,00 200,00 27,00 27,00 5,00 Orzo 0,00 300,00 40,00 40,00 5,00 Sorgo 0,00 150,00 10,00 10,00 4,00 Frumento 0,00 300,00 40,00 40,00 5,00 Avena 0,00 300,00 30,00 30,00 5,00

43 CPM DIGERIBILITA INTESTINALE DELLE FRAZIONI: espressa come % effettivamente digerita alimento choa1 Acidi organici choa2 Zuccheri chob1 Amido chob2 Pectine, betaglucani chob3 Cellulosa, emicellulosa Insilato mais 100,00 100,00 92,00 92,00 20,00 Mais granella 100,00 100,00 75,00 75,00 22,00 Mais granella fine 100,00 100,00 85,00 85,00 25,00 Mais fioccato 100,00 100,00 95,00 95,00 20,00 Mais pastone 100,00 100,00 80,00 80,00 20,00 Orzo 100,00 100,00 75,00 75,00 20,00 Sorgo 100,00 100,00 75,00 75,00 20,00 Frumento 100,00 100,00 80,00 80,00 20,00 Avena 100,00 100,00 75,00 75,00 20,00

44 Come varia la qualità del latte delle bovine al pascolo? La più importante variazione è l aumento di CLA nel latte (mg/g AG): 100 % pascolo 2/3 pascolo 1/3 pascolo 22,1 14,3 8,9

45 Increasing the level of fresh pasture feeding can increase small ruminants milk fat CLA, with higher values when animals consume grass at an early stage of growth Nudda et al., J.Dairy Sci., 88 (2005), Chilliard et al., J.Dairy Sci., 86 (2003), nd International Feed for Health Conference Tromsø, Norway June 2010

46 Da dove derivano i CLA del latte? L acido rumenico (RA) cis-9,trans 11 CLA rappresenta il 75-90% dei CLA totali del latte (0,30-0,55 g/100g acidi grassi del grasso del latte) La principale fonte di RA è la sintesi endogena nella ghiandola mammaria tramite la conversione dell acido vaccenico ad opera della Δ 9- desaturasi Una fonte minore è anche la biodrogenazione dell ac.linoleico e linolenico nel rumine 46 di 51

47 Biodrogenazione ac.linoleico nel rumine Condizioni normali Acido linoleico (cis-9,cis-12 18:2) Diete inducenti depressione grasso del latte a causa della formazione di trans-10,cis-12 CLA (ad es. diete ricche di acidi grassi insaturi o di NFC) CLA-Ac.rumenico (cis-9,trans-11 CLA) Acido vaccenico (trans-11 18:1) Acido stearico (18:0) CLA (trans-10, cis-12 CLA) trans-10 18:1 Acido stearico (18:0) 47 di 51

48 Variazione dei CLA nel latte E possibile incrementare il contenuto in RA nel grasso del latte tramite l alimentazione: pascolo (erba verde) somministrazione di grassi alto livello di concentrati 48 di 51

49 Il pascolo fa aumentare il contenuto in CLA (g/100 g AG) del latte * STABULATE (Ins.mais e medica) PASCOLO (Erba medica) Cis-9,trans-11 CLA (RA) 0.84 c 1.53 b *tutte le bovine ricevevano 640 g/capo/d di olio di pesce e olio di girasole 1 a 3 p/p Abu Ghazaleh et al., di 51

50 La somministrazione di olio di pesce e di olio di lino fa aumentare il contenuto in CLA (g/100 g AG) del latte di bovine al pascolo CONTROLLO (solo pascolo) OPSL (Olio di Pesce e Semi di Lino) Cis-9,trans-11 CLA (RA) 0.66 a 2.56 b Brown et al., 2007

51 Il pascolo modifica il colore e l aroma del latte e derivati Carpino et al., 2004

52 Il pascolo modifica il colore del latte e derivati Carpino et al., 2004

53 Conclusioni Il rapporto proteina grasso nel latte dovrebbe essere 0,85-0,90 Bassi livelli di grasso nel latte sono indice di acidosi (eccesso di energia-amido e zuccheri) Bassi livelli di proteina sono indice di scarsa assunzione di energia amido e zuccheri Bassi livelli di proteina sono associati ad ipofertilità Le caratteristiche del latte sono un indice dello stato di salute della mandria

54 Conclusioni Fondamentale è l apporto di energia per animali al pascolo Utlizzare il pascolo per animali dalla metà alla fine della lattazione Il pascolo modifica la composizione acidica del grasso del latte, l aroma ed il colore del latte e derivati Il latte di bovine al pascolo dovrebbe essere pagato di più

Ottimizzazione delle fermentazioni ruminali

Ottimizzazione delle fermentazioni ruminali Ottimizzazione delle fermentazioni ruminali Digestione ruminale della fibra L ottimizzazione della digestione della fibra nei ruminanti inizia dal substrato I batteri fibrolitici hanno infatti necessità

Dettagli

La qualità del latte passa dalle proteine

La qualità del latte passa dalle proteine La qualità del latte passa dalle proteine Il prezzo pagato agli allevatori in Italia si basa su formule per calcolare un eventuale premio, rispetto a una qualità stabilita. La gestione dell alimentazione,

Dettagli

Materia pre pr sente ent negli aliment ent lenta lent ment ent digeribile o indigeribile che occupa spazio nel tra t o t gastr t o r intes int tina

Materia pre pr sente ent negli aliment ent lenta lent ment ent digeribile o indigeribile che occupa spazio nel tra t o t gastr t o r intes int tina Definizione dal punto di vista alimentare: Materiale presente negli alimenti lentamente digeribile o indigeribile che occupa spazio nel tratto gastrointestinale. (D.R. Mertens) 17/10/2012 1 Definizione

Dettagli

EFFETTIVITÁ NELLA PRODUZIONE DI BIOGAS. Dove sono le riserve nell alimentazione e nella gestione di impianti di Biogas. dinametan : Foraggi e fatti

EFFETTIVITÁ NELLA PRODUZIONE DI BIOGAS. Dove sono le riserve nell alimentazione e nella gestione di impianti di Biogas. dinametan : Foraggi e fatti EFFETTIVITÁ NELLA PRODUZIONE DI BIOGAS Dove sono le riserve nell alimentazione e nella gestione di impianti di Biogas dinametan : Foraggi e fatti Una crescente pressione sulla redditivitá e l efficienza

Dettagli

Masoero: quale nutrizione azotata

Masoero: quale nutrizione azotata Le posizioni del docente piacentino sulla nutrizione azotata della bovina da latte e sull efficienza di utilizzazione amminoacidica. Da un recente convegno Crpa Alimentazione Masoero: quale nutrizione

Dettagli

L alimentazione della bovina da latte: come perfezionare gli apporti proteici

L alimentazione della bovina da latte: come perfezionare gli apporti proteici DIMORFIPA Facoltà Medicina Veterinaria BOLOGNA L alimentazione della bovina da latte: come perfezionare gli apporti proteici Andrea Formigoni Convegno CRPA Parma, 6 Ottobre 2006 ALIMENTAZIONE AZOTATA L

Dettagli

Valutazione degli alimenti per la nutrizione e alimentazione del cavallo nel rispetto della anatomia e fisiologia dell apparato digerente

Valutazione degli alimenti per la nutrizione e alimentazione del cavallo nel rispetto della anatomia e fisiologia dell apparato digerente Valutazione degli alimenti per la nutrizione e alimentazione del cavallo nel rispetto della anatomia e fisiologia dell apparato digerente Cavallucci Clarita Medico Veterinario Ph.D. claritacavallucci@alice.it

Dettagli

LA GESTIONE DELLO SVEZZAMENTO DEI VITELLI. di Andrea Formigoni. Nel moderno allevamento della vacca da latte la corretta gestione delle vitelle dalla

LA GESTIONE DELLO SVEZZAMENTO DEI VITELLI. di Andrea Formigoni. Nel moderno allevamento della vacca da latte la corretta gestione delle vitelle dalla LA GESTIONE DELLO SVEZZAMENTO DEI VITELLI di Andrea Formigoni Universita degli Studi di Bologna Facolta di Medicina Veterinaria Introduzione Nel moderno allevamento della vacca da latte la corretta gestione

Dettagli

C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia

C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia VINCENZO FEDELE E GIOVANNI ANNICCHIARICO C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia Stalla Pascolo DECIDE L ALLEVATORE DECIDE L ANIMALE Scelta alimenti Scelta alimenti (Vegetazione) Quantità (limitata)

Dettagli

Alimentazione e composizione del latte: attenzioni da avere nel periodo estivo

Alimentazione e composizione del latte: attenzioni da avere nel periodo estivo Alimentazione e composizione del latte: attenzioni da avere nel periodo estivo Andrea Formigoni andrea.formigoni@unibo.it Assolac, Castrovillari,20 marzo 2012 Il problema dell estate La condizione di stress

Dettagli

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare Ancora dal convegno di Copenaghen. Questo parametro, nell allevamento delle bovine da latte, può crescere. E non solo perfezionando il razionamento. Ma anche intervenendo su diversi altri fattori, come

Dettagli

Linee di mangimi per vacca da latte. Perfecta Equilibria Fiocco H.G. Leader Gold Parma Reggio Sviluppo

Linee di mangimi per vacca da latte. Perfecta Equilibria Fiocco H.G. Leader Gold Parma Reggio Sviluppo Linee di mangimi per vacca da latte Perfecta Equilibria Fiocco H.G. Leader Gold Parma Reggio Sviluppo Indice Perfecta. Perfetto equilibrio tra fonti proteiche naturali per la migliore efficienza produttiva

Dettagli

LE LEGUMINOSE DA GRANELLA NELL ALIMENTAZIONE DELLE PECORE DA LATTE

LE LEGUMINOSE DA GRANELLA NELL ALIMENTAZIONE DELLE PECORE DA LATTE LE LEGUMINOSE DA GRANELLA NELL ALIMENTAZIONE DELLE PECORE DA LATTE Antonello Cannas Alessandro Mereu Dipartimento Scienze Zootecniche Università di Sassari Teresa Pacchioli CRPA Reggio Emilia Situazione

Dettagli

Fiera di Cremona 2012. Relatore: Dr. Agr. Egidio Bongiorni Studio Tecnico BONGIORNI e Associati 26900 Lodi (LO)

Fiera di Cremona 2012. Relatore: Dr. Agr. Egidio Bongiorni Studio Tecnico BONGIORNI e Associati 26900 Lodi (LO) Fiera di Cremona 2012 Relatore: Dr. Agr. Egidio Bongiorni Studio Tecnico BONGIORNI e Associati 26900 Lodi (LO) Introduzione La materia prima per i caseifici (mini-caseifici) è il latte, possibilmente di

Dettagli

Utilizzo del Panello di girasole nell alimentazione animale

Utilizzo del Panello di girasole nell alimentazione animale Giornata di Studio "Progetto Extravalore" Utilizzo del Panello di girasole nell alimentazione animale Maria Federica Trombetta Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari ed Ambientali Università Politecnica

Dettagli

Il frumento, ottimo foraggio per le nostre vacche

Il frumento, ottimo foraggio per le nostre vacche 15 DIVERSE TIPOLOGIE DI FORAGGIO CONFRONTATE DA TECNICI SATA Il frumento, ottimo foraggio per le nostre vacche di Marco Bellini, Enea Guidorzi del frumento in campo zootecnico da sempre riveste un importanza

Dettagli

Alternative al mais, i primi suggerimenti

Alternative al mais, i primi suggerimenti Alternative al mais, i primi suggerimenti La decisione di destinare parte della superficie agricola alla produzione di mais ed altri cereali per la produzione di biodisel e biogas, sottrarrà questo cereale

Dettagli

ACTION 1 REDUCTION OF NITROGEN EXCRETED IN LIVESTOCK FARMS THROUGH THE APPLICATION OF HIGH N EFFICIENCY RATIONS

ACTION 1 REDUCTION OF NITROGEN EXCRETED IN LIVESTOCK FARMS THROUGH THE APPLICATION OF HIGH N EFFICIENCY RATIONS Achieving good water quality status in intensive animal production areas ACTION 1 REDUCTION OF NITROGEN EXCRETED IN LIVESTOCK FARMS THROUGH THE APPLICATION OF HIGH N EFFICIENCY RATIONS Pizzighettone 19

Dettagli

RIPARTIZIONE ENERGIA VALORE NUTRITIVO RIPARTIZIONE E UTILIZZAZIONE DELL ENERGIA CHIMICA DEGLI ALIMENTI

RIPARTIZIONE ENERGIA VALORE NUTRITIVO RIPARTIZIONE E UTILIZZAZIONE DELL ENERGIA CHIMICA DEGLI ALIMENTI RIPARTIZIONE ENERGIA VALORE NUTRITIVO RIPARTIZIONE E UTILIZZAZIONE DELL ENERGIA CHIMICA DEGLI ALIMENTI ENERGIA LORDA ENERGIA FECI 20-50% ALIMENTO LIV. ING. ENERGIA GAS ENERGIA URINE ENERGIA DIGERIBILE

Dettagli

L USO DI ALCUNI PARAMETRI BIOCHIMICI DEL LATTE, DI MASSA E INDIVIDUALI, COME BIOMARKERS SANITARI ED ECONOMICI

L USO DI ALCUNI PARAMETRI BIOCHIMICI DEL LATTE, DI MASSA E INDIVIDUALI, COME BIOMARKERS SANITARI ED ECONOMICI L USO DI ALCUNI PARAMETRI BIOCHIMICI DEL LATTE, DI MASSA E INDIVIDUALI, COME BIOMARKERS SANITARI ED ECONOMICI 12 MEETING DEI RESPONSABILI E DEI TECNICI DI LABORATORIO DEL SETTORE LATTIERO CASEARIO 6-7

Dettagli

Aspetti nutrizionali delle bovine da latte ad alta produzione mirati all incremento della fertilità

Aspetti nutrizionali delle bovine da latte ad alta produzione mirati all incremento della fertilità Provincia di Novara-Assistenza Tecnico Zootecnica 21 novembre 2008 Aspetti nutrizionali delle bovine da latte ad alta produzione mirati all incremento della fertilità Prof.Giovanni Savoini Università degli

Dettagli

Tecniche alimentari per una riduzione dell'escrezione di azoto (N) e fosforo (P) nella bovina da latte (NePcow2)

Tecniche alimentari per una riduzione dell'escrezione di azoto (N) e fosforo (P) nella bovina da latte (NePcow2) Tecniche alimentari per una riduzione dell'escrezione di azoto (N) e fosforo (P) nella bovina da latte (NePcow2) RELAZIONE FINALE - 2010 Progetto di ricerca finanziato nell ambito del Programma Regionale

Dettagli

Materie prime. Principali ingredienti per la formulazione dei mangimi per suini. Giuseppe Baricco

Materie prime. Principali ingredienti per la formulazione dei mangimi per suini. Giuseppe Baricco Materie prime Principali ingredienti per la formulazione dei mangimi per suini Giuseppe Baricco La composizione fondamentale di un mangime per suini Gli apporti energetici provengono Dai cereali Dai grassi

Dettagli

Borlande di distilleria:alternativa economica alle tradizionali fonti proteiche

Borlande di distilleria:alternativa economica alle tradizionali fonti proteiche Borlande di distilleria:alternativa economica alle tradizionali fonti proteiche Daniele Cevolani L'idea di far funzionare i motori delle auto utilizzando combustibili alternativi (biodiesel da olio di

Dettagli

Gestione Se l asciutta è breve

Gestione Se l asciutta è breve Ricercatori canadesi, statunitensi e olandesi indagano su come mantenere le bovine produttive e sane anche con un periodo di asciutta inferiore a 60 giorni Gestione Se l asciutta è breve di Roberta Sguerrini

Dettagli

VACCHE DA LATTE CCHE DA LA

VACCHE DA LATTE CCHE DA LA Proteina Grassi Fibra Ceneri Codice Prodotto Destinazione d uso greggia greggi greggia gregge Latti 1 DE LAT 0 CMZ FA 1 0,0 Somministrare dal giorno di vita del vitello, litri 1, di acqua con 10 g. di

Dettagli

I fattori biologici e tecnologici che influenzano produzione e qualità del latte

I fattori biologici e tecnologici che influenzano produzione e qualità del latte AGGIORNAMENTO PER PERITI AGRARI I fattori biologici e tecnologici che influenzano produzione e qualità del latte Dr. Severino Segato Dr.ssa Roberta De Nardi Dip. di Medicina Animale, Produzioni e Salute

Dettagli

Dalla Penn St ate University Un nuovo setacc io per la fibra

Dalla Penn St ate University Un nuovo setacc io per la fibra DOSSIER / UNIFEED L università americana ha presentato un setaccio da 4 mm utile per la misura della fibra pendf. Da una sperimentazione svolta nel Trentino le sue caratteristiche, la sua applicazione

Dettagli

Bilancio Per contenere il costo alimentare

Bilancio Per contenere il costo alimentare Consigli tecnici e gestionali per ridurre questo tipo di costo di produzione, dal campo alla mangiatoia Bilancio Per contenere il costo alimentare Le autrici sono del servizio tecnico della Comazoo di

Dettagli

Farine animali. Comprendono tutti i sottoprodotti derivanti dalla lavorazione di carne, pesce e latte.

Farine animali. Comprendono tutti i sottoprodotti derivanti dalla lavorazione di carne, pesce e latte. Farine animali Comprendono tutti i sottoprodotti derivanti dalla lavorazione di carne, pesce e latte. Vengono impiegate in virtù per il loro elevato livello di aminoacidi e minerali ma sono anche ricche

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue sucessive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

Opuscolo n. 3 NOTE TECNICHE SULL ALIMENTAZIONE DEGLI OVINI E DEI CAPRINI

Opuscolo n. 3 NOTE TECNICHE SULL ALIMENTAZIONE DEGLI OVINI E DEI CAPRINI Opuscolo n. 3 NOTE TECNICHE SULL ALIMENTAZIONE DEGLI OVINI E DEI CAPRINI Con il 3 opuscolo si conclude la raccolta di note tecniche edita dal Servizio Produzioni Zootecniche dedicata alle problematiche

Dettagli

DIETE ALTERNATIVE PER PRODURRE BIOGAS

DIETE ALTERNATIVE PER PRODURRE BIOGAS CONVEGNO DIETE ALTERNATIVE PER PRODURRE BIOGAS Nuove diete per il biogas: più valore dagli usi innovativi della biomassa e del digestato 5 marzo 2014 Bioenergy Italy, Cremona Lorella ROSSI Centro Ricerche

Dettagli

SUPER PREMIUM PREMIUM. Flavor & Passion

SUPER PREMIUM PREMIUM. Flavor & Passion SUPER PREMIUM PREMIUM Flavor & Passion Flavor & Passion Con oltre 35 anni di esperienza nella nutrizione animale, Adragna Pet Food offre da sempre alimenti di alta qualità per cani e gatti. Riprendendo

Dettagli

Il Trinciato. Mas 70.F Mas 73.E Mas 78.T. più produttivi... più energetici... più digeribili...

Il Trinciato. Mas 70.F Mas 73.E Mas 78.T. più produttivi... più energetici... più digeribili... Il Trinciato Mas 70.F Mas 73.E Mas 78.T più produttivi... più energetici... più digeribili... Noi siamo in grado di dimostrarlo... e tu cosa aspetti a provarli? IL TRINCIATO INSILATO = FORAGGIO RUOLO NELL

Dettagli

Sistemi foraggeri per l azienda zootecnica da latte in Pianura Padana: gestione agronomica e costi. Borreani G., Tabacco E.

Sistemi foraggeri per l azienda zootecnica da latte in Pianura Padana: gestione agronomica e costi. Borreani G., Tabacco E. Sistemi foraggeri per l azienda zootecnica da latte in Pianura Padana: gestione agronomica e costi Borreani G., Tabacco E. Dip. Dip. Scienze Scienze Agrarie, Agrarie, Forestali Forestali ee Alimentari

Dettagli

La vacca da l atte oggi tra produzione e riproduzione

La vacca da l atte oggi tra produzione e riproduzione DOSSIER / LE GRANDI TENDENZE La solidità economica delle aziende zootecniche è un obiettivo possibile. Ma per raggiungerlo non è sufficiente far crescere le performance produttive delle bovine: si devono

Dettagli

FABBISOGNO ENERGETICO DEI CANI E DEI GATTI NEI DIVERSI STATI FISIOLOGICI

FABBISOGNO ENERGETICO DEI CANI E DEI GATTI NEI DIVERSI STATI FISIOLOGICI FABBISOGNO ENERGETICO DEI CANI E DEI GATTI NEI DIVERSI STATI FISIOLOGICI Fabbisogno energetico dei cani a diversi stati fisiologici (kcal/em). PESO CORPOREO (kg) MANTENIMENTO (kcal/em) TARDA GRAVIDANZA

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario. www.informatoreagrario.it

Edizioni L Informatore Agrario. www.informatoreagrario.it www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue sucessive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

AMIDO (starch) CHO di riserva presente nei diversi alimenti in quantità variabili. Amilosio: catene lineari di glucosio con legami 1-4

AMIDO (starch) CHO di riserva presente nei diversi alimenti in quantità variabili. Amilosio: catene lineari di glucosio con legami 1-4 AMIDO (starch) CHO di riserva presente nei diversi alimenti in quantità variabili Alimento Contenuto di amido, % Mais granella 71-74 Avena 41-44 Riso 75-88 Grano 67-68 Orzo 67-68 Pisello semi 43-48 Patate

Dettagli

Recenti Studi sulla Zootecnia da Latte nel Veneto Corte Benedettina Legnaro 15/12/2010

Recenti Studi sulla Zootecnia da Latte nel Veneto Corte Benedettina Legnaro 15/12/2010 Recenti Studi sulla Zootecnia da Latte nel Veneto Corte Benedettina Legnaro 15/12/2010 Il 15 dicembre scorso l ARAV in collaborazione con il Dipartimento di Scienze Animali dell Università di Padova, ha

Dettagli

GLOSSARIO SINTETICO COLLETTIVO

GLOSSARIO SINTETICO COLLETTIVO GLOSSARIO SINTETICO COLLETTIVO Giugno 2014 1 2 3 SINTETICO COLLETTIVO DI SPECIE E RAZZA Il sintetico collettivo è una elaborazione dei dati provenienti dalle singole produttrici di una medesima specie/razza.

Dettagli

La proteina nella dieta del bovino da carne

La proteina nella dieta del bovino da carne I prezzi delle farine di soia, colza e girasole stanno raggiungendo livelli troppo alti. Di qui l interesse verso approcci alternativi alla questione delle fonti proteiche Alimentazione La proteina nella

Dettagli

Ottimizzare la raccolta e la conservazione dei prati e degli erbai per ridurre i costi di alimentazione della vacca da latte

Ottimizzare la raccolta e la conservazione dei prati e degli erbai per ridurre i costi di alimentazione della vacca da latte Come produrre più latte dai propri foraggi Piacenza 14 OTTOBRE 2011 Ottimizzare la raccolta e la conservazione dei prati e degli erbai per ridurre i costi di alimentazione della vacca da latte Giorgio

Dettagli

Agribrands Europe Italia S.p.A. Ottobre 2001 MANZART. Cod. 121 D NOTA TECNICA. Linea Bovini Latte - Codice DI 3267 1A

Agribrands Europe Italia S.p.A. Ottobre 2001 MANZART. Cod. 121 D NOTA TECNICA. Linea Bovini Latte - Codice DI 3267 1A Agribrands Europe Italia S.p.A. Ottobre 2001 MANZART Cod. 121 D NOTA TECNICA Linea Bovini Latte - Codice DI 3267 1A MANZART: L ARTE DI ALLEVARE MANZE FORTI E ROBUSTE AL MINORE COSTO Il Programma Purina

Dettagli

Uso dell avena come mangime per animali domestici

Uso dell avena come mangime per animali domestici Uso dell avena come mangime per animali domestici IT 2013 La coltivazione dell avena e il suo utilizzo per il nutrimento degli animali hanno una tradizione antichissima in Finlandia. La produzione di avena

Dettagli

Alimentazione e sport

Alimentazione e sport Dietista Silvia Bernardi Trento, 5 Marzo 2010 Il movimento spontaneo e l attività fisica, se iniziati precocemente, rappresentano la misura più efficace di terapia e prevenzione delle patologie del benessere.

Dettagli

Si dispone dei seguenti alimenti: Limiti max consigliati Kg/capo/giorno

Si dispone dei seguenti alimenti: Limiti max consigliati Kg/capo/giorno Per usufruire, senza difficoltà, dell applicazione per il calcolo della razione per vacche da latte proponiamo questo esempio, indicando le procedure per giungere alla soluzione. ESEMPIO: Calcolo razione

Dettagli

Lo svezzamento è l evento più significativo

Lo svezzamento è l evento più significativo STRATEGIE PER MIGLIORARE LA FUNZIONALITÀ INTESTINALE Da vari studi emergono indicazioni per ridurre il più possibile lo stress di tipo nutrizionale, immunologico e psicologico a cui sono soggetti i suinetti

Dettagli

Buone pratiche di pascolamento dei caprini

Buone pratiche di pascolamento dei caprini Buone pratiche di pascolamento dei caprini Mauro Decandia & Giovanni Molle Dipartimento per la ricerca nelle produzioni animali L allevamento estensivo della capra in Sardegna si basa prevalentemente sull

Dettagli

Ridurre le emissioni di metano nelle vacche da latte: risultati del progetto Archaea

Ridurre le emissioni di metano nelle vacche da latte: risultati del progetto Archaea Ridurre le emissioni di metano nelle vacche da latte: risultati del progetto Archaea Maccarana L. 1, Cattani M. 1, Lerose D. 1, Bailoni L. 1 1 Dipartimento di Biomedicina Comparata e Alimentazione (BCA)

Dettagli

Opuscolo n. 2 NOTE TECNICHE SULL ALIMENTAZIONE DEGLI OVINI E DEI CAPRINI

Opuscolo n. 2 NOTE TECNICHE SULL ALIMENTAZIONE DEGLI OVINI E DEI CAPRINI Opuscolo n. 2 NOTE TECNICHE SULL ALIMENTAZIONE DEGLI OVINI E DEI CAPRINI La crisi del comparto ovi-caprino, dovuta alla perdita di valore commerciale delle produzioni lattiero casearie, è causa di un insufficiente

Dettagli

LET US TAKE CARE OF YOUR HORSE PRODOTTI PER L INTEGRAZIONE ALIMENTARE E PER IL BENESSERE DEL CAVALLO ATLETA

LET US TAKE CARE OF YOUR HORSE PRODOTTI PER L INTEGRAZIONE ALIMENTARE E PER IL BENESSERE DEL CAVALLO ATLETA LET US TAKE CARE OF YOUR HORSE PRODOTTI PER L INTEGRAZIONE ALIMENTARE E PER IL BENESSERE DEL CAVALLO ATLETA Racing Feed Pastone Mash Muesli Endurance Muesli Sportivi Muesli Fattrici Muesli Puledri TUTTI

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

Valutazione Nutrizionale dei Mangimi

Valutazione Nutrizionale dei Mangimi Corso di Laurea in Tecnologie delle produzioni Animali e Qualità dei Prodotti Curriculum Produzione di Alimenti per l'allevamento (Feed) Materiale didattico per il corso Valutazione Nutrizionale dei Mangimi

Dettagli

Nutrire in lattazione

Nutrire in lattazione Zootecnia Nutrire in lattazione Mario Pirondini Il profilo aminoacidico della razione è fondamentale nella nutrizione della vacca in lattazione. Il bilanciamento aminoacidico delle razioni per vacche da

Dettagli

La gestione zootecnica del gregge

La gestione zootecnica del gregge La gestione zootecnica del gregge Introduzione Per una corretta gestione del gregge l azione zootecnica è incisiva negli allevamenti stanziali o semi-stanziali Dove si possono controllare i seguenti aspetti

Dettagli

Valutazione dei Foraggi Tradizionali e Alternativi e Sostenibilità delle Aziende Zootecniche Lombarde

Valutazione dei Foraggi Tradizionali e Alternativi e Sostenibilità delle Aziende Zootecniche Lombarde Progetto "FORGE" (n 688) della D.G. gricoltura - Regione Lombardia Valutazione dei Foraggi Tradizionali e lternativi e Sostenibilità delle ziende Zootecniche Lombarde G. Matteo rovetto Dipartimento di

Dettagli

ALIMENTAZIONE NELLE PATOLOGIE CRONICHE. dott.ssa Siciliano Italia Grazia biologo nutrizionista

ALIMENTAZIONE NELLE PATOLOGIE CRONICHE. dott.ssa Siciliano Italia Grazia biologo nutrizionista ALIMENTAZIONE NELLE PATOLOGIE CRONICHE dott.ssa Siciliano Italia Grazia biologo nutrizionista DALLA PREISTORIA AD OGGI: STILI DI VITA DIVERSI 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% DALLA PREISTORIA

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni

Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni DIABETE E CIBO Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni I nutrienti della dieta I nutrienti essenziali: PROTEINE

Dettagli

Opuscolo n. 1 NOTE TECNICHE SULL ALIMENTAZIONE DEGLI OVINI E DEI CAPRINI

Opuscolo n. 1 NOTE TECNICHE SULL ALIMENTAZIONE DEGLI OVINI E DEI CAPRINI Opuscolo n. 1 NOTE TECNICHE SULL ALIMENTAZIONE DEGLI OVINI E DEI CAPRINI Il comparto ovino con 12.300 aziende*, 3.300.000 pecore* e 550.000 q.li annui di formaggi prodotti dall'industria lattierocasearia

Dettagli

Nutrizione e Sport Piergiorgio Pietta. Verona 15 aprile 2012 IV Congresso Nazionale DMSA

Nutrizione e Sport Piergiorgio Pietta. Verona 15 aprile 2012 IV Congresso Nazionale DMSA Nutrizione e Sport Piergiorgio Pietta Verona 15 aprile 2012 IV Congresso Nazionale DMSA L'alimentazione dello sportivo non è molto diversa dall'alimentazione indicata per la popolazione in generale. Non

Dettagli

ALIMENTAZIONE. Appunti di lezione

ALIMENTAZIONE. Appunti di lezione ALIMENTAZIONE Appunti di lezione CORRETTA ALIMENTAZIONE Un adolescente (13-15 anni) Ha bisogno per crescere di: Energia e Nutrienti Ossia di alimentarsi, ma con misura nè troppo, ne troppo poco. Il termine

Dettagli

Micotossine: problema di rilevanza globale

Micotossine: problema di rilevanza globale Micotossine Articolo 2 Ai fini della presente direttiva si intende per: a) «mangimi»: i prodotti di origine vegetale o animale, allo «sostanza indesiderabile»: qualsiasi sostanza o prodotto, ad eccezione

Dettagli

La salute, per gli animali di allevamento

La salute, per gli animali di allevamento FORAGGICOLTURA inserto SPECIALE Erba medica: un alimento ricco e salutare L erba medica è una coltura fondamentale nell ordinamento foraggiero di una stalla da latte. L importante è impiegare una varietà

Dettagli

IL BENESSERE CHE NASCE DA UN PRODOTTO SEMPLICE COME IL PANE

IL BENESSERE CHE NASCE DA UN PRODOTTO SEMPLICE COME IL PANE IL BENESSERE CHE NASCE DA UN PRODOTTO SEMPLICE COME IL PANE Nicola Damiano Responsabile Ricerca & Sviluppo Gruppo Novelli Convegno Associazione Giuseppe Dossetti La salute vien mangiando dalla nascita

Dettagli

Allevali con le tue mani e sai cosa mangi

Allevali con le tue mani e sai cosa mangi Allevali con le tue mani e sai cosa mangi Linea Agri PRODOTTI LINEA AGRI Sani si cresce, gustosi si diventa Dichiarazione per i consumatori dei prodotti tutti i mangimi ZOOTECNICI e PETFOOD sono prodotti

Dettagli

a cura del Settore Economia, Mercati e Competitiva

a cura del Settore Economia, Mercati e Competitiva Progetto AGRICONFRONTI EUROPEI a cura del Settore Economia, Mercati e Competitiva Il progetto intende mettere a confronto la situazione dell agricoltura veneta con quella di altri paesi dell Unione Europea

Dettagli

Dr. Marco Colombo Medico Veterinario L.P. Bernate T. (Mi)!!! Barge 13/03/2013

Dr. Marco Colombo Medico Veterinario L.P. Bernate T. (Mi)!!! Barge 13/03/2013 Dr. Marco Colombo Medico Veterinario L.P. Bernate T. (Mi)!!! Barge 13/03/2013 PRIME CURE pulizia di naso e bocca disinfezione ombelico Sol. Iodata 7% - Betadine NON esterna NO pinze, mollette, legature,

Dettagli

VALUTAZIONE NUTRIZIONALE DEL PISELLO PROTEICO

VALUTAZIONE NUTRIZIONALE DEL PISELLO PROTEICO VALUTAZIONE NUTRIZIONALE DEL PISELLO PROTEICO (Pisum sativum) IN DIETE PER OVINI NUTRITIVE VALUE OF DIETS BASED ON PEA SEEDS (Pisum sativum) IN SHEEP Gian Battista LIPONI (1), Lucia CASINI (1), Sergio

Dettagli

I tuoi amici sempre al CENTRO delle nostre attenzioni. Alimenti per Cani e Gatti

I tuoi amici sempre al CENTRO delle nostre attenzioni. Alimenti per Cani e Gatti I tuoi amici sempre al CENTRO delle nostre attenzioni Alimenti per Cani e Gatti Alimentazione completa e bilanciata Centro è una linea di prodotti di successo per animali d affezione formulati, secondo

Dettagli

CARBOIDRATI: monosaccaridi

CARBOIDRATI: monosaccaridi CARBO- IDRATI CARBOIDRATI: monosaccaridi Struttura chimica dei due triosi: gliceraldeide (a) e idrossiacetone (b) Esempi di 2 enantiomeri fra gli aldo-esosi e i cheto-esosi Enantiomeri: due stereoisomeri

Dettagli

Favino e pisello nella razione, buoni sostituti della soia

Favino e pisello nella razione, buoni sostituti della soia S SPECIALE SPERIMENTAZIONE DEL CRPA SU VACCHE DA LATTE Favino e pisello nella razione, buoni sostituti della soia La sostituzione della proteina derivante da farine di soia con altre farine proteiche non

Dettagli

I substrati per la digestione anaerobica: effluenti zootecnici, sottoprodotti agro-industriali e colture dedicate

I substrati per la digestione anaerobica: effluenti zootecnici, sottoprodotti agro-industriali e colture dedicate I substrati per la digestione anaerobica: effluenti zootecnici, sottoprodotti agro-industriali e colture dedicate Lorella ROSSI Centro Ricerche Produzioni Animali - RE BIOMASSE AVVIABILI A BIOGAS BIOMASSE

Dettagli

PROTEINA GREGGIA (P.G.)

PROTEINA GREGGIA (P.G.) PROTEINA GREGGIA (P.G.) Il contenuto proteico di un alimento è valutato dal suo tenore in azoto, determinato con il metodo Kjeldahl modificato. Il metodo Kjeldahl valuta la maggior parte dell azoto presente

Dettagli

Per un mais trinciato di prima qualità

Per un mais trinciato di prima qualità Per un mais trinciato di prima qualità Il mais trinciato di prima qualità Nel 2014 Syngenta ha lanciato SY QUALITAT, il nuovo punto di riferimento per il trinciato di mais di alta qualità. Classe: FAO

Dettagli

ARMENO, 9 GENNAIO 2009 L ALLEVAMENTO DELLA CAPRA DA LATTE

ARMENO, 9 GENNAIO 2009 L ALLEVAMENTO DELLA CAPRA DA LATTE ARMENO, 9 GENNAIO 2009 L ALLEVAMENTO DELLA CAPRA DA LATTE Alimentazione, ricoveri ed organizzazione aziendale a cura del dr Gianni BAZZANO (dottore in Scienze delle produzioni animali) ALLEVAMENTO INTENSIVO

Dettagli

PROF. ALESSANDRO MALFATTI. Corso di Fisiologia e Benessere degli animali in produzione

PROF. ALESSANDRO MALFATTI. Corso di Fisiologia e Benessere degli animali in produzione RUMINAZIONE È DEFINITO COME QUEL COMPLESSO DI ATTIVITÀ AVENTI COME SCOPO LA RI-MASTICAZIONE DI PORZIONI DELLE INGESTA CHE GIÀ HANNO SOGGIORNATO NEL RUMINE SUBENDO PARZIALE DIGESTIONE FERMENTATIVA FASE

Dettagli

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana CORSA E ALIMENTAZIONE Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana Un alimentazione corretta in chi pratica attività sportiva permette di: - ottimizzare il rendimento

Dettagli

OBIETTIVO AUTOSUFFICIENZA

OBIETTIVO AUTOSUFFICIENZA OBIETTIVO AUTOSUFFICIENZA Il metodo biologico presuppone uno stretto legame fra l allevamento e l azienda agricola, che mediante opportune rotazioni colturali deve essere in grado di fornire la maggior

Dettagli

LE CARATTERISTICHE DEL LATTE IN POLVERE PER LO SVEZZAMENTO DELLE VITELLE DA RIMONTA. Alberton dr.antonio Medico veterinario libero professionista

LE CARATTERISTICHE DEL LATTE IN POLVERE PER LO SVEZZAMENTO DELLE VITELLE DA RIMONTA. Alberton dr.antonio Medico veterinario libero professionista LE CARATTERISTICHE DEL LATTE IN POLVERE PER LO SVEZZAMENTO DELLE VITELLE DA RIMONTA Alberton dr.antonio Medico veterinario libero professionista Fontane di Villorba 25.06.2005 I COMPONENTI DI UN LATTE

Dettagli

Dieta nel bambino con enterocolite allergica e carenze nutrizionali

Dieta nel bambino con enterocolite allergica e carenze nutrizionali Dieta nel bambino con enterocolite allergica e carenze nutrizionali Commissione Allergie Alimentari della SIAIP Dott. Alberto Martelli (Responsabile Scientifico) Dott.ssa Loredana Chini Dott.ssa Iride

Dettagli

I foraggi tornano al centro della gestione aziendale

I foraggi tornano al centro della gestione aziendale I foraggi tornano al centro della gestione aziendale L Associazione regionale allevatori del Piemonte punta su un cambio nella gestione agronomica delle aziende da latte. In nome del greening e della sostenibilità

Dettagli

Sostenibilità ambientale nell allevamento bovino da latte

Sostenibilità ambientale nell allevamento bovino da latte DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE E AMBIENTALI Piacenza, 11 febbraio 2014 Sostenibilità, opportunità e criticità nella filiera latte post 2015 Sostenibilità ambientale nell allevamento bovino da latte G.

Dettagli

Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa

Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa Relatore: Prof. Vincenzo Gerbi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO Di.S.A.F.A.

Dettagli

DAL SEME ALLA TAVOLA INTERPRETAZIONE DELLE ETICHETTE ALIMENTARI DEI PRODOTTI CONFEZIONATI. Taira Monge e Laura Donatini. Lunedì 26 gennaio 2015

DAL SEME ALLA TAVOLA INTERPRETAZIONE DELLE ETICHETTE ALIMENTARI DEI PRODOTTI CONFEZIONATI. Taira Monge e Laura Donatini. Lunedì 26 gennaio 2015 TORINO Un Associazione per Amica DAL SEME ALLA TAVOLA INTERPRETAZIONE DELLE ETICHETTE ALIMENTARI DEI PRODOTTI CONFEZIONATI Taira Monge e Laura Donatini Lunedì 26 gennaio 2015 COSA ABBIAMO IMPARATO NELLA

Dettagli

IL LATTE. Le femmine dei mammiferi cominciano a produrre latte al termine della gravidanza in seguito a stimoli neuroendocrini.

IL LATTE. Le femmine dei mammiferi cominciano a produrre latte al termine della gravidanza in seguito a stimoli neuroendocrini. IL LATTE DEFINIZIONE GENERALE Per latte alimentare si intende il prodotto ottenuto dalla mungitura regolare, ininterrotta e completa di animali in buono stato di salute e di nutrizione. Le femmine dei

Dettagli

16.1 Generalità. 16.1.1 Caratteristiche degli allevamenti

16.1 Generalità. 16.1.1 Caratteristiche degli allevamenti 16 L utile lordo di stalla Generalità Calcolo dell Uls La disponibilità di foraggi L utile lordo di stalla nell allevamento dei bovini da latte L utile lordo di stalla nell allevamento dei bovini da carne

Dettagli

Impatto ambientale delle attività zootecniche

Impatto ambientale delle attività zootecniche Impatto ambientale delle attività zootecniche Impatto ambientale delle attività zootecniche: effetto potenzialmente inquinante per l aria, l acqua e il terreno dovuto alle emissioni nell ambiente di varie

Dettagli

Erba medica: non solo proteine

Erba medica: non solo proteine DAI CAMPI ALLA MANGIATOIA Erba medica: non solo proteine Quando si parla di erba medica nell alimentazione animale, ci si sofferma soprattutto sul suo elevato contenuto di proteine (circa il 20% del peso

Dettagli

Perché mangiamo. L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi.

Perché mangiamo. L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi. Perché mangiamo L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi. L energia è necessaria per ogni attività del nostro corpo:

Dettagli

ALIMENTAZIONE. Qualche definizione

ALIMENTAZIONE. Qualche definizione ALIMENTAZIONE Genotipo fenotipo ambiente (produzioni) L alimentazione è il fattore ambientale più importante nell influenzare il fenotipo e le produzioni L alimentazione influenza lo stato di salute e

Dettagli

Nutrizione. Protidi. Lipidi. Glucidi. Vitamine. Minerali. Acqua Alcool

Nutrizione. Protidi. Lipidi. Glucidi. Vitamine. Minerali. Acqua Alcool Nutrizione E il processo attraverso il quale l organismo utilizza i nutrienti ingeriti con il cibo. La nutrizione valuta: - le interazioni tra organismi viventi e cibo - le azioni ed interazioni dei nutrienti,

Dettagli

Progetto ALAPAS. Avicoli a Lento Accrescimento e Proteaginose alternative alla soia

Progetto ALAPAS. Avicoli a Lento Accrescimento e Proteaginose alternative alla soia Progetto ALAPAS Avicoli a Lento Accrescimento e Proteaginose alternative alla soia Obiettivi del progetto Supportare e attuare la normativa europea sull agricoltura biologica Identificare e caratterizzare

Dettagli

PRODUZIONE DI BIOGAS DA BIOMASSE DI SCARTO

PRODUZIONE DI BIOGAS DA BIOMASSE DI SCARTO PRODUZIONE DI BIOGAS DA BIOMASSE DI SCARTO CLAUDIO COCOZZA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI La digestione anaerobica è un processo biologico per mezzo del quale, in assenza di ossigeno, la sostanza organica

Dettagli

Incidenza del COSTO ALIMENTARE sul prezzo di realizzo carne suina

Incidenza del COSTO ALIMENTARE sul prezzo di realizzo carne suina NUOVI CONCETTI PER LA LINEA INGRASSO 2015-2016 Incidenza del COSTO ALIMENTARE sul prezzo di realizzo carne suina 70 60 50 40 30 % 20 10 0 1999 2001 2008 2010 2012 EVOLUZIONE dell I.C. degli ALLEVAMENTI

Dettagli

ALIMENTAZIONE. Matilde Pastina

ALIMENTAZIONE. Matilde Pastina ALIMENTAZIONE Matilde Pastina I macronutrienti COSA SONO I MACRONUTRIENTI I macronutrienti sono princìpi alimentari che devono essere introdotti in grandi quantità, poiché rappresentano la più importante

Dettagli

Prodotto OLISTICO CERTIFICATO, studiato in tutte le sue componenti nutritive per garantire una dieta naturale

Prodotto OLISTICO CERTIFICATO, studiato in tutte le sue componenti nutritive per garantire una dieta naturale Prodotto OLISTICO CERTIFICATO, studiato in tutte le sue componenti nutritive per garantire una dieta naturale The Natural Way s.n.c. via Fiorile, 34-44123 Ferrara (loc. Ravalle) - Italy tel. +39 335 5890910

Dettagli

EMbio Sas // via Althing 41 // 39031 Brunico (BZ) // tel: 0474-530222 // web: www.microrganismi-efficaci.it // info@embio.it

EMbio Sas // via Althing 41 // 39031 Brunico (BZ) // tel: 0474-530222 // web: www.microrganismi-efficaci.it // info@embio.it Massimo rendimento delle mucche da latte possibilmente con il minimo stress Contraddizione o realtà? Relazione nell ambito della conferenza EM a Olten (CH), ottobre 2004 Dipl. Ing. Agr. ETH Ueli Rothenbühler

Dettagli