Università degli Studi di Torino Dipartimento di Scienze Agrarie, Forestali e Alimentari

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Università degli Studi di Torino Dipartimento di Scienze Agrarie, Forestali e Alimentari"

Transcript

1 Università degli Studi di Torino Dipartimento di Scienze Agrarie, Forestali e Alimentari Corso di Laurea Magistrale in Scienze e Tecnologie Alimentari STUDIO DELL EVOLUZIONE DI BIRRA BARLEY WINE MEDIANTE NASO E LINGUA ELETTRONICA Relatore: Prof. Giuseppe Zeppa Candidata: Federica Toso Anno accademico: 2012/2013

2 INDICE INTRODUZIONE La birra La storia L evoluzione dell industria birraia in Italia Le materie prime L acqua I cereali Il luppolo Il lievito Il processo produttivo La maltazione L ammostamento La filtrazione La bollitura La fermentazione Il barley wine L invecchiamento della birra L invecchiamento in legno Tecniche per la caratterizzazione strumentale Il naso elettronico Sensori utilizzati nel naso elettronico L utilizzo nel settore della birra La lingua elettronica La misura potenziometrica L utilizzo nel settore della birra 35 SCOPO DEL LAVORO 36 2

3 MATERIALI E METODI I prodotti Le valutazioni compositive La caratterizzazione strumentale L analisi con il naso elettronico L analisi con la lingua elettronica 44 RISULTATI Le analisi di base Il naso elettronico La lingua elettronica 64 CONCLUSIONI 67 RINGRAZIAMENTI 68 BIBLIOGRAFIA 69 SITOGRAFIA 72 3

4 INTRODUZIONE 1.1 La birra Vinum est donatio dei, cervetia traditio umana. Martin Lutero Con questa frase estremamente coincisa, il teologo tedesco Martin Lutero ( ) riassume la differenza tra il vino e la birra, la quale, diversamente dal primo che rappresenta un dono divino, è una tradizione fortemente radicata nell umanità. Infatti, fin dai tempi più remoti la birra è stata un elemento di primaria importanza nelle abitudini alimentari di quasi tutti i popoli ed è oggi la bevanda alcolica più consumata e prodotta al mondo. Nel 2011, secondo la FAO, ne sono state prodotte oltre 185 milioni di tonnellate, delle quali 48 milioni (oltre il 25%) sono state prodotte dalla Cina, nazione che rappresenta il 1 produttore al mondo, seguita da Stati Uniti d America, Russia, Brasile e Germania (tabella 1.1). I tedeschi sono, quindi, i primi produttori di birra dell Unione Europea, seguiti da Regno Unito, Polonia e Spagna. L Italia è all 10 posto nella classifica dei produttori di birra dell UE-27 con 1,2 milioni di tonnellate di birra prodotte nel Tabella Principali Paesi produttori di birra (FAO, 2011) Paese produttore Quantità (t) Cina Usa Brasile Russia Germania

5 In Italia, la produzione della birra è regolamentata dalla legge n del 16 agosto 1962 intitolata Disciplina e igiene della produzione e del commercio di birra e modificata con Decreto del Presidente della Repubblica 30 giugno 1998, n Per la legge italiana, con il termine birra, si intende il prodotto ottenuto dalla fermentazione alcolica con ceppi di Saccharomyces carlsbergensis o di Saccharomyces cerevisiae di un mosto di birra preparato con malto anche torrefatto, di orzo o di frumento o di loro miscele, amaricato con luppolo o suoi derivati o con entrambi. Oltre a orzo e frumento, possono essere aggiunti altri cereali anche rotti, macinati o sotto forma di fiocchi nonché materie prime amidacee e zuccherine, in misura massima del 40% calcolato sull estratto secco totale del mosto. In Italia, per la classificazione della birra si utilizzano due diversi parametri, quali il titolo alcolometrico volumico e il grado saccarometrico (o grado Plato), ovvero la quantità in grammi di estratto secco contenuto in 100 grammi di mosto. Sulla base di questi parametri, esistono 5 categorie: La birra analcolica, avente grado Plato compreso tra 3 e 8 e titolo alcolometrico volumico inferiore a 1,2% vol; La birra leggera o birra light, avente grado Plato compreso tra 5 e 10,5 e titolo alcolometrico volumico tra 1,2% vol e 3,5% vol; La birra, avente grado Plato non inferiore a 10,5 e titolo alcolometrico volumico maggiore di 3,5%; La birra speciale, avente grado Plato non inferiore a 12,5 e titolo alcolometrico volumico maggiore di 3,5%; La birra doppio malto avente grado Plato non inferiore a 14,5 e titolo alcolometrico volumico maggiore di 3,5%. Sulla base della medesima legge, quando alla birra sono aggiunti frutta, succhi di frutta, aromi o altri ingredienti alimentari, la denominazione di vendita deve essere completata con il nome della sostanza utilizzata. 5

6 1.1.1 La storia Le prime testimonianze sulla birra risalgono al IV millennio a.c. e provengono dalla Mesopotamia, dove i Sumeri erano soliti coltivare cereali per macinarli e produrre farine e pane. Per la macinazione delle cariossidi venivano utilizzate delle pietre d appoggio, le quali con l usura tendevano a incavarsi e a riempirsi di acqua piovana in caso di maltempo; la pioggia ristagnando sulla pietra si arricchiva dei rimasugli dei cereali dando origine a un acqua giallastra che può essere definita il primo esempio di birra. La birra era conosciuta anche nell Antico Egitto, dove, secondo le testimonianze, ne venivano prodotte diverse tipologie, talune aromatizzate con datteri e spezie. Era largamente diffusa alla corte del faraone e veniva usata anche come medicamento per guarire malattie e curare ferite. Dall Oriente, la birra si diffuse nell antica Grecia e nell antica Roma. In entrambe le zone, però, era molto diffuso il consumo di vino e la birra, definita sarcasticamente vino d orzo, era ritenuta una bevanda meno raffinata. Nell Impero Romano, ad esempio, la bevanda si diffuse in particolare nelle campagne, mentre nelle città era utilizzata soprattutto come ingrediente per creme e oli per il corpo. Con l avvento del Medioevo, si verificò una crescita significativa nella produzione e nel consumo di birra, la quale, prodotta essenzialmente nei monasteri, si diffuse largamente in tutto il Nord Europa. Infatti, a differenza dell Europa meridionale, dove la bevanda alcolica più prodotta e consumata era il vino, nel Nord, essendo la zona poco idonea per la coltivazione della vite, la birra divenne molto popolare. Il fatto che segnò una svolta nella produzione di birra fu l introduzione del luppolo, il quale si diffuse largamente a partire dal XIII secolo grazie agli studi di Suor Hildegard von Bingen, suora dell abbazia di St. Rupert in Germania, la quale effettuò numerose sperimentazioni empiriche per dimostrare che, grazie a questa infiorescenza, la birra si conservava meglio. Essendo la birra ormai diventata una bevanda importante e largamente diffusa, con l avvento dell età moderna incominciarono a essere promulgate leggi al fine di regolarne la produzione e la commercializzazione. La prima di queste leggi fu il Reinheitsgebot, ovvero l Editto di Purezza emanato da Guglielmo IV di Baviera 6

7 nel 1516, che stabiliva che i birrai bavaresi, nelle loro ricette, potevano utilizzare esclusivamente acqua, malto d orzo e luppolo. La ragione alla base di questa legge fu il tentativo di eliminare le competizioni per i prezzi del frumento che quell anno aveva avuto un raccolto disastroso. Dopo essere rimasto in vigore per diverse centinaia di anni, oggi, questo editto non vige più, ma molte birre tedesche presentano ancora in etichetta la dicitura che significa prodotta secondo la legge della purezza tedesca, frase che viene utilizzata per ragioni di marketing. Più ci si addentra nell età moderna, maggiori sono le innovazioni che si riscontrano nell ambito della produzione della birra, per la quale la svolta fondamentale fu l avvento della rivoluzione industriale. In particolare, le importanti scoperte che favorirono il miglioramento qualitativo della birra furono il termometro inventato da Fahrenheit nel 1714, la macchina a vapore inventata da James Watt nel 1785 e il frigorifero inventato da Carl von Linde nel Nel XVII secolo, inoltre, vennero intrapresi i primi studi sul lievito da Antonie van Leeuwenhoek, in seguito approfonditi da Charles Cagniard de Latour, Anton Dreher e Gabriel Sedlmayr. Un personaggio di fondamentale importanza per l evoluzione qualitativa della birra è stato Louis Pasteur con i suoi studi inerenti le fermentazioni, i quali permisero di comprendere l attività dei lieviti e dei batteri, questi ultimi responsabili di odori sgradevoli e gusti non conformi. Importante invenzione di Pasteur fu la tecnica della pastorizzazione, che consentì di prevenire l azione di batteri e lieviti indesiderati con conseguente inacidimento della birra L evoluzione dell industria birraia in Italia Per quanto riguarda lo sviluppo dell industria birraia in Italia, i primi stabilimenti comparvero verso la metà dell Ottocento fino ad arrivare, nel 1890, a 140 aziende attive presenti sul territorio. Tra il 1910 e il 1925 la produzione di birra passò da 600 mila hl a 1,6 milioni di hl, fatto che, unito al crescente consumo procapite, iniziò a infastidire i produttori vinicoli, i quali si mossero affinché venissero emanate delle leggi atte a sfavorire la produzione di questa bevanda. Nel 1927, venne emanata la legge Marescalchi, la quale stabiliva l obbligo di utilizzare almeno il 15% di riso nella produzione della birra, apparentemente con lo scopo di agevolare l agricoltura nazionale. Questo obbligo portò a un peggioramento della qualità della bevanda, in quanto all epoca non si avevano tecnologie idonee per l utilizzo di 7

8 questo ingrediente nelle ricette. La legge introdusse, inoltre, delle restrizioni nella vendita, le quali, insieme al peggioramento qualitativo, portarono l industria birraia italiana ad affrontare un periodo di crisi che peggiorò ulteriormente con l avvento della Seconda Guerra Mondiale. Solo a partire dagli anni Cinquanta si incominceranno a vedere segnali di ripresa che porteranno il mercato della birra a crescere nel nostro Paese Le materie prime L acqua L acqua, dal punto di vista quantitativo costituisce dal 90% a oltre il 95% della birra; è, quindi, la materia prima più importante dal punto di vista quantitativo e le sue caratteristiche chimiche e biologiche assumono notevole rilevanza. Per la produzione di birra riveste fondamentale importanza la durezza dell acqua, la quale influenza notevolmente le caratteristiche sensoriali del prodotto finito. La durezza totale è definita come la somma degli ioni di metalli alcalinoterrosi (Ca 2+ e Mg 2+ ) e può essere suddivisa in durezza carbonatica (o temporanea) e non carbonatica (o permanente). Nel caso dello ione bicarbonato (HCO - 3 ), si parla di durezza temporanea, in quanto con l ebollizione i bicarbonati precipitano sotto forma del corrispondente carbonato con perdita di anidride carbonica: Ca(HCO 3 ) 2 CaCO 3 + CO 2 + H 2 O Nel caso dei solfati, dei nitrati e dei cloruri (SO 2-4, NO - 3, Cl - ), si parla di durezza permanente, in quanto rimangono disciolti nell acqua anche a temperatura di ebollizione. La durezza dell acqua di processo è un parametro importante perché gli ioni in essa presenti influenzano il ph del mosto: gli ioni calcio (Ca 2+ ) e magnesio (Mg 2+ ) provocano un decremento del ph, mentre lo ione bicarbonato (HCO 3- ) ne provoca l incremento. Dato che il ph influenza l attività enzimatica, la durezza dell acqua assume un importanza decisiva in fase di ammostamento. Le acque dure determinano, infatti, un innalzamento del ph dai valori ottimali, compresi tra 5.2 e 5.4, influenzando negativamente la degradazione di amido e proteine e causando 8

9 rallentamenti nella filtrazione. Le acque caratterizzate da una durezza elevata possono, inoltre, favorire l estrazione dei tannini dalle glumelle con conseguente impatto organolettico negativo (Buiatti, 2004). Alcune birre conosciute in tutto il mondo devono le loro caratteristiche proprio all acqua impiegata nel processo produttivo; è il caso ad esempio, delle pilsner prodotte nella città di Pilzen con acque molto povere di sali e le Monaco per quali si utilizzano acque povere in solfati e cloruri, ma ricche in bicarbonati (Buiatti, 2009). In ogni caso, se da un analisi della durezza, l acqua risulta essere non idonea per la tipologia di birra che si desidera produrre esistono metodi per modificarla. Ad esempio, un metodo diffuso per l abbassamento della durezza carbonatica è il trattamento con latte di calce (una soluzione satura di idrossido di calcio) che causa la precipitazione di calcio e magnesio sotto forma di carbonato di calcio, carbonato di magnesio e idrossido di magnesio, tutti composti insolubili che possono, quindi, essere separati per filtrazione. In alterativa al trattamento con latte di calcio, nei birrifici è comune la demineralizzazione dell acqua mediante passaggio su resine a scambio ionico o su membrane ad osmosi inversa I cereali Oltre all acqua, un altro importante ingrediente della birra è l orzo (Hordeum vulgare L.) che è da sempre il cereale preferito per la produzione della birra grazie all elevato contenuto in amido e al basso tenore proteico. Da un punto di vista qualitativo, il migliore è l orzo distico (Hordeum vulgare var. disticum), caratterizzato da cariossidi più grandi e uniformi (figura 1.1). Figura 1.1 Spiga di orzo distico 9

10 In molti paesi, per ragioni qualitative e/o economiche, è consentito l impiego di fonti amidacee alternative all orzo. Ad esempio, il mais (Zea mais L.) è il succedaneo più utilizzato in Italia grazie al suo costo inferiore e alla sua notevole disponibilità. Si utilizza la cariosside degerminata, ovvero privata dell embrione, e può essere utilizzato in forma di semola, fiocchi o come sciroppo di glucosio, in cui l amido ha subito un idrolisi acida o enzimatica. Un altro succedaneo sovente impiegato è il grano tenero (Triticum aestivum L.), il quale può essere usato come malto o come frumento non maltato. Il primo trova largo utilizzo nelle Weißbier tedesche, mentre l impiego di frumento non lavorato è diffuso in Belgio per la produzione delle Blanche. Anche il riso (Oryza Sativa L.) è un cereale spesso utilizzato per l elevato tenore amidaceo (85-90%), ma presentando una temperatura di gelatinizzazione dell amido superiore rispetto a quella di altri cereali richiede accorgimenti tecnologici per essere utilizzato (gelatinizzazione a parte o aggiunta di amilasi batteriche resistenti alle alte temperature). Altri cereali che possono essere utilizzati per la produzione di birra sono l avena, il miglio, il sorgo, il farro Il luppolo Il luppolo è l ingrediente con funzione amaricante e aromatizzante della birra. In particolare, viene utilizzata l infiorescenza femminile della pianta di Humulus lupulus L. (figura 1.2), una pianta a fiore appartenente alla famiglia delle Cannabaceae. Figura Infiorescenza femminile della pianta di Humulus lupulus (da 10

11 Il luppolo è caratterizzato dalla presenza di ghiandole luppoline (figura 1.3), le quali secernono sostanze resinose che possono essere distinte in resine morbide e resine dure sulla base della loro solubilità in esano. Le prime, alle quali appartengono gli α-acidi e i β-acidi, sono caratterizzate da una buona solubilità nel solvente, a differenza delle seconde, le quali sono insolubili in esano. Figura Ghiandole luppoline all'interno dell infiorescenza femminile di luppolo (da Le resine dure non hanno molto importanza nel campo della birra, mentre quelle morbide sono responsabili del sapore amaro della birra, in particolare gli α- acidi. I β-acidi (lupulone, colupulone e adlupulone) sono, infatti, insolubili nel mosto e nella birra, quindi non contribuiscono all amaro della bevanda. I responsabili dell amaro sono, invece, gli α-acidi, una classe a cui appartengono l humulone, il cohumulone e l ad-humulone. In fase di bollitura, gli α-acidi si isomerizzano in iso-αacidi (figura 1.4), composti più solubili in acqua rispetto agli α-acidi e, secondo Peacock (1998), nove volte più amari. Le resine, quindi, conferiscono alla birra il classico gusto amaro, contribuiscono alla stabilità microbiologica, in quanto possiedono proprietà antibatteriche, e stabilizzano la schiuma (Meussdoerffer & Zarnkow, 2009). Figura Isomerizzazione degli α-acidi in fase di bollitura (da 11

12 Il luppolo è ricco anche in oli essenziali, i quali vengono prodotti dalle ghiandole luppoline al termine della maturazione, dopo la sintesi delle resine. La composizione di questa frazione aromatica dipende dalla genetica, quindi dalla cultivar, e da fattori colturali. Gli oli essenziali del luppolo si compongono per il 50-80% di idrocarburi, tra i quali i più comuni sono alcuni monoterpeni, in particolare il mircene, e alcuni sesquiterpeni, come il β-cariofillene e l umulene. Trattandosi di sostanze estremamente volatili, se la luppolatura viene effettuata interamente in bollitura, la maggior parte degli aromi vengono persi. Per questa ragione, per conferire alla birra aromi derivanti dal luppolo, si aggiunge una parte dell ingrediente al termine della bollitura (rinunciando all isomerizzazione degli α-acidi in esso contenuta) o si effettua il dry hopping, ovvero l aggiunta a freddo durante la fermentazione alcolica o al termine della stessa. Il luppolo contiene, inoltre, lo 0,8-1,5% di polifenoli, la cui quantità e varietà dipendono dalla cultivar e dalla tecnica coltivazione. Con la tecnica dell HPLC, Forster et al. (Briggs et al., 2004) hanno rilevato oltre 100 composti facenti parte della frazione polifenolica, come gli acidi idrocinnamici, gli acidi idrobenzoici, l acido clorogenico e l acido gallico, molti dei quali sono stati identificati anche nel malto. Sul mercato, il luppolo può essere reperito in diverse forme: come cono essiccato, in plugs (fiori pressati in dischi di 14 grammi), in pellet o come estratto in polvere (figura 1.5). Gli ultimi due tipi sono i più utilizzati, in quanto garantiscono una migliore stabilità del prodotto e un più accurato dosaggio (Krottenthaler & Glas, 2009). Figura Luppolo in forma di fiori essiccati (1), plugs (2) e pellet (3) (da 12

13 Il lievito Per legge, la fermentazione alcolica del mosto di birra deve essere condotta da ceppi di Saccharomyces cerevisiae o Saccharomyces carlsbergensis (in realtà, il termine carlbergensis non ha più valenza da un punto di vista tassonomico, in quanto, nonostante sia ancora molto utilizzato nel settore della birra, questa specie di lievito è stata riclassificata come Saccharomyces pastorianus). Sulla base della specie di lievito utilizzata, si distinguono 2 categorie di birra: le birre ad alta fermentazione (ale) fermentate essenzialmente con ceppi di Saccharomyces cerevisiae; le birre a bassa fermentazione (lager) fermentate essenzialmente con ceppi di Saccharomyces pastorianus. Le due categorie prendono il nome, oltre che dalla temperatura utilizzata in fase di fermentazione alcolica (10-12 C al massimo per le lager e C per le ale), anche dal comportamento dei lieviti in fase di fermentazione. Infatti, il Saccharomyces cerevisiae, lievito principe dell alta fermentazione, nel fermentatore, tende a raccogliersi nella parte superiore, in prossimità della superficie del mosto, mentre il Saccharomyces pastorianus tende a flocculare e a raccogliersi sul fondo del tank (Tenge, 2009) Il processo produttivo Nella figura 1.6 è riportato un diagramma di flusso riportante le principali fasi della produzione di birra. Nello schema, si parte dal processo di maltazione, il quale è il primissimo fondamentale step con il quale si trasforma l orzo in malto. In realtà, però, questa fase non viene effettuata dai birrifici, ma presso malterie specializzate che si occupano unicamente di questa parte del processo produttivo La maltazione La maltazione è un processo fondamentale per la produzione della birra, in quanto la cariosside d orzo contiene il 62-65% di amido, il quale, però, non è fermentescibile e solo trasformando l orzo in malto si consente lo sviluppo di tutto il corredo enzimatico necessario alla conversione del polisaccaride in zuccheri semplici. Inoltre, si sviluppano anche enzimi in grado di degradare le piccole 13

14 quantità di proteine e trigliceridi presenti nel cereale dando origine ad aminoacidi e acidi grassi utili per supportare la crescita del lievito. Le malterie, aziende deputate alla trasformazione dell orzo (o altri cereali) in malto, ritirano partite di cariossidi rientranti in stringenti standard qualitativi riguardo alla capacità di germinazione, al contenuto in proteine, all omogeneità di dimensioni della granella e al contenuto d acqua. Figura Flow sheet del processo produttivo della birra 14

15 La maltazione si compone di tre fasi essenziali, quali la macerazione, la germinazione e l essicazione. L orzo conferito alla malteria, dopo una fase di pulitura avente lo scopo di allontanare i corpi estranei presenti, viene posto in una vasca a macerare in acqua a C per ore. Al fine di rimescolare la granella per consentirne una bagnatura omogena, si insuffla aria dal fondo della vasca. In questo modo, si introduce anche ossigeno, il quale è necessario per la respirazione e, se assente, provoca un accumulo di anidride carbonica e la conseguente fermentazione delle cariossidi. Al termine di questa fase, l umidità dell orzo cresce dal 10-12% al 45% circa, umidità ideale per il successivo passaggio, la germinazione, che avviene in apposite camere a temperatura controllata (20-25 C) e dura dai 2 ai 4 giorni. Durante questa fase si verifica l emissione della radichetta, fattore che stimola la produzione di acido gibberellico, il quale induce l attivazione di enzimi idrolitici, che iniziano a demolire le sostanze di riserva, quali amido e proteine. Gli enzimi aventi maggiore importanza sono quelli in grado di degradare l amido (α- e β-amilasi e destrinasi), quelli che degradano le proteine (proteasi e peptidasi) e quelli in grado di scindere i β-glucani. L orzo germinato, definito malto verde, viene trasferito nell essiccatoio, un recipiente a fondo forato attraverso cui viene fatta fluire aria calda, al fine di ridurne il livello di umidità preservando i complessi enzimatici sviluppati durante la maltazione. In questa fase, inoltre, si ottengono il colore e il flavour caratteristici del tipo di malto prodotto; infatti, grazie a reazioni di imbrunimento non enzimatico (reazioni di Maillard) a carico di aminoacidi e zuccheri semplici, vengono prodotte melanoidine, polimeri aventi notevole impatto sul colore e l aroma della birra, oltre che sul ph e sulla stabilità del gusto (Kreisz, 2009). La temperatura di torrefazione varia notevolmente a seconda del tipo di malto che si desidera ottenere: per i malti chiari non si superano gli 80 C, mentre per quelli più colorati si usano temperature oltre i 100 C. Inoltre, esistono malti estremamente scuri, utilizzati in minime quantità in birre particolari, i quali vengono tostati anche a temperature intorno ai 200 C. Prima di essere inviato al birrificio, infine, il malto viene sottoposto a una fase di pulitura finale con lo scopo di allontanare le radichette. 15

16 L ammostamento La prima fase che viene effettuata in birrificio è la miscelazione dei diversi malti nelle quantità definite dalla ricetta della birra che si vuole produrre. Una volta effettuata la miscela, questa viene convogliata al molino dove viene macinata. Il processo di molitura ha lo scopo di ridurre le dimensioni delle cariossidi per facilitare le successive fasi di estrazione e diluizione dei costituenti del mosto. Questa fase deve essere gestita con cura al fine di lasciare il più possibile intatte le glume che rivestono il chicco, in quanto queste costituiranno il letto filtrante per la successiva chiarificazione. Il malto macinato viene, quindi, inviato al tino di miscela nel quale si addiziona acqua calda (a circa 38 C) leggermente acidulata (ph 5.5). La quantità di acqua aggiunta dipende dalla tipologia di birra che si vuole ottenere: in media si utilizzano 2-3 L di acqua per kg di malto per le birre chiare e 1-1,5 L di acqua per kg di malto per le scure. Prima di procedere con l ammostamento, se la ricetta lo prevede, si aggiungono eventuali altri cereali non maltati al fine di avere una maggiore quantità di amido e quindi un maggiore potenziale zuccherino. Essendo che, però, con i cereali non maltati non si apportano enzimi, solitamente non si eccede il 25% sul peso totale della granella (anche se per legge si può arrivare al 40%) e li si unisce solamente a malti caratterizzati da un elevato potere diastasico. Dato che i diversi cereali che si possono aggiungere presentano diverse temperature di gelatinizzazione dell amido (tabella 1.2) solitamente questo viene preventivamente gelificato, attraverso una cottura a C, e poi convogliato alla caldaia di saccarificazione. Una volta che la miscela è interamente nel tino di saccarificazione si procede con l ammostamento, fase che può essere effettuata in due diverse modalità: per infusione o per decozione. Nel primo caso, detto anche sistema inglese, non è prevista la bollitura della miscela; si impasta il malto con acqua a C per poi aggiungere ulteriore acqua a circa 80 C al fine di raggiungere una temperatura della massa di C in circa mezz ora. Quindi, la miscela viene tenuta in agitazione per un ora al fine di avere omogeneità di temperatura e per evitare che il malto aderisca alle pareti incandescenti con conseguente formazione di aromi indesiderati. 16

17 Fonte di amido Tabella Temperature di gelatinizzazione di alcuni cereali Temperatura di gelatinizzazione ( C) (Briggs et al., 2004) Fonte di amido Temperatura di gelatinizzazione ( C) Mais* Frumento Sorgo* Segale Miglio* Avena Orzo Riso* Malto d orzo Patata Le fonti di amido con * devono sempre essere cotte prima dell ammostamento. L ammostatura per decozione, chiamato anche sistema tedesco o a tempera, prevede la bollitura di un aliquota di mosto. Il malto viene innanzitutto impastato con acqua fredda, successivamente si trasferisce circa ¼ della massa in un altro contenitore e lo si porta a ebollizione per poi riunirlo all intera massa ed effettuare di nuovo il prelievo di una parte e ripetere il trattamento. L operazione viene ripetuta più volte fino al raggiungimento di una temperatura di circa C. Utilizzando questa tecnica si degradano una parte degli enzimi a causa della bollitura, ma si ha una maggiore gelatinizzazione dell amido, una maggiore estrazione dal perisperma e una maggiore formazione di melanoidine. Durante l ammostamento, attraverso il controllo di temperatura, tempi e ph, avvengono una serie di attività enzimatiche che portano all idrolisi di amido, β- glucani e proteine. L idrolisi dell amido inizia con la gelatinizzazione dello stesso, fase in cui il polisaccaride perde la sua struttura cristallina formando una struttura altamente viscosa grazie al rigonfiamento dei granuli. Grazie a questo passaggio, l amido diventa più facilmente attaccabile dalle α- e dalle β-amilasi che hanno il compito di scinderlo in zuccheri meno complessi. Le prime sono endoenzimi in grado di rompere le catene di amilosio e di amilopectina dando origine a catene più piccole e portando alla formazione di glucosio, maltosio, maltotrioso e oligosaccaridi dall amilosio e oligosaccaridi ramificati dall amilopectina. La β-amilasi, invece, è un esoenzima che inizia a operare dall'esterno, ovvero taglia la catena dopo due unità di glucosio dando origine a molecole di maltosio. Con l attività di questo enzima, 17

18 quindi, nel caso dell amilosio si ottiene il 100% di maltosio, mentre nel caso dell amilopectina si ottiene il 55% di maltosio e il 45% di β-destrine limite che presentano il legame α-1,6. L α-amilasi ha un ph ottimale intorno a , una temperatura ottimale di C e si degrada a 80 C, mentre la β-amilasi ha un ph ottimale intorno a , una temperatura ottimale di C e si inattiva oltre i 65 C. Entrambi gli enzimi, però, non sono in grado di scindere il legame α-1,6 dell amilopectina, il quale può essere scisso dall enzima destrinasi presente nel malto, ma, poiché la sua temperatura ottimale è di C, ha una scarsa attività in fase di ammostamento. Sulla fase di saccarificazione hanno effetto la temperatura, il ph, il tempo di trattamento e la concentrazione del malto. Per quanto riguarda la temperatura, operando a C si ha la massima produzione di maltosio, in quanto si tratta della temperatura ottimale per la β-amilasi; a C (temperatura ottimale per l αamilasi), invece, si ha la massima produzione di zuccheri semplici. Il ph deve essere mantenuto a valori di in modo da favorire entrambe le amilasi e ottenere buone quantità di zuccheri fermentescibili. Se il ph è più elevato, è opportuno acidificare la massa attraverso l aggiunta di acidi minerali come l acido lattico o l acido solforico. In alternativa, si può effettuare un acidificazione biologica favorendo l attività di batteri lattici come il Lactobacillus delbrueckii nella primissima fase di ammostamento. Questo microrganismo, attraverso la sua attività omofermentativa, consuma zuccheri e produce acido lattico. In fase di ammostamento, si verifica anche l idrolisi dei β-glucani, i maggiori costituenti delle pareti cellulari dell endosperma. Si tratta di composti importanti per la stabilità della schiuma e per il corpo della birra, ma una loro incompleta degradazione nel mosto ne aumenta la viscosità rendendo difficile la successiva fase di filtrazione. Il malto presenta l enzima endo-1,4-β-glucanasi, il quale ha una temperatura ottimale di C, ma le condizioni di ammostamento ne precludono l attività, in quanto si tende a lavorare a temperature più alte per favorire le amilasi, e, quindi, può essere necessario aggiungere enzimi esogeni di origine batterica. Nel malto d orzo sono presenti anche proteasi, enzimi in grado di catalizzare l idrolisi dei legami delle catene polipeptidiche che formano le proteine. Questi enzimi hanno diversi effetti in fase di ammostamento, tra i quali di notevole 18

19 importanza è la scissione delle proteine con formazione di azoto amminico (FAN: free amino nitrogen). Con questo termine si intende l insieme di aminoacidi e piccoli peptidi (dipeptidi e tripeptidi) presenti nel mosto, i quali sono ritenuti importanti per la crescita del lievito e per la loro performance fermentativa (Lekkas et al., 2005). Le proteasi sono enzimi poco resistenti alle alte temperature, quindi, per favorire la loro attività, è necessario uno step a inizio ammostamento, definito protein rest, durante il quale la temperatura è mantenuta a C. Al termine del processo di ammostamento, la temperatura viene portata a con lo scopo di inattivare tutti gli enzimi La filtrazione Il mosto ottenuto nella fase precedente deve essere sottoposto a filtrazione per separare la grande quantità di trebbie in esso presente. Questo processo può essere effettuato utilizzando il tino di filtrazione (figura 1.7) o un filtro pressa (figura 1.8). Figura Il tino di filtrazione (Hans Michael Esslinger, pag. 183) 19

20 Il primo metodo è il più utilizzato e consiste nel trasferimento della miscela di mosto e trebbie in un apposito tino caratterizzato dalla presenza di un falso fondo forato sul quale si depositano le trebbie che fungono da letto filtrante. La miscela viene pompata dall alto e mediante una serie di lame rotanti a bassa velocità, le trebbie formano uno strato spesso una ventina di centimetri e vengono attraversate dal mosto che, mediante ripetuti passaggi, raggiunge un buon livello di limpidità. Terminata la chiarificazione del mosto, le trebbie vengono lavate con acqua calda (78 C) per recuperare la maggior quantità possibile di zuccheri. Le trebbie esauste, grazie al loro elevato contenuto proteico, sono un ottimo mangime e vengono, quindi, destinate all alimentazione zootecnica. Figura Il filtro pressa (Hans Michael Esslinger, pag. 184) L alternativa a questo sistema è l utilizzo di un filtro pressa costituito da un numero variabile di tele filtranti in serie sulle quali si depositano sottili strati di trebbie (circa 4 cm). Dato il basso spessore dello strato di trebbie, se si utilizza questo tipo di filtrazione, il malto può essere macinato molto più finemente, in quanto il rischio di impaccamento è minore. Con il filtro pressa è possibile effettuare una filtrazione efficace e veloce, ma ciò nonostante questo sistema non è molto diffuso. 20

BIRRA ARTIGIANALE DESCRIZIONE DEL PROCESSO PRODUTTIVO 1. MATERIE PRIME. 2. TRATTAMENTO MATERIE PRIME. 3. MISCELAZIONE.

BIRRA ARTIGIANALE DESCRIZIONE DEL PROCESSO PRODUTTIVO 1. MATERIE PRIME. 2. TRATTAMENTO MATERIE PRIME. 3. MISCELAZIONE. BIRRA ARTIGIANALE DESCRIZIONE DEL PROCESSO PRODUTTIVO 1. MATERIE PRIME. 2. TRATTAMENTO MATERIE PRIME. 3. MISCELAZIONE. 4. CONVERSIONE (SACCARIFICAZIONE). 5. ESTRAZIONE (FILTRAZIONE). 6. BOLLITURA - LUPPOLATURA.

Dettagli

BIOTECH AWARD 2011 Chimica delle Fermentazioni

BIOTECH AWARD 2011 Chimica delle Fermentazioni BIOTECH AWARD 2011 Chimica delle Fermentazioni 1. PRODUZIONE DELLA BIRRA: FASI 2. RELAZIONE STAGE BIRRERIA AMARCORD Classe VD a.s. 2010-2011 Prodotto ottenuto dalla fermentazione alcolica con ceppi di

Dettagli

Il processo produttivo, detto birrificazione o brassaggio partendo da materiale grezzo comprende diverse fasi:

Il processo produttivo, detto birrificazione o brassaggio partendo da materiale grezzo comprende diverse fasi: Aspetti generali Il processo produttivo, detto birrificazione o brassaggio partendo da materiale grezzo comprende diverse fasi: Maltificazione Ammostatura Filtrazione (I) Cottura del mosto Fermentazione

Dettagli

PRODUZIONE DELLA BIRRA Materie prime E Processo produttivo. Malti e processo di maltazione

PRODUZIONE DELLA BIRRA Materie prime E Processo produttivo. Malti e processo di maltazione PRODUZIONE DELLA BIRRA Materie prime E Processo produttivo Malti e processo di maltazione Acqua Malti e processo di maltazione L'orzo è la sorgente più comune per gli zuccheri fermentabili utili alla birra.

Dettagli

Le birre di Natale e le birre invernali. Bar Hamilton, 15 febbraio 2011

Le birre di Natale e le birre invernali. Bar Hamilton, 15 febbraio 2011 Le birre di Natale e le birre invernali Bar Hamilton, 15 febbraio 2011 Il programma della serata Due chiacchiere sulla birra ed i suoi componenti accompagnate da un boccale di Leffe rossa e pizzette Il

Dettagli

L analisi sensoriale applicata al miele

L analisi sensoriale applicata al miele L analisi sensoriale applicata al miele 1. Generalità sull analisi sensoriale L analisi sensoriale è un metodo per determinare le caratteristiche organolettiche dei prodotti alimentari attraverso il ricorso

Dettagli

Trattamenti delle acque primarie

Trattamenti delle acque primarie Trattamenti Impianti Meccanici 1 ELIMINAZIONE DELL ANIDRIDE CARBONICA ELIMINAZIONE DELL OSSIGENO AEREAZIONE DELL ACQUA DEFERRITIZZAZIONE DEMANGANIZZAZIONE ADDOLCIMENTO Impianti Meccanici 2 1 Trattamenti

Dettagli

RISOLUZIONE OIV-OENO 439-2012

RISOLUZIONE OIV-OENO 439-2012 RISOLUZIONE OIV-OENO 439-2012 PRATICHE ENOLOGICHE SPECIFICHE PER I VINI AROMATIZZATI, LE BEVANDE A BASE DI PRODOTTI VITIVINICOLI E LE BEVANDE A BASE DI VINO L'ASSEMBLEA GENERALE CONSIDERATA la risoluzione

Dettagli

RISOLUZIONE ECO 3/2004 LIVELLO DI BASE RICHIESTO PER IL CONFERIMENTO DI DIPLOMA AI PROFESSIONISTI COINVOLTI NELLE PRATICHE ENOLOGICHE

RISOLUZIONE ECO 3/2004 LIVELLO DI BASE RICHIESTO PER IL CONFERIMENTO DI DIPLOMA AI PROFESSIONISTI COINVOLTI NELLE PRATICHE ENOLOGICHE LIVELLO DI BASE RICHIESTO PER IL CONFERIMENTO DI DIPLOMA AI PROFESSIONISTI COINVOLTI NELLE PRATICHE ENOLOGICHE L ASSEMBLEA GENERALE, su proposta della Commissione III «Economia», sulla base dei lavori

Dettagli

4ª EDIZIONE BIRRISSIMA 2000 LE DIVERSE TIPOLOGIE DI MALTO: CARATTERISTICHE E UTILIZZO NELLA PRODUZIONE DELLA BIRRA

4ª EDIZIONE BIRRISSIMA 2000 LE DIVERSE TIPOLOGIE DI MALTO: CARATTERISTICHE E UTILIZZO NELLA PRODUZIONE DELLA BIRRA 4ª EDIZIONE BIRRISSIMA 2000 LE DIVERSE TIPOLOGIE DI MALTO: CARATTERISTICHE E UTILIZZO NELLA PRODUZIONE DELLA BIRRA Dr Stefano Buiatti, Docente di Tecnologia della Birra, Dipartimento di Scienze degli Alimenti

Dettagli

Mashing. Range di lavoro del ph. Fitasi 30-52 C 5.0-5.5 Abbassa il ph del mosto. Non piu usato

Mashing. Range di lavoro del ph. Fitasi 30-52 C 5.0-5.5 Abbassa il ph del mosto. Non piu usato Questo articolo e stato tradotto da: http://www.howtobrew.com di John Palmer, con il permesso dell autore. E vietata la riproduzione, anche parziale, e la vendita, anche come parte di un archivio. Traduzione

Dettagli

OenoHow vino rosso in 10 step

OenoHow vino rosso in 10 step OenoHow vino rosso in 10 step 1Ricevimento uve Le uve devono essere: Sane (minor presenza di muffa e altri patogeni) più integre possibile (per evitare eccessi di feccia) raccolte da meno tempo possibile

Dettagli

in cantina RIMUOVERE DISCIOLTO

in cantina RIMUOVERE DISCIOLTO RIMUOVERE L OSSIGENO VALENTINA BOLLA* DISCIOLTO UN INNOVATIVA TECNOLOGIA A MEMBRANA PER PREVENIRE L OSSIDAZIONE E RIDURRE L IMPIEGO DI SOLFOROSA L ossidazione compromette la qualità dei vini e alcune fra

Dettagli

Pasta frolla. Pasta sable. Pasta brise

Pasta frolla. Pasta sable. Pasta brise Pasta frolla Pari q.tà materia grassa e zucchero Pasta sable % maggiore di m. g. rispetto allo zucchero Pasta brise % di sale maggiore (0,80%) % di zucchero minore 2-3% Giambattista Montanari Farine Amidi

Dettagli

VALUTAZIONE SENSORIALE DELL OLIO DI OLIVA VERGINE

VALUTAZIONE SENSORIALE DELL OLIO DI OLIVA VERGINE Metodo per la valutazione organolettica dell olio di oliva vergine (COI/T20/Doc. 15/Rev.2/2007) Maria Teresa Frangipane VALUTAZIONE SENSORIALE DELL OLIO DI OLIVA VERGINE I sensi sono delle specie di strumenti

Dettagli

Progettare la qualità del vino"

Progettare la qualità del vino Progettare la qualità del vino" Prof. Vincenzo Gerbi Dipartimento di Scienze Agrarie, Forestali e Alimentari (DISAFA) - Università degli studi di Torino Il vino è oggetto di molta comunicazione, ma non

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 PRODUZIONI ALIMENTARI Processo Produzione di bevande Sequenza di processo Produzione di bevande Area

Dettagli

La birra. Classi terze sala

La birra. Classi terze sala La birra Classi terze sala Definizione È denominata birra il prodotto ottenuto dalla fermentazione alcolica con ceppi di Saccharomyces cerevisiae o di Saccharomyces carlsbergensis di un mosto preparato

Dettagli

MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI

MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI La materia è tutto ciò che ha una massa, energia e occupa spazio, cioè ha un volume; essa si classifica in base alla sua composizione chimica ed in

Dettagli

Caratteristiche dei vitigni e riconoscimento delle uve. - caratteristiche botaniche della specie Vitis vinifera

Caratteristiche dei vitigni e riconoscimento delle uve. - caratteristiche botaniche della specie Vitis vinifera Modulo n. 1 Caratteristiche dei vitigni e riconoscimento delle uve - caratteristiche botaniche della specie Vitis vinifera Durata in ore 20 - fasi fenologiche della vite, dalla gemma al grappolo maturo

Dettagli

Progetto di ricerca Birra da farro

Progetto di ricerca Birra da farro Articolo ON LINE Progetto di ricerca Birra da farro Soggetti coinvolti Il progetto di ricerca Birra da farro finanziato con la LR 37/99 è stato realizzato dal Dipartimento SAIFET, Università Politecnica

Dettagli

Risposte alle domande più frequenti

Risposte alle domande più frequenti Risposte alle domande più frequenti Risposte alle domande più frequenti D1 Qual è la definizione legale del sake in Giappone? È una qualsiasi bevanda con contenuto alcolico inferiore al 22% così definita:

Dettagli

Progetto di Ricerca e sperimentazione Birra da farro nell ambito della L.R. 37/99 D.G.R. 1234/05 (Progetto n. 1) Articolo divulgativo

Progetto di Ricerca e sperimentazione Birra da farro nell ambito della L.R. 37/99 D.G.R. 1234/05 (Progetto n. 1) Articolo divulgativo Progetto di Ricerca e sperimentazione Birra da farro nell ambito della L.R. 37/99 D.G.R. 1234/05 (Progetto n. 1) Articolo divulgativo Introduzione al progetto Negli ultimi anni l attenzione rivolta agli

Dettagli

AMIDO (starch) CHO di riserva presente nei diversi alimenti in quantità variabili. Amilosio: catene lineari di glucosio con legami 1-4

AMIDO (starch) CHO di riserva presente nei diversi alimenti in quantità variabili. Amilosio: catene lineari di glucosio con legami 1-4 AMIDO (starch) CHO di riserva presente nei diversi alimenti in quantità variabili Alimento Contenuto di amido, % Mais granella 71-74 Avena 41-44 Riso 75-88 Grano 67-68 Orzo 67-68 Pisello semi 43-48 Patate

Dettagli

Zeppa G. Università degli Studi di Torino. ZEPPA G. Università degli Studi di Torino

Zeppa G. Università degli Studi di Torino. ZEPPA G. Università degli Studi di Torino Appunti di tecnologia birraria ZEPPA G. Università degli Studi di Torino La birra è la bevanda alcolica più consumata al mondo BIRRA VINO Produzione (*10E6) Consuno (L/procapite/anno) Produzione (*10 E6)

Dettagli

Pasta sfoglia rapida Pasta aromatizzata

Pasta sfoglia rapida Pasta aromatizzata Pasta sfoglia magra Pasta sfoglia classica Pasta sfoglia inversa Pasta sfoglia rapida Pasta aromatizzata Giambattista Montanari Ingredienti pasta sfoglia Farina Malto Materia grassa Burro, margarina, Liquidi

Dettagli

Pur rappresentando il 60-65% delle calorie della dieta sono contenuti nel corpo solo per l 1% 60-65% 1%

Pur rappresentando il 60-65% delle calorie della dieta sono contenuti nel corpo solo per l 1% 60-65% 1% CARBOIDRATI 1 GLUCIDI Il termine deriva dal greco, dolce, dato che i più semplici hanno sapore dolce; vengono anche chiamati carboidrati Sono i costituenti più importanti dei vegetali che li sintetizzano

Dettagli

La sostanza organica

La sostanza organica La sostanza organica La frazione solida di un suolo comprende anche la componente organica. Il contenuto di sostanza organica in un suolo è molto variabile, in genere nell intervallo 0.5-10 %, (5% in media).

Dettagli

ITALMALT CATALOGO MALTI

ITALMALT CATALOGO MALTI ITALMALT CATALOGO MALTI INDICE DEI CONTENUTI La società...3 Produzione...4 Materie prime...5 Ricerca...6 Malti proposti...7 Estratti di Malto in forma liquida...8 Estratti di Malto in polvere...9 Schede

Dettagli

Corso vapore Riassunto Acque. L acqua per punti. Chimica, effetti, trattamenti, analisi.

Corso vapore Riassunto Acque. L acqua per punti. Chimica, effetti, trattamenti, analisi. L acqua per punti. Chimica, effetti, trattamenti, analisi. Indice 1) L acqua.. 1 a. Richiami di chimica: sali, ioni, ph & Co... 1 b. Non solo H 2 O... 2 c. Effetti sugli impianti delle sostanze contenute

Dettagli

Antica dal 2013. Repubblica Ceca

Antica dal 2013. Repubblica Ceca Repubblica Ceca Premium Regent 4.00 Birra bionda luppolata, nobile, mediamente amara, piacevole al gusto. Una vera lager, tipica birra della Boemia del Sud che soddisferà anche il consumatore più esigente.

Dettagli

TRASFORMAZIONE DEGLI ORTAGGI. Prodotti freschi pronti al consumo (quarta gamma) Prodotti freschi ed elaborati congelati (terza e quarta gamma)

TRASFORMAZIONE DEGLI ORTAGGI. Prodotti freschi pronti al consumo (quarta gamma) Prodotti freschi ed elaborati congelati (terza e quarta gamma) TRASFORMAZIONE DEGLI ORTAGGI Prodotti freschi pronti al consumo (quarta gamma) Prodotti freschi ed elaborati congelati (terza e quarta gamma) Prodotti in scatola o in vasetto (quarta gamma) CONSERVE PRODOTTI

Dettagli

Olimpio Ritota Birra. Il gusto di farla prima di berla

Olimpio Ritota Birra. Il gusto di farla prima di berla A07 Olimpio Ritota Birra Il gusto di farla prima di berla Copyright MMXIV ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A B 00173 Roma (06) 93781065 ISBN

Dettagli

IL GIOIELLO DELLA REPUBBLICA CECA

IL GIOIELLO DELLA REPUBBLICA CECA IL GIOIELLO DELLA REPUBBLICA CECA BIRRA La birra boema (o České pivo) è una bevanda moderatamente alcolica, isotonica, contenente elevate quantità di vitamine e sostanze minerali. Viene prodotta mediante

Dettagli

Come intervenire in cantina sul prodotto al fine di determinare determinate caratteristiche e/o eliminarne difetti. Anna Piotti

Come intervenire in cantina sul prodotto al fine di determinare determinate caratteristiche e/o eliminarne difetti. Anna Piotti Come intervenire in cantina sul prodotto al fine di determinare determinate caratteristiche e/o eliminarne difetti Anna Piotti Partire da un uva di qualità e sana Utilizzare ragionevolmente la solforosa

Dettagli

Produzione, stili, caratteristiche, abbinamenti LA BIRRA

Produzione, stili, caratteristiche, abbinamenti LA BIRRA Produzione, stili, caratteristiche, abbinamenti LA BIRRA ORIGINI 5-6000 A.C. Egiziani Celti e germani l hanno diffusa in europa LEGGE 1354/62 Prodotto ottenuto dalla fermentazione alcolica con ceppi di

Dettagli

CONTROLLO DI QUALITA DEGLI ALIMENTI

CONTROLLO DI QUALITA DEGLI ALIMENTI CONTROLLO DI QUALITA DEGLI ALIMENTI ANNO ACCADEMICO 2009-2010 CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE DOCENTE: Maria Grazia Volpe mail:mgvolpe@isa.cnr.it FINALITA Il corso si prefigge di avviare lo studente all

Dettagli

ph nel birrificio WEYERMANN Malting Company Thomas Kraus-Weyermann BAMBERG - GERMANY

ph nel birrificio WEYERMANN Malting Company Thomas Kraus-Weyermann BAMBERG - GERMANY ph nel birrificio Un fattore tecnologico molto sottovalutato Thomas Kraus-Weyermann WEYERMANN Malting Company BAMBERG - GERMANY OUTLINE Cos è il ph? Perchè il ph è cosí importante nel birrificio? Il percorso

Dettagli

Mi450 - Fotometro. per la determinazione del COLORE e dei FENOLI TOTALI nel vino

Mi450 - Fotometro. per la determinazione del COLORE e dei FENOLI TOTALI nel vino Mi450 - Fotometro per la determinazione del COLORE e dei FENOLI TOTALI nel vino L Mi450 è un fotometro di facile utilizzo per la determinazione del colore e dei fenoli totali nel vino. La determinazione

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE BIRRE

CLASSIFICAZIONE DELLE BIRRE CLASSIFICAZIONE DELLE BIRRE CLASSIFICAZIONE DELLE BIRRE SECONDO IL LIEVITO UTILIZZATO ALE: prodotte con S. Cerevisiae e con alta fermentazione. Possiede aromi floreali e speziati LAGER: Prodotte con S.

Dettagli

IDRAVAP: TRATTAMENTI DEOSSIGENANTI

IDRAVAP: TRATTAMENTI DEOSSIGENANTI IDRAVAP: TRATTAMENTI DEOSSIGENANTI IDRAVAP 205 Deossigenante a base di ascorbati che reagisce rapidamente con l ossigeno, eliminandolo completamente dall acqua e promuovendo la formazione di uno strato

Dettagli

INFORMAZIONI PER L ORDINE

INFORMAZIONI PER L ORDINE HI 83748 Acido tartarico, specifico per analisi enologiche L acido tartarico è caratteristico dell uva. Il suo contenuto è variabile e tende ad essere più basso nelle regioni meridionali dove le temperature

Dettagli

Bruno Pistoni consulente enogastronomico

Bruno Pistoni consulente enogastronomico DA MOSTO A VINO La vinificazione vera e propria inizia con la trasformazione del mosto in vino, ma è frequente parlare di vinificazione già al momento della vendemmia. Questa viene fatta quando i grappoli

Dettagli

La conservazione degli alimenti mediante l uso dello zucchero

La conservazione degli alimenti mediante l uso dello zucchero La conservazione degli alimenti mediante l uso dello zucchero L aggiunta dello zucchero ad un alimento altera la crescita batterica -a concentrazioni modeste (fino a circa 20%): substrato per la crescita

Dettagli

2.2.5. Macerazione Fig. 61: Vino rosso opzioni per la lavorazione delle uve. 2.2.7. Chiarifiche e Stabilizzazioni

2.2.5. Macerazione Fig. 61: Vino rosso opzioni per la lavorazione delle uve. 2.2.7. Chiarifiche e Stabilizzazioni 2.2.3. Processo di vinificazione 2.2.4. Fermentazione 2.2.5. Macerazione Fig. 61: Vino rosso opzioni per la lavorazione delle uve La stato di salute delle uve, unitamente alla oscenza delle caratteristiche

Dettagli

Per produrre 46 litri di Birra, O.G. 1064 - Alcool 6,5% F. G. 1015

Per produrre 46 litri di Birra, O.G. 1064 - Alcool 6,5% F. G. 1015 LAGER LIEVITO SECCO E LIQUIDO Per produrre 46 litri di Birra, O.G. 1064 - Alcool 6,5% F. G. 1015 Ingredienti: - Kg. 4,792 di malto in grani tipo Pilsner - Kg. 1,000 di malto in grani tipo Cara munich -

Dettagli

Egizi Olandesi Medioevo Scopritori del luppolo

Egizi Olandesi Medioevo Scopritori del luppolo Presentazione a cura del gruppo Documentazione del Processo Componenti: Responsabile: Arduini Emanuele, Barlocco Mirko, Battistella Samuele, Cattaneo Andrej, Rosito Davide, Zuccolo Andrea. Battistella.

Dettagli

ALLferm Red Saccharomyces Cerevisiae r.f. Cerevisiae

ALLferm Red Saccharomyces Cerevisiae r.f. Cerevisiae ALLferm Red Saccharomyces Cerevisiae r.f. Cerevisiae Eccellente per la produzione di vini rossi giovani Ceppo particolarmente idoneo alla produzione di vini novelli pronti, freschi e fruttati. Libera sostanze

Dettagli

La conversione biologica può essere ottenuta con la fermentazione alcolica e la digestione, mentre la conversione fisica con la spremitura.

La conversione biologica può essere ottenuta con la fermentazione alcolica e la digestione, mentre la conversione fisica con la spremitura. Biomassa La materia organica vegetale è prodotta per effetto del processo di fotosintesi clorofilliana, che grazie all apporto dell energia del sole consente di trasformare semplici elementi minerali in

Dettagli

Crescita microbica e metodi di determinazione del numero di cellule

Crescita microbica e metodi di determinazione del numero di cellule Crescita microbica e metodi di determinazione del numero di cellule La crescita microbica La crescita microbica 1 2 2 2 2 3 2 4 2 n Progressione geometrica in base 2 La crescita microbica Tempo di duplicazione

Dettagli

Trattamenti delle acque primarie. Impianti Meccanici 1

Trattamenti delle acque primarie. Impianti Meccanici 1 Trattamenti delle acque primarie Impianti Meccanici 1 IMPUREZZE DELL ACQUA PRIMARIA Classificazione Per corpo idrico si intende una massa d acqua che presenti proprie caratteristiche idrologiche, fisiche,chimiche,

Dettagli

Misura e Analisi di Ossigeno

Misura e Analisi di Ossigeno Misura e Analisi di Ossigeno Soluzioni per la sicurezza sul processo, la riduzione dei costi e il miglioramento della qualità www.michell.com Misura e Analisi di Ossigeno Un ampia gamma di analizzatori

Dettagli

IL BENESSERE CHE NASCE DA UN PRODOTTO SEMPLICE COME IL PANE

IL BENESSERE CHE NASCE DA UN PRODOTTO SEMPLICE COME IL PANE IL BENESSERE CHE NASCE DA UN PRODOTTO SEMPLICE COME IL PANE Nicola Damiano Responsabile Ricerca & Sviluppo Gruppo Novelli Convegno Associazione Giuseppe Dossetti La salute vien mangiando dalla nascita

Dettagli

BURRO. Produzione. Estrazione della crema dal latte (3.5 40%); E un concentrato della frazione lipidica del latte

BURRO. Produzione. Estrazione della crema dal latte (3.5 40%); E un concentrato della frazione lipidica del latte BURRO Burro: Prodotto ottenuto dalla crema ricavata dal latte o dal siero di latte di vacca, nonché dalla miscela dei due indicati prodotti che risponde ai requisiti chimici, fisici ed organolettici (L1526/56

Dettagli

Cognome. Nome Classe 1^ VERIFICA DI CHIMICA Recupero trimestre Data NB troverai le soluzioni nel testo in grassetto o sottolineato

Cognome. Nome Classe 1^ VERIFICA DI CHIMICA Recupero trimestre Data NB troverai le soluzioni nel testo in grassetto o sottolineato Cognome. Nome Classe 1^ ERIICA DI CHIMICA Recupero trimestre Data NB troverai le soluzioni nel testo in grassetto o sottolineato 1. Quale dei seguenti enunciati non descrive lo stato liquido? a) le particelle

Dettagli

UNITà 10 La cottura degli alimenti

UNITà 10 La cottura degli alimenti unità La cottura degli alimentie I termini e i concetti fondamentali 1 Perché si cuociono gli alimenti La cottura è indispensabile affinché molti alimenti possano essere mangiati; causa infatti numerosi

Dettagli

Appunti del modulo di tecnologia enologica

Appunti del modulo di tecnologia enologica Appunti del modulo di tecnologia enologica Difetti ed alterazioni ZEPPA G. Università degli Studi di Torino Alterazioni dei vini (meglio prevenire che curare.!!) Zeppa G. Università degli Studi di Torino

Dettagli

SPECIALE OFFERTA SOCI HARBOUR. Qualità artigianale italiana, in tutto il mondo.

SPECIALE OFFERTA SOCI HARBOUR. Qualità artigianale italiana, in tutto il mondo. SPECIALE OFFERTA SOCI HARBOUR Qualità artigianale italiana, in tutto il mondo. Come Ordinare i Prodotti 1 - Ordine minimo di 50,00 2 - Consegna gratuita a domicilio (in Milano) 3 - Inoltrare l ordine via

Dettagli

bevanda al sapore di cappuccino bevanda al sapore di cappuccino euro 15,00 prezzo al pubblico consigliato 102 g

bevanda al sapore di cappuccino bevanda al sapore di cappuccino euro 15,00 prezzo al pubblico consigliato 102 g bevanda cappuccino Aggiungere una busta Zero a 250 ml d acqua e mescolare fino al completo scioglimento. Si può consumare subito o riscaldare a fuoco lento o in forno ventilato fino alla consistenza desiderata.

Dettagli

LA PREPARAZIONE DOMESTICA DELLE CONSERVE indicazioni per una corretta realizzazione

LA PREPARAZIONE DOMESTICA DELLE CONSERVE indicazioni per una corretta realizzazione LA PREPARAZIONE DOMESTICA DELLE CONSERVE indicazioni per una corretta realizzazione SANA 14 settembre 2015 Dott.ssa M.Chiara Venturini tecnologo alimentare ORDINE DEI TECNOLOGI ALIMENTARI DELL EMILIA ROMAGNA

Dettagli

metodi di estrazione e preparazione

metodi di estrazione e preparazione metodi di estrazione e preparazione distillazione a vapore Estrazione per pressione a freddo (spremitura) Estrazione per enfleurage Estrazione per solventi Estrazione delle resine Estrazione con anidride

Dettagli

Materia pre pr sente ent negli aliment ent lenta lent ment ent digeribile o indigeribile che occupa spazio nel tra t o t gastr t o r intes int tina

Materia pre pr sente ent negli aliment ent lenta lent ment ent digeribile o indigeribile che occupa spazio nel tra t o t gastr t o r intes int tina Definizione dal punto di vista alimentare: Materiale presente negli alimenti lentamente digeribile o indigeribile che occupa spazio nel tratto gastrointestinale. (D.R. Mertens) 17/10/2012 1 Definizione

Dettagli

2) Pressatura La separazione del mosto avviene con pressatura soffice e veloce, per ridurre il contatto del mosto con le parti solide.

2) Pressatura La separazione del mosto avviene con pressatura soffice e veloce, per ridurre il contatto del mosto con le parti solide. T Questo metodo prevede la presa di spuma in grossi recipienti ermeticamente chiusi a tenuta di pressione. Inventato dall astigiano Martinotti, il metodo è stato brevettato in Francia nel 1907 dall ing.

Dettagli

Scheda Tecnica Prodotto :

Scheda Tecnica Prodotto : ! 1 Scheda Tecnica Prodotto : Taralli Scaldati Classici, con olio extravergine d oliva 10% Confezione Kg 5 Marchio : FIORE ANTONIO Data Rev. : Gennaio 2015 Cod. Produzione : E813 Cod. EAN : - Cod. Fatturazione

Dettagli

Combustione energia termica trasmissione del calore

Combustione energia termica trasmissione del calore Scheda riassuntiva 6 capitoli 3-4 Combustione energia termica trasmissione del calore Combustibili e combustione Combustione Reazione chimica rapida e con forte produzione di energia termica (esotermica)

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA:BIOPOWER

PRODUZIONE DI ENERGIA:BIOPOWER LE BIOMASSE Le biomasse sono le materie prime rinnovabili capaci di produrre energia che si ottengono sia dagli scarti che dai residui delle attività agricole, zootecniche e forestali. PRODUZIONE DI ENERGIA:BIOPOWER

Dettagli

IL PROCESSO PRODUTTIVO

IL PROCESSO PRODUTTIVO IL PROCESSO PRODUTTIVO La qualità dei prodotti Caffè Aiello è frutto di profonda passione, cura ed attenzione prestate ad ogni fase della lavorazione del caffè. Scelta delle materie prime La cura per il

Dettagli

Soluzioni allergen free per una chiarifica razionale dei mosti e dei vini, secondo la Dir. 2007/68/CE

Soluzioni allergen free per una chiarifica razionale dei mosti e dei vini, secondo la Dir. 2007/68/CE Chiarificanti P Soluzioni allergen free per una chiarifica razionale dei mosti e dei vini, secondo la Dir. 2007/68/CE A seguito dell entrata in vigore della direttiva comunitaria 2007/68/CE, i vini che

Dettagli

Pane preparato con farina di frumento e decorato con cereali vari.

Pane preparato con farina di frumento e decorato con cereali vari. Catalogo prodotti Pane Pane multicereali Panfiore Filone contadino Pane vitale Pane alla zucca Pane chiaro di farina di frumento mista con crosta gustosa e decorata con semi. Farina di frumento tipo 0,

Dettagli

L Esperto risponde. ARGOMENTO: LA FORMAZIONE DEL GLUTINE Qual'è il processo che vede la formazione del glutine?

L Esperto risponde. ARGOMENTO: LA FORMAZIONE DEL GLUTINE Qual'è il processo che vede la formazione del glutine? L Esperto risponde ARGOMENTO: LA FORMAZIONE DEL GLUTINE Qual'è il processo che vede la formazione del glutine? Le proteine della farina, insolubili in acqua e in soluzioni saline, hanno la capacità di

Dettagli

Possibili pre-trattamenti dei residui colturali e delle biomasse impiegabili negli impianti di digestione anaerobica

Possibili pre-trattamenti dei residui colturali e delle biomasse impiegabili negli impianti di digestione anaerobica Possibili pre-trattamenti dei residui colturali e delle biomasse impiegabili negli impianti di digestione anaerobica S. Menardo, P. Balsari Università degli Studi di Torino, Dipartimento di Scienze Agrarie,

Dettagli

Dal Grano al Pane. Prof. Marco Binda 30 ottobre 2014

Dal Grano al Pane. Prof. Marco Binda 30 ottobre 2014 Dal Grano al Pane Prof. Marco Binda 30 ottobre 2014 Triticum durum o grano duro Triticum vulgare o grano tenero ATriticum durum -BTriticum aestivum var. Spada -CTriticum aestivum var. Brasilia La cariosside

Dettagli

unità C2. Le trasformazioni energetiche nelle cellule

unità C2. Le trasformazioni energetiche nelle cellule unità 2. Le trasformazioni energetiche nelle cellule Il trasporto nelle cellule avviene senza consumo di energia con consumo di energia trasporto passivo trasporto attivo attraverso il doppio strato fosfolipidico

Dettagli

ACQUA + ORZO o altri cereali + LUPPOLO + LIEVITO = BIRRA

ACQUA + ORZO o altri cereali + LUPPOLO + LIEVITO = BIRRA ASSOCIAZIONE ITALIANA SOMMELIERS SEZIIONE TERRIITORIIALE TRENTIINO LE VISITE FUORI SEDE PRESSO BIRRIFICIO DI FIEMME DAIANO (TN) LA BIRRA ARTIGIANALE DAIIANO,, 14 sseetttteembrree 2007 1 INTRODUZIONE È

Dettagli

La Birra. Classe 4 stc Anno Scolastico 2010/2011

La Birra. Classe 4 stc Anno Scolastico 2010/2011 Classe 4 stc Anno Scolastico 2010/2011 La Birra ISTITUTO STATALE di ISTRUZONE SUPERIORE LUDOVICO GEYMONAT Istituto tecnico. Indirizzo Elettronica ed Elettrotecnica. Articolazione Elettronica Istituto Tecnico.

Dettagli

Il packaging per il formaggio Parmigiano Reggiano

Il packaging per il formaggio Parmigiano Reggiano Il packaging per il formaggio Parmigiano Reggiano Incontro organizzato da Consorzio del Formaggio Parmigiano Reggiano CPRA Centro Ricerche Produzioni Animali Reggio Emilia 29 giugno 2006 Dipartimento di

Dettagli

PREVENZIONE E CURA DELLE CONTAMINAZIONI DA BRETTANOMYCES

PREVENZIONE E CURA DELLE CONTAMINAZIONI DA BRETTANOMYCES PREVENZIONE E CURA DELLE CONTAMINAZIONI DA BRETTANOMYCES I lieviti appartenenti al genere Brettanomyces e alla sua forma sporigena Dekkera possono risultare fonti di seri problemi per il vino, anche se

Dettagli

18/01/2010. Laboratorio di chimica. Prof. Aurelio Trevisi

18/01/2010. Laboratorio di chimica. Prof. Aurelio Trevisi Laboratorio di chimica Prof. Aurelio Trevisi Corpi formati da due o più tipi di materia, cioè da due o più sostanze, formano i miscugli. Un miscuglio è omogeneo quando le sostanze che lo formano, cioè

Dettagli

Il mercato della birra in Italia vanta varietà merceologiche infinite

Il mercato della birra in Italia vanta varietà merceologiche infinite Il mercato della birra in Italia vanta varietà merceologiche infinite Claudio Augusto Troiani Pur non essendo un paese di forte tradizione nel consumo di birra - siamo con i francesi in fondo alla classifica

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

L olio EVO caratteristiche e secreti per riconoscerlo ed apprezzarlo!

L olio EVO caratteristiche e secreti per riconoscerlo ed apprezzarlo! Nutrire il Pianeta, Energia per la vita L olio EVO caratteristiche e secreti per riconoscerlo ed apprezzarlo! Olio una spremuta di olive Uno spot semplice ma efficace ATTRIBUTI POSITIVI DI UN OLIO FRUTTATO

Dettagli

Origine e Composizione Cristallizzazione Difetti Produzione smielatura e confezionamento Analisi Sensoriale Assaggi

Origine e Composizione Cristallizzazione Difetti Produzione smielatura e confezionamento Analisi Sensoriale Assaggi Prodotti dell alveare. Produzione e loro caratteristiche. Miele, cera,polline,propoli,pappa reale, Riconoscimento di alcuni mieli con l analisi sensoriale. ROVERETO 2015 Graziano Comper Miele: Origine

Dettagli

Introduzione...13 PARTE GENERALE...17

Introduzione...13 PARTE GENERALE...17 Indice Introduzione...13 PARTE GENERALE...17 Cap. 1 COMPOSIZIONE BIOCHIMICA DEGLI ALIMENTI VEGETALI 1.1 Definizione di alimento...18 1.2 Principi nutritivi...18 1.2.1 Inorganici...19 1.2.1.1 Ossigeno...19

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

Ne esistono, infatti, di vari tipi, ciascuno con caratteristiche particolari e adatto a diversi utilizzi. TAPPO DI SUGHERO NATURALE MONOPEZZO

Ne esistono, infatti, di vari tipi, ciascuno con caratteristiche particolari e adatto a diversi utilizzi. TAPPO DI SUGHERO NATURALE MONOPEZZO I TAPPI DI SUGHERO E IL VINO I TAPPI DI SUGHERO Il tappo di sughero naturale grazie alle sue caratteristiche di impermeabilità e alla sua capacità di trattenere ossigeno, favorisce la corretta evoluzione

Dettagli

Le ricette del pane in collaborazione con Emile-Henry

Le ricette del pane in collaborazione con Emile-Henry Le ricette del pane in collaborazione con Emile-Henry IL PANE Fare il pane in casa è molto più che una moda salutista o di una scelta economica, significa riappropriarsi di capacità manuali e modalità

Dettagli

La determinazione del ph

La determinazione del ph La determinazione del ph Claudio Marzadori, Claudio Ciavatta Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agroambientali (DiSTA) Università di Bologna Bologna 31/03/2011 La revisione dei metodi ufficiali di analisi

Dettagli

Unità 3. La Conservazione degli Alimenti. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello B1 Assistenza Familiare CHIAVI

Unità 3. La Conservazione degli Alimenti. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello B1 Assistenza Familiare CHIAVI Unità 3 La Conservazione degli Alimenti CHIAVI In questa unità imparerai: a comprendere un testo che dà informazioni sul modo di conservare gli alimenti nuove parole relative ai prodotti alimentari a usare

Dettagli

L arte bianca. Materie prime e tecnologie per la panificazione. Dott. Luca Battistini. Consulente in scienze e tecnologie alimentari

L arte bianca. Materie prime e tecnologie per la panificazione. Dott. Luca Battistini. Consulente in scienze e tecnologie alimentari L arte bianca Materie prime e tecnologie per la panificazione Dott. Luca Battistini Consulente in scienze e tecnologie alimentari N.B. IL PRESENTE DOCUMENTO CONTIENE SOLO DEGLI SCHEMI DI PRESENTAZIONE

Dettagli

GIOCHI DELLA CHIMICA

GIOCHI DELLA CHIMICA GIOCHI DELLA CHIMICA FASE D ISTITUTO (TRIENNIO) 21 marzo 2016 La prova è costituita da 50 quesiti. ALUNNO CLASSE Scrivi la risposta a ciascuna domanda nel foglio risposte allegato. 1. Quale dei seguenti

Dettagli

SCHEDA TECNICA DI PRODOTTO

SCHEDA TECNICA DI PRODOTTO Cod. 503 SOYA O, Granella di Soia integrale, Farina integrale di grano tenero, Farina integrale di soia, Destrosio, Farina di frumento maltato, Agenti di trattamento della farina: Enzimi, E 300 (acido

Dettagli

Dalla Spesa alla Tavola

Dalla Spesa alla Tavola Dalla Spesa alla Tavola L Igiene e la Salute in Cucina Dott.ssa M. Stella 1 L Acquisto attento dei Prodotti Alimentari Dott.ssa M. Stella 2 L Etichetta di un Prodotto Alimentare 1) denominazione di vendita

Dettagli

ANALISI DI PROBLEMATICHE DI SICUREZZA RELATIVE ALLA RAFFINAZIONE DI OLI VEGETALI

ANALISI DI PROBLEMATICHE DI SICUREZZA RELATIVE ALLA RAFFINAZIONE DI OLI VEGETALI UNIVERSITA DI PISA Facolta di Ingegneria Corso di laurea triennale in Ingegneria Chimica DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CHIMICA, CHIMICA INDUSTRIALE E SCIENZA DEI MATERIALI Tesi di Laurea ANALISI DI PROBLEMATICHE

Dettagli

Gruppo L.E.T. Poggibonsi (Si), Italy

Gruppo L.E.T. Poggibonsi (Si), Italy Gruppo L.E.T. Poggibonsi (Si), Italy ATTIVANTE SF ENZIMA PL ENZIMA PM LIEVITO AB LIEVITO SB LIEVITO SC TANNINO C TANNINO G TANNINO Q TANNINO QG GOMMA ARABICA S Attivante SF Attivante di fermentazione complesso

Dettagli

STERILIZZAZIONE MEDIANTE CALORE CORSO DI IMPIANTI DELL INDUSTRIA FARMACEUTICA ANNO ACCADEMICO 2007-2008

STERILIZZAZIONE MEDIANTE CALORE CORSO DI IMPIANTI DELL INDUSTRIA FARMACEUTICA ANNO ACCADEMICO 2007-2008 STERILIZZAZIONE MEDIANTE CALORE CORSO DI IMPIANTI DELL INDUSTRIA FARMACEUTICA ANNO ACCADEMICO 2007-2008 CALORE COME MEZZO STERILIZZANTE IL CALORE E IL MEZZO PIU USATO PER LA STERILIZZAZIONE, LIMITATAMENTE

Dettagli

CENNI DI ELETTROCHIMICA

CENNI DI ELETTROCHIMICA CENNI DI ELETTROCHIMICA Gli elettrodi a membrana sono elettrodi che permettono la determinazione rapida e selettiva, per potenziometria diretta, di numerosi cationi ed anioni. Il meccanismo di formazione

Dettagli

Riduzione Odori e Grassi UV SMELL RK

Riduzione Odori e Grassi UV SMELL RK UV SMELL RK UV SMELL RK Apparecchio a Raggi UV-C + Ozono + TiOX per l abbattimento dei cattivi odori e dei grassi nelle cappe e soffitti aspiranti di grandi cucine. UV-SMELL-RK è un modulo emettitore UV-

Dettagli

Appunti di tecnologia birraria ZEPPA G. Università degli Studi di Torino

Appunti di tecnologia birraria ZEPPA G. Università degli Studi di Torino Appunti di tecnologia birraria ZEPPA G. Università degli Studi di Torino La birra è la bevanda alcolica più consumata al mondo BIRRA VINO Produzione (*10E6 hl) Consuno (L/procapite/anno) Produzione (*10

Dettagli

I vini «senza alcol» ZEPPA G. Università degli Studi di Torino

I vini «senza alcol» ZEPPA G. Università degli Studi di Torino I vini «senza alcol» ZEPPA G. Università degli Studi di Torino ISTAT, 2010 Acqua Etanolo Sali Polifenoli Zuccheri Polialcoli Sostanze aromatiche Reg. 479/2008 1. Vino Il vino è il prodotto ottenuto

Dettagli

PARAMETRI ORGANOLETTICI L ACQUA DEVE ESSERE: LIMPIDA, INCOLORE, INODORE, INSAPORE FRESCA

PARAMETRI ORGANOLETTICI L ACQUA DEVE ESSERE: LIMPIDA, INCOLORE, INODORE, INSAPORE FRESCA PARAMETRI ORGANOLETTICI L ACQUA DEVE ESSERE: LIMPIDA, INCOLORE, INODORE, INSAPORE FRESCA ph E CONDUCIBILITA Conducibilità elettrica La conducibilità di un acqua è in stretta relazione al suo contenuto

Dettagli