Transazioni internazionali con parti correlate

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Transazioni internazionali con parti correlate"

Transcript

1 Numero 129 Novembre 2012 Da Dezan Shira & Associates Transazioni internazionali con parti correlate New HR & Payroll Guide IN QUESTO NUMERO: I service agreement tra quartier generale e affiliate Panoramica sugli obblighi del transfer pricing in Cina Programma sperimentale per transazioni commerciali internazionali in RMB DOMANDE E RISPOSTE: Rimessa di royalties: come funziona? Usate il vostro smartphone per leggere questo codice QR e accedere a CHINA BRIEFING - 1 Disponibile in diverse lingue

2 Nota dell editore Torniamo a discutere, in questa uscita di China Briefing, delle transazioni internazionali, con particolare riferimento a quelle tra le parti correlate. Nel numero dello scorso anno sull argomento, abbiamo decisamente messo troppa carne al fuoco, spaziando dalla vendita di prodotti ai clienti in Cina al pagamento di servizi, royalties e dividendi, dalla gestione dei costi di avviamento alla preparazione della documentazione contestuale sul transfer pricing... il tutto in una decina di pagine. Alberto Vettoretti,, Managing Partner, Dezan Shira & Associates, Editore Asia Briefing Tutto il materiale e i contenuti sono protetti da 2012 Asia Briefing Ltd. Non è permessa nessuna riproduzione, copia o traduzione di materiale senza il consenso dell editore. In questo numero, invece, abbiamo deciso di concentrarci maggiormente su alcuni aspetti fondamentali delle transazioni internazionali con le parti correlate. Tratteremo essenzialmente, nel primo articolo, dei service agreement, cioè degli accordi per servizi specifici, tra quartier generale e affiliata cinese, guardandone l organizzazione, le implicazioni fiscali, le procedure di pagamento dei servizi e considerando il momento in cui si crea invece una stabile organizzazione (PE) tramite l invio di personale dalla casa madre all affiliata cinese. Faremo poi, nel secondo articolo, una breve e concisa panoramica sugli obblighi del transfer pricing in Cina. Qual è la definizione di parte correlata? Quali sono gli obblighi fondamentali sul transfer pricing? Quali sono i requisiti della documentazione contestuale e degli accordi preventivi sui prezzi (c.d. advance pricing arrangements)? Infine, parleremo anche del programma per le transazioni commerciali internazionali in RMB, programma che rientra nella politica di internazionalizzazione della moneta cinese: uno degli obiettivi strategici principali del XII Piano Quinquennale ( ) e oggi uno degli argomenti più scottanti in tema di pagamenti internazionali. Cordiali saluti, La copertina artistica di questo mese Yu Qiping ( 余 启 平 )da The Gallery ( 阁 蕊 莉 ) Luna sulla montagna ( 月 上 高 山 ) Inchiostro colore su carta, 31.5 x 35cm Domande? Entrate in contatto diretto con professionisti specializzati sull argomento. Letture consigliate Trovate le pubblicazioni relative all argomento su Aggiornamenti normativi State al passo con i cambiamenti normativi grazie agli aggiornamenti su Notizie su China Briefing Leggete le notizie e i commenti sull argomento su Prospettiva internazionale Informatevi su come l argomento è trattato in altre giurisdizioni asiatiche, inclusi India e Vietnam. Podcast Ascoltate gli interventi di un esperto. New HR & Payroll Guide Dezan Shira & Associates è orgogliosa di pubblicare la nuova guida su risorse umane e gestione libri paga! Human Resources and Payroll in China tratta le seguenti principali tematiche: Ricerca figure professionali Assunzione personale Visti Gestione rapporto lavorativo Conclusione rapporto lavorativo Gestione libri paga Usate il vostro smartphone per leggere il codice QR o scaricate da RDe5NO. 2 - CHINA BRIEFING

3 Oneri fiscali sui servizi IVA/BT, UCMT, ES, LES CIT PE Sì Sì Quartier generale Servizio Pagamento p.4 Non-PE Sì n.d. p.8 Affiliata cinese p.10 Service agreement tra quartier generale e affiliate Le entità cinesi a partecipazione estera possono concludere diversi tipi di service agreement, ovvero accordi per servizi specifici con altre società straniere, ivi inclusa la propria società madre. Questi accordi, siglati tra il quartier generale e le proprie affiliate, in molti casi... Numero 129 Novembre 2012 Sommario Breve panoramica sugli obblighi del transfer pricing in Cina Il concetto di transfer pricing si riferisce al prezzo praticato tra imprese correlate, situate in giurisdizioni fiscali diverse, nelle loro transazioni intersocietarie. I prezzi considerati sono quelli per servizi, proprietà immateriali... Notizie su China-Briefing.com Le parti correlate sono caratterizzate da proprietà/controllo, prestiti, nomina della dirigenza, concessione di licenze su brevetti, controllo o fornitura di materia prima o pezzi di ricambio, fornitura di servizi, controllo effettivo Programma sperimentale per le transazioni commerciali internazionali in RMB Per rafforzare ulteriormente la propria moneta, la Cina ha posto come obiettivo strategico fondamentale, all interno del XII Piano Quinquennale ( ), l internazionalizzazione del RMB. Il Piano, nello specifico, incoraggia... 9 ottobre 2012, Riforma IVA nella provincia del Guangdong: transizione verso l imposta sul valore aggiunto 2 ottobre 2012, Shanghai indaga sulla riforma sperimentale IVA, mirando ad espandere... 2 aprile 2012, Registrazione degli stranieri presso il SAFE e i piani di incentivazione 1 marzo 2012, La Cina usa il pugno di ferro contro l evasione fiscale e mira alle multinazionali 3 gennaio 2012, A Shanghai il SAFE impone requisiti aggiuntivi per i pagamenti in valuta estera Usate il vostro smartphone per leggere il codice QR e scaricare le applicazioni mobili di Asia Briefing. CHINA BRIEFING - 3

4 I service agreement tra quartier generale e affiliate Le entità cinesi a partecipazione estera possono concludere diversi tipi di service agreement, ovvero accordi per servizi specifici, con altre società straniere, ivi inclusa la propria società madre. Questi accordi, siglati tra il quartier generale e le proprie affiliate hanno, in molti casi, scopi più che legittimi, laddove il primo fornisca servizi di gestione contabile, di proprietà intellettuale, o di consulenza alla propria affiliata, o quest ultima fornisca servizi al quartier generale che rientrano nel proprio oggetto sociale. In altri casi, invece, questi accordi possono destare sospetti, se intesi come escamotage per lo scambio di denaro fra quartier generale e affiliata. Non bisogna inoltre dimenticare che l autorità fiscale ha sempre il diritto di mettere in discussione la legittimità di un service agreement. Discuteremo, in questo articolo, gli accordi per servizi specifici tra quartier generale e affiliata cinese, ivi inclusi: Pianificazione dei service agreement Oneri fiscali Procedura di pagamento Stabile organizzazione per servizi Pianificazione dei service agreement Le imprese che hanno un attività principale diversa dalla fornitura di servizi, quali ad esempio una società commerciale a partecipazione estera (FICE) o una società a totale partecipazione estera dedita alla produzione (WFOE di produzione), hanno l obbligo di ricavare il loro maggior profitto da tale attività principale, potendo comunque fornire dei servizi ad essa relativi. Qualora una società a partecipazione estera abbia necessità di stipulare un service agreement (accordo per servizio specifico) per offrire un certo servizio in futuro, quest ultimo deve essere incluso nel proprio oggetto sociale, così come mostrato negli esempi riportati a destra. I service agreement variano in base al tipo di servizio offerto: consulenza, rappresentanza a fronte di commissioni (laddove l affiliata cerchi clienti/utenti/fornitori per il quartiere generale), servizi post-vendita o supporto tecnico ecc. Questo tipo di accordo, paragonato con i contratti di acquisto, è di norma relativamente semplice: prevede un servizio che deve essere fornito, le tariffe, i metodi di pagamento, gli obblighi, e altre clausole generali. È raccomandabile, prima della firma di tale accordo, verificarne la legittimità con l autorità locale. Includere determinati servizi nell oggetto sociale Esempi per tipo di società a partecipazione estera Per una FICE o una WFOE di produzione, la cui attività principale non è la fornitura di servizi, non è generalmente un problema includere dei servizi correlati nel proprio oggetto sociale. Naturalmente, vale anche il contrario: alcune società di servizi (per esempio società di servizi tecnici) possono condurre attività commerciali che siano in relazione al proprio oggetto sociale. = servizio WFOE per servizi (servizi tecnici) Fornitura a XXX di servizi tecnici di consulenza per tecnologie XXX; trasferimento di tecnologia, consulenza tecnologica e sviluppo di tecnologia; e vendita all ingrosso, importazione ed esportazione dei prodotti relativi alla fornitura di detti servizi di consulenza tecnica e rappresentanza a fronte di commissioni (escluse le vendite all asta) ed altri servizi correlati. FICE Vendita all ingrosso, rappresentanza a fronte di commissioni (escluse le vendite all asta), importazione ed esportazione di prodotti XXX; servizi post-vendita, trasferimento di tecnologia; consulenza tecnologica; sviluppo di tecnologia ed altri servizi di consulenza commerciale. WFOE di produzione Progettazione, sviluppo e produzione di prodotti XXX e relative parti e componenti, vendita di prodotti semi-lavorati; vendita all ingrosso, importazione ed esportazione di prodotti simili e rappresentanza a fronte di commissioni (escluse le vendite all asta); fornitura di servizi postvendita ed altri servizi correlati; consulenza tecnica, sviluppo e trasferimento di tecnologia. 4 - CHINA BRIEFING

5 I service agreement tra quartier generale e affiliate Oneri fiscali Quando sia destinatario sia fornitore del servizio si trovano in Cina, le imposte saranno applicate al reddito sul servizio, indipendentemente dal luogo in cui detto servizio è effettivamente reso. I compensi sui servizi sono soggetti a business tax (Business Tax), imposta sulla costruzione e manutenzione dei centri urbani (Urban Construction and Maintenance Tax), addizionale a supporto del sistema scolastico centrale (Education Surcharge) e locale (Local Education Surcharge). Nelle aree in cui è applicata la sperimentazione per l imposta sul valore aggiunto (IVA), i compensi sui servizi sono soggetti a IVA, UCMT, ES e LES, con aliquote diverse in base al settore. All affiliata cinese spetta l obbligo di ritenere e versare le imposte prima di pagare l onorario al quartier generale. Quest ultimo deve versare anche un 25% di imposta sul reddito societario (CIT), per reddito derivato da tale servizio, nel caso in cui abbia una stabile organizzazione (Permanent Aliquote nell area sperimentale dell IVA divise per settore Settore Aliquota Leasing di beni mobili 17% Servizi nei trasporti 11% R&S e servizi per la tecnologia Servizi per l IT Servizi ricreativi e culturali Servizi ausiliari per la logistica Servizi di consulenza e autenticazione Establishment) in Cina. Inoltre, gli oneri fiscali per una PE sono molto più pesanti rispetto a quelli di una non-pe. Il quartier generale deve dichiarare e versare l imposta sul reddito societario prevista, compilare la relativa riconciliazione annuale e saldare tutti i debiti d imposta al completamento dei contratti. L affiliata cinese e il quartier generale devono, quindi, gestire attentamente i contratti e i relativi progetti in Cina per stabilire e limitare le passività a carico di una eventuale stabile organizzazione. 6% Sulla base di quanto è previsto dalla maggior parte dei trattati contro la doppia imposizione fiscale siglati tra Cina ed altri paesi, la fornitura di servizi in territorio cinese da parte di un organizzazione estera attraverso i propri dipendenti o altro personale incaricato dalla stessa organizzazione costituirà una stabile organizzazione (PE), qualora tali attività continuative (per lo stesso progetto o per altri progetti collegati) coprano un periodo o un insieme di periodi di tempo superiori a 183 giorni nell arco di 12 mesi. Quali sono gli oneri fiscali? Servizio (ad esempio gestione contabilità o consulenza) Quartier generale Quartier generale Pagamento Pagamento Servizio (secondo l oggetto sociale) Affiliata cinese Affiliata cinese Oneri fiscali sui compensi per servizi Stabile organizzazione (PE) vs non-pe Imposta sul valore aggiunto/business tax (BT), imposta sulla costruzione e manutenzione dei centri urbani (UCMT), addizionale a supporto del sistema scolastico centrale (ES) e locale (LES) Imposta sul reddito societario PE S S Non-PE S n.d. Per le stabili organizzazioni (PE), l erario cinese utilizza il metodo del profitto presunto per stabilire il reddito tassabile. L aliquota per il profitto presunto varia dal 15 al 50% del valore del contratto ed è determinata caso per caso. CHINA BRIEFING - 5

6 I service agreement tra quartier generale e affiliate Foreign Exchange in Cina La normativa per l amministrazione della valuta estera in Cina ( Forex Regulation ), emanata dal Consiglio di Stato nel 1996 e modificata in seguito nel 1997 e nel 2008, distingue tra le transazioni di partite correnti e movimenti di capitale effettuati in Cina. Partite correnti totalmente convertibili Le partite correnti sono totalmente convertibili, il che significa che non è necessaria alcuna approvazione per la maggior parte delle partite correnti in valuta estera, ma è sufficiente una documentazione, secondo quanto previsto dal sistema di monitoraggio dello State Administration of Foreign Exchange o SAFE. Le partite correnti sono transazioni, eseguite nel corso ordinario delle attività, che includono operazioni ricorrenti nell ambito dei pagamenti e di ricezione di pagamenti internazionali e che non hanno l obiettivo di trasferire capitale. Esempi: vendita di beni, fornitura di servizi ed altre transazioni con il pagamento di interessi, royalties, affitti, dividendi ecc. Movimenti di capitale non totalmente convertibili Qualunque transazione il cui obiettivo è la creazione o il trasferimento di capitale è considerata come un movimento di capitale. I movimenti di capitale non sono totalmente convertibili, il che significa che è necessaria l approvazione dalle autorità competenti, ivi incluse lo State Administration of Foreign Exchange (SAFE) e il Ministero del Commercio (MOFCOM). Esempi: investimenti diretti esteri (FDI), investimenti diretti verso l estero (ODI), prestiti internazionali o in valuta estera, investimenti nei mercati finanziari, transazioni derivate, ripianamento dei debiti esteri, rimessa di capitale da parte delle società a partecipazione estera dopo la liquidazione. Procedura di pagamento Tutte le transazioni in valuta estera all interno e all esterno della Cina sono severamente controllate dallo State Administration of Foreign Exchange (SAFE) e dalla People s Bank of China (PBC). Pagamento dei compensi per servizi Tempistica Fasi 1. Conclusione del contratto La People s Bank of China è la Banca centrale cinese, ha il compito di controllare le politiche monetarie e governare gli istituti finanziari nella Cina continentale. Il SAFE opera come un ente della People s Bank of China, redige norme e regolamenti sulle attività di scambio di valuta estera, controlla ed esamina dette transazioni, gestisce le riserve governative in valuta estera, definisce le politiche di cambio del RMB. In caso di rimesse estere superiori ai dollari americani, l istituto di credito chiede, in genere, un certificato di regolarità fiscale per ottenere l approvazione dell operazione dal SAFE. In alcuni casi, le banche possono inoltre richiedere ulteriore documentazione di supporto anche per importi inferiori ai dollari americani. Entro 30 giorni Un giorno Uno-due giorni Un giorno 2. Registrazione del contratto La società con sede in Cina deve registrare il contratto presso la filiale di competenza del Tax Bureau entro 30 giorni. 3. Versamento delle imposte La società con sede in Cina versa tutte le imposte applicabili. 4. Remissione dei fondi La società con sede in Cina può rimettere i fondi attraverso una banca designata a tale scopo. Se la cifra da rimettere è superiore ai dollari americani, deve essere esibito un certificato di regolarità e adempimento fiscale (tax clearance certificate). Se i compensi per servizi derivano da contratti d importazione di tecnologia (ad esempio contratti di consulenza tecnologica, di cooperazione su design/ricerca/sviluppo/ produzione ecc.), l affiliata cinese deve registrarsi presso il Ministero del Commercio prima della rimessa. 6 - CHINA BRIEFING

7 I service agreement tra quartier generale e affiliate Stabile organizzazione per servizi Dalla metà del 2009, le autorità cinesi hanno rafforzato il controllo fiscale riguardante l invio di personale dal quartier generale verso l affiliata cinese. Alla casa madre estera può essere contestata la fornitura di servizi all affiliata cinese, vedendosi così attribuire il titolo di stabile organizzazione sul territorio per servizi in Cina, con un conseguente inasprimento dei relativi obblighi fiscali. Tali obblighi a carico di una stabile organizzazione per servizi, prevedono che i compensi ricevuti dall affiliata debbano essere calcolati in base al principio della libera concorrenza. Inoltre, i compensi saranno soggetti all imposta sul reddito societario (CIT), secondo l aliquota del profitto presunto determinata dall autorità fiscale, così come alla business tax, all IVA e ad altre addizionali locali. Secondo la Circolare n. 75, interpretazione del 2010 del trattato contro la doppia imposizione fiscale tra Cina e Singapore, che si applica anche ai trattati con altri paesi, la fornitura di servizi da parte di un impresa, attraverso i suoi dipendenti o altro personale individuato dall impresa stessa, costituisce una stabile organizzazione per servizi soltanto qualora tale attività (dello stesso progetto o per altri progetti collegati) copra un periodo o un insieme di periodi di tempo superiori a 183 giorni nell arco di 12 mesi. La stessa regola dei 183 giorni si applica anche all imposta sul reddito individuale, come mostrato nel diagramma riportato a fondo pagina. Saranno applicate le imposte sul reddito individuale ai redditi generati in Cina, qualora un dipendente trascorra 183 giorni nel paese, anche se il suo reddito è pagato da un datore di lavoro estero. Per i pagamenti di salari superiori ai dollari americani provenienti dall estero, la banca potrebbe richiedere un certificato di regolarità fiscale emesso dall autorità competente. In questo caso, potrebbe essere necessario presentare i seguenti documenti per ottenere tale certificato: Contratto di progetto/contratto di distacco all estero Contratto di lavoro Copia del passaporto del dipendente espatriato con timbri di entrata e uscita Ricevuta del pagamento delle imposte Altro Residenza in Cina e fonti di reddito Scadenze applicabili per l imposta sul reddito individuale Meno di 183 giorni Reddito pagato dal datore di lavoro in Cina (Generato in Cina) Da 183 giorni a Un anno Reddito pagato dal datore di lavoro estero (Generato in Cina) Da un anno a Cinque anni Reddito pagato dal datore di lavoro in Cina (Non generato in Cina) Creazione di un PE per servizi La Circolare fornisce i seguenti parametri per valutare se il dipendente distaccato presso la FIE cinese stia effettivamente lavorando per la casa madre estera e quindi costituisca una stabile organizzazione per servizi: La società madre estera ha autorità sul lavoro dei dipendenti distaccati all estero e ne assume rischi e responsabilità da esso derivanti; Il numero dei dipendenti distaccati all estero e le norme del loro impiego sono decisi dalla casa madre; I salari e gli stipendi dei dipendenti distaccati all estero sono pagati dalla casa madre; La casa madre estera ricava degli utili dall affiliata per l invio di tali dipendenti. Qualora si riscontrino i suddetti parametri, s intende creata una stabile organizzazione per servizi in Cina. Se il dipendente del quartier generale fornisce servizi (nello stesso progetto o per altri progetti collegati) per un periodo o un insieme di periodi di tempo superiori a 183 giorni nell arco di 12 mesi, si costituisce una stabile organizzazione per servizi. La stessa regola dei 183 giorni si applica anche all imposta sul reddito individuale. CHINA BRIEFING - 7

8 Breve panoramica sugli obblighi del transfer pricing in Cina Il concetto di transfer pricing si riferisce al prezzo praticato tra imprese collegate, situate in giurisdizioni fiscali diverse, nelle loro transazioni intersocietarie. I prezzi di trasferimento considerati sono quelli per servizi, proprietà intangibili e attività finanziarie. Il regime di transfer pricing in Cina è, di norma, coerente con le linee guida dell OCSE e si è sviluppato rapidamente nel corso degli ultimi anni. Recentemente, una serie di fattori ha portato la questione del transfer pricing all attenzione dello State Administration of Taxation (SAT): tra questi, la tendenza delle società straniere in Cina a dichiarare perdite operative pluriennali, l utilizzo mirato di trasferimenti di proprietà intellettuale e di servizi forniti da società correlate estere, nonchè l introduzione di controlli più severi da parte dei partner commerciali della Cina sui prezzi di trasferimento. Gli inasprimenti in ambito fiscale del 2008 hanno, da un lato, incentivato l utilizzo del transfer pricing nella determinazione dei margini operativi delle proprie società controllate in Cina e, dall altro, fatto sì che nel 2009 il SAT abbia dovuto emanare nuove norme in materia (Transfer Pricing Regulations) al fine di fare chiarezza sull argomento e regolamentare in maniera più serrata le pratiche scorrette più diffuse. È stato introdotto in Cina l obbligo per il contribuente di preparare e conservare una dettagliata documentazione, a dimostrazione dell applicazione del principio di libera concorrenza (arm s length) nelle transazioni con le parti correlate. Le transazioni tra quartier generale e filiale cinese devono essere basate su questo principio, poiché, secondo la normativa fiscale cinese, head office e affiliata in Cina sono parti correlate. Operazioni infragruppo in ambito di transfer pricing possono creare notevoli difficoltà di gestione, poiché possono avere un effetto diretto sui profitti di entrambe le parti. Pianificare un sistema di transfer pricing all inizio dell attività aiuta a limitare e a gestire Definizione: Parti correlate Nella normativa cinese sul transfer pricing, una parte correlata è caratterizzata da uno qualsiasi dei seguenti aspetti: 1) Proprietà o controllo Un entità detiene direttamente o indirettamente il 25% o più del totale delle azioni di un altra entità; un terzo possiede o controlla, direttamente o indirettamente, il 25% o più delle quote azionarie in entrambe le imprese - il calcolo del possesso azionario indiretto deve essere eseguito attraverso la moltiplicazione delle azioni ad ogni livello; in ogni caso, qualora un entità detenga più del 50% delle azioni di un altra entità del livello successivo, si considera che essa detenga il 100% a quel livello 2) Debiti I debiti di un impresa verso un altra impresa (che non sia un istituto finanziario indipendente) superano il 50% del capitale dell impresa, oppure il 10% del totale dei debiti di una società è garantito da un altra società (che non sia un istituto finanziario indipendente) 3) Nomina della dirigenza La nomina di più della metà della dirigenza di un impresa (incluso il consiglio di amministrazione e il general manager), o di almeno un membro del consiglio di amministrazione, spetta ad un altra impresa; oppure in due imprese, la nomina di più della metà della dirigenza o di più di un direttore esecutivo spetta ad una sola parte 4) Concessione di licenze su brevetti La normale produzione e le attività operative di un impresa dipendono dai brevetti di un altra impresa (inclusi diritti di proprietà industriale o tecnologie brevettate) 5) Controllo o fornitura di materie prime/ricambi L acquisto di materie prime o parti di ricambio di un impresa è sotto il controllo di, o deve avvenire tramite, un altra impresa (incluso il controllo sui prezzi e sulle condizioni) 6) Decisione sulla fornitura o ricezione di servizi La fornitura o la ricezione di servizi da parte di un entità è decisa da un altra impresa 7) Controllo effettivo Un impresa ha un reale controllo sulla produzione di un altra impresa, sulla sua operatività e sul commercio, attraverso relazioni con il personale dell altra società (incluse le relazioni di parentela) 8 - CHINA BRIEFING

9 Breve panoramica sugli obblighi del transfer pricing in Cina l esposizione ai relativi rischi, assicurando la massima efficienza fiscale in relazione al modello di business e agli obiettivi commerciali aziendali. Obblighi basilari in ambito di transfer pricing Al momento della dichiarazione dei redditi, tutte le imprese con transazioni tra parti correlate di beni materiali inferiori a 200 milioni di RMB e di beni immateriali inferiori a 40 milioni di RMB, devono compilare e consegnare nove formulari annuali per l apposita dichiarazione su operazioni infragruppo. Questi formulari (in lingua cinese) prevedono la preparazione di una quantità d informazioni sull ammontare e sui tipi di transazioni con le parti correlate, il tipo di documentazione disponibile e il metodo utilizzato per verificare il principio di libera concorrenza e il livello di redditività di dette transazioni. Le imprese che superano i limiti menzionati nel paragrafo precendente devono, inoltre, curare la stesura della cosiddetta contemporaneous transfer pricing documentation. Gli obblighi della contemporaneous transfer pricing documentation La documentazione contemporaneous transfer pricing è un insieme di informazioni dettagliate sul transfer pricing, a supporto del principio di libera concorrenza insito nelle transazioni con parti correlate. Detta documentazione deve essere preparata dalle parti che non soddisfano uno dei seguenti requisiti di esenzione: L ammontare annuale delle transazioni di beni materiali tra parti correlate è inferiore a 200 milioni di RMB e quello di beni intangibili è inferiore a 40 milioni di RMB Le transazioni sono previste in un accordo preventivo sui prezzi (advance pricing arrangement) L investitore straniero detiene meno del 50% delle azioni e l impresa conduce transazioni soltanto con parti correlate locali Uno sguardo agli Advance Pricing Arrangements Una shelf company di Hong Kong avrà difficoltà nella negoziazione di un advance pricing arrangement con la Cina continentale, se la società stessa non è la beneficiaria dei profitti derivanti dalle transazioni con le parti correlate. Rebecca Liu, Senior Manager, servizi di contabilità societaria, Dezan Shira & Associates, ufficio di Guangzhou 1) Che cos è un advance pricing arrangement? Un advance pricing arrangement (accordo preventivo sui prezzi) è un accordo pluriennale, raggiunto con l autorità fiscale, sui principi dei prezzi delle transazioni con parti correlate di un impresa e i relativi metodi di calcolo. 2) Quali condizioni deve soddisfare un impresa per richiedere un advance pricing arrangement? L impresa deve, in genere, rispondere ai seguenti criteri: a. Avere il volume annuale delle transazioni con le parti superiore a 40 milioni di RMB; b. Aver provveduto alle dichiarazioni obbligatorie per legge sulle transazioni con le parti correlate; c. Avere preparato, conservato e presentato la documentazione contestuale (contemporaneous material) in base alla normativa vigente. 3) Quali benefici comporta un advance pricing arrangement? a. Offre una certezza in termini di operazioni e oneri fiscali per tutta la durata dell accordo; b. Risolve il problema sul transfer pricing; c. Diminuisce il rischio di essere sottoposti a verifiche; e d. Evita la doppia imposizione fiscale. 4) Come fare richiesta per un advance pricing arrangement? Il tempo necessario alla firma di un accordo preventivo sui prezzi, unilaterale o bilaterale, può variare da uno a due anni e mezzo, e in alcuni rari casi di accordi bilaterali può raggiungere anche tre o più anni. Ci sono, di norma, sei fasi che devono essere completate nella negoziazione, esecuzione e implementazione di un accordo preventivo sui prezzi: si dovranno pertanto svolgere riunioni di preparazione, richieste ufficiali, verifiche e valutazioni formali, negoziazioni, firma degli accordi, supervisione e implementazioni finali. 5) Quali tipi di advance pricing arrangement sono disponibili in Cina? Sono disponibili accordi unilaterali, bilaterali o multilaterali. Tuttavia, fino ad ora, non sono ancora stati conclusi accordi multilaterali. CHINA BRIEFING - 9

10 Programma sperimentale per l e t r a n s a z i o n i c o m m e r c i a l i internazionali in RMB Per valorizzare ulteriormente la propria posizione economica a livello mondiale, la Cina si è posta come obiettivo strategico fondamentale, all interno del XII Piano Quinquennale ( ), l internazionalizzazione della propria valuta. Il Piano, nello specifico, incoraggia l utilizzo del RMB all estero e la graduale realizzazione della convertibilità dei movimenti di capitale in RMB. Il Piano sostiene, inoltre, l ulteriore sviluppo di Hong Kong come principale mercato/centro offshore per il RMB. Si è verificato un ingente accumulo di ricchezza in RMB, dentro e fuori dalla Cina; sia il mercato sia chi lo regola stanno cercando di gettare le basi per sfruttare al massimo questo potenziale, ci spiega Chet Scheltema, Manager, Dezan Shira & Associates, ufficio di Pechino. Su questo sfondo, il governo della Repubblica Popolare Cinese ha lanciato nel luglio 2009 il programma sperimentale per le transazioni commerciali internazionali in RMB. 1 Tale programma inizialmente coinvolgeva solamente cinque città, per quanto riguarda le aree interne della Cina: Shanghai e altre quattro città nella provincia del Guangdong; mentre per quanto riguarda le aree oltre confine comprendeva le regioni amministrative speciali di Hong Kong e Macao, e i paesi membri dell ASEAN (Associazione delle Nazioni del Sud-Est Asiatico). Nel giugno 2010 l area geografica coperta dal programma ha subito un ampliamento sia a livello nazionale, vale a dire all interno della Cina, coinvolgendo altre 20 province, sia a livello internazionale, coinvolgendo tutte le nazioni e le regioni. Nel 2011 infine tutta la Cina è entrata a fare parte del programma. 2 Effettuare operazioni di export in RMB è più veloce ed economico rispetto all utilizzo di valuta estera? Il processo per ottenere rimborsi IVA è diverso? Abbiamo un certo numero di clienti che all inizio di quest anno hanno cominciato ad affettuare operazioni di export in RMB. Le procedure di rimborso IVA, così come tempi e costi, per operazioni di export in RMB, corrispondono all incirca a procedure, tempi e costi per le stesse operazioni effettuate in valuta estera. - Alice Yang, Manager, Dezan Shira & Associates, ufficio di Shenzhen Anche la tipologia di imprese cinesi che vi possono partecipare è stata ampliata all inizio del A partire da febbraio di quest anno, infatti, tutte le società di import-export con sede in Cina sono autorizzate a ricevere pagamenti su esportazioni direttamente in RMB. 3 Il programma, recentemente così rinnovato, permetterà alle imprese cinesi di utilizzare la valuta nazionale in tutti gli scambi di beni e servizi con l estero, così come nelle altre transazioni relative alle loro partite correnti, eliminando così le restrizioni precedentemente esistenti, secondo le quali gli esportatori locali dovevano ottenere l approvazione dalla People s Bank of China (PBC) prima di effettuare operazioni in RMB. Si prevede che in seguito alla diminuzione della rigidità delle politiche, il numero delle società con i requisiti necessari per effettuare transazioni commerciali in RMB, aumenterà notevolmente. Dette società potranno scegliere di utilizzare la valuta nazionale cinese per le operazioni commerciali con l estero attraverso: 1) Una clearing bank che operi in RMB a Hong Kong o a Macao; oppure 2) Una banca commerciale locale in Cina che agisce da intermediario per alcune banche commerciali estere designate a tale scopo. Le imprese coinvolte nel programma sperimentale, al momento della richiesta dei rimborsi IVA all erario, non hanno più bisogno di presentare i moduli per la verifica e la valutazione degli scambi in valuta estera. Devono, tuttavia, dichiarare queste transazioni all autorità fiscale separatamente da quelle effettuate in valuta locale. 4 Inoltre, tali imprese hanno l obbligo di segnalare ogni pagamento ed ogni ricevuta di pagamento in RMB allo State Administration of Foreign Exchange (SAFE) attraverso un meccanismo informatico del sistema bancario. Le imprese rientranti nel programma e che ricevono RMB devono informare la propria banca designata entro cinque giorni lavorativi, mentre le imprese che effettuano pagamenti in RMB devono informare una banca competente al momento del pagamento verso l impresa estera. 1 The Administrative Measures for the Pilot Program for the RMB Settlement of Cross-border Trading Transactions ( Administrative Measures ). Le Administrative Measures sono integrate da Detailed Implementation Rules of the Pilot Administrative Measures on RMB Settlement in Cross-border Trade. 2 The Circular on Related Issues Concerning Expanding the Trial Settlement of Cross-border Trading Transactions ( Circular ) 3 The Circular on Issues Concerning the Administration of Enterprises Settling Goods Export in RMB (yinfa [2012] No.23) 4 Notice Concerning Relevant Issues on Tax Rebate (Exemption) on Exported Goods Settled in RMB in Cross-border Trade ( Notice ) CHINA BRIEFING

11 Domande e risposte Q & A Pagamento delle royalties: come funziona? Le royalties sono compensi pagati per l utilizzo di proprietà intellettuale, come marchi registrati, brevetti, diritti e tecnologia di proprietà riservata. I pagamenti delle royalties sono soggetti a ritenuta d acconto, IVA/business tax, imposta sulla costruzione e manutenzione dei centri urbani (Urban and Construction Maintenance Tax), addizionale a supporto del sistema scolastico centrale (Education Surcharge) e locale (Local Education Surcharge). L imposta sul reddito societario (Corporate Income Tax) non è applicabile. Il quartier generale è inoltre soggetto al 10% di ritenuta d acconto sui profitti delle royalties generati in Cina, che non siano distintamente riconducibili ad uno stabilimento separato o luogo di attività separato posseduti dallo stesso in Cina. Può essere applicata un aliquota agevolata nel caso in cui il quartier generale abbia il domicilio fiscale in un paese che ha firmato un accordo fiscale contro la doppia imposizione con la Cina. Il soggetto giuridico cinese agisce da sostituto d imposta nel trattenere alla fonte la tassa sulle royalties. La procedura di pagamento di fees sulle royalties differisce dal pagamento di compensi su servizi per alcuni punti chiave. La registrazione per l importazione e l esportazione di tecnologia presso il Ministero del Commercio (MOFCOM) è obbligatoria per poter ottenere in seguito una riduzione sull aliquota nella ritenuta d acconto in caso di accordi fiscali. Infine, per poter procedere al pagamento delle royalties, l oggetto sociale della società a totale partecipazione estera, così come riportato nella licenza commerciale, deve contenere la dicitura import and export trade. Quando si presenta l obbligo di ritenuta d acconto? Se il pagamento è effettuato... Prima/ in L obbligo si presenta quando il pagamento è effettuato. Data di Pagamento Stipulata nel Contratto Dopo La registrazione per l importazione e l esportazione di tecnologia presso il MOFCOM è obbligatoria per poter ottenere in seguito una riduzione sull aliquota nella ritenuta d acconto in caso di accordi fiscali. Irene Zhong Se il pagamento è posticipato, ma l affiliata cinese ha dedotto dalla propria dichiarazione dei redditi annuale il costo relativo, l obbligo si presenta il giorno in cui viene presentata la dichiarazione sull imposta del reddito societario annuale (CIT) dell affiliata cinese stessa. Servizi di contabilità aziendale Dezan Shira & Associates, ufficio di Pechino? Domande sulle vostre attività in Cina? Scriveteci a Le domande selezionate riceveranno risposta qui oppure su Letture consigliate La riforma dell imposta sul valore aggiunto China Briefing Luglio/agosto 2012 Come previsto dal programma di riforma fiscale in Cina, in base al XII Piano Quinquennale ( ), l imposta sul valore aggiunto (IVA) sostituirà la business tax. Per fare un po di chiarezza sull argomento, e sull IVA in generale, risponderemo in questo numero di China Briefing, ad una serie di domande relative all imposta sul valore aggiunto. Curiosità su altri aspetti del sistema fiscale in Cina? Entrate nel gruppo di discussione LinkedIn di Dezan Shira & Associates Q&A. Leggete le notizie e gli aggiornamenti sull argomento su CHINA BRIEFING - 11

12 Per quando dovete bussare ad entrambe le porte Vent anni di Eccellenza Consulenza sugli investimenti in Cina Registrazione societaria, due diligence, consulenza legale, pianificazione fiscale, contabilità, gestione libri paga, revisione contabile e compliance aziendale Beijing: Dalian: Qingdao: Tianjin: Shanghai: Hangzhou: Ningbo: Suzhou: Guangzhou: Zhongshan: Shenzhen: Hong Kong: Scannerizzate questo QR code con il vostro smartphone per visitare Dezan Shira & Associates China India Vietnam Singapore

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

ALLAN LAPORTE Staff - Tax Compliance. certified public accountants tax & financial advisors. allan.laporte @funaro.com. www.funaro.

ALLAN LAPORTE Staff - Tax Compliance. certified public accountants tax & financial advisors. allan.laporte @funaro.com. www.funaro. certified public accountants tax & financial advisors www.funaro.com certified public accountants tax & financial advisors CHI SIAMO Funaro & Co. è uno studio di Certified Public Accountants e Dottori

Dettagli

FOCUS CINA SPEDIZIONI E SOLUZIONI LOGISTICHE PER IL MERCATO CINESE

FOCUS CINA SPEDIZIONI E SOLUZIONI LOGISTICHE PER IL MERCATO CINESE FOCUS CINA SPEDIZIONI E SOLUZIONI LOGISTICHE PER IL MERCATO CINESE TUVIA IN CINA Il Gruppo TUVIA è presente in Cina dal 2008 con uffici diretti a Shanghai, Pechino e Hong Kong. PECHINO Oltre alle filiali,

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA I DESTINATION CENTER I Destination Center COS è UN DESTINATION CENTER? SHOPPING SPORT DIVERTIMENTO Un Destination Center e una combinazione di aree tematiche,

Dettagli

Il REGIME FISCALE DEGLI STATI UNITI

Il REGIME FISCALE DEGLI STATI UNITI Il REGIME FISCALE DEGLI STATI UNITI Introduzione L imposta sul reddito delle persone fisiche Residenza Fiscale Aliquote 2004 L imposta sul reddito delle persone giuridiche (corporate tax) Aliquote 2004

Dettagli

ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina. Data evasione. Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098

ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina. Data evasione. Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098 Vs. richiesta su ZHEJIANG YUEJIN IMPORT CO LTD - Cina Recte ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina Cliente ALFA SPA Data evasione Redattore E.L./FC Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098 Zhejiang Yuejin

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Il Governo della Repubblica Italiana ed il Governo del Regno del Marocco (qui

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI

LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI Articolo 1 Son fissati, conformemente alle disposizioni del secondo alinea dell art. 45 della Costituzione, gli obiettivi fondamentali dell azione delo Stato, per i prossimi

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

10. Panoramica del sistema fiscale svizzero.

10. Panoramica del sistema fiscale svizzero. 10. Panoramica del sistema fiscale svizzero. Il sistema fiscale svizzero riflette l assetto federale del Paese, composto da 26 cantoni sovrani con circa 2 551 comuni indipendenti (al 1º gennaio 2011).

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale www.bsp.lu Dicembre 2013 1 Con la Legge 22 marzo 2004, il Lussemburgo si è dotato, di uno strumento legislativo completo che ha

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

La Normativa del Lavoro in Cina

La Normativa del Lavoro in Cina La Normativa del Lavoro in Cina di Giovanni Pisacane g.pisacane@greatwayadvisory.com www.greatwaylimited.com Corriere Asia Publishing Ltd. www.corriereasia.com quaderni e approfondimenti LA NORMATIVA DEL

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO Data release 1/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

«Ogni società, grande o piccola che sia, ha bisogno di una serie di standard di guida che ne regolino i comportamenti interni ed esterni.

«Ogni società, grande o piccola che sia, ha bisogno di una serie di standard di guida che ne regolino i comportamenti interni ed esterni. «Ogni società, grande o piccola che sia, ha bisogno di una serie di standard di guida che ne regolino i comportamenti interni ed esterni.» Code of Conduct Comunicazione del CEO «Ogni società, grande o

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life 3 Indice 1. Autorizzazione e valori depositati 4 2. Apertura di un deposito 4 3. Autorizzazione di iscrizione

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

Relazione di valutazione

Relazione di valutazione Tribunale Civile e Penale di Milano Esecuzioni Immobiliari N. 10967/2009 RG Giudice: dott. Boroni Valentina * * * * Con provvedimento del Giudice dott. Boroni Valentina del 24 giugno 2010 il sottoscritto

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

Aggiornato al 19/12/2014 1

Aggiornato al 19/12/2014 1 SERVIZI Estero Foglio Informativo n. 041108 Finanziamenti Import TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI INFORMAZIONI SULLA BANCA

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA

OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA Le presenti Linee Guida si applicano ad ogni amministratore, direttore, dipendente a tempo pieno o parziale, docente, esterno

Dettagli

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.4 1 La Markets

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY)

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) 15.11.2013 La presente politica intende definire la strategia di esecuzione degli ordini di negoziazione inerenti a strumenti finanziari

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto

Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto Negli ultimi mesi lo scenario europeo ha avuto un'evoluzione nuova e positiva. I margini di flessibilità del Fiscal Compact sono

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

MANUALE DELL OCSE SULLA SENSIBILIZZAZIONE ALLA CORRUZIONE AD USO DEI VERIFICATORI

MANUALE DELL OCSE SULLA SENSIBILIZZAZIONE ALLA CORRUZIONE AD USO DEI VERIFICATORI CENTRE FOR TAX POLICY AND ADMINISTRATION ORGANISATION FOR ECONOMIC CO-OPERATION AND DEVELOPMENT MANUALE DELL OCSE SULLA SENSIBILIZZAZIONE ALLA CORRUZIONE AD USO DEI VERIFICATORI OECD Bribery Awareness

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (IN VIGORE DAL 1 DICEMBRE 2014) INDICE POLITICA... 1 1 DISPOSIZIONI

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli