Pianificazione di massima delle attività ed organizzazione delle pulizie di presidio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Pianificazione di massima delle attività ed organizzazione delle pulizie di presidio"

Transcript

1 Allegato n. 2 al CT Pianificazione di massima delle attività ed organizzazione delle pulizie di presidio SERVIZIO AMBIENTALE INTEGRATO DEI COMPLESSI IMMOBILIARI DELLE GRANDI STAZIONI Allegato n. 2 al CAPITOLATO TECNICO LOTTO 2 Pianificazione di massima delle attività ed organizzazione delle pulizie di presidio 1

2 Allegato n. 2 al CT Pianificazione di massima delle attività ed organizzazione delle pulizie di presidio PREMESSA Nel presente allegato è indicata la pianificazione di massima delle attività secondo la seguente classificazione: 1) Pianificazione di massima delle attività di PULIZIA; 2) Organizzazione delle PULIZIE DI PRESIDIO; 3) Pianificazione di massima del servizo di GESTIONE RIFIUTI; 4) Pianificazione di massima del servizio di MANTENIMENTO DELLE AREE A VERDE. 1

3 Allegato n. 2 al CT Pianificazione di massima delle attività ed organizzazione delle pulizie di presidio 1) PIANIFICAZIONE DI MASSIMA DELLE ATTIVITA DI PULIZIA. 2

4 Allegato n. 2 al CT Pianificazione di massima delle attività ed organizzazione delle pulizie di presidio Stazione di Palermo Descrizione Attività / Frequenza Orario termine attività (entro le ore) Stazione Descrizione Area/Ambito Tipologia di pulizia Numero interventi giorno (Standard,Passaggi orari, Ripassi) Frequenza Annua degli interventi 1 intervento 2 intervento 3 intervento Palermo Sale Eurostar e/o AV e relativi Servizi Igienici Standard avvio giornata 1, Palermo Sale Eurostar e/o AV e relativi Servizi Igienici Passaggi Orari 2, Palermo Sale Eurostar e/o AV e relativi Servizi Igienici Ripassi 3, Palermo Sale Eurostar e/o AV e relativi Servizi Igienici Radicali Palermo Sale D'Attesa Standard avvio giornata 1, Palermo Sale D'Attesa Passaggi Orari 2, Palermo Sale D'Attesa Ripassi 3, Palermo Sale D'Attesa Radicali Palermo Atri Standard avvio giornata 1, Palermo Atri Passaggi Orari 1, Palermo Atri Ripassi 2, Palermo Atri Radicali Palermo Marciapiedi Standard avvio giornata 1, Palermo Marciapiedi Passaggi Orari 1, Palermo Marciapiedi Ripassi 1, Palermo Marciapiedi Radicali Palermo Marciapiedi Esterno Stazione Standard avvio giornata 1, Palermo Marciapiedi Esterno Stazione Passaggi Orari 1, Palermo Marciapiedi Esterno Stazione Radicali Palermo Cunicoli Standard Avvio giornata 1, Palermo Cunicoli Radicali Palermo Aree Varie Standard Avvio giornata 1, Palermo Aree Varie Radicali Palermo Uffici 365 Standard Avvio giornata 1, Palermo Uffici 365 Ripassi 2, Palermo Uffici 365 Radicali Palermo Spogliatoi Standard Avvio giornata 1, Palermo Spogliatoi Passaggi Orari 2, Palermo Spogliatoi Ripassi 1, Palermo Spogliatoi Radicali Palermo Uffici 252 Standard Avvio giornata 1, Palermo Uffici 252 Ripassi 1, Palermo Uffici 252 Radicali 4 Palermo Tutte le aree Derattizzazione 12 Palermo Tutte le aree Disinfestazione 12 L'orario delle attività di pulizia relative agli uffici ed agli spogliatoi è indicativo ed è subordinato all'accettazione delle strutture occupanti gli ambienti medesimi. L'orario delle attività di Disinfestazione e Derattizzazione sarà definito nell'ambito dello specifico Programma di interventi di cui al Capitolato Tecnico. 3

5 Allegato n. 2 al CT Pianificazione di massima delle attività ed organizzazione delle pulizie di presidio Stazione di Bari Descrizione Attività / Frequenza Orario termine attività (entro le ore) Stazione Descrizione Area/Ambito Tipologia di pulizia Numero interventi giorno (Standard,Passaggi orari, Ripassi) Frequenza Annua degli interventi 1 intervento 2 intervento 3 intervento Bari Sale Eurostar Standard avvio giornata 1, Bari Sale Eurostar Passaggi Orari 2, Bari Sale Eurostar Ripassi 3, Bari Sale Eurostar Radicali 1, Bari Sale D'Attesa Standard avvio giornata 1, Bari Sale D'Attesa Passaggi Orari 2, Bari Sale D'Attesa Ripassi 3, Bari Sale D'Attesa Radicali 1, Bari Atri Standard avvio giornata 1, Bari Atri Passaggi Orari 3, Bari Atri Ripassi 1, Bari Atri Radicali Bari Marciapiedi Standard avvio giornata 1, Bari Marciapiedi Passaggi Orari 1, Bari Marciapiedi Ripassi 1, Bari Marciapiedi Radicali Bari Marciapiedi Esterno Stazione Standard avvio giornata 1, Bari Marciapiedi Esterno Stazione Passaggi Orari 1, Bari Marciapiedi Esterno Stazione Radicali Bari Sottopassaggi Standard avvio giornata 1, Bari Sottopassaggi Passaggi Orari 1, Bari Sottopassaggi Radicali Bari Cunicoli Standard Avvio giornata 1, Bari Cunicoli Radicali Bari Aree Varie Standard Avvio giornata 1, Bari Aree Varie Radicali Bari Uffici 365 Standard Avvio giornata 1, Bari Uffici 365 Ripassi 2, Bari Uffici 365 Radicali Bari Spogliatoi Standard Avvio giornata 1, Bari Spogliatoi Passaggi Orari 2, Bari Spogliatoi Ripassi 1, Bari Spogliatoi Radicali Bari Uffici 252 Standard Avvio giornata 1, Bari Uffici 252 Ripassi 1, Bari Uffici 252 Radicali Bari Tutte le aree Derattizzazione 12 Bari Tutte le aree Disinfestazione 12 L'orario delle attività di pulizia relative agli uffici ed agli spogliatoi è indicativo ed è subordinato all'accettazione delle strutture occupanti gli ambienti medesimi. L'orario delle attività di Disinfestazione e Derattizzazione sarà definito nell'ambito dello specifico Programma di interventi di cui al Capitolato Tecnico. 4

6 Allegato n. 2 al CT Pianificazione di massima delle attività ed organizzazione delle pulizie di presidio Stazione di Napoli Descrizione Attività / Frequenza Orario termine attività (entro le ore) Stazione Descrizione Area/Ambito Tipologia di pulizia Numero interventi giorno (Standard,Passaggi orari, Ripassi) Frequenza Annua degli interventi 1 intervento 2 intervento 3 intervento Napoli Sale Eurostar Standard avvio giornata 1, Napoli Sale Eurostar Passaggi Orari 2, Napoli Sale Eurostar Ripassi 3, Napoli Sale Eurostar Radicali Napoli Atri Standard avvio giornata 1, Napoli Atri Passaggi Orari 1, Napoli Atri Ripassi 2, Napoli Atri Radicali Napoli Marciapiedi Standard avvio giornata 1, Napoli Marciapiedi Passaggi Orari 1, Napoli Marciapiedi Ripassi 3, Napoli Marciapiedi Radicali Napoli Marciapiedi Esterno Stazione Standard avvio giornata 1, Napoli Marciapiedi Esterno Stazione Passaggi Orari 2, Napoli Marciapiedi Esterno Stazione Radicali Napoli Sottopassaggi Standard avvio giornata 1, Napoli Sottopassaggi Passaggi Orari 1, Napoli Sottopassaggi Radicali Napoli Cunicoli Standard Avvio giornata 1, Napoli Cunicoli Radicali Napoli Aree Varie Standard Avvio giornata 1, Napoli Aree Varie Radicali Napoli Uffici 365 Standard Avvio giornata 1, Napoli Uffici 365 Ripassi 2, Napoli Uffici 365 Radicali Napoli Spogliatoi Standard Avvio giornata 1, Napoli Spogliatoi Passaggi Orari 2, Napoli Spogliatoi Ripassi 1, Napoli Spogliatoi Radicali Napoli Uffici 252 Standard Avvio giornata 1, Napoli Uffici 252 Ripassi 1, Napoli Uffici 252 Radicali Napoli F- Atri Standard avvio giornata 1, Napoli F- Atri Passaggi Orari 1, Napoli F- Atri Ripassi 2, Napoli F- Atri Radicali Napoli Tutte le aree Derattizzazione 1,00 12 Napoli Tutte le aree Disinfestazione 1,00 12 L'orario delle attività di pulizia relative agli uffici ed agli spogliatoi è indicativo ed è subordinato all'accettazione delle strutture occupanti gli ambienti medesimi. L'orario delle attività di Disinfestazione e Derattizzazione sarà definito nell'ambito dello specifico Programma di interventi di cui al Capitolato Tecnico. 5

7 Allegato n. 2 al CT Pianificazione di massima delle attività ed organizzazione delle pulizie di presidio Stazione di Roma Descrizione Attività / Frequenza Orario termine attività (entro le ore) Stazione Descrizione Area/Ambito Tipologia di pulizia Numero interventi giorno (Standard,Passaggi orari, Ripassi) Frequenza Annua degli interventi 1 intervento 2 intervento 3 intervento 4 intervento 5 intervento 6 intervento 7 intervento Roma Sale Eurostar Standard avvio giornata 1, Roma Sale Eurostar Passaggi Orari 2, Roma Sale Eurostar Ripassi 3, Roma Sale Eurostar Radicali Roma Sale Viaggiatori Standard avvio giornata 1, Roma Sale Viaggiatori Passaggi Orari 2, Roma Sale Viaggiatori Ripassi 3, Roma Sale Viaggiatori Radicali Roma Atri Standard avvio giornata 1, Roma Atri Passaggi Orari 3, Roma Atri Ripassi 7, Roma Atri Radicali Roma Marciapiedi Standard avvio giornata 1, Roma Marciapiedi Passaggi Orari 3, Roma Marciapiedi Ripassi 5, Roma Marciapiedi Radicali Roma Marciapiedi Esterno Stazione Standard avvio giornata 1, Roma Marciapiedi Esterno Stazione Passaggi Orari 4, Roma Marciapiedi Esterno Stazione Radicali Roma Sottopassaggi Standard avvio giornata 1, Roma Sottopassaggi Passaggi Orari 2, Roma Sottopassaggi Ripassi 2, Roma Sottopassaggi Radicali Roma Cunicoli Standard Avvio giornata 1, Roma Cunicoli Radicali Roma Aree Varie Standard Avvio giornata 1, Roma Aree Varie Radicali Roma Uffici 365 Standard Avvio giornata 1, Roma Uffici 365 Ripassi 2, Roma Uffici 365 Radicali Roma Spogliatoi Standard Avvio giornata 1, Roma Spogliatoi Passaggi Orari 2, Roma Spogliatoi Ripassi 1, Roma Spogliatoi Radicali Roma Uffici 252 Standard Avvio giornata 1, Roma Uffici 252 Ripassi 1, Roma Uffici 252 Radicali Roma F- Servizi Igienici non a Pagamento Standard Avvio giornata 1, Roma F- Servizi Igienici non a Pagamento Passaggi Orari 1, Roma F- Servizi Igienici non a Pagamento Radicali Roma F- Atri Standard avvio giornata 1, Roma F- Atri Passaggi Orari 3, Roma F- Atri Ripassi 7, Roma F- Atri Radicali Roma F- Marciapiedi Esterno Stazione Standard avvio giornata 1, Roma F- Marciapiedi Esterno Stazione Passaggi Orari 4, Roma F- Marciapiedi Esterno Stazione Radicali Roma F - Sottopassaggi Standard avvio giornata 1, Roma F - Sottopassaggi Passaggi Orari 2, Roma F - Sottopassaggi Ripassi 2, Roma F - Sottopassaggi Radicali Roma F - Cunicoli Standard Avvio giornata 1, Roma F - Cunicoli Radicali Roma F - Uffici 252 Standard Avvio giornata 1, Roma F - Uffici 252 Ripassi 1, Roma F - Uffici 252 Radicali Roma Tutte le aree Derattizzazione 12 Roma Tutte le aree Disinfestazione 12 L'orario delle attività di pulizia relative agli uffici ed agli spogliatoi è indicativo ed è subordinato all'accettazione delle strutture occupanti gli ambienti medesimi. L'orario delle attività di Disinfestazione e Derattizzazione sarà definito nell'ambito dello specifico Programma di interventi di cui al Capitolato Tecnico. 6

8 Allegato n. 2 al CT Pianificazione di massima delle attività ed organizzazione delle pulizie di presidio Stazione di Firenze Descrizione Attività / Frequenza Orario termine attività (entro le ore) Stazione Descrizione Area/Ambito Tipologia di pulizia Numero interventi giorno (Standard,Passaggi orari, Ripassi) Frequenza Annua degli interventi 1 intervento 2 intervento 3 intervento Firenze Sale Eurostar Standard avvio giornata 1, Firenze Sale Eurostar Passaggi Orari 2, Firenze Sale Eurostar Ripassi 3, Firenze Sale Eurostar Radicali Firenze Sale Viaggiatori Standard avvio giornata 1, Firenze Sale Viaggiatori Passaggi Orari 2, Firenze Sale Viaggiatori Ripassi 3, Firenze Sale Viaggiatori Radicali Firenze Atri Standard avvio giornata 1, Firenze Atri Passaggi Orari 1, Firenze Atri Ripassi 2, Firenze Atri Radicali Firenze Marciapiedi Standard avvio giornata 1, Firenze Marciapiedi Passaggi Orari 1, Firenze Marciapiedi Ripassi 3, Firenze Marciapiedi Radicali Firenze Marciapiedi Esterno Stazione Standard avvio giornata 1, Firenze Marciapiedi Esterno Stazione Passaggi Orari 2, Firenze Marciapiedi Esterno Stazione Radicali Firenze Sottopassaggi Standard avvio giornata 1, Firenze Sottopassaggi Passaggi Orari 1, Firenze Sottopassaggi Ripassi 1, Firenze Sottopassaggi Radicali Firenze Cunicoli Standard Avvio giornata 1, Firenze Cunicoli Radicali Firenze Aree Varie Standard Avvio giornata 1, Firenze Aree Varie Radicali Firenze Uffici 365 Standard Avvio giornata 1, Firenze Uffici 365 Ripassi 2, Firenze Uffici 365 Radicali Firenze Spogliatoi Standard Avvio giornata 1, Firenze Spogliatoi Passaggi Orari 2, Firenze Spogliatoi Ripassi 1, Firenze Spogliatoi Radicali Firenze Uffici 252 Standard Avvio giornata 1, Firenze Uffici 252 Ripassi 1, Firenze Uffici 252 Radicali Firenze Tutte le aree Derattizzazione 12 Firenze Tutte le aree Disinfestazione 12 L'orario delle attività di pulizia relative agli uffici ed agli spogliatoi è indicativo ed è subordinato all'accettazione delle strutture occupanti gli ambienti medesimi. L'orario delle attività di Disinfestazione e Derattizzazione sarà definito nell'ambito dello specifico Programma di interventi di cui al Capitolato Tecnico. 7

9 Allegato n. 2 al CT Pianificazione di massima delle attività ed organizzazione delle pulizie di presidio Stazione di Bologna Descrizione Attività / Frequenza Orario termine attività (entro le ore) Stazione Descrizione Area/Ambito Tipologia di pulizia Numero interventi giorno (Standard,Passaggi orari, Ripassi) Frequenza Annua degli interventi 1 intervento 2 intervento 3 intervento 4 intervento Bologna Sale Eurostar Standard avvio giornata 1, Bologna Sale Eurostar Passaggi Orari 2, Bologna Sale Eurostar Ripassi 3, Bologna Sale Eurostar Radicali Bologna Sale D'Attesa Standard avvio giornata 1, Bologna Sale D'Attesa Passaggi Orari 2, Bologna Sale D'Attesa Ripassi 3, Bologna Sale D'Attesa Radicali Bologna Servizi Igienici di Stazione Standard avvio giornata 1, Bologna Servizi Igienici di Stazione Radicali Bologna Atri Standard avvio giornata 1, Bologna Atri Passaggi Orari 4, Bologna Atri Ripassi 2, Bologna Atri Radicali Bologna Marciapiedi Standard avvio giornata 1, Bologna Marciapiedi Passaggi Orari 1, Bologna Marciapiedi Ripassi 3, Bologna Marciapiedi Radicali Bologna Marciapiedi Esterno Stazione Standard avvio giornata 1, Bologna Marciapiedi Esterno Stazione Passaggi Orari 1, Bologna Marciapiedi Esterno Stazione Radicali Bologna Sottopassaggi Standard avvio giornata 1, Bologna Sottopassaggi Radicali Bologna Cunicoli Standard Avvio giornata 1, Bologna Cunicoli Radicali Bologna Aree Varie Standard Avvio giornata 1, Bologna Aree Varie Radicali Bologna Uffici 365 Standard Avvio giornata 1, Bologna Uffici 365 Ripassi 2, Bologna Uffici 365 Radicali Bologna Spogliatoi Standard Avvio giornata 1, Bologna Spogliatoi Passaggi Orari 2, Bologna Spogliatoi Ripassi 1, Bologna Spogliatoi Radicali Bologna Uffici 252 Standard Avvio giornata 1, Bologna Uffici 252 Ripassi 1, Bologna Uffici 252 Radicali Bologna Tutte le aree Derattizzazione 12 Bologna Tutte le aree Disinfestazione 12 L'orario delle attività di pulizia relative agli uffici ed agli spogliatoi è indicativo ed è subordinato all'accettazione delle strutture occupanti gli ambienti medesimi. L'orario delle attività di Disinfestazione e Derattizzazione sarà definito nell'ambito dello specifico Programma di interventi di cui al Capitolato Tecnico. 8

10 Allegato n. 2 al CT Pianificazione di massima delle attività ed organizzazione delle pulizie di presidio 2) ORGANIZZAZIONE DELLE PULIZIE DI PRESIDIO. Stazione Presidio Fasce orarie Macchine da impiegare ore fascia Unità Ore Palermo Atri M ,00 Palermo Atri M ,00 Palermo Atri M ,00 Palermo Atri M ,00 Palermo Atri Ore 22,00 Palermo Marciapiedi M ,00 Palermo Marciapiedi M ,00 Palermo Marciapiedi M ,00 Palermo Marciapiedi M ,00 Palermo Marciapiedi Ore 30,00 Stazione Presidio Fasce orarie Macchine da impiegare ore fascia Unità Ore Bari Marciapiedi M ,00 Bari Marciapiedi M ,00 Bari Marciapiedi M ,00 Bari Marciapiedi M ,00 Bari Marciapiedi Ore 22,00 Bari Sottopassaggi L ,00 Bari Sottopassaggi L ,00 Bari Sottopassaggi L ,50 Bari Sottopassaggi L ,50 Bari Sottopassaggi L ,00 Bari Sottopassaggi Ore 9,00 Stazione Presidio Fasce orarie Macchine da Ore ore fascia Unità impiegare (algebrico) Napoli Atri M ,00 Napoli Atri M ,00 Napoli Atri M ,00 Napoli Atri M ,00 Napoli Atri Ore 68,00 Napoli Marciapiedi M ,50 Napoli Marciapiedi M ,00 Napoli Marciapiedi M ,50 Napoli Marciapiedi M ,00 Napoli Marciapiedi M ,00 Napoli Marciapiedi Ore 66,00 Napoli F- Atri L ,00 Napoli F- Atri L ,00 Napoli F- Atri L ,00 Napoli F- Atri L ,00 Napoli F- Atri Ore 53,00 Stazione Presidio Fasce orarie Macchine da Ore ore fascia Unità impiegare (algebrico) Roma Atri M ,00 Roma Atri M ,00 Roma Atri M ,00 Roma Atri M ,50 Roma Atri M ,00 Roma Atri Ore 63,50 Roma Marciapiedi M ,00 Roma Marciapiedi M ,00 Roma Marciapiedi M ,00 Roma Marciapiedi M ,00 Roma Marciapiedi Ore 64,00 Roma F- Atri L ,00 Roma F- Atri L ,50 Roma F- Atri L ,50 Roma F- Atri L ,00 Roma F- Atri L ,00 Roma F- Atri L ,00 Roma F- Atri L ,00 Roma F- Atri L ,50 Roma F- Atri L ,50 Roma F- Atri Ore 15,00 Roma F - Sottopassaggi L ,00 Roma F - Sottopassaggi L ,50 Roma F - Sottopassaggi L ,50 Roma F - Sottopassaggi L ,00 Roma F - Sottopassaggi L ,00 Roma F - Sottopassaggi L ,00 Roma F - Sottopassaggi L ,50 Roma F - Sottopassaggi Ore 14,50 9

11 Allegato n. 2 al CT Pianificazione di massima delle attività ed organizzazione delle pulizie di presidio Stazione Presidio Fasce orarie Macchine da Ore ore fascia Unità impiegare (algebrico) Firenze Atri M ,00 Firenze Atri M ,00 Firenze Atri M ,00 Firenze Atri M ,00 Firenze Atri Ore 33,00 Firenze Marciapiedi M ,00 Firenze Marciapiedi M ,00 Firenze Marciapiedi M ,00 Firenze Marciapiedi M ,00 Firenze Marciapiedi Ore 33,00 Stazione Presidio Fasce orarie Macchine da Ore ore fascia Unità impiegare (algebrico) Bologna Servizi igienici di stazione n.p ,00 Bologna Servizi igienici di stazione n.p ,00 Bologna Servizi igienici di stazione Ore 10,00 Bologna Marciapiedi M ,00 Bologna Marciapiedi M ,00 Bologna Marciapiedi M ,50 Bologna Marciapiedi M ,00 Bologna Marciapiedi Ore 52,50 Bologna Sottopassaggi L ,00 Bologna Sottopassaggi L ,00 Bologna Sottopassaggi L ,00 Bologna Sottopassaggi L ,00 Bologna Sottopassaggi Ore 15,00 legenda macchine M.4500 Motospazzatrice da 4500 mq. orari M.5500 Motospazzatrice da 5500 mq. orari L.3500 Lavasciuga da 3500 mq. orari L.5500 Lavasciuga da 5500 mq. orari L.900 Lavasciuga da 900 mq. orari 10

12 Allegato n. 2 al CT Pianificazione di massima delle attività ed organizzazione delle pulizie di presidio 3) PIANIFICAZIONE DI MASSIMA DEL SERVIZIO DI GESTIONE RIFIUTI. Stazione di Roma Termini Stazione di Napoli C.le Presidio area stoccaggio rifiuti Fasce Orarie Fasce Orarie N unità Ore giorno N unità Ore giorno dalle alle dalle alle Raccolta Porta a Porta e conferimento rifiuti Tasporto Carrelli Area Orario trasporto 1 Intervento Intervento Intervento Transito 4 Intervento Unificato Intervento Intervento Intervento Intervento Intervento Intervento Cunicolo "C" Intervento Intervento Intervento ) PIANIFICAZIONE DI MASSIMA DEL SERVIZIO DI MANTENIMENTO DELLE AREE A VERDE. Pianificazione di massima del Servizio di Mantenimento delle Aree a Verde PULIZIA Ambienti sottoposti a pulizia Cadenza Interventi Aiuole Fiorere Giardini n. 1 / settimana n. 1 / settimana n. 1 / settimana MANTENIMENTO Irrigazione Tosatura del manto erboso Potatura alberi, arbusti Utilizzo Utilizzo diserbanti/antiparassit diserbanti/antiparassitari ari manto erboso alberi, arbusti e siepi Concimazione Gen 2 interventi 1 intervento Feb 2 interventi Mar 1 volta a settimana 1 intervento 1 intervento Apr 1 volta a settimana Mag 2 volte a settimana 1 volta a settimana 1 intervento Giu 3 volte a settimana 2 volte a settimana 6 interventi 1 intervento Lug 3 volte a settimana 2 volte a settimana (antigerminante; selettivo; pungicida.) 1 intervento Ago 3 volte a settimana 2 volte a settimana 1 intervento Set 2 volte a settimana 2 volte a settimana 1 intervento Ott 2 volte a settimana 1 intervento 1 intervento Nov 1 volta a settimana 1 intervento Dic 2 interventi TOTALE INTERVENTI ANNUI

13 Allegato n. 3 al CT Elenco Prezzi Unitari Annui e per Prestazioni Straordinarie SERVIZIO AMBIENTALE INTEGRATO DEI COMPLESSI IMMOBILIARI DELLE GRANDI STAZIONI Allegato n. 3 al CAPITOLATO TECNICO LOTTO 2 Elenco Prezzi Unitari Annui e per Prestazioni Straordinarie 1

14 Allegato n. 3 al CT Elenco Prezzi Unitari Annui e per Prestazioni Straordinarie I seguenti prezzi unitari saranno soggetti ad adeguamento annuale a decorrere dal mese di Gennaio dell anno successivo a quello di avvio dell esecuzione del servizio con applicazione delle variazioni dell indice ISTAT generale nazionale dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati. 1) PULIZIE. PULIZIE ELENCO PREZZI UNITARI ANNUI EURO / MQ ANNO A C D Tipologia Pulizia Sale eurostar e/o AV Sale viaggiatori Sale d'attesa Servizi Igienici di stazione Atri Marciapiedi Marciapiedi esterno stazione Sottopassaggi Cunicoli Aree Varie Uffici 365 Spogliatoi Uffici 252 F- Servizi Igienici non a Pagamento F- Atri F- Marciapiede Esterno Stazione F- Sottopassaggi F - Cunicoli F- Uffici 252 Standard Avvio giornata 30, , , , ,1482 3,8568 3,5980 7,3651 2,3325 2, , , , , ,1482 3,5980 7,3651 2, ,3648 Passaggi Orari 18, , , ,1653 4,6984 2,2398 4,1733 4, , , , ,1653 4,6984 4,1733 4, Ripassi 12, , , ,9097 0,3062 1,2689-0, , , , ,9097 0,3062-0, ,2879 Radicali 3,1922 3,0224 2,9070 5,6292 4,8561 0,4941 0,4891 0,6352 1,4178 1,4178 2,9541 3,7287 0,9813 5,6292 4,8561 0,4891 0,6352 1,4178 0,9813 Presidio EURO / ORA 27,4412 Frequenze annue A C D E Tipologia Pulizia Sale eurostar e/o AV Sale viaggiatori Sale d'attesa Servizi Igienici di stazione Atri Marciapiedi Marciapiedi esterno stazione Sottopassaggi Cunicoli Aree Varie Uffici 365 Spogliatoi Uffici 252 F- Servizi Igienici non a Pagamento F- Atri F- Marciapiede Esterno Stazione F- Sottopassaggi F - Cunicoli F- Uffici 252 Standard Avvio giornata Passaggi Orari Ripassi Radicali PULIZIE ELENCO PREZZI PER PRESTAZIONI STRAORDINARIE EURO / MQ INTERVENTO A C D Tipologia Pulizia Sale eurostar e/o AV Sale viaggiatori Sale d'attesa Servizi Igienici di stazione Atri Marciapiedi Marciapiedi esterno stazione Sottopassaggi Cunicoli Aree Varie Uffici 365 Spogliatoi Uffici 252 F- Servizi Igienici non a Pagamento F- Atri F- Marciapiede Esterno Stazione F- Sottopassaggi F - Cunicoli F- Uffici 252 Standard Avvio giornata 0,0932 0,0773 0,0501 0,2209 0,0336 0,0116 0,0108 0,0222 0,0102 0,0102 0,0798 0,0935 0,0801 0,2209 0,0336 0,0108 0,0222 0,0102 0,0801 Passaggi Orari 0,0567 0,0411 0,0411 0,2687 0,0142 0,0068 0,0126 0, ,0922 0,0848 0,0922 0,2687 0,0142 0,0126 0,0128-0,0922 Ripassi 0,0379 0,0381 0,0354 0,1745 0,0009 0,0038-0, ,0755 0,0755 0,0755 0,1745 0,0009-0,0001-0,0755 Radicali 0,2926 0,2770 0,2665 0,5160 0,4451 0,1359 0,1345 0,1747 0,1300 0,1300 0,2708 0,3418 0,2699 0,5160 0,4451 0,1345 0,1747 0,1300 0,2699 Presidio EURO / ORA 30,1853 Tali prezzi si applicano indipendentemente dalle fasce orarie, essendo comprensivi di supplemento notturno, festivo e notturno festivo B B B E E F F F 1

15 Allegato n. 3 al CT Elenco Prezzi Unitari Annui e per Prestazioni Straordinarie 2) GESTIONE RIFIUTI. GESTIONE RIFIUTI Tipologia di attività ELENCO PREZZI UNITARI ANNUI EURO / ORA Presidio area stoccaggio rifiuti 21,0153 Trasporto Carrelli 21,0153 Raccolta Porta a Porta 21,0153 GESTIONE RIFIUTI Tipologia di attività ELENCO PREZZI PER PRESTAZIONI STRAORDINARIE EURO / ORA Presidio area stoccaggio rifiuti 23,1168 Trasporto Carrelli 23,1168 Raccolta Porta a Porta 23,1168 Tali prezzi si applicano indipendentemente dalle fasce orarie, essendo comprensivi di supplemento notturno, festivo e notturno festivo 3) MANTENIMENTO AREE A VERDE. COSTI UNITARI ANNUI SERVIZIO MANTENIMENTO AREE A VERDE COSTI PER PRESTAZIONI STRAORDINARIE Tipologia di attività Euro / mq Anno Euro / q.tà Anno Frequenza Interventi Annui Tipologia di attività Euro / mq Intervento Euro / q.tà Intervento Aiuole 7, Aiuole 0,1531 Pulizia Fioriere 7, Pulizia Fioriere 0,1531 Giardino 1, Giardino 0,0302 Aiuole 82, Aiuole 1,7356 Irrigazione Fioriere 82, Irrigazione Fioriere 1,7356 Giardino 6, Giardino 0,1331 Aiuole 5, Aiuole 0,0985 Tosatura Prato Fioriere Tosatura Prato Fioriere Giardino 5, Giardino 0,0985 Aiuole 270, Aiuole 148,9296 Potatura Fioriere 238, Potatura Fioriere 131,0103 Antiparassitari e Diserbo manto erboso siepi e piante Giardino 451, Giardino 248,0558 Aiuole 2, Aiuole 0,3447 Antiparassitari e Diserbo Fioriere 2, Fioriere manto erboso siepi e piante 0,3447 Giardino 2, Giardino 0,3447 Aiuole 3, Aiuole 0,4965 Concimazione Fioriere 3, Concimazione Fioriere 0,4965 Giardino 2, Giardino 0,4099 Tali prezzi si applicano indipendentemente dalle fasce orarie, essendo comprensivi di supplemento notturno, festivo e notturno festivo 2

16 Allegato n. 3 al CT Elenco Prezzi Unitari Annui e per Prestazioni Straordinarie 4) SERVIZIO SGOMBERO NEVE E SPARGIMENTO SALE ANTIGELIVO. SGOMBERO NEVE Tipologia di attività senza utilizzo di macchine "turboneve" con utilizzo di macchine "turboneve" Prezzo per unità addetta al presidio EURO / ORA 30, ,2038 5) ALLONTANAMENTO VOLATILI. ALLONTANAMENTO VOLATILI Prezzo Euro/mq Annuo 0,8987 6) MANTENIMENTO TRATTAMENTO ANTIGRAFFITI. MANTENIMENTO TRATTAMENTO ANTI-GRAFFITI Prezzo Euro/mq Annuo 4,8561 7) SERVIZI DI LOGISTICA. SERVIZI DI LOGISTICA (movimentazioni e traslochi) Prezzo per unità addetta al servizio EURO / ORA Nota 18,00 In caso di eventuali operazioni di smaltimento di rifiuti, la Committente procederà alla preventivazione dell intervento ed alla relativa formalizzazione dello stesso, previa accettazione da parte dell Appaltatore. In caso di disaccordo, la Committente avrà la facoltà di affidare a terzi l esecuzione della suddetta prestazione. 3

17 Allegato n. 4 al CT Disposizione di RFI n. 17 del 26/04/2007 SERVIZIO AMBIENTALE INTEGRATO DEI COMPLESSI IMMOBILIARI DELLE GRANDI STAZIONI Allegato n. 4 al CAPITOLATO TECNICO LOTTO 2 Istruzioni per la circolazione dei carrelli per i servizi interni di stazione e degli impianti ferroviari. (Disposizione di RFI n. 17 del 26/04/07) 1

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

31

32

33

34

35

36

37

38

39

40

41

42

43

44

45

46 SERVIZIO AMBIENTALE INTEGRATO DEI COMPLESSI IMMOBILIARI DELLE GRANDI STAZIONI Allegato n. 5 al CAPITOLATO TECNICO LOTTO 2 Requisiti prestazionali e di qualità. Procedure di controllo e sanzioni 1

47 PREMESSA Nella prospettiva di assicurare alla Clientela la massima e completa fruibilità di tutti gli spazi di stazione, il controllo delle attività tende ad accertare la corrispondenza delle singole prestazioni eseguite dall Appaltatore ai requisiti di cui al Capitolato Tecnico. L Appaltatore condivide il carattere strategico del controllo ed assicura la propria fattiva collaborazione affinché il controllo stesso costituisca una valida occasione per monitorare e migliorare l efficacia della propria azione imprenditoriale. A tal fine l Appaltatore dichiara di condividere i criteri, metodi e modalità applicative del controllo di cui alla presente procedura e di assicurare la presenza di propri rappresentanti al fine di prendere immediata consapevolezza delle eventuali criticità e porre in essere i rimedi conseguenti. La presente procedura, in conformità ai principi sopra enunciati, fissa i criteri e le modalità per l accertamento e la verifica dei requisiti prestazionali e di qualità che sono richiesti per le distinte prestazioni relative a ciascuna Tipologia di Servizio. In particolare nel presente allegato sono specificati: - i requisiti prestazionali e di qualità di ciascun Servizio (indicati nelle schede di controllo di cui al punto 3 del presente documento; - le modalità di esecuzione dei controlli; - le metodologie per la verifica dei livelli prestazionali e di qualità. La Committente eseguirà il controllo avvalendosi di personale diretto ovvero di apposito Organismo di Controllo. In tal caso la Committente fornirà all Appaltatore tutte le informazioni utili per un regolare svolgimento di tale attività. Di seguito con la denominazione Committente si intende sia il rappresentante diretto della stessa, sia l incaricato dell Organismo di Controllo. Applicativo informatico per la gestione delle attività di controllo. Per la gestione del processo relativo alle attività di controllo prestazionale, l Appaltatore dovrà proporre alla Committente, entro 15 giorni dall avvio dell appalto, un apposito applicativo informatico che dovrà essere in grado di: 2

48 gestire i diversi sistemi di controllo (campionario e puntuale) descritti nel presente allegato; gestire le eventuali modifiche alla composizione dei Lotti di Riferimento / Lotti Campione del modello campionario ed ai conseguenti Livelli di Qualità Accettabile; proporre la pianificazione mensile degli atti di controllo sulla base di specifici algoritmi; consentire l esecuzione in campo dei controlli mediante l impiego di palmari e garantire il trasferimento in tempo reale al server dei dati registrati dal palmare; consentire la registrazione del controllo in caso di avaria / malfunzionamento del palmare; consentire l inoltro in tempo reale dell esito negativo del controllo ad una lista definita di utenti; consentire la generazione automatica della contestazione all Appaltatore di ogni singolo controllo con esito negativo; consentire all Appaltatore di inserire nel sistema le proprie controdeduzioni ed alla Committente di esprimere le proprie valutazioni sulle medesime; certificare il rispetto dei tempi previsti dal Contratto per la presentazione delle controdeduzioni da parte dell Appaltatore; calcolare le eventuali sanzioni applicabili all Appaltatore; elaborare la reportistica sulla base dei dati contenuti nel sistema; essere in grado di interfacciarsi con il data base delle consistenze immobiliari utilizzato dalla Committente; consentire alla Committente di accedere al data base. L Appaltatore dovrà inoltre: essere in grado di allocare l applicazione (software e dati) presso la propria infrastruttura informatica ovvero in quella della Committente; garantire la gestione ordinaria del sistema in modo da assicurare la continuità dell erogazione del servizio ed il mantenimento e la consistenza dei dati; gestire i profili utenti ed i relativi permessi di accesso al sistema in base alle indicazioni fornite dalla Committente; effettuare la manutenzione correttiva dell applicativo; 3

49 garantire l assistenza telefonica e/o via agli utenti del sistema in merito all utilizzo dell applicativo e/o in caso di eventuali malfunzionamenti dello stesso, secondo livelli di servizio che saranno definiti al momento dell approvazione dell applicativo da parte della Committente; assicurare la formazione del personale della Committente sull utilizzo dell applicativo e dei relativi algoritmi di calcolo. La Committente esprimerà le proprie valutazioni in merito alla congruità dell applicativo proposto dall Appaltatore, potendone chiedere eventuali integrazioni e/o modifiche, che dovranno essere recepite entro i successivi 60 giorni, e comunicherà, infine, la data di messa in esercizio dell applicativo. In caso di mancato rispetto dei termini previsti per la proposta e l eventuale successiva implementazione dell applicativo (rispettivamente 15 giorni dall avvio dell appalto e 60 giorni dalla comunicazione della Committente), saranno applicate le sanzioni previste al successivo punto

50 1) MODALITA DI ESECUZIONE DEI CONTROLLI. 1.1 NOTIFICAZIONE DEL CONTROLLO Modalità di notificazione. Il controllo sarà svolto previa informativa inviata al Responsabile di stazione dell Appaltatore che ha facoltà di presenziarvi e/o di incaricare suoi delegati. A tal fine la Committente notificherà l esecuzione del controllo mediante comunicazione per posta elettronica o sms. Tali modalità di comunicazione potranno essere concordemente modificate in sede di avvio dell appalto, come indicato al punto M)4 del Capitolato Tecnico Termini per la notificazione. La notifica sarà inoltrata dalla Committente all Appaltatore almeno 15 minuti prima dell inizio dell attività di controllo Contenuti della notificazione. Con la notifica la Committente comunica all Appaltatore il Servizio e la Tipologia dell attività oggetto del controllo, nonché il luogo di incontro all interno del Complesso Immobiliare di stazione. Tale luogo potrà anche essere definito dalla Committente all avvio dell appalto Assenza del contraddittorio. Il controllo sarà valido ed efficace anche se l Appaltatore non vi prenda parte, qualora la Committente abbia seguito le procedure di notifica sopra indicate. I relativi effetti verranno addebitati all Appaltatore senza che lo stesso possa opporre alcuna eccezione circa la regolarità del controllo, fatto salvo la facoltà di proporre controdeduzioni di cui al successivo punto MODALITA DI ESECUZIONE DEI CONTROLLI Metodi di controllo. La Committente, mediante le attività di controllo, accerta il rispetto dei requisiti prestazionali e di qualità, di cui al successivo punto 3, attraverso la valutazione visiva, fermo restando che, per la valutazione dei requisiti non rilevabili con tale metodo, quali la detergenza/disinfezione e la 1

51 disinfezione, la Committente adotterà il metodo colorimetrico di cui al successivo punto Schede di controllo. La Committente eseguirà i controlli mediante la compilazione delle schede, elaborate per ciascuna tipologia di servizio, di cui al successivo punto 3. Tali schede indicano: tipologia di servizio; data ed ora di svolgimento del controllo; i requisiti prestazionali e di qualità per ciascuna tipologia di servizio e, per le pulizie, per ciascuna tipologia di attività, ambito omogeneo e componente elementare; l esito del controllo; le eventuali note formulate dall addetto al controllo; le eventuali note formulate dal rappresentante dell Appaltatore Dimensioni delle superfici oggetto del controllo. Il controllo verrà eseguito su superfici significative delle Aree/Ambiti Omogenei/Componenti Elementari indicati nel Capitolato Tecnico, la cui dimensione minima è illustrata nella successiva tabella. La scelta dell area oggetto del controllo avverrà su base randomica. PULIZIE Ambito Omogeno Sale eurostar e/o AV Sale viaggiatori Sale d'attesa Servizi igienici di stazione Standard Avvio Giornata Intero Ambito Omogeneo Intero Ambito Omogeneo Intero Ambito Omogeneo Intero Ambito Omogeneo Ripassi Passaggi Orari Presidio Radicale Intero Ambito Omogeneo Intero Ambito Omogeneo Intero Ambito Omogeneo Intero Ambito Omogeneo Tipologia di Pulizia Intero Ambito Omogeneo Intero Ambito Omogeneo Intero Ambito Omogeneo Intero Ambito Omogeneo Intero Ambito Omogeneo Intero Ambito Omogeneo Intero Ambito Omogeneo Intero Ambito Omogeneo Intero Ambito Omogeneo Intero Ambito Omogeneo Intero Ambito Omogeneo Intero Ambito Omogeneo Atri 200 mq 200 mq 200 mq 100 mq 200 mq Marciapiedi 400 mq 400 mq 400 mq 400 mq 400 mq Marciapiedi esterno stazione 400 mq 400 mq 400 mq 400 mq 400 mq Sottopassaggi 100 mq 50 mq 50 mq 50 mq 100 mq Cunicoli 100 mq 100 mq 100 mq 100 mq Aree varie 100 mq 100 mq 100 mq 100 mq Uffici mq 50 mq 50 mq 50 mq Spogliatoi 50 mq 50 mq 50 mq 50 mq Uffici mq 50 mq 50 mq 50 mq Altre attiività di puliiza Aree oggetto del servizio Derattizzazione 500 mq Disinfestazione Detergenza/Disinfezione 500 mq 10 cmq per ciascuna Componente Elementare Disinfezione 10 cmq per ciascuna Componente Elementare 2

52 Per i servizi di Gestione Rifiuti, Mantenimento delle Aree a Verde, Sgombero Neve, Allontanamento volatili e Mantenimento del trattamento anti-graffiti, le superfici oggetto del controllo corrispondono alle aree oggetto del servizio medesimo Termini di effettuazione del controllo. La valutazione dei requisiti prestazionali e di qualità oggetto dei controlli sarà essere effettuata entro i termini di seguito indicati a fianco di ciascuna tipologia di attività: Servizio Tipologia di attività Limite temporale per la verifica dei requisiti Pulizia Gestione Rifiuti Aree a Verde Sgombero Neve Allontanamento Volatili Mantenimento anti-graffiti Servizi di Logistica Standard avvio giornata entro 30 minuti dal completamento della prestazione Passaggi Orari entro 30 minuti dal completamento della prestazione Ripassi entro 30 minuti dal completamento della prestazione Presidio durante l'esecuzione della prestazione Radicali entro 30 minuti dal completamento della prestazione secondo la pianificazione prevista per tali attività Detergenza/Disinfezione entro 30 minuti dal completamento della prestazione Disinfezione entro 30 minuti dal completamento della prestazione Derattizzazione entro 48 ore dal completamento della prestazione Disinfestazione entro 48 ore dal completamento della prestazione durante l'esecuzione della prestazione entro 30 minuti dal completamento della prestazione durante l'esecuzione della prestazione durante l'esecuzione della prestazione entro 30 minuti dal completamento della prestazione secondo la pianificazione prevista per tali attività durante l'esecuzione della prestazione Validità del controllo. Il controllo si riterrà validamente svolto ove siano stati controllati tutti i requisiti prestazionali relativi alle attività previste dal servizio. Si precisa che ai fini della validità del controllo e per l effettuazione del calcolo delle soglie di accettabilità della prestazione, non verranno conteggiati i requisiti relativi a prestazioni che non siano state attivate e\o che non siano verificabili in ragione dell orario di esecuzione del controllo, ovvero, nel caso delle pulizie, i requisiti inerenti Componenti Elementari (es. cestini, sedute, obliteratrici, etc.) non presenti nella superficie oggetto del controllo. In tali casi i suddetti requisiti saranno considerati Non Valutabili Esito del controllo. 3

53 Il controllo avrà esito negativo se il numero dei requisiti con esito negativo sia superiore alla soglia del 10%, in ragione dei requisiti effettivamente controllati. Pertanto, nel caso in cui la scheda di controllo preveda meno di 10 requisiti, oppure nel caso in cui i requisiti effettivamente controllati siano inferiori a 10 (in quanto alcuni di essi sono Non Valutabili come specificato al precedente punto 1.2.5) il controllo avrà esito negativo laddove anche solo uno dei requisiti previsti sia stato valutato come negativo Reiterazione delle prestazioni. Per le attività di Pulizia Radicali, Derattizzazione e Disinfestazione, per il servizio di Gestione Rifiuti e per il servizio di Mantenimento delle Aree a Verde, la Committente in caso di esito negativo del controllo potrà chiedere all Appaltatore, laddove sia possibile, la reiterazione della prestazione con esito negativo. La prestazione oggetto di reiterazione dovrà essere eseguita dall Appaltatore entro i nuovi termini comunicati dalla Committente, secondo la procedura descritta al successivo punto Controllo delle attività di pulizia Detergenza/Disinfezione e Disinfezione mediante il Metodo Colorimetrico (Tampone strip proteico). Il metodo colorimetrico (tampone strip proteico) si avvale di una soluzione atossica biodegradabile in grado di rendere identificabili i punti contaminati da residui di sostanza organica sulle superfici: il mutamento di colore indica inequivocabilmente il livello di detergenza/disinfezione della Componente Elementare esaminata. Tale metodo consiste nello strofinare un apposito tampone sulla superficie da analizzare (10 cmq). Il tampone, premuto nella sua cartuccia, attiverà la reazione e la colorazione della soluzione ivi presente che potrà essere confrontata con la scala colorimetrica di riferimento prevista per ciascuna tipologia di strip proteico dopo che siano trascorsi 10 minuti. Tale scala colorimetrica si compone di diverse tonalità di colore, a ciascuna delle quali corrisponde un livello di detergenza/disinfezione della superficie testata. Il controllo verrà condotto analizzando una superficie minima di 10 cmq relativa ad una sola Componente Elementare nell ambito di quelle sottoposte 4

54 all attività di detergenza/disinfezione e disinfezione. In caso di esito negativo dello stesso, l Appaltatore, se presente al controllo, potrà chiedere l effettuazione di altri 4 controlli con tale metodo, da eseguire su altre superfici delle Componenti Elementari oggetto del controllo. L individuazione delle ulteriori superfici deve essere concordata con la Committente e comunque deve essere idonea e rappresentativa dell insieme delle superfici presenti nell Area oggetto di controllo. I risultati di tali ulteriori 4 controlli saranno sommati a quello iniziale e l esito definitivo del controllo sarà dato dalla maggioranza di positività/negatività riscontrate ( es: 3 esiti positivi su 5 = controllo positivo; 3 esiti negativi su 5 = controllo negativo) Ulteriori metodi di accertamento delle attività di pulizia. La Committente si riserva di accertare i requisiti prestazionali e di qualità anche mediante ulteriori metodologie che consentano una valutazione più accurata ed ampia del servizio prestato dall Appaltatore. Gli esiti di tali accertamenti saranno valutati congiuntamente all Appaltatore nel corso di appositi incontri periodici. In particolare la Committente potrà utilizzare i sotto indicati metodi di accertamento: Ulteriori Metodi di accertamento dei requisiti prestazionali e di qualità Requisito Metodo di accertamento Polvere (assenza) Scala dei Grigi - Certificata UNI (Bacharach) Disinfettato Tampone Microbiologico a) Metodo Scala dei Grigi Certificata UNI (Bacharach). Tale metodo consiste nello strofinamento di un apposito tampone su una superficie di 10 cmq, prima da destra verso sinistra e dopo dall alto verso il basso. A seconda della tonalità di grigio riscontrata sul tampone si valuterà il livello di pulizia della Componente Elementare testata come indicato nelle scale di riferimento previste per ciascuna tipologia di tampone. b) Tampone Microbiologico. Il tampone microbiologico consente di accertare scientificamente il livello di disinfezione delle superfici esaminate e sarà utilizzato, prevalentemente, su quelle componenti elementari per le quali è richiesta all Appaltatore una particolare cura delle attività di disinfezione, come gli ambienti dei servizi igienici e le superfici ad intenso contatto cutaneo. Detto controllo 5

55 microbiologico dovrà essere effettuato almeno 5 minuti dopo l operazione di disinfezione ed entro i 90 minuti successivi, purché l area non sia soggetta ad utilizzo. Spetterà ad appositi Laboratori specializzati il compito di certificare gli esiti di tali controlli che, per una valutazione complessiva del livello di disinfezione, potranno essere confrontati ed incrociati con quelli condotti attraverso il metodo colorimetrico. 1.3 CONTESTAZIONE DELL NEGATIVO DEL CONTROLLO Notificazione degli esiti negativi del controllo. La Committente trasmetterà all Appaltatore copia delle schede di controllo via fax e/o posta elettronica e potrà avvalersi, a tal fine, anche di specifici software. Il Responsabile di Stazione dell Appaltatore può chiedere ai rappresentanti territoriali della Committente copia delle schede di controllo. Le suddette modalità di comunicazione costituiscono formale notificazione degli eventuali esiti negativi dei controlli Controdeduzioni dell Appaltatore. L Appaltatore, in seguito alla ricezione delle suddette contestazioni della Committente ha la facoltà di presentare le proprie controdeduzioni in merito all esito del controllo, entro i 5 giorni successivi alla data di ricezione della contestazione. A tal fine potrà avvalersi dei seguenti strumenti di comunicazione: posta elettronica; fax; raccomandata R.R. Nel caso in cui la Committente intenda avvalersi di specifici software per la gestione del processo di controllo, l Appaltatore sarà tenuto a presentare le proprie controdeduzioni con le modalità alternative che saranno comunicate dalla Committente medesima. Qualora tali giustificazioni non dovessero pervenire entro il termine sopra indicato, ovvero siano ritenute infondate ad insindacabile giudizio della 6

56 Committente, si procederà all applicazione delle relative sanzioni previste dal presente Capitolato Procedura di richiesta di Reiterazione della prestazione. In caso di esito negativo del controllo relativo alle tipologie di attività di cui al precedente punto (Pulizie Radicali, Derattizzazione, Disinfestazione, Gestione Rifiuti, Aree a Verde) la Committente potrà chiedere all Appaltatore di reiterare la prestazione avente esito negativo. La Committente comunicherà all Appaltatore l esito negativo del controllo e la relativa richiesta di reiterazione con le stesse modalità indicate al punto Con tale comunicazione la Committente fisserà il nuovo termine per il completamento della prestazione; entro tale termine l Appaltatore potrà formulare le proprie eventuali controdeduzioni. La richiesta di reiterazione della prestazione produce l effetto di rendere inapplicabili le sanzioni altrimenti previste in caso di esito negativo del controllo; anche la prestazione reiterata sarà oggetto di controllo da parte della Committente e solo in caso di nuovo esito negativo della stessa si procederà all applicazione delle sanzioni previste dal presente Capitolato. Anche in tale ultimo caso l Appaltatore potrà presentare le proprie controdeduzioni entro i 5 giorni successivi alla data di comunicazione della contestazione da parte della Committente. 7

57 2) STRUTTURA DEL MODELLO DI CONTROLLO. Il modello di controllo dei Servizi Ambientali Integrati è strutturato in maniera tale da tenere conto: - delle distinte tipologie di servizio previste; - delle caratteristiche delle aree oggetto dei servizi (es: aree aperte al pubblico, aree uffici); - delle diverse esigenze degli utenti e dei fruitori dei servizi; - delle peculiari modalità di espletamento delle diverse prestazioni; - della natura ripetitiva e standardizzata oppure occasionale della prestazione oggetto di controllo; - delle ulteriori particolari prestazioni che, per loro natura, non possono essere verificate in campo, ma solo a seguito di specifica verifica documentale. Sulla base dei suddetti elementi, il modello di controllo si suddivide nelle seguenti distinte metodologie di verifica prestazionale e di qualità: METODO CAMPIONARIO, ai sensi della norma UNI EN 13549, per l accertamento dei livelli di qualità delle attività rese negli spazi aperti al pubblico dei Complessi Immobiliari di stazione ed aventi natura ripetitiva, quali: Pulizia, con eccezione di: - Pulizia Area E Uffici. - Pulizia radicale - Derattizzazione, disinfestazione METODO PUNTUALE, per la verifica prestazionale delle attività rese negli spazi non aperti al pubblico o con frequenze di espletamento occasionali o con particolare modalità di esecuzione quali: Pulizia Area E Uffici Pulizia Radicale di tutte le Aree Derattizzazione, Disinfestazione Gestione Rifiuti Mantenimento delle Aree a Verde Prestazioni a richiesta 1

58 CONTROLLO DI PROCESSO, per l accertamento delle prestazioni verificabili esclusivamente o prevalentemente mediante l analisi documentale, quali il rispetto dei termini di presentazione delle Pianificazioni delle attività, la congruità dei macchinari, la conformità dei prodotti, etc. 2.1 METODO CAMPIONARIO. La Committente adotterà il metodo campionario di controllo, di cui al presente punto 2.1, per l accertamento dei livelli di qualità delle attività rese negli spazi aperti al pubblico dei Complessi Immobiliari di stazione ed aventi natura ripetitiva, quali: Pulizia, con eccezione di: - Pulizia Area E Uffici. - Pulizia radicale - Derattizzazione, disinfestazione Elementi fondamentali della norma UNI EN 13549:2003. Il presente metodo campionario di controllo fa riferimento ai criteri delineati dalla normativa UNI EN 13549:2003, che si fonda sui seguenti principali elementi: Lotto di Riferimento Il Lotto di Riferimento è inteso come l insieme delle attività di pulizia da controllare ed eventualmente da rifiutare. Lotto Campione Il Campione è l insieme delle singole attività che sono oggetto del controllo. La numerosità del Campione è determinata sulla base delle tabelle statistiche di cui alla citata norma che corrispondono a tre livelli di rappresentatività o di collaudo. Livello di Qualità Accettabile (LQA) Determina il livello minimo di qualità per ottenere una media di lavorazione soddisfacente ai fini della verifica a campione ed identifica la percentuale di rischio per la Committente di accettare un Lotto con qualità non conforme. La norma prevede vari Livelli di Qualità Accettabile. Valore di accettazione 2

59 A seconda della numerosità del Campione e del Livello di Qualità Accettabile è determinato un Valore di Accettazione, ovverosia il numero limite di controlli con esito negativo affinché il Lotto possa essere accettato Lotti di riferimento. Sulla base dei suddetti criteri è stato definito il Lotto di riferimento per ciascuna stazione, inteso quale sommatoria su base mensile delle attività quotidiane di pulizia Standard Avvio Giornata, Ripassi, Passaggio Orario e Presidio per ciascun Ambito Omogeneo delle Aree aperte al pubblico, come illustrato nella successiva tabella: Lotti Campione e Valore di Accettazione dei Lotti. Sulla base dei Lotti di Riferimento di cui al precedente punto è stata determinata la numerosità del Lotto Campione per ciascuna stazione, con l adozione del Livello 2 di collaudo previsto dalla norma UNI EN Nella successiva tabella sono riportati i Lotti Campione ed i relativi Valori di Accettazione (rispondenti a Livello di Qualità Accettabile LQA = 7%): 3

Settori. Personale qualificato. Chi siamo

Settori. Personale qualificato. Chi siamo Settori Pubblico Pulizia di edifici di Pubbliche amministrazioni seguendo le richieste indicate nei capitolati d oneri, controllate inoltre delle specifiche norme UNI EN ISO 9001 e SA8000. Privato personalizzati

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO

STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO Settembre 2002 1 STUDIO DI SETTORE SM43U Numero % sugli invii Invii

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

STUDIO DI SETTORE TM43U ATTIVITÀ 52.46.4 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO

STUDIO DI SETTORE TM43U ATTIVITÀ 52.46.4 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO STUDIO DI SETTORE TM43U ATTIVITÀ 52.46.4 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO Ottobre 2006 PREMESSA L evoluzione dello Studio di Settore SM43U

Dettagli

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 La sicurezza nelle stazioni. L impegno di RFI nel consolidamento della rete territoriale. Roma 27 giugno 2006 Disagio sociale 1. L altro ed il diverso 2. Aree di disagio sociale

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

Regolamento per l utilizzo delle aree verdi comunali e di libero accesso ;

Regolamento per l utilizzo delle aree verdi comunali e di libero accesso ; Allegato A RICHIESTA AFFIDAMENTO AREE VERDI COMUNALI E RIDUZIONE TARES OGGETTO: Richiesta affidamento area verde comunale e riduzione TARES. Il sottoscritto.. nato a il.. residente a in Via.. n... CHIEDE

Dettagli

Controllo e monitoraggio della qualità erogata dalle aziende di TPL

Controllo e monitoraggio della qualità erogata dalle aziende di TPL REGIONE LAZIO Assessorato alle Politiche della Mobilità e del Trasporto Pubblico Locale LAZIOSERVICE S.p.A. Progetto Trasporti Controllo e monitoraggio della qualità erogata dalle aziende di Obiettivi

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

Comune di Sant'Agata sul Santerno

Comune di Sant'Agata sul Santerno CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA SERVIZI GENERALI RESPONSABILE: RAMBELLI STEFANO 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie Area Servizi Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015

OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015 OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015 RAPPORTI DI LAVORO ATTIVATI (1) NEI MESI GENNAIO-MARZO DEGLI ANNI 2013, 2014 E 2015 A. NUOVI RAPPORTI DI LAVORO A1. Assunzioni a tempo indeterminato gen-mar

Dettagli

Categoria Servizi di Pulizia ed Igiene Ambientale Regolamento Sistema di Qualificazione

Categoria Servizi di Pulizia ed Igiene Ambientale Regolamento Sistema di Qualificazione ALBO FORNITORI POSTE ITALIANE S.P.A. CATEGORIA SERVIZI DI PULIZIA ED IGIENE AMBIENTALE REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE Pagina 1 di 20 INDICE 1. DISPOSIZIONI GENERALI...3 1.1. Premessa e ambito

Dettagli

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 6232 LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 Semplificazioni del procedimento amministrativo. Modifiche e integrazioni alla legge regionale 12 aprile 2001, n. 11 (Norme sulla valutazione dell impatto ambientale),

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione COMUNE DI ALBIATE Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RIPARTIZIONE TRA IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO E GLI INCARICATI DELLA REDAZIONE DEL PROGETTO, DEL COORDINAMENTO PER LA

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

VERBALE DI RIUNIONE. si sono incontrate in ordine al rinnovo della Contrattazione Integrativa Aziendale ai sensi dell'art 21 del vigente CCNL.

VERBALE DI RIUNIONE. si sono incontrate in ordine al rinnovo della Contrattazione Integrativa Aziendale ai sensi dell'art 21 del vigente CCNL. VERBALE DI RIUNIONE II giorno 18 febbraio 2005 la Banca di Roma S.p.A. e la Rappresentanza Sindacale Aziendale UGL Credito dell'unità Produttiva Riscossione Tributi della Provincia di Frosinone si sono

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori. Articolo 1 Definizioni

Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente regolamento s intendono per: a) "Autorità",

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

ALLEGATO A CAPITOLATO TECNICO

ALLEGATO A CAPITOLATO TECNICO ALLEGATO A CAPITOLATO TECNICO CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI PULIZIA ED ALTRI SERVIZI, TESI AL MANTENIMENTO DEL DECORO E DELLA FUNZIONALITA DEGLI IMMOBILI, PER GLI ISTITUTI SCOLASTICI DI

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI In base alla Deliberazione del Direttore Generale n. 312 del 18 ottobre 2012 si è provveduto all istituzione e disciplina dell Albo dei Fornitori dell

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI CAPITOLATO TECNICO Servizio di pulizia, di facchinaggio interno

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CAMPO DI APPLICAZIONE 1.1 Le presenti Condizioni Generali di Acquisto ("GPC") si applicano all acquisto di materiali, articoli, prodotti, componenti, software ed i relativi

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 1 CONDIZIONI GENERALI DI NOLEGGIO Termini e Condizioni di Prenotazione I servizi di noleggio di veicoli Europcar in Italia sono erogati da Europcar

Dettagli

Città di Novate Milanese

Città di Novate Milanese Città di Novate Milanese - Provincia di Milano - Cod. Fisc. P. Iva n. 02032910156 Sede municipale di V. Veneto, 18 c.a.p. 20026 Novate Milanese (MI) tel. 02/354731 fax. 02/33240000 lavpubblici@comune.novate-milanese.mi.it

Dettagli

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO Ufficio studi I dati più recenti indicano in oltre 1,4 milioni il numero degli occupati nelle imprese del turismo. Il 68% sono dipendenti. Per conto dell EBNT (Ente Bilaterale Nazionale del Turismo) Fipe,

Dettagli

(OLL 2) (Disposizioni speciali per determinate categorie di aziende e di lavoratori)

(OLL 2) (Disposizioni speciali per determinate categorie di aziende e di lavoratori) Ordinanza 2 concernente la legge sul lavoro (OLL 2) (Disposizioni speciali per determinate categorie di aziende e di lavoratori) 822.112 del 10 maggio 2000 (Stato 1 aprile 2015) Il Consiglio federale svizzero,

Dettagli

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Allegato alla determinazione dirigenziale n. 1/2011 AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Ufficio di Segreteria Giuridico-Amministrativa U.O. Affari Generali, Giuridici e di Raccordo Istituzionale Via V.

Dettagli

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Pag. 1 di 20 LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Funzione Responsabile Supporto Tecnico Descrizione delle revisioni 0: Prima emissione FI 00 SU 0002 0 1: Revisione Generale IN 01 SU 0002 1 2:

Dettagli

APPLICAZIONE DEL (D.L.1937/07) SISTEMA DI AUTOCONTROLLO HACCP. DOTT. ANDREA STORTI 24-ottobre 2014

APPLICAZIONE DEL (D.L.1937/07) SISTEMA DI AUTOCONTROLLO HACCP. DOTT. ANDREA STORTI 24-ottobre 2014 APPLICAZIONE DEL SISTEMA DI AUTOCONTROLLO HACCP (D.L.1937/07) DOTT. ANDREA STORTI 24-ottobre 2014 DEFINIZIONE HACCP ( HAZARD ANALYSIS AND CRITICAL POINT) Analisi dei Rischi e Controllo dei Punti Critici

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti Merceologia Importo Amministrazioni statali Amministrazioni regionali i Enti del servizio sanitario

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO Premessa Il Centro Servizi Culturali Santa Chiara propone annualmente una Stagione di Teatro che si compone di differenti

Dettagli

Carta di servizi per il Protocollo Informatico

Carta di servizi per il Protocollo Informatico Carta di servizi per il Protocollo Informatico Codice progetto: Descrizione: PI-RM3 Implementazione del Protocollo informatico nell'ateneo Roma Tre Indice ARTICOLO 1 - SCOPO DEL CARTA DI SERVIZI...2 ARTICOLO

Dettagli

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca La Spezia 20 ottobre 2009 Requisiti : Strutturali (Strutture ed attrezzature) Funzionali Requisiti strutturali : n Applicabili a tutte le imbarcazioni

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 ATTIVITÀ 42.99.01 ATTIVITÀ 68.10.00 ATTIVITÀ 68.20.02 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE

STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 ATTIVITÀ 42.99.01 ATTIVITÀ 68.10.00 ATTIVITÀ 68.20.02 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE ATTIVITÀ 42.99.01 LOTTIZZAZIONE DEI TERRENI CONNESSA CON L URBANIZZAZIONE ATTIVITÀ 68.10.00 COMPRAVENDITA DI

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI MANUALE DI GESTIONE Breve descrizione del canile (fabbricati: box, locali accessori). Modalità di approvvigionamento idrico e smaltimento reflui animali. Individuazione responsabile generale (titolare)

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l'energia e l'ambiente BANDO DI GARA. I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: ENEA - Ente per le Nuove

ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l'energia e l'ambiente BANDO DI GARA. I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: ENEA - Ente per le Nuove ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l'energia e l'ambiente BANDO DI GARA I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l Energia e l Ambiente - indirizzo postale:

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

PROGETTO DEL SERVIZIO

PROGETTO DEL SERVIZIO GISEC S.p.A. a Socio Unico Gestione Impianti e Servizi Ecologici Casertani Società soggetta ad attività di Direzione e Coordinamento da parte della Provincia di Caserta Sede Legale in Corso Trieste, 133

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI

CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI Provincia di Salerno Area Tecnica Assetto ed Utilizzazione del Territorio CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI ART.1

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA 1.1. ) ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA Largo Arrigo VII, 5-00153 Roma (Italia) ; centralino 06/5717621;

Dettagli

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA PROGRAMMAZIONE Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA Classe: 4^ LTS/A - SALUTE Insegnante: Claudio Furioso Ore preventivo: 132 SCANSIONE MODULI N TITOLO MODULO set ott nov dic gen feb

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione)

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione) 1 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale della Sanità Dipartimento regionale per la pianificazione strategica ********** Servizio 1 Personale dipendente S.S.R. LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI FACCHINAGGIO CON GESTIONE DEL CICLO LOGISTICO COMPRENSIVA DEL MONITORAGGIO INFORMATIZZATO E TRASPORTO COSE ALL INTERNO E TRA LE VARIE SEDI ISTAT DI ROMA CAPITOLATO TECNICO 1 INDICE 1. OGGETTO

Dettagli

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto. Rep. n. Prot. n. 2009/ Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.) REPUBBLICA ITALIANA Il giorno..

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i.

Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i. Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i.) Rev. N. 00 00 Data: Bando di gara di appalto o di prestazione

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Note e informazioni legali

Note e informazioni legali Note e informazioni legali Proprietà del sito; accettazione delle condizioni d uso I presenti termini e condizioni di utilizzo ( Condizioni d uso ) si applicano al sito web di Italiana Audion pubblicato

Dettagli

NORMATIVA DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI AGLI IMPIANTI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI SEGNALAMENTO FERROVIARIO

NORMATIVA DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI AGLI IMPIANTI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI SEGNALAMENTO FERROVIARIO NORMATIVA DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI AGLI IMPIANTI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI SEGNALAMENTO FERROVIARIO Indice Articolo 1 Istituzione del Sistema di qualificazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

REGOLAMENTO PER ILCONFER'MENTO D' INCARICHI ESTERN' BESTA CARLO ISTITUTO ALLEGATO ALI,A DELIBERA CDA N. III/11912OL4

REGOLAMENTO PER ILCONFER'MENTO D' INCARICHI ESTERN' BESTA CARLO ISTITUTO ALLEGATO ALI,A DELIBERA CDA N. III/11912OL4 ALLEGATO ALI,A DELIBERA CDA N. III/11912OL4 ISTITUTO NSUROLÓCIC* CARLO BESTA REGOLAMENTO PER ILCONFER'MENTO D' INCARICHI ESTERN' Fond*eione I.R.C.C.S. l*tituto Heumlogica Carlo Besta Vi'r Ceior"ra i Ì,?*i;3

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

DISCIPLINARE CIG: 5153273767

DISCIPLINARE CIG: 5153273767 DISCIPLINARE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DOVE HANNO SEDE GLI UFFICI DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO CIG: 5153273767 1. NORME PER LA PARTECIPAZIONE ALLA

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Italia-Roma: Servizi di pulizia di edifici 2015/S 124-228385. Avviso di gara Settori speciali. Servizi

Italia-Roma: Servizi di pulizia di edifici 2015/S 124-228385. Avviso di gara Settori speciali. Servizi 1/10 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:228385-2015:text:it:html Italia-Roma: Servizi di pulizia di edifici 2015/S 124-228385 Avviso di gara Settori speciali Servizi Direttiva

Dettagli

Il Postino Telematico

Il Postino Telematico 1 Il Postino Telematico Incontro con le Organizzazioni Sincali 17 NOVEMBRE 29 Vincent Nicola Santacroce Servizi Postali Gestione del Fabbisogno Informatico Descrizione del progetto 2 Il progetto postino

Dettagli

May Informatica S.r.l.

May Informatica S.r.l. May Informatica S.r.l. Brochure Aziendale Copyright 2010 May Informatica S.r.l. nasce con il preciso scopo di dare soluzioni avanzate alle problematiche legate all'information Technology. LA NOSTRA MISSIONE

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

ALLEGATO D. Roma lì, / / Equitalia S.p.A. il Titolare

ALLEGATO D. Roma lì, / / Equitalia S.p.A. il Titolare 1 Premessa e quadro normativo Il Contratto sottoscritto da Equitalia S.p.A. e ha ad oggetto l affidamento dei servizi di implementazione e manutenzione del nuovo Sistema Informativo Corporate - Sistema

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO 1. Direttiva 66/401/CEE: commercializzazione sementi di piante foraggere 2. Direttiva 66/402/CEE: commercializzazione di sementi di cereali 3. Direttiva

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Condizioni Generali Parte II - Servizi di Borsa Italiana

Condizioni Generali Parte II - Servizi di Borsa Italiana Condizioni Generali Parte II - Servizi di Borsa Italiana 1. Definizioni 1.1 I termini con la lettera iniziale maiuscola impiegati nelle presenti Condizioni Generali Parte II si intendono usati salvo diversa

Dettagli

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003)

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003) Sezione della logistica Repubblica e Cantone Ticino Via del Carmagnola 7 Dipartimento delle finanze e dell'economia 6501 Bellinzona Divisione delle risorse Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro.

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Costi della Qualità La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Per anni le aziende, in particolare quelle di produzione, hanno

Dettagli