AVVERTENZE PER L INVESTITORE 5 II - INFORMAZIONI RELATIVE AGLI ORGANI SOCIALI 10 III - INFORMAZIONI RELATIVE AGLI ASSETTI PROPRIETARI 11

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AVVERTENZE PER L INVESTITORE 5 II - INFORMAZIONI RELATIVE AGLI ORGANI SOCIALI 10 III - INFORMAZIONI RELATIVE AGLI ASSETTI PROPRIETARI 11"

Transcript

1 Nota Integrativa al Prospetto Informativo depositato presso la CONSOB in data 15 giugno 2005 a seguito di nulla osta comunicato con nota n del 14 giugno 2005 NOTA INTEGRATIVA PER LA QUOTAZIONE DELLE OBBLIGAZIONI CONVERTIBILI DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO SIAS 2,625%, CONVERTIBILE IN AZIONI ORDINARIE Nota Integrativa depositata presso la CONSOB in data 4 agosto 2005 a seguito di nulla osta comunicato con nota n del 3 agosto 2005 L adempimento di pubblicazione della Nota Integrativa non comporta alcun giudizio della CONSOB sull opportunità dell investimento proposto e sul merito dei dati e delle notizie alla stessa relativi

2 INDICE Pagina AVVERTENZE PER L INVESTITORE 5 INFORMAZIONI DI SINTESI SUL PROFILO DELL EMITTENTE E DELL OPERAZIONE 7 SEZIONE PRIMA INFORMAZIONI RELATIVE ALL EMITTENTE GLI STRUMENTI FINANZIARI 9 I - INFORMAZIONI CONCERNENTI L ATTIVITA DELLA SIAS E DEL GRUPPO 9 II - INFORMAZIONI RELATIVE AGLI ORGANI SOCIALI 10 III - INFORMAZIONI RELATIVE AGLI ASSETTI PROPRIETARI Soggetti che detengono azioni nella misura superiore al 2% del capitale sociale Soggetto controllante Patti di Sindacato 11 IV - INFORMAZIONI RIGUARDANTI IL PATRIMONIO, LA SITUAZIONE FINANZIARIA ED I RISULTATI ECONOMICI DELL EMITTENTE E DEL GRUPPO Informazioni relative al patrimonio, alla situazione finanziaria ed ai risultati economici dell Emittente e del Gruppo Prestiti, debiti ed impegni Posizione finanziaria netta al 31 maggio V - INFORMAZIONI RELATIVE ALL ANDAMENTO RECENTE ED ALLE PROSPETTIVE DEL GRUPPO SIAS 13 VI - INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE SULL EMITTENTE E SUL CAPITALE SOCIALE Statuto Capitale sociale Capitale sociale deliberato ma non sottoscritto deleghe all aumento del capitale sociale Obbligazioni convertibili 16 SEZIONE SECONDA INFORMAZIONI RELATIVE AGLI STRUMENTI FINANZIARI OGGETTO DELLA QUOTAZIONE 17 VII INFORMAZIONI RELATIVE ALLE OBBLIGAZIONI DEL PRESTITO SIAS 2,625% CONVERTIBILE IN AZIONI ORDINARIE Diffusione delle Obbligazioni 17 2

3 7.2 Denominazione e natura delle Obbligazioni Numero delle Obbligazioni Moneta del Prestito Obbligazionario Valore nominale del Prestito Obbligazionario Prezzo di emissione e di rimborso Tasso di interesse nominale Tasso di rendimento effettivo Scadenza, modalità e termini di liquidazione e pagamento degli interessi Diritti e vantaggi connessi alle Obbligazioni Condizioni, termini e modalità di conversione Condizione, termini e modalità di eventuale modifica dei termini di conversione delle Obbligazioni Durata del Prestito Decorrenza del godimento Modalità di ammortamento e procedura di rimborso Eventuali clausole di postergazione dei diritti inerenti le Obbligazioni Convertibili Garanzie ed impegni del Prestito Prescrizione e decadenza Regime fiscale Regime di circolazione delle Obbligazioni Eventuali restrizioni imposte alla libera negoziabilità delle Obbligazioni Effetti di diluizione Eventuale effetto di diluizione nell ipotesi di mancata conversione delle Obbligazioni 23 VIII INFORMAZIONI RELATIVE A RECENTI OPERAZIONI AVENTI AD OGGETTO GLI STRUMENTI FINANZIARI PER I QUALI SI RICHIEDE LA QUOTAZIONE EFFETTUATE NEGLI ULTIMI DODICI MESI 24 IX INFORMAZIONI RIGUARDANTI LA QUOTAZIONE Mercati presso i quali sarà richiesta la quotazione Estremi del provvedimento di quotazione Periodo di inizio negoziazioni 25 3

4 9.4 Indicazione dello sponsor 25 SEZIONE TERZA INFORMAZIONI SULLE AZIONI DI COMPENDIO 26 X INFORMAZIONI SULLE AZIONI DI COMPENDIO 26 XI APPENDICI E DOCUMENTAZIONE A DISPOSIZIONE DEL PUBBLICO 27 XII - INFORMAZIONI RELATIVE AI RESPONSABILI DEL PROSPETTO, ALLA REVISIONE DEI CONTI ED AI CONSULENTI Soggetti responsabili della Nota Integrativa Società di Revisione Durata dell incarico di revisione contabile Organo esterno di verifica Dichiarazione di responsabilità 41 4

5 AVVERTENZE PER L'INVESTITORE PREMESSA LA PRESENTE NOTA INTEGRATIVA (LA NOTA INTEGRATIVA ), REDATTA AI SENSI DELL ART. 57 DEL REGOLAMENTO APPROVATO CON DELIBERA CONSOB N DEL 14 MAGGIO 1999 E SUCCESSIVE MODIFICHE ED INTEGRAZIONI (IL REGOLAMENTO EMITTENTI ) CONTIENE: (I) UN AGGIORNAMENTO DELLE INFORMAZIONI CONTENUTE NEL PROSPETTO INFORMATIVO (IL PROSPETTO INFORMATIVO O IL PROSPETTO ) RELATIVO ALL OFFERTA IN OPZIONE AGLI AZIONISTI DI SOCIETÀ INIZIATIVE AUTOSTRADALI E SERVIZI S.P.A. (LA SIAS, LA SOCIETÀ O L EMITTENTE ), DI N OBBLIGAZIONI CONVERTIBILI (LE OBBLIGAZIONI O LE OBBLIGAZIONI CONVERTIBILI ) DEL PRESTITO SIAS 2,625% CONVERTIBILE IN AZIONI ORDINARIE (IL PRESTITO, IL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO O IL POC ) DEPOSITATO PRESSO LA CONSOB IN DATA 15 GIUGNO 2005, A SEGUITO DI NULLA OSTA N COMUNICATO IN DATA 14 GIUGNO 2005; (II) LE INTEGRAZIONI RIGUARDANTI EVENTUALI FATTI SIGNIFICATIVI INTERVENUTI SUCCESSIVAMENTE ALLA DATA DI PUBBLICAZIONE DEL PROSPETTO INFORMATIVO; E (III) LE CARATTERISTICHE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI OGGETTO DELLA DOMANDA DI AMMISSIONE A QUOTAZIONE. LA NOTA INTEGRATIVA, PERTANTO, DEVE ESSERE LETTA CONGIUNTAMENTE AL PROSPETTO INFORMATIVO. QUANTO DI SEGUITO RIPORTATO DEVE ESSERE CONSIDERATO UN AGGIORNAMENTO DELLE AVVERTENZE PER L INVESTITORE CONTENUTE NEL SUDDETTO PROSPETTO. RISCHIO DI LIQUIDABILITÀ LE OBBLIGAZIONI OGGETTO DELLA NOTA INTEGRATIVA PRESENTANO GLI ELEMENTI DI RISCHIO PROPRI DI INVESTIMENTI IN STRUMENTI FINANZIARI DELLA STESSA NATURA QUOTATI. I POSSESSORI DELLE OBBLIGAZIONI POSSONO LIQUIDARE IL PROPRIO INVESTIMENTO MEDIANTE VENDITA SUL MERCATO DI QUOTAZIONE DEI TITOLI STESSI. TALI TITOLI POTREBBERO PRESENTARE PROBLEMI DI LIQUIDABILITÀ COMUNI E GENERALIZZATI, A PRESCINDERE DALL EMITTENTE E DALL AMMONTARE DEI TITOLI, IN QUANTO LE RICHIESTE DI VENDITA POTREBBERO NON TROVARE ADEGUATE E TEMPESTIVE CONTROPARTITE. RISCHI RELATIVI ALLA CONVERTIBILITÀ DELLE OBBLIGAZIONI LE OBBLIGAZIONI SONO STATE EMESSE AD UN PREZZO DI SOTTOSCRIZIONE PARI AL LORO VALORE NOMINALE E SONO CONVERTIBILI IN AZIONI ORDINARIE SIAS (LE AZIONI DI COMPENDIO ), NEL RAPPORTO DI UNA AZIONE DI COMPENDIO OGNI OBBLIGAZIONE PRESENTATA IN CONVERSIONE. L ESERCIZIO DELLA FACOLTÀ DI CONVERSIONE DELLE OBBLIGAZIONI COMPORTA GLI ELEMENTI DI RISCHIO CONNESSI AD OGNI INVESTIMENTO AZIONARIO. INOLTRE, AI FINI DELLA VALUTAZIONE DELL ESERCIZIO DELLA FACOLTÀ DI CONVERSIONE, IL TITOLARE DELLE OBBLIGAZIONI DOVRÀ TENERE CONTO, TRA L ALTRO, DEI SEGUENTI ELEMENTI: (I) DEL PREZZO DI MERCATO DELLE AZIONI ORDINARIE SIAS: NON PUÒ ESSERE FORNITA GARANZIA CHE IL PREZZO DI MERCATO DELLE AZIONI SIAS RISULTI, ALLA DATA DELLA DOMANDA O DI EFFICACIA DELLA CONVERSIONE, UGUALE O SUPERIORE AL PREZZO DI SOTTOSCRIZIONE (PARI A EURO 10,50 PER OBBLIGAZIONE) O DI ACQUISTO DELLE OBBLIGAZIONI; (II) DELLA CIRCOSTANZA CHE, NEL CASO IN CUI SIA ESERCITATA LA FACOLTÀ DI CONVERSIONE, LE OBBLIGAZIONI CESSERANNO DI PRODURRE INTERESSI A DECORRERE DAL 1 GENNAIO DELL ANNO DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA DI CONVERSIONE DELLE OBBLIGAZIONI STESSE. IL RAPPORTO DI CONVERSIONE DELLE OBBLIGAZIONI POTREBBE SUBIRE VARIAZIONI AL VERIFICARSI DELLE IPOTESI E NEL RISPETTO DEI TERMINI PREVISTI DALL ART. 7 DEL 5

6 REGOLAMENTO DEL PRESTITO (IL REGOLAMENTO ) RIPORTATO IN APPENDICE ALLA NOTA INTEGRATIVA. 6

7 INFORMAZIONI DI SINTESI SUL PROFILO DELL'EMITTENTE E DELL OPERAZIONE Relativamente alle informazioni di sintesi sul profilo dell Emittente, si rimanda a quanto contenuto nel corrispondente paragrafo del Prospetto. In merito alle informazioni di sintesi sul profilo dell operazione si ricorda che le Obbligazioni sono state emesse nell ambito dell offerta deliberata dal Consiglio di Amministrazione di SIAS in data 20 maggio 2005 (l Offerta ) a valere sulla delega conferitagli ai sensi dell art ter del Codice Civile dall Assemblea straordinaria degli azionisti tenutasi in data 16 maggio L Offerta oggetto del Prospetto Informativo consisteva nell emissione di un Prestito Obbligazionario convertibile denominato SIAS 2,625% convertibile in azioni ordinarie costituito da n Obbligazioni del valore nominale unitario pari a Euro 10,50, aventi un tasso di interesse nominale annuo lordo pari al 2,625%, convertibili in azioni ordinarie SIAS nel rapporto di una Azione di Compendio per ogni Obbligazione posseduta, da offrire in opzione alla pari agli azionisti, ai sensi e con le modalità di legge, in ragione di 1 Obbligazione ogni 4 azioni ordinarie possedute. Il citato Consiglio di Amministrazione aveva contestualmente deliberato, ai fini della suddetta conversione delle Obbligazioni, un aumento del capitale sociale a pagamento di nominali massimi Euro ,00 mediante l emissione, anche in più riprese, di massime n Azioni di Compendio da nominali Euro 0,50 ciascuna, godimento regolare, riservate esclusivamente e irrevocabilmente al servizio della conversione delle Obbligazioni. L Offerta ha avuto esecuzione nel periodo dal 20 giugno 2005 all 8 luglio 2005 compresi, al termine del quale sono risultate sottoscritte n Obbligazioni. I n diritti inoptati, corrispondenti a n Obbligazioni, sono stati offerti in Borsa dalla Società, ai sensi dell art. 2441, 3 comma, del Codice Civile e ceduti tutti nella prima delle cinque sedute previste dal 18 luglio 2005 al 22 luglio 2005 compresi, al termine delle quali sono risultate sottoscritte, in data 25 luglio 2005, le suddette n Obbligazioni. Relativamente alla destinazione dell ammontare ricavato dall Offerta, si rimanda a quanto contenuto nella Sezione Terza, Capitolo XI, Paragrafo del Prospetto nonché alla Sezione Prima, Capitolo V della presente Nota Integrativa. Gli azionisti che hanno sottoscritto Obbligazioni in virtù di impegni di sottoscrizione sono i seguenti: Soggetto Numero di Obbligazioni sottoscritte % sull offerta Aurelia S.p.A ,78% Argo Finanziaria S.p.A ,08% SATAP S.p.A ,72% Totale ,58% Ogni Obbligazione è convertibile in Azioni di Compendio nel rapporto di 1 Azione di Compendio per ogni Obbligazione presentata in conversione. La domanda di conversione potrà essere presentata in qualunque Giorno Lavorativo (come di seguito definito) a decorrere dal 1 7

8 luglio 2010 e fino al 31 maggio 2017, salvo quanto previsto al punto 2.iv) e al punto 3) dell art. 6 del Regolamento riportato in Appendice. Per Giorno Lavorativo deve intendersi qualunque giorno di calendario diverso dal sabato e dalla domenica nel quale le banche sono aperte per l esercizio della loro attività sulla piazza di Milano. Qualora entro il 30 giugno 2017 SIAS dia esecuzione ad operazioni sul capitale o ad altre operazioni di carattere straordinario, il rapporto di conversione delle Obbligazioni subirà le variazioni previste dall art. 7 del Regolamento (cfr. Sezione Seconda, Capitolo VII). Il diritto di conversione potrà essere esercitato dall obbligazionista per tutte o parte delle Obbligazioni Convertibili possedute presentando la domanda di conversione delle Obbligazioni all intermediario aderente al sistema di gestione della Monte Titoli S.p.A. presso il quale le Obbligazioni sono depositate. La data di conversione, intesa come il giorno in cui la conversione avrà effetto, sarà il decimo Giorno di Borsa Aperta del mese successivo a quello di presentazione della domanda di conversione. Per Giorno di Borsa Aperta deve intendersi qualunque giorno nel quale la Borsa Italiana S.p.A. è aperta per la negoziazione dei titoli in essa trattati. SIAS provvederà alla data di efficacia della conversione a emettere senza aggravio di commissioni e spese per l obbligazionista le Azioni di Compendio richieste in conversione, mettendole a disposizione degli aventi diritto presso l intermediario aderente al sistema di gestione accentrata della Monte Titoli S.p.A. che ha ricevuto la domanda di conversione. Di seguito si riporta l evoluzione del capitale sociale di SIAS nell ipotesi di integrale conversione delle Obbligazioni: N. di azioni costituenti il capitale sociale alla data della Nota N. di azioni costituenti il capitale sociale post conversione Obbligazioni % del capitale sociale rappresentato dalle Azioni di Compendio 20,00% Le informazioni relative alla situazione economica, patrimoniale e finanziaria dell Emittente e del Gruppo ad essa facente capo (il Gruppo SIAS o il Gruppo ) sono ricavabili sia da quanto illustrato nella presente Nota Integrativa e nel Prospetto Informativo sia dalla documentazione a disposizione del pubblico (cfr. Sezione Terza, Capitolo XI). Informazioni relative alla quotazione Borsa Italiana S.p.A. con provvedimento n del 28 luglio 2005 ha disposto l ammissione a quotazione delle Obbligazioni sul Mercato Telematico Azionario organizzato e gestito da Borsa Italiana S.p.A. ( MTA ). 8

9 SEZIONE PRIMA INFORMAZIONI RELATIVE ALL EMITTENTE GLI STRUMENTI FINANZIARI I - INFORMAZIONI CONCERNENTI L ATTIVITÀ DELLA SIAS E DEL GRUPPO Alla data della presente Nota Integrativa non si sono verificati eventi di rilievo in relazione all attività dell Emittente e del Gruppo. Per quanto concerne le suddette informazioni si rimanda a quanto contenuto nel Prospetto Informativo (cfr. Sezione Prima, Capitolo I del Prospetto). 9

10 II INFORMAZIONI RELATIVE AGLI ORGANI SOCIALI Alla data della presente Nota Integrativa non si sono verificati eventi di rilievo in relazione agli Organi Sociali. Relativamente alle suddette informazioni si rimanda a quanto contenuto nel Prospetto Informativo (cfr. Sezione Prima, Capitolo II del Prospetto). 10

11 III INFORMAZIONI RELATIVE AGLI ASSETTI PROPRIETARI Soggetti che detengono azioni nella misura superiore al 2% del capitale sociale Secondo le risultanze del libro Soci, integrate dalle informazioni a disposizione della Società, i soggetti che possiedono azioni rappresentative del capitale con diritto di voto in misura superiore al 2% del capitale della SIAS - alla data di pubblicazione della Nota Integrativa - risultano i seguenti: Numero di azioni detenute % sul capitale sociale AURELIA S.p.A ,78% ARGO FINANZIARIA S.p.A ,10% (*) SATAP S.p.A ,72% GRUPPO ASSICURAZIONI GENERALI ,87% FIDELITY INVESTMENTS ,13% (*) EGERTON CAPITAL LLP ,01% (*) (*) arrotondato per eccesso Si evidenzia che Argo Finanziaria S.p.A. risulta alla data di pubblicazione della Nota Integrativa partecipata da Aurelia S.p.A. in misura pari 99,99% dal capitale sociale. Nessuno degli azionisti di Aurelia S.p.A. esercita, individualmente, il controllo sulla stessa ai sensi dell art del Codice Civile Soggetto controllante Il soggetto controllante di SIAS, ai sensi dell articolo 93 del Testo Unico, risulta essere alla data di pubblicazione della Nota Integrativa la Aurelia S.p.A. (direttamente ed, indirettamente, tramite le controllate Argo Finanziaria S.p.A. e SATAP S.p.A., quest ultima controllata a sua volta dalla Autostrada Torino-Milano S.p.A.) Patti di Sindacato Non risultano in essere Patti di Sindacato aventi ad oggetto l esercizio del diritto di voto relativo alle azioni dell Emittente. 11

12 IV - INFORMAZIONI RIGUARDANTI IL PATRIMONIO, LA SITUAZIONE FINANZIARIA ED I RISULTATI ECONOMICI DELL'EMITTENTE E DEL GRUPPO Informazioni relative al patrimonio, alla situazione finanziaria ed ai risultati economici dell Emittente e del Gruppo Le informazioni relative alla situazione economica, patrimoniale e finanziaria dell Emittente e del Gruppo sono ricavabili, oltre che da quanto illustrato nella presente Nota Integrativa e nel Prospetto Informativo, dalla documentazione a disposizione del pubblico (cfr. Sezione Terza, Capitolo XI). 4.2 Prestiti, debiti ed impegni Relativamente alle informazioni su prestiti, debiti ed impegni si rimanda a quanto contenuto nel Prospetto Informativo (cfr. Sezione Prima, Capitolo IV del Prospetto) 4.3 Posizione finanziaria netta 31 maggio 2005 (importi in migliaia di euro) 31/05/2005 Disponibilità ed attività ad esse assimilate Debiti verso Banche a breve ( ) Saldo a breve termine (97.482) Altre attività finanziarie a medio termine (*) Debiti verso Banche a medio termine ( ) Posizione finanziaria netta ( ) (*) Trattasi di contratti di capitalizzazione che, seppur di durata ultrannuale, risultano monetizzabili su richiesta nel breve termine 12

13 V - INFORMAZIONI RELATIVE ALL ANDAMENTO RECENTE ED ALLE PROSPETTIVE DEL GRUPPO SIAS In attesa del concretizzarsi delle operazioni di investimento correlate all emissione del Prestito Obbligazionario di cui alla presente Nota Integrativa, SIAS ha acquistato in data 18 luglio 2005 n azioni della Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. ( BNL ) (pari allo 0,5% del capitale sociale), ad un prezzo unitario di Euro 2,70 per azione (le Azioni BNL ). Nell ambito degli accordi sottoscritti da Compagnia Assicuratrice Unipol S.p.A. ( Unipol ) e da altri soci di BNL, finalizzati alla promozione di un OPA per il raggiungimento di una quota non inferiore al 51% del capitale sociale della BNL, è stato sottoscritto - tra SIAS e Unipol un contratto avente ad oggetto le citate Azioni BNL; in particolare: Unipol avrà il diritto di esercitare nei confronti di SIAS - un opzione call che prevede l acquisto di tutte o parte delle Azioni BNL. La call potrà, a pena di decadenza, essere esercitata in qualunque momento a partire dalla data di inizio del periodo di adesione all OPA e sino al 30 giorno successivo alla data di chiusura della stessa; il corrispettivo dovuto da Unipol, in caso di esercizio della citata opzione, sarà pari a Euro 2,70 per azione (oltre alle commissioni ed ai bolli gravanti sul trasferimento delle azioni). SIAS avrà il diritto di esercitare nei confronti di Unipol un opzione put che prevede la cessione di tutte o parte delle Azioni BNL. La put potrà essere esercitata decorsi tre anni dalla data del 18 luglio 2005, nei successivi trenta giorni; il corrispettivo dovuto da Unipol, in caso di esercizio della citata opzione, sarà pari a Euro 2,70 per azione, aumentato degli interessi (capitalizzati su base trimestrale) calcolati nel periodo intercorrente fra la data del 18 luglio 2005 e la data di esercizio dell opzione, al netto dei dividendi percepiti nel periodo - sulla base dell euribor maggiorato di uno spread di 100 b.p.. La put - unitamente alle Azioni BNL sottostanti potrà, previo trasferimento delle Azioni BNL, essere esercitata da qualsiasi società facente parte del Gruppo Argo Finanziaria. Nell ambito della citata operazione, SIAS si impegna a non aderire all offerta pubblica di scambio sulle azioni BNL promossa da Banco Bilbao Vizcaya Argentaia S.A., nonché ad astenersi dall acquisto di azioni ulteriori della BNL. Si è altresì impegnata a non aderire all offerta pubblica di acquisto obbligatoria che verrà promossa da Unipol sulle azioni BNL (vedi estratto del Patto riprodotto in Appendice). * * * Nell ambito del programma di ampliamento del portafoglio delle partecipazioni in società concessionarie autostradali ed al fine di avviare un processo di sviluppo a livello internazionale, il Consiglio di Amministrazione di SIAS ha deliberato in data 25 luglio 2005 di autorizzare la formulazione, congiuntamente ad Autostrade S.p.A., di un offerta per l acquisizione del controllo sul capitale sociale della Società Concesionaria Costanera Norte S.A. ( Costanera ). Costanera, operante in Cile, risulta titolare di una concessione rilasciata dal competente Ministero cileno per la gestione di una tratta autostradale di circa 43 chilometri nella zona urbana di Santiago, la cui scadenza è stata fissata nel 2033; l infrastruttura autostradale (3 + 3 corsie) risulta, ad oggi, sostanzialmente completata ed aperta al traffico per 33 km. Il capitale sociale di Costanera risulta attualmente così suddiviso: 13

14 Impregilo International NV 77,89% Empresa Constructora Fe Grande S.A. 10,00% Empresa Constructora Tecsa S.A. 10,00% Società Italiana per le Imprese all Estero S.p.A. 2,11% Totale 100,00% L offerta mira ad acquisire la totalità del capitale sociale di Costanera e, comunque, una quota non inferiore al 77,89% dello stesso (corrispondente alla quota attualmente detenuta da Impregilo International N.V.) e si confronta con quelle presentate da altri soggetti concorrenti nell ambito di una procedura competitiva di cessione avviata dal Gruppo Impregilo. Il Consiglio di Amministrazione di Impregilo S.p.A., in data 26 luglio 2005, ha esaminato e accettato l offerta congiunta formulata da SIAS e da Autostrade S.p.A.; il prezzo offerto per l acquisizione dell intero capitale di Costanera è pari a USD 308,9 milioni (pari a circa euro 258 milioni), al netto dell indebitamento di circa 250 milioni di USD costituito da un prestito obbligazionario garantito dal Banco Interamericano di Sviluppo e da AMBAC Assurance Corporation (i Garanti ) e di circa 18 milioni di USD costituito da un prestito subordinato. È attualmente previsto che tale partecipazione sarà ripartita pariteticamente tra Autostrade S.p.A. e SIAS.. L intera operazione è subordinata i) all effettuazione di una due diligence da parte di SIAS ed Autostrade S.p.A. e ii) all assenso sia dei Garanti sia del competente Ministero cileno (MOP). Si ipotizza che l intera operazione possa concludersi verso la fine del 2005 o all inizio del 2006; in funzione della effettiva tempistica realizzativa,si valuterà la forma più idonea per finanziare tale acquisizione ricorrendo a nuove linee di credito ed eventualmente alla liquidità residua riveniente dal Prestito. * * * In data 29 luglio 2005, la Società Autostrada Ligure Toscana S.p.A. ( SALT ), Autostrada Torino Milano S.p.A. ( ASTM ), e Satap S.p.A. ( SATAP ) hanno complessivamente ceduto a Azienda Sviluppo Acqua e Mobilità A.S.A.M. S.p.A., società controllata dalla Provincia di Milano, n di azioni della Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. ( Milano Serravalle ) corrispondenti al 15% del capitale sociale della medesima società. La transazione è stata conclusa al prezzo di Euro 8,831 per azione, con contestuale regolamento del relativo corrispettivo. Per effetto delle suddette operazioni, la partecipazione detenuta in Milano Serravalle dal Gruppo ASTM e dal Gruppo SIAS (entrambi facenti capo alla Aurelia S.p.A.) è passata dal 26,98% all 11,98% e risulta pressoché interamente concentrata all interno del Gruppo SIAS (SALT 9,044% e Autostrada dei Fiori S.p.A. 2,881%). L operazione è stata conclusa alla luce dei significativi benefici finanziari ed economici ad essa connessi e consentirà, comunque, anche in virtù della partecipazione residua, di continuare ad esercitare un ruolo significativo in seno alla Milano Serravalle. 14

15 L operazione, nel suo complesso, comporterà un incasso di circa 238,4 milioni di euro ed il realizzo di una plusvalenza, rispetto al costo medio di acquisto delle azioni, di circa 175,6 milioni di euro, come di seguito dettagliato: ASTM SATAP (*) SALT (**) Totali N. azioni cedute Corrispettivo (milioni di euro) 37,3 103,0 98,1 238,4 Plusvalenza (milioni di euro) 31,2 72,0 72,4 175,6 (*) Società controllata da ASTM che ne detiene il 99,87% del capitale sociale (**) Società controllata da SIAS che ne detiene l 87,39% del capitale sociale Si segnala, infine, che nessuno degli amministratori delle società partecipanti alla compravendita ha interessi personali nell'operazione e che non è prevista alcuna modifica dei compensi degli amministratori in relazione all'esito dell'operazione stessa. * * * Alla data della presente Nota Integrativa, non si sono verificati ulteriori eventi di rilievo relativi all andamento recente ed alle prospettive del Gruppo SIAS. Per quanto riguarda le suddette informazioni si rimanda a quanto contenuto nel Prospetto Informativo (cfr. Sezione Prima, Capitolo V del Prospetto). 15

16 VI - INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE SULL EMITTENTE E SUL CAPITALE SOCIALE Statuto Lo statuto sociale dell Emittente in vigore alla data di pubblicazione della Nota Integrativa, è quello risultante a seguito della delibera del Consiglio di Amministrazione del 20 maggio Capitale sociale Il capitale sociale della SIAS integralmente sottoscritto e versato ammonta a 63,75 milioni di Euro e risulta suddiviso in n azioni ordinarie del valore nominale di Euro 0,50 cadauna. Nell ipotesi di integrale conversione delle Obbligazioni, il capitale sociale risulterà aumentato fino ad Euro ,00, suddiviso in n azioni da nominali Euro 0,50 cadauna. 6.3 Capitale sociale deliberato ma non sottoscritto deleghe all aumento del capitale sociale L Assemblea straordinaria del 16 maggio 2005 ha attribuito al Consiglio di Amministrazione la facoltà, ai sensi dell articolo ter del Codice Civile, di emettere, in una o più volte, obbligazioni convertibili in azioni ordinarie e/o con warrant, con correlato aumento del capitale sociale, entro il periodo di un anno dalla data della deliberazione, per un importo che, tenuto conto delle obbligazioni eventualmente in circolazione alla data della deliberazione di ciascuna emissione, non ecceda i limiti di volta in volta consentiti ai sensi di legge e, comunque, l importo massimo di Euro 350 milioni. Il Consiglio di Amministrazione della SIAS, a valere sulla suddetta delega, ha deliberato, in data 20 maggio 2005, un aumento del capitale sociale di massimi nominali Euro ,00, a fronte dell emissione di massime n nuove azioni ordinarie, al servizio della conversione del Prestito oggetto della Nota Integrativa. 6.4 Obbligazioni convertibili Alla data di pubblicazione della Nota Integrativa, oltre alle n Obbligazioni oggetto della presente Nota Integrativa (cfr. Sezione Seconda, Capitolo VII), non risultano in essere altri prestiti obbligazionari convertibili in capo all Emittente. 16

17 SEZIONE SECONDA - INFORMAZIONI RELATIVE AGLI STRUMENTI FINANZIARI OGGETTO DELLA QUOTAZIONE VII - INFORMAZIONI RELATIVE ALLE OBBLIGAZIONI DEL PRESTITO SIAS 2,625% CONVERTIBILE IN AZIONI ORDINARIE Diffusione delle Obbligazioni Le Obbligazioni sono state emesse nell ambito dell Offerta in opzione agli azionisti SIAS deliberata dal Consiglio di Amministrazione in data 20 maggio 2005, a valere sulla delega conferitagli ai sensi dell art ter del Codice Civile dall assemblea Straordinaria degli azionisti del 16 maggio Esse sono state emesse in data 8 luglio 2005, al portatore, in regime di dematerializzazione Denominazione e natura delle Obbligazioni Il Prestito Obbligazionario è denominato SIAS 2,625% convertibile in azioni ordinarie ed è retto dal Regolamento riportato in Appendice alla Nota Integrativa Numero delle Obbligazioni Il Prestito Obbligazionario SIAS 2,625% convertibile in azioni ordinarie è costituito da n Obbligazioni del valore nominale unitario pari a Euro 10, Moneta del Prestito Obbligazionario Il Prestito Obbligazionario SIAS 2,625% convertibile in azioni ordinarie è espresso in Euro Valore nominale del Prestito Obbligazionario Il valore nominale del Prestito Obbligazionario SIAS 2,625% convertibile in azioni ordinarie è pari a Euro 334,7 milioni Prezzo di emissione e di rimborso Le Obbligazioni sono state offerte in opzione alla pari e cioè al valore nominale unitario pari a Euro 10,50, senza aggravio di commissioni o spese previste dalla Società a carico del sottoscrittore. Le Obbligazioni non presentate alla conversione verranno rimborsate, alla pari, senza alcuna deduzione per le spese Tasso di interesse nominale Ai sensi dell art. 3 del Regolamento, il tasso di interesse nominale annuo lordo delle Obbligazioni è pari al 2,625% Tasso di rendimento effettivo Il tasso di rendimento effettivo annuo lordo dell Obbligazione è pari al tasso di interesse nominale, pari al 2,625%. Al netto dell effetto fiscale vigente alla data di pubblicazione della Nota Integrativa, il rendimento effettivo è pari al 2,297% Scadenza, modalità e termini di liquidazione e pagamento degli interessi Gli interessi saranno pagati, senza deduzione di spese, il 1 gennaio di ogni anno dal 2006 al La prima cedola, pagabile il 1 gennaio 2006, rappresenterà gli interessi maturati a partire dalla data di emissione. Il pagamento avverrà tramite gli intermediari autorizzati aderenti al sistema di gestione accentrata della Monte Titoli S.p.A.. 17

18 Diritti e vantaggi connessi alle Obbligazioni Le Obbligazioni incorporano i diritti e i vantaggi previsti dalla normativa vigente per i titoli della stessa categoria Condizioni, termini e modalità di conversione Le Obbligazioni sono convertibili in azioni ordinarie della Società, del valore nominale di Euro 0,5 cadauna, nel rapporto di una Azione di Compendio per ogni Obbligazione presentata in conversione, salvo quanto previsto al successivo Paragrafo Le Azioni di Compendio, da emettersi in corrispondenza dell aumento di capitale a servizio del Prestito Obbligazionario SIAS 2,625% convertibile in azioni ordinarie, sono irrevocabilmente ed esclusivamente destinate alla conversione delle Obbligazioni Convertibili fino alla scadenza del termine ultimo fissato per la conversione delle Obbligazioni Convertibili stesse. Il diritto di conversione può essere esercitato dall obbligazionista per tutte o parte delle Obbligazioni Convertibili possedute presentando la domanda di conversione delle Obbligazioni Convertibili (di seguito, la Domanda di Conversione ) all intermediario aderente al sistema di gestione della Monte Titoli S.p.A. presso il quale le Obbligazioni sono depositate. La Domanda di Conversione potrà essere presentata in qualunque Giorno Lavorativo (come di seguito definito) a decorrere dal 1 luglio 2010 e fino al 31 maggio 2017, salvo quanto previsto al punto 2.iv) e al punto 3) dell art. 6 del Regolamento riportato in Appendice. Per Giorno Lavorativo deve intendersi qualunque giorno di calendario diverso dal sabato e dalla domenica nel quale le banche siano aperte per l esercizio della loro attività, sulla piazza di Milano. SIAS provvederà, alla data di efficacia della conversione, a emettere senza aggravio di commissioni e spese per l obbligazionista le Azioni di Compendio richieste in conversione, mettendole a disposizione degli aventi diritto presso l intermediario aderente al sistema di gestione accentrata della Monte Titoli S.p.A. che ha ricevuto la Domanda di Conversione. Al momento della sottoscrizione e della presentazione della Domanda di Conversione, oltre a fornire le necessarie e usuali informazioni, l obbligazionista prenderà atto che le Obbligazioni Convertibili e le Azioni di Compendio, nonché ogni connesso diritto, non sono e non saranno registrate ai sensi del Securities Act del 1933, e successive modifiche, vigente negli Stati Uniti d America (di seguito il Securities Act ) e che le Obbligazioni e le Azioni di Compendio ed ogni connesso diritto non potranno essere offerti, venduti, costituiti in pegno e, in generale, oggetto di qualsiasi atto di trasferimento, se non nell ambito di una transazione che avvenga al di fuori degli Stati Uniti d America in conformità a quanto previsto dalla Regulation S del Securities Act. Nessuna Azione di Compendio sarà attribuita agli obbligazionisti che non soddisferanno le condizioni sopra descritte. Per maggiori informazioni si rinvia al Regolamento riportato in Appendice Condizioni, termini e modalità di eventuale modifica dei termini di conversione delle Obbligazioni In caso di operazioni sul capitale o di altre operazioni straordinarie eventualmente effettuate da SIAS, si applicheranno le disposizioni contenute nell articolo 7 del Regolamento, riportato in Appendice Durata del Prestito Le Obbligazioni Convertibili verranno rimborsate dalla Società in un unica soluzione il 30 giugno Decorrenza del godimento Il godimento delle Obbligazioni Convertibili decorre dalla data di emissione delle Obbligazioni stesse e cioè dall 8 luglio

19 Modalità di ammortamento e procedura di rimborso Le Obbligazioni Convertibili verranno rimborsate integralmente tramite gli intermediari autorizzati aderenti al sistema accentrato di Monte Titoli S.p.A. in un unica soluzione il 30 giugno 2017, salvo quanto previsto all articolo 9 del Regolamento riportato in Appendice. Il rimborso verrà effettuato alla pari e senza alcuna deduzione per spese. Le Obbligazioni Convertibili cesseranno di essere fruttifere alla data fissata per il loro rimborso Eventuali clausole di postergazione dei diritti inerenti le Obbligazioni Convertibili Non è prevista alcuna clausola di postergazione dei diritti inerenti le Obbligazioni Convertibili rispetto ad altri debiti dell Emittente Garanzie ed impegni del Prestito Non sono previsti garanzie o impegni che assistano il rimborso del Prestito SIAS 2,625% convertibile in azioni ordinarie ed il pagamento dei relativi interessi Prescrizione e decadenza I diritti degli obbligazionisti relativamente al pagamento degli interessi si prescrivono a favore dell Emittente decorsi 5 anni dalla data di scadenza di tali interessi; per quanto concerne il pagamento del valore nominale delle Obbligazioni, decorsi 10 anni dalla data in cui le Obbligazioni stesse sono divenute rimborsabili. Il diritto di conversione delle Obbligazioni deve essere esercitato, a pena di decadenza, nei termini previsti dall art. 6 del Regolamento (cfr. anche il precedente Paragrafo 7.11) Regime fiscale Si riassume di seguito il regime fiscale previsto, per le Obbligazioni della specie, dalla normativa vigente sulla tassazione dei redditi di capitale e redditi diversi. Gli investitori sono tenuti a consultare i loro consulenti in merito al regime fiscale proprio dell acquisto, della detenzione e della cessione di Obbligazioni ed a verificare la natura e l origine delle somme percepite come distribuzioni sulle azioni della Società. Redditi di capitale Per gli interessi, premi ed altri frutti la tassazione varia in relazione al variare della tipologia del soggetto percettore. Di seguito riportiamo una tabella con l indicazione della tassazione dei redditi di capitale per tipologia di percettore: Soggetto percettore ALIQUOTA Tassazione Commento Persone fisiche 12,5% Imposta sostitutiva (1) Società residenti esenti da IRES 12,5% Imposta sostitutiva (1) Soggetti esclusi da IRES (art. 74 DPR 917/86 Stato ed Enti Pubblici) Società semplici, associazioni professionali e enti non commerciali Fondi pensione Fondi di investimento immobiliare 12,5% Imposta sostitutiva (1) 12,5% Imposta sostitutiva (1) Nessuna ritenuta Nessuna Gli interessi concorrono a formare il risultato complessivo maturato soggetto all imposta sostitutiva dell 11% 19

20 Fondi lussemburghesi, OICVM nazionali, gestioni individuali Società e enti commerciali e stabili organizzazioni Imprenditori individuali (se i redditi derivano da attività relative all impresa ex art. 65 DPR 917/86) Soggetti non residenti: (2) (3) - soggetti residenti nei paesi che non consentono un adeguato scambio di informazioni - soggetti residenti diversi da quelli di cui al punto precedente ritenuta Nessuna ritenuta Nessuna ritenuta 12,5% Imposta sostitutiva (1) 12,5% Imposta sostitutiva (1) Nessuna ritenuta Il provento concorre a formare il risultato di gestione assoggettato ad aliquota del 12,5% Tassazione ordinaria Con diritto allo scomputo dell imposta sostitutiva ai sensi degli artt. 22 e 79 del DPR 917/86 L esenzione da imposta sostitutiva è riconosciuta nel caso in cui il soggetto non residente, detentore del titolo, adempia a quanto previsto dal D.lgs 239/96 (presentazione di una dichiarazione dell effettivo beneficiario dei proventi che attesti di non essere residente in Italia né nei paesi che non consentono adeguato scambio di informazioni). Non ottemperando a quanto anzidetto i redditi di capitale subiscono l imposta sostitutiva del 12,5% (1) Imposta sostitutiva delle imposte sui redditi di cui al Decreto Legislativo del 1 aprile 1996, n. 239 e successive modificazioni. (2) Può essere applicato il regime di tassazione previsto dalle Convenzioni se più favorevole. (3) I Paesi che concedono lo scambio di informazioni sono quelli indicati nel D.M. 4/9/96 (white list). Redditi diversi E prevista, come regola generale, l imposizione di ogni reddito finanziario conseguito dal contribuente. In particolare è estesa la tassazione a tutte le plusvalenze conseguite con la cessione a titolo oneroso (o rimborso ove applicabile) di ogni valore mobiliare, comprese le cessioni (o rimborso) a titolo oneroso di obbligazioni. Le plusvalenze conseguite nell esercizio di impresa o realizzate da società o enti commerciali residenti concorrono a formare il reddito complessivo del percipiente e sono assoggettate al regime ordinario applicabile di tassazione dei redditi. Nel caso di alcuni soggetti residenti (persone fisiche, enti, associazioni non commerciali e società semplici), le plusvalenze imponibili, non conseguite nell esercizio dell impresa, si determinano calcolando i guadagni al netto delle perdite. Se risulta un reddito, come regola generale, questo è tassato al 12,5% salvo il caso in cui si tratti di plusvalenze derivanti da cessioni caratterizzabili quali cessioni di partecipazioni qualificate. La scelta del regime: il regime del risparmio amministrato e quello del risparmio gestito hanno carattere opzionale. La facoltà di avvalersi di uno di questi regimi deve essere esercitata dal contribuente quando stipula un contratto di deposito, amministrazione o gestione titoli con un intermediario finanziario presentando all intermediario una apposita comunicazione. 20

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Regolamento emittenti TITOLO II CAPO II SEZIONE IV Art. 87 (Comunicazioni dei capigruppo Comunicazioni delle operazioni di compravendita

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile.

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. Signori Azionisti, come illustrato nella Relazione sulla

Dettagli

Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi -

Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi - Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi - di Mario Gabbrielli, Davide D Affronto, Rossana Bellina, Paolo Chiappa

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L.

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L. INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N. 11971 RELATIVE AL PATTO PARASOCIALE FRA EQUILYBRA CAPITAL PARTNERS S.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE

Dettagli

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa dei Prestiti Obbligazionari denominati

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa dei Prestiti Obbligazionari denominati BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 Iscritta all Albo delle Banche al n. 6175.4 Capogruppo del Gruppo CARIGE iscritto all albo dei

Dettagli

Fideiussione Corporate (la "Garanzia")

Fideiussione Corporate (la Garanzia) Fideiussione Corporate (la "Garanzia") OGGETTO: A ciascun detentore di obbligazioni convertibili in azioni della società Sacom S.p.A. denominati "Sacom 2013 2018 Obbligazioni Convertibili" (ciascun Obbligazionista,

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: Scheda Sintetica; Nota Informativa; Condizioni di Assicurazione

Dettagli

POPOLARE VITA S.p.A.

POPOLARE VITA S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA IN FORMA MISTA, A PREMIO UNICO CON RIVALUTAZIONE ANNUALE DEL CAPITALE (TARIFFA N. 560) Orizzonte Sicuro Il presente Fascicolo Informativo, contenente: la Scheda Sintetica;

Dettagli

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF )

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF ) RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF ) (modello di amministrazione e controllo tradizionale) Emittente: SALINI

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Contratto di assicurazione mista a premio unico con rivalutazione del capitale e cedola annua (Tariffa 21CM)

Contratto di assicurazione mista a premio unico con rivalutazione del capitale e cedola annua (Tariffa 21CM) Certezza Più Contratto di assicurazione mista a premio unico con rivalutazione del capitale e cedola annua (Tariffa 21CM) Il presente Fascicolo Informativo, contenente la Scheda Sintetica, la Nota Informativa,

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE BancoPostaFondi SGR BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE del Fondo Comune d Investimento Mobiliare Aperto Armonizzato denominato BancoPosta Obbligazionario

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

"OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI

OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI "OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI Ai sensi dell art. 114, comma 7, D. Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 e dal Regolamento Emittenti adottato dalla Consob

Dettagli

MODIFICHE AL REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO PATRIMONIO UNO

MODIFICHE AL REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO PATRIMONIO UNO MODIFICHE AL REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO PATRIMONIO UNO Regolamento del fondo comune di investimento immobiliare chiuso riservato ad investitori qualificati PATRIMONIO UNO promosso da Patrimonio

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

Eurovita Forza 15 Coupon Contratto di assicurazione mista a prestazioni rivalutabili a premio unico con erogazione di cedole annuali

Eurovita Forza 15 Coupon Contratto di assicurazione mista a prestazioni rivalutabili a premio unico con erogazione di cedole annuali ED. LUGLIO 2013 Eurovita Forza 15 Coupon Contratto di assicurazione mista a prestazioni rivalutabili a premio unico con erogazione di cedole annuali Il presente Fascicolo Informativo, contenente la Scheda

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 2/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modifiche alla tassazione applicabile, ai fini dell imposta di registro, ipotecaria e catastale, agli atti di trasferimento o di costituzione

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n.

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. Bologna, 25 maggio 2006 Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. 11971/1999 Gli organi amministrativi di Lopam Fin S.p.A.

Dettagli

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ Società del Gruppo ALLIANZ S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: SCHEDA SINTETICA

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013

postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013 postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013 Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili Il presente Fascicolo Informativo contenente la Scheda Sintetica, la Nota Informativa,

Dettagli

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI MEDIOLANUM S.P.A. IN BANCA MEDIOLANUM S.P.A. *** *** *** REDATTO AI SENSI E PER GLI EFFETTI DELL ARTICOLO 2501-TER DEL CODICE CIVILE PREMESSA A norma dell articolo

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

Maggio 2014. Guida dell Azionista

Maggio 2014. Guida dell Azionista Maggio 2014 Guida dell Azionista Con la presente Guida intendiamo offrire un utile supporto ai nostri azionisti, evidenziando i diritti connessi alle azioni possedute e consentendo loro di instaurare un

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

CONVENZIONE QUADRO TRA

CONVENZIONE QUADRO TRA PROVINCIA DI PESARO E URBINO CONVENZIONE QUADRO Espletamento dei servizi finanziari connessi all emissione di prestiti obbligazionari ed altri servizi finanziari accessori e servizio di advisory per la

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life 3 Indice 1. Autorizzazione e valori depositati 4 2. Apertura di un deposito 4 3. Autorizzazione di iscrizione

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 e dell art. 12 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma. Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v.

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma. Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v. LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v. Partita IVA, codice fiscale ed iscrizione presso il registro delle imprese di Roma n. 08028081001

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

IMMOBILI. Art.1. Art.2

IMMOBILI. Art.1. Art.2 Comune di Marta Provincia di Viterbo Piazza Umberto I n.1 010100 Marta (VT) Tel. 0769187381 Fax 0761873828 Sito web www..comune.marta.vt.it REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI

Dettagli

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro.

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro. Torino, 10 maggio 2013 COMUNICATO STAMPA RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE DEL GRUPPO SIASS AL 31 MARZO 2013 PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DELLA D SOCIETÀ INTERAMENTE CONTROLLATA HOLDING PIEMONTE

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

Prima della sottoscrizione leggere attentamente la Scheda Sintetica e la Nota Informativa

Prima della sottoscrizione leggere attentamente la Scheda Sintetica e la Nota Informativa Certezza 10 Contratto di assicurazione mista a premio unico con rivalutazione del capitale e cedola annua (Tariffa 21CNA) Il presente Fascicolo Informativo, contenente la Scheda Sintetica, la Nota Informativa,

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 02 FASCICOLO 2 Quadro RH Quadro RL Quadro RM Quadro RT Quadro RR Redditi di partecipazione in

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Luglio 2007 Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Indice Preambolo... 3 1. Campo

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, il 21 dicembre 2007, ha approvato il seguente disegno di legge, d iniziativa del Governo, già approvato dal Senato e modificato dalla Camera

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011 CIRCOLARE N. 26/E Direzione Centrale Normativa Roma, 01 giugno 2011 Oggetto: Cedolare secca sugli affitti Articolo 3 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23 (Disposizioni in materia di federalismo

Dettagli

VALORE 2.0. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili e a premio annuo indicizzato

VALORE 2.0. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili e a premio annuo indicizzato VALORE 2.0 Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili e a premio annuo indicizzato Il presente Fascicolo informativo, contenente: Scheda sintetica Nota informativa Condizioni di

Dettagli

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Articolo 1 Oggetto e Ambito di applicazione dell Accordo Le autorità

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli