Valutazione delle prestazioni termiche di sistemi con solai termoattivi in regime non stazionario

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Valutazione delle prestazioni termiche di sistemi con solai termoattivi in regime non stazionario"

Transcript

1 Valutazioe delle prestazioi termiche di sistemi co solai termoattivi i regime o stazioario MICHELE DE CARLI, Ph.D., Ricercatore, Dipartimeto di Fisica Tecica, Uiversità degli Studi di Padova, Padova, Italia. MARKUS KOSCHENZ, EMPA, Zurigo, Svizzera BJARNE W. OLESEN, Ph.D., Professore, Iteratioal Ceter for Idoor Eviromet ad Eergy, Damarks Tekiske Uiversitet, Lygby, Daimarca. MASSIMILIANO SCARPA, Ph.D., Dipartimeto di Fisica Tecica, Uiversità degli Studi di Padova, Padova, Italia. SOMMARIO I sistemi co solai termoattivi (o ad attivazioe termica della massa) soo geeralmete chiamati co l'acroimo TABS (Thermo-Active Buildig Systems) e rappresetao ormai uo stadard el mercato dell Europa cetrale per il raffrescameto e il riscaldameto di ambieti cofiati. Soo sistemi i utilizzo da circa ua decade, tuttavia la loro applicazioe fatica a diffodersi i Italia. Il presete articolo ha lo scopo di forire ua guida al dimesioameto semplificato di sistemi idroici co solai termoattivi. Il ricorso a tali sistemi permette di utilizzare i modo più efficiete le foti eergetiche riovabili, cotribuedo di cosegueza alla loro diffusioe. La progettazioe di sistemi radiati co solai termoattivi si dimostra oggi laboriosa poiché, a causa dell'elevata capacità termica del solaio, bisoga ricorrere a simulazioi termiche diamiche co codici di calcolo dedicati. E' tuttavia importate sottolieare che proprio l'elevata ierzia termica e determia i pricipali vataggi, primi fra tutti l'atteuazioe dei picchi di carico rispetto a u sistema covettivo tradizioale e il coseguete ricorso a chiller di taglie limitate. Per il dimesioameto del sistema TABS o risulta sufficiete il calcolo dei soli carichi termici, i quato il loro profilo o corrispode al profilo di carico che deve essere asportato dalla macchia refrigerate. Per u corretto dimesioameto possoo allora giugere i aiuto codici per la simulazioe dettagliata del complesso edificio-impiato. Tuttavia, tali codici, che risultao spesso complessi, soo piuttosto costosi e richiedoo tempo. I questo lavoro vegoo presetati i diversi metodi semplificati fializzati al calcolo delle prestazioi dei sistemi TABS e iseriti ella uova ormativa del settore (pren15377 parte 3) i corso di pubblicazioe. I metodi proposti vegoo usati per dimesioare il sistema e verificare che le specifiche del circuito e della macchia ad esso collegata cosetao l'opportua operatività dell'impiato, el rispetto delle codizioi di comfort all itero dell ambiete. 1. INTRODUZIONE Negli ultimi ai si sta diffodedo ua uova tipologia impiatistica fializzata al raffrescameto e riscaldameto di edifici i Europa cetrale, pricipalmete Germaia, Austria, Svizzera e Olada: si tratta dei sistemi TABS (Thermo-Active Buildig Systems). Il ome e evoca la pricipale caratteristica di fuzioameto: essi soo ifatti sistemi radiati che sfruttao l'ierzia termica della struttura edilizia. Il circuito viee alloggiato al cetro della struttura, el cuore del solaio, così da sfruttare l'itero volume per accumulare eergia. I tal modo, l'itera struttura del solaio diviee u termiale d'impiato caratterizzato da elevata capacità termica e quidi i grado di accumulare eergia frigorifera (i regime estivo) o termica (i fuzioameto iverale), per poi rilasciarla i modo graduale e autoregolate ell arco della giorata, permettedo ua leggera fluttuazioe delle gradezze itere di beessere (pricipalmete temperatura dell aria

2 e media radiate), sebbee pur sempre all itero di u campo accettabile di comfort termico. Ovviamete, tale meccaismo o è lieare, i quato la prestazioe del sistema (i particolare la sua protezza el rispodere alle sollecitazioi termiche estere) dipede i modo particolare dall'ierzia termica del sistema stesso. Come detto, la capacità termica del sistema permette di sfruttare il solaio come u serbatoio termico e quidi di accumulare eergia co acqua a temperature di madata vicie alla temperatura di comfort, cosetedo i modo vataggioso lo sfruttameto di foti eergetiche riovabili e l utilizzo di macchie ad elevata efficieza di produzioe, quali le pompe di calore accoppiate al terreo. Tuttavia, la preseza di ierzia termica tra il circuito e la staza implica ua maggiore complessità della fase progettuale. Le prime applicazioi di sistemi TABS risalgoo ai primi ai ovata i Svizzera (Meierhas 1993, 1996), sfruttado l'elevata ierzia termica caratterizzate i solai di calcestruzzo iterposti tra u piao e l'altro, al fie di provvedere sia al raffrescameto che al riscaldameto di edifici multipiao, geeralmete del terziario. Nel dimesioameto dei classici impiati di raffrescameto ad aria, la poteza frigorifera viee calcolata effettuado ua simulazioe diamica basata sul gioro di progetto estivo, cosiderado i carichi iteri dovuti a persoe e apparecchiature elettriche, ochè i carichi solari e il clima estero. Nel caso di sistemi a bassa ierzia termica, quali gli impiati covettivi e i paelli radiati di superficie, il carico cui il sistema deve far frote corrispode alla poteza frigorifera ecessaria a mateere ua temperatura operativa itera alla staza pari, per esempio, a 26 C (ASHRAE-2004) el mometo di massimo fabbisogo frigorifero. Nei sistemi ad attivazioe termica della massa, ivece, l'ierzia termica del solaio atteua il carico frigorifero delle macchie refrigerati e e ritarda il picco (feomeo di peak shavig). Di cosegueza, si rede ecessario u diverso approccio ella progettazioe del dimesioameto di sistemi co solaio termoattivo. Il presete articolo illustra i metodi semplificati previsti ella uova ormativa europea per il dimesioameto di TABS (EN parte 3). A livello teorico, ua simulazioe termica a regime diamico co time-step orario sarebbe sufficiete per otteere u'ottima valutazioe delle prestazioi dei solai termoattivi i fase di raffrescameto (Hauser et. al. 2000, Koschez e Lehma 2000 Olese et. al. 2002, Bruello et al. 2002, Olese e Dossi 2004,). Tuttavia, spesso si ritiee u tale approccio troppo complicato e laborioso, specialmete durate la fase di primo dimesioameto. Vegoo di seguito presetati i metodi semplificati iseriti all'itero della Normativa Europea di riferimeto per il settore. I metodi proposti vegoo usati per dimesioare il sistema e verificare che la poteza così istallata sia sufficiete ad assicurare il comfort all'itero del locale cofiato. U'apposita sezioe della ormativa descrive pure quato la progettazioe e il dimesioameto possao essere migliorati i modo da facilitare l'utilizzo di risorse eergetiche riovabili. 2. SCOPO DELLA NORMATIVA La ormativa EN prevede metodi di dimesioameto per sistemi di raffrescameto e riscaldameto radiate alimetati ad acqua. Questa orma differisce dal progetto di orma pren 1264, ach esso i fase di revisioe, che si riferisce al calcolo della sola poteza omiale termica e frigorifera del sistema radiate i codizioi stazioarie e co i metodi di calcolo atualmete previsti dalla EN La orma EN (parti 1 e 2) ivece riguarda il dimesioameto degli impiati sulla base delle rese sia dei sistemi radiati defiiti ella pren 1264 che di altre tipologie di impiato radiate, quali i sistemi a capillare, i pavimeti radiati i lego e i sistemi co solaio termoattivo. I particolare ella orma EN si itroduce la possibilità di dimesioameto i regime stazioario di qualsiasi tipo di sistema radiate co teciche agli elemeti fiiti o alle differeze fiite. La orma pren15377 parte 3 è iteramete dedicata al dimesioameto i regime diamico degli impiati co solaio termoattivo co lo scopo di guidare il progettista el dimesioameto della poteza ecessaria dal chiller ai fii del raffrescameto. Il dimesioameto i regime stazioario iverale viee ivece defiito elle parti 1 e 2. Le metodologie di dimesioameto semplificato derivao da ua ricerca bieale svolta presso il Dipartimeto di Fisica Tecica i collaborazioe co l Uiversità Tecica della Daimarca e l EMPA di Zurigo. Occorre ifie sottolieare come le orme europee sugli impiati radiati (EN ed EN 1264) siao attualmete oggetto di aalisi per costituire la base della uova ormativa ISO (gruppo ISO/TC205-WG8) sui sistemi radiati.

3 3. OTTIMIZZAZIONE DEL SISTEMA FINALIZZATA ALL'ACCOPPIAMENTO CON RISORSE ENERGETICHE RINNOVABILI Trasferire eergia termica attraverso sistemi idroici comporta impiati meo igombrati e co miore cosumo di eergia rispetto ad impiati aveti aria come fluido termovettore. Allo stesso tempo, i preseza di elevate superfici di scambio, l'acqua di alimetazioe preseta temperature di madata piuttosto vicie alla temperatura dell ambiete; e deriva quidi il termie di sistemi ad alta temperatura, el caso di regime estivo, o a bassa temperatura, el caso di fuzioameto iverale. Più i geerale si parla di impiati a bassa differeza di temperatura. Gli impiati radiati tradizioali soo sistemi a bassa differeza di temperatura; per questi impiati la differeza tra temperatura media dell acqua e temperatura dell ambiete può essre ridotta mediate la dimiuzioe del passo tra i tubi e il salto termico tra temperatura dell'acqua di madata e di ritoro. Questo comporta però u aumeto della lughezza dei tubi e della portata d'acqua circolate, aumetado di cosegueza le perdite di pressioe e duque maggiori cosumi eergetici di pompaggio, a meo di o aumetare il diametro dei tubi oppure di suddividere il circuito radiate i sottocircuiti i parallelo. Nel caso degli impiati TABS si può otteere u utilizzo più razioale dell eergia, grazie alla riduzioe del picco di carico, dovuta all'elevata ierzia termica del sistema. I tal modo, i picchi di carico sosteuti dall'impiato vegoo traslati al di fuori del periodo di maggiore itesità dei carichi termici all'itero dei locali, riducedo allo stesso tempo la poteza istallata dell impiato di riscaldameto e raffrescameto. Si possoo ioltre usare temperature dell'acqua prossime a quella ambiete (temperatura i riscaldameto di 25 C- 27 C i ivero e 18 C-22 C i estate); questo implica maggiori vataggi ello sfruttameto di foti eergetiche riovabili o altamete efficieti, quali la risorsa solare termica, gli acquiferi, come pure le pompe di calore geotermiche. Ifatti ua dimiuzioe della taglia della macchia può rappresetare u aspetto iteressate, soprattutto quado correlato a pompe di calore accoppiate al terreo: i questo caso ifatti la riduzioe di poteza istallata coicide co u miore costo di istallazioe (mior umero di sode geotermiche) e ioltre le temperature basse i codesazioe ed alte i evaporazioe cosetoo COP elevati sia i riscaldameto che i raffrescameto (De Carli et al. 2004). 4. CONCETTI ALLA BASE DEI SISTEMI CON SOLAIO TERMOATTIVO I sistemi TABS (Koschez e Lehma 2000) soo circuiti di raffrescameto e riscaldameto ad acqua i cui tubi trovao posto al cetro del solaio (Figura 1). Il trasferimeto di calore viee duque fortemete ifluezato dagli spessori di solaio posti sopra e sotto il piao tubi, ochè dalla preseza o meo di strati isolati al di sopra o al disotto del solaio. A livello ituitivo, si può pesare che il flusso di eergia termica (sia essa frigorifera o meo) iteressi dapprima la regioe circostate i tubi, per poi estedersi coivolgedo il resto della parte strutturale del solaio, fio a raggiugere le superfici del solaio stesso, cioè il soffitto ed eveetualmete il pavimeto, e da qui l ambiete. Floor Room Reiforcemet Cocrete Room Pipes Figura 1. Sistema co solaio termoattivo

4 I sistemi co solaio termoattivo rivelao i propri vataggi più sigificativi ell'ambito della climatizzazioe estiva. E proprio a tale codizioe di fuzioameto fa riferimeto la orma EN Parte 3, pertato el seguito si farà riferimeto al comportameto diamico i raffrescameto. I tal caso, si può suddividere il sistema elle segueti pricipali etità, come illustrato i Figura 2: 1. Macchia refrigerate; 2. Circuito di distribuzioe dell'acqua refrigerata; 3. Serpetia per il raffrescameto, posta ella parte più itera del solaio (posizioe PL, acroimo di Pipe Level); 4. Evetuali resisteze termiche dovute alla fiitura del pavimeto e del soffitto (quali tappeti, moquette, pavimeto rialzato e cotrosoffitti); 5. Ambieti superiore e iferiore PL Figura 2. Schema semplificato di sistemi TABS La possibilità di atteuare i picchi di carico, i particolare quelli estivi, cosete di o reagire istataeamete ai carichi termici, posticipado per esempio il periodo di criticità ella rimozioe del calore al di fuori del periodo di occupazioe, provvededo i tal modo al raffrescameto dell'edificio durate le ore otture. I sistemi TABS possoo essere utilizzati sia co sistemi di vetilazioe meccaica che i accoppiameto co vetilazioe aturale, i fuzioe delle codizioi climatiche del sito e della destiazioe d uso dell edificio. Nel caso di vetilazioe meccaica, si può pure provvedere alla deumidificazioe dell'aria immessa. I tal caso, si può usufruire della medesima macchia refrigerate utilizzata per il sistema radiate. I breve, il solaio ad attivazioe termica della massa cosete di accumulare eergia frigorifera ella otte, lasciado dispoibile la macchia refrigerate per il trattameto dell aria di riovo, durate i perdiodi di occupazioe (Figura 3): ciò cosete di utilizzare macchie refrigerati di dimesioi iferiori, co u migliorameto delle prestazioi, dato che la temperatura di evaporazioe può essere maggiore di quella diura richiesta per il trattameto dell aria; el caso di chiller raffreddati ad aria ioltre la temperatura estera el periodo otturo è più bassa rispetto a quella diura. Ifie, il fuzioameto otturo può permettere di sfruttare ua più coveiete tariffazioe elettrica, ell ottica di u mercato elettrico libero. I geerale si può dire che i climi caldi e umidi la poteza refrigerate richiesta per la deumidificazioe diura dell'aria è sufficiete a far frote pure al raffrescameto otturo del solaio, come si evice dalla Figura 3. Prerequisito fodametale è u ivolucro efficiete dal puto di vista eergetico, sia per quato riguarda l aspetto iverale, sia per quato riguarda il comportameto durate la stagioe estiva. L aspetto più critico el dimesioameto dei sistemi TABS è quello relativo alle codizioi climatiche itere; i particolare risulta difficile, per il progettista, determiare se ua determiata temperatura di adduzioe dell'acqua al circuito sia sufficiete ad assicurare il mateimeto di codizioi di comfort termico (i termii di temperatura operativa) etro u predetermiato itervallo di temperatura operate. Ioltre, il progettista è iteressato al calcolo della poteza che dev'essere rimossa dal gruppo di refrigerazioe, i modo da prevedere il dimesioameto, oltre a decidere quate ore far fuzioare l impiato. Ifatti (Figura 4), i ambieti co istallazioi di sistemi co solaio termoattivo, la temperatura dell'ambiete itero fluttua etro u itervallo di temperatura che deve essere compreso all itero dell itervallo di comfort ( 0.5 < PMV < 0.5), che el caso di edifici del terziario si traduce i u campo di temperature operati comprese tra 23 C e 26 C (ISO ). E stato peraltro dimostrato i receti ricerche (Kolarik et al. 2007) che la variazioe di temperatura di 3 C ell arco di ua giorata lavorative o rappreseta u problema di comfort.

5 I questi ai soo stati sviluppati umerosi codici di simulazioe termica diamica dell'edificio. Il ricorso a tali programmi è comuque limitato dagli elevati tempi e costi ecessari per la preparazioe e la coduzioe delle simulazioi stesse. I quest'articolo si presetao strumeti di calcolo semplificati, iseriti ella uova ormativa, che permettoo il dimesioameto di sistemi TABS. 140 EFFETTO DI RIDUZIONE DI POTENZA CON SISTEMA TABS POTENZE FRIGORIFERE SPECIFICHE [W/m 2 ] Riduzioe del picco di poteza Poteza richiesta per il trattameto dell'aria Heat Gai TEMPO [h] Figura 3. Esempio dell'effetto di atteuazioe del picco di carico CONDIZIONI INTERNE CON SOLAIO TERMOATTIVO Eergia accumulata el solaio termoattivo TEMPERATURE [ C] θ mr θ a PMV VOTO MEDIO PREVISTO 21 T acqua ritoro TEMPO [ore] Figura 4. Esempio di profili di temperatura (asse siistro) e valori di PMV (asse destro) el corso della giorata

6 5. METODI DI CALCOLO I metodi di calcolo previsti ella orma soo i segueti: 1. Metodo di primo dimesioameto (Sezioe 5.1): è idicato i particolare per le prime fasi di progettazioe. Deriva dall'aalisi parametrica di u rilevate gruppo di simulazioi termiche effettuate utilizzado codizioi stadard di carico, assieme ad esperieze maturate su impiati esisteti. L'accuratezza di questo metodo di calcolo può essere cosiderata attoro al 20-30% rispetto alla realtà. Tale metodo richiede la coosceza del carico termico di picco agete sulla staza el caso di raffrescameto puramete covettivo. 2. Metodo di dimesioameto mediate specifici diagrammi (Sezioe 5.2): utilizza ua serie di diagrammi otteuti dalla simulazioe umerica di diverse codizioi di carico e si basa sulla coosceza del profilo di carico gioraliero. L'accuratezza di questo metodo è attoro al 15-20%. 3. Modello semplificato basato su metodi alle differeze fiite moodimesioali (Sezioe 5.3): si raggiuge u'accuratezza ell'ordie del 10-15% rispetto alla realtà e può essere ulteriormete esteso attraverso l'uso di metodi di calcolo alle differeze fiite bidimesioali per la simulazioe del campo termico circostate i tubi. Tale modello ecessita della coosceza del profilo gioraliero di carico, co cadeza oraria. Nella ormativa viee ache fatto esplicito riferimeto all uso di modelli di simulazioe dettagliata edificioimpiato. Essi raggiugoo u'accuratezza davvero otevole (6-10%) e si basao sulla simulazioe globale del complesso costituito dall'itegrazioe di edificio e impiato Metodo di primo dimesioameto Dall'aalisi di u sostazioso corpus di simulazioi ed esperieze maturate egli ai, emerge che il chiller può essere dimesioato al 70-80% di poteza rispetto a quato sarebbe ecessario el caso di raffrescameto co sistemi tradizioali. Si può duque assumere che la poteza di refrigerazioe da istallare sia attoro al 70-80% del picco massimo istataeo di carico termico Metodo di dimesioameto a diagrammi I questo caso la base di parteza è il calcolo dei carichi dell'ambiete, cosiderado u sistema puramete covettivo, mateuto alla temperatura operativa media di 24 C (che corrispode a ua temperatura di set-poit dell aria di circa 23 C), co fuzioameto cotiuo elle 24 ore. Nel caso il calcolo dei carichi termici vega effettuato i modo approssimato, si raccomada di cosiderare u carico maggiorato del 10% circa, per teer coto ache dei carichi termici per coduzioe attraverso le superfici estere. Il metodo è basato sul seguete cocetto: la regioe di calcestruzzo i cui soo immersi i tubi, cotraddistita da rilevati coducibilità e capacità termiche, subisce ua limitata fluttuazioe della propria temperatura media, durate la giorata. Si può a questo puto assumere che il solaio si matega a ua temperatura media fittizia pressochè costate durate la giorata. Tale temperatura media del solaio viee calcolata dal metodo stesso e viee posta i correlazioe co la temperatura d'alimetazioe del circuito. Il metodo viee descritto attraverso l'uso dei segueti parametri: Q: si tratta del carico termico gioraliero specifico [kwh/m 2 ] agete sull ambiete durate il gioro di progetto. I particolare, esso cosiste ella somma dei 24 valori orari di carico frigorifero specifico provvisti da u ipotetico impiato covettivo (per mateere la temperatura operate ella staza costatemete a 24 C). θ comfort : è la massima temperatura operativa cosetita per assicurare codizioi di comfort, geeralmete fissata pari a 26 C. forma geerale del profilo di carico termico agete sulla staza: permette di defiire se le sollecitzioi termiche itere alla staza possao essere riportate al caso di ua staza orietata a Est (carichi prevaleti durate la mattia), a Sud (distribuzioe dei carichi piuttosto simmetrica rispetto a mezzogioro) o a Ovest (distribuzioe dei carichi cocetrata el pomeriggio). umero di superfici attive del solaio: permette di distiguere la tipologia di solaio, ossia se il solaio lavora i modo omogeeo, cioè attraverso etrambe le superfici (Figura 5.A), o se ivece l'azioe di ua delle due superfici (geeralmete il soffitto) sia prepoderate (Figure 5.B e 5.C) rispetto all altra. h:è il umero di ore di fuzioameto gioraliero del circuito radiate. R it : è la resisteza termica globale corrispodete alla porzioe di solaio direttamete a cotatto coi tubi che veicolao il fluido termovettore. I breve, corrispode alla resisteza termica fittizia che si ipotizza coettere la regioe coduttiva del solaio circostate i tubi (Figura 6) al piao tubi stesso.

7 θ s : si tratta della temperatura media del solaio, calcolata dal metodo stesso e dipedete dal umero di superfici attive del solaio, dalla durata del tempo di fuzioameto gioraliero dell'impiato (per esempio 8 h o 24 h) e dal profilo di carico. Tale temperatura viee stimata attraverso la seguete equazioe, i cui coefficieti variao i fuzioe dei succitati parametri: θ = θ + coeff Q (1) s comfort R t : è la resisteza termica fittizia associabile al circuito idroico, otteuta attraverso l'applicazioe del metodo delle resisteze. Tale resisteza termica dipede dalla resisteza termica della parete del tubo, dal diametro del tubo e dal passo tra i tubi (De Carli et al. 2003). θ w : è la temperatura di alimetazioe del circuito ecessaria per garatire il comfort termico all'itero della staza. E otteuta attraverso la seguete espressioe: Q ( Rit + Rt ) 1000 θ = θ (2) w s h I coefficieti da utilizzare ei calcoli possoo essere presetati attraverso due tabelle, i dipedeza dalla forma del profilo dei carichi iteri alla staza (Tabelle 1 e 2). Ua volta defiita la temperatura di comfort θ comfort, le tabelle possoo essere riassute attraverso diagrammi: per esempio, assumedo θ comfort = 26 C, il diagramma relativo a ua situazioe costate di carichi iteri tra le 8:00 e le 18:00 è dato dalla Figura 7. Solaio agete attraverso due superfici Solaio agete attraverso ua superficie Solaio agete attraverso ua superficie calcestruzzo lego aria lego calcestruzzo regioe coduttiva cemeto armato R t regioe coduttiva cemeto armato R t isolameto regioe coduttiva cemeto armato R t A B C Figura 5. Numero di superfici attive e idividuazioe delle regioi coduttive ROS Rup UP θs CR Rdow θs LP θs Rup/2 PL Rdow/2 θs dove: Rup/2 Rdow/2 Rit = CR é la regioe coduttiva Rup/2 Rdow/2 UP é la parte superiore della regioe coduttiva PL θs LP é la parte iferiore della regioe coduttiva ROS é il resto del solaio PL é il livello tubi Figura 6. Rappresetazioe del circuito di resisteze utilizzato per il metodo di dimesioameto a diagrammi

8 Tabella 1. Carichi termici iteri costati dalle 8:00 alle 18:00 Superfici attive Room orietatio EST SUD OVEST Fuzioameto cotiuo del sistema 2 (Pavimeto e soffitto, C2) (24 h) 1 (Solo soffitto, C1) Fuzioameto itermittete del sistema 2 (Pavimeto e soffitto, C2) (8 h) 1 (Solo soffitto, C1) Tabella 2. Carichi termici iteri costati dalle 8:00 alle 12:00 e dalle 14:00 alle 18:00 Superfici attive Room orietatio EST SUD OVEST Fuzioameto cotiuo del sistema 2 (Pavimeto e soffitto, C2) (24 h) 1 (Solo soffitto, C1) Fuzioameto itermittete del sistema 2 (Pavimeto e soffitto, C2) (8 h) 1 (Solo soffitto, C1) Codizioi di fuzioameto Tempo di fuzioameto [h] Numero di superfici attive Orietazioe C2E 24 2 Est C2S 24 2 Sud C2W 24 2 Ovest C1E 24 1 Est C1S 24 1 Sud C1W 24 1 Ovest I2E 8 2 Est I2S 8 2 Sud I2W 8 2 Ovest I1E 8 1 Est I1S 8 1 Sud I1W 8 1 Ovest Figura 7. Diagramma per la determiazioe della temperatura media della regioe coduttiva del solaio θ s i fuzioe dei carichi termici totali gioralieri, el caso di carichi termici iteri costati dalle 8:00 alle 18: Metodo di dimesioameto basato su metodi alle differeze fiite (FDM) Nella orma pren viee altresì presetato u metodo dettagliato di calcolo e gli algoritmi di base per lo sviluppo del relativo codice di simulazioe. Di seguito vegoo presetati i pricipali cocetti iereti tale modello; per dettagli si veda (Scarpa 2007). Il sistema di refrigerazioe E u sistema molto critico, perchè occorre teere i debita cosiderazioe la limitata capacità di raffrescameto offerta dal solaio termoattivo. L aspetto fodametale i questa tecologia è rappresetato dall eergia asportabile durate il periodo otturo, e quidi la poteza media del sistema, più che il picco di poteza. L eergia asportabile è fuzioe delle ore di fuzioameto e della temperatura di madata. Il dimesioameto del chiller co il metodo FDM è di tipo iterativo e richiede calcoli di affiameto successivi.

9 s2θv Valutazioe delle prestazioi termiche di sistemi co solai termoattivi i regime o stazioario Circuito idraulico Il circuito idraulico viee schematizzato mediate il succitato metodo delle resisteze, che permette di rappresetare il circuito attraverso ua rete di resisteze termiche fittizie. I particolare, esso determia ua relazioe tra la temperatura dell'acqua di madata al circuito e la temperatura media del solaio a livello dei tubi (Figura 8). I tal modo, il solaio può essere diviso i due parti, rispettivamete costitueti la porzioe superiore e quella iferiore del solaio stesso. Solaio Il metodo delle resisteze del circuito idraulico permette duque di dividere il solaio i due parti, che vegoo simulate attraverso u metodo esplicito alle differeze fiite. Staza L ambiete viee rappresetato mediate u modello co u odo aria coesso a tre odi materiali, attraverso resisteze termiche fittizie (Figura 9). I odi materiali i questioe cosistoo ei due odi superficiali del solaio (pavimeto e soffitto) e i u odo fittizio rappresetativo delle altre pareti (odo W). Ioltre, il metodo tiee coto della radiazioe mutua tra i tre odi materiali. Rz+Rw+Rr s2 s1 s1 Rz+Rw+Rr Rx θv θc Figura 8. Schema di base descrittivo del metodo delle resisteze -1 θceilig QRadC RRFC RCAC θair RRWC QRadW QCov -1 θwalls RCAW W QRadF RCAF RRWF -1 θfloor Figura 9. Schema della rete di resisteze termiche cosiderate el modello alle differeze fiite Limiti del metodo Per far uso del metodo qui presetato, si devoo realizzare le segueti codizioi: Passo tra i tubi compreso tra 0.15 e 0.3 m.

10 Ricorso a cosuete strutture i calcestruzzo, cotraddistito da coducibilità termica λ = W/(m K). Si possoo ovviamete simulare solai cui siao aggiuti strati di materiali addizioali, quali isolati acustici o pavimeti rialzati. Si devoo tuttavia escludere dall'ambito di validità del metodo i solai che compredoo elemeti di alleggerimeto o itercapedii d'aria o uiformi comprese all'itero della regioe coduttiva i calcestruzzo. Se tali codizioi o vegoo verificate, è ecessario effettuare il dimesioameto ricorredo all'uso di programmi di simulazioe dettagliati che mettao a disposizioe moduli di calcolo per la simulazioe di solai attivi. Comuque, etro le codizioi sopra presetate, si può procedere col metodo semplificato. A tal fie sarebbe ecessario svolgere ua simulazioe per valutare il profilo dell adameto della poteza di raffrescameto di u sistema covettivo per mateere la temperatura operativa itera alla staza mediamete ell arco della giorata attoro a 24 C, per valutare i carichi termici proveieti dalla coduzioe attraverso la parete estera. I asseza della valutazioe dei flussi attraverso le superfici estere, si può assumere u valore pari al 10% di carico rispetto alla somma dei carichi iteri e della radiazioe solare etrate gioralieri. I Figura 10 si riporta lo schema geerale della metodologia di calcolo alla base del modello. I particolare vegoo defiiti i segueti parametri: DWC raggruppa l isieme delle codizioi meteorologiche TES rappreseta i carichi termici dovuti alla coduzioe attraverso la superficie estera SG rappreseta i guadagi solari icideti ella staza CIHL rappreseta i carichi termici iteri covettivi RIHL rappreseta i carichi termici iteri radiativi DWC QRadC TES+SG QRadW QRad QCov QRadF RIHL CIHL Figura 10. Carichi termici cosiderati dal modello e rispettiva distribuzioe 6. CONCLUSIONI Gli studi e le aalisi codotte el corso della presete ricerca cofermao i vataggi ell applicazioe di sistemi co solaio termoattivo. I particolare questa tecologia permette di ritardare e atteuare il picco di poteza frigorifera, grazie all'elevata capacità termica del solaio stesso; pertato i chiller accoppiati a sistemi TABS presetao poteza omiale iferiore rispetto ai termiali di impiato tradizioali. I metodi previsioali di dimesioameto dei solai termoattivi soo di difficile utilizzo, poiché bisoga ricorrere a simulazioi termiche diamiche dettagliate degli ambieti. Ne deriva la ecessità di ricorrere a strumeti di dimesioameto specifici, quali i metodi qui presetati, recetemete itrodotti all itero della uova orma

11 pren Lo scopo pricipale di questa ormativa è per l apputo lo studio metodi di dimesioameto dedicati per gli impiati TABS. La ormativa iclude metodi di calcolo utili elle prime fasi di progettazioe, quali il metodo di primo dimesioameto e il metodo di dimesioameto a diagrammi. Tale metodo si basa sull'ipotesi di ua temperatura media operate fluttuate el corso delle ore d'occupazioe dei locali. Gli iput del metodo cosistoo ivece ei carichi termici iteri dovuti a persoe, illumiazioe e apparecchiature elettriche, oltre al cotributo solare e alle specifiche del sistema (costituzioe del solaio, diametro e passo dei tubi, periodo di fuzioameto dell'impiato, etc.). Vi è ifie u ulteriore metodo che si basa sull accurata descrizioe del circuito radiate, ivi comprededo le specifiche del circuito e le caratteristiche termo-fisiche del solaio. Tale metodo si basa su teciche esplicite alle differeze fiite, semplificado l implemetazioe del metodo stesso. NOMENCLATURA θ mr : Temperatura media radiate della zoa [ C]; θ air : Temperatura media dell'aria della zoa [ C]; θ f : Tempertura media del pavimeto [ C]; θ c : Temperatura media del soffitto [ C]; θ w exit : Temperatura di ritoro dell'acqua [ C]; PMV: Voto Medio Previsto (Predicted Mea Vote) [-]; Q: Carico termico gioraliero specifico [kwh/m 2 ]; θ comfort.: Massima temperatura operativa cosetita per assicurare codizioi di comfort [ C]; h: Durata del tempo di fuzioameto gioraliero del circuito refrigerate [h]; R it : Resisteza termica globale corrispodete alla porzioe di solaio direttamete a cotatto coi tubi [m 2 K/W]; θ s : Temperatura media del solaio [ C]; R t : Resisteza termica fittizia associabile al circuito idroico [m 2 K/W]; θ w : Temperatura dell'acqua di alimetazioe del circuito ecessaria per garatire il comfort termico all'itero della staza [ C]; R z : Resisteza termica fittizia tra la temperatura di madata dell acqua e la temperatura media logaritmica dell acqua lugo il circuito [m 2 K/W]; R w : Resisteza termica fittizia tra la temperatura media logaritmica dell acqua e la temperatura media sulla superficie itera del tubo [m 2 K/W]; R r : Resisteza termica corrispodete allo spessore della parete del tubo [m 2 K/W]; R x : Resisteza termica fittizia tra la temperatura media sulla superficie estera del tubo e la temperatura media presso il piao tubi [m 2 K/W]; S 1 : Spessore della porzioe superiore del solaio S 2 : Spessore della porzioe iferiore del solaio θ : Temperatura dell aria durate il correte time-step di calcolo [ C]; θ θ θ Q Q Q Q Air 1 Ceilig 1 Floor 1 Walls RadC RadF RadW Cov : Temperatura del soffitto durate il precedete time-step di calcolo [ C]; : Temperatura del pavimeto durate il precedete time-step di calcolo [ C]; : Temperatura delle pareti itere durate il precedete time-step di calcolo [ C]; : Flusso di calore radiativo icidete sul soffitto [W]; : Flusso di calore radiativo icidete sul pavimeto [W]; : Flusso di calore radiativo icidete sulle pareti itere [W]; : Flusso di calore covettivo agete sull aria [W]; RRFC: Resisteza termica radiativa tra pavimeto e soffitto [m 2 K/W]; RCAC: Resisteza termica covettiva tra aria e soffitto [m 2 K/W]; RRWC: Resisteza termica radiativa tra pareti e soffitto [m 2 K/W]; RCAF: Resisteza termica covettiva tra aria e pavimeto [m 2 K/W]; RRWF: Resisteza termica radiativa tra pareti e pavimeto [m 2 K/W];

12 RCAW: Resisteza termica covettiva tra aria e pareti [m 2 K/W]. RIFERIMENTI EN ISO 7730:1995 (1995), Moderate thermal eviromets. Determiatio of the PMV ad PPD idices ad specificatio of the coditios for thermal comfort. Bruello P., De Carli M., Too M., Zecchi R. (2002). Aspetti eergetici ed ecoomici el codizioameto co sistemi radiati ad attivazioe termica della massa. Covego AiCARR, 7-8 Marzo 2002, Milao. De Carli, M., Koschez, M., Scarpa, M., Zecchi, R. (2003), Metodologia semplificata per il dimesioameto di sistemi radiati ad alta ierzia termica. Cogresso ATI 2003, Padova. De Carli M., Felli F., Too M., Zarrella A., Zecchi R. (2004), Modellizzazioe e dimesioameto di sistemi radiati ad attivazioe termica della massa accoppiati a pompe di calore co sode geotermiche, Covego AiCARR, Marzo 2004, Milao. Hauser, G., Kempkes, Ch., Olese, B. W. (2000), Computer Simulatio of the Performace of a Hydroic Heatig ad Coolig System with Pipes Embedded ito the Cocrete Slab betwee Each Floor. ASHRAE Tras. V. 106, pt.1. Koschez, M., Lehma, B. (2000). Thermoaktive Bauteilsysteme TABS, ISBN Meierhas, R.A. (1993), Slab coolig ad earth couplig, ASHRAE Tras. V. 99, Pt 2. Meierhas, R. A. (1996), Room air coditioig by meas of overight coolig of the cocrete ceilig. ASHRAE Tras. V. 102, Pt. 2. Olese, B. W., Sommer, K. ad Düchtig, B. (2002), Cotrol of slab heatig ad coolig systems studied by dyamic computer simulatios, ASHRAE Tras. V.108, Pt.2. Olese, B.W., Dossi, F.C.(2004), Operatio ad Cotrol of Activated Slab Heatig ad Coolig Systems, CIB World Buildig Cogress 2004, May Kolarik, J., Olese, B.W., Toftum, J. ad Mattarolo, L. (2007), Thermal comfort, perceived air quality ad itesity of SBS symptoms durig exposure to moderate operative temperature ramps, Clima 2007 WellBeig Idoors. Scarpa, M. (2007), Coolig of Buildigs by Meas of Thermally Activated Buildig Systems, Tesi di Dottorato, Uiversitá degli Studi di Padova, 2007.

Motori maxon DC e maxon EC Le cose più importanti

Motori maxon DC e maxon EC Le cose più importanti Motori maxo DC e maxo EC Il motore come trasformatore di eergia Il motore elettrico trasforma la poteza elettrica P el (tesioe U e correte I) i poteza meccaica P mech (velocità e coppia M). Le perdite

Dettagli

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DI UN GRUPPO DI OSSERVAZIONI O DI ESPERIMENTI, SI PERVIENE A CERTE CONCLUSIONI, LA CUI VALIDITA PER UN COLLETTIVO Più AMPIO E ESPRESSA

Dettagli

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE Esercizi di Fodameti di Iformatica 1 EQUAZIONI ALLE RICORRENZE 1.1. Metodo di ufoldig 1.1.1. Richiami di teoria Il metodo detto di ufoldig utilizza lo sviluppo dell equazioe alle ricorreze fio ad u certo

Dettagli

4. Metodo semiprobabilistico agli stati limite

4. Metodo semiprobabilistico agli stati limite 4. Metodo seiprobabilistico agli stati liite Tale etodo cosiste el verificare che le gradezze che ifluiscoo i seso positivo sulla, valutate i odo da avere ua piccolissia probabilità di o essere superate,

Dettagli

CONCETTI BASE DI STATISTICA

CONCETTI BASE DI STATISTICA CONCETTI BASE DI STATISTICA DEFINIZIONI Probabilità U umero reale compreso tra 0 e, associato a u eveto casuale. Esso può essere correlato co la frequeza relativa o col grado di credibilità co cui u eveto

Dettagli

8. Quale pesa di più?

8. Quale pesa di più? 8. Quale pesa di più? Negli ultimi ai hao suscitato particolare iteresse alcui problemi sulla pesatura di moete o di pallie. Il primo problema di questo tipo sembra proposto da Tartaglia el 1556. Da allora

Dettagli

Metodi statistici per l'analisi dei dati

Metodi statistici per l'analisi dei dati Metodi statistici per l aalisi dei dati due Motivazioi Obbiettivo: Cofrotare due diverse codizioi (ache defiiti ) per cui soo stati codotti gli esperimeti. Metodi tatistici per l Aalisi dei Dati due Esempio

Dettagli

IL CALCOLO COMBINATORIO

IL CALCOLO COMBINATORIO IL CALCOLO COMBINATORIO Calcolo combiatorio è il termie che deota tradizioalmete la braca della matematica che studia i modi per raggruppare e/o ordiare secodo date regole gli elemeti di u isieme fiito

Dettagli

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Defiire lo strumeto matematico ce cosete di studiare la cresceza e la decresceza di ua fuzioe Si comicia col defiire cosa vuol dire ce ua fuzioe è crescete. Defiizioe:

Dettagli

Sintassi dello studio di funzione

Sintassi dello studio di funzione Sitassi dello studio di fuzioe Lavoriamo a perfezioare quato sapete siora. D ora iazi pretederò che i risultati che otteete li SCRIVIATE i forma corretta dal puto di vista grammaticale. N( x) Data la fuzioe:

Dettagli

Indagini sui coregoni del Lago Maggiore: Analisi sui pesci catturati nel 2010

Indagini sui coregoni del Lago Maggiore: Analisi sui pesci catturati nel 2010 Idagii sui coregoi del Lago Maggiore: Aalisi sui pesci catturati el 1 Rapporto commissioato dal Dipartimeto del territorio, Ufficio della caccia e della pesca, Via Stefao Frascii 17 51 Bellizoa Aprile

Dettagli

La sicurezza sul lavoro: obblighi e responsabilità

La sicurezza sul lavoro: obblighi e responsabilità La sicurezza sul lavoro: obblighi e resposabilità Il Testo uico sulla sicurezza, Dlgs 81/08 è il pilastro della ormativa sulla sicurezza sul lavoro. I sostaza il Dlgs disciplia tutte le attività di tutti

Dettagli

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI SUCCESSIONI DI FUNZIONI I cocetti di successioe e di serie possoo essere estesi i modo molto aturale al caso delle fuzioi DEFINIZIONE Sia E u sottoisieme di  e, per ogi

Dettagli

Test non parametrici. sono uguali a quelle teoriche. (probabilità attesa), si calcola la. , cioè che le frequenze empiriche

Test non parametrici. sono uguali a quelle teoriche. (probabilità attesa), si calcola la. , cioè che le frequenze empiriche est o parametrici Il test di Studet per uo o per due campioi, il test F di Fisher per l'aalisi della variaza, la correlazioe, la regressioe, isieme ad altri test di statistica multivariata soo parte dei

Dettagli

I numeri complessi. Pagine tratte da Elementi della teoria delle funzioni olomorfe di una variabile complessa

I numeri complessi. Pagine tratte da Elementi della teoria delle funzioni olomorfe di una variabile complessa I umeri complessi Pagie tratte da Elemeti della teoria delle fuzioi olomorfe di ua variabile complessa di G. Vergara Caffarelli, P. Loreti, L. Giacomelli Dipartimeto di Metodi e Modelli Matematici per

Dettagli

Capitolo 8 Le funzioni e le successioni

Capitolo 8 Le funzioni e le successioni Capitolo 8 Le fuzioi e le successioi Prof. A. Fasao Fuzioe, domiio e codomiio Defiizioe Si chiama fuzioe o applicazioe dall isieme A all isieme B ua relazioe che fa corrispodere ad ogi elemeto di A u solo

Dettagli

1. MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ. 1 Alcune definizioni preliminari

1. MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ. 1 Alcune definizioni preliminari . MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ Alcue defiizioi prelimiari I sistemi vibrati possoo essere lieari o o lieari: el primo caso vale il pricipio di sovrapposizioe degli effetti el secodo o. I geerale

Dettagli

Il confronto tra DUE campioni indipendenti

Il confronto tra DUE campioni indipendenti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Cofroto tra due medie I questi casi siamo iteressati a cofrotare il valore medio di due camioi i cui i le osservazioi i u camioe soo

Dettagli

ESERCITAZIONE L adsorbimento su carbone attivo

ESERCITAZIONE L adsorbimento su carbone attivo ESERCITAZIONE adsorbimeto su carboe attivo ezioi di riferimeto: Processi basati sul trasferimeto di materia Adsorbimeto su carboi attivi Testi di riferimeto: Water treatmet priciples ad desi, WH Pricipi

Dettagli

SERIE NUMERICHE. (Cosimo De Mitri) 1. Definizione, esempi e primi risultati... pag. 1. 2. Criteri per serie a termini positivi... pag.

SERIE NUMERICHE. (Cosimo De Mitri) 1. Definizione, esempi e primi risultati... pag. 1. 2. Criteri per serie a termini positivi... pag. SERIE NUMERICHE (Cosimo De Mitri. Defiizioe, esempi e primi risultati... pag.. Criteri per serie a termii positivi... pag. 4 3. Covergeza assoluta e criteri per serie a termii di sego qualsiasi... pag.

Dettagli

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M Matematica per la uova maturità scietifica A. Berardo M. Pedoe 6 Questioario Quesito Se a e b soo umeri positivi assegati quale è la loro media aritmetica? Quale la media geometrica? Quale delle due è

Dettagli

Comportamento delle strutture in C.A. in Zona Sismica

Comportamento delle strutture in C.A. in Zona Sismica Comportameto delle strutture i c.a. i zoa sismica Pagia i/161 Comportameto delle strutture i C.A. i Zoa Sismica Prof. Paolo Riva Dipartimeto di Progettazioe e ecologie Facoltà di Igegeria Uiversità di

Dettagli

1 Metodo della massima verosimiglianza

1 Metodo della massima verosimiglianza Metodo della massima verosimigliaza Estraedo u campioe costituito da variabili casuali X i i.i.d. da ua popolazioe X co fuzioe di probabilità/desità f(x, θ), si costruisce la fuzioe di verosimigliaza che

Dettagli

LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE

LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI Dipartimeto di Sieze Eoomihe Uiversità di Veroa VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE Lezioi di Matematia per

Dettagli

PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO

PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO Mii biblioteca de Il Giorale Ipdap per rederci coto e sapere di piu Mii biblioteca de Il Giorale Ipdap per rederci coto e sapere di piu PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO I tre sistemi I cique pilastri

Dettagli

Sistemi LTI descrivibile mediante SDE (Equazioni alle Differenze Standard)

Sistemi LTI descrivibile mediante SDE (Equazioni alle Differenze Standard) Sistemi LTI descrivibile mediate SDE (Equazioi alle Differeze Stadard) Nella classe dei sistemi LTI ua sottoclasse è quella dei sistemi defiiti da Equazioi Stadard alle Differeze Fiite (SDE), dette così

Dettagli

( ) ( ) ( ) ( ) ( ) CAPITOLO VII DERIVATE. (3) D ( x ) = 1 derivata di un monomio con a 0

( ) ( ) ( ) ( ) ( ) CAPITOLO VII DERIVATE. (3) D ( x ) = 1 derivata di un monomio con a 0 CAPITOLO VII DERIVATE. GENERALITÀ Defiizioe.) La derivata è u operatore che ad ua fuzioe f associa u altra fuzioe e che obbedisce alle segueti regole: () D a a a 0 0 0 derivata di u moomio D 6 D 0 D ()

Dettagli

3.4 Tecniche per valutare uno stimatore

3.4 Tecniche per valutare uno stimatore 3.4 Teciche per valutare uo stimatore 3.4. Il liguaggio delle decisioi statistiche, stimatori corretti e stimatori cosisteti La teoria delle decisioi forisce u liguaggio appropriato per discutere sulla

Dettagli

L OFFERTA DI LAVORO 1

L OFFERTA DI LAVORO 1 L OFFERTA DI LAVORO 1 La famiglia come foritrice di risorse OFFERTA DI LAVORO Notazioe utile: T : dotazioe di tempo (ore totali) : ore dedicate al tempo libero l=t- : ore dedicate al lavoro : cosumo di

Dettagli

Supponiamo, ad esempio, di voler risolvere il seguente problema: in quanti modi quattro persone possono sedersi l una accanto all altra?

Supponiamo, ad esempio, di voler risolvere il seguente problema: in quanti modi quattro persone possono sedersi l una accanto all altra? CALCOLO COMBINATORIO 1.1 Necessità del calcolo combiatorio Accade spesso di dover risolvere problemi dall'appareza molto semplice, ma che richiedoo calcoli lughi e oiosi per riuscire a trovare delle coclusioi

Dettagli

INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI

INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI Mirta Debbia LS A. F. Formiggii di Sassuolo (MO) - debbia.m@libero.it Maria Cecilia Zoboli - LS A. F. Formiggii di Sassuolo (MO) - cherubii8@libero.it

Dettagli

ESERCIZI DI ANALISI I. Prof. Nicola Fusco 1. Determinare l insieme in cui sono definite le seguenti funzioni:

ESERCIZI DI ANALISI I. Prof. Nicola Fusco 1. Determinare l insieme in cui sono definite le seguenti funzioni: N. Fusco ESERCIZI DI ANALISI I Prof. Nicola Fusco Determiare l isieme i cui soo defiite le segueti fuzioi: ) log/ arctg π ) 4 ) log π 6 arcse ) ) tg log π + ) 4) 4 se se se tg 5) se cos tg 6) [ 6 + 8 π

Dettagli

3M Prodotti per la protezione al fuoco. Building & Commercial Services

3M Prodotti per la protezione al fuoco. Building & Commercial Services 3M Prodotti per la protezioe al fuoco Buildig & Commercial Services Idice Sviluppi e treds...4-5 3M e le soluzioi aticedio...6-7 Dispositivi di attraversameto...8-19 Giuti di costruzioe...20-21 Sistemi

Dettagli

Dall atomo di Bohr alla costante di struttura fine

Dall atomo di Bohr alla costante di struttura fine Dall atomo di Bohr alla ostate di struttura fie. INFORMAZIONI SPETTROSCOPICHE SUGLI ATOMI E be oto he ogi sostaza opportuamete eitata emette radiazioi elettromagetihe. Co uo spettrosopio, o strumeti aaloghi,

Dettagli

8) Sia Dato un mazzo di 40 carte. Supponiamo che esso sia mescolato in modo

8) Sia Dato un mazzo di 40 carte. Supponiamo che esso sia mescolato in modo ESERCIZI DI CALCOLO DELLE PROBABILITÁ ) Qual e la probabilita che laciado dadi a facce o esca essu? Studiare il comportameto asitotico di tale probabilita per grade. ) I u sacchetto vi soo 0 pallie biache;

Dettagli

Esame di Matematica 2 Mod.A (laurea in Matematica) prova di accertamento del 4 novembre 2005

Esame di Matematica 2 Mod.A (laurea in Matematica) prova di accertamento del 4 novembre 2005 Esame di Matematica 2 ModA (laurea i Matematica prova di accertameto del 4 ovembre 25 ESERCIZIO Si poga a 3 5 + 9 e b 2 4 6 + 6 ( (a Si determii d MCD(a, b e gli iteri m, Z tali che d ma + b co m < b ed

Dettagli

CARATTERISTICHE GENERALI / GENERAL FEATURES

CARATTERISTICHE GENERALI / GENERAL FEATURES OPZIONI» otori i versioe flagia;» Coessioi laterali o posteriori;» Albero: cilidrico o scaalato;» Coessioi metriche o BSPP;» Altre caratteristiche speciali OPTIONS» Flage mout;» Side ad rear ports;» Shafts-

Dettagli

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI . L'INSIEME DEI NUMERI REALI. I pricipli isiemi di umeri Ripredimo i pricipli isiemi umerici N, l'isieme dei umeri turli 0; ; ; ; ;... L'ide ituitiv di umero turle è ssocit l prolem di cotre e ordire gli

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

USUFRUTTO. 5) Quali sono le spese a carico dell usufruttuario

USUFRUTTO. 5) Quali sono le spese a carico dell usufruttuario USUFRUTTO 1) Che cos è l sfrtto e come si pò costitire? L sfrtto è il diritto di godimeto ( ovvero di possesso) di bee altri a titolo gratito ; viee chiamato sfrttario chi esercita tale diritto, metre

Dettagli

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti Gorgo Lambert Pag. Dmostrazoe della Formula per la determazoe del umero d dvsor-test d prmaltà, d Gorgo Lambert Eugeo Amtrao aveva proposto l'dea d ua formula per calcolare l umero d dvsor d u umero, da

Dettagli

l = 0, 1, 2, 3,,, n-1n m = 0, ±1,

l = 0, 1, 2, 3,,, n-1n m = 0, ±1, NUMERI QUANTICI Le autofuzioi soo caratterizzate da tre parametri chiamati NUMERI QUANTICI e soo completamete defiite dai loro valori: : umero quatico pricipale l : umero quatico secodario m : umero quatico

Dettagli

Appunti di Statistica Matematica Inferenza Statistica Multivariata Anno Accademico 2014/15

Appunti di Statistica Matematica Inferenza Statistica Multivariata Anno Accademico 2014/15 Apputi di Statistica Matematica Ifereza Statistica Multivariata Ao Accademico 014/15 November 19, 014 1 Campioi e modelli statistici Siao Ω, A, P uo spazio di probabilità e X = X 1,..., X u vettore aleatorio

Dettagli

DOMINI DI CURVATURA DI SEZIONI IN C.A. IN PRESSOFLESSIONE DEVIATA. PARTE II: VALUTAZIONE SEMPLIFICATA

DOMINI DI CURVATURA DI SEZIONI IN C.A. IN PRESSOFLESSIONE DEVIATA. PARTE II: VALUTAZIONE SEMPLIFICATA Valutazioe e riduzioe della vulerailità sismia di ediii esisteti i.a. Roma, 9-0 maggio 00 DOMINI DI CURVATURA DI SEZIONI IN C.A. IN PRESSOFLESSIONE DEVIATA. PARTE II: VALUTAZIONE SEMPLIFICATA Di Ludovio

Dettagli

Sommario lezioni di Probabilità versione abbreviata

Sommario lezioni di Probabilità versione abbreviata Sommario lezioi di Probabilità versioe abbreviata C. Frachetti April 28, 2006 1 Lo spazio di probabilità. 1.1 Prime defiizioi I possibili risultati di u esperimeto costituiscoo lo spazio dei campioi o

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

Verifica d Ipotesi. Se invece che chiederci quale è il valore di una media in una popolazione (stima. o falsa? o falsa?

Verifica d Ipotesi. Se invece che chiederci quale è il valore di una media in una popolazione (stima. o falsa? o falsa? Verifica d Iotesi Se ivece che chiederci quale è il valore ua mea i ua oolazioe (stima utuale Se ivece e itervallo che chiederci cofideza) quale è il avessimo valore u idea ua mea su quello i ua che oolazioe

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA

MATEMATICA FINANZIARIA Capializzazioe semplice e composa MATEMATICA FINANZIARIA Immagiiamo di impiegare 4500 per ai i ua operazioe fiaziaria che frua u asso del, % auo. Quao avremo realizzao alla fie dell operazioe? I u coeso

Dettagli

Esercizi Le leggi dei gas. Lo stato gassoso

Esercizi Le leggi dei gas. Lo stato gassoso Esercizi Le lei dei as Lo stato assoso Ua certa quatità di as cloro, alla pressioe di,5 atm, occupa il volume di 0,58 litri. Calcola il volume occupato dal as se la pressioe viee portata a,0 atm e se la

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

La necessità di trasmettere potenza tra organi in moto rotatorio è un problema frequentissimo e di grande importanza nell ingegneria.

La necessità di trasmettere potenza tra organi in moto rotatorio è un problema frequentissimo e di grande importanza nell ingegneria. La ecessità di tasmettee poteza ta ogai i moto otatoio è u poblema fequetissimo e di gade impotaza ell igegeia. Gli assi di otazioe ta i quali deve essee tasmesso il moto possoo essee paalleli I questo

Dettagli

Metodi d integrazione di Montecarlo

Metodi d integrazione di Montecarlo Metodi d itegrzioe di Motecrlo Simulzioe l termie simulzioe ell su ccezioe scietific h u sigificto diverso dll ccezioe correte. Nell uso ordirio è sioimo si fizioe; ell uso scietifico è sioimo di imitzioe,

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

Corso di energetica degli edifici. Impianti per il riscaldamento ambientale. Impianti di climatizzazione

Corso di energetica degli edifici. Impianti per il riscaldamento ambientale. Impianti di climatizzazione Corso di energetica degli edifici 1 Impianti di climatizzazione 2 Obiettivo di un impianto di climatizzazione destinato agli usi civili è quello di mantenere e realizzare, nel corso di tutto l anno ed

Dettagli

ATTIVATORE STABILIZZATO PER BOBINE DI SGANCIO A LANCIO DI CORRENTE.

ATTIVATORE STABILIZZATO PER BOBINE DI SGANCIO A LANCIO DI CORRENTE. Compatibilità totale con ogni apparato. Si usa con pulsanti normalmente chiusi. ella linea dei pulsanti c'è il 24Vcc. Insensibile alle interruzioni di rete. Insensibile agli sbalzi di tensione. Realizzazione

Dettagli

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici Stm e putual Probabltà e Statstca I - a.a. 04/05 - Stmator Vocabolaro Popolazoe: u seme d oggett sul quale s desdera avere Iformazo. Parametro: ua caratterstca umerca della popolazoe. E u Numero fssato,

Dettagli

APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO APPENDICE 2 APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO ( a cura Ing. Emiliano Bronzino) CALCOLO DEI CARICHI TERMICI A titolo di esempio verrà presentato il calcolo automatico dei carichi termici

Dettagli

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana. DM 13/12/93 APPROVAZIONE DEI MODELLI TIPO PER LA COMPILAZIONE DELLA RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ART. 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991 N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO.

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO. elazoe d laboratoro d Fsca corso M-Z Laboratoro d Fsca del Dpartmeto d Fsca e Astrooma dell Uverstà degl Stud d Cataa. Scala Stefaa. AGOMENTO: MSUA DELLA ESSTENZA ELETTCA CON L METODO OLT-AMPEOMETCO. NTODUZONE:

Dettagli

FONDAMENTI DI MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE

FONDAMENTI DI MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE DISPENSE DI: FONDAMENTI DI MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE Testo di riferieto E. Fuaioli ed altri Meccaica applicata alle acchie vol. e - Ed. Patro BOZZA Idice. INTRODUZIONE ALLA MECCANICA APPLICATA

Dettagli

Le prestazioni delle pompe di calore: aspetti normativi e legislativi CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO

Le prestazioni delle pompe di calore: aspetti normativi e legislativi CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO Cagliari 8 maggio 2014 Prof. Ing. Carlo Bernardini SEER e SCOP Metodi di prova, valutazione a carico parziale e calcolo del rendimento stagionale

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi.

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi. Iroduzioe () Ua defiizioe (geerale) del ermie qualià: qualià è l isieme delle caraerisiche di u eià (bee o servizio) che e deermiao la capacià di soddisfare le esigeze espresse ed implicie di chi la uilizza.

Dettagli

Impianti di climatizzazione

Impianti di climatizzazione Corso di IPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl Impianti di climatizzazione Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it IPIANTI DI CLIATIZZAZIONE Impianti di climatizzazione

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

>> Investimento redditizio >> Fino al 70% di risparmio energetico >> Rispetto dell ambiente

>> Investimento redditizio >> Fino al 70% di risparmio energetico >> Rispetto dell ambiente SOLARE BIOMASSA POMPE DI CALORE CONDENSAZIONE Alezio POMPA DI CALORE ARIA/ACQUA EASYLIFE Facilità di utilizzo: da oggi è possibile! >> Investimento redditizio >> Fino al 70% di risparmio energetico >>

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01. Ecoenergia. Idee da installare

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01. Ecoenergia. Idee da installare ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01 Ecoenergia Idee da installare La pompa di calore Eco Hot Water TEMP La pompa di calore a basamento Eco Hot

Dettagli

CARATTERISTICHE GENERALI / GENERAL FEATURES

CARATTERISTICHE GENERALI / GENERAL FEATURES OPZON» odello co distribuzioe a disco geroller» otori i versioe flagia o ruota» otori corti» Attacchi tubazioi laterali e posteriori» Alberi cilidrici, coici e detati» Altre caratteristiche speciali OPTONS»

Dettagli

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it)

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it) I rdicli Cludio CANCELLI (www.cludioccelli.it) Ed..0 www.cludioccelli.it Dec. 0 I rdicli INDICE DEI CONTENUTI. I RADICALI... INDICE DI RADICE PARI...4 INDICE DI RADICE DISPARI...5 RADICALI SIMILI...6 PROPRIETA

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici RISCALDATORI DI ACQUA IBRIDI LOGITEX LX AC, LX AC/M, LX AC/M+K Gamma di modelli invenzione brevettata Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici Catalogo dei prodotti Riscaldatore dell acqua Logitex

Dettagli

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale CIRCOLAZIONE NATURALE NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale 1964 2014 Immergas. Una lunga storia alle spalle, insegna a guardare in avanti. Il 5 febbraio del 1964, Immergas nasceva dal

Dettagli

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO 1 Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Premessa Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati condizioni

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata Cosa può fare l Istituto per le Energie Rinnovabili dell EURAC? E quando? Il team di EURAC è in grado di: gestire

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

dai vita alla tua casa

dai vita alla tua casa dai vita alla tua casa SEMPLICE MENTE ENERGIA bioedilizia Una STRUTTURA INNOVATIVA PARETE MEGA PLUS N 10 01 struttura in legno 60/60 mm - 60/40 mm 02 tubazione impianto elettrico ø 21 mm 03 struttura portante

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Sistema a soffitto. Leonardo. Il rivoluzionario sistema a soffitto. Sistema radiante selezionato: INTERGAZIONE ENERGIA - ARCHITETTURA

Sistema a soffitto. Leonardo. Il rivoluzionario sistema a soffitto. Sistema radiante selezionato: INTERGAZIONE ENERGIA - ARCHITETTURA IT Sistema a soffitto Il rivoluzionario sistema a soffitto Sistema radiante selezionato: INTERGAZIONE ENERGIA - ARCHITETTURA Il rivoluzionario sistema a soffitto Resa certificata Adduzione inserita nella

Dettagli

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP LABORATORI INDUSTRIA COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI HP SERVIZIO CLIENTI CSM Maxi la Gamma MAXI HP Una soluzione per ogni esigenza Versione su Basamento Particolarmente indicato per installazioni

Dettagli

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp. CATTANEO & Co. - BG SC_I 01/2005 S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.it Realizzare un connubio perfetto fra

Dettagli

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA PROGETTO COMENIUS FONTI ENERGETICHE IN SICILIA Energia Solare Energia da gas Energia Eolica Energia da biomassa Energia Termica Energia da carbone Energia Idrica Energia Geotermica Centrale idroelettrica

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove La pompa di calore Definizioni La pompa di calore è una macchina in grado di trasferire energia da una sorgente a temperatura più bassa ad un utilizzatore a temperatura più alta, tramite la fornitura di

Dettagli

Isolamento termico dall interno senza barriera al vapore

Isolamento termico dall interno senza barriera al vapore Versione 1 settembre 2013 Isolamento termico dall interno senza barriera al vapore via Savona 1/B, 20144 Milano - tel 02 89415126 - fax 02 58104378 - info@anit.it Tutti i diritti sono riservati. Nessuna

Dettagli

LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria

LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria Quale frequenza di lavoro scegliere Geometria del pezzo da trattare e sue caratteristiche elettromagnetiche

Dettagli

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO L innovativo sistema per la ristrutturazione delle pareti dall interno LEADER MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO Costi energetici elevati e livello di comfort basso: un problema in crescita La maggior

Dettagli

L'Italia della bioedilizia è campione del mondo, ma per il Governo l'efficienza è una cenerentola

L'Italia della bioedilizia è campione del mondo, ma per il Governo l'efficienza è una cenerentola L'Italia della bioedilizia è campione del mondo, ma per il Governo l'efficienza è una cenerentola E' italiana la casa ad alta efficienza energetica campione del mondo che si è aggiudicata il primo posto

Dettagli

Interpolazione. Davide Manca Calcoli di Processo dell Ingegneria Chimica Politecnico di Milano

Interpolazione. Davide Manca Calcoli di Processo dell Ingegneria Chimica Politecnico di Milano L4 Iterpolazioe L4 Prologo Co iterpolazioe si itede il processo di idividuare ua fuzioe, spesso u poliomio, che passi per u isieme dato di puti: (x,y). y x L4 2 Fii dell iterpolazioe 1. Sostituire u isieme

Dettagli

Isomax/Terra-Sol tecnologia per edifici

Isomax/Terra-Sol tecnologia per edifici Isomax/Terra-Sol tecnologia per edifici SOMMARIO Pagina 1. Introduzione 2 2. Utilizzo dell energia terrestre superficiale e sostenuta dal sole 2 per risparmiare energia in edifici 3. Indagine geotecnica

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico ERETO 11 marzo 2008 coordinato con ecreto 26 gennaio 2010 (modifiche in rosso, in vigore dal 14 marzo 2010; attenzione: le modifiche sono riportate al solo scopo di facilitare la lettura del decreto; in

Dettagli

AcidSoft. Le nostre soluzioni. Innovazione

AcidSoft. Le nostre soluzioni. Innovazione AiSoft AiSoft ase alla passioe per l'iformatio teology e si oretizza i ua realtà impreitoriale, ua perfetta reazioe imia tra ooseza teia e reatività per realizzare progetti i grae iovazioe. Le ostre soluzioi

Dettagli

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO SOLARE TERMICO ACS PER UFFICI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO

Dettagli

GLI IMPIANTI A PANNELLI RADIANTI

GLI IMPIANTI A PANNELLI RADIANTI MARIO DONINELLI GLI IMPIANTI A PANNELLI RADIANTI uaderni Caleffi MARIO DONINELLI GLI IMPIANTI A PANNELLI RADIANTI uaderni Caleffi PRESENTAZIONE Non è un caso che il Quaderno sugli impianti a pannelli esca

Dettagli